Sei sulla pagina 1di 94

MAURO PERANI

Le firme in giudeo-arabo degli ebrei di Sicilia


in atti notarili di Sciacca, Caltabellotta e Polizzi*

Dopo gli studi pionieristici di Benedetto Rocco dedicati al giudeo-arabo


come lingua parlata dagli ebrei di Sicilia fino all’espulsione,1 negli ultimi anni
un crescente interesse è sorto per lo studio di questo aspetto linguistico pecu-
liare che accomuna l’ebraismo siciliano con quello della penisola iberica,
ponendolo all’interno del milieu culturale sefardita della costa magrebina e
dell’Andalusia, dove fiorì uno dei centri più importanti nell’epoca d’oro del
giudaismo spagnolo nei secc. X-XIII, quando la leadership culturale passò
dalle accademie di studio babilonesi a queste terre dell’Occidente, dove l’ara-
bo era parlato anche dagli ebrei come lingua materna. Maimonide crebbe a
Cordoba parlando l’arabo come sua lingua madre, nella quale compose tutte le
sue opere, ad eccezione del Mišneh Torah.
Rocco, in uno dei suoi ultimi studi del 1998, calcolava che i documenti
siciliani in giudeo-arabo fossero – fra editi e inediti2 – circa un centinaio, così
divisi per tipologia:

––––––––––––––
* Questo studio non sarebbe apparso senza l’aiuto di Angela Scandaliato, che mi ha sollecitato a
pubblicarlo, fornendomi tutte le riproduzioni del documenti contenenti le firme in giudeo-
arabo e la resa in siciliano delle medesime; Viviana Mulè, che ha preparato per me il regesto
dei documenti, Shlomo Simonsohn, Henri Bresc e Giuseppe Mandalà che mi hanno dato
preziosi suggerimenti per la corretta interpretazione dei nomi sulla base dell’onomastica
ebraica di Sicilia nel Quattrocento e del giudeo-arabo. A Dario Burgaretta devo un ringra-
ziamento particolare per aver riletto tutto il mio testo accuratamente con grande interesse ed
appassionata acribia e per avermi fatto preziose osservazioni e dato importanti suggerimenti.
1
Si veda in particolare Rocco (1983; 1995; 1998) e Giuffrida – Rocco (1976).
2
Rocco fornisce l’elenco di tutti i documenti che sono stati pubblicati in questo ordine: Morso
(1827: 116-19); Amari (1971: 201-12); Cusa (1868, I: 495, tav. V); Wansbrough (1967); Bresc
– Goitein (1970); Giuffrida – Rocco (1976); Ashtor (1979; lettera di cambio); Rocco (1983);
Wettinger (1985: 154-89, Appendix I); Rocco (1986; 1992; 1995).
144 Mauro Perani

1. due inventari dotali;


2. due epigrafi incise su pietra, una funeraria a Palermo del 1149 e l’altra
a Messina del 1450;
3. ventotto elenchi di firme apposte da ebrei in calce ad atti rogati dai
notai di Caltabellotta, Polizzi Generosa e Sciacca; in realtà, essendo questa
tipologia di documento quella di cui intendo occuparmi in questo studio, il
numero è ora salito a 33 documenti originali per un totale di 157 firme, parte
in ebraico e parte in giudeo-arabo, a cui si devono aggiungere due documenti,
contenenti complessivamente altre 12 firme in giudeo-arabo, trascritte in
maniera assai approssimativa da Giovanni Battista Caruso nel Settecento,3 e
che in parte sono riuscito ad interpretare (docc. 34 e 35); il numero sale così a
35 documenti per un totale di 163 firme. Ho voluto aggiungere, per comple-
tezza, un’appendice in cui ho riproposto altre 22 firme di alcuni documenti in
parte editi, ma che ho a volte corretto, e inediti, come la ketubbah stilata a
Caltabellotta nel 1456 (docc. 36-38). Con queste altre firme, il loro numero
complessivo giunge a 191.
Sappiamo che purtroppo diversi documenti notarili del Quattrocento, con-
servati negli archivi siciliani, sono andati perduti, per cui siamo portati a
pensare che gli atti recanti in calce le firme di ebrei in giudeo-arabo dovessero
essere ben di più. Credo, comunque, che altri documenti di questo genere
saranno destinati ad emergere nelle mani dei ricercatori che esploreranno negli
anni a venire i documenti d’archivio dell’isola. Nel corso di questo studio mi
riferirò a quattro documenti con firme pubblicati trent’anni fa da Benedetto
Rocco,4 e correggerò alcune inesattezze. Per alcune di esse Rocco stesso in
seguito ha corretto le sue letture, come egli afferma in uno studio successivo
del 1995: Le tre lingue usate dagli ebrei in Sicilia dal secolo XII al secolo XV,
dove a p. 363, nota 27 così scrive: «Avendo ottenuto una migliore lettura dei
caratteri latini e quindi una migliore individuazione dei caratteri ebraici, ci
siamo proposti di ripubblicarli quanto prima assieme agli altri 16 elenchi». Ma
purtroppo questo desiderio non si è potuto realizzare.
A questo tipo di documentazione vanno aggiunti:
4. diversi atti notarili, che presentano in calce un riassunto del contenuto
in giudeo-arabo;
5. tre iscrizioni su candelabri sinagogali, provenienti dall’Egitto (Rocco
1998: 539);

––––––––––––––
3
Biblioteca Comunale di Palermo, G. Battista Caruso, Notizie Di Polizzi, manoscritto del XVIII
sec., segnatura Qq F 45-46.
4
Rocco in Giuffrida – Rocco (1976).
Le firme in giudeo-arabo degli ebrei di Sicilia 145

6. una tipologia ignota a Rocco, e di cui mi sono recentemente occupato,


che è costituita dai colophon dei manoscritti ebraici copiati in Sicilia, nei quali
non sono rare parti in giudeo-arabo (cfr. Perani in stampa 2).
Da poco è stato pubblicato un testo giudeo-arabo siciliano da Dario
Burgaretta (2004).
I documenti contenenti le firme che ci interessano sono stati scoperti
presso l’Archivio di Stato di Palermo e le Sezioni di Archivio di Stato di
Sciacca e di Termini Imerese. La scoperta di queste firme dei testi in ebraico e
in giudeo-arabo ha consentito di mettere in luce una peculiarità delle comunità
ebraiche di Caltabellotta, Polizzi e Sciacca. Un fatto che risulta eccezionale è,
appunto, costituito dalla presenza, negli atti stipulati dagli ebrei di queste tre
comunità, delle firme dei testimoni in caratteri ebraici alla fine della registra-
zione dei contratti redatti dai notai. A volte le firme sono in ebraico, ma più
spesso esse sono in giudeo-arabo, vale a dire in arabo scritto mediante i
caratteri ebraici. In molti casi accanto ad esse il notaio ha scritto in caratteri
latini l’equivalente in siciliano dei nomi dei testimoni che avevano sottoscritto
gli atti in ebraico.
Ecco ora l’indicazione degli archivi nei quali sono state rinvenute queste
firme. Innanzitutto presso la Sezione di Archivio di Stato di Sciacca nel
Notarile di Sciacca, le firme in giudeo arabo, tutte risalenti al XV secolo, sono
state ritrovate nei seguenti registri: i numeri 2 e 21 del notaio Andrea Liotta, 9
del notaio Antonino Giuffrida, 20 del notaio Amato Messana, il numero 27 del
notaio Pietro Randazzo e il 24 del notaio Gerardo Randazzo. Contratti che
riguardano ebrei di Sciacca, redatti dal notaio Ferdinando Giuffrida, si trovano
inoltre presso l’Archivio di Stato di Palermo, (Notarile di Palermo, 1a stanza).
Le firme in ebraico che sono contenute nei registri 1380, 1382, 1383, 1384,
1386, 1388bis e 1389, si trovano al margine dei contratti, talvolta accanto a
quelle dei testimoni cristiani ed hanno quasi sempre, come si è già rilevato, la
resa dell’equivalente dei nomi ebraici in siciliano, scritta accanto dal notaio.
Anche gli ebrei di Caltabellotta potevano apporre la firma in ebraico nei
loro contratti. Nei registri 14 e 17 del notaio Pellegrino Verderame, conservati
nella Sezione d’Archivio di Sciacca (Notarile di Caltabellotta), ricorrono le
firme dei testimoni ebrei in giudeo-arabo con le stesse modalità prima
considerate. Per quanto riguarda Polizzi Generosa, le firme sono contenute nel
registro 10.849 del notaio Ludovico Bentivegna, nel 10.845 di Giovanni
Perdicaro e del notaio Andrea Miraldo, reg. 12.482, tutti conservati presso la
Sezione d’Archivio di Termini Imerese.
Un dato evidente è che la stragrande maggioranza dei contratti in
questione proviene da Sciacca, dove ben 27 sono firmati in ebraico o in
giudeo-arabo, mentre a Caltabellotta se ne sono conservati solo 2 e altri 4 a
Polizzi, per un totale di 33 documenti. Ciò è evidentemente dovuto al fatto che
146 Mauro Perani

a Sciacca si sono conservati più volumi del XV secolo; per quanto riguarda
Polizzi sappiamo indirettamente che esistevano altri contratti con firme in
giudeo-arabo che non si trovano presso l’Archivio di Termini Imerese ma
fanno parte di collezioni private.5 Di questi 27 documenti saccensi la tipologia
predominante è quella dei testamenti, ben 20, di fronte a 3 contratti di compra-
vendita, una donazione, un contratto dotale, una prestazione d’opera e una
procura. Per Caltabellotta invece si parla di 2 testamenti e per Polizzi di 3
testamenti e della cessione di una vigna con patto di riscatto. Nonostante la
limitatezza dei dati a disposizione anche per queste ultime due comunità la
predominanza degli atti è costituita da testamenti.
Il dato non è ovviamente casuale, nella società ebraica come in quella
cristiana il testamento era sentito come l’atto di maggior solennità per la
natura stessa, potremmo dire perpetua, dei rapporti sociali e giuridici che
creava. «Il testamento non è solo un atto di diritto privato, destinato a regolare
la successione dei beni, ma anche un atto religioso, con il quale il fedele
esprime la sua volontà di essere seppellito nel cimitero ebraico, riconosce i
propri peccati e li riscatta con appropriati lasciti».6 In questo senso il
testamento è davvero – usando l’espressione di Ariel Toaff – «il passaporto
per l’aldilà».7 Le attenzioni dei testatori si concentrano sempre sui medesimi
campi; stabiliscono che il loro corpo sia seppellito nel luogo consueto di
sepoltura degli ebrei, in quei cimiteri che in Sicilia, come altrove erano sempre
extra moenia. Segue la distribuzione dei legati pii ai poveri della comunità, ma
più spesso all’ospedale. I veri beneficiari privilegiati di questi legati sono
comunque le meskite, cioè le sinagoghe, cui i fedeli non dimenticano mai di
lasciare somme per l’acquisto dei cafisi di olio per le lampade dell’illumina-
zione o per altri arredi del culto, come una mantellina per il rotolo della Torah
o me‘il.
Allo stato attuale delle ricerche, condotte anche tra gli atti notarili
conservati presso gli archivi della Sicilia orientale,8 possiamo affermare, con
––––––––––––––
5
Alcuni documenti di questo genere sono regestati in Borgese (1999: 54).
6
Toaff (1989: 57).
7
Ibid.
8
Una pergamena conservata presso l’Archivio di Stato di Messina contiene sul retro
un’iscrizione in giudeo-arabo con l’elenco di una lista di beni; in questo caso non si tratta di
firme, ma di un appunto sull’atto stipulato tra l’ebreo Salomone Gini e il magnifico Pietro
Porco. Si veda Archivio di Stato di Messina, Corporazioni religiose soppresse, pergamena
152, 8 novembre 1462. Henri Bresc (2001: 308) parla di una lunga sottoscrizione che si trova
in calce ad una vendita di censo contenuta nel cartulario di S. Maria di Messina. Altre firme di
ebrei in latino si trovano in alcuni contratti dei notai di Mineo e di Palermo, sempre del XV
secolo.
Le firme in giudeo-arabo degli ebrei di Sicilia 147

un margine di certezza molto elevato, che i casi di Caltabellotta, Sciacca e


Polizzi sono unici in tutta l’isola.9 Gli ebrei di queste tre comunità avevano il
privilegio di testimoniare apponendo la loro firma per lo più in contratti
solenni come testamenti, donazioni e in qualche raro caso anche per semplici
contratti di compra-vendita. A firmare come testimoni erano di solito i mag-
giorenti o comunque gli uomini più in vista all’interno della comunità. A
Sciacca ricorrono di frequente le firme della famiglia Sagictono o Sagictuni,
membri di una delle famiglie più potenti.
Come giustificare l’unicità di queste firme nel contesto siciliano? Un
elemento da non sottovalutare è l’elevato livello culturale e l’alto grado di
istruzione che contraddistingueva gli ebrei di queste tre comunità. Per Sciacca
si prospetta l’ipotesi che questo privilegio sia dovuto alla presenza in città di
uno studium. Al 1447 risale infatti la creazione di una yešivah o scuola di studi
superiori. David de Minachem, noto banchiere saccense, favorito dalle più
importanti autorità politiche del regno, ottiene l’autorizzazione di creare
scolas seu studium a cui potevano accedere tutti gli ebrei dell’isola. Si trattava
di una vera e propria accademia rabbinica, che può essere paragonata
all’università cristiana medievale.10
A Caltabellotta, dove gli atti notarili del XV secolo attestano una comuni-
tà di appena 400 individui, fra i testimoni alla stesura di una ketubbah – un
atto matrimoniale – datata 1457, sono presenti sei persone, che in passato
erano stati considerati, in base al titolo, rabbini. In verità ciò non appare
suffragato dal testo (cfr. oltre, doc. 38) ma, nel caso, la presenza di tanti
rabbini in una piccola comunità, i cui membri erano legati da vincoli di
parentela e relazioni economiche a quelli di Sciacca, non passarebbe
inosservata e sarebbe eventualmente da ricollegare al cenacolo saccense.11
L’attenzione per gli studi era del resto localmente particolarmente sentita e nel
1468 Nissim de Siragusia, in punto di morte, destina la ragguardevole cifra di
60 once alla comunità «ad opus chi tinia unu maestru di scola».12 Di
Caltabellotta era Borach De Ixey, «il più erudito tra gli ebrei di Sicilia nel sec.
XV» che possedeva forse la più ricca biblioteca di tutta l’isola.13
––––––––––––––
9
Già il Trasselli (1977: 256) notava che «gli ebrei di Sciacca e Caltabellotta erano ammessi a
fare testimonianza e ad apporre la firma in donazioni, nei testamenti e negli atti concernenti
donne ebree» e aggiungeva che tale facoltà eccezionale «costituisce una assoluta novità nella
storia del diritto siciliano».
10
Scandaliato – Gerardi (1994-95: 37).
11
Scandaliato – Gerardi (1994-95: 40).
12
Ibid.
13
Bresc (1971); Trasselli (1977: 257); Scandaliato – Gerardi (1995: 440).
148 Mauro Perani

A Polizzi, dove è testimoniata per il 1436 una vera e propria scuola


privata,14 il privilegio di firmare in ebraico potrebbe essere ascrivibile all’esi-
stenza di una scuola di medicina, ma questa è solo un’ipotesi da verificare. La
città era comunque nota nel Medioevo per la perizia dei suoi medici ebrei.15
Occorre fare, prima di affrontare lo studio dei documenti, una osserva-
zione relativa ai nomi dei firmatari scritti in ebraico e alla loro resa in
siciliano, che spesso li accompagna, anche se non sempre. A volte è dato in
ebraico il nome seguito dal nome di famiglia, ossia quell’appellativo del casa-
to che, senza esserlo ancora in senso tecnico, sarebbe diventato il cognome. A
volte, invece il nome è accompagnato solo dall’indicazione del patronimico
con la classica forma ebraica ben o aramaica bar ossia «figlio di». In qualche
caso il nome è seguito dalla qualifica di una funzione che l’ebreo firmatario
svolgeva, come commissario (Wakil, siciliano: Commissu); cantore (ðazzan,
siciliano: Casseni), che in seguito, a volte, sono diventati veri nomi di famiglia
o cognomi. La resa in siciliano non è sempre aderente alla forma ebraica,
perché in certi casi invece del nome di famiglia il notaio scrive in caratteri lati-
ni la paternità, e in certi casi mette il nome di famiglia mentre in ebraico c’è il
nome e la paternità. Tutto ciò rende gli indici onomastici non sempre perfetta-
mente omogenei e coerenti.

Gli indici
Alla fine dello studio presento i seguenti indici, che si sa quanto siano
utili ed apprezzati dagli studiosi per la fruizione e l’elaborazione dei dati:
1. indice dei nomi di famiglia secondo l’ordine alfabetico dell’equiva-
lente siciliano, con sinossi dell’ebraico e della sua traslitterazione;
2. indice dei nomi secondo l’ordine alfabetico del nome di famiglia o co-
gnome ebraico;
3. indice dei nomi secondo l’ordine alfabetico della traslitterazione dal-
l’ebraico;
4. indice dei nomi secondo l’ordine alfabetico della resa in siciliano;
5. indice dei nomi presenti nei regesti dei documenti.

Quando dei nomi nella loro resa in siciliano sono fra parentesi quadre,
ciò significa che non si trovano esplicitamente nel documento considerato, ma
che essi possono essere ricostruiti con sicurezza sulla base di altri documenti.

––––––––––––––
14
Scandaliato – Gerardi (1994-95: 32).
15
Scandaliato (2002: 106). Cfr. inoltre Bresc (2001: 56).
Le firme in giudeo-arabo degli ebrei di Sicilia 149

Le firme in ebraico e in giudeo-arabo


Per l’edizione integrale delle firme mi atterrò all’ordine cronologico dei
documenti, che risultano così distribuiti: 2 dell’anno 1436; ben 8 del 1455; 1
solo per ciascuno degli anni 1456, 1457, 1458, 1464 e 1467; 2 dell’anno 1468;
1 del 1470; 1 di una data incerta compresa fra il 1473 e 1474; 2 del 1480; 2 del
1482; 1 del 1484; 3 del 1485; 2 del 1490; e le ultime tre del 1491. I due
documenti (n. 34 e 35) ricopiati dal Caruso nel Settecento, comprese le firme
in giudeo arabo, sono rispettivamente del 1447 e del 1450.
I tre documenti contenuti nell’appendice non sono atti notarili, ma un atto
del tribunale rabbinico di Siracusa dell’anno 1020; la stipula redatta nel 1187-
88 di un accordo fra gli ebrei di Siracusa e il vescovo di Cefalù per l’amplia-
mento del cimitero ebraico e, infine, un atto di matrimonio, detto in ebraico
Ketubbah, stilato a Caltabellotta nel 1456.
Come ho già rilevato sopra, il numero complessivo delle firme in ebraico
e giudeo-arabo qui pubblicate è di 191.

*
Documento 1
Regesto: Sciacca, 18 luglio 1436. SASS, Notarile di Sciacca, Not. A.
Liotta, reg. 2, cc. 221r-222r.
L’ebrea Ricca, moglie di Manuele Balam, ebreo di Sciacca, nel suo testa-
mento nomina suo erede universale il figlio Manuele e in caso di sua morte
senza eredi, il marito. Sono presenti inoltre alcuni legati per le miskite ossia le
sinagoghe di Sciacca, Trapani e Caltabellotta e uno «pro maritagio unius orfa-
ne» e altri per i parenti.
150 Mauro Perani

Traduzione Trascrizione Testo ebraico Resa in siciliano


1. Io Elia Kiri An… Eliyyah Kiri ‫אנא אלייה כרי‬ Lia Pulvirecta16
testimone di ciò š…hid bi-õ…lika ‫שאהד בדאלךּ‬
2. Io Abramo da An… Avraham ‫אנא אברהם‬ Bracha de
Siracusa Saraqusi š…hid bi- ‫סרקוסי שאהד‬ Siracusa
testimone di ciò õ…lika
‫בדאלךּ‬
3. Io Eleazaro da An… Eli‘ezer ‫אנא אליעזר‬ Azarellu de
Siracusa Saraqusi š…hid bi- ‫סרקוסי שאהד‬ Siracusa
testimone di ciò õ…lika
‫בדאלךּ‬
4. Io Marzuq An… Marzuq ‘Azaz ‫אנא מרזוק עזאז‬ Marzuco de
Assesi testimone š…hid bi-õ…lika ‫שאהד בדאלךּ‬ Assesi
di ciò
5. Io Abramo da An… Brahun Mazari ‫אנא ברהון מאזרי‬ Brachuni17
Mazara š…hid bi-õ…lika ‫שאהד בדאלךּ‬ de Mazara
testimone di ciò

Cinque firme in giudeo-arabo, che seguono tutte la stessa formula. Nella


kaf finale dell’espressione bi-õ…lika è sempre presente un puntino dentro la
lettera, per distinguerla dalla dalet e dalla nun finale. Trascrivo bi-õ…lika pre-
ferendo questa forma classica del pronome dimostrativo quello alla forma
dialettale bi-õ…lik. Il pronome personale di prima persona singolare arabo an…,
io, è sempre presente. Il notaio trascrive alla destra delle firme in giudeo-arabo
l’equivalente in siciliano. Dal punto di vista paleografico, queste cinque firme,
pur rientrando genericamente nella tipologia di un semicorsivo sefardita, non
presentano tratti particolarmente stagliati di questo stile, né tantomeno calli-
grafici, mentre la maggior parte lascia trasparire la mano di ebrei che sapevano
scrivere, ma che non avevano uno stile particolarmente fluente e sciolto, come
chi usa normalmente la scrittura, sia uno scriba o un letterato. Le grafie più
sccorrevoli sono quelle delle firme 2 e 5.

Documento 2
Regesto: Sciacca, 20 luglio 1436. SASS, Notarile di Sciacca, Not. A.
Liotta, reg. 2, cc. 222v-223r.
Codicillo che modifica il precedente testamento in cui l’ebrea Ricca
stabilisce che in caso di morte del figlio Manuele senza eredi legittimi, erede
universale sarebbe stata la sorella Milicha, vedova di Leone Cuyni.
––––––––––––––
16
Per il cognome ebraico Pulvirecta, Rocco (1998: 543) propone la derivazione dall’italiano
Polveretta e dal francese Poudrette, che indicano una sorte di concime ricavato da sterco di
animali, e così spiega l’equivalente giudeo-arabo Kiri, da una radice Hiri «defecare».
17
Per le varie rese di Avraham in siciliano, fra cui Brahun, si veda Rocco (1998: 542).
Le firme in giudeo-arabo degli ebrei di Sicilia 151

Traduzione Trascrizione Testo ebraico Resa in siciliano

1. Davide Aronne Dawid Harun ‫דוד הרון‬ David de Aron


testimone di ciò š…hid bi-õ…lika ‫שאהד בדאלךּ‬
2. Gaudio Bulfa- Far|un BulfaraÞ ‫פרחון בולפרג‬ Gaudius
rachio18 testi- š…hid bi-õ…lika ‫שאהד בדאלךּ‬ de Bulfarachi
mone di ciò
3. Vita Chandarel ðayyim ðandarel ‫חיים חנדריל‬ Vita
testimone di ciò š…hid bi-õ…lika ‫שאהד בדאלךּ‬ de Chandarellu
4. Fargion FarÞon Qumay|ah19 ‫פרגון קומיחה‬ Fariuni
Formentini š…hid bi-õ…lika ‫שאהד בדאלךּ‬ Furmintinu
testimone di ciò
5. Io Sabbetay Ana Šabbetay ‫אנא שבתי‬ Sabutu de Saragusa
Siracusano Saraqusi šāhid bi- ‫סרקוסי שאהד‬
testimone di ciò õ…lika ‫בדאלךּ‬
Cinque firme in giudeo-arabo, che seguono tutte la stessa formula. Nella
kaf finale dell’espressione bi-õ…lika è sempre presente un puntino diacritico
dentro la lettera, per distinguerla dalla dalet e dalla nun finale: nella terza il
puntino è posto sopra, mentre nelle altre dentro. Il pronome personale di prima
persona singolare arabo an…, «io», è presente solo nell’ultima. Il notaio
trascrive alla destra delle firme in giudeo-arabo l’equivalente in siciliano. Dal
punto di vista paleografico, anche queste cinque firme mostrano una grafia

––––––––––––––
18
Gaudio de Bulfarachi è uno zio paterno di Guglielmo Raimondo Moncada, il noto convertito
poliglotta che, prima della conversione, da ebreo si chiamava Šemu’el ben Nissim Abul FaraÞ:
Gaudio era fratello di suo padre Nissim. Questa firma è pubblicata in Perani (in stampa, 1).
19
Dall’arabo Qam| (ebraico Qema|) «grano, frumento», vedi Rocco (1998: 543). Qumay|ah è
la forma araba per il diminutivo o vezzeggiativo che ben corrisponde al siciliano Furmintinu.
Si tratta della stessa forma che compare nei cognomi Šuwaykat e ›ubayra.
152 Mauro Perani

piuttosto incerta, con tratti spigolosi e poco sciolti, propria di chi usa la
scrittura non con particolare frequenza.

