Sei sulla pagina 1di 57

Supplemento al n.

73 de “Il Geologo” periodico trimestrale dell’Ordine dei Geologi della Toscana

2008
Ordine dei Geologi della Toscana

approccio ai progetti
Linee guida di idrogeologia:
Consiglio dell’Ordine dei Geologi della Toscana
Presidente dott. geol. Vittorio d’Oriano
Vicepresidente dott. geol. Maria Teresa Fagioli
Tesoriere dott. geol. Michele Sani
Segretario dott. geol. Alessandra Biserna
Consigliere dott. geol. Silvano Becattelli
Consigliere dott. geol. Giovanna Cascone
Consigliere dott. geol. Franco Ceccarini
Consigliere dott. geol. Mauro Chessa
Consigliere dott. geol. Gianfranco Gargani
Consigliere dott. geol. Fabio Martellini
Consigliere dott. geol. Nicoletta Mirco

Commissione Idrogeologia
Coordinamento: Maria Teresa Fagioli (OGT)
Componenti: Fausto Capacci (AR), Giovanna Cascone (LI),  Giancarlo Ceccanti (FI), Marco
Doveri (PI), Riccardo Frullini (FI), Gianfranco Gargani (GR), Manuela Germani
(FI), Roberto Giannecchini (LU), Florindo Granucci (LU), Filippo Landini (FI),
Jenny Migliorini (SI), Stefano Menichetti (FI), Nicoletta Mirco (FI), Alberto Pe-
done (AR).

Foto di copertina: Sorgente del “Bagno al Morbo” Larderello (PI) Autore: Roberto Giannecchini
Indice

Prefazione................................................................................................................................. 4

Introduzione............................................................................................................................. 6

La prospezione idrogeologica: metodi e strumenti............................................................... 7


1. La geologia nella prospezione idrogeologica..................................................................................7
2. La geofisica nella prospezione idrogeologica..................................................................................7
2.1. Considerazioni sui metodi geofisici............................................................................................7
2.2. Metodi geofisici..........................................................................................................................8
2.3. Considerazioni sull’utilizzo dei metodi geofisici per l’esplorazione del sottosuolo.................10
3. La geochimica nella prospezione idrogeologica........................................................................... 11
4. Indagini dirette nella prospezione idrogeologica.........................................................................13
5. I modelli matematici.......................................................................................................................13
6. La relazione idrogeologica e la carta idrogeologica.....................................................................14
7. Le carte di vulnerabilità.................................................................................................................16

Settori di lavoro
8. Siti inquinati – discariche...............................................................................................................17
8.1. Discariche...............................................................................................................................17
8.1.1. Normativa di riferimento........................................................................................................17
8.1.2. Enti competenti ed iter burocratico........................................................................................17
8.1.3. Indagini idrogeologiche e geochimiche a supporto dei progetti............................................17
8.2. Bonifiche dei siti inquinati.....................................................................................................19
8.2.1. Normativa di riferimento........................................................................................................19
8.2.2. Enti competenti e iter burocratico..........................................................................................20
8.2.3. Indagini idrogeologiche geochimiche a supporto dei progetti...............................................21

9. Viabilità ed infrastrutture lineari..................................................................................................23


9.1. Normativa di riferimento ed enti competenti.........................................................................23
9.2. Indagini idrogeologiche a supporto dei progetti....................................................................24
9.2.1. Tratti in galleria ed opere in sotterraneo................................................................................26
9.2.2. Tratti in rilevato......................................................................................................................27
9.2.3. Tratti in trincea.......................................................................................................................27
9.2.4. Tratti in viadotto.....................................................................................................................27

10. Ricerca idrica e opere di approvvigionamento idrico................................................................27


10.1. Normativa di riferimento.....................................................................................................27
10.2. Enti competenti....................................................................................................................29
10.3. Procedure autorizzative e concessorie per pozzi.................................................................33
10.3.1. Pozzi uso domestico: definizione e procedure.....................................................................33
10.3.2. Procedimento di concessione per pozzi uso irriguo, uso industriale, uso idropotabile.......34
10.4. Indagini ed attività di supporto alle perforazioni.................................................................35
10.4.1. Indagine a carattere preliminare...........................................................................................35
10.4.2. Sopralluoghi con le autorità competenti e la ditta costruttrice............................................36
10.4.3. Perforazione completamento del pozzo...............................................................................37

2
10.4.4. Relazione finale (anche per richiesta concessione).............................................................39
10.4.5. Determinazione dei parametri idraulici (prove di emungimento)........................................40
10.4.6. Chiusura pozzi.....................................................................................................................40
10.5. Sorgenti................................................................................................................................40
10.5.1. Caratterizzazione delle sorgenti...........................................................................................41
10.5.2. Procedimenti concessori ed autorizzativi.............................................................................42
10.5.3. Metodologie di sfruttamento delle sorgenti.........................................................................42
10.6. Problematiche ambientali.....................................................................................................45
10.6.1. Aspetti generali....................................................................................................................45
10.6.2. Separazione delle falde........................................................................................................46
10.6.3. La gestione del cantiere.......................................................................................................49

11. Pianificazione.................................................................................................................................52
11.1. Normativa di riferimento, enti competenti..............................................................................52
11.2. Elaborati delle indagini per il piano strutturale comunale e relative varianti.........................53

12. Attività estrattive...........................................................................................................................54


12.1. Normativa di riferimento enti competenti...............................................................................54
12.2. Indagini idrogeologiche e geochimiche a supporto dei progetti.............................................54

Bibliografia............................................................................................................................. 56

3
Prefazione

“L’idrogeologia è la parte della geologia applicata che si dedica allo studio delle
acque sia relativa ai bacini superficiali che alla ricerca e allo sfruttamento delle
acque sotterranee, anche termali e minerali”. E ancora: “L’idrogeologia è la scien-
za dell’acqua sotterranea. È una disciplina delle Scienze della Terra orientata ver-
so le applicazioni. Essa ha come obiettivi, lo studio del ruolo dei materiali costi-
tuenti il sottosuolo e delle strutture idrogeologiche con applicazioni delle leggi
fisiche e chimiche, innanzitutto, la distribuzione, le caratteristiche del giacimento,
la modalità del deflusso e le proprietà fisiche e chimiche delle acque sotterranee ed
inoltre le conoscenze acquisite sulla prospezione, la captazione, lo sfruttamento e
la gestione dell’acqua sotterranea”.
Queste sono due definizioni date, nell’ordine, da due linguisti del calibro di
Giacomo Devoto e Giancarlo Oli (che abbiamo conosciuto quasi come parenti
durante i cinque anni di scuola superiore) e da un Maestro indiscusso della materia
come Gilbert Castany.
Non v’è dubbio quindi che l’idrogeologia sia campo proprio del geologo. Un
campo dove si esplica tutto il sapere geologico: non può esistere infatti idrogeolo-
go vero che non conosca bene, passatemi l’espressione, i “fondamentali” della
geologia. Un campo affascinante dove si affacciano fin da subito dopo la laurea le
nuove generazioni di geologi che hanno il sogno e l’obiettivo di mettere a disposi-
zione della società quanto hanno imparato.
Il Consiglio dell’Ordine dei Geologi della Toscana mette a disposizione di
queste nuove generazioni, ma anche di quelle meno nuove, questo strumento ra-
gionato che non a caso è stato titolato “Linee guida di idrogeologia: approccio ai
progetti”. Come bene è detto nell’introduzione, questo lavoro non ha la pretesa di
essere un manuale, ma è semplicemente una traccia, una strada, un compendio di
consigli, per intraprendere con qualche conoscenza in più lavori di idrogeologia.
Esso è il risultato del lavoro della Commissione Idrogeologia, alla quale va il no-
stro sentito ringraziamento, che è formata da colleghi liberi professionisti e da
colleghi che la loro professione la svolgono in agenzie tecniche, consorzi, Enti
Pubblici. Persone quindi che quotidianamente confrontano il loro sapere, e la loro
esperienza, con le norme che regolano il complesso modo della risorsa acqua e con
la realtà ed i bisogni della gente.
Ma perché queste linee guida? Prima di tutto perché l’acqua riveste, ed è
destinata a rivestire ancora di più in futuro, un’importanza sempre più rilevante
nella vita dell’uomo e nei rapporti tra gli Stati; non a caso qualcuno l’ha definita
“l’oro blu del XXI secolo” e addirittura adombra che “il suo dominio provocherà
innumerevoli conflitti territoriali e condurrà a rovinose battaglie economiche, in-
dustriali e commerciali se, nei prossimi dieci o quindici anni, non verrà concertata
nessuna azione volta a garantire la fornitura dell’acqua in un quadro mondiale ef-
ficace di regolamentazione politica, economica, giuridica e socioculturale” (Prof.
Riccardo Petrella, Consigliere Commissione Europea).
L’acqua quindi come bene primario ben più importante e sostanziale di altre,
pur importanti, risorse naturali che possono incidere sullo sviluppo di una società
ma certamente non sulla qualità della vita e sopratutto sulla stessa sopravvivenza
dei popoli e delle nazioni. E se è un bene primario, direi quasi il bene primario per
eccellenza, non può essere trattato con sufficienza, ignoranza o imperizia. E i pri-
mi che devono essere consapevoli che si parla di una risorsa insostituibile per
4
Linee guida di idrogeologia: approccio ai progetti

l’uomo devono essere, a mio avviso, proprio i geologi, i quali hanno il compito di
trattare questa risorsa non solo al meglio delle conoscenze scientifiche del mo-
mento (il richiamo all’aggiornamento non è casuale) ma anche della loro sensibi-
lità di uomini e cittadini consapevoli dell’importanza della tutela e della conserva-
zione di questo patrimonio che incide, a tutte le latitudini, sulla vita dell’uomo.
Non si tratta però solo di fare bene il proprio lavoro, si tratta anche di educare chi
si avvale della nostra consulenza e del nostro lavoro ad un approccio più rispettoso
non solo, o semplicemente, delle norme, ma anche del già ricordato principio di
tutela e di conservazione che, si badi bene, non vuol dire non usare l’acqua, ma più
propriamente di usarla secondo quel principio di equilibrio naturale che solo una
profonda conoscenza delle leggi che ne regolano il ciclo può, di volta in volta e da
luogo a luogo, contribuire ad identificare.
Questo sforzo però sarebbe inutile se anche chi ha responsabilità di governo
e di amministrazione della cosa pubblica non faccia propria la consapevolezza che
“in quanto fonte di vita insostituibile per l’ecosistema, l’acqua è un bene vitale che
appartiene a tutti gli abitanti della Terra in comune. A nessuno, individualmente o
come gruppo, è concesso il diritto di appropriarsene a titolo di proprietà privata.
L’acqua è patrimonio dell’umanità. La salute individuale e collettiva dipende da
essa”, come recitano i primi due capoversi del manifesto internazionale sull’ac-
qua. L’acqua quindi non può essere “governata” con l’occhio e la sensibilità atten-
ti agli interessi politici del momento quando non, addirittura, settoriali e corpora-
tivi, ma con la consapevolezza che nel parlare di acqua si tratta di interessi collet-
tivi che comprendono, ovviamente, quelli delle generazioni future la cui genuina
preoccupazione costituisce la più alta espressione dell’altruismo in politica.

Vittorio d’Oriano
Presidente dell’Ordine dei Geologi della Toscana

5
Introduzione

Lavorare in idrogeologia significa studiare il moto delle acque sotterranee, la geometria


degli acquiferi, la dinamica dell’interazione fra acque sotterranee di differenti acquiferi e
fra queste e le acque superficiali; non solo, significa anche comprendere come e perché
opere antropiche, sia intenzionalmente che involontariamente, interagiscono con la risorsa
acqua e conoscere metodologie e tecniche per progettare in modo ecosostenibile e nel ri-
spetto della risorsa stessa.
Nessun progetto di opera che interagisce, intenzionalmente o meno, poco o tanto,
con le acque sotterranee può prescindere da un adeguato studio idrogeologico.
I capitoli che seguono non pretendono il titolo di manuale, né aspirano a quello di
“Bignami” di idrogeologia; le stesse parole “linee guida” presenti nel titolo, lungi dal pre-
sumere ogni valore normatorio, hanno solo carattere esplicativo, non una regola, ma piut-
tosto una traccia, anche perché la “dinamicità” con cui i quadri normativi comunitari, na-
zionali, regionali e locali si sono recentemente evoluti non permette di confrontarsi con un
ambito di leggi e consuetudini collaudato e consolidato. Scopo esclusivo del documento è
quello di fornire una guida ai colleghi, liberi professionisti o funzionari che siano, alle pre-
se con la preparazione di studi, relazioni, istruttorie, controlli in materia di risorsa idrica.
La prima parte dell’elaborato sintetizza i metodi e gli strumenti dell’idrogeologia
(dal rilievo geologico alla geofisica, alla geochimica, ai metodi modellistici), puntualizzan-
do i contenuti indispensabili e opzionali della relazione idrogeologica e della carta idroge-
ologica; la seconda parte tratta, più specificamente, di normativa e supporto idrogeologico
per alcuni selezionati campi di attività (siti inquinati e discariche, viabilità ed infrastrutture
lineari, ricerca idrica, pianificazione, attività estrattive).
Il documento, privo di qualsiasi pretesa di esaustività sulle problematiche trattate, ha
mirato comunque, approfittando della ricchezza di punti di vista derivante dalla vasta gam-
ma di ruoli svolti nella professione dai colleghi della commissione, ad armonizzare le po-
sizioni in un documento tecnico, forse dissonante nello stile, ma univoco negli scopi.
Il capitolo 9 “Viabilità ed infrastrutture lineari” tratta del supporto idrogeologico per
viabilità, in galleria o meno, di una certa rilevanza regionale; gli stessi approfondimenti,
ovviamente tarati sull’importanza dell’opera, sono validi anche per le viabilità Provinciali
e Comunali e per le minori.
Un accenno a parte per il capitolo 10 “Ricerca idrica ed opere di approvvigionamen-
to idrico” dove è stato ripreso in toto il documento della Commissione Pozzi del 2005,
aggiornandolo ed aggiungendo un capitolo relativo alle sorgenti ed un capitolo su proble-
matiche ambientali in cui fra l’altro si è affrontato il critico argomento, purtroppo in Italia
ad oggi sottostimato (garbatissimo eufemismo), della definizione, mantenimento e ripristi-
no della separazione fra falde idriche naturalmente distinte.
Per quanto concerne le sorgenti, la trattazione tecnico-scientifica è stata privilegiata
rispetto a quella burocratico-procedurale, soprattutto perché, nel 90% dei casi, l’iter buro-
cratico per autorizzazioni e concessioni per le sorgenti è identico a quello per i pozzi, alla
cui trattazione quindi si rimanda.
Riguardo alla Pianificazione (capitolo 11), si è scelto di trattare a grandi linee solo la pia-
nificazione a scala comunale nella Regione Toscana.
Il settore pianificazione idrogeologica, che non poteva ovviamente essere omesso in
un documento che tratta di idrogeologia, è un settore che in Italia è stato sviluppato, con un
certo grado di approfondimento, solo in alcune regioni del nord, regioni che hanno dovuto
affrontare gravi emergenze; per il resto, in genere, esso è sempre considerato, quando sia
preso in considerazione, come appendice della pianificazione urbanistico-edilizia.
La mancanza di norme specifiche in materia rende necessario un approccio di tipo scienti-
fico-tecnico ed una trattazione ben più vasta ed articolata di quella necessaria per semplici
linee guida quali sono, o per lo meno vorrebbero essere, quelle che seguono.
6
Linee guida di idrogeologia: approccio ai progetti

La prospezione idrogeologica: metodi e strumenti

1. La Geologia nella prospezione idrogeologica indagine: elettrico, sismico, magnetico e gravimetrico,


rispettivamente. Occorre sottolineare che l’integrazio-
Geomorfologia, geologia, litostratigrafia e tettonica di
ne dei vari metodi di indagine rispetto all’uso di uno
un’area sono tutte informazioni indispensabili per la
singolo caratterizzerebbe i parametri e la struttura del
progettazione ed esecuzione di qualsiasi prospezione
sottosuolo in maniera più attendile, ma purtroppo,
idrogeologica: non è possibile elaborare un progetto di
spesso per contenere i costi, questa sinergia non è sem-
indagine idrogeologica senza disporre di un modello
pre applicata.
geologico a scala adeguata.
Ai fini di uno studio idrogeologico, le tecniche di
Compito dell’idrogeologo è la raccolta, diretta o indagine geofisiche possono essere proficuamente uti-
da bibliografia, delle informazioni sopra elencate e lizzate purché ne vengano opportunamente valutati i
l’integrazione delle stesse con dati più direttamente re- limiti e siano supportate da altre metodologie di inda-
lazionati a presenza e caratteristica delle acque sotter- gine.
ranee. Si sottolinea che per un’idonea applicazione del-
Il passaggio dal modello geologico al modello la prospezione geofisica all’esplorazione delle acque
idrogeologico sarà quindi realizzato attribuendo ai ter- sotterranee è fondamentale una stretta collaborazione
reni caratteristiche idrauliche, valutando quanto e come tra il geofisico ed il geologo; è opportuno che alcune
assetto stratigrafico e strutture tettoniche influiscono indagini geologiche vengano effettuate preliminar-
sull’andamento dei flussi e sulle emergenze, identifi- mente rispetto a quelle geofisiche. Si precisa che, salvo
cando le relazioni fra acque superficiali e sotterranee e situazioni particolari (per esempio, l’identificazione
fra acquiferi superficiali ed acquiferi profondi, valu- dell’interfaccia acqua dolce – acqua salata), la prospe-
tando quantità e qualità delle risorse idriche. zione geofisica di superficie non fornisce direttamente
In assenza o in carenza di dati bibliografici, per dati idrogeologici (limite della superficie piezometri-
le aree di pianura (o comunque per aree prive di affio- ca, zone di maggiore trasmissività, ecc.), ma solamente
ramenti) è in generale necessario, per ottenere infor- le variazioni di alcuni parametri fisici caratterizzanti il
mazioni su sottosuolo e tipologia di acquiferi, ricorrere sottosuolo. Queste grandezze devono essere necessa-
ad indagini dirette o indirette specifiche. riamente interpretate dal punto di vista geofisico, quin-
Per gli ambienti collinari o montani, invece, la di messe in relazione con la geologia ed, infine, con la
ricostruzione del modello idrogeologico può avvenire presenza o meno di acque sotterranee.
attraverso un rilevamento geologico classico di detta-
glio; i limiti oggettivi che il rilevamento geologico ha 2.1. Considerazioni sui metodi geofisici
nelle aree di pianura sono più che superati nelle aree
collinari o montane dove insieme al rilievo strutturale, Nell’applicazione dei metodi geofisici occorre avere
rappresenta il mezzo principe per individuare esistenza consapevolezza delle potenzialità e dei limiti delle
tecniche utilizzate. La geofisica è in grado di fornire
e natura degli acquiferi e comprenderne geometria e
utili indicazioni per la definizione del modello idro-
loro relazioni.
geologico del sottosuolo, ma occorre precisare che i
Lettura ed interpretazione di carte geologiche o
metodi geofisici necessitano di opportuna esperienza
di foto aeree (a scala adeguata all’indagine da effettua-
nell’applicazione e di una stretta collaborazione tra
re), integrata da successivi rilievi, mirati, di terreno,
geologo e geofisico. Poiché i metodi geofisici non
forniscono i dati di base necessari, fra l’altro, per indi-
misurano direttamente i parametri richiesti in idroge-
viduare, mappare e quantificare le aree di ricarica delle
ologia, risulta necessaria una corretta correlazione tra
acque sotterranee o per quantificare l’infiltrazione per
le misure dei contrasti geofisici e il contesto geologi-
i bilanci idrogeologici.
co; la correlazione è frequentemente empirica e l’at-
tendibilità dell’interpretazione riflette la qualità delle
2. La geofisica nella prospezione idrogeologica misure geofisiche e la correttezza dell’ipotesi sul mo-
dello geologico di partenza, l’esperienza e la sapienza
Le indagini geofisiche sono finalizzate ad individuare del geologo.
e misurare parametri fisici di strutture o corpi geologici Un altro aspetto importante nelle indagini è la
sotterranei. I parametri comunemente utilizzati nelle loro risoluzione, ovvero la capacità delle misure di di-
indagini geofisiche sono: conducibilità elettrica, l’ela- stinguere tra due situazioni geologiche simili. Essa di-
sticità, suscettività magnetica e densità; ad ognuno di pende dal metodo geofisico considerato, dal tempo e
questi parametri corrisponde un particolare metodo di dal budget impegnato; pertanto, risulta necessaria una
7
Ordine dei Geologi della Toscana

corretta pianificazione delle indagini per garantire la dalla misura del potenziale elettrico generato e dalle
migliore qualità dei dati ai costi minori. dimensioni del terreno energizzato. Solitamente si rea-
In geofisica si è soliti distinguere il problema lizzano sondaggi elettrici verticali (SEV) utilizzando le
“diretto” (determinare l’effetto in superficie generato configurazioni di Wenner o Schlumberger, che servo-
da una struttura sepolta caratterizzata da certi parame- no per investigare in profondità. Si ricorda che il son-
tri fisici e geometrici), da quello “inverso” (dedurre i daggio è puntuale e riferito al centro dello stendimen-
parametri fisici e geometrici di una struttura in base to. Esso consente l’individuazione di superfici strati-
alle misure della prospezione); mentre il problema “di- grafiche orizzontali del sottosuolo per ricerche idriche
retto” ammette un’unica soluzione, quello “inverso” e ambientali nei casi in cui gli altri metodi non siano
può essere soddisfatto da più modelli di struttura. Non efficienti; permette l’individuazione della profondità
tutti i modelli proposti saranno validi geologicamente, dell’acquifero, degli spessori di depositi alluvionali
il geofisico, in base ad altre informazioni e anche alla acquiferi, del bedrock, di strutture artificiali (discari-
propria esperienza, dovrà individuare quello che me- che, orizzonti antropizzati) e di perdite da discariche,
glio descriverà la realtà. Nel processo di inversione traccia di percolati e contaminanti in falda; consente lo
vengono fatte alcune assunzioni sul modello geofisico studio del cono di depressione di falda intorno a pozzi/
del sottosuolo (omogeneità e isotropia dei mezzi ana- sorgenti per la determinazione della direzione di scor-
lizzati, interfacce nette tra i vari materiali, modelli rimento della falda, per il computo, mediante calcolo
mono o bidimensionali, etc.) che talvolta non coinci- della velocità di flusso, della zona di salvaguardia ad
dono con la realtà geologica che può essere anche mol- “isocrona”. La profondità d’esplorazione è variabile a
to complessa (scarsa omogeneità dei mezzi in rapporto seconda del dispositivo e della risoluzione richiesta,
alla risoluzione del metodo adottato, variazioni gra- es. fino a 5 m, fino a 10 m, fino a 30 m, fino a 50 m,
duali delle proprietà fisiche, anisotropia e variazioni fino a 100-200 m ed oltre; essa risulta mediamente 1/4
laterali degli strati studiati). Ai fini della calibrazione (talvolta inferiore) della lunghezza dello stendimento.
dei metodi e delle assunzioni empiriche effettuate ri- Questa metodologia consente di ottenere informazio-
sulta necessario acquisire informazioni dirette sulla si- ni sul sottosuolo anche a grandi profondità con costi
tuazione del sottosuolo, quali carotaggi, prove in situ, notevolmente inferiori rispetto alle indagini dirette;
log di pozzo, prove Cross-Hole o Down-Hole. inoltre presenta una buona risoluzione stratigrafica in
La geofisica costituisce un approccio importante senso verticale, mentre si possono avere delle difficol-
per la definizione del quadro geologico dell’area. Le tà d’interpretazione in zone accidentate morfologica-
problematiche in ambito geologico e ambientale ne- mente o con numerosi sottoservizi, e i risultati ottenuti
cessitano, sempre, di dati di base di carattere geologico con questa metodologia possono risultare scarsamente
su cui impostare la campagna geofisica. Tutte le opera- attendibili in terreni con variazioni laterali naturali/
zioni che possono essere programmate per giungere antropiche. Come per altre metodologie geofisiche è
alla soluzione del problema devono andare nella dire- opportuno avere una stratigrafia di taratura a riferi-
zione di studiare quei parametri che presentano i mag- mento. Nella realizzazione del sondaggio è necessario
giori contrasti fisici e dimensionare gli interventi in disporre di ampi spazi per poter indagare in profondità,
modo da portare ad un ragionevole rapporto tra i costi con una lunghezza dell’array circa quattro/sei volte la
ed i benefici che possono derivare dall’impiego della profondità di indagine.
geofisica. Tomografia Elettrica [IMAGING DC RESISTI-
VITY, I.P.]: con questa tecnica si applica al terreno una
2.2. Metodi geofisici corrente elettrica “quasi” continua attraverso elettrodi
Tutti i diversi metodi geofisici sono in grado di infissi nel terreno. Si ricava la resistività del terreno
fornire parametri utili alla caratterizzazione idrogeolo- dalla misura della corrente, del potenziale elettrico ge-
gica del sottosuolo. In effetti, alcune tecniche non sono nerato e dalle dimensioni del terreno energizzato. La
particolarmente efficienti in relazione ai costi; pertanto, misura di “caricabilità” del terreno (I.P. - Induced Po-
di seguito, verranno proposte quelle metodologie che, larization) consiste invece nella misura del tempo t di
usualmente, sono utilizzate nella esplorazione idroge- decadimento della carica elettrica applicata. Con la to-
ologica: geoelettriche (o di resistività in corrente conti- mografia elettrica si utilizzano, prevalentemente, i si-
nua), elettromagnetiche (o di conducibilità in corrente stemi dipolo-dipolo, i quali sono sensibili lateralmente
alternata) e sismiche a rifrazione ed a riflessione. e servono per ricostruire andamenti e variazioni late-
Geoelettrica [DC RESISTIVITY, Misé a la mas- rali ma a profondità inferiori rispetto a quelle ottenute
se]: con questa tecnica, si applica al terreno una corren- con i sondaggi elettrici verticali (SEV). Essa permette
te elettrica “quasi” continua attraverso elettrodi infissi l’individuazione di superfici stratigrafiche orizzontali
nel terreno; quindi si ricava la resistività del terreno del sottosuolo per ricerche idriche e ambientali, la de-
8
Linee guida di idrogeologia: approccio ai progetti

finizione della profondità dell’acquifero, degli spessori m) a seconda della configurazione, della strumentazio-
dei depositi alluvionali acquiferi, del bedrock, la deli- ne adottata e della natura del terreno. I rilievi risulta-
mitazione di strutture artificiali (discariche, orizzonti no economici e speditivi; la facilità di trasporto e di
antropizzati); consente inoltre la ricostruzione dei limi- utilizzo della strumentazione permette indagini anche
ti e delle variazioni laterali di grandi strutture sepolte in ambienti con morfologia accidentata. Esso ha la ca-
(discariche, accumuli sepolti) e l’individuazione per- pacità di evidenziare discontinuità (superfici, strutture)
dite da discariche, traccia di percolati e contaminan- a forte sviluppo verticale. Come altri metodi elettrici,
ti in falda. La profondità d’esplorazione è variabile a risente dell’influenza di strutture quali recinzioni, cor-
seconda del dispositivo e della risoluzione richiesta, pi metallici in superficie, tubazioni, reti elettrosaldate,
es. fino a 5 m, fino a 10 m, fino a 30 m, fino a 50 m, elettrodotti, c.a. e di edifici vicini posti a circa 5 m di
fino a 100-200 m e oltre. La profondità d’esplorazione distanza. Il metodo si applica al meglio in condizio-
è mediamente 1/4 (talvolta inferiore) della lunghezza ni di terreno asciutto; in terreni argillosi la profondità
dello stendimento. La tomografia elettrica ha una buo- d’esplorazione si riduce del 30-40%.
na risoluzione stratigrafica in senso verticale e laterale; I metodi elettromagnetici possono operare nel
è utile per la discriminazione di materiali metallici, di dominio della frequenza (frequency domain), in cui è
argille/sabbie acquifere con I.P. Occorre sottolineare l’analisi della variazione di ampiezza del segnale ad una
che per ottenere precisione è necessaria una stratigrafia determinata frequenza a fornire le indicazioni sulla pre-
di taratura a riferimento; si possono presentare diffi- senza di contrasti di conducibilità nel sottosuolo: oppure
coltà d’interpretazione in zone accidentate morfolo- nel dominio dei tempi (time domain) in cui le informa-
gicamente o con numerosi sottoservizi; la tomografia zioni utili all’esplorazione geologica mediante onde o
elettrica è sensibile alla presenza di condotte e/o tu- impulsi EM sono ottenute attraverso la stima del tempo
bazioni interrate, di linee aeree di tensione, di messe a che intercorre tra l’istante di invio di un impulso EM
terra, di corpi metallici superficiali. Nella realizzazio- ed il ritorno di segnali “anomali” dal sottosuolo. Que-
ne occorrono spazi aperti per lo stendimento dei cavi, sti impulsi trasmettono in superficie informazioni che
occorre l’infissione di elettrodi nel terreno (possibile consentono di ricostruire la successione stratigrafica del
applicazione anche in aree asfaltate, urbanizzate con sottosuolo attraversato dalle onde elettromagnetiche.
predisposizione di fori). I metodi EM che operano nel frequency domain
Metodo elettromagnetico [EM RESISTIVITY]: più utilizzati sono il sistema VLF, particolarmente uti-
il metodo utilizza la generazione di un campo elettro- le per le ricerche idriche nelle zone di frattura nell’am-
magnetico, detto primario, che si trasmette intorno ad bito di complessi litoidi: in campagna sono possibili
una bobina emittente, inducendo nel terreno una cir- considerazioni preliminari sui risultati delle misure ed
colazione di una corrente. Questa originerà a sua volta elaborazioni relativamente semplici finalizzate alla de-
un campo elettromagnetico secondario, la cui intensità finizione di modelli bidimensionali semi-quantitativi,
è proporzionale alla conduttività del materiale. Questo ed il sistema SLINGRAM che consente la definizione
metodo consente di misurare la conduttività elettrica geometrica di un acquifero in formazioni litoidi frat-
(l’inverso della resistività) dei suoli e delle rocce che turate, ma anche in alluvionali ove risulti necessario
dipende da vari fattori quali il grado di saturazione, la individuare i percorsi dei paleoalvei.
salinità dell’acqua dei pori, la composizione mineralo- Le tecniche che operano nel dominio dei tempi
gica. Normalmente i risultati permettono di realizzare sono maggiormente sensibili, rispetto a quelle geoelet-
cartografie che illustrano, in planimetria, per isolinee, triche (resistività), alla presenza di strati conduttivi nel
la conducibilità elettrica e lo sfasamento dell’onda sottosuolo, in quanto costituiscono degli “schermi” dif-
elettromagnetica. Con questa metodologia è possibile ficilmente superabili. Esse presentano il vantaggio di
ottenere la caratterizzazione planimetrica degli spesso- raggiungere elevate profondità di indagine, utilizzando
ri di coperture di terreno, detritiche e di depositi allu- potenze elevate e dispositivi relativamente compatti.
vionali previa taratura con stratigrafie. Esso permette Esse risultano efficaci nelle situazioni in cui occorrono
di individuare e delineare aree di discarica, discariche grandi profondità di indagine in contesti morfologici
sepolte e zone di scavo del terreno. Il metodo è ottima- e geologici articolati (es.: complessi vulcanici effusivi
le se si indagano terreni caratterizzati dalla presenza di notevole spessore soprastanti a depositi sedimentari
di materiali conduttivi, anche in debolissima concen- argillosi).
trazione (composti inorganici con: metalli, metalli pe- Metodologie sismiche a rifrazione ed a rifles-
santi, ioni, oli minerali contenenti metalli e/o solfati, sione: è possibile investigare alcune proprietà del
melme bituminose acide, fanghi,….); e di monitorare sottosuolo attraverso i metodi sismici che utilizza-
eventuali plume di dispersione nel terreno. Tipicamen- no il fenomeno fisico della rifrazione oppure quello
te la profondità d’esplorazione cambia (3, 5, 7, 10, 30 della riflessione. Tipicamente le indagini effettuate
9
Ordine dei Geologi della Toscana

con sismica a rifrazione non superano profondità di sistività elettrica e la sismica a rifrazione) risultano
investigazione di 30-60 m, mentre per quella a ri- solitamente efficaci per valutare lo spessore e/o la na-
flessione si riescono a raggiungere profondità anche tura dei sedimenti alluvionali; l’efficienza delle meto-
molto maggiori. dologie utilizzate dipende dal contrasto tra i parametri
Le indagini effettuate con la tecnica a rifrazione fisici dei depositi alluvionali e quelli delle rocce del
ed elaborazione tomografica consentono superamento substrato. Nell’ipotesi di un contatto di limi ed argille
dei limiti di esplorazione in quelle situazioni in cui si con marne (o sabbie e ghiaie con arenarie) è probabile
hanno intercalazioni tra strati a bassa e alta velocità. che il contrasto di resistività sia insufficiente per iden-
Questo consente, nel caso specifico delle prospezioni tificare la superficie di separazione; in questa situa-
finalizzate a studi idrogeologici, di definire orizzonti zione può essere possibile che la differenza di velocità
fratturati nell’ambito di acquiferi litoidi o volumi che, delle onde sismiche permetta tale identificazione. In
per una elevata porosità presentano velocità più basse. conseguenza di quanto esposto risulta opportuno usa-
Anche i metodi GRM o DELAY TIME consentono si- re congiuntamente le due tecniche geofisiche. Qualo-
mili analisi, ma solo per le zone fratturate con assetto ra si presentino depositi in valli di origine tettonica
sub-verticale. o nelle pianure costiere, l’utilità dei metodi geofisici
Ai fini della valutazione della presenza di acqua svolte in superficie per identificare acquiferi profondi
nel sottosuolo, risulta particolarmente utile il metodo (ad esempio, più di 50÷100 m) è relativamente limi-
sismico a rifrazione con onde P e con onde SH sullo tata poiché possono presentarsi delle variazioni late-
stesso profilo. Infatti, in situazioni in cui il mezzo è rali e verticali di facies; invece, le indagini geofisiche
fratturato o poroso, le velocità delle onde di compres- nei sondaggi, insieme alle analisi dei campioni e della
sione (P) solitamente hanno valori bassi (inferiori a geologia di superficie, possono essere più efficienti e
1.000 m/s) se non vi è una falda acquifera che permea quindi, in linea generale, da utilizzare. Negli acquiferi
i pori o le fratture; anche i valori delle velocità delle costieri, relativamente omogenei, la prospezione geo-
onde SH risulteranno bassi (su valori di poche centi- elettrica di superficie risulta una metodologia utile per
naia di m/s). Qualora fossimo in presenza di falda, la valutare il movimento dell’interfaccia acqua dolce-
velocità delle onde P risulterà più elevata con valori acqua salata.
maggiori di 1.450 m/s (velocità delle onde sismiche
di compressione nell’acqua) mentre la velocità delle Rocce plutoniche e metamorfiche: i metodi geofisici
onde SH rimarrà invariata, in quanto legata solo alla tipicamente applicati in questi casi sono la prospezio-
natura dello scheletro solido del mezzo. ne geoelettrica (resistività) e la prospezione sismica
La sismica a riflessione risulta efficace nel di- (rifrazione). Il primo metodo sfrutta il fatto che le roc-
scriminare la presenza o meno di fluidi nei pori. Le ce sane hanno una resistività decisamente superiore
esperienze accumulate nell’esplorazione petrolifera, rispetto a quella delle rocce alterate o molto frattura-
hanno consentito lo sviluppo di nuove metodologie di te, essendo maggiore il contenuto in acqua e la pro-
acquisizione ed elaborazione dati, anche in altri settori porzione di materiali argillosi (nelle zone alterate); la
dell’esplorazione del sottosuolo. È importante sottoli- resistività di un granito alterato varia tra 0,2÷0,3·103
neare che la capacità di distinguere ed evidenziare si- ohm·m, mentre quella del granito integro è superiore
tuazioni stratigrafiche e giaciturali di interesse per uno a 2·103 ohm·m. La decompressione superficiale dei
studio idrogeologico è strettamente legata ai costi per massicci rocciosi produce una notevole diminuzione
l’esecuzione delle operazioni sul terreno e l’elabora- della velocità delle onde sismiche favorendo l’utiliz-
zione dei dati; questo comporta che le tecniche a rifles- zo della sismica a rifrazione. Solitamente la profon-
sione presentino costi di gran lunga superiori a quelli dità della zona alterata è modesta, per cui può essere
di altre indagini, e pertanto vengono utilizzate solo in conveniente e rapido realizzare delle prospezione si-
particolari progetti. Inoltre, occorre tenere presente che smiche a rifrazione. I metodi gravimetrici e magnetici
una indagine con la tecnica della sismica a riflessione sono solitamente poco efficaci nell’esplorazione delle
che abbia come obiettivo di investigare 200-300 m al acque sotterranee in questo tipo di rocce, così come i
di sotto del piano di campagna, necessita di sezioni di rilevamenti geofisici all’interno dei sondaggi (resisti-
lunghezza superiori al chilometro e quindi una accura- vità, potenziali spontanei, raggi gamma, ecc.).
ta pianificazione logistica dell’indagine.
Rocce vulcaniche: solitamente i metodi geofisici ri-
sultano poco utili per discriminare le zone più perme-
2.3. Considerazioni sull’utilizzo dei metodi geo-
abili o porose entro un complesso di formazioni vul-
fisici per l’esplorazione del sottosuolo caniche, a causa del modesto contrasto delle proprietà
Rocce sedimentarie non consolidate: i metodi geo- elastiche, resistive o magnetiche dei diversi settori di
fisici di superficie (specialmente, il metodo della re- una colata; la prospezione geoelettrica (resistività) ri-
10
Linee guida di idrogeologia: approccio ai progetti

