Sei sulla pagina 1di 2

Indice

1 Introduzione 5
1.1 I segnali a tempo continuo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
1.1.1 Un esempio di segnale analogico: il segnale vocale . . . . 8
1.1.2 Classificazione dei segnali a tempo continuo . . . . . . . 9
1.1.3 Il valor medio di un segnale a tempo continuo . . . . . . . 10
1.1.4 Energia e potenza media di un segnale a tempo continuo . 10
1.1.5 Le operazioni elementari sui segnali a tempo continuo . . 12
1.1.6 Segnali armonici e sinusoidali . . . . . . . . . . . . . . . 13
1.1.7 I segnali analogici elementari . . . . . . . . . . . . . . . 14
1.1.8 Lo sviluppo in serie di Fourier . . . . . . . . . . . . . . . 16
1.1.9 La trasformata di Fourier . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
1.2 I segnali a tempo discreto: le sequenze numeriche . . . . . . . . . 20
1.2.1 Classificazione dei segnali a tempo discreto . . . . . . . . 21
1.2.2 Le sequenze elementari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23
1.2.3 Segnali armonici e sinusoidi a tempo discreto . . . . . . . 25
1.2.4 Le operazioni elementari tra segnali a tempo discreto . . . 27
1.2.5 Energia e potenza media di segnali a tempo discreto . . . 32
1.2.6 Energia e potenza media di segnali analogici campionati . 33
1.3 Le funzioni di correlazione di segnali a tempo discreto . . . . . . 34
1.3.1 Un’applicazione della funzione di correlazione . . . . . . 36

2 Campionamento e Quantizzazione 39
2.1 Il campionamento ideale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 40
2.1.1 Il fenomeno dell’aliasing . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
2.2 Il campionamento reale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
2.3 Campionamento con Sample and Hold . . . . . . . . . . . . . . . 46
2.4 Campionamento di segnali analogici a banda illimitata . . . . . . 48
2.5 La ricostruzione del segnale campionato: l’interpolazione . . . . . 48
2.6 La quantizzazione uniforme . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 50
2.6.1 L’errore di quantizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . 53
2.6.2 Digitalizzazione di segnali musicali . . . . . . . . . . . . 56
2.7 Quantizzazione e sovracampionamento . . . . . . . . . . . . . . 56
2 Capitolo 0

3 Analisi in Frequenza di Segnali a Tempo Discreto 59


3.1 La Trasformata di Fourier a tempo discreto-DTFT . . . . . . . . . 60
3.1.1 Condizioni di esistenza della DTFT . . . . . . . . . . . . 63
3.1.2 Proprietà della DTFT . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 64
3.1.3 Proprietà della DTFT di sequenze reali e complesse . . . . 66
3.1.4 Le relazioni di Parseval . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 69
3.1.5 DTFT notevoli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 71
3.2 La Serie di Fourier a tempo discreto-DTFS . . . . . . . . . . . . 73
3.3 La Trasformata di Fourier discreta-DFT . . . . . . . . . . . . . . 76
3.3.1 La relazione tra la DTFT e la DFT . . . . . . . . . . . . . 78
3.3.2 Valutazione della DTFT su frequenze discrete tramite la
DFT . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 79
3.3.3 Proprietà della DFT . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 81
3.3.4 Applicazione della DFT al rilevamento di segnali . . . . . 88
3.4 Algoritmi di Trasformata di Fourier Veloce (FFT) . . . . . . . . . 89
3.4.1 Algoritmi di riduzione della complessità della DFT . . . . 91
3.4.2 Algoritmo FFT: decimazione nel tempo . . . . . . . . . . 94
3.4.3 Algoritmo FFT: decimazione in frequenza . . . . . . . . . 98
3.4.4 Cenni sulla trasformata discreta del coseno . . . . . . . . 100
3.4.5 Cenni ad altri algoritmi efficienti per il calcolo della DFT
di sequenze . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 101

4 Analisi in Frequenza di Segnali a Tempo Continuo Campionati 103


4.1 Alcune considerazioni introduttive . . . . . . . . . . . . . . . . . 103
4.1.1 La relazione di Parseval per segnali analogici campionati . 104
4.2 La DTFT di un segnale analogico aperiodico campionato . . . . . 105
4.3 La DFT di segnali analogici aperiodici campionati . . . . . . . . . 106
4.4 La DFT di segnali analogici periodici . . . . . . . . . . . . . . . 115

5 I sistemi Lineari Tempo Invarianti a Tempo Discreto 125


5.1 Classificazione dei sistemi a tempo discreto . . . . . . . . . . . . 125
5.2 Analisi tempo-frequenza dei sistemi LTI . . . . . . . . . . . . . . 129
5.2.1 Analisi dei sistemi LTI nel dominio del tempo: la risposta
all’impulso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 129
5.2.2 Risposta di un sistema LTI a sequenze generiche . . . . . 134
5.2.3 Risposta di un sistema LTI a esponenziali complessi . . . 138
5.2.4 Risposta di un sistema LTI a sequenze sinusoidali . . . . . 138
5.2.5 Risposta di un sistema LTI a sequenze periodiche . . . . . 140
5.2.6 Risposta in frequenza di sistemi LTI descritti da equazioni
alle differenze . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 140
5.2.7 Il concetto di filtraggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 143
5.3 Stabilità di sistemi LTI a tempo discreto . . . . . . . . . . . . . . 145
5.4 Condizioni di fisica realizzabilità . . . . . . . . . . . . . . . . . . 147
5.5 Il concetto di distorsione di un sistema LTI . . . . . . . . . . . . . 147
5.6 Interconnessioni di sistemi LTI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 150
5.6.1 Interconnessione serie di sistemi LTI . . . . . . . . . . . . 151