Sei sulla pagina 1di 153

Esercizi e appendici

per il corso di Idraulica Ambientale

Marco Toffolon, Gianluca Vignoli


Bozza 7 ottobre 2005

Facoltà di Ingegneria
Università degli Studi di Trento
2

Questo volumetto completa le dispense del corso di Idraulica Ambientale fornen-


do una panoramica di alcune possibili applicazioni delle soluzioni teoriche trovate.
Gli esercizi riprendono in parte quelli proposti dal prof. Marco Tubino nel corso di
Idraulica Ambientale all’Università degli Studi di Trento. Si è scelto di suddividere
gli esercizi a seconda del meccanismo dominante; tuttavia la stretta interrelazione
tra i singoli processi, caratterizzabili come fasi di un unico processo di mescolamento,
non deve mai essere dimenticata.
Sono state preparate inoltre delle appendici relative ad alcuni temi che vengono
affrontati durante il corso. La loro connotazione predominante come strumenti di
analisi, piuttosto che come argomenti specifici della materia, ha suggerito l’oppor-
tunità di una trattazione separata rispetto agli aspetti teorici discussi nei primi
volumi delle dispense.

Trattandosi della prima edizione di questo volume di esercizi, è probabile che


errori, sviste e argomentazioni poco chiare siano presenti nel testo. I lettori sono
quindi pregati di segnalare agli autori tutte le modifiche che ritengano utili per
migliorarne la qualità.
Un vivo ringraziamento va a Gianluca Antonacci e a Luca Zanoni per il loro
contributo alla realizzazione e alla correzione di questo testo.

Trento, 23 gennaio 2004

Le pagine che seguono includono rilevanti aggiunte al volume di esercizi (Bozza


23/1/2004). L’integrazione di questa parte con quella esistente è stata occasione
per una parziale correzione di errori e sviste; in ogni caso i lettori sono pregati di
segnalare altre imperfezioni agli autori.
Nota per la stampa: a seconda della stampante utilizzata, alcune parentesi po-
trebbero non essere visibili. Si consiglia di utilizzare un driver PS.

Trento, 7 ottobre 2005

Marco Toffolon
e-mail: marco.toffolon@ing.unitn.it
tel.: +39 0461 88 2480
http://www.ing.unitn.it/~toffolon/

Gianluca Vignoli
e-mail: gianluca.vignoli@ing.unitn.it
tel.: +39 0461 88 2480
http://www.ing.unitn.it/~vignolig/

Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale


Università degli Studi di Trento
via Mesiano 77
38050 Trento
Italia
fax: +39 0461 88 2672

BOZZA - 7 ottobre 2005


Indice

IV Esercizi 7
1 Diffusione molecolare 9
1.1 Concentrazione 1D, 2D e 3D . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
1.2 Diffusione 1D confinata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
1.2.1 Numero di sorgenti immagine . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
1.3 Diffusione in due direzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
1.4 Coefficiente di diffusione e massa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16
1.5 Concentrazioni fissate agli estremi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
1.6 Diffusione in un moto a pistone . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18
1.7 Diffusione traversale tra due correnti parallele . . . . . . . . . . . . . 19
1.8 Diffusione traversale alla confluenza tra due correnti . . . . . . . . . 21
1.9 Punto sorgente in un fluido in movimento . . . . . . . . . . . . . . . 22
1.10 Diffusore di lunghezza finita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24
1.11 Scarico puntuale in acqua bassa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26

2 Coefficiente di dispersione 29
2.1 Dispersione longitudinale nel campo intermedio . . . . . . . . . . . . 29
2.2 Profili verticali di velocità in moto uniforme . . . . . . . . . . . . . . 31
2.2.1 Moto laminare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31
2.2.2 Moto turbolento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33
2.3 Dispersione trasversale nel campo intermedio . . . . . . . . . . . . . 34
2.4 Dispersione nel campo lontano . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35
2.4.1 Procedura numerica per il calcolo di K . . . . . . . . . . . . . 36

3 Getti e pennacchi 37
3.1 Getto assialsimmetrico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
3.2 Pennacchio assialsimmetrico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39
3.3 Getto galleggiante . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41
3.4 Scarico in atmosfera . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 42
3.4.1 Formule di Briggs . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 42

4 Campo vicino 47
4.1 Diffusore trasversale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 48
4.2 Scarico puntuale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 50
4.3 Sorgente puntuale non stazionaria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 52
4.4 Diffusione di uno strato di sedimenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . 56
4.4.1 Il caso di un soluto non pesante . . . . . . . . . . . . . . . . . 58
4.5 Stratificazione verticale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 60
4.6 Scarico a densità diversa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 62

3
4 INDICE

5 Campo intermedio 65
5.1 Sorgente puntuale stazionaria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 65
5.2 Scarico puntuale in sponda . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 67
5.3 Sorgente puntuale o diffusore? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 69
5.4 Diffusore di lunghezza finita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 70
5.5 Strato di mescolamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 72
5.6 Portata cumulata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 73
5.7 Alveo con golene . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 77
5.7.1 Calcolo con i valori mediati sulla sezione . . . . . . . . . . . . 77
5.7.2 Calcolo con i valori locali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 78
5.8 Scarico caldo in sponda . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 80

6 Campo lontano 85
6.1 Scarico puntuale accidentale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 85
6.1.1 Origine virtuale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 87
6.1.2 Metodo della nuvola congelata . . . . . . . . . . . . . . . . . 88
6.2 Calcolo della portata mediante misure di conduttività . . . . . . . . 90
6.2.1 Stima del massimo di concentrazione da misure di campo . . 91

7 Soluti reattivi 93
7.1 Scarichi stazionari successivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 93
7.1.1 Soluzione stazionaria semplificata . . . . . . . . . . . . . . . . 94
7.1.2 Effetto di scarichi successivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 95
7.2 Posizione del minimo dell’ossigeno disciolto . . . . . . . . . . . . . . 98
7.2.1 Assenza del minimo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 99

V Appendici 101
A Soluzioni: una sintesi 103
A.1 Soluzioni nelle diverse fasi di mescolamento . . . . . . . . . . . . . . 103
A.1.1 Scarico istantaneo M . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 103
A.1.2 Scarico costante Ṁ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 105
A.2 Soluzioni grafiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 107
A.3 La funzione errore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 107

B Analisi dimensionale 113


B.1 Teorema di Buckingham . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 114
B.1.1 Un esempio nell’ambito dell’idraulica . . . . . . . . . . . . . . 114
B.1.2 Un’applicazione: mescolamento in ambiente stratificato . . . 116
B.2 Similarità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 118
B.2.1 Soluzioni autosimilari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 118

C Metodi numerici 121


C.1 Classificazione delle equazioni differenziali . . . . . . . . . . . . . . . 121
C.2 Alcune caratteristiche generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 123
C.3 Metodi numerici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 125
C.3.1 Approssimazioni alle differenze finite . . . . . . . . . . . . . . 125
C.3.2 Convergenza della soluzione numerica . . . . . . . . . . . . . 126
C.3.2.1 Alcune definizioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 127
C.3.2.2 Analisi di stabilità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 128
C.3.2.3 Requisiti sul segno del coefficiente di diffusione . . . 128
C.3.3 Parametri significativi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 129
C.4 Schemi numerici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 130

BOZZA - 7 ottobre 2005


INDICE 5

C.4.1 Schemi espliciti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 130


C.4.1.1 Schema upwind . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 130
C.4.1.2 Metodo delle caratteristiche per la pura convezione 132
C.4.1.3 Schema alle differenze centrate . . . . . . . . . . . . 133
C.4.2 Schemi impliciti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 134
C.4.2.1 Schema upwind . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 134
C.4.2.2 Schema alle differenze centrate . . . . . . . . . . . . 134
C.4.2.3 Schema di Crank-Nicolson . . . . . . . . . . . . . . 135

D Serie di Fourier 137


D.1 Esempi di applicazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 138
D.1.1 Onda triangolare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 138
D.1.2 Onda quadra . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 138

E Modelli lagrangiani di diffusione turbolenta 141


E.1 Metodologia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 141
E.2 Serie di numeri pseudo-random . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 144

F Modelli ADZ nel campo lontano 147


F.1 Modelli a cella . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 147
F.1.1 Interpretazione fisica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 149
F.2 Modelli convettivi-dispersivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 151

Bibliografia 152

BOZZA - 7 ottobre 2005


6 INDICE

BOZZA - 7 ottobre 2005


Parte IV

Esercizi

7
Capitolo 1

Esercizi sulla diffusione


molecolare

1.1 Concentrazione in ambiti mono-, bi- e tridi-


mensionali
La concentrazione viene di norma definita come la massa di soluto nel volume di
soluzione considerato:
M
C=
V

che dimensionalmente significa [C3D ] = M/L3 (definizione tridimensionale). Esi-


stono però dei casi in cui risulta conveniente considerare una concentrazione per
unità di larghezza o per unità di superficie. Nel primo caso il problema è definito
in un ambito bidimensionale, per il quale [C2D ] = M/L2 ; nel secondo caso si parla
di ambito monodimensionale e [C1D ] = M/L.
Immaginiamo di considerare un condotto di lunghezza L avente sezione tra-
sversale rettangolare di lati B e H; si assuma concentrazione costante ovunque.
Dal punto di vista operativo, possiamo calcolare la concentrazione tridimensionale
considerando la massa di soluto presente e dividendola per il volume totale:

M
C3D = .
LH B

Se una delle dimensioni è molto minore delle altre, ad esempio H ¿ B e H ¿ L,


può risultare più utile definire la concentrazione come

M
C2D = ,
LB

che può essere ricondotta alla definizione classica attraverso la semplice relazione
C3D = C2D /H. Se poi una sola dimensione è prevalente, ad esempio nel caso in cui
L À B À H, si può definire una concentrazione per unità di area trasversale come

M
C1D = ,
L

che può essere trasformata a sua volta in C3D = C1D /(B H).

9
10 1.2. Diffusione 1D confinata

1.2 Diffusione monodimensionale in un dominio


confinato
Determinare l’andamento della concentrazione per effetto dell’immissione di una
massa M di tracciante passivo, che diffonde con processo monodimensionale fra
due pareti poste simmetricamente a distanza L dal punto di scarico.
Dati: L = 1 cm, M = 10 g, D = 10−5 cm2 /s

Il valore asintotico della concentrazione, che si realizza per tempi grandi, è:

M
C∞ = = 5 g/cm (1.1)
2L
Il campo di concentrazione viene determinato utilizzando la soluzione fondamentale
e ricordando che, per garantire la condizione di flusso nullo in corrispondenza di
entrambe le pareti, è necessario considerare infinite sorgenti immagine. Assumiamo
un sistema di riferimento con origine in una parete e orientato in modo tale da
porre la seconda parete ad una distanza x = 2L. Poniamo il punto sorgente ad una
coordinata x = x0 all’interno del dominio [0, 2L]. Le sorgenti immagine vengono
collocate riflettendo la posizione della sorgente rispetto alle due pareti e originando
quindi due nuovi punti sorgente all’esterno del dominio. Tali sorgenti vengono
poi riflesse dalle pareti con un procedimento ricorsivo che porta a considerare un
numero virtualmente infinito di sorgenti. Il procedimento è illustrato in Figura 1.1.
La concentrazione C, per 0 < x < 2L, è calcolabile come

 X∞ · ¸
M [x − x0 + 2j(2L)]2
C(x, t) = √ · exp − +
4πDt j=−∞ 4Dt


X · ¸
2 
[x + x0 + 2j(2L)]
+ exp − (1.2)
4Dt 
j=−∞

Figura 1.1: Sorgenti immagine dovute alle presenza di uno scarico tra due pareti nel sistema di
riferimento con origine nella parete di sinistra. La sorgente è posta in una generica posizione x0 .

Figura 1.2: Sorgenti immagine in un sistema di riferimento centrato tra le due pareti. La sorgente
è posta in una generica posizione ξ0 .

BOZZA - 7 ottobre 2005


1. DIFFUSIONE MOLECOLARE 11

Lo scarico è posto in x0 = L. La concentrazione valutata nel punto di scarico


Cs (t) = C(x0 , t) si ottiene sostituendo x = L nella (1.2):
 
 X · ¸ · ¸
[(2j + 1)L]2 
∞ X∞
M (2jL)2
Cs (t) = √ · exp − + exp −
4πDt j=−∞ Dt j=−∞
Dt 

la quale, dato che le due sommatorie, dove (2j + 1) si riferisce ai termini dispari
mentre 2j a quelli pari, possono essere compattate in una sola con j, si semplifica
in · ¸

X
M (jL)2
Cs (t) = √ · exp − (1.3)
4πDt j=−∞ Dt
La soluzione (1.3) è rappresentata in grafico bilogaritmico in Figura 1.3. In
Figura 1.4 è stato riportato l’andamento della (1.2) all’interno del dominio per
diversi istanti temporali. Si noti che per t > 105 s si raggiunge, per lo meno dal
punto di vista grafico, la concentrazione asintotica di equilibrio (1.1).

2
10

1
10
C∞ C∞
C[g/cm]

n=20

n=5
0
10 n=1
n=0

−1
10
2 3 4 5 6 7 8
10 10 10 10 10 10 10
t[s]

Figura 1.3: Andamento della concentrazione Cs (t) nel punto di scarico al variare del tempo. Le
curve sono tracciate utilizzando un numero n di sorgenti immagine. Il grafico è bilogaritmico.

Sistema di riferimento centrato nella sorgente. Data la simmetria del pro-


blema, può risultare conveniente centrare il sistema di riferimento nella sorgente.
Utilizzando la coordinata ξ troviamo che lo scarico è posto in ξ = ξ0 = 0 e le due
pareti in ξ = ±L. Grazie a questa condizione di simmetria, le sorgenti immagine
sono poste in ξ = ±2jL, con n = 1, 2, ..., ∞. La soluzione può cosı̀ essere scritta
nella forma · ¸
X∞
M (ξ + 2jL)2
C(ξ, t) = √ · exp −
4πDt j=−∞ 4Dt
che, valutata in ξ = 0 fornisce per Cs (t) = C(ξ0 , t) lo stesso risultato trovato nella
(1.3).
In Figura 1.2 sono riportate le coordinate delle sorgenti immagine nel sistema
di riferimento ξ. Quando non c’è una simmetria particolare, la soluzione espressa
utilizzando ξ risulta più complessa rispetto alla (1.2) che utilizza x.

BOZZA - 7 ottobre 2005


12 1.2. Diffusione 1D confinata

30

25 t=1E3 s

20 t=2E3 s
C [g/cm]

15
t=5E3 s

10 t=1E4 s
t=2E4 s
t=1E5 s
5

0
−1 −0.5 0 0.5 1
x [cm]

Figura 1.4: Andamento della concentrazione C(x, t) a diversi istanti t. Sono state considerate
50 sorgenti immagine.

1.2.1 Considerazioni sul numero di sorgenti immagine da


utilizzare
La soluzione (1.3), per essere valutata numericamente, deve essere riscritta nella
forma
Xn · ¸
M (jL)2
Cs (t) = √ · exp − (1.4)
4πDt j=−n Dt

con n numero delle sorgenti immagine che devono essere considerate. La procedura
di selezione del numero minimo di sorgenti da utilizzare può essere descritta come
segue. La (1.4) può essere esplicitata come
½ · ¸ · ¸ · ¸ ¾
M (0)2 (L)2 (2L)2
Cs (t) = √ · exp − + 2 exp − + 2 exp − + ...
4πDt Dt Dt Dt

dove si è tenuto conto che, data la simmetria del problema, il contributo delle sor-
genti immagine ±j è il medesimo. La sommatoria può essere interrotta all’immagine
j = n quando il contributo della sorgente j-esima, rapportato alla soluzione ottenuta
considerando le (j − 1) sorgenti precedenti, è inferiore ad una soglia prefissata.

Prima fase. Nella prima fase del processo diffusivo la nuvola di tracciante ha una
dimensione caratteristica ridotta e non interessa la regione del dominio vicino alle
pareti. Durante questa prima fase il contributo delle sorgenti immagine è trascu-
rabile. Si noti ad esempio l’andamento della concentrazione nello spazio in Figura
1.4 per tempi piccoli: la concentrazione in prossimità delle pareti è praticamente
nulla. In Figura 1.3 sono rappresentate le curve relative alla soluzione valutata con
un diverso numero di immagini: tutte le curve sono sovrapposte a dimostrazione
del fatto che la soluzione è ben rappresentata dalla sola sorgente principale.
Possiamo ottenere una stima del tempo al quale il contributo delle pareti diven-
ta importante osservando la dimensione caratteristica della nuvola. La soluzione

BOZZA - 7 ottobre 2005


1. DIFFUSIONE MOLECOLARE 13

30

t=1E3 s
25

t=2E3 s
20
C [g/cm]

15
t=5E3 s

10 t=1E4 s
t=2E4 s
5
t=1E5 s

0
−1 −0.5 0 0.5 1
x [cm]

Figura 1.5: Andamento della concentrazione C(x, t) a diversi istanti t quando viene considerata
solo la sorgente reale (n = 0). Si noti che per tempi grandi la massa totale nel dominio diminuisce.

fondamentale
· ¸
M x2
C(x, t) = √ · exp − ,
4πDt 4Dt

valida quando non sono presenti pareti, racchiude circa il 99.7% della massa totale
in uno spazio compreso tra −3σ e 3σ, dove

σ= 2D t

è la radice quadrata della varianza della nuvola non confinata. Possiamo quindi Dimensione della
stimare il tempo in cui L = 3σ, che fornisce t3σ = 5.55 · 103 s. Il 68% della massa nuvola.
è invece compreso tra −σ e σ; la relazione L = σ fornisce un tempo tσ = 5 · 104 s.
Analogamente, per L = 2σ (95% della massa) si trova t2σ = 1.25 · 104 s. Dal grafico
in Figura 1.3 si vede chiaramente una sorta di spigolo nel valore di Cs , che prima
decade e poi si mantiene costante e pari a C∞ . E’ interessante notare che tale spigolo
può essere compreso approssimativamente tra t2σ e tσ . La Figura 1.5 rappresenta la
soluzione quando si consideri solamente la sorgente fondamentale; da un confronto
con la Figura 1.4 si nota che parte della massa iniziale esce dal sistema quando la
dimensione della nuvola raggiunge le pareti.

Seconda fase. Nella seconda fase, quando la nuvola di tracciante ha occupato


tutto lo spazio fra le due pareti, il numero di sorgenti immagine da considerare
per avere una buona approssimazione della soluzione è sempre crescente nel tempo.
La concentrazione in x = 0, rappresentata in Figura 1.3, per valori del tempo
maggiori di t ∼ 105 s dovrebbe mantenersi costante e pari a C∞ . A seconda del
numero di sorgenti considerato, questo risultato è mantenuto per tempi che crescono
all’aumentare del numero di sorgenti.

BOZZA - 7 ottobre 2005


14 1.3. Diffusione in due direzioni

1.3 Diffusione in due direzioni


Sia data una vasca a pianta quadrata, rappresentata schematicamente in Figura 1.6,
piena di acqua in quiete, i cui spigoli misurano H = 1 cm quelli verticali, L = 10 cm
quelli orizzontali. Un diffusore, collocato lungo uno dei quattro spigoli verticali (di
coordinate x0 = 0, y0 = 0), scarica istantaneamente una massa M = 100 g di un
tracciante passivo.
Calcolare dopo quanto tempo la concentrazione è ovunque inferiore a 1000 Ce , con
Ce concentrazione di equilibrio raggiunta al termine del processo di mescolamento.
Si assuma D = 10−5 cm2 /s.

In questo caso il mescolamento lungo la verticale z viene imposto dalla presenza


del diffusore. Si tratta quindi di determinare il processo di mescolamento lungo le
due direzioni orizzontali x e y, tenendo conto della presenza delle pareti.



Figura 1.6: Schema della vasca e posizione del diffusore.

In questo caso il mescolamento lungo la verticale z viene imposto dalla presenza


del diffusore. Si tratta quindi di determinare il processo di mescolamento lungo le
due direzioni orizzontali x e y, tenendo conto della presenza delle pareti.
La concentrazione finale, raggiunta asintoticamente, è:
M
Ce = = 1 g/cm3 (1.5)
HL2
Vedremo in seguito che il valore numerico (e con esso la massa scaricata M e la
dimensione verticale H) risulta inessenziale per la soluzione del problema.
Calcoliamo ora l’istante temporale in cui la concentrazione è uguale a 1000 Ce
nel punto più sfavorevole, ossia nel punto di scarico x = x0 , y = x0 . Poiché la
concentrazione è molte volte (1000) più grande di quella di equilibrio, il processo di
mescolamento è presumibilmente nella sua fase iniziale, durante la quale la presenza
delle pareti sul lato della vasca opposto al diffusore è trascurabile. Non risulta
invece affatto trascurabile la presenza delle pareti che determinano l’angolo nel
quale è collocato il diffusore. Risolveremo il problema utilizzando questa ipotesi
e verificheremo a posteriori che il contributo delle sorgenti immagini possa essere
considerato trascurabile.
La soluzione fondamentale, tenendo conto di tutte le pareti1 , è
∞ ½ · ¸ · ¸¾
M/H X (x − x0 + 2jL)2 (x + x0 + 2jL)2
C= exp − + exp −
4πDt j=−∞ 4Dt 4Dt
X∞ ½ · ¸ · ¸¾
(y − y0 + 2jL)2 (y + y0 + 2jL)2
· exp − + exp − (1.6)
j=−∞
4Dt 4Dt
1 Per quanto riguarda le sommatorie di infiniti termini, valgono le considerazioni discusse

nell’esercizio 1.2.

BOZZA - 7 ottobre 2005


1. DIFFUSIONE MOLECOLARE 15

dove si noti il prodotto tra le due sommatorie (da non confondere con la som-
ma). Trascurando le sorgenti immagine dei lati opposti all’angolo considerato, che
richiedono le sommatorie di un numero virtualmente infinito di termini, si ottiene
½ · ¸ · ¸¾
M/H (x − x0 )2 (x + x0 )2
C= exp − + exp −
4πDt 4Dt 4Dt
½ · 2
¸ · ¸¾
(y − y0 ) (y + y0 )2
· exp − + exp − (1.7)
4Dt 4Dt

Valutata nell’origine dello scarico (x = x0 = 0, y = x0 = 0), la soluzione (1.7)


si semplifica in
M/H M/H
C= · {1 + 1} · {1 + 1} =
4πDt πDt
che equivale a considerare una sorgente di intensità quadrupla, come ci si poteva
aspettare dato che lo spigolo divide il piano x − y in quattro parti e la sorgente
scarica tutta la propria massa in una sola di queste. Introducendo la (1.5), si ha
infine
C L2
=
Ce πDt
che, per C/Ce = 1000 fornisce la soluzione

L2
t= = 3183 s
1000πD
Resta ora da determinare il contributo delle sorgenti immagine trascurate al
tempo trovato. A tal fine è sufficiente considerare il contributo alla sommatoria
delle prime sorgenti trascurate (j = 1, j = 2, il problema è il medesimo in x e y
data la pianta quadrata),
· ¸ · ¸
(2L)2 (4L)2
exp − ∼ 10−1364 , exp − ∼ 10−5457
4Dt 4Dt

e confrontarlo con il termine considerato


· ¸
(0)2
exp − =1
4Dt

Emerge chiaramente come la soluzione sia esclusivamente determinata dalle sole


sorgenti considerate.
Si noti però che all’avanzare del tempo le sorgenti immagine acquistano un’im-
portanza sempre maggiore e risultano fondamentali per poter ottenere il valore
asintotico di concentrazione: per t → ∞ si devono considerare n → ∞ sorgenti.

Indipendenza direzionale. La (1.6) prevede che il comportamento nelle due


direzioni risulti indipendente (grazie al prodotto tra le due coppie di sommatorie).
Ciò può essere spiegato osservando che la soluzione fondamentale in un dominio
bidimensionale è
µ ¶ µ ¶
M/H x2 y2
C(x, y) = p · exp − · exp − (1.8)
4π Dx Dy t 4Dx t 4Dy t

dove per semplicità sono state trascurate le immagini e la sorgente è stata posta
nell’origine. Se integriamo la (1.8) nella direzione y
Z ∞
e 1
C(x) = C(x, y)dy ,
Ly −∞

BOZZA - 7 ottobre 2005


16 1.4. Coefficiente di diffusione e massa

che equivale a considerare raggiunta la concentrazione di equilibrio lungo y tra due


pareti distanti Ly , otteniamo
µ 2
¶ p µ ¶
e M/H x 4Dy t M/(H Ly ) x2
C(x) = p · exp − · = √ exp −
4π Dx Dy t 4Dx t Ly 4πDx t 4Dx t

che corrisponde esattamente alla soluzione fondamentale in un dominio monodi-


mensionale, ovvero in uno tridimensionale confinato in una regione trasversale di
dimensioni H e Ly .

1.4 Determinazione del coefficiente di diffusione e


della massa scaricata
Si consideri un problema di diffusione molecolare in un dominio bidimensionale con
un rilascio di una massa M nell’origine degli assi x = 0, y = 0. Noto l’andamento
nel tempo della concentrazione nel punto P, posto ad una distanza r = 1 cm dal-
l’origine, stimare il coefficiente di diffusione D e la massa M rilasciata all’istante
iniziale.

1.3
1.2
1.1
1
0.9
0.8
C [g/cm ]
2

0.7
0.6
0.5
0.4
0.3
0.2
0.1
0
0 10000 20000 30000 40000 50000 60000 70000 80000 90000 100000
t [s]

Figura 1.7: Andamento della concentrazione nel tempo nel punto P.

Supposto un dominio non confinato, la concentrazione nel punto P viene deter-


minata mediante la soluzione fondamentale
µ ¶
M r2
C= exp − . (1.9)
4πDt 4Dt

L’andamento della concentrazione nel tempo è rappresentato in Figura 1.7. Dal


grafico si può stimare che il massimo di concentrazione Cmax = 1.171 g/cm2 si
realizza ad un tempo tmax = 25000 s. Annullando la derivata della (1.9)
µ ¶ µ ¶
∂C M r2 r2
= − 1 exp − =0
∂t 4πDt2 4Dt 4Dt

BOZZA - 7 ottobre 2005


1. DIFFUSIONE MOLECOLARE 17

si individuano le condizioni per cui si realizza il massimo di concentrazione

r2
− 1 = 0, (1.10)
4Dtmax
dalle quali si può stimare il coefficiente di diffusione

r2 ∼
D= = 1 · 10−5 cm2 /s .
4t
Il significato della (1.10) è che la forma della funzione che esprime la concentrazione
nel tempo dipende solamente dal processo diffusivo, ma non dalla massa scaricata.
Infatti la dipendenza da M della soluzione (1.9) è lineare e quindi la posizione dei
massimi e dei minimi non ne è influenzata; quello che conta è il coefficiente D.
La massa M si ottiene invece dal valore della concentrazione in un punto. Risulta
conveniente considerare la concentrazione massima Cmax , che può essere ottenuta
sostituendo la relazione (1.10) nella (1.9):
M
Cmax = e−1 ,
4πD tmax
dalla quale si può calcolare infine la massa scaricata

M = 4π e D tmax Cmax = 10 g .

1.5 Concentrazioni fissate agli estremi


Sia dato un problema di pura diffusione monodimensionale con la condizione ini-
ziale C = 0 al tempo t = 0, per ogni x, e le condizioni al contorno (per t > 0):
C = C0 in x = 0 e C = CL in x = L.
Assumendo D = 10−5 cm2 /s si determini la soluzione asintotica per la concentra-
zione all’interno del dominio 0 ≤ x ≤ 10 cm. Si valuti anche il flusso di massa a
regime. Dati: C0 = 1 g/cm, CL = 0 g/cm, L = 10 cm.

Il problema è assolutamente analogo al classico problema di trasmissione del


calore tra due pareti a temperature fissate. Il fenomeno è retto dall’equazione di
diffusione
∂C ∂2C
=D 2 (1.11)
∂t ∂x
Il problema asintotico può essere risolto molto semplicemente osservando che, con-
cluso il transitorio, deve valere ∂C/∂t = 0 e quindi la (1.11) si semplifica in

∂2C
=0
∂x2
la cui soluzione è C(x) = a0 + a1 x. Utilizzando le condizioni al contorno si ottiene
il risultato cercato:
C0 − CL
C(x) = C0 − x = 1 g/cm − 0.1 g/cm2 · x .
L
Il flusso di massa, costante in x a regime, è definito come
∂C C0 − CL
Ṁ = −D =D = 10−6 g/s
∂x L

BOZZA - 7 ottobre 2005


18 1.6. Diffusione in un moto a pistone

0.9

0.8

0.7

0.6
C [g/cm]

t=1E7 s
0.5

0.4 t=1E6 s

0.3
t=3E5 s
0.2
t=1E5 s
0.1
t=1E4 s
0
0 2 4 6 8 10
x [cm]

Figura 1.8: Concentrazione tra due estremi fissati al variare del tempo, fino al raggiungimen-
to della configurazione asintotica. La soluzione è ottenuta dalla (1.12) utilizzando un numero
sufficiente di sorgenti immagine.

Transitorio. La soluzione per il campo di concentrazione nella fase di transizione,


prima di arrivare alla soluzione asintotica, è descritta dalla relazione
µ ¶ X ∞ · µ ¶ µ ¶¸
|x| |x − 2jL| |x + 2jL|
C(x, t) = erfc √ + −erfc √ + erfc √ (1.12)
4Dt j=1
4Dt 4Dt
che, oltre alla soluzione fondamentale per la concentrazione fissate in un punto,
tiene conto della presenza aggiuntiva di sorgenti immagine negative in x = 2jL
per annullare la concentrazione in x = L e di sorgenti positive in x = −2jL per
mantenere il valore C0 in x = 0. Il risultato è presentato in Figura 1.8.

1.6 Diffusione in un moto a pistone


Si consideri una tubazione in cui un setto trasversale divide due zone; il fluido scorre
alla medesima velocità U in entrambe, trasportando il setto. In una delle due zone
è presente del soluto con concentrazione C0 inizialmente costante, nell’altra solo il
fluido. Si studi la diffusione del soluto nel moto a pistone considerato, dal momento
in cui il setto viene rimosso.

L’equazione che governa il problema


∂C ∂C ∂2C
+U =D 2
∂t ∂x ∂x
può essere semplificata mediante il cambiamento di variabile ξ = x − U t, che
permette2 di eliminare formalmente la parte convettiva dell’equazione, che diventa:
∂C ∂2C
=D 2 .
∂t ∂ξ
2 In e e
questo nuovo sistema di riferimento la funzione C(x, t) viene ridefinita come C(ξ, t), con

BOZZA - 7 ottobre 2005


1. DIFFUSIONE MOLECOLARE 19

La soluzione del problema per una distribuzione di concentrazione a gradino è


· µ ¶¸ µ ¶
C0 ξ C0 x − Ut
C= 1 − erf √ = erfc √ (1.13)
2 4Dt 2 4Dt

nel caso in cui la concentrazione iniziale (t = 0) sia pari a C0 per x < 0 e 0 per
x > 0. Nel caso in cui la concentrazione sia invece C0 per x > 0 e 0 per x < 0 si ha
invece · µ ¶¸ · µ ¶¸
C0 ξ C0 x − Ut
C= 1 − erf − √ = 1 + erf √ (1.14)
2 4Dt 2 4Dt
per l’antisimmetria della funzione erf (si veda l’Appendice A.3).

1 1

0.9 0.9

0.8 0.8

0.7 t=1000 s 0.7 t=0 s

0.6 0.6 t=100 s


t=600 s
C/C0

t=300 s
C/C

0.5 0.5
t=300 s
t=600 s
0.4 0.4
t=100 s
0.3 0.3 t=1000 s
t=0 s
0.2 0.2

0.1 0.1

0 0
−200 0 200 400 600 800 1000 1200 −200 0 200 400 600 800 1000 1200
x [cm] x [cm]

Figura 1.9: Andamento della concentrazione in un moto a pistone con velocità U = 1 cm/s: a
sinistra soluzione per un gradino sinistro (1.13), a destra soluzione per un gradino destro (1.14).
Il coefficiente di diffusione è stato scelto ‘grande’ (D = 10 cm2 /s) per amplificare la deformazione
dell’onda di concentrazione.

Sfruttando l’autosimilarità della soluzione, le (1.13) e (1.14) possono essere


convenientemente riscritte in forma adimensionale:
1
C∗ = [1 ∓ erf (η)]
2
dove
C x − Ut
C∗ = , η= √ .
C0 4Dt

1.7 Diffusione traversale tra due correnti parallele


Due correnti in moto con velocità costante U = 1 cm/s sono separate da un setto
divisorio che definisce due zone, aventi concentrazione rispettivamente pari a C1 =
10 g/m3 e C2 = 25 g/m3 dello stesso soluto (si veda la Figura 1.10). All’istante
t = 0 il setto viene rimosso senza perturbare il campo di moto. Dato un coefficiente
di diffusione molecolare D = 10−5 cm2 /s, calcolare per t = 3600 s quanto vale il
rapporto tra le concentrazioni misurate nei punti A e B, disposti simmetricamente
alla distanza di 1 mm dalla originaria posizione del setto.

ξ = ξ(x, t) e e
t = t. Le derivate nello spazio e nel tempo si trasformano rispettivamente in:

∂C e ∂e
∂C t e ∂ξ
∂C e
∂C ∂C e ∂e
∂C t e ∂ξ
∂C e
∂C e
∂C
→ + = , → + = −U
∂x ∂e
t ∂x ∂ξ ∂x ∂ξ ∂t ∂e
t ∂t ∂ξ ∂t ∂e
t ∂ξ
e e
e quindi ∂C/∂t + U ∂C/∂x → ∂ C/∂ t, in cui per brevità si può eliminare il soprassegnoee ottenere
l’equazione semplificata.

BOZZA - 7 ottobre 2005


20 1.7. Diffusione traversale tra due correnti parallele

Figura 1.10: Schema di due correnti separate da un setto longitudinale che viene rimosso al
tempo t = 0.

Il fenomeno è governato dall’equazione di convezione-diffusione

∂C ∂C ∂2C ∂2C
+U =D 2 +D 2 , (1.15)
∂t ∂x ∂x ∂y

scritta in ambito bidimensionale con le ipotesi che il moto sia unidirezionale e la


velocità e il coefficiente di diffusione siano costanti. Nel caso specifico del proble-
ma in esame, il processo risulta indipendente dalla coordinata x in quanto tutte le
derivate nella direzione longitudinale si annullano, dal momento che le condizioni
iniziali non dipendono da x e la rimozione del setto avviene in tutto il dominio istan-
taneamente e non genera alcuna differenza di concentrazione tra posizioni diverse
lungo un qualsiasi asse parallelo al setto. L’equazione (1.15) si semplifica quindi in

∂C ∂2C
=D 2
∂t ∂y

senza alcuna ipotesi sul numero di Peclet. La soluzione è quella valida per una distri-
buzione di concentrazione a gradino nella direzione y , con l’accortezza di osservare
che non contano i valori della concentrazione nelle due zone, ma la loro differenza,
dato che l’equazione per la concentrazione è lineare e vale la sovrapposizione degli
effetti. La soluzione è quindi
· µ ¶¸ µ ¶
C2 − C1 y C1 + C2 C2 − C1 y
C = C1 + 1 − erf √ = − erf √ (1.16)
2 4Dt 2 2 4Dt

e può essere valutata in y = ±0.1 cm al tempo voluto. Il punto A, dove la con-


centrazione è inizialmente C1 , è posto nel semipiano positivo delle y. Si trova che,
per t = 3600 s, CA = 15.32 g/m3 e CB = 19.68 g/m3 , da cui un rapporto pari a
0.78; il rapporto iniziale C1 /C2 = 0.4 aumenta asintoticamente verso il valore 1
all’avanzare del tempo. Dalla (1.16) si vede infatti che per t → ∞, l’argomento
della funzione erf tende a 0 e quindi il valore della concentrazione tende ovunque
al valore medio (C1 + C2 )/2.

BOZZA - 7 ottobre 2005


1. DIFFUSIONE MOLECOLARE 21

1.8 Diffusione traversale alla confluenza tra due


correnti
Siano date due correnti in moto laminare, separate da un setto per x < 0, che
si muovono con la stessa velocità U nella direzione longitudinale. Una corrente
è pulita, mentre l’altra è caratterizzata da una concentrazione costante C0 . Una
rappresentazione schematica del sistema è riportata in Figura 1.11. Studiare il
mescolamento tra le due correnti a valle della loro confluenza.

Figura 1.11: Schema di confluenza tra due correnti.

Il problema della confluenza tra due correnti in ambito bidimensionale è retto


dall’equazione (1.15). A differenza del problema 1.7, rispetto al quale valgono le
ipotesi fatte sulla costanza dei coefficienti, il problema è posto in termini stazionari,
dato che non cambiano le condizioni al contorno: si può quindi trascurare il termine
∂C/∂t. Inoltre in questo caso non si annullano le derivate lungo x.
Il problema può essere semplificato nel caso in cui sia possibile trascurare la
diffusione longitudinale rispetto alla convezione. Tale semplificazione è valida se il
numero di Peclet Pe è sufficientemente elevato. Possiamo infatti valutare gli ordini
di grandezza dei termini U ∂C/∂x e D∂ 2 C/∂x2 utilizzando una grandezza scala L
per le variazioni lungo la coordinata longitudinale x; si trova

C0 D ∂ 2 C ∗ C0 U ∂C ∗ UL
¿ ⇔ Pe = À1 (1.17)
L2 ∂x∗ 2 L ∂x∗ D
Resta da definire la scala L che abbiamo assunto implicitamente. Una scelta possi-
bile è la scala caratteristica del processo convettivo Lc = U t, dove si è scelta l’ottica
lagrangiana di seguire la particella di tracciante; la condizione (1.17) diventa in
questo caso
D
t À 2 = T0 . (1.18)
U
E’ interessante notare che utilizzando la scala caratteristica della diffusione Ld =

Dt il risultato non cambia. Il significato fisico è più chiaro se si osserva che, per
tempi superiori a T0 , Lc À Ld , ossia la convezione ‘sposta’ le particelle di una
distanza molto più grande di quanto può fare la diffusione. La condizione (1.18)
è facilmente verificata se si considerano valori caratteristici dei moti laminari: se
U = 1 cm/s e D = 10−5 cm2 /s si trova t À 10−5 s.

BOZZA - 7 ottobre 2005


22 1.9. Punto sorgente in un fluido in movimento

0.5
01 0.0
5
0.4 0.
0.1

0.3 0.2

0.2 0.3

0.1 0.4
y [cm]

0 0.5

0.6
−0.1
0.7
−0.2
0.8
−0.3
0.9
−0.4 0.
99
0.9
5

−0.5

1000 2000 3000 4000 5000 6000 7000 8000 9000 10000
x [cm]

Figura 1.12: Curve di isoconcentrazione C/C0 nel dominio x, y a valle della confluenza tra due
correnti. La soluzione è ottenuta utilizzando la (1.20).

La (1.15) si può quindi scrivere come

∂C ∂2C
U =D 2 . (1.19)
∂x ∂y

Si noti che il termine D∂ 2 C/∂y 2 non può essere in alcun caso trascurato, perché
rappresenta l’unico meccanismo fisico che agisce nella direzione trasversale y. La
soluzione della (1.19) è analoga a quella della diffusione nel tempo di un gradino
di concentrazione in un dominio monodimensionale; in questo caso la coordinata x
assume il ruolo del tempo e la y quello dello spazio nel quale opera la diffusione. Si
trova quindi: Ã !
C0 y
C= erfc p (1.20)
2 4Dx/U
La soluzione è rappresentata in Figura 1.12 nel caso in cui le due correnti non siano
confinate da pareti: la nuvola di concentrazione si allarga indefinitamente. Nel
caso in cui fossero presenti delle pareti laterali, la concentrazione finale risulterà
dipendente dalla larghezza delle due correnti e sarà raggiunta per un valore di x
determinabile in modo convenzionale.

1.9 Punto sorgente in un fluido in movimento


Calcolare il campo di concentrazione dovuto ad un punto sorgente posto nell’origine
degli assi in un dominio tridimensionale non confinato. Il fluido è in moto con
velocità U costante, diretta nella direzione dell’asse x; si assuma un coefficiente di
diffusione D omogeneo (costante ovunque) e isotropo (indipendente dalla direzione).

