Sei sulla pagina 1di 12

Dott.Ing.Arch.

giovanni Colombo A1360 PG_I_1995 09171 B_de_2003_2011

Cell.nr. +39 33 18 45 07 15 Email: ec_personali@ecologicolombo.net

12.03.2018 PG_I Dott.magistrati Dott.esse magistrati


In Procura della Repubblica sezione penali
06100 Perugia (PG)
Fax.nr.: +39 075
Tel_nr.: +39 075 540 50 17

Con la presente, io sottoscritto Dott.Ing. giovanni Colombo Iscritto A1360 in Ordine


degli Ingegneri della provincia di Perugia, nato ad Perugia il 01.04.1965 ed ivi residente
in Via G.Brufani 18 06124 PG_I, dichiaro, ad risultati di arrivare ad intervento di
caratteri penali del magistrato Dott.essa annamaria Greco, come segue:
inerente ad aver denunciato nel 2008, in loco Rapallo (GE) ed in loco Arona (no) il
PERICOLO DI METTERE IN zone cittadine, ed soprattutto in centri storici, SOLETTE
DI CEMENTO CON RETE ELETTROSALDATA OD SOLETTE DI CEMENTO
ARMATO, COME SOTTOFONDO STRADALE, mettendo in evidenza, che TALI
SISTEMI COSTRUTTIVI VANNO AD POGGIARE SUL terreno OPERANDO UN
SISTEMA AD TAPPO, che per gli edifici in strutturali murali di mattoni LETALE.
INFATTI IL TAPPO NON permette come gli sottofondi stradali tradizionali che di
terreno compattato ove sovrapposta ghiia ad fuso granulometrico apposito stabilizzato,
che oltre ad funzionare da dreno dall’alto del precipitare piovoso, ad entroterra ove
smaltito dall’acqua freatica, consentono in casi di forti PRECIPITAZIONI, DI
SFOGARSI SUL PAVIMENTO STRADALE STESSO IL CRESCERE DELLA FALDA
FREATICA. IL TAPPO NON SOLO STIPA LA FALDA FREATICA MA FAVORENDO
DA parte della capillarita’ del terreno che subito sottostante, IL TRATTENERE ARIA
POICHE’ SENZA spazi per infiltrarsi ad fuga, AUMENTA ANCOR DI PIU’ IL SUO
COSTIPARE la falda freatica stessa, LA QUALE SENZA vie d’uscita, SI INFILTRA IN
Fondazione ed muri portanti dell’edificio, OVE PER RISALITA CAPILLARE IMPLICA
GRAVI INFILTRAZIONI D’ UMIDITA’ CHE NE DIMINUISCONO ANCHE il potere
strutturali portante, ED CON IL SALIRE ED SCENDERE, che dovuto ad periodi secchi
ANCHE PERICOLOSI FENOMENI DI EFFLUORESCENZA CALCAREI.
Nel 2013 inoltre come VENIVANO COMINCIATI I LAVORI EESECUTIVI SECONDO
PROGETTO DELL’INGEGNER EUGENI, CON CUI DISPOSTA UNA SOLETTA DI
CEMENTO DI OLTRE 25 CM ED COLLEGATA TRAMITE RETE ELETTROSALDATA,
ritenevo opportuno, rivolgendomi ad chi lavorava in cantiere, di avvisare che era
migliore lasciare per minimo 2 m di distanza dagli edifici affaccianti in via baglioni ed
piazza matteotti, così da non permettere di COSTIPARE IN MANIERA ERMETICA
Dott.Ing.Arch.giovanni Colombo via G.Brufani 18 06124 PG_I IVA_nr.2819100542
BeurO Germini_Colombo via G.Brufani 18 06124 PG_I Dott(2°).Ing.Arch.giovanni Colombo A1360 PG_I_1995 09171 B_de_2003_2011 IVA_nr.:02819100542

