Sei sulla pagina 1di 30

 

  
 

ISTRUZIONI DI SANIFICAZIONE SPEDITIVA


DI CABINE DI GUIDA DI AUTOMEZZI AZIENDALI
A FINI DI PREVENZIONE DEL CONTAGIO COVID-19  

Versione  03 del 27/05/2020  

 
 
Redatto da: Ing. DAVIDE LEVO   
www.linkedin.com/in/dlevo
   
 

Avvertenza
Le informazioni riportate nel presente documento sono basate sulla normativa vigente alla data odierna e sulle più autorevoli
interpretazioni ad esse correlate, elaborate al meglio delle conoscenze del tecnico redattore. Ciò nonostante, tali informazioni
potrebbero non essere prive di errori e potrebbero in ogni momento non risultare complete, precise o aggiornate.
Il tecnico redattore declina ogni responsabilità riguardo alla completezza e all'aggiornamento di dati e informazioni forniti nel
presente documento. Il tecnico redattore non assume alcun obbligo e declina ogni responsabilità che possa derivare da
imprecisioni, omissioni o impropria applicazione dei contenuti del presente documento.

Copyright
© 2020 DAVIDE LEVO (LVEDVD67S29A052O). Alcuni diritti riservati. Questa pubblicazione è
disponibile entro i limiti stabiliti dalla licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale -
Non opere derivate 4.0 Internazionale. Per leggere una copia della licenza visita il sito web
http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/4.0/.

   
ISTRUZIONI DI SANIFICAZIONE DI CABINE DI GUIDA DI AUTOMEZZI AZIENDALI A FINI DI PREVENZIONE DEL CONTAGIO COVID‐19  
Versione 03 del 27/05/2020 ‐ Redatto da: Ing. DAVIDE LEVO  Pagina 2 di 30 
   
 

Revisione Data Oggetto

00 27/03/2020 Prima emissione.

01 30/03/2020 Seconda emissione. Prima revisione.

02 04/05/2020 Terza emissione. Seconda revisione.


Modifiche apportate:
‐ aggiornati i tempi di persistenza virale;
‐ precisato il concetto di sanificazione;
‐ ampliate le informazioni circa prodotti disinfettanti e strumenti di sanificazione;
‐ inserito un focus sull’ozono;
‐ illustrate le criticità sul tempo di contatto dei disinfettanti;
‐ integrate le modalità di pulizia delle superfici interne;
‐ introdotta nuova sezione per la sanificazione di parti e attrezzature esterne;
‐ ampliati i casi di sanificazione straordinaria o approfondita;
‐ ampliate le linee guida per l’impiego degli automezzi ad uso condiviso;
‐ aggiornato l’elenco delle definizioni ed acronimi;
‐ aggiornate le informazioni relative ai nuovi riferimenti normativi e tecnici;
‐ apportate correzioni editoriali varie.

03 27/05/2020 Quarta emissione. Terza revisione.


Modifiche apportate:
‐ inseriti nuovi riferimenti alla Circolare Ministero Salute 17644/2020;
‐ precisato l’obbligo di pulizia a fine turno;
‐ aggiornati i tempi di persistenza virale;
‐ inseriti focus su disinfezione mediante vapore e arerosol di cloro e perossido
idrogeno; eliminata la corrispondente possibilità di sanificazione;
‐ inserita possibilità di crono-disinfezione;
‐ inserita raccomandazione circa il kit personale di sanificazione;
‐ migliorato l’elenco delle parti esterne da sanificare;
‐ precisate le possibilità di impiego dell’aspirapolvere in casi speciali;
‐ precisate le possibilità di impiego del condizionatore aira in casi speciali;
‐ inserito obbligo di registrazione delle attività di sanificazione;
‐ migliorato l’elenco delle fattispecie per la sanificazione straordinaria
‐ aggiornato l’elenco delle definizioni ed acronimi;
‐ aggiornate le informazioni relative ai nuovi riferimenti normativi e tecnici;
‐ apportate correzioni editoriali varie.

   
ISTRUZIONI DI SANIFICAZIONE DI CABINE DI GUIDA DI AUTOMEZZI AZIENDALI A FINI DI PREVENZIONE DEL CONTAGIO COVID‐19  
Versione 03 del 27/05/2020 ‐ Redatto da: Ing. DAVIDE LEVO  Pagina 3 di 30 
   
 

SOMMARIO

1. INTRODUZIONE.

2. DISPOSIZIONI DI LEGGE PRO-SANIFICAZIONE ANTICONTAGIO.

3. DEFINIZIONE DI SANIFICAZIONE.

4. PRODOTTI E STRUMENTI DI SANIFICAZIONE.

5. FREQUENZA DI SANIFICAZIONE DEGLI AUTOMEZZI.

6. OPZIONI DI SANIFICAZIONE PERIODICA DEGLI AUTOMEZZI.

7. PROCEDURA DI SANIFICAZIONE SPEDITIVA AUTOMEZZI (ISS).

8. PROCEDURA DI SANIFICAZIONE STRAORDINARIA AUTOMEZZI.

9. REGISTRAZIONE DELLE AZIONI DI SANIFICAZIONE.

10. RACCOMANDAZIONI PER L’IMPIEGO DI AUTOMEZZI CONDIVISI.

Definizioni ed acronimi.

Riferimenti.

   
ISTRUZIONI DI SANIFICAZIONE DI CABINE DI GUIDA DI AUTOMEZZI AZIENDALI A FINI DI PREVENZIONE DEL CONTAGIO COVID‐19  
Versione 03 del 27/05/2020 ‐ Redatto da: Ing. DAVIDE LEVO  Pagina 4 di 30 
   
 

1. INTRODUZIONE
Le presenti istruzioni riguardano la sanificazione periodica e straordinaria degli automezzi impiegati per
esigenze aziendali che NON siano assegnati in via permanente ad un unico conducente.
La loro applicazione contribuisce ad adempiere alle vigenti disposizioni di legge in materia di contenimento
del contagio da coronavirus SARS-CoV-2 (infezione COVID-19) sui luoghi di lavoro.

Rientrano nel campo di applicazione delle presenti istruzioni, ad esempio:


 gli automezzi aziendali, leggeri e pesanti che, per esigenze di servizio, sono in uso condiviso a
lavoratori operanti su più turni;
 le autovetture aziendali assegnate in uso occasionale a un dipendente e riconsegnate a fine
turno per la successiva assegnazione ad altro utente (car sharing aziendale);
 le autovetture aziendali che hanno ospitato a bordo passeggeri occasionali;
 gli automezzi aziendali di qualsiasi tipo al termine delle attività di manutenzione eseguite da
soggetti terzi.

Si ricorda che tutte le operazioni descritte nelle presenti istruzioni devono essere eseguite da
personale debitamente informato e formato nonché dotato dei dispositivi di protezione individuale
previsti dal documento aziendale di valutazione dei rischi ex DLgs 81/2008 e/o prescritti dalle
vigenti disposizioni anticontagio e/o indicati nelle istruzioni d’uso dei prodotti di pulizia e
disinfezione. L’impiego dei prodotti pericolosi deve avvenire nel rispetto delle prescrizioni delle
corrispondenti schede di sicurezza (SDS). I rifiuti prodotti durante le operazioni di sanificazione,
infine, devono essere gestiti e smaltiti secondo le vigenti disposizioni di legge.

NOTA BENE.
La formazione del personale deve sottolineare con forza il fatto che l’automezzo aziendale ad uso
condiviso può costituire uno degli spazi di lavoro e di vita a maggior rischio di contagio COVID-19
qualora non sia adeguatamente sottoposto ad efficaci e ripetute azioni di sanificazione interna ed
esterna.

   
ISTRUZIONI DI SANIFICAZIONE DI CABINE DI GUIDA DI AUTOMEZZI AZIENDALI A FINI DI PREVENZIONE DEL CONTAGIO COVID‐19  
Versione 03 del 27/05/2020 ‐ Redatto da: Ing. DAVIDE LEVO  Pagina 5 di 30 
   
 

2. DISPOSIZIONI DI LEGGE PRO-SANIFICAZIONE ANTICONTAGIO


Il Protocollo Condiviso 24 aprile 2020, punto 4, stabilisce, ai fini della prevenzione del contagio da
coronavirus SARS-CoV-2 sui luoghi di lavoro, che:
 L’azienda assicura la pulizia giornaliera e la sanificazione periodica dei locali, degli ambienti, delle
postazioni di lavoro e delle aree comuni e di svago.
 nel caso di presenza di una persona co COVID-19 all’interno dei locali aziendali, si procede alla pulizia
e sanificazione dei suddetti secondo le disposizioni della circolare n. 5443 del 22 febbraio 2020 del
Ministero della Salute nonché alla loro ventilazione.
 Occorre garantire la pulizia a fine turno e la sanificazione periodica di tastiere, schermi touch, mouse
con adeguati detergenti, sia negli uffici, sia nei reparti produttivi. ...

le Linee Guida Condivise del settore logistica/trasporti del 18 marzo 2020 stabiliscono che:
 La sanificazione e l’igienizzazione dei locali, dei mezzi di trasporto e dei mezzi di lavoro deve essere
appropriata e frequente ...

