Sei sulla pagina 1di 22

Ora l’opposizione si muova con una iniziativa comune.

Ogni
giorno sprecato ridà fiato al Caimano. Non si può più sbagliarey(7HC0D7*KSTKKQ( +#!"!$!=!]
www.ilfattoquotidiano.it
Sponsor ufficiale Sponsor ufficiale

O¶LWDOLDV¶qGHVWD O¶LWDOLDV¶qGHVWD
 
DUWHLQ,WDOLDQHOVHFRQGRGRSRJXHUUD DUWHLQ,WDOLDQHOVHFRQGRGRSRJXHUUD
dal 13 febbraio al dal 13 febbraio al
26 giugno 2011 26 giugno 2011
Museo d’Arte della città Museo d’Arte della città
via di Roma 13 - Ravenna via di Roma 13 - Ravenna
www.museocitta.ra.it Ravenna www.museocitta.ra.it Ravenna
Comune di Ravenna Comune di Ravenna
tel. 0544 482477 Assessorato alla Cultura
&,77$
&$1','$7$
&$3,7$/( (8523($
'(//$ &8/785$ tel. 0544 482477 Assessorato alla Cultura
&,77$
&$1','$7$
&$3,7$/( (8523($
'(//$ &8/785$

Mercoledì 16 febbraio 2011 – Anno 3 – n° 39 € 9,90 DVD + € 1,20 – Arretrati: € 2,00


Redazione: via Valadier n° 42 – 00193 Roma Spedizione abb. postale D.L. 353/03 (conv.in L. 27/02/2004 n. 46)
tel. +39 06 32818.1 – fax +39 06 32818.230 Art. 1 comma 1 Roma Aut. 114/2009

Prepariamoci Silvio Pelvico


a tutto di Marco Travaglio

lla fine, depositato il polverone

A
di Antonio Padellaro
dc politico-mediatico del Truman Show, restano
i fatti nudi e crudi, che il gip Cristina Di
ipeterlo è perfino inu-

R
Censo descrive con una semplicità
tile. In qualsiasi altra disarmante. Una sera di maggio un cittadino
democrazia al mondo telefona in Questura per far rilasciare una
un premier indagato minorenne marocchina fermata per furto senza
per prostituzione minorile documenti né fissa dimora, spacciandola per la
non sarebbe restato un mi- nipote del presidente egiziano Mubarak. Se fosse un
nuto di più al suo posto. Pen- passante, lo manderebbero a prendere per il
sate a Cameron, a Sarkozy, trattamento sanitario obbligatorio. Trattandosi del
a Zapatero. Come avrebbero presidente del Consiglio, trattengono le risa e
obbediscono a lui anziché al pm minorile e affidano
potuto tirarla in lungo accu-
la ragazza a una procace consigliera regionale che si
sando di qualsiasi cosa ma- è precipitata sul posto in compagnia di una
gistratura e informazione prostituta brasiliana, nelle cui mani poi la consigliera
senza rischiare una rivolta di scarica la minorenne. Le due immigrate vengono
piazza? Figuriamoci se rin- poi sorprese a rissare furiosamente e a rinfacciarsi la
viati a giudizio con una mo- loro professione, la più antica del mondo. Indagini,
tivazione di un giudice terzo, interrogatori e intercettazioni per scovare chi
il gip, che parla di “evidenza organizza il giro di squillo: saltano fuori i nomi della
delle prove”. Ma in Italia c’è consigliera regionale, di un direttore di telegiornale
Berlusconi e anche in queste e di un impresario di star dalla dubbia fama (lui, non
ore di marasma e di vergo- le star). L’utilizzatore finale invece è il presidente del
gna, mentre tutti i notiziari Consiglio, che paga in soldi, favori, gioielli,
del globo aprono con la no- appartamenti in comodato gratuito: ecco perché ha
tizia che è senza precedenti, telefonato in Questura. Dalle perquisizioni affiorano
i soldi, elargiti un po’ dal premier un po’ dal suo
a Palazzo Grazioli il partito
ragioniere, che però non può essere perquisito
del tanto peggio può ancora perché abita in una succursale della Presidenza del
alzare la voce. Fregatene, re- Consiglio. Ci vuole il permesso della Camera. I
sisti, vai avanti: così lo con- giudici lo chiedono. La Camera rispedisce il faldone
siglia la corte dei venduti e al mittente senza dire né sì né no, sostenendo che è
dei parassiti che pur di non

LA FESTA
competente il Tribunale dei ministri perché il
essere ricacciati nel nulla da premier chiamò la Questura per sventare una crisi
cui sono stati tirati fuori (il diplomatica con l’Egitto. Vivo stupore in Egitto,
vero miracolo italiano) lo so- dove nessuno è stato avvertito del fatto che il capo
spingono di nuovo sul ring del governo italiano racconta in giro che Mubarak
disposti a farlo massacrare ha una nipote prostituta e che questa presta
pur di salvarsi. Un uomo con abitualmente servizio in casa sua (del capo del
un residuo di lucidità avreb- governo italiano). Anche perché, in tal caso, l’Italia
be già capito dal rumoroso rischierebbe non solo l’incidente diplomatico, ma
un attacco missilistico. Alla Procura di Milano
silenzio di Bossi che perfino
bastano meno di tre mesi per tirare le somme:
il più fedele alleato ne ha le pagare una minorenne in cambio di sesso è reato
scatole piene. E quella gelida

È FINITA
(prostituzione minorile), indurre la Questura a
frase del cardinal Bagnasco: compiere un atto indebito a favore di un’amica è
“Occorre trasparenza” non reato (concussione). E, siccome in casi così rapidi
suona forse come la campa- ed evidenti il Codice prevede il rito immediato, i pm
na a martello del Vaticano? lo chiedono. Il gip Di Censo sa quel che le accadrà
Con il Caimano ferito tutto è se lo accorderà: verrà insultata, spiata, screditata,
possibile. Ma se non darà dossierata, trascinata alla Consulta. Eppure mantiene
ascolto alle voci del buon i nervi saldi e decide secondo coscienza, sine spe ac
senso che gli indicano come metu, uniche bussole il Codice penale e la
unica via d’uscita le dimissio- Costituzione. Dopo i 5 giorni canonici, rinvia B. a
ni immediate per poi giocar- giudizio immediato. Ritiene che le accuse siano
si l’intera posta sul tavolo Concussione e prostituzione minorile: provate e meritino il vaglio processuale. Il Tribunale
stabilirà se è provata anche la colpevolezza
delle elezioni anticipate. Se,
insomma, tenterà l’ultimo di-
sperato arrocco trincerando-
processo immediato per il premier dell’imputato B. Incidentalmente il gip spiega anche
perché il caso è roba da tribunale ordinario: basta

si dentro Palazzo Chigi con la


sua maggioranza gonfiata da
Caso unico al mondo. Vada via leggere la Costituzione per sapere che è reato
ministeriale quando un membro del governo abusa
delle proprie funzioni. Ma il premier non ha poteri
(FOTO ANSA)
deputati comprati un tanto sulle Questure (non è il ministro dell’Interno né il
al chilo, allora toccherà al- capo della Polizia): ergo, chiamando quella di
l’opposizione uscire allo sco- Per il gip Cristina Di Censo le nmilano nopposizione Milano, non abusò delle funzioni, ma della qualità di
perto con un gesto forte, accuse della procura sono Carmen, Giulia Bersani: dimissioni capo del governo. Reato ordinario, tribunale
drammatico, senza prece- ordinario. Tutto semplice, elementare, lapalissiano.
fondate e il tribunale e Orsolina: i giudici inevitabili Ci arriverebbe uno studente al primo giorno di
denti come lo è il momento
competente è Milano. Prima Giurisprudenza. Non, dunque, legioni di politici e
che viviamo. Se n’è già par-
lato: le dimissioni in blocco udienza il 6 aprile, sarà
che mettono paura E subito al voto opinionisti servi. Il 6 aprile, se vorrà, B. comparirà in
Sansa pag. 5z Zanca pag. 3z tribunale. Se non vorrà, peggio per lui: lo
di tutti i gruppi e di tutti i giudicato da tre donne. Parti processeranno lo stesso. Dopo vent’anni di urla,
parlamentari dell’opposizio-
ne. Camera e Senato già ri- lese: Ruby, il ministero degli npalazzo grazioli strepiti, leggi su misura, censure, epurazioni, ricorsi,
dotte a enti inutili dall’inet- Interni e tre funzionari della Consiglio di guerra CATTIVERIE ricusazioni e centinaia di milioni spesi in avvocati,
giudici, testimoni e deputati per trasformare il
titudine del governo non po-
trebbero sopravvivere. Un
questura. La notizia apre tutti Alfano guida i falchi Il Tribunale di Milano è talmente Parlamento e il Paese intero in un gigantesco
fazioso che farà giudicare collegio di difesa, si ritroverà solo, impotente, nudo
gesto estremo. Ma preparia- i notiziari internazionali La Lega si defila il premier da tre maggiorenni come un verme davanti all’incubo che lo insegue da
moci a ogni evenienza. Barbacetto e Mascali pag. 2 z Telese pag. 3z Gianni Zuccheddu, www.danieleluttazzi.it sempre: la Giustizia.
pagina 2 Mercoledì 16 febbraio 2011

C
LA FESTA È FINITA LA FESTA È FINITA

on quello “Ruby” sono 4 i procedimenti a invece ci sarà l’udienza preliminare per la vicenda l’appropriazione indebita si riferisce a circa 34 milioni di Gelmini si ricorda Alfano: “A rischio Meloni: “Sarà
Dai fondi neri Mediaset carico del premier che nel giro di poco Mediatrade (stralcio del caso Mediaset) che ripartirà dollari. L’11 marzo poi ricomincerà il processo in cui il Ministri in obbligo dei Padri costituenti: la sovranità un processo
tempo cominceranno o riprenderanno a in sostanza da zero: qui B. è accusato di capo del governo è imputato di corruzione in atti “Subito l’immunità” del Parlamento” alla democrazia”
Milano. Il 28 febbraio riparte il caso Mediaset: appropriazione indebita e frode fiscale sempre giudiziari perché avrebbe “comprato” il silenzio Il ministro dell’Istruzione “Il gip non ha tenuto Il ministro della Gioventù:
alla corruzione: le altre Berlusconi è imputato di frode fiscale in relazione a per presunte irregolarità nella compravendita di diritti dell’avvocato Mills. Quest’ultimo è già stato di trincea: il Capo si esercita in citazioni conto del voto “Fingere di non vederlo
presunte irregolarità nella compravendita di diritti tv per creare, questa è l’ipotesi dell’accusa, fondi neri. condannato in primo e secondo grado a quatto anni e storiche e dice: della Camera, non aiuterà l’Italia a
tv e cinematografici. Insieme a lui sotto processo ci Il reato di frode fiscale è contestato fino al novembre mezzo di reclusione ma la Cassazione ha finito con il “Attacco alla sovranità la cui autonomia liberarsi del ‘tiranno
tre inchieste aperte sono altre 11 persone tra cui Confalonieri. Il 5 marzo del 2009 e riguarda 8 milioni di euro evasi, mentre dichiarare la prescrizione del reato. non si tocca popolare” (FOTO ANSA) è a rischio” (FOTO DLM) Berlusconi’” (FOTO EMBLEMA)

Le decisioni del Gip Parti lese

Resistere, resistere, resistere


norile. Inoltre, annota il pressioni dal premier. Che lino Alfano, o lo stesso sottose-
gip, così facendo, non si ha nella notte tra il 27 e il 28 mag- gretario) ed evitare così il
Concussione nessuna limitazione del di- Karima, i funzionari gio scorsi, chiamò negli uffici dramma di immagine di un pre-
ritto di difesa dell’imputato. di via Fatebenefratelli per ot- mier messo alla graticola delle
e prostituzione unite Il giudice spiega anche per e il Viminale tenere il rilascio di Ruby, per- testimonianze nel processo.
quale ragione la competen- sona offesa a sua volta per il Infine c’è una terza possibilità,

S econdo il gip si può pro- za a indagare sia della Pro-


N on solo Ruby: parti lese reato di prostituzione minori- che si può esplorare in questo

Ma dietro c’è Marina


cedere con rito imme- cura di Milano e non del Tri- nel processo che vede le. Infine il ministero dell’In- scenario: l’arrocco. È un’idea
diato sia per il reato di pro- bunale dei ministri: citando imputato Berlusconi sono an- terno, parte offesa per la tele- che continua ad affacciarsi co-
stituzione minorile che per due sentenze della Cassazio- che i tre funzionari della Que- fonata che il premier fece alla me tentazione estrema, nella
quello di concussione per- ne, sottolinea come la con- stura di Milano e il ministero questura (si contesta la con- testa del Cavaliere: far scende-
ché il reato più grave di con- cussione, in questo caso, sia dell’Interno. Il capo di gabi- cussione). La Presidenza del re in campo la figlia Marina, ac-
cussione attrae quello puni- stata commessa nella quali- netto Pietro Ostuni, e i funzio- Consiglio potrebbe costituirsi compagnare la sua campagna
to con sanzioni più lievi, tà di presidente del Consi- nari Giorgia Iafrate e Ivo Mo- parte civile in rappresentanza elettorale, comizio per comi-
quello di prostituzione mi- glio e non nella funzione. relli, avrebbero infatti subito del ministero dell’Interno. BERLUSCONI NEL BUNKER: “HO I NUMERI zio, e far reinvestire il centro-
destra da un mandato elettora-
le pieno prima che possa arri-
NO AL VOTO”. LA LEGA NON LO MOLLA

COSÌ RUBY
vare qualsiasi sentenza. Una
mossa che potrebbe diventare
l’unica possibile se la Lega do-
di Luca Telese un anno), ma non può differire re più ascoltate in questo mo- vesse mollare il governo. Ipo-
il calvario mediatico e giudizia- mento, ieri ha incontrato Ber- tesi improbabile? Guardando i
incarnato pallido e la

L’
rio, in nessun caso. E poi c’è lusconi due volte. Dicono che sondaggi che vedono colare a
mascella serrata. Ma so- l’allarme più drammatico che sia lei la sostenitrice più acca- picco la popolarità del premier

HA INCASTRATO B.
prattutto gli occhi, fes- lancia Niccolò Ghedini. Già a nita della prima strada, quella sì. Ma ieri è stata letta come un
surati come due feritoie, settembre – se non si fa subito che viene scelta in queste ore: segnale preoccupante, l’inter-
davvero quelli di un caimano. una legge che cambi le regole “Non ti dimettere, Silvio. Non vista de La Padania a Pier Luigi
Rinvio a giudizio. Prostituzio- sul processo breve – arriverà la fare nemmeno un passo indie- Bersani. Non a caso, gli off re-
ne minorile. Concussione. condanna per il caso Mills. Pro- tro. Adesso alla Camera ab- cord di Palazzo Chigi riferivano
Non sapremo mai di cosa stituzione minorile e anche biamo una maggioranza questa frase del Cavaliere: “L'o-
avrebbe parlato Silvio Berlu- corruzione. Gli occhi come blindata – spiega la pasio- biettivo è farmi fuori. Se mi do-
Il Bunga bunga, la minorenne e le pressioni sconi nella sua conferenza
stampa a Catania, ieri mattina.
due fessure, passi in circolo,
come un leone in gabbia.
naria – cambiamo la legge
sul processo breve e
vessero impedire di difender-
mi e di poter governare allora –
Appena arriva la notizia il pre- continui a governare”. queste le parole di Berlusconi –
sulla Questura: il 6 aprile il processo mier cancella tutto, con un
colpo di spugna, e precipita
SÌ, È VERO: nell’ultimo uffi-
cio politico del Pdl la possibi-
Sì, è vero: gli occhi sono
serrati, la mascella stret-
sarà il popolo a ristabilire la ve-
rità. Io vado avanti, ho i numeri
nel primo black out informati- lità del rinvio a giudizio era sta- ta. E tutti i maggiorenti per andare avanti”. Ma tutte
di Gianni
Barbacetto vo degli ultimi diciassette anni ta discussa, la settimana scorsa. del Pdl, da Fabrizio Cic- queste certezze scompaiono
e Antonella Mascali di biografia politica. Ma poi quando arrivano i titoli, chitto a Maurizio di fronte all’idea di dover mol-
la stampa internazionale e la Gasparri si sono lare Palazzo Chigi, e alla pro-
a vinto la procura di NON UNA PAROLA. Col-

H
bomba atomica dell’opinione detti d’accordo spettiva di restare senza scudo,
Milano. Il giudice del- loqui, telefonate, il problema pubblica tutto cambia. Fino a con la strategia del- nell’eventualità che una legge
le indagini preliminari di trovarsi di fronte a un bivio ieri, nei salotti tv, un buon pre- la trincea. non passasse.
ha accolto tutte le ri- Tremulus suis frugaliter fermentet che apre tre possibili esiti. Ma toriano azzurro poteva dire: “Il Eppure... Eppure,
chieste dei pm e ha deciso di fragilis oratori. che non offre vie di ritirata si- premier non ha avuto una sola anche se nessuno E ALLORA il grido di batta-
mandare Silvio Berlusconi Lascivius fiducias vocificat cure. La tenaglia si stringe in- condanna”. A quel punto toc- apertamente de- glia di ieri di Berlusconi, nelle
davanti al tribunale, con giu- torno a lui e il calendario si cava agli oppositori chiarire flette dalla linea lot- ricostruzioni di chi ci ha parla-
dizio immediato. Il gip Cri- complica: il processo Ruby che il governo aveva cambiato ta-dura-senza-paura, to, era: “È una montatura infa-
stina Di Censo ha detto sì a La decisione La mediazione Il ruolo re, accettando di far uscire le Coicecao Santos Oliveira, Consiglio). Ruby davvero è partirà immediatamente, con il le leggi e sfruttato le prescrizio- ti raccontano che me. Solo un voto di sfiducia
Ilda Boccassini, Pietro Forno sulla telefonata della Minetti di Mora e Fede Ruby dalla questura, invece in via Villoresi. stata affidata a Nicole Minet- suo calvario di testimonianze e ni con le leggi Ad personam. Gianni Letta abbia può farmi cadere, non quattro
e Antonio Sangermano: le di trattenerla fino a trovare In teoria, anche la presidenza ti, davvero è finita a casa della il dilemma se andare o meno in Mentre adesso il vento cambia: fatto una ipotesi di scuola alter- magistrati politicizzati che vo-
prove sono “evidenti”, dun-
que non è necessario passa-
re dall'udienza preliminare.
Il processo inizierà il 6 aprile
e Giada (il sistema automa-
“ Il Caimano
chiama “ Rubacuori
viene “ Sarebbero
i due
un posto in una comunità,
come aveva ordinato il giu-
dice dei minori, Annamaria
Fiorillo.
Il capolavoro è un verbale in
del Consiglio potrebbe costi-
tuirsi parte civile. Ma sarebbe
veramente un paradosso: Sil-
vio Berlusconi presidente del
Consiglio contro Berlusconi
brasiliana Michelle. E poi:
davvero Ruby è stata più vol-
te ad Arcore.

LA RAGAZZA ammette
aula, se intentare il conflitto di
attribuzione che può sospen-
dere la sentenza (massimo per
“Berlusconi è rinviato a giudi-
zio per prostituzione minorile
e concussione”. La cosa diffici-
le da spiegare, d’ora in poi, sa-
ranno i ma. All’estero è addirit-
nativo: usare la maggioranza
per eleggere un premier fidato
che gestisca le elezioni (Ange-
gliono sovvertire il voto popo-
lare”. Ma se l’analisi è davvero
così chiara perché non parlare
ufficialmente, ieri? Perché os-
servare un giorno di silenzio, il
tico del tribunale) lo ha as- la Questura consegnata procacciatori cui i funzionari della questu- Silvio imputato di concussio- tre visite, dopo il 14 febbraio Scappa tura impossibile. E infatti il ca- Santanchè: primo in questi anni, senza
segnato a un collegio della ra scrivono che Karima viene ne e prostituzione minorile. 2010, san Valentino. Ma le lendario della diplomazia in- concedere nemmeno una pa-
quarta sezione penale, Giu- per insabbiare alla consigliera delle starlette “formalmente affidata a Mi- Dopo aver affrontato le que- “celle” telefoniche aggancia- dalle domande ternazionale è stato azzerato da “Facciamo rola ad uso dei tg? Perché la de-
lia Turri presidente, Orsoli- netti Nicole e condotta al suo stioni preliminari, il gip riem- no il suo cellulare in sette oc- tempo. Oggi la fortuna vuole cisione è difficile, e perché il
na De Cristofaro e Carmen i suoi rapporti a regionale delle feste: per domicilio di via Villoresi”. pie una quindicina di pagine casioni: il 14, il 20 e il 27 feb- dei giornalisti che a Roma ci sia Medvedev, un nuovo Cavaliere è stato blindato.
D'Elia giudici a latere. Perfetto: Ruby viene conse- del suo decreto elencando, braio, il 9 marzo, il 4 aprile; e che potrebbe chiudere un oc- “Berlusconi non deve dimet-
La decisione è contenuta in pagamento con con procedure loro un altro gnata a Minetti, presentata da per argomenti, le fonti di pro- poi le notti dal 24 al 26 aprile
e si rintana chio e comportarsi da “amico”.
scudo tersi – gridava Cicchitto – per-
un decreto di una trentina di Berlusconi con la qualifica va che giustificano il giudizio e del primo maggio. Non am- Ma che dolore vedere sul tele- Questioni ché questo giudizio è solo un
pagine, in cui il gip elenca le la ragazza non regolari procedimento (inesistente in natura) di immediato. I “fatti storici” mette di aver fatto sesso con visore di Palazzo Grazioli il ser- di famiglia modo per cercare di farlo cade-
Il vero incubo e lo salviamo”
fonti di prova raccolte dalla
procura di Milano a carico
del presidente del Consiglio
e le valuta “evidenti”, dun-
que sufficienti per disporre

ché il primo reato è stato
commesso per coprire il se-
condo. Berlusconi telefona

capo di gabinetto della que-
stura, Pietro Ostuni, quella
notte fu raggiunto al telefono
commettono reati, ma omet-
tono, in un primo momento;
e infine forzano le procedu-
” “consigliere con incarico mi-
nisteriale”; ma quella notte
stessa la ragazza torna nel-
l'appartamento della prosti-
tuta di cui era ospite, Michel-
contestati a Berlusconi sono
dimostrati, scrive Di Censo.
Le telefonate in questura ci
sono state davvero (ammesse
dallo stesso presidente del
Silvio. Nelle sue quattro de-
posizioni davanti ai pm (il 2,
il 6 e il 22 luglio e il 3 agosto
2010) nega. Ma descrive, so-
prattutto agli inizi, il clima
è la condanna
per Mills
vizio di sei minuti di Sky con la
notizia del rinvio a giudizio che
viene riverberata in tutte le te-
levisioni del mondo. Daniela
Santanchè, una delle consiglie-
La figlia
del premier
Marina
Berlusconi
(LA PRESSE)
Oggi show
con Tremonti
re per via giudiziaria dopo che
l’assedio politico in Parlamen-
to è miseramente fallito”. Ep-
pure, anche se tutto questo è
voluto da Berlusconi, questa
subito il giudizio, senza bi- più volte, la notte tra il 27 e il quando era nella sua abitazio- delle feste, le ragazze nude, il volta il passo va calibrato con
sogno di un preventivo con- 28 maggio 2010, alla questu- ne di Sesto San Giovanni, ma rito del bunga-bunga. E Silvio misura, perché la scelta di una
traddittorio tra le parti. Il
procuratore Edmondo Bruti
Liberati ci tiene comunque a
sottolineare, con toni garan-
ra di Milano, esercitando
pressioni sui funzionari affin-
ché “liberino” una ragazza
fermata per furto: commette
poi le pressioni per liberare
“la nipote di Mubarak” si rea-
lizzarono in via Fatebenefra-
telli a Milano.
GLI AGENTI “Abbiamo detto no
sapeva che era minorenne:
non soltanto perché telefona
in questura proprio per “li-
berare” una minorenne in-
Il Pd allo scoperto: “Elezioni subito” opzione, comporta l’abbando-
no di tutte le altre alternative.
Questa volta non c’è ritorno.
Qualcuno, come l’ultrà Gian-
tisti, che “quando si dice che
c'è l'evidenza della prova,
così, secondo l'accusa, il rea-
to di concussione. Ma lo fa UN SOLO IMPUTATO,
agli abusi, avevamo ragione” quieta e incontrollabile, ma
perché Emilio Fede, che glie-
MENTRE BERSANI CHIEDE DI ANDARE ALLE URNE, IL QUIRINALE TACE PREOCCUPATO carlo Lenher adombrava scena-
ri di guerra: “Ho testè allertato i
o sapevo che avevamo ragione noi, vedimento di rinvio a giudizio emesso dal di Paola Zanca implorare il capogruppo Cic-
s'intende dire che la prova è
evidente per il rinvio a giu-
proprio per non far emergere
i suoi rapporti a pagamento
Silvio Berlusconi. Due reati,
concussione e prostituzione “L meno male: ma non per noi, per la
professionalità delle Volanti di Milano, per
gip di Milano Cristina Di Censo in cui i
vertici della Questura coinvolti nel rilascio
l'aveva portata ad Arcore, l'a-
veva conosciuta sedicenne,
arà la prima pagina de La Pa-
chitto di “aiutare Berlusconi, an-
che per il suo bene”. La diagnosi
cruciale senza un’alleanza defini-
ta. Ieri, il capogruppo Idv alla Ca-
niere in Sicilia dell'alleanza tra
centristi e Pd. Temi del collo-
sostenitori di Nuova Forza Ita-
lia - diceva ieri il deputato az-
dizio, non per anticipare una
condanna”.
con la minorenne, la maroc-
china Karima El Mahroug, in
arte Ruby.
minorile. Cinque parti lese:
la minorenne Ruby, che se-
condo l'accusa è la minore
tutti i colleghi”. C’è soddisfazione in Que-
stura, a Milano, tra i poliziotti che lavorano
di Karima El Mahroug sono citati come
“parti offese” nell’ipotesi di reato relativa
nel settembre 2009, a un con-
corso di bellezza in Sicilia. E
poi ci sono i compensi, i sol-
Squello
dania conquistata ieri. Ma
che è alle due e venti del
la affidano a un medico, il sena-
tore Ignazio Marino: “Io temo
mera Donadi ha chiacchierato a
lungo in Transatlantico con uno
dei leader di Sinistra e Libertà,
quio? “La delicatezza del mo-
mento. La situazione politica
può evolvere da un momento al-
zurro - chiedendogli di essere i
nuovi Arditi del Popolo, l’unica
organizzazione che intese dav-
CRISTINA DI CENSO, Il gip ha stabilito anche che la pagata per prostituirsi con all’Ufficio prevenzione generale (quelli alla concussione che viene contestata al di, i regali. pomeriggio affronta le agenzie che il presidente del consiglio - Gennaro Migliore. Oggi lo stesso l'altro in elezioni politiche anti- vero fronteggiare le squadrac-
che aveva ricevuto memorie concussione commessa, se- Berlusconi; ma anche tre fun- delle Volanti in turno la notte in cui è scop- presidente del Consiglio, Silvio Berlusco- Tra le carte nuove, ancora di stampa è un Pier Luigi Bersani che ritengo sia, e lo dico da me- Donadi, insieme a Di Pietro, do- cipate. Che oggi – conclude Lom- ce fasciste”. Il sei aprile, ulula-
dall'accusa e dalla difesa sulle condo l'accusa, da Berlusco- zionari della questura di Mi- piato il Ruby-gate) alla notizia del prov- ni. non rese note, ci sono i ver- quasi irriconoscibile: “Io chiedo dico, ammalato - non si renda vrebbe incontrare il leader di Fli bardo – sono il male minore”. va ieri il ministro Giorgia Me-
questioni preliminari di com- ni non è reato ministeriale lano, Pietro Ostuni, Ivo Mo- “Abbiamo resistito alle pressioni che la vo- samenti di Berlusconi alle ra- le elezioni anticipate”. Sogget- conto della gravità della situazio- Gianfranco Fini. Mentre Berlu- loni “Va sotto processo la de-
petenza, anche su queste ha (dunque di competenza del relli e Giorgia Iafrate, e il mi- levano fuori subito - commentano alcuni gazze. E c'è una deposizione to, verbo e complemento ogget- ne”. sconi veniva rinviato a giudizio, il mocrazia”. Ma adesso tutto si fa
voluto motivare sommaria-
mente la sua decisione. Ha
tribunale dei ministri): quella
notte di maggio, infatti, ha
nistero dell'Interno. “Come
può esserci un concussore,
agenti del turno, che si scambiano sorrisi e
strette di mano - e abbiamo fatto bene.
del padre di Ruby che con-
ferma: il premier sapeva che
to. Niente “se”, niente “ma”. La
situazione è delicata, il Quirina- ALMENO per oggi, l’unità del-
presidente della Camera, era pa-
recchio impegnato con i guai in-
Varata maledettamente più difficile,
gli occhi fessurati cercano di
stabilito così innanzitutto
che il reato più grave adde-
abusato della sua “qualità” di
presidente del Consiglio, ma
se non ci sono i concussi”,
ripete la difesa mediatica di
Anche se non è stato bello - ammettono -
vedere certe scene... ”. “Anche perché -
la figlia era minorenne e che
la “aiutava” economicamen-
le tace, anche per evitare di es-
sere trascinato nella guerra me-
l’opposizione sembra ritrovata.
L’Italia dei Valori le elezioni le
terni al partito. Ma ha comunque
fatto sapere come giudica quel
la linea dura mettere a fuoco la via di uscita
dal tunnel e la luce non si vede.
bitato al presidente del Con-
siglio (la concussione) attira
non lo ha fatto nelle sue fun-
zioni ministeriali (il capo del
Berlusconi. Eccoli, i concussi
della notte di maggio, che
aggiunge uno - di tutti quei minorenni che
per mancanza di posti nei centri vengono
te. “E a me nessuno mi aiu-
ta?”, chiede il padre all’avvo-
diatica che il Pdl ha intrapreso
contro il Colle. Invece il Pd sem-
chiede da settimane, e tornerà a
farlo oggi, alla presentazione uf-
che resta del governo: “Due anni
di tempo per dar corso a una de-
del partito Adesso si naviga a vista. La linea
di ieri era non mollare, a nes-
per connessione anche quel- governo non ha infatti re- hanno subìto le pressioni del rimessi in strada il mattino dopo, e sia chia- cato di Lele Mora, Luca Giu- bra aver indossato gli scarponi ficiale del referendum sul legitti- lega e la richiesta di votare in un
lo meno grave (la prostituzio- sponsabilità dirette sulla po- presidente del Consiglio. ro, con il consenso dei magistrati, o di liante. Da oggi, le carte co- da battaglia per uscire “dall'im- mo impedimento, che dovrà te- solo giorno – ha detto a propo- Ignazio Marino: sun costo. Ma in quel silenzio
c’è la traccia del dubbio che
ne minorile), per il quale non lizia). Ostuni, Morelli e Iafrate rice- quelli che vengono riaffidati ai parenti minceranno ad arrivare agli passe drammatica” a cui è in- nersi entro giugno. Di Pietro non sito del provvedimento sul rior- precede tutte le scelte senza ri-
sarebbe previsto il giudizio Infine, il gip ha stabilito che vono le richieste del presi- maggiorenni con i quali erano stati sor- avvocati di Berlusconi, Nic- chiodato il Paese. Bersani va a può che giudicare positivamente dino degli incentivi – Si commen- il premier è torno. Stamattina il Cavaliere
immediato, bensì un altro ri- la competenza a giudicare è dente del Consiglio e scelgo- presi a commettere reati, di quelli non im- colò Ghedini e Piero Longo, e Otto e Mezzo, Rosy Bindi a Ballarò. la scossa di Bersani. Per questo ta da solo...”. Il leader Udc Pier- potrebbe presentarsi al fianco
to “speciale”, la citazione di- del tribunale di Milano, e non no una via mediana per uscir- porta niente a nessuno”. alle parti lese. Un totale di 8 Tutti a dire che è da “irrespon- mette da parte i malumori – non ferdinando Casini non parla in malato, lo dico di Giulio Tremonti a Palazzo
retta. In questo caso, però, di Monza, come sostiene la ne: non scrivono il falso nelle mila pagine. Poi, il 6 aprile, sabili” continuare a inseguire pochi dentro al partito – per es- pubblico, ma lo fa con il gover- Chigi. La conferenza stampa è
scatta la connessione, per- difesa. Perché è vero che il loro relazioni, dunque non l’appuntamento in aula. una maggioranza che non c'è, a sere arrivati all'appuntamento natore Raffaele Lombardo, pio- da medico già fissata per le 11.00.
pagina 4 Mercoledì 16 febbraio 2011

A
LA FESTA È FINITA

lla Camera è ancora una volta tutto che dovrà sottoporre la richiesta all’esame votare. E a quel punto comincerà l’iter per
Conflitto di attribuzione nelle mani di Fini. Se la dell’Ufficio di Presidenza, che – in caso di appellarsi alla Corte costituzionale. Certo, a
maggioranza, per conto del giudizio favorevole – potrà chiedere un parere Fini non le manda a dire Maurizio Paniz,
premier, volesse infatti sollevare il conflitto di alla Giunta per le Autorizzazioni (non capogruppo Pdl nella Giunta per le
Alla Camera l’iter attribuzione contro il Tribunale di Milano, vincolante). La questione dovrà poi tornare autorizzazioni di Montecitorio: “L’Ufficio di
dovrebbe passare per l’ufficio di presidenza. nelle mani dell’ufficio di presidenza che potrà Presidenza non può intaccare una prerogativa
Una procedura complessa: un deputato dovrà anche decidere in modo opposto alla Giunta. che spetta all’Assemblea della Camera dei
è nelle mani di Fini scrivere una lettera al presidente della Camera, Se invece dovesse concordare, toccherà all’aula deputati”.

GLI AVVOCATI
momento del primo incontro to appurato che qualora un de- ranza. E solo in caso di appro-
con Silvio, per il fatto che non putato, per conto del premier, vazione, quasi impossibile,
si avrebbe certezza della vera volesse sollevare il conflitto l’aula comincerà poi l’iter per
età della ragazza. In Marocco davanti alla Corte costituzio- appellarsi alla Corte, ma co-
pare che gli uffici dell’anagrafe nale, dovrebbe per forza pas- munque il processo Ruby non
non funzionino a dovere e sare dall’ufficio di presidenza si fermerebbe, anche se fosse
qualcuno è stato mandato a dove il Pdl non ha la Palazzo Chigi a muoversi in

DEL DIAVOLO
controllare. Una strategia che maggio- prima persona al posto
si muoverebbe in parallelo con della Camera. Insom-
la tattica parlamentare, lancia- ma, un vicolo cie-
ta anche questa volta da Ghe- co, sia per la di-
dini, supportato da Alfano, di fesa processua-
far lavorare d’ora in poi a mar- le che parla-
ce forzate la commissione Giu- mentare. E se
Legittimi impedimenti e minore età stizia (dove, nonostante la
Bongiorno, il Pdl ha la maggio-
stavolta, dav-
vero, il Caima-
ranza) per arrivare rapidamen- no fosse spalle
Ma ora ai legali di B. serve il miracolo te all’approvazione dell’abbas-
samento della maggiore età da
al muro?