Documento 3
Regesto: Sciacca, 21 luglio 1436. SASS, Notarile di Sciacca, Not. A.
Liotta, reg. 2, cc. 223v-224r.
Altro codicillo del precedente testamento in cui l’ebrea Ricca ratifica la
nomina della sorella e del marito come eredi universali in parti uguali dei suoi
beni, in caso di morte senza prole del figlio Manuele. Vengono inoltre stabiliti
ulteriori legati e confermati i precedenti concessi alle sinagoghe e ai parenti.20

Traduzione Trascrizione Testo ebraico Resa in siciliano


1. Abramo da Avraham Saraqusi ‫אברהם סרקוסי‬ Bracha
Siracusa testimone š…hid bi-õ…lika ‫שאהד בדאלךּ‬ de Saragusa
di ciò
2. Elia Chiri testi- An… Eliyyah Kiri ‫אלייה כירי‬ Lia Pulvirecta
mone di ciò š…hid bi-õ…lika ‫שאהד בדאלךּ‬
3. Califah medico Kalifah ðakim ‫כליפה חכים‬ Chalifi lu Medicu
testimone di ciò š…hid bi-õ…lika ‫שאהד בדאלךּ‬
4. Davide di Aronne Dawid Harun ‫דוד הרון שאהד‬ David de Aron
testimone di ciò š…hid bi-õ…lika ‫בדאלךּ‬
5. Vita Chandarello ðayyim ðandarel ‫חיים חנדריל‬ Vita Chandarellu
testimone di ciò š…hid bi-õ…lika ‫שאהד בדאלך‬
6. Sabbetai Tunni- Šabbetay Tunnina ‫שבתי טונינה‬ Xibiteni Tunnina
na testimone di š…hid bi-õ…lika ‫שאהד בדאלךּ‬
ciò
––––––––––––––
20
Il testamento e i rispettivi due codicilli sono pubblicati solo in fotografia in Scandaliato –
Gerardi (1995: 58-62), mentre il testo integrale è trascritto in Scandaliato (1999: 196-200).
Le firme in giudeo-arabo degli ebrei di Sicilia 153

7. Sabato da Šabbat Saraqusi ‫שבת סרקוסי‬ Sabutu


Siracusa testi- š…hid bi-õ…lika ‫שאהד בדאלךּ‬ de Saragusa
mone di ciò

Sette firme in giudeo-arabo, che seguono tutte la stessa formula di


testimonianza š…hid bi-õ…lika, ma in nessuna c’è il pronome di I persona
singolare an…. Nella kaf finale dell’espressione bi-õ…lika è sempre presente un
puntino diacritico dentro la lettera, ad eccezione della firma n. 5. Il notaio
trascrive alla destra delle firme in giudeo-arabo l’equivalente in siciliano. La
prima firma di Avraham Saraqusi è chiaramente la stessa grafia della firma n.
2 che si trova nel doc. 1, caratterizzata, rispetto alle altre, da un ductus sicuro,
proprio di una persona letterata e assueta a scrivere. Anche la seconda firma di
Eliyyah Kiri presenta un andamento sciolto, mentre le altre pur discrete,
lasciano trasparire un uso minore dello scritto. Eliyyah Kiri (firma n. 2) è lo
stesso che ha sottoscritto la firma n. 1 nel doc. 1, con identica grafia, dal tratto
poco sciolto, e incerto, come mostra il fatto che qui scrive il suo cognome ‫כירי‬
mentre nel doc. 1 lo scrive senza mater lectionis ‫כרי‬. La seconda parte del
nome Kalifah ðakim è ben reso dal siciliano li Medicu; ‫חכים‬, infatti, è la resa
in caratteri ebraici dell’arabo |…kim che, in giudeo-arabo magrebino e maltese,
oltre a ‘sapiente’, ha il senso di ‘saggio, filosofo, medico’. Anche David de
Aron, firma n. 4, è la stessa persona che ha sottoscritto la firma n. 1 del doc. 2;
così pure dicasi di ðayyim ðandarel che ha sottoscritto anche la firma n. 3 nel
doc. 2, seppur con un calamo più grossolano, ma sempre con la sua medesima
grafia alquanto incerta. Infine, anche Sabutu de Saragusa è lo stesso che ha
apposto la firma n. 5 nel doc. 2. Evidentemente questo mostra che a testimo-
niare negli atti ufficiali erano i maggiorenti della comunità, i cui nomi spesso
ritornano. Dal punto di vista paleografico, queste sette firme non hanno il
carattere elegante, fluente e sicuro di una mano scribale, ma restano nell’am-
bito di individui capaci di usare la scrittura in determinate occasioni.

Documento 4
Regesto: Sciacca 12 febbraio 1455. SASS, Notarile di Sciacca, Not. A.
Giuffrida, reg. 9 (1), cc. 37v-38r.
Gaudiosa, ebrea di Sciacca, vedova di Serone de Aron, dona ai figli
David e Jacob tutti i suoi beni mobili e immobili, riservando per sé l’usufrutto;
alle figlie dona due indumenti femminili. Incarica inoltre il figlio David di
occuparsi della sua sepoltura secondo le sue possibilità.21
––––––––––––––
21
Di David b. Aharon, copista, si conosce un manoscritto del Pentateuco con le Haf¥arot,
conservato a Roma presso la Biblioteca della Comunità Ebraica; cfr. Tamani (1993: 110), ma
non possiamo essere certi che si tratti della stessa persona.
154 Mauro Perani

Traduzione Trascrizione Testo ebraico Resa in siciliano


(assente)
1. Io ðayyim Ba¥i An… ðayyim Ba¥i22 ‫אנא חיים באטי‬ [Abati]
testimone di ciò š…hid bi-õ…lika ‫שאהד בדאלךּ‬
2. Io Michele An… Mika’el Šuwa- ‫אנא מיכאל‬ [Sagictuni]
Šuwaykat ykat23 ‫שויכאת שאהד‬
testimone di ciò š…hid bi-õ…lika
‫בדאלךּ‬
3. Io Šalom Šillem An… Šalom Šillem24 ‫אנא שלום שלאם‬ [Xalom Xillemi]
testimone di ciò š…hid bi-õ…lika ‫שאהד בדאלךּ‬
4. Io Isacco Šuwani An… Yi¡|aq Šuwa- ‫אנא יצחק שואני‬ [Busac Galiuni]
testimone ni25 šāhid ‫שאהד‬
––––––––––––––
22
La forma ‫ באטי‬ossia Bati, viene dalla elisione di una a iniziale, ed equivale al cognome
ebraico attestato a Sciacca Abati, famiglia imparentata con i Bulfarachio, ai quali apparteneva
Flavio Mitridate; lo dimostra la trascrizione in siciliano dell’ebraico Ba¥i proprio con Abati
nella firma 2 del doc. 16.
23
Rocco (1998: 543) spiega il nome sulla base dell’arabo šawka «spina aculeo», reso in siciliano
da Sagittuni, fra i cui significati c’è quello di «erba spinosa, spina bianca»; cfr. anche Barbera
(1940), Dizionario Maltese-Arabo-Italiano, vol. IV: 1154: XUEJKIÈT – šuwaykât – chuaikât
pl. dim. di XEUKA (v.t.v.) = spinuzza.
24
Rocco (in Giuffrida – Rocco 1976: 58), propone la lettura Šillom Šillem, sulla base della resa
in siciliano da lui intesa Xillom Xillemi, ma Angela Scandaliato legge il primo nome, che effet-
tivamente ha una sola elle, come Xalom. Si potrebbe anche ipotizzare, come mi suggerisce
Shlomo Simonsohn, la lettura Šalom Salam, ma dobbiamo pensare che le parole ebraiche in
bocca agli ebrei di Sicilia, che erano arabofoni, suonavano con una pronuncia molto influenza-
ta dalla loro lingua parlata. Ora, in molti dialetti arabi la alef lunga si pronuncia e, come è atte-
stato anche nel giudeo-arabo di Sicilia in molte trascrizioni in caratteri latini.
25
Per la derivazione araba del cognome Šuwani, siciliano Galiuni, si veda Barbera (1940, 4:
1154), che dà il termine in maltese, seguito dallo stesso scritto in arabo e traslitterato con si-
stema francese e, infine, il significato in italiano alla voce: XUEJNI – s.m. – šuwaynî – chuai-
nî, dim. di XÍNI (v.t.v) = galeotta, galeone (lett. piccolo battello).
Le firme in giudeo-arabo degli ebrei di Sicilia 155

5. Abramo da Ma- Brahun Mazari ‫ברהון מאזרי‬ [Brachuni de


zara testimone š…hid Mazara]
‫שאהד‬
Cinque firme in giudeo-arabo, di cui le prime tre seguono la stessa
formula di testimonianza š…hid bi-õ…lika, mentre le ultime due hanno solo
š…hid; le prime quattro premettono il pronome di I persona singolare an….
Nella kaf finale dell’espressione bi-õ…lika è presente il puntino diacritico. Il
notaio non ha trascritto, come in genere avviene, l’equivalente in siciliano dei
nomi dei testi ebrei. Un altro Šalom Šillem, con l’aggiunta di ben Rabbi Mošeh
ha-mekunneh Šillem, si trova nel nostro doc. 24, ma l’analisi della grafia
sembra escludere che possa trattarsi della stessa persona. ðayyim Ba¥i è la
stessa persona che ha sottoscritto la firma n. 7 nel doc. 5. Dal punto di vista
paleografico emerge la firma n. 3 di Yi¡|aq Šuwani per il suo stile elegante e
fortemente segnato dalla tipologia del corsivo sefardita, che nel cursus e nei
tratti richiama l’arabo; ritroveremo la firma di questo stesso personaggio nel
nostro doc. 11. È in assoluto, fra tutte le nostre firme, la grafia più elegante e
fluente, in bello stile che potrebbe ben essere quello se non della mano di uno
scriba, almeno di una persona ben assueta allo scrivere, arte che forse poteva
aver appreso nella penisola iberica.

Documento 5
Regesto: Sciacca 2 marzo 1455. SASS, Notarile di Sciacca, Not. A.
Giuffrida, reg. 9 (1), c. 40r.
Xassuna, ebrea di Sciacca, vedova di Sabatello de Sagictono, nel suo
testamento istituisce erede universale il figlio Joseph de Sagictono ed eredi
particolari la figlia Bullara (per la dote già assegnata) e i figli del figlio Juda
de Sagictono.
156 Mauro Perani

Traduzione Trascrizione Testo ebraico Resa in siciliano


(assente)
1. Io Isacco Saul An… Yi¡|aq Ša’ul 26 ‫אנא יצחק שאול‬ [Busacca de Xaulo]
testimone ‘ed ‫עד‬
2. Io Isacco An… Yi¡|aq ‫אנא יצחק בלעם‬ [Busacca Balam]
Balam testimone Bal‘am27 ‫שאהד בדאלךּ‬
di ciò š…hid bi-õ…lika
3. Io Giuseppe di An… Yosef Qala‘i 28 ‫אנא יוסף קלעי‬ [Ioseph
Castrogiovanni ‘ed ‫עד‬ Castrojohanni]
testimone
4. Io Siman Tov An… Siman ¦ov ‫אנא סימן טוב‬ [Siminto Summatu]
Summat Summa¥ š…hid ‫סמאט שאהד‬
testimone
5. Io Merdok An… Merdok Harun ‫אנא מרדוך הרון‬ [Merdoc Aron]
Aronne š…hid ‫שאהד‬
testimone
6. Io Ghedalia An… Gedalya ‫אנא גדליא בלעם‬ [Gedalia Balam]
Balam Bal‘am ‫שאהד בדאלךּ‬
testimone š…hid bi-õ…lika
7. Io ðayyim Ba¥i An… ðayyim Ba¥i ‫אנא חיים באטי‬ [Abati]
testimone di ciò š…hid bi-õ…lika ‫שאהד בדאלךּ‬

Tutte le sette firme iniziano con il pronome di I persona sing. arabo an…;
la 2, la 6 e la 7 usano come formula di testimonianza la più comune: š…hid bi-
õ…lika, mentre la 4 e la 5 hanno solo š…hid, e la 1 e la 3 usano invece l’ebraico
‘ed, testimone. Ad eccezione della 2 e della 7 che mostrano una grafia sciolta,
le altre scritture sono piuttosto elementari, con tratti a volte incerti e sempli-
ficati. Il notaio non ha scritto a margine la resa in siciliano dei nomi degli

––––––––––––––
26
La lettura Ša’ul è incerta, perché non è chiaro se il firmatario abbia ripreso un tratto della alef
con un ripensamento di penna, oppure se abbia scritto una lettera simile ad una zayin dopo la š
iniziale, che comunque non pare supportare alcuna lettura.
27
La lettura Bal‘am è confermata dalla resa in siciliano dello stesso nome con Balam, mancante
nel doc. in esame, ma comune nei documenti notarili di Sciacca e presente nel doc. 17. Nella
Bibbia ebraica ricorre 56 volte (di cui ben 50 nel libro dei Numeri) il nome ‫ בלעם‬vocalizzato
dai Masoreti Bil‘am figlio di Beor, il profeta ammonita a cui Balaq chiede di maledire i figli di
Israele, senza successo, perché il veggente non potrà che benedirli. Il nome biblico è normal-
mente reso nelle versioni con Balaam, sulla scorta della Vulgata. È difficile sapere se il
Bal‘am della nostra firma possa avere qualche collegamento con il nome biblico, cosa che pe-
raltro non si può escludere se si considera che non risulta esserci una resa diversa in siciliano,
ma solo la traslitterazione.
28
Rocco (in Giuffrida – Rocco 1976: 55, doc. 58, = al nostro doc. 23, interpreta questo nome
come derivante dall’arabo qal‘a, ebraico ‫« קלעה‬fortezza», reso dal notaio del doc. 23 con
Castrogiovanni. Preferisco trascriverlo non Qal‘i, ma Qala‘i.
Le firme in giudeo-arabo degli ebrei di Sicilia 157

ebrei testimoni. Un Busacca de Xaulo è attestato negli atti notarili di Sciacca e


Caltabellotta.

Documento 6
Regesto: Polizzi Generosa, 19 marzo 1455. SASTI, Notarile di Polizzi,
Not. A. Miraldo, reg. 12.482, cc. 350v-351r.
Milixa, moglie di Xalu Dila, cassando ogni altro documento o codicillo,
istituisce suo erede universale a lu prefatu so maritu Xalu supra soy beni
mobili e stabili, eccetto per i legati e i fedecommessi. Destina, inoltre, un tarì a
ognuno dei nipoti Abram, Xibite e Muxa, alla miskita29 pro anima sua, tre
rotoli di olio.

1. Ego Maxalufu Zicri fisicu iudeu t(esti)s

2. Ego Benedictu de Girachi t(esti)s ‫עשאל יני עד‬ [‘A@a’el Yinni ‘ed]
3. Ego Abraham Zicri t(esti)s
Traduzione Trascrizione Testo ebraico Resa in siciliano
(assente)
4. Io Isacco Yi¡|aq Qanšula ‫ עד‬30‫יצחק ק]נ[ש]ו[לא‬ [Busacca
Canchula ‘ed Canchula]
testimone
5. Mošeh da Ter- Mošeh Termi ‘ed ‫משה תרמי עד‬ [Muxa Termi]
––––––––––––––
29
Il termine miskita o mischita, frequente negli atti notarili, significa sinagoga.
30
Il teste che ha siglato questa firma ha aggiunto in un secondo tempo la nun e la waw sopra la
prima stesura del proprio nome, verosimilmente scorretta. Canchula è un cognome ebraico no-
to dai documenti d’archivio di Termini Imerese. Lo ritroviamo nei docc. 18, 35 e 36. La c pa-
latale è resa in ebraico sia dalla šin sia dalla gimel a volte con sopra un punto diacritico.
158 Mauro Perani

mini testimone
Documento da Polizzi Generosa conservato in SASTI, che presenta delle
firme di ebrei in maniera atipica, perché prima firmano tre testi ebrei in
caratteri latini. Il primo, Maxalufu Zicri, è un medico ebreo; a fianco del
secondo Benedictu de Girachi, compare una firma in caratteri ebraici ‫עשאל יני‬
ossia ‘A@a’el Yinni non trascritta in siciliano. Sembra da escludere che lo
stesso teste ebreo abbia firmato due volte, sia in caratteri latini, sia in ebraico,
fatto confermato dalla seguente duplice considerazione: primo, Yinni in sicilia-
no è reso con Ginni mentre il cognome della firma in latino sulla stessa riga è
Girachi; in secondo luogo, il notaio predispone sempre il luogo dove i testi
devono firmare tracciando delle croci: qui le croci sono sei, ma in corrispon-
denza dell’ultima in basso non c’è alcuna firma, mancando a mio avviso
quella in ebraico apposta a destra di Benedictu de Girachi. Il cognome Ginni,
o Yinni in giudeo-arabo siciliano (vedi anche doc. 23, n. 1), si trovava ancora
all’inizio del XX secolo nelle comunità ebraiche siciliane di Salonicco,
proprio nella sinagoga chiamata Sicilia Yašan, attestato come Γενή (pronuncia
in greco moderno Yeni).31 Tutte e tre le firme sono in ebraico, mancando il
pro-nome io in arabo an…, e presentando l’ebraico ‘ed «teste», invece della
solita formula giudeo-araba š…hid bi-õ…lika «testimone di ciò».

Documento 7
Regesto: Sciacca 15 aprile 1455. SASS, Notarile di Sciacca, Not. A.
Giuffrida, reg. 9 (1), c. 52v.
Xua de Summato, ebreo di Sciacca, «locavit operas et servicia sue
persone» presso l’ebreo Leone de Nucilla, conciatore di pelli, «ad faciendum
artem corbisarie», cioè per conciare pelli, nella sua bottega.32

––––––––––––––
31
Cfr. Shibi (1987: 13).
32
Il documento è stato citato da Scandaliato – Gerardi (1995: 441).
Le firme in giudeo-arabo degli ebrei di Sicilia 159

Traduzione Trascrizione Testo ebraico Resa in siciliano


(assente)
1. Io Giuseppe de An… Yosef Qavi¡ ‫אנא יוסף קבץ‬ [Joseph de Cafisi]
Cafisi testimone š…hid ‫שאהד‬
2. Io Isacco An… Yi¡|aq ‫אנא יצחק נחמן‬ [Busacca Nacman]
Nacman Na|man š…hid ‫שאהד‬
testimone

Due firme in giudeo-arabo, senza la resa dei nomi in siciliano, che


tuttavia è ricostruibile sulla base di altri documenti, ad esempio per il nome di
famiglia Cafisi che, secondo Rocco, è la sicilianizzazione del toponimo Qavi¡,
città tunisina.33 Le due grafie sono abbastanza dignitose nella loro semplicità,
sempre catatterizzate dal tipo di semicorsiva sefardita. Joseph de Cafisi si
trova in documenti notarili di Caltabellotta.34

Documento 8
Regesto: Sciacca 17 aprile 1455. SASS, Notarile di Sciacca, Not. A.
Giuffrida, reg. 9, (1), c. 53r.
Siminto Ginni di Sciacca vende all’ebreo Saden Barbaroso un somaro
«pili bruni cum omnibus suis morbis» per 24 tarì.35

Traduzione Trascrizione Testo ebraico Resa in siciliano


(assente)
1. Io Merdok An… Merdok ðazzan ‫אנא מרדוך חזן‬ [Merdoc Chasseni]
Cazzan testimo- š…hid bi-õ…lika ‫שאהד בדאלךּ‬
ne di ciò

––––––––––––––
33
Rocco (in Giuffrida – Rocco 1976: 54 e 56, docc. 57 e 58, corrispondenti ai nostri 25 e 23).
34
Scandaliato (1993: 48-49).
35
Il documento è citato in Scandaliato – Gerardi (1995: 441).
160 Mauro Perani

Una sola firma di Merdok il cui nome è seguito da ðazzan, forse per
indicare che egli era il cantore ufficiale della sinagoga di Sciacca o di Calta-
bellotta. Ma potrebbe essere il nome di famiglia poiché questo appellativo è
divenuto anche un cognome diffuso che in siciliano suona: Chasen, Chasseni,
Chazeni. Non possiamo sapere se si tratta della stessa persona che in un altro
atto, sempre rogato a Sciacca dieci anni prima nel 1445, si firma Merdok
Harun.

Documento 9
Regesto: Polizzi Generosa, 21 aprile 1455. SASTI, Notarile di Polizzi,
Not. A. Miraldo, reg. 12.482, cc. 381v-382r.
Contessa, mulier judea moglie di Siminto de Girachi, istituisce eredi
universali di tutti i suoi beni so carissimu figliu legitimu et naturali, eccetto
per i legati e i fedecommessi, con la condizione che il padre sarebbe stato
usufruttuario di tali beni. Erede particolare la figlia Donnella per le doti pro-
messe e già assegnate, mentre alla meschita per la sua anima destina 12 tarì.

Traduzione Trascrizione Testo ebraico Resa in siciliano

1. Io Abramo da Ani Avraham ‫אני אברהם גיראסי‬ Abraam de


Giraci testimone Girasi ‘ed ‫עד‬ Girachi
2. Io Isacco An… Yi¡|aq Malti ‫אנא יצחק מאלטי‬ Gauyu Maltisi
Maltese š…hid bi-õ…lika ‫( בדאלךּ‬sic) ‫שהד‬
testimone di ciò

Due firme, di cui la prima in ebraico con l’uso del pronome di prima
persona singolare ani e di ‘ed, e una in giudeo-arabo, socondo la formula
classica. Il primo firmatario è Abramo da Geraci, località da identificare con
Geraci Siculo, in cui è attestata l’attività di alcuni copisti ebrei tra la fine del
Trecento e gli inizi del Quattrocento. Nella firma il toponimo è scritto ‫ג'יראסי‬.
Ma non è l’unico modo in cui gli ebrei rendevano il nome di questa località.
Infatti, a Geraci Siculo sono stati copiati tre manoscritti ebraici giunti fino a
noi: si tratta del Ms. Paris, Bibl. Nationale, Hébr. 673, copiato a ‫גבעת יראג'י‬
Le firme in giudeo-arabo degli ebrei di Sicilia 161

ossia «sull’altura di Geraci» da Mošeh Hillel nel 1371; il Ms. Vaticano Ebr.
176, copiato ‫ בגבעת גאראץ באסקיליא‬ossia «sull’altura di Geraci in Sicilia»
nel 1392 da Avraham ben Aharon detto Arok; e, infine, il Ms. 1897 del Jewish
Theological Seminary di New York, copiato da Yi¡|aq Šammay nel 1413
‫« בגבעת יירג'י‬sull’altura di Geraci». In un primo tempo gli studiosi erano in
dubbio se si trattasse di Geraci Siculo oppure di Gerace Superiore. Ma dopo
aver trovato la menzione nel manoscritto Vaticano di «Geraci in Sicilia», ogni
dubbio è scomparso a favore della località siciliana. Le nostre due firme sono
poste in basso, e il notaio sotto ciascuna di esse ha reso l’equivalente in sici-
liano. Isacco è Gauyu, ossia Gioioso, dall’etimo del nome «colui che ride».
Come nell’altro atto (vedi doc. 6), proveninete dal fondo Notai defunti di
Polizzi Generosa, conservato presso la SASTI, anche qui le due firme in
ebraico sono precedute da quattro firme in latino che sembrerebbero essere di
ebrei: come ad esempio la prima apposta da Jacobus de Salamone. Nel doc. 6
testé menzionato fra le firme in latino compariva quella di Benedictu de
Girachi, mentre il doc. 9 in esame contiene le volontà testamentarie della
moglie di Siminto De Girachi. Ciò lascia pensare che a Polizzi fosse presente
una famiglia che portava questo nome Girachi, verosimilmente per la sua pro-
venienza dall’omonima località dell’isola.

Documento 10
Regesto: Sciacca 29 Agosto 1455. SASS, Notarile di Sciacca, Not. A.
Giuffrida, reg. 9, (1), cc. 91v.92r.
Farachio de Lazzaro nel suo testamento istituisce eredi universali i figli
avuti dalla moglie Sisa, Busacca, Miliena, moglie di Sadia de Cafisi, Daniele e
Juda suoi nipoti, figli del figlio defunto Joseph de Lazaro; erede particolare
per la dote già ricevuta e per due tarì, la figlia Perna, moglie di Zaccarello de
Xaulo. Alla moglie il testatore restituisce la dote che aveva portato al momen-
to del matrimonio e alla meschita lega mezzo cafiso di olio.
162 Mauro Perani

Traduzione Trascrizione Testo ebraico Resa in siciliano


(assente)
1. Io Sabbetay An… Šabbetay ‫אנא שבתי נוגילה‬ [Sabutu Nuchilla]
Nucilla Nogillah š…hid bi- ‫שאהד בדאלךּ‬
testimone di ciò õ…lika
2. Io Vita ðayyim ðandarel ‫חיים חנדריל עד‬ [Vita Chandarellu]
Chandarellu ‘ed
testimone
3. Io Iacob Ya‘aqov Kiri š…hid ‫יעקב כרי שאהד‬ [Iacop Pulvirecta]
Pulvirecta
testimone

Nogillah, benché non trascritto dal notaio nell’equivalente siciliano,


risponde al cognome di origine indoeuropea Nuchilla, dove sia la gimel
ebraica sia la c siciliana sono palatali e vanno pronunciate Nuscilla; esso è
elencato da Rocco nella forma Nocilla.36

Documento 11
Regesto: Sciacca 12 maggio 1455. SASS, Notarile di Sciacca, Not. A.
Giuffrida, reg. 9 (1), c. 61v.
L’ebrea Gaudiosa, vedova di Sabet de Formione, nomina suo procuratore
Gaudio de Medico, ebreo di Palermo, per riscuotere i suoi crediti a Sciacca e
altrove.

––––––––––––––
36
Rocco (1998: 541).
Le firme in giudeo-arabo degli ebrei di Sicilia 163

Traduzione Trascrizione Testo ebraico Resa in siciliano


(assente)
1. Io Nissim Balam An… Nissim Bal‘am ‫אנא נסים בלעם‬ [Balam]
testimone di ciò š…hid bi-õ…lika ‫שאהד בדאלך‬
2. Io Isacco Šuwani An… Yi¡|aq Šuwani ‫אנא יצחק שואני‬ [Busac Galiuni]
testimone š…hid ‫שאהד‬
3. Io Michele Galfa An… Mika’el Kal- ‫אנא מיכאל כלפה‬ [Micael de Galfa ]
testimone fah37 š…hid ‫שאהד‬
4. Io il medico An… ðakim Aron ‫אנא חכים ארון‬ [Aron Summatu]
Aron Summatu Summa¥ š…hid ‫סומאט שאהד‬
testimone
5. Io Samuele An… Šemu’el ‫אנא שמואל‬ [Xangueli
Summatu Summa¥ š…hid ‫סומאט שאהד‬ Summatu]
testimone
6. Io Iacob An… Ya‘aqov Kiri ‫אנא יעקב כרי‬ [Iacob Pulvirecta]
Pulvirecta š…hid ‫שאהד‬
testimone
7. Io Merdok An… Merdok ‫אנא מרדוך‬ [Merdoc Tunnina]
Tunnina ¦unninah š…hid ‫טונינה שאהד‬
testimone

––––––––––––––
37
Ritroveremo il cognome Kalfah nel doc. 23, dove abbiamo la resa in siciliano per Levi de Gal-
fa. Per il passaggio dalla kaf iniziale a g in siciliano vedi Rocco (in Giuffrida – Rocco 1976:
56).
164 Mauro Perani

Sette firme tutte in giudeo-arabo, secondo la formula che pone an…


all’inizio e alla fine solo š…hid. Sotto la prima si vedono tracce di penna, ma
ritengo che sia stato il tentativo del secondo teste di scrivere il proprio nome
con una penna ormai senza inchiostro; visto che comunque aveva tracciato
qualche segno, decise, dopo aver intinto l’inchiostro, di scrivere da capo il
proprio nome nella firma al terzo posto; il tratto iniziale, infatti, è identico.
Autore di ciò è Yi¡|aq Šuwani in siciliano Busac Galiuni, il personaggio che
sottoscrive anche la firma n. 4 nel doc. 4, e a cui abbiamo dato il premio per la
più bella e calligrafica scrittura corsiva sefardita che, rispetto alla grafie spesso
stentate e infantili degli altri testimoni, spicca per scioltezza ed eleganza. Il
cognome nuovo che troviamo in questo documento è Kalfah, di cui siamo in
grado di ricostruire la resa in siciliano con de Galfa sulla base del nostro doc.
23, in cui essa è presente. ðakim, che precede Aron Summa¥, indica la
professione di medico (vedi doc. 3, n. 3).

