Sei sulla pagina 1di 3

Modulo 1 Fare grafica

7. Il canone Vignelli
Massimo Vignelli, (1931-2015), è stato un desi- Semantica
gner italiano che ha vissuto a New York per la “Ho sempre detto che ci sono tre aspetti nel de-
maggior parte della sua vita professionale e che sign che sono importanti per me: semantica, sin-
firmava i suoi lavori con la moglie Lella. tassi e pragmatica. Esaminiamoli uno per volta.
Si è occupato di graphic design, ha curato Semantica, per me, è la ricerca del signifi-
l’immagine grafica di importanti industrie, ha cato di ciò che dobbiamo progettare.
disegnato packaging di prodotti, ha progettato La primissima cosa che devo fare ogni volta
numerosi oggetti, interni e segnaletiche am- che inizio un nuovo incarico in ogni settore di
bientali. Lo stile di Vignelli è per certi versi ri- design, grafica, prodotto, mostra o design di in-
conducibile alla tradizione modernista e si fo- terni è di capire il suo significato. Può iniziare
Massimo e Lella Vignelli calizza sulla semplicità e sull’impiego di forme con una ricerca sulla storia del soggetto per com-
geometriche di base. prendere meglio la natura del lavoro e per tro-
Foto da “Vogue”, 2011
Sul suo sito ha pubblicato nel 2008 il “Ca- vare la più appropriata direzione allo sviluppo
none Vignelli”, un opuscolo scaricabile libera- del nuovo progetto.
mente, considerato un vero e proprio punto di La ricerca può prendere diverse direzioni in
riferimento da chi lavora nel settore. Con una relazione al soggetto. Può essere la ricerca di più
scrittura sintetica, Vignelli enuncia i principi del informazioni sull’azienda, sul prodotto, sulla
suo design grafico, e nella seconda parte espone sua collocazione sul mercato, sulla concorrenza,
le regole fondamentali della composizione. sulla sua destinazione, sull’utente finale, o in-
I testi del Canone Vignelli sono di Massimo vece sul vero significato del soggetto e delle sue
Vignelli. Traduzione e adattamento di Giovanni radici semantiche.
Federle e Luca Cerasoli. È estremamente importante, per un risul-
tato soddisfacente di ogni progetto, impiegare il
tempo nella ricerca dei significati precisi ed es-
senziali, investigare la loro complessità, impa-

Progetti dello studio


Vignelli

M ô ë
M è
¢
E è
ƒ è

d ê
Massimo e Lella Vignelli

Gli strumenti del grafico


n ¢ ê 9 y

rando qualcosa sulle loro ambiguità, compren- questo che è importante che i giovani designer si
dere il contesto dell’uso per meglio definire i addestrino da sé ad iniziare il processo di design
parametri coi quali dovremo operare. Inoltre è nel modo corretto: l’unico modo che possa arric-
utile seguire le nostre abilità intuitive e diagno- chire il loro lavoro.
stiche per incanalare la ricerca ed arrivare a una La semantica, nel design, significa compren-
definizione più conscia del problema che ci tro- dere il soggetto in tutti i suoi aspetti, per porre
viamo tra le mani. in relazione il soggetto emittente con il ricevente
La semantica è ciò che dà delle vere basi al in modo tale da dare un senso ad entrambi. Si-
corretto avvio dei progetti, al di là di ciò che po- gnifica progettare qualcosa che abbia un signifi-
trebbero diventare. Alla fine, la semantica di- cato o uno scopo preciso, indirizzato ad un pre-
venta una parte essenziale dell’esistenza del de- ciso target. Quante volte vediamo un design che
signer, una componente cruciale del processo non ha significato: strisce e pennellate di colore
naturale del design e del punto col quale iniziare schizzato tra le pagine senza alcuna ragione.
a progettare. Beh, sono addirittura senza significato o incredi-
La semantica indicherà anche la forma più bilmente volgari o criminali.
appropriata per quel soggetto particolare che Sfortunatamente, vi sono designer e gente
possiamo interpretare e trasformare in accordo di marketing che intenzionalmente guardano il
con le nostre intenzioni. consumatore con l’idea che la volgarità eserciti
Inoltre, è importante distillare l’essenza un richiamo forte sulle masse, e di conseguenza
della ricerca semantica attraverso un processo riforniscono il mercato con un continuo flusso di
complesso, basato specialmente sull’intuito, per design crudo e volgare. Considero quest’azione
fondere il design con tutti gli input cognitivi ri- criminale, in quanto produce una corruzione
chiesti, senza sforzo e nel modo più naturale visuale che degrada il nostro ambiente proprio
possibile. È come in musica, quando sentiamo la come qualsiasi altro tipo di inquinamento.
melodia conclusa e senza conoscere tutti i pro- Non tutte le forme di comunicazione ver-
cessi che il compositore ha dovuto seguire prima nacolare sono necessariamente volgari, anche
di giungere al risultato finale. Il design senza se- se spesso lo sono. La volgarità implica l’inten-
mantica è superficiale e privo di significato, ma zione sfacciata di una forma d’espressione che
sfortunatamente è anche onnipresente, ed è per per scopo ignora e va oltre ogni forma di cultura

