Sei sulla pagina 1di 1

per i suoi crimini.

Le cinque prime battute riassumono la poesia e comprendono


una cascata di note, basate in parte sulla scala per toni interi, al clarinetto basso
e alla viola, che descrive il movimento rapido della scimmitarra. Le dieci battute
successive evocano l'atmosfera della notte illuminata dalla luce lunare e Pierrot
che erra senza posa per evitare il raggio di luna. Quando il testo si riferisce al suo
tremare delle ginocchia, l'immagine viene evocata musicalmente da accordi
aumentati al pianoforte. Il pezzo termina con le volate discendenti ascoltate
precedentemente, questa volta però eseguite dal pianoforte, mentre gli altri
strumenti eseguono dei glissandi. Verso il 1923 sopo 6 anni in cui non pubblicò
nessuna musica Schonberg aveva formulato un "metodo di composizione con 12
note poste in relazione soltanto l'una con l'altra". I punti essenziali di questa
tecnica basata su 12 suoni (dodecafonia) possono essere riassunti nel modo
seguente: alla base di ogni composizione vi è una serie composta dalle 12 note
dell'ottava disposte in un ordine stabilito dal compositore. Le note della serie
sono utilizzate sia in successione (come melodia) sia simultaneamente (come
armonia o contrappunto) in qualsiasi ottava e con qualunque ritmo si desideri. La
serie può anche essere inversa, con intervalli rovesciati a specchio, in forma
retrograda (che comprende le note dell'originale dall'ultima alla prima). Lo stile è
quindi cromatico, ma non come quello di Wagner. Schonberg è cromatico in un
modo nuovo e radicale, in particolare si possono individuare tutti i tipi di
comatismo, rifiniture, complicazioni, compromessi. L'uso di una medesima serie di
note per una composizione è un mezzo di unità simile all'uso di una tonalità
principale per una composizione in stile tonale; nello stesso tempo questa tecnica
permette e richiede una notevole varietà di ritmo, tessitura, dinamica e timbro,
potendo essere considerata una variazione continua della serie di base.
I primi lavori in cui Schonberg utilizzò deliberatamente la serie furono i 5 klavier
(klafier) stucke (pezzi per pianoforte op. 23 del 1923 di cui solo l'ultimo presenta
una serie completa di 12 note. Le variazioni per orchestra op 31 composte tra il
1926 e il 28, generalmente conosciute come uno dei migliori lavori di Schonberg,
combinano i procedimenti tradizionali con al dodecafonia. [...] mentre le stesse 4
forme in ordine inverso costituiscono l'accompagnamento armonico di questa
melodia.

Il Mosè e Aronne 3032 incompiuta)


Opera oratorio scenico. Rappresentato postumo nel 57. Solo Aronne può parlare
col popolo. Usa lo Sprechesang per Mosè (lo sprechesang è puro pensiero,

Lezione 04 09_10 3