ANTI gli strutturali in fondazione ed scantinti il terreno, così da non PREMERE


DIRETTO SULLE sporgenze strutturali compresi scantinati degli edfici AD
TRASCINAR li verso il BSSO ED INFLETTENDOLI AD SPACCARSI, così da non
CAUSARE CON IL LORO ANCORARSI AD ATTRITO ED AD AMMORSAESI DELLA
SOLETTA SU muri perimetrali stessi degli edifici; ed anche questo suggerire NON
veniva applicato. Questo serve ad dimostrare L’INTENTO DOLOSO
PRETERINTENZIONALE CON CUI NON ascoltando OD ascoltando ED
RITENENDOSI PERFETTI NEL LORO STESSO ERRATO PROGETTO
PORTAVANO ALLA GRAVE SITUAZIONE attuali dimostrata; che consiste con:
a) APRIRSI AD FISARMONICA degli edifici in via fani, evidente sia
NELL’AUMENTO DELLE FESSURAZIONI DELL’edificio ad monte posto destro
se vedenti verso il Comune, CHE AUMENTANO AD occhio anche con distanza
mensile; edificio ad vallr CHE TROVASI AD FESSURARE ED SPACCARE le
pietre secolari dei balconi per INFLETTERSI degli edifici AS APRIRSI AD
FISARMONICA. QUESTO APRIRSI AD FISARMONICA E’ DOVUTO al
rimanere solido il sistema strutturali in fondazione ad monte, contemporaneo,
AL CROLLO TRASCINATO VERSO IL BASSO del sistema strutturali in
fondazione ad valle.
b) TRASCINARE AD DISTACCO l’edificio delle poste ed tribunali sezioni civili con
evidenti FESSURAZIONI LUNGO L’INTERA facciata in via fani, CON
FESSURAZIONI AD DISTACCO ED INFLETTERSI DEGLIarchi strutturali sia
in via fani che in via mazzini che in via baglioni, CON AGGRAVIO evidente
DELL’IMBOZZARSI DELLA parete in via baglioni, che PLURIFESSURATA ED
ANDANTE AD SPANCIARSI CON INGOBBARSI DOVUTO ad come distinti gli
strutturali resistenti dei solai ed irrigidimenti in facciata stessa.
c) IL CONCOMITARE CON I ABUSIVISMI EDILIZI INERENTI: SCALE MOBILI IN
mercato coperto, ALLOCAZIONI BIPIANO IN volte del pincetto, SISTEMA DI
ANCORAGGIO DI MINIMETRO’ ED SCALE MOBILI SOTTO mura; risultano
GRAVI FESSURAZIONI AD AGGRAVARSI:
1) Sistema di volte diraccordo passaggio tra mercato coperto ed via baglioni:
GRAVI FESSURAZIONI IN piu’ punti
2) Sistema di soglie di ingresso ove non nuove per cui costrette tra stipiti
verticali ed sottosoglia, cioe’ ove il movimento di distacco da sottosoglia non
permesso ad flessione, ed qualora di spessore di pochi centimetri, CON LA
FESSURAZIONE AD SPACCARSI di quest’ultime DOVUTA AD
INFLETTERSI del sottosoglia.
3) Anche se posti evidenti tiranti ad impedire L’APRIRSI DELLE volte al
pincetto, risultano evidenti FESSURAZIONI DI QUESTE AD
SPANCIAMENTO ED TAGLIO.


