Sei sulla pagina 1di 491

BIBLIOTHE

N. 8
ECA SARDA
83
In copertina:
Giovanni Marghinotti, Festa campestre in Sardegna, 1861
John Warre Tyndale

L’ISOLA DI SARDEGNA
VOLUME SECONDO

traduzione e cura di Lucio Artizzu


Titolo originale:
The Island of Sardinia, 3 voll.,
London, Richard Bentley, 1849.

Tyndale, John Warre


L’isola di Sardegna / John Warre Tyndale ;
traduzione e cura di Lucio Artizzu. - Nuoro : Ilisso, c2002.
482 p. : ill. ; 18 cm. - (Bibliotheca sarda ; 83)
I Artizzu, Lucio
945.90833

Scheda catalografica:
Cooperativa per i Servizi Bibliotecari, Nuoro

© Copyright 2002
by ILISSO EDIZIONI - Nuoro
ISBN 88-87825-45-9
INDICE

13 Capitolo X dizioni della “Paci” e dei Ragiona-


La scala di Giocca – Paesi – Po- tori – La città di Nuoro – Carcere
vertà – Scuole – Occupazione – vecchio e nuovo – Cattedrale – Mo-
Suolo vulcanico – Formazione geo- nasteri – La “Pietra ballerina” –
logica generale dell’Isola – Foresta Orosei – Commercio – Grotta di
di Bannari – Monte Santu – Bes- Calagone
sude – Francesco Carboni – I suoi
epigrammi e la poesia – Bonna- 70 Capitolo XI
naro – Monte Arana – Costumi – Il distretto della Barbagia – Carat-
Grotta stalattitica vicino a Tiesi – tere della popolazione – Fuorusci-
Cheremule – San Pietro di Sorres – ti – Storia antica e moderna – La
Scavi per i tesori – Monete antiche perda longa – Mamoiada – Lavora-
– Mores – Festa di San Giovanni – zione del torrone – La città di Fon-
Tradizioni e superstizioni – Grotte ni – Festa della Madonna dei Mar-
– Fertilità – Ricerca della tuvura – tiri – Il monastero francescano e
Giave – Il nuraghe – Santinu e Oës reliquie – Superstizioni – Leggenda
– Distretto di Bonorva – Carattere del dipinto invisibile – Istruzione e
della gente – Antiche rovine – Mo- sacerdozio – Fuorusciti e bardane
nastero di Sant’Andrea di Priu – – La fiera e la festa – Dinamismo
Aidu di Turdu – Campeda e la genovese e pigrizia sarda – Costu-
Tanca Regia – Appalti di legname mi – Divertimenti – Strada roma-
– Danni a strade e foreste – Maco- na e il giogo Sa sacchedda – Sora-
mer – Rovine romane – Nuraghe vile – Desulo – Interno di una casa
Santa Barbara – Tamuli – Sepoltu- barbaricina – Mobilio e provviste
re e pietre coniche – Presunta ori- – Il pane – Viveri – Aranciata –
gine – Il castello di Macomer – Il Commercio della neve ad Aritzo –
distretto del Marghine – Paesi – Frutta – Carattere dei Barbaricini
Istruzione – Il fiume Tirso – Foreste – Pastori e vendetta – I cani dei
e fuorusciti – Nuraghe – Pigrizia a pastori – Abitudini rapaci e perdi-
Birori – Silanus – Ninfe acqua e ta del bestiame – Costume della
sapone – Lei e Bolotana – Chiese e ponitura – Abito dei pastori – Cure
monastero – Tradizione di Su nen- della timoria, lo scanto della Sicilia
nere – I padrini di San Giovanni – – Tradizioni della danza, le Ope-
Una novena – Aneddoti di fuoru- rarie del Santo, il corriolu e sa var-
sciti – Nuraghe – Aneddoti – Tra- dia – Le foreste del Monte Argentu
– Il muflone, il balestruccio, il boc- tagli – Caccia al cervo – Il capriolo
camele, le aquile e gli avvoltoi – Su – Osservazioni generali sulla popo-
spegu e is pillonadoris lazione dell’Isola – Numero degli
abitanti – Decremento – Intempe-
rie – Mancanza di braccia – Vian-
117 Capitolo XII danti – Nobiltà – Cavalieri – Privi-
Il distretto d’Ogliastra – Foreste – legi – Il basso ceto – Caratteristiche
Fiumi – Il porto di Tortolì – Torri di generali – Conseguenze della do-
guardia – Produzioni – Storia – minazione straniera – Ignoranza,
Donazione a una chiesa nel 1163 scuole, istruzione – Collegi – Scuo-
– La lingua sarda – Particolarità e le Pie – Ordini monastici e dei Ge-
dialetti – Popolazione e moralità – suiti – Statistiche sull’istruzione –
Aneddoto – Abitudini – La legge – Riforme
Medicina e spiritualità – Scuole –
Festa di San Priamo – Divertimenti 183 Capitolo XIV
– Scarso pudore nei costumi citato
da Dante – Abitudine di dormir Arrivo ad Oristano sul Ponte del
svestiti – Matrimoni precoci – Paesi Diavolo – Titolo di Marchese di
Oristano – La città – Il carcere –
e nuraghi fra Aritzo e Macomer –
Palazzo di Eleonora – La catte-
Occupazione e manufatti a Gavoi
drale – Il clero – Terraglie – Terra
– La fonte di Guppunia – Sarule –
da follone – Racconti sui Giudici
Le médecin malgré lui – L’altare di d’Arborea – Barisone e Federico
Logula – Ospite del pastore – Otta- Barbarossa – La giudicessa Eleo-
na – La casa del prete – Festa a No- nora e suo padre Mariano IV – La
ragugume – Nuraghe e Perda s’Al- Carta de Logu – L’ambasciata del
tare – Ritorno a Macomer – Storia duca d’Angiò al giudice Ugone
de “Il rosario e la palla”
205 Capitolo XV
150 Capitolo XIII
Escursione a Cabras – Il castello –
Il distretto di Cuglieri – Foreste – Pesca nelle lagune – La festa del
Composizione di una lite sarda – pesce per il nuovo viceré – Fordon-
La città di Bosa – Castello di Serra- gianus – La strada romana – I pro-
valle – La cattedrale – Popolazione dotti della zona – I ponti – Sorgenti
e clero – Insalubrità – Il fiume Te- minerali – Rovine romane – La
mo – Il porto – Peschiere – Antichi chiesa di San Lussorio – Lo sposali-
ruderi – Prodotti – Vini – Rovine zio – Usanze del matrimonio, della
e storia dell’antica Cornus – Lus- nascita e delle cerimonie funebri –
surgiu – Borore – La perda di San Il riso sardonico – Da Oristano a
Baingiu – Tomba di Losa – Pauli- Uras – Storia – Le sorgenti minerali
latino – Milis – Ballo al palazzo di Sardara – Sanluri – Costumi –
del marchese di Boyl – Occupazio- Azienda agricola – Bonifica e col-
ni ed usanze popolari – Aranceti e tivazione dello stagno – Da Mona-
limoneti – Prezzo, quantità e det- stir a Cagliari
231 Capitolo XVI morali – Storia antica e moderna
La zona di Iglesias – Villaggi – Il – La fondazione – Stemma della
castello – La festa di Santa Greca – Sardegna – Posizione e descrizione
Il nuraghe Ortu – La grotta di San della città – Il Castello, porte, torri e
Giovanni – Domusnovas – Ruscel- emblemi – Quartieri e sobborghi –
li – La cartiera – Fallimento – La La Marina, Stampace, Villanova,
città di Iglesias – L’assedio del 1323 Bonaria e Santa Gilla – Il castello
– Il feudo autoacquistato – Insalu- di San Michele – Le passeggiate
brità – Popolazione – Carattere e pubbliche della Polveriera, il Casi-
costume – Fertilità – Vescovado e no, San Lorenzo e la terrazza del
cattedrale – Reliquie – La festa di Castello – Gli stagni – Uccelli sel-
Sant’Antioco – L’antico vescovo di vatici – Il fenicottero – Le chiese –
Sulci – Monteponi – Minerali della L’edificio della cattedrale – San
Sardegna – Osservazioni generali Clemente – Altari, dipinti, tombe,
sul loro valore, produzione e con- reliquie – Interpretazione di lettere
dizioni – Fluminimaggiore – Il – Chiese di San Pietro, della Ver-
clima – La caccia – Il nuraghe – gine del Carmine, di San Lucifero
Superstizione – Le grotte – Resti di e di Sant’Agostino – Le sue reli-
Antas, l’antica Metalla – Villaggi quie – L’oratorio da lui miracolo-
– L’isola di San Pietro – Cartagi- samente costruito – Dipinti – La
nesi ed altri ruderi – Storia – Car- chiesa di Sant’Efisio – Cerimonie,
loforte – Corsari tunisini – La flot- reliquie, miracoli – San Domenico
ta di Nelson – Rimostranze per un – Elenco dei monasteri e conventi –
trattamento inospitale – Carattere Statistiche ecclesiastiche – Monaste-
e occupazione della gente – Sali- ro francescano e cappuccino – Il
ne e pesca del tonno – L’isola di collegio dei Gesuiti – Il monastero
Sant’Antioco – Popolazione – Il tiro di Bonaria – Nostra Signora di Bo-
al piccione – Strade romane – naria – L’immagine miracolosa –
Consuetudini dei Sulcitani – Pal- La rivale Madonna del Miracolo –
mas – Capo Teulada – Il nuraghe – Piazza San Carlo – La strada di
Pula – Miniere – La chiesa – Reso- San Michele – Il Corso e la pareggia
conto su Nora e sulle epigrafi feni- – Strade – Carri e buoi – Il palazzo
cie – L’acquedotto romano sulle ro- municipale – La visita di Carlo V –
vine di un nuraghe – Altri ruderi
La citazione del Robertson e gli
romani – Da Pula a Orri – Miglio-
schiavi liberati a seguito della spe-
ramento delle coltivazioni ad ope-
ra del marchese di Villahermosa – dizione dell’imperatore – Il palaz-
Pietra miliare romana ed epigrafi zo viceregio – Incendio e sue cause
– Arrivo a Cagliari – La statua di Carlo Felice nell’Ar-
senale – Un abbigliamento fuori
luogo – Aneddoto – Le caserme – Il
266 Capitolo XVII contingente militare dell’Isola – I
La provincia di Cagliari – Una diversi Corpi, loro organizzazione
maggiore civiltà – Caratteri fisici e e compiti – Il San Lucifero ed il
Conservatorio della Provvidenza, fuorusciti – Aneddoti – Osservazio-
gli ospizi degli orfani e delle orfa- ni del Sismondi – Attuale abolizio-
nelle – L’ospizio dei trovatelli – ne della tortura – La grazia – Ceri-
L’ospedale civico – L’ispezione delle monia pasquale – La professione
lenzuola da parte del viceré – Gli forense e i notai – Commento della
ospedali militare e di San Pancra- giudicessa Eleonora – Le parcelle –
zio – Fondi ed istituzioni per la ca- Le corti di giustizia – La prigione –
rità pubblica e privata – I poveri – Le detenzioni – Celle sotterranee – I
Il cimitero pubblico galeotti – Il porto ed i frangiflutti –
La rada – Il lazzaretto – La doga-
315 Capitolo XVIII na – La marina mercantile – Com-
mercio e traffici dell’Isola – Espor-
I tribunali – Panoramica generale tazioni e importazioni – Le tasse –
sullo stato politico e giuridico dell’I- Segretezza dei profitti – Il bilancio
sola, passato e presente – Gli Sta- – I monopoli regi – Lavori di se-
menti o il Parlamento – Sua convo- cond’ordine per i Cagliaritani – I
cazione – Il donativo – La politica mercati del grano – Prodotti ali-
di Casa Savoia – Osservazioni di mentari – I vini – I pozzi – L’alto
Lord Nelson comparate con quelle costo dell’acqua – L’acquedotto ro-
del Manno – Il fondamento roma- mano – Le saline – Produzione e
no delle leggi – La Carta de Logu – prezzo del sale
Soprusi e disordini sotto il dominio
aragonese – Riforme e conseguente
assolutismo sotto Casa Savoia – La 356 Capitolo XIX
caduta del feudalesimo – Le fun- L’archivio regio – Archivi – L’Uni-
zioni del viceré – Salario – Un versità – Esami e lauree – Moda-
aneddoto – Brevità della perma- lità dell’elezione – Retribuzione dei
nenza in carica – Aneddoti – Il professori e dei funzionari – Teolo-
cancelliere – I giudici ed i tribuna- gia – Legge – Medicina – La biblio-
li – Retribuzioni – La Reale Udien- teca – Libri vietati – Uso del latino –
za – Le prefetture – Tribunali mi- Rigide ed inutili leggi dell’Univer-
nori e funzionari – I giudici del sità – I majoli – Popolazione di Ca-
Mandamento – Loro poteri e uso gliari – Abbigliamento – La lingua
scorretto – Segretezza del dibatti- – Talenti naturali mortificati dal-
mento – Alterazione delle deposi- l’indolenza – Feste – Cerimonie re-
zioni – Aneddoti – Carcerazione ligiose – Consuetudini e costumi –
dei testimoni – Impunità del crimi- La siesta – Le feste serali – La società
ne e manipolazione delle prove – – Le serate da ballo del viceré – Ca-
Storie di ritardi nei processi e nelle se – Lo studio di Marghinotti – Re-
sentenze – L’opinione di un giudi- strizioni per i libri – Il giornale – Le
ce sardo – Lagnanze per la nomi- stamperie – La censura – Festa a
na di Piemontesi negli uffici sardi Quartu – Costumi – Il tirai de pei –
– Condizioni di indigenza dei giu- Dintorni di Cagliari – La tarantola
dici – Un aneddoto – Audacia dei – La descrizione di Swinburne delle
credenze e dei costumi pugliesi militari – Stemma araldico – Epi-
messi a confronto con quelli sardi – scopati – La filiadura, una forma di
Capo Sant’Elia – Caccia di piccioni dote del 1225 – Il commercio – Il
selvatici nella Grotta dei Colombi – sistema monetario – La popolazio-
La Torre dei Segnali – Il golfo di ne – I monaci – L’ignoranza – No-
Quartu – La catena dei Sette Fratel- mi e date dei principali Giudici –
li – L’isola dei Cavoli – Il villaggio Analogia con l’eptarchia sassone
di Carbonara – Popolazione del di-
stretto – Storia di sa mannu rugia 437 Appendice II
Il feudalesimo introdotto dai Pisa-
388 Capitolo XX ni nel 1050 – Dispotismo dei baro-
Antiche rovine di Cagliari – Sepol- ni – Numerose leggi in favore del
cri – Tombe – Sa Grutta dessa Pi- popolo – L’insurrezione generale
bera – Epigrafi – Rovine di un an- del 1795 – Protesta e protocollo dei
fiteatro – Il Museo – Inesistenza di comuni feudali – L’insurrezione
cataloghi – Monete – Bronzi – Ter- di Angioy – Aspetti caratteristici
recotte – Lo stato dell’arte – Il gabi- del feudalesimo sardo – Copia di
netto di storia naturale – I fondi una concessione di beni nel 1364
del Museo – Pietre fenicie ed iscri- – Comparazione con quelle di al-
zioni – Il sigillo – Gli idoli sardi – tri Paesi – Esempi di diritti di pos-
Descrizione – Indagine sulla loro sesso, dazi, ecc. di diversi feudi
possibile origine sardi – Il loro numero – Abusi e
corruzione – Aneddoti – Canzone
popolare – L’abolizione del feudale-
419 Appendice I simo ad opera di Carlo Alberto nel
Indagine sull’origine e titolo dei 1836 – Modo autocratico di sop-
Giudici – Le citazioni più antiche – pressione – Risultati del provvedi-
Le rendite – Forme di governo – La mento – Comparazione con l’aboli-
legge civile e penale – Nomi e confi- zione del feudalesimo in Sicilia e
ni dei quattro principali Giudicati Ungheria – La politica di Carlo Al-
– Rivalità – Arroganza papale – I berto – Medaglia commemorativa
tributi – Situazioni di debolezza – dell’evento – Dono al suo ministro,
Condizioni sociali – I ceti – Le forze Villa Marina
L’ISOLA DI SARDEGNA
VOLUME SECONDO
CAPITOLO X
La sca la di Giocca – Pa esi – Povertà – Scuole – Occupa zione – Suolo
vulca nico – Forma zione geologica genera le dell’Isola – Foresta di Ba n-
na ri – Monte Sa ntu – Bessude – Fra ncesco Ca rboni – I suoi epigra mmi
e la poesia – Bonna na ro – Monte Ara na – Costumi – Grotta sta la ttitica
vicino a Tiesi – Cheremule – Sa n Pietro di Sorres – Sca vi per i tesori –
Monete a ntiche – Mores – Festa di Sa n Giova nni – Tra dizioni e super-
stizioni – Grotte – Fertilità – Ricerca della tuvura – Gia ve – Il nura ghe –
Sa ntinu e Oës – Distretto di Bonorva – Ca ra ttere della gente – Antiche
rovine – Mona stero di Sa nt’Andrea di Priu – Aidu di Turdu – Ca mpeda
e la Ta nca Regia – Appa lti di legna me – Da nni a stra de e foreste – Ma -
comer – Rovine roma ne – Nura ghe Sa nta Ba rba ra – Ta muli – Sepolture
e pietre coniche – Presunta origine – Il ca stello di Ma comer – Il distretto
del Ma rghine – Pa esi – Istruzione – Il fiume Tirso – Foreste e fuorusciti
– Nura ghe – Pigrizia a Birori – Sila nus – Ninfe a cqua e sa pone – Lei e
Bolota na – Chiese e mona stero – Tra dizione di Su nennere – I pa drini
di Sa n Giova nni – Una novena – Aneddoti di fuorusciti – Nura ghe –
Aneddoti – Tra dizioni della “Paci” e dei Ra giona tori – La città di Nuoro
– Ca rcere vecchio e nuovo – Ca ttedra le – Mona steri – La “Pietra ba lleri-
na ” – Orosei – Commercio – Grotta di Ca la gone

Partendo da Sassari per dirigermi verso la zona meridio-


nale dell’Isola, trovai un’ottima strada che passa sulla scala di
Giocca, ad un’altezza di 1005 piedi; serpeggia discendendo in
modo graduale ed agevole, lungo un lato molto scosceso del-
la valle che si trova 670 piedi più in basso. Procedendo per
circa due ore e mezzo attraverso Campo Lazzaro e Campo di
Mela, dalle colline che delimitano la pianura fanno capolino i
paesi di Tissi, Muros, Ossi, Cargeghe e Florinas. Quest’ultimo,
chiamato anche Fiorinas, Fiulinas e Figulina, soltanto un tanti-
no meno misero degli altri, fu un tempo la città principale del
distretto da cui ha tratto il nome; nella sua giurisdizione com-
prendeva diciannove paesi dei quali soltanto cinque ancora
oggi esistono, e cioè Florinas, Codrongianus, Ploaghe, Carge-
ghe e Muros. Nel 1838, su una popolazione complessiva di
6976 abitanti, frequentavano la scuola soltanto 129 bambini e,
compresi questi, altre 175 persone sapevano leggere, con una
media, quindi, di circa una su trentotto.

13
L’ISOLA DI SARDEGNA

Quasi tutti trovano occupazione nel lavoro dei campi o


nella pastorizia; più di 70.000 animali, di tutte le specie, si
nutrono al pascolo ma questo talvolta scarseggia e, nell’anno
succitato, sono state prodotte soltanto 237 tonnellate di for-
maggio.
La poesia, al contrario, registra progressi rispetto alle oc-
cupazioni pastorali; in tutti i paesi prosperano gli “improvisa-
tori” e le statistiche poetiche rappresentano una strana ano-
malia in un paese dove una persona su trentotto sa leggere,
una su sessantanove sa “improvisare”, il che non significa,
però, che gli improvisatori sappiano leggere. Gavino Campus
e Francesco Scanu sono il Moore e lo Scott di Figulina; le lo-
ro opere non hanno subito il danno di edizioni pirata in Ter-
raferma.
Dei 200 nuraghi della zona, la maggior parte si trova in
pessimo stato, così come accade per molte tombe di giganti.
Da queste parti, la natura vulcanica del terreno è straordina-
ria; un fiume di lava ha assunto forma e direzione particolari
nel distretto di Florinas, che le persone del luogo chiamano
Muru ’e Ferru, ossia la Muraglia di Ferro. Col solito ignotum
pro mirifico viene considerato un miracolo, sebbene sia ben
poca cosa rispetto alle formazioni analoghe che si trovano a
nord-ovest del Vesuvio e nei lati meridionale ed occidentale
dell’Etna, in quanto questa muraglia è lunga soltanto 492
piedi e larga tre, mentre l’altezza varia fra i sei piedi e cin-
que pollici e i sedici piedi e quattro pollici.
La conformazione geologica dell’Isola presenta molti
aspetti interessanti. Il La Marmora, il capitano Smyth1 ed altri
autori, si sono addentrati nell’argomento e noi estrarremo dal-
le loro opere, quasi verba tim, alcune osservazioni generali.
Risulta evidente, da un esame delle scogliere di Longo Sardo
e Bonifacio, che, nell’antichità, la Sardegna e la Corsica fosse-
ro unite e che lo stretto che intercorre si sia formato a causa

1. W. H. Smyth, Sketch of the present state of the Island of Sardinia, London,


John Murray, 1828; riedito a cura di M. Brigaglia, traduzione di T. Cardo-
ne, Nuoro, Ilisso, 1998 (N.d.T.).

14
Ca pitolo X

di un abbassamento delle falde. Ma la Sardegna, sebbene paia


essere un prolungamento della Corsica, è molto diversa sia
nell’aspetto che nella conformazione e nei prodotti della terra.
Una serie primordiale di montagne, composte di granito
con ramificazioni di scisto, grandi masse di quarzo, mica e
feldspato, corre da nord a sud e sud-est attraverso i distretti
della Gallura, Barbagia e Burcei ma, a mala pena, si posso-
no definire una catena in quanto sono intersecate da monta-
gne trasversali, da pianure e vallate generate da agenti vul-
canici. Il gruppo del Limbara è il più settentrionale della
serie, la cui vetta più elevata, circa 4330 piedi, è costituita da
un’intera massa di granito e tali sono anche il Monte Lerno
di Pattada (alto 3586 piedi) e il Monte Nieddu. Il Gennargen-
tu, la montagna più centrale e più alta, ha due vette culmi-
nanti: il Bruncu Spina (6292 piedi) e Su Sciusciu (6118 piedi).
A sud di quest’ultima si trova la Serra de Mare di Tertenia, di
formazione consimile, e a sud-est, vi è il gruppo dei Sette
Fratelli, alto 3141 piedi, sebbene il capitano Smyth non riten-
ga superi i 2300 piedi.
Il Monte di Oliena, sulla costa orientale, nei pressi di
Nuoro (alto 4390 piedi) è di natura calcarea, così come il
Monte Santo di Baunei (circa 2400 piedi) ed il Monte Alvo di
Siniscola, 2317 piedi d’altitudine. La catena della Nurra, nella
zona nord-occidentale, è composta da granito, scisto e calca-
re; nel Goceano, il Monte Rasu, un gruppo di scisto e grani-
to, è alto circa 4094 piedi e a sud-ovest, nel distretto del Sul-
cis, hanno la medesima conformazione il Monte Linas (circa
4092 piedi) e il Monte Severa (3225 piedi). L’Isola è stata no-
tevolmente devastata dagli incendi sviluppatisi al suo interno,
ma ciò è accaduto in epoca tanto remota che non è possibile
ipotizzare quando. Le formazioni vulcaniche si possono rin-
tracciare da Castel Sardo, sulla costa settentrionale, proceden-
do verso meridione, attraverso i distretti di Codrongianus,
Cheremule, Giavesu, e Bonorva; da Macomer, attraverso Lus-
surgiu e Milis, verso la costa occidentale e, attraverso Siliqua
e Massargia verso le isole di San Pietro e Sant’Antioco, ambe-
due quasi interamente formate da trachite. Su vaste zone di

15
L’ISOLA DI SARDEGNA

recente formazione si trovano spesso pianure di lava, local-


mente chiamate gia re, del tipo di quelle di Sardara, Ploaghe,
Padria ed altre; inoltre, si trovano spesso rilevanti estensioni
di trappo e pitchstone, o roccia vetrosa, negli strati calcarei
mentre altri elementi, che si sono decomposti in tempi più
rapidi, sono inglobati nella terra formata da lava polverizzata.
Il capitano Smyth ritiene che non si trovi la pomice, ma ciò
non è esatto. Nelle vicinanze di Osilo, Florinas, Cheremule,
Santu Lussurgiu, Monastir, ecc. esistono tuttora vestigia di
crateri, sebbene di solito siano difficili da individuare. Si ritie-
ne che alcuni di essi si siano formati in tempi più recenti, per
la loro forma conica meno accentuata e per il paesaggio cir-
costante, caratterizzato da sottili ceneri rosse, lava grezza,
scorie, ossidiana e pozzolana indurita, con colline di tufo
porfirico, tutte giacenti su roccia terziaria, rispetto ad altri che
presentano una forma allungata e irregolare. Per la loro com-
posizione, sono simili a quelli di Auvergne. Monte Urticu, la
vetta del Monte Ferru, si trova a nord di Oristano; alto 3442
piedi, è totalmente vulcanico. Santu Lussurgiu, che sta su
uno dei suoi fianchi a 1648 piedi d’altitudine, sorge su un
cratere e così anche Cuglieri. La Trebia Lada, alta 2723 piedi
è uno dei tre piedi basaltici che formano la trebina , o tripo-
de, sulla cima del Monte Arcuentu, che si trova fra Oristano e
Ales, formato da strati orizzontali di basalto.
Presso Nurri si trovano due colline chiamate Pizz’e oghed-
du e Pizz’e ogu mannu (cime dell’occhio piccolo e del gran-
de), nei tempi antichi bocche incandescenti, e da queste è
sgorgato un fiume vulcanico su un’estensione calcarea che ha
dato luogo ad un altipiano a circa 1600 piedi sul livello del
mare. Sa Giara ’e Serra, la pianura di Serri, domina Gergei ed
è ricoperta di sughere e querce, mentre il lato settentrionale
del declivio offre ricchi pascoli. A nord-ovest di questa pianu-
ra si trova la Giara di Gesturi, di conformazione analoga, nata
da un cratere nei pressi di Ales ma disseminata di molti am-
massi squadrati di pietra, ed in particolare frammenti di ossi-
diana, trachite e lava spugnosa; il paesaggio fa pensare ad
una città in rovina.

16
Ca pitolo X

Nel Campidano, fra Oristano e Cagliari, verso Villa Cidro,


scorre profondo un limo alluvionale e al di là di esso vi sono
tratti di terreno pieni di ciottoli inframmezzati da pietre più
grosse e, incastrate nelle masse calcaree che delimitano que-
ste pianure, si trovano asterie, echinoidi e foladidi con una
grande varietà di residui organici.
Gli altipiani principali sono: quello di Buddusò, granitico;
di Monte Cardiga, Silius, Arcidano e Sadali, calcarei; la Giara
di Genoni, Padru Mannu e Monte Arci, vulcanici; quelli di
Sassu, Sassitu ed altri, fra Bosa e Alghero, che sono trachitici.
Le produzioni geologiche sono vaste e preziose; i graniti,
come già abbiamo osservato, erano noti nell’antichità e molto
stimati in Italia, in quanto straordinari per la bellezza ed i co-
lori; le varie specie di porfido, ugualmente molto apprezzate
dagli stranieri, non lo sono state, invece, dalla gente locale.
Lo scisto, specialmente quello contenente mica, si trova in
abbondanza nelle montagne più importanti e, come osserva
La Marmora, ricopre spesso i graniti come un mantello; alcu-
ni si trasformano impercettibilmente in scisto simile a talco,
altri contengono antracite. In molte parti si trova quello di ti-
po piatto, sebbene sia stata sfruttata soltanto una cava nel di-
stretto della Nurra, attualmente dismessa.
Fra le formazioni primarie calcaree nelle zone di Ozieri,
Perdasterri, Teulada, Samugheo, Quirra, Mandas e Silanus si
trovano marmi saccaroidi i quali, sebbene di buona consisten-
za, non possono essere usati in grandi blocchi a causa delle
frequenti fessurazioni. Il cipollino verde si trova in abbondan-
za a Corr’e Boi, a Silana nei pressi di Dorgali ed in altri luo-
ghi, mentre i marmi neri con inclusi di encriniti, molte polita-
lamacee, sono particolarmente belli ed eleganti nei distretti di
Fluminimaggiore e apprezzati come materiali ornamentali.
La formazione di calcare secondario, che si è ben svilup-
pata, non offre molto marmo, ma se ne trovano degli ottimi
strati neri nell’isola di Sant’Antioco, dove il calcare è di tipo
ippuritico, mentre in altre località ha come base strati di ligni-
te e nella parte inferiore si trasforma in calcare magnesiaco.
Di natura simile sono i grandi altipiani di Arcidano, Sadali e

17
L’ISOLA DI SARDEGNA

tutte le montagne calcaree dell’Ogliastra. La dolomite è repe-


ribile nelle rocce olitiche di Baunei e Monte Alvu mentre Ca-
po Figari, Capo Caccia, il Monte di Oliena, il Monte Aivaru,
nella Nurra, e lo strato calcareo di Sant’Antioco, contengono
diceratidi, ippuriti ed altri fossili. Una varietà di calcare terzia-
rio, presente nelle zone centrali dell’Isola, nel settore occi-
dentale del batolite granitico principale, forma la pianura del
Campidano, fra Oristano e Cagliari, il substrato delle sostanze
vulcaniche, e le colline di Sassari, Cagliari, Sorso e altri centri;
raramente, però, si trova al di sopra dei 1313 piedi sul livello
del mare sebbene presso Mandas, Isili e Osilo si rintracci a
1542 piedi. La Marmora lo ritiene analogo alla formazione
del terziario superiore che si trova nel sud della Francia, nel-
l’Italia centrale e meridionale, in Sicilia, a Malta, nelle Isole
Baleari e in Africa. In varie zone si trovano formazioni stalat-
titiche, come la grotta di Alghero e altre.
È stata ritrovata l’antracite ma è sfruttabile soltanto quella
del distretto di Seui, mentre il carbone, per quanto reperibile
in varie zone delle formazioni secondarie, ed in particolare
nelle parti inferiori degli strati di calcare magnesiaco, non è
presente in quantità notevoli né è abbastanza buono come
qualità per poter avere ampio sfruttamento. Di recente, il La
Marmora ha effettuato nuove ricerche carbonifere, in partico-
lare nella valle del Flumendosa, ma senza i risultati positivi
che si attendeva.
Il diaspro si trova in abbondanza nella trachite e nella do-
lomite e grandi blocchi di ottima varietà si trovano a San Pie-
tro e nel distretto di Scarru, a Cagliari, Bosa, Ittiri, Martis e Osi-
lo. Fra i calcedoni si annoverano la sarda, la sardonica, l’agata
e la corniola. Le zone dalle quali gli antichi traevano la sardo-
nica, una volta tenuta in gran pregio, non si conoscono con
certezza ma le vicinanze di Bosa sono ricche di formazioni cal-
cedoniche. Sono state trovate eccellenti qualità di quarzo,
ametista ed anche di idrofane, che qui chiamano “la pietra tra-
mezzaria”, nota per la sua particolare proprietà di diventare
trasparente quando viene immersa nell’acqua. Sono reperibili,
ma non di frequente, anche buoni turchesi e granati. In diverse
zone si trova alabastro della miglior specie, mentre il gesso si

18
Ca pitolo X

rinviene soltanto in due località a nord-ovest dell’Isola; è di


ottima qualità ma ha una sfumatura rossastra. Quanto alle ar-
gille, che ovviamente sono varie come le rocce, le migliori so-
no quelle di Laconi, di Nurri e Nurallao che si usano nella
fabbricazione del vetro, mentre quelle della piana di Oristano
sono adatte per la comune terraglia. Esistono molte ragioni
per credere che fossero conosciuti anche altri tipi di argilla,
usati, non soltanto durante, ma molto prima della dominazio-
ne romana nell’Isola; lo si deduce dal frequente ritrovamento
di alcuni esemplari, leggeri ed eleganti, di antica ceramica.
Zolfo, nitrato, e allume, sebbene presenti allo stato naturale,
non sono sufficienti a soddisfare la domanda ma quest’ultimo,
come pure l’argilla smettica, era noto agli antichi2 e veniva
esportato anche nel medio evo, ma avremo modo di soffer-
marci sui minerali quando arriveremo ai distretti minerari.

Superato Campo Lazzaro, una bella pianura coltivabile, la


strada passa alle falde del Monte Santo, una collina che sorge
improvvisa e si eleva fino all’altezza di 2466 piedi e mezzo,
sulla cui sommità si trova un grande pianoro verdeggiante di
querce e sughere. Attualmente esiste soltanto una delle due
piccole cappelle che anticamente appartenevano al monastero
benedettino ed è consacrata a sant’Elia. Tuttavia, l’empietà del
luogo supera la fama della sua santità perché, prima della co-
struzione della strada maestra, la montagna – il Fondi e Itri3
della Sardegna, come la definisce Valery – era sacra e destinata
a ladri e assassini e sono tanti i racconti che ancora circolano
sul destino di coloro che si trovarono a passare da quelle parti.
I tristi e malsani paesi di Siligo, Bannari, Bessude, Bonna-
naro, Borutta, Tiesi e Cheremule si possono attraversare sen-
za visitarli. Bannari non offre niente che ripaghi la fatica d’ar-
rivarci, se non le rovine di un antico convento cistercense,
ubicato a circa quattro miglia dal paese, nei pressi di un ru-
scello nella valle, e la cui chiesa, dedicata a santa Maria di Cea,
reca una curiosa iscrizione nella parete accanto all’ingresso.

2. Vedi Plinio, lib. XXXV, cap. 57.


3. Entrambe cittadine del Lazio tristemente note per furti e rapine (N.d.T.).

19
L’ISOLA DI SARDEGNA

La foresta di Bannari, con un’estensione di circa cinque


miglia e mezzo inglesi quadrate, che racchiude oltre 240.000
piante, confina con altre più grandi e coi distretti dei giun-
chi, tutte disgraziatamente danneggiate dai saccheggi e dalle
distruzioni dei pastori; vicino al nuraghe Badde mania, ci so-
no diverse tombe dei giganti, semi distrutte probabilmente
dagli stessi pastori e che, in media, si aggirano su una lun-
ghezza che non supera i tredici piedi.
Bessude è l’unico paese degno di rilievo in quanto è sta-
to la residenza di Francesco Carboni, poeta e studioso, molto
stimato in continente e nell’Isola.4 Nato nel vicino paese di
Bonnanaro nel 1746, frequentò l’università di Sassari e quin-
di quella di Cagliari; quando ancora era studente diede un
saggio precoce della sua profonda conoscenza della lingua
latina e di quella capacità di poetare per la quale divenne
successivamente molto famoso. Fece parte del collegio dei
Gesuiti nel 1763 e, nel 1772 pubblicò la prima parte del poe-
ma in esametri, De Sa rdoa intemperie, ma dopo lo sciogli-
mento della Compagnia di Gesù, fu nominato professore di
eloquenza a Cagliari, incarico che molto presto abbandonò e,
per ragioni private e politiche, si ritirò a vivere per qualche
tempo in Italia dove fu accolto con grandi onori dalle univer-
sità e dalle associazioni letterarie e strinse amicizia con i più
famosi letterati del tempo. Tornato in Sardegna, scelse di vi-
vere a Bessude e si dedicò totalmente all’attività letteraria,
«scrivendo e poetando latinamente», come dice esattamente il
suo biografo, Pasquale Tola, fino alla morte avvenuta per “in-
temperie” nel 1817.
Il suo poema, De Sa rdoa intemperie, fu tradotto in versi
italiani da Giacomo Pinna. L’altra opera, De extrema Christi
Coena , edita a Cagliari nel 1784, fu ripubblicata a Genova nel
1802, con una fedele traduzione del cavaliere Giuseppe Deli-
tala di Alghero; alcuni versi del De Corde Jesu sono veramente

4. Ampie notizie su Francesco Carboni si possono trovare nell’opera di


Pasquale Tola, Diziona rio biogra fico degli uomini illustri di Sa rdegna ,
vol. I, Torino, 1837; riedito a cura di Manlio Brigaglia, Nuoro, Ilisso, 2001
(N.d.T.).

20
Ca pitolo X

eccelsi e il poema in endecasillabi, la Euca ristia , fu tanto ap-


prezzato in continente che di esso si disse «che Catullo cristia-
no non avrebbe potuto esprimersi diversamente»; tuttavia è
difficile dire se il complimento vada a scapito del cristianesi-
mo di Catullo o del “catullismo” di Carboni.
Il bardo di Bonnanaro e di Bessude consentì talvolta alla
sua musa di esprimersi, per fortuna non molto spesso, in epi-
grammi e sebbene sia stato paragonato a Catullo per la sua
Euca ristia , non ha manifestato spirito marziale nei due epi-
grammi dedicati a Napoleone e a Nelson:

AD HYACINTHUM TURRIANUM TAURINENSIUM


ANTISTITEM, DE NAPOLEONE, ETC.

Indupera torum domitorem inopina pa rentem


Indeplora tis regibus excidia ,
Cui sua victori Ausonides ja m sceptra merenti
Fra nigena e a nte pedes ja m posuere sua ,
Miretur quivis Istro da re jura , da turum
Mox Ta na i, a c Tha mesi, moxque Borysthenidis.
Tu nil mireris, qui nosti, Hya cinthe, minorem
Uno semideum Na upoleona Jove.

AD NELSONEM

Centima num, vir summe, Gygen cum trudere coelo


Possis, quis tibi non pa rea t unima no
La eva m jura ma ri da ntem, Niloque tremendum
Sequa na ca ptivis non verea tur a quis?
Ha ec erit ha ec, domitis regum domitoribus, una
Dextera cui sese conferet ipsa Jovis.

La maggior parte degli altri suoi poemi è pervasa da


un’espressione artificiosa e da asprezza di scansione, lo «stu-
dium sine divite vena », che sa più della penna dell’ecclesiastico
e del collegiato che del libero sfogo delle muse ausonie del cui
spirito, si dice, sia stato ampiamente permeato. Il monumento
eretto in suo onore nella chiesa parrocchiale di San Martino,

21
L’ISOLA DI SARDEGNA

con dedica ed epitaffio in latino, non contribuirà di certo a ren-


dere immortale il poeta né l’autore del suo panegirico.
Il paese di Bonnanaro, situato alle falde del Monte Pelao,
produce dei vini eccellenti; quelli di Borutta somigliano alla
La cryma Christi di Nola, nel Vesuvio, ed al “vino ordinario”
di Catania, a causa della somiglianza del suolo. La collina
confinante di Monte Arana, di forma conica, è evidentemente
un cratere spento; ambedue i paesi hanno alle spalle una
piccola foresta il cui verde intenso contrasta piacevolmente
con l’aspetto freddo e desolato dell’ambiente vulcanico circo-
stante, mentre i colori vivaci dei costumi delle donne erano
un sollievo di fronte alla pietra scura con la quale erano fatte
le loro tristi casupole ed infatti le sottane erano gialle, le pet-
torine verdi o rosse, con abbondanza di bottoni d’argento ed
ornamenti vari.
Nelle vicinanze di Thiesi si trova una grotta stalattitica
che tralasciai di visitare, ma secondo il resoconto del Valery
ne sarebbe valsa la pena.
Il piccolo villaggio di Cheremule, dall’aspetto sepolcrale,
il più strambo fra quelli del distretto a causa della sua posi-
zione naturale, sorge sul cratere di un vulcano spento dove
tutto quel che lo circonda assume un colore cupo e perfino
gli abitanti hanno la carnagione più scura dei loro vicini. Nel-
la pianura intermedia, fra Cheremule e la collina che sovrasta
Torralba, si trova l’antica chiesa di San Pietro di Sorres la cui
chiave (è bene che il visitatore sia informato) viene custodita
a Borutta.
È incerta la data di costruzione di questo strano ed ele-
gante edificio, una volta la cattedrale della diocesi e di una
zona molto popolata; la diocesi fu aggregata a quella di Tor-
res nel 1502. Lo stile architettonico è simile a quello della
chiesa di Saccargia, in modo particolare per l’alternanza di
blocchi di lava e di marmo neri e bianchi e nei dettagli orna-
mentali si sono ben conservate le modanature elegantemente
rifinite. L’edificio è molto piccolo, lungo circa 115 piedi per
cinquanta di larghezza, ed ha solamente cinque colonne in
ogni navata ma parte della balaustra attorno all’altare, il pulpi-
to sostenuto da quattro archi e il sedile al lato dell’altare stesso

22
Ca pitolo X

sono in pietra curiosamente scolpita e meritano di essere os-


servati. I resti circostanti di un monastero, e di una costruzio-
ne che probabilmente era il battistero, sono in pieno sfacelo,
ricoperti di cespugli; perfino dentro la chiesa cresce un gran-
de albero di fico. La stessa dabbenaggine superstiziosa di Bi-
sarcio invogliò la gente a scavare tra le rovine alla ricerca di
tesori, invocando la Madonna perché le ricerche fossero frut-
tuose, e la convinzione che questi esistano può essere forse
nata dalla circostanza del ritrovamento di molte monete ro-
mane e cartaginesi avvenuto nella zona; i reperti sono ora
esposti nel Museo di Cagliari.
Una delle più alte autorità religiose dell’Isola mi mostrò
una collezione di monete che gli era stata appena regalata dal
prete di un villaggio vicino a Sorres da dove erano state dis-
sotterrate; la collezione consisteva di circa sessanta pezzi, tutti
d’argento, del periodo della Repubblica e degli imperatori. La
maggior parte delle monete si trovava in ottimo stato di con-
servazione ed il danno maggiore che aveva subito era stato
forse causato dalla ripulitura e dalla lucidatura cui il curato,
poco esperto di numismatica, le aveva sottoposte; se fossero
state lire nuove, appena uscite dalla zecca di Torino, non
avrebbero potuto essere più splendenti. L’amabile prelato,
che di certo non era un antiquario, in un’occasione successiva
disse d’aver inviato in regalo la collezione a Sua Maestà, la
quale in quei giorni si trovava nell’Isola, e che intendeva por-
tarsela a Torino. Non essendo sardo di nascita, e sperando di
essere trasferito in una diocesi della sua terra natale, è facile
arguire il perché avesse scelto questa strada anziché destinare
il “tesoro” al Museo di Cagliari. Nonostante il patriottismo del
prelato e la ripulitura fatta dal prete, quel che è biasimevole
è che Sua Maestà in persona non ne abbia fatto dono a quel-
l’istituzione, giacché i Sardi, ostinati in tutto quel che riguarda
la loro terra, considerano anche un atto così insignificante un
esempio delle razzie dei Piemontesi.
Da Torralba, ai piedi di un colle che sovrasta la strada
principale, un sentiero in buono stato conduce ad Ozieri, at-
traverso Mores, che sorge pittorescamente ai confini della
pianura ozierese, alle falde del Monte Lacheros.

23
L’ISOLA DI SARDEGNA

Nel 1839 Mores contava 2116 abitanti dei quali soltanto


trentacinque frequentavano la scuola. In compenso ci sono
tre chiese, un convento dei Cappuccini con sedici frati, una
Confraternita della Santa Croce con dieci religiosi ed una de-
cina di altri preti che, tutti insieme, indicano una proporzione
di 424 persone per ogni chiesa e di un religioso di qualsiasi
ordine ogni 58 persone così che, di fatto, il numero delle
persone istruite non è neanche il doppio rispetto al numero
di preti e monaci.
E forse che non si vedono i risultati di un sistema del ge-
nere?
Per la festa di San Giovanni, che si celebra in una chie-
setta nei pressi del fiume Melis che sfocia sul Tirso, si verifica
il consueto raduno di tutti i ceti dei paesi vicini, con la parte-
cipazione collettiva a tutti i divertimenti tradizionali. La sera
precedente, i malati, gli storpi ed i ciechi, accompagnati dagli
amici, si riuniscono per trascorrere la serata ed attendono
con ansia il tocco di mezzanotte; in quel preciso istante, si
tuffano, o vengono scaraventati, nel fiume Melis che, in quel-
la particolare occasione, si crede possieda poteri miracolosi.
Se poi guariscano per la speranza di poter essere real-
mente guariti, o per la paura di essere lavati – perché i Sardi
soffrono di idrofobia di acqua dolce o salata – questo non è
certo ma, dal momento che l’immersione nel fiume non è una
panacea per tutti i mali, esiste un altro presunto rimedio per
coloro ai quali il sistema dell’acqua fredda non piaccia pro-
prio. Consiste nel girare furtivamente in quella stessa notte
per cogliere pesche dagli alberi, avendo particolare cura di
rubarle in modo da non essere visti o colti sul fatto. Una volta
prese le pesche, si dirigono subito in chiesa e le sistemano
davanti all’immagine del Santo, come offerte votive e si crede
che, quando queste avvizziscono e marciscono, allo stesso
modo scompaiano i malanni dei supplicanti.
Nei tempi passati, i Romani veneravano Mercurio nei suoi
duplici attributi di dio dei ladri e protettore dei giardini e nel
suo altare si facevano offerte di frutta. Le superstizioni dei cri-
stiani sono meno oltraggiose dell’ignoranza dei pagani? Possi-
bile che non esista uno solo, dei trentasei pseudo religiosi di

24
Ca pitolo X

questo distretto, così onesto e coraggioso da insorgere e di-


mostrare che l’Evangelista non è l’equivalente di Mercurio?
Quel che si è raccontato, non è che un esempio irrilevan-
te delle assurdità e dei pregiudizi diffusi in tutti questi paesi e
molti altri se ne potrebbero citare, come il credere nei sogni,
le apparizioni dopo la morte, le guarigioni improvvise, l’inter-
pretazione degli ignes fa tui, le scintille delle candele ritenute
essere le anime del purgatorio, il credere che le anime dei de-
funti penetrino attraverso la porta di coloro che sono in punto
di morte, che gli ululati dei cani indichino che certi defunti
abbiano scontato le pene del Purgatorio o che vengano a visi-
tare i moribondi e così via. Sono tutti esempi che palesano
l’incuria dei pastori delle anime e l’ignoranza della gente.

Nelle vicinanze di Mores si trovano caverne e grotte na-


turali e artificiali con dei compartimenti; le due del Monte
Santu, dette Su Crastu de Sanctu Enoe e Su Crastu de Sanctu
Eliseu, si crede siano state la dimora del patriarca e del pro-
feta; quelle De Antoni Cassu, De S’Edera, e varie altre, vanta-
no leggende di non minor spessore.
La fertilità del suolo è tale che si potrebbe produrre il
quadruplo di quanto si ricava attualmente se questo terreno
venisse lavorato adeguatamente, ma la mancanza di ponti sul
Termo e di strade in campagna costituiscono per i Moresi il
pretesto per non coltivare la terra e non lavorare più di quan-
to sia necessario per le loro esigenze personali. Fra i prodotti
naturali, le anguille e le trote del Termo sono rinomate per la
taglia e la bontà; da queste parti, inoltre, come pure nelle vi-
cinanze di Oristano ed in altre zone dell’Isola, si trova in ab-
bondanza la tuvura . Si tratta di un fungo bulbiforme, un
qualcosa che sta fra una patata ed un fungo, di forma roton-
deggiante, ricoperto da una pellicola scura, tenero all’interno,
di gusto piacevole, più simile a un tartufo che a un fungo.
Presenta una struttura invasiva e i cacciatori di tuvura la cer-
cano nei mesi di marzo e aprile; perforano il terreno nel qua-
le cresce con un bastone ben appuntito e quando trovano il
bulbo si ode un lieve sibilo, come una fuoriuscita d’aria. Il sa-
pore è ottimo e la tuvura viene cucinata come gli altri funghi

25
L’ISOLA DI SARDEGNA

e tartufi, tagliata a fettine o fritta e servita con salsa; costa dai


6 ai 9 pence il centinaio.
Giave, situato sul lato sinistro della strada che da Torralba
porta a Macomer, sorge sulla sommità di un cratere spento e
su una prominenza della montagna si trovano i resti dell’antico
castello costruito verso il 1337 dalla famiglia dei Doria e distrut-
to durante le guerre contro gli Aragonesi. Il Giavesu, o pianura
di Giave, è molto fertile ma scarsamente coltivato ed in varie
parti, specialmente nelle sommità delle colline che lo circonda-
no, si trovano nuraghi, dei quali, i due più famosi sono il Santi-
nu, o San Costantino, e l’Oës o Boës, il nuraghe dei buoi.
Il primo è caratteristico per il grande terrapieno sul quale
sono stati costruiti anche il secondo ed il terzo piano, con al
centro le camere a volta, una sull’altra, ed altre tre negli ango-
li arrotondati.
La pianta fatta dal capitano Smyth, servendosi di quella
del capitano Catella, ufficiale del Genio dell’esercito piemon-
tese, è imperfetta sotto molti versi, ma quella del La Marmora
è eseguita correttamente ed è molto più verosimile di quella
da me fatta per l’esattezza delle misurazioni che differiscono
in non molti punti.
Le osservazioni del Valery, a proposito di questo nuraghe,
sono così straordinariamente sbagliate che non dovrebbero
passare sotto silenzio: «Pa rmi les nombreuses Nora ghes voisi-
nes on distingue celle de sa nto Sa ntinu – Consta ntine. Ce Con-
sta ntine Sa rde fut un des souvera ins ou juges du Logudoro a u
onzieme siecle (!). Son Monument (!!), sorte de grosse tour de
pierres noires mêlées, dominées de végéta tion, contient jusqu’à
soixa nte douze cha mbres l’une a u dessus de l’a utre (!!!), a vec
un esca lier en spira le. Ma is cet intérieur est come invisible,
lorsqu’on ne se pourvoit pa s suffisa mment de lumières, et je ne
pus m’en fa ire qu’une idèe a ssez impa rfa ite, quoique j’eusse
coupé mes deux bougies en qua tre. La Nora ghe de Sa ntu Sa n-
tinu fût visitée pa r le Roi de Sa rda igne in 1828, lorsqu’il èta it
Prince de Ca rigna n; et en 1834 pa r le Vice-Roi de l’Isle, ca r elle
pa sse pour une des plus curieuses et des mieux conservées».
La sua ipotesi che si tratti del monumento di un giudice del
Logudoro è probabile quanto potrebbe essere probabile che il

26
Ca pitolo X

1. Pianta del piano terra del nuraghe Santinu

nuraghe Oës sia stato costruito dai buoi o ad essi dedicato;


quanto alle «settantadue camere, una sull’altra», se avesse fatto
in settantadue pezzi le due candele che aveva, non avrebbe
certamente potuto vedere più di quanto al La Marmora ed a
me non sia capitato.
1. La camera a volta centrale, diciotto piedi di diametro e
circa diciotto d’altezza, presenta un grande foro ma la sua for-
ma non fornisce indizi o prova dello scopo cui era destinato.

{
2. Circa ovest verso nord Corridoi lunghi circa 9
3. " nord " est piedi e larghi 3 che colle-
4. " est " sud gano la camera a volta 1
5. " sud-sud-est col corridoio 6

27
L’ISOLA DI SARDEGNA

6. Il corridoio a spirale, lungo circa 193 piedi, largo quat-


tro, ed alto tredici, dalla base si snoda fino alla sommità at-
torno alla camera a volta 1 del piano terra ed attorno alla ca-
mera a volta 1 al primo piano come nell’altra pianta.
7. Proseguimento del corridoio in pendenza.
8. Il corridoio 6 si restringe e termina in un confuso am-
masso di pietre che, se asportate, probabilmente rivelereb-
bero che il varco comunicava con la camera a volta 17.
9. Una nicchia nel corridoio.
10. L’inizio di un corridoio a sud-sud-est, attualmente in-
terrotto.
11. La circonferenza della base della torre sul terrazzo di
circa 146 piedi.
12. L’ipotetica continuazione del corridoio 10 che, con
molta probabilità, si estendeva fino all’ingresso 13.
13. Il probabile ingresso al piano terra viene indicato con
linee punteggiate secondo il presupposto del La Marmora,
sebbene la muratura esterna non ne riveli traccia e, secondo
la sua supposizione è:
14. Un corridoio che collega fra loro le camere 15, 16 e 17.
15-17. Ad est-sud-est, nord, nord-ovest e sud-sud-ovest,
vi sono tre camere a volta di 15 piedi di diametro e circa 15
d’altezza, con piccole aperture molto probabilmente usate
come ingressi al lungo corridoio 14, ora totalmente interrotte.
18. Il perimetro totale della terrazza del nuraghe è di 385
piedi.

Pianta del primo piano sovrastante il precedente:


1. Camera a volta centrale, alta circa 15 piedi, altrettanti di
diametro, sebbene non perfettamente circolare ma rientrante
verso nord-ovest.
2. Rientranza a nord-nord-ovest.
3. Rientranza a sud-sud-ovest.
4. Corridoio dall’ingresso al punto n. 5 verso la camera a
volta 1, lungo quindici piedi e sei pollici, largo tre piedi e sei
pollici.
5. Ingresso a sud-est.

28
Ca pitolo X

2. Pianta del primo piano del nuraghe Santinu

6. Il corridoio a spirale, continuazione dal corridoio segnala-


to col n. 7 di cui alla pianta di terra, che si snoda attorno alla ca-
mera 1 fino alla sommità.
7. Fine del corridoio a spirale sulla sommità dell’edificio.

Poco rimane del terzo piano, salvo una porzione della


parete laterale della camera centrale il cui diametro alla base
è di undici piedi. Dalla parte più alta della sovrastruttura alla
base sulla terrazza vi sono circa trenta piedi ed il diametro
sulla sommità è di ventisei piedi. Tuttavia, l’altezza della ter-
razza rispetto al terreno varia a seconda dello stato di sface-
lo; in alcuni punti è di 15, in altri di ventisei piedi. Gli archi-
travi dell’entrata e dei corridoi sono fatti generalmente di

29
L’ISOLA DI SARDEGNA

solidi blocchi, uno dei quali, senza dubbio non il più grosso,
misurato per caso, era lungo cinque piedi e nove pollici, lar-
go tre piedi e tre pollici ed alto due piedi e tre pollici. Tutte
le pietre sono di origine vulcanica e molte sono grosse co-
me quella ora descritta.
La Marmora, fra le sue mappe, riporta una camera segna-
ta K ma nella mia non viene inclusa in quanto non fui in gra-
do di individuarla nel nuraghe. Anche le direzioni dei corri-
doi 2, 3 e 4 sono diverse; la misurazione delle pareti esterne
della terrazza è inferiore a quella da me riscontrata.
Il nuraghe Oës, situato in una zona ferace di Giavesu, a
circa mezzo miglio a sud del precedente, si trova su una spe-
cie di terrapieno artificiale, con i resti di due basse muraglie
esterne parallele, fatte di grosse pietre irregolari che furono
probabilmente le fortificazioni e racchiudevano l’intero edifi-
cio. Gli strati inferiori di pietre, della stessa origine vulcanica
di quelle di Santinu, sono molto più irregolari per forma e
posizione dell’altro nuraghe mentre quelle della parte supe-
riore presentano la solita regolarità.
Nell’inclusa pianta del piano terra, la camera a volta e i
corridoi non sono stati inseriti perché sono talmente ostruiti
che è impossibile indicare la loro posizione come pure le
proporzioni, ma non vi è dubbio sulla loro esistenza e molto
probabilmente erano rispondenti alla presunta mappa forni-
ta dal La Marmora.

1. Perimetro complessivo: 280 piedi.


2-4. Si ipotizza che in questi punti esistessero camere a
volta che, di conseguenza, si individuerebbero nelle camere
segnate 5, 10 e 17 al primo piano, ma non c’è prova certa
della loro esistenza.
5. Ingresso al piano terra a est-sud-est.
6. Corridoio lungo dodici piedi, largo tre piedi e sei pol-
lici ed alto circa tre piedi che conduce alla camera 7.
7. Una camera quadrilatera larga all’ingresso circa tredici
piedi, sedici al lato opposto, e lunga circa diciassette piedi;
ora ingombra di pietre sparpagliate.

30
Ca pitolo X

3. Pianta del piano terra del nuraghe Oës

8. Piccola apertura nella parete che potrebbe essere stata


un corridoio di collegamento con la camera segnata 2; po-
trebbe anche aver intersecato il corridoio a spirale che in-
dubbiamente qui discendeva, analogo a quello del nuraghe
Santinu.
9. Altra apertura probabilmente comunicante con la ca-
mera 4; ambedue sono ostruite.
10. Corridoio lungo 20 piedi, largo due piedi e nove pol-
lici ed alto circa due piedi e sei pollici.
11. Termine del corridoio 10 ed inizio della rientranza
12. Il punto 11 può essere stato probabilmente quasi sotto il
centro della camera a volta 13 al primo piano.

31
L’ISOLA DI SARDEGNA

12. Rientranza lunga circa quattro piedi e sei pollici, di


identiche larghezza ed altezza rispetto al corridoio 10.
13. Ingresso al corridoio 14 che si trova a nord-est.
14. Corridoio lungo 18 piedi, variante in larghezza da tre
a cinque piedi ed alto quattro. È più lungo rispetto alle mi-
surazioni del La Marmora.
15. L’estremità del corridoio è ora ostruita; molto proba-
bilmente comunicava con la camera quadrilatera 7.
16. Rientranza nel corridoio lunga quattordici piedi e
dieci pollici, larga tre ed alta due piedi e sei pollici. La misu-
razione del La Marmora la indica inferiore.

1. Perimetro totale: 280 piedi.


2. Torre principale, dalla cima alla base trentaquattro
piedi ed il diametro trentanove piedi sulla sommità.
3. Ingresso a sud-sud-est.
4. Corridoio dall’ingresso al centro, lungo quindici piedi,
alto cinque e largo sei piedi. Il La Marmora ritiene che la lar-
ghezza sia di circa tre piedi.
5. Camera a volta, quindici piedi e sei pollici di diame-
tro, alta ventidue piedi. La Marmora non ha effettuato misu-
razioni in quanto fu impossibilitato ad entrare.
6. Corridoio a spirale montante sulla parte destra che si
restringe verso l’alto. La lunghezza complessiva dalla sommi-
tà alla base è di 230 piedi: gli ultimi dodici erano ostruiti.
7. Il corridoio prosegue verso l’alto.
8. Torre che sta a sud-est rispetto a quella principale.
9. Ingresso e corridoio verso la camera a volta 10.
10. Camera a volta dal diametro di sedici piedi e sei pol-
lici; nelle mie note ho omesso l’altezza.
11. Torre a sud-est verso l’angolo sud.
12. Ingresso e corridoio per la camera 13.
13. Camera a volta; tredici piedi di diametro (circa dieci
piedi secondo La Marmora).
14. Terrazza irregolare e caotica sulla quale si trovano gli
ingressi 3, 9, 12 e 16.

32
Ca pitolo X

4. Pianta del primo piano del nuraghe Oës

15. Torre verso est.


16. Ingresso e corridoio per la camera 17.
17. Camera a volta. Non avendo effettuato la misurazio-
ne del diametro, si indica quella del La Marmora, vale a dire
circa quindici piedi.

Nella parete esterna della torre principale ci sono parec-


chie feritoie che servono a dare luce al corridoio così come si
ritrova nel nuraghe Santinu; all’altezza, circa, del punto dove
doveva trovarsi il secondo piano, si trova un’apertura molto
più grande delle altre che, probabilmente, serviva ad altri sco-
pi, non soltanto a consentire l’ingresso della luce e dell’aria

33
L’ISOLA DI SARDEGNA

(è segnato 1 nello schizzo di La Marmora). Non pare che le


torri siano state in comunicazione fra loro su questo piano.
Gli altri nuraghi del distretto di Giave, di un certo inte-
resse e rarità, sono quelli di Cagules, Figu, Putuddi, Feruled-
da, Sauccos, Su Runcu e Idda; di nessuno di essi, tuttavia, è
il caso di dare notizie dettagliate.
La cittadina di Bonorva, che sorge su una collina ad est
della strada maestra, è il capoluogo di un territorio di circa
cinquanta miglia quadrate nel quale sono compresi i paesi di
Cossoine, Giave, Padria, Mara, Pozzomaggiore, Rebeccu e
Semestene. La popolazione, che ammonta a circa 5200 abi-
tanti, si dedica per lo più all’agricoltura ed alla pastorizia, ad
eccezione di pochi fabbri ferrai che, si può star certi, si ritro-
vano in tutte le fiere e feste del circondario con le loro ban-
carelle e la loro merce che, a dire il vero, non va oltre i chio-
di, i falcetti e gli attrezzi d’uso più comune.
Circa cinquanta scolari frequentano le elementari e in un
altro tipo di scuola circa venti studiano il latino. Esistono,
però, quattro chiese, compreso l’Oratorio di Santa Croce, e
una di queste appartiene al convento dei Minori Osservanti,
mentre altre otto sono sparse nel distretto.
L’a ttitu, del quale si è già parlato, era ancora in auge fi-
no a poco tempo fa con tutto il suo assurdo rituale. Si dice
che spesso le prefiche più famose rimanessero a letto per di-
versi giorni a seguito dei colpi e delle ferite che si erano
procurate nel corso di queste «forme, modi e manifestazioni
di dolori», mentre molte donne non cambiavano mai la ca-
micia o l’abito che indossavano al momento del decesso dei
loro parenti finché non fossero caduti a pezzi, ormai ridotti
a degli stracci o cenci.
I Bonorvesi sono litigiosi e vendicativi e l’omicidio costi-
tuisce cosa di così scarsa rilevanza che si sono formate vere e
proprie squadracce per uccidere e per distruggersi a vicenda
le greggi. Anche l’invidia sembra essere una delle caratteristi-
che di questa gente; a sottolinearlo è lo stesso autorevole scrit-
tore che cita il caso di un tal don Pietrino Prunas, proprietario

34
Ca pitolo X

di molte mandrie di buoi e di novantanove greggi di pecore,


che fu assassinato il giorno in cui giunse a possederne cento,
e tutto ciò senza alcuna ragione plausibile.5
Nei pressi della chiesa di Santa Maria di Cunzadu si tro-
vano resti poco rilevanti di un antico edificio ma, nello sca-
vare ed aprire le tombe, vennero rinvenuti ossa, lucerne, la-
crimatoi, anelli, piccole urne e le solite reliquie romane. Fra
le monete antiche che molto spesso vengono alla luce negli
scavi in questo distretto, si ricorda una grande collezione
contenuta in un vaso; vi si trovarono monete dei regni di
Gordiano, Marco Aurelio, Antonio Pio, Lucio Vero, Massimo,
Massimino ed altri. I reperti si trovano ora al Museo di Ca-
gliari. Questi rinvenimenti, unitamente alle fonti minerali ter-
mali dei luoghi limitrofi, rafforzano il convincimento che
questo fosse il luogo in cui sorgeva un paese romano.
Nella parte meridionale della roccia di Sant’Andrea de
Priu, non molto distante dalla chiesa di Santa Lucia, ci sono
delle camere, corridoi e caverne; uno stretto sentiero che pro-
cede a zig zag conduce ad una delle tre finestre, ma le altre
due sono raggiungibili mediante una scala. Secondo la tradi-
zione, erano tombe di santi oppure dimore di monaci Bene-
dettini e quest’ultima ipotesi è assai probabile. A me, fecero
venire in mente quell’interessante e bel monastero di Mega-
speleion, in Arcadia, dove i monaci vivevano in un luogo
pressoché simile. Fu nelle vicinanze di Bonorva, in una loca-
lità chiamata Aidu de Turdu, che avvenne un fatto veramente
disastroso per gli interessi e la potenza di don Diego II d’Ara-
gona, con la sconfitta del suo luogotenente generale in Sarde-
gna, don Guglielmo de Cervellón, ad opera dei Doria nel
1347. Dopo aver lasciato Bonorva, le truppe aragonesi furono

5. Valery, nel far menzione della circostanza, afferma che l’uomo fu uc-
ciso «le jour même où il a tteigna it sa centième a nnée »; un errore molto
banale, ma poiché vi attinge costantemente e abbondantemente, avreb-
be almeno dovuto rendere omaggio al padre Angius per aver tradotto
correttamente le parole: «Padrone di 99 greggie di pecore, trucidato nel
giorno istesso che ei doveva formarsi la centesima».

35
L’ISOLA DI SARDEGNA

annientate e Cervellón, costretto a rifugiarsi in queste colli-


ne, si nascose in un bosco dove, per il dolore della sconfitta,
l’enorme fatica, il caldo e la sete, poiché non era riuscito a
trovare dell’acqua, morì fra le braccia del suo attendente.
I nuraghi principali che stanno nei pressi, sono Paza,
Oghene, Nurapè, Pedra Peàna, Lughìa, Nurabbas, Cumbes-
sos, Sa Sea, Lòscheri, Pianu d’edras, Bortòlu, e Surgiagas.
Un’agevole salita conduce verso la ricca ma malamente
coltivata Campeda (2145 piedi sul livello del mare) e rappre-
senta il punto più elevato della strada fra Porto Torres e Ca-
gliari. Questa vasta pianura, delimitata dalle montagne del
Goceano e del Marghine, col Monte Acuto a nord-est, Monte
Rasu ad est e Monte Santo Padre a sud-est, è per lo più co-
stituita da buona terra coltivabile perché non si può proprio
dire che piccoli appezzamenti tenuti a maggese per un an-
no, sparsi in alcuni punti (poiché si deve procedere in que-
sto modo, secondo il diritto di possesso), formino un pasco-
lo. A nord-ovest si trova la Tanca Regia, un’ampia distesa di
terreno pascolativo e foresta, anticamente centro di alleva-
mento e fattoria dei re di Aragona; la sua fama ed importan-
za sono oggi offuscate; greggi di pecore ed armenti che vi si
allevano attualmente vengono seguiti con scarsa cura e tutta
la struttura versa nell’abbandono e va in rovina.
Nella strada principale e lungo i sentieri che dal Marghi-
ne e dalle foreste del Goceano portano a Bosa, si vedevano
immense cataste di legname destinate all’esportazione. Il ma-
teriale veniva trasportato mediante una sorta di grosso carro
trainato da quattro od otto buoi, ma l’asse delle ruote, fatte di
legno massiccio e dal bordo molto affilato, si rompeva molto
spesso ed il mezzo ostruiva la strada, provocando così gravi
disagi. L’ingegnere supervisore ha stimato un costo annuale
di 70.000 lire nuove per tre anni consecutivi – una somma
equivalente a 8400 sterline – per la riparazione dei danni fi-
nora prodotti; e sostiene che, a meno che non venga rigoro-
samente introdotto un provvedimento che vieti l’uso di que-
sti carri, il ricavato della vendita del legname, che appartiene

36
Ca pitolo X

al Governo, dovrà essere interamente destinato alla riparazio-


ne delle strade. Un appaltatore di legname, un Francese, pa-
rente stretto di un gentiluomo che a Cagliari ricopre un alto
incarico pubblico, vinse l’appalto (che, secondo indiscrezio-
ni, avrebbe ottenuto, grazie a un interessamento e a un’in-
fluenza esterni) ad un prezzo inferiore di quello offerto da
molti altri concorrenti per cui si dice che il Governo sia stato
il grande perdente.
Le clausole concordate prevedevano che si dovessero ab-
battere 18.000 alberi a quindici lire nuove (12 scellini) ciascu-
no e che le spese di abbattimento e trasporto fossero a carico
degli acquirenti. Sebbene il trasporto crei problemi e le spese
siano rilevanti, i guadagni sono enormi al punto che si dice
che ogni albero renda da 200 a 800 franchi (da 8 a 32 sterli-
ne) venduto nei mercati di Marsiglia e Tolone. Per quanto la
differenza di qualità e di valore possa essere considerevole, in
Inghilterra si paga da 1 scellino e 6 pence a 2 scellini e 3 pen-
ce a piede cubico la quercia anglo-americana, e da 1 scellino
e 9 pence a 2 scellini e 6 pence la quercia del Baltico.6
A causa della pessima gestione, il Dipartimento dei Bo-
schi e delle Foreste è costretto ad acquistare a Genova la
maggior parte della quercia occorrente nei cantieri navali, le-
gname che proviene dai summenzionati porti francesi, e que-
sto perché né il Governo, né i privati hanno sufficienti ener-
gie per intraprendere loro stessi tale attività commerciale e,
come nel caso del grano e del sughero, consentono agli stra-
nieri di profittare della loro incapacità e della loro pigrizia.
Dal momento che il contratto per i 18.000 alberi prevedeva
270.000 lire nuove, e la spesa totale per la riparazione delle
strade nel corso dei tre anni sarebbe stata di 210.000 lire
nuove, ne consegue che il Governo avrebbe avuto un guada-
gno di soli 2 scellini e 8 pence per albero!
Nel 1841, l’importazione e l’esportazione avevano subito
una notevole flessione, dal momento che l’ammontare delle

6. Vedi J. R. Mc Culloch, Geogra ph. Dict., p. 1243.

37
L’ISOLA DI SARDEGNA

merci esportate rimase al di sotto delle 1200 tonnellate e tre


quarti, con un’imposta di esportazione di 29 sterline e 3 pen-
ce, mentre l’importazione ammontò a circa 443 tonnellate e
tre quarti, con un’imposta di circa 791 sterline e 8 scellini,
mentre, negli anni precedenti, la quantità era stata molto su-
periore. I tavoloni d’abete per l’edilizia provengono dalla
Corsica, ma nei paesi in cui la maggior parte delle case ha
soltanto il piano terra e sono fatte di pietra e fango, quercia,
leccio o sughero, forniscono il materiale necessario. A causa
della mancanza di strade e di sentieri nella foresta, centinaia
di giovani piante vengono distrutte per consentire agli appal-
tatori di trasportare anche un solo pezzo. Per la stessa diffi-
coltà di trasporto, il legname comune da costruzione e da ar-
dere che si consuma nei paesi costa caro e si dice che la
legna forestiera di importazione costi perfino meno a Sassari
e Cagliari di quanto non costi nel Paese di provenienza.
Tuttavia, indipendentemente da questi disagi e dal danno
causato dai contadini col taglio indiscriminato di qualsiasi co-
sa serva per le loro necessità e per i ricoveri invernali per il
bestiame, anche gli incendi sono causa di grandi distruzioni.
In base ad una legge della Ca rta de Logu, risalente al 1395, ai
mandriani ed ai pastori era consentito, a certe condizioni,
bruciare tratti di sottobosco, come lentisco, dafne e cisto, al
fine di agevolare il pascolo per le greggi. Veniva, però, viola-
ta la legge se ciò fosse avvenuto prima dell’8 settembre, data
in cui la calura intensa dell’estate era scomparsa mentre le
periodiche piogge autunnali avrebbero favorito la crescita
dell’erba. Nonostante le pene previste per le trasgressioni,
tanti incendi, non soltanto dolosi, ma accidentali, hanno di-
strutto numerose foreste, così che molti alberi sono stati il
prezzo pagato per un filo d’erba in più. L’indennità pagata
dal Monte Granatico per la coltivazione del terreno vergine
agisce, indirettamente, da incentivo per incendiare non sol-
tanto il sottobosco inutilizzato, ma la stessa foresta, dal mo-
mento che le ceneri degli alberi costituiscono un concime ec-
cellente e a portata di mano per il terreno coltivato a nuovo.

38
Ca pitolo X

Alcune antiche leggi strambe in materia di foreste sono tuttora


in vigore.7 Si riferiscono, rispettivamente, ai diritti della Coro-
na, dei baroni feudali, dei Comuni e delle città; al privilegio
di abbattere alberi per loro uso in un raggio di trenta miglia
dalla loro città; al pascolo dei maiali durante la stagione del-
le ghiande; a far pascere greggi e mandrie, all’abbattimento e
alla vendita di alberi con alcune ridicole ammende e regole
arbitrarie.

La piana di Campeda, una prosecuzione della formazio-


ne vulcanica, si estende in direzione sud-occidentale verso la
Planargia ed a sud verso la Mulargia, la Mola ria di cui parla
Antonino, un paese assolutamente indegno di citazione se
non per il suo terribile freddo che perfino in questo distretto
è noto per essere talmente intenso che alcuni ma nna litte
(maiali e pecore allevati in stalla), al mattino, sono stati trova-
ti morti assiderati.
Quasi a metà strada, verso il Monte Muradu (alto circa
2119 piedi), si trova la città di Macomer dalla quale si domi-
nano un magnifico panorama del Campidano del Marghine,
a sud-ovest il Monte Urticu e le colline di Santu Lussurgiu; il
Gennargentu taglia l’orizzonte a sud-est. È la città più impor-
tante del distretto che comprende i paesi di Bortigali e Boro-
re; si estende per circa quaranta miglia quadrate, un quarto
delle quali abbonda di foreste di querce e di leccio. La popo-
lazione cittadina, circa 2000 persone, vive – come al solito –
di agricoltura e pastorizia; l’intemperie è talmente diffusa che
oltre 600 persone, lo scorso anno, ne furono colpite.

7. Si ritrovano nella Ca rta de Logu, capp. 45-49, anno 1395; in La s Leyes y


Pra gmá tica s Rea les, lib. II, tit. 42, cpvv. 3-11, p. 243, anno 1633; in Editti
e Pregoni del Re Vittorio Amedeo, lib. III, vol. 2, tit. 14, ordinazione 8,
cpvv. 66-70, 77-79, anno 1771; leggi relative agli alberi da frutto, vol. I,
tit. 5, ordinazione 6, cpv. 34, anno 1775; nelle Leggi Civili e Crimina li del
Regno di Sa rdegna di Carlo Felice, tit. 27, artt. 1962-1968 e tit. 28, artt.
1969-1979, anno 1827.

39
L’ISOLA DI SARDEGNA

Non più di trenta ragazzi frequentano la scuola, per quan-


to, in passato, ce ne fossero almeno quindici che avevano im-
parato i rudimenti del latino e delle “belle lettere”. Oltre la
chiesa principale di San Pantaleone, che è anche la parroc-
chiale, nel distretto se ne trovano altre quattro, di nessun inte-
resse artistico ma, come al solito, non mancano i preti.
Il sentiero che da Macomer conduce a Nuoro e Bosa, se
fosse ben tenuto, offrirebbe ai Macomeresi ed ai Nuoresi la
possibilità di esportare il grano ma, a causa del modo inade-
guato col quale si coltiva e dell’incuria, il cereale non rende
loro più di otto a uno e l’orzo soltanto dodici a uno su un
terreno che potrebbe produrre il doppio.
Macomer, la Ma copsisa cui fa cenno Tolomeo, conserva
diverse testimonianze del tempo antico.
Di fronte alla chiesa parrocchiale ci sono tre pietre miliari
romane, una delle quali reca il numero 55, ed un’altra quello
di 56 miglia da Torres; poiché la distanza di Macomer da
questa città era più o meno quella indicata da queste due ci-
fre, è senza dubbio evidente che le pietre dovevano trovarsi
nelle vicinanze, tuttavia il punto preciso e la data dello spo-
stamento rimangono ignoti. Quelle che riproduciamo, sono
le iscrizioni che il La Marmora ha riportato, dopo aver sosti-
tuito le lettere andate perdute e correggendo le trascrizioni
errate del Baille e del Gazzera:

LVI · A TURRE
IMP · CAESAR · VESPASIANVS · AVG
PONTIFEX · MAXIMVS · TRIB.

POT · V · IMP · XIII · P · P · COS · V.
DESIGN · VI · CENSOR · REFECIT
ET · RESTITVIT · curante
SEX · SVBRIO · DEXTRO · PROC · ET
PRAES · PROV · SARDINIAE.

LV · A · Turre
IMP · CAESAR · VESPASIANVS · AVG

40
Ca pitolo X

PontifEX · MAXIMVS · TRIBVNICIAE



POT · V · IMP · XIII · P · P · COS · V.
DESIG · V · CENSOR · REFECIT
et · restituit · curante
SEX · SVBrio · Dextro · Proc · e
PRAes · Prov · Sardinia

m · p · LVI.
IMP · CAES · L · SEPTIMVS · SEVERVS · PER
TINAX · AVG · ARABICVS · ADIABENICVS · PAR
TICVS · MAXIMVS · IMP · CAESAR · Aug · PIVS
ANTONINVS · PIVS · FELIX · M..….
...……. O ....……
viam · quae · a · VRRES · KARALES · DVCIT · (sic)
vetustaTE · CORRVPTAM · res
titVIT · curaNTE · MARCO · METELLO
e · V · PROC · SVO.

In un cortile della casa del cavalier Pinna – durante l’as-


senza del quale mi furono riservate dalla sua incantevole si-
gnora cortesia e cordiale ospitalità – ci sono diversi cippi. La
loro diversità dalla generalità delle pietre funerarie e monu-
mentali definite con lo stesso nome ha dato adito a molte di-
scussioni in merito alla loro età ed alla loro origine. L’espe-
diente estremamente ingenuo della figura in basso rilievo
posta al centro, indica uno stato primitivo dell’arte e le lette-
re della parola Semmudi, dimostrano che risalgono al perio-
do romano ma, circa il significato della parola, le ipotesi di
La Marmora e dell’abate Peyron sono forse più ingegnose
che convincenti.
La prima di queste ipotesi è che Mout, figlio di Cronos,
dio del Tempo, fosse per i Fenici e Cartaginesi il dio della
Morte e poiché Sem è un prefisso (come si ritrova nelle pa-
role Sem-Eracle, Sumes-Ermes, Sem-Arpocrate), ne consegue
che la combinazione suggerirebbe il significato di “morte”.
L’altra ipotesi è che sia Semmuthi il figlio di Muthi, un nome

41
L’ISOLA DI SARDEGNA

che ricorre frequentemente nei papiri egiziani come Psem-


muthi, il figlio di Muthi, mentre Tsemmuthi sarebbe la figlia.
Come ulteriore supporto alla affinità egiziana e fenicia del
monumento, si dice sia simile a quelli ritrovati fra le rovine
di Cartagine, ma a questo proposito si potrebbe osservare
che i cippi sardi presentano fori e cavità, al contrario di
quelli cartaginesi. Quanto all’ipotesi che questo cippo possa
essere stato la tomba di Ebrei o Egiziani qui esiliati da Tibe-
rio, le inumazioni ed i monumenti funerari di quei popoli
sono troppo noti da richiedere ulteriori ragionamenti per di-
mostrare che il cippo non fu usato a questo scopo; è evi-
dente che quei popoli poterono praticare la loro particolare
religione, almeno per un certo periodo di tempo, e questo è
quanto si deduce da un’iscrizione ritrovata a Sant’Antioco
che ricorda il restauro di un tempio di Iside e Serapide.
Tuttavia, quanto all’ipotesi che i 4000 schiavi importati in
Sardegna, avessero dopo un certo tempo scelto l’usanza della
cremazione, come i loro padroni romani, cosa rimane, oltre la
parola ambigua Semmudi, a dimostrare l’origine egiziana dei
cippi? E se non bruciarono i corpi e conservarono le ceneri
dei loro defunti, a che servivano quelle cavità nelle ipotetiche
tombe? Questi piccoli fori si riscontrano di frequente nei cippi
di ottima fattura trovati in Italia e la differenza fra questi e gli
esemplari grezzi di Macomer possono essere semplicemente
la conseguenza di una civiltà isolana meno evoluta.
Molto di recente, sono stati ritrovati altri monumenti dello
stesso genere, nei pressi di un piccolo nuraghe semidistrutto,
in una tanca appartenente al signor Mancone, a circa due mi-
glia a sud-sud-est di Macomer; il monumento era stato costrui-
to come gli altri in pietra scura vulcanica, accuratamente squa-
drata, di forma diversa e lunga da due a cinque piedi, larga da
due a quattro, alta da tre a quattro; e la maggior parte di esse
presentava delle cavità come quelle sopra ricordate. Una con-
teneva una semplice incisione quadra, larga un piede e dieci
pollici, lunga due piedi e grossa sei pollici e mezzo. Un’altra
presentava due cavità; una terza aveva un bordo esterno largo

42
Ca pitolo X

due pollici ed al centro un’incisione ovale profonda otto polli-


ci. Una quarta, lunga un piede e nove pollici, alta un piede e
dieci pollici e larga un piede e sette pollici, recava l’iscrizione:

D · M.
V · PRISCVS.
R · V.
IX · ANNO.

C’erano molte altre pietre sparse intorno, che erano state


dissotterrate di recente; dovevano evidentemente aver fatto
parte delle tombe e dei cippi e non c’era alcun dubbio che
la loro origine non fosse egizia né fenicia o cartaginese.
Su una collina a circa un miglio dalla città si trova il nu-
raghe Santa Barbara. La sommità del piano terra costituisce
la piattaforma dalla quale sorge la torre principale, o cono, il
cui diametro esterno, misurato alla base, è di quarantacinque
piedi ed in cima di ventisei. Comprende una camera a volta
di quattordici piedi e otto pollici di diametro e non presenta
particolari caratteristiche. Al piano terra si accede tramite un
corridoio alto circa tre piedi e di identica larghezza, orientato
a sud-sud-est (secondo La Marmora, invece, a sud-ovest).
Sulla sinistra si trova una cavità, in parte ostruita, che potreb-
be essere stata la continuazione di un corridoio a spirale che
si eleva per ventitré piedi sulla destra fino al piano superio-
re. In questo corridoio esiste una piccola feritoia all’altezza
della camera a volta centrale superiore. Il corridoio dell’in-
gresso dà accesso alla camera a volta centrale del piano in-
terrato che ha un diametro di diciassette piedi ed un’altezza
di diciotto; in essa si trovano due rientranze, lunghe nove
piedi, larghe quattro ed alte due piedi e quattro pollici, oltre
una terza di forma molto irregolare. Su ambo i lati dell’in-
gresso ci sono due camere minori, tredici piedi di diametro
alla base, semi distrutte e scoperchiate; in analogia con gli
altri nuraghi, devono esserci probabilmente altre due camere
simili sul lato opposto della torre conica centrale, così che le

43
L’ISOLA DI SARDEGNA

quattro sarebbero in posizione equidistante e comunicanti


fra loro mediante i corridoi finora inesplorati.
Al di sopra di queste camere e corridoi sta la piattaforma
che circonda il cono centrale e che ricopre tutto il basamento
il cui perimetro, allo stato attuale, è di 208 piedi ma, quando
era integro, doveva misurarne 252. A breve distanza dall’in-
gresso si vedono i resti delle due mura basse che sembrereb-
bero essere state la cinta fortificata di tutto il nuraghe.
Presso Tamuli, a circa due ore di strada da Macomer, in
direzione nord-occidentale, esiste un nuraghe nel quale furo-
no ritrovate diverse statuette di terracotta che il La Marmora –
nella tavola 34, figura 8 – ha ritenuto fossero idoli fenici. Fu-
rono anche rinvenuti alcuni pezzi rotondi e appiattiti di terra-
cotta, di forma discoide con dei fori al centro, che si è ipotiz-
zato fossero pezzi di una collana simili a quelli rappresentati
dal La Marmora sulla sua tavola n. 39, figura 5, e simili a
quelli da me rinvenuti in un nuraghe nei pressi di Alghero.
Verso la parte orientale di Tamuli vi sono due tombe di
giganti, molto malandate, quasi nascoste dalla macchia e da
piante selvatiche. Una è lunga trentacinque piedi e sei polli-
ci, per sette piedi e sei pollici di larghezza; l’altra ha la stessa
lunghezza ma è più stretta e si differenzia dalla precedente
per avere al suo interno due grandi pietre che la dividono
da un’altra che sta all’esterno, di fronte al fossato.
La cosa più interessante è una fila di sei pietre coniche
verticali vicino alla tomba, allineate a breve distanza l’una
dall’altra, salvo una che è stata rovesciata e giace sul terreno,
ma nel disegno è rappresentata in piedi. Sono alte circa quat-
tro piedi e otto pollici e sono di due specie. Vogliono rappre-
sentare il sesso maschile e femminile, in quanto tre di esse
hanno sulla superficie della pietra due protuberanze sferiche
che fanno pensare al seno di una donna; in nessuna delle al-
tre tre c’è però niente che indichi il sesso mascolino.
Fra le molte altre rinvenute in varie parti dell’Isola, sono
degne di nota queste che seguono: un po’ più a nord-est del
nuraghe Cuvas, nella zona di Dualchi, di fronte ai resti di una
tomba dei giganti, ci sono cinque pietre e, dalla loro posizione,

44
Ca pitolo X

5. Rovine nei pressi di Tamuli

si deduce che ve ne sia stata una sesta. Sono parecchio più


grandi di quelle di Tamuli; non hanno accenno di seno e tutte
sono piatte.
Vicino a Sedilo, a poche ore di cammino a sud-est di Ma-
comer, si trova una chiesetta dedicata a San Costantino nel
cui cortile si trova una di queste pietre, alta circa sei piedi ed
otto pollici, che a circa due terzi della sua altezza è più larga
rispetto alla base, di forma pressoché ellittica. Ha un solo se-
no ed una cavità ugualmente sferica.
Nei pressi della località di Perdu Pes, vicino a Paulilatino,
si trovano tre pietre che non hanno protuberanze ma parec-
chie cavità fino a metà della pietra.
Altre tre, nelle vicinanze di Fonni, note come perda s fit-
ta s, sono sagomate molto grossolanamente, non presentano
convessità o concavità sferiche.

45
L’ISOLA DI SARDEGNA

Il Museo di Cagliari ne ospita tre scoperte da La Marmora


in un luogo chiamato Fontana padenti de Baccai, nei pressi
di Lanusei, di forma più ellittica che conica, e presentano
una superficie piana.
Oltre queste che abbiamo ricordato, ce ne sono molte al-
tre simili e senza dubbio, in passato, dovevano essere molto
più numerose ma sia queste che le tombe sono state, e conti-
nuano ad essere, le riserve di pietra più a portata di mano
dalle quali i pastori ed i contadini fanno man bassa, in quanto
le usano per costruirsi le capanne e per recintare le tanche.
Le ipotesi su cosa fossero sono avvolte nell’oscurità. In al-
cune osservazioni fatte a proposito delle perda s fitta s, abbiamo
tentato di dimostrare che la forma conica sia stata una caratte-
ristica fenicia piuttosto che celtica e questa forma conica ricor-
re di frequente in questi monumenti. Ma che cosa rappresenta-
no? In primo luogo, queste due tombe e le pietre nei pressi di
Tamuli, erano in correlazione fra loro? Furono, le prime, le
tombe di sei maschi e sei femmine illustri dove le pietre costi-
tuiscono indizi monumentali? Oppure furono monumenti di ti-
po diverso o distinto? Poiché, salvo rare eccezioni, tutte quelle
scoperte non sono state ritrovate nei pressi delle tombe, è as-
sai verosimile che non sia esistita alcuna connessione fra loro;
è però possibile che possa esservi stata qualche affinità mitica
e religiosa, nell’ipotesi che le pietre fossero oggetto di culto.
Nell’accogliere quanto sostiene il La Marmora, e cioè che esse
erano i sei Cabiri che, secondo Ferecide,8 furono tre maschi e
tre femmine, veniamo a trovarci nello stesso istante immersi
nel mare dei classici guai per quanto riguarda i Cabiri; le diver-
sità di opinioni e le divergenze costringono l’investigatore ad
affogare, perché l’affermazione di Ferecide non è confermata
da altri storici e le indagini e le opinioni degli archeologi in
materia sono numerose ed incerte quanto gli stessi Cabiri.

8. Ferecide di Syros (550 a.C.) mitografo e cosmografo greco, tradizional-


mente collegato ai sette Saggi della Grecia, in particolare a Talete. Aristo-
tele lo definì un teologo che mescolava la filosofia al mito; secondo la
tradizione fu maestro di Pitagora (N.d.T.).

46
Ca pitolo X

Secondo alcuni, il culto di queste divinità fu introdotto a


Samotracia9 dai Pelasgi; erano rappresentati come Ermete in
forma fallica o con martelli, o come statue nane di terracot-
ta, simili a quelle che si vedono al British Museum. Secondo
l’opinione prevalente sono di origine fenicia,10 per quanto
buona parte delle modalità di culto possa avere subito succes-
sive variazioni nei diversi Paesi. Ma se le tre pietre che si ritie-
ne siano Cabiri, Assieri, Assiochersi e Assiochersa, furono, co-
me ipotizzato, la personificazione dell’amore – i principi della
generazione e della fecondità – si potrebbero così spiegare
queste tre figure maschili e femminili così come si giustifiche-
rebbe un’affinità con le perda s fitta s, in quanto si suppose che
quelle pietre fossero caratteristiche di un culto analogo.
I monoliti di Malta e Gozo, sotto certi aspetti simili a que-
ste pietre coniche, si chiamano in lingua maltese Quibir, termi-
ne che indica il diavolo, uno spirito o una divinità, così come
per i Cabiri, dai quali possono avere avuto origine. Sir W.
Drummond, nelle sue chiose su Sanconiato11 afferma: «I Cabiri
furono in origine le immagini equivalenti alle grandi divinità
dei Fenici». Si potrà vedere, a proposito degli idoli sardi sui
quali ci soffermeremo e, più in particolare, dei dettagli forniti
da La Marmora, che la costante presenza di uno solo, ed anche
di una molteplicità di seni, riveli un’affinità fra i due reperti an-
tichi, qualunque possa essere la conclusione ed il significato.
Quasi tutti i coni, in particolare la pietra ritrovata nel corti-
le della chiesa vicino a Sedilo, tendono ad aver forma fallica,
e con la concomitante rappresentazione del seno su di essa
assumono un carattere ermafrodita, che si riscontra anche in
molti idoli. E la ricorrente rappresentazione della luna fra
questi ultimi, unisce in una catena i tre anelli distinti di idoli,
perda s fitta s, e pietre coniche con il culto di Astarte quale Ma-
dre Universale.

9. Erodoto, lib. II, cap. 21.


10. G. F. Creuzer, De Symbolis, II, 206; F. Münter, Antiq. Abha ndl, 190;
G. Zoega, De Obelisc., 220.
11. W. Drummond, vol. III, lib. V, cap. 4, p. 200.

47
L’ISOLA DI SARDEGNA

Si può giungere a concludere le tortuosità di questo ar-


gomento con l’ulteriore coincidenza dell’universalità del cono
dei nuraghi e del fatto che molti idoli furono ritrovati al loro
interno; ciò costituisce una base per convincersi dell’origine
cananea o fenicia di queste pietre.

Su un’altura che sovrasta la città, vi sono i resti di un vec-


chio castello ma non si trova alcun indizio dell’epoca della
sua costruzione o della sua distruzione. Il viceré aragonese
Carroz ne entrò in possesso dopo aver sconfitto Leonardo
d’Alagon, nel 1478, nella piana del Marghine; il maniero di-
venne successivamente una prigione ed è tuttora nota col
nome di Sa prejoni bezza. Il viottolo che congiunge Maco-
mer con Birori, Bortigali, Silanus, Lei e Bolotana – tutti paesi
della catena del Marghine – si snoda in modo irregolare alla
base delle colline, svelando e nascondendo, alternativamen-
te, un paesaggio di mutevole bellezza mentre, sulla destra, si
trova un grande pianoro a 1300 piedi sul livello del mare. Il
distretto del Marghine, sia dal punto di vista fisico che geo-
grafico, è simile al Goceano del quale costituisce una conti-
nuazione; si estende per circa 222 miglia quadrate inglesi e
comprende i paesi di Macomer, Bortigali, Birori, Bolotana,
Dualchi, Lei, Noragugume, Mulargia e Silanus, con una po-
polazione complessiva di circa 13.000 anime, ovvero circa
75,25 abitanti per miglio quadrato. A mala pena 300 persone,
in tutti questi paesi, sono in grado di leggere e scrivere e dei
cosiddetti 300 “letterati”, 195 sono impiegati, medici, com-
mercianti o religiosi. Si calcola che la proporzione di questi
ultimi sia di 1 su 180 dell’intera popolazione, un’affermazio-
ne che – secondo altre fonti – non corrisponderebbe alla
realtà, in quanto è assai inferiore.
Il Tirso, che scorre in pianura dirigendosi verso Orista-
no, riceve le acque tributarie dei torrenti di montagna; se
fosse adeguatamente contenuto negli argini porterebbe gran-
di benefici alle campagne, mentre invece causa frequenti
inondazioni che creano acquitrini paludosi e stagni, le cui
esalazioni sono letali per la gente del Marghine.

48
Ca pitolo X

Le colline nella parte orientale di Borore sono ricoperte


di ininterrotte foreste dove si ritiene si trovino oltre sette mi-
lioni di alberi; alcuni di essi sono essenze pregiate, special-
mente nella zona che si chiama Sa serra Sardinza, ma una
gran parte ha subito i danni dei soliti incendi. Fra i diversi
luoghi fantastici e cime della catena montuosa – a ciascuno
dei quali è legata qualche leggenda o storia di atti di valen-
tia o di “vendetta” – si trova il Palai, nelle vicinanze di Bolo-
tana, rifugio preferito di banditi e “malviventi”.
Nella pianura ci si imbatte in ruderi di villaggi che da mol-
to tempo hanno cessato di esistere e quel poco che si riesce a
sapere della loro storia non suscita alcun interesse; la folta
presenza di nuraghi e tombe di giganti è veramente rilevante
ma, essendo piuttosto malconci e di forma uguale a quelli già
visti, non mi attardai a farne le misurazioni. Nel distretto di
Macomer si trovano oltre cinquanta nuraghi, dei quali i più fa-
mosi sono quelli di Tamuli e Santa Barbara. Nei pressi di Biro-
ri, i più famosi sono i nuraghi Oroussai, Chessa, Fruscu di
Santu Giorgi, Bidui, Urighe, Serbine, Albu e Meuddu, oltre a
quattro tombe dei giganti. Nei pressi di Borore, quelli meglio
conservati, sono Bighinzoni, Foscono, Porcagios, Duos Nora-
ghes, Suergiu, Santu Infulcadu, Pischedda, Urpes, Busozone
Figu, Interenas, Imbertighe, Tres Noraghe, Casas, Mura dessa
Figu, Di Colombos, Magosula di Flore e Arghentu.
Nei distretti di Bortigali, Silanus e Lei, il numero di que-
sti monumenti è molto incerto così come poco si sa dei loro
nomi, ma il Ponte e l’Orolo sono famosi. Nel chiedere ad un
contadino che nome desse a due nuraghi che stavano nelle
vicinanze, rispose con perfetta sicurezza: «Telino e Soro», ma
un altro che passò subito dopo, ed al quale posi la stessa
domanda, rispose: «Tiriolas e Rujosa»; una terza persona mi
disse che erano Beneu e Ludona!
Secondo l’autorevole fonte del padre Angius, attorno a
Bolotana ci sono oltre 200 nuraghi per quanto in linea di
massima in rovina; la maggior parte è sorta nei pressi di un
ruscello e l’ingresso è così basso che è impossibile entrarvi
senza strisciare “a quattro zampe”. Quelli meglio conservati

49
L’ISOLA DI SARDEGNA

sono il Mannu, situato in pianura, e il Titirriolas, che sta sulla


collina. Nelle vicinanze di questo, si trovano tombe di giganti
le cui pietre sovrastanti sono spezzate e tanto grandi che, se-
condo un calcolo fatto da Sardi, non le smuoverebbero nem-
meno dieci carri trainati da tre gioghi ciascuno. Una tale af-
fermazione si potrebbe meglio comprendere pensando al
fatto che i carri sardi non sono altro che il piccolo pla ustrum
dei Romani e, di conseguenza, non sono adatti a trasportare
grossi pesi o oggetti di grosse dimensioni.
Poche casupole, povere ed isolate, formano il paese di
Birori. Ogni abitazione ha poche iarde di terreno intorno nel
quale alberi da frutto di tutte le specie, in piena fioritura, for-
mavano uno stridente contrasto col colore cupo della pietra
vulcanica con la quale sono costruite le case; le siepi, come
in altri paesi, erano costituite da fichi d’India e oleandri ma
l’area interna era invasa dalle erbacce. Chiesi al padrone di
una casa perché non si prendesse un po’ di cura di quel pez-
zetto di terra e mi rispose, col solito pretesto dettato dalla ne-
gligenza e dalla poltronite: «Non sono braccia, Signore, per
quello»; e tentando di dirgli che qualcuno dei suoi figli indo-
lenti avrebbe potuto almeno strappare le erbacce, rispose:
«Non sanno nemmeno far quello, Signore!», dimostrando pie-
namente la saggezza del proverbio italiano che dice: «Non si
sa niente perché non si fa niente».
Bortigali, adagiato su una delle forre del sovrastante
Marghine, appare in lontananza come una massa scura di
tetti interrotta dalla linea verde delle siepi di fichi d’India
che competono in altezza con le case; il torrente Manigas,
che scende dalla montagna di Santu Padre, una delle più al-
te della catena, attraversa il paese e irriga gli orti. Il viottolo
prosegue attraverso vigne e frutteti verso Silanus, situato in
una posizione felice ma che purtroppo è una gran discarica
di immondizia. Nella chiesa si trova un fonte battesimale in
marmo policromo proveniente dalle cave della vicina colli-
na: uno dei pochi esempi nei paesi sardi dove le ricchezze
naturali della zona siano state sfruttate a scopo ornamentale
senza grandi spese e fatica.