sulta utile nelle zone costiere per localizzare l’inter- 3. La geochimica nella prospezione idrogeo-
faccia acqua dolce-acqua salata. logica
Rocce sedimentarie consolidate: i metodi geofisici Le caratteristiche chimico-fisiche delle acque sotter-
consentono di definire la geologia in profondità, ma ranee dipendono da svariati fattori: la composizione
difficilmente danno indicazioni dirette sulla presen- della roccia serbatoio, fenomeni legati all’interazione
za di acque sotterranee; la conoscenza della geologia acqua-roccia, tempi di residenza nel sottosuolo, tem-
dell’area e un efficace coordinamento tra il geofisico peratura e pressione, fenomeni di mescolamento fra
ed il geologo risultano particolarmente utili nella defi- acque a differente chimismo.
nizione del modello idrogeologico dell’area. Lo studio della chimica delle acque sotterranee
è un metodo di prospezione idrogeologica che consen-
Zone carsiche: i metodi tipicamente applicati sono te di ricostruire i circuiti, di caratterizzare il bacino di
la prospezione geoelettrica (metodo della resistività) alimentazione, di individuare le aree di alimentazione
e quella sismica (metodo a rifrazione). Entrambe le e drenaggio preferenziali, di risalire alle temperature
metodologie sono efficaci per caratterizzare la dispo- profonde e di correlare tra loro le varie acque.
sizione degli strati calcarei e dolomitici, se esiste suf- È necessario sottolineare che nessun parametro
ficiente contrasto tra le loro proprietà fisiche e quelle chimico-fisico (preso singolarmente) ha un significato
delle rocce incassanti; utilizzando congiuntamente le idrogeologico univoco; anche acque circolanti in uno
due metodologie geofisiche citate è, ad esempio, pos- stesso acquifero possono avere caratteristiche fra loro
sibile caratterizzare la geometria di livelli di alluvioni molto diverse a causa di differenti condizioni idrodina-
o di sedimenti poco consolidati posti al di sopra di un miche esistenti nel sottosuolo; NON è quindi possibile
ammasso calcareo compatto. La resistività diminuisce interpretare correttamente i dati idrochimici in assenza
molto in presenza di acque ad elevato tenore salino; di un’approfondita conoscenza idrogeologica del terri-
perciò, la prospezione geoelettrica risulta in quasi torio. L’idrogeologo, sulla base delle sue conoscenze,
tutte le formazioni geologiche un buon procedimento identificherà quali acque analizzare, a che profondità e
per determinare l’interfaccia acqua dolce-acqua salata che specie chimiche indagare.
negli acquiferi costieri. Occorre sottolineare che per Le operazioni di analisi sono precedute dalla de-
gli affioramenti di rocce carbonatiche, la prospezio- licata fase di campionamento, durante la quale il cam-
ne geoelettrica può manifestare problemi pratici nel pione dovrà essere prelevato secondo criteri e metodi
realizzare un buon contatto tra gli elettrodi ed il terre- che ne garantiscano la rappresentatività. In quest’otti-
no; altri problemi si manifestano nelle zone di rilievo ca, i parametri chimico-fisici deperibili dovranno es-
accidentato, molto frequenti nei calcari. Solitamente sere misurati direttamente sul campo (misure di pH,
queste aree sono caratterizzate da alti valori di resi- temperatura, conducibilità, bicarbonato ed altre specie
stività, però, talvolta, si hanno zone con valori irrego- chimiche rapidamente deperibili) e i dati consegnati ai
larmente bassi, dovuti a fessure riempite di materiali laboratori unitamente ai campioni adeguatamente con-
argillosi o di acqua ad elevato tenore salino oppure a dizionati.
un certo contenuto di marne, o alti, causati della man- Non si sottolineerà mai abbastanza che un cam-
canza di fessure o dal fatto che le fessure sono aperte pionamento eseguito male può stravolgere tutta la se-
e senza acqua. La velocità di propagazione delle onde guente interpretazione; la rappresentatività di un cam-
sismiche diminuisce in presenza di calcari fratturati, pione dipende primariamente dalla piena comprensione
risulta necessario l’utilizzo congiunto di metodi geoe- di cosa effettivamente si sta campionando e perché. La
lettrici per stabilire se le fratture sono pulite o sigilla- stesura del programma di campionamento e la super-
te da materiali argillosi; inoltre la presenza di calcari visione al campionamento stesso non possono essere
marnosi di bassa permeabilità produce una diminuzio- delegate dall’idrogeologo ad altra professionalità.
ne sia della velocità di propagazione che della resisti- In generale, le prospezioni idrogeochimiche
vità. Concludendo, si osserva che l’utilità dei metodi vengono eseguite utilizzando quei parametri fisico-
geofisici nell’esplorazione delle acque sotterranee chimici che meglio si prestano ad un’interpretazione
delle zone carsiche è essenzialmente limitata ad un di carattere idrogeologico. A seconda degli obiettivi
contributo per la maggiore definizione dell’ammasso dell’indagine i parametri indagati possono essere più o
carbonatico in profondità; non sempre queste tecni- meno numerosi, anzi, in alcuni casi, anche un singolo
che forniscono indicazioni precise per aumentare la parametro può essere sufficiente, specie in emergenza,
probabilità di ubicare un pozzo con esito positivo. Co- a definire i contorni di una problematica. Si tratta ov-
munque è auspicabile che gli studi geofisici vengano viamente di informazioni di carattere preliminare che
preceduti, accompagnati e seguiti dagli studi geologi- dovranno in seguito essere integrate ma che possono
ci e/o idrogeologici propriamente detti. però fornire la soluzione ad alcuni problemi di carat-
11
Ordine dei Geologi della Toscana

tere applicativo (es. misure speditive di conducibilità vi in situ. Con gli isotopi è inoltre possibile evidenziare
elettrica specifica per l’individuazione preliminare del- i fenomeni di evaporazione, gli scambi isotopici con la
la gravità di un’ingressione marina). roccia serbatoio ad alta T, le interconnessioni tra acque
Le misure di pH, T, conducibilità, cationi (Ca++, sotterranee e superficiali, i mescolamenti fra acque di
Mg , Na+, K++) e anioni (HCO3-, Cl-, NO3-) principali
++
bacini diversi.
forniscono già un buon livello di informazioni, permet-
tendo la classificazione delle acque1, le correlazioni e Traccianti artificiali
fornendo informazioni sui bacini di alimentazione. A I traccianti artificiali sono quelle sostanze che posso-
seconda della specifica problematica indagata possono no essere facilmente immesse e rilevate nelle acque
essere utili o necessarie analisi più approfondite con la sotterranee al fine di comprenderne i principali aspetti
determinazione di elementi come Fe++, Mn++, NH4+, F-, idrodinamici e di determinare alcuni parametri dell’ac-
B-, etc. e specifici inquinanti. quifero.
I dati ottenuti dalle analisi chimiche possono es- Si utilizzano per riconoscere le comunicazioni
sere rappresentati in varie maniere, sia con diagrammi, sotterranee, per localizzare gli sbocchi sottomarini, per
più che sufficienti per risolvere problematiche puntua- individuare i possibili punti d’immissione di eventua-
li, sia con rappresentazioni a curve di isovalori (per i li inquinanti, la loro distribuzione ed i loro tempi di
singoli parametri) estremamente utili per confrontare propagazione, per determinare le direzioni principali
la variazione spaziale di differenti parametri ed evi- di flusso delle acque, per calcolare la velocità e la por-
denziare quindi zone di infiltrazione, zone di inquina- tata delle falde ed infine per determinare permeabilità
mento concentrato, zone di intrusione salina ecc. e trasmissività degli acquiferi.
Perché le carte di isovalori siano realmente rap- I traccianti artificiali possono essere solidi che re-
presentative della situazione reale è necessario che: stano in sospensione nell’acqua (granelli di miglio, cru-
• il campionamento sia stato effettuato a regola sca, calce, amido, spore ecc) o prodotti chimici solubili
d’arte; da coloranti ad elementi radioattivi (cloruri, bicromato
• le analisi siano riproducibili; di sodio, nitrato di potassio, solfato di manganese, etc.).
• i dati utilizzati per la costruzione della carta siano La scelta dell’uno o dell’altro tipo di tracciante3
omogenei sia metodologicamente che cronologica- dipende dalle caratteristiche del tracciante in relazione
mente (senza variazioni legati alla stagionalità). alla problematica da sviluppare ed alla natura litologi-
Tecniche geochimiche particolarmente utili nella pro- ca dell’acquifero che esso deve attraversare.
spezione idrogeologica sono i metodi basati sullo stu- In genere i traccianti solidi si utilizzano su per-
dio di traccianti, naturali o artificiali. corsi brevi e non in rocce porose dalle quali vengono
trattenute, i solubili invece presentano il vantaggio di
Traccianti naturali essere trasportati facilmente anche su lunghi percorsi e
Traccianti naturali2 sono gli isotopi dell’idrogeno e di essere individuati con analisi molto semplici.
dell’ossigeno, nonché gli isotopi di altri elementi che È importante sottolineare che l’interpretazione
si ritrovano disciolti nelle acque in piccola quantità delle prove di tracciante artificiale presuppone la cono-
(Carbonio, Silicio, Zolfo, Azoto, Argon). scenza preventiva, di massima, dell’idrodinamica sotter-
Nelle prospezioni idrogeologiche gli isotopi ranea del territorio da studiare nonché quella della natu-
dell’idrogeno e dell’ossigeno sono i più utilizzati. ra litologica e mineralogica degli acquiferi (mineralogia
Il trizio consente di risalire all’età delle acque e litologia controllano i fenomeni di scambio ionico).
mentre con l’ossigeno 18 ed il deuterio è possibile de-
terminare la quota isotopica della zona di ricarica. Ov- 3
Le caratteristiche di un buon tracciante possono essere
viamente età e quote possono coincidere con le reali o così sintetizzate:
rappresentare il risultato di mescolamenti che vanno ⇒ deve essere totalmente assente o presente in piccolissima
interpretati sulla base delle conoscenze dell’idrogeolo- concentrazione nelle acque da tracciare;
gia locale e/o regionale e sulla scorta di indagini e rilie- ⇒ deve essere facilmente trasportabile;
⇒ deve possedere buona solubilità in acqua;
1 ⇒ deve essere atossico;
Particolarmente utili, per l’individuazione ed interpreta- ⇒ non deve essere suscettibile di fenomeni di assorbimento,
zione delle relazioni fra acque naturali o antropicamente traccia- scambio, fissazione o decomposizione a contatto con la roc-
te, sono i diagrammi classificativi (Piper Hill, Langelier-Ludwig). cia o con i Sali naturalmente in soluzione,
Essi consentono di comparare i trend evolutivi delle naturali fami- ⇒ deve essere possibile utilizzarlo in concentrazioni tali da non
glie idrochimiche anche aggirando il problema delle differenti di- modificare l’aspetto abituale dell’acqua;
luizioni, dipendente da differenti condizioni idrologiche stagionali ⇒ deve essere facilmente rilevabile, qualitativamente e/o quan-
di campionamento. titativamente, anche in bassissime concentrazioni, non deve
2
Sostanze la cui concentrazione non dipende da fattori di contaminare chimicamente le acque sotterranee per molto
interazione con la roccia serbatoio ma è funzione solo delle carat- tempo in modo da consentire l’eventuale ripetizione della
teristiche dell’acqua di infiltrazione efficace. prova.

12
Linee guida di idrogeologia: approccio ai progetti

4. Indagini dirette nella prospezione idrogeologica sizione del dato idrogeologico utile è, spesso, stretta-
mente dipendente sia dalla tecnica impiegata che dal
La caratterizzazione idrodinamica di specifiche por-
periodo in cui è stato acquisito, che dalla conoscenza
zioni di sottosuolo, mediante indagini dirette, non si
dell’acquifero di cui è rappresentativo.
sostituisce in alcun modo alla comprensione del qua-
La progettazione di campagne di acquisizione
dro geologico, ma ne costituisce un approfondimento
dati idrogeologici (anche le più semplici) come una
ed affinamento, in genere con validità esclusivamente
mera prova di emungimento) richiede:
locale, ma estremamente utile a fini pratici.
• chiara e preventiva comprensione delle problemati-
L’acquisizione diretta delle caratteristiche idro-
che da indagare;
geologiche del sottosuolo è indispensabile e prope-
• conoscenza almeno qualitativa della struttura geo-
deutica alla progettazione di tutti gli interventi antro-
logica;
pici potenzialmente interagenti con la risorsa idrica
• padronanza delle tecniche esecutive e delle meto-
sotterranea sia che tale interazione sia lo specifi-
dologie interpretative.
co scopo dell’opera (emungimento falde idriche ed
Vale la pena ricordare che, nell’ambito della prospezio-
estrazione fluidi sotterranei, ricarica artificiale delle
ne idrogeologica, la lettura di cutting e carote da perfo-
falde, drenaggi, barriere impermeabili ecc.), sia che
razione di pozzi o sondaggi (nonché l’osservazione in
l’interazione dell’opera sia solo un effetto collaterale
cantiere del comportamento della macchina di perfo-
della stessa (opere edilizie e stradali in sotterraneo,
razione) è un momento essenziale e spesso irripetibile,
urbanizzazioni, installazione di attività potenzial-
per valutare direttamente la struttura dell’acquifero, la
mente inquinanti).
sua composizione mineralogica e granulometrica, pre-
Prove di emungimento, misure piezometriche
senza, natura ed eventuale cementazione delle matri-
in pozzi o piezometri, misure di permeabilità super-
ci, nonché indizi delle interazioni del fluido circolante
ficiali, misure in pozzo o test di laboratorio sono tutti
con la roccia incassante.
strumenti della prospezione idrogeologica che pos-
sono essere efficacemente utilizzati solo se gestiti in
un progetto d’indagine mirata che definisca univoca- 5. I modelli matematici
mente: obiettivi, entità, metodo e durata di ogni sin-
gola prova o misura. I modelli, considerati nell’accezione più ampia, sono
Un progetto d’indagine ben strutturato e basa- delle rappresentazioni semplificate della realtà: per
to su una corretta comprensione della geologia, non esempio, una carta stradale è un mezzo per rappre-
solo permette di ottenere le informazioni necessarie, sentare un complesso sviluppo di strade in una forma
ma minimizza costi e tempi di lavoro. Una campagna simbolica in modo da rendere possibile la valutazione
piezometrica non preventivamente progettata (con dei percorsi senza doverlo fare per tentativo ed erro-
ben definiti numero, tipologia, distribuzione dei punti re, spostandosi fisicamente sul percorso. In maniera
da misurare, tempi e numero di misure da effettuare simile, i modelli matematici per le acque sotterranee
ecc.) può nel migliore dei casi richiedere tempi di ese- sono rappresentazioni della realtà e, se correttamente
cuzione molto lunghi e nel peggiore portare a risultati implementati, rappresentano un potente strumento di
che hanno poco a che vedere con la realtà. analisi e previsione, in quanto attraverso le simulazio-
Al di là delle specifiche metodiche di esecuzio- ni è possibile valutare sia l’efficacia di azioni intra-
ne di una prova4, la difficoltà di una corretta acqui- prese sulla risorsa, sia la tendenza evolutiva naturale
della risorsa stessa. I modelli matematici rappresen-
4
In linea del tutto generale, per l’acquisizione diretta dei tano una delle categorie della modellazione; essi si
dati idrogeologici non bisogna dimenticare (per evitare errori gros-
basano sullo sviluppo e la risoluzione del set di equa-
solani) alcune semplici precauzioni:
PIEZOMETRIE. È opportuno: zioni che governano il moto delle acque sotterranee.
$$ indicare sempre la quota assoluta di riferimento per ogni punto È abbastanza ovvio che la validità di una previsione è
di misura e la sua fonte; direttamente collegata a quanto un modello approssi-
$$ indicare la profondità dei filtri; ma la realtà ed è quindi critica la scelta delle assunzio-
$$ indicare la tipologia del punto di misura (pozzo trivellato, sca-
vato, piezometro, etc.);
ni semplificative. Le semplificazioni necessarie per
$$ misurare solo pozzi non in emungimento (per i noti fenomeni risolvere analiticamente5 le equazioni di flusso sono,
di perdita di carico all’interno del dreno e del pozzo stesso, nei
pozzi in emungimento, ben raramente la quota dell’acqua nel PROVE DI EMUNGIMENTO. È opportuno:
pozzo corrisponde al vertice del cono di depressione). $$ verificare preventivamente i rapporti altimetrici dei boccapoz-
CARTE PIEZOMETRICHE zo fra pozzi in emungimento ed eventuali piezometri;
$$ Una consuetudine consolidata prevede l’impiego di interpola- $$ durante la prova verificare frequentemente la portata di emun-
zioni con tecniche lineari. È buona norma specificare e giusti- gimento.
5
ficare sempre l’eventuale impiego di altre metodiche; Metodi analitici vengono comunemente utilizzati per la
$$ interpolare solo misure relazionabili ad uno stesso acquifero. parametrizzazione idraulica dei geomateriali mediante prove di

13
Ordine dei Geologi della Toscana

in genere, troppo restrittive (vedi ad esempio mezzo co dell’area, descrivendo geometria e caratteristiche
omogeneo ed isotropo) e di validità troppo puntuale; idrauliche degli acquiferi, nonché le loro interrelazioni
sono state quindi, messe a punto tecniche di risoluzio- e le relazioni degli stessi con le acque superficiali.
ne numerica: elementi finiti e differenze finite. Più in dettaglio la relazione dovrà contenere:
In entrambi i casi, all’area di studio è sovrimpo- 1. la descrizione delle finalità dello studio idrogeo-
sta una griglia di punti e ad ogni vertice sono assegnate logico e l’ambito normativo all’interno del quale
proprietà idrauliche. Mentre nei metodi ad elementi viene effettuato il lavoro;
finiti la distribuzione delle proprietà è continua da un 2. un inquadramento geologico, geomorfologico ed
vertice all’altro, nei metodi alle differenze finite è di- idrogeologico regionale. L’inquadramento, an-
screta; il vertice (nodo) rappresenta un elemento (cubi- che derivato dalla bibliografia, dovrà servire per
co o a parallelepipedo) all’interno del quale le proprie- individuare le condizioni al contorno dell’area in
tà attribuite al vertice sono considerate costanti. esame. Si dovrà far riferimento alle cartografie uf-
I metodi ad elementi finiti possono essere più pre- ficiali, motivando sempre eventuali scelte diverse,
cisi di quelli a differenze finite, ma soprattutto permet- mettendo in evidenza litostratigrafie e strutture che
tono di modellare più accuratamente fluidi a differente influiscono sulle situazioni locali;
temperatura o densità; d’altro canto, richiedono una 3. inquadramento geologico, geomorfologico ed
distribuzione uniforme e piuttosto fitta di dati, condi- idrogeologico locale dell’area di studio. Dovran-
zione che raramente si verifica nello studio di comples- no essere presi in considerazione, sempre almeno
si idrogeologici naturali. I metodi alle differenze finite da bibliografia, i tipi di terreni affioranti e sepol-
sono meno versatili ma quasi sempre più che sufficien- ti, le loro caratteristiche geologiche, litologiche
ti per modellare l’andamento qualitativo e quantitativo ed idrauliche, nonché le strutture locali esistenti e
(bilanci) delle acque, nei volumi di sottosuolo d’inte- l’idrologia di superficie. Su tali analisi si baserà il
resse, con i dati comunemente a disposizione. piano delle indagini e degli approfondimenti ne-
Una delle caratteristiche più utili dei metodi di cessari;
modellazione numerica è che possono applicarsi sia 4. descrizione delle indagini, delle analisi e dei pre-
ad aree molto vaste che ad aree estremamente ristrette; lievi eseguiti6. A seconda dei casi:
sono quindi particolarmente efficaci sia nella valuta- • rapporto del rilevamento geologico-idrogeo-
zione su area vasta di effetti di interventi che interessa- logico: descrizione della struttura geologica,
no le acque sotterranee che nella valutazione di effetti idrogeologica e tettonica dell’area di indagine
locali di contaminazione, sovrasfruttamento o altro. (formazioni, stratificazione, scistosità, faglie,
Nell’utilizzo di questi strumenti, particolare at- discontinuità) e presenza di frane;
tenzione deve essere posta alla qualità dei dati in in- • descrizione delle eventuali campagne piezo-
gresso, verificabile con la calibrazione, ossia con il metriche;
confronto, fra quanto calcolato dal modello e quanto si • descrizione di eventuali prove di emungimen-
è effettivamente osservato avvenire. to, prove per la determinazione delle permea-
L’analisi statistica dell’andamento spaziale e bilità dei terreni, prove di tracciamento, prove
temporale delle discrepanze calcolato-osservato, for- di portata istantanea per le acque superficiali;
nisce una quantificazione univoca dell’affidabilità e • descrizione delle eventuali indagini geofisiche
dell’accuratezza del modello. eseguite;
• descrizione dei campionamenti e delle anali-
si chimiche effettuate ed eventualmente delle
6. La relazione idrogeologica e la carta idro- analisi isotopiche;
geologica • descrizione di metodologia per l’eventuale bi-
La relazione idrogeologica e la carta idrogeologica lancio idrogeologico;
sono elaborati che, pur mirati al tipo di progetto da sup- 5. valutazioni idrogeologiche: i dati di nuova acqui-
portare, devono comunque sempre contenere informa- sizione e quelli preesistenti,dovranno essere elabo-
zioni sulla struttura idrogeologica dell’area in studio: il rati in modo da poter fornire:
grado di approfondimento sarà legato a dimensione e • descrizione del percorso dell’acqua nel sotto-
scopi del progetto. suolo: dimensione dell’acquifero, direzione di
In linea generale la relazione idrogeologica do- moto dell’acqua e possibile interazione con ac-
vrà contenere la ricostruzione qualitativa e quantitati- que superficiali;
va (se del caso) del modello concettuale idrogeologi- • relazione tra bacino imbrifero geografico e
6
emungimento e/o di infiltrazione e per il calcolo dei coefficienti di Dovrà sempre essere spiegata e motivata nel dettaglio la
esaurimento delle sorgenti. metodologia di lavoro selezionata.

14
Linee guida di idrogeologia: approccio ai progetti

idrogeologico: formazione dei percorsi d’acqua ⇒ emergenze di acque sotterranee (emergenze


sotterranei7, tipo ed efficienza della copertura localizzate, diffuse, subacquee);
dell’acquifero; ⇒ caratteristiche degli acquiferi: nella carta
• descrizione delle emergenze e degli acquiferi idrogeologica potrà essere riportata una confi-
superficiali più significativi nel bacino imbri- gurazione piezometrica9 (media annuale o re-
fero e loro breve caratterizzazione in relazione lativa ad un periodo particolare) derivante da
all’area in esame; misure statiche;
• descrizione del rapporto tra i vari acquiferi e le ⇒ caratteristiche idrodinamiche: sul punto di
loro interazioni; misura potranno essere indicati i valori dei pa-
A seconda del tipo di progetto a cui lo studio è di sup- rametri idraulici (K, T, S).
porto: ⇒ caratteristiche idrochimiche: tra le caratteristi-
• descrizione di andamento di portata, tempera- che idrochimiche vanno segnalate, le sorgenti
tura e conducibilità dell’acqua di sorgenti, poz- minerali e termominerali, le emanazioni gas-
zi o corsi d’acqua e loro variazioni stagionali; sose, l’eventuale limite dell’intrusione marina
• bilancio idrogeologico; e la quota dell’interfaccia acqua dolce/acqua
• valutazione delle caratteristiche chimiche e salata.
batteriologiche delle acque sotterranee e/o su- 3. Complessi idrogeologici distinti in funzione del
perficiali su base di campionamenti ripetuti in loro grado di permeabilità relativa.
differenti condizioni climatiche; I terreni affioranti verranno suddivisi in complessi
6. valutazioni ambientali idrogeologici10. La differenziazione tra un com-
A seconda dei casi potrà essere utile inserire valu- plesso ed un altro è data dal grado di permeabilità
tazioni e proposte per la tutela della risorsa idrica relativa, indipendentemente dal tipo.
valutando ed elaborando dati sull’utilizzo del suo- Si possono prevedere quattro diversi gradi di per-
lo nel bacino imbrifero ed individuando eventuali meabilità 11 e distinguere quindi 4 classi:
zone di criticità.  complessi altamente permeabili AP
La relazione idrogeologica dovrà contenere come  complessi mediamente permeabili MP
allegati le risultanze8 dei rilievi effettuati e potrà essere  complessi scarsamente permeabili SP
corredata da Carta idrogeologica.  complessi impermeabili IM
La Carta idrogeologica è la rappresentazione in 4. Opere artificiali
sintesi planimetrica dei dati bibliografici e dei rilievi ef- In carta dovranno essere inserite le opere antro-
fettuati, potrà essere una sola carta oppure corredata da piche finalizzate al prelievo dell’acqua; andranno
più mappe complementari nel caso la sovrapposizione ubicate:
di un numero elevato di informazioni rischiasse di infi- le captazioni di emergenze, i pozzi e le opere idrau-
ciarne la leggibilità. Complementari alla carta idrogeo- liche principali o significative. Inoltre, dovrà es-
logica potranno essere, anche, le carte geochimiche. sere rappresentato (anche su carte complementari
Nei quaderni serie III, Vol. 5, “Carta idrogeo- se necessario) tutto il complesso delle altre infor-
logica d’Italia Scala 1:50.000”, il Servizio Geologico mazioni censite, da utilizzare in sede di eventuale
nazionale da un’indicazione sui contenuti e sulla rap- bilancio idrogeologico.
presentazione della carta idrogeologica (indicando al 5. Aree carsiche.
contempo la simbologia da utilizzare). Se presenti dovranno essere rappresentate le più
Nel caso più generale una carta idrogeologica significative forme carsiche, quali doline, inghiot-
dovrà contenere: titoi e grotte. Una particolare simbologia segnala
1. Idrologia di superficie. quelle aree carsiche che direttamente o indiretta-
Dovranno essere riportati i limiti dei bacini idro- 9
Dovrà sempre essere indicato il termine temporale di ri-
grafici (primari e secondari) ed i corsi d’acqua (re-
ferimento.
gime temporaneo, stagionale, perenne). Se possi- 10
Un complesso idrogeologico può essere definito come
bile dovrà essere effettuata una distinzione fra ac- l’insieme di termini litologici simili, aventi una comprovata unità
que derivanti da flusso di base ed acque derivanti spaziale e giaciturale, un tipo di permeabilità prevalente in comune
da ruscellamento. e un grado di permeabilità relativa che si mantiene in un campo di
2. Idrologia sotterranea: variazione piuttosto ristretto (Civita, 1973).
11
7 I gradi di permeabilità relativa possono essere calcolati
Corpi fessurati, corpi porosi; pendenza di: stratificazioni, sia tenendo conto dei parametri statistici come l’analisi granulo-
scistosità, fessurazioni, strati impermeabili, permeabili e semiper- metrica, l’indice di fratturazione, l’indice di carsificazione, il ren-
meabili. dimento specifico (o deflusso sotterraneo medio annuo, espresso in
8
Complete di dati di ubicazione e descrizione del metodo m3/anno per kmq), sia, in particolar modo, per confronto con altri
impiegato. complessi adiacenti (Civita, 1973).

15
Ordine dei Geologi della Toscana

mente possono favorire una maggiore infiltrazione mente ineccepibile e realizzabile su piccole zone delle
delle acque meteoriche. quali si vuole valutare il potenziale di inquinamento
6. Simboli litologici: per completezza di rappresenta- di un centro di pericolo, un tale intento non ha alcu-
zione la carta potrà riportare le unità litologiche. na praticità quando la valutazione delle vulnerabilità
7. Limiti relativi alla cartografia idrogeologica. viene effettuata per grandi aree, in un’ottica di piano,
Qualora si ritengano di significato idrogeologico con lo scopo di prevenire l’inquinamento e proteggere
rilevante, potrà essere opportuno riportare limiti gli acquiferi e le fonti di approvvigionamento d’acqua
litostratigrafici e tettonici, indicando con diverse destinata al consumo umano.
simbologie le acque di infiltrazione o le acque sot- Negli ultimi decenni sono stati messi a punto ed
terranee che attraversano il limiti considerati. utilizzati molteplici sistemi d’elaborazione generaliz-
8. Complessi idrogeologici distinti in funzione zata dei dati di base normalmente disponibili. Questi
dell’infiltrazione efficace e/o della trasmissività. sistemi sono molto diversi, a seconda della fisiografia
delle zone per i quali sono stati studiati, del numero e
della qualità dei dati disponibili e delle finalità degli
7. Le carte di vulnerabilità studi nel cui quadro sono stati sperimentati.
Le carte di vulnerabilità rappresentano un documento Da un punto di vista essenzialmente tipologico,
fondamentale per gli studi di pianificazione dell’uso tali metodologie possono essere suddivise in tre gruppi
del territorio e di tutela dei corpi idrici sotterranei fondamentali:
dall’inquinamento. Sono carte derivate che richiedono, – zonazione per aree omogenee (adatto per analisi a
per la loro elaborazione, una notevole messe di dati. grande scala);
La vulnerabilità intrinseca o naturale degli ac- – valutazione per sistemi parametrici:
quiferi si definisce come la suscettibilità specifica dei sistemi a matrice;
sistemi acquiferi, nelle loro diverse componenti e nelle sistemi a punteggio semplice;
diverse situazioni geometriche ed idrodinamiche, ad sistemi a punteggi e pesi;
ingerire e diffondere, anche mitigandone gli effetti, un – valutazione per modelli numerici (vedi cap. 2.5).
inquinante fluido od idroveicolato, tale da produrre im- Un’approfondita disamina della problematica è
patto sulla qualità dell’acqua sotterranea, nello spazio reperibile nelle “Linee guida per la redazione e l’uso
e nel tempo (Civita, 1987). delle carte della vulnerabilità degli acquiferi all’inqui-
La vulnerabilità intrinseca dipende, sostanzial- namento”, pubblicato da ANPA nel 2001.
mente, da almeno tre principali processi che si produ-
cono all’interno del sistema - sottosuolo esistente al di
sotto del punto o/e della zona d’impatto:
– lo spostamento dell’acqua (o di un inquinante
fluido o idroportato) attraverso l’insaturo, sino a rag-
giungere la superficie piezometrica dell’acquifero sog-
giacente;
– la dinamica del flusso sotterraneo e di un in-
quinante fluido o idroportato nella zona di saturazione
dell’acquifero soggiacente;
– la concentrazione residua di un inquinate flui-
do o idroportato al suo arrivo nella zona di saturazio-
ne rispetto a quella iniziale, che marca la capacità di
attenuazione dell’impatto dell’inquinante del sistema
acquifero.
È evidente che la valutazione della vulnerabilità
di un acquifero dovrebbe essere effettuata caso per caso,
tenendo conto delle caratteristiche fisiche e chimiche
di ogni singolo inquinante presente o ragionevolmente
prevedibile (o di famiglie di prodotti assimilabili), del
tipo di fonte (puntuale, diffusa), dei quantitativi, dei
modi e dei tempi di sversamento. Sebbene scientifica-

12
Estratto da ANPA, Manuali e linee guida - 4/2001. Linee
guida per la redazione e l’uso delle carte della vulnerabilità degli
acquiferi all’inquinamento.