IL FENOMENO CONCOMITANTE E’ DOVUTO SIA AL PREMERE DEL
TERRENO DOVUTO ALLA COSTIPAZIONE DELLA SOLETTA CON RETE
ELETTROSALDATA, infatti in via baglioni si vede il suo spaccarsi ed
abbassarsi differenziato ad secondo della durezza del terreno sottostante,
ED SIA PER COME QUEST’ULTIMA RISULTA RIGIDA AL COMPRIMERE
ED DECROMPRIMERE AD SUI BORDI PERIMETRALI TRASFERENTE I
SISMI IN MANIERA AGGRAVANTE TRA GLI Edifici posti opposti tra i
versanti di via baglioni. INOLTRE IL FENOMENO SISMICO CHE SE
ANCHE DI MINOR ENTITA’ DI QUEST’ULTIMO PARAGONATO AD
QUELLO CHE DISTRUGGEVA la basilica superiore ad Assisi;
COMPROMETTEVA PARECCHIO PIU’ AGGRAVANTE L’INTERO Sistema
del centro storico cittadino di PG, PER PIU’ ERRATI PROGETTI CHE
VENIVANO ESEGUITI:
A) L’ESECUTIVO DEL MINIMETRO’ VOLUTO DA FABIO MARIA
CIUFFINI, IN COMPLICITA’ CON FRANCESCA CIUFFINI IN Ferrovie
dello Stato, ED MASSIMO CIUFFINI IN Studio del Dott.Arch. jean
nouvelle; CHE TRAMITE TRAVI D’ACCIAIO, OVE TRATTO
SCOPERTO DEL MINIMETRO’ AL POSTO di piu’ idonei piloni ad
sospendere come funivia, TRASFERISCONO IN MANIERA PIU’
RIGIDA ED DISCORDE dal trasferire del terreno IL SISMA, PER
ARRIVARE AD TRASFERIRLO AL RIGIDO TUNNEL, CHE APPENA
ANCORATO CON MICROPALI AL TERRENO OVE POSTO, ED
ARRIVANDO PER CUI CON DIFFERENZIATO FREQUENZIALI DAL
TERRENO, AD TRAMITE GLI STRUTTURALI DI MINIMETRO SCALE
MOBILI ED ASCENSORE AL pincetto, CHE ANCHE ESSI FORTI
RIGIDI, AD TRASFERIRLI NON SOLO AD Sottofondazioni ed
fondazioni delle volte del pincetto PERO’ ANCHE alle mura etrusche che
si inclinano planimerico da una parte, ove SCALE MOBILI, all’altra degli
edifici sorretti da volte. IL TRSFERIRSI SISMICO COSI’ RIGIDO
IMPLICA IL CAUSARE DUE MUOVERSI NEGLI edifici ad distanza di
pochi metri, CON OSCILLARE DIVERSI ATTI AD CAUSARE PER
AGGRAVI DI SFORZI DI TAGLIO ED FLETTENTI LA SPACCATURA DI
ESSI.
B) L’ESECUTIVO DEI BIPLANI SOTTO volte del pincetto, AVERE
RACCORDATO STRUTTURALI SE DI SOLO ATTRITTO ED
APPOGGIO OD PIU’ GRAVE LE SOLETTE IN CEMENTO ARMATO
SORREGGENTI DYE PIANI ED SCALINATE ANCHE ESSE IN
CEMENTO ARMATO IMPLICA CHE le volte non hanno piu’ catene ad
archi che funzionando solo come tiranti ed non ad PUNZONI, non ne
permettono LO SPANCIAMENTO. CAUSANDO DUE EFFETTI
DELETRI: UNO DOVUTO AL PESO DELLE STRUTTURE IN
CEMENTO ARMATO CHE SPROFONDANDO NEL TERRENO ANCHE
PER SOLO NATURALE ASSESTAMENTO, IMPLICANO IL

3
BeurO Germini_Colombo via G.Brufani 18 06124 PG_I Dott(2°).Ing.Arch.giovanni Colombo A1360 PG_I_1995 09171 B_de_2003_2011 IVA_nr.:02819100542