50
Ca pitolo X

Al lato della strada, vicino al paese, scorre un ruscello


ricco e cristallino che sgorga da una sorgente attorno alla
quale stavano raggruppate le graziose giovani del luogo in-
tente a fare il bucato. La varietà e la vivacità dei loro costumi,
l’armoniosità delle loro figure, le canzoni allegre, l’espressio-
ne felice del viso, si armonizzavano con le bellezze naturali
del luogo. Un magnifico noce gettava la sua ombra per di-
fenderle dai raggi del caldo sole mattutino e, sotto un pergo-
lato di caprifoglio e di rose, il cactus dal verde vivace forma-
va una siepe impenetrabile per gli orti e i frutteti nei quali lo
scuro melograno scarlatto, il roseo mandorlo e i peri e i meli
bianchi, mescolavano i loro colori in un meraviglioso amal-
gama. L’immediata vicinanza delle case e delle strade sudice
e la prosaicità delle ninfe alla fonte, non potevano rovinare il
fascino di quell’autentica scena a l fresco, un amalgama viva-
ce e fantasioso anziché la realtà concreta di un pa rty acqua e
sapone.
Il paese di Lei deve la fama soltanto ai suoi vini.
Bolotana, il più importante di questi villaggi, sorge sulle
falde di una collina e costituisce il punto di raccordo fra il
Goceano e le montagne del Marghine; la sua esistenza risale
al 1317 quando, a seguito di un’insurrezione nell’allora im-
portante città di Ottana, sede vescovile, molti abitanti abban-
donarono il luogo e, dopo aver vissuto per un certo periodo
di tempo in capanne di frasche, sa s pinnetta s (così le chia-
mano), iniziarono a costruire il paese attuale. Il primo, Bolo-
tana, non è che un insieme di tuguri; l’altro, Ottana, si trova
in condizione di relativo benessere. La chiesa parrocchiale,
intitolata a san Pietro, cui fanno capo ventidue preti, è un
edificio moderno di buon stile. I due oratori della Santa Cro-
ce, del Suffragio delle Anime Purganti e le altre tre piccole
chiese non hanno motivi di richiamo, tuttavia il convento dei
Cappuccini è posto in una posizione meravigliosa e i suoi
tredici confratelli se la cavano discretamente vivendo unica-
mente delle elemosine dei devoti. Una sessantina d’anni fa
venne soppresso un monastero di Mercedari e le relative ren-
dite furono devolute al re.

51
L’ISOLA DI SARDEGNA

La popolazione locale, se le statistiche dicono il vero, è


in diminuzione dal momento che nel 1833 ammontava a cir-
ca 3200 e nel 1838 a 2885 abitanti; ciò è dovuto, senza dub-
bio, alla grande insalubrità, per quanto molti corsi d’acqua
che discendono dalle colline, sia dal lato nord che da quello
sud verso il Temo e il Tirso, siano considerati efficaci per la
cura degli stessi mali che essi causano con la loro mefitica
stagnazione in pianura.
Il torrente Palai, nel suo corso verso nord-ovest, forma una
cascatella alta una settantina di piedi ed è nota come S’istram-
pu, ovvero la cascata. L’impressione generale che se ne rica-
va è buona, grazie alla bellezza del panorama circostante.
Fra le molte superstizioni e le tradizioni particolari di que-
sta zona, si annovera quella di su nennere, ossia la scelta an-
nuale di un padrino e di una madrina per san Giovanni, la cui
festività si celebra a giugno. Il mese precedente, in vasetti di
terracotta o di sughero, si seminano grano, orzo e lino; i reci-
pienti vengono tenuti in luoghi caldi e bui per agevolarne la
germinazione così da essere in pieno rigoglio per il momento
della festa. Quel giorno, tutti si riuniscono in chiesa portando
i loro vasetti e, dopo aver pregato stando all’esterno, girano
per tre volte in processione attorno ad essa, a piedi o a caval-
lo, quindi gettano per terra i vasetti. Eseguito questo rituale, si
dà inizio alle solite feste, al ballo, al canto ed ai giochi.
Questo delicato ed importante atto d’amore, viene consi-
derato una «bell’opera di divozione» e si dice che produca i
suoi effetti benefici in particolare per tutti coloro che vi par-
tecipano, afflitti nell’anima, nel corpo o nella borsa.
La celebrazione della festa, tuttavia, ha delle varianti. Ad
Ozieri si usa soltanto un grande vaso che chiamano erme e
che contiene gli stessi cereali; è ornato di nastri colorati, di
fronzoli e di altri ornamenti; la preparazione costituisce il
pretesto per un’altra festa.
Il vaso si pone su una mensola, fuori dalla finestra o su
un supporto alto sotto il quale si balla. Talvolta si aggiunge
un pupazzo o una figura di gesso ma sono cose non appro-
vate dalle autorità religiose che mostrano un’insolita, acuta
percezione del secondo comandamento.

52
Ca pitolo X

Di sera, durante la festa da ballo, tutti si radunano attor-


no a un falò che si accende vicino al nennere. I padrini e le
madrine scelti per la festa di San Giovanni stanno ai lati op-
posti del fuoco; ciascuno regge con la mano destra l’estremi-
tà di un lungo bastone e si suppone che ciò li unisca, e
ognuno di loro porta la mano destra tre volte sul fuoco. Ulti-
mato questo rito, si ritrovano miracolosamente padrino e
madrina del Santo e portano fino all’anno successivo la gra-
ve responsabilità del loro sacro incarico.
In certi paesi, quando si conclude il ballo, si forma una
processione e, dopo aver svuotato il vaso del suo triplice
contenuto e spogliato di tutti gli ornamenti di un certo valo-
re, lo sotterrano in un mucchio di letame od altra immondi-
zia, un complimento molto discutibile per tutti: sia per San
Giovanni, che per i padrini e gli spettatori.
L’origine di su nennere risale indubbiamente all’antichità,
in quanto le cerimonie sono molto simili a quelle che caratte-
rizzano il culto di Adone fenicio ed egiziano e si tratta, per-
tanto, di una delle molte vestigia della presenza fenicia in
Sardegna. Nel rito pagano, che si celebrava nello stesso pe-
riodo dell’anno della festa cristiana, veniva, allo stesso modo,
portato in giro un vaso contenente del grano che successiva-
mente veniva distrutto; le donne recavano ciotole ripiene di
terra nelle quali avevano fatto crescere varie erbe seminate
prima della festa, così che potessero spuntare e rimanere ver-
di per quel periodo. Una volta ultimate le varie cerimonie,
venivano gettate nel fiume. Il fatto di portare in corteo l’effi-
gie di Adone in occasione di queste feste, può avere dato
probabilmente origine alla presenza del pupazzo o altre effi-
gi che abbiamo sopra ricordato, mentre il tendere la mano
per tre volte verso la fiamma, ricorda i re idolatri di Giuda
che costringevano i figli a passare attraverso il fuoco.

Girovagando alle falde dei monti del Marghine, mi fermai,


per consumare il pranzo e far la siesta, nei pressi di una val-
letta bagnata da un bellissimo torrente vicino al quale stava
una chiesetta con una capanna annessa. Pensai di trovarmi in
un luogo disabitato e solitario, come d’altronde ci si sarebbe

53
L’ISOLA DI SARDEGNA

aspettato in un posto del genere, quando, invece, mi si avvici-


nò un giovane che stava in compagnia di diverse donne che
si erano riunite per una “novena”. La chiesa-santuario, dedica-
ta alla Madonna della Neve, fu costruita in seguito ad una leg-
genda secondo la quale, in un tempo sconosciuto, in un luo-
go sconosciuto, una persona sconosciuta avrebbe pregato la
Vergine Maria perché nevicasse nel mese di giugno. La sup-
plica fu accolta e si gridò al miracolo e, secondo il voto, la
chiesa fu dedicata a Nostra Signora della Neve. Una novena,
che da queste parti è un fatto frequente e si diversifica di po-
co da quelle che si celebrano negli altri Paesi cattolici, consi-
ste nel trascorrere nove giorni in un luogo appartato e sacro,
rendendo grazie per i benefici ricevuti nel passato o per pre-
gare per quelli futuri, per sciogliere un voto per una grazia ri-
cevuta; insomma, un “prodigio di nove giorni”, d’amore e di
preghiera. I “novenanti” del caso in questione (nove donne
ed un uomo), avevano già trascorso cinque giorni del tempo
previsto, per cui l’arrivo di un forestiero costituì l’occasione
per interrompere la loro monotonia. Dopo i saluti di rito e
l’invito ad accettare il loro cibo, esprimemmo reciproca mera-
viglia: essi, per il fatto che io me ne andassi in giro “per nien-
te” nella loro terra ed io, per il fatto che si trovassero lì per
niente; sebbene l’espressione “per niente” non riuscì ad otte-
nere da loro spiegazione dei motivi e degli scopi del loro
comportamento, la cosa fu poi chiarita dal giovanotto che
venne a pranzo con me e dal quale seppi che tali motivi era-
no di natura prettamente mondana.
La mortificazione nel silenzio, il pentimento contrito per il
passato, le preghiere per la grazia e forza nel futuro, non era-
no le cause né gli effetti di questo ritiro; quel che chiedevano
era la guarigione di una gamba rotta, da ripagare col voto del-
l’offerta di una stampella alla prossima occasione, o di un
cuore malandato da ripagare con un “pagherò” di messe; pre-
ghiere per il sollievo delle doglie, col relativo voto di dedica-
re, non il bambino al Signore, ma una libbra di candele alla
Vergine e la promessa di non cascare più in un simile impic-
cio; la brama e le delusioni delle spose meno fortunate, che

54
Ca pitolo X

mai avevano conosciuto “le gioie e i dolori di una madre”; la


restituzione o la surrogazione di un maiale, di un amante e di
un marito perduti; questi erano i salmi penitenziali, le devote
giaculatorie, le aspirazioni celestiali di quella congrega. Il mio
nuovo ospite si qualificò come il loro guardiano che provve-
deva ai loro bisogni e necessità e che, nei loro confronti, ave-
va un rapporto platonico, non proprio come un vero fratello
ma come una sorella ideale; le assisteva nelle preghiere e ne-
gli svaghi, nella devozione e nel ballo, nelle recite dei salmi e
nei canti, ed anche nei doveri domestici.
Tutto il loro impegno consisteva in questi esercizi spiri-
tuali e corporali perché, di certo, libri non ne avevano: sareb-
bero stati degli occhiali per ciechi e, ad eccezione di una o
due che lavoravano al fuso, erano tutte laboriosamente impe-
gnate nell’ardua occupazione di non far nulla e così ammaz-
zavano ben 216 ore della loro esistenza mortale!
Dopo il pranzo, l’Apollo di queste nove muse cantò una
canzone sarda che per loro sarà stata anche deliziosa ma
che, agli orecchi di uno straniero, risultò terribilmente sgra-
devole e stonata; se almeno l’avesse cantata prima del pran-
zo, sarebbe almeno servita ad affilarci i denti per affrontare
il capretto coriaceo che costituiva la nostra pietanza. Le sue
storielle, in realtà, erano divertenti e raccontò quella che se-
gue con molta enfasi e gran gesticolare.
Alcuni anni fa, una comitiva di sei donne – solitamente la
devozione si coniuga al femminile – celebrava una novena in
una chiesa delle vicinanze quando dei banditi, venuti a cono-
scenza del loro arrivo, e capitando che ne conoscessero alcu-
ne, lasciarono i loro covi per andare a visitarle nel loro sacro
luogo di ritiro. Dapprincipio le donne si spaventarono ma poi
si tranquillizzarono e, a poco a poco, si crearono rapporti tali
di amicizia che fu loro proposto di mitigare i rigori della no-
vena e trascorrere con essi una giornata in montagna. La pri-
ma risposta fu negativa, in quanto avrebbero tradito il loro sa-
cro impegno ma, dietro insistenza e ripetuti inviti, la maggior
parte della compagnia si pronunciò in favore della proposta.
Una minoranza era dissenziente in quanto molte donne erano

55
L’ISOLA DI SARDEGNA

parenti di coloro contro i quali era rivolta la vendetta dei ban-


diti, ma resistere fu quasi impossibile per cui, sebbene contro-
voglia, si unirono alla compagnia. Dopo un percorso lungo e
tortuoso, giunsero in un luogo nascosto in una montagna del
Marghine dove furono festosamente accolte con un abbon-
dante pranzo a base di carni di diversa qualità e di selvaggi-
na, cucinata sull’istante à la broche, allo spiedo, e la serata si
concluse fra canti e balli. Per tutta la notte gli uomini fecero la
guardia per vegliare sulle belle ospiti, col massimo scrupolo e
galanteria; il giorno successivo lo trascorsero in allegria e in
divertimenti. La mattina dopo, partirono per far ritorno in
chiesa e concludere la novena. Nel frattempo, però, la loro
assenza era stata scoperta e circolò in paese notizia che i ban-
diti, non soltanto le avevano rapite ma le avevano sottoposte
ad ogni sorta di violenze e insulti, pertanto, i parenti furibon-
di si armarono di tutto punto e partirono per liberarle e ven-
dicarle. Per puro caso si addentrarono nello stesso bosco nel
quale transitava l’altro gruppo e, scorgendolo, si appiattirono
nella macchia e attesero che giungessero a breve distanza
quindi, uscendo improvvisamente dai nascondigli, chiesero il
rilascio degli ostaggi.
Ambo le parti avevano i fucili spianati, pronti ad ogni
emergenza, ma nessuno minacciava veramente di far fuoco se
non uno dei paesani; gli altri non erano intenzionati a spara-
re, in quanto, secondo un loro codice d’onore (e di questo si
è parlato in un altro punto del libro) la presenza delle donne
sul posto sospende l’esecuzione della vendetta, e così fu chie-
sta una tregua ed ebbe luogo un colloquio. E non fu facile ot-
tenerlo, perché il paesano che continuava a tenere il fucile in
posizione minacciosa era il marito di una delle novenanti ed
il bandito che teneva sotto la minaccia dell’arma era stato un
tempo il rivale in amore. Da questo fatto, peraltro, era scaturi-
ta la vendetta, ognuno aveva attentato alla vita dell’altro e il
despera do sfortunato si era dovuto dare alla macchia ed ora,
per la prima volta, i due tornavano ad incontrarsi. Il ricordo
delle offese passate e dell’odio, il rinfocolare di antiche gelo-
sie con l’aggiunta di nuovi sospetti, il momento, il luogo e le
circostanze, tutto contribuì a tenerli lì impalati.

56
Ca pitolo X

Guardandosi vicendevolmente, senza riuscire a parlare


od a muoversi, istintivamente e lentamente misero mano ai
fucili; ancora un minuto e, con tutta probabilità, due vite sa-
rebbero state stroncate, se la giovane moglie non avesse rea-
lizzato che si trattava del marito e se non fosse corsa fra le
sue braccia. La donna prese il fucile, lo scaricò in aria, quin-
di, piazzandosi di fronte a lui per proteggerlo, lo condusse
verso il bandito al quale chiese di consegnarle l’arma. Nello
sconcerto che seguì di fronte al suo nobile ed eroico com-
portamento, il fucile gli cadde dalle mani come se fosse stato
il giocattolo di un bambino annoiato e, dopo che la donna lo
ebbe scaricato, glielo restituì. Ora il resto della compagnia si
avvicinò e tutti parteciparono alla conversazione. I banditi
dissero la pura verità, e cioè che le graziose ospiti avevano
interrotto la novena per una festa in montagna. Le donne
confermarono, e quelle che prima avevano decisamente rifiu-
tato di accettare l’invito, si sprofondarono in lodi per il nobile
e generoso trattamento ricevuto. Dopo un’ulteriore spiegazio-
ne della faccenda, tutti la presero come uno scherzo, di con-
seguenza finì con una festa generale, nel corso della quale
alcuni ebbero l’occasione di ricordare e chiarire le cause del-
le liti che avevano dato origine alla vendetta ed infine si con-
cluse col perdono reciproco.
Prima di andar via dalla novena della Vergine della Neve,
iniziai col dare uno sguardo al vicino nuraghe, dentro il qua-
le si può entrare solamente carponi. Per fortuna non c’era
nulla di molto interessante da osservare, perché sarebbe stato
impossibile rimanerci in quanto, una volta dentro, mi rizzai
in piedi e mi sentii avvolto da un manto di pulci. Il nuraghe
era stato usato di recente come ricovero per pecore e capre
e le conseguenze si possono facilmente immaginare ma «il
veleno e l’antidoto erano ambedue davanti a me» e dopo un
bagno purificatore nel ruscello sottostante, proseguii nella
strada per Nuoro.
La guida supplementare che mi accompagnava in que-
st’escursione mi raccontò durante il cammino diverse vicen-
de legate alla storia del circondario, ed i miei sospetti che
avesse avuto occasione di conoscere a menadito i meandri e

57
L’ISOLA DI SARDEGNA

le caverne della montagna, come pure i sentieri e le strade


maestre, trovarono successiva conferma nella sua autobio-
grafia. Secondo quanto da lui affermato, sebbene fosse stato
un semplice testimone dell’esecuzione di una vendetta e di
una carneficina, sebbene non fosse stato nel modo più asso-
luto un complice, era stato tuttavia costretto, col resto della
compagnia con la quale ebbe luogo la rissa, «ad abbandona-
re il comune sodalizio». Per dieci anni aveva condotto una
“vita ritirata” e quindi era potuto tornare a casa dopo aver
avuto la promessa del perdono e, fra gli altri modi di guada-
gnarsi da vivere, c’era quello di fare la guida ed il “viandan-
te”, e nel ruolo di guida, appunto, mi avrebbe prestato i suoi
servigi per diversi giorni e non c’è dubbio che la sua grande
conoscenza degli antichi compagni possa avermi fatto scam-
pare qualche spiacevole inconveniente.
Nell’attraversare un bosco ceduo, precedevo il “caval-
lante” e la guida, nonostante le loro reiterate raccomandazio-
ni di stare tutti uniti e non è che il consiglio non avesse la
sua validità perché, nel voltare in un punto appartato fra gli
alberi, mi trovai faccia a faccia con due uomini a cavallo,
con le bestie piazzate trasversalmente sul sentiero in modo
da impedirmi il passaggio. Quando mi avvicinai, stavano
furtivamente armando i fucili mentre mi guardavano fissi, e
così mi fermai davanti a loro, con l’animo ampiamente pre-
disposto a veder realizzata una delle storie raccontate dalla
mia guida.
Mi salutarono molto rispettosamente e continuarono ad
esaminarmi da capo a piedi ma, intuendo dagli abiti che ero
di Terraferma e che non portavo armi, capirono che «se non
un amico, non ero neanche un nemico».
Dopo esserci scrutati reciprocamente, il silenzio fu inter-
rotto dalla domanda: «È di Terraferma, il cavaliere?». «Signori,
sì», risposi levandomi il cappello, alla qual cosa si guardarono
significativamente l’un l’altro, con un’espressione che subito
mi convinse che nessuno di noi aveva ragione alcuna di do-
ver temere l’uno dell’altro.
«È piemontese, il signore?».

58
Ca pitolo X

«No, inglese»; a questa risposta fece seguito un altro sguar-


do fra di loro che stava a metà fra la meraviglia e l’incredulità.
Perfettamente consapevole che la mia scarsa conoscenza
dell’italiano e l’ignoranza della lingua sarda sarebbero state,
per loro, la prova convincente che seppure non fossi stato
inglese, di certo non sarei stato piemontese né sardo, presi
l’iniziativa di avviare un discorso su temi generali e raggiunsi
l’effetto previsto. Si sentirono subito a loro agio, ed io non
lo fui meno di loro quando vidi che allentarono la presa dei
fucili e che i loro cipigli sospettosi e contratti si rilassarono
in una gradevole espressione di mitezza.
Dopo le solite domande sulle ragioni che mi avevano in-
dotto a venire a visitare la loro terra, mi chiesero come mai
viaggiassi da solo, ma quando dissi che i miei servitori erano
nei pressi e stavano per raggiungermi, esclamarono tutti in-
sieme: «Come? dove sono?», con apprensione, asprezza e me-
raviglia che mi fece capire cosa rimuginassero fra loro.
Subito si spostarono dal punto in cui stavano e si avvici-
narono ad alcune macchie vicine da dove spiarono attraver-
so un varco in direzione del sentiero, dal quale sarebbero
necessariamente spuntati i miei uomini. Afferrarono, di nuo-
vo, le armi; di nuovo aggrottarono la fronte ed il loro aspet-
to turbato rivelò i vari mutamenti del dubbio e del rischio.
Sebbene fossi convinto che le mie nuove conoscenze altro
non fossero che banditi, e non malviventi, e poiché era pro-
babile che la mia guida fosse stata, o che ancora potesse es-
sere, loro nemico, ed essere coinvolta direttamente o indiret-
tamente in qualche losca faccenda, mi fermai per sventare,
se possibile, uno spiacevole incontro nel caso appartenesse-
ro alla prima categoria, cioè banditi, ed assisterli nella difesa,
qualora fossero stati dell’altra, ossia malviventi.
Ora si udivano in lontananza gli zoccoli dei cavalli che
lentamente si avvicinavano; il tono della conversazione fra i
due banditi, per quanto non sia riuscito a capire una parola di
quel che si dissero, mi rassicurò che avevano già individuato
nei miei servitori sardi delle persone amiche. Lo si vide un at-
timo dopo, e tutti ci trovammo a conversare cordialmente e

59
L’ISOLA DI SARDEGNA

familiarmente. Al momento della partenza vollero accompa-


gnarci fino alla strada, non mancando di offrire i loro servigi.
Nel raccontare la storia di questi due uomini, al fine di
renderla più comprensibile, possiamo dare loro i nomi fittizi
di Leonardo e Giuseppe.
In occasione di una festa sorse una lite fra Leonardo ed
uno dei suoi amici e, non sopportando l’ingiuria rivoltagli,
egli colpì l’offensore. Per autodifesa e per vendicarsi l’altro
estrasse un coltello, ma Leonardo riuscì a rivolgerlo contro
l’avversario e per diversi mesi la vita di quell’uomo rimase
appesa a un filo. Finalmente ripresosi, questi cercò il suo ne-
mico ma cadde nello scontro mortale.
Leonardo, di conseguenza, dovette fuggire dal paese e
negli ultimi otto anni visse da esiliato in montagna, in quanto
si trattava di una faccenda nella quale, per fortuna, la legge
non interferiva, dal momento che le parti tennero segreto il
fatto, così che rimase sconosciuto alle autorità.
Il caso di Giuseppe fu invece più grave a causa dell’inter-
vento della legge. Era, egli, un rispettabile proprietario che
possedeva un piccolo appezzamento di terreno e la controver-
sia fra lui ed il suo avversario nacque perché egli fu sospettato
di aver rubato tre giovenche e, come conseguente ritorsione,
gli furono portate via tre mucche. Ma Giuseppe, innocente e
desideroso di dimostrarlo, si affidò ad un avvocato dal quale
fu ovviamente condotto davanti al giudice del Mandamento e,
per tre anni, i dotti rappresentanti di quell’onorata professione,
tirarono tanto per le lunghe la causa che portarono quasi alla
rovina i due contendenti. Un attento esame della questione
da parte di reciproci amici non soltanto chiarì i motivi della
disputa, ma rivelò che la falsa accusa contro Giuseppe era
stata ordita dall’avvocato e che la faccenda era stata combina-
ta fra lui ed il giudice. I postulanti, ingannati e rovinati, si
strinsero la mano in segno di perdono per le cose del passato
con la decisione di vendicarsi dei loro comuni nemici. Il giu-
dice e l’avvocato, consapevoli del pericolo nel quale versava-
no, avviarono un’azione legale contro di loro con futili prete-
sti, al fine di poterli tenere al sicuro in prigione, anche se

60
Ca pitolo X

soltanto sulla base di sospetti. Ora, non c’era tempo da perde-


re; Giuseppe ed il suo amico decisero di farsi giustizia; que-
st’ultimo riuscì ad uccidere l’avvocato ma morì poco tempo
dopo da fuorilegge; Giuseppe, pur avendolo gravemente feri-
to, non riuscì ad uccidere il giudice e fu costretto a fuggire,
vivendo per molti anni da vagabondo in montagna. Non mol-
to tempo dopo l’agguato, il giudice morì, ma i conseguenti
rancori fra le famiglie avevano scatenato la vendetta e impedi-
rono al fattore di fare ritorno a casa; e poiché lo stesso giudi-
ce del Mandamento aveva recato torto anche a Leonardo, am-
bedue i banditi siglarono un vincolo di alleanza.
Questi episodi sono stati narrati unicamente per dimo-
strare, in un caso l’inefficienza, e nell’altro, l’ingiustizia del-
l’applicazione della legge.
Qualunque possa essere stata la colpa morale di questi
due protagonisti del racconto, la loro gentilezza e schiettezza
nei miei confronti furono non comuni. I lunghi capelli neri,
le lunghe barbe, gli abiti oscuri e le armi, l’aspetto violento e
semi selvaggio di tutto ciò che apparteneva loro facevano sì
che ci si creasse un’idea sbagliata nei loro confronti; bastò,
dunque, questa pur breve conoscenza per fare giustizia di
questi pregiudizi, in quanto incidentalmente mostrò l’esisten-
za di qualità latenti, buone e apprezzabili, che le circostanze
e la sfortuna avevano represso e nascosto.
Nel corso della giornata, mi imbattei in diverse altre per-
sone il cui aspetto denotava un’esistenza ed un destino simi-
li e le cui storie confermarono questa supposizione. Soltanto
uno di loro mi chiese qualcosa, e cioè un po’ di polvere e
dei pallettoni, che mi dispiacque molto non potergli dare,
non perché ritenessi di aver forse salvato, per una volta, la
vita di un essere umano, ma soltanto perché, subito dopo,
mostrò la sua disinteressata cortesia nell’offrirmi i suoi servi-
gi come scorta.

Nel raccontare la storia dei novenanti si è accennato, inci-


dentalmente, alla riconciliazione dei banditi; si può, pertanto,
parlare ora della pa ci, la pace, o il rinnovamento dell’amicizia.

61
L’ISOLA DI SARDEGNA

La traduzione che segue, tratta da un brano di un autore sar-


do, potrà ben illustrare l’argomento.
«Dopo diverse trattative da parte di persone anziane fida-
te e riservate, oppure da parte di qualche autorevole religio-
so, una volta appianate le divergenze e fatti salvi i reciproci
interessi, si indicano l’ora ed il luogo della riconciliazione.
Solitamente, questa cerimonia solenne ha luogo in aperta
campagna, nelle vicinanze di qualche chiesa, salvo che una
delle parti non ritenga sia una trappola. Il giorno fissato, le
due fazioni, con amici e parenti, si recano nel posto stabilito,
tutti armati come se si andasse in battaglia. Giunti nelle vici-
nanze, si fermano ad una certa distanza gli uni dagli altri, os-
servando tutte le precauzioni, dimostrando, così, diffidenza,
silenziosi e cupi, quasi ostili a qualsiasi sentimento di pace.
Gli arbitri e i pacificatori stanno al centro, consultano le parti
per sapere se sia intervenuto qualcosa di nuovo, che non ci
sia stata ritrattazione su quanto prima deciso e, nel caso fosse
sorta qualche difficoltà, si danno diligentemente da fare per
superarla perché tutti siano disposti all’abbraccio fraterno.
Allora fa la sua comparsa il prete. Alla vista del crocifisso
che tiene in mano, tutti depongono le armi, si levano il ber-
retto e la parte offesa che sta a destra, quella degli offensori,
che sta a sinistra, avanzano l’una verso l’altra. Il sant’uomo sa-
le su un masso e, dissertando sull’amore fraterno e sul dovere
del perdono, ricorda l’esempio di Cristo che pregò per coloro
che l’uccisero, insiste sulla necessità di riparare i torti e, dopo
essersi soffermato su vari temi appropriati, conclude con una
toccante esortazione. Quindi discende dal masso, ed abbrac-
ciando la croce chiama verso di sé gli autori dell’offesa.
Grande è il manifestarsi delle passioni quando le due par-
ti si avvicinano al prete. Gli occhi mandano lampi, i loro visi
impallidiscono, si odono gemiti di dolore e di rabbia degli uo-
mini, delle donne, dei bambini e dei vecchi che davanti a sé
vedono gli assassini di figli, padri, mariti. Le parole evangeli-
che risvegliano sentimenti più nobili nei loro cuori, che dan-
no adito a un conflitto di emozioni diverse. Ben presto scom-
paiono i cipigli, gli occhi minacciosi si abbassano, si odono

62
Ca pitolo X

sospiri e singhiozzi. La scena di ferocia e di spavento si tra-


sforma in pietà ed amore. L’eccitazione raggiunge il culmine
quando gli offensori, dopo aver abbracciato il crocifisso, si
voltano per chiedere perdono.
Coloro i quali in principio guardavano i loro nemici con
fiero orgoglio, ora diventano pallidi e con lenti e timidi passi
avanzano verso il capo della parte offesa. Al culmine della
collera all’avvicinarsi di uno che si è macchiato del sangue
d’un amico amato, egli quasi esita ad accoglierlo, ma si sente
allora un gemito profondo: “L’ira spirò!”. Spalanca le braccia
ed abbraccia il nemico con le parole: “Dio ti perdoni” e gli
dà il bacio della pace. I suoi amici fanno la stessa cosa uno
dopo l’altro, mentre gli altri, con parole affettuose, accettano
la loro amicizia. Le donne, che finora tremavano per i loro
cari, piangono lacrime di gioia e rendono grazie a Dio, ma
quelle i cui cuori sono stati profondamente feriti, per quanto
si astengano dal pronunciare le solite imprecazioni, piangono
inconsolabilmente ed invocano i loro amati perduti. La gioia
generale non illumina i loro volti e, immerse nell’oscurità del
loro tenero dolore, continuano a dare sfogo ai lamenti.
Assolti questi compiti, tutti si riuniscono in gioiosa festa
e, come se la memoria del passato fosse stata interamente
cancellata, si trattano col riguardo e la cordialità di una fami-
glia unita dall’amore più sincero. Rinverdiscono vecchi affetti
sopiti dall’inimicizia passata; i giovani ritrovano con rinnovata
gioia coloro che un tempo erano l’oggetto del loro amore; si
riodono parole d’amore, si rifanno promesse o si rinnovano
voti. Per ristabilire la pace più saldamente, i capi delle due
parti propongono matrimoni; le ragazze prestano fede alle
parole di coloro che ora iniziano ad amare, o concedono la
mano ai precedenti innamorati; i genitori si impegnano per i
loro piccoli, si fanno e si ricevono promesse di comparaggio.
Nel frattempo, fucili e pistole scaricano in aria innocue
munizioni; si dà inizio al ballo, ai canti e ad ogni sorta di di-
vertimento anche se qua e là, fra i cespugli, o all’ombra del-
le piante, donne inconsolabili piangono in solitudine. La ma-
nifestazione si chiude con lo scambio di doni e, lasciandosi

63
L’ISOLA DI SARDEGNA

con tante profferte di amicizia, fanno ritorno alle rispettive


case ed ai loro paesi».
La pa ci così ristabilita dura generalmente per sempre e i
patti vengono scrupolosamente osservati. Oltre la cerimonia
testé descritta, c’è la “danza del sangue” mediante la quale la
persona più influente ed autorevole della fazione che ha re-
cato offesa, si impegna sotto giuramento a prevenire o a pu-
nire qualsiasi violenza venga tentata o commessa da gente
della sua parte. Se fallisce in quest’impegno, la parte offesa
è autorizzata a vendicarsi su di lui.
Per quanto pie e verosimili queste riconciliazioni possa-
no sembrare a leggerle stampate, in realtà sono rare né mai
a me capitò di assistere ad un esempio autentico di vendetta
che si sia concluso in questo modo. In risposta alle mie do-
mande su questo argomento, mi fu detto che solitamente le
parti non sono propense ad affidarsi all’intermediazione reli-
giosa o legale nella composizione delle loro liti.
Si preferisce l’arbitrato privato svolto da parte “dei loro pa-
ri” ed il sistema e l’opinione di quel metodo non possono esse-
re spiegate meglio dei seguenti commenti che il padre Angius
ha fatto a proposito dei “ragionatori”, come, appunto, questi
arbitri vengono chiamati: «Poiché nelle zone solitarie molto
spesso sorgono litigi con varie lamentele di torti subiti, gli an-
ziani più rispettabili della “cussorgia” vengono chiamati per
svolgere l’arbitrato. Scelto il luogo del raduno, fissata la data
del giudizio, si riuniscono le due parti con i testimoni del caso
ed i familiari. Tutti fanno le loro dichiarazioni, si dà ad esse ri-
sposta, vengono valutate e la discussione si conclude con un
giudizio sollecito e immediato. Si può fare appello contro la
decisione di questi “saggi” presso una nuova corte composta
da un numero maggiore di “uomini buoni e sinceri”, la cui
sentenza è definitiva. Una persona ben addentro alle leggi e al-
la pratica legale, che incidentalmente presenziò ad uno di que-
sti tribunali rurali, rimase fortemente colpita dalla sagacità e dai
giusti ragionamenti dei giudici che costituivano, a suo avviso,
un forte contrasto con i cavilli dei tribunali e con i sofismi che
rendono oscuro quel che è chiaro e che tutto confondono.

64
Ca pitolo X

Racconterò con poche parole un episodio che si verificò


in presenza di uno spettatore attento.
Si trattava del caso di un pastorello che era stato troppo
audace nei suoi approcci amorosi verso una ragazza. Di fron-
te al giovane che sollevava obiezioni contro la sentenza in
quanto ritenuta troppo severa, i ragionatori, indignati per la
sua presunzione, si alzarono dall’ombroso olivastro sotto il
quale sedevano dicendo agli astanti sorpresi: “Abbiamo par-
lato e fatto giustizia”, salutarono e si avviarono a casa.
Ma uno dei parenti più stretti del giovane, che stava ap-
poggiato sul nodoso tronco di una quercia, col mento bar-
buto posato sul dorso della mano che teneva sopra la canna
del fucile, sollevò la testa e, con sguardo truce, tese la mano
destra verso i ragionatori dicendo: “Fermi, amici! La questio-
ne si deve risolvere in questo preciso momento”. Rivolgen-
dosi, quindi, al nipote, con piglio determinato e risoluto, po-
sandogli la mano destra sul petto gli disse: “Vieni sull’istante!
O tu rispetti il verdetto dei ragionatori, oppure…”. Di fronte
alla terribile minaccia, il giovane non esitò oltre, si avvicinò
alla parte offesa e chiese perdono.
Lo zio, finalmente soddisfatto, si fece avanti e chiese per
il nipote la mano della ragazza; ebbe luogo il fidanzamento
e, concluse felicemente le cose, si diede inizio ai preparativi
della festa. Questa fu la sola spesa che sostennero le parti.
Attraverso la mediazione di questi vecchi buoni, sono state,
spesso, risolte in un giorno soltanto cause che in tribunale si
sarebbero protratte per molti anni, con la spesa di un mezzo
patrimonio, e la cosa più importante è che, mediante queste
valide riconciliazioni, sono stati risolti profondi dissidi e san-
guinose faide.
Spesso, molto impegno viene dedicato da questi arbitri i
quali, talvolta, impiegano mesi, andando da una parte all’altra,
per sanare i contrasti e placare le parti offese. La sola ricom-
pensa che ricevono è la stima nella quale sono tenuti quando
hanno risolto una causa o hanno favorito una riconciliazione,
con piena soddisfazione di tutti; vengono chiamati “saggi” e
veramente molti di loro sono degni di questo appellativo».

65
L’ISOLA DI SARDEGNA

Dopo essere passati attraverso alcune grandi tanche e terre


recintate nella pianura del Marghine, dove innumerevoli greggi
e mandrie stavano al pascolo, un ripidissimo viottolo si inerpi-
ca, nel lato meridionale, su una collina e da lì, proseguendo su
un altipiano elevato, si coglie il panorama della città di Nuoro.
Sorge sulla sommità e sul lato sud di un colle, alto circa 1907
piedi, nella cui parte inferiore si scorgono profonde vallate di-
stinte. Una, in direzione nord, che conduce verso Lollove, è
circondata dal Monte Francesco; un’altra, la Sporosola, ad est,
è protetta – come la valle a sud – dai monti di Oliena mentre
il Monte Gonnari racchiude il paesaggio nella parte sud-occi-
dentale. I pascoli verdi e scintillanti e le messi nelle strette val-
li, il tono grigio delle rocce calcaree, con le scure macchie di
foresta, apparivano doppiamente belli per le luci e le ombre
che giocavano su questa caotica confusione di montagne e
valli, mentre la veduta panoramica dalla parte di nord-est della
città, si può dire che sia la più bella dell’Isola. Non ricordo un
luogo al quale si possa paragonare il suo scenario complessivo
e la natura, in questo modo, ha ampiamente compensato la
mancanza di interesse artistico e ambientale della città.
Forse, alcune osservazioni sul distretto della Barbagia
possono gettare luce riflessa su questo luogo particolare, ma
la sua vera storia è avvolta dalle tenebre. In quanto sede prin-
cipale della prefettura, di cui porta il nome e comprende una
vasta estensione di territorio, le sono stati conferiti il grande
onore, la dignità ed il titolo di “Città”, sebbene non conti più
di 845 case e circa 3755 abitanti. Una cattedrale, sette chiese,
tre oratori ed un monastero, con circa 80 rappresentanti del
clero regolare e secolare, formano l’organico religioso.
Il nuovo carcere, la caratteristica più evidente della città,
che si profila in lontananza come una bianca fortezza, è un
edificio circolare formato da ventisette locali, in grado – o al-
meno così si suppone – di ospitare un centinaio di detenuti.
Non esistono celle singole e piccole; al centro si trovano la
cappella, la cucina e i vari uffici.
Si tratta del primo dei nuovi sette carceri modello che stan-
no per essere realizzati ma, dalla prefettura nuorese, questa
scelta non viene considerata come un particolare riguardo

66
Ca pitolo X

lusinghiero, in quanto è dettata dalla necessità della situazio-


ne locale. Se, tuttavia, le statistiche dei crimini accertati in
Barbagia sono vere, a parte i delitti rimasti sconosciuti o non
perseguiti, esistono fondate ragioni perché venisse riservata
a Nuoro questa poco gradita attenzione.
Si diceva che il nuovo carcere sarebbe stato un vero para-
diso a confronto delle vecchie ed ancora attuali prigioni delle
quali è impossibile fare una descrizione. Gli sventurati carce-
rati, circa una ventina, stavano pigiati in una cameretta con
una finestra senza vetri ed una grata di ferro e da questa cella
inumana non era loro consentito uscire per nessuna ragione.
Gli imputati ed i condannati, i sospettati e i colpevoli, gli
innocenti e i rei, in questo luogo, tutti allo stesso modo, tra-
scorrono la loro grama esistenza e si sa che moltissimi, senza
alcuna speranza di venir liberati dai loro tormenti, non ad
opera della giustizia ma per mano del boia, invocano arden-
temente la morte come la grazia più grande che il cielo pos-
sa loro concedere. Sembrava impossibile che non fossero tut-
ti morti di febbri maligne a causa del luridume e del fetore.
Nel pavimento della stanza superiore c’erano una botola
e una grata di ferro attraverso la quale venivano sorvegliati i
prigionieri; avvicinandomi per osservarli, fui investito da ef-
fluvi mefitici.

La nuova cattedrale, costruita in granito e pietre da rivesti-


re con l’intonaco, è rimasta incompleta per mancanza di fon-
di; si era calcolata, in origine, una spesa di 34.000 scudi (6528
sterline circa) cui far fronte con ipoteche sui fondi della sede
vescovile ma, essendo questi fondi esauriti, sono ora necessa-
ri altri 44.000 scudi, all’incirca 8448 sterline. L’architetto Anto-
nio Cano, ora defunto, ha dimostrato buon gusto e padronan-
za dello stile e delle proporzioni ma l’edificio, nel complesso,
dà l’impressione di essere inutilmente grande, considerando
che in città esistono altre otto chiese.
Quest’opera moderna risultava piuttosto insignificante
messa a confronto con le rovine dell’antica cattedrale, le cui
pietre ben squadrate ancora testimoniano la superiorità dello
stile e la cura dei suoi costruttori pisani.

67
L’ISOLA DI SARDEGNA

Un monastero degli Zoccolanti, magnificamente situato in


fondo alla città, possiede alcuni quadri discreti. Quanto più
utilmente questo edificio con il suo chiostro e gli alloggi
avrebbe potuto ospitare il carcere, in luogo di quello stabile
disgraziato in precedenza descritto! Forse, dentro le sue pareti
non ci sarebbe più ingiustizia e di certo ci sarebbe meno ipo-
crisia se questo cambio di inquilini avvenisse e, se è vero che
l’ozio è il padre dei vizi, i poltroni che stanno nel monastero
potrebbero tranquillamente traslocare al posto dei malfattori.
A circa un quarto di miglio dalla città si trova una di
quelle stranezze naturali, una pietra che si muove, nota come
“La Pietra Ballerina”. Si tratta di un poliedro, coi lati di lun-
ghezza variabile dai tre ai sedici piedi e da cinque a quattor-
dici di larghezza, mentre è alto circa dodici piedi. Per quanto
il suo perimetro massimo sia di circa cinquantatré piedi, riu-
scii a smuovere il masso con una mano sola. La pietra Logan
o pietra Logging della Cornovaglia, secondo le misure comu-
nemente note, è più piccola in quanto misura diciassette pie-
di di lunghezza e circa trentadue di perimetro.
Se per tutti i monumenti straordinari della Sardegna si
dovesse ipotizzare un’origine fenicia, allora si potrebbe ac-
cettare l’ipotesi avanzata da Drummond a proposito di queste
pietre ballerine. Un suo commento sul brano di Sanchoniato
afferma che «il dio Orano inventò i betili, pietre animate» e,
confutando l’interpretazione che di esse fornì il Bochart,12 af-
ferma: «Ritengo che Sanchoniato abbia inteso parlare di quel-
le pietre che vengono chiamate pietre ballerine, delle quali
alcuni esemplari ancora esistono in Bretagna. Probabilmente,
i Britanni avevano imparato dai Fenici il sistema di sollevare
e sistemare queste pietre».
Il paesaggio fra Nuoro e Orosei presenta scorci pittore-
schi, ma l’aspetto selvaggio e la desolazione dei luoghi in ge-
nerale non ripaga la fatica e il fastidio di compiervi un’escur-
sione.

12. S. Bochart, Geogra phie sa cra e, Francofurti ad Moenum, J. D. Zuneri,


1681 (N.d.T.).

68
Ca pitolo X

Il fiume di Orosei, il Cedrinus citato da Tolomeo, ma che


ha tanti nomi moderni a seconda dei distretti che attraversa,
nasce dalle montagne di Orgosolo, Mamoiada e Oliena; dopo
aver attraversato una magnifica valle, si getta in uno stagno
nei pressi della costa che è lungo circa due miglia e mezzo e
largo uno.
Orosei, un paese povero e per niente salubre come Ter-
ranova, è costituito da circa trecentoquaranta case, con una
popolazione di 1650 persone delle quali oltre una trentina,
ovvero un abitante su cinquantacinque, appartengono al cle-
ro e si prendono cura di diciotto chiese.
Le attività economiche ed il commercio sono del tutto ir-
rilevanti. Nel 1824, le esportazioni consistettero in circa 1562
quartieri di grano, 18 tonnellate di mandorle, 209 di formag-
gio, 25 di sughero e circa 8000 pelli, oltre al bestiame, al
miele e alla frutta di cui non mi furono forniti dati precisi.
Nel medesimo anno, entrarono in porto 52 bastimenti dei
quali 38 erano sardi, 2 genovesi, 3 francesi e 9 napoletani;
tutti di piccolo cabotaggio.
Mi dolgo di non aver potuto visitare Oliena al fine di am-
mirare Calagone, una grotta dalla quale sgorga improvvisa-
mente un fiume. Dagli abitanti del distretto viene considerata
il più grande fenomeno dell’Isola e il Fara la definisce «Fons
Mira bilis». Per quanto mi riguarda, dovetti accontentarmi del
ricordo dello Zirknitz See, dei fiumi Sittich e Adelsberg nelle
falde calcaree dell’Illiria e della Carniola, dei vari Catabrata
della Grecia e di molti altri luoghi nei quali i fiumi compaio-
no e scompaiono, e dove, così come accade presso Calagone
si raccontano storie di oggetti che, una volta immersi nelle
acque, riemergono in altre zone lontane.

69
CAPITOLO XI
Il distretto della Ba rba gia – Ca ra ttere della popola zione – Fuorusciti –
Storia a ntica e moderna – La perda longa – Ma moia da – La vora zione
del torrone – La città di Fonni – Festa della Ma donna dei Ma rtiri – Il mo-
na stero fra ncesca no e reliquie – Superstizioni – Leggenda del dipinto in-
visibile – Istruzione e sa cerdozio – Fuorusciti e ba rda ne – La fiera e la fe-
sta – Dina mismo genovese e pigrizia sa rda – Costumi – Divertimenti –
Stra da roma na e il giogo Sa sacchedda – Sora vile – Desulo – Interno di
una ca sa ba rba ricina – Mobilio e provviste – Il pa ne – Viveri – Ara ncia ta
– Commercio della neve a d Aritzo – Frutta – Ca ra ttere dei Ba rba ricini –
Pa stori e vendetta – I ca ni dei pa stori – Abitudini ra pa ci e perdita del be-
stia me – Costume della ponitura – Abito dei pa stori – Cure della timoria,
lo sca nto della Sicilia – Tra dizioni della da nza , le Opera rie del Sa nto, il
corriolu e sa vardia – Le foreste del Monte Argentu – Il muflone, il ba le-
struccio, il boccamele, le a quile e gli a vvoltoi – Su spegu e is pillonadoris

Prima di addentrarsi nel distretto della Barbagia, alcuni


brevi lineamenti storici ci risparmieranno dettagli superflui sui
singoli luoghi perché, nel corso di quest’escursione, si realiz-
zarono appieno la validità e la verità dello spirito d’osserva-
zione di un amico e cioè che i paesi sono più o meno tutti
uguali e che «conoscere un figlio equivale a conoscere tutta la
famiglia».
Si ritiene che il distretto, stimato in 1108 miglia quadrate
italiane, ossia circa 1467 miglia inglesi, sia stato suddiviso in
tre parti (la superiore, la centrale e quella inferiore), in epoca
antica, durante il domino dei Giudici di Arborea. Nel censi-
mento incompleto del 1839 non figurano dati in merito alla
popolazione ma, secondo quello effettuato nel 1833, la Barba-
gia superiore, comprendente i sette paesi di Fonni, Mamoiada,
Gavoi, Olzai, Ovodda, Ollolai e Lodine, aveva una popolazio-
ne complessiva di 9221 abitanti. La Barbagia centrale include
nella ripartizione di Mandra e Lisai13 i sei centri di Tonara, De-
sulo, Sorgono, Samugheo, Atzara e Ortueris, per complessivi
9975 abitanti. Nell’altra ripartizione, detta di Belvì o Meana, si

13. Si tratta dell’odierno Mandrolisai (N.d.T.).

70
trovano i quattro paesi di Aritzo, Meana, Belvì e Gadoni, la cui
popolazione ammonta a 4791 anime. Nella Barbagia inferiore
sono compresi Seui, Seulo, Sadali, Esterzili e Ussassai, con
3920 abitanti, per una popolazione complessiva di 27.907 uni-
tà. Si riscontra che le nascite superano annualmente i decessi
di 188 unità,14 ed il modesto aumento è dovuto a varie ragio-
ni, a parte le morti per intemperie e febbri varie.
Una notevole perdita di vite umane si verifica per man-
canza di ponti, in quanto ne esistono soltanto tre in tutto il
distretto: uno è quello sul fiume chiamato Govosoleo, che va
velocemente in rovina; un secondo, sullo Stanali, ed un terzo
sul Dosa; tutti e tre sono inadeguati, come pure sono del tut-
to sconosciute l’arte del nuoto e quella di tentare di rianima-
re gli annegati. Molti muoiono anche a causa del freddo nei
pascoli delle lontane colline dove badano alle greggi; inoltre,
più di cento persone all’anno muoiono vittime della vendetta
(ossia, 1 ogni 279), nei conflitti coi loro nemici o coi soldati
del Governo.
Quelli che notoriamente vivono alla macchia da “fuorusci-
ti” sono più di 300 e ad essi se ne possono aggiungere altri
300 di cui nulla sanno le autorità governative così che, facen-
do una media, si ha che una persona su 46 è un reietto della
società, un esule dal focolare domestico. Il rapporto di coloro
che sanno leggere o scrivere è di 840, ossia circa 3 su 100.
Quelli che trovano occupazione in attività meccaniche o
nel commercio non superano le 500 unità e, a titolo esempli-
ficativo del loro stato di arretratezza, hanno imparato soltanto
di recente l’arte di tagliare il legname con la sega. Il numero
dei pastori supera di gran lunga quello degli agricoltori per-
ché, sebbene i pascoli si possano convertire in terreni coltiva-
bili, esiste da tempo immemore un orgoglio ereditario per il
lavoro del pastore ed anzi una sorta di disprezzo nei confronti
degli agricoltori. Forse perché fare il pastore richiede forza

14. In Inghilterra, secondo i dati del Quarto Rapporto Annuale del Re-
gistro Generale di nascite, morti e matrimoni, per l’anno 1841, il divario
fra nascite e decessi sarebbe di 277 e mezzo.

71
L’ISOLA DI SARDEGNA

morale e fisica che consentano di resistere all’inclemenza del


tempo, di partecipare alle incursioni dei banditi e malviventi
oppure unirsi a loro o vendicarsi dei loro attacchi. Un senti-
mento romantico che nasce da eventi più eccitanti che non
siano quelli di custodire le nivee greggi e «zufolare nei campi».
Questa mentalità era talmente radicata che i genitori di
una giovane, ma anche ella stessa, di fronte a due pretendenti
che ne avessero chiesto la mano, l’avrebbero concessa senza
esitazione al guerriero col bastone da pastore ed il fucile,
piuttosto che all’altro armato di vanga e vomere, in compa-
gnia del quale la vita, relativamente facile ma priva di avven-
ture, sarebbe trascorsa accanto al telaio e alla rocca. I Barbari-
cini, per la verità, hanno iniziato soltanto ora a considerare le
due occupazioni ugualmente onorevoli e la proporzione del
mestiere del pastore, rispetto all’altro, per quanto di recente
fosse di uno a sei, ora è di tre a sette. Tuttavia l’a rgumentum
a d crumena m, è stato più benefico nel rimuovere i pregiudizi
che nel fare appello alla ragione ed agli insegnamenti delle
scuole statali di agricoltura.
A causa della mancanza di dati esatti non è possibile for-
nire statistiche riguardanti i religiosi, salvo affermare che il
presunto numero di centocinque chiese e di novantatré preti
in tutta la zona è ben al di sotto di quello reale.
Sebbene la storia antica della provincia sia povera di
grandi avvenimenti ed apocrifa, le più tarde testimonianze
destano invece l’interesse dei dotti e degli studiosi di antichi-
tà. Il nome Barbagia è una corruzione dell’antico Barbaria,
Barbaricum o Barbari, termine generico riferito dai Greci e
dai Romani a tutti i popoli di origine straniera ed essi, i Bar-
baricini, derivano il loro appellativo dall’essere i diretti di-
scendenti degli Ioalesi e Iliesi. I primi, come accennato in al-
tra parte di quest’opera, costituirono una colonia al comando
di Iolao, figlio di Ificle, re di Tessaglia, che fu raggiunto dai
Tespiadi, i discendenti delle cinquanta figlie di Tespio e di
Ercole. La spedizione fu intrapresa per obbedienza all’oraco-
lo di Delfi, il quale prediceva che, una volta stabilitisi in Sar-
degna, non sarebbero mai stati sopraffatti da altri popoli; una

72
Ca pitolo XI

leggenda tramandataci anche da Aristotele, Diodoro Siculo,


Plinio, Pausania e Silio Italico.
Si dice che Iolao sia stato sepolto in questa zona dopo
aver fondato molte città, una delle quali si pensa sia Dolia,
così detta per la sua derivazione da Iolao, Iolia, D’Iolia, Dolia
e, sebbene essa più non esista, si sa che era ubicata nelle vici-
nanze di Parte Olla, o Partiola, un termine che molto plausi-
bilmente potrebbe essere derivato da Iolao. Pausania afferma
che ai suoi tempi molti luoghi della zona venivano chiamati
col nome del loro fondatore e così Ollolai, anticamente città
di una certa importanza, si potrebbe far risalire a Olla, Iola;
Artilai fu, probabilmente, Arx Jola i. Gli Iliesi, Iliaci o Iliensi,
come vengono variamente chiamati, secondo Pomponio Me-
la, Tolomeo e Silio Italico, furono coloni troiani migrati dalla
loro terra dopo la caduta della città i quali, riscontrando che
al loro arrivo nell’Isola gli Iolaesi erano in guerra con gli indi-
geni sardi ed i loro alleati cartaginesi, si schierarono a favore
dei primi e furono al loro fianco nel campo di battaglia. Il fiu-
me Tirso separava i due eserciti e, dopo un’attesa reciproca di
parecchi giorni in vista dello scontro, ebbe luogo una rappaci-
ficazione. Successivamente, però, gli Iliesi furono improvvisa-
mente aggrediti dai Cartaginesi, cacciati dai loro possedimenti
e costretti a rifugiarsi nelle montagne dove, nelle successive
battaglie contro loro ed i dominatori romani, sebbene sconfitti
in campo aperto, trovarono riparo sicuro ed inespugnabile e,
almeno in apparenza, anche al giorno d’oggi, l’oracolo di Delfi
non ha smentito i fuorusciti del distretto.
Uno dei primi conflitti di un certo rilievo contro i Romani
avvenne in occasione della spedizione di Marco Pomponio
Matone, giunto in Sardegna per punire gli Iliesi (233 a.C.) i
quali, sebbene vinti, ma non sbaragliati completamente, si ri-
bellarono nuovamente e Marco Pomponio fu inviato ancora
una volta nell’Isola per ridurli all’obbedienza.
Troppo fieri per farsi sottomettere ma troppo deboli per
poter resistere, furono nuovamente cacciati nelle montagne e
per quanto le Tavole Capitoline citino due trionfi in occasione
del successo di Marco, secondo altre fonti la battaglia viene

73
L’ISOLA DI SARDEGNA

descritta come una battuta venatoria alle bestie selvatiche ed


una carneficina, piuttosto che un combattimento onorevole
ed una vittoria; infatti il generale romano, disperando di poter
vincere, li inseguì e gli diede la caccia con i segugi.
La vittoria più importante ottenuta dai Romani si verificò
poco dopo queste offensive micidiali. Quinto Muzio Scevola,
il quale succedette a Cornelio Mamula nella prefettura della
Sardegna (215 a.C.), a causa della sua pessima amministra-
zione e delle estorsioni perpetuate, si alienò la fedeltà dei
Sardi ed essi, consapevoli della situazione critica dei rapporti
fra Roma e Cartagine, mandarono ambasciate segrete a que-
st’ultima per assicurare che era matura la rivolta e che erano
pronti ad unire le forze contro il nemico comune. Gli amba-
sciatori affermarono che i Romani non avevano un grande
esercito; che il pretore Cornelio aveva lasciato l’Isola e che si
attendeva l’arrivo di uno nuovo, poco pratico del carattere
degli abitanti; che erano stufi del Governo romano e che era-
no profondamente irritati nei confronti dei loro arroganti ed
avari padroni a causa delle pesanti estorsioni imposte l’anno
precedente; infine, dissero che i tempi erano maturi per libe-
rarsi del giogo romano ma che avevano bisogno dell’aiuto di
uno Stato potente che li ponesse sotto la loro protezione.
Nello stesso tempo i Cartaginesi avevano ricevuto notizia
delle loro sconfitte in Spagna e si apprestavano a inviare una
flotta per portar rinforzi, ma all’udire della disponibilità dei
Sardi a combattere contro i Romani, desiderando effettuare
un diversivo tattico, si divisero e inviarono parte dell’esercito
in Spagna al comando di Magone, e parte in Sardegna sotto
la guida di Asdrubale. Cornelio Mamula, venuto a conoscen-
za dei fatti, aveva prospettato in Senato l’importanza di man-
dare immediatamente un contingente militare per proteggere
e salvaguardare la Sardegna; di conseguenza, Tito Manlio
Torquato, considerato il più esperto e in grado di effettuare la
spedizione, fu inviato a Cagliari. Anche Asdrubale era partito
da Cartagine, ma poiché una tempesta lo aveva dirottato ver-
so le isole Baleari, il pretore romano ebbe di conseguenza il
vantaggio di un sicuro e tranquillo sbarco sulla costa e, dopo

74
Ca pitolo XI

aver unito le sue truppe a quelle di Quinto Muzio Scevola,


Tito Manlio Torquato si trovò a capo di 22.000 fanti e di 1200
cavalleggeri. Con questo esercito mosse all’attacco dei Sardi, i
quali erano guidati dal loro duce e comandante Amsicora,
l’uomo più potente ed autorevole, non soltanto della Barba-
gia, ma ritenuto il più scaltro guerriero di tutta l’Isola. Orgo-
glioso della sua discendenza dagli Ioalesi, e ovviamente ani-
mato da spirito feroce e ardente, le sue abitudini di vita, le
sue idee erano diventate più selvagge per la vita randagia che
aveva condotto nelle montagne natie, e l’odio verso i Romani
ne faceva ora il campione della libertà della sua terra.
Giunse, infine, il momento di tentare di spezzare le cate-
ne dei Sardi e Amsicora fu unanimemente chiamato ad intra-
prendere l’impresa. Capitando che dovesse recarsi a Cornus
per arruolare nuove truppe, lasciò l’esercito accampato e, in
sua assenza, ne affidò il comando soltanto a suo figlio Josto
ma il giovane, inesperto nell’arte della guerra, impaziente per
l’attesa, e con un’energia e uno spirito non meno impetuosi
rispetto a quelli del padre, azzardò imprudentemente uno
scontro col nemico nel corso del quale rimasero uccisi sul
posto 3000 Sardi, 800 furono fatti prigionieri ed il rimanente
dell’esercito, facendosi strada fra foreste e montagne, rag-
giunse Cornus.
Questa vittoria avrebbe probabilmente assicurato a Roma
la sottomissione della Sardegna se la flotta cartaginese, al co-
mando di Asdrubale, non fosse giunta a Cagliari giusto in
tempo per prestare soccorso e radunare i Sardi sconfitti. Tito
Manlio Torquato, tornò indietro all’udire dell’arrivo ma Amsi-
cora ebbe modo di raggiungere Asdrubale. I due eserciti uniti
si diedero, quindi, a depredare le zone i cui abitanti si erano
schierati sotto le insegne romane, ed avrebbero attaccato an-
che Cagliari se non fosse sopraggiunto l’esercito di Roma che
pose fine alla violenza dei loro saccheggi. Infine, i due eserci-
ti si accamparono a breve distanza uno dall’altro e dopo mol-
te scaramucce e scontri nei quali il successo fu alterno e in-
certo, ebbe luogo una cruenta battaglia che durò quattro ore
e si concluse con la disfatta totale dell’esercito sardo-punico.

75
L’ISOLA DI SARDEGNA

Nella spaventosa carneficina che ne seguì, i Romani passaro-


no a fil di spada 12.000 nemici, fecero 3600 prigionieri e
conquistarono 27 insegne militari. In questo massacro, se si
aggiungono le perdite precedenti, si conta che, complessiva-
mente, i morti furono 15.000 e 4400 prigionieri; per questa
vittoria così decisiva, a Tito Manlio Torquato furono resi
grandi onori a Roma.
La cattura di Asdrubale, Annone e Magone rese più esal-
tante la vittoria dell’esercito romano, ma non fu meno grave
la perdita dei sardi. Il giovane Josto, col sangue di suo padre
che gli scorreva dalle vene, combatté in prima linea e cadde
gloriosamente sul campo. Secondo Silio Italico,15 la mano
che inferse il colpo fatale fu quella di Ennio, il poeta che, in
quell’epoca, prestava servizio nell’esercito romano. Amsicora,
sfuggito al massacro generale dei suoi conterranei, con pochi
e fedeli seguaci si rifugiò nelle montagne natie dove, incapa-
ce di sopravvivere al doppio disastro della morte di suo figlio
ed alla sventura della sua terra, nel silenzio di quella stessa
notte, si pugnalò al cuore. Sebbene gli storici romani non ab-
biano reso all’eroe sardo quel doveroso tributo d’onore che
non avrebbe certo sminuito il valore e la gloria dimostrati in
quell’occasione dai loro concittadini, le pagine del Manno
eterneranno la sua memoria sia per la validità delle osserva-
zioni che per l’eleganza classica con la quale l’autore si è
espresso, per cui né il nome né il valore di Amsicora mai si
dimenticheranno in Sardegna fin quando la voce onnipresen-
te della natura – le montagne della Barbagia – li ripeterà e rie-
cheggerà dalle cime fino alle valli dove, sulle prime, l’aquila
romana non si è mai librata stabilmente, né i cavalli cartagine-
si hanno calpestato il suolo delle seconde.
Gli Iliesi, tuttavia, non erano stati soggiogati. Nell’anno
182 a.C., li ritroviamo a combattere contro Marco Pinario e,
per quanto Livio16 parli di una «secunda proelia fa cta » da par-
te dei Romani, tuttavia – riferendosi ai montanari – soggiunge

15. Silio Italico, lib. XII.


16. Livio, lib. X, cap. 34.

76
Ca pitolo XI

«gente ne nunc quidem omni pa rte pa ca ta ». Nel 177 a.C., Ti-


berio Sempronio Gracco guidò il suo esercito in Barbagia
dove agli Iliesi si erano uniti i Balari, una tribù della Gallura,
ma furono sconfitti con immani perdite; 12.000 uomini furo-
no uccisi nella pianura mentre i superstiti fuggirono, come
di consueto, sulle montagne. Il console ordinò che tutte le
armi venissero radunate e, fattone un grande mucchio, le fe-
ce bruciare come offerta votiva a Vulcano. Dopo questo fat-
to, condusse le truppe vittoriose ai loro accampamenti nelle
città amiche.
L’anno successivo, 176 a.C., ebbe luogo una nuova insur-
rezione ed oltre 15.000 persone persero la vita nel tentativo
inutile di cacciare i dominatori. Tiberio Sempronio Gracco,
dopo aver inviato a Roma 230 ostaggi illustri prelevati dalle
più importanti città, con seguito immenso di schiavi e bottino
d’ogni sorta, fece ritorno alla capitale per godersi il trionfo e
fu ricevuto dal Senato nel tempio di Apollo dove, per due
giornate, si elevarono preghiere e, da parte dei consoli, furo-
no sacrificate quaranta vittime. Nel tempio della dea Matuta,
dedicato a Giove, fu sistemata un’iscrizione votiva a ricordo
dell’evento; da essa si apprende che, nel corso di quella
campagna, furono uccisi o fatti prigionieri 80.000 sardi.
La citazione ricorrente, anche se superficiale, da parte
degli storici romani delle battaglie combattute successiva-
mente, conferma l’espressione di Diodoro Siculo17 secondo
cui questo popolo «ha difeso fino ad oggi la propria libertà»;
da quell’epoca (circa agli inizi della nostra era) di esso poco
si sa oltre alla sua incessante resistenza sino alla fine del ter-
zo secolo sotto Diocleziano, nel 295 d.C. Nessun accenno
viene fatto degli Iliesi durante la dominazione dei Vandali
nell’Isola ma, verso il 536, si ha notizia di un esercito di Giu-
stiniano che si era accampato ai piedi delle colline con l’in-
tento di sottometterli, ma non si registrano vittorie o sconfitte
decisive da ambo le parti nel corso di sessant’anni di guerri-
glia altalenante.

17. Diodoro Siculo, lib. IV, cap. 30.

77
L’ISOLA DI SARDEGNA

È all’incirca in questo periodo che queste genti acquisirono


l’attuale nome di Barbaricini e, verso la fine del secolo, fu in-
trodotto il Cristianesimo, grazie all’ascendenza ed alla potenza
del loro capo patriarcale Ospitone. Non sono chiare le ragioni
per le quali erano venute a cessare le ostilità col governatore
dell’Isola, Zabarda. Si sa che egli pose come una clausola della
pace che i Barbaricini rinunciassero ai loro riti pagani ed al lo-
ro culto e seguissero, invece, la nuova fede. Ospitone, che già
era diventato cristiano, perseguì questo obiettivo con tanto ze-
lo fra le sue tribù che, nel corso di sette anni, riuscì a diffonde-
re ampiamente il Cristianesimo in Barbagia.
Le lettere scritte da Gregorio Magno a Zabarda, ad Ospi-
tone ed all’arcivescovo di Cagliari nel 594, esprimono com-
piacimento per aver fatto trionfare la croce di Cristo sulle
idolatrie della provincia; li esorta a proseguire nella loro
opera di proselitismo e dà annuncio dell’invio di due mona-
ci della Santa Sede.
La buona novella del Vangelo si realizzò alla lettera in
quest’occasione, «pace in terra agli uomini di buona volontà»
ed infatti i Barbaricini smisero le ostilità nei confronti del po-
tere romano e instaurarono rapporti di amicizia che servirono
da vincolo di unità in occasione delle successive invasioni
nell’Isola da parte dei Saraceni quando, con gli altri Sardi e
Romani mostrarono il loro innato spirito bellicoso e contribui-
rono in modo determinante alla sconfitta di Museto. A partire
da quest’epoca, la Barbagia ha poco da dire fin quando la
Sardegna passò alla Corona d’Aragona; gli abitanti, allora, ri-
fiutarono di riconoscere i diritti e l’autorità di Alfonso e re-
spinsero le sue richieste di omaggio, di tributo o di servizio.
Gli ambasciatori inviati dal re al papa Benedetto XII, nel 1335,
fecero di questo fatto oggetto di rimostranza politica nei suoi
confronti, ma si raggiunse successivamente un compromesso
e non si verificarono particolari dissensi fino al 1719, quando
il Governo spagnolo impose una doppia contribuzione. Alla
richiesta, che fu rifiutata, ci si oppose con successo perché i
Barbaricini ricorsero alle armi, portarono in montagna mogli,
figli e le cose di valore e tennero a bada gli Spagnoli.

78
Ca pitolo XI

Quando nel 1720 la Sardegna passò alla dinastia dei Sa-


voia, ebbero termine le richieste e le contese e, alla partenza
degli Spagnoli, fecero ritorno ai loro villaggi; il ricordo del
rimpatrio ancora perdura in molte zone ed è noto come des-
sa Ba ndidia . Il cambio delle corone non pare abbia compor-
tato un cambiamento nei sentimenti dei sudditi perché, nono-
stante i Barbaricini non abbiano fino a tempi recenti creato
molti problemi al Governo, la loro attuale silenziosa resisten-
za verso le autorità deriva dal malgoverno della legge e della
giustizia piuttosto che da uno spirito ribelle. Le pagine della
storia, nel rivelare che questa razza indomita ha resistito in
ogni circostanza contro gli oppressori, rappresentano un am-
monimento alla Casa di Carignano perché indaghi con cura
sugli abusi ed i mali che turbano e frustrano la Barbagia; al-
trimenti, potrebbe venire il giorno in cui la casa regnante
avrebbe da pentirsi della propria incuria e di aver procrasti-
nato i propri doveri.

Partii da Nuoro, in compagnia di diversi amici cortesi dei


quali ero stato ospite durante il soggiorno in città, per andare
a vedere la perda longa che si trova fra Nuoro e Mamoiada.
Il luogo prende nome dalla pietra centrale delle tre perda s
longa s, ovvero pietre lunghe, e poiché nessuno di noi nulla
sapeva, se non per sentito dire, in merito alla loro ubicazio-
ne, fu necessario chiedere informazioni a tutti quelli che in-
contravamo e, come c’era da aspettarsi, ognuno dava una ri-
sposta diversa. Alla fine trovammo la persona adatta la quale,
pur avendo fretta di andare a Nuoro per poter tornare a Fon-
ni in tempo per la festa, ci accompagnò di buon grado quan-
do seppe che ero straniero: uno dei tanti esempi di civiltà e
cortesia dei Sardi.
La perda longa , uno degli esemplari più perfetti dell’Iso-
la, consiste di tre monoliti o pilastri diversi fra loro ma tutti
tendenti ad assumere la forma più o meno conica come un
obelisco, con lati irregolari. La pietra centrale sarebbe del tut-
to conica se non fosse per una graduale protuberanza nella
parte centrale che le conferisce un aspetto ovale allungato.

79
L’ISOLA DI SARDEGNA

Nonostante sia stata rovesciata e nella caduta si sia fatta in tre


pezzi, stanno tutti così vicini l’uno all’altro che non fu difficile
misurarli. Ha un’altezza di diciotto piedi e sei pollici, larga al
centro tre piedi e due pollici ed alla base due piedi e due pol-
lici e soltanto dieci pollici in cima. Le due pietre laterali stanno
a circa sei piedi da quella centrale; quella rivolta ad oriente è
alta sette piedi e tre pollici, alla base misura due piedi e quat-
tro pollici per un piede e sei pollici e va diminuendo gradual-
mente in cima fino a un piede e cinque pollici; purtroppo ho
perduto le misurazioni dell’altra posizionata verso ovest. Reca-
no pochi segni di rifinitura mediante l’uso di arnesi e soltanto
in quella al centro sono evidenti i segni della scalpellatura. Tut-
te e tre si trovano in uno spazio delimitato approssimativamen-
te da pietre piccole ed irregolari, in un recinto ovale i cui dia-
metri, maggiore e minore, erano di venticinque e venti piedi.
La pietra centrale era stata rovesciata dai paesani nel
1824, anno dell’ultimo Giubileo, quando molti monumenti
del genere, come le tombe dei giganti ed i nuraghi, subirono
la stessa sorte. Il popolino, infatti, credeva che gli spiriti mali-
gni che custodiscono i tesori nascosti sotto le pietre, in que-
gli anni particolari perdessero il potere di impedire che que-
sti potessero essere ritrovati.
Lo schizzo sottostante delle pietre (supponendo che
quella centrale stia ancora in piedi) può dare qualche idea
delle loro proporzioni.
Non distanti da queste, si trovano altre pietre di grossa
dimensione ma la differenza per forma e posizione era tal-
mente notevole che vien da chiedersi se a sistemarle lì fosse
stata la natura o l’arte dell’uomo, considerato, pure, che la
natura del terreno è pietrosa; la pietra più conica e rifinita,
tuttavia, era lunga quattordici piedi e nove pollici e larga
due piedi e nove pollici.
In altre parti d’Europa i monoliti sono considerati gene-
ralmente rovine celtiche ed è stata pienamente accertata la
reciproca somiglianza.
Uno di questi monumenti, noto come die Kunkel, la co-
nocchia, che si trova nei pressi di Ebersville, in Alsazia, giace

80
Ca pitolo XI

6. La perda longa

per terra ed è lungo ventidue piedi e sei pollici, a forma di


obelisco; ve ne sono parecchi altri nel distretto dell’antica
Gallia, nei pressi di Rauraci, Tribocci e Nemetes, che ospita-
vano colonie germaniche sotto Ariovisto. La loro origine cel-
tica è data per scontata.18
Le rovine celtiche presso Carnac, Avebury e Stonehenge,
sono costituite da diversi grossi blocchi sparsi su un vasto
spazio. I pilastri della Sardegna non somigliano alle tre pietre
che fronteggiano i triliti di Stonehenge, dove i tenoni in cima
alle pietre perpendicolari sono stati adattati a mortase nel la-
strone sovrastante, né pare abbiano mai avuto una pietra po-
sta orizzontalmente sulla sommità. Nessuna somiglianza con
un cromlech o kistva en ; le loro forme coniche e circolari non

18. Vedi Johann Daniel Schoeflinus, Alsa tia Illustra ta , Celtica , Roma na ,
Fra ncica , Colmariae, 1751, 2 voll. in folio, p. 529, sez. 164.

81
L’ISOLA DI SARDEGNA

presentano le caratteristiche dei monumenti celtici, né sono


dei tumuli che costituiscono la costante concomitante di que-
sti ultimi.
I cumuli di pietre di Avebury e Stonehenge sono stati da
alcuni studiosi ritenuti dei templi, collegati al culto dei corpi
celesti e si ritiene che Ca rna c, nella lingua bretone, signifi-
chi “un campo di carne” per quanto, secondo Ducange, sia
un luogo di sepoltura o cimitero.
Se si potesse stabilire una qualche analogia o somiglian-
za fra i templi celtici, con i loro triliti, ed i nuraghi con le per-
da s longa s, ciò deporrebbe a favore dell’ipotesi che i monu-
menti sardi possano essere stati cimiteri ed altari ma non
pare esista alcun rapporto tra i monumenti che si trovano in
Francia e in Inghilterra e quelli della Sardegna; fra loro, nes-
suna somiglianza con quelli dell’Isola. In particolare, né i nu-
raghi, né le tombe dei giganti e le pietre coniche (come a Ta-
muli) si ritrovano in altri Paesi.
Si dice, tuttavia, che vi siano monumenti simili alle perda s
longa s a Malta e a Gozo.
Senza volersi addentrare nella questione dell’analogia fra
le varie forme di culto orientale e druidico, si potrebbe ricor-
dare che La Marmora annette importanza alla forma ed alla
sagoma di una pietra che si trova a New Grange, nella con-
tea di Meath, la cui sommità è triforcuta in tre punti, e nella
quale la punta centrale è la più alta e porta grossolanamente
scolpiti tre serpenti attorcigliati.19 Ma la triade ed il serpente
compaiono in quasi tutte le forme di culto orientale e non
predominano negli idoli sardi in misura inferiore che nelle
rovine di Avebury e degli altri templi celtici che, secondo
Stukeley, Deane ed altri, si dovrebbero chiamare Dracontia,
ovvero Templi dei Serpenti.20
Tutto questo è però sufficiente a stabilire un collegamento
fra le pietre sarde e quelle celtiche? E se ciò non è possibile,

19. Vedi Collecta nea de rebus Hybernicis, vol. IV, p. 207.


20. Vedi W. Stukeley, Abury; J. B. Deane, Worship of the Serpent.

82
Ca pitolo XI

quelle sarde sono di origine fenicia oppure sono da ascrivere


ad una più antica origine orientale?
Si ritiene che i ba ithylia o betili, le pietre sacre adorate da-
gli antichi Cananei e dai Fenici, siano state le forme primordiali
del culto dei simboli che si ricordi, e che abbiano avuto origine
dalla pietra di Beth-el, che Giacobbe innalzò dopo il sogno.21
Secondo il Movers,22 «la religione di tutti i Paesi idolatri si-
ro-arabi, consisteva nella divinizzazione dei poteri e delle leggi
della natura, l’adorazione di quegli oggetti nei quali si pensava
risiedessero tali poteri e attraverso i quali agiscono. Il concetto
più semplice e più antico è quello secondo il quale la divinità
assume forma umana, maschile e femminile, e che considera il
sesso maschile tipico del potere attivo, generatore e distruttivo
mentre il potere passivo della natura, la cui funzione è di con-
cepire e generare, è personificato dalla forma femminile».
Queste osservazioni, pertinenti più alle pietre coniche di
Tamuli che alle perda s fitta s, spiegano come nelle età anti-
che, la “Madre Universale” fosse oggetto di culto fra i popoli
pagani di diversa stirpe ed il cono sembra essere il simbolo
primordiale attraverso il quale la “madre” veniva venerata.
Gli Arabi adoravano tale divinità sotto il nome di Alitat o
Alitta; gli Assiri la chiamavano Mylitta; i Persiani la adoravano
come Mithra o Mitra; i Siriani, Derceto.23
I Fenici, e successivamente i Cartaginesi, adorarono la
“Madre Universale” come Astarte o Astroarche e fu chiamata
dai Greci la Venere Celeste.
Fra gli antichi popoli idolatri non si trova un cenno spe-
cifico in merito alla forma del suo culto ma riscontriamo che
Erodoto cita il suo tempio24 a proposito dell’invasione sciita

21. Il riferimento è tratto dalla Genesi (28, 18) che narra come Giacobbe,
svegliatosi da un sogno, prese la pietra che aveva usato come guanciale,
la eresse come una stele e versò olio sulla sua sommità (N.d.T.).
22. F. K. Movers, Die Phönizier, I, 148.
23. Vedi Erodoto, lib. III, cap. 8; lib. I, capp. 131, 105; vedi anche le anno-
tazioni di Larcher e Wesseling su questi brani che citano il lib. II, cap. 4 di
Diodoro.
24. Vedi Erodoto, lib. I, cap. 105.

83
L’ISOLA DI SARDEGNA

dell’Egitto nel 630 a.C. Così egli afferma: «Il popolo della Sci-
zia, nel viaggio di ritorno alle loro terre, giunse ad Ascalon,
città della Siria. La maggior parte di esso vi passò senza com-
piere azioni moleste, ma altri, rimasti indietro, saccheggiaro-
no il tempio della Venere Celeste. Fra tutti gli edifici sacri
eretti a questa divinità, si trattava, secondo fonti autorevoli,
del più antico dei templi. Gli stessi ciprioti confermano che il
loro tempio fu realizzato sul modello di questo e quello di
Citera fu costruito da alcuni Fenici che giunsero da questa
zona della Siria».
Molte monete ritrovate a Cipro riportano il simbolo del
cono ma nessuna indicazione circa la datazione.
Tacito,25 riferendo della visita di Tito a Cipro (69 d.C.), nel
fornire una descrizione del tempio di Venere Pafia, della sua
fondazione e delle cerimonie che vi si svolgevano, afferma:
«La statua della dea non ha alcuna somiglianza umana. È una
figura rotondeggiante, larga alla base, che gradualmente ele-
vandosi assume la forma di un cono. La ragione di ciò, qua-
lunque essa possa essere, non ha spiegazione».
Erodiano,26 nelle memorie della vita dell’imperatore Ma-
crino, vissuto nel 217 d.C., afferma che l’immagine della divi-
nità fenicia «è rappresentata da una grossa pietra, di forma ro-
tonda alla base che termina a punta e la sua forma è conica».
Ciò trova conferma nelle medaglie di Emesa (la sede
principale del culto di Eliogabalo), fra le quali se ne trova
una di Antonino Pio coniata in quella località che rappre-
senta l’aquila romana su una pietra conica,27 e in quelle di
Caracalla nelle quali un uccello, ubicato di fronte ad essa,
sta al centro di un tempio esastilo. In occasione dell’ascesa
al trono di Marco Aurelio Antonino, dopo che era stato sa-
cerdote della divinità di Eliogabalo, ed aveva, quindi, assun-
to quel nome nel 219 d.C., il culto di quella divinità fu im-
portato a Roma con le stesse sembianze e, in occasione

25. Tacito, lib. II, cap. 2.


26. Erodiano, lib. V, cap. 6.
27. Vedi T. E. Mionnet, Receuil de Meda illes, v. 227.

84
Ca pitolo XI

delle sue nozze con la fenicia Astroarche – la medesima Ma-


dre Universale – sua moglie fu anche personificata in una
pietra portata da Cartagine.
Tirio Massimo, che visse nel 270, nella sua disquisizione
sul rapporto immagine-culto, afferma: «La Venere era adorata
dai Pafi attraverso un simbolo che si può paragonare soltan-
to ad una pietra bianca a forma di piramide».
Che il culto di queste pietre si sia protratto in Sardegna
si deduce dalle lettere prima ricordate che papa Gregorio
Magno inviò ad Ospitone, il capo dei Barbaricini nel 594,28
nelle quali fa riferimento a certe pietre sacre che il suo po-
polo adorava; a questo tipo di idolatria si fa cenno anche in
un’iscrizione sul portale della chiesa di Fonni.
Le affermazioni che abbiamo riportato, sebbene possano
spiegare il culto fenicio della Madre Universale e la sua intro-
duzione in alcune isole del Mediterraneo, non provano – in
realtà – con sicurezza che tale culto sia stato introdotto anche
in Sardegna. Tuttavia, le pietre coniche affini a quelle di Ta-
muli, i nuraghi, le tombe dei giganti e gli idoli, in apparenza
tutti di origine cananea o fenicia, si possono portare a soste-
gno dell’ipotesi secondo la quale quei popoli abbiano intro-
dotto il culto dei betili assieme ad altre loro tradizioni.

Situata al termine di una vallata ricca di pascoli, Ma-


moiada è contornata dalle vicine colline; la zona circostante
è famosa per gli alberi di noce e di mandorli. Molte piante
di noci hanno una circonferenza che supera i venticinque
piedi, con rami grossi in proporzione, mentre i mandorli as-
sicurano un raccolto che supera i 4000 starelli cagliaritani,
ovvero circa 5466 stai inglesi.
Con questo frutto e col miele si confeziona un tipo di dol-
ce chiamato “torrone” ed è talmente apprezzato in tutta l’Isola
che se ne producono ogni anno circa 1000 cantari, ossia quasi
quarantadue tonnellate, che danno un valore di 80.000 lire
nuove (3200 sterline).

28. Gregorio Magno, n. 23, lib. IV, indice 11.

85
L’ISOLA DI SARDEGNA

A Mamoiada vi sono due confraternite ed un convento di


Carmelitane; se le monache fossero operose come quelle di
Madeira, che si procacciano un discreto reddito confezionan-
do fiori finti, di certo non guadagnerebbero meno confezio-
nando torroni. Ma se anche un lavoro del genere fosse rite-
nuto troppo faticoso, sarebbe una difficoltà ancora maggiore
dedicarsi all’istruzione dei bambini perché, secondo quanto
si dice, occorrerebbe che esse per prime venissero istruite
dall’A alla Z. I loro abiti sono molto lindi e l’unica cosa rile-
vante che si trovi nel loro edificio è un pozzo d’acqua deli-
ziosa che viene offerta allo straniero che visita il convento.
Fonni si trova splendidamente ubicata in un angolino del
lato settentrionale del Monte Spada, ad un’altitudine di circa
3277 piedi sul livello del mare e, nell’accedervi, l’aspetto del
paese risulta piuttosto strano per l’irregolarità della collina sul-
la quale è sorto, in quanto i tetti di certe case a filo di strada
vengono a trovarsi quasi al livello delle porte di quelle che
stanno dirimpetto. Ebbi la ventura di giungervi in occasione
della grande festa che inizia il giovedì precedente e prosegue
fino al lunedì di Pentecoste; per l’occasione, la gente dei pae-
si vicini accorre per festeggiare la Madonna dei Martiri e, per-
tanto, colsi l’occasione di vedere la gente abbigliata coi costu-
mi più sgargianti, e mi trovai pure nella fortunata circostanza
di vedere la fiera, considerata una delle più importanti della
Sardegna, che si svolge in concomitanza con la festa. Il mio
soggiorno non fu abbastanza lungo da consentirmi di cono-
scere e di sentire certi improvisatori che non si reputano di
certo inferiori ai poeti rivali della Gallura; in compenso mi di-
vertii a vedere i balli e sentire i canti che, per i paesani, pare-
va fossero la sola grande preoccupazione della giornata.
Grazie alle offerte dei fedeli raccolte dai monaci, fu qui
costruito, accanto a una vecchia chiesa, nel 1610, un mona-
stero francescano e nel 1702 l’istituto fu sufficientemente ric-
co da essere in grado di costruire un altro santuario che oggi
deve la sua fama al simulacro della Madonna dei Martiri, o
Regina dei Martiri, ed alle numerose reliquie che vi sono con-
servate. Per l’occasione, il tempio era ornato di arazzi, fiori,

86
Ca pitolo XI

candele ed i soliti arredi. La stragrande maggioranza dei fedeli


si trascinava sulle ginocchia dalla porta della chiesa, e persino
all’esterno di essa, fino all’altare maggiore.
Coloro i quali, genuflessi, avevano compiuto il tragitto ed
avevano raggiunto il luogo sacro, si affannavano a baciare
un’immagine del nostro Salvatore che altro non era che un
bambolotto abbigliato in modo bizzarro e sistemato nel grem-
bo di un’altra statua che rappresentava la Vergine. Il Bambin
Gesù veniva offerto alla vista dei fedeli che lo riverivano in
vario modo, dall’umile carezza all’alluce, al tenero abbraccio
ed al lungo bacio sulla fronte e, considerando tutto questo lo-
gorio cui veniva sottoposto, è sorprendente che ancora riman-
ga qualcosa della statuina per l’annuale esibizione. Tutto ciò
era soltanto un’introduzione al miracolo ed al mistero che av-
venivano in una piccola cappella, la Caaba29 dei Barbaricini.
Seguendo la fiumana della gente dovemmo sostare alla porta
in quanto poteva entrare soltanto un determinato numero di
persone per volta. Entrammo, infine, in questo santuario che
sembrava una bottega delle curiosità perché le vetrine che
stavano alle pareti erano zeppe delle cose più disparate che,
dopo attento esame, si rivelarono essere reliquie ed ex voto.
Di fronte ad un piccolo altare pendeva una tendina; al la-
to c’era un prete che raccoglieva in un piatto lire e centesimi
che per l’occasione fluivano in abbondanza; ad ogni offeren-
te veniva data una copia stampata dell’inno della Vergine.
Una volta definito reciprocamente quest’atto pio e pecuniario,
i fedeli iniziavano a cantare l’inno e ad ogni breve preghiera
seguiva il tintinnio di una campanella, simile a quello che si
ode al momento dell’elevazione del Sacramento. Immediata-
mente tutti si buttavano in ginocchio, ed al suono di un’altra
campanella, si sollevava la tendina. La cosa più imbarazzante
stava nel decidere dove volgere lo sguardo: verso il simulacro
della Madonna o verso i fedeli?

29. Ka’bah, o Kaaba, è il piccolo santuario situato presso il centro della


Grande Moschea, a La Mecca, ed è considerato dai Musulmani il luogo
più sacro della terra (N.d.T.).

87
L’ISOLA DI SARDEGNA

L’abito della Vergine era un miscuglio di cenci eterogenei,


di orpelli e cianfrusaglie possibili e immaginabili ed aveva un
effetto teatrale ma i devoti, nel guardare l’effigie, presero a
farsi il segno della croce, con una rapidità e successione di
movimenti tali che sorgeva il sospetto che facessero a gara fra
loro, il tutto accompagnato da un inarticolato farfugliare, bo-
fonchiare e sussurrare con voce stridula che tanto somigliava
a un concerto di topi e passeri. Suonò un’altra campana e la
statua, che poggiava su un perno, iniziò a ruotare. L’effetto fu
elettrizzante. Con un crescendo di segni di croce, gli uomini
si misero in ginocchio, baciarono il pavimento e lo sfiorarono
con la fronte, proprio come i Musulmani; alcune donne emi-
sero lamenti e grida, contorcendosi fra i singhiozzi convulsi,
battendosi il petto con frenesia mentre altre emettevano grida
isteriche di gioia e di estasi. Non è possibile dire che cosa sa-
rebbe successo se la Madonna non avesse concluso la gira-
volta e se la tendina non l’avesse nascosta ai nostri sguardi.
Dopo qualche minuto si cantò un altro inno, una sorta
di «nunc dimittis»30 per l’invito implicito che conteneva, per-
ché infatti, al termine, tutti uscirono e, conversando con al-
cune donne, ebbi l’impressione che fossero in uno stato di
semi stupidità, come se si stessero appena riprendendo dagli
effetti di una sincope o dell’ipnosi.
Il guardiano di questo piccolo museo dei miracoli mi mo-
strò alcune reliquie, per lo più di martiri e santi, sulle quali
veglia la Madonna. In una cripta della chiesa c’è un altare ed
accanto una sorgente meravigliosa, cui confluiscono dieci pic-
cole fonti tributarie in onore e a ricordo dei “Dieci beneplaci-
ti”, ovvero le dieci virtù della Madonna. Per la verità, la santità
dell’acqua non dura a lungo perché, mediante condutture sot-
terranee, viene prelevata da una fabbrica di cera che appartie-
ne al convento e da lì convogliata in paese per l’uso comune.

30. Il riferimento è al brano evangelico (Luca, 2, 22) nel quale il vecchio


e pio Simeone, cui il Signore aveva promesso che non sarebbe morto
senza aver visto il Messia, nel prendere fra le braccia il bambino Gesù,
benedice Dio esclamando: «Ora lascia o Signore (“Nunc dimittis …”)
che il tuo servo vada in pace secondo la tua parola» (N.d.T.).

