Sei sulla pagina 1di 144

Gli strumenti compensativi come

strumenti che permettono di


strutturare percorsi didattici
inclusivi rendendo
l’apprendimento più efficace per
tutti ...
Strumenti compensativi e
buone pratiche di
didattiche disciplinari
inclusive
La società odierna è in continuo e
veloce mutamento …

… e la scuola fatica a dare risposte adeguate


alle sue continue richieste.
Nonostante l’introduzione delle nuove
tecnologie nel contesto scolastico, la crescente
professionalità del corpo docente, l’applicazione
di nuove metodologie, … non sempre si riesce
ad accogliere la pressante richiesta di interventi
individualizzati e/o personalizzati.
Secondo l’indagine OCSE Pisa, per il 38% dei
quindicenni italiani la scuola è un luogo in cui
non si ha voglia di andare.

Commissione per il BENESSERE a scuola

Secondo quest’ultima ricerca (promossa


dal CNOP insieme al MIUR), il 70% dei
preadolescenti
supera un livello di malessere
preoccupante.
OMS 2016

… e secondo il rapporto 2016


dell’Organizzazione Mondiale della
Sanità, 72% delle ragazze
di quindici anni soffre di stress da
scuola, e i maschi seguono con il
51%
È quindi tempo che di
questo problema non se
ne occupino solo gli
specialisti,
ma la scuola tutta!
LA DIDATTICA TRASMISSIVA
NON BASTA PIÙ!
LEZIONE FRONTALE
L’apprendimento e l’insegnamento tradizionale
consistono infatti nella trasmissione
(generalmente attraverso una lezione frontale),
nell’acquisizione di conoscenze (generalmente
attraverso la semplice lettura di testi) e nella
memorizzazione di contenuti e non consente di
integrare le nuove informazioni con quelle già
possedute.
Con la lezione tradizionale (frontale) si traferiscono
informazioni, a volte a scapito di un apprendimento
significativo. Gli studenti assumono un ruolo passivo,
il livello di attenzione diminuisce.
Il processo di INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO
dipende da:
• abilità del docente nell’insegnare
• capacità dello studente ad apprendere
• contesto / ambiente di apprendimento (relazioni, setting)

… ecco perché OCCORRE

usare metodologie didattiche inclusive che favoriscano


le competenze individuali, promuovano un
apprendimento significativo e offrano strumenti
concreti a tutti gli studenti
AZIONE DIDATTICA “ADEGUATA”

– Sintetica: si tralascia quello che non è


essenziale, si aiuta a focalizzare i concetti portanti
– Con molto rinforzo: si riprendono più volte i
contenuti e si aiuta la memorizzazione
– Con poco studio a memoria: … perché la capacità
di memorizzazione è uno dei problemi più diffusi
tra gli studenti con DSA
– Con molto ragionamento: … perché la capacità di
ragionamento è la risorsa più preziosa per gli
alunni con DSA
PER TUTTI!
È IMPORTANTE CHE IL DOCENTE in classe usi e faccia
sperimentare STRATEGIE DIVERSE
… CHE UTILIZZI :
• diversi canali di accesso alle informazioni ( messaggi scritti,
orali, mappe, slide, audio, video ecc..)
• scalette degli argomenti da consegnare agli alunni per
orientare l’ascolto e fissare i punti principali dell’argomento

… CHE INSEGNI :
• le strategie per prendere appunti ( es. parole chiave,
sottolineare il testo, uso di evidenziatori con colori diversi)
• l’uso di strumenti per ricordare ( tecniche di memoria, uso
di appunti, del registratore, della penna digitale)
• l’uso di strumenti e strategie per organizzarsi (diario
scolastico, calendario, pianificazione dei compiti)
• l’uso corretto degli strumenti tecnologici …
Lavorare in classe
Ipotesi per una lezione efficace
• Iniziare l’attività con una sintesi della lezione precedente, coinvolgendo tutti
con domande flash;
• Avvalersi del “brainstorming” visivo e grafico per “orientarsi” nelle informazioni
(creando “Mappa della lezione” da seguire durante le attività);
• variare azioni e contenuti, sollecitando diverse abilità, affinché ciascuno possa
trovare il suo spazio e favorire la motivazione;
• ogni tanto interrompere e fare sintesi dei contenuti;
• riprendere e ripetere in modi diversi i concetti più importanti (controllare
spesso se gli alunni seguono … se è chiaro il percorso);
• prediligere strategie di apprendimento cooperativo, come il cooperative
learning o il lavoro a coppie, in cui le capacità cognitive dell’alunno con BES
possano esprimersi nell’interazione con i compagni, incaricati di fungere da
mediatori per le strumentalità di base;
• fornire materiale registrato per riascoltare la lezione
Non si tratta di abbassare il livello di
difficoltà, ma di concentrare il lavoro
sull’essenziale, di concedere modalità idonee
di gestione dei codici scritti, di considerare i
diversi stili di apprendimento, di gratificare
per gli sforzi compiuti e non solo per i
risultati.
Senso, scelta e utilizzazione
degli strumenti compensativi e
misure dispensative
Strumenti compensativi e
normativa …
C. M. prot. n. 4099/A/4 del 5/10/2004
Iniziative relative alla dislessia. Elenco misure
dispensative e strumenti compensativi. Tra gli
Normativa specifica strumenti compensativi essenziali vengono
indicati: tabella dei mesi, tabella dell’alfabeto e
dei vari caratteri; tavola pitagorica; tabella delle
misure, tabella delle formule geometriche;
Compaiono per la prima calcolatrice, registratore, computer con
volta le definizioni misure programmi di video-scrittura con correttore
ortografico e sintesi vocale. Per gli strumenti
dispensative e strumenti
dispensativi , valutando l’entità e il profilo della
compensativi difficoltà, in ogni singolo caso, si ritiene essenziale
tener conto dei seguenti punti: dispensa dalla
lettura ad alta voce, scrittura veloce sotto
dettatura, uso del vocabolario, studio
mnemonico delle tabelline; dispensa, ove
necessario, dallo studio della lingua straniera in
forma scritta; programmazione di tempi più lunghi
per prove scritte e per lo studio a casa.
Organizzazione di interrogazioni programmate -
Valutazione delle prove scritte e orali con modalità
che tengano conto del contenuto e non della forma
Gli strumenti compensativi sono strumenti didattici
e tecnologici che sostituiscono o facilitano la
prestazione richiesta nell'abilità deficitaria.