La Circolare del Ministero della Salute N.17644 del 22 maggio 2020, recante indicazioni in materia di
sanificazione di superfici ed ambienti interni di lavoro di ambito non sanitario, stabilisce che:
 A seguito della valutazione del contesto, per attuare idonee, mirate ed efficaci misure di sanificazione
è necessario seguire appropriate misure organizzative, quali:
 Stabilire una procedura di azione e una pianificazione preventiva contro il SARS-CoV-2
 Aggiornarle secondo le istruzioni delle autorità sanitarie in ogni momento
 Effettuare la registrazione delle azioni intraprese, specificando data, ora, persone responsabili
ecc... e salvare tutta la documentazione che può essere generata ....
 La pulizia di tutte le superfici di ... attrezzature di lavoro, macchine, strumenti ecc... deve essere fatta
almeno dopo ogni turno ...
 E’ importante la disinfezione frequente di superfici e oggetti quanto toccati da più persone ....

   
ISTRUZIONI DI SANIFICAZIONE DI CABINE DI GUIDA DI AUTOMEZZI AZIENDALI A FINI DI PREVENZIONE DEL CONTAGIO COVID‐19  
Versione 03 del 27/05/2020 ‐ Redatto da: Ing. DAVIDE LEVO  Pagina 6 di 30 
   
 

3. DEFINIZIONE DI SANIFICAZIONE
L’attività di “sanificazione” è definita come il complesso dei procedimenti atti ad igienizzare (rendere sani)
determinati ambienti e mezzi mediante attività successive di:
1) pulizia e
2) disinfezione.

L’attività di “pulizia” è il complesso dei procedimenti atti a rimuovere polveri, materiale non desiderato o
sporcizia da superfici, oggetti, ambienti confinati ed aree di pertinenza. E’ quindi l’operazione che consente
di eliminare lo sporco dalle superfici, in modo da renderle visibilmente pulite.

L’attività di “disinfezione” è il complesso dei procedimenti atti a sanificare determinati ambienti confinati ed
aree di pertinenza mediante la distruzione o inattivazione di agenti patogeni.

Si precisa che la sola pulizia (detersione), anche se correttamente eseguita, non è sufficiente a garantire
la totale eliminazione degli agenti patogeni, i quali aderiscono tenacemente alle superfici, anche quelle
apparentemente più lisce. La fase di disinfezione è, quindi, sempre indispensabile per consentire l’efficace
abbattimento della carica patogena negli ambienti e sulle attrezzature.

Ciò premesso, le presenti istruzioni distinguono tra;


 una “sanificazione speditiva” – meglio definibile come “igienizzazione” – che può essere eseguita
all’occorrenza direttamente dal personale aziendale incaricato di gestire o condurre gli automezzi
aziendali, previa adeguata formazione e dotazione strumentale;
 una “sanificazione straordinaria” – ovvero la “sanificazione” propriamente detta – che, al momento,
può essere eseguita e certificata soltanto da imprese specializzate esterne all’azienda espressamente
autorizzate ai sensi delle vigenti norme sanitarie nazionali.

PULIZIA = DETERSIONE DISINFEZIONE VIRUCIDA

   
ISTRUZIONI DI SANIFICAZIONE DI CABINE DI GUIDA DI AUTOMEZZI AZIENDALI A FINI DI PREVENZIONE DEL CONTAGIO COVID‐19  
Versione 03 del 27/05/2020 ‐ Redatto da: Ing. DAVIDE LEVO  Pagina 7 di 30 
   
 

4. PRODOTTI E STRUMENTI DI SANIFICAZIONE


Strumenti e prodotti di pulizia

La fase preliminare di pulizia deve essere eseguita normalmente mediante acqua e sapone (ossia
detergenti tensioattivi a pH neutro, da impiegarsi secondo le istruzioni d’uso dei produttori).

Le parti e le superfici da sanificare, una volta rimossa la sporcizia più grossolana, devono essere pulite
mediante spugne o panni in microfibra monouso oppure carta usa e getta imbevuta di detergente.

   
ISTRUZIONI DI SANIFICAZIONE DI CABINE DI GUIDA DI AUTOMEZZI AZIENDALI A FINI DI PREVENZIONE DEL CONTAGIO COVID‐19  
Versione 03 del 27/05/2020 ‐ Redatto da: Ing. DAVIDE LEVO  Pagina 8 di 30 
   
 

Strumenti e prodotti di disinfezione

Per la disinfezione di ambienti contagiati o potenzialmente contagiati da coronavirus SARS-CoV-2,


la Circolare del Ministero della Salute 17644 del 22 maggio 2020 prescrive di impiegare prodotti ad azione
virucida appositamente autorizzati dal Ministero della Salute o indicati nel Rapporto COVID-19 n. 19/2020
del 25/04/2020 dell’Istituto Superiore di Sanità. Quest’ultimo, in particolare, in raccordo con la precedente
Circolare del Ministero della Salute n. 5443 del 22 febbraio 2020, raccomanda l’uso di:
 ALCOL ETILICO (etanolo) almeno al 70% v/v;
 ipoclorito di sodio 0,1% per le superfici che non ne vengono danneggiate.

Nel caso particolare della sanificazione e disinfezione delle cabine di guida degli automezzi, la Circolare
dell’Istituto Superiore di Sanità AOO-ISS 12/03/2020 8293 (poi Rapporto ISS COVID-19 n. 3/2020 del 31
marzo 2020), in effetti, già raccomandava espressamente l’impiego di:
 disinfettanti a base di ALCOL ETILICO almeno al 75% v/v,

Per quanto riguarda le modalità di applicazione del prodotto disinfettante nell’automezzo,


la medesima Circolare ISS raccomanda l’erogazione “spray”, che può avvenire mediante l’impiego di:
1) un generatore di aerosol 2) un classico spruzzatore 3) una pompa manuale
disinfettante monouso manuale di tipo riutilizzabile, di nebulizzazione
precaricato a pressione riempito di volta in volta con il del disinfettante,
del produttore (bombola liquido disinfettante a medio-alta capacità
spray propriamente detta)

Lo stesso Istituto Superiore di Sanità, tuttavia, in un successivo foglio informativo del 3 aprile 2020, indica
la possibilità sanificare le superfici interne dell’automezzo anche mediante panni in microfibra monouso
imbevuti di disinfettante a base alcolica.

   
ISTRUZIONI DI SANIFICAZIONE DI CABINE DI GUIDA DI AUTOMEZZI AZIENDALI A FINI DI PREVENZIONE DEL CONTAGIO COVID‐19  
Versione 03 del 27/05/2020 ‐ Redatto da: Ing. DAVIDE LEVO  Pagina 9 di 30 
   
 

Disinfettanti alternativi all’alcol etilico

L’impiego esclusivo dell’alcol etilico come disinfettante per la sanificazione antivirale degli
abitacoli e delle cabine di guida degli automezzi comporta attualmente problemi di ordine pratico.
Il problema più importante è senz’altro la grave carenza di questa sostanza sul mercato, causata
dall’enorme richiesta che si è improvvisamente espressa negli ultimi mesi a fronte di una capacità
produttiva nazionale limitata. Un ulteriore problema deriva dal fatto che anche l’uso ripetuto dell’alcol etilico
può danneggiare, in casi particolari, taluni materiali presenti negli abitacoli e nelle cabine di guida degli
automezzi (ad esempio alcune plastiche speciali o le blindature dei vetri antiproiettile).
Per ovviare a queste difficoltà si possono ipotizzare alcuni accorgimenti:
 impiegare l’alcol etilico al limite della percentuale consigliata (70% ÷ 75% v/v), da ottenersi mediante
diluizione dell’alcol denaturato normalmente in commercio (tipicamente al 90% v/v);
 approvvigionarsi di presidi medico-chirurgici disinfettanti contenenti alcol etilico in soluzione 70%
÷ 75% v/v, talora di più facile reperimento rispetto al normale alcol denaturato in forma pura;
 in caso di estrema indisponibilità dell’alcol etilico denaturato sotto ogni forma, sostituirlo con prodotti
chimicamente identici ma, per il momento, di più facile reperimento sul mercato (ad esempio alcol
alimentare o bioetanolo, quest’ultimo utilizzato in Germania a partire dal marzo 2020 per la
produzione d’emergenza di disinfettanti), previa valutazione tecnica della compatibilità d’uso;
 sostituire l’alcol etilico con altre sostanze disinfettanti di analoga attività virucida su SARS-CoV-2.
Per quanto riguarda quest’ultima possibilità, è utile riferirsi alle indicazioni fornite dal Ministero dell’Interno
nelle Circolari AOO DCSTLP 0010525 del 07/04/2020, dedicata alla sanificazione delle autovetture della
Polizia di Stato, e STAFFCADIP 006851 del 15/04/2020, recante istruzioni sulla sanificazione dei mezzi
operativi dei Vigili del Fuoco, che prevedono la possibilità di impiegare in alternativa all’alcol etilico:
 prodotti a base di cloro come il citato ipoclorito di sodio, ovvero CANDEGGINA DILUITA 0,1%
a partire dal normale prodotto in commercio, generalmente al 5% o al 10% di contenuto di cloro attivo,
valutando attentamente, però, la compatibilità con le varie superfici dell’automezzo da irrorare1;
 il perossido di idrogeno, ovvero ACQUA OSSIGENATA DILUITA 0,5% a partire dal normale prodotto
in commercio, tipicamente al 3% (10 volumi) o al 3,6% (12 volumi).
Ulteriori prodotti sanificanti ritenuti di generale efficacia antivirale, sono espressamente indicati dall’Istituto
Superiore di Sanità nei propri Rapporti COVID-19 n. 7/2020 del 29/03/2020 e n. 19/2020 del 25/04/2020,
sebbene non tutti specificatamente testati sul nuovo coronavirus SARS-CoV-2:
 disinfettati a base di benzalconio cloruro tra 0,05% e 0,2% (testato COVID, efficacia ridotta);
 disinfettati a base di clorexidina digluconato (testato COVID, efficacia ridotta);
 disinfettanti a base di propan-2-olo, ovvero alcol isopropilico (suggerito anche da INRS, Francia);
 disinfettanti a base di ammoni quaternari;
 disinfettanti a base di acido lattico;
 detergenti di uso domestico contenenti sodio lauritere solfato, alchil poligicosidi e
ammide,cocco,N,N-bis(idrossietil).
1
 Secondo le indicazioni fornite il 23/03/2020 dall’Istituto Superiore di Sanità, i materiali compatibili con i detergenti a base di cloro sono i 
seguenti:  polivinilcloruro  (PVC),  polietilene  (PE),  polipropilene  (PP),  poliacetale,  poliossimetilene  (POM),  Buna‐Gomma  di  nitrile, 
poliestere bisfenolico, fibra di vetro, politetrafluoroetilene (teflon), silicone (SI), Acrilonitrile Butadiene Stirene (ABS), policarbonato (PC), 
polisulfone, acciaio inossidabile (o inox), titanio, mentre acciaio basso‐legato, poliuretano, ferro e metalli in genere non sono compatibili.  

