Sei sulla pagina 1di 610

GUIDA DI AMMINISTRAZIONE

SOLIDWORKS PDM 2018


Sommario

Note legali...............................................................................................................14

1 Introduzione allo Strumento di amministrazione..................................................17


Introduzione a SOLIDWORKS PDM Standard ............................................................................17
Informazioni su SOLIDWORKS PDM Professional.................................................................18
Configurare SOLIDWORKS PDM................................................................................................20
Modifica delle impostazioni locali.................................................................................................23
Gestione del server Web..............................................................................................................24
Avvio dello strumento di amministrazione....................................................................................24
Elenco delle ultime funzionalità utilizzate.....................................................................................24
Visualizzazione della cronologia dei cambiamenti amministrativi................................................25
Finestra di dialogo Monitoraggio del lavoro..................................................................................26

2 Impostazioni locali................................................................................................27
Criteri del gruppo..........................................................................................................................27
File di registro...............................................................................................................................27
Visualizzare il file di registro SOLIDWORKS PDM .................................................................28
Visualizzazione dei dettagli di un evento.................................................................................28
Copia del file di registro locale................................................................................................29
Finestra di dialogo File di registro...........................................................................................29
Finestra di dialogo Impostazioni...................................................................................................30
Finestra di dialogo Impostazioni - Accesso automatico..........................................................30
Finestra di dialogo Impostazioni - scheda Riferimenti esterni.................................................31
Finestra di dialogo Impostazioni - scheda Programma di compressione................................31
Configurazione 7-zip come programma di compressione per Copia albero...........................32

3 Vault.....................................................................................................................34
Creazione e distribuzione di vault................................................................................................34
Creazione di un vault...............................................................................................................34
Creazione di viste locali del vault............................................................................................42
Distribuzione di una vista del vault mediante Active Directory................................................48
Distribuzione di una vista del vault in un ambiente WAN........................................................50
Finestra di dialogo Proprietà del vault.....................................................................................54
Finestra di dialogo Aggiungi server.........................................................................................55
Aggiornamento di un vault da Standard a Professional..........................................................55
Collezionare le informazioni di supporto......................................................................................56
Eliminazione di un vault................................................................................................................57
Finestra di dialogo Utenti connessi.........................................................................................58
Finestra di dialogo Rimuovi vault............................................................................................58

2
Sommario

Impostazioni del vault...................................................................................................................58


Esportazione impostazioni del vault........................................................................................59
Importazione impostazioni del vault........................................................................................60
Archivi del vault............................................................................................................................69
Compressione e ripulitura degli archivi...................................................................................69
Compressione di un archivio di vault.......................................................................................70
Ripulitura di un server archivio................................................................................................72
Attivazione manuale di compressione o ripulitura...................................................................72
Schemi cold storage.....................................................................................................................72
Creazione di uno schema Cold Storage..................................................................................73
Esempio d'uso di Cold Storage...............................................................................................74
Finestra di dialogo Schema Cold Storage ..............................................................................75
Rapporti di SOLIDWORKS PDM (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)..........................77
Formattazione di una query di rapporto..................................................................................78
Creazione di un quesito Transaction-SQL..............................................................................82
Esecuzione di una query di rapporto.......................................................................................83

4 Server archivio ....................................................................................................85


Aggiunta di un server archivio......................................................................................................85
Connessione a un server archivio................................................................................................86
Aggiornamento di un server archivio............................................................................................86
Rimozione di un server archivio...................................................................................................87
Visualizzazione del file di registro di un server archivio...............................................................87
Copia del file log nel server di archivio.........................................................................................87
Visualizzazione di file non replicati (solo vault SOLIDWORKS PDM Professional).....................88
Identificazione di server sui quali è replicato un file (solo vault SOLIDWORKS PDM
Professional) ............................................................................................................................88
Proprietà server............................................................................................................................88

5 SOLIDWORKS PDM Aggiunte (solo per SOLIDWORKS PDM


Professional).......................................................................................................89
Installare le aggiunte SOLIDWORKS PDM .................................................................................89
Installazione delle aggiunte per il debug......................................................................................90
Schermata Proprietà aggiunta......................................................................................................90
Finestra di dialogo Debug aggiunte..............................................................................................91

6 Dispatch (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)........................................92


Installazione dell'aggiunta Dispatch.............................................................................................92
Accesso a Dispatch......................................................................................................................93
Creazione di script per operazioni Dispatch.................................................................................93
Finestra di dialogo Gestione operazioni..................................................................................94
Finestra di dialogo Modifica operazione..................................................................................94
Modifica degli script Dispatch.....................................................................................................112
Creazione di variabili per script Dispatch...................................................................................113
Finestra di dialogo Imposta variabili......................................................................................116

3
Sommario

Funzioni per variabili.............................................................................................................117


Esportazione di script Dispatch..................................................................................................121
Importazione di script Dispatch..................................................................................................121

7 Distinte materiali................................................................................................122
Tipi di Distinta materiali supportati in SOLIDWORKS PDM ......................................................122
Creazione di modelli della distinta materiali (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)........123
Uso del tipo di distinta materiali con elenco saldature...............................................................124
Finestra di dialogo Distinta materiali..........................................................................................125

8 Elenchi di schede (solo per SOLIDWORKS PDM Professional).......................132


Elenchi di schede centrali (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)...................................132
Creazione di elenchi di schede basati su testo..........................................................................132
Creazione di un elenco schede da un'origine SQL....................................................................133
Creazione di elenchi di schede a controllo dinamico.................................................................134
Utilizzo degli alias negli elenchi schede.....................................................................................135
Creazione di un gruppo Alias................................................................................................136
Copia e incollatura di valori in elenchi schede alias..............................................................136
Utilizzo di un elenco alias in una scheda dati........................................................................136
Esempi di query SQL..................................................................................................................137
Finestra di dialogo Elenco..........................................................................................................137

9 Schede dati........................................................................................................140
Tipi di Scheda dati......................................................................................................................141
Apertura dell'Editor scheda........................................................................................................141
Editor scheda - finestra di dialogo Seleziona vault.....................................................................142
Creazione di una scheda dati.....................................................................................................142
Modifica di una scheda dati........................................................................................................143
Aggiunta di controlli a una scheda dati.......................................................................................143
Aggiunta di logica a un controllo................................................................................................145
Allineamento dei controlli in una scheda dati.............................................................................146
Incollatura dei controlli in una scheda dati.................................................................................146
Annullamento Editor scheda dati ...............................................................................................147
Esportazione di una scheda dati................................................................................................147
Importazione di una scheda dati................................................................................................148
Creazione di una scheda Ricerca mediante un elenco SQL (solo per SOLIDWORKS PDM
Professional) ..........................................................................................................................148
Creazione di un modulo di ricerca con valori preselezionati......................................................149
Formule di input (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)..................................................149
Uso di una formula di input....................................................................................................150
Uso di alias per formule di input............................................................................................151
Funzioni formula input...........................................................................................................152
Operazioni con schede controllate.............................................................................................155
Esempio di scheda controllata 1 - Regolazione della visibilità delle schede.........................156
Esempio di scheda controllata 2 - Gestione dell'accesso a un controllo...............................157
Assegnazione di valori predefiniti...............................................................................................157

4
Sommario

Assegnazione di un valore predefinito a una variabile della data.........................................158


Uso di un numero di serie come valore predefinito...............................................................159
Barra degli strumenti di controllo Editor scheda.........................................................................160
Proprietà scheda...................................................................................................................161
Finestra di dialogo Apri/Salva con nome...............................................................................167
Proprietà immagine...............................................................................................................168
Proprietà testo.......................................................................................................................168
Proprietà cornice...................................................................................................................169
Proprietà casella di modifica.................................................................................................171
Finestra di dialogo Formula di input......................................................................................174
Proprietà pulsante.................................................................................................................174
Proprietà pulsante di opzione................................................................................................176
Proprietà casella combinata..................................................................................................178
Proprietà elenco....................................................................................................................181
Proprietà elenco combinato...................................................................................................184
Proprietà casella di riepilogo.................................................................................................187
Proprietà scheda...................................................................................................................190
Proprietà casella di controllo.................................................................................................191
Proprietà campo data............................................................................................................193
Controllo di ricerca scheda....................................................................................................196
Controllo di ricerca variabile..................................................................................................196
Finestra di dialogo Impostazioni griglia.................................................................................196
Finestra di dialogo Controllato dalla variabile........................................................................196
Salvataggio delle schede dati.....................................................................................................197
Ereditarietà della scheda dati................................................................................................198
Salvataggio di una scheda dati modificata in una cartella specifica.....................................200

10 Categorie (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)..................................202


Creazione di categorie................................................................................................................203
Finestra di dialogo Categoria......................................................................................................203
Creazione di condizioni per Categorie.......................................................................................206
Modifica delle categorie..............................................................................................................207
Eliminazione di categorie............................................................................................................207
Finestra di dialogo Mostra utilizzo..............................................................................................207
Esempio - Assegnazione di categorie per Tipo file....................................................................208
Esempio - Assegnazione di categorie per Valore variabile........................................................208

11 Colonne............................................................................................................210
Creazione di un set di colonne per l'elenco file..........................................................................210
Creazione di un set di colonne per i risultati della ricerca..........................................................211
Aggiunta di un set di colonne a un modulo di ricerca.................................................................212
Finestra di dialogo Colonne personalizzabili..............................................................................212
Finestra di dialogo Nuova configurazione..................................................................................216

12 Tipi di file..........................................................................................................218
Impostazione delle proprietà tipo file..........................................................................................218

5
Sommario

Finestra di dialogo Proprietà tipo di file......................................................................................218


Prevenzione di nomi file duplicati nel vault.................................................................................220
Finestra di dialogo Controllo nome di file duplice.......................................................................220

13 Importare ed esportare i dati (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)....222


Importazione di valori variabili (solo per SOLIDWORKS PDM Professional).............................222
Creazione di un file XML............................................................................................................223
Struttura dei file XML ed esempio..............................................................................................223
Creazione di una regola di importazione....................................................................................226
Finestra di dialogo Regola di importazione................................................................................227
Creare un gruppo Alias...............................................................................................................227
Finestra di dialogo Gruppi di alias variabili XML........................................................................228
Creazione di una regola di esportazione....................................................................................228
Finestra di dialogo Regola di esportazione................................................................................230
Uso delle azioni di transizione....................................................................................................234
Suggerimenti di diagnostica.......................................................................................................235

14 Indicizzazione del vault (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)............237


Utilizzo della ricerca di Windows per la ricerca dei contenuti.....................................................237
Impostazione della ricerca di Windows......................................................................................238
Impostazione dell'indicizzazione................................................................................................239
Indicizzazione degli archivi del vault su un sistema SQL Server...............................................239
Configurazione del Servizio di indicizzazione su un sistema non SQL Server..........................240
Rimozione di un indice del vault.................................................................................................241
Finestra di dialogo Impostazioni di indicizzazione......................................................................241
Finestra di dialogo Modifica percorso della cartella archivio del vault........................................242

15 Elementi (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)....................................243


Cartelle elemento.......................................................................................................................243
Configurazione degli elementi....................................................................................................244
Configura elementi - ID elemento..........................................................................................245
Configura elementi - Nome descrittivo..................................................................................246

16 Installazione e configurazione delle licenze SolidNetWork.............................247


Configurazione del server di licenza SolidNetWork per il vault..................................................247
Utilizzo del server di licenza SolidNetWork con i firewall...........................................................248
Modifica delle impostazioni di SolidNetWork License Manager per Windows Firewall..............248
Amministrazione delle licenze SolidNetWork.............................................................................249
Avvio di SolidNetWork License Manager..............................................................................249
Diagnostica delle licenze SolidNetWork................................................................................249
Licensing ....................................................................................................................................250
Tipi di licenza.........................................................................................................................250
Cambiamento del tipo di licenza cliente................................................................................251
Visualizzazione delle informazioni di versione per sistemi non client...................................252
Visualizzazione delle informazioni di versione per sistemi client..........................................252
Aggiunta e modifica di SolidNetWork License Server...........................................................253

6
Sommario

Finestra di dialogo Imposta licenza.......................................................................................253

17 Sistema di messaggistica................................................................................255
Tipi di sistemi di messaggi..........................................................................................................255
Configurazione del sistema di posta elettronica.........................................................................256
Sistema di posta elettronica - scheda Generale....................................................................257
Sistema di posta elettronica - scheda Impostazioni SMTP...................................................257
Impostazioni di prova............................................................................................................258
Esempio: uso del sistema di posta elettronica Database...........................................................259

18 Replica (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)......................................260


Archivia .......................................................................................................................................260
Finestra di dialogo Stato dell'archivio (SOLIDWORKS PDM Professional solo vault)..........260
Replica dell'archivio (solo per SOLIDWORKS PDM Professional).......................................261
Replica di database del vault......................................................................................................265
Configurazione delle istanze SQL Server secondarie...........................................................266
Finestra di dialogo Configurazione server.............................................................................266

19 Numeri di revisione..........................................................................................268
Creazione dei numeri di revisione..............................................................................................269
Finestra di dialogo Proprietà componente numero di revisione............................................269
Finestra di dialogo Proprietà numero di revisione.................................................................270
Finestra di dialogo Mostra utilizzo.........................................................................................271
Impostazione manuale dei numeri di revisione..........................................................................271
Impostazione automatica dei numeri di revisione......................................................................272
Assegnazione dei numeri di revisione agli stati del flusso di lavoro...........................................272
Sincronizzazione di una variabile di revisione con un numero di revisione ...............................274
Esempio - Cambiamento dei numeri di revisione per i diversi stati del flusso di lavoro.............274
Esempio - Creazione dei numeri di revisione con contatori maggiori e minori...........................275
Esempio - Mappatura di un numero di revisione al blocco titolo di un disegno.........................276

20 Numeri di serie (solo per SOLIDWORKS PDM Professional).........................278


Creazione di un numero di serie da una stringa.........................................................................279
Creazione di un numero di serie da un'aggiunta........................................................................279
Aggiunta di un numero di serie a una scheda dati.....................................................................280
Uso dei numeri di serie per assegnare nomi automatici ai file...................................................280
Finestra di dialogo Proprietà numero di serie.............................................................................282
Finestra di dialogo Numero seriale.............................................................................................283

21 SOLIDWORKS.................................................................................................284
Integrazione della tabella di revisione .......................................................................................284
Configurazione dell'integrazione della tabella di revisione....................................................284
Configurazione del nodo Tabella di revisione.......................................................................285
Configurazione delle impostazioni della tabella di revisione.................................................285
Configurazione delle impostazioni del comando Imposta revisione .....................................285
Definizione di mappatura delle variabili.................................................................................286

7
Sommario

Finestra Tabella di revisione.................................................................................................286


Supporto SOLIDWORKS PDM per l'integrazione della tabella di revisione..........................287
Toolbox .......................................................................................................................................288
Configurazione di Toolbox in SOLIDWORKS PDM e SOLIDWORKS..................................288
Finestra Toolbox....................................................................................................................292
Migrazione delle librerie Toolbox esistenti............................................................................294

22 Operazioni.......................................................................................................301
Aggiunta di operazioni a un vault...............................................................................................302
Autorizzazione per l'esecuzione di operazioni............................................................................303
Finestra di dialogo Configurazione host di operazioni................................................................304
Creazione di una nuova operazione...........................................................................................305
Proprietà operazione - Aggiunta............................................................................................306
Proprietà operazione - Metodo di esecuzione.......................................................................307
Proprietà Task - Menu Comando (Solo per SOLIDWORKS PDM Professional)..................309
Proprietà Task - Script (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)...................................310
Inserimento di macro in SOLIDWORKS Task Add-in Scripts (solo per SOLIDWORKS PDM
Professional) ....................................................................................................................312
Finestra di dialogo Opzioni di script avanzate (solo per SOLIDWORKS PDM
Professional) ....................................................................................................................313
Proprietà operazione - Pianificazione....................................................................................315
Finestra di dialogo Pianificazione avanzata..........................................................................316
Proprietà Task - Permessi (solo per SOLIDWORKS PDM Professional).............................318
Proprietà operazione - Notifica di successo..........................................................................318
Proprietà operazione - Notifica di errore...............................................................................319
Configurazione dell'operazione di conversione (solo per SOLIDWORKS PDM
Professional) ..........................................................................................................................320
Attivazione del salvataggio come PDF 3D nello script Operazione di conversione..............321
Proprietà di conversione - Impostazioni di conversione........................................................322
Proprietà di conversione - Scheda file...................................................................................337
Proprietà di conversione - Dettagli file di output....................................................................338
Configurazione dell'operazione di conversione (solo per SOLIDWORKS PDM Standard)........339
Conversione di un file di disegno SOLIDWORKS in PDF.....................................................340
Proprietà di conversione - Impostazioni di conversione........................................................341
Proprietà di conversione - Dettagli file di output....................................................................341
Configurazione dell'operazione di stampa (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)..........343
Proprietà di stampa - Stampante...........................................................................................344
Proprietà di stampa - Dimensione carta e orientamento.......................................................345
Proprietà di stampa - Margini................................................................................................346
Proprietà di stampa - File......................................................................................................347
Configurazione dell'operazione Design Checker (solo per SOLIDWORKS PDM
Professional) ..........................................................................................................................348
Aggiunta Operazioni SOLIDWORKS PDF (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)..........349
Accesso all'aggiunta di operazioni SOLIDWORKS PDF.......................................................350
Configurazione dell'operazione di conversione da Office a PDF..........................................350
Configurazione dell'operazione di conversione da DraftSight a PDF....................................356

8
Sommario

Creazione di una variante di operazione....................................................................................361


Esecuzione delle operazioni.......................................................................................................362
Launching a Task Using a Workflow ....................................................................................362
Esecuzione di un'operazione su richiesta.............................................................................363
Finestra di dialogo Aggiungi operazione...............................................................................364
Monitoraggio delle operazioni....................................................................................................372
Finestra di dialogo Elenco operazioni...................................................................................373
Finestra di dialogo Opzioni elenco operazioni.......................................................................374
Finestra di dialogo Dettagli operazione.................................................................................375
Diagnostica dei problemi relativi alle operazioni........................................................................376
Visualizzazione dei dettagli di un'operazione non riuscita....................................................377
Utilizzo delle notifiche per accedere ai registro errori di un'operazione................................377
Visualizzazione del log degli errori........................................................................................377
Operazioni personalizzate..........................................................................................................378
Aggiornamento dell'aggiunta SOLIDWORKS Task (solo per SOLIDWORKS PDM
Professional)..........................................................................................................................379
Identificazione delle versioni correnti di SOLIDWORKS PDM e Aggiunta SOLIDWORKS
Task ..................................................................................................................................379
Esecuzione dell'aggiornamento di SWTaskAddin (solo per SOLIDWORKS PDM
Professional) ....................................................................................................................380
Operazioni di aggiornamento................................................................................................381

23 Modelli (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)......................................382


Creazione di modelli...................................................................................................................382
Modello nuovo/modifica - Nome modello..............................................................................383
Modello nuovo/modifica - Eseguire come.............................................................................383
Modello nuovo/modifica - Schede modello............................................................................384
Finestra di dialogo Aggiungi scheda.....................................................................................385
Modello nuovo/modifica - File e cartelle................................................................................385
Modello nuovo/modifica - Icona.............................................................................................390
Modello nuovo/modifica - Utenti e gruppi..............................................................................391
Organizza variabili di modello...............................................................................................391
Ad esempio: Creazione di un modello di progetto mediante una scheda modello...............393
Modifica dei modelli....................................................................................................................394
Creazione di nuovi modelli con Copia/Incolla.............................................................................395
Eliminazione di modelli...............................................................................................................395

24 Utenti e Gruppi.................................................................................................396
Account di utente amministrativo...............................................................................................396
Creazione di account utente.......................................................................................................397
Creazione di account utente per accesso Windows o LDAP (solo per SOLIDWORKS PDM
Professional) ....................................................................................................................397
Creazione di account utente per il tipo di accesso SOLIDWORKS PDM ............................398
Finestra a comparsa con le informazioni sull'utente ..................................................................400
Eliminazione di un account utente..............................................................................................401
Cambiamento della password di un account utente...................................................................402

9
Sommario

Delega della gestione di account utente e permessi dei gruppi.................................................402


Gestione di molteplici account utente.........................................................................................403
Finestra di dialogo Utenti/gruppi.................................................................................................404
Convalida di account utente.......................................................................................................404
Risoluzione dei dati di accesso utente mancanti........................................................................405
Permessi di stato per cartella e flusso di lavoro.........................................................................405
Assegnazione dei diritti alle cartelle...........................................................................................406
Configurazione del comportamento della memorizzazione nella cache....................................407
Autorizzazioni per consentire agli utenti di visualizzare file in stato privato...............................408
Proprietà utente - Proprietà generali..........................................................................................408
Finestra di dialogo Aggiungi utenti........................................................................................412
Proprietà utente - Gruppi.......................................................................................................414
Proprietà utenti - Permessi amministrativi.............................................................................414
Proprietà utente - scheda Permessi per cartella...................................................................417
Proprietà utente - scheda Permessi assegnati alla cartella..................................................421
Proprietà utenti - Permessi di stato.......................................................................................422
Proprietà utenti - Permessi di transazione............................................................................424
Proprietà utenti - Permessi per file........................................................................................425
Proprietà utente - Schede di ricerca......................................................................................425
Proprietà utente - Distinte materiali.......................................................................................426
Proprietà utente - Operazioni................................................................................................426
Proprietà utente - Modelli......................................................................................................426
Proprietà utente - Avvertenze................................................................................................427
Proprietà utente - Scheda Opzioni cache per cartella...........................................................431
Proprietà utente - Scheda Opzioni cache assegnate............................................................432
Proprietà utente - Escludi cartelle di Copia albero................................................................432
Proprietà utente - Cartelle escluse di Copia albero...............................................................433
Proprietà utente - Escludi cartelle ramificazione...................................................................434
Proprietà utente - Cartelle escluse dalla ramificazione.........................................................434
Finestra di dialogo Nuovo utente...........................................................................................435
Finestra di dialogo Nuovo utente (accesso Windows)..........................................................435
Finestra di dialogo Cambia password...................................................................................436
Finestra di dialogo Seleziona cartella del vault.....................................................................436
Finestra di dialogo Assegnazioni permesso..........................................................................436
Impostazioni utente....................................................................................................................437
Aggiunta di un visualizzatore per il comando Visualizza file (solo per SOLIDWORKS PDM
Professional) ....................................................................................................................437
Cancellazione dei valori per il comando Copia albero..........................................................438
Aggiunta di un'applicazione di paragone per il comando Confronto (solo per SOLIDWORKS
PDM Professional) ..........................................................................................................439
Visualizzazione dei nomi utente completi nell'interfaccia utente...........................................440
Personalizzazione dei menu SOLIDWORKS PDM (solo per SOLIDWORKS PDM
Professional) ....................................................................................................................441
Definizione delle impostazioni di default per il recupero dei riferimenti durante il check
out.....................................................................................................................................443
Finestra di dialogo Impostazioni - Aggiunta dei file...............................................................448

10
Sommario

Finestra di dialogo Impostazioni - Aggiunta delle cartelle.....................................................448


Finestra di dialogo Impostazioni - Ramo...............................................................................449
Finestra di dialogo Impostazioni - Check In..........................................................................450
Finestra di dialogo Impostazioni - Copia albero....................................................................451
Finestra di dialogo Impostazioni - Explorer...........................................................................452
Finestra di dialogo Impostazioni - Confronta file (solo per SOLIDWORKS PDM
Professional) ....................................................................................................................455
Finestra di dialogo Impostazioni - Lingua..............................................................................456
Finestra di dialogo Impostazioni - Menu (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)........456
Finestra di dialogo Impostazioni - Unisci...............................................................................458
Finestra di dialogo Impostazioni - Messaggi.........................................................................459
Finestra di dialogo Impostazioni - Riferimento......................................................................459
Finestra di dialogo Impostazioni - Barra strumenti................................................................461
Finestra di dialogo Impostazioni - Visualizzatori...................................................................462
Gestione di utenti e gruppi..........................................................................................................463
Creazione di un gruppo.........................................................................................................463
Aggiunta di soci a un gruppo.................................................................................................464
Importazione nei gruppi degli utenti dalla directory attiva (solo per SOLIDWORKS PDM
Professional )...................................................................................................................464
Gestione dei gruppi...............................................................................................................468
Finestra di dialogo Utenti/gruppi............................................................................................469
Finestra Crea nuovo gruppo..................................................................................................469
Finestra di dialogo Proprietà gruppo.....................................................................................470

25 Variabili............................................................................................................493
Variabili delle schede dati...........................................................................................................493
Assegnazione di valori predefiniti...............................................................................................493
Considerazioni sull'impostazione delle variabili di scheda dati..................................................494
Rimozione di variabili e schede inutilizzate................................................................................495
Mappatura delle variabili.............................................................................................................495
Mappatura di variabili a proprietà file....................................................................................495
Mappatura variabili - File Microsoft Office.............................................................................496
Modifica proprietà personalizzate dei PDF usando PDF plug-in (solo per SOLIDWORKS
PDM Professional)...........................................................................................................500
Mappatura variabili - File AutoCAD.......................................................................................501
Mappatura variabili - File Autodesk Inventor (solo per SOLIDWORKS PDM
Professional) ....................................................................................................................502
Mappatura variabili - File SOLIDWORKS..............................................................................504
Mappatura variabili - File Solid Edge (solo per SOLIDWORKS PDM Professional).............510
Mappatura variabili - File Pro/ENGINEER (solo per SOLIDWORKS PDM Professional).....512
Mappatura variabili - File raster CALS (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)...........513
Mappatura variabili - File XML (solo per SOLIDWORKS PDM Professional) ......................516
Mappatura variabili - File MSG Outlook (solo per SOLIDWORKS PDM Professional).........517
Mappatura variabili - File INI.................................................................................................518
Variabili indipendenti dalla versione...........................................................................................518
Finestra di dialogo Dove usato per una variabile.......................................................................519

11
Sommario

Finestra di dialogo Modifica variabili..........................................................................................520


Finestra di dialogo Modifica variabile.........................................................................................523

26 Flussi di lavoro.................................................................................................526
Operazioni fondamentali.............................................................................................................526
Apertura di un flusso di lavoro...............................................................................................527
Interfaccia dell'Editor flusso di lavoro....................................................................................527
Salvataggio di un flusso di lavoro..........................................................................................529
Uscita dall'Editor flusso di lavoro...........................................................................................529
Esportazione di un flusso di lavoro........................................................................................529
Ridefinizione del layout di un flusso di lavoro........................................................................530
Flussi di lavoro multipli (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)........................................530
Creazione dei flussi di lavoro................................................................................................530
Creazione di link al flusso di lavoro (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)...............535
Finestra di dialogo Proprietà collegamento al flusso di lavoro..............................................536
Eliminazione dei flussi di lavoro............................................................................................537
Stati del flusso di lavoro..............................................................................................................537
Creazione di stati del flusso di lavoro....................................................................................538
Impostazione dei diritti di accesso degli stati........................................................................544
Stato privato..........................................................................................................................546
Transizioni flusso di lavoro.........................................................................................................546
Creazione di transizioni del flusso di lavoro..........................................................................547
Transizioni parallele dei flussi di lavoro (solo per SOLIDWORKS PDM Professional).........555
Aggiunta di condizioni di transizione.....................................................................................558
Operatori di condizione per le transizioni del flusso di lavoro...............................................559
Firme elettroniche necessarie per le transizioni....................................................................563
Aggiunta di azioni di transizione............................................................................................563
Impostazione dei diritti di transizione....................................................................................573
Esempio: Indirizzamento automatico dei file a stati diversi (solo per SOLIDWORKS PDM
Professional) ....................................................................................................................574
Notifiche del flusso di lavoro.......................................................................................................575
Creazione di notifiche di stato del flusso di lavoro................................................................575
Creazione di notifiche di stato in ritardo nell'Editor flusso di lavoro......................................576
Creazione di notifiche di transizione del flusso di lavoro.......................................................577

27 Amministrazione dei server Web (solo per SOLIDWORKS PDM


Professional).....................................................................................................581
Presentazione dei server Web ..................................................................................................581
Amministrazione del server Web ...............................................................................................581
Inserimento in un server Web...............................................................................................582
Creazione di configurazioni del server Web..........................................................................583
Aggiunta di condivisioni Web................................................................................................583
Fornitura degli URL agli utenti dei client Web.......................................................................584
Personalizzazione della pagina di accesso al Web...............................................................585
Cambiamento del numero di file restituito da una ricerca.....................................................585

12
Sommario

Finestre di dialogo server Web...................................................................................................585


Finestra di dialogo Aggiungi server Web...............................................................................585
Finestra di dialogo Aggiungi URL pubblico...........................................................................586
Finestra di dialogo Aggiungi/Modifica configurazione...........................................................587
Finestra di dialogo Aggiungi vault.........................................................................................587
Finestra di dialogo Aggiungi condivisione Web.....................................................................587
Finestra di dialogo Proprietà condivisione Web....................................................................588
Finestra di dialogo Cambia proprietà server Web.................................................................588

28 Configurazione del server archivio...................................................................590


Interfaccia utente per lo strumento Configurazione del server archivio.....................................590
Finestra di dialogo Impostazioni predefinite...............................................................................591
Gestione utenti...........................................................................................................................592
Accesso di connessione........................................................................................................592
Accesso SQL.........................................................................................................................596
Accesso all'account...............................................................................................................596
Gestione dei vault.......................................................................................................................597
Rilocare i vault.......................................................................................................................597
Impostazioni del vault............................................................................................................599
Gestione del server di archivio...................................................................................................600
Cartelle di archivio.................................................................................................................600
Modifica dell'intervallo di aggiornamento...............................................................................601
Backup impostazioni del server di archivio...........................................................................601

29 Server database...............................................................................................607
Configurazione del server database di SOLIDWORKS PDM ...................................................608
Visualizzazione degli errori del server database di SOLIDWORKS PDM .................................608

13
Note legali
© 1995-2017, Dassault Systèmes SolidWorks Corporation, un'azienda del gruppo Dassault
Systèmes SE, 175 Wyman Street, Waltham, Mass. 02451 USA. Tutti i diritti riservati.
Le informazioni e il software ivi presentati sono soggetti a modifica senza preavviso e impegno
da parte di Dassault Systèmes SolidWorks Corporation (DS SolidWorks).
Nessun materiale può essere riprodotto o trasmesso sotto qualsiasi forma o attraverso qualsiasi
mezzo, elettronico o meccanico, e per qualsiasi scopo senza il previo consenso scritto di DS
SolidWorks.
Il software descritto in questo documento è fornito in base alla licenza e può essere usato o
copiato solo in ottemperanza dei termini della stessa. Ogni garanzia fornita da DS SolidWorks
relativamente al software e alla documentazione è stabilita nell'accordo di licenza e nessun'altra
dichiarazione, esplicita o implicita in questo documento o nel suo contenuto dovrà essere
considerata o ritenuta una correzione o revisione di tale garanzia.

Notifiche brevetti
SOLIDWORKS® Il software CAD meccanico 3D e/o Simulation è protetto dai brevetti degli Stati
Uniti 6,611,725; 6,844,877; 6,898,560; 6,906,712; 7,079,990; 7,477,262; 7,558,705;
7,571,079; 7,590,497; 7,643,027; 7,672,822; 7,688,318; 7,694,238; 7,853,940; 8,305,376;
8,581,902; 8,817,028; 8,910,078; 9,129,083; 9,153,072; 9,262,863; 9,465,894; 9,646,412
e da brevetti stranieri (ad esempio, EP 1,116,190 B1 e JP 3,517,643).
Il software eDrawings® è protetto dal brevetto USA 7,184,044; dal brevetto USA 7,502,027;
e dal brevetto canadese 2,318,706.
Altri brevetti USA e stranieri in corso di concessione.

Marchi commerciali e nomi di prodotto per i Prodotti e Servizi SOLIDWORKS


SOLIDWORKS, 3D ContentCentral, 3D PartStream.NET, eDrawings e il logo eDrawings sono
marchi registrati e FeatureManager è un marchio registrato in comune proprietà di DS
SolidWorks.
CircuitWorks, FloXpress, PhotoView 360 e TolAnalyst sono marchi commerciali di DS SolidWorks.
FeatureWorks è un marchio depositato della HCL Technologies Ltd.
SOLIDWORKS 2018, SOLIDWORKS Standard, SOLIDWORKS Professional, SOLIDWORKS
Premium, SOLIDWORKS PDM Professional, SOLIDWORKS PDM Standard, SOLIDWORKS
Simulation Standard, SOLIDWORKS Simulation Professional, SOLIDWORKS Simulation Premium,
SOLIDWORKS Flow Simulation, eDrawings Viewer, eDrawings Professional, SOLIDWORKS
Sustainability, SOLIDWORKS Plastics, SOLIDWORKS Electrical Schematic Standard,
SOLIDWORKS Electrical Schematic Professional, SOLIDWORKS Electrical 3D, SOLIDWORKS
Electrical Professional, CircuitWorks, SOLIDWORKS Composer, SOLIDWORKS Inspection,
SOLIDWORKS MBD, SOLIDWORKS PCB powered by Altium, SOLIDWORKS PCB Connector
powered by Altium e SOLIDWORKS Visualization sono nomi di prodotti di DS SOLIDWORKS.
Altre nomi di marca o di prodotto sono marchi commerciali o marchi depositati dei rispettivi
titolari.

14
Note legali

SOFTWARE PER COMPUTER COMMERCIALE – PROPRIETÀ


Il Software è un "elemento commerciale" così come da definizione dal documento 48 C.F.R.
2.101 (OCT 1995), composto da "software per computer commerciale" e "documentazione del
software commerciale" come da definizione dal documento 48 C.F.R. 12.212 (SEPT 1995) e
fornito al governo Statunitense (a) per acquisizione di o da parte di agenzie civili, compatibile
con la direttiva stabilita nel documento 48 C.F.R. 12.212; o (b) per l'acquisizione di o da parte
di unità del Dipartimento della Difesa, compatibile con le direttive stabilite nei documenti 48
C.F.R. 227.7202-1 (JUN 1995) e 227.7202-4 (JUN 1995)
In caso di richiesta da parte di una qualsiasi agenzia del governo Statunitense di fornire il
Software con diritti che eccedono quelli stabiliti sopra, notificare la DS SolidWorks dell'ambito
della richiesta e la DS SolidWorks, a sua discrezione, accetterà o meno tale richiesta entro
cinque giorni lavorativi. Appaltatore/Produttore: Dassault Systemes SolidWorks Corporation,
175 Wyman Street, Waltham, Massachusetts 02451 USA.

Note di diritti di autore per i prodotti SOLIDWORKS Standard, Premium,


Professional ed Education
Parti di questo software © 1986-2017 Siemens Product Lifecycle Management Software Inc.
Tutti i diritti riservati.
Questo lavoro contiene il seguente software di proprietà di Siemens Industry Software Limited:
D-Cubed® 2D DCM © 2017. Siemens Industry Software Limited. Tutti i diritti riservati.
D-Cubed® 3D DCM © 2017. Siemens Industry Software Limited. Tutti i diritti riservati.
D-Cubed® PGM © 2017. Siemens Industry Software Limited. Tutti i diritti riservati.
D-Cubed® CDM © 2017. Siemens Industry Software Limited. Tutti i diritti riservati.
D-Cubed® AEM © 2017. Siemens Industry Software Limited. Tutti i diritti riservati.
Parti di questo software © 1998-2016 HCL Technologies Ltd.
Porzioni di questo software incorporano PhysX™ by NVIDIA 2006-2010.
Parti di questo software © 2001-2017 Luxology, LLC. Tutti i diritti riservati, brevetti in attesa
di deposito.
Porzioni di questo software © 2007-2016 DriveWorks Ltd.
© 2011, Microsoft Corporation. Tutti i diritti riservati.
Include tecnologia Adobe® PDF Library
Copyright 1984-2016 Adobe Systems Inc. e suoi concessori di licenza. Tutti i diritti riservati.
Protetto dai brevetti USA 5,929,866; 5,943,063; 6,289,364; 6,563,502; 6,639,593; 6,754,382.
Altri brevetti in corso di concessione.
Adobe, il logo Adobe, Acrobat, il logo Adobe PDF, Distiller e Reader sono marchi depositati o
marchi commerciali di Adobe Systems Inc. negli Stati Uniti e in altri paesi.
Per ulteriori informazioni sul copyright DS SolidWorks, vedere ? > Informazioni su
SOLIDWORKS.

Note diritti di autore per i prodotti SOLIDWORKS Simulation


Porzioni di questo software © 2008 Solversoft Corporation.

15
Note legali

PCGLSS © 1992-2017 Computational Applications and System Integration, Inc. Tutti i diritti
riservati.

Note dei diritti di autore per il prodotto SOLIDWORKS PDM Professional


Outside In® Viewer Technology, © 1992-2012 Oracle
© 2011, Microsoft Corporation. Tutti i diritti riservati.

Note diritti di autore per i prodotti eDrawings


Porzioni di questo software © 2000-2014 Tech Soft 3D.
Porzioni di questo software © 1995-1998 Jean-Loup Gailly and Mark Adler.
Porzioni di questo software © 1998-2001 3Dconnexion.
Porzioni di questo software © 1998-2014 Open Design Alliance. Tutti i diritti riservati.
Porzioni di questo software © 1995-2012 Spatial Corporation.
Il software eDrawings® per Windows® è in parte basato sul lavoro del gruppo Independent
JPEG Group.
Porzioni di eDrawings® per iPad® copyright © 1996-1999 Silicon Graphics Systems, Inc.
Parti di eDrawings® per iPad® copyright © 2003-2005 Apple Computer Inc.

Note diritti di autore per i prodotti SOLIDWORKS PCB


Parti di questo software © 2017 Altium Limited.

16
1
Introduzione allo Strumento di
amministrazione
Questo capitolo comprende i seguenti argomenti:

• Introduzione a SOLIDWORKS PDM Standard


• Configurare SOLIDWORKS PDM
• Modifica delle impostazioni locali
• Gestione del server Web
• Avvio dello strumento di amministrazione
• Elenco delle ultime funzionalità utilizzate
• Visualizzazione della cronologia dei cambiamenti amministrativi
• Finestra di dialogo Monitoraggio del lavoro

Lo strumento di amministrazione di SOLIDWORKS® PDM consente di gestire tutte le attività


amministrative per i vault SOLIDWORKS PDM ospitati da uno o più server di archivio disponibili.
Gli utenti con privilegi amministrativi sufficienti possono accedere allo strumento
Amministrazione da qualsiasi computer client SOLIDWORKS PDM (CAD Editor SOLIDWORKS
PDM , Contributor SOLIDWORKS PDM e Viewer SOLIDWORKS PDM).

Tutti gli utenti hanno accesso allo strumento Amministrazione per cambiare le loro password.

Introduzione a SOLIDWORKS PDM Standard


SOLIDWORKS PDM Standard è un prodotto per la gestione dei documenti basato sulla
stessa architettura di SOLIDWORKS Enterprise PDM.
È possibile effettuare l'aggiornamento da SOLIDWORKS PDM Standard a SOLIDWORKS
PDM Professional senza eseguire la migrazione dei file o dei dati in quanto SOLIDWORKS
PDM Standard è basato sulla stessa architettura di SOLIDWORKS PDM Professional. Non
è tuttavia possibile effettuare il downgrade di un vault SOLIDWORKS PDM Professional a
un vault SOLIDWORKS PDM Standard.
In ogni licenza di SOLIDWORKS 2016 Professional e SOLIDWORKS 2016 Premium è
inclusa una licenza di SOLIDWORKS PDM Standard CAD Editor. Le licenze per gli utenti
non CAD sono disponibili come prodotti acquistabili separatamente.

17
Introduzione allo Strumento di amministrazione

Informazioni su SOLIDWORKS PDM Professional


SOLIDWORKS PDM Professional è il nome del prodotto chiamato in precedenza
SOLIDWORKS Enterprise PDM. È disponibile come prodotto acquistabile separatamente.
Questa tabella mostra le differenze tra SOLIDWORKS PDM Standard e SOLIDWORKS PDM
Professional:

Funzionalità SOLIDWORKS PDM SOLIDWORKS PDM


Standard Professional

Aggiunta SOLIDWORKS

eDrawings Professional

Aggiunta DraftSight

Aggiunta Microsoft Office

Aggiunta AutoCAD

Aggiunta Inventor

CAD Editor Client

Contributor Client

Viewer Client

Flussi di lavoro molteplici Limite di 1

Stati del flusso di lavoro Limite di 10

Approvazioni parallele

Modalità offline

Azioni di transizione (limitato)

Anteprima eDrawings

Anteprima multidocumento

Integrazione visualizzatore
esterno

Modelli

18
Introduzione allo Strumento di amministrazione

Funzionalità SOLIDWORKS PDM SOLIDWORKS PDM


Standard Professional

Numeri seriali

Ricerca di contenuto
(indicizzazione)

Strumento di ricerca integrato

Strumento di ricerca dedicato

Preferenze di ricerca

Accesso Active Directory e


LDAP

Notifiche: posta in arrivo PDM


(database)

Notifiche: e-mail (SMTP)

Supporto di SQL Server


Express

Supporto di SQL Standard

Attività automatiche

Importazione/Esportazione dati
automatica

API

Supporto aggiunte
personalizzate

Dispatch

Supporto elementi

Client Web

Replica multisito

Generatore report

Schemi di revisione Limite di 2

19
Introduzione allo Strumento di amministrazione

Funzionalità SOLIDWORKS PDM SOLIDWORKS PDM


Standard Professional

Categorie di file

Etichette di versione

Copia albero

Sposta albero

Distinte materiali denominate

Riferimenti personalizzati

Personalizzazione barra degli


strumenti e menu

Variabili indipendenti dalla


versione

Connettore Pro/E

Supporto file Solid Edge

Configurare SOLIDWORKS PDM


Espandere un nodo del vault nel riquadro di sinistra per accedere alle opzioni di
amministrazione per il vault.

Aggiunte Gestire le applicazioni che sono state aggiunte in


SOLIDWORKS PDM Professional, ad esempio Dispatch. È
possibile fare il debug delle aggiunte prima di inserirle in
un vault, tenere traccia delle azioni di aggiunte specifiche
e visualizzare la cronologia di tutte le aggiunte che sono
state installate.
SOLIDWORKS PDM Aggiunte (solo per SOLIDWORKS
PDM Professional) alla pagina 89

Distinta materiali Creare o modificare formati di distinta materiali, distinta


di saldatura e distinta di taglio per assiemi e disegni CAD.
Distinte materiali alla pagina 122

20
Introduzione allo Strumento di amministrazione

Schede dati Aggiungere e modificare le schede dati utilizzate nel vault.


Le schede visualizzano le informazioni relative a file e
cartelle. Gli utenti possono visualizzare e inserire le
informazioni e utilizzarle per eseguire ricerche nel vault
senza disporre di una copia locale del file o della cartella.
Schede dati alla pagina 140

Categorie Creare o modificare le categorie per classificare i documenti


nel vault.
Le categorie contengono condizioni che vengono valutate
al primo check-in di un file, in modo che il file sia assegnato
alla categoria corretta.
Categorie (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)
alla pagina 202

Cold Storage Definire gli schemi Cold Storage per controllare il modo in
cui vengono archiviati i file nel vault.
Schemi cold storage alla pagina 72

Colonne Definire le colonne per personalizzare la visualizzazione


dei dati nell'elenco file o nei risultati di ricerca.
Colonne alla pagina 210

Importazione/esportazione Creare regole di importazione/esportazione per lo scambio


dati dei dati con i sistemi ERP.
Importazione di valori variabili (solo per
SOLIDWORKS PDM Professional) alla pagina 222

Tipi di file Specificare le proprietà del tipo di file che controllano il


comportamento dei file con riferimenti e di specifiche
estensioni file durante le operazioni nell'interfaccia di
Explorer.
Tipi di file alla pagina 218

Gruppi Creare gruppi per consentire a più utenti di ereditare gli


stessi permessi.
Gestione di utenti e gruppi alla pagina 463

Indicizzazione Impostare il servizio di indicizzazione di SOLIDWORKS PDM


Professional per creare un catalogo di servizio indice per
il vault. Il catalogo consente di effettuare ricerche
nell'indice master, negli elenchi di parole e negli indici
"shadow" in base a combinazioni di parole.
Indicizzazione del vault (solo per SOLIDWORKS PDM
Professional) alla pagina 237

21
Introduzione allo Strumento di amministrazione

Elementi Selezionare il numero di serie usato per generare gli ID di


elemento univoci e la variabile utilizzata come nome
visualizzato dell'elemento.
Elementi (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)
alla pagina 243

Licenza Per aggiungere o modificare le licenze SOLIDWORKS PDM.


Tipi di licenza alla pagina 250

Elenchi (per Creare elenchi schede per mantenere e aggiornare i valori


scheda) delle caselle di riepilogo a discesa di scheda dati e degli
elenchi di selezione.
Elenchi di schede (solo per SOLIDWORKS PDM
Professional) alla pagina 132

Sistema di Specificare come inviare le notifiche sul vault.


messaggistica Sistema di messaggistica alla pagina 255

Replica Configurare la replica del server di archivio o la replica del


server del database.
Replica di database del vault alla pagina 265

Stato dell'archivio Visualizzare le statistiche del vault selezionato, comprese


le statistiche di replica e il numero di file eliminati o
mancanti.
Finestra di dialogo Stato dell'archivio (SOLIDWORKS
PDM Professional solo vault) alla pagina 260

Revisioni Definire lo schema di numerazione delle revisioni utilizzato


dalla società per facilitare il recupero dei documenti e
controllare l'accesso utenti.
Numeri di revisione alla pagina 268

Numeri seriali Configurare la modalità di generazione dei numeri di serie


per automatizzare la numerazione di file, cartelle ed
elementi e per assegnare valori sequenziali ai controlli
scheda.
Numeri di serie (solo per SOLIDWORKS PDM
Professional) alla pagina 278

Operazioni Configurare, monitorare ed eseguire le operazioni di


Converti e Stampa che sono parte di SOLIDWORKS PDM
ed aggiungere le operazioni per le aggiunte che si creano
usando API.
Operazioni alla pagina 301

22
Introduzione allo Strumento di amministrazione

Modelli Automatizzare la creazione di file e cartelle aggiungendo


modelli al menu contestuale della vista dei file.
Modelli (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)
alla pagina 382

Toolbox Configurare SOLIDWORKS PDM per gestire la libreria dei


componenti e il database di SOLIDWORKS Toolbox.
Toolbox alla pagina 288

Utenti Creare credenziali di accesso utente e assegnare permessi


utente.
Creazione di account utente alla pagina 397

Variabili Creare e gestire le variabili di scheda dati.


Variabili delle schede dati alla pagina 493

Flussi di lavoro Definire gli stati e le transizioni che rappresentano la


struttura del flusso di lavoro interno della società.
Assegnare l'accesso di utenti e gruppi ai file in base agli
stati del flusso di lavoro.
Flussi di lavoro alla pagina 526

Modifica delle impostazioni locali


Espandere il nodoImpostazioni locali nel riquadro sinistro per modificare le
impostazioni locali del client.

Criteri del gruppo Utilizzare l'editor Criteri di gruppo per modificare o


aggiungere criteri SOLIDWORKS PDM al sistema corrente.

File di registro Visualizzare il file di registro per prendere nota dei problemi
segnalati da questo client SOLIDWORKS PDM.

Impostazioni Cambiare le impostazioni del client SOLIDWORKS PDM


univoche per l'utente del profilo Windows attualmente
connesso.
È possibile configurare:
• Impostazioni di accesso automatico
• Il comportamento dell'opzione Copia file nell'archivio
compresso nella funzione SOLIDWORKS PDM Copia
albero
• I metodi da utilizzare per risolvere i riferimenti a file
CAD

23
Introduzione allo Strumento di amministrazione

Gestione del server Web


Se è installato Web Server di SOLIDWORKS PDM, utilizzare il nodo Server Web per
creare le configurazioni del server Web e selezionare le parti del vault da condividere.
Per informazioni dettagliate sulla configurazione del server Web, vedere la Guida del
server Web SOLIDWORKS PDM .

Avvio dello strumento di amministrazione


È possibile avviare lo strumento Amministrazione SOLIDWORKS PDM su un computer
client di SOLIDWORKS PDM.
Per avviare lo strumento Amministrazione, effettuare una delle seguenti
operazioni:
• Dopo essersi connessi a una vista del vault, se si dispone dei permessi per visualizzare
lo strumento Amministrazione, selezionare Strumenti > Amministrazione.
Si apre la finestra di dialogo Amministrazione SOLIDWORKS PDM. Se si dispone dei
diritti sufficienti, l'accesso avviene automaticamente e il nodo del vault dal quale si è
aperto lo strumento si espande per visualizzare le opzioni amministrative per il vault.
• Nei sistemi Windows 7 e Windows Server precedenti a Windows Server 2012, nel menu
Start di Windows, selezionare Tutti i programmi > SOLIDWORKS PDM >
Amministrazione.
Quando si apre la finestra di dialogo Amministrazione SOLIDWORKS Enterprise PDM,
fare doppio clic sul vault che si desidera gestire per accedervi.
• Nei sistemi Windows 8 e Windows Server 2012 o versione successiva, nella schermata
App, in SOLIDWORKS PDM, fare clic su Amministrazione.
Quando si apre la finestra di dialogo Amministrazione SOLIDWORKS Enterprise PDM,
fare doppio clic sul vault che si desidera gestire per accedervi.

Elenco delle ultime funzionalità utilizzate


L'elenco Ultime funzionalità utilizzate appare nel pannello a destra dello strumento
Amministrazione di SOLIDWORKS PDM. Consente di accedere rapidamente alle ultime
dieci funzioni di amministrazione utilizzate.

24
Introduzione allo Strumento di amministrazione

L'elenco delle Ultime funzionalità utilizzate viene salvato alla chiusura dello strumento
Amministrazione. Quando si riapre lo strumento è possibile visualizzare la cronologia del
lavoro svolto nella sessione precedente.
Per rimuovere tutti gli elementi attualmente inclusi nell'elenco, fare clic su Cancella.
Anche l'Editor scheda contiene un elenco delle Ultime funzionalità utilizzate, che
mostra le schede modificate di recente.

Visualizzazione della cronologia dei cambiamenti


amministrativi
È possibile visualizzare tutte le modifiche dello strumento Amministrazione esaminando
la finestra di dialogo Cronologia di ciascuno. È ad esempio possibile visualizzare le
modifiche apportate alle schede dati file e cartella nella finestra di dialogo Cronologia
scheda.
Per visualizzare una finestra di dialogo Cronologia di uno strumento:
1. Fare clic con il pulsante destro del mouse sullo strumento e selezionare Cronologia.
La finestra di dialogo Cronologia mostra tutte le modifiche amministrative per lo
strumento selezionato, in ordine cronologico.

È possibile visualizzare la cronologia complessiva di tutte le modifiche amministrative


facendo clic con il pulsante destro del mouse sul nome del vault e selezionando
Cronologia sistema.

25
Introduzione allo Strumento di amministrazione

2. Nella finestra di dialogo Cronologia:

Cancella cronologia Cancella tutte le voci cronologiche dello strumento selezionato.

È necessario disporre del permesso Autorizzato a


eliminare la cronologia.

Salva Apre una finestra di dialogo Salva per salvare la cronologia


in un file di testo.
Il file di testo è delimitato dalla virgola o dal punto e virgola
e può essere importato in Excel o un altro programma per
fogli di calcolo.

Stampa Apre la finestra di dialogo Stampa del sistema, dalla quale è


possibile stampare il file.

Finestra di dialogo Monitoraggio del lavoro


Utilizzare la finestra di dialogo Monitoraggio del lavoro per visualizzare lo stato quando
si aggiorna una cartella d'archivio legacy.
Per visualizzare questa finestra di dialogo:
Click Visualizza > Monitoraggio del lavoro.

Mostra registro Visualizza il registro di aggiornamento.

Risolvi Quando il processo di aggiornamento richiede un intervento


dell'utente, fare clic su Risolvi per aprire una finestra di dialogo
in cui viene richiesto l'input dell'utente.

Cancella tutto

26
2
Impostazioni locali
Questo capitolo comprende i seguenti argomenti:

• Criteri del gruppo


• File di registro
• Finestra di dialogo Impostazioni

Espandere il nodo Impostazioni locali per modificare le impostazioni del client locale che
hanno effetto su SOLIDWORKS PDM.
È possibile:
• Impostare i criteri utente per Microsoft® Active Directory in modo da poter distribuire le
viste del vault sui computer client.
• Esaminare il file di registro che potrebbe contenere dettagli in caso di problemi nella
connessione.
• Cambiare i parametri di accesso al vault per questo computer.
• Specificare un programma di compressione diverso da WinZip per l'uso con SOLIDWORKS
PDM.
• Impostare i percorsi per le ricerche dei riferimenti esterni.

Criteri del gruppo


È possibile modificare i criteri di SOLIDWORKS PDM sul sistema corrente o aggiungere
nuovi criteri.
Ad esempio, è possibile utilizzare il criterio utente di SOLIDWORKS PDM per Microsoft
Active Directory per centralizzare la distribuzione delle viste del vault sui computer client.
Per aprire l'editor Criteri di gruppo Microsoft, fare doppio clic su Criteri del gruppo .
Per informazioni sui criteri disponibili, consultare la Guida di installazione di SOLIDWORKS
PDM/SOLIDWORKS Manage.

File di registro
Il file di registro consente di visualizzare gli eventi di SOLIDWORKS PDM sul client locale.
e registra varie attività, quali accessi, tentativi di connessione al vault e accessi al
database.
È possibile utilizzare il file di registro per la risoluzione dei problemi in SOLIDWORKS PDM.

27
Impostazioni locali

Visualizzare il file di registro SOLIDWORKS PDM


Gli eventi di SOLIDWORKS PDM sono registrati in un file di registro. È possibile utilizzare
i dettagli degli eventi di errore nel file di registro per risolvere i problemi.
Per aprire il file di registro, effettuare una delle seguenti operazioni:

Ubicazione Azione

Riquadro di sinistra, Fare doppio clic su File di registro, oppure fare clic con il
Impostazioni locali pulsante destro del mouse su File di registro e fare clic su
Apri.

Menu Fare clic su Visualizza > File di registro locale.

Esplora risorse Passare alla posizione del file di registro e fare doppio clic sul
file con estensione .cog.
La posizione predefinita è:
\Users\username\AppData\Local\SOLIDWORKS\SOLIDWORKS
PDM
Dove <nome utente> è il nome utente di accesso a Windows
su questo computer.

La finestra di dialogo File di registro si apre nel riquadro di destra.

Visualizzazione dei dettagli di un evento


Utilizzare i dettagli di un evento nel registro per risolvere i problemi con SOLIDWORKS
PDM.
Per visualizzare i dettagli di un evento nel registro:
1. Aprire il file di registro.
2. Nella finestra di dialogo File di registro, fare doppio clic sull'evento.
La finestra di dialogo visualizza:
• Una descrizione dell'evento
• La data dell'evento
• Il modulo e la funzione implicati
• Il codice di errore dell'evento
• Una descrizione del codice di errore

3. Per visualizzare l'evento precedente nel registro, fare clic su Indietro.


4. Per visualizzare l'evento successivo nel registro, fare clic su Avanti.
5. Per copiare i dettagli dell'evento, fare clic su Copia.
È possibile incollare il contenuto in un'e-mail o in un documento.

28
Impostazioni locali

Copia del file di registro locale


È possibile copiare il file di registro locale SOLIDWORKS PDM su un file .cog per renderlo
disponibile all'assistenza tecnica o all'amministratore.

Lo strumento amministrativo di SOLIDWORKS PDM, installato sui sistemi client, è


necessario per visualizzare i file .cog.

Per copiare il file di registro:


1. in Impostazioni locali, fare clic con il pulsante destro del mouse su File di registro
e fare clic su Copia.

È anche possibile aprire il file di registro e fare clic su Copia file di registro .

Il file log completo viene copiato come file .cog negli Appunti Windows.

2. Per salvare il file, incollarlo:


• sul desktop
• In una cartella
• come allegato ad una email o altro documento

3. Per aprire e visualizzare il file, fare doppio clic sul medesimo.


Lo strumento Amministrazione di SOLIDWORKS PDM si apre con il file di registro
visualizzato nel pannello a destra.

Finestra di dialogo File di registro


La finestra di dialogo File di registro consente di visualizzare eventi informativi e di errore
segnalati da questo client SOLIDWORKS PDM.
Per visualizzare il file di registro:
in Impostazioni Locali fare doppio clic su Registro.
La barra del titolo mostra la posizione del file di registro. La posizione predefinita è:
\ \Users\username\AppData\Local\SOLIDWORKS\SOLIDWORKS PDM
Dove <nome utente> è il nome utente di accesso a Windows su questo computer.
Un file di registro SOLIDWORKS PDM ha l'estensione .cog. È anche possibile visualizzare
il file di registro facendo doppio clic su di esso da qualsiasi computer client SOLIDWORKS
PDM.

Sintesi del registro Visualizza una sintesi di tutte le voci del registro.
Fare doppio clic su una voce per visualizzarne i dettagli.

Mostra registro Visualizza tutte le voci del registro in formato testuale.


completo Gli eventi di errore sono evidenziati.

Rigenera Aggiorna il registro.

29
Impostazioni locali

Copia file di registro Copia l'intero file di registro negli Appunti.


È possibile incollare un file di registro copiato in una
cartella o nel corpo di un messaggio di e-mail. È anche
possibile copiare il file di registro facendo clic con il
pulsante destro del mouse su File di registro nel
riquadro di sinistra e selezionando Copia.

Vuota il registro Elimina il registro client.


Verrà creato un nuovo registro vuoto.

Trova successivo Ricerca nel registro il testo specificato nel campo Cerca
testo: .

Finestra di dialogo Impostazioni


Utilizzare la finestra di dialogo Impostazioni per cambiare le impostazioni del client
SOLIDWORKS PDM per il profilo Windows attualmente connesso.
Per visualizzare questa finestra di dialogo:
In Impostazioni locali fare doppio clic su Impostazioni o fare clic con il pulsante destro
del mouse su Impostazioni e scegliere Apri.

Finestra di dialogo Impostazioni - Accesso automatico


Utilizzare la scheda Accesso automatico per configurare SOLIDWORKS PDM in modo
che esegua l'accesso utilizzando un determinato nome utente o nome del profilo Windows
corrente.
Se non si configura l'accesso automatico, si visualizza la normale finestra di dialogo
Accesso quando si accede al vault selezionato.
Per visualizzare la finestra di dialogo Impostazioni:
fare doppio clic su Impostazioni o fare clic con il pulsante destro del mouse su
Impostazioni e scegliere Apri.

Vault Selezionare il vault da modificare.


È necessario impostare una vista locale per visualizzare un
vault nell'elenco.

Usa impostazione Utilizza l'impostazione di accesso predefinita stabilita sul server


predefinita del server archivio.
Questa opzione attiva l'accesso automatico solo per i vault
configurati per l'uso dell'accesso Windows. Utilizzare lo
strumento Configurazione del server archivio per definire il tipo
di accesso predefinito sul server di archivio.

30
Impostazioni locali

Usa accesso
automatico al vault Accedi con le credenziali utente
Esegue l'accesso utilizzando il nome utente e la password
specificati.

Accedi come utente connesso a Windows


Esegue l'accesso utilizzando il nome utente e la password del
profilo Windows attualmente connesso. Selezionare questa
opzione se il tipo di accesso al vault è definito come Accesso
Windows sul server archivio.

Questa opzione è disponibile solo per i vault configurati per


l'uso dell'accesso Windows.

Finestra di dialogo Impostazioni - scheda Riferimenti esterni


Utilizzare la scheda Riferimenti esterni per specificare le cartelle del vault nelle quali
SOLIDWORKS PDM dovrà eseguire la ricerca per la gestione dei riferimenti esterni.
Quando si esegue il check-in dei file CAD che contengono i riferimenti, SOLIDWORKS
PDM cerca i file referenziati nei percorsi restituiti dal tipo di file. Il comando di check-in
esegue la ricerca anche nelle cartelle aggiunte alla scheda Riferimenti esterni per i file
referenziati.
Le cartelle aggiunte non vengono cercate in modo ricorsivo. Notare che l'aggiunta di molte
cartelle potrebbe causare un rallentamento dell'operazione di check-in nel vault.
Per visualizzare la finestra di dialogo Impostazioni:
fare doppio clic su Impostazioni o fare clic con il pulsante destro del mouse su
Impostazioni e scegliere Apri. Selezionare la scheda Riferimenti esterni.

Seleziona vault Selezionare un altro vault nel quale ricercare i file referenziati.

Cartelle extra Fare clic su Aggiungi per selezionare le cartelle nelle quali
cercare i riferimenti esterni.

Finestra di dialogo Impostazioni - scheda Programma di


compressione
Utilizzare la scheda Programma di compressione per definire il programma da utilizzare
per comprimere i file quando si copiano insieme ai loro riferimenti utilizzando il comando
di SOLIDWORKS PDM Copia albero.

31
Impostazioni locali

Per aprire la finestra di dialogo Impostazioni:


fare doppio clic su Impostazioni o fare clic con il pulsante destro del mouse su
Impostazioni e scegliere Apri. Fare clic sulla scheda Programma di compressione.

Percorso completo del Per selezionare un altro programma di compressione,


programma di compressione fare clic su e individuarlo sul sistema.

Argomenti per il programma Immettere i parametri della riga di comando specifici


di compressione al programma di archiviazione.
Consultare la Guida del programma per la sintassi
corretta.
Parametri di SOLIDWORKS PDM:

%1
Invia il nome dell'archivio immesso nel comando
Copia albero al programma di compressione.

%2
Inserisce il percorso del file di testo temporaneo
quando si seleziona Salva i nomi dei file di origine
in un file di testo temporaneo.

Salva i nomi dei file di origine Quando si utilizza Pack and Go, memorizza i nomi dei
in un file di testo temporaneo file ed i percorsi di tutti i file referenziati in un file di
testo temporaneo.

WinZip
WinZip® è il programma di compressione predefinito. Se non è installato, è possibile
scaricare una versione di valutazione facendo clic su www.winzip.com.

Use Default Ripristina le impostazioni predefinite di WinZip.

Configurazione 7-zip come programma di compressione per


Copia albero
È possibile configurare il programma 7-zip come un programma di compressione per
Copia albero.
Per configurare il programma 7-zip:
1. Espandere Impostazioni Locali e fare doppio clic su Impostazioni.
2. Nella scheda Programma di compressione, per Percorso completo del programma
di compressione, inserire il percorso per 7z.exe.

32
Impostazioni locali

3. Per Argomenti per il programma di compressione, immettere a -tzip "%1"


@"%2".
4. Selezionare Salva i nomi dei file di origine in un file di testo temporaneo.
5. Fare clic su OK.

33
3
Vault
Questo capitolo comprende i seguenti argomenti:

• Creazione e distribuzione di vault


• Collezionare le informazioni di supporto
• Eliminazione di un vault
• Impostazioni del vault
• Archivi del vault
• Schemi cold storage
• Rapporti di SOLIDWORKS PDM (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

I vault di SOLIDWORKS PDM archiviano i file e le informazioni su elementi e file (metadati)


gestiti da SOLIDWORKS PDM.
La vista del vault è connessa a:
• server archivio, che memorizza i file fisici in un archivio del vault;
• database dei vault, che memorizza le informazioni sui file, sugli elementi e sulle attività
svolte nel vault.

Creazione e distribuzione di vault


Per aggiungere un file ad un vault, lo si colloca in una vista locale, ossia in una cartella
di lavoro in cui sono eseguite tutte le modifiche intermedie sul file.
È possibile accedere ai file e alle informazioni memorizzate in un vault solo da un sistema
sul quale è installato il client SOLIDWORKS PDM. Accedere come utente con diritti di
accesso sufficienti.

Creazione di un vault
Utilizzare lo strumento Amministrazione SOLIDWORKS PDM per creare un vault sul server
archivio.

Prerequisiti
Prima di creare un vault:

34
Vault

Verificare che tutti i componenti Fare riferimento alla Guida di installazione di


di SOLIDWORKS PDM siano stati SOLIDWORKS PDM/SOLIDWORKS Manage per
installati. informazioni sull'installazione di SOLIDWORKS PDM

Verificare che il server di archivio Se il server di archivio che si desidera utilizzare è su


sia disponibile. un altro sistema, può essere necessario aggiungerlo.
Il server di archivio potrebbe non essere accessibile se
un firewall sul sistema di archivio blocca la porta TCP
3030. Fare riferimento alla Guida di installazione di
SOLIDWORKS PDM/SOLIDWORKS Manage per
informazioni su come configurare il firewall per
SOLIDWORKS PDM.

Se SQL Server è su un sistema Potrebbe non essere accessibile se un firewall blocca


diverso rispetto al server di la porta 1433.
archivio, verificare che sia
disponibile.

Assicurarsi di disporre dei diritti L'account di utente Windows deve disporre dei diritti
di accesso sufficienti. di amministratore sul server archivio. Se si crea il vault
sullo stesso sistema del server di archivio,
l'amministratore locale ha quest'accesso per
impostazione predefinita.
Fare riferimento alla Guida di installazione di
SOLIDWORKS PDM/SOLIDWORKS Manage per
informazioni su come installare il server di archivio.

Ottenere informazioni su SQL È necessario conoscere:


Server. • il nome del server SQL.
• Informazioni di accesso per un utente con privilegi
di amministratore di sistema sufficienti per creare
un vault.
Fare riferimento alla Guida di installazione di
SOLIDWORKS PDM/SOLIDWORKS Manage per
informazioni su come installare e configurare SQL
Server.

Aggiunta di un server archivio


Per creare un vault, è necessario potersi connettere a un server archivio. Se un server
archivio è installato ma non è visibile nello strumento Amministrazione, è possibile
aggiungerlo.
1. avviare lo strumento Amministrazione effettuando una delle seguenti operazioni:
• Nei sistemi Windows 7 e Windows Server precedenti a Windows Server 2012, nel
menu di Windows Start, selezionare Tutti i programmi > SOLIDWORKS PDM
> Amministrazione.
• Nei sistemi Windows 8.1 e Windows Server 2012 o versione successiva, nella
schermata App, in SOLIDWORKS PDM , fare clic su Amministrazione.

35
Vault

2. Selezionare File > Aggiungi server.


3. Nella finestra di dialogo Aggiungi server, per Nome server, selezionare o immettere
il server da aggiungere.
Utilizzare il nome del sistema server, non il suo indirizzo IP, a meno che l'ambiente
non sia configurato per la comunicazione solo tramite IP come descritto nel Manuale
di installazione.
Quando si aggiunge un server di archiviazione a una WAN (Wide Area Network), il
DNS può non riuscire a cercare l'indirizzo IP del nome host del server. Per ovviare a
questo problema, accertarsi che il client possa raggiungere il server tramite il nome
usando ping. Se ping non funziona, aggiornare il file HOSTS locale.
Per dettagli, vedere Aggiunta di server archivio in ambiente WAN nella Guida di
installazione di SOLIDWORKS PDM/SOLIDWORKS Manage.

4. Fare clic su OK.

Connessione a un server archivio


Prima di creare un nuovo vault, potrebbe essere necessario eseguire l'accesso. Se l'account
utente che ha eseguito l'accesso a Windows dispone di diritti di amministratore sul server
di archiviazione, l'accesso non è necessario.
Per accedere a un server archivio:
1. Nella finestra di dialogo Accesso, immettere il nome e la password Windows di un
utente con accesso ai vault sul server archivio.
• Per aggiungere il server archivio ed elencarne i vault, accedere come utente membro
dell'elenco Accesso associativo nello strumento Configurazione del server archivio.
• Per eseguire operazioni amministrative, come creazione, aggiornamento o rimozione
di un vault, accedere come utente con Accesso amministrativo.

2. Se la finestra di dialogo Accesso include un elenco Dominio, procedere in uno dei


seguenti modi:
• Se si utilizza un account utente locale sul server archivio, selezionare il nome del
seguito da (account locale).
• Se si utilizza un account di dominio, selezionare o immettere il dominio corretto.

3. Fare clic su Accedi.

Creazione di un vault
Per creare un vault:
1. Connettersi ad un sistema dove il client di SOLIDWORKS PDM è installato.
2. Avviare lo strumento di amministrazione effettuando una delle seguenti operazioni:
• Nei sistemi Windows 7 e Windows Server precedenti a Windows Server 2012, nel
menu di Windows Start, selezionare Tutti i programmi > SOLIDWORKS PDM
> Amministrazione.
• Nei sistemi Windows 8.1 e Windows Server 2012 o versione successiva, nella
schermata App, in SOLIDWORKS PDM , fare clic su Amministrazione.

36
Vault

3. Se il server di archivio con il quale si intende lavorare non è elencato, aggiungerlo


nel modo descritto in Aggiunta di un server archivio alla pagina 35.
4. Nel pannello a sinistra, fare clic con il tasto destro sul server di archivio nel quale
creare il vault, quindi scegliere Crea nuovo vault.
Se appare la richiesta di accesso, vedere Connessione a un server archivio.

37
Vault

5. Nell'impostazione guidata del vault:

Schermo Azione

Benvenuto! Fare clic su Avanti.

Scegli tipo vault Selezionare Vault di SOLIDWORKS PDM Standard o Vault


di SOLIDWORKS PDM Professional.

Questa schermata compare solo per SOLIDWORKS PDM


Professional.

Scegli nome vault Immettere un nome e una descrizione per il nuovo vault.

Selezionare la cartella In Cartella archivio vault, selezionare la cartella archivio


di archivio vault per memorizzare gli archivi vault.
La cartella archivio predefinita è Archivi.

Scegli database Il database del vault, contiene le informazioni sui file e sulle
attività svolte nel vault.
Selezionare o immettere l'istanza di SQL Server Express per
ospitare il database del vault in Selezionare il server del
database.

Il database del vault Standard deve essere ospitato in SQL


Server Express.

Digitare un Nome del database.


Viene visualizzata la finestra di dialogo Accesso SQL in uno
dei seguenti casi:
• L'account di accesso SQL memorizzato dispone di privilegi
insufficienti
• L'utente non è valido in SQL Server
• La combinazione di nome utente e password non è corretta
Specificare un utente SQL come sa con permessi sufficienti.

Server licenze per vault Immettere l'indirizzo del server SolidNetWork License nel
modulo: port@SNLServerName.
Per SOLIDWORKS PDM Standard, aggiungere il nome del
server con licenza attivata per il vault Standard.
Per SOLIDWORKS PDM Professional, aggiungere il nome del
server con licenza attivata per il vault Professional.

Selezionare le Lingua
impostazioni regionali Selezionare la lingua da usare nel vault.

38
Vault

Schermo Azione

Crea utente "Admin" Effettuare una delle seguenti operazioni:


• Selezionare Usa password predefinita 'admin' per
questo server archivio.
La password utenti Admin definita durante l'installazione
del server di archivio è usata per l'utente admin del vault.
• Deselezionare l'opzione da digitare e confermare una
password.
Questo accesso è impostato sulle impostazioni di login SQL
specifiche del vault per il nuovo vault.

Configura il vault Effettuare una delle seguenti operazioni:


• Usa una configurazione basata su un file di
esportazione amministrativo (*.cex)
Navigare ad un file .cex che contiene le impostazioni da
usare per il vault, per esempio le impostazioni del vault
esportate da un altro vault.

Se si importa un file .cex da utilizzare per un vault


Standard, vengono importate le funzioni specifiche per
Standard. Tutte le funzioni che contengono elementi che
non sono supportati da Standard non verranno importate.

• Usa configurazione predefinita


Effettuare una selezione:
Vuoto
Crea una cartella dati vuota, utile per importare o creare
oggetti come schede dati e flussi di lavoro.
Default
Installa il gruppo dati installato con le versioni precedenti
di SOLIDWORKS PDM.
Avvio rapido
Installa un semplice gruppo dati con gruppi e permessi
predefiniti, utile per le aziende che installano SOLIDWORKS
PDM per la prima volta e desiderano utilizzare il software
in un ambiente di produzione in poco tempo.

Selezionare i dettagli di La scelta dell'utente sullo schermo Configura il vault determina


configurazione cosa viene visualizzato su questo schermo.

• Se si intende usare una configurazione basata su un file di


esportazione amministrativo, questo schermo non apparirà.

39
Vault

Schermo Azione

• Se si sceglie Vuoto, nessuna opzione dati sarà installata


nel vault per facilitare l'importazione dei file .cex
personalizzati creati dall'utente.

• Se si sceglie Avvio rapido SOLIDWORKS, saranno


installate le seguenti opzioni, designate per
un'implementazione di livello base di SOLIDWORKS:
Distinte materiali
• Distinta materiali standard
• Distinta materiali di saldatura
• Distinta di taglio
Schede
• Scheda cartella di default
• SOLIDWORKS
Scheda singola usata per tutti i file SOLIDWORKS.

Supporto di ricerca
Visualizzato per gli utenti quando ricercano il vault.
• Ricerca completa dei file
• Ricerca Avvio rapido

• Se si è scelta l'opzione Default, saranno disponibili le


seguenti opzioni. Fare clic sul nome di un'opzione per
visualizzare una descrizione.

Aggiunte (/>)SOLIDWORKS PDM Professional


• Dispatch

SWTaskAddin viene aggiunto al vault se si seleziona


Converti e Stampa in Esecuzione operazione.

Distinte materiali
• Distinta materiali standard
• Distinta materiali di saldatura
• Distinta di taglio

40
Vault

Schermo Azione

Schede
Schede dati di file e cartelle per SOLIDWORKS PDM
Professional:
• Adobe Acrobat
• AutoCAD
• Autodesk Inventor
• Immagini bitmap
• CAL
• Scheda cartella di default
• Microsoft Office
• MP3
• Pro/ENGINEER

Pro/ENGINEER richiede un'installazione separata di


Pro/ENGINEER Connector.

• Solid Edge
• SOLIDWORKS
• File di testo
• XML
Schede dati di file e cartelle per SOLIDWORKS PDM Standard:
• AutoCAD
• Scheda cartella di default
• Microsoft Office
• SOLIDWORKS
• File di testo

Elementi (/>)SOLIDWORKS PDM Professional


• Elementi di supporto
Il supporto degli elementi comprende le schede ricerca
elementi.

Supporto di ricerca
Visualizzato per gli utenti quando ricercano il vault.
• Ricerca completa dei file

Sono disponibili solo gli elementi supportati per Standard.

• Ricerca utente

41
Vault

Schermo Azione

Esecuzione operazione (aggiunte lato server)


Operazioni disponibili con SWTaskAddin.dll
• Converti
• Design Checker (SOLIDWORKS PDM Professional)
• Stampa (SOLIDWORKS PDM Professional)

Informazioni sulla Rivedere i parametri del vault, quindi fare clic su Fine.
revisione

Esito positivo Fare clic su Chiudi

Configurazione del vault


Per configurare il vault:
1. Espandere il vault.
Si apre la finestra di dialogo Accesso. Per un nuovo vault, il solo utente attivo è Admin.

2. Digitare la password dell'utente Admin e fare clic su Accedi.


3. Personalizzare il vault e allegare altri sistemi client.

Creazione di viste locali del vault


Per gestire i file, è necessario connettersi a un vault mediante la cartella di lavoro
denominata vista locale del vault, creata su ciascun client.
Creare un vista del vault utilizzando lo strumento Amministrazione o l'impostazione guidata
vista.

Creazione di viste con lo strumento Amministrazione


Per creare un vista del vault utilizzando lo strumento Amministrazione:
1. avviare lo strumento Amministrazione effettuando una delle seguenti operazioni:
• Nei sistemi Windows 7 e Windows Server precedenti a Windows Server 2012, nel
menu di Windows Start, selezionare Tutti i programmi > SOLIDWORKS PDM
> Amministrazione.
• Nei sistemi Windows 8 e Windows Server 2012 o versione successiva, nella
schermata App, in SOLIDWORKS PDM, fare clic su Amministrazione.

2. Se si è effettuato l'accesso:
a) Fare clic con il pulsante destro del mouse sul vault nel riquadro di sinistra, quindi
fare clic su Connetti.
b) Inserir i dati di accesso dell'utente, quindi fare clic su Accedi.

42
Vault

3. Se il server di archivio con il quale si intende lavorare non è elencato, aggiungerlo


nel modo descritto in Aggiunta di un server archivio alla pagina 35.
4. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul vault, quindi selezionare Crea vista
locale.
5. Nella finestra Seleziona cartella, selezionare la cartella in cui creare la vista del vault,
quindi fare clic su OK.
Scegliere una cartella locale sul computer, preferibilmente la cartella principale
dell'unità disco locale.

