Sei sulla pagina 1di 42

MANUALE DI INSTALLAZIONE, USO

E MANUTENZIONE

“SILO DI STOCCAGGIO”

MOD. N° MATRICOLA ANNO DI COSTRUZIONE


F.P. 48/17 321-322-323
324-325-326
2014
F.C. 24/15 327

SIMA SRL
Via Marmolada, 15 Z.I. Nord
31027 Spresiano (TV) Tel. 0422/881034 Fax 0422/888533
e-mail: info@simaimpianti.net www.simaimpianti.net

Rev. del 02/04/2013


Manuale di installazione, uso e manutenzione
Silo di stoccaggio – Matricola 321-322-323-324-325-326-327
Rev. del 02/04/2013

505193709.doc Pag. 1 di 43
Manuale di installazione, uso e manutenzione
Silo di stoccaggio – Matricola 321-322-323-324-325-326-327
Rev. del 02/04/2013

INDICE

0. PREMESSE......................................................................................................................................................... 2
0.1 SCOPO DEL MANUALE ISTRUZIONI PER L’USO E LA MANUTENZIONE................................................2
0.2 COME LEGGERE IL MANUALE DI ISTRUZIONE........................................................................................ 3
0.3 METODOLOGIA DI AGGIORNAMENTO DEL MANUALE DI ISTRUZIONI..................................................3
0.4 DESTINATARI............................................................................................................................................... 4
0.5 GLOSSARIO E PITTOGRAMMI.................................................................................................................... 4
0.6 PITTOGRAMMI RELATIVI ALLA QUALIFICA DEI DESTINATARI................................................................6
1. INFORMAZIONI GENERALI............................................................................................................................... 7
1.1 COPIA DICHIARAZIONE DI INCORPORAZIONE.........................................................................................7
1.2 DATI DI IDENTIFICAZIONE DEL FABBRICANTE........................................................................................ 8
1.3 NORME DI SICUREZZA................................................................................................................................ 8
1.4 INFORMAZIONI SULL’ASSISTENZA TECNICA (SE PREVISTA DA CONTRATTO)...................................8
1.5 AVVERTENZE GENERALI DI SICUREZZA.................................................................................................. 9
1.6 PREDISPOSIZIONI A CARICO DEL CLIENTE.......................................................................................... 10
2. SICUREZZA...................................................................................................................................................... 11
2.1 AVVERTENZE GENERALI DI SICUREZZA................................................................................................ 11
2.2 USO PREVISTO.......................................................................................................................................... 15
2.3 CONTROINDICAZIONI D’USO................................................................................................................... 15
2.4 VITA DELLA MACCHINA............................................................................................................................ 15
2.5 SICUREZZE GENERALI............................................................................................................................. 15
2.6 DISPOSITIVI DI SICUREZZA...................................................................................................................... 16
2.7 SEGNALETICA APPLICATA SULL’IMPIANTO........................................................................................... 16
2.8 RISCHI RESIDUI......................................................................................................................................... 17
2.9 DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI)..................................................................................18
3. INSTALLAZIONE............................................................................................................................................... 19
3.1 TRASPORTO E MOVIMENTAZIONE.......................................................................................................... 19
3.2 PREDISPOSIZIONI..................................................................................................................................... 21
3.3 MONTAGGIO............................................................................................................................................... 22
4. DESCRIZIONE MACCHINA.............................................................................................................................. 28
4.1 PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO.............................................................................................................. 28
4.2 LAYOUT DELL’IMPIANTO.......................................................................................................................... 28
4.3 DATI IDENTIFICATIVI................................................................................................................................. 29
4.4 CARATTERISTICHE GENERALI................................................................................................................ 29
4.5 PESI............................................................................................................................................................. 30
4.6 ILLUMINAZIONE......................................................................................................................................... 30
4.7 AMBIENTE ELETTROMAGNETICO........................................................................................................... 30
5. USO DELL’IMPIANTO....................................................................................................................................... 31
5.1 PRESCRIZIONI PER IL CORRETTO FUNZIONAMENTO..........................................................................31
5.2 DEMOLIZIONE DELL’IMPIANTO................................................................................................................ 35
6. MANUTENZIONE.............................................................................................................................................. 36
6.1 AVVERTENZE DI SICUREZZA................................................................................................................... 36
6.2 MANUTENZIONE A CURA DEL TECNICO SPECIALIZZATO....................................................................36
6.3 PULIZIA DEL SILO A CURA DEL TECNICO SPECIALIZZATO..................................................................37
6.4 ISOLAMENTO DELL’IMPIANTO................................................................................................................. 37
6.5 PRECAUZIONI PARTICOLARI.................................................................................................................... 37
7. RICAMBI............................................................................................................................................................ 38
7.1 ASSISTENZA............................................................................................................................................... 38
7.2 RICAMBI...................................................................................................................................................... 38
8. ISTRUZIONI SUPPLEMENTARI....................................................................................................................... 40
8.1 SMALTIMENTO RIFIUTI............................................................................................................................. 40
9. ALLEGATI......................................................................................................................................................... 40

505193709.doc Pag. 2 di 43
Manuale di installazione, uso e manutenzione
Silo di stoccaggio – Matricola 321-322-323-324-325-326-327
Rev. del 02/04/2013

1 PREMESSE
0.1 SCOPO DEL MANUALE ISTRUZIONI PER L’USO E LA MANUTENZIONE
Il presente Manuale è parte integrante dell’impianto ed ha lo scopo di fornire tutte le informazioni necessarie per le
seguenti fasi:

Fase T
La manipolazione e movimentazione dell’impianto, imballato e disimballato in condizioni di sicurezza;

Fase M
La corretta installazione dell’impianto;
La corretta messa in funzione dell’impianto
Smantellare la macchina in condizioni di sicurezza e nel rispetto delle norme vigenti a tutela della salute dei
lavoratori e dell’ambiente.

Fase A
La corretta sensibilizzazione degli operatori alle problematiche della sicurezza;
La formazione specifica agli addetti al corretto utilizzo dell’impianto

Fase F
La conoscenza approfondita del suo funzionamento e dei suoi limiti;
Il suo corretto uso in condizioni di sicurezza;

Fase P
Effettuare interventi di manutenzione, in modo corretto e sicuro;

Legenda Fasi del ciclo di vita dell’impianto da analisi dei rischi:

T M A F P

T = Movimentazione e Trasporto
M = Montaggio e installazione, Messa in funzione, Smantellamento
A = Impostazione, Addestramento/programmazione
F = Funzionamento, Setup, Conduzione a regime
P = Pulizia, Manutenzione, Guasti

I responsabili aziendali, dove questa Macchina sarà installata, hanno l’obbligo, secondo le norme vigenti,
di leggere attentamente il contenuto di questo e di farlo leggere ai conduttori e manutentori addetti, per le
parti che a loro competono e di verificarne la comprensione.
Il tempo impiegato allo scopo sarà largamente ricompensato dal corretto funzionamento dell’impianto e da
un suo utilizzo in condizioni di sicurezza.

Questo documento presuppone che negli impianti, ove sia stata destinata la macchina, vengano osservate le
vigenti norme di sicurezza e igiene del lavoro.

Le istruzioni, i disegni e la documentazione contenuti nel presente Manuale sono di natura tecnica riservata, di
stretta proprietà del costruttore e non possono essere riprodotti in alcun modo, né integralmente, né parzialmente.

Il cliente ha inoltre la responsabilità di assicurarsi che, nel caso il presente documento subisca modifiche da parte
del costruttore, solo le versioni aggiornate del Manuale siano effettivamente presenti nei punti di utilizzo.

505193709.doc Pag. 3 di 43
Manuale di installazione, uso e manutenzione
Silo di stoccaggio – Matricola 321-322-323-324-325-326-327
Rev. del 02/04/2013

0.2 COME LEGGERE IL MANUALE DI ISTRUZIONE


Il Manuale è stato suddiviso in capitoli autonomi, ciascuno dei quali è rivolto ad una specifica figura di operatore
(Vedi Par 0.6 tab 0.6.1) per il quale sono state definite le competenze, necessarie ad operare sulla macchina in
condizioni di sicurezza.

La sequenza dei capitoli risponde alla logica temporale della vita dell’impianto.

Per facilitare l’immediatezza della comprensione del testo, vengono usati termini, abbreviazioni e pittogrammi.

Il Manuale di Istruzioni è costituito da una cover, un indice e da una serie di capitoli (sezioni).

Nella pagina iniziale sono riportati i dati identificativi dell’impianto e del modello, anno di costruzione, data di
revisione del Manuale.

ABBREVIAZIONI
Sez. = Sezione
Cap. = Capitolo
Par. = Paragrafo
Pag. = Pagina
Fig. = Figura
Tab. = Tabella

UNITA’ DI MISURA
Le unità di misura presenti sono quelle previste dal Sistema Internazionale (SI).

CONSERVAZIONE DEL MANUALE DI ISTRUZIONI


Il Manuale di Istruzioni va conservato con cura e deve accompagnare la macchina in tutti i passaggi di proprietà
che la medesima potrà avere nella sua vita.
La conservazione deve essere favorita maneggiandolo con cura, con le mani pulite e non depositandolo su
superfici sporche.
Non debbono essere asportate, strappate o arbitrariamente modificate delle parti.
Il Manuale va archiviato in un ambiente protetto da umidità e calore e nelle prossime vicinanze dell’impianto a cui si
riferisce.
Il costruttore, su richiesta dell’Utilizzatore, può fornire ulteriori copie del Manuale di Istruzioni dell’impianto.

0.3 METODOLOGIA DI AGGIORNAMENTO DEL MANUALE DI ISTRUZIONI


Il Costruttore si riserva il diritto di modificare il progetto e apportare migliorie all’impianto senza comunicarlo ai
Clienti, e senza aggiornare il Manuale già consegnato all’utilizzatore.

Per altro, in caso di modifiche all’impianto installata presso il Cliente, concordate con il Costruttore e che
comportino la modifica di uno o più capitoli del Manuale di Istruzioni, sarà cura del costruttore inviare ai detentori
del Manuale di Istruzioni coinvolti i capitoli interessati dalla modifica, con il nuovo modello di revisione globale dello
stesso.

È responsabilità dell’utilizzatore, seguendo le indicazioni che accompagnano la documentazione aggiornata,


sostituire in tutte le copie possedute i vecchi capitoli con i nuovi, la pagina iniziale e l’indice con quelle con il nuovo
indice di revisione.

Il costruttore si ritiene responsabile per le descrizioni riportate in lingua italiana; eventuali traduzioni non possono
essere verificate a pieno, per cui, se viene rilevata una incongruenza, occorre prestare attenzione alla lingua
italiana ed eventualmente contattare il nostro ufficio tecnico, che provvederà ad effettuare la modifica ritenuta
opportuna.

505193709.doc Pag. 4 di 43
Manuale di installazione, uso e manutenzione
Silo di stoccaggio – Matricola 321-322-323-324-325-326-327
Rev. del 02/04/2013

NOTA IMPORTANTE

Se il "manuale" dovesse diventare illeggibile o comunque di problematica consultazione, è fatto obbligo al Cliente
di richiederne una nuova copia al COSTRUTTORE prima di eseguire qualunque intervento sulla macchina.
E' assolutamente proibito asportare o riscrivere parti del "manuale".

NOTA IMPORTANTE

Le istruzioni, i disegni e la documentazione contenuta nel presente manuale è di natura riservata e di stretta
proprietà del costruttore e non può essere riprodotta in alcun modo, né integralmente ne parzialmente, senza
preventiva autorizzazione della stessa.

NOTA IMPORTANTE

Il Cliente è tenuto al corretto rispetto delle indicazioni contenute nel presente Manuale e di quanto riportato sulla
documentazione tecnica richiamata a contratto.
Per qualsiasi inconveniente che abbia a manifestarsi a seguito di un utilizzo scorretto di tali raccomandazioni, il
costruttore declina ogni responsabilità.

0.4 DESTINATARI
Persona esposta
si intende qualsiasi persona che si trovi interamente o in parte in una zona pericolosa;

Operatore
si intende la o le persone incaricate di installare, di far funzionare, di regolare, di pulire, di riparare e di spostare
una macchina e di eseguirne la manutenzione;

Personale/operatore qualificato
si intendono quelle persone che hanno seguito corsi di specializzazione a mansioni speciali (es: elettricisti) ed
hanno esperienza in merito ad installazione, messa in funzione e manutenzione, riparazione, trasporto
dell’impianto.

Qualifica dei destinatari (vedi PAR. 0.6 tab 0.6.1)


La macchina è destinata ad un utilizzo industriale, e quindi professionale e non generalizzato, per cui il suo uso
può essere affidato a figure qualificate, in particolare che:
 Abbiano compiuto la maggiore età;
 Siano fisicamente e psichicamente idonee a svolgere lavori di particolare difficoltà tecnica;
 Siano state adeguatamente istruite sull'uso e sulla manutenzione dell’impianto;
 Siano state giudicate idonee dal datore di lavoro a svolgere il compito affidatogli;
 Siano capaci di capire ed interpretare il manuale dell'operatore e le prescrizioni di sicurezza;
 Conoscano le procedure di emergenza e la loro attuazione;
 Possiedano la capacità di azionare il tipo specifico di apparecchiatura;
 Abbiano dimestichezza con le norme specifiche del caso;
 Abbiano compreso le procedure operative definite dal Costruttore dell’impianto.

