Sei sulla pagina 1di 32

Ora tocca

a Biden
Gramaglia pag. 13 Coronavirus,
il piano italiano
dei vaccini
Mangano pag. 8

La Voce e Il Tempo La scomparsa


via Val della Torre, 3
10149 Torino di Alfieri
Mirafiori tel. 011 51.56.391/392
redazione@vocetempo.it Castellani pag. 5
si sente CONTIENE I.P.

abbandonato Sped. in A.P.-D.L. 353/2003


(conv. in L.27/02/2004 n° 46)
art.1 comma 1, CB-NO/Torino.
Di Lullo pag. 5

La Voce del Popolo Il Nostro Tempo

Settimanale - Anno 75 - n. 47 1,50 ¤ www.vocetempo.it Domenica, 20 dicembre 2020

SCRIVE L’ARCIVESCOVO CORONAVIRUS

Natale, Una stella


vi annuncio nel cielo
una grande dell’anno
gioia
Cari amici,
più difficile
il Natale di Gesù Cristo solleva
nell’animo di ogni credente, Così, improvvisamente, è
ma anche di tanti uomini e Natale ed è bello come i so-
donne che praticano altre gni che s’avverano.
religioni o non credenti, pro- Così, improvvisamente, ci
fonda gioia ed ispira senti- eravamo trovati soli nel de-
menti di pace e di amore, per- serto del virus… «Ognuno
ché, come ogni nascita, esalta sta sul cuor della terra»,
la vita sulla morte ed apre il come scrive Salvatore Quasi-
cuore ad un futuro migliore. modo, «trafitto da un raggio
«Ecco, vi annuncio una gran- di sole ed è subito sera».
de gioia che è per tutti: oggi vi Lo è stato per tanti, troppi,
è nato un Salvatore» cantano oltre 50 mila, una città. Soli,

Per Natale
gli angeli sulla grotta di Bet- davanti a Dio e al mistero.
lemme. Soli, di fronte all’immenso,
Sì, il Natale è un evento, che ma con la forza della fede.
dà speranza a chi soffre si- Soli, di fronte ad una pande-
tuazioni di dolore e non tro- mia spietata che sembra non
va pace nelle sue difficoltà avere fine e ci fa impazzire,

avrò
personali e familiari. Perché ma finirà.
la nascita del Figlio di Dio è Soli, i ricoverati in ospedale,
la vera ed unica certezza che che non possono parlare
Lui è dalla nostra parte, si fa con nessuno perché hanno
✠ Cesare NOSIGLIA Gian Mario RICCIARDI
Continua a pag. 20 Continua a pag. 2

Messaggio
al mondo della Salute
Il fascicolo ai lettori con questo
numero del giornale
una casa Auguri
amici lettori!
Questo è l’ultimo
numero de «La Voce e
Storie di speranza – Il gesto di una vedova che ha il Tempo» prima della
accolto un profugo nella sua abitazione, di una immigrata pausa natalizia. Torne-
remo in edicola venerdì
che dividerà il tetto con un’altra donna ed i suoi bambini. 1 gennaio. Agli amici
lettori i migliori auguri!
Segni di speranza che fanno vera la festa. Bello pag. 2
COMMOSSO CORDOGLIO – FU A LUNGO DIRETTORE DE «IL NOSTRO TEMPO»

NOSIGLIA PER NATALE


Addio, caro Beppe Del Colle
Lettera Con la morte di Beppe Del rialista di «Avvenire», fu a

ai detenuti
Colle è scomparso a Torino lungo direttore de «il nostro
la sera del 9 dicembre uno tempo», prima che il gior-
dei protagonisti del giorna- nale confluisse ne «La Voce
Quest’anno, a causa delle nor- lismo italiano nell’ultimo e Il Tempo». Lo ricordiamo
me anti Covid, l’Arcivescovo mezzo secolo. Già vicedi- con commozione e ricono-
non può celebrare la Messa rettore e notista politico di scenza.
di Natale nel carcere Lorusso «Famiglia Cristiana», edito- Pagine 16-17
e Cutugno e nell’Istituto mi-
norile Ferrante Aporti (nella
foto). Per questo, attraverso la
nostra rubrica «La Voce den-
tro», invia una lettera a tutti
«gli amici» reclusi dei peni-
W eb Segui gli
aggiornamenti
sul sito
Missonari
Consolata,
Anno
San Giuseppe,
servizio
tenziari torinesi. Pagina 3 www.vocetempo.it del giornale gallery
2 TERRITORIO DOMENICA, 20 DICEMBRE 2020

Gli incontri STORIE DI ACCOGLIENZA – A POCHI GIORNI DAL 25 DICEMBRE, TRE TESTIMONIANZE DI COME ANCHE IN C

SABATO 19
dell’Arcivescovo

Alle 17 nella chiesa della Piccola Casa della Divina Provvidenza


(Cottolengo) in Torino, presiede la Messa di ringraziamento in
occasione della promulgazione del decreto di venerabilità di
Awa: «Per Nata
La donna con due bimbe aveva bisogno urgente di una abitazione,
suor Maria Carola Cecchin.
in attesa, una connazionale da una settimana la accoglie nella sua casa,
DOMENICA 20
dove con marito e figli non hanno nemmeno lo spazio per un tavolo…
Alle 11.15 nella parrocchia Santa Giovanna d’Arco in Torino
presiede la Messa. e sarà un Natale diverso anche per Mamadou che rischiava di tornare
Alle 16 nella parrocchia Maria Speranza Nostra in Torino
presiede la Messa di Ordinazione diaconale di un membro sulla strada, ma venerdì ha conosciuto Laura che ha deciso di aprire
dell’Istituto dei Missionari della Consolata.
la porta della sua casa, rimasta più vuota dopo la morte del marito,
LUNEDÌ 21
regalandogli così una preziosa opportunità
In mattinata in Arcivescovado a Torino riceve in udienza su

G
appuntamento.
Alle 12 presso il Seminario Metropolitano di Torino (via XX razie a Fati- allo stesso paese e sono arri-
Settembre, 83) tiene la conferenza stampa di Natale. ma il Natale vate in Italia per cercare for-
di Awa sarà tuna, non da poco, hanno fa-
GIOVEDÌ 24 diverso, per miglia, Awa parla benissimo
lei e le sue l’italiano, ha studiato nella
Nel tardo pomeriggio in Arcivescovado a Torino incontra alcune due bambi- città di origine come infer-
realtà caritative diocesane. ne ci sarà un miera e qui ha seguito corsi
Alle 20 in Cattedrale a Torino presiede la Messa della Notte di posto sicuro in una struttura e sta cercando di far ricono-
Natale. che i servizi sociali avevano scere il suo titolo di studio, ha
individuato già tempo fa. E, avuto due figlie, ma la situa-
VENERDÌ 25 se anche ci fossero ritardi o zione in casa negli ultimi tem-
imprevisti, non sarà per stra- pi si è rivelata drammatica,
Alle 10.30 in Cattedrale a Susa presiede la Messa di Natale. da, non sarà più nella dispe- insostenibile. Awa ha paura
razione come qualche mese per lei e le sue bimbe, i servizi
SABATO 26 fa, perché già ora può spera- sociali si attivano, ma il Covid
re – per la seconda volta nella rende tutto complicato, dove
Alle 16 nella chiesa parrocchiale di Novaretto di Caprie presiede sua vita – in un futuro diver- doveva essere inserita c’è una
la Messa e amministra il sacramento della Confermazione. so. È musulmana, ma anche situazione di isolamento e si
per lei, ormai qui in Italia deve aspettare. Fatima lo vie-
GIOVEDÌ 31 da molti anni, questi sono ne a sapere, (appartengono
giorni di festa che rischiava- alla stessa comunità etnica), e
Alle 18 al santuario della Consolata in Torino presiede la Messa no di essere giorni di gran- sa che per sfuggire alla situa-
con il canto del Te Deum. de sofferenza. «Se il Natale» zione Awa rischia di stare per
In serata porge un indirizzo di saluto alla comunità e agli ospiti commenta Giada Pettorossi, strada con le piccole. «Stava-
del Sermig. volontaria dell’Ufficio della mo cercando di capire come
Pastorale Migranti, che segue fare», prosegue la volontaria,
VENERDÌ 1° GENNAIO 2021 Awa, «è accogliere un Bambi- «quando 10 giorni fa arriva-
no, è aprire la porta del cuore no insieme da noi. Fatima
Alle 10.30 nel santuario della Madonna dei Fiori in Bra presiede alla speranza, ecco che Awa aveva trovato la soluzione».
la Messa. accolta da Fatima, testimonia Arrivano alla Pastorale Mi-
Alle 18 in Cattedrale a Susa presiede la Messa. che il messaggio del Natale è granti e Fatima riferisce sem-
per tutti, è un invito per tut- plicemente: «fino a che non
MERCOLEDÌ 6 ti a fare spazio nelle nostre avranno posto, Awa e le sue
vite a chi è in difficoltà». E di figlie possono stare da me,
Alle 10.30 in Cattedrale a Torino presiede la Messa dell’Epifania spazio Fatima ne ha fatto pur non posso lasciarla così, non
con la celebrazione della Festa dei Popoli. avendone poco… ho cuore di pensarla fuori
Alle 18 in Cattedrale a Susa presiede la Messa dell’Epifania con Awa e Fatima (nomi di fanta- casa, senza nessuno». Fatima
la celebrazione della Festa dei Popoli. sia) vivono a Torino, hanno ha marito e tre figli minori,
una storia di emigrazione vivono in una casa dove non
DOMENICA 10 dall’Africa. Appartengono hanno nemmeno spazio per

Alle 15.30 presso la sede dell’Ordo Virginum in Torino (corso


Matteotti 11) incontra le consacrate e presiede la Messa.
Una stella nel cielo sul marmo tra le melodie
straordinarie, i regali, le ta-
vole imbandite, il Natale dei

Tesseramento Mias-Faci 2021


dell’anno più difficile «natalini», quelli che vanno
in chiesa una volta l’anno.
Più di ogni altro, il Natale
Si ricorda la scadenza del 31 gennaio 2021 per il versamen- 2020 è la gioia della rinasci-
to delle quote personali MIAS e FACI per l’anno 2021 (80 Segue da pag. 1 dolore; può scatenare la di- ta, anche nella sofferenza
euro + 25 euro). Modalità di pagamento: sperazione ma anche no. Per vissuta o percepita. C’è una
- presso lo sportello della Tesoreria – orario dalle 9 alle 13 lo scafandro del ventilatore noi, figli del consumismo, luce… Senza, il mondo sa-
solo ed esclusivamente su appuntamento da concordarsi e la paura dell’ignoto. Non si tratta di un’esperienza rebbe grigio, banale, pesan-
previo contatto telefonico ai numeri 011.5156.332 – 331. abbiamo notizie per giorni che, come tutti, vorremmo te, insopportabile. Quella
- Bonifico bancario: Banca Intesa San Paolo su c/c intestato dei malati, nonostante la evitare. A volte non si può luce ci guiderà fino alla fine
a: «ARCIDIOCESI DI TORINO - TESORERIA CURIA AR- buona volontà di medici e e si piange: il pianto aiuta a di questa vita: scalderà i gior-
CIVESCOVILE IBAN IT 70 B 03069 09606 100000 110800 infermieri cui va la nostra liberarsi. Aiuta tanto, come ni, le ore, i minuti, gli sguar-
con causale «don………anno 2021» riconoscenza per ciò che ci la fede, e ci offre un’ancora di e, quando potremo, gli
Attenzione: questo codice IBAN va utilizzato esclusivamente danno a casa, negli ospedali, cui aggrapparci per ritrovare abbracci.
per i versamenti MIAS/FACI. nelle residenze per anziani. la finezza dei sentimenti. Ha So cosa vuol dire quando
Parliamo coi malati in video- scritto Papa Ratzinger: «Dio una mano si stacca dalla tua:
chiamata, spesso per l’ultima mi ha privato della parola è la desolazione, l’angoscia,
Chiusura uffici matrimoni volta. Come è successo a me, per farmi gustare e apprez- lo sgomento. È durissima
e disciplina dei sacramenti succede e, forse, purtroppo,
succederà ancora. È così che
zare il silenzio». Che fede!
Certo, a volte, Dio tace. Non
da sopportare con tutte le
nostre fragilità, gli errori,
Per i giorni del Tempo di Natale saranno osservati i ci scopriamo: impotenti di lo fa perché è stanco mentre le invidie, il lavoro, i bimbi,
seguenti periodi di chiusura: ufficio matrimoni (per la fronte al male, zittiti dall’an- noi piangiamo. Vorremmo la scuola. Ma la strada per
vidimazione dei documenti): da lunedì 21 dicembre a goscia, impietriti dal dolore. tutti capire quei silenzi! uscire da questo isolamento
venerdì 8 gennaio. Riaprirà lunedì 11 gennaio. Ufficio Capita a noi, nell’epoca del- I nostri nonni, durante la di incertezza sta solo là, in
disciplina dei sacramenti: da lunedì 21 dicembre a ve- le parole: quante inutili (dai guerra, andavano nei ripari quella stella. O ci crediamo
nerdì 8 gennaio 2021. Riaprirà lunedì 11 gennaio. Per social e sulle tv)! Quante e, da noi, nei «crutin». Si sa- o lasciamo che il mondo giri,
eventuali necessità si è pregati di contattare l’ufficio cattive e dette per ferire, per peva che il pericolo arrivava magari al contrario, come
interessato o la cancelleria, così da programmare come colpire, per far soffrire. Ora, dal cielo, dalle spie, dall’o- adesso.
rispondere alle esigenze e concordare un appuntamento sono le parole non dette dio. Oggi, il nemico subdo- Quante volte ci hanno detto:
nei modi e tempi possibili. a farci male dentro. Ricor- lo, cinico e baro si nasconde. «Dio non abita più nella mia
do una pergamena che mi Siamo soli, nelle case riscal- casa: troppo dolore». Non è
diedero gli ex deportati nei date, collegate con internet, così: Dio c’è, anche se i suoi
Ufficio abbonamenti campi di concentramento con la paura del contagio e disegni non sono i nostri. C’è
Questo è l’ultimo numero de «La Voce e Il Tempo» prima nazisti; vi si legge: «Avete il sospetto diffuso della ma- scritto nel Qoèlet della Bib-
della pausa natalizia. Torneremo in edicola venerdì 1 gen- ascoltato le nostre parole e lattia. bia: «C’è un tempo per…».
naio. L’ufficio abbonamenti sarà chiuso da lunedì 21 a ve- i loro silenzi. Insieme per- Possiamo sforzarci di non Ecco, c’è il tempo delle lacri-
nerdì 25; riaprirà il 28 dicembre con le consuete modalità. correremo il sentiero della coltivare soltanto l’angoscia me, dei brividi, dei tremori,
Agli amici lettori i migliori auguri! memoria». Che profondità, di Maria, sorella di Lazzaro: della debolezza, dello sgo-
quale finezza di sentimenti! «Signore, se tu fossi stato mento, ma può anticipare il
Proprio così perché, a vol- qui mio fratello non sareb- ritorno della vita. Dobbiamo
Carmelo Moncalieri, Novena e Natale te, prima non siamo riusciti be morto». È risorto. Come riuscire però ad agganciare
Le monache carmelitane Scalze del Carmelo San Giuseppe semplicemente ad ascoltare; Gesù. Sì, c’è una luce in quella stella, lassù nel cielo,
di Moncalieri (piazza Maria degli Angeli, 1), dopo aver cele- ora salutiamo i nostri affet- fondo al tunnel: è quella di e portarla in noi. La traver-
brato la festa della Beata Maria degli Angeli il 16 dicembre, ti soltanto con gli occhi, il Betlemme. Oggi, la stiamo sata del deserto finirà. Ci fu
dal 17 dicembre propongono la Novena con i seguenti ora- cuore e le lacrime. È la tra- aspettando con la pelle ed il la manna; ci sarà il vaccino.
ri: alle 17 Vespri, 17.30 Rosario, ore 18 Canto della Novena gedia del 2020: l’incontro di cuore che bruciano; in altri Buon Natale, amici miei!
di Natale. Il 24 dicembre la Messa sarà alle 20 e il 25 alle 8. massa, ed improvviso, con il anni è passata come l’acqua Gian Mario RICCIARDI
DOMENICA, 20 DICEMBRE 2020 TERRITORIO 3
ONDIZIONI DIVERSE, ANCHE CON LA PANDEMIA SI POSSA APRIRE LA PORTA, DONARE UN 2021 PIÙ SERENO A CHI FATICA

le avrò una casa»


un tavolo su cui mangiare si è aperta. «E lo sguardo di cibo senza fare conti». segnato dall’epidemia, che
in 5 «ma non importa, io Awa», conclude la volonta- E questo sarà un Natale di appesantisce le speranze»,
non posso stare tranquilla a ria, «non è più quello di pri- speranza anche per Mama- commenta il direttore della
pensare che io ho una casa e ma, ha una luce di speranza dou (nome di fantasia) nige- Pastorale Migranti Sergio
loro no». Sa che con il Covid
accogliere significa esporsi
maggiormente al rischio di
che prima non si scorgeva:
la situazione non è sempli-
ce, ma ora ha sperimentato
riano, viveva negli scantinati
del Moi, poi era entrato in
un progetto di accoglienza,
Durando, «ma al tempo
stesso che fa emergere la
bellezza del dono, la voglia
L’Arcivescovo
contagio, sa che una bimba
piccola (dovrà essere inserita
il calore di una accoglienza
fraterna, ha sentito vicino
aveva un tirocinio retribu-
ito, poteva permettersi un
di mettersi in gioco.. di non
lasciare indietro nessuno, di
scrive ai fratelli
al nido) e una che frequenta
la primaria non sono sempli-
ci da gestire in spazi stretti
qualcuno che per il semplice
fatto di non riuscire a non
pensare che potesse avere
tetto… ma a causa del Covid
la ditta dove lavorava non ha
potuto mantenergli il posto
non arrendersi alle limitazio-
ni che il Covid impone».
Come non si è arresa Anna:
e alle sorelle
con i suoi tre figli, ma la sua
porta in Barriera di Milano
bisogno di aiuto ha condivi-
so il poco, i suoi spazi, il suo
e ora stava per finire di nuo-
vo per strada, ancora una
insegna italiano a un grup-
po di stranieri, molti vivono in carcere
volta senza una casa. Ma due nei dormitori e senza quelle
settimane fa Laura (nome di lezioni sarebbero per strada, Cari fratelli, sorelle, e amici
fantasia), una docente uni- ancora più in difficoltà. E vi scrivo in occasione della festa del Na-
versitaria prende una deci- allora Anna, che non è più tale e vi porto il saluto e la benedizione
sione: la sua casa grande, ri- giovane, quasi ogni giorno del Signore, che viene a salvarci dal pec-
masta più vuota dalla morte dalla sua casa fa quasi 7 chi- cato e da ogni male: egli si fa uno di noi
del marito potrebbe servire lometri a piedi, tra andata per condividere fino in fondo la nostra
per accogliere qualcuno. e ritorno, per raggiungere sorte.Questa lettera esprime l’affetto
«Venerdì si sono incontrati, le aule: «così non prendo i che, come Vescovo, nutro per voi, che
non senza emozione e timo- mezzi pubblici e i miei fami- siete cari al mio cuore, perché vivete in
ri, e ora per entrambi questo liari sono tranquilli rispetto situazioni di grave sofferenza e siete biso-
Natale sarà diverso». al rischio di contagio e non gnosi del perdono e della misericordia
Una altra porta che si apre lascio i miei studenti: se no del Signore, ma anche di una parola di
per dare un’opportunità di come farebbero senza poter fiducia e di speranza, che nasce dalla
futuro a chi ha conosciuto studiare e senza un posto? fede in Cristo. È la parola di pace che
dolore, sofferenza, pover- Che ne sarebbe di loro in gli angeli hanno cantato ed augurato
tà: «sono gesti preziosi che questo lockdown?», ha do- nella notte santa: pace agli uomini che
arrivano a fine di un anno mandato come se fosse la Dio ama. Il Natale ci ricorda che Gesù
cosa più naturale del mondo Cristo, ha preso su di sé le nostre miserie
a chi l’ha incontrata mentre e sofferenze, ci ha liberato e salvato dal
camminava spedita in una peccato e vive oggi in mezzo a noi, è il
zona lontana da casa per an- Dio con noi, che sempre ci avvicina e ci
dare a svolgere il suo servizio. conforta con la sua amicizia e la forza
Anna per continuare Come farà? Che ne sarebbe del suo Spirito fonte di liberazione e di
di loro? Le domande di Fa- gioia interiore.
a insegnare italiano tima, di Laura, di Anna… le Gesù vuole incontrarvi uno ad uno;
domande che tanti nella no- accoglie le vostre preghiere, le vostre
percorre a piedi 7 km, stra citta, nelle parrocchie, segrete aspirazioni del cuore, il vostro
nei gruppi, nelle famiglie, si pentimento, ma anche la vostra voglia di
molti giovani sono ospiti pongono, cambiando con la riscatto e di rinnovamento; vuole aiutar-
loro risposta, non solo il Na- vi a non disperare mai del suo sostegno
dei dormitori, tale, ma un pezzo di futuro anche quando sembra che tutto vada
e lo sguardo sul presente di in rovina e la disperazione penetri nel
senza lezioni chi è in difficoltà, ma anche cuore. No, tutto può e deve ricomin-
di chi li incontra per strada ciare, perché con la fede nel Signore è
«dove andrebbero?» e ne coglie il sorriso fidu- possibile!
cioso del servizio e dell’ac- Gesù, vi rivolge la parola consolante che
coglienza che non fanno tante volte ha detto a gente che si trova-
conti… va in condizioni di condanna : io non
Federica BELLO ti condanno; coraggio, riprendi forza e
vigore e credi in te stesso e nelle risorse
positive che hai dentro il cuore; va’ e
non peccare più!
UNA FIABA – RICEVIAMO DAL MONASTERO COTTOLENGHINO DI CLAUSURA «SAN GIUSEPPE» Il Natale ci ricorda che questo tempo
pur così difficile data la pandemia che

Babbo Natale ha poco lavoro


ci ha colpito, è santificato dalla presenza
del Signore ed è tempo propizio per
convertire il nostro cuore a lui e acco-
gliere il suo perdono, che è fonte di gio-
Abbiamo ricevuto dalle Sorelle del Maria… è già il 24… nona ia e serenità. Anche il tempo trascorso
Monastero cottolenghino di clau- sera, arriva il grande protago- in carcere è tempo di Dio ed è tempo
sura «San Giuseppe» di Torino nista: Gesù! di riscatto e di redenzione dalla colpa
una fiaba scritta per tutti i bam- Babbo Natale si complimenta commessa; tempo di fiducia per poter
bini che quest’anno vivono il Na- con i bambini: «Bravi! Avete riprendere il cammino della vita rinno-
tale nella Pandemia. Ringrazia- trovato il regalo più impor- vati! Lo so bene che in carcere le con-
mo le Sorelle per il dono natalizio tante: il piccolo Gesù! A lui dizioni di vita sono difficili e rischiano
ai nostri piccoli che fa molto bene potete esprimere tutti i vostri di spersonalizzare la persona e scorag-
anche ai grandi che invitiamo a desideri. Condividiamo sulla giarne la volontà di riscatto e di ripresa
leggere ai loro bimbi… chat. Cosa possiamo chiedere morale. Ci si lascia andare, e vivere senza
a Gesù?». prendere in mano, con forza e coraggio,
Siamo nell’anno 2020, in I bambini subito si attivano: la propria esistenza. Davanti a Dio però
piena pandemia: molti i ne- «che la nonna guarisca», scri- noi restiamo sempre suoi figli e figlie,
gozi sono chiusi e i soldi sono ve il primo, «che il papà torni amati e prediletti, e possiamo riscattarci
pochi. Si avvicina il Natale. I con noi», scrive un secondo, dalle nostre colpe, aprendo il cuore alla
bambini attendono la festa, «che finiscano le guerre» fiducia in Lui e nel suo perdono.
i regali, scrivono letterine scrive un terzo… i messaggi si Da queste considerazioni nasce un
a Babbo Natale con la lista ti ripensa, gli viene un’idea! bambini sono tutti in fermen- moltiplicano: «che finisca la chiaro invito, che voglio rivolgere a
dei loro desideri, come ogni Certo, parla tra sé, faremo to, i genitori ridono sotto i pandemia», «che tutti i bam- ciascuno di voi: chi si trova in carcere,
anno, anche se sanno che una caccia al tesoro durante baffi, partono chat come una bini abbiano vicino i genitori pensa con rimpianto o con rimorso ai
questo Natale sarà diverso… la novena di Natale sul profi- valanga: i bambini si consul- e i nonni per Natale», «che i giorni in cui era libero e subisce con
In un grande palazzo, alla lo Facebook della parrocchia, tano con i loro amici, si con- bambini malati possano gua- pesantezza il tempo presente, che non
periferia di una grande città, presenterà Babbo Natale, sultano con i genitori e dopo rire», «che la mamma non sembra passare mai. In questa situazio-
due fratellini sono intenti a tanto quest’anno ha poco essersi spremute ben bene le pianga più perché il papà ne difficile può recare aiuto una forte
scrivere cosa desidererebbe- lavoro, ride sotto i baffi! Si meningi, ci arrivano: è la stra- non trova lavoro»… «che la esperienza di fraternità. E una ripresa
ro trovare sotto l’albero. Di- immagina la scena: ogni sera da! Evviva!!! mia sorellina smetta di farmi della propria fede da cui è possibile
scutono tra loro sui regali da un indizio e chissà dove arri- Seconda sera: «Ti proteg- i dispetti…», «che per il mio trarre motivi di speranza e di pace inte-
chiedere. La mamma dalla veremo, pensa, sfregandosi le go dal freddo anche se non cagnolino Tap, ci sia un po- riore. Vogliamo infine ricordare davanti
cucina li sente parlare e so- mani… sono morbida. Cosa sono?». sto nel paradiso degli anima- a Dio le vostre famiglie, i vostri cari, per-
spira: come potranno, lei e Avvisati in tempo con un Anche qui consultazioni e li…», che… che … che…, è ché il Signore li assista e dia loro la for-
il papà, far capire ai bambini messaggio Whatsapp, tutti ipotesi a non finire e dopo un un fiume di messaggi. za di starvi vicino ed offrirvi il sostegno
che quest’anno dovranno ri- i bambini del catechismo, lungo ragionare ecco la luce: Babbo Natale è commosso necessario del loro amore. Il Natale sia
nunciare a parecchi dei loro puntuali si collegano e la sera è la grotta!; terza sera: le pe- e contento: i bambini han- fonte di serenità per tutti e confermi
sogni? del 16 dicembre, comincia core… i bambini capiscono: no capito chi porta i regali la certezza di sapersi comunque amati
Molti altri genitori stanno l’avventura. I genitori sono stanno costruendo il prese- veri, lo può fare solo Gesù! e cercati dal Signore, sempre, anche
vivendo questa fatica… si ri- entusiasti, preparano i bigliet- pe! Papà e mamma cercano Lui, povero vecchio, porta quando ci sentiamo soli ed indifesi.
volgono a don Mario, il loro ti e li nascondono, i bambini, l’occorrente, portano su un solo i regali che si possono Lui sarà il nostro difensore ed il nostro
giovane parroco. Come fare, cercano, trovano, provano grande scatolone dalla can- comprare… scudo contro ogni avversità, se avremo
gli chiedono, per far vivere a capire, sono tutti eccitati. tina. I bimbi lo aprono, cer- Anche se i negozi sono chiu- profonda fede in Lui e ci affideremo al
bene questo Natale ai bambi- Cosa succederà? Prima sera, cano, trovano, l’entusiasmo si… i regali veri si possono suo amore di Padre, fratello, amico e
ni perché non restino troppo un bigliettino sotto il televi- sale. Quarta sera: i pastori; sempre chiedere, che ne Salvatore.
delusi? sore: «Mi calpesti e io ti ac- quinta sera: il bue e l’asino; dici? Buon Natale!!! Auguri vivissimi e la mia benedizione.
Don Mario si mette nei pan- compagno! Cosa sono?». Un sesta sera: la stella; settima Le Sorelle del Monastero ✠ Cesare
ni dei genitori e, pensa che bel rompicapo: cosa sarà? I sera: Giuseppe; ottava sera: cottolenghino «San Giuseppe» 25 dicembre 2020
4 TERRITORIO DOMENICA, 20 DICEMBRE 2020

zione, tra cui Alessandro importante riflessione col-


Tanti giovani collegati all’edizione Barbero, con un discorso lettiva sul futuro della cultu-
su Dante, Alberto Angela, ra in Italia e nel capoluogo
on line del Salone del Libro il cardinale Matteo Maria piemontese, che negli ultimi
Zuppi, Piergiorgio Odifreddi, anni ha risentito i colpi della
Il Salone del Libro di Torino, modalità non virtuale fino Silvia Federici e molti altri. crisi dell’editoria. Numero-
annullato per la pandemia al 7 gennaio 2021 in trenta- Centrali gli incontri virtuali se librerie storiche hanno

N ati e morti
nella tradizionale edizione quattro librerie torinesi con con ventiquattro autori ed chiuso i battenti, e molti
di maggio, nel 2020 non è la partecipazione attiva di autrici italiani. Il tema al editori sono in crisi. Parti-
saltato del tutto. Si è, infat- circa 1.800 editori. L’inizia- il palco del teatro Astra centro dei dibattiti è stato colari destinatari di questa
ti, trasferito sul web, con la tiva virtuale ha consentito (Torino), il teatro Argentina quello della riconciliazio- iniziativa sono i giovani tra
prima rassegna online che di ampliare la portata del di Roma, il teatro del Sole di ne tra mondi, sistemi e i 14 e 25 anni iscritti alla
ha preso il nome di «Vita trentennale incontro: tutto Bologna, il palco dell’Elfo di generi diversi, tutte sfide piattaforma «SalTo», che Nella settimana che va dal
Nova» (in onore del settimo il «territorio» nazionale è Milano fino a La Vicaria di che richiamano i problemi permette di acquistare dei 7 all’11 dicembre 2020
centenario dalla morte di stato coinvolto oltre alla Palermo. Sono state queste dell’attualità. L’occasione buoni e interagire con gli l’Anagrafe di Torino ha
Dante Alighieri) che si è città di Torino. Hanno fatto le sceneggiature delle della rinnovata edizione incontri. Per informazioni: registrato 101 nuovi nati e
tenuta dal 4 all’8 dicem- da protagonisti alle giornate ventidue lezioni magistrali del Salone del libro ha rap- www.salonelibro.it. 337 morti. Saldo negativo:
bre. Il Salone proseguirà in luoghi fisici d’eccellenza: tenute da relatori d’ecce- presentato un momento di Federico CORTESE 355 torinesi in meno. (s.v.)

DOPO I FATTI DI BIBBIANO – PRESENTATA UN’INDAGINE DEI GRUPPI DI MINORANZA IN CONSIGLIO REGIONALE SUI MINORI PRESI IN CARICO DAI SERVIZI SOCIALI

AFFIDI
se preminente dei bambini».
Sulla stessa lunghezza d’onda
è l’indagine conoscitiva da-
tata 29 novembre sulla tutela
dei minori in Piemonte che i
gruppi consigliari di minoran-
za a firma di Monica Canalis

Anfaa alla Regione,


e Raffaele Gallo (Pd), Sean
Sacco e Francesca Frediani
(M5S), Mario Giaccone (Li-
sta Monviso), Marco Grimaldi

«più risorse a
(Luv), Silvio Magliano (Mo-
derati) hanno presentato nei
giorni scorsi alla stampa in
una conferenza on line in cui
è stato sottolineato che per il

tutela dei minori»


Piemonte non è corretto par-
lare di allontanamenti facili,
in numero eccessivo o motiva-
ti dalla povertà economica. «Il
96,44% dei 60.068 minori pre-

N
si in carico dai servizi sociali al
eppure la que anche in questi casi tute- stituto dell’Affidamento. tamente l’apertura all’acco- 31 dicembre 2018 era seguito
Pandemia lare l'anonimato del minore Disegni di Legge come quello glienza di centinaia di persone in famiglia e il 58,17% dei
ha smorza- per non incidere sull'armoni- della Regione Piemonte che nei confronti di bambini con 2.597 minori fuori famiglia
to l’effetto co sviluppo della sua persona- propone «L’allontanamen- situazioni familiari comples- era riconducibile a tre tipolo-
dell’onda lità, evitando sensazionalismi to zero» hanno suscitato un se, a volte già compromesse, gie: minori stranieri non ac-
lunga di Bib- e qualsiasi forma di specula- vivace dibattito tra gli addetti anche a causa di segnalazioni compagnati (17,67%), affida-
biano, la vi- zione». Una prassi proseguita ai lavori. «Rendere esigibile il tardive e vanno incrementa- menti intra familiari (24,68%)
cenda sui presunti affidi illeciti anche in questi mesi di emer- diritto del minore alla fami- ti». Secondo Frida Tonizzo, e affidamenti consensuali
(di cui è in corso il Processo a genza sanitaria continuando glia, secondo le priorità pre- tra i fondatori dell’Anfaa che (15,82%)», ha illustrato la vice
Bologna, la terza udienza pre- a sbattere in prima pagina, viste dalla normativa vigente ha sede a Torino, si possono e segretaria del Pd Piemonte
liminare è fissata per giovedì anche in Piemonte, casi di mi- significa investire in un’ottica si devono migliorare i servizi e consigliere regionale Mo-
17 dicembre) in cui bambini nori «strappati» alle famiglie preventiva, non solo riparati- esistenti. «Chiediamo anche nica Canalis, «solo il restante
e ragazzi sarebbero stati strap- presentando informazioni Frida Tonizzo va», commenta Frida Toniz- alla Regione Piemonte di 41,83% è rappresentato da al-
pati con plagio e la forza dalle parziali e a tesi dove non ven- di Anfaa, zo dell’Anfaa, associazione passare ai fatti, stanziando ri- lontanamenti giudiziali extra
famiglie d’origine considerate gono sentite tutte le fonti (ser- Associazione nazionale famiglie adottive sorse economiche aggiuntive familiari. Si conferma pertan-
inadeguate. La vicenda è sta- vizi sociali, Procura dei minori nazionale e affidatarie che fa parte del e organici adeguati: assistenti to che nella maggior parte dei
ta «pompata» anche da certa ecc.) ma solo i genitori spesso famiglie Tavolo nazionale dell’Affido, sociali, educatori, psicologi, casi l’allontanamento è l’extre-
stampa alla ricerca di scoop in conflitto tra loro che uti- adottive «l’obiettivo non può essere neuropsichiatri: molti di loro ma ratio, come previsto dalla
che, non curante della Carta lizzano i figli come scudo ai e affidatarie l’allontanamento zero, ma hanno contratti a termine, Legge 184/1983, è consensua-
di Treviso che all’art. 4 recita loro disordini affettivi e carat- servizi adeguati a tutela e pro- anche di pochi mesi, che im- le, intrafamiliare o riguarda i
che «per quanto riguarda i teriali. Una caccia alle streghe tezione dei bambini e delle pediscono di programmare minori soli provenienti da altri
casi di affidamento o adozio- sulle presunte assistenti sociali loro famiglie in difficoltà, a e svolgere adeguatamente il Paesi». Le cause più frequenti
ne e quelli di genitori separati «cattive» che hanno come partire dai più piccoli. Non loro lavoro, con la continuità di allontanamento sono inol-
o divorziati, fermo restando il obiettivo strappare i figli alle esistono allontanamenti facili e la competenza necessarie. tre legate a carenze educative,
diritto di cronaca e di critica famiglie che hanno contribui- e le ricerche lo confermano. Ai giudici minorili chiediamo problemi psichiatrici o dipen-
circa le decisioni dell'autorità to a creare nel Paese un clima Aggiungo anche che i nume- un maggiore impegno per ri- denze dei genitori e non alla
giudiziaria e l'utilità di articoli di diffidenza nell’opinione rosi affidamenti finora realiz- durre i tempi delle valutazioni povertà materiale».
o inchieste, occorre comun- pubblica nei confronti dell’i- zati hanno dimostrato concre- e delle decisioni, nell’interes- Marina LOMUNNO

Hai rinnovato
il tuo abbonamento
a La Voce e Il Tempo?
Fallo oggi stesso!
Abbonamento annuale cartaceo, 50 euro
Abbonamento annuale digitale (Pdf), 30 euro (in offerta a 10 euro fino al 31 dicembre)
Abbonamento cartaceo+digitale, 60 euro
Puoi pagare in tanti modi:
• On line tramite il sito www.vocetempo.it (Carte di credito, PayPal, Bonifici e Bollettini postali)
• Presso la sede del giornale in via Val della Torre, 3 - Torino
• Presso la Libreria Dehoniana in via San Quintino, 6/n - Torino
• Tramite bonifico bancario IBAN IT31X0318501000000010250041 intestato Prelum Srl
• Tramite bollettino postale C/c 19952159 intestato Prelum Srl, via Val della Torre 3, 10149 Torino
DOMENICA, 20 DICEMBRE 2020 TERRITORIO 5
seguire l’iter istruttorio delle SCRIVE VALENTINO CASTELLANI
Emergenza Covid, siglato a Torino pratiche di fido relative all’u-

un protocollo contro l’usura tilizzo dei fondi di prevenzio-


ne dell’usura, e di interlo- L’addio
ad Alfieri,
quire con le organizzazioni
Prevenire e contrastare il ministro dell’Interno Luciana antiracket ed antiusura. «In
fenomeno dell’usura in Lamorgese, del presidente un momento di crisi come
Piemonte, salvaguardando
l’accesso al credito legale da
della Regione Piemonte
Alberto Cirio, del sindaco di
quello che stiamo vivendo»,
ha sottolineato il prefetto ha costruito la città
della cultura
parte degli operatori econo- Torino Chiara Appendino e di Torino, Claudio Palomba,
mici e delle famiglie, anche dei prefetti del Piemonte. Il «sono fondamentali misure
per la ripresa dell’attività piano mira ad «agevolare la particolare l’istituzione di un che favoriscono l’accesso
economica. È l’obiettivo del conoscenza e l’accesso agli Osservatorio e della figure al credito legale. Questo Ce lo aspettavamo ormai da qualche gior-
Protocollo d’intesa siglato strumenti creditizi pensati del «facilitatore» presso le Protocollo prevede inter- no ed avevamo già cominciato ad elabora-
martedì 15 dicembre, in for- per fronteggiare le conse- associazioni di categoria e venti importanti che vanno re il lutto, ma quando domenica mattina
ma digitale presso la Prefet- guenze economico-finanzia- i confidi e del «referente», ad agevolare chi si trova in è arrivata la notizia, lo smarrimento ed il
tura di Torino alla presenza, rie dell’emergenza sanita- individuato da ogni Banca difficoltà». senso di vuoto è come se fossero capitati
in collegamento web, del ria». Il Protocollo prevede in aderente, con il compito di S.D.L. senza preavviso perché, si sa, la speranza
la si coltiva fino all’impossibile. Il Covid ci
aveva portato via Fiorenzo Alfieri! Tante
PERIFERIE – I CITTADINI DENUNCIANO IL PROGRESSIVO DIROTTAMENTO DI CENTRI AGGREGATIVI E CULTURALI vite dietro ai freddi numeri dei resoconti

MIRAFIORI SUD
quotidiani, tanti affetti devastati, tante pic-
cole e grandi storie interrotte per sempre.
Ma la vita di Fiorenzo Alfieri è stata una
vita speciale non solo nella cerchia ristretta
della sua intimità familiare od in quella
molto larga delle sue amicizie: è stata una
vita speciale per la nostra città.