16
Linee guida di idrogeologia: approccio ai progetti

Settori di lavoro

8. Siti inquinati – Discariche 8.1.2. Enti competenti ed iter burocratico


L’Ente preposto all’autorizzazione di un impianto di di-
8.1. Discariche scarica ed al controllo delle attività legate all’impianto
stesso, dall’esecuzione alla gestione post-operativa, è
individuato nella Provincia competente per territorio.
8.1.1. Normativa di riferimento L’iter burocratico relativo alle varie fasi di auto-
Le attività di smaltimento trattamento e recupero dei rizzazione, gestione operativa e post-operativa, defini-
rifiuti sono normate dal D.Lgs. 152/2006 parte IV, ma to dal DPGR 14/R del 2004, è di riferimento sia per la
il principale riferimento normativo nazionale nell’am- realizzazione di nuovi impianti di smaltimento rifiuti
bito della costruzione e gestione di un impianto di di- sia per varianti sostanziali in corso di esercizio, che
scarica, così come previsto dall’Art. 182, comma 7 di comportano modifiche a seguito delle quali gli impian-
suddetto decreto, è rappresentato dal D.Lgs. 36/2003 ti non sono più conformi all’autorizzazione preceden-
“Attuazione della direttiva 1999/31/CE relativa alle temente rilasciata; gli interventi che rientrano in situa-
discariche di rifiuti”. In esso, allo scopo di conseguire zioni di variante sostanziale vengono definiti all’art. 7
le finalità di cui all’articolo 2 del D.Lgs. 22/1997 “At- del citato decreto regionale.
tuazione delle direttive 91/156/CEE sui rifiuti, 91/689/ Sulla base del progetto definitivo, corredato
CEE sui rifiuti pericolosi e 94/62/CE sugli imballaggi dei vari elaborati tecnici indicati nell’allegato 1 del
e sui rifiuti di imballaggio”, vengono definiti i requisi- DPGR 14/R del 2004, la Provincia competente attiva
l’istruttoria di approvazione, avvalendosi, ai fini del
ti operativi e tecnici per i rifiuti e le discariche, misure,
rilascio della relativa autorizzazione, della conferenza
procedure e orientamenti tesi a prevenire o a ridurre il
dei rifiuti prevista dall’articolo 8, comma 2, della L.R.
più possibile le ripercussioni negative sull’ambiente.
25/1998, provvedendo all’acquisizione del relativo pa-
Nel D.Lgs. 36/2003 si individuano attività ri-
rere. I termini massimi per l’approvazione del progetto
guardanti l’idrogeologo un po’ su tutte le fasi di lavo-
consistono in centocinquanta giorni dalla presentazio-
ro inerenti una discarica, da quella di autorizzazione a
ne della relativa domanda da parte del soggetto inte-
quella di gestione post-operativa. Tra gli aspetti prin-
ressato.
cipali menzionati dal decreto, in cui si fa riferimento
Con l’approvazione del progetto, la Provincia
ad attività di competenza dell’idrogeologo, si ricorda:
autorizza la realizzazione delle opere previste. A la-
- la descrizione del sito, ivi comprese le carat-
vori ultimati, ed a seguito di un sopralluogo volto a
teristiche idrogeologiche, a corredo della domanda di
verificare la conformità delle opere realizzate rispetto
autorizzazione; al progetto approvato, la Provincia procede con l’auto-
- il piano di monitoraggio delle acque sotterranee rizzazione all’esercizio dell’impianto, preventivamen-
e superficiali, facente parte del Piano di Sorveglianza te richiesta dal soggetto interessato per mezzo di spe-
e Controllo che, costituito da un documento unitario, cifica domanda redatta sulla base del modello riportato
si rivolge a tutti i fattori ambientali da controllare nel- nell’allegato 2 del DPGR 14/R del 2004.
le varie fasi di realizzazione, gestione e post-chiusura Come precedentemente anticipato, anche le fun-
della discarica. I parametri e le periodicità di controllo zioni di controllo sulla gestione dei rifiuti sono esercita-
delle acque sono riportati nelle tabelle 1 e 2 dell’alle- te dalle province che, secondo quanto disposto dall’ar-
gato 2 al citato decreto, mentre la scelta dei punti di ticolo 6, comma 1, lettere c) e f), della L.R. 25/1998,
monitoraggio deve basarsi su considerazioni idroge- si avvalgono dell’Agenzia Regionale per la Protezione
ologiche che permettano di definire una direzione di Ambientale della Toscana (ARPAT).
flusso rispetto al sito di stoccaggio;
- il quadro di riferimento dell’area e delle zone 8.1.3. Indagini idrogeologiche e geochimiche a
limitrofe su morfologia, geomorfologia, geologia,
supporto dei progetti
idrogeologia, da definire nell’ambito del Piano di Ri-
pristino Ambientale del sito di discarica. In primo luogo, le indagini idrogeologiche richie-
Tra la normativa regionale, in materia discari- ste dalle norme vigenti devono contribuire alla defini-
che è di riferimento il DPGR 14/R del 25 febbraio zione del quadro di compatibilità ambientale del sito da
2004 in cui sono contenute norme tecniche e proce- destinare a discarica. Sulla base delle informazioni pre-
durali per l’esercizio delle funzioni amministrative e gresse e attraverso una loro integrazione con indagini
di controllo. specifiche (sondaggi diretti, indagini geofisiche, rilievi

17
Ordine dei Geologi della Toscana

piezometrici), si giunge ad un quadro idrogeologico in Oltre che per determinare i valori assoluti dei li-
cui si definiscono gli elementi idrostrutturali di rilievo velli di falda nella ristretta area di insediamento della
(orizzonte acquifero, substrato e copertura impermea- discarica, le misure saranno condotte anche nell’ottica
bile, interstrati, eventuali discontinuità tettoniche che di definire, su un intorno significativo, le caratteristiche
influenzano il sistema idrogeologico) e si individuano morfologiche della superficie piezometrica, in maniera
i principali corpi idrici che insistono nell’area in cui da stabilire in termini idrogeologici un monte ed un val-
è prevista l’ubicazione dell’impianto di smaltimento. le rispetto al futuro sito di stoccaggio. Ciò è di fonda-
Si procede altresì con test mirati a quantificare la per- mentale importanza per la definizione della rete di punti
meabilità dei terreni e/o delle rocce, dettagliando in su cui si baserà il monitoraggio delle acque sotterranee
particolar modo quelli che delimiteranno la discarica. durante la fase operativa, definizione che è normativa-
A tal proposito, il D.Lgs. 36/2003, in funzione della mente prevista già in fase di domanda di approvazio-
tipologia di discarica, fornisce i valori limite di condu- ne dell’intero progetto di discarica. Tale rete, indicata
cibilità idraulica (K) e spessori dei litotipi al disotto ed all’interno del Piano di Sorveglianza e Controllo, deve
in prossimità della discarica stessa: di fatto costituirsi di almeno un pozzo/piezometro a
- DISCARICA PER RIFIUTI INERTI - K ≤ 10-7 m/s e monte della discarica e di almeno due a valle.
spessore ≥ 1 m; Costituisce una condizione per il rilascio dell’au-
- discarica per rifiuti non pericolosi: K torizzazione di un impianto di discarica anche l’impe-
≤ 10 -9 m/s e spessore ≥ 1 m; gno di esecuzione di analisi della qualità delle acque
- discarica per rifiuti pericolosi: K ≤ 10 -9 sotterranee preliminarmente all’avviamento dell’im-
m/s e spessore ≥ 5 m. pianto stesso. Ciò al fine di poter disporre di uno qua-
Per determinare i valori di conducibilità idrau- dro idrochimico iniziale di riferimento che permetta
lica saranno quindi condotte indagini in situ (prove di individuare, una volta avviato l’impianto, eventuali
di emungimento, slug test, prove di assorbimento in anomalie legate alle attività di stoccaggio rifiuti. I pa-
foro) e/o prove di laboratorio (permeametri, prove rametri da analizzare in queste campagne preliminari
edometriche, analisi granulometriche), distribuendo i sono tutti quelli riportati in tabella 1 dell’Allegato 2 al
punti d’indagine in maniera omogenea e significativa D.Lgs. 36/2003, ovvero tutti quei parametri che costi-
sull’area d’interesse. tuiranno strumento di monitoraggio delle acque dopo
Altri fattori importanti che condizionano le ca- l’avvio della discarica.
ratteristiche costruttive del sito di stoccaggio sono i Durante la fase operativa e post-operativa di una
livelli piezometrici e le loro escursioni annue, in parti- discarica è di fatto previsto un monitoraggio delle ac-
colar modo laddove si hanno acquiferi non confinati e que. In particolare, secondo quanto indicato nelle ta-
l’isolamento della discarica è garantito esclusivamente belle 1 e 2 dell’Allegato 2 al decreto, nei punti indi-
da una barriera artificiale e non da una combinazione viduati per il monitoraggio delle acque sotterranee è
tra quest’ultima ed una barriera geologica naturale. Di opportuno:
fatto il D.Lgs. 36/2003 stabilisce che: - rilevare il livello di falda mensilmente durante la fase
- nelle discariche per rifiuti inerti il piano di im- operativa e semestralmente in fase post-operativa;
posta di una eventuale barriera di confinamento deve - installare una sonda per il rilevamento in continuo del
essere posto al di sopra del tetto dell’acquifero confi- livello della falda in caso di modeste soggiacenze;
nato o della quota di massima escursione della falda, - analizzare i parametri chimico-fisici e chimici fonda-
nel caso di acquifero non confinato, con un franco di mentali (contrassegnati con un asterisco nella suddet-
almeno 1,5 metri. ta tabella 1; pH, conducibilità elettrica, cloruri, etc.)
- nei casi di discarica per rifiuti non pericolosi ogni tre mesi in fase operativa e ogni sei in fase post-
e di discarica per rifiuti pericolosi il piano di impo- operativa. In caso di valori anomali sui parametri fon-
sta dello strato inferiore della barriera di confinamento damentali, e comunque almeno una volta l’anno, de-
deve essere posto al di sopra del tetto dell’acquifero vono essere analizzati anche i restanti parametri della
confinato con un franco di almeno 1,5 metri, mentre citata tabella (metalli pesanti, solventi, ecc.).
in presenza di un acquifero non confinato si deve ri- Con le stesse frequenze indicate per le acque sotter-
spettare un franco di almeno 2 m rispetto alla quota di ranee, il monitoraggio dei parametri chimico-fisici e
massima escursione della falda. chimici va eseguito anche per il percolato di discarica,
La definizione di questi aspetti richiede necessa- in ciascun punto in cui lo stesso “fuoriesce” dal corpo
riamente l’esecuzione di rilievi piezometrici in diverse rifiuti (punti di raccolta), nonché per le acque superfi-
condizioni di regime idrologico su pozzi e/o piezometri ciali almeno in due punti, di cui uno a monte e uno a
già presenti nella zona, o di neo-costruzione nel caso di valle della discarica stessa.
una carenza di punti di rilevamento. Il D.Lgs. 36/2003 prevede anche che per le acque
18
Linee guida di idrogeologia: approccio ai progetti

sotterranee venga individuato il livello di guardia per i fine di evidenziare con notevole e indispensabile anti-
vari inquinanti da sottoporre ad analisi, livello oltre il cipo un plume di inquinanti chimici ed organici. In tal
quale è necessario adottare un piano d’intervento fina- senso le analisi isotopiche permettono di rispondere a
lizzato a ripristinare le condizioni di qualità preceden- pieno agli obiettivi della normativa, ovvero, come reci-
ti al superamento dei livelli di riferimento. Il decreto ta l’Art. 1, comma 1, del D.Lgs. 36/2003, di “...preve-
indica quali elementi principali di cui tener conto per nire e ridurre il più possibile le ripercussioni negative
la determinazione di tale livello, la soggiacenza della sull’ambiente, in particolar modo l’inquinamento delle
falda, le formazioni idrogeologiche specifiche del sito acque superficiali, delle acque sotterranee...”.
e la qualità delle acque sotterranee, ma non fornisce
un preciso procedimento da seguire. Uno dei fattori
che incide enormemente sulla definizione dei valori di 8.2. Bonifiche dei siti inquinati
guardia è senza dubbio il fondo naturale che caratteriz-
za le acque ipogee presenti nell’area in cui si inserisce Le bonifiche dei siti inquinati rappresentano un impor-
la discarica. La valutazione dei valori di fondo richiede tante tema d’interesse ambientale, che negli ultimi anni
tuttavia dati statisticamente significativi, mentre nella ha preso molto spazio. Il forte sviluppo delle attività
stragrande maggioranza dei casi, non disponendo di antropiche negli ultimi decenni ha portato ad un lento
degrado ambientale di cui soprattutto le falde acquifere
serie storiche, ci dobbiamo basare sul limitato numero
ne hanno risentito maggiormente. Molti degli acquiferi
di analisi eseguite in occasione della caratterizzazione
presenti all’interno del nostro territorio risultano oggi
idrochimica preliminare che deve precedere l’insedia-
contaminati e l’acqua estratta deve essere trattata pri-
mento dell’impianto di smaltimento. Ciò determina,
ma di poterla sfruttare. Lo scopo principale delle boni-
molto spesso, una necessaria revisione dei valori di
fiche deve essere quello di riportare tutte le condizioni
guardia con il trascorrere del monitoraggio delle acque
ambientali a com’erano prima dell’evento inquinante,
durante la fase operativa.
in modo tale da non compromettere la fruizione, in atto
Benché il suo utilizzo non sia previsto dalla nor-
o potenziale, della risorsa primaria acqua.
mativa vigente, un ulteriore strumento geochimico di
grande utilità nel monitoraggio dei corpi idrici circo-
stanti i siti di discarica è rappresentato dalle analisi 8.2.1. Normativa di riferimento
isotopiche, come ben documentato nella letteratura La problematica relativa alla contaminazione delle fal-
scientifica nazionale ed internazionale. Gli isotopi più de acquifere, dei suoli ed agli interventi di bonifica è
frequentemente utilizzati in questo ambito sono quel- emersa in Italia nella sua reale e significativa consi-
li della molecola dell’acqua (trizio, deuterio e ossige- stenza solo negli ultimi 15 anni. Per inquinamento del-
no-18) ed il carbonio-13 relativo al carbonio inorgani- le acque sotterranee si intende la modifica della natura
co disciolto in soluzione. Senza entrare nel particolare, fisico-chimica di un’acqua di falda dovuta all’immis-
è comunque da porre l’attenzione sul fatto che questi sione esterna di sostanze estranee. Se l’inquinamento è
isotopi oltre a fornire utili informazioni per definire il tale da impedire un uso potabile dell’acqua, si impiega
quadro generale della circolazione idrica, consentono il termine di contaminazione. L’emanazione del D.M.
di individuare molto bene i mescolamenti percolato- 25 ottobre 1999, n. 471 -  “Regolamento recante cri-
acque. Di fatto le elevate differenze tra i contenuti teri, procedure e modalità per la messa in sicurezza,
isotopici del refluo di discarica e dei corpi idrici, in la bonifica e il ripristino ambientale dei siti inquina-
particolar modo riscontrate sul trizio (talvolta differen- ti, ai sensi dell’articolo 17 del D.Lgs. del 5 febbraio
ze fino a tre ordini di grandezza), consentono di evi- 1997, n° 22, e successive modifiche e integrazioni” ha
denziare l’eventuale presenza di percolato nelle acque finalmente reso disponibile un omogeneo riferimento
anche in percentuali molto basse (l’1% nei casi più normativo nel settore, consentendo di superare la fram-
favorevoli all’applicazione del metodo). Questo detta- mentarietà di precedenti norme regionali. Nell’ambito
glio non è assolutamente perseguibile facendo utilizzo bonifiche e siti inquinati prima del 1999 valeva quello
dei soli parametri chimici, sia per le minori differenze che era il D.Lgs. n° 22/97.
tra le concentrazioni tipicamente rilevate nei reflui di Al momento tutte le precedenti normative nazionali
discarica e nei corpi idrici, sia per i processi di altera- sono state raccolte in un unico decreto: D.Lgs. 3 aprile
zione batterica e chimico-fisica (scambio ionico, preci- 2006, n.152  - “Norme in materia ambientale” (pub-
pitazione, ecc.) che le specie chimiche, contrariamente blicato nel Supplemento Ordinario n. 96/L alla G.U. n.
agli isotopi (escluso il 13C), possono subire durante la 88 del 14 aprile 2006) che sostituisce a partire dal 29
circolazione nel sottosuolo. aprile 2006 (data della sua entrata in vigore) la mag-
L’inserimento di alcuni parametri isotopici nel gior parte delle preesistenti norme in materia ambien-
monitoraggio costituisce dunque un approccio utile, al tale, mediante la loro espressa abrogazione. Gli articoli
19
Ordine dei Geologi della Toscana

di riferimento vanno dal 239 al 253 e gli allegati di 6. la stima dell’entità della popolazione a rischio o, se
interesse sono dal n 1 al n 5 della IV parte. La nuova ciò non è possibile, le caratteristiche urbanistiche e
normativa riprende completamente tutto il preceden- territoriali dell’area circostante a quella potenzial-
te D.M., aggiungendo di fatto il concetto di analisi di mente interessata all’inquinamento.
Rischio ambientale e sanitario, espresso nell’allegato Viene inoltre ribadito che, entro le quarantotto ore
1 della IV parte. Tale analisi servirà a determinare le successive, il responsabile della situazione di inquina-
concentrazioni soglia di rischio CRS, che andranno a mento o di pericolo di inquinamento deve comunicare
costituire i livelli di accettabilità del sito. al Comune, alla Provincia ed alla Regione territorial-
Per quanto riguarda le leggi regionali, in Tosca- mente competenti gli interventi di messa in sicurezza
na rimane in vigore un decreto del Presidente della d’emergenza adottati ed in fase di esecuzione. La co-
Giunta regionale, il DPGR 14/R del 25/02/2004 – “Re- municazione deve essere accompagnata da idonea do-
golamento regionale di attuazione ai sensi della lettera cumentazione tecnica dalla quale devono risultare le
e), comma 1, dell’articolo 5 della legge regionale 18 caratteristiche dei suddetti interventi. Entro trenta gior-
maggio 1998, n. 25 (Norme per la gestione dei rifiuti e ni dal ricevimento della comunicazione di cui sopra il
la bonifica dei siti inquinati), contenente norme tecni- Comune o, se l’inquinamento interessa il territorio di
che e procedurali per l’esercizio delle funzioni ammi- più Comuni, la Regione verificano l’efficacia degli in-
nistrative e di controllo attribuite agli enti locali nelle terventi di messa in sicurezza d’emergenza adottati e
materie della gestione dei rifiuti e delle bonifiche” arti- possono fissare prescrizioni ed interventi integrativi,
coli 38 - 65. Tale decreto ribadisce i compiti dei comu- con particolare riferimento alle misure di monitoraggio
ni e province già espressi nel D.M. 471/99, definisce da attuare per accertare le condizioni d’inquinamento
l’ARPAT come Ente deputato al controllo del regolare ed ai controlli da effettuare per verificare l’efficacia
svolgimento della bonifica. degli interventi attuati a protezione della salute pubbli-
ca e dell’ambiente circostante.
8.2.2. Enti competenti e iter burocratico • Gli interventi di bonifica imposti dagli Enti
Con maggiore chiarezza e dettaglio rispetto al vecchio Pubblici: anche per questa seconda categoria di in-
D.Lgs 22/1997, le nuove normative individuano di fat- terventi vengono dettagliati dal D.M. n° 471/1999 e
to quattro tipologie di interventi di bonifica, differen- successivo D.Lgs. 152/2006 alcuni procedimenti già
ziate sia in base alle modalità con cui si è verificato contenuti nel D.Lgs. 22/1997 ed in particolare quello
il fenomeno di contaminazione, sia in base ai soggetti secondo cui, qualora l’autorità competente accerti una
obbligati agli interventi di bonifica. In aggiunta a que- situazione di pericolo di inquinamento o la presenza
ste tipologie vengono inoltre definite le procedure per di siti nei quali i livelli di inquinamento siano superio-
la bonifica dei siti di interesse nazionale. Illustriamo ri ai valori di concentrazione limite accettabili, deve
adesso i quattro casi previsti: darne comunicazione alla Regione, alla Provincia ed
• Gli interventi di bonifica dei nuovi inquina- al Comune. Il Comune, ricevuta la comunicazione di
menti e di quelli derivanti da incidenti: questa prima cui sopra, con propria ordinanza diffida il responsabile
tipologia ricalca quanto già previsto dall’articolo 17 dell’inquinamento ad adottare i necessari interventi di
del D.Lgs. 22/1997 prevedendo infatti che chiunque messa in sicurezza d’emergenza, di bonifica e ripristi-
cagiona, anche in maniera accidentale, il superamento no ambientale. Tale ordinanza è comunque notificata
dei valori di concentrazione limite accettabili o un pe- anche al proprietario del sito, ai sensi e per gli effetti
ricolo concreto ed attuale di superamento degli stessi, è dell’articolo 17 del decreto legislativo del 5 Febbraio
tenuto a darne comunicazione al Comune, alla Provin- 1997 n° 22 e successive modifiche ed integrazioni. Il
cia ed alla Regione nonché agli organi di controllo am- responsabile dell’inquinamento deve provvedere agli
bientale e sanitario entro le quarantotto ore successive adempimenti necessari entro le quarantotto ore suc-
all’evento, precisando: cessive alla notifica dell’ordinanza. Se il responsabile
1. Il soggetto responsabile dell’inquinamento o del dell’inquinamento non sia individuabile o non provve-
pericolo di inquinamento ed il proprietario del sito; da, e non provveda il proprietario del sito inquinato né
2. l’ubicazione e le dimensioni stimate dell’area con- altro soggetto interessato, i necessari interventi di mes-
taminata o a rischio di inquinamento; sa in sicurezza d’emergenza, di bonifica e di ripristino
3. i fattori che hanno determinato l’inquinamento od il ambientale, sono adottati dalla Regione o dal Comune
pericolo di inquinamento; ai sensi e per gli effetti degli articoli 9, 10 e 11 del più
4. le tipologie e le quantità dei contaminanti immessi volte citato decreto legislativo 22/1997.
o che rischiano di essere immessi nell’ambiente; • Gli interventi di bonifica realizzati per iniziati-
5. le componenti ambientali interessate, quali, ad va degli interessati: questa terza categoria di interventi
esempio, suolo, corpi idrici, flora, fauna; è stata introdotta in modo esplicito dal D.M. n°471/99,
20
Linee guida di idrogeologia: approccio ai progetti

il quale prevede infatti che, il proprietario del sito o della geologia e sopratutto dell’idrogeologia dell’area
altro soggetto che intenda attivare di propria iniziativa portano poi ad una corretta scelta del sistema di boni-
le procedure per gli interventi di messa in sicurezza fica da utilizzare, ad un adeguato sistema di campio-
d’emergenza di bonifica e di ripristino ambientale, è namento e monitoraggio. L’incaricato della caratteriz-
tenuto a comunicare alla Regione, alla Provincia ed al zazione deve sempre tenere presenti i seguenti punti
Comune la situazione d’inquinamento rilevata nonché salienti:
gli eventuali interventi di messa in sicurezza d’emer- Raccolta e sistemazione dati esistenti o modello con-
genza necessari per assicurare la tutela della salute cettuale preliminare
e dell’ambiente adottati ed in fase di esecuzione. La Come riportato dal D.Lgs. 152/2006 nell’allega-
comunicazione deve essere accompagnata da idonea to 2 parte IV il modello concettuale è l’insieme “del-
documentazione tecnica dalla quale devono risultare le informazioni storiche disponibili prima dell’inizio
le caratteristiche dei suddetti interventi. Entro trenta del piano d’investigazione, condotte nelle varie ma-
giorni dal ricevimento della comunicazione il Comune trici ambientali nel corso della normale gestione del
o, se l’inquinamento interessa il territorio di più Co- sito.”Una raccolta di tutte le informazioni generali re-
muni, la Regione verificano l’efficacia degli interventi lative al sito da bonificare, all’area circostante possono
di messa in sicurezza d’emergenza adottati e possono essere utili per evidenziare possibili problematiche e
fissare prescrizioni ed interventi integrativi, con par- individuare aree con particolari caratteristiche geolo-
ticolare riferimento alle misure di monitoraggio da giche e idrogeologiche, potenziali percorsi dell’inqui-
attuare per accertare le condizioni d’inquinamento ed nante ed eventuali recettori.
ai controlli da effettuare per verificare l’efficacia degli Rilevamento geologico generale e di dettaglio
interventi attuati a protezione della salute pubblica e Un buon inquadramento geologico è fondamen-
dell’ambiente circostante. tale per riuscire a capire ed individuare su che forma-
• Gli interventi di bonifica effettuati da Regioni e zione è impostato l’eventuale acquifero presente e il
Comuni: un’ulteriore categoria individuata, riguarda relativo grado di permeabilità che possiede.
gli interventi di bonifica ad iniziativa pubblica, infatti Ricostruzione dettagliata del sottosuolo
viene previsto che gli interventi di messa in sicurezza, Tramite indagini dirette (sondaggi) e indirette
bonifica e ripristino ambientale e le misure di sicurez- (metodi geofisici) è possibile ricostruire la stratigrafia
za siano realizzate dal Comune territorialmente com- del sottosuolo ed interpolando i dati puntuali, ricostru-
petente e, ove questo non provveda o si tratti di siti che ire il modello geologico concettuale. Questo permette
interessano il territorio di più Comuni, dalla Regione, di individuare la tipologia dell’acquifero, la sua esten-
nei seguenti casi: sione e il suo grado di vulnerabilità.
1. Il responsabile dell’inquinamento non sia indivi- Inquadramento idrogeologico e ricostruzione piezo-
duabile ed il proprietario non provveda; metrica
2. il responsabile dell’inquinamento sia individuabile Sempre dalla raccolta dei dati dell’area si posso-
ma non provveda, né provveda il proprietario del
no individuare le caratteristiche idrogeologiche gene-
sito da bonificare o altro soggetto interessato;
rali che verranno integrate con le informazioni di det-
3. il sito da bonificare sia di proprietà pubblica ed il
taglio ricostruite sul sito. Infatti sarebbe utile realizzare
responsabile dell’inquinamento non sia individua-
una carta piezometrica generale su pozzi e piezometri
bile o non provveda.
già esistenti nell’area in modo da poter pianificare in
modo corretto l’esecuzione dei nuovi piezometri, mes-
8.2.3. Indagini idrogeologiche geochimiche a si così in relazione con il possibile percorso delle spe-
supporto dei progetti cie inquinanti. I nuovi piezometri permetteranno così
L’iter di bonifica espresso dalla normativa vigente per di controllare il flusso idrico e il gradiente idraulico in
i siti inquinati prevede una progettazione della bonifica qualsiasi momento in modo da individuare eventuali
secondo approfondimenti tecnici progressivi: piano di cambiamenti all’interno della falda. Tramite preleva-
caratterizzazione, progetto preliminare e progetto defi- mento di campioni, prove di campagna e prove di por-
nitivo. È previsto che gli interventi di bonifica e ripri- tata verranno ricavati i parametri dell’acquifero quali
stino ambientale e di messa in sicurezza permanente trasmissività T e coefficiente di immagazzinamento S,
siano effettuati sulla base di apposita progettazione che nonché la permeabilità K della zona satura e di quella
si articola nei seguenti tre livelli di approfondimenti non satura in modo da poter scegliere e dimensionare
tecnici progressivi. correttamente i vari sistemi di bonifica.
Nell’ambito dei siti inquinati un’ottima carat- Individuazione della zona contaminata
terizzazione dell’area è fondamentale per una buona Con il campionamento delle matrici potenzial-
riuscita della bonifica, infatti la dettagliata conoscenza mente inquinate (suolo, sottosuolo e acque di falda)
21
Ordine dei Geologi della Toscana

è possibile riuscire a definire l’estensione della zona che costituiscono i livelli di accettabilità per il sito.
inquinata. L’ubicazione dei punti di campionamento Senza entrare nei dettagli di tale analisi poniamo l’at-
dovrà essere stabilita seguendo almeno due criteri ge- tenzione su quelli che sono i componenti da parame-
nerali: trizzare (allegato 1 parte IV):
• Ubicazione ragionata: la scelta sarà basata su tutte • Contaminanti: si dovrà tener conto, come già detto
le informazioni che il modello concettuale prelimi- in precedenza delle tipologie e delle loro caratte-
nare e i vari rilevamenti già effettuati hanno forni- ristiche chimico fisiche, nonché delle mobilità in
to; generale e delle loro persistenze nelle varie matri-
• Ubicazione sistematica: le informazioni a nostra di- ci ambientali, delle loro correlabilità con le attività
sposizione sono scarse e insufficienti perciò ci affi- svolte nel sito e della loro frequenza con cui supe-
deremo ad un criterio statistico rano i valori limiti
Le modalità di campionamento dei terreni e del- • Sorgenti: di esse dovranno essere note geometrie ed
le acque e le successive analisi chimiche dovranno ri- estensioni oltre a tutti i punti di perdita che verran-
spettare ovviamente tutte le specifiche imposte dalla no classificati in base alle caratteristiche idrogeo-
normativa vigente. Una volta definite, sia nel sotto- logiche dell’area in cui insistono e alle tipologie di
suolo che in falda le zone contaminate, tramite carte sostanze rilasciate
delle isocone (curve di ugual concentrazione), sarà • Vie e modalità di esposizioni: queste rappresentano
fondamentale confrontarle con le carte piezometriche tutto il percorso che l’inquinante deve fare per arri-
in modo da poter avere un’idea sul reale rapporto che vare al ricettore o soggetto a rischio, attraversando
esiste tra flusso idrico e pennacchio inquinante. È ne- quindi tutte le possibili matrici presenti: suolo, zona
cessario ricostruire una carta delle isocrone per ogni non satura, frangia capillare, zona satura. Determi-
specie contaminante presente in falda in modo da poter nando le permeabilità sia verticali che orizzontali di
intervenire in modo differente a seconda dei vari com- queste zone, la porosità efficace, il potere auto-depu-
portamenti e concentrazioni riscontrati. È possibile in- rativo del terreno, l’infiltrazione efficace, il gradiente
fatti che si trovino alcune sostanze non idroveicolate idraulico presente nella zona satura è possibile calco-
più dense di altre o più dense dell’acqua stessa, che lare il tempo di arrivo dalla sorgente al ricettore.
vengono così sempre più influenzate da un gradiente Di fondamentale importanza è l’individuazione
di gravità e meno da quello idraulico, viceversa si pos- del punto di conformità, che “…rappresenta il punto tra
sono avere sostanze che “galleggiano” sulla superfi- sorgente ed il punto di esposizione, dove le concentra-
cie freatica e che possono andare a interagire con la zioni delle sostanze contaminanti nelle acque sotterranee
frangia capillare contaminando così nuove porzioni di devono essere minori delle CSR calcolate con l’analisi
terreno. di rischio.” (D.Lgs 152/2006 parte IV allegato 1).
Modello concettuale definitivo Nel progetto definitivo rientra la scelta del Sistema
Il modello concettuale definitivo rappresenta lo stadio di Bonifica da adottare, con la descrizione dell’impianto
finale del piano di caratterizzazione, in cui deve appa- nei minimi particolari. La scelta del sistema dovrà quin-
rire chiara l’interazione che esiste tra lo stato di conta- di essere condizionata non solo dall’aspetto economico,
minazione delle varie matrici e l’ambiente circostante. ma soprattutto da quello idrogeologico. Infatti l’assetto,
Tale modello deve infatti fornire le sostanze chimiche la permeabilità, l’estensione dell’acquifero, in relazio-
inquinanti di cui si necessita una bonifica, le loro con- ne alla tipologia delle sostanze che si ritrovano in falda,
centrazioni in falda e nel terreno, il loro percorso verso vengono a costituire punti fondamentali. Una volta scel-
i possibili soggetti a rischio, la reale interazione che ta la tecnologia più adatta è possibile che si dovranno
esiste tra questi composti e la falda idrica (sono idro- posizionare i punti di prelievo/iniezione di acqua e aria
veicolati, sono parzialmente solubili, sono più o meno (pump and treat, air sparging, soil vapour extraction,
densi dell’acqua, seguono il gradiente idraulico o quel- dual phase vacuum extraction, bioventing) e tale ubi-
lo di gravità ecc.). Si devono avere infine informazioni cazione sarà effettuata in relazione alle carte delle iso-
sul tipo d’inquinamento, se è continuo nel tempo o se cone, alla piezometria, alle sorgenti dell’inquinamento,
si sono verificati uno o più eventi singoli, a quale velo- alla posizione dei soggetti a rischio e alla morfologia
cità si muove il/i pennacchio/i inquinante/i ricostruito/i dell’acquifero.
in precedenza e se esistono altre possibili fonti d’inqui- L’ultima fase che rientra nei processi di bonifica
namento che possono interagire o hanno interagito con è il Piano di controllo e il Monitoraggio post-operam.
l’attuale situazione monitorata. Al momento che la bonifica è avviata il sito deve essere
All’interno del progetto preliminare è prevista dal tenuto sotto controllo monitorandolo almeno una vol-
D.Lgs. 152/2006 un’Analisi di Rischio tramite la quale ta al mese. Infatti devono essere previste campagne di
si determinano le concentrazioni soglia di rischio (CSR) campionamento di acque di falda, ovviamente previo
22
Linee guida di idrogeologia: approccio ai progetti

spurgo dei piezometri o pozzi, rilevamento del livel- in sotterraneo) ed H (fattibilità geotecnica di opere su
lo piezometrico e controllo del sistema di bonifica, in grandi aree), anche se spesso mantengono un carattere
modo da individuare eventuali cambiamenti nell’idro- generale senza entrare nello specifico, soprattutto per
geologia dell’area e nel relativo tenore di concentra- quanto riguarda gli aspetti idrogeologici.
zione degli inquinati. I paragrafi che seguono trattano delle indagini
Le analisi geochimiche che si devono effettuare idrogeologiche a supporto della progettazione per stra-
sono di varia natura e cambiano a seconda del tipo di de di importanza regionale o superiore; la stessa me-
contaminazione con cui abbiamo a che fare, e si pos- todologia d’indagine può essere applicata a progetti di
sono realizzare sia in campagna, andando a misurare viabilità regionali, provinciali e comunali importanti e
per esempio pH, temperatura, conducibilità elettrica, con i dovuti adattamenti alla dimensione del progetto,
potenziale redox, ossigeno disciolto, presenza di COV, al supporto idrogeologico per la rete viaria minore.
nitrati ed altro ancora, sia in laboratorio con una stru-
mentazione adeguata. 9.1. Normativa di riferimento ed enti competenti
Le nuove viabilità regionali sono definite all’art. 2 del
Titolo I del D.Lgs. 285/1992 lettera B “Strada Extraur-
9. Viabilità ed infrastrutture lineari bana Principale: strada a carreggiate indipendenti o
La realizzazione di un’opera viaria comporta delle mo- separate da spartitraffico invalicabile, ciascuna con
dificazioni ambientali sia lungo il tracciato, che in un almeno due corsie di marcia e banchina pavimentata
intorno che può essere anche piuttosto esteso. a destra, priva di intersezioni a raso, con accesi alle
In tal senso, uno degli aspetti più importan- proprietà laterali coordinati, contraddistinta dagli ap-
ti riguarda certamente le condizioni di circolazione positi segnali di inizio e fine, riservata alla circolazione
dell’acqua nei mezzi porosi e/o fratturati che vengono di talune categorie di veicoli a motore; per eventuali
interessati dall’opera in costruzione. Le problematiche altre categorie di utenti devono essere previsti opportu-
sono generalmente riconducibili a due aspetti princi- ni spazi…”, punto 6.B. “Regionali, quando allacciano
pali: la stabilità dell’opera e le conseguenze che l’in- i capoluoghi di provincia della stessa regione tra loro
tervento provoca sulla circolazione idrica sotterranea. o con il capoluogo di regione ovvero allacciano i capo-
Queste ultime possono riguardare variazioni dei flussi luoghi di provincia o i comuni con la rete statale se ciò
idrici sotterranei, variazioni delle portate, mutamenti è particolarmente rilevante per ragioni di carattere in-
del chimismo delle acque, con effetti che possono es- dustriale, commerciale agricolo, turistico e climatico”.
sere devastanti per l’ambiente e gli ecosistemi, ma an- Per tale tipologia di strade, in base all’art. 10 del DPGR
che per opere di approvvigionamento idrico esistenti in del 2 agosto 2004, n. 41/R “Regolamento regionale per
un significativo intorno dell’area d’intervento. l’esercizio delle funzioni di competenza regionale in
Per questo motivo, prima di intraprendere qual- materia di viabilità, ai sensi dell’articolo 22, comma 4,
siasi opera, è necessaria una corretta ed approfondita della legge regionale 1 dicembre 1998, n. 88”, la veri-
conoscenza del territorio, al fine di metterne in luce le fica della progettazione è di competenza della Regione.
caratteristiche e le problematiche ed acquisire le neces- In particolare, in detto regolamento si richiama che:
sarie conoscenze per tutte le varie fasi di progettazione,
- Art. 6 “Documento preliminare alla progettazione”
che consentano di minimizzare l’impatto ambientale e,
- 1. Il documento preliminare alla progettazione, fat-
in ultima analisi, di ridurre i costi d’intervento.
ti salvi gli elaborati previsti dalla legislazione vigente
La normativa in materia di viabilità ed in par-
contiene:
ticolare di opere in sotterraneo non è particolarmente
e) conformità urbanistica dell’intervento anche in ri-
abbondante. Peraltro, le indagini riguardanti questo
ferimento alla pericolosità geologica dell’intervento
tipo di interventi rappresentano il punto di conver-
proposto ai sensi della deliberazione del Consiglio
genza e di sintesi di gran parte della geologia tecnica
regionale 12 febbraio 1985, n. 94 - Direttiva indagini
e dell’idrogeologia, per cui si dovrà di volta in volta
geologico-tecniche di supporto alla pianificazione ur-
fare riferimento alle normative specifiche riguardanti
banistica (DPGR n. 26/04/2007);
i vari aspetti che devono essere affrontati nello studio:
dai metodi di indagine alla stabilità dei versanti, dalla - Art. 7 “Progettazione preliminare” - 1. Il progetto
valutazione dell’impatto ambientale alla qualità delle preliminare, fatti salvi gli elaborati previsti dalla legi-
acque e così via. slazione vigente, dal documento preliminare alla pro-
Riferimenti sulle opere viarie sono comunque gettazione, contiene:
espressi anche dal D.M. LL.PP. 11/03/1988 e succ. k) relazione geologica in ottemperanza alla pericolo-
Circ. LL.PP. 24/09/1988 n. 30483, ai punti E (rilevati sità geologica di cui alla Del.C.R. 94/1985 (DPGR n.
per strade, ferrovie, aeroporti, etc.), F (gallerie e opere 26/04/2007);
23
Ordine dei Geologi della Toscana