Ö
Modulo 1 Fare grafica

stabilita. Nel nostro mondo contemporaneo di- a consistenza sintattica è d’enorme impor-
venta via via più difficile trovare forme oneste di tanza nel disegno grafico come lo è in tutte le im-
comunicazione vernacolare come ne esistevano prese umane. Le griglie sono alcuni dei diversi
nel mondo preindustriale. strumenti che aiutano i designer a raggiungere
la consistenza sintattica nel disegno grafico.
Sintassi
Mies (Ludwig Mies van der Rohe, 1886-1969), il Pragmatica
mio grande mentore, disse: ‘Dio è nei dettagli’. Qualunque cosa facciamo, se non è stata capita,
Quella è l’essenza della sintassi, la disciplina che determina il fallimento della comunicazione ed
controlla l’uso proprio della grammatica nella è uno sforzo sprecato.
costruzione di frasi e nell’articolazione di un lin- Noi progettiamo cose che pensiamo siano se-
guaggio. manticamente corrette e sintatticamente consi-
La sintassi del design è composta da vari ele- stenti, ma se nel momento della fruizione nes-
menti nella natura del progetto. Nel disegno gra- suno comprende il risultato o il significato di
fico, per esempio, sono la struttura soprastante, tutto lo sforzo, l’intero lavoro è inutile. Alcune
la griglia, i caratteri, il testo, le illustrazioni, ecc. volte c’è bisogno di qualche spiegazione, ma è
La consistenza di un design è composta dalla meglio quando non è necessaria.
relazione appropriata dei vari elementi sintattici Ogni artefatto dovrebbe reggere in tutta
del progetto: come il carattere viene rilasciato la sua chiarezza, altrimenti manca qualcosa di
sulla griglia e scorra da pagina a pagina attra- molto importante. In ultima istanza, il fine è la
verso l’intero progetto. O come la dimensione di chiarezza del prodotto (o l’evidenza dei suoi di-
un carattere in relazione a qualsiasi altro. O come fetti) durante la fase di progettazione. È impor-
le immagini sono in relazione con qualsiasi altra tante comprendere il punto di partenza e tutti i
e come le parti sono in relazione nell’insieme. presupposti di ogni progetto per capirne piena-
Ci sono modi per accertarsi che tutto questo sia mente il risultato finale e misurarne l’efficacia.
corretto, così come esistono elementi che sono La chiarezza dell’intenzione si tradurrà nella
scorretti e dovrebbero essere eliminati. chiarezza del risultato; ciò è di enorme impor-
tanza nel design. I progetti confusi e complicati
rivelano una mente ugualmente confusa e com-
plessa. Amiamo le complessità; ma odiamo le
complicazioni! Detto questo, devo aggiungere
che a noi piace un design vigoroso. Non ci piace
il design fiacco. Ci piace il design che sia intellet-
tualmente elegante, che esprima eleganza della
mente e le buone maniere. Un’eleganza che sia
l’opposto della volgarità. Ci piace il design che
vada oltre la moda e i capricci temporanei.
A noi piace il design che sia il più possibile
senza tempo. Disprezziamo la cultura della ob-
solescenza. Sentiamo l’imperativo morale di
progettare cose che durino per molto tempo. È
con questo insieme di valori che approcciamo il
design ogni giorno, indipendentemente da cosa
potrebbe essere: bi o tri dimensionale, grande o
piccolo, ricco o povero.
Il design è uno!”

ƢƠ Gli strumenti del grafico