18 a 16 anni. Chissà se con ef- L’avvocato


di Sara Nicoli vrebbero vedere Berlusconi al- l’eventuale ricusazione di un fetto retroattivo. del premier,
meno tre volte alla sbarra (si collegio giudicante tutto al l’onorevole
caccia di legittimi impe- parte con il processo Mediaset femminile perché “dopo un IL TUTTO condito con un

A
Niccolò
dimenti, seppur ordina- per poi passare al Mediatrade milione di donne in piazza – ha processo breve che, a questo Ghedini
ri. E alla ricerca spasmo- fino al Mills) per evitargli in sostenuto sfrontatamente l’av- punto, diventa fondamentale
dica di una strategia ogni modo la gogna non solo vocato Pecorella – sono di si- approvare rapidamente per
complessiva, che ancora non giudiziaria, ma soprattutto me- curo pregiudizialmente con- evitare a Berlusconi almeno la
si trova e forse non c’è, che diatica; una strategia dal fiato trarie all’imputato”. Roba da condanna (pressochè sicura in
permetta la fuga al Cavaliere corto, a cui si unirà senz’altro far tremare i polsi e tuttavia primo grado) nel processo Mil-
anche dal nuovo processo, quella di controffensiva che i “pannicelli caldi”, come direb- ls. Ecco, tante idee, alcune del-
possibilmente dopo aver “uc- legali del Caimano, Longo e be ancora Andreotti, sul fronte le quali si trasformeranno in
ciso” definitivamente anche Ghedini, metteranno in atto in di una strategia di difesa orga- verità processuali, secondo la
gli altri. aula, ma sempre con l’idea di nica e sulla lunga distanza. difesa, né più e né meno di co-
Comunque si giri, ora Berlu- procrastinare i tempi di un’e- “E comunque – ha detto ieri me la fandonia di Ruby “nipote
sconi trova davanti a sé solo ventuale condanna. Comin- sera Ghedini – è chiaro che a di Mubarak” è diventata una
strade senza uscita, anche se il ciando, per esempio, con il Milano ci aspettiamo di tutto e verità certificata da un voto
pool di avvocati – a partire da contestare la “violazione di che non c’è l’evidenza della parlamentare.
Ghedini, ma anche Alfano, procedure e leggi da parte del- prova, anzi il contrario, e che Appunto, il Parlamento. Men-
che è ministro della Giustizia, la Procura di Milano”, arrivan- la competenza funzionale è tre gli avvocati si arrampicano
ieri è stato molto presente e do poi anche alla possibile del Tribunale dei ministri e sugli specchi, con grande scor-
propositivo – ne ha veramen- contestazione della correttez- quella territoriale, casomai, di no (e forte preoccupazione)
te messe sul tavolo di ogni ge- za dell’operato del Gip, per- Monza”. del Quirinale, Gasparri e Qua-
nere, anche le più ridicole e ché non sussisterebbe l’evi- Non finisce qui. Si sa, per gliariello, capigruppo Pdl, ieri
fantasiose durante l’ennesi- denza della prova e quindi il esempio, che Ghedini conte- sera hanno parlato a lungo con
mo summit di guerra ieri po- rito immediato non si poteva sterà pesantemente che Ruby Berlusconi della questione del
meriggio a Palazzo Grazioli. chiedere, fino a chiudere con fosse davvero minorenne al conflitto di attribuzione. È sta-
Idee volate in libertà, spesso
prive di senso, ma che non è
detto che poi non si trasfor-
mino in possibilità concrete
di nuova evasione dal proces-
so: la disperazione non cono-
La notizia scala i quotidiani di tutto il mondo
sce ridicolo. LA CNN INTERVISTA NICOLE MINETTI. MA LA VICENDA RIMBALZA DALL’AGENZIA NUOVA CINA AD AL JAZEERA
PRENDIAMO LA DATA di Giampiero Gramaglia Bbc e la Cnn, France24 e milioni di lettori, che piazza la
di questa nuova, pesante, tego- Fox, anche il canale in lingua storia in apertura. Fedeli a una
la processuale, il 6 aprile. Ec- titoli della stampa estera so- araba di Al Jazeera, che pure linea sempre tenuta in questa
co, se passerà così com’è ora il
decreto Milleproroghe, Berlu-
Ie fragorosi
no stati talmente immediati
che William Hill, al-
ha grossi fatti sotto mano nella
sua area.
vicenda, Guardian e Tele-
graph accompagnano l’an-
sconi avrà il suo legittimo im- libratore britannico di primo È che la storia, aihnoi, è ghiot- nuncio del processo con la
pedimento ordinario nuovo di piano, ha bruscamente taglia- ta: c’è il potere e il sesso, la ric- notazione, un po’ incredula,
zecca da poter sfoderare per to le quote sulle dimissioni del chezza e la notorietà dei pro- che Berlusconi nei sondaggi
saltare la prima udienza mila- Cavaliere, poco dopo che il tagonisti. Delle 5 “S” che fan- continua a cavarsela meglio
nese. Il decreto, infatti, inco- Gip di Milano Cristina Di Cen- no grande una notizia (san- dell’opposizione.
rona quella data “giornata per so aveva disposto che il pre- gue, sesso, soldi, spettacolo e Molto ‘eccitata’ anche la stam-
la commemorazione delle vit- sidente del Consiglio italiano sport), manca solo il sangue – pa spagnola, che sta addosso
time del terremoto de L’Aqui- sia giudicato con rito imme- sublimato, però, dalla giusti- al ‘caso Ruby’ dal primo gior-
la”; un appuntamento a cui “il diato. Dopo i flash della Reu- zia –. I titoli, almeno quelli ini- no. Come Bild, El Pais apre il
capo del governo – avrebbe so- ters e le ‘breaking news’ della ziali, sono molto corretti e og- sito e nota che “tre donne for-
stenuto Alfano – non potrà mai Bbc, William Hill dà le dimis- gettivi, stile ‘Berlusconi a giu- meranno il tribunale che pro-
mancare”. Simili appuntamen- sioni di Berlusconi entro mar- dizio il 6 aprile’ (e la Cnn, co- cesserà il premier italiano”. El
ti istituzionali, ma anche que- zo al 4 a 1 (prima erano 11 a 2) me la Bbc fedele interprete Mundo, più pruriginoso, cal-
stioni private legate alla salute, ed entro giugno al 5 a 1 (con- del giornalismo anglosasso- ca la mano sull’“abuso di po-
saranno disseminate dai legali tro 9 a 1). Però, si può pure ne, trova pure modo di ricor- tere” e sulla “prostituzione
lungo il tragitto che dal 28 di L’igienista dentale La Cnn intervista la “madrelingua” Nicole scommettere che Mr B. resti al dare che il premier sostiene minorile” (e, come buon pe-
febbraio fino all’11 marzo do- Minetti. La definisce “igienista dentale” suo posto fino alla fine dell’an- che le accuse sono infonda- so, ci mette una photo gallery
te). con tutte le protagoniste note
Giulio Tremonti, delle notti di Arcore). Quanto
Lo spagnolo ministro dell’Eco-
nomia, a Bruxelles
ai francesi Le Monde e a Le
Figaro, sono magari più com-
“El Mundo” allega per una riunione
del Consiglio dei
passati, ma non si negano il ti-
tolo in prima.
ministri dell’Ue, Oltreoceano, il NYT ha un ti-
anche una galleria viene assediato dai tolo in evidenza, il WSJ col-
giornalisti (quasi loca la notizia nella ‘top ten’
fotografica tutti italiani, a dire della giornata. Ma Mr B. va ol-
il vero), che gli tre i tradizionali confini del-
delle ospiti di Arcore chiedono un com- l’informazione occidentale:
mento. E lui, che il invade i siti dell’America Lati-
mese scorso non na e dell’Asia, arriva fino alla
no e oltre: lo danno a 4 a 11. aveva esitato, davanti all’e- Xinhua, che sarebbe la Nuo-
La notizia del giudizio imme- splodere dello scandalo, a dir- va Cina, l’agenzia di stampa ci-
diate ha fatto ‘suonare i cam- si orgoglioso di fare parte di nese. Forse, a trattarlo con i
panelli’, come succedeva let- questo governo, adesso si ri- guanti saranno state solo le
teralmente ai tempi delle tele- fugia in un classico ‘all’estero stampe, non propriamente li-
scriventi, delle grandi agenzie non si lavano i panni’ (peggio bere, di Bielorussia e Kaza-
mondiali, Ap, Reuters, Afp, ed se sporchi). kstan e magari di Libia: lì, i
è subito diventata ‘breaking Più della stampa francese, a suoi amici Lukashenko, Na-
news’ sui siti dei media grandi gettarsi sulla notizia sono zarbayev e Gheddafi vegliano
e piccoli di tutto il mondo: quella britannica e, un po’ sor- su di lui. E, magari, lo aspet-
quotidiani americani e asiati- prendentemente, quella tede- tano alle loro feste. Lui porta il
ci, televisioni all news come la sca, con la Bild, tabloid da 5 vino, o le donne.
Mercoledì 16 febbraio 2011 pagina 5

S
LA FESTA È FINITA

i chiama “Gestione informatica i reati contro la Pubblica amministrazione, le sezioni


Gestione informatica automatizzata di assegnazione”. Nome competenti del Tribunale di Milano sono due: la
in codice Giada. È il sistema con il quale il quarta e la decima. La quarta, nella quale operano
Tribunale di Milano ha scelto il collegio che dovrà tra gli altri Nicoletta Gandus (già nota agli affari del
automatizzata: così giudicare Silvio Berlusconi per le accuse di premier per via della condanna inflitta all’avvocato
concussione e prostituzione minorile. Il sistema è Mills) e Oscar Magi, aveva processi fissati fino ad
assolutamente imparziale e assegna i provvedimenti aprile. La scelta è ricaduta su Carmen D’Elia (nella
è stato scelto il collegio a seconda dei collegi che si “liberano” per primi. Per foto), Giulia Turri e Orsola De Cristoforo.

GIUDICATO DALLE DONNE


Giulia Turri, Carmen D’Elia e Orsolina De Cristofaro
“sor teggiate” per il processo al premier. Ecco chi sono
di Ferruccio Sansa di Giustizia di Milano capita spes- pane per i loro denti. Un altro brizio Corona per i presunti fo- sconi venne invece “stralciata” e marzo comincia l’altro processo
so di vedere le finestre dei loro punto a svantaggio di Berlusco- toricatti ai vip. È sempre lei che il processo a suo carico venne af- spauracchio di Berlusconi: il ca-
opo le toghe rosse quelle so Mills. Ed ecco di nuovo un col-

D
uffici ancora accese. ni? Non necessariamente. Turri è nel novembre del 2008 ha rinvia- fidato a un altro collegio. Carmen
rosa. Le donne ormai per Carriere simili, stesso slancio. Ma magistrato di polso, sa tenere in to a giudizio l’ex consulente Fi- D’Elia e gli altri due magistrati si legio rosa: Francesca Vitale, An-
il Cavaliere rischiano di di- diverso carattere. Giulia Turri, 48 mano le redini del processo, sen- ninvest e deputato del Pdl Mas- astennero dal giudicare per “in- tonella Lai e Caterina Interlandi.
ventare un incubo. Non anni, presidente del collegio, vie- za lasciarsi mettere sotto né dagli simo Maria Berruti. compatibilità”, avendo già emes-
bastavano le centinaia di mi- ne unanimemente definita un “ti- avvocatoni dai nomi altisonanti, Carmen D’Elia, milanese di 44 an- so sentenza nei confronti degli al- SETTE donne. E qualcuno ricor-
gliaia di manifestanti che dome- po tosto”. Insomma, alla schiera né dai pubblici ministeri. ni, è una “vecchia conoscenza” tri imputati. Insomma, sarà diffi- derà anche il ruolo di Anna Maria
nica sono scese in piazza. Ades- di avvocati del Cavaliere, da Nic- Turri del resto è una che ha già del Cavaliere: aveva già fatto par- cile per Berlusconi sostenere che Fiorillo, il pm del Tribunale dei
so ci si mettono anche le sei don- colò Ghedini a Piero Longo, non avuto a che fare con imputati no- te nel 2002 del collegio di giudici D’Elia ha un atteggiamento pre- Minori di Milano, che la famosa
ne che sono state chiamate a giu- converrà adottare una tattica ag- ti: è lei che nel marzo del 2007 (presieduto da Luisa Ponti, altra giudizialmente ostile nei suoi notte in Questura a Milano non se
dicarlo nei due processi chiave gressiva altrimenti troveranno firmò l’ordinanza di arresto di Fa- donna!) che doveva occuparsi confronti, visto che alla fine il Ca- ne stette quando le dissero che
dei prossimi mesi: i casi Ruby e valiere, nel 2008, Ruby Rubacuori era nipote di
Mills. Se poi si aggiunge Ilda Boc- venne assolto per Mubarak e poteva essere affidata
cassini, cioè uno dei tre pm che
conducono le indagini… bé,
Entrate in il caso Sme.
Ma D’Elia è stata
a Nicole Minetti.
Gaetano Pecorella, storico difen-
fanno sette donne che il Premier
si troverà di fronte nel suo cam-
magistratura nel anche giudice a
latere nel proces-
sore di Berlusconi, già delinea la
tattica difensiva: “Un collegio di
mino giudiziario. so contro Pier tre donne in un reato che riguar-
Dopo la decisione presa ieri dal concorso del 1991, Paolo Brega Mas- da un’ipotetica minorenne, e
gip – Cristina Di Censo, un’altra sone, l’ex prima- che riguarda atti che sono stati ri-
donna – adesso la parola è pas- alla vigilia rio della clinica tenuti violare la dignità delle don-
sata alla quarta sezione penale Santa Rita con- ne è il peggio che si poteva pen-
del Tribunale di Milano. E qui è di “Mani Pulite” dannato in primo sare”.
entrato in gioco il sistema elet- grado a 15 anni e Dopo il Tribunale di Milano che è
tronico che decide la composi- mezzo. un covo di sovversivi, dopo le
zione dei collegi. Insomma, i no- della vicenda Sme. Tra gli impu- Accanto a lei già allora Orsola De persecuzioni delle toghe rosse,
mi dei magistrati sono affidati al tati, appunto, Berlusconi. D’Elia, Cristofaro, giudice ancora giova- adesso arriva l’altolà alle toghe
caso, che, però, stavolta ci ha assieme agli altri due componen- ne, ma con esperienza sia come rosa. In fondo potrebbe essere
messo un pizzico di ironia: il cer- ti del collegio, il 22 novembre pm che come gip. Schiva, ma una tecnica vincente: su oltre no-
vellone del Tribunale si chiama 2003 pronunciò la sentenza di gentile, con imputati, avvocati e vemila magistrati in Italia ormai
Giada, un altro nome femmini- condanna in primo grado a 5 anni cronisti che la conoscono per la oltre quattromila sono donne.
le. per Cesare Previti e quella per gli cortesia con cui li accoglie, senza Per trovare un magistrato che
altri imputati, tra cui Renato “purtroppo” mai rivelare una no- possa giudicare il premier è in
È STATA PROPRIO GIADA Squillante e Attilio Pacifico. La tizia. Tre donne, quattro con Ilda difficoltà anche il cervellone Gia-
a mettere insieme il collegio che posizione del co-imputato Berlu- la rossa. Non è finita qui. L’11 da.
giudicherà Berlusconi il 6 aprile.
Non è la prima volta che Giulia
Turri, Carmen D’Elia e Orsolina
De Cristofaro incrociano le loro BUFALE IN LIBERTÀ birichino. La toga individuata era Oscar
storie: quasi coetanee – tra i 43 e i Magi, colpevole di essere sceso in
48 anni – sono entrate in magi- E “LIBERO” SBAGLIÒ piazza nel 2006 (“per difendere la Carta
stratura nel concorso del 1991, L’OBIETTIVO GIUDIZIARIO dalle minacce dei berluscones”) e di
alla vigilia di Mani Pulite. avere come suoneria per il cellulare la
“Molto motivate”, le definiscono
i colleghi. Non c’è dubbio: pas-
sando la sera sotto il grande pa-
I l 9 febbraio scorso Franco Bechis,
dalle colonne di “Libero”, si gettò
lancia in resta contro il “gioco sporco”
sigla di Ballarò. “Iscritto a Magistratura
democratica da più di 30 anni, è
sempre stato protagonista dei
rallelepipedo scuro del Palazzo che stava conducendo la magistratura congressi dell’associazione e talvolta si
per incastrare il presidente del è presentato alle elezioni dell'Anm. Nel
Consiglio Silvio Berlusconi. “Il giudice 2007 salutò con il governo di Prodi

“L’Italia deve fare un po’ di pulizia” che processa Silvio scese in


piazza contro di lui”. Così
titolò a tutta pagina il
augurandosi che abrogasse ‘l’orrenda
riforma Castelli’”. Ma,
soprattutto il 25 aprile
Parola di padre Georg quotidiano diretto dal
dinamico due
2006 sfilò “per difendere
la Costituzione
Feltri-Belpietro. “Per la dall’assalto dei
di Marco Politi Gaenswein è docente di Diritto canonico, sa sentenza è già stata scelta berluscones”. C’è un solo
Perugia misurare le parole, parla di un rapporto in cui una toga rossa doc”, problema nello scoop di
la Chiesa non è “funzionale” allo Stato e lo Sta- chiudeva un catenaccio “Libero”: è una bufala.
a prima sortita politica di don Georg, segre- to non è “braccio secolare” della Chiesa. En-
Lcademico
tario del Papa, si conclude con un bacio ac-
dell’aristocratica rettore Stefania
trambi, così recita l’accordo Craxi-Casaroli
che ha riformato il concordato, hanno come
Giannini. Università degli Stranieri di Perugia: obiettivo la collaborazione per il bene dell’uo- Adesso, diventato “don Giorgio”, si caratteriz- re politica, ma si avverte che i vertici eccle-
laurea honoris causa a mons. Gaenswein, mi- mo e del Paese. za per assoluta lealtà al Papa e discrezione, sen- siastici si stanno sganciando da Berlusconi.
tico assistente di Benedetto XVI, che riceve Lancia l’idea di uno statuto speciale per Roma za ambizioni di giocare all’eminenza grigia. La Lunedì, quando gli esponenti della maggio-
toga e berretto dopo una lezione sui rapporti perché meglio possa rispondere al triplice sua uscita su un tema politico si svolge secon- ranza si affannavano a denigrare le manifesta-
tra Stato e Chiesa in Italia, dal concordato del compito di capitale, città internazionale, sede do uno stile di un autocontrollo massimo. Sa zioni di domenica, l’Osservatore Romano ha ti-
1929 all’accordo del 1984. Il prorettore Marco del papato e centro della cattolicità. Con par- bene che la testa di Berlusconi è in gioco, ma tolato seccamente “Un milione di persone in
Impagliazzo (della Comunità di Sant’Egidio) ticolare riguardo al turismo religioso e la va- dribbla le domande immediate dei reporter piazza”, ricordando che anche all’estero si era-
lo saluta come ex alunno di un paesino del Ba- lorizzazione dei beni culturali ecclesiastici, sulla manifestazione delle donne: “Non parlo no svolte dimostrazioni “a difesa della dignità
den, in Germania, arrivato “tirando la cinghia” ma anche ai trasporti e i servizi sanitari e so- di attualità politica italiana, non parlo di po- della donna”. Soltanto chi conosce la fattura
agli esordi fino ad assistere papa Ratzinger. ciali per cittadini e non cittadini, extracomu- litica della Santa Sede”. Ma un messaggio agli dei giornali coglie la crudeltà del poche righe
nitari compresi. Ma non vuole essere invasivo: italiani lo lancia. “Per ritrovare la sua identità che l’Osservatore ha attaccato in coda alla no-
Padre Georg Gaenswein (FOTO LAPRESSE) tra la proposta e la realizzazione, dice, c’è un cristiana l’Italia deve fare un po’ di pulizia. C’è tizia. “… Dal canto suo il presidente del Con-
bel pezzo di strada da fare. E non tocca a lui un po’ di polvere e un po’ di ombre da toglie- siglio, Silvio Berlusconi, ha dichiarato di esse-
fare proposte tecniche. re”. L’augurio è di un Paese che ritrovi una “ve- re al lavoro per la stabilità del governo”.
Gaenswein ha un modo di fare diretto, sobrio, ra unità interne ed esterna”, senza litigi su cose Ma soprattutto, sull’Avvenire, il direttore Marco
privo dei machiavellismi di un certo ambiente secondarie. Tarquinio torna sulla manifestazione per sbu-
curiale e (nella sua fisicità che ricorda il gio- Qualche ora dopo il cardinale Bagnasco, pre- giardare gli incauti commenti della ministra
vane Wojtyla nei Tatra) non si circonda nem- sidente della Cei – consapevole della tempesta Mariastella Gelmini. “Una piazza che è impos-
meno degli incensi di una spiritualità osten- giudiziaria che si addensa su Berlusconi, an- sibile liquidare come radical-chic”, afferma il
tata. Il prorettore Impagliazzo ricorda le sue che l’Osservatore la riporta – dichiarava: “La direttore del giornale dei vescovi. Aggiungen-
pene giovanili, quando – sono parole di don trasparenza è un bene da perseguire sempre a do: “Siamo e restiamo tra coloro che sanno che
Georg – era costretto a rinchiudersi per stu- tutti i livelli per il bene del Paese… è un valore una morale fondata su pilastri essenziali c’è”. E
diare “in un posto polveroso, dove non c’è bir- che tutti desiderano e che fa parte di una cul- suona come un de profundis per il partito delle
ra”. tura dignitosa”. Anche Bagnasco non vuole fa- mutande di Ferrara.
pagina 6 Mercoledì 16 febbraio 2011

N
LA FESTA È FINITA

on avrebbe potuto neanche essere momento della nomina al Csm, il proprio ruolo di nei prossimi giorni. Il 27 gennaio il Giornale ha
Il “socio” Brigandì eletto al Csm. Per Matteo Brigandì amministratore di una società della Lega, la scritto di un procedimento disciplinare risalente
sono arrivati nuovi guai: il consigliere FinGroup Spa. Il fascicolo è stato affidato al pm agli anni ‘80 nei confronti del procuratore aggiunto
laico in quota Lega, già indagato con il sospetto di Sergio Colaiocco e si basa sui verbali della di Milano. Subito dopo si è scoperto che era stato
non poteva essere aver passato al Giornale le carte sugli amori commissione “verifica titoli” di Palazzo dei proprio Brigandì a richiedere quel fascicolo e a
giovanili della Boccassini, è stato iscritto nel Marescialli. Non è escluso che il consigliere, fotocopiarlo. Così il 2 febbraio è arrivata la prima
registro degli indagati della Procura di Roma per il secondo cui quella società “non avrebbe alcuno iscrizione nel registro degli indagati per abuso
eletto al Csm reato di falso con l’accusa di non aver dichiarato, al scopo economico”, venga convocato in Procura d’ufficio e violazione della privacy.

LA ZARINA DI ROMA
Il deputato Maria Rosaria Rossi ha organizzato le feste
a Tor Crescenza, anche ad Arcore era di casa
di Carlo Tecce chiede le immagini con Ber- Paolo V, in affitto al Cavaliere mier aveva la faccia scura. Co- mana Rossi è di casa, gestisce valiere, già precettato all’in-
lusconi sorridente tra i mili- per le serate romane. Non più sì ho radunato un gruppone di orari e servitù. Il direttore del domani per impegni politici:
ispirazione arrivò tra i tanti del partito. I due s’incro- Madonna di Cinecittà, la Rossi è venti deputate e siamo andate Tg4 parla di due amiche. E lei: “Ma lui domani credo vada...

L’ fornelli e il lavabo. La ca-


sertana Maria Rosaria
Rossi, imprenditrice, ra-
dunò i suoi dipendenti e dis-
se: “Ieri sera, mentre lavavo i
ciano tra il cemento e l’asfalto
di Roma Sud. Lei distribuisce
volantini, lui ammicca, lei ar-
rossisce, lui non dimentica.
Un minuto che cambia la vita:
nominata Zarina di Tor Crescen-
za. Nessuno conosce l’inchie-
sta di Milano, la minorenne
Ruby e il Bunga Bunga, e lei va
fiera del successo di Tor Cre-
a tirarlo su di morale. Gli ab-
biamo detto che siamo con
lui, qualunque cosa succeda”.
Ma al telefono con Emilio Fe-
de, due settimane più tardi,
“Ah che palle che sei, due ami-
che, quindi Bunga Bunga, due
de mattina, io ve saluto eh?”.
La Rossi prepara la festa in tra-
sferta: “Ok allora avverto la
C'è Schifani, Letta, Ghedini,
un po’ di gente, però non può
fare mattina. Cioè cerchiamo
di capirci...”. Un esterrefatto
Lele Mora racconta a Fede
piatti, ho sentito che volevo da quel giorno la Rossi sarà la scenza: “Niente balli, due ce- evoca il Bunga e Bunga: “Ma tu cucina, dai... Allora mi devo l’ordine di una papi girl sussur-
dare qualcosa al Paese. Per Madonna di Cinecittà. E tra pa- ne politiche con le deputate. stai venendo qui? Alle nove, vestire da femmina pure sta- rato al deputato Rossi: “Allora
me, per voi, per tutti. Mi can- rentesi: eletta in Parlamento Tutto è nato nelle ore – dice il nove e un quarto, fai nove e sera?”. Fede: “Stai bene anche per farmi disfare il bagaglio e
dido al decimo Municipio di con il Popolo della libertà. 5 agosto scorso – della rottura mezza. Vieni, vieni”. Siamo a com'eri ieri sera...”. Apprezza- sistemare la mia biancheria ci
Roma”. E così la Rossi nel Non passa inosservata tra i con Gianfranco Fini. Eravamo villa San Martino, Arcore, an- menti a parte, la Rossi è preoc- pensi tu?”. I miracoli di una
2006 fu eletta consigliere mu- banchi di Montecitorio, bec- nella sala del governo e il pre- che in Brianza la casertana-ro- cupata per il bioritmo del Ca- Madonna-Zarina.
nicipale del Quadra-
ro. Oggi l’avvenente
Rossi è deputata e Al telefono con Fede
componente di ben
cinque Commissio- evoca il Bunga PARTY al Castello
ni, amica di Emilio
Fede, apprezzata da
Lele Mora, ospite di Bunga, dà ordini Nessun fascicolo
Silvio Berlusconi a
villa San Martino e
pierre al Castello di
alla cucina e li riceve Icololricamente,
procuratore Giovanni Ferrara smentisce catego-
da Milano non è arrivato nessun fasci-
sulle feste romane di Berlusconi. Quelle di cui si
Tor Crescenza, co- da una papi girl parlava nelle carte del processo Ruby depositate alla
lonna romana di Ar- Camera, per intenderci, in cui alcune ragazze – da Mi-
core. Fine. Ma il se- riam Loddo a Nicole Minetti – accennavano al “giro
greto di una carriera veloce e cata dai fotografi con i suoi ve- romano” abituato a riunirsi due o tre volte la setti-
forse precoce, per decifrare la stiti monocolore e l’ampia mana nel castello di Tor Crescenza, la nuova residenza
sua biografia, va cercato all’i- scollatura. La Rossi, classe estiva del premier, o a Palazzo Grazioli dove gli incon-
nizio. In quel palazzo di cin- ’72, è il punto di riferimento tri serali sarebbero proseguiti anche dopo lo scandalo
que piani ai confini di Roma, per le colleghe più giovani e D'Addario (con minore frequenza). Da Milano, il pro-
all’annuncio ai cento ragazzi deputata di fiducia di Berlu- curatore Bruti Liberati conferma che non ha alcuna
che per poche centinaia di eu- sconi. Il Cavaliere le concede intenzione di trasmettere atti ad altre procure, alme-
ro, al telefono, recuperano un posto nella società Pdl - Al no per il momento, anche perché dalle intercettazio-
crediti e chiudono contenzio- servizio degli italiani, costituita ni non emergerebbero fatti penalmente rilevanti. E
si. Com’era il motto? “Mi can- un mese fa per un’imprecisata poi, si sa, i pm milanesi sono gelosi delle loro inchie-
dido per me, per voi, per tut- operazione di propaganda. Il ste, soprattutto questa giunta allo snodo delicatissi-
ti”. E ai lavoratori distribuiva Fatto segnala la sua presenza a mo del processo per direttissima a Berlusconi.
le magliette di Forza Italia in Palazzo Grazioli, marzo 2010: Nulla vieta che sia Roma ad aprire autonomamente
onore dei politici in visita. Lei cena, musica, ballerine e il so- un fascicolo, per accertare cosa in effetti accada in
raccoglieva le firme, presidia- lito Apicella. Lei smentisce. Il queste cene, per lo più organizzate dal deputato Ma-
va le sezioni: movimentista e copione è riesumato per le se- ria Rosaria Rossi (non indagata) anche se è proprio
fortunata. L’incontro con il rate di Tor Crescenza, il castel- lei in una telefonata con Fede ad aprire scenari pe-
Cavaliere è fiabesco: lui in lo di Sofia Borghese Ferrari, fi- ricolosi. “Ah, che palle, vieni con due, facciamo bun-
viaggio per Milano, lei ai ga- glia del principe Scipione Bor- ga bunga e le due di notte, io vi saluto eh”. E poi.
zebo per la libertà. E il Tg1 che ghese discendente di papa “Vabbè avverto la cucina e mi vesto da femmina”.
La deputata Maria Rosaria Rossi (FOTO MILESTONEMEDIA) Sotto, Denis Verdini (FOTO DLM) Alcune feste si svolgevano a Palazzo Grazioli, ormai
considerata una sede istituzionale visto che ospita
L’AQUILA Gli appalti e il tentato abuso d’ufficio riunioni di governo.
Ma intanto le indiscrezioni sull'arrivo del fascicolo

“Dopo terremoto, processate Verdini” hanno agitato le acque e fa rumore la notizia che an-
che a Roma le Papi girl usufruiscano di alloggi ricon-
ducibili a immobiliari del premier o di suoi amici. In
via Ciro Menotti 24, al quartiere Prati, in uno stabile
di Antonio Massari larono uno dei momenti chiave dell'in- "dell'esito più che positivo degli incontri", ornato di palme, sarebbero tre le ragazze amiche di
chiesta aquilana sul post terremoto: il lasciando intendere che "l'intervento del- Berlusconi che abitano in eleganti appartamenti

Rra diinvio a giudizio per tentato abuso d'uf-


ficio: è questa la richiesta della procu-
L'Aquila per il coordinatore del Pdl
maggio 2009. Quel giorno il sottosegre-
tario Gianni Letta, stando agli atti, incon-
trò Fusi che, come l'indagine fiorentina
l'onorevole Verdini" era "stato determi-
nante". Gianni Letta non è mai stato sfio-
rato dall'inchiesta. L'interessamento di
messi a loro disposizione. Tra queste spicca il nome
di Letizia Cioffi, che nel 2009 doveva essere can-
didata alle europee. Ipotesi bloccata dalla furente
Denis Verdini e l'ex patron della Btp Ric- ha dimostrato, era in strettissimi rapporti Letta, secondo la versione di Verdini, era lettera di Veronica.
cardo Fusi. L'inchiesta sui Grandi Eventi, con Verdini. Poco tempo dopo, il "Con- legato soltanto alla sua origine aquilana: il Lo stabile è già stato ribattezzato l' Olgettina romana,
nata nella procura di Firenze e seguita dal sorzio Federico II" s'aggiudicò l'appalto sottosegretario era quindi intenzionato a anche se ci abita un noto ministro del governo. Forse
Ros dei carabinieri, s'avvicina sempre più per la realizzazione di due scuole, il re- conoscere il più possibile sulla ricostruzio- è per questo che nella strada si nota un gran viavai di
alla fase processuale. Dopo la chiusura stauro di una caserma e alcuni interventi ne e sui soggetti interessati. Per il terzo in- auto blindate e vetri oscurati, ma c'è chi dice che si
delle indagini dei pm di Perugia, ora ri- nel palazzo della Cassa di Risparmio della dagato, il costruttore aquilano Ettore Ba- vuole proteggere l'anonimato di importanti perso-
prendono il passo i pm aquilani, che han- Provincia di l'Aquila. Lavori per circa 21 rattelli, il procuratore Alfredo Rossini ha nalità che frequentano quel palazzo che è di proprie-
no indagato sulla ricostruzione post ter- milioni di euro. invece chiesto l'archiviazione. Fu lo stesso tà di Ligresti. In un servizio su Novella 2000 viene poi
remoto e sugli appalti del "Consorzio Fe- Barattelli ad ammettere, in un interrogato- ricostruita la mappa degli alloggi romani dove abi-
derico II". Furono proprio le intercetta- IL PUNTO è che il consorzio era stato co- rio davanti ai pm aquilani, di aver chiesto tano a spese di Berlusconi attrici, vallette e starlette
zioni disposte a Firenze – dove Verdini e stituito soltanto in quei giorni di maggio e, di lavorare con la Btp di Fusi perché sapeva di ogni sorta. Nel residence di via Nisio, in zona
Fusi sono indagati per corruzione per nel suo consiglio direttivo, erano presenti dei loro "appoggi politici". E il principale Trionfale (che appartiene all'immobiliare Dueville,
l'appalto "scuola dei marescialli" - che sve- molte persone contattate da Fusi a ridosso appoggio politico di Fusi è proprio Verdi- una società del premier) troviamo ad esempio Fran-
dell'appuntamento con ni, che avrebbe potuto agire per interesse cesca Pascale, 25 anni, napoletana, fondatrice del
Letta. Dagli atti emerge personale, visto il costante rapporto d'af- club “Silvio ci manchi”. C'è poi Sonia Grey, con-
Le aziende della che il 12 maggio Fusi in-
contrò Letta a Palazzo
fari tra i due: fu proprio Verdini, con il suo
Credito Cooperativo Fiorentino – come di-
duttrice di Domenica in che alloggia in un attico su due
piani alla Balduina. Ma le preferite abitano in centro.
cricca e le riunioni Chigi: "... sono qui a Pa-
lazzo Chigi... sono da
mostrano l'inchiesta fiorentina, le infor-
mative del Ros e l'indagine della Banca d'I-
A Campo de' Fiori troviamo sia Sabina Began che
l'appartamento da due milioni acquistato per Vir-
Letta qui...", disse al tele- talia – a prestare decine di milioni di euro ginia Sanjust. Lei ora non ci vive più, si è rifugiata in
con Letta fono parlando con una alla società di Fusi. La decisione di chie- una comunità per riprendersi dalla storia d'amore
sua amica. E poche ore dere il rinvio a giudizio è arrivata dopo una con Silvio. Al suo posto c'è un viavai di ragazze che
Chiesto il giudizio più tardi, dall'informati- riunione tra Rossini e la pm antimafia Olga fanno parte del “giro romano”. Rita Di Giovacchino
va del Ros, si scopre che Capasso. Gli atti dell'accusa saranno con-
anche per Fusi informava altre persone segnati al gup di l'Aquila questa mattina.
Mercoledì 16 febbraio 2011 pagina 7

V
LA FESTA È FINITA

ittorio Sgarbi è uno dei preferiti repliche, Sgarbi si è candidato per fare un settimana e conduttore assieme a Pippo
Ecco come il dg della tv di Mauro Masi, tant’è che il programma anti-Saviano e Masi lo ha Baudo per gli speciali sull’Unità d’Italia.
direttore generale voleva imporlo accontentato. E il sindaco di Salemi gli ha Speciali che su Raitre tolgono una puntata a
a Michele Santoro per fargli fare il provocatoriamente offerto uno spazio settimana a Parla a con me. Nel frattempo,
di Stato ha accontentato controcanto a Marco Travaglio ad Annozero. all’interno della sua trasmissione: “Masi un altro dei giornalisti più vicini al direttore
Quando c’è stata la polemica per Vieni via come Zorro”. Il direttore generale ha generale Masi, Maurizio Costanzo, sta per
con me di Roberto Saviano, il ministro accontentato anche Bruno Vespa, in prima tornare su Raidue con un programma in
gli anti-Santoro Maroni e i comitati pro vita che chiedevano serata con Porta a Porta una volta a preserale.

