Sei sulla pagina 1di 2

APPUNTI SULLA LETTERATURA DI FINE '800 E INIZIO '900

DECADENTISMO: Corrente letteraria, nata in Francia nel 1880. Rappresenta il


declino di una civiltà visto in modo positivo.

L'INTELLETUALE DECADENTE: Assume un atteggiamento di ribellione nei


confronti della società borghese in particolare
per quanto riguarda i suoi valori e la sua filosofia
(positivismo). Contestano la poesia tradizionale
e i Parnassiani ( coloro che fanno una poesia
razionale ).

DECADENMTISMO IN ITALIA: I maggiori esponenti sono: Pascoli, Svevo,


D'Annuzio, Pirandello

SIMBOLISMO: Il predecessore dei simbolistii è Mallarme; 16 anni dopo Bodeler


(padre) fece il manifesto. Gli altri simbolisti sono Rembow, Verlen.
Per quanto riguarda l'italia uno dei maggiori esponenti è il Pascoli. I
SIMBOLISTI, concepiscono la natura non come una cosa precisa, ma
come un insieme di simboli di una realtà più complessa e remota che
il poeta interpreta, non attraverso la logica ma attraverso una
musicalità. Per i simbolisti la poesia deve essere appunto fatta di
musicalità e soprattutto deve essere libera. L'universo è concepito
come un organismo in cui i vari elementi hanno corrispondenza tra di
loro e il compito del poeta è quello di cogliere le analogie e i simboli,
cioè farsi interprete e veggente dell'ignoto.

SIMBOLO: Il simbolo si verifica quando un oggetto rappresenta un altro oggetto ed è


legato ad esso con un valore profondo che oltrepassa l'apparenza

ANOLOGIA: L'analogia si verifica quando viene creato un legame tra due cose del
tutto dissimili

ESTETISMO: E' caratterizzato dal culto della bellezza. L'arte è intesa come supremo
valore che modella la vita. I maggiori esponenti sono Wild e
D'Annunzio.

CREPUSCOLARISMO: I crepuscolari rifiutano il mondo che li circonda. Sono anti-


dannuziani. Segnano la fine delle arti poetiche dell'800. La
loro poesia è caratterizzata dalla stanchezza di vivere, da un
senso di rinuncia e dalla incapacità di stabilire un rapporto
attivo con la realtà
FUTURISMO: I futuristi odiano il passato ed esaltano la velocità e la guerra. Usano
molto le analogie ammirano i simbolisti. Il fondatore è Marinetti.
Questo movimento letterario fu esaltato dal fascismo e dal nazismo

AVANGUARDIE: Dadaismo e surrealismo

PASCOLI: Pascoli ebbe una infanzia difficile. Era in contrapposizione con la


borghesia capitalistica essendo un proprietario terriero. Le poetiche che il
poeta riporta nelle sue poesie sono:

Poetica del nido: estremo rifugio contro i mali e le violenze della storia e
della società in cui vive Pascoli

Poetica della siepe: proteggere il piccolo appezzamento terriero della sua


tenuta in campagna. Pascoli si sente parte della borghesia rurale

Poetica del fanciullino: capacità di sentire e di pensare come un bambino


( questa capacità per Pascoli l'hanno solo i poeti ).