0.5 GLOSSARIO E PITTOGRAMMI


Nel presente paragrafo vengono elencati i termini non comuni o comunque con significato diverso dal comune.
Di seguito vengono spiegate le abbreviazioni utilizzate, ed il significato dei pittogrammi per indicare la qualifica
operatore e lo stato dell’impianto, il loro impiego permette di fornire rapidamente ed in modo univoco le
informazioni necessarie alla corretta utilizzazione dell’impianto in condizioni di sicurezza.

GLOSSARIO (All. I p. 1.1.1 Dir. 2006/42/CE)

Pericolo
Una potenziale fonte di lesione o danno alla salute;

505193709.doc Pag. 5 di 43
Manuale di installazione, uso e manutenzione
Silo di stoccaggio – Matricola 321-322-323-324-325-326-327
Rev. del 02/04/2013

Zona pericolosa
Qualsiasi zona all’interno e/o in prossimità di una macchina in cui la presenza di una persona costituisca un rischio
per la sicurezza e la salute di detta persona;

Zona operatore
Zona in prossimità dell’impianto dove la persona preposta al funzionamento dell’impianto può operare in assenza
di pericoli (indossando ed osservando, comunque, quanto prescritto nelle Normative Vigenti in materia di
prevenzione sul lavoro).

Persona esposta
Qualsiasi persona che si trovi interamente o in parte in una zona pericolosa;

Operatore
La o le persone incaricate di installare, di far funzionare, di regolare, di pulire, di riparare e di spostare una
macchina e di eseguirne la manutenzione;

Rischio
Combinazione della probabilità e della gravità di una lesione o di un danno per la salute che possano insorgere in
una situazione pericolosa;

Riparo
elemento dell’impianto utilizzato specificatamente per garantire la protezione tramite una barriera materiale;

Dispositivo di protezione
dispositivo (diverso da un riparo) che riduce il rischio, da solo o associato ad un riparo;

Uso previsto
L’uso dell’impianto conformemente alle informazioni fornite nelle istruzioni per l’uso;

Uso scorretto ragionevolmente prevedibile


Uso dell’impianto in un modo diverso da quello indicato nelle istruzioni per l’uso, ma che può derivare dal
comportamento umano facilmente prevedibile.

ALTRE DEFINIZIONI
Interazione uomo-macchina
Qualsiasi situazione nella quale un operatore si trova ad interagire con la macchina in una qualsiasi delle fasi
operative in qualsiasi momento della vita della medesima;

Tecnico qualificato
Persona specializzata, appositamente addestrata ed abilitata a effettuare operazioni di collegamento, installazione
montaggio dell’impianto; utilizzare particolari attrezzature (sollevatori, muletti, ecc.); eseguire interventi di
manutenzione, ordinaria o straordinaria particolarmente complicati o potenzialmente pericolosi per essere svolti
dall'operatore.

Qualifica dell’operatore
Livello minimo delle competenze che deve possedere l’operatore per svolgere l’operazione descritta;

Numero di operatori
Numero di operatori adeguato per svolgere in modo ottimale l’operazione descritta e derivante da una attenta
analisi svolta dal costruttore, per cui l’utilizzatore di un numero diverso di addetti potrebbe impedire di ottenere il
risultato atteso o mettere in pericolo la sicurezza del personale coinvolto;

Stato dell’impianto
Lo stato dell’impianto comprende la modalità di funzionamento, ad esempio marcia in automatico, comando ad
azione mantenuta, arresto, ecc. la condizione delle sicurezze presenti sulla macchina quali protettori inclusi,
protettori esclusi, arresto di emergenza premuto, tipo di isolamento delle fonti di energia, ecc.

505193709.doc Pag. 6 di 43
Manuale di installazione, uso e manutenzione
Silo di stoccaggio – Matricola 321-322-323-324-325-326-327
Rev. del 02/04/2013

Rischio residuo
Rischi che permangono, malgrado siano state adottate le misure di protezione integrate nella progettazione
dell’impianto e malgrado le protezioni e le misure di protezione complementari adottate.

Componente di sicurezza
Componente:
- destinato ad espletare una funzione di sicurezza;
- il cui guasto e/o malfunzionamento, mette a repentaglio la sicurezza delle persone.
(es. attrezzo di sollevamento; riparo fisso, mobile, registrabile, ecc., dispositivo elettrico, elettronico, ottico
pneumatico, idraulico, che asserve, ossia interblocca un protettore, ecc.).

PITTOGRAMMI
Le descrizioni precedute da questi simboli contengono informazioni/prescrizioni molto importanti, particolarmente
per quanto riguarda la sicurezza. Il mancato rispetto può comportare:
 pericoli per l’incolumità degli operatori;
 Lesioni anche gravi agli operatori dell’impianto (in alcuni casi addirittura la morte);
 perdita della garanzia contrattuale;
 declinazione delle responsabilità del costruttore.

0.6 PITTOGRAMMI RELATIVI ALLA QUALIFICA DEI DESTINATARI


Tab. 0.6.1
Nell’indice e all’inizio di ogni paragrafo sono presenti i pittogrammi delle varie funzioni interessate alle indicazioni
prescritte
Sim. Descrizione

Manovale generico: operatore privo di competenze specifiche, in grado di svolgere solo mansioni
semplici su disposizioni di tecnici qualificati.

Conduttore di mezzi di sollevamento e di movimentazione: operatore abilitato all’uso di mezzi per il


sollevamento e la movimentazione di materiali e di macchine (seguendo scrupolosamente le istruzioni
del costruttore), in ottemperanza alle leggi vigenti nel paese dell’utilizzatore dell’impianto.
Conduttore dell’impianto di 1° livello: operatore privo di competenze specifiche, in grado di svolgere
solo mansioni semplici, ovvero la conduzione dell’impianto attraverso l’uso dei pulsanti disposti sulla
pulsantiera, operazioni di carico e scarico dei materiali utilizzati durante la produzione, con le protezioni
installate ed attive; non è abilitato all’uso dell’impianto con funzionamento con comando ad azione
mantenuta.
Conduttore dell’impianto di 2° livello: personale in grado di svolgere i compiti del conduttore di 1°
livello ed, in più, in grado di operare con la macchina con comando ad azione mantenuta, per effettuare
tipicamente funzioni semplici di avviamento della produzione o del suo ripristino in seguito a sosta e di
regolazione.
Manutentore meccanico: tecnico qualificato, in grado di condurre la macchina in condizioni normali, di
farla funzionare con comando ad azione mantenuta con protezioni disattivate, di intervenire sugli organi
meccanici per effettuare le regolazioni, le manutenzioni e le riparazioni necessarie. Tipicamente non è
abilitato ad interventi su impianti elettrici in presenza di tensione.
Manutentore elettrico: tecnico qualificato, in grado di condurre la macchina in condizioni normali, di
farla funzionare con comando ad azione mantenuta con protezioni disattivate, è proposto a tutti gli
interventi di natura elettrica di regolazione, di manutenzione e di riparazioni. È in grado di operare in
presenza di tensione all’interno di armadi e scatole di derivazione.
Tecnico del costruttore: tecnico qualificato messo a disposizione dal costruttore per effettuare
operazioni di natura complessa in situazioni particolari o, comunque, quanto concordato con
l’utilizzatore. Le competenze sono, a seconda dei casi, di tipo meccanico e/o elettrico e/o elettronico e/o
software.

505193709.doc Pag. 7 di 43
Manuale di installazione, uso e manutenzione
Silo di stoccaggio – Matricola 321-322-323-324-325-326-327
Rev. del 02/04/2013

2 INFORMAZIONI GENERALI

Il presente manuale fa riferimento principalmente a silos per lo stoccaggio delle sementi.


I silos, generalmente, fanno parte di un impianto completo per lo stoccaggio, trattamento e conservazione
dei cereali, quindi ad essi vanno collegate varie apparecchiature; questi collegamenti ed apparecchiature,
verranno presi in considerazione e descritti in modo generico a puro scopo informativo, ma dovranno
essere scrupolosamente approfonditi leggendo i manuali di installazione, uso e manutenzione di ogni
specifica apparecchiatura.
Il costruttore declina ogni responsabilità per eventuali danni a persone e\o cose provocati da inosservanza
delle nota sopra riportata.

1.1 COPIA DICHIARAZIONE DI INCORPORAZIONE

505193709.doc Pag. 8 di 43
Manuale di installazione, uso e manutenzione
Silo di stoccaggio – Matricola 321-322-323-324-325-326-327
Rev. del 02/04/2013

Direttiva 2006/42/CE – All. II-B


B. DICHIARAZIONE DI INCORPORAZIONE DI QUASI-MACCHINE
La dichiarazione e le relative traduzioni devono essere redatte alle stesse condizioni previste per le istruzioni [cfr.
allegato I, punto 1.7.4.1, lettere a) e b)], e devono essere dattiloscritte oppure scritte a mano in caratteri maiuscoli.
La dichiarazione di incorporazione deve contenere gli elementi seguenti:
1. ragione sociale e indirizzo completo del fabbricante della quasi-macchina e, se del caso, del suo mandatario;
2. nome e indirizzo della persona autorizzata a costituire la documentazione tecnica pertinente, che deve essere
stabilita nella Comunità;
3. descrizione e identificazione della quasi-macchina, con denominazione generica, funzione, modello, tipo,
numero
di serie, denominazione commerciale;
4. un'indicazione con la quale si dichiara esplicitamente quali requisiti essenziali della presente direttiva sono
applicati
e rispettati e che la documentazione tecnica pertinente è stata compilata in conformità dell'allegato VII B e,
se del caso, un'indicazione con la quale si dichiara che la quasi-macchina è conforme ad altre direttive comunitarie
pertinenti. Questi riferimenti devono essere quelli dei testi pubblicati nella Gazzetta ufficiale dell'Unione
europea;
5. un impegno a trasmettere, in risposta a una richiesta adeguatamente motivata delle autorità nazionali,
informazioni
pertinenti sulle quasi-macchine. L'impegno comprende le modalità di trasmissione e lascia impregiudicati i
diritti di proprietà intellettuale del fabbricante della quasi-macchina;
6. una dichiarazione secondo cui la quasi-macchina non deve essere messa in servizio finché la macchina finale in
cui deve essere incorporata non è stata dichiarata conforme, se del caso, alle disposizioni della presente direttiva;
7. luogo e data della dichiarazione;
8. identificazione e firma della persona autorizzata a redigere la dichiarazione a nome del fabbricante o del suo
mandatario.
1.2 DATI DI IDENTIFICAZIONE DEL FABBRICANTE
Fabbricante: S.I.M.A. Srl
Sede Operativa: Via Marmolada, 15 Z.I. Nord - 31027 Spresiano (TV)
Telefono: 0422/881034
Fax: 0422/888533
P.IVA: 00752630269

1.3 NORME DI SICUREZZA


La macchina è stata realizzata conformemente alle Norme Tecniche elencate nella dichiarazione di incorporazione
allegata al presente manuale.

1.4 INFORMAZIONI SULL’ASSISTENZA TECNICA (SE PREVISTA DA CONTRATTO)


Per richiedere informazioni più particolareggiate o per qualsiasi problema, non trattato in questo manuale,
contattare l'ufficio assistenza clienti:

SIMA Srl
Costruzioni-Montaggi Impianti - Agro-industriali - Assistenza Tecnica
Via Marmolada, 15 Z.I. Nord
31027Spresiano (TV)
Tel. 0422/881034 / 725308
Fax 0422/888533 / 889326
e-mail: info@simaimpianti.net www.simaimpianti.net

COLLAUDO
Il silo e l’impianto vengono considerati idoneo al lavoro solo dopo essere stato collaudati, nel luogo di installazione,
da un operatore autorizzato dalla ditta costruttrice.

505193709.doc Pag. 9 di 43
Manuale di installazione, uso e manutenzione
Silo di stoccaggio – Matricola 321-322-323-324-325-326-327
Rev. del 02/04/2013

GARANZIA
Nel periodo di garanzia il costruttore si impegna a rimuovere eventuali vizi e difetti purché il silo sia stato impiegato
correttamente nel rispetto delle indicazioni riportate nel presente manuale.
La sostituzione di parti di commercio non conformi alle specifiche Sima S.r.l, o parti a disegno non fornite dalla
Sima S.r.l, fanno decadere la garanzia così come l'utilizzo improprio.

RESPONSABILITÀ
La ditta Sima S.r.l. non si ritiene comunque responsabile per anomalie nel funzionamento o guasti generici, causati
da interventi e/o modifiche effettuate da persone esterne, non autorizzate dalla stessa Sima S.r.l.