TRSCINARE gli appoggi degli archi delle volte AD AVVICINARSI TRA


LORO PROVOCANDONE UNA FUORIUSCITA da noccioli centrali
d’inerzia agli appoggi, ED UNO SCALZARE il concio di chiusura delle
volte VERSO L’ALTO CAUSANDONE LA ROTTURA. DUE IN CASO
SISMICO IL FUNZIONARE AD PUNTONE DELLE SOLETTE RIGIDE DI
CEMENTO ARMATO VA AD DISTRUGGERE il potenziale di resistenza
elastico i come funziona la volta ESERCITANDO UN’ AZIONE DI
TAGLIO ED DI TORSIONE RIGIDA NON dissipabile dall’ elasticita’
PERDUTA della volta.
C) L’ESECUTIVO DI SCALE MOBILI IN mercato coperto. Quivi ESISTE UN
DUPLICE PROBLEMA CHE CONSISTE NEL MONTARE LE SCALE
MOBILI AL posto di rampe al 6%:
UNO ARCHITETTTONICO: basta che voi magistrati vi ponete di
pensiero, di essere legati ad una seggiola ad rotelle, ed IMPROVVISO
MENTRE SIETE IN PROSSIMITA’ DELLA SOLA USCITA anti
INCENDIO, esiste un incendio il il conseguente allarme con cui si
bloccano gli ascensori…. Siete li’ al cominciare delle scale antincendio
mentre una folla di cento persone spaventata si scaraventa ….. di certo
è intuibile, non so’ se ci arriva ANCHE IL CERVELLO DI MICHELE
ADRAGNA, che essere di fronte ad una rampa al 6% che si puo’
percorrere alla propria velocità anche in seggiola ad rotelle ed che non
viene scelta come uscita antincendio migliore da coloro che potendo
correre scelgono le scale antincendio…..
DUE DI CARATTERE STRUTTURALI: LE SCALE MOBILI PESANO
PARECCHIO DI PIU’ CHE LE rampe al 6% ad metro quadrato, PER CUI
OD SI AGGRAPPANO ALLA STRUTTURA MURARIA
CONSENTENDONE ANCOR DI PIU’ CON IL SISMA UNA AZIONE AD
STRAPPO, OD VANNO RINFORZATE ALLE FONDAZIONI
INCREMENTANDO LA DIFFERENZAZIONE DI QUESTE NELLA
risposta ad suolo elastico del terreno PORTANDOLO PRIMA AD UNA
PARZIALE PLASTICIZZAZZIONE CHE ESSENDO DIFFERENZIATA
AL CONTORNO COMPORTA ANCHE DISTINTI VALORIDI
IMBEBIMENTO DOVUTI SIA alla falda freatica che al piovoso,
RISULTATO CON GLI ANNI CHE LA RISPOSTA AD suolo elastico
SEMIPLASTICIZZATO del terreno COMPORTA SQUILIBRI TRA OVE
INCIDENTE LA SCALA MOBILE AD il contorno ove non di
SOVRACCARICO con possibili MOVIMENTI RELATIVI AD
INDEBOLIRE STRUTTURALI SIA LE FONDAZIONI che gli strutturali
elevati.
QUESTO PRBLEMA INOLTRE SI AGGRAVA RAPIDO IN
CONSEGUENZA AD SISMI. Infatti se adesso vediamo planimetrico gli


edifici ove alloggiati gli tribunali della Procura generale corte d’appello,
vediamo tre strisciati:
A1) RIGIDO CORRISPONDENTE AD MINIMETRO’
A2) elastico corrispondente al tratto tra MINIMETRO’ ed mercato coperto
A3) RIGIDO strutturali del mercato coperto
COME L’ONDA SISMICA SI PROPAGAAVVIENE PER CUI CON TRE
VELOCITA’ DI CUI DUE SIMILI AGLI ESTREMI ED UNA PARECCHIO
DIVERSA AL CENTRO. QUESTI MOVIMENTI INDOTTI DAL SISMA
PROVOCANO GRAVI AGGRAVI AD SFORZI DI TAGLIO ED
FLETTENTI NE gli edifici stessi, CHE IN CASO DI SISMA
TENDERANNO AD SPACCARSI AD FETTE LONGITUDINALI ad come
disposti.
D) L’AVERE SOSTITUITO il wintergarden ligneo CON STRUTTURALI IN
ACCIAIO NELLA parte corridoio sospeso nel vuoto della corte d’appello.
QUESTI ELEMENTI D’ACCIAIO ENNO MINIMO 20 VOLTE PIU’
PESANTI ED VENGONO ANCORATI CON SISTEMI AD MENSOLA
RAFFORZATI NELLA muratura CON PILASTRI IN ACCIAIO
INTEGRATI IN essa. L’ EFFETTO DI QUESTA CHE AUMENTA
DRASTICO IN CASO SISMICO, RISULTA UN FENOMENO AD
STRAPPO STRUTTURALI CAUSANTE IMBOZZAMENTO
STRUTTURALI NELLAmuratura, che ancora non visibile perche’ ancora
tenuto dal resistere elstoplastico dei materiali, pero’ con il trascorrere dei
tempi ED POSSIBILI AGGRAVARSI DA SISMI, ARRIVERA’ AD
ESSERE ESPLICITO CON FORMAZIONI AD FESSURAZIONE AD
ABBOZZARSI della muratura stessa.