Definiamo punto sorgente uno scarico, di dimensioni trascurabili rispetto alle


dimensioni caratteristiche del problema, che rilascia una portata massica Ṁ =
dM/dt. La diffusione di massa in un dominio tridimensionale non confinato di

BOZZA - 7 ottobre 2005


1. DIFFUSIONE MOLECOLARE 23

fluido in moto con velocità U è governata dall’equazione di convezione-diffusione

∂C ∂C ∂2C ∂2C ∂2C


+U =D 2 +D 2 +D 2 (1.21)
∂t ∂x ∂x ∂y ∂z

Introducendo la variabile
ξ = x − U (t − τ ) , (1.22)
dove τ è l’istante temporale in cui avviene lo scarico infinitesimo Ṁ (τ )dτ , l’e-
quazione (1.21) si semplifica nell’equazione di pura diffusione tridimensionale (il
procedimento è analogo a quello descritto nella nota 2):

∂C ∂2C ∂2C ∂2C


=D 2 +D 2 +D 2
∂t ∂ξ ∂y ∂z

Stiamo infatti utilizzando un sistema di riferimento inerziale in moto con la stessa


velocità U della corrente (si noti che questo genere di relazione semplificata è valido
solo nel caso U =costante). La soluzione può essere ottenuta come sovrapposizione
Z t
C(ξ, y, z, t) = Ṁ (τ )Cu dτ (1.23)
−∞

della soluzione elementare


" # " # " #
2 2 2
1 (ξ − x0 ) (y − y0 ) (z − z0 )
Cu = 3/2
exp − exp − exp − ,
[4πD(t − τ )] 4D(t − τ ) 4D(t − τ ) 4D(t − τ )

che nel caso in cui x0 = y0 = z0 = 0 si semplifica in


· 2 ¸
1 ξ + y2 + z2
Cu = 3/2
exp − . (1.24)
[4πD(t − τ )] 4D(t − τ )

Soluzione semplificata. Nel caso generale in cui il numero di Peclet sia grande
(si veda l’esercizio 1.8), è lecito trascurare la diffusione in direzione longitudinale in
quanto risulta piccola in confronto con la convezione nella stessa direzione associata
con la velocità U . Questo tipo di approssimazione, che trascura il flusso diffusivo
longitudinale, implica che la massa di soluto Ṁ (τ )dτ scaricata nell’intervallo tem-
porale (τ, τ + dτ ) rimane confinata nella porzione di dominio (x, x + dx), infinita
nelle direzioni y e z, in moto con velocità U . La posizione e lo spessore di questa
‘fetta’ di fluido al tempo t sono rispettivamente x = U (t − τ ) e dx = U dt.
Sotto queste ipotesi, la (1.21) si semplifica quindi nell’equazione

∂C ∂C ∂2C ∂2C
+U =D 2 +D 2
∂t ∂x ∂y ∂z

che, introdotta la trasformazione di coordinate (1.22), ammette la soluzione


· ¸
Ṁ (τ ) y2 + z2
C(ξ, y, z, t) = exp − , (1.25)
4πD(t − τ )U 4D(t − τ )

che può essere riscritta più convenientemente ritornando alla variabile x:


" ¡ ¢ #
Ṁ (t − x/U ) y2 + z2 U
C(x, y, z, t) = exp − . (1.26)
4πDx 4Dx

BOZZA - 7 ottobre 2005


24 1.10. Diffusore di lunghezza finita

Il caso stazionario. Un caso particolare è quello in cui la portata di massa Ṁ


è costante nel tempo. E’ interessante notare che la (1.26) diventa una soluzione
stazionaria " ¡ ¢ #
Ṁ y2 + z2 U
C(x, y, z) = exp − (1.27)
4πDx 4Dx

che dipende solo da x, y e z, ma non dal tempo. La (1.25) dipende invece dal tempo
t − τ trascorso dall’istante τ in cui è avvenuto lo scarico Ṁ , mentre la dipendenza
dalla distanza ξ rispetto al baricentro non è presente in quanto è stata trascurata
la diffusione longitudinale.
Possiamo avere una stima dell’errore introdotto dal trascurare la diffusione
longitudinale utilizzando la soluzione (1.27) per paragonare i termini U ∂C/∂x e
−D∂ 2 C/∂x2 . Valutandoli per semplicità nella retta y = z = 0 si ottiene

∂2C Ṁ ∂C Ṁ U
−D 2
=− , U =−
∂x 2πx3 ∂x 4πDx2
da cui si può valutare che il rapporto (in valore assoluto) tra diffusione e convezione
longitudinale è pari a 2D/(U x) = 2/Pe , ossia l’inverso del numero di Peclet valutato
utilizzando la distanza x dallo scarico. L’ipotesi che Pe À 1 si traduce quindi nella
definizione del campo di validità della (1.27) per x À 2D/U .
Per quanto riguarda l’integrazione (1.23) della soluzione completa (1.24) nel caso
stazionario, indichiamo con α = t − τ la distanza temporale tra l’istante considerato
e lo scarico infinitesimo. La (1.23), con la (1.24), si può scrivere come
Z ∞ · ¸
Ṁ 1 (x − U α)2 + y 2 + z 2
C(x, y, z) = 3/2
exp − dα
(4πD) 0 α3/2 4Dα

la cui integrazione non è banale (si veda l’esercizio 4.3).

1.10 Diffusore di lunghezza finita


Un diffusore di lunghezza L scarica una portata di massa Ṁ di soluto in un fluido
in moto con velocità U costante. Lo scarico avviene uniformemente lungo tutta
la lunghezza del diffusore. Calcolare il campo di concentrazione e valutare a quale
distanza il diffusore può essere approssimato con una sorgente puntuale (si consideri
lo scarico stazionario).

Figura 1.13: Un diffusore come somma di sorgenti infinitesime ṁ.

BOZZA - 7 ottobre 2005


1. DIFFUSIONE MOLECOLARE 25

Il diffusore può essere schematizzato come un insieme di sorgenti elementari,


poste in x = z = 0 lungo la coordinata y, che scaricano istantaneamente una massa
ṁ dt dy, dove

ṁ =
L
è la portata massica per unità di lunghezza (si veda la Figura 1.13). Trascurando
il contributo della diffusione longitudinale, come discusso nell’esercizio 1.9, ogni
soluzione elementare assume la forma
· ¸
ṁ (η, τ ) dη (y − η)2 + z 2
dC = exp − (1.28)
4πDx 4Dx/U
dove τ = t − x/U è l’istante in cui viene scaricata la massa ed η è il generico valore
della coordinata trasversale y. La soluzione complessiva è data dall’integrale della
(1.28): Z yb
C(x, y, z) = dC(η) (1.29)
ya
dove ya e yb sono le coordinate iniziali e finali del diffusore. Se ṁ è costante in y,
la (1.29) si semplifica in
µ ¶ Z yb · ¸
ṁ (τ ) z2 (y − η)2
C(x, y, z) = exp − exp − dη =
4πDx 4Dx/U ya 4Dx/U
· ¸ " Ã ! Ã !#
ṁ (τ ) z2 1 y − ya y − yb
=√ exp − erf p − erf p (1.30)
4πDU x 4Dx/U 2 4Dx/U 4Dx/U

2
5

01

1
1.0
1.2

1.

1.5
0.99
5

0.5
y*

0
0.9
0.95

−0.5
0.9

99
0.

−1
95
0.9

−1.5
1.2

1.0

1.

1
01
5

−2
0 1 2 3 4 5
x*

Figura 1.14: Rapporto Cd∗ /Cp∗ tra le concentrazioni adimensionali relative ad un diffusore di
lunghezza finita e ad uno scarico puntuale, sulla base della (1.32).

Assumendo che lo scarico sia stazionario ṁ(τ ) = ṁ = Ṁ /L e la (1.30) può essere


confrontata con la soluzione (1.27) trovata per una sorgente stazionaria puntuale.
Il problema può essere reso adimensionale utilizzando le seguenti scale:
U L2 Ṁ
x = x∗ , y = y∗ L , z = z∗ L , C = C∗ (1.31)
D U L2

BOZZA - 7 ottobre 2005


26 1.11. Scarico puntuale in acqua bassa

in cui la scala geometrica è la dimensione del diffusore. Troviamo cosı̀ la soluzione


per il diffusore posto in x = z = 0 tra ya = −L/2 e yb = L/2:
µ ∗2 ¶ · µ ∗ ¶ µ ∗ ¶¸
1 z 1 y + 1/2 y − 1/2
Cd∗ (x∗ , y ∗ , z ∗ ) =√ exp − ∗ · erf √ − erf √
4πx∗ 4x 2 4x∗ 4x∗

e, dalla (1.27), la soluzione per il punto sorgente collocato in x = y = z = 0:


µ ∗2 ¶ µ ∗2 ¶
1 z y
Cp∗ (x∗ , y ∗ , z ∗ ) = exp − ∗ exp − ∗
4πx∗ 4x 4x

Il loro rapporto, indipendente da z ∗ , risulta


· µ ∗ ¶ µ ∗ ¶¸ µ ∗2 ¶
Cd∗ √ 1 y + 1/2 y − 1/2 y
= 4πx ∗ erf √ − erf √ exp (1.32)
Cp∗ 2 ∗ ∗ 4x∗
4x 4x

In Figura 1.14 è rappresentata la (1.32) nel piano x∗ , y ∗ . Si può notare come la


scala longitudinale U L2 /D risulti appropriata per il confronto richiesto.

Figura 1.15: Rappresentazione schematica di un diffusore posto tra due sponde.

Diffusore di lunghezza infinita. Se si considera un diffusore di lunghezza infi-


nita ya → −∞ e yb → ∞ e la (1.30) si riduce a
µ ¶
ṁ (τ ) z2
C(x, z) = √ exp − . (1.33)
4πDU x 4Dx/U

E ’interessante notare che un diffusore di lunghezza finita risulta equivalente a un


diffusore infinito quando la sua lunghezza L è pari alla larghezza del canale. Per
tener conto delle pareti è infatti necessario introdurre delle sorgenti immagine (dei
diffusori di lunghezza L) che, replicate all’infinito per la presenza delle sponde,
vanno ad occupare l’intero asse y, come si evince dallo schema di Figura 1.15.

1.11 Scarico puntuale in acqua bassa


Si consideri uno scarico puntuale stazionario posto sul fondo di un canale infinita-
mente largo, di profondità Y . La velocità U è costante sull’intera sezione trasversa-
le. Verificare quando lo scarico puntuale può essere approssimato con un diffusore
verticale (si veda la Figura 1.16).

BOZZA - 7 ottobre 2005


1. DIFFUSIONE MOLECOLARE 27

Figura 1.16: Rappresentazione schematica del confronto tra un diffusore verticale e un punto
sorgente per uno scarico in acqua bassa.

Quando la dimensione verticale è molto minore delle dimensioni orizzontali, si


parla comunemente di acqua bassa. In questo caso assumiamo che la larghezza
B → ∞, cosı̀ da rispettare per definizione la condizione B/Y À 1.
Assumiamo che Pe À 1 e quindi che la diffusione longitudinale sia trascurabile
in confronto alla convezione nella stessa direzione, come discusso in precedenza. La
soluzione per uno scarico puntuale può essere derivata dalla (1.27) con l’utilizzo
delle sorgenti immagine per tenere in considerazione la presenza delle pareti:
µ ¶
Ṁ y2 U
C(x, y, z) = exp − ·
4πDx 4Dx

( " # " #)
X (z − z0 + 2jY )
2
(z + z0 + 2jY )
2
· exp − + exp − (1.34)
j=−∞
4Dx/U 4Dx/U

dove z0 è la coordinata verticale del punto di scarico.


Quando il mescolamento sulla verticale è stato ottenuto3 , la (1.34) si può scrivere
come
µ ¶
Ṁ /Y y2 U
C(x, y) = √ exp − (1.35)
4πDU x 4Dx

come già trovato per la (1.33), poiché un diffusore che occupa lo spazio tra due
pareti è equivalente a un diffusore infinito. E’ infatti sufficiente integrare la soluzione
fondamentale relativa ad uno scarico infinitesimo ṁ(z0 )dz0 = Ṁ /Y dz0 lungo tutto
il dominio verticale
Z ∞ µ ¶ " #
2
Ṁ /Y y2 U (z − z0 )
exp − exp − dz0
−∞ 4πDx 4Dx 4Dx/U

per ritrovare la (1.35).


3 Il mescolamento può essere definito come raggiunto solo definendo convenzionalmente un
rapporto tra la concentrazione minima e quella massima sulla verticale. In questo esercizio
utilizzeremo il valore Cmin /Cmax = 0.98.

BOZZA - 7 ottobre 2005


28 1.11. Scarico puntuale in acqua bassa

Utilizzando le scale già introdotte con la (1.31), sostituendo L = Y , la (1.34) e


la (1.35) si possono scrivere rispettivamente come
µ ∗2 ¶ ∞
" #
1 y X (z ∗ + 2j)
2
∗ ∗ ∗ ∗
C (x , y , z ) = exp − ∗ · 2 exp − (1.36)
4πx∗ 4x j=−∞
4x∗
µ ∗2 ¶
∗ 1 ∗ ∗ y
C (x , y ) = √ exp − ∗ (1.37)
4πx ∗ 4x
avendo posto il punto sorgente sul fondo (z0∗ = 0).
∗ ∗
Il rapporto Cmin /Cmax = 0.98 è raggiunto alla coordinata x∗ = 0.536 (per
∗ ∗
x = 0.134 nel caso z0 = 0.5) indipendentemente dalla posizione in y. Infatti nel
caso z0∗ = 0, Cmin

= C ∗ (z ∗ = 1) e Cmax

= C ∗ (z ∗ = 0) e dalla (1.36) si ottiene
 " #  ∞ " #

Cmin  X ∞
(2j)   X
2
(1 + 2j) 
2
= exp − / exp −

Cmax  4x∗   4x∗ 
j=−∞ j=−∞

1 2

0.9 1.8
fondo
0.8 1.6
fondo
0.7 1.4

0.6 diffusore 1.2


C*

0.5 1

0.4 0.8

0.3 0.6 superficie


superficie
0.2 0.4

0.1 0.2

0 0
0 0.2 0.4 0.6 0.8 1 0 0.2 0.4 0.6 0.8 1
x* x*

Figura 1.17: Confronto tra punto sorgente e diffusore verticale. A sinistra sono riportati per
y ∗ = 0 i valori della concentrazione per un diffusore (1.37) e quelli per uno scarico posto sul fondo
(1.36), in superficie e al fondo. A destra viene mostrato il rapporto (1.38), in superficie e al fondo.


Analogamente, il rapporto C ∗ /C dipende solamente dalla coordinata x∗ :

" #
C∗ 1 X (z ∗ + 2j)
2
∗ = √ ·2 exp − (1.38)
C 4πx∗ j=−∞
4x∗

Data l’indipendenza da y, a valle della posizione x∗ in cui si considera avvenuto il


mescolamento verticale, la soluzione (1.37) per il diffusore è sostanzialmente esatta.
In Figura 1.17 si può osservare il confronto tra le soluzioni al variare della distanza
x∗ dallo scarico.

Canale di larghezza finita. Se il canale ha una larghezza B finita è sufficiente


introdurre le sorgenti immagine ¡ dovute alla
¢ presenza delle sponde, sommando i
loro contributi al termine exp −y ∗ 2 /4x∗ . Data l’indipendenza direzionale della
soluzione (1.34) tutte le considerazioni fatte per B → ∞ restano valide. Si faccia
però attenzione al fatto che se la dimensione B è comparabile con Y perde di
significato operare la media in una direzione. Infatti, quando è avvenuto il completo
mescolamento nella direzione minore, quanto più le dimensioni di B e Y sono simili
tanto più anche il mescolamento nell’altra direzione è prossimo a realizzarsi e quindi
diventa vantaggioso definire semplicemente una media sull’intera sezione trasversale
del canale.

BOZZA - 7 ottobre 2005


Capitolo 2

Calcolo del coefficiente di


dispersione

La trattazione discussa in questo capitolo fa riferimento alla cosiddetta teoria di


Taylor (1953, 1954) per la dispersione dovuta alla non uniformità spaziale del moto
medio. Per la giustificazione delle ipotesi introdotte si rimanda al volume di teoria
delle Dispense del corso.

2.1 Dispersione longitudinale nel campo interme-


dio
In questa sede ci limitiamo a considerare il caso dei moti piani, ossia quei moti in
cui i gradienti di tutte le grandezze sono nulli in una direzione (nel nostro caso la
coordinata trasversale y).
L’equazione di convezione-diffusione in un sistema di riferimento x b = x − U t,
solidale con la velocità media U , è
µ ¶ µ ¶
∂C £ ¤ ∂C ∂ ∂C ∂ ∂C
+ U (z) − U = Dx + Dz (2.1)
∂t ∂bx ∂b
x ∂b
x ∂z ∂z

Le variabili C(bx, z) e U (b
x, z) rappresentano la concentrazione e la velocità locali. Nel
caso laminare (dove Dz è costante) sono effettivamente i valori istantanei, mentre
nel caso di moto turbolento (in cui Dz è variabile nel dominio) tali grandezze si
intendono mediate sulla turbolenza.
Utilizzando l’equazione di continuità del fluido e integrando la (2.1) sulla verti- L’equazione
cale si ottiene mediata
RY Z Y Z Y ¯Y
∂ 0 Cdz ∂ ¡ ¢ ∂ ∂C ∂C ¯¯
+ U (z) − U Cdz = Dx dz + Dz (2.2)
∂t ∂bx 0 ∂bx 0 ∂bx ∂z ¯0

Imponendo l’annullamento dei flussi diffusivi verticali per z = 0 e z = Y e sosti-


tuendo

U (b x, t) + U 0 (b
x, z, t) = U (b x, z, t) , C(b x, t) + C 0 (b
x, z, t) = C(b x, z, t) , (2.3)

dove il soprassegno indica la media sulla verticale e con l’apice 0 si intende la de-
viazione dalla media stessa1 , e in maniera analoga per i coefficienti di diffusione, si
1 La 1
RY
media è definita genericamente come F = Y 0 F(z)dz. Si ha quindi, per definizione,
RY
0 F 0 (z)dz = 0.

29
30 2.1. Dispersione longitudinale nel campo intermedio

ottiene µ ¶ µ ¶
∂Y C ∂Y U 0 C 0 ∂ ∂C ∂ 0
∂C 0
+ = Y Dx + Y Dx
∂t ∂bx ∂b
x ∂b
x ∂b
x ∂b
x
dove la deviazione del coefficiente di diffusione orizzontale, scomposto come Dx =
Dx + Dx0 , può essere assunta trascurabile2 . Riscrivendo l’equazione come
· µ ¶¸
∂C 1 ∂ ∂C 0 0
= Y Dx −U C (2.4)
∂t Y ∂bx ∂b
x
emerge come il contributo congiunto di U 0 e C 0 possa essere interpretato in analogia
a quanto viene fatto per le tensioni di Reynolds.
La struttura Infatti, utilizzando la scomposizione (2.3) e assumendo valide le ipotesi di Taylor,
verticale di C la (2.1) può essere approssimata dall’equazione
µ ¶
0 ∂C ∂ ∂C 0
U = Dz , (2.5)
∂b
x ∂z ∂z
che suggerisce la possibilità di esprimere lo scostamento di concentrazione dalla
media nella forma
∂C
C 0 (b
x, z) = g(z) . (2.6)
∂b
x
Integrando la (2.5) lungo la verticale con l’ausilio della (2.6), si ottiene prima
Z z
dg £ ¤
Dz = U (ζ) − U dζ + c1 ,
dz 0

nella quale c1 = 0 se non c’è flusso di massa alla parete z = 0, e quindi


Z z ÃZ !
ζ1 £ ¤
1
g(z) = U (ζ) − U dζ dζ1 + c2 . (2.7)
z0 Dz (ζ1 ) z0

Il coefficiente di Il termine U 0 C 0 , incognito nell’equazione (2.5), può essere scritto come


dispersione Z
0 0
1 Y 0 ∂C
UC = U (ζ)g(ζ)dζ . (2.8)
Y 0 ∂b
x
Il coefficiente di dispersione Kx viene definito attraverso la chiusura
∂C
U 0 C 0 = −Kx , (2.9)
∂b
x
che fornisce Z Y
1
Kx = − U 0 (ζ)g(ζ)dζ , (2.10)
Y 0
Sostituendo la (2.32) nella (2.10), il coefficiente di dispersione può essere quindi
stimato come
Z "Z ÃZ ! #
1 Y 0 ζ2
1 ζ1
0
Kx = − U (ζ2 ) U (ζ)dζ dζ1 + c2 dζ2
Y 0 0 Dz (ζ1 ) 0

da cui si evince che la costante c2 non influisce3 poichè


Z
c2 Y 0
U (ζ2 )dζ2 = 0
Y 0
2 La deviazione è nulla nel caso laminare, mentre nel caso turbolento le fluttuazioni orizzontali,

che non sono isotrope, ...


R
3 La costante c è comunque determinabile dalla definizione di media Y Cdz = C che per la
2 0
RY
(2.6) implica 0 g(z)dz = 0.

BOZZA - 7 ottobre 2005


2. COEFFICIENTE DI DISPERSIONE 31

Possiamo infine scrivere


Z "Z ÃZ ! #
1 Y 0 ζ2
1 ζ1
0
Kx = − U (ζ2 ) U (ζ)dζ dζ1 dζ2 . (2.11)
Y 0 0 Dz (ζ1 ) 0

Risulta interessante derivare una relazione che permetta di scrivere l’integrale


in forma adimensionale. Definendo le grandezze adimensionali
z U Dz
z∗ = , U∗ = , Dz∗ =
Y U D
la (2.11) diventa
U 2Y 2
Kx = I (2.12)
D
dove I è il valore numerico dell’integrale
Z 1 "Z ∗ ÃZ ∗ ! #
ζ2 ζ1
0∗ ∗ 1
I=− U (ζ2 ) U (ζ )dζ dζ1 dζ2∗ ,
0∗ ∗ ∗ ∗
(2.13)
0 0 Dz∗ (ζ1∗ ) 0

dipendente solo dalla forma dei profili verticali della velocità e del coefficiente di
diffusione.
Si noti che la (2.12) rivela una caratteristica fondamentale del meccanismo di-
spersivo: il coefficiente Kx è inversamente proporzionale al valore del coefficiente di
diffusività. Infatti la tendenza ad uniformare il profilo verticale di concentrazione
dovuta alla diffusione ostacola lo sviluppo di meccanismi dispersivi che necessitano,
oltre alla non uniformità del profilo di velocità, anche una deviazione del profilo di
concentrazione dal suo valore medio.
Grazie alla chiusura fickiana (2.9) del termine dispersivo −U 0 C 0 , l’equazione L’equazione di
(2.5) diventa diffusione-
· ¸ dispersione
∂C 1 ∂ ¡ ¢ ∂C
= Y D x + Kx (2.14)
∂t Y ∂bx ∂b
x
nella quale il contributo della dispersione si somma al coefficiente di diffusione Dx . Il
problema diffusivo-dispersivo può quindi essere trattato in modo formalmente ana-
logo a quello della sola diffusione, a patto di considerare un coefficiente di diffusione
generalizzato che tenga conto anche degli effetti dispersivi, che nella maggioranza
dei casi reali risultano preponderanti.

2.2 Profili verticali di velocità in moto uniforme


In questa sezione vengono esaminati alcuni semplici tipologie di moti.
Si noti come in generale la relazione che fornisce il coefficiente di dispersione è
invariante rispetto a profili di velocità che differiscano di una costante c. Infatti,
dal momento che la (2.11) è definita solo in termini di U 0 , qualsiasi relazione del
tipo U (z) = f (z) + c fornisce U = f + c, da cui si ottiene che la deviazione dalla
media U 0 (z) = f (z) − f resta invariata.

2.2.1 Moto laminare


Nel caso in cui il moto sia laminare, il coefficiente di diffusione Dz (z) è costante e
pari alla diffusività molecolare D. La (2.11) si semplifica quindi nella
Z Y "Z Z #
ζ2 ζ1
1 0 0
Kx = − U (ζ2 ) U (ζ)dζdζ1 dζ2 . (2.15)
YD 0 0 0

BOZZA - 7 ottobre 2005


32 2.2. Profili verticali di velocità in moto uniforme

Figura 2.1: Il profilo verticale di velocità (2.16) nel caso di composizione dei moti alla Couette
e alla Poiseuille.

Studiamo il caso dei moti laminari piani, ovvero quei moti che si realizzano tra
due piastre, supposte illimitate nella direzione trasversale, ad opera di un gradiente
di pressione (moto di Poiseuille) o del moto relativo delle due piastre (moto di
Couette). La relazione generale, indicando con i la pendenza della linea dei carichi
piezometrici, con ν la viscosità cinematica e con U1 e U2 le velocità delle due piastre,
può essere scritta come
gi 2 ³ z´ z z
U (z) = Y 1− + (U2 − U1 ) + U1 . (2.16)
2ν Y Y Y
Moto alla Couette Per il moto alla Couette, notando che possiamo scegliere un sistema di riferi-
mento in moto con velocità U1 (oppure nullo nel caso in cui la piastra inferiore sia
ferma), il profilo di velocità può essere scritto come

U ∗ (z ∗ ) = z ∗

avendo scelto U = U2 . Poiché U = 1/2, l’integrale più interno della (2.13) diventa
Z ζ1∗ µ ¶
1 ζ ∗2 ζ∗

ζ − dζ ∗ = 1 − 1 ,
0 2 2 2

mentre il secondo integrale, posto D∗ = 1 (ossia D = D), diventa


Z ζ2∗ µ ∗ 2 ¶
ζ1 ζ1∗ ζ ∗3 ζ ∗2
− dζ1∗ = 2 − 2 .
0 2 2 6 4

L’ultimo integrale della (2.13) assume quindi il valore


Z µ ¶µ ¶ µ ¶¯1
1
1 ζ2∗ 3 ζ ∗2 ζ2∗ 5 ζ2∗ 4 ζ2∗ 3 ¯¯ 1
I=− ζ2∗ − − 2 dζ2∗ =− − + ¯ =
0 2 6 4 30 12 24 0 120

e quindi il coefficiente di dispersione diventa

1 U22 Y 2
Kx = . (2.17)
120 D
Moto alla Nel caso del moto alla Poiseuille, assumendo come scala U la velocità massima
Poiseuille sulla verticale
gi 2
U = Umax = Y ,

si ottiene il profilo in termini adimensionali

U ∗ (z ∗ ) = 4 z ∗ (1 − z ∗ ) .

BOZZA - 7 ottobre 2005


2. COEFFICIENTE DI DISPERSIONE 33

Figura 2.2: Il profilo verticale di velocità (2.19) nel caso di moto turbolento.

Ripetendo il procedimento descritto sopra, si trova I = 2/945, da cui

2
2 Umax Y2
Kx = . (2.18)
945 D

Il caso generale (2.16) si ottiene come somma dei due moti separati. Si faccia Altri tipi di moto
attenzione che in generale NON vale la regola additiva, dato che nella definizione
del coefficiente Kx (2.11) è presente il prodotto tra U 0 . La possibilità di sommare i
risultati è legata esclusivamente al caso particolare dell’accoppiamento dei due moti
esaminati, quando il coefficiente di diffusione è costante.

2.2.2 Moto turbolento


Consideriamo sempre il caso di un moto piano, ma stavolta considerando un deflusso
a superficie libera in cui il campo di moto sia turbolento. Il profilo di velocità è
approssimato da una legge logaritmica del tipo
µ ¶
uf z
U (z) = ln (2.19)
κ z0

dove z0 è la quota di riferimento dalla parete alla quale si annulla convenzionalmente


p
il profilo logaritmico di velocità, κ = 0.41 è la costante di von Kàrmàn e uf = τ0 /ρ
è la velocità d’attrito (τ0 tensione al fondo, ρ densità del fluido), associabile alla
velocità media U attraverso una chiusura del tipo

U
uf = (2.20)
Ch

nella quale Ch è il coefficiente di Chézy adimensionale (valori tipici negli alvei na-
turali variano nell’intervallo 10÷20). Si dimostra che il profilo logaritmico (2.19) è
associato con un profilo parabolico di viscosità turbolenta
³ z´
νT = κ uf z 1 − . (2.21)
Y

Utilizzando la definizione di velocità media e la (2.20), la relazione


Z Y Z Y µ ¶
1 U z
U= U (z)dz = ln dz
Y z0 κCh Y z0 z0

BOZZA - 7 ottobre 2005


34 2.3. Dispersione trasversale nel campo intermedio

consente di trovare4 la quota di riferimento

z0 ' Y exp (−1 − κCh ) (2.22)

e di esprimere il profilo di velocità in funzione della velocità media


uf h ³ z ´i
U (z) = U + 1 + ln . (2.23)
κ Y

Il profilo del coefficiente di diffusività turbolenta DzT può essere assunto pari al
profilo (2.21):
³ z´
DzT ' κ uf z 1 − . (2.24)
Y
Utilizzando come grandezze scala U = uf e D = uf Y , i profili (2.23) e (2.24)
possono essere scritti in forma adimensionale per la (2.13):

1
U 0∗ = [1 + ln z ∗ ] , D∗ = κ z ∗ (1 − z ∗ ) .
κ

La relazione (2.12) diventa quindi

Kx = uf Y I (2.25)

dove il valore I può essere trovato solo attraverso un’integrazione numerica (gli
integrali in questo caso dovrebbero essere valutati tra z0∗ e 1, e non tra 0 e 1 come
nel caso laminare):
Z "Z #
1 ζ2∗
1 ln ζ1∗
I=− 3 (1 + ln ζ2∗ ) dζ dζ2∗ .

κ z0∗ z0∗ 1 − ζ1∗ 1

Ipotizzando z0∗ → 0, I assume valori compresi tra 6.31 e 5.86 per κ = 0.40 ÷ 0.41.

2.3 Dispersione trasversale nel campo intermedio


La presenza di un profilo verticale di velocità trasversale determina l’instaurarsi di
un fenomeno dispersivo nella direzione trasversale, il cui effetto (posto di trovarsi a
distanza sufficiente dallo scarico per far sı̀ che il tracciante abbia fatto esperienza di
tutta la variazione verticale del campo di moto, ovvero ad una distanza comparabile
con la lunghezza di mescolamento verticale) è sintetizzabile in un coefficiente di
dispersione trasversale
Ky = αuf Y ,

dove α è un parametro adimensionale dipendente dalla configurazione geometrica


del corso d’acqua. La presenza di una curva, di una sinuosità della linea d’asse
(meandri), la variabilità altimetrica del fondo, danno origine a circolazioni seconda-
rie per le quali il parametro α varia da circa 0.15 (alvei rettilinei) a valori prossimi
all’unità.
4 La relazione (2.22) è approssimata perché
Z Y          
z Y z0 Y
ln dz = Y ln −1+ ' Y ln −1
z0 z0 z0 Y z0

dove la seconda eguaglianza è valida nel limite z0 /Y ¿ 1.

BOZZA - 7 ottobre 2005


2. COEFFICIENTE DI DISPERSIONE 35

2.4 Dispersione nel campo lontano


Quando si considera il mescolamento nel campo lontano, la presenza di una va-
riabilità trasversale della velocità longitudinale (mediata sulla verticale) produce
un fenomeno dispersivo analogo a quello considerato per la variabilità verticale del
moto.
Ripetiamo l’analisi proposta nel caso dei moti piani nel campo intermedio. Con-
sideriamo l’equazione differenziale per la concentrazione C mediata sulla verticale
· ¸ · ¸
∂C h i ¡ ¢
e ∂C = 1 ∂ Y Dx + Kx ∂C + 1 ∂ Y Dy + Ky ∂C
¡ ¢
+ U (y) − U
∂t ∂b
x Y ∂b x ∂b
x Y ∂y ∂y
(2.26)
dove U e è la velocità media5 sull’intera sezione Ω = B Ye (con B larghezza e Ye
profondità media), U è la velocità mediata sulla verticale, variabile lungo y, e Kx
e Ky sono i coefficienti di dispersione trovati precedentemente. In maniera analoga
alla (2.1) ci si è posti in un sistema di riferimento mobile xb = x−U e t (si noti che
stavolta si considera la velocità media sulla sezione e non la media sulla verticale
caratteristica dei moti piani).
Utilizzando la decomposizione
0
U (b e (b
x, y, t) = U x, t) + U (b
x, y, t) , C(b e x, t) + C 0 (b
x, y, t) = C(b x, y, t) , (2.27)

e integrando l’equazione (2.26), moltiplicata per Y (y), sull’intera larghezza B si


ottiene
" # "Z #
∂ΩCe ∂ΩUg 0 0
C ∂ ³ ´ ∂Ce ∂ B ³ 0 ´ ∂C 0
+ = e e
Ω D x + Kx + Y D x + Kx 0
dy
∂t ∂bx ∂b
x ∂bx ∂b
x 0 ∂b
x

0
che può essere riscritta, trascurando la variazione Dx lungo xb nella scomposizione
Dx = De x + D0 , come
x
" Ã !#
∂C e 1 ∂ ∂Ce g0 0
= Ω Dxe −U C . (2.28)
∂t Ω ∂bx ∂b
x

Nell’ottica di ottenere anche in questo caso un’equazione diffusiva per il campo


lontano del tipo " #
∂Ce 1 ∂ ³ ´ ∂Ce
= e
Ω Dx + K , (2.29)
∂t Ω ∂bx ∂bx

la (2.26) può essere semplificata assumendo delle ipotesi analoghe a quanto visto in
precedenza, fino ad ottenere la formulazione
" 0
#
0 e
∂C 1 ∂ ∂C
U (y) = Y (Dy + Ky ) (2.30)
∂b
x Y ∂y ∂y

che suggerisce la chiusura


0 e
∂C
C (b
x, y) = g(y) . (2.31)
∂b
x
5 La definizione generale di media sulla sezione è
Z Z B Z Y (y) Z B
Fe= 1 FdA =
1
F(z, y)dzdy =
1
Y (y)F(y)dy .
Ω Ω Ω 0 0 Ω 0

BOZZA - 7 ottobre 2005


36 2.4. Dispersione nel campo lontano

Integrando la (2.30) due volte lungo la trasversale, con la (2.31) e le opportune con-
dizioni al contorno, si trova il profilo trasversale della variazione della concentrazione
mediata sulla verticale
Z y µZ η1 h i ¶
1 e
g(y) = £ ¤ Y (η) U (η) − U dη dη1 + c2 . (2.32)
0 Y (η1 ) D y (η1 ) + Ky (η1 ) 0

Il confronto tra la (2.28) e la (2.29) fornisce il coefficiente di dispersione longi-


tudinale nel campo lontano

g0 0 Z
UC 1 B 0
K=− =− Y (η)U (η)g(η)dη , (2.33)
e
∂ C/∂bx Ω 0

dove la seconda uguaglianza sfrutta la definizione di media e la chiusura (2.31).


Rendendo adimensionali le (2.32)-(2.33) con

y ∗ U ∗ D y + Ky Y
y∗ = , U = , Dy = , Y∗ = ,
B U D Ω/B

si trova
U 2B2
K= I (2.34)
D
Z "Z ÃZ ! #
1 η2∗ η1∗
∗ 0 ∗ 1 0∗
I=− Y (η2∗ )U (η2∗ ) Y ∗ (η ∗ )U (η ∗ )dη ∗ dη1∗ dη2∗ .
0 0 Y ∗ (η ∗ )D ∗ (η ∗ ) 0
1 y 1

Dispersione in Nel caso di moto turbolento, ponendo U = U e eD=D fy = αe


e yT + K uf Ω/B, la
moto turbolento (2.34) diventa
e 2B2 I
U
K= .
ef Ye α
u
per la quale Fischer propone I/α = 0.011.

2.4.1 Procedura numerica per il calcolo di K


Fare attenzione alla profondità al denominatore

L’integrazione numerica della (2.34) richiede una certa attenzione quando la


profondità si annulla (è presente al denominatore nel secondo integrale).
Z η2∗ ÃZ ∗ !
η1
1 ∗ 0

∗ Y U dη dη1∗

0 Y ∗ Dy 0

BOZZA - 7 ottobre 2005


Capitolo 3

Getti e pennacchi

Gli esercizi che seguono1 trattano il caso del miscelamento in ambienti stratificati
dovuto a scarichi dotati di quantità di moto o di densità diversa da quella del fluido
recettore. Lo scarico può essere assimilato ad un getto, ad un pennacchio o ad un
getto galleggiante, fino ad arrivare a casi più generali. In tutti i casi il contesto di
riferimento è quello del campo vicino.

3.1 Getto assialsimmetrico


Un getto turbolento scarica Q0 = 1 m3 /s di liquido ad una velocità U0 = 3 m/s
in un liquido avente la stessa densità. La concentrazione iniziale di tracciante è
C0 = 1 kg/m3 . Trovare, ad una distanza x = 60 m dall’orifizio, la massima velocità,
la concentrazione di tracciante e la diluizione media.

La quantità di moto del getto è I = Q0 U0 = 3 m4 /s2 , la portata massica


scaricata Ṁ = Q0√C0 =√1 kg/s. La dimensione caratteristica iniziale del getto è
data da L0 = Q0 / I = A0 , dove A è l’area dell’orifizio. L’area può anche essere
calcolata come A0 = Q0 /U0 = 0.33 m2 . Si trova quindi L0 = 0.58 m e alla distanza
x il rapporto x/L0 = 1042 .
Le caratteristiche principali dei getti possono essere valutate mediante l’analisi Relazioni analitiche
dimensionale. Sfruttando l’ipotesi di autosimilarità, la struttura della velocità nella
direzione trasversale può essere descritta dalla relazione
¡ ¢
U = Um exp −ξ 2 , ξ = r/lv . (3.1)
I risultati teorici assicurano che la dimensione laterale lv del getto cresce linearmente
secondo la relazione
lv = a1 x , a1 ' 0.107 (3.2)
La quantità di moto si mantiene costante e vale
I = U02 L20 . (3.3)
Sostituendo la struttura (3.1) e sfruttando la simmetria cilindrica, si trova
Z Z ∞ Z ∞
I= U 2 dA = U 2 (ξ)2πrdr = Um2
2πlv2 exp(−2ξ 2 )ξdξ
A 0 0
1 Gliesercizi sono stati adattati da Fischer et al. (1979).
2 Ladistanza x è tale da superare abbondantemente la lunghezza necessaria per superare la
zona in cui è presente un nucleo irrotazionale di flusso (zona di sviluppo del moto, circa 6 L0 ) e
per raggiungere uno stato di equilibrio (circa 10 L0 ).

37
38 3.1. Getto assialsimmetrico

che, grazie alla (3.3), fornisce3


µ ¶
2 1
Um 2πlv2 = U02 L20
4
da cui, sostituendo la (3.2), si trova
s
L0 2 L0
Um = U0 = b1 U 0 . (3.4)
x πa21 x

Il valore di b1 ' 7.0 trovato sperimentalmente è leggermente diverso da quello


derivante dall’ultima equivalenza
q della (3.4), che in base al valore di a1 riportato
nella (3.2) risulta pari a b1 = πa2 2 = 7.46.
1
La portata del getto è data per definizione da
Z Z ∞ Z ∞
2
Q= U dA = U (ξ)2πrdr = Um 2πlv exp(−ξ 2 )ξdξ = Um πlv2
A 0 0

Sostituendo Um dalla (3.4) si ha


x
Q = U0 L0 xπb1 a21 = c1 Q0 .
L0
dove c1 ' 0.25 (valore sperimentale; teorico c1 = πb1 a21 = 0.27).
Analogamente a quanto visto per la velocità, anche per la concentrazione si può
assumere un andamento gaussiano
¡ ¢
C = Cm exp −ξc2 , ξc = r/lc , (3.5)

dove ξc = αξ con α = lv /lc rapporto tra le dimensioni caratteristiche del getto,


rispettivamente considerando velocità e concentrazione. Sperimentalmente si trova

lc = ac x , ac ' 0.127 (3.6)

e quindi α = 0.84. La conservazione della massa impone


Z
Ṁ = CU dA = C0 Q0 ,
A

relazione che può essere esplicitata nella forma


Z ∞
2
£ ¤ πb1 a21
Cm Um lv exp −(1 + α2 )ξ 2 2πξdξ = Cm U0 L0 x = C0 U0 L20
0 1 + α2
da cui si ottiene un’equazione per Cm del tipo (3.4) trovato per Um
L0
Cm = bc C0 . (3.7)
x
Anche in questo caso il valore sperimentale bc ' 5.6 è diverso da quello teorico
bc = (1 + α2 )/c1 = 6.37.
b mediata sulla portata del getto, si
Volendo infine definire una concentrazione C
trova
b = Ṁ = Ṁ Q0 = C0 L0
C
Q Q0 Q c1 x
Utilizzando la (3.7), si trova che il rapporto
Cm
= 1 + α2
Cb

BOZZA - 7 ottobre 2005


3. GETTI E PENNACCHI 39

è indipendente dalla coordinata x; il valore sperimentale 1.41 è inferiore a quello


teorico 1 + α2 = 1.71.
Valori numerici Applicando tali relazioni, alla distanza x = 60 m dall’orifizio, si trova per la
velocità massima
L0 I
Um = 7.0 = 0.2 m/s ,
x Q0
per la concentrazione massima

L0
Cm = 5.6 C0 = 54 g/m3
x
e per la diluizione media
Q x
= 0.25 = 26 .
Q0 L0
Si noti che tutti i precedenti valori si intendono media su un intervallo temporale
sufficientemente lungo.
Le dimensioni laterali lv e lc del getto valgono

lt = 0.107x = 6.42 m , lc = 0.127x = 7.62 m .

Infine, la concentrazione mediata è

b = Ṁ = Ṁ = C0 = 38.5 g/m3
C
Q 26Q0 26

b = 1.41.
da cui si ritrova che Cm /C

3.2 Pennacchio assialsimmetrico


Uno scarico di acqua dolce Q0 = 1 m3 /s è localizzato ad una profondità H = 70 m
dalla superficie oceanica. Lo scarico ha un temperatura Ts = 17.8◦ C e il mare è
descrivibile come ben miscelato con una temperatura Ta = 11.1◦ C e una salinità
S = 32.5 ppm. Assegnata una concentrazione iniziale di tracciante C0 = 1 kg/m3 ,
quale sarà la massima concentrazione ad una profondità H 0 = 10 m dalla superficie?

La densità di un fluido caratterizzato da temperatura Ta e salinità Sa può essere


desunta dalla Tabella 4.3. Interpolando linearmente4 tra i valori noti, si trova
ρa = 1024.8 kg/m3 . Nello stesso modo si trova la densità dello scarico (avente
salinità nulla) alla temperatura di 17.8◦ C: ρs = 998.6 kg/m3 . La differenza di
densità è pari a ∆ρ = 26.2 kg/m3 , che ci consente di calcolare l’accelerazione di
gravità efficace
∆ρ
g00 = g = 0.257 m/s2 .
ρs
Il flusso di galleggiamento è per definizione

B = g00 Q0 = 0.257 m4 /s3 ,


R R
3 Sinoti che l’integrale exp(−x2 )xdx = − 12 exp(−x2 ), da cui 0∞ exp(−x2 )xdx = 12 .
4 La procedura può essere descritta come segue: (1) si interpola linearmente tra i valori di

temperatura di 15◦ C e 20◦ C per la salinità di 32 ppm e si ottiene l’anomalia σ1 = 2442.0; (2) si
interpola nello stesso intervallo di temperatura per Sa = 34 ppm e si trova σ2 = 2597.66; (3) a
questo punto si interpola lungo Sa tra i due valori trovati σ1 e σ2 e si trova σ = 2480.9, da cui la
densità indicata.

BOZZA - 7 ottobre 2005


40 3.2. Pennacchio assialsimmetrico

mentre il flusso di massa del tracciante è

Ṁ = C0 Q0 = 1 kg/s = 1000 g/s .

L’analisi teorica e la conservazione della massa impongono che sia B sia Ṁ riman-
gano costanti lungo z.
Indicando con Wm = f (B, z) la velocità verticale in asse, ad una distanza
¡ ¢1/3
sufficiente dallo scarico, per il teorema Π si ha5 come scala di velocità Bz
µ ¶1/3
B
Wm = b 1 . (3.8)
z

L’analisi dimensionale fornisce inoltre per la quantità di moto la struttura


µ ¶2/3
B
I = b2 z 2 = b2 B 2/3 z 4/3 (3.9)
z

e sperimentalmente si ricava b1 ' 4.7 e b2 ' 0.35.