OLIVIERO TOSCANI
di Marco Lillo Che impressione le ha fatto
Masi negli incontri che avete
on farò più il diretto- avuto?

"N re artistico della tra-


smissione con Vitto-
rio Sgarbi perché
Masi è stato corretto ma è un bu-
rocrate che dirige quella che do-
vrebbe essere la prima azienda

“NON PRESTO
non voglio essere tacciato di es- culturale del paese. Lo sa da co-
sere un collaborazionista di Sil- sa si vede come è tenuta in con-
vio Berlusconi". Oliviero Tosca- siderazione l'arte in Rai? I qua-
ni si tira fuori da Il bene e il male, la dri negli uffici del direttore ge-
risposta di destra a Vieni via con nerale e del presidente, dai tem-
me dell'accoppiata Fazio-Savia- pi della Annunziata e di Sicilia-

IL FIANCO A SILVIO”
no. no, sono attaccati alla parete
Toscani, perché lascia solo con la catenella del cesso.
ora? Chiunque in Italia sape- Si dice che lei ha rotto per-
va che sarebbe stata una tra- ché non avete raggiunto l'ac- Il conduttore
smissione filo-berlusconia- cordo sul compenso. in alto, Vittorio Sgarbi, protagonista
na... Falso. Non me ne sono andato della trasmissione (FOTO ANSA); a sinistra
Così sarà intesa. Anche se Vitto- per questo. È vero che la mia ri- Oliviero Toscani, coinvolto inizialmente
rio Sgarbi non vuole fare una co-
sa di questo tipo. Purtroppo Il fotografo dà l’addio alla trasmissione Rai chiesta era alta, ma avrei rico-
perto più ruoli e si poteva an-
nel progetto (FOTO MILESTONE)

questo è un paese nel quale o che chiudere. Alla fine, solo per
sei con Berlusconi o sei contro.
Mi devo arrendere. Non c'è spa-
con Sgarbi: “È solo pro-Berlusconi” fare il direttore artistico mi han-
no offerto 80 mila euro. Non ho delle orge con le minorenni.
zio per l'arte in questo clima. trattato nemmeno. Non volevo Non è provato. Dobbiamo esse-
Toscani lei è una persona in- chiaro che l'obiettivo della diri- rocchiale. Ha fatto 9 milioni di spetta- più far parte del progetto. Pun- re garantisti. Ha ragione Vitto-
telligente. Mi spiega cosa si genza Rai è fargli fare una tra- Vieni via con me almeno le è pia- tori. to. Lo sa di chi è la colpa? Degli rio. Ma se dico questa cosa pas-
aspettava che facesse Vitto- smissione filo-berlusconiana. ciuto? Perché è stato pompato dai italiani, un popolo di tele-idioti. so per berlusconiano per la so-
rio Sgarbi? Io mi chiamo fuori. Noiosissimo. Non c'era sceno- giornali. Io ho visto Real Ma- Qui non si può fare arte in tv. lita maledizione. Ma lo sa che io
Vittorio Sgarbi farà Sgarbi. Pun- Come sarebbe stato il suo Il grafia, non c'era sorpresa e non drid-Barcellona. Molto meglio. E Berlusconi alla fine non ha dovevo dirigere la tv di Berlu-
to. È una delle persone più libe- bene e il male? I c'era emozione. Era tutto preve- Cosa pensa della manifesta- nessuna colpa? sconi?
re e intelligenti che io conosca. Innanzitutto il titolo che aveva- dibile. zione delle donne dopo il ca- Berlusconi si deve far processa- Quando?
Il più grande spreco di intelli- mo pensato noi era Fuoco amico so Ruby? re, ma secondo me sbaglia chi Berlusconi sei mesi prima di
genza al mondo. Se difende Ber- per dare il senso che Sgarbi po- Le italiane sono in parte respon- dà per scontato che abbia fatto aprire la sua tv negli anni Settan-
teva sparare su chiunque. Poi sabili di come si comportano i ta organizza un incontro a casa
invece hanno scelto questo. maschi. Le mamme italiane so- di una grande famiglia borghese
“Il bene e il male” Il bene da una parte, il male gnano un figlio sciupafemmi- Le impressioni di Milano, sinistra chic. C'era un
L’anti-Saviano dall'altra e niente più fuoco ne. Lo so che è sbagliato ge- sul dirigente tavolo da ping pong al centro di
su Berlusconi. neralizzare ma la tendenza è un salone lussuoso.

“ È chiaro
che l’obiettivo
Il bene e il male è più rassicu-
rante. La mia idea era quella
di usare l'arte come chiave
di lettura di tutti i temi,
compresa la politica.
questa.
Ora va a finire che le
donne sono respon-
sabili anche del
maschilismo e
“ Mauro Masi
è un burocrate
E cosa le dice Berlusconi?
Si siede a capotavola, da un lato
io e dall'altro Umberto Eco. A
lui dice: 'Voglio te come diret-
tore editoriale della mia nuova
della dirigenza Volevo far intervista- del bunga bun- che dirige tv'. A me dice: 'Voglio te come
re Fidel Castro e ga. direttore artistico'. Abbiamo
è fare una Berlusconi su Le donne italia- la prima entrambi rifiutato e al posto
Dio, per esem- ne non si inna- mio poi è andato Carlo Frecce-
trasmissione pio. Ma in Italia morano del azienda ro.
non c'è niente proprio uomo Pentito?
per il premier: mi da fare. ma del primo culturale No. Gli ho detto che la sua te-
Come sarà ora figlio maschio. levisione non era la mia. Lo pen-
chiamo fuori la trasmissio- Lo educano ad del paese so ancora.


lusconi e attacca i giudici lui lo
fa perché è davvero garantista.
Non per trarne vantaggio.
ne?
Non mi interes-
sa. Gli autori ri-
masti sono Carlo
Vulpio, Gianluca
avere più donne
possibili, poi si la-
mentano se guarda
solo le veline. Quel
maschio si sposerà

IL VENERABILE SU “OGGI”

Attaccando i giudici sgraditi


al padrone, Sgarbi ha otte-
Nicoletti e altri, io
non so nulla. Avevo
un'altra donna italia-
na, che non lo amerà,
Gelli: “Andreotti
nuto trasmissioni e rubriche
sui media di Berlusconi. Cioè
visibilità, contratti e soldi.
immaginato una
grande sfera che rac-
chiudeva la trasmis-
ma vizierà un altro fi-
glio e il ciclo ricomin-
cia. Ma le ha viste le gior-
aveva la sua P2”
Ora arriva la prima serata in
Rai.
Sgarbi avrebbe guadagnato di
sione. Il pubblico non
era nella sala come si ve-
de in queste cose tipo
naliste più famose? Han-
no tutti problemi di chi-
rurgia estetica. Tutte stira-
“A ndreotti sarebbe stato il vero ‘padro-
ne’ della Loggia P2? Per carità... io
avevo la P2, Cossiga Gladio e Andreotti l’Anello”.
più facendo altro. È onesto in- Ballarò che inquadrano la te, una volta una condut- Con poche parole l’ex venerabile conferma per
tellettualmente, non è questo il faccia di un ospite e si ve- trice mi ha fatto aspettare la prima volta che il senatore sarebbe stato il re-
problema. Sono gli altri che lo dono le ginocchia del mezz'ora al trucco e io le ho ferente di un’organizzazione quasi sconosciuta,
stanno strumentalizzando. È pubblico. Una roba par- detto: non sei una velina! un sorta di servizio segreto parallelo e clande-
stino, un possibile anello di congiunzione tra i
servizi segreti (usati in funzione anticomunista)

La Tommasi e il mistero del volo e la società civile. Lo pubblica in un’intervista il


settimanale “Oggi”. Andreotti non ha voluto
commentare. Ancora sulla P2: “La rifarei.
Anche se tanto del mio Piano di rinascita è
IL PRESUNTO VIAGGIO IN BULGARIA DELLA STARLETTE CON L’AEREO DI STATO E IL CRITICO D’ARTE stato realizzato. Mi sarebbero bastati altri
quattro mesi. E avrei cambiato il sistema po-
di Paola Zanca qa”. litico senza colpo ferire”. L'ex venerabile dà
La stessa versione rilasciata a noi tre giorni pri- un giudizio negativo su Berlusconi: “La sua
giornalisti hanno il dovere di riconoscere ma: “Non ci sarà stato Il Fatto, ma c'erano gli politica non mi piace. Si è dimostrato un de-
“I me, non io loro”. Vittorio Sgarbi la butta in
vanità. Non sa dire se sull’aereo di Stato in volo
altri, c'era il Corriere, ed è sulle cronache di
quei giorni”.
bole, ha paura della minoranza e non fa va-
lere il potere che il popolo gli ha dato”.
per la Bulgaria con a bordo lui, Sara Tommasi e Di Sara però, nelle cronache del 14 giugno
il presidente Berlusconi ci fossero giornalisti. non c’è traccia: i giornalisti non l’hanno nem-
Lui non è obbligato a riconoscerli. Eppure, fi- meno incrociata. Viaggiavano su un altro ae-
no a cinque giorni fa, sosteneva convinto che reo. “Noi siamo andati a Sofia con un aereo di Sara Tommasi
il viaggio per andare a inaugurare il monu- linea”, ricorda Francesco Bei, inviato de La Re- (FOTO ANSA) stampa con il premier Borisov, intorno c'era-
mento di Garibaldi a Sofia fosse carico di gen- pubblica. Nessun incrocio con la Tommasi: “Fi- no i suoi collaboratori”.
te impegnata nella “cronaca” della giornata. gurati, le persone del suo staff ormai le co- Anche Sgarbi c'era: fu lui a riferire ai cronisti
“Ero stato invitato come sindaco di Salemi, ho nosciamo tutte, ce ne saremmo accorti, come che una delle ballerine bulgare che avevano
chiesto un passaggio sul volo di Stato e rite- abbiamo fatto con la Dama Bianca (la colla- conquistato le attenzioni del premier sembra-
nevo che l’aereo potesse portare chiunque, boratrice della Regione Lazio in volo con Ber- va ospitato una lunga ricostruzione del viag- va “la Gradisca felliniana”. Adesso però non è
anche la Tommasi, non è che fosse un viaggio lusconi al G8 in Canada, ndr)”. Sara, a togliere gio firmata da Sgarbi in persona. Ieri, il die- più così sicuro che quelli in viaggio con lui
riservato”. il lenzuolo bianco alla statua di Garibaldi, non trofront del quotidiano della famiglia Berlu- fossero giornalisti. Fuccaro? “Ho letto il suo
Sul Corriere della Sera dell’altroieri ha fatto per- s'è vista. Nel raggio dello sguardo dei cronisti sconi: “Il volo con a bordo i cronisti era un articolo, pensavo ci fosse. Quando ero sotto-
fino nomi e cognomi: “C'erano numerosi gior- non c'è proprio entrata: “Ci misero in un re- altro”. segretario, io portavo con me decine di gior-
nalisti di testate importanti (per il Corriere c'e- cinto in piazza – ricorda ancora Bei – abbiamo A bordo c'era anche Amedeo La Mattina, in- nalisti. Se poi il costume specifico del presi-
ra Lorenzo Fuccaro) e di agenzie. Intendo che visto la celebrazione. Poi loro sono andati a viato de La Stampa: “Sono anni che viaggio per dente del Consiglio è un altro, questo non ri-
viaggiavano sullo stesso aereo con il premier, pranzo e noi a scrivere il pezzo in aeroporto”. lui, lo sanno tutti che non si sale mai sul suo guarda me. Ho visto delle telecamere in aereo.
con Sara e con me, e che Sara era bella e vi- Sulla assenza di Fuccaro, ieri è stato costretto aereo”. Nemmeno lui ha visto la Tommasi: Posso pure aver visto uno che mi sembrava un
stosa, e non viaggiava mascherata o con il bur- a fare marcia indietro anche Il Giornale, che ave- “Berlusconi lo abbiamo visto in conferenza giornalista e non lo era, chissenefrega”.
pagina 8 Mercoledì 16 febbraio 2011

STRATEGIE POLITICHE

UNO A ZERO
PER FINI, MA FLI
È NEL MARASMA
Le dimissioni di Viespoli dal gruppo
al Senato durano 15 minuti
di Alessandro Ferrucci servito con un sospiro pe- Il capogruppo di Futuro e Libertà
sante, inequivocabile, di chi al Senatore, Pasquale Viespoli,
rso non parla. Lui, di preferisce strozzare quello

U
annoverato tra le “colombe” del
solito, è molto loquace che vorrebbe urlare, piutto- gruppo finiano (FOTO ANSA)
con i giornalisti: li sto di fare danni. È il segnale
prende sotto braccio, della vittoria di Fini. Una vit-
sorride, usa toni pacati e dà
la sua versione dei fatti, ma-
toria suggellata dal presiden-
te della Camera con una di-
nione dei senatori dissidenti:
“Non cambia nulla, perché
Veleni e coltelli e con il mandato unanime di
assicurare il posizionamento
glio, attraverso i microfoni di
Un giorno da pecora, su Radio2,
gari edulcorata, anche quan-
do è scomoda. Questa volta
chiarazione secca, conse-
gnata alle agenzie subito do-
giudico infondati i rilievi”.
Poi una stoccata: “Trovino
dentro politico nel centrodestra”. Le
posizione diverse sono quelle
rivela: “Fini è un superfalco,
lui vola a un’altra altezza ri-
no. E il suo “no comment” è po la conclusione della riu- argomenti più consistenti...”
Ma quali sono i “rilievi” e gli
i futuristi. Il del padovano Maurizio Saia e
del piemontese Giuseppe Me-
spetto a noi: è più intransigen-
te quando si trova davanti a
“argomenti”? Per capirlo, nardi, uniti allo stesso Viespo- questione istituzionali”. E alla
torniamo a Milano, ai tre presidente li: sono loro tre gli strenui so- domanda su quale potrebbe
MASI chiama giorni di assemblea-congres-
so dedicati alla fondazione di della Camera stenitori della necessità di non
guardare al Pd e oltre. Gli altri
essere la classifica dei più “fal-
chi” in Fli, risponde: “Primo
Futuro e Libertà. Lì si sono sette sono più aperti ad aspet- Granata, secondo Briguglio,
e l’Isola fa acqua aperti due fronti, l’uno con-
catenato all’altro: la nomina
chiude: “Non tare gli eventi e capire, riten-
gono la situazione talmente
terzo Bocchino”. E quella del-
le colombe? “Primo Viespoli,
cambia nulla”
PMasiergramma,
fare il simpatico e cercare di benedire il pro-
lunedì sera, il direttore generale Mauro
ha telefonato in diretta all’Isola dei Famosi su
dei vertici del partito (Italo
Bocchino alla vicepresiden-
za e Benedetto della Vedova
“mobile” da non consentire
paletti a prescindere, esatta-
mente quello che gli ha detto
secondo Ronchi, terzo Ur-
so”.
Una doppia classifica che rac-
Raidue, il reality di Simona Ventura che iniziava l’ot- alla presidenza del gruppo mal di pancia, altrettanti mal- lo stesso Fini in una riunione conta alla perfezione lo stato
tava edizione: “Sto chiamando per dirle che non mi dei deputati) e la linea po- contenti. E un po’ di spaesa- riservata. delle cose in Futuro e libertà: i
dissocio né da lei né dal programma, che risponde litica, vuol dire strizzare l’oc- mento: “Ma con quello che è primi sono i vincitori, appaio-
all'azienda”. Dice Masi facendo il verso a se stesso chio al centro-sinistra verso successo oggi a Berlusconi, Le intese pericolose no in tv, rispondono ai media,
ricordando la telefonata per “dissociarsi” da Anno- la “Santa alleanza” antiberlu- ancora vogliono perdere tem- con D’Alema sono galvanizzati e perfetta-
zero. E poi saluta così: “Sono certo che darete il mas- sconiana, piuttosto che ri- po con queste stupidaggini? mente in sintonia con il loro
simo, è un programma di grandi ascolti per l'azien- manere nel perimetro del Ma non si rendono conto di leader; i secondi hanno facce
da”. Non l’avessi mai detto: l’Isola dei famosi non ha centro-destra. cosa vuol dire, che sta franan- COMUNQUE, al documen- lunghe, si sentono sconfitti,
superato il 12 per cento di share, un risultato al di là do tutto?”, sottolinea un finia- to dei dissidenti ha quindi re- strozzati in un ruolo non loro,
di ogni più pessimistica aspettativa. Ieri Masi ha in- La ribellione no doc. “È un rituale da Prima plicato il presidente della Ca- in un’alleanza non spiegabile
contro Michele Santoro per mezz’ora per ricordare a Palazzo Madama Repubblica, ho cose più im- mera: “La linea politica è ine- agli elettori di riferimento e
al giornalista le regole aziendale, il pluralismo e le portanti da fare che stare a ve- quivocabile: Fli vuole rifonda- fuori dalle decisioni importan-
solite cose. Nel frattempo, anche il presidente Pao- dere queste cose”, rincara Fa- re il centrodestra e l’organi- ti. Il peggio però è per Urso, il
lo Garimberti si è pronunciato contro l’atto di in- LITI, discussioni, drammi. bio Granata. Risultato della gramma è in linea con questa quale in poco tempo ha messo
dirizzo sul pluralismo di Alessio Butti in discussione Poi, ieri, l’appendice della bat- riunione? Le dimissione dello volontà”. Sì, di destra, ma con in piedi la fondazione FareFu-
in Commissione parlamentare di Vigilanza: “Certe taglia interna e la conclusione stesso Viespoli dal suo ruolo di un occhio a sinistra. Lo ha turo, ha rinunciato a un ruolo
regole che per ora vengono solo prospettate ren- (momentanea?) quando il ca- Fli. Dimissioni momentanee, scritto ieri Fabio Martini su La importante nel governo, e si è
derebbero il giornalismo omologato e uniforme. pogruppo al Senato, Pasquale tattiche, lunghe quindici mi- Stampa, dove ha rivelato un sentito dire: “Mi dispiace, ma
Ho fatto il corrispondente per anni nell'Unione So- Viespoli, ha convocato gli altri nuti, prima di essere nuova- patto tra Fini e D’Alema. Patto Bocchino ha le chiavi di Gene-
vietica di Breznev e certi ricordi li ho...”. Ma ora il nove rappresentanti finiani mente votato dal gruppo, con smentito, senza troppa con- razione Italia, ed è un miglior
testo-bavaglio potrebbe essere modificato. dissidenti a Palazzo Madama tanto di comunicato: “Nella vinzione dall’ufficio stampa organizzatore: ora siamo in
per fare il punto: tre ore e mez- sintesi delle diverse posizioni “futurista”. Anche perché, nel tempi di guerra”. E alle colom-
zo di riunione, con altre urla, emerse all'interno del gruppo pomeriggio, Carmelo Brigu- be non è chiesto di volare.

Una santa alleanza con tutti piace pure a Vendola


IL GOVERNATORE DELLA PUGLIA DA BRUXELLES DICE SÌ A UNA “COALIZIONE DELLE OPPOSIZIONI A TEMPO”
di Chiara Paolin Italy is on the wrong side of hi- vata chiara e forte: “Per spirito detto Vendola. Cioè: niente garantisca l’indipendenza del proprio mestiere. E per quel
stor y” titolava il prestigioso fo- di verità, e per amore della no- campagna elettorale con al- sistema informativo”. Questa che mi riguarda – ha concluso
endola international. Lune- glio, precisando che “the Left biltà della politica, non si pos- leanza tutti contro Silvio. Sì in- fase “può essere propedeutica Vendola - il mio è la costruzio-
Vstrava
dì, mentre il Giornale lo mo-
in tutta la sua beltà inte-
must provide an alternative to
'berlusconismo'”(traduzione
sono prefigurare governi stabi-
li che inglobino culture politi-
vece a “una fase transitoria che
riformi il sistema elettorale e
al rilancio del Paese e della sua
immagine. Sgomberate le ma-
ne di un nuovo centrosinistra”.
Veni (all’estero), vidi (Berlu-
grale anni 70, Nichi era a Bru- inutile). che e prospettive programma- detti regole sul tema scabroso cerie del berlusconismo, cia- sconi alla sbarra), vici (il primo
xelles per una due giorni dedi- Perché tu vaglielo a spiegare, tiche tra loro incompatibili” ha del conflitto d’interessi, e che scuno potrà pensare a fare il round).
cata alle politiche ambientali nelle capitali europee, che se il
delle regioni europee. E ieri, premier finisce sotto processo
mentre l'affidabile Luca Barba- per frequentazioni sessuali mi-
reschi spiegava (ospite di Mau-
rizio Belpietro su Canale 5)
l'impossibilità per Fli di strin-
norili, in Italia la terapia è dimo-
strare come un nudista d'antan
- gay, per giunta - sia un sogget-
Il giustiziere di Loris Mazzetti

to sulla sua biografia: “A tutt’oggi sono impegnato


gere rapporti con Sel anche da-
vanti a un eventuale tracollo
to politicamente pericoloso,
oltre che privo di decenza, per
della tv pubblica nel campo della comunicazione” e contemporanea-
mente capogruppo del Pdl in Commissione di vigilanza
berlusconiano, il governatore forgiare l’opposizione. Eppure Rai). Butti e il gip Cristina di Censo sono i personaggi del
momento, lei per aver chiesto il giudizio immediato per il
pugliese si godeva l'effetto del-
la sua letterina pubblicata dal
britannico Guardian per San Va-
Nichi, tra inglese e apula zep-
pola, ci ha provato lo stesso a
far capire come la vede un uo-
Cchehevisivo
B. voglia smantellare il Servizio pubblico radiotele-
lo ha pubblicamente dichiarato: “Bisognerebbe
gli italiani non pagassero più il canone”. Le ha provate
premier, lui per aver presentato in Commissione l’ultima
proposta bavaglio per i talk-show della Rai (da estendere
lentino. “Silvio Berlusconi's mo di sinistra davanti agli sce- tutte: ha fatto una legge, la Gasparri, ha infiltrato in Rai i anche alle private nazionali), dal titolo: “Atto di indirizzo
nari sempre più evolutivi della suoi fidi, nulla è cambiato: Fazio, Santoro, Gabanelli, Floris, sul pluralismo”. La premessa chiarisce inequivocabilmente
politica tricolore. Insomma, se Dandini sono ancora in palinsesto. Questa volta ha deciso l’obiettivo dell’iniziativa: “La tv di Stato relega in posizione
Berlusconi fosse costretto a di- di colpire l’azienda dall’esterno. Il senatore Alessio Butti ha minoritaria le idee e i valori e le proposte della maggio-
mettersi, potrebbe formarsi tutte le carte in regola per essere il giustiziere: non ha se- ranza degli italiani”. Tradotto significa che ciò che sta an-
una coalizione transitoria che, guito Fini in Fli, è un volpone della politica, l’ambiente lo dando in onda non va bene e quindi bisogna cambiarlo. Una
da Fli a Sel, diventi forza unica? frequenta da quando a quindici anni aderì al Fronte della delle regole afferma: se una trasmissione tratta un certo
Oppure meglio picchiare duro Gioventù (i giovani del Msi), è da sempre vicino a editori di argomento devono passare otto giorni prima che le altre lo
sul voto anticipato riportando giornali e tv, ieri, come conduttore (chi non ricorda Terre possano affrontare. Vespa in onda il lunedì deciderà i con-
gli schieramenti su più consue- dimenticate in onda su EspansioneTv?), oggi, come con- tenuti di “Ballarò”, “Annozero”, “Che tempo che fa”, ecc.
te spartizioni parlamentari, e sigliere delegato della concessionaria Media Nord di Como Nell’esporre la proposta Butti ha dichiarato, a proposito
relativo dilemma Pd tra terzo che raccoglie in esclusiva la pubblicità per il “Corriere di degli opinionisti (leggi Travaglio): “Nei programmi devono
polo (recalcitrante) e Vendola Como” e l’emittente EspansioneTv. Da ciò si evince che il essere rappresentate due tesi, altrimenti si rischia che una
(a braccia aperte, ma capace di senatore comasco è sulla stessa lunghezza d’onda di B: stes- verità diventi la verità”. I miei genitori mi hanno insegnato
scippare la leadership via pri- so linguaggio (la tv), stesso conflitto di interessi (lo ha scrit- che la verità è una sola, la seconda si chiama menzogna.
marie)?
La risposta da Bruxelles è arri-
Mercoledì 16 febbraio 2011 pagina 9

STRATEGIE POLITICHE

PATTO COL DIAVOLO?


Bersani tenta la Lega. Flores d’Arcais: “Mossa pessima”,
Annunziata: “Un dovere provarci”
di Wanda Marra in grado di garantirgli il federalismo e dunque si de-
cida a staccare la spina a un governo che è lui a te-
n patto col diavolo: a molti commentatori l’a- nere in vita. “Ho chiesto io di poter parlare sulla Pa-

U pertura di Pier Luigi Bersani alla Lega suona


così. Se per Paolo Flores d’Arcais si tratta di
“una mossa pessima”, Maurizio Viroli parla di
“compromesso infelice”. Più sfumati e aperti i giu-
dizi di Furio Colombo e Lucia Annunziata. Ma quel
dania perché “voglio togliere un alibi alla Lega: non
c'è bisogno di tenere attaccata la spina a Berlusconi
per parlare di federalismo”, dice in serata a Otto e
mezzo Bersani. Ma certo la mossa è azzardata. E pure
definitiva. Adesso non resta che aspettare, come
che è certo è che lo sdoganamento della Lega a mez- ammettono dallo staff del segretario (mentre rac-
zo Padania, nel giorno del rinvio a giudizio per Ber- contano di “rapporti” con Bossi). Nessuna certezza.
lusconi, in quello stesso giorno in cui i Democratici Da Bossi non ci sarebbe stato nessun feedback al-
ne chiedono con forza le dimissioni e il voto anti- l’intervista, si parla di molta attenzione però da par-
cipato, è una mossa strategicamente importante. E te dei sindaci e degli amministratori. “Serve
che provoca feroci dissensi, ma anche approvazio- pazienza”, dice lo stesso leader demo-
ne. Bersani parla con un’intervista alla “Padania” cratico. Tra i leghisti ieri la battuta
(preceduta da una telefonata a Umberto Bossi): “Im- che circolava a Montecitorio
pegno me e il mio partito a a portare avanti il pro- era “Moriremo comunisti”. Su
cesso federalista, dialogando con la Lega. Quali che tutti il commento di Matteo
siano gli sviluppi politici. Guardiamo oltre Berlusco- Salvini: “Le vie del federali-
ni ma salviamo la prospettiva autonomista”. Uno smo sono infinite e vale sem-
sdoganamento con tutti i crismi: “Credo da sempre pre il principio di Miglio e
che, pur da posizioni diverse ed anche alternative, Bossi: pur di arrivare alla me-
ci siano due vere forze autonomiste nel Paese: il Pd e ta si fanno gli accordi anche
la Lega. Noi rivendichiamo e vogliamo coltivare, rin- col Diavolo”. Per ora, co-
novandola, questa nostra antica tradizione”. E dopo munque, i vertici non si
anni e anni di anatemi, di condanne, di battaglie con- espongono. La base, che per
tro le posizioni più xenofobe si spinge a dire: “Non tutto il giorno ha sfogato i suoi
ho bisogno che qualcuno mi spieghi che la Lega non umori su Radio Padania, è tutt’altro
è razzista: lo so da me. Però dire ‘ciascuno a casa sua’ che d’accordo: “Ma come, prima ci accu-
non fa i conti col mondo moderno”. Il gioco è chiaro sano di razzismo e poi ci propongono un patto?”, il
e in realtà la strategia è quella che il leader Demo- tenore dei commenti. E la perplessità di molti nel Pd
cratico porta avanti ormai da qualche tempo: l’in- la traduce il “rottamatore” Pippo Civati: ''In sintesi: Strane alleanze Un’immagine di una manifestazione della Lega Nord con uno
vito è a Bossi affinché capisca che Berlusconi non è praticamente la Lega non è leghista”. striscione emblematico sull’Italia. A sinistra Pier Luigi Bersani

Ci vuole lo Troppi Un tentativo Puro PARLA BERSANI


Scacco incensamenti obbligato masochismo
matto Maurizio Viroli Lucia Annunziata Paolo Flores d’Arcais
Furio Colombo
In tutti i giochi
di bravura ci
sono dei
momenti in cui il
‘Ritiri la Lega
fiducia al governo
Berlusconi e ne
provochi la
caduta, poi discuteremo di
È probabilmente
troppo tardi, ma
il segretario del
Partito
democratico non poteva non
Mossa pessima.
In politica sono
cruciali i tempi.
Una mossa
azzeccata il giorno x diventa
“ Non c’è bi-
sogno che
“ Credo da
sempre che ci
più audace dei giocatori
compie una mossa che gli
federalismo’. Questa, a mio
giudizio, avrebbe dovuto essere
tentare. Pierluigi Bersani ieri ha
fatto un’offerta di alleanza alla
esiziale il giorno y. Qui parliamo
di tattica, sia chiaro: proporre
qualcuno mi siano due vere
spettatori del gioco non
capiscono. Succede negli
la presa di posizione del
segretario del maggior partito
Lega, al punto di affermare di
non trovare il suo programma
alla Lega l’approvazione di
“questo” federalismo da parte di
spieghi che la forze autono-
scacchi, quando il più astuto d’opposizione, senza alcuna razzista. Ne è seguito il dibattito un governo del Quirinale
muove in modo che sembra concessione sui principi e senza solito tra realisti e principisti, tra (ribaltone!), dunque dopo che Lega non è miste in que-
rovinoso e poi, invece, si inopportuni incensamenti. chi pensa che liberarsi di Bossi avesse sfiduciato
rivelerà vincente con sorpresa Invece nella sua intervista alla Berlusconi valga qualunque Berlusconi, poteva essere razzista: lo so sto Paese: il Pd
di tutti. Questa e' l'unica “Padania” le concessioni e gli cosa e chi no. Potrei cavarmela intelligente (avrebbe dovuto
ipotesi in cui mi riesce di non incensamenti sono troppi e tutti dicendo che anche a Yalta nei pensarci anche Fini), fino alla da me e la Lega
disperarmi per il passo di
avvicinamento che il
segretario del Pd Bersani ha
fatto nei confronti della Lega
con la ormai famosa intervista
fuori luogo. Non c’era alcun
bisogno di rivendicare il merito
di aver innestato il
“meccanismo federalista” con la
modifica dell’art. 119 perché
freddi giorni del febbraio del
1945 né Churchill né Roosvelt
erano felicissimi di sedere
accanto a Stalin, ma la
situazione Italiana è ben al di
(s)fiducia del 14 dicembre. Ora,
mentre Berlusconi traballa di
suo, è puro masochismo. Al
limite, avrebbe ancora senso
questo “cinico” baratto (un po’
” ”
su "La Padania". Ha parlato di quel provvedimento è un orrore sotto di quella soglia storica. La di Machiavelli non guasterebbe: PERLE LEGHISTE
federalismo, suggerendo l'idea politico e costituzionale, una Lega non è il nuovo fascismo, e a brigante, brigante e mezzo,
di farlo insieme (ma: voi venite scelta di cui pentirsi non la mossa di Bersani è piu’ diceva il grande Pertini): la Lega
da noi o noi veniamo da voi?) e
poi ha aggiunto complimenti e
incoraggiamenti al bestione,
comprensibilmente restio ad
avvicinarsi, tra cui una
vantarsi. Non c’era alcun
bisogno di affermare che
“ciascuno a casa sua” come
proclamano i legaioli è idea (si fa
per dire) che “non fa i conti con
questione di metodo che di
merito. Il Segretario di un
partito ha il dovere di fare
proposte concrete. Se è vero,
come tutti ripetiamo, che il
(che è razzista, eccome) sfiducia
Berlusconi e va alle elezioni da
sola, Berlusconi è finito, e in
cambio il governo post-elezioni
si impegna a varare come primo
“ 'Voglio eli-
minare dalle
Pensate se i
nostri nonni “
certificazione di non razzismo il mondo moderno” perché è destino del premier è nelle mani provvedimento “questo” strade quei avrebbero rac-
e non xenofobia per un partito xenofobia della più bell’acqua. della Lega, allora Bersani non federalismo. Ma regali a Bossi in
che, almeno nei suoi molti E non c’era neppur bisogno di poteva non tentare di smuovere cambio di chiacchiere, è da bambini che contato che ci
Borghezio, si sarà sentito affermare, a proposito questo blocco. A costo di mentecatti anche solo
offeso da simili dichiarazioni.
Il problema, come nel gioco
dell’Emilia-Romagna, “volete
chiamarla Padania? Come
sbagliarsi, e pagare in futuro:
l’esercizio della responsabilità è
ipotizzarli. E meno che mai
alleanze future. “Questo” vanno a rubare facciamo toglie-
degli scacchi di cui ho parlato preferite’” perché con siffatte un dovere per chi ha incarichi federalismo fa un po’ schifo, ma re i canti natalizi
prima, temo che sia nella parole si legittima una politici. E personalmente è robetta più ancora che in casa degli
seconda mossa. Ovvero lo aberrazione politica. C’è modo preferisco un leader che sbaglia robaccia, e come prezzo per dai cornuti isla-
scacco matto (in questo caso a e modo di proporre un a uno che sceglie la felice finirla col regime si potrebbe anziani
Berlusconi). Se non c'è, è
sicura la brutta figura.
compromesso, quello scelto da
Bersani mi sembra infelice.
immobilità di chi chiacchiera
molto e decide mai.
trangugiare. Comunque, meglio
affidarsi alle lotte.

mici di merda

A NAPOLI si lavora sospesa alle 17.35 ed è
ripresa alle 18 con una
subito sospesa per la
presentazione del
votazione all’unanimità. I maxiemendamento fino alle
ancora per Cantone di Caterina Perniconi
lavori si sono chiusi alle 21. E
riprendono stamattina alle
12.55. I senatori, però, sono
tornati in aula alle 13.03.
el pomeriggio, i boatos romani diventano un
N coro. Raffaele Cantone sarebbe orientato a
dire sì a un appello unitario del centrosinistra e
CAMERA Ieri l’aula si è riunita
alle ore 11 per lo
fine dei lavori perché il
deputato Burtone (Pd), che
10.