- Art.8 “Progettazione definitiva” - 1. Il progetto defi- idrogeologici e idrologici presso enti pubblici e
nitivo, fatti salvi gli elaborati previsti dalla legislazione privati, studi professionali, società di costruzione,
vigente e dal progetto preliminare, contiene: etc., relativi all’area di indagine e alle immediate
n) relazione geologica e geotecnica; adiacenze;
o) planimetria e profili geologici; In una seconda fase, dovranno essere effettuate:
p) indagini geologico-tecniche in ottemperanza alla - misure piezometriche, misure di portata alle even-
classe di fattibilità di cui alla Del.C.R. 94/1985, oggi tuali sorgenti della zona e una valutazione prelimi-
DPGR n. 26/04/2007, ed in linea con le prescrizioni nare della qualità delle acque sotterranee;
ivi dettate. - identificazione della struttura idrogeologica coin-
La redazione della progettazione dovrà essere in volta nello scavo;
linea anche con quanto espresso dai PTC di riferimento, - valutazione preliminare delle risorse idriche poten-
in particolar modo per ciò che concerne la vulnerabilità zialmente drenabili dall’opera.
degli acquiferi e la salvaguardia della risorsa idrica. Tali informazioni permetteranno di avere un quadro
conoscitivo mediante il quale delineare il program-
ma di indagini da effettuare nelle fasi successive del
9.2. Indagini idrogeologiche a supporto dei progetto.
progetti Elaborati da produrre a livello di studio di fattibilità:
Il contenuto delle indagini idrogeologiche previste A livello di studio di fattibilità, dovrà essere esamina-
dall’art. 18, punto d), dall’art. 27 e art. 37 del DPR n. to un ventaglio di ipotesi di tracciato, con analisi del
554 del 21 dicembre 1999 “Regolamento di attuazione tracciato prescelto e individuazione delle criticità idro-
della Legge quadro in materia di lavori pubblici, 11 geologiche sulla base delle informazioni disponibili.
febbraio 1994, n. 109, e succ. mod.” si articolerà a se- Dovrà essere elaborato uno scenario idrogeologico con
conda del livello della progettazione: valutazioni preliminari delle interferenze sulla circo-
- studio di fattibilità; lazione idrica. In questa fase, saranno effettuate ela-
- progetto preliminare; borazioni che, per quanto preliminari e desunte dalle
- progetto definitivo; informazioni disponibili, dovranno (Civita, 2005):
- progetto esecutivo. - contenere una carta idrogeologica e una sezione
Lo studio di fattibilità dovrebbe essere preceduto geologico-idrogeologica longitudinale con indica-
da un’indagine preliminare che, in ambito idrogeologi- zione del tipo e del grado di criticità prevista ipotiz-
co, serve a produrre un primo documento di sintesi, lo zabile per tratti omogenei;
studio preliminare, nel quale devono essere evidenzia- - fornire informazioni in merito a possibili impatti su
ti i problemi e le criticità cui l’opera potrebbe andare opere ed attività preesistenti;
incontro. Lo studio dovrebbe essere redatto sulla base - indicare una rosa di siti idonei per lo stoccaggio e le
della documentazione esistente, eventualmente inte- discariche del marino e per l’installazione di grandi
grandola con sopralluoghi mirati (Civita, 2005). Lo cantieri;
studio di fattibilità servirà ad integrare le conoscenze − dare informazioni sulla qualità di base delle acque
acquisite, mediante indagini di vario tipo, in modo da sotterranee.
poter redigere il progetto preliminare e, successiva- Elaborati da produrre a livello di progettazione preli-
mente, il progetto esecutivo. Alla fase di progetto ese- minare:
cutivo, seguirà l’esecuzione effettiva dell’opera. A livello preliminare dovrà essere garantita una serie
Le linee guida per condurre una efficace indagi- di indagini, che saranno riportate in una apposita “Re-
ne conoscitiva preliminare comprendono, di norma, i lazione Idrogeologica e che possono essere così sche-
seguenti punti relativi ad una prima fase di indagine: matizzate:
- identificazione plano-altimetrica dei tracciati ipo- rilevamento idrogeologico, telerilevamento, censi-
tizzati; mento dei punti d’acqua, misure di portata e dei livelli
- esame degli elementi geologici ed idrogeologici piezometrici a frequenza prestabilita, pianificazione
noti dalla letteratura esistente; delle indagini invasive e non invasive e delle prove
- analisi di foto aeree e levate remote sensing dispo- idrodinamiche, prove di tracciamento in acquiferi frat-
nibili; turati e/o carsificati; analisi geochimiche ed isotopiche
- censimento e georeferenziazione dei punti d’acqua (tritio, O18, radon), raccolta e pretrattamento dei dati
presenti nell’area, con particolare riferimento al do- idrometeorologici, confronto con piani regolatori, vin-
minio idrogeologico a monte e a valle dell’opera in colo idrogeologico, eventuale ricerca di risorse idriche
progetto; sostitutive ed integrative. Tali indagini permetteranno
- raccolta di dati geologici, geognostici, geofisici, di ottenere le seguenti informazioni:
24
Linee guida di idrogeologia: approccio ai progetti

- inquadramento geologico-idrogeologico dell’area provvigionamento idrico sia privati che pubblici,


tramite il reperimento di tutti i dati di base disponi- con la misurazione del livello piezometrico sia esti-
bili: cartografia CARG, Piano Strutturale del Comu- vo che invernale per la definizione dell’oscillazione
ne, PTC di riferimento, PAI di riferimento, ATO di stagionale della tavola d’acqua e ricostruzione delle
riferimento, eventuale altra documentazione edita o linee isopiezometriche estive e invernali. Tale ela-
inedita disponibile; borato cartografico dovrà indicare altresì la permea-
- redazione di una carta idrogeologica in scala bilità dei terreni desumibile sia dalle caratteristiche
1:5.000-1:10.000 in cui siano ubicati e censiti i punti litologiche che da specifiche prove di permeabilità
di approvvigionamento idrico sia privati che pubbli- eseguite in sito;
ci, in numero sufficiente a consentire una prelimina- - definizione del rapporto tra acque sotterranee e reti-
re conoscenza sulla profondità della falda nella zona colo idrico superficiale;
di intervento, nonché la ricostruzione delle linee iso- - valutazione delle principali caratteristiche degli ac-
piezometriche con l’indicazione delle linee di flusso. quiferi interessati dall’opera: permeabilità dei terre-
Tale elaborato cartografico dovrà indicare altresì la ni acquisita tramite prove in sito, della trasmissività
permeabilità dei terreni desumibile dalla loro natura dell’acquifero, del coefficiente di immagazzina-
litologica e da prove di permeabilità eseguite in sito; mento e produttività;
- individuazione di zone e condotte carsiche, sistemi - confronto tra letture piezometriche eseguite in di-
di faglia e frattura; versi periodi di tempo;
- preliminare valutazione sull’oscillazione stagionale - analisi sul rapporto opera-acquifero anche in rela-
della tavola d’acqua; zione alle caratteristiche geotecniche e geomorfo-
- preliminare valutazione del rapporto tra acque sotter- logiche dei terreni interessati dall’opera ed analisi
ranee e reticolo idrico superficiale; delle probabili modifiche dell’assetto idrogeologi-
- individuazione e delimitazione degli acquiferi e va- co in relazione con la realizzazione dell’intervento
lutazione delle principali caratteristiche del/degli ottenuta tramite modellazione dello stato attuale e
acquiferi interessati dall’opera: ricostruzione della di quello di progetto;
circolazione idrica sotterranea, permeabilità dei vari - definizione delle opere propedeutiche alla realizza-
orizzonti acquisita tramite prove in sito, valutazione zione dell’intervento e di quelle necessarie per la
della trasmissività dell’acquifero, del coefficiente di mitigazione dell’impatto; ad esempio: opere di im-
immagazzinamento e della sua produttività; permeabilizzazione in zone particolarmente vulne-
- delimitazione delle aree di ricarica e di deflusso; rabili, opere di controllo, stoccaggio e trattamento
- installazione di piezometri e prime letture piezome- dei reflui in corso d’opera e in gestione;
triche; - effettuazione di analisi chimiche e chimico-fisiche
- preliminare valutazione sul rapporto opera-acquife- delle acque intercettate anche in relazione ad una
ro, sia dal punto di vista geotecnico e geomorfolo- loro aggressività verso il calcestruzzo;
gico, che in merito alla preservazione qualitativa e - individuazione di aree idonee per lo stoccaggio del
quantitativa della risorsa acquifera; marino al fine di evitare fenomeni di inquinamento.
- censimento di tutti i punti di approvvigionamento Il materiale scaricato può infatti essere costituito da
idrico esistenti, pubblici e privati, al fine di indivi- gessi, sali potassici, cloruri, solfuri, rocce amiantife-
duare eventuali interferenze tra l’intervento di pro- re, etc., che può costituire un centro di pericolo d’in-
getto e le opere di captazione per un intorno signifi- quinamento delle acque superficiali e sotterranee.
cativo rispetto all’opera;
Materiale da produrre a livello di Progettazione Ese-
- valutazione preliminare delle conseguenze dell’ope-
cutiva:
ra di progetto sui punti di approvvigionamento idri-
- verifica e controllo delle analisi idrogeologiche
co, con previsione delle variazioni della circolazio-
condotte attraverso un monitoraggio del livello pie-
ne idrica;
zometrico dei sondaggi strumentati e dei pozzi in-
- indicazione orientativa delle opere propedeutiche
sistenti nell’area;
alla realizzazione dell’intervento e di quelle neces-
- monitoraggio delle portate e della qualità delle ac-
sarie per la mitigazione dell’impatto sulla risorsa ac-
que in corso d’opera, in un intorno significativo,
quifera.
con particolare riferimento alle principali caratteri-
Elaborati da produrre a livello di progettazione defi- stiche chimico-fisiche (temperatura, conducibilità,
nitiva. Redazione di una Apposita “Relazione Idroge- pH, principali anioni e cationi e possibili agenti in-
ologica” contenente: quinanti – oli, idrocarburi, sostanze tossiche, etc.);
- redazione di una carta idrogeologica in scala - verifica e controllo di eventuali opere propedeu-
1:2.000-1:5.000 in cui siano censiti i punti di ap- tiche alla realizzazione dell’intervento e di quelle
25
Ordine dei Geologi della Toscana

necessarie per la mitigazione del rischio; che del sottosuolo, si deve alla realizzazione di galle-
- misura in continuo della portata totale drenata dallo rie e di manufatti sotterranei.
scavo e dei singoli punti; In generale, lo scavo di un’opera in sotterraneo
- caratterizzazione idrogeologica del sito prescelto costituisce sempre una notevole turbativa delle con-
per lo stoccaggio del marino e dei prodotti di scar- dizioni idrogeologiche della roccia in un intorno si-
to, con progettazione di eventuali opere accessorie gnificativo dell’opera. La conseguenza dello scavo si
necessarie all’impermeabilizzazione e alla messa in traduce solitamente in venute d’acqua in calotta, dalle
sicurezza del sito. pareti e dal fondo dello scavo, più o meno abbondan-
Monitoraggio ti in relazione alla permeabilità della roccia scavata e
Il monitoraggio delle acque sotterranee, in termini di alle disponibilità idriche locali. Dal punto di vista della
analisi delle portate e delle caratteristiche chimico-fi- galleria, la presenza di acqua può comportare problemi
siche delle acque, deve essere previsto in realtà in tutte di stabilità, con utilizzo di costose opere di impermea-
le fasi di progetto, sia nell’opera in realizzazione, sia bilizzazione e stabilizzazione.
in pozzi, sorgenti e corsi d’acqua di un significativo In merito alle caratteristiche ambientali ed idro-
intorno, da definire a livello di interpretazione geolo- geologiche generali, la presenza di una grande cavità
gica e idrogeologica degli acquiferi attraversati: prima sotterranea artificiale comporta drastiche modificazio-
dell’inizio dei lavori, per definire lo stato iniziale delle ni della superficie piezometrica, che si manifestano in
acque e le caratteristiche del sistema idrogeologico, in tempi molto più ridotti e con velocità molto maggiori
corso d’opera e dopo la fine dei lavori, per verificare dei normali fenomeni geologici (Civita, 2005). Tali va-
ingerenze dell’opera nel contesto idrogeologico pre- riazioni possono essere poi differenti, durante o dopo lo
cedentemente definito con riferimento alle prescrizio- scavo: durante lo scavo l’opera rappresenta una grossa
ni vigenti (D.Lgs. 258/2000, D.Lgs. 152/2006). via di richiamo e drenaggio delle acque sotterranee; a
intervento terminato, l’opera può porsi come uno sbar-
Controlli in fase di gestione ramento delle acque di sottosuolo, con possibili feno-
Ad opera in esercizio, dovrà essere garantito un mo- meni di innalzamento anomalo della piezometrica a
nitoraggio periodico della qualità delle acque sotterra- monte. Nell’uno e nell’altro caso, si avranno pertanto
nee (per effetto del dilavamento di sostanze tossiche), modifiche sostanziali e irreversibili della circolazione
nonché un controllo delle opere di drenaggio e imper- idrica nel sottosuolo, variazioni della portata di sorgen-
meabilizzazione realizzate. ti e pozzi, modifiche del chimismo delle acque (Civita
Dovrebbe inoltre essere predisposto un sistema
et al., 2002), variazione della condizioni di stabilità dei
di sorveglianza e di allarme nel caso di sversamenti
versanti (Picarelli et al., 2002), modificazioni sulla ve-
accidentali di sostanze tossiche e nocive.
getazione, variazioni del bilancio idrogeologico a scala
In merito alle trasformazioni dell’ambiente na-
di bacino (Gattinoni & Scesi, 2006), etc.
turale per effetto dell’opera, si dovrebbe anche pre-
Tale rischio idrogeologico è molto difficile da
vedere:
prevedere e quantificare in fase progettuale, poiché go-
- un controllo sui processi di ricostruzione del manto
vernato da fenomeni complessi caratterizzati da un no-
vegetale, con particolare attenzione alla possibile in-
tevole grado di aleatorietà (Gattinoni & Scesi, 2006),
sorgenza di processi erosivi;
a cui viene associata una generale carenza di dati sul
- un’azione di controllo sullo stato delle sorgenti, sia
sottosuolo.
in termini di distribuzione temporale delle portate, che
Per tali motivi le valutazioni di carattere idrogeo-
di rapporto con le acque superficiali e profonde.
logico rivestono un’importanza notevole nelle diverse
Acque intercettate dallo scavo fasi di progettazione, esecuzione e gestione delle opere
In merito alle acque intercettate dall’opera in sotterra- in sotterraneo e devono essere supportate da adeguati
neo in fase di scavo, dovrà essere previsto un opportu- studi e indagini che forniscano un quadro il più com-
no sistema di smaltimento. Peraltro, se le caratteristi- pleto e dettagliato possibile sull’assetto idrogeologico
che chimico-fisiche non subiranno variazioni sensibili dell’area di scavo e di un suo dintorno significativo.
per effetto dell’intervento, dovrebbe essere valutata la Quando si parla di intorno in idrogeologia, non si deve
possibilità di addurle alla rete acquedottistica, ad un fare riferimento a una delimitazione meramente geo-
bacino o a zone di ricarica artificiale della falda. metrica dell’area da indagare, ma va contestualizzata
sia al dominio idrogeologico sotteso all’opera in ese-
cuzione, sia al dominio idrogeologico a valle della
9.2.1. Tratti in galleria ed opere in sotterraneo stessa.
Quando si parla di viabilità, l’impatto ambientale Pertanto, fermi restando gli elaborati già descrit-
maggiore, almeno per quanto riguarda le caratteristi- ti per la viabilità in genere e che dovranno comunque
26
Linee guida di idrogeologia: approccio ai progetti

sempre essere prodotti, per le opere in sotterraneo si 9.2.3. Tratti in trincea


rendono necessari degli approfondimenti.
Qualora i tagli del versante dovessero intercettare delle
A livello di Progettazione Preliminare le inda-
vene d’acqua, andrà impostato un sistema per la rac-
gini devono permettere l’identificazione e la caratte-
colta e lo smaltimento delle acque sotterranee; siste-
rizzazione dell’idrostruttura attraversato dall’opera in
ma che in caso di riutilizzo dell’acqua ne garantisca
sotterraneo, il calcolo del bilancio idrogeologico del
la salvaguardia quantitativa e qualitativa. Andranno
dominio sotteso all’opera in sotterraneo, la caratteriz-
anche valutate le modifiche sull’assetto idrogeologi-
zazione dei vari complessi idrogeologici attraversati,
co dell’area e sul regime di eventuali sorgenti, pozzi
la previsione dei punti di venuta d’acqua e del rela-
e corsi d’acqua presenti nell’area, prendendo opportu-
tivo ordine di grandezza, la conseguente descrizione
namente in considerazione eventuali modifiche al trac-
degli impatti sull’ambiente circostante, il progetto di
captazione e adduzione di risorse idriche integrative o ciato qualora risultasse la non accettabilità delle varia-
sostitutive, il progetto di smaltimento delle acque dre- zioni imposte alle locali condizioni idrogeologiche. Se
nate dall’opera. Oltre alle informazioni già descritte si si rendessero necessarie opere di drenaggio, dovranno
dovranno definire: essere valutate le conseguenze sulle modifiche della
- correlazione tra sistemi di frattura, gradienti topo- circolazione idrica dell’area, nonché la raccolta e il re-
grafici e direzioni di flusso; capito delle acque.
- identificazione preliminare delle zone a maggior ri-
schio di venute d’acqua; 9.2.4. Tratti in viadotto
- previsione dell’influenza delle venute d’acqua in Per la realizzazione dei tratti in viadotto che necessi-
galleria sull’abbassamento piezometrico e sul ri- tino di fondazioni profonde ravvicinate e che possano
schio di subsidenza in aree contigue. creare una sorta di barriera impermeabile intermittente,
A livello di Progettazione Definitiva gli appro- ne andrà valutato l’effetto sull’assetto idrogeologico in
fondimenti consisteranno in: relazione con i punti d’acqua presenti nell’area.
- redazione di una carta idrogeologica e una idro- Inoltre, se i pali saranno realizzati in falda, per
strutturale in scala 1:2.000-1:5.000, desunte da un contenere l’eventuale inquinamento anche temporaneo
rilievo idrogeologico-strutturale di dettaglio; della risorsa idrica, dovrà essere adottata una tipologia
- caratterizzazione dello scavo per tronchi idrogeolo- di palo che non preveda l’uso di additivi o componenti
gicamente omogenei; potenzialmente, direttamente o indirettamente, inqui-
- valutazione del rischio di inquinamento della risor- nanti per l’eventuale fluido di perforazione durante la
sa idrica per effetto delle operazioni di scavo.
trivellazione.
A livello di Progettazione Esecutiva dovranno
essere previste molteplici perforazioni lungo l’asse
definitivo dell’opera, finalizzate alla conoscenza delle 10. Ricerca idrica e opere di approvvigiona-
caratteristiche geologiche, idrogeologiche e geomecca- mento idrico
niche degli ammassi attraversati, delle prove di perme-
abilità in foro, delle prove di tracciamento, e dovranno
essere riportati i progetti delle opere di drenaggio e 10.1. Normativa di riferimento
delle eventuali opere di captazione in galleria, il pro- R.D. 1775/1933 “Testo Unico delle disposizioni di
getto delle opere di allontanamento delle acque ed il legge sulle acque e sugli impianti elettrici”. Per la
progetto degli interventi di impermeabilizzazione. captazione delle acque sotterranee è necessario, nelle
zone soggette a tutela della pubblica amministrazio-
9.2.2. Tratti in rilevato ne, chiedere l’autorizzazione alla ricerca e, successi-
Laddove, per la stabilità del rilevato in previsione e per vamente al rinvenimento dell’acqua, la concessione
contenerne i cedimenti, sia necessario l’abbattimento alla derivazione. L’art. 93 del R.D. 1775/1933 san-
della falda freatica, andranno valutate le modifiche cisce la libertà, per il proprietario di un fondo, an-
apportate all’assetto idrogeologico dell’area ed in par- che nelle zone soggette a tutela della pubblica am-
ticolare alla circolazione idrica, alla portata di pozzi, ministrazione e per l’uso domestico, di estrarre ed
sorgenti e corsi d’acqua ubicati nell’area di intervento. utilizzare liberamente, anche con mezzi meccanici,
Nel caso sia necessario prelevare in sito gli inerti ne- le acque sotterranee nel suo fondo, purché osservi le
cessari alla realizzazione del rilevato, dovrà essere ef- distanze e le cautele prescritte dalla legge. Sono com-
fettuata una accurata caratterizzazione idrogeologica, presi negli usi domestici l’innaffiamento di giardini
con valutazione delle conseguenze sulla circolazione e ed orti inservienti direttamente al proprietario ed alla
sulla qualità delle acque. sua famiglia e l’abbeveraggio del bestiame. Tutte le
27
Ordine dei Geologi della Toscana

norme successive ribadiscono la libertà del pozzo ad anni 2003-2005). Nella delibera sono approvati i criteri
uso domestico. di individuazione e l’elenco dei corpi idrici significa-
Il R.D. 2174/1934 (e successivi decreti ministe- tivi superficiali e sotterranei ed il piano di rilevamento
riali) definisce i territori comunali soggetti a tutela del- dello stato di qualità delle acque superficiali, sotterra-
la Pubblica Amministrazione di cui al punto preceden- nee ed a specifica destinazione da attuarsi attraverso
te. Con il D.Lgs. 258/2000 tutto il territorio nazionale è misure qualitative e quantitative su reti di monitorag-
assoggettato a tutela della Pubblica Amministrazione. gio opportunamente definite. L’attuazione del piano di
L. 464/1984 “Norme per agevolare l’acquisizio- monitoraggio è affidata all’Arpat.
ne da parte del Servizio Geologico Nazionale di ele- D.Lgs. 152/2006 - Norme in materia ambienta-
menti di conoscenza relativi alla struttura geologica e le. Riunisce in pratica in un unico testo le varie norme
geofisica del sottosuolo” definisce l’obbligo di infor- ambientali e, nello specifico, anche quelle sulle acque
mare il Servizio Geologico Nazionale della esecuzione e sugli scarichi e abroga le norme contrarie o incompa-
di “…indagini a mezzo di scavi, pozzi, perforazioni tibili; per la parte inerente le linee guida sono di inte-
e rilievi geofisici per ricerche idriche o per opere di resse le abrogazioni di:
ingegneria civile, al di sotto di 30 m dal p.c.”, comu- art. 42, comma 3, del R.D. 1775/1933, come mo-
nicando la localizzazione delle indagini, la stratigrafia dificato dall’art. 8 del D.Lgs. 275/1993; gli artt. 4, 5, 6
dei terreni, etc. e 7 del D.P.R. 236/1988, la L. 183/1989; l’art. 12 del
D.M. 11/03/1988 “Norme tecniche riguardanti le D.Lgs. 275/1993; la L. 36/1994, ad esclusione dell’art.
indagini sui terreni e sulle rocce...”, punto L, emun- 22, comma 6; il D.Lgs. 152/1999, così come modifica-
gimenti da falde idriche. Si applica alle opere ed agli to dal D.Lgs 258/2000.
interventi riguardanti l’estrazione di acqua dal sot- DPCM del 28/12/2007 (G.U. n. 6 dell’8/01/2008).
tosuolo. Nel progetto delle opere di emungimento si Proroga dello stato di emergenza nei territori delle re-
deve accertare che queste siano compatibili con le ca- gioni dell’Italia centro settentrionale interessati dalla
ratteristiche dell’acquifero e che eventuali conseguenti crisi idrica che sta determinando una situazione di gra-
cedimenti della superficie del suolo siano compatibili ve pregiudizio agli interessi nazionali.
con la stabilità e la funzionalità dei manufatti presenti
nella zona interessata dall’emungimento. Il progetto NORMATIVA RIGUARDANTE IL DECENTRA-
deve stabilire anche i mezzi e le modalità di estrazione, MENTO DELLE COMPETENZE
in modo da evitare che con l’acqua venga anche estrat- DPR 616/1977 “Attuazione della delega di cui all’art. 1
to il terreno o la sua frazione più fina. della L. n. 382/1975” Titolo V, Capo IV, art. 90. Trasfe-
La Del.G.R 463/2001 “Disposizioni circa l’ado- risce alle Regioni “Tutte le funzioni relative alla tutela,
zione di procedure tecnico-amministrative semplifica- disciplina e utilizzazione delle risorse idriche…”, in par-
te per il rilascio di concessioni di derivazione di acque ticolare le funzioni concernenti: la ricerca, l’estrazione
pubbliche” introduce delle semplificazioni nelle pro- e l’utilizzazione delle acque sotterranee, ivi comprese
cedure alla luce delle innovazioni portate dal D.Lgs. le funzioni concernenti la tutela del sistema idrico del
152/1999. Nella delibera regionale è riportato che “La sottosuolo (istruttorie eseguite dagli uffici del Genio Ci-
presentazione, entro il termine del 30 giugno 2001, vile). Sono riservate allo Stato: la determinazione e la
di denuncia di pozzi, ai sensi dell’art. 10 del D.Lgs. disciplina degli usi delle acque pubbliche anche sotter-
275/1993… equivale alla presentazione della relativa ranee ivi comprese le funzioni relative all’istruttoria e al
istanza volta ad ottenere il rilascio di concessione pre- rilascio delle concessioni di grandi derivazioni (istrutto-
ferenziale di cui all’art. 4 del R.D. 1775/1933”; sta- rie eseguita dal Provv. OO. PP.)
bilisce che l’istanza volta al rilascio delle nuove con- D.Lgs 112/1998 “Conferimento di funzioni e
cessioni, qualora presuppongano altresì la preventiva compiti amministrativi dello Stato alle Regioni e agli
ricerca di acque sotterranee, assorba la fase inerente Enti locali...” Titolo III, Capo IV, Risorse idriche e di-
la ricerca stessa; stabilisce che gli uffici competenti, ai fesa del suolo, art. 89. Conferisce alle regioni e agli
fini dell’istruttoria per il rilascio della concessione pre- enti locali le funzioni relative alla gestione del dema-
ferenziale si attengano all’art. 22 del D.Lgs. 152/1999 nio idrico, ivi comprese tutte le funzioni amministra-
affinché sia garantito il deflusso minimo vitale nei cor- tive relative alle derivazioni di acqua pubblica, alla
pi idrici. ricerca, estrazione e utilizzazione delle acque sotter-
DGRT 225/2003 “Acquisizione del quadro co- ranee, alla tutela del sistema idrico sotterraneo nonché
noscitivo relativo alla qualità delle acque superficiali e alla determinazione dei canoni di concessione e all’in-
a specifica destinazione, ai sensi del D.Lgs. 152/1999 troito dei relativi proventi, fatto salvo quanto disposto
e successive modificazioni. Attuazione della Del.GR dall’art. 29 c.3. Lo Stato definisce obiettivi generali
101/2003 (Direttive all’ARPAT per l’attività negli e vincoli specifici per la pianificazione regionale e di
28
Linee guida di idrogeologia: approccio ai progetti

bacino idrografico in materia di utilizzazione delle ri- distribuzione della risorsa disponibile, tenuto conto di
sorse idriche ai fini energetici, disciplinando altresì le quanto stabilito dall’Autorità di Bacino ai sensi degli
concessioni di grandi derivazioni di acqua pubblica per artt. 65 e 145 del D.Lgs. 152/2006, degli indirizzi, de-
uso idroelettrico. gli obiettivi e delle misure definite dal piano di tutela
L.R. 91/1998 “Norme per la difesa del suolo”. delle acque (PTA), nonché delle esigenze idropotabili,
Trasferimento di competenze alle Province. ambientali e produttivi del territorio di riferimento.
Competenze riservate alla Regione: sono riservate
alla Regione il bilancio idrico e le misure per la pia- 10.2. Enti competenti
nificazione dell’economia idrica in attuazione della
La complessa evoluzione legislativa statale e regionale
L. 36/1994, nonché la determinazione del canone di
all’origine della quale vi è il R.D. 1775/1933, ha visto
concessione per l’utilizzo del demanio idrico e l’introi-
le sue tappe salienti in primo luogo nella delega alle
to dei relativi proventi. Sono attribuite alle Province
Regioni ai sensi dell’art. 90 del D.P.R. 616/1977 (in
le funzioni amministrative in materia di gestione del
attuazione della Legge 382/1975) delle funzioni rela-
demanio idrico, ivi comprese le funzioni relative alle
tive, tra l’altro, alla disciplina ed utilizzazione delle
derivazioni di acqua pubblica, alla ricerca, estrazione
risorse idriche; successivamente nella attribuzione alle
e utilizzazione delle acque sotterranee, alla tutela del
Province ed ai Comuni ed agli altri Enti locali ai sensi
sistema idrico sotterraneo. dell’art. 4 della L. 59/1997, di “tutte le funzioni che
L.R. 1/2001 Modifiche all’articolo 14 della LR non richiedono l’unitario esercizio a livello regiona-
91/1998. Sono attribuite alle Province le funzioni am- le”; poi nel conferimento delle funzioni amministrative
ministrative in materia di gestione del demanio idrico, alle Regioni ed agli Enti locali in materia, tra l’altro,
ivi comprese le funzioni relative alle derivazioni di ac- di agricoltura, foreste, pesca, agriturismo, caccia, svi-
qua pubblica, alla ricerca, estrazione ed utilizzazione luppo rurale ed alimentazione ai sensi dell’art. 1 del
delle acque sotterranee, alla tutela del sistema idrico D.Lgs. 4 giugno 1997 n. 143, funzioni attribuite in-
sotterraneo, nonché la determinazione dei canoni di fine alle Province ed alle Comunità Montane ai sensi
concessione per l’utilizzo del demanio stesso e l’introi- dell’art. 1 della L.R. 9/1998.
to dei relativi proventi. Le Province destinano le risorse È da rilevare che tale conferimento appare ca-
introitate a seguito delle concessioni per l’utilizzo del ratterizzato dalla permanenza delle acque sotterranee
demanio idrico al finanziamento dell’organizzazione e superficiali al Demanio dello Stato (art. 1, D.P.R. 18
dei servizi e degli interventi di tutela delle risorse idri- febbraio 1999 n. 238, di approvazione del regolamento
che e dell’assetto idraulico e idrogeologico sulla base di attuazione della L. 36/1994), e dal trasferimento alle
delle linee programmatiche di bacino, sentiti gli altri Regioni dagli Enti locali delle funzioni relative dalla
enti locali interessati. gestione del Demanio Idrico ed alla determinazione
L.R. 29/2007 Norme per l’emergenza idrica per dei canoni di concessione e al loro incasso ai sensi del
l’anno 2007. Modifiche alla L.R. 91/1998, - Norme per D.Lgs. 112/1998, funzioni, come sopra detto, poi tra-
la difesa del suolo. A seguito della dichiarazione del- sferite alle Province ai sensi della legge regionale n.
lo stato di emergenza idrica, la Regione Toscana con 9/1998, in tal senso modificata dalla L.R. n. 1/2001.
la L.R. 29/2007 inserisce ulteriori modifiche alla L.R. La prima questione che si pone è quella relativa
91/1998, introducendo con l’art. 12 bis 1 “Disposizioni alla ammissibilità, in linea di principio, di difformità
regionali per la riduzione e l’ottimizzazione dei con- nelle diverse discipline della gestione del Demanio
sumi di acqua erogata per usi diversi da quello idro- Idrico da parte delle Province, e dalla legittimità di tali
potabile”, l’emanazione di un Regolamento finalizzato difformità tanto dei procedimenti quanto delle discipli-
alla riduzione dei consumi da parte dei soggetti che ne sostanziali che le Province stanno emanando.
utilizzano acque a scopi diversi da quelli idropotabili, A tale proposito si può osservare che linee gui-
con particolare riferimento agli usi irrigui e produttivi. da del trasferimento di funzioni, sono individuabili
Il regolamento persegue la riduzione dei consumi, la nell’art. 4 della Legge n. 59/1997 alla quale deve esse-
tutela della risorsa, la prevenzione delle crisi idriche, re attribuito l’inizio del procedimento di devoluzione
anche incidendo sulle concessioni di derivazione e sui delle funzioni degli Enti locali tuttora in corso, e che
relativi canoni; definisce i criteri per la costituzione di limitano il trasferimento da parte delle Regioni alle
riserve di acqua e per il riutilizzo delle acque. Viene Province e ai Comuni ed in genere agli altri Enti lo-
inoltre inserito l’art. 14 bis “Piano provinciale per la cali, di “tutte le funzioni che non richiedono l’unitario
gestione sostenibile degli usi della risorsa idrica”, con esercizio a livello regionale”. È vero che tale trasferi-
il quale le Province sono chiamate a predisporre un mento è avvenuto prima ancora che per disposizione
piano di regolazione degli usi delle acque superficia- regionale, per disposizione del D.Lgs. 143/1997, ma
li e sotterranee, finalizzato a garantire un’equilibrata sta di fatto che l’attuazione dell’art. 4 della L. 59/1997
29
Ordine dei Geologi della Toscana