   
ISTRUZIONI DI SANIFICAZIONE DI CABINE DI GUIDA DI AUTOMEZZI AZIENDALI A FINI DI PREVENZIONE DEL CONTAGIO COVID‐19  
Versione 03 del 27/05/2020 ‐ Redatto da: Ing. DAVIDE LEVO  Pagina 10 di 30 
   
 

Tempo minimo di contatto del disinfettante

Un aspetto pratico molto trascurato nelle operazioni di sanificazione, soprattutto se eseguite in modo
speditivo da personale aziendale non specializzato, è quello del tempo minimo di contatto del disinfettante
con la superficie da sanificare. E’ importante ricordare, infatti, che se il disinfettante non permane per
un adeguato tempo di azione a diretto contatto con la superficie infetta, l’azione virucida non è
efficace, per cui, una volta rimosso il prodotto, la contaminazione SARS-CoV-2 permane intatta,
aggravata dalla falsa sensazione di sicurezza che l’operatore è portato a percepire.

E’ fondamentale, quindi, che la persona incaricata della sanificazione dell’abitacolo o della cabina di guida
di un automezzo aziendale sia debitamente informata del tempo minimo di applicazione del prodotto
disinfettante previsto delle schede tecniche del relativo produttore.

In ogni caso si devono applicare i tempi minimi di contatto di seguito indicati, riportati nelle
raccomandazioni degli enti pubblici già citate, nei più recenti studi scientifici nel settore della ricerca
COVID-19 e nelle linee guida ECDC del marzo 2020:

Disinfettante Tempo minimo di contatto


ALCOL ETILICO 75%
30÷90 secondi
(etanolo)

ALCOL ISOPROPILICO 70% ÷ 80%


60 secondi
(propan-2-olo)

ACQUA OSSIGENATA 0,5%


60 secondi
(perossido di idrogeno)

CANDEGGINA DILUITA 0,5%


5 minuti (15 minuti massimo) prima del risciacquo
(ipoclorito di sodio)

Ozono: non autorizzato

Un discorso a parte merita l’OZONO (ossigeno triatomico). Questa sostanza in forma gassosa, infatti,
rappresenta un biocida teoricamente molto promettente in alternativa all’alcol etilico, sia per la sua elevata
capacità pervasiva e penetrativa all’interno dell’abitacolo, molto superiore a quella dei disinfettanti liquidi,
sia per il suo comprovato effetto virucida sul precedente coronavirus SARS-CoV-1, effetto basato su
meccanismi di inattivazione che dovrebbero applicarsi identicamente anche al nuovo coronavirus
SARS-CoV-2, di analoga struttura biologica (enveloped virus). Ciò nonostante, alla data odierna NON
esiste un’autorizzazione ufficiale e/o una validazione scientifica sperimentale che attesti
formalmente l’efficacia disinfettante dell’ozono contro il nuovo coronavirus SARS-CoV-2.

   
ISTRUZIONI DI SANIFICAZIONE DI CABINE DI GUIDA DI AUTOMEZZI AZIENDALI A FINI DI PREVENZIONE DEL CONTAGIO COVID‐19  
Versione 03 del 27/05/2020 ‐ Redatto da: Ing. DAVIDE LEVO  Pagina 11 di 30 
   
 

Di conseguenza, il suo impiego per la sanificazione degli automezzi deve essere posticipato sino alla sua
approvazione formale da parte dell’agenzia europea ECHA o delle autorità sanitarie nazionali. Si
ribadisce, a tal proposito, che al momento il Ministero della Salute NON autorizza l’impiego
dell’ozono come valido disinfettante anticontagio COVID-19, così come espressamente riportato sia
nella propria Circolare N.17644 del 22 maggio 2020 sia sul proprio sito ufficiale dedicato alla
contestazione delle notizie destituite di fondamento in materia COVID-19.

Vaporizzazione di cloro attivo o perossido di idrogeno: non autorizzato

Un metodo simile ma alternativo all’impiego dell’ozono è la vaporizzazione/aerosolizzazione all’interno


dell’abitacolo dell’automezzo di sostanze disinfettanti generate in sito mediante appositi kit portatili
(generatori, erogatori spray), ad esempio a base di cloro attivo o perossido di idrogeno. Anche in questo
caso, tuttavia, il Ministero della Salute NON considera tali tecniche come validi disinfettanti
anticontagio COVID-19, così come riportato nella propria Circolare N.17644 del 22 maggio 2020.

Vapore: non autorizzato

E’ ben nota la possibilità di utilizzare a scopo disinfettante il vapore ad alta temperatura, tipico mezzo di
sterilizzazione nei laboratori e in ambito sanitario. Alcuni produttori di apparecchiature a vapore, ad
esempio, ne pubblicizzano l’uso dichiarando la sua efficacia sul “99,99% di virus, germi e batteri”.
Ciò nonostante vi sono attualmente importanti criticità che ostano all’impiego del vapore come
valido disinfettante anticontagio COVID-19 all’interno degli automezzi:
1) il vapore non è mai citato nelle linee guida ufficiali nazionali ed internazionali in materia di disinfezione
COVID-19 pubblicate da ECDC, ISS, Ministero della Salute e CDC, fatta eccezione per un accenno
nelle linee guida del dipartimento di igiene e salute della città di New York; non sono noti articoli
scientifici che comprovino sperimentalmente l’efficacia del vapore sul nuovo coronavirus SARS-Cov-2
nelle varie possibile condizioni di utilizzo (tranne che per alcune proposte sulla sterilizzazione delle
maschere respiratorie, quindi entro un volume chiuso controllato);
2) se il getto di vapore è troppo forte, può sollevare particelle cariche di virus prima di averlo inattivato,
diffondendolo così nell’aria ambiente dell’abitacolo o della cabina di guida (di fatto lo stesso problema
segnalato da ISS per gli aspirapolvere e l’aria compressa);
3) se le condizioni di erogazione non rispettano precise condizioni di tempo-temperatura l’azione del
vapore non è efficace; è messa in dubbio, in particolare, la capacità del vapore di mantenersi
sufficientemente caldo una volta giunto a contatto con le superfici da decontaminare, soprattutto se si
tratta di superfici nascoste, schermate o profonde (come nel caso dei tessuti); si citano, inoltre, tempi
di applicazione nell’ordine dei 30 minuti (!), di fatto impraticabili.
Per quanto sopra l’impiego del vapore è stato escluso come valido metodo disinfettante anticontagio a
bordo delle navi dell’area economica europea e lo stesso Ministero della Salute si è espresso in merito sul
proprio sito ufficiale dedicato alla contestazione delle notizie destituite di fondamento in materia COVID-
19, affermando esplicitamente che non vi sono attualmente evidenze che il vapore svolga un’azione
sterilizzante nei confronti del nuovo coronavirus.

   
ISTRUZIONI DI SANIFICAZIONE DI CABINE DI GUIDA DI AUTOMEZZI AZIENDALI A FINI DI PREVENZIONE DEL CONTAGIO COVID‐19  
Versione 03 del 27/05/2020 ‐ Redatto da: Ing. DAVIDE LEVO  Pagina 12 di 30 
   
 

Crono-disinfezione: autorizzata.