SENATO Al Senato è in
Nuovo stop alle 13.19 per
un’ora. I lavori sono ripresi
alle 14.19 fino alle 14.22. La
ad accettare la candidatura a sindaco di Napoli. E svolgimento di aveva presentato le discussione il decreto seduta antimeridiana è
se Andrea Orlando smentisce, lo stesso Cantone un’interpellanza e di successive interrogazioni, era milleproroghe. I lavori in aula durata complessivamente 1
affida una dichiarazione al Velino: "Io non ho interrogazioni. La seduta è assente. Dalle 11.40 l’aula è sono cominciati alle 9.35 fino ora e 31 minuti. La seduta
visto nessuno e non ho parlato con nessuno”. Ma stata sospesa alle 11.25 ed è stata riconvocata per le alle 10.45. La seduta è pomeridiana è cominciata
fonti affidabili riferiscono che esisterebbe una ripresa alle 11.38, solo per il 14.30. Alle ore 16.05 è ripresa alle 11.45 per alle ore 16.01 e terminata
generica disponibilità di Cantone a dialoga- tempo necessario al intervenuto il ministro degli comunicazioni. Interrotta alle alle ore 20.06. Oggi
re. vin.iur. presidente di annunciare la Esteri. La seduta è stata 11.46 è ripresa alle 12.36, ma appuntamento alle 9.
pagina 10 Mercoledì 16 febbraio 2011

CRONACHE

N
LA GUERRA DI PIERO GEMELLINE SCOMPARSE
Appello a “donna
che le custodisce”

PER IL PANE L a speranza di


ritrovare vive Alessia
e Livia c’è ancora. Ieri,
nonostante una giornata
di ricerche vane, sulla
pagina Facebook

QUOTIDIANO dedicata alle gemelline


scomparse, è apparso un
appello “alla donna che le
tiene in custodia”. Sono
inutilizzabili i resti del
navigatore utilizzato dal
La povertà sempre più “normale” padre e ritrovato lunedì.

di un pensionato milanese
di Mimmo Lombezzi no il permesso di soggiorno, gli qualche centinaio – dice – Oggi
italiani perché si vergognano. siamo oltre 1000, che diventano
n carcere anche il dena-

“I
Piero invece parla senza proble- 4000 il sabato e la domenica. Se
ro è sorvegliato” diceva mi, quasi fosse il portavoce di viene un fotografo o una teleca-
in una vecchia intervista quella povertà disciplinata che mere tutti si nascondono”. Nel
Adriano Sofri “tu non ogni mattina si mette in coda fra senso che sono aumentati gli ita-
puoi spendere più di 800 mila li- comitati di piccioni che si con- liani? “Sì – risponde – Soprattutto
re al mese. Viviamo in una specie tendono le briciole di pane cadu- gli anziani”. Gli chiedo quanto
di regime monastico”. Ottocen- te dai sacchetti. “Perché dovrei tempo resti da “Pane quotidia- Un anziano fruga tra i rifiuti di un mercato. Sotto, Nicola Piovani (FOTO ANSA) CONTRO IL RACKET
to euro al mese – che, pagato l’af- vergognarmi? – dice – Io sono no”, mi dice “un’oretta volentie-
fitto, diventano 350 – hanno im- passato dal benessere alla pover- ri” ma che le prime volte si ver- adulto) ed è andato a vivere in af- “Sono passato Ercolano abbassa
posto un regime monastico an- tà. Guadagnavo circa 2.500 euro gognava “perché molta gente mi fitto, cioè in uno spazio di 25 me- le saracinesche
che a Piero Vinarozzi, un cuoco e sono andato in pensione con un conosceva. Anche se nessuno mi tri quadrati ma i suoi rapporti con dal benessere a
in pensione che incontro a Mi-
lano, alle distribuzioni di cibo di
“Pane quotidiano”.
terzo dello stipendio e con quelli
ci devo bere, mangiare, pagare
l’affitto e le spese di condominio.
ha mai aiutato”. Il monolocale di
Piero dista meno di due chilome-
tri dai banchi di “Pane quotidia-
i familiari evocano i racconti di
Carver. Gli chiedo cosa dica sua
moglie del fatto che vada alle di-
non avere niente. S aracinesche abbassate
ieri a Ercolano per
dire no al pizzo.
Non ho vizi. Non fumo, non vado no”. Sulle pareti sono appese le stribuzioni di cibo. “Ognuno sta L’iniziativa è stata
“DI SOLITO PRENDO frutta, al bar e non compro neppure foto di quando era un marito fe- sulle sue”, risponde. Non le ha Con 800 euro, promossa dalla
verdura e a volte del vestiario” di- quotidiani. Leggo quelli gratui- lice e un cuoco stimato con uno mai detto vieni a mangiare da me? Federazione Antiracket
ce Piero. “Oggi ho preso del pa- ti”. stipendio dignitoso mentre tre “No”. Ma non le dispiace della dopo aver Italiana e
ne, del cioccolato, una camicia e Lo slogan La crisi è alle nostre spalle spade da samurai made in China al- sua situazione? “Non gliel’ho mai dall’amministrazione
un paio di calzoni”. Intorno a lui per Piero ha un significato lette- ludono più a una sconfitta che a chiesto – dice Piero – Sa, quando pagato l’affitto, comunale a sostegno dei
rumeni, arabi, albanesi e qualche rale: alle sue spalle le vittime della una battaglia. Dopo la separazio- sono andato in pensione mi ha commercianti che si sono
italiano. Gli immigrati nascondo- crisi si moltiplicano di giorno in ne, Piero ha lasciato la casa alla detto: neanche un lavapiatti ha una non resta nulla” costituiti parte civile a
no la faccia perché non tutti han- giorno. “Dieci anni fa eravamo moglie e al figlio (che ormai è un pensione così”. E suo figlio? “Non processo contro i presunti
gliene frega niente. Lui fa la sua estorsori. In segno di
vita”. Verdi, un dirigente della Lavazza solidarietà con i loro
che sta al Cairo, mi ha telefonato. colleghi, molti esercenti
UNITÀ D’ITALIA Il Pd presenta ALLE PARETI sono appese al-
cune bacheche piene di nodi da
“Stiamo cercando dei cuochi per
un ristorante italiano che stiamo
dalle 10.30 alle 11.30
hanno calato le serrande
marinaio, scorsoi come l’indi- aprendo qui. La storia di Piero mi dei negozi e preso parte
una mozione per la festa del 17 marzo genza e indissolubili come il rim-
pianto. E poi ci sono le foto di Ma-
ha colpito e penso che qui po-
trebbe ritrovare il suo lavoro e un
alla manifestazione, che
ha visto la presenza del
sottosegretario agli
Nloneon è bastata la spilletta indossata cesco Ferrante sono i primi firmatari
dal presidente Napolitano nel Sa- di una mozione nella quale si chiede
dei Corazzieri al Quirinale per al governo di celebrare “adeguata-
rilyn Monroe e un’overdose di
“vita spericolata” affidata a film e
telefilm: tutti dvd gratuiti allegati
buon stipendio”. “Troppo tardi –
mi ha risposto Piero – sono trop-
po vecchio e un problema di sa-
Interni Alfredo
Mantovano.
mettere a tacere le polemiche sull’U- mente” il 17 marzo, “senza se e senza ai giornali. “Non ho abbastanza lute mi impedisce di allontanar-
nità d’Italia e l’impasse del governo ma”. Un’analoga iniziativa del grup- soldi per comprarli o noleggiarli. mi da Milano. Dieci anni fa sarei CARCERI
che non decide se il 17 marzo sarà po Pd al consiglio regionale lombar- Non ho abbastanza soldi per an- partito subito”. Oggi Verdi è an-
festa oppure no. “Se non sentissimo il do non è stata invece neanche presa dare al cinema o a teatro e ho ri- cora al Cairo e Piero è ancora nel Suicida detenuto
bisogno di festeggiare un momento in considerazione dal presidente le- nunciato anche a bere un aperi- suo monolocale. Su Internet tro- romeno
così significativo della nostra storia e ghista Boni, che si è appellato al re- tivo con i vecchi amici. Pagavano vo un vecchio articolo del Corriere
non percepissimo l’esigenza di ritro-
varci assieme, come italiani, in un’oc-
casione come questa, sarebbe una
golamento: “La mozione doveva es-
sere accompagnata dalla richiesta di
iscrizione nella seduta di oggi”. A
sempre loro e quando arrivava il
mio turno non potevo mai farlo”.
La povertà, a poco poco, ha rin-
della Sera che parla del ristorante
“Da Pietro La Rena” segnalando
“Una trattoria simpatica, sempli-
U n detenuto romeno
di 48 anni si è
impiccato lunedì mattina
sconfitta. Il paese ne uscirebbe più chiedere che rimangano chiusi scuo- chiuso la vita di Piero in una pri- ce, cordiale. La cucina è tutta nel- alle sbarre della sua cella
debole”, ha commentato il leader del le e uffici pubblici è anche il coor- gione di 25 metri quadrati. “Tutta le mani di Piero Vinarozzi che del con i lacci delle scarpe, nel
Pd, Pier Luigi Bersani. I senatori de- dinatore nazionale di Fli, Roberto Me- la mia vita è qui – dice – mi alterno pesce è autentico maestro”. L’ar- carcere di Castrovillari, in
mocratici Roberto Della Seta e Fran- nia. fra il mangiare e il dormire”. ticolo è stato scritto nel 1995, provincia di Cosenza.
Quando la storia di Piero è stata quando le code per il pane erano L’uomo si chiamava Vasile
trasmessa da Mattino 5, Massimo immagini dei paesi dell’Est. Gavrilas ed era in attesa di
giudizio con l’accusa di
concorso in omicidio. Ne

“Benvenuti a Corchiano, comune modello” ha dato notizia


l’Osservatorio
permanente sulle morti in
carcere, che rileva come
AMMINISTRARE BENE E VIVERE CIVILMENTE SI PUÒ. PAROLA DEL PREMIO OSCAR NICOLA PIOVANI in neppure due mesi sono
già 9 i detenuti suicidi e 17
Marco Boschini, assessore all’Ambiente, Patrimonio ed Urbanistica del di Nicola Piovani di questa comunità – l’acqua questa quotidianità corchia- i morti in carcere. Vasile
comune di Colorno (provincia di Parma) e coordinatore del sindaco, i vigili in bici- nese. Me li immagino i sor- era in carcere dal 25
onosco molto bene Cor- cletta, il recupero ambienta- risetti dei qualunquisti scet- ottobre.
dell’Associazione dei Comuni Virtuosi, il 10 febbraio ha scritto per il
sito del Fatto Quotidiano un post intitolato Voglio adottare una
cantina a Corchiano. Nel suo articolo, Boschini racconta la sua visita
Cni chiano da anni, per ragio-
personali, e siccome in
le – a leggerlo può suonare
retorico, consolatorio, di-
tici, quelli che amano
espressioni come “non cam- LUCCA
nel piccolo comune del viterbese, vincitore dell’edizione 2010 del questi tempi si parla molto sneyano. O “buonista”, brut- bia mai niente”, e “da che
Premio “Comuni a 5 stelle”. Una garanzia. Eppure – scrive Boschini – di questo minuscolo paese to termine caro agli acidi per mondo è mondo”, e “so' tut- Pacco-bomba
“la comunità riesce a sorprendermi”. Ovvero sembra ancora più del Viterbese come modello natura. E invece, per chi ti uguali”, e “le anime belle”, al “Tirreno”
virtuosa di quanto il riconoscimento non potesse far pensare. “Le del vivere civile, anche sul campa quotidianamente in e “la melassa buonista” e via
persone fermate per strada – scrive – vivono con consapevolezza e
orgoglio il loro essere virtuosi: con la raccolta differenziata all’85%, la
raccolta degli olii esausti, i vigili in bicicletta, l’educazione ambientale,
sito del Fatto Quotidiano, vor-
rei aggiungere qualche con-
siderazione.
questo paesino, risulta esse-
re tutto non solo vero, ma
anche vissuto con civile nor-
così con le banalità sprez-
zanti.
Qualcuno obietta: “Facile, in
U na busta contenente
una tubo di plastica
con dentro del liquido è
le fontanella con l’acqua del sindaco, le borse di tela per la spesa… Quello che si scrive sulla vir- malità e senza eroismi da una piccola comunità, ma stata recapitata ieri
Conoscono il premio, fanno scelte quotidiane di sobrietà e buon senso, tuosità di questo comune e parte dei cittadini e degli ben altro è gestire la com- mattina alla redazione di
e sostengono l’attività dell’amministrazione comunale concretamente. amministratori. Io penso plessità di uno Stato”. Vero. Lucca del Tirreno.
Sentendo parlare il sindaco medico Bengasi Battisti e il suo vice, Livio che la bellezza di quello che Eppure, nonostante sembri L’involucro è stato aperto
Martini, hai la netta sensazione di respirare l’aria di un progetto lì accade stia proprio in que- facile, quante piccole ammi- assieme alla posta ed è
complessivo, percepisci il futuro attraverso i loro sguardi, i discorsi sta orgogliosa normalità e nistrazioni italiane sono pa- scoppiato, facendo
pieni di passione civica e capacità di contaminazione, come una specie nel monito che tale norma- lestre di disfunzioni, cliente- fuoriuscire una sostanza
di virus positivo”. Per concludere, poi, con l’idea che dà il titolo al suo lità contiene: è possibile vi- le, degrado e furti? Forse il bianca. Nessuna persona è
post per il sito: c’è l’intuizione di Adotta una cantina, un bando per vere secondo un modello sindaco Battisti, l’assessore rimasta ferita. Spetterà
mettere a disposizione dei cittadini gli spazi/grotte riempiti negli ultimi comunitario non rassegna- Martini e tutta l’amministra- alle analisi di laboratorio
decenni con carcasse di auto, scarti di demolizione, rifiuti di ogni to, amministrare in modo zione corchianese ci ricor- stabilire la sostanza
genere. Oggi bonificati e dati in gestione ai cittadini che ne hanno fatto trasparente e creativo, ten- dano, quando ce lo dimen- contenuta nell’involucro.
richiesta e che oggi fanno a gara per tenerli puliti, presidiati, tare di costruire una civiltà tichiamo, che l’onestà in po- Nella lettera che
riempiendoli di oggetti e di vita”. Insomma, per Boschini Corchiano è solidale. Con difficoltà, limi- litica è una risorsa per i cit- accompagnava la busta,
un luogo davvero d’eccellenza. Dopo aver letto questo articolo, il ti, errori, ma è possibile. Per tadini, cioè per tutti noi: è indirizzata a un
maestro Nicola Piovani – premio Oscar per la colonna sonora de La i cinici di mestiere non so una ricchezza collettiva, giornalista, erano scritte
vita è bella di Roberto Benigni – ci ha inviato la sua testimonianza sul pensare nessuna risposta non una fesseria per “buo- accuse contro il personale
comune di Corchiano che molto volentieri pubblichiamo. più concreta e migliore di nisti”. di una casa di cura.
Mercoledì 16 febbraio 2011 pagina 11

I DISPERATI

COUS COUS E PALLONE


MA LAMPEDUSA STA PER ESPLODERE
Falsa normalità mentre gli sbarchi continuano
di Enrico Fierro
inviato a Lampedusa

incubo di Lampedusa si

L’ chiama “bonaccia”, il
vento che addolcisce il
mare. Dopo le turbolen-
ze di questi giorni sta per ar-
rivare, assicurano i vecchi pe-
scatori sul molo. Annusano
l’aria, osservano le onde e san-
no leggere dentro le loro in-
crespature, litigano un po’ tra
di loro e poi sentenziano che
sì, la bonaccia arriverà e pre-
sto. E allora saranno guai gros-
si per Lampedusa e per l’Ita-
lia. Perché tutti lo sanno, po-
chi lo dicono, pochissimi fan- Immigrati in fila entrano nel Cie; in alto
no qualcosa: appena il mare si un ragazzo dietro le sbarre (FOTO ANSA)
placherà dai porti di Zarzis,
Sfax e Monastir partiranno mi-
gliaia di tunisini in fuga dal
Anche i pescatori sul piede di guerra
caos e dalla fame. Invaderan-
no questa piattaforma di pie-
e non per i profughi ma per il caro
tra in mezzo al Mediterraneo,
e sarà il collasso totale. Perché gasolio e la “mafia del pesce”
qui tutto, l’acqua, il cibo, la
benzina, insomma, ogni cosa
che serve a vivere, arriva dal perto domenica scorsa, ci so- l’ex base di Sigonella, come so-
mare. Che è ricchezza, ma an- no ancora 1800 persone. La luzione per ospitare i tunisini
che disperazione. struttura ne può ospitare al di Lampedusa. Si tratta di 404
massimo la metà. Le condizio- villette a schiera costruite per i
IL MARE ATTIRA turisti e ni igieniche sono allarmanti, militari Usa in grado di dare un
porta profughi. La gente lo sa e non c’è un letto al coperto per tetto ad almeno 2mila perso-
sta resistendo anche a questa tutti. Le camerate sono intasa- ne. “Questa è follia pura, vo-
ultima emergenza, in giro c’è te, come dimostrano le imma- gliono costruire una riserva in-
tanta preoccupazione ma non gini girate dalle telecamere del diana, trasformando quest’a-
ancora paura. Il centro dell’i- nostro sito, molti sono costret- rea in una bomba ad orologe-
sola sembra un angolo dei Mar- ti ancora a dormire all’aperto. ria”, ha tuonato il sindaco Pi-
rakech, con quei giovani uo- L’Africa con il suo miliardo di abitanti (le stime parlano di 2 miliardi nel 2050) “vista” dall’Europa Lo stesso sindaco Bernardino gnataro.
mini dalle facce scure che af- De Rubeis ammette che i tra- Anche gli altri centri del Sud
follano i bar e bevono caffè e spendendo. La scena più bella Tutto sembra andare bene, an- la in arabo, pianti, un tentativo sferimenti sono insufficienti. sono in crisi. Quello di Croto-
the. Molti erano chiusi e apri- nel pomeriggio: un incontro che Laura Boldrini, la portavo- di assemblea, facce brutte e “Bisognerebbe portar via al- ne, ad Isola Capo Rizzuto, sta
vano solo d’estate, ora hanno di calcio. Una squadra di tuni- ce dell’Unhcr, ha apprezzato “i pugni chiusi mostrati a came- meno 7-800 persone al giorno, esplodendo: ha solo 900 posti,
riaperto e messo i tavolini al- sini contro una di ragazzi ita- lampedusani e il loro spirito di ramen e giornalisti. Solo l’in- perché se qui si calma il mare e dopo gli sbarchi dei giorni
l’aperto. Qualche gestore ha liani. Tutti a calciare la palla a accoglienza”. Ma è un equili- tervento degli operatori del- sbarca altra gente scoppia il fi- scorsi è arrivato a contenere
anche preparato un pentolone piedi nudi. Sono arrivati altri brio fragile, che si può rom- l’Onu, dei mediatori culturali nimondo”. 1400 migranti. “Il collasso è
di cous-cous per venire incon- poliziotti, carabinieri e finan- pere da un momento all’altro. e dei due imam, ormai punto prossimo”, giurano i responsa-
tro ai gusti dei tunisini. È gratis zieri, nuove vedette della Ieri al centro di accoglienza è di riferimento di questo pezzo L’IMPRESSIONE è che, an- bili. Tutto è sulle spalle di Lam-
c’è scritto su un cartello. I su- Guardia Costiera, tutti vigila- bastata la parola rimpatrio, im- di Tunisia sbarcato a Lampedu- cora una volta, sulla pelle dei pedusa e dei suoi eterni pro-
permarket hanno gli scaffali no con discrezione il centro di provvidamente pronunciata sa, ha placato gli animi e rimes- migranti e dei lampedusani si blemi. I pescatori sono sul pie-
vuoti. I nuovi ospiti hanno un accoglienza e le strade del pae- da un giornalista, per far salire so le cose al loro posto. stia giocando una sporca par- de di guerra. “Fermi, bloccati
po’ di soldi in tasca e li stanno se. all’improvviso la tensione. Ur- La realtà è che sull’isola ci so- tita politica. La stessa visita di da due settimane. I tunisini
no ancora troppi migranti. I Berlusconi e Maroni ieri a Ca- non c’entrano, stiamo prote-
numeri di ieri. 209 tunisini tania è stata un fallimento. stando contro il caro gasolio e
L’ESODO (anche 9 donne e alcuni bam- “Maroni – dice il sindaco di la mafia del pesce. Domani qui
bini) sono partiti nella matti- Caltagirone, Francesco Pigna- scoppia la rivoluzione se il go-
nata trasportati sulla terrafer- taro – vuole contenere entro i verno non ci darà risposte con-
Maghreb-Italia sola andata ma da una nave e da un volo
aereo, altri cento sono partiti
con un volo serale. Nel Cie,
confini della Sicilia il fenome-
no migratorio”. Con Berlusco-
ni, il ministro dell’Interno ha
crete”, dice Pietro Risa. È un
uomo di mare, anche lui guar-
da le onde e annusa l’aria. Per-
di Roberta Zunini prattutto dell'Italia si può definire schizofrenico. frettolosamente chiuso due individuato il residence degli ché se soffia vento di bonaccia
Da un lato si saluta con soddisfazione lo sforzo dei anni fa e frettolosamente ria- Aranci a Mineo, nei pressi del- a Lampedusa è il finimondo.
boat people,stipati in barconi di fortuna o i bal-
Itonizeros aggrappati a gommoni fatti con i copper-
dei camion, fanno parte dell'immaginario col-
popoli oppressi del Maghreb di liberarsi dei regimi
e dall'altro si fortificano i confini”.

lettivo. Così come l'esodo di albanesi avvenuto ne-


gli anni Novanta in Puglia. Gli studiosi dei flussi
PER RESPINGERE CHI ormai libero, cerca di
rifarsi una vita altrove, non avendo fiducia in un VIVA LE PIAZZE (degli altri)
migratori ancora non sanno dire se lo sbarco di miglioramento della situazione economica. “È
migliaia di tunisini a Lampedusa entrerà nella ca-
tegoria delle emergenze sporadiche o se invece
chiaro che la situazione tunisina è quella che tocca
più da vicino l'Italia, ma è difficile dire se ci sarà un
e abbasso i barconi
proseguirà. “Lo sbarco a Lampedusa di migliaia di vero esodo. Quello che possiamo analizzare è la iva le piazze! Abbasso le barche! Anzi, a ma di partire e rispediti indietro. E il mi-
tunisini si può sovrapporre al fenomeno dei boat
people, che comprendeva anche l'arrivo di migliaia
tipologia del migrante tunisino”. A parlare è Ca-
therine De Wenden, docente di scienze politiche,
Vdell’Europa,
fondo. È uno strabismo miope, quello
non solo dell’Italia, rispetto a
nistro Frattini teme “un afflusso enorme
sulle coste europee”. Ora, delle due l’una:
di albanesi sulla spiaggia di Bari”, dice il sociologo tra i maggiori esperti di storia dell'immigrazione. È quanto prima avveniva nel Nord Africa e in o quelli sui barconi sono gli insorti delle
Alessandro Del Lago, esperto di immigrazione. ricercatrice del Ceri, centro studi francese sull'im- Medio Oriente, poi alla rivolta delle piazze piazze (e allora abbiamo appena assicura-
migrazione. “Il flusso migratorio dalla Tunisia ver- e ora alla fuga dalla povertà di migliaia di to loro sostegno e dovremmo accoglierli,
SECONDO IL PROFESSORE è difficile dire so l'Italia interessa anche la Francia. Sicuramente disperati. Per decenni, onori e rispetto al se non a braccia aperte, almeno in modo
ora se gli arrivi proseguiranno con questo ritmo, molti migranti tunisini saranno solo di transito nel Faraone e agli altri satrapi, che ci garanti- non ostile); oppure, quelli sui barconi so-
altrettanto lo è stabilire se i soldi che verranno stan- vostro paese”. Secondo la ricercatrice ci sono varie vano la stabilità della Regione e tenevano il no i pretoriani dei regimi abbattuti, in fuga
ziati dall'Italia e dalla Ue, per aiutare in loco la Tu- tipologie di migranti. Tutte hanno un comune de- tappo sull’integralismo, pur se a prezzo non dalla fame, bensì dal timore di ritor-
nisia, serviranno davvero a frenare il flusso. Forse nominatore: “Si tratta di persone giovani, abba- dell’oppressione dei loro popoli. Poi, di sioni (e allora dovremmo ricordarci che fi-
sulla breve distanza arginerà il fenomeno che però stanza scolarizzate, consci di avere pochissime colpo, anzi quasi (perché un giorno o due no a ieri erano i nostri agenti nel Nord Afri-
si ripresenterà. “È probabile che questi momenti chance nel proprio paese. Per questo non hanno ci abbiamo pensato su), viva le piazze di ca, repressori anche per conto terzi, cioè
eccezionali si ripresenteranno sempre più spesso nulla da perdere. Pensano che in Europa al mas- Tunisi e del Cairo, e magari pure quelle di per conto nostro). Un po’ di coerenza, se
anche perché nè in Italia né in Europa si sta lavo- simo troveranno una vita simile, non certo peggio- Algeri domenica, di Bengasi domani, dello non di umanità. Daniel Cohn-Bendit, lea-
rando seriamente. Non esiste una politica lungi- re di quella che già stavano vivendo”. Il punto è che Yemen, del Bahrein, ovviamente dell’Iran, der verde europeo, ha detto al Parlamento
mirante sull'immigrazione – prosegue Del Lago – più della metà di tutta la popolazione maghrebina che gridano la voglia di libertà (e di pane) e europeo: “È quanto meno bizzarro l’im-
addirittura oggi l'atteggiamento dell'Europa e so- e mediorientale è costituita da giovani. “C'è un da- decretano senza violenza la fine dei regi- provviso risveglio delle capitali europee
to che deve far riflettere – dice Franco Pit- mi. Ma, appena gli eroi delle piazze, anche che scoprono che Mubarak era un ditta-
tau responsabile statistiche sull'immigra- se non sappiamo bene né chi sono né cosa tore”. E rilancia l’idea di un’agenzia di va-
“Molti migranti sono giovani, zione della Caritas – e riguarda il raddoppio
della popolazione prevista in Africa da qui
pensano, si rovesciano sulle spiagge alla
ricerca di un lavoro, ecco che – parola del
lutazione del rispetto dei diritti dell’uomo:
una Standard & Poor della democrazia che
scolarizzati e sanno di non avere al 2050. Da 1 miliardo di persone si passerà
a due e di conseguenza anche gli immigrati
ministro degli Interni Maroni – diventano
potenziali terroristi che vanno fermati pri-
bocci i tiranni (e i loro amici).
Giampiero Gramaglia
aumenteranno. Si stima intorno ai 3 milio-
possibilità nel proprio paese” ni”.
pagina 12 Mercoledì 16 febbraio 2011

DAL MONDO

OBAMA SPONSOR
DELLA PROTESTA
IRANIANA
Secondo giorno di scontri a Teheran
Finora 1.500 arresti
di Roberta Zunini fannano i poveri che coincido- data da migliaia di agenti anti-
no con la parte più religiosa sommossa, arrivati da varie par- Un ritratto di Obama con le tracce
Onda Verde di speranza della popolazione. Quella fe-

L’
ti dell'Iran, per reprimere even- delle scarpe (che ricordano
stenta a montare, infran- dele al regime degli Ayatollah e tuali nuove manifestazioni. An- l’episodio capitato in Afghansitan
gendosi sui grigi e alti pa- al potere bifronte di Ahmadi- che la città virtuale è sorveglia- a Bush) in piazza Azadi, a
lazzi della zona nord di nejad - il presidente laico lega- ta dagli informatici costretti a Teheran, durante le manifestazioni
Teheran. In questi due giorni to però a doppio filo alla guida lavorare per il regime. La teo- per l’anniversario della rivoluzione ne della manifestazione di no sostanzialmente due: “l’a-
sembra siano stati arrestati cir- suprema Khamenei – che fino- crazia non è intenzionata a per- islamica, l’11 febbraio (FOTO XXXXXX) Teheran. “Ciò che è stata realtà mico dell’Italia” governa pochi
ca 1.500 manifestanti. La capi- ra non è scesa in piazza. dere il potere temporale e spi- in Egitto, dovrebbe esserlo an- milioni di persone e soprattut-
tale iraniana è una città che si rituale che consente ai religiosi che in Iran”, ha detto. Obama to non costituisce un pericolo
sviluppa in lunghezza. A nord
abita la classe dirigente, i po-
I GIOVANI intellettuali vivo-
no in una neozona: la 2.0. Quel-
di essere al contempo uomini
d'affari sempre più ricchi alle
Gheddafi ha quindi sottolineato che gli
Usa non possono imporre la lo-
per la stabilità dell’area poiché
non gode di alcuna credibilità
litici, i ricchi, coloro che gesti-
scono l'oppressione o ne ap-
la dove la comunicazione via in-
ternet porta folate di libertà. Da
spalle di una popolazione gio-
vane tanto scolarizzata quanto
spiazza i ro volontà ad altri paesi, ma ha
ricordato l’esistenza dei diritti
anche all’interno della lega ara-
ba e del mondo islamico.
profittano. A sud invece si af- ieri però tutta Teheran è blin- repressa. Dopo i due morti di manifestanti universali dell’uomo, esortan-
do i leader della regione, dallo
La notizia di Gheddafi è stata
data dal quotidiano on-line di
Yemen al Bahrein, a non repri- opposizione Aldar, spiegando
libici: giovedì mere con la forza le manifesta- che il Colonnello, al potere dal
Emigrazione e approssimazione zioni di protesta. ‘69, intenderebbe manifestare
annuncia che in segno di solidarietà con il po-
La guerra dell’Italia all’Ue sarà anche lui NELLO YEMEN, nonostan-
te la dura repressione ieri ci so-
polo arabo. Non è chiaro quin-
di se il raìs intenda partecipare
stile Pearl Harbour in piazza no state ancora aspre proteste.
“Guardiamo all’esempio egi-
a una contromanifestazione o
unirsi con una mossa spiazzan-
ziano come l’opposto di quello te a quella annunciata da gior-
L’ITALIA TRASFORMA LO SBARCO di grazie alla sua ‘stabilità politica e sociale’ ”. iraniano - ha concluso Obama - ni, nel cui mirino ci sono tut-
tunisini in fuga dalla povertà a Lampedusa E il giornale economico europeo, subdolo, ieri, il regime ha chiamato a rac- Se governano tali paesi, devo- tavia proprio le autorità al go-
in una sorta di guerra con l’Unione aggiunge: “Si può perdonare Frattini, viste colta anche i filogovernativi. I no guidarli verso il cambiamen- verno. Secondo il sito Libya
europea: una guerra lanciata senza neppure le strette relazioni di Berlusconi con gli sostenitori del governo hanno to”. Il presidente Usa non ha al-Youm, Gheddafi starebbe
dichiararla, stile Pearl Harbour, perchè il autocrati dell'area”. I media europei sono circondato la casa del leader ri- detto ovviamente che il suo esercitando forti pressioni su-
ministro Maroni denuncia il mancato aiuto unanimi nel notare che le tensioni, al formista Mehdi Karroubi, chie- paese da anni ha contatti con gli attivisti politici e sui giorna-
europeo prima ancora di chiederlo, anzi culmine domenica, sono poi andate dendo la sua condanna a mor- l’opposizione e con i giovani listi, nel tentativo di evitare una
dopo averlo rifiutato. E la stampa assiste un placandosi, man mano che il flusso degli te. Anche molti deputati hanno che, per primi, hanno dato vita massiccia partecipazione alla
po’ allarmata, ma anche divertita, alle esuli rallentava, e che le promesse d’aiuto chiesto l'impiccagione per gli a un movimento di protesta at- manifestazione.
punture di spillo fra Roma e Bruxelles. Si alla Tunisia e d’assistenza all’Italia oppositori. Sul fronte opposto, traverso i nuovi media. Non ha In Egitto invece continuano a
diverte più di tutti il FT che nota beffardo fioccavano, fino alla telefonata di ieri, da il presidente Obama, durante nemmeno commentato l’ini- rincorrersi notizie contraddit-
come l’Italia, che “comincia a fare i conti calumet della pace, tra il presidente una conferenza stampa ha so- ziativa di Gheddafi, che avreb- torie sullo stato di salute di Mu-
con una nuova Africa” - qui il tono è serio -, Napolitano e quello della Commissione Ue stenuto che la ricerca della li- be fatto trapelare l’intenzione barak. Non dovrebbero esserci
non tenga il passo del cambiamento: “Il sito Barroso. Il tema è stato seguitissimo; e l’Ap bertà va sostenuta. Lodando la di scendere in piazza giovedì, dubbi per quanto riguarda l’e-
del ministero degli Esteri, lento ad titolava “I tunisini votano con i piedi, volontà riformista dei militari quando gruppi di attivisti e stu- normità del suo patrimonio,
aggiornarsi, un mese dopo l'uscita di scena fuggono dal paese” e “L’Italia chiama egiziani, il presidente Usa ha denti intendono mobilitarsi stimato intorno ai 60 miliardi di
di Ben Ali, promuove ancora la Tunisia l’esodo biblico”. lanciato dure critiche al regime per una “giornata della collera” dollari. In Medio Oriente resta-
come meta ideale per gli investimenti, Giampiero Gramaglia iraniano affermando che “spa- sulla scia di quelle che hanno no ancora tanti rais avidi di po-
ra, colpisce e arresta la gente” portato alla caduta dei regimi tere e soldi: un mix forse non
con riferimento alla repressio- in Egitto e Tunisia. I motivi so- più così vincente.