88
Ca pitolo XI

In chiesa ci sono anche alcuni dipinti e sculture che rap-


presentano la flagellazione del Salvatore e, secondo quanto
si crede a Fonni, la parte della colonna a cui una delle statue
è legata è un pezzo della medesima alla quale Cristo stesso
fu avvinto! È un peccato che questa rarità sia custodita nella
cripta di una chiesetta della Sardegna selvaggia, anziché im-
preziosire il chiostro di Santa Maria Maggiore, a Roma, dove
si trova una reliquia simile per importanza e per l’interesse
che suscita, vale a dire, un pezzo del masso sul quale si ap-
pollaiò e cantò il gallo quando San Pietro rinnegò il Maestro.
Sull’architrave della porta che dal convento immette in chie-
sa, c’è una lunga iscrizione latina la quale, dopo una solen-
ne invocazione a Dio Onnipotente, racconta la storia della
Barbagia, dalla tredicesima fatica di Ercole e della sua colo-
nia guidata da Iolao, nel 2769 a.C., fino alla collocazione
dell’iscrizione avvenuta nel 1708.
La frase finale, che rende l’idea del tono generale di tutto
il contesto, così recita: «Perché il ricordo di così grande bene-
dizione concessa dalla Santa Vergine della Regina dei Martiri
(dalla quale provengono ogni bene e la sconfitta della super-
stizione) mai cada nell’oblio, ed in memoria dei Santi Efisio e
Gregorio: il Fratello Pacifico Guiso-Pirella, di Nuoro, eresse in
loro onore questa chiesa che egli portò a termine con tanto
giubilo nell’arco di trentasei mesi, il 13 maggio 1708».
In questo miscuglio di persone sacre e di assurdità pro-
fane, si dice che i corpi consacrati dei Tespiadi abbiano dato
in sogno annunzi profetici a coloro i quali li avevano invo-
cati e tutto ciò nel nome dell’Altissimo e della Santa Trinità!!
Alcuni affreschi all’interno della chiesa sono pregevoli. So-
no opera di un artista milanese, un esiliato, cui capitò di giun-
gere quando la chiesa stava per essere completata ed una parte
della leggenda correlata a quelle opere d’arte somiglia talmente
ad una storia famosa in Italia che qui si può riproporre.
La sentii raccontare diversi anni fa e poiché si diceva
che il fatto fosse accaduto in Sardegna verso gli inizi del se-
colo scorso, è assai probabile che si sia potuto verificare ve-
ramente a Fonni e che la storia ridicola sia stata rimaneggia-
ta, “ripetuta”, come osserva pittorescamente il Padre Angius,

89
L’ISOLA DI SARDEGNA

a proposito di un altro argomento, «da chi non sa dir che ciò


che abbia detto un altro, e deve pensare come abbia pensa-
to un altro, sia ragionatore, sia sragionatore».31
Due Milanesi, un commediante ed un artista, dopo aver
commesso un qualche crimine, fuggirono dalla loro terra e
giunsero in Sardegna. Nel corso del loro vagabondare, deci-
sero di separarsi ogni tanto, così che l’uno potesse procurare
l’alloggio per l’altro al suo arrivo. Avevano girato parecchio
senza un soldo, vivendo unicamente dell’ospitalità dei Sardi
finché, un giorno, il commediante precedendo l’artista era
giunto in un grosso villaggio in una zona montuosa e isolata.
Chiese aiuto ad un monastero, ed avendo inventato una sto-
ria plausibile, fu ricevuto generosamente dai monaci i quali,
in quel tempo, stavano completando una cappella del loro
edificio, molto famoso in tutta la zona. Parlando di questo ar-
gomento che stava loro a cuore, i monaci si rammaricarono
del fatto che non si trovavano artisti nella zona in grado di
abbellire le pareti con dei dipinti.
Il commediante fu subito folgorato dall’idea che il talento
del suo amico si sarebbe potuto mettere a profitto ed assicu-
rarsi così, non soltanto un ottimo alloggio in convento per al-
cune settimane, ma anche guadagnare dei soldi per il loro la-
voro. Disse, perciò, ai monaci, con aria molto misteriosa, che
era in attesa di venire raggiunto fra breve da un amico, un ar-
tista di grande talento, costretto ad abbandonare la propria
terra in seguito ad una rissa con una persona che aveva ag-
gredito e ferito suo fratello, il quale stava tornando al con-
vento francescano cui apparteneva. Questa storia, così bene
architettata, raggiunse l’effetto sperato e la simpatia dei mona-
ci, ovviamente, crebbe di fronte al coraggioso difensore del
loro sacro ordine e decisero di ingaggiarlo per fargli dipinge-
re la chiesa. Passarono diversi giorni, ma dell’artista neanche
l’ombra ed alla fine i monaci, dubitando della sua esistenza, e
sospettando che la storia dell’artista fosse un semplice prete-
sto per campare alle loro spalle, gli fecero sommessamente

31. In italiano nel testo (N.d.T.).

90
Ca pitolo XI

capire che se il suo amico non fosse arrivato, sarebbe stato


meglio che fosse andato a cercarlo.
Il commediante, capendo l’antifona, cambiò tattica. Non
aveva mai preso in mano un pennello, né aveva la minima
idea di cosa fosse il disegno e, con grande faccia tosta, disse
ai religiosi che, dal momento che il suo amico non arrivava,
sarebbe stato ben felice di offrire i propri servigi. La loro sor-
presa all’udire che anche egli era un artista si mitigò di fronte
alle assicurazioni che, senza offesa per il grande talento del-
l’amico, avrebbe subito dimostrato le sue capacità nell’inter-
pretare l’opera.
La proposta venne ovviamente accolta ed essendo ormai
entrato con i monaci in rapporti di amicizia e familiarità, dopo
una cena conviviale, l’uomo colse l’occasione di informarli
che, non soltanto era membro di diverse scuole italiane di pit-
tura ma anche di varie società di dotti; che aveva vinto impor-
tanti premi per la sua dottrina in fatto di alchimia e di arti ma-
giche, e non soltanto aveva pubblicato su quelle scienze
diverse opere, ma aveva fatto portentose rivelazioni e compiu-
to miracoli. Riuscì a persuadere i monaci eseguendo giuochi di
prestigio ed altri trucchi che aveva appreso nella sua carriera
d’artista e, a poco a poco, sollecitò la curiosità e la loro credu-
loneria a tal punto da far loro credere che avesse la capacità di
dipingere in modo tale da dotare l’osservatore che guardasse
la sua opera della capacità di sapere se fosse realmente figlio
del marito di sua madre o di un altro uomo. I monaci, lieti del
fatto che la chiesa potesse disporre di un tale potere miracolo-
so, discussero la questione in pieno conclave.
La decisione fu unanime; non soltanto si stabilì il sogget-
to del dipinto, ma si definirono anche i personaggi, i colori
e i dettagli vari.
Il commediante li vincolò al segreto, facendosi promette-
re che gli sarebbe stato dato tutto l’occorrente e che gli sa-
rebbe stata concessa qualsiasi cosa avesse richiesto, e fissò
una discreta somma per la sua prestazione artistica e magica.
Una clausola vincolante del contratto fu che non un’ani-
ma potesse entrare in chiesa finché l’opera non fosse ultimata,

91
L’ISOLA DI SARDEGNA

perché la scoperta o la divulgazione del segreto avrebbe avu-


to conseguenze fatali sia per l’artista che per l’intruso curioso.
Giunse finalmente il giorno in cui dovette mettere mano
all’opera. Furono chiuse, sprangate e sbarrate porte e finestre,
e le chiavi consegnate a lui così che nessuno potesse sbirciare
od entrare. Gli furono messi a disposizione un’impalcatura,
terre colorate, calce, pennelli ed acqua; tutto ciò che chiese
gli venne dato immediatamente.
Iniziò l’opera imbiancando tutta la chiesa, spruzzando e
mischiando i colori in diversi punti del pavimento così da
far credere che essi erano stati usati. Di sera, cenò con i
monaci, parlò dei lavori in corso e, accattivandosi la loro
simpatia col racconto di storielle divertenti, riuscì pienamen-
te a conquistarne la fiducia. Era trascorsa una settimana ed
era riuscito a dare risposte soddisfacenti alle domande quo-
tidiane sul come andassero i lavori ma, alla fine, gli fu posto
il quesito cruciale: quali erano i segni che avrebbero per-
messo loro, così come a qualsiasi altro osservatore, di rico-
noscere la legittimità della propria discendenza? Giorno do-
po giorno la risposta veniva differita e tutto quel che da lui i
monaci riuscirono a cavare erano riposte evasive perché, di
fatto, egli ancora sperava che il suo amico sarebbe arrivato a
cavarlo d’impaccio; ma costretto, infine, a dare una risposta,
annunciò, con l’aria più seria di questo mondo, che quelli
che erano figli legittimi avrebbero visto distintamente il di-
pinto e sarebbero stati in grado di apprezzarne i meriti men-
tre, quelli illegittimi, non avrebbero visto che semplici pareti
bianche.
Rese il mistero ancor più fitto facendo allusioni a cause
soprannaturali, ai suoi poteri di divinazione ed altre cose simi-
li ed incomprensibili ma che risultarono soddisfacenti per il
conclave. Ancora l’amico non si faceva vedere e si avvicinava
il giorno concordato per la conclusione del lavoro. Ora occor-
reva un lampo di genio. Dopo lunga dissertazione su quel
che voleva dare ad intendere d’aver realizzato, si felicitò con
se stesso sulla buona riuscita di alcune parti del lavoro; si di-
scolpò per altre; si avventurò a parlare dei dettagli più minuti

92
Ca pitolo XI

con appropriato linguaggio artistico e sembrava davvero che


avesse portato a termine il lavoro commessogli.
Si stabilì che il Superiore del monastero sarebbe stato il
primo a vedere il dipinto miracoloso e, di conseguenza, così
si fece. Nel fare ingresso in chiesa, il commediante racco-
mandò con grande parlantina la necessità di sistemarsi in
buona posizione per coglier bene le luci e le ombre; disse
che sperava che l’opera riscuotesse l’approvazione del san-
t’uomo, il cui senso artistico poteva essere eguagliato soltan-
to dal suo illustre lignaggio e dalle sue pie doti e, dopo qual-
che altro complimento, i due vennero a trovarsi al centro
della chiesa. Il Superiore guardò in lungo e in largo, ed il
commediante continuò a fare osservazioni su diverse parti
del dipinto alle quali il venerabile religioso aggiunse sempli-
cemente un cenno di approvazione perché la sua conoscen-
za della pittura, l’onore di sua madre, l’orgoglio, l’impossibili-
tà che potesse esistere qualcuno tanto furbo da ingannarlo,
tutte queste cose insieme, lo costrinsero ad assecondare il
commediante nella sua disquisizione pittorica.
Quel che gli occhi non poterono vedere, lo colsero le
orecchie e fra un ordito di stravaganti espressioni entusiasti-
che dell’uno e lo sconcerto silenzioso dell’altro, uscirono dal-
la chiesa a cercare i monaci. Il Superiore espresse la speran-
za che senza dubbio essi sarebbero stati in grado di vedere
ed apprezzare il dipinto e, non osando avventurarsi ad espri-
mere pareri e opinioni, disse loro che sarebbero stati lieti di
constatare la legittimità di tutti i parrocchiani.
Venne aperta la porta della chiesa, tutti entrarono, guarda-
rono le pareti spoglie e poi si scrutarono l’un l’altro. Il comme-
diante, recitando ovviamente la sua parte, così come aveva fat-
to col Superiore, si dilungò sui vari dettagli del dipinto e, con
la sua loquacità, impedì che altri facessero domande. Il loro
servilismo nei confronti del Superiore li costrinse a rispondere
alle notazioni che egli stesso faceva sulla pittura e, con voce
esitante e timorosa, i monaci lodarono il capolavoro, frutto di
talento ed eseguito secondo gli accordi stabiliti. Il comme-
diante, preoccupato che fra di loro ci fosse un onest’uomo

93
L’ISOLA DI SARDEGNA

che dicesse la verità, li fece uscire dalla chiesa non appena po-
té, anche se essi non erano meno ansiosi di venir fuori dall’im-
barazzante situazione di apparire nello stesso tempo ciechi o
bastardi. Ma l’attendeva un’altra prova.
Ai paesani, cui erano stati riassunti i fatti, fu consentito di
entrare per vedere realizzate tutte le loro speranze, timori ed
aspettative. Le madri, virtuose e sdegnate ma con la coscienza
tranquilla, protestarono la loro innocenza e sostennero che le
proprie creature potevano, senza dubbio, vedere il dipinto;
dal canto loro i figli, desiderosi di non mettere in dubbio la
fama delle madri o di pensare che i loro padri (che stavano a
disagio accanto a loro) potessero diventare “padri putativi”,
non dubitavano, per quanto non lo dicessero esplicitamente,
dell’esistenza del dipinto. Alcuni, la cui condizione di illegitti-
mi era ormai nota e tale da rendere qualsiasi confessione
scontata, riconobbero onestamente di non vedere alcunché e
le voci di alcuni scettici, che ebbero la spavalderia di rivolge-
re il loro sguardo a rischio delle virtù dei rispettivi genitori,
furono subissate dal mormorio generale e dal trambusto della
scena. Secondo l’esplicita richiesta del commediante, ai pre-
senti fu consentito di fermarsi in chiesa soltanto per pochi
istanti e, una volta usciti, vennero di nuovo chiuse le porte.
Il commediante cominciò ora a riflettere sulle mosse
successive da compiere. La fiducia che i monaci nutrivano
nei suoi confronti, e la comoda sistemazione offertagli, erano
bilanciate dalla paura di venir scoperto e di dover fuggire.
Mentre egli meditava sulla sua situazione critica ed ammira-
va il “capo d’opera” dell’imbiancatura delle pareti, udì la vo-
ce nota del suo amico che chiedeva di entrare in convento.
Si raccontarono subito le rispettive vicissitudini, e cioè, che
l’uno era rimasto in montagna sequestrato dai malviventi e
che l’altro si era trovato impelagato nel monastero con la fac-
cenda dei monaci. Decisero sull’istante che l’artista avrebbe
veramente affrescato le pareti e, stabilito che nessuno potes-
se entrare in chiesa, il pittore iniziò il lavoro e vi si dedicò
con molto impegno. Il commediante, nel frattempo, aveva in-
formato i monaci che, dal momento che la sua opera non li

94
Ca pitolo XI

aveva soddisfatti, intendeva eliminare il magico incantesimo


di cui l’aveva dotata per cui, nel giro di una settimana, sareb-
be stata visibile a tutti come qualsiasi altro oggetto, indiscri-
minatamente. Si verificarono, tuttavia, dei fatti che costrinsero
il commediante a confessare al Superiore tutta la montatura
ed il reverendo padre, riluttante ad ammettere la propria de-
bolezza ma ritenendo che in tal modo si sarebbe cavato dal-
l’impiccio, mantenne il segreto nel suo cuore.
I due avventurieri, padroni ormai del gioco, dipinsero
senza fretta la chiesa e quando l’opera fu compiuta, invitaro-
no i monaci e la gente a vederla e, di fronte a questa secon-
da esibizione, le loro facoltà visive furono ampiamente con-
vinte e smisero di dubitare dell’esistenza del dipinto visto in
precedenza.
Soltanto diversi anni dopo si venne a sapere come erano
andate veramente le cose ma mai si poté accertare se questa
storia assurda si fosse verificata in occasione della decora-
zione della chiesa di Fonni, in quanto la scoperta della beffa
avrebbe potuto indurre la gente a tener nascosto e dimenti-
care un fatto di cui si sarebbero vergognati. Si potrebbe non
credere che l’episodio abbia avuto luogo in questo paese o
in qualsiasi altro luogo, ma che sia veramente accaduto è as-
sai probabile, in quanto la condotta e la credulità dei Fonne-
si nel 1708 sono confermati dai fatti del 1843.

Dopo questi casi esemplificativi della superstizione po-


polare, passata e attuale, possiamo dare uno sguardo allo sta-
to della religione, della moralità e dell’istruzione. Nel 1839 la
popolazione di Fonni era costituita da 3150 abitanti e soltan-
to una persona su cinquantasette sapeva leggere e scrivere.
Oltre gli undici preti addetti alle sei chiese del paese ed altre
cinque nel distretto, venticinque frati osservanti stavano nel
monastero di San Francesco; ad essi si aggiungeva un’altra
decina di religiosi, ragion per cui, nel complesso, i quaranta-
sei religiosi erano, in proporzione, circa uno su sessantasette
con una chiesa ogni 286 persone e si badi che, in questo cal-
colo, non si tiene conto delle Confraternite di Sant’Antonio e

95
L’ISOLA DI SARDEGNA

Santa Croce, in quanto non son venuto a conoscenza del nu-


mero complessivo degli associati.
I Fonnesi che hanno frequentato le scuole fuori dal loro
paese sono tenuti in alta considerazione, al punto che sono
gratificati del titolo di sos littera dos e, una volta tornati, ve-
stono alla moda continentale abbandonando, così, il costu-
me locale; un cambiamento che li fa ancora crescere nella
stima generale.
Fonni è alla cortese mercé di sei avvocati, di un medico,
un chirurgo e di due flebotomi, probabilmente tutti sullo
stesso livello d’ignoranza nelle rispettive professioni.
Sono trenta i fuorusciti di cui si ha notizia certa, ma si di-
ce che siano altrettanti quelli il cui numero non si conosce
con precisione o, comunque, rimangono sconosciuti; in base
a ciò, si potrebbe dire che esista un delinquente ogni cin-
quantadue persone e mezzo e, considerando il rapporto fra
questa proporzione e quella che vede un religioso ogni ses-
santasette persone, si giustifica in parte lo stato morale della
gente. I monaci, non diversamente dai banditi, in quanto vi-
vono alle spalle della popolazione, sono probabilmente altret-
tanto perniciosi e costituiscono un fatto inequivocabilmente
negativo, perché non recano alcun contributo all’istruzione
popolare, salvo che dedicarsi a inculcare alla gente i misteri
dell’immagine della Madonna dei Martiri. I banditi conducono
una vita errabonda, ed è come se avessero il dono dell’ubi-
quità: ieri sul Monte Nou, oggi sul Monte Pasada, domani sul
Monte Arcueri. Fino a poco tempo fa, quando si radunavano
insieme, formavano una banda formidabile per aggredire i
nemici o compiere irruente incursioni, dette ba rda ne, nei
paesi vicini dove, anche alla luce del giorno, rubavano tutto
ciò che volevano. È ancora vivo il ricordo di un sanguinoso
conflitto, avvenuto alcuni anni fa, fra loro ed i pastori ai quali
avevano rubato delle greggi, fatto di cui si avvertono ancora
le conseguenze. Neanche un grande schieramento di soldati
riuscì a sgominarli dopo molte perdite di vite umane da ambo
le parti. Nel 1839, una banda di oltre 100 uomini si diresse ad
Oristano e, dopo aver aggredito e cacciato i guardiani delle

96
Ca pitolo XI

saline, caricarono i cavalli di tutto il sale che potevano trafu-


gare per portarlo in montagna, da dove lo distribuirono fra le
famiglie e la gente del villaggio. Per quanto riguarda la “barda-
na” in questione si dovrebbe ricordare che vi avevano parteci-
pato anche molti abitanti di Fonni per un insieme di ragioni
politiche e personali ma, a parte ciò, quest’impresa testimonia
l’audacia sfrenata dei cittadini e dei fuorusciti.
Un numero cospicuo di questi reietti sono malviventi nel
senso peggiore della parola, vivono di ruberie cui talvolta se-
guono omicidi, la qual cosa rende il viaggio in Barbagia un’av-
ventura ad alto rischio, sia a causa dei fuorusciti che della
gente del luogo. Raramente, lo scarso contingente di soldati
acquartierato a Fonni viene mobilitato per catturare i banditi
perché qualsiasi tentativo non riuscito rende quelli più spaval-
di, tanto che non esitano, in certe occasioni, a mostrarsi aper-
tamente. Il mio informatore mi disse che molti di loro aveva-
no preso parte alla festa della Madonna dei Martiri e che non
ebbero nulla da temere per la loro incolumità.
La fiera, che si svolgeva in uno spiazzo di fronte alla chie-
sa, era uno spettacolo divertente ed interessante, al punto da
indurre tanto i viaggiatori che la gente dei paesi a farci una ca-
patina. Quasi tutte le bancarelle erano gestite da Genovesi che
esponevano stoffe pregiate e colorate per la confezione dei di-
versi costumi mentre i Sardi, o se la prendevano comoda, siste-
mando per terra le merci nei pressi dei banchi di vendita, op-
pure giravano con le cose da vendere posate sulle spalle e,
poiché gli acquirenti, i venditori e i sensali trasportavano la
merce allo stesso modo, diventava difficile sapere a chi rivol-
gersi per acquistare qualsiasi oggetto. Colpivano il loro aspetto
e l’aria trascurata; non si poteva dire se sognavano ad occhi
aperti la Madonna dei Martiri o il “ballo tondo” ma, nell’espres-
sione del viso, non si coglieva il minimo desiderio, ed ancor
meno la preoccupazione, di vendere la propria mercanzia.
Si poteva girellare fra la gente e fra le cose esposte per
terra – e a volte non era un’impresa facile farsi largo – senza
che ti invitassero a comprare, né i venditori si preoccupavano
se qualcuno si fermava a toccare ed osservare gli oggetti in

97
L’ISOLA DI SARDEGNA

vendita e, nel guardare i rari acquirenti, pareva, a giudicare


dalle poche parole che le due parti si scambiavano, che il
venditore stesse facendo un gran piacere al compratore. Un
bazar orientale, a paragone, è di certo più allegro e vivace;
colà i pigri maomettani ogni tanto invitano i passanti infedeli,
specialmente se si tratta del genere “Milor inglese”, ad acqui-
stare le sue mercanzie ma il cristiano barbaricino semi-civiliz-
zato è incapace di darsi da fare.
L’indifferenza inerte e apatica contrastava ancor di più con
la sveltezza e lo spirito intraprendente dei Genovesi, e nessun
banditore o Ebreo avrebbe potuto meglio vendere e fare affa-
ri con la propria merce più di questi signori di Terraferma. At-
tiravano l’attenzione dei passanti con l’ammiccare degli occhi
e con la voce, e poiché i loro articoli erano fra i più richiesti
del mercato, anche i Barbaricini si affollavano attorno alle
bancarelle.
Il modo di “fare acquisti” era vivacizzato dalle chiacchie-
re del venditore e dalla esaltazione dei pregi dei prodotti di
Terraferma e la sua parlantina tendeva a far credere ai clienti
ingenui che in tutto il mondo non esistesse che un re e che
Genova fosse il suo regno.
Tra la folla c’era una giovane coppia di sposi fonnesi, di
discreto livello sociale, e mi dolsi di non poter comprendere il
dialetto barbaricino perché non fui in grado di seguirli nella
loro conversazione; tuttavia, gli «oculi fa cunda silentia » furo-
no un linguaggio che non era possibile fraintendere e lei, con
tutta una serie di tenere moine e di sguardi maliardi, riuscì a
vincere le esitazioni e le obiezioni del marito ed a farsi acqui-
stare un abito di un certo valore. Questo genere di vittorie
non è tipico solo di una festa a Fonni. Anche nel nostro Paese
siamo doppiamente felici di essere alla mercé di creature
doppiamente graziose, alla cui potente influenza in fatto di
acquisti e pagamenti siamo non di meno soggetti. Tuttavia la
semplicità, l’innocenza e il candore di quella ragazza e il mo-
do col quale l’astuto Genovese profittò dell’eccessiva arrende-
volezza e della dolce debolezza del marito, fu una scenetta
che avrebbe fortemente impressionato qualsiasi scapolo.

98
Ca pitolo XI

La giovane indossava il costume del suo rango, fatto di


un corpetto aderente di stoffa, doviziosamente ricamato e or-
nato di bottoni d’argento. Le sottogonne erano, una, di ruvida
stoffa grigia, e quella esterna di un tessuto più delicato il cui
colore, come quello del corpetto, solitamente varia a seconda
dei gusti. Il copricapo era costituito da un fazzoletto colorato,
orlato di pizzi d’oro e d’argento, piegato triangolarmente, con
un capo che calava sulle spalle e gli altri si annodavano al
collo. L’abito da festa dei ceti poveri è, invece, costituito da
una gonna di stoffa rossa, con un bordo di colore diverso che
solitamente è di colore scuro; sopra il corpetto molto basso e
corto si indossa una giacchetta larga di stoffa rossa o porpora,
le cui costure sono guarnite da un nastro colorato e lasciate
leggermente aperte. Completano il costume un fazzoletto bian-
co posato sul capo, che si chiama tira gedda s, ed un grembiule
di cotone ricamato in modo rudimentale.
Quando la donna è in lutto, il copricapo è sostituito da un
pezzo di stoffa azzurra col bordo viola, legato sotto il mento
da lacci d’argento. Il costume maschile delle persone facoltose
è composto da un corpetto a doppio petto di velluto fatto in
modo tale da scoprire il collo. Colore o qualità dipendono dal
gusto e dalla disponibilità ma, generalmente, sono color por-
pora, con risvolti di colore diverso, quasi per un contrasto con
la terra scura. Talvolta s’indossa come fosse una giacca con
maniche, le cui costure interne si lasciano aperte così da met-
tere in mostra la camicia, salvo che al gomito e al polso dove
si usa mettere un bottone d’argento. Quest’indumento si porta
solitamente senza il mantello col cappuccio scuro.
Le ra ga s 32 e le uose sono di foggia comune e si preferi-
sce la berretta lunga nera a quella rossa. Le persone del bas-
so ceto raramente si tagliano i capelli; ne fanno una treccia e
la legano dietro e attorno al capo; le barbe si lasciano cresce-
re a volontà. Gli articoli in vendita alla fiera, ad eccezione dei
tessuti pregiati, delle cotonine e della biancheria di Genova,
erano le solite cose d’ogni giorno che si producono in zona.

32. Calzoni, mutande o braghe d’orbace (N.d.T.).

99
L’ISOLA DI SARDEGNA

Gli uomini dei paesi vicini portavano sulle spalle le loro poche
cose, quali bisacce da sella, zaini, coperte di tessuto grezzo,
tappeti, sovraccoperte, torroni per essere barattati o venduti
oppure mandati in giro con i “viandanti”. Tutte le contratta-
zioni sembravano limitarsi a un po’ di dolci e rosolio ed i
banchi presso i quali venivano venduti, per dirla in altre paro-
le, erano gli altari sui quali le contrattazioni stesse si conclu-
devano.
Oltre il passatempo delle canzoni e del ballo tondo, i
Fonnesi si divertono con su currillu, che è la cosiddetta “pa-
reggia”, la quale consiste nella corsa simultanea di due o tre
cavalli guidati da una sola persona, ma soltanto pochi rag-
giungono il traguardo. Somiglia, per certi versi, alla corsa che
si corre a Cagliari ed il premio solitamente consiste in una
bandierina di stoffa o di velluto.
I dintorni di Fonni sono veramente meravigliosi; la valla-
ta sottostante, bagnata dai torrenti del Monte Spada, è un
susseguirsi di orti e giardini ed è particolarmente verdeggian-
te con un aspetto nordico, protetta dalla grande calura che
viene dal sud. La temperatura è costante, e poiché la stagio-
ne invernale inizia in ottobre e non termina prima di aprile,
la vita vegetale ritarda di due mesi rispetto alle zone meridio-
nali. Il Monte Spada è alto 5336 piedi. Ad otto ore da Fonni
verso Orgosolo, ad un’altezza di circa 4178 piedi, c’è un pas-
so che ha due punte, l’Armarici o Litipori e il Gibinari, da cui
il nome di Corru-e-öe, o corna di bue.
Si può rintracciare la strada romana che da Cagliari con-
duceva a Longo Sardo e a Terranova (Tibula e Olbia) ma, in
certi punti, non la si può percorrere a cavallo. I sentieri attuali,
non certo migliori, secondo il comune modo di dire sono
«piuttosto vie da capre che da uomini» e, laddove sono abba-
stanza ampi da consentire il passaggio di un giogo di buoi, al-
lora si ricorre ad un mezzo rudimentale da trasporto che si
chiama sa sa cchedda e consiste in un grosso tronco cavo di
quercia che viene trainato dal giogo. La strada romana passa
non lontano da Fonni, in un luogo che si chiama Soravile, con
molta probabilità l’antica Sora bile menzionata nell’Itinera rio di

100
Ca pitolo XI

Antonino, e le monete e gli utensili di fabbricazione romana


riportati alla luce, confermano quest’ipotesi.
I ruderi di diversi edifici sono così malandati che non ri-
velano alcun indizio circa il periodo al quale risalgono, ma si
tramanda tra i Fonnesi la tradizione secondo la quale nei
pressi di Soravile vivevano 17.000 anime e che le epidemie
di peste e la carestia del 1320 e anni successivi, decimarono
talmente la popolazione che i sopravvissuti l’abbandonarono
del tutto e si insediarono a Fonni. Si trovano tracce irrilevanti
e per niente interessanti di altri paesi, della cui esistenza si
ha la certezza, che erano densamente popolati ma non si tro-
vano notizie in merito alla loro scomparsa; soltanto uno, fra i
venti nuraghi disseminati nelle vicinanze di Fonni, si trova in
discreto stato di conservazione; si chiama Pasàda.
La sempre mutevole bellezza del paesaggio, la ricchezza
del regno minerale e vegetale, la varietà dei costumi e le
storie esemplari sulla gente di questo distretto, contribuisco-
no a compensare la monotonia del loro modo di vivere e
delle loro abitudini, la fatica e i disagi del viaggio e il rischio
di venir derubati.
Desulo, che sorge a circa 2914 piedi d’altitudine, costitui-
sce un caso interessante della barbarie rustica della Barbagia
e, per quanto non sia il luogo più misero, servirà a far meglio
conoscere le usanze e i costumi degli altri paesi. Situato su un
lato del Monte Genn’ e Casta, Desulo è costituito da un insie-
me di casupole ubicate molto pittorescamente in un bosco di
castagni, noci, ciliegi, meli, peri ed altri alberi da frutto e il pa-
norama lontano promette il realizzarsi di progetti di vita pasto-
rale e rurale. Una mulattiera abominevole, ed alcuni relitti di
tavoloni marci che dovrebbero servire da ponte sul fiumiciat-
tolo Lotale, sono proprio in carattere col paese. Le casupole,
basse e scure, anziché avere il tetto di tegole, canne o sughe-
ro, sono ricoperte di assi di legno tagliate con l’ascia, lunghe
all’incirca otto pollici, larghe quattro e spesse uno; una tradi-
zione in uso anche in altri Paesi esposti agli sbalzi della calura
e del freddo, come nelle Indie Occidentali dove si chiamano
“scandole”, ma in Svezia e in Svizzera le assi sono segate e

101
L’ISOLA DI SARDEGNA

sono molto più grandi. I Sardi non solo hanno ereditato que-
sta tecnica dagli antichi Romani ma anche il nome: sca ndula .33
L’interno delle case non differisce da quanto descritto in
precedenti occasioni. In una fossa al centro del pavimento si
sistema il ceppo semispento attorno al quale si raduna la fa-
miglia; le donne, quando non lavorano al telaio, siedono con
le gambe incrociate facendo girare il fuso, mentre i figli si di-
vertono, nel sudiciume circostante, a giocare col cane o col
maiale e tutto questo in mezzo a un fumo così denso che
vien da chiedersi come riescano a vedersi l’uno con l’altro.
Spesso non sono stato in grado, per parecchi minuti, di di-
stinguere i particolari dell’interno della casa e, per diverse
ore, gli occhi mi dolevano a causa del fumo piroligneo, men-
tre per loro era del tutto indifferente se quel fumo stagnasse
o uscisse dalla porta o dall’unico pertugio chiamato finestra.
La notte, i figli e i servi dormono sulla stessa stuoia, av-
volti nella “mastrucca” o sa ccus de coberri, coi piedi vicini ai
tizzoni ardenti che formano il centro del cerchio nel quale
giace la famiglia. In un angolo si trova un gran saccone grez-
zo di fieno o paglia sul quale si posa una parte della ra gà na ,
ovvero della coperta, una stoffa tessuta in casa dalla trama
che più ruvida non si può immaginare, sulla quale si corica-
no quanti ce ne stanno, vestiti o meno, e si coprono con l’al-
tra metà della coperta.
Coloro che se lo possono permettere usano un lenzuolo
con la ra gà na di Gavoi, per la quale quel paese va famoso,
sia per la produzione che per la vendita. Talvolta si usa un cu-
scino di paglia mentre un materasso riempito di lino pestato è
un lusso al quale agognano gli aristocratici ed i possidenti.
In un altro angolo della stanza si trova un tavolo, di soli-
to adibito esclusivamente come posatoio, in quanto i pasti si
consumano per terra accanto al fuoco; una coppia di piccole
panche e sgabelli si usa per tutto, fuorché per lo scopo cui
solitamente si ritiene sia destinata. In una casupola di due o

33. Vedi Cesare, De Bello Ga llico, cap. VIII, 12; Plinio, lib. XVI, cap. 8 ss.;
Cornelio Nepote, Fra gmenta , 10.

102
Ca pitolo XI

tre stanze, quella appena descritta si chiama sa domo dessu


fogu, ovvero la stanza del fuoco, e le altre sono note come
la “casa bianca”, una curiosa denominazione errata perché la
provvista di castagne, formaggio, patate, fagioli, cipolle, gra-
no, vino, olio, sale ed altre scorte per i mesi invernali viene
accatastata nella confusione più disparata e sordida. Soltanto
di recente è stata introdotta la coltivazione delle patate e,
grazie alla fertilità del terreno, sono cresciute rigogliose. Nel-
la zona superiore della Barbagia, dove si ha maggiore espe-
rienza con buoni risultati, la produzione è stata in grado di
soddisfare le richieste di altre zone dell’Isola. A Fonni, il luo-
go più congeniale, le patate raggiungono solitamente il peso
di due libbre ed in paese si vendono fra i sei e gli otto soldi
a starello, ovvero circa sei pence e mezzo lo staio inglese,
ossia 2 scellini e 2 pence il sacco (di quattro stai).
I preti vi lucrano decime di oltre 4000 starelli, circa 1367
sacchi.
Le castagne costituiscono una parte notevole del cibo in-
vernale; vengono sbucciate, messe ad asciugare e conservate
fresche. Quando le si usa, solitamente si macinano per confe-
zionare torte e dolci. Anche le ghiande vengono sminuzzate,
bollite e ridotte ad una pasta, la quale, una volta essiccata, si
mette in forno e potrà così conservarsi per diversi mesi. È un
cibo nutriente e di facile digestione; ambedue le vivande si
mangiano con ca su de Murgia o ca su de Fitta , una sorta di ca-
gliata nella quale il latte si coagula a fuoco lento e, quando
raggiunge la giusta consistenza, si taglia a pezzetti e si conser-
va con sale e nell’acqua la quale, se viene cambiata spesso,
manterrà fresco il latticino per uno o due anni. Si producono
annualmente circa 36.000 cantari, ossia 1500 tonnellate di for-
maggio, confezionato – per la maggior parte – con latte di ca-
pra o di pecora, al quale si aggiunge del timo per dargli un sa-
pore particolare e gradevole. Sebbene la preparazione del
prodotto sia simile a quella gallurese, i Barbaricini non sono
altrettanto capaci a dosare il sale e l’affumicatura. Notevole
quantità di formaggio veniva prima esportata a Napoli, ma poi-
ché in questa città hanno aumentato l’imposta d’importazione,

103
L’ISOLA DI SARDEGNA

l’assenza di un mercato forestiero ha fatto calare il prezzo lo-


cale che, mediamente, si aggira su un penny a libbra.
Il pane d’orzo, che chiamano s’orza tu e che si consuma
comunemente, è pesante, amarognolo e cattivo ma il buon
pane di grano, su cuccone, è leggero e gustoso anche se re-
lativamente caro. Così anche su fresu, una specie di biscotto
che si mette al forno alla massima temperatura e, quando co-
mincia a gonfiarsi, si leva, si divide in due fette e si rimette al
forno per terminare la cottura. È un tipo di biscottatura che
poco ha in comune col nostro biscotto.
Si fa un discreto consumo di carne, la quale è anche a
buon prezzo; una pecora di taglia media costa circa due scel-
lini, ma il piatto prediletto dei Barbaricini è sa pilledda , un
misto di salsiccia, piselli, patate, castagne, olive e pezzetti di
carne suina col lardo per dargli la giusta umidità; una specie
di olla podrida senza molto olio e aglio come usano in Spa-
gna. Il vino è leggero e per correggerne l’acidità si mischia
con della “sapa”; si calcola che, nella zona settentrionale del
distretto, se ne producano soltanto 3.000.000 di litri (circa
666.893 galloni), di cui gran parte viene trasformata in acqua-
vite, più gradevole e sana, per quanto non abbia proprio il
gusto del cognac.
Si dedica scarsa cura alla produzione del miele; non esi-
stono più di 16.000 alveari e la maggior parte del prodotto si
consuma nel confezionare i torroni e nell’“aranciata”. Questa
è una torta fatta di scorza d’arancia con farina e miele; talvol-
ta si mangia quando è molle, altre volte, come dolce, viene
essiccato e tagliato a pezzetti come il torrone portoghese.
Quanto al costume femminile, il ca pucciu, o copricapo,
è un telo quadrato di stoffa leggera, le cui due cocche fronta-
li si legano sotto il mento e quindi raccolto dietro la testa con
le estremità che ricadono sulle spalle come una ma ntilla .
A Belvì ed Aritzo la veste è fatta di stoffa scura e ruvida,
con una sola apertura al collo, giusto per farci passare la te-
sta. Arriva proprio al ginocchio attorno al quale si lega una
striscia di stoffa rossa, lunga circa un piede, che pende sciolta
ed è una specie di compromesso fra le uose ed i pantaloni.

104
Ca pitolo XI

Altro abito è su ca ritu, una giacca comoda solitamente di stof-


fa a colori vivaci, con maniche aperte, talvolta ricamata e si-
mile a quelle che s’indossano nelle isole greche, come Ipsaro
e Hydra.
Ad Aritzo, che sorge a circa 2681 piedi d’altitudine, sul
fianco del Monte Genna de Crobu, l’estremità più settentriona-
le del Monte Funtana Cungiada, o “fontana chiusa”, si giunge
attraverso un sentiero che si chiama Genna ’e ’entu, la porta
del vento, che deve il nome alle forti correnti d’aria che soffia-
no in quel passo; da qui fino a Belvì, il sentiero serpeggia at-
traverso boschi rigogliosi di grande bellezza.
Gli Aritzesi traggono da vivere da un’attività tutta partico-
lare, e cioè con la raccolta della neve nel Monte Funtana Cun-
giada e, quando non ne trovano lì, la prelevano dal Monte
Gennargentu dove la conservano all’interno di baracche. Da
qui, a dorso di cavallo, la portano dappertutto nell’Isola. In tal
modo, oltre 9000 cantari, circa 375 tonnellate, diventano og-
getto di commercio con grande fatica e difficoltà perché, nei
viottoli in cui il cavallo non riesce a passare col carico, allora
debbono subentrare gli uomini e diventa motivo di vanto e di
antagonismo il peso che ciascuno riesce a trasportare.
Il 5 agosto si svolge a Mamoiada una grandiosa festa in
onore di Nostra Signora delle Nevi, molto venerata fra gli Arit-
zesi e i Belviesi, i quali ultimi sono anch’essi occupati nello
stesso traffico, in quanto spetta loro una parte del guadagno,
ma non possono lavorare per proprio conto perché sono gli
Aritzesi ad avere il privilegio di raccogliere e vendere la neve.
Così come il tabacco e il sale, la neve è patrimonio e mono-
polio regio e quando viene ceduta in affitto, i contratti hanno
in genere validità di sei anni. Gli Aritzesi, grazie alla loro vici-
nanza alla montagna, al fatto di essere cresciuti in quei luoghi
e, di conseguenza, di essere più abili in un’occupazione tra-
mandata da generazioni fin dai tempi della dinastia spagnola
in Sardegna, sono solitamente gli affittuari e gli agricoltori –
per usare la loro espressione – del Governo; ed anche quan-
do è un’altra organizzazione ad ottenere l’appalto, sono sem-
pre considerati come subaffittuari ed operai.

105
L’ISOLA DI SARDEGNA

Fra i documenti degli archivi di Cagliari, se ne trovano


parecchi che trattano quest’argomento; i più importanti ri-
guardano la concessione ed i privilegi concessi da Filippo IV
nell’anno 1633. I contratti d’affitto più antichi furono stipulati
per un valore fra le 3000 e le 3407 lire annue, una somma in
quel tempo equivalente a 360 o 408 sterline; non mi è stato,
però, possibile conoscere le condizioni degli affitti attuali
che, in realtà, sono assai più alti.
Gli Aritzesi, dal momento che si dedicano a questo com-
mercio, dipendono dai vicini per l’approvvigionamento dei
prodotti agricoli e della pastorizia, ad eccezione della coltura
degli alberi da frutto che sono famosi sia per quantità che
per qualità e, in questo settore, la fatica ricade sulle donne,
le quali fin dall’infanzia, vengono allenate e si arrampicano
e saltellano sugli alberi con l’agilità degli scoiattoli.
La maggior parte delle case è fatta di legname grezzo an-
ziché di fango, e non c’è molta differenza fra l’aspetto esterno
e le comodità al loro interno, sia nelle abitazioni dei ricchi
che dei poveri, perché ambedue le categorie si dedicano ai
rispettivi lavori, senza usare scarpe e calze; se non fosse per
l’eleganza e la finezza dei costumi indossati per la festa, nes-
sun forestiero potrebbe credere che queste miserabili tane di
paese abbiano tanta presunzione ed altezzosità quasi avesse-
ro una consulta araldica per il rango e la genealogia. Le zone
centrale e inferiore della Barbagia hanno conservato in mag-
gior misura il loro naturale carattere turbolento più di quanto
non si verifichi nella zona superiore; tutti sono, comunque,
estremamente sensibili all’offesa e all’ingiuria e non dimenti-
cano mai di essere armati di fucile e coltello per vendicare
l’una o l’altra. Oltre le liti frequenti e le risse a causa dei con-
fini delle terre e delle cussorge alle quali – quando si verifica-
no – prende parte mezzo paese, le loro liti private coinvolgo-
no nella vendetta tanto il colpevole che l’innocente, al punto
che, di questa gente e di questi luoghi si dice: «Di non esser
valle o poggio che non gridasse vendetta del sangue, di cui
erano state tinte».34

34. In italiano nel testo (N.d.T.).

106
Ca pitolo XI

I pastori costituiscono la parte più consistente, ed anche


la più litigiosa, della popolazione a causa dei furti continui e
reciproci e la loro selvaggia vita errabonda li rende più coria-
cei al punto da compiere delitti su commissione senza alcun
timore di venir scoperti. Si ritiene che in Barbagia pascolino
greggi e armenti d’ogni genere per un totale di circa un mi-
lione di capi. In ottobre, al cadere delle prime nevi, i pastori
lasciano le montagne per andare a svernare nelle valli verso
le coste dove sostano fino al marzo successivo, quando fan-
no ritorno ai loro boschi e ai chiusi. Durante il periodo della
loro assenza, mogli e figli badano alle faccende domestiche
e fanno i preparativi per la nuova stagione.
Da questo modo di vivere, ne consegue che i nove deci-
mi delle nascite annuali si verificano a dicembre e gennaio e
così i preti hanno da battezzare da venti a trenta bambini la
settimana, e quasi nessuno durante il resto dell’anno.
Componenti non meno autorevoli della famiglia sono i
cani, una razza di taglia grossa dal pelo lungo e ispido, mez-
zo mastini e mezzo bracchi, simili a quelli che si vedono in
Asia Minore ed i cui doveri non si limitano alla custodia delle
greggi ma attaccano anche i banditi e i pastori nemici. In cer-
te occasioni, sono capaci di aggredire un uomo a cavallo con
lo stesso impeto col quale riporterebbero un torello uscito
fuori dal branco al proprio pascolo. È così diffusa la prassi
del furto da parte dei banditi nei confronti dei pastori della
Barbagia, che ogni anno vengono rubati 3000 capi di bestia-
me dalle varie greggi e mandrie, un danno stimato in 14.000
lire nuove (576 sterline). Nonostante ciò, si è sostenuto che
«se si considera la natura della zona, le grandi superfici di ter-
ra dove non esiste una casa, l’insufficienza di uomini addetti
alla custodia, la mancanza di forze dell’ordine che protegga-
no la proprietà, e le innumerevoli bande di fuorusciti che,
quando costretti ad allontanarsi dalla zona in cui abitano le
loro famiglie, non hanno altro mezzo di sussistenza se non il
furto, allora occorrerebbe ammettere che i Barbaricini sono
“molto osservanti degli altrui dritti!!”».
Lasciamo alla giurisprudenza e all’etica sarde il valutare se
tali considerazioni siano sufficienti a nutrire fiducia nella loro

107
L’ISOLA DI SARDEGNA

acuta intuizione del meum et tuum. Sebbene i pastori nutrano


pochi rimorsi per il furto di bestiame ai danni del proprio vici-
no, che viene spesso commesso per colmare il vuoto dei capi
morti, rubati o smarriti, tuttavia, nei loro rapporti col prossimo,
affiora spesso un sentimento di generosità e di comprensione.
Una tradizione invalsa fra loro, come fra i pastori galluresi, è
la ponitura , secondo la quale, se un poveraccio ha bisogno di
ricostituire un piccolo gregge, oppure un disgraziato deve far
fronte ad una grossa perdita o ad un danno subito, gira per le
cussorge confinanti ed i pastori, se non esistono motivi di
vendetta, gli forniscono il tanto sufficiente per ricostituire il
peculio. Per citare un esempio, un pastore tornò alla sua ca-
panna, dopo aver girato per tredici giorni, con circa 160 ca-
pretti che gli erano stati regalati e, con la loro vendita, poté
acquistare le capre e le pecore che gli occorrevano.
L’abito del pastore è primitivo, più tradizionale che puli-
to; porta la colletta o “veste di pelle”, ambedue confezionate
con pelli di pecora, per quanto in certe zone si preferisca la
pelle di capra. La colletta , fatta di varie pelli conciate grosso-
lanamente e senza il vello di lana, forma una specie di giub-
bone che giunge fino alle ginocchia; la veste di pelle è un
giaccone corto con la lana all’interno e gli orli solitamente
rifiniti con bordi colorati pettinati. Ambedue sono senza ma-
niche e si diversificano dal mantello dei pastori greci ed al-
banesi in quanto quest’ultima è una giubba lunga e liscia
con la lana ispida all’esterno.
La colletta e la veste di pelle sono la mastrucca citata da
Cicerone in termini sprezzanti: «Quem purpura rega lis non
commovit, eum Sa rdorum ma strucca tenta vi», ossia «chi la
regale porpora non ha turbato, lo ha invece attratto la ma-
strucca dei Sardi»,35 mentre nella sua Ora tio de Provinciis
Consula ribus, lo stesso Cicerone parla dei Sardi come «ma -
struca ti la trunculi», ladri con la mastrucca.36 Eliano37 descrive

35. Cicerone, Pro Sca uro.


36. Cicerone, Ora tio de Provinciis Consula ribus.
37. Eliano, lib. XVI, cap. 34.

108
Ca pitolo XI

quest’indumento ed il modo di indossarlo in maniera tale che


corrisponde perfettamente a quello che si usa oggi ed anche
Plauto ne fa cenno in Poenulus 38 come qualcosa di molto
brutto, facendo dire ad Anthemonides mentre si rivolge ad
Annone con linguaggio scurrile: «Tu aringa scorticata, tu sper-
mio di Serapide, tu mastrucca, tu mucchio di sale, puzzolente
d’aglio più di un barcaiolo romano».
Fra le usanze, i pregiudizi e le superstizioni dei Barbarici-
ni, particolarmente nel mondo dei pastori, in alcuni paesi è
ancora in vigore l’a ttitu per quanto i preti, in altri paesi, siano
riusciti ad abolirlo mediante un compromesso con le a ttita do-
ra s, le quali possono stare attorno al feretro ma cantando inni
alla Vergine a sollievo delle anime sante del Purgatorio.
Uno dei mali psichici e fisici di cui la carne dei Barbari-
cini è erede, è la timoria , ossia il violento terror panico che
è semplicemente un tremito nervoso e un turbamento della
mente, seguito da prostrazione fisica e spirituale, causato
dall’intemperie, dai brividi, dalla febbre o da qualsiasi altra
malattia che mina una costituzione debole. Non viene, però,
attribuita a cause naturali, ma si considera piuttosto una ma-
lattia particolare per la quale il rimedio non è meno origina-
le. Gli amici del paziente, dopo aver scoperto l’individuo
che si ritiene sia la causa del tremore e della paura, si reca-
no da lui e, senza menzionarne il nome, che l’accusa sia ve-
ra o falsa, gli cavano una tazza di saliva. Questa viene diluita
nel vino o nel brodo e il paziente la ingoia, con la piena
convinzione che sia un toccasana.
Ho sentito parlare dello stesso malanno fra il popolino
di certe parti della Sicilia e di Malta, dove è noto col nome di
“scanto”. In certi casi, si somministrano alla persona che si
suppone abbia causato la paura certe erbe alle quali si attri-
buisce un potere magico; in altri casi si ricorre a un rimedio
ancor più ridicolo, vale a dire un brodo di cucciolo neonato,
per la cui preparazione è necessario, secondo la loro farma-
copea, che i giovani animali gelatinosi siano messi a bollire

38. Plauto, Poenulus, atto V, scena 5.

109
L’ISOLA DI SARDEGNA

vivi nella pentola e vengano così serviti al paziente. L’effica-


cia della dose dipende dal disgusto che segue alla messinsce-
na e alla somministrazione della carne sgocciolante che, ov-
viamente, produce nausea e un’improvvisa reazione dello
spirito, con la conseguente distrazione dei pensieri del pa-
ziente dalla causa originaria dello scanto e, pertanto, non si
ha difficoltà ad immaginare che la prescrizione costituisca un
sicuro rimedio. Fra le classi elevate questo scanto, o timoria,
viene chiamato “disgusto” o antipatia e, quanto alla saliva, si
ritiene che il brodo costituisca un rimedio molto salutare.
Non pare che il ballo sia fra i divertimenti prediletti dei
Barbaricini, e raramente lo si pratica se non in occasione di
feste nuziali ed allora si giunge all’eccesso ma, laddove si
pratica la danza, l’accompagnamento musicale viene fatto con
lo zufolo, una specie di zampogna, e tamburelli; un’usanza
simile a quella delle province basche. Appena calano le tene-
bre, ad un segnale determinato, le ragazze rientrano a casa,
perché sarebbe indecoroso prolungare il ballo in pubblico
dopo quell’ora, per quanto i giovanotti continuino a d libitum,
anche dopo che le loro amiche se ne sono andate. Chi abbia
visto danzare la jota aragonese nella sua terra d’origine, con
la vivacità, l’animazione e l’allegria che ci mettono i ballerini
(e si potrebbe aggiungere anche con le volgarità), giudiche-
rebbe il ballo tondo della Barbagia un’esibizione poco inte-
ressante.
Sono molto popolari gli improvisatori, come pure i suo-
natori, o musici vaganti.
È usanza, in occasione delle feste, eleggere ogni anno
qualcuno che sia il referente e responsabile di tutte le que-
stioni e questi, per l’onore conferitogli, deve versare un obo-
lo da destinare ai divertimenti. Anche le donne possono es-
sere elette a tale carica e la loro ambizione religiosa viene
ripagata col titolo di “Prioresse” o “Operarie del Santo”; il lo-
ro pio ed importante incarico, che dura un anno, consiste
nel curare tutti i dettagli della festa in onore del Santo, come
ad esempio vestire e adornare il simulacro con fiori, gioielli e
quant’altro.

110
Ca pitolo XI

Altra usanza di certe feste barbaricine è il corriolu, lette-


ralmente “festa di cuccagna”, in occasione della quale i paesa-
ni offrono pane, carne, vino e miele da destinare ai forestieri.
Le vivande si tagliano a pezzetti e se ne fa un miscuglio che si
sparge su un tavolo all’uopo predisposto; il sentimento di
ospitalità che si esprime col dono non è meno gradevole del-
la cortesia e della buona disponibilità con le quali viene offer-
to a chiunque. In alcune occasioni, due o tre persone offrono
carne e pane in ugual quantità che, preceduti dagli zampo-
gnari, vengono mandati in chiesa di mattina; da lì, la carne
viene prelevata ed arrostita e, ad una cert’ora, distribuita a tut-
ti coloro che vogliano accettarla. Uomini e donne stanno in fi-
le separate, e secondo l’età. Gli organizzatori della festa pas-
sano, quindi, fra loro, e a ciascuno offrono un corriolu ed è
motivo di vanto, piuttosto che di preoccupazione, se il nume-
ro degli ospiti è grande, e se si è consumato molto cibo.
Sa va rdia è una cerimonia che si svolge durante la messa
solenne; mentre in chiesa si recitano preghiere e lodi del
santo patrono del paese, i fedeli vanno in processione a ca-
vallo armati di fucile ed in fila per uno, in ordine rigoroso.
Una volta raggiunta la porta della chiesa, si levano il berretto
e scaricano in aria le armi in onore del Santo; quindi, proce-
dendo in doppia o anche tripla fila, ripetono ogni volta la
sparatoria ed il saluto. È una festa alla quale possono parteci-
pare anche fazioni rivali e la sacralità dell’atto consente, per
l’occasione, una tregua e un’amnistia. Banditi e malviventi
cui capiti di prendervi parte, si sentono sicuri in questa circo-
stanza come il Santo in persona.
Monte Argentu, o Gennargentu, il “Monte Bianco” della
Sardegna, prende nome dal colore argenteo riverberato dal
cielo azzurro sulla cima innevata. Il prefisso genna -, che si-
gnifica ingresso o varco, dal latino ja nua , è il termine generi-
co per indicare i passi di montagna, come genna ’e entru,
genna ’e crobu floris ecc. È più agevole compiere la salita dal
lato nord; delle tre cime, il Bruncuspina, a sud-ovest, ha un’al-
titudine di 6243 piedi, il Florisa, di circa 6132 e lo Sciusciu, di
circa 6118 piedi. Dalla fine di settembre fino a maggio, la

111
L’ISOLA DI SARDEGNA

montagna indossa il manto invernale ed in alcune zone la ne-


ve è perenne. Dalla vetta, il panorama abbraccia tutta l’Isola,
ad eccezione delle Bocche di Bonifacio che sono nascoste dal
Limbara e da altri monti della Gallura; ma il Monte Rotondo, il
“Monte Bianco” della Corsica, che si eleva alle loro spalle, co-
stituisce la caratteristica più rilevante della parte settentrionale
dell’orizzonte.
I boschi di Monte Argentu sono molto vasti e sul lato occi-
dentale se ne trovano a 4732 piedi d’altitudine. Si è calcolato
che il distretto superiore della Barbagia comprenda 11.800.000
alberi pregiati e da legname; quello centrale, 32.600.000 e l’in-
feriore 21.000.000, oltre 9.600.000 alberi da frutto per un totale
di 75.000.000, senza contare gli alberi da frutto selvatici che
sono stati stimati in numero non inferiore ai 100.000.000. Per
gli amanti della caccia, il Monte Argentu rappresenta una delle
migliori riserve della Sardegna perché, oltre il cervo e il cin-
ghiale, vi si trova in abbondanza il muflone.
Il Cetti,39 nella sua opera I qua drupedi di Sa rdegna , ha
fatto su quest’animale una lunga dissertazione ma, senza en-
trare nel merito delle sue ricerche e della diversità di opinioni
col Buffon,40 sembrerebbe che il muflone sia l’ophion e il
musimon degli antichi che Plinio41 cita come animale caratte-
ristico della Sardegna. Secondo alcuni scrittori, il muflone è
stato ritrovato in Spagna e nelle isole Baleari, ma manca in
proposito una recente testimonianza autorevole, né a me è
capitato di vederlo o di sentirne parlare in questi Paesi. Per la
sua conformazione anatomica, non rammenta il cervo né la
pecora ma, in virtù di una certa somiglianza con questa, è sta-
to chiamato il “montone selvatico”, sebbene le differenze sia-
no talmente grandi per cui la definizione non è esatta. Sono
diverse la conformazione della coda e la struttura del manto

39. F. Cetti, I qua drupedi di Sa rdegna , Sassari, Giuseppe Piattoli, 1774;


riedito in Storia na tura le di Sa rdegna , a cura di A. Mattone e P. Sanna
Nuoro, Ilisso, 2000 (N.d.T.).
40. G.-L. Leclerc Buffon, Histoire na turelle généra le et pa rticulière, Paris,
1749-89 (N.d.T.).
41. Plinio, lib. XXVIII, cap. 9; lib. XXX, cap. 52.

112
Ca pitolo XI

che, anziché essere lanoso, somiglia a quello del cervo; il pe-


lo, infatti, è corto e ispido, solitamente di colore marron scuro,
rossastro e bianco nella parte inferiore del corpo. Ha un’altez-
za di circa due piedi ed otto pollici; ha corna molto più grosse
ed arcuate ed il corpo più snello della pecora. Il suo verso so-
miglia talmente al belato di quest’ultima che i bravi cacciatori,
imitandolo, spesso lo fanno cadere in trappola. Inoltre, hanno
molte abitudini simili anche nel pascolo al punto che alcuni
studiosi hanno ipotizzato che, in origine, fossero della stessa
razza e che i mufloni fossero i fuorusciti degli ovili. L’animale
è molto vivace e dinamico ma eccessivamente timoroso e
scappa al minimo rumore e, sebbene in diverse occasioni io
sia stato tanto fortunato da avvicinarli, nell’attimo in cui se ne
resero conto fuggirono nel folto del bosco con la velocità e il
balzo del cervo. Raramente si vedono da soli e si racconta che
ne siano stati avvistati insieme più di cinquanta capi, ma soli-
tamente stanno a gruppi di cinque o sei.
Sono stati catturati degli a nzones, i loro piccoli, e allevati
in casa come l’agnello in quanto si può addomesticare facil-
mente. A me è capitato di vederli giocherellare in giro come
fossero la capra beniamina del paese. La carne ha il gusto di
quella del cervo e la coda viene considerata un boccone pre-
libato per quanto, per quel che mi riguarda, non fui in grado
di scoprirne i pregi. Oltre che a Monte Argentu, i mufloni si
trovano in gran numero nelle zone montuose di Pattada,
Buddusò, Teulada, Iglesias e della Nurra.
Degli altri animali della Barbagia, meritano una particola-
re notazione il balestruccio e il bocca mele. Quanto al primo,
la Sardegna è l’unica regione nella quale il clima meridionale
consente che esso vi prosperi in quanto, secondo Buffon, è
un uccello caratteristico delle latitudini fredde e, sebbene
non se ne vedano molti esemplari come in passato, tuttavia
se ne catturano parecchi e non sono di taglia minuta com’era
tipico degli esemplari sardi.
Il bocca mele, talvolta chiamato “donna di muro”, a na mele,
ca ra mele e, dal termine spagnolo coma dreja ; pare sia anch’es-
so tipico dell’Isola. Cetti ritiene si possa individuare nell’ictis di

113
L’ISOLA DI SARDEGNA

cui parla Aristotele ed in una delle specie di donnola cui fa


cenno Plinio,42 in quanto sarebbe l’anello di congiunzione fra
quell’animale e l’ermellino, famoso presso gli antichi ma inu-
tilmente ricercato dai naturalisti moderni. Il bocca mele somi-
glia molto alla donnola per il colore del corpo e il numero
dei denti ma è più grosso, ha l’estremità della coda nera anzi-
ché gialla e si diversifica completamente per abitudini e indo-
le. È un graziosissimo animaletto facilmente addomesticabile;
si affeziona al padrone di cui si accattiva la stima con le sue
allegre capriole e, a differenza della donnola che è nociva,
non puzza. È molto delicato nel cibarsi e preferirebbe morire
di fame piuttosto che mangiare qualcosa di guasto o impuro.
Ha preso il nome di bocca mele per la sua smodata passione
per il miele che va a cercare non soltanto nelle arnie naturali
dei boschi, ma in quelle artificiali di sughero dei contadini,
che rosicchia, e vi penetra succhiando tutto il miele dai favi, al
punto che spesso le api muoiono di fame.
L’opera del Cetti sulla zoologia della Sardegna è senza
dubbio la più accurata; il Mimaut43 ed altri autori moderni
hanno attinto da essa; il professor Gene aveva intenzione di
pubblicare i risultati delle sue ricerche ma non conosco quel-
l’opera.
In Barbagia si trovano in gran quantità avvoltoi, aquile e
falchi, al punto che la perdita annuale delle greggi, causata
dai loro saccheggi, è abbastanza rilevante. Dicono i pastori
che questi uccelli rapaci non soltanto rapiscono capretti,
agnelli e maiali ma, talvolta, si radunano insieme e aggredi-
scono vitellini e puledri; dopo essersi saziati fin quasi a non
poter più volare, lasciano i resti ai cani che stanno in attesa
del loro turno e non osano avvicinarsi finché le aquile non
hanno smesso di consumare il bottino. Dal canto loro i pa-
stori, mentre badano alle greggi, pongono un argine a tante
gravi perdite con un tipo di caccia chiamata su spegu.

42. Plinio, lib. XXIX, cap. 24.


43. J. F. Mimaut, Histoire de Sa rda igne, ou la Sa rda igne a ncienne et
moderne, 2 tom., Paris, 1825 (N.d.T.).

114
Ca pitolo XI

In un luogo ben in vista, si sistema la carcassa di un ani-


male ed essi, che con la loro pratica sono in grado di distin-
guere i predatori ad una distanza impossibile per un occhio
non allenato, non appena li avvistano, armati di fucile, stan-
no nascosti sotto un mucchio di frasche o fra i cespugli, at-
tendendo che la preda sia a tiro. L’apprensione, l’ansia e l’ec-
citazione dell’osservazione sono intensi quanto il piacere
della caccia al muflone. Dopo aver volteggiato in cielo per
diverso tempo, l’aquila lentamente si abbassa in volute circo-
lari con una circonferenza di diverse miglia, finché si avvici-
na a quattro o cinquecento iarde dal punto in cui si trova la
carcassa. Ancora volteggia immobile e, dopo una seconda se-
rie di rotazioni, piomba istantaneamente e, velocemente, ab-
branca il bottino senza toccare terra o posarsi. In quel preci-
so istante si mettono alla prova l’abilità e la sveltezza del
pastore perché, se anticipa o ritarda la fucilata, la probabilità
di successo è minima; deve perciò attendere il momento in
cui il rapace afferra la preda, in quanto l’apertura alare e la
posizione dell’uccello quando la ghermisce sono tali che si-
curamente la pallottola colpirà, da qualche parte, nel segno.
I pastori sono ottimi tiratori e si sa di casi in cui, in un solo
giorno, abbiano ucciso due rapaci.
La caccia al merlo e al tordo costituisce il divertimento
prediletto, in particolare nel distretto d’Ogliastra, e i paesani
formano squadre da cinquanta a cento persone per ogni bat-
tuta; coloro che vi si dedicano solitamente si chiamano is
pillona doris. Al mattino e al tramonto piazzano delle reti at-
traverso i canaloni e le macchie che gli uccelli sono soliti fre-
quentare, e la postazione e la forma delle reti stesse vengo-
no decise a seconda che gli uccelli volino alti o bassi; nel
primo caso le reti si chiamano su ca da lettu, nel secondo su
ta soni. Hanno una doppia piegatura: quella superiore si la-
scia ricadere nel momento in cui gli uccelli sorvolano l’infe-
riore, che i volatili, nella semioscurità, non riescono a vede-
re, e l’urto è così violento che li istupidisce e li fa cadere per
terra dove gli uccellatori, nascosti tra i cespugli, li raccolgono
immediatamente e sistemano nuovamente la rete. Le prede

115
L’ISOLA DI SARDEGNA

vengono quindi spennate e legate insieme, otto uccelli in ogni


mazzo che si chiama ta ccola . Le modalità di confezionamen-
to per la vendita al mercato sono semplici e sicure, per certi
versi simili a quelle per gli ortolani e i beccafichi; il collo e
lo stomaco dei volatili vengono strofinati col sale e quindi gli
uccelli vengono ricoperti di foglie di mirto e sistemati in mo-
do da non entrare in contatto l’uno con l’altro. L’autunno e
l’inverno sono le stagioni ideali per questo tipo di caccia e,
ogni anno, ciascuna rete cattura una media di 3000 uccelli
che rendono circa trenta scudi (circa 5 sterline, 15 scellini e
due pence e mezzo).

116
CAPITOLO XII
Il distretto d’Oglia stra – Foreste – Fiumi – Il porto di Tortolì – Torri di
gua rdia – Produzioni – Storia – Dona zione a una chiesa nel 1163 – La
lingua sa rda – Pa rticola rità e dia letti – Popola zione e mora lità – Aned-
doto – Abitudini – La legge – Medicina e spiritua lità – Scuole – Festa di
Sa n Pria mo – Divertimenti – Sca rso pudore nei costumi cita to da Da nte –
Abitudine di dormir svestiti – Ma trimoni precoci – Pa esi e nura ghi fra
Aritzo e Ma comer – Occupa zione e ma nufa tti a Ga voi – La fonte di Gup-
punia – Sa rule – Le médecin malgré lui – L’a lta re di Logula – Ospite del
pa store – Otta na – La ca sa del prete – Festa a Nora gugume – Nura ghe e
Perda s’Alta re – Ritorno a Ma comer – Storia de “Il rosa rio e la pa lla ”

Sebbene non mi sia stato possibile visitare l’interno del-


l’Ogliastra, riuscii ad avere parecchi dettagli da un amico mol-
to cortese che per anni vi aveva vissuto, mentre altre notizie
potei ricavare da fonti diverse.
L’Ogliastra, parte del distretto di Lanusei, si estende da Ca-
la Luna, nel golfo di Orosei, in direzione nord, fino a Burcei e
Cala Pira, a sud; è delimitata ad est dal mare e ad ovest dalle
montagne della Barbagia, da Busachi e Isili. Misura circa 660
miglia quadrate italiane (circa 874 miglia inglesi) di cui dieci
undicesimi sono montuosi, ma assai fertili, e viene considerata
la zona più ricca di minerali. La campagna ha un meraviglioso
aspetto selvaggio e bello e la maggior parte delle montagne è
ricca di boschi. Grazie alla sua vicinanza al mare, il legname
viene trasportato dalle navi costiere verso la zona di Cagliari
nella quale, relativamente parlando, scarseggia. Nelle vicinan-
ze di Urzulei, Baunei e Montesanto, si calcola che vi siano
complessivamente 12 milioni di alberi da legname, per la
maggior parte lecci, mentre la zona meridionale è povera di
sughere e querce; si stima, invece, che gli alberi da frutto sia-
no 4 milioni e si pensa che la provincia abbia derivato il pro-
prio nome dall’immenso numero di olivastri.
Le montagne più importanti sono il Monte Santo, nei
pressi di Baunei, con un’altitudine di circa 2400 piedi; la cate-
na di Fennau, il Taccu e il Tissidu, nelle vicinanze di Usini, il
Monte Cardiga e il Monte Serpellino, nel Sarrabus; fra le grotte

117
L’ISOLA DI SARDEGNA

stalattitiche di formazione calcarea, le più belle sono quelle di


Su Mammucone, nella zona di Fennau e Sa grutta de su mar-
muri, vicino a Ulassai. Una delle vallate più pittoresche del-
l’Ogliastra è Taccu Isàra, situata fra Seui e Usini; non meno
ammirata dai Sardi è la gola di Monte Taccu, sia per la bellez-
za naturale che per la diceria popolare, secondo la quale fu
creata miracolosamente da un vescovo che pregava e sorreg-
geva un crocefisso, quando fu sorpreso in montagna al calar
delle tenebre.
Il Flumendosa, il Soeprus citato da Tolomeo, il fiume
principale della Barbagia e dell’Ogliastra, nasce nella monta-
gna di Corru-e-öe e, dopo aver convogliato altri torrenti tri-
butari, ed aver delimitato nel corso di tre quinti del suo fluire
il confine dei due distretti, il suo letto assume proporzioni
più modeste e sfocia in mare un po’ più a nord del Sarrabus.
I promontori più importanti della costa sono il Monte
Santo e il Bellavista, le estremità del golfo di Tortolì; il primo
è di roccia calcarea ed è alto oltre 2400 piedi, mentre il se-
condo è di porfido granitico ma non è altrettanto alto. Lo
Sferra Cavallo, che forma l’estremità della montagna granitica
di Cuddazzoni, costituisce un meraviglioso punto di confine.
Tortolì, quanto a povertà, sudiciume ed insalubrità, sem-
bra la copia conforme di Orosei, ed in quanto sede vescovile
della diocesi e porto principale del distretto, i preti e i fun-
zionari della dogana detengono una soggezione congiunta
sulle energie religiose e commerciali del luogo. Il porto, per
la verità, è scarsamente frequentato dalle navi a causa delle
difficoltà di ancoraggio, ed inoltre le imposizioni doganali so-
no spropositate rispetto alle importazioni, alle esportazioni
ed alla situazione del commercio attuali del distretto, per cui
le navi di piccolo cabotaggio sbarcano e imbarcano le merci
in piccole insenature riparate della costa dove non ci sono
gabellieri ad esigere tasse.
Le torri, costruite sul litorale dal Governo spagnolo per
la difesa degli Ogliastrini dai pirati africani, sono state tra-
sformate in stazioni di controllo nelle quali due o tre sventu-
rati sono stati confinati con la convinzione che potessero

118
Ca pitolo XII

sconfiggere il contrabbando ma, poiché un cestino di frutta,


una pecora e un otre di vino costituiscono una mercede più
appetibile di quella che il Governo è in condizioni di offrire,
così le torri servono contro i contrabbandieri meno di quan-
to servirono contro i corsari. In questa seconda funzione di
difesa furono utilizzate fino al 1812 quando, presso la torre
di San Giovanni di Sarrale, i pirati combatterono contro gli
Ogliastrini ed il ricordo di quella dura battaglia, conclusasi
con la vittoria dei Sardi, ancora si tramanda con orgoglio.
Il distretto, coi grandi vantaggi che gli provengono dal
terreno e dal clima, se venisse coltivato in modo maggior-
mente intensivo produrrebbe tredici volte di più; le vigne,
gli agrumeti, gli ulivi, il miele, il grano ed i pascoli testimo-
niano, pur nello stato attuale di abbandono, che la natura ha
concesso molto, salvo la voglia di lavorare.
I vini ogliastrini sono fra i migliori dell’Isola. Fra i bian-
chi, la Malvasia, la Vernaccia, il Moscatellone, l’Arista, il Far-
naccina, il Nuragus e quelli della zona di Lanusei e Ilbono,
sono particolarmente buoni. I rossi migliori sono il Canno-
nau, il Girò, l’Occhio di bue, il Nieddamanna e il Merdolino.
La superficie coltivata a vite nel distretto, nel 1839 (periodo
al quale i dati che seguono si riferiscono), fu di 14.819 starelli
quadrati cagliaritani, ovvero circa 14.600 acri e il vino prodot-
to ammontò a 1.704.000 quartare, ossia 1.893.976 galloni, la
metà circa delle quali si consumò localmente. Un decimo
venne trasformato in sapa, un altro decimo in acquavite ed il
resto, circa 511.200 quartare, fruttò alla vendita 135.300 lire
nuove (circa 5412 sterline). Il prezzo medio, perciò, sarebbe
di circa 1 scellino, 6 pence e tre quarti il gallone, ma i vini
che ho degustato in Barbagia, e che provenivano dall’Oglia-
stra, non costavano tanto e, sebbene di qualità comune, era-
no vini genuini ed eccellenti.
Dicono che le arance e i limoni uguaglino, per qualità,
quelli di Milis, col vantaggio che in Ogliastra maturano pre-
cocemente, perché gli alberi crescono più rapidamente, e i
ca siddus, ossia le margotte, attecchiscono facilmente così che
nel corso di un biennio generano alberi grandi come quelli

119
L’ISOLA DI SARDEGNA

di dieci anni in altre zone. Spesso le arance si trovano sui ra-


mi a gruppi di trenta ed i limoni di dieci anni producono, in-
variabilmente, da seicento a ottocento frutti. Secondo un cal-
colo fatto sulla media delle piante giovani alla prima fioritura,
e quelle pienamente produttive, prendendo in esame la stima
più bassa in una stagione non felice, si calcola che ogni albe-
ro porti cento frutti, consentendo un guadagno di una lira
nuova (9 pence e mezzo); produzione e prezzo che trovano
conferma in quel che successivamente sperimentai a Milis.
Gli ulivi non superano le 150.000 unità, ma se venissero
innestati gli olivastri, la produzione sarebbe incalcolabile;
purtroppo gli incentivi concessi dal Governo per renderli
produttivi sono troppo esigui, o forse è troppo grande la fa-
tica che si richiede, per non parlare dei pregiudizi che anche
qui sono ben radicati come in altre zone.
Il terreno e il clima si adattano ottimamente alla coltura
del gelso, tuttavia se ne coltivano pochi e, di conseguenza, i
bachi da seta sono rari. Il loro allevamento sarebbe troppo
faticoso per gli Ogliastrini indolenti, in compenso gli alberi
da frutta esistenti sono sufficienti ad approvvigionare le zo-
ne vicine della provincia di Cagliari per un valore di 40.000
lire nuove, ossia 1600 sterline inglesi.
Il miele, sia quello dolce che l’amaro, si trova in abbon-
danza senza alcun bisogno di migliorare o potenziare la pro-
duzione; due terzi degli alveari, per un totale di circa 47.000,
stanno nelle cavità e nei tronchi degli alberi; probabilmente
sono anche di più, ma i raccoglitori ne ignorano l’esistenza.
La maggior parte del miele e della cera si consuma nel di-
stretto e non se ne destina alla vendita più di 1500 libbre.
In media, il grano non rende più di 10 a 1 e l’orzo non
più di 20 a 1 ma, laddove i terreni sono stati anche parzial-
mente concimati o coltivati, la produzione è aumentata dalle
50 alle 100 volte.
Nei lavori agricoli trovano occupazione 6079 persone e
soltanto 3088 nella pastorizia, quindi avviene il contrario della
proporzione che si verifica in Barbagia. I pascoli, pur nello sta-
to di abbandono in cui versano, non soltanto sono in grado di

120
Ca pitolo XII

assicurare nutrimento alle greggi e agli armenti locali, ma an-


che al bestiame che i Barbaricini transumano dalle montagne
nei mesi invernali. Il distretto ha un patrimonio armentario di
200.000 capi, dei quali circa 17.500 si vendono vivi per un va-
lore di 155.000 lire nuove (6200 sterline), mentre la quantità di
pelli e cuoio venduta ed esportata ammonta a 25.950 unità per
un valore di 15.400 lire nuove, ossia 616 sterline. In questa
somma sono anche incluse le pelli di animali selvatici che, in
media, valgono ciascuna 2 lire nuove (uno scellino, sette pen-
ce e un quarto), mentre quelle degli animali domestici spunta-
no il prezzo di mezza lira, ovvero 4 pence e tre quarti.
L’istituzione, da parte del Governo, di una scuola veteri-
naria non ha prodotto grandi risultati, in quanto i pastori pre-
feriscono ricorrere ai rimedi tradizionali o confidare nelle
cause naturali; per la guarigione del bestiame fanno molto af-
fidamento sui voti e sulle invocazioni ai Santi, tanto che nelle
processioni in loro onore si vedono spesso sfilare animali
ammalati.
Il formaggio venduto, che non raggiunge un terzo della
produzione, ammonta a 10.630 cantari, circa 443 tonnellate,
che hanno reso 159.450 lire nuove, ossia 6378 sterline.
L’olio ricavato dal lentischio, meno caro di quello d’oliva,
viene usato dai meno abbienti per l’illuminazione e per la cu-
cina, ma per poterlo rendere adatto a questo fine, viene fatto
bollire per eliminarne l’asprezza naturale, così che risulti meno
astringente e più digeribile. Dopo che viene estratto l’olio, i re-
sidui delle bacche si fanno bollire e quindi si danno ai maiali
per farli ingrassare. I contadini, oltre alle provviste necessarie
per sé, destinano alla vendita circa 20.000 quartare d’olio
(18.673 galloni) e la maggior parte si consuma a Cagliari.
Non esiste nel distretto occupazione nel settore meccani-
co, se non per la fabbricazione di cose strettamente necessa-
rie per la vita d’ogni giorno e gli oggetti prodotti sono di fat-
tura primitiva.
Non ci sono fatti diversi nella storia di Ogliastrini e Barba-
ricini, fra i quali esiste comunione di origine così che dovette-
ro affrontare le stesse vicissitudini. Tuttavia, nel medioevo,

121
L’ISOLA DI SARDEGNA

quando la Sardegna era governata dai giudici, il distretto


ogliastrino faceva parte del dipartimento di Cagliari. Negli
archivi della sede arcivescovile della capitale si trovano alcu-
ni documenti di carattere religioso riferentisi a quel periodo,
che danno un’idea dei sentimenti e della lingua del tempo.
Può essere interessante leggere il testo di una donazione ri-
salente all’anno 1136.
«Eu Judigi Sa lusi de La con, cum mulieri mia donna Jurgia
de Una li a ssolbullu a ciu miu donnigellu Arzoccu a fa iri de
ca usa sua su ki bolit. Et eu donnigellu Arzoccu cum leba ndu
a ssoltura da ba su donnu miu Judigi Sa lusi de La con, ki millu
ca stigit donnu Deu ba la us a nnus et bonus et a d issi et a mu-
lieri sua donna Jurgia et a ma tre sua donna Preciosa de La -
con, Fa zzula custa ca rta pro ca usa mia ca ntu a po in Trigonia
de Ba rba ria , ka lla da u a Sa nta Ma ria de Lozzora i pro donnu
Deo et pro a nima mia et de fra di miu et de totu sus pa rentis.
Da ulli sa domu de Tortoilì cum serbus et a nkilla s, cum binia s
et domestia s cum sa ltu et a qua et semida s et duos ortus ta bis et
dua s ma sonis de ca pra s et una ma soni de porcus et funda -
mentu ca ntu a po ingelisoi terra s et binia s et serbus et a nkilla s
et inierzzu serbus et a nkilla s et binia s et terra s et omnia ca usa
ca ntu illoi a po, et issu ortu dessu kidru de turrele, et omnia
ca usa ca ntu a po in cura doria de Ba rba ria proisindi a pa t
sa ncta Ma ria , ka lla da u pro donnu Deu et pro a nima mia et
sia t in ma nu de piscobu. Et sunt testimonius donnigellu Turbi-
ni, donnigellu Zerkis pro logu sa lba dori. Et k’illa et-devertere
a pa t a na thema da ba Pa ter, da ba Filiu, da ba Spiritu Sa nctu».
Il brano si può tradurre così letteralmente: «Io, Giudice
Salusio de Lacon, con mia moglie donna Giorgia de Unali,
consento a mio zio donnicello Arzocco, di disporre del suo
come ritiene. Ed io, donnicello Arzocco, avendo ricevuto il
consenso del mio donno, il Giudice Salusio de Lacon, assie-
me a sua moglie, donna Giorgia e a sua madre donna Prezio-
sa de Lacon (che il Signore Iddio li conservi per molti e felici
anni) faccio questo scritto in merito a quanto posseggo in
Trigonia di Barbagia, al fine di donare le mie proprietà a San-
ta Maria di Lotzorai per l’amore di Dio e per la mia anima, e

122
Ca pitolo XII

per quella di mio fratello e di tutti i parenti. Dono la casa di


Tortolì, con i suoi servi e le serve, con le vigne e i fabbricati
annessi, con i boschi e l’acqua, le vie, i giardini e le api, due
greggi di capre e un branco di maiali e tutto quanto posseg-
go a Girasole: terre e vigne, servi e serve; e a Jerzu, servi e
serve, vigne e terre e qualsiasi cosa possieda e quel giardino
di limoni e tutto quanto ho nella curatoria di Barbagia, così
che entri in possesso di Santa Maria quale dono per il Signo-
re Iddio e per la mia anima; e tutto vada nelle mani del Ve-
scovo. Sono testimoni il donniccello Turbini e il donnicello
Zerkis. Chiunque tenti di modificare ciò, lo colpisca la sco-
munica del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo».44
In altri documenti si fanno irrilevanti riferimenti a diverse
località dell’Ogliastra, tuttavia, ad eccezione del castello di
Quirra, che sorse verso la fine del tredicesimo secolo e che
subì molti duri assedi durante le guerre di Aragona e d’Arbo-
rea dal 1324 al 1475, poche altre cose meritano particolare
nota, se non ricordarne i suoi legami tradizionali con i Giudi-
cati di Arborea e Cagliari.
Il documento surricordato induce, ovviamente, ad alcu-
ne considerazioni sulla lingua sarda che molto ha assimilato
dal latino antico più di altri dialetti d’Italia e, come il traman-
darsi delle usanze romane, costituisce una notevole caratteri-
stica dell’Isola.
I dialetti dei distretti settentrionale e meridionale, sebbene
appartenenti allo stesso ceppo linguistico, presentano diverse

44. Questa formula pia di benedizione si ritrova in documenti dello stes-


so genere in altri Paesi o periodi. Vedi, per esempio quella riportata da
Dugdale e William di Malmesbury in cui, nel documento della donazio-
ne dei privilegi concessi dal re Ina al monastero di Glastonbury, nel 725,
così recita la regale condanna per l’eventuale violazione della concessio-
ne: «Inoltre, che la maledizione di Dio Onnipotente, della sempre Vergi-
ne Maria, dei Santi Apostoli Pietro e Paolo e di tutti i Santi, ricada su
qualsiasi Vescovo non ottemperi, ecc.». E conclude con un anatema an-
cor più affettuoso «Chiunque, da qui in avanti, in qualsiasi frangente,
osasse modificare o annullare questo testamento della mia munificenza e
liberalità, sappia egli che, insieme col traditore Giuda, perirà nella dan-
nazione eterna, divorato dalle fiamme e da indicibili tormenti».

123
L’ISOLA DI SARDEGNA

differenze; la parlata del nord è il latino più puro e essenziale,


mentre quella del sud presenta una varietà di parole, di idioti-
smi che hanno derivazione punica, mentre i dialetti di Alghe-
ro, La Maddalena e San Pietro sono di origine catalana, corsa
e genovese. La lingua sarda ha attinto molto più dal romano,
dal napoletano e dal siciliano che non dal piemontese, dal
milanese o da altri dialetti dell’Italia settentrionale e, di conse-
guenza, risulta più armoniosa. L’italiano si usa nelle transazio-
ni ufficiali da parte dei ceti più alti e se uno straniero conosce
questa lingua, il latino e lo spagnolo, riesce facilmente a com-
prendere la lingua locale.
Poiché molte parole sarde, come a ithe (Oh! almeno fos-
se); oppure ga na (voglia, parola anche spagnola); ido, cioè
vedo; tera cu, il servo; thiu, lo zio, eccetera, si possono far ri-
salire a un’origine greca e si è ipotizzato che esse siano state
introdotte nella lingua da colonie greche, ma si sa così poco
della loro permanenza o incidenza nell’Isola che si possono,
con maggior probabilità, attribuire all’influsso romano poste-
riormente all’introduzione del greco in Italia.
Meritano rilievo alcune particolarità grammaticali. Nella
coniugazione dei verbi sardi, il presente e l’imperfetto sono
gli unici tempi semplici, mentre gli altri si formano con verbi
ausiliari. Il perfetto corrisponde al più che perfetto greco; il
futuro è composto dal verbo basilare e dall’ausiliare avere,
così, per esempio, ha pu a scriri, scriverò, si traduce letteral-
mente con “ho da scrivere”; una costruzione in qualche mo-
do analoga alla formazione, nelle lingue romanze, del tempo
verbale e ad un uso ormai desueto in italiano, spagnolo e
francese del futuro, in origine pa rla r-ho, ha bla r-he, pa rler-a i,
che diventa “parlerò”, ha bla ré “parlerai”. L’uso degli articoli
su, sa , sos e sa s, che precedono i sostantivi, è in parte simile a
el, la , lo della lingua romanza; i primi sono una derivazione
da ipse, gli altri da ille del latino.45 I sostantivi non sono decli-
nabili ma al singolare si verifica un’elisione delle consonanti

45. Vedi H. Hallam, Litera ture of Europe, cap. I, p. 17 e F. J. M. Ray-


nouard, Choix des poesies des Trouba dours, vol. VI.

124
Ca pitolo XII

finali s o m, come per esempio ma nu, bellu, per ma nus, bel-


lum, per quanto la s si conservi al plurale.
La c si trasforma costantemente in g e gh, come vigesimus,
pa ghe, pighe, lughe, deghe, anziché vicesimus, pa ce, pice, luce,
decem, sebbene il contrario si verifichi con ma cistra tus, puc-
na s, in luogo di ma gistra tus, pugna s ecc. La conversione di t
in d, per esempio, a ma da , muda , verida de, in luogo di a ma -
ta , muta , verita te, si verifica come per lo spagnolo; la v e la l
mutano in b e l (bidda per villa ); l’aggiunta dell’h aspirata, in
schire, chena , chorone in luogo di scire, cena , corona e. Molte
altre particolarità che si ritrovano in Ennio, Plauto, Pacuvio,
Cecilio, citate anche da Quintiliano,46 sono state ereditate e
fatte proprie dai Sardi con maggior purezza di altri popoli di
discendenza latina. Per ulteriori osservazioni, in particolare sui
documenti sardi dei secoli undicesimo e dodicesimo, si consi-
glia di vedere il Muratori.47 Non è indispensabile mettere in
evidenza la differenza fra il dialetto sardo e quello neo-latino,
ma le versioni che seguono del Padre Nostro, in quattro dia-
letti isolani, vengono proposte al lettore soltanto per esempli-
ficarne le particolarità:

DIALETTO LOGUDORESE
«Ba bbu nostru, qui sta s in sos chelos, sa nctifica du sia t su
nomen tou. Benza t a nois su regnu tou: fa cta sia t sa volunta -
de tua , comente in su chelu, a si in sa terra . Su pa ne nostru de
ogni die dona noslu hoê, et perdona nos sos pecca dos nostros,
comente nos a teros perdona mus sos inimigos nostros. Et nè los
la sses ruere in sa tenta tione, sinò libera nos de ma le. Amen ».

DIALETTO CAGLIARITANO
«Ba bbu nostru, qui ses in chelu, sia t sa nctifica du su nomi-
ni tuu. Bengia t a nos sa regna tua , sia t fa cta sa volonta di tua ,
comente in celu, et a ici in terra . Su pa ni nostru de ogni dì
da inos iddu hoi, et perdona nos is pecca dus nostus, comenti

46. Quintiliano, lib. I, capp. 4, 9 ss.


47. L. Muratori, Antiquita tes Ita lica e Medii Aevi, 32.

125
L’ISOLA DI SARDEGNA

nos a terus perdona us a is depidoris nostus; et nè nos la ssis a r-


ruiri in sa tenta tioni, sino libera nos de ma li. Amen ».
DIALETTO DEI DISTRETTI OCCIDENTALI
«Pa re nostru qui ista s in sos quelos, sia t sa nctifica du su
nomme teu; venga t a nois su regnu teu, fa sa se sa volunta t
tua a xi come ’n su quelu ga si in terra . Lo pa ’ nostru de do-
gnia die dà nos hoe; i dexia a nos a ltres sos depittos nostros,
comente nosa teros dexia m a ls deppetores nostros; i no nos in-
duesca s in sa tenta tio, ma livra nos de ma le. Amen ».
DIALETTO POPOLARE
«Ba bbu nostru sugha le ses in sos chelus, sa ntufia du su
nomme tuo; bengia d su rennu tuo; fa cia dsi sa volunta de tua ,
comente in chelo ga si in terra . Su pa ne nostru de ognie die
dà nos lu hoe; et la ssa a nos a teros is depidos nostrus ga si co-
mente nos a teros la ssa os a sos deppitores nostros; e non nos
portis in sa tenta ssione, imperò libera nos de su ma le. Amen ».

Dai dati statistici rilevati nel 1840, risulta che la popolazio-


ne dei vari paesi dell’Ogliastra ammontava a 27.159 abitanti
ma, in un censimento del 1698 figurano i nomi di molti paesi
che oggi non esistono più. L’intemperie, le incursioni pirate-
sche e la vendetta sono state le cause che hanno contribuito
alla loro scomparsa, sebbene non si abbiano riscontri precisi,
salvo che in pochi casi. Come, per esempio, quello di Ertili,
dove una cruenta vendetta coinvolse l’intera popolazione fin-
ché morirono tutti; così a Manurri, dove nel 1776, una lite sfo-
ciò in una carneficina generale che pose fine a un odio che
durava da molti anni. Era accaduto che una ragazza del villag-
gio, di nome Elena, eccezionalmente bella, fosse stata chiesta
in sposa da molti pretendenti. La sua indecisione sulla scelta
dell’uomo contribuì soltanto a far crescere la gelosia e l’ostilità
finché un giovane, deciso a conquistare l’oggetto dei suoi af-
fetti o a suscitare una guerra civile e la vendetta (sapendo che
se non fosse riuscito nel suo intento l’alternativa sarebbe stata
scontata), fermò la ragazza, circondata dai suoi amici, mentre
usciva dalla chiesa, in occasione di una festività, e la baciò

126
Ca pitolo XII

con prepotenza al cospetto dei paesani. Un autore sardo, nel


soffermarsi sulla moralità ed i costumi dell’Ogliastra ai tempi
in cui si verificò il fatto dice, riferendosi alle giovani donne:
«Le fanciulle si poteano impegnare in qualche consuetudine
senza timore dei parenti, e senza essere notate. Quindi non
poche quando andavano a ricevere la benedizione nuziale,
erano accompagnate da quattro o cinque figli».48
Tale ampliamento sconsiderato e inopportuno della cer-
chia familiare, si sarebbe potuto realizzare soltanto se a un
fratello affezionato non fosse capitato di trovarsi a pochi pas-
si dal luogo dell’affronto, pronto a mettere a repentaglio la
vita, o se a un padre non fosse venuto in mente di individua-
re un caso di servitium a misit da affidare agli avvocati; ma
l’oltraggioso e scellerato crimine commesso contro il cielo e
l’umanità, come il furto di un bacio in pubblico, poteva esse-
re riparato soltanto con una guerra a l cuchillo, e cioè con la
guerra all’ultimo sangue. Il criminale, dopo aver commesso
l’atto fatidico, subito uscì di scena, mentre la poveretta tornò
a casa con gli amici i quali, non meno di lei, erano consape-
voli che l’insulto e l’oltraggio imponevano una vendetta im-
mediata. Capeggiati dai genitori della giovane, si armarono di
tutto punto e, al primo scontro, rimasero uccisi in venti e nu-
merosi furono i feriti; a quel punto tutto il paese decise di
scendere in campo. Al pari di un’altra Elena, la fanciulla «in-
cendiò un’altra Troia» ma, a differenza del suo prototipo, mo-
rì di dolore fra le braccia della madre nell’apprendere che
suo padre, i fratelli e tutti i parenti maschi erano caduti nei
vari scontri. Questa contesa mortale si protrasse fin quando i
pochi sopravvissuti decisero di abbandonare il villaggio per
sfuggire ad altre vendette ed all’angoscia della solitudine:

Occidit una domus; sed non domus una perire


Digna fuit. Qua terra pa tet fera regna t Erinnys.
In fa cinus jura sse putes. Dent ocyus omnes,
Qua s meruêre pa ti, sic sta t sententia , poena s.
Ovidio, Meta morfosi, lib. I, v. 240

48. In italiano nel testo (N.d.T.).

127
L’ISOLA DI SARDEGNA

Esistono, inoltre, diversi altri esempi di paesi rimasti spo-


polati per cause ugualmente irrilevanti. In passato le rapine
erano molto frequenti, in particolare nel distretto del Sarra-
bus e Urzulei, al punto che uno straniero non si arrischiava
ad avventurarsi in quella zona, e la media annua degli omici-
di si aggirava sui 200 ma, nei dodici anni fra il 1818 e il 1830,
al Governo risultò che se ne erano verificati soltanto fra i 100
e i 200. Attualmente, secondo statistiche ufficiali, si contano
180 fuorusciti nella zona di Urzulei ma, in realtà, il vero nu-
mero è noto soltanto ai loro familiari, ma si è calcolato che
essi siano almeno il doppio. Trovandosi in una condizione di
isolamento, gli Ogliastrini hanno scarsi rapporti col resto del-
l’Isola e raramente hanno contatti con forestieri, salvo che
con quelli che commerciano nei paesi delle loro coste che
rappresentano l’“ultima Thule” della civiltà italiana, per cui
vanno troppo lentamente affrancandosi dalle abitudini e dalla
mentalità del passato. Essendo stata continuamente sottopo-
sta alle incursioni piratesche, la popolazione litoranea ha ac-
quisito la stessa propensione a depredare coloro che vi giun-
gono per vendere le loro mercanzie. Il capitano Smyth fa
riferimento a questo fenomeno e diversi fatti anche occorsi di
recente, dimostrano che, tuttora, gli Ogliastrini conservano la
tendenza al tradimento e all’inospitalità.
I montanari, usi ad un’esistenza nomade e selvaggia, fi-
no a tempi recenti, avevano un’idea ancor più approssimati-
va del diritto di proprietà e le mogli erano gli aiutanti e i
complici dei mariti nell’esecuzione dei crimini, avendo im-
parato fin dalla giovinezza ad ammirare il valore nella ven-
detta e l’abilità nel furto, requisiti fondamentali di un amante
o di un marito. Fucile e coltello erano i suoi soli arnesi e,
coperto da una specie di maschera o domino, egli andava in
giro per arraffare senza fatica tutto quel che voleva, anche a
spese della vita del suo avversario, dettagli che gli erano del
tutto indifferenti. Importava poco la qualità del cibo; la car-
ne d’asino o di cavallo era il pasto consueto ed era conside-
rato un lusso mangiare il puledro del quale la cavalla si era
appena sgravata.

128
Ca pitolo XII

I pastori, coi lunghi capelli unti e luccicanti di lardo, usa-


vano non lavarsi mai se non in occasione del ritorno a casa
per una festa e se non potevano fare le abluzioni nei ruscelli
da loro prediletti, immergevano mani e faccia nell’acquasanta
della chiesa del paese e, dopo averla profanata col loro lor-
dume, solevano berla pensando che avrebbe giovato alla pu-
lizia dell’anima e del corpo. Anche la sporcizia doveva essere
ben stratificata perché, secondo le loro idee superstiziose, la-
sciare il viso e gli abiti sporchi aveva il potere di far ingrassa-
re il bestiame. Per fortuna, queste abitudini sono scomparse
in molti paesi del distretto ed il Governo sardo, per quanto
abbia agito incautamente ed illogicamente nell’adozione di
certi provvedimenti, ha reso la popolazione più civile negli
ultimi dodici anni più di quanto sia stato fatto nel corso della
dominazione aragonese. Per la verità, le leggi favoriscono il
moltiplicarsi delle cause legali e suscitano nuove aspirazioni.
A questo fine, circa un centinaio di avvocati prestano la loro
importante opera nel distretto e, in forza di un decreto del 27
luglio 1838, è stato istituito il tribunale di Lanusei composto
da un presidente, tre giudici a la tere, un avvocato generale,
un procuratore generale con i suoi subalterni, un “avvocato
dei poveri” con un procuratore e un segretario.
Gli emolumenti complessivi annui da dividersi fra questa
onorevole e dotta società sono di 8300 lire nuove (circa 332
sterline), ma è evidente che la pace e la giustizia non posso-
no essere garantite ad un simile costo, più di quanto non pos-
sano la religione e l’amore da parte del clero, che è ugual-
mente malpagato e il cui numero complessivo, compresi i
frati e tutti gli altri, è di oltre 210 religiosi, ossia di 1 ogni 134
persone.
Al servizio sanitario provvedono cinque medici, due chi-
rurghi e trentatré flebotomi, per quanto, in cinque paesi, di
questi ultimi non se ne trovi traccia; in quattordici centri non
esiste un ostetrico né una levatrice, e si dice che gli sforzi di
questi quaranta figli illegittimi di Esculapio, siano felicemente
riusciti a mandare all’altro mondo quelli che, probabilmente, la
natura intendeva ancora mantenere in questo, per cui risulta

129
L’ISOLA DI SARDEGNA

difficile sapere quale delle tre professioni abbia fatto meno


danni alle anime e ai corpi di 27.159 persone, in balia della lo-
ro rispettiva negligenza e ignoranza.
In ventiquattro paesi sono state istituite le scuole elemen-
tari, ma senza molto successo, in quanto frequentate soltanto
da 280 alunni ma, inclusi questi, le persone istruite non arri-
vano a 900. Poiché non più di ottanta scolari vanno oltre i
comuni rudimenti del sapere, se ne deduce che, in tutta la
popolazione del distretto, circa una persona su quarantacin-
que sia in grado di leggere e scrivere. Proporzionalmente alla
loro ignoranza, tutti i ceti sociali non disdegnano di parteci-
pare in ugual misura alle feste, delle quali la più famosa è
quella di San Priamo, ma io non fui in grado di appurare la
ragione della sua apoteosi ed esaltazione fino alle sfere più
alte della gloria dell’Ogliastra. La chiesa dedicata al Santo sor-
ge su un fianco della ripida montagna di granito, poche mi-
glia a sud del Sarrabus, dalla quale si domina un ampio pa-
norama e ben si presta alla celebrazione dei festeggiamenti.
Una leggera infiltrazione d’acqua attraverso le fenditure della
roccia, che va a depositarsi in un piccolo serbatoio, ha dato
origine alla credenza popolare secondo la quale, l’acqua in
questione non faccia la sua comparsa se non per la festa del
Santo, giorno nel quale, come per San Gennaro a Napoli,
sgorga e si vede in quantità miracolosa. Il mattino che prece-
de la grande ricorrenza, gli Ogliastrini convengono da tutte
le parti per costruirsi una capanna di rami e frasche, così che
la serata si trascorre nel far visita ai vicini e nell’organizzare i
preparativi per la festa. La mattina successiva la statua lignea
di San Priamo, che reca un ramo di palma d’argento, viene
trasportata su un carro ornato di un baldacchino e di altri
fronzoli, seguito da una folla di devoti e di penitenti a piedi
nudi. Di sera, le reliquie del Santo vengono portate in giro
dai sacerdoti, dai militari e da altre autorità. La parte più co-
spicua della processione è costituita dai monaci e dalla mili-
zia con i rispettivi gonfaloni, poi segue il popolo. Una volta
che i sacri resti sono stati sistemati in chiesa, la serata trascor-
re nei divertimenti: il ballo tondo, la musica delle zampogne,

130
Ca pitolo XII

dei pifferi, dei tamburini, e gli improvisatori, ognuno dei


quali ha i suoi devoti, numerosi e schietti come quelli di San
Priamo. Più tardi, nelle tende di frasche illuminate da flebili
luci, si continua fino all’alba con i canti, i festini, i balli, con
fucilate a salve, fuochi d’artificio ed ogni sorta di spasso, e se
non si è troppo stanchi dopo questa allegra vigilia, si va in
chiesa per la recita del mattutino.
La messa di mezzogiorno costituisce il raduno generale,
quindi si forma la processione alla quale partecipano, in se-
gno di particolare devozione, anche i buoi che hanno traina-
to il carro col simulacro ed il cavallo che ha trasportato le re-
liquie; gli animali sono abbigliati con nastri colorati. A questo
punto, si reputa che la statua del Santo sia troppo sacra per
poter essere trasportata da quadrupedi, e perciò viene portata
a spalle da quattro villici fra i più devoti, mentre le reliquie le
tiene sul petto un sacerdote all’uopo incaricato, circondato e
protetto dai preti e dai soldati, i quali vengono incoraggiati a
compiere quest’atto di valore dalla musica della banda degli
zampognatori. Tutti i partecipanti si uniscono al canto dei go-
sus, gli inni in lode di San Priamo, che si protraggono finché
si giunge in chiesa. A questo punto il Santo venerato e il bal-
lo tondo si amalgamano in un baccano generale; il bacio del-
la palma d’argento del Santo e il bacio di quella bianca porta-
ta dalle damigelle sono in egual misura segni di devozione; il
digiuno cede il passo alla festa e queste devote e gradevoli
occupazioni culminano in un pranzo generale. Il pomeriggio
trascorre fra le corse equestri ed altri diversivi, come ad
esempio correre a cavallo e recidere, con le “sciabole” o col-
tellacci, il collo di un pollo, appeso ad una cordicella e, dopo
aver replicato il banchetto della sera precedente, la mattina
dopo ognuno fa ritorno ai propri paesi.
I costumi ogliastrini, molti dei quali ebbi occasione di
vedere alla festa di Fonni, sono, sotto molti aspetti, simili a
quelli della Barbagia. Le vedove, tuttavia, portano una larga
benda scura attorno al capo come fosse un turbante, con le
estremità che ricadono ampie sulle spalle. Un fazzoletto ros-
so, leggermente posato sulla testa, pende sulle spalle con un

131
L’ISOLA DI SARDEGNA

nastro ricamato stretto e bianco, e si chiama bittula , indossato


sotto il copricapo per trattenere i capelli secondo la moda ro-
mana: «Vitta coercuera t neglectos a lba ca pillos».49 Su un cor-
petto cortissimo di seta, di colori sgargianti e ricamato, allac-
ciato appena e così corto che a malapena sostiene il seno, si
indossa una smilza giacchetta di velluto nero aperta sul davan-
ti. Le donne barbaricine non portano il busto e la camicia po-
co serve ad abbigliare o a nascondere; di conseguenza, il pet-
to rimane esageratamente scoperto. La sottana, di stoffa color
marron tenue, è molto larga e, fra questa e il bustino, c’è uno
spazio neutro da cui sporge la camicia, che proprio non con-
tribuisce a migliorare il decoro e la finezza di tutto l’abito.
È probabile che questo costume, anche con minori occul-
tamenti, sia stato indossato per diversi secoli, dal momento
che Dante fa cenno all’abbigliamento delle donne di Barbagia
in termini dai quali si arguisce che, allora, era assai meno de-
coroso di quello attuale. Nel Purga torio (canto XXIII, v. 94),
Forese, nel biasimare l’abito impudico delle donne di Firenze
dove, alla sua morte lasciò la sua Nella, così dice:

Che la Ba rba gia di Sa rdegna a ssa i


Nelle femmine sue è più pudica
Che la Ba rba gia dov’io la la scia i

e ciò si spiega in parte con l’osservazione seguente (v. 101):

Alle sfa ccia te donne fiorentine


L’a nda r mostra ndo colle poppe il petto.