Il quartiere continua
Maestro elementare di ruolo a soli 19
anni, laureatosi poi in pedagogia, inizia la
sua attività come insegnante nella periferia
di Torino negli anni ’60 e diventa uno dei
promotori del Movimento di Cooperazio-

a perdere servizi, trasferita


ne Educativa (Mce) per sperimentare la
didattica della «scuola attiva», per promuo-
vere il «tempo pieno» e fare della scuola il
luogo dove formare
ragazzi e ragazze per

anche la sede dei Vigili


farli crescere come
cittadini responsa-
bili.
Con il Sindaco No-
velli, nel 1975, inizia

S
il suo lungo impe-
e n’è andata an- gno di amministra-
che la sede dei tore pubblico come
Vigili urbani di Assessore alla Gio-
via Morandi 10, ventù e al Turismo
dopo il Coman- (un assessorato che
do dei Carabi- prima di allora era
nieri di via Plava. chiamato «ai proble-
«Il quartiere è sempre più mi della gioventù»!)
distante dalle istituzioni che e dà subito prova di
stanno man mano abban- quella capacità cre-
donando la periferia sgreto- ativa e di quella passione che lo avrebbero
lando i punti di riferimento sempre accompagnato inventandosi il
portanti per i cittadini di Mi- Festival Cinema Giovani (ora Torino Film
rafiori Sud». Festival) ed Informagiovani (uno sportello
È la denuncia che il Comita- informativo dedicato alle nuove generazio-
to di cittadini «Borgata Mi- ni). Fu poi Assessore al Sistema Educativo,
rafiori» lancia a La Voce e il al Commercio, Turismo e Promozione del-
Tempo a distanza di quattro la città con le mie Giunte e per dieci anni,
anni dagli slogan dell’ammi- con Chiamparino, Assessore alla Cultura.
nistrazione pentastellata sul In questi ultimi anni è stato Presidente
rilancio dei quartieri popo- dell’Accademia Albertina e la morte lo ha
lari con il «Piano Periferie», colto come Presidente del Castello di Rivo-
avviato all’inizio del 2017. li. Ha dunque attraversato da protagonista
Il quartiere ha sempre fatto coscrizione 2, Luisa Bernardi- laboriamo da tempo. Un’ini- gli ultimi 50 anni della vita della nostra
della parola «accoglienza» ni, «siamo sempre disponibili ziativa che ci permette di cre- città. Se volessi esprimere una sintesi del
il programma di convivenza ad ascoltare i cittadini e ad are sinergie virtuose per ve- suo impegno direi che ha conservato il
fin dagli anni Sessanta con Siglato un «patto intervenire soprattutto nel- nire incontro alle situazioni Dna del Maestro e la sua classe è diventata
l’imponente immigrazione le aree dove si concentrano di disagio del quartiere con la città tutta intera. Come ha scritto in
di famiglie del Sud Italia che di comunità» tra più problematiche. Abbiamo l’emergere di nuove povertà. questi giorni uno dei suoi «allievi» miglio-
trovavano lavoro alla Fiat. infatti ottenuto di lasciare in Molti volontari delle parroc- ri, Paolo Verri, Alfieri si è dedicato «alla
E poi negli ultimi anni con le parrocchie e la funzione uno sportello della chie prestano servizio anche strutturazione della città come sistema
l’arrivo di numerosi nuclei Polizia municipale, a disposi- nelle attività della Fondazio- educativo». Proprio così. Se si considerano
dai diversi continenti ed an- Fondazione Mirafiori zione dei cittadini, in Strada ne sul territorio». i fatti o gli eventi che in tutti questi anni
che oggi grazie alla fruttuo- Comunale di Mirafiori dopo Le due parrocchie hanno hanno segnato il rinascimento di Torino
sa sinergia fra parrocchie, per le famiglie colpite il trasferimento della sede dei destinato una sala parroc- come città d’arte e di cultura si trovano
associazioni del territorio e Vigili urbani da via Morandi a chiale a magazzino per la sempre tracce del lavoro di Fiorenzo Alfie-
servizi sociali che ha saputo dalla pandemia via Pinchia, nella zona di cor- raccolta di generi alimen- ri. La riapertura di Palazzo Madama in oc-
portare sostegno a persone so Tazzoli. Inoltre abbiamo tari da desinare alle fami- casione delle Olimpiadi, il rilancio come
e famiglie colpite dalla crisi stanziato con una parte di va- glie in difficoltà. È stata Fondazione del Museo Egizio, Il Teatro
generata dalla pandemia. alle aree di periferia, sono riazione di bilancio fondi per anche avviata una raccolta Ragazzi, la guida dei lavori per il Primo
Ci troviamo in un quartiere diminuiti i servizi, anziché il progetto ‘Quartieri solidali’ straordinaria di offerte per Piano Strategico della città, il programma
dove si annidano tutti i pro- aumentare». Ed ecco l’elen- collegato al piano comunale far fronte all’emergenza di culturale della città durante le Olimpiadi,
blemi delle grandi periferie co che i cittadini hanno sti- ‘Torino solidale’ con aiuti per nuclei che fino a ieri viveva- l’accordo con Milano per Mito Settembre
che devono ridisegnarsi nel lato: «negli ultimi due anni, le famiglie in difficoltà a cau- no in modo decoroso. Fin Musica, il suo impegno appassionato per il
periodo post-industriale. oltre ai Comandi dei Vigili sa dell’emergenza sanitaria. dal primo lockdown è stato Teatro Regio, la presidenza del Comitato
Molti dei quali restano nodi urbani e dei Carabinieri, Abbiamo inoltre stanziato attivato un apposito nume- per l’Ostensione della Sindone… Vorrei
irrisolti. trasferiti altrove nonostan- fondi aggiunti da destinare ro di telefono per richieste però soffermarmi in particolare su una sua
L’inizio dell’«abbandono», te le numerose proteste dei agli enti, fra cui le parrocchie, di aiuto di diverso genere, «invenzione», perché mi sembra emble-
secondo il Comitato, va ri- residenti degli ultimi mesi, che seguono persone nella ora attivo da lunedì a ve- matica della sua capacità creativa e della
cercato nella riforma sul hanno chiuso la piscina ubi- fragilità. La collaborazione nerdì dalle 15 alle 18, tel. sua concezione dell’arte e della cultura.
decentramento approvata cata presso l’ex complesso con il Terzo Settore è costan- 011.19115158. Nel mio secondo mandato era Assessore
nel 2015 dall’allora Giunta scolastico e sportivo ‘E13’ in te e proficua». «Abbiamo va- «Certamente», conclude al Commercio, Turismo e Promozione
Fassino che portò le Circo- Strada Castello di Mirafiori, lorizzato in questo periodo di don Suardi, «quando la Cir- della città. Un giorno entrò nel mio ufficio
scrizioni da 10 ad 8. L’ex abbandonato al degrado, e emergenza», prosegue il con- coscrizione era delimitata con «un’idea»: dobbiamo trasformare le
Circoscrizione 10 (Mirafiori la biblioteca ‘Mirafiori’ in sigliere Vincenzo Camarda, al quartiere Mirafiori Sud luminarie di Natale in un evento d’arte
Sud) fu inglobata nell’at- corso Unione Sovietica pres- «la casa del quartiere ‘Casa il dialogo con le istituzioni contemporanea per attirare i turisti a To-
tuale Circoscrizione 2 (Mi- so l’Istituto tecnico Primo nel Parco’ (via Panetti) a sup- era più semplice. Numerosi rino anche d’inverno. Erano nate le «Luci
rafiori Sud, Mirafiori Nord Levi, poli non sostituiti da porto di associazioni e centri servizi sono stati dirottati d’Artista»! La città aumentò le risorse che
e Santa Rita) arrivando a altri. Mancano quindi centri di ascolto parrocchiali». facendo aumentare i disa- destinava insieme ai commercianti per gli
comprendere un territorio aggregativi e culturali. Per Le cinque parrocchie di Mi- gi per i residenti. Ed è per allestimenti delle luci natalizie e Torino fu
di oltre 142 mila abitanti. non parlare delle numerose rafiori Sud (Unità pastorale questo che abbiamo raffor- la prima città in Italia a celebrare il Natale
«L’ex sede della Circoscri- aree verdi della zona lasciate 20) per far fronte all’emer- zato la rete di prossimità con un evento artistico di valore interna-
zione 10 in Strada comunale per lunghi periodi all’incu- genza della pandemia han- che in questo quartiere è zionale. L’altra sera, tornando a casa, guar-
di Mirafiori», sottolinea Pier- ria». «Abbiamo proposto al no maggiormente unito le sempre stata viva». Presso davo il Monte dei Cappuccini impreziosito
carla Bordiga, referente del Comune», prosegue la Bor- forze anche con le associa- la parrocchia San Remigio dai «Piccoli spiriti blu» di Rebecca Horn e
Comitato, «era certamente diga, «di rimettere in funzio- zione del territorio. è in funzione uno Sportello mi è tornato in mente proprio quel giorno
un punto di riferimento per ne edifici dismessi per ospi- «Come comunità parroc- di accompagnamento al la- del lontano 1998 ed ho pensato al grande
il quartiere che permetteva tare una biblioteca o punti chiali abbiamo stretto, in voro per il quartiere, men- mistero della morte ed alle domande che
una partecipazione attiva di incontri, ma le nostre ri- particolare, un ‘patto di co- tre a San Luca, in via Ne- ci poniamo senza avere la certezza di una
della cittadinanza formata chieste sono sempre rimaste munità’ con la Fondazione garville, da 30 anni è attivo risposta. A me piace sperare, da credente,
perlopiù da persone an- inascoltate». Mirafiori», evidenzia il par- il Centro di accoglienza per che anche per Fiorenzo la vita sia stata sol-
ziane. Con gli anni, nono- «Pur con le difficoltà di am- roco di Santi Apostoli e Vi- persone straniere senza di- tanto cambiata, non tolta, e che finalmen-
stante l’entusiasmo iniziale ministrare un territorio mol- sitazione di Maria Vergine e mora. te riposi nella pace del Signore. Grazie
per l’apprezzata attenzione to ampio ed eterogeneo», San Barnaba, don Gianmar- Stefano DI LULLO Fiorenzo!
dell’attuale amministrazione ribatte la presidente della Cir- co Suardi, «ente con cui col- stefano.dilullo@vocetempo.it Valentino CASTELLANI
6 TERRITORIO DOMENICA, 20 DICEMBRE 2020

ai temi della detenzione, nuovo (alcuni anche più DIARIO DELLA PANDEMIA
mons. Cesare Nosiglia ha d’uno), invitiamo altri

Per Natale abbona un detenuto: voluto mandare attraver-


so il nostro giornale gli
auguri di Natale ai ristretti
abbonati a fare lo stesso
nella convinzione che,
come dice spesso il nostro
Regalo
il nostro grazie a 55 lettori
Continuano ad arrivare nitenziario torinese «Lo-
nelle carceri torinesi dal
momento che, per via del-
le norme anticovid, non
Arcivescovo, il carcere to-
rinese degli adulti e quello
minorile sono parrocchie
di Natale,
abbonamenti dono per
i detenuti del carcere
torinese: sono 55 i nostri
russo e Cutugno». Grazie
a loro ogni settimana il
nostro giornale viene letto
può recarsi come succede
ogni anno a celebrare
la Messa di Natale nei
della nostra diocesi e
quindi il nostro giornale si
rivolge anche a loro.
l’annuncio
lettori che finora hanno
aderito con generosità alla
nostra campagna «abbo-
con interesse dai reclusi e
dal personale del carcere
e all’Istituto minorile «Fer-
due penitenziari cittadi-
ni. Mentre ringraziamo i
nostri lettori che hanno
Chi desidera aderire alla
campagna può segna-
larlo in amministrazione
del vaccino
na un detenuto» lanciata
due anni fa e con cui
abbiamo potuto abbonare
rante Aporti».
Questa settimana, nella
rubrica a pagina 3 che
rinnovato in questi giorni
il loro abbonamento per
i reclusi e coloro che ne
allo 011.515691-392 o
scrivendo una mail ad
abbonamenti@prelum.it.
in gennaio
altrettante sezioni del pe- ogni 15 giorni dedichiamo hanno sottoscritto uno Grazie. (marina lomunno)
Sta per arrivare il vaccino anti-covid. È il regalo
di Natale: un regalo insperato, sognato, atteso,
CRISI COVID – DATI CONFARTIGIANATO E UNIOCAMERE ANCORA NEGATIVI un regalo che la ricerca scientifica, bistrattata da
L’Arcivescovo

ARTIGIANI
sempre, ci porta nella notte di Natale. Sì, certo,
un 25 dicembre diverso, povero, sobrio, essenziale
per Pininfarina come quello della nostra storia, quel Natale in cui
non c’era posto per Gesù in nessuna casa: relegato,
come i poveri di oggi, ai margini della città, sotto i
Otto ore di sciopero e portici.

soffriamo
presidio in Regione I Vaccino: come, dove, quando. Ebbene, nonostan-
lavoratori della Pininfarina te il fiume inarrestabile di parole, il vaccino c’è.
Engineering. Martedì 15 Qualcuno dice dal 21 gennaio; altri dai giorni
dicembre si sono radunati dopo la befana; ora sembra il 15. I primi ad esse-

ma non si molla
in piazza Castello, nel re vaccinati saranno medici, infermieri, anziani.
giorno in cui in Regione Ce la facciamo anche noi dopo la Gran Bretagna,
è convocato un incontro gli Stati Uniti e l’Australia. In gennaio ci sarà
con l’azienda, i sindacati anche per i fratelli africani. Sembra un vaccino
e l’Amma. Si cerca ancora solidale. Speriamo! Per tutti! Per la partenza, le
una soluzione per tutti i Confartigianato - Aspettative -31,87% al -25,79%, mentre bliche amministrazioni: quan- siringhe ci sono. Servono, nel primo step, 3 mila
lavoratori dopo la messa negative ma meno pessimisti- il saldo dei nuovi ordini per do una percentuale è così rile- medici e 12 mila infermieri. I bandi sono fatti, ci
in liquidazione decisa da che rispetto al trimestre scor- esportazioni è ancora pesan- vante, i policy maker hanno una sono gli hub, c’è l’esercito. Fidiamoci. Non sarà
Mahindra, la proprietà so. E quanto emerge dall'in- temente negativo. Infine le responsabilità rafforzata per obbligatorio. Ci sono i posti dove farlo (piano
del Gruppo, in maniera dagine di Confartigianato imprese che non hanno pro- l'efficienza delle imprese e di regionale); non c’è per fortuna nessuna app da
unilaterale: manca infatti Imprese Piemonte. Le previ- grammato investimenti salgo- conseguenza per il benesse- scaricare.
ancora una soluzione per sioni riguardanti la produzio- no dall'81,31% all’ 83,31% e re dei cittadini. I nostri sforzi 7 mila vittime in Piemonte. Il pensiero, mentre
50 dipendenti su 117. ne totale presentano un saldo le previsioni di regolarità ne- devono continuare a concen- noi cominciamo ad intravedere una luce, anzi una
«Aspettiamo dall’incontro ancora fortemente negativo, gli incassi salgono dal 50,66% trarsi sul sostegno dei settori stella, in fondo al tunnel, va a loro: ai troppi che
che finalmente l’azienda ma in misura minore, passan- al 57,29%. «Si rende quindi più colpiti da questa pande- sono morti e anche a quelli che stanno lottando
dia le giuste garanzie do dal -54,32% al -48,54%. necessario prevedere nell’im- mia. Solo stando a fianco alle con i denti per farcela. L’Italia è il paese con il nu-
richieste dai lavoratori, Le previsioni di carnet ordi- minente legge di bilancio» imprese piemontesi, potremo mero più alto di morti in Europa. Non si capisce
fondamentali e necessario ni sufficienti per meno di un ha concluso Felici «lo stanzia- evitare contraccolpi all'occu- il perché.
per poter addivenire a una mese salgono dal 50,87% al mento di risorse adeguate a pazione e allo sviluppo della Muoiono insieme. A Boves marito e moglie, lei
possibile conclusione di 51,93%, quelle di carnet da sostenere tutte le tipologie di nostra regione». Il calcolo è insegnante in pensione di 68 anni, sono morti, si
questa ennesima brutta uno a tre mesi crescono dal imprese che hanno subito la stato eseguito dal Comitato può dire, mano nella mano dopo una vita insieme.
vicenda», spiega la Firn 37,74% al 39,44%, mentre riduzione di volume d’affari Torino Finanza presso la Ca- La loro storia rappresenta quella di molti altri in
Cisl. Dal 10 dicembre è in quelle di carnet ordini supe- dovuta al primo ed al secondo mera di commercio di Tori- tutt’Italia. Sono loro la prova di quanto l’amore, il
corso un presidio a oltran- riore ai tre mesi scendono lockdown. Devono poter frui- no, che si è dotato di un appo- matrimonio, la famiglia siano una cosa bella al di
za davanti ai cancelli della dall' 11,39% all'8,63%, a con- re di congrui sostegni anche sito modello di Nowcasting. là di tutti i gossip, le vicende, le testimonianze che,
Pininfarina nella sede stori- ferma della scarsa fiducia del- quelle imprese che, pur aper- Il modello utilizza indicatori inspiegabilmente, riempiono il nulla del racconto
ca di Cambiano, alle porte le imprese sulla possibilità di te, non hanno la possibilità reali (traffico autostradale della giornata e delle serate in televisione. La realtà
di Torino. «Continueranno avere commesse sul lungo pe- di produrre fatturato perché dei veicoli pesanti, consumi è un’altra pagina, per fortuna.
finché non si avrà una riodo. «Gli artigiani piemon- i loro clienti non possono la- di energia elettrica ed espor- Le lacrime della Merkel. Le abbiamo viste e abbia-
soluzione a tutela dei posti tesi» commenta Giorgio Felici sciare la propria abitazione tazioni del Piemonte) e del mo visto anche le nostre. Tutto il resto è relativo.
di lavoro» dicono i sinda- presidente di Confartigianato se non per ragioni di lavoro, mondo online. Il risultato è Case di riposo, 30 milioni dalla Regione? Non c’è
cati. Anche l’Arcivescovo Imprese Piemonte» sono de- salute o necessità». che rispetto ai -18 miliardi del ancora la delibera, ma la Regione ha accolto l’ap-
Nosiglia che fin dall’inizio terminati a superare questo Unioncamere - Il Pil del Pie- primo semestre, a settembre pello dei Vescovi del Piemonte. Interverrà presto
della vertenza ha portato momento di grave criticità monte nel terzo trimestre si era risaliti a -10, recuperan- per le case di riposo in difficoltà. Per ora tredicesi-
la solidarietà della Chiesa nonostante la forte limitazio- del 2020 recupera 8 miliardi, do parte del terreno perduto me rimandate qua e là. E poi?
torinese ai lavoratori il ne delle attività produttive do- grazie al rimbalzo estivo do- soprattutto per il coronavirus. Cartoline d’epoca. Un gesto di profonda umanità.
15 dicembre ha scritto al vuta al primo lockdown. Questa vuto alla fine delle misure del Comunque i dati sul Pil del Qualcuno ha pensato di inviare agli anziani, chiusi
Presidente Cirio a Regione, seconda ondata della pande- lockdown, ma il livello dell'atti- Piemonte (-5,5%) sono alli- nelle case di riposo da nove mesi, cartoline d’epoca
auspicando «che si trovi mia, con le nuove disposizioni vità economica è ancora infe- neati o lievemente inferiori d’auguri. Che bello! Hanno la forza di una carezza!
finalmente una soluzione di contenimento, rischia però riore del 5,5% allo stesso tri- di quelli nazionali (-4,7%) e Emergenza suicidi. È una delle nefaste eredità
che dia a tutti i lavoratori di avere conseguenze irrepa- mestre dei 2019. «Dobbiamo della Francia (4,3%), mentre del maledetto covid: 30 per cento di accessi a psi-
dell’azienda una concreta rabili su gran parte del tessuto lavorare molto come istituzio- sono decisamente migliori di chiatria. Sì, ci sono molti adolescenti: un segnale
risposta alle loro giuste imprenditoriale artigiano con ni locali e nazionali per recu- quelli della Spagna (-8,7%). allarmante. Ma ci sono anche molti adulti. Sono gli
rivendicazioni e possa- conseguente chiusura defini- perare tutto quello che il Co- Anche la Germania (-4,2%), effetti della solitudine che non si è riusciti a squar-
no così trascorrere le tiva di molte piccole imprese vid-19 ci ha portato via» dice ha concluso il terzo trimestre ciare. Ogni anima è un piccolo mondo a sé, con le
feste del prossimo Natale e perdita di molti posti di la- il presidente di Unioncamere in negativo, nonostante la sue vette e, a volte, le sue foreste senza luce. Non
serenamente nelle loro voro». Sul fronte occupazio- Piemonte, Gian Paolo Coscia. manovra fiscale espansiva più aver colto l’abisso della solitudine è una sconfitta
famiglie». (m.t.) nale il saldo delle aspettative è «Circa il 40% del Pil è speso ampia di tutti i Paesi europei. per tutti.
meno negativo, passando dal o trasferito proprio dalle pub- Michelangelo TOMA Gian Mario RICCIARDI

Settimo, ex Ceat: stop al degrado, la città riparte


Aree come la Cebrosa di Set- gradato sarà presto oggetto di abbandonata, per riconvertir- delle aree industriali dismesse
timo fino ad un tempo non bonifiche ambientali e riquali- la al lavoro e alla sostenibilità» riguarda solo i siti industriali.
lontano ospitavano importanti ficazione paesaggistica per poi spiega il sindaco Elena Piastra La scorsa settimana, su una di
attività imprenditoriali spazza- essere concesso in affitto, per «e che s’inserisce in un più queste aree dismesse dove un
te via dalla recente recessione 15 anni alla società Pirelli. Ol- ampio piano di interventi che tempo sorgeva la Siva, la fab-
che ha lasciato in eredità ca- tre 50 mila metri quadrati per come Comune stiamo portan- brica dove lavorò come chimi-
pannoni in disuso. Caso em- un polo logistico che ospiterà do avanti». Nell’area ex Ceat co per molti anni, Primo Levi,
blematico è la ex Ceat, abban- i pneumatici prodotti dalla Pi- verrà realizzato un progetto la cui palazzina uffici è stata
donata da oltre 30 anni: grazie relli di Settimo immagazzinati botanico che porterà alla re- recuperata e trasformata nel
all’impegno dell’amministra- in una struttura a Novara. Un alizzazione di circa 80 mila «Centro Primo Levi» è sorto
zione comunale ed alla volon- investimento che candida città metri quadrati di bosco dopo un complesso residenziale di
tà della Pirelli, che intende di Settimo ad essere «porta» la bonifica, che riqualificherà edilizia popolare (nella foto),
realizzare un magazzino per lo naturale, data la sua vicinanza l’area del canale della Bealera destinato a dieci famiglie.
stoccaggio dei pneumatici, fi- alle autostrade ed all’alta velo- Nuova, attraverso una piantu- Nonostante Settimo sia la cit-
nalmente trova una nuova de- cità, con Milano e tutto il suo mazione lungo il suo corso. tà con la presenza più alta di
stinazione che forse farà uscire hinterland, ma valorizza il re- Il canale è uno dei rii più im- edilizia popolare a livello re-
dal degrado e rilanciare una cupero ambientale di una por- portanti della città di Settimo, gionale, era da quasi 50 anni
zona fortemente compromes- qualche mese si procederà ad zione di territorio, fortemente realizzato nel corso del 1500 e che non venivano consegnate
sa dall’abbandono. Ma non c’è una bonifica ambientale e si compromessa in passato. La che ha permesso con l’energia le chiavi di case popolari. Gli
in ballo solo l’ex Ceat. Tutto insedierà un marchio interna- nuova struttura realizzata nel idraulica prodotta, l’insedia- appartamenti sono costruiti
il corridoio adiacente alla linea zionale dello sport. Il corrido- 2021, otterrà il prestigioso cer- mento dei primi nuclei indu- con alti standard qualitativi e
ferroviaria dell’Alta Velocità, io, ribattezzato ad «alta produt- tificato Leed Gold, standard striali. «È un grande risultato» in classe A+ dal punto di vista
direzione Milano è destinato a tività» sta suscitando l’interesse mondiale che si applica per gli prosegue Piastra «che nasce energetico, dotati di pannelli
subire radicali interventi: oltre di diverse multinazionali sulla edifici eco-compatibili, in tutto dalla collaborazione tra pub- fotovoltaici sul tetto, pompe
due chilometri quadrati in via scia anche del recupero voluto il loro ciclo di vita: dalla proget- blico e privato e che dimostra di calore e riscaldamento a
di riqualificazione, secondo dal gruppo Oreal che ha tra- tazione ai materiali, fino alle come si possano riconvertire pavimento. Un significativo
le aspettative del Comune in sformato il suo stabilimento prestazioni - risparmio ener- aree abbandonate senza con- intervento di recupero e rige-
accordo con i privati dove la da sempre collocato in questo getico e idrico, riduzione delle sumare suolo, tutelando l’am- nerazione di un’ex area indu-
Bartolini trasporti nei prossimi territorio, il primo al mondo emissioni di CO2, impianto fo- biente e investendo su progetti striale, senza nessun consumo
mesi inaugurerà il suo nuovo del gruppo per impatto am- tovoltaico per produrre ener- sostenibili, portando nuove di nuovo suolo, a cui ne segui-
polo logistico. Ancora, dove bientale zero. gia. «Un magazzino green che opportunità lavorative sul ter- ranno altri.
sorgeva il sito della Gft, fra Il sito ex Ceat, fortemente de- bonifica un’area industriale ritorio». E la riqualificazione Davide AIMONETTO
DOMENICA, 20 DICEMBRE 2020 TERRITORIO 7
IN ATTESA DEL CANTIERE
Province Natale a Chieri: luci sull’Arco
e sulla chiesa di S. Bernardino Alpignano
Le opere del Moncalvo
illuminano la facciata della
tessuto d’inizio ‘90°, ora
colora con la luce anche la
il ponte
chiesa di San Bernardino
a Chieri, affacciata sulla
piazza Cavour fresca di
«Superga chierese».
«Nell’immaginare i conte-
nuti di questa proiezione mi
boccheggia
ristrutturazione. Nell’an- sono posto come vincolo Le musiche originarie «Invertire la rotta» dando
no dedicato al Barocco l’esclusivo utilizzo di ele- dell’epoca, di Frescobaldi, priorità alle piccole opere
piemontese, per le feste menti e opere custodite in Lipoli, Pasquini, interpretate per migliorare la viabilità sul
natalizie il Comune prose- San Bernardino» spiega il dal maestro Walter Bianchi territorio metropolitano e
gue sulla strada del «video regista Claudio Zucca «Ho sul prezioso organo di San in seguito progettare quelle
mapping» e, oltre all’Arco scelto in particolare le pale Bernardino, costituiscono più grandi. A tentare la vira-
marina.lomunno@vocetempo.it
illuminato con colori che d’altare di Guglielmo Cac- la struttura sulla quale si ta è il Comune di Alpignano
s’irpirano alla trama di un cia, i fregi lignei, gli stucchi. sviluppa il racconto». (e.b.) che il 9 dicembre ha parte-
cipato all’ultimo incontro
territoriale aperto da Città
CON I FONDI DEL RECOVERY PLAN RESTAURI – UNO DEI PRIMI D’ITALIA, BANCARELLE DAL 1219: SI INAUGURA L’ALA COPERTA Metropolitana per la pianifi-

LANZO
cazione del Piano Strategico

Pedemontana Metropolitano 2021 - 2023.


«Per noi è importante por-
tare avanti una rivisitazione

del Canavese delle opere minori confer-


mate da tempo, ma con una
priorità di realizzazione più

«strategica» bassa rispetto a opere mag-

L’antico mercato
giori, come quelle di corso
Marche o della linea 2 della
metropolitana» spiega il
La Pedemontana del Canavese, con sindaco di Alpignano eletto

che ha sapore
i nuovi tratti stradali di Lombardore- a ottobre, Steven Palmieri
Front e Busano-Salassa, quinta in un (Pd).
elenco di 8 infrastrutture strategiche Opere minori come la
segnalate al Governo come possibile in- bretella, già contenuta nel
tervento finanziabile col Recovery Plan.
«Come Giunta regionale, in estate
avevamo sollecitato alla Città metropo-
litana di Torino l’individuazione delle
d’Europa Piano territoriale di coordi-
namento del 2011, che da
Casellette si collegherebbe
alla zona industriale di Rivo-

S
opere prioritarie» spiega l'assessore li e che dirotterebbe il traf-
alla Semplificazione Maurizio Marro- tanno quasi per un po' in sordina come tutto tedì si è affiancato quello fico della bassa Val di Susa e
ne «D’intesa con Città metropolitana giungere al ter- in tempo di covid, il mercato contadino del sabato matti- delle valli a Nord - Ovest di
abbiamo concordato di segnalarle al mine i lavori per di Lanzo segna un ulteriore na, con prodotti a chilometri Torino fuori da Alpignano,
Governo centrale quali interventi fi- la chiusura a ve- tappa del suo longevo per- zero. Le bancarelle vengono stretto da 20 anni nella mor-
nanziabili con il Recovery Plan. Anche la tri dell'Ala mer- corso, acquisendo un angolo disposte proprio sotto l’Ala, sa del traffico diretto verso
costruzione del nuovo ponte in località catale nel cuore coperto e riparato anche se che ha recuperato così, da il suo Ponte Nuovo, unico
Ponte dei Preti a Strambinello sarà storico di Lanzo molto luminoso, grazie alle undici anni a questa parte, punto di attraversamento
inserita nella scheda progettuale regio- (nella foto). Ci troviamo in porte a vetri, che ricorda- l’antica tradizione dei mar- della Dora tra Avigliana e
nale ‘ponti sicuri’». La Pedemontana, regione «Somajrana», oggi no analoghe strutture delle chesi di Monferrato della se- Collegno. «È una prospetti-
una volta ultimata, permetterebbe piazza Allisio, dove a metà piazze di grandi città d’Eu- conda giornata di mercato, va che non portiamo avanti
un collegamento diretto tra le vallate ‘800 venne costruita l’Ala ropa. con undici postazioni che con una visione ‘alpignano-
canavesane, con l’idea di collegare poi che oggi accoglie il merca- Il mercato di Lanzo, uno dei propongono prodotti agri- centrica’» precisa Palmieri,
l’uscita del casello autostradale di Ivrea to dei contadini del sabato più antichi della provincia di coli tipici del territorio, con forte dell’appoggio dei 19
e il raccordo autostradale di Torino- mattina ma che nel 1864, Torino e d’Italia, inizia la sua frutta, verdura, miele, for-
Caselle». In attesa di informazioni più quando fu eretta, fu pensata storia martedì 15 gennaio maggi, uova, salumi, farine e
chiare da parte dello Stato sui finanzia- come ricovero del bestiame 1219 quando Abbone, Ran- biscotti.
menti, la Regione Piemonte ha deciso nei giorni di pioggia e per i co, Giovanni e Giacomo del La consegna dei lavori all’A-
in ogni caso di inserire queste opere carri e i banchi dei venditori. fu Bertoldo, signori di Lanzo la, da una settimana tra l’al-
nella nuova programmazione 2021- Allora le bancarelle del mer- e vassalli del Vescovo di Tori- tro illuminata da un sistema
2026 dei fondi europei: «È una buona cato erano disposte nel trat- no Gaicomo I, ottennero da di proiezione di una pioggia
notizia» dichiara Maurizio Giacoletto to che va da «Piasa Grande», questi il beneficio di tenere di stelle, è prevista per il 21
Presidente Asco (Associazione Svilup- denominazione storica della settimanalmente un merca- dicembre e magari all’inter-
po Canavese Occidentale) e consigliere suggestiva piazza Gallenga, to, in cambio della conces- no si riuscirà a collocare un
del Comune di Levone «Da 25 anni lungo via Diaz e via Cibrario, sione di un terzo dei proven- bell’albero di Natale, come
aspettiamo la realizzazione di tali in- fino appunto a piazza Allisio. ti. Da allora e fino a oggi, il auspica il sindaco Tina As-
frastrutture che potranno garantire il Le celebri «chintane» che mercato si svolge sempre di salto. «Speriamo di poter
mantenimento e lo sviluppo futuro di tagliano trasversalmente le martedì. Ben 130 anni prima dare almeno quello ai lanze- sindaci dei Comuni vicini
uno dei più importanti Poli dello stam- vie del centro storico lanzese della costruzione della Torre si» afferma «in questo perio- che a giugno, dopo la chiu-
paggio a caldo d'Italia (il 50% della univano e uniscono tuttora di Challant, altro monumen- do di difficoltà e di restrizio- sura del ponte a rischio crol-
produzione nazionale arriva da questa le due piazze. Piazza Allisio to simbolo di Lanzo e un ni. Non ci saranno le attività lo, avevano scritto alla presi-
zona), favorire il decongestionamento con la sua Ala divenne an- secolo e mezzo prima della e le manifestazioni che sia- dente della Città Metropoli-
del traffico pesante all'interno dei cen- cor più centro del mercato costruzione del noto Ponte mo sempre stati abituati tana, Chiara Appendino, al
tri urbani e garantire maggior sicurezza quando, nel 1985, fu deciso del Diavolo, il mercato del ad organizzare nel periodo prefetto di Torino, Claudio
viaria. Anche il turismo ne trarrà bene- il suo trasferimento da piaz- martedì ha iniziato a segnare natalizio. Speriamo almeno Palomba, al presidente della
fici: sarà più agevole raggiungere, ad za Gallenga per motivi di la storia economica e sociale di poter dare alla cittadina Regione, Alberto Cirio, e al
esempio, il Parco Nazionale del Gran sicurezza. Dopo 800 anni di di questa città all’imbocco quell'abito natalizio che ministro dei trasporti, Paola
Paradiso». storia, celebrati nel 2020 con delle Valli. fa atmosfera e che riesca a De Micheli, esprimendo
T.M. varie manifestazioni passate Dal 2009 al mercato del mar- trasmetterci un po' di sere- preoccupazione per lo stato
nità». L’intervento all’Ala del traffico nella zona Ovest
ottocentesca non è stato pri- di Torino.

Chieri, archivi della collina in rete vo di critiche e polemiche,


accompagnate da un son-
daggio di gradimento fra gli
In attesa dell’inizio dei
lavori, resi possibili da uno
stanziamento di 2 milioni
ambulanti. L'Ala continuerà del Decreto Ponti e previsti
Sarà la porta d’accesso alle ricchezze archivistiche sessore alla cultura Antonella Giordano «Nel Chie- ad ospitare il mercato che, in primavera, ora il ponte
del Chierese: è il progetto «Rete di Archivi della rese e negli altri Comuni collinari troviamo signifi- secondo la Giunta di Assal- lo si attraversa in senso
Collina Torinese e del Chierese» con cui il Comune cativi fondi comunali, ma anche archivi di altri enti, to, potrà svolgersi in con- unico alternato con veicoli
di Chieri si è aggiudicato il bando della Fondazione dalle scuole alle società di mutuo soccorso. Non de- dizioni migliori, al riparo di portata inferiore alle 3,5
Cassa di Risparmio di Torino, con un contributo di vono essere pensati come «depositi di conoscenze» dall'aria e dalle intemperie. tonnellate. Intanto le code
40 mila euro. utili solo agli storici e ai ricercatori: serve un nuovo Questo, ad esempio, molti si allungano con danni per
Chieri farà da capofila a un gruppo di Comuni desti- approccio al tema degli archivi sia in tema di ade- ambulanti non lo sapevano, gli agricoltori locali, che con
nato ad ampliarsi, di cui per ora fanno parte Arigna- guamento tecnologico, sia rispetto ai cambiamenti stando a timori emersi dal i loro mezzi pesanti percor-
no, Baldissero, Chieri, Gassino, Mombello, Pecetto, sociali ed economici dei territori». sondaggio: pensavano inve- rono lunghe distanze per
San Raffaele Cimena, Santena e Trofarello. Sulla stessa lunghezza d’onda è Vincenzo Tedesco, ce di non poterla più utiliz- curare appezzamenti al di
L’obiettivo è valorizzare e divulgare lo straordinario curatore dell’archivio storico «Filippo Ghirardi» zare. Anche alcuni cittadini qua e al di là del torrente.
patrimonio culturale rappresentato dagli archivi lo- del Comune di Chieri: «È evidente come i servizi restii, una volta compreso «La situazione è logorante
cali. Ciò avverrà con la creazione di un portale ad archivistici si debbano adeguare alle aumentate che non sarà così e che tutti, e il ponte non ce la fa più»
hoc, per rendere le fonti archivistiche accessibili ai possibilità che tecnologia e nuovi bisogni emergenti invece, potranno usarla per commenta Claudio Puccio-
ricercatori ma anche a un pubblico meno specializ- comportano. Gli aspetti vincenti nel nostro progetto stare al riparo, ovviamente ni, segretario del Comitato
zato. Il fatto che i Comuni si pongano in cordata sono sia l'approccio di rete, fondamentale in ambi- sembrano contenti. Ponte Nuovo, costituitosi
ha anche radici storiche: gran parte di essi, infatti, to culturale, sia la volontà di una reinterpretazione Il progetto, un po' diverso dopo la chiusura del ponte,
a partire dal Medioevo rientravano nella sfera d’in- degli archivi. Ciò non vuol dire solo digitalizzare i da quello iniziale, ha pre- quando i tir provenienti da
fluenza chierese. L'archivio storico di Chieri, in documenti ma raccontare storie facendo ‘parlare’ visto l’allestimento di un via Pianezza iniziarono a
particolare, conserva la documentazione più antica i testi e i loro protagonisti: serve creare una nuova telaio secondo un posizio- deviare nelle stradine del
della città dal 1194 in poi. Consente di ripercorre- narrazione in grado di raggiungere strati della socie- namento particolare. Verrà centro verso l’antico e pic-
re un viaggio affascinante che parte dallo sviluppo tà sempre più ampi». finanziato con una parte colo Ponte Vecchio. Finora
dell'istituzione comunale, attraversa il fervente pe- Oltre alla realizzazione del portale generale, il pro- di contributo di 90 mila il Comitato ha raccolto 1200
riodo dal 1168 al 1347 (due secoli di indipendenza getto prevede riordini o risistemazioni fisiche degli euro ottenuto grazie al Gal firme a sostegno di un docu-
di Chieri come Comune autonomo) e approda al archivi di alcuni Comuni (Gassino, Riva presso Chie- (Gruppo azione locale) e mento che, oltre alla messa
periodo del dominio sabaudo, pressoché ininterrot- ri, Mombello, San Raffaele Cimena), la realizzazione con una parte di mutuo. in sicurezza del ponte e alla
to dal 1347 all'Unità d'Italia. La documentazione è di pagine web dedicate agli archivi di ciascun Comu- I lavori – con la scelta dei realizzazione della bretella
in lingua latina dalle origini fino al 1570 circa. Poi si ne, la digitalizzazione dei documenti più significa- serramenti, dei colori degli Caselette-Rivoli, propone
passa all’italiano, con l’eccezione per i due periodi tivi, la pubblicazione di storie e percorsi tematici infissi e di altri particolari - una gestione intelligente del
di dominazione francese, dal 1551 al 1563 e dal 1800 sui singoli siti degli archivi comunali, con testi ed sono stati eseguiti col bene- traffico esterno e interno e
al 1814. immagini evocativi di storie di rilevanza locale e ter- stare della Sovrintendenza un'altra bretella al confine
«I nostri archivi conservano una ricchezza ritoriale. alle Belle Arti. con Pianezza.
documentaria difficilmente eguagliabile» spiega l'as- Enrico BASSIGNANA Tiziana MACARIO Chiara BACCAGLION
8 ATTUALITÀ DOMENICA, 20 DICEMBRE 2020