Fra i più noti indichiamo:


la sintesi vocale
il registratore
i programmi di videoscrittura con correttore
ortografico
la calcolatrice
altri strumenti tecnologicamente meno evoluti
quali tabelle, formulari, mappe concettuali, ecc.
Sostituiscono lo studente nelle operazioni
che interessano le sue specifiche difficoltà,
permettendogli di esprimere le proprie
competenze nel modo più elevato possibile
e lo affiancano per limitare gli ostacoli legati
alla sua condizione, mettendolo in situazione
di parità con gli altri.

DSA e strumenti compensativi


A. Capuano, F. Storace e L. Ventriglia
Tali strumenti sollevano l'alunno o lo studente
con DSA da una prestazione resa difficoltosa
dal disturbo, senza peraltro facilitargli il compito
dal punto di vista cognitivo. L'utilizzo di tali
strumenti non è immediato e i docenti-anche
sulla base delle indicazioni del referente di
istituto - avranno cura di sostenerne l'uso da
parte di alunni e studenti con DSA». (Linee
guida allegate al D.M. 5669/2011, p.7)
E questi strumenti non possono essere dati
a pioggia, in maniera indistinta solo perché
la persona ha una certificazione diagnostica
di DSA, ma devono essere selezionati sulla
base del profilo di funzionamento del
singolo.

DSA e strumenti compensativi


A. Capuano, F. Storace e L. Ventriglia
NELLA SCUOLA IL CONSIGLIO DI CLASSE/ TEAM DOCENTI

ACQUISITA LA DIAGNOSI SPECIALISTICA DI DSA

TENENDO CONTO DEI PUNTI DI


DELLE
FORZA
DIFFICOLTÀ
DELL’ ALLIEVO

DEFINISCE QUALI STRATEGIE DIDATTICHE E


QUALI STRUMENTI COMPENSATIVI E
MISURE DISPENSATIVE UTILIZZARE

CONFRONTANDOSI CON I
CON LA FAMIGLIA TECNICI
Non può essere, infatti, accettata la facile soluzione legata a una
percezione deterministica del rapporto tecnologia-apprendimento,
in quanto non si può dare per scontato che a una maggiore tecnologia
possa corrispondere maggiore apprendimento.

L'uso del computer in classe diventa più efficace quando:


• viene proposto come risorsa integrativa e non sostitutiva dell'insegnante;
• l'insegnante viene formato sull'utilizzo del computer come strumento di
insegnamento e di apprendimento;
• si valorizza l'apprendimento tra pari. Fare un uso del computer a coppie è
molto più efficace che utilizzarlo in attività di studio individuale o in gruppi di più
persone;

Il concetto di didattica compensativa va ben oltre il singolo


studente con DSA: indica un tipo di approccio che supera il
semplice impiego personale di strumenti e strategie per
coinvolgere globalmente tutta l'attività di
insegnamento/apprendimento in un'ottica inclusiva.
DSA e strumenti compensativi A. Capuano, F. Storace e L. Ventriglia
L’UTILIZZO DEGLI STRUMENTI COMPENSATIVI CON
GLI ALUNNI DSA È ORMAI UN FENOMENO
ABBASTANZA DIFFUSO NELLA SCUOLA

SPESSO NON VI È UN LIVELLO ADEGUATO DI


CONOSCENZE CHE PERMETTONO UN UTILIZZO
FUNZIONALE DI QUESTI STRUMENTI

INTEGRATI CON ANCHE CON


LE ALTRE STRUMENTI
RISORSE «CARTACEI»
DISPONIBILI
COMPENSARE DISPENSARE

Pareggiare uno Liberare da un


scompenso, obbligo o da un
impegno, esentare
supplire a...
Misure e Strumenti

Misure dispensative Strumenti compensativi


Le misure dispensative
dipendono dagli altri. L’efficacia della
Il soggetto con DSA può compensazione è
solo chiederle e sperare fortemente connessa alle
che vengano concesse.
Non danno autonomia.
abilità personali.
Gli strumenti compensativi
possono dare
effettiva autonomia.

Nella vita adulta non è prevista nessuna misura dispensativa. Il progetto


educativo a medio-lungo termine deve necessariamente puntare sullo
sviluppo di competenze compensative.

DSA e strumenti compensativi


A. Capuano, F. Storace e L. Ventriglia
MISURE DISPENSATIVE
Sono tutti i mezzi che l’insegnante ha a disposizione per
ridurre gli effetti dello svantaggio

 dispensa dalla lettura ad alta voce;


 dispensa dalla scrittura veloce sotto dettatura;
 dispensa dall’uso del vocabolario;
 dispensa dallo studio mnemonico delle tabelline;
 dispensa dallo studio della lingua straniera in forma scritta;
 programmazione di tempi più lunghi per prove scritte e per lo
studio a casa;
 riduzione della lunghezza della prova;
 divisione della prova in assegnazioni di breve durata;
 organizzazione di interrogazioni programmate;
 valutazione delle prove (scritte e orali) con modalità che tengano
conto del contenuto e non della forma.
Strumenti compensativi per DSA
• Diminuiscono il carico delle difficoltà a svolgere parti
automatiche delle procedure, permettendo in questo
modo al bambino di liberare l’attenzione per compiti
cognitivi più complessi
• Per essere utili gli strumenti devono essere condivisi
ed accettati
• Non esistono strumenti compensativi uguali per tutti
• Anche l’utilizzazione degli strumenti compensativi
richiede preparazione all’uso, insegnamento e
addestramento
Tecnologie compensative
“Vanno sempre proposte in un percorso guidato di
autonomia in cui è indispensabile un ruolo degli adulti”.