Documento 12
Regesto: Sciacca 23 Aprile 1456. SASS, Notarile di Sciacca, Not. A.
Giuffrida, reg. 9 (2), c. 56v.
David Covino di Sciacca acquista da Saden Barbaroso della stessa città
un cavallo «pili bardi».

Traduzione Trascrizione Testo ebraico Resa in siciliano


(assente)
1. Io Sabato Abati An… Sabbet Ba¥i ‫אנא סבאת באטי‬ [Sabet Abati]
testimone di ciò š…hid bi-õ…lika ‫שאהד בדאלךּ‬
2. Io Sabbetai An… Šabbetay ‫אנא שבתי כפתור‬ [Xibiteni Caftor]
Kaftor testimone Kaftor š…hid bi- ‫( בדאלךּ‬sic) ‫שהד‬
õ…lika

Sabbet Ba¥i appone anche la firma n. 2 nel doc. 16. Egli, che in siciliano
si chiamava Sabet Abati, è un ebreo di Sciacca il cui figlio Muxa nel 1477
Le firme in giudeo-arabo degli ebrei di Sicilia 165

chiede di rivenire in possesso di una proprietà del padre defunto, sita in Calta-
bellotta, che gli era stata ingiustamente sottratta dal conte.38

Documento 13
Regesto: Sciacca 21 giugno1457. SASS, Notarile di Sciacca, Not. A.
Giuffrida, reg. 9 (3), cc. 89v-90r.
L’ebrea di Sciacca Gaudiosa, vedova del medico Joseph de Summato,
promette in dote a Gabriele de Jubaira, in occasione del matrimonio con la
figlia Perna, «secundum legem moysi», due letti completi, uno di seta e l’altro
bianco, «secundum morem judeorum», due onze e una cortina da tre onze.

Traduzione Trascrizione Testo ebraico Resa in siciliano


(assente)
1. Io Menachem An… Mena|em ‫אנא מנחם בלעם‬ [Minachem Balam]
Balam testimone Bal‘am ‫שאהד בדאלךּ‬
di ciò š…hid bi-õ…lika
2. Io Giuseppe An… Yosef ‫אנא יוסף שויכאת‬ [Ioseph Sagittuni]
Sagittuni Šuwaykat ‫שאהד בדאלךּ‬
testimone š…hid bi-õ…lika

Due firme in giudeo-arabo secondo lo schema classico. Il notaio non ha


reso l’equivalente siciliano, ma siamo in grado di ricostruirlo.

Documento 14
Regesto: Sciacca 10 luglio1458. SASS, Notarile di Sciacca, Not. A.
Giuffrida, reg. 9 (4), c. 171r.
Merdoch de Shuchina di Sciacca acquista da Busacca Balam un certo
numero di pelli conciate «infra magna et parva» per due onze.

––––––––––––––
38
Simonsohn (2004: docc. nn. 4334 e 4336).
166 Mauro Perani

Traduzione Trascrizione Testo ebraico Resa in siciliano


(assente)
1. Io Levi Cafisi An… Lewi Qavi¡ ‫אנא לוי קבץ‬ [Levi de Cafisi]
testimone š…hid (sic) ‫שהאד‬

Una sola firma in giudeo-arabo secondo lo schema classico, ma con la


formula di testimonianza breve š…hid contenente un errore ortografico che
consiste nello scambio dell’ordine fra alef ed he. Il notaio non ha reso l’equi-
valente siciliano, ma siamo in grado di ricostruirlo.
Documento 15
Regesto: Caltabellotta 16 ottobre 1464. SASS, Notarile di Caltabellotta,
Not. P. Verderame, reg. 14, cc. 39r-40r.
Rayamino de Saragusa, ebreo di Caltabellotta, nel suo testamento nomina
eredi universali il figlio Nissim e la moglie Ricca, dispone inoltre vari legati
per l’altro figlio e i nipoti, un cafiso di olio e una manto per la Torah della
sinagoga di Caltabellotta, un altro cafiso per la sinagoga di Sciacca.39

––––––––––––––
39
Il documento è stato integralmente trascritto da Scandaliato (2000-1: 21 s.).
Le firme in giudeo-arabo degli ebrei di Sicilia 167

Traduzione Trascrizione Testo ebraico Resa in siciliano

1. Šabbetay Ma- Šabbetay Maymon ‫שבתי מיימון עד‬ Xibiteni Patuanus


ymon testimone ‘ed

2. Abramo Avraham BulfaraÞ ‫אברהם בולפרג‬ Brayonus de


BulfaraÞ ‘ed ‫עד‬ Bulfarachio
testimone
3. Saadiah Faccas Sa‘adyah Faqqa¡ ‫סעדיה פקאץ עד‬ Ma(gister) Sadia
testimone ‘ed Faccas
4. Samuele Šemu’el Summa¥ ‫שמואל סמאט עד‬ Xangueli Summatu
Summat ‘ed
testimone
5. Samuele Šemu’el Wakil ‘ed ‫שמואל וכיל עד‬ Xangueli
Commesso Commissu
testimone
6. Sabatin Accavo Šabbatin Aqav ‘ed ‫שבתין אקאב עד‬ Sabatinu de
testimone Gracianu

Sei firme tutte in ebraico, con la semplice aggiunta al nome di ‘ed, teste,
sempre evidenziato con una sopralineatura. Il notaio ha scritto sopra le firme
la resa di ciascuna di esse in siciliano. Ma per la prima, Patuanus non ha nulla
a che fare con Maymon, indicando forse la provenienza della persona. Xibiteni
Patuanus, che era uno dei maggiorenti di Caltabellotta, compare otto anni
prima in un documento notarile dell’8 marzo 1456 e del 1466 conservati pres-
so l’Archivio di Sciacca.40 Da evidenziare la presenza di Avraham o Brayono
Bulfarachio cugino di primo grado di Samuel ben Nissim Bulfarachio, alias
Guglielmo Raimondo Moncada. Egli, che compare in atti notarili degli anni
1457-1462, era figlio di Farachio, fratello di Nissim, che era il padre di
Moncada e compare come uno dei testimoni che sottoscrive la nota ketubbah o
atto matrimoniale stilato a Caltabellotta nel 1456 (vedi doc. 36): la grafia è,
senza ombra di dubbio, la stessa. Il padre Pera|yah o Farachio, già morto non
sappiamo da quanto nel 1491, quando la sua seconda moglie Stella, nel fare
testamento, si definisce vedova (vedi doc. 31). Brachono/Bra-yono o Abramo
era nato dal primo matrimonio del padre, celebrato nel 1450. La sua seconda
moglie Stella passò a seconde nozze con lui dopo essere rimasta vedova per la
morte del primo marito Nissim, fratello di Abramo e padre di Flavio Mitridate.
Il cognome Faccas, Faccos o Factas è presente a Caltabellotta e a Messina.
Magister Sadia Faccas (o Faccos) era fra i maggiorenti della comunità ebraica
di Caltabellotta, assieme a Xibiteni Patuano, Brachono de Bulfarachio, Muxa
––––––––––––––
40
Scandaliato (1993: 52).
168 Mauro Perani

Pulvirecta, Najono de Fadali, Iacop de Cafisi, Muxa Benedicto, Bracha de


Tripoli, Sadia de Graciano, Nissim Commissu e Busacca de Yoxa o Yoya.
Essi, il 14 marzo 1468 istituiscono nella loro città una scuola di studi rabbinici
grazie a un legato di Nissim de Siragusia (Scandaliato 1993: 57). Il cognome
Accavo compare spesso negli atti notarili di Sciacca. Sabatino e il fratello
Sadia Gracianu erano mercanti e importanti banchieri di Caltabellotta.41

Documento 16
Regesto: Sciacca 24 marzo 1467. SASS, Notarile di Sciacca, Not. A.
Messana, reg. 20, cc. 86r-v.
Vita Agarien, ebreo di Sciacca, istituisce nel suo testamento erede
universale il figlio Jacob, avuto dalla moglie Perna, e in sostituzione, se costui
fosse morto «in pupillari etate [...] sine liberis de suo corpore descendentibus»,
il fratello Acha Agarien. Nel qual caso la terza parte dei beni comuni spettante
a Jacob, secondo la consuetudine di Sciacca, sarebbe stata divisa a metà tra
Perna e Acha. Perna è designata tutrice del figlio «dum viduitatem servaret».
Se invece si fosse risposata, tutore sarebbe stato di Sesi de Asesi. Alla moglie
il testatore lascia alcuni gioielli, alla meschita di Sciacca lega 2 cafisi di olio.

Traduzione Trascrizione Testo ebraico Resa in siciliano

1. Io Nissim An… Nissim ‫אנא נסים שויכאת‬ Nissim Sagictuni


Sagictuni Šuwaykat š…hid bi- ‫שאהד בדאלך‬
testimone di ciò õ…lika

––––––––––––––
41
Scandaliato (2000-1: 10).
Le firme in giudeo-arabo degli ebrei di Sicilia 169

2. Io Sabato Abati An… Sabbet Ba¥i ‫אנא סבאת באטי‬ Sabet Abati
testimone di ciò š…hid bi-õ…lika ‫שאהד בדאלך‬
3. Io Giuseppe da An… Yosef Qavi¡ ‫אנא יוסף קבץ‬ Ioseph de Cafisi
Cafisi testimone š…hid (sic) ‫שהד‬
4. Io Levi da Cafisi An… Lewi Qavi¡ ‫אנא לוי קבץ‬ Levi de Cafisi
testimone š…hid
‫שאהד‬
5. Io Giacobbe da An… Ya‘aqov ‫אנא יעקב‬ Iudas de Siragusa
Siracusa Saraqusi š…hid
testimone
‫סרקוסי שאהד‬
6. Io Graziano An… ðasday ‘Azar ‫אנא חסדאי‬ Gracianus Azara
Azara testimone š…hid bi-õ…lika
di ciò
‫עזאר שאהד‬
(sic) ‫בדאליך‬
7. Io Zaccaria da An… Zakaryah [‫אנא זכרי]ה‬ Zaccarias de
Taormina Tavarmani š…hid Tavulimina
testimone di ciò bi-õ…lika
‫טברמאני‬
‫( בדאלך‬sic) ‫שהד‬
Sette firme tutte in giudeo-arabo, con la forma classica, ma abbreviata
nelle n. 2, 3 e 4 al solo š…hid che nelle firme 3 e 7 è scritto senza la solita alef.
Nella firma 6 ‫ בדאליך‬è scritta con la yod ad indicare la vocale i della lamed.
La lettura e della alef in ‫ סבאת‬è tipica dei dialetti giudeo-arabi magrebini. È
grazie alla seconda firma di questo documento che abbiamo la certezza
dell’equivalenza fra l’ebraico ‫ באטי‬ossia Ba¥i e il siciliano Abati. Come già in
altri casi il nome ebraico Ya‘aqov o Giacobbe, viene reso in siciliano con
Iudas. Incontriamo per la prima volta il nome di famiglia Tavarmini ossia
Taorminese o da Taormina. Nissim Sagictuni compare come firmatario anche
nel doc. 20, firma n. 1. Sabbet Ba¥i è la stessa persona che sigla la firma 1 nel
doc. 12 e si incontra in altri documenti siciliani del Quattrocento.42

Documento 17
Regesto: Sciacca 29 settembre 1468. SASS, Notarile di Sciacca, Not. A.
Liotta, reg. 21, cc.54r-v.
Vita de Chalifi, ebreo di Sciacca, istituisce erede universale il figlio
impubere Busacca e come tutrice la madre Milexa. Se il figlio fosse morto
senza discendenti, erede universale sarebbe stata la muschita della giudecca
nella porzione a lui spettante che sarebbe stata venduta e il ricavato convertito
nell’acquisto di olio per le lampade. Se Milexa si fosse sposata, tutore di
Busacca sarebbe stato Joseph Balam. Il testatore nomina inoltre eredi

––––––––––––––
42
Si veda Simonsohn (2004: doc. 4334 e 4336).
170 Mauro Perani

particolari le sorelle Sictuta e Gaudiosa e ordina di stilare l’inventario dei suoi


beni in una scrittura ebraica «more judeorum».

Traduzione Trascrizione Testo ebraico Resa in siciliano

1. Io Levi Sagictuni Ani Lewi Šuwaykat ‫אני לוי שויכאת‬ Magister Levi
testimone di ciò š…hid bi-õ…lika ‫שאהד בדאלך‬ Sagictuni
2. Io Abramo da An… Brahun Mazari ‫ברהון מאזרי‬ Brachono de
Mazara š…hid ‫שאהד‬ Mazara
testimone
3. Io Maimon An… Maymon ‫אנא מיימון‬ Maymuni de
Sabatinel Šabbatinel ‘ed ‫שבתניל עד‬ Sabatinello
testimone
4. Io Sabuto di An… Sabut Saraqusi ‫אנא סבות סרקוסי‬ Sabutu de Siracusia
Siracusa š…hid ‫שאהד‬
testimone
5. Io Samuele An… Šemu’el ‫אנא שמואל סמאט‬ Xanguel Summatu
Summatu Summa¥ š…hid ‫( בדאלךּ‬sic) ‫שהאד‬
testimone di ciò bi-õ…lika
6. Io Giuseppe An… Yosef Bal‘am ‫אנא יוסף בלעם‬ Josep Balam
Balam testimone š…hid bi-õ…lika ‫שאהד בדאלך‬
di ciò
7. Io Samuele di An… Šemu’el Kalfa ‫אנא שמואל כלפה‬ Xanguel de Galfa
Galfa testimone š…hid ‫שהד‬
Le firme in giudeo-arabo degli ebrei di Sicilia 171

Sette firme in giudeo-arabo, tutte con all’inizio il pronome an…, io in


arabo, ad eccezione della prima che ha l’ebraico ani. La terza mette alla fine
l’ebraico ‘ed, teste, la seconda e la quarta hanno la forma breve š…hid (al n. 5
con l’errore ortografico ‫ שהאד‬come nella firma 1 del doc. 14), mentre tutte le
altre seguono la formula completa. Il notaio ha reso tutte le firme in siciliano
sopra le medesime. Brahun, nella seconda firma, è una delle forme che rende
in arabo il nome Avraham, che in siciliano è Brahun / Brachono. Lo stesso
Brahun Mazari ha siglato la firma n. 5 nel doc. 1 e la firma n. 3 nel doc. 4.
Sabutu de Siracusia è la stessa persona che ha apposto la firma n. 5 nel doc. 2
e la n. 7 nel doc. 3. Se esaminiamo le grafie con cui i sette testimoni ebrei
hanno scritto i loro nomi, appare – con la sola eccezione della prima – un
modo di scrivere piuttosto rozzo ed elementare, con segni poco aggraziati,
propri di chi non scrive con particolare frequenza. Maymoni Sabbatinello della
firma 3 compare anche in un documento stilato a Palermo nel 1455.43

––––––––––––––
43
Simonsohn (2004), doc. 3174.
172 Mauro Perani

Documento 18
Regesto: Polizzi Generosa 29 settembre 1468. SASTI, Notarile di Polizzi,
Not. L. Bentivegna, reg. 10.849, cc. 427r-v.
Daniel Saban nel suo testamento istituisce eredi i figli Muxa, Bonamico,
Contissa, Alamanna tranne per i legati e fedecommessi. Se i figli maschi
avessero alienato i beni paterni, l’eredità sarebbe spettata alle figlie femmine e
i maschi sarebbero stati eredi particolari. In caso di morte dei figli maschi
senza discendenza, sarebbe stata erede come usufruttuaria di tutti i beni
Disiata «sua carissima uxor [...] si servaverit viduitatem». Se invece si fosse
risposata e i figli fossero morti «in minore etate» l’eredità sarebbe spettata ai
parenti proximiores. Viene stabilito inoltre un legato «marammati mischite
terre Policii» di un tarì.

Traduzione Trascrizione Testo ebraico Resa in siciliano

1. Io Samuele da An… Šemu’el Garisi ‫אנה שמואל‬ Xanguel de Girachi


Geraci testimone ‘ed ‫גארסי עד‬
2. Io Mosè An… Mošeh ‫אנה משה קנגולה‬ Muxa Hanchula
Canchula QanÞulah ‘ed ‫עד‬
testimone
3. Io Mattatia An… Mattityah ‫אנה מתתיה‬ Mattatia Hanchula
Canchula QanÞulah ‘ed ‫קנגולה עד‬
testimone

Tre firme con la forma araba di io in arabo an…, ma scritto con la he finale
’nh invece dell’usuale ’n’ con alef finale. Inoltre in tutti e tre i casi i firmatari
aggiungono l’ebraico ‘ed, testimone. Il supporto cartaceo del foglio dove sono
scritte le firme è stato consumato dai tarli e alcune lettere non sono ben
leggibili. Il notaio ha scritto nel margine destro accanto alle firme i nomi
nell’equivalente siciliano. In questo atto ci troviamo di fronte ad un cognome
Le firme in giudeo-arabo degli ebrei di Sicilia 173

già incontrato nel doc. 6: si tratta di Canchula, che compare in questa forma o
nella variante Cunchula nei documenti d’archivio di Termini Imerese.
Abbiamo poi il cognome Garisi, che va interpretato come ‫ גאריסי‬ossia l’ag-
gettivo geracino, anche se scritto in modo diverso rispetto alla forma ‫גיראסי‬
che appare nel doc. 9, n. 1; del resto abbiamo visto come le grafie dello stesso
luogo Geraci siano varie nei colophon dei manoscritti ebraici copiati in quel
centro (vedi commento al doc. 9).

Documento 19
Regesto: Sciacca, 10 dicembre 1470. SASS, Notarile di Sciacca, Not. G.
Randazzo, reg. 24, cc. 35r-v.
L’ebrea di Sciacca Rachila, vedova di Vita de Chalifi, nomina nel suo
testamento la figlia Bullara, moglie di Sabuto de Sagictono erede universale
ed eredi particolari le nipoti Sutayla44 e Perna, figlie del defunto Muxa de
Chalifi e il nipote Sadia, figlio della defunta Gaudiosa. Stabilisce inoltre un
legato di tre cafisi di olio «pro anima sua» alla mischita di Sciacca

Traduzione Trascrizione Testo ebraico Resa in siciliano

––––––––––––––
44
Il nome Sutayla potrebbe essere una forma apocoristica del nome siciliano Stilla (Stella)
secondo lo schema XuXayX(a) del diminutivo o vezzeggiativo arabo, che incontriamo anche
nei nomi ›ubayra, Šuwaykat e Qumay|ah.
174 Mauro Perani

Alii tres testes sunt


1. Levi figlio di Lewi ben kevod ‫לוי בכ''ר שבתי‬ M(agister) Levi de
Rabbi Sabbetai, Rabbi Šabbetay, 45
‫זלה''ה‬ [Sabuto de]
il suo ricordo sia zikrono le-|ayye Sagictono
nella vita del ha-‘olam ha-ba’
mondo futuro
2. Yosef figlio di Yosef ben Rabbi ‫יוסף ב''ר נסים‬ Joseph Balam
Rabbi Nissim Nissim Bal‘am ‘ed ‫בלעם עד‬
Balam testimone
3. Mosè figlio di Mošeh ben Rabbi ‫משה ב''ר סימן‬ Muxa Bulfarachio
Siman Tov Siman ¦ov ‫טוב בולפרג עד‬
Bulfarag BulfaraÞ ‘ed
testimone

Tre firme in ebraico senza il pronome personale di I persona io, e con ‘ed
dopo la seconda e la terza. Il notaio scrive a sinistra accanto alle firme dei testi
cristiani l’equivalente in siciliano dei tre testi ebrei, premettendo la frase: Alii
tres testes sunt. Il primo teste si firma Lewi ben Rabbi Šabbetay, che abbiamo
già incontrato nel doc. 17, n. 1, ma il notaio tralascia qui l’indicazione della
paternità e pone il cognome in siciliano M(agister) Levi de Sagictono. Dunque
questo Levi era della famiglia Šuwaykat. Non solo, ma se consideriamo che
nel documento Rachila, vedova di Vita de Chalifi, dichiara erede Bullara,
moglie di Sabuto de Sagictono, veniamo a sapere che il nostro teste Levi era
figlio di quest’ultimo, il quale al momento della stesura del testamento fatto da
sua suocera, era già morto, come si evince dall’eulogia il suo ricordo sia nella
vita del mondo futuro, propria di un defunto. La conclusione è che anche colei
che eredita, Bullara, era anch’essa vedova di Sabuto de Sagictono. Notiamo,
infine, che il terzo teste Mošeh ben Rabbi Siman ¦ov BulfaraÞ è cugino di
primo grado di Šemu’el ben Nissim BulfaraÞ alias il già menzionato Flavio
Mitridate. Siminto Bulfarachio era, infatti, fratello di Nissim, il padre del noto
converso poliglotta.

Documento 20
Regesto: Caltabellotta, 1473-1474? SASS, Notarile di Caltabellotta, Not.
P. Verderame, reg. 17, cc. 91v-92r.46
Joseph de Cafisi, ebreo di Caltabellotta, nel suo testamento istituisce suoi
eredi universali i figli Xibiteni, Sadia e Moxa, stabilendo che costoro, insieme
––––––––––––––
45
Abbreviazione dell’eulogia per un defunto: ‫ זכרונו לחיי העולם הבא‬ossia: il suo ricordo sia
nella vita del mondo futuro.
46
Si tratta di un testamento in cui manca la parte iniziale, ma dal contesto si evince che il
testatore è Joseph de Cafisi.
Le firme in giudeo-arabo degli ebrei di Sicilia 175

alla moglie Marzuca, avrebbero dovuto dare in dote alla figlia Sesa, in
occasione del suo matrimonio, «cubilia duo nova fulcita». Stabilisce inoltre un
lascito per la sinagoga di Caltabellotta e chiede di essere seppellito «in loco
ubi sunt soliti sepelliri judei dicte terre».47

Traduzione Trascrizione Testo ebraico Resa in siciliano


(assente)
1. Io Nissim An… Nissim ‫אנא נסים שויכאת‬ [Nissim
Sagictuni Šuwaykat š…hid bi- ‫שאהד בדאלך‬ Sagictuni]
testimone di ciò õ…lika
2. Io Sabbetai figlio Šabbetay ben Rabbi ‫שבתי ב''ר משה‬ [Sabutu de Muxa]
di Mosè Mošeh ‘ed ‫עד‬
testimone
3. Io Mosè An… Mošeh Kiri ‫אנא משה כרי ב''ר‬ [Muxa de Lia
Pulvirecta figlio ben Rabbi Eliyyah ‫אליה עד‬ Pulvirecta]
di Elia testimone ‘ed

Tre firme di cui la prima è in giudeo-arabo e segue lo schema più invalso;


la seconda è in ebraico non ha il pronome io e usa ‘ed, come la terza, che però
inizia con l’arabo an…. I cognomi – nella seconda firma manca – ci sono già
tutti noti. Il notaio non ha trascritto i nomi ebraici in siciliano.

Documento 21
Regesto: Sciacca 30 gennaio 1480. ASP, Notarile di Palermo, 1a stanza,
Not. F. Giuffrida, reg. 1380, cc. 168v-169v.
Covino de Galiono di Sciacca nel suo testamento istituisce erede
universale i figli avuti dalla prima moglie Perna, Xibitello e Siminto ed eredi
particolari le figlie Gaudiosa vedova di Gindone de Balam, Disiata moglie di
Muxa de Galfa, Missuda moglie di Xibitello Ginduso, per un 1 tarì ciascuna.
Altra erede particolare Stella altra figlia nata dal suo secondo matrimonio con
Agnese. A costei lascia la biancheria della casa e 3 onze che i suoi eredi le
avrebbero dovuto dare entro tre anni, oltre a un «tilarum fulcitum».
––––––––––––––
47
Il cimitero ebraico di Caltabellotta è stato individuato; esso si trovava nella stessa area di una
delle necropoli preistoriche della città che prendeva il nome di contrada «grutticelli»: cfr.
Scandaliato (1999: 15-18).
176 Mauro Perani

Traduzione Trascrizione Testo ebraico Resa in siciliano

1. Giuseppe da Yosef Mazari ‫יוסף מאזרי‬ Ioseph Mazara


Mazzara š…hid bi-õ…lika ‫שאהד בדאלך‬
testimone di ciò
2. Hasday Azara ðasday ‘Azar ‫חסדאי עאזר‬ Gracianus Azara
testimone di ciò š…hid bi-õ…lika ‫שאהד בדאלך‬
3. Sabbetai Šabbetay Fiÿÿa ‫שבתי פצה‬ Xibitellu de
Argento š…hid bi-õ…lika ‫( בדאלך‬sic) ‫שהד‬ Argento
testimone di ciò
4. Giacobbe da Ya‘aqov Mazari ‫יעקב מאזרי‬ Iacob Mazara
Mazara ‘ed ‫עד‬
testimone
5. Isacco da Yi¡|aq Saraqusi ‫יצחק סרקוסי‬ Busac Siragusa
Siracusa ‘ed ‫עד‬
testimone
6. Io Abram An… Braham ‫אנא ברהם‬ Brachonus
Piccilillu teste Pigilil ‘ed ‫פגליל עד‬ Pichilillu

In queste sei firme le prime tre hanno la formula di testimonianza in


giudeo-arabo, le seconde tre in ebraico con ‘ed. Il cognome di Šabbetay della
terza firma è ‫ פצה‬ossia Fiÿÿa, che in giudeo-arabo di Sicilia e in maltese
significa argento, in perfetta corrispondenza con la resa in siciliano.48 Braham
è la normale forma abbreviata per aferesi del nome Abraham, corrispondente
all’analoga forma siciliana Brachonus. Nel cognome Pigilil la gimel ebraica
rende la c palatale resa in siciliano con ch.