6. Quando viene chiesto se si desidera rendere la vista del vault accessibile a tutti gli
utenti su questo computer, procedere in uno dei modi seguenti:
• Fare clic su Sì per creare una vista del vault condivisa accessibile a tutti i profili
Windows su questo computer.
Questa è la scelta preferita per le normali postazioni di lavoro.
• Fare clic su No per creare una vista del vault accessibile solo al profilo utente
connesso al momento della creazione della vista del vault, ad esempio quando più
profili utente lavorano sullo stesso sistema Windows e hanno bisogno di accedere
alle proprie viste del vault individuali.
Salvare la vista locale del vault in una cartella utente accessibile solo al profilò
attualmente connesso.

Dopo aver creato la vista locale del vault, si apre una finestra Esplora risorse con la
finestra di dialogo Accesso.

7. Nella finestra di dialogo Accesso, immettere il nome e la password dell'utente e fare


clic su Accedi.
Assicurarsi che il nome utente corrisponda a un account attivato nel vault.
Una finestra di Windows Explorer di WIndows si apre visualizzando l'interfaccia utente
di SOLIDWORKS PDM nel pannello a destra.

Creazione di viste con Impostazione guidata vista


Per creare una vista del vault, è necessario aver installato il client SOLIDWORKS PDM.
Per creare una vista del vault locale con l'Impostazione guidata vista:
1. Avviare l'Impostazione guidata vista effettuando una delle seguenti operazioni:
• Nei sistemi Windows 7 e Windows Server precedenti a Windows Server 2012, nel
menu di Windows Start, selezionare Tutti i programmi > SOLIDWORKS PDM
> Imposta vista.
• Nei sistemi Windows 8 e Windows Server 2012 o versione successiva, nella
schermata App, in SOLIDWORKS PDM , fare clic su Imposta vista.

43
Vault

2. Nell'impostazione guidata vista:

Schermo Azione

benvenuti Fare clic su Avanti.

Seleziona server Dall'elenco dei server di archivio disponibili:


archivio • Selezionare un server di archivio.
• Aggiungere un server di archivio:
• Fare clic su Aggiungi.
• Nella finestra di dialogo Aggiungi server manualmente,
digitare il Nome server e fare clic su OK.
Utilizzare il nome di sistema del server e non l'indirizzo
IP, a meno che l'ambiente non sia configurato per la
comunicazione basata solo sull'indirizzo IP, come
descritto nella Guida di installazione.
• Se l'account utente non dispone di diritti di accesso
sufficienti, accedere ai vault sul server archivio da un
account con privilegi. Vedere Connessione a un server
archivio per informazioni dettagliate.
• Selezionare il nuovo server archivio.
• Selezionare gli altri server di archivio con i vault.

Seleziona vault Selezionare i vault per i quali si desidera creare una vista
locale.

Seleziona posizione • Specificare la posizione della vista del vault.


Per rendere una vista condivisa facile da trovare per tutti
i profili sul sistema, specificare la directory principale del
disco rigido locale.
• Selezionare il tipo di vista da creare:

Solo per me
La vista locale è accessibile solo per il profilo di Windows
che è attualmente connesso. Utilizzare questa opzione
se più utenti utilizzano questo sistema. Salvare la vista
locale del vault in una cartella utente accessibile al profilo
attualmente connesso.

Per tutti gli utenti su questo computer


La vista locale è accessibile a tutti i profili Windows di
questo sistema (scelta preferenziale). L’utente
attualmente connesso deve avere diritti di amministratore
locale per utilizzare questa opzione, perché richiede
l’aggiornamento del registro di sistema locale.

44
Vault

Schermo Azione

Azioni di revisione Fare clic su Fine.

Completata Fare clic su Chiudi.

Uso di una vista del vault condivisa con più profili utente
Un utente con diritti di amministratore locale Windows può creare una vista del vault
condivisa. Per impostazione predefinita, il profilo utente che crea la cartella della vista
riceve i diritti completi su tutti i file creati o memorizzati in tale vista.
Altri profili utente Windows con accesso limitato ai file potrebbero non avere diritti
sufficienti per modificare la versione locale dei file o per cambiare l'indicatore di sola
lettura, ad esempio, durante il check-out di un file.
Assicurarsi che tutti i profili utente Windows che intendono utilizzare una vista abbiano i
diritti di accesso appropriati alle cartelle e ai file di tale vista.
Gli eventi seguenti indicano che i permessi Windows sono estremamente restrittivi:
• I file in check-out si aprono in sola lettura.
• Le versioni più recenti di un file non possono essere recuperate se è già memorizzata
una versione precedente.
• I file in check-in rimangono disponibili in scrittura.
• La cancellazione della cache locale non riesce.

Modifica dei diritti di accesso ad una vista condivisa dalla finestra di


dialogo Proprietà
Per modificare i diritti di accesso ad una vista del vault condivisa dalla finestra
di dialogo Proprietà:
1. Accedere al sistema con un account utente dotato di diritti amministrativi.
2. Avviare Esplora risorse e selezionare la cartella della vista del vault.
3. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla cartella e selezionare Proprietà.
4. Nella finestra di dialogo Proprietà, fare clic sulla scheda Protezione.
5. In Utenti e gruppi, selezionare i gruppi di profilo Windows che potranno utilizzare
la vista del vault condivisa e verificare che dispongano dei diritti di accesso selezionati
(es. Controllo completo).
6. Per estendere il Controllo completo a un gruppo:
a) Selezionare il gruppo e fare clic su Modifica.
b) Nella finestra di dialogo Autorizzazioni, in Autorizzazioni per Utenti autenticati,
selezionare Consenti per Controllo completo.
c) Fare clic su OK.
7. Fare clic su OK.

45
Vault

Modifica dei diritti di accesso ad una vista condivisa dalla prompt dei
comandi
Per modificare i diritti di accesso a una vista condivisa utilizzando il prompt dei
comandi:
1. Accedere al sistema con un account utente dotato di diritti amministrativi.
2. Aprire un prompt dei comandi e accedere alla cartella padre che contiene la vista del
vault, ad esempio, cd C:\.
3. Utilizzare il comando cacls per assegnare un acceso sufficiente ai gruppi di utenti
normali e di power user.
CACLS "<nome_vista_vault>" /E /G "<nome gruppo/utente>":F
Ad esempio, per concedere il controllo di accesso sufficiente al gruppo di utenti locale,
digitare:
CACLS "c:\SWPDM File Vault" /E /G "users":F
L'articolo della Microsoft Knowledge Base 162786 fornisce ulteriori informazioni su
cacls http://support.microsoft.com/kb/162786/EN-US/.

Uso di SOLIDWORKS PDM su un server terminal


I client SOLIDWORKS PDM possono essere installati in un ambiente terminal, ad esempio
Microsoft Terminal Server o Citrix.
La seguente raccomandazione vale per l'installazione dei client SOLIDWORKS PDM in un
ambiente di server terminal:
• Il software client viene installato una volta sul server terminale, perché tutti i profili
di terminale utilizzano lo stesso sistema core e gli stessi file di programma. Non è
possibile combinare tipi di licenze client diversi sullo stesso sistema terminale. Lo stesso
tipo di licenza è utilizzato da tutti i profili client terminale.
• Per creare le viste locali del vault per client terminal, accedere utilizzando il profilo
Windows che deve accedere alla vista. Impostare le viste come private utilizzando il
tipo di associazione Solo per me o Non disponibile a tutti.

Per facilitare la gestione delle viste a molteplici profili di client terminal, utilizzare i
criteri di SOLIDWORKS PDM o creare un file amministrativo di impostazione vista.

Solo il profilo Windows per il quale è stata creata la vista può accedere alla vista del
vault. Le informazioni sulla vista sono memorizzate nella sezione dell'utente corrente
del registro, disponibile solo al profilo corrente.
• Per creare le viste private che risiedono nella stessa posizione per tutti i profili, inserirle
nella cartella principale dell’utente del terminale. Ad esempio, utilizzare le variabili di
ambiente %HOMEDRIVE%%HOMEPATH%, che possono essere definite in modo identico per
gli utenti.
• Non creare una vista condivisa accessibile a tutti sul server terminale. Tutti gli utenti
del terminali lavorano nella stessa cache locale. In una vista condivisa, possono pertanto
sovrascrivere le modifiche a vicenda.

46
Vault

Creazione di un file di impostazione vista (.cvs)


I client possono essere allegati ad un vault eseguendo il file di impostazione di una vista
(.cvs), senza eseguire l'Impostazione guidata delle viste. È possibile creare un file .cvs
da un qualsiasi client SOLIDWORKS PDM esistente.
È anche possibile avviare il file .cvs in modo invisibile mediante i trigger descritti in Script
dell'impostazione della vista del vault.
Per creare il file .cvs:
1. Avviare l'Impostazione guidata delle viste usando /a. Da Windows Start, fare clic su
Esegui, quindi digitare:
"C:\Program Files\SOLIDWORKS PDM\ViewSetup.exe" /a

2. Avanzare nella procedura guidata come se si stesse creando una vista locale.
Rimuovere qualsiasi vista di vault esistente prima di selezionare queste viste
nell'Impostazione guidata delle viste.
Nella finestra Fine, l’unica azione disponibile è Salva su file.

3. Fare clic su Fine e specificare un percorso per il file di impostazione della vista.
4. Fare clic su Chiudi.

Uso del file di impostazione vista


Per utilizzare il file di impostazione della vista:
1. Copiare il file di impostazione vista (.cvs) sul client da associare al vault.
2. Fare doppio clic sul file .cvs.
Si apre l'impostazione guidata vista con la finestra Fine che elenca i vault per i quali
saranno create le viste locali.

3. Fare clic su Fine.

Creazione di uno script per l'impostazione della vista del vault


Per distribuire la vista del vault utilizzando gli script di accesso, avviare l'impostazione
guidata vista con i trigger per automatizzare l'installazione della vista.

Trigger Descrizione

/a Crea un file di impostazione vista.

<percorso al file Apre il file di impostazione vista e consente di creare le


.cvs> associazioni utilizzando le informazioni contenute nel file.

/q Esegue l'associazione invisibile senza aprire la procedura


guidata. Funziona solo se abbinato all'opzione di comando /s
o a un file .cvs.

47
Vault

Trigger Descrizione

/s {<VaultID} Reperire l’ID del vault selezionando le proprietà del vault nello
strumento Amministrazione.
Se più server di archivio ospitano il vault, vedere Distribuzione
di una vista del vault in un ambiente WAN alla pagina 50.

Esempi
ViewSetup.exe SWPDMVault.cvs /q
Crea una vista del vault in modo invisibile utilizzando il file .cvs.
ViewSetup.exe /s {A8E07E93-F594-42c9-A01B-F613DBA53CB5}
{699C4EC3-60FC-452f-940E-8786A7AAF1B2} /a
Crea un file .cvs con i due vault specificati per ID.

Distribuzione di una vista del vault mediante Active Directory


Il criterio utente di SOLIDWORKS PDM per Microsoft Active Directory consente di distribuire
le viste del vault a livello centrale sulle workstation client.

La maggior parte delle finestre di dialogo per i criteri presentano la scheda Spiega con
un testo descrittivo sul criterio.

Reperimento dell'ID vault


Prima di configurare Active Directory, trovare l’ID univoco della vista del vault che si
desidera distribuire.
Per trovare l’ID:
1. Su un computer client, avviare lo strumento Amministrazione effettuando una delle
seguenti operazioni:
• Nei sistemi Windows 7 e Windows Server precedenti a Windows Server 2012, nel
menu di Windows Start, selezionare Tutti i programmi > SOLIDWORKS PDM
> Amministrazione.
• Nei sistemi Windows 8 e Windows Server 2012 o versione successiva, nella
schermata App, in SOLIDWORKS PDM , fare clic su Amministrazione.

2. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla vista del vault e selezionare Proprietà.
3. Nella finestra di dialogo Proprietà del vault, copiare l'ID e incollarlo in un file.

È anche possibile trovare l'ID nella tabella SystemInfo del database dei vault.

48
Vault

Distribuzione di una vista del vault


Per distribuire una vista del vault mediante Active Directory:
1. Aprire il Pannello di controllo e fare clic su Sistema e sicurezza > Strumenti di
amministrazione > Utenti e computer di Active Directory.
2. Creare un gruppo di protezione o utilizzare un gruppo esistente.
Ad esempio, immettere un nome per il gruppo SWPDMUsers.

3. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul gruppo di protezione e fare clic su
Proprietà.
4. Nella finestra di dialogo Proprietà del gruppo di protezione, nella scheda Membri,
fare clic su Aggiungi e aggiungere gli utenti a cui distribuire la vista del vault.
5. Uscire dalla finestra di dialogo Utenti e computer di Active Directory.
6. Nel Pannello di controllo, fare clic su Sistema e sicurezza > Strumenti di
amministrazione > Gestione Criteri di gruppo.
7. Nella console Gestione Criteri di gruppo, creare una nuova policy di gruppo per il
gruppo di protezione creato nei passaggi da 2 a 4.
8. Espandere Oggetti Criteri di gruppo nella foresta e nel dominio che contiene la
nuova policy di gruppo, quindi selezionare la policy di gruppo.
9. Nel riquadro destro, nella scheda Impostazioni, fare clic con il pulsante destro del
mouse su Configurazione utente, quindi fare clic su Modifica.
10. Nell'Editor Gestione Criteri di gruppo, accedere a Configurazione utente > Criteri
> Modelli amministrativi.
11. Fare clic con il pulsante destro del mouse e selezionare Aggiunta/Rimozione
modelli.
12. Nella finestra di dialogo Modelli criteri:
a) Fare clic su Aggiungi.
b) Sul DVD di SOLIDWORKS, navigare a \SWPDMClient\Support\Policies.
c) Selezionare PDMWorks Enterprise.ADM e fare clic su Apri.
d) Una volta caricata la policy, fare clic su Chiudi.
Le opzioni del criterio Impostazioni di SOLIDWORKS PDM vengono visualizzate
in Modelli amministrativi > Modelli amministrativi classici (ADM).

13. Passare alla cartella Imposta vista e fare doppio clic su Impostazione automatica
vista.
14. Nella finestra di dialogo Proprietà di impostazione automatica vista:
a) Selezionare Attivato.
b) Fare clic su Mostra per visualizzare l'elenco di tutte le viste da installare.
c) Nella finestra di dialogo Mostra contenuto, fare clic su Aggiungi per aggiungere
la vista del vault.
d) Nella finestra Aggiungi elemento, digitare un nome per la vista da distribuire.
Consiglio: Utilizzare lo stesso nome del vault.
e) Aggiungere l'ID vault al campo per il valore dell'elemento.
f) Fare clic su OK tre volte.
Se più server di archivio ospitano il vault, vedere Distribuzione di una vista del
vault in un ambiente WAN alla pagina 50.

49
Vault

15. Per annunciare la nuova vista quando l'utente esegue l'accesso, SOLIDWORKS PDM
deve essere avviato. Per automatizzare l'avvio, passare alla cartella Gestione accessi
e attivare il criterio Avvia gestione accessi SOLIDWORKS PDM all’accesso in
Windows.
16. Uscire dall'Editor oggetti Criteri di gruppo e dalla console Gestione Criteri di gruppo.

Ricezione di una vista del vault distribuita


Gli utenti ricevono la notifica automatica quando si distribuisce la vista di un vault:
• all’accesso successivo, un utente facente parte del gruppo di distribuzione vedrà il
seguente avviso che lo informa sulla disponibilità della nuova vista:
L’amministratore del sistema ha assegnato nuovi vault da associare.
Fare clic qui per allegarli.
Facendo clic nel messaggio appare la finestra Seleziona posizione di Impostazione
guidata vista per salvare la vista.
In alternativa, gli utenti possono fare clic sull'icona SOLIDWORKS PDM per visualizzare
l'opzione Allega dove sono disponibili le viste distribuite.
• Se nel criterio di impostazione automatica della vista è stata selezionata l’opzione
Impostazione viste silenziosa, apparirà il messaggio seguente:
L’amministratore del sistema ha assegnato nuovi vault. Fare clic qui
per sfogliare.
Facendo clic nel messaggio la vista del vault si apre in Esplora risorse.
Per utilizzare il criterio di impostazione invisibile della vista, i profili utente del dominio
che fanno uso del criterio devono far parte dell’elenco di accesso con diritti di
associazione (o amministrativi), indicati nella sezione Protezione dello strumento di
configurazione del server archivio. In caso contrario, si dovrà creare la vista
manualmente mediante l’opzione Associa.

Distribuzione di una vista del vault in un ambiente WAN


Per impostazione predefinita, il server archivio si annuncia in rete ai client utilizzando
l'interfaccia di trasmissione tramite la porta 3030. In questo modo, l'impostazione guidata
vista o lo strumento Amministrazione può elencare automaticamente il server archivio.
Quando si distribuisce una vista del vault mediante uno script o un criterio Active Directory,
il client utilizza il primo server archivio che si annuncia. Questo server può non essere
quello corretto, ad esempio, in un ambiente replicato con più server.
In caso di problemi con l'uso delle viste distribuite tramite script o criteri su reti WAN o
ad accesso limitato, aggiungere manualmente il server corretto utilizzando il criterio
Impostazioni di SOLIDWORKS PDM.

50
Vault

Configurazione del server archivio


Per configurare manualmente il server archivio annunciato ai client:
1. Su un computer client, avviare lo strumento Amministrazione effettuando una delle
seguenti operazioni:
• Nei sistemi Windows 7 e Windows Server precedenti a Windows Server 2012, nel
menu di Windows Start, selezionare Tutti i programmi > SOLIDWORKS PDM
> Amministrazione.
• Nei sistemi Windows 8 e Windows Server 2012 o versione successiva, nella
schermata App, in SOLIDWORKS PDM , fare clic su Amministrazione.

2. In Impostazioni locali, fare doppio clic su Criteri di gruppo.


3. In Editor Criteri di gruppo locali, fare clic su Configurazione utente > Modelli
amministrativi > Modelli amministrativi classici (ADM) > Impostazioni di
SOLIDWORKS PDM .
Se Modelli amministrativi classici non appare nell'elenco, fare clic con il pulsante
destro del mouse su Modelli amministrativi selezionare Aggiunta/Rimozione
modelli. Nella finestra di dialogo Modelli criteri, spostarsi a
\SWPDMClient\Support\Policies\PDMWorks Enterprise.ADM sul DVD di
SOLIDWORKS per aggiungere il modello di policy Impostazioni di SOLIDWORKS
PDM
4. Disattivare il broadcast normale per il criterio SOLIDWORKS PDM:
a) Nella riquadro di destra, fare doppio clic su Disattiva broadcast.
b) Nella finestra di dialogo Proprietà di Disattiva trasmissione, selezionare
Disattivato, quindi fare clic su OK.
5. Peraggiungere il server archivio al quale dovranno connettersi i client:
a) Fare clic su Imposta vista.
b) Fare doppio clic su Configura pagina server selezionata.
c) Nella finestra di dialogo Proprietà di Configura pagina server selezionata, scegliere
Attivato.
d) Fare clic su Mostra per visualizzare i server predefiniti.
e) Nella finestra di dialogo Mostra contenuto, fare clic su Aggiungi per aggiungere
il server.
f) Nella finestra di dialogo Aggiungi elemento, digitare il nome del server archivio
e la porta (solitamente 3030).
g) Fare clic su OK per chiudere tutte le finestre di dialogo.
Quando si distribuiscono le viste del vault, i client dovranno usare il server archivio
specificato.

Criteri di gruppo delle impostazioni di SOLIDWORKS PDM


Per specificare la configurazione di SOLIDWORKS PDM su un client, utilizzare le opzioni
del criterio per distribuire le impostazioni SOLIDWORKS PDM come descritto in
Distribuzione di una vista del vault mediante Active Directory alla pagina 48. In
alternativa, aggiungere manualmente il criterio SOLIDWORKS PDM su un client come
criterio di gruppo locale.

51
Vault

Aggiunta manuale di un criterio


Per aggiungere manualmente il criterio:
1. avviare lo strumento Amministrazione effettuando una delle seguenti operazioni:
• Nei sistemi Windows 7 e Windows Server precedenti a Windows Server 2012, nel
menu di Windows Start, selezionare Tutti i programmi > SOLIDWORKS PDM
> Amministrazione.
• Nei sistemi Windows 8 e Windows Server 2012 o versione successiva, nella
schermata App, in SOLIDWORKS PDM , fare clic su Amministrazione.

2. In Impostazioni locali, fare clic su Criteri di gruppo, quindi su Apri.


3. Nella finestra di dialogo Criteri di gruppo, fare clic su Configurazione utente, fare
clic con il pulsante destro del mouse su Modelli amministrativi, quindi selezionare
Aggiunta/Rimozione modelli.
4. Nella finestra di dialogo Aggiunta/Rimozione modelli, fare clic su Aggiungi.
5. Nella finestra di dialogo Modelli criteri, spostarsi in
\SWPDMClient\Support\Policies\PDMWorks Enterprise.ADM sul DVD di
SOLIDWORKS e fare clic su Apri.
Le opzioni del criterio Impostazioni di SOLIDWORKS PDM vengono visualizzate
in Modelli amministrativi > Modelli amministrativi classici (ADM).

6. Fare clic su Chiudi.

Impostazione delle opzioni dei criteri

Impostazioni

Criterio Descrizione

Configura porta di Definisce la porta utilizzata per la trasmissione. Per


broadcast impostazione predefinita, è la porta 3030, che solitamente non
è necessario cambiare. Questa porta deve corrispondere a
quella del server archivio.

Disattiva broadcast Impedisce agli utenti di utilizzare il broadcast per trovare i


server archivio su una subnet locale. Vengono utilizzati solo i
server aggiunti manualmente. Questo criterio è utile quando
si deve verificare che uno server archivio specifico sia in uso.
Vedere Distribuzione di una vista del vault mediante Active
Directory alla pagina 48.

Disattiva aggiornamento In genere il broadcast aggiorna (ricarica) Item Explorer e le


automatico vista viste di File Explorer quando qualcosa viene modificato
(rinominato, Check Out e così via) da un altro client
SOLIDWORKS PDM. Utilizzare questo criterio per disattivare
tali aggiornamenti, impedendo l'aggiornamento automatico
delle viste. Gli utenti possono aggiornare i loro dati
manualmente premendo F5.

52
Vault

Impostazioni di Gestione accessi

Criterio Descrizione

Attiva server alternativi Se un vault è replicato, la finestra di dialogo Accesso


presenta un elenco sul server archivio su cui risiede un
vault replicato al quale l'utente può connettersi. Questo
criterio consente agli utenti di lavorare su più sistemi
su cui risiede un vault replicato. L'elenco presenta
solamente i server in trasmissione. A scelta, includere
il server nel criterio Aggiungi server alternativi.

Avvia gestione accessi Impostare questo criterio quando si distribuiscono le


SOLIDWORKS PDM all'accesso viste con il criterio Impostazione automatica vista.
in Windows Avvia la gestione degli accessi SOLIDWORKS PDM
all'accesso, in modo da consentire l'aggiunta delle viste.

Aggiungi server alternativi L’elenco dei server alternativi contiene i server in


broadcast disponibili che ospitano un vault replicato.
Se il broadcast non presenta il server in elenco, lo si
dovrà aggiungere manualmente mediante questo
criterio. Aggiungere il nome del server come Nome
valore e la porta del server come Valore.

Opzioni di Impostazioni vista

Criterio Descrizione

Disattiva aggiunta server Impedisce all’utente di aggiungere manualmente i server


all’elenco delle origini dei vault nell’impostazione guidata vista.
Utilizzare questo criterio insieme a Disattiva broadcast e
Seleziona pagina server per limitare i client a un set specifico
di server.

Seleziona pagina di Determina il contenuto della finestra Seleziona posizione


associazione dell'impostazione guidata vista. Utilizzare questa impostazione
quando si aggiungono le viste in modo invisibile.

Ubicazione
Imposta la posizione predefinita per l'associazione del vault.
Usare negli ambienti di servizi terminal per creare viste del
vault in una directory specifica, in genere l'unità home
dell'utente.

Tipo
Imposta il tipo di associazione del vault predefinito.
Solitamente, un utente Windows con restrizioni non è
autorizzato ad aggiungere viste del vault su un computer.

53
Vault

Criterio Descrizione

Seleziona pagina server Determina il contenuto della finestra Seleziona server archivio
dell'impostazione guidata vista. Aggiungere i nomi di server
archivio predefiniti all’elenco dei server da scegliere. Digitare
il nome del server archivio e specificare la porta (3030) come
Valore. Utilizzare questo criterio insieme a Disattiva
trasmissione e Disattiva aggiunta server per imporre ai
client l'uso di un set specifico di server. Utilizzare questo criterio
anche quando la trasmissione impedisce al server archivio di
apparire nell'elenco dell'impostazione guidata vista (es. su una
WAN).

Impostazione Utilizzare questo criterio per distribuire le viste del vault ai


automatica vista computer client. Aggiungere il nome e l'ID del vault delle viste
da annunciare. Quando si utilizza Impostazione invisibile
viste, le viste vengono aggiunte senza intervento dell’utente.
Per sincerarsi che la vista sia creata nella posizione corretta,
definire anche il criterio Seleziona pagina di associazione.
Se i computer client risiedono su sottoreti diverse e non
ricevono la trasmissione, definire il criterio Seleziona pagina
server.

Impostazioni Explorer

Criterio Descrizione

Configura anteprime Definisce la dimensione e il colore delle anteprime create sul


server archivio.

Estensioni disegno Quando si disattiva l'opzione Includi elemento selezionato,


i file di disegno non vengono considerati come nodi principali
e quindi sia i disegni sia gli assiemi vengono esclusi. Utilizzare
questa opzione per aggiungere altre estensioni che devono
essere considerate come i disegni nella vista Distinta materiali.
Per impostazione predefinita, i file SLDDRW e IDW sono
considerati come disegni.

Finestra di dialogo Proprietà del vault


Utilizzare la finestra di dialogo Proprietà del vault per visualizzare i dettagli del vault,
cambiare il formato della data e bloccare o consentire gli accessi. La maggior parte delle
informazioni nella finestra di dialogo è memorizzata nel registro.
Per visualizzare questa finestra di dialogo:
fare clic con il pulsante destro del mouse sul vault e scegliere Proprietà.

54
Vault

Nome database Nome del vault.

Server database Il computer su cui risiede il vault.

Cartella locale La posizione della copia locale del vault.

Versione archivio La versione dell'archivio.

ID vault ID di registro del vault.

Formato data Consente di modificare il formato della data.

Stato di blocco Indica se gli accessi sono permessi o bloccati.


Fare clic su Blocca accessi per impedire agli utenti di accedere
al vault.
Fare clic su Autorizza accessi per consentire l'accesso agli
utenti.

Descrizione

Aggiornamenti Elenca gli aggiornamenti installati.


installati Per ulteriori informazioni su un aggiornamento, fare clic con il
pulsante destro del mouse su di esso e selezionare Mostra
dettagli aggiornamento.

Finestra di dialogo Aggiungi server


Utilizzare questa finestra di dialogo per aggiungere un server su cui risiede archivi di
vault.
Per visualizzare questa finestra di dialogo:
Fare clic su File > Aggiungi server.

Nome server Selezionare il server da aggiungere o digitarne il nome. Non


utilizzare un indirizzo IP a meno che il vault non sia configurato
solo per la comunicazione IP.

Porta server Porta TCP per il server. Il valore predefinito è 3030.

Aggiornamento di un vault da Standard a Professional


Una volta aggiornato, non è possibile effettuare il downgrade di un vault Professional a
un vault Standard. La procedura non può essere annullata senza un backup.
Per dettagli, vedere Guida di installazione di SOLIDWORKS PDM/SOLIDWORKS Manage.

55
Vault

Collezionare le informazioni di supporto


La procedura guidata Colleziona informazioni di supporto consente di raccogliere le
informazioni relative al vault di SOLIDWORKS PDM in un solo pacchetto che può essere
inviato al supporto tecnico di SOLIDWORKS.
Se si vuole creare un backup del database SQL del vault, creare una cartella di destinazione
per il backup prima di eseguire la procedura guidata. Il percorso deve essere valido sul
sistema di server SQL, non sul computer del client dove si esegue la procedura guidata
Colleziona informazioni di supporto.
Per collezionare le informazioni di supporto:
1. accedere come utente Admin.
2. Fare clic con il tasto destro sul vault per collezionare le informazioni e fare clic su
Colleziona informazioni di supporto.
3. Nello schermo Colleziona log ed impostazioni, selezionare da queste opzioni:

Opzione Descrizione

File log del server di Errori ed eventi registrati nel server di archivio.
archivio

Statistiche del Contiene semplici statistiche come i conteggi delle tabelle più
database importanti.
Comprende la versione di server SQL e i service pack ed
informazioni circa tutti gli aggiornamenti e i service pack
effettuati su SOLIDWORKS PDM.
Fornisce informazioni relative alla dimensione del vault per
le problematiche relative alla prestazione.

Informazioni sulla Numeri di versione di tutti i file .exe e .dll nell'installazione


versione di SOLIDWORKS PDM.
dell'applicazione
SOLIDWORKS PDM

Sezione registro Comprende sia la macchina locale che le sezioni dell'utente


SOLIDWORKS PDM corrente del registro.

Informazioni Sistema operativo e service pack, ID locale e versione di


ambiente Internet Explorer.

Aggiunte installate Comprende l'intero pacchetto aggiuntivo per tutte le aggiunte


installate.

File log client Errori ed eventi registrati nel sistema locale.


SOLIDWORKS PDM

Log eventi locali Log visualizzatore eventi del sistema client.

Fare clic su Avanti

56
Vault

4. Nello schermo Colleziona archivi, come opzione, aggiungere le cartelle specifiche o i


file al pacchetto.
La dimensione non compressa del pacchetto basato sui file e le cartelle scelte viene
visualizzato.

5. Nello schermo Crea backup SQL:


a) come opzione, selezionare Genera un backup nella seguente ubicazione e
specificare l'ubicazione per memorizzare il backup.

Il file di backup non è compreso nel pacchetto. Copiarlo per il supporto manuale.

b) Fare clic su Avanti.


6. Nello schermo Aggiungi informazioni addizionali, aggiungere un messaggio di testo
come descrizione di un problema al pacchetto.
Ciò appare nel file finale .zip con nome AdditionalInformation.txt.
Fare clic su Avanti.

7. Nello schermo Crea pacchetto:


a) Fare clic su Sfoglia.
b) Nella finestra Apri, specificare il nome del pacchetto e l'ubicazione per memorizzare
il pacchetto e fare clic su Salva.

Comprendere data e ora nel nome.

c) Come opzione, fare clic su Apri la cartella dove è memorizzato il file.


Al completamento del pacchetto, la procedura guidata aprirà la cartella.
d) Fare clic su Fine.
Lo schermo Visualizza risultato mostra l'avanzamento di creazione del pacchetto.
Una volta completato il pacchetto, apparirà un messaggio di successo.

8. Fare clic su OK.


Se si sceglie di aprire la cartella con il pacchetto nel punto 7, si aprirà un Explorer
Window con il pacchetto selezionato.

9. Fornire il pacchetto informativo di supporto al supporto tecnico.

Eliminazione di un vault
L'eliminazione permanente di un vault rimuove il database dei vault e gli archivi.
Per eliminare un vault dal server:
1. Accedere allo strumento Amministrazione come utente con permessi di gestione vault.
2. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul vault e selezionare Rimuovi.
3. Se un messaggio invita ad autenticarsi sul server archivio, accedere come utente
Windows con diritti di amministratore.

57
Vault

4. Nella conferma di eliminazione del vault, fare clic su Sì.

Questa operazione non può essere annullata. Assicurarsi di aver salvato una copia
di backup del database dei vault e degli archivi prima di rimuovere il vault.

5. Se appare una finestra di dialogo Utenti connessi, assicurarsi che tutti gli utenti in
elenco si siano disconnessi, quindi fare clic su Riprova.
Il database dei vault e gli archivi sono eliminati.
6. Se si visualizza una finestra di dialogo con un elenco delle connessioni database
correnti, fare clic su Sì per disconnettere tali processi.
7. Le viste locali del vault sono rimosse. Se richiesto, decidere se mantenere o eliminare
il contenuto della vista locale.

Finestra di dialogo Utenti connessi


Questa finestra di dialogo mostra l'elenco degli utenti attualmente connessi. Avvisare gli
utenti che è necessario disconnettersi, quindi fare clic su Riprova. Questa finestra di
dialogo si visualizza quando non è possibile completare un'operazione fino a quando tutti
gli utenti non siano disconnessi.

Nome Nome dell'utente connesso.

Computer Nome del computer al quale è connesso l'utente.

Durata accesso Data e ora di accesso dell'utente.

Finestra di dialogo Rimuovi vault


Questa finestra di dialogo visualizza le connessioni database attive. Questa finestra di
dialogo appare quando si rimuove un vault. È possibile ignorare le connessioni database
e procedere alla rimozione o annullare l'operazione.

Programma Nome del programma eseguito dal processo.

Computer Nome del computer sul quale è in esecuzione il processo.

Utente Nome del processo che utilizza il vault.

Processo ID numerico del processo.

Impostazioni del vault


L'ambiente di SOLIDWORKS PDM può essere personalizzato usando lo strumento
Amministrazione per aggiungere e modificare le impostazioni del vault.

58
Vault

Alcune impostazioni sono già fornite, come ad esempio le distinte materiali di default, le
variabili, i tipi di file e il flusso di lavoro di default. Le altre vengono create attraverso
l'uso delle creazioni guidate e le finestre di dialogo.
Le impostazioni possono essere uniche ad un vault o usate nei vault multipli esportando
un gruppo di impostazioni da un vault e importandone le impostazioni in altri vault.

Esportazione impostazioni del vault


La maggior parte di impostazioni/strumenti amministrativi ha una funzione di esportazione
che consente di esportare le impostazioni da un vault per renderle disponibili negli altri
vault o per il collaudo.
Per esempio, se si crea un gruppo di colonna in un vault, esportarlo su un file che può
essere importato in un altro vault.
Le impostazioni vengono esportate in formato file .cex.
Si possono esportare tutte le impostazioni per un oggetto o selezionare un'impostazione
specifica ed esportarla. Per esempio, si possono esportare tutti i gruppi di colonna o
esportare uno specifico gruppo di colonna.

L'esportazione delle impostazioni amministrative è diversa dall'esportazione dei dati di


file per uso con i sistemi ERP. Per le informazioni relative all'Esportazione dati, vedere
Creazione di una regola di esportazione alla pagina 228.

Gli strumenti che non hanno l'esportazione:


• Indicizzazione
• Licenza
• Sistema di messaggistica
• Toolbox
Per esportare le impostazioni del vault:
1. Fare clic con il pulsante destro del mouse sull'oggetto e selezionare Esporta.
Si aprirà una finestra di dialogo File di esportazione amministrativo, che elenca gli
oggetti e le impostazioni in corso di esportazione usate da tale oggetto.
Se si esporta un flusso di lavoro, l'impostazione da cui dipende il flusso di lavoro,
come ad esempio i numeri di revisione o i modelli delle distinte materiali, saranno
anch'essi esportati.

Le impostazioni di gruppo sono comprese nei file di esportazione per oggetti quali
schede di ricerca, distinte materiali, modelli, ecc. Tutte le impostazioni dei permessi
non sono incluse nei file di esportazione, ad esempio i permessi delle cartelle. Alcune
impostazioni dell'utente sono incluse nel file di esportazione, ad esempio le
impostazioni dei menu e i permessi amministrativi.

2. Per rimuovere un'impostazione o una variabile, fare clic con il tasto destro del mouse
e scegliere Rimuovi.
3. Per aggiungere le impostazioni, comprese le impostazioni da altri strumenti, trascinarle
nella finestra di dialogo.

59
Vault

4. Per modificare le impostazioni non dipendenti dal vault, come i permessi amministrativi
di un utente o gli attributi di una variabile, fare doppio clic sull'oggetto da modificare.

Se un oggetto o impostazione non può essere modificata, apparirà come non


disponibile o un messaggio informerà che tale oggetto non può essere modificato.

5. Per salvare le impostazioni esportate, fare clic su Salva (barra degli strumenti
Amministrazione) o su File > Salva.

Se si chiude la finestra di dialogo senza salvare, l'utente sarà sollecitato a salvare.

6. Nella finestra di dialogo Salva con nome:


a) Per Salva in, digitare o selezionare la directory nella quale salvare le impostazioni.
La directory di default per i file .cex è Dati di default.
b) Digitare un nome di file o accettare il nome proposto come default.
c) Fare clic su Salva.

Importazione impostazioni del vault


L'opzione Importa del vault di SOLIDWORKS PDM consente di aggiungere le impostazioni
esportate da un altro vault.
Quando si importano i dati nel vault Standard, gli oggetti che contengono le funzioni che
non sono supportate dal vault Standard non sono importati.
Per esempio, si crea un gruppo di colonna in un vault, lo si esporta su un file .cex e lo
si importa in un altro vault.
Le impostazioni usate da un oggetto esportato sono comprese nel file .cex. Ad esempio
un flusso di lavoro esportato, contiene le impostazioni dalle quali dipende il flusso di lavoro
come ad esempio i numeri di revisione o i modelli delle distinte materiali.

Le impostazioni di gruppo sono comprese nei file .cex per oggetti quali schede di
ricerca, distinte materiali, modelli, ecc. Tutte le impostazioni dei permessi non sono
incluse nei file di esportazione, ad esempio i permessi delle cartelle. Alcune impostazioni
dell'utente sono incluse nel file di esportazione, ad esempio le impostazioni dei menu
e i permessi amministrativi.

Se si importa un file .cex per un ruolo o per una transizione parallela che include un
ruolo in un vault che ha già un ruolo dello stesso nome, i dati dal ruolo importato non
sostituiscono né si uniscono al ruolo esistente. Non vengono visualizzati messaggi.

Si possono importare le impostazioni del vault di default:


• Quando si aggiorna a una versione nuova di SOLIDWORKS PDM e si aggiornano i vault
esistenti.
• Per aggiungere le impostazioni non selezionate con la creazione del vault.

Se l'oggetto in fase di importazione esiste già nel vault, viene visualizzato un avviso
che chiede se deve essere sovrascritto. Alcuni oggetti, come ad esempio i flussi di
lavoro, non possono essere sovrascritti e sono importati con un nuovo nome.

60
Vault

Per importare le impostazioni del vault, procedere in uno dei modi seguenti:
• Fare clic con il pulsante destro del mouse su un vault nello strumento Amministrazione,
fare clic su Importa e selezionare un file .cex da importare.
• Trascinare le impostazioni dalla finestra di dialogo File di esportazione amministrativo
in un vault.
• Trascinare un oggetto da un vault a un altro.

Importazione mediante l'opzione Importa


L'opzione Importa nel menu contestuale del vault consente di importare le impostazioni
del vault memorizzate nei file .cex.
Per importare le impostazioni del vault:
1. Fare clic con il tasto destro sul vault nel quale importare le impostazioni e scegliere
Importa.
2. Nella finestra di dialogo Apri, utilizzare l'elenco Cerca in per passare al percorso
delle impostazioni da importare.
Le impostazioni predefinite sono ubicate nella directory
<install_dir>\Programmi\SOLIDWORKS PDM\Default Data.
3. Selezionare le impostazioni da importare e fare clic su Apri.
4. Se un messaggio avverte che un oggetto in via di importazione già esiste nel vault.
• Fare clic su Sì per sovrascrivere l'oggetto esistente con le impostazioni dell'oggetto
importato.
• Fare clic su Sì a tutto per sovrascrivere ciascun oggetto esistente con un nuovo
oggetto corrispondente.
• Fare clic su No per mantenere le impostazioni originali dell'oggetto.
• Fare clic su No a tutto per mantenere le impostazioni per tutti gli oggetti che già
esistono nel vault.

5. Quando appare un messaggio di conferma del completamento dell'importazione, fare


clic su OK.

Aggiunta di impostazioni dopo la creazione di un vault


Si possono aggiungere le impostazioni di configurazione dopo aver creato un vault,
importandole dalle directory Default Data e Default Card.
Queste impostazioni determinano le schede, i formati delle distinte materiali, le operazioni
e le aggiunte disponibili nel vault.
Per aggiungere le impostazioni:
• Importare le schede di default per aggiungere schede file, cartella, elemento e di
ricerca.
• Importare le impostazioni dei dati di default per aggiungere formati delle distinte
materiali, operazioni e aggiunte.

61
Vault

Impostazioni di default del vault importabili


Le tabelle seguenti identificano le opzioni per la creazione del vault, le impostazioni
corrispondenti ed i risultati nello strumento Amministrazione quando si importano le
impostazioni.

Aggiunte (solo SOLIDWORKS PDM Professional)


Utilizzare la procedura Aggiunta di impostazioni a Default Data alla pagina 67 per
installare le aggiunte da directory_installazione\Default Data dove
directory_installazioneè l'ubicazione di installazione di SOLIDWORKS PDM e lingua
è il codice di nazione corrispondente alla lingua.

L'aggiunta SOLIDWORKS Task viene installata automaticamente quando si importano


le operazioni Converti e Stampa.

Opzione di creazione del File da importare e risultato nella cartella Aggiunte


vault

Dispatch Dispatch.caf
Dispatch

Se si effettua un'installazione distinta di Pro/ENGINEER Connector, sarà possibile


importare il Pro/ENGINEER Save File Enabler (Addrenamer.caf).

Distinte materiali
Utilizzare la procedura Aggiunta di impostazioni a Default Data alla pagina 67 per
aggiungere le impostazioni distinta materiali da directory_installazione\Default
Data dove directory_installazione è l'ubicazione di installazione di SOLIDWORKS
PDM e lingua è il codice di nazione corrispondente alla lingua.

Opzione di creazione del File da importare e risultato nella cartella Distinta


vault materiali

Distinta materiali standard BOM_lingua.cex


Distinta materiali

Distinta materiali di BOM_Weldment_lingua.cex


saldatura Distinta di saldatura

Distinta di taglio BOM_WeldmentCutList_lingua.cex


Distinta di taglio

62
Vault

Schede
Utilizzare la procedura Aggiunta di schede di default alla pagina 66 per aggiungere le
schede da directory_installazione\Default Cards dove directory_installazione
è l'ubicazione di installazione di SOLIDWORKS PDM e lingua è il codice di nazione
corrispondente alla lingua.

Opzione di creazione del File da importare e risultato nella cartella Schede o


vault Schede file

Adobe Acrobat all(pdf)_lingua.crd


Scheda PDF

AutoCAD mech(dwg file_dxf)_lang.crd File DWG


Scheda file DWG

AutoDesk Inventor
all(apj)_lingua.crd
Scheda progetto ADT

all(ipt_iam_idw_ipn_ide)_lingua.crd
Scheda Inventor

Immagini bitmap all(jpg_gif_bmp_png_dib_tga_tiff_pcx)_lingua.crd


Scheda immagine

CAL all(cal_cg4_gp4_mil)_lingua.crd
Scheda CALS

Scheda cartella di default all(.)_lingua.crd


Scheda Schede cartella\Cartella

Microsoft Office
all(doc_xls_ppt_pub_dot)_lingua.crd
Scheda Office

all(msg)_lingua.crd
Scheda Messaggio Outlook

MP3 all(mp3)_lingua.crd
Scheda MP3

63
Vault

Opzione di creazione del File da importare e risultato nella cartella Schede o


vault Schede file

Pro/ENGINEER
ProE Assembly_lingua.crd
Scheda Assieme ProE

ProE Default_lingua.crd
Scheda di default ProE

ProE Drawing_lingua.crd
Scheda Disegno ProE

ProE Part_lingua.crd
Scheda Parte ProE

Effettuare un'installazione distinta di Pro/ENGINEER


Connector prima di importare il Pro/ENGINEER Save File
Enabler.

SolidEdge all(asm_par_psm_pwd_dft)_lingua.crd
Scheda Solid Edge

SOLIDWORKS
All(sldasm_asm)_lingua.crd
Scheda Assieme SOLIDWORKS

All(slddrw_drw)_lingua.crd
Scheda Disegno SOLIDWORKS

all(sldprt_prt)_lingua.crd
Scheda Parte SOLIDWORKS

Testo all(txt)_lingua.crd
Scheda Testo

XML all(xml)_lingua.crd
Scheda XML

64
Vault

Elementi (solo SOLIDWORKS PDM Professional)


Utilizzare la procedura Aggiunta di impostazioni a Default Data alla pagina 67 per
abilitare la maggior parte delle impostazioni.
Utilizzare la procedura Aggiunta di schede di default alla pagina 66 per impostare
schede elemento e di ricerca.

Opzione di creazione del File da importare e risultato nello strumento


vault Amministrazione

Elementi di supporto Default Data\all_Item Setup_lang.cex


Distinta materiali > Distinta materiali elementi
Il nodo Elementi è attivato. Fare doppio clic per
configurare gli elementi.
Numeri seriali > Numero elemento
Modifica delle variabili seguenti:

Costo Numero

Descrizione Part Type

Materiale Revision

Default Cards\all(Item Card)_gb.crd


Item Cards\SOLIDWORKS Item Card

Default Cards\all(Item Search Property_gb.crd


Search Cards\Item Property Search

Default Cards\all(Item Search Simple)_gb.crd


Search Cards\Item Quick Search

Default Cards\all(Item Search)_gb.crd


Search Cards\Item Complete Search

Supporto di ricerca
Utilizzare la procedura Aggiunta di schede di default alla pagina 66 per abilitare il
supporto della ricerca.

65
Vault

Opzione di creazione del File da importare e risultato nelle Schede/Schede


vault ricerca

Ricerca completa dei file all(Search Complete)_lingua.crd


Ricerca completa

Ricerca utente (solo all(Search Users)_lingua.crd


SOLIDWORKS PDM Mostra utenti
Professional)

Esecuzione operazione (solo SOLIDWORKS PDM Professional)


Utilizzare la procedura Aggiunta di impostazioni a Default Data alla pagina 67 per
abilitare l'esecuzione dell'operazione.

L'importazione di operazioni Converti e Stampa installa anche l'aggiunta SOLIDWORKS


Task.

Opzione di creazione del File da importare e risultato nelle Operazioni


vault

Converti Convert_gb.cex
Conversione

Stampa Print_gb.cex
Stampa

Design Checker DesignChecker_gb.cex


Design Checker

Aggiunta di schede di default


Si possono aggiungere le schede dopo aver creato un vault, importandone le impostazioni
dalla directory Default Card.
Per importare una scheda di default:
1. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Schede e selezionare Apri Editor
scheda.
2. Selezionare File > Importa.
3. Nella finestra di dialogo Apri, navigare a directory_installazione\Default
Cards\.
4. Selezionare la scheda da importare.
Utilizzare il codice di lingua nel nome della scheda per selezionare la scheda appropriata
per la lingua. Ad esempio, _gb.crd indica una scheda per la lingua inglese.
5. Fare clic su Apri.

66
Vault

6. Selezionare File > Salva.


7. Nella finestra di dialogo Salva scheda, non modificare alcuna opzione. Fare clic su
Salva.
La scheda appare nella cartella appropriata (Schede file, Schede cartella, Schede
elemento o Schede modello) sotto Schede.

Aggiunta di impostazioni a Default Data


Si possono aggiungere formati di distinta materiali, aggiunte e operazioni Converti e
Stampa dopo aver creato un vault, importando le impostazioni dalla directory Default
Data.

Nel vault SOLIDWORKS PDM Professional, l'aggiunta di un'operazione Converti o Stampa


aggiunge anche l'Aggiunta SOLIDWORKS Task al nodo Aggiunte.

Per importare le impostazioni dei dati di default:


1. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul vault e selezionare Importa.
2. Nella finestra di dialogo Apri, navigare a directory_installazione\Default
Data.
3. Selezionare uno dei seguenti tipi di file:
• Per importare un'aggiunta, selezionare il file .caf appropriato.
• Per importare formati di distinta materiali od operazioni, selezionare il file .cex
appropriato.
Utilizzare il codice di lingua nel nome del file per selezionare il file appropriato per
la lingua. Ad esempio, _gb.cex indica un file di impostazioni per la lingua inglese.

4. Fare clic su Apri.


Le impostazioni importate appaiono nella cartella appropriata dello strumento
Amministrazione.
Ad esempio, se si seleziona un file di distinta materiali, questo appare nella cartella
Distinta materiali.

Codici nazioni
I file contenuti nelle cartelle Default Cards e Default Data di SOLIDWORKS PDM sono
identificati da un codice di nazione che ne precede l'estensione file.
Ad esempio, nella directory Default Cards, all(sldprt_prt)_gb.crd è la versione
inglese della scheda parte di SOLIDWORKS.
La tabella seguente elenca i codici di nazione e le lingue associate:

Codice Lingua Codice Lingua

_cs NewFeature1 _pl NewFeature1

_d NewFeature1 _ptb Portoghese brasiliano

67
Vault

Codice Lingua Codice Lingua

_e NewFeature1 _ru NewFeature1

_f NewFeature1 _tr NewFeature1

_gb Inglese _zhs Cinese semplificato

_I NewFeature1 _zht Cinese tradizionale

_ko NewFeature1

Importazione dalla finestra di dialogo Esporta


È possibile importare le impostazioni del vault, trascinandole e rilasciandole da una finestra
di dialogo Esporta, aperta da un altro vault o da File Explorer.
La finestra di dialogo Esporta visualizza tutte le impostazioni di un oggetto. Ad esempio,
una distinta materiali esportata contiene le variabili in essa utilizzate e gli utenti e gruppi
con i permessi di accesso alla distinta materiali.
Per importare le impostazioni da una finestra di dialogo Esporta:
1. Aprire un file esportato effettuando una delle seguenti operazioni:
• In File Explorer, fare doppio clic su un file .cex contenente le impostazioni.
• Nello strumento Amministrazione, accedere al vault di origine, espandere la funzione
contenente le impostazioni, fare clic con il pulsante destro del mouse sull'oggetto
da esportare e fare clic su Esporta.
Si apre una finestra di dialogo File di esportazione amministrativo, che elenca l'oggetto
esportato, comprese impostazioni come variabili e schede utilizzate da tale oggetto.
È possibile espandere o comprimere nodi specifici o tutti i nodi. Per espandere o
comprimere tutti i nodi, fare clic con il tasto destro del mouse su un nodo o nella
finestra di dialogo e selezionare Espandi tutti i nodi o Chiudi tutti i nodi. Quando
si rimuove l'impostazione o la variabile specifica, la struttura espansa o compressa
viene mantenuta.

2. Nello strumento Amministrazione, accedere al vault di destinazione.


3. Nella finestra di dialogo File di esportazione amministrativo, fare clic sull'oggetto da
importare e trascinarlo nella cartella appropriata.

È anche possibile importare un'impostazione di supporto trascinandola in una


funzione appropriata. Ad esempio, è possibile importare solo una variabile utilizzata
nell'oggetto esportato.

68
Vault

4. Se un messaggio avverte che un oggetto in via di importazione già esiste nel vault.
• Fare clic su Sì per sovrascrivere l'oggetto esistente con le impostazioni dell'oggetto
importato.
• Fare clic su Sì a tutto per sovrascrivere ciascun oggetto esistente con un nuovo
oggetto corrispondente.
• Fare clic su No per mantenere le impostazioni originali dell'oggetto.
• Fare clic su No a tutto per mantenere le impostazioni per tutti gli oggetti che già
esistono nel vault.

5. Quando appare un messaggio di conferma del completamento dell'importazione, fare


clic su OK.

Archivi del vault


I file fisici in un vault sono memorizzati in una cartella di archivio. La struttura della
cartella di archivio utilizza nomi ID esadecimali e appare nel database dei vault con i nomi
ID in formato decimale.
La cartella archivio del vault contiene 16 sottocartelle con nomi da 0 a F. A ogni file nel
vault è assegnato un ID cartella univoco. All'interno dell'archivio di un file sono
memorizzate tutte le versioni del file o parti di esse. Per trovare la cartella archivio di un
vault, consultare la seguente chiave di registro sul server archivio:
HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\SOLIDWORKS\Applications\ PDMWorks
Enterprise\ArchiveServer\Vaults\VAULTNAME\ArchiveTable
Una cartella archivio può contenere i tipi di file seguenti:

*.sldprt La versione più recente di un file è memorizzata non compresso con un


numero di versione (00000006) e un'estensione (sldprt in questo esempio).

*.gz Le versioni precedenti del file sono normalmente compresse durante la


procedura di ripulitura notturna.

*.img Per i file che supportano le anteprime, l'immagine di anteprima viene


memorizzata per ciascuna versione creata.

Index.xml Un file indice dell'archivio con le informazioni su ciascuna versione del file
e, nella maggior parte dei casi, il nome file.

Compressione e ripulitura degli archivi


Per impostazione predefinita, tutte le versioni precedenti di un file sono memorizzate nel
formato originale non compresso sul server archivio. Per risparmiare spazio, è possibile
comprimere tutte le versioni dei file precedenti a quella più recente. La versione più
recente è sempre memorizzata non compresso per ottimizzare le prestazioni durante il
trasferimento tra client e server.

69
Vault

Per abilitare la compressione sul server archivio, si consiglia di utilizzare il criterio


SOLIDWORKS PDM. In alternativa, aggiungere manualmente la chiave di registro che
attiva la compressione per ciascun vault.

Compressione di un archivio di vault


Per attivare la compressione dell'archivio del vault mediante il criterio di gruppo:
1. Sul server archivio, fare clic su Start > Esegui.
2. Digitare gpedit.msc e fare clic su OK.
3. Per aggiungere i criteri SOLIDWORKS PDM, espandere Configurazione del computer.
4. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Modelli amministrativi e selezionare
Aggiunta/Rimozione modelli.
5. Fare clic su Aggiungi per caricare il modello criteri.
6. Navigare al DVD di installazione di SOLIDWORKS, sino alla cartella
\SWPDMClient\support\polices e selezionare il modello PDMWorks
Enterprise.adm.
I criteri per le impostazioni di SOLIDWORKS PDM sono ora disponibili in Modelli
amministrativi.

7. Espandere Impostazioni di SOLIDWORKS PDM > Archive Server.


8. Visualizzare le impostazioni di compressione facendo doppio clic su Compressione
archivio.

70
Vault

9. Per attivare la compressione degli archivi sul server, selezionare Attivato nel criterio.
In Pianificazione di compressione, immettere una stringa pianificazione che
specifichi quando eseguire la routine di compressione.

Eseguire la compressione una volta ogni notte, al termine di tutte le operazioni di


backup.

Il programma ha il formato seguente: Minuti Ore Giorno della settimana, in


cui:

Minuto Utilizzare numeri da 0 a 59.

Ora Utilizzare numeri da 0 a 23; 0 rappresenta la mezzanotte.

Giorno della settimana Utilizzare numeri da 1 a 7; 1 rappresenta il lunedì.

Separare le sezioni da uno spazio. Ogni sezione può contenere un solo numero, un
intervallo (1-7) o un elenco (0,15,30,45). L'asterisco rappresenta l'intero intervallo.
Ad esempio:

00* Si esegue ogni giorno a mezzanotte.

0 2 1-5 Si esegue ogni settimana dal lunedì al venerdì alle ore 02:00.

0** Si esegue tutti i giorni allo scoccar di ogni ora.

0 */2 * Si esegue tutti i giorni ogni due ore.

0,15,30,45 * * Si esegue tutti i giorni ogni 15 minuti.

0,30 * 1-5 Si esegue ogni mezz'ora dal lunedì al venerdì.

0 6-18 1-5 Si esegue ogni ora, tra le 06:00 e le 18:00 dal lunedì al venerdì.

L'ora è quella locale del server.

Digitare off per disattivare la compressione su questo vault.

10. Chiudere l'Editor criteri e riavviare il servizio server archivio per caricare la nuova
pianificazione.
• Il criterio di compressione interessa tutti gli archivi del vault memorizzati sul server
archivio.
• Per disattivare la compressione per uno specifico vault, impostare il valore di
registro del vault a off.
• Il criterio è unico per server. Per più di un server archivio, ad esempio in un
ambiente replicato, attivare la compressione per ogni server separatamente.

71
Vault

Ripulitura di un server archivio


Il processo di ripulitura archivi rimuove gli archivi eliminati e verifica la coerenza degli
archivi. Quando si elimina o distrugge un file dal vault, la cronologia del file viene rimossa
dal database dei vault. La cartella archivio fisica rimane sul server fino all'esecuzione del
processo di ripulitura. Per impostazione predefinita, questo processo inizia alle 03.00 ogni
notte su tutti gli archivi del vault memorizzati sul server archivio.

Attivazione manuale di compressione o ripulitura


Per cambiare manualmente la pianificazione di compressione o ripulitura:
1. Utilizzare l'Editor registro per trovare la chiave del vault sul server archivio, sostituendo
NOME_VAULT con il nome del vault.
HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\SOLIDWORKS\Applications\ PDMWorks
Enterprise\ArchiveServer\Vaults\VAULTNAME\

2. Aggiungere un nuovo valore della stringa, REG_SZ, con indicato di seguito:


• Per la compressione, CompressionSchedule
• Per la pulizia, CleanerSchedule

3. Nei dati del valore, immettere la stringa di pianificazione utilizzando il formato Minuti
Ore Giorno della settimana descritto in Compressione di un archivio di vault alla
pagina 70.
4. Riavviare il servizio del server archivio per rendere effettive le modifiche.
• La pianificazione è specifica per ogni server archivio e vault.
• Per disattivare la compressione o la ripulitura, impostare la stringa pianificazione
a off.
• Consiglio: eseguire la pianificazione una volta al giorno.

Schemi cold storage


Creare uno schema cold storage in un vault per spostare o cancellare automaticamente
le versioni di file precedenti dagli archivi del vault. Si può optare per impostare uno schema
per tutti i file nel vault o per i file solo in cartelle specifiche.
Lo schema può indicare che devono essere conservate solo le cartelle di progetto contenenti
le versioni più recenti di un file ed eliminate solo quelle con le versioni precedenti. Dopo
l'eliminazione, la cronologia di versione viene mantenuta.
L'opzione Ripristina nel menu Ottieni versione di File Explorer consente di ripristinare i
file dal cold storage. Tuttavia, se il cold storage è stato usato per eliminare la versione
di un file, non potrà essere ripristinato nel server di archivio.

Quando un vault viene replicato, ogni server replicato elabora il cold storage
separatamente. Se si vuole effettuare il cold storage dei file precedenti su server
replicati, creare uno schema di cold storage per ogni server.

72
Vault

Per garantire che lo schema cold storage abbia effetto immediatamente, interrompere
e riavviare il servizio del server di archivio.

Creazione di uno schema Cold Storage


Per creare uno schema di cold storage:
1. nel pannello a sinistra dello strumento Amministrazione, fare clic con il tasto destro
su Schemi Cold Storage e selezionare Nuovo schema Cold Storage.
2. Nella finestra Schema Cold Storage, immettere un Nome schema.
3. Selezionare il server di archivio sul quale eseguire lo schema.
Se il vault viene replicato su multipli server di archivio, questi saranno elencati.

4. In Metodo Cold storage:


a) scegliere se eliminare o spostare le versioni passate dagli archivi del file:
• Elimina file di archivio. Elimina i file nel vault e registra l'eliminazione nella
cronologia dei vault.

L'eliminazione non può essere annullata. Assicurarsi di aver eseguito il backup


dell'archivio prima di eliminarlo.

• Sposta file archivio nella cartella. Sposta le versioni precedenti dei file
all'esterno dell'archivio.
b) Immettere il nome della cartella abbinando componenti del percorso, es.
c:\ColdStore ai componenti variabili disponibili quando si fa clic su >.
Ad esempio: c:\ColdStore\Anno (2) Mese (2) Contatore-04
Quando lo schema cold storage parte, viene usato il percorso della cartella
specificata.
c) Immettere un nome media, che è una sottodirectory nella quale spostare le istanze
del cold storage. Usare i componenti del percorso e di variabile disponibili quando
si fa clic su >.

Utilizzare le variabili Counter per assicurare l'univocità.

Quando lo schema cold storage parte, viene creata una cartella con il nome media
nel percorso specificato. Il nome media è compreso nella cronologia dei file.

5. In Versioni, selezionare il numero di versioni da mantenere sul server per ogni


archivio dei file. Per esempio, digitare 5 per mantenere le cinque versioni più recenti
di un file e per eliminare o spostare le versioni precedenti.
6. Selezionare le cartelle per lo schema cold storage. Le sottocartelle sono sempre
elaborate, quindi non è possibile selezionarle. Di default, l'intero vault viene
selezionato. Usare i bottoni Aggiungi e Rimuovi per specificare le cartelle.

73
Vault

7. Impostare la pianificazione, selezionando un intervallo da Intervallo predefinito o


scegliendo Programma definito dall'utente.
Per specificare un programma definito dall'utente, digitare un valore in Stringa
intervallo.
Il programma ha il formato seguente: Minuti Ore Giorno della settimana, in
cui:

Minuto Utilizzare numeri da 0 a 59.

Ora Utilizzare numeri da 0 a 23; 0 rappresenta la mezzanotte.

Giorno della settimana Utilizzare numeri da 1 a 7; 1 rappresenta il lunedì.

Separare le sezioni da uno spazio. Ogni sezione può contenere un solo numero, un
intervallo (1-7) o un elenco (0,15,30,45). L'asterisco rappresenta l'intero intervallo.
Ad esempio:

00* Si esegue ogni giorno a mezzanotte.

0 2 1-5 Si esegue ogni settimana dal lunedì al venerdì alle ore 02:00.

0** Si esegue tutti i giorni allo scoccar di ogni ora.

0 */2 * Si esegue tutti i giorni ogni due ore.

0,15,30,45 * * Si esegue tutti i giorni ogni 15 minuti.

0,30 * 1-5 Si esegue ogni mezz'ora dal lunedì al venerdì.

0 6-18 1-5 Si esegue ogni ora, tra le 06:00 e le 18:00 dal lunedì al venerdì.

L'ora è quella locale del server.

8. Fare clic su OK per salvare lo schema.


9. Interruzione e riavvio del servizio del server di archivio:
a) Dal Pannello di controllo, fare clic su Sistemi e sicurezza > Strumenti
amministrativi > Servizi.
b) Nella finestra di dialogo Servizi, fare clic con il pulsante destro del mouse su
Server di archivio di SOLIDWORKS PDM e fare clic su Interrompere.
c) Fare clic con il pulsante destro del mouse su Server di archivio di SOLIDWORKS
PDM e fare clic su Start.

Esempio d'uso di Cold Storage


Questo esempio dimostra uno schema Cold Storage che mantiene nel vault le cinque
versioni più recenti dei file e sposta le versioni precedenti dall'archivio a Cold Storage.
• Un file avente 10 versioni viene memorizzato nel vault.

74
Vault

• Prima che venga eseguito lo schema Cold Storage, tutte e 10 le versioni del file sono
memorizzate nella cartella archivio del file sul server archivio.
• Dopo Cold Storage, le versioni precedenti sono rimosse dalla cartella archivio del file.
Le versioni con un numero di revisione sono mantenute.
• Viene creata una nuova cartella in cui sono spostate le versioni per Cold Storage.
• La cronologia del file mostra quali versioni sono state spostate o eliminate dalla
pianificazione Cold Storage.
• Appare un avvertimento se un utente tenta di recuperare una versione del file che è
stata spostata o eliminata.

Finestra di dialogo Schema Cold Storage


Utilizzare questa finestra di dialogo per gestire i file e le versioni precedenti. È possibile
spostare questi file in Cold Storage, esternamente agli archivi del vault. È anche possibile
eliminare i file precedenti. Queste azioni possono essere eseguite insieme o
indipendentemente l'una dall'altra.
Dopo l'eliminazione, la cronologia di versione viene mantenuta. Non si può copiare una
versione da Cold Storage sul server archivio.
Per visualizzare questa finestra di dialogo:
espandere Vault , fare clic con il pulsante destro del mouse su Schemi Cold Storage
e scegliere Nuovo schema Cold Storage.

Nome schema Nome che identifica questo insieme di regole.

Server archivio Server su cui risiede il vault. Sono elencati tutti i server
ospitanti per i vault replicati.

Cartelle che fanno L'aggiunta di una cartella a questo elenco provoca l'elaborazione
parte di questo della cartella e delle sue sottocartelle. Per elaborare l'intero
schema vault, specificare la cartella principale del vault.

Intervallo predefinito Selezionare un intervallo per l'elaborazione Cold Storage, ad


esempio Ogni ora, Ogni giorno.

75
Vault

Stringa intervallo Attivata quando si seleziona Pianificazione definita


dall'utente.
Il programma ha il formato seguente: Minuti Ore Giorno
della settimana, in cui:

Minuto Utilizzare numeri da 0 a 59.

Ora Utilizzare numeri da 0 a 23; 0


rappresenta la mezzanotte.

Giorno della Utilizzare numeri da 1 a 7; 1


settimana rappresenta il lunedì.

Separare le sezioni da uno spazio. Ogni sezione può contenere


un solo numero, un intervallo (1-7) o un elenco (0,15,30,45).
L'asterisco rappresenta l'intero intervallo. Ad esempio:

00* Si esegue ogni giorno a mezzanotte.

0 2 1-5 Si esegue ogni settimana dal lunedì al


venerdì alle ore 02:00.

0** Si esegue tutti i giorni allo scoccar di


ogni ora.

0 */2 * Si esegue tutti i giorni ogni due ore.

0,15,30,45 * * Si esegue tutti i giorni ogni 15 minuti.

0,30 * 1-5 Si esegue ogni mezz'ora dal lunedì al


venerdì.

0 6-18 1-5 Si esegue ogni ora, tra le 06:00 e le


18:00 dal lunedì al venerdì.

L'ora è quella locale del server.

Metodo Cold Storage

Elimina file archivio Elimina i file precedenti e registra l'operazione nella cronologia
del vault.

L'eliminazione non può essere annullata. Assicurarsi di aver


eseguito il backup dell'archivio prima di eliminarlo.

76
Vault

Sposta file archivio Sposta le versioni precedenti dei file all'esterno dell'archivio.
nella cartella Immettere il nome della cartella abbinando componenti del
percorso, es. c:\ColdStore ai componenti variabili disponibili
quando si fa clic su >. Ad esempio: c:\ColdStore\Anno (2)
Mese (2) Contatore-04

Il percorso deve essere una cartella accessibile dal computer


dove il server archivio di SOLIDWORKS PDM selezionato per
il server archivio è in esecuzione.

Se si specifica un percorso UNC, il servizio del server di


archivio viene eseguito normalmente nell'account utenti del
sistema che, per impostazione predefinita, non ha accesso
alla rete. Per avere accesso alla rete, cambiare l'account di
accesso del servizio in modo da eseguire il servizio come un
utente specificato.

Nome supporto Sottocartella nella quale inserire le istanze Cold Storage. Il


nome del supporto è inserito nella cronologia dei file.

Utilizzare le variabili Counter per assicurare l'univocità.

Versioni

Numero di versioni da Mantiene il numero di versioni specificato. Elimina o sposta


mantenere per archivio le versioni precedenti a Cold Storage. Ad esempio, se si
specifica 4, sono elaborate le versioni a partire dalla quinta
(e precedenti). La versione più recente di un file è sempre
mantenuta sul server archivio.

Non spostare mai le (Consigliato) Non elabora le versioni associate a revisioni.


versioni con revisioni nel Notare che le versioni etichettate sono sempre escluse dal
Cold Storage Cold Storage.

Rapporti di SOLIDWORKS PDM (solo per


SOLIDWORKS PDM Professional)
SOLIDWORKS PDM comprende un Generatore rapporti che consente di creare, salvare e
stampare i rapporti dettagliati dai dati del file in un vault.
I rapporti sono generati dai quesiti contenuti nei file di testo con l'estensione .crp.
Quando il rapporto viene eseguito, il risultato delle domande appare nel pannello Risultato
del Generatore rapporti. Gli utenti possono esportare i risultati nei file Comma Separated
Value (.csv) ed importarli in un foglio di lavoro come Microsoft Excel.

77
Vault

Formattazione di una query di rapporto


Le query di rapporto contengono informazioni strutturate che visualizzano il rapporto nel
Generatore rapporti e una o più query SQL che ottengono informaizoni dal database SQL.
Le query si creano in un editor di testo come BloccoNote e salvarle come file .crp.
Per formattare una query di rapporto:
1. aprire un editor di testo come BloccoNote.
2. Creare una query di rapporto usando i seguenti elementi:

@[query_identifier]
Esempio:@[GroupMembers]

§Name [display_name]
Esempio: §Name [Dettagli utente dei gruppi scelti]

§Company [nome_azienda]
Esempio: §Company [SOLIDWORKS]

§Description [descrizione]
Esempio: §Description [Elenca tutti i soci dei gruppi scelti.]

§Version [numero_versione]
Esempio: §Versione [1.1]

§Arguments [ tipo
nome[conteggio] [istruzioni] ]
Dove:
• tipo è un tipo di argomentazione predefinita
• nome è una variabile usata nell'elemento DOVE della query SQL.
• [conteggio] definisce il modo in cui i valori tornano alla query SQL
• [istruzione] appare nel Generatore rapporti come istruzione dell'utente

Una query di rapporto può avere multipli argomenti.

Tutti i componenti dell'argomentazione devono essere su una riga.

Esempio:
§Arguments [ GroupID TheGroupID[N] [Seleziona gruppi] ]

§Sql [ ]
Esempio:
§Sql [ ]

78
Vault

3. In Microsoft SQL Server Management Studio, creare una query T-SQL per ottenere
informazioni dal database SQL.
4. Copiare la query SQL ed incollarla alla sezione §Sql [ ] della query di rapporto.
5. Come opzione, modificare l'elemento DOVE della query SQL se si intende valutare
l'argomento in modo dinamico quando il rapporto viene eseguito nel generatore di
rapporto.
Nel passaggio 2, l'Argomento è [GroupID TheGroupID[N] [Select groups]]. Il
nome di variabile TheGroupID può essere usato per riportare i dati basati sul gruppo
scelto dall'utente quando il rapporto viene eseguito.
Per fare ciò, nella seguente sintassi di query T-SQL, si va a sostituire G.GroupID =
2 con {G.GroupID, TheGroupID, =, OR}.
Sintassi query T-SQL
DOVE G.GroupID = 2 E G.GroupID = M.GroupID E U.UserID = M.UserID
Sintassi quesiti rapporto
DOVE {G.GroupID, TheGroupID, =, OR} E G.GroupID = M.GroupID E U.UserID
= M.UserID]

6. Salvare la query nel file .crp.


7. Importare il file .crp nel Generatore rapporti per eseguire il rapporto.

Esempio query di rapporto


La seguente query di rapporto proviene da Report Examples 1.crp, installato su
install_dir, di default su C:\Program Files\SOLIDWORKS PDM .
@[GroupMembers] §Name [Dettagli utente dei gruppi scelti] §Company
[SOLIDWORKS] §Description [Questa query elenca tutti i soci dei gruppi
scelti.] §Version [1.1] §Arguments [ GroupID TheGroupID[N] [Seleziona
gruppi] ] §Sql [ SELECT U.Username, G.Groupname, G.Description FROM
Users U, Groups G, GroupMembers M WHERE {G.GroupID, TheGroupID, =, OR}
AND G.GroupID = M.GroupID AND U.UserID = M.UserID ]
Questo file contiene altre query di rapporto che l'utente può importare nel Generatore
rapporti.

Sintassi quesiti rapporto


La tabella di seguito illustra la sintassi tipica per un file .crp.
Sono applicabili le seguenti regole:
• Ogni quesito nel file inizia con @, seguito da un nome di quesito unico tra parentesi.
• Ogni quesito contiene un numero di sezioni.
• Le sezioni sono scritte §Etichetta [variabile]
• L'ordine delle sezioni può variare.
• I nomi della sezione sono sensibili al carattere.
• Si possono usare le coppie di barre / per aggiungere i commenti o separare più quesiti
in un solo file .crp.

79
Vault

Il testo tra due paia di barre viene ignorato quando la domanda è eseguita.

Sintassi Descrizione ed esempio

@[query_identifier] Identificatore unico per quesito


@[GroupMembers]

§Name [display_name] Nome visualizzato nel pannello Quesito del


Generatore rapporti
§Name [Dettagli utente dei gruppi scelti]

§Company [nome_azienda] Nome azienda che formula il quesito


Visualizza nelle Proprietà del quesito.
§Company [SOLIDWORKS]

§Description [descrizione] Descrizione


Visualizza nelle Proprietà del quesito.
§Description [Elenca tutti i soci dei
gruppi scelti.]

§Version [numero_versione] Numero versione quesito


Visualizza nelle Proprietà del quesito.
§Versione [1.1]

§Arguments [ tipo Sezione dichiarazione variabile


Può sollecitare l'utente per l'input.
nome[conteggio] [istruzioni]
] §Arguments [ GroupID TheGroupID[N]
[Seleziona gruppi] ]
Deve essere su una riga.

§Sql [ SELECT colonna FROM Sezione che definisce lo statemente T-SQL


nome_tabella WHERE §Sql [ SELECT U.Username, G.Groupname,
criteri_selezione ] G.Description WHERE {G.GroupID,
TheGroupID, =, OR} AND
G.GroupID=M.GroupID AND U.UserID =
M.UserID]

Argomentazioni sulle domande dei rapporti


Le argomentazioni nei quesiti dei rapporti controllano il modo in cui la domanda viene
eseguita rispetto al database. Possono specificare le variabili che sono usate nel quesito
SQL e il modo in cui i valori tornano nel quesito SQL, o causano all'utente di essere
sollecitato per input al momento dell'esecuzione del quesito.
Ogni argomentazione ha i seguenti componenti:

80
Vault

tipo nome[conteggio] [istruzioni]

Tipi di argomento predefiniti


La prima colonna nella tabella risultati visualizza il tipo di argomento. I seguenti tipi sono
predefiniti:

IDFile IDDocumento del file selezionato

IDUtente IDUtente dell'utente scelto

IDProgetto IDProgetto della cartella scelta

Stringa Stringa

IDGruppo IDGruppo del gruppo scelto

IDStato IDStato dello stato del flusso di lavoro scelto

Regole per la definizione dell'argomento


• Il nome non può contenere spazi.
• Il conteggio può essere codificato o caratteri N, S o M.

N Significa un conteggio di variabile dove l'utente è sollecitato ad immettere i


valori.

S Se il tipo di argomento è IDFile, l'argomento è fornito dall'elenco di selezione.


I file vengono aggiunti alla finestra dei file scelti.
Se il tipo di argomento è IDUtente, l'ID dell'utente correntemente connesso
viene recuperata.
Viene visualizzata una tabella per ogni file.

M Se il tipo di argomento è IDFile, l'argomento è fornito dall'elenco di selezione.


Tutti i file fanno parte di un insieme e il risultato appare in una tabella.

Regole di sostituzione variabile


Le variabili possono essere referenziate nello stato T-SQL usando una semplice sostituzione
o una sostituzione estesa. Quando il rapporto viene eseguito, la variabile {xxx} viene
sostituita con una ID o stringa nel quesito.

Sostituzione semplice Esempio di variabile espansa

D.Filename LIKE {FileName} D.Filename LIKE 'document.doc'

81
Vault

Sostituzione semplice Esempio di variabile espansa

X.DocumentID = {TheFileID} X.DocumentID = 48

Sostituzione estesa Esempio di variabile espansa

{D.DocumentID, TheFileID, =, OR} (D.DocumentID = 48) OR


(D.DocumentID = 49) OR
.
.
(D.DocumentID = 345)

D.Filename, FileName, LIKE, OR} (D.DocumentID LIKE 'document.doc) OR


(D.DocumentID LIKE 'drawing.slddrw') OR
.
.
(D.DocumentID LIKE 'picture.jpg')

Creazione di un quesito Transaction-SQL


Usare l'editor Transaction-SQL (T-SQL) nel Management Studio SQL per creare e testare
i quesiti da usare per i rapporti.
Per creare un quesito T-SQL:
1. Accedere a Microsoft SQL Server Management Studio e fare clic su Connetti:
2. Nel pannello a sinistra, espandere Databases ed espandere il database per il quale
si intende creare un quesito SQL.

Espandere Tabelle per vedere le tabelle del database.

3. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul database e selezionare Nuova query.

82
Vault

4. Nel pannello a destra, creare una query T-SQL usando questi elementi:

Sintassi Esempio

SELEZIONARE colonna SELEZIONARE U.Utentenome, G.Grupponome,


G.Descrizione

DA nome_tabella DA Utenti U, Gruppi G, SociGruppo M

DOVE criteri_selezione DOVE G.GroupID = 2 E G.GroupID = M.GroupID


E U.UserID = M.UserID

Non è possibile usare nomi di variabile definiti in


una argomentazione di query di rapporto quando
si crea una query T-SQL.