Fra le note illustrative di Lombardi, Landino ed altri, figu-


rano le frasi seguenti:
«In insula Sa rdinia est monta na a lta qua e dicitur “La
Ba rba gia ” et qua ndo Ja nuenses retra xerunt dicta m insula m
de ma nibus infidelium, numqua m potuerunt retra here dic-
ta m monta na m, in qua ha bita t gens ba rba ra et sine civilita te,

49. Ovidio, Meta morfosi, lib. II, v. 413.

132
Ca pitolo XII

et foemina e sua e va dunt induta e subtili “pirgola to”; ita quod


omnia membra ostendunt inoneste. Na m est ibi ma gnus ca lor;
et nota t Florentia m ba rba gia m similitudina rie quia va dunt il-
la e domina e scolla ta e, et ostendunt», ecc.
Che a quel tempo questo costume fosse diffuso nel conti-
nente si può desumere dal commento di Lana50 su questo
passo di Dante. Egli afferma: «Or questa Barbagia nell’età pre-
sente è seminata per ogni luogo. In Francia ed anche nel Pie-
monte le donne portano le mammelle aperte. In Alamagna
nel Ducato di Gheller ed in altri luoghi entrano donne ignude
ne’ bagni ed in letto con uomini a loro non pertinenti. Per le
cittadi, e terre d’Italia come si facciano, e reggano le donne,
Dio lo sa, e ancora gli uomini del mondo; e certo a chi ben
considera li costumi della terra sua non converrà per fare tal
comparazione andare cercando né Barbagia né altro luogo,
ma potrà dire con Marziale “In media Tibure Sa rdinia est”».51
Per quanto possano essere vere le affermazioni del poeta
e dei suoi chiosatori circa gli usi e i costumi della Sardegna e
di altre regioni italiane nel tredicesimo e quattordicesimo se-
colo, esse non corrispondono, tuttavia, ai tempi nostri. L’abito
“pirgolato”, comunque fosse fatto, è oggi sconosciuto sotto
questo nome, né si trova cenno, scritto o orale, di cosa fosse,
tuttavia, esiste non soltanto in Barbagia ma anche in altre parti
dell’Isola, una tradizione che convalida quanto sopra descritto.
I Sardi dormono quasi sempre ignudi, sposati e scapoli, e
non si bada a quanti si sia in un letto, padre, madre e figli,
tutti in stato di completa nudità, e questa è un’usanza che di-
verse volte ho potuto constatare di persona.
Le voci sulla moralità delle donne al giorno d’oggi sono
contrastanti, ma non c’è dubbio che molte vivano in uno stato
di concubinato finché non riescono a sposarsi. Di questa loro
situazione poco si viene a sapere se non quando vengono ab-
bandonate dagli amanti, quando i parenti non soltanto scate-
nano la vendetta contro l’uomo, ma giudicano la stessa vittima

50. Jacopo della Lana, Venezia, 1477 (N.d.T.).


51. In italiano nel testo (N.d.T.).

133
L’ISOLA DI SARDEGNA

una persona abietta. Di norma, gli uomini, anche quando non


hanno ragione di esserlo, sono estremamente gelosi, nono-
stante le amanti o le mogli raramente siano infedeli.
Sono molto frequenti i matrimoni e i fidanzamenti preco-
ci, sebbene il clero si sia lodevolmente adoperato per contra-
stare questa sconveniente abitudine. Ragazze molto al di sot-
to dell’età da marito si fidanzano non soltanto con coetanei,
ma può capitare che un uomo di venti o trent’anni metta su
casa, adotti ed educhi la bambina che diventerà la propria
moglie. E ciò avviene, come osserva uno scrittore sardo, non
soltanto per rinsaldare i vincoli di parentela, o la pace che fra
due famiglie si è ristabilita dopo una vendetta, «ma anche per
ragioni meno rispettabili».

Dall’Ogliastra si può ora far ritorno in Barbagia passan-


do velocemente da Aritzo a Macomer, dal momento che so-
no poche le cose degne d’interesse. Gli abitanti di Gadoni
considerano un portento una massa rocciosa che si chiama
Larulentulu, alta circa 140 piedi che, per la forma, pare una
torre naturale. Fra le molte grotte stalattitiche della roccia
calcarea si annoverano le Gruttas Albas, alte all’interno circa
230 piedi e che, secondo quanto si dice – perché io non le
ho viste – sono molto profonde e ricche di stalattiti e stalag-
miti. L’ambiente, simile a quello che si trova oltre Meana, è
ricco di boschi e, poiché il Governo ha convinto alcuni pro-
prietari ad innestare gli olivastri, sono stati effettuati con suc-
cesso circa 4000 interventi.
Il copricapo delle donne di Meana e Atzara consiste di
una banda colorata, detta su tia zzolu, lunga circa sette piedi e
larga sei pollici, che si torce sulla testa e sotto il mento ed è
fissata con una spilla o con un fiocco a lato del capo. Le estre-
mità, che solitamente sono ricamate, pendono molto leggia-
dramente.
Mi spiace veramente di non aver potuto visitare i due nu-
raghi del distretto, che hanno nome Norza ed Ere e, come poi
venni a sapere, le pietre della loro costruzione sono connesse
con una sorta di argilla cementizia ed i nuraghi presentano un

134
Ca pitolo XII

ingresso triangolare; il La Marmora, o altri antichi scrittori, non


confermano, però, questi dettagli.
A Sorgono, Austis, Tiana, Ovodda e Lodine, il viaggiatore
potrà trovare conferma del concetto di Cowper, con una non
trascurabile modifica del suo assunto, secondo il quale: «Dio
creò la terra e l’uomo creò il villaggio», perché questi villaggi
sono la quintessenza dello squallore quale mai si possa im-
maginare o trovarne l’uguale. Lo straniero non può fare a
meno di chiedersi come sia possibile che l’uomo possa total-
mente ignorare i vantaggi che la mano dell’Onnipotente ha
invano profuso attorno a lui, dandogli le infinite ricchezze
della natura circostante. Avevo inutilmente sperato, allonta-
nandomi dai distretti selvaggi montuosi, di trovare migliori
condizioni di vita sociale, ma Gavoi, che fa parte della prefet-
tura di Nuoro, non era assolutamente da meno, quanto a mi-
seria, agli altri paesi.
Nell’accingermi ad attraversare il fiume Gusana, il paesag-
gio della piccola valle, dell’acqua gorgogliante, le colline so-
vrastanti, riportavano alla mente la Foresta Nera e tutto sem-
brava emanare una serenità campestre, benessere e pulizia,
ma dopo mezz’ora di cammino in una ripida salita giunsi al
centro dello squallido paese. Su una popolazione di 1450 abi-
tanti a Gavoi frequentano la scuola non più di quattro bambi-
ni e, sulla base di quanto riferitomi da persona affidabile, sa-
pevano leggere soltanto venti persone. In compenso c’erano
quattro chiese in centro e una fuori le mura con preti, ovvia-
mente, in proporzione. La maggior parte degli uomini eserci-
tava il mestiere dei cillona ri, ossia si occupava di comprare e
vendere in giro, in tutti i paesi dell’Isola, i cilloni, cioè copri-
letto di lana grezza di vari colori, ed altre mercanzie dello
stesso genere, tipo il sa ccu de coberri, un indumento di stoffa
nera ordinaria, lungo circa sette piedi e tre quarti, largo circa
quattro, col quale ci si copre le spalle quando è umido o fa
freddo. Vendono, inoltre, il “canovaccio”, un asciugamano di
stoffa grezza, il “cappio scorsoio”, o soga , una sorta di cin-
ghia o cordicella che si porta sulle spalle per trasportare degli
oggetti; la “bersaccia”, o bisaccia da sella, l’orbace e il foresi,

135
L’ISOLA DI SARDEGNA

ovvero tappeti d’uso comune e stoffe, tutti confezionati nei


paesi della Barbagia. In quel distretto, nel 1833, erano in atti-
vità 4134 telai ed in Ogliastra 6462; nel paesello di Meana ce
ne sono 250. Ma se tutti questi potessero anche sembrare mol-
ti, ci si può fare un’idea delle Bradford e Leeds52 della Sarde-
gna, considerando che il valore complessivo della produzione,
compreso quanto destinato alle esigenze locali, non supera i
13.000 scudi (circa 2496 sterline). L’arretratezza dei telai è pari
al tipo di prodotto tessuto; la grande disparità del numero dei
fili nelle trame e nell’ordito ricorda uno degli esemplari tuttora
esistenti della tessitura dell’antico Egitto, e sembra sia fatto
senza alcun criterio, in quanto, in un pollice di tessuto pettina-
to di un copriletto grezzo da essi prodotto, c’erano sedici fili
nell’ordito e undici nella trama. Questo può giustificare la
qualità del prodotto e dimostra che esso è molto diverso dagli
articoli di lusso che si producevano ai tempi di Varrone il qua-
le, secondo Nonio Marcellino,53 afferma:54 «In omnibus rebus
bonis quotidia nis, cubo in Sa rdinia nis ta petibus», «Fra tutte le
cose buone d’ogni giorno, giaccio su tappeti sardi».
I Gavoesi, che non hanno voglia di lavorare in casa, van-
no in giro nei paesi per vendere al dettaglio questa merce di
scarso valore e gran parte del guadagno lo spendono in viag-
gio e in fiaschi di vino quando tornano a casa; una vita squal-
lida e sregolata che raramente consente loro di arrivare ai ses-
sant’anni d’età.
Ollolai e Olzai sono dello stesso stampo di Gavoi ed il
viaggiatore può deviare risparmiandosi la visita, con la certez-
za che a farlo ci guadagna, a meno che non si faccia tentare
da un bel bicchiere di quel cristallo liquido che sgorga dalla
fonte del Guppunnio e brindare, così, alla salute di questa
Aretusa55 del distretto.

52. Due città della Gran Bretagna famose per le industrie tessili (N.d.T.).
53. Marcellino, De Genere Vestimentorum, p. 567, “Tapete”.
54. Varrone; Hercule Sa cra tico.
55. Gli antichi diedero una natura divina ai fiumi e alle fonti più note,
che immaginavano protetti da ninfe. Aretusa fu una fanciulla che per
andare in sposa ad Alfeo, figlio di Oceano, si trasformò in una fonte nel
porto di Siracusa (N.d.T.).

136
Ca pitolo XII

Ollolai, una volta la metropoli della zona, si divise in


due fazioni nel 1470; ne scaturì un conflitto così aspro che
ne rimase vittima la maggior parte degli abitanti e nel 1590
un incendio bruciò i tre quarti della città, e da allora non è
mai risorta dalle ceneri ed è gradualmente caduta nell’attuale
insignificanza.
Nel corso del mio precedente girovagare, mi parve che
Nule fosse il massimo dello squallore che mi fosse capitato di
vedere, mentre nulla esiste di esagerato rispetto alla barbarie
di Sarule che, sotto questo punto di vista, merita di farci una
capatina. Vi giunsi di mattina presto quando gruppi di bam-
bini mezzo nudi, se non del tutto nudi, con gli adulti in con-
dizioni di poco differenti, uscivano da casa con cani e maiali,
dopo la sveglia generale del contingente di bipedi e quadru-
pedi di ogni domu dessu fogu. Se si riuscisse ad immaginare
Pompei senza il romanticismo classico, riportata in vita pren-
dendo in prestito per alcune ore esseri viventi, al fine di dare
un tocco di vita alle sue fredde mura vuote, ci si potrebbe fa-
re una pallida idea delle strade di Sarule al fare dell’alba.
Aggirandomi in queste strade, il mio scopo principale
era quello di individuare il sito dell’altare di Logula, che si
trova nelle vicinanze, e non oso dire a quante persone mi ri-
volsi per avere informazioni ma, sebbene pochi ne avessero
sentito parlare, nessuno seppe dirmi in quale punto esatto si
trovasse. Forse per le mie eccessive domande, o per il fatto
raro di vedere un viaggiatore che si fermi da loro, tutto il
paese entrò in fibrillazione e la curiosità li spinse ad avvici-
narsi. Dal momento che, per caso, capitò che avessi un libro
fra le mani, decisero che dovessi essere un dottore perché
sapevo leggere, anzi, un dottore di vaglia della Terraferma
che se ne andava in giro a cercare tesori, dal momento che
il mio libro non poteva che contenerne la storia.
Dover dare venti risposte ad un’unica domanda sarebbe
stata una prova di bravura e di pazienza, se non fosse stato
per l’assurdità e l’originalità delle domande stesse, che com-
pensavano la perdita di tempo. Rendendomi conto che tutte
le mie richieste erano assolutamente inutili, per quanto aves-
si loro mostrato lo schizzo dell’altare fatto dal La Marmora, e

137
L’ISOLA DI SARDEGNA

che il mio cavallante aveva loro illustrato, mi preparavo a la-


sciare questo buco di miseria e ignoranza quando uno mi si
presentò affannato per dirmi che sapeva di una tomba dei gi-
ganti situata nelle vicinanze e che, giacché venivo dalla Ter-
raferma, ed ero un dottore, me l’avrebbe mostrata aggiun-
gendo, allo stesso tempo, che era ammalato e sperava che io
potessi curarlo. Essendo assai improbabile che mi si chiedes-
se di esibire la mia laurea in medicina, non affermai né negai
di aver questo nuovo titolo e, médecin ma lgré moi, lo feci
salire sul cavallo dietro di me e partimmo.
Temendo, per l’esperienza fatta in materia, che facesse
una gran confusione fra nuraghi, perda s longa s, perda s fitta s
e tombe di giganti, gli ficcai bene in testa che l’unico obietti-
vo della mia ricerca era l’altare di Logula, ma la risposta mar-
tellante era: «Sì, qualunque sia la “sepoltura” o comunque
Vossignoria voglia chiamarla, io so dove si trova e so che vi è
sepolto un gigante, ma (proseguì schiarendosi la voce e dan-
do inizio ad un discorso dal quale ci si sarebbe aspettata una
disquisizione archeologica sull’altare), che devo fare, Vossi-
gnoria, per il dolore che sento al fianco?».
Rassicurandolo che non gli sarebbero mancati i miei con-
sigli per i suoi mali se avesse trovato il posto, e non altrimenti,
soggiunse: «Sì, Santi Numi! Vi mostrerò un altare o qualsiasi
cosa vi piaccia, ma che devo fare per la febbre?». Quel «tutto
che vuol Vossignoria» mi fece temere che mi stesse conducen-
do al luogo sbagliato, e ci accordammo sul fatto che avremmo
parlato della febbre soltanto dopo che fossimo giunti a desti-
nazione. Parve darmi retta. «Sì, Vossignoria, ho visto la sepol-
tura e conosco l’altare – gente meravigliosa gli antichi giganti
– ma che debbo fare per il dolore alla gamba sinistra?». «Vedia-
mo l’altare», fu la mia prescrizione ma tornò alla carica, «pietre
enormi, Vossignoria, là alla tomba; devono averle sistemate i
giganti – meravigliose – ma, Vossignoria, mia moglie ha soffer-
to di mal di capo per due settimane e mia figlia non ha appe-
tito; che può fare per loro Vossignoria?». «Repeta tur ha ustus»,
pensai; «vediamo l’altare», fu la prescrizione numero 2. Per
un’ora intera cercammo di farci entrare in testa a vicenda quel

138
Ca pitolo XII

che a ciascuno di noi interessava, tentando di trarne uno


sprazzo di luce su quanto cercavamo, senza negargli l’aiuto
della mia arte medica dalla quale sembrava dipendere la sua
scienza topografica; le mie prescrizioni ed il mio onorario an-
davano in cambio della scoperta dell’altare.
Dopo aver girovagato per colline e per valli, lasciammo
il sentiero per addentrarci in un terreno incolto, punteggiato
di olivastri, peri ed altre piante e fra essi si trovava l’altare, a
un’ora e tre quarti di distanza, in direzione ovest-nord-ovest
da Sarule.
In questa interessante tomba di giganti, la fossa o tomba è
lunga trentacinque piedi, profonda due piedi e dieci pollici e,
all’interno, larga tre piedi e quattro pollici. I lati sono delineati
da grandi massi di granito isolati senza il lastrone sovrastante,
così come si verifica in altri sepolcri, ma nel retro della stele o
lastra tombale vi sono dei massi che bloccano la tomba per
circa otto piedi e che, molto probabilmente, furono usati co-
me copertura. La stele, che pende leggermente verso sud-est,
ha una larghezza alla base di sei piedi e sei pollici, e di sei
piedi e tre pollici nella parte superiore, alta sei piedi e due
pollici ed è grossa un piede e tre pollici, con un bordo spor-
gente di circa un pollice; non presenta apertura od ingresso
alla base. Sul terreno si trova una pietra di forma ellittica, cin-
que piedi e due pollici d’altezza, che evidentemente stava in
cima e formava parte della stele con la quale corrisponde per
larghezza e spessore e si presenta di forma quasi analoga a
quelle delle altre tombe di giganti. La sagoma a falce di luna,
composta di pietre singole delle quali la stele costituisce il
centro, ha un diametro di circa ventidue piedi. Un venerabile
albero antico consacra il monumento e nelle vicinanze si tro-
vano i resti di un’altra tomba ma talmente in sfacelo che non
valeva la pena di rilevarne le misurazioni.
Qualunque possa essere stato nel passato l’uso origina-
rio e gli scopi di quest’altare, vi fu sacrificato ed arrostito un
agnello per la mia colazione; dopo che il mio cicerone mala-
ticcio ne ebbe mangiato alcuni bocconi, se ne tornò in gran
fretta a Sarule, facendomi capire – assieme alle benedizioni

139
L’ISOLA DI SARDEGNA

dell’addio – che ero persona molto saggia per avergli dato


delle pillole, ma che ero un grandissimo sciocco a prendermi
tanto fastidio per misurare un mucchio di vecchie pietre. Il
vuoto della sua assenza venne colmato durante il pasto da un
altro commensale, un pastore, il quale andava col suo gregge
e che, dopo avermi raccontato una serie di storie di banditi e
malviventi dei dintorni, dopo avermi posto una serie di do-
mande sull’esistenza di altari in Terraferma e avermi chiesto
se da noi vivono i giga ntes, rimase molto risentito quando de-
clinai l’invito a trascorre nel suo ovile il resto della giornata.
Il suo orgoglio ferito non si placò neanche dopo i reite-
rati ringraziamenti per la sua offerta di ospitalità (forse pen-
sava che non accettassi per superbia) e si mostrò formalista
quanto all’etichetta, come se si fosse trattato di restituire una
visita a Londra o a Parigi.
Attraverso macchie di lentischio, imbiancate dal candore
della rosa selvatica in grande profusione, si discende verso la
valle del Tirso e il piccolo paese di Ottana, una volta città di
notevole importanza e sede della diocesi che, verso il 1493,
fu trasferita ad Alghero da papa Alessandro VI. Si scorgono
appena, nel mezzo di un campo di grano nei pressi del vil-
laggio, i ruderi della cattedrale ma la chiesa attuale, che anti-
camente apparteneva al monastero dei Benedettini, è un pic-
colo ma elegante esempio di architettura pisana e, sotto molti
versi, simile a quelle di Bisarcio e Ardara. Non ha, però, na-
vate e le alte pareti nude, prive di finestre, hanno un aspetto
tenebroso in quanto la luce è appena sufficiente a illuminare
i vecchi banchi di pietra, i grandi sedili presso l’altare e il cu-
rioso pulpito, anch’esso in pietra.
Era appena terminata la messa solenne, ed essendo festa,
la gente sfoggiava abiti multicolori: era uno spettacolo piacevo-
le e tonificante dopo i cenci sbrindellati e sporchi dei Sarulesi.
Giungendo a casa del prete, vidi che vi si erano trasferiti una
ventina di uomini per rinfrescarsi con un bicchiere di vino, do-
po essersi esibiti in coro nel canto delle litanie e degli inni.
Noragugume e Dualchi hanno poco di interessante da ve-
dere salvo il contrasto, spesso ricordato, fra la pietra vulcanica

140
Ca pitolo XII

scura e i terreni cintati di fichi d’India rallegrati dai colori vivaci


dei mandorli, dei meli e dei melograni. Gli abitanti di Noragu-
gume celebravano la festa della Madonna d’Itria. Mentre alcuni
fedeli si trascinavano ginocchioni in chiesa da una distanza di
150 iarde, recitando il debito numero di Ave Ma ria e Pa ter No-
ster, senza alzarsi in piedi, se non dopo aver raggiunto l’altare
ed aver baciato i piedi della statua ingioiellata, altri, invece, si
dedicavano con grande entusiasmo al ballo tondo. Su una pic-
cola altura vulcanica nei pressi di Dualchi, si verifica spesso
una densa evaporazione caldissima che parrebbe fumo e, poi-
ché non ha odore sgradevole, in inverno i pastori ci si riscal-
dano senza subirne conseguenze malefiche.
I nuraghi del distretto che meritano un sopralluogo sono
quelli di Cuddaris, Biriola, Barile, Piddeo, Cubas e Uana; vici-
no a quello di Baldulaza ci sono tre tombe di giganti ed altre
due accanto al Nuraghe ’e ponte. Perda s’Altare, una delle
tombe più belle, è caratteristica per lo spessore dei lati della
fossa; la lunghezza esterna complessiva è di cinquantasette
piedi e la larghezza di ventun piedi e cinque pollici, per
quanto la lunghezza dell’attuale tomba sia soltanto di trenta-
nove piedi e sette pollici e la larghezza di nove piedi e due
pollici. La semiluna, formata da una fila doppia di pietre di-
stinte, ha il diametro di cinquantasette piedi.
La stele è suddivisa in tre parti; la più grande ha un’altezza
di sei piedi e tre pollici, lunga sette piedi e undici pollici e gros-
sa un piede ed undici pollici, con un bordo rialzato di due pol-
lici e mezzo, un’apertura alla base alta un piede e nove pollici,
larga un piede ed otto pollici: la seconda parte è alta cinque
piedi e nove pollici, lunga tre piedi e quattro pollici e spessa
un piede e undici pollici, mentre la terza non esiste più. Le pie-
tre che ricoprono la tomba sono molto grandi tanto che una
misura in lunghezza dieci piedi e tre pollici, per sette piedi e
due pollici di larghezza, ed un piede e otto pollici di spessore.
Dalla Perda s’Altare feci ritorno a Macomer, e l’escursio-
ne si può concludere col racconto di un fatto che si dice sia
realmente accaduto verso la fine dello scorso secolo, e che
bene illustra le osservazioni generali fatte sul carattere e le

141
L’ISOLA DI SARDEGNA

abitudini della gente di montagna di cui si è parlato in prece-


denza. Di certo i fronzoli e le esagerazioni che probabilmen-
te si sono aggiunti nel tempo e nel suo tramandarsi, l’hanno
trasformato da una storia vera in un romanzo inverosimile.
Nel citare i nomi di Esterzili e Tertenia, è necessario ri-
cordare che non esiste certezza che la storia si sia svolta in
quei paesi ma, essendosi dimenticati le vere località nelle
quali ebbe luogo, i due paesi vengono chiamati in causa per
convenienza, così pure per quanto riguarda i nomi degli at-
tori del piccolo dramma.
Un pastore, che aveva messo su una discreta fortuna ed
era andato a vivere ad Esterzili, aveva un figlio, Martino, e
due figlie, Donata e Baingia, che erano state allevate con tan-
ta cura ed istruzione quanto una tenera madre ed il curato di
paese potevano dedicargliene. Sebbene il temperamento ar-
dente e appassionato della maggiore, Donata, fosse spesso e
inconsciamente smorzato dalla quieta tranquillità e gentilezza
di Baingia, la differenza di carattere non aveva turbato l’amo-
re reciproco di sorelle. Raggiunta la pienezza della gioventù,
le Minna e Brenda sarde56 diventarono oggetto dell’ammira-
zione di tutti, non tanto per la diversità del carattere quanto
per il fascino personale di cui la natura le aveva dotate. Ogni
giorno sembrava aggiungere un tocco ulteriore di leggiadria,
ma prima che potesse sorgere qualsiasi rivalità da turbare la
perfetta armonia del loro affetto, Baingia fu chiamata a Terte-
nia per assistere uno zio moribondo e lì si fermò per lungo
tempo con la zia rimasta vedova e senza figli.
I dolori della separazione furono i primi a turbare i loro
giovani cuori ma i pensieri di Donata furono presto distolti dal-
la presenza e dall’insistenza importuna di molti innamorati che
chiedevano la sua mano. Per la verità, nessuno fu prescelto in

56. Tyndale allude a due personaggi de Il Pira ta , un romanzo di sir W.


Scott. Si tratta di due sorelle che vivono nelle Shetland, con virtù carat-
teriali analoghe a quelle delle giovani di Esterzili; la loro serenità viene
turbata dal naufragio sulle coste dell’isola di un pirata, Cleveland, un
furfante di cui una delle fanciulle s’innamora (N.d.T.).

142
Ca pitolo XII

quanto il suo affetto era già rivolto a Raimondo, figlio unico


del vecchio e carissimo amico di suo padre. Essendo stati
compagni di giochi nella fanciullezza, il loro affetto infantile
si mutò negli anni più maturi in grande stima, da parte di lui,
e di forte passione, da parte di lei. L’amicizia del giovane col
di lei fratello Martino – tra l’altro ambedue avevano ereditato
il mestiere di pastore dai loro padri – costituiva un’ulteriore
occasione per più frequenti incontri. Ma il cuore di Raimondo
non era stato ancora conquistato, per quanto il fascino della
ragazza lo spingesse a ricercarne la compagnia ma, privo di
quei veri sentimenti che soltanto l’amore può ispirare, profittò
del palese attaccamento della ragazza e, in un momento di
debolezza, vilmente abusò di lei.
Trascorsero alcuni mesi senza che alcuno si accorgesse
della sua disgrazia ed i genitori di entrambi si rallegrarono al
pensiero che i legami d’affetto dei loro figli sarebbero sfocia-
ti in un matrimonio. Essendo sorte per Raimondo alcune dif-
ficoltà relative al pascolo vicino al mare delle greggi in vista
dell’approssimarsi dei mesi invernali, il giovane fu costretto
a partire da Esterzili per andare a Tertenia, nelle cui vicinan-
ze le greggi, appunto, pascevano. Litigi fra pastori, col solito
epilogo della vendetta, gli impedirono di spostarsi per tutto
l’inverno e le ore libere usava trascorrerle in compagnia di
Baingia per la quale aveva sempre mostrato predilezione; la
ragazza, però, non aveva mai saputo che l’amicizia fanciulle-
sca si era trasformata per lui in sentimento d’amore e, a cau-
sa della sua lontananza da casa, era rimasta all’oscuro di
quanto fosse accaduto con la sorella.
La coscienza colpevole di Donata non le consentì di pale-
sare la sua passione ed ancor meno la gravità della sua arren-
devolezza anche a colei alla quale nulla era stato mai nascosto.
Nel conflitto dei sentimenti che agitava il cuore di Raimondo, il
rimorso, l’ostilità di coloro che aveva offeso, la sazietà di un
oggetto troppo facilmente conquistato, i momenti di serenità di
fronte ad una dimostrazione così forte della passione femmini-
le, tutte queste cose insieme contribuivano a legarlo alla tenera
dolcezza ed alla modestia riservata di Baingia.

143
L’ISOLA DI SARDEGNA

L’affetto a lungo nutrito, per quanto mai reso palese, e la


predilezione per lei erano ormai maturati grazie alla frequen-
tazione quotidiana e il fatto di vivere vicino a lei tutto l’inver-
no, non solamente rafforzò il suo amore ma gli fece conqui-
stare anche quello di lei, con la promessa di sposarla. I torti,
le offese recati a Donata presto cessarono di turbare la co-
scienza dell’uomo, o erano soffocati dalla gioia egoista del-
l’amore immenso per Baingia. Così il risultato fatale del primo
passo verso il male rese facile anche il secondo e le virtù di
lei cedettero alla tentazione e ben presto l’innocenza e la
semplicità furono travolte dalla violenta passione. Se si voles-
se trovare una giustificazione a questo fatto, si potrebbe ricor-
dare che il concubinato prima del matrimonio, come si è in
precedenza ricordato, era in quelle zone un’abitudine diffusa
e non era considerato disonorante, una volta che la coppia si
sposava. La relazione fra i due, per la verità, non durò a lun-
go perché nel corso di una rissa fra pastori, uno di loro cadde
sotto il fucile infallibile di Raimondo ed egli non fu in grado,
a causa della vendetta che ne seguì, di far ritorno a Tertenia.
L’omicidio, tuttavia, non fu il solo delitto che fece di lui un
reietto nello spirito e nel fisico; la coscienza lo aveva reso
doppiamente codardo ed il fucile ed il coltello del suo nemi-
co sarebbero stati i benvenuti per il suo perfido tradimento.
Agli occhi di tutti, salvo che di Donata e Baingia, la ven-
detta divenne un pretesto credibile per la sua assenza dal pae-
se; a Donata fu, infatti, fatto sapere che egli era diventato un
fuoruscito per omicidio. Il colpo, al ricevere tale notizia fu
doppiamente duro perché riteneva prossimo il suo ritorno,
che ormai era impossibile e, sebbene nessuno, salvo sua ma-
dre alla quale aveva confessato la propria leggerezza, sapesse
del suo avanzato stato di gravidanza, ben presto le sue condi-
zioni sarebbero state palesi a tutti i conoscenti. Nello sconforto
e nella tristezza, chiese alla sorella di far subito ritorno a casa,
adducendo il semplice pretesto che era ammalata e che aveva
qualcosa di importante da dirle e, in nome della loro antica e
preziosa amicizia, la scongiurava di partire senza indugio.
Il dolore di Baingia ed il pensiero della perdita di Rai-
mondo allontanarono l’idea che la malattia della sorella e il

144
Ca pitolo XII

fatto che Raimondo fosse un fuoruscito fossero tra loro con-


nesse, ma nel giro di pochi giorni, partì per Esterzili.
Nel corso del viaggio capitò che Donata, camminando in
un bosco vicino, imboccasse il sentiero che Baingia avrebbe
percorso per tornare a casa e, mentre Donata vagava per la
foresta in profonda meditazione sui suoi guai, incespicò sul-
la radice semi nascosta di una vecchia pianta per cui, non
soltanto si slogò la caviglia, ma nella caduta si produsse le-
sioni interne che le impedirono di muoversi e perse comple-
tamente i sensi. I pochi flebili lamenti che emise, erano però
giunti alle orecchie di Baingia la quale, passando nelle vici-
nanze, fu colpita dai gemiti e subito andò a cercare da dove
provenissero. Lo spavento nel vedere la sua diletta sorella in
quello stato le impedì sul momento di prestarle soccorso,
ma riuscì subito a correre in cerca d’aiuto dai genitori. Do-
nata, ancora priva di sensi, fu trasportata a casa e adagiata
per l’ultima volta sul suo letto.
La morte fu inevitabile; seppure vi fosse stato un medi-
co, le sue cure sarebbero state inutili e, dopo che il prete le
ebbe amministrato i sacramenti e l’estrema unzione, chiese
di vedere da sola la sorella. In quei momenti sul letto di
morte, ella pronunciò delle frasi confuse, incoerenti, scon-
nesse tanto che Baingia riuscì soltanto a cogliere la richiesta
della sorella morente di dire all’uomo che ancora l’adorava,
che credeva sempre nel suo onore e nella sua fedeltà, che
lo considerava sempre suo marito e, per amor suo, le chiese
di amarlo come un fratello. Quel «lo», fu per Baingia un mi-
stero ed invano chiese a chi si riferisse ma le forze l’abban-
donarono, morì, ed esalando l’ultimo respiro disse un no-
me: «Raimondo».

Morì, ma non fu sola , in sé reca va


Altro germe di vita che na scer
Avrebbe fa tto un innocente figlio del pecca to;
Quel picciol essere ma i la luce vide
E nella tomba sotto la terra posto,
La ddove fiori e fronde ina ridite
Nella sventura gia cciono.

145
L’ISOLA DI SARDEGNA

Colpita al cuore da questa terribile rivelazione, Baingia


cadde svenuta a fianco della sorella ed i genitori, preoccupati
per la durata del colloquio, entrarono nella stanza e videro,
stese sullo stesso letto, una figlia morta ed una priva di sensi.
Baingia fu portata in un’altra stanza e fu colta da un male
che, nel giro di tre mesi, la portò ad un parto prematuro.
Al sentire che l’autore del doppio crimine e del misfatto
era Raimondo, afflitta dal sopraggiungere di quest’altra sven-
tura, la famiglia non poté trattenere l’infinita rabbia e l’immen-
sa indignazione.
Sul corpo ancora caldo ma senza vita di Donata, Martino
fece voto, con solenne giuramento chiamando a testimone il
Cielo e l’uomo, di vendicare la doppia sventura e che non si
sarebbe osservata neanche la forma tradizionale di tregua fi-
no alla consumazione della mortale vendetta.
Grande fu l’emozione che colse il paese, al punto che
tantissime persone si unirono alle a ttita dora s per sfogare i
loro lamenti funebri. In piedi, attorno al cadavere, alternava-
no urla e gemiti ad imprecazioni e minacce di vendetta con-
tro Raimondo; anche Martino, in una pausa del frastuono,
rinnovò il giuramento e promise solennemente per il rosario
che aveva in mano (che apparteneva a Baingia) di attentare
alla vita del traditore in qualsiasi ed in ogni circostanza. Il vo-
to venne fatto mentre tutti tacevano ed aveva appena pro-
nunciato queste parole che si udì una voce sconosciuta dire:
«La pallottola sarà innocua, il rosario sarà pericoloso!».
Inutilmente si cercò di scoprire da chi e da dove fossero
giunte quelle solenni parole e l’ammonimento e la profezia
turbarono i presenti al punto che improvvisamente cessarono
i lamenti funebri.
Dopo qualche giorno Donata fu sepolta, accompagnata
alla tomba da tutto il villaggio ma, il mattino successivo, si
scoprì che durante la notte qualcuno aveva posto un piccolo
crocefisso come lapide sulla sepoltura e che erano state trac-
ciate con fiori freschi le lettere D. e R. Si svolsero delle inda-
gini ma non si venne mai a sapere chi avesse reso quest’ulti-
mo tributo d’amore.

146
Ca pitolo XII

Trascorsero due anni e Baingia si rifiutò ancora di com-


parire in pubblico od occuparsi d’altro se non del bambino
e, per quanto si fosse sentito parlare di Raimondo nel corso
del suo vagabondare, mai la sua strada si era incrociata con
quella di Martino ma, essendo sorto un nuovo tumulto fra
fuorusciti e pastori, questi furono ancora mobilitati per tutela-
re i propri diritti e combattere gli aggressori. Le schermaglie
si erano protratte per parecchi giorni quando, nel corso di un
attacco inatteso, molti pastori furono uccisi e fra i feriti Marti-
no cadde svenuto a terra. Decisi a non conceder tregua, i
fuorusciti li assalirono per completare con le sciabole il mas-
sacro iniziato. Raimondo trovò Martino immerso nel sangue.
Da tempo sapeva del giuramento da lui fatto nei suoi con-
fronti ma immediatamente si fermò, vincitore del suo amico
e nemico ora ai suoi piedi, lo portò via dal luogo del conflit-
to, gli curò le ferite e gli prestò ogni sorta di aiuto. Martino
lentamente si rianimò e si ritrovò fra le braccia di Raimondo;
neanche una parola uscì dalle loro labbra in quel breve spa-
zio di tempo in cui si guardarono negli occhi, un attimo nel
quale passarono nella loro mente, in modo preciso e vivido,
tutti i fatti accaduti negli ultimi tre anni. Raimondo continuò
ad assisterlo in silenzio e vedendo che Martino si era ripreso
tanto da poter stare in piedi, gli disse con voce ferma: «Ora
prenditi la mia vita». Martino lo scrutò da capo a piedi, tac-
que, infine rispose: «Il giuramento è vendetta». Ancora una
volta si separarono e Raimondo, nell’avviarsi per la sua stra-
da, vide per terra un rosario, proprio nel punto in cui era ca-
duto Martino; subito lo riconobbe come il rosario di Baingia,
che spesso aveva usato in sua compagnia. Lo custodì gelosa-
mente e, raggiunti i compagni, spiegò la sua assenza raccon-
tando quel che era accaduto con Martino.
Ma dovevano presto incontrarsi ancora.
In un’altra rissa verificatasi qualche mese dopo, i due ven-
nero a trovarsi faccia a faccia e Raimondo, che nella zuffa ave-
va perduto il fucile, rimase disarmato ed inerme davanti a lui.
Incrociando lentamente le braccia, non si mosse ma ferma-
mente fronteggiò Martino il quale, sebbene si trovasse soltanto

147
L’ISOLA DI SARDEGNA

a dieci passi da lui, deliberatamente spianò il fucile e fece


fuoco dicendo: «Il giuramento è vendetta».
Illeso, sereno, immobile, Raimondo aprì tranquillamente
la mastrucca e poi la veste di pelle e da questa trasse una pal-
lottola quindi, infilando la mano nella camicia, tirò fuori un
fazzoletto di seta, molto malandato ma avvolto accuratamente
attorno al collo. Lo aprì e cadde a terra un rosario. Seguì il si-
lenzio e Raimondo, raccogliendo il fazzoletto e il rosario li mi-
se assieme alla pallottola e li mostrò a Martino, il quale subito
riconobbe il rosario di sua sorella, che aveva perduto nel pre-
cedente incontro, ed il fazzoletto, un oggetto molto caro che
alcuni anni prima aveva donato a Baingia e dalla quale lo eb-
be Raimondo il giorno in cui partì da Tertenia.
Questo fazzoletto, l’unico ricordo che di lei possedeva, ed
il rosario, avevano ora impedito che la pallottola gli penetras-
se nel petto e quando Martino si chinò per raccoglierli, nuo-
vamente le parole di Raimondo risuonarono nelle sue orec-
chie: «La pallottola sarà innocua, il rosario sarà pericoloso».
Non si scambiarono più uno sguardo o una parola e nuo-
vamente si divisero; Martino, tornato a casa, raccontò l’acca-
duto e lo straordinario adempimento di una parte della profe-
zia confermò la certezza che si sarebbe realizzata del tutto; a
quel punto i sentimenti di rabbia e di vendetta vacillarono,
mitigati anche dal ricordo della generosità e della gentilezza
di Raimondo nei confronti di Martino nel momento del biso-
gno e del pericolo.
Mentre in famiglia si discuteva di questa strana predizio-
ne, il bimbo di Baingia giocava per terra col fazzoletto ed il
rosario e, dopo aver accidentalmente strappato l’uno e rotto
la cordicella dell’altro, portò un brandello di seta ed alcuni
brani del rosario in un angolo della stanza. Lì stava il fucile
che Martino (dimenticando di scaricarlo) aveva sbadatamente
posato.
Il bambino, senza che alcuno lo vedesse o gli badasse,
si divertì ad infilare i grani del rosario e pezzetti di seta nella
canna dell’arma e avendo così perduto i suoi trastulli tornò
poi da sua madre.

148
Ca pitolo XII

Il giorno successivo, Martino, in compagnia del padre e


del fanciullo, si recò in un luogo vicino portando, come al
solito, il fucile; non era passato molto tempo che comparve
Raimondo. Istintivamente, Martino sollevò l’arma e fece fuo-
co, ma la seta e i grani che avevano otturato la canna, la fe-
cero scoppiare in mille pezzi che gli fracassarono il cranio.
Invano il padre tentò di prestare soccorso a Martino ed
ancora una volta il compito ricadde su Raimondo. Egli si fece
avanti e dicendo: «Il rosario farà danno», si gettò ai piedi del
vecchio chiedendogli perdono e il consenso di aiutarlo. Poi-
ché il tempo e le circostanze non consentivano alternativa,
portò il ferito a casa e lo aveva appena adagiato sul letto che
quello spirò, non prima che avesse dato a Raimondo il bacio
della pace. I genitori furono, pertanto, testimoni del perdono
e del gesto di pace del morente e ciò mise a tacere ogni sen-
timento di odio, così che attorno al cadavere di Martino si ri-
conciliarono.
Veniva ora ripagata la costanza che Baingia, da quando
fu abbandonata fino a questo momento, aveva nutrito nel
sentirsi legata a Raimondo; costanza per la quale fu portata
ad attendere il suo ritorno; tuttavia, non si possono descrive-
re i sentimenti diversi che provarono al momento del loro
primo incontro.
Resta soltanto da aggiungere che i parenti delle due fa-
miglie ritrovarono l’antica amicizia e che, non appena le cir-
costanze della morte di Martino lo consentirono, Raimondo e
Baingia furono legittimamente sposi e che non ebbero alcun
figlio ed il patrimonio delle due famiglie fu destinato a quello
illegittimo dal quale ha avuto origine una delle più autorevoli
famiglie del distretto che ancora, si dice, possegga e conservi
religiosamente “il rosario e la palla”.

149
CAPITOLO XIII
Il distretto di Cuglieri – Foreste – Composizione di una lite sarda – La città
di Bosa – Castello di Serravalle – La cattedrale – Popolazione e clero – Insa-
lubrità – Il fiume Temo – Il porto – Peschiere – Antichi ruderi – Prodotti –
Vini – Rovine e storia dell’antica Cornus – Lussurgiu – Borore – La perda
di San Baingiu – Tomba di Losa – Paulilatino – Milis – Ballo al palazzo del
marchese di Boyl – Occupazioni ed usanze popolari – Aranceti e limoneti –
Prezzo, quantità e dettagli – Caccia al cervo – Il capriolo – Osservazioni ge-
nerali sulla popolazione dell’Isola – Numero degli abitanti – Decremento –
Intemperie – Mancanza di braccia – Viandanti – Nobiltà – Cavalieri – Pri-
vilegi – Il basso ceto – Caratteristiche generali – Conseguenze della domina-
zione straniera – Ignoranza, scuole, istruzione – Collegi – Scuole Pie – Or-
dini monastici e dei Gesuiti – Statistiche sull’istruzione – Riforme

Ci troviamo ancora una volta sulle coste occidentali del-


l’Isola nel distretto collinare di Cuglieri dove i

… Boschi stra ripa nti di colore,


Dove sempre più intense ombre
La terra oscura no;
Ombre dense, fosche e bige
Da i molti toni dove il bruno in verde ca ngia
Ed in intenso nero.

Le foreste più famose sono quelle di San Leonardo, Sene-


ghe, Monte Ferru, Montemannu, Querquetannos e Sauccos. In
questa, vi si trovano più di 1.200.000 alberi adulti dei quali
800.000 sono “quercia bianca”, che è la più apprezzata fra le
varie specie. Infatti, in base alle sperimentazioni fatte nei porti
francesi ed altrove, si è riscontrato che abbia tutti i requisiti ne-
cessari per la cantieristica navale per cui viene considerata al
livello del miglior legname europeo. Si calcola che annualmen-
te si possano abbattere 6000 piante per dare respiro alla fore-
sta, indipendentemente dal guadagno, mentre circa una quan-
tità analoga finisce distrutta dalle asce insensibili dei pastori.
Subito dopo la partenza da Macomer si verificò un episo-
dio di per sé irrilevante che mi diede, però, la possibilità di

150
comprendere la propensione al litigio dei sardi e la facilità
con la quale un alterco, a meno che non venga risolto sul
nascere, possa condurre all’alternativa fra le ingiustizie della
legge o lo spargimento di sangue come epilogo della vendet-
ta. Mentre ci si dirigeva verso la pianura, giunse alle nostre
orecchie l’eco di una fucilata e, ritenendo si trattasse di un
cacciatore, proseguimmo il cammino per una decina di minuti
quando fummo indotti a fermarci all’udire forti urla. Scorgem-
mo attraverso la macchia che ricopriva il terreno un uomo a
cavallo che si dirigeva al galoppo verso di noi. Poiché non
accennava a fermarsi, pur giungendo ad una decina di iarde,
pensai che avrebbe proseguito invece, quando fu alla nostra
altezza, bloccò il cavallo così bruscamente da farlo quasi ruz-
zolare per terra e, senza dire una parola, saltò giù in un bale-
no, lasciò che il destriero si rialzasse e si avventò sulla guida
che quel giorno mi accompagnava. Con la mano sinistra affer-
rò l’uomo sbalordito e dopo averlo quasi disarcionato, si ri-
trasse di qualche passo e spianò il fucile che teneva con la
destra. Le poche parole che i due si dissero, in un tono di vo-
ce altissimo, furono per me incomprensibili, ma nel frattempo
il mio servitore ed io smontammo e ci affrettammo a metterci
in salvo. Istantaneamente la guida si rifugiò dietro di noi e si
aggrappò al mio uomo per farsene scudo contro il fucile pun-
tato e volendo evitare che si sparassero, cosa che, a giudicare
dal modo in cui egli si spostava avanti e indietro non sembra-
va del tutto improbabile, afferrai io l’arma e la spostai. Perder
tempo a parlamentare – da quel che mi parve intuire – sareb-
be stato inutile perché non saremmo riusciti a comprenderci a
vicenda e, come unica alternativa, ne seguì una violenta lotta
e una zuffa per accaparrarsi il fucile, zuffa che, fortunatamen-
te, si concluse col mio nuovo conoscente steso per terra ed io
sopra di lui con la sua stessa arma puntata al petto.
Nel frattempo la guida aveva estratto il coltellaccio dalla
cintola e tentava di liberarsi dalla stretta del mio servitore. Es-
sendo, tuttavia, chiaro che soltanto col disarmo generale si sa-
rebbe avuta l’unica possibilità di pace, gli feci capire, adottan-
do il solido argomento della minaccia del fucile, che l’avrei

151
L’ISOLA DI SARDEGNA

protetto se avesse mollato la sciabola e, dopo alcuni strattoni


e spinte, le parti neutrali – il mio servitore ed io – entrarono
in possesso dell’armamento dei belligeranti.
Dopo aver preso brevemente fiato, chiesi al mio caval-
lante di fare da interprete per cercar di comprendere la ragio-
ne di questo inatteso intermezzo capitato nel corso di quel-
l’escursione; le riposte furono uno strepito, uno schiamazzo
ed un mormorio incomprensibile simile a quello dei barcaioli
e facchini egiziani o maltesi quando si contendono il privile-
gio di accaparrarsi i bagagli del forestiero.
Constatando che l’unico risultato che si riusciva ad ottene-
re nel rivolgere loro la parola erano sguardi furiosi e gesti agi-
tati e che, non avendo armi per poter porre fine alla questio-
ne, per cui il “duetto-uragano” si sarebbe protratto all’infinito,
feci loro capire che dovevano venire con me fino al paese più
vicino dove la faccenda si sarebbe sistemata. Riuscire, però, a
farsi ubbidire fu tutt’altra faccenda. La tempesta scoppiò anco-
ra una volta e intuendo dalla loro mimica che minacciavano
di fare nuovamente ricorso alle armi, mi spostai di lato, scari-
cai subito il fucile in aria e infilai la sciabola dentro il corpet-
to. I loro visi pallidi, lo sguardo irato e l’aspetto fremente pa-
revano al momento paralizzati dal pensiero che nessuno di
loro poteva risolvere la diatriba con le droit du plus fort e sen-
za ulteriori commenti, montai a cavallo con le mie a rma et te-
la ed andai avanti. Seguirono ben presto il mio esempio ed
ognuno mi si mise a fianco, riacquistando la calma. Fu impos-
sibile giungere ad una spiegazione della lite; la minima allu-
sione o anche il solo accenno ad una domanda, era lo spunto
per le loro lingue per dare la stura alla Babele delle rispettive
versioni e, sebbene non era del tutto improbabile che la mia
guida potesse avere chiesto in prestito o rubato il cavallo sul
quale viaggiava e che l’assalitore reclamasse semplicemente il
proprio diritto, non sarebbe stato assolutamente consigliabile
cedere il cavallo, il cavaliere o le armi finché non fossero di-
ventati meno pericolosi nei loro reciproci confronti e anche
verso di me. Molto volentieri mi liberai di loro al termine del-
la giornata e, con la consolazione tipica degli Irlandesi, «non

152
Ca pitolo XIII

ho ucciso nessuno e nessuno mi ha ucciso», lasciai che se la


sbrigassero fra loro.
Pochi giorni dopo ricevetti una citazione legale con la
quale mi si chiedeva una spiegazione dell’accaduto; l’incrimi-
nazione era assai strana e presentava una diversa versione
della questione, tanto che poco assomigliava alla situazione
che si era appena verificata. Dietro consiglio di un amico av-
vocato diedi una riposta per evitare, senza scostarmi dalla ve-
rità, alcune situazioni difficili nelle quali si trovavano non so-
lo il querelante e l’imputato, ma anche io; ed essendo stato
avvisato che, seppure soltanto in qualità di testimone in una
tale faccenduola da “Giudice di Mandamento” (il magistrato
locale), mi sarei potuto trovare in grande difficoltà, mi riten-
go fortunato di aver potuto lasciare l’Isola senza ulteriori fa-
stidi per una faccenda così sciocca.
Sebbene Cuglieri sia in teoria la città più importante del
distretto, Bosa, da dove la sede del Governo fu trasferita nel
1821 a causa della sua insalubrità, è invece la più famosa e
popolata.
La città, fondata nel 1112 dai Malaspina, i quali erano i
padroni dell’intero distretto, è sotto molti aspetti inferiore ad
Alghero; il paesaggio e la posizione sono, tuttavia, più ameni
essendo situata nel lato nord del fiume Temo, sotto un susse-
guirsi di colline che, con quelle che si profilano nella riva si-
nistra, formano una bella vallata. L’antico castello di Serravalle
sulle alture vicine, che val la pena di visitare per il panorama
che offre, conserva ancora due torri ed una doppia muraglia
esterna ma l’interno del maniero versa in stato di abbandono
e di desolazione. Avendo subito tutti i cambiamenti e le vicis-
situdini dei dominatori genovesi, dei vari passaggi ai giudici
di Arborea nel 1308, la riconquista da parte dei primi e la
cessione da parte dei re aragonesi, il castello nel 1565 passò
nelle mani di Filippo II di Spagna e, da allora, è rimasto ap-
pannaggio reale.
Le strade e gli edifici di Bosa non meritano particolare
attenzione, salvo la piazza Maggiore e la Strada del Fiume,
la quale forma un viale lungo le rive del Temo che offre una

153
L’ISOLA DI SARDEGNA

piacevole prospettiva panoramica. La cattedrale, della quale si


ignora la data di fondazione, fu restaurata nel 1400 e parzial-
mente ricostruita nel 1806; l’altare maggiore è di magnifico
marmo, con tre statue della stessa pietra ed i vari ornamenti
della sacristia sono stati stimati per un valore di 100.000 scudi,
ossia 19.200 sterline.
Il personale della cattedrale è costituito dal vescovo, quin-
dici canonici, sedici sacerdoti beneficiati ed una decina di al-
tre persone in vario modo facenti parte del Capitolo. Vi sono
più di settanta altri preti, senza parlare dei seminari esistenti
qui e a Cuglieri, frequentati da giovani che intendono pren-
dere i sacri ordini. I conventi, un tempo numerosi, si sono
ora ridotti a due; in ciascuno di essi vivono circa venti reli-
giosi ed attualmente esistono tre confraternite in ciascuna
delle quali si ritrova una media di dieci sacerdoti. La popola-
zione cittadina, nel 1839, ammontava a 6110 abitanti e, dal
momento che i summenzionati religiosi sono 182, e con tutta
probabilità ne esistono molti altri, ne consegue una propor-
zione di uno per ogni trentatré persone e mezzo. Le ventuno
parrocchie della diocesi non hanno certo da lamentarsi in
quanto dispongono di 145 preti e ottantacinque frati dislocati
in esse; le chiese sono 133, di cui cinquantanove sono nei
paesi, quarantanove nelle loro immediate vicinanze mentre
venticinque sono state abbandonate. Quale sia l’importanza
della presenza del clero si può dedurre considerando che a
Cuglieri, su una popolazione di 4000 unità, soltanto venticin-
que bambini frequentano le scuole per quanto vi siano ven-
tun preti e ventisei frati.
Bosa viene considerata uno dei luoghi più malsani del-
l’Isola. La calura estiva è molto intensa e raramente si gode
dell’imba ttu, ossia la brezza di mezzogiorno che spira dal
mare, in quanto la posizione della città favorisce l’ingresso
di altri venti. È d’altronde noto che i miasmi provenienti dal
fiume e dai terreni paludosi adiacenti, unitamente a quelli
della lavorazione del lino, dagli oleifici e le impurità della
città, costituiscono cause ulteriori per la diffusione della ma-
laria, con le conseguenti febbri e intemperie che decimano

154
Ca pitolo XIII

la popolazione. La longevità è rara; l’età media della vita


non supera i cinquant’anni. L’ospedale pubblico è chiuso
per mancanza di fondi anche se questi non mancano per
mantenere i conventi inutili.
Il fiume di Bosa, o Temo, che ha conservato il nome clas-
sico, nasce fra le colline di Bolotana e, scorrendo per la Pla-
nargia, il Marghine, Castavalle, Cabu Abbas e Minutadas riceve
nel suo corso venticinque torrenti tributari e si versa a circa un
miglio dalla città. È navigabile per due miglia con imbarcazio-
ni di piccola stazza (circa 80 tonnellate) e se il porto non fosse
ostruito da un argine artificiale costruito dai Bosinchi nel 1528
per scongiurare un’invasione francese, sarebbe navigabile an-
che da bastimenti tre volte più pesanti. A causa di questo fat-
to, dei depositi alluvionali e di altre accumulazioni di detriti
verificatisi nel corso del tempo, il fiume costituisce motivo di
timore per i danni che provocano le inondazioni e poiché,
quando ciò si verifica, le correnti non hanno molta forza, il
pericolo aumenta ulteriormente quando sale la marea.
La costa è ricca di corallo; talvolta, si dedicano alla pesca
oltre un centinaio di barche napoletane ma i Bosinchi non ne
traggono alcun beneficio e limitano la loro attività marinara
alla piccola pesca in prossimità della foce del fiume. Consu-
mano oltre 1000 cantari all’anno di pesce (circa quarantadue
tonnellate), oltre ai crostacei, e ne avviano ai mercati consi-
derevoli quantità per la vendita. Il ponte sul fiume, realizzato
su sette archi, è una costruzione malfatta e versa in ancor più
precarie condizioni.
Sul lato sud del fiume, nella vallata di Calamedia, a circa
due miglia e mezzo inglesi dalla Bosa moderna, si trovano i
ruderi dell’antica città che aveva lo stesso nome. Vi sono sta-
te rinvenute iscrizioni romane, monete d’argento, d’oro e di
rame; fra le rovine di epoca più recente, le più interessanti
sono quelle della cattedrale e del campanile.
Nella campagna circostante l’antica e la moderna Bosa
abbondano alberi da frutto, fra i quali fichi e ulivi crescono
con gran rigoglio. I fichi sono tanto apprezzati che alla ven-
dita i migliori spuntano il prezzo notevole di quattro soldi,

155
L’ISOLA DI SARDEGNA

ovvero circa tre pence e tre quarti la libbra. La produzione


olearia è scarsa in rapporto alle potenzialità ed infatti la me-
dia annua si aggira soltanto sui 12.000 barili (89.631 galloni).
Una quantità uguale si produce nel paese di Cuglieri e di
solito viene esportata via mare dal porticciolo di Pittinuri.
Tuttavia, il prodotto commerciale più apprezzato e prezioso
è la Malvasia, famosa in tutta l’Isola; sta alla pari delle miglio-
ri produzioni delle vigne di Alghero e Cagliari e spunta un
prezzo alto in egual misura. È un vino forte che non dà alla
testa ed ha un gusto veramente squisito.

Impossibilitato a recarmi a Cuglieri, la Gurulis citata da


Tolomeo, non potei vedere le rovine romane ancora esistenti
nel luogo né le strane grotte che si ritenne fossero sepolcri;
una di esse si chiama Sa grutta dessu rugiu ed è costituita da
una serie di camere di differente ampiezza.
Fra le cose più moderne di un certo interesse si annove-
rano i resti del castello di Monte Ferru, costruito nel 1160. Le
rovine di quella che un tempo fu la grande città di Cornus si
trovano, in parte, nella pianura sottostante ed in parte nella
collina sovrastante che si chiama Corchinas, non lontano dal-
la torre di Pittinuri, ubicata sulla costa fra Capo Nieddu e Ca-
po Mannu. Vi si accede lungo due antichi sentieri romani,
uno da Bosa, che da Cuglieri passa per l’antica Tharros, l’al-
tro da Macomer, che passa anche attraverso Cuglieri. Ammas-
si di mura, alcuni dei quali, per forma e grandezza, devono
essere stati dei templi o edifici pubblici, frammenti di colon-
ne, statue e monumenti in frantumi si vedono sparsi in tutte
le direzioni.
Si trovano frequentemente utensili in terracotta per la ca-
sa, pezzi pregevoli di ceramica, vasi di vetro, anelli, oggetti
intagliati, monete romane e cartaginesi; alcuni preziosi esem-
plari sono esposti al Museo di Cagliari.
Si notano ancora parte dell’acquedotto, la necropoli e le
muraglie del porto ma sono in gran parte ricoperte da mac-
chie di lentischio e di cisto, così che solo una porzione di es-
si è visibile.

156
Ca pitolo XIII

La storia di Cornus sembra quasi una pagina bianca. Do-


po la sconfitta e la cattura di Asdrubale, Annone e Magone da
parte di Quinto Muzio Scevola e Tito Manlio Torquato, avve-
nute nel 215 a.C. nei pressi di Cagliari (ai cui dettagli abbiamo
già fatto cenno), i soldati sardi e cartaginesi che sfuggirono al-
l’eccidio, si rifugiarono a Cornus la quale, di conseguenza, fu
poi saccheggiata e resa tributaria di Roma. Di questi fatti si
trova menzione su alcune iscrizioni che vi sono state ritrovate,
mentre non esistono notizie della città dopo il primo secolo.
Nel 1050 la conquistò Museto e da qui, dirigendosi verso
Cagliari, sconfisse gli eserciti alleati di Sardi e Pisani ma, da
allora, la città iniziò la sua decadenza, né esiste alcun indizio
sul periodo in cui rimase del tutto spopolata.
La localizzazione di Porto Cora code, della quale fa men-
zione Tolomeo, rimane ancora un mistero irrisolto per gli ar-
cheologi.
Il paese di Lussurgiu, sorto su uno strato vulcanico, è si-
tuato sotto il Monte Urticu che, come il vicino Monte Ferru,
e parte della catena montuosa dei Menomeni, è un cratere
spento. I pendii, come quelli dell’Etna, sono popolati di ca-
stagni simili agli esemplari giganteschi dei quali la Sicilia va
giustamente orgogliosa.
L’altezza di Monte Urticu è stata variamente calcolata; se-
condo il capitano Smyth misurerebbe 2796 piedi mentre, se-
condo il La Marmora, arriverebbe a 1049 metri e 83 centimetri,
ovvero circa 3445 piedi sul livello del mare. Nel 1840, la po-
polazione di Lussurgiu contava 4469 abitanti e, sebbene a
quell’epoca non frequentassero la scuola nemmeno venti allie-
vi, esistevano sette ministri del clero regolare oltre ad altri pre-
ti, venti monaci di un monastero benedettino e due confrater-
nite di circa sei membri ciascuna. Nelle vicinanze si trovano
molti nuraghi ma non ritenni di effettuarne le misurazioni.
Procedendo da Macomer verso Cagliari, si può dare un
lungo addio ai paesaggi boschivi, alle colline verdeggianti ed
alle vallate ricche d’acqua che si trovano copiose nelle zone
settentrionali e orientali dell’Isola. Niente di interessante per
il viaggiatore in quel di Borore, salvo una tomba di giganti

157
L’ISOLA DI SARDEGNA

nota come la Perda de San Baingiu, a circa mezzo miglio in di-


rezione nord-nord-est rispetto alla chiesa del villaggio. È lunga
trentacinque piedi; la stele, di forma ellittica, rivolta a sud-est,
ha un’altezza di undici piedi, larga sei piedi e quattro pollici
nel punto di massima ampiezza, e presenta un’apertura alla
base alta un piede e sei pollici, larga un piede ed undici pol-
lici. La pietra costituisce parte dei muretti di una tanca, insie-
me ad altre a forma di mezza luna che, collocate ai lati della
stele, hanno un diametro di trenta piedi.
A circa un miglio ed un quarto da questo monumento, si-
tuato a ovest-sud-ovest della chiesa di Borore, si trova un’altra
perda o sepoltura, assai simile a quella di San Baingiu. Com-
piuto il sopralluogo, si raggiunge la strada maestra attraverso i
paesi di Domusnovas, Norghiddu e Ghilarza fino ad Abbasan-
ta, tutte zone ricche di nuraghi che sembrano altrettante for-
tezze e castelli a sé stanti.
Sul ciglio della strada, nei pressi di Paulilatino, si trova
uno di questi nuraghi in discrete condizioni; si chiama Losa, è
di forma quasi triangolare con gli angoli arrotondati. In cia-
scuno di essi, a nord, a nord-ovest e a sud, si trovano tre ca-
mere a volta. Si ha l’impressione che l’ingresso di quella situa-
ta a nord-ovest non consenta l’accesso alle altre due, che
invece sono perfettamente comunicanti fra loro. Una partico-
lare caratteristica delle due camere rivolte a nord e a nord-
ovest è data dalla loro forma ellittica. Esistono fondate ragioni
per supporre che sopra queste tre camere a volta vi fosse an-
ticamente una terrazza, al centro della quale sta quella princi-
pale. Nel lato settentrionale della muraglia esterna si vedono
due grandi pietre verticali che, a stento, si potrebbe ritenere
che siano state parti laterali di feritoie o finestre, dal momento
che in tutti gli altri nuraghi ci sono semplici aperture fra pietre
orizzontali. Il complesso del Losa è circondato da un informe
cumulo di pietre, molte delle quali presentano cavità quadrila-
terali sui lati superiori, lunghe circa tre piedi, larghe quattro
pollici e mezzo e profonde due pollici e un quarto; dalla som-
mità è possibile vedere le tracce di un muro di cinta fortifica-
to. I Ghilarzesi, fra le varie cose che pongono a dura prova la

158
Ca pitolo XIII

7. Un nuraghe nel distretto di Lussurgiu

loro fede, credono che esista un cunicolo sotterraneo che


mette in comunicazione il nuraghe con una località vicina che
si chiama Osconi ma io, per quanto abbia chiesto in giro, non
sono riuscito a sapere dove questo luogo si trovi, salvo il fatto
che tutti erano disposti a giurare sulla sua esistenza.
Il paese di Paulilatino trae il nome da pa lus, palude, co-
me di fatto, anticamente era tutta la zona. L’acquitrino è stato
prosciugato in parte, ma gli effetti benefici, dei quali pur ci si
rende conto, non sono stati tanto apprezzati da convincere i
paesi vicini a seguirne l’esempio.
Dopo il percorso in pianura sotto un caldo soffocante,
voltai a destra in direzione di Milis. La mancanza di verde,
fatta eccezione per alcune piante selvatiche in piena fioritura
e che emanavano il loro delicato profumo, contribuì ad au-
mentare la sensazione generale di afa opprimente. Alla stre-
gua di Siviglia, che viene definita la sa rtén, ovvero la padella

159
L’ISOLA DI SARDEGNA

della Spagna, così il villaggio di Bauladu si potrebbe denomi-


nare la padella della Sardegna e, a proposito della sua calura,
il modo di dire sardo secondo il quale «se ti cade un uovo
per terra, è già fritto prima che lo raccolga» potrebbe giustifi-
carsi con la natura vulcanica del suolo e con la posizione del
villaggio protetta dai venti.
Dalla fama che aveva preceduto Milis, mi aspettavo di ve-
dere il giardino delle Esperidi, ma la mia immaginazione rima-
se ampiamente delusa dal paesaggio circostante, fin quando
non giunsi ad un bosco di pioppi tremuli, pioppi ed altri alberi
che, fra siepi di fichi d’India e canne, mi si parò improvvisa-
mente dinanzi quando mi addentrai nella vega , dove sorge il
paese, ossia la valle ed il fiume che ancora conservano l’antico
nome spagnolo. A nord e a nord-ovest si elevano il Monte
Lussurgiu, Urticu e il Monte Ferru, le propaggini della catena
dei Menomeni; la vega rimane nascosta ai loro piedi tanto che,
passando per la strada maestra, il viandante non ne immagine-
rebbe l’esistenza.
Nel giungervi di sera, mi accadde di vedere i contadini e
gli abitanti del villaggio salutarsi tornando a casa dopo aver
partecipato al ballo davanti al castello del mio ospite ed ami-
co, il marchese di Boyl, il quale, con la sua famiglia, aveva
anch’egli preso parte ad un ballo tondo “semi penseroso” e
“semi allegro”; scoprii, poi, che non era il ballo l’unico punto
d’incontro ed il solo legame di amicizia con quei popolani. La
sincera preoccupazione del loro benessere era contraccambia-
ta da una rispettosa stima; il loro rapporto non era quello fra
padrone e servo, ma come fra un pa ter fa milia s e la famiglia;
una continuità di lodevoli sentimenti instauratasi fra le due
parti durante il passato regime feudale. L’esempio che si offre
alle persone semplici e di basso ceto del rispetto delle antiche
tradizioni, da parte di persone superiori per rango, costituiva
un forte legame spirituale e fu, pertanto, con molta gioia che i
paesani videro il mio ospite partecipare al ballo tondo vestito
nel costume nazionale. Ovviamente, anch’io rimasi sorpreso
nel vederlo così abbigliato, ma la spiegazione che mi diede di-
mostrò che egli conosceva il modo di conquistarsi la simpatia

160
Ca pitolo XIII

della gente anche nel rispettare i loro pregiudizi. Potrebbe es-


sere uno dei rari esempi in cui al giorno d’oggi vedere un ca-
po feudale nell’Isola, vestito nel locale costume di gala, tra i
suoi vassalli, riporti alla mente ricordi piacevoli; ma, la mite e
paterna autorità che aveva esercitato quando era in vigore il
feudalesimo aveva lasciato un sentimento di rimpianto per i
tempi andati.
Sebbene, di fatto, il feudalesimo avesse cessato di esiste-
re, il suo spirito era rimasto in questi paesani ed essi erano
perfino felici nel ripensare all’idea, per quanto illusoria, della
perfezione dell’antico sistema, specie se messo a paragone
col pesante giogo ora imposto dal Governo.
Uno spettacolo così patriarcale e feudale è molto interes-
sante perché in nessun Paese tale regime è tuttora in pieno
vigore. Laddove lo è, lo straniero ha raramente occasione di
essere testimone di un raduno di capi e di una congrega in
simili circostanze.

Il paese di Milis non ha nulla di particolarmente com-


mendevole; le case e le strade sono forse su un livello leg-
germente superiore a quelle di altri paesi, ma presentano il
solito aspetto di sconfortante scomodità. Conta 1378 abitanti,
ed il loro aspetto malaticcio è una conferma di quanto si dice
sulla larga diffusione di pleurite, febbre ed intemperie, ragion
per cui sono poche le persone che superano i sessant’anni di
età. Per le abitudini ed i passatempi della popolazione ma-
schile, qui l’intemperie si potrebbe tradurre con intemperan-
za perché la loro esistenza, a somiglianza di quella dei Ga-
voesi e di altri Sardi il cui mestiere è solitamente quello del
viandante, si inquadra sotto la definizione di Scaligero57 di
coloro nella cui lingua la v diventa b, per cui «quorum vivere

57. Giulio Cesare Scaliger, o Scaligeri (1484-1588) fu uno studioso fran-


cese, di origine italiana, che si occupò di botanica, zoologia, grammati-
ca e critica letteraria. Autore di molte opere, fu famoso per la sua De
ca usis lingua e la tina e nella quale esamina i principi della grammatica
latina (N.d.T.).

161
L’ISOLA DI SARDEGNA

est bibere». Tre quarti dei Milesi sono impegnati nel trasporto
e nella vendita delle arance nelle diverse parti dell’Isola, e
quando tornano a casa spendono una discreta parte dei loro
guadagni in quel che usano definire: «Brindare alla salute dei
clienti». A giudicare dall’abbondanza delle libagioni, ci sareb-
be da pensare che esistano particolare affetto e gratitudine
nel rapporto fra venditori ed acquirenti. Sebbene non pro-
prio ubriachi, questi vagabondi amanti del vino, trovano il si-
stema di scacciare, per appena tre soldi, tutte le preoccupa-
zioni del commercio e del carico del giorno successivo: un
insuccesso o un successo nel loro modesto lavoro, non fa di-
minuire né aumentare l’usuale baldoria quando tornano a ca-
sa. In qualunque modo vada, «se qualche dispiacere e qual-
che spicciolo rimangono, lo affogano nel bicchiere».
L’emisfero femminile della popolazione trascorre il tem-
po pensando all’abbigliamento. Il loro costume è sobrio e
semplice, e ben si presta a mettere in risalto l’eleganza e il
portamento eretto che deriva loro dall’abitudine, acquisita fin
dall’infanzia, di portare grandi anfore sul capo. L’acqua che si
consuma nel paese viene attinta da una fonte che si trova in
un luogo romantico, completamente appartato e circondato
da aranci. Fu divertente vedere gruppi di ragazze senza scar-
pe e senza calze, arrivare, fare capannello e ripartire con i re-
cipienti colmi d’acqua, mentre il loro cicaleccio formava un
frastuono che sovrastava il mormorio della fonte. Così, men-
tre discutono delle nuove del villaggio, queste giovani riem-
piono l’anfora e compiono una terza, quanto inutile e poco
romantica operazione: la lavanda dei piedi.
Chi vede per la prima volta gli aranci ed i limoni di Milis
non prova meraviglia né ammirazione; è necessaria una sosta
solitaria di un’ora in mezzo agli alberi per poter comprende-
re e godere della loro bellezza e provare lo stesso sentimento
che altri hanno già provato. Gli agrumeti della vega , o tuerra ,
come anche da queste parti vengono chiamati il fiume e le
terre irrigate, si estendono in lunghezza per circa tre miglia,
sono larghi tre quarti di miglio ed appartengono a diversi pro-
prietari i maggiori dei quali sono il decano e il Capitolo della

162
Ca pitolo XIII

cattedrale di Oristano ed il marchese di Boyl. Un canonico


sovrintende alla proprietà “religiosa” e, secondo una disposi-
zione ecclesiastica, il tempo che egli spende in quest’impe-
gno, in quest’aureo scanno, equivale ad altrettante ore di
funzioni religiose. A giudicare da quanto si dice sul modo in
cui vengono svolti ambedue gli uffici, sarebbe difficile indi-
care quello cui viene dedicato minore impegno.
Gli alberi adulti che recano frutto sono oltre 300.000 ma
è quasi impossibile calcolare quante siano le piante giovani.
Moltissime vecchie piante producono da quattro a cinquemi-
la frutti ciascuna ma, facendo la media fra le vecchie e le
giovani, si può ritenere che ogni pianta ne generi almeno
duecento, così che la produzione annua potrebbe essere di
sessanta milioni. Tuttavia, sulla base di quanto affermano gli
esperti, questa stima è al di sotto della realtà.
Il Valery certamente errava quando sosteneva che le pian-
te fossero 500.000, e che la produzione fosse soltanto di 10
milioni di frutti, vale a dire 20 per ciascuna. Raramente trovai
un albero che non avesse almeno 20 limoni in grappolo uni-
co. In un aranceto del marchese di Boyl c’è una pianta nota
come su rei de is a ra ngius, il re degli aranci, la cui circonfe-
renza misurava più di sei piedi. Questo titolo potrebbe essere
conteso da molti altri di maggiore altezza e grandezza, però il
fatto che il re di Sardegna si sia seduto a riposarvi sotto di es-
so, ha ufficializzato il suo diritto divino di regalità e, a ricordo
del grande evento, reca la seguente iscrizione: «Ca rlus Albertu
Rei nostru ha t visita u custa vega su 18 de ma iu dessu 1829».
Molte altre piante erano altrettanto grosse e raggiunge-
vano un’altezza fra i trentacinque e i quaranta piedi.
Le specie di arance che crescono in questi agrumeti so-
no l’a ra ngiu a gru, noto come citrus Biga ra dia o arancia
amara; il chinottu o cinese: il sa nguignu o rosso sangue (il
melangolo italiano) e l’a ra ngiu de croju suttili, che somiglia
al genere Saint Michel. Nel settore dei limoni si trovano i “li-
moni naturali”, ovvero citrus limonum (limone comune), il
limoni dulci, o citrus lumia (limone dolce) e il citrus medica
o cedro.

163
L’ISOLA DI SARDEGNA

Si è già parlato degli agrumeti dell’Ogliastra i quali vanta-


no una superiorità su quelli di Milis in quanto i loro frutti ma-
turano più precocemente ma, sotto tutti gli altri punti di vista,
i Milesi hanno ben ragione di andare orgogliosi dei propri.
Quelli di Fluminimaggiore, Nuxis, nella zona sulcitana, e
della Forrada, nel Sarrabus, sono a buon diritto apprezzati,
ma se quelli di Milis sono realmente superiori, la loro eccel-
lenza è da attribuire in maggior misura alla natura piuttosto
che alle cure ed alle attenzioni che vengono dedicate alla
coltivazione. Il terreno si presta meravigliosamente per tale
coltura ed è interamente irrigato dal fiume Baudesias.
Non esiste alcun riscontro storico in merito all’introduzio-
ne degli agrumi nell’Isola, a parte il fatto che se ne conosce
l’esistenza da cinque secoli ma, sebbene ciò non si possa di-
mostrare, tuttavia la mole di molti alberi denuncia un’età an-
che di due o tre secoli. Gli agrumi di Milis si vendono ad un
prezzo più alto di quelli di altri aranceti e limoneti ma le spe-
se di trasporto, aggiunte al prezzo all’origine, ne fanno un
prodotto molto caro rispetto al prezzo che potrebbe o do-
vrebbe avere. Le vendite, così come i guadagni, variano mol-
to in quanto oscillano fra i 15 e i 50 centesimi, vale a dire da
un penny e mezzo a 4 pence e tre quarti la dozzina.
Gli agrumi vengono sistemati in una specie di canestro
che si chiama cerda , oppure nelle bisacce quando vengono
spediti in centri lontani lungo la strada maestra, mentre inve-
ce, per i mercati di Sassari e Cagliari, viaggiano su carrette
coperte che non sono molto dissimili dall’a rruba turca e che
contengono da quattro a cinquemila arance. Le trainano tre
uomini e, a causa del carico pesante e voluminoso, impiega-
no due o tre giorni per giungere in quelle città mentre se si
usasse un mezzo di trasporto adatto, si potrebbe trasportare
il quadruplo della quantità in un terzo del tempo e con mi-
nor mano d’opera. Il trasporto a dorso di cavallo nei paesi
dell’interno è un’operazione ancor più lunga e dispendiosa.
Né a Milis né altrove si esegue, attualmente, la distillazio-
ne o l’estrazione dell’essenza dei fiori d’arancio, per quanto
nel 1837 il marchese di Boyl abbia installato una distilleria;

164
Ca pitolo XIII

fece venire diversi operai dal continente, la maggior parte dei


quali morì in breve tempo per sregolatezze e intemperanza di
vita. Non fu possibile sostituirli con gente del luogo perché
nessuno aveva la capacità né le necessarie consuetudini di
operosità per coltivare tale arte. Poca mano d’opera trova im-
piego in agricoltura, e l’unica produzione artigianale del pae-
se sono i ca dinus, una sorta di cesta o paniere fatto di canne,
che crescono sulle sponde del fiume Baudesias. Una volta
spaccate, essiccate e stirate, si intrecciano come si fa con la
stuoia e le ceste, dopo essere state usate come contenitori
per il trasporto della frutta, trovano impiego in casa come re-
cipienti per il grano, per i cereali e per altri scopi domestici;
in questa funzione si chiamano orrius, che deriva, evidente-
mente, dal latino horreum, granaio. La canna viene pure im-
piegata per fare stuoie usate per giaciglio o tappeti; se ne
producono oltre 5000 l’anno. È impossibile farsi un’idea della
ricchezza e della bellezza degli agrumeti. Il viaggiatore può
aver visto gli aranceti dell’Italia, della Spagna, del Portogallo e
del Levante ma, se debbo giudicare sulla base della mia espe-
rienza, nessuno di essi si può paragonare a quelli di Milis.
L’unico che forse si potrebbe accostare fu quello vicino ad Al-
geri, ma che senza dubbio è stato distrutto dai Francesi. Circa
la qualità del frutto, sarebbe difficile entrare nel merito della
sua eccellenza rispetto a quelli di altri Paesi ma, come pura
espressione di gusto personale, non ne ho mai assaporato di
migliori. Sebbene abbia veduto le piante nella stagione avan-
zata, tanto che la maggior parte della fioritura era caduta, ne
rimaneva ancora tanta sui rami e sul terreno da profumare
l’intera zona, con un odore perfino troppo forte per risultare
gradevole. Era così fitto il fogliame ombreggiante al punto
che si poteva camminare sotto questa volta su un letto di fiori
marcescenti, nati e morti senza essere mai stati sfiorati dai rag-
gi del sole; la verde cappa scura era illuminata soltanto dallo
splendore dei fiori e dalla radiosità dei frutti. Quanti pensieri
sono sorti vedendo insieme sullo stesso ramo il fiore pallido e
tenero, il frutto verde che si avvia a maturazione e infine l’au-
reo dono in piena maturità! Nutriamo, talvolta, rimpianti per

165
L’ISOLA DI SARDEGNA

un’esistenza nella quale l’innocenza dell’infanzia, la freschez-


za della gioventù e la perfezione della virilità – la primavera,
l’estate e l’autunno della vita – si fondono in una sola epoca.
Se la pianta dell’arancio fosse stata nota alla mitologia pagana,
probabilmente sarebbe stata dedicata, con i simboli di ambe-
due, a Flora e a Pomona e in questi simboli, in questa perfe-
zione, ci si rende conto dell’esattezza della definizione data
da Alamanni: «Il fior d’arancio, d’ogni fiore è il Re». Se la grot-
ta di Alghero può ripagare i disagi del viaggiatore giunto da
lontani lidi, non di meno gli aranceti di Milis saranno fonte di
piacere; la natura ha, in un caso, realizzato l’opera sua più
straordinaria e fantastica di fredda magnificenza inanimata e,
nell’altro caso, uno scenario vivo nel quale rivaleggiano in
perfezione la bellezza, la dolcezza e l’abbondanza.

«Venite, andiamo ad uccidere un cervo?». Le montagne


che circondano Milis riservano solitamente grandi soddisfa-
zioni al cacciatore.
La mulattiera nelle zone selvagge del Monte Ferru e di
Urticu è un’abominevole confusione di pietre, ciascuna tanto
grande da sembrare un gradino, e talmente sconnesse e ap-
puntite che potevano essere l’occasione giusta per rompere
le zampe del cavallo e il collo del cavaliere. Dalla cima, tutta-
via, si gode un panorama splendido, con a sud la pianura di
Oristano, il mare ad ovest, il Monte Linas e la Barbagia a
sud-est e ad est. Sebbene non fossimo a più di 3445 piedi
d’altitudine, e sebbene nella vallata sottostante il termometro
segnasse 94 gradi [F] all’ombra, faceva molto freddo e tutto
questo, sommato al grande ritardo della schiera dei battitori e
del raggiungimento delle poste, non rese particolarmente
esaltante la giornata di caccia. Mufloni, cinghiali e varia altra
selvaggina furono graziati dai nostri fucili, ma la cattura di un
cervo che, per la sua grandezza e bellezza era stato marcato
per parecchi giorni dai pastori, ripagò il disappunto. Era alto
oltre cinque piedi dal garrese e, mentre si preparava la cola-
zione, si procedette al sezionamento e alla solita spartizione
della preda.

166
Ca pitolo XIII

Le molte usanze e i cerimoniali nella divisione del botti-


no di una battuta di caccia furono osservati con perfetta pre-
cisione. Il cacciatore che ha ucciso la preda, colui che la
scuoia e quello che la taglia hanno diritto a ben determinate
porzioni, ma che, comunque, non sono proprio come quelle
che Jaques descrive in Come vi pia ce;58 il resto viene spartito
fra tutti coloro che avevano partecipato alla cattura del “com-
pare irsuto”.
La settimana di Pasqua è il periodo migliore per la caccia
ed è usanza offrire la porzione migliore del carniere al prete
che ha predicato per tutte le festività. Fu molto interessante lo
spettacolo nel quale si procedette al sezionamento dell’anima-
le; uno sfondo panoramico di colline e vallate, un primo pia-
no di querce e lecci all’ombra dei quali stavano raggruppati
gli uomini dai lunghi capelli neri ed il costume scuro, la gran
confusione di cani e cavalli, la scuoiatura del cervo, il crepita-
re del fuoco sul quale cuoceva il nostro pasto, erano tutti ele-
menti di un quadro che, ravvivato dalla generale allegria di
tutti quelli che avevano partecipato alla battuta, sarebbe stato
degno del pennello di uno Schneider e di un Landseer.
Il daino, della specie più comune in Sardegna che qui si
chiama cra bòlu o “capriolo”, è un termine improprio solita-
mente riferito a tutta la specie dei cervidi. Il Cetti, addentran-
dosi nella storia naturale dell’animale, del suo particolare ca-
rattere, ha dimostrato che il capriolo corrisponde alla ca prera
citata da Plinio, il cervus ca preoleus di Linneo e non si tratta
del roebuck inglese, una specie del maschio del capriolo co-
me comunemente si crede, in quanto quest’animale è scono-
sciuto nell’Isola. Il cervo è raro rispetto al daino e Perrault,
nella sua opera, parla della «biche de Sa rda igne» (cerva della
Sardegna) come di una razza particolare, ma si ritiene si tratti
semplicemente di un esemplare alto e snello di cervo.
La carne del cervo, che costituì il carniere della giornata, fu
delicatamente insaporita con erbe di montagna; aveva un polli-
ce e mezzo di grasso e fu servita in tante varietà di pietanze

58. Shakespeare, atto IV, scena 3.

167
L’ISOLA DI SARDEGNA

sulle mense di Milis da indurre un’intera corte di onorevoli


autorità a visitare la Sardegna.
Cetti calcola che vengano uccisi 3000 esemplari l’anno
ma Diana sostiene che, attualmente, il numero degli animali
abbattuti sia minore. Egli ricorda pure che i Campidanesi so-
gliono rendere morbide le corna mettendole a mollo nell’ac-
qua e da esse ricavano suole per le scarpe le quali, poi, pro-
ducono quel forte rumore di acciottolio quando danzano il
ballo tondo; una sorta di castagnette che segnano il tempo
ed il passo ma che, tuttavia, attualmente non si usano più.

Abbiamo avuto spesso modo di parlare incidentalmente


della gente dei diversi distretti, come pure della loro istruzio-
ne, del carattere e delle usanze, tuttavia sarà forse necessario
aggiungere qualche osservazione generale, anche riassuntiva,
al fine di colmare alcune lacune e completare il quadro na-
zionale.
Poiché la conoscenza dell’antica condizione morale, fisi-
ca e numerica dei Sardi fornisce una più esauriente e giusta
comprensione della situazione attuale, se ne può seguire la
traccia dai tempi remoti fino ad oggi, e ciò è particolarmente
importante dal momento che stiamo per addentrarci nella zo-
na meridionale dell’Isola che ha una storia più genuina e nel-
la quale gli argomenti suaccennati interessano tanto il passa-
to che il presente.
Non è mai stato precisato l’ammontare complessivo della
popolazione del passato ma, da riscontri indiretti e da una
comparazione con quella italiana, si calcola che durante la do-
minazione romana sia stata di circa due milioni. Delle condi-
zioni della Sardegna durante i periodi successivi e oscuri, non
si può fare un calcolo neppure approssimativo. Quanto ai tem-
pi recenti, i dati statistici sono così poco veritieri che non sono
affidabili. Secondo fonti attendibili la popolazione, che nel
1775 era di 426.375 anime, andò continuamente decrescendo
fino a giungere alle 351.867 del 1816. Dopo questa data è gra-
dualmente aumentata e, nel 1843, raggiunse quasi i 524.000
abitanti, ovvero sessantatré persone per miglio quadrato. Fra le

168
Ca pitolo XIII

diverse cause che determinarono la lentezza dell’incremento


sono da annoverare le frequenti pestilenze che produssero
danni maggiori che in altri Paesi, dove le precauzioni adottate
e l’esperienza ne arrestarono l’espandersi. Nel computo delle
perdite annuali di vite umane che ogni anno si verifica a cau-
sa della vendetta, particolarmente durante gli ultimi trent’anni
del secolo scorso, vanno incluse quattro o cinque persone
che mediamente muoiono sotto i quarant’anni e quindi nella
piena maturità. Ogni omicidio ha causato la morte di almeno
due persone, l’aggredito e l’aggressore e, nel corso di un an-
no, si è stimato che siano stati 1000 gli omicidi di cui si è
avuto riscontro certo senza contare, dunque, quelli di cui le
autorità di Governo nulla hanno saputo. I delitti, per quanto
diminuiti notevolmente, sono tuttora fonte di grande assentei-
smo nelle attività lavorative ma il complesso dei fuorusciti,
malviventi e briganti – qualunque sia la categoria od il nome
che si voglia usare per designare questi esuli dai loro focolari
– non si può valutare secondo i riscontri del Governo in
quanto, non soltanto esso ignora la maggior parte dei fatti cri-
minali ma spesso trova utile nasconderne molti di cui pure è
a conoscenza. Si ritiene che la cifra di 3000 sia inferiore al nu-
mero reale. Intere famiglie vengono coinvolte nelle conse-
guenze di un delitto o di una disamistà e, secondo la massima
degli antichi Germani, «suscipere ta m inimicitia s seu pa tris seu
propinqui, qua m a micitia s, necesse est».59
L’insalubrità del clima provoca una generale debolezza fi-
sica e quindi la brevità della vita. Le malattie causate dall’aria
malsana vengono spesso aggravate dai rimedi che sono frutto
di superstizione e dai pregiudizi, in mancanza di cure adegua-
te. La diffusione della pleurite, delle infiammazioni, dell’apo-
plessia si possono solo in parte attribuire alle cene abbondan-
ti e consumate ad ora tarda alle quali si indulge:

Hinc subita e mortes a tque intesta ta senectus


Giovenale, Sa tire, I, 144

59. Tacito, De Germa nia , cap. 21.

169
L’ISOLA DI SARDEGNA

e la lenta crescita degli addetti alla pastorizia potrebbe esse-


re determinata dalla mancanza di pastori disposti a svernare
con le loro greggi per un lungo periodo dell’anno.
La lamentela ricorrente dei Sardi, della quale si fanno
scudo come scusante della loro pigrizia, è la “mancanza di
braccia”; fra i vari rimedi, tuttavia, potrebbe esservi quello di
consentire il ritorno di gran parte dei fuorusciti, grazie ad
un’equa applicazione della legge e con un sistema giudiziario
che dia certezze, così i fuorusciti potrebbero essere opportu-
namente impiegati nella costruzione di strade. A causa della
scarsità di vie di comunicazione, fatta eccezione per alcune
zone, tutti i prodotti e le mercanzie vengono trasportati col
cavallo e in questo tipo di lavoro trovano occupazione co-
stante, direttamente o indirettamente, circa 10.000 persone; si
tratta di venditori ambulanti, commessi viaggiatori, dettaglian-
ti, rivenditori in proprio o per conto terzi. L’esigua quantità di
merce che si riesce a trasportare, i viaggi frequenti e lo star
lontani da casa, sono tutti fattori che incoraggiano la vita va-
gabonda e sregolata. Se questi viandanti e cavallanti, come
comunemente vengono chiamati, avessero l’obbligo di richie-
dere una licenza annuale, magari pagando 10 lire nuove (8
scellini), non soltanto si metterebbe un freno morale al loro
modo facile e indolente di procacciarsi da vivere, ma si ren-
derebbe disponibile una certa quantità di manodopera per
altri impieghi, senza contare che la tassa garantirebbe allo
Stato un introito di 100.000 lire nuove (4000 sterline), che si
potrebbero destinare alla costruzione di strade proprio in
quelle stesse zone nelle quali portano la mercanzia.
A causa della quasi inesistenza di occasioni di lavoro nel
settore meccanico, gli addetti sono estremamente pochi ed a
questo tipo di attività non sono per niente interessati pastori
e agricoltori, di gran lunga la parte più numerosa della popo-
lazione, grazie alla loro spartanità di vita, all’usanza di prov-
vedere a tutte le cose necessarie per la casa.
I nobili, pur vantando i vari titoli di Duca, Marchese, Con-
te, sono solitamente chiamati Baroni per i loro possedimenti
feudali.

170
Ca pitolo XIII

I più ricchi e di più alto rango vivono a Torino, dove cer-


tuni hanno cariche a corte ma, salvo queste eccezioni, vivo-
no nelle città più importanti e soltanto in primavera vengono
in visita alle loro tenute quando non imperversa l’intemperie.
Sono, in genere, orgogliosi e ignoranti perché, avendo poche
occasioni di migliorare l’istruzione rudimentale che hanno ri-
cevuto, e vivendo secondo l’ordinaria routine delle loro co-
gnizioni e abitudini – una specie di otium cum superbia , non
dignita te – accrescono la loro naturale inerzia che li rende
incapaci di nutrire interessi intellettuali o di giovarsi dei be-
nefici del commercio.
Sotto questo aspetto, fanno forse eccezione coloro i qua-
li, avendo frequentazioni col continente, hanno imparato ad
apprezzare, e si sono sforzati di giovarsene, le ricchezze del-
la loro terra. Hanno avuto successo quando delle cose si so-
no interessati in prima persona, come per esempio con le
tonnare, ma hanno fallito nei piccoli traffici dell’esportazione
dell’olio, delle arance, del vino a causa dell’inesperienza e
dell’incapacità di perseverare di fronte alle difficoltà.
I Cavalieri, altra categoria di nobili cui spetta il titolo di
Don, sono molto numerosi ed hanno precedenza sui Cavalie-
ri di Spada che non possono anteporre al loro nome il titolo
di Don o di Cavaliere ma lo debbono posporre, come ad
esempio: Giovanni Cavaliere. Questa categoria rappresenta il
passaggio intermedio dal borghese al nobile e, come oppor-
tunamente osserva in proposito La Marmora, «come tutti gli
esseri anfibi, sembra non si trovino mai a loro agio».
La carriera militare è riservata ai ceti più alti, mentre l’av-
vocatura e la carriera ecclesiastica sono destinate alla nobiltà
inferiore; tutti godono di molti e identici privilegi come mem-
bri dello Stamento militare per quanto altri siano riservati ai
titolari di feudi. Fra i privilegi uguali per tutti, si annoverano:
l’indipendenza dai tribunali ordinari, in quanto sono soggetti
soltanto al giudizio del viceré e del Consiglio Reale; l’esonero
da qualsiasi prestazione di servizio personale, una proroga di
ventisei giorni quando vengono sottoposti a procedimento
giudiziario; nel caso siano sottoposti a giudizio, la sentenza

171
L’ISOLA DI SARDEGNA

viene emessa dai loro pari e, se condannati, hanno la possi-


bilità di scegliere fra la decapitazione e l’impiccagione, come
si usa per i criminali comuni. Abbiamo già avuto modo di
parlare ampiamente delle caratteristiche dei ceti bassi, di co-
loro che esercitano mestieri o il commercio e degli addetti al-
l’agricoltura.
Dei Sardi, in genere, si può dire che siano onesti, gene-
rosi e inclini all’ospitalità; che hanno conservato molti pregi
della vita semplice e genuina e, come osserva Plutarco a
proposito di Arato e di uomini della sua tempra, «in loro la
virtù è dono di natura, senza ausilio della scienza, come i
frutti del bosco che crescono spontaneamente».
Le passioni predominanti sono la vendetta e la gelosia; le
colpe più diffuse, l’indolenza e l’ozio e da questi derivano
un’ignoranza senza limiti, un fanatico attaccamento ai pregiu-
dizi ed alla superstizione ed un retaggio di pensieri, abitudini
e usanze di natura così primitiva di cui, proprio, non si trove-
rebbe l’uguale in Europa. L’alba della civiltà sta sorgendo,
ora, per loro ed è stato affermato, con una buona dose di ve-
rità, che l’Isola ed i suoi abitanti costituiscono l’anello inter-
medio fra la fine della mitologia e l’inizio della civiltà.
La loro condizione chiarisce l’osservazione del Robert-
son60 secondo la quale «il consorzio umano è giunto al suo
stato di maggior corruzione in quel periodo nel quale gli uo-
mini hanno perduto la loro indipendenza originale e la sem-
plicità delle abitudini, ma non hanno raggiunto quel grado di
perfezionamento che favorisce il senso del decoro e la pro-
prietà di comportamento, come freno a quelle passioni che
conducono a crimini efferati».
Quelle che seguono possono essere considerate le cause
della loro infelice condizione: il loro stato di isolamento, il
fatto di essere sempre stati vessati, oppure soggiogati, da po-
tenze straniere, il fatto che i Sardi fossero le vittime ed il loro
Paese l’arena dei conflitti con Cartaginesi, Romani, Vandali,

60. W. Robertson, Storia di Ca rlo V. Introduzione al capitolo sullo stato


dell’Europa, sezione 1.