PANDEMIA – L’AGENZIA EUROPEA PER I MEDICINALI ANTICIPA AL 21 DICEMBRE LA RIUNIONE PER DECI

COVID
Arrivano
i vaccini,
A
rriva la ca-
valleria, an-
nunciano i
professori!
Gli spazi saranno decorati
con grandi primule, simbolo
dell’operazione, lanciata da
una massiva campagna me- il Piano
per l’Italia
Parte - sareb- diatica tesa ad ispirare spe-
be meglio ranza, e serenità. Mentre si
dire parte, avvia l’impianto vaccinale ita-
solamente parte, il batta- liano, sorgono anche inter-
glione mondiale dei vaccini rogativi: uomini, attrezzature
anti-Covid. L’avanzata della e logistica saranno pronti e
galassia di virus Sars-Cov--2 all’altezza? E con quali vacci-
è ancora fieramente all’at- ni, tra i tanti in preparazione
tacco degli umani in buona o in arrivo?
parte del mondo. Saranno L’Europa parte con un passo Regno Unito è arrivato per gettano, producono vaccini che sia solo una questione
dunque gli squadroni di ca- indietro rispetto ad altri. In primo al traguardo nel Con- o quelli che possono com- nazionale». Da più parti si è
valleria risolutivi in quella Cina Sinovac Biotech e Sino- tinente europeo. L’8 dicem- prarne milioni di dosi. I de- sottolineato che la pandemia
che ricercatori, scienziati, pharm sono già stati sommi- bre, con uno scatto-lampo ha stini di decine di altri Paesi, è globale e richiede una so-
clinici, e i governanti anche nistrati a centinaia di miglia- scelto, distribuito e sommini- dipendono da organizzazio- luzione globale. Commerci,
hanno definito una vera e ia di soggetti, anche se non è strato già migliaia di dosi. La ni umanitarie, Ong, o bene- comunicazioni, turismo, lo-
propria guerra contro l’invi- chiaro se e da quali enti re- prima che ha offerto il suo fattori privati. Arriveranno gistiche rapide, sposteranno
sibile nemico? golatori siano stati approvati braccio, è Margaret Keenan, dove potranno. Oms, Na- comunque il virus da una
Domande nutrite di spe- o su quali riviste scientifiche 90 anni, fiera del primato. nazione all’altra. People‘s
ranze, ansie e anche quei pubblicati per un esame glo- Il secondo, tal William Sha- Vaccine Alliance - gruppo di
dubbi che gran parte di viro- bale. Non solo: Pechino ha kespeare, ottantenne delle Ong che include anche Am-
logi, epidemiologi, infettivo- già venduto i suoi prodotti Midlands, nome importan- nesty international - calcola
logi giudicano non motivati. a diversi Paesi tra cui Egit- te per una scelta mediatica che i Paesi economicamen-
L’ente regolatore statuniten- to, Emirati, Brasile. Addirit- con effetto speciale. Molti I padiglioni allestiti te più progrediti abbiano
han pensato che Londra ab- già prenotato o acquistato
bia agito in solitaria per via per le vaccinazioni di massa al momento più della metà
dell’imminente Brexit. Non dei vaccini disponibili, e che
è così: i singoli Stati europei in tutte le Regioni, in 70 Paesi poveri nove per-
possono decidere autono- sone su dieci rischiano di
mamente senza aspettare il il reclutamento di medici, rimanere scoperti al Covid.
disco verde dell’Ema, moti- L’Oms ha promosso l’inizia-
vando l’urgenza. L’Ente na- infermieri e assistenti sanitari, tiva «Covid-19 Technology
zionale di controllo sanitario Access Pool», che chiede
ha autorizzato e scelto lo Pfi- le scorte di siringhe alle aziende farmaceutiche
di condividere tecnologie e
diritti di proprietà intellet-
tuale. Già mesi fa un appel-
lo sottoscritto da oltre cento
accademici di tutto il mondo
chiedeva che i vaccini non
siano sottoposti a regime di
brevettazione privata. E Papa
Francesco ha esortato gover-
ni ed istituzioni globali a ga-
rantire l’accesso universale ai
mezzi tecnici «essenziali che
permettano a ogni persona
contagiata, in ogni parte del
mondo, di ricevere le neces-
L’accelerata alla lotta contro sarie cure sanitarie».
Altra questione etica: i rischi
il virus arriva nel pieno della che corrono i volontari dei
gruppi di controllo. I test dei
seconda ondata, con mezza Europa trials di fase tre - gli ultimi
- coinvolgono rilevanti nu-
che torna in lockdown a Natale meri di persone (trentamila
mediamente). Metà tra essi,
ricevono un placebo, gli al-
se Fda, Food and Drug Ad- tura taluni cittadini cinesi zer, pronti-via. tri sono realmente vaccinati.
ministration, ha autorizzato residenti in Europa sono Gli Stati Uniti, dopo il tem- Né gli uni né gli altri sanno
per primo il vaccino tedesco- andati e tornati dal loro Pa- pestoso post-elezioni, hanno a quale gruppo appartengo-
americano Pfizer-BioNTech, ese, vaccinati al costo di circa pure iniziato, partendo da I tre passaggi chiave: no. Vengono seguiti anche
e lo stesso farà quasi certa- sessanta euro. Ne avrebbero una infermiera di New York. per lungo tempo, due anni.
mente l’Ema, l’ente control- diritto, su motivata urgenza, Avranno comprensibilmen- distribuzione, conservazione Se avvengono eventi avversi,
lore dell’Unione europea, i cinesi espatriati. te milioni e milioni di quei disturbi, controindicazioni
che ha anticipato a lunedì La scorsa settimana è partita vaccini che Donald Trump e somministrazione delle come fare per distinguerli, e
21 dicembre la riunione per anche la Russia. Già dall’e- aveva promesso immediata- proteggere i non vaccinati?
decidere. Più studiosi hanno state aveva preparato il suo mente e che la Fda ha invece dosi. Il rischio di intoppi Altra questione morale:
definito il primo vaccino oc- Sputnik, annunciando la sua autorizzato non molti giorni obbligo di vaccinazione o
cidentale autorizzato «la più altissima efficacia e sicurez- fa. Sono il Paese più infetto e le possibili soluzioni libertà dei singoli di sotto-
grande scoperta scientifica za, pur senza aver completa- al mondo. Primo vaccino di- porsi all’iniezione? Presumi-
di tutti i tempi». Ok, se fun- to i dovuti protocolli interna- sponibile, anche qui, Pfizer- Anche l’esercito in campo bilmente, chi sceglie di non
zionerà. Ma poi chiediamoci zionali. Anche i russi hanno BioNTech. Vaccino dichiara- sottoporsi potrà mettere a
pure: per chi? Chi penserà ai già venduto o opzionato mi- to efficace e sicuro, ma dalla rischio altre persone, fami-
Paesi poveri? lioni di dosi. Si delinea così scarsa maneggevolezza, dato zione unite, Paesi sviluppati glie, comunità. Problema se-
L’Italia si sta attrezzando alla una geopolitica sanitaria che va conservato a quasi 80 e Fondazioni devono varare rio: governo e Istituto supe-
veloce. Entro la quindicina mondiale dove sono in gioco gradi sotto lo zero. un piano immediato e non a riore di sanità partono con
di gennaio dovrebbero esse- bisogni, business, legami tra i Salta agli occhi che pochi si futura memoria. campagne di informazione
re inoculate le prime dosi ai governi. Un centinaio di altri occupano dei Paesi poveri. Non è una questione sola- e di incoraggiamento all’ac-
cittadini: medici e infermie- preparati anti Covid sono in Solo sporadiche dichiara- mente etica, ma un errore cettazione. Dall’altra parte,
ri, anziani e forze dell’ordi- via di studio o preparazione zioni di intenzioni di alcuni strategico. Ruth Faden, ca- i gruppi No-vax, sono attivi
ne, categorie più esposte al nel mondo. Se si può pen- governi. Astra-Zeneca, la podipartimento di Bioetica un po’ ovunque nel mondo
rischio infezioni. Ministero sare che dall’estate ne siano compagnia anglo-svedese alla Johns Hopkins Univer- e sulla Rete. Ma il problema
della Salute, Commissario disponibili diversi, elaborati non maturerà profitti sul suo sity, che segue scrupolosa- in fondo non è tanto questo,
Arcuri, Istituto superiore con differenti tecnologie, vaccino, questo è vero. Ma al mente l’andamento Covid, poiché i militanti del rifiuto
di Sanità allestiranno nelle più adatti presumibilmente momento produzione, distri- ha detto: «I Paesi ricchi si non sono così numerosi. Più
piazze e negli spazi designa- a questa o quella categoria di buzione e somministrazione concentrano sulla protezio- attenzione merita il numero
ti dei padiglioni nei quali le soggetti. si riferiscono esclusivamente ne delle proprie popolazio- dei dubbiosi, molto più nu-
dosi saranno somministrate. Europa, Italia, Stati Uniti - Il ai paesi che studiano, pro- ni, ma è da miopi pensare merosi. Un’astensione mol-
DOMENICA, 20 DICEMBRE 2020 ATTUALITÀ 9
DERE SUL SIERO PFIZER-BIONTECH. LE SPERANZE, LE ANSIE E ANCHE I DUBBI: SAREMO PRONTI? INTANTO USA, REGNO UNITO, CINA E RUSSIA SONO GIÀ PARTITI

Gli aiuti europei


chiedono che il Paese
smetta di litigare
to ampia sarebbe infatti un cacia immunizzante era stata La classe politica (di mag- che dei loro limiti, persino
ostacolo al raggiungimento del 90 per cento, mentre nel- gioranza e opposizione) di rappresentanza elettora-
di uno scudo vaccinale este- la gran maggioranza era più rischia di impantanarsi sui le. Renzi non può bloccare
so e della cosiddetta immu- bassa: il 70 per cento circa. 209 miliardi concessi final- il Paese con il 3 per cento
nità di gregge. Ecco come i Ed è risultato che il gruppo mente dall’Unione europea. dei consensi, Conte-M5S-
fautori del «no» potrebbero più protetto era quello a cui Il premier Conte, cui va ri- Pd-Leu debbono ricordarsi
ostacolare il diritto alla salu- era stata somministrata pri- conosciuto l’ottimo risulta- che nel voto al Senato sul
te della comunità nazionale. ma mezza dose, poi una dose to ottenuto a Bruxelles, ha Mes, la maggioranza non ha
Taluni avanzano una propo- intera. Invece il gruppo che avocato a Palazzo Chigi la ottenuto l’autonomia (161
sta: niente vaccino? Niente ha ricevuto due dosi intere si guida dell’intera operazione voti) per il dissenso dei gril-
cure gratis. La questione è è rivelato un po’ meno pro- del Recovery fund, con un lini legati a Di Battista, nono-
al vaglio nella Repubblica di tetto. obiettivo ‘scavalco’ del ruolo stante l’aiuto di centristi del
San Marino. Far cioè firmare L’azienda ha deciso di ap- del Governo e del Parlamen- Gruppo misto, dei sanatori
i «no», che così non avreb- profondire. Problema serio, to; Matteo Renzi, sempre cri- dell’Autonomia e l’assenza
bero diritto alla gratuità dei poiché in tema vaccini sono tico, ha colto l’occasione per di alcuni berlusconiani; d’al-
servizi ospedalieri. richieste certezze in tutte le sferrare un attacco frontale tra parte, anche la proposta
Infine: quali prodotti e a chi tappe, fino alla commercia- al presidente del Consiglio, Salvini di una maggioranza
minacciando la crisi con toni con Renzi non avrebbe i voti
da ‘acerrimo nemico’; grilli- per l’opposizione della Me-
ni e Pd, dapprima freddi con loni e il rifiuto annunciato
Palazzo Chigi, hanno suc- dalla Boschi, capogruppo
cessivamente colti i rischi, di Italia viva alla Camera. Il
anche internazionali, della voto anticipato, impossibile
dissociazione di Italia viva, e in questi mesi di pandemia,
hanno ribadito il sostegno a potrebbe avvenire all’inizio
Conte e alla sua scelta di av- dell’estate, prima del ‘seme-
viare una verifica complessi- stre bianco’ che scatta ad
va dell’azione dell’esecutivo. agosto; ma il Paese potrebbe
Anche l’opposizione, con la stare fermo per un intero
sola eccezione della Meloni semestre, con l’emergenza
(sempre orientata sulla ri- sanitaria e quella sociale?
chiesta di nuove elezioni), Reggerebbero le istituzioni
ha dato segni di sbandamen- democratiche ad una crisi
ti. Salvini in pochi giorni ha così grave?
cambiato tre posizioni: ele- Per questo è auspicabile un
zioni anticipate, governissi- forte recupero del senso di
mo, esecutivo del destra-cen- responsabilità, usando que-
tro con Renzi e i dissenzienti sto tempo eccezionale per
pentastellati; Berlusconi ha una riforma ‘giusta’ del fi-
alternato le aperture ai gial- sco, nella lotta alle disegua-
lo-rossi e la dura opposizio- glianze, varando una rifor-
ne con la Lega. ma elettorale proporzionale
In realtà tutte le forze poli- che tenga conto del plurali-
Pochi oggi si occupano dei Paesi tiche sono interessate alla smo dei partiti (nessuno ege-
gestione del piano di rico- mone), rafforzando la no-
poveri. L’appello del Papa: struzione: questo è legitti- stra presenza in Europa e in
mo, ma l’intera operazione Occidente, dopo il tramonto
tutti i malati di Covid devono va gestita nella logica delle del nazionalismo di Trump.
esigenze generali del Paese, Il presidente del Parlamento
poter ricevere le cure necessarie senza spinte clientelari e con europeo, David Sassoli, ha
precise e motivate priorità. dichiarato che a Bruxelles
Appare ad esempio ecces- fa paura l’idea di una crisi
saranno somministrati? L’Ita- lizzazione. Astra-Zeneca non siva la proposta (di matrice Dall’alto, politica in Italia, mentre è
lia e l’Unione europea han- è stata bloccata, ma la verifi- grillina) di stanziare 45 mi- il presidente ancora aperto il conflitto
no avanzato diverse opzioni. ca ritarderà probabilmente liardi per la digitalizzazione del Consiglio con la Gran Bretagna di Bo-
Verosimilmente il primo ad consegne e punture. pubblica e privata, mentre Giuseppe ris Johnson; sarebbe un pro-
arrivare sarà Pfizer-BioN- Siamo al dunque, con un alla Sanità vanno appena Conte, blema anche una soluzione
Tech; il governo di Roma potente strumento di difesa, 9 miliardi e a scuola e for- il presidente provvisoria, alla ‘giornata’,
ha già richiesto delle dosi ma - avvertono studiosi e cli- mazione 19; inoltre, appare del Parlamento perché il Paese esige una
aggiuntive a quelle già opzio- nici - non di certo risolutivo. essenziale il coinvolgimento europeo guida salda e duratura; l’o-
nate e ordinate: 1,8 milioni È pensabile infatti che una delle forze sociali ed eco- David Sassoli, pinione pubblica dà segnali
da distribuire a 300 ospedali operazione logistico-sanitaria nomiche, avendo il lavoro il senatore aperti di insoddisfazione: un
identificati dalle Regioni. Le così vasta sia esposta a intop- come obiettivo ineludibile e fondatore sondaggio de La7 sui prota-
fiale dell’americana Moder- pi, problemi di insufficienti di fronte alla crescita della di Italia Viva, gonisti della vicenda sanita-
na seguiranno a breve, molto risorse di personale medico- disoccupazione per gli effet- Matteo Renzi ria segna una svolta in nega-
probabilmente, mentre non sanitario ed eventi avversi ti della pandemia. tivo, con un solo ‘salvato’ (il
è chiaro il cammino del vac- - piccoli o meno - come in Dalla verifica dovrebbe giun- presidente del Veneto Zaia)
cino di Astra-Zeneca, conce- molti altri vaccini (e farmaci, gere una proposta ‘aperta’, e un’insufficienza dal Gover-
pito all’Università di Oxford, non va dimenticato). da discutere senza veti in Par- no ai Governatori regionali.
e con un impianto di pro- Si parte, questione di giorni. lamento e nella società, nella È quindi auspicabile che dal-
duzione in Italia, a Pomezia, L’Italia ha proposto al resto consapevolezza che i miliar- la ‘verifica’ emerga un cam-
della Irbm. Questo prodotto di Europa di partire insieme, di europei sono un aiuto sen- biamento in positivo, con la
era ed è ancora ritenuto uno possibilmente lo stesso gior- za precedenti, superiore allo priorità alle cose da fare e un
dei più promettenti, ma al- no. Sarebbe un significativo, stesso piano Marshall, che minor spazio alla lotta di Pa-
cuni dati sono da verificare concreto segnale di unità nei determinò la ricostruzione lazzo. È in gioco la credibili-
dopo un inatteso evento. giorni più drammatici dal dal dopoguerra. tà dell’intera classe politica
Quale? Durante l’ultima fase tempo della Seconda guerra I partiti devono essere con- e il futuro democratico del
dei test, si è scoperto che in mondiale. sapevoli del loro essenziale sistema-Paese.
un gruppo di volontari l’effi- Girolamo MANGANO ruolo costituzionale, ma an- Mario BERARDI
10 ATTUALITÀ DOMENICA, 20 DICEMBRE 2020

ECONOMIA – PRESENTATO IL PIANO DI RIPRESA PER USCIRE DALLA CRISI CAUSATA DALLA PANDEMIA, MA NEL GOVERNO C’È TENSIONE SUI PROGETTI E SULLA GOVERNANCE

I RECOVERY
l via libera al Bilan- batterie alla messa a punto di
cio europeo 2021- una capillare rete per la rica-
2027, venuto meno rica dei veicoli. Gli ultimi 15
il veto di Ungheria miliardi destinati alla transi-
e Polonia, vuole an- zione finanzieranno l'econo-
che dire semaforo mia circolare e la tutela delle
verde per le risorse risorse idriche.
del Recovery fund, di cui La digitalizzazione, secondo
una prima parte potrebbe capitolo del Piano, riceverà
esser disponibile la prossima 48 miliardi, dedicati in lar-

È ora di investire
estate. L'erogazione dei fon- ga parte alla realizzazione
di è ovviamente subordinata della rete a banda larga su
alla presentazione alle auto- tutto il territorio nazionale.
rità europee di un dettaglia- Altro piatto del menu digi-
to piano degli investimenti tale sono: il potenziamento
previsti. Con il Recovery il dello smart working, sia nelle

e innovare
nostro Paese riceverà 196 aziende private che nella
miliardi (che salgono a 209 Pubblica amministrazione,
considerando le risorse degli e dei pagamenti elettronici,
altri programmi Ue), di cui per ridurre l'uso del contan-
130 sotto forma di prestiti e te con effetti positivi sul con-
66 come contributi a fondo trasto all'evasione fiscale. Tre
perduto: usare bene queste miliardi sono infine stanziati
risorse è la vera sfida che ab- per il turismo e la cultura,
biamo davanti. comparti ritenuti un volano
Il Piano nazionale di ripresa di sviluppo, soprattutto nella attorno ai dieci miliardi, vol- la formazione come suppor- dote di almeno 30 miliardi arduo valutare con una certa
e resilienza, approntato dal previsione, nel dopo Covid, to alla riqualificazione delle to permanente per l'intera anche considerando l'attuale esattezza le ricadute econo-
Governo (si tratta ancora di di un ritorno ai normali flus- periferie urbane. Si preve- vita lavorativa delle persone. emergenza sanitaria. La som- miche. In ogni caso, il piano
una bozza), si compone di si provenienti dall'estero. dono poi quattro miliardi Ultimo capitolo la sanità, con ma stanziata dovrebbe essere del Recovery potrebbe rive-
per specifiche azioni a favore uno stanziamento di 9 miliar- suddivisa in due parti: 4,8 larsi maggiormente incisivo
della parità di genere e del- di. Cifra di molto inferiore miliardi alla medicina terri- se accompagnato da un am-
la conciliazione vita-lavoro: alle aspettative del ministro toriale e 4,2 miliardi per la biente propizio alla crescita
temi che si collegano alle della Salute, Roberto Spe- digitalizzazione del sistema dell'economia: una fiscalità
politiche familiari. In mate- ranza, che puntava su una con la creazione del libretto che non penalizza il lavoro,
sanitario di ogni cittadino. una celere giustizia civile e
Da notare che gli interventi un'efficiente Pubblica ammi-
sugli edifici ospedalieri, mol- nistrazione. In pratica, molte
ti dei quali bisognosi di un delle riforme di cui si parla
ammodernamento, saranno da tempo. Se per i riflessi
Prevista un’architettura su tre finanziati con una quota di economici ci sarà comunque
fondi reperiti dal capitolo modo di svolgere considera-
livelli: cabina di regia politica, delle infrastrutture. zioni più precise, ha destato
Questi, nel complesso, gli in- invece sin da subito molte
struttura con capi missione e terventi previsti e le somme perplessità la governance che
indicate per realizzarli. Un dovrebbe sovraintendere il
comitato di responsabilità sociale Piano che potrebbe subire Piano. La settimana scorsa
è stato reso noto un model-
lo che vede al vertice il pre-
sidente del Consiglio, Giu-
seppe Conte, affiancato dal
ministro dell'Economia, Ro-
Sei capitoli di spesa (in miliardi): berto Gualtieri, e da quello
dello Sviluppo economico,
green (74), digitalizzazione (48), Stefano Patuanelli. Sotto il
livello politico ci sarebbero
infrastrutture (27), ricerca e scuola poi sei manager, uno per cia-
scun capitolo di spesa, e più
(19), coesione sociale (17), sanità (9) a valle una platea di circa tre-
cento funzionari ed esperti.
Uno schema a piramide che,
sei capitoli: transizione eco- Terzo capitolo, con 27 mi- per come è stato presentato,
logica, digitalizzazione, infra- liardi, è quello delle infra- sembra escludere gli altri
strutture, ricerca ed istruzio- strutture. Qui gli interventi componenti del Governo,
ne, coesione sociale e sanità. prioritari riguardano l'Alta realizzando una struttura
La parte del leone, con 74 velocità ferroviaria, lungo le ‘esterna’ in parallelo alla
miliardi, quasi il 40 per cen- direttrici Nord-sud ed Est- normale Pubblica ammini-
to del totale, viene fatta dalla ovest a completamento dei qualche rimaneggiamento, strazione dipendente dai
transizione ecologica. Molte- corridoi europei, e un piano in particolare accrescendo vari ministeri. Anche il Par-
plici gli ambiti di intervento: relativo alle strade ed alle gli stanziamenti per la sa- lamento pare finire in secon-
efficienza energetica, mo- autostrade, sia da ammoder- I timori su un apparato inadatto nità. In alcuni studi del mi- do piano. Questo ha scate-
bilità sostenibile, difesa del nare che di nuova costruzio- nistero dell'Economia si è nato notevoli proteste nella
territorio ed economia circo- ne. Una cospicua dote è poi a ‘mettere a terra’ i fondi provato a valutare l'impatto maggioranza. Del tutto av-
lare. Una rivoluzione verde assegnata alla messa in sicu- che l'insieme di queste mi- versa a questa soluzione - che
per cambiare i nostri assetti rezza dei manufatti stradali e in modo veloce, come chiede la Ue sure potranno avere sulla il premier immaginava di far
energetici tagliando - entro ferroviari già esistenti, quali nostra economia. Da queste approvare con speditezza
il 2030 come stabilito dagli ponti, viadotti e gallerie, con Un’occasione da non perdere analisi emerge che, alme- inserendola nella Legge di
obiettivi europei - del 55 per controlli e monitoraggi sulla no all'inizio, l'aumento del bilancio - è Italia Viva, con
cento le emissioni di anidri- loro efficienza e stabilità. Pil legato agli investimenti il suo leader, Matteo Renzi,
de carbonica. A ricerca ed istruzione sa- ria di lavoro, con lo sguardo pubblici sarà lento in quanto pronto ad aprire una crisi di
All'interno del capitolo, ranno assegnati 19 miliardi. soprattutto puntato a quel- occorre del tempo perchè gli Governo qualora si insistesse
sono 40 i miliardi destinati Metà della somma verrà de- lo dei giovani, l'obiettivo è effetti positivi si facciano sen- su questa strada.
al risparmio energetico e alla stinata a favorire l'innovazio- giungere ad una maggior tire. Le simulazioni effettua- Si tratta di un'ipotesi ancora
riqualificazione del nostro ne di prodotto e di processo integrazione tra universo te considerano tre scenari di da chiarire e infatti lo stesso
patrimonio immobiliare. delle piccole e medie impre- scolastico e mondo produtti- crescita: alta, media e bassa, Conte, per spiegare questa
Viene così prorogato - anco- se, mentre l'altra metà sarà vo. Due ambiti che faticano riferiti ai valori di Pil diffe- scelta, aveva inizialmente
ra da chiarire se fino al 2022 rivolta a rafforzare il diritto a raccordarsi, tanto che, pur renziale indotto dagli investi- lasciato intendere che fos-
o al 2023 - il bonus del 110 allo studio e la didattica, in periodi di forte disoccu- menti. Si ipotizza quindi un se stata l'Europa a fornire
per cento, tenuto fuori dal- compresa quella a distanza. pazione giovanile, si assiste 2,3 per cento in più, nello indicazioni vincolanti in tal
la Legge di bilancio proprio Coesione sociale, parità di al paradosso che molte im- scenario migliore, e rispet- senso.
per venire recuperato con genere e politiche del lavo- prese non riescono a trovare tivamente dell'1,7 e dell'1,1 Al di là degli specifici model-
il Recovery. Circa 18 miliar- ro riceveranno 17 miliardi. le competenze di cui hanno negli altri due casi. li di governance, resta il fatto
di andranno alla mobilità Riguardo all'inclusione so- bisogno. Per sciogliere que- Difficile, però, prevedere che l'Unione raccomanda
sostenibile. Anche qui sono ciale e alla coesione territo- sto nodo si punta a realizzare cosa si verificherà in concre- a tutti i Paesi di creare pro-
parecchi i progetti in cam- riale, messe a dura prova da una rete che consenta un più to. Troppe sono le variabili cedure e meccanismi di ge-
po: dalla filiera dell'idroge- almeno un decennio di tagli agevole incrocio tra doman- in gioco e, per di più, l'estre- stione che consentano il più
no all'automobile elettrica, alla spesa pubblica, uno dei da ed offerta sul mercato del ma eterogeneità delle misu- proficuo utilizzo dei fondi.
dal sostegno al settore delle cardini sarà un vasto piano, lavoro, nonché a potenziare re adottate rende ancor più Aldo NOVELLINI
DOMENICA, 20 DICEMBRE 2020 ATTUALITÀ 11
CHE DOVRÀ GESTIRE LE RISORSE TURCHIA – LA DEBOLEZZA DELLA UE DI FRONTE ALLA POLITICA AGGRESSIVA DEL SULTANO NEL MEDITERRANEO

Le sanzioni cosmetiche
dell’Europa contro Erdogan
Che l'Italia conti ben poco Per contrastare le provoca- gli scambi economici con di armi italiane. Secondo
nella crisi libica è innegabi- zioni turche nel Mediter- la Mezzaluna, mentre l'Ita- l'ultimo rapporto dell'Istitu-
le e non da oggi. Che quel raneo orientale con azioni lia (dati del 2019) vanta un to Sipri di Stoccolma, il 20%
via vai continuo e insistente bellicose l'Unione europea interscambio commerciale delle armi vendute dall'Ita-
negli ultimi mesi di genera- ha approvato nuove sanzioni pari a 18 miliardi di dolla- lia ai Paesi extracomunitari
li, premier e capi tribù tra i economiche che colpiranno ri ed è il quinto fornitore sono finite proprio in Ana-
deserti libici e Roma non sia privati e aziende turche lega- della Turchia dopo Russia, tolia.
servito a nulla è lampante. ti ad attività di ricerca di gas Cina, Germania e Stati Uniti I solidi rapporti economici e
Siamo dalla parte del gover- e petrolio nelle aree contese e il secondo partner tra gli militari spiegano la fiacca re-
no di Tripoli, riconosciuto con Cipro e Grecia nel mar europei. Prima comunque azione dell'Ue alle ripetute
dall'Onu, ma anche un po' del Levante, allungando di applicare una posizione provocazioni turche. Le ban-
con le milizie cirenaiche di l'elenco dei soggetti già rag- più dura Bruxelles intende che europee hanno conces-
Haftar, tutti amici, nessun giunti da misure restrittive. aspettare l'insediamento alla so finora prestiti a pioggia, le
nemico, ma senza mai schie- Sanzioni ‘cosmetiche’ che Casa Bianca di Joe Biden, esportazioni europee verso il
rarci apertamente con uno non turbano i sonni di Erdo- che finora si è mostrato più gigante euro-asiatico hanno
dei due attori principali nel gan e che non produrranno rigido e ostile verso il Paese sfiorato lo scorso anno i 70
teatro libico. cambiamenti nella politica anatolico che verso l'Iran. miliardi di euro, mentre le
E mentre i nostri pescherec- aggressiva di Ankara in tutte Nel testo del Consiglio eu- esportazioni sono salite del
ci, da oltre tre mesi, sono an- le aree di crisi in cui è coin- ropeo passano le mini san- 4%. I settori trainanti sono
cora nelle mani di Haftar, il volto il sultano, dalla Libia zioni, ma non quelle che il tessile e l'automobile con
mercantile turco sequestrato alla Siria, dal Mediterraneo dovrebbero bloccare la for- molti impianti europei delo-
dallo stesso generale cirenai- orientale al Caucaso. nitura di armi alla Turchia. calizzati sul suolo turco.
co è stato rimesso in libertà L'Europa ancora una volta si Germania, Italia e Spagna Ora, però, il miracolo econo-
dopo pochi giorni. Appena è mostrata debole con la Tur- respingono infatti l'embargo mico turco è finito, il Paese
l'uomo forte di Ankara ha chia, ma anche ben attenta di armamenti verso Ankara ha smesso di crescere e sa-
alzato la voce, il generale di a non farle troppo male. Il chiesto dal governo di Atene rebbe già in recessione. Dal
Tobruk si è nascosto sotto la recente Consiglio europeo appoggiato da Parigi, che nei 2003, quando Erdogan è sali-
sabbia e le acque agitate del di Bruxelles non ha fatto confronti dei Paesi autoritari to al potere, fino al 2016 il Pil
Mediterraneo si sono placa- nessun passo in avanti signi- applica un comportamento è raddoppiato e molti hanno
te all'improvviso. Paura del ficativo sul versante delle differente e contraddittorio. deciso di investire in Tur-
sultano, l'antica ossessione relazioni con la Turchia, ma Macron vende armi all'Egit- chia. Poi è sopraggiunta la
turca non passa mai, torna e ha preso atto del crescente to di al-Sisi, amico e stretto crisi per le politiche sbagliate

Rapporto: il virus
contro i diritti Il timore di ritorsioni Il caso
su migranti ed export del mercantile
La pandemia in corso come alibi per
una progressiva sospensione dei diritti Germania e Italia turco ostaggio
dell’uomo è il tema al centro di «Il virus
contro i diritti», il 18esimo Rapporto sui respingono l’embargo in terra libica
diritti globali promosso da Association
Against Impunity and for Transitional di armi verso Ankara del generale
Justice, curato da Associazione società
INformazione onlus e con la parteci- chiesto dalla Francia cirenaico Haftar
pazione di numerose associazioni, tra
cui il Gruppo Abele. Il volume, nato
nel 2003, è stato presentato venerdì
11 - all’indomani della Giornata mon-
diale per i Diritti dell’uomo - al Parla-
mento europeo dalla presidente della
sottocommissione Diritti umani Maria ritorna, questa volta in terra peso geopolitico del colosso Nella foto alleato contro il terrorismo del genero del Presidente,
Arena, a cui è seguita una presentazio- libica. Le «gravi conseguen- asiatico dal Nord Africa all'A- sotto, islamista, facendo finta di Berat Albayrak, e del diretto-
ne online con gli autori. L’edizione di ze» minacciate da Erdogan zerbaigian. Le sanzioni sono nave turca non vedere la repressione re della Banca centrale. Ora
quest’anno si segnala per due novità: hanno convinto Haftar a li- lievi, quasi indolore, e scatte- nel del regime egiziano che ar- si guarda al dopo Trump e si
la pubblicazione di una versione in in- berare subito la nave turca ranno solo in primavera. An- Mediterraneo resta e tortura oppositori, at- aspettano le prime mosse di
glese, che permetterà la diffusione del con i suoi 17 marinai, men- che sulla Turchia l'Europa orientale tivisti, studenti e ricercatori, Biden. Intanto gli Stati Uniti,
Rapporto a livello europeo e non solo; tre i 18 pescatori di Maza- arriva divisa al momento di Sopra, calpestando regolarmente i con il plauso del nuovo Presi-
l’allargamento della riflessione allo sta- ra del Vallo a bordo di due prendere decisioni impor- il Presidente diritti umani nel suo Paese dente, hanno varato sanzioni
to delle impunità. L’obiettivo è portare pescherecci sono ancora pri- tanti. Il fronte dei ‘falchi’ turco e invece, nei confronti della contro la Turchia per l'acqui-
all’attenzione dell’opinione pubblica gionieri in Libia. con Francia, Grecia e Cipro Erdogan Turchia, chiede dure sanzio- sto del sistema missilistico
le tante situazioni dove è in atto una Ecco chi conta nel Paese vorrebbe adottare una linea e il Presidente ni, il blocco della vendita del- S-400 dalla Russia a un anno
vera e propria sospensione dei diritti nordafricano, la Turchia e la più dura nei confronti di Er- francese le armi e litiga furiosamente di distanza dalla consegna
umani. La crisi del multilateralismo e Russia che si sono imposses- dogan, mentre le colombe Macron, con Erdogan, che in patria dell'armamento considerato
l’ascesa dei nazionalismi, assieme all’e- sati di fatto della Tripolitania guidate da Germania, Spa- sostenitore calpesta ugualmente i diritti una minaccia per la sicurez-
mergenza sanitaria, hanno indebolito il e della Cirenaica nonostante gna e Italia sono favorevoli insieme umani, ponendosi allo stesso za dell'Alleanza atlantica.
diritto internazionale e i suoi strumenti, innumerevoli conferenze in- a una condotta più morbida alla Grecia livello di al-Sisi, se non peg- Erdogan ha bocciato la deci-
lasciando spazio per continue violazio- ternazionali di pace, tregue per non compromettere l'in- della linea gio. sione, dichiarando che le mi-
ni. Tra i casi segnalati al Parlamento eu- e tentativi di far cessare le tesa sui migranti. dura Ma non tutti gli Stati mem- sure statunitensi non rispet-
ropeo c’è la lotta del popolo Sahrawi, ostilità. Nessun altro ha voce Dure sanzioni sarebbero contro bri dell'Ue sono in sintonia tano «un importante alleato
nel Sahara Occidentale, che rivendica la in capitolo, a parte i Paesi distruttive per l'economia Ankara con la linea dettata dal Pre- della Nato, ma vedremo qua-
legittimità dei suoi territori contro il Re- gregari che aiutano e arma- turca alle prese con una gra- sidente francese e, come ben le tendenza emergerà dopo
gno del Marocco. Sotto accusa anche no i due maggiori sponsor vissima crisi e inasprirebbero sappiamo, i tentativi dell'U- l'insediamento della nuova
la stretta della Turchia sul fronte interno internazionali. Molto diversa ulteriormente i rapporti con nione europea di imporre Amministrazione americana
contro i media e gli attivisti, e la politica è stata la reazione dell'Italia Ankara. Sarebbero dannose severe sanzioni alla Turchia il 20 gennaio». Le sanzioni
‘aggressiva’ di Erdogan verso Iraq, Siria che, fiduciosa di trovare an- anche per la stessa Germa- non sono mai facili, perché americane, avvertono gli
e il supporto al Pakistan nel Kashmir. cora uno spazio diplomati- nia, che oltre ad ospitare 3 è richiesto un voto unanime. esperti, potrebbero turbare
In Colombia, invece, la pandemia co in Libia, evita di criticare milioni di turchi, figura al Tra l'altro, la Turchia è da ulteriormente le relazioni
viene usata per garantire l’impunità ai troppo Ankara, che però si primo posto in Europa ne- sempre il primo acquirente Usa-Turchia che, su varie
responsabili di crimini quotidiani. All’in- fa beffe di Roma e prende il questioni, sono da tempo in
terno della stessa sottocommissione, nostro posto in Libia. profonda crisi.
ci sarà, a inizio del 2021, un dibattito Filippo RE
sulle relazioni tra l’Arabia Saudita e lo
Yemen, dove è in corso una delle più
gravi crisi umanitarie. Al centro delle
discussioni, il ruolo dell’Unione euro-
pea che non può, secondo gli autori,
derogare dal suo controllo sui diritti
umani. Deve anzi avere la capacità di
poter intervenire in maniera omogenea
e senza condizionamenti sulle diverse
violazioni in atto. Per farlo, adesso, la
Ue ha un’arma in più: è stato infatti
varato, per la prima volta, un regime
globale di sanzioni in materia di diritti
umani, con l’obiettivo di conciliare i
Diritti dell’uomo con gli interessi eco-
nomici e geopolitici. Annunciato anche
un progetto pilota, in partenza il 2021,
per la costituzione di un Osservatorio
europeo contro le impunità.
Luca FERRANDO BATTISTA’
DOMENICA, 20 DICEMBRE 2020 ATTUALITÀ 13
ANALISI – IL 20 GENNAIO 2021 IL GIURAMENTO E L’INGRESSO DEL NUOVO PRESIDENTE ALLA CASA BIANCA. INVERSIONE DI ROTTA SU COVID, SOCIALE E AMBIENTE

L’
era Bi- la nuora, intende farlo in
den co- South Carolina. Pensa e un
mincerà futuro politico anche Donald
il 20 Jr, il primogenito, che piace
gennaio molto alla base più conserva-
2021, trice del partito repubblicano
con il e che, diversamente da Ivan-
giuramento e l’insediamento ka, condivide gli aspetti più
del 46° Presidente degli Stati rozzi del carattere paterno. E
Uniti alla Casa Bianca. Ma l’e- ha ambizioni pure Jared, il ge-
ra Trump ha già cominciato a nero. Vedremo quanti questi
sgretolarsi, subito dopo che i propositi resistono al tempo e
Grandi Elettori hanno ufficia- alla perdita del potere.
lizzato, lunedì 14, la sconfitta E la giustizia ordinaria accele-
del magnate. Anche il leader ra le sue inchieste sugli affari
dei senatori repubblicani del magnate, che intrecciava
Mitch McConnell ha ormai pubblico e privato: la magi-
riconosciuto che gli Usa han- stratura di New York impo-
no un nuovo Presidente elet- ne alla Trump Organization
to, congratulandosi con Joe la consegna dei documenti
Biden. d’una proprietà sui cui sgra-
Il passo di McConnell ha su- vi fiscali s’indaga. L’ordine
scitato reazioni opposte, da può creare un precedente
parte di Biden e di Trump. Bi- per tutte le altre richieste di
den l’ha chiamato per ringra- documenti finora inevase,
ziarlo e ha avuto con lui una nell’intreccio di inchieste sui
«buona conversazione», dico- redditi dei Trump. Neppure
no fonti dello staff del Presi- se Donald trovasse il modo di
dente eletto; i due, nonostan- graziare se stesso prima della
te le divisioni politiche, sono fine del mandato (procedura
legati da una vecchia e franca discutibile, dal punto di vista
amicizia consolidata nei tanti costituzionale), sarebbe al ri-
anni - una trentina - trascorsi paro dagli strali dei giudici: la
insieme al Senato. Trump, clemenza riguarderebbe solo

AMERICA
invece, ha twittato per l’enne- i reati federali.
sima volta: «Incredibili prove L’Amministrazione
stanno emergendo sulle frodi dei ‘vice’
nelle elezioni. Non ce n'è mai Al governo dei vice dei tempi
stata una frode così nel nostro di Barack Obama promossi
Paese!». titolari, a iniziare dal coman-
Altri segnali inequivocabili dante in capo di riserva Joe
che la partita dell’Election Biden, il tassello più impor-
Day, protrattasi per sei setti- tante che ancora manca è il
mane, è finita sono state le segretario alla Giustizia; anzi,

Comincia
congratulazioni a Biden arri- probabilmente la segretaria
vate dai leader più refrattari a alla Giustizia, dato che le fa-
riconoscerne la vittoria, o per- vorite sono due donne, Sally
ché ligi alla forma (il messica- Yates, 60 anni, ex vice di Lo-
no Lopez Obrador) o perché retta Lynch, e Lisa Monaco,
legati a Trump (il brasiliano 52 anni, ex zarina dell'anti-

l’era Biden
Bolsonaro) o perché un po’ terrorismo. Ma sono pure
l’uno e un po’ l’altro (il russo citati i nomi dell'ex direttore
Putin). della Cia, Michael Morell, e
I voti espressi in ogni Stato, del governatore dello Stato
contati e certificati, saranno di New York, Andrew Cuomo,
trasmessi al presidente del Se- ‘azzoppato’ dalla denuncia
nato, il vice-presidente Mike d’una collaboratrice in car-

per l'anima dell'America, la


democrazia ha prevalso. Noi
il popolo abbiamo votato. La
I voti espressi in ogni fede nelle nostre Istituzioni La proclamazione
ha tenuto. L’integrità del si-
Stato, certificati, stema resta intatta. È ora di il 6 gennaio 2021,
voltare pagina, come abbia-
arrivano a Washington mo sempre fatto nella nostra quando il Congresso
storia. Per unirci. E sanare le
il 23 dicembre divisioni… Sarò il Presidente farà il conteggio ufficiale
di tutti gli americani».
E, ricordando che nel 2016
Pence. Le schede dovranno Trump definì «schiacciante» riera - politica - che si sentiva
arrivare a Washington entro la sua vittoria con identico turbata dai suoi sguardi e dai
il 23 dicembre, mentre il con- risultato, Biden ha «rispet- suoi commenti.
teggio ufficiale con la procla- tosamente» suggerito al ma- La Yates avrebbe già avuto il
mazione del nuovo Presiden- gnate presidente di accetta- posto, se non fosse invisa ai
te e del nuovo vice-presidente re il verdetto. Il Presidente repubblicani: rischia infatti
lo farà in seduta plenaria il eletto ha quindi rilevato che Nella foto, la bocciatura, se il Senato
nuovo Congresso il 6 gennaio, Trump a la sua campagna in alto, sarà ancora controllato da
tre giorni dopo essersi insedia- «hanno presentato decine e il 46° Presidente loro. Lo si saprà il 5 genna-
to. In quella sede potrebbero decine di ricorsi legali, tutti «Per gli Stati Uniti è ora americano, io, dopo i referendum in
ancora esserci contestazioni, giudicati senza fondamen- Joe Biden Georgia: ieri, Biden è stato
ma è altamente improbabile to», fino al verdetto finale di voltare pagina». L’unione Sotto, ad Atlanta, per sostenere i
un ribaltamento del voto in della Corte Suprema, «un Washington candidati democratici. Una
uno o più Stati, che richiede chiaro segnale»: «È una po- nella pandemia: 305mila morti e New York, preoccupazione che ha già
il consenso di entrambi i rami sizione così estrema che non svuotata indotto Biden, che vuole go-
del Congresso: la Camera è abbiamo mai visto prima, di cento volte l’11 Settembre dalla vernare con il compromesso
già in mano ai democratici; il chi si rifiuta di rispettare la pandemia e non ‘muro contro muro’,
controllo del Senato dipende volontà del popolo, lo Stato a rinunciare a Susan Rice al
dall’esito dei ballottaggi del 5 di diritto e di onorare la no- certo ribadirà solennemen- che ha già avuto oltre 305.000 Dipartimento di Stato, rele-
gennaio. stra Costituzione». te il 20 gennaio, all’insedia- vittime, cento volte l’11 Set- gandola a un ruolo di poli-
Tutto sarà allora pronto per Il fervorino pronunciato a mento: «Lavorerò duro per tembre 2001, un 11 Settem- tica interna non soggetto a
l'Inauguration Day del 20 Wilmington, Delaware, è quelli che non mi hanno bre al giorno in questo tragico conferma del Senato.
gennaio, quando Joe Biden e stato un ‘discorso della Vit- votato così come farò per dicembre. Per un segretario alla Giusti-
Kamala Harris giureranno e si toria’ bis, dopo quello fatto quelli mi hanno sostenu- E mentre la campagna di zia in arrivo, ce n’è uno che se
insedieranno alla Casa Bian- il 7 novembre, quando aveva to… C'è un lavoro urgente vaccinazioni anti-coronavirus ne va: lunedì, mentre si sug-
ca. Quel giorno, Trump ha raggiunto la certezza di esse- davanti a tutti noi: mettere prosegue, il virologo Antho- gellava l’esito delle presiden-
già programmato un comizio re il Presidente eletto. Biden la pandemia sotto control- ny Fauci invita Biden e la sua ziali, con il voto pro Biden del
in Florida, per annunciare la ha ricordato che «la fiamma lo vaccinando la nazione vice Kamala Harris a farsi vac- Collegio elettorale, Trump,
sua candidatura a Usa 2024. della democrazia fu accesa in contro questo virus, fornire cinare al più presto. La racco- che non ha tuttora riconosciu-
Il ‘discorso della Vittoria’ questa Nazione molto tempo immediato aiuto economi- mandazione di Fauci coinci- to la sconfitta, annunciava le
Per gli Stati Uniti, «è ora di fa. E ora sappiamo che nulla, co fortemente necessario a de coi timori per la salute di dimissioni del segretario alla
voltare pagina», ha detto Bi- neppure una pandemia o un moltissimi americani… e poi Biden ravvivati dalla tosse e Giustizia William Barr. Il po-
den, subito dopo che il Col- abuso di potere, può estin- ricostruire meglio che mai la dalla raucedine esibite lunedì sto di Barr sarà preso dal suo
legio elettorale aveva avallato, guere quella fiamma… Se nostra economia». sera, facendo il discorso della vice Jeff Rosen, che sarà sosti-
senza colpi di scena, la sua nessuno lo sapeva prima, ora L’Unione nella pandemia vittoria. «È solo un po’ di raf- tuito da Richard Donoghue.
vittoria: 306 i Grandi Elettori lo sappiamo. Quello che bat- e i segni della disgregazione freddore», tranquillizza il Pre- Trump era ai ferri corti con
a suo favore, 232 quelli per te forte nei cuori del popolo La fine della partita presiden- sidente eletto, che, avendo 78 Barr, che aveva negato brogli
Trump (per essere eletti, ne americano è la democrazia. Il ziale, mugugni di Trump a anni, è un soggetto a rischio. di massa nelle elezioni e che
servivano 270). Un risultato diritto d’essere ascoltati, di ve- parte, ha coinciso con l’inizio Fronte famiglia Trump, pare non aveva reso nota prima
esattamente speculare a quel- dere contato il proprio voto, nell’Unione delle vaccinazio- che ne ritroveremo un sacco del voto l’inchiesta avviata nei
lo del 2016. di scegliere i leader, di gover- ni anti-Coronavirus: un dop- in politica, nei prossimi anni: confronti di Hunter Biden, il
Nel suo discorso, Biden ha de- nare noi stessi. In America i pio segnale di speranza e di il magnate e patriarca vuole figlio di Joe. Ma, al momento
nunciato le mene di Trump politici non prendono il pote- rinascita, nel Paese più colpi- ricandidarsi nel 2024; Ivanka della separazione, Trump, per
per rovesciare l’esito del voto re: il popolo lo concede loro». to al Mondo in assoluto dalla potrebbe correre in Florida una volta, non ha esacerbato
e ha invitato a superare beghe Il Presidente eletto ha con- pandemia, che supererà i 17 per il Senato sfidando nelle i toni.
e litigi: «In questa battaglia cluso con un impegno che milioni di casi in settimana e primarie Marco Rubio; Lara, Giampiero GRAMAGLIA
14 CULTURA DOMENICA, 20 DICEMBRE 2020