Dopo avere aggiunto la query T-SQL ad una query di


rapporto, si può aggiungere la sostituzione
dell'argomentazione.

Il seguente è un esempio di una query T-SQL completata:


SELEZIONARE U.Username, G.Groupname, G.Description DA Users U, Groups
G, GroupMembers M DOVE G.GroupID = 2 E G.GroupID = M.GroupID E
U.UserID = M.UserID

5. Fare clic su Eseguire (barra strumenti) o Query > Eseguire.


La tabella Risultati mostra i dati risultanti dalla query.
Nel caso di problemi, la scheda Messaggi descriverà gli errori della query.

6. Ripetere i punti 4 e 5 fino a quando la query SQL riporta le informazioni desiderate.


7. Per testare la query su un altro vault, selezionare il database del vault dal campo
Database disponibile sopra il pannello a sinistra.
8. Copiare la query SQL.
9. Aprire una query di rapporto formattata in BloccoNote.
10. Incollare la query SQL nella sezione §Sql del rapporto.
11. Salvare la query di rapporto completa nel file .crp.

Esecuzione di una query di rapporto


Le query di rapporto vengono eseguite nel Generatore rapporti, al quale si accede da
Esplora risorse quando si connette ad un vault.
Per eseguire una query di rapporto:
1. da Esplora risorse, connettere al vault per il quale si intende eseguire il rapporto.
2. Selezionare Strumenti > Generatore rapporti.

83
Vault

3. Nel Generatore rapporti, fare clic su File > Importa query.


4. Navigare all'ubicazione del file .crp che definisce il rapporto, selezionarlo e fare clic
su Apri.
5. Nella schermata Diritti utente della query, selezionare gruppi e utenti che abbiano
accesso al rapporto e fare clic su OK.
Il nome di rapporto appare nell'elenco Query.

6. Per eseguire il rapporto, selezionarlo dall'elenco e fare clic su Esegui ricerca (barra
degli strumenti) o su Modifica Esegui ricerca.
Il rapporto appare nel riquadro Risultato.

84
4
Server archivio
Questo capitolo comprende i seguenti argomenti:

• Aggiunta di un server archivio


• Connessione a un server archivio
• Aggiornamento di un server archivio
• Rimozione di un server archivio
• Visualizzazione del file di registro di un server archivio
• Copia del file log nel server di archivio
• Visualizzazione di file non replicati (solo vault SOLIDWORKS PDM Professional)
• Identificazione di server sui quali è replicato un file (solo vault SOLIDWORKS PDM
Professional)
• Proprietà server

Tutti i server archivio sui quali risiedono viste locali del vault del sistema corrente appaiono
come nodi nello strumento Amministrazione.
Espandendo il nodo del nome del server archivio, si vedranno tutti i vault residenti su tale
server archivio. Espandendo uno dei nodi del vault si visualizza la richiesta di accesso, a meno
che l'utente non sia già connesso come utente SOLIDWORKS PDM con diritti sufficienti.

Aggiunta di un server archivio


Per creare un vault, è necessario potersi connettere a un server archivio. È possibile
aggiungere un server archivio se è installato ma non è visibile nello strumento
Amministrazione di SOLIDWORKS PDM.
Per aggiungere un server archivio:
1. avviare lo strumento Amministrazione effettuando una delle seguenti operazioni:
• Nei sistemi Windows 7 e Windows Server precedenti a Windows Server 2012, nel
menu di Windows Start, selezionare Tutti i programmi > SOLIDWORKS PDM
> Amministrazione.
• Nei sistemi Windows 8 e Windows Server 2012 o versione successiva, nella
schermata App, in SOLIDWORKS PDM , fare clic su Amministrazione.

2. Selezionare File > Aggiungi server.

85
Server archivio

3. Nella finestra di dialogo Aggiungi server, per Nome server:


• Selezionare il server da aggiungere dall'elenco.
• Se il server non è in elenco (es. se si trova su una rete diversa), immettere il nome
del sistema o l'indirizzo IP.

Il nome del server di archivio potrebbe non essere visualizzato se un firewall blocca
la porta 3030.

4. Fare clic su OK.


Il server appare nel riquadro di sinistra.

5. Accedere come utente Windows con diritti per l'associazione a un server archivio.
Se si utilizza un account che non dispone di tali diritti, vedere Connessione a un
server archivio alla pagina 86.

Connessione a un server archivio


In funzione dei permessi di accesso e della configurazione del server archivio, potrebbe
essere necessario eseguire l'accesso per completare l'associazione di un server. Se
l'account utilizzato dispone dei diritti di associazione sul server archivio, l'accesso non è
richiesto.
Per accedere a un server archivio:
1. Nella finestra di dialogo Accesso, immettere il nome e la password dell'utente Windows
con accesso amministrativo ai vault.
Questo account utente Windows deve essere elencato in Accesso associativo o
Accesso amministrativo nella sezione Protezione della finestra di dialogo
Configurazione del server archivio.
L'amministratore locale sul server archivio è di solito presente in questo elenco.

2. Se la finestra di dialogo Accesso include un elenco Dominio:


• Per un account utente locale, selezionare il nome del sistema, seguito da (account
locale).
• Per un account di dominio, selezionare il dominio corretto. È possibile digitare il
nome del dominio.

3. Fare clic su Accedi.


In caso di problemi nella connessione al server archivio, verificare che il servizio server
sia avviato e che la porta TCP (predefinita 3030) non sia bloccata.

Aggiornamento di un server archivio


È possibile aggiornare il nodo Server archivio se non mostra tutti i vault.

Per client Standard non sono visibili vault Professional su un server di archiviazione.

86
Server archivio

Per aggiornare un server archivio:


1. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul nodo del server e selezionare Aggiorna.
2. Eseguire l'accesso se richiesto. Si deve disporre dei diritti di associazione sul server
archivio.

Rimozione di un server archivio


La rimozione di un server archivio lo rimuove anche dallo strumento Amministrazione su
questo sistema. Il server archivio fisico o qualsiasi vault che vi risiede non viene eliminato.
Per rimuovere un server archivio:
1. Rimuovere qualsiasi vista locale del vault residente sul server che si desidera
rimuovere.
2. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul server archivio e selezionare Rimuovi
dall'albero.

Visualizzazione del file di registro di un server


archivio
Il server archivio registra eventi ed errori in un file di registro. È possibile utilizzare il file
di registro per risolvere i problemi.
Per visualizzare il file di registro:
• Fare clic con il pulsante destro del mouse sul server archivio e selezionare Mostra
registro del server archivio.

Copia del file log nel server di archivio


È possibile copiare il file log del server di archivio per renderlo disponibile all'assistenza
tecnica o all'amministratore.
Per copiare il file log del server di archivio:
1. nello strumento Amministrazione, fare clic con il pulsante destro del mouse sul nome
del server di archivio e selezionare Visualizza il log del server di archivio.
Si aprirà il file log nel pannello a destra.

2. Nella finestra di dialogo File log, fare clic su Copia file di registro (barra degli
strumenti).
Il file log completo viene copiato come file .cog negli Appunti Windows. Il nome del
file è il nome del server di archivio.

87
Server archivio

3. Per salvare il file, incollarlo:


• sul desktop
• in una cartella
• come allegato ad una email o altro documento

4. Per aprire e visualizzare il file, fare doppio clic sul medesimo.


Lo strumento di Amministrazione di SOLIDWORKS PDM si apre con il file log
visualizzato nel pannello a destra.

Visualizzazione di file non replicati (solo vault


SOLIDWORKS PDM Professional)
Per visualizzare un elenco dei server non replicati:
• Fare clic con il pulsante destro del mouse su Stato dell'archivio e selezionare Mostra
file mancanti.
Appare un elenco di file separato dalla virgola. L'elenco contiene i file che non sono
stati replicati e il server dal quale mancano.

Identificazione di server sui quali è replicato un


file (solo vault SOLIDWORKS PDM Professional)
Per identificare il server sul quale è replicato un file:
1. In Esplora risorse, eseguire l'accesso a un vault.
2. Selezionare un file e fare clic sulla scheda Versione.
Replica su: mostra il server archivio sul quale è stato replicato il file.

Proprietà server
Utilizzare la finestra di dialogo Proprietà server per vedere la porta utilizzata dal server.
Per visualizzare questa finestra di dialogo:
Fare clic con il pulsante destro del mouse sul server e scegliere Proprietà.

88
5
SOLIDWORKS PDM Aggiunte (solo
per SOLIDWORKS PDM
Professional)
Questo capitolo comprende i seguenti argomenti:

• Installare le aggiunte SOLIDWORKS PDM


• Installazione delle aggiunte per il debug
• Schermata Proprietà aggiunta
• Finestra di dialogo Debug aggiunte

Le aggiunte ampliano le funzionalità di configurazione di SOLIDWORKS PDM.


Ad esempio, è possibile:
• Installare l'aggiunta Dispatch per automatizzare operazioni e processi durante l'uso di
comandi Dispatch SOLIDWORKS PDM.
• Creare un'aggiunta per numero seriale utilizzando Visual Basic .NET e installarla per generare
i numeri seriali.
• Installare l'aggiunta SOLIDWORKS Task quando si crea il vault a supporto della conversione
e della stampa di documenti SOLIDWORKS.
È necessario installare l'aggiunta solo su un computer. Questa viene installata automaticamente
su tutti i componenti connessi al vault.

Debug delle aggiunte


È possibile eseguire il debug di un'aggiunta senza doverla inserire nel vault.
Durante il debug, l'aggiunta viene caricata dalla posizione in cui è stata registrata dal
compilatore. Nessun altro utente viene coinvolto.

Non installare un'aggiunta non ancora sottoposta al debug utilizzando la finestra di dialogo
Gestione componenti aggiuntivi.

Installare le aggiunte SOLIDWORKS PDM


Per installare un'aggiunta SOLIDWORKS PDM:
1. espandere il vault nel punto in cui sarà utilizzata l'aggiunta.

89
SOLIDWORKS PDM Aggiunte (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

2. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Aggiunte e fare clic su Nuova
aggiunta.
3. Nella finestra di dialogo Apri, passare alla posizione della libreria .dll dell'aggiunta,
selezionarla e fare clic su Apri.
4. Nella finestra Proprietà dell'aggiunta, fare clic su OK.
L'aggiunta appare sotto il nodo Aggiunte.

Installazione delle aggiunte per il debug


Per installare un'aggiunta per il debug:
1. Espandere il vault nel punto in cui sarà utilizzata l'aggiunta.

2. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Aggiunte e selezionare Debug
aggiunte.
3. Nella finestra di dialogo Debug aggiunte, fare clic su Inserisci aggiunta.
4. Nella finestra di dialogo Apri, passare alla posizione della libreria .dll dell'aggiunta,
selezionarla e fare clic su Apri.
L'aggiunta viene inserita nell'elenco delle aggiunte per il debug, che mostra il percorso
al file .dll e agli ID di classe.
Per rendere l'aggiunta disponibile per l'installazione e l'uso da tutti i computer connessi
al vault, selezionarla e fare clic su Rimuovi aggiunta.

Schermata Proprietà aggiunta


Usare una schermata Proprietà dell'aggiunta per visualizzare le informazioni relative
all'aggiunta ed aggiungere e rimuovere i file correlati.
Per visualizzare questa finestra di dialogo:
espandere Aggiunte e fare doppio clic sull'aggiunta di cui si desidera visualizzare le
proprietà.

Sintesi

Nome

Azienda Azienda autore dell'aggiunta.

Versione aggiunta

Richiede versione Versione di SOLIDWORKS PDM necessaria per eseguire


l'aggiunta.

Pacchetto Nome del file .CAF dell'aggiunta.

Descrizione

90
SOLIDWORKS PDM Aggiunte (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

File
Elenca i file di libreria (.dll) usati nell'aggiunta e consente di Aggiungere i file o
Rimuovere i file.

Cronologia
Nel riquadro di sinistra, fare clic su Cronologia per visualizzare la cronologia di gestione
delle aggiunte.

Finestra di dialogo Debug aggiunte


Utilizzare la finestra di dialogo Debug aggiunte per esaminare l'aggiunta senza inserirla
in un vault. L'aggiunta viene caricata dalla posizione registrata dal compilatore in modo
da non coinvolgere altri utenti nel processo.

Non aggiungere l'aggiunta alla quale applicare il debug scegliendo Nuova aggiunta.
Al termine del debug dell'aggiunta, fare clic su Rimuovi aggiunta. Gli utenti di computer
connessi al vault potranno quindi utilizzare la finestra di dialogo Nuova aggiunta per
installare l'aggiunta.

Per visualizzare questa finestra di dialogo:


Fare clic con il pulsante destro del mouse su Aggiunte e scegliere Debug aggiunte.

Aggiunte installate su questo computer Aggiunte installate.


per il debug

Inserisci aggiunta Selezionare un'aggiunta da installare per


il debug.

Rimuovi aggiunta Disinstalla l'aggiunta selezionata.

91
6
Dispatch (solo per SOLIDWORKS
PDM Professional)
Questo capitolo comprende i seguenti argomenti:

• Installazione dell'aggiunta Dispatch


• Accesso a Dispatch
• Creazione di script per operazioni Dispatch
• Modifica degli script Dispatch
• Creazione di variabili per script Dispatch
• Esportazione di script Dispatch
• Importazione di script Dispatch

SOLIDWORKS PDM Dispatch consente di automatizzare le operazioni e i processi in


SOLIDWORKS PDM Questo modulo è interamente personalizzabile e configurabile per il supporto
di processi e operazioni di qualunque tipo.
Dispatch si integra direttamente in un vault e può essere impostato in modo che si attivi a
seguito di determinati eventi. Per esempio, l'amministratore potrebbe creare un'azione Dispatch
che si attiva quando un documento raggiunge un determinato stato del flusso di lavoro. L'azione
Dispatch attivata potrebbe, ad esempio, inizializzare uno script che a sua volta crea a file PDF
del documento.

Installazione dell'aggiunta Dispatch


È possibile installare l'aggiunta Dispatch di SOLIDWORKS PDM solo se si dispone dei
permessi sufficienti per l'installazione e la gestione delle aggiunte. Una volta installato,
qualsiasi client connesso al vault in cui è installato potrà accedere ai comandi del Dispatch.
1. Aprire lo strumento di amministrazione SOLIDWORKS PDM e accedere al vault.
2. Selezionare File > Apri e navigare su C:\Program Files\SOLIDWORKS PDM\Default
Data.
3. Cambiare il filtro per visualizzare i file .caf.
4. Aprire il file Dispatch.caf.
5. Trascinare e rilasciare l'aggiunta Dispatch dal file .caf nel nodo delle Aggiunte per
il vault.

92
Dispatch (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

Accesso a Dispatch
Accedere allo strumento Amministrazione Dispatch per creare e modificare script di azione
Dispatch.

Accesso al Dispatch dallo strumento di amministrazione


1. Accedere al vault dove è installata l'aggiunta Dispatch come utente con il permesso
di amministrare le aggiunte.
2. Espandere Aggiunte.
3. Effettuare una delle seguenti operazioni:
• Fare clic con il pulsante destro del mouse su Dispatch e fare clic su Azioni
amministrative.
• Fare doppio clic su Dispatch per visualizzare la finestra di dialogo Proprietà -
Dispatch. Nel riquadro di sinistra, fare clic su Azioni amministrative.

Accesso a Dispatch dal File Explorer


Si può accedere a Dispatch da File Explorer, se si è connessi come Admin nel vault dove
è installato Dispatch di SOLIDWORKS PDM.
Fare clic su Strumenti > Azioni amministrative.

Creazione di script per operazioni Dispatch


Gli script di azione Dispatch consentono di configurare uno o più comandi attivabili dalle
condizioni definite. Ad esempio, si potrebbe decider di attivare il check-in dei file in una
cartella specifica del vault quando si entra in un particolare stato del flusso di lavoro.
Per assistenza con la creazione degli script Dispatch, vedere gli esempi di script proposti
sul DVD di installazione in \SWPDMClient\Support\Dispatch\Dispatch Examples.
Per creare uno script di azione Dispatch:
1. Nello strumento Amministrazione, espandere il nodo Aggiunte, fare clic con il pulsante
destro del mouse su Dispatch.CAF e selezionare Gestione operazioni.

È necessario aver eseguito l'accesso come utente con permessi per la gestione delle
aggiunte

2. Fare clic su Aggiungi nella finestra di dialogo Gestione operazioni.


3. Nella Modifica operazione, immettere un nome per l'azione Dispatch nella casella
Nome operazione.
4. Descrivere l'azione Dispatch nella casella Descrizione.
5. Selezionare il metodo di attivazione dello script Dispatch facendo clic su Comando
di menu, Durante la transizione di stato, Durante il check out o Durante
l'aggiunta.
6. Aggiungere i comandi allo script facendo clic su Aggiungi.

93
Dispatch (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

7. Nella finestra di dialogo Selezione comando, definire le variabili necessarie allo script
Dispatch facendo clic su Variabili.

Finestra di dialogo Gestione operazioni


Utilizzare la finestra di dialogo Gestione operazioni per automatizzare operazioni e processi
di SOLIDWORKS PDM configurando i comandi di distribuzione di SOLIDWORKS PDM.
Per visualizzare questa finestra di dialogo, procedere in uno dei modi seguenti:
• Nello strumento Amministrazione, espandere il nodo Aggiunte, fare clic con il pulsante
destro del mouse su Dispatch.CAF e selezionare Gestione operazioni.
• In File Explorer, fare clic su Strumenti > Gestione operazioni.

È necessario aver eseguito l'accesso come utente con permessi per la gestione delle
aggiunte

Operazioni installate Elenca gli script di azione Dispatch disponibili.

Aggiungi Aggiunge una nuova azione Dispatch.

Modifica Modifica un'operazione selezionata.

Rimuovi Elimina le operazioni selezionate dall'elenco.

Carico Importa un file di azione Dispatch (.acn).

Salva Esporta l'operazione selezionata in un file Dispatch (.acn).

Copia Copia le operazioni selezionate.

Incolla Incolla le operazioni precedentemente copiate.

Finestra di dialogo Modifica operazione


Utilizzare la finestra di dialogo Modifica operazione per definire o modificare gli script
Dispatch da utilizzare con SOLIDWORKS PDM.
Per visualizzare questa finestra di dialogo:
Fare clic su Aggiungi nella finestra di dialogo Gestione operazioni.

Nome operazione Nome di un'azione Dispatch.


Il nome viene visualizzato nell'elenco Operazioni installate
della finestra di dialogo Gestione aggiunte.

Descrizione Descrizione visualizzata nell'elenco Operazioni installate della


finestra di dialogo Gestione aggiunte.

94
Dispatch (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

Attivazione Selezionare uno o più metodi che determinano l'azione.

Comando di menu
Specifica un comando del menu contestuale (visualizzato
facendo clic con il pulsante destro del mouse) nel vault.

Durante la transizione di stato


Attiva l'azione quando i file nel vault raggiungono uno stato
specifico del flusso di lavoro. Fare clic su Condizioni per
aprire la finestra di dialogo Condizioni della transizione di
stato e specificare il percorso e lo stato di destinazione dei
file che determinano l'azione.

Durante il check out


Attiva l'azione quando cambia lo stato del file (ad es.
sottoposto a check-out o a check-in). Fare clic su Condizioni
per aprire la finestra di dialogo Condizione di cambiamento
del check out e specificare il comando di percorso e di file
che determinano l'azione.

Durante l'aggiunta
Attiva l'azione quando viene aggiunto un file al vault. Fare
clic su Condizioni per aprire la finestra di dialogo Aggiungi
condizione, nella quale è possibile specificare un percorso e
selezionare se l'azione deve essere attivata prima o dopo
l'operazione di aggiunta.

Comandi Elenca i comandi eseguiti quando si attiva l'azione.


L'elenco viene elaborato partendo dall'alto.

Aggiungi Mostra la finestra di dialogo Selezione comando, nella quale è


possibile specificare e configurare il comando.

Rimuovi Rimuove i comandi selezionati dall'elenco.


Utilizzare Ctrl+selezione per selezionare più comandi.

Modifica Consente di modificare il comando selezionato.

Sposta in alto Sposta il comando selezionato in alto nell'elenco.

Sposta in basso Sposta il comando selezionato in basso nell'elenco.

Variabili Mostra la finestra di dialogo Imposta variabili, nella quale è


possibile definire le variabili o selezionare le variabili predefinite
da valutare e applicare quando si attiva l'azione. Ad esempio,
le variabili possono contenere il nome di un file o il valore della
scheda dati di un file.

95
Dispatch (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

Finestra di dialogo Condizioni della transizione di stato


Utilizzare la finestra di dialogo Condizioni della transizione di stato per specificare i percorsi
file e gli stati che attivano l'azione Dispatch.
Per visualizzare questa finestra di dialogo:
Attivare l'opzione Durante la transizione di stato nella finestra di dialogo Modifica
operazione e fare clic su Condizioni.

Percorso Specifica il percorso dei file che hanno determinato l'azione.


Utilizzare il simbolo '%' come carattere jolly nei percorsi. Ad
esempio, %\progetto\%.bmp attiva l'azione se viene
soddisfatta la condizione per qualsiasi file .bmp nella cartella
del progetto. Specificare il simbolo '%' da solo per attivare
l'azione quando un file qualsiasi nel vault passa allo stato di
destinazione.

Punto Consente di selezionare lo stato di destinazione nel flusso di


lavoro. Se il file (o i file) specificato nel percorso passa allo
stato di destinazione, l'azione si esegue. Ad esempio, lo stato
di destinazione Flusso di lavoro predefinito.Approvato
comporta l'attivazione dell'azione ogni volta che un file
corrispondente al percorso specificato passa allo stato
Approvato nel flusso di lavoro predefinito.

Dopo lo stato di Attiva l'azione dopo che cambia lo stato del flusso di lavoro
cambiamento. (comportamento predefinito).

Prima dello stato di L'azione si esegue quando lo stato specificato sta per avvenire.
cambiamento.

Il modo in cui vengono applicate le impostazioni scelte per Tempi di attivazione con le
transizioni parallele è influenzato dal requisito che più utenti eseguano la transizione
prima che il file passi al nuovo stato.

Dopo il cambiamento di stato. L'azione Dispatch viene eseguita una volta quando
l'utente finale richiesto effettua la transizione del file
e il file viene spostato nel nuovo stato.

Prima del cambiamento di Lo script viene eseguito per ciascun utente richiesto
stato. che effettua la transizione del file, prima delle
modifiche di stato del file. Ad esempio se tre utenti
sono richiesti per completare la transizione, lo script
viene eseguito tre volte.
Se un utente revoca la transizione, lo script Dispatch
non viene eseguito e le azioni Dispatch eseguite
quando è avvenuta la transizione originaria del file
non vengono annullate. Le modifiche fatte al file
utilizzando lo script rimangono dopo che la transizione
è revocata.

96
Dispatch (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

Finestra di dialogo Condizione di cambiamento del check out


Utilizzare la finestra di dialogo Condizione di cambiamento del check out per specificare
i percorsi file e gli stati che attivano l'azione Dispatch.
Per visualizzare questa finestra di dialogo:
Attivare l'opzione Durante il check out nella finestra di dialogo Modifica operazione e
fare clic su Condizioni.

Percorso Specifica il percorso dei file che hanno determinato


l'azione. Utilizzare il simbolo '%' come carattere jolly
nei percorsi. Ad esempio, %\progetto\%.bmp attiva
l'azione se viene soddisfatta la condizione per qualsiasi
file .bmp nella cartella del progetto. Specificare il
simbolo '%' da solo per attivare l'azione quando un file
qualsiasi nel vault soddisfa la condizione.

Check-out Consente di selezionare lo stato di controllo revisione.


Se il file (o i file) specificato nel percorso passa allo
stato selezionato, l'azione si esegue. Ad esempio, lo
stato Check-in comporta l'attivazione dell'azione ogni
volta che un file corrispondente al percorso specificato
viene sottoposto a check-in.

Dopo la modifica del check Attiva l'azione dopo che cambia lo stato
out (comportamento predefinito).

Prima della modifica del Attiva l'azione prima che cambi lo stato.
check out.

Finestra di dialogo Aggiungi condizione


Utilizzare la finestra di dialogo Aggiungi condizione per specificare i percorsi dei file che
attivano l'azione Dispatch quando sono aggiunti al vault.
Per visualizzare questa finestra di dialogo:
attivare l'opzione Durante l'aggiunta nella finestra di dialogo Modifica operazione e fare
clic su Condizioni.

Percorso Specifica il percorso dei file che hanno determinato l'azione.


Utilizzare il simbolo '%' come carattere jolly nei percorsi. Ad
esempio, %\budget\% attiva l'azione se vengono aggiunti file
alla cartella budget. Specificare il simbolo '%' da solo per
attivare l'azione quando viene aggiunto un file qualsiasi al vault.

Dopo l'operazione di Attiva l'azione dopo che il file è stato aggiunto (comportamento
aggiunta predefinito).

Prima dell'operazione Attiva l'azione prima che sia aggiunto il file.


di aggiunta.

97
Dispatch (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

Finestra di dialogo Seleziona comando


Consente di scegliere un comando da eseguire quando si attiva l'azione. In funzione del
comando selezionato, una finestra di dialogo successiva consente di configurarlo.
Per visualizzare questa finestra di dialogo:
Fare clic su Aggiungi nella finestra di dialogo Modifica operazione.

Casella di riepilogo a discesa del Aggiunge un comando dalla casella di riepilogo


comando Azione a discesa da includere nell'azione.

Aggiunta di comandi la gestione dei dati


Consente di scegliere un comando di gestione dati da eseguire quando si attiva l'azione.
In funzione del comando selezionato, una finestra di dialogo successiva consente di
configurarlo.
1. Fare clic su Aggiungi nella finestra di dialogo Modifica operazione.
2. Nella finestra di dialogo Selezione comando, selezionare un comando di gestione dati.
3. Se compare una finestra di dialogo, è possibile configurare il modo in cui l'utente può
interagire con il comando e quindi fare clic su OK.
La finestra di dialogo Modifica operazione mostra il comando nella colonna Tipo e gli
argomenti nella colonna Contenuto.

Finestra di dialogo Check-in del file


Utilizzare la finestra di dialogo Check-in del file per specificare il file da sottoporre a
check-in come parte dell'azione.
Per visualizzare questa finestra di dialogo:
fare clic su Aggiungi nella finestra di dialogo Modifica operazione, quindi scegliere
Check-in del file e fare clic su OK.
L'azione esegue il check-in di un file solo se l'utente corrente ha il file in check-out. Se
l'utente vi ha apportato modifiche, viene creata una nuova versione del file, utilizzando
il commento specificato. Se l'utente non ha apportato le modifiche, il check-out è annullato.
Se l'utente corrente non ha il file in check-out, appare un messaggio di errore.

Nome file Specifica il nome o i nomi dei file da sottoporre a check-in


quando si esegue l'azione. Immettere il percorso intero,
compreso il nome file. Fare clic su per inserire le variabili.
Le variabili definite devono essere racchiuse tra simboli di
percentuale (%), ad esempio
%cartella_corrente%\%file_corrente%.

Commento Specifica il commento da utilizzare quando il file è sottoposto


a check-in. Fare clic su per inserire le variabili.

98
Dispatch (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

Sovrascrivi versione Sovrascrive la versione più recente del file.


più recente La sovrascrittura della versione non è supportata nell'operazione
Dispatch se:
• L'utente connesso non dispone dei permessi cartella o dei
permessi di stato per la sovrascrittura.
• Le versioni del file hanno elementi associati impostati su
Aggiornamento automatico.

Finestra di dialogo Check-out del file


Utilizzare la finestra di dialogo Check-out del file per specificare il file da sottoporre a
check-out come parte dell'azione.
Per visualizzare questa finestra di dialogo:
fare clic su Aggiungi nella finestra di dialogo Modifica operazione, quindi scegliere
Check-out del file e fare clic su OK.
Quando si attiva un'azione Dispatch, il file specificato viene sottoposto a check-out per
l'utente che ha svolto l'azione.

Nome file Specifica il nome del file da sottoporre a check-out quando si


esegue l'azione. Immettere il percorso intero, compreso il nome
file. Fare clic su per inserire le variabili. Le variabili definite
devono essere racchiuse tra simboli di percentuale (%), ad
esempio %cartella_corrente%\%file_corrente%.

Finestra di dialogo Copia file


Utilizzare la finestra di dialogo Copia del file per chiedere all'utente di specificare il file di
origine e di destinazione al quale copiare il file.
Per visualizzare questa finestra di dialogo:
Fare clic su Aggiungi nella finestra di dialogo Modifica operazione, quindi scegliere Copia
file e fare clic su OK.
I valori di origine e destinazione specificati dall'utente sono memorizzati nelle variabili di
esecuzione Dispatch definite.

Viene copiata la versione del file attualmente memorizzata nella cache locale. Se non
esiste, sarà copiata l'ultima versione disponibile. Assicurarsi di abbinare questo comando
a "Ottieni il file" per recuperare la versione corretta.

File di origine Specifica il percorso esatto (compreso il nome file) al file di


origine da copiare. Per aggiungere una variabile definita (es.
una variabile contenente il percorso file selezionato), fare clic
su .

99
Dispatch (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

File di destinazione Specifica il percorso esatto (compreso il nome file) in cui


inserire il file copiato. Per selezionare una variabile definita
(per esempio una variabile contenente il nome file di
destinazione), fare clic su . Se la destinazione esiste già, viene
visualizzato un avvertimento.

Finestra di dialogo Crea cartella


Utilizzare la finestra di dialogo Crea cartella per creare una nuova cartella nella destinazione
specificata.
Per visualizzare questa finestra di dialogo:
Fare clic su Aggiungi nella finestra di dialogo Modifica operazione, quindi scegliere Crea
cartella e fare clic su OK.
Quando l'azione Dispatch si attiva, viene creata la cartella specificata.

Se la cartella esiste già, appare un avvertimento durante la valutazione del comando.

Nome cartella Specifica il percorso esatto (compreso il nome cartella) alla


rapporti: posizione in cui creare la cartella. Per aggiungere una variabile
definita (es. una variabile contenente il nome della cartella),
fare clic su .

Finestra di dialogo Elimina file


Utilizzare la finestra di dialogo Elimina file per rimuovere un file specificato.
Per visualizzare questa finestra di dialogo:
Fare clic su Aggiungi nella finestra di dialogo Modifica operazione, quindi scegliere Elimina
file e fare clic su OK.
Quando l'azione Dispatch si attiva, il cartella specificata viene eliminato.

Nome file Specifica il percorso esatto (compreso il nome file) del file da
eliminare. Per aggiungere una variabile definita (es. una
variabile contenente il nome file), fare clic su .

Rimuovere anche il Consente di rimuovere la versione del file dal vault, se esiste,
file dal vault così come la versione locale. Se non è selezionato, viene
rimossa solo la copia nella cache locale.

Finestra di dialogo Ottieni il file


Utilizzare la finestra di dialogo Ottieni file per recuperare una copia del file specificato
nella cache locale.

100
Dispatch (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

Per visualizzare questa finestra di dialogo:


Fare clic su Aggiungi nella finestra di dialogo Modifica operazione, quindi scegliere Ottieni
il file e fare clic su OK.
Utilizzare il comando Ottieni il file per assicurare che lo script Dispatch utilizzi la versione
più recente disponibile del file; quando l'azione Dispatch si attiva, lo script preleva il file
specificato.

Percorso file Specifica il percorso esatto (compreso il nome file) del


file da recuperare. Per aggiungere una variabile definita
(es. una variabile contenente il nome file), fare clic su
.

Ottieni la versione più Selezionare per recuperare il file solo se manca nella
recente del file se manca cache locale.

Ottieni la versione più Selezionare per recuperare il file a prescindere dalla


recente o quella precedente versione memorizzata nella cache locale.
del file se manca

Finestra di dialogo Sposta cartella locale


Utilizzare la finestra di dialogo Sposta cartella locale per spostare o rinominare una cartella
locale.

Questo comando vale solo per cartelle locali; non è possibile spostare una cartella
memorizzata in un vault con questo comando.

Per visualizzare questa finestra di dialogo:


Fare clic su Aggiungi nella finestra di dialogo Modifica operazione, quindi scegliere Sposta
cartella locale e fare clic su OK.

Nome cartella Specifica il percorso esatto (compreso il nome cartella) della


precedente cartella da spostare. Fare clic su per inserire le variabili.

Nuovo nome cartella Specifica il percorso esatto (compreso il nome cartella) della
posizione di destinazione per la cartella. Per rinominare una
cartella, mantenere il percorso di destinazione identico a quello
di origine, ma utilizzare un altro nome per la cartella. Fare clic
su per inserire le variabili.

Finestra di dialogo Sposta/Rinomina file


Utilizzare la finestra di dialogo Sposta/Rinomina file per spostare o rinominare un file
locale.
Per visualizzare questa finestra di dialogo:
Fare clic su Aggiungi nella finestra di dialogo Modifica operazione, quindi selezionare
Sposta/Rinomina file e fare clic su OK.

101
Dispatch (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

Percorso al file da Specifica il percorso esatto (compreso il nome file) al file da


spostare/rinominare spostare o da rinominare. Fare clic su per inserire le variabili.

Nuovo percorso o Specifica il nuovo percorso (escluso il nome file) in cui spostare
nome file il file o un nuovo nome file comprendente l'estensione del file
per rinominare il file.

Finestra di dialogo Imposta variabili scheda


Utilizzare la finestra di dialogo Imposta variabili scheda per creare un comando che
consente all'utente di fornire un valore per le variabili di file e cartella.

Il file deve essere in check-out per poter impostare le variabili.

Per visualizzare questa finestra di dialogo:


Fare clic su Aggiungi nella finestra di dialogo Modifica operazione, quindi scegliere
Imposta variabili scheda e fare clic su OK.

Elemento di cui impostare la variabile


Selezionare una delle opzioni seguenti:

File o cartella Il comando viene eseguito sul file o sulla cartella selezionata.
selezionata
È possibile aggiungere il comando Per tutti i documenti e
Fine per tutti i documenti allo script per indicare un blocco
di comandi da applicare a tutti i file selezionati.

File con percorso Il comando viene eseguito su un file con il percorso specificato.
Per definire il percorso del file system, immettere un testo o
fare clic su per selezionare le variabili Dispatch da includere
nel percorso.

Cartella con percorso Il comando viene eseguito su una cartella con il percorso
specificato.
Per definire il percorso della cartella, immettere un testo o fare
clic su per selezionare le variabili Dispatch da includere nel
percorso.

Variabile scheda di Selezionare una variabile dall'elenco delle variabili nel vault.
destinazione

Elenco delle Immettere i nomi delle configurazioni da aggiornare.


configurazioni Lasciare vuoto il campo per aggiornare tutte le configurazioni.

102
Dispatch (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

Valore della variabile Immettere il valore della variabile inserendo un testo o


creandola da variabili Dispatch selezionate dall'elenco
visualizzato quando si fa clic su .

Aggiunta di comandi di input utente


Consente di scegliere un comando input utente da eseguire quando si attiva l'operazione.
In funzione del comando selezionato, una finestra di dialogo successiva consente di
configurarlo.
1. Fare clic su Aggiungi nella finestra di dialogo Modifica operazione.
2. Nella finestra di dialogo Selezione comando, selezionare un comando input utente.
3. Se compare una finestra di dialogo, è possibile configurare il modo in cui l'utente può
interagire con il comando e quindi fare clic su OK.
La finestra di dialogo Modifica operazione mostra il comando nella colonna Tipo e gli
argomenti nella colonna Contenuto.

Finestra di dialogo Casella combinata


Utilizzare la finestra di dialogo Casella combinata per presentare all'utente un elenco di
scelte.
Per visualizzare questa finestra di dialogo:
fare clic su Aggiungi nella finestra di dialogo Modifica operazione, quindi scegliere Casella
combinata e fare clic su OK.
La casella combinata specificata appare all'utente che determina l'azione. L'elenco di
scelte selezionato dall'utente è memorizzato nella variabile di esecuzione Dispatch
specificata.

Stringa di richiesta Fornisce la stringa per la casella combinata.

Nome della variabile Specifica una variabile di esecuzione che contiene il valore
selezionato dalla casella combinata. Selezionare una variabile
di esecuzione esistente dall'elenco a discesa o fare clic su
per definire una nuova variabile di esecuzione.

Scelte selezionabili Specifica le scelte di casella di riepilogo a discesa da


visualizzare nella casella combinata. Immettere ogni scelta
su una riga a parte della casella di testo.

Finestra di dialogo Esegui casella combinata


Utilizzare la finestra di dialogo Casella combinata per selezionare da una casella di riepilogo
a discesa di scelte.
La finestra di dialogo Casella combinata mostra un elenco a discesa di scelte personalizzate.
Fare clic sulla scelta desiderata, quindi fare clic su OK.

103
Dispatch (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

Finestra di dialogo Casella di modifica


Utilizzare la finestra di dialogo Casella Modifica per visualizzare a casella di testo con la
stringa di richiesta specificata.
Per visualizzare questa finestra di dialogo:
Fare clic su Aggiungi nella finestra di dialogo Modifica operazione, quindi scegliere Casella
Modifica e fare clic su OK.
La casella di modifica specificata appare all'utente che determina l'azione. Il testo immesso
dall'utente è memorizzato nella variabile di esecuzione Dispatch specificata.

Stringa di richiesta La stringa della casella di modifica appare all'utente che


determina l'azione.

Nome della variabile Consente di specificare una variabile di esecuzione che


contiene la stringa di testo specificata dall'utente. Selezionare
una variabile di esecuzione esistente dall'elenco a discesa o
fare clic su per definire una nuova variabile di esecuzione.

Finestra di dialogo Genera parametri


Utilizzare la finestra di dialogo Genera parametro per generare un file di testo basato su
modello come parte dell'azione svolta.
Per visualizzare questa finestra di dialogo:
Fare clic su Aggiungi nella finestra di dialogo Modifica operazione, quindi scegliere Genera
parametro e fare clic su OK.
In funzione del contenuto e delle variabili in un modello predefinito, l'azione svolta genera
un file di testo con i valori di variabile espansi (es. i valori provenienti dalle schede dati
dei file selezionati).

Modello Specifica il percorso esatto (compreso il nome file) al modello


per il file generato. Questo modello stile ANSI contiene del
testo statico e nomi di variabile Dispatch dinamici
(%variable%) che saranno sostituiti nel file generato. Fare
clic su per navigare al file.

Nome file Specifica il percorso esatto (compreso il nome file) del file da
generare. Fare clic su per individuare un file esistente.

Usa conteggio per Se selezionato, aggiunge un numero univoco a ogni file


produrre nomi di file generato. Il contatore è aggiunto dopo il nome del file e prima
unici dell'estensione (ad esempio, Esporta1.txt, Esporta2.txt).

Allega al file se già Se selezionato, e se il nome file specificato esiste, aggiunge


esiste i risultati al nome file in funzione del modello specificato.

104
Dispatch (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

Assegna il nome del Specifica una variabile di esecuzione che contiene il nome file.
file a Selezionare una variabile di esecuzione esistente dall'elenco
a discesa o fare clic su per definire una nuova variabile di
esecuzione.

Finestra di dialogo Casella Messaggio OK


Utilizzare la finestra di dialogo Casella Messaggio OK per visualizzare una finestra di
messaggio all'utente.

L'utente deve fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo; lo script di comando
Dispatch si interrompe fino a quando l'utente non chiude la finestra.

Per visualizzare questa finestra di dialogo:


fare clic su Aggiungi nella finestra di dialogo Modifica operazione, quindi scegliere Casella
Messaggio OK e fare clic su OK.

Stringa da visualizzare nella Specifica una stringa da visualizzare nella casella


casella dei messaggi Messaggio OK. Utilizzare il tasto Invio per inserire un
ritorno a capo. Fare clic su per inserire le variabili

Finestra di dialogo Invia messaggio


Utilizzare la finestra di dialogo Invia messaggio per inviare un messaggio a utenti o gruppi
selezionati.
Per visualizzare questa finestra di dialogo:
fare clic su Aggiungi nella finestra di dialogo Modifica operazione, quindi scegliere Invia
messaggio e fare clic su OK.
Invia un messaggio a uno o più utenti o gruppi definiti sul server. Specificare un Oggetto
e scrivere il testo del messaggio. È possibile formattare il messaggio utilizzando i codici
HTML.

A Selezionare i gruppi e gli utenti che dovranno ricevere il


messaggio.

Oggetto Specifica l'oggetto del messaggio.

Non è possibile includere variabili predefinite o definite


dall'utente nell'oggetto.

Messaggio Specifica il messaggio. Aggiungere il codice HTML per


formattare il testo.

Non è possibile includere variabili predefinite o definite


dall'utente nel testo del messaggio.

105
Dispatch (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

Finestra di dialogo Casella messaggio Sì-No


Utilizzare la finestra di dialogo Casella messaggio Sì-No per visualizzare una finestra che
invita l'utente a scegliere Sì o No.
Per visualizzare questa finestra di dialogo:
fare clic su Aggiungi nella finestra di dialogo Modifica operazione, quindi scegliere Casella
messaggio Sì-No e fare clic su OK.
La casella messaggio Sì-No appare all'utente che determina l'azione. Il valore selezionato
dall'utente è memorizzato nella variabile di esecuzione Dispatch specificata.

Stringa di richiesta Fornisce la stringa per il casella messaggio. È possibile


includere nomi di variabile Dispatch dinamici (%variable%)
nella stringa di richiesta, ad esempio Pubblicare
%PathToSelectedFile%?

Nome della variabile Specifica una variabile di esecuzione che contiene il valore
selezionato dalla casella messaggio Sì-No. Selezionare una
variabile di esecuzione esistente dall'elenco a discesa o fare
clic su per definire una nuova variabile di esecuzione.

Valore Sì Questo valore è memorizzato nella variabile di esecuzione


definita se l'utente sceglie Sì.

Valore No Questo valore è memorizzato nella variabile di esecuzione


definita se l'utente sceglie No.

Aggiunta di logica di controllo e comandi di sistema


Consente di scegliere la logica di controllo o un comando a livello di sistema da eseguire
quando si attiva l'azione. In funzione del comando selezionato, una finestra di dialogo
successiva consente di configurarlo.
1. Fare clic su Aggiungi nella finestra di dialogo Modifica operazione.
2. Nella finestra di dialogo Selezione comando, selezionare una logica di controllo o un
comando a livello di sistema.
3. Se compare una finestra di dialogo, è possibile configurare il modo in cui l'utente può
interagire con il comando e quindi fare clic su OK.
La finestra di dialogo Modifica operazione mostra il comando nella colonna Tipo e gli
argomenti nella colonna Contenuto.

AnnullaSOLIDWORKS PDM
Aggiungere il comando Annulla SOLIDWORKS PDM agli script di azione per interrompere
l'evento di SOLIDWORKS PDM in corso.
Utilizzare la finestra di dialogo Selezione comando per specificare i comandi da aggiungere
agli script di azione Dispatch. Se si desidera interrompere l'evento SOLIDWORKS PDM
corrente che ha attivato lo script di azione, aggiungere il comando Annulla SOLIDWORKS

106
Dispatch (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

PDM allo script di azione. Ad esempio, se lo script si attiva quando viene approvato un
documento (in base al valore di una variabile particolare), è possibile aggiungere un salto
nello script che annulla il cambio di stato se non viene trovata la variabile.

Finestra di dialogo Salto condizionale


Utilizzare la finestra di dialogo Salto condizionale per definire le condizioni che determinano
un salto ad un'etichetta di comando Dispatch predefinita.
Per visualizzare questa finestra di dialogo:
fare clic su Aggiungi nella finestra di dialogo Modifica operazione, quindi scegliere Passa
a e fare clic su OK.
Utilizzare la finestra di dialogo Salto condizionale per specificare una condizione che attiva
un salto nello script Dispatch. Specificare un'etichetta predefinita che indichi la posizione
del salto.

If Specifica la stringa o la variabile che deve corrispondere alla


condizione definita per attivare il salto. (Es. se il file esiste,
salta.) Fare clic su per aggiungere le variabili.

Selezionare una delle condizioni seguenti e fornire una stringa nella casella di testo
riportata di seguito affinché sia valutata rispetto alla stringa contenuta nella casella di
testo If precedente. Fare clic sull' per aggiungere le variabili alla stringa.

Sempre Salta sempre all'etichetta specificata.

= Se la stringa valutata specificata nella casella di testo


soprastante corrisponde al testo sottostante, salta all'etichetta
specificata.

> Se la stringa valutata specificata nella casella di testo


soprastante è maggiore del testo sottostante, salta all'etichetta
specificata.

>= Se la stringa valutata specificata nella casella di testo


soprastante è maggiore o uguale al testo sottostante, salta
all'etichetta specificata.

= Se la stringa valutata specificata nella casella di testo


soprastante non corrisponde al testo sottostante, salta
all'etichetta specificata.

Maiuscole/minuscole Indica che le stringhe nelle caselle di testo distinguono le


maiuscole/minuscole.

Esiste come locale Se il file specificato esiste localmente, salta all'etichetta


specificata.

107
Dispatch (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

Esiste nel vault Se il file specificato esiste nel vault, salta all'etichetta
specificata.

passare a etichetta Selezionare un'etichetta di comando Dispatch predefinita a


cui saltare se sono soddisfatte le condizioni definite.

Fine per tutte le configurazioni


Aggiungere il comando Fine per tutte le configurazioni allo script per indicare la fine
di un blocco di comandi (a partire da Per tutte le configurazioni).
L'esempio seguente mostra una serie di comandi in uno script Dispatch. I comandi sono
inclusi in un blocco. È possibile utilizzare salti condizionali per sfruttare i blocchi creati.

Tipo Contenuto Descrizione

Per tutte le INIZIO Blocco Inizia il blocco.


configurazioni

Esecuzione shell c:\plot.exe Fornisce l'azione del


%PathToSelectedFile%,%CurrentConfig% blocco, in alcuni casi un
comando shell.

Fine per tutte le FINE Blocco Termina il blocco.


configurazioni

Fine per tutti i documenti


Aggiungere i comandi Per tutti i documenti e Fine per tutti i documenti allo script
per indicare un blocco di comandi da applicare a tutti i file selezionati.

Se il blocco non viene specificato usando Per tutti i documenti e Fine per tutti i
documenti, i comandi dello script vengono eseguiti una sola volta, anche se sono stati
selezionati più documenti. Ad esempio, se un utente seleziona 10 file e attiva uno script
di azione Dispatch, utilizzare un blocco per raggruppare i file ed elaborarli in una sola
finestra di dialogo al posto di 10 finestre distinte.

L'esempio seguente mostra una serie di comandi in uno script Dispatch. Dato che è incluso
in un blocco Per tutti i documenti, il comando Copia agisce su tutti i file selezionati.

Tipo Contenuto Descrizione

Casella di modifica DestFolder Mostra una casella di


modifica una volta per
consentire all'utente di
immettere una cartella
di destinazione

108
Dispatch (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

Tipo Contenuto Descrizione

Per tutti i documenti INIZIO Blocco Inizia un blocco di


comandi da valutare per
tutti i documenti
selezionati.

Copia del file %PathToSelectedFile% => Valuta la copia su


%DestFolder%\%NameOfSelectedFile% ciascuno dei file
selezionati.

Fine per tutti i FINE Blocco Termina il blocco.


documenti

Per tutte le configurazioni


Aggiungere il comando Per tutte le configurazioni allo script per indicare l'inizio di un
blocco di comandi (che termina con Fine per tutte le configurazioni).
L'esempio seguente mostra una serie di comandi in uno script Dispatch. I comandi sono
inclusi in un blocco. È possibile utilizzare salti condizionali per sfruttare i blocchi creati.

Tipo Contenuto Descrizione

Per tutte le configurazioni INIZIO Blocco Inizia il blocco.

Esecuzione shell c:\plot.exe Fornisce l'azione del


%PathToSelectedFile%, blocco, in alcuni casi un
%CurrentConfig%Config comando shell.

Fine per tutte le configurazioni FINE Blocco Termina il blocco.

Per tutti i documenti


Aggiungere i comandi Per tutti i documenti e Fine per tutti i documenti allo script
per indicare un blocco di comandi da applicare a tutti i file selezionati.

Se il blocco non viene specificato usando Per tutti i documenti e Fine per tutti i
documenti, i comandi dello script vengono eseguiti una sola volta, anche se sono stati
selezionati più documenti. Ad esempio, se un utente seleziona 10 file e attiva uno script
di azione Dispatch, utilizzare un blocco per raggruppare i file ed elaborarli in una sola
finestra di dialogo al posto di 10 finestre distinte.

L'esempio seguente mostra una serie di comandi in uno script Dispatch. Dato che è incluso
in un blocco Per tutti i documenti, il comando Copia agisce su tutti i file selezionati.

109
Dispatch (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

Tipo Contenuto Descrizione

Casella di modifica DestFolder Mostra una casella di


modifica una volta per
consentire all'utente di
immettere una cartella
di destinazione.

Per tutti i documenti INIZIO Blocco Inizia un blocco di


comandi da valutare per
tutti i documenti
selezionati.

Copia del file %PathToSelectedFile% => Valuta la copia su


%DestFolder%\%NameOfSelectedFile% ciascuno dei file
selezionati.

Fine per tutti i FINE Blocco Termina il blocco.


documenti

Finestra di dialogo Etichetta


Utilizzare la finestra di dialogo Etichetta per definire un'etichetta Dispatch nello script del
comando.
Per visualizzare questa finestra di dialogo:
Fare clic su Aggiungi nella finestra di dialogo Modifica operazione, quindi scegliere
Marcatura e fare clic su OK.

Nome etichetta Consente di creare un'etichetta per salti condizionale nello


script Dispatch.

Finestra di dialogo Esecuzione shell


Utilizzare la finestra di dialogo Esecuzione shell per richiamare un comando di sistema.
Per visualizzare questa finestra di dialogo:
Fare clic su Aggiungi nella finestra di dialogo Modifica operazione, quindi scegliere
Esecuzione shell e fare clic su OK.
Specificare una riga di comando o selezionare un comando shell da includere in uno script
Dispatch. Ad esempio, è possibile utilizzare Esecuzione shell per inviare un file a un
programma che genera file PDF. A scelta, è possibile fornire i parametri al comando
selezionato. È possibile sospendere l'esecuzione dello script Dispatch fino a quando il
comando si sistema non si completa oppure eseguire entrambi lo script e il comando
simultaneamente.

Riga di comando Specifica una riga di comando da richiamare in uno script


Dispatch.

110
Dispatch (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

Comando shell Fare clic per specificare un comando shell da richiamare in


uno script Dispatch. Per specificare il comando shell,
selezionare un comando nell'elenco a discesa Verbo e
completare i campi Nome file e Parametri.

Verbo Selezionare un comando (Apri, Modifica, Stampa, Esplora)


dalla casella di riepilogo a discesa. Se non si seleziona un
comando, viene richiamato automaticamente il comando Apri.

Nome file Specifica il percorso esatto del file da eseguire o da utilizzare


con il comando shell selezionato. Fare clic su per inserire
le variabili.

Parametri Specifica altri parametri da inviare al file eseguito. Ad esempio,


potrebbe essere necessario specificare uno switch o il nome
di un file da elaborare. Fare clic su per inserire le variabili.

Ferma esecuzione dello Selezionare per sospendere il comando Dispatch fino a quando
script non si completa il comando di sistema.

Finestra di dialogo Attendere


Utilizzare la finestra di dialogo Attendere per sospendere uno script Dispatch fino a quando
non ha luogo la condizione specificata.
Per visualizzare questa finestra di dialogo:
fare clic su Aggiungi nella finestra di dialogo Modifica operazione, quindi scegliere
Attendere e fare clic su OK.

Attendere che Consente di selezionare una condizione che riprende


l'esecuzione dello script Dispatch. Le condizioni comprendono:

File creato
Specificare il Nome file.

File eliminato
Specificare il Nome file.

Valore di registro impostato


Specificare il Valore registro.

Nome file Specifica il percorso esatto del file che deve essere creato o
eliminato affinché lo script riprenda l'esecuzione. Fare clic su
per inserire le variabili.

111
Dispatch (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

Valore di registro specifica il nome esatto della chiave di registro da creare perché
lo script riprenda l'esecuzione. Fare clic su per inserire le
variabili.

Finestra di dialogo Scrittura valore di registro


Utilizzare la finestra di dialogo Scrittura valore di registro per creare o aggiornare un
valore di registro.
Per visualizzare questa finestra di dialogo:
fare clic su Aggiungi nella finestra di dialogo Modifica operazione, quindi scegliere
Scrittura valore di registro e fare clic su OK.

L'utente connesso che attiva l'azione Dispatch deve disporre di diritti sufficienti per
aggiornare la chiave di registro specificata. Specificare un contenitore nella seguente
chiave di registro suggerita: HKEY_CURRENT_USER.

Chiave Specifica la chiave di registro completa e il contenitore del


valore del registro da aggiornare, ad esempio
HKEY_CURRENT_USER\Software\SOLIDWORKS\PDMWorks
Enterprise\Language. Se il contenitore del valore non
esiste, verrà creato. (Le chiavi devono invece esistere.)

Valore Specifica il valore da impostare per la chiave di registro. Fare


clic su per inserire le variabili.

Stringa Selezionare se il valore deve essere memorizzato sotto forma


di stringa.

DWORD Selezionare se il valore deve essere memorizzato sotto forma


di DWORD.

Modifica degli script Dispatch


Utilizzare la finestra di dialogo Modifica operazione per modificare e riordinare le azioni
negli script Dispatch.
1. Aprire la finestra di dialogo Gestione operazioni.
2. Nell'elenco Operazioni installate, selezionare lo script di azione Dispatch da modificare
e fare clic su Modifica.
3. Utilizzare la finestra di dialogo Attivazione Modifica operazione per apportare le
modifiche allo script di azione.

112
Dispatch (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

4. È possibile apportare le modifiche a specifiche azioni di uno script:


a) Fare clic su Aggiungi per aggiungere una nuova azione.
b) Fare clic su Rimuovi per eliminare un'azione.

Accertarsi di selezionare lo script desiderato, perché il comando Rimuovi non


è reversibile.

c) Fare clic su Modifica da aggiornare il contenuto di un'azione.


d) Fare clic su Sposta in alto e Sposta in basso to ridisporre le azioni nello script.

Creazione di variabili per script Dispatch


Utilizzare la finestra di dialogo Imposta variabili per definire le variabili Dispatch di
SOLIDWORKS PDM che valutano quando eseguire un'azione di Dispatch.
È possibile creare le variabili da utilizzare negli script Dispatch e in elementi
grafici creati per gli script:
1. Accedere alla finestra di dialogo Imposta variabili facendo clic su Variabili nella
finestra di dialogo Modifica operazione o facendo clic su in una delle finestre di
dialogo Dispatch.
2. Fare clic su Aggiungi per creare una nuova variabile.
3. Nel campo Nome, selezionare la variabile appena aggiunta e digitarne il nome.

113
Dispatch (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

4. Nell'elenco a discesa Tipo, selezionare un tipo di dati:

Opzione Descrizione

Configurazione %CurrentConfig%
corrente
Esempio: @

Percorso cartella %CurrentFolderPath%


corrente
Esempio: C:\VaultProjA\FolderA

Revisione corrente del %CurrentRevisionOfFile%


file selezionato
Esempio: A

Versione corrente del %CurrentVersionOfFile%


file selezionato
Esempio: 4

Directory del file %DirOfSelectedFile%


selezionato
Esempio: C:\VaultProjA\FolderA

Nome cartella corrente %NameOfCurrentFolder%


Esempio: CartellaA

Nome vault corrente %NameOfCurrentVault%


Esempio: VaultProjA

Nome dell'utente %NameOfLoggedInUser%


connesso
Esempio: Admin

Nome del file %NameOfSelectedFile%


selezionato
Esempio: 89-NOAO-4200-1234.sldprt

Nome utente autore del %NameOfUserCreatedFile%


file selezionato
Esempio: Admin

Percorso al file %PathToSelectedFile%


selezionato
Esempio:
C:\VaultProjA\FolderA\89-NOAO-4200-1234.sldprt

Percorso alla cartella di %RootFolderPath%


origine SOLIDWORKS
Esempio: C:\VaultProjA
PDM

114
Dispatch (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

Opzione Descrizione

Variabile di esecuzione Una variabile di esecuzione è un contenitore temporaneo


che memorizza l'input dell'utente. È possibile utilizzare
questa variabile negli script di azione.
Esempio: UserState

Stato del flusso di %SelectedFileCurrentWorkflowState%


lavoro corrente del file
Esempio: Approvato
selezionato

Stringa statica Imposta la variabile su una stringa statica creata


utilizzando il campo Valore.
Esempio: %Number%_%Rev%.pdf

Ora della creazione del %TimeFileCreated%


file selezionato
Esempio: 20090726 14:44:1

Ora della modifica del %TimeFileModified%


file selezionato
Esempio: 20090726 17:04:12

Valore variabile Imposta la variabile al valore di una variabile di ambiente


ambiente selezionata.
Esempio: NOME UTENTE

Valore variabile di Imposta la variabile al valore di una variabile di registro


registro selezionata.
Esempio: FileExtVer

Valore variabile dalla Imposta la variabile al valore di una variabile di scheda


scheda dati del file dati selezionata.
selezionato
Esempio: Approvato il

115
Dispatch (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

5. Completare i campi condizionali che compaiono in base al Tipo selezionato:


a) Se Tipo è Stringa statica - Nel campo Valore, immettere un valore o fare clic
su per creare un valore sulla base di variabili predefinite, funzioni di stringa o
funzioni aritmetiche.
b) Se Tipo è Valore variabile ambiente - Nel campo Variabile di ambiente,
immettere una variabile o fare clic su per selezionare una variabile ambiente.
c) Se Tipo è Valore variabile di registro - nel campo Variabile di registro,
immettere il nome di una variabile di registro.
d) Se Tipo è Valore variabile dalla scheda dati file selezionato - Nel campo
Variabile scheda dati, immettere una variabile o fare clic su per selezionare
una variabile della scheda dati. Quindi, nel campo Configurazione, digitare la
configurazione.
6. Continuare ad aggiungere variabili (facendo clic su Aggiungi) o eliminare le variabili
(selezionando una variabile e facendo clic su Rimuovi).
7. Fare clic su OK per salvare le variabili.

Finestra di dialogo Imposta variabili


Utilizzare la finestra di dialogo Imposta variabili per definire le variabili Dispatch di
SOLIDWORKS PDM che valutano quando eseguire un'azione di Dispatch.
Per visualizzare questa finestra di dialogo:
fare clic su Variabili nella finestra di dialogo Modifica operazione oppure selezionare
Variabili definite dall'utente > Nuova variabile.
Utilizzare le variabili negli script per memorizzare e manipolare i valori. Ad esempio,
potrebbe tornare utile memorizzare per il futuro il nome del file selezionato o il valore di
una scheda dati file. È possibile creare le variabili abbinando quelle predefinite con altre
definite dall'utente. Ad esempio, se una variabile Release è impostata su
%Number%_%Rev%.pdf, il valore di Release deriva dalla valutazione delle variabili Numero
e Rev. Ad esempio, se Numero è 4 e Rev è 2, Release è impostato su 4_2.pdf.
Le variabili sono formattate come stringhe in cui il nome variabile è racchiuso tra segni
di percentuale "%". Ad esempio, "%PathToSelectedFile%" valuta il percorso e il nome
del file selezionato al momento quando si esegue l'azione Dispatch.
La finestra di dialogo Imposta variabile mostra campi specifici in base ai tipi di variabile
che si crea. Ad esempio, se si crea una variabile di tipo Stringa statica, un campo
testuale di nome Valore invita a immettere il valore della stringa.

Variabili Elenca il nome e le informazioni di tutte le variabili definite


dall'utente.

Aggiungi Fare clic per aggiungere una nuova variabile definita


dall'utente.

Rimuovi Fare clic per rimuovere una variabile definita dall'utente


esistente.

116
Dispatch (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

Nome Specifica il nome della variabile definita dall'utente. Questo


nome di variabile viene riportato tra i segni di percentuale
"%", ad esempio %VersionValue%.

Il nome specificato non deve duplicare alcuna delle variabili


predefinite.

Tipo Consente di selezionare il tipo di variabile da utilizzare. A


seconda del tipo selezionato, si mostrano campi di opzione
diversi che consentono di specificare ulteriormente il tipo.

value Immettere un valore per la variabile. Fare clic su per


selezionare funzioni stringa predefinite, funzioni aritmetiche
e variabili.

Funzioni per variabili


Durante la creazione delle variabili, utilizzare funzioni stringa e funzioni aritmetiche per
configurare i valori. Si può aggiungere queste funzioni facendo clic sulla vicino ai campi
Valore nelle finestre di dialogo.

Funzioni di stringhe

Funzione, sintassi e descrizione Argomenti ed esempi

Left(<stringa>,<numero>) <stringa> - La stringa di caratteri


Restituisce il numero di caratteri
<numero> - Il numero di caratteri da restituire
specificato più a sinistra da una
stringa specificata.
Esempio: Left(ProgettoAA,7) - Restituisce
"Progetto"

Right(<stringa>,<numero>) <stringa> - La stringa di caratteri


Restituisce il numero di caratteri
<numero> - Il numero di caratteri da restituire
specificato più a destra da una
stringa specificata.
Esempio: Restituisce
"AA"Right(ProjectAA,2) -

Mid(<stringa>,<pos.iniziale>,<numero>) <stringa> - La stringa di caratteri


Restituisce una sottostringa da una
<pos.iniziale> - Il numero della posizione iniziale.
stringa specificata (a partire dalla
Il primo carattere è la posizione 0.
posizione specificata).
<numero> - Il numero di caratteri da restituire

Esempio: Mid(ProjectAA,2,2) - Restituisce "oj"

117
Dispatch (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

Funzione, sintassi e descrizione Argomenti ed esempi

Length(<stringa>) <stringa>
Restituisce la lunghezza di una
stringa specificata. Esempio: Length(ProjectAA) - Restituisce 9

Reverse(<stringa>) <stringa>
Restituisce l'inverso di una stringa
specificata. Esempio: Reverse(roma) - Restituisce "amor"

Find(<stringa>,<sottostringa>) <stringa> - La stringa di caratteri


Ricerca in una stringa specificata
<sottostringa> - Sottostringa di caratteri da
la prima corrispondenza di
ricercare
carattere o sottostringa.
Restituisce la posizione nella quale
Esempio: Find(abc,b) - Restituisce 1
è stato trovato il carattere o la
sottostringa.

La prima posizione nella stringa


del carattere è 0.

ReverseFind(<string>,<substring>) <stringa> - La stringa di caratteri


Ricerca in una stringa specificata
<sottostringa> - Sottostringa di caratteri da
l'ultima corrispondenza di un
ricercare
carattere. Restituisce la posizione
nella quale è stata trovata l'ultima
Esempio: ReverseFind(abcabc,b) - Restituisce
occorrenza del carattere o della
sottostringa. 4

La prima posizione nella stringa


del carattere è 0.

118
Dispatch (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

Funzione, sintassi e descrizione Argomenti ed esempi

CurrentTime(%%Y-%%m-%%d %%a - Giorno della settimana abbreviato


%%H:%%M:%%S)
%%A - Giorno della settimana per esteso
Restituisce la data o l'ora corrente
nel formato specificato. %%b - Nome del mese abbreviato
%%B - Nome del mese per esteso
%%c - Rappresentazione della data e dell'ora
appropriata secondo le usanze del luogo
%%d - Giorno del mese in numero decimale (01 - 31)
%%H - Orario nel formato 24 ore (00 - 23)
%%I - Orario nel formato 12 ore (01 - 12)
%%j - Giorno dell'anno in numero decimale (001 -
366)
%%m - Mese in numero decimale (01 - 12)
%%M - Minuti in numero decimale (00 - 59)
%%p - Indicatore locale A.M./P.M. per l'orologio di 12
ore

119
Dispatch (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

Funzione, sintassi e descrizione Argomenti ed esempi

%%S - Secondi in numero decimale (00 - 59)


%%U - Settimana dell'anno in numero decimale, con
domenica come primo giorno della settimana (00 -
53)
%%w - Giorno della settimana in numero decimale (0
- 6; Domenica = 0)
%%W - Settimana dell'anno in numero decimale, con
lunedì come primo giorno della settimana (00 - 53)
%%x - Rappresentazione della data secondo le usanze
del luogo
%%X - Rappresentazione dell'ora secondo le usanze
del luogo
%%y - Anno senza secolo, in numero decimale (00 -
99)
%%Y - Anno con secolo, in numero decimale
%%z,%%Z - Nome del fuso orario o abbreviazione, a
seconda delle impostazioni di registro; nessun
carattere se il fuso orario è sconosciuto
%%%% - Segno di percentuale

Esempi: CurrentTime(%%y%%m%%d) - Restituisce


"050113"
CurrentTime (%%H:%%M) - Restituisce "09:53"

Funzioni aritmetiche

Funzione, sintassi e descrizione Argomenti ed esempi

Add(<term1>,<term2>) <term1> - Primo termine


Restituisce la somma di due numeri
<term2> - Secondo termine
specificati.
Esempio: Add(2,3) - Restituisce 5

Sub(<term1>,<term2>) <term1> - Primo termine


Restituisce la differenza tra due numeri
<term2> - Secondo termine (quantità da
specificati.
sottrarre)

Esempio: Sub(3,2) - Restituisce 1

120
Dispatch (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

Esportazione di script Dispatch


È possibile esportare gli script di azione Dispatch. Dopo averli esportati, è possibile
reimportarli in Dispatch mediante il comando Carica.
Per esportare uno script di azione Dispatch:
1. Aprire la finestra di dialogo Gestione operazioni.
2. Nell'elenco Operazioni installate, selezionare lo script di azione Dispatch da esportare
e fare clic su Salva.
3. Scegliere la posizione dove esportare lo script e fare clic su Salva.
Lo script viene copiato nella posizione specificata.

Importazione di script Dispatch


È possibile importare script di azione Dispatch precedentemente salvati.
È anche possibile importare script Dispatch di esempio dal CD di installazione in
SWPDMClient\Support\Dispatch\Dispatch Examples.
Per importare uno script di azione Dispatch:
1. Aprire la finestra di dialogo Gestione operazioni.
2. Fare clic su Carica, scegliere lo script Dispatch da importare e fare clic su Apri.
Lo script viene importato e appare nell'elenco Operazioni installate. È possibile
modificarlo a piacere.

121
7
Distinte materiali
Questo capitolo comprende i seguenti argomenti:

• Tipi di Distinta materiali supportati in SOLIDWORKS PDM


• Creazione di modelli della distinta materiali (solo per SOLIDWORKS PDM
Professional)
• Uso del tipo di distinta materiali con elenco saldature
• Finestra di dialogo Distinta materiali

In SOLIDWORKS PDM, una Distinta materiali è un elenco dei componenti contenuti in un


assieme o di un disegno SOLIDWORKS che può essere visualizzato dai client quando viene
selezionata la scheda Distinta materiali in File Explorer o Item Explorer. In SOLIDWORKS
PDM Professional, utilizzare lo strumento Amministrazione per creare o modificare i modelli
della Distinta materiali che controllano la visualizzazione delle colonne di una distinta. I tipi di
modello disponibili sono:
• Distinta materiali
• Distinta di saldatura
• Distinta di taglio per saldature
• Distinta materiali elementi

Tipi di Distinta materiali supportati in


SOLIDWORKS PDM
SOLIDWORKS PDM supporta i seguenti tipi di distinta materiali:

Tipo di Distinta Descrizione


materiali

Distinta materiale Le distinte materiali calcolate vengono calcolate


calcolata automaticamente dai componenti di SOLIDWORKS presenti in
un assieme o disegno. Una distinta materiali calcolata cambia
quando cambia l'assieme o il disegno corrispondente. Gli utenti
non possono eseguire il check out di una distinta materiali
calcolata o modificarla

122
Distinte materiali

Tipo di Distinta Descrizione


materiali

Distinta materiali di Quando un assieme o un disegno di SOLIDWORKS contiene la


SOLIDWORKS da un relativa distinta materiali, il contenuto della distinta materiali
assieme o un disegno può essere visualizzato nella scheda Distinta materiali. È
possibile salvare una distinta materiali di SOLIDWORKS come
distinta materiali con nome.

Distinta materiali con Per catturare una variante di una distinta materiali calcolata
nome (solo per (incluse le distinte materiali elementi) o di una distinta materiali
SOLIDWORKS PDM di SOLIDWORKS, è possibile salvarla come distinta materiali
Professional) con nome. Gli utenti possono eseguire il check-out delle distinte
materiali con nome e modificarle. Se l'assieme, il disegno o
l'elemento sul quale è basata la distinta materiali con nome
cambia, è possibile aggiornare la distinta materiali con nome
per riflettere le modifiche.

Distinta di saldatura e Se una parte multicorpo SOLIDWORKS contiene una distinta


Distinta di taglio di saldatura o una distinta di taglio, è possibile visualizzare il
relativo contenuto nella scheda Distinta materiali. Queste
distinte non possono essere salvate come distinte materiali con
nome.

Distinta materiali Gli elementi possono essere collegati ad altri elementi per
dell'elemento (solo per formare una struttura. Le distinte materiali elementi sono
SOLIDWORKS PDM distinte materiali calcolate che mostrano la struttura
Professional) dell'elemento. È possibile salvarele distinte materiali elementi
come distinte materiali con nome.

Creazione di modelli della distinta materiali (solo


per SOLIDWORKS PDM Professional)
Creare nuove configurazioni delle colonne della distinta materiali per proporre nuovi layout
della distinta materiali.

È anche possibile modificare la distinta materiali predefinita fornita con SOLIDWORKS


PDM.

Per creare un nuovo modello di distinta materiali:


1. accedere allo strumento Amministrazione come utente con permessi Aggiorna colonna.
2. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Distinte materiali e fare clic su Nuova
distinta materiali.
3. Nella finestra di dialogo Distinta materiali, immettere il Nome distinta materiali.
4. Selezionare il Tipo di modello.
5. In Colonne, fare clic su Nuova colonna.

123
Distinte materiali

6. In Colonna selezionata:
a) Selezionare la Variable di scheda dati o di sistema di cui visualizzare il valore
nella colonna.
Il nome predefinito della variabile selezionata appare nel campo Nome.
b) Per mostrare un nome diverso agli utenti, modificare il campo Nome.
c) Specificare l'Allineamento del valore e la Larghezza predefinita della colonna.

È possibile modificare la larghezza predefinita spostando il divisore di colonna


nell'Anteprima.

d) Per le variabili di scheda dati (non le variabili di sistema), selezionare come le


configurazioni devono essere ricercate per identificare la variabile o definire un
attributo di link scegliendo Cerca la variabile nei valori specifici di riferimento.
7. Ripetere i passaggi 5 e 6 per aggiungere altre colonne.
Le colonne seguenti sono obbligatorie:

Distinta di saldatura Descrizione


<Conteggio riferimento>

Distinta di taglio per Descrizione


saldature Quantità distinta materiali
Conteggio di riferimento (Quantità distinta materiali
ignorata)

8. Utilizzare il campo Anteprima per vedere l'aspetto delle colonne in File Explorer o
Item Explorer.
9. In Utenti e gruppi, selezionare gli utenti e i gruppi cui concedere l'accesso al modello
di distinta materiali e assegnare loro i Diritti appropriati.
10. Fare clic su OK.

Uso del tipo di distinta materiali con elenco


saldature
Per estrarre e visualizzare la lunghezza e quantità dei componenti di saldatura nelle parti
SOLIDWORKS, utilizzare il tipo di distinta per gli elenchi di saldature.
Questo tipo di distinta materiali funziona con una scheda dati di parte SOLIDWORKS con
una variabile mappata alla proprietà personalizzata UNIT_OF_MEASURE, che estrae il
valore della proprietà Quantità distinta materiali definita per gli elementi delle distinte
di taglio SOLIDWORKS.
Le versioni di default del tipo di distinta materiali e scheda dati installate con SOLIDWORKS
PDM 2009 e le versioni successive contengono questa mappatura. Se si aggiorna un vault
creato in una versione precedente di SOLIDWORKS PDM, sarà possibile importare il tipo
di distinta di default e la scheda dati.

124
Distinte materiali

• Per installare il tipo di distinta di taglio saldature di default, importare


<install_dir>\Default Data\BOM_WeldmentCutList_<language>.cex.
• Per installare la scheda dati di parte SOLIDWORKS, importare <install_dir>\Default
Cards\all(sldprt_prt)_<language>.crd.
Si può anche configurare una vecchia scheda dati di parte SOLIDWORKS per lavorare con
il tipo di distinta con elenco saldature.
Per configurare una scheda dati di parte SOLIDWORKS e creare una distinta
materiali con elenco saldature:
1. Espandere Schede, espandere Schede file e fare doppio clic su Scheda parti
SOLIDWORKS (sldprt).
2. Se la scheda non contiene una casella di modifica con una variabile per mantenere il
valore della lunghezza dalla distinta di taglio, aggiungere una casella di modifica e
scegliere BOM Quantity come Nome variabile.
3. Fare clic su Variabili.
4. Nella finestra di dialogo Modifica variabili, in Attributi:
a) Per Nome blocco, selezionare CustomProperty.
b) Per Nome attributo, digitare UNIT_OF_MEASURE.
c) Per le estensioni del file, digitare sldprt, sldasm.
d) Fare clic su OK.
5. Salvare la scheda.
6. Espandere Distinta materiali e fare doppio clic su Distinta di taglio.
7. Nella finestra di dialogo Distinta materiali, per definire una colonna per mantenere la
lunghezza del componente, in Colonna selezionata:
a) Per Variabile, selezionare BOM Quantity.
b) Per Nome, digitare Lenght.
c) Specificare i valori di Larghezza e Allineamento per la colonna.
8. Per definire una colonna e mantenere la quantità del componente:
a) Per Variabile, selezionare <Reference Count (BOM Quantity disregarded)>.
b) Per Nome, digitare Qty.
c) Specificare i valori di Larghezza e Allineamento per la colonna.

La Lunghezza per i componenti di saldatura viene estratta dalla proprietà del componente
definita come BOM Quantity in SOLIDWORKS. Quando la parte di saldatura viene inserita
nel vault, il comando di check in elenca tutti i componenti di saldatura come riferimenti.
• Nella scheda Contiene relativa alla parte fare clic con il pulsante destro del mouse su
un componente e scegliere Proprietà. La lunghezza viene visualizzata nella variabile
BOM Quantity.
• Nella scheda Distinta materiali, la distinta di taglio visualizza la lunghezza e quantità
per ogni componente di saldatura.

Finestra di dialogo Distinta materiali


Utilizzare la finestra di dialogo Distinta materiali per creare modello di distinta materiali
in cui visualizzare i componenti di assiemi e disegni CAD.

125
Distinte materiali

La colonna Distinta materiali elenca in modo dinamico i valori delle variabili selezionate
dalla scheda dati di tutti i componenti referenziati in un file principale selezionato, sulla
base del contenuto archiviato nel database SOLIDWORKS PDM.
SOLIDWORKS PDM propone i seguenti modelli di default:
• Distinta materiali
• Distinta materiali elementi
• Distinta di saldatura
• Elenco saldature
Per visualizzare la finestra di dialogo Distinta materiali:
• Per modificare un modello di distinta materiali esistente, espandere Distinte materiali
e fare doppio clic sul modello.
• Per creare un modello di distinta materiali, fare clic con il pulsante destro del mouse
su Distinte materiali e scegliere Nuova distinta materiali.

Nome distinta Nome del modello della distinta materiali.


materiali

Tipo Effettuare una selezione:

Distinta materiali
Visualizzata come opzione nella scheda Distinta materiali per
un assieme o disegno CAD.

Distinta di taglio
Visualizzata come opzione nella scheda Distinta materiali per
una parte multicorpo con una distinta materiali o distinta di
taglio.

Distinta di saldatura
Visualizzata come opzione nella scheda Distinta materiali per
una parte multicorpo con una distinta materiali di saldatura
o distinta di taglio.

Distinta materiali elementi


Visualizzata come opzione nella scheda Distinta materiali per
un elemento in Explorer elementi.

Anteprima Mostra l'aspetto della colonna per gli utenti.

126
Distinte materiali

Colonne Elenca le colonne che sono state aggiunte.

Nuova colonna
Aggiunge una nuova colonna. Impostare le proprietà della
colonna in Colonna selezionata.

Elimina colonna
Rimuove la colonna selezionata.

Sposta la colonna di sinistra


Sposta la colonna in alto nell'elenco Colonne, che di fatto la
sposta a sinistra nell'Anteprima.