––––––––––––––
48
Barbera (1940), Dizionario Maltese-Arabo-Italiano, s.v. Fiÿÿa.
Le firme in giudeo-arabo degli ebrei di Sicilia 177

Documento 22
Regesto: Sciacca 1480. ASP, Notarile di Palermo, 1a stanza, Not. F.
Giuffrida, reg. 1380, c. 170, (foglio volante).
Dal contesto si evince che il documento è un testamento che riguarda la
famiglia de Ginco, in particolare sono menzionati i figli dell’ignoto testatore e
della moglie Channa, Xaulo, Juda, Perna moglie di Xua de Summatu, Suna la
nipote, figlia dell’altro figlio defunto Joseph, le nipoti Stella, Sagara e Channa,
figlie della figlia defunta Gracia.

Traduzione Trascrizione Testo ebraico Resa in siciliano

1. Io Giacobbe da An… Ya‘aqov ‫אנא יעקב סרקוסי‬ Iacob de Saragusa


Siracusa testimone Saraqusi š…hid bi- ‫שאהד בדאליךּ‬
di ciò õ…lika
2. Io Merdoc Buasi An… Merdok Buasi ‫אנא מרדוך בואסי‬ Doc de Busacca
testimone ‘ed ‫עד‬
3. Io Giacobbe Ca- An… Ya‘aqov Qavi¡ ‫אנא יעקב קבץ‬ Iacop de Cafisi
fisi testimone di š…hid bi-õ…lika ‫שאהד בדאלךּ‬
ciò
4. Io Giacobbe da An… Ya‘aqov ‫אנא יעקב מאזרי‬ Iacob de Mazara
Mazara testimo- Mazari š…hid bi- ‫שאהד בדאלךּ‬
ne di ciò õ…lika
5. Io Elia da Taor- An… Eliyya ‫אנא אלייא‬ Helia Tavulimina
mina testimone Tavarmini š…hid bi- ‫טברמני שהד‬
di ciò õ…lika
‫בדאלךּ‬
6. Io Graziano Ac- An… ðasday ‘Aqav ‫אנא חסדי עקאב‬ Gracianus de
cavo teste ‘ed ‫עד‬ Accavo
178 Mauro Perani

7. Io Abramo da Si- An… Avraham ‫אנא אברהם‬ Bracha Saragusa


racusa testimone Saraqusi š…hid bi- ‫סרקוסי שהד‬
di ciò õ…lika
‫בדאלךּ‬
8. Io Daniele da An… Dani’el ‘Azar ‫אנא דניאל עזר‬ Daniel de Azara
Azara teste ‘ed ‫עד‬
Otto firme in giudeo-arabo tutte inizianti con il pronome personale arabo
di prima persona singolare an… e la formula tipica di testimonianza in giudeo-
arabo, ad eccezione delle firme 2, 6 e 8 che hanno l’ebraico ‘ed. ‫ עזר‬è scritto
senza la alef che indica la seconda vocale a come in altri casi, dove si trova
‫עזאר‬. Questo documento è stato pubblicato da Rocco, che legge la resa in
siciliano del nome del sesto firmatario Gracianus de Accavo, una scelta che
ben rispeccha l’ebraico ‘Aqav, e che viene confermata dalla presenza dello
stesso cognome nel doc. 28, firma n. 6, dove con grafia chiara il notaio rende
l’equivalente siciliano con Accavo. Lo stesso cognome Aqav, ma scritto con
alef iniziale anziché ‘ayin ossia ‫אקאב‬, compare nel doc. 15, firma n. 6, ma la
resa in siciliano è Sabatinu de Gracianu, dove credo che Gracianu,
equivalente in siciliano a ðasdai (da |esed, grazia), sia il nome del padre, che
potrebbe essere proprio il ‫ חסדי‬del presente documento. Questi è la stessa
persona che ha sottoscritto la firma n. 6 nel doc. 28, dove tuttavia ha scritto
‫ עקב‬senza la alef segno della vocale a, a dimostrare come le grafie fossero
variabili perfino nella medesima persona. Un Sa‘adyah ‘Aqav scritto ‫עקאב‬
con ‘ayin, compare nella prima firma del doc. 27, e anche in quel caso la resa
del siciliano, benché la lettura sia meno chiara, pare Accavu. Alcune
interpretazioni di Rocco nell’edizione del presente documento (in Giuffrida –
Rocco 1976: 56 s.), vanno corrette. Il cognome del secondo firmatario non è
‫ בואנגי‬ma ‫בואסי‬, essendo chiaramente la penultima lettera una samek. Il nome
nell’ultima firma non è ‫ דנייל‬ma ‫ דניאל‬essendo presente, pur in una grafia
incerta, la fusione finale alef-lamed. Iacop de Cafisi compare in una riunione
dei maggiorenti di Caltabellotta in un documento del 14 marzo 1468.49

Documento 23
Regesto: Sciacca 9 luglio 1482. ASP, Notarile di Palermo, 1a stanza, Not.
F. Giuffrida, reg. 1382, cc. 462r-463v.
Channuna, vedova di Machalufo de Galiono di Sciacca nel suo
testamento istituisce suoi eredi universali il nipote Magalufo, figlio del figlio
Merdochai e di Saura, le figlie Milicha, moglie di Gabriele de Summato e
Sucha moglie di Joseph Maymuni. Al nipote lascia la sua abitazione con
l’impegno che non avrebbe dovuto alienarla o pignorarla. Se Machalufo fosse
––––––––––––––
49
Scandaliato (1993: 52).
Le firme in giudeo-arabo degli ebrei di Sicilia 179

morto senza discendenti avrebbero ereditato i beni le due figlie: eredi


particolari, l’altra figlia Sictuta, vedova di Brachone de Tripoli in 2 tarì, le
nipoti figlie della defunta altra figlia Stella in 2 tarì. Alle nipoti Stella e
Gaudiosa assegna la dote, escludendole da ogni altro diritto ereditario. Lega
alla meschita di Sciacca «pro anima sua et defunctorum suorum tarenos sex
census». Infine lega all’ospedale dei giudei un materasso, una coltre bianca,
una carpita usata.50

Traduzione Trascrizione Testo ebraico Resa in siciliano

1. Io Siman Tov An… Siman ¦ov Yinni ‫סימן טוב יני עד‬ Siminto Ginni
Ginni testimone ‘ed
2. Io Raffaele di An… Refa’el Qala‘i ‫אנא רפאל קלעי‬ Raphael de
Castrogiovanni ‘ed ‫עד‬ Castrojohanni
testimone
3. Io Isacco An… Yi¡|aq Wakil ‫אנא יצחק וכיל‬ Busac de
Commesso ‘ed ‫עד‬ Commissu
testimone
4. Io Isacco An… Yi¡|aq ‫אנא יצחק‬ Busac Sagictuni
Sagittuni Šuwaykat ‘ed ‫שויכאת עד‬
testimone
5. Io Nissim An… Nissim ‫אנא נסים זמאט‬ Nissim Summatu
Summato Zumma¥ ‘ed ‫עד‬
testimone
6. Io Levi Galfa An… Lewi Kalfah ‫אנא לוי כלפה עד‬ Levi de Galfa
testimone ‘ed
7. Io Samuele Levi An… Šemu’el Lewi ‫אנא שמואל לוי‬ Xamuel de Levi

––––––––––––––
50
Il documento è interamente trascritto in Scandaliato (1999: 205-7).
180 Mauro Perani

testimone ‘ed ‫עד‬


Sette firme in giudeo-arabo che iniziano tutte, ad eccezione della prima,
con il pronome personale arabo di prima persona an…, ma tutte terminano con
l’ebraico ‘ed invece che la formula araba scritta in caratteri ebraici. Anche
questo documento è stato pubblicato da Rocco,51 che legge il nome del primo
firmatario ‫ סימן טול‬ossia Siman ¦ol invece di ‫ סימן טוב‬Siman ¦ov aggiun-
gendo che la lamed è un lapsus da correggere. In realtà non c’è nessun errore,
ma nella grafia di questo ebreo la lettera è correttamente una bet. Nella resa
siciliana del nome del terzo e quarto firmatario Rocco legge Hisac ma la
lettura corretta è Busac. Sulla difficile lettura del cognome ‫ שויכאת‬nella terza
firma, qui Rocco scrive ancora ‫ שויננה‬o ‫שונינה‬, che non rispecchia le lettere
ebraiche. Ma va a lui il merito di avere poi chiarito, in uno studio successivo
Rocco,52 l’origine di questo nome dalla forma araba šuwaykat, diminutivo di
šawka «spina, aculeo», che costituisce la resa esatta dell’equivalente siciliano
di questo nome Sagictuni «erba spinosa, spina bianca».
Yi¡|aq Šuwaykat, che firma questo atto del 1482, è con ogni probabilità
lo scriba che ha copiato il Ms. Laud. Or. 93, Catal. Neubauer n. 2007, conser-
vato presso la Bodleian Library di Oxford. Nel colophon il copista afferma di
aver eseguito la copia a Siracusa, presso la scuola di Rabbi Yi¡|aq Kohen, e di
averla terminata martedì 11 del mese di Adar I dell’anno 5212 della creazione,
equivalente all’anno cristiano 1452. Yi¡|aq Šuwaykat o Busacca Sagictono,
dunque, deve aver fatto i suoi primi studi da ragazzo a Sciacca nella scuola
rabbinica ivi istituita nel 1447: lo studium ebraicum creato per iniziativa del
banchiere David de Minachem e della moglie Stella53. Dopo questi studi egli
va a perfezionarsi nella scuola di Siracusa, dove si coltivavano varie scienze
fra cui, in particolare, l’astronomia e l’astrologia, e nella quale insegnava
Yi¡|aq Kohen54. Compiuti questi studi a livello accademico, ed avendo anche
appreso l’arte del copista, il nostro fa ritorno al paese natale e verosimilmente
insegna nella nuova scuola rabbinica istituita nella vicina Caltabellotta nel
1468 grazie ad un lascito testamentario di Nissim de Siragusia, di cui il nostro
Busacca è nominato procuratore,55 mentre a sia a Sciacca sia a Caltabellotta
egli esercita la professione di medico, oltre che mercante. Busacca Sagictono
era il medico personale del conte di Caltabellotta Antonio de Luna Peralta, e

––––––––––––––
51
Rocco in Giuffrida – Rocco (1976: 54 s).
52
Rocco (1998: 543).
53
Scandaliato – Gerardi (1995: 446 s.); Scandaliato – Gerardi (1994-95: 23-42).
54
Roth (1956-57); Simonsohn (1963: 8-20).
55
Scandaliato (1993: 51 s.).
Le firme in giudeo-arabo degli ebrei di Sicilia 181

fu da questi chiamato a Bivona56 dove egli era gravemente ammalato e ormai


in fin di vita.
La scheda di questo manoscritto, con il colophon, preparata nello SfarDa-
ta a cura dello Hebrew Palaeography Project di Gerusalemme, che ho potuto
consultare, pone un punto di domanda sul luogo di copia, scritto in ebraico
‫סרגוסה‬, per cui si danno le due possibilità di lettura: Saragozza o Siracusa,
mentre accanto al cognome del copista ‫שויכאת‬, scritto in caratteri ebraici, c’è
un punto di domanda, non conoscendone la lettura corretta. Alla luce della do-
cumentazione in nostro possesso, possiamo ora sciogliere ogni dubbio e dire
che il luogo di copia è sicuramente Siracusa, e che il cognome dello scriba è
Šuwaykat.

Documento 24
Regesto: Sciacca 2 novembre 1482. ASP, Notarile di Palermo, 1a stanza,
Not. F. Giuffrida, reg. 1383, cc. 135v-136r.
Bullara vedova di Xibitello de Cafisi di Sciacca nel suo testamento
istituisce erede universale il nipote Jacop Sieli e alla nipote Luna, figlia del
defunto Muxa Galifi, lega un paio di lenzuola «et cultram unam albam
minatam a campu du fluri parti plini parti vacanti». Ad altre nipoti lascia
indumenti femminili. Lega 6 fiorini «pro anima sua [...] mischite judeorum
terre Sacce ad opus emendi quamdam coverturam pro Theura» oltre a mezzo
quintale di olio.57

––––––––––––––
56
Marrone (2000).
57
Il documento è interamente trascritto in Scandaliato (1999: 207 s.).
182 Mauro Perani

Traduzione Trascrizione Testo ebraico Resa in siciliano

1. Salom figlio di Šalom ben Rabbi ‫שלום ב''ר משה‬ Xalom Xillemi
Rabbi Mosè det- Mošeh ha- ‫המכונה שלאם‬
to Sillemi testi- mekunneh Šillem58
mone ‘ed ‫עד‬
2. Ruben figlio di Re’uven ben Rabbi ‫ראובן ב''ר חיים‬ Robinus Galiuni
Rabbi Chaim ðayyim Šuwani ‘ed ‫שואני עד‬
Galiuni
testimone
3. Isacco figlio di Yi¡|aq ben Rabbi ‫יצחק ב''ר שלמה‬ Busac Commissu
Rabbi Salomone Šelomoh Wakil ‘ed ‫המכונה וכיל עד‬
Commesso
testimone
4. Gabriele figlio di Gavri’el ben Rabbi ‫גבריאל ב''ר‬ Gabriel Summatu
Rabbi Elia Eliyya Summa¥ ‘ed ‫אלייא סמאט עד‬
Summato
testimone
5. Io Graziano ðasday ben Rabbi ‫חסדאי ב''ר‬ Gracianus Azara
figlio di Rabbi Avner ‘Azar ‘ed ‫אבנר עזאר עד‬
Abner Azaro
testimone

Cinque firme in ebraico, tutte senza alcun pronome di prima persona


singolare e con la forma finale ebraica ‘ed. I cognomi ci sono già tutti noti dai
precedenti documenti. Da notare la grafia del nome ‫ אלייא‬Elia, con alef finale
invece della normale he. Anche questo documento è stato pubblicato da
Rocco, che nel nome del terzo firmatario, come già due volte nel nostro doc.
23 e n. 58 del suo studio, legge anche qui nella trascrizione in siciliano del
notaio Hisac invece del corretto Busac. Anche la lettura, proposta come incer-
ta dallo studioso stesso, del siciliano Galvani (?) nella terza firma, va corretta
in Galiuni. Nella stessa firma l’ultima parola in ebraico non è ‫ שלאם‬ma ‫שואני‬,
Šuwani che è esattamente il cognome ebraico reso dal siciliano Galiuni, come
egli stesso ha spiegato. Rocco, infine, interpreta erroneamente la penultima
parola ebraica nelle firme n. 1 e 3 come ‫ האכונה‬che egli trascrive con Hakuna
(ibid., 58) mentre la lettura corretta è ‫המכונה‬, ha-mekunneh che significa
«detto, noto come».59

––––––––––––––
58
Si veda la nota alla firma n. 3 del doc. 4.
59
Rocco in Giuffrida – Rocco (1976: 57 s.).
Le firme in giudeo-arabo degli ebrei di Sicilia 183

Documento 25
Regesto: Sciacca 16 giugno 1484. ASP, Notarile di Palermo, 1a stanza,
Not. F. Giuffrida, reg. 1384, c. 377r.
Sabbatino de Accavo nel suo testamento istituisce erede universale il
figlio Graciano, nato dal matrimonio con la defunta Minina; eredi particolari
l’altro figlio Sadia e le figlie Gracia, Stella, moglie di Manuele Tavurmina, e
Sinisa nate dal suo primo matrimonio con Gassuna. Gracia e Sinisa vengono
infatti dotate e quindi escluse dall’asse ereditario. Alla meschita il testatore
lega mezzo cafiso di olio.

Traduzione Trascrizione Testo ebraico Resa in siciliano

1. Io Levi di An… Lewi Qavi¡ ‫אנא לוי קבץ‬ Levi de Cafisi


Cafisi š…hid ‫שאהד‬
testimone
2. Io Mosè An… Mošeh Kiri ‫אנא משה כרי‬ Muxa Pulvirecta
Pulvirecta š…hid ‫שאהד‬
testimone
3. Io Gabriele An… Gavri’el ‫אנא גבריאל‬ Gabriel Summatu
Summato Summa¥ š…hid ‫סמאט שאהד‬
testimone
4. Io Davide Levi An… Dawid Lewi ‫אנא דוד לוי‬ David de Levi
testimone š…hid ‫שאהד‬
5. Io Gerson An… Geršon ‫אנא גרשון טונינה‬ [...] Tunnina
Tunnina ¦unninah š…hid ‫שאהד‬
testimone
6. Io Sadia Saeli An… Sa‘adi Saheli ‫אנא סעדי סהלי‬ Sa[dia] Saeli
testimone š…hid ‫שאהד‬
184 Mauro Perani

Sei firme tutte in giudeo arabo che si aprono con an… e si chiudono con
š…hid. I cognomi sono tutti già noti ad eccezione di Saheli che incontriamo qui
per la prima volta. Il nome Sa‘adi è forma abbreviata, con caduta della a
finale; esso è attestato, come cognome, presso le comunità siciliane di
Salonicco, ed è scritto Σααδή, pronuncia in greco moderno Saadì. Il notaio ha
scritto a destra delle firme in giudeo-arabo l’equivalente in siciliano ma i due
ultimi nomi in basso sono quasi completamente cancellati da una sfregatura
accidentale sull’inchiostro fresco appena scritto. Questo è l’ultimo dei quattro
documenti con le firme in giudeo-arabo pubblicati da Rocco. Lo studioso
palermitano legge il cognome del secondo firmatario ‫ כר‬Karr, che fa derivare
dal termine arabo omofono che ha il significato di «legame con foglie di
palma» e legge la trascrizione in siciliano Palmanova.60 In realtà la resa in
siciliano è chiaramente da leggere come Pulvirecta, mentre l’ebraico ha una
yod finale per cui va letto correttamente ‫כרי‬, spiegato da Rocco come derivato
dalla radice araba Hiri e reso dal termine di origine indoeuropea Polveretta.
Anche l’ultimo cognome va letto non ‫ סהל‬Sahel ma ‫ סהלי‬ossia Saheli essendo
la lamed finale rialzata verso l’alto a tracciare una yod.

Documento 26
Regesto: Sciacca 7 novembre 1485. SASS, Notarile di Sciacca, Not., P.
Randazzo, reg. 27, cc. 41v-42v.
L’ebrea di Sciacca Disiata, vedova di Muxa de Galfa, istituisce suoi eredi
universali il fratello Xibitello de Galiono e il nipote Busacca, figlio di Siminto
de Galiono, altro fratello. Eredi particolari la nipote Rachila, la figlia
Gaudiosa, la sorella Stella. Come legato per la meskita la testatrice prevede i
proventi dell’affitto di una casa per l’acquisto di olio.

––––––––––––––
60
Rocco in Giuffrida – Rocco (1976: 54).
Le firme in giudeo-arabo degli ebrei di Sicilia 185

Traduzione Trascrizione Testo ebraico Resa in siciliano

1. Siman Tov Siman ¦ov ‫סימן טוב בולפרג‬ Siminto Bulfarachi


Bulfarag BulfaraÞ š…hid ‫שאהד‬
testimone
2. Ruben Galioni Re’uven Šuwani61 ‫ראובן שואני‬ Robinus Galionus
testimone š…hid ‫שאהד‬
3. Saadi Benedetto Sa‘ady Berakah ‫סעדי ברכה‬ Sadoc de Benedicto
testimone di ciò š…hid bi-õ…lika ‫( בדאלך‬sic) ‫שהד‬

4. Isacco Giubaira Yi¡|aq ßubaira ‫יצחק גובירא‬ Busacca Jubaira


testimone š…hid ‫שאהד‬
5. Sabbetai Šabbetay Wakil ‫שבתי וכיל שאהד‬ Xibitellu
Commissario š…hid Commissu
testimone di ciò

6. Io Menachem An… Mena|em ‫אנא מנחם גנדוץ‬ Manuel Gindusu


Gindus testimone Gindu¡ š…hid ‫שאהד‬
7. Salomone de Šelomoh Qala‘i62 ‫שלמה קלעי‬ Xalom de
Castrogiovanni Castrojohanni

Sette firme in giudeo-arabo, di cui l’ultima presenta solo il nome senza


alcuna formula di testimonianza. Le grafie delle ultime due firme sono
marcatamente tracciate da mani incerte con tratti insicuri e grossolani. Il
notaio le trascrive in siciliano al di sopra di esse. In questo documento
incontriamo tre nuovi nomi di famiglia: Berakah, ßubaira e Gindu¡. La prima
significa in ebraico benedizione ed equivale al siciliano de Benedicto. Il docu-
mento contiene la quarta ed ultima firma in giudeo-arabo finora rinvenuta di
un parente del summenzionato Flavio Mitridate, ed è quella di Siminto Bulfa-
rachi, un suo zio paterno, fratello del padre Nissim e, a sua volta, padre del
Muxa-Mosè che abbiamo incontrato sopra.63

––––––––––––––
61
Dall’arabo šuwāni «galeone, galea», da cui la resa in siciliano «Galliuni, Galeonus», cfr. Roc-
co (1998: 543).
62
Letteralmente «della fortezza», ‫קלעה‬, da identificare con Castrogiovanni: si veda Rocco in
Giuffrida – Rocco (1976: 107).
63
Su tali firme cfr. Perani (in stampa 1).
186 Mauro Perani

Documento 27
Regesto: Sciacca 9 novembre 1485. ASP, Notarile di Palermo, 1a stanza,
Not. F. Giuffrida, reg. 1386, cc. 137r-128v.
Il medico ebreo di Sciacca Busac Summatu nel suo testamento istituisce
erede universale il figlio avuto da Stella, Joseph. Alle figlie Bonaventura e
Ricca lascia come parte dell’eredità la dote oltre a 4 onze alla prima e 25 onze
alla seconda, moglie di Muxa Abate, per riscattare certi pegni che sarebbero
stati custoditi dalla moglie Stella fino al momento del matrimonio della nipote
del testatore Lagaina. La figlia Gaudiosa eredita la dote come parte
dell’eredità oltre a 10 onze, mentre il marito di costei Busacca de Siragusia
riceve «clamidem unam cum caputeo panni de visito». Al fratello Micael
Summato lega due onze e una clamide. Ad altri nipoti e parenti una
«gramaglia panni de visito» ciascuno. Particolare cura dedica all’ospedale dei
giudei di Sciacca «frabicato et facto per dictum testatorem» e non completato
per il quale lascia un suo reddito annuale «in beneficium marammatis dicti
hospitalis et empcionem raube pro dicto hospitali»; stabilisce inoltre che
sarebbe stato gestito dal figlio ed erede Joseph.

Traduzione Trascrizione Testo ebraico Resa in siciliano

1. Io Saadia An… Sa‘adyah ‫אנא סעדי עקאב‬ Sadias Accavu


Accavo ‘Aqav š…hid bi- ‫שהאד בדאלך‬
testimone di ciò õ…lika
2. Io Sesi Balam An… #a@on Bal‘am ‫אנא ששון בלעם‬ Sausono Balam
testimone di ciò š…hid bi-õ…lika ‫( בדאלך‬sic) ‫שהאד‬
3. Io Vita Summat An… ben Rabbi ‫אנה בר חיים סמאט‬ Vita Summatu
testimone di ciò ðayyim Summa¥ ‫( בדאלך‬sic) ‫שהד‬
šahid bi-õ…lika

I cognomi di queste tre firme in giudeo-arabo ci sono gia tutti noti. Per la
difficile soluzione al problema di trovare l’equivalente siciliano del nome di
famiglia ‘Aqav vedi le osservazioni in calce al doc. 22. Nuova è per noi la resa
di #a@on, gioia, con il siciliano Sausono ma anche con la forma breve Sesi,
Le firme in giudeo-arabo degli ebrei di Sicilia 187

come vedremo nel doc. seguente. Resta una incertezza nella lettura del nome
del terzo firmatario: la scelta più plusibile mi pare quella di leggere le due
lettere subito dopo an… è ‫בר‬, bar, forma aramaica per l’ebraico ben, figlio.

Documento 28
Regesto: Sciacca 21 novembre 1485. SASS, Notarile di Sciacca, Not. P.
Randazzo, reg 27, cc. 52r-v.
L’ebrea di Sciacca Gaudiosa, vedova di Salomone Commissu, nel suo
testamento istituisce eredi universali Xibitello e Busacca, erede particolare il
nipote Merdocay de Xilleni, un legato per il matrimonio di Stella, figlia del
defunto Xua Summato, altri legati per i nipoti figli di Xibitello e per la nuora.
Alla sinagoga lega «quamdam spelliziam».64

Traduzione Trascrizione Testo ebraico Resa in siciliano

1. Io Menachem An… Mena|em ‫אנא מנחם נחמן‬ Manuel Minachem


Nachman Na|man ‫שאהד בדאליךּ‬
testimone di ciò š…hid bi-õ…lika
2. Io Isacco An… Yi¡|aq ‫אנא יצחק‬ Busacca Sagictuni
Sagittuni Šuwaykat š…hid bi- ‫שויכאת שאהד‬
testimone di ciò õ…lika
‫בדאליךּ‬
3. Io Levi An… Lewi Qala‘i ‫אנא לוי קלעי‬ Levi Castrojohanni
Castrogiovanni š…hid bi-õ…lika ‫שאהד בדאליך‬
testimone di ciò

––––––––––––––
64
Copertura per avvolgere la Torah.
188 Mauro Perani

4. Io Sason Balam An… #a@on Bal‘am ‫אנא ששון בלעם‬ Sesi Balam
testimone di ciò š…hid bi-õ…lika ‫שאהד בדאלך‬
5. Io Giuda An… Yudah ‫אנא יודה שויכאת‬ Iudas Sagictonu
Sagittuni Šuwaykat š…hid bi- ‫שאהד בדאלך‬
testimone di ciò õ…lika
6. Io Chasdai An… ðasday ‘Aqav ‫אנא חסדי עקב‬ Graciano de
Accavo š…hid bi-õ…lika ‫שאהד בדאלך‬ Accavo
testimone di ciò
7. Io Sabbetai An… Šabbetay ‫אנא שבתי סעדון‬ Xibitello Saduni
Sadun testimone Sa‘dun šahid bi- ‫( בדאלךּ‬sic) ‫שהד‬
di ciò õ…lika

Sette firme in giudeo-arabo tutte con la forma tipica del giuramento.


Nelle firme 1, 2 e 3 bi-õ…lika è scritto con la yod dopo la lamed per indicare la
vocale i. Nelle firme 1, 2 e 7 nella kaf finale di bi-õ…lika c’è il punto diacritico,
e nella 7 š…hid è scritto senza la alef come avviene nella normale grafia ‫שאהד‬.
Questo documento è importante perché ci dona per la prima volta, in una
grafia chiara e leggibile, la resa in siciliano del cognome ‘Aqav con Accavo, e
questo ci è utile per interpretare anche la stessa parola in grafie di notai assai
più difficili. In questo documento la resa del cognome Qala‘i con il siciliano
Castrojohanni risulta pure molto chiara. Un Raphael de Castro-johanni
compariva nel doc. 23, firma n. 2. Nella firma 4 il nome #a@on Bal‘am,
presente anche nel doc. precedente, è reso con Sesi e non più con Sausono.
L’unico cognome nuovo è ‫ סעדון‬ossia Sa‘dun che compare nell’ul-tima firma.
La resa in siciliano è semplicemente il calco Saduni.