Le quote rosa non cambiano il sesso dei manager


DA 5 ANNI IN NORVEGIA LA LEGGE PREVEDE UNA PERCENTUALE DI DONNE NEI CDA DELLE AZIENDE PRIVATE, MA A DIRIGERE SONO SEMPRE I MASCHI
di Carlo Antonio Biscotto Paesi le quote sono state inserite ne- aspettare, per dirla con le parole di ministrazione delle società quotate turali profonde che, secondo studio-
gli Statuti dei partiti. una femminista norvegese, il “lento in Borsa la presenza femminile deve si e anche femministe scandinave,
ggi era prevista al Senato la di- convoglio della storia”; vogliono la essere del 40% almeno. Gli studiosi non è possibile rimuovere semplice-
Osa nei
scussione del Ddl sulle quote ro-
Cda delle società quotate in
Gli studiosi del settore in questi ul-
timi tempi hanno sollevato diversi
interrogativi in ordine all’efficacia
parità e la vogliono subito. Proprio
sull’onda di questa richiesta che sale
sostengono che questa misura non
ha danneggiato le imprese, ma non
mente con strumenti di tipo legisla-
tivo.
Borsa e delle municipalizzate. L’ar- delle quote. Tanto per cominciare si dalla società civile anche Paesi nei ha nemmeno aiutato in modo parti-
rivo in aula del disegno di legge è è sempre ritenuto che i Paesi nei qua- quali la rappresentanza politica fem- colare le donne. Per molti versi la LE POLEMICHE non mancano. Su
slittato in attesa dei pareri delle li maggiore è la parità tra i sessi e più minile è minima, stanno introducen- condizione femminile in Norvegia Il Sole 24 Ore, Alessandro Di Nicola ha
commissioni Affari costituzionali e numerosa la rappresentanza politica do le quote con risultati straordinari: non è dissimile da quella prevalente scritto nello scorso mese di settem-
Giustizia, ma dovrebbe essere ca- femminile, cioè a dire i Paesi scan- negli ultimi dieci anni in tutto il mon- negli altri Paesi. La maggior parte del- bre un pezzo in cui si boccia l’espe-
lendarizzato in aula all’inizio della dinavi (Danimarca, Svezia e Norve- do la presenza delle donne nelle as- le donne sono impiegate nel settore rienza norvegese e si sottolinea che
prossima settimana”. Favorevole al gia) abbiano conseguito questo semblee elettive è aumentata media- pubblico e molte, dopo il congedo gli indici della Borsa di Oslo non so-
provvedimento si è detto Corrado obiettivo grazie all’introduzione del- mente del 10%. per maternità, preferiscono il part-ti- no brillanti e che gli stessi Consigli di
Passera, consigliere delegato di In- le quote. Ma le cose non stanno esat- me per dedicare più tempo alla fa- amministrazione norvegesi a forte
tesa Sanpaolo che, incontrando ieri tamente in questi termini. In primo DIVERSA LA SITUAZIONE miglia. In sostanza nel Paese dei fior- presenza femminile quando debbo-
gli studenti di un liceo romano, ha luogo non esistono quote rosa nei si- per ciò che concerne la presenza di continua a esistere una barriera, no nominare l’amministratore dele-
sottolineato che “pur non essendo stemi elettorali dei Paesi scandinavi. femminile nei Cda delle aziende. Il ancorché invisibile, che impedisce gato nel 98% dei casi scelgono un uo-
una misura meritocratica, l’Italia è In Svezia e in Norvegia i partiti hanno primo Paese ad introdurre le quote alle donne di arrivare ai vertici di una mo.
talmente in ritardo nel far entrare le “volontariamente” fissato una per- rosa nei Cda è stata la Norvegia dove, impresa. Questa barriera, ribattezza- Che dire? Forse basterà ricordare
donne nei Cda, almeno delle quo- centuale minima di donne negli or- dal gennaio 2006, nei Consigli di am- ta il “tetto di vetro”, ha ragioni cul- che la Norvegia è al primo posto nel-
tate, che questa soluzione, magari gani dirigenti mentre in Danimarca – la speciale classifica Onu dello Svi-
temporanea, mi sembra un’ottima secondo Paese al mondo per rappre- luppo umano e al secondo posto per
cosa”. sentanza femminile – non esistono
quote rosa di alcun tipo. La realtà è
Il fallimento il Pil pro capite. D’altro canto, come
sottolineato dall’economista france-
LE COSIDDETTE QUOTE “rosa”
o “quote di genere”, sono provvedi-
che i partiti politici scandinavi han-
no introdotto le quote rosa negli anni
dell’esperienza se del Mit Esther Duflo, studiosa del
settore, lo sviluppo economico non
menti di legge o disposizioni interne
dei partiti o di altre organizzazioni,
’80, quando le donne occupavano
già il 20-30% dei seggi in Parlamento,
scandinava crea necessariamente maggiore
uguaglianza e le politiche a favore
che fissano una percentuale minima e che il vero decollo della presenza delle donne (e, aggiungiamo, delle
di presenza femminile negli organi delle donne in politica si è avuto nel mentre in Italia minoranze in genere) vanno portate
direttivi o rappresentativi. Sebbene corso degli anni ‘70, molto prima avanti perché la parità tra i sessi è pri-
molto discusse e da taluni, non so- dell’introduzione delle quote e all’in- si dibatte il ddl ma di tutto un imperativo morale. E
lamente a destra, apertamente avver- domani della stagione dei movimen- poi – conclude Esther Duflo – “sa-
sate e osteggiate, le quote sono state ti studenteschi e del femminismo. sulla presenza rebbe fin troppo facile dimostrare
introdotte in oltre 30 Paesi per le ele- Ma oggi la situazione è cambiata: le che è anche un vantaggio economi-
zioni politiche. Inoltre in circa 50 donne non sono più disposte ad femminile co”.
Mercoledì 16 febbraio 2011 pagina 13

DAL MONDO

N
IL PALAZZO DA UN MILIARDO DI DOLLARI STATI UNITI
La Apple e i
lavoratori-bambini

PUTIN FA IMPALLIDIRE L’AMICO B. U n rapporto pubblicato


dalla Apple (nella foto
Steve Jobs) ha rivelato che
nel 2010 i funzionari
dell’azienda hanno trovato
Residenza sul Mar Nero: “Pagata con ruberie e corruzione” 91 bambini impiegati
illegalmente in fabbriche
sue fornitrici, 9 volte in più
rispetto al 2009. inoltre 137
di Gian Carlo Castelli la è stata ristrutturata con soldi mento che porta la firma proprio sta la partecipazione in questo kov, ora “redento”, ha inviato una dipendenti di una fabbrica
pubblici. Molti. Tanto che si ipo- di Kozhin. La carta risale al 2008 grande gioco della ditta “Aktsent” lettera di chiarimento dei fatti ad- a Suzhou, in Cina, hanno
n palazzo principesco sul in cui si sottoscrive l’accordo de- del figlio della cugina di Putin. dirittura al presidente Dmitrij presentato sintomi di

U
tizza che il valor attuale della villa
Mar Nero, degno di uno si aggiri intorno al miliardo di dol- finitivo con la compagnia “Lirus” Nel documento pubblicato dalla Medvedev, accusando l’uso di de- avvelenamento da solventi.
zar russo: così appare la lari. A parlarne per primo era sta- della holding “Rosinvest”, presie- Novaja Gazeta è visibile in maniera naro “proveniente da una combi-
“Casa di riposo Tuapse”, to, qualche settimana fa, il Wa- duta dal magnate russo Nikolaj chiara la firma e il timbro di Vla- nazione di corruzione e ladroci-
antico pansionat (i luoghi di vil- shington Post che aveva pubblicato Shamalov, amico personale del dimir Kozhin, il direttore degli af- nio”? Per ora, silenzio. La richie-
leggiatura per lavoratori nell’e- le foto rubate dal sito ruleaks.net. premier in cui appaiono i nomi fari del presidente che tanto si era sta, fatta pervenire al capo del
poca sovietica) nella cittadina Risultato: il sito oscurato con cor- delle compagnie “Indokopas” e affannato a negare. “Da oggi per Cremlino a ridosso delle feste di
turistica di Ghelendzhik, campa- redo di smentite indignate del tra i costruttori, la “Vojskovaja me il dirigente Kozhin ha perdu- Capodanno, non ha avuto rispo-
gna di Praskoveevka, regione di Cremlino. Ad alzare la voce, in Chast’ 1473” del Servizio federa- to qualunque credibilità – non la sta. Indelicato chiederglielo oggi
Krasnodar. Un anfiteatro all’a- particolare, era stato Vladimir le della sicurezza. manda a dire l’autore dello quando incontrerà Berlusconi a
perto, un cinema indoor, un eli- Kozhin, tesoriere dell’ammini- scoop, Roman Anin – aveva avuto Roma per l’inaugurazione del-
porto. E anche una piscina, una strazione russa, pronto a giurare MA C’È ANCHE un’altra com- il coraggio di dire pubblicamente l’anno per gli scambi culturali ita-
grande palestra e persino una che nessun contratto per quei la- pagnia, “Rirus”, dapprima pro- che quelle notizie erano false e lo-russi. E intanto, il gossip sulla
torre dell’orologio. Le sale, in vori di restauro era mai stato fir- prietaria di “Indokopas” poi as- non meritavano credibilità. Io gli lussuosa villa che fu casa di ripo-
perfetto stile italiano neoclassi- mato, tanto meno da lui. Ieri, in- sorbita dalla stessa. Un sistema di rispondo che è lui a non meritare so per lavoratori, impazza. Nien- SUDAN
co. Di chi è tanta lussuosa resi- vece, la testata d’opposizione No- scatole cinesi e interessi incrocia- la credibilità di un intero popo- te bunga bunga, però. L’alcova
denza che farebbe impallidire vaja Gazeta ha pubblicato un do- ti che comprende, oltre agli im- lo”. Linguaggio inusuale da parte sul Mar Nero sarebbe soltanto il Il Sud non
(almeno nello stile) le Ville Cer- cumento riservato sul finanzia- mancabili oligarchi amici come della stampa che quasi nessuno nido d’amore di “Vova” e “Alina”, cambierà nome
tose di Berlusconi, quelle col Timchenko e Koval’chuk e l’on- osa pronunciare. di Putin e della sua amata Kabae-
vulcano di cartapesta e il mauso-
leo con i loculi destinati agli ami-
ci più stretti del Cavaliere? Dello
Un giornale russo
nipresente Gazprombank, cassa-
forte del colosso energetico, an-
che il settore “tengo famiglia” vi-
Cosa accadrà ora, in particolare
dopo che un ex businessman del-
la corte di Putin, Sergej Kolesni-
va, ballerina diventata, nel frat-
tempo, deputata alla Duma come
una Nicole Minetti qualsiasi.
U na volta diventato
indipendente anche
sotto il profilo formale, il 9
zar moderno, Vladimir Putin,
giurano in molti. O, almeno, nel-
racconta luglio, lo Stato più giovane
del mondo non cambierà
la sua disponibilità.

UN INVESTIMENTO costato
l’intreccio di Tra Russia e Italia nome: continuerà a
chiamarsi Sud Sudan. Lo
ha stabilito il direttivo del
affari e società
un sacco di soldi che ha fatto sal-
tare sulla sedia chi, come i “soliti
che sono dietro
il fratello della kamikaze partito al potere, l'Splm,
ex formazione
detrattori” ha ricordato come lo guerrigliera dell'Spla,
Stato russo abbia difficoltà a far o paura di tornare in Russia. Se mi rimandano là, mi Sharipov dice di non sapere nulla dell’attentato, che l'Esercito Popolare di
quadrare i conti persino con la di-
stribuzione di medicinali per la
alla residenza di Hsonoimpiccheranno in qualche cella e diranno che mi
suicidato”. Anvar Sharipov, 35 anni, daghestano,
testimoni e persino filmati dimostrano che lui, a quel-
l’ora, era altrove. Sono gli amici a dirgli che sua sorella è
Liberazione del Sudan
divenuto Movimento.
popolazione. Perché la supervil- rappresentanza da un mese è “ospite” del Cie di Gradisca D’Isonzo, una delle shahid riconosciute nell’attentato. Con lei non
vicino Gorizia, dopo esser stato fermato dai carabinieri si vedeva dal 2008. “Avevamo litigato e avevo chiuso i ITALIA-AFGHANISTAN
alla stazione di Mestre su un treno diretto in Francia. rappor ti”, giura. All’inizio non voleva credere che fosse
Le foto del palazzo in stile neo-classico pubblicate dal giornale britannico Daily Telegraph
“Avevano la mia foto e conoscevano il mio nome”, dice proprio sua sorella Maryam una delle attentatrici. “Poi No al ritiro chiesto
Sharipov e fa intendere che qualcuno lo stava cercan- ho visto le foto su internet e mi sono convinto”. Da quel dall’Idv
do. Le autorità russe, secondo lui. Perché Sharipov è il momento, fugge. Dubai, Malesia, Turchia, Bosnia e in-
fratello di Maryam, la giovane kamikaze ritenuta una
delle attentatrici alla metropolitana di Mosca del 29
marzo 2010 in cui morirono 40 persone. Attentato
fine Austria. Col cuore in gola per non finire in Russia e
“morire ‘suicida’ o ammazzato dagli skinhead o magari
in una rissa organizzata tra caucasici come ce ne sono
L a Camera ha respinto
la mozione dell’Italia
dei Valori per la
rivendicato da Dokku Abu Usman Umarov, ‘emiro del tante a Mosca”. Quindi, prende un treno per la Francia definizione di un piano
Caucaso’, a capo dei guerriglieri ceceni. “Ma io col ter- ma a Mestre lo fermano. “Un fermo anomalo – spiega per il ritiro del
rorismo non c’entro niente – dice a Il Fatto – però l’avvocato Carbone – perché avviene non durante un contingente italiano in
Mosca fa terra bruciata intorno ai familiari di chi milita controllo di routine sui treni, in genere effettuato dalla Afghanistan. Il testo,
nei gruppi armati”. Sharipov era già incappato nelle Polfer, ma dai carabinieri che cercavano proprio lui. Stra- votato per parti separate
maglie della polizia russa nel 2003. Lo racconta il suo no perché alle autorità italiane non risulta alcun man- su richiesta del Pd, che ha
avvocato in Italia, Gianfranco Carbone. “Venne rapito e dato di cattura. La sua richiesta di asilo politico è stata votato contro la richiesta
torturato dall’intelligence russa per fargli fare l’infor- respinta dalla Commissione territoriale”. Motivo: non ci di elaborare a breve
matore – dice il legale – lui riuscì a scappare e si rifugiò sarebbero prove sulle torture subite. E poi perché “in termine un piano di
per parecchio tempo sulle montagne del suo villaggio Russia i diritti umani sono rispettati”. L’avvocato, che rientro del nostro
natale”, Balakhani. Nel 2007 il presidente del Daghe- due giorni fa ha presentato ricorso, spiega: “L’impres- contingente militare
stan varò un’amnistia. Sharipov va a Mosca dove trova sione è che nessuno voglia prendersi responsabilità po- dall’Afghanistan
lavoro come tassista e si sposa con un’avvocata. “Una litiche: se dovesse essere rispedito in Russia e poi sparire, astenendosi sul resto della
vita tranquilla fino al marzo 2010 e gli attentati alla il nostro ministro degli Interni non ci farebbe una gran mozione dei dipietristi.
metro – racconta ancora il legale – lui, visti i precedenti, figura”. Approvata, invece, la
è costretto a scappare per l’incolumità della famiglia”. (G. C.) mozione di maggioranza
che impegna il governo a
far proseguire la presenza

Il presidente in equilibrio sulla voragine del deficit militare italiana in


Afghanistan nell’ambito
dell’operazione
multinazionale in corso.
OBAMA SPIEGA I CRITERI DEL MEGA-TAGLIO: EDUCAZIONE E SVILUPPO ENERGETICO SONO SALVI Con l’astensione del Pdl è
passata anche la mozione
di Angela Vitaliano ria personale”. Nel tentativo ve - continua il presidente - e Natale, potrà favorire la reale pubblicani che ritengono i ta- del Pd, su cui è stata
New York di abbattere il deficit di circa bisogna prendere atto che se ripresa del Paese. gli non soddisfacenti pur di- accolta dai presentatori la
1.100 miliardi di dollari nei non si interviene in qualche Il ventaglio dei tagli proposti chiarandosi disponibili al dia- riformulazione proposta
arack Obama arriva da- prossimi 10 anni, i tagli pro- modo la situazione potrebbe è molto ampio e va dagli ae- dal governo. Ok anche alla
Bin punto
vanti ai giornalisti alle 11
per la conferenza
posti vanno a toccare i fondi
destinati alle comunità di ser-
peggiorare. Ci saranno molti
alti e bassi nei prossimi mesi
roporti alla spese per la dife-
sa prevedendo dall'altro lato
logo, e quelle di chi rimpro-
vera al presidente scelte trop-
po “centriste”, molti com-
mozione del gruppo di
Iniziativa responsabile.
stampa convocata per discu- vizi sociali, i fondi destinati a per approvare questa propo- un aumento delle tasse per le mentatori, dal Wall Street Jour-
tere della proposta di Bilan- garantire l'energia elettrica sta, ma alla fine sono fiducio- compagnie petrolifere, le nal al New York Times plaudono ITALIA-BRASILE
cio inviata ieri al Congresso e gratuita alle famiglie a basso so che ci riusciremo”. È an- compagnie che commissio- alle scelte pragmatiche di
si capisce subito che il pre- reddito e povere e i fondi de- cora una volta ai Repubblica- nano lavoro all'estero e i ceti Obama che se, approvate to- Sì all’accordo
sidente sa di essere su un ter- stinati ad alcuni programmi ni che il presidente si rivolge piu abbienti. talmente dal Congresso, cosa sulla difesa
reno scivoloso e che mante- scolastici. “È stato difficile fa- per ricordare che solo uno abbastanza improbabile,
nere l'equilibrio è difficile.
“Sono il primo a esser frustra-
to - dice Obama rispondendo
re determinate scelte ma
non c'erano molte alternati-
spirito bipartisan, come
quello dimostrato prima di
IL PRESIDENTE propone
anche un incremento dei fi-
nanziamenti per l'educazio-
complice la congiuntura eco-
nomica più favorevole, po-
trebbero, nel giro di 6 o 7 an-
S ì definitivo della
Camera alla ratifica
dell’accordo tra Italia e
a una domanda - per i tagli ne di circa il 21% e “anche i ni, portare a dei mutamenti Brasile in materia di
che andremo ad effettuare.
So che gli americani hanno
La Casa tagli proposti per alcuni pro-
grammi scolastici - spiega
sostanziali nella situazione
catastrofica del deficit attua-
difesa. Sul testo c’erano
state polemiche in seguito
sopportato già enormi sacri-
fici e quando leggo le loro let-
Bianca cerca Obama - sono volti a mante-
nere quel tetto di 5.500 dol-
le. Come sottolineato in par-
ticolare dal New York Times,
al no dell’ex presidente
brasiliano Lula alla
tere, come continuo andare
ogni giorno, vorrei poterli
l’appoggio dei lari messo a disposizione dal
Pell Grant per gli studenti con
quella che Obama ha definito
“la sinistra di professione”,
estradizione in Italia di
Cesare Battisti; per questo
aiutare uno per uno”. Fru- basso reddito”. Anche gli in- spesso in aperta polemica era stato deciso di
strazione, dunque, quella Repubblicani vestimenti per l'Energia ve- con le sue posizioni, questa “congelarne” l’esame al
confessata dal presidente drebbero un incremento di volta non lo ha attaccato, an- termine della discussione
che, come come gli rimpro- senza perdere circa il 18% mentre i tagli piu zi, in qualche modo ne ha ac- generale. Ieri l’Assemblea
vera Sam Stein dalle pagine considerevoli si registrereb- cettato le scelte come il male ha approvato il testo con
dell'Huffington Post, si trova a quello della bero nell'agricoltura e nel minore di fronte a una situa- 425 voti a favore, un
proporre tagli che vanno a commercio. zione difficile che va comun- contrario e 98 astenuti,
“contrastare la sua stessa sto- “sinistra” Usa Nonostante le critiche dei Re- que affrontata. tutti di Udc, Fli e Idv.
pagina 14 Mercoledì 16 febbraio 2011

ECONOMIA

COM’È UMANO
LEI, SIGNOR
MARCHIONNE
I parlamentari omaggiano
il capo di Fiat dopo l’audizione
di Salvatore Cannavò Chrysler espone un piano com- no. Gabriele Cimadoro, del-
plesso e articolato ma i deputati l’Idv, vuole fare tante domande
uando Sergio Marchionne in sala sembrano poco interes- ma non riesce a farne nemmeno

Q fa il suo ingresso nella sala


Mappamondo, al quarto
piano di Montecitorio, do-
ve sono riunite le commissioni
sati ai dettagli. Un deputato del
Pdl, Sandro Biasotti, si presenta
e dice di avere un piccolo con-
flitto di interessi: di mestiere fa
una, forse perché, dice lui stes-
so, era iscritto “ai Marchionne
boys”. Stanno al merito i rap-
presentati del Pd, Lulli e Lovelli,
L’amministratore delegato di Fiat abbandona per una volta il maglione nero e si mette addirittura la cravatta (FOTO ANSA)

to Cambursano, dell’Idv, a ri- aggiunti 250 mila veicoli com- nunciano interventi immediati,
Attività produttive e Trasporti il concessionario auto. Un altro ma finiscono anch’essi per cordare che la Fiat aveva pro- merciali per un totale di 1 milio- ma gela la sala quando si tratta di
per ascoltare la sua audizione, della Lega, Alberto Torazzi, cer- omaggiare “la filosofia della messo già 8 miliardi di investi- ne 650 mila vetture. Peccato che spiegare il futuro della testa ope-
attorno a lui si fa il vuoto. È ve- ca di confondere le acque di- Fiat”. Mentre non ha perso il pi- mento nel 2009, poi ridotti a 4 e sia lui stesso ad ammettere che il rativa della futura integrazione
stito con giacca e cravatta, di- cendo che ha “un’esperienza glio sindacale Savino Pezzotta, che sono due anni almeno che calo della domanda nei mercati Fiat-Chr ysler.
versamente dal solito maglione nell’automotive”. L’esponente Udc, ex segretario Cisl, che pe- mancano nuovi modelli. europei è ormai “strutturalmen-
blu, segno di rispetto per l’isti- dell’Udc, Anna Teresa Formisa- rò si sente rispondere da Mar- te debole”. “LA SCELTA della sede legale
tuzione che lo ospita. Ma non è no, vuole garanzie (e le ottiene) chionne: “Vedo che ha fatto MA IL MANAGER del Lin- Nessuna novità nemmeno sui non è stata ancora presa”, avver-
questo a fare la differenza. L’am- sullo stabilimento di Cassino strada, io sono rimasto metal- gotto non si sofferma su queste modelli, tranne l’annuncio della te Marchionne, lasciando inten-
ministratore delegato di FIat e perché, guarda caso, è di Cassi- meccanico”. C’è soltanto Rena- minuzie. La Fiat, spiega, si muo- 500 elettrica per il salone di De- dere che sarà in Italia solo a certe
ve ormai su scala globale, spie- troit e l’avvio dei modelli di Po- condizoni. Dice “non sono qui
ga, l’alleanza con Chrysler è stra- migliano e Mirafiori tra la fine del per fare richieste alla politica”,
tegica sia per entrare nel merca- 2011 e il 2012. La Fiat, comun- ma le richieste ci sono: il suppor-
FABBRICHE Ora tocca a Sevel, to statunitense sia per avere la
giusta massa critica a reggere
que, si doterà di due soli marchi
globali, Jeep e Alfa Romeo con
to alle nuove relazioni sindacali,
a cominiciare dai nuovi fronti
una competizione che si fa sem- l’integrazione della Lancia nella della Bertone e Sevel, poi un in-
Bertone e anche Maserati pre più dura. Il piano, ripete co-
me sempre, prevede un investi-
Chrysler. A Pomigliano le assun-
zioni cominceranno il 7 marzo e
tervento legislativo che recepi-
sca la procedura d’infrazione
opo Pomigliano e Mirafiori i nuovi ve i lavoratori sono un po’ preoccupati promossa dalla Ue in merito alle
DBertone
“casi Fiat” potrebbero chiamarsi
e Sevel. È stato lo stesso Mar-
per la duplicazione degli stabilimenti.
Di Sevel Marchionne ha invece parlato
mento di 20 miliardi di euro di
cui 16 destinati a Fiat Group Au-
tomobile e 4 a Fiat Industrial. Ma
l’obiettivo è produrre 250 mila
Panda. Altre 280 mila vetture sa-
ranno prodotte a Mirafiori, un
polveri sottili. E ancora: il soste-
gno del metano (la Fiat ha un di-
chionne, ieri davanti al Parlamento, a come esempio per far capire cosa si- non spiega dove trovare risorse Suv e l’Alfa Romeo, e il nuovo im- screto stock di Panda a metano
citare espressamente i due stabilimen- gnifica la richiesta di “migliori condi- tanto ingenti. pianto sarà pronto tra un anno e invendute) e soprattutto il soste-
ti nella sua relazione alla Camera di ie- zioni di produttività” e di “governabi- Per quanto riguarda l’Italia, Mar- mezzo. Numeri che fanno de- gno nel negoziato internaziona-
ri. E ne ha parlato non nei capitoli de- lità degli stabilimenti”, espressioni uti- chionne ribadisce l’obiettivo: durre che ulteriori 870 mila vet- le che sta per aprirsi tra l’Unione
dicati al piano di sviluppo ma in quello lizzate a palazzo Chigi nell’incontro produrre 1,4 milioni di autovet- ture saranno produtte negli sta- europea e il Giappone (dopo
sulle relazioni sindacali. Che L’ad Fiat con il governo. Alla Sevel la Fiat chiede ture nel 2014, di cui un milione bilimenti di Melfi e Cassino. che l’Italia, negli itneressi di Fiat,
chiede vengano ristrutturate sulla base 7 sabati lavorativi in cambio di 150 as- da destinare all’export, 300 mila Il piano, spiega ancora Mar- ha resistito fino all’ultimo nel ne-
di quanto già realizzato a Pomigliano e sunzioni per tre mesi. Ma, ha spiegato solo negli Usa. A questi vanno chionne, costituisce una grande goziato con la Corea).
Mirafiori. Anche perché, assicura, nes- il manager ai deputati, il sindacato si è opportunità per i lavoratori che
sun diritto è stato finora calpestato, messo contro con “un atteggiamento potranno beneficiare anche di
“non abbiamo ami preteso condizioni
di lavoro cinesi o giapponesi”. E quin-
del tutto incomprensibile”.
In realtà, la Fiom chiede che i 150 posti
La domanda nei una crescita occupazionale. An-
zi, “se riusciamo a incrementare
Niente
di, l’investimento da 600 milioni pro-
messo per rilanciare lo stabilimento
di lavoro divengano stabili dopo i pri-
mi tre mesi ma soprattutto rifiuta il di-
mercati europei l’utilizzo degli impianti arrivan-
do all’80 per cento rispetto al-
rassicurazioni e
della ex Bertone, alle porte di Torino,
con la produzione della Maserati, “po-
vieto di sciopero al sabato come pre-
visto dal verbale di accordo. Come si
è ormai l’attuale 40, siamo pronti ad au-
mentare i salari portandoli al li-
molte richieste:
trà partire se i principi-guida dell’ac- vede, ci sono tutti gli ingredienti per vello della Germania e della
cordo di Mirafiori verranno ricono- far riesplodere una nuova vertenza so- “strutturalmente Francia”. Perché ci siano gli au- “L’Italia difenda i
sciuto e accolti”. Nessuna parola, e prattutto se si considera che la Fiom ha menti, e magari la partecipazio-
nessuna domanda da parte dei depu- circa il 28 per cento dei voti alla Sevel debole”, ma ne agli utili, come viene promes- nostri interessi
tati, invece, sulla possibile contrappo- di Atessa, in provincia di Chieti, e ben so di nuovo, occorre prima ven-
sizione tra il nuovo stabilimento e quel- il 64 per cento alla Bertone. promette il boom dere le auto. Marchionne rassi- nei negoziati Ue
lo storico della Maserati a Modena do- Sal. Can. cura anche sul futuro di Cassino
della produzione e Melfi, per i quali non si prean- col Giappone”

Con la sede in Usa Sergio si mette anche al riparo dal fisco


TRA QUALCHE ANNO LA DECISIONE SUL QUARTIER GENERALE, MA GIÀ ORA L’AMMINISTRATORE DELEGATO È PIÙ A DETROIT CHE A TORINO
di Vittorio Malagutti re a carte coperte. Il cuore del sione finale non sarà presa domani cere le banche a finanziare americani potrebbero tornargli
Milano gruppo? Il nostro Paese sarà nelle e forse neppure dopodomani, ma Chrysler per restituire i prestiti mi- utili anche per un’altra questione.
condizioni di mantenere la sede le- ancora una volta è Marchionne a liardari del governo Usa, se l’am- Una questione personale, anzi fi-
orino, Detroit, Italia, Stati Uniti gale se ci sarà “un ambiente favo- dettare le sue condizioni. Prendere ministrazione Obama accetterà fi- scale. Infatti il capo della Fiat, che
Tcentri
E poi il cuore, la testa, quattro
direzionali. Tante parole per
revole allo sviluppo manifatturiero
e quindi anche al piano Fabbrica
o lasciare, in una partita a poker
che sembra destinata a durare an-
nalmente di finanziare il gruppo di
Detroit con i 3 miliardi di dollari
dichiara un domicilio nel paesino
svizzero di Walchwil, nel canton
dire che da settimane il dibattito Italia”. cora a lungo. per ricerca e sviluppo chiesti or- Zug, viene tassato sui suoi com-
politico sulla Fiat ha preso a girare, Il messaggio è chiaro. Se la politica Anche perchè il manager italoca- mai molti mesi fa, allora Marchion- pensi da amministratore con una
quasi sempre a vuoto, attorno alla esaudirà le nostre richieste, prima nadese è impegnato contempora- ne potrà dare il via all’operazione ritenuta del 30 per cento. In so-
questione della sede. “Il cuore del- tra tutte quella che riguarda il nuo- neamente su un altro tavolo, un ta- di avvicinamento a Wall Street. E stanza, la residenza in Svizzera gli
l’azienda è e resterà in Italia”, ha vo modello di relazioni sindacali, volo americano. Ed è quest’ultimo, quando il gruppo Usa sarà di nuo- consente di pagare imposte di mol-
dichiarato ieri Sergio Marchionne allora resteremo in Italia. In caso al momento, quello che risulta di vo quotato in Borsa, potrà pren- to inferiori rispetto agli altri nume-
nella sua audizione alla Camera. contrario faremo rotta verso De- gran lunga più importante. Se il ca- dere il via la fusione con Fiat. La ri uno delle grandi aziende italiane,
Aggiungendo però che “la testa po- troit e la Fiat diventerà semplice- po del Lingotto riuscirà a convin- partita su Chrysler è tutt’altro che da Paolo Scaroni dell’Eni a Franco
trà essere in più posti”, ovvero nei mente una filia- vinta. I numeri di bi- Bernabè di Telecom, giusto per fa-
quattro mercati dove il gruppo le della lancio dicono l’a- re due esempi. Questi ultimi, in-
punta a crescere. E cioè a Torino
per le attività europee, Detroit per
Chrysler. Non
manca neppure
La residenza zienda è tornata a
galla, anche se le
fatti, devono fare i conti con un’a-
liquota del 43 per cento, la mas-
quelle americane, il Brasile per il
Sudamerica e, in futuro, anche la
la promessa di
un premio, per-
in Svizzera quote di mercato re-
stano inferiori a
sima prevista dalla legge italiana.
Marchionne invece viaggia al 30
Cina. Comunque ha spiegato Mar-
chionne ai deputati “la scelta della
chè in futuro gli
stipendi degli
gli consente di quanto previsto nel
piano industriale. Ma
per cento, ma solo se dimostra di
essere un residente all’estero che
sede legale ancora non è stata fat- operai italiani il futuro prossimo di- passa la maggior parte del tempo
ta”. Il capo del Lingotto ha fatto potranno anche pagare solo il 30 pende dalle banche lontano dall’Italia.
capire che la decisione definitiva arrivare a livelli e da Barack Obama. Finora l’Agenzia delle Entrate non
sul tema verrà presa quando la tedeschi. Ovvia- per cento purché Per questo Mar- ha sollevato obiezioni. E se la Fiat
Chrysler sarà quotata in Borsa e si mente se Fiat ot- chionne ormai tra- diventerà sempre più americana, il
sarà fusa con la Fiat. Come dire: ne terrà tutto quel- non passi troppo scorre gran parte del Fisco di Roma difficilmente partirà
riparleremo più avanti. Ancora una lo che chiede. suo tempo negli Stati all’attacco di un manager che po-
volta Marchionne preferisce gioca- Certo, la deci- tempo in Italia Uniti. I suoi impegni trà dire di lavorare a Detroit.
Mercoledì 16 febbraio 2011 pagina 15

ECONOMIA

TRA BCE E PALAZZO CHIGI


Quasi tutti vedono Draghi già a Francoforte
Ma un pezzo di Pd lo sogna al governo
di Stefano Feltri be utile anche se restasse a Ro- be essere necessario un premier
ma, traslocando da via Naziona- tecnico pronto ad approvare mi-
l destino del governatore le. Trent’anni fa il ministro del sure drastiche senza essere trop-

I della Banca d’Italia Mario


Draghi sembra deciso: la
Banca centrale europea lo
aspetta. E lui sta mandando i giu-
sti messaggi per rispettare l’in-
Tesoro Nino Andreatta scrive-
va al governatore di Bankitalia
Carlo Azeglio Ciampi e gli co-
municava che la banca centrale
era sollevata dall’obbligo (di
po dipendente dai sondaggi.
Uno come Draghi, insomma. É
chiaro che a Letta non dispiace-
rebbe, così come a molti dei pre-
senti in sala nel palazzo dell’As-
vestitura ricevuta dal Financial Ti- prassi, non di legge) di compra-
mes, sottolineando un punto de- re i titoli di Stato invenduti alle
cisivo: il suo arrivo a Francoforte
non significherà la sconfitta del
aste. Il governo, cioè, non avreb-
be più potuto spendere a piaci-
Enrico Letta lo
rigore tedesco che domina la
Bce, anzi, i Paesi ad alto debito
mento sapendo che comunque
avrebbe potuto emettere debito
lancia, D’Alema
non avranno sconti. Lo ha riba-
dito ieri: “Le istituzioni europee
per finanziare i deficit. Una svol-
ta epocale. “Vi era in quella de-
lo boccia
stanno lavorando nella giusta di- cisione l’idea che la spesa pub-
rezione” con le nuove “regole di blica non fosse una dimensione “Non è il mio
coordinamento fiscale più strin- altra rispetto alle risorse proprie
genti e meno soggette a discre- di ogni cittadino contribuente”, candidato”,
zionalità nell’operazione”. Lo dice Letta. Il senso del ricordo
aveva detto anche nell’intervi- del “divorzio” tra Andreatta e Intanto Tremonti
sta di due giorni fa alla Frankfur ter Ciampi, molto consensuale e a
Allgemeine Zeitung: “Servono san- lungo preparato, è chiaro: an- gongola
zioni quasi automatiche” per i che oggi la politica italiana sve- Enrico Letta e Mario Draghi, ieri, al seminario dell’Arel sui 30 anni del “divorzio” tra Bankitalia e ministero del Tesoro (FOTO ANSA)
Paesi che non riducono il debito gliarsi dall’illusione di poter
quanto richiesto dalla Germa- convivere con il macigno del de- sociazione delle banche italia- “Ma non è il mio candidato. Il no- prendere la guida dell’esecutivo levanti”. Cioè accetta l’obiettivo
nia. Parole che lasciano intrave- bito e con un deficit costante ne: ci sono il segretario del Pd me ce l'ho, ma non lo faccio, al- se le vicende giudiziarie costrin- di riduzione fino al 60 per cento
dere scenari apocalittici per l’I- combinato con crescita zero. Pier Luigi Bersani, a studiare la trimenti lo brucio”. gessero Berlusconi a lasciare. ma mitigato da altri parametri
talia che, se sarà costretta ad ap- Questa volta non saranno il Te- situazione, ma anche Pier Fer- Lo spettatore più interessato di Oggi Tremonti farà le prove ge- come l’indebitamento privato
plicare alla lettera le regole che soro e la Banca d’Italia a imporre dinando Casini (Udc), molti ex queste vicende è Giulio Tre- nerali, con una conferenza stam- (il nostro è basso). Che può si-
verranno approvate a marzo, do- il risveglio ma il Consiglio euro- prodiani, un padre nobile del monti. Il ministro dell’Econo- pa, proprio a Palazzo Chigi (per gnificare manovre da 20-30 mi-
vrà fare manovre di risanamento peo e la Bce. centrosinistra recente, il presi- mia è diventato il primo sponsor ora ancora assieme a Berlusco- liardi all’anno invece che da 50,
da 30-50 miliardi all’anno. Anche adesso sta maturando dente del consiglio di sorve- per Draghi alla Bce: con il gover- ni), con la scusa di un accordo roba da travolgere comunque
Sempre che Draghi non trovi pa- una svolta di politica economica glianza di Intesa Sanpaolo Gio- natore fuori dall’Italia, restereb- sulla moratoria dei debiti per le ogni equilibrio politico. E da
lazzo Chigi sulla strada per Fran- di cui si discute poco, quelle vanni Bazoli. Massimo D’Ale- be un solo politico in grado di piccole e medie imprese. Per di- preparare la strada a Draghi.
coforte. Ieri il centro studi Arel, nuove norme sul debito pubbli- ma, in un’intervista a Oggi, am- ottenere consensi trasversali mostrare di non essere più mor- Sempre che Tremonti non sia
guidato da Enrico Letta, vice- co che il Consiglio europeo va- mette che c’è chi pensa a Dra- (dal Pd alla Lega) in parlamento bido di Draghi, da Bruxelles ieri riuscito a prendere abbastanza
segretario del Pd, ha approfitta- rerà a marzo, una volta caduto il ghi: “È quello giusto: non viene per un governo post-Berlusconi. il ministro assicurava: “l’Italia è a tempo in modo che, quando
to dell’anniversario del “divor- veto italiano, di cui in Italia “ap- dalla politica, sarebbe il punto di Secondo fonti a lui vicine, Tre- favore di una maggiore discipli- esploderanno gli effetti dei nuo-
zio” tra Tesoro e Banca d’Italia pare evidente la sottovalutazio- sintesi di uno schieramento am- monti sarebbe in contatto co- na sul debito pubblico ma vuole vi parametri, il governatore sarà
per segnalare che Draghi sareb- ne”, nota Letta. E quindi potreb- pio”. Poi però lo boccia subito: stante con il Quirinale, pronto a che sia allineata ad altri fattori ri- già a Francoforte.