(F.Fogarolo, C.Scapin 2010, op.cit, pag. 25)

È necessario essere competenti


Strumenti compensativi di tipo informatico

L’informatica si pone come strumento per eccellenza nel


consentire allo studente con DSA di compensare le sue
difficoltà strumentali di lettura e di scrittura

software che consentono di bypassare (almeno


parzialmente) le difficoltà strumentali di scrittura permettendo
di produrre testi scritti leggibili, ortograficamente e
grammaticalmente corretti

software che permettono di bypassare le difficoltà di


lettura decifrativa consentendo di apprendere attraverso il
canale uditivo ed attraverso l’uso di immagini
CON QUALI
STRUMENTI?
STUDI SUI CAMBIAMENTI del CERVELLO

TUTTE QUESTE TECNOLOGIE


spostano l’ago della bilancia
delle abilità cognitive
da
quelle VERBALI
a quelle
NON VERBALI
visivo –spaziali
con un aumento dell’intelligenza visiva
(Subrahmanyan et al. 2000)
e un processamento multisensoriale più preciso
(Donohue et al. 2010)
OCCORRE QUINDI AVERE DEGLI
OBIETTIVI DIDATTICI BEN CHIARI

“La perfezione della tecnologia


e la confusione degli obiettivi sembrano, a
mio parere, caratterizzare
la nostra epoca”, affermava Albert Einstein
La tecnologia deve essere una
risorsa educativa e vi deve
essere una chiara
consapevolezza del significato
didattico.

Sono le metodologie e non


le tecnologie che fanno la
differenza.
Inoltre bisogna sottolineare che il loro semplice
utilizzo non porta automaticamente
all’apprendimento

In realtà sono i processi cognitivi, messi in atto


per utilizzare i media, a determinare i risultati
dell’apprendimento
MAPPE …

… PER STUDIARE E APPRENDERE …


Mappa
sistema di rappresentazione visiva della
conoscenza

 Mappe mentali di Buzan


 Mappe concettuali di Novak
 Schematizzazioni libere
Vantaggi degli strumenti digitali
per la costruzione di mappe
 Organizzazione dello spazio

 Minore necessità di scrivere

 Sintesi vocale

 Uniformità logico-visiva

 Modificabilità
Compensare le difficoltà
di comprensione e di memorizzazione

• Mappe come strumento per la comprensione


(sviluppate dallo studente)

• Mappe come strumento per la produzione


(sviluppate dallo studente)

• Mappe come strumento per la facilitazione


(sviluppate da altri)
Quindi perché usare le mappe …
Le mappe concettuali e mentali
permettono di raggiungere diversi
obiettivi:
• descrivere, valutare, combinare,
integrare, rappresentare idee e concetti;
• compiere trasformazioni e manipolazioni
concettuali;
• orientare le risorse mentali;
• attivare risorse creative;
• bilanciare razionalità e creatività;
• facilitare lo sviluppo di percorsi
alternativi.
Da qualche anno nella scuola si sta
mostrando un ampio interesse nei confronti
della tematica "mappe" in quanto argomento
presente in modo esplicito nelle linee guida
2011, documento che accompagna la Legge
170, nelle quali le "mappe" sono comprese
nell'elenco degli strumenti compensativi:
Le mappe, pertanto, sono presenti
in molti Piani Didattici
Personalizzati alla voce
«Strategie di intervento...
Strumenti compensativi previsti»
sia come strumenti forniti dai
docenti che come supporti realizzati
dagli alunni.
SCHEMI …
PER STUDIARE …

Sezione di Torino e
Provincia
GLI SCHEMI
Rappresentazioni a
sintassi libera e personale

Si usano durante l’ascolto


o la lettura
Non hanno regole
generalizzabili
Utili per fissare il flusso e
ricordare i passaggi
Registrazione
più che rielaborazione
Mappe …
uno strumento per
orientarsi … nell’apprendimento
Dal testo alla mappa

•Partire dal testo


•Andare oltre la parola-chiave
•Importanza del processo, più che il prodotto
•Processo attivo e dinamico nella revisione
•Processo attivo e dinamico nella consultazione
•Gerarchizzazione dei nodi
•Mentre si studia si realizzala mappa
Quale differenza?
Mappe mentali Mappe concettuali
• Struttura a raggiera • Vari tipi di struttura
• Strumenti diagnostici • Strumenti di
e metacognitivi apprendimento e
• Matrice comunicazione del
associazionistica sapere acquisito
• Contengono solo un • Matrice
concetto chiave connessionistica
• Sono importanti gli • Possono contenere più
aspetti formali e concetti chiave
cromatici • Non sono importanti gli
aspetti cromatici
Inoltre le mappe mentali e quelle concettuali hanno
scopi diversi: le mappe mentali consentono di
strutturare rapidamente un testo e mostrarne la
struttura graficamente.

Le mappe concettuali consentono di "riflettere",


approfonditamente e lentamente, sui concetti
espressi in un testo, cercando correlazioni tra concetti
noti e concetti ignoti, cioè di avviare un processo di
apprendimento significativo.
(Tony Buzan)

Sono strumenti che servono a


generare e a rappresentare le idee
e il pensiero mediante le
associazioni.

http://thinkbuzan.com/
Caratteristiche delle mappe mentali

Per le mappe mentali la conoscenza è nei concetti.


Esse sono particolarmente indicate per lo sviluppo della creatività
(brainstorming) e impiegano:

tipologia di relazione: semplice (concetti legati tra di loro con due soli tipi di
relazione: subordinata (padre-figlio) o correlata (fratello-fratello)

codice grafico: immagini, icone, simboli e oggetti grafici

una logica associazionista: ciò che lega i concetti è la loro associazione a


proprietà, idee, pensieri (è una logica non lineare, intuitiva, emotiva che si può
immaginare appannaggio dell'emisfero destro del cervello)

una geometria radiale: i nodi si sviluppano a raggiera a partire da un concetto


centrale

una struttura gerarchica: la posizione dei concetti ne indica l'importanza


Utilizzabili per
produrre appunti, possono essere utilizzate
per sintetizzare un testo letto o ASCOLTATO.