NOTA IMPORTANTE

Durante il periodo di garanzia il COSTRUTTORE si impegna a rimuovere, nei tempi necessari, gli evidenti vizi o
difetti provocati dai materiali originalmente montati sulla quasi-macchina.

NOTA IMPORTANTE

La garanzia di funzionamento dell’impianto ha validità unicamente se tutte le raccomandazioni preventive e le


scadenze periodiche contenute nel presente manuale, sono state completamente rispettate dall’utilizzatore.

1.5 AVVERTENZE GENERALI DI SICUREZZA


Leggere attentamente questo paragrafo in tutte le sue parti prima di procedere con qualsiasi operazione
(questa nota vale sia per l’installazione che per l’utilizzazione).
Le avvertenze di seguito elencate devono divenire parte fondamentale della pratica giornaliera al fine di
prevenire qualsiasi tipo di infortunio alle persone e/o cose e/o danneggiamenti all’impianto.

- Leggere attentamente tutto il manuale prima dell’installazione e dell’uso.


- Il silo di stoccaggio è concepito solo per lo stoccaggio delle sementi; qualsiasi altro uso è da considerarsi
improprio e pericoloso.
- L’impianto funziona correttamente solo se collegato ad un impianto elettrico a norma di legge. Il quadro comandi
(non di fornitura) a cui viene collegato, deve essere a norma di legge.
- Avviare l’impianto solo e solamente se all'interno del silo non siano presenti persone o cose estranee.
- Il manuale non è completo se mancano i relativi allegati
- Sorvegliare sempre l’impianto durante il suo funzionamento
- Il personale che utilizza l’impianto deve essere addestrato (vedere sezione successiva)
- Verificare l'eventuale presenza di difetti visibili sui dispositivi di sicurezza e sul silo stesso.
- Conservare il manuale per usi successivi all’installazione.
- Conservare con cura il seguente manuale ed i suoi allegati.
- Nel caso si presenti un qualsiasi danno che possa compromettere la struttura del silo, fare evacuare il personale
da tutta la zona a rischio e scollegare tutte le eventuali alimentazioni (elettrica, pneumatica ecc) e contattare
immediatamente il costruttore.
- Per nessun motivo devono essere manomessi organi o parti sigillati.
- Non azionare l’impianto con protezioni, fisse e/o mobili, smontate.
- Per nessun motivo intervenire su parti in movimento neppure con l’aiuto di oggetti utensili
- Non intervenire su interruttori, valvole o fotocellule senza esserne autorizzati.
- Non lavare l’impianto con getti d’acqua o di vapore; non utilizzare idropulitrici ad alta pressione.
- Non versare acqua su parti che non siano predisposte per tale uso.
- Situare in posizione visibile i numeri telefonici d’emergenza.
- L'operatore deve essere pratico della funzione e della posizione dei pulsanti di ARRESTO e di EMERGENZA.
- Non indossare indumenti, ornamenti, accessori, non adatti al tipo di lavoro richiesto dall’impianto
- Indossare opportuni indumenti protettivi: occhiali protettivi, guanti, scarpe antinfortunistiche, elmetto protettivo,
respiratori (nel caso di emissioni o fumi tossici) ecc.

505193709.doc Pag. 10 di 43
Manuale di installazione, uso e manutenzione
Silo di stoccaggio – Matricola 321-322-323-324-325-326-327
Rev. del 02/04/2013

- Non tentare mai soluzioni azzardate


- Nel caso il silo richieda degli interventi, leggere attentamente le istruzioni sulla manutenzione
- Nel caso di dubbi, nonostante avere letto attentamente e completamente il presente manuale, rivolgersi al
servizio assistenza
- L’impianto deve essere sempre dotato di un carico e scarico automatici delle sementi collegate al silo; è vietata
qualsiasi operazione di carico e scarico manuale.
- L’utilizzatore non è autorizzato per nessuna ragione ad intervenire sull’impianto salvo per le operazioni di
manutenzione ordinaria espressamente previste nel presente manuale d’uso e manutenzione.

Il mancato rispetto di quanto sopra può compromettere la sicurezza.


La garanzia decade se quanto sopra non viene rispettato.
Il costruttore declina ogni responsabilità per eventuali danni a persone e\o cose provocati da errata
installazione, impropria manutenzione ed in caso di inosservanza delle istruzioni per l’uso.
La casa costruttrice, declina ogni responsabilità per le possibili inesattezze contenute nel presente
manuale imputabili ad errori di stampa o di trascrizione. Si riserva inoltre, il diritto di apportare ai propri
prodotti le modifiche che ritenesse necessarie o utili, senza pregiudicare le caratteristiche essenziali.

ATTENZIONE

É vietato e pericoloso utilizzare personale senza conoscenze specifiche per eseguire operazioni riservate
al personale qualificato.

Il datore di lavoro è responsabile della divulgazione del presente documento a tutto il personale (operatori) che
interagirà con l’impianto.
Gli operatori chiamati ad operare sull'impianto hanno il dovere di documentarsi adeguatamente utilizzando il
presente manuale, prima di eseguire qualsiasi intervento; adottando le prescrizioni specifiche di sicurezza per
rendere sicuro ogni tipo d'interazione uomo-macchina.
Gli operatori, oltre ad attenersi scrupolosamente a quanto riportato nel presente documento, dovranno comunque
adottare e rispettare necessariamente le norme antinfortunistiche generali previste da direttive comunitarie e dalla
legislazione della nazione di destinazione.

NOTA IMPORTANTE

In merito ai dispositivi di protezione individuali, la Comunità Europea ha emanato le Direttive alle quali gli
operatori devono obbligatoriamente attenersi. Nel manuale si fa uso di opportuni pittogrammi per
l'immediata individuazione delle protezioni personali da utilizzare.

Il cliente ha il dovere di informare tempestivamente IL COSTRUTTORE qualora riscontrasse difetti e/o


malfunzionamenti dei sistemi di protezione antinfortunistica, nonché di qualsiasi situazione di presunto pericolo di
cui si venga a conoscenza.
É severamente vietato al cliente e/o terzi (escl. personale del COSTRUTTORE debitamente autorizzato), apportare
modifiche di qualunque genere ed entità alla macchina e alle sue funzioni, nonché al presente documento tecnico.
Qualsiasi modifica della macchina non eseguita dal COSTRUTTORE, comporta la decadenza della Marcatura CE
della stessa, della garanzia (se avvenuta entro i 12 mesi dal collaudo), e di tutte le responsabilità del
COSTRUTTORE.

1.6 PREDISPOSIZIONI A CARICO DEL CLIENTE


Fatti salvi eventuali accordi contrattuali diversi, sono normalmente a carico del Cliente:
 Predisposizioni dei locali, comprese eventuali opere murarie e/o canalizzazioni richieste;
 Alimentazione Elettrica dell’impianto, in conformità alle Norme vigenti nel Paese di utilizzo;
 Eventuale alimentazione Pneumatica con aria compressa.
 Eventuale alimentazione idrica
 Eventuali scarichi acqua con detergente
 Eventuale condotto per aspirazione vapori
 Mezzi di sollevamento e movimentazione

505193709.doc Pag. 11 di 43
Manuale di installazione, uso e manutenzione
Silo di stoccaggio – Matricola 321-322-323-324-325-326-327
Rev. del 02/04/2013

3 SICUREZZA
1.7 AVVERTENZE GENERALI DI SICUREZZA

Prima di rendere operativa l’impianto leggere attentamente le istruzioni contenute nel presente Manuale e
seguire attentamente le indicazioni in esso riportate.

Il costruttore ha profuso il massimo impegno nel progettare questa macchina, per quanto è stato possibile
INTRINSECAMENTE SICURA.
L’ha inoltre dotata di tutte le protezioni ed i dispositivi di sicurezza ritenuti necessari; infine, l’ha corredata delle
informazioni sufficienti perché venga utilizzata in modo sicuro e corretto.

A tal fine, in ogni capitolo, quando necessario, per ogni interazione uomo-macchina, sono state indicate le seguenti
informazioni:
 Qualifica minima dell’operatore richiesta;
 Numero di operatori necessari;
 Stato dell’impianto;
 Rischi residui;
 Mezzi personali di protezione necessari o consigliati;
 Prevenzione di errori umani;
 Divieti/obblighi relativi a comportamenti scorretti ragionevolmente prevedibili.

Queste informazioni vanno scrupolosamente rispettate.

L’utilizzatore può opportunamente integrare le informazioni fornite dal costruttore con istruzioni di lavoro
supplementari, ovviamente non in contrasto con quanto riportato nel presente Manuale di Istruzioni, per contribuire
all’utilizzo sicuro dell’impianto.
Ad esempio, si deve fare molta attenzione all’abbigliamento che indossa chiunque intervenga sulla macchina:
 Evitare l’uso di vestiti con appigli che possano rimanere agganciati a parti dell’impianto;
 Evitare di utilizzare cravatte o altre parti di abbigliamento svolazzanti;
 Evitare di portare anelli ingombranti o bracciali che possano impigliare le mani ad organi dell’impianto.
Quando necessario nel Manuale saranno specificate ulteriori raccomandazioni a cura dell’utilizzatore sulle misure
di prevenzione, sui mezzi personali di protezione, sulle informazioni atte a prevenire gli errori umani e sui divieti
relativi comportamenti non consentiti ragionevolmente prevedibili.
È comunque indispensabile seguire diligentemente le seguenti indicazioni:
 È assolutamente vietato far funzionare l’impianto in modo automatico con i protettori fissi e/o mobili smontati;
 È assolutamente vietato inibire le sicurezze installate sull’impianto;
 Le operazioni a sicurezza ridotte devono essere effettuate rispettando scrupolosamente le indicazioni fornite
nelle relative descrizioni;
 Dopo una operazione a sicurezze ridotte lo stato dell’impianto con protezioni attive deve essere ripristinato al
più presto;
 Non modificare per alcun motivo parti dell’impianto; in caso di malfunzionamento, dovuto ad un mancato
rispetto di quanto sopra, il costruttore non risponde delle conseguenze. Si consiglia di richiedere eventuali
modifiche direttamente al costruttore;
 Pulire i rivestimenti delle macchine, i pannelli e i comandi con panni soffici e asciutti o leggermente imbevuti di
una blanda soluzione detergente; non usare alcun tipo di solvente, come alcool o benzina, in quanto le
superfici si potrebbero danneggiare;
 Collocare le macchine come stabilito all’atto dell’ordine secondo gli schemi forniti dal costruttore, in caso
contrario non si risponde di eventuali inconvenienti.

505193709.doc Pag. 12 di 43
Manuale di installazione, uso e manutenzione
Silo di stoccaggio – Matricola 321-322-323-324-325-326-327
Rev. del 02/04/2013

IMPORTANTE

Il fabbricante si ritiene sollevato da ogni responsabilità per danni causati dall’impianto a persone, animali o cose in
caso di:
 uso dell’impianto da parte di personale non adeguatamente addestrato;
 uso improprio dell’impianto;
 difetti di alimentazione elettrica, idraulica o pneumatica;
 installazione non corretta;
 carenze della manutenzione prevista;
 modifiche o interventi non autorizzati;
 utilizzo di ricambi non originali o non specifici per il modello;
 inosservanza totale o parziale delle istruzioni;
 uso contrario a normative nazionali specifiche;
 calamità ed eventi eccezionali.
 Eventi Sociopolitici

Prescrizioni generali
Gli elementi mobili debbono essere sempre utilizzati secondo le prescrizioni del costruttore, come indicato in
questo Manuale, che deve essere sempre a disposizione sul luogo di lavoro. Tutte le dotazioni di sicurezza poste
sugli elementi mobili per evitare incidenti e salvaguardare la sicurezza non possono essere modificate, né
asportate, ma devono essere adeguatamente salvaguardate.
L'utilizzatore deve informare tempestivamente il datore di lavoro o il suo diretto superiore su eventuali difetti o
anomalie presentate dagli elementi mobili.

Controlli e verifiche
Devono essere effettuati come indicato nel presente Manuale di Istruzioni.

Qualora le parti consumate o difettose non vengano tempestivamente sostituite, il costruttore non si assume alcuna
responsabilità per i danni da incidenti che potrebbero derivarne.

Le verifiche devono essere effettuate da persona esperta; devono essere di tipo visivo e funzionale, con lo scopo di
garantire la sicurezza dell’impianto.

Esse comprendono:
 verifica di tutte le strutture portanti, che non debbono presentare alcuna cricca, rottura, danneggiamento,
deformazioni, corrosione, usura o alterazione rispetto alle caratteristiche originali;
 verifica di tutti gli organi meccanici;
 verifica di tutte le sicurezze installate sull’impianto;
 verifica di tutti i collegamenti con perni e viti;
 verifica funzionale dell’impianto;
 verifica dello stato dell’impianto;
 verifica della tenuta ed efficienza dell’impianto pneumatico e/o idraulico.
I risultati di questa verifica dovranno essere riportati nel REGISTRO INTERVENTI MANUTENZIONE.