172
Ca pitolo XIII

Saraceni, Italiani, Spagnoli e, infine, con i Piemontesi, i quali


tutti, – in maggiore o in minore misura – ridussero in schiavi-
tù la loro preda innocente, traendone benefici di potere e di
ricchezza senza mai intervenire in alcun modo in favore delle
loro vittime.
I Cartaginesi, nelle loro guerre di conquista, misero in atto
ogni sorta di crudeltà e, dalle fonti storiche sulle vittorie con-
seguite dai Romani, come si è ricordato in precedenza, sap-
piamo che, fra il 259 e il 112 a.C., furono uccisi o fatti prigio-
nieri per essere portati a Roma oltre 150.000 sardi; tutto ciò è
avvenuto in un periodo di tempo inferiore ai 150 anni. A que-
ste decimazioni di popolo va aggiunto l’oltraggio alla dignità
politica e sociale; il giogo romano fu talmente oppressivo per
la durezza e le estorsioni dei pretori, che rimangono soltanto
due esempi di una amministrazione moderata che recarono
sollievo all’Isola. Il pretorato di Catone il Censore, nel 199
a.C., viene così ricordato da Plutarco: «Quando era governato-
re della Sardegna, sebbene i suoi predecessori avessero co-
stretto la provincia a sostenere grandi spese per la costruzione
di edifici, ville ed esibizioni di lusso, ed avessero ancor più
gravato sulle finanze pubbliche col grande seguito di amici e
servitori che si portavano appresso, per i grandi e sontuosi in-
trattenimenti che organizzavano, Catone, al contrario, fu esem-
plare per la sua frugalità. Evitò sempre di far ricadere le sue
spese sul pubblico erario. Anziché usare un mezzo di traspor-
to, andava a piedi da una città all’altra, scortato soltanto da un
ufficiale che portava i suoi indumenti ed un recipiente per le
libagioni. Ma se in queste circostanze si mostrava semplice e
modesto verso i suoi sottoposti, era austero e severo in tutte
le altre cose.
Era inesorabile su quanto atteneva alla giustizia pubblica,
inflessibilmente rigido nell’esecuzione degli ordini tanto che,
a quel popolo, il Governo romano non si era mai manifesta-
to prima così potente e così amico».
A queste parole, Langhorne aggiunge nella sua traduzio-
ne queste osservazioni: «Il suo unico svago consisteva nel
sentire gli ammaestramenti del poeta Ennio, dal quale imparò

173
L’ISOLA DI SARDEGNA

le lettere greche e che, secondo Silio Italico,61 partecipava agli


affari pubblici dell’Isola».
Livio ricorda che conduceva una vita pia e modesta; cita
l’espulsione dall’Isola degli usurai e la riduzione delle spese
che solitamente sosteneva il Governo.
Plutarco, Aulo Gellio e Livio ricordano il pretorato di Caio
Gracco, nel 118 a.C., come un periodo felice e sereno per i
Sardi; fu molto popolare al punto che, a titolo di favore per-
sonale, ottenne da essi gli abiti invernali per l’esercito roma-
no che, in precedenza, erano stati negati perché richiesti con
la forza, imposizione contro la quale i Sardi si erano con suc-
cesso appellati a Roma.
Nel discorso pronunciato in Senato in propria difesa, così
egli parla della sua amministrazione dell’Isola: «Mi comportai
in quella provincia nel modo più confacente al servizio che
mi avete chiamato a svolgere e non alla mia ambizione …
Né alcuno può affermare che abbia ricevuto un solo soldo o
che abbia causato danni a taluno, sebbene sia vissuto due
anni con i Sardi … so bene, o Quiriti, che quando partii da
Roma avevo la borsa colma d’oro: l’ho riportata indietro vuo-
ta. Ciò non si è verificato in altri tempi con i miei predeces-
sori, che andarono in Sardegna con le anfore colme di vino e
le riportarono piene d’argento».
Sappiamo che durante il regno di Tiberio, vennero esiliati
in Sardegna 4000 Ebrei ed Egiziani in quanto insediamento
penale e luogo di esilio e rifugio; a questo proposito Tacito
così riporta:62 «Le cerimonie religiose degli Egiziani e degli
Ebrei furono argomento di disputa. Per decreto del Senato
4000 persone che professavano quella religione (discendenti
di schiavi affrancati), tutti imbevuti di quella superstizione e in
età di maneggiare armi, furono deportati nell’isola di Sarde-
gna per combattere contro i predoni e se poi tutti dovessero
morire per l’insalubrità del clima, non sarebbe stato che un
vile da mnum, una perdita di nessun conto».

61. Silio Italico, 2 Bellum Punicum, lib. 12.


62. Tacito, Anna les, lib. II, cap. 85.

174
Ca pitolo XIII

Quando fu cacciato dall’Italia, Lepido fuggì in questi lidi


e, secondo Plutarco, «qui morì di dolore, non a causa del di-
sastro finanziario ma per aver trovato una lettera con la quale
scoprì l’infedeltà della moglie».
Aniceto, che era stato incaricato da Nerone di uccidere
sua madre Agrippina, e di farne ricadere la colpa su sua mo-
glie Ottavia, accusandola falsamente di adulterio, fu anch’egli
esiliato da lui in questa terra. Pure Caio Cassio subì lo stesso
destino per mano di Nerone per aver tenuto fra le sue statue
quella del suo antenato Cassio con l’iscrizione «Duci Pa rtium ».
Questi esempi possono essere sufficienti, anche se se ne
potrebbero citare tanti altri a dimostrare in quale scarsa con-
siderazione morale i Sardi e la loro terra erano tenuti. E così,
per citare ancora le parole del Robertson allorché parla della
dominazione romana sui Paesi conquistati: «In queste depri-
menti circostanze fu impossibile che quei Paesi potessero
conservare vitalità o liberalità d’animo. Lo spirito bellicoso e
indipendente che aveva contraddistinto i loro progenitori an-
dò estinguendosi nei popoli soggetti al giogo romano; essi
persero non soltanto l’abitudine, ma anche la capacità di au-
todecidere o di agire secondo la propria volontà e la domi-
nazione romana, al pari di quella dei grandi imperi, degradò
e svilì la specie umana».
Nonostante i molti episodi di valore e di resistenza tra-
mandati dalla loro storia antica, i Sardi, fatta eccezione per
coloro che vivevano nelle zone di montagna, rivelarono la
loro inferiorità fisica e morale. Livio,63 rifacendo la storia del-
la vittoria ottenuta sui Sardi da parte di Tito Manlio Torquato
nel 215 a.C., usa l’espressione «Sa rdis fa cile vinci a dsuetis»,
sebbene poi definisca «nobilem pugna m », la nobile resisten-
za che essi opposero.
La locuzione Sa rdi vena les è stata spesso usata in riferi-
mento ai prigionieri mandati a Roma dalla Sardegna ma, l’ori-
gine dell’espressione proposta da Plutarco (Vita Romulus) ed
altri autori sembra la più plausibile. Romolo, dopo la sconfitta

63. Livio, lib. XXIII, cap. 41.

175
L’ISOLA DI SARDEGNA

dei cittadini di Veio, aveva portato a Roma molti prigionieri


ed il re vinto, che si era comportato da pusillanime nella dife-
sa della sua città, sfilò cogli altri prigionieri nel corteo trionfa-
le che per l’occasione era stato concesso al vincitore. In ricor-
do di questo fatto, i Romani, quando celebrarono i successivi
trionfi, usavano condurre, attraverso il foro fino al Campido-
glio, un vecchio, che indossava una lunga veste bianca bor-
data di rosso ed una bolla attorno al collo, mentre l’araldo
annunziava «Sa rdi vena les», «Sardi in vendita», perché, afferma
Plutarco, «si dice che i Tirreni siano una colonia di Sardi del-
l’Asia Minore».
Nella sua Ora tio pro Sca uro, Cicerone fa riferimento ai Sar-
di descrivendoli «pessima e, levissima e, va nissima eque genti»,
gente assai sudicia, frivola, e vanitosa. Nella Ora tio de Pro-
vinciis Consula ribus, egli definisce il popolino «ma struca ti
la trunculi», ladri vestiti di mastrucca o pelli di pecora, ma si
dovrebbe tener presente che queste espressioni violente e
certamente biasimevoli erano il linguaggio dell’avvocato che
patrocinava la causa del cliente non quella del giudice, del-
l’oratore e non dello storico e di ciò costituiscono ulteriori
prove, non soltanto la difesa di Scauro, ma la rinuncia alla
causa di Famea in favore di quella di Publio Sestio, nonché le
sue lettere a Fabio.
Si sa molto poco della durata delle dominazioni dei Goti,
dei Vandali e dei Saraceni per cui non si può ipotizzare quale
impronta abbiano potuto lasciare sulla popolazione e sul suo
carattere, ma si ha ragione di credere che sotto i giudici lo
spirito nazionale si sia risvegliato, anche se poi fu nuovamen-
te frustrato durante le guerre fra Pisani, Genovesi e Aragone-
si, e successivamente corrotto dalla prolungata serie di abusi
demoralizzanti del sistema feudale.
Per quanto sia stato fatto molto per annientare le libertà ci-
vili e religiose ed impedire lo sviluppo dei principi delle liber-
tà costituzionali, tuttavia non sono andate perdute le fonda-
menta delle qualità eccellenti del carattere dei Sardi, sulle quali
si potrebbe costruire una sovrastruttura di obbedienza, di pa-
triottismo e di intelligenza assieme alle altre qualità essenziali
che distinguono un popolo nobile e autorevole.

176
Ca pitolo XIII

Il Governo aragonese non si curò nel modo più assoluto


dell’istruzione e della cultura dei Sardi, e scarsa considerazio-
ne in materia si ebbe anche da parte dei Piemontesi prima di
questo secolo, per cui la popolazione, non avendo frequenti
rapporti col resto del mondo, nulla sapeva se non cose per
sentito dire o fatti propalati dai preti; un’ignoranza che favori-
va l’attuazione di quella repressione politica del pensiero sulla
quale la dinastia ha finora fatto ereditariamente affidamento.
Sebbene nel secolo scorso siano stati emanati innumere-
voli decreti regi per l’istituzione di scuole, è soltanto negli
ultimi vent’anni che si è pensato di intervenire per il miglio-
ramento culturale del popolo ed i risultati sono stati insoddi-
sfacenti sia per coloro che hanno concepito i programmi sia,
in generale, per la gente.
A causa dell’incuria del passato, attraverso molti riscontri
si è potuto appurare che fra le persone anziane o di mezza
età della piccola borghesia, sono poche quelle che sanno leg-
gere e scrivere; per quanto riguarda il livello di istruzione del-
le nuove generazioni, se ne può avere un’idea considerando i
seguenti dettagli: le scuole si dividono in asili infantili, prima-
rie, normali, Scuole Pie e seminari dei Gesuiti. Gli asili infanti-
li, i più trascurati fra le varie istituzioni, per la scarsità dei fon-
di messi a disposizione per il loro funzionamento, ma anche
per la disposizione d’animo degli insegnanti e dei genitori che
sperano di ottenerne grandi benefici, sono organizzati talmen-
te male che raramente forniscono un minimo di istruzione di
scarsa utilità. In certi paesi non trovai una scuola aperta; l’inse-
gnante era ammalato oppure era deceduto, oppure occupato
in altre faccende. In altri, le scuole erano chiuse per mancanza
di alunni e la causa non era tanto l’indifferenza o la povertà
dei genitori, quanto l’apatia o la poltroneria del prete. In molti
casi si giungeva ad un compromesso, cioè, ad un accordo a d
libitum fra le parti. Infatti, come ha osservato un autore sardo:
«In molti luoghi è in uso un amabilissimo calendario, tenendo-
si scuola ora quando piace agli studenti, ora quando piace ai
maestri».64 Un sacerdote, che si è molto adoperato per molti

64. In italiano nel testo (N.d.T.).

177
L’ISOLA DI SARDEGNA

anni per tentare di modificare questo sistema, mi confermò


che la maggior parte dei bambini che frequentano queste
scuole di paese imparano soltanto a ripetere a memoria la li-
turgia e il catechismo e ciò si ritiene sufficiente sia per il prete
che per i genitori e gli scolari.
Le scuole primarie, a causa della generale disorganizza-
zione e dell’abitudine di dedicare troppo spazio ai rudimenti
del latino, non producono risultati positivi. Nei distretti rurali
sono poco frequentate durante i mesi estivi in quanto gli sco-
lari lavorano coi genitori nelle attività agricole e pastorali. Co-
sì, per usare le parole dello stesso autore: «Le scuole primarie
poco giovano per la negligenza ed inettitudine di coloro cui
sono affidate, e per l’incuria dei genitori a mandarveli. L’effet-
to, pertanto, delle medesime è poco men che nulla».65 Gli sco-
lari dei ceti poveri, anziché venire istruiti nei mestieri utili per
la vita e consoni alle loro condizioni, vanno avanti nella totale
ignoranza di quanto realmente sarebbe loro necessario. Pieni
di sé perché scioccamente convinti della loro presunta cultura
e saggezza, disprezzano l’ignoranza della propria famiglia che
si occupa del lavoro dei campi, della pastorizia o delle bran-
che più umili del commercio e artigianato. Di conseguenza, i
genitori che hanno necessità dell’aiuto dei figli in campagna,
preferiscono non mandarli a scuola, consapevoli del fatto che
un ragazzo «qui dicit la tinum », come sono soliti dire, non
metterà mai mano all’aratro.
Sebbene si verifichi spesso che questi giovani, una volta
imparate certe nozioni e auto definendosi litera dos, tornino
al paese, conducono una vita oziosa oppure si dedicano alla
professione dell’avvocatura, riducendosi a guadagnare un mi-
sero compenso, fomentando discordie e liti. Non si può af-
fermare, tuttavia, che non vi siano quelli che sappiano trarre
profitto da quel che hanno imparato, ampliando la propria
cultura a un punto tale da provocare la gelosia e l’inimicizia
di preti e frati dai quali vengono in particolare biasimati.
Nelle scuole normali nel 1843, il cui numero complessivo
era di 160, per quanto a mala pena ne funzionassero due terzi,

65. In italiano nel testo (N.d.T.).

178
Ca pitolo XIII

lo studio del latino e delle belle lettere si rivela ugualmente


ridicolo e inutile, perché quelle discipline altisonanti che vi si
studiano altro non sono che i rudimenti della grammatica,
della composizione, e dell’aritmetica e in ogni caso il fatto
che le si insegni non significa che si imparino.
Le scuole sono organizzate dal clero regolare o da quello
secolare e gli insegnanti, quando è possibile, vengono scelti
fra i parroci i cui salari sono a carico dei Comuni, oppure
viene ad essi assegnato un pezzo di terreno di valore equiva-
lente.
A proposito di questi insegnanti, è stato opportunamente
osservato che «troppo spesso non sono altro che dei merce-
nari, che vengono assunti o dimissionati secondo la volontà
arbitraria ed il piacere dei superiori, e poiché sacerdoti con
una certa cultura e rispettabilità non accetterebbero tali inca-
richi, ne consegue che questi vengono affidati a persone
ignoranti e senza esperienza per cui dal loro insegnamento
non se ne ricava alcun beneficio». Esistono soltanto due col-
legi propriamente detti, uno a Cagliari, l’altro a Sassari, ambe-
due affidati ai Gesuiti. Gli studenti (sono complessivamente
600) non vengono ammessi se di età inferiore ai dieci anni, il
tipo di istruzione impartito non varia per niente rispetto al si-
stema generale dell’Ordine.
I Padri Scolopi sovrintendono alle Scuole Pie, le scuole
per l’istruzione dei bambini dei ceti poveri, e il numero degli
alunni si aggira intorno ai 1200. Questi insegnanti hanno le
stesse mansioni dei Frati Ignoranti di Torino e di loro è stato
detto che quel che i Gesuiti rappresentano per i collegi, gli
Scolopi lo sono per le Scuole Pie, ma questi hanno la brut-
tezza del serpente senza il morso ed il veleno degli altri.66
L’istruzione religiosa si svolge nel modo seguente:67 «Ogni
mattina, 1. Un quarto d’ora di letture religiose (vale a dire, Le
sette a llegrezze e I sette dolori della Vergine Maria; effusioni
ascetiche al Sacro Cuore di Gesú e simili); 2. L’inno Veni Crea -
tor; 3. A seconda del tempo liturgico, l’inno ambrosiano ed altri

66. Vedi Foreign Qua rterly Review, vol. XXVII.


67. Vedi Von Raumer, Ita lia .

179
L’ISOLA DI SARDEGNA

brani dall’Ufficio della Bea ta Vergine (tutti in latino salvo il ti-


tolo); 4. Messa; 5. Inno sulle litanie della Santa Vergine; 6.
Istruzioni spirituali (cioè ampi commenti sui misteri dell’incar-
nazione, della transubstanziazione ecc.); 7. Il salmo La uda te
Dominum ed orazione per il re. Al pomeriggio, 1. Un quarto
d’ora di lettura religiosa; 2. Inno e orazione; 3. Tre quarti d’ora
di spiegazione del catechismo, cioè, dissertazione sull’impor-
tanza del digiuno, della confessione e, altrimenti, meditazione
sui cinque comandamenti della Chiesa. Le lezioni durano tre
ore e mezzo al mattino e due ore e mezza al pomeriggio».
La parte religiosa dell’istruzione impartita dai Gesuiti non
varia ed è caratterizzata dalla consueta severità; l’altra parte
dell’insegnamento è finalizzata all’annientamento del pensiero
individuale e alla sottomissione cieca delle proprie idee. Sono
pochi gli ordini monastici che, con le summenzionate eccezio-
ni, si preoccupano dell’istruzione; a ragione della loro concla-
mata ignoranza e poltroneria, risulta difficile capire fino a qual
punto meritino di esistere. Se gli ordini monastici venissero to-
talmente aboliti, i monasteri trasformati in collegi per l’istruzio-
ne degli insegnanti e le loro rendite venissero impiegate per
pagare i loro salari o le spese delle scuole, la gente – seppur
trascurando i vantaggi offerti – smetterebbe di lamentarsi, a
ragione, delle deficienze dell’istruzione e delle relative spese
imposte a questo fine, in aggiunta agli altri sostanziosi contri-
buti all’ordinamento religioso. Se non fosse possibile adottare
un provvedimento del genere, sarebbe almeno auspicabile
che monaci e preti dedicassero una parte del tempo speso
nelle celebrazioni di messe per i defunti all’istruzione dei vivi,
ma poiché il miglioramento culturale di questi andrebbe pro-
babilmente a detrimento di quelle funzioni e provocherebbe
un danno ai loro interessi finanziari, una tale alternativa non
tornerebbe per niente gradita ai religiosi.
Mi furono riferite diverse storielle che hanno per oggetto
questi sant’uomini e le messe. Vi è, per esempio, quella del
prete che legò per testamento una certa somma per la cele-
brazione di una messa giornaliera in suffragio della propria
anima perché aveva trascurato di celebrare 10.000 messe per
le anime degli altri, un impegno per il quale, secondo quanto

180
Ca pitolo XIII

da lui stesso affermato, aveva ricevuto del denaro che aveva


usato ai propri fini.
La descrizione (pubblicata dietro autorizzazione) della
situazione di un paese del distretto di Nuoro, si può adattare
a quella di molti altri e rivela che la maggiore cura si dedica
all’accentramento politico piuttosto che all’istruzione. Il pae-
se in questione non conta più di 130 case e 437 abitanti ma,
in compenso, ha un consiglio di comunità, un Monte di Soc-
corso ed una scuola normale “dove concorrono fanciulli 2!!”.
In mancanza di un censimento sullo stato dell’istruzione
e nella grande discrepanza esistente fra i dati diversi, è im-
possibile formulare una stima corretta del problema, né si
possono accettare ad occhi chiusi i dati forniti dalle parroc-
chie, predisposti di comune accordo fra i preti dei rispettivi
paesi, preoccupati di trovare una scusante alla loro negligen-
za e alla pigrizia dei loro parrocchiani.
Un autore sardo, le cui indagini statistiche sono molto det-
tagliate in materia di istruzione e popolazione, afferma: «I cen-
simenti parrocchiali sono imperfettissimi, e qualche volta fitti-
zi» ed ancora, in proposito osserva un po’: «I preti sono poco
scrupolosi in siffatta operazione, né si sentono punti per l’ine-
sattezza, se notino solamente i presenti e quei che conosco-
no». Se è possibile giungere ad una conclusione di carattere
generale, si può calcolare che fra le persone del basso ceto
dei distretti rurali, di età superiore ai trent’anni, neanche lo
0,5 per cento sa leggere e scrivere sebbene siano istruite nella
liturgia e nel catechismo ma, prendendo in considerazione le
persone in età fra i trenta e i vent’anni, si potrebbe avere una
proporzione dell’1 per cento. Un terzo, circa, dei bambini non
riceve alcun tipo di istruzione; un terzo conosce a memoria
soltanto nozioni elementari e l’altro terzo, infine, viene educa-
to col sistema già descritto.
Si può dare per scontato che nei paesi il 30 per cento
dei ragazzi non riceva istruzione; che il 50 per cento appren-
da soltanto le nozioni elementari ed il 20 per cento sia suffi-
cientemente in grado di leggere e scrivere ed esercitare un
mestiere. Nelle città, la proporzione degli analfabeti può es-
sere del 15 per cento e quella di coloro che hanno ricevuto

181
L’ISOLA DI SARDEGNA

e ancora ricevono un’istruzione elementare è del 60 per cen-


to, mentre il 25 per cento saprebbe leggere e scrivere.
Si può affermare in linea generale che, in tutta l’Isola,
neanche 1 persona su 15, ovvero circa il 7 per cento, sappia
leggere e scrivere e ciò può essere messo in contrapposizio-
ne alle circostanze in precedenza ricordate circa il fatto che 1
persona su 83 faccia capo al clero così che la proporzione fra
questi e coloro i quali sanno leggere e scrivere finisce per es-
sere di 1 ogni 5 individui e mezzo.
Sulla “condizione poco soddisfacente delle scuole” sono
state annunciate riforme per mezzo di un editto del 7 settem-
bre 1841. Fra le innovazioni figura la nomina di un ispettore
generale e di un vice ispettore che ogni anno visiteranno le
scuole. Il primo avrà uno stipendio di 1200 lire nuove (circa
48 sterline), con una segreteria dal costo di 300 lire nuove
(circa 12 sterline). È inoltre prevista dal decreto l’istituzione di
tre “scuole di metodo” per la formazione dei maestri il cui sti-
pendio è stato determinato in misura non inferiore a 40 scudi
(circa 7 sterline, 13 scellini e 7 pence) e non più di 80 (15
sterline, 5 scellini e 2 pence). È stato vietato ai maestri l’inse-
gnamento del latino nelle prime classi mentre dovranno forni-
re all’ispettore dati su nome, luogo di nascita, età, anno di
studio, classe, numero delle assenze da scuola o dalla messa,
carattere, indole ecc. degli alunni. I dati vengono poi inviati
alle autorità governative.
Verranno concesse alcune agevolazioni ai genitori che
manderanno i figli a scuola; a titolo di premio per la frequen-
za ed il profitto avranno la precedenza nella selezione per im-
pieghi locali e vantaggi simili.
Sono questi i risultati della religione e dell’istruzione fin
qui ottenuti da Carlo Alberto sotto la supervisione del clero,
un sistema encomiabile per il sovrano quanto proficuo per il
popolo.

182
CAPITOLO XIV
Arrivo a d Orista no sul Ponte del Dia volo – Titolo di Ma rchese di Orista -
no – La città – Il ca rcere – Pa la zzo di Eleonora – La ca ttedra le – Il clero
– Terra glie – Terra da follone – Ra cconti sui Giudici d’Arborea – Ba riso-
ne e Federico Ba rba rossa – La giudicessa Eleonora e suo pa dre Ma ria no
IV – La Carta de Logu – L’a mba scia ta del duca d’Angiò a l giudice Ugone

Giungendo da Milis, l’approssimarsi ad Oristano avviene


in un paesaggio ben diverso da quello finora descritto; la
pianura rappezzata è divisa in poderi recintati da siepi di fi-
chi d’India che, insieme con pochi ulivi e palme, costituisco-
no l’unica nota di verde. Visti così da vicino, questi alberi
danno all’ambiente un’aria orientale e le mura e le torri che
si annunciano nell’approssimarsi alla città pare possano rac-
contare la loro storia in modo più preciso delle altre. Il ponte
sul Tirso, a circa un miglio di distanza, è famoso soltanto per
la leggenda, nella quale tutti credono, secondo la quale sa-
rebbe stato costruito dal diavolo in una sola notte in segno di
particolare cortesia verso l’ultimo marchese di Oristano. Poi-
ché, però, esistono tanti casi in cui «il signore in nero» ha
concesso il suo patronato alla zona, il ponte non ha motivo
di essere così famoso.
Leonardo di Cubello, l’ultimo giudice, sebbene deposto
da Martino, re d’Aragona, fu da lui investito, nel 1410, del tito-
lo di Marchese di Oristano e Conte del Goceano. Gli successe
nel 1427, nel titolo e nei possedimenti, suo figlio Antonio e,
quindi, ne fu erede il fratello Salvatore nel 1457 ma, morendo
egli senza prole, trasmise il patrimonio a don Leonardo di
Alagon, suo consanguineo, che fu vittorioso nella guerra con-
tro il viceré di Aragona, Carroz, e costrinse il sovrano a con-
fermargli il possesso dei territori conquistati.
Alagon fu sconfitto in una battaglia che ebbe luogo qual-
che anno dopo e fu portato in Spagna dove morì da prigio-
niero; da questo momento, le proprietà ed i titoli diventarono
appannaggio della Corona e, per discendenza, appartengo-
no oggi alla Casa di Carignano.

183
L’ISOLA DI SARDEGNA

Si deve ad Orzoco Dezzori, giudice di Arborea nel 1070,


la fondazione della città di Oristano quando la popolazione,
dopo aver evacuato Tharros, si stabilì nel luogo attuale ed il
sito corrisponde a quel che una volta era la romana Othoca
per quanto siano scarse le vestigia risalenti a quel periodo.
Due torri costituiscono le porte d’accesso alla città, la Torre di
Ponte, costruita nel 1291, e la Torre di Mare, risalente al 1293,
realizzate entrambe per volere di Mariano II, il quale fece an-
che fortificare la città. La Torre di Mare, un’imponente costru-
zione alta e di forma quadrangolare, avente due torri circolari,
è piuttosto cadente nella parte superiore, mentre quella infe-
riore viene adibita a prigione: un luogo di reclusione che più
inumano e iniquo non si potrebbe immaginare.
L’aspetto dei disgraziati inquilini fu la prova straziante
dell’atroce trattamento cui erano sottoposti; i vestiti erano
sordidi e ridotti a degli stracci; il giaciglio un saccone sporco
e le finestre non avevano vetri. Di notte, un’enorme catena
pesante veniva assicurata ad un anello di ferro che ciascuno
portava al collo per impedire che potessero sollevarsi dal pa-
vimento. Questo edificio, anticamente la prigione del castello
ad esso adiacente, riveste grande interesse negli annali della
Sardegna. Il castello, infatti, o Palazzo di Eleonora, come tal-
volta viene chiamato, è attualmente destinato a scopi degeneri
come la prigione, in quanto viene usato, o piuttosto abusato,
anche come caserma e stalla per i “cavalieri leggeri”; un qua-
dro di sporcizia e disordine che infanga la gloria dei tempi
andati e costituisce motivo di disonore per le autorità attuali.
L’architettura, anche se eccessivamente semplice e rozza, non
ha altri pregi se non alcune belle finestre ad arco che si tro-
vano all’interno della grande corte ed una singolare scalinata
che sta a sinistra.
Esistono molti edifici interessanti risalenti al periodo della
dominazione pisana e aragonese. Il palazzo civico reca un’iscri-
zione in latino che ricorda la sua fondazione per volere di Fi-
lippo II, nel 1562; moltissime case imponenti portano le inse-
gne degli antichi proprietari. Le balconate e le balaustre in
ferro, i frontoni, gli architravi scolpiti e i montanti ricordavano i
tempi floridi della città. Quanto a larghezza e pulizia, dal canto

184
Ca pitolo XIV

loro, le strade sono assai migliori di quelle di altre città del


settentrione dell’Isola. Fra gli edifici moderni, suscita un certo
interesse l’interno della cattedrale; l’altare maggiore, la balau-
stra ed il pulpito sono in marmo di vario colore. Vi si può am-
mirare un bel dipinto dell’Assunzione nel quale Sant’Archelao,
al quale la chiesa è dedicata, costituisce il personaggio più im-
portante. Un altare laterale, dedicato a san Nepomuceno, ri-
porta la parola «Secretum », in riferimento alla leggenda secon-
do la quale il Santo fu ucciso affogato nella Moldava, a Praga,
per ordine del re Venceslao VI, nel 1382, perché si rifiutò di
riferire i segreti confidatigli in confessione dalla regina. La
stessa leggenda narra che tre giorni dopo la sua morte, si le-
varono fiamme dalla superficie del fiume proprio nel punto
esatto in cui fu poi ritrovato il corpo.
Il Santo non gode, tuttavia, di molta venerazione ad Ori-
stano; non gli vengono tributati gli onori che ho visto riservar-
gli nella Domkirche di Praga. Un altro altare è dedicato a San
Luigi Gonzaga, con la scritta «Purita s», la cui storia rimane
sconosciuta. Di recente, in ossequio al testamento e al lascito
di un canonico, Luigi Tola, che morì nel 1839, furono costruiti
altri due altari di marmo grigio, di buona fattura ma piuttosto
tetri rispetto all’architettura della cattedrale. Il coro è rivestito
di legno scolpito ed è un’opera apprezzabile. Il campanile ot-
tagonale adiacente alla chiesa, bello e di stile semplice, è rico-
perto di tegole variopinte che somigliano a quelle delle chiese
tartare che si vedono nella Russia orientale e meridionale, e
val la pena di salirvi per godere di uno sconfinato panorama.
L’organico della cattedrale è composto da trentadue reli-
giosi ed altre persone che indirettamente ne dipendono; la
diocesi, che comprende settantasei parrocchie, conta 226 sa-
cerdoti beneficiati oltre parroci, confraternite e monasteri.
Moltissime chiese cittadine possiedono svariate reliquie,
come il capo di San Basilio racchiuso in uno scrigno d’oro e
d’argento con un’iscrizione greca; un frammento della croce
ecc. La chiesa di Santa Giusta, che sta a circa un miglio e mez-
zo dalla città, è bellissima e degna d’attenzione per le quattor-
dici colonne di diverso ordine architettonico e per la cripta dal-
la quale, secondo una credenza popolare, avrebbe inizio un

185
L’ISOLA DI SARDEGNA

cunicolo che conduce direttamente al mare. Molto caratteristi-


co, fra i monasteri, quello dei Cappuccini, situato a ovest-sud-
ovest della città, circondato da palme sparse tutt’intorno. Il Se-
minario, un grande edificio in discrete condizioni, anche se
privo di pregi, è in grado di ospitare quaranta studenti sebbe-
ne, quando ci andai, non ce ne fossero più di trenta. Nella pic-
cola cappella si trovano sei dipinti del Marghinotti; i migliori
sono una Madonna situata sull’altare, dall’aria dolce e ben rea-
lizzata, e un Sant’Alfonso che si trova in altra parte dell’edificio.
La popolazione di Oristano conta circa 6000 abitanti e
l’incremento delle nascite rispetto alle morti è molto modesto
a causa dell’aria malsana proveniente dalle esalazioni delle
paludi. Il commercio si pratica in dimensioni ridotte, tanto
che le tasse d’esportazione, nel 1844, ammontarono appena a
317 sterline e 4 scellini e quelle d’importazione a 707 sterline
e 1 scellino. Gli unici prodotti che comunemente si vendono
sono il vino, l’olio ed il frumento, tutti eccellenti ed a buon
prezzo, oltre un po’ di terraglie e terrecotte fabbricate con
l’argilla della zona. Per quanto si tratti di oggetti di artigianato
rudimentale, sono delicati e belli perché, nella forma, riprodu-
cono i modelli che si ritiene siano fenici, riportati alla luce in
zone archeologiche che testimoniano una grande antichità.
Ne è una riprova un’anfora che riporta un’iscrizione fenicia
(per i particolari e il disegno, vedi l’Abate Barthélemy).68
Nei dintorni di Oristano si trova l’argilla smettica, o terra
da follone (una specie di creta), ed è scarsamente sfruttata;
conserva il suo grande pregio ma non è più esportata ed ap-
prezzata come lo era ai tempi dei Romani. Plinio69 ricorda che
un decreto dei censori Emilio e Flaminio imponeva ai follatori
di usare preferibilmente argilla sarda.70

68. J. J. Barthélemy, Réflexions sur quelques Monuments Phéniciens, Pa-


ris, 1754.
69. Plinio, lib. XXXV, capp. 15, 17.
70. I follatori sono gli operai addetti alla follatura, attività con cui i tessuti
di lana vengono ristretti e compattati, sottoponendoli a pressione. L’argil-
la smettica veniva usata per sgrassare la lana, così che essa potesse poi
essere sottoposta alla tintura e quindi lavorata (N.d.T.).

186
Ca pitolo XIV

Oristano, capitale dell’antico Giudicato di Arborea, rico-


prì un ruolo veramente importante nella storia dell’Isola, tan-
to che alcuni cenni biografici dei giudici Barisone ed Ugone,
e della giudicessa Eleonora, potranno meglio consentire di
penetrare nelle tradizioni e nei costumi della gente e del ter-
ritorio nei secoli tredicesimo e quattordicesimo.

Il personaggio Barisone, esempio di ambizione e di debo-


lezza di un principe di scarsa levatura, con una versatilità con-
cessagli dalla natura per far fronte alle esigenze contingenti,
può essere assunto come prototipo della facilità con la quale
molti giudici si assoggettavano ai vari potenti che di volta in
volta li soggiogavano.
Nel 1165 fu assalito dal suo omonimo, Barisone, giudice
del Logudoro, e da Pietro, giudice di Cagliari, i quali dopo
aver fatto terra bruciata del suo territorio, fecero un grande
bottino e molti prigionieri. Anziché combattere contro gli in-
vasori, pensò bene di ritirarsi a Cabras e, profittando delle
guerre in atto fra le Repubbliche rivali di Pisa e Genova che
si erano rivolte all’imperatore Federico I Barbarossa per otte-
nere il possesso del Giudicato, stipulò un’alleanza con i Ge-
novesi per averne l’appoggio contro i Pisani ai quali i giudi-
ci di Cagliari e del Logudoro erano legati da precedenti
trattati. Sebbene costretto per le sue difficoltà a cercare pro-
tezione, egli, con indicibile esaltazione, chiese anche l’inter-
cessione dei Genovesi presso l’imperatore per ottenere il ti-
tolo di Re di Sardegna ed essi, perfettamente consapevoli
della sua vanità ma anche delle sue ristrettezze economiche
e del valore della sua alleanza, che avrebbe loro consentito
di contrastare i rivali nell’Isola, accolsero la sua sublime e ri-
dicola richiesta.
Ugone, vescovo di Santa Giusta ed emissario di Barisone,
accompagnato da due ambasciatori incaricati da Genova, pre-
sentò a Federico la petizione per il titolo di Re, confermando,
allo stesso tempo, che Barisone lo riconosceva come supre-
mo imperatore e che giurava, sul suo onore, di pagargli un
tributo annuo e, subito, la somma di 4000 marchi d’argento.

187
L’ISOLA DI SARDEGNA

Sebbene soltanto pochi anni prima Federico avesse conferito


a suo zio Guelfo la sovranità ed il titolo di Principe di Sarde-
gna, non ebbe esitazione a trasferire quei titoli a Barisone. In-
vano i Pisani presentarono le loro rimostranze e tentarono di
dimostrare l’ingiustizia e l’illegalità dell’atto; Federico affermò
che, poiché l’Isola faceva parte dell’impero, rientrava nei pro-
pri diritti di disporne a suo piacimento e, a dispetto delle loro
rimostranze, nel 1164 incoronò di persona Barisone nella
chiesa di San Sisto, a Pavia.
Lo scambio di un titolo vuoto di significato per la sostan-
ziosa somma di 4000 marchi non avvenne, a dire il vero, in
maniera molto semplice. L’imperatore che, secondo i reso-
conti, recava il diadema reale nel corso della cerimonia e del
corteo che si svolsero, il che denotava il diritto di conferirlo
ma anche l’importanza dell’occasione, chiese ben presto il
prezzo della donazione ma Barisone, la cui scarsità di mezzi
non era inferiore all’orgoglio, fu costretto a chiedere in pre-
stito il denaro alla Repubblica genovese. Questo il dialogo
che in quell’occasione si svolse fra le due teste coronate:71
Impera tore Federico : «Quel che chiedevate è stato fatto,
ora tocca a voi mantenere la parola e sborsare i quattromila
marchi promessi».
Giudice Ba risone: «Non nego, mio Signore, che questa è
la promessa, ma attualmente mi trovo in grandi ristrettezze fi-
nanziarie. Conto di andare in Sardegna e colà, senza indugio,
provvederò a sistemare il debito».
Federico : «Insomma, quel che volete farmi intendere è
che siete sul piede di partenza, che, come si suol dire, avete
già un piede sulla staffa e che, in buona sostanza, volete dar-
mi da bere che non avete intenzione di pagare. Un uomo co-
me voi, che ha appena conquistato un regno, un uomo sul
cui capo è stata posta una corona, non dovrebbe dire scioc-
chezze del genere ma dovrebbe pagare anche più di quanto
si è convenuto inizialmente. Comunque, bando alle ciance e
veniamo al dunque».

71. Vedi Foglietta, ad annum 1164 e Muratori, vol. VI.

188
Ca pitolo XIV

Ba risone: «Mio Signore, se mai aveste posto in dubbio la


mia buona fede, troverò i mezzi per soddisfarvi. Vogliate fissa-
re una data ed alla scadenza tornerò dalle mie terre e non avrò
alcuna difficoltà a pagare anche più di quanto ho promesso».
Federico : «Basta con le sciocchezze, Barisone, e non ten-
tate di incantarmi con le belle parole della cui vacuità avete
già dato prova. Potete trovare tanti modi, qui, sulla Terrafer-
ma, di pagare il debito e da questo momento non ho altro
da dirvi finché non tornerete col denaro in mano».
Ba risone : «Sul mio onore, non ho il becco di un quattri-
no ma farò del mio meglio. Tornerò dai miei ospiti e chiede-
rò consiglio a loro e ad altri amici sul come onorare i miei
obblighi».
Le finanze di Barisone non versavano in condizioni mi-
gliori quando giunse a Genova. Fu costretto a chiedere in
prestito alla Repubblica un’altra somma per pagare le spese
del viaggio in Sardegna e, come garanzia per i suoi creditori
sul prestito concessogli, si impegnò con pubblico documento
di non toccare le coste del proprio regno finché non avesse
assolto il debito; di pagare un tributo annuo di 4000 marchi
d’argento qualora Genova fosse coinvolta in una guerra; di
risiedere a Genova per determinati periodi; di richiedere la
nomina dell’arcivescovo di Oristano a primate dell’Isola; di
cedere alcuni territori del suo Giudicato; di mettere a disposi-
zione ad Oristano terreno sufficiente per la costruzione di
100 case da destinare ai mercanti genovesi che trafficavano
in quel porto. Per converso, la Repubblica si impegnava a
non stipulare alleanze con Pisa senza il consenso di Barisone
ed a fornirgli sei navi da guerra.
Nel corso del suo soggiorno a Genova, egli ostentò lo
sfarzo e l’apparato di un sovrano, ma quando giunse ad Ori-
stano questi atteggiamenti ridicoli furono messi da parte per-
ché il popolo, disapprovando l’acquisizione dell’inutile titolo
di Re a così alto prezzo, accolse le sue richieste con fredda
indifferenza, rifiutandosi di pagare e diffidando dei Genovesi.
Il console Piccamiglio, cui era stata affidata la responsabi-
lità di vigilare perché il re pagasse il debito, non intravedendo

189
L’ISOLA DI SARDEGNA

prospettive concrete e sospettando degli Oristanesi, scoprì


che essi tramavano con i Pisani attraverso il vescovo Ugone e
decise di tornare a Genova insieme con il regale debitore che
consegnò nelle mani dei suoi creditori repubblicani. Durante
la detenzione di Barisone in quella città, di nuovo i Pisani ri-
vendicarono presso l’imperatore la loro richiesta di sovranità
sull’Isola e fu con esito favorevole perché, in loro favore, egli
annullò ambedue le investiture precedenti.
I Genovesi, incuranti del passaggio avvenuto, attaccaro-
no i Giudicati di Cagliari e Arborea e li costrinsero a ricono-
scere la loro signoria imponendo anche tributi.
Dopo quattro anni di prigionia, nel 1168, Barisone, che
più non era re ma soltanto giudice, ottenne licenza di poter
tornare alla sua terra ed avendo acconsentito a lasciare in
ostaggio la moglie, il figlio ed il palazzo, oltre a 4000 lire a
garanzia del suo debito, sbarcò ad Oristano e tentò con tutti i
mezzi di trovare il denaro. Non si conoscono i particolari,
tuttavia egli fece ritorno a Genova con la sua famiglia dove
visse fino al 1171, anno nel quale tornò ancora una volta nel-
la sua città natia e fu ricevuto con molta gioia ed esultanza.
Si mantenne fedele ai Genovesi fino al 1174 allorché ritrattò
il patto e promise di essere vassallo dei Pisani i quali aveva-
no vittoriosamente invaso il suo territorio.
Trascorse il resto della sua vita in conflitto con i giudici
delle altre province e compiendo azioni che rivelarono la
sua ambizione e la sua totale debolezza. Le finalità di un la-
scito che egli fece denotano il livello di ignoranza che in
quell’epoca caratterizzava il suo Giudicato; le condizioni po-
ste dalla donazione prevedevano l’invio dall’Italia ad Arborea
di dodici monaci e si chiedeva che fra questi ce ne fosse
qualcuno sufficientemente erudito nelle lettere così da essere
in grado, nel caso ve ne fosse stato bisogno, di ricoprire l’in-
carico di arcivescovo o di vescovo oppure di assumersi l’im-
pegno di patrocinare gli affari del Giudicato presso la corte
imperiale o quella romana.
Barisone morì nel 1185 concludendo nella fanatica sotto-
missione alla Chiesa un’esistenza che aveva oscillato fra la

190
Ca pitolo XIV

soggezione ai Genovesi od ai Pisani; con uno di loro sem-


pre intrattenne rapporti di inimicizia ma non ebbe nemici
peggiori della sua vanità e della sua incostanza.

Possiamo ora volgere la nostra attenzione verso una per-


sonalità ben diversa, quella della giudicessa Eleonora, che
nacque verso la metà del quattordicesimo secolo, figlia di
Mariano IV, giudice di Arborea, e di sua moglie Timbora, a
sua volta figlia di Dalmazio, visconte di Roccaberti. Suo pa-
dre Mariano fu allevato alla corte d’Aragona dove venne trat-
tato con la stessa distinzione dei principi reali e, all’ascesa al
trono di Pietro IV (il Crudele), aveva fatto atto d’omaggio per
conto degli Stati di Arborea, in nome di suo fratello Pietro III,
in quel tempo giudice della provincia. Nel 1346, alla morte di
questi, non avendo egli eredi, gli successe nel regno e per
un certo tempo rimase in apparenza fedele al suo signore
feudale, usando la massima finzione, ma al rientro in Sarde-
gna, alimentò i dissensi fra i Doria e i Malaspina, sostenendo-
li in segreto con uomini e denaro e, nello stesso tempo,
adottando la stessa politica nei confronti del re di Aragona,
che fingeva di aiutare con il suo consiglio. Conseguenza di
questa condotta mistificante fu una prima battaglia che ebbe
luogo a Aidu di Turdu nel 1347, nella quale Mariano sconfis-
se nettamente gli Aragonesi e successivamente, proseguendo
nella stessa duplice linea d’azione, fece sì che le parti rivali si
annientassero reciprocamente avendo così la possibilità di in-
sorgere contro ambedue e cacciarle dall’Isola. Alla fine, nel
1352 gettò la maschera chiedendo al re di Aragona il posses-
so di Alghero, la qual cosa gli fu negata. Poco dopo scoppiò
una guerra dichiarata, che continuò ad intervalli con alterno
successo per vent’anni, provocata dal rifiuto di Mariano di
rendere al re d’Aragona il castello e gli edifici annessi di
Monte Acuto che aveva conquistato, e di rimettere in libertà
suo fratello Giovanni che tenne in carcere fino alla morte.
Da questo momento Mariano entrò più a stretto contatto
con la famiglia Doria e, sebbene in un primo tempo non ebbe
esiti positivi, riuscì ben presto a far valere la propria autorità.

191
L’ISOLA DI SARDEGNA

Nel 1354, ottenuto dal re di Aragona il riconoscimento dell’in-


dipendenza, si adoperò fino alla fine del suo regno per esten-
dere ovunque il suo potere e non perse occasione propizia
per ingrandirsi a spese dei nemici.
Nel 1364 si avvantaggiò della disputa fra il papa Urbano V
e Pietro, re d’Aragona, allorché nel concistoro di Roma venne
proposto di privarlo del possesso della Sardegna per annetter-
la alla Santa Sede. Con incredibile prontezza, Mariano strinse
alleanza con Pisa e dislocò le sue truppe vittoriose in tutta la
Sardegna, ottenendo un tale successo che, nel giro di due an-
ni, quasi tutta l’Isola era stata soggiogata. Al fine di rafforzare
l’alleanza con la famiglia dei Doria, aveva in precedenza fatto
sposare sua figlia Eleonora (la legislatrice) con Brancaleone
Doria ma, sfortunatamente, il genero lo abbandonò quando,
nel 1368, ripresero le ostilità col re d’Aragona, un abbandono
che avrebbe gravemente compromesso i suoi disegni se non
se ne fosse abilmente occupato suo figlio Ugone IV,72 il quale
liberò i mari sardi dalla presenza degli stranieri. Mariano fu
vittima della pestilenza del 1376; si era distinto come politico,
guerriero e legislatore in quanto aveva iniziato a stendere il
codice legislativo noto come Ca rta de Logu, portato successi-
vamente a termine da sua figlia Eleonora.
Il Manno,73 nel tratteggiare il personaggio, ha succinta-
mente e opportunamente osservato: «Uomo in verità non ordi-
nario. Costante nella primiera fede anche quando poteva nuo-
cere; costante nell’odio anche quando il ritorno alla fede potea
giovargli … Guerriero, egli amò meglio infievolire i nemici af-
faticandoli, che investendoli, e stimò maggior prudenza il com-
mettersi a molti incontri, e con ciò alle vicende compensatrici
della sorte, che l’avventurare in una battaglia ordinata la som-
ma intiera delle cose … Qualunque dopo ciò sia per essere il
giudizio che si porterà di questo nostro principe, si potrà sem-
pre fermar per vero, che a lui principalmente si deve attribuire,

72. Si tratta del giudice Ugone III (N.d.T.).


73. G. Manno, Storia di Sa rdegna , tomi I-IV, Torino, Alliana e Paravia,
1825-27; riedito a cura di A. Mattone, Nuoro, Ilisso, 1996 (N.d.T.).

192
Ca pitolo XIV

se il Governo aragonese non poté durante la di lui esistenza e


molto dopo la sua morte, gittare salde radici nell’Isola».
Alla sua morte, gli successe il figlio, il summenzionato
Ugone IV, nato verso il 1335, che continuò coraggiosamente la
guerra e, come suo padre, fu sul punto di ottenere la Sardegna
come regno dal papa Urbano VI, anche se poi il progetto fallì.
Come il precedente, le vicende del suo dominio furono
contrassegnate da lotte col re d’Aragona quando, il 3 marzo
del 1383, Ugone fu assassinato nel corso di un’insurrezione
popolare insieme con la figlia Benedetta. Il personaggio è
stato variamente descritto da numerosi autori e la stessa di-
versità di opinioni esiste a proposito delle cause della ribel-
lione nella quale cadde vittima; alcuni le attribuiscono al fatto
di aver ingiustamente condannato a morte un illustre medico
di Pisa; altri alla sua tirannia ed alla politica profondamente
sleale nei confronti di Aragona.
Alla sua morte, la discendenza maschile della Casa di Ar-
borea che aveva regnato per oltre 800 anni, si era estinta e gli
successe suo nipote Federico, un infante, figlio maggiore di
Brancaleone e di Eleonora la quale, assumendo le redini del
Governo in nome del fanciullo, col titolo di Giudicessa di Ar-
borea, Contessa del Goceano ecc., manifestò un’energia ed un
talento superiori anche a quelli di suo padre. La prima occa-
sione nella quale furono messi alla prova il suo coraggio e la
sua sagacità politica fu l’uccisione di suo fratello Ugone e di
sua figlia Benedetta quando gli insorti tentarono di uccidere
tutta la famiglia regnante per costituirsi in repubblica. Perce-
pendo il pericolo che minacciava la vita ed i diritti dei figli, im-
perterrita di fronte alla condotta pusillanime del marito che
fuggì per cercare asilo alla corte d’Aragona, assunse senza in-
dugio il comando dello Stato e, scendendo in armi alla guida
delle truppe rimastele fedeli, prontamente sconfisse definitiva-
mente i ribelli. Non perse tempo nell’impossessarsi delle terre
e dei castelli appartenenti ai Giudici di Arborea, volle che il po-
polo le rendesse omaggio e giurasse fedeltà al giovane princi-
pe, suo figlio, come pure si rivolse al re d’Aragona perché le
venisse in aiuto al fine di ristabilire l’ordine nel Giudicato.

193
L’ISOLA DI SARDEGNA

Brancaleone, rianimato dal coraggio e dal successo della


moglie, chiese al re di Aragona di far ritorno in Sardegna con
le truppe ausiliarie che aveva promesso, ma il sovrano, allar-
mato dall’intraprendenza della giudicessa, gli impedì di parti-
re e lo tenne strettamente isolato col pretesto di conferirgli
grandissimi onori.
Alla fine, gli fu concesso di partire sotto pesanti condizio-
ni, una di queste era la consegna di suo figlio Federico come
ostaggio in vista della concretizzazione di un trattato allora
avviato. All’arrivo a Cagliari, nel 1384, con l’esercito aragone-
se, supplicò ripetutamente sua moglie di accettare le richieste
del re per il rispetto dei patti. Fu una vana richiesta: disprez-
zando i consigli pusillanimi del marito e incurante delle mi-
nacce del generale aragonese, per due anni Eleonora condus-
se una coraggiosa e vittoriosa guerra contro di lui finché,
avendo acquisito, grazie ai propri sforzi, una posizione van-
taggiosa, avviò una trattativa col nemico per il riconoscimento
della sovranità e per la liberazione del marito che, per tutto
quel tempo, era stato tenuto in stretto isolamento a Cagliari.
I termini della pace proposti nel 1386 tornarono alta-
mente ad onore delle virtù e della fermezza di Eleonora, in
quanto le assicurarono il pacifico possesso dei domini pater-
ni, il ritorno di suo marito alla libertà e molte altre importan-
ti concessioni, quali il mantenimento di guarnigioni nei ca-
stelli e la conferma dei diritti e dei privilegi dei suoi sudditi.
Don Pietro IV d’Aragona morì nel 1387, prima che il tratta-
to fosse finalmente concluso e suo figlio e successore, don
Giovanni I, diede disposizioni al nuovo governatore generale
di Sardegna di proseguire nel negoziato. Federico di Arborea
morì nel 1387 e le trattative continuarono con Eleonora unita-
mente all’altro figlio Mariano V, il quale era subentrato nel Giu-
dicato. Gli accordi furono firmati il 5 febbraio 1388 con soddi-
sfazione di ambo le parti per quanto, per la Casa di Arborea,
meno vantaggiosi di quelli dell’anno precedente perché, seb-
bene venisse garantita l’indipendenza del Giudicato, era previ-
sto l’impegno a cedere alla Corona d’Aragona importanti pos-
sedimenti ed in particolare le città di Sassari e di Villa Ecclesia.

194
Ca pitolo XIV

La pace, però, non durò a lungo; Brancaleone, una volta


in libertà ed ancora una volta sotto l’influenza del nobile ani-
mo della moglie, riprese coraggio e, nel 1390, ricominciò la
guerra in modo ancor più deciso, la portò avanti per molti
anni senza che mai i re d’Aragona riuscissero ad assoggettare
Eleonora o a conquistarne le terre. La giudicessa strinse al-
leanza con Genova, e con l’intervento della sua flotta, compì
imprese tali che, in breve lasso di tempo, quasi tutto il Logu-
doro fu soggiogato mentre Brancaleone, animato dal suo
esempio, riconquistò Sassari ed il castello di Osilo ed assediò
le fortezze reali di Alghero e Quirra.
Don Giovanni, preoccupato di fronte a tanti disastri, inviò
rinforzi in Sardegna ma poiché le guerre nelle quali era impe-
gnato a Granada ed in Sicilia richiedevano ogni sforzo ed im-
pegno, propose a Brancaleone e ad Eleonora una pace che
ella caparbiamente rifiutò, confidando nella sua buona stella e
nell’entusiasmo del popolo. Nel 1394, subì qualche sconfitta;
nel frattempo, a don Giovanni che morì quell’anno, succedet-
te al trono suo fratello don Martino ed Eleonora non si fece
sfuggire l’occasione, favorita dall’incapacità del nuovo re e dei
consigli indecisi della corte d’Aragona, di consolidare la pro-
pria autorità nei suoi domini e di avere legittimate le sue ulti-
me conquiste. Don Martino propose una tregua, che fu accol-
ta, e poco tempo dopo fu siglata la pace che rafforzò la
prosperità e l’onore di Arborea durante la vita di Eleonora.
La sua fama, tuttavia, non è legata soltanto a guerre e
trattati nei quali manifestò quelle doti che le hanno conqui-
stato l’amore e la gratitudine dei conterranei sardi di tutte le
generazioni. Seppure celebre per il coraggio e la costanza
con i quali resse le sorti del Giudicato, e per essersi opposta
con successo a monarchi potenti come quelli di Aragona, ma-
nifestando nelle battaglie il talento di un grande generale,
Eleonora non fu meno famosa per il suo genio di politico e
per l’abilità con la quale amministrò gli affari del regno. La
Ca rta de Logu, così chiamata in quanto è un codice legislati-
vo locale, era stata iniziata da suo padre Mariano IV, ma fu
compilata, completata e promulgata da Eleonora, per cui a lei

195
L’ISOLA DI SARDEGNA

sono principalmente dovuti il merito dell’opera e il degno ti-


tolo di legislatrice illuminata.
Il codice fu pubblicato per la prima volta l’11 aprile 139574
e nei suoi articoli vengono stabiliti le modalità delle procedu-
re legali, del diritto penale e civile. Vengono, nel dettaglio, il-
lustrate le norme della tradizione, quelle per la tutela dell’agri-
coltura, i diritti e i doveri dei sudditi; sono altresì fissate le
pene per i reati. Questi provvedimenti, se rapportati alla cru-
dele giurisprudenza dell’epoca, colpiscono per l’umanità che
ispira la Ca rta de Logu e per la sua superiorità rispetto ad altri
istituti giuridici di quel tempo. La creazione di un corpo legi-
slativo che anticipa i tempi rispetto ad altri Paesi nei quali esi-
steva una civiltà più evoluta, si può considerare l’ornamento
più prezioso del diadema della giudicessa. I suoi meriti furo-
no talmente apprezzati che, sebbene la Ca rta fosse stata con-
cepita ad uso dei territori sottomessi al suo scettro, alcuni
anni dopo la morte di Eleonora fu adottata in tutta l’Isola a se-
guito di una decisione del parlamento convocato nel 1421 da
Alfonso V. Questa grande principessa morì di peste nel 1403
o 1404, rimpianta dai suoi sudditi. Merita indubbiamente di
essere annoverata fra le donne più illustri che mai si siano as-
sise in trono. I suoi coraggiosi sforzi perseveranti per difende-
re i suoi diritti e l’indipendenza contro gli artifici e le risorse
materiali di un Paese superiore per la forza, come quello di
Aragona, meritano di essere ricordati nella storia alla pari del-
le gesta degli antichi eroi le cui imprese, una volta sfrondate
dalla grandezza del momento che il tempo e la leggenda han-
no su di loro riposto, difficilmente potranno superare le azio-
ni di questa eroina del quattordicesimo secolo, che visse in
una terra così poco nota al resto d’Europa. Se avesse avuto la
sorte di governare in uno dei grandi Stati continentali, senza
dubbio avrebbe eguagliato, e forse anche superato, molte so-
vrane delle quali la civiltà va giustamente orgogliosa. C’è da
credere che, se la sua storia fosse meglio nota, avrebbe rag-
giunto quella celebrità cui ha pienamente diritto, ma che a

74. In realtà, secondo la tesi di Enrico Besta, lo statuto venne promulgato


nel 1392 (N.d.T.).

196
Ca pitolo XIV

malapena supera i confini della sua terra natia.


A Eleonora successe il secondo figlio, il già menzionato
Mariano V, allora minorenne, sotto la reggenza di suo padre
Brancaleone Doria il quale, alla morte del giovane nel 1407,
rivendicò il trono in opposizione a Guglielmo, visconte di
Narbona, ma non rientra nei nostri propositi fornire ulteriori
dettagli della storia della sua famiglia.
Se è vero che Eleonora ha dato lustro alla storia di Arbo-
rea, sarebbe un’ingiustizia nei confronti di suo fratello Ugone
non ricordare un documento politico e storico che, non soltan-
to illustra le usanze dell’epoca e mostra l’importanza che le po-
tenze straniere assegnavano ad un’alleanza con un giudice del-
la Sardegna, ma lo rappresenta nel ruolo di un principe giusto,
intransigente e sincero. I suoi modi di fare grossolani e rozzi, il
parlare schietto, la scarsa cortesia e i rari complimenti, forse
costituivano un contrasto stridente col linguaggio di corte e
col comportamento degli aristocratici interlocutori, coi quali
trattava nella stipula dei patti; ma quando le sue parole e le
sue azioni schiette, semplici e leali, collidono, per converso,
con le falsità, i sotterfugi e le ambiguità, allora non si può non
riconoscere che quest’“onest’uomo”, Ugone, giudice di Arbo-
rea, sia stato “un nobilissimo artefice di Dio” più di quanto
non lo sia stato Luigi, duca di Angiò.
Un sunto del documento surricordato viene pubblicato
nelle Notices et Extra its des Ma nuscrits de la bibliothèque du
Roi, lus a u comité éta bli pa r sa Ma jesté da ns l’Aca démie Roya le
des Inscriptions et Belles Lettres (Paris, de l’imprimerie royale,
1787, tome I, p. 360); nell’originale75 che ho copiato a Parigi
nella Bibliothèque du Roi, questi brani vengono riportati al fine

75. Si intitola Relation de l’Ambassade de Mignon de Rochefort, seigneur de


la Pomarede, et de Guillaume Guyon, Conseillers du Duc d’Anjou, envoyés
en Sardaigne par Loys I, Duc d’Anjou, à Hugues, Juge d’Arborée, pour faire
alliance avec ce Prince contre le Roi d’Aragon, au mois d’Août, 1378. Piè-
ces tirées du MSS de la Bibliothèque du Roi n. 8448, in folio, veau fauve,
portant pour titre, au dos, Ambassades. C’etoit le n. 22 des Manuscrits de
Baluze. Par M. Gaillard. [Il testo è stato ripubblicato e tradotto in italiano
da R. Carta Raspi, Ugone III d’Arborea e le due ambasciate di Luigi I d’An-
jou, Cagliari, Edizioni della Fondazione Il Nuraghe, 1936].

197
L’ISOLA DI SARDEGNA

di consentire ai principi di raccontare essi stessi come si svolse


la vicenda, in termini nudi e crudi. Dobbiamo, in primo luogo
chiarire brevemente la situazione e le richieste delle parti.
Abbiamo già visto che la Sardegna fu conquistata dai re
aragonesi verso la fine del tredicesimo secolo; che tanto Ma-
riano IV, giudice d’Arborea, che i suoi figli Ugone ed Eleono-
ra, difesero valorosamente le loro terre contro gli usurpatori
stranieri, e che Pietro IV d’Aragona (il Cerimonioso), non sol-
tanto non fu in grado di sottometterli, ma stipulò con essi pat-
ti d’alleanza come Stati paritari per potenza militare e dignità.
Accadde in quel tempo che Luigi, primo duca d’Angiò,
fratello di Carlo V (il Saggio), e di Filippo (l’Ardito) di Borgo-
gna, fosse coinvolto in guerre originate dalla recente acquisi-
zione del Regno di Napoli e che, fra i suoi nemici, figurasse
Pietro IV d’Aragona. Ricordando che Ugone era stato vittorio-
so nella guerra contro di lui, egli, con sottile astuzia e con la
diplomazia per le quali andava famoso, decise di stringere al-
leanza con il giudice e, di conseguenza, gli inviò un’amba-
sciata per intavolare le trattative, che però non giunsero a
buon fine. Scoprendo che Ugone voleva rivalersi su di lui, ci
ritentò nel 1378, proponendo ancora il rinnovo dell’alleanza e
avanzando un’ulteriore proposta, quella di cementarla me-
diante il matrimonio di suo figlio Luigi, ancora infante (era na-
to il 7 ottobre 1377), con la figlia di Ugone, Benedetta.
Il documento di cui disponiamo, in latino e francese an-
tico, contiene il racconto dell’ambasciata a questo fine invia-
ta ad Oristano e, pertanto, ometteremo quei dettagli minori
che, trattandosi di un rapporto ufficiale, in quei tempi era in-
vece necessario citare.
Gli ambasciatori si imbarcarono a Marsiglia il 23 agosto
1378 e, dopo un viaggio funestato dai pirati che spadroneg-
giavano nel Mediterraneo, giunsero a Bosa il 29 e prosegui-
rono il 30 alla volta di Oristano dove, giunti alle porte della
città, dovettero attendere per un’ora il permesso speciale di
Ugone perché potessero entrarvi.
Presero alloggio in una locanda e di sera don Pal, il mae-
stro di casa del giudice, si recò da loro, col seguito di mazzieri

198
Ca pitolo XIV

e alabardieri, per informarli che il giudice ordinava loro di re-


carsi da lui («ma nda ba t eis quod irent»).
Lo trovarono disteso su un umile divano, in una stanza
spoglia di ornamenti («nullis pa ra mentis in ca mera seu lecto
pa rvulo existentibus»), con indosso calzari bianchi di pelle, o
coturni («serua lia »), alla moda sarda, in compagnia di un ve-
scovo, suo cancelliere il quale, dopo i saluti di rito degli am-
basciatori, fu fatto uscire. Essi, allora, iniziarono a leggere le
loro credenziali.
Dalle istruzioni impartite agli ambasciatori, si potrà nota-
re che i pretesti avanzati dal duca d’Angiò per giustificare il
mancato adempimento del precedente trattato erano assolu-
tamente futili. Il duca li attribuisce alle guerre di suo fratello
Carlo il Saggio contro gli Inglesi, a progetti con i re di Casti-
glia e del Portogallo e ad altri motivi.
Quanto alla nuova proposta di matrimonio fra suo figlio
neonato e Benedetta, figlia di Ugone, le disposizioni così re-
citano: «Parimenti, tutti questi fatti hanno costituito motivo
per il quale il mio signore non rispose subito al signor giudi-
ce perché, dopo che i prefati primi messaggeri furono torna-
ti, il Dio della Grazia concesse al mio signore un bellissimo
figlio, da sua moglie la signora duchessa, che nacque il gior-
no 7 di ottobre dell’anno 1377 ed il cui nome è Loys.
Per tal ragione, il mio signore pensò, dopo la nascita del
detto signore Loys, di rafforzare e incrementare l’alleanza e
l’amicizia fra sé e il prefato signor giudice mediante un matri-
monio da stipularsi fra il predetto signore Loys e la figlia del
nominato signor giudice. Poiché agli inizi della vita nulla si
può sapere del destino dei figli, tuttavia col passare del tem-
po essi si irrobustiscono e con la grazia di Dio, anche il pre-
fato signore Loys, dopo aver trascorso l’inverno e la maggior
parte dell’estate, essendo assai nobilmente ben proporziona-
to nel corpo, negli arti e nella fisionomia, secondo il parere
dei medici e il giudizio del popolo, crescerà a Dio piacendo
ed il mio signore il duca non mancherà di attestare tutto ciò
al signor giudice. Ordunque, se il predetto matrimonio torna
gradito al prefato signor giudice, il mio signore ne sarebbe

199
L’ISOLA DI SARDEGNA

ben felice, sebbene il re d’Aragona già gli si sia rivolto per


intavolare trattative ai fini del matrimonio del mio signore
Loys, suo figlio, con la figlia del duca di Geronni, offrendogli
grandi e preziose proprietà, oltre che denaro, assicurando
anche che, alla morte dello stesso duca, la giovane avrebbe
ereditato il titolo di regina qualora egli fosse morto senza di-
scendenti maschi, evento, questo, per il quale non esiste spe-
ranza e, in questo caso, il predetto mio signore Loys, sarebbe
diventato re d’Aragona.
Pur tuttavia, il mio signore non volle prestare orecchio
alla proposta, né stipulare alcun accordo con lui in virtù del-
la predetta alleanza. Né volle prendere in considerazione
ipotesi di altri matrimoni, ad esempio con la figlia del re del
Portogallo o del re d’Ungheria o del duca Alberto di Baviera
e di molti altri. Di tutte queste proposte, egli non terrà conto
finché non conoscerà la volontà e le intenzioni del prefato
signor giudice».
Dopo che l’ambasciatore ebbe concluso il suo discorso, il
giudice senza indugio replicò e chiese una copia delle loro
istruzioni e poteri dicendo che avrebbe dato loro una breve
e rapida risposta.
La proposta di matrimonio era molto lungimirante; il du-
ca d’Angiò, in sostanza, chiedeva che tutti i territori del giudi-
ce, con gli annessi, i titoli e così via, venissero destinati al
principe infante che, alla morte del giudice, sarebbe succedu-
to al trono.
Concluso il colloquio, gli ambasciatori tornarono al palaz-
zo arcivescovile dove furono degnamente accolti e albergati;
l’ultimo giorno di agosto furono nuovamente convocati a pa-
lazzo dove, all’ingresso del grande cortile, videro radunata
una gran folla. Al fine di evitare la confusione, si avviarono,
come avevano fatto in occasione del primo colloquio, verso
l’ingresso dell’alloggio privato del giudice, ma la porta venne
loro sbattuta sgarbatamente in faccia e dovettero aspettare nel
cortile esterno in mezzo alla gente.
Dopo una discreta attesa, il vescovo-cancelliere uscì re-
cando dei documenti; assieme a lui erano anche un notaio

200
Ca pitolo XIV

che portava il trattato stipulato negli anni precedenti, don Pal,


oltre un gran seguito di altri ufficiali del giudice. Il vescovo-
cancelliere si rivolse alla folla in lingua sarda, con voce forte e
chiara, in modo da essere udito e compreso da tutti: «Buona
gente! Il mio signor giudice vi ha fatto qui convenire affinché
possiate sentire e conoscere le false promesse e i giuramenti
falsi che il duca d’Angiò ha fatto al signor giudice in virtù del
trattato pubblicamente stipulato, come ben sapete, nella chie-
sa di Maria Santissima, in questa città, da parte degli amba-
sciatori precedenti e, similmente, da questi ambasciatori qui
presenti. Tutti voi qui riuniti, e coloro che sono ora assenti,
devono conoscere e toccare con mano gli errori, le false pro-
messe ed i giuramenti fatti dal duca al nostro signor giudice, il
quale comanda che i documenti succitati ed il trattato siglato
nella detta chiesa di Maria Santissima, come pure i documenti
e le proposte inviate dal signor duca tramite i qui presenti
ambasciatori, siano letti ad essi ed a voi, parola per parola,
così che voi, ed essi, possiate rendervi conto delle promesse
false, dei giuramenti e degli accordi, sottoscritti e non mante-
nuti, dal duca al signor giudice e le pene in essi previste,
nonché i patti nei quali incorre il prefato duca d’Angiò».
Il cancelliere iniziò, quindi, a leggere i due trattati e la
proposta di matrimonio, tutti ricopiati parola per parola, in
lingua sarda, per ordine del giudice, dicendo: «Udite bene e
chiaramente il contenuto che rivela le gravi colpe e l’ignomi-
nia del signor duca d’Angiò».
La sostanza dello scritto e la risposta pubblica furono del-
lo stesso tenore usato dal giudice in persona nei confronti
degli ambasciatori nel corso del colloquio privato, e il lettore
che volesse consultare il documento originale lo troverà nel-
l’Appendice.76 Troppo lunga sarebbe l’intera traduzione lette-
rale, e forse neanche molto interessante, ma nel suo scritto il
giudice, lagnandosi in termini inequivocabilmente chiari e
decisi dei giuramenti falsi, delle promesse e dei sotterfugi cui
il duca era ricorso per il mancato adempimento del trattato

76. Cfr. le Avvertenze redazionali nel I volume (N.d.T.).

201
L’ISOLA DI SARDEGNA

precedente, afferma di non aver colpa alcuna e, quanto alla


proposta di matrimonio, la respinge con le seguenti parole:
«Quanto al matrimonio, il predetto signor giudice rispon-
de che la proposta è ridicola e perciò non intende accettarla;
sua figlia è già adulta ed il figlio del signor duca non è che
un bambino di un anno (“a nniculus”) e per questo motivo
il matrimonio non avrebbe alcun effetto, mentre è intendi-
mento del predetto signor giudice, a Dio piacendo, maritare
la figlia quando egli è ancora in vita e “non attendere venti
futuri” (“et non expecta re futuros ventos”)».
Quanto al proprio comportamento, egli afferma di aver
agito secondo i termini del trattato precedente, di aver mosso
guerra al re d’Aragona e di aver perfino rifiutato di ricevere un
messaggero inviatogli per trattare la pace, affermando che «il
signor duca non ha avuto a che fare con guerre ma soltanto
con le chiacchiere frivole e vane che si sono ritorte e si ritor-
cono sul suo scarso onore (“sibi redunda verunt et redunda nt
a d modicum honorem ”)»; «che il D’Angiò aveva agito male e
che era cosa disdicevole per il figlio di un re non mantenere
promesse e giuramenti», per cui «poco importa al signor giudi-
ce, così come finora non gliene importò nulla, se il duca sia in
pace o in guerra col re d’Aragona» e che «le giustificazioni va-
ne e inconsistenti del duca, false e neanche plausibili, come è
noto a tutti, non incantano lui né la sua gente».
Il documento si conclude affermando: «Il predetto signor
giudice risponde precisando che egli è entrato in guerra coi Ca-
talani, suoi nemici giurati, ma con i fatti e non con le parole,
per un periodo di quattordici anni e più, ed ha combattuto
questa guerra senza l’aiuto di alcuno al mondo, salvo l’assisten-
za di Dio e della Sua Gloriosa Vergine madre, del popolo sardo
e del proprio denaro; e per la divina clemenza che ancora lo
sostiene, egli intende portare avanti la suddetta guerra sino alla
fine, e non fare più alleanza o lega con nessuno al mondo dato
che ritiene che le proprie forze siano sufficienti a fare guerra
effettiva al re d’Aragona. E anche se ci fossero due persone va-
lide quanto lui, egli le aspetterebbe coraggiosamente sul cam-
po, senza alcun aiuto straniero come detto in precedenza …

202
Ca pitolo XIV

In conclusione, il signor giudice non intende avere più


nulla a che fare col detto signor duca, perché “chi si compor-
ta da malvagio una volta, c’è da presumere che lo farà sem-
pre” (“qui semel ma lus semper pra esumitur esse ma lus”) e, di
conseguenza, il signor duca meglio farebbe a soddisfare e in-
dennizzare, nel giro di quattro mesi, il predetto signor giudi-
ce di tutti i danni e delle perdite finanziarie subite a causa
dei mancati accordi. Se questo non facesse, il signor giudice
intende render note le sue lamentele a tutti i principi del
mondo e, come ha fatto in precedenza, aiutare se stesso, af-
finché tutto il mondo possa conoscere le promesse e i giura-
menti falsi fatti e non onorati nei confronti del prefato signor
giudice; e possa il predetto signor giudice trovare misericor-
dia davanti a Dio e al mondo quando avrà onorato quanto
promesso. E questa è la risposta del prefato signor giudice».
Conclusa la lettura, il cancelliere comunicò agli ambascia-
tori che, nel corso della giornata, avrebbero dovuto lasciare i
territori del giudice e tornare a bordo delle loro galee, cosa
che essi fecero, e successivamente richiesero copia della ri-
sposta del giudice. Chiesero inoltre nel loro ruolo di amba-
sciatori, di poter prender congedo da lui in maniera amiche-
vole, prima di far ritorno al loro signore il duca d’Angiò.
Gli ambasciatori mostrarono al vescovo documenti, ratifi-
che e note di conferma inerenti le loro credenziali e le istru-
zioni ricevute, ma il vescovo rifiutò di accettarli ed avendo
detto loro di attenderlo per un poco («expecta tis vos ibi mo-
dicum »), entrò nell’appartamento del giudice.
Comparve subito don Pal per annunziare che il giudice
non intendeva assolutamente riceverli ma consentiva che tor-
nassero al palazzo arcivescovile e, dopo un pessimo pranzo –
«pra ndium pessimum » – molto abbattuti per non aver ricevuto
alcun nuovo messaggio o invito, rinnovarono a don Pal la ri-
chiesta di essere ammessi al cospetto del giudice. In un pri-
mo momento, non giunse loro alcuna risposta ma, dopo ulte-
riori tentativi, il messaggero ritornò portando un secco rifiuto
e dicendo loro che «il giudice non gradiva riceverli e che da
lui non sarebbe giunta alcun’altra risposta» («ipse Judex hoc

203
L’ISOLA DI SARDEGNA

noleba t, et nulla m a lia m responsionem a b eo ha berent»); per


giunta, veniva loro ordinato di abbandonare il territorio giu-
dicale, come aveva pubblicamente affermato il vescovo-can-
celliere.
La durezza di questi ordini fu accompagnata da misure
parimenti severe. Furono sequestrate le provviste che gli am-
basciatori avevano acquistato per il viaggio; i bagagli furono
bloccati alle porte della città e ispezionati alla ricerca di carte
segrete o sospette, ma le precauzioni adottate dagli amba-
sciatori avevano anticipato la minuziosa perquisizione.
In serata, quando già stavano a bordo delle galee, furono
consegnate loro copie delle risposte del giudice e della lette-
ra al duca d’Angiò; partirono da Oristano il 1 settembre 1378
per far ritorno in Francia.
Non val la pena che ci si dilunghi sui dettagli del viaggio
di ritorno, svoltosi sotto la minaccia dei corsari catalani, e sui
particolari della presentazione al duca della risposta del giu-
dice, avvenuta a Tolosa l’11 ottobre.
Le parole e le azioni di quell’animo nobile d’Ugone na-
scevano dal fatto che egli non poteva tollerare la politica am-
bigua e duplice del suo alleato e, per quanto parole e azioni
da parte sua potessero essere state scortesi e rozze, è da ap-
prezzare in sommo grado la loro sincerità, specialmente se
contrapposta alla diplomazia intrigante ed egoista del duca,
pur mirata a solleticare l’orgoglio e l’egoismo di questo rude
e selvaggio isolano.

204
CAPITOLO XV
Escursione a Ca bra s – Il ca stello – Pesca nelle la gune – La festa del pesce
per il nuovo viceré – Fordongia nus – La stra da roma na – I prodotti della
zona – I ponti – Sorgenti minera li – Rovine roma ne – La chiesa di Sa n
Lussorio – Lo sposa lizio – Usa nze del ma trimonio, della na scita e delle ce-
rimonie funebri – Il riso sa rdonico – Da Orista no a Ura s – Storia – Le sor-
genti minera li di Sa rda ra – Sa nluri – Costumi – Azienda a gricola – Bo-
nifica e coltiva zione dello sta gno – Da Mona stir a Ca glia ri

Durante il soggiorno di alcuni giorni ad Oristano, dove


venivo molto cortesemente ospitato nel palazzo dell’arcivesco-
vo, compii una escursione a Cabras, un paese a circa quattro
miglia e mezzo ad ovest-nord-ovest, situato sulla pianura sab-
biosa ad est di Mare Pontis, a circa un miglio dal mare. I mia-
smi che provenivano da vaste estensioni di terra paludosa e
incolta, il degrado delle giovani messi, delle sementi soffocate
dalle erbacce e l’intensa calura del suolo (a causa della quale
le viti maturano assai precocemente), costituivano causa di
grande fastidio. Nonostante l’insalubrità del luogo, gli abitanti
di Cabras hanno – tuttavia – acquistato fama d’essere fra i più
belli dell’Isola, ma quest’omaggio al loro fascino straordinario
è forse da attribuire in maggior misura al lindore ed alla puli-
zia del loro costume piuttosto che alla loro vera bellezza.
Accanto al cimitero della chiesa parrocchiale, si trovano i
ruderi del castello che i documenti attestano essere stata la
dimora del Giudice nel 1130, ed in quei tempi noto come il
“Masone”, o “magione”, il palazzo reale di Cabras ma, poiché
vi dimorò anche la giudicessa Eleonora, il castello è altresì
noto con altro nome, “il palazzo di Eleonora”. Dai tempi del-
l’abolizione del Giudicato di Arborea e della Signoria del
marchese di Oristano, il paese di Cabras fu completamente
abbandonato e nulla si sa delle sue vicende, a parte le scor-
rerie compiute dai Turchi e dai pirati nel 1509 e le incursioni
della flotta francese nel 1637, al comando del conte di Har-
court e dell’arcivescovo di Bordeaux. La zona del Sinis, situa-
ta nella parte occidentale di Mare Pontis, attualmente quasi

205
L’ISOLA DI SARDEGNA

disabitata, fu in passato densamente popolata e, in diversi


punti, è possibile scorgere le rovine delle bidda s beccia s, gli
antichi villaggi.
Nel promontorio del Sinis orientato a meridione, che ha
il nome di Capo San Marco, ed un tantino ad est della torre
di San Giovanni di Sinis, si trovano le rovine dell’antica Thar-
ros, o Tarros, città menzionata da Tolomeo ed Antonino ma,
essendo quasi totalmente sepolta dalla sabbia, se ne vede as-
sai poco, tanto che non si riesce a formarsi un’idea della sua
estensione ed importanza. Anelli romani, collane, vasi ed
amuleti egiziani furono ritrovati in quel luogo e molti di essi
sono ora nel Museo di Cagliari. La popolazione di Tharros,
come è stato in precedenza ricordato, migrò ad Oristano nel
1070 per sfuggire, con tutta probabilità, alle incursioni dei Sa-
raceni ma si dice che, in un periodo anteriore, sia stata la ca-
pitale del Giudicato di Arborea. Gli abitanti portarono via an-
che le pietre delle loro case per costruire le nuove ed un
proverbio sardo, attualmente in uso per indicare un cambia-
mento radicale o un trasferimento, trae spunto da questa cir-
costanza: «Porta nt a ca rrus sa perda de Ta rrus».77
Mare Pontis, così denominato dai ponti che intersecano
le acque della laguna, si estende per circa sette miglia in lun-
ghezza ed è largo quattro miglia e mezzo. Gli specchi d’ac-
qua sono separati da folte palizzate di canne ben connesse
fra loro, sorrette da pali infissi saldamente sul fondale; alcune
di esse, tuttavia, sono mobili per consentire l’ingresso del pe-
sce che vi si riversa dal mare in branchi enormi.
In estate, il giorno dedicato alla pesca è il giovedì men-
tre, in inverno, è il martedì e in queste occasioni i viandanti
delle zone limitrofe vi si riversano allo scopo di portar via il
bottino da vendere nei loro paesi per il pasto del venerdì,
giorno di magro. Per le sue dimensioni e per le procedure
impiegate, la pesca nello stagno costituisce una delle curio-
sità dell’Isola ed io ebbi la fortunata occasione di assistervi.
Avendo il nuovo viceré espresso il desiderio di presenziarvi, in
occasione del viaggio di rientro da Sassari a Cagliari, furono

77. «Trasportano coi carri la pietra di Tharros» (N.d.T.).

206
Ca pitolo XV

fatti tutti i dovuti preparativi per riceverlo, e poiché io lo co-


noscevo personalmente, ed ero stato invitato dalle autorità
di Oristano ad accompagnarle, partimmo alle tre del mattino
per andargli incontro.
Esalazioni pesanti, mefitiche e soffocanti, provenienti dai
terreni paludosi e dagli acquitrini, si protrassero per parec-
chie ore anche dopo il sorgere del sole e, per quanto l’ora
che precede l’alba sia generalmente la più fredda della notte,
si avvertiva un calore soffocante, tipico dell’ambiente malari-
co, che induceva a credere nella saggezza di quel proverbio
sardo che, in proposito, circola ad Oristano: «A Orista no che
ghe va , in Orista no ghe restà », dove quel «restà » esprime, sen-
za equivoci, il felice complemento di qualcosa di analogo al
proverbio napoletano: «Vedi Napoli e poi mori».
Quando arrivammo agli stagni, vedemmo che le palizzate
erano state chiuse per la battuta e che, attraverso il primo non-
ché più basso recinto era stata gettata una lunga rete da un
centinaio di uomini, su ambo i lati, e preceduta per alcune iar-
de da un’enorme chiatta la quale, muovendosi lentamente nel-
lo specchio d’acqua, sospingeva tutti i pesci nel recinto succes-
sivo, salvo quelli che anticipavano la loro sorte risalendo in
superficie e saltando dentro la barca. All’ingresso del secondo
stagno furono chiusi gli sbarramenti e si ripeté lo stesso proce-
dimento finché il pesce fu avviato verso la terza chiusa nella
quale ebbe inizio la scena della strage. Essendo questo com-
parto già sufficientemente pieno, l’arrivo dei branchi dalle altre
chiuse diede luogo ad una scena curiosa: molti pesci, che sal-
tavano per evitare l’affollamento, cadevano all’interno della
chiatta; altri saltavano così in alto e lontano che tentavano la
fuga al di sopra delle reti sistemate nel retro, oppure si sca-
gliavano ciecamente contro gli uomini che sguazzavano nel-
l’acqua, dando colpi di tale destrezza e forza che il procedere
della razza umana veniva a volte impedito dalla tribù pinnuta.
La battaglia era proprio molto divertente ma, alla fine, il recin-
to fu chiuso ed ebbe inizio la carneficina, un’imitazione in pic-
colo di quel che accade nella “camera della morte” con la pe-
sca del tonno, per quanto il procedimento fosse diverso. Una
cinquantina di uomini attendeva di recitare la propria parte nel

207
L’ISOLA DI SARDEGNA

dramma; la maggior parte di essi era nuda, con una borsa a


maglia o sacca assicurata in vita, un corto randello in mano ed
un pezzo di cordicella con un affilato punteruolo di legno lega-
to alla sua estremità. Al segnale dato, essi si tuffarono nello sta-
gno, profondo dai quattro ai cinque piedi, afferrarono il pesce
che era più in superficie e, con gran destrezza, gli davano col
randello, simultaneamente, un colpo mortale sulla testa. Questa
strage su larga scala si protrasse finché nessun pesce rimase in
vista dal momento che ogni vittima, una volta uccisa, veniva si-
stemata dentro la sacca, oppure infilata nella cordicella munita
del punteruolo di legno, a seconda della taglia, dopo di che gli
uomini cominciarono ad immergersi a loro piacimento.
Fu uno spettacolo molto buffo il vederli emergere con la
preda che, quando era di taglia grande, si dibatteva furiosa-
mente e molto spesso riusciva a fuggire. Una volta riempite la
sacca e la cordicella, il bottino venne portato a terra e i “mezzi
orchi” o “mezzi tritoni”, perché tali essi parevano, con la lunga
capigliatura bagnata ed i corpi bruni e lordati di sangue, mez-
zo dentro e mezzo fuori dall’acqua, ripresero il loro lavoro.
La velocità e l’energia colle quali questo veniva svolto,
insieme all’allegria collettiva, rendevano l’atmosfera elettriz-
zante. Ovviamente, i pescatori si preoccuparono che il diver-
timento del viceré fosse al massimo e la rapidità con la quale
si tuffavano e catturavano la preda era tale che si sarebbe
potuto pensare all’«Ipse ca pi voluit, quid a pertius?» e che le
vittime, devote e cortesi, si sacrificassero per il suo diletto ma
forse il loro altruismo non giungeva fino a questo punto, dal
momento che molti pesci morti erano stati di recente buttati
in quest’angolo dello stagno.
Sebbene non proprio analoga a questa scena in onore del
viceré, essa, tuttavia, riporta alla mente la storiella della partita
di pesca che Cleopatra organizzò ad Alessandria per Antonio
ed alla quale fa cenno anche lo Shakespeare.78 Il «mite trium-
viro» era stato poco fortunato nella pesca e, ritenendo che la
sua magra sorte potesse metterlo in cattiva luce agli occhi di

78. Il riferimento è al dramma storico Antonio e Cleopa tra , di William


Shakespeare (N.d.T.).

208
Ca pitolo XV

8. Una peschiera a Cabras

lei, ordinò di nascosto ad alcuni pescatori di tuffarsi in acqua


ed assicurare al proprio amo dei pesci che erano stati in pre-
cedenza catturati. Per tre o quattro volte il trucco funzionò
finché Cleopatra venne a scoprirlo ma, astutamente, non mo-
strò di essersene accorta e, dopo aver espresso la propria am-
mirazione per il di lui successo alla compagnia reale, invitò
tutti ad un’ulteriore prova di bravura in un’altra partita di pe-
sca fissata per il giorno successivo. Si radunarono, quindi, l’in-
domani, e la barca era zeppa di gente venuta ad assistere alla
grande fortuna di Antonio. Nel frattempo, Cleopatra aveva da-
to istruzioni segrete ad uno dei pescatori perché si tuffasse in
acqua ed attaccasse un pesce essiccato all’amo di Antonio ed
egli pensando, quando sentì lo strappo della lenza, di aver
catturato la preda che aveva ordinato di attaccare «la tirò su
con ardore». Ovviamente la faccenda finì con grandi risate e
prese in giro a sue spese e Cleopatra, rivolgendosi a lui, gli
disse: «Suvvia, generale, lasciate la pesca a noi, principi di po-
co conto di Faro e di Canopo; i vostri svaghi sono le città, i
regni, le province».

209
L’ISOLA DI SARDEGNA

Le peschiere di Cabras, che appartengono al duca di Pa-


squa, vengono cedute in affitto per 12.000 scudi ovvero 2304
sterline ed erano in vendita al prezzo di 220.000 scudi, ovve-
ro 42.240 sterline. Il valore di ogni pescata, o piuttosto di
ogni strage, varia dalle 50 alle 1000 lire nuove, ossia da 2 a
40 lire sterline.
Non è possibile fornire un resoconto della varietà di pe-
sci che quel giorno fu catturata ma sull’eccellenza del loro
gusto si può senza dubbio affermare che nessun pranzo al
Rocher de Ca nca le, o festino a base di frittura di bianchetti,
potevano paragonarsi al desinare che ci fu ammannito. Piatti
innumerevoli di pesci diversi, cucinati in vari modi, facevano
incessantemente la loro comparsa e scomparsa. Tutti gli sfor-
zi, ovviamente, venivano fatti per stupire i gusti e la curiosità
del viceré e il tutto ebbe tanto successo che egli, come pure
gli altri commensali, fu concorde nell’affermare che quando
si fosse trovato a consumare l’ultimo pasto della vita, non
avrebbe mai dimenticato la sagra peschereccia di Cabras.

Nel lasciare Oristano per andare a Fordongianus, la stra-


da passa attraverso rigogliosi oliveti e terreni coltivati, recin-
tati da siepi di fichi d’India. Il fiume Tirso non è particolar-
mente bello ma in compenso è ricco di anguille che, per il
loro sapore prelibato, sono tenute in gran pregio; scorre nei
pressi del paese di Silì in uno scenario poco pittoresco. Co-
steggiando le sponde, per un certo tratto, il viottolo conduce
a Simaxis da dove, oltrepassando Ollastra e Villanova di Tru-
scheddu, sale sulla collina spoglia di Balargianus, dalla cui ci-
ma si gode un bel panorama. Il Monte Brighini, altrimenti
chiamato Ghirghini, si eleva pittorescamente a sud e a sud-
est; la cima più alta, il Cucuru Mannu, 2275 piedi di altezza,
domina l’ampia valle del Tirso che spazia da ovest ad est.
Una piacevole discesa attraverso un sottobosco di corbezzoli,
mirto, e lentischio, con gran quantità di fiori selvatici che si
arrampicano e si intrecciano, conduce al paese di Fordongia-
nus, le Aqua e Hypsita na e di cui parla Tolomeo, che diede
asilo ad una colonia romana sotto Traiano e dal quale deriva

210
Ca pitolo XV

il nome: Forum Tra ja ni, come allora si chiamava, poi abbre-


viato in Foro-ja nus, Fortia nja ni e quindi Fordongianus. Una
strada romana, della quale ancora esistono i resti, secondo
l’Itinera rio di Antonino attraversava il paese provenendo da
Abbasanta e giungeva fino a Siapiccia; attualmente viene usa-
ta come stradina di collegamento con la piana del Marghine
e con quella di Sardara e Sanluri.
Una pietra miliare romana con iscrizione ricorda che la
strada fu riadattata durante il regno di Emiliano, nell’anno 255
d.C., e si trova in discreto stato di conservazione. Giustiniano
circondò la città di mura che i Vandali ed i Saraceni, in tempi
successivi, distrussero, così come fecero a Uselli.
Nessuna notizia si trova in merito ad un ruolo di rilievo
che Fordongianus possa aver svolto in età successive, ma i
ruderi di diversi castelli che si trovano nelle vicinanze, dimo-
strano che ebbe la sua importanza nelle vicissitudini dell’Iso-
la. Fra Villanova, Truscheddu, e Paulilatino si trovano le ve-
stigia di un maniero chiamato Ginapala, donato da Pietro,
giudice di Arborea, alla Santa Sede, nell’anno 1237 e che, nel
1834, fu demolito in quanto, secondo la credenza popolare,
vi si trovavano dei tesori custoditi dagli spiriti. Fordongianus,
con una popolazione di 1026 abitanti, si trova in uno stato
miserevole; le scuole sono chiuse ed i preti non si preoccu-
pano dell’istruzione perché lo stipendio di dieci scudi, ossia
1 sterlina, 18 scellini, quattro pence e tre quarti l’anno, non
viene da essi ritenuto sufficiente per le loro fatiche.
Secondo il Mattei,79 Fordongianus ebbe un vescovo nel-
l’anno 484, ma si tratta di un futile argomento di disputa eccle-
siastica.
Il ponte che attraversa il Tirso, costruito nelle vicinanze
delle rovine del ponte romano, è lungo circa 154 iarde ed è
realizzato con alcuni tavoloni semi rovinati gettati su alcuni
piloni altrettanto malandati, largo giusto per consentire il pas-
saggio di un uomo o di un animale ma non senza il rischio

79. A. F. Mattei, Sa rdinia sa cra seu de episcopis sa rdis historia , Roma,


1758 (N.d.T.).

211
L’ISOLA DI SARDEGNA

reale per ambedue di precipitare attraverso i grandi pertugi e


le fenditure che si aprono ad ogni passo. Ambedue i ponti
sono molto belli, ma se almeno uno di essi venisse adeguata-
mente sistemato e fosse costruita una strada da Abbasanta
per Fordongianus, attraverso la valle di Usellus e Ales fino a
Sardara, potrebbe svilupparsi una consistente e proficua atti-
vità commerciale. Il lino che si coltiva nella zona, per quanto
la produzione non superi i 5000 cantari (fra le 208 e le 209
tonnellate), è considerato il migliore dell’Isola e, nelle zone
meridionali, come anche in quelli di Tempio, spunta il prez-
zo di tredici o quattordici reali la libbra (quattro scellini, 11
pence e tre quarti, oppure 5 scellini, 4 pence e mezzo la lib-
bra) mentre invece quello coltivato in altre località non supe-
ra gli otto o dieci reali, ossia da 3 scellini e tre quarti di pen-
ce a 3 scellini e 10 pence.
I melograni meritano di essere visti per la bellezza e, fat-
ta eccezione per quelli delle famose piantagioni che si trova-
no a poche miglia da Sardi, nell’Asia Minore, non ne ho mai
visto di più rigogliosi. Tutti i raccolti e la vegetazione sono
abbondanti e, col vantaggio di una rilevante fertilità naturale,
con un fiume che scorre verso il mare, la zona potrebbe riac-
quistare quella notevole importanza che ebbe durante la do-
minazione romana.
Le sorgenti termali, che sgorgano nella parte meridionale
del fiume, a breve distanza dal paese, variano per temperatu-
ra. Una di esse, che fuoriesce da un fossato circondato di
sassi e ricoperto di giunchi e canne, non superava i novan-
totto gradi Fahrenheit; accanto ad essa, sprizzante dai resti di
una fontana con bacino, evidentemente romana, vi era la
sorgente più calda, limpida ed abbondante, ricca di solfati di
calcio, magnesio e soda ed idroclorati di calcio e magnesio.
Poiché il mio termometro non segnava oltre i 140 gradi, non
fui in grado di accertarne la temperatura ma, dal momento
che raggiungeva subito quella gradazione, avrà senza dubbio
toccato i 155 gradi, che si dice siano il massimo del calore.
Diverse altre sorgenti, non così intensamente calde, sono
sfruttate dalla gente non soltanto ad uso medicamentoso ma

212
Ca pitolo XV

anche come comune bevanda poiché, quando l’acqua si raf-


fredda e perde il forte aroma, non è per niente sgradevole.
Dal momento che queste sorgenti si raggiungono abbastan-
za facilmente, sono fra le più frequentate dell’Isola; coloro i
quali vi si recano, usano lo stesso sistema già descritto per le
rive del Coghinas.
Fra le rovine che si trovano nelle loro vicinanze, si trova
un lungo e stretto passaggio a volta che forma un corridoio
al termine del quale si leva un grande arco; si tratta, eviden-
temente, di resti di bagni romani. Accanto ad essi stanno le
rovine di un edificio quadrato in tali condizioni di degrado
che è difficile indovinarne l’uso. Un fico che cresce nei pres-
si si impone alla attenzione per la sua mole, in quanto il suo
tronco ha una circonferenza di sei piedi e otto pollici.
In vari punti si scorgono mura di mattoni della stessa epo-
ca romana e molte casette dei paesi vengono costruite con
questo materiale e con le grandi pietre lavorate della stessa
antica età, alcune delle quali conservano iscrizioni. Il più con-
sistente nucleo di rovine si trova su una collina a sud e a sud-
ovest del paese ma, allo stato attuale, è talmente ricoperto di
boscaglia che occorrerebbe parecchio tempo per fare adegua-
ti scavi. Di certo, a giudicare dai considerevoli ruderi antichi
di ogni genere sui quali capita di imbattersi, non vi è dubbio
che una ricerca sistematica risulterebbe estremamente interes-
sante e proficua.
Non lontano dal paese esistono alcune caverne e nicchie
artificiali note come is domighedda s ma non val la pena visi-
tarle. La chiesa di San Lussorio, uno strano edificio antico a
circa due miglia dall’abitato, è molto venerata dagli abitanti
di Fordongianus dal momento che si ritiene abbia custodito il
corpo del Santo titolare e di diversi altri. Sebbene, ora, non
ne conservi alcuno, la tradizione ha, tuttavia, santificato il po-
sto ed in onore di Lussorio, il 21 agosto, viene celebrata una
grande festa con svariate cerimonie e feste.
Lo spettacolo cui assistetti era reso molto vivace da gruppi
di persone, coi loro costumi di gala, che partecipavano, con la
gaiezza usuale in occasioni del genere, ad uno sposalizio che

213
L’ISOLA DI SARDEGNA

qui chiamano sa s boda s. Giunsi in ritardo, però ebbi occasio-


ne di vedere altrove le cerimonie del matrimonio. Queste va-
riano per diversi particolari a seconda delle consuetudini e
della fantasia locali. Sulle usanze tipiche delle zone rurali, del-
le quali si parlerà tra poco, sono state consultate le descrizioni
di diversi autori, come pure sono stati aggiunti altri particolari
da me visti e sentiti, specialmente quelli nei quali possono rin-
tracciarsi le antiche tradizioni romane.