Per quanto riguarda la persistenza dell’eventuale contaminazione dell’automezzo da parte del coronavirus
SARS-CoV-2, si segnala quanto segue:
 secondo le informazioni fornite il 12/03/2020 dall’Istituto Superiore di Sanità, si può ipotizzare che il
coronavirus SARS-CoV-2 si disattivi in un intervallo temporale compreso tra pochi minuti ed un
massimo di 9 giorni, in dipendenza della matrice/materiale su cui aderisce, della concentrazione, della
temperatura e dell’umidità; è verosimile, in particolare, che sopravviva sino a 24 ore sugli indumenti
monouso, se in concentrazione iniziale elevata;
 secondo le informazioni scientifiche internazionali disponibili alla data odierna, in parte riprese in data
22/05/2020 dal Ministero della Salute, il coronavirus SARS-CoV-2 sopravvive in condizioni di
laboratorio, con carica virale decrescente nel tempo:
 da 3 a 16 ore in aerosol sospeso in ambiente interno;
 da 30 minuti a 3 ore su carta da stampa, carta velina, carta igienica o fazzoletti monouso;
 fino a 4 ore su rame;
 fino a 1 giorno su cartone;
 da 1 a 2 giorni sui tessuti e sul legno;
 da 2 a 4 giorni sulle banconote;
 da 2 a 4 giorni su vetro;
 da 4 a 7 giorni su acciaio inox e plastica;
 da 4 a 7 giorni sulla superficie interna delle mascherine chirurgiche;
 fino ad almeno 7 giorni sulla superficie esterna delle mascherine chirurgiche.

Sulla base di questi dati scientifici, la Circolare del Ministero della Salute N.17644 del 22 maggio
2020 afferma espressamente che gli spazi di lavoro non occupati da almeno 7-10 giorni sono di
fatto decontaminati dal coronavirus SARS-CoV-2 e possono, quindi, essere riutilizzati senza
sanificazione, previa normale pulizia.

Per quanto sopra è possibile procedere mediante la seguente procedura di crono-disinfezione


alla sanificazione dell’abitacolo o della cabina di guida di un automezzo aziendale che non debba essere
immediatamente utilizzato:
1) aprire completamente tutte le portiere della cabina o dell’abitacolo ed assicurare un abbondante e
prolungato ricambio di aria;
2) rimuovere dall’abitacolo eventuali materiali o residui organici (ad esempio residui di cibo) che
possano costituire un imprevisto substrato biologico di coltura del coronavirus, consentendone così
una sopravvivenza prolungata oltre le attese;
3) richiudere l’automezzo e lasciarlo in parcheggio di quarantena per almeno 10 giorni;
4) nella stagione calda la quarantena può essere ridotta a 7 giorni se è possibile garantire che il
parcheggio avvenga al sole, in modo che possano svilupparsi all’interno del veicolo temperature
sufficientemente elevate (oltre 60°C) da inattivare anche termicamente l’eventuale virus contaminante.

   
ISTRUZIONI DI SANIFICAZIONE DI CABINE DI GUIDA DI AUTOMEZZI AZIENDALI A FINI DI PREVENZIONE DEL CONTAGIO COVID‐19  
Versione 03 del 27/05/2020 ‐ Redatto da: Ing. DAVIDE LEVO  Pagina 13 di 30 
   
 

5. FREQUENZA DI SANIFICAZIONE PERIODICA DEGLI AUTOMEZZI


La frequenza di pulizia ordinaria con acqua e sapone delle superfici delle attrezzature di lavoro, ivi
incluse, quindi, quelle degli automezzi ad uso aziendale a contatto con il personale, è prescritta dalle
norme vigenti dopo ogni turno di lavoro.

La frequenza di sanificazione periodica degli automezzi aziendali, invece, non è precisata della
disposizioni di legge vigenti alla data odierna, che si limitano a richiedere che essa sia eseguita in modo
appropriato e frequente. la Circolare del Ministero della Salute N. 17644 del 22 maggio 2020, ad esempio,
prescrive, inoltre, di eseguire la disinfezione frequente di superfici e oggetti quando toccati da più persone.

Ciò premesso, fermo restando l’obbligo di mera pulizia a fine turno, appare quanto meno
necessario procedere alla sanificazione dell’automezzo aziendale ogni qualvolta il suo nuovo
utilizzatore faccia parte di un turno/gruppo di lavoro segregato2 diverso da quello del precedente
utilizzatore ed, in particolare, alla ripresa di ogni turno di lavoro alternato.

E’ comunque indispensabile ridurre al minimo, per quanto possibile, l’impiego di automezzi aziendali
condivisi tra diversi conducenti o tra diversi turni/gruppi segregati, prediligendo la filosofia:

1 veicolo = 1 conducente

oppure

1 veicolo = 1 gruppo fisso di lavoratori

2
  Per  “turno/gruppo  di  lavoro  segregato”  si  intende  uno  specifico  insieme  di  lavoratori  che  risulti  autonomo,  distinto  e  riconoscibile 
rispetto agli altri, ed i cui membri possano essere immediatamente sospesi dal lavoro ed isolati non appena uno di essi manifesti i sintomi 
da contagio COVID‐19. 

   
ISTRUZIONI DI SANIFICAZIONE DI CABINE DI GUIDA DI AUTOMEZZI AZIENDALI A FINI DI PREVENZIONE DEL CONTAGIO COVID‐19  
Versione 03 del 27/05/2020 ‐ Redatto da: Ing. DAVIDE LEVO  Pagina 14 di 30 
   
 

6. OPZIONI DI SANIFICAZIONE DEGLI AUTOMEZZI


In linea teorica vi sono almeno tre distinte opzioni per la sanificazione degli automezzi aziendali, ed in
particolare dei rispettivi abitacoli e cabine di guida:

A. ricorso ad una impresa esterna specializzata in sanificazione di mezzi di trasporto, che dovrebbe
intervenire presso il sito aziendale dove sono parcheggiati gli automezzi in ogni occasione discussa al
capitolo 5 ed, in particolare, alla ripresa di ogni turno di lavoro segregato; la sanificazione, in questo
caso, dovrebbe essere accompagnata da una certificazione di avvenuta bonifica attestante l’impiego di
procedimenti e prodotti disinfettanti efficaci contro il coronavirus SARS-CoV-2;

B. laddove la prima soluzione non sia concretamente attuabile, è possibile fare riferimento, per immediata
analogia tecnica, alla procedura semplificata ISS prevista ad interim dalla Circolare dell’Istituto
Superiore di Sanità AOO-ISS 12/03/2020 8293 (poi Rapporto ISS COVID-19 n. 3/2020 del
31/03/2020) per la sanificazione manuale, a fine o inizio turno, delle cabine di guida degli automezzi
destinati alla raccolta di rifiuti contaminati da coronavirus SARS-CoV-2.

Per quanto riguarda, invece, la possibilità di eseguire la sanificazione dell’abitacolo o della cabina di guida
mediante kit portatili di vaporizzazione/aerosolizzazione di sostanze disinfettanti, ad esempio a base di
ozono, cloro attivo o perossido di idrogeno, appositamente generati in loco si precisa che, al momento,
la Circolare del Ministero della Salute N.17644 del 22 maggio 2020 NON considera tali metodi come valide
tecniche di disinfezione anticontagio COVID-19. Esse possono essere applicate al più come meri
trattamenti di completamento ed ottimizzazione delle procedure di sanificazione manuale e, comunque, da
eseguirsi solo ed esclusivamente da parte di personale specializzato.

NO ! NO !
   
ISTRUZIONI DI SANIFICAZIONE DI CABINE DI GUIDA DI AUTOMEZZI AZIENDALI A FINI DI PREVENZIONE DEL CONTAGIO COVID‐19  
Versione 03 del 27/05/2020 ‐ Redatto da: Ing. DAVIDE LEVO  Pagina 15 di 30 
   
 

7. PROCEDURA DI SANIFICAZIONE SPEDITIVA AUTOMEZZI (ISS)


La procedura semplificata di sanificazione anticontagio dell’abitacolo o della cabina di guida nonché delle
altre parti rilevanti dell’automezzo può essere eseguita direttamente dal conducente entrante in turno –
debitamente formato in merito nonché dotato delle necessarie attrezzature – nel rispetto delle indicazioni
derivate dalla Circolare dell’Istituto Superiore di Sanità AOO-ISS 12/03/2020 8293.

A tale scopo, il conducente entrante deve eseguire le operazioni di seguito descritte.

1) Prima di procedere alla sanificazione del veicolo pulire e


disinfettare mediante carta o panno microfibra monouso
imbevuto di alcol 70%, o biocida antivirale equivalente,
la superficie esterna degli stessi strumenti di pulizia
che, eventualmente, si trovino già a bordo del
veicolo a disposizione dei conducenti e che il collega
del turno precedente ha utilizzato (ad esempio
spruzzatori manuali o contenitori di prodotti detergenti e
disinfettanti).
Si raccomanda, tuttavia, che ogni conducente sia dotato
di un proprio kit personale di sanificazione speditiva
del veicolo (panni/carta monouso + erogatore prodotto
detergente + erogatore prodotto disinfettante + DPI
monouso) da portare con sé ad inizio turno e da
rimuovere dal veicolo a fine turno.