ATTENZIONE

Se vengono rilevate anomalie, queste dovranno essere eliminate prima di rimettere in funzione l’impianto,
e l'esperto che esegue la verifica dovrà annotare sulla scheda l'avvenuta riparazione, dando così il
benestare all'uso dell’impianto.

Accertarsi, che tra le parti mobili dell’impianto, non ci siano oggetti.

Controllare che dopo un qualsiasi intervento di manutenzione nessun oggetto rimanga tra gli organi in movimento.

Al fine di garantire la massima sicurezza nella movimentazione dell’impianto è comunque VIETATO:


 Manomettere qualsiasi parte dell’impianto;
 Lasciare gli elementi mobili incustoditi;

505193709.doc Pag. 13 di 43
Manuale di installazione, uso e manutenzione
Silo di stoccaggio – Matricola 321-322-323-324-325-326-327
Rev. del 02/04/2013

 Utilizzare l’impianto funzionante ma non in completa efficienza;


 Modificare l’impianto per cambiare l'uso originariamente stabilito, senza autorizzazione esplicita del
Costruttore o senza l'assunzione della completa responsabilità imposta Direttiva Macchine 2006/42/CE;

ATTENZIONE!

AVVERTENZE PARTICOLARI PER L'OPERATORE

Le avvertenze elencate qui di seguito devono essere recepite chiaramente dal personale preposto all'uso
dell’impianto.
 E' consigliabile che l'operatore segua un periodo di addestramento per quanto concerne l'uso dell’impianto.
 Nel caso si debba installare o rimuovere parte dell’impianto, usare solo mezzi di sollevamento e
movimentazione adeguati al peso ed alle caratteristiche geometriche del pezzo da sollevare; provvedere
inoltre a posare, appena possibile, il pezzo su un supporto adeguato alle caratteristiche già citate del pezzo.
 Nel caso si debba sollevare l’impianto od una qualsiasi sua parte, provvedere a sgombrare la zona delle
operazioni, considerando anche una sufficiente zona di sicurezza intorno ad essa, libera da persone od
oggetti che potrebbero venire in contatto con l’impianto ed ostacolare le operazioni.
 Lavorare sempre in condizioni ottimali di luminosità, segnalando ai responsabili di reparto eventuali
inadeguatezze e controllando che queste vengano risolte.

ATTENZIONE!

Non permettere a personale non autorizzato e qualificato di mettere in funzione, regolare, condurre o
riparare l’impianto. Far riferimento inoltre a questo manuale per le operazioni necessarie.

ATTENZIONE!

Prima di procedere alla pulizia e/o alla manutenzione dell'impianto e prima di rimuovere qualsiasi
protezione, accertarsi che l'interruttore generale sia in posizione di "0 o OFF", in modo da togliere
l'alimentazione elettrica all’impianto durante l'intervento dell'operatore.

 L'impianto di alimentazione elettrica deve essere provvisto di un sistema di sgancio automatico a monte
dell'interruttore generale dell’impianto e di un idoneo impianto di messa a terra che risponda a tutti i requisiti
delle norme industriali per la prevenzione degli infortuni.
 Nel caso si debba intervenire sull'interruttore generale o nelle sue vicinanze, togliere tensione alla linea a cui è
allacciato l'interruttore generale.
 Tutti i controlli e le operazioni di manutenzione che richiedono la rimozione delle protezioni di sicurezza
vengono effettuati sotto la completa responsabilità dell'utente. Si raccomanda pertanto di far eseguire queste
operazioni esclusivamente a personale tecnico specializzato ed autorizzato.

ATTENZIONE!

Controllare che tutti i dispositivi antinfortunistici di sicurezza (barriere, protezioni, carter, microinterruttori,
ecc..) non siano stati manomessi e che siano perfettamente funzionanti prima di operare.

ATTENZIONE!

Non rimuovere i dispositivi di sicurezza.

 Assicurarsi direttamente che gli involucri metallici dei motori dell’impianto, dei trasformatori, siano
opportunamente collegati ad un apposito circuito di messa a terra, a sua volta connesso ad un impianto di
messa a terra eseguito da un elettricista specializzato con strumenti specifici e ben funzionanti.
 Onde evitare rischi personali, utilizzare solo attrezzi elettrici che siano correttamente connessi alla presa di
terra e conformi ai regolamenti nazionali di sicurezza.
 Non manomettere per nessun motivo l'impianto elettrico, quello pneumatico o qualunque altro meccanismo.

505193709.doc Pag. 14 di 43
Manuale di installazione, uso e manutenzione
Silo di stoccaggio – Matricola 321-322-323-324-325-326-327
Rev. del 02/04/2013

 Il pulpito deve essere libero da oggetti non necessari per il suo funzionamento o che potrebbero essere
agganciati dai meccanismi dell’impianto.
 Non lasciare l'impianto in funzione incustodito.
 Nel caso di operazioni o riparazioni da effettuarsi in posizioni non raggiungibili direttamente dal suolo,
utilizzare scale o mezzi di sollevamento che siano sicure e conformi ai regolamenti di sicurezza.
 Nel caso di riparazioni vicino o sotto l’impianto, assicurarsi che non ci siano organi in movimento che
potrebbero entrare in funzione e non ci siano particolari instabili posizionati sull’impianto o nelle sue vicinanze;
in ogni caso provvedere al loro bloccaggio con adeguati strumenti.
 Tenere le mani e il volto lontano dai tubi durante le prove di tenuta ed efficienza degli impianti. Indossare
occhiali con protezioni laterali.
 Non usare mai le mani o strumenti non adatti per localizzare eventuali perdite dai vari tubi di aria, fluidi in
pressione od irritanti che potrebbero causare danni gravi alle persone e/o cose.
 Non utilizzare le mani al posto di adeguati utensili per operare sull’impianto.
 Non utilizzare le mani od altri oggetti per arrestare parti in movimento.
 Non utilizzare tubi o comandi come appigli.
 Preoccuparsi sempre di prendere tutte le precauzioni affinché le operazioni siano sicure.

ATTENZIONE!

Non usare mai fiammiferi, accendini, o fiamme libere nelle vicinanza dell’impianto. Vapori potrebbero
incendiarsi causando danni gravi alle persone ed alle cose.

 Prestare la massima attenzione alle targhette presenti sull’impianto ogni volta ci si appresta ad operare sulla
stessa o nelle sue vicinanze.
 E' inoltre fatto obbligo all'utente di sostituire tutte le targhette che per qualunque motivo si siano deteriorate o
che non siano chiaramente visibili, richiedendo quelle nuove al COSTRUTTORE
 Evitare di riparare o regolare l’impianto (o parte di esso) quando esso è in funzione, al fine di evitare di essere
agganciati da parti in movimento.
 Nel caso di malfunzionamenti dell’impianto o danni ai componenti contattare il responsabile alla
manutenzione, senza procedere con ulteriori interventi di riparazione.

ATTENZIONE!

E' fatto assoluto divieto a chiunque di utilizzare l’impianto per usi diversi da quelli espressamente previsti
e documentati. L'uso dell’impianto dovrà avvenire sempre nei modi, tempi e luoghi previsti dalle norme di
buona tecnica e di legge vigenti in ogni nazione, anche se nel paese specifico non esistono apposite
norme per regolare il settore.

 Il COSTRUTTORE declina ogni responsabilità per eventuali incidenti o danni a persone o cose insorgenti
dalla mancata osservanza sia delle prescrizioni relative alla sicurezza che delle norme qui riportate.
 Tali prescrizioni, unitamente alle norme relative all'installazione dell’impianto e agli allacciamenti elettrici
costituiscono del resto, parte integrante delle Regolamentazioni Industriali Antinfortunistiche di ogni singolo
paese.

ATTENZIONE!

Queste norme di sicurezza integrano e non sostituiscono le norme di sicurezza in vigore localmente.

 Non eseguire MAI riparazioni affrettate o di fortuna che potrebbero compromettere il buon funzionamento
dell’impianto.
 In caso di dubbio richiedere sempre l'intervento di personale specializzato direttamente alla ditta costruttrice.
 Qualsiasi manomissione da parte dell'utente solleva la ditta costruttrice da ogni responsabilità e rende l'utente
stesso unico responsabile verso gli organi competenti per la prevenzione degli infortuni.

505193709.doc Pag. 15 di 43
Manuale di installazione, uso e manutenzione
Silo di stoccaggio – Matricola 321-322-323-324-325-326-327
Rev. del 02/04/2013

1.8 USO PREVISTO


Utilizzare l’impianto solo per lo scopo per cui è stata prodotto, cioè stoccaggio di sementi.
Il silo è stato progettato e costruito per prodotti a bassa densità, con umidità <= 30%, non corrosivi, e scarsamente
abrasivi.
Nel caso si dovessero trattare prodotti che non rientrino in queste caratteristiche, contattare il costruttore.
ATTENZIONE! Non devono essere trattati prodotti esplosivi o facilmente infiammabili.

L’uso di prodotti/materiali diversi da quelli specificati dal Costruttore, che possono creare danni
all’impianto e situazioni di pericolo per l’operatore e/o le persone vicine all’impianto, è considerato
scorretto o improprio.

1.9 CONTROINDICAZIONI D’USO


Lavorazioni non previste
Le uniche lavorazioni permesse sono descritte nel manuale, ogni altra lavorazione è da ritenersi non possibile e
quindi pericolosa.

1.10 VITA DELLA MACCHINA


La vita della macchina è definita in anni 10 se correttamente manutentata, dopo tale data la macchina deve essere
completamente revisionata da parte della S.I.M.A. Srl, allo scopo di verificarne le condizioni delle strutture principali
e dei componenti di sicurezza.

1.11 SICUREZZE GENERALI


Il datore di lavoro deve provvedere ad istruire il personale sui rischi di infortunio, sui dispositivi predisposti per la
sicurezza e sulle regole generali in tema di antinfortunistica prevista dalle direttive comunitarie e dalla legislazione
del paese dove l’impianto è installato.

L’operatore deve essere a conoscenza della posizione e del funzionamento di tutti i comandi e delle caratteristiche
delle quasi macchine componenti l‘impianto.
Egli deve inoltre aver letto integralmente il presente manuale.

Gli interventi di manutenzione devono essere effettuati da tecnici qualificati dopo aver predisposto opportunamente
l’impianto.

La manomissione o la sostituzione non autorizzata di una o più parti dell’impianto, l’adozione di accessori che
modificano l’uso dell’impianto e l’impiego di materiali di consumo diversi da quelli consigliati nel presente manuale,
possono divenire causa di rischi di infortunio.

ATTENZIONE!

L’abbigliamento di chi opera o effettua manutenzione sulle quasi macchine componenti l’impianto deve
essere conforme ai requisiti essenziali di sicurezza definiti dalle direttive comunitarie e alle leggi vigenti
nel Paese.

ATTENZIONE!

Al fine di evitare rischi di trascinamento, intrappolamento e altro, si consiglia di non indossare particolari
come braccialetti, orologi, anelli o catenine o abbigliamento svolazzante.

505193709.doc Pag. 16 di 43
Manuale di installazione, uso e manutenzione
Silo di stoccaggio – Matricola 321-322-323-324-325-326-327
Rev. del 02/04/2013

1.12 DISPOSITIVI DI SICUREZZA


Sul secondo livello di lamiere del silo è presente una porta per l’accesso al silo. L’apertura della porta può avvenire
solamente quando il silo è vuoto (2 aperture sovrapposte: la prima verso l’esterno e la seconda verso l’interno, che
non permette l’apertura a silo carico). La porta è dotata di predisposizione per microinterruttore. Tale
microinterruttore, al momento dell’apertura della porta, deve disattivare tutti i movimenti dell’impianto completo.

ATTENZIONE!

Verificare periodicamente il corretto funzionamento di tutte le sicurezze


IL COSTRUTTORE consente l’utilizzo dell’impianto al cliente, durante la normale produzione, solamente a
condizione che tutte le protezioni siano attive, funzionanti ed esattamente nella medesima situazione prevista dal
progetto iniziale, mentre permette al solo personale qualificato (q1, q2 e q3) di utilizzare l’impianto in condizioni di
sicurezze parzialmente disabilitate per manutenzioni, controlli e taratura (con il termine “parzialmente” si indica la
possibilità di escludere localmente e temporaneamente, da parte di personale qualificato, la singola protezione che
impedisce un particolare tipo di manutenzione, controllo o taratura. Tutte le protezioni che non impediscono il
lavoro del personale qualificato devono essere mantenute attive).

ATTENZIONE!

Il personale con qualifica diversa da (par 0.6 tab 0.6.1) ha l’obbligo di utilizzare
l’impianto con le protezioni fisse, mobili e elettriche completamente inserite, abilitate ed efficienti come
previsto dal progetto originale.

L’impianto deve essere condotto e mantenuto da operatori qualificati ed autorizzati dal cliente che abbiano
partecipato all’addestramento condotto dai tecnici IL COSTRUTTORE.