Sposta la colonna di destra


Sposta la colonna in basso nell'elenco Colonne, che di fatto
la sposta a destra nell'Anteprima.

Utenti e gruppi Elenca gli utenti e i gruppi ai quali assegnare i diritti.

Attiva distinta Gli utenti con questo diritto possono attivare le distinte materiali
materiale calcolata calcolate. Una distinta materiali calcolata deve essere attivata
per essere visualizzata nella vista omonima sul client. Questa
opzione non è disponibile per le distinte materiali dell'elemento.

Vedere Distinta Gli utenti con questo diritto possono vedere le distinte materiali
materiale calcolata calcolate nella scheda Distinta materiali sul client.

Colonna selezionata
Impostare queste opzioni per ogni colonna aggiunta.

127
Distinte materiali

Variabile Selezionare la variabile della scheda dati di cui recuperare il


valore nella scheda Distinta materiali.
L'elenco delle variabili include tutte quelle che sono state
definite per il vault e le variabili di sistema seguenti, racchiuse
tra < >:

<Elemento associato>
Elemento associato al file, se presente. Se il file è associato
a più elementi, appare un ID elemento seguito da «, ...».
Questa variabile è disponibile solo per SOLIDWORKS PDM
Professional.

<Categoria>
Categoria del file. Questa variabile è disponibile solo per
SOLIDWORKS PDM Professional.

<Autore check-out>
Se in check-out, mostra l'utente che ha effettuato il check-out
del file.

<Check-out eseguito in>


Se in check-out, mostra il sistema e il percorso del file dopo
il check-out.

<Configurazione>
Nome della configurazione utilizzata/referenziata per i
componenti elencati nella distinta materiali.

<Tipo file>
Tipo file registrato.

<Trovato nella versione>


Versione più recente del file trovata dai criteri di ricerca.

<Trovato in>
Il percorso nel quale si trova il file.

<ID>
ID documento univoco assegnato a ciascun file nel vault, utile
per esportare le distinte materiali nel formato XML.

128
Distinte materiali

<Ultima versione>
La versione più recente del file.

<Modificato>
La data dell'ultima modifica del file.

<Nominativo>
Nome ed estensione del file.

<Numero parte>
Il numero di parte del componente.

<Conteggio di riferimento (Quantità distinta materiali


ignorata)>
Quantità dei componenti di saldatura. Necessario per i
modelli Distinta di taglio.

<Conteggio riferimento>
Numero di varianti di ogni componente dallo stesso nome e
con la stessa configurazione che appaiono nella distinta
materiali. Necessario per modelli Distinta di saldatura.

Se la scheda dati del file contiene una proprietà


personalizzata "UNIT_OF_MEASURE", il valore della quantità
può essere sovrascritto dall'impostazione Quantità
distinta materiali. Questa impostazione è specificata nel
file SOLIDWORKS nella scheda Specifica di
configurazione della finestra Riepilogo informazioni.

<Dimensione>
Dimensione del file.

<Stato>
Stato corrente del flusso di lavoro del file.

Nome Nome della colonna che verrà visualizzato nella scheda Distinta
materiali. Assume automaticamente il nome della variabile,
comunque modificabile.

Allineamento Allineamento del valore nella colonna (Sinistra, Destra,


Centro).

129
Distinte materiali

Larghezza predefinita Larghezza predefinita della colonna. Questo valore di larghezza


è modificabile.

È possibile modificare la larghezza predefinita spostando i


separatori di colonna nell'Anteprima.

Cerca variabile in Selezionare la modalità di ricerca delle configurazioni per


individuare le variabili quando un utente visualizza una Distinta
materiali per un file con più configurazioni, oppure selezionare
Cercare le variabili nei valori specifici del riferimento per
definire un attributo di collegamento.
Effettuare una selezione:

Cercare la variabile in tutte le configurazioni


Mostra il valore della prima variabile di qualsiasi
configurazione. Per gli elementi, selezionare questa opzione
a meno che non si stia definendo un attributo di collegamento.

Cercare la variabile nell'elenco dato di configurazioni


Mostra il valore della prima variabile di una configurazione
nell'elenco delle configurazioni specificate. La ricerca avviene
nell'elenco configurazioni dall'alto in basso.

Cercare variabili nella configurazione referenziata


Mostra il valore della prima variabile della configurazione
referenziata.

Cercare la variabile nella configurazione referenziata


e, se vuota, nelle proprietà personalizzate
Mostra il valore della prima variabile della configurazione
referenziata. Se la variabile non esiste nella configurazione
referenziata, SOLIDWORKS PDM la cerca nelle proprietà
personalizzate del file.

Cercare la variabile nella configurazione attiva


Mostra il valore della variabile della configurazione attiva.

Cercare le variabili nei valori specifici del riferimento


Mostra il valore della variabile in base alla relazione di
riferimento padre/figlio specificata. Selezionare questa
opzione per definire gli attributi di collegamento, dove il valore
non è derivato dal file o dall'elemento ma è invece un
attributo della relazione. Ad esempio, utilizzare gli attributi
di collegamento per archiviare i numeri di posizione, gli
indicatori di riferimento e i commenti.

130
Distinte materiali

Configurazioni Quando è selezionata l'opzione Cercare la variabile


nell'elenco dato di configurazioni, consente di selezionare
le configurazioni e l'ordine di ricerca.

Aggiungi configurazione
Mostra la finestra di dialogo Nuova configurazione, in cui è
possibile specificare una configurazione per la ricerca della
variabile.

Rimuovi configurazione
Rimuove la configurazione selezionata dall'elenco.

Sposta la configurazione in alto


Sposta la configurazione selezionata in alto nell'elenco.
Quando si recupera un valore di variabile, la ricerca nelle
configurazioni avviene in base all'ordine dell'elenco.

Sposta la configurazione in basso


Sposta la configurazione selezionata in basso nell'elenco.

131
8
Elenchi di schede (solo per
SOLIDWORKS PDM Professional)
Questo capitolo comprende i seguenti argomenti:

• Elenchi di schede centrali (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)


• Creazione di elenchi di schede basati su testo
• Creazione di un elenco schede da un'origine SQL
• Creazione di elenchi di schede a controllo dinamico
• Utilizzo degli alias negli elenchi schede
• Esempi di query SQL
• Finestra di dialogo Elenco

Elenchi di schede centrali (solo per


SOLIDWORKS PDM Professional)
Gli elenchi di schede consentono di gestire e aggiornare i valori da visualizzare nelle
caselle di riepilogo o nelle caselle di selezione delle schede dati da una posizione
centralizzata, anziché gestirli a livello locale nelle singole schede.
I valori in elenco possono contenere testo statico oppure numeri sequenziali provenienti
da un’origine dati SQL esterna. È anche possibile creare elenchi a discesa dipendenti nelle
schede, in modo che la selezione di un valore specifico in un controllo determini i valori
da visualizzare nell'elenco dipendente.

Creazione di elenchi di schede basati su testo


In un elenco schede testuale, si specificano i valori del testo statico da utilizzare nei
controlli scheda che usano l'elenco.
Per creare un nuovo elenco schede testuale:

1. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Elenchi (per schede) e selezionare
Aggiungi nuovo.
2. Nella finestra di dialogo, immettere un Nome elenco.
3. Per Tipo dati selezionare Testo.
4. In Dati, immettere i valori per l'elenco, uno per riga.

132
Elenchi di schede (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

5. Fare clic su Salva (barra degli strumenti) oppure selezionare File > Salva.

Creazione di un elenco schede da un'origine SQL


È possibile creare un elenco schede impostando una query T-SQL che recupera i valori
da un database esterno; ad esempio, un database dei materiali o un elenco con i nomi
dei clienti.
Le query utilizzano la sintassi standard di Microsoft T-SQL. Per ulteriori informazioni sulla
scrittura delle query, vedere la Guida in linea di SQL Server.
Gli elenchi di SOLIDWORKS PDM possono visualizzare solo i valori in una colonna. Se la
query SQL restituisce più di una colonna di risultati, saranno usati solamente i valori della
prima colonna.
Gli elenchi SQL vengono aggiornati dal servizio di server database SOLIDWORKS PDM in
esecuzione sul server SQL su cui risiede il vault SOLIDWORKS PDM utilizzato per la
definizione degli elenchi. Se l'aggiornamento degli elenchi non dà esito, assicurarsi che
il servizio sia installato e configurato correttamente.
Per creare un elenco schede da un'origine SQL:
1. Individuare la posizione dei dati SQL desiderati. Utilizzare SQL Server Management
Studio per trovare i nomi in tabella e verificare la query.
2. Utilizzare SQL Server Management Studio per trovare i nomi in tabella e verificare la
query.

3. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Elenchi (per schede) e selezionare
Aggiungi nuovo.
4. Nella finestra di dialogo, immettere un Nome elenco.
5. Per Tipo dati, selezionare Dal database SQL.
6. In Comando SQL che restituisce i dati, immettere la query SQL che seleziona i
valori di elenco dalla tabella di database.
7. In Server, immettere l'indirizzo IP o il nome SQL Server su cui risiede il database.
8. In Database, immettere il nome del database SQL contenente i valori per l'elenco.
9. Immettere il nome accesso e la password dell'utente SQL.
10. Per verificare la query SQL e le informazioni di accesso, fare clic su Verifica.
Se l'esito è positivo, nella finestra Valori appare un elenco di valori provenienti
dall'origine SQL.

11. Per completare l'elenco, fare clic su File > Salva.


12. Per collegare l'elenco a una scheda, creare o modificare la scheda dati.
13. Aggiunge un controllo per utilizzare l'elenco.
14. Nel riquadro delle proprietà, sotto Elementi, selezionare Valore speciale e
selezionare l'elenco basato su SQL.
Quando un utente utilizza la scheda dati, i valori del controllo derivano dall'elenco restituito
dalla query SQL.

133
Elenchi di schede (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

Creazione di elenchi di schede a controllo


dinamico
È possibile creare i valori di un controllo elenco per stabilire ciò che dovrà apparire in un
secondo controllo quando entrambi sono usati in una scheda dati file o elemento. A tale
fine, si creano elenchi schede per i valori relativi.
Nell'esempio proposto vengono creati tre elenchi schede:
• Uno di controllo con due valori
• Due dipendenti che corrispondono ai valori nell'elenco di controllo
Quando si crea una scheda dati, si aggiunge un controllo elenco per consentire agli utenti
di selezionare un valore dall'elenco schede di controllo. Si aggiunge un secondo controllo
affinché le opzioni selezionabili dagli utenti dipendano dalla selezione effettuata nel primo
controllo.
Per utilizzare elenchi schede in modo dinamico in una scheda dati:
1. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Elenchi (per scheda) e selezionare
Aggiungi.
2. Nella finestra di dialogo, creare l'elenco schede di controllo utilizzando i valori seguenti:

Nome elenco Materiale

Tipo dati Text

Dati Metalli
Plastica

3. Fare clic su Salva .

134
Elenchi di schede (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

4. Ripetere i passaggi 1 ~ 3 per creare due elenchi schede dipendenti che corrispondano
ai valori Metalli e Plastiche dell'elenco di controllo:

per Metalli per Plastiche

Nome elenco Tipi di metallo Tipi di plastica

Tipo dati Text Text

Dati Rame Polietilene


Stainless Steel Polipropilene
Zinco Polistirene

Sebbene questi nomi corrispondano ai valori nel campo Dati dell'elenco schede di
controllo, è possibile assegnare un nome a piacere a Nome elenco. Solo quando
si aggiungono i controlli alla scheda dati si realizzano le relazioni tra i due elenchi.

5. Creare una scheda dati e aggiungere un controllo elenco (Casella di riepilogo,


Casella combinata, Elenco a discesa o Elenco combinato).
6. Nel riquadro delle proprietà del controllo, in Elementi, selezionare Valore speciale
e scegliere l'elenco schede di controllo Materiale.
7. In Valore, selezionare un Nome variabile per memorizzare il valore.
8. Aggiungere un secondo controllo elenco.
9. Per creare i valori di elenco in questo controllo è necessario sapere ciò che l'utente
sceglie nel primo controllo, selezionare quindi Controllato dalla variabile e fare clic
su Dettagli.
10. Nella finestra di dialogo Controllato dalla variabile, come Variabile, selezionare la
variabile connesso al controllo elenco Materiale.
11. Fare clic su Valore variabile e immettere un valore di variabile, ad esempio, Metalli.
12. In Elenco schede, selezionare l'elenco per vedere se il valore della variabile
corrisponde alla selezione dell'utente.
13. Per aggiungere un altro valore di variabile, ripetere i passaggi 9 e 10.
14. In Valore, collegare il secondo controllo elenco a una variabile, ad esempio Tipo.
15. Fare clic su File > Salva per salvare la scheda dati.
Quando un utente completa la scheda dati, il valore selezionato nel primo elenco
(Materiale) controlla i valori elenco disponibili nel secondo (Tipo).

Utilizzo degli alias negli elenchi schede


Il tipo di dati per elenchi schede di nome Testo con alias consente di aggiungere un
alias quando si crea un elenco schede per visualizzare valori variabili nelle schede dati.
Gli alias consentono di troncare i valori per la visualizzazione e per l'uso nelle formule di
input.
Se esistono elenchi di valori variabili associati e alias in fogli di calcolo o altri documenti,
è possibile copiarli e incollarli per creare elenchi schede con alias.

135
Elenchi di schede (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

Creazione di un gruppo Alias


1. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Elenchi (per scheda) e selezionare
Aggiungi.
2. Nella finestra di dialogo, immettere il Nome elenco e selezionare Testo con alias
come Tipo dati.
3. Nell'elenco Dati:
a) Per Valore visualizzato, immettere il valore.
b) Per Alias, immettere l'alias da utilizzare per il valore quando si usa l'elenco.
4. Ripetere il passo 3 per ogni coppia di valore/alias in elenco.

5. Fare clic su Salva (barra degli strumenti Amministrazione)


6. Chiudere l'elenco.

Copia e incollatura di valori in elenchi schede alias


È possibile creare un elenco schede Testo con alias sulla base di elenchi esistenti.
1. Aprire un foglio di calcolo, un file CSV o un documento Word contenente un elenco
di valori e alias accoppiati.
2. Copiare l'elenco.
3. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Elenchi (per scheda) e selezionare
Aggiungi.
4. Nella finestra di dialogo, immettere il Nome elenco e selezionare Testo con alias
come Tipo dati.
5. Nell'elenco Dati, portare il cursore sotto Valore visualizzato, fare clic con il pulsante
destro del mouse e selezionare Incolla.
Le colonne Valore visualizzato e Alias si completano in base ai dati dell'elenco.

6. Fare clic su Salva (barra degli strumenti Amministrazione)


7. Chiudere l'elenco.

Utilizzo di un elenco alias in una scheda dati


1. Aprire la scheda nell'Editor scheda.
2. Aggiungere uno dei controlli seguenti:
• Casella di riepilogo
• Elenco a discesa
• Casella combinata
• Elenco combinato

3. Sotto Elementi, selezionare Valore speciale.


4. Selezionare l'elenco alias da utilizzare.
5. Salvare la scheda.

136
Elenchi di schede (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

Esempi di query SQL


Di seguito sono forniti alcuni esempi di query che restituiscono valori di elenco dal database
SOLIDWORKS PDM.

Elenca tutti i valori univoci memorizzati in una variabile specificata


Questo esempio elenca i valori sostituendo il nome della variabile.
Select distinct Vv.ValueCache From VariableValue Vv Where Vv.VariableID
= ( select variableid from variable where Variablename like 'Numero
progetto') And Vv.ValueCache != '' order by Vv.ValueCache ASC

Elenca tutte le cartelle di progetto memorizzate in una cartella specificata


Questo esempio elenca le cartelle sostituendo il percorso della cartella.
Select P.Name From Projects P, ProjectTree Pt, Projects P2 where
P.ProjectID > 1 And P2.Path Like '\Progetti\' And P2.ProjectID =
Pt.ProjectID And P.ProjectID = Pt.ChildProject Order By P.Name Asc

Recupera i valori da un'origine ODBC


Utilizzando questo metodo, si possono ottenere i valori da un'origine ODBC, ad esempio
un foglio di calcolo Excel.
SELECT Data FROM OpenDataSource( 'Microsoft.Jet.OLEDB.4.0', 'Data
Source="c:\Book1.xls"; User ID=Admin;Password=;Extended properties=Excel
8.0')...Sheet1$

In questo esempio:
• Il file Excel deve essere accessibile da SQL Server (può essere un percorso UNC).
• Data è il nome della colonna.
• Foglio è il nome del foglio.
• Le informazioni di connessione server devono essere specificate a livello di SQL Server
locale. Ad esempio, è possibile utilizzare il nome del database dei vault.

Finestra di dialogo Elenco


Utilizzare la finestra di dialogo Elenco per mantenere e aggiornare i valori da visualizzare
nelle caselle di riepilogo o nelle caselle di selezione delle schede dati da una posizione
centralizzata, anziché gestirli a livello locale nelle singole schede.
Per visualizzare questa finestra di dialogo:

Fare clic con il pulsante destro del mouse su Elenchi e scegliere Aggiungi nuovo.

Nome elenco

137
Elenchi di schede (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

Tipo dati Indicare se l'elenco deve contenere valori di Testo statico


oppure se deve provenire Dal database SQL.

Tipo dati - Testo


Per un elenco di testo, in Dati immettere i valori, uno per riga.

Tipo dati - Dal database SQL


Quando si seleziona Dal database SQL come Tipo dati, completare la query SQL e
fornire le informazioni di connessione per l'accesso al database esterno.

Comando SQL Immettere la query T-SQL che seleziona i valori di elenco da


una tabella di database.
In questo esempio, la query restituirà un elenco di società dalla
tabella dei fornitori contenuta nel database SQL di esempio
Northwind.
Selezionare CompanyName
Da Suppliers
Criterio di ordinamento CompanyName

Server IP o nome SQL Server su cui risiede il database.

Database Nome del database SQL contenente i valori per l'elenco.

Accesso Immettere un nome utente SQL con diritti di accesso alla tabella
del database utilizzata nella query.

Password Password dell'utente SQL.

Aggiorna Se si desidera aggiornare periodicamente l'elenco SQL,


impostare la frequenza di aggiornamento dei valori in elenco.

Aggiorna quando la seguente chiave di registro è creata


Specificare un valore di registro sul server SQL che esegue
il database SOLIDWORKS PDM che, se cambiato, determina
l'aggiornamento. Il valore viene controllato ogni minuto e,
se cambia, la query SQL si esegue e aggiorna l'elenco. Fornire
il nome completo e valore della chiave, ad esempio:
HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\SOLIDWORKS\Applications\PDMWorks
Enterprise\ListUpdate\Update

Aggiornamento periodico ogni


Specificare l'intervallo di aggiornamento in minuti. Il valore
minimo è 1 minuto.

138
Elenchi di schede (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

Tipo dati - Testo con alias


In Dati:

Dati
Valore visualizzato
Il valore visualizzato nella scheda dati.

Alias
L'alias memorizzato nel file e nel database.

Con un foglio di lavoro o un documento che contiene un gruppo


di valori visualizzati e alias, è possibile copiarlo, fare clic in
Valore visualizzato ed incollarlo nell'elenco Testo con Alias.

139
9
Schede dati
Questo capitolo comprende i seguenti argomenti:

• Tipi di Scheda dati


• Apertura dell'Editor scheda
• Editor scheda - finestra di dialogo Seleziona vault
• Creazione di una scheda dati
• Modifica di una scheda dati
• Aggiunta di controlli a una scheda dati
• Aggiunta di logica a un controllo
• Allineamento dei controlli in una scheda dati
• Incollatura dei controlli in una scheda dati
• Annullamento Editor scheda dati
• Esportazione di una scheda dati
• Importazione di una scheda dati
• Creazione di una scheda Ricerca mediante un elenco SQL (solo per SOLIDWORKS
PDM Professional)
• Creazione di un modulo di ricerca con valori preselezionati
• Formule di input (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)
• Operazioni con schede controllate
• Assegnazione di valori predefiniti
• Barra degli strumenti di controllo Editor scheda
• Salvataggio delle schede dati

Schede dati contenenti metadati su file, cartelle ed elementi nel database dei vault. Dato che
le informazioni della scheda dati sono memorizzate a livello centrale, gli utenti possono eseguire
velocemente le ricerche e trovare informazioni su file, cartelle ed elementi senza necessitare
di copie locali.
Un amministratore può personalizzare le schede dati per:
• chiedere agli utenti varie informazioni durante diversi stadi del flusso di lavoro o quando
aggiungono file o elementi.
• Fornire un meccanismo di ricerca agli utenti.
• Generare nomi di file e cartelle automatici per gli utenti, applicando formule specifiche ai
campi di input.
Aggiungendo controlli come campi testuali, caselle di riepilogo, caselle di controllo e schede,
è possibile utilizzare le schede dati per gestire l'intero processo di progettazione.

140
Schede dati

Tipi di Scheda dati


Schede file
Si collegano a uno o più tipi di file nel vault e memorizzano dati specifici per un file nel
database dei vault.
Quando un utente seleziona un file .doc o .docx in Esplora risorse, nella scheda Scheda
dati è visualizzata la scheda file collegata all'estensione .doc o .docx.
Vedere Schede dati file alla pagina 162.

Schede cartella
Si collegano a una cartella file o elemento all'interno del vault e memorizzano dati specifici
per una cartella (e relative sottocartelle) nel database dei vault.
Vedere Schede dati cartella alla pagina 162.

Schede elemento (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)


Si collegano a un elemento nel database dei vault.
Vedere Schede elemento (solo per SOLIDWORKS PDM Professional) alla pagina 166.

Schede ricerca
Consentono ricerche personalizzate quando sono visualizzate nello strumento di ricerca
di SOLIDWORKS PDM o quando gli utenti accedono alla ricerca di SOLIDWORKS PDM
all'interno di una finestra di Esplora risorse.
Vedere Moduli di ricerca alla pagina 163.

Schede modello (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)


Recuperano le informazioni dagli utenti quando viene creato un file o una cartella mediante
un modello SOLIDWORKS PDM.
Vedere Schede modello (solo per SOLIDWORKS PDM Professional) alla pagina 163.

Apertura dell'Editor scheda


Aprire l'Editor scheda per creare e gestire le schede dati per consentire agli utenti di
visualizzare e modificare le informazioni memorizzate nel database dei vault.

Per utilizzare l'Editor scheda, è necessario disporre di uno dei seguenti permessi di
utente o gruppo:
• autorizzato ad aggiornare l’aspetto delle schede
• aggiornare i moduli di ricerca
• aggiornare i moduli di modello

141
Schede dati

Per aprire l'editor di schede, attenersi ad una delle seguenti procedure:


• per aprire l'editor di schede senza aprire una scheda, fare clic con il pulsante destro
del mouse su Schede e scegliere Apri Editor scheda.
• Per creare una nuova scheda di un tipo specifico, espandere Schede, fare clic con il
pulsante destro del mouse sul tipo di scheda da creare e scegliere Nuova scheda.
• Per aprire una scheda specifica, espandere Schede e il tipo di scheda e fare doppio
clic sulla scheda.
• Per aprire una scheda da Esplora risorse, passare a directory_installazione\Default
Cards\ e fare doppio clic sulla scheda da aprire. Nella finestra di dialogo Editor scheda
- Seleziona vault selezionare il vault nel quale si desidera modificare le schede.

Editor scheda - finestra di dialogo Seleziona vault


Utilizzare la finestra di dialogo Editor scheda - Seleziona vault per selezionare il vault del
quale modificare le schede.
Per visualizzare la finestra di dialogo, passare a install_dir\Default Cards\. Fare
doppio clic sulla scheda da modificare.
Selezionare un vault dall'elenco e fare clic su OK.
Se non si è connessi al vault, un messaggio invita ad effettuare l'accesso.

Per salvare una scheda modificata, si deve disporre del permesso per aggiornare il
disegno delle schede per la cartella che si intende salvare.

Creazione di una scheda dati


Creare le schede dati per consentire agli utenti di visualizzare e modificare le informazioni
su file, elementi e cartelle nel database dei vault. È possibile personalizzare le schede
dati per richiedere all'utente l'immissione di informazioni e consentire l'esecuzione delle
ricerche.
Per creare una scheda dati:

1. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Schede e selezionare Apri Editor
scheda.
2. Nell'Editor scheda, fare clic su File > Nuovo.
3. Nel riquadro Proprietà scheda, specificare un Nome scheda.
4. Selezionare un Tipo scheda e assegnare le proprietà specifiche.
Vedere Proprietà scheda alla pagina 161 per una descrizione dei tipi di scheda. I
campi nel riquadro Proprietà scheda dipendono dal tipo di scheda selezionato (Scheda
file, Scheda cartella, Scheda modello, Scheda ricerca o Scheda elemento).

5. Fare clic su Dimensione variabile se si desidera che gli utenti possano ridimensionare
la scheda.
6. Come Estensioni file (solo per schede dati file), specificare i formati di file che
utilizzano la scheda, ad esempio doc;xls;docx;xlsx.

142
Schede dati

7. Selezionare un controllo da aggiungere alla scheda dati nella barra degli strumenti
Controlli e fare clic nella scheda per inserirlo.
È possibile aggiungere elementi grafici, come caselle di testo, pulsanti, caselle
combinate, immagini, controlli di ricerca e schede. Per ulteriori informazioni, vedere
Aggiunta di controlli a una scheda dati alla pagina 143.

8. Ordinare gli elementi nella scheda allineandoli o incollandoli.

9. Fare clic su Salva o su File > Salva per salvare la scheda dati.

Modifica di una scheda dati


Per modificare una scheda dati, si deve disporre del permesso per aggiornare il disegno
delle schede sulla cartella che contiene la scheda dati.
Per modificare una scheda dati:
1. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Schede e selezionare Apri.
2. In Editor scheda, fare clic su Apri (barra degli strumenti Principale) oppure su File
> Apri.
3. Nella finestra di dialogo Apri scheda:
a) Utilizzare la casella di riepilogo a discesa Cerca per trovare la cartella che contiene
la scheda dati.
b) Selezionare la scheda dati e fare clic su Apri.
4. Utilizzare i controlli scheda, gli strumenti di allineamento e le proprietà del controllo
per modificare la scheda.
5. Fare clic su Salva (barra degli strumenti Editor scheda) oppure su File > Salva.

Aggiunta di controlli a una scheda dati


I controlli che possono essere aggiunti a una scheda dati sono elencati nella barra degli
strumenti controlli scheda.

Per aggiungere controlli scheda a una scheda dati:


1. Se la barra degli strumenti dei controlli scheda non è visibile, fare clic suVisualizza
> Barra degli strumenti > Controlli.

143
Schede dati

2. Selezionare un controllo nella barra degli strumenti.

Opzione Descrizione

Per aggiungere un'immagine, vedere Proprietà immagine alla pagina


168.

Per aggiungere un testo statico o dinamico, vedere Proprietà testo alla


pagina 168.

Per aggiungere una cornice di suddivisione in una scheda dati, vedere


Proprietà cornice alla pagina 169.

Per aggiungere una casella di modifica che richiede un'azione da parte


dell'utente, vedere Proprietà casella di modifica alla pagina 171.
Questo è un nuovo paragrafo.

Per aggiungere un pulsante di comando che avvia un'applicazione,


un'aggiunta o una pagina Web, vedere Proprietà pulsante alla pagina
174.

Per creare un pulsante di opzione che consenta agli utenti di selezionare


un valore predefinito, vedere Proprietà pulsante di opzione alla pagina
176.

Per creare una casella combinata che consenta all'utente di selezionare


uno dei valori predefiniti o immettere un valore personalizzato, vedere
Proprietà casella combinata alla pagina 178.

Per creare un elenco a discesa di valori predefiniti tra cui selezionare,


vedere Proprietà elenco alla pagina 181.

Per creare un controllo elenco combinato, casella di modifica che consenta


all'utente di selezionare uno dei valori predefiniti da un elenco sempre
visibile, vedere Proprietà elenco combinato alla pagina 184.

Per creare una casella di riepilogo che consenta agli utenti di selezionare
un valore da un elenco predefinito, vedere Proprietà casella di riepilogo
alla pagina 187.

Per creare schede con controlli propri, vedere Proprietà scheda alla
pagina 190.

Per creare una casella di controllo, vedere Proprietà casella di controllo


alla pagina 191.

Per creare un controllo di calendario che consenta all'utente di selezionare


una data, vedere Proprietà campo data alla pagina 193.

Per consentire agli utenti di creare ricerche in base al contenuto delle


schede dati, vedere Controllo di ricerca scheda alla pagina 196.

144
Schede dati

Opzione Descrizione

Per consentire agli utenti di creare ricerche in base ai valori memorizzati


in una variabile, vedere Controllo di ricerca variabile alla pagina 196.

3. Spostare il cursore sul layout di scheda e fare clic per inserire il controllo.

Fare clic+trascinare per ridimensionare il controllo.

4. Utilizzare il riquadro delle proprietà del controllo a destra per definire le impostazioni
del controllo, ad esempio il nome, la variabile dei dati da memorizzare e i valori
predefiniti.
Le opzioni del riquadro delle proprietà sono specifiche al controllo e al tipo di scheda
in via di creazione o modifica.

5. Se necessario, aggiungere la logica di controllo a un controllo.

Aggiunta di logica a un controllo


Utilizzare la finestra di dialogo Logica controllo per specificare una o più condizioni che
causano a SOLIDWORKS PDM Professional di visualizzare, nascondere o disattivare in
modo dinamico un controllo scheda dati.
Ad esempio, è possibile applicare la logica di controllo a un campo di input specifico per
una lingua, in modo che sia nascosto o disattivato a meno che non venga selezionata una
casella di controllo della lingua corrispondente.

È possibile applicare la logica di controllo a un solo controllo alla volta.

Per aggiungere la logica di controllo a un controllo:


1. Nell'Editor scheda, aprire la scheda e selezionare il controllo al quale aggiungere la
logica di controllo.
2. Fare clic su Controllo > Logica controllo.
3. Nella finestra di dialogo Logica controllo, sotto Azioni, fare clic su Fare clic qui per
aggiungere un'azione.
4. Selezionare il comportamento del controllo quando la logica viene soddisfatta:
• Per creare il controllo in sola lettura, selezionare Ombreggia.
• Per nascondere il controllo, selezionare Nascondi.

5. Selezionare Fare clic qui per aggiungere una condizione.


6. Se si desidera attivare l'azione per mezzo di una o più condizioni, selezionare .
Se tutte le condizioni devono essere soddisfatte, selezionare o aggiungere
semplicemente le condizioni da soddisfare.
7. Selezionare una variabile il cui valore attiverà l'azione della logica di controllo.

La variabile deve esistere nella stessa scheda del controllo.

145
Schede dati

8. In Confronto, selezionare il modo in cui sarà interpretato il valore.


Ad esempio, Data uguale a o Data minore di.
9. In Valore, immettere il valore della variabile che attiverà la logica di controllo.
10. Per aggiungere un'altra condizione, ripetere i passaggi 5 ~ 9.
11. Per eliminare un'azione o condizione, selezionarla e fare clic su Elimina dall'elenco.
12. Fare clic su OK.
Quando si utilizza la scheda, se l'utente fornisce per la variabile un valore corrispondente
ai criteri della logica di controllo, viene eseguita l'azione del controllo (nascondi / disattiva).

Allineamento dei controlli in una scheda dati


Utilizzare la barra degli strumenti Allinea nell'Editor scheda per allineare e dimensionare
i controlli.

È possibile modificare le impostazioni della griglia per agevolare l'allineamento. Vedere


Finestra di dialogo Impostazioni griglia.

Per allineare due o più controlli:


1. Se non è visibile, attivare la barra degli strumenti facendo clic su Visualizza > Barra
degli strumenti > Allinea.
2. Nella scheda dati, selezionare il controllo di riferimento per l'allineamento.
3. Premere CTRL e selezionare i controlli da allineare al controllo di origine.
4. Fare clic sullo strumento di allineamento appropriato o selezionare un'impostazione
dal menu Allinea.

Sinistra Superiore Stessa larghezza

Destra Centra Stessa altezza


orizzontale

In basso Centra Stessa


verticale dimensione

Incollatura dei controlli in una scheda dati


In un modulo di ricerca ridimensionabile, utilizzare la barra degli strumenti Colla per
indicare che i controlli scheda devono rimanere a una distanza costante dai lati del modulo.

Quando un controllo è incollato, se un utente ridimensiona il modulo di ricerca, anche il


controllo si ridimensiona.

146
Schede dati

Per incollare i controlli in un modulo di ricerca ridimensionabile:


1. Nel riquadro Proprietà scheda, selezionare Dimensione variabile.
2. Selezionare il controllo da incollare.
3. Utilizzare i pulsanti Colla per specificare su quale lato del modulo incollare il controllo.
È possibile incollare un controllo a più lati della scheda.

Annullamento Editor scheda dati


SOLIDWORKS PDM consente di annullare le modifiche apportate nell'Editor scheda per
una scheda attiva.
Per annullare le modifiche nell'Editor scheda, effettuare una delle seguenti
operazioni:
• Fare clic su Modifica > Annulla.
• Fare clic su Annulla nella barra degli strumenti principale.
• Ctrl + Z.

È possibile annullare le modifiche apportate alla scheda dati solo se queste non sono
state salvate.

SOLIDWORKS PDM supporta l'annullamento di:


• Modifiche alle schede apportate tramite le proprietà di controllo e le proprietà scheda.
• Aggiunta ed eliminazione di controlli scheda.
• Spostamento e ridimensionamento di controlli scheda.

Non è possibile ripetere le modifiche a una scheda dati eliminate tramite il


comando Annulla.

Esportazione di una scheda dati


È possibile esportare una scheda dati e riutilizzarla in un altro vault o crearne una copia
di backup. Tutti i controlli, le variabili, le immagini e gli elenchi centrali vengono inclusi
nel file esportato.
Per esportare una scheda dati:
1. Nell'Editor scheda, aprire la scheda dati.
2. Selezionare File > Esporta.
3. Nella finestra di dialogo Salva con nome, selezionare la posizione in cui salvare la
scheda e immettere un nome.
L'estensione predefinita è .crd.

4. Fare clic su Salva.

È anche possibile esportare le schede dati in file .cex tramite lo strumento


Amministrazione.

147
Schede dati

Importazione di una scheda dati


È possibile importare una scheda dati esportata. È anche possibile importare una delle
schede dati predefinite installate con SOLIDWORKS PDM Professional per ripristinare i
valori di default.
Per importare una scheda dati:
1. Selezionare File > Importa.
2. Nella finestra di dialogo Apri, utilizzare l'elenco Cerca per passare alla posizione della
scheda da importare.
Le schede importate durante l'installazione appaiono nell'elenco della directory Schede
predefinite, solitamente nel percorso c:\Program Files\SOLIDWORKS PDM\Default
Card.

3. Fare clic su Apri.


Se esistono già variabili mappate nella scheda importata nel vault, le mappature della
scheda importata vengono unite a quelle esistenti.

4. Selezionare ogni controllo scheda e fare clic su Variabili nel riquadro delle
proprietà per verificare se esistono mappature Blocco / Attributo duplici.
Inoltre, per i blocchi Proprietà personalizzata nelle schede dati SOLIDWORKS,
verificare che la stessa variabile non sia mappata a proprietà personalizzate molteplici.

5. Per salvare la scheda dati importata, fare clic su Salva (barra degli strumenti Editor
scheda) oppure su File > Salva.
6. Nella finestra di dialogo Salva scheda, passare alla posizione della scheda, immettere
il nome e fare clic su Salva.

Creazione di una scheda Ricerca mediante un


elenco SQL (solo per SOLIDWORKS PDM
Professional)
In questo esempio, si utilizza un elenco SQL centrale per visualizzare i numeri di progetto
esistenti memorizzati nel vault.
Per creare un modulo di ricerca progetto:
1. Creare un elenco SQL che visualizzi tutti i valori memorizzati nella variabile di scheda
Numero di progetto.
2. Creare un modulo di ricerca con una casella combinata collegata alla variabile Numero
di progetto. Selezionare l'elenco SQL centrale Numero di progetto come Valore
speciale per il controllo.
3. Impostare il valore del modulo di ricerca predefinito per la ricerca dei soli file, non
delle cartelle.
4. Creare un nuovo set di colonne dei risultati della ricerca.
5. Aggiungere alcune colonne (variabili) ai risultati e salvare.

148
Schede dati

6. Selezionare il nuovo set di risultati.


7. Salvare il modulo di ricerca e verificarlo nello strumento Ricerca.

Creazione di un modulo di ricerca con valori


preselezionati
È possibile creare una scheda di ricerca che visualizzi valori e opzioni preselezionati quando
viene aperto nella finestra di dialogo Ricerca SOLIDWORKS PDM.
Per creare un modulo di ricerca con valori e opzioni preselezionati:
1. Creare una scheda dati.
2. Nel riquadro Proprietà scheda, per Tipo scheda, selezionare Modulo di ricerca.
3. Aggiungere controlli alla scheda.
4. Fare clic su Valori predefiniti.
5. Nella finestra di dialogo Valori predefiniti:
a) Fare clic in Variabile per selezionare una variabile.
Le variabili selezionate possono corrispondere ai controlli sulla scheda, ma non
necessariamente.
b) In Valore, immettere il valore che appare quando si apre la scheda.
Ad esempio, per un controllo casella di modifica che utilizza la variabile Autore, è
possibile specificare il nome dell'autore.

I controlli casella di controllo sono selezionati per impostazione predefinita quando


si apre una scheda di ricerca. Per disattivare una casella di controllo quando si apre
la scheda, impostare il valore 0.

6. Salvare la scheda.
Quando si utilizza la scheda di ricerca, i valori predefiniti appaiono nei controlli scheda.

Formule di input (solo per SOLIDWORKS PDM


Professional)
È possibile aggiungere una formula di input a un controllo casella di modifica in modo da
visualizzare nella casella di modifica i valori selezionati dagli utenti per altri controlli sulla
scheda dati.
Ad esempio la formula di input può visualizzare una stringa basata sui valori selezionati
in due elenchi della scheda dati.
Per utilizzare una formula di input, creare uno o più controlli nei quali gli utenti possano
selezionare o immettere i valori da visualizzare. Quando si crea il controllo casella di
modifica, si crea la formula di input aggiungendo le variabili dei controlli.

149
Schede dati

Alias nelle formule di input


Quando si utilizzano gli alias in un controllo di input, si crea un singolo controllo elenco
contenente una serie di stringhe di testo definite nella proprietà Testo libero. Quindi si
crea un controllo casella di modifica e si aggiunge una formula di input mappata alla
variabile del controllo elenco e alle stringhe di testo.

Restrizioni
La formula di input visualizza soltanto la stringa valutata quando un utente immette
manualmente un valore (es. seleziona un valore da un elenco) nella scheda dati. La
formula di input non viene valutata aggiornando le proprietà collegate in un file o utilizzare
i valori predefiniti (es. un valore da una scheda dati cartella).

Uso di una formula di input


Una formula di input consente di popolare un controllo casella di modifica con una stringa
composta dei valori di variabili collegate ad altri controlli sulla scheda dati.
Per utilizzare una formula di input, si crea uno o più controlli elenco e un controllo casella
di modifica. Il controllo casella di modifica contiene una formula di input mappata alle
variabili dei controlli elenco.
Questo esempio spiega come utilizzare una formula di input per creare un nome di progetto
in un campo del modulo di input modello.
Per creare la formula di input:
1. Crea una nuova scheda dati.
2. Per Tipo scheda, selezionare Modulo di input modello.
3. Aggiungere tre controlli elenco e collegarli a variabili. Ad esempio:
• Località
• Regione
• Codice

4. Aggiungere un controllo casella di modifica per contenere il nome del progetto che
sarà creato dalla formula di input.
5. Nel riquadro Proprietà casella di modifica, sotto Formula di input:
a) Immettere una stringa (es. Prog-). Questo testo statico non cambia quando viene
valutata la formula.
È possibile aggiungere un testo statico in qualsiasi punto della formula.

b) Fare clic su per aggiungere la prima variabile del controllo elenco (es. Città)
alla formula.
c) Creare il resto della formula aggiungendo altre variabili (es. Provincia e CAP).

Per utilizzare un campo di input di dimensioni maggiori, fare clic su Sfoglia


(...).

6. Salvare la scheda.

150
Schede dati

Quando un utente completa il modulo di input modello selezionando un valore dai controlli
elenco, il nome di progetto viene determinato sulla base delle selezioni e controllato dalla
formula di input.
Ad esempio, se l'utente seleziona Anzio come Città, R come Provincia e 123 come CAP
dai rispettivi elenchi, il valore nella casella di modifica del nome progetto sarà
Prog-AnzioR123.

Uso di alias per formule di input


Quando si utilizza un alias in una formula di input, il valore della variabile selezionato in
un controllo viene valutato a un valore diverso nel campo Formula di input.
Il formato di un alias in una formula di input è il seguente:
%NOMEVARIABILE(VALORE1=ALIAS1, VALORE2=ALIAS2)%
dove VALORE è il valore immesso nella variabile NOMEVARIABILE e ALIAS è il valore
valutato.
Quando si utilizzano gli alias in un controllo di input, si crea un singolo controllo elenco
contenente una serie di stringhe di testo definite nella proprietà Testo libero. Quindi si
crea un controllo casella di modifica e si aggiunge una formula di input mappata alla
variabile del controllo elenco e alle stringhe di testo.
Questo esempio spiega come creare una formula di input che consenta all'utente di
selezionare un componente da un elenco e visualizzarne il prezzo in una casella di modifica.
Per utilizzare un alias in una formula di input:

1. Fare doppio clic su Schede.


2. Nell'Editor scheda, creare una nuova scheda.
3. Aggiungere un controllo Elenco combinato .
4. Nel riquadro Proprietà elenco:
a) In Valore, fare clic su Variabili.
b) Creare una variabile di nome Componente.
c) Collegare il controllo alla variabile.
d) In Elementi, selezionare Testo libero e immettere un elenco di componenti.
Ad esempio:
long_shaft short_shaft

5. Aggiungere un controllo casella di modifica.

151
Schede dati

6. Nel riquadro Proprietà casella di modifica:


a) In Valore, fare clic su Variabili.
b) Creare una variabile di nome ComponentePrezzo.
c) Collegare il controllo alla variabile ComponentePrezzo.
d) Accanto a Formula di input, fare clic su Sfoglia (...).
e) Nella finestra di dialogo Formula di input, immettere la formula di input nel formato
seguente:
%Componente(1st_component=1st_price, 2nd_component=2nd_price)%
Ad esempio:
%Component(long_shaft=$300, short_shaft=$200)%

7. Salvare la scheda.
Quando si utilizza la scheda dati, se l'utente seleziona un componente nella casella di
riepilogo a discesa, la casella di modifica visualizza l'alias associato a tale componente
mediante la formula di input.

Funzioni formula input


E' possibile specificare funzioni con stringhe e aritmetiche da usare per configurare i valori
ottenuti dalla formula input.
Per accedere alle funzioni:
fare clic sulla accanto a Formula di input.

Funzioni aritmetiche

Funzione, sintassi e descrizione Argomenti ed esempi

Aggiungi numeri <term1> - Primo termine


Add(<term1>,<term2>)
<term2> - Secondo termine
Restituisce la somma di due numeri
specificati. Esempio: Add(2,3) - Restituisce 5

Sottrai numeri <term1> - Primo termine


Sub(<term1>,<term2>)
<term2> - Secondo termine (quantità da
Restituisce la differenza tra due numeri sottrarre)
specificati.
Esempio: Sub(3,2) - Restituisce 1

152
Schede dati

Funzione, sintassi e descrizione Argomenti ed esempi

Moltiplica numeri <term1> - Primo termine


Multiply(<term1>,<term2>)
<term2> - Secondo termine (quantità in
Restituisce il risultato della moltiplicazione base a cui eseguire la moltiplicazione)
dei due numeri specificati.
Esempio: Multiply((3,2) - Restituisce
6

Dividi numeri <term1> - Primo termine


Divide(<term1>,<term2>)
<term2> - Secondo termine (quantità in
Riporta il risultato di dividere un numero da base a cui eseguire la divisione)
un secondo numero.
Esempio: Divide(6,2) - Restituisce 3

Funzioni stringa

Funzione, sintassi e descrizione Argomenti ed esempi

Sottostringa a sinistra <stringa> - La stringa di caratteri


Left(<stringa>,<numero>)
<numero> - Il numero di caratteri da
Restituisce il numero di caratteri specificato restituire
più a sinistra da una stringa specificata.
Esempio: Left(ProjectAA,7) -
Restituisce "Project"

Sottostringa a destra <stringa> - La stringa di caratteri


Right(<stringa>,<numero>)
<numero> - Il numero di caratteri da
Restituisce il numero di caratteri specificato restituire
più a destra da una stringa specificata.
Esempio: Right(ProjectAA,2) -
Restituisce "AA"

Sottostringa intermedia <stringa> - La stringa di caratteri


Mid(<stringa>,<pos.iniziale>,<numero>)
<pos.iniziale> - Il numero della
Restituisce una sottostringa da una stringa posizione iniziale. Il primo carattere è la
specificata (a partire dalla posizione posizione 0.
specificata).
<numero> - Il numero di caratteri da
restituire

Esempio: Mid(ProjectAA,2,2) -
Restituisce "oj"

153
Schede dati

Funzione, sintassi e descrizione Argomenti ed esempi

Stringa X dall'elenco <string> - Elenco di stringhe dalle quali


$Token(<string>|<string>|...,<index>,|) scegliere.
Restituisce il numero di elemento X da un <index> - Indice di stringhe da utilizzare.
elenco ordinato in cui gli elementi sono Ciò potrebbe essere una variabile collegata
delimitati da un determinato carattere. ad un elenco alias.
Questa funzione è utile insieme ai controlli | - Il carattere usato per separare i valori
connessi agli elenchi alias. <string>.

Esempio:
$Token(Metallo|Plastica|Metallo,

,|)
Dove la variabile Materiale è collegata a
un elenco di alias con i seguenti valori:

Valore visualizzato Alias

Acciaio 1

Poliestere 2

Oro 3

La stringa della formula diventa Metallo


se l'utente seleziona Acciaio o Oro come
materiale. Diventa Plastica se l'utente
seleziona Poliestere.

Lunghezza stringa <stringa>


Length(<stringa>)
Esempio: Length(ProjectAA) -
Restituisce la lunghezza di una stringa
Restituisce 9
specificata.

Trova sottostringa <stringa> - La stringa di caratteri


Find(<stringa>,<sottostringa>)
<sottostringa> - Sottostringa di caratteri
Ricerca in una stringa specificata la prima da ricercare
corrispondenza di carattere o sottostringa.
Restituisce la posizione nella quale è stato Esempio: Find(abc,b) - Restituisce 1
trovato il carattere o la sottostringa.

La prima posizione nella stringa di


caratteri è 0.

154
Schede dati

Funzione, sintassi e descrizione Argomenti ed esempi

Trova sottostringa al contrario <stringa> - La stringa di caratteri


Reverse(<stringa>)
Esempio: Reverse(roma) - Restituisce
Restituisce l'inverso di una stringa
"amor"
specificata.

Trova al contrario <stringa> - La stringa di caratteri


ReverseFind(<string>,<substring>)
<sottostringa> - Sottostringa di caratteri
Ricerca in una stringa specificata l'ultima da ricercare
corrispondenza di un carattere. Restituisce
la posizione nella quale è stata trovata Esempio: ReverseFind(abcabc,b) -
l'ultima occorrenza del carattere o della Restituisce 4
sottostringa.

La prima posizione nella stringa di


caratteri è 0.

Data odierna
$Time() Esempio: =$Time() -
Riporta la data corrente nel formato Restituisce 488a=2010-08-13
selezionato quando il vault è stato creato.

Operazioni con schede controllate


È possibile gestire il comportamento delle schede di una scheda dati utilizzando l'opzione
Controllato dalla variabile.
È possibile controllare la visibilità delle pagine mediante un'altra variabile, un utente o
un gruppo. In questo modo, una scheda dati può avere layout diversi in funzione della
selezione.
È possibile utilizzare questa opzione per:
• Collegare le schede alle variabili utilizzate in un altro controllo.
Ad esempio, in una scheda dati per un file .doc o .docx possono essere presenti schede
per più tipi di documento. Quando un utente seleziona un tipo di documento, si
visualizza la scheda appropriata.
• Collegare le schede a una variabile di sistema come <Nome gruppo>.
Ad esempio, quando una scheda è collegata a un gruppo, gli utenti possono svolgere
le azioni determinate dal loro gruppo di appartenenza.

Ogni nome di scheda è associato a un valore nella variabile di controllo.


Ogni scheda contiene controlli e testo che si visualizzano quando la variabile di controllo
corrisponde al nome della scheda.

155
Schede dati

Esempio di scheda controllata 1 - Regolazione della visibilità


delle schede
Questo esempio spiega come controllare le schede visibili collegandole alle variabili.
Per controllare la visibilità delle schede:
1. Creare una scheda dati e collegarla all'estensione .doc o .docx.
2. Aggiungere un controllo Elenco a discesa.
3. Nel riquadro Proprietà elenco:
a) In Valore, selezionare la variabile Tipo documento.
b) In Elementi, selezionare Testo libero e immettere i nomi di vari tipi di
documento. Ad esempio, Memo, Fax, Lettera.
4. Aggiungere un controllo scheda.
5. Nel riquadro Proprietà scheda:
a) In Nomi schede, lasciare vuota la prima riga.
Questa scheda è visibile quando non è selezionato alcun valore nel controllo
elenco.
b) Assegnare nomi alle altre schede degli elementi elenco.

È possibile copiare i nomi nel campo Testo libero del riquadro Proprietà elenco
e incollarli nel campo Nomi schede del riquadro Proprietà scheda.

c) Selezionare Controllato dalla variabile e scegliere Tipo documento come


variabile.
6. Selezionare una scheda e aggiungere i controlli appropriati al nome della scheda. Ad
esempio:

Memo Casella di modifica Multilinea

Fax Numero di fax


Destinatari

Lettera Autore
Data
Destinatario
Indirizzo

7. Salvare la scheda dati in una cartella nel vault.


8. Per verificare la scheda, creare un documento Microsoft Word e selezionarlo.
9. Nella scheda Scheda dati, selezionare il tipo di documento per visualizzarne la scheda
associata.

156
Schede dati

Esempio di scheda controllata 2 - Gestione dell'accesso a


un controllo
Questo esempio descrive come gestire l'accesso a un controllo, sulla base del gruppo di
appartenenza dell'utente connesso.
Per gestire l'accesso a un controllo in base al profilo utente connesso:
1. Creare una scheda dati e collegarla all'estensione .doc o .docx.
2. Aggiungere un controllo scheda.
3. Nel riquadro Proprietà scheda:
a) Selezionare Controllato dalla variabile e la variabile <Nome gruppo>.
Il gruppo di appartenenza dell'utente connesso determinerà quale scheda è visibile.
b) Lasciare vuoto il nome della prima scheda e immettere il nome di un gruppo utenti
esistente, ad esempio Project Leaders come nome della seconda scheda.
4. Aggiungere un controllo casella di controllo alla prima scheda.
5. Nel riquadro Proprietà casella di controllo:
a) In Didascalia, immettere Approvato.
b) Per Valore, come Nome variabile, selezionare Approvato.
c) In Indicatori, selezionare Sola lettura.
6. Copiare il controllo casella di controllo e incollarlo nella seconda scheda.
7. Nel riquadro Proprietà casella di controllo, per Flag, disattivare Sola lettura.
8. Salvare la scheda dati in una cartella nel vault.
9. Per verificare la scheda, accedere come utente che non fa parte del gruppo Project
Leaders.
10. Selezionare un file .doc o .docx nella cartella in cui è stata salvata la scheda.
Nella scheda Scheda dati, la casella di controllo è visibile ma non può essere
modificata.

11. Accedere come utente appartenente al gruppo Project Leaders e selezionare lo stesso
file .doc o .docx.
Nella scheda Scheda dati, è possibile attivare o disattivare la casella di controllo.

Assegnazione di valori predefiniti


Per molti controlli scheda, è possibile assegnare un numero di serie per completare
automaticamente la variabile di controllo quando un utente salva un file o un elemento
o lo aggiunge al vault.
Quando un utente aggiunge un file, elemento o una cartella da una posizione esterna al
vault, i valori predefiniti vengono scritti nelle variabili di scheda dati. Se una variabile è
mappata a una proprietà come Autore, il valore predefinito viene scritto anche su tale
proprietà.
Se il file o elemento aggiunto o copiato ha un valore esistente (es. se la proprietà Data
è già riempita), sarà utilizzato quel valore e non il valore predefinito della variabile.

157
Schede dati

Quando si salva un file nel vault da un'applicazione e tale applicazione mantiene aperto
il file, i valori predefiniti sono scritti solo nella variabile di scheda dati (ossia, nel database);
questi valori potrebbe non apparire nelle proprietà di file mappate finché l'utente non
riapre il file o ne esegue il check-in.
Quando un utente copia (o sposta) un file o elemento e la scheda dati contiene valori
predefiniti, i valori esistenti vengono copiati nella posizione di destinazione. Nessun nuovo
valore predefinito viene scritto nelle variabili e nelle proprietà mappate (vedere l'eccezione
di seguito).

Valori rigenerati
• Se una variabile di controllo scheda dati è impostata su un valore univoco, copiando
o spostando il file o elemento si azzera tale valore della variabile. L'utente viene avvisato
e il valore predefinito viene rigenerato.
• Se il valore predefinito attivo di una variabile di un file o elemento copiato e un numero
di serie, l'utente viene avvisato che la copia potrà rigenerare il numero di serie
successivo disponibile nella variabile del file copiato.
• Se si abilita Valore predefinito prioritario per un valore predefinito, il valore
predefinito di un file copiato o aggiunto viene rigenerato nella variabile e nella proprietà
mappata.

Assegnazione di un valore predefinito a una variabile della


data
È possibile assegnare un valore predefinito che aggiorna automaticamente la variabile
associata con un controllo quando si salva o aggiunge al vault un nuovo file.
Questo esempio mostra come utilizzare la data corrente come valore predefinito quando
si creano documenti con gli strumenti di Microsoft Office.
Per impostare la variabile Data in modo che utilizzi un valore predefinito:
1. Nell'Editor scheda selezionare Modifica Variabili.
2. Nella finestra di dialogo Modifica variabili, in Variabile selezionata immettere il
nome della variabile Date Created.
3. In Attributi selezionati:
a) Per Nome blocco, selezionare CustomProperty.
b) Per Nome attributo, digitare Date Created.
c) Come estensioni file, selezionare i tipi di file Microsoft Office che dovranno utilizzare
la variabile Data.
4. Fare clic su OK.
5. Aprire la scheda dati associata ai tipi di file Microsoft Office.
6. Creare un controllo Data.
7. Nel riquadro Proprietà campo data:
a) Collegare il controllo alla variabile Date Created.
b) In Valore predefinito selezionare Data odierna.
8. Fare clic su Salva o selezionare File > Salva.

158
Schede dati

Quando si aggiungono nuovi file Office al vault, la variabile Data di creazione si aggiorna
con la data corrente.
La data è anche scritta nelle proprietà del file.

Uso di un numero di serie come valore predefinito


Questo esempio dimostra come utilizzare un numero di serie per creare un valore
predefinito per una variabile numero di parte.
Per utilizzare un numero di serie come valore predefinito:

1. Nello strumento Amministrazione, fare clic con il pulsante destro del mouse su
Numeri di serie e selezionare Nuovo numero di serie.
2. Nell'Editor numero di serie:
a) Per Nome, digitare PartNumber.
b) Come Tipo, selezionare Numeri di serie dalla stringa.
c) Per Stringa di formato, immettere un testo statico a piacere, ad esempio NP,
e selezionare a valore del contatore.
d) Fare clic su OK.

3. Fare doppio clic su Schede.


4. Nell'Editor scheda, selezionare Modifica > Variabili.
5. Nella finestra di dialogo Modifica variabili, sotto Variabile selezionata, immettere
il nome della variabile Numero di parte.
6. In Attributi selezionati:
a) Come Nome blocco, selezionare CustomProperty.
b) Come Nome attributo, digitare Numero di parte.
c) Come estensioni file, selezionare i tipi di file che dovranno utilizzare la variabile
numero di parte.
7. Fare clic su OK.
8. Aprire la scheda dati associata ai tipi di file.
9. Aggiungere un controllo che utilizza una variabile.
10. Nel riquadro delle proprietà del controllo:
a) In Valore, per Nome variabile selezionare Numero di parte.
b) In Valore predefinito, selezionare Numero di serie.
c) Per assicurare che il numero di serie sia generato sempre, selezionare Valore
predefinito prioritario.

11. Fare clic su Salva o selezionare File > Salva.


Quando un utente aggiunge un nuovo file del tipo associato alla scheda dati, la variabile
numero di parte si aggiornato con il numero di serie successivo disponibile.
La proprietà mappata del file si aggiorna con il valore predefinito.

159
Schede dati

Se non si seleziona Valore predefinito prioritario e la variabile è mappata a una


proprietà di file con valore esistente, viene utilizzato il valore esistente. Per generare
a numero di serie per questi file, fare clic con il pulsante destro del mouse sul controllo
nella scheda dati e selezionare Genera il numero di serie successivo. La variabile
e la proprietà del file si aggiornano.

Barra degli strumenti di controllo Editor scheda


Utilizzare la barra degli strumenti Controlli per aggiungere altri controlli a una scheda
dati. Impostare le proprietà del controllo utilizzando le opzioni nel riquadro delle proprietà.
Per visualizzare la barra degli strumenti:
fare clic su Visualizza > Mostra barre degli strumenti > Controlli.

Aspetto della scheda


Questi controlli consentono di definire l'aspetto della scheda.
È anche possibile definire l'aspetto della scheda allineando e incollando i controlli della
scheda dati.

Sposta e Selezionare, spostare o ridimensiona i controlli


ridimensiona esistenti.

Icona Aggiungere un'icona o un'immagine.


Proprietà immagine alla pagina 168

Static Text Immettere un testo o selezionare il testo dinamico da


visualizzare in sola lettura sulla scheda dati.
Proprietà testo alla pagina 168

Cornice Aggiungere una cornice.


Proprietà cornice alla pagina 169

Controllo Struttura a Aggiungere una serie di schede (visibili o nascoste)


schede per suddividere in più pagine le sezioni della scheda
dati.
Proprietà scheda alla pagina 190

Controlli interattivi
Questi controlli consentono di:

Modifica Visualizzare i valori memorizzati nel database dei vault


e immettere nuovi valori.
Proprietà casella di modifica alla pagina 171

160
Schede dati

Pulsante Avviare un'applicazione, un'aggiunta o una pagina


Web.
Proprietà pulsante alla pagina 174

Pulsante di opzione Selezionare un valore predefinito.


Proprietà pulsante di opzione alla pagina 176

Casella combinata a Selezionare uno dei valori da una casella combinata a


discesa discesa definita o immettere un valore personalizzato.
Proprietà casella combinata alla pagina 178

Elenco combinato Selezionare uno dei valori da un elenco combinato


definito. Gli utenti non possono immettere un valore
personalizzato.
Proprietà elenco alla pagina 181

Casella combinata Selezionare uno dei valori sempre visibili definiti


semplice nell'elenco.
Proprietà elenco combinato alla pagina 184

Lista Selezionare uno dei valori da un elenco a scorrimento


definito.
Proprietà casella di riepilogo alla pagina 187

Controllo Selezionare una casella di controllo.


Proprietà casella di controllo alla pagina 191

Campo Data Selezionare una data dal calendario.


Proprietà campo data alla pagina 193

Controllo di ricerca Su una scheda di ricerca, selezionare il layout di scheda


scheda dati da utilizzare.
Controllo di ricerca scheda alla pagina 196

Controllo di ricerca Su una scheda di ricerca, selezionare le variabili per


variabile la ricerca.
Controllo di ricerca variabile alla pagina 196

Proprietà scheda
Utilizzare il riquadro Proprietà scheda per selezionare il tipo di scheda dati e specificare
i valori associati, ad esempio se la scheda può essere ridimensionata dall'utente e chi ha
il permesso di visualizzarla.

161
Schede dati

Per visualizzare questo riquadro:


aprire una scheda nell'Editor scheda e fare clic sul bordo della scheda.
Le opzioni nel riquadro Proprietà scheda dipendono dal tipo di scheda selezionato.

Per copiare un layout di scheda esistente, è possibile aprire un tipo di scheda, cambiare
il tipo in elenco e risalvare la scheda come nuovo tipo.

Schede dati file


File memorizzati in un vault che possono essere collegati a una scheda dati file per
visualizzare informazioni come proprietà personalizzate.
Le informazioni sono memorizzate nel database dei vault e visualizzate quando l'utente
cerca o trova un file, senza dover aprire il file stesso. Il layout di ogni scheda dati file è
personalizzabile e tipi di file diversi e/o Posizioni dei file diverse all'interno del vault
possono avere layout diversi.
Quando si crea un nuovo vault, vengono importate le schede file collegate a tipi di file
comuni. Se si è aggiornato da una versione precedente o si desidera ripristinare il layout
predefinito di una scheda, è possibile reimportare la scheda dati predefinita.

Nome scheda Immettere un nome da visualizzare per la scheda file.

Tipo scheda Selezionare Scheda file.

Dimensione variabile Non è applicabile alle schede file.

Estensioni file Elencare le estensioni da utilizzare nel layout di scheda


corrente, separandole dal punto e virgola. Non includere i punti.

Se si aggiungono alla scheda corrente estensioni già


assegnate a un'altra scheda, queste vengono riassegnate
alla scheda corrente quando è salvata.

Schede dati cartella


Le cartelle di file ed elementi nel vault possono essere collegate a una scheda dati cartella
con informazioni specifiche sulla cartella. Le informazioni sono memorizzate nel database
dei vault e appaiono durante una ricerca.
Le schede dati cartella differiscono dalle schede dati file ed elemento nel senso che le
informazioni immesse nei campi di una scheda dati cartella sono ereditate da tutte le
cartelle sottostanti. Ciò significa che non è necessario aggiungere le informazioni in ogni
sottocartella, a meno che queste non debbano cambiare. In tal caso, le nuove Informazioni
saranno ereditate dalle rispettive sottocartelle.
Se si salva una nuova scheda dati cartella in una cartella nella quale è già presente un'altra
scheda dati cartella, la nuova scheda dati cartella diventa quella attiva. Per creare una
scheda dati cartella non in uso, aprire la scheda a risalvarla.

162
Schede dati

Nome scheda Immettere un nome da visualizzare per la scheda cartella.

Tipo scheda Selezionare Scheda cartella.

Dimensione variabile Non è applicabile alle schede cartella.

Schede modello (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)


La scheda modello può essere utilizzata per recuperare le informazioni dall'utente quando
si apre un modello per creare file o progetti nel vault.
Quando si attiva un modello di progetto, all'utente vengono richieste informazioni specifiche
sul progetto mediante un modulo di input specifico. Le informazioni sono quindi utilizzate
per generare i nomi delle cartelle di progetto da creare.
Il layout di ogni scheda di modello è interamente personalizzabile e può essere collegato
ad uno o più modelli.

Nome scheda Immettere un nome da visualizzare per la scheda modello.

Tipo scheda Selezionare Scheda elemento.

Dimensione variabile Non è applicabile alle schede modello.

Variabili scheda modello


Quando si crea un controllo su una scheda di modello, è necessario collegarla ad una
variabile. È possibile creare nuove variabili univoche per la scheda modello o riutilizzare
le variabili esistenti.
Le variabili sono utilizzate solo per contenere l'input utente quando appare il modulo; i
valori non sono memorizzati nel database. Per utilizzare i valori nel modello, è necessario
collegare le variabili del modulo alle variabili di modello nella pagina Schede modello della
Creazione guidata modelli.

Moduli di ricerca
Le schede di ricerca sono un modo per inserire criteri di ricerca quando l'utente usa lo
strumento Ricerca SOLIDWORKS PDM per cercare file, elementi e dati memorizzati in un
vault. Le schede di ricerca che mettono in evidenza risultati relativi a file e cartelle sono
anche disponibili quando gli utenti accedono alla ricerca all'interno di una finestra Esplora
risorse.
Il layout di ogni modulo di ricerca è completamente personalizzabile e consente di creare
moduli avanzati con schede e vari campi, così come moduli semplici con un solo campo
di ricerca.
Quando si apre un modulo di ricerca nell'Editor scheda, il riquadro delle proprietà scheda
mostra le informazioni sul modulo. Se un controllo è selezionato sulla scheda, fare clic in
un punto qualsiasi dello sfondo per visualizzare le proprietà della scheda.

163
Schede dati

Nome scheda Immettere un nome da visualizzare per la scheda di ricerca.

Tipo scheda Selezionare Modulo di ricerca.

Dimensione variabile Se attivata, la scheda si adatta alla larghezza della finestra di


dialogo di Ricerca se un utente ridimensiona la finestra di
dialogo.
Se disattivata, la scheda rimane di dimensioni fisse anche se
un utente ridimensiona la finestra di dialogo di Ricerca.
Se si utilizzano le opzioni Incolla controlli su un controllo, se
il controllo è incollato su lati opposti (superiore/inferiore o
sinistra/destra) della scheda, il controllo viene ridimensionato
quando la scheda di ricerca viene ridimensionata.
Vedere Incollatura dei controlli in una scheda dati alla
pagina 146.

Tipo di risultato Selezionare se la scheda di ricerca deve restituire i risultati


visualizzando:
• File e cartelle
• Elementi e cartelle elementi
• Utenti

Set di colonne dei Selezionare se i risultati della ricerca con questo modulo devono
risultati utilizzare uno specifico set di colonne. Vedere Aggiunta di un
set di colonne a un modulo di ricerca alla pagina 212.
Selezionare una colonna di ricerca esistente dall'elenco o
selezionare <Nuovo set di colonne> per creare una nuova
colonna dei risultati.

Utenti autorizzati a Gli utenti selezionati possono accedere alla scheda.


utilizzare il modulo

Gruppi autorizzati a Gli utenti nei gruppi selezionati possono accedere alla scheda.
utilizzare il modulo

164
Schede dati

Valori predefiniti Visualizza la finestra di dialogo Valori predefiniti, nella quale è


possibile specificare i valori prestabiliti delle variabili utilizzate
in una scheda di ricerca.

Alcune variabili di ricerca, come Trova cartelle possono


essere in uno di due stati: attivato (1) o disattivato (0).

Quando si apre la scheda di ricerca, i valori predefiniti vengono


impostati automaticamente.
Le caselle di controllo nelle schede di ricerca sono sempre
selezionate quando si apre il modulo con lo strumento Ricerca.
Utilizzare il valore predefinito 0 per disattivarle come
impostazione predefinita.
Per rimuovere una variabile predefinita, selezionarla e fare clic
su Rimuovi dall'elenco.
I valori delle variabili impostate non devono essere
effettivamente presenti nel modulo di ricerca. Ad esempio, è
possibile impostare la variabile di ricerca Trova cartelle a 0
(disattiva) senza mostrare una casella di controllo sul modulo.

Variabili per modulo di ricerca


Quando si aggiungono campi di controllo ad un modulo di ricerca, questi vengono collegati
alle variabili. Ad esempio per effettuare la ricerca nella variabile Nome cliente di tutte le
schede dati file e cartella che ne fanno uso, aggiungere un controllo di modifica al modulo
e collegarlo alla variabile Nome cliente.
Oltre alle normali variabili scheda, quando Tipo scheda è impostato su Scheda di ricerca,
è possibile effettuare una selezione da Variabili di ricerca nell'elenco per eseguire
ricerche con criteri specifici all'interno del database dei vault. Le variabili di ricerca sono
indicate da . Ad esempio, la variabile di ricerca Nome cerca i nomi di tutti i file aggiunti
a un vault.
Si consiglia di utilizzare alcune variabili di ricerca, come File in check-in, nei controlli
casella di controllo perché controllano i risultati della ricerca. (Una casella di controllo
selezionata è attiva e una deselezionata è inattiva.) Ad esempio, quando una casella di
controllo è collegata alla variabile di ricerca Trova cartelle, se la casella di controllo è
selezionata, la ricerca includerà le cartelle. Diversamente, restituirà solo i file.

È possibile esaminare la scheda Ricerca completa per capire la funzione di ogni


variabile di ricerca, perché la maggior parte di esse è utilizzata proprio qua.

Utenti assegnati
Un modulo di ricerca è disponibile nello strumento Ricerca di un utente specifico solo se
l'utente (o il gruppo) è abilitato nelle proprietà del modulo di ricerca.
Le schede di ricerca assegnate sono disponibili in:
• Menu Strumenti di Esplora risorse.

165
Schede dati

• Il controllo mobile Ricerca schede e preferenze nella barra dei menu di


SOLIDWORKS PDM.
• Il nodo Ricerche nello strumento di ricerca SOLIDWORKS PDM.

Moduli di ricerca predefiniti


Quando il nuovo vault Professional viene creato, vengono importate due schede di ricerca
predefinite: una scheda di ricerca completa e una scheda di ricerca utente. Se gli elementi
di SOLIDWORKS PDM sono in uso, esistono tre altre schede di ricerca di default. Se si è
aggiornato da una versione precedente o si desidera ripristinare il layout predefinito di
una scheda di ricerca, è possibile reimportare la scheda.
I nomi della scheda di ricerca predefinita comprendono il tipo di scheda di ricerca (per
esempio, Search Complete) e terminano con la lingua (per esempio, _gb):
all(Search Complete)_gb.crd

Schede elemento (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)


Gli elementi in un vault possono essere collegati a una scheda dati elemento per
visualizzare informazioni come nome e numero di progetto.
Le informazioni sono memorizzate nel database dei vault e visualizzate quando l'utente
cerca o trova un elemento. Il layout di ciascuna scheda dati elemento è personalizzabile
e ogni cartella elementi nel vault può avere schede dati elemento diverse.
Quando si crea un nuovo vault, viene importata una scheda elemento predefinita (scheda
elemento SOLIDWORKS). È possibile modificare questa scheda a piacere. Se si è aggiornato
da una versione precedente o si desidera ripristinare il layout predefinito di una scheda,
è possibile reimportare la scheda dati predefinita.

Quando si modificano o si creano le schede dati elemento, usare l'opzione Variabile


scheda dati del file per la mappatura delle variabili schede dati dei file in schede dati
elemento. Questa opzione è disponibile per tutti i tipi di controllo, come le caselle di
controllo e i controlli di elenco.
Quando si creano gli elementi per le configurazioni, i valori delle schede dati elemento
derivano dalla configurazione referenziata, o se vuota, le proprietà personalizzate (@
tab). Quindi, per far sì che i valori di scheda dati elemento corrispondano esattamente
ai valori di configurazione, assicurarsi che tutte le variabili di configurazione mappate
abbiano valori definendo queste proprietà secondo le esigenze. In modo alternativo,
non usare le proprietà personalizzate.
Quando si creano gli elementi dai file CAD (non le configurazioni specifiche), i valori di
scheda dati elemento deriveranno dalle proprietà personalizzate.

Nome scheda Immettere un nome da visualizzare per la scheda elemento.

Tipo scheda Selezionare Scheda elemento.

Dimensione variabile Non è applicabile alle schede elemento.

166
Schede dati

Finestra di dialogo Apri/Salva con nome


Utilizzare la finestra di dialogo Apri scheda per visualizzare l'elenco delle schede dati
disponibili in base al tipo di scheda e selezionare quella che si desidera aprire. Utilizzare
la finestra di dialogo Salva con nome per salvare le schede dati nuove o modificate.
Per visualizzare la finestra di dialogo Apri:
nell'Editor scheda fare clic su Apri (barra degli strumenti Principale) oppure selezionare
File > Apri.
Per visualizzare la finestra di dialogo Salva con nome:
Nell'Editor scheda selezionare File > Salva con nome.

Cerca in Consente di eseguire ricerche di schede.


Per le schede file, cartella ed elemento, l'impostazione di default
è Tutte le cartelle, che elenca tutte le schede salvate nelle
cartelle del vault.
Per elencare le schede salvate in una cartella specifica,
selezionare la directory principale del vault e individuare la
cartella. Le schede nella cartella appaiono in elenco.

Elenco schede Elenca le schede nella posizione Cerca in.


La colonna Nome scheda mostra il nome salvato della scheda.
La colonna Estensioni mostra i tipi file collegati alla scheda.
Fare clic su un'intestazione per ordinare l'elenco.

Nome scheda Il nome della scheda selezionata.


È possibile selezionare diverse schede per aprirle tutte
contemporaneamente.

Tipo scheda Consente di selezionare il tipo di scheda dati da mostrare in


elenco.

Estensioni Le estensioni file collegate alla scheda selezionata.


Separare le estensioni del file con punto e virgola e non usare
i punti. Ad esempio:
sldprt;sldasm;slddrw

Opzioni di gestione nel menu contestuale


Fare clic con il pulsante destro del mouse su una scheda per selezionare un'azione:

Apri Apre la scheda nell'Editor scheda.

Rinomina Consente di modificare il nome visualizzato della scheda.

167
Schede dati

Elimina Elimina il layout della scheda dal database.


È inoltre possibile fare clic su Elimina .
L'azione non elimina i dati della variabile memorizzati per la
scheda nel database.

Proprietà immagine
Utilizzare il riquadro Proprietà immagine per aggiungere un'immagine alla scheda dati.
Per visualizzare questo riquadro:
Nell'Editor scheda fare clic su Icona (barra degli strumenti Controlli).

Elenco immagini Selezionare una delle immagini esistenti nel database dei vault.

Navigazione Selezionare una nuova immagine.


Le immagini possono essere file di tipo .bmp, .ico o .avi.
Quando si aggiungi un'immagine, questa viene memorizzato
nell'archivio del vault.

Proprietà testo
Utilizzare il riquadro Proprietà del testo per aggiungere etichette di testo ai controlli della
scheda dati.
Per visualizzare questo riquadro:
nell'Editor scheda fare clic su Testo statico nella barra degli strumenti Controlli e fare
clic nella scheda per posizionare il testo.

Testo libero Aggiunge un testo statico alla scheda.

168
Schede dati

Valore speciale Aggiunge un testo dinamico, il cui valore dipende dal file
selezionato.
Selezionare tra le seguenti opzioni:
Data odierna

Ora

Utente attuale (xx) - Nome, iniziali, nome completo o dati


dell'utente connesso

Commento versione - Commento dall'ultimo check-in del file

Commento di transizione - Commento dall'ultima transizione


di stato

Percorso file - Nome e percorso completo del file selezionato

Ultima etichetta - Ultima etichetta assegnata al file

Creatore (xx) - Nome, iniziali, nome completo o dati


dell'utente che ha creato il file

Autore check-out (xx) - Nome, iniziali, nome completo o dati


dell'utente che ha eseguito il check-out del file

Ultima versione

Stato corrente - Stato corrente del flusso di lavoro

Descrizione stato corrente

Ultima transizione - Transizione più recente del flusso di


lavoro

Descrizione ultima transizione

Nome file

Nome del documento senza estensione

Ultimo numero di revisione

Commento ultima revisione

Proprietà cornice
Utilizzare il riquadro Proprietà cornice per aggiungere una cornice al gruppo di controlli.

169
Schede dati

Per visualizzare questo riquadro:


nell'Editor scheda, fare clic su Riquadro nella barra degli strumenti Controlli e
posizionare il riquadro nella scheda.

Testo libero Testo statico che appare come titolo nell'angolo in alto a sinistra
della cornice.
Se si lascia vuoto questo campo, la cornice non avrà un titolo.

Valore speciale Aggiunge un testo dinamico come titolo della cornice, il cui
valore dipende dal file selezionato.
Selezionare tra le seguenti opzioni:
Data odierna

Ora

Utente attuale (xx) - Nome, iniziali, nome completo o dati


dell'utente connesso

Commento versione - Commento dall'ultimo check-in del file

Commento di transizione - Commento dall'ultima transizione


di stato

Percorso file - Nome e percorso completo del file selezionato

Ultima etichetta - Ultima etichetta assegnata al file

Creatore (xx) - Nome, iniziali, nome completo o dati


dell'utente che ha creato il file

170
Schede dati

Autore check-out (xx) - Nome, iniziali, nome completo o dati


dell'utente che ha eseguito il check-out del file

Ultima versione

Stato corrente - Stato corrente del flusso di lavoro

Descrizione stato corrente

Ultima transizione - Transizione più recente del flusso di


lavoro

Descrizione ultima transizione

Nome file

Nome del documento senza estensione

Ultimo numero di revisione

Commento ultima revisione

Proprietà casella di modifica


Utilizzare il riquadro Proprietà casella di modifica per specificare come utilizzare una
casella modifica per consentire agli utenti di visualizzare e immettere i valori memorizzati
nel database dei vault.
Per visualizzare questo riquadro:
nell'Editor scheda fare clic su Modifica nella barra degli strumenti Controlli e fare clic
nella scheda per inserire la casella di modifica.