2) Pulire e disinfettare con alcol 70%, o biocida antivirale


equivalente, le maniglie di apertura delle portiere così
come la carrozzeria immediatamente circostante.

   
ISTRUZIONI DI SANIFICAZIONE DI CABINE DI GUIDA DI AUTOMEZZI AZIENDALI A FINI DI PREVENZIONE DEL CONTAGIO COVID‐19  
Versione 03 del 27/05/2020 ‐ Redatto da: Ing. DAVIDE LEVO  Pagina 16 di 30 
   
 

3) Aprire completamente tutte le portiere della cabina o


dell’abitacolo ed assicurare un abbondante e prolungato
ricambio di aria.

4) Pulire e disinfettare con alcol 70%, o biocida


antivirale equivalente, i tappetini poggiapiedi,
preliminarmente estratti dalla cabina o dall’abitacolo.

5) Pulire e disinfettare con alcol 70%, o biocida


antivirale equivalente, preferibilmente mediante
erogazione spray, tutte le superfici interne della
cabina o dell’abitacolo (sedili, cinture di sicurezza,
cruscotto, plancia, volante, cambio, freno di
stazionamento, comandi, indicatori, pulsanti, tastiere,
schermi touch, maniglie interne, alzacristalli manuali,
vani portaoggetti, pareti, soffitto, portiere, parabrezza,
vetri laterali, specchietto retrovisore ecc...). Particolare
cura deve essere posta nella pulizia e disinfezione di
tutte le superfici poste immediatamente dinanzi ai sedili,
che sono quelle maggiormente esposte al droplet
emesso dal conducente e dai passeggeri durante la
permanenza all’interno del mezzo.

   
ISTRUZIONI DI SANIFICAZIONE DI CABINE DI GUIDA DI AUTOMEZZI AZIENDALI A FINI DI PREVENZIONE DEL CONTAGIO COVID‐19  
Versione 03 del 27/05/2020 ‐ Redatto da: Ing. DAVIDE LEVO  Pagina 17 di 30 
   
 

6) Per quanto riguarda, in particolare, i sedili e altre


eventuali parti in tessuto, è preferibile applicarvi
preliminarmente un rivestimento flessibile in materiale
plastico (ad esempio un’apposita custodia,
eventualmente monouso, oppure, in sua mancanza, una
pellicola o un telo rimovibile: vedi figure),
che potrà essere sostituito ad ogni turno oppure
sanificato con le stesse modalità sopra descritte;
in caso di sostituzione, questa dovrà essere la prima
operazione da eseguirsi una volta aperta ed aerata la
cabina o l’abitacolo, avendo cura, in tal caso, di
rimuovere il rivestimento senza sollevare l’eventuale
polvere/aerosol contaminato che potrebbe essersi
depositato al di sopra durante il turno precedente.
In assenza di rivestimenti lavabili (fattispecie altamente
sconsigliata), la pulizia e disinfezione delle parti in
tessuto deve essere estremamente accurata, trattandosi
di siti porosi a maggiore persistenza del virus.
In questo caso occorre procedere alla rimozione delle
polveri dai tessuti mediante un aspiratore speciale
certificato in classe H per polveri pericolose e dotato di
filtro assoluto HEPA, in grado di trattenere le eventuali
particelle virali aspirate per evitarne l’espulsione in aria
durante il funzionamento. La pulizia dei tessuti deve
avvenire con acqua e tensioattivi applicati mediante
un’attrezzatura lavasuperfici tessili dotata di dispositivo
terminale atto a limitare l’aerosolizzazione dei liquidi di
lavaggio. Le attrezzature aspirapolvere e lavasuperfici
devono essere esse stesse sanificate prima e dopo il
loro utilizzo.

7) Pulire e disinfettare con alcol 70%, o biocida antivirale


equivalente, tutti gli oggetti e le attrezzature portatili
o rimovibili presenti in cabina o nell’abitacolo (chiave di
avviamento, telecomandi, penne, blocchi, laptop, mezzi
di comunicazione portatili, tessere di accesso,
attrezzature di lavoro, accessori vari, ecc...).
Si segnala, a tal proposito, che la presenza di oggetti ed
attrezzature nell’abitacolo o in cabina deve essere
minimizzata il più possibile. Eventuali DPI personali
(guanti, occhiali, elmetto, ecc...), in particolare,
dovrebbero essere rimossi dal veicolo a fine turno.

   
ISTRUZIONI DI SANIFICAZIONE DI CABINE DI GUIDA DI AUTOMEZZI AZIENDALI A FINI DI PREVENZIONE DEL CONTAGIO COVID‐19  
Versione 03 del 27/05/2020 ‐ Redatto da: Ing. DAVIDE LEVO  Pagina 18 di 30 
   
 

8) E’ tassativamente VIETATO l’impiego di aria


compressa e/o acqua sotto pressione e/o vapore
per la pulizia, così come qualsiasi altro metodo che
possa generare spruzzi o determinare accidentalmente
aerosol di materiale infettivo nella cabina e
nell’ambiente.
NO !

NO !

NO !
9) E’ altresì vietato l’impiego di aspirapolvere
(fatto salvo il caso specialissimo di cui al punto 6).

NO !

   
ISTRUZIONI DI SANIFICAZIONE DI CABINE DI GUIDA DI AUTOMEZZI AZIENDALI A FINI DI PREVENZIONE DEL CONTAGIO COVID‐19  
Versione 03 del 27/05/2020 ‐ Redatto da: Ing. DAVIDE LEVO  Pagina 19 di 30 
   
 

Nel caso degli automezzi da lavoro, completata la sanificazione della cabina di guida o dell’abitacolo,
il conducente entrante in turno deve procedere alla sanificazione delle attrezzature e delle parti esterne
dell’automezzo che possano essere entrate a contatto con il collega del turno precedente, come di seguito
descritto.

1) Pulire e disinfettare con alcol 70%, o biocida antivirale


equivalente:
 prese e maniglie degli sportelli o dei cassoni di
carico;
 prese e maniglie degli sportelli esterni di servizio, ivi
incluse le custodie di eventuali estintori;
 tappi dei serbatoi di carburante e altri liquidi di
servizio (urea, acqua, ecc...);
 comandi esterni (leve, pulsanti, ecc...);
 eventuali tastiere di qualsiasi tipo;
 eventuali pinze di messa a terra;
 estremità di presa di eventuali tubazioni di
carico/scarico prodotto (flessibili, naspi);
e simili accessori posti sulle attrezzature di bordo
installate all’esterno della cabina di guida.

2) Pulire e disinfettare con alcol 70%, o biocida antivirale


equivalente, eventuali attrezzature portatili di lavoro o
d’emergenza utilizzate nel turno precedente, ivi incluse
le prese dei cunei bloccaruote.

   
ISTRUZIONI DI SANIFICAZIONE DI CABINE DI GUIDA DI AUTOMEZZI AZIENDALI A FINI DI PREVENZIONE DEL CONTAGIO COVID‐19  
Versione 03 del 27/05/2020 ‐ Redatto da: Ing. DAVIDE LEVO  Pagina 20 di 30 
   
 

3) Se l’automezzo è dotato di vano di carico, pulire e


disinfettare con alcol 70%, o biocida antivirale
equivalente, i relativi accessori di apertura e chiusura
(maniglie, serrature, ecc...), quindi aprirlo ed assicurare
un abbondante e prolungato ricambio di aria.
La sanificazione di tutte le superfici interne
dell’eventuale vano di carico, infine, può avvenire con le
modalità speditive già descritte solo se questo presenta
dimensioni ragionevolmente limitate. In caso contrario
ricorrere all’intervento di una ditta specializzata in
sanificazione di veicoli pesanti o gran volume.

Al termine delle proprie attività di pulizia e sanificazione speditiva dell’automezzo, il conducente entrante in
turno deve compilare e firmare l’apposita scheda di registrazione delle attività eseguite (vedi capitolo 9).
La compilazione deve essere effettuata dal conducente con la propria penna personale, che non deve
essere lasciata nel veicolo. Terminata la compilazione, la scheda deve essere lasciata all’interno
dell’abitacolo o della cabina dell’automezzo in posizione nota e protetta dalla sporcizia (ad esempio in un
vano portaoggetti di cabina), a disposizione per il personale del turno successivo il quale, in ogni caso,
non la prenderà in mano se non sono decorse almeno tre ore dalla compilazione da parte del collega
precedente.