Si può presumere che il corteggiamento venga condotto


nei modi soliti, «a mor omnibus idem », ma quando giunge il
momento di avanzare proposte formali e progetti, lo spasi-
mante, accompagnato dall’amico più intimo, si reca a casa
dell’innamorata. Talvolta l’ambasciatore è il padre del giovane
ma, chiunque egli sia, avvia un colloquio formale con i geni-
tori della ragazza, usando un linguaggio metaforico, mutuato
da ambo le parti, dalle loro consuetudini e dalle loro usanze.
Si inizia col dire che «egli desidera avere una delle loro peco-
relle che è l’orgoglio e il vanto del gregge della casa», oppure
la metafora pastorale può esprimersi in quest’altro tenore: «Ha
perso una pecorella ed è certo che si trovi nascosta in questa
casa». Se i genitori sono favorevoli, allora si va alla ricerca del-
l’oggetto della richiesta e si avvia un discorso serio in modo
ridicolo. I genitori presentano le figlie ad una ad una finché si
trova la presunta pecorella smarrita. La ragazza scelta si mo-
stra restia fino alla fine, aggiungendo divertimento alla farsa la
quale, talvolta, si protrae per un paio d’ore. Grande è la gioia
per il ritrovamento della pecorella perduta, dopo di che le
parti procedono ad affrontare la prosaica realtà fatta di sterli-
ne, scellini e pence.
Questi particolari prosaici del dramma consistono in una
discussione sull’impegno dei “segnali” cioè i doni reciproci e i
beni che ciascuno deve portare. Si fissa pure il giorno dello
scambio e, una volta ultimati tutti i preliminari, le parti si sepa-
rano. L’incontro e la cerimonia vengono chiamati “l’ora del ba-
cio”, dal momento che il bacio dato dall’innamorato alla sua
pecorella smarrita costituisce il solenne pegno del contratto al

214
Ca pitolo XV

quale egli non potrà mai venir meno, pena conseguenze serie
per sé stesso e il disonore per la sua amata.
Il giorno del fidanzamento e del contratto – gli sponsa lia
e il pa ctum – finalmente giunge.80 Gli amici dello sposo, chia-
mati “pa ra lymphos”, nome e funzioni simili a quelli dei Greci,
formano un corteo e portano a casa del padre di lei gli ogget-
ti che costituiscono la dote. Qui giunti, bussano alla porta e
ostentano impazienza perché non gli viene subito aperto.
Quelli di casa, a loro volta, che recitano la parte con non mi-
nor formalismo, chiedono chi e che specie di gente siano co-
loro che vogliono entrare. In risposta alla domanda sul che
cosa essi portino, i paraninfi rispondono che recano «onore e
virtù». Dopo questa soddisfacente risposta vengono fatti entra-
re; allora i genitori li accolgono cordialmente e li presentano
alla famiglia riunita ed agli amici, tutti abbigliati coi loro co-
stumi più vivaci adatti alla circostanza.
Procedono, quindi, allo scambio dei pegni e viene presa
in esame la lista dei vari oggetti; viene firmato il documento
della dote reciproca, sigillato e consegnato con una festa.

Signa ta e ta bula e, dictum feliciter! Ingens


Coena sedet.81

Quest’usanza, tuttavia, non è uguale per tutti, giacché co-


loro che non hanno molti beni, non abbisognano di ta bula e
e si affidano alla speranza di un lavoro per il domani al fine
di procurarsi il necessario per vivere.
I contadini sono ligi al vecchio adagio, a meno che non
siano costretti dalla povertà a continuare a vivere nella casa dei
genitori:

Pensa a lla ca sa prima di sposa rti,


Ed a vra i un a silo dove rifugia rti.

80. Giovenale, Sa tire, VI, 25.


81. Giovenale, Sa tire, II, 119.

215
L’ISOLA DI SARDEGNA

La dimora, per umile che sia, viene ammobiliata comple-


tamente a nuovo perché in tali occasioni esiste un pregiudi-
zio nei confronti delle cose di seconda mano. Il marito prov-
vede a far la casa e a tutto ciò che compete al suo mestiere,
ma la maggior parte dei mobili viene portata dalla moglie e,
nell’eventualità che essa muoia senza figliolanza, quel che ha
dato viene restituito alla famiglia, salvo non esista qualche
accordo in senso contrario.
Dopo questi preliminari, viene fissato il giorno del matri-
monio ed annunziato pubblicamente nella chiesa del paese
per tre domeniche consecutive. Otto giorni prima che le noz-
ze abbiano luogo, si svolge un’altra cerimonia che si chiama
sa porta de sa robba , ovvero il trasporto delle cose di lui, du-
rante la quale cerimonia lo sposo, che di nuovo si reca in
corteo a casa della sposa accompagnato dai suoi amici, porta
con sé, con carri e carrette, qualsiasi oggetto abbia ritenuto
possa essere utile. Il tutto viene nuovamente esaminato pez-
zo per pezzo e, quando si convenga che qualcosa debba es-
sere sostituita oppure non sia sufficiente, la mercanzia viene
rimpacchettata e l’intero corteo si dirige con essa alla nuova
casa dello sposo.
Ora è la sposa che ha da compiere la sua parte; alcuni
giorni dopo che la dote dell’uomo è stata depositata in casa,
ella compie un pellegrinaggio consimile verso questa con le
proprie masserizie e i propri oggetti personali, nel senso clas-
sico ed originale della parola, dal momento che sono scono-
sciuti articoli di gioielleria e di modisteria. Con in testa i suo-
natori di la unedda s, avanza la cavalcata ed ogni amico porta
qualche piccolo oggetto che non poteva essere affidato al
trasporto dei carri. C’è chi reca uno specchio; un altro, un ce-
sto di stoviglie e bicchieri; un altro, ancora, una conocchia
nuova col filo di lino o di lana pronto ad essere filato. Questi
ultimi oggetti erano doni usuali anche per le spose romane.82
Un altro partecipante porta un quadro del santo prediletto o

82. Vedi Ovidio, Fa sti, lib. II, 742; Plinio, lib. VIII, cap. 48 e Plutarco in
Qua estionibus Roma nis.

216
Ca pitolo XV

del patrono, destinato ad adornare il letto nuziale. Anche i


Romani sistemavano allo stesso modo le effigi delle divinità
nuziali. Il Rossini (Antichità )83 tenta di fornire una spiegazio-
ne dell’influenza particolare che si supponeva esse esercitas-
sero, ma è difficile dire cosa sia maggiormente da biasimare,
se la sconvenienza pagana o la superstizione cristiana.
Un cuscino, decorato di nastri colorati e di mirto, è un al-
tro dono gradito e la ragazza più graziosa della compagnia
viene scelta per portare il vaso o la brocca che da allora in
poi verrà usata dalla sposa per attingere l’acqua e che, per
quest’occasione, viene riempita di fiori. Ogni amica, in realtà,
porta qualche piccolo oggetto che sarà usato in futuro. Seguo-
no i carri con le altre masserizie, trainati da buoi con le corna
avvolte di bande colorate e un’arancia infilata in esse. Grano
e pietre da macina, che sono parte integrante di quasi ogni
casa anche di modeste dimensioni, occupano un carro sepa-
rato ed a questo, legato con una corda, segue l’asino che, in
tal modo, viene introdotto alle fatiche future della sua vita. Le
orecchie e la coda sono adornate di nastrini e fiori – è il suo
primo e ultimo giorno di riposo e di vacanza – e il particolare
fornisce spunto per diverse allusioni non molto lusinghiere
nei confronti dello sposo, a causa delle attenzioni delle quali
anche lui, oltre alla paziente bestiola, diventa oggetto; anche
l’arancia nuziale che cela le estremità delle corna dei buoi vie-
ne interpretata come una significativa allegoria.
Gli altri invitati alle nozze formano la retroguardia del cor-
teo; all’arrivo a casa dello sposo scaricano i carri e lo stesso
protagonista della festa dirige le operazioni. Egli viene fatto
ancora bersaglio di frizzi e, nel mezzo della baldoria grossola-
na della comitiva, gli si fa portare il materasso nella camera
nuziale nel quale i suoi amici ruzzolano e quasi lo soffocano.
Si tratta di uno scherzo che il La Marmora sarcasticamente
spiega con un «pour fa ire a llusion sa ns doute a u fa rdea u qu’il
va s’imposer».

83. L. Rossini, Le Antichità dei contorni di Roma ossia le più fa mose cit-
tà del La zio, Roma, 1826 (N.d.T.).

217
L’ISOLA DI SARDEGNA

Sistemati in maniera acconcia, i mobili vengono adornati


con fiori che, una volta appassiti, verranno lasciati, in quan-
to sarebbe da eretici pensare di toglierli; per molti mesi se
ne potrebbero trovare i resti in giro per la casa.
Finalmente giunge il giorno del matrimonio e lo sposo si
avvia con la solita scorta a casa della sposa la quale, al suo
arrivo, si accomiata dai genitori dai quali riceve la benedizio-
ne e viene affidata alle mani del prete. Ora il corteo si dirige
verso la chiesa e la sposa reca, di solito, una bottiglia di vino
ed un pane del miglior frumento, color zafferano, ricamato a
fiori, quale omaggio da offrire al sacerdote; distribuisce fo-
cacce consimili, confezionate da lei, anche agli amici che
l’accompagnano.
Conclusa la cerimonia, tutti fanno ritorno a casa del pa-
dre di lei nella quale, alla festa nuziale, i giovane sposi, sedu-
ti l’uno accanto all’altra, mangiano la minestra dallo stesso
piatto e con lo stesso cucchiaio: prima prova della loro indi-
visibilità e del mutuo sostegno. Questa manifestazione di re-
ciproco legame si rinnova in altre occasioni, come nel primo
pasto dopo il parto o nell’anniversario del giorno delle nozze
ecc., ma il mio informatore non mi disse se la minestra aves-
se un gusto altrettanto buono nelle occasioni successive co-
me lo ebbe nella prima.
Si dice che il giorno delle nozze sia uno dei più penosi
sebbene, poi, risulti il più felice, nella vita di una donna: la
tenerezza malinconica nel lasciare i genitori, unitamente alle
paure e all’ansietà che al momento superano la felicità del-
l’unione con l’oggetto dei propri affetti; il silenzio triste deri-
vante dal conflitto di questi sentimenti, il quale fortemente
sminuisce la felicità che il lieto evento comporta. Tuttavia, se
questo silenzio triste può essere un effetto ed una conse-
guenza naturale, che cosa si può pensare di una serietà arte-
fatta e di un silenzio imposto forzatamente in una sposa nel
giorno delle nozze, come accade in altre parti della Sardegna?
Seduta su una sedia nel fulgore del suo costume matrimonia-
le, non le è consentito muoversi o parlare durante l’intera
giornata sebbene attorno a lei si faccia festa e ci sia allegria.

218
Ca pitolo XV

Immobile, riceve l’omaggio e gli auguri degli ospiti riuniti e


non osa rispondere; la consegna del silenzio cessa soltanto a
tarda sera quando lascia la sedia per recarsi alla propria casa.
Allora, monta su un cavallo vivacemente bardato con grande
stravaganza di nastrini ed altri ornamenti e, condotta da uno
della compagnia a destra dello sposo, viene seguita dalle
donne ed anche gli uomini si aggiungono al corteo. La caval-
cata è preceduta dal suono monotono delle la unedda s che
eseguono una musica nuziale alla quale, ogni tanto, si unisce
l’intera compagnia.
«Turba ruunt, et Hymen cla ma nt, Hymena ee frequenta nt».
Quando giungono al cortile della loro casa, la madre o il
parente più prossimo riceve la sposa all’ingresso e le getta
addosso del grano e del sale, la confa rrea tio dei Romani.84
Raggiunta la porta di casa, la sposa smonta dal cavallo su un
panchetto ricoperto da un bel tappeto o da un capo ricamato
e, con un salto, entra in casa senza sfiorare la soglia. Plinio
cita questa usanza85 che viene ulteriormente ripresa dal Ros-
sini.86 Anche Plutarco ne parla in Qua estionibus Roma nis, 29,
e si addentra in una disquisizione meno pudica che classica
il cui succo è che la soglia era sacra a Vesta.
La sposa viene quindi scortata a sa domu de lettu, la stan-
za nuziale, ed i parenti più prossimi le gettano addosso della
ra zia , dolcetti fatti di nocciole e mandorle zuccherate, il ro-
mano spa rge nuces, da nuces pueris, ecc.87 Viene anche ver-
sato ai suoi piedi un bicchiere d’acqua nel momento in cui
entra nella stanza. La stessa cosa avveniva per la sposa roma-
na ma con l’aggiunta del fuoco, secondo un’usanza ricordata
da Ovidio.88 È un fatto consueto in molte parti dell’Isola che le
persone sposate vengano sepolte con gli abiti nuziali, i qua-
li non vengono indossati se non in queste due circostanze.

84. Vedi Plinio, lib. XVIII, cap. 2.


85. Plinio, lib. XXVIII, cap. 9.
86. L. Rossini, De Nuptiis, p. 448.
87. Vedi Virgilio, Catullo ecc.
88. Ovidio, Fa sti, IV, 787 e Varrone, lib. IV. Vedi anche Rossini.

219
L’ISOLA DI SARDEGNA

Le amiche e le parenti della sposa, mentre la svestono, accen-


nano a questa usanza con le parole del caso. La donna si ri-
volge loro esprimendo la speranza che la loro amicizia duri fi-
no alla morte e che siano esse coloro che la dovranno rivestire
degli abiti nuziali, ed a questo punto la risposta d’obbligo è:
«Possa tu vivere mille anni», «Che i vestiti possano logorarsi pri-
ma di quel momento fatale» e complimenti simili. La festa della
serata si conclude con la danza e le solite appendici musicali.
Durante i primi tre giorni di matrimonio, la sposa non rice-
ve alcuno dei suoi parenti però, in quel lasso di tempo, rimane
in compagnia di una ragazza chiamata in sardo sposa ’e a ngu-
lis, un’espressione la cui origine è incerta.
Rimanendo nell’argomento fin qui trattato, si può accen-
nare a certe tradizioni relative alla nascita ed alla sepoltura.
Se il quadro del santo patrono o della Vergine Maria, destina-
to ad essere appeso sul letto matrimoniale, sarà stato oggetto
di molte invocazioni, lo sarà in misura maggiore al momento
del parto. Si verificò un caso, e la cosa mi risulta personal-
mente, nel quale le suppliche a “La Santissima Madre” furono
tali da far ricordare quelle che si rivolgevano alla pagana Bo-
na Dea .89
Il continuo esercizio fisico e gli sforzi cui le donne sarde
sono sottoposte durante la gravidanza, oltre al calore del cli-
ma, rende più facile il parto e l’assenza di ostetrici e levatrici,
come si è detto in precedenza, così come i pregiudizi nei lo-
ro confronti, le costringe ad adottare lo stesso metodo di par-
torire usato in Spagna. La paglia sparsa per terra per attutire
il rotolare delle ruote del carro, i batacchi fermati con pelle
di capretto bianca, le persiane della camera da letto sbarrate,
ordini severi di silenzio e quiete, non sono dettagli che carat-
terizzano il parto in Sardegna. In molte zone dell’Isola gli ami-
ci ed i parenti si riuniscono nella stanza accanto, se ce n’è
una, e se non c’è, sostano presso la porta, e ballano e canta-
no per diverse ore di seguito, molto di frequente proseguen-
do la baldoria per l’intera nottata, ritenendo, in tal modo, che

89. Vedi Orazio, Ca rmen Sa ecula re, 13 e L’inno di Orfeo a Dia na , v. 3.

220
Ca pitolo XV

il riposo della povera partoriente venga degnamente onorato


e garantito da questo tipo di complimenti e felicitazioni.
I Sardi lavano il neonato con vino tiepido e lo frizionano
delicatamente col sale per tutto il corpo prima che venga av-
volto in fasce: un’usanza assai antica dal momento che Plu-
tarco, nella sua vita di Licurgo, dice che «i greci non lavavano
i bambini appena nati con l’acqua, bensì col vino, mettendo
in tal modo a dura prova la loro costituzione, e pensando
che i bambini malaticci ed epilettici si sarebbero indeboliti e
sarebbero morti durante quest’operazione, mentre quelli sani
sarebbero diventati più vigorosi e resistenti». La frizione col
sale ha origine ancor più antica e si può far risalire agli Ebrei.
Ne fa cenno Ezechiele:90 «Non ti fecero le frizioni di sale, né
fosti avvolto in fasce».
La Marmora ricorda, ma non nasconde qualche dubbio
sulla veridicità, un’usanza relativa al parto che si perpetue-
rebbe in certe zone ma della quale io stesso non potei trova-
re riscontro in alcun luogo, sebbene la si conosca per tradi-
zione orale.
La donna, non appena si riprende dal parto, accudisce al
marito, il quale sta a letto e riceve le stesse cure, attenzioni
ed il supporto nutritivo di cui lei avrebbe bisogno; segue la
stessa dieta e lo stesso regime come se egli stesso si fosse
sgravato del rampollo. È talmente assurda la cosa, che non
varrebbe la pena di ricordarla se non fosse attualmente noto
ed asserito che la medesima pratica esisteva anticamente nel-
la regione di Béarn, nei Bassi Pirenei. Io potei vedere e senti-
re molti pregiudizi da quelle parti, ma una tale follia non eb-
be riscontro ed il fatto che possa esistere in entrambi i Paesi
può essere ragionevolmente messo in dubbio.
La Marmora suppone che la sua origine risalga alle circo-
stanze ricordate in precedenza, nelle quali, il marito e la mo-
glie, in occasione della nascita di un bambino, mangiano dallo
stesso piatto e con lo stesso cucchiaio, così come fecero nel
giorno delle nozze ma, sebbene in quell’occasione il marito

90. Ezechiele, cap. XVI, v. 4.

221
L’ISOLA DI SARDEGNA

sedesse sul letto a fianco della moglie, la relazione fra i due ri-
ti non è sufficientemente forte da potersi connettere. È possi-
bile, in realtà, che l’usanza fosse in auge nei tempi antichi, e
fosse assai diffusa in Corsica poiché Diodoro Siculo,91 a pro-
posito di quest’isola, afferma: «Esiste presso quel popolo una
consuetudine assolutamente paradossale relativamente alla na-
scita dei figli poiché, quando la donna entra in travaglio, di lei
nessuno si cura durante il parto mentre il marito si mette a let-
to come se fosse malato e lì rimane per alcuni giorni, quasi
che fosse lui a patire le doglie».

In Sardegna, i riti della sepoltura e delle lamentazioni fu-


nebri, sono analoghi a quelli che avvengono in altri Paesi
cattolico-romani, per cui soltanto le eccezioni richiedono
un’osservazione. I defunti, se si tratta di persone sposate, co-
me prima ho ricordato, vengono seppelliti con l’abito indos-
sato il giorno delle nozze e abbigliati con tanta pompa ed
ostentazione come in occasione di una festa. Gli ornamenti
di qualche valore, che potrebbero indurre in tentazione un
sacrilego violatore della tomba, vengono rimossi dal corpo
quando viene calato nella fossa.
Le cerimonie funebri sono celebrate con molto sfarzo,
essendo fortemente radicati il pregiudizio e la convinzione
che morire è bello, e le modalità dei lamenti funebri sono
strettamente connesse a tale convincimento.
Per un anno gli uomini non si radono, dal momento che il
trascurare la persona e l’abbigliamento sono considerati una
dimostrazione esteriore del dolore. Le donne, ugualmente tra-
scurate sotto questo aspetto, escono raramente da casa duran-
te l’anno di lutto e, come abito tradizionale per la circostanza,
indossano una specie di mantello di stoffa marron scuro, un
capo del quale ricopre completamente il viso ad eccezione de-
gli occhi, il che ricorda l’abito usuale delle donne musulmane.
In alcuni luoghi persiste una tradizione, più riprovevole
per i vivi che meritoria per i defunti. La vedova non cambia,

91. Diodoro Siculo, lib. V, cap. 14.

222
Ca pitolo XV

e nemmeno lava, la camicia che indossava il giorno della


morte del marito finché non si riduce letteralmente a bran-
delli: un sentimento molto tenero di tenace affetto amoroso
ma certamente anche una nuova interpretazione di Love’s
la st shift.92
Secondo quanto disposto da una vecchia legge di Carlo
II, datata 29 aprile 1520, era previsto per la vedova un anno
di lutto, chiamato Plor, a seconda del suo rango; veniva,
quindi, stabilita la spartizione dei beni del marito e l’exgrex,
ovvero l’assegnazione della dote per gli eredi del coniuge in
caso di sua morienza. Per gli anniversari di un decesso e di
un matrimonio, e per la festività del santo di cui il morto
portava il nome, il quindicesimo giorno successivo – tutte
tradizioni osservate con gran solennità – il sopravvissuto vi-
sita la tomba, fa dire una messa o una preghiera di suffragio
per la buon’anima ed a sera ha luogo una festa funebre.
A un vedovo o una vedova che si sposino per la seconda
volta, i ragazzi del paese fanno le serenate; si radunano sotto
le finestre, pestano fragorosamente su vecchie pentole e te-
gami, strepitano con catene e pezzi di metallo con l’aggiunta
di altri rumori striduli ottenuti soffiando nel corno del mon-
tone e su grandi conchiglie chiamate sos conchizos. Questa
cerimonia de sa sona za viene organizzata, talvolta, in segno
di disapprovazione, tal altra come complimento per i ban-
chetti nuziali.
In molte zone dell’Isola, alle vedove viene consentito
l’ingresso in chiesa soltanto da una porta laterale; un’usanza
per la quale non è stato possibile trovare alcuna spiegazio-
ne. È appena il caso di notare che queste tradizioni del ma-
trimonio, della nascita e delle cerimonie funebri, possono
variare nelle diverse zone per cui il nostro resoconto può of-
frire soltanto informazioni generali piuttosto che una precisa
esemplificazione di ciascun caso particolare.

92. “L’ultima sottoveste dell’amore”. È un gioco di parole tratto da Lo-


ve’s la bours lost (Pene d’a more perdute ), commedia di W. Shakespeare
(N.d.T.).

223
L’ISOLA DI SARDEGNA

L’abbondanza di ra nunculus scelera tus nelle vallate di


Fordongianus riporta alla ribalta la questione del riso sardo-
nico o della smorfia. Secondo un’antica tradizione, la contra-
zione dei muscoli facciali veniva provocata dall’ingestione di
una certa pianta ed era seguita da contorsioni del tutto invo-
lontarie che diedero luogo all’espressione «ridere contro vo-
glia» e, di conseguenza, fu usato come sinonimo di ipocrisia
o scettica risata di scherno.
Un medico che viveva in città, la cui conoscenza della
botanica, acquisita presso un’università straniera, e la grande
esperienza dell’Isola, gli conferivano molta autorevolezza, mi
informò che esistono due piante: una, che è qualcosa di simi-
le al prezzemolo selvatico, nota come a ethusa cyna prium ;
l’altra, il ra nunculus scelera tus, o ranuncolo dalle foglie a for-
ma di sedano, da molti ritenuta una specie inferiore. Queste
piante crescono in abbondanza in luoghi paludosi e spesso
vengono confuse con altre commestibili. Se vengono ingerite,
gli effetti che causano sono la nausea, il vomito e le vertigini,
seguiti non soltanto da una contrazione dei nervi del viso, ma
anche di altre parti del corpo. I rimedi cui il citato medico ri-
correva in tali evenienze erano gli emetici, l’olio d’oliva, i sa-
lassi, la dieta assoluta e l’acqua zuccherata.
Il capitano Smyth così annota: «Nelle mie frequenti indagi-
ni sull’argomento, riscontrai che era molto diffusa l’opinione
della sua esistenza e che il risus sa rdonicus era un termine
d’uso comune. Da diverse persone la pianta mi fu descritta
come un’erbaccia parassita che cresce sulle sponde dei ruscel-
letti fra le piante acquatiche e che, a Terranova, viene chiama-
ta dja rra mentre a Tempio cohone. Un agricoltore di Alghero
mi disse che era pericolosissimo mangiare i crescioni d’acqua
perché il mortale parassita aderisce strettamente alle foglie ed
a ragione di ciò mi consigliò di ordinare ai miei barcaioli di
buttar via alcuni begli esemplari che avevano appena colti.
Comunque, dal momento che non riuscii a procurarmene uno
in alcuna di quelle località, né ad ottenere una qualche atten-
dibile informazione sull’argomento, debbo dedurre che, o in
quelle zone l’erba non è stata riconosciuta dagli studiosi mo-
derni, oppure che tutta la faccenda sia da ascrivere ad una

224
Ca pitolo XV

leggenda popolare che non merita credibilità maggiore di


quella delle fonti magiche ecc.».
Vediamo ora in quale misura queste affermazioni siano
confermate dagli autori antichi.
Plinio93 parla di quattro specie di ranuncolo, la seconda
delle quali si identifica nel summenzionato scelera tus e nel se-
dano selvatico, o melissophyllon, il nostro a ethusa cyna prium,
che egli afferma essere «decisamente da bandire in Sardegna
per le sue proprietà venefiche». Dioscoride 94 afferma che
«quando esso viene ingerito, fa perdere i sensi e produce uno
strano spasimo, così che sembra veramente che coloro che lo
hanno mangiato ridano di continuo e da qui deriva, perciò,
l’espressione del “riso sardonico”. In caso di spasmi, occorre
somministrare al paziente miele ed acqua, fargli bere una
grande quantità di latte, praticare bagni caldi a base di olio ed
acqua, frizioni, unzioni ed ogni altro genere di rimedi».
Andrés de Laguna, dibattendo l’argomento in un brano
della sua opera, Sobre Dioscórides Ama za rbeo (dedicato, non
a caso, all’Imperatrice del Cielo, la Vergine degli Abbando-
nati, «a la Empera triz del Cielo, la Virgen de los desa mpa ra -
dos»), consiglia di trattare il caso in modo simile a qualsiasi
altro spasmo, soltanto che è necessario l’impiego di calore.
Il rimedio suggerito, per certi versi, è anche divertente: «Tié-
nese pues en este ca so por remedio excelente la borra chez; y
a sí convién emborra cha r los pa cientes, dá ndoles a bever vi-
no dulce en gra n ca ntida d pa ra que duerma n muy la rgo
tiempo », «In questo caso l’ubriachezza costituisce un rimedio
eccellente e perciò conviene ubriacare i pazienti, dando lo-
ro da bere gran quantità di vino dolce cosicché dormano a
lungo». Egli consiglia inoltre impacchi caldi di vino e di erbe
varie applicati, in particolare, sulla colonna vertebrale e sul
collo.
Solino nel Polyhistor 95 fa una descrizione analoga degli
effetti di questa pianta.

93. Plinio, lib. XXV, cap. 109.


94. Dioscoride, lib. VI, cap. 14.
95. Solino, Polyhistor, cap. IV.

225
L’ISOLA DI SARDEGNA

L’espressione proverbiale del “riso sardonico” è assai an-


tica. La usa anche Omero96 e su questo punto i commentato-
ri si sono cimentati in una lunga dissertazione, attribuendo-
ne l’origine alla tradizione dell’a cca ba dura ,97 un argomento
trattato in altro punto.
Per ulteriori delucidazioni il lettore viene rinviato a Strabo-
ne, Platone,98 Cicerone, Virgilio, Polibio, Plutarco, Luciano e
Xenodoto i quali tutti usano l’espressione nel medesimo sen-
so. Le parole di Pausania sono forse sufficientemente interes-
santi da meritare una completa citazione: «L’Isola è inoltre in-
denne da ogni specie di erbe velenose e letali, ad eccezione
di una che assomiglia al prezzemolo la quale, si dice, faccia
morire ridendo coloro che la mangiano. Da questo particolare,
Omero per primo, successivamente gli altri, definiscono sardo-
nico il riso che nasconde una malattia mortale. Quest’erba cre-
sce per lo più in vicinanza di ruscelli e tuttavia non trasmette
all’acqua la sua potenza venefica». Xenodoto, citando il pro-
verbio,99 allude ad una frase di Eschilo la quale è stata inter-
pretata in maniera analoga al brano di Omero con riferimento
alla a cca ba dura ed anche Andrea Scotto ha formulato dotte
osservazioni sull’argomento nella sua edizione di Xenodoto.100
Quasi tutti i botanici si soffermano sul sapore amaro della
pianta del ranuncolo, specialmente dello scelera tus, e dai sum-
menzionati accreditati autori risulta evidente che le sue qualità
peculiari fossero ben note agli antichi, così come lo sono agli

96. Omero, Odissea , XX, v. 301.


97. Si dice che nei tempi antichi fosse usanza dei figli uccidere i genitori
una volta diventati inabili per età o per altre cause. Gli veniva sfracellato
il cranio con dei grossi bastoni ed i loro corpi venivano gettati da un
precipizio in onore di Saturno. Da qui il termine a cca ba dura dallo spa-
gnolo a ca ba r, finire, uccidere (N.d.T.).
98. Platone, lib. I; Cicerone, Epistula a d Fa milia res, lib. VII; Epistula
XXV a d Fa bium ; Virgilio, Egloghe, VII, v. 41; Virgilio, Eneide, I, v. 213;
Polibio, lib. XVII, cap. 7; Plutarco, Vita di Ca io Gra cco, cap. 12 e in Sa g-
gi sulle dottrine di Epicuro ; Luciano, Lucius sive Asinus, cap. 23; Xenodo-
to, Centuria , v. 85; Pausania, lib. X, cap. 17.
99. Xenodoto, Centuria , v. 85.
100. A. Scotto, Anversa, 1611, p. 147.

226
Ca pitolo XV

attuali abitanti dell’Isola. L’uso della pianta, come dimostrato


dalla moderna farmacopea, conferma pienamente la leggenda
e il proverbio, ma con questa differenza: invece che dannosa,
viene ora considerata un’erba medicinale di grande utilità.

Procedendo da Oristano, verso sud, il viaggiatore attraver-


sa il Campo di Sant’Anna, una grande pianura che non offre
suggestivi panorami ma nella quale, tuttavia, si produce il mi-
glior frumento dell’Isola. Il paese di Uras è particolarmente
noto per la battaglia combattuta nel 1470 fra il viceré d’Arago-
na, Carroz, e Leonardo d’Aragona, marchese di Oristano. Fra i
due esisteva un’inimicizia personale e politica, ed il primo
partì da Cagliari per rafforzare i propri legami di vassallaggio
al re che il marchese aveva, invece, rifiutato di riconoscere.
Tutto il Giudicato si raccolse intorno al vessillo di Arborea,
ostile al viceré e, sotto le mura di questa città, ebbe luogo un
sanguinoso combattimento che si concluse con la disfatta e il
massacro dell’esercito aragonese e della conquista di Cagliari
da parte del marchese vittorioso. Successivamente, Uras, che
era stata posta sotto assedio, fu liberata dalle truppe che gira-
vano e rigiravano intorno alla chiesa, attuando uno stratagem-
ma che trasse in inganno gli assedianti sull’effettiva consisten-
za delle forze poste a difesa del luogo.
Sulle colline ad ovest di Sardara si trovano le rovine del
castello di Monreale, in passato uno dei palazzi dei Giudici
di Arborea e, nel 1324, residenza di donna Teresa, moglie di
Alfonso d’Aragona, quando questi era a capo delle truppe al-
l’assedio di Cagliari. Esistono ancora le mura esterne, alcuni
camminamenti coperti e due torri.
A Sardara si trovano le rovine dell’antica Neapolis ed al-
cune sorgenti minerali, le Aqua e Nea polita na e, delle quali si
parla nell’Itinera rio di Antonino. Contengono gas di acido
carbonico, solforato d’idrogeno, carbonato di sodio, solforato
di sodio e solfato di magnesio; raggiungono una temperatura
di 140 gradi Fahrenheit.
A Sanluri, meritano di essere visitati il vecchio castello e
diverse chiese. Ebbi occasione di giungervi durante una festa

227
L’ISOLA DI SARDEGNA

che aveva scosso il paese dalla consueta, letargica monoto-


nia. Il costume femminile è composto di una pettorina di vel-
luto broccato, legata stretta in vita da una grande catenella
d’argento dalla quale pende una specie di grembiule. Le sot-
tane sono di vari colori ed un fazzoletto bianco o colorato,
portato allo stesso modo in cui usavano le contadine roma-
ne, costituisce il copricapo.
Sanluri, così come Uras, fu teatro di uno dei frequenti
conflitti fra le armate aragonesi e sarde. Aimerico, visconte di
Narbona, marito di Beatrice, la sorella più giovane di Eleono-
ra, fu eletto Giudice nel 1408. Fu allora che don Martino, re di
Sicilia e figlio di don Martino, re di Aragona, avendo deciso di
muovergli guerra e di sottomettere la provincia di Arborea,
partì da Trapani, in Sicilia, e giunse ad Alghero dove la sua
flotta ottenne una vittoria schiacciante contro i Genovesi e gli
alleati sardi. Nel frattempo, dalla Catalogna, gli furono inviati
grossi rinforzi a Cagliari da dove marciò verso Sanluri. Qui,
nel 1499, ebbe luogo la battaglia, aspramente combattuta da
ambo le parti, che si concluse con la sconfitta di Aimerico e
l’uccisione di 5000 sardi. La città fu, quindi, saccheggiata e
mille persone passate a fil di spada. Inebriato dalla vittoria,
don Martino era deciso ad attaccare Oristano e Villa Iglesias
ma le antiche abitudini sfrenate coltivate in Sicilia si rinnova-
rono in Sardegna e, ammaliato dal fascino di una bella donna
di Sanluri, si rovinò la salute con ogni sorta di dissolutezza e
morì vittima della propria intemperanza.

Ad ovest di Sanluri si trova l’azienda agricola intitolata a


Vittorio Emanuele, in ossequio al figlio maggiore del re, l’uni-
ca nell’Isola nella quale il Governo abbia incentivato i privati
nell’opera di bonifica e di coltivazione dei terreni.
Nel 1838 il re concesse per decreto una ragguardevole
estensione di terra, insieme allo stagno di Sanluri, ad alcuni
agricoltori francesi i quali diedero inizio al prosciugamento
della palude e realizzarono fattorie modello; l’affitto del terre-
no consisteva in una modesta somma. La superficie recintata
comprendeva circa 6000 starelli, equivalenti più o meno a

228
Ca pitolo XV

5911 acri. All’inizio vi fu una notevole ostilità nei confronti


dell’iniziativa, non soltanto per i pregiudizi e l’ignoranza della
gente, ma anche per la convinzione che lo stagno fosse in co-
municazione col mare e che il suolo sottostante altro non era
che una stratificazione di sale. L’equivoco fu chiarito e finì nel
ridicolo nel 1838, quando l’impresa si apprestò a dare inizio ai
lavori; tutte le difficoltà preconcette furono superate e fu assi-
curato l’impiego di molta mano d’opera. L’opera fu completata
con successo nel 1839; furono delimitati i confini, realizzata
una azienda agricola e lo stagno, che ricopriva un’estensione
di circa 4326 acri, profondo 5 piedi e 3 pollici, situato a 213
piedi e tre pollici sul livello del mare, fu prosciugato per mez-
zo di un canale lungo poco più di quattro miglia.
Nel 1840 fu ultimata un’altra azienda, fu costruita la chie-
sa, una vasta distesa di terra fu coltivata e furono realizzate
piantagioni; ma la decomposizione delle sostanze vegetali e le
esalazioni provenienti dalle paludi prosciugate provocarono
miasmi e febbri al punto che morirono quasi tutti i lavoratori
venuti dal continente alle dipendenze dell’impresa. Si dice
che siano rimaste vittime ventisette persone su trentuno, ma
questa terribile moria fu principalmente attribuita alla loro
sconsideratezza ed imprudenza, dal momento che l’esperien-
za, in questo come in altri casi, insegna che l’impiego di per-
sone indigene e il ricorso alle risorse locali rappresenta la so-
luzione migliore. Furono, quindi, assunti lavoratori sardi; le
essenze arboree importate dal continente, parte delle quali
non avevano attecchito ed altre erano state dolosamente reci-
se, furono rimpiazzate da piante indigene. Si ricorse all’impie-
go di buoi e cavalli sardi che meglio si adattavano al clima ed
al lavoro rispetto alla razza piemontese, per quanto gli aratri
continentali ed altri attrezzi agricoli, come pure gli incroci di
bestiame, diedero considerevoli risultati.
Nel 1841 iniziarono a vedersi i buoni frutti della bonifica
e delle colture. La nuova colonia e la gente del luogo, che fi-
no ad allora erano state decimate dalla malaria e dalla febbre,
non furono, se non raramente, preda delle malattie. I lavora-
tori sardi impiegati al posto dei piemontesi e francesi defunti,

229
L’ISOLA DI SARDEGNA

lavorando con zelo ed energia, annullarono e compensarono


“la mancanza di braccia” e progredirono nella tecnica grazie
all’istituzione di una scuola agraria. Il personale dell’azienda
era costituito, così come lo è ancora oggi, da circa 130 uomi-
ni, tutti sardi, ad eccezione di dieci continentali che svolgeva-
no mansioni superiori. Ora si lavora in maniera sistematica;
sono state adottate ulteriori precauzioni contro le febbri; sono
stati costruiti circa venti miglia di canali per la bonifica; si la-
vora nelle stagioni e nelle ore più adatte ed è andata gradual-
mente scomparendo l’ostilità dei contadini dei paesi limitrofi, i
quali erano soliti sconfinare nei terreni recintati, animati dalla
sensazione di essere stati defraudati del diritto di libera circo-
lazione nei loro territori. L’impresa ha avuto un successo che
è andato oltre le aspettative; gli ostacoli, naturali e tecnici, so-
no stati felicemente superati ed i profitti dell’iniziativa econo-
mica costituiscono la dimostrazione migliore, per i Sardi, della
loro mancanza di imprenditorialità, del loro timore a intra-
prendere iniziative e del loro errore nel disperare di migliora-
re la propria condizione morale e fisica.

Monastir, che sorge su una collinetta ad ovest del Monte


Zara, prende nome da un antico monastero di Camaldolesi le
cui rovine si trovano a circa due miglia dal paese. Murata in
un angolo della chiesa di San Giacomo, si trova una pietra
miliare romana con un’iscrizione andata in parte distrutta da-
gli operai quando la sistemarono nella parete.
Il ponte di Monastir, costruito con bella pietra vulcanica
rossa, conferisce al paesaggio un aspetto singolare. Il terreno
è di natura vulcanica e quello che era evidentemente un cra-
tere è ora ricoperto dalla boscaglia. Sono stati allevati con
successo gelsi e bachi da seta così che il prodotto ha spuntato
un prezzo alto, al livello della migliore qualità piemontese,
ma mancano iniziative e spirito d’impresa, “dal momento che
ancora manca l’anima”. La strada che da questo paese condu-
ce a Cagliari non offre un panorama interessante ma il viaggio
fu reso più piacevole dalla presenza del mio amico, il conte
De La Marmora, che mi accompagnò fino alla capitale.

230
CAPITOLO XVI
La zona di Iglesia s – Villa ggi – Il ca stello – La festa di Sa nta Greca – Il
nura ghe Ortu – La grotta di Sa n Giova nni – Domusnova s – Ruscelli – La
ca rtiera – Fa llimento – La città di Iglesia s – L’a ssedio del 1323 – Il feudo
a utoa cquista to – Insa lubrità – Popola zione – Ca ra ttere e costume – Ferti-
lità – Vescova do e ca ttedra le – Reliquie – La festa di Sa nt’Antioco – L’a nti-
co vescovo di Sulci – Monteponi – Minera li della Sa rdegna – Osserva zioni
genera li sul loro va lore, produzione e condizioni – Fluminima ggiore – Il
clima – La ca ccia – Il nura ghe – Superstizione – Le grotte – Resti di Anta s,
l’a ntica Metalla – Villa ggi – L’isola di Sa n Pietro – Ca rta ginesi ed a ltri ru-
deri – Storia – Ca rloforte – Corsa ri tunisini – La flotta di Nelson – Rimo-
stra nze per un tra tta mento inospita le – Ca ra ttere e occupa zione della
gente – Sa line e pesca del tonno – L’isola di Sa nt’Antioco – Popola zione –
Il tiro a l piccione – Stra de roma ne – Consuetudini dei Sulcita ni – Pa lma s
– Ca po Teula da – Il nura ghe – Pula – Miniere – La chiesa – Resoconto su
Nora e sulle epigra fi fenicie – L’a cquedotto roma no sulle rovine di un nu-
ra ghe – Altri ruderi roma ni – Da Pula a Orri – Migliora mento delle colti-
va zioni a d opera del ma rchese di Villa hermosa – Pietra milia re roma na
ed epigra fi – Arrivo a Ca glia ri

Fu con notevole rincrescimento che dovetti partire da Ca-


gliari, a causa della stagione avanzata, senza per altro realiz-
zare il proposito di visitare tutto il distretto di Iglesias: pertan-
to, per certi dettagli su zone di cui si parlerà e che non potei
visitare di persona, mi sono avvalso delle annotazioni perso-
nali di alcuni amici e di molte altre fonti autorevoli.
Fra Monastir e Cagliari, la carrareccia porta verso la città
di Iglesias, passando per Decimomannu, il paese che trae il
suo nome da una pietra miliare romana rinvenuta da quelle
parti, con un’iscrizione che testimonia essere stato questo il
decimo miglio da Cagliari verso Sulci. Il fiume Caralita, che
nasce nel Sarcidano e nel quale si riversano molti piccoli af-
fluenti, discende per le valli e si versa a nord-ovest dello sta-
gno di Cagliari. Il paesino di Domusnovas, che conta circa
1410 abitanti, sorge in posizione amena ai piedi della monta-
gna calcarea di San Giovanni, in una pianura ricca d’acqua
dove prosperano aranceti e altri alberi da frutto. Nel paese e
nelle vicinanze si trovano le rovine di un acquedotto romano,

231
L’ISOLA DI SARDEGNA

che forniva l’acqua a Cagliari, ed altre vestigia della stessa


epoca: quelle del castello di Gioiosa Guardia, una delle resi-
denze dei Giudici, ed un altro castello che appartenne alla fa-
miglia della Gherardesca, demolito, come pure demolite furo-
no le fortificazioni attorno al paese, durante le guerre fra
Guelfo della Gherardesca ed il Giudice di Arborea.
Alcune sorgenti calde di acqua ferruginosa nei pressi di
Siliqua, che sgorgano con tale abbondanza che i vapori si
scorgono in lontananza, vengono sfruttate come rimedio per
tutti i mali e, se bevute contestualmente a un’offerta votiva,
vengono considerate infallibilmente efficaci. Una chiesa, fra le
altre, è molto venerata poiché custodisce la tomba e le ossa di
santa Greca, santa e martire sarda, la cui intercessione è rite-
nuta talmente preziosa che l’edificio è stracolmo di quattro o
cinquemila ex-voto di ogni genere. Fra i divertimenti che ani-
mano la sua festa, ce n’è uno che probabilmente era associato
a qualche antico sacrificio. Tre carrate di legna vengono im-
piegate per formare una grande catasta ed in diverse parti di
essa vengono sistemati “pa ni di za ppa ”, una confezione di
pane e uva passa. Questo “falò”, o catasta, viene poi traspor-
tato in paese da due buoi, scelti ed ingrassati per l’occasione
e, se il carico non risulta troppo pesante, i giovanotti si arram-
picano in cima cantando e gridando a squarcia gola e, dopo
aver fatto il giro del paese, si fermano di fronte alla chiesa e
danno fuoco alla catasta fra le danze ed il clamore generale.
Un monastero dei Cappuccini, situato in bella posizione
in un boschetto di pioppi, con un ruscello ed un aranceto,
merita di essere visto per l’operosità – cosa veramente rara –
dei monaci i quali tessono la stoffa per gli abiti di altri religio-
si ed anche per i propri.
All’estremità occidentale del villaggio si trova il nuraghe
Ortu,101 caratteristico per il numero e la regolarità delle camere
sul quale il La Marmora102 ha scritto una relazione eccellente,

101. Più precisamente si tratta del Nuraghe Orcu, che significa gigante
(N.d.T.).
102. A. La Marmora, vol. II, p. 91, tav. 14.

232
Ca pitolo XVI

unitamente alla pianta ed alle osservazioni del signor Cima.


La muraglia esterna, spessa circa otto piedi e tre pollici, che
collega la zona interna del nuraghe a levante e a ponente,
presenta quattro aperture, due a nord e due a sud; all’interno
del suo perimetro, che risulta di circa 480 piedi, si trovano sei
camere, tre delle quali a sud e sud-est, una è orientata a nord
ed un’altra ad est ed ovest. Queste ultime due sono più gran-
di delle altre. L’ingresso alla camera centrale avviene attraver-
so un varco a sud-est, lungo cinquantaquattro piedi, collegato
ad un cortile semicircolare il quale comunica, attraverso tre
corridoi laterali, con altre tre camere.
Questi corridoi formano congiuntamente una muraglia e
nascondono l’ingresso al cono interno la cui camera centrale
ha un diametro di circa trentaquattro piedi alla base e contiene
quattro ampie nicchie. Poiché il muro esterno si congiunge con
la zona interna del nuraghe soltanto in due punti, gli spazi in-
termedi, assai irregolari, possono essere considerati una specie
di anticortile e da essi si accede a ciascuna delle sei camere che
si trovano nella muraglia esterna. Il materiale dell’edificio è di
roccia scistosa venata di quarzo e, poiché i blocchi non recano
traccia di martello o di scalpello, colpiscono la regolarità della
superficie così pure l’ordine e la regolarità della loro collocazio-
ne. Il Cima non ritiene sia esistito un secondo piano nel cono
centrale, poiché non risulta distintamente individuata la tipica
rampa a spirale che solitamente ad esso conduce. Per quanto
non dimostri il contrario, il La Marmora, dal canto suo, non di-
spone di elementi concreti e formula solamente l’ipotesi per
analogia con altro nuraghe: una supposizione assai probabile.

La grotta di San Giovanni, situata nella montagna omoni-


ma che cala a strapiombo sul paese, si suppone sia stata ori-
ginata dallo sprofondamento della falda. L’ingresso settentrio-
nale a questa galleria naturale si trova nella valle di Oridda e
quello sul lato meridionale della montagna è situato in una
grande caverna stalattitica della roccia e, secondo il capitano
Smyth, è alta da ottanta a novanta piedi e larga 130 e conser-
va all’interno la stessa ampiezza per 300 piedi dall’entrata.

233
L’ISOLA DI SARDEGNA

Sulla destra si trovano le rovine di una muraglia spessa


tredici piedi, costituita da grosse pietre unite insieme da
un’argilla rossastra la quale, a causa dell’infiltrazione dell’ac-
qua dalla volta calcarea della grotta attraverso gli interstizi, è
diventata dura come le stesse pietre. La muraglia, costruita
evidentemente per chiudere le parti laterali e lasciare soltan-
to un piccolo spazio per l’accesso per mezzo di alcuni scali-
ni larghi circa quattro piedi, conduce fino in cima. Quel che
anticamente esisteva all’interno del corridoio è andato, per
lo più, distrutto dal fiume Oridda che scorre nelle vicinanze
e sopra le rovine si sono formate le stalagmiti. Oltrepassato
il primo varco che si trova a nord e a sud, la grotta segue
una direzione a zig zag e si affaccia su una caverna alta più
di 164 piedi. Un ruscelletto di montagna mormora alla base
e, su ambo i lati, c’è una specie di galleria le cui pareti sono
rivestite di muschi e licheni. Proseguendo, il corridoio pre-
senta una curva che fa piombare il visitatore nell’oscurità e,
seguendo la direzione nord-ovest per circa ottantadue piedi,
e quindi a sud-ovest per circa novantotto piedi, forma un
gomito di 164 piedi in direzione nord-nord-ovest; da questo
punto si dirige a nord-est per oltre 230 piedi. Qui svolta
nuovamente in direzione nord-nord-ovest per 115 piedi e ri-
torna verso nord-est per 164 piedi; in questi paraggi le sta-
lagmiti e le cristallizzazioni sono veramente splendide. L’ulti-
ma parte del sentiero, che supera i 328 piedi di lunghezza,
si dirige ora a nord e, alla fine, ci si riaffaccia alla luce del
giorno. Nei lati si trovano piccole gallerie simili a quelle del-
l’ingresso a sud; sul lato sinistro, come pure nelle altre parti
della grotta, un delicato marmo grigiastro forma parte della
muraglia naturale.
A circa cinquanta iarde dal termine della galleria, si trova
la chiesetta di San Giovanni e, alle sue spalle, le ultime sta-
lagmiti chiamate la chitus, a ragione dei piccoli bacini o ser-
batoi che le circondano. L’ingresso settentrionale si presenta
come quello situato a sud, anche se non così ampio; la mu-
raglia, intaccata dalle infiltrazioni d’acqua, è spessa soltanto
dieci piedi e mezzo.

234
Ca pitolo XVI

Non esistono antiche testimonianze a proposito della grot-


ta, né alcuna fonte storica in merito all’epoca di costruzione
della muraglia; tuttavia, si ritiene che al momento della loro
formazione, il fiume Oridda seguisse un corso diverso lungo
il Monte San Giovanni e che, essendo stato successivamente
sbarrato, fu deviato nell’attuale alveo. Il capitano Smyth affer-
ma che la lunghezza complessiva della grotta si aggira sul mi-
glio e un quarto; in diversi punti è larga oltre 300 piedi e alta
120. Secondo altri calcoli, sarebbe lunga soltanto 1313 piedi
nel qual caso, per quanto non paragonabile alla grotta di Po-
sillipo, che è lunga tre quarti di miglio, rimane, comunque,
un luogo interessante per la bellezza naturale ma anche per il
mistero sul lavoro che l’uomo vi ha profuso.
Non lontano dalla grotta, dalla fenditura di una roccia
sgorga l’Ucherutta di San Giovanni che, per posizione e suc-
cessivi adattamenti, somiglia alla fonte di Vaucluse. Si pensava
che l’acquedotto romano di Cagliari venisse alimentato da
questo fiumiciattolo ma indagini recenti hanno, invece, con-
sentito di accertare che l’acqua proveniva dalla fonte di Cabu-
dabbas, nei pressi di Villamassargia. Qualche tempo fa furono
compiuti rilevamenti e ricerche per verificare la possibilità di
sfruttare queste fonti e l’acquedotto al fine di approvvigionare
la capitale con l’acqua di questa zona e si scoprì che l’Uche-
rutta di San Giovanni risultò quella più adatta in quanto si
trova a 619 piedi sul livello del mare e a 193 piedi su quello
della torre di San Pancrazio, che è uno dei punti più alti di
Cagliari, mentre invece la fonte di Cabudabbas di Villamassar-
gia, sta soltanto a 444 piedi sul livello del mare e a 141 su
quello della torre.
Nei paraggi si trovano i resti di una cartiera costruita pa-
recchi anni fa dal conte Boyl, col lodevole scopo di incorag-
giare la gente del luogo in quell’attività ma, dopo essersi
sobbarcato grosse spese ed aver dato lavoro a 25 operai, la
cartiera fallì per un insieme di ragioni; fra queste, le pesanti
tasse imposte dal Governo, l’intemperie e la svogliatezza si
rivelarono ostacoli insormontabili. Altro esempio dello scar-
so successo dello spirito di iniziativa dei Sardi viene offerto

235
L’ISOLA DI SARDEGNA

dalle macerie di un edificio costruito nel 1825, alla periferia


del paese, destinato alla fusione dei minerali provenienti dal-
la montagna di Monteponi.

Villa Iglesias o Villecclesia, la principale città del distretto


e della diocesi cui dà il nome, fu così chiamata a ragione del-
la quantità di chiese ivi esistenti nel medioevo; era altresì no-
ta come Argenta ria , per l’argento che i Pisani estrassero dalle
miniere delle vicinanze. È assai confusa la sua storia antica,
ma la tradizione dice che sia stata fondata da malviventi e da
banditi. La città, sorta sulla cima più alta delle colline che co-
stituiscono parte del Monte Marganai e dominano la pianura
del Sigerro, è circondata da mura e torri costruite dai Pisani
attorno all’anno 1322, quando si ebbe notizia dell’invasione
aragonese. Il castello si trova ad est, su un’altura che spazia
su un vasto orizzonte, ed un’epigrafe posta sull’architrave del-
l’ingresso ricorda che fu restaurato nel 1325 dall’Infante don
Alfonso, figlio di Diego II, re di Aragona.
Il maniero è noto per l’assedio cui, nel 1323, lo sottopose
quel principe il quale, giungendo a Sulci con una flotta di
500 vascelli e con gran contingente militare, fu là raggiunto
dal suo alleato, Ugone, giudice di Arborea, e mentre questi
rimase a guardia nel golfo di Palmas, egli mosse all’attacco di
Iglesias. La città, presidiata da 200 cavalieri e 1000 fanti, resi-
stette per sei mesi contro l’esercito più forte di Aragona che,
dopo due infruttuosi assalti, dovette attendere la resa del ca-
stello per fame. Gli Iglesienti, ridotti nel più deplorevole stato
di miseria e di necessità, al fine di essere almeno in parte ri-
sparmiati, chiesero di far uscire dalle mura, come prigionieri,
i vecchi, le donne ed i bambini ma gli assedianti rifiutarono;
a quel punto don Alfonso intensificò l’attacco con torri mobi-
li di legno. Fu soltanto nel 1324 che gli assediati si arresero,
dopo che avevano consumato tutto ciò che era commestibile,
perfino le carcasse di animali marcite e imputridite. Alfonso,
dopo avervi sostato pochi giorni, lasciò lì sua moglie e si di-
resse a Cagliari. Oltre 12.000 Aragonesi erano morti durante
l’assedio per malattia ed altre cause di guerra.

236
Ca pitolo XVI

Che in periodo successivo il dominio aragonese venisse


accettato con il rispetto dei patti e fedeltà da parte degli Igle-
sienti, si evince dal fatto che nel 1449 Alfonso IV, oberato da
difficoltà finanziarie, dovette cedere i diritti feudali di Iglesias
a doña Leonora Manrique, contessa di Quirra, per la somma
di circa 2170 sterline ma il popolo unanimemente si ribellò e
pagò la somma richiesta al tesoro reale, pattuendo col sovra-
no, mediante un documento in data 1450, ora custodito nei
loro archivi, che il feudo di Iglesias sarebbe stato inalienabile
da parte della Corona aragonese. In forza di queste circostan-
ze, la città inserì, ed ancora lo mantiene, nell’inquartamento
del suo stemma, il bastone scorciato di Aragona, in ricordo
della devozione leale, ed un pezzo cilindrico d’oro, simbolo
emblematico del loro autoacquistato feudalesimo.
I più antichi resoconti della città datano dal 1257 ma
non risulta quanto essa fosse estesa o popolata a causa delle
diverse invasioni e pestilenze e del massacro ordinato dal
marchese di Oristano, all’incirca nel 1472, di tutti gli abitanti,
salvo quelli che, stando all’interno del castello, riuscirono a
salvarsi: fu un colpo mortale dal quale la città mai si riprese.
Nel 1840, la popolazione raggiungeva i 5534 abitanti. La spor-
cizia della città, nonostante l’esistenza di regolamenti civici,
ed i miasmi che provengono dai terreni circostanti, fanno un
purgatorio di questo luogo ameno che potrebbe meritare il
lusinghiero titolo di flori de mundu. In tanto degrado, non
esiste neanche un ricovero per i poveri o un ospedale e si fa
assai poco per l’istruzione tanto che solamente 182 persone,
su tutta la popolazione, frequentano la scuola.
L’abbigliamento varia di poco rispetto a quello di altre zo-
ne; gli uomini portano una larga fascia in vita, generalmente
di seta, un panciotto a doppio petto e la mastrucca, o beste-
pedde, come qui viene chiamata. Le da ma s, o signore del ceto
superiore, indossano abiti continentali; le nostra da s, o signore
del ceto medio, portano un corpetto di panno o di velluto
scuro, con frangia e bottoni, una sottana rossa ed una sorta
di cappuccio che dalla testa ricade sulle spalle: il tutto è rico-
perto da uno scialle bianco triangolare con bordo colorato.

237
L’ISOLA DI SARDEGNA

Le donne delle classi infime, le “massaie”, sono vestite allo


stesso modo, fatta eccezione per la qualità ed il colore più
scuro della stoffa. Si dice che gli uomini siano meno litigiosi
e più rispettosi della legge di quelli di altre zone mentre le
donne sono di carattere affabile ed affettuoso; hanno colorito
bruno e, per tale ragione, si sono guadagnate il nome di
“maurette”, un nomignolo che in realtà non meritano in modo
particolare, dal momento che le caratteristiche moresche si ri-
trovano per lo più nel meridione dell’Isola. Indifferenti ed in-
dolenti, gli Iglesienti, tuttavia, sono particolarmente amanti del
divertimento: il ballo ed il canto costituiscono per loro il pre-
ludio, l’intermezzo e il finale dei loro incontri.
La fertilità del suolo assicura grande abbondanza di ogni
varietà di frutta e di cereali che vengono consumati localmen-
te oppure inviati altrove per la vendita; tuttavia, rimangono
incolte grandi estensioni di terreno in grado di sostenere una
popolazione otto volte superiore. Le ampie valli ed i boschi,
ricchissimi di verde e assai ameni, sono popolati di usignoli
che vengono catturati quando ancora sono piccoli e venduti a
Cagliari in quanto vengono considerati un boccone prelibato.
I soli edifici degni di nota di Iglesias sono il palazzo vesco-
vile ed il collegio dei Gesuiti. La cattedrale, che in origine era
una chiesetta dedicata a santa Chiara, conserva un’epigrafe che
narra della sua costruzione avvenuta nel 1285 ma ripetuti re-
stauri hanno modificato, in larga parte, l’originario stile pisano.
Rimane incerta la data del trasferimento della sede vesco-
vile del Sulcis a Tratalias che, da lì, fu poi trasferita ad Igle-
sias nel 1503, incorporata nell’arcivescovado di Cagliari nel
1691 e diventata, infine, sede autonoma nel 1763.
Sant’Antioco, che si dice esservi stato esiliato durante il
regno di Adriano e morto nell’anno 125, è il personaggio più
importante della zona. Le sue presunte reliquie, ritrovate a
Sulci nel 1615, e la festa che si celebra in suo onore, costitui-
scono un evento del massimo rilievo. Quel che si suppone
sia stato il suo teschio, racchiuso in un’urna d’argento, e gli
altri resti, che stanno in una cassa di ferro, sono custoditi con
solenne venerazione. Gli Iglesienti hanno un tale timore che

238
Ca pitolo XVI

le preziose reliquie possano essere trafugate che la dentella-


tura della chiave è stata limata e saldata nella serratura; per-
tanto è così inceppata che nessuno può aprirla. Un’enorme,
scadente statua lignea di sua santità, molto venerata ma tanto
orribile, insieme all’urna e alla cassa, vengono esposte dai di-
gnitari della cattedrale per le feste che si celebrano quattro
volte l’anno e sono simili a quelle di san Priamo che abbia-
mo descritto a proposito del distretto d’Ogliastra.
Giunta ad un luogo chiamato Barbusi, la grande folla di
popolo che segue la processione fa sosta per la notte e lì
l’accampamento occupa uno spazio di un quarto di miglio.
Le luci ed i fuochi innumerevoli, la diversità delle condizioni
sociali della gente che vi partecipa, senza discriminazione,
nella preghiera e nel sollazzo, nella devozione e nel ballo,
nel digiuno e nella crapula, costituiscono uno spettacolo di
grande interesse. Prima dell’alba, i devoti assistono alla mes-
sa e ricevono la benedizione. Al tocco della campana, segna-
le del raduno, si vedono muoversi verso la chiesetta innume-
revoli luci; il sommesso mormorio di migliaia di persone va
man mano affievolendo fino al più profondo silenzio quando
si celebra la messa. Al termine, tutti vanno in processione a
Sulci, al piccolo tempio nel quale si trova l’antica tomba del
Santo. Oltre sant’Antioco, un lungo elenco di martiri leggen-
dari, assai venerati nella zona, pretesto per feste e ritrovi, go-
de di grande stima sul tempo e sul denaro degli Iglesienti.
Quanto più produttivamente quelle migliaia di lire che i
preti raccolgono nei pochi giorni che precedono la celebra-
zione di queste feste, per sostenerne le spese, potrebbero es-
sere impiegate per far comprendere a questa gente la follia
del loro comportamento!
L’organico dei religiosi di Iglesias consiste, nella cattedra-
le, di diciotto canonici, dodici prebendari, quattro preti bene-
ficiati e addetti al canto delle funzioni, oltre ad un gran nu-
mero di altri preti sparsi nelle nove chiese cittadine e nelle
altre cinque fuori le mura. L’ex chiesa dei Gesuiti e quella di
San Francesco d’Assisi sono belle, però la confraternita e tre
conventi, che contano più di cento membri, non meritano

239
L’ISOLA DI SARDEGNA

particolare menzione. Il riferimento più antico della storia re-


ligiosa della zona risale ad un vescovo del Sulcis che visse
nel 436, mentre l’epigrafe sulla tomba di sant’Antioco, in quel
sito, è datata al 513.

A sud-ovest di Iglesias si trova Monteponi, a circa 1116


piedi d’altitudine, dove esiste una grande miniera di piombo
e da qui si può prendere lo spunto per tracciare una panora-
mica generale sui minerali dell’Isola. Sebbene non ci siano ri-
ferimenti certi nella storia antica, esistono prove evidenti che
dimostrano come le miniere fossero ben note e che sono sta-
te sfruttate. Un silenzio assoluto grava sull’ipotesi che siano
state conosciute dai Fenici ma non è improbabile che quegli
intrepidi mercanti avessero ignorato le ricchezze vicine a loro
mentre si spinsero verso quelle dell’Andalusia e della Corno-
vaglia. In tempi successivi, i nomi delle antiche città, quali
Meta lla , Fera ria , Feronia , Plumbea , Argenta ria , come pure
quelli di diverse montagne, attestano che furono possedi-
menti romani e sono ancora evidenti le tracce delle lavora-
zioni che vi sono state eseguite.
La zona del Logudoro – secondo l’interpretazione di talu-
ni il Logu d’oro, il luogo dell’oro – potrebbe essere stata così
denominata, con molta probabilità, per il fatto di essere stata
un possedimento della famiglia Doria.
Sidonio Apollinare, ricordando i vari tributi pagati a Ro-
ma, fa riferimento all’argento importato dalla Sardegna, ed
anche Solino, nel Polyhistor, parla della ricchezza del minera-
le isolano.
Gli imperatori Valentiniano, Valente e Graziano vietarono
la visita della Sardegna a mandatari ed altri speculatori inte-
ressati alle miniere, per timore che diventassero troppo nu-
merosi, oppure che la grande ricchezza delle miniere li invo-
gliasse ad abbandonare lo sfruttamento di altre zone. C’è da
osservare che, in epoca successiva, le leggi relative al ritrova-
mento e all’esportazione dell’oro furono molto rigorose.
Non viene fatto alcun cenno alle miniere durante la domi-
nazione giudicale, anteriormente a quella pisana e genovese,

240
Ca pitolo XVI

salvo riferimenti a pagamenti in argento, né si trova alcuna


specifica menzione durante la signoria di quelle Repubbliche.
Sappiamo che nel 1283 i Genovesi sottrassero ai loro rivali
un bottino immenso d’argento che avevano asportato da
questi luoghi e col quale si rifecero delle spese sostenute per
la costruzione della darsena della loro città; Zurita103 fa cenno
al ritorno in patria dell’esercito pisano, nel 1303, stracarico
d’argento.
Gli Spagnoli trascurarono questa risorsa attratti dalla ric-
chezza del Nuovo Mondo ma don Martino Carrillo, nella rela-
zione ufficiale fatta a Filippo III d’Aragona, ricorda l’importan-
za delle miniere e certa parte delle sue osservazioni conserva
validità ancora oggi per quanto riguarda l’incapacità dei Sar-
di di sfruttare i giacimenti senza l’aiuto di gente forestiera:
«Ahora no se tra ba ja , por ha ber muerto los ma estros de Viz-
ca ya que vinieron pa ra eso », «Ora non si lavorano le miniere
perché sono morti i maestri di Biscaglia, venuti per questo
scopo».
La dinastia dei Savoia, a causa delle sue leggi e delle restri-
zioni assurde, ha sfruttato ben poco questa fonte di ricchezza.
Mr Mac Gregor dice a questo proposito: «La Sardegna possiede
ricche miniere d’argento, rame, piombo e ferro; materiale che,
se lavorato, costituirebbe una delle più cospicue risorse del
commercio sardo ma una politica sbagliata chiude ogni pro-
spettiva a queste nobili risorse, sia da parte del Governo che
dall’iniziativa privata. Il 22 ottobre del 1834 fu pubblicato a Ca-
gliari un codice di regolamentazione per lo sfruttamento delle
miniere; un codice che è un capolavoro di approssimazione,
di teoria grossolana e di inesperienza. Fra i trentuno articoli di
questo codice, tutti più o meno assurdi e contrari all’impresa
privata, ve ne sono alcuni che impongono agli speculatori di
lavorare le miniere sotto la direzione di un ingegnere governa-
tivo o di altro funzionario dei Regi Corpi dei minatori, ai quali
si deve chiedere l’autorizzazione, previa presentazione del
progetto, per la costruzione di impianti di fusione dei minerali

103. G. Zurita, lib. V, cap. 6.

241
L’ISOLA DI SARDEGNA

e così via. Agli speculatori viene, altresì, vietato di destinare al-


la vendita o all’esportazione il prodotto delle loro miniere sen-
za il consenso dell’intendente generale. Inoltre, si deve tenere
un libro mastro della produzione giornaliera degli impianti mi-
nerari e dovrà essere presentato mensilmente un distinto ren-
diconto all’ufficio intendenza del capoluogo».104
Compiendo alcune ricerche negli archivi di Cagliari, ho
rintracciato novantotto concessioni d’uso e documenti ad esse
relative. Il più antico, datato 7 luglio 1328, durante il regno di
Alfonso IV d’Aragona, prevede condizioni molto liberali per i
contraenti; il più recente, datato 11 ottobre 1740, si riferisce al
canone d’affitto trentennale delle miniere di Iglesias e Domu-
snovas con le modalità seguenti: pagamento della decima
parte dell’oro e dell’argento, della quindicesima del rame, del-
la ventesima del ferro, della dodicesima di ogni cantaro di ga-
lena o minerale piombifero che vengono estratti. Il trascorrere
di un secolo, anziché consentire maggiori facilitazioni, pare
abbia aumentato del cento per cento estorsioni e restrizioni.
I recenti tentativi effettuati dalle diverse parti in causa per
approdare ad una negoziazione col Governo, sono falliti a
causa di queste richieste arbitrarie, delle interferenze inquisito-
rie e delle regole assurde; in realtà, ci si trova di fronte alla illi-
beralità sistematica che impedisce agli altri di trarre profitto da
quelle risorse che essi non sono in grado di sfruttare a causa
della loro ignoranza, della loro pigrizia e della loro incapacità.
Ciò può essere provato dal fatto che, nonostante la naturale
ricchezza mineraria dell’Isola, il valore globale dei metalli
esportati dal 1827 al 1836 ammontò soltanto a 5878 sterline,
mentre le importazioni ascesero a circa 192.985 sterline.
Risulta assai incerto sapere se sia stato trovato l’oro, per
quanto molte testimonianze lo confermino. Può darsi che nel
bisolfuro di ferro e nel solforato di piombo ne siano state tro-
vate alcune scorie ma mai in considerevole quantità.
Argento puro e cloruro d’argento sono stati trovati in di-
versi luoghi e ad Oristano, circa sessant’anni fa, fu scoperto il

104. Mac Gregor, Ta riffe Commercia li (N.d.T.).

242
Ca pitolo XVI

mercurio ad opera del marchese D’Arcais quando gettava le


fondamenta di un convento, ma poiché si temette che le
escavazioni eseguite potessero danneggiare gli edifici della
città, furono immediatamente interrotte, colmate e il conven-
to vi fu costruito sopra. Presso Barì105 si trovarono 15 libbre
di pirite d’argento; vicino a Nurri, 10 libbre ed a Rio di Cani
6 once per quintale (circa 220 libbre inglesi).
Nel 1841 si registrò un’importazione di oro e di argento,
ma nessuna esportazione. La miniera di Monteponi, l’unica
funzionante, e per giunta malamente sfruttata dal Governo, la
quale dal 1832 al 1838 ha prodotto per un valore di sole
10.000 sterline, contiene l’ottanta per cento di piombo e cin-
que ottavi di once d’argento per quintale. Dal 1827 al 1836, le
esportazioni ammontarono ad un valore di 3660 sterline, 10
scellini e 10 pence mentre l’importazione ha registrato 73.376
sterline, 10 scellini e 6 pence e, nel 1841, furono esportate
3988 tonnellate e mezzo ed importate circa 17 tonnellate e un
quarto di piombo lavorato.
La galleria principale della miniera di Monteponi, alta cir-
ca 164 piedi e lunga 656, è intersecata da un numero infinito
di cunicoli trasversali, tutti evidentemente scavati in epoca
assai remota.
La percentuale dei minerali puri nei diversi distretti mi-
nerari varia moltissimo; molte miniere rendono dal settanta
all’ottanta per cento di piombo, con una variazione dalle tre
alle sedici once d’argento per quintale. Il ferro non solo è
abbondante ma è anche di ottima qualità. Fu saggiato il mi-
nerale del Monte Aredabba e si scoprì che ne conteneva dal
54 al 61 per cento, superiore – per qualità – a quello dell’iso-
la d’Elba.
Molte altre miniere, ugualmente sempre più ricche, ri-
mangono non sfruttate eppure, secondo il La Marmora, la
Sardegna importa annualmente materiale ferroso per un valo-
re di circa 13.560 sterline. Nel 1841, furono esportate soltanto
sei tonnellate di ferro da scarto, pagando dazi per 2 sterline,

105. Evidentemente si tratta di Barisardo (N.d.T.).

243
L’ISOLA DI SARDEGNA

18 scellini e 8 pence, mentre furono importate 950 tonnellate


di ferro lavorato con un’imposta ammontante a 1959 sterline,
3 scellini e dieci pence e tre quarti.
Per quanto meno abbondante del ferro, il rame potrebbe
essere un importante metallo commerciabile. Per lo più si tro-
va sotto forma di pirite unitamente a solforato di piombo ed
argento. Nel 1841, vennero importate circa ventitré tonnellate
di rame lavorato sul quale gravò un dazio di 348 sterline e 12
scellini ed esportate circa sette tonnellate di materiale da scar-
to, con un’imposta di 3 sterline e 6 scellini. In diverse zone si
trovano antimonio e manganese ma non hanno grande im-
portanza dal punto di vista industriale.
Le località e la consistenza in cui si trovano i summenzio-
nati minerali si ritrovano nei resoconti fatti sull’argomento da
Belli, Napion, De Vargas, Despines, Mameli, Mimaut, Angius
e La Marmora. Si può dire, in conclusione, che la natura ab-
bia offerto molti doni di grande valore, come – appunto – la
ricchezza di minerali e l’abbondanza di legname ed acqua
nelle immediate vicinanze di quasi tutte le miniere ma che,
di contro, l’intemperie, la mancanza di strade, l’indolenza
della gente del luogo e le assurdità legislative hanno fatto sì
che venissero trascurate con colpevole leggerezza.

Iglesias ha come sfondo il baldanzoso e ameno panora-


ma delle montagne di Montargia, fra le quali il Monte Marga-
nai si eleva per circa 3000 piedi; più oltre, verso settentrione,
sorge il Monte Linas, che ha un’altezza di circa 4078 piedi.
Fluminimaggiore, situato in una vallata circondata dalle mon-
tagne, è bagnato dal fiume dal quale trae nome ed il terreno
è così ricco e fertile che si dice che i suoi aranceti e limoneti
siano ricchi come quelli di Milis, al punto che i proprietari ne
vantano la superiorità per la dolcezza e la sottigliezza della
scorza dei frutti. I limoni sono famosi per la loro delicata
chiarezza color dell’alabastro e i cedri danno frutti che pesa-
no solitamente otto o nove libbre. L’unico prodotto della ter-
ra del quale non vi sia sovrabbondanza è la vite. La tempera-
tura è solitamente elevata al punto che vi sono stati coltivati

244
Ca pitolo XVI

la canna da zucchero e la pianta del caffè: la prima con suc-


cesso, mentre il fallimento della seconda non è da attribuire
al terreno od al clima bensì all’incapacità dei contadini.
Dopo essersi riversato nella ricca e bella vallata di Santa
Minda, proseguendo il suo corso per quindici miglia dalle
montagne, il fiume sfocia in mare nei pressi di Porto San Sal-
vatore, sotto Capo Pecora, ed è navigabile dalle imbarcazioni
di piccolo cabotaggio per circa un miglio e mezzo dalla foce.
Le foreste, per lo più di lecci, sono molto vaste; gli abeti si
trovano nei pressi del Monte San Nicolò, lungo le sponde del
fiume, mentre gli olivastri, dei quali se ne contano più di
centomila in una piccola estensione di terreno, hanno neces-
sità soltanto di essere innestati per trasformarsi in una fonte
di ricchezza.
Abbonda ogni specie di selvaggina, dal cervo alla lepre,
dall’aquila alla pernice. Se adeguatamente sfruttato, il miele
potrebbe costituire una considerevole fonte di reddito dal
momento che nella zona si trovano più di 400.000 alveari, la
maggior parte dei quali sono spontanei. Con prodotti così di-
versi, indipendentemente dai minerali, si potrebbe realizzare
una notevole attività economica! Al contrario, i soliti impedi-
menti vanificano la possibilità di realizzare qualsiasi migliora-
mento economico. Le condizioni sociali degli abitanti, la cui
posizione geografica impedisce – come per gli Ogliastrini – di
avere frequenti rapporti col resto dell’Isola, mentre sono com-
pletamente inesistenti quelli col continente, sono caratterizza-
te dalla superstizione semi barbara e dall’ignoranza e, quando
la vendetta subentra alla legge ed alla giustizia, le solitarie
montagne costituiscono un rifugio sicuro per coloro che han-
no subito torti e per quelli che ne vogliono perpetrare.
Le loro idee e spiegazioni a proposito di un nuraghe che
si chiama Lu corruzzu de su Esteu, il cortile della grande be-
stia (che è il termine col quale si allude al diavolo), sono
ben appropriate. Si crede, infatti, che quel luogo sia abitato
dallo spirito maligno, per cui raramente i paesani vi si reca-
no. Di conseguenza, viene considerata prova di grande au-
dacia quella dei pochi coraggiosi che, nel mese di settembre,

245
L’ISOLA DI SARDEGNA

vanno a rovistare fra le rovine alla ricerca di un fiore partico-


lare, le cui virtù ed effetti miracolosi vengono elargiti dal de-
monio all’uomo eroico e fortunato che l’ha trovato. La loro
conoscenza delle ricchezze dei minerali è altrettanto ridicola
ritenendo che a Potosí ci sia semplice materiale di scarto in
confronto con la produzione di Monte Arena e Monte Argen-
tu dove si sostiene che sia stata individuata una vena con
l’ottanta per cento di argento, ed anche d’oro ma che per di-
vieti soprannaturali non fu mai possibile sfruttarla!
Fra le molte grotte esistenti nella zona, molto famosa è
la grotta della Duchessa al cui interno scorre un fiume che,
improvvisamente, scompare e riemerge in due punti diversi:
prima, nei pressi della grotta di San Giovanni di Domusno-
vas; poi a Su Scioppadrogiu de Pubusinu. Il fenomeno trova
conferma nell’usanza antica di gettare nell’acqua qualche
oggetto galleggiante il quale viene trascinato via e ricompa-
re, trasportato dal fiume, nell’uno o nell’altro punto. La grot-
ta di San Nicolò, che conserva un certo interesse più dal
punto di vista della superstizione che per la bellezza natura-
le, è così denominata in quanto vi fu nascosta una statua di
quel Santo durante le invasioni dei Saraceni al fine di met-
terla al sicuro dalle loro razzie sacrileghe e fu poi trasportata
ad Iglesias. In realtà, la statua, sarà che avesse preferito star-
sene in solitudine, il fatto sta che improvvisamente scompar-
ve e, senza l’intervento di alcuno, ricomparve nel suo sacel-
lo accanto alla grotta, dove si celebra una delle feste più
importanti del circondario a ricordo del prodigio.
Le rovine di Antas, situate all’interno di una foresta di lec-
ci, costituiscono il richiamo di maggior interesse della zona.
Sebbene tutto quel che di esse è rimasto siano soltanto i resti
di un piccolo tempio ed altri cumuli disordinati di pietre, la
sua ubicazione dimostra che si tratta della Meta lla di cui parla
Antonino. Il La Marmora, con la collaborazione del Cima, ha
scritto un ampio resoconto su queste rovine e sulle loro di-
mensioni, nonché ha tracciato una planimetria del tempio
idealmente ricostruito, cosa che gli fu possibile fare grazie alla
precisa posizione della base dell’edificio ed alle molte colonne

246
Ca pitolo XVI

e capitelli sparsi nei dintorni. Il monumento è di piccole di-


mensioni, lungo soltanto sessantatré piedi e largo trenta piedi
e mezzo; è di ordine ionico, prostilo, tetrastilo. La sua caratte-
ristica particolare sta nel prolungamento della cella, larga un-
dici piedi e mezzo, all’interno del portico oltre i pilastri, con
un corridoio largo cinque piedi che vi passa attorno per tre la-
ti. Lo stilobate è ampio con diverse rampe di scalini.
Dalle epigrafi esistenti su quelle parti della fascia orna-
mentale che sono state riunite e ricomposte, è possibile ipo-
tizzare che il tempio fosse dedicato a Marco Aurelio o Antoni-
no, oppure ad ambedue, perché i due nomi corrispondono.
Le lettere STITUE – parte, evidentemente, della parola RESTITUE-
RUNT – si riferiscono al suo restauro; se fosse possibile rimette-
re in ordine tutte le epigrafi, sradicando gli alberi e la macchia
che vi sono cresciuti attorno, e se si dovessero fare appropria-
ti scavi, senza dubbio verrebbe alla luce la storia completa del
tempio. Per forma e ampiezza, somiglia a quello di Augusto
costruito a Roma ed a Pola, in Istria, ed è uno degli esemplari
architettonici più belli che mi sia capitato di vedere. La diffe-
renza fra le loro dimensioni ha così scarso rilievo che, se si
tollerasse una leggera variazione di calcolo, si potrebbe pen-
sare che siano simili perché quello di Pola è lungo sessanta-
due piedi e largo trentuno. La differenza sostanziale fra i due
è data dal fatto che il primo appartiene all’ordine corinzio.
I paesi di Gonnos, Fanadiga, Arbus e Guspini non merita-
no che ci si soffermi molto perché hanno caratteristiche simili
ai centri che abbiamo prima ricordato. A nord-ovest di questi,
sulle sponde dello stagno di Marceddì, si trovano i resti dell’an-
tica Nea polis, talmente malandati e indecifrabili che, fatta ecce-
zione per l’acquedotto romano, non suscitano molto interesse.

L’isola di San Pietro, l’Hiera connesus dei Greci, e l’Insula


Accipitorum dei Romani – ambedue i nomi derivarono dalla
moltitudine di sparvieri che lì nidificavano – è stata certamen-
te popolata da colonie provenienti da Roma e Cartagine, co-
me dimostrano ampiamente tombe ed altre rovine che vengo-
no scoperte di frequente.

247
L’ISOLA DI SARDEGNA

Il capitano Smyth osserva che quando venne a trovarsi


da quelle parti, «un contadino frantumò con il vomere un’an-
fora che si scoprì essere colma di monete di bronzo cartagi-
nesi e delle quali ne acquistai circa 250. Erano del tipo con-
sueto, nel diritto, la testa di Cerere, nel rovescio, un cavallo
od una palma, od entrambi, con due sole eccezioni: un lato
raffigurava la testa di un guerriero con un elmetto stravagan-
te (in apparenza si poteva pensare fosse di cuoio); l’altro
presentava delle spighe di grano. La principale peculiarità di
questi accostamenti stava nel fatto che era evidente il carat-
tere punico nella raffigurazione delle gambe dei due cavalli
fatta in modo diverso per ogni moneta».
Non esiste alcuna testimonianza in merito al declino ed
allo spopolamento dell’isola e neanche si ha notizia di nuovi
insediamenti fino ad un periodo successivo; comunque, è
certo che in epoche diverse essa sia stata messa a dura pro-
va dalle incursioni piratesche. Nel 1737, parte della popola-
zione genovese sovrabbondante di Tabarca, un’isola che si
trova al largo delle costa nord-orientale di Nubia, ottenne da
Carlo Emanuele III, re di Sardegna, l’autorizzazione di stabi-
lirsi in San Pietro dove fu fondato il paese di Carloforte nel
1750. Nel 1743, essendo stata Tabarca conquistata dai Tuni-
sini, e moltissimi abitanti ridotti in schiavitù, Carlo Emanuele
li riscattò e li mandò a vivere a Carloforte. A ricordo di que-
sto evento, nel 1788, nella piazza prospiciente il mare, fu
eretto un grande monumento marmoreo che rappresenta il
re nell’atto di liberare un uomo ed una donna col suo bam-
bino, legati in catene, e due iscrizioni – poste alla base – ri-
cordano la fondazione della colonia e la liberazione dei pri-
gionieri. In occasione dell’invasione francese nel 1792, il
paese fu incendiato dagli stessi abitanti per salvarlo dalla fu-
ria repubblicana degli invasori e, dopo diversi scontri con al-
terna fortuna avvenuti a San Pietro, Sant’Antioco e presso le
coste della Sardegna, alcune navi da guerra spagnole venne-
ro loro tempestivamente in aiuto ed i Francesi furono co-
stretti ad abbandonare l’impresa. Nel 1798 i pirati tunisini at-
taccarono l’isola e, dopo aver sottoposto gli abitanti ad ogni

248
Ca pitolo XVI

sorta di violenza, ne fecero prigionieri un migliaio quindi,


imbaldanziti dal successo, effettuarono moltissime altre scor-
rerie fino all’anno 1815 razziando, dopo ogni incursione, un
grosso bottino e tanti prigionieri.
San Pietro è un ammasso di roccia vulcanica grigia, ricca
di porfido, diaspro rosso e ossidiana e, fatta eccezione per i
pochi abeti (che vengono impiegati per la costruzione di bar-
che), e di alberi da frutto che crescono rigogliosamente, non
può certo dirsi che abbia una ricca vegetazione. I Carolini,
ovvero gli abitanti di Carloforte, ammontavano nel 1839 a
3355 e, per la loro indole industriosa che li spinge a far de-
naro, non smentiscono l’origine genovese. Il loro senso del-
l’ospitalità e generosità sono in contrasto con la tradizione
sarda. Di questa loro diversità fu vittima Lord Nelson quan-
do, nel 1798, trovandosi in difficoltà a causa di una burrasca,
cercò rifugio per le sue navi nella loro rada. In una lettera in-
viata a Lady Nelson, datata 24 maggio, così egli ricorda il mo-
do in cui fu accolto: «Piacque a Dio onnipotente guidarci in
un porto sicuro nel quale, nonostante ci siano stati negati i
diritti umani, tuttavia la Va ngua rd potrà fra due giorni ri-
prendere nuovamente il mare».
Nella loro biografia di Lord Nelson, Clarke e M’ Arthur
fanno la seguente annotazione: «Le ragioni di questa acco-
glienza inospitale riservata alla flottiglia presso l’isola di San
Pietro, furono successivamente chiarite all’ammiraglio in una
lettera inviatagli da Mr Jackson, ministro alla corte di Torino».

Le attività principali dell’isola di San Pietro sono la pesca


del tonno, del corallo e di altre specie marine, la fabbricazio-
ne delle reti, la lavorazione della pietra nelle cave di Capo
Rosso, la cui produzione viene inviata a Cagliari, l’estrazione
di alcuni minerali e di certe terre usate per la tintura; la natura
rocciosa del terreno fa sì che non siano molti coloro che si
dedicano all’agricoltura. Sono in uso il dialetto ed il costume
genovesi; un tranquillo ordine sociale, unitamente alla pulizia
ed al lindore delle loro case e delle persone, costituiscono un
forte contrasto con i vicini sardi che essi tengono in dispregio,

249
L’ISOLA DI SARDEGNA

né seguono le loro usanze o i modi di divertirsi in occasione


delle feste. Si dice che per novant’anni non si sia verificata al-
cuna causa civile, cosa certamente credibile dal momento che
l’astuzia connaturata dei Genovesi è tale da indurli a non
spendere il poco denaro disponibile in dispute legali. Uno dei
loro giochi prediletti consiste nel legare un gallo ad un palo
con una cordicella e, a turno, centrarlo con delle pietre lan-
ciate da una certa distanza.
Gli acquitrini salati, sebbene possano costituire una fonte
di considerevole profitto da parte del Governo e di lavoro
per i Carolini, vengono, invece, lasciati in stato di abbandono
e producono una media non superiore alle 10 mila metriche
saline, ossia 6662 tonnellate e mezzo, laddove si potrebbe ot-
tenere una raccolta tre volte superiore; mentre la qualità del
sale, che risulta inferiore a quella di Cagliari, è dovuta alla
cattiva organizzazione dei lavori preparatori.
L’attività più importante, senza dubbio, è costituita dalle
tonnare impiantate lungo la costa, fra le quali quelle di Porto
Paglia, Portoscuso, Isola Piana, Cala Vinagra, Cala Sapone e
Porto Pino furono attive nel passato mentre, attualmente, so-
no in funzione soltanto le prime tre.
La tonnara di Portoscuso, di proprietà del duca di Pasqua,
risulta essere la migliore; quella dell’Isola Piana, appartenente
al marchese di Villamarina, si colloca sullo stesso livello e,
per quanto ogni anno vi si catturassero 30.000 tonni, la quan-
tità è attualmente calata così tanto per cause di vario genere
che la media produttiva si aggira sul migliaio di capi.
L’Isola Piana, un’isoletta di circa mezzo miglio quadrato,
deve la sua rinomanza unicamente a questo genere di pesca;
secondo un modo di dire, viene considerata la seconda mi-
gliore della Sardegna: «Scus’è il re, e Piana la regina».
In ossequio alle miniere di piombo esistenti nel distretto,
l’isola di Sant’Antioco fu chiamata dai Greci Molybodes e dai
Romani Plumbea ; rimane ignoto il nome datole dai Cartagi-
nesi. L’antica città di Sulci, nel cui sito si trova oggi la mo-
derna cittadina di Sant’Antioco, è situata sulla costa orienta-
le e dà il nome all’estremità sud-occidentale della Sardegna.

250
Ca pitolo XVI

La sua fondazione fu attribuita tanto ai Tirreni che ai Cartagi-


nesi; a parere di Claudiano sarebbe da ascriversi a questi ul-
timi.106 Secondo Pomponio Mela107 fu addirittura la seconda
città più antica della Sardegna. Strabone la chiama Sulchi;
Tolomeo, Solci; Plinio, Sulci e Pausania, Sylci. Il Münter, nel
suo Ka rtha ger, citando il Bochart, prospetta un’origine araba
del termine, che significherebbe “esposta a sud-ovest”, ma
questo non verrebbe confermato da quel che si ritiene sia
stata la sua posizione. Era situata nell’istmo che congiunge
l’isola alla costa sarda e, a giudicare dalle estese rovine, de-
ve essersi sviluppata su una vasta area il cui lato maggiore
volgeva verso la costa.
Sono state rinvenute grandi quantità di oggetti d’oro, d’ar-
gento, medaglie e monete di ottone di epoca romana e carta-
ginese, oltre a statue ed epigrafi e gli scavi, anche superficiali,
hanno rivelato l’esistenza di costruzioni in muratura e mattoni.
Fra le rovine, in un luogo noto come Del Prato, si trovano
quelle di un basso edificio quadrangolare il cui lato maggiore
è lungo quarantanove piedi e un quarto ed è formato soltanto
da quattro massi; il lato più piccolo misura in lunghezza ven-
tinove piedi e mezzo e presenta soltanto due lastroni infissi in
profondità per circa quattro piedi, larghi due ed un quarto.
Una costruzione antica, erroneamente chiamata la Fontana
Nuova, è lunga trentatré piedi nella parte più ampia e tre e
mezzo nel lato più corto; è profonda sedici piedi e cinque
pollici e nelle vicinanze fu scoperta la grande statua che assie-
me a molte altre si trova attualmente nel vestibolo dell’Univer-
sità di Cagliari.
Un’altra fontana, nota come Is quattru Sollus, si dice fosse
alimentata dalle acque provenienti da un antico acquedotto
sotterraneo. Sulla marina si trovano alcune rovine chiamate
Villa di Crastus, fra le quali fu rinvenuta, tempo fa, la seguen-
te epigrafe poi trafugata in Svezia:

106. Claudiano, De Bello Gildonico, v. 618.


107. Pomponio Mela, lib. II, cap. 7.

251
L’ISOLA DI SARDEGNA

TEMPLVM · ISIS · ET · SERAP


CVM · SIGNIS · ET · ORNAM · ET · AREA
OB · HONOREM · M · PORC · FELICIS.
ET · IMPETRATI · F · IIIIV · A · P · E.
M · PORC · M · F · PRIMI
MAS · LAR · AVG · P.

Si tratta, evidentemente, della dedica di un tempio ad Isi-


de e Serapide ma finora non sono state fatte accurate indagi-
ni né sono stati ritrovati altri ruderi.
Nella collina che sovrasta la città si trovano molte grotte e
sepolcri adibiti ad abitazione da più di 500 persone, tuttavia ri-
mane ignota l’epoca nella quale essi furono scavati. Anche in
un luogo noto come Sant’Alessandro, a circa un miglio di di-
stanza, così come lungo la strada per Calasetta, si trovano mol-
te antiche rovine ma di esse, a causa dello stato in cui versano,
non è stato possibile ipotizzare un’origine convincente. Le co-
se più considerevoli, in realtà, sono i resti delle tre strade so-
praelevate che congiungevano la Sardegna con l’isola di San-
t’Antioco; una, sorretta da piccoli archi, si protende dalla costa
sarda all’isoletta di Perdumanagus, dalla quale si diparte una
seconda verso l’isoletta di Corno Lungo; la terza, costruita su
archi abbastanza alti da consentire il passaggio delle barche,
congiunge la precedente con la costa di Sant’Antioco. Sebbene
i pedoni possano transitare su queste strade col vantaggio di
non bagnarsi i piedi, tuttavia esse si trovano in pieno sfacelo.
Nei pressi della loro estremità e vicino alle antiche mura
della città, si trovano le rovine del Castro, le cui mura di cin-
ta, fatte di grosse pietre rozzamente squadrate, hanno una
larghezza di circa 10 piedi, lunghe 775 ed alte 36; la città era
munita di torri ai lati ed agli angoli, ed aveva un ingresso a
volta con architrave lungo circa 13 piedi. L’epoca della sua
costruzione è sconosciuta per quanto, dallo stile, possa farsi
risalire all’ottavo o al nono secolo.
Calasetta, fondata nel 1771 da un gruppo di colonizzato-
ri dell’isola di Tabarca, non è che un piccolo villaggio di pe-
scatori; una torre circolare accanto all’abitato viene adibita a

252
Ca pitolo XVI

carcere per detenuti politici. Due vi erano stati rinchiusi per


lunghissimo tempo, e rischiarono di rimanerci, per delitti
che in altri Paesi sarebbero stati considerati atti di virtù e
patriottismo.
Scarse le citazioni sull’esistenza di Sulci finché essa non
entrò a far parte della storia romana allorquando Caio Sulpi-
cio, nel 259 a.C., riprese la guerra in Sardegna ottenendo un
successo così ampio che progettò di compiere un’incursione
contro Cartagine. Annibale, messo sull’avviso, preparò le ne-
cessarie contromisure e le due flotte si sarebbero dovute af-
frontare in battaglia se il mare in tempesta non le avesse co-
strette a cercare rifugio lungo le coste: la prima al largo di
Teulada, la seconda al largo di Cagliari. Sulpicio adottò lo
stratagemma di far credere ai nemici di dirigersi verso le co-
ste dell’Africa ed Annibale, caduto nel tranello, lo inseguì con
una parte della flotta e fu attaccato repentinamente quando si
trovava al largo del promontorio di Pula. Impreparato alla
battaglia, fu sconfitto e fuggì per raggiungere il resto delle
navi nei pressi di Teulada ma quelle furono accerchiate, trai-
nate a riva e catturate. A causa di questa sconfitta, Annibale
fu condannato alla crocifissione presso Sulci dai suoi stessi
soldati; una pratica, quella, in uso presso i Cartaginesi i quali
erano soliti attribuire alle divinità il successo della battaglia e
le sconfitte all’incapacità dei comandanti.
Durante le guerre civili di Cesare e Pompeo, i Sulcitani
– che si erano schierati in favore di quest’ultimo – ricevettero
con grandi onori Lucio Nasidio, uno dei suoi generali e gli
fornirono tutto il necessario per la spedizione predisposta
per liberare Marsilia che si trovava in stato d’assedio da parte
di Cesare.
Ebbero ben ragione, invero, a pentirsi della loro parti-
gianeria poiché Cesare, al suo arrivo a Cagliari, decise di pu-
nirli multandoli della somma di 100.000 sesterzi, obbligandoli
– inoltre – a versare un ottavo, anziché un decimo, del loro
grano e confiscò le proprietà dei cittadini più importanti. Que-
ste ritorsioni, in realtà, non misero in ginocchio la sopravviven-
za della città dal momento che un’epigrafe ritrovata fra i ruderi

253
L’ISOLA DI SARDEGNA

testimonia che Sulci godette degli stessi privilegi di Cagliari e


che gli abitanti furono elevati al rango di cittadini romani.

L · CORNELIO · Q · VIR · MARCELLO


L · CORNELI · LAVRI · PATRI · IIIIVIR · IIIVIR
DIC · FLAM · AVG · II · PONTIFICI · SACRORVM
PVBLICORVM · FACIENDORVM · PATRONO · MVNI
CIPI · D · D · COOPTATO · ET · ADLECTO · IN
QVINQVE DECVRIAS ET · INTER · SACER
DOTES · PROV · SARD · OB · MERITA · EIVS
IN · REP · SVLCITANI · EX · TE
STAMENTO…..

È molto probabile che il Sulcis abbia subito varie incursio-


ni da parte dei Vandali perché Procopio afferma che, nell’as-
soggettamento dell’Africa da parte di Belisario, alcune migliaia
di Mori furono espulsi ed inviati in Sardegna e, pertanto, si
può ipotizzare che essi si siano stabiliti da queste parti, cono-
sciute col nome di Ma ureddia , mentre Ma ureddus è il termi-
ne sardo per indicare i Mori. Anche se non risulta che gli stes-
si Saraceni si siano stabiliti da queste parti, tuttavia il nome
Ma rroccu, altra zona del territorio sulcitano, rivela la sua ori-
gine moresca.
Sporadici accenni vengono fatti a questa regione nel pe-
riodo che va dall’ottavo al dodicesimo secolo ma si ignora in
quale epoca successiva abbia cessato di essere una città po-
polata. Analoga carenza di notizie si verifica per quanto ri-
guarda l’epoca in cui si estinsero i vari villaggi e le relative
popolazioni che esistevano nelle vicinanze. La famiglia della
Gherardesca possedette il territorio fino al 1254 e, poco tem-
po dopo, passò alla Repubblica pisana. Dal 1330 al 1422, seb-
bene soggetta a tutti i mutamenti ed alle guerre fra gli Arago-
nesi e i Giudici di Arborea, ricevette – durante il dominio dei
primi – vantaggi e privilegi considerevoli.
In assenza di altri eventi importanti, da quel periodo fi-
no ai giorni nostri, la traslazione delle reliquie di sant’Antio-
co da Sulci ad Iglesias, avvenuta nel 1615, costituisce un fat-
to importante della sua storia. La scoperta delle sue reliquie e

254
Ca pitolo XVI

la venerazione ininterrotta di cui sono oggetto, diedero origi-


ne ad un’epidemia religiosa in tutto il circondario e, certa-
mente, il morbo si è protratto con continuità fino alla genera-
zione attuale. Alla processione del Santo, che ebbe inizio
nell’anno summenzionato, parteciparono 4125 persone, 7000
carri coperti e scoperti, 150 barche e 32.000 pellegrini, conve-
nuti a Sulci, e da lì si incamminarono in processione verso
Iglesias dove, all’arrivo, furono officiate 800 messe in un solo
giorno ma i 2383 preti non furono in grado, per mancanza di
tempo e di altari, di celebrare le funzioni. Più di 12.000 perso-
ne chiesero di confessarsi e in quella sola giornata furono rac-
colti 5800 scudi, ovvero 2227 lire sterline e 4 scellini, per so-
stenere il costo delle spese religiose, indipendentemente da
quelle per le celebrazioni della festa.
Nel 1815 più di 200 persone, compresa la figlia del co-
mandante del distretto, furono fatte schiave dai Tunisini.
L’isola di Sant’Antioco ha una conformazione geologica
analoga a quella di San Pietro e le consuetudini, i costumi e i
passatempi della popolazione sono simili a quelli dell’isola
consorella, sebbene i cittadini della prima siano meno dediti
alle attività pescherecce e marinare dal momento che la mag-
giore fertilità del suolo offre possibilità di lavoro in agricoltura.
L’abbondanza degli “strufugii”, o palme nane, costituisce
un’altra occasione di guadagno; le foglie si sfruttano per fare
scope, mentre le fibre sono impiegate per costruire le reti per
le tonnare e si chiamano “stroppi”; la polpa è commestibile e la
si mangia così come si usa ad Alghero. Il divertimento preferito
è la caccia ai colombi selvatici che si trovano in abbondanza
nelle grotte delle coste rocciose. Qui, nel bel tempo, i cacciatori
giungono in frotte e, dopo essere entrati e aver sbarrato l’in-
gresso con una grande rete, accendono torce e sparano fucilate
che spaventano talmente questi timidi uccelli che essi svolazza-
no dappertutto e si catapultano contro le pareti della grotta fin-
ché, privi di sensi, cadono in acqua e se ne cattura una quanti-
tà che ha dell’incredibile. Fino a non molto tempo fa, esisteva
una particolare razza di cavalli selvatici che, in un’epoca imme-
morabile, aveva pascolato e si era diffusa nella valle di Canai
ed in altri luoghi, ma ora quella razza si è estinta.