Che ogni Dott. Magistrato od Dott.essa magistrato puo’ richiedermi


appuntamento ove poter discutere eventuaIi approfondire per procedere come di Leggi
Costituzionali ad arresti ed processare gli evidenti da me citati piu’ volte dimostrati
COLPEVOLI.

pinzati : a) relazionato come perito Organo di Controllo Costituzionale Iscritto ad Ordine degli Ing.

b) Rilievo foto con commento

Dott.Ing.giovanni Colombo A1360 PG_I_1995

3
BeurO Germini_Colombo via G.Brufani 18 06124 PG_I Dott(2°).Ing.Arch.giovanni Colombo A1360 PG_I_1995 09171 B_de_2003_2011 IVA_nr.:02819100542

riLevATo _foto :

Figurativo 1) con Commento Critico:


evidenti rilevate FESSURAZIONI CHE SPACCANO gli mattoni
LASCIANDO AGIRE UN SOVRADIMENSIONATO TAGLIO ATTTOAD INDEBOLIRE
LA volta per arrivare AD CADUTA PER SPANCIAMENTO OD PER CROLLO
di elementi ad TRASLAZIONE RELATIVA VERTICALE ED ORIZZONTALE.


FIGURATIVO 2°) Commento Critico: probabile che l’Arco ad cinque
teste di mattoni, ed è ipotesi più favorevole ad non COMPLETO
CROLLO, non sia solo il filare di facciata, da cui minimo

3
BeurO Germini_Colombo via G.Brufani 18 06124 PG_I Dott(2°).Ing.Arch.giovanni Colombo A1360 PG_I_1995 09171 B_de_2003_2011 IVA_nr.:02819100542

l’intero arco di 6 teste di mattoni sia di spessore di 5 teste


di mattoni. In queste San fortunate circostanze , trotzdem il
CROLLLO DOVUTO ALLA MANOMISSIONE DEGLI elementi strutturali
originali CON PROGETTI MINIMETRO’, SOLATTE C.A. A D DUE PIANI,
SCALE MOBILI IN mercato Coperto, SOLETTA DI CEMENTO ARMATO DI
RETE ELETTROSALDATA COME SOTTOFONDO PER pavimento pavè,risulta
NON tardare di tanto. LA FESSURAZIONE dimostra IL DISTACCO DEL
filare da una testata sola, che ci si augura lanon sola per
facciata, che di 5 teste di mattoni, DA ulteriori che se di mono
od bitestata reggono Solo perché la 5 teste di mattoni Contiene
gli sforzi verticali, se di più teste come , ci si augura, cioe’
il completo arco, LA FESSURAZIONE RISULTA DA SFORZI DI TAGLIO
NON contenibili dall’Arco stesso CHE DOVUTI AD
SOVRASOLLECITAZIONI, APPORTANTI LA RATTURA AD SCHIACCIARSI
DELL’ARCO INTERNO PERAGANOATO AD QUELLO DI FACCIATA CHE MENO
SOLLECITATAO. LO SFORZO DI TAGLIO TRA L’ELEMENTO ESTERNO ED
QUELLO DI ARCO INTERNO PROVOCANDO DEFORMAZIONI DIVERSE APPORTA
LA ROTTURA DEGLI elementi ammorsati tra gli distinti strutturali
NON piu’ pari sollecitati come quando venivano costruiti.


Figurativo 3): commento critico: quivi si vedono le mura di cinta
della città etrusca, che di marmo piu’ chiaro che attraversano
le mura di spina su cui si fondano le volte del pincetto. Non si
vede una TRAVE IN CEMENTO ARMATO CHE COLLEGA QUESTE ULTIME MURA
AD ANCORARE ENTRO mura etrusche, TTRAVERSANDO il portone

3
BeurO Germini_Colombo via G.Brufani 18 06124 PG_I Dott(2°).Ing.Arch.giovanni Colombo A1360 PG_I_1995 09171 B_de_2003_2011 IVA_nr.:02819100542

