Sei sulla pagina 1di 1

Analisi musica per archi,celesta e percussioni ( primo mov.

E' una composizione seriale, strutturata in 4 movimenti:


il primo movimento, un andante tranquillo, è una fuga, in cui il soggetto utilizza tutti i semitoni tra
LA e MI, possiamo quindi inquadrare la Quinta come circostrizione intervallare.

Il tema proposto alla viola è suddivisibile in 4 segmenti e se volessimo ordinarli in modo cromatico
possiamo inquadrare il La come centro tonale.

L'entrata del soggetto di fuga avviene in modo progressivo dalle singole sezioni ad altezze
determinate dal circolo delle quinte:

prima entrata: La (viole)

seconda entrata: una quinta sopra, Mi (violini)

terza entrata. Una quinta sotto, Re (violoncelli)

quarta entrata: una quinta sotto( contrabbassi)

la fine dell'esposizione fugata finisce a battuta 21, dove inizia un secondo episodio in cui si
susseguono una serie di strutture musicali come un canone a due parti(battuta 26) e uno stretto a
battuta 34. ma andando subito a concentrarsi sull'aspetto timbrico, in questa sezione avviene
l'ingresso delle percussioni, che sposta l'attenzione percettivo-uditiva sul continuo crescendo
dinamico.

L'ingresso della celesta porta una novità timbrica con l'esposizione del tema di fuga nella forma
nella forma di presentazione diretta e nella sua inversione ma vengono sostenute da un pedale di
Mib come a voler sancire la struttura tonale del movimento.

É molto evidente in Bartok e in questa composizione soprattutto il continuo riferimento alla sezione
Aurea come principio formale di equilibrio e proporzione armonica.

Possiamo infatti considerare il primo movimento come l'insieme di più sezioni, divise in più
sottosezioni tutte secondo i numeri della serie di Fibonacci:
infatti il movimento è l'insieme di 89 misure( ultimo numero della serie).
(1-21 esposizione del tema, 21-25 dissolvimento del tema, 26-34 inizia il canone,45 primo forte,
crescendo di piatti e fortissimo, 56 climax, 65 primo silenzio dal climax, 68 fine dello stretto, 78
inizio dell'arpeggio di celesta, 89 fine del movimento)

É stato interessante notare attraverso la lettura di uno scritto di Lendvai come Bartok, divida una
porzione di struttura formale in due parti: porzione positiva e porzione negativa, assumendo come
positiva la porzione maggiore delle due, che sarebbe costituita dall'intensificazione del materiale e
con la crescita dinamica, al contrario quella negativa, contiene svuotamento dinamico e
assottigliamento del materiale musicale.