Assunta una struttura trasversale autosimilare
¡ ¢
W = Wm exp −ξ 2 , ξ = r/lv ,

la portata nel pennacchio è


Z Z ∞ ¡ ¢
Q= W dA = Wm 2πlt2 exp −ξ 2 ξdξ = πlv2 Wm
A 0

Con l’andamento (3.8) trovato per Wm , data la crescita lineare della dimensione
trasversale lv = a1 z, la portata può essere scritta come
µ ¶1/3
B
Q = πa21 z 2 b1 = b3 B 1/3 z 5/3
z

(con b3 ' 0.15 valore sperimentale) o anche, grazie alla (3.9), in una forma simile a
quella trovata per i getti
r q
I z
Q = b3 z = bp IL20 (3.10)
b2 L0

dove bp ' 0.254 (sperimentale). Eliminando z dalle relazioni (3.9) e (3.10) si trova

QB 1/2 b3
5/4
= 5/4 = Rp
I b2

con Rp = 0.557 numero di Richardson del pennacchio.


Per la concentrazione in asse si ricava una struttura del tipo


Cm = b c
B 1/3 z 5/3
con bc ' 9.1.
Valori numerici Alla distanza z = 60 m, la quantità di moto del pennacchio è pari a
2/3
I = 0.35 B0 z 4/3 = 33.2 m4 /s2
5 Le dimensioni di B sono [B] = L4 /T 3 , mentre [z] = L, da cui la scala per [Wm ] = L/T .

BOZZA - 7 ottobre 2005


3. GETTI E PENNACCHI 41

con una velocità massima in asse


µ ¶1/3
B0
Wm = 4.7 = 0.76 m/s .
z

La concentrazione massima risulta


Cm = 9.1 = 15.6 g/m3 ,
B 1/3 z 5/3
e la portata del pennacchio

Q = 0.15B 1/3 z 5/3 = 87.7 m3 /s

da cui si ottiene la diluizione media Q/Q0 = 87.7. Si noti come la diluizione risulti
molto maggiore di quella ottenuta in condizioni analoghe nell’esercizio 3.1.

3.3 Getto galleggiante


Nella configurazione dell’esercizio 3.2 si consideri uno scarico dotato di una velocità
U0 = 3 m/s.

Questo caso può essere classificato come ‘getto galleggiante’, caratterizzato da


Q0 = 1 m3 /s, I0 = Q0 U0 = 3 m4 /s2 e B0 = g00 Q0 = 0.257 m4 /s2 . Le lunghezze
caratteristiche sono la dimensione iniziale del getto

Q0
L0 = √ = 0.577 m
I0

e la lunghezza oltre la quale il getto si comporta come un pennacchio


3/4
I0
LB = 1/2
= 4.5 m ;
B0

da queste si ottiene il numero di Richardson del getto galleggiante

L0
Rg = = 0.128 .
LB

Il ridotto valore della lunghezza LB suggerisce che il flusso diventa assimilabile ad


un pennacchio a breve distanza dal punto di scarico.
La soluzione può essere trovata facendo riferimento a due comportamenti asin-
totici in termini delle variabili adimensionali
z Rg Q Rg
z ∗ = 0.25 , Q∗ = .
L0 Rp Q0 Rp

Per il comportamento a getto si trova

Q∗ = z ∗ , (3.11)

per quello a pennacchio


Q∗ = z ∗ 5/3 . (3.12)

BOZZA - 7 ottobre 2005


42 3.4. Scarico in atmosfera

Per z = 60 m, la coordinata adimensionale (Rp = QB 1/2 /I 5/4 = 0.557) è z ∗ = 6.0;


in forma grafica6 o utilizzando la semplificazione (3.12) di pennacchio pienamente
sviluppato (dato che z À LB ), si trova Q∗ = 20 e quindi
Rp
Q = Q∗ Q0 = 87 m3 /s .
Rg
La diluizione Q/Q0 = 87 è equivalente al caso di pennacchio semplice considerato
nell’esercizio 3.2.

3.4 Scarico in atmosfera


Un impianto di termodistruzione scarica dei fumi attraverso un camino di altezza
hs = 100 m e diametro ds = 2.4 m. I fumi hanno una temperatura Ts = 140◦ C
e una velocità verticale allo scarico ws = 20 m/s. L’atmosfera è caratterizzata
da un temperatura Ta = 20◦ C e da un vento orizzontale che soffia alla velocità
um = 1.5 m/s, misurata alla quota hm = 10 m. Stimare la risalita del pennacchio e
la distanza sottovento di livellazione.

In questo esercizio si fa riferimento ad uno scarico in aria e non, come nei casi
precedenti, in acqua. L’approccio è simile in linea di principio, trattandosi di due
fluidi, ma l’atmosfera è caratterizzata da una più o meno marcata stratificazione.
Data la complessità della situazione, il calcolo deve essere effettuato avvalendosi
di relazioni empiriche. Le parametrizzazioni utilizzate in seguito sono state proposte
da Briggs e sono riportate in Sozzi et al. (2002).

3.4.1 Formule di Briggs


Parametri dello Il flusso di galleggiamento è dato per definizione da
scarico
∆ρ
B=g Q0
ρ
dove la portata d’aria scaricata è Q0 = ws πd2s /4 = 90.5 m3 /s. Dato che la densità
ρ dipende dalla temperatura, il flusso B può essere parametrizzato nella forma
d2s Ts − Ta
Fb = gws = 82.1 m4 /s3
4 Ts
dove le temperature sono espresse in Kelvin (Ta = 293.15 K, Ts = 413.15 K).
Il flusso di quantità di moto del getto è dato da
d2s
I = Q0 ws = ws2 π
4
Il parametro di Briggs correlato è
d2s Ts
Fm = ws2 = 812 m4 /s2 .
4 Ta
Parametri Per quanto riguarda l’atmosfera, per prima cosa è necessario conoscere la condi-
atmosferici zione di stabilità attraverso sei classi che individuano l’instabilità (A-B), la neutra-
lità (C-D) e la stabilità (E-F ). Una stima qualitativa della classe a seconda della
velocità del vento, della radiazione solare e della copertura nuvolosa è deducibile
dalla Tabella 3.1.
6 Si veda la parte teorica delle dispense del corso.

BOZZA - 7 ottobre 2005


3. GETTI E PENNACCHI 43

Vento [m/s] Radiazione solare (giorno) Copertura nuvolosa (notte)


Forte Moderata Debole > 1/2 ≤ 1/2
<2 A A-B B E F
2-3 A-B B C E F
3-5 B B-C C D E
5-6 C C-D D D D
>6 C D D D D

Tabella 3.1: Tabella qualitativa per le classi di stabilità di Pasquill.

La velocità orizzontale segue un profilo verticale che può essere approssimato


dalla relazione di potenza µ ¶m
hs
us = um (3.13)
hm
in cui il parametro m dipende dalla classe (instabile m = 0.15, neutra m = 0.20,
stabile m = 0.30).
Nel caso in cui l’atmosfera sia stratificata stabilmente (e quindi solo per le classi
E e F ), un parametro di stabilità è dato da

g ∂θ g ∂θ
s= ' (3.14)
θ ∂z Ta ∂z

ovvero il quadrato della cosiddetta frequenza di Brunt-Väisälä7 . Il gradiente termico


∂θ/∂z può essere stimato pari a 0.02 per la classe E, pari a 0.035 per la F .
Nella (3.14), θ è la temperatura potenziale
µ ¶R/Cp µ ¶0.287
P0 1000 hP a
θ=T =T
P P

ovvero la temperatura equivalente di una porzione di fluido portata adiabaticamente


alla pressione di 1000 hPa. Se θ aumenta con la quota, la stratificazione è stabile (è la
condizione equivalente ad un gradiente positivo di temperatura in un ambiente non
stratificato, in cui a temperature maggiori corrispondono densità minori e quindi
una tendenza a salire verso l’alto), se rimane costante la situazione è neutra, mentre
se θ diminuisce si ha instabilità perché le masse più ‘calde’ tendono a salire dal basso
verso l’alto.
Per distinguere due comportamenti diversi (dominato dal galleggiamento o do-
minato dalla quantità di moto) si fa riferimento ad una differenza di temperatura
critica ∆Tc , che viene stimata in due modi diversi in base al valore di Fb

Fb < 55 m4 /s3 ⇒ ∆Tc = 0.0297 Ts ws1/3 d−2/3


s (3.15)
4 3
Fb > 55 m /s ⇒ ∆Tc = 0.00575 Ts ws2/3 d−1/3
s (3.16)

per poi essere confrontata con la differenza di temperatura tra scarico e atmosfera
alla bocca. Si noti che i coefficienti che compaiono nelle (3.16), cosı̀ come alcune
delle formule seguenti, sono dimensionali e pertanto il risultato dipendente dalle
unità di misura scelte; nella formulazione attuale è necessario utilizzare le unità del
S.I. (m, kg, s).
Se Ts − Ta > ∆Tc , il processo è dominato dal galleggiamento (buoyancy) del Buoyancy
dominated
7 Tale frequenza N è in genere definita come N 2 = − gρ ∂ρ
∂z
e rappresenta la frequenza delle
oscillazioni di massa dovute ad uno spostamento infinitesimo di una porzione di fluido di densità
diversa in un fluido stratificato.

BOZZA - 7 ottobre 2005


44 3.4. Scarico in atmosfera

200 2000 120 240

100
150 1500

xf
∆h

f
x
80

∆h
100 1000 239.5

60

50 500
40

0 0 20 239
0 2 4 6 8 10 0 100 200 300 400
um Ts

Figura 3.1: Risalita del pennacchio ∆H [m] (linea continua) e distanza di livellazione xf [m]
(linea tratteggiata) in funzione della velocità del vento um [m/s] (a sinistra) e della temperatura
dello scarico Ts [◦ C] (a destra) nel caso di classe di stabilità E. La linea tratteggiata verticale
separa il caso momentum dominated (Ts minori) da quello buoyancy dominated (Ts maggiori).

pennacchio e nel caso instabile o neutro (classi A-D) valgono le stime


5/8 3/4 −1
Fb < 55 m4 /s3 ⇒ xf = 49 Fb , ∆h = 21.425 Fb us (3.17)
2/5 3/5 −1
Fb > 55 m4 /s3 ⇒ xf = 119 Fb , ∆h = 38.71 Fb us (3.18)
Nel caso in cui l’atmosfera sia stabile (classi E-F ), le stime dipendono invece dal
parametro di stabilità s:
µ ¶1/3
us Fb
xf = 2.0715 √ , ∆h = 2.6 . (3.19)
s us s
Momentum Se invece Ts − Ta < ∆Tc , il processo è dominato dalla quantità di moto (mo-
dominated mentum) dello scarico: il getto è molto veloce oppure la differenza di temperatura
è molto modesta. Per atmosfera instabile o neutra (classi A-D) si può utilizzare la
relazione
ws
∆h = 3ds . (3.20)
us
Analogamente, nel caso stabile (classi E-F ) si trova
µ ¶1/3
Fm
∆h = 1.5 √ . (3.21)
us s
Nel caso dominato dalla quantità di moto ha poco senso definire una distanza xf . Si
noti che nella realtà questa tipologia di scarico è meno frequente di quella dominata
dal galleggiamento.

Applicazione delle relazioni. Assegnata la classe di stabilità E (e quindi m =


0.30), la (3.13) fornisce la stima us = 2.99 m/s della velocità del vento all’altezza
hs dello scarico, sulla base della misura um alla quota hm . Dato che il parametro
Fb > 55, la (3.16) fornisce ∆Tc = 13 K, chiaramente inferiore alla differenza di
temperatura Ts − Ta = 120 K: lo scarico è dominato dal flusso di galleggiamento.
Con una classe di stabilità E si trova s = 6.69 · 10−4 s−2 ; le stime da utilizzare sono
le (3.19). Si ha quindi xf = 240 m e ∆h = 90 m.
In Figura 3.1 è rappresentato, nel caso della classe di stabilità E, l’andamento
della risalita del pennacchio ∆H e della distanza di livellamento xf al variare della
velocità del vento misurata um e della temperatura dello scarico Ts . Si nota che
il funzionamento dominato dal galleggiamento è prevalente e che solo per basse
temperature dello scarico il comportamento è dominato dalla quantità di moto. Nel
caso di classe di stabilità A, le stesse informazioni sono proposte in Figura 3.2.

BOZZA - 7 ottobre 2005


3. GETTI E PENNACCHI 45

1000 696 400 1000

900

800
300 800
∆h

700
∆h

xf
600

500 694 200 600

400
xf

300
100 400
200

100

0 692 0 200
0 2 4 6 8 10 0 100 200 300 400
um Ts

Figura 3.2: Gli stessi grafici della Figura 3.2 nel caso di classe di stabilità A.

BOZZA - 7 ottobre 2005


46 3.4. Scarico in atmosfera

BOZZA - 7 ottobre 2005


Capitolo 4

Esercizi sulla diluizione in


campo vicino

In questo capitolo vengono affrontati alcuni problemi che sono dominati dal pro-
cesso di mescolamento lungo la coordinata verticale. Nei corsi d’acqua, infatti,
la dimensione verticale (profondità della corrente) è usualmente molto minore di
quella trasversale e della scala di variazione longitudinale. Questa semplice conside-
razione geometrica implica che il mescolamento sulla verticale avviene su una scala
temporale che è tipicamente minore della scala temporale legata al miscelamento
sulla trasversale. Ciò non significa, d’altra parte, che i due processi avvengano
separatamente, l’uno di seguito all’altro; si ha invece che, alla distanza in cui il
mescolamento verticale si può considerare concluso, il mescolamento trasversale è
in piena azione e la nuvola di tracciante ha spesso una dimensione caratteristica
trasversale considerevole.

Coefficienti costanti. Negli esercizi di questo capitolo utilizzeremo sempre la


soluzione a coefficienti costati, ovvero ipotizzeremo che la velocità e il coefficiente di
diffusione siano costanti su tutta la sezione. Si tratta di un’approssimazione, discus-
sa nella seconda parte delle dispense del corso di Idraulica Ambientale, necessaria
per poter ottenere delle soluzioni analitiche.
Da un punto di vista formale, tale ipotesi consiste nel riscrivere l’equazione di
convezione-diffusione
µ ¶ µ ¶ µ ¶
∂C ∂C ∂ ∂C ∂ ∂C ∂ ∂C
+u = Dxt + Dyt + Dzt , (4.1)
∂t ∂x ∂x ∂x ∂y ∂y ∂z ∂z

scritta in un sistema di riferimento il cui asse x è allineato con la velocità della


corrente (ipotizzata unidirezionale, ovvero v = w = 0), imponendo un valore co-
stante lungo la verticale z alla velocità e ai coefficienti di diffusione turbolenta pari
al valore mediato sulla profondità Y :
Z Y Z Y
1 1 t
U (x, y, t) = u(x, y, z, t)dz , Dt [x,y,z] (x, y, t) = D[x,y,z] (x, y, z, t)dz
Y 0 Y 0

Nel caso in cui il moto sia uniforme e la sezione trasversale rettangolare e larga a suf-
ficienza da poter trascurare la variabilità trasversale e longitudinale dei coefficienti,
l’equazione (4.1) diventa

∂C ∂C ∂2C ∂2C ∂2C


+U = Dxt + D t
y + Dz
t (4.2)
∂t ∂x ∂x2 ∂y 2 ∂z 2

47
48 4.1. Diffusore trasversale

e ammette soluzione analitica, come già visto nel caso della diffusione molecolare,
con la differenza che in questo caso il processo diffusivo è anisotropo.
L’equazione (4.2) può essere ulteriormente semplificata quando si consideri un
problema stazionario determinato da uno scarico di una portata massica Ṁ costante.
In questo caso, verificato che il numero di Peclet turbolento sia grande abbastanza da
poter considerare trascurabile la diffusione nella direzione del trasporto convettivo,
la (4.2) può essere scritta come
∂C ∂2C ∂2C
U = Dyt + D t
z . (4.3)
∂x ∂y 2 ∂z 2

4.1 Diffusore trasversale


Sia dato un corso d’acqua caratterizzato dai seguenti valori dei parametri: B =
100 m, Q = 100 m3 /s (durante le condizioni di magra), Y = 2.5 m, if = 10−4 .
Viene realizzata un’opera di scarico di liquami pretrattati che presenta un tratto
terminale costituito da un diffusore di lunghezza pari alla larghezza del canale di-
sposto sul fondo trasversalmente rispetto all’asse della corrente. La portata di li-
quame scaricata è pari a Ql = 0.5 m3 /s, con una concentrazione di BOD5 pari a
Cl = 260 g/m3 .
Si valuti la lunghezza di completo miscelamento sulla verticale e si determini la
regione in cui la concentrazione eccede 2g/m3 .

Trascurando gli effetti dinamici dello scarico e il processo di miscelamento indot-


to dall’efflusso attraverso gli ugelli del diffusore, si può determinare la distanza Lmv
per il completo miscelamento verticale. Assumiamo che la sezione sia rettangolare
(e quindi profondità locale costante Y (y) = Y). Assumiamo per semplicità che la
velocità U (y, z) sia costante sulla sezione e pari alla velocità media U della corrente:
Q
U= = 0.4 m/s
BY
La velocità d’attrito può essere valutata come
p
u∗ = g Rh if = 0.048 m/s
con Rh raggio idraulico della sezione. Il coefficiente di diffusione turbolenta mediato
sulla verticale è
Dzt = 0.067 u∗ Y = 8.04 · 10−3 m2 /s
La soluzione del problema è data in questo caso dalla soluzione relativa al pro-
cesso di miscelamento lungo la verticale, posto che quello lungo la trasversale è ope-
rato dal diffusore, di larghezza comparabile con quella del corso d’acqua. Troviamo
quindi
X∞ ½ · ¸ · ¸¾
Ṁ /B (z − z0 + 2jY )2 (z + z0 + 2jY )2
C=q exp − + exp −
4πDzt U x j=−∞ 4Dzt x/U 4Dzt x/U
(4.4)
che può essere riscritta in termini adimensionali utilizzando
x z C
x∗ = , z∗ = , C∗ = , (4.5)
UY 2 /D t
z
Y Cm
avendo definito la concentrazione asintotica
Ṁ Ql Cl
Cm = = = 1.3 g/m3 . (4.6)
Q Q

BOZZA - 7 ottobre 2005


4. CAMPO VICINO 49

1
rmix=0.98 n>=2 n=1
0.9

0.8
n=0
0.7
max
C*min/C*

0.6

0.5

0.4

0.3

0.2

0.1

0
0 0.2 0.4 0.6 0.8 1
x*

Figura 4.1: Rapporto di mescolamento Cmin


∗ ∗
/Cmax al variare di x∗ ; è indicata la linea conven-

zionale Cmin ∗
/Cmax = 0.98. Le curve dipendono dal numero n di sorgenti immagine considerato:
si nota che per x∗ < 1 sono sufficienti due sorgenti.

dove, a rigore, al denominatore dovrebbe essere Q + Ql in luogo di Q (infatti la


portata del corso d’acqua aumenta dopo lo scarico); essendo però solitamente Ql ¿
Q, i risultati non cambiano significativamente. La (4.4) fornisce quindi
∞ ½
X · ¸ · ¸¾
1 (z ∗ − z0∗ + 2j)2 (z ∗ + z0∗ + 2j)2
C∗ = √ exp − + exp − . (4.7)
4πx∗ j=−∞ 4x∗ 4x∗

Nel caso in esame, in cui il diffusore si trova sul fondo (z0∗ = 0), ossia in corrispon-
denza di una parete, la soluzione (4.7) può essere semplificata nella forma
X∞ · ¸
1 (z ∗ + 2j)2
C∗ = √ ∗ exp − . (4.8)
πx j=−∞ 4x∗

Il processo di miscelamento si esaurisce quando la concentrazione è costante


ovunque. Si assume convenzionalmente che sia completo quando Pm = Cmin /Cmax >
0.98. Considerando che, nel caso di scarico sul fondo, il massimo di concentrazione
è sempre localizzato sul fondo (z ∗ = 0) e il minimo in superficie libera (z ∗ = 1) ,
dalla (4.8) si trova
· ¸
P∞ (1 + 2j)2
j=−∞ exp −
4x∗
Pm = µ 2¶ > 0.98
P∞ j
j=−∞ exp −
x∗
L’andamento del rapporto Pm è rappresentato in Figura 4.1; numericamente si
trova che la coordinata longitudinale adimensionale alla quale si realizza convenzio-
nalmente il completo miscelamento è
x∗mv = 0.536
da cui si ottiene
UY 2
Lmv = x∗mv = 166 m
Dzt

BOZZA - 7 ottobre 2005


50 4.2. Scarico puntuale

0.9

0.8

0.7

0.6
z*

0.5

0.4

0.3

0.2
*
C =1.54
0.1

0
0 0.05 0.1 0.15 0.2 0.25 0.3
x*

Figura 4.2: Mappa bidimensionale a curve di livello per la concentrazione C ∗ (x∗ , z ∗ ) ottenuta
dalla (4.8). In linea continua è disegnata la curva C ∗ = 1.54 richiesta dalla (4.9).

Si noti che la soluzione è a rigori valida solo per un diffusore di larghezza pari a
quella del canale.
Il miscelamento sulla verticale avviene in un tempo pari

Y2
Tmv = Lmv /U = x∗mv = 415 s .
Dzt

Su tale scala temporale non è apprezzabile il decadimento biochimico. Possiamo


cosı̀ considerare la concentrazione espressa dalla (4.6) come un valore asintotico
sulla scala del problema che stiamo considerando (nel senso che, essendo lo scarico
costante, tale valore non cambia per x > Lmv ).
Dovendo trovare la regione in cui la concentrazione è superiore a un valore dato
Cs = 2 g/m3 , si richiede
Cs
C∗ > = 1.54 . (4.9)
Cm
Dalla Figura 4.2 si ottiene un confine approssimativo di tale regione come

0 < z ∗ < 0.32 , 0 < x∗ < 0.14 ,

che può essere riscritto in termini dimensionali utilizzando le scale (4.5) come

0 < z < 0.79 m , 0 < x < 42 m .

4.2 Scarico puntuale


Un collettore fognario scarica un liquame caratterizzato da BOD pari a 200 g/m3 con
una portata di 2 m3 /s. Il punto di scarico è localizzato al centro sul fondo del canale.
I dati caratteristici sono: B = 100 m, Y = 3 m, U = 0.3 m/s, u∗ = 0.04 m/s.
Determinare la distanza dal punto di efflusso alla quale il BOD si è ridotto a valori
non superiori a 20 g/m3 , ovunque nella sezione.

BOZZA - 7 ottobre 2005


4. CAMPO VICINO 51

Il punto di scarico (z = 0 m, y = B/2) è caratterizzato da coordinate adimen-


sionali z0∗ = 0, y0∗ = 0.5. La portata liquida è Q = U BY = 90 m3 /s, la portata
massica di BOD è Ṁ = 200 g/m3 · 2 m3 /s = 400 g/s. Trattandosi di uno scarico
stazionario e dovendo considerare la prima fase del miscelamento, si trascura la
diffusione longitudinale e il decadimento biochimico. Si assume che il coefficiente di
diffusione in direzione trasversale sia doppio rispetto a quello verticale:

Dyt = 2Dzt

La soluzione dell’equazione
∂C ∂2C ∂2C
U = Dzt 2 + Dyt ,
∂x ∂z ∂y 2
assegnate le condizioni al contorno, è
 
 X · ¸
(z + 2jY )2 


C= q 2 exp − ·
4π Dzt Dyt x j=−∞ 4Dzt x/U 
 " # " #
 X

(y − B/2 + 2jB)2 X∞
(y + B/2 + 2jB)2 
· exp − + exp − (4.10)
 4Dyt x/U 4Dyt x/U 
j=−∞ j=−∞

Introducendo la concentrazione asintotica



Cm = = 4.44 g/m3
Q
x y z
e utilizzando le usuali scale spaziali x∗ = , y∗ = , z ∗ = , la (4.10)
UY 2 /D t
z
B Y
può essere riscritta come
 
 X
∞ · ∗
¸
2 
β (z + 2j)
C∗ = √ 2 exp − ·
4π 2x∗ j=−∞ 4x∗ 

X∞ ½ · ¸ · ¸¾
(y ∗ − 0.5 + 2j)2 ∗
2 (y + 0.5 + 2j)
2
· exp −β 2 + exp −β (4.11)
j=−∞
8x∗ 8x∗

dove β = B/Y = 33.3.


La richiesta C < 20 g/m3 si traduce di conseguenza nella
C
C ∗ < Cs∗ = = 4.50 (4.12)
Cm
che deve essere rispettata nel punto corrispondente alle coordinate dello scarico
z ∗ = 0, y ∗ = 0.5, dove la concentrazione è massima in ogni sezione trasversale. La
(4.12) insieme alla (4.11) implicano quindi

X X∞ ½ µ ¶ · ¸¾
β −j 2 /x∗ β2j2 β 2 (1 + 2j)2
√ e exp − ∗ + exp − ∗
< Cs∗
2π 2x∗ j=−∞ j=−∞
2x 8x
(4.13)
che risolta rispetto all’incognita x∗ fornisce

x∗ > 2.18 ⇒ x > 733 m

Si noti che la (4.13) prevede una sommatoria di infiniti termini; tuttavia, anche
nel caso in cui si scelga di considerare solo n termini, la soluzione per x non è

BOZZA - 7 ottobre 2005


52 4.3. Sorgente puntuale non stazionaria

2
10 10

8
1
10
7
C*s 6
n=100 n=10, n=100
0
C*s

C*
*

10 5
C

C*
m
n=10 4
n=1
−1
3
10 n=1
2 n=0
C*m
n=0
1
−2
10 −1 0 1 2 3 0
10 10 10 10 10 0 0.5 1 1.5 2 2.5 3
x
* x*

Figura 4.3: Concentrazione C ∗ in funzione della coordinata adimensionale x∗ , valutata nel punto
z ∗ = 0 e y ∗ = 0.5. Il grafico di sinistra è bilogartimico per poter osservare il fenomeno nella sua
globalità; il grafico di destra rappresenta un parte del precedente nella scala naturale. Le diverse
curve corrispondono alla soluzione della (4.13) con un diverso numero n di sorgenti immagine; si
noti che sarebbe opportuno utilizzare n diversi per le sommatorie in y ∗ e in z ∗ .

esprimibile in forma esplicita. Il metodo più chiaro per trovare il valore cercato
è quello di rappresentare la concentrazione in un grafico in funzione di x∗ , come è
stato fatto in Figura 4.3, e individuare l’intersezione con la retta C ∗ = Cs∗ . Possiamo
vedere che, a seconda della distanza che stiamo considerando, dobbiamo considerare
un numero diverso di sorgenti immagine; in particolare, a distanze maggiori dalla
sorgente deve corrispondere un numero maggiore di sorgenti immagine.

Confronto con il diffusore trasversale. Nel caso in cui sia presente un diffusore
di larghezza pari a quella del canale, la condizione C ∗ < Cs∗ viene raggiunta molto
più velocemente. Si trova infatti1 che la concentrazione è inferiore alla soglia per
x∗ > 0.0157, corrispondente a x > 5.28 m. La spiegazione del fenomeno è chiara
quando si consideri che il diffusore compie la parte più gravosa del processo di
mescolamento, cioè quello lungo la trasversale che deve avvenire su una scala di
50 m invece dei 3 m lungo la verticale.

4.3 Sorgente puntuale non stazionaria


Sia dato uno impianto di depurazione che scarica una portata massica Ṁ variabile
secondo la Tabella 4.1 in un corso d’acqua caratterizzato dai seguenti dati: B =
100 m, Qmin = 100 m3 /s, Y = 2 m, if = 10−4 . Lo scarico è localizzato nel punto
z0 = Y /2, y0 = B/2. Valutare l’andamento della concentrazione nel tempo ad una
distanza x∗ = 0.134.

La variazione giornaliera è tipica degli impianti di trattamento delle acque re-


flue di piccole dimensioni (per gli impianti di maggiori dimensioni la presenza di
vasche con elevato tempo di ritenzione elimina questo tipo di variabilità). Obiettivo
dell’esercizio è comprendere quando è possibile utilizzare la soluzione valida per lo
scarico stazionario anche nel caso di una variabilità dello stesso e valutare quando
questa possa essere considerata lenta.
Ipotizziamo per semplicità di considerare un processo in cui le caratteristiche
geometriche e idrodinamiche si mantengano costanti sulla sezione e nel tratto lon-
1 Si veda l’esercizio 4.1.

BOZZA - 7 ottobre 2005


4. CAMPO VICINO 53

t Ṁ t Ṁ t Ṁ t Ṁ
1 10 7 100 13 70 19 90
2 5 8 150 14 130 20 130
3 5 9 100 15 30 21 100
4 5 10 70 16 20 22 70
5 5 11 60 17 20 23 60
6 20 12 90 18 20 24 20

Tabella 4.1: Portata massica Ṁ [g/s] scaricata in funzione del tempo t[h] durante una giornata
normale.

gitudinale considerato.
p La velocità media è U = Q/(BY ) = 0.50 m/s; la velocità
d’attrito è uf = g Rh if = 0.043 m/s. Si assumono i coefficienti di diffusione
turbolenta

Dzt = 0.067u∗ Y = 5.8 · 10−3 m2 /s , Dxt = Dzt , Dyt = 2Dzt

e si adimensionalizza il problema come segue:


z y x
z∗ = , y∗ = , x∗ = .
Y B UY 2 /D t
z

La media giornaliera della portata massica scaricata è hṀ i = 57.5 g/s, che fornisce
una concentrazione asintotica media

hCm i = hṀ i/Q = 0.575 g/m3 . (4.14)

La concentrazione può essere valutata mediante l’integrazione nel tempo


Z t
C(x, y, z, t) = Ṁ (τ )Cu dτ (4.15)
−∞

dove Cu è la soluzione elementare relativa ad uno scarico istantaneo di una massa


unitaria al tempo τ :
( )
2
1 [x − U (t − τ )]
Cu = q exp − ·
[4π(t − τ )]
3/2
Dxt Dyt Dzt 4Dxt (t − τ )

( " # " #)
X (y − y0 + 2jB)
2
(y + y0 + 2jB)
2
· exp − + exp − ·
j=−∞
4Dyt (t − τ ) 4Dyt (t − τ )

( " # " #)
X (z − z0 + 2jY )
2
(z + z0 + 2jY )
2
· exp − + exp − (4.16)
j=−∞
4Dzt (t − τ ) 4Dzt (t − τ )

Osserviamo come è fatta la soluzione alla coordinata x∗ = 0.134, che in un


processo bidimensionale stazionario corrisponde all’avvenuto mescolamento quando
lo scarico si trova a metà della profondità. Dimensionalmente stiamo considerando

x = 0.134 · U Y 2 /Dzt = 46 m .

In Figura 4.4 sono riportate le curve di isoconcentrazione per due sezioni, distan-
ti rispettivamente x∗ = 0.0134 (a sinistra, fase iniziale del mescolamento lungo la
verticale) e x∗ = 0.134 (a destra, quando il mescolamento lungo la verticale è prati-
calemente concluso). Le curve sono ricavate per uno scarico istantaneo puntuale in
y0∗ = 0.5 e z0∗ = 0.5 sulla base della soluzione unitaria (4.16); sono valutate nell’i-
stante in cui si localizza il massimo per l’assegnata coordinata x, ossia per t = x/U .

BOZZA - 7 ottobre 2005


54 4.3. Sorgente puntuale non stazionaria

Possiamo notare due cose: nella prima parte del processo, il mescolamento non
risente della presenza delle pareti e la nuvola ha una forma ellissoidale2 ; quando
invece il mescolamento sulla verticale è avvenuto, le curve sono pressoché parallele
e verticali. Si faccia attenzione però che la nuvola ha comunque una dimensione
trasversale non trascurabile.
2 2

0.05
0.01

0.04
1.8 1.8

0.03
0.04
0.05
0.02

0.03

0.02

0.01
1.6 1.6

0.1
1.4 1.4
0.4
0.7
0.1

1.2 1.2
1
0.1

0.05
z [m]

z [m]

0.01
1 1

0.04

0.03
0.04

0.05
0.4

0.02

0.01
0.02

0.03
1

0.8 0.8
0.1
0.4

0.7
0.6 0.6

0.4 0.4
0.

0.05
1

0.2 0.2

0.01

0.04

0.03
0.04

0.05

0.02

0.01
0.02

0.03
0 0
46 47 48 49 50 51 52 53 54 46 47 48 49 50 51 52 53 54
y [m] y [m]

Figura 4.4: Curve di isoconcentrazione in mg/l nella sezione trasversale dovute ad uno scarico
unitario e valutate nella sezione x al tempo t = x/U . A sinistra ad una distanza x∗ = 0.0134, a
destra a x∗ = 0.134. Viene considerata solo la sezione centrale del canale (46 m < x < 54 m).

Avvalendosi dell’ipotesi che la variazione temporale dello scarico sia lenta rispet-
to al periodo di tempo durante il quale il processo diffusivo ha avuto luogo nel tratto
spaziale fino a x∗ = 0.134, possiamo utilizzare la soluzione stazionaria relativa ad
una portata massica scaricata Ṁ , scaricata nell’istante temporale τ = t − x/U .
Il tempo impiegato dal baricentro della massa infinitesima per giungere alla sezio-
ne che stiamo considerando è t = x/U = 92 s. Sotto queste ipotesi, la soluzione
semplificata si può scrivere come:

Ṁ (t − x/U )
q C(x, y, z, t) =
·
4π Dyt Dzt x

( " # " #)
X (y − y0 + 2jB)
2
(y + y0 + 2jB)
2
· exp − + exp − ·
j=−∞
4Dyt x/U 4Dyt x/U

( " # " #)
X (z − z0 + 2jY )
2
(z + z0 + 2jY )
2
· exp − + exp − (4.17)
j=−∞
4Dzt x/U 4Dzt x/U

L’andamento nel tempo della concentrazione alla distanza x∗ = 0.134 dallo


scarico è rappresentato nel grafico di sinistra della Figura 4.6; la concentrazione è
valutata in y = y0 e z = z0 . Le curve relative alla soluzione non stazionaria (4.15)
sono praticamente indistinguibili da quelle ottenute con la soluzione stazionaria
(4.17). Dovendo trovare la concentrazione media giornaliera, si può utilizzare il
grafico adimensionale di Figura 4.5: per x∗ = 0.134 e B/Y = 50 si trova C ∗ = 27.5;
per tale valore, utilizzando la scala (4.14), si ottiene C = C ∗ hCm i = 15.8 g/m3 , che
rappresenta la media temporale della soluzione trovata.
Nel grafico di destra della Figura 4.6 è riportato l’andamento della soluzione
(4.16) relativa ad uno scarico unitario istantaneo rilasciato a t = 0: si può vedere
come il massimo della soluzione venga determinato sostanzialmente dal trasporto
2 Si
noti che nella figura le scale sono deformate. In realtà l’asse maggiore dell’ellisse è quello
lungo y, poiché il coefficiente di diffusività turbolenta in questa direzione è maggiore di quello
lungo z.

BOZZA - 7 ottobre 2005


4. CAMPO VICINO 55

0.9

0.8

0.7

0.6

0.5
z*

100

27.5
50

40

22.5
30
35

25

20
0.4

0.3

0.2

0.1

0
0.05 0.1 0.15 0.2 0.25 0.3
x*

Figura 4.5: Curve di isoconcentrazione adimensionale C ∗ in funzione di x∗ e z ∗ , in un piano


verticale con y ∗ = y0∗ . Il rapporto tra larghezza e profondità della sezione è B/Y = 50.

0.06
non stazionario
40 stazionario t=x/U
0.05

30
0.04
Cu [m−3]
C [g/m 3]

0.03
20

0.02
10

0.01

0
0 3 6 9 12 15 18 21 24
0
80 85 90 95 100 105
t [s]
t [h]

Figura 4.6: Andamento della concentrazione nel tempo in x∗ = 0.134 e y = y0 , z = z0 : nel grafico
di sinistra la soluzione non stazionaria (4.15) viene confrontata con la soluzione approssimata
stazionaria (4.17), per un ciclo giornaliero. Nel grafico di destra è riportata la soluzione (4.16)
relativa ad uno scarico unitario.

non stazionario non stazionario


40 stazionario 40 stazionario

30 30
C [g/m 3]

C [g/m 3]

20 20

10 10

0 0
0 20 40 60 80 0 2 4 6 8

t [s] t [s]

Figura 4.7: Andamento della concentrazione nel tempo in x∗ = 0.134, y = y0 e z = z0 , per una
scala temporale con ∆t = 3.6 s (a sinistra) e ∆t = 0.36 s (a destra).

BOZZA - 7 ottobre 2005


56 4.4. Diffusione di uno strato di sedimenti

convettivo e si localizza quindi in t = x/U = 92 s3 . La dimensione temporale della


soluzione, dell’ordine dei 10 s è molto inferiore alla scala di variazione temporale
dello scarico ∆t = 3600 s.
Risulta interessante osservare come si comporta la soluzione (4.15) quando lo
scarico varia più rapidamente. In Figura 4.7 possiamo confrontare la soluzione con
∆t = 3.6 s (a sinistra) e ∆t = 0.36 s (a destra). Notiamo che quando la scala tempo-
rale di variazione dello scarico diventa comparabile con la scala tipica del processo
di diffusione, la soluzione viene apprezzabilmente influenzata. Questa considera-
zione può essere trasferita sul√piano spaziale utilizzando come scala caratteristica
del processo diffusivo LD = D t, con D = Dxt . Considerando la concentrazione
in x = 46 m, che corrisponde a t = 92 s, si trova che LD ' 0.73 m. Nel caso in
cui ∆t = 3600 s, la variazione temporale si traduce in una variazione spaziale che
scala con ∆x = U ∆t = 1800 m: per il processo diffusivo lo scarico risulta essere
praticamente costante. Nel caso invece in cui ∆t = 3.6 s o ∆t = 0.36 s si ha rispet-
tivamente ∆x = 1.8 m e ∆x = 0.18 m: le variazioni nello scarico sono cosı̀ rapide
da risentire della diffusione.

Come ottenere la soluzione non stazionaria. L’equazione (4.15) prevede


un’integrazione nel tempo τ che nasconde alcune difficoltà numeriche. Infatti la
(4.16) fornisce un contributo trascurabile al di fuori dell’intervallo
³ x´ ³ x´
t− −δ <τ < t− +δ (4.18)
U U
a cavallo del massimo τ = t − x/U . Posto infatti
2
[x − U (t − τ )]
ξ2 = (4.19)
4Dxt (t − τ )
¡ ¢
il termine exp −ξ 2 rende sostanzialmente nulla la soluzione quando ξ oltrepassa
una soglia dipendente dalla tolleranza richiesta. Se richiediamo quindi ξ 2 ≤ ², posto
τ = t − x/U + δ, dalla (4.19) troviamo

4Dxt 4Dxt x
δ2 + ² · δ − ²≤0
U2 U3
che risolta fornisce i valori
às !
2Dt U x
δ1,2 = 2x −² ± ²2 + ²
U Dxt

che delimitano l’intervallo (4.18) nel quale operare l’integrazione, che deve utilizzare
un numero sufficiente di passi temporali per garantire l’accuratezza della soluzione.

4.4 Diffusione di uno strato di sedimenti


Sul fondo di un lungo canale inerodibile con acqua in quiete è presente uno strato
di sedimenti di spessore h = 3 cm con concentrazione uniforme C0 . L’acqua viene
messa in moto aprendo lo sbarramento di valle e si realizza un moto uniforme, senza
influenzare apprezzabilmente lo strato; la pendenza del canale è if = 1 · 10−4 e la
profondità che si realizza è Y = 3 m, la velocità di sedimentazione è ws = 1 cm/s.
Con il tempo i sedimenti tendono a diffondere verso l’alto. Valutare il profilo di
concentrazione che si realizza asintoticamente.
3 In realtà la soluzione (4.16) è asimmetrica nel tempo e il massimo temporale non coincide

esattamente con il colmo spaziale.

BOZZA - 7 ottobre 2005


4. CAMPO VICINO 57

Per studiare questo problema è necessario introdurre nell’equazione di convezione-


diffusione l’informazione che i sedimenti sono un soluto pesante, caratterizzabili con
una velocità di sedimentazione ws . L’equazione si può scrivere nella forma seguente:
µ ¶ µ ¶
∂C ∂C ∂C ∂ ∂C ∂ ∂C
+u − ws = Dxt + Dzt (4.20)
∂t ∂x ∂z ∂x ∂x ∂z ∂z

dove si è considerata solamente la componente longitudinale u della velocità del


fluido (variabile a priori lungo z), ma abbiamo aggiunto la velocità di caduta del
sedimento ws . Nel moto non si considera alcuna variabilità trasversale.
L’equazione (4.20) può essere semplificata notando che, nei termini in cui è
definito il problema, non c’è motivo per il quale si realizzino dei gradienti longitudi-
nali di concentrazione. Volendo poi studiare la configurazione asintotica, possiamo
eliminare la derivata temporale ed ottenere
µ ¶
∂C ∂ t ∂C
−ws = Dz (4.21)
∂z ∂z ∂z

Le condizioni al contorno sono condizioni di flusso nullo alle pareti


∂C
−Dzt − ws C = 0 (z = 0, Y )
∂z
e permettono di integrare la (4.21) e ottenere la condizione di flusso nullo ovunque
tra il fondo e la superficie libera:
∂C ws
=− t C. (4.22)
∂z Dz

Per semplificare la trattazione (anche se non è strettamente necessario), intro-


duciamo a questo punto l’ipotesi di poter considerare la diffusività turbolenta Dzt
costante lungo la verticale. Un’ulteriore integrazione della (4.22) conduce a
µ ¶
ws
C = c1 exp − z .
Dzt

La costante di integrazione c1 può essere ottenuta attraverso la condizione integrale


Z Y
ws h 1
Cdz = C0 h ⇒ c1 = C0 ³ ´
t
Dz 1 − exp −ws Y /Dzt
0

e si può calcolare la soluzione

h exp [Ro (1 − z/Y )]


C = C0 R o (4.23)
Y exp (Ro ) − 1

nella quale è stato introdotto il numero di Rouse


ws Y ws
Ro = = 14.9 , (4.24)
Dz t u∗

che rappresenta un rapporto tra la sedimentazione che porta il sedimento verso


il basso e la diffusione che tende a risollevarlo, a causa del gradiente negativo di
concentrazione.
Proviamo ora a vedere p come sono fatti i profili verticali di concentrazione. La
velocità d’attrito è u∗ = gif Y = 0.054 m/s, il coefficiente di diffusione turbolenta
mediato Dzt = 0.067u∗ Y = 0.0109 m2 /s. Il numero di Rouse risulta in questo caso

BOZZA - 7 ottobre 2005


58 4.4. Diffusione di uno strato di sedimenti

0.9

0.8
R =0.1
o
0.7

0.6
z/Y

0.5

0.4

0.3 Ro=2.57
0.2
Ro=10
0.1 Ro=1
0
0 0.005 0.01 0.015 0.02 0.025 0.03 0.035 0.04
C/C0

Figura 4.8: Profili asintotici di concentrazione per un sedimento pesante, in termini adimensio-
nali. In linea spessa la soluzione del problema (Ro = 2.57); le altre curve sono relative a valori
diversi del numero di Rouse.