implica necessariamente la valorizzazione dell’autono- idrici attuati e può essere applicata, preventivamente,
mia degli Enti locali ed in questo caso delle Province anche ai pozzi di uso domestico ex art. 93 del T.U.
come Enti che il legislatore regionale presume essere 1775/1933, trascurati, invece, sotto il profilo quantita-
in grado di adeguare la disciplina dell’esercizio delle tivo dagli istituti normativi in materia di concessione
funzioni trasferite, alle peculiarità sociali e territoriali di acqua pubblica. La competenza, in analogia con altri
del comprensorio di loro appartenenza, in attuazione interventi edilizi, può riguardare specificatamente i re-
del “principio di autonomia organizzativa regolamen- quisiti tecnologici propri dell’opera ai fini della Sicu-
tare e di responsabilità degli Enti locali nell’esercizio rezza, Salubrità e dell’Igiene Pubblica e del Territorio.
delle funzioni e dei compiti amministrativi ad essi con- A seconda delle condizioni di vulnerabilità idro-
feriti” (così art. 4 cit. comma 3 lett. L della Legge n. geologica locale e considerati anche i possibili rischi
59/1997). di inquinamento accidentale della falda per la vicina
Ne consegue che eventuali difformità nella disci- presenza di centri di pericolo, le indicazioni dei Rego-
plina delle concessioni per l’autorizzazione delle risor- lamenti Edilizi Comunali (R.E.C.) potranno prescrive-
se idriche, appaiono scontate, dato il decentramento e re, ad esempio:
localizzazione di tale disciplina. ⇒ impermeabilizzazione superficiale dalle acque va-
Non risulta che la Regione Toscana abbia ema- dose e di ruscellamento.
nato provvedimenti indicativi di principi generali nel- ⇒ ricostituzione tramite opportuni tamponi imperme-
la attuazione del decentramento; ne consegue che le abili degli strati acquicludi di separazione dei siste-
diverse discipline provinciali dovranno essere valutate mi multifalda.
non confrontandole una con l’altra, ma confrontando ⇒ accorgimenti tecnici per il controllo piezometrico
singolarmente ognuna di esse con i principi che presie- ed il campionamento dall’esterno di eventuali fasi
dono all’uso delle risorse idriche ed in particolare con separate.
l’art. 93 per quanto concerne la utilizzazione dell’acqua Ai fini dello snellimento delle procedure, nei casi
per gli usi domestici, così come confermato dall’art. 28 dove il Comune si dichiara attraverso il proprio S.U.
della L. 36/1994 (comma 5) che, richiamando l’art. 93 competente in materia, possono essere gli stessi pro-
del T.U. 1775/1933, precisa altresì che tale disciplina è ponenti a richiedere attraverso i Comuni stessi o gli
confermata e deve essere tuttora attuata “purché (l’uti- sportelli unici laddove istituiti, ai sensi dell’art. 11, ul-
lizzazione) non comprometta l’equilibrio del bilancio timo comma, della L.R. 52/1999, pareri preventivi sui
idrico di cui all’art. 3”. lavori edilizi, all’avvio dei procedimenti amministrati-
Al momento della redazione del presente do- vi in oggetto.
cumento, è in corso la stesura da parte della Regione Come prescritto dall’art. 65 della L.R. 1/2003,
Toscana del Regolamento previsto dall’articolo 12bis dal 1/1/2004 decorre il termine da cui ha avuto inizio
della L.R. 91/1998 “Norme per la difesa del suolo, così da parte dei Comuni, l’esercizio delle funzioni in ma-
modificata dalla L.R. 29/2007”. Tale regolamento det- teria di vincolo idrogeologico.
terà disposizioni per garantire la riduzione dei consumi In attuazione al nuovo Regolamento Forestale
della risorsa idrica in generale, la tutela della risorsa della Toscana (DPGR 48/R del 8/8/2003), sono state
idrica e la prevenzione delle crisi idriche. trasferite dalle Province ai Comuni, le competenze re-
lative alla trasformazione della destinazione d’uso dei
Comuni
terreni a seguito della realizzazione di manufatti edilizi
Dal punto di vista estremamente cautelativo nei riguar-
o opere di movimento terra, che possano alterare la sta-
di delle risorse geologiche del territorio (protezione
bilità dei versanti o la regimazione delle acque. In par-
naturale delle falde idriche e loro stato quali-quantitati-
ticolare nei terreni sottoposti a vincolo idrogeologico,
vo) la realizzazione di un pozzo può essere vista quale
la realizzazione di un pozzo è sottoposta a procedura di
opera di trasformazione urbanistica che incide sulle ri-
autorizzazione (art. 74, punto 4, comma d).
sorse essenziali del territorio, ai sensi della L. 10/1977
e L.R. 52/1999. Molti Comuni, su questi presupposti Province
e pur riconoscendo per la realizzazione del pozzo la A partire dal 10 agosto 1999, per fare un pozzo ad uso
procedura semplificata della D.I.A. (dichiarazione di diverso dal domestico occorre richiedere alla Regione
inizio attività) o comunque della semplice autorizza- Toscana (e per passaggio di competenze dal 01/07/2001
zione, hanno previsto per l’intervento edilizio del poz- alle Province) l’autorizzazione alla ricerca per la rea-
zo una disciplina specifica all’interno del Regolamento lizzazione di un pozzo, e successivamente la richiesta
Edilizio Comunale. di concessione di derivazione per l’utilizzo.
È importante notare che la competenza comunale Le province assumono pertanto tutti i provvedi-
sull’opera pozzo, in quanto trasformazione permanen- menti relativi alle concessioni di acqua pubblica, ed in
te del territorio, è indipendente dal regime dei prelievi particolare i seguenti:
30
Linee guida di idrogeologia: approccio ai progetti

• rilascio, diniego, controllo, rinnovo e modifica del- di concessione, sia realizzato con tutti i requisiti e gli
la concessione; accorgimenti tecnici del caso. Oltre alla impermeabi-
• revoca e decadenza della concessione; lizzazione e separazione dal sistema delle acque super-
• sospensione temporanea dell’esercizio della con- ficiali, vadose e di ruscellamento, può essere richiesta
cessione; la separazione anche di livelli acquiferi profondi rife-
• presa d’atto della rinuncia alla concessione; ribili a sistemi multifalda. Da notare che mancando, ad
• modifica della titolarità della concessione; oggi, un’identificazione e definizione condivisa di tali
• verifica degli utilizzi domestici di acque sotterranee sistemi idrici sul territorio l’applicazione della prescri-
e sorgentizie. zione può dar luogo a contenziosi.
Ogni Provincia può proporre un proprio regola- AREE DI SALVAGUARDIA: normalmente
mento che disciplini qualsiasi approvvigionamento di l’ARPAT, spesso di concerto con il competente Dipar-
acqua pubblica da corpo idrico superficiale naturale o timento ASL, provvede alla verifica della rispondenza
artificiale, da acque sotterranee e sorgive nonché, in delle aree di salvaguardia proposte. Si ricorda che dal
casi specifici, l’estrazione e l’utilizzazione da parte del punto di vista normativo le aree di salvaguardia sono
proprietario del fondo di acque sotterranee destinate applicate alle captazioni di acque destinate al consumo
all’uso domestico. umano erogate a terzi mediante impianto di acquedotto
che riveste carattere di pubblico interesse, per le quali
ARPAT le Regioni devono individuare, ai sensi del comma 1
ARPAT, in quanto struttura agenziale, non ha compe- dell’art. 94 del D.Lgs 152/2006, le aree di salvaguardia
tenze amministrative dirette sul procedimento istrutto- distinte in zona di tutela assoluta, di rispetto e zone
rio per la realizzazione di pozzi. di protezione. In assenza della individuazione da parte
Ai sensi dell’art. 8, comma 1, lett. b3 della L.R. delle regioni la zona di rispetto ha un raggio di 200 m,
66/1995, le autorità competenti al rilascio di conces- nella quale valgono i vincoli elencati al comma 4. Per
sioni, autorizzazioni, pareri o atti di consenso, comun- gli approvvigionamenti diversi da quelli sopra richia-
que denominati, possono avvalersi dell’ARPAT per lo mati le Autorità competenti dovranno impartire, caso
svolgimento dell’istruttoria tecnica delle domande ed il per caso, le prescrizioni necessarie per la conservazio-
rilascio di pareri tecnici, sotto ogni aspetto ambientale. ne e la tutela delle acque destinate al consumo umano.
Nella prassi si rileva la frequente richiesta, da parte dei
Comuni, di supporto istruttorio e rilascio di pareri tec- Autorità di Bacino
nici dell’ARPAT, nell’ambito dei procedimenti di natu- I principali compiti assegnati alle Autorità di Bacino
ra edilizia e tra questi la realizzazione del pozzo quando (AdB), in materia di risorsa idrica, dalle normative vi-
disciplinata dal Regolamento Edilizio Comunale. genti nazionali sono:
L’intervento di ARPAT è oneroso, secondo le ta- - definizione ed aggiornamento del bilancio idri-
riffe di cui alla Tab. 4 del Tariffario per le prestazioni co (L. 36/1994 e D.lgs. 152/1999, superati dal D.Lgs.
fornite dall’Agenzia nei confronti di terzi, di cui alla 152/2006);
Del.G.R. del 23/11/1998, n. 1438, così come modifica- - parere sulle domande di concessione idrica re-
ta ed integrata con Del.G.R. del 11/01/2000, n. 14. lative sia alle piccole che alle grandi derivazioni (R.D.
Oltre alle verifiche di rito e correnti sulla docu- 1775/1993 così come modificato da D.Lgs. 275/1993 e
mentazione tecnica, ARPAT, entra più spesso in merito smi (D.Lgs. 152/2006 );
a problematiche ambientali legate alla realizzazione del - individuazione degli obiettivi, relativamente
pozzo, riportate anche al paragrafo 3.3.6, e riferibili a: alla protezione degli aspetti qualitativi e quantitativi
RIFIUTI - SCARICHI: la problematica e gli im- delle risorse idriche, e le priorità degli interventi, cui
patti dello scarico diretto nel reticolo superficiale del i piani di tutela delle acque devono attenersi (D.Lgs.
fluido di perforazione possono essere stati in molti casi 152/2006).
sottovalutati. Lo scarico, nei casi più notevoli e quan- Bilancio idrico e Deflusso Minimo Vitale (DMV):
do ad esempio contaminato da additivi schiumogeni, le attività di programmazione, pianificazione e attua-
dovrebbe essere autorizzato pur trattandosi di cantiere zione (a livello di bacino idrografico) degli interventi
temporaneo ai sensi del Dlgs 152/2006. In alternativa, curano in particolare la razionale utilizzazione delle ri-
i fluidi dovrebbero essere raccolti in vasca a tenuta per sorse idriche superficiali e profonde, con un’efficiente
poi essere smaltiti/riutilizzati come rifiuto. rete idraulica, irrigua ed idrica garantendo, comunque,
PROTEZIONE DEGLI ACQUIFERI: ai fini del- che l’insieme delle derivazioni non pregiudichi il mi-
la preservazione delle condizioni di protezione natura- nimo deflusso costante vitale negli alvei sottesi nonché
le dei sistemi acquiferi di profondità è necessario che il la pulizia delle acque (art. 3, L. 183/1989).
pozzo, in quanto opera di trasformazione territoriale, e All’AdB compete la definizione e l’aggiorna-
quindi indipendentemente dall’emungimento e del tipo mento periodico del bilancio idrico del bacino (art.
31
Ordine dei Geologi della Toscana

145, D.Lgs. n. 152/2006). Il bilancio globale idrico, finito, delle esigenze di tutela della qualità e dell’equi-
preordinato alla definizione dei trasferimenti d‘acqua, librio stagionale del corpo idrico, delle opportunità di
è effettuato sulla base delle informazioni contenute risparmio, riutilizzo e riciclo della risorsa, adottando
nei singoli bilanci idrici determinati dalle competenti le disposizioni del caso anche come criteri informatori
AdB (DPCM 04/03/1996 - criteri ed indirizzi per la del relativo disciplinare. Analogamente si provvede,
programmazione dei trasferimenti d‘acqua per il con- nei casi di prelievo da falda, per quelle disposizioni
sumo umano. Nei piani di tutela sono adottate le mi- di carattere cautelare atte a garantire l’equilibrio tra il
sure volte ad assicurare l‘equilibrio del bilancio idrico prelievo e la capacità di ricarica naturale dell’acqui-
come definito dall‘AdB, nel rispetto delle priorità della fero, ad evitare pericoli di intrusione di acque salate
Legge 5 gennaio 1994, n. 36, e tenendo conto dei fab- o inquinate e per quant’altro sia utile in funzione del
bisogni, delle disponibilità, del minimo deflusso vitale, controllo per il miglior regime delle acque (art. 12bis,
della capacità di ravvenamento della falda e delle de- R.D. 1775/1933, mod. D.Lgs. 275/1993). Nel provve-
stinazioni d‘uso della risorsa compatibili con le relati- dimento di concessione preferenziale, rilasciato ai sen-
ve caratteristiche qualitative e quantitative. (art. 95, c. si dell‘articolo 4 del R.D. 1775/1933 (c), sono previsti
2, D.Lgs. 152/2006). Il Ministro dei Lavori Pubblici i rilasci volti a garantire il minimo deflusso vitale nei
provvede entro sei mesi dalla data di entrata in vigore corpi idrici e le prescrizioni necessarie ad assicura-
del presente decreto a definire, di concerto con gli altri re l‘equilibrio del bilancio idrico (art. 95, comma 6,
Ministri competenti e previa intesa con la Conferen- D.Lgs. 152/2006). Nei bacini idrografici caratterizzati
za permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e da consistenti prelievi o da trasferimenti sia a valle che
le Province autonome di Trento e di Bolzano, le linee oltre la linea di displuvio, le derivazioni sono regolate
guida per la predisposizione del bilancio idrico di ba- in modo da garantire il livello di deflusso necessario
cino, comprensive dei criteri per il censimento delle alla vita negli alvei sottesi e tale da non danneggiare gli
utilizzazioni in atto e per la definizione del minimo de- equilibri degli ecosistemi interessati” (comma 3, art.
flusso vitale (art. 22, c. 4, D.Lgs. 152/1999) sono state 145, D.Lgs 152/2006). Le licenze per l’attingimento
emanate con D.M. 28 luglio 2004. di acqua pubblica, per i corpi idrici superficiali, sono
concesse purché non siano alterate le condizioni del
Utilizzazioni delle acque pubbliche (derivazioni, corso d’acqua con pericolo per le utenze esistenti e sia
attingimenti, prelievi): le AdB adottano i criteri, cui le salvaguardato il minimo deflusso costante vitale del
regioni devono attenersi, per definire gli obblighi di corso d’acqua, ove definito (Art.56, R.D. 1775/1933).
installazione e manutenzione di dispositivi per la mi- Le regioni, sentite le AdB, disciplinano forme di rego-
surazione delle portate e dei volumi d’acqua pubblica lazione dei prelievi delle acque sotterranee per gli usi
derivati, in corrispondenza dei punti di prelievo e di domestici, laddove sia necessario garantire l’equilibrio
restituzione. I risultati delle misurazioni devono essere del bilancio idrico (art. 96, c. 11, D.Lgs. 152/2006).
inoltrati dall’Autorità concedente alla regione ed alle
AdB competenti, (art. 95, c. 3, D.Lgs. 152/2006). Tutte Equilibrio del bilancio idrico: l’AdB competente
le derivazioni di acqua comunque in atto sono regola- definisce ed aggiorna periodicamente in bilancio idrico
te dall’Autorità concedente mediante la previsione di diretto ad assicurare l’equilibrio fra le disponibilità di
rilasci volti a garantire il minimo deflusso vitale nei risorse reperibili o attivabili nell’area di riferimento ed
corpi idrici come previsto dall’articolo 95, comma 4 i fabbisogni per i diversi usi; per assicurare l’equilibrio
del D.Lgs. 152/2006, senza che ciò possa dar luogo tra risorse e fabbisogni, l’AdB competente adotta, per
alla corresponsione di indennizzi da parte della pub- quanto di competenza, le misure per la pianificazio-
blica amministrazione, fatta salva la relativa riduzione ne dell’economia idrica in funzione degli usi cui sono
del canone demaniale di concessione. Le domande re- destinate le risorse. (commi 1 e 2 dell’art. 145, D.Lgs
152/2006). In aggiunta ai compiti assegnati alle AdB
lative sia alle grandi sia alle piccole derivazioni sono
dalla legislazione nazionale vigente ci sono quelli deri-
trasmesse alle AdB che, entro 40 giorni dalla ricezio-
vanti alla pianificazione di bacino. Per quanto riguarda
ne, comunicano il proprio parere all’ufficio istruttore
l’Adb dell’Arno, si ricorda il piano stralcio “Qualità
in ordine alla compatibilità della utilizzazione con le
delle acque” (DPCM del 31/03/1999), con particolare
previsioni del piano di tutela e, anche in attesa di ap-
riferimento alle norme 3, 6, 8 e il progetto di piano Bi-
provazione dello stesso, ai fini del controllo sull’equi-
lancio idrico con relative misure di salvaguardia.
librio del bilancio idrico. Decorso tale termine senza
che sia intervenuta alcuna pronuncia, non c’è più il si-
lenzio assenso – vedi art. 96 D.Lgs. 152/2006 (art. 7,
R.D. 1775/1933, mod. D.Lgs. 275/1993). Il provvedi-
mento di concessione tiene conto del minimo deflusso
costante vitale da assicurare nei corsi d’acqua, ove de-
32
Linee guida di idrogeologia: approccio ai progetti

10.3. Procedure autorizzative e concessorie per In aree sottoposte a tutela da disposizioni legi-
pozzi slative regionali, da disposizioni particolari dell’Am-
ministrazione Provinciale, delle AdB o degli Enti
Parco, l’estrazione e utilizzazione ad uso domestico
10.3.1. Pozzi uso domestico: definizione e pro- di acque sotterranee è soggetta alla disciplina relativa
cedure alla ricerca di acque sotterranee nonché alle limitazio-
Dall’entrata in vigore del DPR 238/1999 che a seguito ni eventualmente previste dai Piani di tutela o dalle
della Legge Galli (L. 36/1994) ha dichiarato pubbliche disposizioni cautelative.
tutte le acque superficiali e sotterranee a partire dalla La differenza di iter fra pozzi ad uso domestico
data del 10 agosto 1999, tutti i prelievi idrici effettuati e non domestico impone di trovare una univoca inter-
da corpi idrici superficiali e sotterranei sono soggetti pretazione di “uso domestico”, onde evitare di incor-
al rilascio di autorizzazioni secondo le procedure pre- rere in equivoci che poi si traducono in sanzioni per
viste dal T.U. sulle acque di cui al R.D. 1775/1933. prelievi idrici non autorizzati. Riportiamo di seguito
Queste normative hanno costituito, per le molte le interpretazioni di tre province:
Province che non avevano presenti sul loro territorio LUCCA: “Uso domestico: utilizzazione di acqua de-
acque sotterranee dichiarate pubbliche, un profondo stinata all’uso igienico e potabile, all’innaffiamento
cambiamento di abitudini e consuetudini, soprattutto di orti e giardini, all’abbeveraggio del bestiame, pur-
per quanto concerne lo sfruttamento delle acque sot- ché tali usi siano destinati al nucleo familiare e non
terranee attraverso la perforazione di pozzi. configurino un’attività economico-produttiva o con
Per eseguire un pozzo adibito a qualsiasi uso finalità di lucro”.
occorreva soltanto (e molte volte non era neanche ri-
chiesta) un’autorizzazione comunale, non potendosi AREZZO: “Per uso domestico si intende quello rela-
applicare le procedure relative al T.U. sulle acque di tivo alla utilizzazione dell’acqua da parte del proprie-
cui al R.D. 1775/1933. Quindi, a partire dal 10 agosto tario del fondo (o altro utilizzatore) esclusivamente
1999, per fare un pozzo ad uso diverso dal domestico per i bisogni igienico-potabili della famiglia nonché
occorre richiedere alla Regione Toscana (e per pas- per l’abbeveraggio del bestiame e innaffiamento di
saggio di competenze dal 01/07/2001 alle Province) giardini e orti afferenti il medesimo proprietario-uti-
l’autorizzazione alla ricerca per l’esecuzione del poz- lizzatore e i suoi familiari. Non sono pertanto classi-
zo, e quindi la richiesta di concessione di derivazione ficabili come uso domestico le utilizzazioni di acque
per l’utilizzo. sotterranee destinate a imprese produttive e a coltiva-
Diversamente per i pozzi ad uso domestico con- zioni o allevamenti i cui prodotti finali siano oggetto
tinua a valere l’art. 93 del T.U. 1775/1933 che recita: di commercializzazione e di vendita, né gli approvvi-
“art. 93. Il proprietario di un fondo, anche nelle zone gionamenti idropotabili a servizio di comunità (attivi-
soggette a tutela della pubblica amministrazione, a tà turistico alberghiere, agriturismi) o gestiti da enti
norma degli articoli seguenti, ha facoltà, per gli usi pubblici e consorzi vari di gestione degli acquedotti.”
domestici, di estrarre ed utilizzare liberamente, anche Sono inoltre assimilati all’uso domestico i seguenti
con mezzi meccanici, le acque sotterranee nel suo casi: “fabbricati contigui, formati da massimo cinque
unità abitative, approvvigionati per gli usi igienico-
fondo, purché osservi le distanze e le cautele prescrit-
potabili da un pozzo o sorgente della stessa proprie-
te dalla legge. Sono compresi negli usi domestici l’in-
tà” e “associazioni, comitati, fondazioni o altri enti
naffiamento di giardini ed orti inservienti direttamen-
di carattere privato che, non agendo a scopo di lucro,
te al proprietario ed alla sua famiglia e l’abbeveraggio
utilizzano saltuariamente in maniera non residenziale
del bestiame”. Tale facoltà non è mai stata abrogata
acqua sotterranea, per scopi igienico-potabili, a ser-
ed è stata, anzi, esplicitamente confermata dalle suc-
vizio di strutture ricettive temporanee con finalità di
cessive normative.
solidarietà sociale”.
L’estrazione ed utilizzazione ad uso domestico
da parte del proprietario del fondo delle acque sot- FIRENZE: per “uso domestico” si intende (estratto
terranee e delle acque sorgentizie è libera e non sog- dal “Regolamento per le concessioni di beni del de-
getta al pagamento dei canoni di concessione. L’iter manio idrico di competenza della provincia di Firen-
autorizzativo per la realizzazione di nuovi pozzi è ze”): “…utilizzazione di acqua sotterranea destinata
estremamente semplificato: è richiesta la denuncia, all’uso igienico e potabile, all’innaffiamento di orti
secondo appositi moduli, di perforazione avvenuta ed e giardini, all’abbeveraggio del bestiame, purché tali
in alcune Province, preventiva comunicazione, spe- usi siano destinati al nucleo familiare e non configuri-
cificando la località di intervento e il tipo di lavori no un’attività economico-produttiva o con finalità di
previsti. lucro; le condizioni essenziali per la configurazione
33
Ordine dei Geologi della Toscana

dell’uso domestico sono: 10.3.2. Procedimento di concessione per pozzi


I. essere proprietario, affittuario, usufruttuario, uso irriguo, uso industriale, uso idropotabile
titolare di diritto di abitazione;
Il procedimento per il rilascio di concessione è av-
II: essere persona fisica;
viato ad iniziativa di parte, con la presentazione della
III. utilizzare per irrigazione di orto e giardino di
relativa domanda. Le modalità di presentazione della
uso familiare; per uso igienico della abitazione;
domanda: contenuti ed allegati sono regolamentati da
per uso potabile della abitazione.
ciascuna Provincia.
Sono assimilati all’uso domestico, purché nel prelie-
Domanda alla Provincia: in linea generale, le
vo non sia superata la quantità complessiva di m3 300
domande devono contenere: dati identificativi del ri-
annui e l’utilizzo sia esclusivamente di irrigazione: a)
chiedente, oggetto della richiesta, individuazione del
l’irrigazione di orti e giardini di proprietà condomi-
corpo idrico da cui si richiede il prelievo (superficiale,
niale a prevalente uso residenziale, b) l’irrigazione di
sotterraneo o sorgente), ubicazione del punto di prelie-
orti e giardini afferenti a più proprietari di immobili
vo (località, estremi catastali e coordinate geografiche
residenziali, c) l’irrigazione di orti, giardini, aree a UTM o Gauss-Boaga), richiesta di autorizzazione alla
verde pertinenti ad immobili in uso ad associazioni ricerca di acque sotterranee nel caso in cui l’opera di
onlus, enti e istituti senza scopo di lucro, ordini re- presa sia costituita da un pozzo, uso previsto della ri-
ligiosi ed enti ecclesiastici. L’acqua deve essere uti- sorsa; portata di prelievo, espressa in moduli o litri/
lizzata esclusivamente per i casi sopra elencati. Sono secondo, indicando, nel caso di portata variabile, il va-
esclusi dall’uso domestico: il riempimento di piscine, lore massimo e quello medio, volume annuo, espresso
il funzionamento di apparati di climatizzazione…”. in metri cubi, quando risulti coerente con la destina-
Appare dirimente nelle interpretazioni, peraltro zione d’uso. Alle domande relative ai prelievi da acque
condivise da altre province, il concetto di uso in at- sotterranee deve essere allegata la seguente documen-
tività a fine di lucro, ma risulta altresì vero che per tazione relativa al progetto di massima delle opere di
situazioni particolari i comportamenti sono poi dif- captazione principali ed accessorie: relazione tecnica
ferenti. generale, illustrante modo e finalità del prelievo e ope-
Dall’esame della giurisprudenza (parere legale re relative, quantitativo da derivare, referenze catasta-
richiesto in data 2/04) per quanto concerne l’inter- li e tutte le caratteristiche della derivazione (opere di
pretazione dell’art. 93 del R.D. 1775/1933, in sintesi captazione e relativa attrezzatura) e della eventuale
si può ricavare quanto segue: con il termine di “usi restituzione dell’acqua, studio idrogeologico generale
domestici” si identificano tutti quegli usi pertinenti sull’assetto litostratigrafico e sulle caratteristiche del-
alla soddisfazione dei fabbisogni della persona fisi- le falde, descrizione delle modalità di utilizzo previste
ca o del nucleo familiare, mentre sono da escludersi per le acque derivate, corografia generale con indicata
i fabbisogni relativi ad attività finalizzate alla produ- l’ubicazione delle opere, planimetria catastale con in-
zione di reddito. Nei fabbisogni relativi all’unità fa- torno significativo, indicante le aree coltivabili cui si
miliare possono e debbono ricadere anche l’esigenza destina l’eventuale uso irriguo.
di manutenzione e buona conduzione del patrimonio La Provincia verifica la completezza della do-
fondiario come unità colturale familiare, indipenden- manda e degli elaborati tecnici, comunicando al richie-
temente dalle dimensioni planimetriche dei terreni ir- dente il termine - non superiore a 40 giorni - per la
rigati, essendo il discrimine solo ed esclusivamente regolarizzazione e/o l’integrazione dei medesimi e tra-
riconducibile alla diretta produzione di reddito (ad es., smette la domanda di concessione corredata della rela-
irrigazione di coltivazioni i cui prodotti siano destina- tiva documentazione alla competente AdB per l’acqui-
ti alla vendita). È importante sottolineare che, poiché sizione del parere, ai fini del controllo sull’equilibrio
l’art. 93 identifica e discrimina solo gli usi, nel caso del bilancio idrico o idrologico (D.L.gs 152/06).
di persone giuridiche, dimostrabilmente riconducibili La Provincia richiede la pubblicazione della do-
a nucleo familiare, la mera appartenenza del richie- manda, mediante apposito avviso, nel Bollettino Uffi-
dente alla categoria delle persone giuridiche non può ciale della Regione Toscana e dispone con le stesse mo-
essere considerato motivo automatico di esclusione dalità la pubblicazione agli albi pretori della Provincia
dai benefici dell’art. 3. È fatto salvo, sempre e co- e del Comune o dei Comuni interessati. Nel caso sia
munque, il diritto dovere della Pubblica Amministra- previsto il sopralluogo di cui all’art. 12, nell’ordinanza
zione di verificare che gli emungimenti non sottoposti di pubblicazione ne verrà fissata l’ora e il giorno.
a concessione risultino effettivamente destinati ad uso Il responsabile del procedimento individua, in
domestico e che essi (insieme agli usi concessionari) rapporto alla tipologia, alle caratteristiche ed all’ubi-
non compromettano l’equilibrio del bilancio idrico di cazione della derivazione, i pareri da richiedere per
cui all’art. 3 della 36/1994. la definizione dell’istruttoria ed il rilascio o il diniego
34
Linee guida di idrogeologia: approccio ai progetti

della concessione, fra i quali hanno carattere di obbli- contrario possono portare a conclusioni pesantemente
gatorietà quelli emessi dall’ AdB ai sensi dell’art. 8 errate.
e dall’Amministrazione Provinciale, in relazione alle
competenze sulla sicurezza idraulica e in ordine alla c) Valutazione preliminare delle risorse.
verifica di compatibilità con le previsioni dei Piani La valutazione delle risorse disponibili, anche
settoriali e di tutela predisposi dalla Amministrazio- a carattere preliminare, è di fondamentale importan-
ne medesima. Qualora ne ricorrano i presupposti sono za, in quanto può fornire indicazioni alla committenza
obbligatoriamente richiesti anche i pareri di altri enti sull’opportunità di proseguire le indagini e di investi-
quali: enti parco, consorzi di bonifica, Autorità di Am- re risorse nel progetto. Questo sia per quanto riguarda
bito etc. Se il responsabile del procedimento lo ritiene opere di modesta entità (ed impatto) come piccoli poz-
necessario, potranno essere effettuati sopralluoghi per zi ad uso domestico, sia per quanto riguarda pozzi ad
una corretta valutazione delle derivazioni. La conces- uso irriguo ed industriale.
sione viene rilasciata con determinazione dirigenziale d) Esame normativa/regime vincolistico esistente.
in coerenza con il PTC provinciale ed il Piano di Tutela Lo studio idrogeologico non può prescindere da
Regionale. Viene stipulato un disciplinare di conces- quanto richiesto dalle normative vigenti e dalle pro-
sione che prevede le condizioni e le clausole che rego- cedure previste a livello comunale, provinciale e re-
lano il rapporto giuridico tra Amministrazione conce- gionale. Infatti, oltre alla parte più strettamente tecnica
dente e concessionario. dell’incarico esiste una parte amministrativo-legislati-
va la cui ottemperanza non è da trascurare. In alcuni
10.4. Indagini ed attività di supporto alle per- casi l’esistenza di vincoli a normative particolari può
condizionare in modo determinante lo sviluppo dello
forazioni
studio. Di particolare importanza risulta la valutazione
della presenza di vincoli costituiti da aree di rispetto
10.4.1. Indagine a carattere preliminare di pozzi ad uso idropotabile. L’ente primario cui fare
riferimento per le autorizzazioni è la Provincia.
a) Rilevamento idrogeologico.
L’ente primario cui fare riferimento per le autorizza-
b) Raccolta dati di base: stratigrafie da prospezioni geo- zioni è la Provincia.
meccaniche, stratigrafie da pozzi, dati geochimici, Quanto sopra permette di elaborare la relazione idro-
dati geofisici. geologica preliminare, che dovrà almeno contenere:
I rilievi di tipo geologico-idrogeologico assu-
⇒ Elementi su cui si basa la previsione di reperimento
mono carattere ed importanza diversa in relazione al
della risorsa.
contesto e al tipo e funzione dell’opera in oggetto. In
una situazione di pianura, ad esempio, potrà essere L’insieme dei dati ottenuti deve illustrare in modo
privilegiato l’aspetto di raccolta dati esistenti, integra- esauriente e sintetico la situazione idrogeologica loca-
to con indagini in situ dirette o indirette, in relazione le, con il grado di approfondimento richiesto dall’enti-
anche all’accessibilità e alla logistica dei luoghi. In tà del progetto, definendo quali sono le premesse su cui
una situazione collinare-montuosa va ad assumere una si basa il progetto di captazione acquifera.
maggiore importanza la ricostruzione geologico-strut- ⇒ Cartografia generale, cartografia idrogeologica ed
turale, da effettuare con ricerche bibliografiche, rilievi altre eventuali carte tematiche esplicative.
di dettaglio e a grande scala e con ricostruzioni da foto La cartografia allegata alla relazione deve mettere in
aerea. Inoltre si rivela fondamentale, in questo caso, condizione la committenza e gli uffici competenti di
l’esame di sorgenti esistenti, con prelievo di campioni identificare l’area di intervento in modo esauriente, e di
per analisi chimiche e, quando utile per la ricostruzio- chiarire gli aspetti geologico-morfologici ed idrogeo­
ne del circuito idrogeologico, isotopiche. Dati di inte- logici. Al minimo è da prevedere una corografia, una
resse, a seconda dell’assetto locale, possono ottenersi cartografia di inquadramento geologico, un’identifica-
mediante indagini geosismiche (sismica a rifrazione, zione catastale e, man mano che aumenta la complessi-
sismica a riflessione), geoelettriche (SEV, tomografie) tà del problema, una serie di cartografie specifiche che
e magnetiche. In funzione dell’importanza dell’opera, individuino l’ubicazione di pozzi, sorgenti o sondaggi
può accadere che i dati indiretti di questo tipo siano gli di riferimento, o delle indagini dirette o indirette ese-
unici su cui basarsi per valutare la risorsa. guite per l’occasione.
I dati raccolti da pozzi o sondaggi esistenti pos-
sono riguardare stratigrafia, chimismo, livelli di falda e ⇒ Parametri presumibili, in via preliminare, dell’ac-
parametri idrodinamici da prove di pompaggio. È fon- quifero da porre in produzione (idraulico-idrogeo-
damentale che tali dati siano attendibili, perché in caso logici, geochimici).
35
Ordine dei Geologi della Toscana