ATTENZIONE!

• Gli operatori hanno l’obbligo di segnalare ai loro diretti responsabili ogni eventuale deficienza e/o potenziale
situazione pericolosa che si dovesse verificare;
• Il cliente ha il dovere di informare tempestivamente Il COSTRUTTORE qualora riscontrasse difetti e/o
malfunzionamenti dei sistemi di protezione antinfortunistica nonché di qualsiasi situazione di pericolo di cui venga a
conoscenza.
È severamente vietato al cliente e/o a terzi (escluso il personale de COSTRUTTORE debitamente autorizzato)
apportare modifiche di qualunque genere ed entità all’impianto e alle sue funzioni nonché al presente documento
tecnico.

1.13 SEGNALETICA APPLICATA SULL’IMPIANTO


 I pittogrammi contenuti in un triangolo indicano PERICOLO.
 I pittogrammi contenuti in un cerchio impongono un DIVIETO/OBBLIGO.
La segnaletica che dovrà essere installata in prossimità dell’impianto e della zona di lavoro dello stesso è la
seguente:
Pittogramma Pericolo/ Divieto/ Obbligo segnalato

Lavori con carichi sospesi

Caduta di materiali durante le fasi di movimentazione e installazione dell’impianto

505193709.doc Pag. 17 di 43
Manuale di installazione, uso e manutenzione
Silo di stoccaggio – Matricola 321-322-323-324-325-326-327
Rev. del 02/04/2013

Pittogramma Pericolo/ Divieto/ Obbligo segnalato

Organi in movimento

Pericolo generico

Pericolo di esplosione

Divieto di accesso alle persone non autorizzate

Non rimuovere i dispositivi di sicurezza

Divieto di pulire, oliare, ingrassare riparare o registrare a mano organi in moto

1.14 RISCHI RESIDUI


Pur essendo stati adottati sulla macchina tutti quei dispositivi antinfortunistici al fine di eliminare i possibili rischi
d'uso dell'operatore, questa presenta delle zone definite "ZONE A RISCHIO RESIDUO".
Queste zone così denominate sono relative a parti in movimento della macchina che possono rappresentare
pericolo per l'operatore qualora ne faccia uso scorretto o commetta un errore di valutazione o di disattivazione
eludendo le prescrizioni contenute nel presente manuale.
La macchina inoltre è dotata di opportune segnalazioni poste sulle zone a rischio residuo che devono essere
scrupolosamente osservate.

È necessario far attenzione ai seguenti rischi residui che sono presenti all'atto dell'installazione e utilizzo
dell’impianto e che non possono essere eliminati:

ATMOSFERE ESPLOSIVE (ATEX):


I materiali stoccati all’interno del silo possono generare esplosioni.

CADUTA DALL’ALTO:
Fare molta attenzione quando ci si muove sulle parti rialzate dell’impianto.
Durante il montaggio utilizzare opportuni DPI per i lavori in quota (Imbracature, cordini, etc).

TAGLIO E SEZIONAMENTO:
Utilizzare opportuni DPI (guanti, scarpe, tuta di protezione) quando si entra a contatto con le
lamiere.

IMPIGLIAMENTO E INTRAPPOLAMENTO:
Utilizzare opportuni abiti antimpiagliamento.

505193709.doc Pag. 18 di 43
Manuale di installazione, uso e manutenzione
Silo di stoccaggio – Matricola 321-322-323-324-325-326-327
Rev. del 02/04/2013

BRUCIATURE:
I materiali di cui è composto il silo possono raggiungere, nelle stagioni più calde, elevate
temperature. Utilizzare opportuni DPI (guanti, tuta di protezione).

ZONE ATEX:
Zona 21 (polveri): volume interno del silo
Zona 22 (polveri): Area esterna (0,5 m) del silo

ATTENZIONE! Non devono essere trattati prodotti esplosivi o


facilmente infiammabili
Durante il carico si producono polveri che possono rendere potenzialmente
esplosiva l'atmosfera all'interno del silo. Si deve quindi evitare l'impiego di
qualsiasi apparecchiatura elettrica che possa creare inneschi.
Devono essere evitate pertanto lavorazioni che possono produrre scintille su
parti del silo o fiamme libere nelle parti adiacenti.

Direttiva Macchine 2006/42/CE All. I p. 1.7.4.2


l) le informazioni in merito ai rischi residui che permangono, malgrado siano state adottate le misure di protezione
integrate nella progettazione dell’impianto e malgrado le protezioni e le misure di protezione complementari
adottate;
1.15 DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI)
Per l’installazione e l’utilizzo dell’impianto è necessario utilizzare i seguenti DPI:

GUANTI:
per la protezione dal contatto con parti taglienti dell’impianto ed eventuali parti ad alte temperature.

TUTA DI PROTEZIONE:
per la protezione contro spigoli taglienti e per evitare di rimanere impigliati su eventuali organi in
movimento.
Per la manutenzione all’interno del silo si consiglia di utilizzare giubbino catarifrangente.

SCARPE ANTINFORTUNISTICHE:
Per la protezione contro materiali presenti nei pressi dell’impianto.

OCCHIALI DI PROTEZIONE:
Per la protezione dalle polveri presenti all’interno del silo.

MASCHERINA o SEMIMASCHERA:
Per la protezione dalle polveri presenti all’interno del silo.
Quando si utilizzano prodotti insetticidi (disinfestazione) prevedere l’utilizzo di semimaschera con
adeguati filtri.

CASCHETTO:
Per la protezione della testa contro gli urti contro carichi sospesi durante l’installazione
dell’impianto e per la manutenzione all’interno del silo.

IMBRACATURE:
Durante l’installazione dell’impianto e per la manutenzione all’interno del silo.

505193709.doc Pag. 19 di 43
Manuale di installazione, uso e manutenzione
Silo di stoccaggio – Matricola 321-322-323-324-325-326-327
Rev. del 02/04/2013

4 INSTALLAZIONE
1.16 TRASPORTO E MOVIMENTAZIONE
3.1.1 AVVERTENZE GENERALI

Numero operatori
Il trasporto e la movimentazione dei gruppi macchina, imballati o non, deve essere eseguita da personale
addestrato ad utilizzare le adeguate apparecchiature di sollevamento (gru, carrelli, elevatori, argani, carri ponte,
ecc.) in numero minimo di 3 unità.

Qualifica operatori
Il grado minimo di qualifica degli operatori che possono eseguire le operazioni descritte in questa sezione è

(par 0.6 tab 0.6.1).


.Attrezzatura personale tecnici
L’abbigliamento e personale dei tecnici (guanti, maschere, caschi, cinghie, occhiali, scarpe antinfortunistiche, ecc.)
che operano lo sballaggio dei gruppi macchina deve essere necessariamente conforme ai requisiti essenziali di
sicurezza definiti nelle Direttive Comunitarie 89/6567CEE, 89/6867CEE ed alle leggi locali vigenti.

NOTA IMPORTANTE

IL COSTRUTTORE non è responsabile per gli eventuali infortuni o danni provocati da abbigliamenti,
attrezzature di sollevamento ed attrezzature personali non idonee al tipo di intervento che l’operatore deve
effettuare.

3.1.2 IMBALLO E SBALLO

 II personale che interviene in queste operazioni deve essere adeguatamente equipaggiato (casco, guanti,
scarpe antinfortunistiche ecc).
 Chi manovra macchine per la movimentazione, (gru, carrelli, elevatori, carriponte, ecc) ,deve essere
abilitato a tale compito.
 Osservare scrupolosamente le norme antinfortunistiche e di sicurezza del proprio paese e dello
stabilimento in cui si opera.
 Il numero di persone che occorrono per garantire lo svolgimento di queste operazioni in tutta sicurezza non
deve mai essere inferiore a 2.
 Assicurarsi sempre prima di ogni movimentazione che il mezzo di sollevamento con i relativi attrezzi (funi,
ganci, ecc...) sia idoneo a sollevare il carico da movimentare.
 Mantenersi a distanza di sicurezza dai carichi sospesi, assicurarsi che funi e cinghie di
sollevamento siano in perfette condizioni ed inserite in modo conforme negli appositi ganci.

Vi sono più possibilità di imballo, diversificate in base alla destinazione o alle specifiche richieste dal cliente.
Nel caso di spedizione via mare, i componenti vengono imballati con un opportuno tipo di imballo e protetti
all'interno con sali contro l'umidità. Questo tipo di imballo è particolarmente consigliato qualora il materiale venga
stoccato per lunghi periodi in situazioni climatiche particolarmente umide o in zone adiacenti al mare prima di
essere disimballato.
Nel caso di spedizione via terra (su autocarro) i componenti possono essere fissati sul pianale tramite tiranti e
staffaggi.

505193709.doc Pag. 20 di 43
Manuale di installazione, uso e manutenzione
Silo di stoccaggio – Matricola 321-322-323-324-325-326-327
Rev. del 02/04/2013

3.1.3 MOVIMENTAZIONE (SCARICO DAL MEZZO DI TRASPORTO)

In funzione al tipo di imballo si può procedere nei seguenti modi:


se le parti non sono imballate, usufruire di funi o cinghie
di sollevamento e fissarle facendo attenzione a
realizzare un buon fissaggio e un buon bilanciamento
per il sollevamento.

se le parti sono contenute in casse, si possono usare dei


carrelli elevatori con portate idonee e con apertura delle
forche sufficienti a garantire un buon equilibrio del collo
trasportato

- Controllare subito eventuali danni esterni causati nel trasporto, nel caso siano presenti, rivolgere il reclamo
immediatamente al vettore e alla ditta di trasporti
- Controllare la presenza di tutti i colli in base al documento di trasporto
- Nel caso l’imballo sia costituito da una cassa, dopo averla scaricata, togliere per primo il coperchio e
successivamente le parti laterali
- Conservare tutta la documentazione contenuta nell’imballo
- Eventuali reclami dovranno essere presentati per iscritto entro 8 (otto) giorni alla ditta costruttrice

3.1.4 DEPOSITO DEL MATERIALE PRIMA DELLA COSTRUZIONE

Generalmente tutto il materiale costituente il silo viene imballato e posto sopra a dei pallet; si deve fare particolare
attenzione per i lamierati zincati e soprattutto per i fogli di lamiera che sono sovrapposti uno sopra l’altro:
la presenza di umidità, soprattutto tra i fogli, può causare un effetto di elettrolisi e creare la così detta
ruggine bianca.
Il materiale dovrebbe essere controllato in arrivo; nel caso di presenza di umidità, fogli o pannelli devono essere
separati immediatamente, asciugati e irrorati con un adeguato olio.
Disporre poi il materiale in un luogo asciutto e protetto.
E’ tassativamente vietato l’imballo con polietilene o altro materiale similare.
Sui fogli curvi di lamiera non devono essere sovrapposti altri bancali che potrebbero causare una perdita della
curvatura corretta.

AVVERTENZA

É molto importante verificare che la portata, delle singole apparecchiature di sollevamento, corrisponda
almeno ai carichi da sollevare aumentati dei margini di sicurezza previsti dalle norme vigenti.

NOTA IMPORTANTE

Dopo aver sballato tutti i componenti dell’impianto verificarne lo stato, controllando che non vi siano parti
danneggiate a causa del trasporto.

505193709.doc Pag. 21 di 43
Manuale di installazione, uso e manutenzione
Silo di stoccaggio – Matricola 321-322-323-324-325-326-327
Rev. del 02/04/2013

AVVERTENZA

Smaltimento degli imballi


I materiali usati per l’imballo sono compatibili con l’ambiente e si possono conservare senza pericolo o bruciare in
un apposito impianto di combustione dei rifiuti.
I componenti in plastica soggetti a smaltimento con riciclaggio sono contrassegnati con il simbolo di figura:
 PE Polietilene: pellicola esterna imballo, sacchetto istruzioni.
 PP Polipropilene: panelli cielo imballo, reggette.
 PS Polistirolo espanso: protezioni.

3.1.5 TRASPORTO E MOVIMENTAZIONE MACCHINA SBALLATA


Scarico, trasporto e movimentazione
All’arrivo i gruppi macchina, protetti solo da copertura contro le intemperie, devono essere maneggiati con molta
cura, seguendo attentamente le indicazioni riportate sui gruppi macchina o quelle contenute in questo “manuale”.

ATTENZIONE

Se le imbracature, al momento del sollevamento, venissero in contatto con particolari dell’impianto, è necessario
intervenire, interponendo dei materiali protettivi fra le parti, per evitare il danneggiamento dell’impianto e il
logoramento dell’imbracatura (pericolosissimo).

1.17 PREDISPOSIZIONI
Predisposizioni d’installazione
Per l’installazione occorre predisporre un’area di manovra adeguata alle dimensioni dell’impianto ed ai mezzi di
sollevamento prescelti.
La predisposizione dell’impianto deve essere effettuata in maniera da rendere ottimale l'ergonomia e la sicurezza
del posto di lavoro: lasciare intorno alla stessa un'area sufficiente a permettere agevoli operazioni di uso e
movimentazione del materiale da lavorare e per le operazioni di manutenzione e regolazione.