255
L’ISOLA DI SARDEGNA

Le antiche strade romane, come ricordano Tolomeo e


Antonino, passavano da Sulci dirette a nord, attraverso Pu-
bulum, l’odierna Matzaccara, verso Nea polis e fra i due cen-
tri un’altra si diramava verso Decimomannu. Una strada a
meridione fiancheggiava tutta la costa, da Tegula , nei pressi
di capo Teulada, a Bitia e Nora – la moderna Pula – quindi
a Cagliari; gli altri paesi menzionati da quei geografi non so-
no facilmente individuabili. Fu necessario giungere alla fine
del secolo scorso perché i Sulcitani compissero il primo pas-
so verso la civiltà poiché, fino a quel periodo, gli agricoltori
erano soliti allontanarsi dai villaggi soltanto al tempo della
semina e del raccolto e, terminate le non lunghe fatiche, se
ne tornavano a casa a condurre una vita di relativo ozio. I pa-
stori badavano alle greggi soltanto quando il momento della
mungitura rendeva indispensabile la loro presenza, quindi
lasciavano le pecore in custodia di poche persone che, a
causa della vita solitaria che conducevano, erano ridotte ad
uno stato di poco superiore a quello degli animali cui accu-
divano; le reciproche liti e gli abusi sui terreni, la pratica dei
furti e i conseguenti atti di vendetta che tutti coinvolgevano,
contribuirono ad aggravare il degrado delle loro condizioni
sociali.
La prima misura adottata dal Governo consistette nel co-
stringere i lavoratori agricoli ed i pastori a risiedere nei terreni
in cui essi temporaneamente lavoravano, vivendo in piccole
capanne e baracche chiamate furria dorgius, ovvero ricoveri,
e mogli e figli furono convinti a vivere insieme; la piccola co-
lonia fu chiamata boddèus.

Ca mpestres melius Scytha e


Quorum pla ustra va ga s rité tra hunt domos,
Vivunt, et rigidi Geta e
Immeta ta quibus jugera libera s
Fruges et cererem ferunt.108

108. Orazio, lib. III, ode 24.

256
Ca pitolo XVI

Questi erano e sono tuttora i modi di vivere della popola-


zione rurale; queste erano le tradizioni dei Ma urreddus in
quell’angolo sud-occidentale della Sardegna. Dal punto di vista
dei caratteri fisici, per i loro principi morali, per l’amore per le
liti, per la violenza nell’ira, il fervore dell’immaginazione, per la
generosità e l’ospitalità, i Ma urreddus rivelano le caratteristiche
del sangue misto, il «a Poenis a dmixto Afrorum genere Sa rdi»
di cui parla Cicerone. La loro lingua, per quanto sarda, è un
particolare dialetto caratteristico e molte delle loro espressioni,
come pure le tradizioni, fanno pensare ad una matrice araba.
La superstizione è diffusa con tutte le sue assurdità così come
nelle altre zone dell’Isola. Ancora si tramanda l’usanza di na-
scondere i tesori, evidentemente senza quella paura che la ge-
nerazione precedente aveva delle scorribande e delle rapine
dei Mori. Il Ma urreddu continua a nascondere il denaro nelle
cavità delle rocce e degli alberi, nelle buche fatte nel terreno,
fino a quando giunge l’ora della morte senza, magari, rivelare
ad alcuno il segreto. Accade di frequente che, anche quando
non si trovano tesori nascosti, l’antica usanza incoraggi quel-
l’intramontabile abitudine di scavare nei luoghi più strani.
Caccia e pesca costituiscono due grandi risorse, come
svago e come fonte di guadagno. Oltre il solito modo di avve-
lenare il pesce, lo si arpiona con una lunga fiocina la notte,
alla luce delle fiaccole, allo stesso modo con il quale anche
da noi, in Inghilterra, arpioniamo il salmone.
Tratalias, un paese misero, merita di essere menzionato
solamente per il fatto di essere stato un tempo sede della dio-
cesi. L’attuale chiesa parrocchiale, che allora era la cattedrale,
fu costruita nel 1213 ed è piccola ma bella, lunga all’incirca
ottantasei piedi per cinquantasette di larghezza.
Palmas è costituita da pochi tuguri; vi sono i ruderi di un
antico castello e di altri edifici. Alla foce del fiume Iscagessa,
l’antico Debotes, si trovano le vestigia di una vecchia città che
si ritiene sia stata distrutta dai Saraceni. Palmas ha dato il no-
me al suo golfo, che è ampio sei miglia all’imbocco nella par-
te sud ed offre ancoraggio sicuro e abbondante ai bastimenti
di ogni stazza.

257
L’ISOLA DI SARDEGNA

Lord Nelson, in una lettera a sir T. Trowbridge, in data 21


dicembre 1805, così ne parla: «Dopo la tempesta di vento, en-
trammo nel golfo di Palmas che, senza eccezione alcuna, è la
rada migliore che mai abbia visto», ed anche il capitano Smyth
lo descrive in termini elogiativi: «Il golfo di Palmas è di assai
facile accesso, con ampia possibilità di ancoraggio in tutti i
punti, ma particolarmente in fondali di sette od otto braccia,
nella parte occidentale; la campagna circostante offre possibi-
lità di provviste e di acqua a qualsiasi numero di navi».
Teulada ha le stesse caratteristiche di Palmas, salvo che i
suoi abitanti vivono sparsi nei vicini boddèus. Il promontorio
che da essa trae nome, il Kersonesus citato da Tolomeo, rap-
presenta il punto più meridionale della Sardegna e forma
uno scosceso dirupo a novecento piedi sul mare. A setten-
trione del paese si scorge una catena di montagne la cui ci-
ma più importante, Punta Severa, ha un’altezza di circa 3232
piedi. Niente può superare la desolazione della selvaggia lan-
da dei dintorni, eccetto la gente, che si trova in armonia con
essa. È certo che un vicino sito, noto come Sant’Isidoro di
Teulada, sia l’antica Bitia , come si deduce dalle rovine roma-
ne e dalle epigrafi ivi ritrovate.
Fra Capo Malfatano e Capo Spartivento esiste un porto, in-
dividuato da alcuni geografi come Portus Herculis, e su un’al-
tura di oltre 1000 piedi sorge un importante nuraghe chiamato,
per la grandezza dei conci, la Torre del Gigante. Il capitano
Smyth ne fa cenno, limitandosi a parlare di «alcune vestigia ci-
clopiche».
Tutta la campagna sulcitana è ricca di nuraghi e fra essi il
Monte Maria, nella zona di Teulada, è notevole perché situa-
to sulla cima di una roccia granitica, i cui grossi massi pri-
smatici formano la base naturale della costruzione; tuttavia, la
sua condizione di sfacelo – secondo la leggenda fu distrutto
dai fulmini – impedisce che se ne possa fare una soddisfa-
cente descrizione delle parti esterne e di quelle interne.
Il nuraghe Sa Perdaja, distante all’incirca due ore di cam-
mino dal precedente, è situato in modo analogo ma si diffe-
renzia dagli altri per l’aspetto esterno giacché, anziché l’usuale

258
Ca pitolo XVI

pianta circolare a scarpata, presenta, nel lato meridionale, una


muraglia perpendicolare a strapiombo, lunga quarantasei pie-
di, e le rovine sparse nei dintorni indicano una conformazio-
ne corrispondente. Un corridoio, lungo diciannove piedi e
mezzo, conduce alla camera centrale a volta.
Un altro nuraghe, l’Aniu, fra Teulada e Sant’Antioco, pre-
senta un corridoio lungo all’incirca cinquantasei piedi; la ca-
mera interna alla quale esso conduce ha un diametro di sedi-
ci piedi e quattro pollici, con tre nicchie nella parete lunghe
circa cinque piedi, larghe due e profonde due piedi e otto
pollici. L’ingresso esterno si trova di alcuni gradi volto a sud-
ovest e rappresenta una delle poche eccezioni rispetto alla
posizione usuale che è orientata a sud e sud-est.
Pula, un luogo delizioso sulla costa occidentale del gol-
fo di Cagliari, incastonato tra aranceti, giardini e coronato di
palme, richiama alla memoria del viaggiatore Bordighera e
altri centri della riviera ligure. Conta pressappoco 1400 ani-
me, e il pericolo dell’insalubrità dell’aria è molto diminuito
negli ultimi anni a seguito delle bonifiche che sono state
eseguite.
Pare che Nelson fosse stato favorevolmente colpito dal
luogo perché, in una lettera al console Magnon, dice: «Posso
assicurarvi che abbiamo trovato a Pula il luogo più salubre
nel quale la flotta sia mai capitata. Fatta eccezione per un uo-
mo che era ammalato, i tanti che scesero a terra ne ricavaro-
no tutti il massimo beneficio dalla bontà dell’aria che hanno
respirato presso un fiume delizioso». Le montagne circostanti
fornivano piombo e minerale argentifero (per quanto attual-
mente non vengano più estratti), nella proporzione del set-
tantatré per cento per il primo, e di due once e cinque grani
a quintale per il secondo. All’estremità del promontorio si
trova una chiesa malandata, il santuario di un certo sant’Efi-
sio, che costituisce un importante luogo di attrazione per la
gente credulona del meridione dell’Isola. Nelle immediate vi-
cinanze, alla periferia dell’attuale villaggio di Pula, esisteva
Nora, città di grande antichità resa ancor più interessante dal
mistero della sua fondazione.

259
L’ISOLA DI SARDEGNA

Pausania109 afferma che Sardus, figlio di Macerio, l’Ercole


tebano, condusse coloni libici in Sardegna e che l’Isola fu co-
sì chiamata dal suo nome; afferma, inoltre, che Nora, la pri-
ma città che venne costruita, fu fondata da Norace, capo di
una colonia di Iberi e inoltre, da parte di alcuni archeologi
moderni, si ipotizza che vi sia stata una migrazione di Pelasgi
dall’Etruria all’Iberia, e da lì in Sardegna. Plinio110 parla degli
abitanti di Nora come di una gente di cui si aveva conoscen-
za. Solino111 dice: «Non ha importanza, perciò, che Sardus
fosse generato da Ercole e Norace da Mercurio; il primo, dal-
la Libia, l’altro da Tartesso, in Spagna, devono essere passati
da queste parti e Sardo diede il nome all’Isola mentre Norace
lo diede alla città di Nora».
Altri storici e geografi antichi e moderni sono di diversa
opinione ed ora siamo in grado di affermare che la questione
si chiarisce grazie ad un’iscrizione trovata a Pula su un blocco
di arenaria, lungo quattro piedi e largo due, nel 1774. Fu sco-
perta in una parete del monastero dei Mercedari di Cagliari,
sistematavi da gente che, completamente all’oscuro del suo
valore, l’aveva impiegata come normale pietra da costruzione;
da lì, fu trasferita al Museo di Cagliari dove attualmente si tro-
va. Per lo studioso della cultura fenicia ed ebraica questa reli-
quia sepolcrale – perché tale si suppone che sia – costituisce
un reperto di un certo valore in quanto contribuisce a spiega-
re la storia antica della Sardegna. Tuttavia va detto che il caso
non sia sufficientemente chiaro e definitivo così da poter met-
tere la parola fine alla vexa ta qua estio, certamente è un reper-
to di interesse generale ma non è il caso di addentrarsi nelle
tesi dei vari autori dalle quali ci siamo limitati a trarre le se-
guenti conclusioni.
Il padre Hinz, professore di Lingue Orientali a Cagliari, il
primo a scoprire la pietra, inviò un disegno dell’epigrafe al
famoso studioso di antichità De Rossi che ne pubblicò una

109. Pausania, lib. X, cap. 17.


110. Plinio, Na tura lis Historia , lib. III, cap. 13.
111. Solino, Polyhistor, cap. X.

260
Ca pitolo XVI

relazione ed una illustrazione nelle Effemeridi lettera rie di Ro-


ma 112 ma il disegno originale risultò assai impreciso e, di con-
seguenza, l’interpretazione erronea.
L’abbate Arri riprese allora il lavoro e pubblicò a Torino,
nel 1834, un breve trattato dal titolo La pide fenicia di Nora in
Sa rdegna , saggio che era apparso anche nelle Memorie del-
l’Acca demia Rea le di Torino.113 Successivamente, Gesenius de-
dicò alla questione la sua erudizione e scienza e vi si immerse
pienamente con la sua Scriptura e lingua eque Phoenicia e Mo-
n u m e n ta q u o t … q u o t su pe r-
sunt.114 Nella ricerca gli fece se-
guito Benario, il quale rese note
le sue osservazioni sull’argomento
nel Ja rbücher für Wissenscha ftli-
che Kritik, luglio 1837. Nel 1838,
Arri rispose alle disquisizioni di
Gesenius e di Benario con un ar-
ticolo apparso nelle Memorie del-
l’Acca demia Rea le di Torino.115
Il La Marmora, infine, si avval-
se delle dissertazioni di questi au-
tori, sintetizzandole, ed è a lui che
Gesenius è debitore della riprodu-
zione esatta e copia dell’epigrafe
originale, qui presentata, che am-
piamente differisce da quella ese-
guita da Hinz ed inviata ad Arri.
Quelle che seguono sono le
diverse traduzioni latine e, quan-
to alla versione ebraica, il lettore
viene rimandato alla consultazio- 9. Iscrizione fenicia
ne delle opere dei citati autori. ritrovata a Pula

112. P. 348, anno 1774.


113. Vol. XXXVIII, p. 59.
114. Gesenius, Lipsia, 1837, p. 154, incisione n. 41, tav. 13.
115. Vol. I, p. 351, serie seconda.

261
L’ISOLA DI SARDEGNA

Arri così interpreta: «In Ta rschisch vela dedit pa ter Sa r-


don pius, vix ta ndem finem a ttingens (la pidem) scribi jussit
in Nora , qua m novit Lixo (Ma urita nia e urbi) a dversa m ».
Gesenius la decifra in tal modo: «Domus ca pitis (i.e. dor-
mitorium) principis qui (era t) pa ter Sa rdorum. Pa cis a ma ns il-
le, pa x continga t regno nostro. Ben-Rosch, filius Na gidi L-ensis».
Benario fornisce questa versione: «Ta rtessi expulsus hic in
Sa rdis incolumis ingredia tur regnum nostrum, sive pa uper
sit, sive princeps, jussu meo »; e ne dà anche un’altra interpre-
tazione: «Ta rtessi expulsus hic, in Sa rdis pa cificus hic; pa x ve-
nia t super Melchiten filium Rosch, fili Na ghid La s-nitenum ».
Dalla forte discrepanza che emerge da queste traduzioni
non è difficile arguire quanto i dotti studiosi dei Fenici si dif-
ferenzino fra loro. Arri decifra le parole Ta rschisch, Pa ter Sa r-
don e Nora ; Gesenius vi legge Pa ter Sa rdorum e Benario Ta r-
tessus e Sa rdis.
Una disquisizione su ciascuna lettera di questa epigrafe
porterebbe ad addentrarsi nelle difficoltà della lingua fenicia
ma il risultato degli sforzi di questi dotti studiosi di antichità,
che tentano di conciliare affermazioni evidentemente contra-
stanti, porta a concludere, come ha osservato La Marmora, che
l’epigrafe dà notizia della partenza di Sardus Pater da Tarsis,
Tarschisch o Tartesso, una città della costa libica; informa del
suo arrivo a Nora, dove fondò una città con quel nome; affer-
ma l’esistenza di due persone mentre, di fatto, si tratta soltanto
di una, e porta a concludere che Norace è lo stesso Sardus Pa-
ter di origine libico-fenicia. Secondo Pausania,116 Nora fu la
prima città che venne costruita in Sardegna ma egli afferma,
altresì, che essa fu fondata dagli Iberi condotti da Norace e ciò
pone nello stesso tempo la questione della loro origine pela-
sgica e se il riferimento a Tartesso sia la città iberica o libica.
Considerando la confusione di tutte queste affermazioni,
la conclusione più semplice in minor contrasto con le diverse
versioni, potrebbe essere che un tal “Sardus”, giungendo da
Tarschisch, Tartesso o Tarso, in Libia, fondò in Sardegna una

116. Pausania, lib. X, cap. 17.

262
Ca pitolo XVI

città; che egli fu chiamato dai colonizzatori e dagli abitanti


col nome generico di “Norace”, capo o comandante; che in
forza di questa circostanza il nome della città, Nora, ebbe ori-
gine e che il termine Norace fu interpretato dai Latini come
Pa ter. Pausania117 afferma che in Sardegna, Sardus fu oggetto
di grande venerazione e che, ai suoi tempi, esisteva una sta-
tua bronzea inviata da Nora all’oracolo di Delfi. Delle due so-
le monete antiche, note per essere state coniate nell’Isola,
una fa riferimento a lui ed ha sul diritto la testa ed il nome di
M. Atius Ba lbus, mentre sul rovescio reca la testa ed il nome
di Sa rdus Pa ter.118
Tolomeo parla di un tempio, il Sa rdopa toris Fa num, nel-
la parte occidentale dell’Isola, a lui dedicato. Queste sono le
notizie principali sul periodo nebuloso e mitico della storia
dei Sardi riguardanti il loro vecchio eroe, fondatore e padre.
Fra le altre antiche rovine di Nora, merita di essere evi-
denziato un acquedotto romano, la cui età di costruzione
non è individuabile. Si trova nei pressi di un nuraghe in rovi-
na che ha il nome di Guardia is Mongias, e da ciò si può de-
durre che fosse decadente già ai tempi dei Romani. Le vesti-
gia del molo frangiflutti, quelle di alcuni stabilimenti termali,
di fortificazioni e di altre opere realizzate in pietra di porfido
della zona, sono talmente diroccate che non è stato possibile
tracciare una plausibile planimetria.
Il teatro di Nora nei pressi della spiaggia – del quale esi-
stono i ruderi – è noto oggi col nome di Leoniera e ciò perché
i Sardi erano convinti che vi si svolgessero i combattimenti
con i leoni e il Valery, cadendo nell’errore, lo definisce un an-
fiteatro.119 La maggior parte del monumento è in sfacelo ad
eccezione delle gradinate che sono rimaste quasi perfette. No-
ra non ebbe molta rilevanza nella storia romana, perché non
fu mai particolarmente importante; di essa si trova soltanto una

117. Pausania, lib. X, cap. 17.


118. Vedi Gronovio, Thesa urus Gra eca rum Antiquita rum, vol. I, tav. LLLL
e A. Morell, Thesa urus Numisma ticus, vol. I, p. 37.
119. Valery, vol. II, p. 44.

263
L’ISOLA DI SARDEGNA

fugace menzione in un’orazione di Cicerone in difesa di Scau-


ro, quando fa cenno alla morte di un tale Bostar, cittadino di
Nora, nome – quello di Bostar – di evidente origine cartagine-
se. Alcune pietre miliari romane ritrovate nelle vicinanze, rela-
tive a lavori di riparazioni di strade fra Nora ed altre città allo-
ra esistenti, si trovano conservate nel Museo di Cagliari.
Da Pula, la via per Cagliari passa attraverso una bella cam-
pagna molto fertile, nella quale i villaggi di San Pietro, Sarroch
ed Orri costituiscono un penoso contrasto col fascino della
natura, e Orri è l’unico luogo nel quale la mano dell’uomo ha
saputo valorizzarne la generosità. Il paese appartiene al mar-
chese di Villahermosa il quale ha realizzato una fattoria mo-
dello annessa alla sua villa ed ha già raccolto i frutti delle sue
fatiche illuminate e patriottiche.
I Sardi possono oggi ammirare le coste, un tempo sterili,
arricchite da aranci, ulivi, mandorli, gelsi e abeti che prospe-
rano col contorno di palme indigene; vigne che producono
uve delle migliori qualità e innovazioni nel sistema produtti-
vo che hanno dato risultati molto soddisfacenti anche dal
punto di vista economico. L’anno scorso, in una vigna del
marchese fu scoperta una pietra miliare romana con la se-
guente iscrizione che mai finora è stata pubblicata.

XI.
IMP · CAES · M · IVLIVS.
PHILIPPVS · PIVS · FELIX
AVG · PONT · MAX · TRIB · POT.
COS · III · P · P · PROCOSVL.
IMP · CAES · M · IVL PHI
LIPPVS · PIVS · FELIX · AVG
FILIVS · DOM · NOSTRI · AVG
PONT · MAX · TRIB · POT · V
COS · II · P · P · PROCOSVL · VIAM
QVAE · DVCIT · A · NORA · KA
RALIBVS · VETUSTATE · COR
RVPTAM · RESTITVERUNT
CVRANTE……
….PROC · SVO · E · V.

264
Ca pitolo XVI

Proseguendo verso nord, da questo luogo nato a nuova


vita, un argine si distende per un tratto considerevole lungo
la costa sabbiosa, ricca di zostera marina, una pianta nota
per le sue peculiarità di compattare il fango, la sabbia ed gli
altri detriti con i quali forma un amalgama che col tempo di-
venta un banco di sabbia.
Ora ci troviamo in prossimità degli argini marini dello
stagno, la laguna alle porte di Cagliari.

265
CAPITOLO XVII
La provincia di Ca glia ri – Una ma ggiore civiltà – Ca ra tteri fisici e mora li
– Storia a ntica e moderna – La fonda zione – Stemma della Sa rdegna –
Posizione e descrizione della città – Il Ca stello, porte, torri e emblemi –
Qua rtieri e sobborghi – La Ma rina , Sta mpa ce, Villa nova , Bona ria e Sa nta
Gilla – Il ca stello di Sa n Michele – Le pa sseggia te pubbliche della Polverie-
ra , il Ca sino, Sa n Lorenzo e la terra zza del Ca stello – Gli sta gni – Uccelli
selva tici – Il fenicottero – Le chiese – L’edificio della ca ttedra le – Sa n Cle-
mente – Alta ri, dipinti, tombe, reliquie – Interpreta zione di lettere – Chiese
di Sa n Pietro, della Vergine del Ca rmine, di Sa n Lucifero e di Sa nt’Agosti-
no – Le sue reliquie – L’ora torio da lui mira colosa mente costruito – Dipinti
– La chiesa di Sa nt’Efisio – Cerimonie, reliquie, mira coli – Sa n Domenico
– Elenco dei mona steri e conventi – Sta tistiche ecclesia stiche – Mona stero
fra ncesca no e ca ppuccino – Il collegio dei Gesuiti – Il mona stero di Bona -
ria – Nostra Signora di Bona ria – L’imma gine mira colosa – La riva le Ma -
donna del Mira colo – Pia zza Sa n Ca rlo – La stra da di Sa n Michele – Il
Corso e la pa reggia – Stra de – Ca rri e buoi – Il pa la zzo municipa le – La
visita di Ca rlo V – La cita zione del Robertson e gli schia vi libera ti a seguito
della spedizione dell’impera tore – Il pa la zzo viceregio – Incendio e sue
ca use – La sta tua di Ca rlo Felice nell’Arsena le – Un a bbiglia mento fuori
luogo – Aneddoto – Le ca serme – Il contingente milita re dell’Isola – I di-
versi Corpi, loro orga nizza zione e compiti – Il Sa n Lucifero ed il Conser-
va torio della Provvidenza , gli ospizi degli orfa ni e delle orfa nelle – L’ospi-
zio dei trova telli – L’ospeda le civico – L’ispezione delle lenzuola da pa rte
del viceré – Gli ospeda li milita re e di Sa n Pa ncra zio – Fondi ed istituzioni
per la ca rità pubblica e priva ta – I poveri – Il cimitero pubblico

Dopo le considerazioni storiche fatte in precedenza, po-


chi dettagli rimangono da ricordare come riferibili particolar-
mente al Capo di Cagliari e alla città medesima. Si calcola che
la provincia, delimitata dai distretti di Isili, Sulci e Ogliastra a
nord, ad ovest e ad est, e dal mare, a sud, si aggiri intorno al-
le 1100 miglia quadrate, ovvero circa 2583 miglia quadrate in-
glesi, la metà delle quali è montuosa ed il resto è costituito da
grandi distese pianeggianti, o pianure, lievemente ondulate,
che sono fra quelle meglio coltivate dell’Isola.
L’estrema aridità del suolo non consente una vegetazio-
ne ricca e le foreste sono molto meno grandi e rigogliose
del resto della Sardegna, salvo che nelle zone di montagna;

266
di conseguenza, il legname è scarso e costoso e la gente di
campagna è costretta, per potersi riscaldare, a far ricorso alle
fascine ed allo stallatico essiccato. Grazie alla coltivazione
estensiva del terreno arabile, e all’inesistenza di quelle pas-
sioni che sono caratteristiche dei pastori di montagna, la cri-
minalità, ed in particolare la vendetta, sono meno comuni; la
popolazione, naturalmente quella più evoluta, si è ingentilita
con la civiltà e con i contatti con altre realtà esterne; contatti
che, invece, sono stati banditi dalle altre comunità isolane.
L’istruzione, tuttavia, viene trascurata come altrove, dal
momento che – in base al censimento del 1834 (l’ultimo fino-
ra reso noto) – si rileva che la provincia contasse 99.489 ani-
me e pare molto improbabile che 1000 bambini, nel com-
plesso della popolazione, ricevessero un’istruzione scolastica.
Trova così dimostrazione la seguente affermazione: «Perciò di
questi provinciali (salvo i cittadini), appena 2500 persone sa-
ranno che sappian leggere, e di questi non più di due terzi
che possano servirsi della penna nelle loro faccende».120
Ciò significherebbe che circa l’uno per cento della popo-
lazione frequenta le scuole; una persona, circa, su quaranta,
sa leggere ed una su sessanta sa scrivere. Nel commentare
questi dati statistici con un amico di Cagliari, la cui conoscen-
za in materia era profonda grazie alla sua esperienza ed al ti-
po di lavoro svolto, egli affermò senza esitazione che, al mo-
mento attuale, il numero delle persone alfabetizzate è perfino
molto inferiore se rapportato all’aumento della popolazione.
Il carattere indolente ed incurante di questa gente – che è
ancor più rimarchevole rispetto ad altre zone della Sardegna –
ed il basso livello di intelligenza e di acume, può essere im-
putato al clima ed alla mescolanza di sangue africano e spa-
gnolo. Non esistono industrie o attività commerciali di alcun
genere, salvo quelle indispensabili per le esigenze primarie.
Un contadino mangerà, magari, la foglia del fico d’India,
senza preoccuparsi che dentro c’è il frutto, nonostante il terre-
no sul quale esso cresce e sul quale egli vive, sia fertile e ricco

120. In italiano nel testo (N.d.T.).

267
L’ISOLA DI SARDEGNA

e richiederebbe soltanto l’aratro ed una manciata di sementi


per assicurargli un tozzo di pane, per quanto io abbia potuto
constatare che la stessa cosa si verifica anche in Sicilia dove,
però, si mangiano gli ortaggi crudi per necessità e non per in-
dolenza o per quei meschini pretesti accampati dai Sardi.
Le case sono più linde e pulite di quelle dei paesi del
nord e la maggior parte di esse ha una piccola corte ed un
porticato all’esterno chiamati su sta ulu, o a mbia gula , simili a
quelli esistenti nei Paesi dai quali trassero le loro origini mo-
resche. Per quanto riguarda la situazione sanitaria, esiste una
condizione di arretratezza come nel resto dell’Isola ma le per-
sone sono morigerate, tranquille e sobrie. La loro dieta consi-
ste principalmente di pane, frutta e pesce, dal momento che
la carne è d’uso meno comune ed è più cara che in altre loca-
lità della Sardegna nelle quali il clima richiede un’alimentazio-
ne più sostanziosa.
Quanto alle caratteristiche somatiche, sono bassi di statu-
ra, robusti e scuri di pelle; manifestano – insomma – gli effet-
ti dell’afoso sole del meridione. Si sposano in età giovanile;
ragazze di tredici o quattordici anni arrivano all’onore della
maternità, così come avviene in altre località della stessa lati-
tudine, ed anzi si cita il caso – che si afferma essere autentico
– di una ragazza di Pula giunta alla maturità muliebre all’età
di sette anni, e di molte altre giovani che sono diventate ma-
dri a dieci o undici anni, ma si tratta di eccezioni che equival-
gono a dei fenomeni.

L’epoca della fondazione della città di Cagliari è stata fatta


da vari autori risalire a colonizzatori guidati da Iolao, Sardus e
Aristeo. L’espressione di Diodoro Siculo:121 «Essendo diventato
Iolao padrone dell’Isola, vi costruì molte famose città», si è
pensato che contenesse un riferimento a Cagliari e questa ipo-
tesi è stata parimenti confortata da un’epigrafe ivi ritrovata, che
viene riportata dal Bonfant e dal Cossu.122 In essa si ritrovano i

121. Diodoro Siculo, lib. V, cap. 15.


122. G. Cossu, Notizie di Ca glia ri, p. 25.

268
Ca pitolo XVII

termini Civita s Iola , ma la prima di queste ipotesi è troppo


vaga mentre la seconda prova soltanto l’epoca romana del
reperto. Le città di Nora, Sulcis, Olbia e Pula, risultano sicura-
mente esistenti in epoche nelle quali Cagliari invece non
compare, né per nome, né come descrizione di una città ad
esse contemporanea.
Pausania123 afferma che «i Cartaginesi costruirono in que-
st’Isola le città di Karnalis (Calaris) e Sulci». Claudiano124 la cita
come «città fondata dalla potente Tyro» e Pomponio Mela125
afferma: «Le più antiche città dell’Isola sono Caralis e Sulci».
A sostegno dell’origine cartaginese di Cagliari, un’antica
moneta126 riporta sul recto la raffigurazione della parte ante-
riore di un cavallo con la parola Karalitwn sul bordo ed un
vaso sul lato opposto; ora, che la testa del cavallo fosse un
simbolo cartaginese è cosa ben nota.127 Nel suo commento al-
la Ca rta de Logu,128 il Mameli sostiene che la parola sarda ca -
la rina o ca la vrina , cavallo, sia derivata da quella stessa paro-
la greca, la qual cosa pare una deduzione etimologicamente
fantasiosa. I caratteri greci, tuttavia, depongono contro una
coniazione cartaginese, quantunque, se Ka la ris fosse stata ori-
ginariamente abitata da una colonia greca, e conquistata suc-
cessivamente dai Cartaginesi, questi potrebbero aver coniato
la moneta come fatto emblematico della loro dominazione su-
gli abitanti che avevano conquistato. Il Manno, ed altri autore-
voli studiosi, propendono, invece, per l’origine greca. Il nome
Ca ra lis potrebbe essere derivato con maggior probabilità dal
fenicio Ca rı̆rin o Ca rı̆ra , che significa rifugio o luogo rinfre-
scato e che, come porto di mare, potrebbe ben adattarsi a Ca-
gliari in considerazione dei viaggi compiuti da quei popoli.

123. Pausania, lib. X, cap. 17.


124. Claudiano, De Bello Gildonico, v. 520.
125. Pomponio Mela, lib. II, cap. 7.
126. Vedi E. Fröhlich, Notizie elementari di numismatica, cap. 6; J. Har-
douin, Nummi Antiq. Popul. et Urb.; H. Goltz, Greciae ejusque Insular. Nu-
mis., tav. 28, n. 21; J. J. Gesner, Numis. Reg. Maced., tav. 28, n. 21, sez. 2.
127. Vedi Virgilio, Eneide, I, 442.
128. G. M. Mameli, n. 152, p. 104.

269
L’ISOLA DI SARDEGNA

Dopo l’invasione della Sardegna da parte dei Cartaginesi,


e la loro sconfitta ad opera di Macheo, la guerra fu ripresa da
Asdrubale ed Amilcare, figli di Magone, il primo dei quali pe-
rì in battaglia ma l’altro, vittorioso sui Sardi, fondò colonie a
Cagliari e Sulci, eventi che il Manno fa risalire al 494 ed al
490 a.C.
Durante le guerre romane e puniche, la città fu costante-
mente minacciata, per quanto non sia stata teatro del conflit-
to. L. C. Scipione, dopo la vittoria conseguita ad Olbia nel
259 a.C., iniziò a devastare l’Isola e si ritiene che soggiornò
a Cagliari ma esistono discrepanze e confusione fra gli stori-
ci relativamente al nome della città.129
Plinio ricorda che Cagliari possedeva i privilegi del munici-
pio romano ma è ignota l’epoca in cui fu elevata a quel rango.
Possiamo sorvolare sui pochi avvenimenti che si verificarono
fino all’anno 455 d.C., data nella quale, secondo il Manno
(mentre a parere del Gibbon si trattò di qualche anno più tar-
di), la capitale passò nelle mani di Genserico e, sebbene ri-
conquistata successivamente dall’imperatore Leone, i Vandali,
sotto Unnerico, figlio di Genserico, ne riottennero il possesso
nel 477. Nel 533, Giustiniano riuscì parzialmente a contrastare
il dominio di Gelimero, il re vandalo della Sardegna, finché il
fratello Zazone giunse con una flotta di 120 navi e 500 uomini
e riconquistò la città; l’anno successivo l’esercito imperiale
sbarcò sulle coste ed i Cagliaritani, dopo aver decapitato Za-
zone, aprirono loro le porte, così che l’Isola divenne nuova-
mente possedimento romano.
Nel 551 i Goti, sotto il re Totila, conquistarono la città
ma, dopo la sconfitta subita a Tagina nel 553 ad opera di
Narsete, essa ricadde ancora una volta sotto il dominio di Ro-
ma e dal 650, fino agli inizi dell’undicesimo secolo, fu co-
stantemente preda dei Saraceni. Il loro capo, Museto, dopo
essersi impossessato di Cagliari nel 1003, la soggiogò fino al
1016 allorché i Pisani, su sollecitazione di Benedetto VIII, riu-
scirono a cacciarlo, ma egli ne rientrò in possesso nel 1021 e

129. Vedi Florio, lib. II, cap. 2.

270
Ca pitolo XVII

10. Cagliari

nelle ricorrenti battaglie che si susseguirono da quell’epoca


fino alla metà del secolo, i Pisani, il papa e gli alleati genove-
si riuscirono tacitamente ad affermare, ciascuno perseguendo
il proprio interesse, la supremazia sui Sardi dando loro ad in-
tendere che li difendevano dal comune nemico.
La città fu, così, oggetto delle richieste contrastanti di tre ri-
vali. Nessun fatto degno di nota si verificò fino all’anno 1217,
allorquando i Pisani costruirono il Castello di Cagliari, dopo che
quel territorio era stato ceduto loro dalla giudicessa Benedetta.
Il sistema di governo giudicale si concluse nel 1258; ad
esso i Pisani ne sostituirono e ne costituirono uno sulla falsa
riga di quello della loro Repubblica fino al 1289, anno in cui i
Genovesi ottennero da essi la cessione del Castello. Nel 1299,
però, ebbero in cambio il possesso di Sassari così che il Ca-
stello tornò in mano dei Pisani. Nel 1323, gli Aragonesi – che
avevano preso parte con Ugone III, giudice di Arborea, alle
guerre contro i Pisani, i quali avevano invaso i suoi possedi-
menti – sbarcarono col loro esercito, al comando dell’Infante
don Alfonso, nel golfo di Palmas, mentre l’ammiraglio France-
sco Carroz giunse nel mare di Cagliari, con una flotta formata
da settanta galere, ventiquattro navi leggere e 216 vascelli,

271
L’ISOLA DI SARDEGNA

che portarono in città 300 cavalieri e 10.000 fanti. Dopo la


vittoria conseguita ad Iglesias, l’Infante Alfonso, col resto del-
l’esercito, nel 1324, decise di mettere sotto assedio la capitale
verso la quale i Pisani avevano, nel frattempo, inviato rinforzi
con 600 uomini e duecento galee. Nella battaglia che seguì,
egli dimostrò tanto coraggio e intraprendenza che la vittoria
fu in gran parte attribuita a suo merito.
Era, infatti, accaduto che, nel corso di un aspro combatti-
mento, il vessillo reale fosse caduto in mano al nemico ed al-
lora egli si buttò nella mischia e, memore dell’ammonimento
rivoltogli dal padre davanti ai suoi soldati, al momento della
partenza: «Vittoria o Muerte», riconquistò lo stendardo e com-
batté con esso finché fu soccorso dai suoi uomini. Questo ed
altri atti di coraggio fecero pendere le sorti della battaglia a
suo favore e, dopo una spaventosa carneficina che coinvolse
ambo gli eserciti, i Pisani ed i loro alleati furono completa-
mente sgominati e l’Infante, sebbene gravemente ferito, ri-
portò con le proprie mani la bandiera al campo di Bonaria.
Iniziò subito a gettare le fondamenta di una fortezza e di
una città da realizzare in quella località e risolse di mettere sot-
to assedio il Castello. Dal canto loro i Pisani, non potendo ap-
provvigionarsi di viveri, presero atto dell’insuccesso della lotta
contro gli Aragonesi ed anche del fallimento dei tentativi di far
prigioniera l’Infanta doña Teresa che veniva da Iglesias per
raggiungere il marito don Alfonso ma, alla fine, decisero di ve-
nire a patti con gli assedianti. In base agli accordi stipulati, fu
loro consentito di mantenere i possedimenti nell’Isola e di
continuare ad abitarvi, così nel Castello come nei borghi di
Stampace e Villanova a Cagliari, considerando questi beni qua-
li feudi soggetti alla Corona d’Aragona alla quale dovevano pa-
gare un censo annuo in riconoscimento del diritto di occupa-
zione. La bandiera aragonese poté sventolare per la prima
volta nel 1324 sugli spalti del Castello. Nel volgere di mezzo
anno, furono portate a termine le fortificazioni di Bonaria ed
una colonia di 6000 soldati si insediò nella nuova città mentre
Alfonso, dopo aver ricompensato i comandanti militari con la
donazione di diversi feudi, fece ritorno a Barcellona.

272
Ca pitolo XVII

Poiché il malcontento ed i dissidi con i Pisani erano sfo-


ciati in aperta ostilità, gli Aragonesi, nel corso dell’anno suc-
cessivo, 1325, si impossessarono del sobborgo di Stampace e
il 9 giugno del 1326 dal Castello vennero fatti evacuare i Pi-
sani, così che tutta Cagliari passò definitivamente alla Coro-
na. Inizia da questo periodo, vale a dire dal 1327, il dominio
aragonese i cui primi atti legislativi furono l’introduzione di
una forma di governo del tutto simile a quello di Barcellona,
con gli stessi privilegi e immunità per i cittadini; risulta che
l’amministrazione della cosa pubblica sia stata attuata con
grande moderazione ed a vantaggio dei Cagliaritani.
I Genovesi effettuarono inutili tentativi, negli anni 1330 e
1332, di riconquistare la città; nel 1355 il re Pietro IV venne in
visita a Cagliari e convocò il primo parlamento nazionale.
Nel 1409 giunse don Martino col suo esercito per muove-
re guerra, a Sanluri, contro il visconte di Narbona ma niente
che meriti di essere ricordato si verificò durante il regno di
Ferdinando di Castiglia e d’Aragona. Alfonso V, al termine
della sua spedizione in Corsica nel 1421, partecipò di perso-
na all’assemblea degli Stamenti e, con meticoloso rispetto
delle loro leggi, delle istituzioni e delle richieste che gli furo-
no avanzate, concesse ai cittadini notevoli privilegi.
Durante il regno di Giovanni II, il marchese di Oristano
sconfisse il viceré Carroz a conclusione di una cruenta batta-
glia avvenuta a Uras nel 1470. Questo successo imbaldanzì
la fazione sarda ribelle, allora ostile al dominio di Aragona,
capeggiata da Artaldo e Ludovico Alagon, figlio del marche-
se di Oristano, tanto da indurla a inviare l’esercito verso Ca-
gliari della quale, nel 1475 e 1476, riuscì a impossessarsi del
porto della città e del castello. I cittadini patirono, oltre che i
consueti disagi della guerra e della carestia, anche quelli del-
la pestilenza, tuttavia il viceré, dopo aver ottenuto armamen-
ti e provviste, nel 1478 sconfisse gli insorti.
Fatta eccezione della visita a Cagliari di Carlo V, nel 1535,
in una tappa del viaggio per la spedizione a Tunisi, si verifica-
rono soltanto eventi di scarsa importanza fino alla guerra per
la successione spagnola. Accadde che l’Inghilterra, sostenendo

273
L’ISOLA DI SARDEGNA

le richieste dell’Austria, riuscì a convincere i Sardi a rinnegare


l’alleanza con Filippo V e così, nel 1701 e nel 1703 le flotte in-
glesi, al comando di sir George Rooke e sir Cloudesley Shovel,
fecero la loro comparsa nei mari isolani.
L’ammiraglio Leake, nel 1708, con quaranta navi ancora-
te al largo di Cagliari, dopo aver avviato trattative col viceré,
il marchese di Giamaica, imbarcò forze terrestri in numero
abbastanza esiguo rispetto alla consistenza della flotta tanto
che, secondo il Manno, vi era soltanto un reggimento di sol-
dati «raccogliticci, condotti affrettatamente in Barcellona».130
La ricostruzione sarda dei fatti rivela che parte dei Cagliari-
tani era favorevole all’Austria e che, inoltre, non disponeva di
una forza militare sufficiente per fare uso dei grandi mezzi dei
quali la città era dotata per far fronte agli invasori. Tuttavia, la
spiegazione dell’immediata capitolazione che ebbe luogo, non
pare molto soddisfacente se rivista alla luce delle successive
osservazioni fatte dal Manno in riferimento al nemico:131 «E co-
sì, in una capitale ben munita e riboccante di vittuaglie veniva
meno ogni speranza di salvezza, appetto a poche centurie di
soldati ragunaticci, perché mancava chi comandasse la difesa».
Perciò, la resa a quelle «poche truppe mal disciplinate» suona
poco elogiativa nei confronti degli Spagnoli e dei Sardi come
pure dell’esercito inglese però, sia che queste affermazioni sia-
no esatte o meno, gli storici affermano che il viceré, non sol-
tanto accettò in tutta fretta le clausole della capitolazione, ma
suggerì all’ammiraglio inglese di effettuare un “leggero” bom-
bardamento allo scopo di salvare le apparenze di una vittoria
troppo facile e che egli, di conseguenza, aprisse il fuoco sulla
città il 13 agosto, anche dopo la resa formale.
Sebbene Cagliari passasse in tal modo alla Casa d’Austria
col trattato di Utrecht del 1713, fu nuovamente assoggettata, nel
1717, alla furia violenta dell’esercito spagnolo allorché Filippo
V inviò una flotta composta da dodici navi e cento mezzi da
sbarco, con 600 cavalieri, 8000 fanti e un grande spiegamento

130. G. Manno, lib. XII, vol. IV, p. 36.


131. G. Manno, lib. XII, vol. IV, p. 39.

274
Ca pitolo XVII

di artiglieria per porre sotto assedio la città. L’attacco fu così


violento, la distruzione provocata da oltre 5000 granate così
grande ed i mezzi di difesa talmente esigui, che le truppe sar-
de ed austriache si arresero il 1 ottobre e la bandiera spagno-
la sventolò sul Castello.
Gli stenti che i Cagliaritani dovettero sopportare durante
l’assedio furono ancor più acuiti dalle spese che su loro fu-
rono fatte gravare per sostenere l’acquartieramento delle
truppe e dall’annullamento degli antichi privilegi politici e
immunità municipali. L’arrivo di 20.000 soldati spagnoli, che
fecero sosta a Cagliari nel loro viaggio verso la Sicilia, com-
mettendo ogni sorta di soprusi e di libertinaggio, provocò
ulteriori sofferenze. Il risultato che riuscì a ottenere una de-
legazione di cittadini, inviata a Filippo V per lamentare le
atrocità e le ingiustizie subite, fu che vennero imposti un au-
mento triplo del tributo annuale e un donativo forzoso di
180.000 scudi, ovvero 34.560 sterline, senza alcuna possibili-
tà di ricorso agli Stamenti.
Ma l’epilogo di tante sventure stava finalmente per giunge-
re. In base al trattato di Londra, siglato nel 1718, la dominazio-
ne spagnola sarebbe cessata il 4 agosto del 1720. Per tre giorni
la bandiera austriaca fu issata per pura formalità ed ammainata
il 9 dello stesso mese; la Croce di Savoia, inquartata con lo
stemma dell’Isola, fu infine issata nelle mura della capitale.

Lo stemma della Sardegna consta di una croce rossa in


campo argenteo con quattro teste di Mori che portano una
benda bianca sugli occhi; lo stemma ha subito mutamenti, in
particolare per quanto riguarda le teste che vi sono rappre-
sentate e che, in origine, erano bianche e portavano un dia-
dema orientale, cioè una corona con benda bianca sulla fron-
te ma, nelle stampe e nelle epigrafi antiche non sembra che la
benda copra gli occhi, bensì che sia un semplice ornamento.
Le notizie più antiche su questo stemma risalgono al 1591 ed
al 1593 e, secondo talune fonti, fu l’antico blasone aragonese
apparso nel 1150 in occasione delle nozze di Petronilla d’Ara-
gona con Raimondo Berenger, conte di Barcellona, e giunse

275
L’ISOLA DI SARDEGNA

probabilmente in Sardegna in occasione della prima spedizio-


ne aragonese. Certi disegnatori, inesperti di araldica, potreb-
bero, dunque, aver successivamente rappresentato le teste di
colore nero, confondendo i re negri con quelli moreschi.
Gli storici spagnoli fanno risalire l’origine dello stemma
alla battaglia di Alcoraz, nel 1096, in occasione della quale si
dice che san Giorgio sia apparso a cavallo per combattere
contro i nemici dei Cristiani, reggendo uno scudo argenteo
con croce rossa; si dice, altresì, che quattro teste di principi
moreschi siano state ritrovate nel campo di battaglia e furono
quindi rappresentate nello scudo di don Pietro I. Si è anche
sostenuto che esse facessero riferimento alle quattro battaglie
vinte sul saraceno Museto ed inserite nella bandiera pontificia
donata dal cardinale Ostia ma, poiché quel vessillo era costi-
tuito da una croce di colore rosso su campo bianco, mentre
quello sardo porta una croce in campo argenteo, ne consegue
che l’ipotesi non pare ben fondata. Né è più probabile che le
teste rappresentino i quattro Giudicati dal momento che cia-
scuno di essi aveva, come d’altronde viene senza equivoci at-
testato, un proprio stemma.
Alla sua ascesa al trono di Sardegna, Vittorio Amedeo II
diede inizio alle riforme ed alla realizzazione di opere di mi-
glioramento così indispensabili dopo la pessima amministra-
zione della dinastia spagnola; tuttavia, non si registrano fatti
particolari nel corso del suo regno e dei suoi successori che
abbiano un riferimento particolare alla capitale.
Durante la rivoluzione francese, Cagliari fu, come al soli-
to, destinata ad essere oggetto di contese esterne. Il 22 gen-
naio 1793, la flotta francese, forte di 11 navi di linea, tre fre-
gate ed altri vascelli, al comando dell’ammiraglio Truguet,
fece la sua comparsa di fronte alla città. I Sardi, essendosi ri-
fiutati di arrendersi, subirono un bombardamento iniziato il
28 e proseguito per quattro giorni finché il vice ammiraglio
Latouche Trèville aggiunse nuovi rinforzi con tre navi di li-
nea, quattro fregate, trenta lance e settemila soldati, al co-
mando del generale Casabianca. L’imbarco avvenne sotto il
bombardamento ed una serie di scaramucce si susseguirono

276
Ca pitolo XVII

con alterno successo fino al 22 febbraio; non è però neces-


sario addentrarsi nei dettagli dell’atroce strage e delle crudel-
tà commesse da ambo le parti.
La narrazione dell’assedio fatta dal Manno occupa ventot-
to pagine e un resoconto più particolareggiato fu pubblicato a
Bologna dal padre Napoli in un’opera dal titolo Memorie sto-
riche della spedizione della gra n flotta fra ncese contro l’Isola
di Sa rdegna . I difensori e gli assedianti diedero prova di gran-
de coraggio ma, qualunque fosse stata la condotta dei primi,
è probabile che essi sarebbero stati costretti a capitolare se il
17 non si fosse scatenata una burrasca che provocò così gravi
danni alla flotta che gli ammiragli francesi, il 22 febbraio, do-
vettero abbandonare Cagliari.
L’anno seguente, il 1794, a seguito del rifiuto del re e del
viceré di convocare gli Stamenti, ebbe luogo un’insurrezione
politica, seguita da quella del Sulis con la guerra di Angioy
contro il feudalesimo. Carlo Emanuele IV, succeduto a Vittorio
Amedeo III nel 1796, fu costretto a rifugiarsi in città nel 1799
durante l’occupazione dei suoi possedimenti continentali da
parte dei Francesi. All’ascesa al trono di Vittorio Emanuele I,
Carlo Felice, suo fratello, fu posto a capo degli affari politici a
Cagliari, e la sua amministrazione fu ricca di provvedimenti
benefici nei confronti della città, avendo fondato diverse isti-
tuzioni e abolito molti abusi.
Nel 1814 il re, facendo ritorno agli Stati continentali, lasciò
il governo nelle mani della regina Maria Teresa e, alla sua ab-
dicazione, avvenuta nel 1821, Carlo Felice proseguì nella poli-
tica delle riforme e dei benefici cominciata durante il periodo
in cui egli rimase in città. Niente di particolarmente interessan-
te o di importante si verificò da allora fino ad oggi, sia nel be-
ne come nel male, che interessasse l’Isola nel suo complesso.

La campagna che sta a settentrione di Cagliari non è at-


traente né bella sebbene, come ci si avvicina alla città, il pano-
rama muti in meglio. Lo stagno immenso, con il fiume Carali-
ta che vi sfocia, visto dal lato destro, assume l’aspetto di un
lago, delimitato a sud-ovest dalle montagne che si stagliano

277
L’ISOLA DI SARDEGNA

con imponenza sulla costa, mentre a sud, le acque azzurre


contornano l’orizzonte. La città si distende in una lunga li-
nea, così come la descrisse Claudiano 1400 anni fa:

Urbs Libya m contra Tyrio funda ta potenti,


Tenditur in longum Ca ra lis, tenuemque per unda s
Obvia dimittit fra cturum flumina collem.
Efficitur portus medium ma re, tuta que ventis
Omnibus ingenti ma nsuescunt sta gna recessu.

Dopo aver percorso un lungo sobborgo, alcune strade e


piazze danno subito l’idea di una città capitale e il suo aspetto
complessivo rivela che, al contrario, Torino e Genova hanno
assimilato ben poco della mentalità e delle usanze di Madrid e
Barcellona. Cagliari si trova a 39° 12' 13'' di latitudine nord e
9° 06' 44'' di longitudine est di Greenwich ed è costruita ai pie-
di ed ai lati di colline a strapiombo le quali, con il loro aspetto
irregolare, conferiscono suggestività al panorama. La parte alta
della città, chiamata il Castello, o Ca steddu nel dialetto sardo, è
circondata da mura e fortificazioni ed è il quartiere più impor-
tante ed aristocratico che ospita i palazzi del viceré e degli alti
funzionari, i loro uffici e dipartimenti e gli edifici pubblici più
rilevanti. Il Castello e le sue fortificazioni, costruiti dai Pisani
verso il 1217 e da loro chiamati Castello di Castro, furono re-
staurati ed ampliati in diverse epoche della dominazione ara-
gonese e dei Savoia; le opere eseguite nei tempi successivi so-
no inferiori per lo stile e per una minore solidità.
Il bastione dello Sperone fu realizzato nel 1549, quello
di Santa Croce nel 1555 e quello del Balice nel 1567.
Il Castello ha quattro ingressi: la porta Castello, che im-
mette dal quartiere della Marina; la porta dell’Elefante, da
Stampace; la porta d’Apremont, da Villanova e la porta Reale,
sotto la collina di San Lorenzo. Le torri principali del Castello,
quelle di San Pancrazio, dell’Elefante e dell’Aquila, furono
costruite dai Pisani.
La prima risale al 1305, è alta 427 piedi sul livello del ma-
re e da essa si gode lo scorcio più bello dell’intero panorama.

278
Ca pitolo XVII

Reca inserita nelle mura una curiosa iscrizione metrica che


narra le circostanze nelle quali fu realizzata

Sub a nnis milleno nostri Redemptoris


Quinto tercenteno bina e indictionis
Dei Deorum.
Dominorum tempore, Becti Altea ta
Ra inerij de Ba lneo, turris ha ec funda ta
Ca stella norum.
Cujus opera rius fuit constitutus
Bectus Ca lzola rius, providus, a stutus
Ubique locorum.
Atque scriba publicus sibi a ssigna tus
Et dictus nota rius, qui sit Deo gra tus
Coeli coelorum.
Cefa s hujus fa brica e opera sedula
Architectorum optimus Joa nnes Ca pula
Mura riorum
Porta bea ti Sa ncti Pa ncra tii.

La lapide che appare sull’ingresso della torre dell’Elefante,


anch’essa costruita dai Pisani nel 1307, non è meno fantasio-
sa, sia per il linguaggio che per il ricordo pomposo dei perso-
naggi coinvolti

Pisa no communi omnia cum honore,


Concedente Domino, ceda nt et fa vore:
Et hoc opus ma xime turris Elepha ntis,
Funda tum in nomine summi triumpha ntis,
Sub a nnis currentibus Domini millenis
Qua rta e indictionis septem trecentenis,
Dominis prudentibus Joa nne cinquina
Joa nne Devecchiis, gra tia divina
Ca stelli essentibus Ca stri Ca stella nis,
Atque fidelissimis civibus Pisa nis.
Cujus fuit electus sa ga x opera rius
Providus et sa piens Ma rcus Ca ldola rius,

279
L’ISOLA DI SARDEGNA

Atque sibi deditus fuit Oddo nota rius


Huba ldus compositor horum Ritima rius,
Et Ca pula Joa nnes fuit ca put ma gister,
Numqua m suis operibus inventus sinister.

La torre dell’Aquila, di dimensioni più ridotte, fu eretta nel


1305. Tutte sono costruite in pietra bianco rosea, di qualità
così resistente e buona, che possono sfidare il tempo, in per-
fette condizioni, per altri 500 anni. A queste splendide costru-
zioni si ispira lo stemma della città che, durante la dominazio-
ne aragonese, era inquartato; il primo ed il quarto “quarto”,
erano color oro e rosso, in onore della Catalogna; il secondo
ed il terzo, color argento, raffiguravano un castello lambito
dalle onde del mare con tre torri, la darsena e le vie d’uscita,
in onore di Cagliari; il tutto era circondato da due ghirlande di
palma sostenute da due tritoni e coronato da un diadema
marchionale. Con diploma di Carlo Emanuele, datato 7 luglio
1766, le insegne di Savoia sostituirono quelle della Catalogna
e tuttora lo stemma è diviso in quarti, il primo ed il quarto,
color rosso, con croce d’argento in onore dei Savoia; il secon-
do ed il terzo, in onore di Cagliari, come sopra descritto.
Il borgo di Stampace aveva anticamente il proprio stem-
ma araldico: una galea inquartata con le insegne di Aragona
recante questa iscrizione: «Rex Ara gonia e a b hostibus ca ptus a
fidelissimis Sta mpa ciensis libera tus» e fu concesso agli Stam-
pacini da don Martino, re di Sicilia, nel 1409, per essere stato
da essi soccorso e liberato dalle mani dei pirati tunisini dai
quali fu catturato a bordo della galea reale mentre navigava al
largo di Cagliari.
La parte bassa della città è suddivisa in tre quartieri: Ma-
rina, Stampace e Villanova. Il primo, anticamente chiamato
Lapola, si trova a sud del Castello e si estende fino al porto.
Il quartiere di Stampace, ad ovest del Castello, collega il po-
vero borgo di Santa Tennera, o Avendrace; fu fondato dai Pi-
sani e così chiamato dal nome di un bastione della loro città;
infine, il quartiere di Villanova, ad oriente del Castello, deve
la sua origine agli Aragonesi.

280
Ca pitolo XVII

La zona di Bonaria, che non è lontana da Villanova, fu


parimenti popolata da colonie catalane tra il 1324 e il 1326.
Certe leggi curiose testimoniano le misure drastiche che in
quel periodo furono adottate per impedire che gli abitanti
del Castello abbandonassero il loro quartiere e cambiassero
residenza. Si dice erroneamente che la cittadella di Bonaria
sia stata originariamente costruita sulla pianta di Barcellona
ma solo se il riferimento fosse rivolto a Barcelloneta, che è
un sobborgo di quella città, allora soltanto si potrebbe ri-
scontrare una qualche somiglianza fra loro. Anche la fortezza
di Monteforte fu costruita dagli Aragonesi nel 1327 a difesa di
quella colonia catalana.
L’insieme delle colline di Bonaria, costituite di arenaria,
alabastro e residui ossei, simili a quelle di Cerigo, Palermo,
Ceuta, Gibilterra ed altre zone delle coste del Mediterraneo, è
molto importante dal punto di vista geologico perché le altre
colline circostanti, e quelle sulle quali la stessa Cagliari sorge,
sono composte, invece, di calcare secondario.
Il castello ed il borgo di Santa Igia, o Gilla, sono ora diffi-
cilmente individuabili ma alcune rovine delle massicce fon-
dazioni e di altre parti di edifici, confermano l’ipotesi che
corrispondessero all’attuale quartiere di Sant’Avendrace. Il ca-
stello fu smantellato, la maggior parte andò distrutta e tutti i
tesori trafugati dai Genovesi nel 1196, ma la popolazione ed
il borgo non si estinsero dal momento che risulta che l’Infan-
te Alfonso combatté contro di loro durante l’assedio di Ca-
gliari del 1325. A circa due miglia a nord della città, su una
delle alture più elevate, presso a poco a 528 piedi sul livello
del mare, si trovano le rovine del castello di San Michele, al-
l’incirca 466 piedi quadrati, con quattro torri poste agli ango-
li; in origine era un monastero dei Certosini chiamato Bon-
vei. Trasformato dai Pisani in fortezza quando conquistarono
Cagliari, divenne teatro di molte battaglie fra questi e gli Ara-
gonesi, nelle cui mani alla fine cadde, e fu conservato come
fortilizio della famiglia dei Carroz fino a quando essi fecero
ritorno in Spagna. Dopo alcuni anni fu adibito ad ospedale
militare finché, caduto in disuso, si avviò verso l’attuale stato

281
L’ISOLA DI SARDEGNA

di decrepitezza. Dall’alto del monumento si gode un vasto


panorama e giustamente merita il suo antico nome.132
Una caratteristica ed un privilegio di Cagliari sono le sue
passeggiate che soltanto poche altre città costiere italiane, si-
tuate in posizione analoga, possono vantare. Neanche Genova
o Napoli, per quanto in parte sorte su colline che le circonda-
no, hanno terrazze o viali dai quali si scorgano panorami così
vasti e, sotto questo aspetto, le “passeggiate” della Polveriera,
di San Lorenzo e del Castello costituiscono un grande attratti-
va per il forestiero.
La prima passeggiata, così chiamata per i depositi e la
fabbrica di polvere da sparo che si trovavano in quei pressi,
si snoda contornata di cespugli e di aiuole; riparata dai so-
vrastanti bastioni del Castello, è ben protetta dal sole di mez-
zogiorno e del tramonto. Parecchie statue sparse lungo la
passeggiata non rivestono particolare interesse artistico, salvo
quella di una figura femminile, evidentemente un’antica ope-
ra romana, che è stata restaurata e tiene in mano una perga-
mena arrotolata su cui reca inciso: «Ca rta de Logu». Così, at-
traverso questa metamorfosi ed accomodamento, esiste un
monumento pubblico dedicato all’illustre conterranea giudi-
cessa Eleonora e quel monumento, sia detto a disdoro dei
Sardi, è l’unico esistente. Il riadattamento e il significato del
monumento sono molto emblematici del suo codice legislati-
vo, dal momento che esso ha molto mutuato da quello roma-
no ed ambedue i corpi legislativi vengono confusi e male in-
terpretati dal miscuglio che se ne è fatto e del quale la statua
costituisce un esempio.
Nelle vicinanze si trova un piccolo casino che forma la
facciata della polveriera; le bande militari, che di solito ese-
guono concerti da queste parti, ne fanno il luogo di ritrovo
preferito.
La passeggiata di San Lorenzo, o Buoncammino, un lungo
viottolo tortuoso sul fianco della collina, misura circa 1710
piedi e conduce dalla Porta Reale alla sommità delle fortezze

132. Bonvei significa “bella vista” (N.d.T.).

282
Ca pitolo XVII

sovrastanti. Ad eccezione della torre di San Pancrazio, la ter-


razza del Castello offre il panorama più sconfinato e più bel-
lo. La lontana catena dei monti di Serpeddì, a nord-est, i paesi
di Pirri, Pauli, Quartucciu, Quartu e gli stagni sovrastati dalle
montagne appaiono in primo piano. Ad est ed a sud-est, si in-
travedono la lunga linea della costa ed il Capo Sant’Elia ba-
gnati dal mare; a sud, lo sguardo si perde ancora sull’ampia
distesa delle acque del golfo, la cui superficie azzurra mitiga il
bagliore del bianco accecante degli edifici della città sotto-
stante. A sera, la passeggiata diventa deliziosa quando il sole
al tramonto getta un’ombra spessa su questa parte della città;
la vespertina brezza di terra spira per scacciare l’aria calma
dell’imba ttu 133 e il cielo limpido assume, in certi momenti,
quella tinta di azzurro carico che appare così repentinamente
in terre nelle quali il crepuscolo quasi non esiste.
Il panorama, forse, riporta alla mente le vicende di epo-
che remote, in maniera ancor più vivida di quanto non si ve-
rifichi in altri luoghi dell’Isola. Il pensiero che le coste della
Libia e di Cartagine siano raggiungibili in dodici ore di navi-
gazione, mentre quelle della Campania e del Lazio in venti-
quattro, si correla istantaneamente con gli eventi di cui quel-
le nazioni furono protagoniste e svela, attraverso lo scorrere
del tempo, che quelle stesse nazioni hanno ora assunto come
loro emblema il ramoscello d’olivo anziché la spada, il com-
mercio ed i rapporti amichevoli, anziché l’aggressione e la ra-
pina, ed offrono, con la loro relativa vicinanza, la benedizio-
ne della pace e vantaggi che mai la Sardegna ebbe, con la
confortante consapevolezza che se Cagliari avesse la possibi-
lità di valorizzare le proprie risorse naturali, potrebbe diven-
tare una delle città più importanti del Mediterraneo.
Grandi stagni si trovano su ambedue i lati del promonto-
rio: una combinazione di lago e palude. Quelli situati ad est
sono il Molentargiu, il Mare Stagno, quelli di Quartu e di

133. È un vento fresco di mezzogiorno che spira di mattina fino al tra-


monto. È tipico di Cagliari, gradito perché reca refrigerio alla calura esti-
va (N.d.T.).

283
L’ISOLA DI SARDEGNA

Maracalagonis. Lo stagno di Cagliari, sul versante occidentale,


lungo più di sei miglia e largo tre, è alimentato dal fiume Ca-
ralita il quale, nel suo percorso dal distretto del Sarcidano, ri-
ceve le acque tributarie dei ruscelli della Trexenta, di Donori
e del Cixerri.
Il fondale dello stagno, in molte parti, si trova sotto il livel-
lo del mare ed ha grandi e profonde fosse nelle quali le acque
ristagnano e la decomposizione di materiale vegetale nei punti
rimasti a secco, a causa della diminuzione dell’acqua degli af-
fluenti nel periodo estivo, genera malaria e intemperie, per
quanto Pausania134 attribuisca, erroneamente, l’insalubrità del-
l’aria alla cristallizzazione salina. Le particelle del sale, in realtà,
si depositano dappertutto e si sostiene che producano danni
alle vigne ed alle colture erbacee. Nelle zone sommerse dal-
l’acqua salata si trova del pesce eccellente e dalla pesca trag-
gono da vivere più di 700 persone, per quanto la produzione
annua sia stata stimata in non più di 500 tonnellate circa.
Gli stagni sono giustamente rinomati per la quantità di
uccelli acquatici di ogni specie che qui soggiornano. Grazie
ai vantaggi particolari del clima, all’ambiente protetto, al ci-
bo, non esiste forse in Europa un luogo nel quale si possano
vedere radunati assieme tanti esemplari della tribù piumata.
Non avendo soggiornato a Cagliari durante l’inverno, non
ebbi l’opportunità di avere totale conferma di questa descri-
zione ma, visitando gli stagni anche in estate, vidi innumere-
voli cigni selvatici, cormorani, aironi, oche ed esemplari più
piccoli di uccelli selvatici.
Degni di maggior interesse sono i fenicotteri. Queste crea-
ture maestose e belle, che giungono dal sud verso il mese di
settembre e vi sostano fino all’aprile dell’anno successivo, al-
lorché fanno ritorno verso climi più caldi, adottano nel volo
l’ordine e la regolarità più precisi. I loro stormi, che compren-
dono da uno a cinquemila uccelli, sono cuneiformi così che
la vicinanza dell’uno all’altro ed il veloce movimento simulta-
neo delle ali, dà l’idea di un’unica massa compatta.

134. Pausania, lib. X, cap. 17.

284
Ca pitolo XVII

Il magnifico colore rosso brillante del loro piumaggio, lie-


vemente sfumato nella tonalità più chiara delle piume interne,
assomiglia – quando sono illuminati dai raggi del sole – ad
una nuvola di fuoco vivo: «Di più bel colore non s’imbellettò
mai l’aurora, né splendettero i roseti di Pesto, quanto sono
vaghe le ale del fenicottero»,135 così ha ben descritto il Cetti.
Né lo spettacolo diventa meno interessante quando, insieme,
si muovono sulle rive degli stagni e sembrano, osservati da
non grande distanza, il bordo di un drappo di seta cremisi
agitato da una leggera brezza.
Per quanto noto ai Greci come phoenicopterus, o «dalle ali
rosse», Aristotele non fornisce particolari su questo esemplare
di uccello. Il latino fla mma sta all’origine della parola fla min-
go, da cui pure derivano i termini francese fla ma nt e spagnolo
fla menco, ma i Sardi lo chiamano ma ngoni e genta rrubia , os-
sia “gente rossa”. Non pare che questi animali si fermino spes-
so a procreare negli stagni, poiché raramente si sono trovati
dei nidi ed il loro modo di covare differisce da quello degli al-
tri uccelli. Innalzano una pila conica di erbacce, conchiglie ed
altro materiale per circa due piedi e mezzo di altezza che cor-
risponde, più o meno, a quella delle loro zampe e, dopo aver
depositato in cima le uova, si pongono a cavalcioni e così le
covano; questa strana posizione è imposta dalla lunghezza
delle zampe. Gli stagni offrono un ambiente talmente propizio
alle loro abitudini e necessità che se ne sono visti insieme,
lungo le rive, tra i due e i trecentomila. Aristofane, nella com-
media Gli Uccelli, fa esclamare a Peisthetairos, quando li vede,
«Santo cielo, sono belli e rossi!», e li definisce «palustri».136
Presso gli Egiziani, i fenicotteri erano sacri ad Iside ed
anche i Romani li tenevano in grande considerazione non
soltanto per la loro rarità ma perché si riteneva fossero un ci-
bo eccellente e sontuoso per la mensa, sì che quando Caligo-
la si fece deificare, i fenicotteri furono le vittime sacrificali nei
suoi altari.137
135. In italiano nel testo (N.d.T.).
136. Aristofane, Gli Uccelli, v. 272.
137. Vedi Svetonio, capp. 23, 57.

285
L’ISOLA DI SARDEGNA

Filostrato138 ricorda il loro gusto famoso quale piatto pre-


libato presso certi popoli ed Apicio, secondo Plinio,139 scoprì
sapori particolari nella lingua di questi uccelli. Quel «nepo-
tum omnium a ltissimus gurges» inventò una salsa da usare
come contorno per questa pietanza ed anche Lampridio140 ci-
ta la lingua ed il cervello quali cibi favoriti di Eliogabalo. Sve-
tonio, nell’elencare la lista delle vivande di Vitellio, vi include
uova di lampreda, cervelli di fagiano e lingue di fenicottero.
Marziale parla in termini metaforici del piumaggio e della lin-
gua, mentre Giovenale141 ricorda questa pietanza come uno
degli sfarzi folli del tempo.
La “gente rossa” non viene considerata dai Sardi un piatto
prelibato per cui questo volatile si mangia raramente; tuttavia,
l’osso della tibia viene talvolta usato dai Campidanesi come
organo della la unedda al posto della canna e si dice che pro-
duca suoni molto belli, chiari e forti. Il Cetti ricorda di aver as-
saggiato la lingua e i cervelli dei fenicotteri e, a proposito del-
la prima, dice: «A me parve mangiar poppa di vitella», mentre,
a proposito dei cervelli, afferma che erano «buoni ma non sin-
golari; in sostanza non avevano altro sapore che di cervello»,
sulla quale affermazione il Mimaut osserva: «On a va it peutêtre
oubliè la sa uce d’Apicius». Cetti conclude in modo divertente
la disquisizione gastronomica con queste parole: «Ma prese
due lingue, comunque ciascheduna da sé non fosse più che
un boccone, non andai più innanzi; m’accorsi che andava a
dare gran lavoro allo stomaco per quella notte, e compresi,
che a fare sguazzo di lingue di fenicotteri, come gli Imperado-
ri romani, ci volevano le risorse della romana intemperan-
za»,142 vale a dire la ricetta di Vitellio che riporta Svetonio:143
«Epula s interdum qua dra fa ria m dispa rtieba t ... fa cile omnibus
sufficiens vomita ndi consuetudine ».

138. Filostrato, Vita Apollonii Tya nensis, lib. VIII, cap. 4.


139. Plinio, lib. X, cap. 68.
140. Lampridio, De Obson. et Condim, lib. VI, cap. 7.
141. Giovenale, Sa tire, lib. XI, v. 137.
142. In italiano nel testo (N.d.T.).
143. Svetonio, “Vitellio”, cap. 13.

286
Ca pitolo XVII

Fra gli edifici pubblici della città si contano nove chiese


nel quartiere di Castello, dodici nella Marina, quindici in Stam-
pace, due nel sobborgo di Santa Tennera, sette rispettivamen-
te in quelli di Villanova e di Bonaria, per un totale di cinquan-
tadue.
Il personale ecclesiastico della cattedrale è costituito dal-
l’arcivescovo, un decano, trenta canonici e trentacinque sacer-
doti beneficiati. Le entrate della Chiesa variano a seconda del-
le decime, ma si può calcolare che vadano da 60.000 a 80.000
scudi, vale a dire da 11.520 a 15.360 sterline per anno, mentre
quelle dei sacerdoti si aggirano sui 1000 scudi, ossia 192 ster-
line. Oltre a queste entrate, vi sono gli “spogli” ed i “vacanti”,
una sorta di indennità, prescrizioni, possibilità di prebende,
messe extra, offerte ecc. e si dice si faccia grande abuso della
appropriazione e spartizione di tali risorse. Secondo i docu-
menti della cattedrale, san Clemente, discepolo del Salvatore,
sarebbe stato il primo vescovo di Cagliari nell’anno 46! e gli
stessi documenti annoverano una serie di 109 successori, fra i
quali, nel 1360, figura un Infante di Spagna, diventato poi ar-
civescovo di Toledo.
Alla cattedrale sono stati destinati legati testamentari per
la celebrazione di venticinque messe giornaliere oltre le con-
suete funzioni, e gli extra per le feste; dal numero di funzioni
che si svolgono simultaneamente nelle diverse cappellette
sembra che alcuni dei pii lasciti dei testatori vengano esaudi-
ti; di conseguenza, all’interno di queste mura, si celebrano al-
l’incirca 10.000 messe l’anno.
Uno dei lasciti è costituito dalla lampada che arde nell’al-
tare maggiore; altre somme sono destinate alle candele di ce-
ra e poiché se ne consumano otto once ogni ventiquattro ore,
ogni anno se ne impiega, all’incirca, un quintale in suffragio
dell’anima del testatore.
La cattedrale, sorta nella parte orientale del Castello, fian-
cheggiata da un’alta torre che funge anche da campanile, fu
costruita sulle rovine di due chiese su pianta analoga a quella
di San Paolo a Roma, sebbene su scala ridotta. È lunga circa
131 piedi, larga 122, compresi i transetti, ed alta 112, inclusa

287
L’ISOLA DI SARDEGNA

la piccola cupola. La seguente iscrizione ricorda la sua fonda-


zione da parte dei Pisani nel 1312, sebbene sia stata comple-
tata nel 1331 dagli Aragonesi ed infine ricostruita nel 1669.

Ca stello Ca stri contexit


Virgini Ma tri direxit
Me templum istud invexit
Civita s Pisa na ,
Anno currente milleno
Protinus, et tercenteno
Additoque duodeno
Inca rna tionis
Redemptoris, Jesu Christi.
Dominus Berna rdus Guicti
Michel Eccha va ni dicti
Era nt Ca stella ni.
Ille qui crea vit mundum
Redda t igitur jucundum
Communi Pisa rum. Amen.

Si nota – nel monumento – un curioso amalgama di epo-


che diverse degli stili pisano e romano, ma la facciata ester-
na, la scalinata, la pavimentazione e molte piccole cappelle
di marmo pregiato, conferiscono all’edificio un aspetto impo-
nente.
L’altare maggiore è d’argento, con varie statuette di diver-
so stile, e fra le varie opere di pittura sono degne di nota un
Martirio di santa Barbara della scuola del Carracci, un Cristo
fra i due ladroni (se ricordo bene, è una copia di quello di
Pedro Orrente, nella galleria di Madrid), una Flagellazione,
una brutta copia ad opera di un certo Guido, una santa Ce-
cilia ed una Madonna circondata dai santi. Non ho potuto
vedere un’opera nella sacrestia che, secondo la descrizione
del Valery, è divisa in tre pannelli rappresentanti il Salvatore,
la Vergine Maria, sant’Anna e santa Margherita. A prescinde-
re dal fatto che si tratta di pittura eccellente, il dipinto è inte-
ressante anche per la circostanza nella quale fu donata alla

288
Ca pitolo XVII

cattedrale da Clemente VII. Esso, infatti, gli fu restituito da un


soldato spagnolo il quale, nella battaglia di Roma nel 1527,
l’aveva trafugato dalla camera da letto del pontefice. L’opera
viene esposta soltanto in occasione della festa dell’Assunzio-
ne e vengono concesse generose indulgenze ai fedeli che,
quel giorno, reciteranno di fronte ad essa sette Pa ternoster e
sette Ave Ma ria .
Fra le altre cose pregevoli della sacrestia si annovera un
piatto d’argento che, in alto rilievo, riproduce una raffigura-
zione di Nettuno, con accompagnamento di ninfe, tritoni ed
altre figure, attribuito a Benvenuto Cellini. Un altro esempio
delle allegorie pagane, che sono alla base dei riti cristiani, si
trova in una delle piccole cappelle nella quale una baccante
costituisce parte dell’altare. Il mausoleo di don Martino, re di
Sicilia, che morì a Cagliari nel 1409, fu eretto molti anni dopo
la sua morte ed essendo stato modificato per aver subito ag-
giunte in epoche diverse, si impone all’attenzione più per la
mole che per lo stile ma costituisce uno sfarzoso memoriale
della conquista e della vanità aragonesi, come pure della
sconfitta dei Sardi e della loro ossequiosa sottomissione.
Il santuario scavato sotto il presbiterio, ricavato dalla soli-
da roccia e finemente decorato, è diviso in tre parti in una
delle quali si trova la tomba di Maria Giuseppina Luisa, figlia
di Vittorio Amedeo III e moglie di Luigi XVIII di Francia. Morì
a Londra il 12 novembre 1810, e da lì i resti furono traslati a
Cagliari; fra le diverse donazioni fatte da Luigi XVIII alla catte-
drale in occasione della sua tumulazione, figura un ostenso-
rio, o teca della sacra ostia, sul quale sono incisi i loro ritratti
con la strana iscrizione, «Intenda nce des menus pla isirs du Roi
et a ffa ires de la cha mbre ». Il Valery stigmatizza opportuna-
mente la non pertinenza di una tale espressione, «titre biza r-
re, frivole, ma lséa nt, qui le pa ra it encore da va nta ge a pposé
sur le sa cré soleil cha rgé du Sa int des Sa ints».
Un monumento a Carlo Emanuele (il figlioletto di Vittorio
Emanuele), che morì il 9 agosto del 1799, è stato realizzato
con un antico bassorilievo sul quale vi sono figure assoluta-
mente insignificanti per modestia e grazia.

289
L’ISOLA DI SARDEGNA

Attorno a queste cappelle sotterranee vi sono moltissime


nicchie con bassorilievi entro le quali sono conservati quelli
che furono ritenuti i resti di un’intera armata di martiri. Furo-
no ritrovati sotto le rovine della chiesa di San Saturnino, nel
1617, e traslati nell’attuale luogo di quiete con grandi cerimo-
nie e con tanta devozione, sotto la sovrintendenza dell’arcive-
scovo D’Esquivel, il quale ne pubblicò un resoconto dal titolo
Rela çión de la invençión de los cuerpos sa nctos, A.D. 1617, un
libello proprio degno del soggetto. L’equivoco che si trattasse
delle ossa dei martiri ebbe origine dalle lettere “B. M.” trovate
sulle tombe e che i Sardi, più creduloni che esperti di cultura
classica, subito interpretarono come «Bea tus Ma rtyr». Il Mura-
tori, nell’affermare che era notorio il fatto che B. M., iscrizio-
ne usuale sulle tombe pagane e cristiane, significava invece
«Bona e Memoria e », provocò il disappunto degli ecclesiastici
cagliaritani poiché vanificava la loro errata convinzione e ov-
viamente il grande storico fu criticato per il suo empio scetti-
cismo. Il padre Napoli, nelle sue Note illustra te e diffuse, tenta
di rivendicare la santità di quelle reliquie domandando al dot-
to studioso di cose antiche se sapesse quanti innumerevoli
miracoli si fossero verificati al tempo della loro traslazione e,
fra gli altri, l’episodio delle campane di tutte le chiese che
avevano suonato da sole! «Suonarono da per sé, tutte le cam-
pane delle chiese!». La schiera di questi martiri è così spaven-
tosamente grande che se si credesse nella veridicità di queste
reliquie, Cagliari avrebbe dovuto essere una specie di matta-
toio religioso.
La chiesa di San Pietro, nelle vicinanze di alcune rovine
romane, è fra le più antiche della città e, sebbene gli arcive-
scovi vi celebrassero messa nel tredicesimo secolo, ora è ra-
ramente frequentata, salvo che dai pescatori degli stagni.
Della Vergine del Carmine si conservano alcuni eccellenti
esemplari di antica pittura su tavola e la chiesa di Sant’Anna
vanta due opere di artisti moderni locali: L’ultima cena , di
Marghinotti, ed una statua di marmo di sant’Amedeo, alta no-
ve piedi, di Galassi.
Nella chiesa di San Lucifero, grande e semplice nello sti-
le, si trova un grossolano sarcofago che si ritiene sia stato la

290
Ca pitolo XVII

tomba del Santo, nonostante le sue ossa si trovino fra le reli-


quie della cattedrale. Vescovo di Cagliari nell’anno 335, Luci-
fero ebbe un ruolo importante nelle controversie del suo
tempo contro Atanasio; le sue lettere all’imperatore Costanzo
sono famose per la grande vivacità polemica, seppure intrise
di amaro spirito settario. Per quanto annoverato in diverse
epoche fra i santi del calendario sardo, non fu mai ricono-
sciuto tale dalla Chiesa Romana fino al 1803, anno in cui fu
legittimamente canonizzato da Pio VII.
La chiesa di Sant’Agostino è ricca di arredi e di decorazio-
ni e, fra gli oggetti di grande venerazione, vi è una grande
statua lignea del Santo, ottimamente scolpita, ma così eccessi-
vamente carica di dorature e colori da aver più un aspetto
scenografico. Questo edificio è famoso nella storia ecclesiasti-
ca della Sardegna per il fatto che i resti del Santo vi furono ri-
posti per oltre 200 anni, dopo essere stati portati a Cagliari da
Ippona, in Africa, nell’anno 500, dai vescovi cattolici che, da
quel Paese, erano stati cacciati in quell’epoca da Trasamondo,
re dei Vandali. Nel 721, quando la città era esposta alle conti-
nue incursioni dei Saraceni, Liutprando, re dei Longobardi, al
fine di preservare le sante reliquie, riuscì ad entrarne in pos-
sesso acquistandole dai Cagliaritani, e le trasferì a Pavia. Ora
riposano nello splendido e maestoso mausoleo gotico del
duomo di quella città. Le osservazioni del Gibbon144 su questi
fatti vengono espresse col suo solito stile caustico.
Sant’Agostino (secondo il suo biografo Ambrogio Staiba-
no)145 edificò a Ippona l’oratorio che ancora esiste ed al qua-
le è legata una nota storiella.
Mentre soprintendeva ai lavori, ci si accorse che una trave
era troppo corta perché potesse poggiare nelle due mura. Alle
reazioni di insofferenza e di disappunto dei suoi compagni, il
Santo li ammonì dicendo loro che avrebbero dovuto avere
maggior fede in Dio e tenere a mente l’insegnamento evange-
lico: «In verità vi dico, chiunque dirà a questo monte: spostati
da qui e gettati in mare, e nel suo cuore non nutrirà dubbio

144. E. Gibbon, cap. 41.


145. A. Staibano, cap. 27, p. 112.

291
L’ISOLA DI SARDEGNA

alcuno, ma crederà che quanto dice si avvererà, egli otterrà


tutto quanto chiede».146 Ordinò poi loro di reggere un’estremi-
tà della trave mentre egli prendeva l’altra e dopo aver detto
«tirala», sebbene egli appena la reggesse, la trave si allungò da
sé e fu così che si procedette nella costruzione della cappel-
letta. («Tira – disse al compagno – ed appena l’ebbe toccata,
la trave si allungò in modo che avanzò la cappelletta»).147
Un dipinto curioso, pur realizzato discretamente, custo-
dito nella chiesa, rappresenta il Santo in biblioteca, circon-
dato dai capi dei diversi ordini religiosi che adottarono la
sua regola e, per loro edificazione e per istruttivo esempio,
prende a calci e fa ruzzolare ai suoi piedi Martin Lutero che
sta carponi! Un’antica iscrizione nell’architrave della porta ri-
corda l’esistenza di una sorgente sotterranea miracolosa le
cui acque curavano un’infinità di mali e della quale si è per-
so il ricordo. Tuttavia, alla dissacrazione del convento, al
quale la chiesa apparteneva, per volere di Filippo II di Spa-
gna, contribuirono le sepolture che ebbero luogo al suo in-
terno durante la grande pestilenza dell’anno 1816. Come
scrisse un autore sardo, «nocquero alla religione del luogo».
La chiesa dedicata a sant’Efisio suscita, invece, interesse
soltanto per la cripta che, in origine, era una cisterna per la
raccolta e la distribuzione dell’acqua dell’acquedotto romano:
le due aperture utilizzate a tale scopo esistono ancora. Poiché
si dice che questo Santo, che è il più importante nella schiera
di quelli cagliaritani, sia stato qui imprigionato, occorrerebbe
sottolineare che, secondo la leggenda, fu un generale dell’eser-
cito di Diocleziano e che, a causa della sua conversione al
Cristianesimo, venne decapitato nei pressi della città di Nora.
In occasione della sua festa, il 1 maggio, grandissima folla di
Cagliaritani accompagna il simulacro, con gli usuali onori, al
luogo della sua decapitazione. Persone di tutti i ceti seguono
la processione e la vivacità e varietà dei costumi vengono ri-
tenuti i più belli di qualsiasi altra festa d’Italia. Il radunarsi dei
fedeli delle diverse zone dell’Isola in una spiaggia chiamata

146. È un brano del Vangelo di Matteo 17, 20 (N.d.T.).


147. In italiano nel testo (N.d.T.).

292
Ca pitolo XVII

La Scaffa, costituisce l’aspetto più vivace dell’avvenimento


perché vi giungono anche i vascelli e le barche della costa
con pavesi e ornamenti vari. Non è il caso di addentrarsi nei
particolari della cerimonia ma non si può sottacere il fatto
che sant’Efisio possegga la migliore e più allegra carrozza
dell’Isola, ben custodita in una rimessa della chiesa. È qualco-
sa che sta a mezzo fra la carrozza del Lord Ma yor, il sindaco
di Londra, ed un catafalco, e sua santità, rimorchiato dai buoi,
vien portato, in beata solitudine, a Nora, ed il ritorno avviene
con non minor pompa di quella di Sua Eccellenza il sindaco
quando fa ritorno alla residenza ufficiale di Ma nsion House.
Questi onori gli sono stati puntualmente tributati come ri-
compensa per aver liberato la città dalla peste nel 1656 ma,
dopo un intervallo di 137 anni, con doveroso ed alto senso
della riconoscenza di cui si sentiva debitore per questa scam-
pagnata annuale, pensò che era tempo di compiere qualche
altro miracolo per gli amici sardi. Di conseguenza, quando
nel mese di febbraio del 1793 i Francesi assediarono Cagliari,
diede graziosa risposta alle preghiere e alle processioni fatte
durante il bombardamento della città e fu la causa dello scac-
co e della sconfitta di Latouche Tréville, per quanto la sua
chiesa avesse prima patito gravi danni a causa delle canno-
nate e delle granate che l’empio ammiraglio francese aveva
sparato contro, ed alcune schegge delle quali si trovano an-
cora infisse e incastonate nelle pareti.
A ricordo del successo dei Sardi, fu coniata una medaglia
da parte del Governo piemontese con un’iscrizione che giu-
stamente tale successo attribuisce al braccio poderoso del Dio
delle Vittorie, ciononostante i Cagliaritani credono nella po-
tenza del loro eroe che fu canonizzato in quell’occasione e,
per sostenerli nella fede, il Marghinotti ha dipinto una grande
tela che ricorda l’episodio e che ora si trova nel monastero
degli Scolopi.
La chiesa di San Domenico conserva un dipinto singolare,
una crocifissione nella quale, fra i molti ritratti che vi com-
paiono, figura anche quello di Dante. Non si conosce il nome
del pittore ma due belle teste di san Pietro e san Paolo sem-
brano essere dello stesso artista.

293
L’ISOLA DI SARDEGNA

I monasteri ed i conventi furono notevolmente dimensio-


nati dalla dinastia aragonese ed in parte eliminati da Casa Sa-
voia; in verità, ne esistono ancora molti e quel che segue è
un loro elenco col numero dei religiosi e dei relativi ordini ai
quali appartengono. Il monastero di San Giuseppe conta 25
Scolopi; quello della S.S. Annunziata, 14 Scolopi noviziati;
Santa Rosalia, 45 Osservanti; quello di San Mauro, 30 Osser-
vanti noviziati; il convento Maggiore, 64 Cappuccini; il San
Benedetto, 18 Cappuccini noviziati; quello di Santa Teresa,
26 Gesuiti; il Convitto, 20 Gesuiti; San Michele, 20 Gesuiti no-
viziati; San Francesco, 24 Conventuali; San Leonardo, 21 Ago-
stiniani; il San Francesco, 14 Paolotti; il San Domenico, 27
Domenicani; il convento di Bonaria, 32 Mercedari; quello del
Carmine, 25 Carmelitani ed il convento di Sant’Antonio, 11
Ospedalieri. Il convento di Santa Chiara conta 30 Francesca-
ne; quello di Santa Lucia, 18 Francescane; la Purissima, 14
Francescane; quello delle Cappuccine, 33 monache e Santa
Caterina, 8 Domenicane. A queste 21 istituzioni religiose, van-
no aggiunte le otto confraternite del Monte, del Santo Sepol-
cro, di Santa Caterina, di Santa Lucia, della Vergine d’Itria, di
Sant’Efisio, di Santa Restituta e quella del Cristo.
Non potei accertare il numero esatto dei componenti di
ciascuna confraternita; si potrebbe ipotizzare una media di 6
unità che, aggiunte ai 416 frati e 103 monache, fanno com-
plessivamente 567. Calcolando che il complesso dei ministri
impegnati nelle attività religiose delle 52 chiese si può stima-
re in 220, inclusi i 66 religiosi della cattedrale, ne risulterà
un totale di 787 unità che operano nella chiesa e nelle orga-
nizzazioni ecclesiali, il che, su una popolazione cittadina di
29.600 abitanti, significa che esiste la proporzione di un reli-
gioso per ogni 37 anime. In questo calcolo non è compreso
il numero dei laici addetti alle diverse istituzioni, come chie-
rici, sagrestani, domestici, questuanti, o in qualunque altro
modo ad esse collegati; se, per realistica ipotesi, fossero 200,
sommati ai 787, ne conseguirebbe che circa una persona su
30 campa dai profitti finanziari della religione.
Il monastero francescano di Stampace, costruito nel 1274,
costituisce un bell’esempio di architettura e merita di dedicargli

294
Ca pitolo XVII

attenzione per il suo peristilio. Certi dipinti della cappella,


attribuiti al Cimabue, iniziatore della scuola fiorentina, sono
più originali che belli, ed il migliore è quello che raffigura il
Sa nto Dottore. Fra le reliquie e le cose curiose si trova un
ordito ricamato che si dice abbia fatto parte dell’abito di san-
t’Agostino, la cui fattura rivela abbastanza chiaramente l’epo-
ca e la falsità; tuttavia, l’oggetto più interessante è costituito
da un grande trono episcopale sorretto da tre pilastri di pie-
tra, edificato a ricordo della sosta a Cagliari di Carlo V, in oc-
casione della spedizione a Tunisi, nel 1535.
Nel medesimo quartiere di Stampace si trova il monastero
delle Cappuccine, situato in bella posizione, eretto nel 1591 e
sebbene, quanto a decorazioni, non sia ricco come quello
francescano, non gli è inferiore quanto a stile. All’interno del-
l’edificio esiste una farmacia che rifornisce gli altri monasteri.
Il collegio e la chiesa dei Gesuiti, la più ricca di Cagliari,
è fastosa per lo stile e per le decorazioni di marmi colorati,
delle colonne e di una balaustra d’altare in alabastro. Fra i di-
pinti ivi conservati si annovera un Ada mo ed Eva , opera della
scuola di Guido. Quando, però, ci si rese conto che i nostri
progenitori apparivano troppo indecenti nella loro originale
nudità, furono, alcuni anni fa, ridipinti e rivestiti della ma-
strucca, la veste nazionale di pelle di pecora, e gli innocenti
angeli vennero anch’essi ricoperti di indumenti adeguati.
Sebbene sant’Efisio sia l’oggetto prediletto di venerazione
da parte della maggior parte dei Cagliaritani, Nostra Signora
di Bonaria occupa ugualmente un posto molto rilevante nei
loro devoti affetti, per cui l’immagine miracolosa, ed i suoi
egualmente portentosi effetti, meritano di essere messi nel
giusto risalto.
Il monastero di Bonaria, sorto in riva al mare, offre un
panorama meraviglioso e le uniche cose lodevoli che i tren-
tadue Mercedari hanno fatto per la società, sono la coltiva-
zione della terra e la lavorazione di alcune cave di alabastro,
appartenenti al convento, sebbene in questo loro lavoro sia-
no stati animati dal desiderio di perseguire il guadagno per-
sonale piuttosto che quello pubblico. Nel 1324, alcuni anni
dopo la costruzione del monastero, si sperò, ovviamente, che

295
L’ISOLA DI SARDEGNA

qualche evento portentoso lo portasse alla celebrità e i desi-


deri dei Mercedari furono esauditi nel 1370 quando, secondo
la leggenda, un vascello catalano, che tornava dall’Italia, fu
investito da una violenta bufera e costretto a gettare in mare
l’intero carico che portava a bordo. Andò tutto a fondo, ad
eccezione di una piccola cassa che i marinai videro galleggia-
re e dirigersi con grande determinazione verso Cagliari. La lo-
ro meraviglia crebbe quando si resero conto che la loro nave
seguiva spontaneamente il cammino della cassa stessa. Alla
fine, ambedue i natanti approdarono salvi sulla spiaggia di
Bonaria ed i marinai, bramosi di vedere la guida galleggiante
che li aveva condotti in salvo, si sforzarono di sollevarla al
cospetto di una moltitudine di popolo che, intanto, vi si era
radunata. Ogni tentativo di trasportarla dalla spiaggia si rivelò
inutile: la cassa stava saldamente ancorata in quel punto così
come salda era la collina di Bonaria. Alla fine, un marinaio si
accorse che l’arca era sigillata con lo stemma dell’Ordine dei
Mercedari e così, chiamati due frati del convento, questi la ti-
rarono su come se si fosse trattato di una manciata di sabbia.
Ben presto la notizia si diffuse per tutta la città; le autori-
tà civili e religiose furono invitate nella chiesa del monastero
per assistere alla cerimonia dell’apertura della cassa. Compiu-
ta l’operazione, videro che il contenuto era costituito da una
statua della Vergine col bambino in braccio, recante nella
mano destra una candela accesa che le aveva bruciacchiato il
mantello e la mano stessa, ed anche i piedi del bambinello.
Ripresisi dalla sorpresa, sorse una discussione in merito al
luogo in cui sistemare il tesoro sacro: l’altare maggiore della
chiesa, infatti, era già occupato dalla statua di una Madonna
del Miracolo e, pertanto, l’arrivo di un’altra di uguale genere
veniva a creare una situazione imbarazzante; sorse, pertanto,
una disputa, non priva di rilievo, in merito alla priorità ed al-
l’etichetta da osservare in materia di santità. Fu, alla fine, de-
ciso che la nuova statua dovesse essere sistemata, così come
immediatamente si fece, in una cappella laterale ma, durante
la notte, i due simulacri concordarono di invertire i loro posti
e così, pertanto, fecero. Il popolino sbalordito, bramoso di

296
Ca pitolo XVII

vedere un’altra prova della loro capacità locomotoria, le siste-


mò nuovamente nel modo in cui erano state poste la sera
precedente ma, nottetempo, esse ancora invertirono la collo-
cazione. Ora non rimaneva altro da fare se non concedere al-
le statue una terza ed ultima opportunità, alla presenza di
una moltitudine di devoti che stava seduta ad aspettare. Per
la terza volta, le statue cambiarono posto e, da questa inequi-
vocabile e ben chiara determinazione di occupare quei sacra-
ri, fu loro concesso di rimanervi e sono tuttora oggetto della
massima venerazione.
Il simulacro ritrovato nella cassa troneggia sull’altare mag-
giore, ornato di catenine d’oro e d’argento, lampade ed oggetti
di ogni genere e, sullo stesso altare d’argento cesellato, è ripo-
sta la vecchia cassa dentro la quale giunse la statua e della
quale piccoli frammenti sono stati acquistati dai fedeli a caro
prezzo, da usare come salvagenti speciali in caso di naufragio.
La soggezione ed il timore reverenziale con i quali que-
ste reliquie mi furono mostrate, sembravano essere parte di
tutto il miracolo, in particolare i segni delle bruciature causa-
te dalla candela sacrilega. Di fronte all’altare c’è una navicella
d’avorio che pende dalla volta con una cordicella: una sacra
banderuola che, a seconda della posizione della prora, indica
in quale direzione stia soffiando il vento nel golfo di Cagliari.
Nel 1680, il viceré conte Egmont, in uno slancio di devozio-
ne verso la navicella e di cortesia verso i Sardi, sostituì con
una catenella d’oro ornata di pietre preziose l’ordinaria cordi-
cella per mezzo della quale stava sospesa. Il sacro arredo,
però, non gradì il cambiamento e si rifiutò ostinatamente di
ruotare la prua a seconda del vento finché i monaci non eb-
bero ripristinato la cordicella originaria.
Non sarebbe proprio corretto, nei confronti della rivale
Madonna del Miracolo, sorvolare sulla sua storia, dal momen-
to che la sua origine è certa e convincente come quella della
sua compagna. L’appellativo le è derivato dall’episodio di un
fedele deluso il quale aveva inutilmente invocato la sua inter-
cessione in un affare speculativo e che, di fronte al rifiuto, le
trafisse la gola con un pugnale per vendicarsi del danno che

297
L’ISOLA DI SARDEGNA

aveva subito. Nel momento in cui commetteva il crimine sa-


crilego, l’ira celeste si manifestò con grande fragore di tuono
e dalla ferita inferta alla statua sgorgò un fiotto di sangue; il
temerario peccatore cadde a terra privo di sensi.
La ferita e le macchie di sangue sono tuttora visibili e nei
fedeli provocano sentimenti di orrore ma anche di venerazio-
ne. Se, tuttavia, il simulacro della Madonna del Miracolo non
fu in grado di evitare lo spietato pugnale dell’assassino, non-
dimeno esso possiede il potere di ritardare la decomposizio-
ne dei moltissimi corpi che vengono sepolti nel cimitero di
Bonaria. In questo luogo, così come in molti altri, infatti, il
processo di decomposizione avviene più lentamente, e ciò a
causa dell’assorbimento del suolo di una miscela di carbona-
to di calcio ed argilla, come giustamente sottolinea il capita-
no Smyth, ma i Cagliaritani sono esperti più di devozione e
di statue che di chimica e di geologia.
Fra i dipinti del monastero di Bonaria ce n’è uno che raffi-
gura i Mercedari nell’atto di insegnare la dottrina religiosa ai
Gesuiti; una presunzione offensiva nei confronti dei dotti di-
scendenti di Ignazio da Loyola i quali, secondo quel che si di-
ce, avrebbero tentato, senza successo, di accaparrarsi un’opera
d’arte che rappresenta ciò che essi ritengono essere impossibi-
le nella realtà. Un’altra pittura del chiostro ricorda la vicenda di
un turco il quale, dopo aver abiurato la propria fede per ab-
bracciare il Cristianesimo, tornò successivamente all’antica reli-
gione dopo essersi rifiutato di fare alla Chiesa una certa offerta
di denaro. Durante la notte, però, vennero cinque demoni per
portarsi via la sua anima apostata e meschina quando gli ap-
parve la Madonna di Bonaria che mise in fuga i diavoli, ricon-
quistò il convertito musulmano ed ovviamente anche l’obolo.
Molti altri monasteri meritano di essere visitati ma le loro
peculiarità non sono talmente interessanti da richiedere det-
tagliate descrizioni.