Ro = 2.75 e il profilo risultante è riportato in Figura 4.8. Nella figura sono anche
riportate le curve corrispondenti ad altri numeri di Rouse: per valori elevati (cor-
rispondenti a sedimenti più ‘pesanti’) i sedimenti si concentrano sul fondo, mentre
per valori minori ¿ 1 la concentrazione tende verso un valore costante pari a

C0 h
Cm = = 0.01 C0 . (4.25)
Y

4.4.1 Il caso di un soluto non pesante

Possiamo studiare in forma analitica l’evoluzione del problema di uno strato di


sedimenti solo se consideriamo

ws = 0

ossia la situazione in cui il numero di Rouse tende a 0. In questo caso, grazie anche
alle considerazioni discusse in precedenza, la (4.20) si riduce alla

µ ¶
∂C ∂ t ∂C
= Dz (4.26)
∂t ∂z ∂z

Il problema è analogo in questo caso a quello di due correnti separate da un setto


1.7, ma differisce per la presenza delle pareti (fondo e superficie libera). Conside-
riamo il coefficiente di diffusione costante lungo la verticale. Affrontiamo in primo
luogo il problema della parete sul fondo: la soluzione della (4.26) con tale condizione
al contorno è la differenza di due soluzioni a gradino sinistro, uno in z = h e uno in

BOZZA - 7 ottobre 2005


4. CAMPO VICINO 59

0.9 t=600 s

0.8 t=120 s

0.7

0.6 t=60 s
z/Y

0.5

0.4 t=10 s

0.3

0.2
t=1 s
0.1
t=0 s
0
0 0.005 0.01 0.015 0.02 0.025 0.03 0.035 0.04
C/C0

Figura 4.9: Transitorio per la diffusione verticale di un gradino di sedimenti non pesanti (ws =
0 ⇒ R0 = 0).

z = −h (si veda anche l’esercizio 1.10),


   
C0 z − h C 0 z + h
C= erfc  q − erfc  q =
2 t 2 t
4Dz t 4Dz t
    
C0   h − z  h + z
= erf q + erf  q  (4.27)
2
4Dzt t 4Dzt t

Introdurre la parete in superficie libera equivale a replicare la (4.27) considerando


le sorgenti immagine:
    
X∞
C0 erf  h − z + 2jY  h + z + 2jY 
C= q + erf  q
2 j=−∞
4Dzt t 4Dzt t

L’andamento dei profili di concentrazione nel tempo è rappresentato in Figura


4.9: nel transitorio il gradino di concentrazione iniziale tende a diffondere verso
l’alto fino a raggiungere la concentrazione finale Cm data dalla (4.25). Si noti come
questa soluzione asintotica sia una soluzione limite per Ro → 0 della soluzione
trovata nel caso di sedimenti pesanti (Figura 4.8).
L’ordine di grandezza del tempo necessario a raggiungere il profilo di equilibrio
può essere valutato utilizzando
q la lunghezza scala della diffusione. Considerando la
radice della varianza σ = 2Dzt t = Y si ottiene

Y2 Y
td = = 7.4 = 412 s . (4.28)
2Dzt u∗

Si tenga presente che questo non è un valore numerico accurato, ma ci permette di


riconoscere la scala temporale caratteristica sulla quale avviene il fenomeno.

BOZZA - 7 ottobre 2005


60 4.5. Stratificazione verticale

Tempo scala nel caso di sedimento pesante. La stima ottenuta con la (4.28)
è valida anche nel caso di sedimento pesante; in questo caso si può però considerare
anche la scala temporale caratteristica del fenomeno di sedimentazione ws t = Y ,
dalla quale si ottiene ts = Y /ws = 300 s. È interessante notare che la dipenden-
za dalla profondità Y delle scale ts e td è la medesima. Il loro rapporto td /ts è
esattamente il numero di Rouse definito dalla (4.24): per valori piccoli di Ro la dif-
fusione avviene molto più velocemente della sedimentazione ed è quindi il fenomeno
prevalente.

4.5 Mescolamento in correnti stratificate vertical-


mente
Si stimi il tempo richiesto per il mescolamento lungo la verticale di uno scarico
posto a metà della profondità in un corpo idrico ricettore stratificato. La profondità
del canale è Y = 2 m, la pendenza i = 10−4 , la velocità media U = 0.12 m/s.
Temperatura dell’acqua T = 20◦ C. Altri dati: salinità in superficie Ssup = 18 ppt4 ,
sul fondo Sf on = 23 ppt; velocità in superficie usup = 0.42 m/s, in prossimità del
fondo uf on = 0.02 m/s.

L’esercizio prende spunto da un esempio riportato da Rutherford (1994): il


corpo d’acqua considerato (Lucas Creek) è uno dei molti piccoli fiumi soggetti alla
marea che scorrono ad Auckland (Nuova Zelanda). I profili verticali di velocità e
di salinità sono stati misurati in una sezione vicino alla bocca (dove il fiume sbocca
nel mare), durante un ciclo di marea. I due momenti più significativi sono la fase
di alta marea e quella di bassa marea. Durante la fase di alta marea la salinità è
sostanzialmente uniforme verticalmente, con un valore prossimo a quello delle acque
costiere adiacenti (29 ÷ 30 ppt). Durante la bassa marea, invece, il flusso di acqua
dolce del fiume causava una parziale stratificazione (con un profilo sostanzialmente
lineare di salinità e valori decrescenti da Ssup = 18 ppt in superficie e di Sf on = 23 ppt
in prossimità del fondo). Negli ambienti a marea una situazione di stratificazione
rilevante viene indicata con il termine cuneo salino.
Per prima cosa stimiamo il miscelamento nel caso in cui il corpo idrico sia non
stratificato. Essendo la velocità d’attrito u∗ = 0.044 m/s, stimiamo un coefficiente
di diffusione turbolenta mediato

Dzt = 0.067 u∗ Y = 5.9 · 10−3 m2 /s

Posto lo scarico in z0 = Y /2, sappiamo che la lunghezza convenzionale (Pm = 0.98)


per realizzare il mescolamento lungo la verticale è

UY 2
Lmv = 0.134 = 11 m
Dzt

da cui un tempo
tmv = Lmv /U = 91 s .
Durante la bassa marea il miscelamento verticale è parzialmente inibito. Nel caso
di fluido stratificato il coefficiente di diffusione ridotto può essere stimato utilizzando
la relazione
b
Dzt str = Dzt (1 + a Ri ) (4.29)
4 L’unità di misura della concentrazione in frazioni ppt corrisponde a parti per mille (part per

thousand); quindi 1 ppt = 1000 ppm.

BOZZA - 7 ottobre 2005


4. CAMPO VICINO 61

dove a e b sono coefficienti empirici (si veda la Tabella 4.2) e Ri è il numero di


Richardson " µ ¶ #
2
∂ρ ∂u
Ri = −g / ρ (4.30)
∂z ∂z

che rappresenta il rapporto tra le forze di galleggiamento e le forze inerziali. La


densità ρ del fluido può essere valutata in funzione della temperatura T e della
salinità S utilizzando la Tabella 4.35 . La densità al fondo alla temperatura T =
20◦ C è pari a ρf on = 1015.7 kg/m3 ; quella in superficie ρsup = 1011.9 kg/m3 .

Autore a b
(1) Munk and Anderson (1948) 10/3 -3/2
(2) Officer (1976) 1 -2
(3) Schiller amd Sayre (1975) 10/3 -5/4

Tabella 4.2: Coefficienti dell’equazione (4.30), nella quale il numero di Richardson Ri si intende
valutato con i valori mediati sul ciclo di marea (Rutherford, 1994).

T [◦ C]
S [ppt] 0 2 4 6 8 10 15 20 25 30
0 -13 -3 0 -5 -16 -32 -87 -177 -293 -433
5 397 403 402 394 381 362 301 207 87 -57
10 801 804 799 788 772 750 685 586 462 315
15 1204 1204 1195 1181 1162 1138 1067 964 836 686
20 1607 1603 1589 1573 1551 1532 1450 1342 1210 1057
25 2008 2001 1988 1970 1947 1920 1832 1720 1585 1428
30 2410 2400 2384 2363 2340 2308 2215 2098 1960 1801
32 2571 2560 2543 2521 2494 2464 2364 2250 2110 1950
34 2732 2719 2701 2678 2651 2619 2522 2402 2261 2100
36 2893 2879 2860 2836 2808 2775 2676 2554 2412 2250
38 3055 3040 3019 2994 2965 2931 2830 2707 2563 2400
40 3213 3200 3179 3153 3122 3088 2985 2860 2714 2550
42 3377 3361 3337 3310 3279 3243 3138 3011 2864 2700

Tabella 4.3: Variazioni dell’anomalia della densità σ con salinità e temperatura. La densità è
data da ρ = (1000 + σ/100) kg m−3 . Da Millero et al. (1976), citato in Rutherford (1994).

Poiché non conosciamo gli esatti profili di salinità e velocità, utilizziamo una
definizione semplificata del numero di Richardson (4.30)

∆ρ
Ri = −gY ,
ρ(∆u)2

formalmente corretta solo nel caso di profili verticali lineari. Calcoliamo le grandezze
da utilizzare:

∆u = usup − uf on = 0.40 m/s , ∆ρ = ρsup − ρf on = −3.8 kg/m3 ,


ρsup + ρf on
ρ= = 1013.8 kg/m3 ⇒ Ri = 0.46
2

Il coefficiente di diffusione in ambiente stratificato Dzt str risulta variabile in fun-


zione dei parametri della relazione (4.29). Calcoliamo la lunghezza e il tempo di
5 Per le temperature non riportate nella Tabella 4.3, i valori di σ da utilizzare nel calcolo di ρ

possono essere ottenuti interpolando linearmente tra i valori noti.

BOZZA - 7 ottobre 2005


62 4.6. Scarico a densità diversa

mescolamento verticale per le tre coppie di valori forniti dalla Tabella 4.2:

(1) : Dzt str = 1.5 · 10−3 m2 /s ⇒ Lmv = 44 m , tmv = 364 s


−3 2
(2) : Dzt str = 2.8 · 10 m /s ⇒ Lmv = 23 m , tmv = 193 s
−3 2
(3) : Dzt str = 1.9 · 10 m /s ⇒ Lmv = 35 m , tmv = 289 s

Come si nota chiaramente, in questo caso la stratificazione aumenta di 2 ÷ 4 vol-


te (a seconda della formulazione utilizzata) il tempo necessario per ottenere il
mescolamento.

4.6 Mescolamento di uno scarico a densità diversa


Si stimi la distanza di diluizione di uno scarico a temperatura elevata (Ts = 23.4◦ C)
in un corpo idrico a temperatura Ta = 15◦ C. Lo scarico avviene in sponda in
superficie libera. Dati: profondità Y = 2 m, velocità media U = 0.65 m/s, pendenza
if = 1.27 · 10−4 , portata scaricata Qs = 32 m3 /s.

Anche questo esercizio prende spunto da un esempio riportato da Rutherford


(1994): una centrale scarica superficialmente le acque di raffreddamento nel fiume
Waikato (Nuova Zelanda) in prossimità di una sponda. Lo scarico, essendo più caldo
del fluido ambiente che lo riceve, subisce un effetto di galleggiamento che tende a
inibirne il mescolamento. Questo caso è concettualmente diverso dai precedenti:
non si realizza la diluizione di una concentrazione, bensı̀ la diluizione dello scarico
stesso fino ad una condizione in cui la differenza di densità scompare (corrispondente
al ‘miscelamento’ della temperatura). Lo scarico tenderà a galleggiare e a creare una
stratificazione del corpo idrico recettore, che però non possiamo facilmente valutare
a priori e non abbiamo indicazioni sul numero di Richardson se non quella che è
plausibile ritenere che tenderà a diminuire allontanandosi dallo scarico.
Calcoliamo
p inizialmente alcune grandezze idrauliche. La velocità d’attrito è
uf = gif Y = 0.05 m/s; la diffusività turbolenta mediata sulla verticale è Dzt =
0.067 u∗ Y = 6.7 · 10−3 m2 /s nel caso non stratificato. La distanza di mescolamento
è di conseguenza
Lmv = 0.536 U Y 2 /Dzt = 208 m (4.31)
(Pm = 0.98 e scarico in superficie libera); nel caso si consideri invece Pm = 0.8, la
distanza necessaria sarà chiaramente minore:

Lmv = 0.293 U Y 2 /Dzt = 114 m . (4.32)

Dobbiamo poi calcolare la densità del corso d’acqua e quella dello scarico. As-
sumendo una salinità nulla per entrambi, dalla Tabella 4.3 possiamo calcolare l’a-
nomalia della densità alle due diverse temperature. Per il corso d’acqua a 15◦ C si
trova σ = −87, da cui ρ = 999.13 kg/m3 . Per lo scarico a 23.4◦ C, interpolando
linearmente tra i valori a T = 20◦ C e T = 25◦ C, si ha invece σ = −255.88 e quindi
ρ = 997.44 kg/m3 . Nel punto di scarico si ha quindi una differenze di densità pari a

∆ρ = ρa − ρe = 1.69 kg/m3 .

Nel caso di uno scarico caldo, il miscelamento dipende dal parametro

U
Fd = p , (4.33)
gY ∆ρ/ρa

BOZZA - 7 ottobre 2005


4. CAMPO VICINO 63

Figura 4.10: Lunghezza adimensionale di mescolamento x/(U Y /u∗ ) (4.34) in funzione del
numero di Froude densimetrico Fd (4.33). Il grafico è riportato in Rutherford (1994).

numero di Froude densimetrico dell’effluente. Per valori piccoli di Fd (Fd < 1,


corrispondenti a forti differenze di densità) la stratificazione indotta dallo scarico
tende ad essere stabile; per Fd > 15 si ha invece la condizione di scarico neutro.
Trattandosi di un problema molto complesso, possiamo utilizzare il grafico di Figura
4.10, nel quale la lunghezza di diluizione dello scarico è espressa in funzione di Fd
in termini adimensionali come
x
x∗ = , (4.34)
U Y /u∗

che non è altro che un modo alternativo di esprimere la scala L = U Y 2 /Dzt .


Sostituendo la struttura della diffusività turbolenta, si trova infatti

UY 2
L= = 14.9 U Y /u∗
0.067 u∗ Y
Nel caso in esame inizialmente si ha Fd = 3.57; per tale valore, dal grafico di
Figura 4.10 si ricava
xu∗
' 10 ⇒ x ' 260 m (4.35)
UY
che corrisponde alla distanza necessaria per diluire lo scarico caldo. Vale la pena
discutere il confronto tra i risultati ottenuti: Rutherford (1994) nota che la soluzione
(4.35) è circa doppia rispetto alla distanza di miscelamento (4.32) per uno scarico
in un fluido non stratificato. Se però consideriamo la (4.31), le due soluzioni sono
comparabili. La differenza sostanziale tra la (4.31) e la (4.32) è dovuta solamente
alla definizione convenzionale dell’avvenuto mescolamento. In questo senso, la stima
operata dalla (4.35) dipende dalla definizione utilizzata dagli sperimentatori per
quanto riguarda il valore numerico, mentre rimane valido in ogni caso l’ordine di
grandezza. Si noti che tutta l’analisi è comunque fortemente approssimata, perché
sono stati trascurati molteplici fattori, come il fatto che lo scarico è un getto che
possiede una quantità di moto non trascurabile e che gli esperimenti che hanno
condotto alla Figura 4.10 utilizzavano un diffusore trasversale.
E’ possibile infine fare un confronto con le misure di campo sul fiume Waikato: in
un tratto fino a 300 m dallo scarico le differenze di temperatura erano apprezzabili,

BOZZA - 7 ottobre 2005


64 4.6. Scarico a densità diversa

mentre dopo 450 m i gradienti diventavano trascurabili. L’analisi riesce quindi ad


individuare correttamente l’ordine di grandezza del valore cercato, ma è bene tener
sempre presenti le incertezze insite nell’individuazione di un valore numerico preciso.

BOZZA - 7 ottobre 2005


Capitolo 5

Esercizi sulla diluizione in


campo intermedio

In questo capitolo affronteremo il processo di mescolamento nel campo interme-


dio, quando la concentrazione può essere considerata costante lungo la coordinata
verticale del corso d’acqua, ovvero ad una distanza dallo scarico

Lmv = L∗mv U Y 2 /Dzt (5.1)

tale da poter considerare concluso il mescolamento verticale. Nella (5.1) il valore


di L∗mv dipende dalla posizione z0∗ dello scarico e dal modello utilizzato (coefficienti
variabili o coefficienti costanti).
Anche in questo capitolo viene utilizzata l’ipotesi che i coefficienti siano costanti.
Non viene però trascurato il fatto che i profili verticali di velocità e diffusività
turbolenta non siano uniformi: ciò dà origine al fenomeno noto come dispersione,
quantificabile attraverso dei coefficienti che si sommano agli usuali coefficienti di
diffusione turbolenta.
I coefficienti di dispersione sono solitamente indicati con Kx e Ky , rispettiva-
mente per la direzione longitudinale e trasversale. La dispersione connessa a Kx
è data dalla non uniformità del profilo verticale della velocità longitudinale, come
descritto nel primo volume delle Dispense del corso. Una stima teorica nel caso del
profilo logaritmico è
Kx = 5.86 u∗ Y
e fornisce un valore molto più elevato di quello relativo alla sola diffusione turbolenta
Dxt ' Dzt = 0.067 u∗ Y .
La dispersione trasversale è invece legata ai profili verticali della velocità tra-
sversale e quindi alle correnti secondarie generate primariamente da variazione to-
pografiche. Alcune relazioni per stimare Ky sono riportate nel secondo volume delle
Dispense.

5.1 Sorgente puntuale e stazionaria al centro del


canale
Un’industria scarica una portata Qe = 104 m3 /giorno di effluente contenente una
sostanza non reattiva in concentrazione pari a Ce = 200 ppm al centro di un corso
d’acqua meandriforme. Calcolare l’estensione trasversale della nuvola e la massima
concentrazione ad un distanza x = 1000 m dallo scarico, con U = 1 m/s, Y = 8 m,
B = 200 m, if = 10−4 .

65
66 5.1. Sorgente puntuale stazionaria

Inizialmente possiamo valutare le caratteristiche idrodinamiche della corrente


per la stima del coefficienti di dispersione e le caratteristiche dello scarico:
p
u∗ = gRh iF = 0.085 m/s ,
Ṁ = Qe · Ce = 23.15 g/s ,

avendo ipotizzato che la densità dell’effluente sia pari a ρ = 1000 kg/m3 . La portata
del refluo Qe = 0.116 m3 /s è trascurabile in termini di contributo liquido rispetto a
quella del corso d’acqua Q = U BY = 1600 m3 /s. Il coefficiente di dispersione tra-
sversale totale, includendo anche il coefficiente di diffusione turbolenta, può essere
valutato, per un alveo meandriforme, assumendo α = 0.6:

Ky + Dyt = αu∗ Y = 0.6 u∗ Y = 0.41 m2 /s

Per prima cosa verifichiamo che il mescolamento sulla verticale sia completo. La
distanza necessaria è
UY 2 UY
Lmv = (0.134 ÷ 0.536) = (2 ÷ 8) = (188 ÷ 751) m (5.2)
Dzt u∗

dove la variabilità è dovuta al punto di scarico e si utilizzata la stima di Dzt utilizzata


nel capitolo precedente. In x = 1000 m risulta quindi conclusa la fase di campo
vicino e la concentrazione si può ritenere uniforme su tutta la profondità.
L’estensione trasversale della nuvola può essere stimata in forma approssimata
trascurando la presenza delle sponde del canale, che rappresentano delle pareti im-
permeabili al flusso di concentrazione. Ipotizzando come di consueto che il processo
di diluizione sia diffusivo si trova
r ³ ´ r ³ ´
Lnuvola ∼ 4σ = 4 2 Dyt + Ky t = 4 2 Dyt + Ky x/U = 114 m

dove σ è la radice quadrata della varianza della nuvola. Dal momento che Lnuvola
è sensibilmente minore della larghezza del canale B, ossia stiamo esaminando un
punto sufficientemente vicino allo scarico, equidistante dalle due pareti, la presenza
delle sponde può essere ragionevolmente trascurata. Analogamente la massima
concentrazione può essere stimata come:

Ṁ /Y
Cmax = r ³ ´ = 0.0404 g/m3 (5.3)
4π Ky + Dyt U x

Una stima dell’approssimazione introdotta può essere effettuata effettuata uti-


lizzando la soluzione completa, senza trascurare cioè la presenza delle sponde del
canale. Tale soluzione può essere scritta in termini adimensionali come

( " # " #)
1 X (y ∗ − y0∗ + 2j)
2
(y ∗ + y0∗ + 2j)
2

C =√ exp − + exp − (5.4)
4πx∗ j=−∞ 4x∗ 4x∗

avendo introdotto le scale


U B2
y = y∗ B , x = x∗ , C = C ∗ Cm
Ky + Dyt

dove Cm = Ṁ /Q = 0.145 g/m3 . Cerchiamo una soluzione utilizzando i grafici


adimensionali riportati nell’Appendice A.2. Il punto di osservazione x = 1000 m si
trova alla coordinata x∗ = 0.0103; dalla Figura A.4 relativa ad un punto di scarico

BOZZA - 7 ottobre 2005


5. CAMPO INTERMEDIO 67

nel mezzo del canale (y0∗ = 0.5) si ottiene Cmax∗


' 3 e quindi Cmax ' 0.04 g/m3 ;
la lettura del grafico non consente un numero di cifre significative più elevato. Il
grafico ci consente inoltre di avere un’idea approssimata della dimensione trasversale
della nuvola.
Risolvendo numericamente la (5.4) si può ottenere una precisione maggiore e

trovare Cmax = 2.78, ossia Cmax = 0.0404 g/m3 , risultato equivalente a quello
trovato con la (5.3). Si noti che tale corrispondenza cessa di essere valida per
distanze x maggiori, quando la presenza delle sponde diventa determinante.
La lunghezza di mescolamento trasversale si ottiene facilmente utilizzando una
formulazione equivalente alla (5.2)

U B2
Lmt = 0.134 = 13.1 km
Ky + Dyt

5.2 Scarico puntuale in prossimità della sponda


Uno scarico accidentale di una sostanza non reattiva avviene in prossimità di una
sponda di un corso d’acqua rettificato, con U = 0.6 m/s, B = 60 m, Y = 2 m e
if = 2·10−4 . Calcolare la distanza necessaria per completare la fase di mescolamento
trasversale.

L’unico meccanismo di diluizione nella direzione trasversale che si realizza in un


alveo rettilineo è dovuto alla diffusione turbolenta. Infatti la non uniformità del
profilo verticale della velocità longitudinale u introduce un meccanismo dispersivo
che agisce solo nella direzione longitudinale. La dispersione trasversale è invece
dovuta alla non uniformità verticale della velocità trasversale v: in un alveo rettili-
neo a fondo piano tale velocità può essere assunta sostanzialmente nulla. Quindi la
diffusione turbolenta trasversale può essere quantificata come:

Dyt ∼
= 2Dzt = 0.13 u∗ Y = 0.0158 m2 /s

dove è stata utilizzata una velocità d’attrito pari a u∗ = gRh iF = 0.061 m/s.
L’equazione differenziale che governa il fenomeno si può scrivere per il campo
intermedio nella forma

∂C ∂C ∂2C ∂2C
+U = Dxt + Dy
t , (5.5)
∂t ∂x ∂x2 ∂y 2

dove si è fatta l’ipotesi che il modello a coefficienti costanti sia adeguato e si con-
sidera esaurito il mescolamento verticale (quindi la concentrazione C è un valore
mediato sulla profondità). Introduciamo una variabile ξ = x − U t per semplificare
la (5.5):
∂C ∂2C ∂2C
= Dxt 2
+ Dyt . (5.6)
∂t ∂ξ ∂y 2
La soluzione della (5.6) è
· ¸
M/Y (x − U t)2
C= q exp ·
4π Dxt Dyt t 4Dxt t

( " # " #)
X (y − y0 + 2jB)2 (y + y0 + 2jB)2
· exp + exp (5.7)
j=−∞
4Dyt t 4Dyt t

BOZZA - 7 ottobre 2005


68 5.2. Scarico puntuale in sponda

con y0 posizione dello scarico (per lo scarico in sponda y0 = 0). La (5.7) può
anche essere scritta separando la diffusione nella direzione longitudinale da quella
trasversale:
· ¸
M/Y (x − U t)2 e
C(t, x, y) = q exp C(t, y) (5.8)
4πDxt t 4Dxt t

dove

( " # " #)
1 X (y − y0 + 2jB)2 (y + y0 + 2jB)2
e
C(t, y) = q exp + exp
4πDyt t j=−∞ 4Dyt t 4Dyt t
(5.9)
La lunghezza necessaria per il completo mescolamento trasversale si determina
richiedendo che Pm = Cmin /Cmax sia superiore ad un valore fissato, ad esem-
pio 0.98. Tale parametro, come si vede chiaramente facendo il rapporto tra le
concentrazioni C|y=B e C|y=0 calcolate mediante la (5.7), è indipendente dalla
diffusione nella direzione longitudinale: infatti tale rapporto si può scrivere come
e B)/C(t,
C(t, e 0) e il mescolamento dipende solamente dal tempo t trascorso succes-
sivamente allo scarico. Per il baricentro della nuvola si ha che x = U t e si può
introdurre di conseguenza una distanza di mescolamento. Il raggiungimento del
miscelamento trasversale si può perciò valutare in maniera analoga a quanto visto
nell’esercizio 5.1 per una sorgente puntuale e stazionaria. La procedura appare più
chiara rendendo adimensionale la (5.9), utilizzando le scale introdotte per il campo
intermedio
y t
y ∗ = , t∗ = ,
B B /Dyt
2

con le quali si ottiene

X∞ ½ · ∗ ¸ · ∗ ¸¾
e ∗ , y∗ ) = 1 · √ 1 (y − y0∗ + 2j)2 (y + y0∗ + 2j)2
C(t exp + exp
B 4π t∗ j=−∞ 4 t∗ 4 t∗
(5.10)
La (5.10) è identica alla (5.4) se si sostituisce t∗ con x∗ . L’unica differenza è il
termine moltiplicativo 1/B: una volta raggiunto il mescolamento trasversale la
(5.10) tende a tale valore e la (5.8) degenera nella soluzione valida nel campo lontano.
Per uno scarico ubicato in sponda la lunghezza di mescolamento risulta quindi
essere pari a
U B2
Lmt = 0.536 = 73.4 km .
Dyt

Normalmente un corso d’acqua difficilmente si mantiene rettilineo per una tale di-
stanza, quindi la diluizione si realizza ad opera non solo della diffusione turbolen-
ta ma anche della dispersione indotta dall’andamento non perfettamente rettili-
neo. Questo effetto può essere quantificato stimando un opportuno coefficiente di
dispersione trasversale compreso tra i valori:

Ky + Dyt = (0.15 ÷ 0.6)u∗ Y = (0.018 ÷ 0.073) m2 /s

In questo caso la nuova stima per la lunghezza di mescolamento risulta essere


inferiore:
U b2
Lmt = 0.536 = (70 ÷ 16) km
Ky + Dyt

BOZZA - 7 ottobre 2005


5. CAMPO INTERMEDIO 69

5.3 Confronto fra una sorgente puntuale e un dif-


fusore
Un corso d’acqua usato per l’allevamento delle trote è soggetto ad uno scarico di
un effluente trattato proveniente da una miniera. Il mescolamento deve essere suf-
ficientemente rapido da produrre un grado di mescolamento Pm = 0.9 in meno di 5
minuti. È sufficiente uno scarico ubicato a B/4 dalla sponda o è necessario un dif-
fusore? Si assuma if = 5 · 10−4 , B = 6 m, ks = 15 m1/3 s−1 (alveo con vegetazione)
e Q = 1 m3 /s.

p 2/3
Utilizzando la relazione di moto uniforme Q = BY ks if Rh si possono stimare
le grandezze caratteristiche del corso d’acqua: Y = 0.72 m, U = 0.23 m/s e u∗ =
0.053 m/s. Il mescolamento nel piano della sezione si realizza, nel caso di sorgente
ubicata a B/4 dalla sponda, ad opera della diffusione-dispersione trasversale. Non
avendo a disposizione alcuna indicazione sull’andamento planimetrico dell’alveo si
stimano i coefficienti di diffusione turbolenta e dispersione nella seguente maniera:

Ky + Dyt = (0.15 ÷ 0.30) u∗ Y = (0.006 ÷ 0.012) m2 /s

0.9
P =0.9
m
0.8

0.7 z*0=0

0.6 *
y0=0.25
Pm

0.5

0.4

0.3

0.2

0.1

0
0 0.1 0.2 0.3 0.4 0.5 0.6 0.7 0.8
x*

Figura 5.1: Rapporto di mescolamento Pm = Cmin /Cmax in funzione della distanza adimen-
sionale x∗ , per uno scarico posizionato in z0∗ = 0 (diffusore trasversale posto sul fondo con me-
scolamento sulla verticale) o in y0∗ = 0.25 (scarico puntuale, mescolamento trasversale nel campo
intermedio).

Dalla Figura 5.1 si ricava che il grado di mescolamento Pm = 0.9 per una
sorgente ubicata in y0∗ = 0.25 si realizza per x∗ = 0.35. La scala longitudinale del
mescolamento trasversale vale:

U B2
Lt = = (690 ÷ 1380) m
Ky + Dyt

BOZZA - 7 ottobre 2005


70 5.4. Diffusore di lunghezza finita

quindi il grado di mescolamento è 90% a una distanza dall’origine pari a:


x(Pm =0.9) = 0.35 Lt = (241.5 ÷ 483) m ,
a cui corrisponde un tempo
x(Pm =0.9)
t(Pm =0.9) = = (17.5 ÷ 35) minuti .
U
Lo scarico ubicato a B/4 non è quindi sufficiente a garantire il mescolamento in 5
minuti. Un diffusore ubicato sul fondo del canale ed esteso lungo tutta la sezione
produce un mescolamento più rapido perché svolge il compito di distribuire la con-
centrazione lungo la trasversale, che risulta essere il compito più gravoso. Rimane
da compiere il mescolamento sulla verticale: essendo posto sul fondo (z0∗ = 0) il
grado di mescolamento Pm = 0.9 si realizza per x∗ = 0.37, ma la scala longitudinale
caratteristica è in questo caso
UY 2 UY
Lv = =
Dzt 0.067 u∗
e il mescolamento si realizza quindi per
x = 0.37 Lv = 17 m ⇒ t = 1.2 minuti .

5.4 Diffusore di lunghezza finita


Si valuti la distanza necessaria perché si completi il mescolamento trasversale in
presenza di un diffusore trasversale di lunghezza finita S collocato sul fondo di canale
rettilineo di larghezza B e profondità Y . Si consideri uno scarico stazionario Ṁ e
una portata del corso d’acqua Q.

Collochiamo idealmente il diffusore tra una sponda e un punto generico y0 = S


della sezione trasversale, assumendo l’origine dell’asse y nella sponda stessa. Trascu-
rando la diffusione longitudinale rispetto alla diffusione (numero di Peclet elevato),
ponendosi nel campo intermedio (mescolamento verticale completato) e ipotizzando
di poter considerare costanti i coefficienti dell’equazione differenziale
∂C ∂2C
U = Dyt ,
∂x ∂y 2
la soluzione deriva da quella valida per una concentrazione iniziale a gradino di
larghezza finita (si vedano ad esempio l’esercizio 1.10, al quale vanno aggiunte le
pareti date dalle sponde del canale, e l’esercizio 4.4.1):
∞ · µ ∗ ¶ µ ∗ ¶¸
∗ C0∗ X y + yS∗ + 2j y − yS∗ + 2j
C = erf √ − erf √ (5.11)
2 j=−∞ 4x∗ 4x∗

dove sono state introdotte le scale


U B2 Ṁ
y = y∗ B , S = yS∗ B , x = x∗ , C = C∗ . (5.12)
Dyt Q

La concentrazione nella porzione di area della sezione relativa al diffusore, attraverso


la quale transita una portata QS = Q S/B, è

Ṁ Q B
C0 = ⇒ C0∗ = = .
QS QS S

BOZZA - 7 ottobre 2005


5. CAMPO INTERMEDIO 71

0.9

0.8
y*=0.475
0.7 0
y*S=0.95
y*0=0.45
0.6 *
y0=0.25
Pm

0.5
y*=0.35 y*=0.15
0
0
0.4
*
yS=0.9 y*0=0.05
0.3

0.2 y* =0.5
S
y*S=0.7 *
yS=0.3
0.1 *
yS=0.1
0 −3 −2 −1 0
10 10 10 10
x*
Figura 5.2: Rapporto di mescolamento trasversale Pm = Cmin /Cmax in funzione della distanza
adimensionale x∗ (in scala logaritmica). Le curve in linea continua corrispondono a diverse lun-
∗ = S/B; le curve punteggiate si riferiscono alla soluzione per uno
ghezze del diffusore trasversale yS
scarico puntuale posto in y0 e possono essere confrontate con le precedenti quando y0∗ = yS ∗ /2.

1.2 3
1.1
1 2.5
0.9
0.8 2
0.7
C*

0.6
C*

1.5
0.5
0.4 1
0.3
0.2 0.5
0.1
0 0
0 0.1 0.2 0.3 0.4 0.5 0.6 0.7 0.8 0.9 1 0 0.1 0.2 0.3 0.4 0.5 0.6 0.7 0.8 0.9 1
y* y
*

Figura 5.3: Diffusore di lunghezza finita S = 0.95 B, assumendo che la concentrazione sia
uniforme sulla verticale: a sinistra l’andamento della concentrazione per diverse sezioni (0 < x∗ <
1); a destra la soluzione per il diffusore trasversale (linea continua) è confrontata con la soluzione
ottenuta per x∗ = 0.01 nel caso di uno scarico posto in y0∗ = yS ∗ /2 = 0.475 (linea punteggiata).

In Figura 5.2 viene rappresentato il grado di mescolamento trasversale (fissata


una quota z)
Cmin
Pm =
Cmax
in funzione della distanza per diverse lunghezze S del diffusore. Richiedendo Pm =
0.98 sulla trasversale, dalla figura si trova una coordinata x∗mt per la quale il
mescolamento trasversale è realizzato.
Restano infine da discutere alcune considerazioni sulla distanza necessaria per
il mescolamento verticale; assumendo che questo sia completo quando Pm = 0.98

BOZZA - 7 ottobre 2005


72 5.5. Strato di mescolamento

sulla verticale e che lo scarico sia collocato sul fondo, la lunghezza risulta

UY 2
Lmv = 0.536 .
Dzt

Quando x = Lmv , in base alle (5.12) si trova una coordinata adimensionale


µ ¶2 µ ¶2
Lmv 0.536Dyt Y Y
x∗mv = = ∼
= 1.072 (5.13)
U B 2 /Dyt Dzt B B

che può essere confrontata con la coordinata x∗mt trovata in precedenza. Quando il
diffusore è abbastanza lungo, il mescolamento trasversale si realizza prima di quello
verticale: fattori rilevanti sono i rapporti S/B e Y /B. Sono però necessari diffusori
piuttosto lunghi: per B ' 10 Y la (5.13) prevede x∗mv ' 0.01; dalla Figura 5.2 si
trova che per x∗ ' 0.01 il mescolamento trasversale non è ancora completo neppure
per un diffusore con S ' 0.95 B. Un diffusore di lunghezza prossima alla larghezza
del canale consente però di diluire più rapidamente ed uniformare la concentrazione
su gran parte della sezione trasversale, avvicinandola al valore asintotico raggiunto
al termine del mescolamento, come si può notare in Figura 5.3. Naturalmente per
S = B il mescolamento trasversale è istantaneo.

5.5 Mescolamento delle acque provenienti da due


correnti
Una città è servita da un acquedotto che utilizza le acque provenienti in parte da
sorgenti locali, in parte da un corso d’acqua limitrofo. Le due acque hanno composi-
zione chimica significativamente diversa e devono essere miscelate prima di essere
convogliate all’impianto di potabilizzazione. Sia Q = 1.5 m3 /s la portata di ciascuna
corrente. Si calcoli la distanza necessaria per il completo mescolamento trasversale
(Pm = 0.9) per un canale rettangolare con B = 6 m, if = 0.001, ks = 35 m1/3 s−1 in
due casi: (a) canale rettilineo; (b) canale curvilineo con raggio di curvatura costante
pari a R = 30 m.

Il problema richiede di miscelare due correnti, di cui una ‘pulita’ (corrente


1) e l’altra ‘sporca’ (corrente 2, con concentrazione C0 ). Una volta mescolate la
concentrazione sarà data da
Q2
Cm = C0 .
Q1 + Q2

Nel caso specifico si ha che Q1 = Q2 = Q e quindi Cm = C0 /2. Calcoliamo


dapprima le caratteristiche idrodinamiche della corrente di portata 2Q = 3 m3 /s
p 2/3
dopo la confluenza. Mediante la relazione di moto uniforme Q = BY ks if Rh
troviamo Y = 0.67 m, U = 0.74 m/s e u∗ = 0.073 m/s; da questi valori si stima il
coefficiente di diffusione-dispersione

Dyt + Ky = αu∗ Y (5.14)

dove α dipende dalla tipologia del canale. Nel caso (a) assumiamo α = 0.15: la
(5.14) ci fornisce
Dyt + Ky = 7.4 · 10−3 m2 /s . (5.15)

BOZZA - 7 ottobre 2005


5. CAMPO INTERMEDIO 73

Nel caso (b) valutiamo il coefficiente di dispersione utilizzando la relazione proposta


da Fischer (1969)
µ ¶2 µ ¶2
U Y
α = 22
u∗ R
e otteniamo
Dyt + Ky = 56 · 10−3 m2 /s . (5.16)

Consideriamo avvenuto il mescolamento quando Pm = 0.9. Possiamo cer-


care una soluzione approssimata considerando una sorgente puntuale ubicata in
prossimità della sponda; in questo caso x∗mt ' 0.37 e di conseguenza

U B2
Lmt = x∗mt , (5.17)
Dyt + Ky

che fornisce: (a) Lmt = 1334 m e (b) Lmt = 177 m. Si tenga presente che questi
valori rappresentano una stima in eccesso. Appare chiaramente poi come nel caso
del canale curvo la generazione di correnti secondarie aumenta molto il coefficien-
te di dispersione (5.16) rispetto al caso rettilineo (5.15) e quindi la lunghezza di
mescolamento diminuisce di un ordine di grandezza.
Una soluzione più precisa si ottiene osservando che la situazione in esame cor-
risponde ad un diffusore di lunghezza finita pari a B/2, esaminato nell’esercizio
5.4. La soluzione (5.11) ci fornisce un valore della coordinata x∗mt ' 0.32, da cui si
ottiene mediante la (5.17): (a) Lmt = 1153 m e (b) Lmt = 153 m.

5.6 Miscelamento in un alveo naturale


In prossimità dell’abitato di S. Michele all’Adige è localizzata la confluenza della
fossa di Caldaro nel fiume Adige. Le acque della fossa e dell’Adige hanno com-
posizione chimica diversa. Circa 6 km a valle il torrente Noce sfocia nell’Adige.
La portata dell’Adige a monte della confluenza con la fossa di Caldano è pari a
Qa = 116 m3 /s. Sapendo che la portata e la concentrazione di inquinante nella
fossa sono rispettivamente Qc = 20 m3 /s e C0 = 1 mg/m3 , stabilire (a) se il mesco-
lamento è superiore al 90% in corrispondenza della confluenza con il Noce (sezione
321). Determinare inoltre (b) il valore della concentrazione nel punto y = 20 m del-
la sezione 295. La coordinata y ha origine in corrispondenza della sponda destra;
in Figura 5.4 è rappresentanta la zona presa in considerazione.

Figura 5.4: Planimetria del tratto di Adige compreso tra la confluenza con la fossa di Caldaro
e la confluenza con il torrente Noce.

BOZZA - 7 ottobre 2005


74 5.6. Portata cumulata

Le caratteristiche geometriche ed idrodinamiche delle sei sezioni indicate in


planimetria sono riportate in Tabella 5.1.

j Sezione x B U Ω/B u∗ Ky Lj
[m] [m] [m/s] [m] [m] [m2 /s] [m]
1 287 0 57.58 0.67 3.50 0.082 0.086 823
2 295 1646 60.66 0.56 4.02 0.066 0.080 1343
3 302 2686 59.42 1.05 2.18 0.138 0.090 1505.5
4 314 4657 57.86 0.82 2.86 0.103 0.088 1358.5
5 318 5403 56.75 0.77 3.10 0.095 0.088 580.5
6 321 5818 65.49 1.02 2.04 0.134 0.082 207.5

Tabella 5.1: Caratteristiche delle sezioni raffigurate in Figura 5.4: distanza x, larghezza in
superficie libera B, velocità media sulla sezione U , profondità media Ω/B (con Ω area della sezione),
velocità d’attrito media sulla sezione u∗ , coefficiente di dispersione mediato sulla sezione Ky ,
lunghezza del tratto Lj .