Facilitano la memorizzazione utilizzando le


funzioni di entrambi gli emisferi cerebrali.

Possono essere divertenti da elaborare.

Sono rapide da ripassare.


Devono essere CHIARE e GERARCHICHE

UTILIZZARE LO STAMPATELLO MAIUSCOLO

Inserire disegni e codici il più possibile


paradossali ed assurdi

Buona organizzazione dello spazio

Devono utilizzare le associazioni (frecce, colori …)


Mappe mentali - Free Mind
FreePlane è -come FreeMind- un programma che serve visivamente a
sviluppare nuove idee, tramite un'esposizione grafica delle stesse

Le idee (o i gruppi di idee) possono essere in un attimo spostati da una parte


all'altra dello schema, e contrassegnati con faccine o con altri simboli, per
meglio evidenziarle e differenziarle.

Cayra e fa mappe molto fluide e colorate


https://cayra.it.uptodown.com/windows

Edraw Max ti permette di creare in pochi passaggi ogni genere di


schema, diagramma, mappa, disegno tecnico. Offre una sterminata
libreria di simboli ed oggetti pronti per essere utilizzati http://edraw-
max.softonic.it/
http://www.wikimindmap.org

Trasforma le voci di wikipedia in mappe mentali che


possono essere scaricate e stampate.

Popplet
Per la scuola In classe e a casa, gli studenti usano Popplet per
l'apprendimento. Utilizzato come una mappa mentale, Popplet aiuta gli
studenti a pensare e ad imparare visivamente. Gli studenti possono
acquisire fatti, pensieri e immagini e imparare a creare relazioni tra loro.

https://www.youtube.com/watch?v=8fMi9x_a-Tw
https://popplet.com/
Possibili errori
Data la sua connotazione soggettiva, frutto
di un pensiero creativo ed evocativo,
spesso si può incorrere in alcuni "errori".
• scrivere sui rami intere frasi;
• utilizzare nodi concettuali per scrivere intere
proposizioni;
• scrivere sotto il ramo;
• scrivere in verticale (la mappa risulta poco
leggibile);
• realizzare rami dritti e non curvi;
• non utilizzare colori e immagini;
• utilizzare elenchi.
Le mappe mentali per
prendere e produrre appunti

Quando si prendono appunti, la difficoltà


principale sta nel mantenere l'equilibrio tra
l'ascolto e la scrittura.

Bisogna prestare la massima attenzione e


riassumere su carta i concetti principali e
l'andamento logico del discorso.
MAPPE CONCETTUALI
La mappa concettuale è la rappresentazione visiva
di concetti, espressi in forma sintetica e racchiusi in
figure geometriche, collegati tra loro da frecce che
esplicitano le relazioni attraverso parole – legame
(modello teorico connessionista).
Sintetizza e mostra la struttura dell’informazione

Le mappe sono rappresentazioni spaziali di idee e


delle loro interrelazioni nella memoria e
permettono a chi apprende di correlare ciò che
stanno studiando attraverso network
multidimensionali di concetti e di descrivere la
natura delle relazioni tra essi…”
(Jonassen D.H., Reevers T.C, 1996)
Caratteristiche delle mappe concettuali
Per le mappe concettuali la conoscenza è nelle relazioni tra concetti.
Esse sono particolarmente indicate per lo sviluppo e la verifica dell'apprendimento
(apprendere ad apprendere) e impiegano:

tipologia di relazione: complessa (concetti legati tra di loro da relazione di qualunque


tipo)

codice linguistico: proposizioni formate parole (concetti e relazioni); di solito non


impiegano immagini o altri oggetti grafici

una logica connessionista: ciò che lega i concetti è una relazione orientata, definita,
esplicita, (è una logica lineare, razionale che si può immaginare appannaggio
dell'emisfero sinistro del cervello)

una geometria reticolare: i nodi si sviluppano ad albero a partire da un concetto


generale che risponde a una domanda focale. La disposizione ad albero non è
comunque obbligatoria; se si ritiene che la struttura a raggiera sia più graficamente più
efficace, si può utilizzare una struttura a raggiera purchè

una struttura inclusiva: dal generale al particolare, dal sovraordinato al sottoordinato,


ecc.
Coloro che conoscono poco (e male) le mappe concettuali
pensano che si tratti di uno strumento di rappresentazione
della conoscenza di tipo grafico, una specie di PowerPoint
più dotato.

Non è così.

Le mappe concettuali sono un potente strumento


conoscitivo di matrice costruttivista, che si fonda sulla
teoria dell'apprendimento significativo
MAPPE CONCETTUALI
(J. NOVAK)
Sono strumenti per interpretare, rielaborare e
trasmettere conoscenze, informazioni e dati.

Sono costituite da nodi concettuali, che


rappresentano un concetto elementare
descritto con un'etichetta collegati fra loro da
linee o frecce.

Le relazioni sono esplicitate attraverso


parole-legamento.

La struttura complessiva è di tipo reticolare.