   
ISTRUZIONI DI SANIFICAZIONE DI CABINE DI GUIDA DI AUTOMEZZI AZIENDALI A FINI DI PREVENZIONE DEL CONTAGIO COVID‐19  
Versione 03 del 27/05/2020 ‐ Redatto da: Ing. DAVIDE LEVO  Pagina 21 di 30 
   
 

8. PROCEDURA DI SANIFICAZIONE STRAORDINARIA AUTOMEZZI


Se negli ultimi 15 giorni l’automezzo aziendale è stato impiegato da:

1) soggetti positivi al tampone per la diagnosi del coronavirus SARS-CoV-2 (positivi COVID-19);

2) soggetti classificabili come “persone sintomatiche in azienda” come definite al punto 11 del
Protocollo Condiviso 24 aprile 20203, ovvero persone che manifestano dichiaratamente sul
luogo di lavoro un rialzo della temperatura corporea unita a sintomi di infezione respiratoria;

3) altri eventuali soggetti cautelativamente individuati dai responsabili aziendali – sentito


eventualmente il Medico Competente – come possibili portatori di un concreto pericolo di
contagio COVID-19, quali, ad esempio:

3.1 soggetti che sono – o che dichiarano di essere – risultati positivi COVID-19 sulla base di
test sierologici o di altri tipi di test rapido, ancorché la positività non sia stata ancora
comprovata da una diagnosi ufficiale mediante tampone;

3.2 soggetti che sono – o che dichiarano di essere – entrati in contatto, dentro o fuori il luogo
di lavoro, con soggetti positivi COVID-19 da meno di 15 giorni;

3.3 soggetti facenti parte di uffici, reparti, equipaggi, gruppi di lavoro o turni aziendali
segregati nel cui ambito si sia manifestato almeno un caso di positività COVID-19 negli
ultimi 15 giorni (parere ISPRA 18/05/20);

3.4 soggetti che, pur non manifestando rialzo febbrile con sintomi respiratori, palesano o
dichiarano altri specifici sintomi fortemente correlabili all’infezione COVID-19
(ad esempio iposmia, anosmia, ageusia, mialgia intensa con febbre ...);

allora occorre procedere, come previsto dal punto 4 del Protocollo Condiviso 14 marzo 2020,
alla sanificazione straordinaria dell’automezzo, che avverrà preferibilmente mediante l’intervento in sito di
un’impresa specializzata e che, in ogni caso, dovrà essere eseguita nel rispetto delle disposizioni della
Circolare del Ministero della Salute n. 5443 del 22 febbraio 2020. Per quanto concerne l’impresa
incaricata, se ne dovrà verificare preliminarmente l’idoneità tecnico professionale ai sensi dell’articolo 26
del DLgs 81/2008 e, fatte salve future e diverse direttive di legge in merito, la sussistenza dei requisiti
morali e tecnico professionali previsti dal DM 274/199 ed annotati sulla visura camerale dell’impresa.

3
Protocollo Condiviso 24 aprile 2020, punto 11:  
GESTIONE DI UNA PERSONA SINTOMATICA IN AZIENDA 
 nel  caso  in  cui  una  persona  presente  in  azienda  sviluppi  febbre  e  sintomi  di  infezione  respiratoria  quali  la  tosse,  lo  deve  dichiarare 
immediatamente all’ufficio del personale, si dovrà procedere al suo isolamento in base alle disposizioni dell’autorità sanitaria e a quello 
degli altri presenti dai locali, l’azienda procede immediatamente ad avvertire le autorità sanitarie competenti e i numeri di emergenza 
per il COVID‐19 forniti dalla Regione o dal Ministero della Salute... 

   
ISTRUZIONI DI SANIFICAZIONE DI CABINE DI GUIDA DI AUTOMEZZI AZIENDALI A FINI DI PREVENZIONE DEL CONTAGIO COVID‐19  
Versione 03 del 27/05/2020 ‐ Redatto da: Ing. DAVIDE LEVO  Pagina 22 di 30 
   
 

Una sanificazione approfondita dell’automezzo, da affidarsi a soggetti professionali (officine specializzate,


ditte di sanificazione, centri di lavaggio, ecc...), è altresì necessaria alla prima consegna del veicolo
all’assegnatario aziendale da parte, ad esempio, della concessionaria o del centro di autonoleggio.
Analoga procedura deve essere seguita in caso di riconsegna dell’automezzo all’azienda dopo la
permanenza presso un’officina di manutenzione o, comunque, presso terzi.

In tutti questi casi è opportuno che gli interventi di sanificazione contemplino sempre, come da indicazioni
ISS del 3 aprile 2020, la sostituzione o la bonifica antivirale dei filtri dell’impianto di condizionamento di
bordo, unitamente alla disinfezione delle rispettive tubazioni interne e bocchette di diffusione dell’aria
dell’abitacolo. Al termine di tali interventi, inoltre, è opportuno farsi rilasciare dal soggetto bonificatore un
certificato di sanificazione COVID-19 del veicolo che attesti l’utilizzo di procedure e disinfettanti efficaci
contro il coronavirus SARS-CoV-2.

Si raccomanda, infine, che le imprese esterne incaricate di eseguire le operazioni di sanificazione


anticontagio degli automezzi aziendali siano dotate, oltre alle autorizzazioni sanitarie eventualmente
prescritte, anche di un sistema di gestione di qualità certificato con riferimento alla Norma Italiana UNI
10585:1996, che fissa gli standard qualitativi minimi per i servizi di pulizia, disinfestazione, sanificazione e
attività correlate.

   
ISTRUZIONI DI SANIFICAZIONE DI CABINE DI GUIDA DI AUTOMEZZI AZIENDALI A FINI DI PREVENZIONE DEL CONTAGIO COVID‐19  
Versione 03 del 27/05/2020 ‐ Redatto da: Ing. DAVIDE LEVO  Pagina 23 di 30 
   
 

9. REGISTRAZIONE DELLE ATTIVITA’ DI SANIFICAZIONE


Ai sensi della Circolare del Ministero della Salute N. 17644 del 22/05/2020 le azioni di sanificazione
anticontagio degli ambienti e delle attrezzature aziendali devono essere registrate per iscritto in
termini di data, ora e persone responsabili. E’ quindi necessario che:
a) le operazioni di pulizia di fine turno degli automezzi aziendali;
b) le operazioni di pulizia e disinfezione degli automezzi aziendali ad ogni cambio di turno segregato;
c) le operazioni di sanificazione straordinaria degli automezzi aziendali;
siano debitamente annotate, per ogni veicolo, su un’apposita scheda di registrazione delle attività
aziendali di sanificazione anti COVID-19 (vedi sotto un possibile esempio).

SCHEDA DI REGISTRAZIONE DELLE AZIONI DI SANIFICAZIONE DI AUTOMEZZO AZIENDALE


(Circolare del Ministero della Salute N.17644 del 22/05/2020 – Misure contenitive del contagio COVID-19)
Società Sede
MESE TARGA
Sanificazione Sanificazione
Pulizia Sanificazione Sanificazione
Giorno interni a cambio esterni a cambio Addetto Firma
a fine turno condizionatore straordinaria
turno segregato turno segregato
1 Ora: Ora: Ora: Ora: Ora:
2 Ora: Ora: Ora: Ora: Ora:
3 Ora: Ora: Ora: Ora: Ora:
4 Ora: Ora: Ora: Ora: Ora:
5 Ora: Ora: Ora: Ora: Ora:
6 Ora: Ora: Ora: Ora: Ora:
7 Ora: Ora: Ora: Ora: Ora:
8 Ora: Ora: Ora: Ora: Ora:
9 Ora: Ora: Ora: Ora: Ora:
10 Ora: Ora: Ora: Ora: Ora:
11 Ora: Ora: Ora: Ora: Ora:
12 Ora: Ora: Ora: Ora: Ora:
13 Ora: Ora: Ora: Ora: Ora:
14 Ora: Ora: Ora: Ora: Ora:
15 Ora: Ora: Ora: Ora: Ora:
16 Ora: Ora: Ora: Ora: Ora:
17 Ora: Ora: Ora: Ora: Ora:
18 Ora: Ora: Ora: Ora: Ora:
19 Ora: Ora: Ora: Ora: Ora:
20 Ora: Ora: Ora: Ora: Ora:
21 Ora: Ora: Ora: Ora: Ora:
22 Ora: Ora: Ora: Ora: Ora:
23 Ora: Ora: Ora: Ora: Ora:
24 Ora: Ora: Ora: Ora: Ora:
25 Ora: Ora: Ora: Ora: Ora:
26 Ora: Ora: Ora: Ora: Ora:
27 Ora: Ora: Ora: Ora: Ora:
28 Ora: Ora: Ora: Ora: Ora:
29 Ora: Ora: Ora: Ora: Ora:
30 Ora: Ora: Ora: Ora: Ora:
31 Ora: Ora: Ora: Ora: Ora:

   
ISTRUZIONI DI SANIFICAZIONE DI CABINE DI GUIDA DI AUTOMEZZI AZIENDALI A FINI DI PREVENZIONE DEL CONTAGIO COVID‐19  
Versione 03 del 27/05/2020 ‐ Redatto da: Ing. DAVIDE LEVO  Pagina 24 di 30 
   
 