3.2.1 SITO / LUOGO

Il luogo in cui viene costruito il silo deve essere idoneo a tale scopo.
Chiedere tutti i permessi necessari per la costruzione in funzione del paese/nazione in cui si costruisce.
Il terreno di costruzione deve essere tale da resistere al peso di tutta la struttura.
Il terreno attorno al silo deve essere drenante per impedire depositi di acqua.
Contattare se necessario, un tecnico-geologo per studi sul terreno.
Il silo deve appoggiare su una base in cemento (nel caso di silo senza struttura) o su dei plinti di fondazione (nel
caso di silo con struttura di sostegno), il tutto opportunamente dimensionato. Per i dati tecnici e caratteristiche
chiedere direttamente al costruttore SIMA Srl.

3.2.2 MESSA A TERRA

Per raggiungere un adeguato livello di sicurezza, l'impianto elettrico a cui fa capo l’impianto deve prevedere, a
completo carico dell’utente, un impianto di messa a terra secondo le disposizioni del paese dell’utilizzatore, e
quant’altro per una corretta esecuzione a regola d’arte, secondo Leggi e/o Norme tecniche in materie di sicurezza
dei luoghi di lavoro e di impianti elettrici.
Predisporre collegamenti per la messa a terra della carcassa del silo.

ATTENZIONE

Tali predisposizioni sono sempre a carico e sotto la completa responsabilità dell’utente e nulla può essere
imputato alla ditta costruttrice per danni a cose, persone e/o animali per un cattivo collegamento elettrico.

505193709.doc Pag. 22 di 43
Manuale di installazione, uso e manutenzione
Silo di stoccaggio – Matricola 321-322-323-324-325-326-327
Rev. del 02/04/2013

1.18 MONTAGGIO
3.3.1 CONFORMITÀ ALLE NORME DI LEGGE

L’impianto e l’installazione delle apparecchiature devono essere eseguiti conformemente alle norme in vigore nel
paese in cui avviene l’installazione.

3.3.2 AVVERTENZE GENERALI PER L’INSTALLATORE

- Installazione, adattamenti e manutenzione del silo o delle apparecchiature devono essere effettuati da installatori
qualificati e autorizzati, in conformità alle normative di sicurezza in vigore.

Il costruttore declina ogni responsabilità qualora tale obbligo non venga rispettato.

- Rispettare tutte le normative di sicurezza vigenti


- Prima di procedere a qualsiasi operazione, verificare che l’impianto/silo sia quella effettivamente richiesto
dall’utilizzatore (cliente) controllando i dati tecnici.
- Prima di procedere a qualsiasi operazione leggere scrupolosamente i dati tecnici dell’impianto e quelli del silo
(vedere sezione “Dati Tecnici”)
- Prima di procedere all’installazione, verificare che l’impianto elettrico a cui vengono collegate le eventuali
macchine, sia dimensionato correttamente in funzione agli assorbimenti (vedere sezione “Dati Tecnici”) e sia a
norma di legge
- La zona in cui si opera l’installazione deve essere priva di qualsiasi ingombro o sporcizia che possa rendere
difficoltose le operazioni.
- La costruzione del silo, comporta l’esecuzione di alcune operazioni al di sopra del piano terra, si richiede quindi la
massima prudenza e l’impiego di tutte le attrezzature necessarie per garantire la completa sicurezza (esempio
imbracature, funi ecc); rispettare tutte le normative del caso.
- Dove necessario impiegare mezzi di sollevamento/ponteggi rispettanti tutte le norme di sicurezza vigenti
- Utilizzare apparecchi di sollevamento di capacità adeguata rispetto al peso da alzare
- Verificare sempre che il carico sia bilanciato e ancorato correttamente
- Recintare tutta la zona di lavoro per impedire l’accesso a persone non autorizzate

3.3.3 CONTROLLI PRELIMINARI

Prima di iniziare il montaggio deve essere fatto un controllo del sito per verificare la corretta esecuzione delle
eventuali opere murarie.
In particolare verificare:
- i tempi di solidificazione del calcestruzzo (piattaforme, plinti, basi ecc)
- pozzi di scarico; corretta posizione e realizzazione
- tirafondi su cui ancorare il silo; corretta profondità, posizione, dimensione
- nel caso di piattaforma: la planarità, le dimensioni ed il corretto centraggio
- nel caso di plinti per strutture: il posizionamento, corretta posizione delle viti e piastre di ancoraggio

3.3.4 OPERAZIONI PRELIMINARI

Se la piattaforma in cemento è dotata di condotti di aerazione o di scarico, si devono coprire tali fori con opportuni
pannelli per evitare possibili incidenti e per poter lavorare in una zona sicura.
Ricordarsi poi di rimuovere le coperture a fine installazione/costruzione del silo.

505193709.doc Pag. 23 di 43
Manuale di installazione, uso e manutenzione
Silo di stoccaggio – Matricola 321-322-323-324-325-326-327
Rev. del 02/04/2013

3.3.5 MARCARE LA CIRCONFERENZA

E’ opportuno, per non commettere errori, marcare/disegnare sulla piattaforma (possibilmente in modo indelebile)
l’asse longitudinale e trasversale del silo ed il posizionamento di eventuali accessori (botole, porte, scale,
passerelle, ancoraggi vari ec).
Per tracciare la circonferenza teorica del silo, si può utilizzare il seguente metodo: fissare, al centro del silo, una
cordella della lunghezza pari al raggio teorico e farla ruotare.
Per i dati del diametro, riferirsi alla tabella al paragrafo seguente.

3.3.6 MARCARE LA POSIZIONE DEI RINFORZI/MONTANTI

Per la marcatura, seguire lo schema di figura; il primo montante corrisponde all’asse di scarico, poi si procede in
senso antiorario per posizionare tutti gli altri.

2 MONTANTI PER LAMIERA 3 MONTANTI PER LAMIERA


DIAMETRO
POSIZIONE
MODELLO

DIAMETRO ASSE LAMIERE


SILO (DS) MONTANTI PER TOTALE ANGOLO INTERASSE TOTALE ANGOLO INTERASSE
mm (DM) mm GIRO MONTANTI a° I MONTANTI a° I
9 2728,8 2822,8 3 6 60,00 1411,40 9 40,00 965,45
12 3638,4 3732,4 4 8 45,00 1428,33 12 30,00 966,02
15 4548,0 4642,0 5 10 36,00 1434,46 15 24,00 965,13
18 5457,6 5551,6 6 12 30,00 1436,86 18 20,00 964,03
21 6367,2 6461,2 7 14 25,71 1437,75 21 17,14 962,99
24 7276,8 7370,8 8 16 22,50 1437,97 24 15,00 962,08
27 8186,4 8280,4 9 18 20,00 1437,88 27 13,33 961,30
30 9096,0 9190,0 10 20 18,00 1437,63 30 12,00 960,62
33 10005,6 10099,6 11 22 16,36 1437,32 33 10,91 960,03
36 10915,2 11009,2 12 24 15,00 1436,99 36 10,00 959,52
39 11824,8 11918,8 13 26 13,85 1436,65 39 9,23 959,06
42 12734,4 12828,4 14 28 12,86 1436,33 42 8,57 958,67
45 13644,0 13738,0 15 30 12,00 1436,01 45 8,00 958,31
48 14553,6 14647,6 16 32 11,25 1435,72 48 7,50 958,00

505193709.doc Pag. 24 di 43
Manuale di installazione, uso e manutenzione
Silo di stoccaggio – Matricola 321-322-323-324-325-326-327
Rev. del 02/04/2013

2 MONTANTI PER LAMIERA 3 MONTANTI PER LAMIERA


DIAMETRO
POSIZIONE
MODELLO

DIAMETRO ASSE LAMIERE


SILO (DS) MONTANTI PER TOTALE ANGOLO INTERASSE TOTALE ANGOLO INTERASSE
mm (DM) mm GIRO MONTANTI a° I MONTANTI a° I
51 15463,2 15557,2 17 34 10,59 1435,44 51 7,06 957,72
54 16372,8 16466,8 18 36 10,00 1435,18 54 6,67 957,46
57 17282,4 17376,4 19 38 9,47 1434,93 57 6,32 957,23
60 18192,0 18286,0 20 40 9,00 1434,70 60 6,00 957,02

3.3.7 MONTAGGIO DEL SILO

NOTA: Il corretto posizionamento dei bulloni e gli schemi tipici di montaggio sono riportati nell'allegato
“Istruzioni e schema di montaggio”; osservare scrupolosamente tali schemi per non incorrere in errori.

FASE 1
Si procede nel costruire prima, al centro del silo, una struttura su cui appoggiare l'anello centrale da cui partiranno
le lamiere del tetto.
La struttura deve essere tale da garantire la sicurezza agli operatori e da permettere una regolazione in altezza.
L'anello va posizionato ad una altezza H per permettere la costruzione del tetto e dei primi anelli di lamiera.

Successivamente si iniziano a montare i primi anelli di lamiere con i relativi montanti.


In funzione del tipo di silo si possono avere due anelli di lamiere per ogni montante, oppure un anello per ogni
montante.
La disposizione delle lamiere deve seguire lo schema di figura A: il bordo destro della lamiera va posto all'esterno,
mentre quello sinistro verso l'interno.
La disposizione delle lamiere in pianta deve seguire lo schema di figura B: il bordo inferiore della lamiera va posto
all'esterno, mentre quello superiore verso l'interno.

Montati i primi montanti, con il primo o secondo anello di lamiere, si procede con la costruzione del tetto.

505193709.doc Pag. 25 di 43
Manuale di installazione, uso e manutenzione
Silo di stoccaggio – Matricola 321-322-323-324-325-326-327
Rev. del 02/04/2013

Attenzione, si devono prima fissare le staffette di appoggio tetto sulle lamiere.


Per il montaggio del tetto, è opportuno montare delle lamiere a croce per facilitare poi le operazioni come illustrato
nella figura seguente.

FASE 2
Per alzare la parte superiore del silo (tetto più anelli superiori) occorrono opportuni ed idonei mezzi di
sollevamento.
I mezzi di sollevamento devono essere tutti certificati e testati per garantire il lavoro in completa sicurezza; inoltre
devono garantire una buona stabilità una volta alzata la struttura.
Verificare e studiare gli opportuni ancoraggi al suolo per garantire la stabilità dei mezzi di sollevamento.
La ditta produttrice SIMA srl fornisce, come opzione, gli opportuni attrezzi di sollevamento.

ATTENZIONE: Il numero dei mezzi di sollevamento deve essere valutato di volta in volta a seconda del diametro e
dimensioni del silo; generalmente un mezzo di sollevamento per ogni lamiera.

L'altezza massima di sollevamento deve essere tale da poter poi montare sotto un successivo anello/i con i relativi
montanti.
Di seguito viene schematizzata la procedura sopra descritta con un classico attrezzo di sollevamento (1-2).

ATTENZIONE: i ganci devono essere ancorati alla base dei montanti con opportuni staffaggi forniti dalla ditta SIMA
srl opzionali sostituibili con profili a C di adeguato spessore, con gancio di sollevamento bullonabili ai montanti.

ATTENZIONE: I mezzi di sollevamento devono agire contemporaneamente e lentamente per garantire un


innalzamento uniforme senza squilibri.

505193709.doc Pag. 26 di 43
Manuale di installazione, uso e manutenzione
Silo di stoccaggio – Matricola 321-322-323-324-325-326-327
Rev. del 02/04/2013

FASE 3
Montato il silo fino all'ultimo anello inferiore, si deve fissare la struttura, tramite gli
opportuni piedini, ai tira fondi della piattaforma in cemento. (Vedere sempre schema
nell'allegato “Istruzioni e schema di montaggio”, pag 11)

FASE 4
Installare i relativi componenti accessori del silo come: porta di ispezione, sensori, oblò,
scale ecc... seguendo sempre gli schemi nell'allegato “Istruzioni e schema di montaggio”,
pag 15-16-17.

3.3.8 AVVERTENZE PER IL MONTAGGIO DI SILO CON STRUTTURA INFERIORE

Nel caso di silo con struttura metallica inferiore la procedura di installazione cambia nel seguente modo:
- si monta la struttura metallica costituita dalle colonne e controventature fissandola poi ai plinti di
fondazione (vedere schema di assieme struttura fornito di volta in volta dalla ditta SIMA srl)
- sopra la struttura metallica viene montato il cono con il relativo anello

505193709.doc Pag. 27 di 43
Manuale di installazione, uso e manutenzione
Silo di stoccaggio – Matricola 321-322-323-324-325-326-327
Rev. del 02/04/2013

- a parte, a terra, si costruisce il tetto con il corpo cilindrico come descritto precedentemente per i silo con
piattaforma in cemento
- tramite un opportuno mezzo di sollevamento (gru con portata idonea a sollevare il tetto ed il corpo
cilindrico), si posiziona il silo sopra al cono facendo corrispondere i montanti con gli opportuni appoggi
- fissare il corpo cilindrico al cono

ATTENZIONE: si devono sempre rispettare tutte le norme di sicurezza come descritto nei capitoli precedenti

Di seguito viene schematizzata la procedura.