OGGI LA FIDUCIA IN SENATO

MAXI-EMENDAMENTO: IL GOVERNO NON CANCELLA LA NORMA SALVA PRECARI


di Marco Palombi coppie che si sottopongono stro Mariastella Gelmini sulla stro, invece, è stata retrocessa
PARMALAT E alla fine lla fine Maurizio Sacconi ha
alla fecondazione assistita: il
fatto è che lo snellimento delle
ridefinizione del sistema di va-
lutazione esterna delle scuole
a sperimentazione annuale ge-
stita dagli enti caritativi e c’è

Letta salva Enrico Bondi Astrodovuto abbozzare: il mini-


del Welfare ha provato fi-
pratiche burocratiche per i
centri medici viene realizzato
oggi basato sull’Invalsi: se il
decreto diverrà legge – scade
una novità anche sul fronte del
federalismo: siccome quello
no alla fine a cancellare l’e- attraverso una bizzarra formu- il 27 febbraio e la Camera ha municipale tarda ad arrivare,
ualcuno in Borsa l’ha già battezzata la leggina salva mendamento “salva-precari” lazione che autorizza il mini- pochissimi giorni per appro- per evitare che i comuni resti-
Qdelegato
Bondi. Nel senso di Enrico Bondi, l’amministratore
della Parmalat. L’emendamento al decreto mil-
del Pd dal maxiemendamento
al decreto Milleproroghe su
stero della Salute ad ottenere
“qualunque informazione” sui
varlo senza modifiche – sarà lo
stesso dicastero dell’Istruzio-
no senza un euro il ministero
dell’Interno erogherà entro
leproroghe presentato ieri in Senato prevede infatti che cui il Senato stamattina voterà pazienti. Ignazio Marino del ne a indicare criteri e modalità marzo una somma corrispon-
siano inefficaci le eventuali modifiche alla clausola con- la fiducia al governo, ma palaz- Pd s’è rivolto al Garante per la per le valutazioni attraverso dente alla prima rata dei trasfe-
cordataria di Parmalat che vieta la distribuzione agli zo Chigi non ha voluto scate- privacy, mentre il ginecologo un regolamento che non do- rimenti 2010.
azionisti di oltre la metà dell’utile aziendale. In altre pa- nare una guerra totale con Severino Antinori ha fatto sa- vrà neanche passare per le Resta al suo posto, ovviamen-
role la maggioranza di governo si è schierata dalla parte l’opposizione per un’impun- pere che sarà “costretto a rife- commissioni parlamentari. te, la proroga di sei mesi per le
di Bondi che da qualche settimana si trova sotto assedio tatura. Fino alla fine di que- rire i nomi delle coppie che si Giulio Tremonti, dal canto multe delle quote latte, solo
di alcuni fondi internazionali, grandi azionisti dell’a- st’anno, dunque, non si appli- sono sottoposte a fecondazio- suo, ha provveduto all’ultimo che la copertura passa da 30
zienda che fu di Calisto Tanzi. Questi soci, forti di oltre ca la disposizione del “collega- ne assistita e fra questi ci sono minuto a riformulare l’emen- milioni a cinque: il fondo da
il 15 per cento del capitale, sono pronti a votare un ri- to lavoro” che riduceva da cin- molti parlamentari di diversi damento su Poste spa: il testo saccheggiare, infatti, è quello
baltone al vertice nella prossima assemblea di aprile. que anni a due mesi il termine partiti e ministri del governo del governo prevede ancora lo con cui le forze dell’ordine già
Obiettivo: affidare il timone della Parlamat a un manager per presentare ricorso contro Berlusconi”. Non sembrano, scorporo di Bancoposta e la non riescono a fare manuten-
che utilizzi l’ingente liquidità del gruppo per fare ac- un licenziamento ritenuto in- invece, strapparsi le vesti più possibilità di acquisire pac- zione ordinaria dei loro mezzi.
quisizioni, oppure per trasformarla in dividendi da di- giusto. Il ministro s’è consola- di tanto, né l’antilaicista Sac- chetti di altre banche, anche O forse qualcuno avrà notato
stribuire ai soci. to attaccando quei “laicisti” coni né la sottosegretario Eu- di maggioranza, ma solo ai fini la stranezza del fatto che la so-
Insomma, i fondi che hanno investito decine di milioni della Cassazione per la senten- genia Roccella, per la sottra- della realizzazione della fami- spensione delle tasse fino ad
nella società di Collecchio adesso vorrebbero passare za sulle adozioni ai single e zione di fondi ai malati di Sla. gerata Banca del Sud, che ottobre per gli aquilani invece
alla cassa, ma fin qui non sono riusciti a convincere il portando a casa, nel Millepro- Tra le novità inserite dal gover- quindi diverrà il braccio arma- non è stata finanziata: non è
numero uno, che è ancora alla ricerca di una buona oc- roghe, quella che l’opposizio- no all’ultimo minuto va segna- to del Tesoro nel Mezzogior- una robetta tecnica, perché se
casione sul mercato prima di metter mano al tesoretto di ne chiama “schedatura” delle lato anche un blitz del mini- no. La social card cara al mini- non si trovano i soldi in tempo
1,4 miliardi di euro accumulato grazie alle azioni legali i terremotati dovranno pagare
contro le banche ritenute complici del gigantesco crac tutto, e in un’unica soluzione.
di Tanzi. A fine gennaio i tre fondi Skagen, Mackenzie e
Zenit avevano siglato un’intesa per presentare una lista
Giochi di Confermati pure i 100 milioni
per le alluvioni in Veneto e Li-
comune di amministratori per sostituire l’attuale board
guidato da Bondi. Nei giorni scorsi è sceso in campo il
prestigio: 30 guria sottratti ai fondi per il
dissesto idrogeologico nel
governo con il sottosegretario Gianni Letta, ufficial-
mente nel ruolo di mediatore. L’emendamento compar-
milioni per lo Sud, lo stop alle ruspe in Cam-
pania, i tre assessori in più per
so ieri, a sorpresa, nel decreto milleproroghe lascia pen- Alemanno e pure l’aumento
sare che l’esecutivo alla fine abbia scelto di schierarsi sviluppo del delle tasse per le regioni vitti-
dalla parte di Bondi. Tramonta quindi, almeno per il mo- me di calamità naturali e quel-
mento, la prospettiva di una battaglia che nei giorni digitale tolti lo di un euro sul biglietto del
scorsi aveva eccitato la fantasia degli speculatori. Dopo cinema. Infine, visto che il no-
molte sedute al rialzo ieri il titolo Parmalat ha chiuso in ai fondi per stro governo è assai sensibile
ribasso di oltre il 3 per cento. I fondi però non si ar- al tema della tv, sono spuntati
rendono. In un comunicato diffuso in serata hanno con- la banda larga pure 30 milioni per incentiva-
fermato l’impegno a presentare una lista comune. re il passaggio dall’analogico
Vit.Mal. al digitale. Da dove li hanno
Il ministro del Tesoro presi? Dai fondi destinata alla
Giulio Tremonti (FOTO ANSA) banda larga.
pagina 16 Mercoledì 16 febbraio 2011
Mercoledì 16 febbraio 2011 pagina 17

STORIE ITALIANE

DANIELE, I SOLDI RACCOLTI DA IL FATTO


E LE SPERANZE DI FUTURO
Due i progetti contro la distrofia finanziati dai nostri lettori
di Silvia D’Onghia vimenti del corpo”. mana e logopedia due, “con
I fondi raccolti dal Fatto sono buoni risultati”. Ci sono poi i
aniele non corre, ma serviti a finanziare due proget-

“D
problemi legati alla scuola: an-
ha il passo svelto da ti. “Il primo, di ampio respiro e che a causa dei tagli del gover-
maratoneta”. Sono più a lungo termine – prosegue no, mancano gli insegnanti di
passati 15 mesi da Amanti – prevede lo studio di sostegno, che invece spettereb-
quando il Fatto Quotidiano ha fat- un cromosoma artificiale per il bero ad ogni singolo bambino
to propria la battaglia del pic- trapianto autologo di cellule con disabilità. “Con un’invalidi-
colo Daniele Amanti, 4 anni staminali. O meglio: il cromo- tà del 100 per cento – racconta
compiuti lo scorso 29 gennaio, soma artificiale deve essere in Fabio Amanti – Daniele ha un in-
e la vita già segnata da una par- grado di riprodurre il gene del- segnante solo per un’ora e mez-
ticolare forma di mutazione la distrofina (che manca nella za rispetto alle cinque di fre-
che causa la distrofia muscola- Duchenne). A quel punto lo si quenza scolastica. Eppure sa-
re di Duchenne. Una patologia può introdurre nelle cellule rebbe necessario che qualcuno
rara (circa cinquemila i casi in staminali del paziente. Ciò con- si dedicasse costantemente a
Italia) che provoca l’infiamma- sentirebbe di non usare farma- lui, anche solo per evitare che
zione dei muscoli e la loro pro- ci anti-rigetto”. Se ne sta occu- cada quando gioca con gli altri Un nuovo impegno
gressiva necrosi. L’aspettativa pando Giulio Cossu, responsa- bambini”. La famiglia Amanti si L’associazione Parent Project ha lanciato
di vita negli ultimi anni è rad- bile della Divisione di medicina sente fortunata: “La nostra Asl ci una nuova campagna per finanziare uno
doppiata, grazie alla ricerca: si rigenerativa del San Raffaele di ha riconosciuto l’invalidità sen- studio che rallenti la distrofia di
è passati dai 14 ai 30 anni. Ma Milano. Tre anni di sperimenta- za problemi, ma ci sono medici Duchenne (basta donare un sms al
ancora nessuno è stato in grado zione sui topi e poi altri tre (ma pubblici che – quando vedono numero 45507) di cui è affetto Daniele
di sconfiggere la malattia e di nella ricerca non si può mai sa- un paziente – commentano: ma Amanti (nelle foto), il bimbo per cui
restituire ai pazienti una vita pere) per quella sull’uomo. se ancora cammina!”. Il Fatto ha raccolto oltre 230 mila euro
normale e dignitosa. Quindici
mesi fa lanciammo una raccol- IL SECONDO progetto inve-
ta fondi proprio per finanziare
la ricerca, attraverso l’associa-
zione Parent Project e il suo
ste invece l’area farmacologica.
“Se il primo può servire a scon-
figgere la malattia, questo può
Adozioni ai single? Non sempre i diritti
Fondo Daniele Amanti: riu-
scimmo a raccogliere oltre 230
far guadagnare tempo a Daniele
e a tutti gli altri – spiega ancora
dei genitori coincidono con quelli dei bambini
mila euro in pochi giorni. Un suo padre –. La dottoressa Sonia
vero miracolo reso possibile Messina, del dipartimento di di Elisabetta Ambrosi pio: l’aumento della differenza di età dei avere in affido un bambino sono più “ge-
dallo sforzo di tanti nostri let- Neurologia e malattie neuromu- genitori ha finito per sfavorire l’adozione dei nerosi” di quelli per l’adozione. Se i bambini
tori. Oggi ci chiediamo in cosa
sono stati spesi tutti quei soldi,
se in qualche modo hanno po-
scolari del policlinico di Messi-
na, sta usando un integratore
derivato dalla soia per rallentare
Iadlnon
diritto del bambino ad essere adottato
è stessa cosa del diritto del genitore
adottare. Questa è la prima impressione
bambini grandi, più difficilmente adottabi-
li”.
Torniamo alla sentenza della Cassazione. A
dati in affido vengono per qualche ragione
dichiarati adottabili, può succedere dunque
che il bambino viene mandato in una terza
tuto aiutare Daniele e i bimbi l’infiammazione e quindi la che si ricava ascoltando chi si occupa di differenza di quanto potrebbe apparire dai famiglia. La stessa Anfaa ha fatto propria la
nelle sue condizioni. Ma prima morte delle cellule. È un proget- adozioni di minori in Italia, all’indomani del- titoli, non ha accolto la richiesta della madre petizione presentata al Parlamento italiano
di tutto ci interessa sapere co- to che coinvolge una quindici- la sentenza della Cassazione che ha in- di poter adottare in maniera “legittimante”, dall’associazione La Gabbianella, trasfor-
me sta Daniele. “Sta come tutti i na di pazienti e serve a limitare i vitato il Parlamento italiano ad ampliare la bambina, rendendola cioè effettivamente mata in proposta di legge bipartisan, at-
bambini cui viene diagnostica- danni, fino a quando non si tro- l’ambito di ammissibilità dell’adozione pie- equiparata a figlio legittimo; ma si è limitata tualmente ferma in Commissione Giustizia,
ta la Duchenne intorno ai 4 an- verà la soluzione definitiva”. na di un minore da parte di una persona a rilevare la discrasia tra la legge italiana, che chiede ai Tribunali di dare la prece-
ni – ci racconta suo padre Fabio C’è poi un altro studio analogo, singola, partendo dal caso di una donna che non prevede l’adozione per i single, né denza, nel caso in cui i bambini affidatari
–. Non può correre, ma cammi- che richiede finanziamenti: an- genovese. E che smorza un po’ i toni en- per le coppie non sposate, rispetto alla Con- siano dichiarati adottabili, alle famiglie af-
na, anche se per fare un passo che in questo caso l’uso combi- tusiastici con cui è stata commentata. venzione di Strasburgo del 1967, che non fidatarie. Al di là della proposta, però, allo
sposta in avanti il bacino, si aiu- nato di due farmaci potrebbe “L’ampliamento dei criteri va unicamente a esclude l’adozione da parte di single. stato attuale i genitori affidatari single pos-
ta molto con le braccia. Ha pro- servire a rallentare la malattia. favore degli adulti”, spiega Donata Novi Mi- Adozione “piena”, però. Perché l’ar ticolo sono diventare adottivi, ma sempre non in
blemi di equilibrio, cerca di bi- Per contribuire, basta mandare cucci, presidente dell’Associazione naziona- 44 della legge italiana sull’adozione, quello maniera “piena”, legittimante.
lanciare la sua statura con i mo- un sms al numero 45507. le Famiglie adottive e affidatarie. “Ad esem- in cui si parla di bambini che non hanno Si torna dunque al punto: adozioni ai single
Parent Project ha organizzato, potuto seguire il percorso “normale”, già o no? Perché in Europa sono quasi ovunque
per il prossimo fine settimana, prevede la possibilità che un single adotti un ammesse? Non si aumenta così la platea
A Roma una conferenza internazionale
a Roma sulla distrofia muscola-
bambino; ma solo come eccezione (se la
mancata adozione rischia di procurare un
dei possibili genitori? “È vero che le richieste
sono in diminuzione, forse per la crisi –
una conferenza re Duchenne e Becker (la forma
meno grave). Tre giorni per fare
danno irreparabile al bambino, se ci sono
legami preesistenti, se il bambino è legato
risponde Donata Novi Micucci – ma le di-
sponibilità sono sempre maggiori delle ri-
internazionale il punto sulla ricerca, ma soprat-
tutto per “fare rete”, mettere in-
da parentela fino al sesto grado). La dif-
ferenza però è notevole, perché questo tipo
chieste. Insomma: il dibattito sul desiderio
di adottare un bambino è legittimo. Ma non
sieme le esperienze di circa 200 di adozione non sancisce la cessazione dei deve far dimenticare che le emergenze so-
per fare il punto famiglie, affrontare questioni rapporti con la famiglia di origine, mentre il no altre: la condizione drammatica in cui
che da soli possono sembrare bambino acquisisce legami diretti con i ge- versano i servizi sociali; il turn over di per-
sulla ricerca insormontabili. Per esempio, nitori ma non con i loro parenti, e non ha gli sonale che incide sulla qualità delle pre-
un bimbo affetto dalla distrofia stessi diritti ereditari. Una situazione per stazioni. Soprattutto, il fatto che le istitu-
e mettere in rete ha un bisogno costante di fisio- certi versi simile a quella dei figli di genitori zioni, oltre a non prevedere aiuti per le fa-
terapia e logopedia: Daniele fa non sposati. miglie in difficoltà, abbandonano la famiglia
le famiglie psicomotricità tre volte a setti- C’è poi un ulteriore aspetto. I criteri per adottiva subito dopo l’adozione”.

A Palermo il problema dei vigili diventano gli ambulanti


UNO DI LORO, DI FRONTE ALL’ENNESIMA MULTA, SI È DATO FUOCO: IERI LA RABBIA DEGLI IMMIGRATI È ARRIVATA IN MUNICIPIO
di Giuseppe Lo Bianco l’aula Rostagno del munici- te. Al microfono dell’aula Ro- mani pomeriggio, in una fiac- lavorando. “C’è in questa cit- lazione renderebbero un
Palermo pio di Palermo, riempita fino stagno in 15 circa, tra ambu- colata cui partecipano sia la tà un clima di vessazione in- maggiore servizio alla città”.
all’inverosimile dalle associa- lanti e rappresentanti delle as- comunità islamica che i laici sopportabile che sfocia in Erano tre i vigili urbani che
lcuni sono ripetutamente zioni dei migranti e dai rap- episodi assai gravi – dice sabato hanno elevato l’enne-
Ametri,
costretti a spostarsi di 500
raccogliendo in fretta
presetanti della comunità
marocchina, il dramma di
sociazioni dei migranti, han-
no fatto sentire per due ore
ieri pomeriggio la propria vo-
comboniani di padre Alex Za-
notelli, che si fermerà sotto le
finestre dell’ospedale per
Zaher Dasrwish, responsabi-
le per la camera del lavoro di
simo verbale al giovane ma-
rocchino, colpevole di non
bracciali e collane, come il Nourredine Adnane, 27 an- ce di protesta e denuncia dan- portare la testimonianza di vi- Palermo per le politiche dei essersi spostato di 500 metri
loro connazionale che si è da- ni, il venditore ambulante dosi appuntamento per do- cinanza al giovane ambulan- migranti – un clima che parte ogni ora come prescrive il re-
to fuoco, in obbedienza di un che si è cosparso di benzina te. Ma non solo. dal governo che emana leggi golamento comunale. In as-
arcaico regolamento comu- dandosi fuoco per protesta Un comitato spontaneo si è razziali che ignorano la di- semblea i suoi genitori hanno
nale, altri denunciano il se-
questro arbitrario delle loro
contro le vessazioni dei vigili
urbani, si è trasformato nel
Nourredine già messo in moto per racco-
gliere prove testimoniali e do-
mensione umana dell’immi-
grato e che trova una sponda
mostrato i quattro verbali di
contravvenzione subiti nei
merci, da parte dei vigili ur-
bani, senza la redazione del
durissimo atto di accusa nei
confronti di una città forte
Adnane cumentali, molte già racchiu-
se in una serie di denunce
importante nell’amministra-
zione comunale, complice di
dieci giorni precedenti, sem-
pre a lui, in luoghi diversi e
verbale: vessazioni quotidia-
ne da parte di chi indossa
con i deboli e debolissima
con i forti.
rischia la vita presentate ma rimaste ina-
scoltate, per formare un
tutto ciò che è avvenuto con
l’emanazione delle ordinanze
sempre dai vigili urbani. Il
quinto è stata la molla finale:
una divisa nei confronti di esposto collettivo da presen- seguite al decreto sicurez- li ha implorati in ginocchio di
chi, in regola con licenze e NEL SUO LETTO dell’o- in ospedale tare in tempi brevi alla ma- za”. lasciarlo lavorare in pace, poi,
permessi di soggiorno, è co- spedale Civico il giovane ma- gistratura e al prefetto di Pa- di fronte all’inflessibile rifiu-
stretto ad affidare alla fragile rocchino, con l’85 per cento Domani lermo. Un esposto che dise- “SEMBRA – aggiunge Dar- to dei tutori dell’ordine, ha
mercanzia poggiata sul mar- delle ustioni di terzo grado e gna il volto di una città diven- wish – che tutto il problema a aperto il bidone, si è versato
ciapiedi la possibilità di co- una respirazione definita dai una fiaccolata tata difficile per gli extraco- Palermo siano i migranti com- addosso la benzina, e davanti
niugare il pranzo con la cena medici “compromessa” con- munitari in regola, che chie- mercianti, forse se i vigili si agli occhi esterrefatti dei vi-
in un paese straniero. Nel- tinua a lottare contro la mor- di solidarietà dono soltanto di sopravvivere dedicassero di più alla circo- gili, ha preso un accendino.
pagina 18 Mercoledì 16 febbraio 2011

SECONDOTEMPO
SPETTACOLI,SPORT,IDEE
in & out

FESTIVAL

RAI FRATRICIDA Mentana


Per il Tg La7
Contador
Federciclismo
Adolf Hitler
Nel ‘15-‘18,
Ranieri
“La squadra

Benigni a Sanremo
(al 10,06% di spagnola per Die Welt è con me:
share medio) lo assolve s’imboscò, la situazione
2,6 milioni di dalle accuse altro che societaria
telespettatori di doping gesta eroiche influisce”

contro Annozero Lo spettacolo dell’Ariston comincia


con Antonella Clerici che esibisce
sul palco, oltre a un abito improbabile, la figlia (2 anni) disorientata e stranita
di Silvia Truzzi presentano facce scure: già a ora musical-patriottica? Avrebbe po-
inviato a Sanremo di pranzo l’incubo zapping era tuto scegliere di intervenire
Ballarò. Che comincia cinque mi- un’altra sera, e senza bavagli tra-

L’
nuti prima di Sanremo: e sono 5 vestiti da senso delle istituzioni.
minuti cruciali perché su Raitre Ma all’Ariston volevano neutra-
c’è Crozza. Qui invece l’imper- lizzare Annozero, e quindi ci pre-
dibile Antonella Clerici che stiamo volentieri all’Inno di Ma-
“passa il testimone” con tanto di meli. Santoro non starà a guarda-
figlia – Maelle, 2 anni, spaesatis- re: intanto ha chiesto alla cantan-
sima – esibita sul palco. te Emma, in gara con i Modà e in
piazza domenica con le donne,
GIUNGE una notizia che rasse- di collegarsi con Raidue. E co-
rena gli animi: Roberto Benigni, munque il suo piatto forte saran-
convinto a partecipare alla serata no le notizie.
di “altissimo profilo istituziona- L’annuncio della partecipazione
le” per festeggiare l’Unità d’Ita- di Benigni arriva da Morandi, in
lia, con una “esegesi dell’Inno di diretta al Question time delle 14 su
Ariston cerca di darsi un tono, al Mameli”. Il titolo in effetti non è Raiuno, condotto quest’anno da
grido sussurrato di “The show eccitantissimo, ma giovedì l’ef- Lamberto Sposini (se non altro
must go on”: però alla fine la fetto ascolti ci sarà. Anche se il più vivo del predecessore, Mau-
messa in scena del “va tutto be- pezzo nato dall’incontro tra No- rizio Costanzo). “Non credo che
ne”, “è una grande festa della varo e Mameli non è più in voga, Benigni voglia mettere in ridico-
musica”, “stiamo uniti”, non come fa notare Cesarino Monti, lo la storia d’Italia e l’Inno di Ma-
convince nessuno. Piove, non notissimo senatore leghista: meli”, spiega Morandi, forse pen-
anysense. E la conferenza stampa “Il patriota Benigni prende il 60 sando che non è la satira, ma la
dei direttori, Mazza & Mazzi, per cento in più dell’indennità di realtà a metterci abbastanza alla
non è sfavillante. Alle 12.30, ora carica di un anno di un parlamen- berlina. “Ho parlato con lui, ha
della convocazione, le agenzie tare”. Quelli sì che sono soldi ben detto che verrà in quella puntata Sipario alzato sul Festival di Sanremo,
avevano già battuto la notizia del spesi, specie considerando molto sobria e anche solenne”. E cominciato con il discorso di Antonella
giudizio immediato per B. Il di- quanto legiferano le Camere. Per- ancora: “Non si metterà a sbef- sbandierata, è argomento molto attualità e cronaca, che questi Clerici alla figlia di due anni (FOTO ANSA)
rettore di Raiuno lunedì aveva formance tra i venti e i quaranta feggiare o a fare battute come ha frequentato. Così Gianmarco giorni dà grandi spunti”. Nem-
sperato che non accadesse “nul- minuti, per un cachet che secon- fatto in altre occasioni. Certo è li- Mazzi, temerario, sulle Iene: “Io meno una parola su quali: ma
la di clamoroso”, ieri ha precisa- do le indiscrezioni si aggira sui bero di fare quello che vuole”. non ho mai paura degli artisti”. Se questa è la cifra delle dichiarazio- vo nulla”. Il cortocircuito delle
to che si “riferiva agli sbarchi di 250 mila euro, comunque, dico- Mah. Qui sono tutti preoccupati, non avesse avuto bisogno di dirlo ni festivaliere. L’allusione. “Sa- cautele sfiora il ridicolo: i due so-
immigrati”. Sperava che tutto si no, “sotto la media” del regista non si capisce bene di cosa, per- forse gli avremmo creduto. At- nremo ha di fronte una platea no un ormai storico prodotto Me-
risolvesse. Era un discorso uma- premio Oscar. Sarà stato il patro- ché l’orchestrina continuerà a tenzione però: gira voce che i molto vasta, anche per loro que- diaset. Ci pensa Morandi, con i
nitario, l’abbiamo frainteso. In cinio del Colle (Quirinale, non suonare, ma la nave sta affondan- due abbiano intenzione di pren- sta è una grande opportunità pro- consueti modi da fratello mag-
questo Paese basta un niente e si Aventino) a convincere il comi- do. E non è un particolare di cui derlo sul serio. “Luca e Paolo so- fessionale per farsi conoscere a giore, a rassicurare i ragazzacci di
scambia la filantropia per qual- co toscano a non parlare di Ber- ci si possa non occupare. La liber- no professionisti molto navigati. un pubblico ancora più ampio”. Genova: “Non rischiano nulla,
cosa d’altro. In sala stampa si lusconi per dedicarsi all’esegesi tà degli artisti, un po’ troppo I comici si nutrono da sempre di Iena avvisata, mezza salvata. Il di- non saranno loro i due esclusi
rettore artistico commenta la no- della prima serata. Non gli abbia-
tizia, anticipata ieri da Repubblica, mo detto ‘se non ci fate vedere i
Su SkyUno con montaggio sincopato, sesso se- sulla canzone Ti processerò, paro- testi siete fuori’, non li abbiamo
mi-esplicito tra corpi perfetti. Per scelta dia di un brano di Morandi, pen- obbligati, però un minimo di
SPARTACUS, autoriale, segnando una prima volta,
l’oggetto del desiderio in Spar tacus non è
sata da Luca e Paolo per la prima
serata. “Ho sentito parlare di que-
preoccupazione l’abbiamo, la lo-
ro libertà di Iene potrebbe anche
LA SERIE DEI RECORD donna (nonostante le matrone amma-
lianti con ampie scollature), bensì i guer-
sto pezzo con almeno dieci titoli:
Ti processerò, Ti giustizierò”, dice
‘stonare’ su un palcoscenico co-
me Sanremo. Certo che possono
ARRIVA IN ITALIA rieri nella sabbia dell’arena sempre forti,
muscolosi e cattivi (ma con un cuore
grande così). La trama, certo, è sempre
ancora Mazzi. (Intanto nella sca-
letta consegnata alla stampa alle
20 è già diventata Ti supererò).
parlare, purché sia nella regola
dello spettacolo, del rispetto”.
Sanremo è sempre Sanremo. Pri-
quella, ma dello Spar tacus “politico” di “Temo che mai Luca e Paolo ab- ma serata, su Raiuno: un po’ di
di Federico Mello Kubrick non c’è traccia: qui c’è solo da biano provato davanti a noi i testi decoro. Ci sono i minorenni da-
guardare, tanto che Sky ha scelto di va- che davvero canteranno o recite- vanti alla tv.
e le serie televisive sono la nuova fron- lorizzare tutte e due le produzioni della ranno sul palco. La verità è che C’è un cellulare che preoccupa
Slo schermo,
tiera della sperimentazione sul picco-
Spar tacus, da giovedì in on-
serie. La prima, più “educata”, senza le
scene di violenza e sesso, andrà in onda il
quello che succederà lo sapremo
in diretta. Noi ci siamo appellati
Mazza, e non si tratta di intercet-
tazioni. Se telefonando: la chiama-
da su SkyUno, si candida a segnare un giovedì alle 21,10; per la versione senza al senso di responsabilità. Anche ta di Mina non ci sarà (l’aveva
nuovo punto e a capo. Così come ha fatto tagli, con le sequenze splatter che riem- perché in diretta è praticamente chiesta Morandi). La cornetta ro-
Lost per la sceneggiatura, infatti, la serie piono gli occhi degli appassionati, si do- impossibile intervenire. Quindi vente che potrebbe fare incursio-
sul gladiatore che guidò la rivolta degli vranno aspettare le 23,10 di domenica. qualsiasi cosa dovesse accadere ne è un’altra. Mazza, serissimo,
schiavi (13 episodi ideati da Sam Raimi, Al lancio in Italia, così come era successo ce ne occuperemo domani”. spiega: “I programmi che hanno
già produttore di Spiderman), innova a in America, si aggiunge la vicenda umana sto il tumore si manifesta più aggressivo ricevuto le telefonate hanno ot-
360 gradi con la forza delle immagini. del protagonista Andy Whitfield (nella di prima. Impossibile così girare una se- MA NELLA RAI che pretende tenuto risultati alterni. Preferirei
Ogni inquadratura è una tavola, un fu- foto). Australiano, 36 anni, dopo essersi conda stagione, si è optato per un pre- da Santoro una scaletta dettaglia- nessuna telefonata...”. Quasi una
metto tra Sin City e 300: le bolge negli arrabattato in ruoli minori, nei panni di quel: God of the arena, dove il ruolo del ta di Annozero un giorno prima supplica: ma a chi? A Masi, il di-
anfiteatri, l’architettura dell’antica Ro- Spar tacus raggiunge il successo (la serie, gladiatore è andato a Liam McIntyre, della messa in onda, è difficile rettore generale che ha chiamato
ma, la folla scalmanata con denti neri e nonostante numerose polemiche, è stata già protagonista in un episodio di The Pa- pensare che Mazzi non si sia fatto in diretta Santoro “per dissociar-
istinti animali. Le scene principali ricor- vista da 13 milioni di telespettatori). Ma cific. La blogosfera Usa, intanto, è prodiga dare i testi. Più verosimile che, si”? O al premier? Si alza il sipario
dano le sequenze visionarie dei migliori in contemporanea con la messa in onda, di auguri per il gladiatore che mentre ma- pur “non temendo gli artisti”, si zuccheroso sull’impacciato cir-
videogame: combattimenti con esplo- scopre di avere un linfoma di Hodgkin. cina fan sullo schermo, è impegnato nel sollevi da ogni responsabilità co sanremese. Ma c’è il caso che
sioni di sangue, corse urlanti raccontate Subito in terapia, sembra guarito, ma pre- suo combattimento più duro. con un preventivo “non ne sape- l’Italia stavolta si desti davvero.
Mercoledì 16 febbraio 2011 pagina 19

SECONDO TEMPO

LO STADIO DEL GRANDE TORINO

LACRIME SULLE CENERI


di Stefano Caselli
DEL “FILADELFIA”
Torino
che nasce da uno schema tattico
che si chiama “progetto” e che
dalle parti di corso Magenta a Mi-
fu chiuso nel 1994, quando l’al-
lora presidente Gian Marco Cal-
leri – quello che scambiò alla pa-
ra le tante cose che fanno ri Christian Vieri con Gianluca

T
lano (da dove Cairo gestisce la
disperare il tifoso del Tori- società) sembra non aver ancora Petrachi, l’attuale direttore
no – c’è l’imbarazzo della attecchito. sportivo del Torino – decise che
scelta, ormai – una è par- Il Torino è un patrimonio di pas- di quel rudere non sapeva che
ticolarmente indigesta, sentire sione che si sta dilapidando. Ba- farsene. Nel luglio 1997, di fron-
uno juventino confessare can- sta passeggiare per via Filadelfia, te a centinaia di persone che in-
didamente: “Ma sì, in fondo io a poche centinaia di metri dal tascavano cimeli di calcestruz-
faccio il tifo anche per voi”. No, nuovo (brutto) stadio Olimpico, zo, entrarono in azione le ruspe.
accidenti, non è così che va il già Comunale, per rendersene A ricostruire lo stadio ci provò la
mondo. O almeno non è così conto: erbacce, lamiere, colo- Fondazione messa in piedi dal-
che andava. C’era una volta il nie di gatti e – soprattutto – quei l’ex sindaco Diego Novelli, gra-
derby della Mole, fino a vent’an- moncherini di calcestruzzo che nata doc, ma non se ne fece nulla
ni fa il più bello d’Italia. Gli spal- ancora conservano lo stile liber- (e non era la prima volta). Fece
ti del vecchio Comunale si ty che fu. È quel che rimane del finta di provarci anche la miste-
riempivano all’inverosimile, si mitico Stadio Filadelfia, la casa riosa “triade genovese” proprie-
andava allo stadio ore prima e – del Torino, raso al suolo quattor- taria del club alla fine degli anni
nei ricordi del tifoso bambino – ’90. Nel 2000, poi, arrivò l’im-
il derby vinto o perso scandiva prenditore Franco Cimminelli,
le tappe della memoria più de- uomo Fiat, quello che esordì
gli anni scolastici. Torino-Ju- dando dei “coglioni” ai tifosi che
ventus, oggi, non esiste quasi dopo 50 anni andavano ancora
più. Si gioca di tanto in tanto,
quando i granata si riaffacciano
Il fallimento in pellegrinaggio a Superga e
che, subito dopo, fu immortala-
alla massima serie e il risultato
non è più incerto.
di Urbano Cairo to in tribuna a Lecce (con il Toro
che tanto per cambiare retroce-