10. RACCOMANDAZIONI PER L’IMPIEGO DI AUTOMEZZI CONDIVISI


In ultimo si forniscono alcune raccomandazioni in caso di utilizzo condiviso di automezzi aziendali da parte
di lavoratori o turni/gruppi di lavoro altrimenti segregati, utili prevenire la diffusione all’interno dell’abitacolo
o della cabina di guida dell’agente patogeno SARS-CoV-2 e, quindi, il contagio infettivo:
1) interdire l‘uso di un automezzo condiviso:
a) a coloro che hanno avuto notizia della propria positività all’infezione COVID-19;
b) a coloro che manifestano sintomi COVID-19, ivi inclusa una temperatura corporea ≥ 37,5°C;
c) a coloro che hanno avuto contatti da meno di 15 giorni con persone positive all’infezione COVID-
19 oppure con persone che hanno manifestato sintomi correlati all’infezione COVID-19;
2) utilizzare l’automezzo ad uso condiviso solo nei casi strettamente necessari ed inevitabili;
3) sconsigliarne l’utilizzo ai soggetti particolarmente vulnerabili in caso di infezione COVID-194;
4) prima di entrare nell’automezzo procedere alla sua sanificazione speditiva come sopra descritto;
5) nel caso in cui sia indispensabile ospitare a bordo di un’autovettura un passeggero (fattispecie
fortemente sconsigliata), questi deve prendere posto sul sedile posteriore destro, se presente; non è
consentito ospitare due o più passeggeri;
6) viaggiare ogni qualvolta possibile con i finestrini dell’automezzo ad uso condiviso aperti;
7) non utilizzare ordinariamente gli impianti di ventilazione e condizionamento dell’automezzo ad uso
condiviso; nel caso in cui l'utilizzo dell'aria condizionata non possa essere evitato – ad esempio per la
presenza a bordo di persone che, a causa di particolari patologie, non possono essere esposte ad
eccessive sovratemperature – allora: a) si deve evitare tassativamente l'impiego della modalità di
ricircolo; b) prima dell'uso le bocchette di erogazione devono essere accuratamente pulite e
disinfettate con alcol etilico; c) i filtri interni dell’aria devono essere sostituti con opportuna frequenza;
8) durante l’impiego dell’automezzo ad uso condiviso il conducente alla guida e l’eventuale passeggero
devono indossare costantemente una mascherina chirurgica oppure una maschera filtrante UNI EN
149 FFP2 o FFP3 senza valvola respiratoria oppure una maschera filtrante UNI EN 149 FFP2 o FFP3
con valvola respiratoria e sovrapposta mascherina chirurgica;
9) non toccarsi mai naso, bocca e occhi quando ci si trova all’interno dell’automezzo ad uso condiviso;
10) lavarsi e igienizzarsi le mani con apposita soluzione idroalcolica prima di entrare nell’automezzo ad
uso condiviso e subito dopo usciti; a tale scopo un erogatore di soluzione idroalcolica deve essere
sempre disponibile nel veicolo;
11) utilizzare i guanti usa e getta della stazione di servizio durante le operazioni di rifornimento carburante
oppure, se indisponibili, procedere all’igienizzazione delle mani prima e dopo l’operazione;
12) prima dell’utilizzo dell’automezzo ad uso condiviso accertarsi preliminarmente di eventuali ulteriori
limitazioni imposte a livello locale dalle disposizioni di bioemergenza regionali e/o comunali.
4
 Soggetti di età  superiore a 65  anni e/o gravati da preesistenti patologie riconosciute come un  fattore di rischio aggiuntivo  in  caso di 
infezione  COVID‐19  (ad  esempio:  diabete,  ipertensione,  obesità,  disturbi  respiratori  cronici,  insufficienza  renale,  malattie  autoimmuni, 
malattie cardiovascolari, malattie epatiche, malattie oncologiche).                     

   
ISTRUZIONI DI SANIFICAZIONE DI CABINE DI GUIDA DI AUTOMEZZI AZIENDALI A FINI DI PREVENZIONE DEL CONTAGIO COVID‐19  
Versione 03 del 27/05/2020 ‐ Redatto da: Ing. DAVIDE LEVO  Pagina 25 di 30 
   
 

Definizioni ed acronimi
Ageusia
Perdita del gusto.
 
Anosmia
Perdita dell’olfatto.

CDC
Centre for Disease Prevention and Control.
Centro per la prevenzione e il controllo delle malattie (U.S.A.).
 
CEN
Comitato Europeo di Normazione

COVID-19
COronaVIrus Disease 19, già 2019-nCoV.
Denominazione ufficiale assegnata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) alla malattia infettiva respiratoria, frequentemente
acuta, causata dal virus denominato SARS-CoV-2 appartenente alla famiglia dei coronavirus.

DLgs
Decreto Legislativo.

DM
Decreto Ministeriale.

Droplet
Insieme di piccole gocce di liquido, con diametro maggiore o uguale a 5 micron, in sospensione aerea (aerosol). Può rappresentare un
vettore di trasmissione di malattie infettive se costituito da gocce di saliva o altri fluidi corporei contenenti agenti patogeni, immesse in
ambiente da un soggetto contagioso che parla, tossisce o starnutisce. Per le loro dimensioni i droplets viaggiano nell’aria per brevi
distanze - comprese tra 1 metro per l’emissione durante il parlato ed oltre i 3 metri in caso di colpi di tosse violenti – e possono poi
depositarsi su oggetti e superfici nelle immediate vicinanze, che diventano quindi fonte di diffusione secondaria del virus per successivo
contatto con mani-bocca/naso/occhi da parte di altri soggetti.

ECDC
European Centre for Disease Prevention and Control.
Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie.

ECHA
European Chemicals Agency.
Agenzia europea delle sostanze chimiche.

EN
European Norm.
Standard tecnico emanato dal Comitato Europeo di Normazione (CEN).

DPI
Dispositivo di protezione individuale.

FFP2/3
Sigla identificativa di cui alla norma EN 149 indicante un facciale filtrante (FF) per la protezione respiratoria dalla polvere (P) con livello di
efficienza filtrante 2 (media, ovvero > 94% ) oppure 3 (alta, ovvero > 99% ).

HEPA
High Efficiency Particulate Air filter.
Sistema di filtrazione dell’aria ad elevata efficienza.

   
ISTRUZIONI DI SANIFICAZIONE DI CABINE DI GUIDA DI AUTOMEZZI AZIENDALI A FINI DI PREVENZIONE DEL CONTAGIO COVID‐19  
Versione 03 del 27/05/2020 ‐ Redatto da: Ing. DAVIDE LEVO  Pagina 26 di 30 
   
 

INRS
Institut national de recherche et de sécurité.
Istituto nazionale di ricerca e di sicurezza (Francia)
 
Iposmia
Diminuzione dell’olfatto.

ISS
Istituto Superiore di Sanità.
 
ISPRA
Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale.
 
Mialgia
Sindrome dolorosa a carico di uno o più muscoli o gruppi muscolari.

NIAID
(US) National Institute of Allergy and Infectious Diseases.

pH
Scala di misura dell’acidità o basicità. Il “pH neutro” è pari a 7.

SARS-COV-1
Severe Acute Respiratory Syndrome – Coronavirus-1.
Coronavirus da sindrome respiratoria acuta grave. Ceppo virale all'origine dell'epidemia di SARS del 2003.

SARS-COV-2
Severe Acute Respiratory Syndrome – Coronavirus-2.
Coronavirus da sindrome respiratoria acuta grave. Ceppo virale all'origine dell'epidemia COVID-19 del 2020.

SDS
Safety Data Sheet.
Scheda di sicurezza.
 
ss.mm.ii.
Successive modifiche e integrazioni.

UNI
Ente Nazionale di Unificazione.

v/v
Percentuale in volume.

   
ISTRUZIONI DI SANIFICAZIONE DI CABINE DI GUIDA DI AUTOMEZZI AZIENDALI A FINI DI PREVENZIONE DEL CONTAGIO COVID‐19  
Versione 03 del 27/05/2020 ‐ Redatto da: Ing. DAVIDE LEVO  Pagina 27 di 30 
   
 

Riferimenti
FAO MANUAL ON PROCEDURES FOR DISEASE ERADICATION BY STAMPING OUT
“Decontamination Procedures - Vehicle and machinery decontamination”

DECRETO MINISTERIALE 7 LUGLIO 1997, N. 274


“Regolamento di attuazione degli articoli 1 e 4 della legge 25 gennaio 1994, n. 82, per la disciplina delle attività di pulizia, di disinfezione, di
disinfestazione, di derattizzazione e di sanificazione”

NORMA ITALIANA UNI 10585:1996


“Servizi di pulizia, disinfestazione, sanificazione e attività correlate. Terminologia, requisiti del servizio e indicazioni per l'impresa”

MYY. LAI E ALTRI , CLINICAL INFECTIOUS DISEASE, 2005


“Survival of severe acute respiratory syndrome coronavirus”

D. TSENG E ALTRI , JOURNAL OF ENVIRONMENTAL HEALTH, GIUGNO 2008


“Inactivation of Surface Viruses by Gaseous Ozone”

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008 N. 81 E SS.MM.II.