Documento 29
Regesto: Sciacca 3 maggio 1490. ASP, Notarile di Palermo, Not. F.
Giuffrida, reg. 1388bis, c. 352v.
L’ebreo Chaym Sala nel suo testamento istituisce eredi universali i suoi
figli Xibitello e Bracha, avuti dalla moglie Stella. Lascia inoltre a Bracha
un’apoteca posta a Sciacca in «cursu iudaice», alle figlie Gaudiosa, Rachele e
Gracia un tarì escludendole da ogni altro diritto ereditario e un cafiso di olio
alla meschita di Sciacca.
Le firme in giudeo-arabo degli ebrei di Sicilia 189

Traduzione Trascrizione Testo ebraico Resa in siciliano

1. Salomone Šelomoh ›irkenah ‫שלמה גירכאנה‬ Xalom Chirkena


Chirkena ‘ed ‫עד‬ de Trapani
testimone
2. Gabriele Gavri’el Summa¥ ‫גבריאל סמאט‬ Gabriel Summatu
Summato ‘ed ‫עד‬
testimone
3. Davide Galiuni Dawid Šuwani‘ed ‫דוד שואני עד‬ David Galiuni
testimone
4. Giacobbe Cafisi Ya‘aqov Qavi¡ ‘ed ‫יעקב קבץ עד‬ Iacob de Cafisi
testimone

5. Samuele Balam Šemu’el Bal‘am ‘ed ‫שמואל בלעם עד‬ Xanguel Balam
testimone

6. Sadia Saeli Sa‘adi Sahel ‘ed ‫סעדי סהל עד‬ Sadia Saeli
testimone di ciò

7. Isacco Pulvirecta Yi¡|aq Kiri ‘ed ‫יצחק כרי עד‬ Busacca Pulvirecta
testimone

Sette firme in ebraico, con l’aggiunta alla fine di ogni nome del semplice
‘ed. Per la forma abbreviata Sa‘adi vedi il doc. 25. Nuovo è il primo cognome
›irkenah, la cui resa in siciliano è Chirkena, che appare in documenti a
Trapani, come ad es. Ginto Chirkena, notaio e funzionario della comunità
ebraica a metà del Quattrocento. Anche in questo caso la gimel, che ha un
punto diacritico sopra, rende la c palatale siciliana, mentre la alef lunga rende
la vocale e, per il fenomeno della imala comune nei dialetti arabi magrebini,
per cui la a tende a divenire e.65

––––––––––––––
65
Grunert (1876); Marçais (1977); el-Madkouri Maataoui (2004).
190 Mauro Perani

Documento 30
Regesto: Sciacca 4 novembre 1490. ASP, Notarile di Palermo, Not. F.
Giuffrida, reg. 1389, cc. 156v-157r-v.
Joseph de Summato ebreo medico di Sciacca nel suo testamento istituisce
erede universale la sorella Ventura moglie di Robino de Galiono; erede
particolare l’altra sorella Simica, moglie di Busacca de Siracusia alla quale
lega una casa «in contrada Fossati». Indica inoltre tutta una serie di crediti per
censi che avrebbe dovuto esigere da diverse persone. A Micaele Summato suo
zio lega 7 tarì di censo su una casa. Alla meschita lega 5 onze di reddito «ad
opus emendi oleum pro Sabato».

Traduzione Trascrizione Testo ebraico Resa in siciliano

1. Io Nissim An… Nissim ‫אנא נסים שויכאת‬ Magister Nissim


Sagittuni Šuwaykat š…hid bi- ‫שאהד בדאלך‬ Sagictonu
testimone di ciò õ…lika
2. Io Saadia di An… Sa‘adya ‘Aqav ‫אנא סעדי עקאב‬ Sadia de Accavo
Accavo š…hid bi-õ…lika ‫( בדאלךּ‬sic) ‫שהאד‬
testimone di ciò
3. Io Giuseppe An… Yosef Bal‘am ‫אנא יוסף בלעם‬ Ioseph Balam
Balam testimone š…hid ‫שאהד‬
4. Io Sabbetai An… Šabbetay ‫אנא שבתי עאקב‬ Xibitellu Accavo
Accavo ‘Aqav š…hid ‫שאהד‬
testimone
5. Io Elia Taormina An… Eliyya ‫אנא אלייא טברמני‬ Helia Tavormina
testimone Tavarmani š…hid (sic) ‫שהד‬
Le firme in giudeo-arabo degli ebrei di Sicilia 191

Cinque firme in giudeo-arabo, tutte con premesso il pronome an…, mentre


la formuna tipica š…hid bi-õ…lika è completa nelle prime due firme, e con il
solo š…hid nelle ultime tre, essendo nell’ultima scritta senza alef. Nella firma 2
troviamo ancora l’errore ortografico che scambia alef e šin in ‫שהאד‬. I cogno-
mi ci sono tutti noti.

Documento 31
Regesto: Sciacca 6 marzo 1491. ASP, Notarile di Palermo, Not. F.
Giuffrida, reg. 1389, c. 386r.
Stella, vedova di Farachi de Bulfarachio, nel suo testamento istituisce suo
erede universale il figlio Hieremia de Bulfarachio, erede particolare la figlia
Channa, moglie di Daniel de Siragusia, per la dote già ricevuta e in più le
destina alcuni indumenti. Lascia anche due tarì al figlio Domino Guglielmo de
Moncada, ossia Šemu’el ben Nissim o Flavio Mitridate, avuto dalle sue prime
nozze: «legavit domino Guglielmo Moncata eius filio tarenos duos excludens /
eum ab omni alio iure hereditatis sue et hec fuit et est eius ultima voluntas...».
Grazie a questo documento Angela Scandaliato ha potuto stabilire le origini
Caltabellottesi del famoso converso, che la Madre stella ricorda nel suo testa-
mento, ma che nella sostanza lo disereda.66
Farachi (o Farachio) de Bulfarachio è zio di Guglielmo Raimondo Mon-
cada, alias Flavio Mitridate, essendo fratello di suo padre Nissim. Farachi, che
risulta morto non sappiamo da quanto tempo nell’anno di questo testamento,
aveva avuto il figlio Brachono dalle prime nozze; in seconde nozze egli aveva
sposato Stella – colei che qui fa testamento – da cui erano nati Hieremia e
Channa, cugini dell’illustre converso poliglotta.67

––––––––––––––
66
Scandaliato (2004: 240).
67
Ibid., 235.
192 Mauro Perani

Traduzione Trascrizione Testo ebraico Resa in siciliano


(assente)
1. Giuseppe Balam Yosef Bal‘am ‘ed ‫יוסף בלעם עד‬ [Ioseph Balam]
testimone
2. Mosè Sagittuni Mošeh Šuwaykat ‫משה שויכאת עד‬ [Muxa Sagictuni]
testimone ‘ed

3. Mosè Abati Mošeh Bati ‘ed ‫משה באטי עד‬ [Muxa Abati]
testimone
4. Elia Levi Eliyya Lewi ‘ed ‫אלייא לוי עד‬ [Helia Levi]
testimone

Documento 32
Regesto: Sciacca 3 giugno 1491. ASP, Notarile di Palermo, Not. F.
Giuffrida, reg. 1389, cc. 577r-v.
Graciano de Gabrieli nel suo testamento istituisce erede universale la
moglie Farihana ed erede particolare il figlio Elia de Gabrieli, altri eredi sono
Brachone, Soreph, Zaccaria e Vita de Gabrieli «pupillos», nati dal matrimonio
con Farihana per sei tarì ognuno. Altra erede particolare Asisa, la figlia per 10
once, «lectis duobus fulcitis pro sua dote» come parte dell’eredità che le
spettava. Nomina la moglie tutrice dei figli e stabilisce che non avrebbe
dovuto rendere conto a loro dell’amministrazione del patrimonio.
Le firme in giudeo-arabo degli ebrei di Sicilia 193

Traduzione Trascrizione Testo ebraico Resa in siciliano

1. Io Natan Galiuni An… Natan Šuwani ‫אנא נתן שואני‬ Natanaeli de


testimone di ciò š…hid bi-õ…lika ‫שאהד בדאלךּ‬ Galiuni

2. Gabriele Gavri’el Summa¥ ‫גבריאל סמאט‬ Gabriel Summatu


Summato š…hid ‫שאהד‬
testimone
3. Davide Siracusa Dawid Saraqusi ‫דוד סרקוסי‬ David Saragusa
testimone š…hid ‫שאהד‬
4. Giacobbe Cafisi Ya‘aqov Qavi¡ ‫יעקב קבץ שאהד‬ Iacop de Cafisi
testimone š…hid

5. Isacco Siracusa Yi¡|aq Saraqusi ‫יצחק סרקוסי‬ Busac Saragusa


testimone š…hid ‫שאהד‬
6. Io Giuseppe An… Yosef Kalfa ‫אנא יוסף כלפה‬ Ioseph de Galfa
Galfa testimone ‘ed ‫עד‬
7. Aronne Harun Summa¥ ‫הרון סמאט‬ Haronus Summatu
Summato š…hid (sic) ‫שהד‬
testimone

Sette firme in giudeo-arabo, di cui la n. 1 e n. 6 inizianti con an… e con la


formula di testimonianza breve š…hid, ad eccezione della prima che usa quella
completa, e della n. 6 che usa l’ebraico ‘ed. Il notaio trascrive gli equivalenti
dei nomi, che ci sono tutti noti, a sinistra delle firme. Di difficile lettura il
nome in ebraico e nella resa in siciliano del primo firmatario.

Documento 33
Regesto: Polizzi Generosa 13 giugno 1491. SASTI, Notarile di Polizzi,
Not. G. Perdicaro, reg. 10.845, cc. Illegibili.
L’ebreo di Polizzi Xibite Firraru, detto Adedi, aveva chiesto in prestito al
cristiano Antonio de Blasio 16 once, rilasciandogli secondo la consuetudine
un’apodixa, scritta e firmata in ebraico dallo stesso Xibite e dai figli Joseph e
Michaele. Non potendo restituire tutta la somma l’ebreo cede una sua vigna
concordando la possibilità di riscattarla in futuro.68

––––––––––––––
68
Il documento è menzionato in Scandaliato (2002: 105).
194 Mauro Perani

Traduzione Trascrizione Testo ebraico Resa in siciliano


(assente)
1. Io Sabbetai An… Šabbetay ‫אנא שבתי חדאד‬ [Xibiteni Adedi]
Addad confermo ðaddad muqirr ‫מקר באל מוקול‬
quanto detto bi’l-muqawwal a‘l…
sopra
‫אעלי‬
2. Io Braca Addad An… Brakah ‫אנא ברכה חדאד‬ [Braya Adedi]
attesto ciò ðaddad muqirr ‫מקר בדאלךּ‬
bi-õ…lika
3. Io Menachem An… Mena|em ‫אנא מנחם חדאד‬ [Minachem Adedi]
Addad confermo ðaddad muqirr ‫מקר באל מוקול‬
quanto detto bi’l-muqawwal a‘l…
sopra
‫אעלה‬
4. Io Michele An… Mika’el ‫אנא מיכאל חדאד‬ [Michael Adedi]
Addad confermo ðaddad muqirr ‫מקר באל מוקול‬
quanto detto bi’l-muqawwal a‘l…
sopra
‫אעלא‬

Quattro firme in giudeo-arabo, tutte inizianti con an…, ma che ci


presentano per la prima volta un’altra formula di testimonianza, già rilevata
per la parola iniziale da Rocco nell’edizione dei suoi documenti n. 4 del 1414
e n. 50 del 1484, dove si trova rispettivamente ‫ אנא…מוקר‬e ‫ אנא…מקר‬col
senso di io dichiaro, attesto, confermo. Nelle firme 1, 3 e 4 queste parole, da
leggere muqirr, sono seguite da bi’l-muqawwal a‘l… ossia Io confermo quanto
detto sopra. Tutti i testi sono della famiglia ðaddad, la cui resa in siciliano è
Adedi, come l’ebreo di Polizzi Xibite Firraru, detto Adedi, che nell’atto cede
Le firme in giudeo-arabo degli ebrei di Sicilia 195

una vigna per debiti inevasi. ðaddad – Firraru sono l’esatta traduzione l’uno
dell’altro. Il siciliano firraru, usato ancora oggi in dialetto, significa fabbro
farraio = arabo ‫ ّ اد‬hadd…d; = maltese ħaddied (pronuncia ħadded); = resa
siciliana Adedi, sempre per il fenomeno dell’imala, per cui la alef lunga viene
letta e.

Documento 34: firme in giudeo-arabo in un documento notarile perduto,


trascritte da Giovan Battista Caruso nel sec. XVIII.
G. Battista Caruso, Notizie di Polizzi, manoscritto del XVIII sec. ai segni
Qq F 45-46, vol. I, cc. 208rv, 22 novembre 1450. Copia di un contratto del
notaio Gaspare Minardo di Polizzi del XV secolo.

Regesto: si tratta di un testamento ebraico: Chillucha, «mulier uxor Serni


de Sanmarco» lascia i suoi beni al figlio Nissi, se fosse morto senza figli i beni
sarebbero stati divisi in due parti, una al marito, l’altra sarebbe stata distribuita
per il «maritazium unius orphane pro anima testatricis» inoltre, tre onze al
marito, al cognato Iani una clamide e un caputeo lucubri, a Vita de Sanmarco,
suo cognato, una clamide e un caputeo lucubri, alla meschita per la sua anima,
«olei vozula viginti pro celebrandis sacrificiis , alla sua avuncula «sorzevulam
unam de melioribus suis» e un’altra a Jhana e a Sana, sua consobrina,
«fazulum unum», a Rachele la sorella una clamide e una gunnella rossa e una
caiula e un cullarettu. Una sua toga e un cuttettu dovevano essere venduti per
adempiere i legati. Alla suocera Bonadonna una sortenulam. Nomina suoi
fedecommissari il marito e il cognato Iani Canchula. Firmano come testi:
Berlingarius de Odone, seguono altre dodici firme in giudeo arabo con al
margine i rispettivi nomi in latino alcuni dei quali il Caruso non riesce a
comprendere.
Al margine Caruso, professore di arabo a Palermo, copia nove firme di
testimoni in giudeo-arabo. Evidentemente egli, che non conosceva le grafie
ebraiche del Quattrocento, ha ricopiato senza capire quello che scriveva, come
appare chiaramente sia dal maldestro modo di riprodurre l’ebraico, sia dagli
assurdi tentativi di lettura e resa in caratteri latini. Per di più, un’altra mano,
assai più abituata a scrivere in ebraico, ha ritrascritto sotto la prima
riproduzione del Caruso, ma riproponendo gli errori di lettura e di divisione
delle sillabe fatte dal primo. Non ha forse molto senso decifrare la goffa
trascrizione di Caruso, e la seconda, che non aiuta di più, restando in buona
parte incomprensibile. Ma qualche cosa sono riuscito ad interpretare e penso
sia opportuno riportarlo.
196 Mauro Perani

Traduzione Trascrizione Testo ebraico Resa in siciliano


(assente)
1. Giacobbe figlio Ya‘aqov ben ‫יעקב ב''ר מנחם‬ [Iacob Abati]
di Menachem Rabbi Mena|em ‫באטי עד‬
Abati testimone Ba¥i ‘ed
2. Davide figlio di Dawid ben [...] ‫דוד ב''ר רפאל‬ [David de Rafael]
Raffaele [...] Refa’el [...] ‘ed ‫עד‬
testimone
3. Io Saadia An… Sa‘adyah [‫אנא סעדי] מנאשי‬ [Sadia Menasce]
[Menase] [Menaše] ‘ed ‫עד‬
testimone
4. Io Mosè Cafisi An… Mošeh Qavi¡ (?) ‫אנא משה קבץ‬ [Muxa de Cafisi]
testimone ‘ed ‫עד‬
5. Io Braca An… Berakah ‫אנא ברכה קנגולה‬ [Braya Canchula]
Canciula Qanºulah ‘ed ‫עד‬
testimone
6. Io Mosè An… Mošeh ‫אנא משה קנגולה‬ [Muxa Canchula]
Canciula Qanºulah ‘ed ‫עד‬
testimone
Le firme in giudeo-arabo degli ebrei di Sicilia 197

Molti nomi ci sono già noti. È interessante notare come il documento


ricopiato riguardi la famiglia Carchula o Canchula, di cui si legge il nome
anche nella riproduzione qui presentata della trascrizione del Caruso, nella
terzultima riga dal basso a sinistra prima delle firme. Qui in ebraico il nome
QanÞulah, esprime con la Þ palatale il suono ch reso nel siciliano Canchula.

Documento 35: firme in giudeo-arabo in un documento notarile perduto,


trascritte da Giovan Battista Caruso nel sec. XVIII.
G. Battista Caruso, Notizie di Polizzi, manoscritto del XVIII sec. ai segni
Qq F 45-46, vol. I, cc. 203rv, 24 Dicembre XI ind. 1447: copia di un contratto
del notaio Gaspare Minardo di Polizzi del XV secolo. Si tratta di un altro
testamento in ebraico.

Regesto: Sadone Canchula, iudeus di Polizzi, nel suo testamento istituisce


eredi nei suoi beni i figli Israele e Bonadonna, «eius carissimos filios
minores». Se fossero morti in giovane età i beni sarebbero stati divisi in tre
parti, alla moglie, alla madre, al fratello: al fratello Brachone la parte dei beni
indivisi dopo la morte dei loro genitori tranne «una sua chianca la quali e
libera di lu dittu testatori». Lega una udica ognuna alle sorelle, alla madre, alla
moglie, «Item lassa a li affannaturi di li scavaturi di li fossi tari tri, item lassa a
la misita similmenti tari unu», istituisce suo fidecommissario Xibite Canchula.
Al margine G. Battista Caruso copia 9 firme in ebraico.
198 Mauro Perani

Traduzione Trascrizione Testo ebraico Resa in siciliano


(assente)
1. Io Mosè figlio di An… Mošeh ben ‫אנא משה ב''ר‬ [Muxa Girachi]
Rabbi [...] da Rabbi [...] Garisi (?) ‫]…[ גארסי‬
Geraci testimone š…hid bi-õ…lika
di ciò
‫שאהד בדאלךּ‬
2. Saadia [...] Sa‘adya [...] ‫סעדי ]…[ שהד‬
testimone di ciò š…hid bi-õ…lika ‫בדאלך‬
3. Io Mosè Cafisi An… Mošeh Qavi¡ ‫אני משה קבץ‬ [Muxa de Cafisi]
testimone di ciò š…hid bi-õ…lika ‫שהד בדאלך‬
4. Io Mosè Mošeh QanÞulah ‫משה קנגולה‬ [Muxa Canchula]
Canchula š…hid bi-õ…lika ‫שהד בדאלך‬
testimone di ciò
5. Io Daniele An… Dani’el ‫אנא דניאל‬ [Daniel]
testimone di ciò š…hid bi-õ…lika ‫שהד בדאלך‬
6. Io [...] An… [...] ‫אנא ]…[ שהד‬
testimone di ciò š…hid bi-õ…lika ‫בדאלך‬

In questo elenco troviamo di nuovo nella quarta firma Mosè Canchula


presente anche nel documento precedente.

Appendice

Ho ritenuto opportuno, per completezza, aggiungere in questa appendice


tre ultimi documenti di natura diversa dai precedenti e di cui due, cronologi-
camente più antichi (sec. XI e XII), sono già stati pubblicati, mentre il terzo è
del sec. XV e non è mai stata pubblicato in versione integrale del testo giudeo-
arabo, comprese le firme, benché sia stato più volte descritto. Si tratta, infatti,
di documenti di natura diversa dai precedenti, vale a dire non di atti notarili re-
lativi ad ebrei, vergati in italiano o latino da notai cristiani, ma di atti redatti da
ebrei siciliani in giudeo-arabo. Il primo (doc. 36) proviene dalla Genizah del
Cairo e contiene due dichiarazioni del tribunale rabbinico di Siracusa, emanate
in due sessioni, contenute rispettivamente nel recto e nel verso di uno stesso
foglio, e datate all’anno 1020; il secondo (doc. 37) contiene una concessione
fatta dal vescovo di Cefalù agli ebrei di Siracusa nel 1187-1188 per l’amplia-
mento del loro cimitero; il terzo (doc. 38) è una ketubbah, ossia un atto di ma-
trimonio in giudeo-arabo, con il formulario tradizionale in aramaico e parti in
ebraico, redatto a Caltabellotta nel dicembre del 1456. Il doc. 36 è stato pub-
Le firme in giudeo-arabo degli ebrei di Sicilia 199

blicato da Norman Golb,69 il doc. 37 prima da Salvatore Cusa nel 1868 e


1882,70 più recentemente da John Wansbrough,71 mentre della ketubbah di
Caltabellotta (doc. 38) ho invitato Dario Burgaretta a preparare, finalmente,
l’edizione del testo giudeo-arabo e una versione annotata proprio in questa mi-
scellanea, cosa che sono certo farà molto piacere a Cesare Colafemmina, cui
questo volume è dedicato.

Documento 36. Firme di testi ebrei in due atti del tribunale rabbinico di
Siracusa (anno 1020).
Si tratta di un unico foglio, che contiene i due atti stilati nell’anno 1020
dal tribunale ebraico di Siracusa rispettivamente nel recto e nel verso. Come
sopra ricordato, il foglio proviene dalla Genizah del Cairo ed è attualmente
conservato presso la Bodleian Library di Oxford (Ms. Heb. D.79 fol. 36r-v).
Riporto qui di seguito le firme, nella trascrizione dell’ebraico fatta
dall’editore:

––––––––––––––
69
Golb (1973: 119-21), con una riproduzione fotografica dei due docc. in due tavole fuori testo
dopo p. 122.
70
Cusa (1868-82: 495 s., tav. 5 e sommario a p. 736).
71
Wansbrough (1967).
200 Mauro Perani

fol. 36r, linea 14


Traduzione Trascrizione Testo ebraico
1. Giuseppe figlio di Yosef bar Harun [.........] [.........] ‫יוסף בר הרון‬
Aronne [.........]

fol. 36v, linea 27


2. [...] figlio di Ruben [...] bar Re’uven ‫[ בר ראובן‬...]
3. Shela figlio di Giacobbe, Šelah bar Ya‘qub, nu i nefeš ‫שלה בר יעקב נ''נ‬
la (sua) anima riposi
[‫]נוחי נפש‬
4. Ruben figlio di Isacco Re’uven bar Yi aq ‫ראובן בר יצחק‬

fol. 36v, linea 28


5. [....?] Coen figlio di [....?] ha-Kohen bar Yosef, ‫?[ הכהן בר יוסף‬.......]
Giuseppe, la sua anima nišmato be- ayye ‘olam ‫נב''ע‬
sia nella vita eterna

Documento 37. Firme di testi ebrei in calce alla pergamena dell’Archivio di


Stato di Palermo, Tabulario di Cefalù, Perg. n. 25 (anno 1187-88).72
Si tratta di un atto stilato a Siracusa nell’anno ebraico (4)948 equivalente
all’anno cristiano 1187-88,73 in giudeo arabo. È quindi l’unico documento del
sec. XII. Si tratta della cessione di un appezzamento di terra da parte del
vescovo di Cefalù agli ebrei di Siracusa per l’ampliamento del loro cimitero,
in cambio della fornitura annuale di una determinata quantità di olio. La
pergamena è stata esposta nella mostra L’età normanna e sveva in Sicilia.
Mostra storico-documentaria e bibliografica, allestita nel 1994, e otto anni più
tardi nella mostra Ebrei e Sicilia, tenutasi a Palermo dal 24 aprile al 22 maggio
del 2002; una riproduzione del documento si può vedere nei due rispettivi
cataloghi.74 Alla fine della petizione compaiono undici firme in giudeo-arabo e
in ebraico di membri della comunità.

––––––––––––––
72
Per questo documento si veda: Cusa (1882); Simonsohn (1963); Wansbrough (1967); Golb
(1973); Ben Sasson (1991).
73
Quando non si conosce il giorno e il mese, ma solo l’anno ebraico, esso copre il periodo che va
da settembre-ottobre dell’anno precedente a settembre-ottobre dell’anno equivalente a quello
ebraico, dovendo necessariamente abbracciare due anni.
74
AA.VV. (1994: 107); Bucaria (2002: 351, n. 34).
Le firme in giudeo-arabo degli ebrei di Sicilia 201

Per questo documento, in cui le firme sono assai sbiadite e leggibili solo
con l’ausilio di una lampada di Wood ai raggi ultravioletti, non ho ritenuto
opportuno pubblicare la fotografia.

Traduzione Trascrizione Testo ebraico

1. Giuda figlio di Abramo, Yehudah bar Avraham, ‫יהודה בר אברהם נ''ע‬


la sua anima riposi nišmato ‘Eden [‫]= נשמתו עדן‬
nell’Eden

2. Giacobbe figlio di Ya‘qub bar Eli‘ezer ‫יעקב בר אליעזר‬


Eleazaro
3. Fadlun figlio di Daud Faÿlun ibn Da’ud ‫פצלון אבן דאוד‬
4. Salomone figlio di Sa‘id Šelomoh ibn Sa‘id ‫שלמה יבן סעיד‬
5. Saadia figlio di Isacco, la Sa‘adyah bar Yi aq, nišmato ‫סעדיה בר יצחק נ''ע‬
sua anima riposi ‘Eden
nell’Eden
6. Mosè figlio di Amram, lo Mošeh ben Rabbi ‘Amram, ‫משה ב''ר עמרם נ''ר‬
custodisca il na reh Ra amana [‫]נטריה רחמנא‬
Misericordioso
7. Giacobbe figlio di Ya‘qub ben Rabbi Avraham, ‫יעקב ב''ר אברהם‬
Abramo, la sua anima nišmato ‘Eden ‫נ''ע‬
riposi nell’Eden
8. Saul figlio di Amram, la Ša’ul bar ‘Amram, nišmato ‫שאול בר עמרם נ''ע‬
sua anima riposi ‘Eden
nell’Eden
9. Iachia figlio di Perachia, Ya ya bar Pera yah, nišmato ‫יחיי בר פרחיה נ''ע‬
la sua anima riposi ‘Eden
nell’Eden
10. Daud figlio di Salman Da’ud ibn Salman šāhid ‫דאוד אבן סלמאן‬
testimone ‫שאהד‬
11. Giacobbe Cazzan Ya‘qub azzan šāhid ‫יעקב חזן שאהד‬
testimone

Undici firme in ebraico, con parti e nomi arabi scritti in giudeo-arabo.