ANNIVERSARIO – TRE EVENTI, VENERDÌ 18 DICEMBRE, PER RICORDARE IL GENERALE CHE NEL 1961
Il 18 dicembre 1920, cento spe, autorizzate a distruggere
anni fa, nasceva Guido Amo- senza guardare il passato. Con

Museo
retti. Un anno di guerra in lucida ricerca, mise a segno la
Grecia e due in vari lager tra scoperta del secolo e della sua
Polonia e Germania ne tem- vita: la vera scala di Pietro Mic-
prarono un carattere indomi- ca, rimasta nascosta per 252

Pietro Micca,
to. Quando nel 1956, capita- anni, era proprio lì, nel luogo
no di fanteria, dalla finestra degli scavi. Quell’1° ottobre
dell’ex-Scuola di guerra che si 1958 la città scoprì la sua sto-
affacciava su via Guicciardini ria e accettò che venisse salva-

i cento anni
vide spuntare le mura sbrec- guardata. Due anni e mezzo
ciate delle gallerie di contro- dopo, 14 maggio 1961, con
mina della Cittadella, scoper- l’aiuto dei minatori dell’eser-
chiate e in procinto di essere cito, l’allora capitano Guido

di Guido
ingoiate dalle fondamenta del Amoretti offriva alla Città e
palazzo delle Entrate, rientrò all’Italia del primo centena-
in guerra… la sua guerra per- rio dell’Unità il Museo Pietro
sonale per salvare e valoriz- Micca e dell’assedio di Torino

Amoretti
zare la storia e l’inestimabile del 1706.
patrimonio sotterraneo di Sono passati quasi sessanta
Torino. anni e il museo, che il gene-
Sapeva che ci voleva qualcosa rale Amoretti ha realizzato
di speciale per fermare le ru- con passione e competenza è

INTERVISTA – DIECI ANNI DOPO «NEL MARE CI SONO I COCCODRILLI» LO SCRITTORE FABIO GEDA TORNA A RACCONTARE LA VITA DI ENAIATOLLAH AKBARI, IL MIGRANTE

H
ai mangia-
to? Lo chie- Il bisogno di riannodare il presente, arricchito di una laurea, un lavoro e buoni
de ogni
madre al fi- amici in città, con pezzi del passato. Perché «tra testa, cuore e stomaco si
glio. Anche
la madre di era creato uno spazio nuovo», e quel ragazzo ormai diventato adulto voleva
Enaiatol-
lah Akbari durante la prima riempirlo dell’incontro con i corpi della madre, del fratello e della sorella
telefonata dopo anni che
non lo vedeva né sentiva, per

«Storia di un figlio
averlo fatto fuggire dalla loro
terra, l’Afghanistan, così che
respirasse la libertà e un futu-
ro migliore in Occidente. La
donna lo ha condotto in Pa-
kistan, da dove il ragazzo, con
un viaggio rocambolesco co-

un viaggio in cerc
mune a molte storie di migra-
zione, ha attraversato da solo
l’Iran, la Turchia e la Grecia
e, nel 2004, è approdato in
Italia, a Torino, dove succes-
sivamente ha conosciuto lo
scrittore e giornalista Fabio

di se stessi
Geda.
Per anni coinvolto nel volon-
tariato, all’attivo i romanzi
«Per il resto del viaggio ho
sparato agli indiani», «L’esat-
ta sequenza dei gesti», fino al
recente «Una domenica», il
torinese Geda ha offerto la
sua penna al giovane afgha-
no, raccogliendone la storia,
che nel 2010 ha spiccato il
volo nel bestseller interna-
zionale «Nel mare ci sono i
coccodrilli», per planare con
successo anche tra le mani di
migliaia di ragazzi sui banchi
di scuola. Dieci anni dopo
Enaiatollah decide di rianno-
dare il suo presente, nel frat-
tempo arricchito di una lau-
rea, un lavoro e buoni amici
nella nostra città, con pezzi
del suo passato, rispondendo
al richiamo che, anche se ina-
scoltato, ogni migrante avver-
te dentro di sé: perché «tra
testa, cuore e stomaco si era
creato uno spazio nuovo», e
quel ragazzo diventato adulto
voleva riempirlo dell’incon-
tro con i corpi della madre,
del fratello e della sorella.
«Storia di un figlio. Andata e
ritorno» (Baldini + Castoldi,
2020) è una lettura intensa,
ma nel contempo leggera origine, e quello nuovo, inat- lingua madre, il dari. Fazila nità alloggio, a cui mi sono una sensibilità particolare
e godibile, in cui viene ri- teso, nato dall’incontro fortu- che lo ha raggiunto a Torino dedicato per dieci anni, dal per le storie, perché il lavoro
costruita la vicenda storica ito durante la permanenza in per condividere «un posto da 2000 al 2010. educativo, soprattutto in co-
dell’Afghanistan, ferita aper- Pakistan di Enaiatollah con chiamare casa». Quanto l’impegno munità alloggio, è fortemen-
ta dell’Asia, e dell’etnia a cui Fazila, una ragazza afghana Geda, anche quest’ultimo sociale ha segnato la sua te narrativo. Oltre a cucinare,
appartiene Enaiatollah, gli che riaccende in lui il legame romanzo nasce scrittura? far le lavatrici, accompagnare
hazara, considerati nel suo mai reciso con le proprie ra- dall’esperienza di Ha influito moltissimo: in- i ragazzi in giro, è importante
Paese «una macchia di su- dici. Fazila con cui parlare la educatore. Perché aveva nanzitutto mi ha regalato l'ascolto delle loro storie per-
diciume sull’abito da sposa compiuto quella scelta? sonali, raccoglierle e aiutarli
della nazione», e quindi per- Ho svolto per un lungo pe- a far pace con esse. Mi ha
seguitati. Invece il giovane riodo attività di volontariato regalato un’attenzione parti-
sente l’orgoglio di apparte- con l’Agesci, soprattutto il colare nei confronti dei rac-
nere alla stirpe che discende lavoro educativo con i ragaz- conti di marginalità, che nel
dall’armata di Gengis Khan L’etnia di zi, che mi ha sempre scaldato Il libro è soprattutto lavoro con Enaiatollah, per
e dai costruttori dei «leggen- il cuore. Mi sono laureato in entrambi i libri, mi è tornata
dari Buddha di Bamiyan», le appartenenza, gli Scienze della comunicazione una vicenda di affetti: quelli molto utile.
maestose statue scolpite nella perché mi sarebbe piaciuto «Storia di un figlio» ha
roccia e distrutte dai talebani. hazara, considerata fare il giornalista, infatti ne- ritrovati, tornando nei due autori: qual è stato il
Il tentativo di genocidio degli gli anni ’90 ho collaborato suo ruolo?
hazara riporta ad «altri an- nel proprio Paese con il settimanale «il nostro luoghi di origine, e quello Nella stesura di entrambi i
goli del mondo» dilaniati da tempo». Ho fatto l’obiettore libri il mio compito è dare
attacchi altrettanto cruenti: «una macchia di di coscienza con i salesiani in nuovo, del tutto inatteso, forma alla parola, io sono lo
verso i rohingya in Birmania, San Salvario, presso l’orato- scrittore. Enayatollah risulta
gli yazidi in Iraq, gli uiguri in sudiciume sull’abito rio San Luigi, e lì ho scoperto nato dall’incontro fortuito anche autore del secondo
Cina, «popoli discriminati e una realtà molto viva, calda, perché il suo contributo è
braccati, spesso per questioni da sposa della nazione» a cui mi sono legato, e per in Pakistan con Fazila stato più incisivo: «Nel mare
di religione o di supremazia due anni, dal 1998 al 2000, ci sono i coccodrilli» è frutto
territoriale». ho lavorato con loro. Poi una di un racconto di giorni, setti-
Ma il libro è soprattutto una cooperativa sociale, la Valpia- mane, mesi; quindi io ho pre-
storia di affetti: quelli ritro- na, mi ha offerto l’incarico di so quel materiale e ho deciso
vati, tornando nei luoghi di educatore in una loro comu- come trasferire dall'oralità
DOMENICA, 20 DICEMBRE 2020 CULTURA 15
1 OFFRÌ ALLA CITTÀ L’ISTITUZIONE MUSEALE DEDICATA ALL’ASSEDIO DI TORINO DEL 1706 LA MORTE DELLO SCRITTORE INGLESE

Le Carré,
il suo monumento ai posteri: Amoretti tre eventi: la messa
patrimonio storico, architet- in Duomo alle ore 18 per i
tonico, culturale, valoriale e coniugi Maria e Guido Amo-

tra coscienza
identitario conosciuto e visi- retti, entrambi nel centesimo
tato da migliaia di studenti e anniversario di nascita, e due
curiosi e in corso di allargarsi iniziative virtuali online sul
ad altri siti sotterranei della sito www.museopietromicca.

e verità
storica Cittadella (il Pastiss, ite sulla pagina www.facebo-
il Cisternone, il Rivellino de- ok.com/museo.pietromic-
gli Invalidi) che lentamente ca: alle ore 9 il Pietro Micca
si manifesta sempre più e di Tour nr. 35 «Perché ti ricordi
cui in gran parte è stato sco- sempre del mio amore. Tuo
pritore e strenuo difensore. Guido per tutta la vita»; alle Quello era il vero confine del trucchi di «Q», perché non
Altre sfide, ora, attendono il ore16 la videoconferenza dal mondo. E lui ne scriveva in ne ha bisogno: diversamente
museo. Come la preparazio- stimenti attraverso il sostegno museo Pietro Micca dal titolo una prospettiva simile a quel- da James Bond possiede un
ne del 60° anniversario con di vari enti. Come il cambio «Un amore di museo. Guido la di Buzzati nel «Deserto dei cervello e le sue avventure
ulteriori progetti, tra i quali la di intitolazione al Generale Amoretti scopritore e conser- Tartari»: dalla fortezza Bastia- prendono luce da piccoli fatti
«sfida per l’accessibilità e in- Amoretti della via del museo vatore», a cura dello storico ni si sta a scrutare l'ignoto, e di che diventano riflessioni e poi
clusione culturale nel museo che il Comune ha in valutazio- Piergiuseppe Menietti, l’ar- qua dalla Porta di Brandebur- vere informazioni, secondo
Pietro Micca» che comporte- ne da tempo. chitetto Fabrizio Zannoni e la go ci si specchia in quel che uno schema che somiglia non
rà lavori infrastrutturali, nuo- Per solennizzare l’anniversa- figlia Carla, di noi stessi abbiamo nascosto poco alla «ruminatio» medie-
ve attrezzature tecnico-infor- rio di venerdì 18 dicembre Franco CRAVAREZZA senza poterlo cancellare, con- vale.
matiche e performanti alle- il museo dedica al Generale Direttore del museo Pietro Micca fuso senza poterlo ignorare. Il fascino di Smiley è tutto
Diplomatico, spia e – soprat- intellettuale; e anzi Le Carré
tutto – grande scrittore John sfrutta la goffaggine fisica del
AFGHANO CHE HA ATTRAVERSATO IRAN, TURCHIA E GRECIA PER POI APPRODARE A TORINO Le Carré è, come Omero, il personaggio per provocare la
narratore della nostra guerra simpatia del lettore (anche
alla veste scritta la sua verità ininterrotto che l’espatriato dianamente in altri luoghi di Troia, quella che abbiamo se poi fa affiorare sostanziose
di quel viaggio. Il secondo ro- intrattiene con se stesso. Ena- della Terra. condotto lungo il confine del- abilità di sopravvivenza: «Ma
manzo, invece, abbiamo deci- iatollah dice: io non sarò mai Con l’analisi della la Cortina di Ferro, sulle cene- Smiley era già scomparso.
so insieme come strutturarlo, pienamente italiano, ma non condizione degli hazara ri della Germania annientata Non aveva mai conosciuto
e alcune parti, ad esempio il sono più totalmente afgha- «Storia di un figlio» è dall'inferno che il cancro in- nessuno capace di scompari-
capitolo sulla storia dell’Af- no. Il sentire del migrante anche un libro politico? nominabile del nazismo aveva re con tanta rapidità in mez-
ghanistan, sono un suo con- è dialogico, è un continuo Assolutamente sì. Enaiatollah potuto evocare. zo a una folla»). È ne «La
tributo molto importante che andare e tornare attraverso si è laureato in Scienze poli- Solo che Omero era sicuro di talpa» (1973) che si rivela il
la propria esperienza e per tiche con indirizzo relazio- dove fossero il bene e il male fuoco di Smiley, e il cuore del
questo le anime migranti ni internazionali, quindi lo – i vincitori hanno sempre percorso narrativo di Le Car-

o»:
sono così fertili, complesse, contraddistingue quel tipo di ragione. Invece, quando esce ré. Già cacciato dal Servizio
affascinanti. sguardo. Poi lui è legato alla «La spia che venne dal fred- Smiley torna, richiamato da
Che sentimenti prova propria etnia, alla propria do» (1964), non sono certe un sospetto finalmente affio-
Enaiatollah nei confronti storia, pertanto il racconto né la vittoria finale né le «ra- rato: l'intelligence britannica
dell’Italia? della persecuzioni di cui gli gioni» dell'Occidente. Anzi: sarebbe manipolata diretta-
Il suo sguardo su di noi è pie- hazara sono vittime è qual- proprio in quel solco, un con- mente dallo spionaggio di
no di fiducia. Ha ovviamente cosa a cui teneva moltissimo. fine immateriale ma molto Mosca, che è riuscito nell'im-

ca
incontrato la parte migliore Del resto la citazione in eser- più profondo e doloroso del presa di infiltrare un agente
di noi, quella più disponibile, go al libro, «L’unica cosa che Muro a Berlino, Le Carré in- doppio (una talpa, appunto).
accogliente. Non è neanche desideriamo è che essere un serisce esperienze e capacità Non per conquistare i segreti
mai incappato in situazioni hazara non sia un crimine», narrative per il suo vero rac- degli Inglesi, che non inte-
di violenza, di xenofobia, lo testimonia. conto, continuato più o meno ressano più nessuno, ma per
Che lavoro svolge accedere ai veri «nemici», gli
ora Enaiatollah? È Americani… Smiley scova la
impegnato in attività di talpa, distrugge la congiu-
supporto ai rifugiati in ra, viene rimesso a capo del
Italia? Servizio. Ma le imprese della
E’ impiegato come tecnico sua tela («L'onorevole scola-
di laboratorio alla facoltà di ro», 1978) finiscono sempre
biotecnologie ed è immer- a frutto dei potenti e prepo-
so nelle cose che deve fare. tenti alleati di Washington…
Frequenta assiduamente la Non solo, aver svelato il tradi-
comunità afghana torinese, tore non gli procura alcuna
che ultimamente è molto cre- gloria ma lo rende sospetto:
sciuta, segue ciò che succede «Lo smascheramento di Bill
in Afghanistan, interessato ad Haydon era come una ferita
organizzazioni ed eventi che aperta, nella mente di ognu-
sostengono l’evoluzione di
quel popolo attraverso la sco-
larizzazione, un accresciuto
ruolo delle donne…
non si è sentito discrimina- Cosa potrebbe fare
to. E’ quindi estremamente l’Occidente per Diplomatico, spia e, soprattutto,
riconoscente, e per nulla cri- l’Afghanistan?
tico, nonostante la fatica per E’ una domanda che mi grande narratore della guerra
i disservizi che anche lui ha pongono sovente i ragazzi
toccato con mano: l'esempio nelle scuole. Ci sono due che abbiamo condotto lungo
più eclatante è che sta aspet- scelte possibili: o impegnar-
tando da più di due anni la si in associazioni attive nella il confine della Cortina di Ferro
andava valorizzato. Lo sguar- cittadinanza, pur avendo tutti solidarietà, nella risoluzione
do ironico e leggero sulle i documenti in regola. Abita dei problemi pratici di quel
cose rivolto alla speranza, la qui da 16 anni, si è laureato, Paese, o leggere, informarsi in tutti i suoi libri: la ricerca no: la chiamavano La Caduta
scelta di riportare le difficol- ha un lavoro fisso, è residen- e parlare, al fine di cambia- della verità, e il rapporto tra e condividevano un senso di
tà e la tragedia senza fare del te, ha comprato casa, paga le re lo sguardo delle persone tale verità e la coscienza indi- primordiale vergogna. Nel
voyerismo sul dolore appar- tasse: è ovvio che sia cittadino sulla questione dei migran- viduale. Finita la guerra fred- segreto dei loro cuori, forse,
tiene ad entrambi, ed è ciò italiano. Invece è una delle ti, controbattendo in modo da anche la vena di Le Carré biasimavano Smiley per aver
che ci ha fatto sentire subito vittime della cronica lentezza puntuale all’opposizione di continua a cercare le verità smascherato Bill Haydon,
in sintonia fin da quando ci della nostra burocrazia e dei molti. I miei libri, mostrando imbarazzanti dell'Occidente per aver reso noto il suo tra-
siamo incontrati, nel 2007. decreti sicurezza. Ma, al net- l’eroismo quotidiano di quel- («Yssa il buono», «Il canto del- dimento».
I libri su Enayatollah to di questo, è grato al Paese li che fuggono, rischiando la la missione»). Ma ovviamente Che senso ha ancora, allora,
possono inserirsi nel che lo ha accolto, ne ama la vita, per salvarsi e migliorare non c'è più la stessa tensione agitarsi per una guerra che
filone della letteratura cultura, certe volte mi sem- se stessi, mirano a contrastare narrativa; forse perché, senza si sta combattendo sopra le
migrante? bra che apprezzi l’Italia più la cultura dell’ostilità e del ri- più un nemico, anche la «no- nostre teste, al di fuori delle
Stiamo parlando di un gene- di molti italiani, ne riconosca fiuto del migrante. stra parte» dovrebbe impa- nostre possibilità? È questa la
re estremamente variegato, la ricchezza, mentre noi spes- Qual è il passaggio rare l'onestà di riconoscere i «verità» che torna nelle storie
ricco, e sviluppato con voci so non siamo consapevoli più coinvolgente nel propri limiti e i propri errori. di Smiley: sia di fronte a Bran-
differenti. Se la letteratura della fatica che si vive quoti- racconto di «Storia di un Ma nessun apparato di propa- deburgo, sia nei «casi» come
migrante pura è quella di cui figlio»? ganda potrà mai permettere quello del generale svizzero
si fanno carico i migranti, qui Se della prima narrazione mi il successo di simili operazio- («La pace insopportabile»)
possiamo parlare di lettera- aveva colpito la morte del ma- ni… che fornice segreti militari ai
tura meticcia, figlia dell'ac- estro che preferisce farsi ucci- Il suo eroe, diversamente da sovietici per evitare la preva-
coglienza e dell'ascolto, che dere piuttosto che chiudere Achille, Ettore o Ulisse, è una lenza di un campo rispetto
affronta il tema della migra- «Lo sguardo ironico la propria scuola, qui è molto spia. Un mestiere subdolo, all'altro. E il tema torna in
zione e quindi evidentemen- interessante la sottotraccia fondato appunto sulla possi- tante altre narrazioni della
te si inserisce in quel filone. sulle cose rivolto che descrive l’inferno della bilità di manipolare all'infini- guerra; anche se la battaglia
Certo è che la mia traduzione burocrazia che attraversano to la «verità», di farla a pezzi, personale di Smiley vinee
dall’orale allo scritto rende alla speranza, la scelta i migranti. Uno dei modi in venderla e comprarla. Per simbolicamente vinta con la
quell’esperienza diversa dal- cui si esercita il potere – ol- questo è necessaria alla spia defezione del suo demone,
la storia redatta dal migran- di riportare le difficoltà tre a quello economico – è George Smiley una assoluta «Karla»: ancora una volta at-
te stesso, per il passaggio ad nell’abuso del diritto da par- fedeltà all'ideale, la certezza traverso Berlino, il capo delle
un'altra lingua che ha suoni e senza fare voyerismo sul te della pubblica amministra- di stare dalla parte giusta del spie sovietiche ripara in Oc-
colori peculiari. zione: impedire di ottenere il mondo – o dalla parte giu- cidente, costretto proprio da
«Storia di un figlio» è un dolore appartengono visto, far aspettare mesi per sta del Muro… Smiley è un quei sentimenti che gli aveva-
viaggio geografico, ma anche una firma… Una sorta di mito: come Achille appunto, no consentito di confondere
dentro di sé… ad entrambi» penoso bullismo istituziona- o come Ulisse. Sta all'opposto Smiley. E in questa sintesi fra
L'andata e il ritorno sono lizzato da parte degli uffici di James Bond: è basso e gras- ragione e sentimento c'è tutto
metaforici: nel libro ci sono i ministeriali afgani che «sono soccio e, invece di conquistare il fascino della spia grassoccia,
viaggi tra il Pakistan e la ter- la Fossa delle Marianne della donne a iosa, non riesce ne- miope e di mezza età che Le
ra d'adozione, però si tratta burocrazia». anche a conservarsi la moglie. Carré ha inventato per noi.
soprattutto di quel dialogo Anna SCOTTON Smiley non usa nessuno dei Marco BONATTI
16 CULTURA DOMENICA, 20 DICEMBRE 2020

RICORDO – LA SCOMPARSA A 89 ANNI DI UNA FIRMA PRESTIGIOSA DELLA STAMPA CATTOLICA, DAL 1990 AL 2014 DIRETTORE DE «IL NOSTRO TEMPO» E, IN PRECEDENZA,

Del Colle
«Cattolici dal potere
al silenzio», l’ultimo
libro-intervista
Con la morte di Beppe del Colle non
se ne va solo un maestro di giornalismo
acuto, approfondito, mai urlato o ba-
nale, attento alle persone e chiaro sul-
ne, non le svia, le affronta e chiarisce il
suo pensiero. Inizialmente, però, nutri-
va molti dubbi. «Caro Pellegrini», scrive
in una mail, «con questo primo ‘lancio’
maestro di giorna
e uomo del Vang
le cose da dire, ma si impoverisce una voglio sottoporti di nuovo amichevol-
stagione di giganti che alla professione mente il problema che ci siamo proposti
hanno dato spessore e grande dignità; (molto avventurosamente): vale la pena,
una stagione di uomini capaci di legge- siamo in grado di trattare sotto forma di
re oltre i fatti, di illuminare la realtà, di dialogo una storia complicata, lunga e
non accontentarsi mai di verità precon- culturalmente impegnativa come la sto-
fezionate e di far crescere generazioni ria del movimento cattolico democrati-
di giornalisti. «Non bisogna smarrirsi, co?». Il timore di Del Colle era di non
ma pregare e puntare verso la nostra riuscire a raccontare adeguatamente il Il suo lungo viaggio nella carta stampata riemerge ora in
indipendenza di attività nella Chiesa, senso e il valore di quella storia, di ba-
cercando di passare illesi tra goccia e nalizzare un patrimonio di persone e di tutto il suo vigore come testimonianza di fedeltà a Dio e a
goccia, senza bagnarsi e senza mesco- esperienze politiche che lui sentiva im-
larsi», diceva don Alberione, fondatore portante e a cui era legato senza farne quell’umanità esplorata con tanta partecipazione. Il legame
di «Famiglia cristiana». Beppe del Colle parte. Aveva conosciuto molti protago-
lo teneva a mente sempre. «L’ho speri- nisti, seguito molti avvenimenti e coglie- profondo e costante con don Carlo Chiavazza, ineguagliabile
mentato molte volte, con crescente con- va il declino di una stagione.
sapevolezza del fatto che avrei dovuto Fin dalle prime pagine del libro, infatti, e indimenticabile punto di riferimento spirituale e professionale

C
informare a quelle parole di don Albe- gli eventi storici s’intrecciano con il suo
rione tutta la mia esperien- lavoro di giornalista, i fatti aro Beppe, qui a dialogare in una delle
za professionale di giorna- sono arricchiti dalla parti- proprio non ri- tre stanzette di corso Matte-
lista», scriveva in una nota colare esperienza profes- esco a scrivere otti 11, dove avevi ereditato
pubblicata, il 27 aprile sionale, dai documenti e un articolo su la scrivania di don Carlo che
2003, nel supplemento di dalla voce dei testimoni. di te nel gior- ci sorrideva dalla fotografia,
«Famiglia cristiana» dedi- A mano a mano che si nale che ha appesa sul muro, alla quale ci
cato al fondatore. «L’ho avvicina ai nostri giorni, raccolto l’ere- rivolgevamo, nei momenti di
verificato in più occasioni, Del Colle avverte i cambia- dità de «il nostro tempo». Mi difficoltà, quando non sape-
in contatti con personalità menti, la problematicità sento più a mio agio nello scri- vamo come risolvere uno dei
della politica, ma anche delle situazioni e un senso verti una lettera che sono cer- tanti problemi che sorgevano
con alte autorità eccle- di incoerenza che fa da ta leggerai in quella redazione ogni giorno nella nostra pe-
siastiche: dovendo, ad sfondo agli avvenimenti, celeste che ti aveva mandato renne precarietà e solitudine.
esempio, sostenere in una alcuni aspetti sembrano come ’inviato speciale’ sulla Quando parlavi di lui, il tuo
disputa che al giornalista del tutto scomparsi dal di- terra e dove ora sei ritornato, «grande», ineguagliabile e in-
responsabile di un perio- battito politico. «Al fondo dopo avere assolto in modo dimenticabile maestro di vita
dico, e solo a lui, compete dei problemi che poni», eccezionale quegli incarichi, e di professione con il quale
stabilire la ‘opportunità’ osserva rispondendo ad o meglio quella ‘missione’, avevi mosso i primi passi pro-
della pubblicazione di una una domanda, «c’è a mio che ti era stata affidata. E poi, fessionali, il tuo sguardo s’il-
notizia, una volta accertata la sua veri- giudizio la scomparsa, nella società Italia
dicità e fatto salvo il rispetto dei dogmi dei nostri giorni, del concetto di ‘bene
di fede, senza piegarsi a censure pre- comune’ che è alla base della dottrina
ventive; e un’altra volta constatare, in sociale, ma anche etica, della Chiesa
un dialogo fraterno con un porporato […] Comunque la si voglia raccontare
illustre, come sia inopportuno chiedere e spiegare, la scomparsa del concetto Nel 1988 ha pubblicato per
consensi preventivi all’autorità, quando di ‘bene comune’ dal discorso politico
è lecita una scelta di coscienza libera e quotidiano è innegabile. Non se ne sen- le Edizioni Paoline «Olga e
consapevole». te mai parlare nelle concitate discussio-
L’arguzia di Del Colle, la sua compe- ni politiche in televisione». Gorbaciov», frutto dei réportage
tenza si respirava in ogni pezzo. Grande Il nocciolo di una politica ispirata dal
conoscitore della politica, ne coglieva Vangelo per Del Colle è tutta qui. «Que- sul crepuscolo dell'Urss realizzati
i travagli e le prospettive con sorpren- sto libro sul ruolo che hanno avuto i cat-
dente velocità. Testamento politico, per tolici, specie quelli democratici, nella po- direttamente sul campo. Il libro ha
alcuni, «Cattolici dal potere al silenzio», litica dell’Italia dall’Unità alla Seconda
pubblicato da San Paolo nel 2010, rac- Repubblica vuole essere una proposta vinto il Premio Anghiari Storia
conta molto dell’esperienza di giornali- che, superando lo stretto ambito cultu-
sta maturata da Beppe del Colle analiz- rale, richiami il senso di una dimensione
zando il mondo politico. Il libro-intervi- civile e sociale, storicamente perseguita ti devo confessare, che ora tutta la pienezza e lo spessore luminava. Ti commuovevi, tu
sta, scritto con chi firma questo articolo, per decenni, che potrebbe innervare che te ne sei andato, sei più della tua statura di uomo del così riservato, e persino timi-
è un viaggio nella memoria, un’analisi ancora il futuro del Paese», annota nella vivo che mai. Vangelo, mite e buono, giu- do, nella tua umiltà di uomo
del contributo dei cattolici, in partico- premessa. «Non è una questione di or- Anche tu, come i tanti, eri sta- sto e generoso. Di giornalista saggio, discreto, che aveva
lare di quelli democratici, alla storia del goglio per il passato, ma di responsabili- to dimenticato in quel cono di alta qualità professionale, ereditato la gentilezza e l’ele-
Paese. Illuminante il sottotitolo: «Come tà civile ‘per realizzare il bene comune’, d’ombra in cui la nostra frene- testimone di una generazio- ganza degli antenati abruzze-
hanno fatto l’Italia e vorrebbero non come dice la Gaudium et Spes. Un concet- tica società consumistica, che ne per la quale scrivere sui si. L’aiuto arrivava spesso con
disfarla». «Un’opera», secondo la moti- to oggi poco praticato, in molti casi an- riconosce soltanto la visibilità giornali era un servizio per segni, ritrovamenti di fotogra-
vazione con cui il libro vinse il Premio che dimenticato, ma di cui è necessario delle persone, se esistono sul il «bene comune», fatto con fie, aiuto di collaboratori spes-
Capri- San Michele nel 2011, «destinata riaffermare il valore con forza. Lo riven- palcoscenico del mondo, iso- quel rigore e professionali- so celebri, che ci lasciavano
ad accompagnare la mobilitazione in dica la società, lo impone il Vangelo». la chi, per età e fine carriera, tà, che garantisce giustizia e stupefatti e, a volte, parevano
corso tra le nuove generazioni del mon- Quindi alla domanda se «Cattolici dal è uscito di scena. Il telefono verità. L’hanno ricordato i miracolistici.
do cattolico per rileggere criticamente il potere al silenzio» sia effettivamente il di questi ‘tanti’, mentre per colleghi che in questi giorni Quelle conversazioni mattuti-
contesto politico della società italiana e testamento politico di Beppe Del Colle, anni era surriscaldato per le hanno scritto di te. Grazie a ne per progettare il giornale
riconquistare responsabilità di orienta- come si sostiene da più parti, si può ri- chiamate, si disattiva in breve. loro il tuo lungo viaggio nella della settimana avevano crea-
mento e di valori nella nostra vita etica spondere affermativamente. Tenendo, E’ una storia che fa parte del- carta stampata è riemerso con to un’atmosfera intima, ispira-
di nazione cristiana». però, conto che non di partigianeria si la vita, oggi più amara, perché tutto il suo vigore come testi- ta da quanto don Carlo aveva
In ogni pagina del libro la voce di Del tratta, ma di servizio al Vangelo e alla la memoria è una fotografia monianza di fedeltà a Dio e a detto un giorno: «Il giornale,
Colle è misurata, argomentativa; di fron- società da testimone competente e ap- sempre più sfocata. quell’umanità che hai esplo- prima di essere una testata e
te a domande più spigolose e irreveren- passionato. Dovevi morire per riapparire rato con tanta partecipazione. un lavoro, è una famiglia».
ti, da giornalista esperto, non si scompo- Pasquale PELLEGRINI sui palcoscenici mediatici, in Caro Beppe, eccoci, allora Una famiglia ‘allargata’ per-
DOMENICA, 20 DICEMBRE 2020 CULTURA 17
VICEDIRETTORE ED EDITORIALISTA DI «FAMIGLIA CRISTIANA». UN ATTENTO OSSERVATORE, DALLA PENNA RAFFINATA, DELLA VITA POLITICA ITALIANA E INTERNAZIONALE

Un cronista
di razza
innamorato
di Cristo
lismo
Beppe Del Colle
(qui a destra
e nella foto
della pagina
accanto) All’anagrafe era Giuseppe. Ma per tutti era Bep-
con mons. pe, Beppe Del Colle. Credente dalla schiena

elo
Chiavazza dritta, giornalista di razza, sensibilità fine e giusto
(al centro) humour sabaudo, è morto la sera del 9 dicembre
e Giorgio a Torino, la sua città, all'età di 89 anni.
Calcagno Figlio di due sarti, orfano di madre in tenerissima
(a sinistra) età, nato (il 31 ottobre 1931) e cresciuto nello
stesso quartiere del futuro sindaco Diego Novelli
(che lo conosceva e lo stimava, pur essendo anni
la stella polare che ti ha guida- una suonata di pianoforte. luce distante come posizioni politiche), Beppe
Mons. Cesare Nosiglia: to. Ti hanno accompagnato Scrivevi gli articoli con una Del Colle si formò giornalisticamente al «Popolo
in quella scuola perenne at- velocità supersonica, retag- Nuovo», il quotidiano della Democrazia Cristiana
«Un limpido testimone traverso la quale hai formato, gio dei tuoi inizi di cronista. torinese, diretto da Carlo Trabucco, occupandosi
con generosità e disponibilità Quando è arrivato il com- all'occorrenza anche di calcio (era un acceso ti-
dei valori cristiani» unica, generazioni di giorna- puter lo hai affrontato con foso granata). In realtà, Del Colle, occhio attento
listi che avevano bussato alla l’entusiasmo e lo stupore di del bravo cronista e penna raffinata, si occupò
porta della redazione e che un neofita. Li scrivevi sempre di tutto, passando prima alla «Gazzetta del popo-
Desidero esprimere le mie condoglianze, unite alla oggi ti «devono tutto», come con una estensione della tua lo» e poi al quotidiano del pomeriggio «Stampa
mia preghiera di suffragio, per la morte di Beppe alcuni hanno ricordato. Altri mente e della tua umanità Sera», apprezzato e richiesto dal direttore di
Del Colle, che ho conosciuto e apprezzato molto purtroppo dimenticato. che faceva di ogni articolo un allora Giulio De Benedetti (che dirigeva anche il
durante gli anni del mio ministero a Torino. La sua Accoglievi tutti, senza distin- pezzo di vita pulsante: volti, quotidiano «La Stampa»).
scomparsa è un lutto che colpisce non solo la sua zione di provenienza o di voci, situazioni che si materia- Fortissimo il legame con don Carlo Chiavazza,
famiglia, a cui va la mia sentita partecipazione al appartenenza. E da subito li lizzavano davanti agli occhi e che lo volle tra i collaboratori del settimanale
loro lutto, ma la Chiesa torinese e l’intero mondo coinvolgevi nella fucina del andavano dirette al cuore. «il nostro tempo», da lui fondato nel 1946, una
cattolico italiano. Per molti anni il suo servizio giornale, dando fiducia ai Caro Beppe, continuerai a palestra di idee e di approfondimento, un fo-
di giornalista si è svolto a «Famiglia cristiana», principianti e coltivando i ta- scrivere quegli articoli attra-
dove è stato vicedirettore ed editorialista. Ha lenti di chi aveva già fatto con verso le tracce profonde che
sempre collaborato con «il nostro tempo», come noi un pezzo di strada. Insi- hai lasciato in tanti di noi. In
editorialista e poi come direttore. Nel suo lavoro stevi sull’importanza di «dare fondo hai solo cambiato re-
ha saputo portare una precisa testimonianza dei voce a chi non l’ha», di scavare dazione, dove hai incontrato
valori cristiani che ha vissuto, e di quella «cultura nei sotterranei della storia. Di l’amico fraterno e compagno Si era formato
cattolica» che ha saputo interpretare a servizio andare alla scoperta di «buo- di cordata che è stato per te
della Chiesa e del suo Paese. Voglia ora il Signore ne notizie» perché le ritenevi Giorgio Calcagno. E dove vi al «Popolo Nuovo»,
accoglierlo nel suo regno di pace per sempre con fondamentali per aiutare i ha aspettato don Carlo, voi, i
le parole evangeliche: vieni servo buono e fedele a lettori a privilegiare quei va- suoi due ragazzi, che avete così il quotidiano
prendere parte alla gioia del tuo padrone. lori umani, morali, religiosi e felicemente e fedelmente cor-
✠ Cesare NOSIGLIA civili che danno una pienezza risposto ai suoi insegnamenti della Dc torinese diretto
Vescovo di Torino di vita che aiuta ad affrontare i e raccolto il testimone. Dice
problemi con la schiena dirit- il «Siracide» che ci sono più da Carlo Trabucco
ta, a uscire dall’indifferenza e cose invisibili che visibili. Lo
da individualismi esasperati, a prendiamo in parola e conti-
ché anche fuori dalla redazio- larmente importante di una scommettere e a sognare. nueremo a fare con te quelle glio culturale di alto profilo letto da migliaia di
ne, ci si ritrovava spesso per storia, mi ha tormentato a Ti ricordi come Giovanni Ar- riunioni mattutine che han- abbonati distribuiti in tutta Italia. Grandi firme
condividere la vita personale lungo, tenendomi inchioda- pino aveva voluto scrivere su no fatto de «il nostro tempo» della letteratura, dell'arte, del giornalismo po-
e famigliare: i figli che cresce- to davanti alla macchina da «il nostro tempo» perché, ave- uno dei migliori settimanali litico, della teologia e della scienza ne hanno
vano e si frequentavano, gli scrivere», avevi scritto. va detto, facevano il giornale italiani e non solo nell’ambito arricchito i contenuti nei suoi anni di storia.
amici che incontravamo in Sono parole che ancora oggi «in piedi» senza mai sederci? cattolico, come risulta da una Beppe Del Colle diresse «il nostro tempo» tra
tante occasioni, gli eventi, le mi colpiscono. Anche quan- Oltre che in piedi, eravamo ricerca svolta dall’Università il 1990 e il 2014 con accanto, in qualità di con-
ricorrenze significative della do sei passato alla ‘cronaca sempre di corsa. Tu con la Cattolica di Milano. direttore, la giornalista e scrittrice Mariapia
quotidianità. Come in ogni fa- bianca’, agli articoli di vario tua «Lettera 22» con la quale Ciao Beppe, continuiamo a Bonanate. Fortissimo il legame anche con don
miglia certe volte le discussio- contenuto, ai bellissimi e coin- diventavi una cosa sola, il tuo camminare e a scrivere insie- Giuseppe Zilli, prete giornalista della Società
ni diventavano accese, in un volgenti réportage, ai libri che ticchettio sulla tastiera mi è me. Un forte abbraccio. San Paolo, che nel 1970 chiamò Del Colle a «Fa-
confronto non sempre all’u- hai scritto, sono sempre state rimasto nelle orecchie come Mariapia BONANATE miglia Cristiana» come caporedattore. Il gior-
nisono, ma che ci arricchiva. nale aveva cambiato pelle: via il foto-
Alla fine i risultati erano sem- romanzo e il tono caramelloso del
pre rispettosi delle persone popolare d'antan, dentro cronaca,
e di quei fatti che avevano la inchieste, réportage dall'Italia e
priorità su tutto, erano l’ani- dall'estero, insomma un giornale
ma dei nostri articoli da ripro- davvero capace di parlare di tut-
porre con rigore. to cristianamente, secondo il
Avevi iniziato la mandato del fonda-
tua professio- tore, il beato don
ne, guadagnan- Giacomo Alberio-
doti importanti ne. Con don Zilli
riconoscimenti e con il suo succes-
sul campo come ‘croni- sore, don Leonardo Zega,
sta di nera’. uno dei prese forma il new-
settori più vulnerabili smagazine familia-
della carta stampata, re, una formula
dove è facile scivo- unica, invidiata
lare fuori dell’etica e copiata dalla
professionale, dalle concorrenza, che
norme che la custo- portò «Famiglia
discono. Sai, Beppe, in Cristiana» a circa
questi giorni, sono andata un milione di copie vendute.
a rileggere un contributo Del Colle. un credente laico (sposato,
molto importante che mi due figli) innamorato di Cristo e
avevi dato per un libro, appassionato della storia, contri-
«Giornale specchio di buì al par suo al successo della
carta», edito dalla sto- rivista. Seguì gli avvenimenti
rica e gloriosa Sei. clou della Chiesa e della politica
Approfondiva il italiana, partecipando a convegni eccle-
rapporto del ‘cro- siali, intervenendo nel corso di dibattiti,
nista di nera’ con i tribune elettorali e programmi televisivi
fatti, che avevi spe- di approfondimento, perorando, dentro
rimentato, scoprendo quan- «Famiglia Cristiana», l'apertura di uffici di
to rispetto un giornalista deb- corrispondenza all'estero (a un certo pun-
ba avere per la realtà nella to se ne contarono tre: Mosca, Londra e
sua oggettività, nei confronti Parigi) e sedi in Italia (Bologna, Torino, Ve-
della dignità delle persone. nezia), un modo per stare dentro la realtà in
«E’ il momento del giornali- evoluzione e raccontarla in presa diretta, sen-
smo in cui con più acutezza za fuorvianti mediazioni. Fra il 1982 e il 2002
e con più angoscia si avverte collaborò assiduamente ad «Avvenire» come
la necessità di tutte le doti in- opinionista, analizzando soprattutto temi di
dispensabili alla riuscita del politica estera. Nel 1988 ha pubblicato per
mestiere…. Ho dei ricordi le Edizioni Paoline il libro «Olga e Gorba-
angosciosi, a questo propo- ciov», frutto di suoi réportage sul crepuscolo
sito: quante volte il dubbio dell'Urss realizzati sul campo. Il libro vinse
dell’esattezza di un dettaglio, il Premio Anghiari Storia. Dal 1990 e per
del nome di una via, di una circa venticinque anni Del Colle firmò gli
data, di una parola pronun- editoriali su «Famiglia Cristiana».
ciata in un momento partico- Alberto CHIARA
18 CULTURA DOMENICA, 20 DICEMBRE 2020

