Sei sulla pagina 1di 2

L’anatra presuntuosa

L’anatra Pluf era un’anatra molto sciocca che pensava di essere


superiore agli altri. Aveva un aspetto fantastico ed era sempre
pulita e vestita in modo impeccabile.
– Vieni, Pluf, vieni a giocare con noi nello stagno! – disse il
tacchino, allegramente.
– Bah! Nello stagno? Cosa pensi che io sia, mio caro? Sono
un’anatra distinta, te lo sei dimenticato? – rispose l’anatra
superba.
Stanchi di tanta presunzione, i suoi amici decisero di fargli un
bello scherzo… Ah, ah! Un giorno, mentre erano tutti vicino a
un piccolo ruscello che scorreva vicino al villaggio, uno di loro
cominciò a correre urlando:
– Aiuto, c’è il fuoco nella foresta, scappate!
Senza esitare un attimo, PIuf si gettò per prima nell’acqua,
vestita di tutto punto, tuffandosi di testa e rischiando anche di
rompersi il becco contro il fondo. Immagina come è uscita
dall’acqua… Coperta di fango e tutto bagnata! Sembrava una
barbona.
Tutti i suoi amici ridevano come matti; E lei, l’anatra
presuntuosa, era proprio ferita nell’orgoglio… Ma questa fu una
lezione perché, dopo quest’avventura, divenne molto più
simpatica e tornò ad essere la semplice anatra che tutti
avevano conosciuto e amato.

RISPONDI:
1) Come si chiama l’anatra?
2) Cosa risponde al tacchino che la invita a giocare?
3) Cosa succede ad un certo punto della storia?
4) Come finisce la storia?
5) E tu che cosa pensi del comportamento di quest’anatra?