IL TORO non lo vince da quasi


non sono solo deva) a esultare alla notizia di un
gol di Alex Del Piero. Per Cim-
16 anni e difficilmente potrà ri- minelli, al tempo in cui la Juven-
provarci l’anno prossimo. La le sconfitte, ma tus acquistava il terreno del Del-
squadra dl “berluschino” Urba- le Alpi a prezzo di saldo (il nuovo
no Cairo – un tempo acclamato non aver saputo stadio bianconero, un gioiello,
papa Urbano I e ora oggetto di sarà inaugurato tra pochi mesi),
pesanti contestazioni – langue a I campioni granata e la strage di Superga Per molti l’11 più forte di sempre ridar vita a il Filadelfia era il vero affare. Pre-
metà classifica in Serie B e i der- In alto, il portiere Valerio Bagicalupo dentro il Filadelfia oggi (ELABORAZIONE DI STEFANO ATTANASIO) sentò un faraonico progetto che
by (se così si possono chiamare) A destra, Urbano Cairo. Sotto, una manifestazione di tifosi granata al “Fila” un pezzo di storia per un attimo sembrò essere
li perde pure con il Novara. È ac- quello buono, ma naufragò tra
caduto lunedì sera e al di là della sospetti di speculazione. Quin-
comica autorete e dei due pali dici anni fa e mai più ricostruito. dove il Grande Torino vinse cin- l’allenatore “comunista” col col- liano Mondonico, che in quel di il buon Cimminelli cominciò
centrati dai granata, la vittoria Non è un caso che le disavven- que scudetti e dove nacquero bacco, mise Paolino Pulici a cal- giorno aveva abbandonato la ad operare sull’area come un im-
del Novara capolista non fa una ture sportive di una delle più decine di campioni tra gli anni ciare ripetutamente contro un panchina dell’Albinoleffe (per mobilliarista. Si sfiorò la rivolta
piega. Soprattutto perché il ri- gloriose squadre di calcio italia- Sessanta e gli anni Novanta. Era muro fino a trasformarlo in uno poi ritornare) per problemi di popolare quando si venne a sa-
sultato va ben oltre i novanta mi- ne siano iniziate proprio in quel molto di più. I bambini degli an- dei più grandi attaccanti italiani salute: tutti con una sedia in ma- pere che su quei terreni stavano
nuti in campo. È una sconfitta momento. Non era solo lo stadio ni ‘80 attraversavano la città in di tutti i tempi. Retorica? Forse no a gridare “Emiliano alzaci la per sorgere palazzi e supermer-
bici per andare a vedere gli alle- sì. Ma era bello. E tanto basta. sedia”. Il “Mondo” lo fece ad Am- cati. Poi il Torino di Franco Cim-
namenti della prima squadra e – sterdam nel 1992, quando l’ul- minelli, nel 2005, fallì, lasciando
soprattutto – per ascoltare i rac- IL POPOLO GRANATA ci timo grande Toro della Storia in eredità gravose ipoteche sul-
conti dei pensionati che lì pas- tiene così tanto che il “Fila” è re- perse la coppa Uefa contro i pali l’area. Il Comune di Torino (che
savano i loro pomeriggi. Dei bal- golarmente tra i primi dieci (tre!) dell’Ajax. Cravero fu atter- ha la sua buona quota di respon-
zi di Valerio Bacigalupo (nel fo- “Luoghi del cuore” del Fai (Fon- rato in area (il rigore, a onor del sabilità in tutta questa vicenda)
tomontaggio in pagina dentro i resti do ambiente italiano). Ancora vero, era dubbio) e il mister pro- è riuscito a risolvere la questio-
del Filadelfia oggi); di quando ca- oggi, ridotto in macerie, viene testò a modo suo sollevando un ne con l’Agenzia delle Entrate.
pitan Valentino Mazzola si rim- ciclicamente ripulito e, di tanto pezzo di panchina.
boccava le maniche e regolar- in tanto, ci si ritrova. L’anno Di ricostruire il “Fila” (ultima LE ULTIME notizie parlano di
mente, nel giro di un quarto d’o- scorso, invece di andare allo sta- partita di campionato nel 1963) una costituenda Fondazione,
ra, arrivava il gol; o del boato nel dio, in segno di protesta, centi- si parla fin dagli anni Settanta e a con tanto di delibera di giunta.
1957 che accompagnò la prima naia di tifosi si sono radunati su elencare i tentativi, le truffe e i Nessuno osa dire – dati i prece-
vittoria nel derby dopo la scia- quel prato per una grigliata. Po- progetti che si sono susseguiti denti – che sia la volta buona;
gura di Superga; o di quando ne- chi giorni fa è stato organizzato nei decenni c’è da diventare sce- certo le premesse sono incorag-
gli anni ‘70 Gustavo Giagnoni, un flash-mob di solidarietà a Emi- mi. L’impianto, già pericolante, gianti. Per ricostruire il campo
del Grande Torino e restituire al
popolo granata la bellezza per-

In scena “il catalogo” del seduttore duta, possono bastare dieci mi-
lioni di euro. Adesione e soste-
gno economico alla Fondazione
Filadelfia è stato promesso da
ISABELLA FERRARI E ENNIO FANTASTICHINI IN UN’INSOLITA VESTE COMICA Regione, Provincia, Comune e
Fondazioni bancarie. Soltanto
di Camilla Tagliabue ra collezionate, come annotato nel se- tore di Buñuel, Godard, Wajda, Malle, una persona non ha ancora ri-
greto catalogo, palmarès e antidoto Forman e altri, sfrutta la tradizionale sposto alle sollecitazioni dell’as-

L’ritoinferno è l’altro: chiosando Sartre,


si potrebbe riassumere così lo spi-
de Il catalogo, commedia scritta da
contro l’oblio. La meticolosa routine
del seduttore seriale viene infranta
però da una giovane e svampita don-
“levità” francese per costruire un’o-
pera sapientemente in bilico tra realtà
e sogno, risate e lacrime: quando non
sessore allo sport Giuseppe
Sbriglio. Indovinate chi: Urbano
Cairo, l’attuale presidente del
Jean-Claude Carrière nel 1968, ora na, Suzanne, che gli piomba un mat- è un equivoco, l’amore è un gioco. La Toro che non ha saputo, nono-
portata in scena da Isabella Ferrari tino in casa e gli chiede, senza troppi regia di Binasco confeziona una par- stante mille promesse, ridar vita
ed Ennio Fantastichini, diretti da Va- pudori, di poter rimanere qualche ora titura a orologeria: Isabella Ferrari di- a un pezzo di storia granata.
lerio Binasco. Il felice titolo italiano a riposare: sta cercando un tale Phi- mostra un sorprendente talento co- L’attrice Isabella Ferrari (FOTO ELIO COLAVOLPE)
(l’originale è L’aide-mémoire) rimanda lippe Ferrand, è stanca e ha trascinato mico, Fantastichini scopre il suo lato
al Don Giovanni di Mozart, per una ra-
gione “tematica e musicale insieme”,
la sua valigia per tutto il quartiere.
“Resterò pochissimo”, promette, giu-
più buffo e sconsolato; scene, luci, co-
stumi e musiche sostengono con cura
sempre), quanto dall’ironica suspen-
se di Pinter. Il rischio è che la legge-
Servono dieci
spiega il regista: “Il dialogo scorre leg-
gero e brioso come le “note bambine”
sto “il tempo di sdraiarmi”. Ça va sans
dire, Suzanne rimarrà in quell’appar-
la recitazione febbricitante, lo sguar-
do azzurrissimo e disarmato di lei, la
rezza diventi indifferenza ai visceri
(niente a che vedere con il quasi coe-
milioni di euro
delle partiture settecentesche e il per-
sonaggio maschile si ispira, o almeno
tamento per giorni.
In filigrana, il testo parla dell’impos-
compulsione nell’accomodarsi i ca-
pelli di lui. Il pubblico si diverte mol-
vo Ultimo tango a Parigi) e la comme-
dia, così cristallizzata, sia glaciale,
per recuperare
vorrebbe, al celebre seduttore”. La vi- sibilità dell’incontro tra un uomo e to, come testimonia pure il successo non crudele. A meno che la freddezza
cenda inizia e si dipana proprio nel una donna, tema caro a un certo esi- di botteghino. Eppure il meccanismo non sia di per se stessa crudele per- l’impianto,
monolocale di Jean-Jacques, scapolo stenzialismo ma anche al teatro con- funziona fin troppo bene: un impec- ché, come diceva quello sciagurato di
d’oro in una Parigi rampante, diviso venzionalmente definito “dell’assur- cabile vaudeville lontano tanto dalle Woyzeck, “l’inferno è freddo, voglia- mentre la Juve
tra una brillante carriera diurna come do”: rispetto a questi, però, Carrière amare risate beckettiane (lo sa bene mo scommettere”.
avvocato e un’altrettanto brillante vi- risolve l’incomunicabilità tra anime Binasco, che è stato un eccezionale (Spettacolo visto all’Alfieri di Asti l’11 avrà presto
ta notturna in compagnia di donne sole in modo originale. Il grande dra- Clov al fianco di Hamm-Carlo Cecchi febbraio. Da stasera a domenica a Mestre;
sempre diverse. Sono 134 quelle fino- maturg di Peter Brook, già sceneggia- nel Finale di partita forse più riuscito di la tournée prosegue fino ad aprile) un nuovo gioiello
pagina 20 Mercoledì 16 febbraio 2011 Mercoledì 16 febbraio 2011 pagina 21

SECONDO TEMPO SECONDO TEMPO

IL PEGGIO DELLA DIRETTA

TELE COMANDO
TG PAPI
+ che non abbia riportato in pri-
mo piano le nostre vicende, di Luigi Galella
Aspettando
Sanremo
Mirabella in compagnia di stione della lingua” che per
MONDO
DAGLI USA SOLDI E STRUMENTI

Internet contro
WEB
di Federico Mello
è È PARI (PER ORA) TRA UOMO E ‘WATSON’
LA SFIDA A QUIZ TRA CONCORRENTI E COMPUTER
Per gli appassionati di intelligenza artificiale è la sfida
dell’anno: in questi giorni un computer sta cercando
di dimostrare di essere più bravo in una tipica
attività umana: il telequiz. Per ora la sfida fra
Watson, il supercomputer progettato dall’Ibm, e i
concorrenti umani, è in pareggio, ma ci sono altri
due round per stabilire chi ha la supremazia. Teatro
della sfida è ‘Jeopardy!’, uno dei più longevi quiz
americani. Nella puntata andata in onda nella notte
feedback$
Commenti allo status
Facebook sulla pagina
del Fatto Quotidiano
“Concussione e
prostituzione minorile:
tre donne
giudicheranno B. il 6
aprile”

Scandalo ora ironizzando, ora chieden-


dosi come mai gli italiani sia-
no caduti così in basso. Ed è
questa la ferita più profonda,
che nessun telegiornale italia-
I l racconto di “Sanremo” ini-
zia mesi prima di “Sanre-
mo”. Nei rotocalchi e nei tan-
ti “infotainment” con cui si
Eva Crosetta, che ha inter-
vistato Serena Facci, autrice
con Paolo Soddu di “Il festival
di Sanremo” (Carocci ed.): un
testo che racconta l’Italia at-
secoli, dal trecento all'otto-
cento, ha fatto discutere scrit-
tori e teorici, da Dante a Bem-
bo a Manzoni, con una volon-
tà costruttiva che ha pian pia-
le dittature
è TWITTER CINGUETTA DA SOLO
SMENTITE LE VOCI DI FUSIONE
Twitter per ora cinguetta da solo.
di lunedì il supercomputer ha risposto
esattamente alla maggior parte delle
domande, sbagliandone alcune
soprattutto in presenza di giochi di
parole. Alla fine della serata Watson e
è QUEST’ANNO si farà un
vero cambio di stagione?!

è TRE DONNE... Chi di


Gianna

globale no dovrebbe nascondere co-


me se questo disastro istitu-
zionale fosse una faccenduola
da cortile.
intrattengono le fasce di pub-
blico meno esigenti, ci si co-
mincia a interrogare sulla val-
letta “bionda” e su quella
“bruna”. Quest’anno, ad
traverso la kermesse ligure. Si
scopre allora che nelle prime
stagioni della rassegna cano-
ra, nata sessant’anni fa, si di-
scuteva animatamente intor-
no edificato dall’alto le fon-
damenta culturali della nazio-
ne, oggi al contrario quella fa-
ticosa conquista identitaria
stiamo disperdendo. L’cheaveva annunciato più di un an-
no fa, nel gennaio 2010 dopo
propri computer e cellulari prima
di essere arrestati dalla polizia. Na-
L’amministratore delegato del sito dei
messaggini da 140 caratteri ha smentito
l’ipotesi di una fusione. “Sono solo
rumors”, ha risposto Dick Costolo a
una domanda sulle voci di
uno dei concorrenti umani hanno
totalizzato 5mila dollari, mentre l’altro è
fermo a 2mila. In palio per la serata finale
c'è un milione di dollari, che l’Ibm
devolverà in beneficenza nel caso in cui a
spada ferisce di spada
perisce... e vai...
Patrizia

è OHI, ohi, chissà che legge


di Paolo Ojetti lusconi sarà innocente”. Poi si g3 esempio, ed è motivo di vi- no alla canzone italiana da far- Gli spot lanciati dalla Rai per la Cina aveva espulso Google turalmente Internet non è tutto ro- un’aggregazione con Google o vincere sia la macchina. dovranno inventare in fretta in

g1
passa alle cose serie, una bella
paginetta propagandistica di
T Invece ecco Giovanna
Botteri che riporta il giro del
vace confronto dialettico, au-
dacemente sono state pre-
si, da costruire. E così come la
tv, secondo il linguista Tullio
celebrare i 150 anni dell’uni-
tà d'Italia – sommersi da po-
colpevole di non voler più sotto-
stare alla censura: “Gli Stati Uniti
se e fiori: finora formidabili stru-
mento per organizzare la piazza,
Facebook. Dopo un seguitissimo
intervento al Mobile World Congress di
fretta...
Francesca
T Per gli affezionati (in calo)
seguaci del Tg1 deve essere
Sonia Sarno sul “premier” in
Sicilia per inaugurare un “vil-
mondo di quest’uomo “in-
continente”, che si macchia
scelte entrambe brune, medi-
terranee, una d’importazione
De Mauro, ha consentito
meglio e con maggiore rapi-
lemiche e proteste – ne evi-
denziano indirettamente la
saranno promotori di Internet li-
bero nel mondo”. Ora, all’indoma-
gli strumenti di collaborazione
online mostrano il passo quando
Barcellona, in un auditorium gremito,
Costolo ha anche smentito le voci che si è MI PARE
stata una sorpresa. Da giorni, laggio della solidarietà”. di reati sessuali, che ha avuto e una autoctona. dità di quanto avesse fatto lo fragilità, rappresentando 15 ni della rivolta egiziana, Hillary c’è da costruire alternative co- erano rincorse di un possibile accordo controproducente che tutti
la vigilia del rinvio a giudizio “rapporti con minorenni”, il A differenza di “En attendant stato unitario, l’omogeneiz- personaggi per 15 diverse Clinton torna alla carica e arruola il struttive ai regimi. E nonostante gli con Microsoft continuate a sottolineare che
di Berlusconi era stata insab- g2 che – almeno negli Stati Uniti Godot” in cui si attende in- zazione della lingua italiana, il espressioni dialettali. Se gli web come strumento fondamen- annunci, anche gli Usa frenano 3 donne lo giudicheranno.
biata, soppressa. Dunque, da
dove arriva – si saranno chie-
T Cosa mancava al Tg di
Mario Orfeo? Mancava la so-
– equivale allo stupro. E più
passano le immagini di Berlu-
vano un non meglio precisato
Godot, il molto atteso Sanre-
festival ha creato o ha pen-
sato di creare, una tradizione
italiani fossero ancora quelli,
recita provocatorio il messag-
tale per difendere chi protesta a fa-
vore della democrazia e della liber-
l’entusiasmo di chi pensa che basti
liberalizzare i social network per
Molto controproducente.
Non c'è una giustizia di genere.
sti – questa tremenda novità? lennità. Siamo arrivati a un ap- sconi dal New York Times al mo infine giunge. Ma presto musicale in grado di fondare gio, comunicheremmo anco- tà ai quattro angoli del pianeta. Il abbattere ogni dittatura nel mon- Anche se a volte lo vorrei.
Ma come, ci hanno sempre puntamento non più rinviabi- Thailand News, più si sente il si scopre, dopo i primi vagiti, un'identità di popolo. ra così, in un’incomprensibi- segretario del Dipartimento di Sta- do. “La gente a volte è troppo in- Laura
raccontato di complotti, di le, un processo a Berlusconi peso di una vergogna mondia- che la sua ragion d’essere ri- Quest’anno si incrociano il le babele di linguaggi. to, come anticipato dal New York Ti- namorata delle nuove tecnologie”,
plebe femminile in piazza, di per un reato infamante. Prova- le. All’interno dei nostri con- siedeva soprattutto in ciò che sessantesimo del festival e il Si mostra quindi un divario mes, ha annunciato ieri una nuova avverte Michael H. Posner, sottose- è ASSOLUTAMENTE
toghe vendicative, di opposi- no i suoi fedelissimi a rispol- fini, dopo mesi di Capezzone, lo precedeva, nelle chiac- centocinquantesimo dell’u- netto fra l’italianità e le diver- strategia d’interventi dell’Ammini- gretario agli Esteri con la delega ai Festa Nazionale il giorno 6
zione cieca, di serate rilassanti verare la “giustizia a orologe- ci abbiamo fatto il callo. Al di chiere e nei gossip, nella co- nità d’Italia ed entrambe, co- sità linguistiche delle lingue strazione americana a favore della diritti umani. “Troppi pensano che Aprile!!!!
con Nicole e altre amiche, di ria”. Provano i suoi avvocati a fuori, l’opinione pubblica in- struzione di un evento che es- me direbbe Woody Allen, dialettali, come se la persi- ‘Internet Freedom’. Si tratta di un le nuove tecnologie siano suffi- Barbara
povere ragazze aiutate da que- denunciare “la velocità con la ternazionale è sbalordita. Sba- senzialmente non c’è e che non si sentono troppo bene. stenza di queste ultime fosse programma di finanziamenti desti- cienti per liberarsi dal giogo delle
st’uomo generoso e ora, da quale si vuole processare il lordita anche la Santa Sede, con mirabile, sorprendente E se è vero, come sostiene un retaggio barbarico, un nati ad abbattere ogni barriera che dittature. Non è così. Solo la gente è VOGLIAMO le dimissioni
dove spunta questo giudizio premier”, dimenticando di es- dalle stanze del Papa parte un capacità di resistere alla sua l’etnomusicologa Facci, che ostacolo comunicativo insor- tante dittature impongono alla re- può assicurarsi la propria libertà”. immediate di Silvio caro
immediato? Cos’è – si saranno sere stati – fino a ieri – gli al- messaggio: “Fare pulizia” e Fa- stessa morte, continua ad ap- c’era un’ansia, un’aspettativa montabile. te; verranno messi in campo anche Queste dichiarazioni hanno fatto Rito Immediato Marco
ancora chiesti gli stessi utenti fieri del “processo breve”. Ma miglia Cristiana (citata dal parire con annuale frequen- di costruzione identitaria, L’unità non si afferma con il strumenti atti a contrastare la pos- irritare l’opposizione repubblica- Anche ieri la rete si è scatenata sugli scandali giudiziario del
– è forse il processo breve? Ma ormai le parole sembrano Tg3), facendo rilevare che il za. una ricerca appunto della superamento o il ripudio del- sibilità che i regimi controllino e na che vorrebbe da Obama inter- governo. Questa l’ironia di www.frankezze.it è L’ARCINOTA legge del
allora va bene, non lo voleva esaurite. E, per carità di patria tribunale di Milano sarà tutto Tuttavia se nel presente difet- canzone italiana, simile forse, le differenze, e l’orgogliosa ri- usino il web per reprimere le forze venti molto più radicali a favore contrappasso!
anche Ghedini? Per rassicura- il Tg2 non fa cenno a quello al femminile, usa toni da apo- ta, del passato qualcosa rima- per certi aspetti, alla “que- vendicazione di queste ulti- di opposizione. La diplomazia della libertà della rete. (Ma se quel- Paola
re il popolo tutto, ecco il se- che si è scatenato sui blog e calisse: “Tu, Berlusconi, delle ne. Se ne è parlato nel pro- me non può essere, di contro, americana, per esempio, insegne- la della Clinton è prudenza, l’igno-
reno commento dell’ospite sulla stampa mondiale: dagli donne ti sei servito e in malo gramma della mattina “Ap- Michele Mirabella cancellazione dell’identità. È rà agli attivisti per i diritti umani a ranza digitale della nostra politica è ED ERA ora...
Vittorio Feltri: “Al termine Stati Uniti al Giappone non modo. Le stesse donne faran- prescindere” (Rai3, martedì, a Apprescindere su Rai3 proprio così difficile tenere comunicare tra di loro evitando di come dovremmo chiamarla?). Hillary Clinton; il post Francesca
dei tre gradi di giudizio, Ber- c’è stata televisione o giornale no giustizia”. 11.00) condotto da Michele si è occupato di Sanremo insieme questi due concetti? essere intercettati, e a “ripulire” i f.mello@ilfattoquotidiano.it dell’Huffington; l’app
sui condom a NY; la sfida Tv tra è TRE donne!!!!! Dirà che
Watson e un concorrente sono poche! Chi di donna
ferisce di donna ...perisce!
LA TV DI OGGI I FILM
SC1= Cinema 1
LO SPORT
SP1=Sport 1 è “E ORA IN GALERA” è GIUSTO nella data del
Lucy

SCF=Cinema Family
SCH=Cinema Hits SP2=Sport 2
SCMa=Cinema Mania
SCM=Cinema Max
SP3=Sport 3
B. E I LETTORI USA terremoto all’Aquila...
Come spiegato ieri da Ledi
16.50 Independence Day SC1 17.00 Rugby, Sei Nazioni 2011
tutti i siti di news, la notizia del
17.15 Un alibi perfetto SCM Irlanda - Francia (Sintesi) SP2
giudizio immediato di Berlusconi è stata è ERA ora... giudicato da tre
11.00 NOTIZIARIO TG1 14.00 ATTUALITÀ Pome- 14.00 NOTIZIARIO TG 19.30 NOTIZIARIO TG3 13.00 NOTIZIARIO TG5 - 13.00 NOTIZIARIO SPORTI- 11.30 NOTIZIARIO TG4 - 10.50 ATTUALITÀ Life 17.25 Una notte con Beth 18.00 Basket, Coppa Italia
ripresa in tutto il mondo. Ma oltre ai commenti dei donne, poi.. Che bella
11.05 ATTUALITÀ Occhio riggio sul Due Regione - TG3 - Meteo 3 20.00 RUBRICA Il caffé - Meteo 5 VO Studio Sport Meteo - Vie d'Italia noti- 11.25 TELEFILM L'Ispettore Cooper SCF maschile 2010/2011 Seconda
alla spesa 16.10 TELEFILM La signora 14.50 RUBRICA TGR Leo- Altre voci (REPLICA) 13.40 SOAP Beautiful 13.40 CARTONI ANIMATI zie sul traffico Tibbs "Occhio per occhio"
giornalisti, particolarmente interessanti risultano le notizia!!! Chissà quante
17.30 Una pallottola spuntata semifinale Air Avellino - Bennet riflessioni dei lettori stranieri sulle inchieste per frottole starà studiando con il
12.00 VARIETÀ La prova in giallo nardo 20.30 RUBRICA Ippocrate 14.05 REALITY SHOW Futurama 12.00 TELEFILM Wolff - Un 12.30 TELEFILM Due South 33 e 1/3: l'insulto finale SCMa Cantù (Sintesi) SP2
del cuoco 17.00 TELEFILM Numb3rs 15.00 EVENTO Question 20.57 NOTIZIARIO Agrime- Grande Fratello - Pillole 13.55 CARTONI ANIMATI poliziotto a Berlino - Due poliziotti a Chicago prostituzione minorile e concussione. “Prostituzione “prof. Ghedini”!!!
17.35 Neverwas SCH 18.30 Calcio, Serie A 2010/2011 minorile: Berlusconi va a processo” è un lungo Emanuela
13.30 NOTIZIARIO TG1 17.45 NOTIZIARIO TG2 time (DIRETTA) teo 14.10 SOAP CentoVetrine I Simpson 12.50 TELEFILM Distretto "Il ricatto"
19.00 L'erba di Grace SCMa Recupero posticipo 17a giornata articolo dell’Huffington Post. Le opinioni dei lettori,
14.00 NOTIZIARIO TG1 Flash L.I.S. 15.45 NOTIZIARIO TG3 21.00 NOTIZIARIO News 14.45 TALK SHOW Uomini 14.40 TELEFILM E alla fine di Polizia 6 13.30 NOTIZIARIO TG La7
Economia - TG1 Focus 17.50 NOTIZIARIO Rai TG L.I.S. lunghe da 24 e Donne arriva mamma! 13.50 REAL TV Sessione 13.55 FILM L'ultimo urrà 19.05 The Italian Job SCM Sampdoria - Genoa (Diretta) SP3 espresse nei commenti, rendono bene l’immagine che è FINALMENTE una bella
14.10 VARIETÀ Sanremo Sport 15.50 NOTIZIARIO TG3 GT 21.27 PREVISIONI DEL TEM- 16.15 REALITY Amici 15.05 SIT COM Camera Cafè pomeridiana: il tribunale 15.55 DOCUMENTARIO 19.15 La vita è una cosa 19.00 Wrestling WWE si è conquistato il premier all’estero. “L’Italia ha notizia per tirarmi su il
Question Time 18.15 NOTIZIARIO TG2 Ragazzi PO Meteo 16.55 ATTUALITÀ Pome- 15.30 SIT COM Camera di Forum Atlantide - Storie di uomi- meravigliosa SC1 Superstars Episodio 33 SP2 bisogno di approvare una seria riforma della giustizia morale!!!
14.50 ATTUALITÀ Se... a 18.45 TELEFILM Squadra 16.00 DOCUMENTARIO 21.30 RUBRICA Tempi riggio Cinque Cafè Ristretto 15.10 TELEFILM Hamburg ni e di mondi 19.20 Hannah Montana: 20.45 Calcio, UEFA Champions per arginare il vecchio sporcaccione” scrive il lettore Doug
casa di Paola Speciale Cobra 11 Cose dell'altro Geo - Geo dispari 18.50 GIOCO Chi vuol 15.40 CARTONI ANIMATI Distretto 21 18.00 TELEFILM MacGyver The Movie SCH League 2010/2011 Ottavi di fina- Brian Waters. “Suppongo che in Italia esista una
16.10 ATTUALITÀ La vita 19.35 REALITY SHOW & Geo 22.30 NOTIZIARIO News essere milionario 16.40 TELEFILM Smallville 16.15 SOAP OPERA Sentieri "Starkess il sensitivo" 19.25 Partner(S) SCF le, gara di andata Roma - doppia morale per cui le figure di potere decidono è KE BELLA giornata
in diretta L'isola dei Famosi 8 19.00 NOTIZIARIO TG3 - lunghe da 24 20.00 NOTIZIARIO TG5 - 18.30 NOTIZIARIO Studio 16.50 FILM Faccia da 19.00 TELEFILM J.A.G. - 21.00 Julie & Julia SCF Shakhtar Donetsk (Diretta) SP1 cosa possono fare loro, che è proprio quanto pre-primaverile hihihiihihihi
18.50 GIOCO L'eredità 20.30 NOTIZIARIO TG2 TG Regione - Meteo 22.57 PREVISIONI DEL TEM- Meteo 5 Aperto - Meteo schiaffi Avvocati in divisa "Com- 21.00 Mister Vendetta SCM 21.00 Rugby, Sei Nazioni 2011 viene vietato alla gente comune” replica Francesco
20.00 NOTIZIARIO TG1 20.45 EVENTO SPORTIVO 20.00 VARIETÀ Blob PO Meteo 20.30 ATTUALITÀ Striscia 19.00 NOTIZIARIO SPORTI- 18.55 NOTIZIARIO TG4 - plicazioni"
20.30 GIOCO Affari tuoi Calcio, UEFA Champions 20.10 TELEFILM Seconde
21.00 A Serious Man SCMa Inghilterra - Italia (Sintesi) SP2 Mama mia. “Finalmente: ora sbattetelo in cella
23.00 RUBRICA Il punto la Notizia - La voce del- VO Studio Sport Meteo 20.00 NOTIZIARIO TG La7
21.10 EVENTO 61º Festival League 10/11 Ottavi di chance 23.27 PREVISIONI DEL TEM- l'improvvidenza 19.30 TELEFILM C.S.I. 19.35 SOAP OPERA Tempe- 20.30 ATTUALITÀ Speciale
21.10 Gli amici del Bar 21.15 Calcio, Serie A 2010/2011 per molto, molto tempo” digita il ‘giustizialista’ è IO CREDO che B. abbia
della Canzone Italiana finale andata Roma - Sha- 20.35 SOAP OPERA Un PO Meteo 21.10 VARIETÀ SuperPape- Miami sta d'amore Otto e mezzo "Ospiti: Ita- Margherita SCH Recupero 17a giornata Fiorenti- Truth Wins; mentre “Berlusconi è l’equivalente “da sempre” condotto un vita
0.45 NOTIZIARIO TG1 khtar Donetsk (DIRETTA) posto al sole 23.30 NOTIZIARIO News rissima - Errori in TV 20.30 GIOCO Trasformat 20.30 TELEFILM Walker lo Bocchino, Anna Maria 21.10 Carlito's Way SC1 na - Inter (Replica) SP3 italiano di Rupert Murdoch – scrive TheEbor –. al limite della legalità e della
Notte - TG1 Focus 22.45 RUBRICA SPORTIVA 21.05 ATTUALITÀ Chi l'ha brevi 23.05 VARIETÀ Mai dire 21.10 FILM Romanzo cri- Texas Ranger Bernini, Debora Serrac- 22.45 Il mostro degli abissi SCM 23.00 Calcio, Serie A 2010/2011 Tutte e due controllano un incredibile numero di moralità; una vita da “bullo”,
1.15 RUBRICA Sottovoce 90° Minuto Champions visto? (DIRETTA) 23.33 ATTUALITÀ Inchiesta Amici minale 21.10 FILM Il petroliere chiani e Flavio Tosi" 22.50 Senza via di scampo SCMa Recupero posticipo 17a giornata media nei loro paesi. Questo controllo è come nel cinema del
1.45 PREVISIONI DEL TEM- 23.20 NOTIZIARIO TG2 23.15 VARIETÀ Parla con 23.57 PREVISIONI DEL TEM- 23.30 ATTUALITÀ Matrix 0.15 RUBRICA SPORTIVA 0.20 RUBRICA I bellissimi 22.30 MINISERIE Moana 22.55 L'ospedale più sexy Sampdoria - Genoa (Replica) SP3 incompatibile con la democrazia: è piuttosto dopoguerra. E ora spero che,
PO Che tempo fa 23.40 TELEFILM Close to home me Rewind PO Meteo 1.30 NOTIZIARIO TG5 Poker1mania di R4 "Seconda e ultima parte" del mondo SCH 1.00 Calcio, UEFA Champions un’influenza da dittatori. Solo che Berlusconi è il come nei film americani, il
1.50 RUBRICA Appunta- 0.25 DOCUMENTARIO 0.00 ATTUALITÀ TG3 0.00 NOTIZIARIO News Notte - Meteo 5 Notte 1.55 NOTIZIARIO Studio 0.25 FILM Metalmeccani- 0.40 NOTIZIARIO TG La7 23.10 Hope Springs SCF League 2010/2011 Ottavi di fina- capo del governo”. Stesso tono per KenClay: “É “bene” sconfigga il “male”.
mento al cinema La Storia siamo noi Linea notte lunghe da 24 2.00 ATTUALITÀ Striscia Aperto - La Giornata co e parrucchiera in 0.55 TELEFILM NYPD Blue una cosa disgustosa, che dà agli italiani una Flavio
0.30 Demoniaca SCM le, gara di andata Roma -
1.55 RUBRICA Rai Educa- 1.15 ATTUALITÀ TG Par- 1.00 RUBRICA Appunta- 0.27 PREVISIONI DEL TEM- la Notizia - La voce del- 2.10 TELEFILM Cinque in un turbine di sesso e "Fantasie mortali" reputazione terribile”. Il commento di Bradenton è
0.40 Mortal College SCH Shakhtar Donetsk (Replica) SP1
tional Art News lamento mento al cinema PO Meteo l'improvvidenza (REPLICA) famiglia politica 2.00 FILM Quien sabe? senza scampo: è SPERIAMO di arrivare
“Another è L’APP DEI CONDOM GRATIS tutti sani e vivi al 6 aprile! Mi
hypocritical TROVI QUELLI PIÙ VICINI (A NYC) aspetto di tutto...
TRAME DEI FILM PROGRAMMIDA NON PERDERE RADIO homophobe
papist bites the
dust”, ovvero:
Un’applicazione gratuita per l'iPhone
permette ai newyorkesi di inserire un
indirizzo e trovare i 5 posti più vicini dove è SPERIAMO bene che la fa
Chiara