«IL BARBIERE DI SIVIGLIA» DA BACH A MESSIAEN

La musica I pentagrammi
che incontra ispirati
la tivù alla Natività
Se nell’arte figurativa il tema è vastissi-
Dalla forzata chiusura dei luoghi di mo, la musica colta (e non solo) non
spettacolo, complice il Covid, nascono è certo da meno. Sicché un excursus,
nuovi stimoli. E’ un mutamento epoca- pur sommario, in merito alle pagi-
le. I battenti sono chiusi, ma all’inter- ne musicali ispirate al mistero della
no dei teatri le modalità della fruizione Natività richiederebbe gli spazi di un
artistica stanno cambiando rotta. Se al vero e proprio saggio, ampio, artico-
pubblico è inibito l’accesso alle sale, lato e volto ad abbracciare un ambito
sarà il teatro stesso a raggiungere ap- cronologicamente ultra millenario:
passionati e frequentatori per il tramite dalle monodie dei primi cristiani ai
del mezzo televisivo o del web. tropi, dai drammi liturgici medievali
Così è avvenuto sabato 5 dicembre per al Barocco, sino alla contemporanei-
«Il barbiere di Siviglia», teletrasmesso tà, spaziando tra generi, forme, stili e
da Rai 3, che ha festosamente dato il linguaggi.
via all’attività ‘alternativa’ dell’Opera Certo, l’«Oratorio di Natale BWV
di Roma e che verrà riproposto da Rai 248» del sommo Bach - vasta partitura
5 il 31 dicembre. Dunque, vuoto asso- per soli coro e orchestra eseguita per
luto di platea e palchi, lo sconfinato la prima volta a Lipsia il 25 dicembre
palcoscenico del Costanzi sgombro da 22 DICEMBRE – L’OPERA DI EDUARDO CON SERGIO CASTELLITTO del 1734 - è forse la pagina di ambien-
qualsivoglia struttura scenica. Tutto è tazione natalizia più celebre ed ese-

«Natale in casa
affidato alla quintessenza antica del guita, pur tuttavia non sono da trascu-
teatro, cioè alla parola, in questo caso rare alcune Cantate ispirate alla me-
cantata, arie, duetti e concertati, o desima tematica; più ancora meritano
declamata nei recitativi. Per dare una attenzione le toccanti rielaborazioni
giustificazione drammaturgica ad una organistiche di Corali luterani poste

Cupiello», teatro
pirotecnica commedia in musica del in atto da Bach. Restando in ambito
miglior Rossini occorreva un profes- barocco c’è da dire che l’uso di scri-
sionista di spessore. Mario Martone, vere Concerti strumentali ‘fatti per la
questa volta regista anche televisivo, lo notte di Natale’, dunque brani al cui
è. Lavorando su recitazione, gestualità interno compare una Pastorale con al-

che si fa cinema
lusione a pive e
cennamelle, era
prassi diffusa nel
corso del ‘700.
Sicché il celeber-

L
rimo «Concerto
a sera di mercoledì 22 di- commuovere e divertire fino alle lacri- grosso op. 6 n
cembre, Rai 1, in prime time me generazioni intere e che narra le di- 8» di Arcangelo
(alle 21.25 circa), manda namiche complesse e conflittuali di una Corelli (vero e
in onda «Natale in casa famiglia che, Natale alle porte, si ritrova proprio mago
Cupiello», nuovissima ver- a fare i conti con una palese e profonda del violino) non
sione cinematografica, in incapacità di comunicare». è che il caso più
prima assoluta in tv (non Dunque: teatro che si fa cinema, che illustre (1714);
si è vista nemmeno in sala), che cele- viene visto in tv. Un bel cortocircuito di molti altri scris-
bra una delle opere teatrali del grande segni e contesti espressivi originari. Sarà sero invero pa-
e movimento scenico raggiunge uno Eduardo, la prima di una serie di produ- interessante capire quale reazione su- gine analoghe
straordinario equilibrio tra gli interpreti zioni nuove, messe in cantiere dalla Rai, sciterà nelle platee televisive nostrane. (Manfredini,
costantemente raccordandosi con le che riproporranno al pubblico televisivo Movimenti di macchina, minimi ed in- Locatelli, Ge-
ragioni della musica. Altro splendido d’oggi (dei giovani, ma anche no) i ca- dispensabili, governati con misura da De miniani e via
protagonista dell’operazione è Daniele posaldi del corpus letterario dell’autore Angelis, che danno ulteriore respiro alla elencando) così come più d’uno, da
Gatti, oggi tra le bacchette più credibili. napoletano, uno dei grandi del teatro parola eduardiana, più qualche uscita in Scarlatti a Schütz, compose ad hoc
Restituisce la brillantezza spumeggiante italiano del Novecento di cui quest’anno esterni nei vicoli di Napoli che non è più Cantate e Oratori.
della vis comica unitamente al clima ricorrono i 120 anni dalla nascita. quella degli anni Trenta del secolo scor- Impossibile non ricordare poi Haen-
sospeso degli intensi momenti lirici. Dirige questa nuova versione Edoardo so ma dei suoi Cinquanta (per questo è del il cui «Messiah» (1741) racchiude
Anche il cinema entra in punta di piedi De Angelis, producono Picomedia e Rai- preziosa la collaborazione con il regista, l’eseguitissimo «Alelluja», il pezzo in
in questo «Barbiere»: rivivono le imma- assoluto più noto dell’intero Orato-
gini di storiche serate di gala all’Opera, rio, con quello slancio melodico e
ai tempi della grande Callas. E poi, quel ritmo festoso: quasi icona sonora
munito di casco e mascherina, c’è Gatti del Natale, non a caso, più di una vol-
che sfreccia in scooter per le vie del cen- ta finita in tempi recenti a sonorizzare
tro storico di Roma a prelevare i suoi Una nuova versione spot pubblicitari. C’è poi la tradizione
interpreti. La compagnia di canto si tipicamente francese dei «Noëls»
muove tra le poltrone e il palcoscenico cinematografica, organistici, elaborazioni di canti po-
con un brio sorprendente. Ruzil Gatin polari resi ancor più incisivi grazie
è chiamato a rendere gli acrobatismi firmata da Edoardo De all’uso di registri quali il nazardo o il
tenorili del Conte d’Almaviva, tratteggia cornetto: ne scrissero numerosissimi i
un personaggio elegante e raffinato. Angelis, in onda su Rai 1 vari Dandrieu, Daquin, Balbastre, Le-
Vasilisa Berzhanskaya, voce timbrata begue. Se poi ci spostiamo in ambito
di contralto con belle agilità, imprime ottocentesco incontriamo «L’enfance
spigliatezza vocale e scenica al perso- Fiction; nel ruolo del protagonista, Luca alla stesura dello script, di Massimo Gau- du Christ» di Berlioz nonché Saint-
naggio di Rosina. Andrzej Filonczyk è Cupiello, c’è un sorprendente Sergio dioso). Poi la musica di Enzo Avitabile, Saëns e il suo «Oratorio de Noël»
un esuberante e vigoroso Figaro. Alex Castellitto. Nel resto dell’affiatato cast ci il suo sax dolente e rarefatto. E, ancora, (1869), mentre di sfuggita ricordiamo
Esposito, musicista intelligente, mette sono la sempre ottima Marina Confalo- la calda e raffinata fotografia di Ferran altresì l’opera «La notte prima di Na-
a segno un Don Basilio avvenente, vo- ne, che è Concetta, la moglie di Luca, poi Paredes Rubio, da tempo collaboratore tale» di Rimskij- Korsakov ispirata a
calmente limpido, scevro da soverchie Adriano Pantaleo (Tommasino), Tony di De Angelis, le scenografie di Carmine una novella di Gogol. L’elenco peral-
caratterizzazioni comiche e questa volta Laudadio (lo zio Pasquale), Pina Turco Guarino e l’art direction di Stefania Vigna, tro sarebbe molto lungo. Per venire
privo dell’abito clericale. Ma la punta di (Ninuccia), Alessio Lapice (Vittorio) e i costumi di Massimo Cantini Parrini. al ‘900 un nome si impone senz’altro:
diamante di questo cast è rappresentata Antonio Milo (Nicola). Sobri movimenti di macchina, primi quello di Messiaen, organista e com-
dal memorabile Don Bartolo del barito- Castellitto, nella conferenza stampa da piani che da una virtuale prima fila del positore credente di straordinaria
no Alessandro Corbelli, cantante attore remoto per la presentazione del film, ha teatro, ad assistere a questo «Natale in fecondità. Da ascoltare il sublime
di sopraffina musicalità e di spiccato sottolineato come Eduardo sia «inarriva- casa Cupiello», ci portano direttamente ciclo organistico «La Nativité du Sei-
senso del teatro. Nei panni del tutore bile. Ho recitato un ruolo straordinario, ad essere commensali, invitati nella loro gneur» del 1935, vasto corpus dalle
di Rosina, vecchio barbogio, Martone preso per mano da un regista come Edo- casa. Una trasposizione fresca e godibile, ambientazioni timbriche di straordi-
ce lo propone in sedia a rotelle con ardo De Angelis, condotto in questa ‘gio- da vero Servizio pubblico. Forma e con- naria poeticità e dai suggestivi titoli,
una irresistibile varietà di accenti e una ielleria di emozioni’, che unisce comicità tenuto. Dopo leregie ed interpretazioni ma anche i pianistici «Vingt Régards
maschera facciale che ricorda certi e dramma in un percorso che ogni per- televisive, ad opera dello stesso Eduardo, sur l’Enfant-Jésus» del 1944. Ai lettori
grandi attori inglesi d’antan. «Abbiamo sonaggio compie. Luca è il più anziano nel 1962 e 1977, arriva ora questa nuova in cerca di rarità (foriere di emozioni
dovuto fare di necessità virtù», spiega di tutti loro, ma riesce a conservare la versione di De Angelis che è la prima di e spunti di riflessione) segnaliamo
Corbelli, «reduce dai faticosi volteggi potenza e l’innocenza del bambino: ogni una serie, realizzata con l’approvazione poi la pianistica «Sonatina in diem
in carrozzella, «Martone ha avuto l’idea anno prende queste statuine e cerca di ri- degli eredi De Filippo, che prossimamen- nativitatis Christi» (1917) di Ferruccio
innovativa di utilizzare tutti gli spazi del comporre i pezzi di una famiglia che oggi te porterà nuove uscite di tutte le comme- Busoni e più ancora l’arcaicizzante
teatro, la platea, il palcoscenico vuoto, definiremmo disfunzionale». «È la prima die. «Abbiamo preso l’opzione su tutte le «Lauda per la natività del Signore»
ma anche palchi, scale e corridoi. Poi ci volta», dice ancora Castellitto, «che dalla commedie di Eduardo», ha annunciato che il ‘colorista’ Respighi (nella foto)
mostra le maestranze al lavoro,come le commedia di Eduardo si fa un film, ci- durante la presentazione Roberto Sessa, compose nel 1935.
sarte che vestono Rosina tra le poltrone nema per la tv, e non una trasposizione il produttore. «De Angelis e Castellitto Un cenno a parte meriterebbero le
di platea, i tecnici e gli attrezzisti alle teatrale. Eduardo avrebbe apprezzato stanno lavorando a ‘Non ti pago’, di cui britanniche e antichissime «Christmas
prese con le macchine del vento e le il rispetto tanto quanto il tradimento», abbiamo già consegnato la sceneggiatura, Carols» derivate dalla «Carole» fran-
lamiere del temporale. Se l’emergenza precisa l’attore romano che, molto im- ed ad un’altra opera, che annunceremo cese, sorta di girotondo rituale, affine
durerà a lungo molti teatri seguiranno medesimatosi questo ruolo, nel film sfog- entro la fine di dicembre e che chiude- alla Lauda, alla Ballata e al Virelai. In
l’esempio del ‘Barbiere’ di Roma che gia cadenze, accenti e pathos napoletani rà una trilogia con Castellitto. Vogliamo epoca elisabettiana vi si accostò il ge-
ha fatto scuola confezionando lo spet- davvero convincenti. Ma si sa, i grandi tornare sul set in primavera per avere un niale Byrd, poi decadde. A rilanciarne
tacolo nella mirata direzione della tivù. attori questo fanno: si calano nelle parti. altro film pronto il prossimo anno». C’è in pieno ‘900 il fascino antichissimo
L’esperimento di Martone ha aperto «De Angelis», ha aggiunto ancora Castel- poco da fare: Eduardo è nello spirito, provvide Britten del quale la notis-
una porta, lui ha saputo essere geniale litto, «ha preso il testo e ne ha rispettato nella testa della cultura italiana, almeno sima «Ceremony of Carols per coro
e rispettoso. In ogni caso spero proprio la tradizione e l’archeologia e ci ha na- di una sua ampia parte. E se ci chiedono, di voci bianche, arpa e pianoforte»
che si ritorni presto a fare l’opera nella scosto dentro una novità assoluta, che è «te piace ‘o presepe?», la risposta non (1942) è opera di rara ispirazione e
modalità tradizionale». quella dell’introspezione, della nevrosi, può che essere una sola: moltissimo. forte afflato.
Giorgio GERVASONI della psiche. È una storia che ha saputo Pietro CACCAVO Attilio PIOVANO
DOMENICA, 20 DICEMBRE 2020 CULTURA 19
SPIRITUALITA’

Ceragioli,
amare
e servire
come Gesù
Compare ben 236 volte in 224 pa- aprirsi ad
gine: una parola, ma soprattutto orizzonti
un richiamo continuo, un invito, impensabi-
una esperienza, che l’autore invo- li».
glia a custodire nella preghiera, Così pagi-
soffermandosi sulle pagine del na dopo
Vangelo di Marco per cogliere pagina ci
sempre di più il significato di quel si può in-
rapporto con Dio che ciascuno terrogare
vive, con limiti e imperfezioni, su dove
slanci e consolazioni. «Amore», sia il nostro cuore nella liturgia,
questo è il termine-chiave dell’ul- sulla nostra idea di servizio, sulla SAGGIO
timo libro «In tutto amare e servi- necessità di essere guariti da false

Falcinelli:
re. Pregare con il Vangelo di Mar- immagini di noi stessi: «Mai e in
co» di don Ferruccio Ceragioli, nessun modo siamo odiosi per LETTERATURA
rettore del Seminario Maggiore Dio». E ancora tra i cambiamenti
della diocesi di Torino, docente
di Teologia fondamentale presso
la Sezione di Torino della Facoltà
auspicati: arrivare a scoprire che
quando si è in quella gabbia crea-
ta dal peccato «non si può uscire
Il canto di Enea: parlare
Teologica dell’Italia settentriona-
le, guida degli Esercizi spirituali
ignaziani.
da soli, ma solo con la Grazia di
Dio» e che «abbiamo bisogno
tutti di imparare a chiedere il
resistenza per immagini
Un libro che si fa compagno di
viaggio per un itinerario in sedi-
ci tappe: per ciascuna un primo
perdono, di imparare a ricevere
il perdono e anche di imparare
a dare il perdono. Essere perdo-
e speranza Fotoricordo di un compleanno indimentica-
bile: il festeggiato è al centro, sullo sfondo,
momento è dedicato all’ingres- nati e perdonare fa veramente un po’ fuori fuoco, mentre in primo piano,
so in preghiera con l’aiuto di un sbloccare e circolare di nuovo la Andrea Marcolongo, la brillante autrice de «La sulla destra, la bottiglia di spumante riempie
Salmo che precede il testo evan- vita in noi e attorno a noi». lingua geniale. 9 ragioni per amare il greco», nel lo spazio.
gelico. Quindi viene proposta la Ed è in quella vita «sbloccata» suo nuovo libro, «La lezione di Enea» (Laterza), Siamo tutti in grado di produrre immagini,
meditazione, definita «espansio- dalla misericordia che si apre il dal mondo ellenico si trasferisce nella cultura roma- basta un telefono, ma spesso non sappiamo
ne», «perché», spiega Ceragioli, cuore della relazione e delle scel- na, alla costante ricerca della lezione del passato. costruirle né leggerle. Abbiamo perduto gli
«quasi al modo dell’antico mi- te, della libertà, dell’accoglienza Questo libro nasce nei mesi del forzato ritiro per la strumenti per interpretare un’icona bizanti-
drash ebraico, ho ampliato, an- della Parola… tante le indica- pandemia, quando, riprendendo in mano vecchi na, come la foto scattata da noi stessi. Anziché
che con l’immaginazione, quan- zioni, ma tutte legate da un «ci», appunti, la scrittrice si rende conto che l’argomento essere padroni del linguaggio, lo subiamo.
to proposto dal testo di Marco, un «noi», da una condizione di che in precedenza aveva liquidato come non fonda- Riccardo Falcinelli, visual designer tra più
alternando e combinando tra fraternità nel cammino di fede mentale è diventato impellente. apprezzati in campo internazionale, ci intro-
loro il metodo della lectio di tipo che emerge in tutti i capitoli, Enea, l’eroe su cui ci siamo affaticati nei nostri studi duce con taglio divulgativo ai meccanismi
monastico con la contemplazio- perché non ci si senta additati liceali, figlio di Venere e Anchise, fugge dalla città dell’immagine, ripetendo la felice operazione
ne affettiva-immaginativa di tipo o soli, ma fraternamente di Troia in fiamme, conquistata dai Greci dopo la di «Cromorama» e dei colori compiuta nel
ignaziano». accompagnati anche a scoprire lunga guerra, portando con sé la moglie Creusa, il 2017. «Figure» (Einaudi, Torino 2020), con
Infine, vengono offerti al lettore le fragilità e le paure che non si padre e il figlioletto Ascanio. È un esule dunque, la sua scrittura limpida mescolata a oltre 500
altri testi, per continuare a pre- vorrebbero avere, come quella un senza patria, a cui però gli dei hanno dato una illustrazioni, ci spiazza fin dal primo interro-
gare, tratti dalla grande tradi- della morte e del non essere missione: portare i Penati (le divinità della patria) di gativo: che cosa penseremmo se la Madon-
zione della spiritualità cristiana, amati, la rabbia che si cova. E così Troia sulle rive del Lazio per fondare una nuova ci- na, anziché comparire al centro nei quadri
antica e moderna: da Madeleine non stupisce, arrivati alla fine, viltà. Enea non ha il vigore di Achille, non ha l’astu- devozionali, facesse capolino dal bordo?
Delbrêl a Madre Canopi, da Tho- aver voglia di tornare indietro zia di Ulisse. La sua caratteristica è la pietas, virtù che Entriamo così in una delle leggi fondamentali
mas Merton al cardinale Anasta- o per leggere e pregare ancora non è né carità, né fede, né misericordia. È senso dell’immagine: il centro è stasi, solidità, cer-
sio Ballestrero, tutti «innamorati» sulla parabola del seminatore - del dovere. Niente lo distoglie dall’impresa, nean- tezza, perfezione. Un soggetto non centrato è
di Dio che con le loro parole ali- avendo riscoperto il punto in noi che l’amore per Didone, la regina di Cartagine, che invece dinamico, instabile, generatore di tra-
mentano nel lettore il desiderio «che è sensibile alla sua Parola» vorrebbe trattenerlo presso di sé e alla sua partenza sformazione. Oggi, che viviamo in movimento
di soffermarsi ancora sulla Paro- e lasciandovi attecchire il seme si uccide. costante, guardiamo ai soggetti centrali con
la, di lasciare che quell’incontro - o per «perderci» sul qualche Nonostante l’immensa fama che accompagnò Virgi- distacco o addirittura con sospetto. Anche gli
mediato dall’evangelista Marco, altro passo, proprio come Bar- lio e il suo poema nei secoli (per cui Dante ne fece psicologi ci spiegano che i disegni dei bambi-
quella «contemplazione della timeo si perse nello sguardo di la sua guida nell’Inferno e nel Purgatorio) oggi è un ni partono dal centro, mentre un avvio dalla
persona di Gesù, del suo mistero Gesù: riconoscendoci «bambini autore poco considerato ed Enea è liquidato come periferia potrebbe essere indizio di emargina-
di Figlio e di fratello», produca per lo stupore, per la gratitudi- retaggio di studi ormai sorpassati. Ma la Marcolongo zione interiore. Ecco quindi perché il festeg-
un cambiamento. ne; adulti per la responsabilità ribalta la prospettiva e ci spiega perché, in tempi di giato della foto che soffia sulle candeline ci
E di cambiamenti possibili don di esprimersi, per la capacità di emergenza, proprio Enea ci interpella: «In Enea ci attrae meno della bottiglia sul bordo.
Ceragioli ne individua tanti, stare in piedi, per la decisione di si imbatte, invece. Anzi, ci si inciampa mentre lui Il centro tuttavia è tale perché è in rapporto
andando a toccare i molteplici camminare dietro a Gesù». Che sta passando, sempre se non si è già in ginocchio. Si privilegiato con un bordo che definisce lo
«smarrimenti» in cui si può incor- è cammino di amore e servizio, sbatte contro Virgilio quando è il nostro mondo che spazio. La cornice, a sua volta, è un fenome-
rere, ma sempre rammentando al sotto lo sguardo sorridente del credevamo immutabile ed eterno, a essere ormai no spontaneo, oppure un’invenzione che
lettore, l’amore, la grandezza del- Crocifisso. andato a rotoli. E noi con lui». compare in un momento definito della storia
la misericordia di Dio: «Il Signore Federica BELLO La Marcolongo libera Virgilio dall’accusa di essere umana? Chiediamolo agli artisti delle grotte
non butta via quello che siamo, Il libro stato uno scrittore prezzolato, al servizio di Cesare di Lascaux, per i quali il centro non aveva
non ci chiede di non essere più Ferruccio Ceragioli Ottaviano Augusto, il primo imperatore della storia senso, dato che distribuivano la pittura sulla
noi stessi, al contrario, tutto ciò In tutto amare e servire. di Roma. Avrebbe scritto l’Eneide per compiacerlo, roccia in tutte le direzioni finché c’era spazio.
che siamo viene da lui accolto, as- Pregare con il vangelo di Marco rinverdendo il mito delle origini di Roma dalla città E nemmeno il rapporto fra cornice e conte-
sunto e trasformato perché possa Effatà, pp. 224, euro 15 di Troia data alle fiamme? Se poetare è - sempre - un nuto è neutro: nell’Ottocento dei borghesi e
atto politico, «Virgilio interpretava poeticamente le degli impressionisti, una figura umana con un
direttive di Augusto, e Augusto a sua volta utilizzava piede fuori dalla cornice faceva scandalo.
formulazioni poetiche virgiliane per intarsiarne il Scavando fra le pagine di «Figure», ecco an-
suo testamento politico». cora il peso della diagonale: un personaggio
Tuttavia per la Marcolongo non c’è nelle pagine che allunga un braccio attira l’attenzione e di-
del poema nessun intento adulatorio, ma un senso segna una storia, come il viandante romantico
più profondo del cammino della storia, se non del che indica la strada, il ritratto Lenin che an-
destino. Il mito di Roma nata dalle ceneri di Troia nuncia il sole dell’avvenire, il killer che punta
era già noto nella letteratura latina, ma quello che la pistola. La pittura, il cinema, il fumetto
c’è di inedito è lo spirito con cui Virgilio rac- condividono nella loro essenza il medesimo
conta, con la partecipazione di chi dice alle linguaggio.
vittime, agli esuli: so quel che provate, so la «Figure» non va a caccia del significato sim-
fatica dell’esistere. E poi c’è il suo meraviglioso bolico, della lettura iconografica: indaga piut-
esametro, la sua grandezza poetica. tosto i meccanismi per progettare e costruire
L’Eneide fu pubblicata nel 19 a. C., dopo la un’immagine, svela i trucchi del mestiere,
morte di Virgilio, che prima di morire aveva apre il diario segreto del prestigiatore. Saltan-
raccomandato ai suoi amici di distruggere il do fra composizione barocca e fumetto, pit-
manoscritto perché non aveva fatto in tempo tura astratta e scatti pubblicitari, impariamo
a terminarlo; o forse anche perché non condivi- a decifrare l’immagine attraverso un alfabeto
deva più la politica di Augusto. Ciò nonostante il corretto.
manoscritto fu consegnato ad Augusto e l’Eneide «La sfida - ci averte Falcinelli - non è diventare
divenne il poema fondamentale della letteratura tutti storici dell’arte, ma essere più consape-
latina. voli di come funzionano gli oggetti visivi che
Il tutto è raccontato dalla Marcolongo con quel suo abbiamo intorno. L’alternativa è non vedere
linguaggio accattivante, che sa passare con disinvol- niente. Ritrovarsi a vivere in un mondo che
tura dal passato al presente più bruciante, da Enea a non capiamo e che finiamo per subire».
Trump, dagli esametri latini agli emoji delle chat. Stefano GARZARO
Gianna MONTANARI Il libro
Il libro Riccardo Falcinelli
Andrea Marcolongo Figure. Come funzionano le immagini
La lezione di Enea dal Rinascimento a Instagram
Laterza, pp. 203, euro 16 Einaudi, pp. 528, euro 24
20 CHIESA DOMENICA, 20 DICEMBRE 2020

Verso Nat
Una grande gioia
Segue da pag. 1

uno di noi per sperimentare le nostre debolezze


e prove e per indicarci la via per affrontarle con
coraggio. Gesù è il nome della speranza e chiunque
crede in lui sa di poter vincere la battaglia
quotidiana del male e ottenere quella salvezza, che
cambia la vita ed apre orizzonti di eternità.
Meditando questa certezza che il Natale ci dona,

Messe binate
mi passano davanti agli occhi tante persone, che
incontro dedite a condividere la loro vita e le loro
risorse di tempo e di solidarietà, nella cura e visita
ai malati e anziani, nel farsi carico delle sofferenze

e trinate e necessità dei poveri, di chi, emarginato o solo,


subisce ingiuste discriminazioni. Sono questi gli
uomini e le donne di speranza, che celebrano
il Natale ogni giorno, S. Rita, calendario,
1. Celebrazione di Sante Mes- o segreta, per il ricordo dei vivi e sono quelli che gli
se binate e trinate: qualora
per l’anno 2021 permanga-
no le medesime condizioni
e dei defunti (che può avve-
nire unicamente durante la
preghiera universale o dei
angeli hanno chiamato
«di buona volontà e
amati dal Signore». Essi
Novena e presepe!

L
di “giusta causa” e di “necessità fedeli). sono i veri operatori di
pastorale” per la comunità dei I Parroci e i Rettori di chiese pace, che non alzano la a parrocchia foto di manufatti artistici o
fedeli, sono rinnovate d’uffi- che intendono avvalersi per voce «contro», perché di Santa Rita si semplici creazioni elaborate
cio le facoltà concesse per la prima volta di questa pos- non hanno nemici o prepara al Na- dalla fantasia dei bambini,
l’anno 2020. sibilità ne diano comunica- avversari e non cercano tale nella pre- «ma diventano condivisio-
All’insorgere di nuove esi- zione scritta all’Arcivescovo, di farsi propaganda ghiera, con il ne del Natale e occasione
genze pastorali, si rivolga tramite il Vicario Episcopale attraverso i mass media, coinvolgimen- di farci visita anche solo vir-
domanda adeguatamente competente, per richiedere ma agiscono, giorno per to di bambini e tualmente». In presenza, da
motivata al Vicario Episcopa- e ottenere il necessario previo giorno, senza chiasso, nel silenzio, come i pastori, ragazzi, con attenzione a chi mercoledì 16 c’è la Novena
le competente, per ottenere assenso. portando i loro doni al divino Bambino, che rico- è in condizioni di disagio. In proposta in due orari – alle
la prescritta facoltà. Quanti hanno scelto questa noscono in ogni persona accolta come un fratello presenza e on line, piccoli e 10 e alle 18.30 – per favori-
2. Celebrazione di Sante Mes- prassi sono moralmente im- e una sorella della stessa casa. grandi hanno l’opportunità re la partecipazione di tutti.
se con più intenzioni CON pegnati a far pervenire ogni Di fronte alla presunzione di onnipotenza della di vivere, sentendosi comu- A Natale la Messa della vigi-
OFFERTA: è rinnovato d’uf- anno al Vicario Generale nostra società, che attraversava la cultura, la ricer- nità in cammino, la prepara- lia sarà alle 18.30, mentre il
ficio il permesso a coloro una congrua offerta a favo- ca scientifica, il progresso economico e tecnologi- zione al Natale anzitutto gra- 25 saranno celebrate sette
che ne avevano regolarmen- re dei sacerdoti che trovano co, la politica o la forza delle armi, abbiamo speri- zie al presepe allestito nella Messe secondo l’orario fe-
te ottenuta facoltà negli scor- nella celebrazione di Sante mentato a causa del coronavirus quanto siamo in navata destra del santuario, stivo. La Messa della vigilia
si anni. Messe l’unica fonte di so- realtà deboli e indifesi e quanto valgono poco le che è aperto come sempre. e quella delle 10.30 saranno
Per ogni variazione o nuova stentamento. conquiste pure importanti in ogni ambito del vis- «Anche se il catechismo e trasmesse in streaming sul
facoltà, Parroci e Rettori di 4. Qualunque sia la forma suto personale e collettivo. Ciascuno di noi trova l’oratorio sono sospesi a cau- canale YouTube della par-
chiese devono presentare scelta, in ogni caso NON È invece la pienezza delle sue attese e speranze solo sa della pandemia», spiega il rocchia, accessibile dal sito
espressa domanda al Vica- MAI LECITO CUMULARE mediante l’amore. Quando una persona nella sua parroco mons. Mauro Rivel- parrocchiale. Ma prima di
rio Episcopale competente, con altre intenzioni la Santa vita fa esperienza di un grande amore, quello è il la, «bambini e ragazzi sono arrivare al Natale c’è anco-
specificando i giorni in cui Messa pro populo (cfr. can. momento che vive la vera gioia con più intensità invitati a venire in chiesa, a ra una iniziativa, frutto del
intenderebbero avvalersi di 534 §1 del C.I.C.), i legati e nel cuore. Ma ben presto ci si accorge che l’amore sostare davanti alla Natività, lavoro dei catechisti, degli
tale facoltà. altre eventuali intenzioni ac- non risolve da solo il problema della vita, perché lasciando accanto al presepe animatori e dei ragazzi: il ca-
Si ricorda che il sacerdote cettate singolarmente. essa resta fragile e può essere distrutta da tante generi alimentari che ver- lendario d’Avvento on line.
celebrante può trattenere 5. Parroci e Rettori di chie- situazioni impreviste, da sofferenze e persino a ranno distribuiti alle fami- Ogni giorno su www.srita.it
esclusivamente la somma cor- se adempiano fedelmente volte dalla morte. Abbiamo bisogno di un amore glie in difficoltà». alle 17 una finestrella si apre
rispondente all’offerta dio- a quanto disposto dalle Co- assoluto e che compia ogni nostra attesa di essere Così la preghiera di fronte e un video, una meditazione,
cesana per la celebrazione stituzioni Sinodali in ordine amati e amare per sempre e che solo quel Divino alla grotta di Betlemme, a una attività da realizzare aiu-
di UNA Santa Messa e che alla celebrazione dell’Euca- Bambino che nasce a Betlemme ci può assicurare Colui che si fa vicino, susci- tano i bambini a prepararsi
la somma eccedente deve essere ristia, con particolare riferi- per sempre. Di questo amore ha bisogno il mondo ta gesti di vicinanza concre- alla festa che stiamo per ce-
trasmessa al Vicario Generale, mento ai numeri 28 e 29 del ed ognuno di noi e il Natale ce lo dona, perché lo ta verso chi fa più fatica e il lebrare. «L’auspicio», con-
che la destinerà a sacerdoti Libro Sinodale. ridoniamo a chi ci è prossimo, in casa e nei nostri presepe genera unità. «Ab- clude mons. Rivella «è che
missionari, bisognosi e an- Dato in Torino, il giorno ambienti di vita e di lavoro. Allora, l’augurio di biamo anche proposto», questi stimoli non permet-
ziani. dieci del mese di dicembre buon Natale sarà meno scontato e superficiale e ri- prosegue mons. Rivella, «di tano al Covid di spegnere il
3. Celebrazione di Sante Mes- dell’anno del Signore due- suonerà dentro l’animo come una parola sincera e inviare via mail all’indirizzo desiderio di fare comunità,
se con più intenzioni SENZA milaventi. attesa, ricca di amicizia, quella del Dio con noi, che segreteria@srita.it le foto dei perché anche in questo tem-
ALCUNA OFFERTA: in que- mons. Valter DANNA riscalda il cuore e dona la pienezza della vera gioia. presepi allestiti in famiglia pio di prova la luce del Nata-
sto caso deve essere TOTALE Vicario Generale Auguri vivissimi a voi e ai vostri cari, per pubblicarle sul sito par- le porti speranza e fiducia in
lo sganciamento da qualsiasi can. Alessandro GIRAUDO ✠ Cesare NOSIGLIA rocchiale». Raccontano stili ogni casa».
forma di offerta, anche libera Cancelliere arcivescovile Arcivescovo di Torino e sensibilità diverse, sono Federica BELLO

L utti
Suor Monica Scuola Materna e più in ge-
nerale il suo stile nel relazio-
narsi avevano i tratti caratte-
zione coordinatrice della
scuola materna di Santa
Rita ora è accanto al Signo-
Una malattia l'ha portata
via, l'ha allontanata mate-
rialmente dalla sua famiglia

Barrionuevo Leòn ristici di una leadership fon-


data saldamente sull’amore
per Dio e per il prossimo.
re che ha amato e a cui ha
donato la vita». Sono rima-
sta sorpresa per come è sta-
religiosa, dai suoi affetti.
Suor Monica, nei molti anni
del suo operato, ha semina-
«Ha ricevuto la fiducia di dell’Immacolata Concezio- Ne fa una sintesi efficace ta annunciata la scomparsa to il bene, con competenza
centinaia di genitori, che le ne, insieme a suor Magali e un’altra frase del ricordo di suor Monica; mi sono e professionalità; si è fatta
hanno affidato i loro tesori suor Rosario. pronunciato dalla mamma detta che sarebbe molto strumento dell'amore di
più grandi, e lei ha mostra- Nata ad Abancay, in Perù, che ha dato voce a tutte le bello che per tutti si possa Dio per il prossimo. Se n'è
to la sua riconoscenza ren- il 14 marzo 1949, nel 1969 famiglie: «Ha tracciato una dire di essere «nell' abbrac- andato il suo corpo morta-
dendo la Scuola Materna di era entrata a far parte strada da seguire nella fede, cio del Signore». le, per rivestirsi della luce
Santa Rita il posto migliore, dell’Istituto, pronunciando nel nome dell’amore di Non conoscevo bene perso- riflessa del suo Sposo. Suor
dopo la nostra casa, per i la professione perpetua l’8 Dio, lasciandoci la libertà di nalmente suor Monica; l'ho Monica ha lasciato sicura-
nostri figli». Queste paro- settembre 1979. Da molti essere sempre noi stessi». incrociata ad una riunione mente un solco tra le per-
le di una mamma hanno anni era presente a Torino. E ancora il parroco, mons. pochi mesi or sono. Mi ha sone che ha incrociato, tra i
segnato martedì scorso il Instancabile animatrice Mauro Rivella: «È stata per subito conquistato il suo tanti bimbi che sono passati
commosso saluto della co- della Scuola Materna, suor noi una perdita dura in tenero sorriso, il sorriso di nella sua scuola, tra le inse-
munità di Santa Rita a suor Monica era attiva anche questo tempo di prova. Ma una donna felice, compiu- gnanti che ha coordinato.
Monica Barrionuevo Leòn, nelle attività pastorali del- anche un segno della bontà ta nella sua vita e nella sua Insegnare significa proprio
morta l’11 dicembre a 71 la parrocchia, a comincia- accompagnati in chiesa, il del Signore, che ci ha posto missione. questo, lasciare un segno
anni all’ospedale Mauri- re dal catechismo. Bastava suo sguardo era di felicità e accanto una donna capa- La vita di comunità, al servi- e, sicuramente, il suo sarà
ziano, dove era ricoverata vedere come i bambini la amore intensissimo mentre ce di amare e di spendersi zio di Dio, dei fratelli e del- un segno «speciale» che
da alcune settimane per le salutavano arrivando per stava in mezzo a loro, atten- per il Signore e per i nostri le sorelle, comporta molti ci aiuta a guardare oltre al
conseguenze del Covid 19. l’incontro, e come la se- ta a tutti e a ciascuno come bambini». sacrifici, in più suor Monica presente, nella pienezza
Dal 2008 suor Monica era guivano, per cogliere il una chioccia con i suoi pul- la comunità di Santa Rita dirigeva una scuola dell'in- «dell'abbraccio di Dio».
la coordinatrice della Scuo- suo talento educativo e la cini. A lei si doveva anche fanzia e chi è nel campo Grazie suor Monica
la Materna parrocchiale e passione con cui lo mette- l’addobbo floreale del san- «Suor Monica Barrionue- educativo, è ben consape- Annamaria GALLINO
la superiora della comu- va in pratica. E quando i tuario. vo, Suora Domenicana vole di tutta la fatica che coordinatrice provinciale
nità di Suore Domenicane bambini dell’asilo venivano Il suo modo di dirigere la dell'Immacolata Conce- questo comporta. FISM Torino
DOMENICA, 20 DICEMBRE 2020 CHIESA 21

ale
Pochette, il dono del Vescovo Novena
Particolare
del Presepe
di Pratiglione
La comunità
scrive