Valore
Una casella di modifica deve essere collegata ad una variabile. Il valore immesso nella
variabile viene memorizzato nel database dei vault.

Nome della variabile Selezionare una delle variabili esistenti nel vault.

Variabili Fare clic per aprire la finestra di dialogo Modifica variabili e


creare una nuova variabile, oppure controllare le proprietà di
una variabile esistente.

171
Schede dati

Convalida
A seconda del tipo di variabile, la convalida limita la lunghezza o i valori accettati nella
casella di modifica. Ad esempio, se la variabile è Data, si deve specificare un intervallo
di date da convalidare.
Selezionare Min o Max e immettere un valore o un intervallo.

Flag

Sola lettura Rende la casella di modifica di sola lettura, impedendo quindi


all'utente di immettere valori.

Mostra in Esplora La variabile e il valore memorizzato della casella di modifica


risorse sono visualizzati nella scheda Anteprima del client.

Multilinea Consente di creare un testo su più righe nella casella di


modifica. Il testo andrà a capo automaticamente.

Aggiorna tutte le Tutte le schede di configurazione di una scheda dei file vengono
configurazioni aggiornate dal valore immesso in questa casella di modifica.

Valore predefinito
Selezionare un'opzione per immettere automaticamente un valore predefinito nella casella
di modifica quando si creano nuovi file o elementi. Vedere Assegnazione di valori
predefiniti alla pagina 157.

Valore testo Immettere un testo statico da utilizzare come valore predefinito.

Valore speciale Selezionare un valore dinamico da utilizzare come valore


predefinito.
Ora

Nome file

Nome del documento senza estensione

Percorso file - Percorso completo e nome del file selezionato.

Utente connesso

Data odierna - Data corrente.

Utente (xx) - Nome completo, iniziali o dati dell'utente


connesso.

Descrizione ultima transizione

172
Schede dati

Numero seriale Selezionare un numero di serie da utilizzare come valore


predefinito.

Variabile scheda dati Selezionare una variabile di scheda dati cartella il cui valore
cartella sarà utilizzato come predefinito.
Ad esempio, se si seleziona la variabile di scheda cartella
Progetto e la scheda dati cartella ha un valore di P05, quando
si aggiunge un file nuovo in tale cartella, la casella di modifica
avrà il valore predefinito P05.

Variabile scheda dati (Solo per schede elementi). Selezionare una variabile di scheda
file dati file il cui valore sarà utilizzato come predefinito.
Ad esempio, se si seleziona la variabile di scheda dati file
Progetto e un file ha il valore P05, quando si crea un elemento
dal file, la casella di modifica si completerà con il valore
predefinito P05.
Quando si creano gli elementi per le configurazioni, i valori
derivano dalla configurazione referenziata, o se vuota, le
proprietà personalizzate (@ tab). Quindi, per far sì che i valori
di scheda elementi corrispondano esattamente ai valori di
configurazione, assicurarsi che tutte le variabili di configurazione
mappate abbiano valori definendo queste proprietà secondo le
esigenze. In modo alternativo, non usare le proprietà
personalizzate.
Quando si creano gli elementi dai file CAD (non le configurazioni
specifiche), i valori derivano dalle proprietà personalizzate.

Valore predefinito Sovrascrive il valore della variabile esistente con quello


prioritario predefinito quando l'utente copia o aggiunge file o elementi.

Configurazioni escluse Le configurazioni dalle quali escludere i valori di default.


L'esclusione avviene quando i file vengono aggiunti al vault o
quando l'aggiunta di una nuova configurazione genera valori
di default.
Digitare un nome di configurazione per riga.
È possibile utilizzare il carattere jolly *. Per esempio *magnet*
esclude tutte le configurazioni con "magnet" nel nome della
configurazione.

Le configurazioni non sono escluse se gli utenti generano i


valori manualmente come ad esempio i numeri seriali.

Formula di input
Specificare una formula di input per popolare un controllo casella di modifica con una
stringa composta dei valori di variabili collegate ad altri controlli sulla scheda dati.

173
Schede dati

Finestra di dialogo Formula di input


Utilizzare la finestra di dialogo Formula di input per popolare un controllo casella di modifica
con una stringa composta dei valori di variabili collegate ad altri controlli sulla scheda
dati.
Per visualizzare questa finestra di dialogo:
Aggiungere un controllo Modifica a una scheda dati. Nel riquadro Proprietà casella di
modifica, accanto a Formula di input, fare clic su Sfoglia (...).

Per selezionare le variabili per la formula di input, fare clic su .

Proprietà pulsante
Utilizzare il riquadro Proprietà pulsante per aggiungere un pulsante di comando che avvia
un'applicazione, un'aggiunta o una pagina Web.
Per visualizzare questo riquadro:
nell'Editor scheda fare clic su Pulsante nella barra degli strumenti Controlli e fare clic
nella scheda per inserire pulsante.

Didascalia Il nome del pulsante di comando.


Se si lascia vuota la casella di modifica, il pulsante non avrà
un nome.

174
Schede dati

Tipo di comando Il tipo di azione eseguito dal pulsante:

Stringa di comando
Nel campo Comando, inserire un comando che deve essere
eseguito alla selezione del pulsante. Ad esempio, il comando
potrebbe essere il nome di un file eseguibile, come
notepad.exe. Fare clic su per aggiungere trigger dinamici
alla stringa del comando. Racchiudere tra virgolette comandi
e trigger contenenti spazi.
• Sfoglia - Apre la finestra di dialogo Cerca file per la
selezione del file da utilizzare nel campo Comando.

Il file e il suo percorso devono essere accessibili su tutti


i client che intendono utilizzare questo pulsante.

• Percorso file (%1) - Aggiunge il percorso completo del


file attualmente selezionato.
• Nome vault (%2) - Aggiunge il nome del vault corrente.
• Nome file (%3) - Aggiunge il nome del file attualmente
selezionato.
• Estensione del file (%4) - Aggiunge l'estensione del file
attualmente selezionato.
• Percorso cartella (%5) - Aggiunge il percorso cartella
del file attualmente selezionato.

Cerca file
Apre una finestra di dialogo Cerca file che consente all'utente
di selezionare un file.
• Didascalia finestra di dialogo - Titolo della finestra di
dialogo Cerca file.
• Variabile destinazione - Selezionare una variabile della
scheda dati in cui inserire il percorso completo del file
selezionato nella finestra di dialogo Cerca.
• Solo i file nel vault - L'utente è autorizzato a selezionare
solo i file nel vault.
• Percorso relativo alla directory principale vault - Il
percorso della cartella viene visualizzato in relazione alla
directory principale del vault.
• Autorizza la selezione multipla - L'utente può
selezionare più file nella finestra di dialogo Cerca file.

175
Schede dati

Seleziona cartella
Apre una finestra di dialogo Seleziona cartella in cui l'utente
può selezionare una cartella.
• Didascalia finestra di dialogo - Titolo della finestra di
dialogo Cerca.
• Variabile destinazione - Selezionare una variabile della
scheda dati in cui inserire il percorso completo del file
selezionato nella finestra di dialogo Cerca.
• Solo i file nel vault - L'utente è autorizzato a selezionare
solo le cartelle nel vault.
• Percorso relativo alla directory principale vault - Il
percorso della cartella viene visualizzato in relazione alla
directory principale del vault.

Esegui aggiunta
Avvia un'aggiunta SOLIDWORKS PDM installata.
• Nome dell'aggiunta - Immettere il nome dell'aggiunta.

Pagina Web
Apre una pagina Web.
• Indirizzo WWW - Immettere l'URL della pagina Web.

Proprietà pulsante di opzione


Utilizzare il riquadro Proprietà pulsante di opzione per configurare un pulsante di opzione
che consente all'utente di selezionare un valore predefinito da memorizzare in una variabile
di scheda dati.
Per visualizzare questo riquadro:
nell'Editor scheda fare clic su Pulsante di opzione nella barra degli strumenti Controlli
e fare clic nella scheda per inserire il controllo.

Didascalia
Immettere il testo statico da memorizzare nella variabile quando l'utente seleziona questo
pulsante di opzione. Ad esempio, la didascalia Italiano memorizza il termine Italiano nella
variabile definita.

176
Schede dati

value

Nome della variabile Selezionare la variabile in cui memorizzare il valore della


didascalia.
Se si aggiungono diversi pulsanti di opzione con didascalie
diverse, ma tutti collegati alla stessa variabile, sarà
memorizzata nella variabile solamente la didascalia del pulsante
di opzione selezionato (utilizzare questa funzione per
raggruppare pulsanti di opzione che commutano diversi valori).

Variabili Fare clic per creare una variabile o verificare le proprietà di


una variabile esistente.

Flag

Sola lettura Rende il pulsante di opzione di sola lettura, impedendo quindi


all'utente di modificarne i valori.

Mostra in Esplora La variabile e la didascalia memorizzata del pulsante di opzione


risorse appaiono nella scheda Anteprima del client.

Aggiorna tutte le Quando si seleziona il pulsante di opzione, tutte le schede di


configurazioni configurazione della scheda dati si aggiorneranno di
conseguenza.

Valore predefinito
Selezionare per impostare automaticamente un valore predefinito per questo pulsante di
opzione quando si aggiunge un file o elemento al vault. Vedere Assegnazione di valori
predefiniti alla pagina 157.

Nessun valore Il pulsante di opzione non ha un valore predefinito.


predefinito

Selezionato Il pulsante di opzione è selezionato per impostazione


predefinita.

Se diversi pulsanti di opzione sono collegati alla stessa


variabile, solo uno del gruppo può essere selezionato.

Deselezionato Il pulsante di opzione è deselezionato per impostazione


predefinita.

177
Schede dati

Variabile scheda dati Selezionare una variabile di scheda dati cartella il cui valore
cartella sarà utilizzato come predefinito.
Ad esempio, se si seleziona la variabile Lingua e la scheda dati
cartella ha il valore Italiano, quando si aggiunge un file in tale
cartella, il pulsante di opzione presenterà come impostazione
predefinita la didascalia Italiano.

Variabile scheda dati (Solo per schede elementi). Selezionare una variabile di scheda
file dati file il cui valore sarà utilizzato come predefinito.
Ad esempio, se si seleziona la variabile Lingua e un file ha il
valore Italiano, quando si crea un elemento dal file, il pulsante
di opzione presenterà come impostazione predefinita la
didascalia Italiano.
Quando si creano gli elementi per le configurazioni, i valori
derivano dalla configurazione referenziata, o se vuota, le
proprietà personalizzate (@ tab). Quindi, per far sì che i valori
di scheda elementi corrispondano esattamente ai valori di
configurazione, assicurarsi che tutte le variabili di configurazione
mappate abbiano valori definendo queste proprietà secondo le
esigenze. In modo alternativo, non usare le proprietà
personalizzate.
Quando si creano gli elementi dai file CAD (non le configurazioni
specifiche), i valori derivano dalle proprietà personalizzate.

Valore predefinito Sovrascrive il valore della variabile esistente con quello


prioritario predefinito quando l'utente copia o aggiunge file.

Configurazioni escluse Le configurazioni dalle quali escludere i valori predefiniti.


L'esclusione avviene quando i file vengono aggiunti al vault o
quando l'aggiunta di una nuova configurazione genera valori
predefiniti.
Digitare un nome di configurazione per riga.
È possibile utilizzare il carattere jolly *. Per esempio *magnet*
esclude tutte le configurazioni con "magnet" nel nome della
configurazione.

Le configurazioni non sono esclude se gli utenti generano i


valori manualmente.

Proprietà casella combinata


Utilizzare il riquadro Proprietà Casella combinata per consentire agli utenti di selezionare
uno dei valori predefiniti di un elenco o di immettere un valore personalizzato nel campo
di modifica.

178
Schede dati

Per visualizzare il riquadro delle proprietà:


nell'Editor scheda fare clic su Casella combinata a discesa nella barra degli strumenti
Controlli e fare clic nella scheda per inserire il controllo.

Elementi
Selezionare gli elementi da visualizzare nell'elenco. I valori possono essere richiamati da
elenchi predefiniti, da altri centralizzati o contenenti elementi statici.

Valore speciale Selezionare un elenco predefinito da utilizzare per popolare


l'elenco del controllo.

Elenco utenti (xx)


Elenca tutti gli utenti del vault, di cui mostra nome di accesso,
iniziali, nome completo o dati utente come memorizzati nella
scheda di profilo utente.

Elenco gruppi
Elenca tutti i gruppi del vault.

Elenco stati
Elenca tutti gli stati del flusso di lavoro.

Elenco flussi di lavoro


Elenca tutti i flussi di lavoro del vault.

Cronologia
Quando gli utenti inseriscono dei valori in questo campo e
salvano la scheda dati, i valori sono salvati e visualizzati
nell'elenco a discesa.

Standard/Unità/Lingua
Elenchi predefiniti che mostrano i valori provenienti dal file
locale StdVal_xx.Lan. Aggiornare il file su tutti i client per
aggiungere altri valori.

XXX - Elenco schede centralizzato.


Vedere Elenchi di schede centrali (solo per SOLIDWORKS
PDM Professional) alla pagina 132.

Testo libero Immettere gli elementi, uno per riga, da visualizzare nel
controllo elenco casella combinata.

179
Schede dati

Controllato dalla Nella scheda dati, i valori di elenco disponibili dipendono dal
variabile valore selezionato in un altro elenco o in un'altra casella di
modifica.
Vedere Creazione di elenchi di schede a controllo dinamico
alla pagina 134.

Dettagli Mostra la finestra di dialogo Controllato dalla variabile, nella


quale è possibile associare i valori di questo controllo ai valori
di un altro controllo.

Valore

Nome della variabile Selezionare la variabile di scheda dati in cui memorizzare il


valore immesso o selezionato dall'elenco.

Variabili Fare clic per aprire la finestra di dialogo Modifica variabili e


creare una nuova variabile, oppure controllare le proprietà di
una variabile esistente.

Flag

Sola lettura Rende la casella combinata di sola lettura, impedendo quindi


all'utente di immettere valori.

Mostra in Esplora La variabile e il valore memorizzato della casella combinata


risorse sono visualizzati nella scheda Anteprima del client.

Aggiorna tutte le Tutte le schede di configurazione di una scheda dati file


configurazioni vengono aggiornate dal valore immesso in questa casella
combinata.

Valore predefinito
Selezionare un'opzione per immettere automaticamente un valore predefinito della casella
combinata quando si creano nuovi file. Vedere Assegnazione di valori predefiniti alla
pagina 157.

Specifica valore Selezionare il valore di elenco da utilizzare come valore


predefinito.

Nel caso di elenchi di utenti e gruppi, è anche possibile


selezionare l'utente o il gruppo attualmente connesso.

180
Schede dati

Variabile scheda dati Selezionare una variabile di scheda dati cartella il cui valore
cartella sarà utilizzato come predefinito.
Ad esempio, se si seleziona la variabile di scheda dati cartella
Progetto e la scheda dati cartella ha il valore P05, quando si
aggiunge un file in tale cartella, la casella combinata si
completerà automaticamente con il valore predefinito P05.

Variabile scheda dati (Solo per schede elementi). Selezionare una variabile di scheda
file dati file il cui valore sarà utilizzato come predefinito.
Ad esempio, se si seleziona la variabile di scheda dati file
Progetto e un file ha il valore P05, quando si crea un elemento
dal file, la casella combinata si completerà con il valore
predefinito P05.
Quando si creano gli elementi per le configurazioni, i valori
derivano dalla configurazione referenziata, o se vuota, le
proprietà personalizzate (@ tab). Quindi, per far sì che i valori
di scheda elementi corrispondano esattamente ai valori di
configurazione, assicurarsi che tutte le variabili di configurazione
mappate abbiano valori definendo queste proprietà secondo le
esigenze. In modo alternativo, non usare le proprietà
personalizzate.
Quando si creano gli elementi dai file CAD (non le configurazioni
specifiche), i valori derivano dalle proprietà personalizzate.

Valore predefinito Sovrascrive il valore della variabile esistente con quello


prioritario predefinito quando l'utente copia o aggiunge file.

Configurazioni escluse Le configurazioni dalle quali escludere i valori di default.


L'esclusione avviene quando i file vengono aggiunti al vault o
quando l'aggiunta di una nuova configurazione genera valori
di default.
Digitare un nome di configurazione per riga.
È possibile utilizzare il carattere jolly *. Per esempio *magnet*
esclude tutte le configurazioni con "magnet" nel nome della
configurazione.

Le configurazioni non sono esclude se gli utenti generano i


valori manualmente.

Proprietà elenco
Utilizzare il riquadro Proprietà elenco per aggiungere un controllo che richiede all'utente
di operare una selezione uno dei valori predefiniti in elenco.
Per visualizzare questo riquadro:
nell'Editor scheda fare clic su Elenco combinato nella barra degli strumenti Controlli
e fare clic nella scheda per inserire l'elenco a discesa.

181
Schede dati

Elementi (solo SOLIDWORKS PDM Professional)


Selezionare gli elementi da visualizzare nell'elenco. I valori possono essere richiamati da
elenchi predefiniti, da altri centralizzati o contenenti elementi statici.

Valore speciale Selezionare un elenco predefinito con il quale popolare l'elenco


del controllo.

Elenco utenti (xx)


Elenca tutti gli utenti del vault, di cui mostra nome di accesso,
iniziali, nome completo o dati utente come memorizzati nella
scheda di profilo utente.

Elenco gruppi
Elenca tutti i gruppi del vault.

Elenco stati
Elenca tutti gli stati del flusso di lavoro.

Elenco flusso di lavoro


Elenca tutti i flussi di lavoro del vault.

Standard/Unità/Lingua
Elenchi predefiniti che mostrano i valori provenienti dal file
locale StdVal_xx.Lan. Aggiornare il file su tutti i client per
aggiungere altri valori.

XXX - Elenco schede centralizzato.


Vedere Elenchi di schede centrali (solo per SOLIDWORKS
PDM Professional) alla pagina 132.

Testo libero Immettere gli elementi, uno per riga, da visualizzare nel
controllo elenco combinato.

Controllato dalla Nella scheda dati, i valori di elenco disponibili dipendono dal
variabile valore selezionato in un altro elenco o in un'altra casella di
modifica.
Vedere Creazione di elenchi di schede a controllo dinamico
alla pagina 134.

Dettagli Mostra la finestra di dialogo Controllato dalla variabile, nella


quale è possibile associare i valori di questo controllo ai valori
di un altro controllo.

182
Schede dati

Valore

Nome della variabile Selezionare la variabile di scheda dati in cui memorizzare il


valore selezionato dall'elenco.

Variabili Fare clic per aprire la finestra di dialogo Modifica variabili e


creare una nuova variabile, oppure controllare le proprietà di
una variabile esistente.

Flag

Sola lettura Rende l'elenco di sola lettura, impedendo quindi all'utente di


immettere valori.

Mostra in Esplora La variabile e il valore memorizzato dell'elenco sono visualizzati


risorse nella scheda Anteprima del client.

Aggiorna tutte le Tutte le schede di configurazione di una scheda dati file


configurazioni vengono aggiornate dal valore immesso in questo elenco.

Valori predefiniti
Selezionare un'opzione per immettere automaticamente un valore predefinito nell'elenco
quando si creano nuovi file. Vedere Assegnazione di valori predefiniti alla pagina 157.

Specifica valore Selezionare il valore di elenco da utilizzare come valore


predefinito.

Nel caso di elenchi di utenti e gruppi, è anche possibile


selezionare l'utente o il gruppo attualmente connesso.

Variabile scheda dati Selezionare una variabile di scheda dati cartella il cui valore
cartella sarà utilizzato come predefinito.
Ad esempio, se si seleziona la variabile scheda dati cartella
Customer e la scheda dati cartella presenta il valore IBM,
quando si aggiunge un nuovo file alla cartella, l'elenco verrà
compilato automaticamente con il valore predefinito IBM.

183
Schede dati

Variabile scheda dati (Solo per schede elementi). Selezionare una variabile di scheda
file (solo SOLIDWORKS dati file il cui valore sarà utilizzato come predefinito.
PDM Professional) Ad esempio, se si seleziona la variabile scheda dati file
Customer e un file presenta il valore IBM, quando si crea un
nuovo elemento dal file, l'elenco verrà compilato
automaticamente con il valore predefinito IBM.
Quando si creano gli elementi per le configurazioni, i valori
derivano dalla configurazione referenziata, o se vuota, le
proprietà personalizzate (@ tab). Quindi, per far sì che i valori
di scheda elementi corrispondano esattamente ai valori di
configurazione, assicurarsi che tutte le variabili di configurazione
mappate abbiano valori definendo queste proprietà secondo le
esigenze. In modo alternativo, non usare le proprietà
personalizzate.
Quando si creano gli elementi dai file CAD (non le configurazioni
specifiche), i valori derivano dalle proprietà personalizzate.

Valore predefinito Sovrascrive il valore della variabile esistente con quello


prioritario predefinito quando l'utente copia o aggiunge file.

Configurazioni escluse Le configurazioni dalle quali escludere i valori di default.


L'esclusione avviene quando i file vengono aggiunti al vault o
quando l'aggiunta di una nuova configurazione genera valori
di default.
Digitare un nome di configurazione per riga.
È possibile utilizzare il carattere jolly *. Per esempio *magnet*
esclude tutte le configurazioni con "magnet" nel nome della
configurazione.

Le configurazioni non sono esclude se gli utenti generano i


valori manualmente.

Proprietà elenco combinato


Utilizzare il riquadro Proprietà elenco combinato per aggiungere un controllo casella di
modifica che consente all'utente di selezionare uno dei valori predefiniti da un elenco
sempre visibile.
Per visualizzare il riquadro delle proprietà:
nell'Editor scheda fare clic su Casella combinata semplice nella barra degli strumenti
Controlli e fare clic nella scheda per inserire la casella combinata.

Elementi (solo SOLIDWORKS PDM Professional)


Selezionare gli elementi da visualizzare nell'elenco. I valori possono essere richiamati da
elenchi predefiniti, da altri centralizzati o contenenti elementi statici.

184
Schede dati

Valore speciale Selezionare un elenco predefinito con il quale popolare l'elenco


del controllo.

Elenco utenti (xx)


Elenca tutti gli utenti del vault, di cui mostra nome di accesso,
iniziali, nome completo o dati utente come memorizzati nella
scheda di profilo utente.

Elenco gruppi
Elenca tutti i gruppi del vault.

Elenco stati
Elenca tutti gli stati del flusso di lavoro.

Elenco flusso di lavoro


Elenca tutti i flussi di lavoro del vault.

Standard/Unità/Lingua
Elenchi predefiniti che mostrano i valori provenienti dal file
locale StdVal_xx.Lan. Aggiornare il file su tutti i client per
aggiungere altri valori.

XXX - Elenco schede centralizzato.


Vedere Elenchi di schede centrali (solo per SOLIDWORKS
PDM Professional) alla pagina 132.

Testo libero Immettere gli elementi, uno per riga, da visualizzare nel
controllo elenco combinato.

Controllato dalla Nella scheda dati, i valori di elenco disponibili dipendono dal
variabile valore selezionato in un altro elenco o in un'altra casella di
modifica.
Vedere Creazione di elenchi di schede a controllo dinamico
alla pagina 134.

Dettagli Mostra la finestra di dialogo Controllato dalla variabile, nella


quale è possibile associare i valori di questo controllo ai valori
di un altro controllo.

Valore

Nome della variabile Selezionare la variabile di scheda dati in cui memorizzare il


valore selezionato dall'elenco combinato.

185
Schede dati

Variabili Fare clic per aprire la finestra di dialogo Modifica variabili e


creare una nuova variabile, oppure controllare le proprietà di
una variabile esistente.

Flag

Sola lettura Rende l'elenco combinato di sola lettura, impedendo quindi


all'utente di immettere valori.

Mostra in Esplora La variabile e il valore memorizzato dell'elenco combinato sono


risorse visualizzati nella scheda Anteprima del client.

Aggiorna tutte le Tutte le schede di configurazione di una scheda dati file


configurazioni vengono aggiornate dal valore immesso in questo elenco
combinato.

Valore predefinito
Selezionare un'opzione per immettere automaticamente un valore predefinito nell'elenco
quando si creano nuovi file. Vedere Assegnazione di valori predefiniti alla pagina 157.

Specifica valore Selezionare il valore di elenco da utilizzare come valore


predefinito.

Nel caso di elenchi di utenti e gruppi, è anche possibile


selezionare l'utente o il gruppo attualmente connesso.

Variabile scheda dati Selezionare una variabile di scheda dati cartella il cui valore
cartella sarà utilizzato come predefinito.
Ad esempio, se si seleziona la variabile di scheda dati cartella
Cliente e la scheda dati cartella ha il valore IBM, quando si
aggiunge un file in tale cartella, l'elenco si completerà
automaticamente con il valore predefinito IBM.

186
Schede dati

Variabile scheda dati (Solo per schede elementi). Selezionare una variabile di scheda
del file (solo dati file il cui valore sarà utilizzato come predefinito.
SOLIDWORKS PDM Ad esempio, se si seleziona la variabile di scheda dati file
Professional) Cliente e un file ha il valore IBM, quando si crea un elemento
dal file, l'elenco si completerà con il valore predefinito IBM.
Quando si creano gli elementi per le configurazioni, i valori
derivano dalla configurazione referenziata, o se vuota, le
proprietà personalizzate (@ tab). Quindi, per far sì che i valori
di scheda elementi corrispondano esattamente ai valori di
configurazione, assicurarsi che tutte le variabili di configurazione
mappate abbiano valori definendo queste proprietà secondo le
esigenze. In modo alternativo, non usare le proprietà
personalizzate.
Quando si creano gli elementi dai file CAD (non le configurazioni
specifiche), i valori derivano dalle proprietà personalizzate.

Valore predefinito Sovrascrive il valore della variabile esistente con quello


prioritario predefinito quando l'utente copia o aggiunge file.

Configurazioni escluse Le configurazioni dalle quali escludere i valori di default.


L'esclusione avviene quando i file vengono aggiunti al vault o
quando l'aggiunta di una nuova configurazione genera valori
di default.
Digitare un nome di configurazione per riga.
È possibile utilizzare il carattere jolly *. Per esempio *magnet*
esclude tutte le configurazioni con "magnet" nel nome della
configurazione.

Le configurazioni non sono esclude se gli utenti generano i


valori manualmente.

Proprietà casella di riepilogo


Utilizzare il riquadro Proprietà casella di riepilogo per aggiungere un controllo che consente
all'utente di selezionare uno dei valori predefiniti in elenco.
Per visualizzare il riquadro delle proprietà:
nell'Editor scheda fare clic su Elenco nella barra degli strumenti Controlli e fare clic
nella scheda per inserire la casella di riepilogo.

Elementi (solo SOLIDWORKS PDM Professional)


Selezionare gli elementi da visualizzare nell'elenco. I valori possono essere richiamati da
elenchi predefiniti, da altri centralizzati o contenenti elementi statici.

187
Schede dati

Valore speciale Selezionare un elenco predefinito con il quale popolare l'elenco


del controllo.

Elenco utenti (xx)


Elenca tutti gli utenti del vault, di cui mostra nome di accesso,
iniziali, nome completo o dati utente come memorizzati nella
scheda di profilo utente.

Elenco gruppi
Elenca tutti i gruppi del vault.

Elenco stati
Elenca tutti gli stati del flusso di lavoro.

Elenco flusso di lavoro


Elenca tutti i flussi di lavoro del vault.

Standard/Unità/Lingua
Elenchi predefiniti che mostrano i valori provenienti dal file
locale StdVal_xx.Lan. Aggiornare il file su tutti i client per
aggiungere altri valori.

XXX - Elenco schede centralizzato.


Vedere Elenchi di schede centrali (solo per SOLIDWORKS
PDM Professional) alla pagina 132.

Testo libero Immettere gli elementi, uno per riga, da visualizzare nel
controllo elenco.

Controllato dalla Nella scheda dati, i valori di elenco disponibili dipendono dal
variabile valore selezionato in un altro elenco o in un'altra casella di
modifica.
Vedere Creazione di elenchi di schede a controllo dinamico
alla pagina 134.

Dettagli Visualizza la finestra di dialogo Controllato dalla variabile, nella


quale associare il valore di questo controllo ai valori di un altro.

Valore

Nome variabile Selezionare la variabile di scheda dati in cui memorizzare il


valore selezionato dall'elenco.

188
Schede dati

Variabili Fare clic per aprire la finestra di dialogo Modifica variabili e


creare una nuova variabile, oppure controllare le proprietà di
una variabile esistente.

Flag

Sola lettura Rende l'elenco di sola lettura, impedendo quindi all'utente di


immettere valori.

Mostra in Esplora La variabile e il valore memorizzato dell'elenco appaiono nella


risorse scheda Anteprima.

Aggiorna tutte le Tutte le schede di configurazione di una scheda dati file


configurazioni vengono aggiornate dal valore immesso in questo elenco.

Valore predefinito
Selezionare un'opzione per immettere automaticamente un valore predefinito nell'elenco
quando si creano nuovi file. Vedere Assegnazione di valori predefiniti alla pagina 157.

Specifica valore Selezionare il valore di elenco da utilizzare come valore


predefinito.

Nel caso di elenchi di utenti e gruppi, è anche possibile


selezionare l'utente o il gruppo attualmente connesso.

Variabile scheda dati Selezionare una variabile di scheda dati cartella il cui valore
cartella sarà utilizzato come predefinito.
Ad esempio, se si seleziona la variabile di scheda dati cartella
Cliente e la scheda dati cartella ha il valore IBM, quando si
aggiunge un file in tale cartella, l'elenco si completerà
automaticamente con il valore predefinito IBM.

189
Schede dati

Variabile scheda dati (Solo per schede elementi). Selezionare una variabile di scheda
file dati file il cui valore sarà utilizzato come predefinito.
(Solo SOLIDWORKS PDM Ad esempio, se si seleziona la variabile di scheda dati file
Professional) Cliente e un file ha il valore IBM, quando si crea un elemento
dal file, l'elenco si completerà con il valore predefinito IBM.
Quando si creano gli elementi per le configurazioni, i valori
derivano dalla configurazione referenziata, o se vuota, le
proprietà personalizzate (@ tab). Quindi, per far sì che i valori
di scheda elementi corrispondano esattamente ai valori di
configurazione, assicurarsi che tutte le variabili di configurazione
mappate abbiano valori definendo queste proprietà secondo le
esigenze. In modo alternativo, non usare le proprietà
personalizzate.
Quando si creano gli elementi dai file CAD (non le configurazioni
specifiche), i valori derivano dalle proprietà personalizzate.

Valore predefinito Sovrascrive il valore della variabile esistente con quello


prioritario predefinito quando l'utente copia o aggiunge file.

Configurazioni escluse Le configurazioni dalle quali escludere i valori di default.


L'esclusione avviene quando i file vengono aggiunti al vault o
quando l'aggiunta di una nuova configurazione genera valori
di default.
Digitare un nome di configurazione per riga.
È possibile utilizzare il carattere jolly *. Per esempio *magnet*
esclude tutte le configurazioni con "magnet" nel nome della
configurazione.

Le configurazioni non sono esclude se gli utenti generano i


numeri seriali manualmente.

Proprietà scheda
Utilizzare il riquadro Proprietà scheda per aggiungere schede visibili o nascoste per dividere
le sezioni di una scheda dati in pagine diverse, ciascuna con controlli propri.

Quando si aggiungono controlli a una scheda, selezionare il titolo della scheda nel
controllo, quindi trascinare i controlli nella pagina.

Per visualizzare questo riquadro:


nell'Editor scheda fare clic su Scheda nella barra degli strumenti Controlli e fare clic
nella scheda per inserire le schede.

190
Schede dati

Nomi schede Immettere i titoli delle schede, uno per riga.


Per aggiungere una scheda, digitare un nuovo titolo.
Per rimuovere una scheda, eliminarne il titolo.

L'azione elimina qualsiasi controllo inserito nella scheda.

Mostra schede Tutte le schede sono visibili.

Controllato dalla Le schede sono nascoste a meno che un valore controllato dalla
variabile variabile non coincida al nome della scheda.
Vedere Operazioni con schede controllate alla pagina 155.

Variabili Fare clic per aprire la finestra di dialogo Modifica variabili e


creare una nuova variabile, oppure controllare le proprietà di
una variabile esistente.

Proprietà casella di controllo


Utilizzare il riquadro Proprietà casella di controllo per configurare le caselle di controllo
da aggiungere a una scheda dati.
Per visualizzare questo riquadro:
nell'Editor scheda fare clic su Casella di controllo nella barra degli strumenti Controlli
e fare clic nella scheda per inserire la casella di controllo.

Didascalia
Immettere il nome per la casella di controllo. Di solito, questo nome è identico al nome
della variabile.

value

Nome della variabile Selezionare la variabile di scheda dati in cui memorizzare il


valore della casella di controllo.
Una casella di controllo selezionata equivale al valore 1 mentre
se non è selezionata equivale al valore 0.

Variabili Fare clic per aprire la finestra di dialogo Modifica variabili e


creare una nuova variabile, oppure controllare le proprietà di
una variabile esistente.

191
Schede dati

Flag

Sola lettura Crea la casella di controllo in sola lettura, in modo che il suo
valore non possa essere modificato dall'utente.

Mostra in Esplora La variabile e il valore memorizzato della casella di controllo


risorse (0 o 1) Sono visualizzati nella scheda Anteprima del client.

Questo flag è generalmente disattivato con l'uso delle caselle


di controllo.

Aggiorna tutte le Tutte le schede di configurazione di una scheda dati vengono


configurazioni aggiornate dal valore immesso nella casella di controllo.

Valore predefinito
Selezionare un'opzione per immettere automaticamente un valore predefinito nella casella
di controllo quando si creano nuovi file o elementi. Vedere Assegnazione di valori
predefiniti alla pagina 157.

Nessun valore
predefinito

Selezionato Questa casella di controllo è attivata per impostazione


predefinita.

È possibile avere più caselle di controllo attivate per


impostazione predefinita.

Deselezionato La casella di controllo è disattivata per impostazione predefinita.

Variabile scheda dati La casella di controllo eredita le impostazioni (attivata /


cartella disattivata) dalla variabile di scheda dati cartella selezionata.
Ad esempio, se si collega una casella di controllo sulla scheda
dati cartella a una variabile e si seleziona quella variabile come
valore predefinito, i nuovi file aggiunti alla cartella ereditano
l'impostazione dalla scheda dati cartella.

192
Schede dati

Variabile scheda dati (Solo per schede elementi). Selezionare una variabile di scheda
del file (solo dati file il cui valore sarà utilizzato come predefinito.
SOLIDWORKS PDM Ad esempio, se si collega una casella di controllo sulla scheda
Professional) dati file a una variabile e si seleziona quella variabile come
valore predefinito, i nuovi elementi creati dai file utilizzando
quella scheda dati file ereditano il valore della casella di
controllo.
Quando si creano gli elementi per le configurazioni, i valori
derivano dalla configurazione referenziata, o se vuota, le
proprietà personalizzate (@ tab). Quindi, per far sì che i valori
di scheda elementi corrispondano esattamente ai valori di
configurazione, assicurarsi che tutte le variabili di configurazione
mappate abbiano valori definendo queste proprietà secondo le
esigenze. In modo alternativo, non usare le proprietà
personalizzate.
Quando si creano gli elementi dai file CAD (non le configurazioni
specifiche), i valori derivano dalle proprietà personalizzate.

Valore predefinito Sovrascrive il valore della variabile esistente con quello


prioritario predefinito quando l'utente copia o aggiunge file o elementi.

Configurazioni escluse Le configurazioni dalle quali escludere i valori predefiniti.


L'esclusione avviene quando i file vengono aggiunti al vault o
quando l'aggiunta di una nuova configurazione genera valori
predefiniti.
Digitare un nome di configurazione per riga.
È possibile utilizzare il carattere jolly *. Per esempio *magnet*
esclude tutte le configurazioni con "magnet" nel nome della
configurazione.

Le configurazioni non sono esclude se gli utenti generano i


valori manualmente.

Proprietà campo data


Utilizzare il riquadro Proprietà campo data per configurare un controllo che consenta
all'utente di selezionare una data di calendario.
Per visualizzare il riquadro delle proprietà:
nell'Editor scheda fare clic su Campo Data nella barra degli strumenti Controlli e fare
clic nella scheda per inserire il controllo data.

193
Schede dati

Valore

Nome della variabile Selezionare la variabile in cui memorizzare il valore immesso


o selezionato nel campo data.

La data deve essere formattata nel rispetto del formato di


data breve utilizzato dalle impostazioni internazionali di
Windows sul sistema client.

Variabili Fare clic per aprire la finestra di dialogo Modifica variabili e


creare una nuova variabile, oppure controllare le proprietà di
una variabile esistente.

Convalida
Limita l’intervallo di date ammesso per il campo.
Selezionare Min e/o Max e selezionare una data o un intervallo di date.

Questa opzione è disponibile solo se il tipo di variabile è impostato su Date.

Flag

Sola lettura Crea il campo data in sola lettura, in modo che il suo valore
non possa essere modificato dall'utente.

Mostra in Esplora La variabile e il valore memorizzato del campo data sono


risorse visualizzati nella scheda Anteprima del client.

Aggiorna tutte le Tutte le schede di configurazione di una scheda dati vengono


configurazioni aggiornate dal valore immesso nel campo data.

Valore predefinito
Selezionare un'opzione per immettere automaticamente un valore predefinito del campo
data quando si creano nuovi file o elementi. Vedere Assegnazione di valori predefiniti
alla pagina 157.

Valore testo Immettere un testo statico (stringa della data), da utilizzare


come valore predefinito nel controllo. Il formato deve
corrispondere a quello delle date.

Data odierna Imposta il valore del controllo sulla data attuale.

194
Schede dati

Numero di serie Selezionare un numero di serie formattato come una data da


utilizzare come valore predefinito.
Vedere Numeri di serie (solo per SOLIDWORKS PDM
Professional) alla pagina 278.

Variabile scheda dati Selezionare una variabile di scheda dati cartella.


cartella Il campo data eredita il suo valore da questa variabile.
Ad esempio, se si seleziona la variabile Project Deadline e la
scheda dati cartella presenta il valore 9/9/2008, quando si
aggiunge un nuovo file alla cartella il controllo campo data sarà
impostato su 9/9/2008.

Variabile scheda dati (Solo per schede elementi). Selezionare una variabile di scheda
file (solo SOLIDWORKS dati file il cui valore sarà utilizzato come predefinito.
PDM Professional) Ad esempio, se si seleziona la variabile di scheda dati file
Project Deadline e un file presenta il valore 9/9/2008, quando
si crea un nuovo elemento dal file il campo data sarà impostato
su 9/9/2008.
Quando si creano gli elementi per le configurazioni, i valori
derivano dalla configurazione referenziata, o se vuota, le
proprietà personalizzate (@ tab). Quindi, per far sì che i valori
di scheda elementi corrispondano esattamente ai valori di
configurazione, assicurarsi che tutte le variabili di configurazione
mappate abbiano valori definendo queste proprietà secondo le
esigenze. In modo alternativo, non usare le proprietà
personalizzate.
Quando si creano gli elementi dai file CAD (non le configurazioni
specifiche), i valori derivano dalle proprietà personalizzate.

Valore predefinito Sovrascrive il valore della variabile esistente con quello


prioritario predefinito quando l'utente copia o aggiunge file o elementi.

Configurazioni escluse Le configurazioni dalle quali escludere i valori di default.


L'esclusione avviene quando i file vengono aggiunti al vault o
quando l'aggiunta di una nuova configurazione genera valori
di default.
Digitare un nome di configurazione per riga.
È possibile utilizzare il carattere jolly *. Per esempio *magnet*
esclude tutte le configurazioni con "magnet" nel nome della
configurazione.

Le configurazioni non sono escluse se gli utenti generano i


valori manualmente come ad esempio i numeri seriali.

195
Schede dati

Controllo di ricerca scheda


I moduli di ricerca possono comprendere un controllo di ricerca scheda che consente agli
utenti di creare ricerche basate sul contenuto delle schede dati.
Per aggiungere un controllo di ricerca scheda:
fare clic su Ricerca scheda (barra degli strumenti Controllo).
Quando appare la scheda di ricerca nello strumento Ricerca SOLIDWORKS PDM, un casella
di riepilogo a discesa consentirà di selezionare la scheda dati da utilizzare per la ricerca.
Utilizzando i campi della scheda dati, specificare i valori della ricerca.

Controllo di ricerca variabile


Le schede di ricerca possono comprendere un controllo di ricerca variabile che consente
agli utenti di creare ricerche basate sui valori memorizzati nelle variabili.
Per aggiungere un controllo di ricerca variabile:
fare clic su Ricerca variabile (barra degli strumenti Controllo).
Quando la scheda di ricerca viene visualizzata nello strumento Ricerca SOLIDWORKS
PDM, l'utente seleziona una o più variabili, operazioni di confronto e valori sui quali basare
la ricerca.

Finestra di dialogo Impostazioni griglia


Utilizzare la finestra di dialogo Impostazioni griglia per allineare i controlli nella scheda
dati.
Per visualizzare questa finestra di dialogo:
nell'Editor scheda fare clic su Visualizza > Impostazioni della griglia.

Mostra griglia Visualizza la griglia sulla scheda dati in via di modifica.


Se selezionato, i controlli inseriti nella scheda dati si vincolano
automaticamente alla griglia.
Diversamente, i controlli possono essere spostati liberamente.

Spaziatura griglia Le unità della griglia sono i pixel.

Finestra di dialogo Controllato dalla variabile


Utilizzare la finestra di dialogo Controllato dalla variabile per creare una dipendenza tra
i valori disponibili nell'elenco e una variabile in un altro elenco a discesa o un'altra casella
di modifica.

196
Schede dati

Per visualizzare questa finestra di dialogo:


aggiungere un controllo elenco (Casella di riepilogo, Casella combinata a discesa, Elenco
combinato o Casella combinata semplice) a una scheda dati. Nel riquadro Proprietà
selezionare Controllato dalla variabile e fare clic su Dettagli.

Prima di utilizzare Controllato dalla variabile, è necessario definire gli elenchi schede
di controllo e dipendente utilizzati.

Vedere Creazione di elenchi di schede a controllo dinamico alla pagina 134.

Variabile Selezionare la variabile dell'elenco schede di controllo.

Dipendenze tra valore di


variabile ed elenco Valore variabile
schede Immettere un valore definito nell'elenco schede di controllo.

Elenco schede
Selezionare l'elenco schede da visualizzare quando l'utente
sceglie questa variabile.

Salvataggio delle schede dati


La finestra di dialogo Salva scheda consente di salvare file, elementi, cartelle, moduli e
schede di ricerca.
• Il processo per il salvataggio di schede dati file, elemento e cartella è simile. Ciò che
differisce leggermente è l'ereditarietà dei layout di scheda dati.
• Le schede di modello salvate sono disponibili nella pagina Schede modello della
procedura guidata dei modelli quando si crea un modello. Vedere Creazione di modelli
alla pagina 382.
• Si deve assegnare ogni scheda di ricerca agli utenti o gruppi prima di poterla utilizzare.
Per salvare una scheda elementi, file o cartella:
1. Fare clic su Salva o File > Salva.
2. Nella finestra di dialogo Salva scheda:
a) Passare alla posizione in cui salvare la scheda dati.

Tutte le cartelle degli elementi sono salvate nella cartella principale Elementi.

b) Digitare un Nome scheda.


c) Selezionare il tipo di scheda.
d) Per le schede dei file, verificare o immettere le estensioni da associare con la
scheda.
Separarle con il punto e virgola. Non utilizzare il punto.
e) Fare clic su Salva.

197
Schede dati

La scheda dati viene salvata. Nell'elenco delle schede, le schede file sono visualizzate con
le estensioni di file specificate nell'elenco Estensioni.

Ereditarietà della scheda dati


Le schede dati di default installate con SOLIDWORKS PDM vengono salvate nella directory
principale del vault. Tutte le loro sottocartelle ne ereditano il layout.
Se però si salva una scheda dati nuova o modificata in una sottocartella, le sottocartelle
di livello inferiore ereditano il layout della scheda appena salvata. Il seguente diagramma
dimostra come vengono ereditati i tre diversi layout di scheda nel vault.

L'ereditarietà dipende dal tipo di scheda dati:


• Schede dati file: Se si associa una nuova scheda dati file con le stesse estensioni file
della scheda predefinita, e la si salva in una sottocartella, il layout di quella scheda
viene utilizzato per tutte le sottocartelle di livello inferiore.
• Schede cartella: Se si salva una nuova scheda cartella in una cartella nella quale è
già presente un'altra scheda dati cartella, la nuova scheda dati cartella diventa quella
attiva. Per creare una scheda cartella non in uso, aprire la scheda e risalvarla.
Le schede cartella differiscono dalle schede dati file nel senso che le informazioni
immesse nei campi di una scheda cartella sono ereditate da tutte le cartelle sottostanti.
Ciò significa che non è necessario aggiungere le informazioni in ogni sottocartella, a
meno che queste non debbano cambiare. In tal caso, le nuove Informazioni saranno
ereditate dalle rispettive sottocartelle.
Ad esempio, se un utente connesso in un vault mediante Esplora risorse inserisce le
informazioni nella scheda Modifica valori di una scheda dati cartella, qualsiasi
sottocartella eredita queste informazioni e le visualizza nella scheda Visualizza valori.
• Schede elemento: Se si salva una scheda elemento in una sottocartella, il layout di
quella scheda è utilizzato per gli elementi in tutte le sottocartelle di livello inferiore.
Le schede elemento sono disponibili per SOLIDWORKS PDM Professional.

Modifica dei valori di una cartella ereditata


Le informazioni immesse nei campi di una scheda dati cartella sono sempre ereditate da
tutte le cartelle sottostanti. Ciò significa che non è necessario aggiungere le informazioni
in ogni sottocartella, a meno che queste non debbano cambiare. In tal caso, le nuove
informazioni saranno ereditate dalle rispettive sottocartelle.
Ad esempio, se un utente connesso in un vault mediante Esplora risorse inserisce le
informazioni nella scheda Modifica valori di una scheda dati cartella, qualsiasi sottocartella
eredita queste informazioni e le visualizza nella scheda Visualizza valori.
Per cambiare i valori della cartella:
1. In Esplora risorse, accedere a un vault.

198
Schede dati

2. Da Scheda dati, passare alla scheda Modifica valori.


Tutti campi che ereditano i valori sono vuoti, a meno che non sia stato salvato un
valore esclusivo per la cartella o sia impostata l'opzione Mostra valori ereditati
nella scheda Explorer delle Impostazioni utente. In questo caso, appaiono anche
i valori ereditati.

3. Aggiornare un campo con un valore esclusivo.


Il nuovo valore è ereditato nelle rispettive sottocartelle e visualizzato nella scheda
Visualizza valori.

Impostazione eredità da schede Cartella


Quando si aggiungono informazioni ad una scheda dati cartella, queste possono essere
ereditate come valore predefinito nei file o elementi aggiunti alla cartella (o una sua
sottocartella).
• Il layout scheda è sempre ereditato dalle sottocartelle in cui è salvata la scheda; non
è necessario risalvare la scheda in ogni cartella.
• I valori memorizzati in una scheda dati cartella sono sempre ereditati dalle sottocartelle,
fino a quando quel valore non cambia in una sottocartella.
• Se un utente sposta o copia una cartella da una posizione ad un'altra, sarà usato al
suo posto il layout della scheda dati cartella di destinazione. Qualsiasi valore di variabile
memorizzato per la cartella e corrispondente alle variabili delle schede nella cartella
di destinazione appare nel nuovo layout. I valori predefiniti (tranne i numeri di serie)
non sono rigenerati, ma sono aggiornati solo quando vengono aggiunte nuove cartelle.
Questo esempio spiega come modificare una scheda dati cartella in modo che i file ereditino
il nome della Divisione associata alla cartella di nome Progetti.
Per impostare l'ereditarietà da una scheda dati cartella:
1. in Windows Explorer, creare la cartella Progetti nel vault.
2. Nell'Editor scheda, aprire la scheda dati cartella predefinita salvata nella directory
principale del vault.
3. Modificare la scheda con un nuovo controllo di modifica specifico per il progetto e
collegato alla variabile Divisione.
4. Selezionare File > Salva con nome.
5. Nella finestra di dialogo Salva scheda:
a) Selezionare la cartella Progetti.
b) Assicurarsi che il tipo di scheda sia Scheda cartella.
c) Fare clic su Salva.
6. Aprire la scheda dati file per i file Microsoft Office e aggiungere una casella di modifica.
7. Nel riquadro Proprietà casella di modifica, sotto Valore predefinito, selezionare
Variabile scheda dati cartella e selezionare Divisione come variabile che questo
controllo deve ereditare nella scheda dati file Office.
8. Selezionare File > Salva con nome.

199
Schede dati

9. Nella finestra di dialogo Salva scheda:


a) selezionare la cartella Progetti.
b) Assicurarsi che il tipo di scheda sia Scheda file e che siano elencate le estensioni
Microsoft Office.
c) Fare clic su Salva.
10. In Windows risorse, creare una nuova sottocartella nella directory Progetti e completare
il campo Divisione nella scheda dati cartella.
Quando un utente aggiunge un file .doc o .docx alla cartella appena creata, la sua scheda
dati file eredita il valore di controllo nella scheda dati cartella.

Salvataggio di una scheda dati modificata in una cartella


specifica
È possibile salvare nuovamente una scheda dati modificata in una sottocartella per
cambiare l'aspetto dei file o degli elementi che contiene.
Il layout scheda è ereditato dalle sottocartelle della cartella in cui si salva la scheda; non
è necessario risalvare la scheda in ogni cartella.
Se un utente sposta o copia un file o elemento da cartella a un'altra, sarà usato al suo
posto il layout della scheda dati file o elemento della cartella di destinazione. Qualsiasi
valore di variabile memorizzato per il file o l'elemento e corrispondente alle variabili della
scheda nella cartella di destinazione appare nel nuovo layout. I valori predefiniti (tranne
i numeri di serie) non sono rigenerati, ma sono aggiornati solo quando vengono aggiunti
nuovi file o elementi al vault.

Se si desidera creare layout scheda diversi per la stessa estensione di file in una cartella
(ad esempio, campi diversi per un file .doc o .docx se si tratta di un fax, un memo o
un ordine d'acquisto), creare schede controllate dalla variabile sulla scheda. Vedere
Esempio di scheda controllata 1 - Regolazione della visibilità delle schede alla
pagina 156.

In questo esempio, la scheda dati file predefinita associata a Microsoft Office è stata
modificata e salvata in una nuova directory.
Per salvare la scheda dati Office in una cartella specifica:
1. Create la cartella nel vault. Ad esempio, Progetti.
2. Nell'Editor scheda fare clic su Apri o selezionare File Apri.
3. Nella finestra di dialogo Apri scheda scorrere fino alla Scheda Office, selezionarla,
quindi fare clic su Apri.
4. Modificare la scheda per inserirvi i nuovi campi specifici del progetto.
5. Fare clic su Salva o File > Salva.
6. Passare alla nuova cartella.
7. Assicurarsi che le estensioni dei file di Office siano visualizzate nell'elenco e che il tipo
di scheda sia Scheda file.
8. Fare clic su Salva.

200
Schede dati

Quando l'utente seleziona un file .doc o .docx nella cartella principale del vault, verrà
visualizzato il layout della scheda originale. Quando seleziona un file .doc o .docx nella
nuova cartella, verrà visualizzato il layout modificato.

201
10
Categorie (solo per SOLIDWORKS
PDM Professional)
Questo capitolo comprende i seguenti argomenti:

• Creazione di categorie
• Finestra di dialogo Categoria
• Creazione di condizioni per Categorie
• Operatori di condizione per Categorie
• Modifica delle categorie
• Eliminazione di categorie
• Finestra di dialogo Mostra utilizzo
• Esempio - Assegnazione di categorie per Tipo file
• Esempio - Assegnazione di categorie per Valore variabile

È possibile utilizzare le categorie per raggruppare e organizzare i file e gli elementi, ad esempio
per introdurli nel flusso di lavoro corretto. SOLIDWORKS PDM assegna una e solo una categoria
a ogni nuovo file ed elemento del vault.
Quando si crea una categoria, si definiscono le condizioni che stabiliscono come vi vengono
assegnati i file e gli elementi. Ad esempio, si può creare una categoria File tecnici per tutti i
tipi di file utilizzati dai progettisti (disegni, assiemi e parti). Quando gli utenti eseguono il
check-in iniziale di file di questi tipi, possono introdurli automaticamente nel flusso di lavoro
Tecnico.
È anche possibile utilizzare le categorie per specificare un tipo di documento per file che
utilizzano la stessa estensione. Ad esempio, un file .doc o .docx può essere un memorandum
o un fax. Utilizzando le categorie, si possono assegnare i tipi e i flussi di lavoro corretti a tipi
diversi di documenti.

Categoria predefinita
Se un file o elemento non soddisfa le condizioni di una categoria, SOLIDWORKS PDM assegna
la categoria di default, di nome - (trattino). Per impostazione predefinita, questa categoria
non ha condizioni. È possibile rinominare e aggiungere condizioni alla categoria predefinita,
ma non è possibile eliminarla.

Quando un file non corrisponde a una categoria


Ogni file ed elemento deve soddisfare le condizioni di almeno una categoria. Se un utente
tenta di eseguire il check-in di un file o elemento che non corrisponde ad alcuna categoria,

202
Categorie (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

SOLIDWORKS PDM visualizza un messaggio di errore e il check-in fallisce. Assicurarsi di aver


definito categorie esaurienti per tutti i tipi di file utilizzati nel vault o di avere almeno una
categoria (es. predefinita) senza condizioni. I file e gli elementi che non soddisfano le condizioni
di alcuna categoria sono assegnati alla categoria senza condizioni.

Creazione di categorie
Le categorie sono utili per gestire i file e gli elementi nel vault, ad esempio per introdurli
nel flusso di lavoro corretto.
Per creare una categoria:
1. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Categorie e selezionare Nuova
categoria.
2. Nella finestra di dialogo Categoria, immettere un Nome di categoria.
3. A scelta, fornire una Descrizione.
4. Creare una o più Condizioni per definire i file o elementi da assegnare a questa
categoria.
5. Fare clic su OK.

Finestra di dialogo Categoria


Utilizzare la finestra di dialogo Categoria per definire le categorie.
Per visualizzare questa finestra di dialogo:
• Per modificare una categoria esistente, espandere Categorie, quindi fare clic con il
pulsante destro del mouse su una categoria e selezionare Proprietà. Si può anche
fare doppio clic su una categoria.
• Per creare una categoria, fare clic con il pulsante destro del mouse su Categorie e
selezionare Nuova categoria.

Nome Il nome della categoria.

Descrizione Una descrizione facoltativa.

Condizioni Creare le condizioni per definire i file o elementi da aggiungere


alla categoria.

Condizioni

Op Elenco di condizioni e contenitori OR.

203
Categorie (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

Tipo Selezionare il tipo di condizione:

Percorso file
Trova i file per nome, estensione o percorso, come specificato
da Argomento.
Per gli elementi, trova l'ID elemento, l'estensione (.<item>)
o il percorso (compresa la cartella principale degli elementi
<items>). Per esempio, sia <items>\% che %.<item>
corrispondono a tutti gli elementi.

Revisione
Trova i file e gli elementi per numero di revisione, come
specificato da Argomento.

Variabile
Trova i file e gli elementi per valore della variabile della
scheda dati (vedere Variabili scheda dati). Specificare i valori
per Nome variabile, Configurazione e Argomento.

Tipo di oggetto
Trova i file per tipo di oggetto (Distinta materiali, File
oppure Elemento), come specificato da Argomento.

Nome variabile (Disponibile solo se Tipo è Variabile). Selezionare una variabile


di scheda dati file.

Configurazione (Disponibile solo se Tipo è Variabile). Per cercare il valore


della variabile in una scheda Configurazione specifica della
scheda dati file (Configurazione/Modello/Layout), digitare il
nome della configurazione. Lasciare il campo vuoto per cercare
tutte le configurazioni.

204
Categorie (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

Argomento Digitare o selezionare il valore utilizzato per stabilire i file


corrispondenti alla condizione. Il valore dipende dalla selezione
di Tipo:

Categoria

Percorso file
Digitare un nome o percorso del file. Utilizzare i caratteri jolly
% (percentuale) e _ (sottolineatura) come necessario. Per gli
elementi, includere la cartella principale <items>.

Tutti i percorsi sono relativi alla directory principale del


vault. Non è quindi necessario specificare le lettere di unità.

Tipo di oggetto
Selezionare Distinta materiali per trovare i file della distinta
materiali SOLIDWORKS o File per trovare tutti gli altri tipi di
file e Elemento per trovare gli elementi.

Revisione
Digitare un numero di revisione per la corrispondenza.
Utilizzare i caratteri jolly % (percentuale) e _ (sottolineatura)
come necessario. Ad esempio, Rev A.% corrisponde a «Rev
A.1», «Rev A.2» e così via.

Variabile
Digitare il valore della variabile per la corrispondenza.
Utilizzare gli operatori condizionali secondo necessità (vedere
i caratteri jolly % (percentuale) e _ (sottolineatura). Ad
esempio, <5 significa che il valore della variabile specificato
deve essere minore di 5.

Visualizza il tipo di dati dell'argomento. Questo campo è di sola


Tipo argomento
lettura.
Ad esempio, se Tipo è Percorso file, allora Tipo argomento
è Testo. Se Tipo è Variabile e Nome variabile è Quantità
Distinta materiali, allora Tipo argomento è Numero
decimale.

Fare clic per creare un contenitore OR. Per impostazione


oppure
predefinita, tutte le condizioni devono essere vere (AND).
Utilizzare i contenitori OR per raggruppare le condizioni nel
caso in cui una sola condizione deve essere vera.

Nuovo Fare clic per creare una nuova condizione. È quindi possibile
trascinare la condizione in un contenitore OR secondo necessità.

205
Categorie (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

Elimina Fare clic per eliminare la condizione selezionata o il contenitore


OR.

Creazione di condizioni per Categorie


È possibile creare le condizioni per controllare il modo in cui SOLIDWORKS PDM assegna
i file e gli elementi alle categorie.
Per creare condizioni per le categorie:
1. Espandere Categorie, quindi fare clic con il pulsante destro del mouse su una categoria
e selezionare Proprietà.

2. In Condizioni, fare clic su Nuovo .


3. In Tipo, selezionare Fare clic qui per cambiare e scegliere un tipo di condizione,
quindi specificare gli altri valori necessari a seconda del tipo.
4. A scelta, aggiungere altre condizioni.
Tutte le condizioni sono di tipo AND, nel senso che tutte devono essere vere perché
il file o l'elemento passi per la transizione. È anche possibile definire condizioni OR,
secondo le quali almeno una delle condizioni deve essere vera.

5. Per definire le condizioni OR:

a) Fare clic su Or per creare un contenitore OR.


b) Trascinare due o più condizioni nel contenitore OR.
6. Una volta aggiunte tutte le condizioni o al termine delle modifiche alla categoria, fare
clic su OK.

Operatori di condizione per Categorie


Quando si definiscono le condizioni per categorie, è possibile utilizzare gli operatori
seguenti, presenti nella colonna Argomento.

Operatore Descrizione Esempio

> Maggiore di >123

< Minore di <123

>= Maggiore o uguale a >=123

<= Minore o uguale a <=123

!= Non uguale a !=123

% (percentuale) Qualsiasi stringa di zero o %put% trova «put», «input»,


più caratteri «output» e «computer»

206
Categorie (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

Operatore Descrizione Esempio

_ (sottolineatura) Qualsiasi carattere singolo _cad trova «ecad» e «mcad»

[[caratteri] Qualsiasi carattere singolo Rev[A1] trova «RevA» e «Rev1».


nell'insieme o nell'intervallo Rev [A-C] trova «RevA», «RevB»
e «RevC»

[^[^caratteri] Qualsiasi carattere singolo de[^xyz]% trova tutte le stringhe


non compreso nell'insieme che iniziano con «de», dove la
o nell'intervallo lettera successiva non è «x», «y»
o «z».

Modifica delle categorie


È possibile rinomina le categorie e cambiare le condizioni di categoria.
Per modificare una categoria:
1. Espandere Categorie.
2. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla categoria da modificare e selezionare
Proprietà o fare doppio clic sulla categoria.
3. Nella finestra di dialogo Categoria, modificare i valori come necessario.
4. Fare clic su OK.

Eliminazione di categorie
È possibile elimina le categorie inutilizzate.

• Non si può eliminare una categoria alla quale sono assegnati dei file o degli elementi.
• Non è possibile eliminare la categoria predefinita ( - ).

Per eliminare una categoria:


1. Espandere Categorie.
2. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla categoria e selezionare Elimina.
3. Nella casella di conferma, fare clic su Sì.

Finestra di dialogo Mostra utilizzo


Utilizzare questa finestra di dialogo per vedere dove è utilizzato un numero di revisione
o un componente numero di revisione.

207
Categorie (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

Per visualizzare questa finestra di dialogo:


• Per vedere quali stati del flusso di lavoro usano un numero di revisione, espandere
Revisioni > Numeri di revisione, quindi fare clic con il pulsante destro del mouse
su una revisione e selezionare Mostra utilizzo.
• Per vedere quali numeri di revisione usano un componente numero di revisione,
espandere Revisioni > Componenti numero di revisione, quindi fare clic con il
pulsante destro del mouse su un componente e selezionare Mostra utilizzo.
Questa finestra di dialogo compare anche quando si tenta di eliminare un numero o
componente di revisione in uso.

Esempio - Assegnazione di categorie per Tipo


file
In questo esempio, si definisce una categoria «File tecnici» per tutti i file CAD (.dwg,
.dxf, .dwf, .cal).
1. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Categorie e selezionare Nuova
categoria.
2. Nella finestra di dialogo Categoria, immettere File tecnici come Nome.

3. In Condizioni, fare clic su Or per creare un contenitore OR.


4. Creare una condizione per i file .dwg (vedere Creazione delle condizioni per i flussi
di lavoro alla pagina 534):

a) Con il contenitore OR selezionato, fare clic su Nuovo .


b) In Tipo, selezionare Fare clic qui per cambiare, fare clic e selezionare Percorso
file.
c) In Argomento, fare clic per visualizzare la casella di testo e immettere il formato
di file: %.dwg.
5. Ripetere il passaggio precedente per gli altri tipi di file CAD (.dxf, .dwf, .cal).
6. Fare clic su OK.
7. Per verificare questa categoria, eseguire il check-in di nuovi file di ciascun tipo e
confermare che vengano assegnati alla categoria File tecnici.

Esempio - Assegnazione di categorie per Valore


variabile
In questo esempio, si assegnano i file .doc a una di tre categorie (Fax, Ordine d'acquisto,
Memorandum), a seconda del valore della variabile Tipo doc nella scheda dati file.
Prima di creare le categorie, è necessario creare una variabile scheda denominata Tipo
doc per i file .doc. Vedere Finestra di dialogo Modifica variabili alla pagina 520.
1. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Categorie e selezionare Nuova
categoria.
2. Nella finestra di dialogo Categoria, immettere Fax come Nome.

208
Categorie (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

3. Come Descrizione, digitare: Una delle categorie per i file .doc: Fax,
Ordine d'acquisto e Memo
4. Creare una condizione (vedere Creazione delle condizioni per i flussi di lavoro
alla pagina 534):

a) In Condizioni, fare clic su Nuovo .


b) In Tipo, selezionare Fare clic qui per cambiare, fare clic e selezionare Percorso
file.
c) In Argomento, fare clic per visualizzare la casella di testo, quindi digitare %.doc.
5. Creare un'altra condizione:

a) Fare clic su Nuovo .


b) In Tipo, selezionare Fare clic qui per cambiare, fare clic e selezionare Variabile.
c) In Nome variabile, fare clic per visualizzare la casella di scelta, quindi fare di
nuovo clic e selezionare Tipo doc.

Se Tipo doc non è elencato, creare una variabile scheda Tipo doc per i file
.doc.

d) In Argomento, fare clic per visualizzare la casella di testo e immettere Fax.


6. Fare clic su OK.
7. Ripetere la procedura per creare le categorie Ordine d'acquisto e Memo, specificando
in Argomento i valori di variabile Ordine d'acquisto e Memo.
8. Per verificare le categorie:
a) Nelle schede dati dei tre file .doc, impostare la variabile Tipo doc su uno ciascuno
di Fax, Ordine d'acquisto e Memo.
b) Eseguire il check-in dei file e confermare che vengano assegnati alla categoria
corretta.

209
11
Colonne
Questo capitolo comprende i seguenti argomenti:

• Creazione di un set di colonne per l'elenco file


• Creazione di un set di colonne per i risultati della ricerca
• Aggiunta di un set di colonne a un modulo di ricerca
• Finestra di dialogo Colonne personalizzabili
• Finestra di dialogo Nuova configurazione

Le colonne sono un modo per controllare l'aspetto dei dati in tabella.


Sono disponibili i seguenti tipi di elenchi personalizzabili per le colonne:
• Elenco file - Crea colonne aggiuntive per i valori delle variabili di scheda dati nell'elenco file
di Esplora risorse.
• Risultati della ricerca - Crea una colonna dei risultati nello strumento Ricerca.
È anche possibile personalizzare gli elenchi di colonne visualizzati nella scheda Distinta
materiali in File Explorer e Item Explorer.

Le colonne in Item Explorer non sono personalizzabili.

Creazione di un set di colonne per l'elenco file


Creare un set di colonne per l'elenco file e aggiungere le colonne alla vista dei file quando
gli utenti accedono al vault da Esplora risorse.
Il set di colonne può basarsi su variabili di scheda dati file o cartella. È possibile assegnare
questo set a utenti o gruppi specifici.
Le colonne aggiunte appaiono a destra delle colonne standard. Gli utenti possono cambiare
la posizione e la dimensione delle colonne trascinandole nella posizione desiderata.
Per creare un nuovo set di colonne per l'elenco file:
1. Accedere allo strumento Amministrazione come utente con permessi Aggiorna colonna.
2. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Colonne e selezionare Nuovo set di
colonne.
3. Nella finestra di dialogo Colonne personalizzabili, digitare il Nome del set di colonne.
4. Come Tipo, selezionare Elenco file.
5. In Colonne, fare clic su Nuova colonna.

210
Colonne

6. In Colonna selezionata:
a) Da Variabile, selezionare la variabile di scheda dati o di sistema (< >) di cui
visualizzare il valore.

Si possono utilizzare solamente le seguenti variabili di sistema in un set di


colonne per l'elenco file: <Elemento associato>, <Numero versione> e
<ID>. La variabile <Elemento associato> è disponibile solo per SOLIDWORKS
PDM Professional.

Il Nome variabile selezionato appare nel campo Nome.


b) Per mostrare un nome diverso agli utenti, modificare il campo Nome.
c) Specificare l'Allineamento del valore e la Larghezza predefinita della colonna.

È possibile modificare la larghezza predefinita spostando il divisore di colonna


nell'Anteprima.

d) Selezionare la modalità di ricerca della variabile nelle configurazioni. Cercare la


variabile in tutte le configurazioni o Cercare la variabile nell'elenco dato
di configurazioni.

Queste impostazioni non interessano elementi o file senza configurazioni


multiple.

Per esempio, è possibile aggiungere la colonna Numero di versione selezionando


<Numero di versione> dall'elenco Variabile.

7. Ripetere i passaggi 5 e 6 per aggiungere altre colonne.


8. Utilizzare il campo Anteprima per vedere l'aspetto delle colonne in Esplora risorse.
9. In Utenti o Gruppi, selezionare gli utenti o i gruppi autorizzati a vedere il set di
colonne.
È anche possibile specificare il set di colonne utilizzando la finestra di dialogo Proprietà
di un utente.

È possibile assegnare solamente un set di colonne per l'elenco file a un utente per
vault.

10. Fare clic su OK.

Creazione di un set di colonne per i risultati della


ricerca
Creare un set di colonne per i risultati di ricerca per personalizzare il modo in cui le schede
di ricerca visualizzano file e cartelle. È possibile assegnare un set di colonne dei risultati
di ricerca specifico a ogni scheda di ricerca.
Per creare un set di colonne dei risultati della ricerca:
1. Accedere allo strumento Amministrazione come utente con permessi Aggiorna colonna.

211
Colonne

2. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Colonne e selezionare Nuovo set di
colonne.
3. Nella finestra di dialogo Colonne personalizzabili, digitare il Nome del set di colonne.
4. In Tipo, selezionare Risultati della ricerca.
5. In Colonne, fare clic su Nuova colonna.
6. In Colonna selezionata:
a) In Variabile, selezionare la variabile di scheda dati o di sistema di cui visualizzare
il valore nella colonna.
Il Nome variabile selezionato appare nel campo Nome.
b) Per mostrare un nome diverso agli utenti, modificare il campo Nome.
c) Specificare l'Allineamento del valore e la Larghezza predefinita della colonna.

È possibile modificare la larghezza predefinita spostando il divisore di colonna


nell'Anteprima.

Per esempio, è possibile aggiungere la colonna Numero di versione selezionando


<Numero di versione> dall'elenco Variabile.

7. Ripetere i passaggi 5 e 6 per aggiungere altre colonne.


8. Fare clic su OK.

Aggiunta di un set di colonne a un modulo di


ricerca
È possibile assegnare un set di colonne dei risultati a un modulo di ricerca.
Per aggiungere un set di colonne a un modulo di ricerca:
1. Creare un set di colonne per i risultati della ricerca.
2. Fare doppio clic su Schede.
3. Nell'Editor scheda, selezionare File > Apri.
4. Nella finestra di dialogo Apri scheda , nella casella di riepilogo a discesa Tipo scheda,
selezionare Modulo di ricerca.
5. In Nome scheda, selezionare il modulo di ricerca in cui inserire il set di colonne per
i risultati della ricerca.
6. In Proprietà scheda, selezionare il set di colonne per i risultati della ricerca.
7. Salvare il modulo di ricerca e chiudere l'Editor scheda.

Finestra di dialogo Colonne personalizzabili


Utilizzare la finestra di dialogo Colonne personalizzabili per personalizzare l'aspetto dei
dati.
Per visualizzare la finestra di dialogo:
• Per un set di colonne esistente, espandere Colonne e fare doppio clic sul gruppo.

212
Colonne

• Per creare un nuovo set di colonne, fare clic con il pulsante destro del mouse su
Colonne e selezionare Nuovo set di colonne.

Nome set di colonne Il nome del set di colonne.

Tipo
Elenco file
Aggiunge colonne per i valori delle variabili delle schede dati
all'elenco dei file in Esplora risorse. È possibile assegnare set
di colonne a specifici utenti o gruppi.

Risultati della ricerca


Aggiunge colonne ai risultati di ricerca nello strumento di
ricerca. I set di colonne Risultati della ricerca sono disponibili
a tutti gli utenti con autorizzazione ad eseguire ricerche.

Anteprima Mostra l'aspetto della colonna per gli utenti.

Colonne Elenca le colonne che sono state aggiunte.

Nuova colonna
Aggiunge una nuova colonna. Impostare le proprietà della
colonna in Colonna selezionata.

Rimuovi colonna
Rimuove la colonna selezionata.

Sposta la colonna a sinistra


Sposta la colonna in alto nell'elenco Colonne, che di fatto la
sposta a sinistra nell'Anteprima.

Sposta la colonna a destra


Sposta la colonna in basso nell'elenco Colonne, che di fatto
la sposta a destra nell'Anteprima.

Utenti (Solo per gruppi di colonne Elenco file.) Utenti autorizzati a


vedere un set di colonne.

Gruppi (Solo per gruppi di colonne Elenco file.) Gruppi i cui membri
sono autorizzati a vedere il set di colonne.

Colonna selezionata
Impostare queste opzioni per ogni colonna aggiunta.

213
Colonne

Variabile Selezionare la variabile di scheda file o cartella o la variabile


di sistema (racchiusa tra < >) di cui recuperare il valore nella
colonna di Esplora risorse.

Non si possono usare variabili di sistema nei set di colonne


Elenco file, tranne <Elemento associato>, <Numero
versione> e <ID>.

<Elemento associato>
Elemento associato al file, se presente. Se il file è associato
a più elementi, viene visualizzato un ID elemento seguito da
« , ... ».

<Categoria>
Categoria del file.

<Autore check-out>
Se in check-out, mostra l'utente che ha effettuato il check-out
del file.

<Check-out eseguito in>


Se in check-out, mostra il sistema e il percorso del file dopo
il check-out.

<Tipo file>
Tipo file registrato.

<Trovato nella versione>


Versione più recente del file trovata dai criteri di ricerca.

214
Colonne

<Trovato in>
Il percorso nel quale si trova il file.

<ID>
ID documento univoco assegnato a ciascun file nel vault.
Questo ID può tornare utile durante l'esportazione delle
distinte materiali al formato XML.

<Ultima versione>
La versione più recente del file.

<Modificato>
La data dell'ultima modifica del file.

<Nominativo>
Nome ed estensione del file.

<Dimensione>
Dimensione del file.

<Stato>
Stato corrente del flusso di lavoro del file.

<Numero versione>
Versione locale e ultima versione del file nel vault.

_SW_Last_Saved_With_
Ultima versione SOLIDWORKS salvata del file.

Nome Nome della colonna che apparirà nell'elenco file di Esplora


risorse. Assume automaticamente il nome della variabile,
comunque modificabile.

Allineamento Allineamento del valore nella colonna (Sinistra, Destra,


Centro).

Larghezza predefinita Larghezza predefinita della colonna. Questo valore di larghezza


è modificabile.

È possibile modificare la larghezza predefinita spostando il


divisore di colonna nell'Anteprima.

215
Colonne

Cerca variabile in (Solo per gruppi di colonne Elenco file.) Selezionare la modalità
di ricerca delle variabili nelle configurazioni. Questa
impostazione non interessa i file senza configurazioni.
Effettuare una selezione:

Cercare variabili in tutte le configurazioni


Mostra il valore della prima variabile di qualsiasi
configurazione.

Cercare variabili nell'elenco dato di configurazioni


Mostra il valore della prima variabile di una configurazione
nell'elenco delle configurazioni specificate. La ricerca avviene
nell'elenco configurazioni dall'alto in basso.

Configurazioni Quando è selezionata l'opzione Cercare la variabile


nell'elenco dato di configurazioni, è possibile selezionare
le configurazioni e l'ordine di ricerca.

Aggiungi configurazione
Mostra la finestra di dialogo Nuova configurazione, in cui è
possibile specificare una configurazione per la ricerca della
variabile.

Rimuovi configurazione
Rimuove la configurazione selezionata dall'elenco.

Sposta la configurazione in alto


Sposta la configurazione selezionata in alto nell'elenco.
Quando si recupera un valore di variabile, la ricerca nelle
configurazioni avviene in base all'ordine dell'elenco.

Sposta la configurazione in basso


Sposta la configurazione selezionata in basso nell'elenco.

Finestra di dialogo Nuova configurazione


Utilizzare la finestra di dialogo Nuova configurazione per specificare le configurazioni in
cui ricercare per le variabili quando si crea o si modifica un set di colonne Elenco file o
un modello di distinta materiali.

216
Colonne

Per visualizzare questa finestra di dialogo:


nella finestra di dialogo Colonne personalizzabili o Distinta materiali selezionare
Cercare la variabile nell'elenco dato di configurazioni. In Configurazioni fare clic
su .

Leggi la variabile dai file che Recupera il valore della variabile dalla scheda dati file
non hanno configurazioni di un file che non contiene configurazioni (nessuna
scheda Configurazione appare nell'elenco schede dati
file della scheda Anteprima in Esplora risorse).

Leggi la variabile dalla Se selezionato, è possibile immettere il nome della


configurazione con questo configurazione da cui ottenere i dati della variabile.
nome

217
12
Tipi di file
Questo capitolo comprende i seguenti argomenti:

• Impostazione delle proprietà tipo file


• Finestra di dialogo Proprietà tipo di file
• Prevenzione di nomi file duplicati nel vault
• Finestra di dialogo Controllo nome di file duplice

Il Tipo file definisce il formato dei dati di un file. L'Estensione è il suffisso al nome file che indica
il tipo di file. SOLIDWORKS PDM tiene in considerazione il tipo di file in molte situazioni, ad
esempio quando deve stabilire i file che possono entrare a far parte di un flusso di lavoro e
quale visualizzatore utilizzare per visualizzarli.