“Attuazione dell’articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro”

NORMA EUROPEA UNI EN 149:2009


“Dispositivi di protezione delle vie respiratorie. Semimaschere filtranti antipolvere. Requisiti, prove, marcature”

PROTOCOLLO DELLA CROCE ROSSA ITALIANA 24 GIUGNO 2014


“Sanificazione e disinfezione ad utilizzo degli ambienti e dei mezzi ad uso sanitario”

US-APHC TECHNICAL INFORMATION PAPER N. 13-031-1014 22 OTTOBRE 2014


“Decontamination of Vehicles Used for Transportation of Potential Ebola Virus Disease (EVD) Patients or Related Equipment”

G. KAMPF E ALTRI , JOURNAL OF HOSPITAL INFECTION DEL 31 GENNAIO 2020,


“Persistence of coronavirus on inanimate surfaces and their inactivation with biocidal agents”

WORLD HEALTH ORGANIZATION (WHO) INTERIM GUIDANCE DEL 17 APRILE 2020


“Laboratory biosafety guidance related to coronavirus disease 2019 (COVID-19)”

CIRCOLARE DEL MINISTERO DELLA SALUTE 0005443 – 22/02/2020-DGPRE-P del 22 FEBBRAIO 2020 e ss.mm.ii.
“COVID-19. Nuove indicazioni e chiarimenti”

BIORXIV PREPRINT, MARZO 2020, A. KRATZEL E ALTRI


“Efficient inactivation of SARS-CoV-2 by WHO-recommended had rub””

CIRCOLARE DELL’ISTITUTO SUPERIORE DI SANITA’ AOO-ISS 12/03/2020 0008293 DEL 12 MARZO 2020
“Rifiuti extra-ospedalieri da abitazioni di pazienti positivi al SARS-Cov-2 in isolamento domiciliare”

N. VAN DOREMALEN E ALTRI , (NIAD, NIH, DARPA), THE NEW ENGLAND JOURNAL OF MEDECINE, 17 MARZO 2020,
“Aerosol and Surface Stability of SARS-CoV-2 as Compared with SARS-CoV-1””

CIRCOLARE DEL MINISTERO DELL’INTERNO DIP. PS Prot. 850/A.P1-2102 DEL 17 MARZO 2020
“Polmonite COVID-19. Procedure di sanificazione degli ambienti”

PROTOCOLLO CONDIVISO MINISTERO DELLA SALUTE 18 MARZO 2020


“Regolamentazione per il contenimento della diffusione del COVID-19 nel settore del trasporto e della logistica”

RAPPORTO ISS COVID-19, N. 5/2020 DEL 23 MARZO 2020


“Indicazioni ad per la prevenzione e gestione degli ambienti indoor in relazione alla trasmissione dell’infezione da virus SARS-CoV-2”

   
ISTRUZIONI DI SANIFICAZIONE DI CABINE DI GUIDA DI AUTOMEZZI AZIENDALI A FINI DI PREVENZIONE DEL CONTAGIO COVID‐19  
Versione 03 del 27/05/2020 ‐ Redatto da: Ing. DAVIDE LEVO  Pagina 28 di 30 
   
 

GUIDA OPERATIVA CISL 23 MARZO 2020


“Guida operativa alla stipula del Protocollo aziendale anti-contagio”

COMUNICATO STAMPA, BUNDESVERBAND DER DEUTSCHEN BIOETHANOLWIRTSCHAFT E.V. (BDB) DEL 25 MARZO 2020
“German Bioethanol producers supply raw material for disinfectants”

NEWS OSSERVATORIO REGIONALE PER L'EDUCAZIONE ALLA SICUREZZA STRADALE EMILIA ROMAGNA 25 MARZO 2020
“Guidare ai tempi del coronavirus”

ANSA MOTORI 26 MARZO 2020


“Coronavirus: dal volante al cambio, ecco cosa disinfettare”

FICHE MINISTÈRE DU TRAVAIL (FRANCE) DEL 27 MARZO 2020


“Chaffeur livreur: kit del lutte contre le COVID-19”

RAPPORTO ISS COVID-19, N. 19/2020 DEL 29 MARZO 2020


“Raccomandazioni per la disinfezione di ambienti esterni e sup. stradali per la prevenzione della trasmissione dell’infezione SARS-CoV-2”

RAPPORTO ISS COVID-19, N. 3/2020 DEL 31 MARZO 2020


“Indicazioni ad interim per la gestione dei rifiuti urbani in relazione alla trasmissione dell’infezione da virus SARS-CoV-2”

ECDC TECHNICAL REPORT MARZO 2020


“Disinfection of environments in healthcare and nonhealthcare settings potentially contaminated with SARS-CoV-2 0”

FOGLIO INFORMATIVO DEL MINISTERO DELLA SALUTE - APRILE 2020


“Covid-19, disinfettanti e detergenti: modalità d’uso e percentuali di efficacia per l’utilizzo domestico”

FOGLIO INFORMATIVO DELL’ASSOCIAZIONE NAZIONALE DELLE IMPRESE DI DISINFESTAZIONE – APRILE 2020


“Buone pratiche per la Disinfezione delle superfici e dei locali a rischio diffusione Coronavirus”

A. CHIN E ALTRI , THE LANCET MICROBE PUBLISHED ONLINE, 2 APRILE 2020


“Stability of SARS-CoV-2 in different environmental conditions”

POSTER ISS DEL 3 APRILE 2020


“Nuovo coronavirus - Comportamenti per un corretto utilizzo dell’automobile”

CIRCOLARE DEL MINISTERO DELL’INTERNO DIP. PS Prot. 10625 DEL 7 APRILE 2020
“Emergenza COVID-19. Sanificazione veicoli”

CIRCOLARE DEL MINISTERO DELL’INTERNO DIPVVF STAFFCADIP 0006851 DEL 15 APRILE 2020
“Gestione rischio operativo connesso all’emergenza COVID-19 –Linea Guida rev.2”

RAPPORTO ISS COVID-19, N. 17/2020 DEL 19 APRILE 2020


“Indicazioni ad interim sull’igiene degli alimenti durante l’epidemia da virus SARS-CoV-2”

RACCOMANDAZIONE EU HEALTHY GATEWAYS JOINT ACTION DEL 20 APRILE 2020


“Interim advice for preparedness and response to cases of COVID-19 at points of entry in the European Union (EU) / European Economic
Area Member States (MS) - Suggested procedures for cleaning and disinfection of ships during the COVID-19 pandemic Version 2.

LEGGE 24 APRILE 2020, N. 27


“Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18, recante misure di potenziamento del Servizio sanitario
nazionale e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse all'emergenza epidemiologica da COVID-19.”

PROTOCOLLO CONDIVISO 24 APRILE 2020


“Protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del COVID-19 negli ambienti di
lavoro”

   
ISTRUZIONI DI SANIFICAZIONE DI CABINE DI GUIDA DI AUTOMEZZI AZIENDALI A FINI DI PREVENZIONE DEL CONTAGIO COVID‐19  
Versione 03 del 27/05/2020 ‐ Redatto da: Ing. DAVIDE LEVO  Pagina 29 di 30 
   
 

RAPPORTO ISS COVID-19, N. 19/2020 DEL 25 APRILE 2020


“Raccomandazioni ad interim sui disinfettanti nell’attuale emergenza COVID-19: presidi medico chirurgici e biocidi”

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 26 APRILE 2020


“Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione
dell'emergenza epidemiologica da COVID-19, applicabili sull'intero territorio nazionale”

RAPPORTO ISS COVID-19, N. 20/2020 DELL’8 MAGGIO 2020


“Indicazioni per la sanificazione degli ambienti interni per prevenire la trasmissione di SARS-COV 2”.

RACCOMANDAZIONE INRS (FRANCE) DEL 15 MAGGIO 2020


“Santé et sécurité au travail - Nettoyage en entreprise”.

RAPPORTO ISS COVID-19, N. 25/2020 DEL 15 MAGGIO 2020


“Raccomandazioni ad interim sulla sanificazione di strutture non sanitarie nell’attuale emergenza COVID-19: superfici, ambienti interni e
abbigliamento”.
 
NOTA PARERE ISPRA DEL 18 MAGGIO 2020
“I rifiuti costituiti da DPI usati”.

CIRCOLARE DEL MINISTERO DEI TRASPORTI 3320 DEL 20 MAGGIO 2020


“Linee guida per la ripresa delle attività didattiche delle autoscuole ai sensi dell’art. 1 lettera q), del Decreto Presidente del Consiglio dei
Ministri 18 maggio 2020”.

PUBBLICAZIONE ON-LINE DEL MINISTERO DELLA SALUTE DEL 22 MAGGIO 2020


http://www.salute.gov.it/portale/news/p3_2_1_1_1.jsp?lingua=italiano&menu=notizie&p=dalministero&id=4692
“Nuovo Coronavirus: che cosa c’è da sapere - Covid-19 e fake news – punti 8 e 9”

CIRCOLARE DEL MINISTERO DELLA SALUTE 17644 DEL 22 MAGGIO 2020


“Indicazioni per l’attuazione di misure contenitive del contagio da SARS-CoV-2 attraverso procedure di sanificazione di strutture non
sanitarie (superfici, ambienti interni) e abbigliamento”

   
ISTRUZIONI DI SANIFICAZIONE DI CABINE DI GUIDA DI AUTOMEZZI AZIENDALI A FINI DI PREVENZIONE DEL CONTAGIO COVID‐19  
Versione 03 del 27/05/2020 ‐ Redatto da: Ing. DAVIDE LEVO  Pagina 30 di 30