Sei sulla pagina 1di 1

LA DIDATTICA METACOGNITIVA

La didattica metacognitiva prevede che l’alunno, attraverso processi di autoregolazione del pensiero e
dell’attività, risolva i problemi imparando ad interpretare, organizzare, strutturare le informazioni, e a
riflettere sui processi per acquisire un livello di autonomia cognitiva migliore.
Essa induce lo sviluppo di diverse attività nell’allievo: di controllo, di autostima, di autoefficacia e di
motivazione.
Tutto ciò porterà ad un miglioramento delle prestazioni del discente, oltre che dei suoi processi mnemonici
e di attenzione: sarà così in grado di controllare il proprio apprendimento. Come conseguenza, la valutazione
delle sue prestazioni sarà accettata con un minor senso di frustrazione, in quanto, una volta individuato
l’errore, avrà capito che il piano applicativo potrà essere modificato.
È essenziale che l’alunno acquisisca la consapevolezza su cosa stia facendo, sul perché stia affrontando un
problema, su come affrontarlo, su quando sarà opportuno approcciarsi in un modo piuttosto che in un altro,
su quali siano i meccanismi di difesa e di verifica.
La didattica metacognitiva è trasversale a tutte le discipline, in quanto pone l’attenzione sull’acquisizione di
un meccanismo strategico che sia funzionale al miglioramento del processo di apprendimento,
indipendentemente dal contenuto affrontato.
Il docente metacognitivo deve stimolare la curiosità e la motivazione dell’alunno, motivando la proposta
didattica e le modalità di valutazione; deve saper guidare con esempi di strategie, aiuti, domande, feedback
ragionati e costruttivi; deve stimolare all’autonomia chiedendo all’alunno di pensare all’elaborazione di una
strategia personale; aiutarlo ad individuare i problemi per riprogettare il nuovo planning d’azione. Il soggetto
con disturbo o con difficoltà di apprendimento deve rendersi conto che per risolvere un problema, per
eseguire un’operazione matematica e per leggere correttamente è essenziale ideare un piano, e che è
compito principale del docente quello di aiutare a farlo.