Qui Seminario

per i senza dimora on line Nuove strade

G con l’avvio
per i giovani
li anni scorsi difficoltà o che non possono
accedere al Servizio Sanitario
tolomeo & C. «Grazie anche a
‘Giraeimpara’», prosegue Can-
per incontrare
del mese di
e non solo…
dicembre ini-
Nazionale, o che per motivi
contingenti vivono in povertà,
ta, «il progetto che fa piccole ri-
prese video per valorizzare l’ec- i ragazzi
ziava il «pre- si occupa anche di sostenere cellenze del territorio usando
sepe dell’Ar- progetti in diverse parti del come unico mezzo la bicicletta, Le attività pastorali del Seminario
civescovo»: mondo. Misericordes con gli di cui è anche protagonista e È iniziata la Novena di Natale, rivolte ai giovani e ai giovanissimi in
un susseguirsi di incontri e aiuti ricevuti ha così affidato ideatore il vice presidente di guidata dall’Arcivescovo di Torino e questa prima parte dell’anno, hanno
visite alle realtà dei sofferenti, alla Caritas 500 kit di cappelli- Misericordes Odv, già in queste Amministratore Apostolico di Susa, preso una strada diversa; come tutti, di-
momenti di preghiera accom- no, guanti, mascherine e igie- sere su un tandem stiamo distri- mons. Cesare Nosiglia, trasmessa in fronte al tempo particolare che stiamo
pagnati da aiuti e doni per far nizzanti che in parte sono stati buendo questo materiale a chi diretta streaming sui canali social della vivendo e col continuo mutare degli
sentire a chi è più emarginato messi all’interno di un altro dorme all’addiaccio. E nei gior- diocesi. Tutte le sere, alle 21 fino al eventi, ci siamo anche noi sforzati per
o in difficoltà la vicinanza del- dono che ha unito l’impegno ni 25, 26, 31 dicembre e 1 gen- 23 dicembre e il 24 alle 15, attraverso trovare strategie e «nuove» strade, per
solidale di anziani e naio forniremo una settantina un’iniziativa curata dell’Ufficio di Pa- continuare a tenere i contatti e i legami
giovani. Si è appena di pasti ‘natalizi’ a chi è più in storale Giovanile in collaborazione con coi nostri amici giovani, per raggiun-
conclusa infatti la difficoltà dando anche lavoro il settore Giovani dell’Azione Cattolica gere anche persone che difficilmente
terza edizione dell’i- a un ristoratore della zona Lin- di Torino, l’Arcivescovo desidera ren- avremmo incontrato in un momento di
niziativa «Fare col gotto messo particolarmente in derla fruibile anche per quanti sono ‘normalità’.
cuore» promossa difficoltà da questo tempo di impossibilitati a uscire di casa a causa Abbiamo così iniziato le attività con una
dall’area animazione chiusura». della pandemia, soprattutto malati e serata dedicata ai giovanissimi, l’unica
della Caritas Dioce- Grazie alla collaborazione anziani, ma intende riproporre soprat- che siamo riusciti a fare in presenza.
sana di Torino con con il Banco Alimentare e tutto ai giovani questa antica forma Siamo stati nella parrocchia di Sant'Al-
la rete delle nonne, il Banco Sanitario saranno di preghiera della nostra tradizione. fonso in Torino il 29 ottobre scorso. Ab-
l’Ufficio Pio, i Missio- inoltre consegnate dal nostro biamo cercato di far riflettere i ragazzi
nari della Consolata, Arcivescovo 80 borse di ali- sulla tema della preghiera e sulla possi-
i giovani della Pasto- menti e materiale di pulizia bilità che questa sia una relazione, un’a-
rale universitaria. «In e sanitario ad alcune famiglie micizia con Gesù. Dopo la scuola, un
particolare», spiega che in questo momento sono piccolo gruppo di seminaristi è partito
Pierluigi Dovis, di- in difficoltà. per Sant’Alfonso; siamo stati raggiunti
rettore della Caritas Grazie alla catena Exki sono lì dal nostro rettore don Ferruccio, dal
diocesana, «sono stati distribuiti in questi gior- vicerettore don Antonio e da sorella
state cucite circa 150 ni 100 pasti ad alcune fami- Giuliana. Mentre preparavamo la chie-
sacche di stoffa per glie della città mentre 200 sa, bene accolti da don Davide, ci è nato
contenere oggetti Pranzi Natalizi saranno con- un pensiero: forse quella sarebbe stata
personali. Pochette segnati il 25 dicembre dal l’ultima attività che avremmo fatto in
che l’Arcivescovo sta Cenacolo Eucaristico grazie presenza! Nonostante ciò eravamo felici
consegnando per- alla Galbani attraverso Cari- di esser lì, disponibili e pronti a ciò che
sonalmente, e che tas Italiana. Un’iniziativa so- il Signore ci avrebbe chiesto. Il secondo
incontro sempre per giovanissimi, su
Da qui l’invito ai giovani, oltre a par- Zoom, lo abbiamo ripensato, in forma
tecipare alla Novena in parrocchia o più semplice, per poter meglio adattar-
a seguirla in streaming, a un piccolo ci alle esigenze dei ragazzi che hanno
percorso spirituale: ritagliare ogni gior- manifestato il desiderio di approfondire
no 10 minuti di preghiera personale la realtà della preghiera e siamo partiti
sul Vangelo del giorno, dalla App Mes- dalla domanda: Prego, ci credo?
salino Giovani; scegliere un tempo di Inizialmente eravamo un po’ timorosi
ritiro personale, nella propria chiesa, ad affrontare questo tema ma poi, nel
davanti al Signore, aiutati da una trac- dialogo con i ragazzi, ci siamo sorpresi
cia, dal silenzio e da un po' di distacco dalla loro profondità, dalle ricche con-
dal mondo; partendo dai temi della divisioni, dalla loro voglia di dialogare e
Novena, da quanto emerso nella pre- di crescere. Alcune domande ci hanno
ghiera e nel ritiro, vivere un momento guidato: perché pregare? La preghiera
di confronto e dialogo con il proprio è una fuga dalla realtà? Serve? Dio ci
parroco o viceparroco, una suora o i ascolta? Come pregare e per cosa? È
propri educatori; scegliere un tempo una cosa riservata solo a preti, suore,
per un esame di coscienza che porti a bambini ed anziani? Abbiamo aperto
incontrare il Signore nel Sacramento tante «finestre», ricche di condivisioni.
del Perdono. Sul sito www.upgtorino.it Coi giovani invece, il 19 novembre
tutte le informazioni. scorso, abbiamo vissuto una serata inti-
la Chiesa torinese e portare il lidale per sostenere in diver- don Luca RAMELLO tolata «Le notti di Nicodemo». Come
messaggio di speranza del Na- se città d’Italia da una parte don Giuliano NASO Nicodemo di notte, ci siamo messi alla
tale. Mons. Nosiglia incontra- famiglie bisognose, dall’altra ricerca di Gesù, per trovarlo, per dialo-
va i senza dimora, i carcerati, i Attraverso i ristoratori che sono tra le gare con lui, per dialogare insieme. Il
malati, gli stranieri, i nomadi, i
minori nelle comunità, gli an-
ziani, chi ha perso il lavoro...
la Caritas
categorie più penalizzate
dai vari lockdown decisi per
contrastare la pandemia. E
Pratiglione, tema è stato quello della testimonianza
cristiana negli ambiti di vita: come si
incarna la fede nel quotidiano? Come si
Un susseguirsi di abbracci, di
incoraggiamenti, di momenti
cibo, giochi pochi giorni prima di Natale
è arrivata alla Caritas un’altra Natività in grotta vive la straordinaria santità battesimale
nelle sfide ordinarie? Abbiamo fatto un
di festa, fraternità e convivia- e mascherine notizia la neonata Fondazio- viaggio dal lavoro all'università, dal tem-
lità che la pandemia ora non ne Pudens istituita all’inizio La pandemia non ha bloccato la passione po libero allo sport, passando attraverso
rende possibile, almeno non per i più poveri di ottobre dall’imprendito- dei volontari della parrocchia di San Nicola la famiglia, le relazioni con le persone
nella stessa forma. Mons. No- re Pierangelo Decisi con la Vescovo in frazione Capovilla a Pratiglione e con uno sguardo anche al progetto
siglia sta comunque visitando moglie Antonella, garantirà (TO). Seppur per pochi giorni e con le do- di vita.
le diverse realtà e continuerà testimoniano un lavoro fatto il pasto fino al 30 aprile ai 75 vute precauzioni anche per il Natale 2020 Infine, in questo periodo di Avvento,
fino al giorno di Natale e at- con il cuore che ha unito ge- ospiti dei dormitori torinesi sarà possibile visitare il «presepe meccanico abbiamo anche cambiato la forma delle
traverso la Caritas diocesana nerazioni diverse per far sì che della diocesi, e offrirà 200 in grotta sotto la neve». Il manufatto si svi- nostre Lectio Divine; su Zoom stiamo
non fa mancare aiuti e i doni. il distanziamento sociale non cenoni di Natale per senza luppa su di una superficie di circa 50 mq, incontrando i giovani che conoscono
Aiuti e doni che sono frutto di diventi ancor più esclusione. dimora e persone fragili. racchiuso in una grotta per rendere unici e le proposte del seminario e anche altre
collaborazioni, di interventi di Ci sono volute ore di lavoro, Una lunga catena di solidarie- singolari i giochi di luce, acqua e neve cre- persone, giovani e meno giovani pie-
tanti benefattori che proven- precisione, cura… quella cura tà che unisce l’anziana che ha ando un’atmosfera particolare. Il paesaggio montesi e non! Durante le lectio abbia-
gono dalle realtà più diverse: che vorremmo non mancasse messo a disposizione la mac- tradizionale delle vallate montane cana- mo ritrovato in molti giovani un grande
domenica scorsa il Gs service a nessuno e non solo nei gior- china da cucire, gli imprendi- vesane è accostato ad uno scorcio dell’e- desiderio di vivere la fraternità insieme
della famiglia Morganti con la ni del Natale». tori, i singoli benefattori che sotica Palestina. Al suo interno si possono alla preghiera. Sebbene la modalità in
Peletto Racing Team ha fatto Quella cura che non si di- hanno condiviso una parte ammirare preziosi movimenti di antichi streaming rischi di essere fredda, ab-
ad esempio arrivare a Caritas mentica nemmeno dei bam- delle proprie risorse per desti- mestieri la cui costruzione risale all’imme- biamo percepito nei loro sguardi e nei
e Migranti un camion (nella bini che sono in carcere con narle non a volti senza nome, diato dopoguerra. Quest’anno il presepe loro interventi un grande bisogno di re-
foto) di aiuti alimentari da le loro mamme per i quali ma a quei Roberto, Andrea, sarà visitabile soltanto nei giorni dal 24 al lazioni autentiche, «vere», che li aiutino
distribuire alle famiglie biso- Misericordes ha dato alla Ca- Anna che vivono la margina- 27 dicembre, dall’1 al 3 gennaio e il giorno a mettersi in gioco rispetto alle sfide e
gnose. Poi ci sono aziende che ritas prodotti per l’igiene e i lità, l’esclusione, la fragilità e dell’Epifania. La domenica e nei giorni fe- alle opportunità che la vita offre.
sostengono Misericordes Odv giocattoli raccolti insieme ad per i quali il dono più grande stivi sarà aperto dalle 10 alle 12 e dalle 15 Tutte queste occasioni di incontro, ci
di d. Massimiliano Canta, due altri donatori privati. è la presenza, la relazione che alle 18.30 mentre il sabato pomeriggio dalle hanno dato la possibilità di continuare
in particolare sempre pronte Oltre al dono dei Kit sopra de- la Caritas, non solo a Natale, 15 alle 18.30. L’ingresso sarà contingentato le relazioni, di costruirne di nuove, di
alle necessità dei più fragili. scritti, attraverso Misericordes ma ogni giorno dell’anno a 4 persone alla volta, mentre la presenza di rivedere volti conosciuti e a noi cari,
Il Poliambulatorio di Miseri- anche 300 sacchi a pelo quelli contribuisce a creare, conso- entrata e uscita separate consentiranno un ma anche di farci conoscere da altri.
cordes ha infatti l’obiettivo di per il grande freddo che arri- lidare, promuovere in ogni flusso ordinato e sicuro dei visitatori. Per Soprattutto come comunità siamo cre-
fornire assistenza medica, den- vano sino a -10, in questi giorni comunità e famiglia». informazioni è possibile rivolgersi ai numeri sciuti perché ognuno di noi si è messo
tistica e infermieristica qualifi- verranno distribuiti, con i vo- Federica BELLO 320.1122705 o 333.9535384. in gioco. Buon Natale a tutti.
cata e gratuita alle persone in lontari di S. Egidio e della Bar- (2. continua) Giovanni COSTANTINO Francesco, Matteo, Stefano
22 CHIESA DOMENICA, 20 DICEMBRE 2020

INTERVENTO – IL PADRE GENERALE DEI GIUSEPPINI DEL MURIALDO SULLA FIGURA DELLO SPOSO DI MARIA, MODELLO EDUCATIVO PER LA CONGREGAZIONE

La dolcezza di Giuseppe Con cuore


di padre

che ispirò il Murialdo


«Dio ha affidato a San Giusep-
pe i suoi tesori più preziosi,
Gesù e Maria». Ecco perché
Papa Francesco ha indetto
uno speciale «Anno di San
Giuseppe».
Al custode di Gesù dedica la
Il padre «terreno» di Gesù l'8 dicembre 1870 fu dichiarato da papa Pio IX patrono della Chiesa cattolica lettera apostolica «Patris cor-
e 150 anni dopo papa Francesco ha indetto un «Anno speciale di san Giuseppe». In occasione del 150° de» - «In questi mesi di pan-
il Comitato di San Giuseppe - a cui aderiscono la Federazione italiana Suore di San Giuseppe, gli Oblati demia possiamo sperimentare
di San Giuseppe e i Giuseppini del Murialdo - ha promosso sabato e domenica 5-6 dicembre un convegno che le nostre vite sono tessute
on line seguito dai 5 continenti da centinaia di persone legate alla spiritualità giuseppina. Padre Tullio e sostenute da persone co-
Locatelli, Superiore generale della Congregazione di San Giuseppe (i Giuseppini del Murialdo, la cui muni che non compaiono
Casa Madre è a Torino in corso Palestro 14) che ha coordinato il convegno, riflette sull’ultima enciclica nei titoli dei giornali (...) ma,
di Papa Francesco, Fratelli tutti, a partire da una caratteristica fondamentale del carisma murialdino che senza dubbio, scrivono gli av-
san Leonardo ha attinto dalla figura paterna di san Giuseppe: la dolcezza (m.lom.) venimenti decisivi della nostra

P
storia: medici, infermiere e
apa Francesco di quel tempo, segnati soprat- si pedagogiche che troviamo infermieri, addetti dei super-
mostra una tutto da una disciplina che espresse soprattutto nelle mercati, addetti alle pulizie,
grande attenzio- non ammetteva eccezioni e sue lettere ai confratelli, nel- badanti, trasportatori, forze
ne ai temi edu- che faceva degli educatori le conferenze agli educatori dell’ordine, volontari, sacer-
cativi, che spesso dei veri cerberi, attenti ad ap- presenti in Collegio, laici e re- doti, religiose e tanti altri che
richiama nelle plicare regole e regolamenti. ligiosi, nelle relazioni annuali hanno compreso che nessuno
sue encicliche e L’orario da rispettare sempre presentate all’Opera Pia. si salva da solo». E San Giusep-
nei suoi discorsi. Si pensi alla e comunque; trovarsi sempre La spiritualità come «forma pe? «Tutti possono trovare in
Laudato si’ e alla Fratelli tutti, al proprio posto al momen- mentis» dell’educazione - Scri- tesa, nell’intervento corretti- p. 6-8). lui l’uomo della presenza quo-
ricche di richiami ad un patto to giusto; subire piccole o ve don Giovenale Dotta nella vo, ma amabile, dolce». (G. E, tanto per essere chiaro, dis- tidiana, discreta e nascosta,
educativo globale che coinvol- grandi punizioni a seconda sua biografia del Murialdo: Dotta, Leonardo Murialdo. se in altra occasione: «Dolcez- un intercessore, un sostegno,
ga giovani e adulti, nazioni e delle mancanze secondo una «Si potrebbe cogliere una Fondazione e sviluppo della za, mansuetudine: specie coi una guida nei momenti di dif-
istituzioni per un rinnovato tabella stabilita; non godere corrispondenza tra le tona- Congregazione, 1866-1900, più rozzi, brutti» (ibidem, II, ficoltà. Ci ricorda che coloro
cammino dell’uomo e del cre- mai di un minimo di libertà lità dell’amore di Dio che LEV, 2018, pp. 348-349). p. 353). che stanno apparentemente
ato nella loro reciproca inter personale; senza vacanze nel il Murialdo maggiormente La dolcezza - È l’atteggiamen- «Essi il tesoro preziosissimo» in ‘seconda linea’ hanno un
relazione. E proprio un «pat- corso dell’anno; ubbidienza sottolinea (gratuito, attuale, to tra i più significativi nella - Il Murialdo chiedeva agli protagonismo senza pari nella
to educativo globale» è la sfi- personalità del Murialdo. educatori un atteggiamento storia della salvezza».
da che Francesco ha lanciato Affermava di «preferire il go- di rispetto, di non offendere «La storia della salvezza si
recentemente perché si possa verno dolce al severo», perché e non umiliare i ragazzi, di compie attraverso le nostre
porre termine al disastro edu- «per far del bene bisogna es- riconoscere in ognuno di essi debolezze» - Spesso pensiamo
cativo ed ecologico che sta mi- sere amato, dirò meglio, ben l’immagine di Dio, per valo- che «Dio faccia affidamento
nando tutta la società. visto; e ciò che fa amare e ben rizzare la loro dignità umana, solo sulla parte buona e vin-
Sul tema educativo si sono Pietro vedere è la dolcezza (L. Mu- per sviluppare in pienezza la cente di noi, mentre in realtà
spesi molto i santi sociali della Favaro, «San rialdo, Scritti, IV, p. 353). loro personalità. Infine, il Mu- la maggior parte dei suoi
Torino dell’800, come è stato Giuseppe Ai suoi confratelli giuseppini rialdo invitava i suoi collabo- disegni si realizza attraverso
rilevato alcune settimane fa e Gesù così scriveva: «… i fanciulli ratori a considerare e trattare e nonostante la nostra debo-
nel convegno sulla Dottrina adolescente». non si attirano a Dio con altra i giovani, i ragazzi, i fanciulli lezza. Giuseppe, maestro di
sociale della Chiesa in cui La tela è calamita che non sia quella come prezzo del sangue di tenerezza e obbedienza, ci in-
l’Arcivescovo Cesare Nosiglia, custodita a della dolcezza. Cerchiamo Cristo, senza perdere la me- segna che nelle tempeste della
in concomitanza con le altre Torino, nella dunque di avere sempre, moria che «i poveri, i fanciul- vita non dobbiamo temere di
diocesi partecipanti, ha pian- parrocchia quando trattiamo con essi, un li, e infine i peccatori erano lasciare a Dio il timone della
tato il simbolo del Convegno, santuario volto gioioso, un tratto corte- la pupilla degli occhi di Gesù nostra barca. A volte vorrem-
un alberello di melograno, di Nostra se, un parlare grazioso, affabi- Cristo, essi la gemma preziosa mo controllare tutto, ma Dio
nel cortile del Collegio Arti- Signora della le affettuoso» (L. Murialdo, ai suoi occhi, essi il tesoro pre- ha sempre uno sguardo più
gianelli. Qui il Murialdo fon- Salute (sullo Epistolario, vol. V, lettera n. ziosissimo» (ibidem, V, p. 7). grande. Oggi la violenza psi-
dò la nostra congregazione, il sfondo del 2156). In una conferenza ai Penso che solo in questa pro- cologica, verbale e fisica sulla
19 marzo 1873, intitolandola quadro) dove maestri assistenti del Colle- spettiva si possa essere edu- donna è evidente: Giuseppe
a san Giuseppe, educatore e si venerano gio, che forse spesso e troppo catori con «dolcezza», anche è uomo rispettoso e delicato:
custode di Gesù e la Famiglia le spoglie presto perdevano la pazienza perché «Come senza fede non pur non possedendo tutte le
murialdina sparsa nel mon- mortali di e la speranza nella loro ope- si piace a Dio, senza dolcezza informazioni, si decide per la
do è davvero riconoscente a san Leonardo ra educativa, il Murialdo non non si piace al prossimo» (ibi- reputazione, la dignità e la vita
Papa Francesco per il gesto di Murialdo nascondeva che «raccoglien- dem, Scritti, IV, p. 40). di Maria.
dedicare un anno speciale al do abbandonati dobbiamo Soltanto qualche tratto del- 11 gli Istituti religiosi maschili
nostro patrono. all’assistente di turno, senza personale, infinito, tenero, aspettarci a trovare giovani lo stile educativo del Murial- intitolati a San Giuseppe e alla
Il Collegio Artigianelli - Il te- se e senza ma; facevano di misericordioso) e gli atteg- che abbiano tutta la ignoran- do, che mi pare possa essere Sacra Famiglia - Tre fondati
ologo Leonardo Murialdo ogni collegio una piccola ca- giamenti che egli visse nel za, la selvatichezza, i vizii tutti accostato a quella insistenza da santi italiani, i torinesi Le-
fece il suo ingresso come ret- serma, dove il clima poteva servizio ai giovani. È un pa- che nascono da uno stato di del parlare di «tenerezza» onardo Murialdo e Giuseppe
tore del Collegio Artigianelli, essere mitigato da qualcuno rallelismo che, sebbene non abbandono», ma riaffermava che papa Francesco spesso Marello, e il bresciano Giovan-
in corso Palestro 14, il 9 di- degli educatori più sensibile teorizzato dal Murialdo, può che proprio per questi giova- presenta come fondamen- ni Battista Piamarta. Murialdo
cembre 1866, festa «esterna» alla situazione di povertà dei interpretare in modo signifi- ni, «più infelici che colpevoli», tale nelle relazioni umane, nutre una speciale devozione,
dell’Immacolata Concezione ragazzi. Una povertà non solo cativo, nell’oggi, il suo stile pe- erano stati chiamati a lavorare tanto più nella relazione come tanti personaggi e fon-
di Maria; il 12 maggio 1867 economica, ma prima di tutto dagogico. Di questo paralleli- pieni di commiserazione e di educativa. Senza dimenti- datori, per San Giuseppe e
entrò pienamente nel suo in- umana, sociale, intellettuale e smo importa qui sottolineare buon animo. Fu in quell’occa- care che siamo invitati ad pone la sua famiglia religiosa,
carico, occupando una stanza- religiosa. soprattutto quello dell’amore sione che disse una frase tra le assumere uno stile fatto di i Giuseppini, fondati il 19
ufficio fino alla data della sua Il suo sistema educativo - La misericordioso. Lo stupore più citate per esprimere il ca- «gentilezza», per diventare marzo 1873, sotto la prote-
morte, 30 marzo 1900. struttura del Collegio Artigia- e la meraviglia del Murialdo risma dei Giuseppini alla base «stelle» (Fratelli tutti, 222- zione dello sposo di Maria e
Con la venuta del Murialdo nelli non impedì al Murialdo per un Dio che ha continua- delle scelte educative: «Poveri 224), che indicano la possi- «modello» dei lavoratori. San
il Collegio andò assumendo di esprimere la sua personale to ad amarlo, lui peccatore, ed abbandonati: ecco i due bilità di una società miglio- Giuseppe Marello, torinese di
sempre più una chiara iden- visione pedagogica e di tra- sfocia in modo spontaneo per requisiti che costituiscono un re. A partire dall’educare i nascita, astigiano di sacerdozio
tità educativa, con finalità durla in pratica insieme ai il medesimo amore che Dio giovane come uno dei no- giovani. e vescovo di Acqui nel 1878
umana e religiosa, in parte suoi collaboratori, specie don riversa sui ragazzi, anche su i stri, e quanto più è povero e padre Tullio LOCATELLI fonda gli Oblati di San Giu-
continuando e in parte rin- Eugenio Reffo e don Giulio più ‘cattivi’ e difficili. E si tra- abbandonato, tanto più è dei superiore generale seppe o Giuseppini d'Asti.
novando i canoni pedagogici Costantino. Intuizioni e pras- muta nella pazienza, nell’at- nostri» L. Murialdo, Scritti, V, della Congregazione di San Giuseppe Pier Giuseppe ACCORNERO

L utti
Madre M. Marcella di Sant’Elia le della Congregazione ..
Nel 2006 la responsabilità e il
carico del servizio aumentaro-
Don Luciano Villar
La Vergine Immacolata cava all’evangelizzazione, si no ancora, quando divenne
nel giorno della sua festa, preparò anche alla Professio- Superiora Generale. Rieletta Sabato 12 dicembre a 89
alle15.20, è venuta a prendere ne perpetua che emise il 29 per un secondo sessennio nel anni è mancato a Pancalieri,
Madre Marcella per accom- settembre 1962 a Ilanivato. 2012, visse l’esperienza dura presso la casa di riposo Beato
pagnarla in Paradiso. Madre Nel 1967 rientrò per la prima e faticosa di dover rinunciare Giovanni M. Boccardo, don
Marcella è nata a Brembate, volta in Italia e riabbracciò la all’incarico per gravi proble- Luciano Villar, giuseppino
nella terra bergamasca, da sua famiglia. mi di salute. Il 6 ottobre 2019 del Murialdo, della comuni-
una famiglia numerosa di cri- Tornata in Italia nel 1973, fu trasferita nell’infermeria tà della parrocchia Santuario
stiani solidi e lavoratori. Era la i Superiori la trattennero a della Casa Generalizia per po- di Nostra Signora della Salu-
quarta di sette figli. Raccon- Torino: conseguì l’abilitazio- ter essere meglio accudita te a Torino dove viveva da
tava di non essere stata una ne all’insegnamento e per L’8 dicembre al mattino, la 10 anni. Apprezzato confes-
ragazza particolarmente devo- dieci anni diresse una Scuola nostra Congregazione ha vis- sore, già assistente spirituale
ta… ma la direzione spirituale giosa il 3 ottobre 1959 in Val dell’Infanzia parrocchiale, la suto la gioia della Professione degli Ex Allievi del Murialdo lo ricordano con affetto e
dei padri Carmelitani del vici- San Martino e nello stesso Scuola «Durio» a Madonna di tre novizie. Senza turbare della zona Nord Ovest, don riconoscenza. I funerali si
no convento di Concesa l’ha mese è partita per il Madaga- di Campagna. Nel 1985, le fu la gioia delle celebrazioni, Luciano ha dedicato gran sono celebrati mercoledì 16
aiutata a scoprire la chiamata scar, per la prima fondazione chiesto di tornare in Madaga- Madre Marcella ha atteso il parte della sua vita all’educa- dicembre nella parrocchia
del Signore e a risponder- missionaria della Congrega- scar, in Noviziato, come Mae- pomeriggio per rispondere il zione dei giovani. Per molti di Nostra Signora della Salu-
gli con prontezza, entrando zione, con l’entusiasmo dei stra di formazione. suo ultimo sì alla chiamata del anni ha insegnato storia e te e la salma è stata tumulata
come postulante il 20 marzo suoi 24 anni. In Madagascar, Nel 1994 il Signore le chiese Signore! filosofia al Liceo Fossati del nella tomba della Congre-
1957. Terminato il noviziato dove insegnava ai piccoli della ancora un cambiamento radi- Madre M. Amabile Collegio Sangiuseppe di gazione di San Giuseppe al
ha emesso la professione reli- Scuola dell’Infanzia e si dedi- cale: fu eletta Vicaria Genera- di San Giuseppe Rivoli dove molti ex allievi cimitero di Rivoli. (m.lom)
DOMENICA, 20 DICEMBRE 2020 CHIESA 23
CONSIGLIO PASTORALE DOCUMENTO IN 42 PUNTI – I VESCOVI E L’IMPEGNO PER L’UNITÀ
Insegnanti
Si prepara
l’assemblea Un vademecum di religione,
c’è l’intesa
diocesana
Ascolto e formazione sono le due parole
per l’ecumenismo per il concorso
che hanno caratterizzato il Consiglio C’è maggiore coesione fra Il ministro della Pubblica Istruzione Lu-
Pastorale Diocesano, svoltosi on line l’11 le Chiese cristiane, anche di cia Azzolina e il presidente dei vescovi
dicembre. Nell’introduzione dell’Arci- fronte ai flussi migratori; dia- italiani, cardinale Gualtiero Bassetti,
vescovo, dopo il richiamo a soffermarsi logo come modalità di evan- hanno sottoscritto – dopo 17 anni –
in questo tempo sulla Lettera di Natale gelizzazione; contributo de- l’intesa per il concorso degli insegnati
scritta a famiglie e comunità, l’aggior- cisivo delle Chiese cattoliche di religione cattolica nelle scuole statali.
namento del percorso di preparazione orientali all’«unità ma non a Per Bassetti il concorso è «un passaggio
alla Assemblea diocesana sulla Chiesa in discapito della verità»; regole importante per la stabilizzazione profes-
uscita, percorso che era iniziato con gli su matrimoni misti e interco- sionale di tanti docenti e per la dignità
incontri in alcune Unità pastorali e poi munione. Ben quattro cardi- di un insegnamento che ancora oggi –
interrotto e modificato a seguito delle nali – non era mai successo 34 anni dopo l’avvio del nuovo sistema
restrizioni. Un percorso comunque che – hanno presentato il vademe- di scelta - è voluto e frequentato da una
resta anzitutto orientato sull’ascolto di cum ecumenico «Il vescovo e dell’Eucaristia, nelle celebra- dell’unità dei cristiani» e toc- larghissima maggioranza di studenti».
clero e laici, delle realtà del territorio, l’unità dei cristiani»: Leonar- zioni liturgiche degli uni e ca l’azione coordinata delle Il presidente Cei rinnova stima e vici-
del vissuto… do Sandri (Chiese orientali), degli altri rimane motivo di organizzazioni cristiane per nanza agli insegnati che con passione
Il Consiglio è proseguito con la comu- Luis Antonio Tagle (Evange- forte tensione nelle relazioni poveri, rifugiati, sfollati, «mo- accompagnano la crescita dei giovani.
nicazione di una consultazione on line lizzazione dei popoli), Kurt ecumeniche: la comunione derni schiavi». Il ministro Azzolina ringrazia la Chiesa
ai consiglieri sul tema della formazione Koch (Unità dei cristiani), esprime l’unità della Chiesa Stimolato da una domanda italiana «per la collaborazione nell'as-
comune tra clero e laici che è ora at- Marc Ouellet (Vescovi). L’im- ma è anche partecipazione ai sul dialogo con gli anglicani sicurare lo svolgimento di un concorso
tualmente in corso. Un altro elemento pegno per l’unità dei cristiani mezzi della grazia». Il tutto è e sul sacerdozio degli angli- che permette agli insegnanti di realizza-
di quell’impostazione del cammino non è opzionale ma «in nes- lasciato al discernimento del cani, il cardinale Kurt Koch, re le proprie aspirazioni e alle istituzio-
diocesano sempre più attento a cogliere sun modo l’unità può essere vescovo, che si applica anche massimo responsabile dell’e- ni scolastiche di essere funzionali».
i segnali, i problemi e le proposte di tutti realizzata a detrimento della alla decisione di somministra- cumenismo, sottolinea che La Cei ricorda che la procedura è ban-
i suoi membri. verità perché l’ecumenismo re i Sacramenti ad altri cristia- c’è lavoro da fare anche per- dita nel rispetto dell’accordo di revisio-
Federica BELLO non prevede compromessi». ni «per grave necessità perché ché la Comunione anglicana ne del Concordato lateranense tra San-
La condivisione dei Sacra- la condivisione dei Sacramen- «ha ordinato donne vescovo, ta Sede e Repubblica Italiana nel 1984,
menti «non può mai avvenire ti non può mai avvenire per e questo non può essere ac- e dell’intesa del 2012 tra presidente
Nelle Case di Ri- per semplice cortesia»: è un semplice cortesia e la pruden- cettato dalla Chiesa cattolica della Conferenza episcopale e ministro
poso arriva la stan- tema spinoso, specialmente za è d’obbligo per evitare con- e crea problemi nella condivi- dell’Istruzione, università e ricerca. Tra
za degli abbracci in Germania. fusione e scandalo». sione dell’altare». i requisiti di partecipazione «è prevista
- Andare a trovare Documento breve, diviso in È il punto più importante di Fino a che punto il vademe- la certificazione dell’idoneità diocesana
gli anziani, scam- due parti e 42 punti; l’appen- un vademecum che spiega cum è una risposta a Paesi - rilasciata dal responsabile dell’Ufficio
biarsi con loro gli dice ricapitola i tavoli bilatera- cosa i vescovi devono fare in come Svizzera, Scandinavia e diocesano competente nei 90 giorni
auguri di Natale, li e i documenti congiunti in un campo che «è dovere e Germania - che stanno viven- antecedenti la data di presentazione
abbracciarli… im- questa stagione ecumenica obbligo. L’unità dei cristia- do il Sinodo nazionale? Per della domanda. I posti messi a bando
presa a prima vista dopo il Concilio Vaticano II: ni riguarda la vita intera e il Koch: non ci sono influenze nella singola Regione riguardano «per-
impossibile, so- il dialogo-confronto teologico vescovo, principio visibile di perché il dicastero si occupa sonale docente di religione cattolica, in
prattutto per i più è sfociato in moltissimi docu- unità, è uomo di dialogo e del dialogo a livello universale possesso del riconoscimento di idoneità
fragili, ospiti delle menti, accordi e dichiarazioni ha un ruolo di guida e gover- mentre il dialogo nazionale è rilasciato dall’ordinario diocesano, che
case di riposo. Ep- bi o multilateral con altre con- no nell’orientare le iniziative demandato alle Conferenze abbia svolto almeno tre annualità di
pure quest’anno, fessioni cristiane ma «questi ecumeniche», in particolare i episcopali e ai vescovi: «La servizio, anche non consecutive, nelle
in alcune residenze valsusine, si potrà, grazie al non sempre sono entrati nella vescovi cattolici orientali che ‘Dichiarazione sulla giustifi- scuole del sistema nazionale di istru-
progetto del comitato segusino della Croce Rossa vita delle comunità cristiane». sono «ponti fra due realtà». cazione’ non sarebbe stata zione». L’articolazione, il punteggio e
Italiana accolto e sostenuto dal Fondo intitolato a Di particolare importanza L’ecumenismo spirituale ri- possibile se non ci fosse stata i criteri delle prove e della valutazione
don Giampiero Piardi che, grazie alla campagna «l’ecumenismo pastorale»: guarda anche feste e tempi grande preparazione». Redat- dei titoli sono oggetto di determinazio-
di raccolta fondi avviata ad inizio dicembre, finan- «La preghiera comune è pos- liturgici, santi e martiri – Il ta congiuntamente da teologi ne nel bando di concorso, «tenendo
zierà l’iniziativa. I primi a sperimentare il «gazebo sibile e necessaria per con- dialogo della vita tocca anche cattolici e luterani, fu firmata presente che i candidati sono già in
degli abbracci», venerdì 18, saranno i nonni del- durci all’unità che il Signore i matrimoni misti, da non il 15 giugno 1998 ed è uno dei possesso dell’idoneità diocesana, condi-
la casa di riposo «Nostra Signora del Rocciamelo- desidera, mentre l’ammini- considerare «un problema, documenti ecumenici post- zione per l’insegnamento della religio-
ne» di Borgone. strazione e la ricezione dei perché sovente sono un luo- conciliari più importanti. ne cattolica».
a cura de La Valsusa Sacramenti, in particolare go privilegiato di edificazione Pier Giuseppe ACCORNERO P. G. A.

Chi non ama fa finta di pregare


si fa cuore e voce di tanta gen- espressione della comunione anche per sé. In quel momen- cuzione, hanno saputo ripete-
te che non sa pregare o non dei santi» (ibid.). Cosa vuol to sa di non essere nemmeno re le parole di nostro Signore:
prega, o non vuole pregare dire che si partecipa all’inter- troppo diverso dalle persone «Padre, perdona loro perché
o è impossibilitata a pregare: cessione di Cristo, quando per cui prega: si sente pecca- non sanno quello che fanno»
noi siamo il cuore e la voce di io intercedo per qualcuno o tore, tra i peccatori, e prega (Lc 23,34).
questa gente che sale a Gesù, prego per qualcuno? Perché per tutti. La lezione della pa- Il buon pastore resta fedele
sale al Padre, come interces- Cristo davanti al Padre è inter- rabola del fariseo e del pubbli- anche davanti alla constatazio-
sori. Nella solitudine di chi cessore, prega per noi, e pre- cano è sempre viva e attuale ne del peccato della propria
CATECHESI che prega – sia la solitudine di
molto tempo sia la solitudine
di mezz’oretta – per pregare,
ga facendo vedere al Padre le
piaghe delle sue mani; perché
Gesù fisicamente, con il suo
(cfr Lc 18,9-14): noi non sia-
mo migliori di nessuno, siamo
tutti fratelli in una comunan-
gente: il buon pastore con-
tinua ad essere padre anche
quando i figli si allontanano
DEL PAPA ci si separa da tutto e da tutti
per ritrovare tutto e tutti in
corpo sta davanti al Padre.
Gesù è il nostro intercessore,
za di fragilità, di sofferenze e
nell’essere peccatori. Perciò
e lo abbandonano. Persevera
nel servizio di pastore anche
Dio. Così l’orante prega per il e pregare è un po’ fare come una preghiera che possiamo nei confronti di chi lo porta a
del 16 dicembre 2020 mondo intero, portando sul- Gesù: intercedere in Gesù al rivolgere a Dio è questa: «Si- sporcarsi le mani; non chiude
le sue spalle dolori e peccati. Padre, per gli altri. E questo è gnore, nessun vivente davanti il cuore davanti a chi magari
Prega per tutti e per ciascuno: molto bello. a Te è giusto (cfr Sal 143,2) – lo ha fatto soffrire.
è come se fosse un’«antenna» Alla preghiera sta a cuore questo lo dice un salmo: «Si- La Chiesa, in tutte le sue
Cioè una preghiera concreta, di Dio in questo mondo. In l’uomo. Semplicemente l’uo- gnore, nessun vivente davanti membra, ha la missione di
Cari fratelli che non sia una fuga.
Così gli uomini e le donne di
ogni povero che bussa alla
porta, in ogni persona che ha
mo. Chi non ama il fratello
non prega seriamente. Si può
è Te è giusto», nessuno di noi:
siamo tutti peccatori –, siamo
praticare la preghiera di in-
tercessione, intercede per gli
e sorelle, preghiera cercano la solitudi-
ne e il silenzio, non per non
perso il senso delle cose, chi
prega vede il volto di Cristo.
dire: in spirito di odio non
si può pregare; in spirito di
tutti debitori che hanno un
conto in sospeso; non c’è al-
altri. In particolare ne ha il do-
vere chiunque sia posto in un
buongiorno, essere infastiditi, ma per ascol-
tare meglio la voce di Dio. A
Il Catechismo scrive: «Inter-
cedere, chiedere in favore di
indifferenza non si può pre-
gare. La preghiera soltanto
cuno che sia impeccabile ai
tuoi occhi. Signore abbi pietà
ruolo di responsabilità: geni-
tori, educatori, ministri ordi-
Chi prega non lascia mai il volte si ritirano dal mondo, un altro […] è la prerogativa si dà in spirito di amore. Chi di noi!». E con questo spirito nati, superiori di comunità…
mondo alle sue spalle. Se la nel segreto della propria ca- di un cuore in sintonia con non ama fa finta di pregare, o la preghiera è feconda, per- Come Abramo e Mosè, a volte
preghiera non raccoglie le mera, come raccomandava la misericordia di Dio» (n. lui crede di pregare, ma non ché andiamo con umiltà da- devono «difendere» davanti a
gioie e i dolori, le speranze e Gesù (cfr Mt 6,6), ma, ovun- 2635). Questo è bellissimo. prega, perché manca proprio vanti a Dio a pregare per tutti. Dio le persone loro affidate.
le angosce dell’umanità, di- que siano, tengono sempre Quando preghiamo siamo in lo spirito che è l’amore. Nella Invece, il fariseo pregava in In realtà, si tratta di guardar-
venta un’attività «decorativa», spalancata la porta del loro sintonia con la misericordia Chiesa, chi conosce la tristez- modo superbo: «Ti ringrazio, le con gli occhi e il cuore di
un atteggiamento superficia- cuore: una porta aperta per di Dio. Misericordia nei con- za o la gioia dell’altro va più Signore, perché io non sono Dio, con la sua stessa invinci-
le, da teatro, un atteggiamen- quelli che pregano senza sa- fronti dei nostri peccati, che in profondità di chi indaga i come quei peccatori; io sono bile compassione e tenerezza.
to intimistico. Tutti abbiamo pere di pregare; per quelli che è misericordioso con noi, ma «massimi sistemi». Per que- giusto, faccio sempre…». Pregare con tenerezza per gli
bisogno di interiorità: di ri- non pregano affatto ma porta- anche misericordia con tutti sto motivo c’è un’esperienza Questa non è preghiera: que- altri.
tirarci in uno spazio e in un no dentro un grido soffocato, coloro che hanno chiesto di dell’umano in ogni preghie- sto è guardarsi allo specchio, Fratelli e sorelle, siamo tutti
tempo dedicato al nostro rap- un’invocazione nascosta; per pregare per loro, che [per i ra, perché le persone, per alla realtà propria, guardarsi foglie del medesimo albero:
porto con Dio. Ma questo non quelli che hanno sbagliato e quali] vogliamo pregare in quanto possano commettere allo specchio truccato dalla ogni distacco ci richiama
vuol dire evadere dalla realtà. hanno smarrito la via... Chiun- sintonia con il cuore di Dio. errori, non vanno mai rifiuta- superbia. alla grande pietà che dob-
Nella preghiera, Dio «ci pren- que può bussare alla porta di Questa è la vera preghiera. In te o scartate. Il mondo va avanti grazie a biamo nutrire, nella pre-
de, ci benedice, e poi ci spezza un orante e trovare in lui o in sintonia con la misericordia Quando un credente, mosso questa catena di oranti che ghiera, gli uni per gli altri.
e ci dà», per la fame di tutti. lei un cuore compassionevo- di Dio, quel cuore misericor- dallo Spirito Santo, prega per intercedono, e che sono per Preghiamo gli uni per gli
Ogni cristiano è chiamato a le, che prega senza escludere dioso. «Nel tempo della Chie- i peccatori, non fa selezioni, lo più sconosciuti… ma non altri: farà bene a noi e farà
diventare, nelle mani di Dio, nessuno. La preghiera è il no- sa, l’intercessione cristiana non emette giudizi di condan- a Dio! Ci sono tanti cristiani bene a tutti. Grazie!
pane spezzato e condiviso. stro cuore e la nostra voce, e partecipa a quella di Cristo: è na: prega per tutti. E prega ignoti che, in tempo di perse- Copyright Libreria Editrice Vaticana
24 CHIESA DOMENICA, 20 DICEMBRE 2020