G R U -IT A

3.3.9 VITERIE

Tutti i bulloni devono essere opportunamente serrati, soprattutto quelli dei montanti e dei tirafondi; si consiglia l’uso
di chiavi dinamometriche.
Non tralasciare la chiusura di nessun bullone.
Per le lamiere ondulate, vengono impiegate opportune viterie, su disegno specifico SIMA, per garantire una buona
tenuta e resistenza all’acqua; è assolutamente vietato utilizzare viterie diverse da quelle fornite dalla ditta
SIMA.

505193709.doc Pag. 28 di 43
Manuale di installazione, uso e manutenzione
Silo di stoccaggio – Matricola 321-322-323-324-325-326-327
Rev. del 02/04/2013

5 DESCRIZIONE MACCHINA
1.19 PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO
Un silo è una struttura cilindrica che si sviluppa in verticale adatto per contenere al proprio interno del materiale
(nel caso in esame solo ed esclusivamente sementi e cereali in genere)
Il silo deve essere predisposto in modo tale da impedire l'accesso alle persone al suo interno durante il
suo funzionamento; questa nota deve essere rispettata scrupolosamente per evitare possibili incidenti
mortali.

Tramite un carico automatico posto sul coperchio/tetto del silo, viene introdotto il materiale al proprio interno.
Dei sensori (indicatori di livello ad elica) rilevano quando il silo è pieno.
Lo svuotamento o prelevamento del prodotto, avviene tramite opportuni macchinari automatici posti sul fondo della
struttura; generalmente si tratta di coclee o trasportatori.

1.20 LAYOUT DELL’IMPIANTO

1 – Scarico dai mezzi di trasporto


2 – Elevatore
3 – Coclea / trasportatore di carico silo
4 – Coclea / trasportatore di scarico silo

505193709.doc Pag. 29 di 43
Manuale di installazione, uso e manutenzione
Silo di stoccaggio – Matricola 321-322-323-324-325-326-327
Rev. del 02/04/2013

1.21 DATI IDENTIFICATIVI


Ogni silo è identificato da una targhetta, riportante:
 il nome del fabbricante e suo indirizzo
 il tipo di silo
 il numero di matricola
 l'anno di costruzione
 la massa
 eventuale tensione di rete

Le targhette sono applicate mediante rivetti. Dove questo non è possibile, vengono usati sistemi che comunque ne
garantiscono l'irremovibilìtà.
La classificazione del silo avviene secondo lo schema SIMA srl che identifica i parametri caratteristici di
dimensionamento.

Esempio:
SILO 36 / 17 - 2M - FP - ZONA 4

Il primo numero indica il modello, parte da 9 ed arriva a 60 con incrementi di 3 (9,12,15,18,21,24 ecc):
- 36 (36:3=12 lamiere per giro, 36x0.3032=10,915mt diametro del silo)
- 27 (27:3=9 lamiere per giro, 27x0.3032=8,18mt diametro del silo)
- 15 (15:3=5 lamiere per giro, 15x0.3032=4,54mt diametro del silo)

Il secondo numero indica la quantità di anelli di lamiere in verticale, nell’esempio 17 virole; questo dipende dalla
portata che deve avere il silo.

La terza sigla indica il numero di montanti per lamiera:


- 2M = 2 montanti per ogni lamiera nel giro completo
- 3M = 3 montanti per ogni lamiera nel giro completo, usato principalmente per zone sismiche di particolare
intensità o per silo di altezza elevata

La quarta sigla indica il tipo di fondo:


- FP = fondo piano della soletta in cemento
- FC = fondo conico a 35° o 45° per silo con tramoggia di scarico in lamiera

La quinta sigla indica la zona di classificazione sismica (nell’esempio Zona 4)

1.22 CARATTERISTICHE GENERALI


La composizione del silo con i relativi componenti viene descritta nel disegno di assieme nell’allegato “Istruzioni e
schema di montaggio” il quale riporta la composizione con i vari spessori e montaggio del silo acquistato.
I dettagli dei vari componenti sono riportati nell’allegato “Istruzioni e schema di montaggio”.

I componenti principali sono:


1. Struttura di sostegno (se prevista)
2. cono di scarico (se previsto)
3. corpo cilindrico in lamiera corrugata
4. montanti di sostegno
5. coperchio (tetto)

505193709.doc Pag. 30 di 43
Manuale di installazione, uso e manutenzione
Silo di stoccaggio – Matricola 321-322-323-324-325-326-327
Rev. del 02/04/2013

1.23 PESI
I pesi dei vari componenti del silo sono indicati nella SCHEDA COMPOSIZIONE SILOS allegata al presente
manuale.

1.24 ILLUMINAZIONE
L’illuminazione del locale di installazione deve essere conforme alle leggi vigenti nel Paese in cui è installato
l’impianto e deve comunque garantire una buona visibilità in ogni punto, non creare riflessi pericolosi e consentire
la chiara lettura dei pannelli di comando, nonché l’individuazione dei pulsanti di emergenza.

1.25 AMBIENTE ELETTROMAGNETICO


L’impianto è realizzato per operare correttamente in un ambiente elettromagnetico di tipo industriale, rientrando nei
limiti di Emissione ed Immunità previsti dalle seguenti Norme armonizzate:
CEI EN 61000-6-2 Compatibilità elettromagnetica (EMC)
Norme generiche - Immunità per gli ambienti industriali
CEI EN 61000-6-4 Compatibilità elettromagnetica (EMC)
Norme generiche - Emissione per gli ambienti industriali

505193709.doc Pag. 31 di 43
Manuale di installazione, uso e manutenzione
Silo di stoccaggio – Matricola 321-322-323-324-325-326-327
Rev. del 02/04/2013

6 USO DELL’IMPIANTO
1.26 PRESCRIZIONI PER IL CORRETTO FUNZIONAMENTO
5.1.1 AEREAZIONE E VENTILAZIONE

Per una corretta conservazione delle sementi/cereali, si deve creare una aerazione interna, quindi il silo deve
essere sempre collegato ad un sistema che garantisca un'adeguata ventilazione.

Quest'operazione consente di estrarre dal silo la parte centrale solitamente più polverosa e a rischio micotossine.
Inoltre è buona pratica asportare la parte superiore di cereale stoccato prima della fase di raffreddamento/
refrigerazione, per evitare che il prodotto superiore, solitamente più esposto agli innalzamenti di temperatura,
ostacoli come un tappo il corretto raffreddamento della massa. È noto che la parte superiore del silo può
presentare nidi di calore spesso non rilevati dalle sonde, e può aver assorbito umidità di condensa che l'aria umida
e calda salendo ha ceduto al contatto con le pareti più fredde del silo.
La refrigerazione consente, inoltre, di limitare i tradizionali trasferimenti di cereale da un silo ad un altro per
arieggiare il prodotto surriscaldato, operazione questa che oltre a danneggiare le cariossidi nei convogliatori e
trasportatori meccanici, con conseguente perdita di prodotto, aumenta la quantità degli spezzati e della farina che
vanno ad ostruire gli interspazi tra il cereale, non consentendo il passaggio dell'aria, aumentando ancor di più il
rischio di micotossine.

ATTENZIONE! Il costruttore non garantisce danni al tetto a causa di un eccessivo vuoto o pressione interna
causati da ventilazione o sistemi di movimentazione errati.
Utilizzare un sistema di aerazione positivo; nel caso si richieda una aerazione negativa.
Il silo e il sistema di ventilazione devono essere opportunamente dimensionati.

505193709.doc Pag. 32 di 43
Manuale di installazione, uso e manutenzione
Silo di stoccaggio – Matricola 321-322-323-324-325-326-327
Rev. del 02/04/2013

Assicurarsi che tutte le aperture per la ventilazione sul tetto siano aperte e libere.
Generalmente sul tetto vengono montate delle piccole torri di aerazione.
Azionare i vari macchinari solo dopo aver attivato il sistema di aerazione del tetto.
Fare attenzione a prodotti che possono produrre gas o fermentare; garantire sempre una adeguata ventilazione.
Avviare il sistema di aerazione nel caso di alta umidità e bassa temperatura in quanto potrebbe generarsi del
ghiaccio.

Contattare sempre il costruttore (SIMA Srl) per i requisiti di ventilazione che variano di volta in volta a
seconda delle dimensioni del silo, profondità, pavimento, tipo di grano ecc....

5.1.2 CARICO / SISTEMI DI CARICO

Il riempimento del silo deve avvenire attraverso l'apertura di picco del tetto; un carico obliquo o non centrale può
creare disparità di pressione sulle pareti causando danni strutturali.

505193709.doc Pag. 33 di 43
Manuale di installazione, uso e manutenzione
Silo di stoccaggio – Matricola 321-322-323-324-325-326-327
Rev. del 02/04/2013

Per uniformare/pareggiare la distribuzione del materiale, in


casi particolari, possono essere impiegati opportuni dischi di
distribuzione; contattare il costruttore per eventuali
chiarimenti.

Durante il carico si producono polveri che possono rendere


potenzialmente esplosiva l'atmosfera all'interno del silo
stesso (ZN.1-ATEX). Si deve quindi evitare l'impiego di
qualsiasi apparecchiatura elettrica che possa creare inneschi
all'interno del silo.
Devono essere evitate pertanto lavorazioni che possono
produrre scintille su parti del silo o fiamme libere nelle parti
adiacenti.

5.1.3 SCARICO

Lo scarico avviene tramite coclee poste sul fondo del silo.


Tutti i silo devono essere scaricati tramite il centro di scarico per evitare carichi non uniformi sulle pareti. Se ci sono
anche punti di scarico intermedi posti nel pavimento, questi devono essere aperti solamente quando il flusso di
materiale cessa di uscire dal centro di scarico.
E’ obbligatorio scaricare il silo dalla bocchetta centrale fino a quando il livello del cereale non ha raggiunto
il fondo; solo successivamente possono essere aperte le bocchette laterali.
Quindi le aperture delle bocchette di scarico devono avere aperture separata una rispetto all’altra.
Nel caso di silos di determinate dimensioni, all’interno del silo stesso vi è posizionata una coclea posta sul fondo
che ruotando convoglia il materiale verso lo scarico centrale; per l’installazione di questa coclea consultare il
corrispondente manuale di installazione ed uso.

In casi particolari in cui le coclee non siano sotterranee, ma passino attraverso la parete del silo, si deve rinforzare
quest'ultima per evitare problemi strutturali; contattare il costruttore (SIMA Srl) per rinforzare la struttura. Inoltre si
deve garantire una buona tenuta contro l'umidità e le perdite d'aria sull'apertura che si realizza.
Tutte le coclee devono essere opportunamente dimensionate per sopportare la spinta del grano.

Nel caso di silo con cono di scarico, si può avere una coclea collegata
alla fine del cono, oppure una saracinesca per permettere lo scarico
direttamente sui camion; per questa tipologia di silo non sono previste
ulteriori aperture intermedie di scarico.

505193709.doc Pag. 34 di 43
Manuale di installazione, uso e manutenzione
Silo di stoccaggio – Matricola 321-322-323-324-325-326-327
Rev. del 02/04/2013

Per tutte le tipologie di silo, l’apertura degli scarichi deve avvenire tramite un quadro comandi opportunamente
collocato in un luogo sicuro.

5.1.4 APPARECCHIATURE AUSILIARIE

Tutte le apparecchiature ausiliarie collegate ad un silo SIMA Srl, devono rispettare tutti i requisiti richiesti dalla ditta
stessa (per dettagli contattare la ditta SIMA Srl); inoltre le apparecchiature devono essere installate correttamente
seguendo le istruzioni di ogni singolo produttore.
L'elenco di tutte le attrezzature ausiliarie (coclee, serrande, ventilatori ecc...) deve essere spedito alla SIMA Srl per
verificare la compatibilità di collegamento al silo.

5.1.5 CARICO DEL TETTO

Il tetto è dimensionato in modo tale da sopportare il carico delle apparecchiature ausiliarie prodotte dalla
stessa ditta SIMA Srl opportunamente posizionate ed installate. Nel caso si vogliano installare altre
apparecchiature, consultare il costruttore per il carico massimo sopportabile del tetto.
Il mancato rispetto di quanto sopra può compromettere la sicurezza.
La garanzia decade se quanto sopra non viene rispettato.
Il costruttore declina ogni responsabilità per eventuali danni a persone e\o cose provocati da inosservanza
delle avvertenze sopra riportate.