A.P. Capuano, F. Storace, L. Ventriglia
Viaggio nel testo orientarsi con le mappe
A.P. Capuano, F. Storace, L. Ventriglia
Viaggio nel testo orientarsi con le mappe
Mappe concettuali – Cmap Tools

VUE - Visual Understanding Environment (in italiano)


Per mappe concettuali e reti semantiche; combina l'approccio delle
mappe concettuali con quello dei programmi di presentazione.
Molto interessante per scuola secondaria secondo grado e
università. Permette rapido e semplice inserimento di immagini e
collegamenti.
Alcune convenzioni che rendono la
mappa più leggibile:
• porre i concetti di pari livello sullo
stesso asse
• porre i concetti subordinati uno sotto
l’altro,
• orientare le frecce nel senso della
lettura del collegamento
Problemi tipici nella elaborazione delle
mappe
• Riproduzione della sequenza espositiva del
testo
• Assenza dei concetti centrali
• Presenza di concetti superflui
• Ripetizioni evitabili di concetti
• Errata connessione di concetti
• Mancata connessione di concetti

Anche se non esistono mappe giuste o


sbagliate….ogni mappa conduce ad una
nuova scoperta!!
Diagram Designer é un programma per creare diagrammi di flusso,
schemi e proiezione diapositive, semplice da utilizzare e con molte
opzioni avanzate, tra cui anche un dizionario ortografico, un
calcolatore di espressioni matematiche e altro

TUTORIAL

http://chino68.altervista.org/page11/page11.html

- www.pavonerisorse.it/cacrt/mappe, contiene una ampia serie di ragionamenti


sull'uso didattico delle mappe concettuali e indicazioni operative su software
- http://www.pavonerisorse.it/cacrt/mappe/bibliomap.htm
Le mappe (o schemi, diagrammi, ...) possono essere
utilizzate anche in modalità "passiva", cioè utilizzando
prodotti realizzati da altri (ve ne sono molte anche sui
libri di testo); questa modalità offre meno risultati sul
piano formativo e di apprendimento, ma
l'organizzazione delle informazioni in modalità grafica
invece che testuale è comunque utile per lo studio.
http://www.studioinmappa.it/joomla/

http://www.mappe-scuola.com/

http://mapper-mapper.blogspot.it/
Ma cosa fare concretamente?
GLI STUDENTI CON DSA HANNO
BISOGNO
DI STRUMENTI CONCRETI
PER AFFRONTARE
LA LETTURA
COMPETENZA di LETTURA

Il termine esprime
l’insieme delle conoscenze, abilità e competenze
che rendono
il soggetto istruito (literate), ossia capace di utilizzare
nella vita reale quanto ha appreso e di agire,
pertanto, in modo autonomo e responsabile, nonché di
partecipare attivamente
alla vita sociale

NON SOLO SAPER LEGGERE


Uso di strumenti di lettura alternativi

• registratore

• computer con sintesi vocale

• produzione di schemi, mappe, grafici


(strategie grafico-visiva)
E i «nuovi « libri di testo con
contenuti digitali

Le varie forme di libro

Cartaceo

Digitale e-book

Audio libro (libro parlato)


L. Grandi
PROCESSO DI APPRENDIMENTO

CANALI SENSORIALI
Sono i canali attraverso
cui arriva l'informazione

STILI DI APPRENDIMENTO
È il modo in cui l'informazione
viene elaborata
CANALI SENSORIALI

Uditivo
Visivo-verbale
Privilegia l’ascolto: è favorito
Preferenza per la letto-scrittura:
dall’assistere a una lezione, partecipare
si impara leggendo
a discussioni e dal lavoro con un
compagno o a gruppi

Visivo non verbale Cinestetico


Preferenza per immagini, disegni, Predilige attività concrete, come
fotografie, simboli, mappe concettuali, fare esperienza diretta di un
grafici e diagrammi: tutto ciò che problema, per comprendere ciò
riguarda il “Visual learning” di cui si sta parlando
STILE DI APPRENDIMENTO

Tendenza di una persona a preferire un certo


modo di apprendere (…) riguarda la sua
modalità di percepire e reagire a compiti legati
all’apprendimento attraverso la quale sceglie e
mette in atto comportamenti e strategie.
(Cadamuro, 2004)

http://www.itisff.it/z_main/formazione/6_novembre/questiona
rio_Stili_Apprendimento.pdf
AID
Accordo con alcune case editrici per
ottenere i libri di testo in formato
digitale
Libri digitali
Libri distribuiti in formato PDF
su supporto informatico,
Cosa sono
leggibili da programmi con
sintesi vocale

È un tipo di documento
PDF aperto: cos’è modificabile

Come si procurano LibroAID


La grande utilità del file del libro di testo, è la
possibilità di trasporne il contenuto,
semplificarlo, riassumerlo, utilizzarlo per fare
mappe concettuali.

Inoltre il libro digitale in pdf aperto è utilizzabile


con programmi di sintesi vocale.
Leggere con la SINTESI è un modo di comprendere,
diverso sia dalla lettura del testo sia dall’ascolto

COMPRENSIONE COMPRENSIONE COMPRENSIONE


DEL TESTO
DEL TESTO TRAMITE DA ASCOLTO
SCRITTO COMPUTER E (LETTURA CON VOCE UMANA,
DAL VIVO O REGISTRATA)
SINTESI VOCALE

Ciascuno dei tre modi Elementi di difficoltà


presenta i propri Elementi di facilitazione
F. Fogarolo
L'audiolibro e il libro parlato sono formati audio di testi. In questo
caso un lettore "presta" la propria voce che viene registrata e
distribuita su cd o semplicemente come file mp3.

LOGOS LIBRARY: una risorsa multilingue con testi classici di narrativa per
bambini e ragazzi, da poter ascoltare/scaricare e leggere

www.libroparlato .org libri parlati

www.liberliber.it testi elettronici da ascoltare con


sintesi vocale

http://www.audiolibri.it/download.htm

www.aiditalia.org/it/software_gratuito_per_i_libri_digitali.html
https://bibliomediablog.com/2014/09/25/risorse-utili-per-i-dsa-su-media-
library-on-line/

Quali strumenti sono disponibili su MLOL?