Il problema può essere risolto applicando il metodo della portata cumulata,


noto anche come modello a tubi di flusso; infatti in un alveo naturale l’altimetria
delle sezioni è molto variabile e un modello che ipotizzi una sezione rettangolare è
spesso poco realistico perché non si riesce a seguire lo spostamento della nuvola di
concentrazione nella sezione dovuto a variazioni topografiche.
La portata totale, dopo la confluenza tra la fossa di Caldaro e l’Adige, è

Q = Qc + Qa = 136 m3 /s .

La sorgente ha un’estensione trasversale, valutata in termini della variabile trasver-


sale q (portata cumulata), pari a qc = 20 m3 /s, che in forma adimensionale è pari
a
Qc
qc∗ = = 0.147
Q
Per la valutazione della scala longitudinale caratteristica è necessario stimare il
coefficiente di diluizione efficace De :
µ ¶2

De = ψKy U (5.18)
B
dove vengono considerati i valori mediati sulla sezione di Ky e U , il termine Ω/B
rappresenta la profondità media e si assume che il fattore di forma ψ sia pari a 2; i
valori sono riportati nella Tabella 5.2. Per poter applicare il modello a coefficienti
costanti sul tratto di fiume considerato è necessario definire la media pesata dei
coefficienti valutati in ogni sezione attraverso la (5.18):
6
ce = 1 X
D De j Lj = 1.20 m5 /s2 . (5.19)
Ltot j=1

L’equazione differenziale che governa il problema è quindi


2
∂C ce ∂ C
=D (5.20)
∂x ∂q 2
dove C è la concentrazione mediata sulla profondità.
La scala longitudinale caratteristica di questo problema, valutata con il metodo
della portata cumulata, vale:
Q2
L= = 15.4 km (5.21)
ce
D

BOZZA - 7 ottobre 2005


5. CAMPO INTERMEDIO 75

j 287 295 302 314 318 321


De j [m5 /s2 ] 1.43 1.44 0.88 1.18 1.31 0.70

Tabella 5.2: Valori del coefficiente di diluizione efficace De , valutato mediante la (5.18).

Ora abbiamo gli elementi necessari per poter risolvere il problema in maniera analo-
ga a quanto fatto negli esercizi precedenti. Si noti che la scala caratteristica sarebbe
stata
UbBb2
L0 = = 32.4 km (5.22)
Kcy

nel caso del modello tradizionale, avendo calcolato U b = 0.800 m/s, B b = 59.03 m e
c 2
Ky = 0.0861 m /s. La differenza tra la (5.21) e la (5.22) è legata principalmente
al fattore di forma; si trova infatti che una valutazione del coefficiente di diffusione
efficace in termini delle grandezze mediate sul tratto di fiume

ce = ψ K
D cy U
b Yb 2 = 1.27 m5 /s2

non differisce in modo significativo dalla (5.19).

(a) La sezione 321 si trova ad una distanza dalla confluenza fra l’Adige e la fossa
di Caldaro pari a 5818 m, corrispondente a x∗321 = 5818 m/L = 0.377, dove L è
stato calcolato nella (5.21). Il campo di concentrazione e quindi il valore del grado
di mescolamento nel corso d’acqua sono rappresentati in forma adimensionale in
Figura 5.5, sulla base della soluzione valida per un diffusore di lunghezza finita
compreso nell’intervallo 0 ≤ q ∗ ≤ qc∗ , già trovata con la (5.11),
∞ · µ ∗ ¶ µ ∗ ¶¸
∗ C0∗ X q + qc∗ + 2j q − qc∗ + 2j
C = erf √ − erf √
2 j=−∞ 4x∗ 4x∗

dove il problema è stato reso adimensionale utilizzando le relazioni

Q2
q = q∗ Q , x = x∗ , C = C ∗ Cm ,
ce
D

e indicando con
Qc
Cm = C0 = 0.147 mg/m3 (5.23)
Q
il valore asintotico che si realizza al termine del processo di mescolamento, da cui
si ricava C0∗ = C0 /Cm = 6.8.
In corrispondenza della sezione 321, cioè per x∗ = 0.377, si ricavano i valori:

∗ ∗
Cmin = 0.95 , Cmax = 1.05

e il grado di mescolamento vale quindi



Cmin
Pm = ∗
= 0.90 .
Cmax

Il grado di mescolamento nella sezione 321 è dunque del 90% come richiesto dal
problema.

BOZZA - 7 ottobre 2005


76 5.6. Portata cumulata

1.0
0.13 0.63
0.80
0.25

0.8
0.85
0.75 0.95
0.50
0.90

0.6 0.98

1.00
q*

0.4
1.02

1.25
1.05
1.38 1.15
0.2 1.10
2.00 1.75
1.50
2.50

4.00
0.0
0.05 0.10 0.15 0.20 0.25 0.30 0.35 0.40
*
x

Figura 5.5: Campo di concentrazione a valle di uno scarico distribuito di larghezza qc∗ = 0.15,
avente concentrazione C0∗ = 6.8, ubicato in prossimità della sponda destra.

140 140

120 120

100 100

80 80
q[m 3/s]

60 60

40 40
Sezione 287 32 Sezione 295

20 20

0 0
0 10 20 30 40 50 60 70 0 10 20 30 40 50 60 70

y[m] y[m]

Figura 5.6: Andamento della portata cumulata lungo la coordinata trasversale.

(b) Il punto ubicato a 20 m dalla sponda in corrispondenza della sezione 295 ha


una coordinata trasversale, espressa in termini di portata cumulata, che può essere
ricavata dal grafico di destra della Figura 5.6: q(y=20 m) = 32 m3 /s. Le coordinate
adimensionali del punto sono:

(qy=20 m) 32 1646 m
q∗ = = = 0.24 , x∗ = = 0.11
Q 136 L

In corrispondenza di questa coppia di punti, dalla Figura 5.5 si ricava

C ∗ = 1.5

e quindi, ricordando la scala (5.23), il valore della concentrazione nel punto y = 20 m


della sezione 295 vale
C = C ∗ Cm = 0.22 mg/m3 .

BOZZA - 7 ottobre 2005


5. CAMPO INTERMEDIO 77

5.7 Miscelamento in un alveo con golene


Un’industria casearia scarica 250 g/s di sostanza inquinante in un corso d’acqua
ad andamento planimetrico rettilineo con le seguenti caratteristiche: portata liquida
Q = 250 m3 /s, pendenza del fondo if = 10−4 , larghezza B = 120 m. Posto Ky =
0.3 u∗ Y , determinare la regione in cui si ha C ≥ Clim = 4 g/m3 nel caso in cui
lo scarico sia ubicato in sponda. La geometria della sezione è schematicamente
rappresentata in Figura 5.7.

Figura 5.7: Rappresentazione schematica di una sezione trasversale in presenza di zone golenali:
Y1 = 1 m, Y2 = 3 m, b1 = 40 m, b2 = 80 m, ks2 = 2ks1 .

Il problema può essere risolto in forma approssimata utilizzando i parametri


idrodinamici mediati sull’intera sezione. Il risultato a cui si perviene è un’approssi-
mazione della soluzione tanto più grossolana quanto più è articolata la sezione del
canale.

5.7.1 Calcolo con i valori mediati sulla sezione


Dapprima si calcola il valore della concentrazione asintotica, da utilizzare come
scala delle concentrazioni per rendere adimensionale il problema:


Cm = = 1 g/m3 ,
Q

quindi, indicando come di consueto con l’apice ∗ le grandezze adimensionali, si trova

∗ Clim
Clim = = 4.
Cm

La regione all’interno della quale la concentrazione adimensionale è maggiore di 4


si ricava dalla Figura A.1 relativa al campo di concentrazione che si realizza a valle
di una sorgente ubicata in sponda (y0∗ = 0); si ottiene approssimativamente

x∗ = 0.02 , y ∗ = 0.12 . (5.24)

La conversione di questi valori in forma dimensionale passa attraverso la definizio-


ne delle scale spaziali longitudinale e trasversale. Coerentemente con l’ipotesi di
utilizzare i parametri mediati sulla sezione, calcolate Ω = b1 · Y1 + b2 · Y2 = 280 m
e B = b1 + b2 = 120 m, la profondità e la velocità da utilizzare per la valutazione
della scala longitudinale sono rispettivamente:

Ω Q
Y= = 2.33 m , U= = 0.893 m/s .
B Ω

BOZZA - 7 ottobre 2005


78 5.7. Alveo con golene


Posto u∗ = giF Y = 0.0478 m/s, il coefficiente di dispersione trasversale assume il
valore
Ky = 0.3 u∗ Y = 0.0335 m/s
e la scala longitudinale da utilizzare nel problema è quindi

UB 2
Ll = = 384 km .
Ky

La nuvola di tracciante con concentrazione superiore a CLimite avrà una estensione


approssimata pari a:

y = y ∗ B = 14.4 m , x = x∗ Ll = 7678 m . (5.25)

La regione delimitata dalla (5.24) individua una zona della fase ‘iniziale’ del
mescolamento (x vicino alla sorgente). In questa zona si può approssimativamente
tenere conto solo della parete in prossimità della quale è ubicata la sorgente che ha
come effetto quello di duplicare la sorgente; l’altra sponda è troppo lontana nella
fase considerata per essere influente. Con le approssimazioni discusse nei capitoli
precedenti, la soluzione per uno scarico stazionario valida nel campo intermedio può
essere scritta come · ¸
2Ṁ /Y y2
C=p exp − . (5.26)
4πKy U x 4Ky x/U
La curva che delimita la regione con C = Clim è definita dall’equazione
v Ã 
u !2
u
u Ky x  Ṁ U 
y = t2 ln (5.27)
U Clim U Y πKy x

Nel caso in esame y0 = 0; la curva ylim (xlim ) è rappresentata in Figura 5.8 (linea
continua).

5.7.2 Calcolo con i valori locali


Dato che il risultato (5.25) prevede che la zona critica rimane all’interno della go-
lena in cui viene scaricato l’inquinante, proviamo a calcolare la soluzione facendo
riferimento ai dati caratteristici della golena stessa. I valori U1 e Ky1 relativi si
possono ricavare utilizzando una suddivisione della sezione in tre parti. Poniamo
p 2/3 p 2/3
Q1 = b1 Y1 ks1 if Y1 , Q2 = b2 Y0 ks2 if Y0 ;

richiedendo che Q = Q1 + Q2 troviamo ks1 = 24.1 m1/3 /s e quindi

Q1 = 9.6 m3 /s , U1 = 0.24 m/s , u∗1 = 0.031 m/s , Ky1 = 9.4 · 10−3 m2 /s .

Analogamente, per l’alveo inciso si ha

Q2 = 240.4 m3 /s , U2 = 1.0 m/s , u∗2 = 0.054 m/s , Ky2 = 48.8 · 10−3 m2 /s .

Utilizzando i valori trovati per la golena e ipotizzando che la (5.26) sia ancora
valida, la (5.27) prevede la curva tratteggiata in Figura 5.8. La zona dove C > Clim
è in questo caso molto più ampia di quella del caso mediato, essendo delimitata
da x ' 200 km e y ' 120 m, misura confrontabile con l’intera larghezza del corso
d’acqua (e quindi non è possibile trascurare la parete opposta rispetto a quella
di scarico). È chiaro che la soluzione trovata in questo caso non è corretta perché
sottostima la capacità diluitiva dell’alveo principale; d’altra parte anche la soluzione

BOZZA - 7 ottobre 2005


5. CAMPO INTERMEDIO 79

120

100

80
valori golena
y [m]

60

limite golena
40

valori golena con C=0 in y=b


20 1

valori mediati

0
0 10 20 30 40 50
x [km]

Figura 5.8: Regione del piano x-y delimitata dalla condizione C = Clim , fornita dalla (5.27)
trascurando la presenza della sponda opposta allo scarico: in linea continua il caso con i valori
mediati sull’intera sezione, in linea tratteggiata con i valori caratteristici della golena. La linea
punteggiata rappresenta la soluzione (5.30) che impone C = 0 all’interfaccia tra golena e alveo
y = b1 .

trovata utilizzando i valori mediati sull’intera sezione non considera la diversità del
mescolamento nelle due zone della sezione.
Il flusso di concentrazione per unità di lunghezza in prossimità dell’interfac-
cia y = b1 dalla zona 1 alla zona 2 può essere calcolato in generale mediante la
definizione ¯
∂C1 ¯¯
qy1 (x) = −Ky1 · Y1 (5.28)
∂y ¯y=b1
Una diversa approssimazione può essere quella di ritenere che l’alveo princi-
pale sia in grado di smaltire l’inquinante in maniera tale da poter imporre una
concentrazione nulla all’interfaccia

C=0 in y = b1 (5.29)

In tal caso la (5.26) va modificata introducendo delle sorgenti immagine negative in


y = (2j + 1) (2b1 ) per imporre la (5.29) e delle sorgenti positive in y = 2j (2b1 ) per
rispettare la condizione di flusso nullo alle pareti. Si ottiene quindi

( " #
2Ṁ /Y X [y − 2j (2b1 )]
2
C=p exp − +
4πKy U x j=−∞ 4Ky x/U
" #)
2
[y − (2j + 1) (2b1 )]
− exp − (5.30)
4Ky x/U

La soluzione nell’alveo principale dovrà tenere conto del flusso (5.28) che dalla golena
viene trasferito all’alveo.
La regione delimitata dalla condizione C = Clim nella zona golenale, secondo la
(5.30), è rappresentata in Figura 5.8. Si noti che questa soluzione tende a sovrasti-
mare la diluizione operata dall’alveo principale: la regione ‘corretta’ si trova nella
zona tra la curva punteggiata e quella tratteggiata.

BOZZA - 7 ottobre 2005


80 5.8. Scarico caldo in sponda

5.8 Scarico caldo in sponda


Un impianto di termovalorizzazione scarica una portata Qs = 2.6 m3 /s di acqua ad
temperatura superiore di ∆Ts = 8◦ C rispetto a quella del corso d’acqua recettore, la
cui portata è Q = 23.6 m3 /s, nelle condizioni più critiche corrispondenti ai periodi
di magra con assegnato tempo di ritorno. La larghezza del corso d’acqua è B = 53 m,
la sua scabrezza ks = 30 m1/3 /s, la pendenza if = 1 · 10−3 .

La verifica degli scarichi caldi deve soddisfare alle prescrizioni di legge1 . Nel
caso in esame è necessario verificare due condizioni a valle dello scarico:

1. la temperatura mediata sulla sezione non deve superare per più di 3◦ C la


temperatura media T0 a monte dello scarico;

2. la temperatura media, calcolata sulla metà sezione più favorevole (ossia quella
meno interessata dallo scarico), non deve superare per più di 1◦ C la tempera-
tura media T0 .

Per prima cosa è necessario determinare il flusso di entalpia dello scarico:

Ḣ = cl ρQs ∆Ts = 0.87 · 108 W = 87 M W

essendo cl = 4186.8 J kg −1 K −1 il calore specifico dell’acqua e ρ ' 1000 kg/m3 la


sua densità. Per inciso, è interessante notare che la potenza termica dissipata è
notevole rispetto alla potenza totale dell’impianto, che è di circa 150 M W .
L’acqua per il raffreddamento viene prevelata dal corso d’acqua a monte del-
l’impianto. A valle dello scarico, la portata del fiume torna ad essere quella di
progetto Q. In modo analogo a quanto visto in precedenza (per la concentrazione
si ha Cm = Ṁ /Q), si può calcolare la temperatura finale di miscelazione adiabatica

Ḣ Qs
∆Tm = = ∆Ts = 0.79◦ C ,
ρcl Q Q

ovvero l’incremento di temperatura prodotto nel campo lontano, ad una distanza


sufficiente per la completa miscelazione dello scarico sull’intera sezione trasversale,
quando si trascurino i flussi di calore attraverso fondo, sponde e superficie libera
(da cui l’indicazione di adiabaticità)2 .
Si noti che ∆Tm rappresenta il valore mediato sulla sezione in tutte le sezioni a
valle dello scarico. Poiché il valore trovato è inferiore al vincolo legislativo di 3◦ C,
si può proseguire la verifica considerando le medie su metà sezione.
Cerchiamo di raffinare l’analisi assimilando l’incremento di temperatura ad un
tracciante particolare, dovuto al flusso entalpico. Dovendo valutare la concentrazio-
ne mediata sulla verticale, possiamo porci nell’ottica del campo lontano e risolvere
1 Il Decreto Legislativo dell’11 maggio 1999 n. 152 (Disposizioni sulla tutela delle acque dal-

l’inquinamento e recepimento della direttiva 91/271/CEE concernente il trattamento delle acque


reflue urbane e della direttiva 91/676/CEE relativa alla protezione delle acque dall’inquinamento
provocato dai nitrati provenienti da fonti agricole, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 29 maggio
1999, n. 124, S.O.), rappresenta la norma quadro per la tutela delle acque dall’inquinamento.
Relativamente agli scarichi termici la normativa, secondo quanto riportato nella Tabella 3 dell’Al-
legato 5 del Decreto Legislativo (Limiti di emissione degli scarichi idrici), stabilisce: Per i corsi
d’acqua la variazione massima tra le temperature medie di qualsiasi sezione del corso d’acqua a
monte e a valle del punto di immissione non deve superare i 3◦ C. Su almeno metà di qualsiasi
sezione a valle tale variazione non deve superare 1◦ C.
2 Si tratta di un’approssimazione, tanto meno valida quanto più tempo convettivo trascorre

dallo scarico alla sezione considerata, dal momento che lo scambio di calore con l’ambiente esterno
non può essere trascurato troppo a lungo.

BOZZA - 7 ottobre 2005


5. CAMPO INTERMEDIO 81

l’equazione

∂∆T ∂∆T ∂ 2 ∆T ∂ 2 ∆T
+U = (Dxt + Kx ) + (Dy
t +K )
y , (5.31)
∂t ∂x ∂x2 ∂y 2

dove ∆T è la media sulla verticale dell’incremento di temperatura. Nel seguito si è


indicato per semplicità con Ky la somma Dyt + Ky
La condizione iniziale dipende dalla modalità di scarico. Assumiamo che questo
avvenga mediante uno stramazzo che segue una legge di deflusso del tipo
p
Qs = Ls Cq 2gh3/2

con Cq = 0.385 coefficiente di deflusso, Ls = 12 m lunghezza dello stramazzo.


Sostituendo il valore della portata scaricata, si ottiene il carico h = 0.25 m della
vena nel punto più elevato. Assunto un profilo inferiore della vena di tipo z/h =
0.5(y/h)1.85 , con z coordinata verticale e y orizzontale, posta l’altezza del petto
dello stramazzo Hs ' 5 m (in condizioni di magra), si trova approssimativamente il
punto di arrivo nel corso d’acqua ys = 1.85 m.
Definiamo quindi due casi semplificati: nel primo consideriamo lo scarico come
puntuale e posto in y0 = ys , nel secondo come uniformemente distribuito tra la
sponda y = 0 e il punto yg ' 2ys (considerando in maniera approssimata gli effetti
dinamici dello scarico). Analoghe considerazioni sono possibili nel caso in cui lo
scarico avvenga con un getto.
Data la costanza del flusso scaricato, trascurando come di consueto la diffusione Scarico puntuale
longitudinale rispetto alla convezione nella stessa direzione, si ottiene la soluzione

( " # " #)
Ḣ/(ρcl ) X (y − y0 + 2jB)
2
(y + y0 + 2jB)
2
∆T = p exp − + exp −
Y 4πKy xU j=−∞ 4Ky x/U 4Ky x/U
(5.32)
nella quale il flusso scaricato è stato assimilato ad una sorgente puntuale posta alla
coordinata y0 dalla sponda.
Utilizzando le scale opportune per adimensionalizzare il problema

∆T y x
C∗ = , y∗ = , x∗ = (5.33)
∆Tm B U B 2 /Ky

la soluzione può essere riscritta nella forma già nota



( " # " #)
1 X (y ∗ − y0∗ + 2j)
2
(y ∗ + y0∗ + 2j)
2

C =√ exp − + exp − (5.34)
4πx∗ j=−∞ 4x∗ 4x∗

Nota la soluzione, è possibile trovare il valore mediato su un determinato inter-


vallo trasversale Z l2
1
C= Cdy .
l2 − l1 l1
Sostituendo la (5.34), si trova

X∞ ½ µ ∗ ¶ µ ∗ ¶
∗ 1 l2 − y0∗ + 2j l2 + y0∗ + 2j
C = erf √ + erf √
2(l2∗ − l1∗ ) j=−∞ 4x∗ 4x∗
µ ∗ ¶ µ ¶¾
l1 − y0∗ + 2j l1∗ + y0∗ + 2j
−erf √ − erf √ (5.35)
4x∗ 4x∗

E’ però possibile considerare una diversa condizione iniziale: se si immagina che Scarico distribuito

BOZZA - 7 ottobre 2005


82 5.8. Scarico caldo in sponda

il getto produca un rapido miscelamento in una determinata zona del corso d’acqua,
si può assumere uno scarico distribuito con concentrazione costante

Ḣ/(ρcl ) Q B
C0 = = ∆Tm = ∆Tm , (5.36)
Qg Qg yg

dove Qg è la quota di portata del corso d’acqua interessata dallo scarico.


La soluzione della (5.31) per una condizione iniziale a gradino è nota3 (si veda
ad esempio l’esercizio ...)
∞ ½ µ ∗ ¶ µ ∗ ¶¾
∗1 X y + yg∗ + 2j y − yg∗ + 2j
C = ∗ erf √ − erf √ , (5.37)
2yg j=−∞ 4x∗ 4x∗

dove sono state utilizzate le medesime scale previste dalla (5.36). La (5.37), mediata
tra l1∗ e l2∗ , fornisce
√ ∞ ½ µ ∗ ¶ µ ∗ ¶
∗ 4x∗ X l2 + yg∗ + 2j l2 − yg∗ + 2j
C = ∗ ∗ ierf √ − ierf √
2yg (l2 − l1∗ ) j=−∞ 4x∗ 4x∗
µ ∗ ¶ µ ∗ ¶¾
l1 + yg∗ + 2j l1 − yg∗ + 2j
−ierf √ + ierf √ (5.38)
4x∗ 4x∗

dove è stata introdotta la funzione integrale della funzione erf


Z x 2
e−x − 1
ierf(x) = erf(ξ)dξ = x erf(x) + √ ,
0 π

dove la seconda eguaglianza è possibile grazie ad un’integrazione per parti.

Verifica dei limiti. Le soluzioni ottenute possono essere rappresentate in forma


grafica per valutarne l’andamento lungo la coordinata longitudinale x. In Figura
5.9 sono rappresentate le soluzioni per le concentrazioni mediate sulle due metà
delle sezioni al variare della coordinata longitudinale adimensionale. Nella parte
superiore dei grafici sono rappresentate le medie tra l1∗ = 0 e l2∗ = 1/2 (nel grafico
di destra) e i valori puntuali alla sponda (y ∗ = 0) più vicina allo scarico; nella parte
inferiore le medie tra l1∗ = 1/2 e l2∗ = 1 e i valori puntuali all’altra sponda (y ∗ = 1).

I risultati mostrano che l’incremento di temperatura adimensionale C nella
∗ ∗
semimetà più favorevole (l1 = 1/2, l2 = 1) è sempre inferiore al valore 1 corri-
spondente al completo miscelamento sulla sezione trasversale. Tradotto in termini
dimensionali, significa che ∆T < ∆Tm .
L’incremento di temperatura più critico si raggiunge all’avvenuto miscelamento
su tutta la sezione e quindi la verifica ricade nuovamente su ∆Tm = 0.79◦ C, che
comunque risulta inferiore alla soglia richiesta di 1◦ C.
E’ interessante infine stimare la lunghezza di mescolamento trasversale. A tal
fine è necessario conoscere le grandezze idrauliche: ipotizzando una sezione rettan-
golare ed ritenendo valida una relazione di moto uniforme (nonostante la portata
scaricata sia rilevante rispetto a quella totale e quindi si realizzerà localmente un
3 La soluzione adimensionale relativa ad un gradino iniziale di valore C ∗ , posto tra una sponda
0
e la coordinata yg , è

X∞   ∗   ∗ 
C0∗ y − yg∗ + 2j y + yg∗ + 2j
C∗ = erfc √ − erfc √ ,
2 j=−∞
4x∗ 4x∗

con C0∗ = 1/yg∗ .

BOZZA - 7 ottobre 2005


5. CAMPO INTERMEDIO 83

5 2

4.5 1.8

4 1.6 * *
(l1=0.5, l =1)
2
3.5 1.4

3 1.2

medio
C*

2.5 1

C*
2 (y*=1) 0.8

1.5 0.6
(l*=0, l*=0.5)
1 2
1 0.4
*
0.5 (y =0) 0.2

0 0
0 0.1 0.2 0.3 0.4 0.5 0.6 0.7 0 0.1 0.2 0.3 0.4 0.5 0.6 0.7
x* x*

Figura 5.9: Valori dell’incremento di temperatura adimensionale C ∗ alle sponde opposte (a



sinistra) e delle medie C su metà canale (a destra). In linea continua è rappresentata la soluzione
per scarico iniziale distribuito, in tratteggio quella per scarico iniziale puntuale; nel grafico a destra
le due soluzioni sono praticamente indistinguibili.

profilo di moto permanente), si trova


p 2/3
Q = BY ks if Rh → Y = 0.64 m
Q
U = = 0.69 m
BY
p
u∗ = gif Rh = 0.078 m/s
Ky = αuf Y = 0.020 m2 /s (5.39)

dove il coefficiente α = 0.4 è stato trovato sperimentalmente.


La lunghezza di mescolamento trasversale è

U B2
Lmt = x∗mt ' 48 km
Ky

dove dalla Figura 5.9 si è stimato un valore approssimato di x∗mt ' 0.5. Si noti che
la considerevole distanza richiesta per uniformare la temperatura sull’intera sezione
pone delle limitazioni sull’ipotesi di trascurare i flussi termici al contorno.

BOZZA - 7 ottobre 2005


84 5.8. Scarico caldo in sponda

BOZZA - 7 ottobre 2005


Capitolo 6

Esercizi sulla diluizione in


campo lontano

Il campo lontano inizia convezionalmente quando la concentrazione risulta costante


su tutta la sezione, ovvero quando sia la fase di mescolamento verticale sia quella
trasversale sono concluse. Dal momento che la seconda è generalmente molto più
lenta della prima, a causa dell’elevato rapporto tra larghezza e profondità nei corsi
d’acqua naturali, si considera la distanza dallo scarico

Lmt = L∗mt U B 2 /Ky (6.1)

dove L∗mt dipende dalla posizione dello scarico.


Nel campo lontano si instaura un meccanismo dispersivo legato alla non uni-
formità trasversale della velocità longitudinale, dovuta a variazioni altimetriche e
planimetriche dell’alveo. Il corrispondente coefficiente di dispersione K può essere
quantificato utilizzando le relazioni proposte nel secondo volume delle Dispense del
corso.
Si noti che nel caso in cui lo scarico sia stazionario e il soluto non sia soggetto
a decadimento biochimico, la soluzione nel campo lontano è

C = Ṁ /Q

dove Ṁ è la portata massica scaricata e Q la portata liquida del corso d’acqua.

6.1 Scarico puntuale accidentale


Un impianto di potabilizzazione deriva l’acqua da un corso d’acqua naturale. Si deve
progettare una riserva necessaria per supplire all’eventuale arresto della captazione
conseguente allo scarico accidentale di contaminante, tenendo presente che 40 km
a monte dell’opera di captazione è ubicato un ponte autostradale dal quale, in caso
di incidente, può cadere un’autocisterna, riversando il suo carico nel corso d’acqua.
Risolvere il problema ipotizzando una massa scaricata M = 500 kg e una concen-
trazione limite Clim = 5 mg/m3 ; si determini anche la concentrazione massima che
si realizza nella sezione considerata. Il corso d’acqua è caratterizzato dalle seguen-
ti grandezze: pendenza if = 10−4 , portata Q = 250 m3 /s, larghezza B = 100 m,
profondità media Y = Ω/B = 4 m.

Calcoliamo per prima cosa le grandezze idrodinamiche necessarie per risolvere


il problema. La velocità media è U = Q/(BY ) = 0.625 m/s, la velocità d’attrito

85
86 6.1. Scarico puntuale accidentale

p
u∗ = gif Rh = 0.060 m/s. Il coefficiente di dispersione trasversale (considerando
al suo interno anche il contributo della diffusione turbolenta) può essere stimato
come
Ky = α0 u∗ Y = 0.145 m2 /s
dove α0 ' 0.6 per un alveo naturale meandriforme. La lunghezza di miscelamento
trasversale può essere stimata nell’intervallo

U B2
Lmt = (0.134 ÷ 0.536) = (5.8 ÷ 23) km
Ky

che risulta inferiore alla distanza x0 = 40 km a valle dello scarico, giustificando


l’ipotesi di risolvere il problema utilizzando una schematizzazione di campo lontano.
Questa ipotesi è ancora più giustificata dal fatto che la lunghezza di mescolamento
trasversale Lmt può essere ulteriormente ridotta se lo scarico accidentale occupa
una porzione consistente della sezione come conseguenza delle modalità di scarico.
Una stima veloce della concentrazione massima nella sezione x = x0 può essere
effettuata utilizzando la soluzione
· ¸
b M/(BY ) (x − U t)2
C= √ exp − (6.2)
4πKt 4Kt

sapendo che il picco si realizza al tempo


x0
tp = = 6.40 · 104 s = 17.78 h . (6.3)
U
Il coefficiente di dispersione longitudinale può essere stimato facendo riferimento
alla relazione proposta da Fischer

U 2 B2
K = 0.011 = 178 m2 /s .
u∗ Y
In questo caso per il picco si trova

b 0 , tp ) = M/(BY
C(x p
)
= 104.4 mg/m3 . (6.4)
4πKtp

valore molto superiore al limite ammissibile Clim .


Si noti che la (6.3) fornisce l’istante nel quale transita per la sezione x0 il colmo
dell’onda di concentrazione (ovvero il massimo in x). Il corrispondente valore di
concentrazione (6.4) non è però il massimo locale (ovvero il massimo in t, assegnata
la sezione x0 ), che si ottiene invece annullando la derivata della (6.2) rispetto a t e
considerando la radice positiva
 s 
µ ¶2
K  Ux 
tmax = 2 −1 + 1 + = 63545 s = 17.65 h (6.5)
U K

con la quale si ottiene il valore


b 0 , tmax ) = 104.6 mg/m3 ,
C(x (6.6)

peraltro non dissimile dal valore (6.4).


b = Clim ; numericamente si
La (6.2) consente di stimare i tempi per i quali C
b 4 b 4
trova t1 = 4.73 · 10 s = 13.16 h e t2 = 8.52 · 10 s = 23.67 h, da cui si ottiene un
intervallo b
t2 − b
t2 = 10.51 h.

BOZZA - 7 ottobre 2005


6. CAMPO LONTANO 87

6.1.1 Origine virtuale


La soluzione (6.2) non tiene però conto del fatto che la soluzione nel campo lontano
non si comporta da subito come gaussiana, ma è necessario introdurre un’origine
virtuale della coordinata longitudinale xv e del tempo tv . Introdurre un’origine
virtuale significa considerare un processo diffusivo usuale, con la sola differenza che
ha inizio dal punto xv . Tutte le caratteristiche rimangono comunque immutate, ad
esempio la varianza cresce nel tempo con la legge σ 2 = 2K(t − tv ). La soluzione si
ottiene quindi a partire dalla (6.2) con la sostituzione di coordinate x → ξ e t → τ ,
dove
ξ = x − xv , τ = t − tv .
Sulla base di esperimenti numerici si pone

U B2
xv = 0.07 = 3024 m
Ky

e si definisce l’origine virtuale dei tempi

tv = xv /U = 4838 s = 1.34 h . (6.7)

La soluzione può essere scritta come


· ¸ · ¸
M/(BY ) (ξ − U τ )2 M/(BY ) (x − U t)2
C= √ exp − =p exp − (6.8)
4πKτ 4Kτ 4πK(t − tv ) 4K(t − tv )

È utile precisare quando tale soluzione è valida. Una valutazione della distanza
convettiva, dopo la quale il processo si può ritenere di tipo diffusivo, è basata su
misure di campo:
U L2t
Lx = α = 8.5 km
Ky
dove Lt ' 0.7B è una grandezza trasversale di riferimento e α ' 0.4. Poiché la
soluzione può essere considerata gaussiana ad una distanza superiore a

L0x ' (2.5 ÷ 5)Lx = (21 ÷ 42) km ,

nel caso in esame x = 40 km risulta essere sostanzialmente oltre la soglia minima


di applicabilità della soluzione (6.8).
Il massimo locale della concentrazione secondo la (6.8) si realizza ad un istante
temporale calcolabile adattando la (6.5) al sistema di riferimento ξ-τ traslato
 s 
µ ¶2
K  Uξ 
τmax = 2 −1 + 1 + ,
U K

da cui
às ! às !
1 1 1 1
tmax = tv + τmax = tp − + 1+ 2 + tv 1+ − 1+ 2 , (6.9)
Pe Pe Pe Pe

dove nella seconda relazione è stato introdotto il numero di Peclet Pe = U ξ/K.


Quando Pe À 1, l’istante in cui si realizza il massimo non differisce in maniera
sostanziale1 dal valore tp calcolato con la (6.3). Con i dati in nostro possesso

1 Per 1 tp − tv
¿ 1, la (6.9) diventa infatti tmax ' tp − ≤ tp .
Pe Pe

BOZZA - 7 ottobre 2005


88 6.1. Scarico puntuale accidentale

120

100 Ccon o.v.


Csenza o.v.

80
C[g/m3]

60

40

20
Clim

0
12 14 16 18 20 22 24
t[h]

Figura 6.1: Confronto tra la soluzione (6.8) in linea continua e la (6.2) in linea tratteggiata, alla
distanza x = 40 km dal punto di scarico. La concentrazione limite è indicata con Clim .

troviamo Pe = 130, da cui si ottiene tmax = 63545 s = 17.65 h, previsto anche dalla
(6.5). Il massimo di concentrazione previsto dalla (6.8) risulta in questo caso

C(x0 , tmax ) = 108.8 mg/m3

che non è molto distante dal risultato della (6.4) o della (6.6). Il confronto tra le
due soluzioni è rappresentato in Figura 6.1.
Vogliamo ora calcolare per quanto tempo è necessario chiudere l’impianto di
potabilizzazione per avere C < Clim . Una prima risposta approssimativa è possibile
dalla Figura 6.1. Un secondo metodo è quello di risolvere la (6.8) numericamente
ponendo C = Clim : si ottiene in questo caso t1 = 13.34 h e t2 = 23.51 h, da cui si
valuta un tempo totale t2 − t1 = 10.17 h.

6.1.2 Metodo della nuvola congelata


Un metodo alternativo è basato sull’approssimazione della nuvola congelata (ipotesi
di Taylor). Si fissa la soluzione all’istante temporale tp = x0 /U e si calcola l’am-
piezza della nuvola. Per semplicità consideriamo la soluzione (6.8) nelle variabili ξ
e τ , che possiamo riscrivere nella forma
· ¸
(ξ − U τp )2
C(ξ, τp ) = Cp exp − (6.10)
4Kτp
con
M/(BY ) x0
Cp = p = 108.6 mg/m3 , τp = − tv = 16.43 h .
4πKτp U
Ponendo C = Clim , troviamo la condizione
s µ ¶
Cp
ξ1,2 − U τp = x1,2 − U tp = ± 4Kτp ln
Clim

BOZZA - 7 ottobre 2005


6. CAMPO LONTANO 89

che consente di determinare le coordinate


s µ ¶
Cp
x1,2 = x0 ± 4Kτp ln . (6.11)
Clim

Le (6.11) possono infine essere riconvertite in istanti temporali secondo la relazione


e
t1,2 = x1,2 /U per dare e
t1 = 12.71 h, et2 = 22.84 h e e t2 − e
t1 = 10.13 h. Il risultato
ottenuto è abbastanza simile a quello trovato in precedenza solo per l’intervallo
temporale, mentre è significativo per i tempi corrispondenti alla concentrazione
limite.
Per capire il motivo della discrepanza, possiamo riscrivere la soluzione con
l’approssimazione della nuvola congelata in funzione del tempo sulla base della
(6.10):
· ¸
(x − U t)2
Cc (x, t) = Cp exp − (6.12)
4K(tp − tv )

Il confronto tra la soluzione (6.12) e quella corretta (6.8) sono rappresentanti in Fi-
gura 6.2. Come appare anche graficamente, la condizione limite C(x0 , t) = Clim =
5 mg/m3 non viene rispettata Sostituendo i valori temporali e t1 e e
t2 nella soluzio-
ne ‘vera’ (6.8), si trovano infatti i valori C(x0 , t1 ) = 1.53 mg/m3 e C(x0 , e
e t2 ) =
9.03 mg/m3 .

140

C(t1)
120
C(tp) C (t )
c 2
100
C (t )
c 1
C(t2)
80
C[g/m ]
3

60

40

20
Clim

0
20 25 30 35 40 45 50 55 60
x[km]

Figura 6.2: Confronto tra la soluzione corretta (6.8) in linea continua e la semplificazione della
nuvola congelata (6.12) in linea tratteggiata. La concentrazione limite è indicata con Clim .

Con la diffusione di potenti mezzi di calcolo numerico, il metodo della nuvola


congelata ha perso ormai gran parte del suo interesse applicativo. Al giorno d’og-
gi risulta infatti molto più semplice risolvere direttamente l’equazione (6.8) con la
condizione richiesta. Resta comunque utile per la comprensione del fenomeno ana-
lizzare questa tipologia di metodi che sfruttano alcune caratteristiche della soluzione
per ottenere un modello semplificato.

BOZZA - 7 ottobre 2005


90 6.2. Calcolo della portata mediante misure di conduttività

6.2 Calcolo della portata mediante misure di con-


duttività
E’ possibile effettuare misure di campo della portata di un corso d’acqua mediante
misure dell’incremento di conducibilità dovuto allo scarico di un massa di soluto.
Nel caso in esame viene scaricata istantaneamente una massa M = 6 kg di sale in
modo approssimativamente uniforme sull’intera larghezza e si misura in una sezione
a valle l’andamento della conducibilità riportato in Figura 6.3. La temperatura
dell’acqua è T = 8◦ C.

30

25
χ 10
C [mg/l], χ [µS/cm]

χ
20

15
χ 10,a
10

Ca
5

0
0 50 100 150 200 250 300 350
t [s]

Figura 6.3: Conduttività elettrica χ e concentrazione di sale C in funzione del tempo durante
la rilevazione in campo.

Il metodo utilizzato sfrutta le caratteristiche della soluzione dell’equazione di


convezione-diffusione per un tracciante passivo e non reattivo nel campo lontano.
E’ quindi necessario porsi in un tratto del corso d’acqua a valle dello scarico in cui
sia stato raggiunto il completo mescolamento su tutta la sezione, in modo che la
misura puntuale di una grandezza (nella fattispecie la conducibilità) rappresenti in
maniera significativa il valore medio.
Nel caso in cui il soluto sia sale, la conducibilità elettrica dipende linearmente
dalla concentrazione C [mg/l] secondo la legge
C = T DS · χ10 (6.13)
dove il parametro T DS = 0.71 mg l−1 cm µS −1 è stato tarato alla temperatura di
10◦ C, alla quale si considera la conducibilità χ10 [µS/cm].
Dato che le misure di campo sono state effettuate ad una temperatura diversa,
è necessario riportare il valore misurato χ alla temperatura standard:
χ10 = χ − m(T − 10◦ C)
dove il parametro m = f (χ, T ) deriva da una apposita taratura. Al valore di
conducibilità trovato deve essere sottratto il valore di base dell’acqua:
χ10,a (t) = χ10 (t) − χ10 (0) .

BOZZA - 7 ottobre 2005


6. CAMPO LONTANO 91

Nota la conducibilità aggiunta χ10,a , è possibile risalire alla concentrazione di sale


dovuta allo scarico utilizzando la (6.13)

Ca = T DS · χ10,a .

I risultati parziali della procedura per ricavare tale valore sono riportati in Figura
6.3.
A questo punto è possibile risalire alla portata del corso d’acqua considerando
la definizione che lega la massa scaricata alla concentrazione media sulla sezione
Z ∞ Z ∞
M= (C(t) − C0 ) Qdt = Q Ca (t)dt , (6.14)
0 0

dove Ca = C − C0 è la concentrazione di sale aggiunta. La relazione si basa sulle


ipotesi che la portata non subisca variazioni nel tempo e nello spazio e che non ci
siano perdite di massa. Dalla (6.14) si ottiene infine la portata
M
Q = R∞ = 7.82 m3 /s .
0
Ca (t)dt
Si noti che è possibile ottenere un valore approssimato per via grafica attraverso
l’integrazione della curva contando i quadretti della griglia al di sotto della curva.
Un conteggio Rapprossimato indica 76 quadri di lati ∆t = 10 s e ∆C = 1 mg/l, da

cui si ottiene 0 Ca (t)dt ' 760 s g/m3 e quindi Q ' 7.9 m3 /s.

6.2.1 Stima del massimo di concentrazione da misure di cam-


po
Una massa M = 100 kg di tracciante viene rilasciata accidentalmente ed in modo
istantaneo in un corso d’acqua caratterizzato da U = 1 m/s, B = 100 m, Y = 4 m,
if = 1·10−4 . In una sezione a valle dello scarico vengono misurate la concentrazioni
C1 = 1.93 · 10−3 mg/l, C2 = 6.77 · 10−3 mg/l, C3 = 13.7 · 10−3 mg/l, rispettivamente
dopo 8, 9, 10 ore dall’istante di scarico. Stimare il momento in cui è attesa la
massima concentrazione nella sezione di misura e il suo valore. Discutere come
cambia la stima se si considera un’origine virtuale dei tempi.