Spesso le previsioni di reperimento risorsa si basano fase preliminare è possibile avere un primo quadro
anche, se non solo, su dati esistenti della stessa area o che possa quantificare la sostenibilità possibile per
di aree idrogeologicamente limitrofe. In questo caso si l’opera;
raccolgono e si citano i parametri noti per l’acquifero 5. valutazione dell’effetto dell’emungimento dal pun-
in oggetto. È fondamentale pesare l’attendibilità di tali to di vista geotecnico (possibili fenomeni di subsi-
dati ai fini di un corretto progetto dell’opera di capta- denza dovuti all’abbassamento del livello di falda
zione. È evidente che valori attendibili (livelli statici e con conseguente consolidazione o dovuti alla sot-
dinamici, trasmissività, coeff. di immagazzinamento, trazione di materiale fine);
parametri chimico-fisici e microbiologici) possono ot- Si tratta di valutazioni da effettuare sempre e in
tenersi solo una volta completata l’opera ed eseguite particolare in caso di acquiferi freatici o semicon-
le prove ed analisi del caso. finati; quest’ultimo caso è il più delicato perché
possono non esserci risultati da prove a breve -
⇒ Progetto preliminare dell’opera di captazione medio periodo. In casi specifici può essere d’aiuto
Il progetto del pozzo deve rispecchiare il quadro idro- effettuare prove di laboratorio su campioni (proce-
geologico e logistico in cui l’opera si inserisce. Pur dimento costoso se deve essere significativo). Allo
trattandosi di uno schema preliminare, in quanto la stesso tempo è bene valutare quale sia il reale effet-
perforazione di un pozzo è un “work in progress”, che to del pozzo rispetto alle oscillazioni stagionali;
può subire alcune variazioni progettuali man mano 6. Valutazione delle possibili interazioni dell’opera
che procede la perforazione, esso condiziona in modo con il cuneo salino per le opere in prossimità della
determinante il prosieguo delle operazioni. Infatti: costa. È necessario valutare bene il modello idro-
il tipo di perforazione ed il diametro condizionano la geologico per vedere quali sono le reali possibilità
profondità raggiungibile ed i diametri della tubazione di contatto fra l’acquifero e il mare. In caso si possa
definitiva; quindi, in ultima analisi, anche la elettro- disporre di analisi di pozzi nel medesimo acquifero
pompa e la tubazione di alimentazione; occorre valutare più parametri e i rapporti ionici,
il progetto deve essere compatibile, tecnicamente ed senza limitarsi a uno o due per quanto ritenuti si-
economicamente, con le condizioni al contorno: in gnificativi (es. conducibilità e cloruri) perché può
questo senso la metodologia indicata deve essere la essere fuorviante ed essere influenzato da condi-
più adeguata all’importanza della ricerca, alla logi- zioni specifiche (es. contatto e miscelazione con
stica e al quadro idrogeologico desunto. Il completa- acque termominerali, acque depositate insieme ai
mento del pozzo deve essere coerente con le finalità sedimenti in tempi recenti, acque che circolano in
di utilizzo dello stesso e con le esigenze di utilizzo e formazioni particolari come alcuni livelli del Mes-
protezione. siniano).
⇒ Valutazione degli effetti ambientali prodotti dalla
perforazione. 10.4.2. Sopralluoghi con le autorità competenti
La redazione di un progetto anche preliminare e la ditta costruttrice
dell’opera di presa deve tener presente le ricadute am- a) Definizione dell’ubicazione precisa della/e
bientali, nel senso di: perforazione/i. Un sopralluogo è necessario per verifi-
1. opere che si rendono necessarie per accedere ai care, congiuntamente alle autorità competenti, il pun-
luoghi di perforazione; to preciso dell’esecuzione della perforazione.
2. accorgimenti progettuali necessari ad evitare con- b) Definizione di alcuni parametri di progetto. Il
taminazioni e mescolamenti tra livelli acquiferi di- confronto con le autorità competenti e con l’impresa
versi; perforatrice può portare a una maggiore definizione di
3. accorgimenti progettuali necessari ad evitare con- alcune caratteristiche del pozzo (profondità prevista,
taminazione delle acque superficiali da parte dei diametri di perforazione, tipo di tubazione definitiva,
fluidi di perforazione di risulta con particolare ri- tipo di completamento della bocca-pozzo), nell’ottica
guardo alla utilizzazione di additivi schiumogeni di una migliore riuscita del progetto o del minore im-
4. impatto dell’opera nei confronti dell’acquifero po- patto ambientale.
sto in produzione, in relazione agli emungimenti c) Eventuali problematiche logistiche non affron-
previsti e alle condizioni di ricarica. tate (o non affrontabili) in fase preliminare. Durante
Quest’ultimo punto, di solito, può essere affron- il sopralluogo possono emergere problematiche do-
tato in modo approfondito, mediante un bilancio vute, ad esempio, all’accessibilità o al piazzamento
idrogeologico attendibile, solo nel caso di area della complessa attrezzatura di perforazione, che
idrogeologicamente ben nota (e in caso di progetti dovranno essere risolte prima di procedere all’inizio
di ricerca importanti e di ampio respiro). Ma già in dei lavori.
36
Linee guida di idrogeologia: approccio ai progetti

10.4.3. Perforazione completamento del pozzo pioni andranno presi con cadenza regolare (con spa-
ziature ragionevoli) in caso di formazioni omogenee
a) Assistenza in cantiere e direzione lavori di carat-
e ogni qual volta si incontrino variazioni litologiche o
tere idrogeologico. L’assistenza geologica in cantiere
irregolarità di perforazione segnalate dalla batteria di
non deve sostituirsi al lavoro e alle decisioni del capo
perforazione o dalla strumentazione dell’impianto.
sonda, bensì lo deve affiancare per quanto possibile
per risolvere problemi e situazioni specifiche legati c) Valutazione caratteristiche degli acquiferi inter-
alla litologia attraversata, con l’obiettivo comune di cettati durante la perforazione (anche questo dipende
realizzare un’opera valida e compatibile con l’acquife- dalle metodologie stesse di perforazione). Le caratte-
ro e con le richieste della Committenza. Scelto quindi ristiche degli acquiferi attraversati potranno essere in-
in fase progettuale il dimensionamento di aste e scal- dividuate in maniera diretta con le prove di strato in
pelli, la prima assistenza che il geologo può fornire in avanzamento (molto delicate ed onerose da destinare
cantiere è quella sul monitoraggio dei fluidi di perfo- solo ad opere di un certo impegno e quando le circo-
razione (con l’ovvia eccezione della percussione), in stanze lo richiedano) oppure in maniera indiretta attra-
modo che questi siano equilibrati rispetto alle forma- verso l’osservazione della diluizione del fango e/o le
zioni attraversate. Per esempio, nella perforazione con perdite di circolazione oppure, per la perforazione ad
fanghi bentonitici, un fango troppo pesante e troppo aria, attraverso la valutazione dell’acqua che arriva in
carico di detriti può intasare irreversibilmente una for- superficie. Utili informazioni possono essere desunte
mazione porosa, così come un fango troppo leggero, o anche dai tempi di avanzamento a parità di sforzo della
l’”acqua chiara”, possono provocare il rigonfiamento rotary o della testina rotante, e dei colpi della pompa
di formazioni argillose o il crollo di livelli poco ce- così come dallo sforzo di rotazione Da tenere in conto
mentati. Anche nella perforazione ad aria (per citare i anche la possibilità di eseguire delle prove granulome-
due metodi più diffusi) possono presentarsi problemi triche in cantiere quando le circostanze lo consentano.
legati all’interazione con le formazioni, come la perdi-
d) Conclusione perforazione. La conclusione della
ta di circolazione in litologie molto fratturate. Diviene
perforazione avverrà quando dai dati raccolti nelle fasi
quindi indispensabile una buona conoscenza dei livelli
precedenti si ricaverà che è stato (o non è stato) rag-
da attraversare sia in fase di studio, che in fase esecu-
giunto l’obiettivo di progetto. In caso di mancato rag-
tiva attraverso l’analisi dei detriti di perforazione per giungimento dell’obiettivo, sarà opportuno valutare at-
poter segnalare in tempo al capo sonda eventuali varia- tentamente la possibilità di approfondire ulteriormente
zioni e problematiche connesse. Diretta conseguenza la perforazione, ricordando che è molto meno oneroso
di questo lavoro sarà l’individuazione di livelli perme- (ovviamente se ci sono i presupposti geologici ed idro-
abili ed impermeabili dove eventualmente mettere in geologici) approfondire il perforo che far spostare il
opera tamponi isolanti per impedire il miscelamento cantiere. Da tenere in considerazione anche lo smalti-
delle falde e mantenere le naturali separazioni idrauli- mento dei fanghi di perforazione e dei detriti, le cui voci
che, oppure dove e come eseguire cementazioni. La di- dovrebbero essere sempre inserite nei capitolati. In base
rezione lavori di carattere idrogeologico diviene quindi ai risultati, si procederà al successivo punto e).
assolutamente indispensabile per la buona riuscita del-
la perforazione, la corretta captazione dell’acquifero e e) Definizione degli elementi progettuali che con-
la salvaguardia della risorsa idrica, sia quella obiettivo corrono al completamento del pozzo.
della ricerca, sia quella attraversata e non captata. ⇒ tipo e diametro tubazione definitiva (anche se
di solito non si ha una grande possibilità di scelta in
b) Redazione stratigrafia nel modo più dettagliato questa fase, e spesso è già stabilito in partenza, dato
possibile, in relazione anche alle modalità di perfora- che il tutto resta condizionato dal diametro di perfo-
zione (es. percussione, rotazione con circolazione di razione, dalla profondità e dalla tecnica adottata)
fanghi, rotazione con circolazione inversa, roto-percus- ⇒ tipo di filtri e loro posizione: essenziale in que-
sione). La colonna stratigrafica dei terreni attraversati sto caso la determinazione in fase di perforazione
sarà ricostruita con l’analisi dei detriti di perforazione della presenza di materiale sottile nell’acquifero,
che potranno andare, a seconda dei metodi impiegati, in questo caso una luce troppo ampia costringe a
da una ghiaia grossolana ad una sabbia. Nel caso di lunghe operazioni di spurgo e in caso di limo alla
perforazione con circolazione di fluidi bentonitici si sigillatura del tratto filtrante o all’abbandono del
dovrà porre molta attenzione nel recuperare e nel valu- pozzo. Tenere presente che spesso un filtraggio ina-
tare anche la frazione granulare fine (prendendo cam- deguato, insufficiente o errato può portare a perdite
pioni in modo opportuno anche alla bocca del pozzo di carico eccessive e tali da rendere antieconomico
e non solo al vibrovaglio), in modo da poterne tenere l’uso dell’opera eseguita, fino a dichiarare abortivo
conto nel dimensionamento della luce dei filtri. I cam- un pozzo produttivo.
37
Ordine dei Geologi della Toscana

⇒ tipo di drenaggio: anche in questo caso è determi- tratti di tubazione troppo lunghi fuori dal terreno
nante l’osservazione in perforazione e, quando pos- con le conseguenti complicazioni logistiche (ad es.,
sibile, la granulometria dell’acquifero attraversato, per la manutenzione o sostituzione di pompe all’in-
in quanto il dreno deve avere rapporti dimensionali terno di casotti). Inoltre deve essere tassativo che
ben determinati rispetto alla granulometria dell’ac- la bocca del pozzo deve essere chiusa per impedire
quifero. In caso di pozzi in roccia sarebbe opportu- qualsiasi tipo di intrusione dalla superficie.
no utilizzare filtri appositamente costruiti (a ponte,
f) Completamento del pozzo in base a quanto defi-
microfresati, a spirale ecc.) piuttosto che realizzati
nito al punto precedente:
in opera con fiamma ossidrica o altro, per poter ave-
⇒ tubaggio – posizionamento filtri: disporre i fil-
re migliori condizioni idrodinamiche e garanzie di
tri in corrispondenza degli acquiferi (cosa ovvia in
tenuta e durata. Caso particolare può essere rappre-
teoria, un po’ meno in pratica), tenendo conto che
sentato dai pozzi a sterro di grande diametro, dove
le barre delle tubazioni sono standard; evitare per
la posa del drenaggio può essere prevista solo se
quanto possibile di far eseguire troppi tagli nelle
la realizzazione del perforo e la successiva posa in
tubazioni in ferro, mentre per le tubazioni in PVC
opera del rivestimento avvengono in fasi separate e
filettate questa operazione è alquanto difficoltosa.
non per trascinamento.
⇒ realizzazione dreno – eventuali tamponi iso-
⇒ tamponi isolanti: il numero e l’estensione dipende-
lanti: il dreno va messo in opera in maniera unifor-
ranno dalle osservazioni fatte sui livelli attraversati
me, controllandone il livello nell’intercapedine con
durante la perforazione. Evitare l’utilizzo di argil-
un testimone per essere sicuri che non ci siano pon-
la naturale o di risulta (a grossi pezzi) in caso di ti; analoghe operazioni vanno eseguite per i tam-
tamponi profondi o di intercapedine stretta per non poni; ai fini di un’efficace separazione dei sistemi
incorrere nell’effetto ponte, preferendo i pellets tipo acquiferi e per la preservazione delle condizioni di
Compactonit. protezione naturale è utile prevedere, in presenza di
⇒ cementazione superficiale (modalità e strato inte- spessori significativi, metrici, di strati acquicludi di
ressato) da realizzare comunque anche in caso di separazione degli strati acquiferi, la realizzazione di
livelli superficiali permeabili, per non provocare un tampone impermeabile, corrispondente, nell’in-
una zona di infiltrazione preferenziale nell’inter- tercapedine tra perforo e rivestimento. In presenza
capedine fra perforo e rivestimento. Utilizzare ce- di episodi di inquinamento o per esigenze partico-
menti appositi o additivi che ne limitino il ritiro lari di studio e verifica della produttività, gli strati
per evitare la fessurazione che di fatto renderebbe acquiferi, ancorché captati contemporaneamente
l’operazione inefficace. Anche per i pozzi a sterro dal pozzo, possono essere separati tramite chiusura
di grande diametro può essere prevista una cemen- interna dei tratti filtranti del pozzo.
tazione superficiale realizzando uno scavo in su- ⇒ Sviluppo - spurgo - assestamento del dreno -
perficie intorno al rivestimento per una profondità prime valutazioni grossolane della portata dell’ac-
adeguata e colmandolo con boiacca di cemento; in quifero posto in produzione: lo spurgo del pozzo
questo caso sarà opportuno prevedere la posa sul deve esser effettuato mediante air lift in circolazio-
fondo dello scavo di materiale adeguato (es. sabbia) ne sia inversa che diretta, per tutto il tempo neces-
che impedisca la percolazione del cemento nell’in- sario perché l’acqua sia chiara e priva di materiale
tercapedine fra rivestimento e perforo. in sospensione (ricordando che nella modalità “di-
⇒ completamento boccapozzo: la boccapozzo do- retta” questo non si raggiunge sempre per la forte
vrebbe essere sempre munita di testa stagna, altri- energia di sollecitazione dell’acquifero); durante
menti le operazioni precedenti di cementazione e queste operazioni il dreno può subire degli assesta-
tamponamento servono a ben poco. La testa stagna, menti per compattazione e/o per riequilibrio delle
disponibile anche per pozzi in PVC, deve essere pareti del perforo; in questo caso se l’assestamento
provvista di flangia, controflangia, guarnizione, è consistente si può giungere a strappare i tamponi
alloggiamento filettato per tubazione di eduzione, eventualmente messi in opera prima di queste ope-
foro filettato per passaggio cavi elettrici con pres- razioni. Durante le operazioni di spurgo si può ave-
sacavo in gomma per l’impermeabilizzazione, foro re un’idea grossolana sulla produttività del pozzo,
filettato con tappo per il passaggio della sonda di osservando la portata in una canaletta e dividendola
livello. Questo provvedimento è senz’altro più si- per 2 o 3 secondo le modalità di spurgo.
curo rispetto a mantenere la boccapozzo più alta dal ⇒ realizzazione cementazione tratto iniziale: la
piano di campagna, in quanto talvolta è difficile sta- cementazione del tratto iniziale potrà essere realiz-
bilire una corretta altezza della tubazione rispetto zata versando semplicemente boiacca di cemento
al piano di campagna e si corre il rischio di avere ed additivi nell’intercapedine qualora il tratto sia di
38
Linee guida di idrogeologia: approccio ai progetti

pochi metri e sopra falda, altrimenti si dovrà im- 2) Stratigrafia terreno attraversato - schema definitivo
piegare una cementatrice con pompa ed iniettare la dell’opera di captazione.
boiacca partendo dal basso fino ad arrivare a giorno Ricostruzione stratigrafica dei livelli tramite l’analisi
o al livello stabilito. Per le cementazioni profonde dei detriti di perforazione, analisi dei dati di perfora-
diviene assolutamente indispensabile ricorrere ad zione e del comportamento della sonda; per pozzi pro-
apposite specifiche attrezzature (cementatrici, si- fondi valutazione del ritardo dell’arrivo in superficie
stemi con tappo e valvola di fondo, sistema a due dei detriti.
tappi, etc.) Redazione di uno schema dei livelli attraversati con a
fianco lo schema del pozzo per una visione d’insieme
g) Prove di emungimento con pompa sommersa dell’opera in rapporto ai terreni attraversati.
(non definitiva).
3) Sintesi dati prove di emungimento e dati derivati.
h) Valutazioni idrochimiche: prelievo campioni In questa sezione si riporteranno i dati misurati, le
di acqua per le analisi. Il prelievo di campioni potrà modalità di misura, le problematiche, la tempistica; si
avvenire semplicemente dalla tubazione di eduzio- specificheranno poi le basi teoriche adottate e le fina-
ne, avendo cura di far scorrere l’acqua per un tempo lità delle stesse, specificando se possibile, le approssi-
sufficiente a mettere in produzione la falda superando mazioni in funzione della finalità dell’opera; si ripor-
l’effetto serbatoio del pozzo. In alcuni casi può essere teranno infine i diagrammi di sintesi derivati dai dati
necessario ricorrere a campionatori profondi qualora si raccolti e dalle loro elaborazioni.
vogliano avere informazioni su gas che posso passare
in assoluzione. 4) Sintesi analisi chimico-fisiche e batteriologiche e
dati derivati.
i) Valutazioni idrogeologiche. In base ai risultati Questa sezione, se possibile, non dovrà limitarsi a ri-
delle prove di portata, devono essere definiti trasmis- portare solo le tabelle dei dati analitici, ma dovrà espli-
sività, permeabilità, immagazzinamento-esaurimento citare le ragioni e la finalità dei parametri scelti e darne,
(in funzione anche di possibili altri punti attendibili di per quanto possibile, un’interpretazione idrogeologica
monitoraggio della piezometrica riferita all’acquifero ed idrogeochimica.
posto in produzione).
5) Valutazioni portate di esercizio previste in relazione
l) Valutazioni (eventuali) di carattere geologico- ai parametri dedotti per l’acquifero e alle caratteristi-
paleogeografico. Nel caso di perforazioni che rivesta- che dell’opera realizzata.
no particolare interesse scientifico, è auspicabile (ove Sulla base dei dati raccolti ed elaborati si dovrà stabi-
possibile) l’utilizzazione dei dati raccolti dal punto di lire la portata di esercizio dell’opera di captazione in
vista geologico e paleogeografico, mediante un esame funzione dei parametri dell’acquifero e delle finalità
dei cuttings finalizzato anche al reperimento di dati se- e modalità di utilizzo del pozzo. In sostanza, non sarà
dimentologici e paleontologici; parimenti, risultereb- possibile far pompare un pozzo alla massima portata
be utile la conservazione dei campioni per successiva della falda per tempi lunghi o molto lunghi o addirit-
consultazioni ed esami. tura in continuo, in quanto si arriverebbe con facilità
a fenomeni di sovrasfuttamento, con danni qualitativi
10.4.4. Relazione finale (anche per richiesta con- e quantitativi molto probabili all’acquifero. In questo
cessione) caso si analizzeranno soluzioni tipo l’accumulo con
La relazione finale dovrà contenere: pompaggio intermittente o la realizzazione di altre ope-
re di captazione. Allo stesso modo si potranno utiliz-
1) Descrizione lavori zare portate alte, in regime di non equilibrio, per pozzi
Tipo di perforazione adottata: sistema di circola- che funzionano ad intermittenza o per brevi periodi (in
zione dei fluidi (o tipologia della sonda per la percussio- questo caso diviene fondamentale l’analisi della curva
ne), scalpelli e diametri, tipo di fluido utilizzato, vasche, di risalita). In questi casi è tassativo impedire che il li-
vibrovaglio, controlli effettuati sui fluidi, parametri dei vello dinamico arrivi a scoprire l’acquifero, per evitare
fluidi tubazione: materiali, spessori, lunghezza, tipo di fenomeni di consolidamento con conseguente irrepara-
giunzioni; filtri: tipologia, luci, materiali, tipo di giun- bile danneggiamento dell’opera.
zioni con la tubazione; dreno: materiali, granulome- La gestione dei residui di perforazione può risultare
tria, modalità e profondità di messa in opera, modalità problematica se sottovalutata. In linea generale i re-
di controllo delle quote; tamponi: materiali, modalità e sidui solidi possono essere considerati inerti se non
profondità di messa in opera, modalità di controllo delle contaminati da additivi particolari, mentre i fluidi di
quote; cementazione: materiali, densità, additivi, moda- perforazione (denominati “fanghi”) possono essere
lità di cementazione, modalità di controllo delle quote. considerati rifiuto speciale, anche se costituiti da sola
39
Ordine dei Geologi della Toscana

bentonite, in quanto fluidi e non impalabili e pertanto co perché i tempi di decantazione sono molto lunghi e
devono essere avviati a discarica autorizzata con co- occorrerebbero volumi di stoccaggio giganteschi Dal
sto aggiuntivo che deve essere previsto nel capitolato momento che non si possono scaricare acque torbide
perché può assumere un valore rilevante come onere a nell’idrografia superficiale si può vedere se è possibile
seconda dei volumi e quindi della profondità. allungare il percorso delle acque emunte, oppure sca-
ricare su suolo se le condizioni lo consentono e previa
10.4.5. Determinazione dei parametri idraulici autorizzazione. Si tenga conto che questa problema-
(prove di emungimento) tica si può presentare anche nel caso di perforazione
ad aria, dove i reflui della perforazione in caso di ac-
1. Prova preliminare per una valutazione del range di quiferi importanti, possono raramente essere stoccati e
portata sia dell’opera, che effettiva della pompa, in in aggiunta si ha anche il trascinamento dei residui di
modo da poterle regolare alle portate desiderate nel perforazione.
caso che non si disponga di un misuratore istanta- Per i pozzi di grande diametro ci si dovrà accertare che
neo della portata emunta. il pompaggio non si limiti a vuotare l’acqua accumu-
2. Prova a gradini per la costruzione della curva carat- lata; si dovranno poi usare metodi adeguati alla bassa
teristica del pozzo; modulare la portata in modo da produttività e porre molta attenzione al processo di ri-
eseguire non meno di quattro gradini, in modo che salita.
se per qualsiasi ragione un gradino non è utilizzabi-
le, la prova non salta.
10.4.6. Chiusura pozzi
3. Prova di lunga durata per definire i parametri idrodi-
namici dell’acquifero; per una valutazione ottimale Quando si deve abbandonare vecchi pozzi improdutti-
sarebbe necessario controllare l’andamento natura- vi o abbandonati si deve cercare di ripristinare le con-
le del livello di falda (pozzo e piezometri) da alcuni dizioni preesistenti alla realizzazione dell’opera: non
giorni prima ad alcuni giorni dopo la realizzazione si deve dimenticare che è dalla corretta progettazione
della prova per avere valori corretti. Occorre valu- ed esecuzione della chiusura di un pozzo, obbligatoria-
tare, nell’analisi dei livelli, tutte le possibili cause mente fondata su una conoscenza dettagliata dell’opera
di variazione degli stessi dovuti a cause esterne, in e del contesto geologico ed idrogeologico ed antropico
modo da poterne tenere conto. locale dell’area in cui essa è inserita, che dipende la
4. Prova di risalita; protrarre la prova fino ad un re- tutela della risorsa sia nell’immediato che nei secoli a
cupero sostanziale del livello, tenendo conto che venire.
nell’ultimo tratto potrebbero influire in maniera È dunque necessario allegare alla domanda di
significativa anche oscillazioni naturali; controlla- chiusura di un pozzo, un adeguato progetto delle ope-
re che la pompa abbia la valvola di fondo, oppure razioni tecniche da realizzare.
eliminare le misure dei primi minuti. Specifiche tecniche relative alla chiusura di poz-
Per tutte e tre le prove in pompaggio si deve tenere in zi sono trattate in Chiesa G., “Specifiche tecniche per
debito conto dove recapitare l’acqua pompata, che può la chiusura di pozzi abbandonati”, Acque Sotterranee,
comportare lo smaltimento di volumi notevoli, in spe- Fasc. 4, dicembre 2001.
cial modo per la prova di lunga durata. Occorre quindi
non sottovalutare i volumi della portata istantanea ed
i volumi totali; è assolutamente necessario valutare i 10.5. Sorgenti
percorsi dell’acqua emunta, eventuali assorbimenti e Il funzionamento di un acquifero avviene secondo le
interazione con dissesti lungo il tragitto o nelle imme- principali fasi di alimentazione, deflusso e discarica.
diate vicinanze. Sarà poi necessaria una valutazione La sorgente (spring) rappresenta una via attraverso
delle canalizzazioni dei recettori in particolare del reti- cui avviene la fase di discarica della falda acquife-
colo minore e delle possibili influenze su un evento di ra. La sorgente può essere definita perciò come un
piena (in special modo per le prove di lunga durata). punto della superficie terrestre ove viene alla luce, in
Altra problematica relativa alle acque emunte è la pre- modo del tutto naturale, una portata apprezzabile di
senza di torbidità, specialmente nelle prime fasi; in acqua sotterranea. Una sorgente costituisce in genere
primo luogo se c’è trascinamento di materiale il poz- una fonte di approvviggionamento idrico che si può
zo è errato oppure i filtri sono danneggiati; in questo utilizzare per le diverse esigenze delle attività uma-
caso, espressamente previsto dal punto L del D.M. ne, senza che si alteri il delicato equilibrio idrologico
11/03/1988, la prova deve essere sospesa ed il pozzo della falda acquifera che la alimenta e questo perché
verificato e ripristinato. Se la torbidità è leggera per si tratta di acque che vengono a giorno naturalmente,
sospensione di fini e/o c’è opalescenza con i tempi cioè che non sono estratte artificialmente dal suolo.
della prova di portata può non esserci rimedio prati- Le sorgenti agiscono come scolmatori o sbocchi dai
40
Linee guida di idrogeologia: approccio ai progetti

quali fuoriesce l’acqua che si era precedentemente


infiltrata nel sottosuolo. L’esistenza di una sorgente e
il suo regime di funzionamento sono determinati dal-
le condizioni geologiche e morfologiche dell’acqui-
fero e delle formazioni geologiche che costituiscono
l’acquifero e lo delimitano spazialmente. L’accurata
conoscenza di tali condizioni è indispensabile per la
valutazione circa le possibilità di captazione delle
acque della sorgente, della realizzazione delle opere
atte a consentire tale captazione, per la gestione di
tali acque e per la protezione da fenomeni di inquina-
mento e deterioramento della risorsa idrica.

10.5.1. Caratterizzazione delle sorgenti


Le sorgenti possono essere classificate secondo:

1. La portata (Meinzer, 1923):

PORTATA MEDIA
GRUPPO
PLURIENNALE
Primo > 2800 (l/s)
Secondo Tra 280 e 2800 (l/s)
Terzo Tra 28 e 280 (l/s)
Quarto Tra 6,3 e 28 (l/s)
Quinto Tra 40 e 400 (l/m)
Sesto Tra 4 e 40 (l/m)
Settimo Tra 0,5 e 4 (l/m)
Schematizzazione idrogeologica delle sorgenti, secondo Civita (1972).
Ottavo < 0,5 (l/m)
P = piezometrica; LP = limite di permeabilità; SP = soglia di permeabilità.

2. Indice di variabilità R:
R(%) = [(Qmax – Qmin)/Qmed] × 100
Qmax: portata massima misurata nell’anno idrologi- Regime idrologico e curve di esaurimento
co; Il regime idrologico di una sorgente è un indicato-
Qmin: portata minima misurata nell’anno idrologi- re della capacità di laminazione di un acquifero. Il
co; regime idrologico di una sorgente è definito dalla
Qmed: portata media misurata nell’anno idrologico. distribuzione temporale della portata da essa erogata
in funzione della distribuzione temporale delle pre-
R < 25%: sorgente costante cipitazioni che si infiltrano nel bacino idrogeologico
25% < R < 100%: sorgente subvariabile che la alimenta. Con questi dati si può rappresentare
R > 100%: sorgente variabile graficamente la curva di efflusso, che è data dall’an-
damento delle portate nel corso dell’anno idrologico
3. Il regime: in relazione all’andamento delle precipitazioni.
Perenne: eroga acqua tutto l’anno; L’analisi della curva di efflusso (Castany,
Semiperenne: eroga acqua quasi tutto l’anno; 1968) permette la valutazione delle risorse dinami-
Temporaneo: che e delle riserve (regolatrici e permanenti) attra-
• Periodiche (funziona in ben definiti periodi verso l’individuazione dell’inizio e della fine del
dell’anno); periodo di esaurimento coincidenti con la portata
• Irregolari (funziona in periodi dell’anno non de- massima (portata di esaurimento Q0) e la portata mi-
finibili); nima (Qt) registrata dopo un tempo t, durante il qua-
• Effimere (funziona in brevissimi periodi). le la portata diminuisce progressivamente. La curva
di esaurimento è quella che rappresenta l’interpola-
4. Le caratteristiche di emergenza delle acque (Civita zione delle misure di portata durante il periodo di
1972): esaurimento.
41
Ordine dei Geologi della Toscana

I modelli matematici concettuali più utilizzati PISA. Sono soggette a concessione ad esclusione
che interpretano l’esaurimento di una sorgente sono: dell’uso domestico.
• Modello esponenziale di Maillet (1905) PRATO. Per “acque sotterranee” si intendono i corpi
Qt  =  Q0 e-αt idrici ubicati nel sottosuolo a livello sia ipodermico sia
profondo, comprese le manifestazioni sorgive concen-
• Modello iperbolico di Tison (1960) trate o diffuse, in quanto affioramenti della circolazio-
2
Qt  =  Q0/[1 + (α t)] ne idrica sotterranea. Sono soggette a concessione ad
• Modello iperbolico di Drogue (1972) esclusione dell’uso domestico.
Qt  =  Q0/[1 + (α t)]m AREZZO. Sono soggette a concessione ad esclusione
dove α  =  coefficiente di esaurimento e m  =  1/2, 3/2, dell’uso domestico.
2, 3, 5.
LUCCA. Sono soggette a concessione ad esclusione
Al fine della valutazione delle riserve perma- dell’uso domestico.
nenti è necessaria una conoscenza della geometria
dell’acquifero (volume) e del suo coefficiente di im- 10.5.3.  Metodologie di sfruttamento delle sorgenti
magazzinamento. I metodi di captazione delle acque sorgenti sono
molteplici e la scelta dell’uno o dell’altro dipende da
10.5.2. Procedimenti concessori ed autorizzativi numerosi fattori condizionanti che non sono soltanto
La regolamentazione delle sorgenti nelle varie provin- di carattere geologico, idrologico o idrogeologico,
ce toscane, ad esclusione di quella di Firenze, segue ma anche di carattere topografico e logistico. Ogni
opera di presa costituisce quindi un caso particolare,
l’iter previsto per i pozzi. Di seguito viene riportato
dal momento che le condizioni di ciascuna scaturi-
un estratto delle definizioni di sorgenti dei regolamenti
gine variano notevolmente anche per sorgenti relati-
provinciali (ove presente):
vamente vicine e geneticamente simili; esiste, però,
FIRENZE. Si definiscono “acque sorgive” le manife- un certo numero di regole generali che vanno sempre
stazioni sorgentizie, concentrate o diffuse, che costi- seguite in qualunque progetto di captazione e, d’altra
tuiscono affioramenti naturali della circolazione idrica parte, è possibile illustrare i tipi di opere più razio-
sotterranea; ai fini del procedimento di concessione di nali ed efficaci, indicando quale di esse sembra più
derivazione, sono equiparate alle acque superficiali. idonea in relazione ai tipi principali di sorgente.
In generale, l’opera di presa deve raggiungere
SIENA. Per “acque sotterranee” si intendono le mani- la sorgente geologica, intendendo con questo termine
festazioni della circolazione idrica terrestre ubicate nel il punto dove l’acqua scaturisce effettivamente dalla
sottosuolo a livello sia ipodermico sia profondo. Le ma- roccia acquifera in posto; esso è quasi sempre ma-
nifestazioni sorgentizie, concentrate o diffuse, si consi- scherato o ricoperto da materiali di tipo detritico at-
derano appartenenti a tale fattispecie in quanto affiora- traverso i quali l’acqua si disperde, venendo a giorno
menti della circolazione idrica sotterranea. Sono sogget- solo in parte più a valle (sorgente reale). L’opera,
te a concessione ad esclusione dell’uso domestico. inoltre, deve impegnare l’acquifero abbastanza in
profondità in maniera da prevenire ogni inquinamen-
GROSSETO. Sono soggette a concessione ad esclu- to; per lo stesso scopo, essa dovrà essere sempre cir-
sione dell’uso domestico. condata da una zona di protezione sufficientemente
vasta e sistemata in modo da impedire contamina-
LIVORNO. Per “acque sotterranee” si intendono le
zioni da parte delle acque selvagge o altra fonte di
manifestazioni della circolazione idrica terrestre ubica-
inquinamento. Nelle opere di scavo si sconsiglia, in
te nel sottosuolo a livello sia ipodermico sia profondo,
genere, l’uso di esplosivi che potrebbero danneggiare
comprese le manifestazioni sorgentizie concentrate o
irreparabilmente i condotti sorgivi, in particolare per
diffuse, in quanto affioramenti della circolazione idrica
quanto riguarda le sorgenti minerali o termo-minera-
sotterranea. Sono soggette a concessione ad esclusione
li. Anzi, in quest’ultimi casi è necessario non modi-
dell’uso domestico. ficare alcun equilibrio naturale ricorrendo preferibil-
PISTOIA. Sono soggette a concessione ad esclusione mente a dei semplici bottini di presa, specialmente se
dell’uso domestico. esistono più polle vicine a diversa mineralizzazione:
infatti, poiché le differenze fisico-chimiche tra polla
MASSA-CARRARA. Sono soggette a concessione ad e polla sono generalmente legate a diverse percentua-
esclusione dell’uso domestico. li di mescolamento tra acque a circuito parzialmente
42
Linee guida di idrogeologia: approccio ai progetti