Le biblioteche che aderiscono a MLOL mettono a disposizione
gratuitamente per i propri utenti molte risorse che possono essere
utilissime anche per i DSA:
– gli audiolibri in streaming (ovvero da ascoltare online) e quelli in
download

gli audio-ebook: sono audiolibri sincronizzati


con il testo digitale, che consentono lettura e
ascolto coordinati

gli ebook si prestano a diverse operazioni che


ne possono facilitare la lettura

risorse per l’e-learning: su MediaLibrary trovate due utilissimi strumenti per


l’apprendimento, ovvero Oilproject, che offre risorse adatte a diverse fasce di età,
e Federica Web Learning, rivolto invece agli universitari
del Centro Internazionale del Libro
Parlato “A. Sernagiotto” ONLUS.
Alcuni
strumenti utili

IL TERZO ANELLO - AD ALTA VOCE


http://www.radio.rai.it/radio3/terzo_anello/alta_voce/

http://www.radio.rai.it/radio1/fantasticamente/tani.cfm
Kindle Oasis: nuove opzioni di accessibilità per i dislessici
In ultimo, l’uscita del nuovo Kindle Oasis, il nuovo lettore eBook
della Amazon con uno schermo da 7 pollici, con una batteria che
garantisce maggiore autonomia e che si ricarica in sole due ore.
Maggiore memoria interna per i libri elettronici che permette di
conservare migliaia di volumi. Lo schermo è impermeabile
all’acqua dolce.
Ma quello che ci interessa del nuovo Kindle è il software: nuove
impostazioni di lettura per incrementare la dimensione dei
caratteri (più grandi rispetto al passato) e cinque livelli di
grassetto. Esplicitamente previste per il confort di lettura dei
dislessici sono le nuove opzioni di accessibilità (carattere
OpenDyslexic e inversione in bianco e nero) e di regolazione
della luce (automatica tramite sensori o regolabile in base alle
preferenze personali) oltre alla possibilità di leggere i testi con
allineamento a sinistra.
Consigli per l’uso … della
sintesi vocale

• abitudine al suo utilizzo, per gradi

• educazione all’ascolto (leggere con la sintesi


non è scontato!)
La lettura attraverso il computer arricchisce
l’esperienza linguistica del ragazzo
esponendolo alle “buone forme linguistiche”
dei testi scritti. Dunque, meglio ascoltare
buoni testi che non fare nessuna esperienza.

Inoltre i dati ricavati dalle esperienze fin qui


condotte dimostrano che i ragazzi che usano
stabilmente il computer per leggere e per
scrivere migliorano la loro capacità di lettura
diretta.

L’uso, anche indiretto, dei testi scritti


produce un miglioramento generale delle
capacità di lettura.
LeggiXMe
come strumento compensativo per lo studio
e facilitatore dell’apprendimento per DSA
Cos'è LeggiXme

LeggiXme è un progetto di software


gratuito per supportare nello studio,
con l'aiuto della sintesi vocale, alunni e
studenti con DSA.

https://sites.google.com/site/leggixme/
Cosa trovi?
PDFViewer, un buon programma per
1) LeggiXme_SP gestire i libri digitali.

2) Mind Maple
Mind Maple, per creare mappe
3) PDFViewer mentali. Come vedremo, si
possono creare mappe
4) Red Crab direttamente da LeggiXme.

RedCrab, un programma per


scrivere la matematica.
LeggiXme integrato con Pdf-XChange Viewer (come
lettore pdf predefinito)

E.A. EMILI
PDF-XChange Viewer
VIVO 3 PER FAR PARLARE IL PC

VIVO 3 è la nuova versione della suite gratuita che rende


parlante il computer: pagine web, testo, documenti,
posta elettronica, programmi, finestre, ecc.. vengono
tutti letti dal computer. Esiste in versione standard ( da
installare ) e in versione portatile ( per chiavetta USB ).
ALTRI STRUMENTI PER LAVORARE CON IL TESTO
audio.org portale delle risorse didattiche
multimediali del prof. Gaudio
BIGnomi: 100 video per ripassare Storia e Letteratura.
Potrai vedere, scaricare e condividere sui social network le prime 100 pillole
di BIGnomi grazie al tuo Smartphone
I principali argomenti delle due materie sono sintetizzati in modo semplice,
chiaro e "scolastico" da molti personaggi.
Vocabolari digitali online

Lingue straniere
http://dizionari.hoepli.it
Inglese, Francese,
Spagnolo, Tedesco

Latino http://www.dizionario-latino.com

Greco http://www.grecoantico.com
http://tuttiabordo-dislessia.blogspot.it/
Disortografia

Uso degli strumenti di controllo

Correttore
ortografico
Sintesi vocale
(sia come “eco”
immediato che come
controllo successivo)
La videoscrittura …

• di economizzare energie
• di sollecitare processi di decisione lessicale
consente • di controllare I testi più facilmente
• di buttare giù le idee e riorganizzarle
successivamente

richiede • conoscenza della tastiera


• capacità di digitazione
• buone competenze fonetico-fonologiche
PROGRAMMI DI VIDEOSCRITTURA CON CORRETTORE
ORTOGRAFICO
I programmi di videoscrittura permettono di comporre un
testo, visualizzarlo sullo schermo, modificarlo e salvarlo.
Sono utili per vari motivi:

Tra i più comuni programmi di


videoscrittura si hanno:
WORD del pacchetto
Microsoft Office
WRITER del pacchetto OpenOffice
KIT X KIDS è un prodotto Microsoft. E' un software che semplifica le funzionalità
di Microsoft Word, Excel e PowerPoint, usando icone più adatte ai bambini.
E' possibile scaricare il programma solo se si ha installato sul proprio computer
Microsoft Office.
E' scaricabile a questo LINK https://www.microsoft.com/it-it/education .