Il coefficiente di dispersione può essere stimato con la formula di Fischer


U 2B2
K = 0.011 = 456 m2 /s
uf Y
p
avendo calcolato la velocità d’attrito uf = gif Rh = 0.060 m/s. Per evitare
problemi con le unità di misura, è conveniente esprimere le concentrazioni con le
unità del sistema internazionale: C1 = 1.93 · 10−6 kg/m3 , C2 = 6.77 · 10−6 kg/m3 ,
C3 = 13.7 · 10−6 kg/m3 .
Come già visto in precedenza, la soluzione nel campo lontano è
· ¸
M (x − U t)2
C= p exp − (6.15)
BY 4πK(t − tv ) 4K(t − tv )

La posizione della sorgente può essere ottenuta esplicitando la distanza x dalla


sorgente nella (6.15):
v à !
u
u M
x = U t + t4K(t − tv ) ln p (6.16)
CBY 4πK(t − tv )

BOZZA - 7 ottobre 2005


92 6.2. Calcolo della portata mediante misure di conduttività

Individuata l’origine del sistema di riferimento, si trova il momento in cui la con-


centrazione è massima imponendo ∂C/∂t = 0: si ottiene
 s 
µ ¶2
K  U (x − xv ) 
tmax = tv + 2 −1 + 1 + , (6.17)
U K

La determinazione del massimo valore di concentrazione si ottiene sostituendo l’i-


stante temporale tmax nella (6.15).

Senza origine virtuale. Ponendo tv = 0, la (6.16) fornisce rispettivamente x1 =


39.82 km, x2 = 40.08 km, x3 = 39.96 km; la media di queste stime è x = 39.96 km.
Il tempo in cui si realizza il massimo di concentrazione è quindi, in base alla
(6.17), tmax = 3.95 · 104 s = 10.99 h, da cui per la (6.15) si ottiene Cmax = 16.6 ·
10−3 mg/l.

Con origine virtuale. Calcolando Ky = 0.6 uf Y = 0.145 m2 /s, l’origine virtuale


si colloca a
B2
tv = 0.07
Ky
corrispondente a xv = U tv = 4.8 km. La distanza necessaria affinché il processo
diventi diffusivo è L ' 0.196 U B 2 /Ky = 13.5 km.
In questo caso la (6.16) fornisce rispettivamente x1 = 39.05 km, x2 = 39.76 km,
x3 = 40.21 km, per una media pari a x = 39.67 km. Il tempo in cui si realizza
il massimo molto vicino a quello già trovato trascurando l’origine virtuale tmax =
3.95 · 104 s = 10.99 h, mentre la concentrazione Cmax = 17.7 · 10−3 mg/l è superiore.

BOZZA - 7 ottobre 2005


Capitolo 7

Miscelamento e decadimento
di soluti reattivi

7.1 Scarichi stazionari successivi


Lungo l’asta di un fiume sono localizzati numerosi impianti di depurazione che sca-
ricano reflui trattati. Considerando solamente gli scarichi delle tre città maggiori,
indicate con F , G e H, valutare la concentrazione di ossigeno nelle condizioni più
critiche, ovvero in condizioni di magra estiva. Il corso d’acqua può essere caratte-
rizzato come segue: portata Q = 200 m3 /s, larghezza B = 80 m, profondità media
Y = 2 m, pendenza if = 10−3 , temperatura dell’acqua T = 15◦ C. Si considerino
come soluti reattivi il BOD5 e l’azoto ammoniacale N H4 -N e come valori critici
i limiti allo scarico1 di Ccb = 40 mg/l e C cn = 3 mg/l, rispettivamente; si assuma
nullo il deficit iniziale di ossigeno rispetto alla saturazione. Le portate scaricate
sono2 QF = 40000 m3 /d, QG = 36000 m3 /d, QH = 90000 m3 /d. Le distanze tra gli
scarichi sono le seguenti: tra F e G circa 60 km, tra G e H circa 100 km, a valle
di H lo sbocco in mare si trova a 150 km.

Per prima cosa cerchiamo di caratterizzare a livello idrodinamico il corso d’ac-


qua. La velocità media è
Q
U= = 1.25 m/s ,
BY
p
la velocità d’attrito u∗ = gif Rh = 0.137 m/s. Assumiamo che sia possibile stu-
diare il fenomeno utilizzando uno schema di campo lontano con un modello a coeffi-
cienti costanti. In questo caso l’equazione che governa il comportamento di un soluto
reattivo è quella di convezione-dispersione longitudinale alla quale viene aggiunto
un termine di reazione
∂C ∂C ∂2C
+U = K 2 − kr Cb . (7.1)
∂t ∂x ∂x
Valutiamo il coefficiente di dispersione utilizzando la relazione proposta da Fischer

U 2B2
K = 0.011 = 402 m2 /s .
u∗ Y
1 I limiti allo scarico sono prescritti per legge. Per la normativa nazionale si fa riferimento alla

Tabella 3 dell’Allegato 5 al Decreto Legislativo 152/99.


2 Le portate scaricate sono spesso espresse in metri cubi al giorno (d), considerando una

dotazione idrica di alcune centinaia di litri per abitante equivalente al giorno.

93
94 7.1. Scarichi stazionari successivi

7.1.1 Soluzione stazionaria semplificata


Nel caso in cui gli scarichi siano stazionari, la (7.1) si semplifica eliminando la
derivata temporale e fornisce la soluzione
h xi
C = C0 exp − ker , (7.2)
U
valida per ogni soluto C; la concentrazione C0 è la condizione posta in x = 0. Per
tenere conto del contributo del mescolamento idrodinamico, nella (7.2) la costante
cinetica della reazione kr è stata modificata in
2 √ ³ α´ ¡ ¢
ker = (−1 + 1 + α) kr −→ 1 − kr + O α 2 , (7.3)
α 4
dove3
Kkr
α=4 .
U2
La seconda relazione della (7.3) vale per valori piccoli di α, come di solito accade.
Nei casi comuni tale parametro è cosı̀ piccolo che ker coincide sostanzialmente con
kr , condizione che equivale a considerare una versione semplificata della (7.1):
∂C
U = −kr C (7.4)
∂x
nella quale la cinetica di reazione biochimica viene riferita ad un volume di controllo
in moto con la velocità media U del corso d’acqua.
Il caso del BOD5 . Possiamo ora particolarizzare la trattazione al caso del BOD5 . Indicando con
Cb la sua concetrazione e con k1 la costante cinetica della reazione di ossidazione,
l’equazione differenziale (7.4) può essere scritta come
∂Cb
U = −k1 Cb (7.5)
∂x
e la soluzione (7.2) diventa
h xi
Cb = Cb0 exp − k1 . (7.6)
U
Per quanto riguarda la concentrazione di ossigeno CO2 disciolto nel corso d’ac-
qua, conviene riferirsi al deficit

d = Cs − CO 2 (7.7)

rispetto alle condizioni di saturazione Cs . La dinamica del deficit di ossigeno è


governata da un’equazione analoga alla (7.1), nella quale è presente un termine di
riossigenazione avente come costante cinetica il parametro k2 , il cui ordine di gran-
dezza è comparabile con quello di k1 . Ripetendo le considerazioni discusse sopra,
possiamo anche in questo caso ricondurci ad un’equazione differenziale semplificata
∂d
U = −k2 d + consumo (7.8)
∂x
dove il termine di consumo è dato dall’ossidazione della sostanza organica. Nel caso
del BOD5 , per definizione si ha che
dCb ∂Cb
consumo = − = −U .
dt ∂x
3 La seconda relazione è valida nel caso α ¿ 1, per il quale vale lo sviluppo in serie di Taylor
√ 2
1+α=1+ α 2
− α8 + O(α3 ).

BOZZA - 7 ottobre 2005


7. SOLUTI REATTIVI 95

Avvalendosi della (7.5) e della soluzione trovata (7.6), la (7.8) può essere riscritta
come h
∂d xi
U = −k2 d + k1 Cb = −k2 d + k1 Cb0 exp −k1 (7.9)
∂x U
la cui soluzione è
³ x´ k1 h ³ x´ ³ x ´i
d = d0 exp −k2 + Cb0 exp −k1 − exp −k2 . (7.10)
U k2 − k1 U U
La concentrazione di ossigeno può quindi essere trovata invertendo la (7.7).

Ossidazione di altre sostanze. Se, come normalmente avviene, nello scarico


sono presenti altre sostanze, per ciascuna di esse vale un’equazione del tipo (7.1). In
prima approssimazione si può ritenere che le reazioni siano indipendenti e che quindi
per ciascuna specie valga una soluzione (7.2), usualmente nella forma semplificata
relativa all’equazione (7.4).
Prendiamo ad esempio l’azoto ammoniacale N H4 -N , per il quale si può scrivere
l’equazione semplificata
∂Cn
U = −kn Cn (7.11)
∂x
dove Cn è la concentrazione, espressa in termini di N , e kn la costante cinetica della
reazione. La soluzione della (7.11) è chiaramente
h xi
Cn = Cn0 exp −kn (7.12)
U
Cambia invece il consumo di ossigeno: stechiometricamente per ossidare 1 mole
di N H4 -N sono necessarie 4.6 moli di ossigeno (O2 ). Quindi nella (7.8) si ha
dCn ∂Cn
consumo = −4.6 = −4.6 U
dt ∂x
Considerando quindi sia il BOD5 sia l’azoto ammoniacale N H4 -N , l’equazione per
il deficit di ossigeno diventa
∂d h xi h xi
U = −k2 d + k1 Cb0 exp −k1 + 4.6 kn Cn0 exp −kn (7.13)
∂x U U
la cui soluzione è
³ x´ k1 h ³ x´ ³ x ´i
d = d0 exp −k2 + Cb0 exp −k1 − exp −k2 +
U k2 − k1 U U
kn h ³ x ´ ³ x ´i
+4.6 Cn0 exp −kn − exp −k2 . (7.14)
k2 − kn U U
Il confronto con la (7.10) permette di estrapolare la soluzione nel caso di un maggior
numero di specie chimiche.

7.1.2 Effetto di scarichi successivi


In presenza di scarichi successivi è sufficiente suddividere il corso d’acqua in tratti
ed assegnare a ciascun tratto le opportune condizioni al contorno. Nel nostro caso
scegliamo un riferimento tale che lo scarico F sia in xF = 0, lo scarico G in xG =
60 km, lo scarico H in xH = 160 km, lo sbocco in mare in xM = 310 km.
Per il primo tratto la soluzione è quella trovata in precedenza: (7.6), (7.12) e
(7.14), con le condizioni iniziali assegnate dal problema

ṀbF ṀnF
d0 = d|x=0 = 0 , Cb0 = Cb |x=0 = , Cn0 = Cn |x=0 = .
Q Q

BOZZA - 7 ottobre 2005


96 7.1. Scarichi stazionari successivi

dove è stata fatta l’ipotesi che il mescolamento sulla sezione avvenga istantanea-
mente in prossimità dello scarico (ṀbF e ṀnF sono rispettivamente le portate di
massa di BOD5 e di N H4 -N ). Per questa ipotesi, infatti, possiamo utilizzare, ad
esempio per il BOD5 , la concentrazione che si realizzerebbe nel campo lontano

bbF QF bbF QF
Cb0 = C 'C (7.15)
Q + QF Q

dove CbbF = 40 mg/l è la concentrazione dello scarico e QF = 40000 m3 /d =


0.463 m3 /s la portata scaricata, trascurabile rispetto a quella del corso d’acqua.
Si noti come la concentrazione Cb0 risulti molto inferiore grazie alla diluizione idro-
dinamica. In maniera equivalente possiamo calcolare Cn0 , imponendo la concentra-
zione limite allo scarico per l’azoto ammoniacale C bnF = 3 mg/l, ed eventualmente
un deficit iniziale di ossigeno.
Per il secondo tratto, la soluzione può essere riscritta con una traslazione del
sistema di riferimento; ad esempio la (7.6) diventa
· ¸
II (x − xG )
Cb = Cb0G exp −k1
U

con la condizione iniziale ottenuta dalla soluzione nel primo tratto (CbI ) sommata
al nuovo scarico (con portata QG = 0.417 m3 /s e concentrazione C bbG = 40 mg/l):

¯
bbG QG .
Cb0G = CbI ¯x=xG + C
Q

In modo analogo possiamo calcolare la soluzione per CnII e per il deficit dII . In
quest’ultimo caso trascuriamo l’apporto di deficit dovuto allo scarico.
Per il terzo tratto (a valle dello scarico di portata QH = 1.04 m3 /s), e per
eventuali tratti successivi corrispondenti ad ulteriori scarichi, si ripete il procedi-
mento illustrato discusso sopra. Si noti che è possibile considerare per ciascun tratto
una diversa caratterizzazione idrodinamica, come è necessario fare usualmente nei
problemi reali.

0.4 0.03
H H
0.35
0.025
0.3

0.02
0.25
Cb [mg/l]

Cn [mg/l]

0.2 0.015
G G
0.15
0.01
0.1 F F

0.005
0.05

0 0
0 50 100 150 200 250 300 0 50 100 150 200 250 300
x [km] x [km]

Figura 7.1: Andamento della concentrazione di BOD5 (Cb ) e di azoto ammoniacale N H4 -N


(Cn ) nel corso d’acqua.

I risultati per le concentrazioni Cb e Cn sono rappresentati in Figura 7.1. La


concentrazione di ossigeno CO2 = Cs − d è riportata in Figura 7.2, nel caso richiesto
(limiti di scarico del depuratore, in linea continua) e nel caso in cui lo scarico
confluisca nel corso d’acqua senza essere trattato (in linea punteggiata), assumendo
delle concentrazioni di BOD5 e di N H4 -N rispettivamente pari a C bb = 200 mg/l e

BOZZA - 7 ottobre 2005


7. SOLUTI REATTIVI 97

9.85

F Cs
9.8 G
H

9.75
CO2 [mg/l]

9.7

9.65

9.6

9.55
0 50 100 150 200 250 300
x [km]

Figura 7.2: Andamento della concentrazione di ossigeno disciolto CO2 = Cs − d nel caso di
uno scarico da depuratore (in linea continua, considerando i limiti massimi di emissione) e di uno
scarico non trattato (in linea punteggiata). E’ stato trascurato l’apporto di deficit di ossigeno
introdotto dallo scarico.

Cbn = 35 mg/l; i grafici di Cb e Cn in questo secondo caso possono essere ottenuti


semplicemente riscalando quelli di Figura 7.1.
Le concentrazioni dei soluti (nel caso esaminato BOD5 e N H4 -N ) hanno un
comportamento discontinuo in corrispondenza degli scarichi, mentre il deficit di
ossigeno (o in modo equivalente la concentrazione di ossigeno disciolto) manifesta
solamente una variazione nella derivata; questo avviene perché abbiamo trascurato
il deficit di ossigeno introdotto dalla portata scaricata.
Nel calcolo abbiamo assunto come concentrazione di ossigeno alla saturazione il
valore

Cs = 14.161 − 0.3943T + 0.007714T 2 − 0.0000646T 3 = 9.8 mg/l (7.16)

(con T = 15◦ C temperatura dell’acqua, alla pressione di 1 atm e con salinità assente)
e come costanti cinetiche di reazione le stime

k1 = 1.16 · 10−6 1.047T −20 s−1 = 0.92 · 10−6 s−1 = 0.080 d−1
k2 = 1.16 · 10−5 α 1.0159T −20 s−1 = 3.2 · 10−6 s−1 = 0.28 d−1
kn ' 0.008 d−1 (7.17)

dove α è un parametro che dipende dal tipo di corrente (abbiamo qui assunto α =
0.3) e il valore di kn è stato scelto per finalità didattiche. Si faccia attenzione al fatto
che utilizzando formulazioni differenti i parametri possono risultare sensibilmente
diversi; in particolare la variabilità delle costanti cinetiche di reazione può essere
piuttosto grande (anche come ordine di grandezza).
Come si può vedere dalle formule utilizzate (7.15) e (7.16)-(7.17), le magre estive
sono le condizioni più critiche per due motivi: (1) in magra la portata Q del corso
d’acqua è minore e quindi la diluizione è meno efficace; (2) in estate la temperatura
più alta fa diminuire la concentrazione di ossigeno alla saturazione, poiché la (7.16)
ha un andamento decrescente con T , e aumenta la cinetica delle reazioni (7.17),

BOZZA - 7 ottobre 2005


98 7.2. Posizione del minimo dell’ossigeno disciolto

incrementando cosı̀ il consumo di ossigeno. Quando la concentrazione di ossigeno


disciolto scende sotto un valore critico di alcuni mg/l le condizioni anossiche che si
instaurano risultano pericolose per le forme di vita presenti nel corso d’acqua.

7.2 Posizione del minimo dell’ossigeno disciolto


Un impianto di trattamento scarica un refluo con Ṁ = 295 g/s di BOD5 in un corso
d’acqua avente profondità Yf = 3 m, larghezza B = 30 m e portata Qf = 27 m3 /s,
attraverso un diffusore largo come l’intera sezione. Considerando lo scarico im-
mediatamente miscelato sulla sezione, trovare il punto più critico per l’ossigeno
disciolto nel corso d’acqua. Il deficit di ossigeno nel corso d’acqua prima dello sca-
rico è df = 1.5 mg/l, rispetto a una concentrazione alla saturazione Cs = 9.1 mg/l.

Se lo scarico è modesto rispetto al corso d’acqua, la portata dopo lo scarico è


Q = Qf , la profondità Y = Yf e il deficit iniziale è d0 = df ; la concentrazione
iniziale di BOD5 è


Cb0 = = 10.29 g/m3 = 10.29 mg/l . (7.18)
Q

Si assume una costante di decadimento k1 = 0.2 d−1 e si utilizza la relazione empirica



U
k2 = 3.9 3/2 = 0.41 d−1 (7.19)
Y
per stimare la costante di riossigenazione, dove la velocità media U = Q/(BY ) =
0.3 m/s deve essere espressa in m/s, la profondità in m e il risultato in d−1 .
Il punto di massimo deficit di ossigeno della curva (7.10) si trova4 in
· µ ¶¸
x 1 k2 k2 − k1 d0
= ln 1− = 2.67 d (7.20)
U k2 − k1 k1 k1 Cb 0

da cui si ottiene x = U t[d]·86400[s/d] = 69 km. Si noti come, in assenza di occasioni


di aerazione (dispositivi artificiali, cascate, rapide) che aumentano la costante k2 , il
processo di riossigenazione è molto lento.
Il massimo deficit si ottiene dalla (7.10) per la coordinata x trovata ed è pari a
d = 3.11 mg/l, corrispondente ad una concentrazione di ossigeno CO2 = Cs − d =
5.98 mg/l.

Il problema è realistico? Esaminiamo più a fondo i dati del problema. Assu-


mendo una concentrazione allo scarico Cbb = 40 mg/l (limite di legge), si trova che
la portata massica Ṁ corrisponde a un portata


Qs = ' 32.4 m3 /s .
b
Cb

Assegnato un consumo idrico di dot = 400 l d−1 ab−1 eq , tale portata corrisponde a
n = Qs /dot ' 7 · 106 abitanti equivalenti. Per questo, e per il fatto che la scaricata
è maggiore di quella del corso d’acqua, chiaramente il problema non è realistico.
4 E’ sufficiente risolvere in x l’equazione dd/dx = 0.

BOZZA - 7 ottobre 2005


7. SOLUTI REATTIVI 99

Proviamo a svolgere in ogni caso il problema rimuovendo l’ipotesi assunta abi-


tualmente che Qs ¿ Qf . In questo caso

Q = Qf + Qs = 59.4 m3 /s

e la (7.18) fornisce Cb0 = 4.96 mg/l.


La variazione di portata impone anche una variazione di quota. Con una
relazione di moto uniforme del tipo
p 2/3 BY
Q = BY ks if Rh , Rh =
B + 2Y
si trova
p che a monte dello scarico (Q = Qf ), la profondità Yf = 3 m corrisponde
a ks if = 0.162 m1/3 /s. Con quest’ultimo valore si trova che la portata totale Q
determina una profondità Y = 5.0 m; la velocità risulta quindi U = 0.39 m/s. Di
conseguenza, la (7.19) fornisce una costante di riossigenazione k2 = 0.21 d−1 .
Il deficit di ossigeno dopo la confluenza può essere determinato attraverso un
bilancio di massa relativo alla concentrazione di ossigeno (e non al deficit stesso):

Qf CO2 ,f + Qs CO2 ,s = QCO2 ,0 .

Nel caso in cui Qs ¿ Qf si trova CO2 ,0 ' CO2 ,f = Cs − df = 7.6 mg/l; quando
invece la portata Qs non sia trascurabile, più correttamente la concentrazione di
ossigeno vale CO2 ,0 = 6.33 mg/l, da cui d0 = Cs − CO2 ,0 = 2.77 mg/l.
Con i nuovi parametri, il punto più critico si porta a x/U = 1.93 d, ossia a x =
66 km, con un deficit d = 3.1 mg/l e una concentrazione di ossigeno CO2 = 6.0 mg/l.

7.2.1 Assenza del minimo


La relazione (7.20) consente di stimare la posizione del massimo deficit (minimo di
ossigeno) in funzione dei valori iniziali d0 e Cb0 . In particolare, un minimo esiste
solo se x > 0, ovvero se si localizza dopo lo scarico. Risolvendo la disuguaglianza,
per qualsiasi valore delle costanti cinetiche si trova
k1
xmin > 0 ⇔ d0 < Cb0 .
k2
Se il deficit iniziale è molto grande, prevale quindi la riossigenazione e la curva della
concentrazione di ossigeno ha un andamento sempre crescente (xmin < 0 o non
esistente).
Un caso particolare è dato dalla situazione in cui k2 = k1 , perché la (7.20) risulta
indeterminata. Passando al limite l’espressione, si ottiene
x Cb0 − d0
lim = ,
k2 =k1 U k1 Cb0
per la quale la condizione di esistenza del minimo non cambia.

BOZZA - 7 ottobre 2005


100 7.2. Posizione del minimo dell’ossigeno disciolto

BOZZA - 7 ottobre 2005


Parte V

Appendici

101
Appendice A

Soluzioni: una sintesi

A.1 Soluzioni nelle diverse fasi di mescolamento


L’equazione differenziale di convezione-diffusione ammette soluzione analitica quan-
do i coefficienti sono costanti. Sotto questa ipotesi, consideriamo uno scarico pun-
tuale e analizziamo in dettaglio il comportamento della soluzione nelle diverse fasi
del mescolamento (campo vicino, intermedio e lontano) in un dominio definito da
una sezione trasversale y-z delimitata da pareti, le cui dimensioni sono B e Y ri-
spettivamente lungo y e z. Per semplicità facciamo riferimento a due casi: scarico
puntuale istantaneo di una massa M ; scarico puntuale continuo e stazionario di una
portata massica Ṁ .
Risulta utile definire la funzione
X∞ ½ · ¸ · ¸¾
e ∗ ∗ ∗ 1 (ζ ∗ − ζ0∗ + 2j)2 (ζ ∗ + ζ0∗ + 2j)2
C (ζ , ξ ) = √ exp − + exp − ,
4πξ ∗ j=−∞ 4ξ ∗ 4ξ ∗
(A.1)
il cui andamento nel piano ξ-ζ è riportato graficamente nel paragrafo A.2. E’
importante notare che la (A.1) è tale che per ξ ∗ > ξm ∗
, dove ξm ∗
dipende dalla
∗ e ∗
posizione ζ0 ∈ [0, 1], si ha che C → 1.
Nel seguito vengono utilizzati dei generici coefficienti di diffusione Dx , Dy e Dz
nelle tre direzioni degli assi cartesiani x, y e z. Riguardo all’utilizzo nelle diverse fasi
del mescolamento si può fare riferimento alla Tabella A.1. Si noti che la successione
proposta è fondata sull’ipotesi B À Y ; si rimarca inoltre che i modelli per le
soluzioni dei paragrafi seguenti sono a coefficienti costanti.

Campo Dx Dy Dz
vicino Dxt Dyt Dzt
intermedio t
Dx + Kx t
D y + Ky -
lontano ft + K
D fx + K - -
x

Tabella A.1: Coefficienti di diffusione in dipendenza della fase del mescolamento (con l’ipotesi
B À Y ).

A.1.1 Scarico istantaneo M


In generale la soluzione del problema differenziale a coefficienti costanti

∂C ∂C ∂2C ∂2C ∂2C


+U = Dx 2 + Dy 2 + Dz 2
∂t ∂x ∂x ∂y ∂z

103
104 A.1. Soluzioni nelle diverse fasi di mescolamento

può essere scritta nella forma


· ¸
M (x − U t)2 e e
C(x, y, z, t) = √ exp − Cy Cz (A.2)
4πDx t 4Dx t

dove i contributi della diffusione verticale


X∞ ½ · ¸ · ¸¾
ez (z, t) = √ 1 (z − z0 + 2jY )2 (z + z0 + 2jY )2
C exp − + exp −
4πDz t j=−∞ 4Dz t 4Dz t
(A.3)
e di quella trasversale

X∞ ½ · ¸ · ¸¾
ey (y, t) = p 1 (y − y0 + 2jB)2 (y + y0 + 2jB)2
C exp − + exp −
4πDy t j=−∞ 4Dy t 4Dy t
(A.4)
possono essere quantificati separatamente.
Il comportamento della soluzione appare più chiaramente quando si renda adi-
mensionale il problema utilizzando le scale opportune. Per il mescolamento verticale
si pone
Y2
z = z∗ Y , t = t∗
Dz
e la (A.3) diventa

X∞ ½ · ¸ · ¸¾
e ∗ ∗ 1 1 (z ∗ − z0∗ + 2j)2 (z ∗ + z0∗ + 2j)2
Cz (z , t ) = √ exp − + exp − .
Y 4πt∗ j=−∞ 4t∗ 4t∗
(A.5)
Per il mescolamento trasversale si ha analogamente

B2
y = y∗ B , t=b
t∗
Dy

da cui
X∞ ½ · ¸ · ¸¾
ey (y ∗ , b 1 1 (y ∗ − y0∗ + 2j)2 (y ∗ + y0∗ + 2j)2
C t∗ ) = √ exp − + exp − .
B 4πbt∗ j=−∞ 4bt∗ 4bt∗
(A.6)
Ricordando la (A.1), possiamo porre

ez (z ∗ , b 1 e ∗ ∗ b∗ ey (y ∗ , t∗ ) = 1 C
e ∗ (y ∗ , t∗ )
C t∗ ) = C (z , t ) , C (A.7)
Y B
ed ottenere nella (A.2)
· ¸
M (x − U t)2 e ∗ ∗ b∗ e ∗ ∗ ∗
C(x, y, z, t) = √ exp − C (y , t ) C (z , t ) , (A.8)
BY 4πDx t 4Dx t

in cui la mancanza di rigore nella notazione è bilanciata dalla chiarezza della


formulazione.
Fasi del La soluzione scritta in questo modo si presta ad una semplice interpretazione
mescolamento. nella successione convenzionale di fasi distinte del mescolamento. In generale, posto
B À Y , si ha che la scala dimensionale dei tempi per il mescolamento trasversale è
molto maggiore di quella per il mescolamento verticale. Si ha quindi, assegnato un
tempo t,
b
t∗ ¿ t∗ .

BOZZA - 7 ottobre 2005


A. SOLUZIONI: UNA SINTESI 105

Seguendo questa gerarchia temporale, per tempi piccoli (t∗ ¿ 1) la soluzione


(A.8) è quella del campo vicino:
· ¸
M (x − U t)2
C(x, y, z, t) = 3/2 p
exp − ·
(4πt) Dx Dy Dz 4Dx t
∞ ½
X · ¸ · ¸¾
(y − y0 + 2jB)2 (y + y0 + 2jB)2
· exp − + exp − ·
j=−∞
4Dy t 4Dy t
X∞ ½ · ¸ · ¸¾
(z − z0 + 2jY )2 (z + z0 + 2jY )2
· exp − + exp − .
j=−∞
4Dz t 4Dz t

Al crescere di t (t∗ ∼ 1) si esaurisce il mescolamento verticale (ovvero la concentra-


zione diventa uniforme lungo la verticale) e la (A.5) si semplifica in

t∗ ∼ 1 ⇒ ez = 1 ,
C
Y
cosicché la (A.8) diventa la ben nota soluzione per il campo intermedio:
· ¸
M (x − U t)2
C(x, y, t) = p exp − ·
Y (4πt) Dx Dy 4Dx t
X∞ ½ · ¸ · ¸¾
(y − y0 + 2jB)2 (y + y0 + 2jB)2
· exp − + exp − .
j=−∞
4Dy t 4Dy t

L’ulteriore crescere di t (b
t∗ ∼ 1) comporta l’esaurimento del mescolamento trasver-
sale, con la conseguente uniformità di concentrazione su tutta la sezione, e la (A.6)
diventa
b
t∗ ∼ 1 ⇒ C ey = 1 ,
B
lasciando che la (A.8) rappresenti la soluzione nel campo lontano:
· ¸
M (x − U t)2
C(x, t) = √ exp − .
BY 4πDx t 4Dx t

Le stesse considerazioni sono valide quando si considerino le medie della concen- Medie della
trazione lungo la verticale o lungo la trasversale. Infatti la (A.1) è tale che concentrazione.

Z 1
e ∗ (ζ ∗ , ξ ∗ )dζ ∗ = 1
C
0

per ogni coordinata ξ ∗ . In conseguenza di ciò, con una riserva sui coefficienti di
diffusione da utilizzare, la soluzione per la concentrazione mediata sulla verticale è
sempre quella del campo intermedio e quella mediata sulla sezione è quella di campo
intermedio.

A.1.2 Scarico costante Ṁ


Nel caso in cui la portata massica scaricata Ṁ sia costante, assumendo che sia valida
l’ipotesi di trascurare la diffusione longitudinale rispetto alla convezione nella stessa
direzione, ovvero si risolva l’equazione

∂C ∂2C ∂2C
U = Dy 2 + Dz 2 ,
∂x ∂y ∂z

BOZZA - 7 ottobre 2005


106 A.1. Soluzioni nelle diverse fasi di mescolamento

la soluzione generale è stazionaria e può essere scritta come

Ṁ f0 f0
C(x, y, z) = C yC z (A.9)
U
dove i contributi della diffusione verticale e di quella trasversale sono analoghi alle
(A.3)-(A.4):
∞ ½
X · ¸ · ¸¾
f0 z (z, x) = p 1 (z − z0 + 2jY )2 (z + z0 + 2jY )2
C exp − + exp −
4πDz x/U j=−∞
4Dz x/U 4Dz x/U
(A.10)
∞ ½
X · 2
¸ · ¸¾
f0 y (y, x) = p 1 (y − y0 + 2jB) (y + y0 + 2jB)2
C exp − + exp − .
4πDy x/U j=−∞
4Dy x/U 4Dy x/U
(A.11)
Ripetendo il procedimento del paragrafo precedente, si possono scegliere le scale
per il mescolamento verticale

UY 2
z = z∗ Y , x = x∗ ,
Dz

e la (A.10) diventa

X∞ ½ · ¸ · ¸¾
f0 ∗ ∗ 1 1 (z ∗ − z0∗ + 2j)2 (z ∗ + z0∗ + 2j)2
C z (z , x ) = √ exp − + exp − ,
Y 4πx∗ j=−∞ 4x∗ 4x∗
(A.12)
mentre per il mescolamento trasversale si ha

U B2
y = y∗ B , b∗
x=x
Dy

da cui la (A.11) in coordinate adimensionali

X∞ ½ · ¸ · ¸¾
f0 ∗ ∗ 1 1 (y ∗ − y0∗ + 2j)2 (y ∗ + y0∗ + 2j)2
b )= √
C y (y , x exp − + exp − .
B 4πbx∗ j=−∞ x∗
4b x∗
4b
(A.13)
Utilizzando anche in questo caso la (A.1), ricordando che Q = U BY , la (A.9)
diventa
Ṁ e ∗ ∗ ∗ e ∗ ∗ ∗
C(x, y, z) = C (y , x
b ) C (z , x ) . (A.14)
Q
Fasi del Il discorso sulla successioni delle fasi del mescolamento può essere riproposto in
mescolamento e funzione della coordinata spaziale x in modo analogo a quanto visto per t; anche in
medie di
concentrazione.
questo caso
BÀY ⇒ x b∗ ¿ x∗
per x assegnato.
A piccole distanze dallo scarico (x∗ ¿ 1) la soluzione (A.9)-(A.11) è quella del
campo vicino

X∞ ½ · ¸ · ¸¾
Ṁ (z − z0 + 2jY )2 (z + z0 + 2jY )2
C(x, y, z) = p exp − + exp − ·
4πx Dz Dy j=−∞ 4Dz x/U 4Dz x/U
X∞ ½ · ¸ · ¸¾
(y − y0 + 2jB)2 (y + y0 + 2jB)2
· exp − + exp − ,
j=−∞
4Dy x/U 4Dy x/U

BOZZA - 7 ottobre 2005


A. SOLUZIONI: UNA SINTESI 107

mentre per x maggiori (x∗ ∼ 1), esaurito il mescolamento verticale, si ottiene la


ben nota soluzione per il campo intermedio
X∞ ½ · ¸ · ¸¾
Ṁ (y − y0 + 2jB)2 (y + y0 + 2jB)2
C(x, y) = p exp − + exp − .
Y 4πxDy U j=−∞ 4Dy x/U 4Dy x/U

Procedendo ulteriormente lungo x (b x∗ ∼ 1) la concentrazione diventa uniforme e si


trova la semplice soluzione costante di campo lontano

C= .
Q
Le considerazioni riguardo alle medie della concentrazione sono assolutamente
analoghe a quelle del paragrafo precedente.

A.2 Soluzioni grafiche


Nella pratica molti problemi possono essere risolti riconducendosi ad un’equazione a
coefficienti costanti; come discusso nel paragrafo A.1, la soluzione può essere espres-
sa in termini adimensionali come composizione di soluzioni fondamentali (A.1), che
qui riscriviamo come
X∞ ½ · ¸ · ¸¾
1 (ζ ∗ − ζ0∗ + 2j)2 (ζ ∗ + ζ0∗ + 2j)2
C∗ = √ exp − + exp − (A.15)
4πξ ∗ j=−∞ 4ξ ∗ 4ξ ∗

dove le variabili ξ ∗ e ζ ∗ possono assumere di volta in volta significati geometrici


differenti. Una volta nota la soluzione della (A.15) in via grafica, si può facilmente
ottenere la soluzione dimensionale moltiplicando le variabili adimensionali per le
scale caratteristiche del problema. Nelle Figure A.1-A.4 sono riportate le curve di
isoconcentrazione ottenute dalla (A.15), per diverse posizioni del punto di scarico
ζ0∗ .
Il grado di mescolamento Pm è il rapporto tra la concentrazione massima e la
minima previste dalla (A.15):

Cmin
Pm = ∗
=
Cmax
P∞ n h ∗
i h io
(ζmin −ζ0∗ +2j)2 ∗
(ζmin +ζ0∗ +2j)2
j=−∞ exp − 4ξ ∗ + exp − 4ξ ∗
= P∞ n h i h io (A.16)

(ζmax −ζ0∗ +2j)2 ∗
(ζmax +ζ0∗ +2j)2
j=−∞ exp − 4ξ ∗ + exp − 4ξ ∗

Nella (A.16) i punti in cui è localizzato il massimo di concentrazione si sposta al


variare di ξ ∗ e del punto di scarico ζ0∗ , mentre il minimo si trova sempre in ζ ∗ = 1 nel
caso in cui 0 ≤ ζ0∗ ≤ 0.5 (si noti per 0.5 ≤ ζ0∗ ≤ 1 la soluzione è simmetrica rispetto
alla mezzeria). Possiamo però osservare dalle Figure A.2 e A.3 che, fissato ζ0∗ , il
massimo si sposta in funzione di ξ ∗ solo nelle vicinanze dello scarico, per posizionarsi
poi sempre verso ζ ∗ = 0, come nel caso di ζ0∗ = 0 (Figura A.1); solo nel caso in
cui ζ0∗ = 0.5, per evidenti ragioni di simmetria, il massimo resta invariabilmente
posizionato in ζ = 0.5 (Figura A.4). Il grado di mescolamento Pm in funzione di ξ
è rappresentato in Figura A.5 per diverse posizioni di scarico ζ0∗ .

A.3 La funzione errore


La funzione errore (erf, error function) compare frequentemente nelle soluzioni
trovate nelle pagine precedenti. Essa è definita come
Z x
2 ¡ ¢
erf(x) = √ exp −ξ 2 dξ (A.17)
π 0

BOZZA - 7 ottobre 2005


108 A.3. La funzione errore

0.05

0.4

0.93
0.7

0.85
0.9

0.97
0.2
0.8

9
0.6

0.9
8
0.

9
0.7

0.
95
0.
8
0.9
0.6
*

0.5 1
ζ

0.4

1.
0.3

02
1.0
1.1

1.0
1.2

5
1.4

1
0.2
2

1.03
1.07
1.15

0.1
1.3
4

1.6
3

0
0.05 0.1 0.15 0.2 0.25 0.3 0.35 0.4 0.45 0.5 0.55
*
ξ

Figura A.1: Curve di isoconcentrazione dalla soluzione (A.15) per ζ0∗ = 0.

1
0.05

0.4

0.7

0.85

0.97
0.93

0.9
0.2

0.8
0.6

99
0.

0.

0.7
5
0.

9
0.

98
0.
0.6
*

0.5 1
ζ

0.4
1.
02
0.3
1.
05
1.

1.0
1.2

1
3

1.4

0.2
1.0
2

1.07

3
1.15

0.1
1.3
1.6
1.6

0
0.05 0.1 0.15 0.2 0.25 0.3 0.35 0.4 0.45 0.5 0.55
*
ξ

Figura A.2: Curve di isoconcentrazione dalla soluzione (A.15) per ζ0∗ = 0.25.

BOZZA - 7 ottobre 2005


A. SOLUZIONI: UNA SINTESI 109

0.05

0.4

0.7

0.85

0.93

0.97
0.9

0.2

0.6
0.8

0.8

0.9

99
95
0.7

0.
98

0.
0.

0.6
*

0.5 1
ζ

0.4
1.
02
0.3
1.
1.

05
1
2

1.2
1.6

1.0
0.2
1.4

1.0

1
1.07
1.15

3
0.1
1.3
1.4

0
0.05 0.1 0.15 0.2 0.25 0.3 0.35 0.4 0.45 0.5 0.55
*
ξ

Figura A.3: Curve di isoconcentrazione dalla soluzione (A.15) per ζ0∗ = 0.33.

1
0.05

3
0.4

0.7

0.9
0.8

7
0.9

0.9 99
6 0.
0.2

0. 0.8 0.9 5
0.9 0.9
8
0.8
1
0.7
1.0 1.0
1.1 1.0 2 1
1. 1. 5
4 2
0.6
1.
03
2

1.0
1.15
1.3
1.6

7
4
3
*

0.5
ζ

0.4

0.3
1
0.2
0.9
0. 0. 0. 0. 8
0.2

6 8 9 95
0.1
0.9
0.9
0.05

0.9
0.8
0.4

0.7

9
7
3
5

0
0.02 0.04 0.06 0.08 0.1 0.12 0.14 0.16
*
ξ

Figura A.4: Curve di isoconcentrazione dalla soluzione (A.15) per ζ0∗ = 0.5.

BOZZA - 7 ottobre 2005


110 A.3. La funzione errore

0.9 ζ*=0.5
0

0.8

0.7
ζ*0=0.33
0.6
Pm

0.5

0.4 ζ*0=0.25

0.3
ζ*0=0
0.2

0.1

0
0 0.1 0.2 0.3 0.4 0.5 0.6
ξ*

Figura A.5: Grado di mescolamento Pm ottenuto dalla (A.16) in funzione di ξ ∗ per diversi punti
di scarico ζ0∗ .

ed è rappresentata graficamente in Figura A.6. Si nota facilmente che la funzione


è antisimmetrica, ossia f (x) = −f (−x) e che tende rapidamente al valore ±1 per
x → ±∞.
La funzione complementare erfc è definita come

erfc(x) = 1 − erf(x) . (A.18)

Approssimazione numerica. Poiché la funzione erf non può essere espressa in


forma esplicita e non sempre è disponibile nelle librerie, può essere utile una versione
approssimata:
à 5 !
X ak
∼ −x2
erf(x) = 1 − e (A.19)
(1 + p x)k
k=1

i cui coefficienti valgono

p = .3275911, a1 = .254829592, a2 = −.284496736,


a3 = 1.421413741, a4 = −1.453152027, a5 = 1.061405429 (A.20)

Il confronto tra la (A.17) e la (A.19) è riportato in Figura A.7. Come si può notare,
l’approssimazione è soddisfacente per x > 0, dove l’errore rimane entro una fascia
dell’ordine di 10−7 , mentre la soluzione diverge per x < 0. Per ovviare a tale
mancanza, si possono sfruttare le proprietà di simmetria già ricordate.
Molti dei moderni linguaggi di programmazione hanno la funzione erf incorpo-
rata; sfortunatamente al FORTRAN manca. Di seguito viene riportata un esempio,
in doppia precisione, di una procedura che utilizza la (A.19) per calcolare la erf in

BOZZA - 7 ottobre 2005


1

0.95

0.9

0.85











0.8 ( )=


∫ (− ξ ) ξ
0.75
π
0.7

0.65

0.6
A. SOLUZIONI: UNA SINTESI

0.55

0.5

0.45

0.4

0.35

0.3

Figura A.6: La funzione erf(x).