Impostazione delle proprietà tipo file


È possibile personalizzare il comportamento dei tipi di file e dei rispettivi file referenziati
nell'interfaccia di Explorer.
Per impostare le proprietà di un tipo di file:
1. Espandere Tipi file.
2. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul tipo di file e selezionare Proprietà o
fare doppio clic sul tipo di file.

L'elenco contiene tutti i tipi di file attualmente memorizzati nel vault.

3. Nella finestra di dialogo Proprietà tipo file, selezionare le opzioni.


4. Fare clic su OK.

Finestra di dialogo Proprietà tipo di file


Usare la finestra Proprietà tipo file per impostare le proprietà del tipo di file.
Per visualizzare questa finestra di dialogo:
espandere Tipi file e fare doppio clic su un tipo di file.

218
Tipi di file

Non consentire nomi Abilita il controllo dei nomi di file duplicati per questo tipo di
di file duplici per file. Vedere Prevenzione di nomi file duplicati nel vault alla
questa estensione di pagina 220.
file

Il comando Apri il file Quando un utente apre un file di questo tipo, non scaricare i
non richiede i file file referenziati (cache).
referenziati

L'anteprima non Quando un utente visualizza l'anteprima di un file di questo


necessita dei file tipo, non scaricare i file referenziati (cache). Questa opzione
referenziati può migliorare in modo significativo le prestazioni quando si
visualizza l'anteprima dei file con riferimenti, ad es. disegni e
assiemi. Alcune applicazioni di anteprima possono caricare il
disegno o l'assieme senza richiedere che tutti i file referenziati
siano locali.
Quando l'opzione non è selezionata, tutti i riferimenti non
memorizzati nella cache (o le versioni precedenti, se si utilizza
l'opzione ultima versione) vengono scaricati affinché l'anteprima
possa caricare l'intero albero di riferimento.

Questa opzione interessa solo la scheda Anteprima. Tutte


le altre operazioni effettuano la cache dei riferimenti.

Supportare la Consente agli elementi di essere creati dai file di questo tipo
generazione utilizzando il comando File Explorer Genera elemento o Item
dell'elemento(solo Explorer Nuovo elemento dal file. Vedere Elementi.
SOLIDWORKS PDM
Di default, questa opzione è attivata solo per i tipi di file di
Professional)
parte e assieme CAD. Questi tipi definiscono la struttura del
prodotto per il quale SOLIDWORKS PDM può generare la
struttura degli elementi automaticamente. La generazione degli
elementi può essere attivata per altri tipi di file, ma è più tipica
per collegare gli elementi esistenti ai file non CAD piuttosto
che per generare gli elementi direttamente da loro.
Questa opzione non è attivata per i disegni CAD di default.
SOLIDWORKS PDM collega statisticamente i disegni all'elemento
di parte o assieme corrispondente. La selezione di questa
opzione attiva il comando Genera elemento per i disegni, ma
il comportamento non cambia. Per i disegni non vengono
generati gli elementi separati.

Il comando Visualizza Quando un utente visualizza un file di questo tipo, non scaricare
file non richiede i file i file referenziati (cache).
referenziati

219
Tipi di file

Il tipo di file può Consente di mostrare l'estensione elencata come nodo di


avere nodi di disegno disegno (dipendente dal disegno) nelle finestre di dialogo di
con le seguenti riferimento per i file con il disegno registrato come riferimento
estensioni padre.
Digitare le estensioni senza i punti (.) e separate da virgole
(,).

Ripristino dei default


Fare clic su Valori predefiniti per ripristinare le impostazioni di default per questo tipo
di file.

Prevenzione di nomi file duplicati nel vault


È possibile abilitare il controllo nome di file duplice per tutto un vault, in modo che gli
utenti non possano creare più file con lo stesso nome.
Per abilitare il controllo nome di file duplice:
1. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Tipi file e selezionare Impostazioni
dei nomi file duplici.
2. Nella finestra di dialogo Controllo nome di file duplice, selezionare una delle opzioni.
3. Fare clic su OK.

Finestra di dialogo Controllo nome di file duplice


Utilizzare la finestra di dialogo Controllo nome di file duplice per abilitare il controllo dei
duplicati nei nomi di file, che impedisce agli utenti di creare nel vault due o più file con
lo stesso nome.
Per visualizzare questa finestra di dialogo:
Fare clic con il pulsante destro del mouse su Tipi fle e scegliere Impostazioni dei nomi
file duplici.

220
Tipi di file

• L'attivazione del controllo dei duplicati nei nomi di file si applica solo ad operazioni
future. SOLIDWORKS PDM noncontrolla se nel vault esistono file con nomi duplicati.
• Controllo nome di file duplice è un'impostazione globale per tutte le cartelle e tutti
i file nel vault. Per supportare più file con lo stesso nome in cartelle diverse, si
consideri di utilizzare i modelli file per la gestione di nomi univoci.
• Quando è attivata, il controllo dei duplicati avviene durante le seguenti operazioni:
• Check-in iniziale (compreso Annulla check-out)
• Rinomina
• Recupera (da file esistenti)
• I file vengono aggiunti al vault
• L'impostazione dei nomi duplici è ignorata per gli elementi. Gli ID di elemento devono
essere unici.

Consentire nomi di file Disattiva il controllo nome di file duplice. Gli utenti possono
duplici in questo vault del creare un numero indefinito di file con lo stesso nome.
file

Non consentire nomi di Abilita il controllo dei duplicati nei nomi di file per tutti i
file duplici in questo vault tipi di file. Gli utenti non possono creare un file con lo stesso
del file nome di un altro dello stesso tipo nel vault.

Non consentire nomi di Abilita il controllo dei duplicati nei nomi di file solo per i tipi
file duplici con queste di file (estensioni) specificati. Gli utenti non possono creare
estensioni un file del tipo specificato se questo ha lo stesso nome di
un altro file dello stesso tipo nel vault.
Quando si seleziona questa opzione, il campo di immissione
si attiva. Specificare le estensioni file per le quali abilitare
il controllo nome di file duplice, una per riga e senza prefissi
(es. . o *.).

221
13
Importare ed esportare i dati (solo
per SOLIDWORKS PDM
Professional)
Questo capitolo comprende i seguenti argomenti:

• Importazione di valori variabili (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)


• Creazione di un file XML
• Struttura dei file XML ed esempio
• Creazione di una regola di importazione
• Finestra di dialogo Regola di importazione
• Creare un gruppo Alias
• Finestra di dialogo Gruppi di alias variabili XML
• Creazione di una regola di esportazione
• Finestra di dialogo Regola di esportazione
• Uso delle azioni di transizione
• Suggerimenti di diagnostica

Importazione di valori variabili (solo per


SOLIDWORKS PDM Professional)
SOLIDWORKS PDM Professional può importare i valori di variabile da un file XML in un
database dei vault. Nel vault, i file esistenti o elementi che corrispondono ai criteri di
importazione acquisiscono i valori di punti specificati nel flusso di lavoro del file.
Ad alto livello, il processo funziona nel modo seguente:
1. Utente:
• Scrivere un file XML contenente valori di variabile.
• Creare una regola di importazione e l'azione di transizione Importa.
2. Sistema:
• Esamina a cadenza regolare la presenza di file XML contenenti nuovi valori di
variabile.
• Esamina il nuovo contenuto XML alla luce dei file o elementi esistenti nel vault.
• Scrive il nuovo contenuto in una tabella temporanea nel database.

222
Importare ed esportare i dati (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

3. Quando i file o elementi passano per una transizione nel flusso di lavoro con un'azione
Importa, il sistema copia il nuovo contenuto dalla tabella temporanea alla scheda dati
file o elemento.

Prerequisiti
Prima di iniziare:
1. Creare una scheda dati file o elemento contenente un controllo per ciascuna variabile.
Ad esempio, per le variabili IDArticolo e Costo, creare controlli con gli stessi nomi,
IDArticolo e Costo.

2. Creare un file o elemento che utilizzi la scheda dati ed eseguirne il check-in nel vault
almeno una volta.

Creazione di un file XML


Per associare le variabili ai valori:
1. Creare uno o più file XML contenenti valori di variabile. Strutturare i file nel modo
descritto in questo esempio.
2. Salvare il file in una cartella che sia accessibile al servizio del server database di
SOLIDWORKS PDM.
3. Abilitare l'accesso in scrittura in modo che il file possa essere eliminato dopo la corretta
importazione.

Struttura dei file XML ed esempio


Osservazioni sulla struttura dei file XML:
• Il sistema elimina gli spazi iniziali nei nomi degli attributi.
• Il sistema talvolta elimina gli spazi iniziali nei valori degli attributi.
• Utilizzare le minuscole per tutti i nomi di elementi e attributi.
• L'uso di un nome di elemento o attributo sconosciuto impedisce l'importazione.
L'esempio seguente descrive gli aspetti principali della struttura di un file XML.
<?xml version="1.0"?> <xml> <transactions> <transaction date="1196854268"
type="wf_import_document_attributes" vaultname="2008 file vault">
<document aliasset="" pdmweid="0" idattribute="Number"
id="89-NOAO-4200-1236" idcfgname=""> <configuration name=""> <attribute
name="Costo" value="0.44"/> <attribute name="IDArticolo"
value="A-012-BB"/> </configuration> </document> </transaction>
</transactions> </xml>
dove:

223
Importare ed esportare i dati (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

Elemento XML Descrizione e attributi

<?XML Il file deve iniziare con questo elemento.


version="1.0"?>

<XML> Questo elemento racchiude l'elemento transactions.

<transactions> Il file contiene solo un elemento transactions.

<transaction …> Il file può contenere diversi elementi transaction.


Attributi:

date
Il numero di secondi trascorsi dalla mezzanotte del 1º gennaio
1970. Deve essere un numero intero maggiore di 0.

tipo
Indica che la transazione contiene dati da importare nei file o
elementi nel vault.

Vaultname
Nome del vault relazionato a questa transazione. La regola di
importazione elabora le transazioni con un nome vault
corrispondente.

Aliasset
Il gruppo alias impostato per la ricerca dei nodi di attributo figlio.
I nomi degli attributi nel file XML sono corrisposti alla variabile
mappata al gruppo alias.
Ad esempio, un gruppo alias che contiene la variabile X2Number
con un attributo NR nel file XML è configurato per corrispondere
alla variabile di scheda dati Number.
Un valore vuoto corrisponde alle variabili di scheda dati con i
nomi di attributo nel file XML.

224
Importare ed esportare i dati (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

Elemento XML Descrizione e attributi

<document …> Contiene i criteri per la corrispondenza dei valori importati a un file
o un elemento nel vault. Corrisponde all'ID interno univoco di un
file o di un elemento o di un valore variabile.
Attributi:

Pdmweid
Corrisponde alla transazione con DocumentID interno dalla tabella
Documents di un file o un elemento nel database dei vault.
Quando si utilizza questo attributo, [id], [idattribute] e
[idcfgname] sono ignorati. Per utilizzare un'altra tecnica di
corrispondenza, impostare il valore a 0 oppure omettere questo
attributo.

Idattribute
La variabile di scheda dati cartella o l'alias utilizzato per la
corrispondenza di un file o elemento nel vault.

Id
Il valore della variabile da utilizzare durante le ricerca di file o
elementi. Ricerca il valore utilizzando il nome variabile
idattribute e la configurazione facoltativa Idcfgname nella
tabella del database VariableValue.
Se la ricerca trova diversi file o elementi, sono importati i valori
di tutti i file, ma solo i file che superano l'azione di transizione
Importa vengono scritti.

Idcfgname
Nome della configurazione, se esistente, alla quale far
corrispondere il valore della variabile. Se questo attributo non ha
un valore, saranno considerate corrispondenti tutte le
configurazioni di un file.

<configuration La configurazione di una scheda dati file da aggiornare con i valori


…> di attributo. Se questo attributo non ha un valore, vengono
aggiornate tutte le configurazioni.
Creare diversi elementi di configurazione per importare valori diversi
in configurazioni differenti.
Attributo:

nome

225
Importare ed esportare i dati (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

Elemento XML Descrizione e attributi

<attribute …> Attributi:

nome
Nome della variabile di scheda dati da aggiornare, nel formato
VariableAlias.Alias o Variable.VariableName.

value
Valore da utilizzare durante l'impostazione della variabile
specificata. Non può superare 1024 caratteri.

Creazione di una regola di importazione


Definire regole di importazione per specificare i dettagli di importazione di file XML.
Per creare una regola di importazione:
1. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Importazione/Esportazione dei dati
> Regole di importazione e selezionare Nuova regola di importazione.
2. Immettere il Nome della regola.
3. Specificare la frequenza per il controllo di aggiornamenti nella cartella nel campo
Frequenza di controllo cartella.
Il server database esegue le regole all'avvio e quindi con la frequenza specificata.

4. Fare clic su Sfoglia (...) per navigare alla cartella contenente i file XML, quindi fare
clic su OK.
5. A scelta, selezionare un gruppo alias da Gruppo alias variabile da utilizzare.
Per informazioni sui gruppi alias, vedere Struttura dei file XML ed esempio alla
pagina 223.
Quando si seleziona un gruppo alias variabile e quindi si esegue la regola di
importazione, la cartella viene esaminata alla ricerca dei file XML corrispondenti. Al
termine dell'elaborazione, i file analizzati correttamente vengono rimossi dalla cartella.
Se l'importazione non riesce, consultare i Suggerimenti di diagnostica alla pagina
235.

Quando si esegue la regola, il server database ricerca nella cartella i file XML contenenti
valori validi e li trasmette al database nella tabella ImportBatches. I valori di variabile
importati sono memorizzati nella tabella ImportDocumentVariables. I valori importati
non sono aggiornati nel file memorizzato nel vault fino a quando il file non passa per
un'azione di transizione Importa.

226
Importare ed esportare i dati (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

Finestra di dialogo Regola di importazione


Utilizzare la finestra di dialogo Regola di importazione per configurare le regole di
importazione dei dati da file XML.
Per visualizzare questa finestra di dialogo:
espandere Vault > Importazione/esportazione dati, fare clic con il pulsante destro
del mouse su Regole di importazione e scegliere Nuova regola di importazione.

Nome della regola

Frequenza di controllo Numero di minuti che devono trascorrere prima che vengano
cartella ricontrollati gli aggiornamenti dei file XML nella cartella. Il primo
controllo è eseguito all'avvio del servizio del server database.

Importa dalla cartella Fare clic su Sfoglia (...) per passare alla cartella contenente i
file da importare e quindi fare clic su OK.
Assicurarsi che il percorso della cartella sia accessibile sul
computer che esegue il servizio del server database. Utilizzare
un percorso UNC se la cartella è una posizione di rete.

Gruppo alias variabile Gruppo facoltativo di mappature dagli attributi importati e valori
da utilizzare alle variabili in un file nel vault.
I nomi alias definiti nel gruppo e inclusi nel file importato
vengono fatti corrispondere alle rispettive variabili di scheda
dati. Quando non si utilizza un gruppo alias, il file di
importazione deve contenere nomi esattamente corrispondenti
a quelli delle variabili di scheda dati da importare.

Creare un gruppo Alias


Usare i gruppi alias per mappare le variabili di SOLIDWORKS PDM su variabili in un sistema
ERP.
Per esempio, si può usare un gruppo alias se la distinta materiali di SOLIDWORKS PDM
contiene una variabile con nome Revisione, mentre il sistema ERP definisce la stessa
variabile con il nome Rev.
Per creare un gruppo alias:

1. Espandere Importazione/Esportazione dati , fare clic con il pulsante destro del


mouse su Gruppi alias variabili e selezionare Nuovo gruppo alias.
2. Digitare l'alias Nome gruppo.
3. In Variabili mappate, per ogni variabile nel gruppo:
a) fare clic nella colonna Variabile e selezionare una variabile dall'elenco.
b) Nella colonna Alias, digitare un alias per la variabile selezionata.
4. Fare clic su OK.

227
Importare ed esportare i dati (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

Finestra di dialogo Gruppi di alias variabili XML


Utilizzare questa finestra di dialogo per definire le mappature tra attributi in un file XML
e variabili su una scheda dati.
Un gruppo alias sostituisce il nome della variabile della scheda dati con un nome alternativo
quando la regola di esportazione genera il file XML. Quando si esegue una regola di
importazione, il gruppo alias sostituisce il nome alternativo con quello della variabile di
scheda dati. I gruppi alias possono essere utilizzati solo con le variabili di scheda dati.
Non è possibile utilizzarli con variabili definite dal sistema come Configurazione o Nome.
Per visualizzare questa finestra di dialogo:
espandere Vault > Importazione/esportazione dati, fare clic con il pulsante destro
del mouse su Gruppi alias variabili e scegliere Nuovo gruppo alias.

Nome del gruppo Il nome è disponibile nelle finestre di dialogo Regola di


importazione e Regola di esportazione.

Variabile Selezionare una variabile di scheda dati da mappare.

Alias Immettere l'alias che appare nel file XML.

Creazione di una regola di esportazione


Creare una regola di esportazione per esportare le variabili della distinta materiali di
SOLIDWORKS PDM in un file XML che può essere letto in un sistema ERP.
Per usare un gruppo alias per mappare la variabile della distinta di SOLIDWORKS PDM
su variabili in un sistema ERP, creare il gruppo alias prima di generare la regola di
esportazione. Vedere Creare un gruppo Alias alla pagina 227.
Dopo avere creato la regola di esportazione, aggiungere un'azione di transizione del flusso
di lavoro per far partire la regola. Vedere Uso delle azioni di transizione alla pagina
234.
Per creare una regola di esportazione:

1. Espandere Importazione/Esportazione dati , fare clic con il pulsante destro del


mouse su Regole di esportazione e selezionare Nuova regola di esportazione.
2. Nella finestra di dialogo Regola di esportazione, digitare il Nome regola.
3. Specificare il percorso di cartella per il file risultato XML.
Il percorso deve essere una cartella accessibile dal computer dove il servizio database
di SOLIDWORKS PDM è in esecuzione.
Se si specifica un percorso UNC, il servizio di database che gestisce l'esportazione
normalmente è in esecuzione nell'account utenti del sistema che, di default, non ha
accesso alla rete. Per avere accesso alla rete, eseguire il servizio come utente
specificato o utilizzare i percorsi UNC amministrativi. Questi percorsi comprendono
c$ per la C: di computer, etc.

228
Importare ed esportare i dati (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

4. Per Risultato XML -Nome file, specificare un nome di file o fare clic su e
selezionare i componenti di variabile da usare nel nome di file di esportazione.

Se è stata scelta una variabile per il Risultato XML -Nome file, deve esistere ed
essere popolata da ogni scheda dati del file pronta per i dati esportati. Se la variabile
non appare o non è riempita nella scheda, il file esportato leggerà .XML, 001.XML,
002.XML e così via.

5. Selezionare il tipo di distinta materiali da esportare:


• Distinta materiali CAD . Genera un file XML per file di disegno o di assieme
che contengono una Distinta materiali CAD. Il layout della distinta materiali
determina le variabili, le configurazioni e i riferimenti da includere nei dati XML.
Selezionare se esportare tutte le distinte materiali CAD o solo quelle attivate.

Nell'azione di transizione dell'esportazione, utilizzare l'opzione Esegui per file.

• Distinta materiale calcolata . Esporta i dati dalla distinta materiali calcolata,


generando un XML per tutti i file, ammesso che una distinta materiali sia stata
definita.
Selezionare se esportare la distinta materiali in formato tabella e se tutte le distinte
materiali calcolate o solo quelle calcolate attivate siano state esportate.

Nell'azione di transizione dell'esportazione, utilizzare l'opzione Esegui per file.

• Distinta materiali con nome . Esporta i dati da una distinta materiali con
nome salvata. Il layout della distinta materiali con nome determina le variabili, le
configurazioni e i riferimenti da includere nei dati XML.
Le distinte materiali attivate vengono esportate nel formato di tabella.

Nell'azione di transizione dell'esportazione, utilizzare l'opzione Esegui per


distinte materiali con nome.

229
Importare ed esportare i dati (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

6. Se si sceglie Distinta materiali calcolata come tipo di dati da esportare:


a) nella scheda Variabili, per Distinta materiali da esportare, selezionare la
definizione di colonna della distinta materiali da usare quando la distinta materiali
viene esportata.
Se la distinta materiali non è stata selezionata per l'esportazione in formato di
tabella, per Variabile usata per identificare un file, selezionare un valore di
variabile che definisca ogni file nei dati XML esportati. Ad esempio, utilizzare
questa opzione se è assegnato un numero di parte univoco alla scheda dati file
e l'applicazione che elabora i dati XML esportati usa tale numero al posto del
nome file per identificare il file.
Per Gruppo alias da usare nel file XML, selezionare il gruppo alias i cui nomi
saranno sostituiti per le variabili di scheda dati nel file XML generato.
b) Nella scheda Configurazioni, selezionare se esportare tutte le configurazioni
solo quelle attive (ultime salvate) o quelle specificatamente con nome.
c) Nella scheda Riferimenti al file, specificare le informazioni di riferimento da
esportare, come ad esempio i riferimenti padre e figli.
Per i dettagli sulle opzioni su queste schede, vedere Finestra di dialogo Regola di
esportazione alla pagina 230.
7. Fare clic su OK.

Finestra di dialogo Regola di esportazione


Utilizzare la finestra di dialogo Regola di esportazione per configurare le regole di
esportazione dei dati in file XML.
Una regola di esportazione si esegue quando l'azione di transizione Esporta dati in
XML viene generata per un file o una distinta materiali che passa per la transizione.
• L'esportazione della distinta materiali CAD e della distinta materiali calcolata si
determina quando un file padre contenente la distinta materiali passa per la transizione.
• L'esportazione dei dati della distinta materiali dell'elemento inizia quando l'elemento
padre passa attraverso la transizione.
• L'esportazione della distinta materiali con nome si determina solo quando la distinta
materiali con nome passa per la transizione, non quando passa il file da cui deriva tale
distinta materiali.
Per visualizzare questa finestra di dialogo:
Espandere Vault > Importazione/esportazione dati, fare clic con il pulsante destro
del mouse su Regole di esportazione e selezionare Nuova regola di esportazione.

Nome della regola

Output dei file XML in Nome della cartella nella quale esportare i file. Fare clic su
cartella Sfoglia (...) per navigare alla cartella, quindi fare clic su OK.
La cartella deve essere accessibile dal computer che esegue il
servizio del server database. Utilizzare un percorso UNC
(\\computer\disco\cartelle ) se la cartella di output è
una posizione di rete.

230
Importare ed esportare i dati (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

Nome del file risultato Nome del file esportato. Può combinare i componenti percorso
XML e variabile disponibili quando si fa clic su >. Ad esempio,
Nome_file_Anno (2)_Contatore-02 può generare un file
di nome ASM_09_38.xml. Il sistema genera nomi di file univoci,
aggiungendo un contatore (001, 002 e così via) al nome, se
necessario.
Non includere l'estensione .xml al componente nome file. Il
sistema aggiunge l'estensione al file esportato.

Tipo di dati da Tipo di distinta materiali da esportare:


esportare
Distinta materiali CAD
Genera un file XML per file di disegno o di assieme che
contengono una Distinta materiali CAD. Il layout della Distinta
materiali, non la regola di esportazione, determina le variabili,
le configurazioni ed i riferimenti da includere o escludere dai
dati XML.
L'azione di transizione Esporta deve utilizzare l'opzione
Esegui per file.

Distinta materiale calcolata


Esporta i dati dalla distinta materiali calcolata. Genera un file
XML per tutti i file, a patto che sia definita una distinta
materiali.
L'azione di transizione Esporta deve utilizzare l'opzione
Esegui per file.

Per esportare le distinte materiali dell'elemento di


esportazione, selezionare Distinta materiali calcolata e
scegliere un formato di distinta dell'elemento da Distinta
materiali da esportare. L'azione di transizione Esporta
deve utilizzare l'opzione Esegui per elementi.

Distinta materiali con nome


Esporta i dati da una distinta materiali con nome salvata. Il
layout della Distinta materiali con nome, non la regola di
esportazione, determina le variabili, le configurazioni ed i
riferimenti da includere o escludere dai dati XML.
L'azione di transizione Esporta deve utilizzare l'opzione
Esegui per distinte materiali con nome.

231
Importare ed esportare i dati (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

Esporta distinta Formatta i dati XML in una struttura a tabella corrispondente


materiali in formato alle colonne e alle righe della distinta materiali.
tabella Se è disattivato, formatta i dati in modo gerarchico
corrispondentemente alla struttura dell'assieme. L'esportazione
deve includere le informazioni Contiene.
Le distinte materiali CAD e con nome sono sempre formattate
in tabella.

Esporta solo distinte Attiva la regola di esportazione solo se una distinta materiali
materiali attivate CAD o calcolata è contrassegnata come attivata nel
visualizzatore. Questa opzione non è applicabile alle distinte
dell'elemento.

Variabili
Utilizzare questa scheda per specificare il tipo di variabili da esportare per una distinta
materiali calcolata o una distinta dell'elemento. Questa scheda non è disponibile per
Distinte materiali CAD e con nome.

Distinta materiali da La definizione della colonna Distinta materiali da utilizzare


esportare all'esportazione della distinta materiali calcolata o
dell'elemento. La distinta materiali non deve essere attivata
o visibile all'utente che esegue la transizione.

Variabile usata per Valore variabile che identifica ciascun file nei dati XML
identificare un file esportati. Se è selezionata una variabile di scheda dati e ha
un valore, viene incluso un id nei dati XML contenente tale
valore. idattribute e idcfgname visualizzano il nome della
variabile e la configurazione dalla quale viene recuperato il
valore.
Ad esempio, utilizzare questa opzione se è assegnato un
numero di parte univoco alla scheda dati file e l'applicazione
che elabora i dati XML esportati usa tale numero al posto del
nome file per identificare il file.

Alias impostata per uso Alias impostato per l'uso quando viene eseguita la regola di
nel file XML esportazione. Il file XML generato utilizza un nome alias al
posto delle variabili di scheda dati definite nel gruppo alias.

Configurazioni
Utilizzare questa scheda per specificare le informazioni di configurazione da esportare
per una distinta materiali calcolata. Questa impostazione non è applicabile alle distinte
dell'elemento. Questa scheda non è disponibile per Distinte materiali CAD e con nome.

232
Importare ed esportare i dati (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

Esporta tutte le Esporta tutte le configurazioni nel file che attiva la regola di
configurazioni esportazione. Per i disegni SOLIDWORKS, esporta tutti i fogli.
Se sono inclusi riferimenti di file, vengono esportate le
informazioni Contiene di ciascuna configurazione,
raggruppate in voci distinte. La configurazione @ di file
SOLIDWORKS è esportata solo se si specifica l'opzione
Esporta configurazioni con il seguente nome.
Per i file che non supportano le configurazioni, esportare le
informazioni della scheda dati.

Esporta configurazioni Esporta la configurazione attivo (salvata per ultima) nel file
attive che attiva la regola di esportazione. Per i disegni
SOLIDWORKS, esporta il foglio attivo.
Per i file che non supportano le configurazioni, esportare le
informazioni della scheda dati.

Esporta configurazioni Esporta le configurazioni corrispondenti al nome specificato.


con il seguente nome Utilizzare l'asterisco (*) come carattere jolly. Per esportare
diverse configurazioni con nome, creare più regole di
esportazione e azioni Esporta.
Ignora i file che non supportano le configurazioni.

Riferimenti file
Utilizzare questa scheda per specificare le informazioni di riferimento da esportare per
una distinta materiali calcolata o dell'elemento. Questa scheda non è disponibile per
Distinte materiali CAD e con nome.

Risultato file Include le informazioni sul file o l'elemento che attiva la regola
selezionato di esportazione nel file di esportazione. Questa opzione è
equivalente all'utilizzo dell'opzione Mostra selezione quando
si visualizza una distinta materiali calcolata nel visualizzatore.
Ad esempio, se di esporta una Distinta materiali di disegno
con questa opzione, l'esportazione include informazioni sul
disegno, così come i riferimenti di assieme o di parte.
Per i file o elementi senza riferimenti, questa opzione deve
essere attivata per creare il file di esportazione. Non è
possibile disattivare questa opzione se è attivato Esporta
tutte le configurazioni.

Output dove usato Include nei dati esportati le informazioni relative al file padre
(riferimenti padre) di ogni file o elemento al quale appartiene.
Questa opzione è ignorata quando si esporta in formato
tabella.

233
Importare ed esportare i dati (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

Output contiene Include le informazioni di riferimento della distinta materiali


(riferimenti figlio) per il file o elemento che determina la regola di esportazione.
Ad esempio, se un assieme attiva la regola di esportazione,
il file esportato contiene tutti i sottoassiemi e tutte le parti di
riferimento, così come referenziati da ogni configurazione
inclusa nell'esportazione.
Per i file che non supportano le configurazioni, sono inclusi
tutti i riferimenti. I riferimenti definiti dall'utente sono inclusi
se contrassegnati come Mostra in Distinta materiali
alla creazione.
Questa opzione è ignorata quando si esporta in formato
tabella.

Solo livello superiore Include solo i riferimenti di primo livello della distinta materiali.
Equivalente all'uso del visualizzatore distinta materiali.

Includi quantità Include la quantità della distinta materiali nel file esportato.
Non è necessario che una colonna Quantità sia definita tra
le colonne della distinta materiali.
Questa opzione è ignorata quando si esporta in formato
tabella.

Versioni come da Include le informazioni di riferimento della distinta materiali


costruzione "da costruzione"per il file o elemento che attiva la regola di
esportazione, ossia la versione associata dei file referenziati
alla versione del file che attiva l'esportazione.

Versione più recente Include la versione più recente dei riferimenti di distinta
delle parti materiali che sono referenziati dal file o elemento che attiva
la regola di esportazione, a prescindere dalla versione "da
costruzione".

Uso delle azioni di transizione


Per aggiornare le variabili, il file nel vault deve passare per una transizione nel flusso di
lavoro che includa la transizione Importa.
Per creare un'azione di transizione che attivi l'importazione dei valori da un file
XML:
1. Nella transizione del flusso di lavoro da cui attivare l'importazione dei valori, creare
un'azione di transizione.
2. Immettere una Descrizione, ad esempio, Importa costo e articolo da XML.
3. Seleziona Importa dati dal formato XML in Tipo.
4. In Esegui su file con estensioni, immettere i tipi di file da associare a questa azione.
Separare i diversi tipi di file con il punto e virgola, ad esempio, sldprt;sldasm.
Lasciare vuoto il campo per applicare l'azione a tutti i tipi di file.

234
Importare ed esportare i dati (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

5. In Nome file del file dal quale importare, immettere il nome del file contenente
i dati da importare. Utilizzare l'asterisco (*) come carattere jolly, ad esempio, SW*.xml.
Non includere il percorso.
L'azione di transizione importa i valori dai file XML esaminati corrispondenti al nome file
specificato.

Posticipo delle transizioni


È possibile creare una condizione di transizione che impedisce una transizione fino
all'avvenuta importazione XML e fino a quando i dati non sono disponibile per gli
aggiornamenti.
Per posticipare una transizione:
• Nella finestra di dialogo Proprietà di transizione, creare le condizioni sulla transizione
che attiva l'importazione. Utilizzare i parametri seguenti:

Op Condizione

Tipo Variabile

Nome variabile Ad esempio, IDArticolo o Costo

Configurazione Lasciare vuoto il campo per includere tutte le configurazioni.

Argomento Digitare !=.

Ad esempio, per un file nel vault senza valori IDArticolo o Costo, la transizione non
riesce e viene visualizzato un messaggio di avvertimento se il file inizia la transizione
di stato prima che sia terminata l'importazione. Al termine dell'importazione, la
transizione riesce e a IDArticolo e Costo sono assegnati i valori.

Suggerimenti di diagnostica
Suggerimenti per risolvere i problemi durante l'importazione XML:
• Il servizio del server database SOLIDWORKS PDM elabora i file XML. Assicurarsi che
il servizio abbia accesso completo al percorso originale dei file XML.
• Verificare che il servizio del server database sia configurato correttamente e che sia
in esecuzione.
• Per i dettagli sui problemi di importazione, esaminare il registro eventi dell'applicazione
sul sistema che esegue il servizio del server database.
• Quando il servizio del server database si avvia, vengono eseguite tutte le regole di
importazione a prescindere dalla frequenza indicata per ciascuna di esse.
• La tabella di database ImportBatches elenca i file XML che sono stati importati
correttamente.
• La tabella di database ImportDocumentVariables elenca i valori delle variabili
importate che sono stati corrisposti a un documento nel vault ma non scritti in una
scheda dati file.

235
Importare ed esportare i dati (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

• Al termine dell'importazione, il file XML viene rimosso dalla directory.


• Se l'importazione non riesce completamente, i nodi delle transazioni riuscite sono
eliminati dal file XML.
• Se una parte o l'intera importazione non riesce, l'attributo ignored=-1 viene inserito
nel nodo XML per impedire al documento di essere elaborato in aggiornamenti
successivi.
• Quando si utilizza la combinazione di id, idattribute e cfgname per identificare i
file da aggiornare, il sistema non indica se trova gli attributi. Il sistema interpreta i file
non corrispondenti trovati nel vault come un evento positivo ed elimina il file XML senza
memorizzare i dati nel database.

236
14
Indicizzazione del vault (solo per
SOLIDWORKS PDM Professional)
Questo capitolo comprende i seguenti argomenti:

• Utilizzo della ricerca di Windows per la ricerca dei contenuti


• Impostazione della ricerca di Windows
• Impostazione dell'indicizzazione
• Indicizzazione degli archivi del vault su un sistema SQL Server
• Configurazione del Servizio di indicizzazione su un sistema non SQL Server
• Rimozione di un indice del vault
• Finestra di dialogo Impostazioni di indicizzazione
• Finestra di dialogo Modifica percorso della cartella archivio del vault

Dopo aver indicizzato un archivio del vault, lo strumento Ricerca consente di effettuare una
ricerca tra i documenti, sulla base del contenuto o delle proprietà.
Ad esempio, è possibile ricercare il termine "prodotto" in tutti i documenti, oppure limitare la
ricerca ai documenti Microsoft Office creati da un autore particolare.
La funzione di ricerca del contenuto in SOLIDWORKS PDM Professional utilizza il Servizio di
indicizzazione Microsoft per creare un catalogo di tutti i vault di file indicizzati. Questo catalogo
contiene le informazioni d’indice e le proprietà memorizzate di tutte le versioni di tutti i
documenti salvati nelle cartelle del vault.
Il Servizio di indicizzazione esamina periodicamente le cartelle del vault ed estrae il contenuto
in base a determinati filtri. Il Servizio di indicizzazione di Microsoft fornisce filtri per i formati
Office, HTML, MIME e testo semplice, ma è possibile installare filtri per altri tipi di documento,
ad esempio per i file PDF.
L’indicizzazione crea un catalogo contenente un indice principale nel quale sono memorizzate
le parole e le loro posizioni nei documenti indicizzati.La funzione di ricerca del contenuto in
SOLIDWORKS PDM Professional esamina i cataloghi utilizzando sia l'indice master sia l'elenco
delle parole per trovare determinate combinazioni di parole, ma utilizza anche gli indici "shadow"
per la ricerca.

Utilizzo della ricerca di Windows per la ricerca dei


contenuti
SOLIDWORKS PDM può utilizzare il servizio di ricerca di Windows per eseguire le ricerche
di contenuto.

237
Indicizzazione del vault (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

Poiché Microsoft non supporta il servizio di indicizzazione per i sistemi operativi Windows
8 o Windows Server 2012, SOLIDWORKS PDM utilizza il servizio di ricerca di Windows
per supportare la ricerca di contenuto su questi sistemi operativi.
Per utilizzare la ricerca di Windows per cercare i contenuti:
• L'amministratore deve configurare il servizio di ricerca di Windows indicizzare una
cartella archivio del vault.
• La cartella di archivio del vault indicizzata deve essere:
• Sullo stesso computer del servizio di ricerca di Windows configurato.

La ricerca di Windows non supporta l'indicizzazione delle condivisioni di rete remote


o le unità di rete mappate. Le cartelle di archivio devono essere accessibili su
archivi collegati localmente o archivi SAN.

• Accessibile al servizio di ricerca di Windows per creare un indice del sistema.


• Se il server archivio è su una macchina diversa da SQL Server:
• L'amministratore deve condividere la cartella di archivio del vault.
• L'utente che ha effettuato l'accesso che esegue il servizio server SQL deve disporre
del permesso di accesso completo alla cartella condivisa.
• Il servizio di ricerca di Windows deve essere installato sulla macchina del server
SQL e sul server archivio che ospita gli archivi del vault.

Dopo che il servizio di ricerca di Windows ha creato l'indice del sistema, l'amministratore
può impostare SOLIDWORKS PDM in modo da utilizzare l'indice del sistema.

Impostazione della ricerca di Windows


La configurazione della ricerca di contenuti SOLIDWORKS PDM Professional per usare la
ricerca di Windows richiede l'installazione del servizio di ricerca di Windows, l'aggiunta
del percorso della cartella archivio delle impostazioni di indicizzazione e l'indicizzazione
degli archivi del vault.
Per impostare la ricerca di Windows:
1. Nello strumento Amministrazione, accedere al vault da indicizzare con l'utente di
SOLIDWORKS PDM con i permessi Autorizzato ad aggiornare le impostazioni
d'indice.
2. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Indicizzazione e fare clic su Apri.
3. Nella finestra di dialogo Impostazioni di indicizzazione selezionare Indicizza archivi
del vault.
4. In selezionare il vault Metodo di indicizzazione, selezionare Ricerca di Windows.
5. In Posizioni archivi fare doppio clic sul percorso dell'archivio per configurare le
posizioni degli indici.

238
Indicizzazione del vault (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

6. Nella finestra di dialogo Modifica percorso della cartella archivio del vault immettere
il percorso di una cartella di archivio del vault dal server SQL.

• Se il server archivio è su una macchina diversa da SQL Server, immettere il


percorso UNC della cartella di archivio di condivisione.
• Le cartelle di archivio devono essere accessibili su archivi collegati localmente
o archivi SAN sul server archivio.

7. Fare clic due volte su OK.


Per dettagli, vedere SOLIDWORKS PDM/Guida di installazione di SOLIDWORKS Manage:
Installazione del servizio di ricerca Windows.

Impostazione dell'indicizzazione
Si consiglia di configurare Index Server di SOLIDWORKS PDM creando un vault sul sistema
SQL Server su cui risiede il database dei vault.
La Guida di installazione di SOLIDWORKS PDM/SOLIDWORKS Manage descrive i requisiti
e le procedure per configurare il servizio di indicizzazione sul sistema SQL Server che
vengono eseguite al di fuori dello strumento Amministrazione utilizzando strumenti come
SQL Server Management Studio.
In particolare:
• Verifica dell'installazione del Servizio di indicizzazione Microsoft
• Per aggiornare il database dei vault con il nome di Index Server
• Modifica dell'account di accesso al server database
• Modifica dell'account di accesso a SQL Server
• Aggiunta di filtri a Index Server
• Analisi del catalogo d'indice
• Gestione dei cataloghi d'indice del vault

Indicizzazione degli archivi del vault su un sistema


SQL Server
Questa procedura descrive la configurazione di Index Server quando è installato insieme
al server database sul sistema SQL Server su cui risiede i database dei vault.
Prima di indicizzare gli archivi del vault, verificare l'installazione e la configurazione del
server database.

239
Indicizzazione del vault (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

Per impostare Index Server su un sistema SQL Server:


1. avviare lo strumento Amministrazione effettuando una delle seguenti operazioni:
• Nei sistemi Windows 7 e Windows Server precedenti a Windows Server 2012, nel
menu di Windows Start, selezionare Tutti i programmi > SOLIDWORKS PDM
> Amministrazione.
• Nei sistemi Windows 8 e Windows Server 2012 o versione successiva, nella
schermata App, in SOLIDWORKS PDM , fare clic su Amministrazione.

2. Accedere al vault da indicizzare con un utente SOLIDWORKS PDM con autorizzazioni


Autorizzato ad aggiornare le impostazioni d'indice.

3. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Indicizzazione e selezionare Apri.
Se richiesto, accedere al server archivio come utente con diritti di amministratore.

4. Nella finestra di dialogo Impostazioni di indicizzazione selezionare Indicizza archivi


del vault per abilitare la ricerca di contenuto nel vault.
5. In Posizioni archivi fare doppio clic sul percorso dell'archivio.
6. Nella finestra di dialogo Modifica percorso della cartella archivio del vault specificare
il percorso dell'archivio come visualizzato dal sistema in cui è in esecuzione il Servizio
di indicizzazione. È inoltre possibile fare clic sul pulsante Sfoglia per trovare la cartella
dell'archivio.
• Se Index Server (di solito, il sistema SQL Server) si trova sullo stesso sistema del
server archivio, copiare il percorso visualizzato nel primo campo e incollarlo nel
secondo.
• Se Index Server risiede su un sistema diverso dal server archivio, specificare il
percorso UNC della cartella dell’archivio.
Immettere, a scelta:
• l'account di accesso al dominio, ad esempio l'amministratore, con permessi
totali alla partizione UNC.
• Il nome utente e la password dell’utente Windows locale su Index Server.

7. Fare clic su OK e chiudere la finestra di dialogo Impostazioni di indicizzazione.


8. Per verificare:
a) fare clic con il pulsante destro del mouse su Risorse del sistema e selezionare
Gestione.
b) Nella finestra di dialogo Gestione computer espandere Servizi e applicazioni >
Servizio di indicizzazione e verifiare che catalogo Conisio sia stato creato.

Configurazione del Servizio di indicizzazione su


un sistema non SQL Server
Per impostare il servizio di indicizzazione, il server database di SOLIDWORKS PDM e
Microsoft SQL Server devono essere in grado di comunicare con il sistema utilizzato come
Index Server.
I processi elencati qui sono descritti nella Guida di installazione di SOLIDWORKS
PDM/SOLIDWORKS Manage.

240
Indicizzazione del vault (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

Per configurare il Servizio di indicizzazione su un sistema diverso dal sistema


SQL Server:
1. Aggiornare il database dei vault con il nome di Index Server.
Se il nome del server include trattini (-), racchiudere il nome fra virgolette (" ").
2. Modificare l'account di accesso al server database.
3. Modificare l'account di accesso a SQL Server.
Se Index Server e SQL Server sono nello stesso dominio, non è necessario cambiare
l’account di accesso SQL Server.

4. Dopo aver configurato gli account del servizio e del database dei vault, aggiungere il
Servizio di indicizzazione e indicizzare gli archivi del vault. Vedere Indicizzazione
degli archivi del vault su un sistema SQL Server alla pagina 239.

Rimozione di un indice del vault


Quando si rimuove un indice del vault, si elimina solo il catalogo d'indice, non gli archivi
fisici memorizzati nel vault.
Per rimuovere un indice da un archivio del vault:
1. avviare lo strumento Amministrazione effettuando una delle seguenti operazioni:
• Nei sistemi Windows 7 e Windows Server precedenti a Windows Server 2012, nel
menu di Windows Start, selezionare Tutti i programmi > SOLIDWORKS PDM
> Amministrazione.
• Nei sistemi Windows 8 e Windows Server 2012 o versione successiva, nella
schermata App, in SOLIDWORKS PDM , fare clic su Amministrazione.

2. Accedere al vault dal quale rimuovere l'indice.

3. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Indicizzazione e selezionare Apri.
Se richiesto, accedere come utente con diritti di amministratore.

4. Deselezionare Indicizza archivi del vault e fare clic su OK.

Finestra di dialogo Impostazioni di indicizzazione


Utilizzare la finestra di dialogo Impostazioni indicizzazione per impostare Index Server
con Index Server e il server database SOLIDWORKS PDM installati sul sistema SQL Server
su cui risiede il database dei vault.
Per visualizzare questa finestra di dialogo:
Fare clic con il pulsante destro del mouse su Indicizzazione e scegliere Apri.

Indicizza archivi del Abilita la ricerca di contenuto nel vault.


vault

241
Indicizzazione del vault (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

Ubicazioni archivi Il percorso in cui sono memorizzati gli archivi del vault.
Per modificare il percorso, fare clic con il pulsante destro del
mouse sul percorso dell'archivio e scegliere Modifica.

Seleziona metodo di Ricerca di Windows è l'opzione preselezionata se il vault non


indicizzazione vault è stato ancora indicizzato. Servizio di indicizzazione è
l'opzione preselezionata se il vault è stato già indicizzato e
aggiornato.

Finestra di dialogo Modifica percorso della cartella


archivio del vault
Utilizzare la finestra di dialogo Modifica percorso della cartella archivio del vault per
cambiare il percorso della cartella archivio sul server archivio.
Per visualizzare la finestra di dialogo:
Nella finestra di dialogo Impostazioni indicizzazione fare clic con il pulsante destro del
mouse e scegliere Modifica.

Percorso cartella archivio Il percorso dal server archivio alla cartella che contiene gli
del vault sul server archivi del vault. (Sola lettura)
archivio

Percorso cartella archivio Il percorso visto dal sistema che esegue il servizio di
del vault dal server Index indicizzazione (di solito SQL Server).
• Se Index Server risiede sullo stesso sistema del server
archivio, specificare un percorso locale agli archivi.
Copiare il percorso visualizzato nel primo campo e
incollarlo nel secondo.
• Se Index Server si trova su un sistema diverso dal server
archivio:
• Specificare un percorso UNC alla cartella archivio.
• Nome utente - Specificare l'accesso al dominio di
un utente con permessi di lettura/scrittura alla
partizione UNC, ad esempio, l'amministratore del
dominio.
• Password - Immettere la password dell'utente.
• Conferma password - Ripetere la password
immessa.

242
15
Elementi (solo per SOLIDWORKS
PDM Professional)
Questo capitolo comprende i seguenti argomenti:

• Cartelle elemento
• Configurazione degli elementi

Gli Elementi catturano una definizione totale del prodotto. Riassumono componenti di assiemi
CAD, software, packaging, documentazione e altri in una singola vista comprensiva di un
prodotto.
Gli utenti interagiscono con gli elementi da Item Explorer, l'applicazione client apposita per gli
elementi. Da Item Explorer gli utenti possono creare nuovi elementi, cercare le cartelle di
elementi ed eseguire operazioni come check-out e il cambiamento di uno stato del flusso di
lavoro. Vedere la Guida in linea di Item Explorer per SOLIDWORKS PDM per i dettagli. Gli
utenti possono anche creare nuovi elementi in File Explorer.
Ogni elemento ha un identificatore univoco (ID elemento). L'ID elemento può essere letto da
una variabile di scheda dati file, generata da un numero di serie SOLIDWORKS PDM Professional
o fornita dall'utente. Dato che un ID elemento non è descrittivo, gli elementi potrebbero
presentare nomi visualizzati in base a una variabile (Descrizione per impostazione predefinita).
Item Explorer mostra sempre sia l'ID elemento sia il nome visualizzato.
Fare riferimento alla Guida di installazione di SOLIDWORKS PDM/SOLIDWORKS Manage per
informazioni sugli elementi:
• Item Explorer viene non installato di default solo nell'installazione client. Viene installato di
default nell'installazione client con l'installazione del server. Per installare Item Explorer,
eseguire un'installazione client personalizzata e selezionare Item Explorer.
• L'aggiornamento di un database del vault precedente a 2009 SP2 non crea le schede
elemento di default (schede dati e moduli di ricerca), modulo distinta materiali elemento o
numero seriale. Per lavorare con gli elementi, usare lo strumento di Amministrazione per
importare queste funzioni.

Cartelle elemento
Le cartelle elemento organizzano gli articoli in gruppi, semplificando la navigazione e la
gestione degli elementi.
Le cartelle elementi sono funzionalmente uguali alle cartelle del vault. Per esempio, si
possono impostare i permessi utenti e di gruppo, definire le notifiche del flusso di lavoro
e creare schede dati per le cartelle elementi.

243
Elementi (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

Da Item Explorer si possono creare le cartelle elementi. Tutte le cartelle elementi sono
create in una cartella di origine Elementi nella parte superiore del vault.

• La cartella originale Elementi viene creata con la prima visita da parte di altri nel
vault da Item Explorer.
• Il pannello cartelle di Item Explorer non visualizza la cartella di origine Elementi
come nodo distinto. Gli elementi di primo livello e le cartelle elementi sono visualizzate
direttamente in corrispondenza del vault.

Configurazione degli elementi


È possibile utilizzare le impostazioni predefinite degli elementi o configurarli a piacere.

Tutti i passaggi di configurazione sono facoltativi.

Per configurare gli elementi:


1. Modificare il formato del numero di serie predefinito per gli elementi o creare un nuovo
numero di serie da utilizzare come generatore ID elementi.
2. Configurare il modo in cui le ID dell'elemento sono generate e i nomi descrittivi:
a) fare doppio clic su Elementi.
b) Nella finestra Configura elementi, nella pagina ID elemento, selezionare un
Numero seriale dell'elemento.
c) Per creare le ID dell'elemento da una variabile di scheda dati, selezionare una
Variabile ID dell'elemento.
d) Nella pagina Nome descrittivo, selezionare una variabile da usare come Nome
descrittivo.
e) Fare clic su OK.
3. Abilitare la generazione degli elementi per altri tipi di file. Vedere Impostazione
delle proprietà tipo file alla pagina 218.
La generazione degli elementi è sempre abilitata per i tipi di file CAD.

4. Modificare la scheda dati elemento predefinita o creare nuove schede degli elementi.
5. Creare le schede dati cartella per le cartelle di elemento.
6. Modificare i moduli di ricerca elemento predefinito o creare nuovi moduli di ricerca.
7. Modificare il set di colonne predefinito di una distinta materiali elementi o creare un
nuovo modello. Vedere Creazione di modelli della distinta materiali (solo per
SOLIDWORKS PDM Professional) alla pagina 123.
8. Aggiungere la colonna Associated Item a File Explorer in modo che gli utenti possono
vedere gli elementi (se esistenti) collegati al file. Vedere Creazione di un set di
colonne per l'elenco file alla pagina 210.
9. Attiva l'importazione dei dati di variabile per gli elementi esistenti da un sistema ERP:
a) creare un file XML che collega i valori di variabile agli attributi dell'elemento.
b) Aggiungere l'azione di transizione per lanciare l'importazione dei dati di variabile.

244
Elementi (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

10. Effettuare altre operazioni di impostazione allo stesso modo in cui avviene per i file,
ad esempio nell'impostazione dei permessi di cartella, definizione delle categorie e
creazione dei numeri di revisione e flussi di lavoro.

Le seguenti funzioni non supportano gli elementi:


• Colonne - Non è possibile personalizzare le colonne di Item Explorer.
• Modelli - Non è possibile utilizzare i modelli per creare elementi o cartelle di
elementi.

Configura elementi - ID elemento


Usare la pagina Configura elementi - ID elemento per selezionare il numero seriale e la
variabile di scheda del file usata per generare le ID dell'elemento uniche.
Per visualizzare questa pagina:
fare doppio clic su Elementi.

Numero seriale Specificare il numero di serie (vedere Numeri di serie) dal quale
elemento SOLIDWORKS PDM genera gli identificativi univoci di elemento.
L'impostazione predefinita è Numero elemento, definito come
un contatore a 8 cifre (00000001, 00000002 e così via).

• Se Variabile ID elemento è impostata, il numero seriale


viene usato solo se la variabile scheda dati scelta non ha
valore.
• Selezionare un numero di serie con almeno un componente
contatore per assicurare che gli ID elemento siano univoci.
• Le ID dell'elemento non possono contenere il seguente
carattere (\). Qualsiasi barra al contrario nel numero
seriale viene sostituita da (_) nell'ID generata.
• I numeri seriali che si basano su aggiunte non sono
supportati come generatori di ID di elementi.
• Quando si creano gli elementi, gli utenti possono
specificare le ID dell'elemento diverse dalle ID generate
automaticamente, per esempio, per specificare le ID da
un sistema di pianificazione risorse enterprise (ERP).

Variabile ID elemento Specifica la variabile scheda dati del file dalla quale
SOLIDWORKS PDM crea le ID elemento. Per disattivare la
mappatura delle ID dell'elemento su una variabile scheda dati,
selezionare <Non leggere l'ID da una variabile>.
Se una variabile scheda dati mappata non ha valore o la
mappatura è disattivata, Numero seriale dell'elemento viene
usato per generare l'ID dell'elemento.

245
Elementi (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

Configura elementi - Nome descrittivo


Utilizzare la pagina Configura elementi - Nome descrittivo per selezionare la variabile di
scheda elemento utilizzata come nome visualizzato dell'elemento.
Per visualizzare questa pagina:
fare doppio clic su Elementi. Nel riquadro sinistro fare clic su Nome descrittivo.

Nome descrittivo Specifica la variabile della scheda elemento il cui valore è


utilizzato come nome visualizzato dell'elemento. Selezionare
una variabile o accettare la Descrizione predefinita che è
mappata alla descrizione del file nella Scheda elemento
predefinita di SOLIDWORKS.
Item Explorer mostra generalmente sia l'ID elemento univoco
sia il nome descrittivo.

Dal momento che le ID dell'elemento tipicamente non


descrivono il contenuto dell'elemento, selezionare un Nome
descrittivo che crea nomi significativi per tutti gli elementi
generati.

246
16
Installazione e configurazione delle
licenze SolidNetWork
Questo capitolo comprende i seguenti argomenti:

• Configurazione del server di licenza SolidNetWork per il vault


• Utilizzo del server di licenza SolidNetWork con i firewall
• Modifica delle impostazioni di SolidNetWork License Manager per Windows Firewall
• Amministrazione delle licenze SolidNetWork
• Licensing

SOLIDWORKS PDM gestisce le licenze mediante SolidNetWork License (SNL) Manager.


L'installazione della licenza SolidNetWork comprende:
• Installazione di SolidNetWork License Manager.

Se SolidNetWork License Manager è già installato per SOLIDWORKS, è possibile utilizzarlo


con SOLIDWORKS PDM. È necessario assicurarsi che sia aggiornato alla versione di release
di SOLIDWORKS PDM.

• Attivazione delle licenze client.


• Configurazione del server di licenza di rete SOLIDWORKS per l'utilizzo con il vault.
• Assicurarsi che il server di licenza SolidNetWork sia accessibile a tutti i client.

Configurazione del server di licenza SolidNetWork


per il vault
È possibile configurare il server per il vault dopo aver installato SolidNetWork License
Manager e attivato la licenza sul server.

È necessario configurare il server di licenza solo una volta poiché tutti SOLIDWORKS
PDM i vault sul server SQL utilizzano lo stesso server SNL.

1. Aprire lo strumento di amministrazione effettuando una delle seguenti operazioni:


• Nei sistemi Windows 7 e Windows Server precedenti a Windows Server 2012, fare
clic su Start > Tutti i programmi > /> > Amministrazione.
• Nei sistemi Windows 8.1 e Windows Server 2012 o versione successiva, nella
schermata App, in />, fare clic su Amministrazione.SOLIDWORKS PDM

247
Installazione e configurazione delle licenze SolidNetWork

2. Creare un vault o espandere il vault esistente.


3. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul nodo Licenza e selezionare Apri.
4. Nella scheda Lista server fare clic su Aggiungi.
5. Immettere l'indirizzo di SolidNetWork License Manager nel modulo:
port@SNLServerName.

Il numero porta predefinito è 25734. È possibile immettere il nome host o l'indirizzo


IP del server di licenza SolidNetWork per SNLServerName. Tutti i client devono
essere in grado di connettersi al server tramite l'indirizzo IP o il nome host.

6. Fare clic su OK.


7. Fare clic sulla scheda Utilizzo licenze per accertarsi che le licenze di SOLIDWORKS
PDM siano disponibili.
8. Fare clic su OK.

Utilizzo del server di licenza SolidNetWork con i


firewall
Se il server utilizza un firewall, è necessario configurare le porte per il supporto delle
licenze SolidNetWork.
È necessario configurare il firewall sul lato server.

Modifica delle impostazioni di SolidNetWork


License Manager per Windows Firewall
Se si utilizza Windows Firewall, è necessario modificare il file di licenza SolidNetWork in
modo che utilizzi le porte del firewall per distribuire le licenze ai computer client.
1. Avviare SolidNetWork License Manager effettuando una delle seguenti operazioni:
• Nei sistemi Windows 7 e Windows Server precedenti a Windows Server 2012, fare
clic su Start > Tutti i programmi > versione SOLIDWORKS > Strumenti
SOLIDWORKS > versione SolidNetWork License Manager Server.
• Nei sistemi Windows 8.1 e Windows Server 2012 o versione successiva, nella
schermata App, in Strumenti SOLIDWORKS, fare clic su versione SolidNetWork
License Manager Server.

2. Nella scheda Amministrazione del server, in Server di licenza, fare clic su Ferma.
(Fare clic su Sì quando un messaggio invita a confermare e su OK per arrestare il
server di licenza.)
3. In Informazioni sulla licenza, fare clic su Modifica.
4. In Tipo di server, selezionare la disposizione dei server in rete (Singolo o Terna)
e fare clic su Avanti.

248
Installazione e configurazione delle licenze SolidNetWork

5. In Informazioni server:
a) Selezionare Un firewall è in uso su questo server.
b) Numero porta e Numero porta Daemon venditore devono contenere i numeri di
porta specificati per Windows Firewall.
c) Selezionare File opzioni e fare clic su Sfoglia per individuare il file. Fare clic su
Modifica per modificare uno qualsiasi dei suoi parametri.

Il file di opzioni consente all'amministratore di licenze di controllare i vari


parametri di funzionamento di programma di gestione delle licenze FLEXnet.
La posizione consigliata per il file di opzioni è nella directory di installazione di
SolidNetwork License Manager
(SolidNetwork_License_Manager_install_dir\Licenses \sw_d.opt).
Questo file deve trovarsi nella stessa directory del file sw_d.lic.
Per ulteriori informazioni sul file di opzioni, consultare la Guida amministrativa
di FLEXnet Publisher nella cartella di installazione di SolidNetwork License
Manager (\Docs\flexuser\licensingenduserguide.pdf).

d) Fare clic su Avanti, quindi su Fine.


6. Nella scheda Amministrazione del server, in Server di licenza, fare clic su Avvia.
7. Fare clic su OK per chiudere SolidNetWork License Manager.

Amministrazione delle licenze SolidNetWork


Le operazioni comprendono avvio, aggiornamento e disinstallazione del gestore di licenze.

Avvio di SolidNetWork License Manager


È possibile avviare SolidNetWork License Manager dal menu Start di Windows.
Avviare SolidNetWork License Manager effettuando una delle seguenti operazioni:
• Nei sistemi Windows 7 e Windows Server precedenti a Windows Server 2012, fare clic
su Start > Tutti i programmi > versione SOLIDWORKS > Strumenti
SOLIDWORKS > versione SolidNetWork License Manager Server.
• Nei sistemi Windows 8.1 e Windows Server 2012 o versione successiva, nella schermata
App, in Strumenti SOLIDWORKS, fare clic su versione SolidNetWork License
Manager Server.

Diagnostica delle licenze SolidNetWork


Se l'installazione di SolidNetWork License Manager non va a buon fine, controllare se
esiste una soluzione tra queste spiegazioni.

Accesso ai file di registro della licenza SolidNetWork


Nel caso di errore relativo alla licenza, la soluzione spesso è indicata nel file
SNL_Manager_install_dir\lmgrd.log.

249
Installazione e configurazione delle licenze SolidNetWork

È impossibile ottenere una licenza per SOLIDWORKS PDM o è


impossibile connettersi al server di licenza
In genere, questi problemi sono causati dalle impostazioni della porta.
• Le impostazioni della porta tra SolidNetWork License Manager e il client di licenza
potrebbero non corrispondere.
• Altre impostazioni della porta per versioni multiple dei SolidNetWork License Manager
potrebbero non essere state specificate.
• Dato il nome del server, verificare che il computer client possa risolvere in modo
corretto l'indirizzo e il percorso al server. Dato il nome del computer client, verificare
che il server possa risolvere in modo corretto l'indirizzo e il percorso al client.
• Verificare che il numero di porta nel file log nella scheda Amministrazione del server
sia corretto.
• Verificare che il firewall sul server di licenza SolidNetWork non blocchi l'accesso alla
porta.

Quando si verifica un errore di log, è possibile controllare il file log nello strumento di
amministrazione.

Licensing
Tipi di licenza
SOLIDWORKS PDM utilizza licenze client mobili. Quando si accede a un vault, la licenza
installata sul sistema viene prelevata da un gruppo di licenze gestite dal server di licenza
SolidNetWork. Quando ci si disconnette o si esce da SOLIDWORKS PDM, la licenza viene
restituita al gruppo e resa disponibile per un altro client.

Licenze per SOLIDWORKS PDM Professional

Licenza Tipi di licenza inclusi

SOLIDWORKS PDM Professional Editor: Supporta tutti i tipi di file, permettendo la


CAD Editor e Web gestione avanzata e la visualizzazione dei formati CAD,
come SOLIDWORKS. Attraverso aggiunte CAD gli utenti
possono accedere alla funzionalità SOLIDWORKS PDM
Professional dall’interno dell’applicazione CAD.
Web: Gli utenti remoti possono utilizzare il client Web
per eseguire ricerche nel vault e svolgere funzioni di
base per poter lavorare a distanza.

250
Installazione e configurazione delle licenze SolidNetWork

Licenza Tipi di licenza inclusi

SOLIDWORKS PDM Contributor: Gli utenti su una rete locale (LAN), su una
ProfessionalContributor e Web rete estesa (WAN o virtuale privata - VPN) possono
eseguire le stesse funzioni del tipo di licenza per Editor,
ma le aggiunte CAD non sono abilitate.
Web: Gli utenti remoti possono utilizzare il client Web
per eseguire ricerche nel vault e svolgere funzioni di
base per poter lavorare a distanza.

SOLIDWORKS PDM Consente l'accesso di sola lettura ai vault. Gli utenti


ProfessionalVisualizzatore non possono aggiungere o modificare i file (check-in,
check-out, aggiornamento) né utilizzare le aggiunte
CAD.

Licenze per SOLIDWORKS PDM Standard

Licenza Tipi di licenza inclusi

SOLIDWORKS PDM StandardCAD Supporta l'uso di file SOLIDWORKS, DWG/DXF,


Editor Microsoft Word e Microsoft Excel. Tutti i formati di file
gestiti dal plug-in di Office si comportano nello stesso
modo in SOLIDWORKS PDM Standard, ad eccezione di
Preview.

SOLIDWORKS PDM Supporta l'uso di file SOLIDWORKS, DWG/DXF,


StandardContributor Microsoft Word e Microsoft Excel.

SOLIDWORKS PDM Consente l'accesso di sola lettura ai vault. L’utente non


StandardVisualizzatore può aggiungere o modificare i file (check-in, check-out,
aggiornamento valori).

Cambiamento del tipo di licenza cliente


È possibile selezionare il tipo di licenza client durante l'installazione.
Prerequisiti:
• Per modificare il tipo di licenza, è necessario disporre dei permessi amministrativi locali
per Windows.
• Per client installati da un'immagine amministrativa (tramite distribuzioni Active Directory
o un'installazione uno script simile), è necessario reinstallare il client utilizzando un'altra
immagini amministrativa del tipo di client specificato.
È possibile cambiare il tipo di licenza:
• Utilizzando Pannello di controllo > Programmi > Disinstalla un programma per
rimuovere SOLIDWORKS PDM e quindi eseguendo nuovamente l'installazione.

251
Installazione e configurazione delle licenze SolidNetWork

• Aprire la finestra di dialogo Disinstalla o modifica programma e selezionare


SOLIDWORKS PDM Client > Cambia. Nell'Installazione guidata SOLIDWORKS PDM
selezionare Modifica.

Nella finestra di dialogo Disinstalla o modifica programma, vengono elencati


SOLIDWORKS PDM Client o SOLIDWORKS PDM Server se è stato installato
SOLIDWORKS PDM usando MSI. È necessario modificare l'installazione di
SOLIDWORKS se è stato installato SOLIDWORKS PDM usando SLDIM.

• Utilizzando la finestra di dialogo Informazioni su SOLIDWORKS PDM.


Per cambiare il tipo di licenza client nella finestra di dialogo Informazioni su
SOLIDWORKS PDM:
1. Fare clic su ? > Amministrazione SOLIDWORKS PDM .
2. Utilizzare la casella di riepilogo a discesa Tipo di client per selezionare un tipo di
licenza client diverso.
3. Fare clic su OK.
4. Quando un messaggio invita a riavviare il computer, fare clic su OK.
5. Riavviare il computer.

In base al tipo di licenza utilizzato quando il client è stato installato, se si passa al tipo
di licenza CAD Editor nella finestra di dialogo Informazioni su SOLIDWORKS PDM, è
possibile che l'aggiunta CAD non sia attivata. In tal caso, rimuovere SOLIDWORKS PDM
come descritto sopra e selezionare SOLIDWORKS PDMCAD Editor durante la
reinstallazione.

Visualizzazione delle informazioni di versione per sistemi


non client
Per trovare la versione del software SOLIDWORKS PDM su un server che non ha
un client installato:
1. Aprire il Pannello di controllo > Programmi > Disinstalla un programma.
2. Fare clic su Server />.SOLIDWORKS PDM
La colonna Versione mostra la versione attualmente installata.

Visualizzazione delle informazioni di versione per sistemi


client
Per individuare la versione del software SOLIDWORKS PDM su un client:
1. Accedere allo strumento Amministrazione SOLIDWORKS PDM.
2. Fare clic su ? > /> Amministrazione.SOLIDWORKS PDM
3. Visualizzare la Versione client e fare clic su OK.

252
Installazione e configurazione delle licenze SolidNetWork

Aggiunta e modifica di SolidNetWork License Server


Per eseguire l'accesso a un vault da un client SOLIDWORKS PDM, deve essere disponibile
una licenza che corrisponda al tipo e alla versione della licenza installata al momento. La
licenza viene recuperata dal server SolidNetWork License definito nelle impostazioni della
licenza. Per aggiungere o modificare il server SolidNetWork License, utilizzare la finestra
di dialogo Imposta chiave di licenza , disponibile nello strumento Amministrazione.
Per aggiungere o modificare il server di licenza:
1. Aprire lo strumento Amministrazione effettuando una delle seguenti operazioni:
• Nei sistemi Windows 7 e Windows Server precedenti a Windows Server 2012, fare
clic su Start > Tutti i programmi > SOLIDWORKS PDM > Amministrazione.
• Nei sistemi Windows 8.1 e Windows Server 2012 o versione successiva, nella
schermata App, in SOLIDWORKS PDM , fare clic su Amministrazione.

2. Creare un vault o espandere il vault esistente.


3. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul nodo Licenza e selezionare Apri.
4. Nella scheda Lista server fare clic su Aggiungi.
5. Immettere l'indirizzo di SolidNetWork License Manager nel modulo:
port@SNLServerName

Il numero porta predefinito è 25734. È possibile immettere il nome host o l'indirizzo


IP del server di licenza SolidNetWork per SNLServerName. Assicurarsi che tutti i
client siano in grado di connettersi al server tramite l'indirizzo IP o il nome host.

6. Fare clic su OK.


7. Fare clic sulla scheda Utilizzo licenze per accertarsi che le licenze di SOLIDWORKS
PDM siano disponibili.
8. Fare clic su OK.

Finestra di dialogo Imposta licenza


Utilizzare la finestra di dialogo Imposta licenza per aggiungere o modificare i server di
licenza. Per eseguire l'accesso a un vault da un client SOLIDWORKS PDM, deve essere
disponibile una licenza che corrisponda al tipo e alla versione della licenza installata al
momento.
Per aprire questa finestra di dialogo, procedere in uno dei modi seguenti:
• Fare doppio clic su Licenza.
• Fare clic con il pulsante destro del mouse su Licenza e selezionareApri.

Server

Lista server Elenca i server di licenza SolidNetWork.


Ad esempio, Port@SNLServerName

Aggiungi Consente di aggiungere i server di licenza.

253
Installazione e configurazione delle licenze SolidNetWork

Rimuovi Consente di rimuovere i server di licenza selezionati.

Uso della licenza

Server Consente di selezionare il server di licenza SolidNetWork.

prodotto Consente di selezionare il tipo di licenza SOLIDWORKS PDM


per visualizzare i dettagli della licenza.
Vedere Tipi di licenza alla pagina 250.

Licenze totali Visualizza il numero totale di licenze.

Licenze libere Visualizza il numero di licenze disponibili.

Licenze usate da Visualizza i dettagli delle licenze utilizzate.

254
17
Sistema di messaggistica
Questo capitolo comprende i seguenti argomenti:

• Tipi di sistemi di messaggi


• Configurazione del sistema di posta elettronica
• Esempio: uso del sistema di posta elettronica Database

Il sistema di messaggi SOLIDWORKS PDM invia le notifiche del vault (ad esempio, come flusso
di lavoro) agli utenti.

Tipi di sistemi di messaggi


È possibile scegliere il sistema di messaggi utilizzato da SOLIDWORKS PDM.

Database
Sistema di messaggi integrato in SOLIDWORKS PDM. Le notifiche sono inviate alla casella
Posta in del destinatario. I messaggi di notifica sono accessibili solo quando si utilizza
una vista del vault client. Gli utenti visualizzano le notifiche facendo clic sull'icona nella
barra delle applicazioni o direttamente nella casella Posta in arrivo (Strumenti > Posta
in arrivo).
Non è possibile inviare e-mail esterne attraverso il sistema di messaggi del database nelle
inbox del vault degli utenti.
Le notifiche automatiche (generate da un flusso di lavoro o API) fanno uso del servizio
del server database di SOLIDWORKS PDM, se disponibile e configurato correttamente.
Se le notifiche non vengono inviate, verificare che questo servizio sia in esecuzione e che
non presenti errori nel registro dell'applicazione.

SMTP
SOLIDWORKS PDM Professional utilizza un server di posta SMTP. Le notifiche possono
essere consegnate ad un'applicazione di posta elettronica esterna come Microsoft Outlook.
Per ricevere le e-mail, gli utenti devono aver specificato un indirizzo email nelle rispettive
schede profilo.
Quando si configurano le impostazioni SMTP, si potrà inviare un'email di prova ad un
utente per garantirne la correttezza.
• In caso di problemi nell'impostazione delle notifiche SMTP, passare temporaneamente
al sistema di messaggi del database integrato per assicurare che le notifiche vengano
generate correttamente.

255
Sistema di messaggistica

Se si esegue il test utilizzando notifiche di transizione, queste ultima non vengono


elaborate se l'utente imposta «se stesso» come destinatario. L'utente destinatario
deve essere una persona diversa dall'utente connesso che genera la notifica.

• Per le notifiche automatiche, il mittente di un messaggio SMTP è il sistema che esegue


il servizio del server database, solitamente un sistema SQL Server. Assicurarsi che il
server SMTP trasmetta correttamente i messaggi dal sistema del servizio del server
database.
• Le notifiche automatiche inviate a un indirizzo e-mail vengono formattate come HTML.
I link nel messaggio (Visualizza e Apri cartella) funzionano solo se nel computer da
cui viene letto il messaggio è disponibile una vista locale del vault. Notare inoltre che
i link possono essere bloccati e non funzionanti se le restrizioni dell'applicazione di
posta elettronica sono molto severe.
• Assicurarsi che la porta SMTP non sia bloccata tra il server SMTP e i computer client
o il servizio del server database che genera le notifiche.
• Assicurarsi inoltre che non vi siano applicazioni anti-virus che impediscono l'invio di
messaggi SMTP. Può essere necessario creare eccezioni per i processi che generano i
messaggi:
• Per le notifiche client (utente-a-utente), creare eccezioni per: explorer.exe,
inbox.exe
• Per le notifiche del servizio del server database (automatiche), creare un'eccezione
per: ConisioDbServer.exe

• Se è specificato un indirizzo e-mail nella scheda profilo dell'utente, le notifiche saranno


inviate solo a tale indirizzo. Nessuna copia viene inviata alla casella Posta in arrivo
dell'utente nel vault.
• Le notifiche utente-a-utente (risposte a messaggi o l'uso di Notifica, un collega)
vengono inviate direttamente dal computer client in cui è stato creato il messaggio e
non sono basate sul servizio del server database. Se si utilizza l'opzione SMTP,
assicurarsi che il server SMTP consenta la trasmissione di messaggi dai computer client.

Configurazione del sistema di posta elettronica


In SOLIDWORKS PDM Professional, è possibile configurare SOLIDWORKS PDM per inviare
le notifiche utilizzando il sistema di messaggi del database di default o un server di posta
SMTP. SOLIDWORKS PDM Standard supporta solo il sistema di messaggi del database di
default.
Per configurare il sistema di messaggi in SOLIDWORKS PDM Professional:
1. Fare doppio clic su Sistema di messaggi.
2. Nella scheda Generale della finestra di dialogo Sistema di messaggi, selezionare un
sistema di messaggi: Database o SMTP.
Se si seleziona Database, la configurazione è terminata. Se si seleziona SMTP, si
apre la scheda Impostazioni SMTP.

256
Sistema di messaggistica

3. Per configurare il server SMTP:


a) Fare clic sulla scheda Impostazioni SMTP.
b) Immettere il nome Server o il numero IP e il numero di Porta.
c) Se il server SMTP richiede un accesso, selezionare Accesso richiesto e immettere
Utente (Nome utente) e Password.
d) Immettere Dall'indirizzo e Dal nome.
e) Per testare la configurazione SMTP, fare clic su Impostazioni di prova.
La finestra Impostazioni di prova visualizza l'indirizzo di email dell'utente connesso
se è definito.
f) Se non compare un indirizzod i email, digitare un indirizzo.
g) Fare clic su OK.
Il software proverà ad inviare l'email.
Se non è possibile inviare la notifica, apparirà un messaggio di errore. Usare il
messaggio per diagnosticare il problema.

4. Fare clic su OK.

Sistema di posta elettronica - scheda Generale


Utilizzare la scheda Generale per selezionare il sistema di messaggi che verrà utilizzato
da SOLIDWORKS PDM per inviare le notifiche.
Per visualizzare la finestra di dialogo Sistema di messaggi:
Fare doppio clic su Sistema di messaggi.

Sistema di posta Selezionare un sistema di messaggi:


selezionato
Database
Utilizza il sistema di messaggi del database integrato.

SMTP
Utilizza un server di posta SMTP. Configurare le impostazioni
SMTP nella scheda SMTP.

Sistema di posta elettronica - scheda Impostazioni SMTP


Utilizzare la scheda Impostazioni SMTP per configurare il server SMTP utilizzato da
SOLIDWORKS PDM per inviare le notifiche.

La scheda Impostazioni SMTP è disponibile solo quando è selezionata l'opzione SMTP


nella scheda Generale.

Per visualizzare la finestra di dialogo Sistema di messaggi:


Fare doppio clic su Sistema di messaggi.

257
Sistema di messaggistica

Server Il nome o l'indirizzo IP di un server SMTP valido disponibile


sulla rete in grado di trasmissione messaggi generati con il
protocollo SMTP.

Porta Numero di porta del server SMTP, di solito 25.

Accesso richiesto Se il server SMTP richiede un accesso per la trasmissione dei


messaggi, selezionare questa opzione e immettere un nome
utente e la password.

Utente (Attivo solo se è selezionata l'opzione Accesso richiesto).

Password (Attivo solo se è selezionata l'opzione Accesso richiesto).

Dall'indirizzo L'indirizzo e-mail per la risposta utilizzato per le notifiche


automatiche.

Dal nome Il nome mittente utilizzato per le notifiche automatiche.

Invia mail di prova Fare clic su Verifica impostazioni per visualizzare la finestra
di dialogo Verifica impostazioni per inviare un messaggio email
e verificare le impostazioni SMTP.

Impostazioni di prova
Utilizzare la finestra di dialogo Impostazioni di prova per specificare un destinatario con
cui verificare le impostazioni SMTP.
Per visualizzare questa finestra di dialogo:
nella scheda SMTP della finestra di dialogo Sistema di messaggi fare clic su Verifica
impostazioni.

Destinatario Indirizzo email dell'utente connesso.


Se l'indirizzo email non è specificato nelle proprietà dell'utente,
immettere l'indirizzo.

OK Se SMTP è configurato in maniera corretta, invia una notifica


all'utente.
Se non è possibile inviare la notifica, appare un messaggio di
errore.

258
Sistema di messaggistica

Esempio: uso del sistema di posta elettronica


Database
Questo esempio descrive come utilizzare il sistema di messaggio integrato di SOLIDWORKS
PDM.
1. Configurare il vault per l'uso del sistema di messaggi:
a) Fare doppio clic su Sistema di messaggi.
b) Nella scheda Configura sistema di posta - Generale, selezionare Database
e fare clic su OK.
2. Configurare una transizione nel flusso di lavoro per inviare una notifica a un utente.
3. Provoca il passaggio di un file per una transizione (vedere SOLIDWORKS PDM Guida).
Viene inviata una notifica all'utente. L'utente è notificato tramite un'icona nella barra
delle applicazioni.