Wansbrough va corretto in alcuni punti nella sua edizione del documento. In-
nanzitutto egli, senza escludere che l’abbreviazione ‫נ''ע‬, presente quattro vol-
te, nelle firme nn. 1, 5, 7 e 8, possa essere intesa come l’eulogia aggiunta al
nome del padre ‫ נשמתו עדן‬ossia nišmato ‘Eden: “la sua anima (riposi)
nell’Eden”, preferisce tuttavia optare per l’abbreviazione della formula di te-
stimonianza giudeo-araba ‫ נשהד עליה‬ossia nišhad ‘al†h: “Io sono testimone di
202 Mauro Perani

ciò”. La cosa mi pare poco probabile innanzitutto perché è una formula di giu-
ramento non comune; in secondo luogo l’arabo di solito non abbrevia le parole
mediante acrostico come l’ebraico. Nella firma n. 6, poi, Wansbrough legge
l’abbreviazione che segue il nome ‫ נ''ר‬come ‫נפש רוחו‬. La lettera, per il suo
andamento squadrato, potrebbe sembrare una dalet e, in tal caso le iniziali ‫נ''ד‬
potrebbero essere sciolte come ‫ נגמר דינו‬nigmar dino, ossia: “si è compiuto il
suo giudizio”, per indicare che il padre è defunto. Ma se la si osserva bene, es-
sa, nella grafia del firmatario, è identica alla reš dell’abbreviazione ben Rabbi,
e allora si tratta delle iniziali dell’eulogia aramaica ‫ נטריה רחמנא‬na reh
Ra amana, cioè “lo custodisca il Misericordioso”, equivalente dell’ebraico
šomrehu uro.
Wansbrough legge erroneamente la firma n. 2 come ‫ יעקב בר בלעאם‬ossia
Ya‘qub bar Bal‘am, mentre è chiaro che la lettura corretta è ‫יעקב בר אליעזר‬
ossia Ya‘qub bar Eli‘ezer, con la classica fusione del digramma alef-lamed
che ha tratto in errore l’editore. Per di più nella tradizione siciliana, il nome di
famiglia Bal‘am non è mai reso in ebraico con una alef, ma ‫בלעם‬. Ancora,
nell’ultima firma, la n. 11, egli trascrive corretta-mente in ebraico il nome di
famiglia ‫ חזן‬ma, invece di trascriverlo azzan, riporta azn. Questo cognome
è ben attestato in ambiente ebraico sefardita e in particolare magrebino. Esso è
anche presente – riferito alla funzione del cantore e ufficiante sinagogale, ma
poi divenuto cognome – anche in documenti siciliani, con la tipica pronuncia
dell’arabo di sicilia: Chasen, Chasseni, Chazeni. Nelle ultime due firme (nn.
10 e 11), il testimone aggiunge la formula araba di testimonianza šāhid, che
ben conosciamo dai documenti del sec. XV. Il nome Faÿlun della firma n. 3
era molto diffuso tra gli ebrei di Sicilia, così come tra quelli del nord Africa.
In esso la ÿ è resa dal firmatario mediante una ¡ade con sopra un punto
diacritico. Questo nome si incontra spesso nei documenti notarili e di altro
tipo, anche in forme sicilianizzate, come Fadalun, o Faddalone, o ancora
Faddaluni. Esso è sopravvissuto ancora oggi, come cognome abbastanza
diffuso tra gli ebrei Tripolini in Italia.

Documento 38. Firme di testi ebrei in calce alla Ketubbah di Caltabellotta


(anno 1456).
L’ultimo documento contenente firme in ebraico e giudeo-arabo che pre-
sento è una pergamena contenente non un atto notarile, ma una Ketubbah, os-
sia un atto di matrimonio, redatta a Caltabellotta il giorno quarto 18 del mese
ebraico di evet dell’anno 5217 della creazione del mondo, equivalente a
Le firme in giudeo-arabo degli ebrei di Sicilia 203

mercoledì 15 dicembre l’anno cristiano 1456.75 Il documento, appartenente al


Fondo Messina è finito in Spagna76 ed è stato scoperto, all’inizio degli anni
Settanta del secolo scorso, dall’archivista spagnolo Joaquim Gonzáles More-
no, che lo ha rinvenuto presso l’Archivio Ducale di Medinaceli, con la segna-
ture: ADM, Fondo Messina, perg. n. 1116. La ketubbah misura mm. 520 x
330; gli sposi sono Ya‘aqov figlio del defunto Yom ov detto Qavi (in sici-
liano Cafisi), su di lui sia la pace ‫ יום טוב המכונה קבץ עליו השלום‬e Mas’uda,
figlia del fu Mordekay. Finalmente, dopo tanti anni che si parla di questa ke-
tubbah, Dario Burgaretta, da me caldamente sollecitato, ha preparato un bel
lavoro contenente l’edizione integrale del testo giudeo-arabo, con versione ita-
liana e commento (Burgaretta 2005).
Il documento, oltre che alla solita formula tradizionale in aramaico, si
serve del giudeo-arabo, sempre nella sua variante dialettale magrebina, per
l’inventario dotale, mentre in ebraico sono la presentazione dei contraenti e le
sei firme dei testimoni.77 Nella foto che segue le firme apposte sotto il testo
principale dell’atto di matrimonio e quelle poste sotto le condizioni
supplementari aggiunte in basso, sono state unite.

––––––––––––––
75
Mahler (1916: 574).
76
Si veda Sparti (1994); Giunta (1995: 153-65) e Sparti (1997). A quest’ultimo va il merito di
aver scoperto e valorizzato questo fondo messinese finito in Spagna e di averne studiato la sto-
ria, illustrando la singolare vicenda del viaggio verso la Spagna del «Fondo Messina», al quale
appartiene la nostra ketubbah, passata recentemente da Siviglia a Toledo, assieme a tutte le
pergamene. Ringrazio sentitamente Aldo Sparti, Direttore dell’Archivio di Stato di Catania,
per avermi messo a disposizione un’eccellente fotografia del documento ed avermi inviato una
foto digitale della ketubbah, senza le quali sarebbe stata impossibile la lettura delle firme dei
testimoni, alquanto sbiadite e in piccolissima grafia.
77
Il documento è stato esposto nella mostra Messina. Il ritorno della memoria, allestita a Messi-
na, presso Palazzo Zanca dal 1 marzo al 28 aprile 1994, e pubblicato, con una riproduzione fo-
tografica ed una scheda descrittiva curata da Benedetto Rocco, nel catalogo della mostra ap-
parso per i tipi delle Edizioni Novecento a Palermo nel 1993, scheda n. 104.
204 Mauro Perani

Traduzione Trascrizione Testo ebraico Resa in siciliano


(ricostruita)
1. Sabbetai Levi Šabbetay Lewi ben ‫שבתי לוי ב''ר‬ [Xibitellu Levi]
figlio di Rabbi Šelomoh ‫שלמה לוי נ''ע‬
Salomone Levi, Lewi nišmato ‘Eden
[‫]נשמתו עדן‬
la sua anima
riposi nell’Eden
2. Abramo figlio di Avraham ben Rabbi ‫אברהם ב''ר‬ [Bracono de
Perachyah detto Pera yah ‫פרחיה מכונה‬ Farachio
BulfaraÞ, Bulfarachi]
custodiscilo sua
mekunneh Bulfarağ ‫בולפרג שצ''ו‬
roccia e suo
šomrehu uro we- ‫]שמרהו צורו‬
redentore.
Go’alo [‫וגואלו‬
3. Nissim figlio di Nissim ben Rabbi ‫נסים ב''ר שלמה‬ [Nissim Commissu]
Salomone detto Šelomoh ha- ‫המכנה וכיל‬
Commissario mekunneh Wakil

4. Sabbetai figlio di Šabbetay ben Rabbi ‫שבתי ב''ר מרדכי‬ [Xibitello de


Mardocheo Iesse Mordekay Išay ‫ישי‬ Merdoc]

5. Abramo figlio di Avraham ben Rabbi ‫אברהם ב''ר‬ [Brachono di


Perachyah detto Pera yah ha- ‫פרחיה המכונה‬ Farachio
Bulfarağ, Bulfarachio]
mekunneh Bulfarağ ‫בולפרג שצ''ו‬
custodiscilo sua
roccia e suo
šomrehu uro we- ‫]שמרהו צורו‬
redentore.
Go’alo [‫וגואלו‬
6. Omri figlio di ‘Amram ben Rabbi ‫עמרם ב''ר דוד‬ [David Daina]
Davide detto Dawid ha- ‫המכונה דאנה עד‬
Daina, mekunneh Dainah
testimone ‘ed

La sigla che, in entrambe le firme di Abraham Bulfarağ segue il nome del


padre Farachio è chiaramente ‫ שצ''ו‬da sciogliere in ‫שמרהו צורו וגואלו‬: šom-
rehu uro we-Go’alo ossia «lo custodisca la sua Roccia e il suo Redentore».
Benedetto Rocco ha interpretato questa abbreviazione nel senso di «Deputato
per il servizio pubblico» aggiungendo che, dunque, egli «potrebbe essere
l’estensore del contratto»;78 probabilmente egli non ha visto la terza iniziale
waw e ha interpretato ‫ ש''צ‬come ‫( שליח צבור‬šelia ibbur) ossia incaricato
pubblico. In aggiunta a ciò, una semplice comparazione paleografica fra la
scrittura delle due firme di Abraham Bulfarağ e quella del sofer che ha vergato
l’atto matrimoniale, esclude senza ombra di dubbio che si tratti della stessa
––––––––––––––
78
Rocco (1994: doc. 104).
Le firme in giudeo-arabo degli ebrei di Sicilia 205

mano. Bracono figlio di Farachio Bulfarachi compare in atti notarili di Sciacca


relativi agli anni 1457-62 e 1464-70; è fratellastro di Hieremia e Channa Bul-
farachi, avuti dal padre Farachio in seconde nozze celebrate nel 1455 con Stel-
la, vedova di suo fratello Nissim, il padre di Guglielmo Raimondo Moncada;79
Hieremia e Channa, dunque, non solo erano cugini di primo grado con Mon-
cada per via paterna, ma erano anche suoi fratellastri, in quanto figli della stes-
sa madre. Bracono / Brachono / Brayono o Abramo era, invece, figlio di Fara-
chio o, in ebraico, Pera yah, e della sua prima moglie, che il padre aveva spo-
sato nel 1450. Abramo firma anche il sopra riportato doc. 15, come attesta
senza dubbio l’identità della grafia. Daina è una nota famiglia di ebrei bene-
stanti di Caltabellotta; David Daina, il padre dell’Amram che è l’ultimo firma-
tario, era un ricco commerciante, uomo di fiducia dei conti Luna; egli compare
in atti notarili di Caltabellotta (cfr. Scandaliato 1993).
Con ciò ho terminato questo lavoro, scritto in Argentina a La Plata tra
febbraio e marzo 2005 e licenziato per la stampa nell’agosto dello stesso anno,
dopo varie revisioni, aggiunte e miglioramenti. Confesso che mi ha richiesto
molto tempo e parecchia fatica, credo più di qualsiasi altro mio articolo; ma
sono lieto di aver dato un contributo allo studio di questo aspetto peculiare
dell’ebraismo arabofono di Sicilia. Gli indici aiuteranno gli studiosi a
ricomporre qualche tessera in più sui personaggi firmatari degli atti, che in
genere erano i maggiorenti della città. Dedico con profondo affetto questo
lavoro a Cesare Colafemmina, appassionato ricercatore e studioso, ma soprat-
tutto, per me, grande amico.

––––––––––––––
79
Si veda l’albero genealogico costruito da Scandaliato (2004: 235).
206 Mauro Perani

‫ נשלם המאמר הזה על חתימות יהודי סיציליה‬,‫ תהלה לאל עולם‬,‫תם ונשלם‬
‫ והשלמתיו בעזרת האל‬,‫הכתובות במאה הט״ו ביהודי ֿתֿערבית‬
‫אני מאורו בכ"ר ברונו פיראני בעיר רווינה על שפת‬
‫ והיתה השלמתו ביום שישי‬,‫ים אדריאתי‬
,‫כ"ט לחדש תמוז שנת תשס"ה ליצירה‬
‫והקדשתיו לידידי‬
.‫צ'יזארי קולאפמינה‬
‫ישתבח האל אשר‬
,‫עזרני להתחילו ולהשלימו‬
,‫למען רחמיו וחסדיו‬
,‫הוא שעזרני ויעזרני‬
‫ית' שמו‬
‫אמן‬

Terminato e concluso. Lode al Dio eterno. È completato questo articolo sulle firme degli ebrei di Sicilia
scritte nel sec. XV in giudeo-arabo, che ho portato a termine con l’aiuto di Dio
io Mauro figlio di Bruno Perani nella città di Ravenna sulla riva
del Mare Adriatico. Il suo completamento è avvenuto
il giorno sesto 29 del mese di Tammuz dell’anno 5765 della creazione (= venerdì 5 agosto 2005),
e l’ho dedicato al mio amico
Cesare Colafemmina.
Sia lodato Dio che
mi ha aiutato a cominciarlo e a completarlo,
a motivo della sua misericordia e della sua tenera compassione, egli
che mi ha aiutato e mi aiuterà,
sia benedetto il suo Nome
AMEN.
Le firme in giudeo-arabo degli ebrei di Sicilia 207

Indici80

1. Nomi di famiglia

Siciliano ebraico / giudeo-arabo traslitterazione riferimento

Abati ‫באטי‬ Ba¥i doc. 4, n. 1; doc. 5, n. 7;


doc. 12, n. 1; doc. 16, n. 2;
doc. 31, n. 3; doc. 34, n. 1
Accavo ‫ אקאב‬/ ‫עקאב‬ Aqav / ‘Aqav doc. 15, n. 6; doc. 22, n. 6;
‫ עקב‬/ ‫עאקב‬ doc. 27, n. 1; doc. 28, n. 6;
doc. 30, n. 2; doc. 30, n. 4
Adedi ‫חדאד‬ ðaddad doc. 33, n. 1; doc. 33, n. 2;
doc. 33, n. 3; doc. 33, n. 4
Aron ‫הרון‬ Harun doc. 2, n. 1; doc. 3, n. 4;
doc. 5, n. 5; doc. 36, n. 1
Argento ‫פצה‬ Fiÿÿa doc. 21, n. 3
Assesi ‫עזאז‬ ‘Azaz doc. 1, n. 4
Azar ‫עזאר‬ ‘Azar doc. 16, n. 6; doc. 21, n. 2;
doc. 22, n. 8; doc. 24, n. 5
Balam ‫בלעם‬ Bal‘am doc. 5, n. 2; doc. 5, n. 6;
doc. 11, n. 1; doc. 13, n. 1;
doc. 17, n. 6; doc. 19, n. 2;
doc. 27, n. 2 ; doc. 28, n. 4;
doc. 29, n. 5; doc. 30, n. 3;
doc. 31, n. 1
Benedicto, de ‫ברכה‬ Berakah doc. 26, n. 3
Buasi ‫בואסי‬ Buasi doc. 22, n. 2
Bulfarachi, de ‫בולפרג‬ BulfaraÞ doc. 2, n. 2; doc. 15, n. 2;
doc. 19, n. 3; doc. 26, n. 1
Cafisi, de ‫קבץ‬ Qavi¡ doc. 7, n. 1; doc. 14, n. 1;
doc. 16, n. 3, 4; doc. 22, n.
3; doc. 25, n. 1; doc. 29, n.
4; doc. 32, n. 4; doc. 34, n.
4; doc. 35, n. 3
Caftor ‫כפתור‬ Kaftor doc. 12, n. 2
Chasseni ‫חזן‬ ðazzan doc. 8, n. 1
Castrogiovanni ‫קלעי‬ Qala‘i doc. 5, n. 3; doc. 23, n. 2;
doc. 26, n. 7; doc. 28, n. 3;
doc. 23, n. 6; doc. 32, n. 6
Chalifi ‫כליפה‬ Kalifah doc. 3, n. 3

––––––––––––––
80
Gli indici comprendono solo i nomi presenti nelle firme, e non quelli presenti nei regesti dei
documenti, aggiunti alla fine in un apposito indice. Nei nomi di famiglia si segue l’ordine al-
fabetico della resa in siciliano.
208 Mauro Perani

Chandarellu, de ‫חנדריל‬ ðandarel doc. 2, n. 3; doc. 3, n. 5;


doc. 10, n. 2
Chirkena ‫גירכאנה‬ Gircanah doc. 29, n. 1
Commissu ‫וכיל‬ Wakil doc. 15, n. 5; doc. 23, n. 3;
doc. 24, n. 3; doc. 26, n. 5;
doc. 38, n. 3
Canchula / Canchula ‫ קנשולה‬/ ‫קנגולה‬ Qanšulah/QanÞulah doc. 6, n. 4; doc. 18, n. 2;
doc. 18, n. 3; doc. 34, n. 5;
doc. 34, n. 6; doc. 35, n. 4
Daina ‫דאנה‬ Daina doc. 38, n. 6
Faccas ‫פקאץ‬ Faqqa¡ doc. 15, n. 3
Furmintinu ‫קומיחה‬ Qumay|ah doc. 2, n. 4
Galfa ‫כלפה‬ Kalfa doc. 11, n. 3; doc. 17, n. 7;
doc. 23, n. 6; doc. 32, n. 6
Galiuni ‫שואני‬ Šuwani [doc. 4, n. 4]; doc. 11, n. 2;
doc. 24, n. 2; doc. 26, n. 2;
doc. 29, n. 3; doc. 32, n. 1
Gindusi ‫גנדוץ‬ Gindu¡ doc. 26, n. 6
Ginni ‫יני‬ Yinni doc. 6, n. 2; doc. 23, n. 1
Girachi ‫גאריסי‬ Garisi doc. 18, n. 1; doc. 35, n. 1
Giraci ‫גיראסי‬ Girasi doc. 9, n. 1
Jubaira ‫גובירא‬ ßubaira doc. 26, n. 4
Levi ‫לוי‬ Lewi doc. 23, n. 7; doc. 25, n. 4;
doc. 31, n. 4; doc. 38, n. 1
Maimon ‫מיימון‬ Maymon doc. 15, n. 1
Maltisi (da Malta) ‫מאלטי‬ Mal¥i doc. 9, n. 2
Mazara, da ‫ מאזרי‬/ ‫מאזר‬ Mazar(i) doc. 1, n. 5; doc. 4, n. 5;
doc. 17, n. 2; doc. 21, n. 1;
doc. 21, n. 4; doc. 22, n. 4
[Nacman] ‫נחמן‬ Na|man doc. 7, n. 2; doc, 28, n. 1
Nuchilla ‫נוגילה‬ Nugillah doc. 10, n. 1
Pigilil ‫פגליל‬ Pichilillu doc. 21, n. 6
Pulvirecta ‫ כרי‬/ ‫כירי‬ Kiri doc. 1, n. 1; doc. 3, n. 2;
doc. 11, n. 6; doc. 20, n. 3;
doc. 25, n. 2; doc. 29, n. 7
Sabatinello ‫שבתניל‬ Šabbatinel doc. 17, n. 3
Saduni ‫סעדון‬ Sa‘dun doc. 28, n. 7
Saeli ‫סהלי‬ Saheli doc. 25, n. 6; doc. 29, n. 6
Saul ‫שאול‬ Ša’ul doc. 5, n. 1
Siracusa, da ‫סרקוסי‬ Saraqusi doc. 1, n. 2, 3; doc. 2, n. 5;
doc. 3, n. 1; doc. 3, n. 7;
doc. 16, n. 5; doc. 17, n. 4;
doc. 21, n. 5; doc. 22, n. 1;
Le firme in giudeo-arabo degli ebrei di Sicilia 209

doc. 22, n. 7; doc. 32, n. 3;


doc. 32, n. 5
Summatu ‫ סמאט‬/ ‫סומאט‬ Summa¥ doc. 11, n. 4; doc. 11, n. 5;
‫ זמאט‬/ doc. 15, n. 4; doc. 17, n. 5;
doc. 23, n. 5; doc. 24, n. 4;
doc.25, n. 3; doc. 27, n. 3;
doc. 29, n. 2; doc. 32, n. 2;
doc. 32, n. 7
Sagittuni ‫שויכאת‬ Šuwaykat doc. 4, n. 2; doc. 13, n. 2;
/ Sagictuni / Sagictono / Sagictonu doc. 16, n. 1; doc. 17, n. 1;
doc. 19, n. 1; doc. 20, n. 1;
doc. 23, n. 4; doc. 28, n. 2;
doc. 28, n. 5; doc. 30, n. 1;
doc. 31, n. 2
Taormina, da ‫טברמאני‬ ¦avarmani doc. 16, n. 7; doc. 22, n. 5;
doc. 30, n. 5
Termi (=da Termini) ‫תרמי‬ Termi doc. 6, n. 5
Tunnina ‫טונינה‬ ¦unninah doc. 3, n. 6; doc. 11, n. 7;
doc. 25, n. 5
Xillemi ‫שלאם‬ Šillem doc. 4, n. 3; doc. 24, n. 1

2. Nomi in ebraico81
doc. 15, n. 6 ‘Aqav, Šabbatin ‫ שבתין‬,‫אקאב‬
doc. 4, n. 1; doc. 5, n. 7 Ba¥i, ðayyim ‫ חיים‬,‫באטי‬
doc. 34, n. 1 Ba¥i, Ya‘aqov ‫ יעקב‬,‫באטי‬
doc. 12, n. 1; doc. 16, n. 2 Ba¥i, Sabbet ‫ סבאת‬,‫באטי‬
doc. 34, n. 1 Ba¥i, Mena|em ‫ מנחם‬,‫באטי‬
doc. 31, n. 3 Ba¥i, Mošeh ‫ משה‬,‫באטי‬
doc. 22, n. 2 Buasi, Merdok ‫ מרדוך‬,‫בואסי‬
doc. 15, n. 2; doc. 38, n. 2, 5 BulfaraÞ, Avraham ‫ ב״ר פרח‬,‫ אברהם‬,‫בולפרג‬
doc. 2, n. 2 BulfaraÞ, Far|un ‫ פרחון‬,‫בולפרג‬
doc. 19, n. 2 BulfaraÞ, Mošeh ‫ משה בן סימן טוב‬,‫בולפרג‬
ben Siman ¦ov
doc. 26, n. 1 BulfaraÞ, Siman ¦ov ‫ סימן טוב‬,‫בולפרג‬
doc. 5, n. 6 Bal‘am, Gedalya ‫ גדליא‬,‫בלעם‬
doc. 17, n. 6; doc. 19, n. Bal‘am, Yosef ben Nissim ‫ יוסף בן נסים‬,‫בלעם‬
2; doc. 30, n. 3; doc. 31, n. 1
doc. 13, n. 1 Bal‘am, Mena|em ‫מנחם‬,‫בלעם‬
doc. 11, n. 1 Bal‘am, Nissim ‫ נסים‬,‫בלעם‬
doc. 29, n. 5 Bal‘am, Šemu’el ‫ שמואל‬,‫בלעם‬
doc. 27, n. 2; doc. 28, n. 4 Bal‘am, #a@on ‫ ששון‬,‫בלעם‬
––––––––––––––
81
Si dà prima il nome di famiglia, se possibile, seguito dalla traslitterazione in ebraico.
210 Mauro Perani

doc. 36, n. 2 b. Re’uven ‫בר ראובן‬


doc. 26, n. 3 Berakah, Sa‘adi ‫ סעדי‬,‫ברכה‬
doc. 35, n. 1 Garisi, Mošeh ‫ משה‬, (?) ‫גאריסי‬
doc. 18, n. 1 Garisi, Šemu’el ‫ שמואל‬,‫גאריסי‬
doc. 26, n. 4 ßubaira, Yi¡|aq ‫ יצחק‬,‫גובירא‬
doc. 9, n. 1 Girasi, Avraham ‫ אברהם‬,‫גיראס‬
doc. 29, n. 1 Girkanah, Šelomoh ‫ שלמה‬,‫גירכאנה‬
doc. 26, n. 6 Gindu¡, Mena|em ‫ מנחם‬,‫גנדוץ‬
doc. 37, n. 10 Da’ud ibn Salman ‫דאוד אבן סלמאן‬
doc. 38, n. 6 Daina, ‘Amram ‫ עמרם ב''ר דוד‬,‫דאנה‬
ben R. David
doc. 2, n. 1; doc. 3, n. 4 Harun, Dawid ‫ דוד‬,‫הרון‬
doc. 36, n. 1 Harun, Yosef b. ‫יוסף בר‬,‫הרון‬
doc. 5, n. 5 Harun, Merdok ‫מרדוך‬,‫הרון‬
doc. 23, n. 3; doc. 24, n. 3 Wakil, Yi¡|aq b. Šelomoh ‫ יצחק ב''ר שלמה‬,‫וכיל‬
doc. 38, n. 3 Wakil, Nissim b. Šelomoh ‫נסים ב״ר שלמה‬,‫וכיל‬
doc. 26, n. 5 Wakil, Šabbetay ‫ שבתי‬,‫וכיל‬
doc. 24, n. 3 Wakil, Šelomoh ‫ שלמה‬,‫וכיל‬
doc. 15, n. 5 Wakil, Šemu’el ‫ שמואל‬,‫וכיל‬
doc. 23, n. 5 Zumma¥, Nissim ‫ נסים‬,82‫זמאט‬
doc. 33, n. 2 ðaddad, Berakah ‫ברכה‬,‫חדאד‬
doc. 33, n. 4 ðaddad, Mika’el ‫ מיכאל‬,‫חדאד‬
doc. 33, n. 3 ðaddad, Mena|em ‫ מנחם‬,‫חדאד‬
doc. 33, n. 1 ðaddad, Šabbetay ‫ שבתי‬,‫חדאד‬
doc. 8, n. 1 ðazan, Merdok ‫ מרדוך‬,‫חזן‬
doc. 37, n. 11 ðazzan, Ya‘qub ‫ יעקב‬,‫חזן‬
doc. 2, n. 3; doc. 3, n. ðandarel, ðayyim ‫ חיים‬,‫חנדריל‬
5; doc. 10, n. 2
doc. 22, n. 5; doc. 30, n. 5 Tavarmani, Eliyya ‫ אלייא‬,‫טברמאני‬
doc. 16, n. 7 Tavarmani, Zakaryah ‫ זכריה‬,‫טברמאני‬
doc. 25, n. 5 ¦unninah, Geršon ‫ גרשן‬,‫טונינה‬
doc. 11, n. 7 ¦unninah, Merdok ‫ מרדוך‬,‫טונינה‬
doc. 3, n. 6 ¦unninah, Šabbetay ‫ שבתי‬,‫טונינה‬
doc. 37, n. 9 Ya|ya b. Pera|yah ‫ בר פרחיה‬,‫יחיי‬
doc. 37, n. 1 Yehuda b. Avraham ‫ בר אברהם‬,‫יהודא‬
doc. 23, n. 1 Yinni, Siman ¦ov ‫ סימן טוב‬,‫יני‬
doc. 6, n. 2 Yinni, ‘Aśa’el ‫ עשאל‬,‫יני‬
doc. 37, n. 2 Ya’qub b. Eli‘ezer ‫ בר אליעזר‬,‫יעקב‬
doc. 37, n. 7 Ya’qub b. Avraham ‫ בר אברהם‬,‫יעקב‬
––––––––––––––
82
Vedi la grafia diversa dello stesso nome ‫ סומאט‬/ ‫סמאט‬.
Le firme in giudeo-arabo degli ebrei di Sicilia 211