BOZZA - 7 ottobre 2005


0.25

0.2

0.15

0.1

0.05

0
0 0.1 0.2 0.3 0.4 0.5 0.6 0.7 0.8 0.9 1 1.1 1.2 1.3 1.4 1.5 1.6 1.7 1.8 1.9 2 2.1 2.2 2.3 2.4
111
112 A.3. La funzione errore

erf(x)
0.5

-2 -1 1 2 3 4
0
x

-0.5

-1

-1.5

Figura A.7: Confronto tra la soluzione esatta (A.17), in linea continua, e quella approssimata
(A.19), in linea tratteggiata.

tutto il suo dominio di definizione (compresi i valori negativi di x):

function erf(x)
real(8):: erf,x,xp,t1,t2
xp=x*sign(1.d0,x)
t1 = 1.d0/(1.d0+0.3275911d0*xp)
t2 = t1*t1
erf = 1.d0-exp(-xp*xp)*(0.254829592d0-0.284496736d0*t1
#+0.1421413741d1*t2-0.1453152027d1*t2*t1
#+0.1061405429d1*t2*t2)*t1
erf=erf*sign(1.d0,x)
return
end

BOZZA - 7 ottobre 2005


Appendice B

Analisi dimensionale

L’analisi dimensionale è basata sull’idea molto semplice che le leggi fisiche non
devono dipendere dalle unità di misura adottate per le variabili considerate. Le
conseguenze di questa osservazione sono molto rilevanti per quanto riguarda l’in-
terpretazione dei fenomeni fisici. Molte considerazioni tra quelle che seguono sono
tratte da Barenblatt (1987), al quale si rimanda per un’analisi più approfondita.
La maggior parte delle grandezze fisiche può essere espressa utilizzando esclusi-
vamente cinque dimensioni di base, come: lunghezza (L), tempo (T ), massa (M ),
temperatura (θ), intensità di corrente elettrica (I). La scelta delle grandezze di base
è arbitraria e dipende da ragioni storiche e da considerazioni legate alla facilità e
precisione delle misure sperimentali; l’unico vincolo nella scelta è che le dimensioni
siano indipendenti, cioè non sia possibile ottenerne una a partire da combinazioni
delle altre.
Le unità di misura vengono utilizzate per misurare le grandezze fisiche confron-
tandole con delle unità di riferimento esterne, che variano a seconda del sistema di
riferimento utilizzato. Ad esempio una lunghezza può essere misurata in metri, pol-
lici, miglia, anni luce, ecc. Similmente una velocità può essere misurata in metri al
secondo o miglia all’ora, ma rimane in ogni caso una lunghezza divisa per un tempo.
Esistono diversi sistemi di riferimento; quello più diffuso è il sistema internazionale
(SI, Sistéme Internationale), nel quale la lunghezza viene misurata in metri (m),
il tempo in secondi (s) la massa in chilogrammi (kg), la temperatura in kelvin (K,
senza il simbolo del grado ◦ ), la corrente in ampere (A). Ad alcune grandezze di
uso più comune sono stati attribuiti dei nomi speciali, come ad esempio all’unità
per misurare la forza (newton, N = kg · m/s2 ).
Alcune quantità non hanno dimensioni, come ad esempio il seno di un angolo,
che rappresenta il rapporto tra due lati dello stesso e quindi si esprime come L/L.
Queste grandezze vengono dette adimensionali. Esistono però alcune quantità che,
pur essendo adimensionali, sono espresse utilizzando delle unità di misura: ad esem-
pio gli angoli possono essere misurati in radianti (rad), gradi sessagesimali (◦ ), gradi
centesimali (gon).
Spesso le leggi fisiche sono espresse in termini dimensionali. In un caso generico,
come f = ab + c, si deve avere che le dimensioni dei termini a sinistra dell’uguale
sono le stesse di quelli a destra. Un caso in cui assolutamente è necessario avere delle
grandezze adimensionali è quando queste rappresentano gli argomenti di funzioni
trigonometriche o esponenziali. Nella nota legge di decadimento exp (−kt), dove t
rappresenta un tempo (scriveremo [t] = T ), k deve essere espresso come l’inverso
di un tempo, ossia T −1 per poter avere un termine adimensionale. Se quindi k è
espresso in s−1 , la variabile tempo t deve essere coerentemente misurata in s.

113
114 B.1. Teorema di Buckingham

B.1 Teorema di Buckingham


Il teorema di Buckingham, noto anche come teorema Π (Buckingham’s Pi Theo-
rem), afferma che ogni relazione fisica del tipo f (x1 , x2 , ..., xn ) = 0 è equivalente
a una relazione del tipo g(π1 , π2 , ..., πn−r ) = 0, dove r è il numero di dimensioni
coinvolte nel problema e i termini πi sono gruppi adimensionali ottenuti scalando le
variabili originarie xr+1 , ..., xn utilizzando r variabili (x1 , ..., xr ) dimensionalmente
indipendenti. La conseguenza è che le funzioni che esprimono le leggi fisiche posso-
no essere scritte in termini di gruppi adimensionali, che risultano essere in numero
inferiore alle grandezze considerate inizialmente.
L’indipendenza dimensionale può essere verificata nel modo seguente. Consi-
deriamo un caso in cui siano coinvolte masse (M ), lunghezze (L) e tempi (T ) co-
me dimensioni fondamentali. Prendiamo tre grandezze Q1 , Q2 e Q3 , per le quali
possiamo scrivere:

[Q1 ] = M α1 Lβ1 T γ1
[Q2 ] = M α2 Lβ2 T γ2
[Q3 ] = M α3 Lβ3 T γ3

Se scriviamo la matrice degli esponenti delle dimensioni, possiamo individuare


l’indipendenza richiedendo che il determinante di tale matrici non risulti nullo,
ossia: ¯ ¯
¯ α1 β1 γ1 ¯
¯ ¯
¯ α2 β2 γ2 ¯ 6= 0 (B.1)
¯ ¯
¯ α3 β3 γ3 ¯

In tal caso non è possibile misurare una delle variabili utilizzando le altre. L’esten-
sione al caso di un numero r 6= 3 di dimensioni considerate è banale.
Il significato del teorema appare più chiaro quando si riflette sull’operazione che
si sta compiendo: invece di utilizzare delle scale esterne per misurare le grandezze
coinvolte nel problema (il metro, il secondo, il chilogrammo standard), si sono scelte
proprio alcune di tali grandezze come unità di misura per le altre. In questo modo
alcune variabili, tipicamente quelle più rilevanti, assumono il significato di scale
interne del problema, che devono quindi essere indipendenti dal punto di vista
dimensionale per poter fungere da ‘metro’ per tutte le altre variabili.

B.1.1 Un esempio nell’ambito dell’idraulica


Per illustrare il procedimento, si è scelto il problema, noto nelle discipline idrauli-
che, di determinare la caduta di pressione di una tubazione tra due punti distanti
`. Individuate le grandezze fisiche coinvolte nel problema, ossia la distanza `, il
diametro D del tubo, la velocità U , la scabrezza es delle pareti, la viscosità µ e la
densità del fluido ρ, possiamo esprimere la caduta di pressione ∆p nella forma

∆p = f1 (`, D, U, es , µ, ρ) .

Dato che nel problema sono coinvolte r = 3 dimensioni (M, L, T ), scegliamo


come tre scale interne D, U e ρ. Le loro dimensioni sono rispettivamente:

[D] = L, [U ] = L T −1 , [ρ] = M L−3 (B.2)

Avvalendosi della (B.1) si può vedere che le tre grandezze sono dimensionalmente
indipendenti. Si noti che la scelta non è univoca, ma implica la conoscenza del
fenomeno fisico.

BOZZA - 7 ottobre 2005


B. ANALISI DIMENSIONALE 115

Passiamo quindi alla definizione dei gruppi adimensionali coinvolti. L’analisi


dimensionale fornisce:

[∆p] = M L−1 T −2 , [`] = L, [es ] = L, [µ] = M L−1 T −1 . (B.3)

Le variabili della (B.3) possono essere quindi espresse in funzione delle (B.2) nel
seguente modo:

∆p = Da1 U b1 ρc1 , ` = D a2 U b 2 ρc 2 , es = Da3 U b3 ρc3 , µ = D a4 U b 4 ρc 4 (B.4)

Prendiamo in considerazione la prima delle (B.4); ricordando le (B.2) e la prima


delle (B.3) si può scrivere l’equazioni dimensionale

[∆p] [D] [U ] [ρ]


a1 ¡ ¢ ¡
−1 b1
¢c1
M L−1 T −2 = (L) LT M L−3

dalla quale, considerando separatamente le dimensioni M , L, T , si ha

(M ) 1 = c1
(L) −1 = a1 + b1 − 3c1
(T ) −2 = −b1

Risolvendo il sistema, si ottiene a1 = 0, b1 = 2, c1 = 1, da cui il primo gruppo


adimensionale
∆p
Π0 =
ρU 2
Analogamente si trovano
` es µ
Π1 = , Π2 = , Π3 =
D D ρU D
nei quali il lettore individuerà facilmente alcuni numeri adimensionali già noti: il
numero di Reynolds Re = Π−1 3 e la scabrezza adimensionale della tubazione ε = Π2 .
Possiamo quindi esprimere la caduta di pressione in maniera semplificata1
µ ¶
∆p `
= f2 R e , ε,
ρU 2 D

Confronti sperimentali mostrano una dipendenza diretta dal parametro `/D e quindi
`
∆p = ρU 2 f3 (Re , ε) (B.5)
D
Volendo valutare il gradiente di pressione locale dp/dx, possiamo far tendere la
distanza ` a zero ed eliminare il parametro `/D. Si ha in questo caso
· ¸
dp dp D
= M L−2 T −2 ⇒ Π4 =
dx dx ρU 2

e la relazione (B.5) si semplifica in

dp ρU 2
= f4 (Re , ε) (B.6)
dx D
che si riconosce esprimere la dipendenza funzionale caratteristica della caduta di
carico nelle correnti in pressione.
1 Si noti che è equivalente scrivere la dipendenza da Π3 = Re−1 o dal suo inverso Re .

BOZZA - 7 ottobre 2005


116 B.1. Teorema di Buckingham

Quando un parametro adimensionale risulta molto piccolo (o molto grande),


spesso esiste la possibilità che il suo contributo al problema risulti trascurabile.
Prendiamo ad esempio il caso dei condotti idraulicamente lisci, per i quali la variabile
es non entra nella descrizione del sistema fisico; in questo caso vale es /D ¿ 1 e la
(B.6) si semplifica in
dp ρU 2
= f5 (Re )
dx D
Un altro caso estremo, valido per i tubi idraulicamente scabri, è quello in cui il
numero di Reynolds è molto grande e la soluzione dipende esclusivamente dalla
scabrezza relativa:
dp ρU 2
= f6 (ε)
dx D

Attenzione! Non inganni però l’apparente facilità con cui si possono semplificare
le relazioni: per ottenere risultati corretti è necessaria una buona conoscenza del
sistema fisico che si sta analizzando.

B.1.2 Un’applicazione: mescolamento in ambiente stratifica-


to
Un secondo esempio, più complesso e direttamente connesso alle problematiche del
mescolamento di inquinanti nei corpi idrici viene illustrato di seguito; è tratto da
Fischer et al. (1979).
Si consideri lo smaltimento di un volume Vs di fanghi in un corpo idrico stratifi-
cato linearmente nella direzione verticale (si faccia riferimento alla Figura B.1). E’
un problema di campo vicino analogo ad un pennacchio scaricato nell’atmosfera; in
prima approssimazione non si tiene conto né della diffusione né degli effetti convet-
tivi. Si ipotizza che il processo sia controllato dalla differenza di densità tra i fanghi
scaricati e l’ambiente che li riceve. I fanghi, inizialmente più pesanti, si mescolano
con il fluido più leggero mentre depositano, finché la densità non raggiunge un va-
lore pari a quello ambiente (se si tenesse in considerazione anche l’inerzia, la nuvola
dei fanghi oltrepasserebbe tale limite). Durante il processo di sedimentazione, la
densità ρs dei fanghi si avvicina a quella ρa dell’ambiente sia perché ρs diminui-
sce a causa dell’entrainment di acqua pulita, che fa aumentare la dimensione della
nuvola, sia perché ρa cresce linearmente con la profondità, secondo una legge del
tipo
ρa = ρ0 − k z
Se la fase di discesa si esaurisce in un lasso di tempo sufficientemente ridotto da poter
separare la scala temporale di questo fenomeno da quelle successive di diffusione
laterale e di azione convettiva legata alle circolazioni interne nel corpo idrico, è
possibile ottenere delle informazioni significative utilizzando l’analisi dimensionale.
Il primo obiettivo è quello di determinare la massima profondità di penetrazione
dmax della nuvola. Il problema suggerisce che dmax possa dipendere dalle densità
ρs e ρ0 , dal grado di stratificazione k, dal volume dei fanghi Vs , dall’accelerazione
di gravità g e dalla viscosità cinematica ν, ossia

dmax = f (ρs , ρ0 , k, Vs , g, ν) (B.7)

Tale relazione comprende 7 grandezze, che possono essere ridotte a 7 − 3 = 4


parametri adimensionali avvalendosi del teorema Π, ma senza riuscire a semplificare
drasticamente il problema.
Il problema può essere semplificato avvalendosi della conoscenza empirica dei
processi fisici coinvolti: la dipendenza (B.7) può infatti essere riscritta sulla base
delle seguenti osservazioni. La viscosità ν, pur influenzando il campo di moto, non

BOZZA - 7 ottobre 2005


B. ANALISI DIMENSIONALE 117

Figura B.1: Rappresentazione schematica del problema dello scarico di una nuvola di fanghi
pesanti in un mezzo stratificato

dovrebbe risultare cruciale nel meccanismo di discesa della nuvola. Nel processo
non conta la gravità g semplice, ma l’eccesso di peso sommerso iniziale della nuvola
g ∆ρ Vs (dove ∆ρ = ρs − ρ0 ). Analogamente, il gradiente di densità svolge un ruolo
rilevante solo nella forma −gdρa /dz. La (B.7) diventa quindi
µ ¶
dρa
dmax = f ρ0 , g ∆ρ, −g (B.8)
dz
che può essere ulteriormente elaborata eliminando scalando i termini comprenden-
ti la massa con la densità ρ0 . In questo modo si eliminano tutti i termini che
coinvolgono come dimensione la massa stessa. Si ottiene infine

dmax = f (g 0 VS , gε) (B.9)

dove abbiamo introdotto la gravità modificata g 0 = g(ρs − ρ0 )/ρ0 e il gradiente


1 dρa
ε=− . Abbiamo quindi ridotto la relazione a 3 grandezze (nelle due dimen-
ρs dz
sioni L e T ) che possono essere scritte in termini di un solo gruppo adimensionale
adottando come scale le variabili g 0 Vs (azione motrice) e gε (meccanismo resisten-
te), che risultano dimensionalmente indipendenti ([g 0 Vs ] = L4 T −2 , [gε] = T −2 ).
Possiamo definire cosı̀ un gruppo adimensionale (3 − 2 = 1):
µ ¶1/4

dmax =A (B.10)
g 0 Vs
che deve risultare pari ad un valore costante A da determinare sperimentalmente:
si trova A ' 2.66.
Il tempo di diluzione tmax può essere determinato seguendo la medesima proce-
dura. Data una dipendenza

tmax = f (g 0 VS , gε)

risulta

tmax gε = B
con B costante.
La concentrazione di equilibrio Cmax del contaminante dipenderà invece dalla
massa Mc scaricata, che si conserva durante la diluizione. Ponendo

Cmax = f (g 0 VS , gε, Mc )

BOZZA - 7 ottobre 2005


118 B.2. Similarità

si fissa una relazione con 4 variabili in 3 dimensioni e si ottiene un solo gruppo


adimensionale (4 − 3 = 1)
µ ¶3/4
Cmax gε
= c con Cs = Mc
Cs g 0 Vs

dove c è la costante da determinare.

B.2 Similarità
Un’importante applicazione dell’analisi dimensionale è quella della costruzione di
modelli fisici in scala ridotta, che si basa sull’ipotesi che, mantenendo immuta-
ti alcuni parametri adimensionali, sia possibile riprodurre i fenomeni da studiare
riproducendone i tratti essenziali. Il concetto di similarità fisica è una generalizza-
zione del concetto di similarità in geometria. Due triangoli sono simili quando, pur
differendo nella misura delle lunghezze dei lati, gli angoli racchiusi sono i medesimi.
Analogamente, fenomeni fisici sono chiamati similari quando i valori dei parame-
tri adimensionali sono uguali e differiscono solo per quanto riguarda le variabili
dimensionali.

Modelli e prototipi L’analisi di similarità è alla base della modellazione dei fe-
nomeni fisici. Definiamo prototipo il fenomeno fisico che stiamo esaminando (nella
‘realtà’). Vogliamo studiare il comportamento del prototipo utilizzando un mo-
dello, tipicamente in scala ridotta, che ne preservi alcune caratteristiche. Per fare
questo possiamo definire dei rapporti di scala (spaziali, temporali) che permetto-
no di mantenere inalterati i gruppi adimensionali più significativi. Purtroppo è in
generale impossibile riprodurre tutte le proprietà del fenomeno, in quanto gruppi
adimensionali diversi impongono rapporti di scala differenti. La modellazione del
fenomeno può essere d’altra parte condotta selezionando quegli aspetti che risultino
più significativi ai fini dell’analisi.

B.2.1 Soluzioni autosimilari


Una delle possibilità più interessanti dell’analisi dimensionale è quella di trovare
delle soluzioni autosimilari. In particolare per i processi che evolvono nel tempo, si
possono trovare delle relazioni che risultano invarianti qualora si adottino le scale
giuste per adimensionalizzare il problema: un fenomeno dipendente dal tempo viene
detto auto-similare se la distribuzione spaziale delle sue proprietà in istanti differenti
può essere ottenuta da un’altra, nota ad un dato tempo, per mezzo di trasformazioni
similari. Semplificando, questo significa che fotografie istantanee del fenomeno sono
sempre identiche: solo la scala cambia al variare del tempo.
Un esempio ci permette di illustrare il concetto in maniera più chiara. La solu-
zione fondamentale monodimensionale per il campo di concentrazione in un dominio
monodimensionale (dimensionalmente [C] = M/L)
µ ¶
M x2
C=√ exp −
4πDt 4Dt

trovata nel caso della diffusione è una soluzione autosimilare. Abbiamo infatti che,
una volta scalate opportunamente le variabili C e x, utilizzando M , D e il tempo t
nella forma
x C
x∗ = √ , C∗ = √ ,
Dt M/ Dt

BOZZA - 7 ottobre 2005


B. ANALISI DIMENSIONALE 119

si ottiene una soluzione unica


µ ∗2 ¶
1 x
C ∗ = √ exp − (B.11)
4π 4

che può essere particolarizzata scegliendo il tempo t alla quale viene valutata. La
(B.11) dipende esclusivamente da x∗ ed è quindi ‘costante’ nel tempo; è valida per
ogni t 6= 0 (al momento dello scarico t = 0 e la soluzione degenera in un Dirac).

BOZZA - 7 ottobre 2005


120 B.2. Similarità

BOZZA - 7 ottobre 2005


Appendice C

Metodi di soluzione numerica


dell’equazione di
convezione-diffusione

Queste brevi considerazioni intendono fornire un’introduzione alla soluzione nume-


rica dell’equazione di convezione-diffusione monodimensionale
∂C ∂C ∂2C
+U =D 2, (C.1)
∂t ∂x ∂x
considerando il caso particolare in cui i coefficienti U e D sono costanti.
L’equazione (C.1), pur essendo uno dei casi più semplici di equazioni differenziali
alle derivate parziali, presenta molte caratteristiche interessanti che sono riscontra-
bili anche in sistemi più complessi. La comprensione del funzionamento dei metodi
di soluzione numerica e il commento delle loro proprietà peculiari, sviluppati in que-
sto caso specifico, possono fornire un’indicazione su come affrontare diverse tipologie
di problemi.

C.1 Classificazione delle equazioni differenziali


Sulla base delle caratteristiche matematiche di un’equazione differenziale è possibile
trarre delle informazioni utili sul comportamento della soluzione. Per comprendere
la natura delle equazioni differenziali è istruttivo fare riferimento ad alcune equazioni
particolari che descrivono fenomeni di cui si conoscono le caratteristiche salienti:
∂f ∂f
1. equazione di pura convezione: +U =0
∂t ∂x
∂f ∂2f
2. equazione di Fourier (pura diffusione): −µ 2 =0
∂t ∂x
∂f ∂3f
3. equazione di pura dispersione1 : −ν 3 =0
∂t ∂x
∂2f 2
2∂ f
4. equazione delle onde: − a =0
∂t2 ∂x2
1 Si noti che il termine dispersione ha in questo capitolo un significato diverso da quello della

dispersione intesa come meccanismo diluitivo originantesi dalla combinazione di diffusione e conve-
zione non uniforme. Dal punto di vista matematico, la dispersione si riferisce alla presenza di una
derivata del terzo ordine nell’equazione differenziale, che dà luogo alla separazione di armoniche
di lunghezza d’onda diversa, come si vedrà in seguito.

121
122 C.1. Classificazione delle equazioni differenziali

∂2f ∂2f
5. equazione di Laplace: + =0
∂x2 ∂y 2

∂2f ∂2f
6. equazione di Poisson: + =g
∂x2 ∂y 2

Utilizzando una notazione ormai assodata, è stata considerata una funzione f (x, t)
per i primi quattro tipi di equazione, data la natura evolutiva del problema. Negli
ultimi due casi si è considerata una funzione f (x, y) poiché si tratta di problemi di
natura spaziale.
L’ordine di un’equazione differenziale alle derivate parziali è dato dal grado
massimo in cui compare una qualsiasi derivata: l’eq. 1 è del primo ordine, le
eq. 2, 4, 5 e 6 sono del secondo, mentre la 3 è del terzo. Le equazioni sono
dette lineari se i coefficienti (nel caso specifico U , µ, ν, a, g) non dipendono dalla
funzione f , ad esempio U = U (x, y, t), non-lineari altrimenti. Se i coefficienti non
dipendono neppure dalle variabili indipendenti (x, y, t) sono dette a coefficienti
costanti. Le equazioni lineari godono di alcune importanti proprietà, tra le quali si
Principio di può ricordare il principio di sovrapposizione degli effetti , che consente di ottenere
sovrapposizione la soluzione di un problema sommando delle soluzioni particolari; questa proprietà
degli effetti.
delle equazioni lineari è stata abbondantemente sfruttata nei capitoli precedenti. Le
equazioni non-lineari possono essere risolte analiticamente solo in casi particolari.
Se i coefficienti non dipendono dalle derivate di ordine maggiore o uguale di quelle
a cui si riferiscono, ossia l’equazione è lineare nelle derivate di ordine massimo,
l’equazione è detta quasi-lineare; un caso assai noto è quello delle equazioni del
moto dei fluidi.
Da un punto di vista matematico, le equazioni differenziali del secondo ordi-
ne alle derivate parziali possono essere classificate in tre grandi categorie: ellitti-
che, iperboliche, paraboliche. Prendiamo il caso dell’equazione quasi-lineare in due
variabili indipendenti (x, y):

Af,xx + Bf,xy + Cf,yy + Ef,x + F f,y + Gf = H (C.2)

dove A, B, C possono dipendere da x, y, f , f,x , f,y , mentre E, F , G da x, y, f e


H da x e y. Il carattere dell’equazione può essere valutato sulla base del segno del
discriminante ∆ = B 2 − A C secondo la Tabella C.1.

∆ tipo
<0 ellittica
=0 parabolica
>0 iperbolica

Tabella C.1: Classificazione delle equazioni differenziali in base alla (C.2).

In conformità con la comune intuizione fisica, la classificazione può essere in-


terpretata assegnando un ruolo intrinsecamente differente alle derivate temporali e
a quelle spaziali. Il significato di questa classificazione è intimamente legato alle
caratteristiche: ipersuperfici (n − 1)-dimensionali nello spazio delle n variabili in-
dipendenti lungo le quali si propagano le informazioni e si possono trasmettere le
discontinuità.
In base alla classificazione introdotta, l’equazione di convezione-diffusione (C.1)
risulta essere di natura parabolica, e degenera in un’equazione del primo ordine
quando il coefficiente di diffusione è nullo. La natura dell’equazione differenziale
gioca un ruolo anche nella determinazione delle regioni in cui devono essere poste
le condizioni al contorno.

BOZZA - 7 ottobre 2005


C. METODI NUMERICI 123

C.2 Alcune caratteristiche generali


Consideriamo l’equazione di convezione-diffusione-dispersione per la generica fun-
zione f (x, t):
∂f ∂f ∂2f ∂3f
+U =D 2 +K 3 (C.3)
∂t ∂x ∂x ∂x
che può essere risolta separando le variabili e sviluppando la componente della
soluzione in x in serie di Fourier (si veda l’Appendice D):

X
f (x, t) = gm (t) exp (ı km x) (C.4)
m=−∞

dove ı è l’unità immaginaria,


2π m
km =
L
è il numero d’onda e L è il periodo fondamentale della soluzione; si noti che lun-
ghezze d’onda maggiori corrispondono a numeri d’onda minori. La (C.4) si basa
sulla possibilità di esprimere qualsiasi funzione, che sia periodica o definita in un
intervallo limitato, esprimendola come una sommatoria di seni e coseni (o, in manie-
ra equivalente, di funzioni esponenziali con argomento immaginario). Cosı̀ facendo,
il problema si restringe a determinare il coefficiente complesso gm di ogni termine
della sommatoria, che risulta dipendente esclusivamente dalla variabile t.
Sostituendo lo sviluppo (C.4) nell’equazione (C.3) si ottiene un’equazione diffe-
renziale indipendente per ogni componente gm della forma
∂gm ¡ 2 3
¢
= − ıkm U + km D + ıkm K gm ,
∂t
la cui soluzione è
£ ¡ 2 3
¢ ¤
gm (t) = α exp − ıkm U + km D + ıkm K t ,

dove α è un coefficiente da determinare imponendo le condizioni iniziali.


P
La generica componente dello sviluppo (C.4), riscritto come f = fm , è quindi
¡ 2 ¢ £ ¡ 2
¢¤
fm = α exp −km Dt exp ıkm x − U t − km Kt (C.5)

nella quale si può notare chiaramente una componente che introduce un decadimento
o un’amplificazione del segnale (a seconda del segno del coefficiente diffusione D) e
una sua traslazione nello spazio (legata alla velocità U e alla dispersione K).
Possiamo analizzare alcuni casi particolari della (C.5):
• pura convezione (D = K = 0)

fm = α exp [ıkm (x − U t)]

la soluzione si propaga indisturbata muovendosi con velocità U , uguale per


ogni numero d’onda km , come nell’esempio rappresentato nella parte sinistra
della Figura C.1;
• pura diffusione (U = K = 0)
¡ 2 ¢
fm = α exp −km Dt exp [ıkm x]

la soluzione decade o si amplifica esponenzialmente con il tempo (rispetti-


vamente per D > 0 e D < 0), come si può notare nella parte destra della
Figura C.1; i numeri d’onda maggiori (lunghezze d’onda minori) decadono
più rapidamente;

BOZZA - 7 ottobre 2005


124 C.2. Alcune caratteristiche generali

t t
f

x f x

Figura C.1: A sinistra, effetto del puro trasporto convettivo con velocità U > 0; a destra, l’effetto
di attenuazione indotto dalla diffusione con D > 0.

t
f
f

x x

Figura C.2: Effetto della pura dispersione (con K > 0). A sinistra si può osservare la deforma-
2 K; a destra si nota la separazione
zione e la traslazione del segnale dovuta alla velocità di fase km
delle frequenze più elevate presenti in un segnale quadro.

BOZZA - 7 ottobre 2005


C. METODI NUMERICI 125

• convezione + diffusione (K = 0)
¡ 2 ¢
fm = α exp −km Dt exp [ıkm (x − U t)]
la soluzione si propaga e decade con il tempo;
• pura dispersione (U = D = 0):
£ ¡ 2
¢¤
fm = α exp ıkm x − km Kt
2
la soluzione si propaga senza decadere, ma la celerità di propagazione (= km K,
velocità di fase) dipende dal numero d’onda km ; se la condizione iniziale non
è puramente sinusoidale (ossia è composta da più armoniche), le armoniche
che la compongono tendono a separarsi, e quelle con km maggiori si muovono
con celerità maggiore; due esempi sono riportati in Figura C.2.

C.3 Metodi numerici


Esiste un gran numero di metodi numerici per risolvere l’equazione (C.1). In questa
sezione verranno introdotti gli strumenti fondamentali per valutare le caratteristiche
degli schemi numerici introdotti di seguito. Per un inquadramento più dettagliato,
si può far riferimento ad esempio a Hoffman (1993), Abbott and Basco (1989).
Di seguito verranno presentate alcune caratteristiche dei metodi alle differen-
ze finite, ossia degli schemi numerici che utilizzano dei rapporti incrementali per
approssimare i termini differenziali. Il dominio considerato viene suddiviso in un
griglia di calcolo nei cui nodi vengono valutate le funzioni incognite. Per semplicità,
di seguito assumeremo una griglia spaziale di passo ∆x e temporale di intervallo
∆t. Tale ipotesi riduce la complessità della notazione e non comporta importanti
differenze dal punto di vista concettuale. Si tenga presente che alcune proprietà
degli schemi numerici possono venir meno qualora i passi spaziali della griglia non
siano costanti.
Applicare uno schema numerico per risolvere un’equazione differenziale introdu-
ce sempre degli errori di natura numerica. Vedremo però nel seguito che discretizza-
re un’equazione, trasformandola in un’equazione discreta, significa anche risolvere
un’equazione differenziale diversa da quella originaria. Per questo motivo la soluzio-
ne ottenuta mediante lo schema numerico può mostrare delle caratteristiche che non
sono proprie dell’equazione differenziale che si vuole simulare. Obiettivo di questa
analisi è di acquisire alcuni strumenti concettuali per comprendere tale fenomeno.
Esistono altri metodi per risolvere numericamente le equazioni differenziali. Si
parla di metodi ai volumi finiti quando le equazioni sono scritte in forma integrale
facendo riferimento a degli elementi volumetrici e vengono calcolati i flussi entranti e
uscenti da tali volumi. I metodi agli elementi finiti, concettualmente più complessi,
fanno invece uso di formulazioni integrali in cui vengono utilizzate delle funzioni
peso che ne caratterizzano le proprietà.

C.3.1 Approssimazioni alle differenze finite


Risulta utile poter valuatare le approssimazioni introdotte dalla soluzione numerica
di un’equazione alle derivate parziali.
Possiamo sviluppare in serie di Taylor la funzione f calcolata nei nodi della
griglia rispetto ad un nodo di riferimento di coordinate (xi , tk ). Indicheremo la
funzione approssimata con il simbolo Fik , dove i e k si riferiscono rispettivamente
alla posizione spaziale e temporale. Si trova che:
¯ ¯ ¯
∂F ¯¯ ∆x2 ∂ 2 F ¯¯ ∆x3 ∂ 3 F ¯¯
fi+1 = F (x + ∆x) = Fi + ∆x + + + O(∆x4 ) (C.6)
∂x ¯i 2 ∂x2 ¯i 6 ∂x3 ¯i

BOZZA - 7 ottobre 2005


126 C.3. Metodi numerici

Una derivata può essere valutata con tipi diversi di rapporti incrementali, ad
esempio differenze in avanti :
¯ ¯ ¯
∂f ∼ fi+1 − fi ∂F ¯¯ ∆x ∂ 2 F ¯¯ ∆x2 ∂ 3 F ¯¯
= = + + + O(∆x3 ) (C.7)
∂x ∆x ∂x ¯i 2 ∂x2 ¯i 6 ∂x3 ¯i

dove si è utilizzata la (C.6) per valutare l’errore di troncamento; dato che la


differenza tra ∂f /∂x e ∂F /∂x è proporzionale2 a ∆x, la (C.7) è del primo ordine.
Analogamente possono essere valutate le differenze all’indietro:
¯ ¯ ¯
∂f ∼ fi − fi−1 ∂F ¯¯ ∆x ∂ 2 F ¯¯ ∆x2 ∂ 3 F ¯¯
= = − + + O(∆x3 ) , (C.8)
∂x ∆x ∂x ¯i 2 ∂x2 ¯i 6 ∂x3 ¯i

del primo ordine, dove si è valutata la (C.6) in x − ∆x, e le differenze centrate:


¯ ¯
∂f ∼ fi+1 − fi−1 ∂F ¯¯ ∆x2 ∂ 3 F ¯¯
= = + + O(∆x4 ) (C.9)
∂x 2∆x ∂x ¯i 6 ∂x3 ¯i

che risultano essere del secondo ordine poiché l’errore è proporzionale a ∆x2 .
La derivata seconda viene comunemente valutata con lo schema del secondo
ordine:
¯ ¯
∂ 2 f ∼ fi+1 − 2fi + fi−1 ∂ 2 F ¯¯ ∆x2 ∂ 4 F ¯¯
= = + + O(∆x4 ) . (C.10)
∂x2 ∆x2 ∂x2 ¯i 3 ∂x4 ¯i

Esistono poi altri schemi per valutare i termini differenziali che si appoggiano
su un numero maggiore di punti della griglia di calcolo. La procedura per valu-
tare l’ordine dell’approssimazione si basa in ogni caso sull’utilizzo della (C.6) o di
formulazioni equivalenti.
Nel caso di derivate temporali, in luogo della (C.6) si utilizzano relazioni del
tipo:
¯ ¯ ¯
k+1 k ∂F ¯¯ ∆t2 ∂ 2 F ¯¯ ∆t3 ∂ 3 F ¯¯
f = F (t + ∆t) = F + ∆t + + + O(∆t4 ) .
∂t ¯k 2 ∂t2 ¯k 6 ∂t3 ¯k

C.3.2 Convergenza della soluzione numerica


Per studiare la convergenza della soluzione numerica è necessario definire alcune
tipologie di errori:

• di troncamento (truncation): derivano dal troncare gli sviluppi in serie di


Taylor delle derivate ad un certo ordine;

• di arrotondamento (round-off ): il calcolatore lavora con un numero finito di


cifre;

• globale: Eik = Fik − f (xi , tk ).

Questi errori sono differenti dal punto di vista concettuale. La bontà di uno schema
numerico si valuta facendo riferimento all’errore di troncamento, che è una caratte-
ristica propria dello schema, mentre l’errore di arrotondamento dipende esclusiva-
mente dalla precisione della macchina che si sta utilizzando (ed eventualmente dalla
precisione prescelta all’interno del linguaggio di programmazione).
2 Lo sviluppo in serie può essere troncato ad un determinato ordine quando il passo di

integrazione ∆x è sufficientemente piccolo e quindi il termine ∆x2 ¿ ∆x.

BOZZA - 7 ottobre 2005


C. METODI NUMERICI 127

C.3.2.1 Alcune definizioni


Risulta utile definire alcuni termini che vengono utilizzati nella discussione degli
schemi numerici. Con PDE (Partial Differential Equation) si intende l’equazione
alle differenze parziali originaria, con FDE (Finite Difference Equation) l’equazione
differenziale risultante dallo schema numerico.

Consistenza (congruenza). Un’equazione alle differenze finite è consistente con


un’equazione alle derivate parziale se la differenza tra FDE e PDE (ossia l’errore
di troncamento) svanisce quando gli intervalli in cui è suddivisa la griglia di calcolo
tendono a zero indipendentemente.

∆t → 0, ∆x → 0 ⇒ F DE → P DE

Ordine. L’ordine di un’approssimazione alle differenze finite di un’equazione alle


derivate parziali è la rapidità con la quale l’errore globale della soluzione alle dif-
ferenze finite va a zero quando gli intervalli in cui è suddivisa la griglia di calcolo
tendono a zero.

err.glob. ∝ O(∆tn )

Stabilità. Quando applicata ad un’equazione alle derivate parziali che ha una


soluzione limitata, un’equazione alle differenze finite è stabile se produce una so-
luzione limitata e instabile se produce una soluzione illimitata. Ossia se è stabile
l’errore non si amplifica.

Convergenza. Un metodo alle differenze finite è convergente se la soluzione della


FDE tende alla soluzione esatta della PDE quando gli intervalli in cui è suddivisa
la griglia di calcolo tendono a zero.

∆t → 0, ∆x → 0 ⇒ Eik → 0

Teorema di equivalenza. (Lax, 1954) Assegnato un problema lineare ai valori


iniziali ben posto (ovvero assegnate la condizione iniziale e le condizioni al contorno)
e una sua approssimazione alle differenze finite che sia consistente, la stabilità è
condizione necessaria e sufficiente per la convergenza.

problema di Cauchy ben posto + consistenza



stabilità ⇔ convergenza

Esempio: metodo di Eulero esplicito. Si prenda come equazione test

∂f
+ αf − p(x) = 0 , (C.11)
∂x
con una condizione iniziale del tipo f (0) = f0 , e si utilizzi lo schema di Eulero
esplicito
∂f ∼ fi+1 − fi
=
∂x ∆x
che fornisce un’equazione numerica del tipo

fi+1 = fi − αfi ∆x + p(xi )∆x (C.12)

BOZZA - 7 ottobre 2005


128 C.3. Metodi numerici

Sviluppando in serie di Taylor attorno al punto xi si trova


¯ ¯
∂F ¯¯ ∆x2 ∂ 2 F ¯¯
fi+1 = Fi + ∆x + + O(∆x3 )
∂x ¯i 2 ∂x2 ¯i

che, sostituita nella (C.12), insieme a fi = Fi , fornisce

∂F ∆x ∂ 2 F
+ αF − p(x) = − − O(∆x2 ) (C.13)
∂x 2 ∂x2
che approssima la (C.11) a meno dei termini a secondo membro; si noti che l’equa-
zione (C.13) introduce derivate di ordine superiore al primo che non erano presenti
nella (C.11). Se ∆x → 0 allora l’equazione numerica (C.13) tende a quella differen-
ziale (C.11) e risulta quindi verificata la consistenza dello schema numerico, il cui
ordine è 1 visto che l’errore di troncamento introdotto è proporzionale a ∆x.

C.3.2.2 Analisi di stabilità: metodo di von Neumann


Seguendo l’indicazione del teorema di equivalenza di Lax, al fine di valutare la con-
vergenza di uno schema numerico diventa essenziale poterne calcolare le condizioni
di stabilità. Seguiamo il metodo di von Neumann. Discretizziamo la funzione nei
punti xi utilizzando una griglia con passo costante ∆x: cosı̀ facendo xi = i∆x.
Possiamo esprimere la funzione nell’intorno di un generico punto xi utilizzando uno
sviluppo in serie di Fourier, in maniera analoga a quanto visto nella sezione C.2:
X
fi = α
bm exp [ı km i∆x]
m

Per una generica componente dello sviluppo si trova

fi±1 = f (xi ± ∆x) = α


bm exp [ıkm (i ± 1)∆x] = fi exp [±ıkm ∆x] (C.14)

Mediante la C.14 (e formulazioni analoghe per i ± 2 e nel tempo), uno schema


numerico può essere riscritto nella forma

fik+1 = Gfik

dalla quale si ottiene il fattore di amplificazione G (in generale un numero comples-


so). La soluzione al tempo t = n∆t è data da

fin = (G)n fi0 ,

dove fi0 è la condizione iniziale nota. Affinché la soluzione sia limitata il modulo
del coefficiente di amplificazione deve essere minore di 1, ossia

|G| < 1 . (C.15)

Nella valutazione della (C.14) si può porre per semplicità eıkm ∆x = eϑ e ve-
rificare la condizione per ogni angolo ϑ del piano complesso corrispondente alle
diverse componenti armoniche della soluzione. L’analisi di stabilità si riduce quindi
a verificare le condizione necessarie perché sia verificata la condizione (C.15).

C.3.2.3 Requisiti sul segno del coefficiente di diffusione


Quando viene valutata la stabilità di uno schema numerico applicato all’equazione
(C.1), è possibile fare riferimento ad una condizione più semplice e dall’immediato
significato fisico. Possiamo infatti notare che una soluzione della (C.1) è stabile
(limitata) solo se il coefficiente di diffusione è positivo (D > 0).

BOZZA - 7 ottobre 2005


C. METODI NUMERICI 129

Riscriviamo l’equazione di convezione-diffusione nella forma


df ∂2f
=D 2, (C.16)
dt ∂x
valida lungo la traiettoria nel piano x-t definita dall’equazione dx/dt = U . Questo
significa che si segue il segnale con la sua velocità U e quindi
∂f ∂f df
+U = .
∂t ∂x dt
Dalla (C.16) è possibile vedere che i massimi e i minimi vengono amplificati
se D < 0, mentre vengono attenuati se D > 0. In un massimo si ha infatti che
∂ 2 f /∂x2 < 0; se D > 0, df /dt < 0 e il valore della funzione f diminuisce; se
D < 0, df /dt > 0 e il valore della funzione f aumenta e il massimo si amplifica. Un
comportamento analogo vale per i minimi della funzione, dove ∂ 2 f /∂x2 > 0: per
D > 0 la funzione f cresce e riduce l’entità del minimo; per D < 0 f decresce e il
minimo viene amplificato.
Posto che è necessario che il coefficiente di diffusione D sia positivo perché la
soluzione sia fisicamente limitata, nell’applicazione di uno schema numerico può
essere introdotta una diffusione numerica artificiale Dnum , di cui tratteremo nei
paragrafi seguenti. In questo caso per la limitatezza della soluzione numerica deve
valere
Dtot = D + Dnum > 0 . (C.17)

C.3.3 Parametri significativi per l’equazione di


convezione-diffusione
L’analisi dell’equazione di convezione-diffusione (C.1) fa emergere alcuni numeri adi-
mensionali, relativi alla griglia di calcolo, che possiedono importanti caratteristiche
utili a valutare la possibilità e il campo di applicazione di uno schema numerico.
Possiamo infatti riscrivere l’equazione (C.1) utilizzando come scale del problema
le dimensioni della griglia di calcolo, ossia x = x∗ ∆x, t = t∗ ∆t, per ottenere
∂C U ∆t ∂C D∆t ∂ 2 C
+ = , (C.18)
∂t∗ ∆x ∂x∗ ∆x2 ∂x∗ 2
Si possono cosı̀ individuare facilmente due parametri adimensionali, il numero di
Courant
U ∆t
Cr = (C.19)
∆x
e il parametro diffusivo
D ∆t
δ= . (C.20)
∆x2
Il loro rapporto è noto come numero di Peclet di cella
Cr U ∆x
Pe = = (C.21)
δ D
ed è analogo al numero di Peclet
U`
Pe = ,
D
introdotto in precedenza dove ` è la scala spaziale tipica del fenomeno osservato, che
rappresenta il rapporto tra i meccanismi convettivi e quelli diffusivi. Nel caso della
definizione (C.21) la scala ∆x non è evidentemente una scala fisica del problema,
ma deve essere scelta in modo tale da consentire un corretta rappresentazione della
soluzione del problema alla scala fisica `.