In principio era il Verbo, e il Verbo era presso Dio a quelli che credono nel suo nome, i quali, non
Dal Vangelo
secondo Giovanni e il Verbo era Dio. Egli era, in principio, presso da sangue né da volere di carne né da volere di
Dio: tutto è stato fatto per mezzo di lui e senza di uomo, ma da Dio sono stati generati. E il Verbo
Natale del Signore
Venerdì 25 dicembre , Messa del giorno lui nulla è stato fatto di ciò che esiste. si fece carne e venne ad abitare in mezzo a noi;
Letture: Isaia 52,7-10; Salmo 97 In lui era la vita e la vita era la luce degli uomini; e noi abbiamo contemplato la sua gloria, gloria
Ebrei 1,1.6; Giovanni 1,1-18
la luce splende nelle tenebre e le tenebre non come del Figlio unigenito che viene dal Padre,
l’hanno vinta. Venne un uomo mandato da pieno di grazia e di verità.
LA PAROLA Dio: il suo nome era Giovanni. Egli venne come Giovanni gli dà testimonianza e proclama:
DI DIO testimone per dare testimonianza alla luce, perché «Era di lui che io dissi: Colui che viene dopo di me
marina.lomunno@vocetempo.it
tutti credessero per mezzo di lui. Non era lui la è avanti a me, perché era prima di me».
luce, ma doveva dare testimonianza alla luce. Dalla sua pienezza noi tutti abbiamo ricevuto:
Veniva nel mondo la luce vera, quella che grazia su grazia. Perché la Legge fu data per mezzo
illumina ogni uomo. Era nel mondo e il mondo di Mosè, la grazia e la verità vennero per mezzo di
è stato fatto per mezzo di lui; eppure il mondo Gesù Cristo.
non lo ha riconosciuto. Venne fra i suoi, e i suoi Dio, nessuno lo ha mai visto: il Figlio unigenito,

arteinchiesa non lo hanno accolto. A quanti però lo hanno


accolto ha dato potere di diventare figli di Dio:
che è Dio ed è nel seno del Padre,
è lui che lo ha rivelato.
Di Charles le Mettay
l’adorazione dei
pastori a San Gaetano «Venne ad abitare in mezzo a noi»
Nella chiesa parrocchiale di San Gae-
tano, in un ambiente decisamente
angusto, è custodito questo dipinto, Proseguono i commenti della Parola di Dio a
di dimensioni ragguardevoli, ma cura dei docenti dell'Università Pontificia Sa-
non in ottimo stato di conservazio- lesiana, Facoltà di Teologia, Sezione di Torino
ne, raffigurante l’Adorazione dei - Istituto Internazionale don Bosco, via Caboto
Pastori, opera del pittore francese 27. Ringraziamo don Marco Rossetti, autore
Pierre-Charles Le Mettay. Pierre- delle omelie delle quattro Domeniche d’Avvento
Charles era nato a Fécamp nel che passa il testimone a don Paolo Ripa di
luglio del 1726, figlio di un orafo. Meana (nella foto) per il Tempo di Natale.
L’inizio della sua formazione fu
travagliato, finché a 16 anni riuscì A Natale c’è Dio in gioco. E alla venuta, alla presenza
ad essere ammesso nello studio del ci siamo noi, inevitabilmen- di Gesù. Alla nostra libertà
pittore François Bouche, pittore di te. Dio è con noi per sempre: è chiesta la scelta decisiva:
grande successo; dopo cinque anni, con storia e destino legati, quella di schierarci sul fronte
nel 1786, vinse il Premio di Roma intrecciati. Dio come qualcu- del riconoscimento e dell’ac-
che lo portò nella capitale della no che non abita più lonta- coglienza di uno Dio così.
cristianità. Grazie alla sua abilità no – in un «altrove» che ci è Per questo dire Natale non
pittorica riuscì a soddisfare esigenze estraneo, che ci fa sentire a è solo dire regali, auguri,
di privati e di istituzioni religiose, e disagio, ci mette paura e che cenone e luci d’artista che Il presepe allestito dai ragazzi detenuti della ricerca e del lavoro
da lì, grazie all’aiuto del presidente a volte vorremmo dimenti- rendono meno triste il tem- nella cappella dell’Istituto penale per umano. E poiché si tratta
della fondazione romana, visitò l’Ita- care – ma come qualcuno po sospeso che viviamo in minorenni «Ferrante Aporti» in una di «incarnazione» possiamo
lia e fu anche che viene, entra e si rivela e quest’anno di pandemia; foto che ci ha inviato il cappellano, giustamente dire: il bambi-
a Torino, dove diventa presenza visibile e il non è partire per le vacanze il salesiano don Domenico Ricca no, il malato, l’emigrato, il
rimase per buio della notte umana è il- e neanche imbandire una disoccupato, l’ignorante,
tre anni e du- luminata per sempre. Dio è generosa mensa per i poveri; l’affamato, il freddo pene-
rante questo soprattutto un «incredibile» non è la tregua che sospen- da, ci coinvolge, ci chiama. trante di chi non ha di che
periodo realiz- e misterioso atto d’Amore! de, per un giorno, i diffusi E ci dice, senza equivoci, coprirsi; e il prossimo che
zò numerosi È venuto. Perché non fossi- e feroci conflitti che afflig- il solo modo di ricono- abita dietro tutte le porte ac-
dipinti, anche mo soli e disperati, per pren- gono tanti paesi del globo; scere e di accogliere Dio. canto alla nostra...
di grande derci per mano, per farci non si tratta neppure di un Ogni «povertà» umana è Un autentico rapporto con
formato, per compagnia, per darci tutto fare spazio un’ondata di no- il luogo dell’Incarnazione: Dio, «il potere di diventare figli
la certosa il suo amore «sino alla fine». stalgia per un ricordo di un l’infanzia e il bisogno, la di Dio», assicurato a quanti
dell’Eremo di Di fronte al «Verbo che si fa passato lontano . fame e il freddo, l’esilio, la riconoscono e accolgono il
Torino (Pecet- carne» – di fronte al Natale, Dire Natale è dire Dio. È stanchezza, la malattia e la Verbo, passa di qui.
to). Con la appunto – l’uomo è una ri- credere che il suo mistero solitudine; e tutto l’intermi- don Paolo RIPA DI MEANA sdb
soppressione sposta: un sì oppure un no è un mistero che ci riguar- nabile elenco del dolore, docente emerito di Ecclesiologia
della congre-
gazione dei
Camaldolesi
e il successivo
incameramen-
La Liturgia
to dei beni

Natale: la preghiera domestica


nel 1801,
due di questi teleri finirono nella
parrocchiale di Poirino e il terzo di-
pinto, con l’Adorazione dei Pastori,
appunto, fu trasferito nella chiesa «L’Avvento è un tempo per oggi, ha bisogno di riscoprire ito da coloro che, insieme con
interna della Manifattura Tabacchi, tornare alle sorgenti, per la sua «sacralità» e la Chiesa tutta la loro famiglia, erano
fino al 1915, quando fu acquisito riorientare lo sguardo e una sua maggiore «familiari- divenuti credenti. Allorché si
dalla parrocchia di San Gaetano ritrovare il cammino verso le tà». convertivano, desideravano
poco distante dalla Manifattura. sorgenti sacre della nostra vita, Quale dovrebbe essere quindi che anche tuttala loro famiglia
L’impostazione del dipinto è che sono sempre e insieme lo stile di una preghiera fami- fosse salvata. Queste famiglie
grandiosa, nella scena centrale è dietro di noi, davanti a noi e liare? Come ha esortato papa divenute credenti erano pic-
rappresenta una Madonna che dentro di noi». Con queste Francesco (Udienza genera- cole isole di vita cristiana in
presenta ad un gruppetto di angeli parole, l’Ufficio Liturgico le, 9 dicembre 2020): la pre- un mondo incredulo» (CCC
e di pastori il piccolo Gesù; una Nazionale introduce e presenta ghiera in famiglia è un tempo 1655). C’è dunque reciprocità
luce mirabile scaturisce dal corpi- il Sussidio liturgico pastorale consegnato a Dio, poiché: «il tra la piccola chiesa domesti-
cino e rischiata tutta la scena; san per il tempo di Avvento- tempo di emergenza o riser- tempo della famiglia, è un ca» (la famiglia) e la grande
Giuseppe è raffigurato in secondo Natale proposto alle nostre vata solo in alcuni tempi forti tempo complicato e affolla- chiesa domestica (la comunità
piano, defilato. Due angeli realizzati comunità cristiane quale dell’anno liturgico. D’altro to, occupato e preoccupato», cristiana) che, in questo tem-
con grande perizia, dai colori molto cammino per le celebrazioni canto, non si può certo pen- ma «lo spirito della preghiera po, ha bisogno di cura e di re-
chiari, sovrastano la scena e uno di in famiglia (https:// sare che un semplice sussidio riconsegna il tempo a Dio». ciproca circolarità.
questi reca il cartiglio con l’annun- liturgico.chiesacattolica.it/ possa generare una liturgia do- La preghiera domestica è, Le celebrazioni proposte dal
cio evangelico «Gloria in excelsis…» camminiamo-nella-speranza- mestica lì dove non è mai stata dunque, innanzitutto una pre- Sussidio liturgico pastorale
e l’altro spande a piene mani fiori fratelli-tutti-55-2/). praticata o credere che questa ghiera dei tempi, dei ritmi che della Cei hanno il sapore fa-
multicolori. In basso un gruppetto Mai come in questo in questo possa sostituire o, peggio an- accompagnano le diverse fasi e miliare della semplicità, della
di pastori, con una popolana, in pie- anno abbiamo conosciuto così cora, costituire un’alternativa tempi della vita. Ecco perché il gestualità intima e al tempo
na luce, illuminata dal piccolo che tante proposte di preghiera in alla partecipazione liturgica tempo di Avvento può trovare stesso profonda della vita, sen-
realizza un duplicato realistico della casa e nella famiglia, proposte comunitaria. Pregare in casa o «spazio» e «farsi spazio» nella za scadere in banalizzazioni
scena centrale, una maternità ricca a diverso titolo dalle singole in famiglia è dunque un tema casa della comunità cristiana: o infantilismi. Il linguaggio
di affettività, con il viso segnato dal- diocesi o associazioni. La pre- che richiede una più profon- la famiglia e la comunità par- sobrio e al tempo stesso con-
lo stupore. A ragione, il dipinto può ghiera della famiglia è stata, da riflessione pastorale, che rocchiale. Vivere e celebrare fidenziale, si fa attento anche
essere annoverato tra i capolavori infatti, una grande riscoperta non può certamente esaurirsi nella casa è dunque ritrovare alla presenza dei più piccoli o
del Mettay. Ancora molto giovane, nata sotto le ceneri del tempo nel moltiplicare sussidi, ma le radici più profonde della co- di quanti sono affetti da disabi-
ma con una mole impressionante di della pandemia, che non do- domanda un serio accompa- munità cristiana. Così ci ricor- lità intellettiva. A partire dalla
lavori eseguiti, il pittore morì a Pari- vrebbe essere relegata ad un gnamento nei processi di cam- da anche il Catechismo della solennità dell’Immacolata,
gi nel 1759. La tela necessita di un semplice surrogato emergen- biamento (cf. EG 223). Tra la Chiesa Cattolica: «Cristo ha vo- fino al tempo di Natale, è pos-
restauro risanatore che la riporti allo ziale né ridursi ad una dimen- casa e la chiesa, la famiglia e la luto nascere e crescere in seno sibile scandire il cammino ver-
splendore antico; anche la cornice, sione alternativa all’Eucaristia comunità cristiana infatti, non alla Santa Famiglia di Giusep- so il Natale attorno al «mistero
originale, ha bisogno di un interven- domenicale. Infatti, la preghie- c’è divergenza, né tantomeno pe e di Maria. La Chiesa non è della famiglia di Gesù», nello
to di consolidamento e pulizia. ra in famiglia andrebbe valo- opposizione ma, al contrario, altro che la ‘famiglia di Dio’ e stupore della piccolezza di un
Natale MAFFIOLI rizzata e promossa come pasto- si arricchiscono e compren- fin dalle sue origini, il nucleo Dio fatto uomo per noi.
rale ordinaria, non solo in un dono l’una nell’altra. La casa, della Chiesa era spesso costitu- Morena BALDACCI
DOMENICA, 20 DICEMBRE 2020 CHIESA 25

27 dicembre 1 gennaio 2021 3 gennaio


Famiglia? Il Signore ci benedice Viviamo come
È questione con la luce del volto di Maria il Signore
di fede MARIA SANTISSIMA MADRE DI DIO
Letture: Numeri 6,22-27; salmo 66;
ogni uomo e ogni donna
sono pensati amati e creati.
E ne abbiamo bisogno! Le
nostre esistenze cammina-
ci ha sognati!
Galati 4,4-7; Luca 2,16-21 Benedire è un atto creati- no nella luce se si sentono
SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, vo, efficace, che non verrà benedette. Soprattutto nei II DOMENICA DOPO NATALE
MARIA E GIUSEPPE Nella prima lettura abbiamo meno, è benedizione che contraccolpi dei tempi diffi- Letture: Siracide 24,1-2.8-12, NV 24,1-4.12-16;
Letture: Genesi 15,1-6; 21,1-13; salmo ascoltato queste parole: «Voi sempre accompagnerà chi lo cili, come quello che stiamo salmo 147, Efesini 1,3-6.15-18; Giovanni 1,1-18
104, Ebrei 11,8.11-12-19; Luca 2,22-40 benedirete così gli Israeliti; direte accoglie con riconoscenza. vivendo a causa della pande-
loro: il Signore faccia brillare su Al centro di tutto c’è dunque mia. Senza la luce si è smar- Giovanni, nello splendido «prologo»
Lo stupore. Non c’è nulla di te il suo volto e ti sia propizio». Gesù luce sul quale si con- riti: le cose e i volti perdono proposto oggi dalla liturgia, inizia con
di più bello per i genitori Parole cariche di significato! centra l’attenzione gioiosa i loro contorni e diventano le stesse parole del libro della genesi: in
che un figlio appena nato. Dio che, come Padre, vuole di questo tempo liturgico, inconoscibili. Se poi manca principio. Nella Genesi è scritto: in princi-
Anche il padre e la madre di il nostro sviluppo a immagi- ma, giustamente, ogni ini- la luce interiore, siamo noi pio Dio creò; e per ben dieci volte ci viene
Gesù si stupivano della loro ne e somiglianza del Figlio zio d’anno, è accompagnato a perdere la nostra identità detto come creò: Dio disse. Dio ha creato
creatura. Tanto più perché, suo Gesù, ama entrare in un anche dal ricordo di Maria, tanto che non sappiamo più tutto per mezzo della Sua Parola: questa
nel tempio, il loro bambino nuovo anno della storia uma- Madre di Gesù, e vera Madre chi siamo e per che cosa vi- Parola che esiste da sempre è presso Dio
era stato riconosciuto come na donandoci la sua benedi- di Dio, Lei pure luminosa ed viamo. ed è Dio.
il futuro Messia dagli anziani, zione. A tutti: alle creature efficace benedizione mater- Troppo spesso pensiamo Ad un certo punto, questa Parola è entra-
Simeone ed Anna. animate e inanimate, ma na per ogni creatura umana che la benedizione miglio- ta nella storia, si è fatta carne, è diventata
La festa della Santa Famiglia soprattutto all’uomo e alla che nasce e vive sulla terra. re sia data dalla ricchezza, vero uomo in Gesù! Ecco cosa celebriamo
si innesta nella concretezza donna, che sono in grado di La benedizione di Maria è dal successo, dalla fortuna, a Natale; nel presepe non contempliamo
del vissuto umano. La fami- comprendere che cosa signi- anch’essa ricca di un’effica- realtà che rimangono sotto un semplice bambino destinato a divenire
glia – i sociologi lo ricono- fichi essere benedetti da Dio. cia voluta da Gesù quando, l’ombra della provvisorietà un grand’uomo, ma il Figlio dell’Eterno
scono – è la grande malata E lo fa non con un semplice morente sulla croce, disse a e della morte. No! Per que- Padre, la Parola eterna di Dio: Gesù è
della nostra società. C’è chi augurio, ma con la luce del Giovanni: «Ecco tua Madre» e sto il Signore ci benedice Dio che si è fatto uomo. Dio nessuno l’ha
ha affermato che stiamo suo volto: «Il Signore faccia ri- a Maria: «Ecco tuo figlio». Dav- con la luce del suo volto e mai visto: è Gesù che ce lo rivela, che ce
assistendo a una mutazione splendere su di te il suo volto». vero grande è la luce che ci del volto di sua Madre, una lo fa conoscere in pienezza! Le principali
genetica della famiglia, quasi Dio ci benedice anzitutto giunge da queste parole: Ma- luce che è anche amore e il- religioni ci dicono qualcosa su Dio, ma
una mutazione «transge- con quella Luce che è il suo ria è anche Madre nostra e lumina tutto, come irradia- solo Gesù è Dio e ci dice l’essenziale su di
nica», non più fondata sul Figlio Gesù, vero Dio e vero diviene luce di consolazione zione che dà senso e valore Lui, completando quello che Dio ci aveva
matrimonio. Uomo, modello secondo cui e di aiuto per la nostra vita. a tutte le cose. fatto capire di sé nell’Antico Testamento,
Nonostante questa situazio- parlandoci per mezzo dei profeti. Gesù
ne, la Parola di Dio torna venne nel mondo, tra il suo popolo, pre-
oggi a proporre, con la forza parato a lungo per accoglierlo, ma esso
delle immagini, i modelli di non l’accolse. Accogliere la parola di Dio
ciò che è la famiglia. Una sembra facile, ma non lo è; non perché
coppia giovane: Maria e essa sia difficile da capire, ma perché il
Giuseppe. Due sposi avanti nostro «io» resta tenacemente attaccato
con gli anni: Abramo e Sara. alla propria autosufficienza. Così rima-
E due anziani, non marito e niamo vecchi dentro: pieni di tristezza, di
moglie, che rivelano l’insosti- lamentele, di rancori, avari di generosità,
tuibile pregio della terza età e nel cuore non cambia mai nulla. Come
per impreziosire e sostenere bambini capricciosi!
Non vogliamo ridurci a questo! Dio si è
fatto uomo per essere il modello di una
vita bella e felice. Vogliamo accogliere
questa Parola. Accogliere la Parola crea-
trice significa lasciarci liberare. Seguire
La famiglia è Gesù vivendo il Vangelo, significa diven-
tare persone nuove, caritatevoli, corrette,
la grande malata pazienti, portatrici di speranza, aperte a
quella bellezza che solo il Creatore può
della nostra realizzare in noi, pur con tutti i nostri li-
miti e fragilità!
società A quanti lo hanno accolto ha dato potere di
diventare figli di Dio. Gesù si è fatto uomo
non solo per farci conoscere il vero volto
la famiglia: Simeone e Anna. di Dio, ma anche per farci entrare in co-
E, a fondamento di tutto, un munione di vita con Lui, partecipi della
atto di fede, di fiducia. sua vita divina. Gesù è il progetto origi-
Infatti, è precisamente sulla nale di Dio, venuto tra noi, uomo come
fede che insiste la seconda noi, per aiutarci a capire come essere
lettura (Ebrei 11): «Per fede» uomini e donne secondo il progetto di
Abramo partì, obbediente, «senza Dio, davvero capaci di vivere come Egli ci
sapere dove andava», «Per fede Baldissero Torinese: il semplice presepe ha sognati. E come ci ha sognati? Come
egli dimorò in terra straniera» e allestito ai piedi del campanile della Gesù! Capaci di amare fino in fondo, di
credette alla promessa di una parrocchia ogni anno accoglie i fedeli corrispondere alla sua Parola, vivendo
discendenza anche quando all’imbocco della strada che porta come fratelli, in comunione tra di noi, nel
Dio gli chiese il sacrificio al piazzale della chiesa rispetto del creato.
dell’unico figlio. «Per fede»
Sara divenne madre nono-

6 gennaio
stante la sua sterilità. Maria
e Giuseppe furono pronti,
anch’essi, nella fede, ad ob-
bedire alle rispettive chiama-
te, premessa per la nascita di
Gesù, come obbedirono alla
prescrizione di presentare Epifania, Dio vuole essere Dio di tutti
il bimbo al tempio. Infine,
la fiducia in Dio conduce le EPIFANIA DEL SIGNORE stella in oriente e siamo venuti per adorarlo»
due figure di anziani, Simeo- Letture: Isaia 60,1-6; salmo 71; (Mt 2,2). Chi meglio di Gerusalemme
ne ed Anna, a un’assidua fre- Efesini 3,2-5.5-6; Matteo 2,1,12 poteva rispondere alla loro domanda?
quentazione del tempio. Alla Ma ecco la reazione di Gerusalemme:
crisi delle famiglie la Parola Un primo aspetto della festa dell’Epi- «Il re restò turbato e con lui tutta la città»
di Dio promette un’antica fania è l’universalismo del Dio di Gesù (Mt 2,3). Quanta gente rimane tur-
ricetta: l’obbedienza a Dio. Cristo. Dio è di tutti! I Magi, pagani, bata quando si parla di Dio. Quante
Obbedire significa che non rappresentano tutti i popoli e tutte le persone non sanno rispondere quando
si può pensare che l’utile la culture. Noi siamo abituati ad espri- si va al di là delle banalità quotidiane
vinca su tutto e che successo, mere, nei confronti di Dio, una sorta e si pongono i veri problemi della vita!
benessere e denaro siano il di spirito possessivo. Con una conse- Non hanno voglia di cercare! Soltanto
meglio della vita. Obbedire è guenza: se è un Dio per noi, non ci è i Magi riprendono il cammino, vanno
segnalare a sé e agli altri un facile ammettere che possa essere un e trovano Dio. Mettersi in cammino!
nuovo orizzonte, un «oltre». Dio anche per chi pensa, parla, agisce Cercare! È possibile soltanto se si
La fede sorregge l’amore e diversamente da noi. Ma l’Epifania pro- riconosce la propria povertà. Inve-
mantiene sana la famiglia clama proprio questo: Dio vuole essere ce l’uomo, spesso, si chiude in una
anche quando la fatica e Dio di tutti. Siamo capaci di accogliere trincea d’orgoglio e si ferma: soffre,
la sofferenza bussa alla sua quest’universalismo di Dio? Se non ne capisce che non ha soluzioni…ma non
porta: del bambino Simeone siamo capaci, l’Epifania è una festa sen- si muove. La vera distanza tra l’uomo
dice che sarà «segno di contrad- za senso. Come del resto tutto il Vange- e Dio è l’orgoglio! I Magi vanno, non
dizione» e a Maria annuncia: lo! Se ne siamo capaci, arriviamo a capi- si stancano di cercare: sono i primi
«anche a te una spada trafiggerà Commenti re che Dio non si nega a nessuno, non di una schiera di tanti piccoli, di tanti
l’anima». I due anziani – oggi a cura di discrimina, ma tutti accoglie con bontà umili, di tanti poveri, di tante anime Diego
li definiremmo «due belle e con tenerezza. Per tutti fa sorgere una che coltivano in sé il desiderio di Dio. Velasquez,
persone» sanno riconoscere don Paolo stella: il suo amore per noi. C’è dunque un’altra indicazione che ci Adorazione
nel Bambino il Figlio di Dio
e indicano a ogni famiglia
Ripa Una seconda riflessione. Osserviamo i
Magi. La loro apertura li porta a cerca-
viene dalla festa dell’Epifania: è l’invito
a una virtù poco di moda: l’umiltà.
dei Magi
(1619),
i valori più grandi: fede e di Meana re. Sono attenti ai segni di Dio. Vanno Solo aprendoci a questi atteggiamenti, Museo
speranza che tengono vivo sdb a Gerusalemme e domandano: «Dov’è il cristiano porta la luce dell’annuncio, del Prado,
l’amore. nato il re dei giudei? Abbiamo visto la sua anche senza tante parole. Madrid
DOMENICA, 20 DICEMBRE 2020 RUBRICHE 27
trova nelle periferie è svantag- avviso, la priorità è rendere co-
giato in termini di opportunità, scienti tutti i lavoratori che non
servizi e cultura. Ultimo ma si tornerà indietro dal digitale.
Tutto viene digitalizzato, non meno determinante è la
mancanza di autocoscienza
Noi operatori del sociale, dob-
biamo impegnarci per fornire
ma l’uomo resta il centro in quanto, nonostante la con-
sapevolezza diffusa dei rischi,
su larga scala gli strumenti
operativi necessari ad essere
Uno spettro si aggira per il ordiniamo su Glovo il sushi spesso gestiamo in modo autonomi e intraprendenti.
mondo: lo spettro della digi- per cena, spendiamo ore sullo incauto i nostri dati personali Infine, interrogarci su quale
talizzazione! Possiamo sinte- smartphone tra social, acquisti o ci approcciamo in modo di- direzione stiamo prendendo
tizzare così, parafrasando Karl on-line e e-mail. sinteressato alle tematiche del nel rapporto tra on-line o
Marx, la (quarta) rivoluzione È possibile quindi (ri)pensare digitale o dell’aggiornamento off-line, condivisioni, privacy,
industriale in corso; ogni attivi- vita e lavoro in un’ottica in cui può accedere ai servizi online za tra centro e periferia. La professionale, noncuranti sicurezza…
tà, lavoro, azione della nostra ritorni la centralità dell’uomo? a causa del reddito, ma anche connessione diventa priorita- dell’esclusività di questo si- Il futuro è adesso: la sfida per
giornata è ormai pervasa dal La società digitale ha portato chi pur avendo le risorse non ria per il business (si parla di stema che taglia fuori repen- noi è comprendere chi sono
digitale: salutiamo Alexa al con sé nuove frammentazioni, ha le conoscenze essenziali «smart-cities»), quindi i servizi tinamente dal mercato interi oggi gli «scarti» da ascoltare,
mattino, scegliamo su Netflix a partire dalla digital divide, per navigare in rete. E un’altra sono sempre più centralizzati settori, lavorazioni e attività. accogliere, accompagnare.
il film per la nostra serata, che non esclude solo chi non grande spaccatura: la distan- e integrati tra loro, così chi si Che fare dunque? A mio Claudio FUMAROLI

APOSTOLATO DIGITALE
condividere codici
apostolato di salvezza
digitale
PROSPETTIVE – I DATI PERSONALI RILEVATI E LE POSSIBILI DISCRIMINAZIONI DA CONTRASTARE CONSEGUENTI AL LORO UTILIZZO

Intelligenza
ArtiSociale?
A
luglio 2020 la artificiale (Ai) senza un’ap- una determinata categoria,
Corte d’Appel- propriata valutazione. per l’Ai questa non sarà «eti-
lo inglese ha ri- Notoriamente, infatti, i siste- chettata» e probabilmente
tenuto contra- mi di riconoscimento facciale non esiterà. È chiaro quindi
rio all’articolo hanno un tasso di errore altis- che se i database di partenza
8 della Conven- simo, soprattutto a discapito non sono sufficientemente rametri di giustizia), ma anzi menti «liberatori» delle mino-
zione Europea di alcune categorie solitamen- rappresentativi e giusti (nel come spesso accade, riprodu- ranze più note, da #blacklive-
dei Diritti Umani l’utilizzo di te meno rappresentate come senso di rispondenti a dei pa- cono polarizzazioni (bias) in- smatter alla voce sempre più
un sistema automatico di rico- la comunità nera o le donne: site nella società, ci si trova di forte delle donne che lottano
noscimento facciale (Afr) da quando nel 2018 la polizia fronte ad un altissimo rischio per una parità mai raggiunta.
parte della polizia del South del South Wales ha pubblica- di automatizzare ed industria- Potremmo quindi pensare
Wales. Il pilot lanciato dalla to i dati sul Afr è emerso che lizzare un vero e proprio siste- che l’intelligenza artificiale
polizia inglese nel 2017 in- circa il 92% dei match con- ma di discriminazioni. abbia un ruolo chiave in que-
fatti, raccoglieva dati su larga fermati dalla macchina erano La comunità internazionale sta trasformazione? È possibi-
scala tramite CcTv installate in falsi positivi. L’Afr deve infatti non ha dubbi sulle priorità: le che l’Ai stia supportando,
varie parti delle città, confron- essere educato sia al ricono- l’intelligenza artificiale per con prove empiriche date
tando poi le informazioni bio- scimento dei dati biometrici, essere un vero strumento di proprio dai risultati dei pro-
metriche raccolte con una li- sia ai criteri da utilizzare per progresso deve essere affida- cessi svolti dall’algoritmo, il
sta di soggetti potenzialmente abbinare quello che «vede» bile e credibile, e quindi an- cambiamento degli equilibri
pericolosi. Secondo i giudici, con le immagini di repertorio che evitare qualsiasi forma di (sbilanciati) su cui si fondava
innanzitutto il software utiliz- inserite nel suo database. Una discriminazione. la società, quanto meno quel-
zato non era stato sviluppato Ai è come un bambino, deve Ma se provassimo a fare di la occidentale?
bilanciando in modo appro- nutrire la sua conoscenza con più? Se ci concentrassimo È come se l’Ai fosse uno spec-
priato prevenzione del crimi- molti dati per imparare a rico- non solo su sistemi di Ai atten- chio. Sta facendo emergere,
ne e rispetto della privacy, ma noscerli, etichettarli corretta- Caffè con le monache dibili, ma provassimo anche a tramite un processo di analisi
soprattutto non aveva tenuto mente e portare a termine gli Un caffè con le monache. Caffè digitale quotidia- lavorare su una maggiore affi- e sintesi di masse di informa-
conto dei rischi di discrimina- obiettivi per cui è sviluppata. no per vivere l’Avvento, a cura delle monache di dabilità della nostra società? zioni incomputabili dall’esse-
zione che possono facilmente Se ad esempio non le diamo clausura del Monastero Cottolenghino Adoratrici di È indubbio che negli ultimi re umano, continue e profon-
emergere da un’applicazione in pasto abbastanza informa- Pralormo (Torino). mesi abbiamo visto una cre- de disproporzioni e discrimi-
di un sistema di intelligenza zioni su come riconoscere scita esponenziale dei movi- nazioni di natura culturale.
Da questo punto di vista l’in-
telligenza artificiale diventa
APPELLO SU NATURE – HAIBE-KAINS, DEL MARGARET CANCER CENTER SULLA CONDIVISIONE DEI RISULTATI una compagna nel supera-
mento della compiacenza

Ricerca sul cancro, si auspicano


con cui abbiamo spesso guar-
dato l’evoluzione sociale di
homo sapiens, costringendoci
a nuove domande, ad alzare

contributi dall’intelligenza artificiale i tappeti e pulire la polvere


accumulata. Questa è l’etica.
La capacità di mettere in di-

I
scussione aspetti che oramai
l metodo scientifi- Kains, scienziato presso il nelle pubblicazioni fossero davamo per scontati, aree scu-
co induttivo si basa Princess Margaret Cancer presenti errori, permettendo re che ritenevamo (s)chiarite
sull’osservazione, Center, è stato il primo a così la riproducibilità dei test. ma che necessitano di essere
l’esperimento e lo spingere verso un esame più Spesso le ricerche non sono rilette alla luce di nuove con-
studio dei risultati af- approfondito dei risultati e rese note nel modo corretto tingenze sociali e culturali.
finché sia replicabile, verso una maggiore condi- e questo rallenta il raggiungi- Oltre ad un’etica per l’intel-
ma cosa succede se i visione dei dati raccolti dai mento dei risultati sia da par- ligenza artificiale, possiamo
dati non vengono divulgati? sistemi di intelligenza arti- te della comunità scientifica quindi iniziare a pensare all’e-
Un gruppo di scienziati in- ficiale. Tramite una ricerca sia nell’avanzamento delle tica dell’intelligenza artificia-
ternazionali ha chiesto mag- su Google Health è stato tecnologie in campo medico. le, quella riferita ai dubbi che
gior chiarezza nella ricerca scoperto che il sistema di L’intelligenza artificiale ha un lo sviluppo e l’applicazione
sull’intelligenza artificiale AI potrebbe essere migliore grande potenziale secondo dell’Ai stanno solleticando.
per rendere libero l’accesso dei medici umani, special- i firmatari dell’articolo, che Ecco che l’Ai non solo è uno
alle importanti scoperte che mente se si tratta di velocità sperano in un cambiamento mezzo funzionale allo svilup-
potrebbero permettere di ac- nello screening del cancro al radicale nella diffusione del- po tecnico dell’essere umano,
celerare diagnosi e ricerca sul come: il Princess Margaret seno. La richiesta è emersa le scoperte scientifiche, per ma diventa anche stimolatore
cancro. L’articolo in cui gli Cancer Center, l’Università di in quanto lo studio mostra- rendere veloce e accessibile di riflessioni sociali e strumen-
scienziati avanzavano queste Toronto, la Stanford Univer- va alcune lacune in termini lo studio dei nuovi risultati. to per rendere più equa (e
proposte è stato recentemen- sity, la John Hopkins, la Har- di mezzi, codici e modelli Se venissero apportate queste affidabile) la nostra società.
te pubblicato su Nature ed è vard School of Public Health utilizzati, portando i ricerca- modiche, l’iter della diagnosi Stiamo creando un’Intelligen-
stato immediatamente sotto- e il Massachusetts Institute of tori a domandare maggior per il cancro potrebbe mutare za Artisociale?
scritto da studiosi di numero- Technology. trasparenza per comprende- considerevolmente. Luna BIANCHI
se istituzioni internazionali, Il dottor Benjamin Haibe- re i risultati ed evitare che Lucrezia BARISELLI giurista
28 RUBRICHE DOMENICA, 20 DICEMBRE 2020

GIARDINO DEL SOLE – AL VIA SUL WEB UNA RACCOLTA DI FONDI FIABE – IN COLLABORAZIONE CON OAF-I

Regina Margherita, C’è un libro


un giardino nel cassetto…
per i piccoli
di fronte all’ospedale del Sermig

Q
uello che «Sono due modi differenti per dare un aiuto con-
m a n c a creto a bambini in difficoltà, fisica o sociale, spesso
federica.bello@vocetempo.it all’ospeda- accentuata dall’emergenza Covid»: Renato Novara,
le Regina 43enne attore e doppiatore baldisserese presenta
Margherita così due progetti di solidarietà per raccogliere
di Torino fondi attraverso un libro di fiabe per bambini ed
è un luo- una lettera a Babbo Natale sotto forma di canzone;
go aperto con lui prestano gratuitamente la propria voce i
dove i bambini possono gio- personaggi dello spettacolo Shade ed il duo Shark
care e intrattenersi nell’area & Groove. «Il libro nel cassetto» prende forma nel
antistante l’ospedale, protet- periodo del primo lockdown quando Novara, pa-
ti dalla rete stradale traffi- dre di due bambini che frequentano la scuola ele-
cata di corso Unità d’Italia. mentare, decide di scrivere alcune fiabe per spiegar
Pochi giorni fa ha preso vita loro in modo semplice argomenti come discrimina-
una raccolta fondi per la re- zione, ecologia, inclusione, cecità, spreco energeti-
alizzazione di un’area giochi co e Natale; la rete di amicizie del doppiatore porta
Fiducia su proposta dell’associazio-
ne «Ospedale Infanti-
poi a non tenere per se le storie ma a farle diventa-
re un libro di otto storie accessibili anche ai bimbi
nei piccoli le Regina
Sarà uno spazio attrezzato
ipovedenti e non vedenti grazie ad un qr code che
permette di ascoltare le fiabe lette dallo stesso No-
vara. Disponibile presso la sede di OAF-I, in Corso
IV Domenica con giochi, aperto Marconi 7, Torino, con offerta a partire da 14 euro,
di Avvento o acquistabile direttamente sugli store Amazon, il
Lc. 1,26-38 non solo ai bambini libro racconta, tra le varie fiabe, dell'Elfo Sognido-
ro, del Biciriciclo, Mamma Natale e dell'amico nel
Caro Gesù, che accedono alla struttura buio, personaggi che fanno riflettere sulla diversità
mi piace tanto scoprire sul e sulla cura di ciò che ci circonda partendo dalla
Vangelo che Tu ti fidi dei ma anche ai più piccoli fantasia che illumina tutti i bambini. Una storia è
ragazzi. I grandi ci trattano letta dal cantante Shade: «ho parlato del progetto
sempre da bambini. che risiedono nelle vicinanze al mio amico cantante e lui ha accettato subito con
Non ci lasciano nemme- entusiasmo di leggere una delle fiabe, quella del
no andare a casa da soli pino che si sente solo perché troppo alto», racconta
(dopo le lezioni) e senza un Margherita- gerà in Piazza Polonia 94. Il e lo svago a disposizione per il baldisserese, «apprezzando lo scopo di solidarietà
grande che ci «preleva» sul Sant’Anna» (Federvo- progetto è già stato sottopo- tutti i bambini del quartie- per i bambini in una
portone della scuola, si resta lontari) che rappresenta e sto alle autorità competenti re». Questo giardino infatti società martellata da
nell’edificio! riunisce altrettante associa- della Città metropolitana e ha tutta l’aria di diventare odio e cattiveria». Tutto
Tu invece hai coinvolto una zioni di volontariato sul terri- si è concretizzato con la sot- un presidio territoriale: effi- il ricavato della vendita
ragazzina della mia età per torio torinese che operano a toscrizione di una conven- ciente e funzionale non solo del libro alimenterà
venire ad abitare in mezzo livello ospedaliero infantile. zione tra «Federvolontari» per i bambini che frequen- progetti di solidarietà
a noi. L’angelo è andato Aziende, privati ed enti di e l’Amministrazione comu- tano l’ospedale, ma per tutti seguiti dall’associazio-
direttamente da Maria. Ha qualsiasi tipo possono con- nale. Sono state individuate i più piccoli che risiedono ne torinese Oaf-i che
parlato solo con lei. E non tribuire con donazioni libe- dagli esperti le caratteristi- nelle vicinanze. Non appena dal 2000 opera per
ha portato nessun modulo o re. L’iniziativa è stata positi- che tecniche che l’impianto il parco giochi vedrà la luce, aiutare i bambini e i
autorizzazione da far firma- vamente accolta dall’«Aou» dovrà avere, soprattutto in sarà immediatamente dona- giovani in difficoltà
re ai genitori. (Città della Salute e della relazione alle attrezzature to alla città di Torino perché a riacquistare la di-
Maria è stata perfettamente Scienza di Torino). Il proget- per i giochi. possa provvedere alla sua gnità e la fiducia in
in grado di capire tutto da to consiste nella costruzione, L’assessore al verde pubblico manutenzione pubblica nel se stessi, smarrita a
sola. È logico: si è sentita su un’area di seicento metri Alberto Unia ha dichiarato: tempo. Per maggiori infor- causa dell'emargina-
turbata; ha fatto domande; quadrati, del «Giardino del «desidero ringraziare Feder- mazioni è possibile consulta- zione o di precarie
voleva approfondire, ma poi Sole», in cui i bambini po- volontari per questa bella re il sito: www.giardinodelso- condizioni sociali
si è fidata. Ha intuito che tranno intrattenersi lontano iniziativa e per il percorso av- le.org, dove si trovano tutte e famigliari. Nata
servire il Signore rende bea- dai reparti e dalle sale d’atte- viato con i nostri uffici, che le indicazioni per contribui- dall’incontro con
ti e ha detto «Si». sa dell’ospedale Regina Mar- porterà alla realizzazione di re al progetto. padre Piazza, gesuita milanese
Gesù chiedi anche a me gherita. L’area giochi sor- un nuovo spazio per il gioco Federico CORTESE e missionario in Brasile e Mozambico, l’associazio-
cose grandi e aiutami a ca- ne destinerà il ricavato all’Arsenale della Piazza,
pire che servire Te nei più progetto gestito dal Sermig di Torino, che sostiene
deboli, fa stare bene. PER GIOVANI E ADULTI – PER CONTRASTARE GLI EFFETTI DELLA DIPENDENZA i bambini del quartiere di Porta Palazzo per i quali
l’emergenza Covid ha accentuato ancor di più la

Beinasco, sportello
già difficile situazione sociale quotidiana. Da anni
l’associazione svolge attività volte al recupero e
all’inserimento di soggetti più o meno giovani sul

per eccesso di videogiochi


territorio piemontese, agendo contro il rischio di
una loro esclusione sociale ed ha visto nel libro
La calcolatrice «una chiara finalità sociale, è per questo che il ‘Li-
bro nel Cassetto’ ci ha entusiasmato sin dall’inizio»,
di Natale Dal 10 dicembre è stato attiva- delle Dipendenze, diretto da accessibilità e in alcuni casi la
- spiegano Maurizio Irrera, presidente di OAF-I e
Maria Teresa Gallo, «per tutti i piccoli e i grandi
to dall’Asl To3 uno sportello Paolo Jarre: il servizio per i gratuità, rappresentano fatto- che sognano un mondo fatto di rispetto e corag-
SANTO NATALE «per l’uso problematico di comportamenti eccessivi ne- ri di rischio da non sottovalu- gio… A partire dalle piccole cose!».
Lc. 2,1-14 videogiochi». «Free Gamers gli adolescenti e giovani adulti tare. Dietro al libro c’è un grande lavoro di squadra gra-
Zone – Un bel gioco… dura «Tam Tam 14-21» e il servizio «In questo complicato mo- tuito: oltre a Renato Novara ed a Shade, i disegni
Caro Gesù, poco», questo il nome scelto per le dipendenze comporta- mento», sottolinea Flavio delle illustrazioni sono state regalate dall’illustra-
tra i miei regali di Natale c’è per il nuovo servizio che of- mentali «Spazio Altrove». Boraso, Direttore Generale tore bolognese Dileep Lippi mentre il lecchese
una bella calcolatrice. Sono fre consulenza a familiari e Nel 2019 hanno giocato ai AslTo3, «le restrizioni legate Andrea Andriola, software engineer, ha curato la
contenta. Mi serve per fare presa in carico e trattamento videogiochi 17 mi- alla prevenzione del Covid-19 tecnica degli audio e Chiara Vitali, collaboratrice di
i compiti. La voglio però di persone con di- lioni di italiani. Si hanno modificato la gestione Oafi, ha coordinato magistralmente tutto il proget-
tenere sulla scrivania, vicino sturbo da uso da tratta di un feno- del tempo dedicato al lavoro, to da vera colonna portante.
al Vangelo che mi hanno videogiochi. L’atti- meno in crescita allo studio e alle relazioni so- Per il secondo progetto di solidarietà il doppiatore
regalato per la prima Comu- vazione è avvenuta costante, che ciali. Molte persone hanno baldisserese è stato contattato da dal duo di rappers
nione. E sai perché? dopo che lo scorso coinvolge ampie trascorso in casa più tempo calabresi Shark & Groove, terzi classificati ad Italia’s
Per ricordarmi, sempre, che maggio l’Organizza- fasce di popola- del solito e questo ha modi- got talent del 2015, per cantare il ritornello del bra-
per amare bisogna imparare zione Mondiale della zione, dai più ficando anche le abitudini no «Caro Babbo Natale»; in questo caso il ricavato
a non «contare». Sanità ha ufficialmen- giovani fino dei giocatori, in termini di delle vendite del brano musicale (uscito l’11 dicem-
Amare vuol dire spendere te definito il «gaming all’età adulta. aumento del tempo dedicato bre, a breve sarà disponibile anche il video) andrà
noi stessi senza fare troppi disorder» una ma- Sempre nel al gioco e di diversificazio- alla Casa Famiglia di Napoli «La casa di Matteo»
calcoli. E poi ormai l’ho capi- lattia, con un pattern 2019, secondo ne dei prodotti di consumo. gestita da Luca Trapanese, una comunità educativa
to: chi ama non è interessato di comportamento una ricerca L’apertura di uno sportello a dimensione famigliare che accoglie in due case
a contare di più, ma vuole caratterizzato da ridot- condotta da dedicato a questa patologia bambini orfani con disabilità medio e gravi, gravi
aiutare chi conta così poco to controllo sul gioco, «Osservatori Digital Innova- rappresenta dunque un in- malformazioni, tumori e patologie che necessitano
da stare male. crescente priorità attribuita al tion» del Politecnico di Mila- tervento concreto, di presa in oltre che di cure soprattutto di un amore famigliare
Gesù se tu avessi usato la gioco rispetto ad altre attività no, la spesa degli italiani per carico del giocatore patologi- che diversamente non avrebbero. «Ho accettato su-
calcolatrice per decidere di (sino al punto in cui il gaming acquistare contenuti digitali è co e di sostegno alle famiglie, bito molto volentieri, il brano è una lettera che un
venire in mezzo a noi, non assume precedenza su altri in- stata complessivamente pari a ed un ulteriore impegno, da adulto scrive a Babbo Natale per ritrovare lo spirito
saresti nato a Betlemme. teressi e occupazioni quotidia- 1,785 miliardi di euro, in cre- parte dell’Azienda Sanitaria, di Natale atteso ogni anno e che crescendo sembra
Grazie Gesù. ne) e continuazione o esacer- scita del +20% rispetto all’an- per far fronte alle conse- venir meno; ascoltando la canzone si scopre che
Ti prego per tutti coloro bazione del comportamento no precedente; di questi, il guenze, anche indirette, del quel che manca non sono i regali, ma la presenza
che non contano nulla; per nonostante le conseguenze gaming è il segmento più rile- Covid-19». accanto a noi di parenti e persone alle quali voglia-
quanti sono solo numeri; negative che ne derivano. Lo vante, con una spesa di circa Per contattare lo sportello mo bene», conclude Novara, «vivremo un Natale
per i tanti, troppi morti per sportello, con sede presso il 1,13 miliardi di euro. si può telefonare al numero diverso quest’anno, ma, come spiego nel libro e
questa epidemia e per tutti Ser.D. di Beinasco, in Via For- Sebbene non tutti i video- 329.7507254, dal lunedì al ve- nella canzone, è proprio dalla diversità che possono
coloro che ci aiutano a com- naci 4, è gestito da psicologi giocatori sviluppino un com- nerdì dalle 10 alle 16, oppure nascere la conoscenza, il rispetto e la consapevolez-
batterla. ed educatori professionali, in portamento problematico, la inviare una mail a sert.spazio- za», chiude Renato Novara, «chissà che non sia una
Rendi Tu, Gesù, «buono» collaborazione tra due servizi disponibilità di giochi, piat- altrove@aslto3.piemonte.it. parentesi per un futuro migliore!».
questo Natale. del Dipartimento Patologia taforme e dispositivi, la facile Federica BELLO Andrea SIBILIA
DOMENICA, 20 DICEMBRE 2020 RUBRICHE 29

Taizè, on line Rivoli, ecco l’«Oratorio diffuso»


l’Incontro fra le case della città
di Capodanno A Rivoli nasce l’«Oratorio glie. «Entreremo
diffuso». In questo tempo e usciremo dalle
La comunità di Taizè dal 27 di pandemia l’oratorio entra case», scrivono,
dicembre al 1 gennaio 2021 nelle case per condividere lo «attraverso i canali
propone in modalità on line stile di accoglienza e condivi- social delle nostre
l’Incontro europeo dei giovani sione che supera il luogo fisi- parrocchie (Insta-
che si sarebbe dovuto tenere in co oratoriano. Gli animatori gram, Facebook,
presenza a Torino e che è stato degli oratori rivolesi dell’Up YouTube, WhatsApp,
rimandato di un anno. Tutte le 36 hanno pensato a nume- sito web) con iniziative
informazioni per partecipare rose proposte di animazione, differenziate per bam- Per ulteriori informazioni,
alle giornate via web si trovano incontri, giochi, preghiere, bini, ragazzi, giovani e adulti pagina Facebook @parroc-
sul sito www.taizè.fr, mail momenti di confronto da e per l’animazione delle chierivoli.pastoralegiovanile.
stefano.dilullo@vocetempo.it incontri.taizè.fr. vivere nelle proprie fami- comunità». (s.d.l.)