doc. 38, n. 4 Išai, Šabbetay ‫ שבתי ב''ר מרדכי‬,‫ישי‬


ben R. Mordekay
doc. 36, n. 5 Kohen b. Yosef ‫כהן בר יוסף‬
doc. 1, n. 1; doc. 3, n. 2 Kiri, Eliyyah ‫ אלייה‬,‫ כירי‬/ ‫כרי‬
doc. 11, n. 6 Kiri, Ya’aqov ‫ יעקב‬,‫כרי‬
doc. 29, n. 7 Kiri, Yi¡|aq ‫ יצחק‬,‫כרי‬
doc. 20, n. 3; doc. 25, n. 2 Kiri, Mošeh ben Eliyyah ‫ משה ב''ר אליה‬,‫כרי‬
doc. 3, n. 3 Chalifi lu Medicu ‫ חכים‬,‫כליפה‬
doc. 32, n. 6 Kalfah, Yosef ‫ יוסף‬,‫כלפה‬
doc. 23, n. 6 Kalfah, Lewi ‫ לוי‬,‫כלפה‬
doc. 11, n. 3 Kalfah, Mika’el ‫ מיכאל‬,‫כלפה‬
doc. 17, n. 7 Kalfah, Šemu’el ‫ שמואל‬,‫כלפה‬
doc. 12, n. 2 Kaftor, Šabbetay ‫ שבתי‬,‫כפתור‬
doc. 31, n. 4 Lewi, Eliyya ‫ אלייא‬,‫לוי‬
doc. 25, n. 4 Lewi, Šabbetay ‫ שבתי‬,‫לוי‬
doc. 38, n. 1 Lewi, Šabbetay b. Šelomoh ‫ שבתי ב''ר שלמה‬,‫לוי‬
doc. 38, n. 1 Lewi, Šelomoh ‫ שלמה‬,‫לוי‬
doc. 23, n. 7 Lewi, Šemu’el ‫ שמואל‬,‫לוי‬
doc. 1, n. 5; doc. 4, n. 3; Mazari, Brahun ‫ ברהון‬,‫מאזרי‬
doc. 17, n. 2
doc. 21, n. 1 Mazari, Yosef ‫ יוסף‬,‫מאזרי‬
doc. 21, n. 4; doc. 22, n. 4 Mazar, Ya‘aqov ‫ יעקב‬,‫מאזר‬
doc. 9, n. 2 Mal¥i, Yi¡|aq ‫ יצחק‬,‫מאלטי‬
doc. 15, n. 1 Maymon, Šabbetay ‫ שבתי‬,‫מיימון‬
doc. 37, n. 6 Mošeh b. ‘Amram ‫משה ב״ר עמרם‬
doc. 10, n. 1 Nogillah, Šabbetay ‫ שבתי‬,‫נוגילה‬
doc. 7, n. 2 Na man, Yi¡|aq ‫ יצחק‬,‫נחמן‬
doc. 28, n. 1 Na man, Mena em ‫ מנחם‬,‫נחמן‬
doc. 25, n. 6; doc. 29, n. 6 Saheli, Sa‘adi ‫ סעדי‬,‫סהל‬
doc. 24, n. 4 Summa¥, Eliyya ‫ אלייא‬,‫סמאט‬
doc. 24, n. 4; doc. 25, n. 3; Summa¥, Gavri’el b. Eliyya ‫ גבריאל ב''ר אלייא‬,‫סמאט‬
doc. 29, n. 2; doc. 32, n. 2;
doc. 32, n. 7 Summa¥, Harun ‫ הרון‬,‫סמאט‬
doc. 27, n. 3 Summa¥, b. ðayyim ‫ ב''ר חיים‬,‫סומאט‬
doc. 11, n. 4 Summa¥, ðakim Aron ‫ חכים ארון‬,‫סומאט‬
doc. 5, n. 4 Summa¥, Siman ¦ov ‫ סימן טוב‬,‫סמאט‬
doc. 11, n. 5; doc. 15, n. Summa¥, Šemu’el ‫ שמואל‬,83‫ סמאט‬/ ‫סומאט‬
4; doc.17, n. 5
doc. 37, n. 5 Sa‘adyah b. Yi¡|aq ‫סעדיה ב״ר יצחק‬
––––––––––––––
83
Vedi la grafia diversa dello stesso nome ‫זמאט‬.
212 Mauro Perani

doc. 28, n. 7 Sa‘dun, Šabbetay ‫ שבתי‬,‫סעדון‬


doc. 1, n. 2; doc. 3, n. 1; Saraqusi, Avraham ‫ אברהם‬,‫סרקוסי‬
doc. 22, n. 7
doc. 1, n. 3 Saraqusi, Eli‘ezer ‫ אליעזר‬,‫סרקוסי‬
doc. 32, n. 3 Saraqusi, Dawid ‫ דוד‬,‫סרקוסי‬
doc. 16, n. 5; doc. 22, n. 1 Saraqusi, Ya‘aqov ‫ יעקב‬,‫סרקוסי‬
doc. 21, n. 5; doc. 32, n. 5 Saraqusi, Yi¡|aq ‫ יצחק‬,‫סרקוסי‬
doc. 17, n. 4 Saraqusi, Sabut ‫ סבות‬,‫סרקוסי‬
doc. 2, n. 5; doc. 3, n. 7 Saraqusi, Šabbetay ‫ שבתי‬,‫סרקוסי‬
doc. 30, n. 4 ‘Aqav, Šabbetay ‫ שבתי‬,‫עאקב‬
doc. 16, n. 6; doc. 21, n. ‘Azar, ðasday b. Abner ‫ חסדאי ב''ר אבנר‬,‫עזאר‬
2; doc. 24, n. 5
doc. 24, n. 5 ‘Azar, Abner ‫ אבנר‬,‫עזאר‬
doc. 22, n. 8 ‘Azar, Dani’el ‫ דניאל‬,‫עזר‬
doc. 1, n. 4 ‘Azaz, Marzuq ‫ מרזוק‬,‫עזאז‬
doc. 22, n. 6; doc. 28, n. 6 ‘Aqav, ðasday ‫ חסדי‬,‫ עקב‬/ ‫עקאב‬
doc. 27, n. 1; doc. 30, n. 2 ‘Aqav, Sa‘adyah ‫ סעדי‬,‫עקאב‬
doc. 30, n. 4 ‘Aqav, Šabbetay ‫ שבתי‬,‫עאקב‬
doc. 21, n. 6 Pigilil, Braham ‫ ברהם‬,‫פגליל‬
doc. 21, n. 3 Fiÿÿa, Šabbetay ‫ שבתי‬,‫פצה‬
doc. 15, n. 3 Faqqa¡, Sa‘adya ‫ סעדיה‬,‫פקאץ‬
doc. 37, n. 3 Fadlun ibn Da’ud ‫פצלון אבן דאוד‬
doc. 34, n. 4; doc. 35, n. 3 Qavi¡, Mošeh ‫ משה‬,‫קבץ‬
doc. 7, n. 1; doc. 16, n. 3 Qavi¡, Yosef ‫ יוסף‬,‫קבץ‬
doc. 22, n. 3; doc. 29, n. Qavi¡, Ya‘aqov ‫ יעקב‬,‫קבץ‬
4; doc. 32, n. 4
doc. 14, n. 1; doc. 16, n. Qavi¡, Lewi ‫ לוי‬,‫קבץ‬
4; doc. 25, n. 1
doc. 2, n. 4 Qumay|ah, FarÞion ‫ פרגון‬,‫קומיחה‬
doc. 28, n. 3 Qala‘i, Lewi ‫ לוי‬,‫קלעי‬
doc. 5, n. 3 Qala‘i, Yosef ‫ יוסף‬,‫קלעי‬
doc. 23, n. 2 Qala‘i, Refa’el ‫ רפאל‬,‫קלעי‬
doc. 27, n. 7 Qala‘i, Šelomoh ‫ שלמה‬,‫קלעי‬
doc. 34, n. 5 QanÞulah, Bracha ‫ ברכה‬,‫קנגולה‬
doc. 18, n. 2; doc. 34, n. QanÞulah, Mošeh ‫ משה‬,‫קנגולה‬
6; doc. 35, n. 4
doc. 18, n. 3 QanÞulah, Mattityah ‫ מתתיה‬,‫קנגולה‬
doc. 6, n. 4 Qanšulah, Yi¡|aq ‫ יצחק‬,‫קנשולא‬
doc. 36, n. 4 Re’uven b. Yi¡|aq ‫ראובן בר יצחק‬
doc. 37, n. 8 Ša’ul b. ‘Amram ‫שאול בר עמרם‬
doc. 5, n. 1 Ša’ul, Yi¡|aq ‫ יצחק‬,‫שאול‬
doc. 20, n. 2 Šabbetay ben Rabbi Mošeh ‫שבתי ב''ר משה‬
Le firme in giudeo-arabo degli ebrei di Sicilia 213

doc. 17, n. 3 Šabatinel, Maymon ‫ מיימון‬,‫שבתניל‬


doc. 28, n. 5 Šuwaykat, Yudah ‫ יודה‬,‫שויכאת‬
doc. 13, n. 2 Šuwaykat, Yosef ‫ יוסף‬,‫שויכאת‬
doc. 23, n. 4; doc. 28, n. 2 Šuwaykat, Yi¡|aq ‫ יצחק‬,‫שויכאת‬
doc. 17, n. 1 Šuwaykat, Lewi b. Šabbetay ‫ לוי ב''ר שבתי‬,‫שויכאת‬
doc. 4, n. 2 Šuwaykat, Mika’el ‫ מיכאל‬,‫שויכאת‬
doc. 31, n. 2 Šuwaykat, Mošeh ‫ משה‬,‫שויכאת‬
doc. 16, n. 1; doc. 20, n. Šuwaykat, Nissim ‫ נסים‬,‫שויכאת‬
1; doc. 30, n. 1
doc. 29, n. 3 Šuwani, Dawid ‫ דוד‬,‫שואני‬
doc. 4, n. 4; doc. 11, n. 2 Šuwani, Yi¡|aq ‫ יצחק‬,‫שואני‬
doc. 24, n. 2 Šuwani, ðayyim ‫ חיים‬,‫שואני‬
doc. 32, n. 1 Šuwani, Natan ‫נתן‬,‫שואני‬
doc. 24, n. 2; doc. 26, n. 2 Šuwani, Re’uven b. ðayyim ‫ראובן ב''ר חיים‬,‫שואני‬
doc. 24, n. 1 Šillem, Mošeh ‫ משה‬,‫שלאם‬
doc. 4, n. 3; doc. 24, n. 1 Šillem, Šalom b. Mošeh ‫ שלום ב''ר משה‬,‫שלאם‬
doc. 36, n. 3 Šelah b. Ya‘qub ‫שלה ב״ר יעקב‬
doc. 37, n. 4 Šelomoh ibn Sa‘id ‫שלמהא בן סעיד‬
doc. 6, n. 5 Termi, Mošeh ‫ משה‬,‫תרמי‬
3. Indice dei nomi in traslitterazione dall’ebraico

‘Aqav, ðasday doc. 22, n. 6


‘Aqav, Sa‘adyah doc. 27, n. 1; doc. 30, n. 2
Aqav, Šabbatin doc. 15, n. 6
‘Aqav, Šabbetay doc. 30, n. 4
‘Azar, Dani’el doc. 22, n. 8
‘Azar, Abner doc. 24, n. 5
‘Azar, ðasday b. Abner doc. 16, n. 6; doc. 21, n. 2; doc. 24, n. 5
‘Azaz, Marzuq doc. 1, n. 4
Bal‘am, Gedalya doc. 5, n. 6
Bal‘am, Nissim doc. 11, n. 1
Bal‘am, #a@on doc. 27, n. 2; doc. 28, n. 4
Bal‘am, Šemu’el doc. 29, n. 5
Bal‘am, Yi¡|aq doc. 5, n. 2
Bal‘am, Yosef ben Nissim doc. 17, n. 6; doc. 19, n. 2; doc. 30, n. 3; doc. 31, n. 1
bar Re’uven doc. 36, n. 2
Ba¥i, ðayyim doc. 4, n. 1; doc. 5, n. 7
Ba¥i, Mena|em doc. 34, n. 1
Bati, Mošeh doc. 31, n. 3
Ba¥i, Sabbet doc. 12, n. 1; doc. 16, n. 2
Ba¥i, Ya‘aqov doc. 34, n. 1
Berakah, Sa‘adi doc. 26, n. 3
Buasi, Merdok doc. 22, n. 2
BulfaraÞ, Avraham b. Pera|yah doc. 15, n. 2; doc. 38, n. 2, 5
BulfaraÞ, Far un doc. 2, n. 2
214 Mauro Perani

BulfaraÞ, Mošeh ben Siman ¦ov doc. 19, n. 2


BulfaraÞ, Siman ¦ov doc. 26, n. 1
Daina,‘Amram b. Rabbi Dawid doc. 38, n.6
Da’ud ibn Salman doc. 37, n. 10
Faÿlun ibn Da’ud doc. 37, n. 3
Faqqas, Sa‘adiah doc. 15, n. 3
Fiÿÿa, Šabbetay doc. 21, n. 3
Garisi, Mošeh doc. 35, n. 2
Geraci, Samuele da doc. 18, n. 1
Gindu¡, Mena|em doc. 26, n. 6
Girasi, Avraham doc. 9, n. 1
Girkanah, Šelomoh doc. 29, n. 1
ßubaira, Yi¡|aq doc. 26, n. 4
ðaddad, Berakah doc. 33, n. 2
ðaddad, Mena|em doc. 33, n. 3
ðaddad, Mika’el doc. 33, n. 4
ðaddad, Šabbetay doc. 33, n.1
ðandarel, ðayyim doc. 2, n. 3; doc. 3, n. 5; doc. 10, n. 2
Harun, Dawid doc. 2, n. 1; doc. 3, n. 4
Harun, Merduk doc. 5, n. 5
ðazzan, Merdok doc. 8, n. 1
ðazzan, Ya’qub doc. 37, n. 11
Išai, Šabbetay ben R. Mordekay doc. 38, n. 4
Kaftor, Šabbetay doc. 12, n. 2
Kalfah, Lewi doc. 23, 6
Kalfa, Mika’el doc. 11, n. 3
Kalfa, Samuele di doc. 17, n. 7
Kalfah, Yosef doc. 32, n. 6
Kalifah ðakim doc. 3, n. 3
Kiri, Elia doc. 1, n. 1; doc. 3, n. 2
Kiri, Ya‘aqov doc. 15, n. 6
Kiri, Mošeh ben Elia doc. 20, n. 3; doc. 25, n. 2
Kiri, Yi¡|aq doc. 29, n. 7
Kohen b. Yosef doc. 36, n. 5
Lewi, Eliyya doc. 31, n. 4
Lewi, David doc. 25, n. 4
Lewi, Šabbetay b. Šelomoh doc. 38, n. 1
Lewi, Šelomoh doc. 38, n. 1
Lewi, Šemu’el doc. 23, n. 7
Malti, Yi¡|aq doc. 9, n. 2
Maymon, Šabbatinel doc. 17, n. 3
Maymon, Šabbetay doc. 15, n. 1
Mazari, Abramo da doc. 1, n. 5; doc. 4, n. 5; doc. 17, n. 2
Mazari, Ya‘aqov doc. 21, n. 4; doc. 22, n. 4
Mazari, Yosef doc. 21, n. 1
Na|man, Isacco doc. 7, n. 2
Na|man, Mena em doc. 28, n. 1
Mošeh b. ‘Amram doc. 37, n. 6
Nogillah, Šabbetay doc. 10, n. 1
Pigilil, Braham doc. 21, n. 6
Le firme in giudeo-arabo degli ebrei di Sicilia 215

Qala‘i, Refa’el doc. 23, n. 2


Qala‘i, Yosef doc. 5, n. 3
Qala‘i, Lewi doc. 28, n. 3
Qala‘i, Šelomoh doc. 26, n. 7
QanÞulah, Bracha doc. 34, n. 5
QanÞulah, Mošeh doc. 18, n. 2; doc. 34, n. 6; doc. 35, n. 4
QanÞulah, Mattityah doc. 18, n. 3
Qanšulah, Yi¡|aq doc. 6, n. 4
Qavi¡, Lewi doc. 14, n. 1; doc. 16, n. 4; doc. 25, n. 1
Qavi¡, Mošeh doc. 34, n. 4; doc. 35, n. 3
Qavi¡, Ya‘aqov doc. 22, n. 3; doc. 29, n. 4; doc. 32, n. 4
Qavi¡, Yosef doc. 7, n. 1; doc. 16, n. 3
Qumay|ah, FarÞon doc. 2, n. 4
Re’uven b. Yi¡|aq doc. 36, n. 4
Sa‘adyah, bar Yi¡|aq doc. 37, n. 5
Šabbatinel, Maymon doc. 17, n. 3
Šabbetay ben Rabbi Mošeh doc. 20, n. 2
Sa‘dun, Šabbetay doc. 28, n. 7
Saheli, Sa‘adi doc. 25, n. 6; doc. 29, n. 6
Salam, Mošeh doc. 24, n. 1
Salam, Šalom b. Mošeh doc. 4, n. 3; doc. 24, n. 1
Saraqusi, Avraham doc. 1, n. 2; doc. 3, n. 1; doc. 22, n. 7
Saraqusi, Dawid doc. 32, n. 3
Saraqusi, El‘azar doc. 1, n. 3
Saraqusi, Šabbetay doc. 2, n. 5; doc. 3, n. 7
Saraqusi, Sabut doc. 17, n. 4
Saraqusi, Ya‘aqov (Yudah) doc. 16, n. 5; doc. 22, n. 1
Saraqusi, Yi¡|aq doc. 21, n. 5; doc. 32, n. 5
Ša’ul, b. ‘Amram doc. 37, n. 8
Ša’ul, Yi¡|aq doc. 5, n. 1
Šelah b. Ya‘qub doc. 36, n. 3
Šelomoh ibn Sa‘id doc. 37, n. 4
Summa¥, Eliyya doc. 24, n. 4
Summa¥, Gavri’el b. Eliyya doc. 24, n. 4; doc. 25, n. 3; doc. 29, n. 2; doc. 32, n. 2
Summa¥, Harun doc. 32, n. 7
Summa¥, b. ðayyim doc. 27, n. 3
Summa¥,84 Šemu’el doc. 11, n. 5; doc. 17, n. 5
Summa¥, Siman ¦ov doc. 5, n. 4
Šuwani, Dawid doc. 29, n. 3
Šuwani, ðayyim doc. 24, n. 2
Šuwani, Natan doc. 32, n. 1
Šuwani, Re’uven b. ðayyim doc. 24, n. 2; doc. 26, n. 2
Šuwani, Yi¡|aq doc. 4, n. 4; doc. 11, n. 2
Šuwaykat, Lewi b. Šabbetay doc. 17, n. 1; doc. 19, n. 1
Šuwaykat, Mika’el doc. 4, n. 2
Šuwaykat, Mošeh doc. 31, n. 2
Šuwaykat, Nissim doc. 16, n. 1; doc. 20, n. 1; doc. 30, n. 1
Šuwaykat, Yi¡|aq doc. 23, n. 4; doc. 28, n. 2
––––––––––––––
84
Vedi la grafia diversa dello stesso nome Zumma¥.
216 Mauro Perani

Šuwaykat, Yosef doc. 13, n. 2


Tavarmani, Eliyya doc. 22, n. 5; doc. 30, n. 5
Tavarmani, Zakarya doc. 16, n. 7
Termi, Mošeh doc. 6, n. 5
¦unninah, Merdok doc. 11, n. 7
¦unnina, Sabbetay doc. 3, n. 6
Wakil, Nissim b. Šelomoh doc. 38, n. 3
Wakil, Šabbetay doc. 26, n. 5
Wakil, Šelomoh doc. 24, n. 3
Wakil, Šemu’el doc. 15, n. 5
Wakil, Yi¡|aq doc. 23, n. 3; doc. 24, n. 3
Ya|yah b. Pera|yah doc. 37, n. 9
Ya‘qub, b. Rabbi Avraham doc. 37, n. 7
Ya‘qub, b. Eli‘ezer doc. 37, n. 2
Yehuda, b. Avraham doc. 37, n. 1
Yinni, ‘A@a’el doc. 6, n. 2
Yinni, Siman ¦ov doc. 23, n. 1
Yosef b. Harun doc. 36, n. 1
Zumma¥,85 Nissim doc. 23, n. 5

4. Indice dei nomi in siciliano86

Abati, Chaim doc. 4, n. 1; doc. 5, n. 7


[Abati, Iacob] doc. 34, n. 1
[Abati, Muxa] doc. 31, n. 3 (JS, VI, doc. 4334, 4336)
Abati, Sabet doc. 12, n. 1 ; doc. 16, n. 2 (JS, VI, doc. 4334, 4336)
Accavo, Gracianus de doc. 22, n. 6; doc. 28, n. 6
[Accavo], Sabatinu de Gracianu doc. 15, n. 6
Accavo, Sadias doc. 27, n. 1; doc. 30, n. 2
Accavo, Xibitellu doc. 30, n. 4
Adedi [Braya] doc. 33, n. 2
Adedi [Michael] doc. 33, n. 4
Adedi, [Minachem] doc. 33, n. 3
Adedi [Xibiteni] doc. 33, n. 1
Argento, Xibitellu de doc. 21 n. 3
Aron, David de doc. 2, n. 1; doc. 3, n. 4
Aron, Merdok doc. 5, n. 5
Assesi, Marzuco de doc. 1, n. 4
Azara, Daniel de doc. 22, n. 8
Azara, Gracianus [de Abner] doc. 12, n. 6; doc. 21, n. 2 ; doc. 24, n. 5
[Balam, Busacca] doc. 5, n. 2
[Balam, Gedalia] doc. 5, n. 6
Balam, Isacco doc. 5, n. 2
Balam, Josep / Joseph de Nissim doc. 17, n. 6; doc. 19, n. 2 ; doc. 30, n. 3; doc. 31, n. 1

––––––––––––––
85
Vedi la grafia diversa dello stesso nome Summat.
86
I nomi fra parentesi quadre non sono trascritti dal notaio, ma ricavati da altre ricorrenze in do-
cumenti diversi. La sigla JS con l’indicazione del volume e del n. di documento fra parentesi
tonde, indica che il nome si trova in Simonsohn (2003 e 2004).
Le firme in giudeo-arabo degli ebrei di Sicilia 217

[Balam, Minachem] doc. 13, n. 1


Balam, Nissim doc. 11, n. 1
Balam, Sausono / Sesi doc. 27, n. 2; doc. 28, n. 4
Balam, Xanguel doc. 29, n. 5
Benedicto, Sadoc de doc. 26, n. 3
Bulfarachi, Gaudius doc. 2, n. 2
Bulfarachi, Siminto doc. 26, n.1
Bulfarachio, Brayonus de doc. 15, n. 2; doc. 38, n. 2, 5
Bulfarachio, Muxa de Siminto doc. 19, n. 3
[Busacca, de Xaulo] doc. 5, n. 1
Busacca, Doc de doc. 22, n, 2
Cafisi, Iacop / Iacob de doc. 22, n. 3 ; doc. 29, n. 4 ; doc. 32, n. 4
Cafisi, Ioseph / Joseph de [doc. 7, n. 1]; doc. 16, n. 3
Cafisi, Levi de [doc. 14, n. 1]; doc. 16, n. 4; doc. 25, n. 1
[Cafisi, Muxa] doc. 34, n. 4; doc. 35, n. 3
[Caftor, Xibiteni] doc. 12, n. 2
[Canchula, Braya] doc. 34, n. 5
[Canchula Busacca] doc. 6, n. 4
Canchula, Isac doc. 6, n. 4
[Canchula, Muxa] doc. 18, n. 2; doc. 34, n. 6
[Castrojohanni, Ioseph de] doc. 5, n. 3
Castrojohanni, Levi doc. 28, n. 3
Castrojohanni, Raphael de doc. 23, n. 2 (JS, VI, doc. 3419, 3930)
Castro[johanni], Xalom de doc. 26, n. 7 (JS, VI, doc. 4023: xalonio?)
Chalifi lu Medicu doc. 3, n. 3
Chandarellu, Vita de doc. 2, n. 3 ; doc. 3, n. 5 ; doc. 10, n. 2 (JS, V, doc.
2710)
[Casseni, Merdoc] doc. 8, n. 1
Chirkena, Xalom doc. 29, n. 1
Commissu, Busac de doc. 23, n. 3 ; doc. 24, n. 3
[Commissu, Nissim] doc. 38, n. 3
Commissu, Xibitellu doc. 26, n. 5
Commissu, Xangueli doc. 15, n. 5
[Daina, David] doc. 38, n. 6
Faccas, magister Sadia doc. 15, n. 3
Furmintinu, Fariuni doc. 2, n. 4
Galfa, Ioseph de doc. 32, n. 6
Galfa, Levi de doc. 23, n. 6
Galfa, Micael de doc. 11, n. 3
Galfa, Xanguel de doc. 17, n. 7
Galiuni, Busac [doc. 4, n. 4]; doc. 11, n. 2 (JS, V, doc. 3029: Busanci?)
Galiuni, David doc. 29, n. 3
Galiuni, Natanaeli (?) de doc. 32, n. 1
Galiuni / Galionus, Robinus [de Muxa] doc. 24, n. 2; doc. 26, n. 2
Galiuni, Muxa doc. 24, n. 2
Gindusu, Manuel doc. 26, n. 6
[Ginni, Asaele] doc. 6, n. 2
Ginni, Siminto doc. 23, n. 1
Girachi, Abraam de doc. 9, n. 1
Girachi, Benedictu de doc. 6, n. 2 (JS, V, doc. 3092)
[Girachi, Muxa] doc. 35, n. 1 (JS, VI, doc. 4010)
218 Mauro Perani