4. L'utente visualizza la notifica facendo clic sull'icona nella barra delle applicazioni
oppure direttamente nella casella Posta in arrivo (Strumenti > Posta in arrivo dalla
vista Explorer di SOLIDWORKS PDM).

259
18
Replica (solo per SOLIDWORKS
PDM Professional)
Questo capitolo comprende i seguenti argomenti:

• Archivia
• Replica di database del vault

Archivia
Finestra di dialogo Stato dell'archivio (SOLIDWORKS PDM
Professional solo vault)
Utilizzare la finestra di dialogo Stato dell'archivio per monitorare il processo di replica.
Per visualizzare questa finestra di dialogo:
Espandere Replica, espandere Archivio e fare doppio clic su Stato dell'archivio.

Server archivio Selezionare il server archivio da monitorare.

Il vault è replicato: Indica se il vault è replicato.

File completamente replicati La percentuale di file completamente replicati sul


su questo server server.

File vault sul server


File esistenti
I file disponibili agli utenti nel vault.

File eliminati
I file eliminati dal vault.

File di sistema
Archivi dei file di sistema nel vault (es. immagini di
scheda e aggiunte).

260
Replica (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

File non replicati sul server


File esistenti
Il numero di file sul server che non sono ancora stati
replicati.

File eliminati
Il numero di file eliminati sul server che non sono
ancora stati replicati.

File di sistema
Il numero di archivi dei file di sistema sul server che
non sono ancora stati replicati.

Replica dell'archivio (solo per SOLIDWORKS PDM


Professional)
SOLIDWORKS PDM ospita i dati centrali in un server database e in un server archivio in
cui sono registrati anche i file e le attività eseguiti in un vault di SOLIDWORKS PDM.
Un client che si connette ad un vault SOLIDWORKS PDM attraverso la vista del vault per
cercare specifici file o per visualizzare le schede dati dei file e così via comunica sul server
database. Quando un client recupera file fisici memorizzati in un vault (disegni, documenti,
ecc.) da un archivio nella vista del vault locale (cache) attraverso funzioni quali Leggi o
Check-out, i file vengono recuperati dal server archivio e inviati al client. Il tempo richiesto
per trasferire i file dipende dalla dimensione del file e dalla velocità della rete.
In un ambiente LAN, i file si trasferiscono normalmente a velocità elevate dal momento
che il server archivio risiede sui client locali. Se un vault SOLIDWORKS PDM viene condiviso
tra diversi uffici tramite una connessione WAN, le prestazioni potranno rallentare in
funzione della velocità della connessione. In questo caso, sia le informazioni provenienti
dal server database (di testo semplice, quindi veloci da inviare) sia i file fisici (che possono
avere anche grandi dimensioni e richiedere tempi lunghi) vengono trasferiti via WAN.
L'uso della funzionalità di replica in SOLIDWORKS PDM consente di controbilanciare la
quantità di dati trasferiti attraverso una connessione WAN lenta impostando un server
archivio locale in ciascun ufficio sul quale risieda una copia replicata dell'archivio nel vault.
Così facendo, quando i client di ciascun ufficio accedono al vault, le informazioni vengono
sempre inviate dal server database centrale, ma i file fisici sono recuperati dal server
archivio più vicino che ne ospita una copia.
Se il vault è già stato replicato, il file richiesto sarà recuperato dal server archivio locale
nell’ufficio WAN. Se il file richiesto è stato aggiunto ad un server archivio residente in un
altro ufficio e non ancora replicato nel server archivio locale, il vault sarà replicato
automaticamente al recupero iniziale del file da parte di un client, in modo tale che il file
archiviato sia accessibile sul server archivio locale per tutti i clienti nello stesso ufficio.

261
Replica (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

Finestra di dialogo Impostazioni di replica


Utilizzare la finestra di dialogo Impostazioni replica per configurare un server di replica
per la replica su richiesta di un vault.
Per visualizzare questa finestra di dialogo:
eseguire la procedura guidata Server archivio replicato. Questa finestra di dialogo appare
dopo aver eseguito l'accesso al server di replica.

Connessioni Selezionare una connessione per modificarla.


Utilizzare la sezione Connessione selezionata per apportare
le modifiche.

Test Selezionare Test, quindi premere il pulsante Test per verificare


la connessione di replica tra i server di origine e di destinazione.

Indirizzo IP o nome Immettere un nome di sistema DNS valido, o l'indirizzo IP, che
DNS il server di destinazione può utilizzare per comunicare sul server
di origine.
In un ambiente WAN, si consiglia di utilizzare l'indirizzo IP. I
server archivio comunicano mediante la porta TCP 3030,
pertanto è necessario assicurarsi che questa sia completamente
aperta in qualsiasi firewall tra i server.

Velocità Distribuire il carico di replica tra tre o più server. Le connessioni


server con una velocità superiore hanno la precedenza sui
server con una velocità inferiore.
Se si replica tra due server, selezionare quello a velocità
superiore (10 Mbit) a prescindere dalla velocità di connessione
effettiva. L'impostazione di velocità non influisce sulla reale
velocità di trasferimento della replica, ma solo sulla priorità.

Finestra di dialogo Nuovo schema di replica


Utilizzare la finestra di dialogo Nuovo schema di replica per definire la replica tra i server
archivio in fusi orari diversi.
Per visualizzare questa finestra di dialogo:
espandere l'albero di un vault replicato e fare doppio clic su Impostazioni replica. Nella
finestra di dialogo Impostazioni replica, fare clic su Nuovo schema.

Nome schema Digitare il nome dello schema.

Cartelle che fanno Cartelle incluse nello schema di replica.


parte di questo
schema

262
Replica (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

Aggiungi cartella Mostra la finestra di dialogo Seleziona cartella, nella quale è


possibile selezionare le parti del vault da includere in questo
schema di replica.
Per pianificare la replica di tutti i file nel vault, selezionare il
nome del vault in alto. Assicurarsi di disporre di spazio
sufficiente su ogni server archivio nello schema per ospitare il
completo archivio replicato. Se il vault da replicare contiene
molti file, il processo di replica iniziale potrebbe richiedere
diverso tempo perché tutti gli archivi sono replicati sui server
archivio definiti.
Per replicare solo alcune parti del vault (es. solo la cartella
progetti), selezionare quella cartella nell'albero. Tutti i file nella
cartella e nelle rispettive sottocartelle vengono pianificati per
la replica. Utilizzare questo metodo per i vault di grandi
dimensioni: Pianificare la replica di cartelle contenenti file che
vengono aggiornati spesso e utilizzare la replica su richiesta
per cartelle con accesso meno frequente.

Rimuovi cartella Rimuove la cartella selezionata dall'elenco.

Connessioni da Selezionare i server tra i quali pianificare la replica. Gli archivi


replicare dei file sono replicati sul Server di destinazione dal Server
di origine.

Intervallo di replica per la connessione selezionata


Pianificare l'intervallo di replica di ogni coppia server di destinazione/origine nell'elenco
Connessioni da replicare. Per impostare lo stesso intervallo per più connessioni, premere
CTRL durante la selezione.

Intervallo predefinito Pianificare l'esecuzione della replica tra i server di origine e


di destinazione. È possibile selezionare una pianificazione
predefinita o assegnarne una propria selezionando
Pianificazione definita dall'utente.

263
Replica (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

Stringa intervallo Se si seleziona una pianificazione definita dall'utente,


immettere una Stringa intervallo per definire quando dovrà
avvenire la replica.
Definire il formato per la stringa:

Minuti
Selezionare da 0 a 59, dove 0 rappresenta l'ora in punto.

Ora
Selezionare da 0 a 23, dove 0 è mezzanotte.

Giorno della settimana


Selezionare da 1 a 7, dove 1 è lunedì.

Avanzata Mostra la finestra di dialogo Impostazioni di schemi avanzati,


nella quale è possibile limitare i file in una cartella che devono
essere replicati all'esecuzione della pianificazione.

Finestra di dialogo Impostazioni avanzate schema


Utilizzare la finestra di dialogo Impostazioni di schemi avanzati per specificare i file
nelle cartelle specificate che devono essere effettivamente replicati all'esecuzione della
pianificazione.
Per visualizzare questa finestra di dialogo:
Fare clic su Avanzato nella finestra di dialogo Schema.

Replica solo versione Replica solamente la versione più recente se un file ha diverse
più recente versioni non ancora replicate su un server.
Ad esempio, se le versioni da 5 a 10 non sono ancora replicate
sul server B, attivando questa opzione si replica solo la versione
10. Senza questa opzione attivata, saranno replicate tutte le
versioni dalla 5 alla 10.

Replica solo i file con Replica le versioni dei file con revisione SOLIDWORKS PDM
revisioni assegnata.
Ad esempio, se la versione 4 ha la revisione A e la versione 7
ha la revisione B, attivando questa opzione si replicano solo le
versioni 4 e 7.

264
Replica (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

Includi figli durante la Per impostazione predefinita, solo i file memorizzati nelle
replica cartelle specificate e impostato nello schema sono replicati
dalla pianificazione. Qualsiasi file non contenuto in queste
cartelle non viene replicato automaticamente.
Con questa opzione attivata, la pianificazione include anche
tutti i file referenziati di un file memorizzato in una cartella
specificata dello schema.
Ad esempio, consideriamo uno schema impostato per replicare
solo i file nella cartella \Progetti . Il vault contiene un file di
assieme che fa riferimento a due file di parte nella cartella
\Library. Con quest'opzione attivata, anche i due file di parte
saranno replicati quando lo schema viene eseguito, anche se
la cartella \Library non fa parte dello schema di replica.

Replica i file solo negli Include solamente i file che attualmente si trovano negli stati
stati seguenti specificati del flusso di lavoro.
Selezionare un flusso di lavoro e uno stato nella casella di
riepilogo a discesa e fare clic su Aggiungi. Qualsiasi versione
del file non nello stato specificato non sarà replicata.

Interrompi replica Per impostazione predefinita, una volta che inizia la replica
dopo elabora tutti i file e tutte le versioni non ancora replicate sul
server. I file vengono aggiunti a una coda e sono replicati fino
a quando la coda non è vuota.
Per interrompere la replica dopo un determinato periodo di
tempo, è possibile attivare questa opzione e specificare la
durata.
Alcun file non ancora elaborati dopo quel periodo di tempo,
vengono aggiunti alla coda per la replica la prossima volta che
si avvia uno schema.

Se un client recupera un file modificato prima che venga


eseguito nuovamente lo schema, il file viene subito replicato
dalla replica su richiesta.

Replica di database del vault


SOLIDWORKS PDM Professional supporta la replica di un database del vault che può
migliorare le prestazioni in ambienti a elevato utilizzo ed elevata latenza (in genere più
di 50 millisecondi).
Gli amministratori possono utilizzare la tecnologia dei Gruppi di disponibilità AlwaysOn
(AOAG) da Microsoft SQL Enterprise Edition 2012 o versioni successive. Per i dettagli,
vedere https://msdn.microsoft.com/en-us/library/ff878265.aspx.
Per ogni gruppo di disponibilità, AOAG mantiene un singolo database principale di
lettura-scrittura e più database secondari di sola lettura. L'istanza SQL Server principale
aggiorna periodicamente le istanze secondarie.

265
Replica (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

Il client SOLIDWORKS PDM Web2 e il client Web non possono sfruttare il database
secondario.

È possibile creare le istanze SQL Server secondarie su rete LAN e WAN nell'instanza SQL
Server principale. Mediante AOAG, SOLIDWORKS PDM Professional può indirizzare le
operazioni lettura all'istanza SQL Server secondaria. Questo migliora le prestazioni nei
modi seguenti:
• Le operazioni di lettura vengono indirizzate all'istanza SQL Server secondaria, riducendo
in modo significativo il carico sull'istanza SQL Server principale in modo che possa
rispondere più rapidamente e gestire un carico maggiore.
• Per le operazioni di lettura, gli utenti accedono al server database SQL secondario
invece di accedere al database SQL principale. Questo consente di velocizzare le
operazioni di lettura, ad esempio la navigazione nelle cartelle del vault e l'accesso alle
informazioni Schede dati, Contiene e Dove usato.
• In caso di elevata latenza tra il client e l'istanza SQL Server principale, la presenza di
un'istanza SQL Server secondaria in locale nel client migliora le prestazioni per le
operazioni di lettura.

Si consiglia di utilizzare la modalità a commit sincrono nelle istanze SQL Server


secondarie con latenza minima per l'istanza SQL Server principale.

Tutte le operazioni di scrittura sono indirizzate all'istanza SQL Server principale. Durante
l'accesso, l'utente è collegato a:
• Istanze SQL Server principale e secondaria, se quest'ultima è raggiungibile.
• Istanza SQL Server principale se la secondaria non è raggiungibile. In questo caso,
l'istanza SQL Server principale gestisce tutte le operazioni del database per questa
sessione.

Configurazione delle istanze SQL Server secondarie


Utilizzare la finestra di dialogo Configurazione server per configurare le istanze SQL Server
secondarie.
Per configurare le istanze SQL Server secondarie:
1. Nello strumento Amministrazione, espandere Replica e fare doppio clic su Database.
2. Nella finestra di dialogo Database, fare clic su Aggiungi server.
3. Nella finestra di dialogo Configurazione server, in Nome server, selezionare il nome
dell'istanza di SQL Server secondaria.
4. In Massimo lag dal principale, immettere un valore.
5. Fare clic su Aggiungi membro per assegnare utenti e gruppi.
6. Fare clic su Verifica impostazioni e su OK.

Finestra di dialogo Configurazione server


La finestra di dialogo Configurazione server consente di configurare l'istanza SQL Server
secondaria.

266
Replica (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

Opzione Descrizione

Nome server Indica l'istanza SQL server secondaria. Selezionare dall'elenco.


Questo nome deve essere univoco.

Utilizzare l'indirizzo IP se SOLIDWORKS PDM è configurato


per comunicare tramite indirizzo IP.

Max. ritardo da Ritardo massimo consentito tra l'istanza SQL server principale
principale e secondaria.
Questo valore può variare da 1 minuto a 60 minuti. Se il ritardo
effettivo supera il valore massimo, tutte le operazioni di
scrittura e lettura sono indirizzate solo all'istanza SQL Server
principale.

I decimali, lo zero e i valori negativi non sono supportati.

Aggiungi membro Consente di assegnare utenti e gruppi all'istanza SQL Server


secondaria.
Se si assegna un utente a un database attraverso un gruppo
e l'utente è assegnato in modo esplicito a un altro database,
SOLIDWORKS PDM indirizza l'utente al database a cui è stato
assegnato esplicitamente.
Se si assegna un utente a più istanze SQL Server secondarie
attraverso assegnazioni di gruppo o in modo esplicito,
SOLIDWORKS PDM indirizza l'utente al database al quale
l'utente è stato aggiunto più di recente.

Rimuovi membro Rimuove gli utenti e i gruppi selezionati.

Impostazioni di prova Verifica quanto segue:


• Il nome dell'istanza SQL Server secondaria è univoco.
• Il database del vault nell'istanza SQL Server principale viene
replicata nelle istanze secondarie.
• Il nome utente (sa) e la password per le istanze SQL Server
principale e secondaria sono le stesse.

267
19
Numeri di revisione
Questo capitolo comprende i seguenti argomenti:

• Creazione dei numeri di revisione


• Impostazione manuale dei numeri di revisione
• Impostazione automatica dei numeri di revisione
• Assegnazione dei numeri di revisione agli stati del flusso di lavoro
• Sincronizzazione di una variabile di revisione con un numero di revisione
• Esempio - Cambiamento dei numeri di revisione per i diversi stati del flusso di
lavoro
• Esempio - Creazione dei numeri di revisione con contatori maggiori e minori
• Esempio - Mappatura di un numero di revisione al blocco titolo di un disegno

I numeri di revisione sono nomi che identificano in modo univoco le versioni di un file o
elemento. È possibile assegnare un numero di revisione ad ogni versione valida di un file o
elemento (creata al check-in di un file o elemento modificato), sia automaticamente durante
una transizione nel flusso di lavoro, sia manualmente se l'utente dispone dei diritti sufficienti.
Utilizzare i numeri di revisione per aiutare gli utenti a recuperare la versione corretta di un file
o elemento oppure per limitare l'accesso ai file a utenti specifici.

Un numero di revisione è diverso da un numero di versione. SOLIDWORKS PDM incrementa


un numero di versione (1, 2, 3, ...) ogni volta che viene effettuato il check-in di una nuova
versione nel vault. Un numero di revisione può quindi essere applicato a qualsiasi versione.
Ad esempio, la versione 7 di un file può essere approvata nel flusso di lavoro e ricevere il
numero di revisione Rev1.

È possibile impostare il numero di revisione in modo corrispondente a schemi di numerazione


utilizzati dalla società. Un numero di revisione può consistere di un testo statico e uno o più
componenti (contatori) che aumentano automaticamente ogni volta che si applica il numero
di revisione a un file o elemento. Esempi di numeri di revisione:
• Rev 1, Rev 2, Rev 3, ...
• A.01, A.02, A.03, ...
• 1.1, 1.2, ..., 2.1, 2.2, ..., 3.1, 3.2, ...
I numeri di revisione possono essere applicati a file, elementi ed ai corrispondenti file referenziati
(disegni, assiemi, parti).
È possibile impostare numeri di revisione diversi per flussi di lavoro o processi diversi al fine
di gestire efficacemente tutti i tipi di file supportati da SOLIDWORKS PDM.

268
Numeri di revisione

Creazione dei numeri di revisione


È possibile creare numeri di revisione che corrispondano agli schemi di numerazione
utilizzati dall'azienda. Quindi si possono associare i numeri di revisione a stati e transizioni
del flusso di lavoro o consentire agli utenti di assegnare manualmente i numeri di revisione.
Per creare un numero di revisione:
1. Creare uno o più componenti numero di revisione che agiscano da contatori che
aumentano ogni volta che viene impostato un numero di revisione per un file.
a) Espandere Revisioni, fare clic con il pulsante destro del mouse su Componenti
numero di revisione e selezionare Nuovo componente.
b) Nella finestra di dialogo Proprietà componente numero di revisione, digitare un
Nome del componente descrittivo che rifletta il modo in cui l'azienda organizza
i propri dati.
SOLIDWORKS PDM fornisce un componente di revisione di esempio denominato
componente Alpha Revision. Se l'azienda preferisce un indicatore numerico per
le revisioni, è possibile specificare Componente di revisione numerico come nome
del componente.
c) Per Valore iniziale contatore, specificare il valore da utilizzare per il componente
la prima volta che viene applicato a un file.
Consigli: Usare 1 come valore iniziale del contatore.
d) In Dati, selezionare il metodo che il software SOLIDWORKS PDM utilizza per
creare il componente di revisione:
• La Stringa di formato basa il componente sui contatori predefiniti selezionati
da un elenco.
• Valore dall'elenco basa il componente su un elenco di valori specificati.
e) Fare clic su OK.
2. Espandere Revisioni, fare clic con il pulsante destro del mouse su Numeri di
revisione e selezionare Nuovo numero di revisione.
3. Nella finestra di dialogo Proprietà numero di revisione, digitare un nome per il numero
di revisione.
Utilizzare questo nome quando si assegna un numero di revisione a uno stato del
flusso di lavoro.
4. Per la Stringa di formato numero di revisione, selezionare uno o più componenti
numero di revisione definiti al punto 1.
5. Fare clic su OK.

Finestra di dialogo Proprietà componente numero di revisione


Utilizzare la finestra di dialogo Proprietà componente numero di revisione per definire un
componente numero di revisione, ossia la porzione di un numero di revisione che
incrementa automaticamente ogni volta che si applica il numero di revisione al file o
all'elemento.

269
Numeri di revisione

Per visualizzare questa finestra di dialogo:


• Per visualizzare o modificare un componente numero di revisione esistente, espandere
Revisioni > Componenti numero di revisione e fare doppio clic su un componente.
• Per creare un nuovo componente numero di revisione, espandere Revisioni, quindi
fare clic con il pulsante destro del mouse su Componenti numero di revisione e
selezionare Nuovo componente.

Nome componente Nome del componente numero di revisione.


Usare un Nome del componente descrittivo che rifletta il
modo in cui l'azienda organizza i propri dati.
Nella finestra di dialogo Proprietà numero di revisione, si
selezionano i nomi dei componenti per definire i formati dei
numeri di revisione.

Valore iniziale Il valore iniziale del componente. Ad esempio, se Valore


contatore iniziale contatore è 1:

Formato del componente Valore iniziale

000 001

A,B,C,...,Z A

Valore dall'elenco Primo valore nell'elenco

Stringa di formato Basare il formato del componente su un contatore predefinito.


Per selezionare un contatore, fare clic su . Si può anche
specificare un testo statico.

Valore dall'elenco Basare il formato del componente su un elenco specificato di


valori. La colonna di sinistra mostra la posizione del contatore.
Immettere i valori del contatore nella colonna di destra.
È necessario definire ciò che accade quando il contatore
raggiunge la fine dell'elenco. Effettuare una selezione:
• Riparti dalla prima riga dell'elenco
• Continua a usare l'ultima riga
• Rifiuta l'operazione
SOLIDWORKS PDM può anche inviare un'e-mail a un utente o
gruppo quando il contatore raggiunge la fine dell'elenco.
Selezionare Invia messaggio a: e selezionare un destinatario.

Finestra di dialogo Proprietà numero di revisione


Utilizzare la finestra di dialogo Proprietà numero di revisione per definire il formato dei
numeri di revisione.

270
Numeri di revisione

Per visualizzare la finestra di dialogo:


• Per creare un nuovo formato del numero di revisione, espandere Revisioni, fare clic
con il pulsante destro del mouse su Numeri di revisione e selezionare Nuovo numero
di revisione.
• Per visualizzare o modificare un formato del numero di revisione esistente, espandere
Revisioni > Numeri di revisione e fare doppio clic sul numero di revisione.

Nome numero di Nome descrittivo del numero di revisione.


revisione

Stringa di formato Formato del numero di revisione.


numero di revisione • Digitare il testo statico che deve comparire nei numeri di
revisione, ad esempio Rev-.
• Per selezionare un componenti numero di revisione, fare clic
su e selezionare un componente. È possibile utilizzare
più componenti nel numero di revisione.
• Per creare un nuovo componente numero di revisione, fare
clic su e selezionare Nuovo componente.

Ad esempio, se si inserisce Rev-, quindi si fa clic su e si


seleziona un componente con contatore di formato 000, i
numeri di revisione saranno Rev-001, Rev-002 e così via.

Finestra di dialogo Mostra utilizzo


Utilizzare questa finestra di dialogo per vedere dove è utilizzato un numero di revisione
o un componente numero di revisione.
Per visualizzare questa finestra di dialogo:
• Per vedere quali stati del flusso di lavoro usano un numero di revisione, espandere
Revisioni > Numeri di revisione, quindi fare clic con il pulsante destro del mouse
su una revisione e selezionare Mostra utilizzo.
• Per vedere quali numeri di revisione usano un componente numero di revisione,
espandere Revisioni > Componenti numero di revisione, quindi fare clic con il
pulsante destro del mouse su un componente e selezionare Mostra utilizzo.
Questa finestra di dialogo compare anche quando si tenta di eliminare un numero o
componente di revisione in uso.

Impostazione manuale dei numeri di revisione


Gli utenti con i permessi appropriati possono impostare i numeri di revisione manualmente
da File Explorer o Item Explorer. Vedere SOLIDWORKS PDM Guida in linea di File Explorer
e Guida di Item Explorer per dettagli. I numeri di revisione sono comunque di solito
impostati automaticamente durante le transizioni del flusso di lavoro.

271
Numeri di revisione

Impostazione automatica dei numeri di revisione


SOLIDWORKS PDM può impostare automaticamente i numeri di revisione su file o elementi
che passano per le transizioni del flusso di lavoro.
Per impostare automaticamente i numeri di revisione:
1. Se non è già stato fatto, creare il formato del numero di revisione che si desidera
utilizzare, come descritto in Creazione dei numeri di revisione alla pagina 269.
2. Assegnare il numero di revisione allo stato di destinazione (es. Approvato) per i file
o gli elementi ai quali assegnare automaticamente un numero di revisione.
3. Fare clic sulla transizione allo stato di destinazione.
4. Nella scheda Azioni della finestra di dialogo Proprietà della transizione, fare clic su
Aggiungi azione per aggiungere un'azione Inc. revisione. Vedere Aggiunta di
azioni di transizione alla pagina 563.

In generale, non si deve utilizzare la scheda Numeri di revisione per specificare le


modalità di incremento dei componenti dalla transizione. Il comportamento del
componente è definito nello stato di destinazione. Impostare le modalità di
incremento dei componenti solo quando si lavora con i numeri di revisione che
hanno più componenti contatore (vedere Esempio - Creazione dei numeri di
revisione con contatori maggiori e minori alla pagina 275). Se l'opzione viene
utilizzata in modo inopportuno, i numeri di revisione non saranno consecutivi o non
incrementeranno.

5. Fare clic due volte su OK.


6. Per verificare l'assegnazione di numeri di revisione automatici, in Esplora Risorse fare
clic con il pulsante destro del mouse su un file del vault e modificarne lo stato allo
stato di destinazione utilizzato nel punto 2, ad esempio, Approvato.
La finestra di dialogo Cronologia, la scheda Versione di PDM Explorer e l'elenco Leggi
versione di questo file dovrebbero mostrare il nuovo numero di revisione.

Assegnazione dei numeri di revisione agli stati


del flusso di lavoro
È possibile assegnare numeri di revisione a stati del flusso di lavoro in modo che questi
vengano impostati sui file o sugli elementi che si trovano in alcuni stati particolari, come
Approvato. Di solito, si assegnano i numeri di revisione a stati del flusso di lavoro come
parte dell'impostazione dei numeri di revisione automatici. Gli utenti con diritti sufficienti
possono tuttavia impostare i numeri di revisione anche manualmente.
Per assegnare un numero di revisione a uno stato del flusso di lavoro:
1. Espandere Flussi di lavoro e fare doppio clic sul flusso di lavoro per aprirlo.
2. Nell'editor del flusso di lavoro, fare clic sullo stato del flusso di lavoro che userà i
numeri di revisione.
Si apre la finestra di dialogo Proprietà dello stato del flusso di lavoro.

272
Numeri di revisione

3. Sul lato superiore sinistro della scheda Numeri di revisione, espandere l'elenco Numero
revisione stato e selezionare il numero di revisione da utilizzare.

Se il numero di revisione desiderato non appare in elenco, probabilmente il flusso


di lavoro era aperto quando si è creato il numero di revisione. Uscire e riaprire il
flusso di lavoro.

I contatori del componente del numero di revisione selezionato appaiono nella colonna
Nome.

4. Per ogni componente, eseguire una delle seguenti operazioni:


• Per incrementare il contatore, in Incrementa di, immettere il numero di incremento
(di solito 1).
• Per reimpostare un contatore, in Reimposta a, immettere il numero sul quale si
desidera sia impostato il componente.
Il numero di revisione che sarà utilizzato per il componente è mostrato nella colonna
Anteprima.
• Per mantenere inalterato un contatore, lasciare vuote entrambe le caselle
Incrementa di e Reimposta a.
Ad esempio, se si utilizzano componenti di revisione maggiore e minore, è possibile
impostare il componente maggiore per l'incremento di 1 e il componente minore per
la reimpostazione a 1.
5. Fare clic su OK per salvare lo stato del flusso di lavoro.

6. Fare clic su Salva o File > Salva per salvare il flusso di lavoro.
7. Per verificare il criterio di numerazione delle revisioni, impostare manualmente il
numero di revisione su un file dalla vista Explorer di SOLIDWORKS PDM:
a) Selezionare un file in check-in che si trova nello stato del flusso di lavoro appena
modificato e selezionare Modifica > Imposta revisione.

Sono necessari diritti sufficienti per impostare i numeri di revisione.

b) Nella finestra di dialogo Imposta revisione, confermare che la colonna Revisione


corrente mostri il numero di revisione corrente e che Nuova revisione mostri
il numero di revisione appropriato in base all'incremento di revisione impostato
per lo stato.

Invece di usare la revisione successiva, è possibile fare clic nel campo Nuova
revisione per selezionare un numero di revisione diverso da impostare sul file.

c) Fare clic su OK.


La finestra di dialogo Cronologia, la scheda Versione di PDM Explorer e l'elenco
Leggi versione di questo file dovrebbero mostrare il nuovo numero di revisione.

273
Numeri di revisione

Sincronizzazione di una variabile di revisione con


un numero di revisione
Gli amministratori possono mappare una variabile di revisione nel flusso di lavoro per la
sincronizzazione con un numero di revisione.
Utilizzando Imposta revisione è possibile sincronizzare un numero di revisione al valore
di revisione archiviato in una variabile di scheda, per qualsiasi file, compresi quelli che in
precedenza erano gestiti al di fuori di SOLIDWORKS PDM.
Per sincronizzare una variabile di revisione con un numero di revisione:
1. Nello strumento di amministrazione, espandere Flussi di lavoro e selezionare un
flusso di lavoro.
2. Selezionare uno stato.
3. Nella scheda Numeri revisione, impostare un numero di revisione da associare a
questo stato.
4. In Incrementa di immettere il numero (in genere 1) da usare quando si esegue il
comando Imposta revisione.
5. Selezionare una variabile di revisione in Variabile revisione.

• Questa variabile deve esistere nella scheda dati dei file che avranno la revisione
sincronizzata.
• La variabile dovrebbe essere collegata alla proprietà personalizzata tenendo
premuto il valore di revisione di legacy.
• Il numero di revisione deve corrispondere al valore di revisione trovato nella
variabile per la revisione affinché possa avvenire la sincronizzazione.

6. Fare clic su OK.


7. Fare clic su File > Salva per salvare il flusso di lavoro.
Per verificare la sincronizzazione del numero di revisione, impostare manualmente il
numero su un file dalla vista in Explorer di SOLIDWORKS PDM. Per i dettagli, vedere
la Guida in linea di File Explorer per SOLIDWORKS PDM.

Esempio - Cambiamento dei numeri di revisione


per i diversi stati del flusso di lavoro
In questo esempio, i numeri di revisione cambiano da Rev 1, Rev 2, ... nel flusso di lavoro
pre-release a Rev A, Rev B, ... nel flusso di lavoro dopo la release.

274
Numeri di revisione

Per cambiare la numerazione per diversi stati di un flusso di lavoro:


1. Creare due componenti del numero di revisione:

Nome componente Valore iniziale contatore Stringa di formato

Numeri 1 Numero 0

Lettere 1 A,B,C,...,Z

2. Creare due numeri di revisione:

Nome numero di revisione Stringa di formato numero di


revisione

Pre-release Numeri rev

Release Lettere rev

3. Negli stati del flusso di lavoro pre-release, nella scheda Numeri di revisione, selezionare
Pre-release dall'elenco dei numeri di revisione.
4. Negli stati del flusso di lavoro dopo la release, nella scheda Numeri di revisione,
selezionare Release dall'elenco dei numeri di revisione.

5. Fare clic su Salva o File > Salva per salvare i flussi di lavoro.
6. Per verificare il criterio di numerazione delle revisioni, spostare un file attraverso i
flussi di lavoro, aggiornando manualmente i numeri di revisione.

Esempio - Creazione dei numeri di revisione con


contatori maggiori e minori
In questo esempio, un formato del numero di revisione ha i valori A.01, A.02, ... durante
il flusso di lavoro pre-release e B.01, B.02, ... durante il flusso di lavoro dopo la release.
Per creare un numero di revisione con contatori maggiore e minore:
1. Creare due componenti del numero di revisione:

Nome componente Valore iniziale contatore Stringa di formato

Major 1 A,B,C,...,Z

Minor 1 Numero 00

2. Creare un numero di revisione di nome MajorMinor utilizzando questi componenti


(impostare Stringa di formato numero di revisione su Maggiore . Minore).

275
Numeri di revisione

3. Per i due flussi di lavoro pre-release e dopo la release:


a) Sulla scheda Numeri di revisione, selezionare MajorMinor dall'elenco dei numeri
di revisione.
b) Dato che solo il componente minore deve incrementare per ogni revisione nel
flusso di lavoro pre-release, impostare Incrementa di per Minore su 1 e
disattivare Incrementa di per Maggiore.
c) Salvare il flusso di lavoro.
4. Aprire le proprietà della transizione nella quale i file sono passati dal flusso di lavoro
pre-release al flusso di lavoro dopo la release. Verificare che lo stato di destinazione
abbia il numero di revisione assegnato.
5. Nella finestra di dialogo Proprietà della transizione, sulla scheda Numeri di revisione,
impostare Maggiore su un incremento di 1 e Minore perché si reimposti a 1.

I valori immessi nella scheda Numeri di revisione aumentano o si reimpostano al


valore di contatore componente successivo quando i file passano per la transizione,
ma i numeri di revisione non sono impostati per alcun file. L'impostazione del
numero di revisione può essere manuale o automatica se si utilizza l'azione di
transizione per aumentare la revisione definita dall'utente. Utilizzare questa opzione
solo quando si lavora con numeri di revisione aventi più componenti contatore.

6. Per verificare il criterio di numerazione delle revisioni:


a) Spostare un file nel flusso di lavoro pre-release e incrementare la numerazione
delle revisioni. Solo il contatore minore incrementa ogni volta (A.01, A.02 e così
via).
b) Spostare il file al flusso di lavoro dopo la release. Il contatore maggiore incrementa
di 1 (es. A > B) e quello minore si reimposta a 1 (es. 03 > 01). Queste modifiche
saranno visibili la volta successiva che si applica un numero di revisione al file.
c) Spostare il file nel flusso di lavoro dopo la release. Solo il contatore minore
dovrebbe incrementare ogni volta (B.01, B.02 e così via).

Esempio - Mappatura di un numero di revisione


al blocco titolo di un disegno
In questo esempio, un flusso di lavoro aggiorna i blocchi del titolo di un disegno ogni
volta che il disegno viene approvato.
Questo esempio dimostra l'unico metodo disponibile per aggiornare una variabile di scheda
dati file con il numero di revisione del file. Non è possibile aggiornare una scheda dati del
file con un numero di revisione utilizzando il comando Imposta revisione dalla vista
Explorer. Per i dettagli, vedere Sincronizzazione di una variabile di revisione con un
numero di revisione.

Questo esempio si basa sul flusso di lavoro predefinito e su schede dati file create in
occasione dell'impostazione di un nuovo vault.

276
Numeri di revisione

1. Creare il formato del numero di revisione come descritto in Creazione dei numeri di
revisione:
a) Creare un componente numero di revisione denominato AlphaRev con una stringa
di formato A,B,C,....,Z e un valore iniziale di 1.
b) Creare un formato del numero di revisione denominato Revisione utilizzando
il componente AlphaRev.
2. Impostare la mappatura della variabile di scheda dati (vedere Mappatura alle proprietà
personalizzate di SOLIDWORKS):
a) Aprire la scheda dati del file SOLIDWORKS.
b) Aggiungere un controllo casella di modifica con una variabile denominata Revision.
c) Modificare la variabile Revision per assicurarsi che il blocco CustomProperty
abbia un attributo mappato Revision a file di disegno SOLIDWORKS (slddrw).
3. Collegare il numero di revisione al flusso di lavoro (vedere Creazione di transizioni
del flusso e Creazione di stati del flusso):
a) Aprire il Flusso di lavoro predefinito.
b) Aprire la finestra di dialogo Proprietà della transizione Approvazione superata.
c) Aggiungere una nuova azione Imposta variabile per assegnare la variabile
Revision a Nuova revisione (%newrevision%).
d) Aggiungere un'azione Inc. revisione.

Assicurarsi che l'azione Inc. revisione segua tutte le azioni Imposta variabile,
altrimenti la revisione sarà ripristinata alla versione precedente creata al
momento dell'aggiornamento della variabile.

e) Chiudere la finestra di dialogo Proprietà della transizione.


f) Fare clic sulla casella di stato di Approvato.
g) Nella scheda Numeri di revisione, dall'elenco Numero revisione stato, selezionare
Revision.
h) Chiudere la finestra di dialogo Proprietà dello stato e salvare il flusso di lavoro.
4. Impostare il blocco del titolo del disegno SOLIDWORKS:
a) Aprire un file di disegno in SOLIDWORKS.
b) Modificare il formato del foglio per aggiungervi una nota collegata a una proprietà
personalizzata denominata Revisione.
c) Salvare il disegno in una cartella locale.
5. Verificare l'aggiornamento del blocco del titolo del disegno:
a) Trascinare il disegno SOLIDWORKS in una cartella della vista del vault e verificare
il file.
b) Modificare lo stato del disegno fino a raggiungere la transizione Approvazione
superata e infine lo stato Approvato.
La revisione successiva è impostata nel file di disegno e la variabile Revision
nella scheda dati file mosterà il valore.
c) Aprire il disegno in SOLIDWORKS.
La revisione viene visualizzato nel blocco del titolo.

277
20
Numeri di serie (solo per
SOLIDWORKS PDM Professional)
Questo capitolo comprende i seguenti argomenti:

• Creazione di un numero di serie da una stringa


• Creazione di un numero di serie da un'aggiunta
• Aggiunta di un numero di serie a una scheda dati
• Uso dei numeri di serie per assegnare nomi automatici ai file
• Finestra di dialogo Proprietà numero di serie
• Finestra di dialogo Numero seriale

Utilizzare i numeri di serie per assegnare nomi automatici a file e cartelle, per assegnare ID
univoci agli elementi o per aggiungere valori di esecuzione univoci ai controlli scheda. È possibile
impostare una quantità indefinita di numeri di serie in un vault.
Si definiscono i numeri di serie nella finestra di dialogo Numero di serie. Per visualizzarla, è
necessaria una vista locale del vault per la quale definire il numero di serie.
• Per creare un nuovo numero di serie, fare clic con il pulsante destro del mouse su Numeri
di serie e selezionare Nuovo numero di serie.
• Per modificare un numero di serie esistente, espandere Numeri di serie e fare doppio clic
sul numero di serie.
È possibile generare un numero di serie:
• Da una stringa
Il numero di serie si compone di un testo statico e di un valore automatico sequenziale.
• Da un elenco
• Da un'aggiunta
Il numero di serie viene recuperato da un'aggiunta apposita, creata in VB o C++ mediante
l'API di SOLIDWORKS PDM. Questa opzione è utile, ad esempio, se il numero di serie deve
essere richiamato da un sistema esterno (ERP, ecc.).

Il numero di serie di un elemento è definito automaticamente per generare ID di elemento


univoci. Vedere Elementi.

278
Numeri di serie (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

Creazione di un numero di serie da una stringa


Per creare un numero di serie da una stringa:

1. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Numeri di serie e selezionare Nuovo
numero di serie.
2. Nella finestra di dialogo Numero di serie, immettere il nome del numero di serie.
3. In Tipo, selezionare Stringa.
4. Utilizzare il campo Stringa di formato per creare la stringa:
a) Digitare il testo statico per la stringa. Ad esempio, se si inizia la stringa di formato
con la lettera D, il numero di serie inizierà sempre per D.
b) Fare clic su per selezionare le variabili dinamiche (che cambiano).
Ad esempio, selezionare Valore del contatore e 0001 per creare un contatore
decimale a quattro cifre, utilizzando 0 come riempitore.
Il numero di cifre non limita il numero di serie. Se si utilizzano quattro cifre e il
contatore arriva a 9999, il valore successivo sarà 10000.
Le variabili appaiono come controlli problemi nel campo di modifica. È possibile
aggiungere più di una variabile al campo.

Il testo di esempio mostra un'anteprima del numero di serie.

5. In Valore successivo contatore, impostare il valore iniziale per il numero di serie.


Il numero di partenza è a scelta dell’utente, ma deve essere un numero intero.
6. Fare clic su OK.
Utilizzare il numero di serie nei controlli scheda o nelle variabili di modello.

Creazione di un numero di serie da un'aggiunta


Se una stringa di elenco o formato non soddisfa le proprie esigenze, è possibile utilizzare
un'aggiunta dei numeri di serie SOLIDWORKS PDM per creare un numero di serie.
Vedere il SOLIDWORKS PDMManuale di riferimento per programmatori per informazioni
sulla creazione di un'aggiunta per numero di serie con Visual Basic .NET o C++.
Per creare un numero di serie da un'aggiunta:
1. Utilizzare la finestra di dialogo Gestione aggiunte per inserire l'aggiunta per numeri
di serie nel vault. Vedere Installare le aggiunte SOLIDWORKS PDM alla pagina
89.

2. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Numeri di serie e selezionare Nuovo
numero di serie.
3. Nella finestra di dialogo Numero di serie, immettere il nome del numero di serie.
4. Come Tipo selezionare Numeri di serie dall'aggiunta.
5. Nell'elenco Nome dell'aggiunta, selezionare l'aggiunta.
6. In Valore successivo contatore, impostare il valore iniziale per il numero di serie.
Il numero di partenza è a scelta dell’utente, ma deve essere un numero intero.
7. Fare clic su OK.

279
Numeri di serie (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

Aggiunta di un numero di serie a una scheda dati


Questo esempio spiega come aggiungere un numero di serie documento alla scheda dati
di file Microsoft Word.
Per aggiungere un numero di serie a una scheda dati:
1. Creare il numero di serie seguente:

Nome Numero del documento

Tipo Numeri di serie dalla stringa

Stringa di formato • Testo statico:Documento-


• Testo dinamico: Contatore > 001

2. Nell'Editor scheda, aprire la scheda dati file Office.


3. Creare un controllo casella di modifica.
4. Nel riquadro Proprietà casella di modifica:
a) Collegare il controllo alla variabile Numero documento.
b) In Valore predefinito, selezionare Numero di serie.
c) Selezionare Numero documento (il numero di serie creato al passaggio 1).
5. Fare clic su Salva .
Quando un utente aggiunge o crea nuovi file Word, un numero di serie univoco viene
aggiunto automaticamente alla scheda dati file.

Uso dei numeri di serie per assegnare nomi


automatici ai file
È possibile creare nuovi file e denominarli automaticamente mediante l'uso dei numeri di
serie.
Questo esempio descrive l'uso di un numero di serie per nominare i nuovi file di parte.

280
Numeri di serie (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

Per utilizzare un numero di serie e nominare automaticamente un file:


1. Creare il numero di serie seguente:

Nome Digitare PartNumber.

Tipo Selezionare Numeri di serie dalla stringa.

Stringa di formato • Testo statico: Immettere P-.


• Testo dinamico: selezionare Valore del contatore >
00001.

Valore successivo Digitare 1000.


contatore

2. Nel vault, creare una cartella di nome Modelli.


3. Aggiungere un file .sldprt vuoto alla cartella ed eseguirne il check-in.
Si utilizzerà questo file come file di origine modello.

4. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Modelli e selezionare Nuovo modello.
Vedere Creazione di modelli.
5. Nella pagina Nome modello della creazione guidata del modello, nominare il modello
Crea parte nuova.
6. Nella pagina File e cartelle della creazione guidata del modello, fare clic su Variabili
del modello.
7. Nella finestra di dialogo Organizza variabili di modello, creare la seguente variabile
di modello:

Nome Immettere PartNumber.

Tipo Selezionare Numero di serie.

Numero di serie Selezionare PartNumber (creato al passaggio 1).

8. Fare clic su Nuovo file .


9. Nella finestra di dialogo Seleziona modello, passare alla posizione del file .sldprt,
selezionarlo e fare clic su Apri.
10. Nella finestra di dialogo Nuovo file, selezionare il nome file (senza estensione), fare
clic su e selezionare la variabile di modello partnumber creata nel passaggio 7.
Luna variabile di modello, che utilizza il numero di serie creato al passaggio 1,
sostituisce il nome file. Il nuovo nome file è %PartNumber%.sldprt.

11. Completare la Creazione guidata. Nella pagina Utenti e gruppi della creazione guidata
del modello, assegnare il modello all'utente al quale di è correntemente connessi.

281
Numeri di serie (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

12. Per verificare il nuovo modello di parte, individuarlo nel vault, fare clic con il pulsante
destro del mouse e selezionare Nuovo > Crea nuova parte.
Viene creato un nuovo file di parte, utilizzando il numero di serie come nome file.

Finestra di dialogo Proprietà numero di serie


Utilizzare la finestra di dialogo Numero di serie per creare i numeri di serie per nominare
automaticamente i file, per generare ID di elemento univoci o per aggiungere valori di
esecuzione univoci ai controlli scheda.
Per visualizzare questa finestra di dialogo:
fare clic con il pulsante destro del mouse su Numeri di serie e scegliere Nuovo numero
di serie.

Nome

Tipo Selezionare una delle seguenti opzioni:

Elenco
Immettere l'elenco da utilizzare nel campo dati.

Numeri di serie dalla stringa


Il numero di serie si compone di un testo statico e di un valore
automatico sequenziale.

Numeri di serie dall'aggiunta


Il numero di serie viene recuperato da un'apposita aggiunta
creata in VB o C++ mediante l'API SOLIDWORKS PDM,
disponibile nel vault.
Prima di utilizzare questa opzione, è necessario creare e
aggiungere un SOLIDWORKS PDM numero di serie aggiuntivo
che genererà il numero di serie. Per i dettagli, vedere
Schermata Proprietà aggiunta alla pagina 90 e
SOLIDWORKS PDM Guida in linea API.

I numeri seriali dell'aggiunta non sono supportati come


generatori di ID di elementi.

Dati Se il tipo è Elenco, digitare un elenco di valori.

282
Numeri di serie (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)

Stringa di formato Se il tipo è Numeri di serie dalla stringa, creare la stringa


digitando un testo statico (caratteri che non cambiano) e fare
clic su per selezionare le variabili dinamiche (che possono
cambiare).
Le variabili appaiono come controlli problemi nel campo di
modifica. È possibile aggiungere più di una variabile al campo.
Il testo di esempio mostra un'anteprima del numero di serie.

Nome dell'aggiunta Se il tipo è Numeri di serie dall'aggiunta, effettuare la


selezione da un elenco di aggiunte installate.

Valore successivo Impostare il valore iniziale del numero di serie.


contatore

Finestra di dialogo Numero seriale


Quando si configurano i numeri seriali da un elenco, utilizzare la finestra di dialogo Numero
seriale per vedere l'associazione tra l'elenco dei numeri seriali specificati e i valori di
conteggio che saranno generati da questi numeri seriali.
Per visualizzare questa finestra di dialogo:
Nella finestra di dialogo Proprietà numero di serie, per Tipo selezionare Elenco. Accanto
alla casella di testo Dati, fare clic su .

È possibile ridimensionare questa finestra di dialogo per visualizzare una quantità


maggiore di numeri seriali e dei valori di conteggio associati.

La colonna di sinistra mostra il valore del contatore e la colonna di destra mostra il numero
di serie associato.

283
21
SOLIDWORKS
Questo capitolo comprende i seguenti argomenti:

• Integrazione della tabella di revisione


• Toolbox

Integrazione della tabella di revisione


SOLIDWORKS PDM è ora in grado di leggere e scrivere i valori da o verso una tabella di
revisione SOLIDWORKS. È possibile configurare le variabili SOLIDWORKS PDM affinché
aggiungano automaticamente informazioni come data di revisione, descrizione e
responsabile approvazione di una nuova riga nella tabella o per aggiornare l'ultima riga.
Quando si modificano i valori delle variabili mappati nella scheda dati di un file, i valori
dell'ultima riga della tabella sono aggiornati e viceversa.
La riga di una tabella di revisione può essere aggiornata automaticamente usando:
• Le operazioni di transizione Imposta variabile
• Il comando Imposta revisione

Configurazione dell'integrazione della tabella di revisione


Per configurare l'integrazione della tabella di revisione:
1. Configurare la mappatura tra le variabili SOLIDWORKS PDM e le colonne della tabella
di revisione nel disegno SOLIDWORKS.
Per i dettagli, vedere Mappatura di variabili a proprietà file alla pagina 495.
2. Configurare il nodo Tabella di revisione.
3. Impostare una variabile che mantiene la revisione delle proprietà personalizzate.
È necessario impostare la variabile Revisione per lo stato corrente di un file durante
l'operazione di impostazione della revisione e per lo stato di destinazione di un file
durante l'operazione di modifica dello stato. Per i dettagli, vedere Finestra di dialogo
Imposta variabili alla pagina 116.
4. Definire l'operazione di transizione Imposta variabile per ciascuna variabile.
Non è necessario definire l'operazione di transizione Imposta variabile per la variabile
Area, in quanto è di sola lettura.

284
SOLIDWORKS

Configurazione del nodo Tabella di revisione


È necessario configurare il nodo Tabella di revisione per aggiornare le righe della tabella
di revisione.
Per configurare il nodo Tabella di revisione:
1. Nello strumento di amministrazione, espandere SOLIDWORKS e fare doppio clic su
Tabella di revisione.
2. Selezionare Attiva tabella di revisione per gestire la tabella di revisione tramite
SOLIDWORKS PDM.
3. Impostare i valori nelle schede Impostazioni della tabella di revisione e
Impostazioni del comando Imposta revisione.
4. Fare clic su OK.

Configurazione delle impostazioni della tabella di revisione


È possibile impostare le opzioni sulla scheda Impostazioni della tabella di revisione.
Per configurare le impostazioni della tabella di revisione:
1. Aprire la finestra Tabella di revisione.
2. Nella scheda Impostazioni della tabella di revisione, impostare il numero di righe
visibili nella tabella di revisione.
3. In Carattere segnaposto revisione, inserire uno o più caratteri segnaposto.

Configurazione delle impostazioni del comando Imposta


revisione
È possibile impostare le opzioni sulla scheda Impostazioni del comando Imposta revisione
per aggiornare la tabella di revisione quando viene eseguito il comando Imposta revisione.
Nel File Explorer, nella finestra Imposta revisione, selezionare Aggiorna variabile per
aggiornare la tabella di revisione.
Per configurare le impostazioni del comando Imposta revisione:
1. Aprire la finestra Tabella di revisione e selezionare la scheda Impostazioni del comando
Imposta revisione.
2. Selezionare Aggiorna tabella di revisione nel disegno SOLIDWORKS tramite
il comando "Imposta revisione".
3. Selezionare una casella di controllo nella Colonna della tabella di revisione per
una variabile da visualizzare nella tabella di revisione.
4. Immettere un valore in Valore della colonna.

È possibile fare clic su per selezionare la variabile di sistema.


5. Selezionare una variabile corrispondente in Nome variabile.
6. Fare clic su OK.

285
SOLIDWORKS

Definizione di mappatura delle variabili


È possibile configurare la mappatura tra le variabili SOLIDWORKS PDM e le colonne della
tabella di revisione nei disegni SOLIDWORKS.
Per configurare la mappatura delle variabili:
1. Espandere il nodo Variabili e modificare le variabili.
È possibile modificare le variabili correnti Approvato da, Descrizione, Data,
Revisione o creare nuove variabili. È necessario creare la variabile Area come sola
lettura, poiché il valore di questa variabile è letto dal disegno.
2. In Nome variabile, digitare un nome.
3. Impostare il Tipo di variabile come Testo.
4. In Nome blocco, digitare SWRevTable.
5. In Nome attributo, selezionare il nome dell'attributo.
Per una colonna personalizzata, è necessario digitare il nome dell'attributo che è lo
stesso dell'intestazione della colonna della tabella di revisione.
Quando si utilizza il blocco SWRevTable per la colonna della tabella di revisione
predefinita, è possibile selezionare il nome dell'attributo dall'elenco.
6. Digitare l'estensione del file, slddrw, e fare clic su OK.

Finestra Tabella di revisione


Per aprire la finestra Tabella di revisione:
• Espandere il nodo SOLIDWORKS e fare doppio clic su Tabella di revisione.

Attiva tabella di Selezionare questa opzione per gestire la tabella di revisione


revisione del disegno SOLIDWORKS tramite SOLIDWORKS PDM.
Quando le tabelle di revisione vengono attivate in SOLIDWORKS
PDM, le opzioni SOLIDWORKS Controllo alfa/numerico non
sono disponibili per la Tabella di revisione in Strumenti >
Opzioni > Proprietà del documento > Tabelle >
Revisione. Apparirà un messaggio, Revisione guidata da
SOLIDWORKS PDM nella finestra di dialogo Opzioni di tabella
SOLIDWORKS.

Impostazioni della tabella di revisione

Numero di righe visibili Imposta il numero di righe da visualizzare


nella tabella di revisione del disegno.
Quando il numero di righe della tabella di
revisione nel disegno supera il numero
impostato, la riga più vecchia viene
eliminata.

286
SOLIDWORKS

Caratteri segnaposto di revisione Consente di immettere i caratteri che


vengono visualizzati nella colonna Revisione
della tabella di revisione. L'effettivo valore
della revisione sostituisce questi caratteri
quando si cambia la revisione in
SOLIDWORKS PDM.
È obbligatorio inserire uno o più caratteri
segnaposto. I caratteri segnaposto devono
avere una lunghezza compresa tra 1 e 5
caratteri.

Impostazioni del comando Imposta revisione

Aggiorna tabella di revisione nel Aggiornamenti della tabella di revisione


disegno SOLIDWORKS tramite il quando:
comando "Imposta revisione" • Si definisce l'azione Imposta revisione.
• Selezionare Aggiorna variabile in File
Explorer, nella finestra di dialogo Imposta
revisione.

Selezionare una casella di controllo per visualizzare una variabile come una colonna della
tabella di revisione.

Colonna della Valore della colonna Nome variabile


tabella di
revisione

Revisione Di default, impostare il valore di Selezionare la variabile mappata,


revisione definito con l'azione Revisione.
Imposta revisione.
L'elenco mostra le variabili che
sono mappate tramite il nome
blocco SWRevTable.

Descrizione, Data, Selezionare la variabile.


Fare clic su per selezionare
Approvatore
una variabile da aggiungere alla
colonna. È anche possibile
digitare il testo.

Supporto SOLIDWORKS PDM per l'integrazione della tabella


di revisione
L'integrazione della tabella di revisione è supportata per il formato disegno SOLIDWORKS
2018 e versioni successive.

287
SOLIDWORKS

Il disegno SOLIDWORKS deve includere una tabella di revisione con Stile fogli multipli
impostato su Vedi foglio 1 o Collegato.

Condizioni per la gestione delle tabelle di revisione


SOLIDWORKS PDM aggiorna una riga segnaposto o aggiunge una nuova riga alla tabella
di revisione in un disegno SOLIDWORKS.
Che SOLIDWORKS PDM aggiorni una riga segnaposto o aggiunga una nuova riga dipende
da determinate condizioni:
• Condizione 1: La riga segnaposto esiste in un disegno SOLIDWORKS.
• Condizione 2: Il valore di revisione nella riga di revisione più recente della tabella di
revisione nel disegno SOLIDWORKS corrisponde al valore variabile Revisione in
SOLIDWORKS PDM.
SOLIDWORKS PDM aggiorna la riga di un segnaposto se almeno una condizione è vera
e aggiunge una nuova riga se entrambe le condizioni sono false.

L'integrazione della tabella di revisione supporta la colonna dell'area solo


quando esiste la riga segnaposto. Il valore della variabile dell'area varia in
base alla posizione del simbolo di revisione.

Toolbox
Configurazione di Toolbox in SOLIDWORKS PDM e
SOLIDWORKS
Se già si utilizza Toolbox, vedere Migrazione delle librerie Toolbox esistenti alla
pagina 294.

288
SOLIDWORKS

Per configurare SOLIDWORKS PDM per gestire la libreria SOLIDWORKS Toolbox:


1. Se Toolbox non è già presente nel vault di SOLIDWORKS PDM, eseguirne il check-in.
a) Copiare la cartella di primo livello di Toolbox (SOLIDWORKS Data per impostazione
predefinita) in una cartella del vault nella vista locale del vault.
La cartella di primo livello di Toolbox contiene le cartelle Browser e lang.

Nella cartella lang\language , copiare solo il file swbrowser.sldedb. Non


copiare il file SWBrowser.ldb se esiste. Questo è un file provvisorio presente
solo quando Toolbox è stato configurato. Copiarlo nel vault eviterà in futuro il
salvataggio di modifiche di configurazione Toolbox.

È possibile copiare Toolbox nella cartella radice del vault o creare una
sottocartella, ad esempio di nome Libreria. È anche possibile rinominare la
cartella di primo livello di Toolbox nel vault, ad esempio da SOLIDWORKS Data
a Toolbox.

b) Fare clic con il pulsante destro del mouse su una cartella del vault toolbox e
selezionare Check-in.
SOLIDWORKS PDM legge i riferimenti dei file e visualizza la finestra di dialogo
Check-in.
c) Nella finestra di dialogo Check-in, assicurarsi che tutte le caselle di controllo
Check-in siano selezionate e fare clic sul pulsante Check-in.

289
SOLIDWORKS

2. Dallo strumento di amministrazione SOLIDWORKS PDM, configurare Toolbox:


a) Accedere come utente con permessi amministrativi di tipo Autorizzato ad
aggiornare le impostazioni Toolbox.
b) Espandere il vault Toolbox, espandere SOLIDWORKS e fare doppio clic su
Toolbox.
c) Nella finestra di dialogo Toolbox, selezionare Gestisci SOLIDWORKS Toolbox
nel vault.
Questa opzione attiva l'integrazione Toolbox completa (consigliata). Deselezionare
questa opzione per usare l'integrazione Toolbox parziale.
d) Per All'accesso di Toolbox, usa i permessi da, selezionare l'utente
SOLIDWORKS PDM i cui permessi sono utilizzati da chiunque acceda a Toolbox
oppure selezionare <Utente connesso> per gestire individualmente i permessi
Toolbox.

Usare una combinazione di questa impostazione e i permessi dell'utente


individuale sulla cartella Toolbox per controllare l'accesso alle parti Toolbox.
Questi permessi si applicano solo all'uso della funzionalità del task pane di
Toolbox. Gli utenti che configurano Toolbox in SOLIDWORKS devono avere
permessi individuali per la cartella Toolbox che permetteranno loro di leggere,
effettuare il check out e aggiungere i file.
Vedere la descrizione di questa opzione in Finestra Toolbox alla pagina 292.

e) Per Percorso cartella di primo livello di Toolbox, digitare o selezionare una


cartella del vault Toolbox.
f) Selezionare Cerca le parti Toolbox nelle sottocartelle al check-in
dell'assieme.
g) Fare clic su OK.

290
SOLIDWORKS

3. Da SOLIDWORKS, configurare Toolbox:


a) Selezionare Strumenti > Opzioni > Creazione guidata fori/Toolbox.
• Nel caso di più di una vista di vault locale e se SOLIDWORKS PDM non può
identificare il vault di Toolbox, verrà chiesto all'utente di scegliere il vault di
Toolbox.
• Se non si è connessi al vault, un messaggio invita ad effettuare l'accesso.
• Se l'impostazione Cartella Creazione guidata fori e Toolbox corrente non
corrisponde all'impostazione nella finestra di dialogo Toolbox dello strumento
Amministrazione SOLIDWORKS PDM, verrà chiesto all'utente di cambiare
l'impostazione. Fare clic su Sì.
b) Nella finestra di dialogo Opzioni del sistema - Creazione guidata fori/Toolbox, per
Cartella Creazione guidata fori e Toolbox, digitare o navigare alla cartella del
vault SOLIDWORKS PDM se necessario.
SOLIDWORKS PDM copia il database Toolbox nella cache locale.
c) Fare clic su Configura.

Toolbox deve essere configurato una volta sola da un amministratore. Non è


necessario che gli utenti configurino Toolbox.

d) Fare clic su Sì per eseguire il check-out della cartella Toolbox.


e) Usare lo strumento di configurazione Toolbox per selezionare gli standard,
assegnare i numeri di parte ed effettuare altre operazioni di configurazione.
Per ulteriori informazioni, vedere la Guida in linea di Toolbox.
f) Fare clic su 3-Definire impostazioni dell'utente per specificare come vengono
salvate le nuove dimensioni di fissaggi.
g) Selezionare una delle opzioni seguenti:
• Crea configurazioni
Una configurazione viene aggiunta quando si usa una nuova dimensione del
fissaggio.
• Crea parti
Un file di parte viene creato quando si usa una nuova dimensione del fissaggio.
• Crea parti con Ctrl-Trascina
Un file di parte viene creato quando si usa CTRL+trascina un fissaggio da
Toolbox

h) Se si seleziona Crea parti or Crea parti su Ctrl-trascina, per Crea parti in


questa cartella, specificare una cartella per le parti create nel vault SOLIDWORKS
PDM.
i) Si consiglia di proteggere Toolbox con password ed impostare i permessi facendo
clic su 4-Permessi.
j) Per impostare una password, fare clic su Crea/Cambia, completare la finestra
Crea Password e fare clic su OK.
k) Impostare i permessi e in Impostazioni dell'utente, selezionare Imposta lo
stesso per tutti gli utenti.
l) Fare clic su Salva e Chiudi.

291
SOLIDWORKS

Quando si chiude lo strumento di configurazione, SOLIDWORKS PDM esegue


automaticamente il check-in della cartella Toolbox.
m) Fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo Opzioni del sistema - Creazione
guidata fori/Toolbox.
4. Chiedere a tutti gli utenti di impostare la loro Cartella Creazione guidata fori e
Toolbox (vedere passaggi 3a-3b) sulla cartella del vault Toolbox.

Prendere in considerazione l'opportunità di esportare il percorso corretto a tutti gli


utenti come file di registro utilizzando Impostazioni guidate di copiatura:
• Nei sistemi Windows 7 e Windows Server precedenti a Windows Server 2012,
nel menu di Windows Start, selezionare Tutti i programmi > SOLIDWORKS
<versione> > Strumenti di SOLIDWORKS > Impostazioni guidate di
copiatura.
• Nei sistemi Windows 8 e Windows Server 2012 o versione successiva, nella
schermata App, in SOLIDWORKS <versione> , fare clic su Strumenti
SOLIDWORKS > Impostazioni guidate di copiatura.

Gli utenti possono quindi iniziare a utilizzare i componenti Toolbox nei loro progetti.

Finestra Toolbox
Utilizzare la finestra di dialogo Toolbox per configurare l'integrazione Toolbox.
Per visualizzare questa finestra di dialogo:
Espandere SOLIDWORKS e fare doppio clic su Toolbox.
Le sezioni seguenti descrivono le opzioni della finestra di dialogo Toolbox.

Gestisci SOLIDWORKS Toolbox nel vault


• Selezionare questa opzione quando l'intera cartella Toolbox è ubicata in un vault
SOLIDWORKS PDM.
Specificare l'ubicazione della cartella nel vault come Percorso di cartella di origine
Toolbox.
Quando gli utenti accedono a Toolbox, SOLIDWORKS PDM esegue automaticamente
tutte le operazioni di gestione dei dati, come il check-in e check-out delle parti.

Se si gestisce Toolbox interamente nel vault, quando si aprono i file in SOLIDWORKS


o si effettua il check in dei file da SOLIDWORKS o File Explorer, SOLIDWORKS PDM
cercherà il vault per risolvere i riferimenti Toolbox.

• Deselezionare questa opzione per usare l'integrazione parziale Toolbox, dove la cartella
di origine Toolbox si trova esternamente al SOLIDWORKS PDM vault e una seconda
cartella nel vault è usata per sistemare le nuove configurazioni delle parti.
Specificare l'ubicazione della seconda cartella come Percorso di cartella di origine
Toolbox.
Quando gli utenti creano nuove configurazioni o parti, SOLIDWORKS PDM crea
automaticamente le nuove versioni dei file in questa cartella.

292
SOLIDWORKS

All'accesso di Toolbox, usa i permessi da


(Disponibile quando è selezionato Gestisci SOLIDWORKS Toolbox nel vault.) Specifica
l'utente SOLIDWORKS PDM di cui vengono utilizzati i permessi quando gli utenti accedono
a Toolbox attraverso il Task Pane SOLIDWORKS Design Library.
L'utente selezionato deve avere permessi di lettura/scrittura nella cartella di vault Toolbox.
Tutti gli altri utenti possono avere il permesso di sola lettura. Gli utenti con il permesso
di sola lettura possono ancora usare Toolbox perché SOLIDWORKS PDM applica i permessi
dell'utente scelto a prescindere da chi inizia l'azione Toolbox.

Per assicurare che non venga impedito ad altri utenti di apportare modifiche, impostare
i permessi in modo tale che gli utenti non possano eseguire il check out manualmente
di parti Toolbox mediante SOLIDWORKS PDM. Lasciare invece che l'integrazione
Toolbox/SOLIDWORKS PDM gestisca i file automaticamente.

Questi permessi si applicano solo all'uso della funzionalità del task pane di Toolbox. Gli
utenti che configurano Toolbox in SOLIDWORKS devono avere permessi individuali per
la cartella Toolbox che permetteranno loro di leggere, effettuare il check out e
aggiungere i file, come descritto di seguito.

Effettuare una selezione:


Utente Per semplificare la gestione degli accessi, selezionare un SOLIDWORKS
Toolbox PDM utente che abbia diritti di lettura/scrittura alla cartella del vault Toolbox
e concedere accesso in sola lettura a tutti gli altri utenti. È possibile
selezionare l'utente SOLIDWORKS PDM Admin oppure creare un utente
specifico per Toolbox.
Quando la libreria Toolbox viene usata, invece di utilizzare i permessi
dell'utente che accede alla libreria, SOLIDWORKS PDM utilizzerà qui i
permessi dell'utente scelto; tuttavia, la cronologia della parte mostra
l'utente che ha effettuato l'operazione.

<Utente Per controllare l'accesso a Toolbox individualmente per ciascun utente,


connesso> selezionare <Utente connesso> e impostare i permessi SOLIDWORKS
PDM sulla cartella Toolbox per ciascun utente. Quando gli utenti accedono
a Toolbox per la prima volta durante una sessione SOLIDWORKS, un
messaggio li invita a fornire SOLIDWORKS PDM nome e password.
Ad esempio, per implementare un Toolbox gestito dagli amministratori di
libreria, in cui solo utenti designati possano creare nuove configurazioni o
parti, selezionare <Utente connesso>, concedere permessi di lettura e
scrittura agli amministratori di libreria e solo permessi di lettura a tutti gli
altri utenti.

Per l'accesso e la configurazione di Toolbox sono necessari i seguenti SOLIDWORKS PDM


permessi di cartella e stato:
• Per l'accesso lettura/scrittura e la configurazione di Toolbox:
• Aggiungi o rinomina file
• Check-out file
• Leggi contenuto file
• Mostra le versioni di lavoro dei file

293
SOLIDWORKS

• Per l'accesso in sola lettura:


• Leggi contenuto file
• Mostra le versioni di lavoro dei file

Percorso cartella di primo livello di Toolbox


Specifica la cartella del vault SOLIDWORKS PDM in cui viene gestita la libreria
SOLIDWORKS Toolbox. Questa è la cartella contenente le cartelle Toolbox Browser e
lang (SOLIDWORKS Data per impostazione predefinita).
Se rimane vuoto, non vi sarà interazione tra Toolbox e SOLIDWORKS PDM.
Se l'opzione Gestisci SOLIDWORKS Toolbox nel vault è selezionata:
• Eseguire il check-in di Toolbox prima di impostare questa opzione. SOLIDWORKS PDM
autentica il percorso ricercando il database Toolbox
(lang\<lingua>\swbrowser.sldedb).
• Gli utenti devono specificare questo percorso di cartella del vault nella finestra di dialogo
Opzioni del sistema - Creazione guidata fori/Toolbox di SOLIDWORKS.
Se l'opzione Gestisci SOLIDWORKS Toolbox nel vault è deselezionata, questo percorso
punta alla posizione nel vault in cui sono salvate le nuove configurazioni delle parti Toolbox.

Questo è il metodo usato per l'integrazione di Toolbox prima della release 2010.

Per specificare l'ubicazione della cartella di origine Toolbox, situata all'esterno del vault,
in SOLIDWORKS fare clic su Strumenti > Opzioni > Creazione guidata
fori/Toolbox e digitare o raggiungere tale posizione.

Cerca le parti Toolbox nelle sottocartelle al check-in dell'assieme


Quando gli assiemi vengono sottoposti a check in da File Explorer, esamina ricorsivamente
le cartelle sotto la cartella di primo livello del vault Toolbox per trovare le parti. Questa
opzione è consigliata soprattutto per la migrazione di Toolbox.

Questa opzione non vale per l'aggiunta SOLIDWORKS PDM perché in tal caso si devono
risolvere i problemi di riferimento quando si apre l'assieme in SOLIDWORKS.

Migrazione delle librerie Toolbox esistenti


La gestione completa di Toolbox da parte di SOLIDWORKS PDM richiede che l'intera libreria
Toolbox sia collocata in un vault di SOLIDWORKS PDM.
Se Toolbox è stato installato per la prima volta, specificare un vault SOLIDWORKS PDM
come ubicazione dell'installazione Toolbox.
Se tutta o parte della libreria Toolbox è stata precedentemente installata all'esterno del
vault, migrare la libreria a un vault di SOLIDWORKS PDM.

294
SOLIDWORKS

Scenari di migrazione Toolbox


Esistono diversi scenari di migrazione per l'integrazione Toolbox, a seconda della versione
di SOLIDWORKS e SOLIDWORKS PDM, il modo in cui Toolbox è stato gestito in passato
e come vengono gestiti i file Toolbox ora.
È possibile:
• Aggiornare SOLIDWORKS e SOLIDWORKS PDM alla versione più recente e gestire una
singola directory Toolbox nel vault. (Consigliato)
1. Installare la versione più recente di SOLIDWORKS PDM.
2. Copiare tutti i file Toolbox nel vault. Per le istruzioni sulla copia dei file Toolbox e
la modifica del percorso Toolbox, vedere Migrazione dall'integrazione Toolbox
parziale a quella completa alla pagina 295 o Migrazione di un Toolbox condiviso
alla pagina 296.
3. Eseguire la Gestione installazioni SOLIDWORKS per fare l'upgrade di SOLIDWORKS
e Toolbox. Vedere Upgrade per gestire Toolbox totalmente nel vault alla pagina
298.
4. Configurare Toolbox in SOLIDWORKS PDM e SOLIDWORKS. Vedere Configurazione
di Toolbox in SOLIDWORKS PDM e SOLIDWORKS alla pagina 288.

• Aggiornare SOLIDWORKS e SOLIDWORKS PDM alla versione più recente e continuare


ad usare le due directory per le parti di Toolbox.
1. Installare la versione più recente di SOLIDWORKS PDM
2. Non cambiare l'ubicazione dei file Toolbox.
3. Eseguire la Gestione installazioni SOLIDWORKS per fare l'upgrade di SOLIDWORKS
e Toolbox.
4. Usare la finestra di dialogo Toolbox nello strumento Amministrazione di
SOLIDWORKS PDM per specificare il percorso alla cartella nel vault usato per
archiviare le configurazioni delle parti Toolbox.

Specificando il percorso nello strumento Amministrazione di SOLIDWORKS PDM


si viene a sostituire il metodo di configurazione usato precedentemente, dove il
percorso è stato specificato usando la finestra di dialogo Opzioni per l'aggiunta
di SOLIDWORKS PDM in SOLIDWORKS.

Migrazione dall'integrazione Toolbox parziale a quella completa


Se si utilizza l'integrazione Toolbox parziale, con una libreria master esterna al vault ma
con i file di parte presenti nel vault, è necessario consolidare la libreria nel vault prima
di installare o fare l'upgrade di SOLIDWORKS e configurare l'integrazione di SOLIDWORKS.

Quando vi sono gli stessi file sia esterni sia interni al vault, la procedura da utilizzare
dipende dalla posizione dei file più recenti. Di solito i file nel vault sono più recenti. I
file esterni al vault possono essere più recenti se gli utenti utilizzano la libreria Toolbox
condivisa ma non usano SOLIDWORKS PDM per gestire i progetti.

Per migrare all'integrazione Toolbox completa:


1. Se i file esterni al vault sono più recenti di quelli nel vault (condizione insolita), eseguire
il check-out dell'intero Toolbox.

295
SOLIDWORKS

2. Copiare nel vault la cartella di primo livello di Toolbox che è esterna al vault.
Se esistono file identici internamente ed esternamente al vault, un messaggio invita
a sovrascrivere i file nel vault. Se i file nel vault sono più recenti (situazione tipica),
non sovrascriverli. Se i file esterni al vault sono più recenti, sovrascrivere i file nel
vault.

3. Eseguire il check-in della cartella del vault Toolbox.


A questo punto il vault contiene le versioni più recenti di tutte le parti Toolbox.

4. Rinominare o spostare il precedente Toolbox condiviso (esterno al vault) in modo che


non sia accessibile agli utenti.

Se si prevede di eliminare il Toolbox condiviso, eseguirne prima il backup.

5. Effettuare l'aggiornamento di SOLIDWORKS e SOLIDWORKS PDM alla versione più


recente come descritto in Upgrade per gestire Toolbox totalmente nel vault alla
pagina 298.
6. Configurare Toolbox come descritto in Configurazione di Toolbox in SOLIDWORKS
PDM e SOLIDWORKS alla pagina 288.

Selezionare Gestisci SOLIDWORKS Toolbox nel vault e Ricerca le sottocartelle


per le parti Toolbox al check in dell'assieme quando si configura Toolbox.

7. Completare i passaggi contenuti in Istruzioni di post migrazione per gli utenti Toolbox.

Migrazione di un Toolbox condiviso


È possibile migrare una libreria Toolbox condivisa in un vault SOLIDWORKS PDM.
Utilizzare questa procedura quando la libreria Toolbox esistente è interamente esterna
al vault. .
Per migrare una libreria Toolbox condivisa in un vault SOLIDWORKS PDM:
1. Se si hanno più librerie Toolbox, consolidarle in una singola libreria master prima di
eseguire la migrazione a un vault SOLIDWORKS PDM.
Vedere la Guida di SOLIDWORKS Toolbox: Creazione di un Toolbox condiviso da
Standalone.

2. Copiare la libreria consolidata nel vault ed effettuare il check in.


3. Rinominare o spostare il precedente Toolbox condiviso (esterno al vault) in modo che
non sia accessibile agli utenti.

Se si prevede di eliminare il Toolbox condiviso, eseguirne prima il backup.

4. Effettuare l'aggiornamento di SOLIDWORKS e SOLIDWORKS PDM alla versione più


recente come descritto in Upgrade per gestire Toolbox totalmente nel vault alla
pagina 298.

296
SOLIDWORKS

5. Configurare Toolbox come descritto in Configurazione di Toolbox in SOLIDWORKS


PDM e SOLIDWORKS alla pagina 288.

Selezionare Gestisci SOLIDWORKS Toolbox nel vault e Ricerca le sottocartelle


per le parti Toolbox al check in dell'assieme quando si configura Toolbox.

6. Completare i passaggi in Istruzioni di post migrazione per gli utenti Toolbox alla
pagina 297.

Istruzioni di post migrazione per gli utenti Toolbox


Quando la migrazione di Toolbox viene completata, istruire gli utenti a cancellare i percorsi
Toolbox esistenti ed usare File Explorer invece di SOLIDWORKS per fare il check in degli
assiemi che usano le parti Toolbox.
Gli utenti dovrebbero:
• Rimuovere i percorsi Toolbox esistenti dagli elenchi di cartella Documenti referenziati
di SOLIDWORKS:
1. In SOLIDWORKS fare clic su Strumenti > Opzioni > Opzioni del sistema >
Posizioni dei file.
2. In Mostra cartelle per, selezionare Documenti referenziati.
3. Sotto Cartelle, selezionare i percorsi del Toolbox precedente e fare clic su Elimina.
4. Fare clic su OK.
• Fare il check in degli assiemi padre nel vault usando File Explorer.
Il check-in degli assiemi dall'aggiunta SOLIDWORKS non è comodo quanto l'uso di File
Explorer perché richiede l'apertura di ogni assiemi in SOLIDWORKS prima del check
in.
Dato che SOLIDWORKS ricerca le parti Toolbox prima nel vault, SOLIDWORKS aggiorna
automaticamente i riferimenti Toolbox alla nuova posizione del vault. Se si aprono
versioni storiche degli assiemi, SOLIDWORKS aggiorna automaticamente anche questi
riferimenti Toolbox.

Per confermare che un assieme faccia riferimento a parti Toolbox nel vault, aprire
l'assieme in SOLIDWORKS e fare clic su File > Riferimenti del file.

Upgrade del software Toolbox


L'upgrade di Toolbox fa parte dell'upgrade di SOLIDWORKS, utilizzando la Gestione
installazioni SOLIDWORKS.
Vengono forniti due scenari di upgrade:
• Utilizzare Upgrade per gestire Toolbox totalmente nel vault quando Toolbox è stato
gestito con Enterprise PDM prima della release 2010 e si vuole passare al metodo di
integrazione Toolbox completa.
• Utilizzare Upgrade Toolbox correnti dopo avere impostato Toolbox ad essere gestito
totalmente nel vault.