SynWrite (editor di testo)


SynWrite è un text editor open source le sue funzionalità sono tantissime,
Certamente è un software molto valido, ma può essere sprecato per chi ha
bisogno di qualcosa di elementare (è ricchissimo di comandi e di menu);
basti pensare che al suo interno possiede un client FTP in grado di
aggiornare automaticamente sul nostro server online i file appena creati o
modificati.
Inizialmente sembra che SynWrite sia solo in lingua inglese, ma basta
andare nelle preferenze e si può scaricare l'aggiunta della lingua italiana.
Disgrafia
Disgrafia

Uso del computer come strumento di video scrittura

Vantaggi Problemi
• garantita la buona qualità • imparare ad usare
grafica correttamente il computer
- impostazione
• autostima dattilografica
- prestare attenzione alla
spaziatura
Programmi per imparare
a scrivere con 10 dita

10dita Gratuito

Tutore Dattilo Gratuito

Scrivere veloci Prodotto commerciale


con la tastiera (Erickson)
Lavorando
con le
piattaforme
delle case
editrici
La piattaforma Cloudschooling
Loescher
Cloudschooling è l’ambiente digitale avanzato messo a disposizione da
Loescher:
• serve al docente per creare una classe virtuale e assegnare online
le Palestre (esercizi interattivi tradizionali) e analisi del testo e traduzioni
guidate dai Tutor;
• serve allo studente per svolgere attività di recupero e ripasso in
autovalutazione.

http://www.loescher.it//cloudschooling/intro#7

I tutor

I tutor aiutano ad affrontare molteplici tipologie di testi formulando


domande e associando a ciascuna un supporto progressivo di aiuti fino a
guidare lo studente alla risposta corretta.
RAI Scuola: previa registrazione, è possibile creare
lezioni multimediali caricando immagini o filmati dai
repository RAI, Youtube ed altri o dal proprio pc. E’
possibile inserire testi o presentazioni. (tutorial)
Piattaforme per la didattica
Learning Management System
Strumenti di condivisione on-line per
una didattica inclusiva

http://www.icspellico.gov.it/sites/default/files/DVA%20CODICE
%20CLASSE%20sq6nkt.pdf

Google Drive e i suoi strumenti, che si prestano ad ogni


soluzione e comunque di facile utilizzo.

file:///C:/Users/enrica/Downloads/Corso_GSuite_per_la_didattica.pdf
https://www.microsoft.com/it-it/windows/microsoft-edge

https://products.office.com/it-it/student/office-in-education

SusyDiario 2.0: tutto un altro modo di fare scuola!


SusyDiario è l’unica piattaforma didattica interattiva online progettata
espressamente per l’uso nella scuola primaria. Dunque è adatta per proporre agli
alunni letture, esempi, lezioni, esercizi, giochi didattici in classe sulla LIM, o in
laboratorio informatico, oppure a casa sul PC o altrove con smartphone o tablet.
http://www.susydiario.it/catalogoc.asp?R=3&S=24&C=36
Sei un docente?
Con la nostra piattaforma gratuita puoi portare
la tua lezione online e rendere la tua didattica
più coinvolgente ed efficace

Essa presenta le seguenti caratteristiche:


permette di creare facilmente classi virtuali
e/o gruppi di lavoro, si integra facilmente con le
altre piattaforme, gli studenti possono creare
learning object, è compatibile con qualsiasi
dispositivo smart , permette di creare test e
verifiche di vario tipo, si aggiorna in automatico.

Sei uno studente?


Dalla letteratura alla chimica: qui trovi migliaia
di video, testi ed esercizi per ripassare e
https://www.weschool.com/ studiare online.

Manuale https://app.weschool.com/#login
“Un modo nuovo di pensare a cultura e istruzione.
Senza tempo e senza aule.
I banchi saranno dappertutto, e i docenti pure”.

è una piattaforma per studiare online con i tuoi alunni.


Migliaia di video, testi ed esercizi sulle materie
scolastiche. http://www.oilproject.org/
http://www.lidiaedu.com/lidia.html

Cos'è Lidia?
Lidia è una suite di strumenti didattici concepiti per la rete digitale e dedicati
all’insegnamento delle principali materie di studio.
Lidia è utilizzabile ad ogni livello di studio, dalla scuola primaria all’università.
A chi si rivolge Lidia?
Lidia è dedicata al mondo dell'insegnamento e può essere facilmente integrata
con la piattaforma digitale utilizzata nel mondo della scuola (LMS).
Lidia rappresenta anche un’opportunità per gli editori ai quali offre una concreta
possibilità di ampliare l’offerta didattica digitale, con ampia facoltà di
personalizzazione grafica e delle funzionalità.
PowerPoint e
presentazioni
multimediali

Agganciando i diversi
stili dell’apprendimento
Prezi ha avuto un effetto dirompente
sul mondo delle presentazioni,
superando la linearità di "classici"
strumenti come PowerPoint.

http://www.comeweb.it/
AIUTI PER LA MATEMATICA …
GeoGebra
Software libero per
l'apprendimento e l'insegnamento
della matematica

aMat Lite È una versione ad-supported per Android e non presenta tutte
le funzionalità disponibili nella versione completa.

Ricchissima collezione di risorse utili per


ogni argomento di matematica. Esercizi,
presentazioni, animazioni, software, per
tutti gli ordini scolastici. Approfondimenti
e recupero. Possibilità di iscriversi ad una
interessante newsletter mensile.
http://www.matematicamente.it/
www.math.it
E CON LE LINGUE
STRANIERE?
Portale per le lingue
straniere

http://ictmaximus.com/anils/sitografia-0

Vocabolari digitali scaricabili

Dizionario di Lingue straniere


DEJUDICIBUS

http://dizionario.dejudicibus.it/
ALTRI STRUMENTI
COMPENSATIVI …
LA CHIAVE DEL SUCCESSO…
E IL PC LO METTO IN TASCA

Andrea Berto – docente presso IC 1 Mogliano


Veneto in collab. con www.pcintasca.org

126
Utilizzo del cellulare per motivi didattici,
quando previsto dall’insegnante, come definito
nel Regolamento di istituto, per registrare
alcune spiegazioni, fotografare schemi, fare
ricerche. Il cellulare può sostituire per gli alunni
con DSA il computer, il tablet ed altri strumenti
più complessi da usare, per gli altri
contribuisce a creare un punto di incontro tra
scuola e propria quotidianità, oltre che un
valido aiuto per la ricerca di informazioni.
Consente di registrare le lezioni per
poterle riascoltare a casa, in questo modo
il ragazzo può riascoltare la spiegazione
tante volte quante ritiene necessario.
Audacity® è un software gratuito, open source, multi-
piattaforma per registrare e modificare l'audio.
Tablet