è ESERCIZI PER COMPUTER


/ Il petroliere  Speciale Otto e mezzo  Chi l’ha visto? A “Radio3 Mondo” l’inferno IL SITO PER FARLI ONLINE
“Un’altro omofobo
ipocrita e papista
si può avere un preservativo gratuito. Si
tratta dell’ennesima trovata, annunciata in
sempre franca!
Rosy
Daniel Plainview, cercatore di petrolio Dopo la decisione del gip di Milano di Puntata dedicata al caso delle gemelle
senza scrupoli, quando scopre che il procedere con il rito immediato nei Schepp. Il programma andrà in onda, dei profughi nel Sinai Dura la vita moderna. Non
spacchiamo più legna, è vero; ma
ora mastica la occasione di San Valentino, del
sottosuolo di una sperduta cittadina confronti di Silvio Berlusconi, va in eccezionalmente, anche in Francia gra- Nel deserto del Sinai, lungo il confine tra Israele e Egit- polvere”. Dipartimento della Salute della Grande è FUSSE che fusse... la volta
facciamo vita sedentaria e ci
degli Stati Uniti è ricchissimo di petro- onda una puntata speciale di due ore di zie alla collaborazione di Tele France 3 to, è sotto sequestro un gruppo di profughi eritrei.Tor- Mela. “Stiamo cercando di raggiungere buona? Sarebbe un grande
ammaliamo stando ore e ore davanti
lio, ci si trasferisce. In breve tempo ini- “Otto e mezzo”. Ospiti di Lilli Gruber: che trasmetterà l’intera puntata in turati, incatenati e male alimentati passano le giornate tutti quelli che fanno sesso”, ha detto omaggio alla memoria di Biagi
Italo Bocchino (Fli), Anna Maria Berni- diretta. Dalla sua casa di Losanna al pc. Almeno, questo capita a chi fa
zia a sfruttare la situazione, arricchen- ammassati dentro a un container. Dopo l’appello del Monica Sweeney, referente dell’agenzia e Montanelli!
ni (Pdl), Debora Serracchiani (Pd), Fla- interverrà la mamma delle bambine, lavoro d’ufficio. Sempre seduti, torniamo a casa con dolori
dosi a dismisura e tenendo la comunità Papa e l’intervento del parlamento europeo, risalenti per la prevenzione e il controllo Silvana
sotto stretto controllo, dando alla gente vio Tosi (Lega Nord), il direttore di Irina Lucidi, che non ha smesso di spe- e dolorini che nessun massaggio improvvisato può farci
/ Mister Vendetta / Romanzo criminale  Roma - Shakhtar Donetsk all’inizio di dicembre, è calato di nuovo un silenzio dell’Hiv/Aids, “la generazione più giovane
del posto un’immagine di uomo parco e Libero Maurizio Belpietro, il direttore rare e crede con fermezza che le sue passare. La soluzione? L’hanno pensata una crew di creativi
Nella notte della vigilia di Natale, in Roma, anni ‘70. Per controllare il terri- Impegno non proibitivo per la Roma di assordante su questa vicenda. Anna Maria Giordano ne usa l’iPhone e vogliamo rendere loro più è DIMISSIONI subito ora!
buon padre di un bimbo la cui mamma di Repubblica.it Vittorio Zucconi e figlie possano essere ancora vive. I tele- austriaci, che hanno dato vita al sito www.fitmitmaya.com.
una piccola cittadina, uno straniero torio, il Libanese, il Freddo e il Dandi, Claudio Ranieri, che potrebbe ritrovare parla con Mussie Zerai Yosief, sacerdote eritreo, presi- facile l’accesso ai preservativi”. I Figuriamoci e poi non
è morta di parto... Marco Lillo de Il Fatto Quotidiano. spettatori potranno intervenire. Il sito, in inglese e tedesco, offre la possibilità di scaricarsi
entra nell'ufficio dello sceriffo per costi- tre giovani della piccola malavita convinzione e nuovi stimoli per la sfida dente dell’agenzia Habesia per la cooperazione e lo svi- newyorkesi possono anche scaricare potrebbe giocarsi la carta del
Rete 4 21,10 La7 20,30 Rai 3 21,10 vere e proprie lezioni di fitness da fare in ufficio, contro la
tuirsi, affermando di essere l'autore di romana, si uniscono ad altri criminali, degli ottavi di finale di Champions Lea- luppo. E ancora: le profonde tensioni sociali che hanno questa applicazione su Android o andare legittimo impedimento... a
cervicale e altri acciachi. Il tempo per iscriversi ad una
ben sei omicidi. Nessuno però riesce a tra cui il Nero, formando la famigerata gue contro gli ucraini dello Shakhtar attraversato il mondo arabo sono nell’agenda del prin- sul sito www.nyc.gov/health e digitare il meno che non cada prima...
identificarlo, anche perché l'uomo è pri- Donetsk, guidati in panchina da una cipale organo politico della Nato, il Consiglio Atlantico,
palestra è poco: con fitmitmaya.com si fa fitness senza
“Banda della Magliana”che per ben 25 codice di avviamento postale per trovare i comunque una bella notizia!
vo di impronte digitali e viene chiama- anni ha seminato il terrore in tutta Ita- vecchia conoscenza del calcio italiano riunitosi, con alla testa il segretario generale Anders muoversi dal pc. Nei filmati, Maya propone esercizi simili a
posti dove vengono dati gratis i Rossella
to con il solo nome di Mr. Nessuno. Con lia. Dal sequestro del barone Rosellini, come Mirce Lucescu. Per i giallorossi Fogh Rasmussen, in Qatar, con l’obiettivo di contribuire quelli proposti sui voli intercontinentali. Prima settimana
preservativi. Lo scorso anno New York ha
il trascorrere della notte lo sceriffo sco- al controllo del traffico dell’eroina, il sarebbe fondamentale trovare una net- alla stabilità del grande Medio Oriente. Le opportunità free. (valerio venturi)
distribuito oltre 36 milioni di profilattici è MA SARÀ a porte chiude
pre che l’uomo era già stato arrestato e gruppo mette in piedi una capillare ta vittoria per ipotecare il passaggio ai di cooperazione nella regione rientrano tra le sfide del- gratuiti e ora è pronta a darli “a tutte le ?? Xchè vorrei essere
torturato un anno prima... organizzazione criminale. quarti di finale. l’Alleanza. persone che ne hanno bisogno”, ha presente!!!
Sky Cinema Max 21,00 Italia 1 21,10 Rai 2 20,45 Radiotre 11,30 assicurato Sweeney. Mirko
Mercoledì 16 febbraio 2011 pagina 22

SECONDO TEMPO

il badante
PIAZZA GRANDE É di Oliviero Beha

IL FESTIVAL
DI SAN REMOLO
Militari, fregatura d’Egitto E da ieri sera la tumultuosa “realtà sociopolitica italiana”
prevede anche il Festival di Sanremo, con tutto il suo
abituale sfiatatoio nazionalpopolare. Di Sanremo o di San
Remolo? E quanti anni sono passati da quel meraviglioso e
di Massimo Fini ficile liberarsi del “burattinaio” evidente ci viene dagli Stati Uniti, un Wto del 1998 il presidente metastorico “Romolo e Remolo” di Berlusconi a Pratica di
che tira i fili della politica del Cai- il Paese più ricco, più potente del americano Bill Clinton ha detto: mare di fronte ai cosiddetti Grandi della Terra? Otto, nove,
o l’impressione che il “po- mondo, che ha potuto ritagliarsi “La globalizzazione è un fatto e

H
ro. E finché l’Egitto rimarrà sotto oppure un secolo? E allora che cosa intendevamo per
polo di piazza Tahrir” se lo la pesante e pelosa tutela ameri- formidabili rendite di posizione non una scelta politica”. E, in “prostituzione” o per “corruzione”? Sempre e solo la
stia prendendo in tasca. cana non sarà mai uno Stato libero dalla vittoria nella seconda guerra quello stesso Wto, Fidel Castro, prostituzione dietro il cespuglio con le mutande in mano
Dalla rivolta egiziana che, né veramente libera la sua gente. mondiale, dove vivono 33 milioni di rincalzo: “Gridare abbasso la
oppure nelle stanze del potere non necessariamente da letto?
pagando il tributo di un centinaio di poveri che sono tali non secon- globalizzazione equivale a grida-
di morti, ha cacciato il dittatore LE RIVOLTE in Egitto, nel Ma- do gli standard americani, ma po- re abbasso la legge di gravità”. Il O anche la prostituzione dei cervelli e del cuore, della dignità
Mubarak, non è uscito qualcuno ghreb (Tunisia, Algeria, Maroc- veri e basta, anzi miserabili, home- che è vero se noi al centro del si- imbarbarita, della deontologia professionale a gambero
che l’abbia capeggiata, come fu co), in Albania, nello Yemen sono less, clochard, barboni. O dalla Rus- stema mettiamo l’economia, co- vissuta come una specie di palla al piede che ti rallentava la
Lech Walesa nel 1988 in Polo- certamente rivolte per la libertà sia dove, oltre a ricchezze strato- me dopo la Rivoluzione industria- carriera? E la corruzione, la corruzione non necessariamente
nia, o un oppositore del regime di contro dittatori patentati o ma- sferiche, la popolazione è ridotta le hanno fatto sia i liberisti che i di minorenne a giudizio il 6 aprile per il “più avanti di tutti noi
lungo corso come lo scrittore scherati in salsa democratica (è il in condizioni tali che le oneste po- marxisti (tutto il resto è “sovra- su quella strada” almeno all’apparenza, com’era la
Havel in Cecoslovacchia, ma dal caso di Berisha, molto simile a vertà dell’era sovietica appaiono struttura”). Ma sarebbe vero an- corruzione ai tempi di “Romolo e Remolo”? Era ancora
cappello a cilindro è saltato fuori quello italiano) o monarchi asso- fasti di un tempo felice (e le belle che se noi al centro del sistema “solida” come eravamo abituati a ritenerla oppure già
il coniglio delle Forze armate. luti, ma sono anche “rivolte per il ragazze russe, laureate in biolo- mettessimo uno spillo. Tutto do- “liquida” come scriveva due giorni fa su “Affari & Finanza”
Una rivoluzione popolare si è tra- pane” cui ha fatto da propellente gia, in economia, in sociologia, vrebbe ruotare intorno ad esso. Io Alberto Statera, titolo “Le mazzette sono fuori moda. Tra
sformata in un golpe militare. una situazione economica dive- che vengono a prostituirsi qui da mi chiedo e chiedo da un quarto carriere, case, escort la corruzione ora è ‘liquida’ ”? In attesa
Ora, in questi trent’anni, l’eserci- nuta, per una buona parte della noi ne sono una conferma). Eppu- di secolo (La Ragione aveva Torto?, magari che si faccia gassosa... Ripensavo a tutto ciò leggendo i
to è stato il principale sostegno di popolazione, insostenibile (sarei re sulla globalizzazione sono tutti 1985) se questa focalizzazione commenti al 13 febbraio, alla domenica delle donne in piazza,
Mubarak e lo ha abbandonato molto più cauto sulle manifesta- d’accordo, a destra e a sinistra. In sull’economia abbia un senso. alle 230 “Piazze Italia” segno di una saturazione e una
solo all’ultimo momento quando
degradazione insieme. Certo, pensare che tutto e sempre si
glielo hanno ordinato i suoi pa- UN SENSO umano, dico. Se al
droni americani. Dagli Stati Uniti L’esercito posto della competizione non deb- concentri in Berlusconi è insieme facile e pericoloso. È assai
il pletorico esercito egiziano ba essere messa la “cooperazione” meno facile misurare la scesa lungo il piano inclinato del
(460 mila uomini) riceve 3 miliar- in questi trent’anni com’era nei cosiddetti “secoli bui” Paese su cui è rotolata l’etica pubblica e privata, in un
di di dollari l’anno e i suoi gene- del Medioevo (la Fiat, si strilli o me- concorso di colpa generalizzato. Ma in testa, se con o senza
rali non godono solo di un’infini- è sempre stato no, finirà per collocare le sue risor- Ruby ce lo diranno le aule di tribunale si spera senza ulteriori e
tà di privilegi, ma sono i veri pa- il miglior alleato se in altri Paesi, giustamente se la “spaventosi” colpi di coda, resta pur sempre il Caimano e non
droni dell’economia del Paese. Il logica è quella della globalizzazio- mi pare che nessuno se ne dimentichi, nelle piazze riscoperte
fedelmaresciallo Tantawi, che di Mubarak, ne e della competizione). Io credo come nei luoghi deputati a difenderlo spesso con modalità di
sembra essere “l’uomo forte” del- che sia venuto il momento, se vo- un autolesionismo da manuale. Contento lui... Come è
la Giunta militare, anche se la si- scaricato gliamo, tutti, popoli del Primo e del contento Silvio di essersi messo in mano con tanta leggerezza
tuazione ai vertici del potere è an- zioni anti-regime in Iran perché Terzo mondo, salvare la ghirba, di a Sua Maestà il Ricatto nell’indifferenza dei suoi, che di sicuro
cora molto confusa e si chiarirà sono anni che gli Stati Uniti, che dai generali una Controrivoluzione industriale gli hanno fatto più danno di coloro che “semplicemente” lo
solo col passar delle settimane, difendono tutti i dittatori, anche i soltanto che riporti l’uomo al centro di se vogliono rispettoso della legge e dei Tribunali come e più (in
era chiamato “il barboncino di più criminali, quando gli fa gioco, stesso e releghi economia e tecno- quanto premier) di qualunque altro cittadino italiano. Né
Mubarak” e nei giorni convulsi da Batista a Pinochet al patinato su ordine logia al ruolo marginale che hanno
citare i casi in cui i suoi avversari politici sono scappati
della rivolta ha telefonato cinque e infame Scià di Persia per arriva- sempre avuto. Finché l’uomo ha
volte a Robert Gates, il capo del re a Mubarak, soffiano sul fuoco degli Stati Uniti avuto la testa. davanti alla remota ipotesi di un giudice non a Berlino ma a
Pentagono, per sapere come do- per scalzare gli ayatollah, facendo Milano (leggi Clementina Forleo) giustifica alcunché ma
veva comportarsi. Insomma il finta di dimenticare che la teocra- casomai fa rientrare nel recinto della responsabilità etica e
popolo egiziano ci ha messo la zia non è la democrazia, ma non è Carri armati al Cairo. Sopra, Lech Walesa. Sotto, Sergio Marchionne (FOTO ANSA) politica – se non penale “per mancanza di giudizio” – la
sua rabbia, la sua energia, il suo nemmeno il potere concentrato, stragrande maggioranza della classe dirigente di questo Paese.
sangue ma questo grande, gene- a vita, nelle mani di un solo uo- Siamo sempre al Craxi del “tutti colpevoli” stravolto da lui e
roso, sforzo ha finito per essere mo). E in quei Paesi la situazione dagli altri in un “quindi tutti innocenti” di cui stiamo pagando
pilotato dagli Stati Uniti ad uso economica è precipitata o sta pre- il fio oggi fino in fondo. Resta il fatto che accusare le “piazze”
dei loro interessi. Che sono che cipitando a causa della globalizza- perché non fanno comodo, o disquisire argutamente sul grado
l’Egitto rimanga il loro principale zione che è, in estrema sintesi, di “mignottaggine” delle donne italiane che comunque
alleato non occidentale nella re- una spietata competizione fra Sta- manifestano contro il Caimano, sono esercizi che non portano
gione in funzione pro-israeliana e ti che passa sul massacro delle po- a molto. Fanno guadagnare un po’ di tempo distraendo dalla
anti-iraniana. polazioni del Terzo mondo, in- serietà/gravità/tragicità farsesca del presente, sì, ma non
nanzitutto sui Paesi più deboli, e molto di più. È palese il disagio, palpabile la sofferenza,
IL POPOLO egiziano è riuscito a comincia a intaccare anche il no-
ovunque ci si giri. Certo in piazza sarà andato anche chi da ieri
liberarsi di un odioso dittatore, fi- stro mondo, di noi europei co-
no a ieri vezzeggiato e onorato dal- stretti, quasi da un giorno all’al- avrà costituito i “gruppi d’ascolto” per le canzoni di San
le democrazie occidentali (e ha tro, a buttare alle ortiche il wel- Remolo, nei salotti o nelle pizzerie. E allora? Il Paese è questo,
un significato, sia pur piccolo, fare dalla peggiore, perché anoni- è vero, o comunque lo è diventato. E Berlusconi è quello, non
che mister Berlusconi quando ma, perché inafferrabile, di tutte si maschera da imputato ormai da una vita per un “oscuro o
voleva tirar fuori dai guai se stesso le dittature: la dittatura del mer- chiaro disegno dei rossi”. Come è sicuro che una volta caduto,
e Ruby, interrogata dalla polizia, cato. È esperienza di decenni che faticheremo a trovare berlusconiani d’antan. Ed è altrettanto
l’abbia spacciata per una “nipote il capitalismo, industriale e finan- vero che sull’antiberlusconismo qualcuno ha costruito le sue
di Mubarak”) che, come ogni dit- ziario, crea sperequazioni fortis- fortune. E allora? Questo rende il Caimano una vittima? Film
tatore, aveva instaurato uno Stato sime fra Paese e Paese e all’inter- già visti, ragazzi di Sanremo, e in bianco e nero.
di polizia. Ma gli sarà molto più dif- no di ogni Paese. L’esempio più

La Fiat e la vera Il problema non è se


un operaio italiano
se, l'Amministrazione pubbli-
ca, la giustizia civile e penale, il
sistema fiscale, le comunicazio-
ne non si gioca su un solo ele-
mento (i salari, come molti pa-
ventano) ma su tutti e tre con-
temporaneamente: la produtti-
Giappone, Italia e USA, gli sta-
bilizzatori orizzontali in Italia, il
carrello in Francia, le porte in
Svezia e Francia. In tutto colla-

competizione è meno competitivo


di un lavoratore
cinese:
ni viarie, le reti telematiche, la
ricerca avanzata, il sistema di re-
lazioni industriali, la stabilità
politica. Questi elementi imma-
teriali sono complementari agli
vità dei lavoratori dipende dalla
dotazione di capitale; l'efficien-
te uso dei macchinari dipende
dalle capacità dei lavoratori e
dalle doti manageriali. Ma senza
borano 43 aziende sparse in
135 siti nel mondo. La Germa-
nia, grazie alla proverbiale effi-
cienza del suo sistema paese e
alla diplomazia economica dei
uno Stato efficiente, senza in- suoi governi è riuscita ad inse-
di Fabio Scacciavillani miliardi di investimenti, non il confronto vero frastrutture moderne, senza un rirsi con successo nella supply
tratterrei il fiato nell'attesa di fisco leggero, senza prestigio chain della Cina e dei paesi
eccato che a Palazzo Chi- vedere in cosa si concretizza- si fa tra “sistemi

P
internazionale non basteranno emergenti, cogliendo il miglior
gi e nella Commissione no. Paese” e l’Italia gli sforzi, l’abnegazione, l’arte risultato di crescita dai tempi
Attività produttive non di arrangiarsi e i sacrifici. dell’unificazione.
sia installato un sistema A RISCHIO di guastare l’at- lo sta perdendo L’Italia invece arranca e perde
di video-conferenza. John El- mosfera di mutuo compiaci- INOLTRE la globalizzazione è terreno nei settori industriali di
kann e Sergio Marchionne mento, Marchionne e la pro- senza accorgersene spinta dai guadagni di efficien- punta. L’inazione del governo,
avrebbero evitato un viaggio prietà Fiat avrebbero potuto co- za ottenuti grazie all’integrazio- la mancanza di visione, le bat-
fastidioso. Si poteva sbrigare gliere l’occasione per chiarire ne delle catene produttive e alla taglie di retroguardia sui dazi e il
l'incombenza con una telefo- al governo e agli enti locali quali sempre maggiore sofisticazio- dilettantismo nell’affrontare la
nata di cortesia. Ma il governo è sono le condizioni che essi va- scia) che il Pil dipende da tre sforzi individuali e aumentano ne della logistica. L’esplosione crisi le scontano inevitabilmen-
a caccia di diversivi dalla cro- luteranno per rimanere a Tori- elementi: il capitale fisico (mac- il ritorno sugli investimenti del commercio internazionale te gli imprenditori (in termini di
naca giudiziaria. La Fiat infatti no e in generale quale dovrebbe chinari, capannoni, autoveico- molto più del taglio di dieci mi- negli ultimi 10 anni è dovuta più spese e di aggravi vari), e i lavo-
annuncia che non prenderà de- essere il ruolo del governo per li), capitale umano (livello di nuti di pausa. a questo fenomeno che non agli ratori (in termini di salari, di di-
cisioni sul trasloco a Detroit fi- sostenere le imprese italiane istruzione, conoscenze tecni- La globalizzazione non pone i scambi di prodotti finiti o ma- ritti e di ambiente). La Fiat giura
no al 2014. Ma questa è ele- nella competizione globale. Un che, capacità manageriali, doti lavoratori e le imprese italiane terie prime. Prendiamo il nuo- di voler fare la sua parte con
mentare strategia di pubbliche management di spessore inter- organizzative, abilità linguisti- in competizione con quelli ci- vo aereo Dreamliner della Bo- maggiori investimenti, i lavora-
relazioni: anche se la partenza nazionale avrebbe spiegato al che) ma soprattutto dalla pro- nesi o serbi, ma piuttosto pone eing: le ali sono costruite in tori hanno accettato i sacrifici,
fosse già stata decisa non ci sa- Parlamento senza troppe peri- duttività totale dei fattori, che la il sistema Italia nel suo insieme Giappone, i motori nel Regno adesso toccherebbe a questo
rebbe niente da guadagnare a frasi (come si conviene al nuo- vulgata definisce “sistema Pae- in competizione con quello ci- Unito e negli Usa, i flap in Ca- governo andare oltre le dichia-
strombazzarlo. Quanto ai 20 vo stile Fiat, privo di erre mo- se”. Essa include, tra le altre co- nese o serbo. E tale competizio- nada e Australia, la fusoliera in razioni infarcite di banalità.
pagina 23 Mercoledì 16 febbraio 2011

SECONDO TEMPO

MAIL BOX
LA VIGNETTA

Rom, spettacolo indecoroso


a “Domenica In”
Domenica pomeriggio nel pro-
Furio Colombo

7 A DOMANDA RISPONDO
gramma di intrattenimento del
primo canale della Rai, televisio- BOLZANO, DURNWALDER
ne pubblica, è andata in onda la
rappresentazione dell’ipocrisia
e dell’inadeguatezza culturale
E L’UNITÀ D’ITALIA
della nostra società nel parlare aro Furio Colombo, il torni libero di battersi per la sua germanità.
dei rom. “Domenica In” ha ospi-
tato un dibattito introdotto dal
C presidente della Provincia di
Bolzano dovrebbe sapere che nel
È improprio e volgare che lo faccia mentre,
da eletto, rappresenta tutti, non solo la
titolo drammatico ed eloquen- 1938 gli altoatesini di lingua parte di lingua tedesca che lo ha preferito
te: “La morte dei 4 bimbi rom”. tedesca optarono per il Reich e nel alle urne. Naturalmente il nostro sgradevole
Mi sarei aspettato un dibattito 1946 fu concesso loro di tornare in eroe può vantare un precedente clamoroso:
serio e invece dall’iniziale ser- Italia. Da tedeschi scelsero di la Lega Nord. Basti pensare che il saluto
vizio sulla tragedia è stato tutto tornare a essere italiani. Quindi la continuamente ripetuto da Radio Padania è:
uno scadere verso qualunqui- scelta di essere italiani l’hanno “Padania libera”, che è un messaggio
smo, e istigazione al razzismo, fatta spontaneamente. Se poi secessionista. Viene trasmesso centinaia di
dalle “signore” dei comitati di l’autonomia di cui godono li ha resi volte al giorno dalla radio di un partito che
quartiere che interrompevano tutti ricchi e non gli basta sentirsi ha tre ministri al governo, tre posizioni
urlando “I bambini rom a scuola italiani, possono sempre tornare in chiave per la Repubblica italiana. Uno di
non ci vanno”; al servizio da Na- Austria. Mi sembra una situazione essi è il ministro dell’Interno Maroni, che si
poli in cui una “signora” tra le vergognosa. presenta in televisione e anche nelle trone del potere, e dimenticato L’era del malcostume
altre cose diceva che dai roghi Romano cerimonie di governo con il fazzoletto verde le ragioni per le quali sono stati
del campo “sale puzza di cada- che lo identifica come leader del suo eletti. E Berlusconi e il Pdl? La è al capolinea
vere” (lasciando immaginare L’O S SERVAZIONE è giusta. partito, che è regionale, locale e Lega dimostra la propria “fedel- Oro lo sapevano, loro lo sanno
scenari allucinanti); per conclu- A differenza di molte altre storie di confine, secessionista, proprio mentre sta tà” anche se andranno a sbat- e adesso ne hanno avuto la con-
dere con il conduttore che chiu- quella dell’Alto Adige non è una questione di governando – nella delicatissima funzione di tere contro un muro di cemen- ferma. Per giorni, fin da quando
de il servizio dicendo che gli im- terre annesse o conquistate o espropriate, ministro dell’Interno – tutti gli italiani. Ma to che non può essere abbat- ha cominciato a diffondersi l’i-
migrati vengono in Italia a de- ma di una parte della popolazione che ha neppure l’alibi della Lega assolve il tuto o raggirato. dea di una manifestazione di
linquere perché pensano che scelto prima una nazionalità (austriaca) e presidente della Provincia di Bolzano, Marino Bertolino protesta a livello mondiale (si ha
non ci siano regole. Tutto ciò poi un’altra (italiana) mantenendo una Durnwalder, dalla rozza maleducazione con notizia di gruppi di manifestanti
non si capisce cosa c’entra con il rivendicazione culturale e linguistica fondata cui ha rifiutato un dialogo civile e Cavaliere, perfino a Honolulu) per dire ba-
dramma di 4 bambini morti bru- e legittima che infatti è stata riconosciuta e minimamente rispettoso con il presidente sta al malcostume come sistema
ciati, figli di genitori che in dieci fa della regione un modello nel mondo. Il della Repubblica, comportandosi da ci consenta di potere, per giorni ci hanno
anni in Italia non hanno mai caso che si è creato, però, ha più a che fare padrone della sua carica. Il danno è grave e Finalmente ho capito. Guar- tartassato le orecchie e gli occhi
commesso un reato. Una tra- con un senso incontrollato di arroganza e di mi domando se debba essere lasciato dando la trasmissione “In on- con ogni genere di strumenta-
smissione del servizio pubblico visione distorta di una funzione istituzionale cadere ancora un volta, con la benevola da” ieri sera, finalmente mi eè lizzazione e provocazione per
penosa, che non ha avuto il che non di una conseguenza della storia disattenzione che si dedica alle stato tutto chiaro. La signora deridere e sminuire la rabbia sa-
buongusto e la professionalità di Sud Tirolo-Alto Adige. Infatti, la persona che mascalzonate della Lega Nord. Il primo De Girolamo ha detto testuale crosanta delle donne e di chi
far presente che su questa vi- governa la Provincia lo fa in nome del impegno è non lasciar dimenticare questo “Io non consento...”. Era rife- giorno per giorno ne condivide
cenda si erano espressi il papa e popolo italiano, nell’ambito della Repubblica incidente. Perché non prendere l’impegno di rito al milione di persone: non- le scelte e le fatiche. Adesso lo
il presidente della Repubblica, italiana, e avendo come legge fondamentale celebrare proprio a Bolzano la festa ne, mamme, figlie, donne coi lo- sanno, guai a provocare le don-
che ha presentato il prof. Spi- la Costituzione italiana. È possibile nazionale per l’Unità d’Italia? ro uomini che pacificamente, ne, guai a considerarle strumen-
nelli come “di origine sinti, e naturalmente che il presidente della domenica, hanno manifestato ti di piacere senza un’anima e
non di origine rom” (è un rom, Provincia autonoma abbia sentimenti diversi Furio Colombo - Il Fatto Quotidiano contro il degrado morale e non senza una personalità, guai a
non è che lo è solo chi vive nei e si senta nel luogo sbagliato. Ma in quel 00193 Roma, via Valadier n. 42 solo, in cui ci ha portato il “ric- riempirle di doni per pagare un
campi) e che non ha fatto par- caso si dimette da una carica italiana e lettere@ilfattoquotidiano.it co signore” che sta umiliando turpe mercato e nascondere la
lare il presidente della Comu- l’Italia. Lei non consente che ci vergogna e l’umiliazione, guai a
nità di Sant’Egidio presente in siano persone libere di vedere, “regalare” loro un seggio di pre-
studio (una delle poche istitu- libere di pensare, libere di cri- stigio o un posto di responsa-
zioni impegnate da anni per l’in- ticare. Lei non consente che si bilità in base a meriti sessuali esi-
tegrazione dei rom e sinti). So-
no anni che si prova a far com- IL FATTO di ieri 16 febbraio 1943 il mancato riconoscimento del
valore di tanto investimento
possa scendere in piazza per
degli ideali. Lei non consente
biti in una gara sconcia di dispo-
nibilità estrema. La dignità non
prendere che seminare disprez- È Domenikon, la Marzabotto greca. Un villaggio pacifico (meritocrazia) a favore di gio- che un milione di persone scen- ha prezzo, il sudore della fronte
zo, sospetto, odio verso i rom è nel cuore della Tessaglia verde, dove il 16 febbraio ‘43, gli vani donne senza scrupoli che dano in piazza senza bandiere di è sano e tonificante se frutto di
facile, ma non porta da nessuna “italiani brava gente” scrissero una delle pagine più nere ottengono posizioni lavorative partito. Poi se la protesta è pa- un impegno in attività produt-
parte. Che si faccia in campagna del fascismo. Una terribile notte d’inverno, in cui le forze di prestigio grazie solamente cifica è ancora più grave. Con- tive, la parola è efficace e ta-
elettorale è grave, che si faccia d’occupazione, agli ordini di Cesare Benelli, condussero alla mercificazione del proprio trasta moltissimo con tutto gliente come una spada solo se
in tv è vergognoso. Poi fanno fin- la loro sanguinosa rappresaglia, in risposta a un’azione a corpo. Speriamo che siano suf- l’urlare che si fa dall’altra parte. nasce da esperienze di vita do-
ta di scandalizzarsi per le frasi fuoco dei partigiani greci. Non occhio per occhio, ma ficienti 15 anni – il tempo che L’Italia legale, l’Italia pacifica, ma lorose e dal sacrificio di chi non
razziste! “occhio per testa”, come recitava la circolare del mia figlia sarà maggiorenne – con la schiena dritta fa paura a si risparmia per gli altri, perché
Paolo Ciani generale Roatta, una “salutare lezione” contro uomini, per “debellare” questa squal- questi signori che per soldi e ha questo dono nel dna.
donne e bambini, per annientare la comunità locale. lida tendenza e che a noi attuali potere hanno volentieri sven- Giuseppe D’Amato
A giudizio. Adesso Così, in stile Ss, rastrellata la popolazione al centro del genitori rimanga solo un triste duto il loro cervello al “ricco
villaggio, i caccia col fascio littorio scaricarono su case e ricordo. signore” che, tutto intento nei
tutte in piazza, di nuovo fienili quintali di bombe incendiarie, mentre i soldati Manuela Malter suoi affari, ogni tanto fa cadere
Chi le donne ferisce... di donne della divisione Pinerolo fucilarono pastori e paesani, un po’ di briciole per tutti co-
perisce! E siamo pure entrati nel incendiarono stalle e casolari, requisirono e distrussero Io, leghista loro che sono inginocchiati ai IL FATTO QUOTIDIANO
guinnes dei primati: primo pre- ogni riserva alimentare. Un massacro di civili, con 150 suoi piedi. via Valadier n. 42 - 00193 Roma
mier al mondo processato per morti gettati in una fossa comune e attorno uno piango per il Carroccio Rober to lettere@ilfattoquotidiano.it
prostituzione! “Se non ora, scenario devastante da “terra bruciata”. Rimasto Egregio Direttore, come ex mi-
quando?”: di nuovo tutti in piaz- impunito, l’eccidio di Domenikon, primo di una serie di litante leghista sono preoccupa-
za per farlo dimettere! Voglio violenze che segnarono il terribile ’43 ellenico, resta il to per la Lega Nord che, se tutto Direttore responsabile
essere ancora faziosa (vergo- simbolo della sporca campagna di Grecia di Mussolini. va bene, riesce a portare a casa
gna!), radical chic, contro il go- Una dimenticata Marzabotto greca. (dopo 20 anni) un Federalismo Antonio Padellaro
verno, voglio che si dimettano Giovanna Gabrielli fiscale a tassazione aggiuntiva e Vicedirettore Marco Travaglio
tutti i delinquenti che lo pro- poco chiaro per i contribuenti.
teggono e non si vergognano: Sono preoccupato per il mini- Caporedattori Nuccio Ciconte e Vitantonio Lopez
via tutti, pulizia! biamo scelto di iscriverla a una mania che potranno offrire in stro Maroni che dopo i suoi ri- Progetto grafico Paolo Residori
Soriana scuola bilingue italo-tedesca, futuro buone prospettive lavo- petuti annunci pubblici su una Redazione
facendo un importante investi- rative meglio remunerate che Lampedusa in cui non arrivava- 00193 Roma , Via Valadier n°42
La nostra bimba mento economico per il futuro in Italia – e possa affermare la no immigrati dal Nord Africa, gli tel. +39 06 32818.1, fax +39 06 32818.230
e-mail: segreteria@ilfattoquotidiano.it
di nostra figlia, poiché credia- propria dignità di donna attra- sono arrivati addosso migliaia di
merita un Paese migliore mo che, attraverso questo tipo verso l’educazione e la prepa- tunisini che non si sa dove si- sito: www.ilfattoquotidiano.it
Buongiorno, sono una vostra di istruzione, possa innanzitut- razione acquisita a scuola ed in stemare. Sono anche preoccu- Editoriale il Fatto S.p.A.
affezionata lettrice, insegnante to maturare una mentalità più famiglia. Per me e per le tante pato per la Padania che non è Sede legale: 00193 Roma , Via Valadier n°42
e mamma di una bimba di 2 aperta, più critica e volta al famiglie che fanno piccoli e riuscita ad uscire dall’orbita di Presidente e Amministratore delegato
anni che inizierà a frequentare continuo confronto con il grandi sacrifici per l’educazio- Roma Ladrona. E infine, sono Giorgio Poidomani
la scuola dell’infanzia a settem- mondo “vicino” – nel nostro ne e l’istruzione delle proprie preoccupato per i politici della Consiglio di Amministrazione
bre 2011. Io e mio marito ab- caso le vicine Svizzera e Ger- figlie è vergognoso vedere oggi Lega che hanno occupato le pol- Luca D’Aprile, Lorenzo Fazio, Cinzia Monteverdi, Antonio Padellaro
Centri stampa: Litosud, 00156 Roma, via Carlo Pesenti n°130,
20060 Milano, Pessano con Bornago , via Aldo Moro n°4;
Centro Stampa Unione Sarda S. p. A., 09034 Elmas (Ca), via Omodeo;
Abbonamenti Società Tipografica Siciliana S. p. A., 95030 Catania, strada 5ª n°35
Queste sono le forme di abbonamento • Abbonamento postale semestrale (Italia) Modalità di pagamento di pagamento, nome cognome, indirizzo, Concessionaria per la pubblicità per l’Italia e per l'estero:
previste per il Fatto Quotidiano. Prezzo 120,00 € • 4 giorni telefono e tipo di abbonamento scelto.
Poster Pubblicità & Pubbliche Relazioni S.r.l.,
Il giornale sarà in edicola 6 numeri Prezzo 170,00 € • 6 giorni • Pagamento direttamente online Sede legale e Direzione commerciale: Via Angelo Bargoni n°8, 00153 Roma
• Bonifico bancario intestato a:
alla settimana (da martedì alla domenica). Editoriale Il Fatto S.p.A., con carta di credito e PayPal. tel. + 39 06 68896911, fax. + 39 06 58179764, email: poster@poster-pr.it
• Modalità Coupon *
Per qualsiasi altra informazione in merito
Prezzo 320,00 € • annuale BCC Banca di Credito Cooperativo Distribuzione Italia:m-dis Distribuzione Media S.p.A.,
• Abbonamento postale annuale (Italia) può rivolgersi all'ufficio abbonati ai numeri
Prezzo 180,00 € • semestrale Ag. 105 Via Sardegna Roma
+39 02 66506795 - +39 02 66505026 -
Sede: Via Cazzaniga n°1, 20132 Milano
Prezzo 200,00 € • 4 giorni Iban IT 94J0832703239000000001739 tel. + 39 02 25821, fax. + 39 02 25825203, email: info@m-dis.it
Prezzo 290,00 € • 6 giorni • Abbonamento online PDF annuale +39 02 66506541 o all'indirizzo mail
Prezzo130,00 € • Versamento su conto corrente postale: abbonamenti@ilfattoquotidiano.it Resp.le del trattamento dei dati (d. Les. 196/2003): Antonio Padellaro
E' possibile pagare l'abbonamento annuale 97092209 intestato a Editoriale Il Fatto Chiusura in redazione ore 22.00
postale ordinario anche con soluzione Per sottoscrivere il tuo abbonamento, S.p.A. - Via Valadier n° 42, 00193 Roma * attenzione accertarsi prima che Iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione al numero 18599
rateale: 1ª rata alla sottoscrizione, compila il modulo sul sito Dopo aver fatto il versamento inviare un la zona sia raggiunta dalla distribuzione de
2ª rata entro il quinto mese. www.ilfattoquotidiano.it fax al numero 02.66.505.712, con ricevuta Il Fatto Quotidiano