5.1.6 PERICOLI

Assicurarsi sempre che tutti i cartelli di pericolo e di segnalazione siano collocati nella giusta posizione e
siano ben visibili. E’ assolutamente vietato rimuovere tali cartelli.
Di seguito vengono elencati una serie di pericoli da evitare:
- Il silo può essere dotato di coclee o trasportatori che possono causare infortuni gravi o mortali
- E’ obbligatorio scaricare il silo dalla bocchetta centrale fino a quando il livello del cereale non ha
raggiunto il fondo; solo successivamente possono essere aperte le bocchette laterali.
- E’ vietato entrare nel silo durante le fasi di carico e scarico
- E’ vietato entrare nel silo prima di aver disattivato e chiuso a chiave il quadro elettrico generale di
alimentazione
- Non entrare mai nel silo senza aver scollegato e bloccato eventuali alimentazioni pneumatiche od
oleodinamiche
- E’ obbligatorio, prima di entrare nel silo aprire tutte le aperture per l’aerazione
- E’ obbligatorio, prima di entrare nel silo, controllare con opportuni strumenti che l’atmosfera
all’interno non sia tossica, nociva od esplosiva
- E’ obbligatorio, prima di entrare nel silo:
- spegnere e chiudere a chiavi il quadro comandi principale
- usare un’imbracatura o fune di sicurezza
- indossare una maschera ad ossigeno
- evitare la zona al centro del silo
- disporre di personale di emergenza all’esterno del silo

Attenzione: prodotti granulosi, intrappolano e soffocano

Attenzione: prodotti farinosi possono creare vuoti, cedere e soffocare

505193709.doc Pag. 35 di 43
Manuale di installazione, uso e manutenzione
Silo di stoccaggio – Matricola 321-322-323-324-325-326-327
Rev. del 02/04/2013

1.27 DEMOLIZIONE DELL’IMPIANTO


Non disperdere qualsiasi parte del silo nell’ambiente.
I nostri sili sono costruiti con materiali metallici riciclabili in percentuale superiore al 90% in peso.

I materiali non sono di natura pericolosa e consistono essenzialmente in:


• acciaio verniciato o galvanizzato
• acciaio inox / bronzo
• materiale plastico (nylon – teflon)

Rendere inutilizzabile l’impianto nel caso di smaltimento:


- rimuovere gli eventuali cavi di alimentazione
- rimuovere qualsiasi dispositivo di chiusura vani o cavità (ove presenti) per evitare che qualcuno possa
rimanere chiuso al loro interno
- impedire qualsiasi possibile accesso alle zone superiori del silo per evitare cadute

Smaltire i vari materiali in accordo con quanto prescritto dalla normativa del paese in cui avviene l’operazione.

505193709.doc Pag. 36 di 43
Manuale di installazione, uso e manutenzione
Silo di stoccaggio – Matricola 321-322-323-324-325-326-327
Rev. del 02/04/2013

7 MANUTENZIONE
Una costante pulizia dell'impianto è condizione indispensabile per avere una perfetta efficienza e un maggiore
rendimento dello stesso.
È bene tenere presente che il minore costo di esercizio ed una lunga durata dell’impianto dipendono dalla costante
e metodica osservanza delle norme di manutenzione.

1.28 AVVERTENZE DI SICUREZZA


La manutenzione deve sempre essere eseguita in condizioni di sicurezza con macchina ferma e con isolamento
delle fonti di energia (es. elettrica, pneumatica, oleodinamica).

Per le operazioni di pulizia non usare solventi infiammabili.

La rimozione delle protezioni fisse e/o mobili richiede appositi utensili o chiavi, deve avvenire con personale
addestrato, a macchina ferma e in sicurezza.

I prodotti utilizzati per il lavaggio possono causare rischi di carattere tossicologico.


L'utilizzatore dovrà conoscere tali rischi dalla scheda tossicologica che il fornitore dei prodotti deve fornire e si deve
attenere ai consigli di sicurezza in essa contenuti.

Prima di procedere alle riparazioni o ad altri lavori di manutenzione leggere le seguenti indicazioni:

- Leggere attentamente tutte le avvertenze presenti nel presente manuale

- Spetta all’operatore dell’impianto la responsabilità del controllo sul corretto funzionamento dello stesso in
particolare riguardo ai componenti legati alla sicurezza (sensori, sistemi di emergenza,ecc.).

- Verificare periodicamente l’integrità del silo; non ci deve essere presenza di ruggine, nel caso si presenti,
rimuoverla tempestivamente ed impiegare prodotti idonei per impedire l’ulteriore comparsa.

ATTENZIONE: In caso di una qualsiasi percezione o presenza di anomalia, contattare immediatamente il


centro di assistenza tecnico ed è assolutamente vietato intervenire autonomamente.

Gli intervalli di manutenzione sono da stabilire individualmente secondo l’intensità d’impiego e le ore di utilizzo del
silo; si consiglia comunque di sottoporre l’impianto ad una manutenzione regolare da parte di un tecnico
specializzato (manutenzione annuale o dopo ogni pausa prolungata tipo azienda stagionale).

Tutti gli interventi di pulizia e manutenzione all'interno del silo e negli spazi chiusi / confinati dell'impianto
devono essere effettuati in conformità al DPR 177 del 14/09/2011 e all'Allegato IV del D.Lgs. 81/08.

1.29 MANUTENZIONE A CURA DEL TECNICO SPECIALIZZATO


I tecnici specializzati incaricati di eventuali manutenzioni o riparazioni devono essere adeguatamente addestrati dal
costruttore e osservare le norme vigenti per i lavori da eseguire nei magazzini.
Per raggiungere le attrezzature bisognose di manutenzione straordinaria poste in zone non raggiungibili
direttamente dai percorsi protetti (come ad esempio i torrini di ventilazione), oltre ai dispositivi anticaduta, è
assolutamente necessario servirsi di una idonea piattaforma mobile. In ogni caso è assolutamente vietato
accedervi uscendo dai percorsi protetti.
Componenti guasti sono da sostituire con pezzi di ricambio originali.
Nel caso di richiesta di pezzi di ricambio o in caso di reclamo indicare sempre il modello ed il numero di matricola
dell’apparecchiatura; questi dati si trovano sulla targa dati (vedere sezione “Targa dati”).
Per qualsiasi lavoro di servizio sulle parti elettriche si devono osservare le normative del caso.
Dopo la manutenzione o riparazione, l’impianto deve essere sottoposto ad una prova di funzionamento.

505193709.doc Pag. 37 di 43
Manuale di installazione, uso e manutenzione
Silo di stoccaggio – Matricola 321-322-323-324-325-326-327
Rev. del 02/04/2013

1.30 PULIZIA DEL SILO A CURA DEL TECNICO SPECIALIZZATO


Dopo ogni svuotamento del silo si deve effettuare una pulizia interna ed eventualmente una disinfestazione.
L’impiego di prodotti corrosivi nei confronti delle lamiere, oltre che estremamente pericoloso, fa decadere la
garanzia.
L’accesso all’interno del silo è possibile attraverso la portina di servizio posta sulla parete cilindrica; la porta è
controllata da finecorsa di sicurezza che devono inibire le funzioni di qualsiasi apparecchiatura interna al silo e
l’apertura delle serrande di carico e scarico

1.31 ISOLAMENTO DELL’IMPIANTO


Prima di effettuare qualsiasi tipo di Manutenzione o Riparazione, è necessario procedere ad isolare l’impianto da
qualsiasi fonte di alimentazione elettrica.

1.32 PRECAUZIONI PARTICOLARI


Verificare periodicamente l’integrità di tutte le parti della struttura metallica.

Nell'effettuare i lavori di Manutenzione o Riparazione, è bene applicare quanto di seguito consigliato:


 Prima di iniziare i lavori, esporre un cartello "MACCHINA IN MANUTENZIONE" in posizione ben visibile;
 Non utilizzare solventi e materiali infiammabili;
 Prestare attenzione a non disperdere nell'ambiente liquidi lubrorefrigeranti;
 Per accedere alle parti più alte dell’impianto, utilizzare i mezzi idonei alle operazioni da svolgere;
 Alla fine dei lavori, ripristinare e fissare correttamente tutte le protezioni e i ripari rimossi o aperti.

Il costruttore non si riterrà responsabile della inosservanza delle elencate raccomandazioni e per ogni altro
utilizzo difforme o non menzionato nelle presenti indicazioni.

505193709.doc Pag. 38 di 43
Manuale di installazione, uso e manutenzione
Silo di stoccaggio – Matricola 321-322-323-324-325-326-327
Rev. del 02/04/2013

8 RICAMBI
1.33 ASSISTENZA
Per qualsiasi tipo di informazione relativa all'uso, alla manutenzione, all'installazione dell’impianto, il Costruttore si
considera sempre a disposizione.
Da parte del Cliente è opportuno porre i quesiti in termini chiari, con riferimenti al presente Manuale ed alle
istruzioni elencate.
1.34 RICAMBI
Per qualsiasi parte di ricambio contattare il costruttore.
USARE SEMPRE RICAMBI ORIGINALI (Vedi SCHEDA COMPOSIZIONE SILOS allegata al presente manuale).

Il fabbricante non risponde di rotture, malfunzionamento o danneggiamenti a persone o cose derivanti


dall’uso di parti non originali.

Per la gestione dei ricambi il costruttore presenta di seguito un modulo che consente una rapida individuazione del
pezzo da richiedere. È sconsigliato l’uso di ricambi non originali e, nel caso in cui ciò avvenga, vengono a cadere le
condizioni di Garanzia (se ancora in essere) e di Responsabilità del Costruttore nell’uso dell’impianto e eventuali
danni derivanti a persone e/o cose. Per richiedere i pezzi di ricambio riempire il modulo alla pagina seguente,
avendo cura di seguire le indicazioni in esso riportate.

Si consiglia di riprodurre fedelmente il modulo in oggetto (anche fotocopiandolo) onde evitare ogni sorta di
errore.
Compilarlo con la massima precisione i riferimenti della tabella e inviarlo al Costruttore.

Al fine di interagire nel modo più efficace con i nostri tecnici in fase di ordinazione di ricambi, Vi preghiamo di
seguire la seguente procedura:
a) chiamare il servizio ricambi della Ditta e descrivere il tipo di guasto riscontrato;
b) descrivere eventualmente il particolare non funzionante;
c) rintracciare il particolare dell’impianto in cui si trova il particolare;
d) ordinare il particolare avvalendosi del Modulo di Ordine presente nella pagina successiva.

505193709.doc Pag. 39 di 43
Manuale di installazione, uso e manutenzione
Silo di stoccaggio – Matricola 321-322-323-324-325-326-327
Rev. del 02/04/2013

MODULO RICHIESTA PARTI DI RICAMBIO

DATI MACCHINA

Impianto:

Modello:

Matricola:

Anno di costruzione:

LISTA PARTI DA ORDINARE

Descrizione Quantità

505193709.doc Pag. 40 di 43
Manuale di installazione, uso e manutenzione
Silo di stoccaggio – Matricola 321-322-323-324-325-326-327
Rev. del 02/04/2013

9 ISTRUZIONI SUPPLEMENTARI
1.35 SMALTIMENTO RIFIUTI
Sarà cura dell’utilizzatore, secondo le leggi vigenti nel proprio paese, verificare il corretto smaltimento dei rifiuti che
l’impianto produce durante la lavorazione.

NOTA IMPORTANTE

Lo smaltimento dei rifiuti deve essere eseguito dall'utilizzatore, seguendo scrupolosamente le normative di
legge vigenti nel luogo o Paese dove è installato l'impianto.

NOTA IMPORTANTE ALLO SMALTIMENTO

Solo per l’Unione Europea e lo Spazio Economico Europeo.


Questi simboli indicano che il prodotto non può essere smaltito con i rifiuti domestici, ai sensi
della Direttiva RAEE (2012/19/CE), della Direttiva sulle Batterie (2006/66/CE) e/o delle leggi
nazionali che attuano tali Direttive. Il prodotto deve essere conferito a punto di raccolta designato, ad
esempio il rivenditore in caso di acquisto di un nuovo prodotto simile oppure un centro di raccolta autorizzato per il
riciclaggio di rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) nonché di batterie e accumulatori. Un
trattamento improprio di questo tipo di rifiuti può avere conseguenze negative sull’ambiente e sulla salute umana a
causa delle sostanze potenzialmente nocive solitamente contenute in tali rifiuti. La collaborazione dell’utente per il
corretto smaltimento di questo prodotto contribuirà a un utilizzo efficace delle risorse naturali ed eviterà di incorrere
in sanzioni amministrative ai sensi dell’art. 38 e successivi del Decreto Legislativo n. 49/2014. Per ulteriori
informazioni sul riciclaggio di questo prodotto, contattare le autorità locali, l’ente responsabile della raccolta dei
rifiuti, un rivenditore autorizzato o il servizio di raccolta dei rifiuti domestici.

10 ALLEGATI
 DICHIARAZIONE DI INCORPORAZIONE
 SCHEDA COMPOSIZIONE SILOS
 ISTRUZIONI E SCHEMA DI MONTAGGIO

505193709.doc Pag. 41 di 43