B acheca
ORATORIO SANTA MARIA GORETTI AGESCI PIEMONTE – ACCOLTA NEL COVID HOSPITAL NEL PARCO DEL VALENTINO

Moncalieri
Tetti Piatti, Arrivata a Torino
la Luce di Betlemme
Dagli Oratori di Settimo
torna on line la «Novena 2.020»
Gli Oratori

il concorso
di Settimo
Torinse han-

È
no lanciato

di presepi
partita dalla la «Novena
Cat,tedrale di 2.020» per
Alessandria saba- prepararsi
to 12 dicembre al Natale in questo tempo di
Mantenere i legami nonostante il con la benedizio- pandemia. Due proposte,
distanziamento sociale imposto dalla ne del Vescovo nuove nella forma ma non
pandemia. Una sfida non facile per mons. Guido Gallese, la Luce nella sostanza. Per le famiglie
parrocchie e oratori, che può essere di Betlemme che, grazie al dei bambini delle elemen-
perseguita anche con un tradizionale servizio degli Scout dell’Age- tari viene pubblicato ogni
concorso di presepi, rivisitato in chiave sci sarà portata in tutto il Pie- giorno sul canale YouTube di
«a distanza». È quello che la creatività monte. A causa della pande- Oratori di Settimo un video
ha suggerito agli animatori dell’ora- mia la Luce conservata nella con letture, giochi, lavoretti e
torio della parrocchia Santa Maria Basilica della Natività in Terra spunti a tema musicale. Per i
Goretti di Tetti Piatti a Moncalieri, Santa non è potuta arrivare in ragazzi delle medie invece è
che presentano l’iniziativa in un video Italia; quella in viaggio è infat- stato creato un padlet, ovvero
postato sulla pagina ti la fiamma ricevuta e conser- una piattaforma social privata
Facebook della par- vata dall’anno scorso presso la proprio colto il cuore dell’i- (foto che il fatto che a consegnare in cui ogni giorno vengono
rocchia: «il concorso chiesa di San Rocco a Villa del niziativa», spiegano i respon- Pellegrini) la Luce di Betlemme nelle caricati spunti di riflessione,
dei presepi esiste da Foro (Alessandria). Oltre ai sabili regionali Agesci Luca mani del Vescovo sia stata la materiali di approfondimen-
oltre dodici anni nel- gruppi scout alessandrini, alla Giacomini e Ilaria Meini, «ri- signora Paola che l’ha cura- to, canzoni, spezzoni di film
la nostra parrocchia celebrazione hanno parteci- partire, far vedere che la spe- ta con semplicità ed amore e molto altro e su cui i ragazzi
ed è sempre stato pato delegazioni dell’Agesci ranza non è venuta meno. Per nel corso di quest’anno nella stessi possono interagire per
rivolto ai ragazzi. Gli Piemonte, del Masci (Movi- noi rivedere i ragazzi dei clan chiesa di San Rocco». All’i- andare a creare un presepe
animatori andavano mento adulti scout cattolici (17-21 anni) che porteranno niziativa lanciata dall’Agesci adatto al 2020. Per tutte le
di casa in casa per italiani), del Fse (Federazione la fiamma per tutto il Piemon- Piemonte hanno risposto informazioni sulla novena
vedere i presepi, scout d’Europa) e dell’Oftal te finalmente insieme (nel ri- in circa 600 scout (50 nella consultare i canali social degli
ma soprattutto far- (Opera federativa trasporto spetto di tutte le norme), oltre sola Torino) tra cui anche «Oratori di Settimo».
si raccontare con ammalati Lourdes). ad essere segno di coraggio e i membri del gruppo scout
quali tecniche e Il vescovo Gallese ha eviden- responsabilità, è stato anche Fse di Nichelino, del gruppo
quanta fantasia li ziato la necessità di portare la messaggio appassionato di Madonnina di Valenza, del
avevano costruiti. Luce nelle proprie comunità speranza; e lo sarà ancora gruppo del centenario dello
I migliori, quelli e realtà per riscaldare i cuori di più quando la Luce verrà scoutismo e del Centro mis- Mappano, fino al 21
creati con maggior impe- delle persone nella fragilità, portata nelle varie comunità sionario della diocesi di Biel- il concorso di presepi
gno e originalità, venivano poi premiati «per ripartire». «Mons. Gal- da tutti i gruppi partecipanti. la. Il viaggio della Luce di Bet- La par-
il giorno dell’Epifania», racconta il lese con la sua riflessione ha Molto significativo è stato an- lemme è iniziato domenica rocchia e
parroco don Luigi Vitrotti, «quest’anno 13 dicembre, aspettando così l’oratorio
tutto questo non è possibile, allora ab- il passaggio del Piemonte alla di Mappa-
biamo pensato di chiedere di fotografa- zona gialla: una volta giunta a no hanno
re il proprio albero di Natale o presepe Torino la Luce è stata portata lanciato un
e inviare l’immagine alla mail alberipre- nel Covid Hospital allestito al concorso a tema dedicato al
sepi2020@gmail.com entro Capodan- Parco del Valentino, si è poi presepe. In pratica i mappa-
no, descrivendo anche le caratteristiche diramata per raggiungere la nesi, sia piccoli che adulti,
della propria creazione artigianale. Val di Susa e la zona Nord di sono invitati ad allestire il
Tutte le foto che stiamo ricevendo ven- Torino; la seconda direttrice proprio personale presepe,
gono appese sopra il presepe in chiesa, invece si è rivolta verso No- utilizzando il materiale e le
in attesa della premiazione il 6 gennaio. vara e Vercelli. «L’obiettivo», forme più diverse. Tutti pos-
Inoltre, a differenza degli scorsi anni, concludono Giacomini e Mei- sono partecipare ed inviare
abbiamo esteso la partecipazione anche na, «è quello di raggiungere la foto del loro allestimento
ad adulti e anziani, un modo per tenere tutte le cattedrali piemontesi, (entro il 21 dicembre) o sul-
unita la comunità in questo momento ed entro il 22 dicembre anche la pagina Instagram dell’o-
difficile». le zone montane». ratorio o via mail a orato-
Francesca CASETTA Emanuele CARRÈ rio.mappano@gmail.com.
Mercoledì 23 dicembre ver-
ranno svelati i tre vincitori
«IN COSA CREDE CHI CREDE?» – È PARTITO UN ITINERARIO PER I RAGAZZI OVER 18 DELL’UNITÀ PASTORALE 53 del concorso. (d.a.)

Carmagnola, nella pandemia Oratori Santa Giò e Divina,

nasce il gruppo giovani cittadino


Christmas party sui social
Le par-
rocchie
Madonna
della Divina
Per i giovani di Carmagnola importante», raccontano i re- stati proprio i giovani over 18, flessioni è stato chiesto l’aiuto Provviden-
non tutto è distanziamento in sponsabili del gruppo Upg, la fascia d’età più «abbando- di don Giuliano Naso, vicario za e Santa
questo tempo di pandemia. un team composto dai rappre- nata a sé, se non si continua parrocchiale presso la parroc- Giovanna
Nel pieno del blocco genera- sentanti dei giovani delle par- il percorso come educatore chia Maria Regina della Pace d’Arco nel quartiere Pa-
le, tra oratori chiusi e poche rocchie di Carmagnola. Sono o con qualche altro incarico a Torino e responsabile dell’a- rella di Torino sabato 19
occasioni di incontro, prende loro che con l’aiuto dei parro- attivo. Sono ragazzi che lavo- rea pre-adolescenti dell’Uffi- dicembre alle 21 sui canali
forma il gruppo giovani comu- ci don Giovanni Manella, don rano, studenti universitari, cio di Pastorale giovanile. Le social (Facebook @orato-
ne per tutta l’Unità pastorale Dante Ginestrone e don Iosif con numerosi progetti in testa attività di formazione e con- riosantagiotorino e @ora-
53. Un’idea già ventilata nel Patrascan hanno pensato e e poco tempo a disposizione. divisione sono invece a cura toriomdp.to) propongono
2019, ma avviata ufficialmente costruito la proposta: «prima Eppure, con tanti interrogati- dei responsabili Upg. Il primo uno spettacolo natalizio
lo scorso lunedì 23 novembre ciascuno faceva da sé, organiz- vi di fede da saziare». appuntamento di novembre, in cui sarà possibile girare
con il percorso «In cosa crede zandosi con la propria equipe Ecco perché ogni appunta- dal titolo «Ti fidi di Me?», si video realizzati nei giorni
chi crede?», un ciclo di serate parrocchiale e il parroco. Con mento, il terzo lunedì del è svolto a distanza nel rispetto precedenti da bambini, ra-
con cadenza mensile dedicato il passare del tempo, però, ci mese alle 20.45 da qui a delle restrizioni. Gli appunta- gazzi e giovani. Ci si può
ai maggiorenni. Condividere siamo resi conto che le forze e maggio, «In cosa crede chi menti futuri, nel caso in cui esibire cantando, recitan-
lo stesso cammino per i giova- la partecipazione si assottiglia- crede?» vuole approfondire i le cose dovessero migliorare, do o ballando. Le regole
ni delle parrocchie carmagno- vano un po’ dappertutto. Così temi che più bussano al cuore avranno luogo in presenza tecniche per girare i video
lesi ha un valore doppio: «sia- si è deciso di mettere insieme dei giovani in cammino, dal presso i locali di Iconà (piazza che vanno inviati via mail
mo sempre state realtà molto persone e idee costruendo un rapporto con Dio alla Chiesa, Verdi) o all’interno della chie- a oratoriosleague@gmail.
diverse, un po’ divise, perciò progetto condiviso». dalle Scritture alle relazioni sa Collegiata. com sono pubblicate sulle
questa iniziativa è ancora più Il primo banco di prova sono personali. Per guidare le ri- Jacopo CURLETTO pagine social. (s.d.l.)
30 RUBRICHE DOMENICA, 20 DICEMBRE 2020

Appuntamenti a Torino
Appuntamenti nei Distretti

Giovedì
17 Dicembre
i partecipanti fino ai 10 anni
riceveranno un ingresso gra-
tuito al Museo della Magia
CON MIGLIETTA di Cherasco.
Il Vangelo
di Giovanni SU YOUTUBE
TORINO – Tutti i giovedì Giovani, Lectio divina
dalle 10 alle 12 si tiene un dal Seminario
corso biblico in videocon- TORINO - Giovedì 17 di-
ferenza su «Il Vangelo di cembre la Comunità del
Giovanni» a cura di Carlo Seminario propone ai gio-
Miglietta Si partecipa su vani un incontro di Lectio
Zoom, occorre mandare divina. L’appuntamento
una mail ad Ana Baldassarre è alle 21 in streaming sul
Viviani (baldassana@gmail. canale zoom e YouTube del
com), per ricevere il link di seminario.
collegamento. Per informazioni: semina-
rioditorino@gmail.com.
UNITÀ PASTORALE 3
Venerdì
Novena
digitale 18 Dicembre
TORINO - Dal 16 dicembre
FACOLTÀ TEOLOGICA
Un’Agorà della Chiesa e città metropolitana sul
servizio nel sociale - È l’auspicio che mons. Nosiglia
è iniziata la novena «digita-
le» dell’Up3: ogni mattina Il criterio
sui siti e sui canali social di misericordia
delle 6 parrocchie dell’Up TORINO - La Facoltà Teolo- ha espresso giovedì 10 dicembre in duomo in occasione
viene pubblicato un breve gica di Torino propone una
filmato di circa 20 minuti serie di incontri online dal della celebrazione eucaristica con operatori e volontari in
con una proposta di pre- titolo «Teologia oggi»,
ghiera e celebrazione della trasmessi tramite piattafor- preparazione al Natale. Presenti anche il Presidente della
novena. C’è l’accensione dei ma Cisco Webex.
9 lucernari, poi il canto del- Venerdì 18 si parlerà de «Il Regione Cirio e la sindaca Chiara Appendino. «Le nostre
le profezie, quindi le letture criterio misericordia, in dia-
con le antifone, una breve logo con i filosofi Giovanni diocesi», ha sottolineato l’Arcivescovo, «dovrebbero farsi
riflessione, in cui si alterna- Ferretti, Claudio Ciancio e il
no tutti i preti delle 6 par- teologo Giannino Piana». carico di chiamare a raccolta tutte le componenti ecclesiali
rocchie, e si conclude con il Nell'occasione si presen-
magnificat, cantato dal Coro terà il volume di Ferretti: e cittadine, per verificare e discernere insieme la situazione
della Pastorale Universitaria. «Il criterio misericordia.
CONCORSO
Sfide per la teologia e le attuale nel campo del servizio ai poveri, nel campo del
prassi della Chiesa» (Que-
Mago Sales, riniana, 2017). L'incontro lavoro, della sanità, dei migranti e per tracciare il cammino
chi vorresti a Natale sarà trasmesso alle 18
CHERASCO - «Chi o cosa attraverso il link su teolo- futuro del nostro comune impegno. Non possiamo, infatti,
vorresti avere (una persona, giatorino.it.
un oggetto, un desiderio,
CHICERCATROVA
limitarci a delegare questo servizio a pochi volenterosi.
ecc.) accanto a te in occasio-
ne di questo Natale 2020, in Psicologia L’Agorà che propongo non è un convegno nel senso
cui non potrai circondarti di e cristianesimo
tutti i tuoi cari? Descrivilo TORINO - Venerdì 18 alle classico del termine, ma un convenire in stile sinodale in cui
con un pensiero e disegno». 21 l’associazione Chicerca-
C’è tempo fino al 24 dicem- trova propone «Psicologia e vengono coinvolti via, via le istituzioni, le comunità, i gruppi
bre per partecipare al con- Cristianesimo» con. Ezio Ri-
corso indetto dal Mago Sales satti, psicoterapeuta. È pos- associativi, le realtà che operano nel sociale, ogni battezzato
per bambini e ragazzi. sibile partecipare cliccando
Pensieri, disegni o fotogra- sul link: https://meet.jit. e uomo di buona volontà. Un esame di coscienza
fie dovranno essere inviati si/incontrichicercatrova
all’indirizzo info@sales. da browser Chrome. Per comunitario, che investe l’ambito civile, per risvegliare
it entro il 24 dicembre. partecipare da smartphone,
Ogni elaborato deve essere utilizzare l'app Jitsi meet l’anima del collegamento che rende sempre più unita la
accompagnato da titolo, (scaricabile da Apple Store
nome, data di nascita e o Google play) e indicare cittadinanza e realizza quella koinonia (comunione) che si
recapito dell’autore. La par- nome chat: «incontrichicer-
tecipazione è gratuita. Tutti catrova». traduce in diaconia (servizio). (Foto A. Pellegrini)
ritiro domenicale, in video- Messe della domenica 20 di-
Sabato Mappano
19 Dicembre
conferenza, alla luce della
«Gaudete et exsultate» Si
cembre in ogni parrocchia
del distretto di Ciriè Lanzo. novena solidale
inizia domenica alle 17.30
IL CAMMINO Lunedì
Presepe vivente
con: «Le due versioni delle
Beatitudini: Lc 6,17-26 e Mt 21 Dicembre Anche quest’anno a
virtuale 5,1-12». Seguirà il 17 genna- Mappano si svolge il
TORINO – Sabato 19 dicem- io: «Beati i poveri…, quelli DIACONO DE MARTINO tradizionale appuntamen-
bre si sarebbe dovuto svolgere che piangono… quelli che La Chiesa tra legge di Dio to con la «Novena delle
il tradizionale presepe vivente hanno fame e sete di giusti- e leggi degli uomini Associazioni» mappa-
dell’associazione «Il cammi- zia: è meglio essere ricchi o TORINO – Per il ciclo di nesi. Ma in una versio-
no» in Borgo Vittoria. Causa poveri?», il 21 febbraio: «Bea- Lectio sulla Chiesa a cura ne virtuale, senza mai
Covid la rappresentazione ti i miti…, i misericordiosi…, del diacono Paolo De Marti- dimenticare il concreto
della Natività è stata realizzata i puri di cuore: è meglio es- no, organizzate dall’associa- obiettivo della solida-
on line: è sufficiente collegar- sere ‘furbi’ o buoni?» e il 18 zione di volontarito Chicer- rietà. Infatti, se a causa
si alle 20.30 al canale Youtube aprile: «Beati gli operatori di catrova, lunedì 21 dicembre delle restrizioni Covid,
associazioneilcammino. pace…, i perseguitati per la alle 18 si terrà «La Chiesa non sarà possibile tenere
giustizia…, quando vi insul- tra legge di Dio e leggi degli l’incontro in presenza, fra
COTTOLENGO teranno... è meglio vincere uomini». Essendo un incon- le associazioni mappane-
Messa o perdere?». Relatore: Carlo tro virtuale, è possibile par- si, presso la chiesa di San
per suor Carola Miglietta. Per partecipare tecipare all’incontro usando Giuseppe Cottolengo,
TORINO - La Piccola Casa occorre mandare una mail il link: https://meet.jit.si/ tutto si sposta online sui
della Divina Provvidenza, a Paola Squadrone: squa- incontrichicercatrova da siti social della parroc-
unita all’Arcidiocesi di Tori- dronefamily@gmail.com browser Chrome. Per parte- chia, dell’oratorio, e dei
no, sabato 19 dicembre alle perché possa mandare il link cipare da smartphone, basta vari gruppi whatsapp.
17 presso la Chiesa Grande di collegamento. Informa- scaricare l'app Jitsi meet da Dalla Croce Rossa al
del Cottolengo (via Cotto- zioni : Gruppo Cooperatori Apple Store o Google play e gruppo dei Lavandè,
lengo 14 - Torino) celebrerà Salesiani «La Casetta di San aprirla. passando per la Boccio-
una Messa di ringraziamento Domenico Savio», Enrico fila, il Sogno di Samuele,
per la riconosciuta Venera- Mangino, tel. 011.4527849. CON MIGLIETTA l’Unitre, la Pro Loco,
bilità della religiosa cotto- Il Cantico l’associazione che rac-
lenghina suor Maria Carola OPERATORI E VOLONTARI dei Cantici coglie i commercianti di
Cecchin (1877-1925). Faro Valli di Lanzo TORINO - È da poco ini- Mappano, gruppi sportivi
Messe il 20 ziato un nuovo corso biblico locali, i volontari della
Domenica
20 Dicembre
VALLI DI LANZO - Gli
operatori e volontari Faro
a cura di Carlo Miglietta.
Il lunedì alle 21 si leggerà
Piccola Casa della Divina
Provvidenza, in tanti han-
delle Valli di Lanzo anche in e mediterà «Il cantico dei no aderito all’iniziativa.
COOPERATORI SALESIANI questo difficile anno deside- cantici». Si partecipa su Alla fine di questa setti-
Ritiri mensili rano inviare un messaggio Zoom, occorre mandare mana, saranno trasmessi
sulle Beatitudini di vicinanza alle famiglie dei una mail ad Ana Baldassarre sulla rete, gli auguri dei
TORINO - «Le beatitudini. pazienti da loro assistiti, per Viviani (baldassana@gmail. rappresentanti
La Santità nel quotidiano» questo segnalano che i loro com), per ricevere il link di Davide AIMONETTO
è una nuova proposta di cari verranno ricordati nelle collegamento.

Inviare fotografie con autorizzazione scritta alla pubblicazione a: «La Voce e il Tempo rubrica foto», via Val della Torre, 3 - 10149 Torino. La redazione si riserva di pubblicare qualunque fotografia pervenuta. Il materiale inviato non viene restituito.
DOMENICA, 20 DICEMBRE 2020 RUBRICHE 31

Rubriche
Covid: garantiti e non garantiti, La memoria
ecco «la società della divergenza» dei militari
«Con il Covid aumentano e si aggravano
le disuguaglianze sociali tra settore pub-
stanno da una parte; dall’altra parte della
faglia, ci stanno famiglie, per lo più di di-
internati
blico e settore privato, ma anche tra chi pendenti pubblici, ma anche di aziende Gentile Direttore,
lavora all’ombra delle multinazionali e non toccate dalle conseguenze della pan- a nome del Centro Studi Giorgio Catti,
chi invece fa l’artigiano o il ristoratore». demia, che hanno il loro reddito garan- che rappresento nel Comitato regiona-
Le parole del filosofo Cacciari, seguite tito e che, grazie allo smart working (che le «Resistenza e Costituzione», vorrei
da altre autorevoli prese di posizioni, su- evita costosi pendolarismi), riescono, aggiungere, al pregevole articolo su
bito «archiviate», ci segnalano l’apertura perfino, ad aumentare i loro risparmi. Pensiero Acutis pubblicato nel numero
di una faglia profonda nel seno della so- Se poi confrontiamo i numeri degli attua- de La Voce e il Tempo di domenica 6
cietà italiana che si aggiunge alle crepe li smart workers, oltre 8 milioni, con quelli dicembre, le seguenti considerazioni
già esistenti provocate dalle diversità di delle zone bianche della penisola (aree sull’instancabile testimonianza dello
benessere, di istruzione, di opportunità e senza una adeguata copertura internet) storico presidente della sezione piemon-
a quelle originate dal fenomeno dell’im- si comprende subito che i numeri non si tese dell’Anei, l’Associazione dei militari
migrazione. sposano e che, in molti casi, questa forma italiani ex internati in Germania. Al ri-
All’interno del mondo del lavoro ci siamo di lavoro copre situazioni che, nel settore guardo di questi soldati catturati dai te-
ormai abituati a convivere con differenze privato, sarebbero state trattate con gli deschi dopo l’8 settembre 1943 e inviati
di trattamento (e di normativa fiscale) ammortizzatori sociali del caso. nei campi di concentramento del Reich
numerose e stridenti ma, soprattutto, Questa circostanza comunica ai non ga- come schiavi destinati al lavoro forzato
Canale 28 digitale terrestre – 801 Sky
non sempre giustificate dalla diversità di rantiti, senza alcuna responsabilità da privi di ogni diritto e dell’adeguato so-
Giovedì 24 dicembre status. La differenza più tradizionale è parte dei garantiti, un sentimento di in- stentamento, la vicepresidente del Con-
• 8.29-15.15 Tg 2000 Flash quella tra lavoratori in regime di partita giustizia che può comportare conseguen- siglio regionale del Piemonte, Silvana
• 8.31 Santa Messa Iva e dipendenti ma, non meno impor- ze negative rilevanti. Dameri, nella premessa al libro edito nel
• 11.55 Angelus tanti, all’interno delle stesse fabbriche, le Se le diversità lavorative pre-covid, non 1989 «Una storia di tutti», della Collana
• 17-19 Il diario di Papa Francesco disparità tra lavoratori originate dalla ti- hanno mai rischiato di mettere in forse dell’Istituto storico della Resistenza in
• 19.30 Santa Messa nella notte di Natale pologia contrattuale o, addirittura, dalla la desiderabilità e il comune orizzonte Piemonte, scriveva: «I prigionieri italiani
• 20.50 Concerto di Natale data di assunzione che può segnare uno di una società migliore, la «faglia covid» dell’ultima guerra sono il prezzo dram-
Venerdì 25 dicembre Natale spartiacque dal punto di vista dell’appli- garantiti/non garantiti rischia di portar- matico pagato al fascismo ed alla sua
• 8.30-19.00 Santa Messa cazione integrale del Job Act. ci dalla tristemente abituale società della follia guerriera: e sono, al contempo,
• 12.00 Benedizione Urbi et Orbi Nonostante questa forzata abitudine alle diseguaglianza a una «società della diver- il primo momento della Resistenza, il
• 16.00 I misteri di Maria da Nazareth a Fatima disparità, riesce, tuttavia, ostico accetta- genza». Una condizione tragica, quella primo aspetto di un percorso articolato
• 17.30-20.30 La notte del Presepe re il nuovo gap evidenziato da Cacciari, della divergenza, in cui le differenze tra che porta alla democrazia ‘anche’ attra-
di san Francesco causato, per di più, dalle conseguenze di cittadini non riguardano solo il presente verso l’esperienza della prigionia e della
• 18.00 Rosario da Lourdes un’epidemia che, verrebbe da pensare, ma, provocando un deficit di speranza deportazione: studiare quell’esperienza
• 23.30 Concerto di Natale da Vienna dovrebbe, con tragica equità, salvare o alimentato dal sentimento di ingiustizia, significa dunque contribuire alla com-
Giovedì 31 dicembre colpire tutti uniformemente anche dal riguardano direttamente il futuro e la prensione del nostro presente, oltre a va-
• 7.00-8.31-19.00 Santa Messa punto di vista economico. stessa possibilità di immaginare un oriz- lorizzare il sacrificio di chi nel campo ha
• 11.55 Angelus Beffardamente, poi, la differenziazione zonte che raccolga e attenui le tensioni. sofferto e, in tanti casi (più di 60 mila!),
tra garantiti (impiegati pubblici e dipen- Se questa è la situazione, è lecito doman- è morto». Purtroppo, come sostiene Gui-
• 17.00 Vespri e Te Deum
denti, per lo più di grandi aziende), e darsi se sia possibile girarci dall’altra par- do Quazza nella prefazione del suddetto
• 18.00-20.00 Rosario da Lourdes non garantiti (occupati presso aziende te o se non convenga auspicare che, tra i libro, la conoscenza delle vicende degli
• 20.30 Messaggio del Presidente private, in particolare piccole, colpite dal- tanti provvedimenti Covid del Governo, internati militari, «nonostante gli sforzi
della Repubblica la pandemia e partite Iva) si sta determi- trovi posto la previsione di un qualche di estenderla alle scuole è pur sempre
• 22.10 Concerto Art Voice nando in un momento in cui i titolari di dispositivo di solidarietà a carico dei la- rimasta in cerchie ridotte…
Christmas Song 2020 partita Iva ottengono sostegni al reddito voratori garantiti oltre un certo reddito. Neppure le memorie e i diari dei singoli
Venerdì 1 gennaio 2021 abitualmente tipici del lavoro dipenden- Un provvedimento siffatto, se ben co- hanno trovato un’eco paragonabile a
• 7.00 Santa Messa te e, a loro volta, i lavoratori dipendenti struito, oltre a riparare, almeno simboli- quella del libro ‘Se questo è un uomo’,
• 10.00 Santa Messa nella Solennità (dovendo far largo uso del cosiddetto camente, a una disparità di trattamento e certamente non solo per ragioni di ec-
Santissima Maria Madre di Dio smart working) cominciano a prestare la difficilmente accettabile, potrebbe pre- cellenza letteraria». E ancora, dopo aver
• 12.00 Angelus loro opera, al modo degli autonomi: sen- disporre un clima favorevole per una ricordato il suo «tentativo di indicare,
• 17.20 Il diario di Papa Francesco za gli abituali vincoli di tempo e di luogo. prossima riforma dell’Irpef che, tenendo nel confronto con la vicenda resistenzia-
• 18.00-20.00 Rosario Famiglie che scivolano inesorabilmente conto delle doverose differenziazioni, le, uno strumento utile almeno per la
• 20.30 - Tg 2000 verso la fragilità per il traballare di una riequilibri la situazione dei lavoratori di- memoria della deportazione» conclude-
• 21.20 Film - Maria madre di Gesù piccola attività o per un prossimo, pro- pendenti con quella degli autonomi. va amaramente: «la verità, insomma, è
babile, licenziamento di un componente Gian Paolo MASONE che quasi tutto è da fare».
Ciò trova conferma da parte di Pensiero
Acutis che, nel prologo del suo libro,

A nnunci
scrive: … «quando (nel 2001) venne or-
La voce e il tempo pubblica gratuitamente gli annunci dei suoi lettori ganizzato il Treno della Memoria, mi si
Non si assume responsabilità sull’attendibilità dei contenuti diede la possibilità di raccontare la mia
esperienza, associata a tanti compagni
d’avventura, a centinaia di studenti di
piatti. In possesso di attestato di badante. Tel. 328.1386122. no notti e no fissa. Tel. 338.922264. ogni livello scolastico e a molte perso-
Lavoro domanda «aiutocuoco». Sono automunita e Signora 40enne referenziata cerca Signora italiana con esperienza ne di ogni età ed estrazione sociale…
24 enne affidabile referenziato, abito a Torino. Disponibile per il lavoro come colf, badante o bab- malati Alzheimer nella prima mi venne da scoprire, con un certo
diploma istituto turistico, espe- turno di pranzo in mensa, tavola ysitter. Tel. 329.4909811. fase della malattia offresi per as- disappunto, quanta ignoranza ci fosse
rienza come agente immobiliare e calda, self-service, bar, Rsa com- Signora seria italiana con qualifica sistenza anziani autosufficienti il su tale materia». La cosa più sorpren-
addetto contratti e corriere, auto- presi i week-end e festività. Tel. di Adf cerca lavoro come assisten- mattino o il pomeriggio per spesa dente, al riguardo, è ciò che scrive nella
munito, libero subito, cerca qual- 349.6846207. za anziani, ragazzi con disabilità, commissioni, igiene personale e postfazione il mite Ferruccio Maruffi,
siasi lavoro full-time, part-time, oc- Signora italiana, 44 anni, con otti- disponibile giorno e notte, part- pulizia casa. Referenza, no auto. anche lui storico presidente dell’Aned
casionale, e per sostituzioni, tel. me referenze , cerca lavoro come time, week-end. Tel. 346.8012555. Tel. 333. 8892264. Piemonte, l’Associazione dei deportati
320.93.15.283, 320.9084150. colf o baby sitter, assistenza anzia- Signore ben referenziato offresi politici e razziali, autore di pregevolis-
Italiano 42 anni con esperienza ni. Zona Torino , Orbassano, Bei- per assistenza specialistica uomi- Immobili simi libri sulle vicende da lui condivise
come fattorino, operaio e ma- nasco. Cell. 338.8661109. ni malati di Alzheimer o qualsi- Affittasi bilocale arredato al se- con queste altre vittime dell’infernale
gazziniere, cerca lavoro anche Commessa con pluriennale espe- asi altra mansione. Lunga espe- condo piano con ascensore To- universo concentrazionario nazista. Egli
come colf, lavapiatti, domestico e rienza conduzione negozio ab- rienza, disponibile subito. Tel. rino - Borgata Parella - contratto esordisce esclamando: «Pensiero Acutis
badante anche per persone che bigliamento chiuso per impatto 327.4777118 – 333. 3296469. transitorio. Tel. telefonare al 340. finalmente scrive, la memoria è ancora
non riescono a deambulare. Ore pandemia cerca impego nel setto- 45enne referenziato con lunga 7119709. viva e feconda di testimonianze». Quin-
diurne e notturne anche fisso. re. Tel. 347.5305683. esperienza assistenza anziani e Affittasi a Grugliasco presso corso di, dopo aver riepilogato i dati della
Tel. 348.1214317 - 327.7758081. Signora con ottime referenze malati cerca lavoro diurno e not- Francia alloggio 75 mq, 3° piano ricerca sugli Intenati militari italiani
Cercasi urgentemente portineria offresi come cuoca (qualifica di turno, automunito patente B. Si con ascensore, 2 arie, giardino (Imi). fatta dallo studioso ed ex inter-
con alloggio per coppia vicino al cucina) collaboratrice domestica, assicura costanza, impegno e affi- condominiale, arredato canone nato Claudio Sommaruga, Ferruccio
mare. Tel. 328.1519689. assistenza anziani, presso parroc- dabilità. Tel. 333. 7503369. agevolato 4+2, 486 euro più spese. Maruffi affermava: «Essi ebbero la possi-
Laureata in tecniche di neurofisio- chia e famiglia. Libera la mattina Signora referenziata con espe- Tel. cell. 320.6349064 bilità di tornare liberi aderendo alla Re-
patologia referenziata con espe- zona Torino. Tel. 339.5835906. rienza cerca lavoro come badante pubblica sociale di Salò, e si deve dire
rienza presso numerosi presidi to- per anziani in orario diurno. Di- Varie forte che non è mai abbastanza rilevata
rinesi (Cottolengo Chiros) cerca Assistenza sponibile subito massima serietà. Regalo tavolo legno noce massic- la grande prova di coraggio di questi
lavoro anche come impiegata di Donna rumena, anni 40, non auto- Tel. 391.3387691. cio a parrocchia comunità, ecc. uomini che nella stragrande maggio-
segretaria, amministrazione risor- munita, cerca lavoro domestico se- Signora italiana referenziata cerca la- misure 80x170. Tel. 347.2541619. ranza preferirono subire la pericolosa
se umane. Tel. 388.3615495. rio in torino cellulare 351. 20.19.578 voro per assistenza anziani mattino Vendo coppia di casse Worfedale- e drammatica detenzione nei campi di
Ragazza italiana di 33 anni cerca Signora rumena referenziata cer- e/o pomeriggio per spesa commis- Diamont 10.1 con imballo. Tel. concentramento dove avrebbero vissuto
lavoro come aiutocuoco/lava- ca lavoro fissa ad ore come colf o sioni igiene personale e pulizia casa 340. 2886407. un lungo e duro regime di prigionia».
Dopo altre interessanti considerazio-
ni sulle conseguenze strategiche che
avrebbe avuto l’eventuale adesione
dei 600 mila soldati (e ufficiali) che
Alberto Riccadonna
avevano opposto un reciso «no!» alle
DIRETTORE RESPONSABILE lusinghe del promesso rientro nell’Ita-
lia fascista, Ferruccio così concludeva il
COORDINAMENTO REDAZIONALE: Marina Lomunno UNA COPIA 1,50 € GARANZIA DI TUTELA DEI DATI PERSONALI
REDAZIONE: Federica Bello, Stefano Di Lullo, Cristina Mauro, Paolo Perrone L’editore garantisce ad abbonati e lettori la riservatezza dei loro dati suo circostanziato (e generoso) scritto:
DIREZIONE, REDAZIONE E AMMINISTRAZIONE ABBONAMENTI Annuale € 50,00; sem. € 30,00; personali che, elaborati elettronicamente, verranno usati per l’invio del «Chissà se abbiamo mai valutato in tutti
Prelum srl - Via Val della Torre, 3 - 10149 Torino «Amici» € 80,00; «Sostenitore» € 100,00 giornale ed eventualmente al solo scopo promozionale. In conformità alla questi anni il valore e l’impresa dei no-
Come pagare: legge 675/96 sulla tutela dei dati personali
tel. 011.5156391-392 - mail: redazione@vocetempo.it; www.vocetempo.it
• Bonifico bancario IBAN Banca Ifigest: IT31X0318501000000010250041
stri coraggiosi Internati militari italiani.
Iscrizione al n. 8986/2016 SICID-Tribunale di Torino
PROGETTO GRAFICO: Partners Torino • Bollettino postale C.C. 19952159, intestato a PRELUM s.r.l., Aut. 34/2016 del 08/09/2016 Pensiero Acutis ha scritto un libro. Giu-
ALLESTIMENTO GRAFICO: Antonella Lionello via Val della Torre 3 – 10149 Torino; email: abbonamenti@prelum.it «La Voce e il Tempo» percepisce i contributi pubblici per l’editoria sto è il momento attuale per pensarci
STAMPA: Tipografia Sarnub s.p.a. – Cavaglià (Biella) – Tel. 0161.996411 • On-line con PayPal e Carte di credito su www.vocetempo.it
PUBBLICITÀ: Per pubblicità diretta tel. 011.4539211 La redazione si riserva di pubblicare qualsiasi inserzione. I manoscritti «La Voce e Il Tempo» ha aderito tramite la Fisc (Federazione Italiana sopra. Ciao, amico nostro».
NECROLOGI: tel. 011.5156392 ricevuti, anche se non pubblicati, non si restituiscono. Settimanali Cattolici) allo IAP - Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria, Marco CASTAGNERI
accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale
Centro Studi Giorgio Catti
LE ULTIME NOVITÀ DELLA
EDITRICE SHALOM
Chi siamo: Una casa editrice cattolica e mariana, che riafferma
la centralità dell’Eucaristia e promuove la preghiera come mezzo
privilegiato per trovare Gesù in obbedienza al Santo Padre.

Con acqua viva


Liturgia delle ore quotidiana Sulla Tua Parola
Lodi - ora sesta - vespri - compieta il Messalino

€ 10,00 Cod. 602 € 4,00 Cod. 502

Rosario e Novena con Il Santo Rosario Preghiere a


il beato Carlo Acutis Maria ci guida all’incontro con Gesù San Charbel

€ 2,50 Cod. 8006 € 5,00 Cod. 8627 € 2,00 Cod. 8946

Preghiere per Preghiere per chi non Beata Maria Teresa


l’Avvento e il Natale riesce ad avere figli Fasce: la segretaria
Adoriamo il Santissimo Sacramento di santa Rita
€ 3,00 Cod. 8002 € 4,00 Cod. 8210 € 3,00 Cod. 8282

w w w.editriceshalom. it
Puoi acquistare questi prodotti in tutte le librerie cattoliche, i santuari, Amazon, le TELEFONO
librerie Ubik, o riceverli comodamente a casa tua richiedendoli all’Editrice Shalom. 071 74 50 440