La piazza San Carlo, nel quartiere di Stampace, è la più


importante della città e grazie ad una monumentale pietra
miliare che vi è stata collocata, è possibile calcolare da qui le

298
Ca pitolo XVII

distanze dei paesi che si trovano lungo la strada nazionale


per Sassari.
La strada di San Michele, una via bella e lunga circa 262
iarde, durante il Carnevale diventa una pista per la corsa dei
cavalli e, per la vivacità dei drappi e dei tappeti che pendono
dalle finestre, per la moltitudine di spettatori in maschera, e
per i soliti spettacoli gioiosi ma frivoli di quell’occasione, so-
miglia al Corso di Roma, sebbene il modo di gareggiare a ca-
vallo sia diverso da quello della città imperiale. I Romani pre-
feriscono correre a cavallo senza altri impacci che non siano
nastrini e petardi e premiano l’animale spossato che per pri-
mo giunge al traguardo. Al contrario, i Sardi considerano la
destrezza e il funambolismo dei cavalieri gli elementi più im-
portanti e divertenti delle corse. La manifestazione si chiama
“pareggia”148 e vede partire assieme da tre a sei cavalieri, con
le braccia avvinte l’uno all’altro così che, quadrupedi e bipedi
formano una massa in movimento di cavalli e centauri. Allac-
ciati insieme in questo modo, partono al galoppo lungo la
strada principale malamente pavimentata e in altre stradine
scoscese, a velocità folle, tanto che dalle pietre di selce vola-
no scintille ad ogni falcata mentre sfrecciano fra le case e la
gente che sta assiepata ai bordi. La particolarità della corsa
consiste nel fatto che i cavalieri devono arrivare nello stesso
ordine col quale sono partiti senza che alcuno si stacchi dal-
l’altro. Le paregge si susseguono una dopo l’altra in un vocio
assordante; lo spettacolo si protrae fino al crepuscolo e susci-
ta l’entusiasmo dei cavalieri e degli spettatori ma, in conside-
razione dei pericoli cui entrambi sono esposti, il Governo cit-
tadino ha vietato questo genere di corsa e, per tale ragione,
ora non si svolge che raramente. I cavalli, come quelli che
corrono a Roma per la festa di sant’Antonio, ricevono in chie-
sa la benedizione, la qual cosa conferisce un’atmosfera di re-
ligiosità alla manifestazione.

148. L’autore fa riferimento alle corse a pariglie che avevano luogo nella
strada di San Michele a Cagliari. “Pareggia” equivale al termine più in
uso “pariglia” (N.d.T.).

299
L’ISOLA DI SARDEGNA

Le strade principali sono lastricate discretamente ma lad-


dove non esiste pavimentazione, il camminare diventa peno-
so a causa dell’irregolarità e delle asperità delle pietre. Per la
pulizia cittadina si impiegano galeotti ma quando si trascura
questa operazione, si forma un inverecondo accumulo di im-
mondezza. In tutta la città non ci sono più di 130 lampioni
sebbene, proprio per fornire l’illuminazione, sia stata imposta
una tassa sull’importazione dell’olio. Fra i molti inconvenienti
che derivano dall’angustia delle strade, c’è quello di ritrovarle
sempre intasate dalle tra cca s trainate dai buoi e molti di questi
animali non dimostrano particolare mitezza di carattere e cor-
tesia verso i passanti quando a questi capiti la ventura di avvi-
cinarsi troppo o di sfiorali. Gli animali, che notoriamente han-
no un temperamento ombroso, portano un piccolo fascio di
paglia sulle corna a mo’ di avvertimento; un’abitudine analoga
è in uso anche in altri Paesi e si può far risalire ai Romani. Plu-
tarco, nella sua Vita di Cra sso, ricorda che Lucinio, richiestogli
il perché non affrontasse Crasso come gli altri avversari, rispo-
se: «Porta fasci di paglia sulle corna».
Dal punto di vista dell’architettura pubblica e privata, Ca-
gliari può aspirare a piazzarsi soltanto fra le città di second’or-
dine. Il palazzo municipale, un edificio piccolo e poco decoro-
so, conserva un ritratto di Carlo Felice attorniato da quattordici
personaggi, stipati dentro la tela, che hanno un’aria truce e
sofferente come le stravaganti allegorie del soggetto. Questo,
come un altro ritratto dell’attuale re, è opera del Marghinotti.
Murata nella facciata del palazzo, una lapide di marmo con
iscrizione latina ricorda l’arrivo di Carlo V, nel 1535, e le opere
di fortificazione da lui fatte eseguire nel quartiere della Marina.

«Imper. Ca r. V. Rege, et domino semper a ugusto, orbis pa tre,


et mona rca , victore, a c triumpha tore invictissimo Ca la rim cle-
mentissime ingresso: huc convoca ta eodem duce Ca la ris ingen-
ti cla sse triremium, et na vium ferme sexcenta rum, confluenti-
bus ex universa Europa strenuissimis heroibus directa mense
Junii, a tque ejus a rca ma ritima , a c munitissima a uspiciis, im-
perioque illustrissimi, a tque incliti viri don Antonii de Ca rdona
ex memora tis, et duca ti, a tque a lto focorum sa nguine progeniti,

300
Ca pitolo XVII

et pro eodem sa cra tis, a c Christia nis: Ca esa re locum tenentis


genera lis, hoc propugna culum, et moenia contigua ma ri a dja -
centia publica impensa extrueba nt, pra ecla rius, et semper viris
optime de republica meritis, civita tisque pa triciis, a c vera ma -
jest. Ga spa re Fortesa , Onofrio Rocca , Petro Mora , Joa nna to
Ma rtino, Micha ele Ama rgos, consilia riis a nno S.N. M.D.XXXV.
Reipublica e a rchitectus Petrus Pons Ba rchinonensis».

Per la capitale si trattò di un evento di grande importanza


i cui particolari non coincidono esattamente col resoconto fat-
tone dal Robertson nella sua Storia di Ca rlo V.149 L’epigrafe af-
ferma che vi erano quasi seicento navi, «ferme sexcenta rum »
e, sebbene negli archivi di Cagliari non si trovi preciso riscon-
tro della visita del monarca, così come accadde per Alghero,
secondo quanto attestano Gazano, Ulloa, Fara, Vico ed altri,
parrebbe che il Sovrano sia partito da Barcellona l’11 giugno,
sia giunto a Cagliari il 15 e vi sia rimasto 10 giorni; di conse-
guenza, la partenza avrebbe dovuto aver luogo verso il 25
giugno. Il Robertson, invece, afferma che «il 16 luglio, la flot-
ta, composta da cinquecento navi, con a bordo più di 30.000
soldati regolari, fece rotta alla volta di Cagliari ecc. ecc.».
La splendida vittoria ottenuta dall’imperatore fu giovevole
per i Sardi come per altri Stati della Cristianità che avevano su-
bito la pirateria africana e la schiavitù. Il Robertson, nel citare i
risultati della spedizione, afferma che il numero degli schiavi
affrancati dalla servitù fu di 20.000 ma, poiché non riportò il
numero esatto, il sesso e la nazionalità, dettagli più precisi si
possono ricavare dal Gazano che si basa sulla autorevolezza
di Gregorio Leti e Rodrigo Sandival: «Italiani: maschi 4490,
donne, 2735; Siciliani: 2618 e 1866 rispettivamente; Francesi:
1772 e 453; Spagnoli: 3522 e 1217; Sardi: 644 e 475; Corsi: 327
e 148; Inglesi: 34 e 109; Tedeschi: 25 e 35; Fiamminghi: 113 e
21, per un totale di 20.604 persone».
Il palazzo viceregio non è molto bello sia per l’architettu-
ra esterna che per gli interni. Una serie di ritratti dei viceré,
che adorna le pareti, costituisce un’interessante testimonianza

149. Vedi W. Robertson, Storia di Ca rlo V, lib. V, anno 1535.

301
L’ISOLA DI SARDEGNA

storica, ma nessuno di essi si può proprio considerare un ca-


polavoro. L’edificio è stato ricostruito dopo esser stato distrut-
to da un incendio nel 1656. A proposito di questa calamità,
circolò voce che il viceré avesse ordinato la demolizione del
convento degli Agostiniani in quanto costituiva ostacolo per
le fortificazioni che, in quell’epoca, venivano consolidate per
la difesa; scoppiò un incendio in quel punto proprio la notte
che precedette l’inizio dei lavori e il fuoco mandò in malora
tutti i suoi averi.
Fu allora chiaro, al viceré così come ai Cagliaritani, che
era stato sant’Agostino ad aver appiccato il fuoco per cui il
giorno successivo egli si recò alla chiesa del Santo e, dopo
aver fatto penitenza, implorò perdono per le proprie inten-
zioni sacrileghe.
L’arsenale, nella collina di San Pancrazio, si trova in un
luogo scavato nella roccia a ridosso della quale sta parte del-
l’edificio. Il conte Boyl (che cortesemente mi accompagnò in
visita) ne intraprese la costruzione nel 1827 ma non gli fu con-
sentito di realizzare il progetto originale ed è tuttora rimasto
incompiuto. L’ingresso attraverso una grande arcata sorretta da
quattro colonne di granito di bello stile e di armoniose pro-
porzioni potrebbe indurre a pensare che si tratti di un edificio
destinato al suo reale scopo, tuttavia all’interno non si vede al-
tro che pochi esemplari di ordigni bellici di vario genere ed
una serie di piccolissime officine, nelle quali lavorano tre o
quattro persone che si occupano di riparazioni di poco conto.
La fusione dei cannoni e la lavorazione delle armi da fuoco è
da tempo cessata, dal momento che le forniture giungono da
Torino e il «tutto qualità, orgoglio, sfarzo e fatti di guerra», in-
sieme con il «lavoro» del conte Boyl, sono cose passate.
L’unico oggetto che attrae l’attenzione è una statua in
bronzo del re Carlo Felice, alta all’incirca 12 piedi, progettata
dal Galassi.150 Quando venne eseguita la fusione, si nutrirono

150. Andrea Galassi, scultore sassarese, allievo di Antonio Canova, auto-


re – fra le altre opere – del monumento a Carlo Felice, situato in una
piazza centrale di Cagliari. Fu compiuto nel 1829 ma inaugurato nel 1860
(N.d.T.).

302
Ca pitolo XVII

seri dubbi di un probabile fallimento, dal momento che si


trattava del primo esperimento eseguito nell’Isola e, probabil-
mente, non sarebbe stato mai compiuto se il conte Boyl non
avesse garantito al sindaco di Cagliari le spese per l’esecuzio-
ne dell’opera. Sotto la sua sovrintendenza il tentativo ebbe
successo senza che si fosse verificato alcun inconveniente sia
nella fusione che nella colata. Non si può, certo, dire che
questa statua sia un capolavoro, fatta eccezione per il drap-
peggio, la parte dell’opera più degna di nota. Carlo Felice vie-
ne rappresentato in tunica e schinieri e potrebbe facilmente
essere scambiato per Giulio Cesare o qualsiasi altro guerriero
romano dalle cui rappresentazioni il Galassi trasse ispirazione,
ma l’abbigliamento classico e grandioso mal si concilia col ca-
rattere del monarca savoiardo al quale, per quanto risoluto e
saldo nelle sue idee – conseguenza di pregiudizi piuttosto che
di buon senso – si riconosce, anche da parte dei suoi estima-
tori, essere stato straordinariamente privo di coraggio e di au-
tocontrollo.
Per questi motivi, il fatto che un uomo (ed è cosa noto-
ria), timoroso di salire a bordo di una nave ancorata a un tiro
di schioppo dalla banchina, oppure di montare a cavallo sen-
za mostrar paura, venisse equipaggiato e rappresentato come
un eroe romano, risulta piuttosto un atto di grande adulazio-
ne verso la monarchia che un atto di coerenza e verità dell’ar-
te nel suo contributo alla storia e alla biografia. Nel commen-
tare questo fatto con un amico, questi osservò senza riserve
che, anche in considerazione della propria innata timidezza,
la statua non sarebbe uscita dall’arsenale per essere sistemata
nella piazza all’uopo destinata e intitolata al suo nome: piazza
San Carlo; la vera ragione per la quale la Sua bronzea Maestà
non fu spostata, cosa per la quale i Cagliaritani non possono
godere di alcuna gratitudine, va ricercata – invece – nelle spe-
se e nelle difficoltà che si dovrebbero affrontare.
Von Raumer così descrive questo monarca: «Carlo Felice
era solito dire che, se non fosse stato per i soldati e gli stu-
denti, non si sarebbero mai verificati fatti come pubblici tu-
multi. Non si riuscì mai a persuaderlo a presenziare ad eser-
citazioni militari e, se per caso gli fosse accaduto di vedere

303
L’ISOLA DI SARDEGNA

un soldato, soleva abbassare le cortine dei finestrini della car-


rozza. Diceva: “Date loro qualsiasi uniforme: fuggiranno!”».
Adiacente all’arsenale, sulla sommità del colle, vi sono le
nuove caserme. È un luogo bello, salubre ed asciutto ma,
essendo stati gli edifici costruiti in un’area scavata nella roc-
cia, è molto intensa la calura che proviene dalla rifrazione
del calcare. Il resto della guarnigione, che con tutti i diparti-
menti di servizio conta circa 1800 uomini, è sparso in diver-
se parti della città, con scarsa considerazione per la loro co-
modità e igiene.
Il contingente militare dell’Isola, indipendentemente dalle
truppe piemontesi qui acquartierate, è costituito dai corpi del-
la milizia, Cacciatori guardie, Corpo Franco, Guastatori, Lavo-
ratori e Barracellato; quest’ultimo, in termini più propri, è una
sorta di polizia armata.
La milizia è esistita fin dal quindicesimo secolo, quando
tutti gli uomini furono chiamati alle armi per difendersi dalle
invasioni degli Africani e di altre genti e, dopo varie modifi-
che, è ora composta da dodici battaglioni dei quali, i tre quinti,
costituiscono la fanteria, ed il resto la cavalleria, con un con-
tingente complessivo di 10.000 uomini. Tutti i cittadini, in età
fra i venti e i sessant’anni, hanno l’obbligo di prestare servizio
militare ma di fatto vengono scelti in base alle raccomandazio-
ni delle autorità comunali. Le armi usate sono: pistole, fucili a
baionetta, sciabole e pugnali che, con una coccarda, vengono
portati soltanto in servizio; ogni distretto indossa una divisa
diversa e, quando stanno riuniti insieme, l’accozzaglia di que-
ste è di grande effetto. L’esonero da un servizio verso lo Stato
è un privilegio soltanto più apparente che reale in quanto,
per essere esentati, occorre scegliere qualche altro corpo, co-
me quello dei barracelli od altri. Gli uomini vengono richia-
mati alle armi in caso di invasioni o di tumulti, mentre la ca-
valleria deve essere disponibile, prima fra tutti, per qualsiasi
emergenza; tutti devono, altresì, collaborare con le forze rego-
lari nella cattura di malfattori e di banditi e, una volta che li
hanno fatti prigionieri, debbono portarli ai luoghi di destinazio-
ne anche se questi sono lontani. Il servizio viene generalmente

304
Ca pitolo XVII

svolto con rigore; raramente si è saputo di prigionieri che, una


volta catturati siano fuggiti, e questo è un fatto assai rilevante
dal momento che spesso si tratta di persone legate da vincoli
strettissimi di sangue e d’amicizia. Non ricevono salario; il ser-
vizio deve essere gratuito ed anche quando scortarono il re, in
occasione della sua ultima visita nell’Isola, non ebbero razione
di vitto né alcuna ricompensa. Ad Alghero dovettero bivaccare
per tre giorni e due notti, con grande disagio e spesa, in un
piccolo spiazzo fuori città, in quanto all’interno delle mura,
per loro, non si trovava posto e, dal momento che la campa-
gna circostante era coltivata, i cavalli non poterono nutrirsi al
pascolo.
In quel periodo furono previsti disordini in un’altra parte
dell’Isola a causa della penuria di grano derivata dalla cattiva
amministrazione del Monte di Soccorso e dagli errori del Go-
verno. Un signore, che rivestiva il grado di alto ufficiale, mi
riferì che, in quell’occasione, non si poté contare sugli uomi-
ni per sedare la rivolta poiché la colpa era da ricercare nelle
ingiustizie del Governo per cui essi non vollero combattere
contro i loro parenti. D’altronde, dal momento che neanche
erano pagati, non ci si poteva attendere che intervenissero,
anche simbolicamente, contro la protesta.
Questi sentimenti, tuttavia, non impedirono loro di mani-
festare il proprio valore e patriottismo e, quando furono inci-
tati alla comune difesa del Paese, in particolar modo in occa-
sione dell’invasione francese del 1792, non soltanto diedero
prova di fedeltà al Governo, ma furono accantonati inimicizie
e contrasti personali altrimenti inconciliabili.
La Marmora ricorda che uomini che già avevano sparso, o
erano in attesa di spargere, il sangue dei loro nemici, si videro
abbandonare i loro covi per rispondere decisi all’appello al fi-
ne di scongiurare il pericolo contro la nazione; questi selvaggi
montanari, i cui occhi fiammeggianti e le lunghe barbe li di-
stinguevano dagli altri soldati, marciarono fianco a fianco sot-
to la stessa bandiera, a difesa dei loro beni e delle loro leggi,
la cui autorevolezza avevano sfidato, anche quando pendeva
su di loro sentenza di morte.

305
L’ISOLA DI SARDEGNA

Una dimostrazione di questi sentimenti la si ebbe nell’ac-


campamento vicino a Cagliari, all’epoca dell’invasione france-
se, quando un contadino si trovò faccia a faccia col suo nemi-
co giurato e dal quale fu aggredito con parole violente di
minaccia. Egli ascoltò tranquillamente le offese e, dopo esser-
si chinato e aver tracciato un segno di croce per terra – que-
sto era il suo modo di giurare – si levò e, guardando in modo
deciso l’avversario, contro il quale aveva da lungo tempo giu-
rato vendetta, disse: «Per questa croce, e per la causa che ci
unisce, per ora ti perdono ma quando avremo cacciato il ne-
mico dalle terre del nostro re, avrai la mia risposta».
Il reggimento delle Guardie Cacciatori, composto esclusi-
vamente da Sardi, è stato costituito molti anni fa ma, dagli ini-
zi dell’attuale secolo, ha subito, come altri reggimenti, molti
cambiamenti di nome e del tipo di servizio come: Moschettie-
ri di Sardegna, Carabinieri Reali e così via. La differenza ed il
cambiamento del nome hanno scarsa importanza. Nel 1836
furono riorganizzati sotto il nome di Reggimento di Cavalleg-
geri e ora contano 675 uomini. Il Corpo Franco è un corpo di
tirocinio per il rimpiazzo dell’esercito di Terraferma e dell’Iso-
la; comprende anche un reparto di Guastatori, composto da
uomini prelevati dalle carceri, accusati di reati che non furono
provati; conta mediamente 1500 unità.
Essendosi, nel 1838, verificati dei tumulti in Piemonte a
causa della scarsità e dell’inefficenza delle forze di polizia,
furono arrestati 1500 uomini, la maggior parte dei quali ven-
ne giudicata sommariamente e incarcerata senza un regolare
processo; di questi detenuti, circa 200 furono mandati in Sar-
degna nel Corpo Guastatori.
Capita spesso che genitori i quali hanno figli incorreggi-
bili li sistemino in questo Corpo e, quando si sono riscattati
dopo un certo periodo di espiazione della pena, per reati
tanto sconosciuti quanto certi, viene loro concesso di fare ri-
torno alle famiglie o di entrare in altri Corpi come i Caccia-
tori Franchi, o corps de rigueur, da dove, alla fine, vengono
trasferiti nell’esercito regolare. La loro razione giornaliera di
viveri è di due once e mezzo di minestra e di ventidue once
di pane comune: niente carne, o vino, e niente paga.

306
Ca pitolo XVII

Il Corpo Lavoratori, così come il Corpo Franco, è compo-


sto da uomini della Terraferma e da isolani, arrestati esclusi-
vamente sulla base di un sospetto, dietro accusa dei sindaci,
che sono i capi incontrastati dei paesi, o dei Cavalleggeri, i
quali sbrigano la controversia in privato, senza citazioni in
giudizio o processo pubblico. Vengono mandati a Cagliari a
lavorare nelle saline e in altre opere pubbliche; il trattamento
che subiscono è così duro che si conoscono casi in cui alcu-
ni hanno commesso nuovi crimini al fine di venire mandati
in galera dove, per male che fosse andata, avrebbero saputo
almeno la durata della pena. Ci si può fare un’idea più preci-
sa della severità con la quale sono trattati, col fatto che ven-
gono ingaggiate sei persone, ad una lira, ossia nove pence e
mezzo al giorno, allo scopo esclusivo di fustigarli. Dalla co-
stituzione del Corpo, nel 1839, a nessuno è stato finora con-
sentito di tornare alla loro terra, per cui trascorrono l’infelice
esistenza ignorando il motivo per cui vi si trovano né quan-
do riacquisteranno la libertà.
Il Barracellato, un reparto armato costituito sotto il domi-
nio spagnolo, ha lo scopo di proteggere la campagna dai dan-
neggiamenti e dai furti e di indennizzare i proprietari nel caso
di fuga del reo. Ciascun proprietario, mediante il pagamento
di una somma annua in proporzione ai propri mezzi, può la-
sciare tranquillamente il bestiame in aperta campagna per cui,
essendo questa nella maggior parte dei casi distante dalle abi-
tazioni, si rende indispensabile il servizio dei Barracelli.
I fondi vengono raccolti, in ogni paese, nei mesi di ago-
sto e settembre per iniziativa del capitano delle compagnie e,
da questi, distribuito ai rispettivi corpi. I barracelli rimangono
in carica un anno, sono responsabili dei beni rubati quando
il furto viene denunciato entro tre giorni, se si è verificato
nelle immediate vicinanze, ed entro otto, se è avvenuto lon-
tano. È previsto il rimborso per qualunque danno prodotto
alle vigne o ai frutti, ma non agli arnesi agricoli lasciati in
aperta campagna. Gli uomini sono armati durante il servizio
ma non indossano l’uniforme.
Nei primi tempi della sua costituzione, i membri della
compagnia venivano eletti dal popolo e dovevano difendere

307
L’ISOLA DI SARDEGNA

i diritti pubblici e privati del Comune; l’istituzione godeva di


considerazione e rispetto e divenne importante e rischiosa.
Dal momento che comportava gravi responsabilità, molti la
evitavano il più possibile, ma ora è nuovamente ambita in
quanto conferisce impunità nel caso di qualche birbonata e
consente il privilegio di portare armi; insomma, un lavoro di
grande importanza per tutte le classi sociali, anche perché
assicurava gratifiche, oltre il salario pagato dai proprietari.
Sotto lo scudo sicuro del loro incarico, potevano calpestare i
diritti e le proprietà altrui ed il Governo, con la nomina del
Barracellato, finiva per designare i propri tirapiedi incorag-
giando la crescita del centralismo e dell’oppressione.
Alla stregua di una brigata di falsi satelliti, erano spesso in
combutta con gli stessi banditi dalle cui aggressioni avrebbero
dovuto proteggere gli abitanti del villaggio che invece le subi-
vano in silenzio per paura di vendette ed essi, i banditi, pote-
vano circolare impunemente nei paesi e nelle loro roccaforti.
I barracelli erano conniventi coi banditi al punto che
prendevano parte anche alle rapine ed alle estorsioni, renden-
do ancor più gravi, anziché portarvi rimedio, le perdite subite
dai proprietari e, con sfrontatezza senza pari estorcevano la ri-
compensa per la presunta “sicurezza della proprietà”. Incu-
ranti delle lamentele delle parti offese, ricorrevano a qualsiasi
stratagemma per eludere le legittime richieste e la responsabi-
lità dei danni patiti, così che il sistema trova un’esemplifica-
zione nelle parole inequivocabili del padre Angius: «Si perde,
si cavilla, si litiga, e chi ha perduto, ha perduto».
Il subentro, nel 1819, dei Moschettieri, una polizia milita-
re, in luogo del Barracellato, causò una violenta rivolta popo-
lare contro il Governo. I capi dei paesi della Gallura, da tem-
po adusi all’esercizio di una sorta di autorità patriarcale, si
riunirono per la festa popolare di San Paolo, a Tempio, per
rivendicare il diritto di nomina del Barracellato con gli antichi
privilegi ed altre ulteriori concessioni, quali l’indulto nei con-
fronti di coloro che si trovavano al bando, il diritto generaliz-
zato di portare armi ed una riduzione del tributo all’entità
originaria. Il rifiuto di queste richieste sfociò in una ribellione

308
Ca pitolo XVII

generale e in guerra aperta contro il Governo, e il popolo la


spuntò ma, poiché le misure conciliatorie adottate erano sol-
tanto temporanee, scoppiò un’altra sommossa che non si
concluse se non quando furono soddisfatte alcune determina-
te richieste.
Per quanto lo scopo originario dell’istituzione del Barracel-
lato fosse stato eccellente, gli abusi e la pessima amministra-
zione attuale l’hanno trasformato in un flagello, per cui per la
popolazione è tutt’altro che un beneficio.
Il numero complessivo delle truppe regolari inviate dal
Piemonte, compresa l’artiglieria, è di circa 2200 unità ed i Sar-
di, dal canto loro, contribuiscono con un reggimento per il
servizio in continente.
Fra le molte buone iniziative assunte da Carlo Felice, per
la città di Cagliari, si annovera anche la trasformazione, avve-
nuta nel 1827, del monastero di San Lucifero nell’attuale ospi-
zio per gli orfanelli.
Sono disponibili venti posti gratuiti, per i quali si erogano
contributi governativi per un ammontare di 22.000 lire nuo-
ve, ossia 880 sterline all’anno; altri 2 posti sono a pagamento
e la retta richiesta è di dodici lire nuove, ossia 9 scellini e set-
te pence al mese. I bambini vengono avviati ai diversi me-
stieri ma l’istituzione non si è dimostrata all’altezza degli in-
tenti originari e, rispetto a quelle di altri Paesi, si trova ad un
livello assai inferiore.
L’asilo delle orfanelle, o Conservatorio della Provvidenza,
fu fondato nel 1751, potenziato da Carlo Felice e trasferito nel
1833 nell’edificio che fu il Reale Collegio dei Nobili. Accoglie
gratuitamente quaranta ragazze ed alcune pensionanti che
pagano sessanta scudi, ovvero 11 sterline, 10 scellini e 5 pen-
ce all’anno; alle giovani viene insegnato a tessere, a filare e
ad imparare altri utili mestieri. Una parte dei guadagni viene
accantonata e consegnata loro quando lasciano l’istituto; se
hanno mantenuto una buona condotta, viene aggiunto un
premio di 100 scudi, ossia 19 sterline e 4 scellini. Nel com-
plesso, l’istituto è più ricco e meglio amministrato di quello di
San Lucifero. È pure in funzione una scuola per l’istruzione

309
L’ISOLA DI SARDEGNA

delle figlie dei militari indigenti, creata sul modello della Con-
fraternita del S.S. Sudario di Torino, ma il complesso delle
persone accolte è molto esiguo.
I fondi per i due asili dei Trovatelli non sono sufficienti
ad affrontare gli impegni gestionali, e poiché l’affidatario del
bambino paga soltanto due lire nuove, vale a dire 1 scellino,
7 penny e un quarto, non è difficile immaginare in quale sta-
to di abbandono e di miseria versino. Non riuscii a conosce-
re l’esatto numero di coloro che vi erano stati ammessi e che
morirono all’interno di quelle mura nel corso degli ultimi die-
ci anni; certo è che, dal 1825 al 1834, degli 810 bambini ac-
colti, ne morirono 473.
Il complesso dei fanciulli dell’istituto non tiene conto del
novero certo dei figli illegittimi a Cagliari perché, quale che sia
stata la licenziosità di molte madri, esse hanno avuto, tuttavia,
un sentimento di grande tenerezza nei confronti della loro
prole da non affidarla alla disumanità degli ospizi pubblici.

Gli ospedali non sono adeguati alle esigenze della città a


causa dell’insufficienza dei mezzi finanziari per cui non pos-
sono reggere il confronto con quelli di altre città di uguale
grandezza.
L’Ospedale Civico di Cagliari fu affidato nel 1636 alle cure
della Confraternita di San Giovanni di Dio che ancora vi prov-
vede.151
Mi capitò di vedere dei pazienti, ventiquattro uomini e
quattordici donne nelle varie corsie, senza che vi fosse alcun
riguardo per la natura delle loro infermità, mentre la povertà

151. L’ospedale, detto di Sant’Antonio Abate, venne fondato a Cagliari


verso la metà del XV secolo presso la chiesa omonima nell’attuale via
Manno. Pessimamente amministrato dal Comune, fu quindi affidato ai
frati di San Giovanni di Dio che si resero responsabili di gravi abusi e di
pessima gestione tanto che, nel 1765, il re Carlo Emanuele III, a seguito
delle lagnanze dei cittadini, decretò la costituzione di una commissione
di vigilanza che prese il nome di Congregazione di Carità. Nel 1844
venne dato avvio ai lavori del nuovo ospedale civile su progetto dell’ar-
chitetto Gaetano Cima (N.d.T.).

310
Ca pitolo XVII

e la miseria appesantivano l’impurità dell’aria determinata da


quel miscuglio di malattie. Senza entrare nel merito dell’assi-
stenza medica, la totale assenza di igiene e di rispetto delle
esigenze del malato può essere esemplificato con un episo-
dio che si verificò alcuni giorni prima della mia visita.
Avendo il nuovo viceré manifestato l’intenzione di visita-
re l’ospedale, vennero fatte d’urgenza grandi pulizie in tutto
l’edificio e tutto fu sistemato in modo tale che, ad un esame
superficiale, l’alta autorità non trovò motivo di biasimo o di
lode. Spinto dalla curiosità, molto encomiabile per lui, ma as-
sai meno opportuna per gli Ospitalieri di San Giovanni di
Dio, il viceré espresse il desiderio di poter vedere la bianche-
ria. Il grande ritardo che seguì al soddisfacimento della sua
richiesta, gli fece sorgere dei sospetti e, dopo aver ancora in-
sistito perché quanto chiesto gli fosse subito esibito, gli furo-
no portate due paia di lenzuola. Ritenendo che quanto gli
era stato mostrato fossero dei campioni, desiderò vedere tut-
ta la dotazione della biancheria, ed a quel punto il mistero
non poté durare oltre. Risultò evidente che quelle due erano
le sole lenzuola di scorta dell’ospedale e che i pazienti,
quando ne richiedevano di pulite, erano costretti a rimanere
senza fin tanto che quelle sporche venivano lavate! Molto
opportunamente il viceré fece una severa ramanzina alla
confraternita ed ai responsabili dell’ospedale ed annunziò il
suo intendimento di approfondire la questione. Nella corsia,
o per meglio dire, nelle celle inabitabili destinate ai malati di
mente, c’erano due uomini e una donna, dall’aria assoluta-
mente tranquilla e, come poi fu accertato, non bisognosi di
mezzi costrittivi per mantenerli mansueti, anche perché non
rifiutavano le cure e l’assistenza.
Un sacco consunto di paglia umida, impropriamente
chiamato materasso, era l’unico arredo della prigione: uno
dei degenti aveva indosso una coperta sudicia, l’altro non ne
aveva punto, ma soltanto un paio di mutandoni malandati le-
gati in vita. Mentre conversavo con uno di loro, rendendomi
conto che era molto ammalato, gli chiesi notizie della sua sa-
lute e mi rispose che si trovava in quello stato da molte ore,

311
L’ISOLA DI SARDEGNA

che nessuno sentiva le sue grida per quanto invocasse conti-


nuamente aiuto. Il padre reverendo che mi accompagnava
parve molto sorpreso della mia credulità ma, alla fine, si de-
cise a chiamare un infermiere col quale avevo fatto un giro
nelle altre corsie ed i miei sospetti trovarono conferma nei ri-
medi cui egli immediatamente fece ricorso.
Se non fosse stato per la visita fortuita di un forestiero, di
quel poveraccio nessuno si sarebbe occupato perché i sanita-
ri vedono i pazienti solamente due volte al giorno. Uno scu-
rino rotto ed inservibile fungeva da finestra della cella ed alla
loro disgraziata condizione, oltre la sporcizia e l’abbandono,
si aggiungeva l’onta delle catene e delle punizioni, perché la
cura paziente ed il trattamento umano, come si usa nei Paesi
civili, qui non erano ancora conosciuti.
Non ci sono parole che possano dare un’idea degli orrori
di questo reparto e, fatta eccezione per la prigione dei pazzi
di Adrianopoli, non ho mai assistito a scene del tipo di quelle
viste in Sardegna; in verità, se qualcosa di peggio si potesse
aggiungere alle sofferenze della pazzia, basterebbe essere un
pazzo sardo. Il manicomio, o ospedale per i malati di mente
di Torino, si trova in una condizione encomiabile e pertanto
non sarebbe male che il Governo piemontese rivolgesse la
sua millantata attenzione paternalistica anche verso questa
porzione dei propri territori.
L’Ospedale Civico si trova, virtualmente, sotto la sovrin-
tendenza dell’arcivescovo ma l’amministrazione degli affari,
e il controllo delle finanze, sono stati gradualmente trasferiti
nelle mani dei discepoli di San Giovanni e la fiducia loro ac-
cordata non pare sia stata ripagata con quella discrezione e
oculatezza che sarebbero state necessarie. Due anni fa, il
mandatario e tesoriere se la svignò con una grande somma
di denaro, e poiché questo fatto provocò disagi alla confra-
ternita, come pure all’ospedale, si pensò di dedicare una
maggior attenzione alla gestione delle finanze e le due paia
di lenzuola di scorta sono prova dello zelo, dell’economia e
della politica del risparmio. I fondi dell’istituzione provengo-
no da donazioni e lasciti per un ammontare annuo di 30.000

312
Ca pitolo XVII

lire nuove, ossia 1200 sterline, oltre a regalie, contribuzioni e


altre offerte varie e, dalle voci che circolano sulla solerzia dei
Confratelli di San Giovanni, è del tutto chiaro che essi, essen-
do così sensibili ai propri interessi e alle proprie comodità,
non si preoccupino di curare i mali fisici e morali del prossi-
mo. Quanto alla responsabilità dell’arcivescovo nei confronti
dell’istituzione, sarebbe bene che egli desse uno sguardo agli
archivi della storia della sua diocesi; vi troverebbe un “breve”,
emanato da Gregorio Magno nell’anno 604, che ammoniva
l’arcivescovo di Cagliari del tempo per la scarsa cura degli
ospedali. Sembra quasi un’eredità della successione apostolica!
L’ospedale di San Pancrazio destinato ai detenuti amma-
lati è in grado di ospitare diciotto uomini e sei donne ed il
trattamento medico loro praticato può soltanto paragonarsi a
quello che ricevono in carcere.
Dopo aver osservato le sopra descritte scene di degrado,
fu invece molto confortante riscontrare la pulizia e il grande
ordine dell’ospedale militare, allocato in un edificio che fu
anticamente il convento dei monaci Osservanti. Novantotto
pazienti erano sistemati in diverse corsie, a seconda delle lo-
ro malattie; si coglieva nei loro volti un’aria tranquilla e sere-
na, del tutto sconosciuta negli altri ospedali; le sorelle della
carità erano molto attive nei loro buoni ed utili uffici e tutta
l’organizzazione era eccellente e degna di lode.
Nel corso di sei anni e tre mesi dalla sua istituzione, l’ospe-
dale ha incassato 211.000 lire nuove, ovvero 8440 sterline, ed
ha speso 188.000 lire nuove, ovvero 7620 sterline, con un atti-
vo di 23.000 lire nuove, ossia 920 sterline, oltre un accantona-
mento di circa 38.000 lire, ovvero 1620 sterline. I pazienti
hanno contribuito con una quota della loro paga ed il Gover-
no ha coperto la differenza. La media dei degenti, nel corso
di sei anni, è stata di 103, una media bassa in proporzione al-
la guarnigione della città.
Ci sono altre istituzioni benefiche minori per l’assistenza
ai poveri e bisognosi ma sono così male amministrate che le
filantropiche intenzioni dei loro fondatori sono state vanifi-
cate. Carlo Emanuele IV, per commemorare la cacciata dei

313
L’ISOLA DI SARDEGNA

Francesi, costituì nel 1798 un fondo di 1500 scudi (288 sterli-


ne circa), da assegnarsi in dote a ventiquattro ragazze al mo-
mento del matrimonio; successivamente, il fondo fu destina-
to all’erogazione di pensioni per le vedove dei militari e dei
pubblici ufficiali.
L’attuale sovrano ha anche destinato, elargendo denaro
proprio, una piccola somma per il sostentamento di coloro i
quali, a causa di malattia, non hanno avuto la possibilità di
assicurarsi alcun mezzo di sussistenza ma non si direbbe che
l’esempio sia stato seguito spontaneamente, e non esistono
sussidi per i poveri da erogarsi regolarmente.
Sebbene i Cagliaritani non versino molti contributi al fon-
do comune, nella cui gestione – per altro – non avrebbero
voce in capitolo, esistono parecchie società di assistenza pri-
vate, come l’Associazione del Monte, quella del S.S. Sepolcro
ed altre di cui fanno parte persone dell’alto ceto. I membri
delle prime visitano le prigioni ed assistono i carcerati, men-
tre quelli delle seconde si dedicano all’assistenza dei malati
indigenti e provvedono alle spese per i funerali. Da un’inda-
gine statistica si rileva che 450 persone in città ricevono, an-
nualmente, assistenza da istituzioni filantropiche che, in una
popolazione di 29.000 anime, equivarrebbe a circa una per-
sona ogni sessantaquattro e mezzo, ma in una precedente
indagine sul numero degli ecclesiastici sostentati dalla comu-
nità, è risultato un rapporto di uno ogni trenta persone, così
che i religiosi sono più del doppio dei poveri che ricevono
assistenza.
Nel 1828 fu costruito un cimitero pubblico nella parte oc-
cidentale della collina di Monreale sulla base di un calcolo di
450 inumazioni l’anno, partendo dal presupposto che, al ter-
mine dei sei anni, i corpi sarebbero giunti al necessario stato
di decomposizione così da consentire una nuova serie di sep-
pellimenti nelle stesse tombe. La mortalità, però, è stata mag-
giore e la decomposizione dei corpi più lenta del previsto.
Per quanto insufficiente alle esigenze cittadine, questo cimite-
ro vien mantenuto pulito ed oltre le tombe comuni interrate,
vi si trovano dignitosi sepolcri di proprietà privata.

314
CAPITOLO XVIII
I tribuna li – Pa nora mica genera le sullo sta to politico e giuridico dell’Iso-
la , pa ssa to e presente – Gli Sta menti o il Pa rla mento – Sua convoca zione
– Il dona tivo – La politica di Ca sa Sa voia – Osserva zioni di Lord Nelson
compa ra te con quelle del Ma nno – Il fonda mento roma no delle leggi – La
Carta de Logu – Soprusi e disordini sotto il dominio a ra gonese – Riforme
e conseguente a ssolutismo sotto Ca sa Sa voia – La ca duta del feuda lesimo
– Le funzioni del viceré – Sa la rio – Un a neddoto – Brevità della perma -
nenza in ca rica – Aneddoti – Il ca ncelliere – I giudici ed i tribuna li – Re-
tribuzioni – La Rea le Udienza – Le prefetture – Tribuna li minori e funzio-
na ri – I giudici del Ma nda mento – Loro poteri e uso scorretto – Segretezza
del diba ttimento – Altera zione delle deposizioni – Aneddoti – Ca rcera zio-
ne dei testimoni – Impunità del crimine e ma nipola zione delle prove –
Storie di rita rdi nei processi e nelle sentenze – L’opinione di un giudice
sa rdo – La gna nze per la nomina di Piemontesi negli uffici sa rdi – Condi-
zioni di indigenza dei giudici – Un a neddoto – Auda cia dei fuorusciti –
Aneddoti – Osserva zioni del Sismondi – Attua le a bolizione della tortura –
La gra zia – Cerimonia pa squa le – La professione forense e i nota i – Com-
mento della giudicessa Eleonora – Le pa rcelle – Le corti di giustizia – La
prigione – Le detenzioni – Celle sotterra nee – I ga leotti – Il porto ed i fra n-
giflutti – La ra da – Il la zza retto – La doga na – La ma rina merca ntile –
Commercio e tra ffici dell’Isola – Esporta zioni e importa zioni – Le ta sse –
Segretezza dei profitti – Il bila ncio – I monopoli regi – La vori di secon-
d’ordine per i Ca glia rita ni – I merca ti del gra no – Prodotti a limenta ri –
I vini – I pozzi – L’a lto costo dell’a cqua – L’a cquedotto roma no – Le sa line
– Produzione e prezzo del sa le

Può essere opportuno accennare alle istituzioni municipa-


li e politiche e ai tribunali della capitale, esprimendo alcune
considerazioni generali sui principi e sulla forma di governo,
nonché sul tipo di amministrazione della giustizia nell’Isola.
La descrizione dell’antica organizzazione legislativa può
essere evitata a favore soprattutto degli Stamenti o Parlamento
sardo mentre, per quanto concerne la condizione politica del-
l’Isola prima dell’arrivo dei Genovesi e dei Pisani, si rimanda
il lettore al paragrafo relativo ai Giudici contenuto nell’Appen-
dice; ma poiché non risulta che le Repubbliche di Pisa e Ge-
nova abbiano in alcun modo contribuito a migliorare la legi-
slazione preesistente, si può iniziare il discorso dal sistema di

315
L’ISOLA DI SARDEGNA

governo introdotto e instaurato dalla dinastia d’Aragona. Don


Pietro IV fu il primo re d’Aragona e della Sardegna che, nel
1355, convocò i rappresentanti delle diverse zone dell’Isola
per deliberare sugli affari nazionali, ma non pare che la “Cor-
te” sia stata regolarmente costituita se non dal suo successore
Alfonso V il quale, giunto in visita a Cagliari nel 1421, nominò
una regolare assemblea in cui fu disposta una modifica delle
leggi e dei patti fra il sovrano ed il popolo, basata sui principi
delle Cortes catalane che allora fiorivano in piena libertà.152
L’assemblea era costituita da tre ordini o Stamenti: l’“ec-
clesiastico”, il “militare” ed il “reale”. Il primo era formato dai
dignitari delle cattedrali, abati e priori; il secondo, dai nobili e
dai rappresentanti della piccola nobiltà, di età superiore ai
ventun anni; l’ultimo, dai rappresentanti di ciascuna città. I tre
ordini, riuniti insieme, si chiamavano “bracci”, le braccia del
corpo, e formavano una sorta di Parlamento sotto il nome di
“Corte generale”, o “Curia del Regno”; ma i termini Corte e
Parlamento non si debbono confondere perché la prima si
occupava di tutte le materie relative all’amministrazione dello
Stato, mentre il secondo veniva riunito soltanto per questioni
particolari. La convocazione dipendeva dal re o dal viceré,
sebbene lo Stamento militare avesse il potere di riunirsi auto-
nomamente ogni qual volta lo decidesse poiché ad esso ve-
niva principalmente demandata la rappresentanza del re in
situazioni di emergenza ed anche l’esecutività dei decreti
emessi dagli Stamenti riuniti.
La Corte veniva regolarmente convocata a Cagliari ogni
dieci anni, oppure quando, nel frattempo, se ne fosse verifica-
ta l’esigenza, mediante avviso circolare del re ai membri, col
quale si precisavano i motivi per cui la situazione richiedeva
una riunione generale. Dopo che il sovrano aveva nominato

152. Vedi J. I. Bardaxi y Almenara, Fueros y observa ncia s del Reyno de


Ara gón e G. Zurita, Ana les de Ara gón, particolarmente quelli di Diego II,
1325, a proposito dei quali il Robertson osserva, «non soltanto i privilegi
della nobiltà ma i diritti privati e politici del popolo, erano, in quel perio-
do più ampi e meglio riconosciuti che in altri regni d’Europa».

316
Ca pitolo XVIII

presidente il proprio viceré, questi fissava la data e, con gli


Stamenti, si avviava in solenne processione in cattedrale do-
ve, assiso in trono, attorniato dai ministri, dava notizia delle
intenzioni e dei desideri del re da discutere nelle sessioni.
Dopo che l’arcivescovo, designato come “prima voce”, aveva
annunciato, a nome della Corte, che essa era disponibile a
collaborare col re in tutti i modi possibili per il bene comune,
l’assemblea si scindeva. Lo Stamento ecclesiastico si ritirava in
camera di consiglio nel palazzo arcivescovile o nella sacrestia
della cattedrale; quello reale nel palazzo civico ed il militare
nella chiesa di Santa Speranza.
Nell’adottare le diverse deliberazioni, gli Stamenti comuni-
cavano fra loro e col viceré mediante due rappresentanti scelti
al loro interno e colui che riceveva l’incarico di recare il mes-
saggio non poteva rispondere alle osservazioni del “braccio”
in quanto questo privilegio e cerimoniale spettavano al suo
collega e, prima del dibattito, venivano eletti alcuni funzionari
chiamati “abilitatori”, “provvisori” e “trattatori”, metà dei quali
erano nominati dal viceré e l’altra metà dagli Stamenti. Gli
abilitatori, in numero di sei, entravano nel merito della validi-
tà delle richieste di ammissione alla Corte presentate da un
nuovo aspirante; i diciotto provvisori decidevano in materia di
estorsioni o crimini commessi nei confronti dei funzionari go-
vernativi, sia da parte degli stessi Stamenti che da persone
private; i sedici trattatori costituivano una commissione finan-
ziaria che aveva il compito di vigilare sulle spese pubbliche.
Di questi tre ordini di funzionari, avevano maggiore impor-
tanza le competenze dei provvisori, poiché non si poteva va-
rare, e neanche discutere, alcuna legge prima che venissero
definite le pendenze nei confronti delle autorità governative.
Il primo argomento in discussione era la fissazione e l’of-
ferta del “donativo”, vale a dire una donazione volontaria
ma, in pratica, era il tributo annuale da versare al tesoro re-
gio, il cui ammontare era affidato alla libera valutazione degli
Stamenti separati e la deliberazione veniva assunta a maggio-
ranza dei voti. Tuttavia, una volta precisata la somma, il capo
di ogni Stamento comunicava la decisione unanime al viceré

317
L’ISOLA DI SARDEGNA

e la sua accettazione aveva valore di legge formale, ad ecce-


zione del donativo accordato dallo Stamento ecclesiastico, il
quale non aveva efficacia finché non veniva approvato dal
papa. Gli altri argomenti all’ordine del giorno venivano sbri-
gati in modo analogo, e una volta che i decreti erano stati
stesi ed inviati al re, la Corte chiudeva le sessioni con la stes-
sa solennità con la quale erano state aperte.153
Durante l’arco di tempo di 344 anni, dal primo parlamen-
to costituito nel 1355 fino all’ultimo del 1699, nel quale sono
ancora vigenti i suoi pieni poteri (parlamento convocato dal
conte Montelliano, viceré di Carlo II, re di Spagna), gli Sta-
menti si riunirono soltanto diciassette volte, vale a dire una
volta ogni vent’anni.
Dopo il passaggio della Sardegna dalla Corona d’Aragona
ai Savoia nel 1720, Vittorio Amedeo II ricorse simbolicamente
agli Stamenti per un donativo straordinario e lo ottenne sen-
za che essi neanche venissero convocati e che egli ricono-
scesse loro il diritto di non approvarlo e quando, nel 1728,
gli venne richiesta la convocazione della Corte generale, egli
rifiutò per motivi di convenienza.
Quando scoppiò la prima rivoluzione francese, furono
nuovamente compiuti diversi tentativi perché venisse convo-
cata la Corte ma, a causa di divergenze e dissidi interni su al-
cuni provvedimenti che si intendeva proporre, non ci fu il
parere unanime degli Stamenti; e malgrado avessero proposi-
zioni diverse, il Governo trovò sempre un pretesto per vanifi-
care i loro tentativi, salvo la convocazione per il donativo,
così che il precedente offerto da Vittorio Amedeo II fu segui-
to dai monarchi successivi e la Corte non fu, di fatto, convo-
cata da quando la Sardegna passò in mano ai Savoia.
I Sardi versavano saltuariamente un’offerta volontaria, in-
dipendentemente dal tributo imposto, sotto forma di donati-
vo straordinario per far fronte a determinate emergenze ma i
poteri della Corte, dopo essere stati resi inefficaci, vennero

153. Per ulteriori dettagli, vedi l’introduzione di J. Dexart ai Ca pitula si-


ve Acta Curia rum regni Sa rdinia e, vol. I, pp. 14, 19.

318
Ca pitolo XVIII

infine a cessare del tutto e, per quanto in apparenza abbiano


continuato ad esistere ancora per qualche tempo, la beffa di ri-
volgersi agli Stamenti si verificò solamente per aumentare il tri-
buto forzoso cui i Sardi dovettero sottostare passivamente e di-
mostrare, addirittura, gratitudine per il favore loro concesso.
Lord Nelson a questo proposito, così si espresse, in una lettera
inviata al Governo britannico, in data 3 novembre 1804: «La
Sardegna, ammesso anche che il dirlo sia possibile, precipita
ogni giorno di più nella miseria più nera. Gli Stamenti, formati
in proporzione dai nobili, dal clero e dal popolo, sono stati
sciolti. Erano stati convocati per giugno o luglio; i primi due
Ordini si riunirono ma non si raggiunse il quorum del terzo,
tuttavia, il viceré aprì la sessione ed anziché accattivarsi la be-
nevolenza dei suoi membri ed assicurare i suoi buoni uffici per
la predisposizione di provvedimenti atti a recare benefici al-
l’Isola, fece subito presenti le esigenze del Governo e chiese
un milione di dollari. Il terzo Ordine lamentò che non si richie-
deva altro che denaro e fece pertanto mancare il numero lega-
le. Il clero ed i nobili avevano accolto la petizione, ma poiché
l’assemblea non era valida, non fu possibile stanziare la som-
ma. Tuttavia, essendosi il clero e i nobili espressi favorevol-
mente, furono costretti a sborsare 50 o 60.000 dollari dei quali
neanche un centesimo destinato alle reali necessità dell’Isola.
Mi risulta che tanto il clero che i nobili siano rimasti fortemente
contrariati dall’imposizione di pagare tale somma, dal momen-
to che il popolo non pagava niente. Questo è lo stato attuale
della Sardegna, ed è certo che così non può durare».
Insieme con quello degli Stamenti, la sorveglianza degli
abilitatori, dei provvisori e dei trattatori, sebbene più che mai
utile, è caduta in desuetudine ed i funzionari del Governo ri-
spondono solamente al sovrano dal quale proviene ogni prov-
vedimento.
Circa vent’anni fa, il Manno,154 in tono assai diverso da
quello usato da Nelson, così si espresse in merito all’istitu-
zione e al persistere di questa forma di governo: «In questo

154. G. Manno, vol. III, p. 189.

319
L’ISOLA DI SARDEGNA

modo si conducevano le assemblee ordinarie dei nostri par-


lamenti. La saggezza con la quale la nazione sarda, soddisfat-
ta dei diritti acquisiti, non cercò mai in alcun modo di cam-
biare la natura della sua costituzione, fece sì che i principi
della legislazione politica dell’Isola venissero sempre ricono-
sciuti e rispettati sotto i governi successivi del sovrano di Ca-
stiglia, come pure durante il breve dominio della Casa d’Au-
stria e nella fausta sovranità della dinastia dei Savoia».
Se quel dotto storico dovesse pubblicare oggi una nuova
edizione della sua opera, con la penna non condizionata dal-
l’impaccio della censura di Torino, esprimerebbe, probabil-
mente, un’opinione ben diversa.

Il diritto romano è rimasto, di fatto, in vigore fino all’un-


dicesimo secolo, sebbene modificato ed integrato da altre
leggi specifiche per l’Isola ed ha costituito anche la base dal-
la quale la Santa Sede, i Pisani ed i Genovesi derivarono i lo-
ro provvedimenti legislativi adattandoli ai tempi e alle circo-
stanze nelle quali esercitarono il potere. Tuttavia, il primo
codice nazionale, scritto in lingua sarda, fu la Ca rta de Logu,
iniziata da Mariano, giudice di Arborea, completata e promul-
gata da sua figlia la giudicessa Eleonora nel 1395, e, come
abbiamo precedentemente visto, fu un corpo di leggi conce-
pito per il suo regno ma così avanzato da venire successiva-
mente adottato dagli altri Giudicati. Ventisei anni dopo, nel
1421, don Alfonso V d’Aragona, nell’istituire a Cagliari la Cor-
te generale, introdusse le leggi allora in uso presso le Cortes
catalane le quali, con alcuni opportuni emendamenti ed inte-
grazioni alla Ca rta de Logu, furono approvate dagli Stamenti
e diventarono legge generale per tutta l’Isola sotto il nome di
Ca pitoli di corte. La migliore edizione esistente è quella cura-
ta dal Dexart, in due volumi, pubblicata a Cagliari.
Dopo un lasso di tempo di 212 anni, Filippo IV di Spa-
gna promulgò, nel 1633, un nuovo codice intitolato La s leyes
y pra gma ticá s rea les del Reyno de Sa rdeña , basato su leggi
preesistenti e che tenevano conto delle richieste allora avan-
zate dai Sardi. Il codice fu pubblicato a Sassari, con un dotto

320
Ca pitolo XVIII

commento di don Francesco Vico, nel 1781 e, furono tali il


suo fondamento liberale e il carattere costituzionale che era-
no e ancora sono inclusi fra i libri all’indice negli stati ponti-
fici. I principi di una forma mista di governo, la libertà di di-
battito all’interno delle Corti e una giusta distribuzione dei
poteri, seppure mitigato da restrizioni ragionevoli, ben si
adattavano alle più avanzate istituzioni di quell’epoca.
Verso la fine del diciassettesimo secolo, la Spagna fu coin-
volta in vari conflitti diplomatici ed in guerre di notevole rilie-
vo per cui la Sardegna finì per essere marginalizzata. Il gover-
no dei viceré era diventato arbitrario, in proporzione alla
trascuratezza dei loro regali padroni. Il disordine e la confu-
sione dilagavano dovunque; la certezza di farla franca era
fonte di arbitri sconsiderati e dannosi in seno alle amministra-
zioni così, mentre il male si ramificava in tutte le direzioni,
minando l’intero organismo, le conseguenze non mancarono
di manifestarsi nella condizione morale del popolo. Disprez-
zo e mancanza di rispetto delle leggi furono all’origine del-
l’impotenza e dell’inefficienza dei principi di una costituzione
liberale della quale il Paese aveva fino allora goduto, seppure
in termini moderati ma certi; gli eccessi anarchici diventarono
un pericolo sia per il popolo che per lo stesso sovrano. L’ar-
bitrio e la vendetta si sostituirono all’ordine e alla giustizia e,
sebbene queste piante venefiche avessero una lontana origi-
ne, i loro semi, dispersi in ogni direzione dal vento dell’ab-
bandono e nutriti dalle tempeste del malcontento, ora centu-
plicavano i loro frutti dovunque andassero a cadere. Mentre
questi mali furono accresciuti dalla confusione che caratteriz-
zò il breve dominio dell’Austria, e delle controversie della
Spagna con quella nazione, i vergognosi intrighi politici di-
ventati di dominio pubblico tendevano a tradire la fiducia
presso tutti i ceti sociali, per cui si può facilmente immagina-
re lo stato miserando dell’Isola quando venne ceduta alla di-
nastia dei Savoia a seguito del trattato di Londra. Vittorio
Amedeo avvertì la necessità di intervenire subito per sradica-
re questi mali e, sia lui che i suoi successori realizzarono, in
tempi diversi, alcuni miglioramenti e riforme; tuttavia, coloro

321
L’ISOLA DI SARDEGNA

i quali hanno la buona ventura di vivere in uno Stato che si


regge su una forma di governo totalmente diversa da quella
instaurata dai duchi di Savoia, non possono certo esprimere
una valutazione positiva della situazione.
Essendo, quella di Casa Savoia, una monarchia dispotica,
è impensabile che essa possa adottare un sistema politico di-
verso da quello vigente negli altri suoi territori. La transizione
da una forma rappresentativa ad un’autocrazia si doveva, di
conseguenza, compiere per cui le leggi dell’Isola furono mo-
dificate ed arricchite di vari decreti chiamati “Editti” e “Prego-
ni” (dal latino pra ecor che è il banditore pubblico): i primi
furono emanati dal sovrano, gli altri dal viceré, il quale stava
in carica soltanto per la durata del suo ufficio. Per ordine di
Vittorio Amedeo III questi decreti furono raccolti in un codi-
ce, pubblicato a Cagliari nel 1775, dal titolo Editti, pregoni ed
a ltri provvedimenti ema na ti pel Regno di Sa rdegna , da ppoi-
ché pa ssò sotto la domina zione della rea l ca sa di Sa voia .
Le nuove leggi e modifiche furono talmente numerose
che Carlo Felice ritenne necessario, nel 1827, procedere ad
una delegiferazione, condensandole e riunendole in un testo
unico dal titolo Leggi civili e crimina li del Regno di Sa rdegna ,
ra ccolte e pubblica te per ordine di S.S.R.M. il re Ca rlo Felice.
L’attuale sovrano ha portato totalmente a compimento i
propositi dei suoi predecessori mediante l’annullamento degli
Stamenti e la soppressione del sistema feudale che è stato
surrogato dal centralismo. La prima di queste misure non fu
attuata attraverso uno specifico decreto ma mediante la tacita
supremazia del potere assoluto, e l’oppressione fu così gra-
duale che il peso delle catene imposte fu, agli inizi, appena
percettibile. Con questi mezzi, Casa Savoia ha potuto realiz-
zare quel che all’Austria non riuscì con la Dieta ungherese,
quel che la Svezia non osa tentare con lo Storthing norvege-
se, e quel che la Russia ha ottenuto attraverso la violenza con
la Polonia, ricorrendo all’esilio ed al massacro.
Dell’abolizione del sistema feudale si parla in altra parte
di questo libro155 per cui si possono ora dedicare alcune

155. Vedi Appendice.

322
Ca pitolo XVIII

considerazioni sul nuovo codice legislativo e sull’organizza-


zione dei dipartimenti pubblici voluti dall’attuale sovrano
mediante l’Editto del 27 luglio 1838. Tale editto contemplava
anche la carica del viceré, che fu istituita dalla Corona d’Ara-
gona nel 1382. Durante questa dominazione – che si protras-
se per 395 anni – ricoprirono questo ufficio 131 persone, ov-
vero una ogni tre anni, e dal 1720 al 1840, cioè nei 120 anni
trascorsi sotto la dinastia dei Savoia, si sono succeduti 35 vi-
ceré, all’incirca uno ogni tre anni e mezzo. In passato il vice-
ré si chiamava “capitano generale”, in quanto comandante di
tutte le forze militari dell’Isola ma, successivamente, gli si at-
tribuirono anche i poteri del luogotenente generale, in quan-
to capo dell’amministrazione civile e giudiziaria; ambedue le
funzioni sono comprese nell’attuale carica di viceré, col dirit-
to alle stesse forme di omaggio che si rendono all’autorità re-
gia. Rimane in carica tre anni ed il suo successore non può
subentrare nell’ufficio finché egli non abbia lasciato Cagliari,
fatto che si verifica, di norma, il terzo giorno dall’arrivo del
nuovo viceré. Da quel momento non gli è consentito sostare
in città e una volta accadde che, non potendo il cessato vice-
ré partire a causa del maltempo, fu costretto a fermarsi in un
convento fuori le mura. Queste usanze, che trassero origine
dal cerimoniale spagnolo secondo il quale non era consenti-
to alle due alte cariche di incontrarsi o di comunicare fra lo-
ro, stanno ora cadendo in disuso.
Nel prendere possesso della carica, il viceré deve sotto-
stare all’antica formalità del giuramento, alla presenza delle
principali autorità, nella cattedrale di Cagliari; pertanto, egli si
impegna a rispettare e tutelare tutte le leggi, i costumi, le tra-
dizioni del Paese. Considerando lo stato in cui attualmente
versa la monarchia assoluta, un giuramento del genere deve
essere onorato più nell’inadempienza che nell’osservanza.
Nel caso si assenti dalla città – ma non può lasciare Ca-
gliari senza il permesso di Torino – egli porta con sé una
lettera sigillata, da aprirsi in caso di morte, che contiene il
nome della persona designata alla reggenza finché non si
proceda alla nuova nomina. Se dovesse accadere che l’ufficio
rimanesse vacante, vengono investiti dei poteri il “Reggente

323
L’ISOLA DI SARDEGNA

della Real Cancellaria” e i ministri della “Reale Udienza”. Tal-


volta, il viceré riceve una nomina temporanea e in tal caso
non è tenuto al giuramento né viene investito dei consueti
diritti e privilegi; in questa ipotesi, egli è soltanto un “incari-
cato” dell’ufficio. Un segretario militare ed uno civile costitui-
scono l’organico diplomatico del suo seguito, oltre la solita
scorta degli aiutanti di campo, segretari particolari e così via.
In quanto magistrato superiore, il viceré ha diritto di pre-
siedere tutti i tribunali ma lo esercita raramente, se non in ca-
si di particolare importanza; esercita, invece, la prerogativa di
concedere due volte l’anno la grazia, a suo piacere, e può
farlo anche altre volte. La sua retribuzione, che nel passato
era costituita da esigue entrate provenienti da fonti diverse,
come tasse, imposte e tributi, sia in natura che in danaro, fu
modificata da Carlo Felice nel 1821 e, anziché compensi
aleatori, gli è stato assegnato uno stipendio fisso di 60.000 li-
re nuove, ovvero 2400 sterline l’anno, oltre al diritto di di-
sporre del palazzo arredato e diversi altri benefici. Sebbene,
secondo la legge, la retribuzione non decorra se non dall’atto
del prescritto giuramento, in occasione dell’ultima nomina
questa prassi è stata abolita ma, quando fu nominato il suo
predecessore, si dice che un suo amico, dopo qualche gior-
no di permanenza a Cagliari, gli avesse raccomandato di giu-
rare perché altrimenti non avrebbe ricevuto gli emolumenti.
«Come – disse – non verrei pagato pur avendo la nomina del
sovrano? Ave Ma ria purissima ! Domattina farò tutti i giura-
menti che vogliono», e così fece.
Nei governi rappresentativi, quando la sostituzione di un
ministro coinvolge alti funzionari, sono inevitabili frequenti
alternanze nella carica di viceré ma nell’assolutismo della di-
nastia dei Savoia, dove non avviene alcuna revoca se non per
volontà e piacere del sovrano, la politica della brevità dell’in-
carico che talvolta si verifica è senza dubbio determinata da
altri motivi, come un comportamento indegno, l’incapacità, la
pletora dei Piemontesi, Savoiardi e Sardi da accontentare e i
cui servigi impongono al sovrano di contraccambiare i favori
(senza che si tenga conto della competenza ad occupare un

324
Ca pitolo XVIII

posto così importante) oppure quando si teme che la loro


amministrazione diventi troppo liberale. Non mancano esem-
pi che dimostrano che questa valutazione influenzi la possibi-
lità di una proroga dell’incarico.
Uno dei molti mali derivanti dalla breve durata della cari-
ca, sta nella confusione che si crea con i Pregoni, o decreti,
che sono stati emanati nel corso dell’amministrazione di un
viceré, dal momento che questi revoca spesso molti provvedi-
menti assunti dai suoi predecessori. Colui che subentra nella
carica, e che magari nutre idee diverse circa la politica da se-
guire, invaliderà i Pregoni precedenti; di conseguenza la ne-
cessità che il re confermi o annulli i Pregoni aggiunge confu-
sione a una situazione già ingarbugliata. Basta prendere in
esame alcuni decreti per avere conferma di quanto abbiamo
affermato, tanto è vero che la maggior parte di essi reca la
clausola «abroga gran parte di altra legge» emanata dal prede-
cessore. In questo modo, limitati nel realizzare e nel mettere
alla prova un provvedimento, si va contro una corretta osser-
vanza dei veri e universali principi della diplomazia, della po-
litica e del governare e si impedisce la capacità di legiferare
con lungimiranza e previdenza.
Nel 1840, un Pregone di una certa importanza, chiamato
“Circolare”, fu emanato dal viceré il conte De Asarta, in ter-
mini fortemente critici nei confronti dei decreti del suo pre-
decessore, il cavalier Montiglio, la cui condotta durante il
periodo della sua amministrazione era stata, per altro, tanto
apprezzata che il re gli aveva conferito l’“Annunciata”, ossia
la più alta onorificenza. Questa Circolare, pertanto, venne re-
gistrata ed entrò in vigore, trasformandosi, allo stesso tempo,
in una censura inequivocabile nei confronti del Montiglio.
Quando questi fu informato del giudizio negativo espresso
sul suo operato, non poté, a causa di una malattia, realizzare
l’intenzione di recarsi dal re per gettargli ai piedi l’onorificen-
za ma la cosa lo amareggiò al punto da affrettarne la morte;
le sue ultime parole furono: «O! che re!».
L’aleatorietà della durata dell’incarico è fonte di inconve-
nienti non minori nelle relazioni personali, come dimostra il

325
L’ISOLA DI SARDEGNA

caso del conte De Asarta, il quale, nel 1843, fu semplicemente


“incaricato” e viceré soltanto di nome. Poiché aveva ricoperto
l’alta carica per un certo tempo, si aspettava, a buon diritto,
anche per certe indiscrezioni che gli erano giunte, che sareb-
be stato formalmente insediato. Fiducioso che il re gli avreb-
be conferito questo onore (in quei giorni il sovrano era atteso
nell’Isola da un momento all’altro), ebbe l’improntitudine di
ordinare in continente l’uniforme da viceré. Mentre si trovava
a Sassari in attesa di incontrare il sovrano, giunse a Portotor-
res il piroscafo che collegava periodicamente lo scalo turrita-
no con Genova. Mandò subito a ritirare l’abito ma, anziché
una scatola di indumenti di finissimo broccato ed il consueto
abito da cerimonia, il messaggero gli recapitò soltanto alcuni
dispacci nei quali, a rallegrare i suoi occhi non fu la lettera
del sarto che si giustificava per il mancato invio dell’abito, ma
la secca notizia ufficiale della nomina a viceré effettivo del ge-
nerale Cornuto e che avrebbe accompagnato il re, da Geno-
va, per tutto il corso della visita programmata per assumere
immediatamente il suo ruolo. Il conte De Asarta era ospite
dell’arcivescovo di Sassari col quale, quel giorno, ebbi occa-
sione di pranzare e, sedendogli vicino, ebbi modo di consta-
tare, nel corso della conversazione, quanto fosse rimasto pro-
fondamente ferito dall’improvviso ripensamento del sovrano.
Il “reggente della Real Cancelleria”, o Cancelliere, è l’auto-
rità più alta dopo il viceré. L’ufficio fu istituito da Ferdinando
II, nel 1661, col compito di riceverne consiglio e, allo stesso
tempo, come contro bilanciamento dei poteri dei viceré i qua-
li, per 160 anni, provenivano solitamente dai militari. Il reg-
gente ha competenza su tutte le questioni di carattere giudi-
ziario e politico, collabora col viceré ed opera in ogni branca,
salvo che in quella militare ed ecclesiastica ma, per quanto
questi funzionari siano ministri responsabili dell’Isola, il sovra-
no tiene con loro a Torino un “Supremo Consiglio”, istituito
da Vittorio Amedeo nel 1726, e composto da un “Reggente di
toga”, un “Avvocato fiscale”, un segretario, due consiglieri, al-
cuni membri scelti secondo il gradimento del re i quali, tutti
insieme, sovrintendono a tutte le questioni attinenti l’Isola e

326
Ca pitolo XVIII

costituiscono la suprema Corte d’Appello. La Reale Udienza di


Cagliari, il tribunale supremo, è presieduta simbolicamente
dal viceré ma, in pratica, dal Reggente della Real Cancelleria.
Diciotto giudici, nominati dal sovrano, formano il consiglio,
che si suppone essere uguale al Supremo Consiglio; questo si
articola su tre tribunali, due civili ed uno penale, chiamati il
“Real Consiglio”, ciascuno dei quali presieduto da sei giudici.
In quanto consiglieri reali, hanno il titolo di “Don” e, sebbene
la loro retribuzione non sia elevata, sono invece notevoli, in
proporzione, le prebende ed i profitti indiretti.
La retribuzione del Reggente di Cagliari è di 360 sterline
l’anno, di cui circa 280 derivanti da prebende; quella dei pre-
sidenti di tribunale è di 140 sterline e circa 82 di extra. Un giu-
dice del tribunale penale riceve 106 sterline di stipendio e 80
di prebende; un giudice del tribunale civile, 82 sterline ed una
somma più o meno simile di extra; l’Avvocato Generale, l’Av-
vocato ed il Procuratore Fiscale, sono retribuiti con 200 sterli-
ne e 100 di diritti extra; l’Avvocato dei Poveri, 92 sterline e
prebende per circa 108.
Gli uditori, i segretari, i sostituti formano, nell’insieme, un
complesso di sessantacinque funzionari e il totale delle loro
retribuzioni, con le prebende che vanno dal Reggente, con
640 sterline, allo scrivano, che ne ha 24 – e questi sono gli
estremi fra il massimo ed il minimo – ammonta a circa 4500
sterline, così che il compenso medio non raggiunge le 70
sterline l’anno. La retribuzione dei funzionari dei tribunali di
Sassari è di circa un terzo inferiore a quella di Cagliari.
L’Avvocato Generale e l’Avvocato Fiscale, dai quali dipen-
dono le incriminazioni, gli arresti, l’accertamento della prova
del reato o dell’innocenza, tutelano la legge in ogni occasio-
ne, presenziano alle decisioni dei giudici, vigilano sull’osser-
vanza delle ordinanze reali, sono competenti in materia di
soprusi ecclesiastici e nelle liti fiscali. Un Avvocato e Procura-
tore dei Poveri, quando gli viene richiesto, assume il gratuito
patrocinio degli indigenti ma il suo intervento non è molto ri-
chiesto. Si può ricorrere in appello contro le sentenze del tri-
bunale penale presso il tribunale civile e, da questo, ai due

327
L’ISOLA DI SARDEGNA

tribunali riuniti, se la causa del contendere supera le 500 lire


nuove o le 20 sterline, oppure al Supremo Consiglio, se l’am-
montare è tre volte superiore.
Nei distretti esistono sei prefetture ed ottantacinque “Tri-
bunali di Mandamento”, o Tribunali distrettuali, senza consi-
derare quelli di Sassari, e ciascuna prefettura è composta da
un prefetto, quattro magistrati, più altri due nel caso di loro
assenza. Vi sono, inoltre, un Avvocato e Procuratore Fiscale,
ossia avvocato e procuratore legale dello Stato, un avvocato
ed un procuratore per i poveri, un segretario con i suoi aiu-
tanti, le cui retribuzioni complessive ammontano a 8300 lire
nuove, vale a dire 332 sterline circa. Il prefetto risiede nella
città capoluogo della giurisdizione. Attraverso questi tribuna-
li, in forma analoga al Tribuna l de première Insta nce dei
Francesi, si può ricorrere in appello presso la Reale Udienza
quando, nelle liti civili, la somma del contendere superi le
300 lire nuove, ovvero 12 sterline, e sia prevista una pena di
oltre un anno di reclusione, oppure una multa dello stesso
ammontare, se trattasi di materia penale.
Il Tribunale di Mandamento è formato da un giudice e
da due magistrati (alla stregua dei juges de pa ix francesi) dai
quali si può rivolgere appello alla prefettura per liti civili, la
cui causa del contendere superi le quarantotto lire nuove ov-
vero 1 sterlina, 18 scellini 4 pence e tre quarti, ed anche oltre
questa somma, oppure, in casi penali, quando sia prevista
una pena di almeno cinque giorni di reclusione.
Ambedue i tribunali sono competenti unicamente per le
cause relative ai loro distretti.
Prima dell’abolizione del sistema feudale, i baroni sardi
locali godevano della facoltà di disporre di un magistrato che
presiedeva le proprie corti di giustizia; un privilegio di cui, in
verità, non fruivano i capi feudali forestieri. Nell’esercizio del
loro potere dispotico, si rendevano responsabili di ogni so-
pruso e finivano per alimentare quel male che avevano il
compito di estirpare.156

156. Vedi la parte sul feudalesimo nell’Appendice.

328
Ca pitolo XVIII

Il “Capo di Sopra”, o circondario del Logudoro, dispone


di una giurisdizione distinta chiamata la “Reale Governazione
del Logudoro” ed è presieduta dal governatore del capoluogo
di Sassari anche se, in una certa misura, dipende da quella
del “Capo di Sotto”, o provincia di Cagliari. La sua costituzio-
ne e le funzioni esercitate sono le stesse della Reale Udienza,
alla quale trasmette tutte le cause relative allo Stato ed all’am-
ministrazione della giustizia e verso la quale, come pure verso
il Supremo Consiglio, si può presentare appello.157

157. L’Intendente generale, o ministro delle finanze, è autonomo da


questa e dalle altre autorità e, in caso di divergenza d’opinione fra lui ed
il viceré, l’unico arbitro è il sovrano. Da lui dipendono gli Intendenti di
11 circondari, vale a dire Cagliari, Busachi, Iglesias, Isili, Lanusei, Nuoro,
Sassari, Alghero, Cuglieri, Ozieri e Gallura i quali sono, a loro volta, sud-
divisi in trentadue distretti, i cui uffici furono istituiti da Vittorio Emanue-
le nel 1807 ma ridotti per numero e competenze nel 1821. Il Tribunale
del Patrimonio, o Corte delle regie imposte, è stato assorbito da quello
dell’Intendenza, che attualmente cura l’amministrazione delle entrate,
dazi e tasse, assieme alla definizione di contestazioni cui queste diano
luogo, alle rilevazioni statistiche, all’affitto delle terre demaniali, ai patti
di carattere agrario, industriale ed economico ed alla ispezione dei pub-
blici edifici. Collaborano il tesoriere generale ed il vice tesoriere dei cir-
condari ma dipendono dalle Intendenze. Cagliari, Sassari, Alghero, Bosa,
Iglesias, Oristano, Ozieri, Tempio, Nuoro e Castelsardo, le dieci città
principali, hanno un consiglio civico o consiglio municipale composto
da sindaci e consiglieri, divisi in due classi: la nobiltà ed il popolo. La lo-
ro carica ha durata annuale; l’elezione ha luogo il 15 dicembre e l’entra-
ta in carica avviene il 1 gennaio. La “sindicatura” o corporazione è, a sua
volta, suddivisa in un consiglio generale e particolare; il primo è compo-
sto da membri di ambedue le classi e si riunisce quattro volte l’anno per
curare l’amministrazione dei fondi e gli affari cittadini ed in quelle altre
occasioni in cui ne venga richiesto l’intervento. Il consiglio particolare,
eletto da quello generale, ha le sue rispettive competenze, come il Prov-
veditore, o ispettore dei generi alimentari e dazi di consumo; quello edi-
le si occupa dello stato generale dei fabbricati; il “Ragioniere” si occupa
della contabilità; il “Padre” degli orfani, della custodia degli orfani e de-
gli illegittimi mentre il “Vicario” sovrintende all’ordine pubblico, ai pesi e
misure. Nessun membro può essere eletto senza il beneplacito del vice-
ré e tutte le deliberazioni sono soggette alla sua volontà e gradimento.
Prima dell’anno 1836, il Consiglio Civico conservava una parte dei diritti,
privilegi, libertà e composizione di cui avevano goduto dagli inizi del

329
L’ISOLA DI SARDEGNA

In tema di amministrazione della legge, uno fra i tanti casi


del quale, per la cortesia di un amico, ebbi occasione di esa-
minare la documentazione e ricavare, così, dettagli sul suo
funzionamento, fu un’azione civile promossa da un figlio con-
tro il padre per la mancata osservanza, da parte di questi, di
devolvergli circa 25 sterline l’anno. Il figlio, dopo aver presen-
tato appello a Sassari, si rivolse, quindi, alla Reale Udienza di
Cagliari. L’atto consisteva di circa 700 pagine fitte, contenenti
una stima delle proprietà paterne, copia della corrispondenza
intercorsa ed una quantità di documenti il cui contenuto, per-
fino in un tribunale inglese, sarebbe stato condensato al mas-
simo in cento pagine. Vi figuravano ventiquattro testimonian-
ze a favore di una delle parti e venticinque in favore dell’altra.
I contendenti si dichiaravano propensi ad addivenire ad una
composizione amichevole della vertenza, dal momento che la

dominio aragonese e sul mantenimento di questi insistette la giudicessa


Eleonora nel trattato di pace col re d’Aragona nel 1388. Fu certamente
necessaria una riforma degli abusi e delle funzioni inutili ma fu adottato
l’estremo opposto della legislazione nella regia legge Comunale del 1836,
allorché si instaurò un sistema centralistico, totalmente lesivo dello scopo
istituzionale, in misura tale che della primitiva indipendenza sono rimaste
solamente formalità e usanze effimere. Ci si lamenta fortemente dell’am-
ministrazione inefficiente dei diversi uffici senza tener conto che le nomi-
ne vengono fatte sulla base dell’interesse del Governo ed a titolo di favo-
re. I 368 Comuni nei quali si articola l’Isola, dispongono anche di un
consiglio municipale simile, per regolamento, a quello civico ma va da
tre a sette consiglieri, a seconda della popolazione, con un presidente
che si chiama sindaco. Fra le Corti minori, l’organismo ecclesiastico più
importante è il Tribunale Apostolico che viene nominato ogni cinque an-
ni attraverso un breve papale. Ad esso vanno rivolte le istanze di appello
da parte del tribunale degli arcivescovi e vescovi ma le controversie e le
contrapposizioni fra lo Stato e la Chiesa e le altre questioni ecclesiastiche
di minore importanza vengono trattate da un tribunale inferiore, la “Can-
cellaria Apostolica e regia”. L’amministrazione degli affari militari è devo-
luta al viceré ed alla “Capitania generale”, un tribunale che si occupa di
tutte le questioni relative alle forze di terra ed ha la stessa competenza,
nelle questioni marittime, dell’Ammiragliato di Genova. Il Tribunale del
Consolato è composto da un presidente, due giudici, due consoli ed un
segretario i quali sovrintendono a tutte le questioni relative al commercio,
alle attività economiche, scambi, industrie e alla navigazione.

330
Ca pitolo XVIII

causa si protraeva da circa quattro anni ma, essendo stata la


proprietà del padre valutata circa 6500 sterline, costituiva per
la legge una ghiotta occasione per profittare di un piatto così
appetitoso per altri quattro anni.
Si dice che nelle liti sia difficile stabilire chi sia il più dan-
neggiato dalla sentenza, se sia la parte soccombente o quella
che vince la causa. La certezza, in verità, che in fin dei conti
sia il giudice a trarre maggior vantaggio fra i contendenti, è
confermata dal proverbio che si usa ripetere nelle cause di
eredità e successioni; così, per esempio, quando quattro per-
sone vanno in giudizio per un’eredità, si dice: «Avrete il quin-
to ed il più ricco erede nel giudice».
La retribuzione fissa dei “giudici di Mandamento”, o giudi-
ci del circondario, fu soppressa con l’abolizione del sistema
feudale nel 1836 ed ora essi debbono campare con proventi
totalmente aleatori, costituiti da prebende previste da una ta-
riffa nell’Editto del 27 luglio 1838; il livello è così basso che il
più ricco dei Mandamenti può assicurare a mala pena il so-
stentamento di un giudice. Sono, per lo più, i borghesi che
aspirano a questo ufficio, i quali, non avendo altri mezzi di
sussistenza, si aggrappano alla prospettiva di un pur misero
reddito. Da qui ne consegue un conflitto morale causato dalle
loro ristrettezze economiche, che li espone alla prospettiva di
procacciarsi da vivere con le prebende attraverso lo strata-
gemma di protrarre una causa, oppure assolvere fedelmente il
proprio dovere portando velocemente il contenzioso a con-
clusione sulla base di un normalissimo processo.
I tribunali penali, profittando del sistema oscuro e clan-
destino col quale amministrano la legge, hanno la potestà di
decidere sull’onorabilità, la libertà e la vita di tutti coloro che
hanno la disgrazia di finire invischiati in incriminazioni o che
si trovino nella necessità di doversi difendere, perché questa
iniqua evenienza consente al giudice altre possibilità di pro-
curarsi i mezzi di sussistenza. In nessun caso è consentita la
pubblicità della prova e, fra le tesi portate a sostegno della
segretezza, sono la necessità di tutelare i giudici dall’eventua-
le accusa di aver volutamente o involontariamente condotto

331
L’ISOLA DI SARDEGNA

male la causa, e che coloro che hanno reso vera o falsa testi-
monianza, non corrano il rischio di finire vittima di vendette.
Anche i “processi” o atti d’accusa vengono condotti con analo-
ga segretezza ed in modo totalmente inquisitorio, dal momen-
to che l’accusato non viene neanche chiamato a presenziare al
processo e pertanto nulla sa del proprio destino finché non
viene a conoscenza della sentenza.
L’atto d’accusa viene formulato da due magistrati, il “De-
legato”, o querelante, e l’“Attuario”, il funzionario della Corte.
Il primo prende in esame le testimonianze mentre l’altro sman-
tella la loro evidenza a seconda delle risposte che gli vengono
suggerite dal Delegato. Che le testimonianze siano vere o fal-
se ha poca importanza, dal momento che accade raramente
che gli imputati sappiano leggere o scrivere, così da poter ve-
rificare la correttezza dei verbali e che, per questa ragione, le
testimonianze rese possono venire alterate, aggravate o atte-
nuate, sotto lo scudo protettivo del segreto, secondo volontà
e piacimento del Delegato e dell’Attuario. Qualora un teste,
interrogato da un altro magistrato di un tribunale superiore,
renda una deposizione diversa da quella che risulta agli atti,
anche se la sostanza risponde a quanto in precedenza ha af-
fermato, incorre nel reato di falsa testimonianza ed è soggetto
alle pene di legge; poiché solitamente un secondo interroga-
torio differisce costantemente dal primo, o risultano colpevoli
di falsa testimonianza il denunciante ed il funzionario, oppure
figura colpevole di falso il testimone ma, poiché quest’ultimo
può raramente discolparsi nei confronti del duplice potere
dell’altro, non soltanto i rei la fanno franca ma l’innocente
viene condannato proprio per scagionare loro e, seppure il
testimone fosse in grado, per colmo di fortuna, di provare la
verità della propria deposizione, è altrettanto raro che gli altri
vengano puniti. Si verifica spesso il caso in cui il delegato in-
terroghi come testimone il vero criminale (se le sue entrate
sono superiori alle sue parcelle); in tal caso, il colpevole ricco
accusa altre persone del reato di cui è incriminato e, molto
spesso, accusa lo stesso testimone la cui deposizione avrebbe
potuto farlo condannare, oppure accusa un suo nemico contro

332
Ca pitolo XVIII

il quale può, in tal modo, vendicarsi. Nelle tenebre e nel silen-


zio di questi interrogatori, non esiste perfidia alla quale il dele-
gato non si sottragga né intrigo cui non faccia ricorso.
Un esempio della commistione di frode e di imbrogli, che
finisce sempre per risolversi in favore del colpevole, si verifi-
cò di recente con un procuratore, nominato Delegato dal ma-
gistrato capo del Regio Consiglio, con l’incarico di giudicare
un caso di assassinio che si era verificato in un paese. Egli ri-
solse la questione senza tentennamenti, con prove certissime
contro le persone ritenute colpevoli, ma capitò che i testimoni
venissero poi interrogati, inaspettatamente e separatamente,
da un giudice dello stesso tribunale, il quale giudice, riscon-
trando che le loro deposizioni erano completamente contra-
stanti con quanto risultava verbalizzato dal Delegato, ne die-
de lettura ai testimoni ciascuno dei quali, senza esitazione
alcuna, accusò quest’ultimo di aver messo a verbale non quel
che essi avevano dichiarato ma quel che a lui tornava como-
do e non fecero neanche mistero della ragione del suo com-
portamento. Le loro deposizioni, alla fine, risultarono perfet-
tamente veritiere e la disonesta premeditazione del Delegato
apparve tanto evidente, che i presunti colpevoli che stavano
per essere condannati a morte, furono scarcerati e il magistra-
to arrestato e processato. Mandato in prigione, questi fu mes-
so in libertà dopo poco tempo e, qualche mese più tardi, gli
fu affidato l’importante incarico di Procuratore Fiscale della
prefettura di Cagliari. Tutto ciò, poté verificarsi non in virtù di
una prova successiva della sua innocenza, né a titolo di com-
pensazione per una pena subita ingiustamente, bensì per l’in-
tervento di uno dei più alti magistrati dell’Isola del quale go-
deva amicizia e protezione. Sebbene quella nomina avesse
suscitato la pubblica indignazione, non ci fu nulla da fare
perché il suo protettore, che era piemontese, occupava una
posizione così influente perché potesse essere chiamato in
causa ed era così ampio il potere discrezionale del suo ufficio
che, con assoluta facilità, avrebbe potuto punire i suoi accu-
satori, applicando quella stessa ingiustizia con la quale aveva
gratificato il Delegato disonesto.

333
L’ISOLA DI SARDEGNA

Perché la mia a utorità è ta nto credibile


Che sca nda lo a lcuno può inta cca re
E chi pa rla disorienta .158

Possiamo ora prendere in esame il sistema comunemente


invalso, ai limiti della realtà, di incarcerare i testi nei processi
penali. È questo un potere dell’Avvocato Fiscale mediante il
quale il teste, appunto, può venire spedito in prigione, non sol-
tanto col pretesto che la sua testimonianza potrebbe rafforzare
o invalidare, a seconda del caso, il verdetto che ci si è prefissi
di ottenere ma, molto spesso, come misura preventiva verso
l’eventuale contestazione della deposizione resa al Delegato.
Due anni fa, due testimoni morirono a causa dei pati-
menti e degli stenti subiti nel corso della detenzione nel car-
cere della loro città e molte storie simili si raccontano a pro-
posito delle celle segrete di Cagliari.
In alcuni casi le parti conoscono attraverso quali mezzi
riescono ad ottenere la libertà mentre altri, meno ricchi, de-
vono soltanto fornire o attenersi alla testimonianza ed alla
deposizione loro richiesta e, secondo il proverbio giudiziario,
affermare «quello che piace al Fisco». Poco o niente, per tale
ragione, si può contare sulla testimonianza di persone alle
quali l’abuso dell’autorità pubblica pone i corni del dilemma:
mentire, ovvero la necessità di salvarsi. In ambedue le alter-
native, il disonore è sinonimo di difesa.
Un esempio illuminante, del quale non si può mettere in
dubbio l’autenticità, capitò molto di recente ad un mio amico
dal quale venni a saperlo. Mentre vagava per le montagne, si
imbatté in un fuoruscito il quale, consapevole che la giustizia
non avrebbe mai riconosciuto la sua innocenza mentre il suo
avversario aveva tutte le possibilità ed i mezzi per sfuggire ad
una condanna per rapina e oltraggio, aveva deciso di seguire
l’antica strada della vendetta personale. Il mio amico gli chie-
se perché tardasse a mettere in atto quella decisione, dal mo-
mento che il suo nemico si trovava ogni momento a portata
di mano. «Oh, sì – rispose – quanto a lui son ben sicuro che

158. W. Shakespeare, Misura per misura , atto IV, scena 4.

334
Ca pitolo XVIII

non mi sfuggirà, ma non sono abbastanza ricco». «Che signifi-


ca non abbastanza ricco?». «Che diamine, non ho ancora il
necessario per mettere a tacere il giudice ed il prete».
Se la giustizia è tanto aleatoria non di meno è anche tar-
diva, in quanto l’Avvocato Fiscale, non dovendo rispettare li-
miti di tempo per l’accertamento delle prove contro l’accusa-
to e per ottenere gli “incombenti”, o prove supplementari,
può prolungare i tempi della causa per mesi, senza muovere
un dito, mentre gli imputati, innocenti o colpevoli, rimango-
no in carcere a suo piacimento. Nelle varie prigioni che ho
visitato, ho incontrato molte persone da lungo tempo dete-
nute in attesa di giudizio, e la loro infelice esistenza era dop-
piamente amareggiata dall’incertezza e dal ritardo della loro
sorte; c’erano altri, ai quali, dopo il processo, la sentenza non
veniva comunicata se non con grande ritardo, con la stessa
arbitrarietà con la quale si era protratto il dibattimento. Si
narra il caso di un detenuto, la cui condanna a morte gli fu
notificata dopo dieci anni di reclusione e, quando gli fu co-
municata, disse con allegra rassegnazione: «Non vi era biso-
gno di tanto per liberarmi di questo inferno e per lasciarmi
perire felicemente sul patibolo».159
L’amministrazione giudiziaria nelle altre branche, oltre a
quelle essenzialmente civili o penali, è ugualmente viziata
dall’incertezza, dalla disonestà, dalla corruzione e dalle omis-
sioni e di questo malcostume diffuso si è lamentato con me,
in privato, un magistrato il cui talento, cultura e personalità
gli hanno consentito di accedere ad uno dei più alti incarichi
giudiziari dell’Isola. In una lettera nella quale affronta que-
st’argomento, egli così afferma: «In fine, non avrà da lodare la
nostra tela giudiziaria, che abbisognerebbe di forme più se-
cure e più spedite. Peggio ancora l’andamento delle proces-
sure criminali, non avendo noi né giudizio né dibattimenti
pubblici, né altre illuminate riforme, le quali assecurino la li-
bertà cittadina, e rendano meno arbitrio il giudizio».160 Altre
personalità di alto livello professionale si espressero molto più

159. In italiano nel testo (N.d.T.).


160. In italiano nel testo (N.d.T.).

335
L’ISOLA DI SARDEGNA

drasticamente e, nel corso di una mia conversazione con i


giudici del Mandamento, essi riconobbero, implicitamente,
che gli scarsi mezzi finanziari e la mancanza di volontà face-
vano sì che il sistema iniquo esercitasse violenza su di loro e
questa fu la comune conclusione: «La necessità di farmi vive-
re, mi fa morire gli altri».161
Molto disappunto genera, nei Sardi, il fatto che le nomine
del Governo centrale siano riservate ai Piemontesi; pur dove-
rosamente riconoscendo che la lagnanza sia ingigantita da
sentimenti campanilistici e interessi personali, e che non sa-
rebbe prudente affidar ai Sardi, in misura eccessiva, l’ammini-
strazione dei propri affari; non esiste, comunque, una propor-
zione giusta nella suddivisione degli incarichi, dal momento
che dignità e talento si trovano, nello stesso modo, sia fra gli
isolani che fra i sudditi continentali del sovrano; per cui, que-
sto, traendo vantaggio – da un lato – dai loro servizi e, nel
contempo, concedendo loro una gratificazione, potrebbe por-
re fine a quell’atmosfera di astio e di invidia che, purtroppo,
esiste fra stati rivali. Fra le cariche governative che finiscono
per essere prerogativa dei Piemontesi, si contano quelle del
Viceré, del Reggente, dell’Intendente, dell’Avvocato Fiscale,
del Generale delle Armate, del Commissario di guerra, del Di-
rettore di dogana e di molte altre, ma l’ultimo primo ministro
di Sua Maestà a Torino, ed anche diversi membri del Governo
e della Corte, furono sardi, ed hanno dato prova di capacità
per cui il sovrano potrebbe tranquillamente concedere mag-
giore fiducia agli isolani e consentire loro una più ampia par-
tecipazione alla gestione dell’amministrazione dando, nel con-
tempo, attuazione alla legge napoletana in base alla quale i
Siciliani debbono occupare a Napoli lo stesso numero di inca-
richi che i Napoletani occupano in Sicilia.
Le nomine ininterrotte di Piemontesi nell’incarico di Av-
vocato Fiscale costituiscono motivo di particolare doglianza
dei Sardi perché, consapevoli che la situazione impone loro
di essere i giustizieri del crimine senza essere i paladini del-
l’innocenza, ritengono che i loro doveri siano espletati meglio

161. In italiano nel testo (N.d.T.).

336
Ca pitolo XVIII

nell’adottare un severo rigore. Con questa idea sbagliata, si il-


ludono che le loro qualità meglio emergano a seconda del
numero delle persone che condannano. Di recente, un Avvo-
cato Fiscale raccontava senza mezzi termini ad un altro magi-
strato piemontese di servizio a Cagliari, della quantità di gen-
te che era riuscito a condannare e, mentre si vantavano a
vicenda delle loro nefande imprese, quest’ultimo concluse la
violenta filippica sulla condotta dei Sardi in tono molto inso-
lente: «Ho fatto anch’io la mia