Girachi, Xanguel de doc. 18, n. 1


Gracianu (Accavo), Sabatinu de doc. 15, n. 6
Hanchula, Mattatia doc. 18, n. 2
Hanchula, Muxa doc. 18, n. 3
Jubaira, Busacca doc. 24, n. 4
Levi, Davide de doc. 25, n. 4
[Levi, Helia] doc. 31, n. 4
Levi, Xamuel de doc. 23, n. 7
[Levi, Xibitello] doc. 38, n. 1
Maltisi, Gauyu doc. 9, n. 2
Mazara, Brachuni / Brachono de doc. 1, n. 5; doc. 4, n. 5; doc. 17, n. 2
Mazara, Iacob de doc. 21, n. 4; doc. 22, n. 4
Mazara, Ioseph de doc. 21, n. 1
[Merdoc, Xibitello de] doc. 38, n. 4
[Nacman], Busacca doc. 7, n. 2
[Nacman], Manuel Minachem doc. 28, n. 1
Nuchilla, Sabutu doc. 10, n. 1
Pichilillu, Brachonus doc. 21, n. 6
Pulvirecta, Busacca doc. 29, n. 7
Pulvirecta, Lia doc. 1, n. 1; doc. 3, n. 2
Pulvirecta, Iacob doc. 11, n. 6
Pulvirecta, Muxa de Lia doc. 20, n. 3; doc. 25, n. 2
Sabatinello, Maymuni de doc. 17, n. 3 (JS, V, doc. 3174)
[Sabutu de Muxa] doc. 20, n. 2
Saduni, Xibitello doc. 28, n. 7
Saeli, Sadia doc. 25, n. 6; doc. 29, n. 6
Sagictonu, Iudas doc. 28, n. 5
Sagictuni / Sagictono, Levi de Sabuto doc. 17, n. 1; doc. 19, n. 1 (JS, V, doc. 3130)
Sagictuni, Busac(ca) doc. 23, n. 4; doc. 28, n. 2 (JS, V, doc. 3109, JS, VI,
doc. 3640)
Sagictuni, Nissim doc. 16, n. 1; doc. 20, n. 1; doc. 30, n. 1
[Sagictuni], Yoseph doc. 13, n. 2
[Sagictuni], Michael doc. 4, n. 2
[Sagictuni, Muxa] doc. 31, n. 2
Saragusa / Siracusia, Sabutu de doc. 2, n. 5; doc. 3, n. 7; doc. 17, n. 4
Saragusa, Bracha de doc. 1, n. 2; 3, n. 1; doc. 22, 7
Saragusa, David doc. 32, n. 3 (JS, VI, doc. 4286)
Saragusa, Iacob de doc. 22, n. 1
Siracusa, Azarellu de doc. 1, n. 3
Siragusa / Saragusa, Busac doc. 21, n. 5; doc. 32, n. 5; doc. 32, n. 5
Siragusa, Iudas de (Ya‘aqov) doc. 16, n. 5
Summatu, [Aron] doc. 11, n. 4
Summatu, Gabriel [de Lia] doc. 24, n. 4; doc. 25, n. 3; doc. 29, n. 2; doc. 32, n. 2
Summatu, [Lia] doc. 24, n. 4
Summatu, Hakim Aron doc. 11, n. 4
Summatu, Haronus doc. 32, n. 7
Summatu, Nissim doc. 23, n. 5
Summatu, Samuele doc. 11, n. 5; doc. 17, n. 5
[Summatu, Siminto] doc. 5, n. 4
Summatu, Vita doc. 27, n. 3
Le firme in giudeo-arabo degli ebrei di Sicilia 219

Summatu, Xanguel(i) doc. 15, n. 4; doc. 17, n. 5


Tavulimina [da Taormina], Helia doc. 22, n. 5; doc. 30, n. 5
Tavulimina, Zaccarias de doc. 16, n. 7
[Termi, Muxa] doc. 6, n. 5
Tunnina, [Gerson] doc. 25, n. 5
[Tunnina, Merdok] doc. 11, n. 7
Tunnina, Xibiteni doc. 3, n. 6
[Xaulo, Busacca de] doc. 5, n. 1
Xibiteni Patuanus doc. 15, n. 1
Xillemi, [Muxa] doc. 24, n. 1
Xillemi, Xalom [de Muxa] doc. 4, n. 3; doc. 24, n. 1
Zicri, Maxalufu doc. 6, n. 1
Zicri, Abraham doc. 6, n. 3

5. Indice dei nomi presenti nei regesti

Abate, Muxa marito di Ricca Summatu doc. 27 (JS, VI doc. 4334, 4336)*
Abram, nipote di Milixa e Xalu Dila doc. 6
Accavo, Gracia figlia di Sabbatino doc. 25
Accavo, Graciano figlio di Sabbatino doc. 25
Accavo, Minina moglie di Sabbatino doc. 25
Accavo, Sabbatino de doc. 25
Accavo, Sadia figlio di Sabbatino doc. 25
Accavo, Sinisa figlia di Sabbatino
e di Gassuna in prime nozze doc. 25
Accavo, Stella figlia di Sabbatino e
moglie di Manuele Tavurmina doc. 25
Adedi, vedi Firraru Xibite doc. 33
Agarien, Acha fratello di Jacob e
figlio di Vita Agarien doc. 16
Agarien, Vita padre di Jacob doc. 16
Agarien, Jacob figlio di Vita doc. 16
Asesi, Sesi de doc. 16
Balam, Busacca doc. 14
Balam, Gindone de doc. 21
Balam, Manuele, figlio di Ricca e Manuele docc. 1, 2, 3
Balam, Joseph doc. 17
Barbaroso, Saden doc. 8, 12
Bonadonna, suocera di Chillucha doc. 34
Bulfarachio, Channa figlio di Farachio
e moglie di Daniel de Siragusia doc. 31
Bulfarachio, Farachi doc. 31
Bulfarachio, Hieremia figlio di Farachi doc. 31
Bullara, figlia di Rachila e Vita de Chalifi
e moglie di Sabuto de Sagictono doc. 19

––––––––––––––
*
Per la sigla JS vedi la nota 86; i nomi sono elencati secondo la resa dei vari notai.
220 Mauro Perani

Busacca, figlia di Sisa e Farachio de Lazzaro doc. 10


Cafisi, Bullara vedova di Xibitello de doc. 24
Cafisi, Joseph de doc. 20
Cafisi, Moxa figlio di Joseph doc. 20
Cafisi, Sadia figlio di Joseph doc. 20
Cafisi, Xibitello de doc. 24
Cafisi, Xibiteni figlio di Joseph doc. 20
Canchula, Bonadonna figlia di Sadone doc. 35
Canchula, Brachone fratello di Sadone doc. 35
Canchula, Iani cognato di Chillucha doc. 34
Canchula, Israele figlio di Sadone doc. 35
Canchula, Sadone doc. 35
Canchula, Xibite doc. 35
Chalifi, Busacca de, figlio di Vita doc. 17
Chalifi, Muxa de doc. 19
Chalifi, Sutayla figlia di Muxa doc. 19
Chalifi, Vita de docc. 17, 19
Channa, figlia di Gracia doc. 22
Channuna, vedova di Machalufo de Galiono doc. 23
Chillucha, moglie di Serni de Sanmarco doc. 34
Commissu, Busacca figlio di Salomone
e Gaudiosa, vedova di Salomone
Commissu doc. 28
Commissu, Salomone de doc. 28
Commissu, Xibitello figlio di
Salomone e Gaudiosa doc. 28
Contessa, moglie di Siminto de Girachi doc. 9
Daniele, figlio di Joseph e Farachio de Lazzaro doc. 10
David, Covino doc. 12
David, Serone de Aron doc. 4
Dila, Xalu doc. 6
Disiata, moglie di Daniel Saban doc. 18
Donnella, figlia di Contessa e
Siminto de Girachi doc. 9
Farachio, Lazzaro de doc. 10
Farihana, moglie di Graciano de Gabrieli doc. 32
Firraru, Xibite, detto Adedi doc. 33
Firraru, Joseph figlio di Xibite doc. 33
Firraru, Michaele figlio di Xibite doc. 33
Formione, Sabet de doc. 11
Gabrieli, Asisa figlia di Graciano doc. 32
Gabrieli, Graciano de doc. 32
Gabrieli, Brachone figlio di Graciano doc. 32
Gabrieli, Elia de, figlio di Graciano doc. 32
Gabrieli, Soreph figlio di Graciano doc. 32
Gabrieli, Zaccaria figlio di Graciano doc. 32
Gabrieli, Vita figlio di Graciano doc. 32
Galfa, Muxa de doc. 26
Le firme in giudeo-arabo degli ebrei di Sicilia 221

Galifi, Luna figlia di Muxa doc. 24


Galifi, Muxa doc. 24
Galiono, Busacca figlio di Siminto de doc. 26 (JS, V, doc. 3029)
Galiono, Covino de doc. 21
Galiono, Disiata figlia di Covino e
moglie di Muxa de Galfa doc. 21
Galiono, Disiata vedova di Muxa de Galfa doc. 26
Galiono, Gaudiosa figlia di Covino e
vedova di Gindone de Balam doc. 21
Galiono, Machalufo de doc. 23
Galiono, Merdochai figlio di Machalufo doc. 23
Galiono, Merdochai nipote di Machalufo doc. 23
Galiono, Milicha, figlia di Machalufo
e sposa di Gabriele de Summato doc. 23
Galiono, Missuda figlia di Covino e
moglie di Xibitello Ginduso doc. 21
Galiono, Robino de, marito di
Ventura Summato doc. 30
Galiono, Saura moglie di Merdochai
di Machalufo doc. 23
Galiono, Sictuta, vedova di
Brachone de Tripoli doc. 23
Galiono, Simica sorella di Joseph medico,
moglie di Busacca de Siracusia doc. 30
Galiono, Siminto fratello di Disiata doc. 26
Galiono, Siminto figlio di Covino doc. 21
Galiono, Stella figlia di Covino e di Agnese doc. 21
Galiono, Stella figlia di Machalufo doc. 23
Galiono, Sucha, figlia di Magalufo e
sposa di Joseph Maymuni doc. 23
Galiono, Xibitello de doc. 26
Galiono, Xibitello figlio di Covino doc. 21
Gaudiosa, figlia di Disiata Galiono doc. 26
Gaudiosa, figlia di Vita de Chalifi doc. 17
Gaudiosa, nipote di Machalufo doc. 23
Gaudiosa, vedova del medico Joseph Summato doc. 13
Gaudiosa, vedova di Sabet de Formione doc. 11
Gaudiosa, vedova di Salomone Commissu doc. 28
Gaudiosa, vedova di Serone di Aron doc. 4
Ginco, Channa de doc. 22
Ginco, Juda de, figlio di Channa doc. 22
Ginco, Xaulo de, figlio di Channa doc. 22
Ginni, Siminto doc. 8
Girachi, Siminto de doc. 9
Iani, cognato di Chillucha, moglie di
Serni de Sanmarco doc. 34
Jacob, Sermone de Aron doc. 4
Jhana doc. 34
222 Mauro Perani

Joseph doc. 22
Joseph, Lazaro de, figlio di Sisa e
Farachio de Lazzaro doc. 10
Jubaira, Gabriele de, sposa di
Perna de Sommato doc. 13
Juda, figlio di Joseph de Lazzaro doc. 10
Lagaina, nipote di Busac Summatu doc. 27
Marzuca, moglie di Joseph Cafisi doc. 20
Medico, Gaudio de doc. 11
Milexa, madre di Vita de Chalifi doc. 17
Milicha, vedova di Leone Cuny e sorella
di Ricca, moglie di Manuele Balam doc. 2
Miliena, moglie di Sadia de Cafisi,
figlia di Sisa e Farachio de Lazzaro doc. 10
Milixa, moglie di Xalu Dila doc. 6
Muxa, nipote di Milixa e Xalu Dila doc. 6
Nissi, figlio di Serni di Sanmarco doc. 34
Nucilla, Leone de doc. 7
Perna, figlia di Gaudiosa e Joseph de Summato doc. 13
Perna, figlia di Muxa de Chalifi doc. 19
Perna, figlia di Sisa e Farachio de Lazzaro,
moglie di Zaccarello de Xaulo doc. 10
Perna, moglie di Covino de Galiono doc. 21
Perna, moglie di Vita Agarien doc. 16
Rachele, sorella di Chillucha doc. 34
Rachila, nipote di Disiata Galiono doc. 26
Rachila, vedova di Vita de Chalifi doc. 19
Ricca, moglie di Manuele Balam doc. 1, 2, 3
Ricca, moglie di Rayamino de Saragusa doc. 15
Saban, Alamanna figlia di Daniel doc. 18
Saban, Bonamico figlio di Daniel doc. 18
Saban, Contissa figlia di Daniel doc. 18
Saban, Daniel doc. 18
Saban, Muxa figlia di Daniel doc. 18
Sadia, figlia di Gaudiosa, nipote di
Rachila de Chalifi doc. 19
Sagara, figlia di Gracia doc. 22
Sagictono, Bullara figlia di Sabatello doc. 5
Sagictono, Joseph figlio di Sabatello doc. 5
Sagictono, Juda figlio di Sabatello doc. 5
Sagictono, Sabatello de doc. 5
Sagictono, Sabuto de doc. 19
Sala, Bracha figlio di Chaym doc. 29
Sala, Chaym doc. 29
Sala, Gaudiosa figlia di Chaym doc. 29
Sala, Gracia figlia di Chaym doc. 29
Sala, Rachele figlia di Chaym doc. 29
Sala, Xibitello figlio di Chaym doc. 29
Le firme in giudeo-arabo degli ebrei di Sicilia 223

Sana doc. 34
Sanmarco, Serni de doc. 34
Sanmarco, Vita de doc. 34
Saragusa, Nissim de, figlio di Rayamino doc. 15
Saragusa, Rayamino de doc. 15
Sesa, figlio di Joseph Cafisi e Marzuca doc. 20
Shuchina, Merdoch de doc. 14
Sictuta, figlia di Vita de Chalifi doc. 17
Sieli, Jacopo nipote di Bullara Cafisi doc. 24
Siracusia, Busacca de docc. 27, 30
Sisa, moglie di Farachio de Lazzaro doc. 10
Stella, figlia di Gracia doc. 22
Stella, figlia di Xua Summato doc. 28
Stella, moglie di Chaym Sala doc. 29
Stella, moglie di Busac de Summatu doc. 27
Stella, nipote di Machalufo doc. 23
Stella, sorella di Disiata Galiono doc. 26
Stella, vedova di Farachi de Bulfarachio doc. 31
Summato, Joseph medico docc. 13, 30
Summato, Micaele zio di Joseph Summato doc. 30
Summato, Micael fratello di Busac, medico, doc. 27
Summato, Ventura sorella di Joseph medico doc. 30
Summato, Xua de docc. 7, 28
Summatu, Bonaventura figlia di Busac de doc. 27
Summatu, Busac, medico doc. 27
Summatu, Gaudiosa figlia di Busac, medico
e sposa di Busacca de Siragusia doc. 27
Summatu, Joseph figlio di Busac e Stella doc. 27
Summatu, Perna moglie di Xua de doc. 22
Summatu, Ricca figlia di Busac
e moglie di Muxa Abate doc. 27
Summatu, Xua de doc. 22
Suna, figlia di Joseph doc. 22
Xassuna, vedova di Sabatello de Sagictono doc. 5
Xaulo, Zaccarello de doc. 10
Xibite, nipote di Milixa e Xalu Dila doc. 6
Xibitello, nipote di Gaudiosa,
vedova di Salomone Commissu doc. 28
224 Mauro Perani

Bibliografia

Fonti d’archivio e manoscritte


Archivio di Stato di Palermo (ASP), Notarile 1a Stanza, Notaio Ferdinando Giuffrida, registri
1380, 1382, 1383, 1384, 1386, 1388bis e 1389.
Biblioteca Comunale di Palermo, G. Battista Caruso, Notizie Di Polizzi, manoscritto del XVIII
sec. ai segni Qq F 45-46.
Sezione di Archivio di Stato di Sciacca (SASS), Notarile di Sciacca, Notaio Andrea Liotta, regg.
2 e 21; Notaio Antonino Giuffrida, reg. 9; Notaio Amato Messana, reg. 20; Notaio Pietro
Randazzo, reg. 27; Notaio Gerardo Randazzo, reg. 24; Notarile di Caltabellotta, Notaio
Pellegrino Verderame, regg. 14 e 17.
Sezione di Archivio di Stato di Termini Imerese (SASTI), Notarile di Polizzi, Notaio Ludovico
Bentivegna, reg. 10.849, Notaio Giovanni Perdicaro, reg. 10.845 e del Notaio Andrea
Miraldo, reg. 12.482.
Studi
AA.VV. (1994) L’età normanna e sveva in Sicilia. Mostra storico documentaria e bibliografica.
Palermo.
AA.VV. (1995) Gli ebrei in Sicilia sino all’espulsione del 1492. Atti del V Convegno
internazionale di Italia Judaica (Palermo 1992). Roma.
Amari, Michele (1971) Le epigrafi arabiche di Sicilia, trascritte, tradotte e illustrate, a c. di F.
Gabrieli. Palermo (rist.).
Ashtor, Eliyahu (1979) Palermitan Jewry in the Fifteenth Century. Hebrew Union College
Annual 50: 219-51. Cincinnati.
Barbera, Giuseppe (1940), Dizionario Maltese-Arabo-Italiano, 4 voll. Beirut.
Ben Sasson, Menahem (1991) The Jews of Sicily 825-1068: Document and Sources. Orient
Judaicus Ser. I, vol. I: 104-105. Jerusalem.
Borgese, Carlo (1999) Documenti editi ed inediti su Polizzi Generosa e sul comprensorio delle
Madonie. Palermo.
Bresc, Henri (1971) Livre et societé en Sicilie. Palermo.
— (2001) Arabi per lingua, Ebrei per religione. Messina.
Bresc, Henri – Shlomo D. Goitein (1970) Un inventaire dotal de juifs siciliens (1479). Mélanges
d’Archéologie et d’Histoire 82: 903-17. Paris.
Bucaria, Nicolò et al. a c. (2002) Ebrei e Sicilia (Cat. Esp.). Palermo.
Burgaretta, Dario (2004) Un documento giudeo-arabo siciliano conservato a Siracusa. Italia 16:
7-39. Jerusalem.
— (2005) La ketubbah di Caltabellotta. In questo stesso vol., pp. 1-26.
Cusa, Sebastiano (1868-82) I diplomi greci e arabi di Sicilia, I/1-2. Palermo.
el-Madkouri Maataoui, Mohamed (2004) Los arabismos en el judeo-hispano-marroquí (hakitía).
Tonos, Revista electrónica de estudios filológicos 8, diciembre 2004 [http://www.um.es/
tonosdigital/znum8/estudios/6-madkouri.htm#_ftn1].
Giuffrida, Antonino – Benedetto Rocco (1976) Documenti giudeo-arabi nel secolo XV a
Palermo. Studi Magrebini 8: 53-110. Napoli.
Giunta, Francesco (1995) Il Fondo Sicilia dell’Archivio della Fondazione Medinaceli di Siviglia,
in AA.VV. (1995) Del nuovo sulla Sicilia musulmana – Atti della Giornata di Studio
(1993), 153-65. Roma.
Golb, Norman (1973) A Judeo-Arabic Court Document of Syracuse, A.D. 1020. Journal of Near
Eastern Studies 32: 105-23. Chicago.
Grunert, Max T. (1876) Die Imala, der Umlaut im Arabischen. Wien.
Le firme in giudeo-arabo degli ebrei di Sicilia 225

Isserliu, B. (1977) Sicilian Arabic and Maltese: some Remarks on their Phonetic Interrelations.
Journal of Maltese Studies 11: 22 s. Malta.
Mahler, Eduard (1916) Handbuch der Jüdischen Chronologie. Leipzig.
Marçais, Philippe (1977) Esquisse grammaticale de l’arabe maghrebin. Paris.
Marrone, Antonino (2000) Ebrei e Giudaismo a Bivona (1428-1547). S. Stefano Quisquina.
Morso, Salvatore (1827) Descrizione di Palermo antico. Palermo2.
Perani, Mauro (in stampa 1) Le firme in ebraico e in giudeo-arabo dei Bulfarag, famigliari di
Guglielmo Raimondo Moncada, in atti dei notai di Sciacca e Caltabellotta, in M. Perani (a
c.) Caltabellotta città natale di Guglielmo Raimondo Moncada nel contesto dell’ebraismo
di Sicilia (Atti Conv. Caltabellotta 2004).
— (in stampa 2) I colophon dei manoscritti ebraici copiati in Sicilia, in La cultura ebraica in
Sicilia tra XI e XV secolo (Atti Conv. Palermo 2004). Palermo.
Piemontese, Angelo Michele (2002) Codici giudeo-arabi di Sicilia, in Bucaria 2002: 179-83.
Rocco, Benedetto (1983) Un documento giudeo-arabo a Trapani nel secolo XV, in G. Motta (a
c.) Studi dedicati a C. Trasselli, 577-81. Soveria Mannelli [anche in Sicilia Archeologica
51 (1983) 67-69].
— (1986) La formula finale del Sacramentum Iudeorum. Bollettino Centro Studi Filologici e
Linguistici Siciliani 15: 408-14. Palermo.
— (1992) Iscrizione giudeo-araba a Messina. Vetera Christianorum 29: 345-57. Bari.
— (1995) Le tre lingue usate dagli ebrei in Sicilia dal XII al XV secolo, in AA.VV. 1995: 355-
69.
— (1998) Il Giudeo-arabo e il siciliano nei secoli XII-XV: influssi reciproci, in G. Ruffino (a c.)
Atti del XXI congresso internazionale di linguistica e filologia romanza (Palermo 1995) 4:
539-45. Palermo.
Scandaliato, Angela (1993) La Giudecca di Caltabellotta nel XV secolo. La Fardelliana 12: 47-
63. Trapani.
— (1999) L’ultimo canto di Ester: donne ebree del medioevo in Sicilia. Palermo.
— (2000-1) Sviluppo urbano e aspetti di vita ebraica a Caltabellotta attraverso alcune carte
notarili. Sefer Yu|asin 16-17: 7-30. Cassano delle Murge [2002].
— (2002) Note sugli ebrei di Polizzi Generosa nel XV secolo. Materia giudaica VIII/1: 105-11.
Firenze.
— (2004) Le radici familiari e culturali di Guglielmo Raimondo Moncada ebreo convertito del
Rinascimento, nell’“Isola dello specchio”, in M. Perani (a c.) Una manna buona per Man-
tova – Man Tov le-Man Tovah. Studi in onore di Vittore Colorni per il suo 92° complean-
no, 203-40. Firenze.
Scandaliato, Angela – Maria Gerardi (1992) La Giudecca di Sciacca tra XIV e XV secolo.
Castelvetrano.
— (1994-95) Lingua, istruzione e scuole dell’Ebraismo siciliano nel Medioevo. Sefer Yu|asin
10-11: 23-42. Cassano delle Murge [1996].
— (1995) Studium judeorum terrae Saccae, in AA.VV. 1995: 438-52.
Shibi, I.B. (1987) Αγκαδά σελ Πέσαχ (Hagadah shel Pesach). Salonicco.
Simonsohn, Shlomo (1963) Gli ebrei a Siracusa e il loro cimitero. Archivio Storico Siracusano 9:
8-20. Siracusa.
— (2003) The Jews in Sicily, 5. 1440-1457. Leiden et al.
— (2004) The Jews in Sicily, 6. 1458-1477. Leiden et al.
Sparti, Aldo (1994) Il Fondo Messina nell’Archivio della Casa Ducale Medinaceli di Siviglia, in
G. Fallico, A. Sparti (a c.) Messina: il ritorno della memoria (Cat. Esp. 1994), 191-99.
Messina.
— (1997) Un caso singolare nella storia degli archivi: il “fondo Messina” nell’Archivio Ducale
Medinaceli di Siviglia, in AA.VV., Il futuro della memoria, Atti del Convegno internazione
226 Mauro Perani

di studi sugli archivi di famiglie e di persone. Capri, 9-13 settembre 1991 (Pubblicazioni
degli Archivi di Stato, Saggi 45) 368-86. Roma.
Steinschneider, Moritz (1877-82) I manoscritti arabici in caratteri ebraici. Bollettino Italiano de-
gli Studi Orientali n.s.: 65-69, 82-87, 128-34, 333, 361-69. Firenze.
— (1893) Schriften der Araber in hebräischen Handschriften, ein Beitrag zur arabischen Biblio-
graphie. Zeitschrift der Deutschen Morgenländischen Gesellschaft 48: 335-84. Leipzig.
Tamani, Giuliano (1983) Manoscritti ebraici copiati in Sicilia. Henoch 15: 107-12. Torino.
Toaff, Ariel (1989) Il vino e la carne. Una comunità ebraica nel Medioevo. Bologna.
Trasselli, Carmelo (1977) Società ed economia a Sciacca nel XV secolo. Cosenza.
Wansbrough, John (1967) A Judeo-arabic Document from Sicily. Bullettin of the School of
Oriental and African Studies 30: 305-13. London.
Wettinger, Godfrey (1979) Late Medieval Judeo-Arabic Poetry in Vatican Ms. 411: Links with
Maltese and Sicilian Arabic. Journal of Maltese Studies 13: 1-16. Malta.
— (1985) The Jews of Malta in the late Middle Ages. Malta.
Le firme in giudeo-arabo degli ebrei di Sicilia 227

Tav. I – Documento n. 10.


228 Mauro Perani

Tav. II – Documento n. 11.


Le firme in giudeo-arabo degli ebrei di Sicilia 229

Tav. III – Documento n. 12.


230 Mauro Perani

Tav. IV – Documento n. 13.


Le firme in giudeo-arabo degli ebrei di Sicilia 231

Tav. V – Documento n. 15.


232 Mauro Perani

Tav. VI – Documento n. 16.


Le firme in giudeo-arabo degli ebrei di Sicilia 233

Tav. VII – Documento n. 17.


234 Mauro Perani

Tav. VIII – Documento n. 19.


Le firme in giudeo-arabo degli ebrei di Sicilia 235

Tav. IX – Documento n. 22.


236 Mauro Perani

Tav. X – Documento n. 23.