etrusco. ERRORI EVIDENTI SONO IL ARRRIVARE AL nle basi di


fondazione di mura etrusche CON L’IRRIGIDITO STRUTTURALI DELLE
SCALE MOBILI DEL MINIMETRO’. ERRORE DA ATTRIBUIRE AD FABIO MARIA
CIUFFINI Ed non Ad Dott.Ing. Baglioni che veniva interpellato da
CIUFFINI per gli Ing._calcoli strutturali che LUINON conosce
come svolgere. TALE IRRIGIDIRE E’ AUMENTATO DAL TRAVONE DI
CEMENTO ARMATO ED OLTRE AD TRASFERIRE AD VELOCITA’ ED INTENSITA’
DIVERSE IL SISMA AD fondazioni murarie etrusche, ARRIVA TRAMITE
TRAVONE AD SCARICARLE ULTERIORI ANCHE ENTRO mura etrusche con
l’ANCORARE DOVUTO AD TRAVONE DI CEMENTO ARMATO, CHE probabile
OVE ANCORAVANO ANCHE I TIRANTI visibili in facciata degli archi
delle volte del pincetto, che VOLEVANO ESSERE DI CONTENIMENTO AD
SPANCIARSI delle volte di mattoni del pincetto. INOLTRE LE
PRETESE DEL CIUFFINI DI ARRIVARE ALLE mura etrusche CON LE
STRUTTURE DI CEMENTO ARMATOD DEL MINIMETRO’ COMPORTAVANO SCAVI
CHE ANDAVANO PARZIALI AD DISTRUGGERE le mura di cinta etrusche
stesse. QUESTO DIFETTO COMPORTAVA IL TRASFERIRSI SISMICO RIGIDO
DA UNA PARTE ALL’ALTRA DELLA città TRAMITE GLI RIGIDI SISTEMI AD
TRAVI D’ACCIAIO DEL MINIMETRO’ CHE CONTINUAVANO TRAMITE RIGIDO
TUNNEL ED SI COMPLETAVANO ANCORANDOSI ALLe basi delle cinta
murarie etrusche COMPORTANDO IL TRASFERIRSI DEL SISMA AGGRAVATO
NELL’intera struttura anti sismica della città di PG come sacca
elastica. DI FATTO è rilevabile ANCHE CHE la rocca paolina con
il terremoto con epicentro piu’ vicino che DISTRUGGEVA la
basilica superiore d’Assisi, non FESSURAVA la Rocca Paolina,
mentre IL TERREMOTO CON EPICENTRO PARECCHIO PIU’ LONTANO CHE
COLPIVA AMATRICE ed norcia nell’ultimo periodo, CHE ARRIVAVA AD
PG con entita’ parecchio ridotta FESSURAVA GRAVE VARIE parti
anche della Rocca Paolina.


Figurativi 4) et 5) commenti critici: vedendo gli filari di coppi
si puo’ notare evidenti tratti di DEVIARE DI QUESTI PER TRASLARE
ORIZZONTALI ED/OD VERTICALI, IL CHE implica CHE VI ESISTONO
MOVIMENTI REALITIVI AL TETTO CHE AHANNO SPOSTATO GLI APPOGGI
delle travi lignee che evidenti essendo elastiche non hanno

3
BeurO Germini_Colombo via G.Brufani 18 06124 PG_I Dott(2°).Ing.Arch.giovanni Colombo A1360 PG_I_1995 09171 B_de_2003_2011 IVA_nr.:02819100542

COMPORTATO UN CROLLO STRUTTURALE. Questo puo’ essere motivato,


DAL FATTO che gli muri ove appoggiano le travi lignee sono UNO
ANCORATO ALLA spina delle cinte murarie etrusche, ed uno ancorato
alle volte dalla parte delle cita murarie delle volte del
pincetto. IL TRASFERIRSI SIA DEGLI SPOSTAMENTI DI TERRENO CON
SOVRACCARICO CHE FANNO SCENDERE ED ROMPERSI AD FISARMONICA gli
edifici dall’altra parte di via Baglioni DOVUTI AD predescritti
PROBLEMI INSORTI CON LA SOLETTA DI CEMENTO ARMATO DI RETE
METALLICA USATA COME SOTTOFONDO STRADALE; ED IL TRASFERIRSI
SIMICO CHE RIGIDO ED SEMIRIGIDO AGLI estremi dell’edificio,
COINCIDENZA CON MINIMETRO’ RIGIDO ED COINCIDENZA CON mercato
coperto SEMIRIGIDO CON SUO OSCILLARE FREQUENZIALE ED DI ALTEZZA
ED LUNGHEZZA D’ONDA ED VELOCITA’ CONSEGUENTE NON uguale AD QUELLA
DELLA parte centrale dell’edificio che forte piu’ elastica
dovuta solo ad terreno. ILDISTINGUO DELLE DUE VELOCITA’ COMPORTA
LO SPACCARSI LONGITUDINALE dell’edificio tra pezzo centrali ed
pezzi laterali.