Con un’interfaccia utente semplicissima; piccoli e


maneggevoli, si possono integrare facilmente nell’aula, capaci di
riprodurre e creare file multimediali e dotati di collegamento dati
alle reti cellulari.

http://www.retebescomo.it/app-per-tablet/

http://www.centroleonardo-psicologia.net/news/221-le-migliori-app-
per-dsa.html
https://www.youreduaction.it/migliori-app-per-gli-insegnanti-raccolte-in-una-
mappa/
http://www.retebescomo.it/app-per-tablet/

http://www.centroleonardo-psicologia.net/news/221-le-migliori-app-
per-dsa.html
La LIM è un’opportunità e una
sfida per i Docenti
Un’opportunità perché:
• permette di gestire il lavoro in aula in
maniera più efficiente
• consente di mettere a disposizione materiali
didattici multimediali e interattivi
• si utilizzano innumerevoli fonti e risorse
digitali.

Una sfida perché:


• costringe a far entrare nella scuola l’uso di
linguaggi nuovi e nuove risorse
• rende ancora più efficace l’azione di insegnamento
• permette di trovare nuove soluzioni
http://www.primaria.scuola.com/limnews/default.asp
Ancora siti … da consultare
Tante vie per imparare Stili e strategie tra apprendimento e
insegnamento. Attività ed esercizi alla scoperta di un metodo di studio
http://www.learningpaths.org/italianindex.htm

DIGILANDER
https://www.profgiuseppebettati.it/

BIBLIOLAD
http://www.bibliolab.it/lim_web/lim_index.htm
http://www.ausiliotecafirenze.org/cms/dsa-e-potenziamento/9-dsa-e-
potenziamento/10-dsa-e-potenziamento.html

Siete pronti a navigare? Giochi per divertirsi, per conoscere, per sfidarsi,
per mettersi alla prova, per imparare...Risorse per scuola dell'infanzia,
scuola elementare, scuola media
http://www.sieteprontianavigare.it/

Sito in cui è possibile trovare materiale


multimediale didattico, ma anche ludico.
http://www.vicariweb.it/

vbscuola si rivolge a insegnanti e genitori interessati


all'uso attivo delle nuove tecnologie dell'informazione e della
comunicazione in campo educativo.
http://vbscuola.it/
http://www.studiamoinrete.it/presentazione-
scuolainterattiva.html

http://profdigitale.com/video_educativi/

Testi semplificati
di Arte, Diritto ed Economia, Geografia, Scienze, Storia
dal sito Ala Milano Onlus Per scaricare i testi:
http://www.alainrete.org/produzioni.html#pubblicazioni

Il progetto Repetita della Treccani nasce come un servizio a


supporto dello studio, proponendo attività adattabili alle
diverse caratteristiche di ogni studente.
https://www.youtube.com/user/RepetitaTreccani
Enciclopedie multimediali
Medita - Mediateca Digitale italiana, è la piattaforma didattica per i
docenti di ogni ordine e grado. 4000 unità audiovisive e moltissimi
oggetti multimediali attraverso i quali preparare le proprie lezioni in
aula. http://www.medita.rai.it/default.aspx

Il tempo e la storia è un programma televisivo di


approfondimento storico prodotto da Rai Educational e
condotto da Massimo Bernardini, in onda dal lunedì al venerdì
su Rai 3 (alle ore 13:20) e su Rai Storia (alle 20:30).
http://www.raistoria.rai.it/tempo-storia/default.aspx

OVO è un'enciclopedia video, una library che si compone di migliaia di


documentari della durata di circa 3 minuti ciascuno. I video di OVO offrono
un'esperienza di grande impatto visivo. I testi dei video sono basati sui lemmi
presenti nell'Enciclopedia Treccani.
Richiede la registrazione gratuita. http://www.ovo.com
Siti per approfondire
Le lingue antiche (Greco e Latino) presentate in modo interattivo.
http://www.poesialatina.it/_

Il portale di RAI Educational dedicato alla Filosofia


http://www.filosofia.rai.it/

Chimica-online.it: risorse didattiche per lo studio


online della Chimica

“FISICAST”: la fisica da ascoltare


http://www.radioscienza.it/fisicast/
Alberto Pian è noto per aver ideato nuove metodologie
didattiche di successo e per l’elaborazione di progetti
innovativi per la formazione in grandi aziende e scuole,
attraverso attività di storytellinged editoriali.
Ha pubblicato decine di libri anche gratuiti e centinaia di
articoli e filmati e collabora con diverse organizzazioni
scolastiche e aziendali.
https://flipnet.it/8-webinar-gratuito-le-nuove-frontiere-della-narrazione-con-
alberto-pian/
http://didanext.www76.a2hosted.com/

Daniela Di Donato

https://profdanieladidonato.blogspot.com/
Il metodo per prendere appunti Cornell è stato
sviluppato dal Dr. Walter Pauk della Cornell University. Si
tratta di un sistema molto usato per fare annotazioni
durante una lezione o una lettura, e per ripassare e
memorizzare quel materiale.

https://www.wikihow.it/Prendere-Appunti-con-il-Metodo-Cornell
Solo pochi dei vostri alunni sanno realmente usare le
tecnologie in modo consapevole. I dati Istat per l’Italia sono
impietosi. Espandere e costruire insieme giorno per giorno questa
competenza per tutti i vostri alunni è fondamentale.

Diventare “saggi digitali” (Prensky, 2012) vuol


dire diventare autonomi, la scuola lo deve
incentivare e permettere

Senza saggezza digitale, un ragazzo di oggi è un


analfabeta, che non avrà autonomia di vita e avrà difficoltà ad
accedere al mondo del lavoro. Se questo ragazzo è anche DSA, il tutto
si complica in maniera ancora più drammatica.
La sfida attuale di un
insegnamento non è solo
quella di imparare a fare
sempre meglio le stesse
cose, ma, soprattutto, a
pensarle e a farle
diversamente.
Roberto Medeghini – Mantova 2013