BOZZA - 7 ottobre 2005


130 C.4. Schemi numerici

C.4 Schemi numerici


In questa sezione vengono esaminate le caratteristiche di alcuni tra i più diffusi
schemi numerici a due livelli, che utilizzano cioè due livelli temporali (tk e tk+1 ). Per
semplicità e senza perdere di generalità, nel seguito assumiamo U > 0; imponiamo
anche D > 0 per avere una soluzione fisicamente limitata.
Al fine di ottenere una più chiara classificazione, si distinguono gli schemi
numerici in espliciti ed impliciti. Nei primi le incognite possono essere calcola-
te direttamente, nei secondi è necessario risolvere un sistema lineare di equazioni
algebriche.
I primi schemi numerici sono analizzati più in dettaglio come esempio. Per i
seguenti vengono segnalate solamente le caratteristiche più significative. Nonostante
siano stati proposti numerosissimi schemi numerici, in questa sede consideriamo solo
lo schema upwind e quello alle differenze centrate. Per avere una casistica più ampia,
si rimanda a dei testi più specialistici.
Nella maggior parte degli schemi che verranno analizzati, la derivata temporale
è approssimata con una differenza finita del primo ordine:

∂f ∼ fik+1 − fik
= . (C.22)
∂t ∆t

Schemi più complessi (ad esempio quelli di Lax, Lax-Wendroff o lo schema Leapfrog)
usano approssimazioni del secondo ordine che coinvolgono la funzione valutata al
tempo k − 1 o altri artifici per incrementare l’ordine dello schema.

C.4.1 Schemi espliciti


Gli schemi espliciti consentono la determinazione diretta della soluzione al tempo
k + 1 una volta nota quella al tempo k, ossia

f k+1 = M f k

dove con f si intende il vettore spaziale della soluzione e con M la matrice dei
coefficienti.

C.4.1.1 Schema upwind

In questo schema la derivata spaziale viene calcolata come differenza all’indietro


(upwind, ossia nella direzione contraria alla velocità U )

∂f ∼ fik − fi−1
k
= (C.23)
∂x ∆x

mentre per la derivata seconda si utilizza l’approssimazione del secondo ordine


(C.10). Entrambe le derivate vengono valutate al tempo tk .
L’equazione (C.1) riscritta nella variabile f ,

∂f ∂f ∂2f
+U =D 2,
∂t ∂x ∂x

ossia la PDE, viene cosı̀ discretizzata nella forma

fik+1 = (δ + Cr )fi−1
k
+ (1 − Cr − δ)fik + δfi+1
k
(C.24)

BOZZA - 7 ottobre 2005


C. METODI NUMERICI 131

Sviluppando in serie di Taylor la (C.24), dopo alcune manipolazioni algebriche3


è possibile evidenziare l’equazione differenziale da essa simulata (FDE):

∂F ∂F ∂2F ∂3F
+U = (D + Dnum ) 2 + Knum 3 + O(∆x3 ) (C.25)
∂t ∂x ∂x ∂x
dove
U ∆x ¡ ¢ U ∆x2
Dnum = (1 − Cr ) , Knum = − 1 − 3Cr + 2Cr2 − 6δ (C.26)
2 6
La (C.25) è chiaramente diversa dalla (C.1): applicare la (C.24) corrisponde a
risolvere l’equazione (C.25). In particolare, il coefficiente di diffusione è modificato
della quantità Dnum e sono state introdotte delle derivate di ordine superiore; ad
esempio, la presenza di una derivata del terzo ordine proporzionale a Knum sugge-
risce come la soluzione numerica possa mostrare un carattere dispersivo, che però è
estraneo all’equazione di partenza. Si noti che il segno del coefficiente di diffusione
Dnum , introdotto numericamente, dipende dal valore di Cr : valori minori di 1 intro-
ducono una diffusione artificiale, valori maggiori riducono la diffusione fisicamente
presente, fino al limite di stabilità in cui Dnum = −D richiesto per rispettare la
(C.17).
La comparsa di un termine associato ad una dispersione numerica Knum influen-
za la soluzione numerica nella maniera descritta nella sezione C.2. In particolare
agisce in modo tale da separare le componenti armoniche del segnale aventi numeri
d’onda più elevati. Tale comportamento si nota prevalentemente in presenza di
segnali con spigoli pronunciati, che richiedono un numero elevato di armoniche per
essere descritti con una sviluppo in serie di Fourier (si veda il paragrafo D.1.2). Nel
caso dello schema considerato, frequentemente la diffusione numerica, sommata a
quella fisica, smorzano tali oscillazioni. Quando invece la diffusione reale è modesta
e lo schema numerico è tale da non introdurne in quantità rilevante, tale fenomeno
si manifesta in maniera chiara. In ogni caso, i termini diffusivi legati alle derivate di
ordine pari tendono a smorzare maggiormente le componenti armoniche più corte.
Ricordando l’analisi svolta nella sezione C.2, il decadimento è infatti proporzionale
q
a km , dove q è il grado della derivata considerata.
Lo schema upwind esplicito è stabile sotto condizione. Le condizioni per la
stabilità (secondo von Neumann) della (C.24) sono:

Cr + 2δ ≤ 1 (C.27)
2δ + Cr − Cr2 ≥ 0 (C.28)

Nel caso della pura convezione (δ = 0), si riducono alla condizione 0 ≤ Cr ≤ 1, che
si riflette nel vincolo ∆t ≤ ∆x/U sul passo temporale una volta assegnato quello
3 Per questo primo caso è istruttivo ricostruire la successione di passaggi. Si introducono nella

(C.24) gli sviluppi


k k
k ∂F k ∆x2 ∂ 2 F ∆x3 ∂ 3 F
fi+1 = F (x + ∆x, t) = Fik + ∆x + + + O(∆x4 )
∂x i 2 ∂x2 i 6 ∂x3 i
k k
k ∂F k ∆x2 ∂ 2 F ∆x3 ∂ 3 F
fi−1 = F (x − ∆x, t) = Fik − ∆x + − + O(∆x4 )
∂x i 2 ∂x2 i 6 ∂x3 i
k k
∂F k ∆t2 ∂ 2 F ∆t3 ∂ 3 F
fik+1 = F (x, t + ∆t) = Fik + ∆t + + + O(∆t4 )
∂t i 2 ∂t2 i 6 ∂t3 i
e, ricordando le (C.19) e (C.20), si ottiene una prima versione della FDE
∂F ∂F ∂2F ∆x ∂ 2 F ∆x2 ∂ 3 F ∆t ∂ 2 F ∆t2 ∂ 3 F
+U −D 2
−U 2
+U 3
+ 2
+ + O(∆x3 , ∆t3 ) = 0
∂t ∂x ∂x 2 ∂x 6 ∂x 2 ∂t 6 ∂t3
che contiene anche derivate nel tempo di ordine superiore al primo. Queste possono essere eliminate
isolando il termine ∂F /∂t e sostituendolo nell’equazione stessa più volte, fino ad ottenere la (C.25).

BOZZA - 7 ottobre 2005


132 C.4. Schemi numerici

spaziale. Nel caso di pura diffusione (Cr = 0) si ottiene invece 0 ≤ δ ≤ 1/2, ossia
∆t ≤ ∆x2 /(2D).

Differenze in avanti. Qualora, in luogo della (C.23), si fossero utilizzate delle dif-
ferenze in avanti (C.7), lo schema sarebbe risultato instabile solo sotto la restrittiva
condizione
2δ ≥ Cr (1 + Cr )
e incondizionatamente instabile nel caso della pura convezione. La spiegazione di
quest’ultima considerazione risulta più chiara esaminando il metodo delle caratte-
ristiche.

C.4.1.2 Metodo delle caratteristiche per la pura convezione


E’ possibile risolvere facilmente l’equazione della pura convezione

∂f ∂f
+U =0 (C.29)
∂t ∂x
con il metodo delle caratteristiche. Se dx/dt = U , abbiamo infatti

df
=0 ⇒ f = cost
dt
e quindi la funzione nel nodo xi al tempo tk+1 può essere espressa come

f (xi , tk+1 ) = f (xj , tk ), (C.30)


R
dove xj viene individuato seguendo a ritroso le linee caratteristiche (x = U dt =
U t).
Se scegliamo un’interpolazione lineare per valutare la funzione in xj nella (C.30),
utilizzando i valori della funzione nei nodi xi e xi−1 , ricadiamo in uno schema
numerico esplicito di tipo upwind 4 :

fik+1 = fjk = Cr fi−1


k
+ (1 − Cr )fik (C.31)

ottenibile dalla (C.24) ponendo δ = 0. La condizione di stabilità si riduce a

U
Cr ≤ 1 ⇔ ∆t ≤ , (C.32)
∆x
che può essere interpretata facendo riferimento alla Figura C.3. La condizione (C.32)
richiede che il passo di avanzamento temporale ∆t sia minore del tempo richiesto al
segnale per percorrere lo spazio ∆x tra due nodi della griglia, ossia che lo schema
numerico abbia una ‘velocità massima’ ∆x/∆t superiore alla velocità fisica U e sia
quindi in grado di seguire il segnale. Quando il numero di Courant eccede l’unità,
invece, il segnale proviene da un punto posto all’esterno del dominio [xi−1 , xi ] al
tempo tk utilizzato dalla (C.31).

Diffusione fittizia. Vediamo ora come lo schema numerico introduca una diffu-
sione che non sarebbe altrimenti presente nell’equazione (C.29) di pura convezione.
Per valutare come la soluzione viene modificata dallo schema numerico, pren-
diamo come condizione iniziale un segnale unitario nell’origine (f (0, 0) = 1) e nullo
altrove. Applicando l’equazione discreta (C.31) possiamo trasferire il segnale nel
4 Utilizzando interpolazioni più complesse, che prevedono un numero maggiore di punti

d’appoggio, si ritrovano schemi numerici di ordine più elevato.

BOZZA - 7 ottobre 2005


C. METODI NUMERICI 133

Figura C.3: Rappresentazione schematica del funzionamento del metodo delle caratteristiche
per risolvere l’equazione di pura convezione. La (C.31) approssima la richiesta di seguire il segnale
lungo le linee caratteristiche.

dominio di calcolo spazio-temporale. Con semplici calcoli algebrici troviamo che la


‘massa’ del segnale si conserva:
Nx
X
fik = 1 ,
i=o

la ‘media’ (la posizione del baricentro) è corretta:


Nx
X
µ= ifik = kCr ,
i=o

ma la varianza aumenta:
Nx
X Nx
X ¡ ¢
σ2 = (i − µ)2 fik = i2 fik − µ = kCr (1 − Cr )
i=o i=o

Si nota facilmente che la varianza può risultare nulla, come dovrebbe essere nel caso
considerato in cui si ha pura convezione di un segnale unitario, solo quando Cr = 1
(la condizione Cr = 0 non è significativa in quanto implica ∆t = 0). Solo in questo
caso abbiamo infatti che il segnale si muove lungo i nodi nel reticolo di calcolo e
l’interpolazione (C.31) non introduce approssimazioni.

C.4.1.3 Schema alle differenze centrate


Utilizzando le differenze centrate (C.9) per il termine ∂c/∂x, la (C.1) viene discre-
tizzata nella forma
µ ¶ µ ¶
k+1 Cr k k Cr k
fi = δ+ fi−1 + (1 − 2δ) fi + δ − fi+1 (C.33)
2 2

che corrisponde alla FDE

∂F ∂F ∂2F ∂3F
+U = (D + Dnum ) 2 + Knum 3 + O(∆x3 )
∂t ∂x ∂x ∂x
dove
U ∆x ¡ ¢ U ∆x2
Dnum = −Cr , Knum = − 1 − 2Cr2 + 6δ (C.34)
2 6

BOZZA - 7 ottobre 2005


134 C.4. Schemi numerici

Le condizioni di stabilità secondo von Neumann sono:


Cr ≤ 1 (C.35)
1
δ≤ (C.36)
2
2δ − Cr2 ≥ 0 (C.37)
Come si può notare dalle (C.34), questo schema introduce una diffusione nu-
merica negativa che tende a rendere instabile la soluzione; in particolare, questo
schema è incondizionatamente instabile nel caso della pura convezione (D = 0).

C.4.2 Schemi impliciti


Negli schemi impliciti la soluzione viene determinata risolvendo un sistema lineare
che ha come incognite le funzioni incognite al tempo tk+1 in tutti i punti della griglia
spaziale. In forma compatta, per schemi a due livelli, si può scrivere
Af k+1 = B f k
dove A e B sono le matrici delle incognite e dei coefficienti e il termine a secondo
membro è noto. Nella quasi totalità degli schemi normalmente utilizzati, la matrice
A delle incognite è una matrice a bande (spesso tridiagonale o pentadiagonale), che
può essere risolta agevolmente tramite decomposizione LU .

C.4.2.1 Schema upwind


Lo schema upwind nella versione implicita è analogo a quello descritto nella sezione
C.4.1.1, con la differenza che le derivate spaziali sono valutate al tempo tk+1 . Si ha
cosı̀ una matrice A delle incognite tridiagonale corrispondente a:
k+1
−δfi−1 + (1 + Cr + 2δ) fik+1 − (δ + Cr ) fi+1
k+1
= fik (C.38)
che corrisponde ad una FDE del tipo (C.25) dove
U ∆x ¡ ¢ U ∆x2
Dnum = (1 + Cr ) , Knum = − 1 + 3Cr + 2Cr2 + 6δ (C.39)
2 6
Rispetto ai coefficienti (C.26) dello schema esplicito, vediamo che la diffusione nu-
merica introdotta è sempre positiva e rende lo schema sempre stabile. A fronte di
tale vantaggio, esistono però due limitazioni: la prima deriva dal fatto che qualsiasi
schema implicito viene rallentato dalla soluzione del sistema lineare; la seconda è
che la diffusione numerica introdotta può essere molto rilevante e diventare domi-
nante nel comportamento della soluzione numerica, portando a gravi errori nella
simulazione del comportamento reale.

C.4.2.2 Schema alle differenze centrate


Lo schema implicito alle differenze centrate si comporta, rispetto alla versione espli-
cita descritta nella sezione C.4.1.3, in maniera analoga allo schema upwind. La
matrice tridiagonale delle incognite deriva da:
µ ¶ µ ¶
Cr k+1 k+1 Cr k+1
− + δ fi−1 + (1 + 2δ) fi + − δ fi+1 = fik (C.40)
2 2
che corrisponde ad una FDE del tipo (C.25) con
U ∆x ¡ ¢ U ∆x2
Dnum = Cr , Knum = − 1 + 2Cr2 + 6δ (C.41)
2 6
Anche in questo caso la diffusione numerica introdotta è sempre positiva e rende lo
schema stabile, però con gli svantaggi discussi nella sezione precedente.

BOZZA - 7 ottobre 2005


C. METODI NUMERICI 135

C.4.2.3 Schema di Crank-Nicolson


Un’interessante modifica dello schema alle differenze centrate è ottenibile valutando
le derivate spaziali ad un istante tk+θ , ad esempio per la derivata del primo ordine:
k+1 k+1
∂f ∼ fi+1 − fi−1 f k − fi−1
k
=θ + (1 − θ) i+1 (C.42)
∂x 2∆x 2∆x
e analogamente per quella del secondo ordine. Si ha quindi
µ ¶ µ ¶
Cr k+1 Cr
−θ + δ fi−1 + (1 + 2θδ) fik+1 + θ k+1
− δ fi+1 =
2 2
µ ¶ µ ¶
Cr k Cr
= (1 − θ) + δ fi−1 + [1 − 2(1 − θ)δ] fik − (1 − θ) k
− δ fi+1 (C.43)
2 2

Lo schema risultante è implicito ed è conosciuto come schema di Crank-Nicolson.


Per θ = 0 si ritrova lo schema alle differenze centrate esplicito, per θ = 1 quello
implicito. L’aspetto più interessante è che per θ = 1/2 gli errori si compensano
parzialmente. Per quanto riguarda la diffusione numerica si ha infatti che i termini
introdotti dalla (C.34) e dalla (C.41) si bilanciano per dare Dnum = 0. In questo
modo la diffusione simulata dalla FDE risulta uguale a quella originariamente pre-
sente nella PDE. Termini legati alle derivate di ordine superiori sono però ancora
presenti e fanno sı̀ che la soluzione numerica differisca comunque da quella analitica.

BOZZA - 7 ottobre 2005


136 C.4. Schemi numerici

BOZZA - 7 ottobre 2005


Appendice D

Sviluppo in serie di Fourier

Lo sviluppo in serie di Fourier di una funzione F (x)può essere scritto in termini di


componenti trigonometriche come segue:

X ∞
X
F (x) = a0 + am cos (km x) + bm sin (km x) (D.1)
m=1 m=1

dove km = 2π m/L e L è la lunghezza d’onda fondamentale. Note le relazioni


exp(ıθ) = cos(θ) + ı sin(θ)
exp(ıθ) + exp(−ıθ)
cos(θ) =
2
exp(ıθ) − exp(−ıθ)
sin(θ) =
2

dove ı = −1, si può riscrivere la (D.1) nella forma

X ∞
X
F (x) = c0 + cm exp (ıkm x) + c−m exp (−ıkm x) (D.2)
m=1 m=1

Il passaggio da una formulazione all’altra è possibile attraverso le


am − ıbm am + ıbm
c0 = a0 , cm = , c−m =
2 2
ovvero attraverso le relazioni inverse
a0 = c0 , am = cm + c−m , bm = ı (cm − c−m ) .
La (D.2) può essere scritta nella forma compatta

X
F (x) = cm exp (ıkm x) (D.3)
m=−∞

il cui generico coefficiente ci è determinabile attraverso la relazione


Z
1
ci = F (x) exp (−ıki x) dx . (D.4)
L L
Abbiamo infatti che l’integrale (D.4) può essere riscritto, utilizzando la (D.3), come
∞ Z
1 X
cm exp [ı (km − ki ) x] dx = ci
L m=−∞ L

dove si osserva che l’integrale è diverso da zero solo per i = m (e quindi km = ki ⇒


e0 = 1), mentre è nullo per i 6= m poiché le funzioni integrande sono periodiche.

137
138 D.1. Esempi di applicazione

0.8
0.6

0.4

0.2

−0.2

−0.4
−0.6
−0.8

−1
0 0.1 0.2 0.3 0.4 0.5 0.6 0.7 0.8 0.9 1
x
Figura D.1: Onda triangolare: confronto tra la funzione originaria e lo sviluppo in serie di
Fourier considerando 1, 3, 5, 10 e 50 armoniche.

D.1 Esempi di applicazione


Risulta utile analizzare alcuni esempi per comprendere meglio il significato delle
componenti armoniche. L’analisi in serie di Fourier viene solitamente effettuata
utilizzando delle routine numeriche che implementano la FFT (Fast Fourier Trans-
form). Questa procedura richiede che la funzione da analizzare sia discretizzata
in un numero N di punti pari a una potenza di 2 (N = 2k , dove k è un numero
naturale). Il risultato è uno spettro di potenza con N/2 componenti armoniche.

D.1.1 Onda triangolare


Consideriamo in primo luogo il caso di un’onda triangolare, come quella rappresen-
tata in Figura D.1:

f (x) = 1 − 4x 0 < x < 0.5


f (x) = 3 + 4x 0.5 < x < 1

Lo spettro, rappresentato in Figura D.2, è dominato dalla prima armonica; si noti


che, data la simmetria della funzione, sono presenti solo armoniche dispari. Il
confronto tra la funzione originaria (linea di spessore maggiore) e le approssimazioni
ottenute troncando lo sviluppo ad un numero assegnato di componenti armoniche
è riportato in Figura D.1.

D.1.2 Onda quadra


Il caso dell’onda quadra è più interessante perché risulta difficile ottenere una buona
approssimazione di una funzione in cui siano presenti degli spigoli. Prendiamo il
caso
f (x) = sign(x − 0.5)
Lo spettro di Figura D.4 e soprattutto il confronto di Figura D.3 suggeriscono che
è necessario considerare un elevato numero di componenti armoniche di lunghezza
d’onda ridotta per poter rappresentare in maniera adeguata la discontinuità della
funzione.

BOZZA - 7 ottobre 2005


D. SERIE DI FOURIER 139

0.9

0.8

0.7

0.6

0.5

0.4

0.3

0.2

0.1

0
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Armoniche

Figura D.2: Spettro di potenza per un’onda triangolare: le prime 10 armoniche.

1.5

0.5

−0.5

−1

−1.5
0 0.1 0.2 0.3 0.4 0.5 0.6 0.7 0.8 0.9 1
x
Figura D.3: Onda quadra: confronto tra la funzione originaria e lo sviluppo in serie di Fourier
considerando 1, 3, 5, 10 e 50 armoniche.

BOZZA - 7 ottobre 2005


140 D.1. Esempi di applicazione

1.4

1.2

0.8

0.6

0.4

0.2

0
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Armoniche

Figura D.4: Spettro di potenza per un’onda quadra: le prime 10 armoniche.

BOZZA - 7 ottobre 2005


Appendice E

Modelli lagrangiani di
diffusione turbolenta

E.1 Metodologia
Nei capitoli precedenti la diluizione di un tracciante dovuta a meccanismi di na-
tura diffusiva è stata studiata utilizzando un punto di vista euleriano, scrivendo
quindi delle equazioni differenziali valide in ogni punto del dominio, da risolvere
con le opportune condizioni al contorno. È però possibile studiare la diffusione di
un tracciante anche per mezzo di un’ottica discreta, seguendo le traiettorie delle
particelle; si parla in questo caso di modelli lagrangiani. Noto il campo di moto,
un’opportuna schematizzazione della turbolenza consente di simulare la diffusione.
Introducendo all’inizio della simulazione un opportuno numero di particelle, si può
seguire la traiettoria di ciascuna mediante un’equazione del tipo

dX i
= u + fi (E.1)
dt
dove X i è il vettore che indica la posizione della particella i-esima, u il campo di
moto (deterministico e assegnato, in funzione della posizione) a cui è sottoposta e f i
l’effetto della fluttuazione turbolenta, assegnata attraverso una funzione probabili-
stica; f i è caratteristico della singola particella e dell’istante di calcolo, e la funzione
è data tramite un generatore di numeri pseudo random (si veda il paragrafo E.2).
Nell’ottica lagrangiana rappresentata dall’equazione (E.1) viene seguito il per-
corso di ogni singola particella, mediante integrazione esplicita della traiettoria. Le
tre componenti dell’equazione vettoriale (E.1) sono indipendenti e quindi si possono
integrare indipendentemente:

X i (t + ∆t) = X i (t) + u ∆t + f i ∆t (E.2)

dove per semplicità si è supposto che il campo di moto non dipenda da t (la gene-
ralizzazione è banale). Assegnate le caratteristiche della funzione f i , l’oscillazione
casuale da essa introdotta riproduce gli spostamenti dovuti alle fluttuazioni turbo-
lente di velocità1 . La concentrazione locale del tracciante può essere calcolata sud-
dividendo il dominio in volumetti di dimensioni adeguate e contando le particelle
presenti all’interno di ciascuno.
Operando una scelta opportuna per l’oscillazione casuale f i nella (E.2), essa
rispecchia macroscopicamente, in una rappresentazione continua, il meccanismo
1 Modelli più raffinati introducono l’oscillazione casuale in termini di accelerazione, invece che

di velocità.

141
142 E.1. Metodologia

diffusivo che segue una legge fickiana del tipo


∂C
φk = −Dk (E.3)
∂xk
con φk flusso di concentrazione in direzione k per unità d’area.

Parametri e schematizzazione. Caratteristiche essenziali dei modelli lagran-


giani sono la funzione probabilistica f i e l’intervallo di integrazione ∆t, che normal-
mente sono correlati con una misura dell’intensità della turbolenza. Il termine f i
deriva da una distribuzione di frequenza con media nulla e varianza pari al passo
temporale di integrazione.
Definiamo TL il tempo di correlazione lagrangiano, ovvero quello dopo il quale
si può considerare che la “storia” della particella sia indipendente da quella delle
altre partite dalla sorgente allo stesso istante. Al fine di avere sufficiente risoluzione
nella traiettoria, si deve utilizzare un passo di integrazione ∆t ¿ TL .

Figura E.1: Simulazione della dispersione tramite sovrapposizione di un termine pseudocasuale


che simula la turbolenza ad un termine deterministico corrispondente al campo di moto medio.

La funzione f i è correlabile ai coefficienti di turbolenza; la corrispondente “PDF”


(Probability Density Function) avrà una varianza tanto più elevata quanto più è
grande il coefficiente di diffusione turbolenta che viene simulato. Si noti che lo
schema numerico utilizzato è di tipo esplicito, tuttavia non presenta i problemi
di stabilità tipici degli schemi alle differenze finite. Il passo di integrazione della
traiettoria delle particelle, ∆t, è una frazione del tempo di correlazione lagrangiana
TL , tempo dopo il quale la particella perde “memoria” delle condizioni precedenti.
∆t costituisce il fattore limitante dal punto di vista numerico nel caso di simulazioni
lunghe e con tante particelle (necessarie se il dominio è vasto). Si noti come, in
assenza del termine stocastico f i (ovvero di un termine diffusivo turbolento) le
particelle immesse nel campo di moto in uno stesso punto seguirebbero tutte la
medesima linea di corrente che passa per il medesimo punto di scarico (Figura E.1).
Ai bordi del dominio le particelle sono soggette a riflessioni elastiche per simulare
la condizione di flusso nullo, seguendo regole “geometriche” (Figura E.2); lo stesso
vale in corrispondenza delle interfacce tra fluidi diversi o a densità differente, o
comunque in qualsiasi caso si abbia una brusca variazione dei valori dei coefficienti
di turbolenza.
È inoltre interessante notare come il meccanismo dispersivo che si genera, ad
esempio in corrispondenza di un profilo logaritmico di velocità in un corso d’acqua,
come sovrapposizione di un moto orizzontale e di una oscillazione verticale, possa

BOZZA - 7 ottobre 2005


E. MODELLI LAGRANGIANI DI DIFFUSIONE TURBOLENTA 143

Figura E.2: Riflessione geometrica in corrispondenza dell’interfaccia (condizione di flusso nullo).

essere rappresentato con uno schema a particelle a condizione di imporre un campo


di moto ed una struttura della turbolenza consistenti (Figura E.3).

Figura E.3: Meccanismo di dispersione associato ad un profilo logaritmico di velocità

Qualora si voglia simulare un rilascio stazionario si rende necessario integrare le


traiettorie di tutte le particelle rilasciate ad ogni passo temporale oltre a quelle già
immesse nel campo di moto negli istanti precedenti. L’intervallo di rilascio ∆tr delle
particelle in questo caso deve essere tale da ben rappresentare un’emissione continua
(Figura E.4). L’ordine di grandezza di ∆tr è fornito dalla diseguaglianza U ∆tr ≤ σ,
dove σ è la dimensione caratteristica della nuvola e U la velocità euleriana media (del
campo di moto) in corrispondenza del punto di immissione del tracciante; ovvero,
la distanza tra i baricentri di due nuvole “rilasciate” consecutivamente deve essere
inferiore alla dimensione caratteristica delle nuvole stesse.

Vantaggi e svantaggi. L’adozione di un modello lagrangiano per il calcolo della


dispersione porta alcuni vantaggi ma anche alcuni svantaggi rispetto ad un approccio
più classico quale può essere ad esempio uno schema numerico alle differenze finite.
Un aspetto positivo è certamente il fatto che permette la descrizione del processo
diffusivo anche a scala molto piccola, con una chiusura delle turbolenza che può
variare nello spazio e nel tempo anche in maniera non uniforme. Non esiste la
limitazione, tipica dei modelli a volumi finiti che lega una cella ad un unico valore
del coefficiente di diffusione turbolenta, poiché le celle vengono utilizzate nel metodo
lagrangiano solamente nella fase di conteggio delle particelle (si veda la Figura E.5).
Un punto a sfavore invece consiste nell’elevato costo computazionale richiesto dalle
simulazioni, specialmente quelle su domini tridimensionali vasti o su scale temporali

BOZZA - 7 ottobre 2005


144 E.2. Serie di numeri pseudo-random

Figura E.4: Intervallo di rilascio delle particelle nel punto sorgente.

Figura E.5: Rappresentazione in termini di particelle e in scala di colore (o curve di livello) sulla
base della densità di particelle all’interno di ogni cella.

lunghe. Per tale motivo questa tipologia di modelli è utilizzata prevalentemente


quando si voglia indagare nel dettaglio singoli scenari di diffusione di inquinanti, e
più raramente nel caso di simulazioni a lungo termine (ad esempio medie annuali
di concentrazione su un’area).
In Figura (E.6) è riportato, a titolo esemplificativo, un modello lagrangiano che
simula l’emissione di inquinanti da una ciminiera.

E.2 Serie di numeri pseudo-random


Di seguito è riportata una subroutine in FORTRAN per la generazione di una serie
pseudocasuale di numeri random, con distribuzione uniforme tra 0 e 1.

real*8 function rand unif()


implicit none
real*8 :: a, c, d
logical :: first
data first /.true./
save :: first, d
parameter(a=16807.d0, c=2147483647.d0)
if (first) then

BOZZA - 7 ottobre 2005


E. MODELLI LAGRANGIANI DI DIFFUSIONE TURBOLENTA 145

Figura E.6: Esempio di simulazione di rilascio stazionario simulato con schema lagrangiano.

d = 1.d7
first = .false.
endif
d = d*a
d = mod(d,c)
rand unif = d/c
return
end function

La precedente subroutine può essere sfruttata per creare un’analoga funzione di


probabilità di forma gaussiana con media nulla e varianza unitaria2 .

real*8 function rand gauss()


implicit none
integer*1 :: iset
real*8 :: fac, gset, rsq, v1, v2, rand unif
data iset /0/, gset /0.d0/
save :: iset, gset
if (iset == 0) then
rsq = 0.d0
do while (rsq > 1.d0 .or. rsq == 0.d0)
v1 = 2.d0*rand unif()-1.d0
v2 = 2.d0*rand unif()-1.d0
rsq = v1*v1+v2*v2
enddo
fac = dsqrt(-2.d0*dlog(rsq)/rsq)
gset = v1*fac
rand gauss = v2*fac
iset = 1
else
rand gauss = gset
iset = 0
endif
return
end function

2 La generalizzazione a media non nulla e varianza qualsiasi si opera tramite un cambiamento

di variabile x0 = A x + B.

BOZZA - 7 ottobre 2005


146 E.2. Serie di numeri pseudo-random

BOZZA - 7 ottobre 2005


Appendice F

Modelli ADZ di dispersione


nel campo lontano

La soluzione per il campo di concentrazione trovata nel campo lontano risolvendo


l’equazione di convezione-diffusione possiede il pregio di essere fisicamente basata.
D’altra parte, la trattazione monodimensionale non consente a volte di riprodurre
l’effetto della variabilità tipica dei corsi d’acqua naturali. Ad esempio, la presen-
za di zone golenali richiederebbe di utilizzare modelli bidimensionali (o addirittura
tridimensionali) a coefficienti variabili, rendendo assai complessa la procedura di
soluzione. Una possibile alternativa per ottenere un risultato pratico è quella di
sviluppare dei modelli di tipo ‘scatola nera’ (black box ), che si avvalgono di formu-
lazioni semplificate e parametri da tarare con dati di campo. Una classe particolare
di modelli è quella nota come ADZ (Aggregated Dead Zone). Distinguiamo due
formulazioni: la prima è costituita da un modello a celle, la seconda è accoppiata
con un modello di convezione-dispersione longitudinale.

F.1 Modelli a cella


In questo caso il corso d’acqua viene suddiviso in tronchi, per ciascuno dei quali si
utilizza un modello zero-dimensionale (ovvero che utilizza esclusivamente equazioni
di bilancio di grandezze scalari). L’equazione utilizzata è concettualmente molto
semplice e si basa sulla conservazione della massa nella forma nota come equazione
dei serbatoi:
dM
= Ṁin − Ṁout (F.1)
dt
dove
M = Cv V

è la massa di tracciante contenuta nel volume di controllo V che si sta considerando


e
Ṁin = C1 Q1 , Ṁout = C2 Q2

sono rispettivamente le portate di massa entranti e uscenti nel sistema, corrispon-


denti alle portate liquide Q1 e Q2 , con le loro concentrazioni C1 e C2 .
Quando le condizioni idrauliche sono stazionarie, Q1 = Q2 = Q; fissato quindi
il volume di controllo V , la (F.1) si può scrivere come

dCv Q
= (C1 − C2 ) . (F.2)
dt V

147
148 F.1. Modelli a cella

Introduciamo un tempo caratteristico


V
tv = (F.3)
Q
come rapporto tra volume è portata; tv viene detto tempo di percorrenza (travel
time). Ipotizziamo anche di poter legare la concentrazione in uscita C2 alla concen-
trazione Cv all’interno del volume di controllo, come è usuale quando si considerano
reattori ben miscelati1 , ovvero di porre la relazione

Cv (t) = γ C2 (t) . (F.4)

Grazie alle (F.3)-(F.4), l’equazione di bilancio può essere riscritta come

dC2 (t) C1 (t − τ ) − C2 (t)


= (F.5)
dt γ tv
dove è stato introdotto un ritardo τ tra l’ingresso C1 e l’uscita C2 per tener conto
della non istantaneità della risposta del sistema.

Caratteristiche matematiche. Definiamo il momento n-esimo dell’onda di con-


centrazione Z ∞
m(n) = tn C(t) dt . (F.6)
−∞

Poiché la massa di tracciante che transita in una sezione è


Z ∞
M= Q C(t) dt ,
−∞

data la costanza di Q deve risultare

(0) (0) M
mC1 = mC2 = ,
Q
ossia il momento di ordine 0 si conserva.
D’altra parte, il momento di ordine 1 è legato al baricentro temporale dell’onda
di concentrazione. Integrando la (F.5) nella forma
Z ∞ ·Z ∞ Z ∞ ¸
dC2 (t) 1
t dt = t C1 (t − τ )dt − t C2 (t)dt
−∞ dt γ tv −∞ −∞

si trova2 che
γ tv = tC2 − tC1 − τ (F.7)
avendo definito il baricentro di C(t):
(1)
mC
tC = (0)
.
mC
1 Perapprofondimenti, si vedano i corsi di Ingegneria Sanitaria.
2 Integrando per parti il primo membro e operando il cambiamento di variabile ξ = t − τ si ha
infatti Z ∞ Z ∞ Z ∞ 
1
t C2 |∞
−∞ − C2 (t)dt = (ξ − τ )C1 (ξ)dξ − tC2 (t)dt
−∞ γ tv −∞ −∞
da cui, ricordando la definizione (F.6),
(0) 1 h (1) (0) (1)
i
−mC2 = mC1 − τ mC1 − mC2
γ tv
e infine la (F.7).

BOZZA - 7 ottobre 2005


F. MODELLI ADZ NEL CAMPO LONTANO 149

Sapendo che la differenza tra i baricentri dell’onda in ingresso e di quella in


uscita è esattamente il tempo di percorrenza

tC2 − tC1 = tv ,

defininendo il tempo di residenza

T = γtv (F.8)

possiamo riscrivere la relazione (F.7) come

tv = T + τ . (F.9)

La (F.5) può quindi essere espressa, grazie alla (F.8), in termini di tempo di
residenza:
dC2 (t) C1 (t − τ ) − C2 (t)
= (F.10)
dt T
Integrando la (F.5) per ottenere i momenti secondi:
Z ∞ ·Z ∞ Z ∞ ¸
dC2 (t)
2 1 2 2
t dt = t C1 (t − τ )dt − t C2 (t)dt
−∞ dt γ tv −∞ −∞

e sviluppando gli integrali in maniera analoga a quanto visto in precedenza, si trova


che la varianza, definita per una generica C(t) come
µ ¶2
2 m(2) m(1)
σC = − ,
m(0) m(0)

segue la legge
2 2
σC 2
− σC 1
= T2 . (F.11)

F.1.1 Interpretazione fisica


Se facciamo riferimento ad un tratto di corso d’acqua naturale con una geometria
complessa, normalmente si può definire una porzione della sezione come alveo inciso
(alveo principale) e altre parti come zone golenali. Quando un’onda di tracciante si
propaga, queste ultime svolgono il ruolo di trattenere il tracciante poiché la velocità
al loro interno è molto minore che nell’alveo inciso; per questo motivo vengono dette
‘zone morte’ (dead zone). Successivamente, quando la concentrazione al loro interno
è maggiore di quella nell’alveo inciso, esse rilasciano il tracciante e tendono quindi a
laminare l’onda di concentrazione, cosı̀ come le zone di espansione dei corsi d’acqua
laminano le piene.
Suddividiamo quindi il volume totale V del tratto considerato in due parti

V = VA + VD

dove VA è il volume interessato dal comportamento convettivo (corrispondente


all’alveo inciso) e VD il volume di accumulo. Dalla definizione (F.3) si ottiene
che
VA VD
tv = + . (F.12)
Q Q
Proviamo ora a confrontare la (F.12) con i risultati trovati nel paragrafo prece-
dente (F.9) e (F.11).

BOZZA - 7 ottobre 2005


150 F.1. Modelli a cella

• Convezione dominante. Quando VD ∼ 0, l’onda di concentrazione viene tra-


slata tra la sezione di ingresso e quella di uscita senza subire apprezzabili
2 2
deformazioni: ponendo σC 1
= σC 2
, la (F.11) implica T = 0. Di conseguenza,
la (F.9) ci assicura che il ritardo
VA
τ = tv =
Q
e la (F.8) fornisce γ = 0.
• Dispersione dominante. Quando invece VA → 0, mentre VD mantiene un
volume finito, il ritardo τ → 0 (un segnale entrante fornisce istantaneamente
una risposta all’uscita). La differenza tra i baricentri di C1 e C2 deve essere
legata all’effetto di VD :
VD
T = tv =
Q
e quindi γ = 1.
Tra i due estremi considerati, possiamo associare il ritardo τ al volume convettivo VA
e il tempo T impiegato mediamente dal tracciante per attraversare le zone golenali
al volume di ristagno VD :
VA VD
τ= , T =
Q Q
da cui si ottiene γ = T /tv = VD /V . Il significato dei parametri τ e T è evidenziato
in Figura F.1: il ritardo τ trasla rigidamente la curva C2 in uscita, il tempo di
residenza T deforma la curva aumentandone la varianza.

0.4
C1
T=0,τ=2
0.35

0.3

0.25
C

0.2 T=1,τ=0
T=1,τ=2
0.15

0.1

0.05

0
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
t

Figura F.1: Concentrazione C2 in uscita calcolata attraverso la (F.5). L’onda di concentrazione


in ingresso C1 è disegnata in linea punteggiata. Le curve in linea continua corrispondono a diverse
coppie di valori dei parametri T e τ ; i parametri dell’equazione (F.5) sono ricavabili come tv = T +τ
e γ = T /tv .

Taratura del modello. Un modello di questo tipo può essere applicato conve-
nientemente ponendo in serie (ed eventualmente in parallelo) N elementi che ri-
spondono all’equazione di bilancio (F.5), che può agevolmente essere integrata con

BOZZA - 7 ottobre 2005


F. MODELLI ADZ NEL CAMPO LONTANO 151

un normale schema numerico. Per ogni elemento considerato devono essere tarati i
parametri tv e γ. Il primo può essere stimato come
V L
tv = ' ,
Q U
con L lunghezza del tratto e U velocità media, mentre γ dipende dall’entità delle
zone golenali.

F.2 Modelli convettivi-dispersivi


La seconda formulazione, nota come D-DZM (Dispersion-Dead Zone Model ) ac-
coppia un modello di convezione-dispersione del tipo discusso nel capitolo 6 (ADE,
Advection-Diffusion Equation), per la parte incisa della sezione, ad un modello ADZ
per la zona di ristagno. Il sistema di equazioni è dato quindi da due equazioni; la
prima è relativa all’alveo inciso

∂C ∂C ∂2C ∂Cs
+U − K 2 = −ε , (F.13)
∂t ∂x ∂x ∂t
dove C è la concentrazione nell’alveo inciso, Cs quella nella zona di ristagno, U la
velocità media della corrente nella sezione, K il coefficiente di dispersione, e
VD
ε=
VA
con VD volume attribuito alla parte di ristagno e VA al canale inciso. Utilizzando
l’ipotesi geometrica che VA = AA L e VD = AD L, tale parametro può essere anche
espresso come ε = AD /AA , con AD area trasversale efficace della parte di ristagno
e AA area trasversale del canale inciso. La seconda equazione si riferisce alla zona
di ristagno
∂Cs 1
= (C − Cs ) , (F.14)
∂t T
dove T è una misura del tempo di ristagno, ovvero il tempo di residenza del trac-
ciante nella ‘zona morta’ (dead zone). Si noti la stretta corrispondenza della (F.14)
con la (F.10).
L’equazione (F.13) può essere riscritta, grazie alla (F.14), come

∂C ∂C ∂2C ε
+U − K 2 = (Cs − C) . (F.15)
∂t ∂x ∂x T
I termini a secondo membro della (F.14) e della (F.15) rappresentano i flussi di
concentrazione scambiati tra la zona di ristagno e l’alveo inciso. Il parametro ε
tiene conto dei diversi volumi delle due zone e permette di rispettare il principio di
conservazione della massa.
Il parametro T rappresenta il tempo necessario perché il flusso di massa si tra-
sferisca dal canale alla zona di ristagno e viceversa. Valori elevati di T corrispon-
dono ad una riduzione della capacità di scambio, mentre valori di T tendenti a 0
rappresentano scambi quasi istantanei, grazie ai quali la concentrazione Cs risulta
praticamente identica a C.
Per quanto riguarda la taratura del modello, i parametri relativi alla dispersione
longitudinale (U e K) sono normalmente valutati attraverso le relazioni viste nel
capitolo 6. I parametri del modello ADZ, ε e T , sono invece tarati di norma facendo
riferimento a misure di campo riferite al corso d’acqua che si sta considerando.

BOZZA - 7 ottobre 2005


152 F.2. Modelli convettivi-dispersivi

BOZZA - 7 ottobre 2005


Bibliografia

M.B. Abbott e D.R. Basco, Computational fluid dynamics. An introduction for


engineers, Longman S.T., 1989.
G. I. Barenblatt, Dimensional Analysis, Gordon and Breach Science Publishers
S.A., OPA (Amsterdam), 1987.
H.B. Fischer, E.J. List, R.C.Y. Koh, J. Imberger e N.H. Brooks, Mixing in Inland
and Coastal Waters, Academic Press, NewYork, 1979.
J.D. Hoffman, Numerical methods for engineers and scientists, McGraw-Hill, 1993.
J.C. Rutherford, River Mixing, John Wiley & Sons, Chichester, 1994.

R. Sozzi, T. Georgiadis e M. Valentini, Introduzione alla turbolenza atmosferica, pp.


525, Pitagora Editrice, Bologna, 2002.

153