o totalmente diverso, non è difficile modificarne in massicci carbonatici, le cui acque circolano su limiti di
modo irreversibile le caratteristiche. permeabilità indefiniti), la realizzazione di un bottino di
La captazione viene sempre racchiusa da un presa può rappresentare una delle poche soluzioni che
manufatto costruito con materiali stagni, che contie- consente di non modificarli.
ne la vasca di carico, dalla quale partono le opere di
b) Drenaggi
derivazione; tale vasca è spesso preceduta da una va-
Altro sistema di presa diretta molto usato è quello
sca di calma e di sedimentazione, nella quale l’acqua
dei drenaggi, che consentono una captazione totale delle
arriva direttamente dalle scaturigini e vi abbandona
acque nel caso di scaturigini multiple ravvicinate; essi
le eventuali sospensioni solide che trascina. Tra le
sono costituiti da uno scavo nel cui fondo si costruisce
opere di presa in uso, si possono distinguere quelle
una canaletta appoggiata a monte, in corrispondenza
dirette, che captano la sorgente geologica senza mo-
delle scaturigini, sulla quale si raccoglie l’acqua che ol-
dificarla, limitandosi a mettere a giorno le diverse
trepassa le feritoie di una muratura a pietrame.
polle; e quelle indirette (o in falda), che, prescinden-
do in tutto o in parte dalla posizione dell’emergenza, Captazioni indirette
vanno a interessare la falda idrica che la alimenta.
Le opere dirette si usano, in genere, per sorgenti ben Opere orizzontali
individuate e di piccola e media entità, o quando le Le gallerie drenanti (es. Galleria Nuova a Santa Fiora
condizioni topografiche, idrogeologiche o precisi sul Monte Amiata) sono scavi in sotterraneo di forma
vincoli di quota impediscono un intervento diretto allungata che impegnano in tutto o in parte la zona di
sulla falda che provochi il suo abbassamento. In tut- saturazione di un acquifero alimentante una sorgente;
ti i rimanenti casi, e specialmente quando si intende queste opere vengono infatti generalmente impostate e
migliorare la portata o regolarizzarla, si fa uso dei realizzate a quota più bassa di qualche metro rispetto al
metodi indiretti di captazione. punto di emergenza idrica. Il loro sviluppo planimetrico,
la lunghezza, la sezione e la pendenza sono tali da per-
Captazioni dirette mettere di raccogliere e di portare a giorno per gravità
una determinata quantità d’acqua sotterranea, pari co-
a) Bottini di presa munque o maggiore della portata sorgiva naturale.
Tra le opere dirette, le più comuni sono i botti- La forma planimetrica dello scavo varia a seconda
ni di presa che si incassano nella roccia acquifera; con della struttura idrogeologica interessata, mentre quella
questo termine si intende un’opera in grado di captare della sezione è generalmente legata al tipo litologico
una sorgente senza modificare in modo sostanziale gli della formazione impegnata e alle sue caratteristiche
equilibri idrogeologici naturali, sia per quanto riguarda meccaniche. Lo scavo può essere unico, più o meno
le condizioni di emergenza che per quanto concerne il rettilineo, con un ramo unico ascendente (detto anche
regime idrologico. In pratica, si tratta di una semplice galleria di approccio) che si biforca in due rami disposti
protezione igienica che viene posta in corrispondenza normalmente alle linee di flusso della falda interessata.
della polla sorgiva, previa pulizia dell’area circostante, Per quanto riguarda la portata, di norma, si verifica
rimozione della coltre di alterazione e messa a giorno un certo aumento per il periodo strettamente necessario
della roccia acquifera. L’eventuale coltre detritica non allo svuotamento dello spessore di acquifero compreso
deve essere necessariamente eliminata, a meno che non tra la superficie piezometrica riferita alla quota di sfioro
possa essere motivo di inquinamento o sia di spessore sorgivo naturale e quella imposta dalla galleria; poi si
così modesto da condizionare in modo marginale il co- torna al regime naturale. Ciò è ovvio, perché la capta-
sto complessivo dell’opera. zione non cambia nessuna delle condizioni di alimen-
Questo tipo di captazione, di basso costo, è rea- tazione e di circolazione idrica sotterranea esistenti nel
lizzabile soltanto quando: l’affioramento delle acque è bacino di alimentazione della sorgente.
concentrato, dato che qualsiasi polla al di fuori dell’ope- Le gallerie drenanti vengono pure utilizzate per
ra risulta automaticamente non captata; non si rende ne- deprimere la piezometrica e consentire la coltivazione
cessario regolarizzare la portata, dato che l’opera non di miniere tramite sbancamenti a cielo aperto. Ma non
consente alcuna modifica del regime sorgivo naturale e sempre la captazione di acque sotterranee mediante gal-
che quindi risulterà efficace soltanto se anche le portate lerie rappresenta una precisa scelta, come negli esempi
di magra sono sufficienti a soddisfare i fabbisogni. fin qui illustrati; in molti casi, infatti, il drenaggio delle
Ciò non significa, però, che l’opera è sempre so- falde viene effettuato tramite gallerie (ferroviarie, stra-
stituibile con altre che consentano una gestione più ela- dali, ecc.) progettate per fini chiaramente diversi (ad
stica della risorsa; infatti, quando l’affioramento sorgivo esempio, la galleria autostradale del Gran Sasso).
è legato ad equilibri molto delicati (come, ad esempio, Per trincea drenante si intende uno scavo a cielo
quelli relativi alle piccole sorgenti intramontane dei aperto più o meno lungo, della profondità di qualche
43
Ordine dei Geologi della Toscana

metro, eseguito pressoché perpendicolarmente alle di- • le sorgenti sgorgano all’interno di centri abitati;
rezioni preferenziali di flusso delle acque sotterranee • la morfologia della soglia di permeabilità è piatta
e finalizzato alla captazione di sorgenti o al drenaggio (per cui diventa difficile, se non impossibile, co-
di falde poco profonde; tali opere vengono usate spe- struire gallerie o altri tipi di captazioni a quota an-
cialmente quando l’area sorgiva è ampia e comprende che leggermente più bassa di quella sorgiva);
numerose polle più o meno localizzate che scaturisco- • si deve captare parzialmente sia una singola polla
no dalla copertura, mentre la piezometrica si mantiene che un fronte acquifero molto ampio;
ovunque a piccola profondità. • la costruzione di una galleria o altro tipo di opera
Si tratta di un’opera relativamente semplice ed più costosa non consentirebbe di captare ugualmen-
economica, anche se non sempre completamente effica- te in modo globale la risorsa.
ce, che viene realizzata effettuando uno scavo a sezione Per opere di presa di tipo misto, si intendono
trapezia relativamente poco profondo (6 ÷ 8 m al mas- quelle opere di captazione di sorgenti e falde che, per
simo) ad andamento planimetrico sovente irregolare, motivi geologici, idrogeologici, geomorfologici, ecc. o
poiché segue l’andamento ipsometrico e collega i vari per motivi legati alle esigenze dell’utenza, hanno uno
punti di scaturigine. Al fondo dello scavo viene siste- sviluppo sia orizzontale che verticale ovvero nascono
mata una canaletta o una tubazione di grande diametro dall’accoppiamento o dall’accorpamento di due o più
opportunamente finestrata, che viene quindi circondata opere di captazione elementari. Per esempio, si posso-
da un vespaio di materiale arido o ghiaia; lo scavo viene no ritenere opere miste quelle costituite da pozzi con
successivamente rinterrato e opportunamente protetto in dreni radiali. Questi consistono di uno scavo verticale
superficie. La trincea così costruita opera una depres- di grande diametro (di solito, 3 ÷ 5 m), interamente ri-
sione della piezometrica: le acque sotterranee fluisco- vestito, dal quale partono delle perforazioni orizzontali
no attraverso la canaletta o le tubazioni verso il solito drenanti distribuite a raggiera in corrispondenza dei
apparato di vasche, dal quale hanno origine le opere di livelli acquiferi; questi raggi sono di piccolo diametro
derivazione. (4 ÷ 10 pollici, circa 10 ÷ 25 cm), possono arrivare
I pozzi orizzontali possono considerarsi un’opera fino a 40÷50 m di lunghezza e sono costituiti da tubi
di presa orizzontale speciale: si tratta di opere di cap- forati infissi nel terreno oppure da perforazioni riem-
tazione costituite da veri e propri pozzi di piccolo dia- pite con tubi forati. Il loro uso può essere consigliato
metro (generalmente dell’ordine dei 100 ÷ 200 mm), a in acquiferi poco profondi e poco permeabili (sabbie
sviluppo pressoché orizzontale, con i quali si raggiunge fini) e quando non si vuole abbassare troppo il livello
l’acquifero dopo aver superato, di norma, lo spessore piezometrico, ad esempio negli acquiferi costieri con
impermeabile che costituisce la soglia di permeabilità. problemi di intrusione salina.
Detti fori, in pratica, sono sostitutivi delle gallerie dre- La classica opera di captazione mista è rappre-
nanti; è infatti sufficiente perforarne un certo numero, sentata dalle gallerie drenanti con pozzi; queste, in ge-
eventualmente disponendoli a ventaglio, per captare in nere, rispondono all’esigenza di seguire un particolare
tutto o in parte la portata sorgiva. Rispetto alle gallerie livello o vena acquifera onde sfruttarla al meglio, op-
presentano l’inconveniente di non essere ispezionabili e pure, nel caso di opere drenanti una serie stratificata,
di poter raggiungere lunghezze massime dell’ordine dei per captare l’acqua eventualmente presente in un ac-
100 m; inoltre, non si prestano né all’emungimento di quifero secondario sovrastante il livello in cui si ad-
grandi portate né per opere di captazione in acquiferi ca- dentra la galleria.
ratterizzati da falde in rete le cui acque circolano preva-
lentemente lungo vie preferenziali. In compenso offrono Scelta dell’opera di presa in relazione al tipo di sor-
il vantaggio della sostanziale economicità dell’interven- gente
to e della relativa rapidità di esecuzione; inoltre, posso- La captazione di una sorgente per limite di permea-
no essere perforati e condizionati anche in presenza di bilità indefinito è sempre legata alla mancanza di un
opere di captazione in esercizio, senza dover necessa- substrato impermeabile geometricamente definito a
riamente sospendere l’erogazione dell’acqua (infatti, a sostegno della falda o rete acquifera alimentante, il che
foro ultimato, è sempre possibile evitare che esso liberi significa che l’opera non può essere fondata sul livello
acqua chiudendo con un tappo o con una saracinesca). impermeabile e che non è quasi mai possibile tentare di
incrementare le portate deprimendo la quota di sfioro.
Opere verticali Le sorgenti di questo tipo, tipiche delle zone calcaree
Tra le opere di presa verticali, le più usate sono quelle e scistoso-cristalline, hanno quasi sempre portate non
costituite da pozzi singoli o da batterie di pozzi conti- molto elevate ed elevati indici di variabilità in dipen-
gui e possono essere utilizzati anche per la captazione denza di alimentazioni di tipo pluviale e dell’assenza di
di sorgenti. Dette opere vengono infatti utilizzate, per un vero serbatoio a monte; esse vengono generalmente
esempio, quando: captate mediante bottini di presa o semplici drenaggi.
44
Linee guida di idrogeologia: approccio ai progetti

Le sorgenti per limite di permeabilità definito o poco inclinati, perforati attraverso la soglia di
sono invece sempre facilmente captabili con molte- permeabilità.
plici soluzioni tecniche; tra queste, quella più effi- Le sorgenti per affioramento della superfi-
cace appare costituita da una galleria drenante che cie piezometrica rivestono particolare importanza
segua verso monte e lateralmente il limite definito soprattutto per il loro significato idrogeologico
di permeabilità, impegnando il substrato imperme- che trascende largamente il fenomeno localizzato:
abile con la platea e parte dei piedritti. Soluzioni esse testimoniano, cioè, dell’esistenza di una fal-
meno onerose, in funzione dell’entità delle manife- da o rete acquifera il cui sfruttamento può essere
stazioni sorgive, possono essere fornite da bottini di condotto anche a prescindere dalle manifestazio-
presa o da drenaggi: queste opere possono risultare ni sorgive stesse. In condizioni normali, una sor-
abbastanza efficienti, anche se non migliorano certo gente per affioramento della piezometrica di una
il rendimento naturale delle scaturigini e possono a falda libera viene captata per pozzi o per trincea
volte essere poco sicure dal punto di vista igienico. drenante a seconda della situazione logistica della
Anche le trincee drenanti possono venire impiega- zona e del tipo litologico dell’acquifero; si pre-
te con successo, in particolare quando l’acquifero è feriscono i pozzi nel caso di un acquifero lapi-
costituito da roccia incoerente o quando la sorgen- deo, mentre le trincee sono più indicate per terreni
te geo­logica è mascherata da una copertura troppo sciolti o semicoerenti. Nel caso delle sorgenti per
spessa per poterla asportare completamente. affioramento della piezometrica di falda o rete in
Le sorgenti per soglia di permeabilità com- pressione, il tipo di opera più idoneo è il pozzo di
prendono la quasi totalità delle grandi scaturigini captazione.
dell’Appennino, in particolare, e di quasi tutti i si-
stemi montuosi a tettonica più o meno complessa e
10.6. Problematiche ambientali
recente. Nel caso delle sorgenti per soglia sovraim-
posta, le opere di presa più indicate sono quelle in
falda. Si possono distinguere due casi generali: 10.6.1. Aspetti generali
• nel primo, immediatamente a valle delle sca-
La realizzazione di un pozzo per acqua può rappre-
turigini, l’acquifero si trova a profondità subito
sentare una significativa perturbazione del contesto
elevata rispetto al p.c., comunque tali da rendere idrogeologico del sottosuolo sotto il profilo quanti-
inadeguata una captazione con pozzi. Le soluzio- tativo come qualitativo e sia in riferimento a condi-
ni ottimali per la captazione sono quelle della gal- zioni dinamiche, durante lo sfruttamento, sia statiche
leria drenante che superi la soglia di permeabilità dovute alla realizzazione stessa del pozzo.
o di una trincea drenante in corrispondenza della In condizioni dinamiche gli emungimenti dal
soglia stessa; pozzo determinano l’abbassamento dei carichi piezo-
• nel secondo, l’acquifero rimane a breve profon- metrici ed anche importanti variazioni delle direzioni
dità nella zona sorgiva: pur rimanendo valida la di deflusso. In conseguenza della depressurizzazione
soluzione della trincea drenante e, talora, quella possono originarsi problematiche di tipo geotecnico,
della galleria, l’opera che sembra adattarsi in ma- dovute alla consolidazione di orizzonti coesivi con-
niera ottimale è una captazione per pozzi. finanti od interclusi, od anche di tipo idrochimico,
La galleria drenante sembra essere il tipo d’opera che legate al travaso di acque provenienti da corpi idrici
meglio si presta per la captazione delle sorgenti confinanti, di natura e caratteristiche diverse, in al-
per soglia sottoposta. Nei frequenti casi in cui la cuni casi dovute a circuiti più isolati e di qualità sca-
topografia della zona lo permette, è ottimale co- dente. Un caso del tutto particolare è rappresentato
struire un cunicolo di approccio che attraversi la a quest’ultimo proposito dall’ingressione del cuneo
soglia di permeabilità ad una quota più bassa di salino nelle falde di acqua dolce degli acquiferi co-
quella delle emergenze naturali, addentrandosi stieri.
nell’acquifero; spesso il cunicolo di approccio ba- Nella buona pratica tali situazioni di rischio e
sta a captare le quantità prefissate d’acqua, calco- potenziale crisi, potrebbero essere già state indivi-
late in base all’ammontare delle riserve regolatrici duate dagli strumenti di pianificazione urbanistica e
medie, altrimenti l’opera viene dotata di braccia settoriali ed in quei contesti, analizzati su di una sca-
trasversali di lunghezza sufficiente. Nel caso di la rappresentativa. Le prescrizioni di questi strumenti
sorgenti di questo tipo con portate non abbastanza di governo del territorio potranno così meglio circo-
grandi da rendere conveniente un’opera costosa stanziare e mirare le indagini idrogeologiche sul sin-
come una galleria, è possibile spillare il serbato- golo pozzo. Esse potranno limitarsi, ad esempio, ad
io acquifero mediante uno o più pozzi orizzontali una precisa verifica delle ipotesi di governo, tramite
45
Ordine dei Geologi della Toscana

la quantificazione di indicatori di processo acquisiti (ex L. 319/1977) riportate nelle norme tecniche ge-
da un monitoraggio dedicato ante e post operam. nerali per la regolamentazione dell’installazione e
Capita peraltro spesso anche il caso in cui una dell’esercizio degli impianti di acquedotto e che a
valutazione idrogeologica di fattibilità o compatibi- proposito delle opere di captazione da falde recita-
lità ambientale dello sfruttamento della risorsa idrica no:
sia demandata, per intero, al livello del singolo in- “Le perforazioni saranno eseguite in modo da
tervento, rendendola certo meno significativa per le evitare la comunicazione tra falde diverse, provve-
inevitabili limitazioni di risorse, e tempi di esecuzio- dendo tra l’altro alla cementazione delle falde non
ne dell’indagine. Ben raramente, infatti, la verifica interessate alla utilizzazione”.
dell’ammissibilità di uno sfruttamento, sia sotto il Perché l’enunciazione di principio potesse tra-
profilo quantitativo che qualitativo, può essere valu- dursi in norma applicabile, è purtroppo però sempre
tata alla scala della singola opera. mancata, fino ad oggi, una definizione univoca di
Per definire condizioni e limiti allo sfruttamen- che cosa si intende per separazione di falde da parte
to della risorsa si deve disporre di studi e bilanci più delle Autorità competenti. Si tratta di una questione
generali, mentre alla scala della singola opera si pos- tecnica che, a fronte di una modesta complessità con-
sono prescrivere, a seconda dei casi, più utili stru- cettuale e scientifica, ha notevoli ricadute pratiche
menti di monitoraggio. Al livello del singolo pozzo, Eppure a tutt’oggi, la formalizzazione istituzionale
inoltre, è da considerare un’ulteriore problematica, della materia è del tutto assente con l’unica eccezio-
spesso sottovalutata, relativa alla continuità di oriz- ne della Regione Piemonte, forse non a caso, viste le
zonti acquicludi. problematiche in cui è incorsa con l’emergenza atra-
zina dal finire degli anni ‘80.
10.6.2. Separazione delle Falde Vale la pena riportare in estrema sintesi i conte-
nuti di successivi atti legislativi e regolamentari con i
Attraverso il pozzo possono miscelarsi acque di di-
quali la Regione Piemonte si è misurata, in concreto,
versa origine e qualità, che in condizioni naturali sa-
per la definizione di giusti indirizzi per la tutela della
rebbero rimaste separate.
risorsa idrica sotterranea.
Mentre nel caso dei sondaggi geognostici, con
La L.R.P. 22/1996 riconosce che il divieto di
l’abbandono del perforo non rivestito, è possibile
con la cementazione ed anche con la naturale tenden- comunicazione tra falde diverse deve intendersi, al-
za alla chiusura dei terreni incoerenti o coesivi, rico- meno, riferito alla falda freatica e la/le falde in pres-
stituire la barriera impermeabile, nella realizzazione sione o confinate.
di un pozzo per acqua la messa in comunicazione di
falde sovrapposte può risultare permanente a seguito
del completamento del perforo (posa in opera della – Per falde freatiche o con superficie libera si in-
tubazione di rivestimento definitivo e del dreno arti- tendono quelle falde che sono in equilibrio idrauli-
ficiale). Di regola il dreno artificiale dovrebbe venir co con il reticolato idrografico di superficie.
installato solo in corrispondenza dei tratti filtranti – Per falde in pressione o confinate si intendono
della tubazione; argilla pellettizzata auto espanden- quelle falde separate dalle acque superficiali da
strati impermeabili e la cui superficie piezometrica
te (compactonit) o cementazione con malta antiritiro
si colloca ad una quota superiore a quella del tetto
dovrebbero invece essere utilizzati nell’intercapedi-
dell’acquifero.
ne fra tubazione cieca e perforo.
– Per la tutela e la protezione della qualità delle
Soprattutto per le captazioni destinate al consu-
acque sotterrane è vietata la costruzione di opere
mo umano più facilmente vulnerabili, la buona pra-
che consentano la comunicazione tra le falde in
tica di isolare comunque, anche se poi captate nella
pressione e la falda freatica.
stessa colonna, falde naturalmente separate da oriz-
zonti acquicludi consente comunque l’eventuale suc-
cessiva sigillatura di uno o più degli orizzonti emun-
ti, qualora la sua/loro qualità dovesse degradarsi, Per quanto incompleta, in quanto non considera
senza dover demolire e ricostruire ex-novo il pozzo. la possibilità che il pozzo ponga in comunicazione due
Tale schema costruttivo permette inoltre, mediante falde profonde distinte, la L.R.P. 22/1996 ha comun-
l’uso di pakers di campionare ed emungere, in regi- que il merito di trasformare quella che era una mera in-
me ridotto, ciascuna falda separatamente per poterne dicazione (Delibera C.I.T.A.I. del 1977) in un espresso
determinare la qualità. “divieto”.
Sotto il profilo normativo, esistono indicazioni La definizione si è fatta più articolata con una suc-
generali date dalla Delibera C.I.T.A.I. del 04/02/1977 cessiva e recente modifica data dalla L.R.P. 6/2003:
46
Linee guida di idrogeologia: approccio ai progetti

ambientali (Direttive Europee WFD 2000/60/CE e più


– Per falda freatica, superficiale o libera, si inten- recente GWDD 2006/118/CE).
de la falda più vicina alla superficie del suolo ali- I benefici attesi dall’abbandono o ricondiziona-
menta tadirettamente dalle acque di infiltrazione mento di pozzi inidonei possono esplicarsi in vario
superficiali ed in diretta connessione con il reticolo modo, con situazioni che variano in dipendenza di
idrografico. condizioni idrogeologiche e piezometriche caratteristi-
– Per falde profonde si intendono quelle poste al di che delle zone rispettivamente di ricarica o discarica
sotto della falda freatica ove presente e cioè le falde (risorgiva). Nelle zone di ricarica dove il livello pie-
confinate, le falde semiconfinate e le falde ospitate zometrico delle falde superiori è maggiore delle fal-
nelle porzioni inferiori dell’acquifero indifferen- de profonde, con la separazione delle falde si evita la
ziato. caratterizzate da una bassa velocità di deflus- drenanza artificiale indotta da pozzo, verso falde pro-
so, da elevati tempi di ricambio e da una differente fonde possibilmente più permeabili e trasmissive, con
qualità idrochimica rispetto a quelle ospitate nelle i seguenti risultati:
porzioni più superficiali del medesimo. • ricostituzione dell’originario grado di protezione
... dell’acquifero profondo nei confronti degli inqui-
– Per la tutela e la protezione della qualità delle namenti superficiali;
acque sotterranee è vietata la costruzione di opere • mantenimento di risorse idriche superficiali fun-
che consentano la comunicazione tra le falde pro- zionali al ravvenamento dei corsi d’acqua delle
fonde e la falda freatica. zone umide e degli ambienti ecologici connessi.
– La Giunta regionale definisce i criteri tecnici per Anche per un singolo pozzo, infatti, i volumi in
l’identificazione della base dell’acquifero superfi- gioco, possono risultare non trascurabili, considerando
ciale corredati da apposita cartografia, cui fare rife- che una falda freatica interamente messa all’asciutto
rimento per l’applicazione delle disposizioni della da un livello piezometrico più basso del suo letto da
presente legge. parte di una falda sottostante, beninteso di maggiore
trasmissività, può drenare verso l’acquifero profondo
una portata pari al massimo abbassamento ottenibile.
Tra le due definizioni normative si collocano A questo proposito si cita un recente ed innovativo
esperienze e studi significativi sulla conoscenza della progetto13 relativo ad un corso d’acqua dello stato di Wa-
risorsa idrica sotterranea. La Provincia di Torino si è shington negli Stati Uniti, che punta alla ricostituzione
impegnata in una definizione più compiuta della falda della falda superficiale connessa al corso d’acqua attra-
profonda, cioè della risorsa da proteggere, attraverso verso il ricondizionamento di 12 vecchi pozzi che sem-
l’acquisizione di conoscenze idrochimiche, isotopiche brano drenare in modo significativo verso il sottostante
ed idrogeologiche giungendo, in ogni caso, alla pre- acquifero regionale dei basalti del Fiume Columbia. I
disposizione di uno strumento di impiego operativo 12 pozzi individuati saranno ricondizionati attraverso
rappresentato dalla Carta della Base dell’Acquifero l’estrazione della tubazione esistente di 6’’ e contempo-
Superficiale. ranea introduzione di una tubazione di dimetro inferiore
Su questi presupposti non sorprende lo sforzo di 4’’ con realizzazione di opportuni e profondi setti in
fatto dalla Regione Piemonte anche nel normare l’at- cemento (deep grout seals). I benefici ambientali attesi
tuale delicato passaggio del riconoscimento delle con- riguardano soprattutto il ripristino di sorgenti, portate
cessioni preferenziali mutuate dal DPR 238/1999 e L. estive più consistenti e fresche nel corso d’acqua e dei
36/1994. Anche in presenza di opere già realizzate, sistemi vegetazionali e di habitat ripari.
infatti, con il Regolamento 4R/2001 si riserva la possi- Da un punto di vista idraulico si può osservare
bilità di intervenire tramite: che il drenaggio della falda superficiale sarà incremen-
• individuazione d’ufficio delle istanze che contem- tato quanto maggiore sarà la differenza in termini di
plano prelievi da pozzi potenzialmente intercettanti trasmissività delle due unità acquifere. Nella figura
le falde in pressione; sotto riportata sono rappresentate due falde separate da
• richiesta di integrazioni tecniche con le verifiche ed un livello acquicludo all’interno del diagramma del-
i provvedimenti del caso incluso un possibile “ri- la curva caratteristica portate-abbassamenti. A fronte
condizionamento” dei pozzi della curva indicata in rosso, che rappresenta le portate
Non è azzardato prevedere che la questione del- drenate dall’acquifero superiore in funzione degli ab-
la separazione dei circuiti idrogeologici, sarà in futuro bassamenti indotti, le tre curve in celeste riguardano
chiamata sempre più spesso in causa, considerati i be- curve caratteristiche “inverse” di falde con diversa tra-
nefici ambientali, sia per i sistemi idrici superficiali per smissività: 1 - bassa, 2 - media, 3 - alta.
gli aspetti quantitativi, sia per quelli profondi per quel- 13
http://www.nwcouncil.org/fw/budget/innovate/proposal.
li qualitativi, a fronte di sempre più esigenti standard asp?id=968

47
Ordine dei Geologi della Toscana

Osservando le diverse intersezioni delle curve rossa che in situazioni isolate che fissano i requisiti mi-
e celesti che rappresentano necessariamente, a por- nimi di un orizzonte di protezione che è preferibile
tata costante, l’altezza piezometrica d’equilibrio, si mantenere come tale.
può notare come l’altezza piezometrica sia governa- Il primo approccio, va mirato a situazioni note
ta dallo strato più trasmissivo e come nel caso 1 le e/o di elevata criticità. Per i corpi idrici significati-
portate drenabili siano impedite, di fatto, dal rapido vi della Toscana, che ospitano, ad esempio sistemi
innalzamento nello strato meno trasmissivo. acquiferi notoriamente multifalda come nel caso del
Valdarno Inferiore (es. zona di Mortaiolo, con prima
falda confinata a 40 m e falde profonde > 100 m), gli
orizzonti di separazione di questi sistemi potrebbe-
ro essere ricostruiti così come gli ambiti geografici
corrispondenti entro i quali la separazione è ritenuta
significativa. Per disporre di questo tipo di rappre-
sentazioni, in forma di superfici a curve isobate, oc-
corre disporre di ricostruzioni geometriche in parte
già avviate, ma anche come visto per la Provincia
di Torino, anche di sforzi ulteriori per la raccolta di
informazioni e criteri di tipo stratigrafico, idrogeo-
logico ed idrochimico.
Il secondo approccio, più generale e basato su
conoscenze più strettamente locali, limitate in ulti-
ma analisi anche alla sola stratigrafia risultata dalla
perforazione, può essere applicato in modo diffuso
e generale nelle aree non interessate da valutazioni
specifiche. La semplice analisi stratigrafica ed idro-
geologica può fornire gli elementi per la verifica di
una soglia minima del rapporto (b/K) che gli inter-
strati acquitardi/acquicludi devono possedere per
dar luogo ad uno strato di protezione.
Nelle zone di emergenza o risorgiva dove, viceversa Per i fini proposti che sono quelli della defi-
si osservano livelli piezometrici delle falde in pres- nizione di una soglia minima di “resistenza” idrau-
sione che possono eccedere i livelli piezometrici lica oltre la quale si può assumere ragionevole ed
delle falde superficiali se non, più raramente, la su- opportuno mantenere un tale stato di separazione il
perficie stessa del piano campagna, le comunicazio- parametro b/K che ha le dimensioni di un tempo ap-
ni tra la falda superficiale e la falda profonda sono pare il più idoneo allo scopo; si tratta infatti di un
limitate dalle condizioni idrauliche, almeno in con- parametro verificabile sia tramite specifiche prove
dizioni statiche. Ma anche in questi casi condizioni idrauliche, di tipo pozzo-piezometro (drenanza) o
piezometriche dinamiche e più in generale gli stati per la determinazione della permeabilità in sito di
di forte stress idrico possono mutare radicalmente la tipo Lefranc, sia infine assumendo opportuni valori
situazione riportandola al caso precedente, renden- cautelativi di letteratura per K per i litotipi riportati
do possibile nuovamente la drenanza artificialmente dalla stratigrafia.
indotta. Tra i possibili riferimenti per una soglia mini-
Non è casuale, forse, l’interesse in tema di se- ma di protezione si riportano:
parazione delle falde da parte di una Regione come
il Piemonte, dove le pianure presentano tipicamente 1. il Documento d’Intesa Stato-Regioni relativo alla
le caratteristiche di aree di risorgiva. perimetrazione delle aree di salvaguardia, che in-
La problematica della regolamentazione della dica nell’allegato tecnico un tempo di percorren-
separazione delle falde verte, in ultimo, sulla discri- za minimo di 40 anni (porosità efficace * b/K) in
minante tra situazioni multistrato e multifalda. condizioni di i  =  1.
Due approcci che possono opportunamente in- 2. la Regione Piemonte, ancora con il recente Rego-
tegrarsi consistono da un lato nella rappresentazione lamento 15/R/2006 sulla “Disciplina delle aree
cartografica, per situazioni locali di interesse, degli di salvaguardia delle acque destinate al consumo
orizzonti geometrici di separazione e, dall’altro, in umano (L.R. 29 dicembre 2000, n. 61).” ha svi-
riferimenti, più generali ed univoci, applicabili an- luppato ulteriormente le indicazioni:
48
Linee guida di idrogeologia: approccio ai progetti

sull’ambiente. In relazione alla loro consistenza, è


Ai fini del presente reeolamento un acquifero si in- prassi distinguere i materiali di risulta in “fanghi di
tende protetto quando i risultati delle indagini nel perforazione” (non palabili) e “detriti di perforazio-
sottosuolo e le prove idrogeologiche venficano si- ne” (palabili); in entrambi i casi si tratta di rifiuti spe-
multaneamente le seguenti condizioni: ciali non pericolosi, salvo il caso in cui siano conta-
a) vulnerabilità intrinseca bassa; minati in misura tale da renderli pericolosi, come può
b) p rofondità dal piano campagna del tratto verificarsi nel caso di perforazioni che interessino siti
cementato di almeno 50 metri; inquinati. È da escludere, almeno nella realizzazione
c) tempo di arrivo dalla superficie di almeno di pozzi per acqua, l’utilizzo di additivi che presenti-
40 anni, in condizioni cautelative (condi- no caratteristiche di pericolosità per l’ambiente e per
zioni di saturazione, percorso verticale. l’uomo.
gradiente i = 1); La gestione di tali rifiuti deve avvenire secondo
d) livelli di protezione dell’acquifero suffi- quanto disposto dalla parte IV del D.Lgs. 152/2006,
cientemente continui ed estesi arealmente per cui i principali adempimenti a carico del produt-
almeno all’isocrona 365 giorni. tore del rifiuto sono i seguenti:
e) adeguato condizionamento del pozzo at-
traverso la presenza di uno o più tampo-  Classificazione del rifiuto: si tratta di attribuire il
ni impermeabili, di adeguato spessore, in codice CER appropriato, riportato all’allegato D
modo tale da escludere possibili fenomeni degli allegati alla parte IV del D.Lgs. 152/2006
di drenaggio da falde soprastanti; e s.m.i., scelto sulla base del processo produtti-
f) assenza, nell’area compresa dall’isocrona vo che genera il rifiuto. Di seguito è riportata la
365 giorni, di pozzi captanti lo stesso ac- parte dell’allegato D pertinente la classificazione
quifero adestinazione diversa da quelli uti- dei rifiuti che possono originarsi nelle attività di
lizzati a scopo potabile. perforazione:
È inoltre necessario eseguire sul pozzo oggetto 01 Rifiuti derivanti da prospezione, estrazione da
di studio, una specifica prova di emungimento a miniera o cava, nonché dal trattamento fisico o
portata costante di lunga durata (almeno 24 ore), chimico di minerali;
alla massima portata di esercizio, monitorando, 01 05 fanghi di perforazione ed altri rifiuti di per-
attraversa almeno un piezometro adeguatamente forazione;
impostato alla base dell’acquifero libero e ubica- 01 05 04 fanghi e rifiuti di perforazione di pozzi
tonelle immediate vicinanze del pozzo, gli effetti per acque dolci;
dell’emungimento sull’acquifero freatico. 01 05 05 * fanghi e rifiuti di perforazione conte-
nenti oli
01 05 06 * fanghi di perforazione ed altri rifiuti di
3. La Regione Lombardia che dà la seguente defini- perforazione contenenti sostanze pericolose;
zione: 01 05 07 fanghi e rifiuti di perforazione conte-
• acquifero protetto (o confinato, o secondo) o fal- nenti barite, diversi da quelli delle voci 01 05 05
da protetta: acquifero idraulicamente separato e 01 05 06;
dalla superficie o dalla falda libera soprastante 01 05 08 fanghi e rifiuti di perforazione contenen-
da terreni impermeabili, che può ricevere ap- ti cloruri, diversi da quelli delle voci 01 05 05 e
porti solo laterali. Ove tale separazione non sia 01 05 06
ravvisabile a scala regionale, secondo quanto 01 05 99 rifiuti non specificati altrimenti;
previsto dalla pianificazione di settore, si deve  Trasporto del rifiuto: deve essere effettuato da
considerare protetto un acquifero separato soggetto iscritto all’Albo Nazionale Gestori Am-
dall’acquifero soprastante da uno o più corpi bientali ai sensi dell’art. 212 del D.Lgs. 152/2006
geologici, con una congrua continuità areale, di e s.m.i. o, in alternativa, dal produttore del rifiu-
cui almeno uno abbia uno spessore minimo di to non pericoloso stesso, previa presentazione di
10 metri e una conducibilità idraulica inferiore Comunicazione all’Albo Gestori secondo quanto
a 10-8 m/s; previsto al comma 8 dello stesso articolo.
 Corretto smaltimento/recupero del rifiuto avvian-
dolo a impianto autorizzato a ricevere tale tipolo-
10.6.3. La gestione del cantiere gia di rifiuto: Le attività di recupero ammesse per
I materiali di risulta che si originano dalla perforazio- fanghi e detriti di perforazione sono individuate al
ne di un pozzo per acqua devono essere opportuna- sub-allegato 1 all’allegato 1 del DM 05/02/1998 e
mente gestiti per prevenire possibili effetti negativi s.m.i., che si riporta di seguito:

49
Ordine dei Geologi della Toscana

7.14 Tipologia: detriti di perforazione [01 05 07] le disidratazione e desalinizzazione (il recupero
[01 05 04] [17 05 04]. è subordinato all’esecuzione del test di cessione
7.14.1 Provenienza: attività di trivellazione pali sul rifiuto tal quale secondo il metodo in allegato
di fondazione su terreno vergine; ricerca e colti- 3 al presente decreto ad esclusione del parametro
vazione idrocarburi su terra e in mare; ricerca e COD) [R10].
coltivazione geotermica; perforazioni per ricer- e) utilizzo per copertura di discariche per RSU; la
che e coltivazioni minerarie in generale; perfo- percentuale di rifiuto utilizzabile in miscela con
razioni geognostiche di grande profondità; per- la materia prima non dovrà essere superiore al
forazioni per pozzi d’acqua. 30% in peso (il recupero è subordinato all’esecu-
7.14.2 Caratteristiche del rifiuto: detriti con pre- zione del test di cessione sul rifiuto tal quale se-
senza di acqua/bentonite, di acqua/bentonite/ condo il metodo in allegato 3 al presente decreto
barite, di olio/organo-smectiti/barite contenenti ad esclusione del parametro COD)[R5]:
idrocarburi in concentrazioni inferiori a 1000 7.15.4 Caratteristiche delle materie prime e/o dei
mg/kg sul secco, IPA <10 ppm. prodotti ottenuti:
7.14.3 Attività di recupero: a) laterizi e argilla espansa nelle forme usualmente
a) cementifici [R5]. commercializzate.
b) utilizzo per recuperi ambientali, previa eventua- b) aggregati artificiali nelle forme usualmente com-
le desalinizzazione (il recupero è subordinato mercializzate
all’esecuzione del test di cessione sul rifiuto tal c) cemento nelle forme usualmente commercializza-
quale secondo il metodo in allegato 3 al presente te [R5].
decreto) [R10]. Per intraprendere le attività di recupero rifiuti
c) utilizzo per copertura di discariche per RSU; la previste dal D.M. 05/02/1998 è sufficiente seguire la
percentuale di rifiuto utilizzabile in miscela con la procedura semplificata prevista dagli artt. 215-216 del
materia prima non dovrà essere superiore al 30% D.Lgs. 152/2006 e s.m.i., presentando una “comunica-
in peso (il recupero è subordinato all’esecuzione zione d’inizio attività” alla provincia territorialmente
del test di cessione sul rifiuto tal quale secondo il competente. L’attività di recupero può essere intrapre-
metodo in allegato 3 al presente decreto)[R5]. sa decorsi 90 giorni dalla presentazione della comuni-
7.14.4 Caratteristiche delle materie prime e/o dei cazione, secondo le modalità tecnico-operative previ-
prodotti ottenuti: ste dal DM 05/02/1998 e ottemperando alle eventuali
a) cemento nelle forme usualmente commercializza- prescrizioni rilasciate dalla Provincia.
te. Qualora l’attività di recupero non rientri fra quel-
7.15 Tipologia: fanghi di perforazione [01 05 07] [01 le previste dal D.M. 05/02/1998, il rilascio dell’autoriz-
05 04]. zazione seguirà la procedura ordinaria prevista dall’art.
7.15.1 Provenienza: attività di trivellazione pali di 208 del D.Lgs. 152/2006.
fondazione su terreno vergine; ricerca e coltiva- Una possibile semplificazione degli adempimen-
zione idrocarburi su terra e in mare; ricerca e ti connessi alla gestione dei materiali di risulta può es-
coltivazione geotermica; perforazioni per ricer- sere costituita dalla possibilità di utilizzare i detriti di
che e coltivazioni minerarie in generale; perfo- perforazione per la realizzazione di opere di cantiere
razioni geognostiche di grande profondità; per- quali per esempio il ripristino morfologico dell’area
forazioni per pozzi d’acqua. d’intervento a fine lavori, ovviamente nel caso in cui
7.15.2 Caratteristiche del rifiuto: fango a base di ac- nella perforazione non siano stati utilizzati additivi. In
qua/bentonite, di acqua/bentonite/barite, di olio/ tal caso, mancando l’intenzione, l’atto o l’obbligo del
organo-smectiti/barite con eventuale presenza di produttore di disfarsi del materiale di risulta, cade la
terriccio, contenenti idrocarburi in concentra- condizione soggettiva necessaria per definire il mate-
zioni inferiori a 1000 mg/Kg sul secco, IPA <10 riale di risulta “rifiuto” e assoggettarlo alla relativa di-
ppm. sciplina. È da precisare che questa eventualità presup-
7.15.3 Attività di recupero: pone che la descrizione delle modalità di utilizzo del
a) industria dei laterizi nell’impasto e industria di materiale di risulta della perforazione dovrà necessa-
produzione dell’argilla espansa, previa eventuale riamente far parte del progetto dell’opera di captazione
disidratazione e desalinizzazione [R5]; da presentare all’Autorità Competente, che ne dovrà
b) produzione di aggregati artificiali mediante pro- valutare l’ammissibilità. In caso contrario si rischia la
cesso termico di sinterizzazione [R5]. contestazione di attività di smaltimento incontrollato
c) cementifici [R5]. di rifiuto.
d) utilizzo per recuperi ambientali previa eventua- Una ulteriore necessità alla quale si deve far
50
Linee guida di idrogeologia: approccio ai progetti

fronte durante la realizzazione di un pozzo per acqua 2) restituite allo stesso corpo idrico di provenienza o
è quella di rilasciare, di solito verso il reticolo idrico a quello al quale sarebbero state naturalmente desti-
superficiale, le acque che si originano sia durante la nate.
perforazione che nelle successive fasi di sviluppo e La condizione riportata al punto 2 della definizio-
spurgo del pozzo. Il rilascio di queste acque all’am- ne introduce un primo elemento di incertezza sull’ef-
biente, specie nei casi in cui nella perforazione ven- fettiva configurabilità delle acque di perforazione dei
gano utilizzati additivi, non è esente da implicazioni pozzi fra le “acque di restituzione”, in quanto queste
ambientali, in molti casi sottovalutate dagli addetti ai non vengono normalmente restituite al corpo idrico di
lavori; in particolare, si può riscontrare elevata torbi- provenienza (la falda), ma al reticolo idrico superficia-
dità determinata dalla presenza residuale di particelle le che non costituisce necessariamente la loro naturale
argillose o elevati contenuti di materiali sedimentabili, destinazione, tanto più se la perforazione avviene con
connessi ad una inefficace o inesistente decantazione uso di additivi.
dei fluidi di perforazione; all’utilizzo degli schiumo- All’art. 11 della L.R. 20/2006 sono riportate le
geni è invece connessa la presenza di tensioattivi nei “Disposizioni per il rilascio di acque di restituzione”;
fluidi di perforazione, per cui il loro utilizzo dovrebbe in particolare il comma 1 recita:
essere accompagnato da un attento controllo dei do- “Ai fini della tutela delle acque, del manteni-
saggi in corso d’opera. In tutti i casi suddetti si possono mento e del raggiungimento degli obiettivi di qualità
riscontrare impatti significativi sui corpi idrici recetto- ambientale e per specifica destinazione previste dal
ri, che possono andare dall’aumento di torbidità delle piano di tutela, il rilascio nei corpi idrici di acque di
acque alla comparsa di schiume lungo l’asta fluviale, restituzione è soggetto alle condizioni poste nel disci-
specie quando un flusso delle acque turbolento favori- plinare di concessione che autorizza il prelievo delle
sce la loro formazione. acque successivamente restituite, ai sensi dell’articolo
Per quanto concerne l’inquadramento normativo 12-bis, comma 1, del R.D. n. 1775/1933”.
di tali rilasci, ad una prima valutazione l’immissione in Il comma 6 dello stesso articolo contiene una
corpo idrico recettore di acque provenienti da cantieri specifica disposizione per le acque sotterranee:
per la realizzazione di pozzi per acqua sembrerebbe b) la restituzione di acque sotterranee effettuata
poter rientrare nella disciplina delle “acque di restitu- tramite perforazioni, di qualunque tipo, deve evitare
zione” contenuta nell’art. 114 del D.Lgs. 152/2006. comunque che le acque contenute nelle falde idriche
In particolare il comma 1 recita: attraversate, diverse da quella di provenienza, entrino
“Le Regioni, previo parere del Ministero in contatto con le acque restituite;
dell’ambiente e della tutela del territorio, adottano La disciplina delle acque di restituzione risulte-
apposita disciplina in materia di restituzione delle ac- rebbe quindi pertinente a reimmissioni in falda di ac-
que utilizzate per la produzione idroelettrica, per scopi que precedentemente prelevate (per esempio per gli
irrigui e in impianti di potabilizzazione, nonché delle impianti provvisti di pompe di calore). L’art. 11 della
acque derivanti da sondaggi o perforazioni diversi da L.R. 20/2006 rimanda inoltre per molti aspetti ad un
quelli relativi alla ricerca ed estrazione di idrocarburi, successivo regolamento attuativo che attende ancora di
al fine di garantire il mantenimento o il raggiungimen- essere emanato e che auspichiamo fornisca elementi
to degli obiettivi di qualità di cui al titolo II della parte chiarificatori e definitivi in tal senso.
terza del presente decreto”. In mancanza di una chiara configurabilità delle
La Regione Toscana ha già adottato una pri- acque di perforazione nell’ambito delle “acque di re-
ma disciplina in materia di “acque di restituzione” stituzione” non resta che richiamare come la giurispru-
nell’ambito della L.R. 20/2006, provvedendo fra l’al- denza corrente inquadri questa tipologia di reflui come
tro, all’art. 2, anche a darne una puntuale definizione, “acque reflue industriali”, soggette pertanto al rilascio
che il legislatore aveva colpevolmente tralasciato nel di autorizzazione allo scarico da parte dell’Amm.ne
D.Lgs. 152/2006: Prov.le territorialmente competente. A tale proposi-
c) acque di restituzione: acque utilizzate per la produ- to la sentenza della Corte di Cassazione n° 39854 del
zione idroelettrica, per scopi irrigui e in impianti di 01/12/2006 (Presidente: Papa E. Estensore: Squassoni
potabilizzazione, nonché acque derivanti da sondaggi C. Imputato: P.M. in proc. Cocito), di cui si riporta di
e perforazioni diversi da quelli relativi alla ricerca ed seguito la massima, fornisce una chiara indicazione de-
estrazione di idrocarburi, a condizione che siano: gli orientamenti giurisprudenziali in merito.
1) prelevate a seguito di concessioni e permessi di cui “I reflui di attività di perforazione, nella specie
al Regio Decreto 11 dicembre 1933, n. 1775 (Testo uni- per la realizzazione di un pozzo artesiano, costituisco-
co delle disposizioni di legge sulle acque e impianti no acque reflue industriali, in quanto non provenienti
elettrici); dal metabolismo umano e da attività domestiche, per
51
Ordine dei Geologi della Toscana

cui il loro sversamento richiede il preventivo rilascio morfologici”: “Nelle zone di versante sono in par-
dell’autorizzazione, in difetto della quale si configura ticolare approfonditi gli aspetti relativi ai fenomeni
il reato di cui all’art. 59 del D.Lgs. n. 152 del 1999”. franosi. Per ogni frana è possibilmente evidenziata
la zona di distacco, la zona di scorrimento (visibile o
ipotizzata) e la zona di accumulo (se presente).”
11. Pianificazione Nello studio dei movimenti franosi non può
essere dimenticato che la maggior parte di questi è
11.1. Normativa di riferimento, enti competenti legata alla presenza dell’acqua: variazione delle pres-
sione interstiziali sotto i detriti, evoluzione delle falde
La redazione di atti di governo del territorio da parte in relazione agli eventi meteorici, meccanismi di for-
dei Comuni prevede la preventiva verifica della peri- mazione di orizzonti acquiferi sospesi all’interno del
colosità geologica, idraulica e sismica in attuazione e corpo di frana, in grado di rimobilizzare in tutto o in
rispetto delle previsioni pianificatorie più generali, a parte il corpo stesso.
livello cioè di bacino (PAI), a scala regionale (PIT) e L’aspetto idrogeologico è quindi da approfon-
provinciale (PTC).
dire: in molti casi non è possibile spiegare il cinema-
Gli studi idrogeologici di dettaglio, condizio-
tismo di una frana, aspetto richiesto specificamente
nando gli aspetti geomorfologici, geotecnici, idraulici
nel regolamento, senza conoscere le caratteristiche
e sismici, concorrono incisivamente all’individuazio-
idrogeologiche al contorno.
ne di tale pericolosità.
“Nelle zone di pianura sono in particolare ap-
Il nuovo regolamento regionale (DPGR
profonditi gli aspetti legati alle forme di erosione e
26R/2007) in attuazione delle direttive tecniche in
di accumulo fluviale, lacustre, marino, eolico. Per
materia di indagini geologiche di cui all’articolo 62
quanto riguarda l’ambiente fluviale, sono evidenziati
della L.R. 1/2005, è apparso, sin dalla prima stesu-
anche gli elementi antropici quali le opere di difesa
ra, poco puntuale riguardo la definizione ed il grado
di approfondimento di aspetti imprescindibili da cu- idraulica, in quanto elementi in interazione diretta
rare nell’ambito di uno studio idrogeologico di sup- con la dinamica d’alveo.”
porto alla pianificazione. Infatti, da questo punto di Per soddisfare quanto richiesto per le zone di
vista, la norma presenta una genericità prescrittiva pianura è necessaria una ricostruzione geometrica
(vedi B.6 Elementi per la valutazione degli aspet- degli acquiferi, la ricostruzione degli scambi fiume
ti ­idrogeologici; C.4 Aree con problematiche idro- - falda superficiale, la conoscenza delle oscillazioni
geologiche; 2.2 Elaborati cartografici) che di fatto di lungo periodo delle piezometriche nonché degli ef-
rimanda al singolo professionista la valutazione e la fetti indotti dagli emungimenti, e così via.
risoluzione delle diverse problematiche; ciò si riflet- Al punto B.6 “Elementi per la valutazione degli
te inevitabilmente sull’impossibilità di imporre alle aspetti idrogeologici”:
Pubbliche Amministrazioni, attraverso lo strumento Con particolare riferimento alle unità territo-
normativo, quegli approfondimenti, che, seppur one- riali organiche elementari (UTOE) potenzialmente
rosi, risultano necessari alla formulazione di un ido- interessate da previsioni insediative e infrastruttura-
neo quadro conoscitivo. Ad esempio, nessuna indi- li, la ricostruzione dell’assetto idrogeologico (asset-
cazione viene fornita dalle norme per la stesura della to strutturale e stratigrafico) è finalizzata alla indivi-
carta idrogeologica, a fronte di quanto era perlomeno duazione dei corpi idrici sotterranei, alla definizione
elencato nella vecchia DGR 94/1984. della loro configurazione, degli schemi della circola-
In sintesi, il rischio applicativo di questa norma zione idrica sotterranea, delle eventuali interconnes-
è che possa essere ottemperata in modo esaustivo an- sioni tra acquiferi limitrofi e acque superficiali.
che attraverso studi idrogeologici di taglio riduttivo, A tal fine possono essere utilizzati gli elementi
non adeguati pertanto a fornire un efficace quadro co- presenti nel PIT, negli atti di pianificazione regiona-
noscitivo. le nonché i dati e gli elementi elaborati dalle Am-
Poiché siamo solo alle fasi iniziali dell’applica- ministrazioni provinciali nell’ambito delle specifiche
zione del regolamento, abbiamo analizzato i passi sa- competenze.
lienti dell’articolato, allo scopo di mettere in evidenza La ricostruzione è effettuata in maniera commi-
il tipo di disposizione e darne un’interpretazione che surata al grado di approfondimento ritenuto necessa-
consenta di mettere a punto uno standard di lavoro rio ed alle caratteristiche idrogeologiche della parte
omogeneo e adattabile all’intero territorio regionale. di territorio studiata.
Prima di esaminare i capitoli dedicati all’idrogeolo- Sono inoltre indicati gli eventuali disequilibri
gia, già al punto B.3 si osserva: in atto anche conseguenti ad azioni antropiche sul-
B.3 “Elementi per la valutazione degli aspetti geo- la risorsa (subsidenza, modifiche morfologiche quali
52
Linee guida di idrogeologia: approccio ai progetti

scavi o sbancamenti), nonché le potenziali situazioni seguenti elaborati cartografici:


di criticità (acquiferi di subalveo, zone di ricarica de- - Carta geologica
gli acquiferi).” - Carta litologico-tecnica
Per le UTOE anche parzialmente interessate da - Carta geomorfologica
previsioni urbanistiche si richiede la ricostruzione geo- - Carta delle aree allagabili
metrica dei corpi idrici sotterranei e della circolazione - Carta della dinamica costiera
idrica anche attraverso la raccolta dei dati dai PIT, PTC - Carta idrogeologica
ed altri lavori. - Carta delle Aree a pericolosità geomorfologica
Gli approfondimenti devono servire ad indivi- - Carta della Aree a pericolosità idraulica
duare le criticità esistenti o potenziali, come ad esem- - Carta delle Aree con problematiche idrogeologiche
pio l’impatto di certe scelte urbanistiche sulla risorsa - Carta delle Aree con problematiche di dinamica
acqua. costiera
Lo studio e la valutazione degli elementi idro- Fra le cartografie da elaborare, sono evidenziate la
geologici deve portare ad evidenziare o a riconoscere carta idrogeologica e la carta delle aree con proble-
le situazioni di criticità su cui porre particolare at- matiche idrogeologiche. Per la DGR 94/1984 i con-
tenzione, in modo da evitare squilibri idrogeologici tenuti della carta idrogeologica dovevano essere:
(vedi punto successivo, C.4) 3.5.4. “CARTA IDROGEOLOGICA”
C.4 “Aree con problematiche idrogeologiche”: Nelle zone di pianura andrà sviluppato l’aspetto
Sono evidenziate le aree che presentano situa- idrogeologico per definire le caratteristiche dell’ac-
zioni sulle quali porre attenzione al fine di non gene- quifero, la quota e l’ampiezza delle escursioni della
rare squilibri idrogeologici. falda freatica, la presenza di terreni saturi, le condi-
Particolare attenzione è posta anche alla indi- zioni di drenaggio superficiale, la possibilità di inon-
viduazione delle aree in cui la risorsa idrica è esposta dazioni. Le informazioni relative all’ubicazione dei
o presenta un basso grado di protezione (falda libe- pozzi, all’andamento della superficie piezometrica e
ra in materiali permeabili e prossima al piano cam- alle linee di flusso, alle aree di possibile inondazione
pagna; aree di affioramento di terreni litoidi molto e alle aree soggette a ristagno, andranno indicate su
fratturati; aree interessate da acquiferi in materiali apposita cartografia”.
carbonatici a carsismo sviluppato). Nel nuovo regolamento i contenuti delle car-
Per tali aree, che non necessariamente e uni- tografie non sono specificati: di fatto, è ragionevole
vocamente possono essere associate ad una determi- supporre che la carta idrogeologica dovrà contenere
nata classe di pericolosità, sono comunque fornite tutte quelle informazioni di base necessarie per le va-
indicazioni sugli eventuali condizionamenti alla tra- lutazioni idrogeologiche e per individuare, ove pre-
sformabilità, da disciplinare in maniera specifica nel senti, le aree con problematiche idrogeologiche (vedi
regolamento urbanistico in funzione delle destinazio- par. 2.6).
ni previste.” Per quanto concerne poi il Regolamento urba-
Particolare attenzione deve essere posta all’indi- nistico, per l’aspetto idrogeologico non si individua-
viduazione delle aree in cui la risorsa idrica è esposta no specifiche fattibilità ma si richiede che indagini e
o presenta un basso grado di protezione ma ad esem- studi diano indicazioni per le limitazioni alla trasfor-
pio anche a quelle aree dove una spessa copertura im- mabilità. In esso sono inoltre disciplinate in maniera
permeabile protegge la risorsa (inutile quindi parlare specifica le eventuali situazioni connesse a proble-
di coperture impermeabilizzanti ridotte), ma genera matiche idrogeologiche.
intenso scorrimento superficiale portando, su area 3.4 “Criteri generali per le situazioni connesse
vasta, ad una diminuzione dei tempi di corrivazione, a problematiche idrogeologiche”
con tutti i problemi che ne conseguono: la trasforma- Nei casi in cui la destinazione prevista possa
bilità di queste aree, ottima per ubicazione di attività incrementare una situazione di squilibrio in atto del-
potenzialmente inquinanti, non potrà prescindere dal- la risorsa idrica o generare situazioni di criticità,
la realizzazione di un’opportuna rete scolante. la sua attuazione è subordinata alla preventiva o
contestuale esecuzione di interventi di eliminazione
o mitigazione dello stato di rischio accertato o po-
11.2. Elaborati delle indagini per il Piano tenziale, tenuto conto della natura della trasforma-
Strutturale comunale e relative varianti zione e delle attività ivi previste. L’attuazione può
Cartografie essere anche condizionata al rispetto di specifiche
prescrizioni tese a contenere i possibili rischi d’in-
La relazione è corredata per i territori interessati dai quinamento.
53
Ordine dei Geologi della Toscana

Si pongono quindi limitazioni ad interventi zione da parte del Servizio geologico della Direzione
per problematiche di inquinamento, per problemati- generale delle miniere del Ministero dell’industria,
che di ingressione salina – con specifico riferimento del commercio a dell’artigianato di elementi di co-
alle bonifiche, “interventi interessanti l’entroterra e noscenza relativi alla struttura geologica e geofisica
suscettibili di accentuare fenomeni di salinizzazione e del sottosuolo nazionale.
costipamento dei sedimenti anche in relazione a co-
spicui emungimenti di acque freatiche e alle bonifiche I Comuni rilasciano l’autorizzazione per la
idrauliche” – per problematiche geotecniche a causa coltivazione delle aree di cava a seguito dei pareri
della variazione delle piezometriche in materiali com- e delle prescrizioni delle Provincie, della Regione
pressibili saturi che possono portare a cedimenti o dis- (ASL, ARPAT), dell’AdB e di eventuali consorzi di
sesti, tanto per citarne qualcuna. bonifica o autorità montane che fossero presenti.
Per la messa in opera di piezometri o per l’ese-
cuzione di campagne di prospezione geognostica o
12. Attività estrattive geofisica si rientra nell’ambito autorizzativo provin-
ciale e per quanto riguarda la L. 464/1984 nel campo
di pertinenza di APAT - Agenzia per la protezione
12.1. Normativa di riferimento enti competenti dell’ambiente e per i Servizi Tecnici Nazionali, cui
I geologi si occupano di attività estrattive a pieno ti- fanno capo il Servizio Geologico d’Italia e il Servi-
tolo da circa venti anni, cioè a partire dall’applicazio- zio di Geologia Applicata e Idrogeologia.
ne della L.R. 36/1980, ed attualmente rappresentano
la principale figura professionale che opera in questo 12.2. Indagini idrogeologiche e geochimiche a
settore: dalla prospezione geologico-mineraria alla supporto dei progetti
pianificazione regionale, dalla progettazione di cave
e miniere al recupero di siti estrattivi dimessi, dalla In linea con la normativa, riveste una particolare im-
direzione lavori alla gestione tecnico amministrativa portanza la ricostruzione della geometria dei corpi
delle risorse, dalle valutazioni di impatto ambientale idrici superficiali e sotterranei e, di conseguenza, la
alle bonifiche dei siti inquinati. conoscenza del sistema idrogeologico con il quale
Il geologo può svolgere dunque funzioni diver- l’attività estrattiva può interferire. Un buon inqua-
se, siano queste di natura tecnico-direttiva che di sor- dramento idrogeologico rappresenta il punto di ri-
veglianza: sotto il profilo della qualità del processo ferimento indispensabile su cui tarare il modello di
produttivo, sotto il profilo della sicurezza e igiene valutazione e il sistema di controllo ambientale.
del lavoro, ma anche sotto il profilo della protezione L’impianto del sistema di controllo (piano di
del territorio; in particolare, il geologo svolge man- monitoraggio) deve essere dimensionato e organiz-
sioni di verifica e sorveglianza per l’attuazione delle zato dal punto di vista temporale, per essere in grado
misure di tutela dell’ambiente secondo le normative di ricostruire la situazione di bianco (ante operam),
e le disposizioni autorizzative che possano riguarda- per monitorare il sistema acquifero durante le varie
re la salvaguardia della risorsa idrica. fasi di avanzamento dei lavori e, a conclusione, per
Questi compiti rivestono una grande importan- accertare lo stato ambientale dopo aver ultimato la
za nell’ottica di organizzare un sistema di gestione coltivazione e le operazioni sistemazione a verde
attento ed incisivo in linea con una politica ambien- (post operam). Per questo motivo, le operazioni di
tale avanzata, specchio di scelte imprenditoriali ri- indagine e di analisi devono avere inizio con anticipo
spettose della qualità della vita che in quanto tali, rispetto all’apertura del cantiere.
possono risultare utili all’intera comunità. Il piano di monitoraggio, essendo finalizzato al
In questo campo la normativa cui fare riferi- controllo ed alla verifica dei cambiamenti provoca-
mento è la seguente: ti su diverse componenti ambientali dall’attuazione
L.R. 78/1998 - Testo unico in materia di cave, del progetto, per poter comprendere i meccanismi di
torbiere, miniere, recupero di aree escavate e riutiliz- impatto dell’intervento ed il loro eventuale protrarsi
zo dei residui recuperabili. nel tempo, è possibile che necessiti di aggiornamenti
L.R. 79/1998 - Norme per l’applicazione della periodici. Grazie ad un sistema di controllo puntua-
valutazione di impatto ambientale. le, oltre all’evoluzione dei fenomeni monitorati si
D.Lgs. 152/2006 - Norme in materia di am- ha anche la possibilità di verificare l’efficacia delle
biente. opere di contenimento e mitigazione adottate e di ri-
R.D. 1775/1933 - Testo unico delle disposi- levare fenomeni imprevisti che possono modificare il
zioni di legge sulle acque e sugli impianti elettrici. quadro ambientale in maniera significativa.
L. 464/1984 - Norme per agevolare I’acquisi- Il rilascio dell’autorizzazione, ai sensi della
54
Linee guida di idrogeologia: approccio ai progetti

L.R. 78/1998, viene condizionato all’individuazione - presenza di fitofarmaci o colture intensive;


di una figura professionale ulteriore, il responsabile - atrazina, dieldrin, al drin, etc.;
del piano di monitoraggio, che può essere lo stesso - rifiuti tessili o conciari;
direttore responsabile o persona diversa che comun- - cromo esavalente, ammine, fenoli;
que dovrà sempre relazionarsi a questo. Tutte le di- - industria galvanica;
rettive del responsabile del piano di monitoraggio, a - cianuri e metalli s.l.
cominciare dall’elenco degli incaricati per le varie Nell’allegato 5 alla tabella 2, vengono riportate le
fasi di controllo, come pure tutte le relazioni ed i ri- concentrazioni soglia di contaminazione relativa-
sultati delle analisi effettuate, devono essere inviati mente alle acque sotterranee. In relazione ai risultati
agli organismi deputati al controllo (ARPAT e Co- ottenuti dai rilievi e dalle analisi preliminari (per la
mune) perché questi possano esercitare tempestiva- determinazione del bianco ante operam), il responsa-
mente le proprie funzioni. Il responsabile del piano bile del piano di monitoraggio in accordo con i pro-
di monitoraggio sulla base del programma dei rilievi fessionisti che costituiscono il gruppo di monitorag-
stabilito, è tenuto alla raccolta puntuale dei risultati gio, in relazione a quanto prescritto dalla normativa
conseguiti in ogni fase. Con riferimento ai risultati e di concerto con gli enti di vigilanza, deve definire
ottenuti, il responsabile rovvede a redigere una Re- il campo di variazione da considerare accettabile (%
lazione tecnica di monitoraggio, completa dei docu- in più o in meno rispetto al valore medio).
menti di analisi e dei relativi certificati, illustrando i Se durante le operazioni di controllo in corso
risultati ed inviandola, in relazione ai tempi stabiliti, d’opera, per qualcuno dei parametri sottoposti a pro-
anche in questo caso ad ARPAT e Comune. La rela- va si dovessero riscontrare valori inferiori, ovvero
zione oltre ad elencare i dati raccolti, entra in meri- superiori, a quelli considerati nel campo di variazio-
to al procedere dei lavori e, qualora riguardo ai vari ne naturale, viene superata la soglia di attenzione e
parametri si verifichino scostamenti rispetto alle so- conseguentemente si attiva una procedura di con-
trollo. In relazione a questo, il responsabile del pia-
glie di attenzione previste dalla normativa, propone
no di monitoraggio entra in merito alla problematica
interventi o procedure di lavoro per la mitigazione
individuata e, nel caso che il superamento del valore
o la risoluzione del problema riscontrato. In questo
di soglia sia da imputarsi direttamente alle attività di
caso il responsabile del piano di monitoraggio, se
coltivazione, nella sua relazione individua i sistemi
non coincidente con la figura del direttore responsa-
più consoni di intervento per la modifica delle proce-
bile, comunica immediatamente a questo la natura e
dure di lavoro e se necessario, indica le modalità di
le modalità degli interventi e delle procedure corret-
disinquinamento.
tive individuate.
Facendo riferimento al D.Lgs 152/2006, per la
determinazione dello stato qualitativo delle acque
sotterranee, nell’Allegato 1 sono indicate le modalità
di monitoraggio. In particolare, si specifica che rela-
tivamente a tutti i corpi idrici sotterranei il controllo
dovrà riguardare i parametri di base seguenti:
- tenore di ossigeno
- valore del PH
- conduttività
- nitrati
- ione ammonio
Di caso in caso sarà poi necessario procedere nel-
la ricerca di eventuali altri parametri che potrebbero
essere presenti nella falda acquifera in relazione alla
peculiarità dell’area di studio e di indagine (a titolo
di esempio si riporta qualche caso possibile):
- prossimità del mare;
- cloruri, fluoruri, ferro e manganese (salinità
s.l.);
- rifiuti da attività antropica;
- metalli pesanti, solventi;
- inquinamento da idrocarburi o bitumi;
- idrocarburi leggeri e pesanti, olii, idrocarburi;
55
Bibliografia

ANPA (2001) - Linee guida per la redazione e l’uso delle carte Custodio E., LLamas M.R. (2005) - Idrologia Sotterranea, voll.
della vulnerabilità degli acquiferi all’inquinamento. Ma- I-II. Flaccovio Editore.
nuali e linee guida - 4/2001. Daly D., Dassargues A., Drew D., Dunne S., Goldscheider N.,
Beretta G. P. (1992) - Idrogeologia per il disinquinamento delle Neale S., Popescu I.C., Zwahlen F. (2002) - Main con-
acque sotterranee. Pitagora Editrice Bologna, Bologna, cepts of the “European approach” to karst-groundwater-
Italia, 812 pp. vulnerability assessment and mapping. Hydrogeology
Carrara E., Rapolla A., Roberti N. (1992) - Le indagini geo- Journal, v. 10, pp. 340-345.
fisiche per lo studio del sottosuolo: metodi geolettrici e Doni S., Rossi S. (2007) - Analisi degli impatti idrogeologi-
sismici. Liguori Editore. ci conseguenti alla realizzazione della galleria Vaglia
Casadio M., Elmi E. (2006) - Manuale del Geologo. Ed. Pita- - tratta appenninica FI-BO TAV. Acque Sotterranee, n.
gora. 106/2007.
Castany G. (1985) - Idrogeologia. Flaccovio Editore. Drogue C. (1972) - Drogue, Analyse statistique des hydrogram-
mes de décrue des sources karstiques, J. Hydrol. 15 pp.
Castany G. (1968) - Prospection et methodes de l’hidrogeologie.
49-68.
Dunod, Paris.
Federico F. (1984) - Il processo di drenaggio da una galleria
Celico P. (1986) - Prospezioni idrogeologiche voll. I-II. Liguori
in avanzamento. Rivista Italiana di Geotecnica, 4, pp.
Editore.
191-208.
Cerbini G., Gorla M. (2004) - Idrogeologia Applicata. Principi,
Gattinoni P., Scesi L. (2006) - Analisi del rischio idrogeologi-
metodi e misure. Edizioni Geo-Graph.
co nelle gallerie in roccia a media profondità. Gallerie e
Cerbini G. (1992) - Il manuale delle acque sotterranee. Edizioni grandi opere sotterranee, 79, pp. 69-79.
Geo-Graph.
Maillet E. (1905) - Essais d’Hydraulique Souterraine et Fluvia-
Chiesa G. (1991) - Pozzi per acqua. Ed. Hoepli. le, Herfmann, Paris.
Chiesa G. - Indagini geofisiche nei pozzi. Ed. Geo-Graph. Milsom J. (2003) - Field Geophysics. Ed. Wiley.
Chiesa G. (2001) - Specifiche tecniche per la chiusura di pozzi Meinzer O.E. (1923) - Outline of Ground-Water Hydrology with
abbandonati. Acque sotterranee, Fasc 4, dicembre 2001. Definitions. U.S. Geological Survey Water-Supply Paper,
Civita M. (1972) - Schematizzazione idrogeologica delle sorgen- 494 Washington.
ti normali e delle relative opere di captazione. Memorie e Norinelli A. (1996) - Elementi di Geofisica Applicata. Patron
note Ist. Geol. Appl. Napoli, 12, pp. 1-34. Editore.
Civita M. (1973) - L’infiltrazione potenziale media annua nel Picarelli L., Petrazzuoli S.M., Warren C.D. (2002) - Interazio-
massiccio del Matese (Italia Meridionale). Atti 2° Conv. ne tra gallerie e versanti. Meccanica e Ingegneria delle
Intern. Acque Sotterr., Palermo, pp. 1-14. Rocce (M.I.R.), pp. 219-248.
Civita M. (1987) - La previsione e la prevenzione del rischio Ribacchi R., Graziani A., Boldini D. (2002) - Previsione degli
d’inquinamento delle acque sotterranee a livello regiona- afflussi in galleria e influenza sull’ambiente. Meccanica e
le mediante le Carte di Vulnerabilità. Atti Conv. “Inqui- Ingegneria delle Rocce (M.I.R.), pp. 143-199.
namento delle Acque Sotterranee: Previsione e Preven-
Tanzini M. (2001) - Gallerie. Aspetti geotecnici nella progetta-
zione”, Mantova, pp. 9-18.
zione e costruzione. Collana di Geotecnica e Ingegneria
Civita M. (1994) - Le carte della vulnerabilità degli acquiferi Geotecnica. Flaccovio Editore, Palermo.
all’inquinamento. Teoria & Pratica. Pitagora Editrice,
Tison G. (1960) - Courbe de tarissement, coefficient d’écoule-
325 pp.
ment et perméabilité du bassin. AIHS Ass. Gener. Hel-
Civita M. (2005) - Idrogeologia applicata ed ambientale. Casa sinki, 1.
Editrice Ambrosiana, Milano.
Tunnell G., Pazzagli G. (2001) - L’interazione tra opere in
Civita M., De Maio M. (1997) - SINTACS. Un sistema para- sotterraneo e falde idriche. Un recente caso di studio.
metrico per la valutazione e la cartografia della vulne- AITES-ITA 2001, Progress in tunnelling after 2000, Ed.
rabilità degli acquiferi all’inquinamento. Metodologia e Teucher P., Colombo A., Pàtron, 2, pp. 327-334.
automazione. Pitagora Editrice, 191 pp.
U.S. Army Corps of Engineers - Geophysical Exploration for
Civita M., De Maio M. (2000) - Valutazione e cartografia au- Engineering and Environmental Investigation.
tomatica della vulnerabilità degli acquiferi all’inqui-
Zwalhlen F. (2003) - Vulnerability and risk mapping for the pro-
namento con il sistema parametrico - SINTACS R5 - A
tection of carbonate (karst) aquifers, final report COST
new parametric system for the assessment and automatic
Action 620. European Commission, Directorate-General
mapping of ground water vulnerability to contamination,
for Research, EUR20912,183-200.
Quaderni e Tecniche di Protezione ambientale, 72, Pita-
gora, Bologna, 226 pp., 1 CD ROM.
Civita M., De Maio M., Fiorucci A., Pizzo S., Vigna B. (2002)
Le opere in sotterraneo e il rapporto con l’ambiente: pro-
blematiche idrogeologiche. Meccanica e Ingegneria delle
Rocce (M.I.R.), pp. 73-106.
Custodio E., LLamas M.R. (1996) - Hidrologia Subterranea voll.
I-II Segunda edicion. Edicion Omega S.A. Barcelona.

56