297
SOLIDWORKS

Upgrade per gestire Toolbox totalmente nel vault


Usare questo upgrade quando si è svolto un lavoro con tutte o alcune librerie Toolbox
esternamente al vault e si intende gestire l'intera libreria Toolbox nel vault.

Ogni computer che usa l'integrazione di SOLIDWORKS PDM con Toolbox deve essere
aggiornato individualmente; tuttavia, solo la cartella Toolbox necessita di un
aggiornamento una volta sul primo sistema.

Per aggiornare Toolbox:


1. Se in precedenza Toolbox è stato gestito usando le directory esterne al vault, prima
di fare l'upgrade, migrare i dati Toolbox esterni al vault nel vault. Vedere Migrazione
delle librerie Toolbox esistenti.
2. In SOLIDWORKS, modificare il percorso Toolbox per rivolgerlo alla cartella di origine
Toolbox nel vault:
a) Fare clic su Strumenti > Opzioni > Creazione guidata fori/Toolbox.
b) Nella finestra di dialogo Opzioni del sistema - Creazione guidata fori/Toolbox, per
cartella Creazione guidata fori e Toolbox, immettere o selezionare la cartella.
c) Fare clic su OK.
3. In Esplora Risorse, accedere al vault come utente con permessi totali (check out,
check in, aggiunta, eliminazione).
4. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla cartella Toolbox e selezionare Prendi
la versione più recente per copiare le parti Toolbox nella cache locale.
5. Per gli aggiornamenti, è necessario eseguire il check-out del file del database Toolbox:
• Da SOLIDWORKS 2014 o da una versione precedente, eseguire il check-out di:
vault_name\Toolbox_folder_name\lang\your_language\SWBrowser.mdb.
• Da versioni successive di SOLIDWORKS, eseguire il check-out di:
vault_name\Toolbox_folder_name\lang\your_language\swbrowser.sldedb.

6. Eseguire la Gestione installazioni SOLIDWORKS per aggiornare.


7. Nello schermo Sintesi, assicurarsi che l'ubicazione dell'installazione Opzioni Toolbox
sia l'ubicazione nel vault.
Nel caso contrario, fare clic su Cambia, selezionare Riferimento o upgrade di un
Toolbox esistente e navigare all'ubicazione Toolbox nel vault.

8. Per gli aggiornamenti da SOLIDWORKS 2014 o versioni precedenti, al termine


dell'aggiornamento, individuare in Esplora risorse la cartella indicata nel passaggio 5
e aggiungere al vault il file di database di Toolbox swbrowser.mdb sldedb.
È possibile aggiungere al vault altri file locali creati in questa cartella.
9. Per tutti gli aggiornamenti, eseguire il checkin della cartella Toolbox per aggiungere
al vault qualsiasi file nuovo o aggiornato, in modo che altri utenti possano utilizzare
Toolbox.
10. Accedere alla cartella Toolbox nel vault e verificare che siano presenti:
• \Toolbox_folder_name\Aggiornamenti
• \Toolbox_folder_name\ToolboxStandards.xml
• \Toolbox_folder_name\Browser\ToolboxFiles.index
Se non sono presenti, contattare il proprio rivenditore VAR.

298
SOLIDWORKS

11. Eseguire l'aggiornamento del resto dei computer che usano l'integrazione di
SOLIDWORKS PDM con Toolbox:
a) In SOLIDWORKS, modificare il percorso Toolbox per rivolgerlo alla cartella di
origine Toolbox nel vault.
b) In Esplora Risorse, fare clic con il pulsante destro del mouse sulla cartella Toolbox
e selezionare Prendi la versione più recente per copiare le parti Toolbox nella
cache locale.
c) Eseguire la Gestione installazioni SOLIDWORKS per aggiornare.

Upgrade Toolbox correnti


Quando si aggiorna il software SOLIDWORKS, Toolbox viene aggiornato se vi sono state
aggiunte parti. Se la cartella di origine Toolbox è contenuta in un vault di SOLIDWORKS
PDM, prima di iniziare l'aggiornamento di SOLIDWORKS, è necessario prepararla.
Sul primo sistema da aggiornare, eseguire il check-out del database Toolbox e utilizzare
Prendi la versione più recente per scaricare i file Toolbox nella cache locale. Sugli altri
sistemi da aggiornare, l’unica operazione consiste nello scaricare i file Toolbox.
• Verificare che sia presente un backup completo recente del database di vault e archivio.
• Assicurarsi che sulle parti Toolbox non sia effettuato il check out o non siano in uso in
uno degli assiemi su cui attualmente è effettuato il check out.
Per aggiornare Toolbox:
1. In Esplora Risorse, accedere al vault come utente con permessi totali (check out,
check in, aggiunta, eliminazione).
2. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla cartella Toolbox e selezionare Prendi
la versione più recente per copiare le parti Toolbox nella cache locale.

Se il proprio server di archivio è remoto, l'operazione impiegherà alcuni minuti.

3. Per gli aggiornamenti, è necessario eseguire il check-out del file del database Toolbox:
• Da SOLIDWORKS 2014 o da una versione precedente, eseguire il check-out di:
vault_name\Toolbox_folder_name\lang\your_language\SWBrowser.mdb.
• Da versioni successive di SOLIDWORKS, eseguire il check-out di:
vault_name\Toolbox_folder_name\lang\your_language\swbrowser.sldedb.

4. Eseguire la Gestione installazioni SOLIDWORKS per aggiornare.


5. Nello schermo Sintesi, assicurarsi che l'ubicazione dell'installazione Opzioni Toolbox
sia l'ubicazione nel vault.
Nel caso contrario, fare clic su Cambia, selezionare Riferimento o upgrade di un
Toolbox esistente e navigare all'ubicazione Toolbox nel vault.

6. Per gli aggiornamenti da SOLIDWORKS 2014 o versioni precedenti, al termine


dell'aggiornamento, individuare in Esplora risorse la cartella indicata nel passaggio 3
e aggiungere al vault il file di database di Toolbox swbrowser.sldedb.
È possibile aggiungere al vault altri file locali creati in questa cartella.
7. Per tutti gli aggiornamenti, eseguire il checkin della cartella Toolbox per aggiungere
al vault qualsiasi file nuovo o aggiornato, in modo che altri utenti possano utilizzare
Toolbox.

299
SOLIDWORKS

8. Accedere alla cartella Toolbox nel vault e verificare che siano presenti:
• \Toolbox_folder_name\Aggiornamenti
• \Toolbox_folder_name\ToolboxStandards.xml
• \Toolbox_folder_name\Browser\ToolboxFiles.index
Se non sono presenti, contattare il proprio rivenditore VAR.

9. Eseguire l'aggiornamento del resto dei computer che usano l'integrazione di


SOLIDWORKS PDM con Toolbox:
a) In Esplora Risorse, accedere al vault come utente con il permesso almeno di
lettura alla cartella Toolbox.
b) Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla cartella Toolbox e selezionare
Prendi la versione più recente per copiare le parti Toolbox nella cache locale.
c) Eseguire la Gestione installazioni SOLIDWORKS per aggiornare.
Il programma di installazione rileva che Toolbox è già aggiornato.

300
22
Operazioni
Questo capitolo comprende i seguenti argomenti:

• Aggiunta di operazioni a un vault


• Autorizzazione per l'esecuzione di operazioni
• Finestra di dialogo Configurazione host di operazioni
• Creazione di una nuova operazione
• Configurazione dell'operazione di conversione (solo per SOLIDWORKS PDM
Professional)
• Configurazione dell'operazione di conversione (solo per SOLIDWORKS PDM
Standard)
• Configurazione dell'operazione di stampa (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)
• Configurazione dell'operazione Design Checker (solo per SOLIDWORKS PDM
Professional)
• Aggiunta Operazioni SOLIDWORKS PDF (solo per SOLIDWORKS PDM Professional)
• Creazione di una variante di operazione
• Esecuzione delle operazioni
• Monitoraggio delle operazioni
• Diagnostica dei problemi relativi alle operazioni
• Operazioni personalizzate
• Aggiornamento dell'aggiunta SOLIDWORKS Task (solo per SOLIDWORKS PDM
Professional)

La funzionalità Operazioni nello strumento Amministrazione consente di configurare, eseguire


e monitorare le operazioni frequenti eseguite sui file di SOLIDWORKS PDM.
Le operazioni sono definite da aggiunte create mediante le API di SOLIDWORKS PDM.
SOLIDWORKS PDM fornisce:
• L'aggiunta SOLIDWORKS Task, che consente l'uso di operazioni Converti, Design Checker
e Stampaper l'uso con i file SOLIDWORKS
• Un'API con cui i programmatori possono scrivere nuove aggiunte per operazioni
personalizzate
Tutte le operazioni utilizzano questa struttura, che prevede molti modi diversi per eseguire le
operazioni: su richiesta, in base a un programma o attivate da un flusso di lavoro SOLIDWORKS
PDM. È possibile configurare le operazioni per l'esecuzione su un computer specifico o distribuirle
su più computer client e server dedicati.
Nell'illustrazione seguente:
• L'elenco operazioni rappresenta le operazioni in attesa di esecuzione.
• I Task Host sono i computer configurati per eseguire le operazioni.

301
Operazioni

Un host di operazioni può essere un computer client SOLIDWORKS PDM utilizzato per il
lavoro quotidiano o per workstation o server dedicato.

Aggiunta di operazioni a un vault


SOLIDWORKS PDM fornisce le operazioni Converti, Design Checker e Stampa per l'uso
con i file SOLIDWORKS. Per fornire l'accesso a queste operazioni, è necessario aggiungerle
a un vault.
Per aggiungere le operazioni Converti, Design Checker e Stampa in un vault:
• Selezionando le operazioni alla creazione di un vault
• Importando le operazioni in un vault esistente
È anche possibile importare le operazioni create mediante le API di SOLIDWORKS PDM.

Aggiunta di operazioni durante la creazione del vault


È possibile aggiungere le operazioni Converti e Stampa dell'aggiunta SOLIDWORKS
Task a un vault quando viene creato.

Utilizzare l'importazione per aggiungere operazioni personalizzate create mediante le


API di SOLIDWORKS PDM.

Per aggiungere le operazioni durante la creazione del vault:


1. Nello strumento Amministrazione, fare clic con il pulsante destro del mouse sul server
archivio e selezionare Crea vault.

302
Operazioni

2. Utilizzare la procedura guidata Crea vault per specificare il nome del vault, la cartella
archivio, il server database, le impostazioni internazionali e la password dell'utente
amministrativo.
3. Nella schermata Configura vault, selezionare Usa una configurazione standard.
4. Selezionare la configurazione Default e fare clic su Avanti.
5. Nella schermata Seleziona dettagli di configurazione, sotto Esecuzione operazione,
selezionare Converti, Design Checker e Stampa.
6. Fare clic su Avanti, quindi su Fine.
Nel nuovo vault, le operazioni Converti, Design Checker e Stampa appaiono sotto
Operazioni.

Importazione di operazioni in un vault


Se un vault non include le operazioni Stampa e Converti, è possibile importarle.
Ad esempio, è possibile importare le operazioni in un vault creato con la configurazione
Avvio rapido, che non include le operazioni.
Per importare le operazioni Stampa, Design Checker e Converti in un vault:
1. accedere al vault nel quale importare le operazioni.
2. Nel primo livello del vault, fare clic con il pulsante destro del mouse e selezionare
Importa.
3. Nella finestra di dialogo Apri, selezionare:
directory_installazione\Default Data\
4. Selezionare Convert_gb.cex, Print_gb.cex e DesignChecker_gb.cex e fare clic
su Apri.
5. Quando appaiono messaggi di conferma per ciascun file, fare clic su OK.
Converti, Design Checker e Stampa appaiono sotto Operazioni e SWTaskAddIn
viene installato nelle Aggiunte.

È anche possibile esportare un'operazione da un altro vault e importarla in questo vault.

Autorizzazione per l'esecuzione di operazioni


Per eseguire le operazioni su un computer, è necessario configurare il computer come
host di operazioni. Si concedono permessi per l'esecuzione di un'operazione a ciascun
vault da cui saranno eseguite le operazioni.

Per le operazioni Converti, Design Checker e Stampa, SOLIDWORKS deve essere


installato sui sistemi selezionati per l'esecuzione di tale operazione. Quando si esegue
l'operazione, SOLIDWORKS si apre per un istante. Se si configura un'operazione per
la conversione di assiemi che utilizzano parti Toolbox, al fine di impedire che
SOLIDWORKS si blocchi è necessario impostare il percorso di Creazione guidata
fori/Toolbox in SOLIDWORKS in modo corrispondente alla posizione di Toolbox nel vault.
Vedere Configurazione di Toolbox in SOLIDWORKS PDM e SOLIDWORKS alla
pagina 288.

303
Operazioni

Per configurare un computer come host di operazioni:


1. Sul computer designato come host di operazioni, accedere al vault mediante File
Explorer.
2. Nell'area di notifica a destra della barra delle applicazioni, fare clic sull'icona
SOLIDWORKS PDM e fare clic su Configurazione host di operazioni.
3. Nella finestra di dialogo Configurazione host di operazioni, selezionare il vault in cui
permettere l'esecuzione di operazioni.
Vengono elencate le aggiunte di operazione installate nel vault.

4. Sotto Permetti, selezionare le aggiunte che possono eseguire operazioni su questo


computer.
5. Ripetere i passaggi 3 e 4 per ciascun vault in cui permettere l'esecuzione di operazioni.
6. Fare clic su OK.
Quando un amministratore seleziona il metodo di esecuzione per un'operazione, il computer
viene visualizzato nell'elenco dei computer selezionabili per l'esecuzione dell'operazione.

Finestra di dialogo Configurazione host di


operazioni
Utilizzare la finestra di dialogo Configurazione host di operazioni per specificare le aggiunte
per le quali è possibile eseguire le operazioni su questo computer.
Per visualizzare questa finestra di dialogo:
accedere al vault mediante File Explorer. Nella barra delle applicazioni, fare clic sull'icona
SOLIDWORKS PDM e fare clic su Configurazione host di operazioni

replicato Vault del quale eseguire le operazioni.


Se non si è connessi al vault selezionato, un messaggio invita
ad effettuare l'accesso.

Elenco aggiunte Aggiunte Operazioni installate su questo computer.


operazione
Permesso
Selezionare per abilitare l'esecuzione delle operazioni tramite
un'aggiunta. Deselezionare per disattivare l'esecuzione delle
operazioni.

Aggiunta selezionata
Selezionare un'aggiunta per visualizzarne i dettagli.

304
Operazioni

Aggiunta selezionata Dettagli dell'aggiunta selezionata:


• Nome
• Società
• Versione
• Descrizione

Creazione di una nuova operazione


Se si utilizza l'API di SOLIDWORKS PDM per creare un'aggiunta di operazione, si aggiunge
l'operazione al nodo Operazioni creando una nuova operazione.
Quando si crea l'operazione, le sue Proprietà fungono da procedura guidata e invitano
l'utente a specificare le informazioni dell'operazione. Il tipo di operazione selezionato
determina le altre opzioni configurabili dopo aver salvato la nuova operazione, ad esempio
opzioni di conversione o impostazioni di stampa.
Le opzioni qui descritte si basano sull'aggiunta SWTaskAddIn, fornita da SOLIDWORKS
PDM Professional.
Per creare un'operazione:
1. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Operazioni e selezionare Nuova
operazione.
2. Nella schermata Aggiunta della finestra di dialogo Proprietà dell'operazione:
a) Immettere il nome dell'operazione.
b) In Aggiunta, selezionare l'aggiunta dell'operazione installata dal nodo Aggiunta.
Quando si seleziona l'aggiunta, nel riquadro di sinistra si visualizzano altre opzioni.
c) Se si era creata una scheda per l'operazione, selezionarla da Scheda di input.
d) Se si desidera designare un utente specifico all'esecuzione dell'operazione,
selezionare il nome utente e la password.
L'impostazione di default autorizza l'utente connesso ad eseguire l'operazione.
e) Come opzione, configurare il comportamento di riprova se l'operazione non riesce.
f) Fare clic su Avanti.
3. Nella pagina Metodo di esecuzione:
a) Selezionare il modo in cui viene scelto un computer per eseguire l'operazione
quando viene iniziata.
b) Selezionare i computer che possono essere utilizzati per eseguire l'operazione.

Un computer è disponibile per la selezione se è abilitato per l'esecuzione di


operazioni. Vedere Autorizzazione per l'esecuzione di operazioni alla pagina
303.
Se non si vede il nome di un computer aggiunto di recente, fare clic su Aggiorna
elenco.

c) Fare clic su Avanti.

305
Operazioni

4. Nella pagina Comando di menu, per far sì che l'operazione appaia in File Explorer,
Fare clic con il pulsante destro del mouse sul menu:
a) Selezionare Mostra un comando di menu in File Explorer per questa
operazione.
b) Immettere il nome del comando.
c) Digitare il testo da visualizzare nella barra di stato della finestra di File Explorer.
5. Nella pagina Script:
a) Visualizzare lo script dell'aggiunta dell'operazione e, se necessario, selezionare
una macro che inserisca ad esempio il nome e l'estensione del file di origine.
Vedere Inserimento di macro in SOLIDWORKS Task Add-in Scripts (solo
per SOLIDWORKS PDM Professional) alla pagina 312.
b) Selezionare la Versione di SOLIDWORKS da utilizzare.
c) Selezionare il Tipo d'interfaccia utente dell'operazione, che determina le
opzioni configurabili disponibili dopo che si salva l'operazione.
d) Fare clic su Avanti.

Dopo aver salvato l'operazione, è possibile modificare queste informazioni mediante


la finestra di dialogo Opzioni di script avanzate, accessibile dalla pagina File della
finestra di dialogo Proprietà dell'operazione.

6. Nella pagina Permessi, selezionare gli utenti e i gruppi autorizzati a iniziare l'operazione
e fare clic su Avanti.
7. Nella pagina Notifica di successo:
a) Selezionare gli utenti e i gruppi da notificare nel caso che l'operazione riesca.
b) Immettere l'oggetto e il testo della notifica.
c) Fare clic su Avanti.
8. Nella pagina Notifica di errore:
a) Selezionare gli utenti e i gruppi da notificare nel caso che l'operazione non riesca.
b) Immettere l'oggetto e il testo della notifica.
c) Specificare il numero di volte che si desidera ritentare l'invio del messaggio se la
notifica non dà esisto e il tempo che deve intercorrere tra i tentativi.
d) Fare clic su OK.
La nuova operazione appare nel nodo Operazioni.

Proprietà operazione - Aggiunta


È possibile utilizzare la pagina AggiuntaAggiunta della finestra di dialogo Proprietà di
un'operazione per selezionare l'aggiunta per l'operazione. È anche possibile specificare
una scheda di input, l'utente che dovrà eseguire l'operazione e il numero e la frequenza
dei tentativi.
Per visualizzare questa pagina:
• per un'operazione esistente, espandere Operazioni e fare doppio clic sull'operazione.
• Per una nuova operazione, fare clic con il pulsante destro del mouse su Operazioni
e scegliere Nuova operazione.

306
Operazioni

Aggiunta Aggiunta per l'operazione.

SOLIDWORKS PDM Standard supporta solo


SOLIDWORKS Task Add-in.

Scheda di input (Per La scheda visualizzata per l'input da parte dell'utente quando
SOLIDWORKS PDM viene iniziata l'operazione.
Professional)
Le operazioni Converti e Stampa attivate quando il vault
viene creato non sono codificate per usare una scheda input
e nessuna scheda input è installata. Per usare una scheda
input con queste operazioni, creare una scheda (o aggiungere
i campi ad una esistente) per fornire i valori di esecuzione
alle operazioni di conversione o stampa. Utilizzare la finestra
di dialogo Opzioni di script avanzate per modificare le
operazioni aggiungendo il codice che utilizza input dalla
scheda. Usare la sintassi { } per fare riferimento alle variabili
di scheda.
Per ulteriori informazioni, fare riferimento alla Guida di
riferimento per programmatori. Per accedere alla guida,
andare in Esplora file, fare clic su Guida e selezionare Guida
di riferimento per programmatori di SOLIDWORKS PDM.

Esegui operazione L'utente del quale sono utilizzati i permessi all'esecuzione


come utente dell'operazione.
L'utente selezionato deve avere i permessi appropriati per
l'operazione. Ad esempio, per un'operazione di conversione,
l'utente deve avere il permesso per aggiungere un file alla
cartella specificata nel percorso di output.
Se non è selezionato un utente, l'operazione viene eseguita
dall'utente connesso.

Password Immettere la password se si specifica l'utente.

Numero di tentativi a Numero di volte che l'operazione viene ritentata se non riesce.
esito negativo

Minuti di attesa prima Numero di minuti prima che l'esecuzione dell'operazione viene
di esito negativo considerata un esito negativo.

Proprietà operazione - Metodo di esecuzione


Utilizzare la pagina Metodo di esecuzione della finestra di dialogo Proprietà di un'operazione
per selezionare i computer da utilizzare per eseguire l'operazione e il modo in cui iniziare
l'operazione.

307
Operazioni

Per visualizzare questa pagina:


Nella finestra di dialogo Proprietà dell'operazione fare clic su Metodo di esecuzione nel
riquadro sinistro.

Per le operazioni Converti e Stampa, è necessario che SOLIDWORKS sia installato


nei sistemi selezionati per l'esecuzione di tale operazione. Quando si esegue l'operazione,
SOLIDWORKS si apre per un istante. Se si configura un'operazione per la conversione
di assiemi che utilizzano parti Toolbox, al fine di impedire che SOLIDWORKS si blocchi
è necessario impostare il percorso di Creazione guidata fori/Toolbox in SOLIDWORKS
in modo corrispondente alla posizione di Toolbox nel vault. Vedere Configurazione di
Toolbox in SOLIDWORKS PDM e SOLIDWORKS alla pagina 288.

Il sistema sceglie i computer Il sistema sceglie automaticamente i computer host


che dovranno eseguire che dovranno eseguire l'operazione.
l'operazione (Per SOLIDWORKS
PDM Professional)

Sollecita l'utente a scegliere L'utente deve selezionare un computer sul quale


un computer all'inizio eseguire l'operazione.
dell'operazione (Per
SOLIDWORKS PDM Professional) Non selezionare questa opzione per eseguire
l'operazione in modo invisibile, ad esempio, quando
l'operazione viene iniziata da un cambiamento di
stato.

Esegui sul computer dal quale L'operazione viene eseguita sul computer da quale è
è iniziata l'operazione stata iniziata.

308
Operazioni

Computer che supportano Elenca i computer configurati per l'esecuzione di questa


questa operazione operazione.
Selezionare i computer da utilizzare.
Se l'esecuzione di questa operazione non è permessa
su alcuno dei computer, vengono visualizzate altre
istruzioni. Su ogni computer da autorizzare
all'esecuzione dell'operazione:
1. Nell'area di notifica a destra della barra delle
applicazioni, fare clic sull'icona SOLIDWORKS PDM
.
2. Fare clic su Configurazione host operazioni.
3. Selezionare il Vault nel quale è autorizzata
l'operazione.
L'elenco visualizza le operazioni con aggiunte
installate per il vault selezionato.
4. Per consentire un'operazione, selezionare
Permetti.
5. Fare clic su OK.
6. Nella pagina Metodo di esecuzione della finestra di
dialogo Proprietà dell'operazione, fare clic su
Aggiorna elenco.

Aggiorna elenco Aggiorna l'elenco dei computer disponibili.

Proprietà Task - Menu Comando (Solo per SOLIDWORKS


PDM Professional)
Utilizzare la pagina Comando di menu della finestra di dialogo Proprietà di un'operazione
per specificare l'opzione del menu contestuale visualizzata agli utenti in File Explorer.
Per visualizzare questa pagina, procedere in uno dei modi seguenti:
• espandere il nodo Operazioni e fare doppio clic su un'operazione. Nel riquadro sinistro
fare clic su Comando di menu.
• Fare clic con il pulsante destro del mouse su Operazioni e selezionare Nuova
operazione. Nella pagina Aggiunta, per Aggiunta, selezionare l'Aggiunta
SOLIDWORKS Task. Nel riquadro di sinistra fare clic su Comando di menu.

Mostra un comando di menu Visualizza il comando del menu contestuale specificato


in File Explorer per questa nel campo Comando di menu.
operazione
Deselezionare l'opzione per non visualizzare il comando
del menu contestuale.

Comando di menu

309
Operazioni

Testo di guida nella barra di Descrizione del comando che appare nella barra di stato
stato di File Explorer quando l'utente passa con il mouse
sopra il comando.

Proprietà Task - Script (solo per SOLIDWORKS PDM


Professional)
Utilizzare la pagina Script di una finestra di dialogo Proprietà di un task per modificare lo
script Task Add-in. Selezionare la versione SOLIDWORKS e il tipo di task. Utilizzare questa
pagina Script quando si creano nuovi task che utilizzano SOLIDWORKS Task Add-in oppure
si modifica un task Design Checker.
Per visualizzare questa pagina, procedere in uno dei modi seguenti:
• fare clic con il pulsante destro del mouse su Operazioni e scegliere Nuova
operazione.
• Espandere Operazioni e fare doppio clic su Design Checker.
Nella pagina Aggiunta, per Aggiunta selezionare Aggiunta SOLIDWORKS Task. Nel
riquadro di sinistra fare clic su Script.

Immettere lo script da Script del plug-in che esegue l'operazione.


eseguire in Per modificare lo script:
SOLIDWORKS
• Digitare un testo nella casella.
• Posizionare il cursore nella casella di testo e fare clic su
Inserisci macro.

Inserisci macro Inserisce una macro alla posizione del cursore nello script.
Vedere Inserimento di macro in SOLIDWORKS Task Add-in
Scripts (solo per SOLIDWORKS PDM Professional) alla
pagina 312.
Le macro seguenti risolvono i valori nell'interfaccia utente:

Percorso cartella di origine


Inserito nello script: <Path>
Si risolve in: Cartella che contiene il file di origine.
Esempio: C:\MyVault\Drawings\.

Percorso cartella di primo livello del vault


Inserito nello script: <VaultPath>
Si risolve in: Cartella principale del vault.
Esempio: C:\MyVault\.

310
Operazioni

GUID istanza di operazione


Inserito nello script: <TaskInstanceGuid>
Si risolve in: Un identificativo univoco globale (GUID)
utilizzato come ID dell'operazione.

Percorso file di origine


Inserito nello script: <Filepath>
Si risolve in: Percorso completo e nome del file di origine.
Esempio: C:\MyVault\Drawings\Part.sldprt.

Le seguenti macro non si risolvono in valori effettivi, ma


rimangono token nello script. È necessario aggiungere un codice
che analizzi i valori dal valore risolto di altre macro, ad esempio
<Filepath>. Alcuni esempi relativi a questa procedura sono
reperibili negli script di default delle operazioni Stampa e
Converti.

Nome file di origine


Inserito nello script: <Filename>

Estensione file di origine


Inserito nello script: <Extension>

Nome configurazione
Inserito nello script: <Configurazione>

Versione di La versione di SOLIDWORKS utilizzata dall'operazione.


SOLIDWORKS da Tutte le operazioni create con l'aggiunta SOLIDWORKS Task
utilizzare devono essere eseguite su un computer con installata questa
versione di SOLIDWORKS.

311
Operazioni

Tipo di interfaccia Determina le opzioni configurabili dell'operazione.


utente dell'operazione
È necessario salvare e quindi modificare l'operazione per
visualizzare le opzioni configurabili, disponibili come pagine
nella finestra di dialogo Proprietà dell'operazione.

Effettuare una selezione:

Tipo di interfaccia Opzioni configurabili


utente

Generali • Aggiunta
• Metodo di esecuzione
• Comando di menu
• Script
• Permessi
• Notifica di successo
• Notifica di errore

Conversione dei file Opzioni generali più:


• Impostazioni di conversione
• Scheda file
• Dettagli file di output

Stampa Opzioni generali più:


• Stampante
• Dimensione carta e orientamento
• Margini
• File

Inserimento di macro in SOLIDWORKS Task Add-in Scripts


(solo per SOLIDWORKS PDM Professional)
È possibile utilizzare le macro per modificare script esistenti, ad esempio script di operazioni
Converti o Stampa o per creare script personalizzati.
Quando si inserisce una macro in uno script, l'aggiunta Task li analizza sotto forma di
token. Durante l'esecuzione i valori degli script racchiusi tra < > vengono sostituiti con i
valori dall'aggiunta SOLIDWORKS Task. I valori vengono passati a SOLIDWORKS ed
eseguiti come macro.
Esaminare gli script Converti e Stampa per vedere come sono utilizzate le macro < >. Di
norma, è possibile inserire le macro nelle posizioni in cui gli script di operazione si
aspettano di ricevere un valore.
Con le macro < >, il codice esegue un'operazione Trova e Sostituisci. Se si usano le
stringhe, è necessario racchiudere le macro tra virgolette doppie "" come quando si

312
Operazioni

specifica un valore di stringa nella programmazione in Visual Basic. In caso contrario, il


testo non elaborato non racchiuso correttamente tra virgolette per il tipo di variabile
provocherà errori nello script.
Esempi di assegnazioni alla macro <Path>:

Codice e risultato

Variabili sPath="<Path>"
sPart="C:\MyVault\Drawings\"

Funzione o chiamata di GetFileNameFromPath("<percorso file>")


sottoroutine
GetFileNameFromPath("C:\MyVault\Drawings\Part.sldprt")

Finestra di dialogo Opzioni di script avanzate (solo per


SOLIDWORKS PDM Professional)
Una volta creata un'operazione, utilizzare la finestra di dialogo Opzioni di script avanzate
per modificare lo script di aggiunta operazione, la versione di SOLIDWORKS o il tipo di
operazione.
Per visualizzare questa finestra di dialogo:
• Quando si configura un'operazione di conversione, nella pagina Dettagli file di output,
fare clic su Opzioni di script avanzate.
• Quando si configura un'operazione di stampa, nella pagina File, fare clic su Opzioni
di script avanzate.

Immettere lo script da Script del plug-in che esegue l'operazione.


eseguire in Per modificare lo script:
SOLIDWORKS
• Digitare un testo nella casella.
• Posizionare il cursore nella casella e fare clic su Inserisci
macro.

Inserisci macro Inserisce una macro alla posizione del cursore nello script.
Vedere Inserimento di macro in SOLIDWORKS Task Add-in
Scripts (solo per SOLIDWORKS PDM Professional) alla
pagina 312.
Le macro seguenti risolvono i valori nell'interfaccia utente:

Percorso cartella di origine


Inserito nello script: <Path>
Si risolve in: Cartella che contiene il file di origine.
Esempio: C:\MyVault\Drawings\.

313
Operazioni

Percorso cartella di primo livello del vault


Inserito nello script: <VaultPath>
Si risolve in: Cartella principale del vault.
Esempio: C:\MyVault\.

GUID istanza di operazione


Inserito nello script: <TaskInstanceGuid>
Si risolve in: Un identificativo univoco globale (GUID)
utilizzato come ID dell'operazione.

Percorso file di origine


Inserito nello script: <Filepath>
Si risolve in: Percorso completo e nome del file di origine.
Esempio: C:\MyVault\Drawings\Part.sldprt.

Le seguenti macro non si risolvono in valori effettivi, ma


rimangono token nello script. È necessario aggiungere un codice
che analizzi i valori dal valore risolto di altre macro, ad esempio
<Filepath>. Alcuni esempi relativi a questa procedura sono
reperibili negli script di default delle operazioni Stampa e
Converti.

Nome file di origine


Inserito nello script: <Filename>

Estensione file di origine


Inserito nello script: <Extension>

Nome configurazione
Inserito nello script: <Configurazione>

Versione di La versione di SOLIDWORKS utilizzata dall'operazione.


SOLIDWORKS da Tutte le operazioni create con l'aggiunta Operazioni
utilizzare SOLIDWORKS devono essere eseguite su un computer con
installata questa versione di SOLIDWORKS.

314
Operazioni

Tipo di interfaccia Determina le opzioni configurabili dell'operazione.


utente dell'operazione
È necessario salvare e quindi modificare l'operazione per
visualizzare le opzioni configurabili, disponibili come pagine
nella finestra di dialogo Proprietà dell'operazione.

Effettuare una selezione:

Tipo di interfaccia Opzioni configurabili


utente

Generale • Aggiunta
• Metodo di esecuzione
• Comando di menu
• Script
• Permessi
• Notifica di successo
• Notifica di errore

Conversione dei file Opzioni generali più:


• Impostazioni di conversione
• Scheda file
• Dettagli file di output

Stampa in corso Opzioni generali più:


• Stampante
• Dimensione carta e orientamento
• Margini del foglio
• File

Proprietà operazione - Pianificazione


Utilizzare la pagina Pianificazione per specificare quando eseguire l'operazione in via di
configurazione.

Le operazioni Converti, Stampa e Design Checker non supportano la pianificazione.

Per visualizzare questa pagina:


fare clic con il pulsante destro del mouse su Operazioni e scegliere Nuova operazione.
Per Aggiunta, selezionare un'aggiunta che supporti la pianificazione. Nel riquadro sinistro
fare clic su Pianificazione.

315
Operazioni

Questa operazione Per eseguire un'operazione non pianificata:


non è pianificata • Configurare l'operazione che gli utenti devono eseguire.
• Aggiungere l'operazione ad azioni di transizione del flusso
di lavoro.
Vedere Launching a Task Using a Workflow alla pagina
362.
• Eseguire l'operazione dalla finestra di dialogo Elenco
operazioni.
Vedere Esecuzione di un'operazione su richiesta alla
pagina 363.

Questa operazione Data e ora di esecuzione dell'operazione.


deve essere eseguita Utilizzare il controllo del calendario per impostare la data e
una volta il l'ora.

Questa operazione Intervallo, data e ora di un'operazione periodica.


deve essere eseguita Utilizzare gli elenchi a discesa per selezionare:
ogni
• Un giorno e un'ora
È possibile selezionare un giorno specifico della settimana
o un intervallo. Ad esempio, è possibile selezionare
Mercoledì o Quarto giorno.
• Ora inizio
Utilizzare il controllo del calendario per cambiare la data e
l'ora.
• Fine
Selezionare la casella di controllo per specificare una data
e un'ora di fine per l'esecuzione dell'operazione.
Deselezionare la casella di controllo per eseguire
ripetutamente l'operazione.
Utilizzare il controllo del calendario per cambiare la data e
l'ora.

Pianificazione Selezionare questa impostazione per abilitare l'opzione Dettagli


avanzata che consente di visualizzare la finestra di dialogo Pianificazione
avanzata nella quale è possibile impostare più occorrenze
dell'operazione.

Finestra di dialogo Pianificazione avanzata


Utilizzare la finestra di dialogo Pianificazione avanzata per impostare diverse occorrenze
dell'operazione.

316
Operazioni

Per visualizzare questa finestra di dialogo:


nella pagina Pianificazione della finestra di dialogo Proprietà dell'attività, selezionare
Pianificazione avanzata e fare clic su Dettagli.

Pianificazione di Elenca le occorrenze pianificate dell'operazione.


questa operazione Fare clic su Nuovo per aggiungere un'occorrenza
dell'operazione all'elenco.
Selezionare un'occorrenza dell'operazione per cambiarne i
modificare i relativi parametri visualizzati in Occorrenza
selezionata.

Nuovo Aggiunge un'occorrenza di un'operazione all'elenco di


pianificazione.

Rimuovi Rimuove l'occorrenza selezionata dell'operazione dall'elenco.

Occorrenza selezionata
Utilizzare i campi per definire i parametri dell'operazione selezionata nell'elenco
Pianificazione di questa operazione.

Esegui una volta L'operazione viene eseguita una volta nella data e all'ora
specificate.

Esegui ripetutamente L'operazione viene eseguita diverse volte all'interno di un


periodo e con l'intervallo specificati.

Inizia il Data e ora di esecuzione dell'operazione.


Se si seleziona Esegui ripetutamente, indica la data e l'ora
di esecuzione della prima occorrenza dell'operazione.

Utilizzare o il controllo del calendario per impostare la data.

Utilizzare o per selezionare un'ora.

Termina il Selezionare la casella di controllo per specificare una data e


un'ora di fine delle operazioni configurate per l'esecuzione
ripetuta.
Se si disattiva la casella di controllo, l'operazione si esegue
all'infinito.

Utilizzare o il controllo del calendario per impostare la data.

Utilizzare o per selezionare un'ora.

Esegui in intervalli di La frequenza di ripetizione dell'operazione.

317
Operazioni

Proprietà Task - Permessi (solo per SOLIDWORKS PDM


Professional)
Utilizzare la pagina Permessi della finestra di dialogo Proprietà di un'operazione per
selezionare gli utenti e i gruppi autorizzati a iniziare l'operazione.
Per visualizzare questa pagina:
Nella finestra di dialogo Proprietà dell'operazione fare clic su Permessi nel riquadro
sinistro.

È anche possibile cambiare i permessi di singoli utenti e gruppi nella pagina Operazioni
della finestra di dialogo Proprietà dell'utente o del gruppo.

Utenti Utenti del vault.


Gli utenti per i quali è selezionato Permesso possono avviare
questa operazione.

Gruppi Gruppi del vault.


I membri dei gruppi per i quali è selezionato Permesso
possono avviare questa operazione.

Proprietà operazione - Notifica di successo


Utilizzare la pagina Notifica di successo della finestra di dialogo Proprietà di un'operazione
per selezionare gli utenti e i gruppi da notificare quando l'operazione riesce.
Per visualizzare questa pagina:
nella finestra di dialogo Proprietà dell'operazione fare clic su Notifica della riuscita nel
riquadro sinistro.

Utenti Utenti del vault.


Gli utenti per i quali è selezionato Invia ricevono una notifica
quando l'operazione ha esito positivo.

Notifica l'utente che


ha avviato
l'operazione

Gruppi Gruppi del vault.


I membri dei gruppi per i quali è selezionato Invia ricevono
una notifica quando l'operazione ha esito positivo.

318
Operazioni

Oggetto Riga oggetto della notifica.


È possibile digitare un testo statico o fare clic su per
aggiungere un testo generato mediante le variabili dinamiche
seguenti:
• Computer host
• Data corrente
• Ora corrente
• Iniziato da
• Eseguito come

Testo Testo del messaggio di notifica.


È possibile digitare il testo del messaggio o fare clic su per
aggiungere un testo generato mediante variabili dinamiche.

Proprietà operazione - Notifica di errore


Utilizzare la pagina Notifica di errore della finestra di dialogo Proprietà di un'operazione
per selezionare gli utenti e i gruppi da notificare quando l'operazione non riesce.
Per visualizzare questa pagina:
nella finestra di dialogo Proprietà dell'operazione fare clic su Notifica di errore nel
riquadro sinistro.

Utenti Utenti del vault.


Gli utenti per i quali è selezionato Invia ricevono una notifica
quando l'operazione ha esito negativo.

Notifica l'utente che


ha avviato
l'operazione

Gruppi Gruppi del vault.


I membri dei gruppi per i quali è selezionato Invia ricevono
una notifica quando l'operazione ha esito negativo.

Oggetto Riga oggetto della notifica.


È possibile digitare un testo statico o fare clic su per
aggiungere un testo generato mediante le variabili dinamiche
seguenti:
• Computer host
• Data corrente
• Ora corrente
• Iniziato da
• Eseguito come

319
Operazioni

Testo Testo del messaggio di notifica.


È possibile digitare il testo del messaggio o fare clic su per
aggiungere un testo generato mediante variabili dinamiche.

Numero massimo di Numero di volte che la notifica viene reinviata se la consegna


tentativi non riesce.

Minuti tra tentativi Frequenza del tentativi di invio.

Configurazione dell'operazione di conversione


(solo per SOLIDWORKS PDM Professional)
È possibile configurare l'operazione Converti fornita dall'aggiunta SOLIDWORKS Task
per specificare il tipo di output, le variabili della scheda dati e impostare la convenzione
di denominazione e la destinazione per i file convertiti.
È possibile configurare le proprietà di conversione affinché la conversione sia eseguita in
modo invisibile oppure in modo che un utente che avvia l'operazione possa selezionare
tutte o solo alcune proprietà di conversione.
Per navigare nella finestra di dialogo, fare clic su una funzione nel riquadro di sinistra per
configurarla oppure fare clic su Indietro e Avanti.

Questa procedura descrive le opzioni specifiche per la conversione dei file:


• Creazione di una nuova operazione alla pagina 305 descrive le opzioni comuni a
tutte le operazioni attivate dall'aggiunta Operazioni SOLIDWORKS.
• Configurazione dell'operazione di stampa (solo per SOLIDWORKS PDM
Professional) alla pagina 343 descrive le opzioni disponibili per la stampa.
• Configurazione dell'operazione Design Checker (solo per SOLIDWORKS PDM
Professional) alla pagina 348 descrive le opzioni disponibili per la verifica progettuale
usando i file standard creati nell'aggiunta SOLIDWORKS Design Checker.

Per configurare l'operazione Converti:


1. Espandere Operazioni e fare clic su Converti.
2. Nella finestra di dialogo Converti - Proprietà, fare clic su Metodo di esecuzione nel
riquadro di sinistra.
3. Selezionare i computer che possono essere utilizzati per eseguire l'operazione e la
modalità di avvio dell'operazione.

Per la conversione invisibile, ad esempio quando la si desidera attivare dopo un


cambiamento di stato, è necessario lasciare che il sistema scelga il computer sul
quale eseguire l'operazione oppure eseguire l'operazione sul computer che l'ha
iniziata.

320
Operazioni

4. Fare clic su Impostazioni di conversione per selezionare il formato dei file convertiti
o per visualizzare una richiesta di selezione del formato.
Fare clic su Opzioni di conversione per visualizzare la finestra di dialogo Opzioni
avanzate del formato, se il formato di file selezionato supporta le opzioni avanzate.
5. Nella scheda Configurazioni, selezionare le configurazioni da convertire alla conversione
dei modelli.
Selezionare Consenti all'utente di modificare questa impostazione perché gli
utenti che eseguono il comando di conversione possano cambiare l'impostazione.

Questa opzione è disponibile per tutte le impostazioni nella pagina Impostazioni di


conversione.

6. Nella scheda Fogli, selezionare i fogli da convertire quando si convergono i disegni e


come gestire l'output a più fogli.
7. Sotto Riferimenti del file di origine, specificare la versione dei file referenziati da
convertire.
8. Fare clic su Scheda file per assegnare le variabili dalla scheda dati del file di origine
alla scheda dati del file di output.
9. Fare clic su Dettagli file di output per specificare il formato e la destinazione del
file di output.
È possibile consentire agli utenti di modificare questo percorso.
È anche possibile utilizzare questa pagina per:
• Definire un percorso per salvare un secondo file di output.
• Creare un riferimento da un file di destinazione al file di origine.
• Specificare se i file convertiti devono sovrascrivere quelli esistenti aventi lo stesso
nome o se crearli come nuove versioni.
• Cambiare la posizione della cartella del registro errori.
• Visualizzare la finestra di dialogo Opzioni di script avanzate nella quale modificare
lo script che esegue il comando.

10. Fare clic su OK.

Attivazione del salvataggio come PDF 3D nello script


Operazione di conversione
E' possibile aggiungere il contenuto allo script di operazione di Conversione per permettere
agli utenti di salvare i file SOLIDWORKS in file PDF 3D.
1. Espandere Operazioni e fare clic su Converti.
2. Nella finestra di dialogo Converti - Proprietà, nel pannello a sinistra, fare clic su
Dettagli file risultato.
3. Fare clic su Opzioni di script avanzate.

321
Operazioni

4. In Immetti lo script da eseguire in SOLIDWORKS, arrivare fino alla fine della


seguente sezione dello script, riga 410:
If Not isEmpty(vConfNames) Then
If ([FileConfs] And 4) = 4 Then
' Save configurations
For i = 0 to UBound(vConfNames)
swModel.ShowConfiguration vConfNames(i)

convFileNameTemp = GetFullFileName(convFileName,
vConfNames(i), i, UBound(vConfNames))

5. Inserire le seguenti righe:


'Enable 3D PDF export
Set swPDFExport = swApp.GetExportFileData(1)
swPDFExport.exportAs3D = True

6. Nella riga successiva del codice, sostituire il parametro Nothing con swPDFExport.
La riga dovrebbe essere:
' Convert the document
Success = swExtension.SaveAs(convFileNameTemp,
swSaveAsCurrentVersion,swSaveAsOptions_Silent, swPDFExport, errors,
warnings)

7. Fare clic su OK per salvare lo script.


8. Fare clic su OK.
Quando l'operazione Converti i file viene lanciata, il PDF creato sarà attivato in 3D.

Proprietà di conversione - Impostazioni di conversione


Utilizzare la pagina Impostazioni di conversione della finestra di dialogo Proprietà di
conversione per selezionare un formato del file di output e specificare come gestire i
riferimenti del file di origine.
Per visualizzare questa pagina:
espandere il nodo Operazioni e fare clic su Converti. Nel riquadro sinistro fare clic su
Impostazioni di conversione.

È possibile consentire agli utenti di cambiare la maggioranza delle impostazioni. Quando


un utente inizia la conversione, si apre una finestra di dialogo Converti con le
impostazioni originali che l'utente può modificare.
Tuttavia, se si desidera eseguire un'operazione in modo invisibile, ad esempio quando
viene attivata da una modifica ad uno stato del flusso di lavoro, è necessario:
• Specificare il formato del file di output.
• Deselezionare tutte le caselle di controllo Consenti all'utente di modificare questa
impostazione.

Formato file di output Formato al quale convertire i file selezionati.

322
Operazioni

Opzioni di Visualizza le opzioni di conversione quando il formato del file


conversione di output selezionato supporta le opzioni di conversione.

Configurazioni
La scheda Configurazioni indica come gestire le configurazioni alla conversione dei modelli.

Configurazioni da
generare Tutte le configurazioni
L'output viene creato per ogni configurazione.

Ultima configurazione attiva


Viene convertita solo l'ultima configurazione utilizzata.

Configurazione con nome (usa * come carattere jolly)


Sono convertite solo le configurazioni specificate.

Non è possibile utilizzare la configurazione @ come


configurazione con nome.

Output a più
configurazioni Creare un file di output per configurazione
Un file risultato individuale viene creato per ogni
configurazione.

Includere tutte le configurazioni nello stesso file


risultato
Viene creato un singolo file risultato, che contiene tutte le
configurazioni.

Consenti all'utente di cambiare questa impostazione

Fogli
La scheda Fogli indica come generare i fogli di disegno per i disegni convertiti.

323
Operazioni

Fogli da generare
Tutti i fogli
L'output viene creato per tutti i fogli del disegno.

Ultimo foglio attivo


Viene convertito solo l'ultimo foglio di disegno utilizzato.

Foglio con nome (usa * come carattere jolly)


Sono convertiti solo i fogli specificati.

Consenti all'utente di cambiare questa impostazione

Output a più fogli


Crea un file di output per foglio
Viene creato un file separato per ogni foglio del disegno.

Includi tutti i fogli nello stesso file di output


Viene creato un file di out unico per tutti i fogli del disegno.

Consenti all'utente di cambiare questa impostazione

Assieme o Parte
Le schede Assieme e Parte consentono di definire i temi e le viste da pubblicare nel
risultato.

Percorso tema 3D PDF Percorso del file di tema. Se il file di tema è


all'interno del vault, deve essere memorizzato nella
cache prima di eseguire l'operazione. Se il file di
tema è all'esterno del vault, deve essere accessibile
all'host operazioni.

Consenti all'utente di cambiare Consente agli utenti di modificare il percorso del


il percorso tema file di tema durante l'esecuzione dell'operazione.

Viste 3D (predefinito). Include tutte le viste 3D acquisite, a


eccezione della vista del modello corrente nel file
risultato.

Viste principali Consente di selezionare le viste principali (ad es.


frontale, superiore e posteriore) da includere nel
file risultato.

Consenti all'utente di cambiare Consente agli utenti di modificare le impostazioni


questa impostazione delle viste durante l'esecuzione dell'operazione.

324
Operazioni

Riferimenti file di origine


Quando si convertono file contenenti riferimenti, queste opzioni determinano la modalità
di gestione dei riferimenti.

Utilizza la versione referenziata dei Utilizza la versione dei file referenziati


file referenziati ("come da utilizzata alla generazione del file in
costruzione") conversione.

Usa l'ultima versione dei file Usa la versione più recente dei file
referenziati referenziati.

Consenti all'utente di cambiare questa Consente di modificare le impostazioni


impostazione predefinite.

Generazione di PDF 3D SOLIDWORKS MBD


I clienti di SOLIDWORKS PDM Professional che utilizzano funzionalità SOLIDWORKS MBD
possono automaticamente generare output di PDF 3D SOLIDWORKS MBD mediante
operazione di conversione.
Ciò aiuta le aziende a definire, organizzare e pubblicare informazioni di fabbricazione del
prodotto (PMI) 3D, tra cui dati dei modelli 3D, in formati di file standard del settore.
Questa funzionalità migliora l'integrazione tra SOLIDWORKS PDM e SOLIDWORKS MBD.
Per generare PDF 3D SOLIDWORKS MBD:
1. Nello strumento Amministrazione, nel riquadro di sinistra della finestra di dialogo
Converti - Proprietà, fare clic su Impostazioni di conversione.
2. Impostare Formato file risultato su 3D PDF - MBD (*.pdf).

Assieme o parte
Le schede Assieme e Parte consentono di definire i temi e le viste da pubblicare nel
risultato.

Tema per assieme SW


o Tema per parte SW Percorso tema 3D PDF
Percorso del file di tema. Se il file di tema è all'interno del
vault, deve essere memorizzato nella cache prima di
eseguire l'operazione. Se il file di tema è all'esterno del
vault, deve essere accessibile all'host operazioni.

Consenti all'utente di cambiare il percorso tema


Consente agli utenti di modificare il percorso del file di tema
durante l'esecuzione dell'operazione.

325
Operazioni

Seleziona viste da
includere Viste 3D
(predefinito). Include tutte le viste 3D acquisite, a eccezione
della vista del modello corrente nel file risultato.

Viste principali
Consente di selezionare le viste principali (ad es. frontale,
superiore e posteriore) da includere nel file risultato.

Consenti all'utente di cambiare questa impostazione


Consente agli utenti di modificare le impostazioni delle viste
durante l'esecuzione dell'operazione.

Riferimenti file di origine


Quando si convertono file contenenti riferimenti, queste opzioni determinano la modalità
di gestione dei riferimenti.

Utilizza la versione referenziata dei file Utilizza la versione dei file referenziati
referenziati ("come da costruzione") utilizzata alla generazione del file in
conversione.

Usa l'ultima versione dei file referenziati Usa la versione più recente dei file
referenziati.

Consenti all'utente di cambiare questa Consente di modificare le impostazioni


impostazione predefinite.

Opzioni di conversione avanzate (ACIS)


Utilizzare la finestra di dialogo Opzioni di conversione avanzate (ACIS) per impostare le
opzioni di esportazione di file di parte o assieme come file ACIS.
Per visualizzare questa finestra di dialogo:
• Quando si configura un'operazione di conversione, nella pagina Impostazioni di
conversione della finestra di dialogo Converti - Proprietà, per Formato del file di
output selezionare ACIS (*.sat) e fare clic su Opzioni di conversione.
• Quando si avvia un'operazione di conversione, nella finestra di dialogo Converti, per
Formato del file di output selezionare ACIS (*.sat) e fare clic su Opzioni di
conversione.

Geometria Esporta la geometria come corpi solidi e di superficie.


solida/superficie

326
Operazioni

Curve 3D Esporta i corpi solidi e di superficie come entità a reticolo.


Vengono salvate anche tutte le curve 3D (composite, fili 3D,
importate, ecc.).

Esporta entità di schizzo


Esporta tutti gli schizzi 2D e 3D come curve 3D.

Versione Versione di ACIS da utilizzare.


Selezionare la versione di ACIS supportata dal sistema di
destinazione.

Unità Unità di lunghezza predefinite.


È consigliabile utilizzare il sistema metrico (usato internamente
da SOLIDWORKS), perché il sistema ricevente potrebbe
convertire le superfici di piccole dimensioni in superfici ancora
più piccole e perdere le cifre significative nelle misurazioni.

Azzera tutto Reimposta le opzioni ai valori di default.

Opzioni di conversione avanzate (Adobe PDF)


Utilizzare la finestra di dialogo Opzioni di conversione avanzate (PDF) per impostare le
opzioni di esportazione al formato Adobe Portable Document Format (PDF).
Per visualizzare questa finestra di dialogo:
• Quando si configura un'operazione di conversione, nella pagina Impostazioni di
conversione della finestra di dialogo Converti - Proprietà, per Formato del file di
output selezionare Adobe PDF (*.pdf) e fare clic su Opzioni di conversione.
• Quando si avvia un'operazione di conversione, nella finestra di dialogo Converti, per
Formato del file di output selezionare Adobe PDF (*.pdf) e fare clic su Opzioni
di conversione.

Esporta formato PDF


a colori

Incorpora caratteri Le definizioni del carattere diventano parte del documento,


aumentando la dimensione del file e garantendo la stessa
definizione dei caratteri del documento originale.

Alta qualità Solo per i disegni. Le viste ombreggiate specificate nel disegno
come qualità bozza vengono stampate in alta qualità.

Stampa intestazione Quando si stampa, utilizza l'intestazione e il piè di pagina


/ piè di pagina specificati per i documenti selezionati.

327
Operazioni

Spessori di linea Quando l'opzione è deselezionata, gli spessori di linea della


stampante specificati stampante di default verranno utilizzati.
dall'utente

Azzera tutto Reimposta le opzioni ai valori di default.

Opzioni di conversione avanzate (Adobe Photoshop) e (TIF)


Utilizzare la finestra di dialogo Opzioni di conversione avanzate (Adobe Photoshop) per
impostare le opzioni quando si esportano i documenti di SOLIDWORKS come file Adobe
Photoshop. Le stesse opzioni sono disponibili nella finestra di dialogo Opzioni di conversione
avanzate (TIF) quando si esportano i file TIF.
Per visualizzare questa finestra di dialogo:
• Quando si configura un'operazione di conversione, nella pagina Impostazioni di
conversione della finestra di dialogo Converti - Proprietà, per Formato del file di
output selezionare Adobe Photoshop (*.psd) o TIF (*.tif) e fare clic su Opzioni
di conversione.
• Quando si avvia un'operazione di conversione, nella finestra di dialogo Converti, per
Formato del file di output selezionare Adobe Photoshop (*.psd) o TIF (*.tif) e
fare clic su Opzioni di conversione.

Tipo di immagine Tipo di immagine utilizzato per i file convertiti.


Effettuare una selezione:

Bianco e nero
Non utile per le immagini ombreggiate o con sfondo a colori.
Per i disegni a linee nere e sfondo bianco, questa opzione
produce il file di dimensione minima.

A colori RGB

Scala in grigio

Schema di Schema di compressione utilizzato.


compressione ><Z2>.

Non compresso

Packbits
Genera file di immagine a colori di dimensioni più piccole.

Group 4 Fax
Genera file con le dimensioni più piccole rispetto agli altri due
formati, ma può essere usato solo per immagini in bianco e
nero.

328
Operazioni

Azzera tutto Reimposta le opzioni ai valori di default.

Opzioni di conversione avanzate (eDrawings)


Utilizzare la finestra di dialogo Opzioni di conversione avanzate (eDrawings) per impostare
le opzioni quando si esportano i documenti di SOLIDWORKS come file eDrawings ®.
Per visualizzare questa finestra di dialogo:
• Quando si configura un'operazione di conversione, nella pagina Impostazioni di
conversione della finestra di dialogo Converti - Proprietà, per Formato del file di
output selezionare eDrawings (*.eprt; *.easm; *edrw) e fare clic su Opzioni di
conversione.
• Quando si avvia un'operazione di conversione, nella finestra di dialogo Converti, per
Formato del file di output selezionare eDrawings (*.eprt; *.easm; *.edrw) e
fare clic su Opzioni di conversione.

Si può misurare I destinatari potranno misurare la geometria nell'eDrawings


questo file eDrawings Viewer.

Consenti I destinatari possono salvarlo come file stereolitografico (STL)


l'esportazione in STL da eDrawings Viewer.
di parti e assiemi

Salva i dati (solo per i disegni)


ombreggiati nei Salva i dati ombreggiati e di qualità bozza dal documento di
disegni disegno SOLIDWORKS. Se non selezionata, le viste di qualità
bozza e ombreggiate saranno ignorate dal file eDrawings.

In SOLIDWORKS, è inoltre necessario selezionare Salva i


dati di tessellatura per i disegni con viste ombreggiate
e con qualità bozza in Opzioni > Disegni prima di poter
esportare questi dati.

Salva funzioni della Se il documento di parte o assieme in via di salvataggio


distinta materiali nel comprende le distinte materiali, scegliere di includere i dati
file eDrawings relativi alla distinta materiali nel file eDrawings esportato.

329
Operazioni

Salva Studi del Per i modelli con studi di SOLIDWORKS Motion. Il salvataggio
movimento nel file degli studi del movimento può incrementare la dimensione dei
eDrawings file e il tempo di creazione:

Salva ogni studio del movimento in ogni configurazione


Gli studi di movimento non aggiornati vengono
automaticamente ricalcolati prima di esportarli in eDrawings.

Salva solo nell'ultima configurazione calcolata


Viene utilizzata la configurazione dello studio di movimento
più recentemente calcolato.

Ricalcola lo studio del movimento se i risultati non sono


aggiornati
Ricalcola qualsiasi studio del movimento non aggiornato in
quella configurazione prima di eseguire l'esportazione.

Azzera tutto Reimposta le opzioni ai valori di default.

Opzioni di conversione avanzate (IGES)


Utilizzare la finestra di dialogo Opzioni di conversione avanzate (IGES) per impostare le
opzioni di esportazione di file di parte o assieme come file IGES.
Per visualizzare questa finestra di dialogo:
• Quando si configura un'operazione di conversione, nella pagina Impostazioni di
conversione della finestra di dialogo Converti - Proprietà, per Formato del file di
output selezionare IGES (*.igs) e fare clic su Opzioni di conversione.
• Quando si avvia un'operazione di conversione, nella finestra di dialogo Converti, per
Formato del file di output selezionare IGES (*.igs) e fare clic su Opzioni di
conversione.

330
Operazioni

Funzioni solide/di superficie

Risultato come
Entità IGES dei solide/di superficie
Esporta i dati come entità solide o di superficie.
Effettuare una selezione:
• Superficie rifilata (tipo 144) - Converte le facce della
parte, dell'assieme o le superfici selezionate in superfici
rifilate nel file IGES.
• Oggetto B-rep solido manifold (tipo 186) - Esporta i
dati di rappresentazione (BREP) nel file IGES.

Struttura a reticolo IGES (curve 3D)


Converte il corpo solido in una struttura a reticolo 3D nel file
IGES. A differenza delle superfici o delle facce, non si possono
esportare nei file IGES i bordi del modello selezionati
individualmente.
Selezionare un'opzione, a seconda dei tipi di entità richiesti
dal sistema di destinazione:
• Spline B (Tipo entità 126)
• Spline parametriche (Tipo entità 112)
Per ulteriori informazioni, vedere la tabella Curve 3D IGES.

Se vengono selezionate entrambe le opzioni riportate sopra,


il modello viene esportato come superfici accorciate e curve
3D. Quando un assieme viene esportato come file separato
in ALIAS IGES, l'origine nei file di parte sarà situata nel punto
delle coordinate dell'origine dell'assieme.

Rappresentazione I tipi di entità IGES che costituiscono le superfici rifilate


della dipendono dal formato di esportazione scelto.
superficie/Preferenza La tabella Rappresentazione di superficie mostra i tipi di entità
del sistema IGES che formano le superfici accorciate.

Esporta funzioni della Include le funzioni di curva 3D nel file esportato.


curva 3D

Esporta entità di Include le entità di schizzo nel file esportato. Sono comprese
schizzo tutte le entità di schizzo 2D e 3D.

331
Operazioni

Usa alta precisione di Esporta usando il rifilo ad alta precisione; la dimensione del
accorciamento della file è maggiore rispetto a quando la casella non è selezionata.
curva Questa impostazione interessa i file esportati con le Superfici
rifilate e con le Curve 3D. Un'alta precisione di curva ridotta
può risultare utile a volte se il sistema di destinazione ha
difficoltà ad importare il file IGES o se non è possibile unire le
superfici in un solido utilizzabile.

Struttura di assieme IGES


Solo assiemi

Salva tutti i Salva tutti i componenti di assieme, sottoassiemi e componenti


componenti di un di sottoassieme in un file. Diversamente, i componenti
assieme in un unico dell'assieme e del sottoassieme verranno salvati nella medesima
file directory come singoli file IGES.

Appiattisci la Appiattisce l'assieme a un livello dato solo dai corpi delle parti.
gerarchia dell'assieme Un file appiattito contiene un assieme di primo livello e una
serie di parti con le funzioni importate.

Tipi di entità IGES

Tipo Nome entità Tipo Entity Name

514 Entità svuotamento 142 Curva su una superficie


parametrica

510 Entità faccia 140 (solo Superficie di offset


importazione)

508 Entità loop 128 Superficie b-spline razionale

504 Entità bordo 126 Curva b-spline razionale

502 Entità vertice 124 Entità della matrice di


trasformazione

416 Entità di riferimento esterna 123 Entità di direzione

408 Entità d'istanza unica della 122 Cilindro tabulato


sottofigura

406 Form 12 File di riferimento esterno 120 Superficie di rivoluzione

402 Form 7 Entità di gruppo 118 (solo Superficie rigata


importazione)

332
Operazioni

Tipo Nome entità Tipo Entity Name

314 Entità di definizione del 116 Punto


colore

308 Entità di definizione della 114 (solo Superficie spline


sottofigura importazione) parametrica

198 Superficie toroidale 112 Curva spline parametrica

196 Superficie sferica 110 Lineare

194 Superficie conica circolare 108 Aereo


destra

192 Superficie cilindrica circolare 106 Form 12 Dati copiosi - curva lineare
destra (solo 3D a pezzi
importazione)

190 Superficie del piano 106 Form 11 Dati copiosi - curva lineare
(solo 2D a pezzi
importazione)

186 Entità di oggetto B-rep 104 (solo Arco conico


solido manifold importazione)

144 Superficie rifilata 102 Curva composita


(parametrica)

143 Superficie con limite 100 Arco circolare

Curve IGES 3D

Tipo di curva 3D Tipi di entità IGES esportate

B-spline (entità 126) 126, 110, 102*, 100

Spline parametriche (entità 112) 112, 110, 102*, 100

Rappresentazione della superficie

Rappresentazione di superficie Tipi di entità IGES esportate

STANDARD 144, 142, 128, 126, 122, 120, 110, 102, 100

NURBS 144, 142, 128, 126, 110, 102, 100

333
Operazioni

Rappresentazione di superficie Tipi di entità IGES esportate

ALIAS 144, 142, 128, 126, 122, 120, 110, 102, 100

ANSYS 144, 142, 128, 126, 110, 102, 100

COSMOS 144, 142, 128, 126, 110, 102, 100

MASTERCAM 144, 142, 128, 126, 110, 102, 100

SURFCAM 144, 142, 128, 126, 110, 102, 100

SMARTCAM 144, 142, 128, 126, 110, 102, 100

TEKSOFT 144, 142, 128, 126, 110, 102, 100

ALPHACAM 144, 142, 128, 126, 110, 102, 100

MULTICAD 144, 142, 128, 126, 110, 102, 100

se il sistema di destinazione dell'esportazione non appare nell'elenco, consultare il


documento ad esso accluso per stabilire le entità supportate e scegliere un'impostazione
appropriata.

Opzioni di conversione avanzate (Parasolid) e (Parasolid Binary)


Utilizzare la finestra di dialogo Opzioni di conversione avanzate (Parasolid) per impostare
le opzioni quando si esportano i documenti di SOLIDWORKS come file Parasolid. Le stesse
opzioni sono disponibili nella finestra di dialogo Opzioni di conversione avanzate (Parasolid
Binary) quando si esportano i file binari Parasolid.
Per visualizzare questa finestra di dialogo:
• Quando si configura un'operazione di conversione, nella pagina Impostazioni di
conversione della finestra di dialogo Converti - Proprietà, per Formato del file di
output selezionare Parasolid (*.x_t) o Parasolid Binary (*.x_b) e fare clic su
Opzioni di conversione.
• Quando si avvia un'operazione di conversione, nella finestra di dialogo Converti, per
Formato del file di output selezionare Parasolid (*.x_t) o Parasolid Binary
(*.x_b) e fare clic su Opzioni di conversione.

Versione Selezionare il tipo supportato dal sistema di destinazione.

Appiattisci la (solo assiemi)


gerarchia dell'assieme Appiattisce l'assieme a un livello dato solo dai corpi delle parti.
Un file appiattito contiene un assieme di primo livello e una
serie di parti con le funzioni importate.

Azzera tutto Reimposta le opzioni ai valori di default.

334
Operazioni

Opzioni di conversione avanzate (STEP)


Utilizzare la finestra di dialogo Opzioni di conversione avanzate (STEP) per impostare le
opzioni di esportazione di file di parte o assieme come file STEP.
Per visualizzare questa finestra di dialogo:
• Quando si configura un'operazione di conversione, nella pagina Impostazioni di
conversione della finestra di dialogo Converti - Proprietà, per Formato del file di
output selezionare STEP (*.step) e fare clic su Opzioni di conversione.
• Quando si avvia un'operazione di conversione, nella finestra di dialogo Converti, per
Formato del file di output selezionare STEP (*.step) e fare clic su Opzioni di
conversione.

Geometria Esporta la geometria come corpi solidi e di superficie.


solida/superficie

Curve 3D Esporta i corpi solidi e di superficie come entità a reticolo.


Vengono salvate anche tutte le curve 3D (composite, fili 3D,
importate, ecc.).

Esporta entità di schizzo


Esporta tutti gli elementi nelle Curve 3D, più tutti gli schizzi
2D e 3D nel documento.

Versione
AP203
I file STEP AP203 standard non si visualizzano a colori.

AP214
Esporta i colori del corpo, della faccia e della curva. Sono
supportate le classi di conformità 1, 4 e 6.

Azzera tutto Reimposta le opzioni ai valori di default.

Opzioni di conversione avanzate (STL)


Utilizzare la pagina Opzioni di conversione avanzate (STL) per impostare le opzioni di
esportazione di file di parte o assieme come file di stereolitografia (STL).
Per visualizzare questa finestra di dialogo:
• Quando si configura un'operazione di conversione, nella pagina Impostazioni di
conversione della finestra di dialogo Converti - Proprietà, per Formato del file di
output selezionare STL (*.stl) e fare clic su Opzioni di conversione.
• Quando si inizia un'operazione di conversione, nella finestra di dialogo Converti, per
Formato del file di output selezionare STL (*.stl) e fare clic su Opzioni di
conversione.

335
Operazioni

Risultato come Formato del file di output supportato sul sistema di


destinazione.
Selezionare Binario o ASCII.
I file binari hanno dimensioni minori rispetto ai file ASCII, ma
alcuni sistemi di destinazione non li accettano.
Selezionare l'unità di misura.

Risoluzione Controlla la tassellatura delle superfici non planari per l'output


STL. Un'impostazione di derivazione inferiore produce un file
STL con tassellatura più fine. i file generati con impostazioni
di precisione maggiore (una tassellatura più sofisticata) sono
di dimensioni maggiori e richiedono tempi di rigenerazione più
lunghi.
Selezionare Grezza o Fine.

Non convertire i dati Consente che le parti esportate mantengano la loro posizione
STL esportati in originale nello spazio globale, relativamente all'origine.
spazio positivo

Salva tutti i (solo assiemi)


componenti di un Salva l'assieme e i relativi componenti in un unico file .stl.
assieme in un unico
file

Identifica le (solo assiemi)


interferenze Effettua il controllo delle interferenze sul documento
dell'assieme prima di salvarlo.
L'esportazione di un assieme con corpi coincidenti o interferenti
in un unico file .stl genera un file che potrebbe non essere
utilizzabile da alcuni sistemi di prototipazione rapida. Si
consiglia di controllare le interferenze tra i componenti prima
del salvataggio dell'assieme.
Vedere la Guida di SOLIDWORKS: Rilevamento interferenze
per ulteriori informazioni.

Azzera tutto Reimposta le opzioni ai valori di default.

Opzioni di conversione avanzate (VRML)


Utilizzare la finestra di dialogo Opzioni di conversione avanzate (VRML) per impostare le
opzioni di esportazione di file di parte o assieme come file VRML.
Per visualizzare questa finestra di dialogo:
• Quando si configura un'operazione di conversione, nella pagina Impostazioni di
conversione della finestra di dialogo Converti - Proprietà, per Formato del file di
output selezionare VRML (*.wrl) e fare clic su Opzioni di conversione.

336
Operazioni

• Quando si avvia un'operazione di conversione, nella finestra di dialogo Converti, per


Formato del file di output selezionare VRML (*.wrl) e fare clic su Opzioni di
conversione.

Unità Selezionare l'unità di misura.

Salva tutti i (solo assiemi)


componenti Salva tutti i componenti dell'assieme in un file singolo.
dell'assieme in un
unico file

Azzera tutto Reimposta le opzioni ai valori di default.

Proprietà di conversione - Scheda file


Utilizzare la pagina Scheda file della finestra di dialogo Proprietà di conversione per
specificare la mappatura delle variabili dalla scheda dati del file di origine alla scheda dati
del file di output.
Per visualizzare questa pagina:
espandere il nodo Operazioni e fare clic su Converti. Nel riquadro sinistro fare clic su
Scheda file.

Elenco variabili
Origine
Variabile usata nella scheda dati file di origine.

Variabile destinazione
Variabile nella scheda dati del file di output mappata alla
variabile di origine.

Aggiungi variabile Attiva la sezione Variabile selezionata in modo che l'utente


possa specificare la mappatura della variabile.

Rimuovi variabile Rimuove la mappatura della variabile selezionata.

Variabile selezionata
Imposta la mappatura della variabile.

Origine Variabile usata nella scheda dati file di origine.

Testo libero Testo da visualizzare nella variabile di destinazione se è


selezionato Testo libero come origine.

337
Operazioni

Variabile destinazione Variabile visualizzata nella scheda dati del file di output.

Proprietà di conversione - Dettagli file di output


Utilizzare la pagina Dettagli file risultato della finestra di dialogo Proprietà di conversione
per impostare le proprietà principali per il file di output, ad esempio il percorso predefinito
e la cartella del registro errori.
Per visualizzare questa pagina:
espandere il nodo Operazioni e fare clic su Converti. Nel riquadro sinistro fare clic su
Dettagli file di output.

Percorso di output
primario Percorso predefinito
Posizione in cui vengono salvati i file convertiti.
Formare il percorso del file di output digitando un testo statico
e facendo clic su per selezionare una o più delle seguenti
variabili dinamiche:
• Nome file di origine
• Estensione file di origine
• Nome configurazione
• Percorso cartella di origine
• Percorso cartella di primo livello del vault
• Revisione file di origine
• Versione file di origine
• Stato flusso di lavoro file di origine
• Data odierna
• Variabili
L'esempio mostra il formato e il percorso del file selezionato
al momento.

Consenti all'utente di modificare il percorso di output

Percorso di output Posizione secondaria in cui vengono salvati i file convertiti.


secondario Formare il percorso del file di output digitando un testo statico
e facendo clic su per selezionare una o più delle variabili
dinamiche.
L'esempio mostra il formato e il percorso del file selezionato al
momento.

338
Operazioni

Creare un riferimento Quando è selezionato, il file di destinazione contiene un


da un file di riferimento al file di origine.
destinazione al file di Per vedere il riferimento, selezionare il file di output in File
origine Explorer e aprire la scheda Contiene.

Gestione dei nomi file


duplici Sostituisci i file esistenti
Se esiste un file con lo stesso nome, viene sovrascritto.

Crea una nuova versione dei file esistenti


Se esiste un file con lo stesso nome, crea una nuova versione.

Cartella del log errori Posizione in cui vengono salvati i log degli errori.
La posizione predefinita è \Logs\Convert.
Questa directory viene creata automaticamente nella cartella
radice del vault, a meno che l'utente non ne scelga una diversa
utilizzando il pulsante Sfoglia.

Prima di eseguire un'operazione di conversione, assicurarsi


di avere un flusso di lavoro che specifica che i file .log
possono ammettere il flusso di lavoro. Si può aggiungere
una condizione che permette ai file .log di ammettere un
flusso di lavoro esistente nella finestra Proprietà del flusso
di lavoro o si potrà creare un flusso di lavoro specifico per i
file log dell'operazione.
Un flusso di lavoro creato per i file log dell'operazione richiede
solo uno stato iniziale. Tutti gli utenti devono avere i permessi
a quello stato iniziale.

Opzioni di script Mostra la finestra di dialogo Opzioni di script avanzate, che


avanzate consente di:
• Modificare lo script VB che controlla l'operazione
• Cambiare la versione di SOLIDWORKS da utilizzare
• Cambiare il tipo di interfaccia utente utilizzato dall'operazione

Configurazione dell'operazione di conversione


(solo per SOLIDWORKS PDM Standard)
Gli amministratori possono configurare l'operazione di conversione da file di disegno a
PDF fornita dall'aggiunta Operazioni SOLIDWORKS per convertire un file di disegno
SOLIDWORKS in formato PDF. Con l'operazione è possibile mappare le variabili della

339
Operazioni

scheda dati e impostare la convenzione di denominazione e la destinazione per i file


convertiti.
Con SOLIDWORKS PDM Standard, è possibile convertire in formato PDF un file di disegno
SOLIDWORKS durante una transizione del flusso di lavoro utilizzando la stessa tecnologia
operativa utilizzata in SOLIDWORKS PDM Professional.
Per configurare l'operazione di conversione da file di disegno a PDF:
1. Nello strumento di amministrazione, espandere Strumenti e fare doppio clic su
Converti.
2. Nella finestra Proprietà dell'operazione, fare clic su Metodo di esecuzione nel riquadro
sinistro.
3. Selezionare i computer client che possono essere utilizzati per eseguire l'operazione
e la modalità di avvio dell'operazione.
È necessario configurare ogni computer client come host delle operazioni per farlo
visualizzare nell'elenco ed eseguire l'operazione di conversione da file di disegno a
PDF sul computer in cui si avvia la transizione del flusso di lavoro.

Per iniziare l'operazione, ogni computer client deve essere dotato di una versione
con licenza di SOLIDWORKS.

4. Fare clic su Impostazioni di conversione > Opzioni di conversione per visualizzare


la finestra del formato file di output Opzioni di conversione avanzate (Adobe PDF).
L'unico formato del file di output disponibile è Adobe PDF (predefinito).
5. In Riferimenti del file di origine, specificare la versione dei file referenziati da
convertire.
6. Fare clic su Scheda file per assegnare le variabili dalla scheda dati del file di origine
alla scheda dati del file di output.
7. Fare clic su Dettagli file di output per specificare il formato del nome e la
destinazione del file di output.
È possibile specificare solo i percorsi di output che si trovano all'interno del vault.
8. Fare clic su OK.

Conversione di un file di disegno SOLIDWORKS in PDF


Per convertire un file di disegno SOLIDWORKS in PDF:
1. Nello strumento di amministrazione, configurare l'operazione Converti.
2. Modificare una transizione del flusso di lavoro per aggiungere un'azione per eseguire
l'operazione di conversione da file di disegno a PDF.
Quando si cambia lo stato di un file di disegno SOLIDWORKS utilizzando una transizione
su cui è impostata l'operazione di conversione da file di disegno a PDF, SOLIDWORKS
PDM esegue l'operazione. L'operazione:
a. Avvia una sessione di SOLIDWORKS sul computer client.
b. Apre il file di disegno SOLIDWORKS.
c. Salva il file in PDF.

340
Operazioni

Proprietà di conversione - Impostazioni di conversione


Utilizzare la pagina Impostazioni di conversione della finestra di dialogo Proprietà di
conversione per selezionare un formato del file di output e specificare come gestire i
riferimenti del file di origine.
Per visualizzare questa pagina:
espandere il nodo Operazioni e fare clic su Converti. Nel riquadro sinistro fare clic su
Impostazioni di conversione.

Formato file di output Default impostato su Adobe PDF (*.pdf).


I file selezionati possono essere convertiti
in questo formato.

Opzioni di conversione Visualizza le opzioni di conversione quando


il formato del file di output selezionato
supporta le opzioni di conversione.

Fogli
Questa scheda specifica i fogli d