Sei sulla pagina 1di 41

Parco di San Rossore - 7 settembre 2012

Analisi critica delle prove di trazione controllata


con particolare riferimento al Pino domestico

LASA
Laboratorio
di Studi sull’Albero

Luigi Sani - Studio Tecnico GIFOR - Via del Parione, 1 – 50123 – FIRENZE
Tel 055 292813 – Fax 055 2302298 - Cell 347 4195878 - gigisani@giforperglialberi.it -
www.giforperglialberi.it
Introduzione

Analisi critica delle prove di trazione su Pino domestico – L. Sani - 2


Introduzione

Analisi critica delle prove di trazione su Pino domestico – L. Sani - 3


Introduzione

Il cedimento degli alberi, sia in


foresta che in città, è un problema di
grande interesse per il rischio di
danni che comporta se il cedimento
influisce su persone, cose o attività

La valutazione di stabilità degli


alberi è la pratica che si è sviluppata
per studiare, prevedere e contenere
il fenomeno del cedimento degli
alberi

Oltre l’analisi visuale, basata su


assunti fisiomorfologici, strutturali o
fitopatologici, si sono sviluppate
tecniche di indagine che usano
strumentazioni complesse e
finalizzate a stimare, direttamente o
indirettamente, la capacità di
resistenza di un albero sulla base di
alcune proprietà dei tessuti legnosi
Analisi critica delle prove di trazione su Pino domestico – L. Sani - 4
I diversi tipi di prova di sollecitazione

Le prove di sollecitazione sono un


settore di grande interesse, però
non ancora chiaramente codificato
nella sua procedura.

Nonostante il costo, le informazioni


ottenute non sono soddisfacenti.

Le prove di sollecitazione possono


essere suddivise in:

Le prove di trazione controllata,


statiche, non distruttive, finalizzate
a determinare la relazione fra
sollecitazioni indotte con carichi
modesti e una variabile di
resistenza oltre la quale si hanno
deformazioni permanenti o il
cedimento. Si vuole cioè ottenere
un valore di carico critico.

Analisi critica delle prove di trazione su Pino domestico – L. Sani - 5


I diversi tipi di prova di sollecitazione

Le verifiche di cedimento a
trazione, distruttive, statiche o quasi
statiche, determinano la
sollecitazione nel momento del
cedimento, per porla in relazione con
variabili dendrometriche. Si studia la
propensione al cedimento di un
albero o di un popolamento mediante
variabili descrittive semplici, per
usarle in modelli auxometrici

Le prove di sollecitazione
dinamica, ancora in fase embrionale,
consistono nello studio della
interazione fra forzante eolica,
naturale o indotta, e comportamento
dell’albero o di sue parti che, per
effetto di tale sollecitazione, vibra,
oscillando con modalità complesse e
dipendenti dalla sua struttura e
architettura
Analisi critica delle prove di trazione su Pino domestico – L. Sani - 6
La prova di trazione controllata: schema generale

Ma questa
affermazione è
un po’ vaga!

Analisi critica delle prove di trazione su Pino domestico – L. Sani - 7


La prova di trazione controllata: strumentazione
I cedimenti del fusto

• cedimento per rottura del fusto in


I cedimenti dell’apparato quota in sezione “sana”
radicale
• cedimento per rottura del fusto in alberi
• cedimento per rottura delle con sezione degradata
radici
• cedimento per rottura del fusto in alberi
• cedimento per ribaltamento cavi a parete spessa
della zolla intera
• cedimento per rottura del fusto in alberi
• cedimento per scivolamento cavi a parete sottile
della zolla intera su un piano
inclinato • cedimenti per rottura longitudinale del
fusto dovuta a slittamento delle fibre
• cedimento per sfilamento
delle radici dovuto a perdita di • cedimento per rottura del fusto in
coesione nell’interfaccia prossimità di anomalie superficiali
terreno - radici
• cedimento per rottura elicoidale del
fusto n torsione delle fibre
Analisi critica delle prove di trazione su Pino domestico – L. Sani - 8
La prova di trazione controllata: strumentazione

L’inclinometro misura l’inclinazione


della zolla. Poiché deve misurare
inclinazioni fra 0 e 0,25°, è
necessaria una precisione per lo
meno intorno al centesimo di grado.

L’inclinometro può essere


monoassiale o biassiale

Analisi critica delle prove di trazione su Pino domestico – L. Sani - 9


La prova di trazione controllata: strumentazione

Permette di verificare se e quanto si


inclina la zolla radicale in funzione di
un carico statico applicato mediante
un tirfor.

Analisi critica delle prove di trazione su Pino domestico – L. Sani - 10


La prova di trazione controllata: strumentazione

Analisi critica delle prove di trazione su Pino domestico – L. Sani - 11


La prova di trazione controllata: strumentazione

L’estensimetro o trasduttore di
posizione, misura l’allungamento
delle fibre superficiali del legno

La precisione dipende dalle


dimensioni. Poiché il limite elastico
del legno è intorno a 0,15-
0,40%, con un estensimetro di
lunghezza 20 cm, il campo che deve
essere misurato spazia fra 0 e 0,02
mm, per cui è necessaria una
precisione per lo meno del
centesimo di millimetro.

Analisi critica delle prove di trazione su Pino domestico – L. Sani - 12


La prova di trazione controllata: strumentazione

Permette di verificare se e quanto si


allungano le fibre esterne del tronco
in funzione di un carico statico
applicato mediante un tirfor.
Analisi critica delle prove di trazione su Pino domestico – L. Sani - 13
La prova di trazione controllata: strumentazione

La cella di carico misura


l’entità in N della forza di
sollecitazione indotta sull’albero
dal tirfor.

La precisione della cella di carico


può essere intorno a 10 daN.

Il campo di lavoro dipende dalla


forzante massima che si ritiene
opportuno applicare, anche
qualora non si raggiungano i
valori di sollecitazione limite
definiti dalla procedura

Analisi critica delle prove di trazione su Pino domestico – L. Sani - 14


La prova di trazione controllata: strumentazione

Il tirfor è lo strumento
utilizzato per provocare la
trazione dell’albero.

Esso induce una


oscillazione a scatti ben
visibile se si utilizza un
datalogger e si campiona
con una frequenza
superiore a 2Hz

Qual è il corretto modo di


eseguire la prova (tirare)
e di acquisire (registrare) i
dati?

Analisi critica delle prove di trazione su Pino domestico – L. Sani - 15


La prova di trazione controllata: aspetti geometrici

l’albero viene trazionato da terra, ancorandosi alla base di un altro albero


presente nelle vicinanze o in un punto di una PLE o di un trattore.

L’asse di
trazione forma
con il punto di
applicazione del
carico un angolo
e una distanza
fra albero e
punto di
ancoraggio, che
devono essere
misurati

Questa prassi comporta un certo errore in quanto se non si esercita una


trazione orizzontale, la deflessione elastica del fusto non è una funzione
lineare della tensione esercitata sulla corda
Analisi critica delle prove di trazione su Pino domestico – L. Sani - 16
La prova di trazione controllata: aspetti geometrici

Posizionamento della traente sull’albero e


all’ancoraggio

- la posizione della traente deve simulare la


sollecitazione indotta dalla spinta del vento?

- si posiziona nel baricentro geometrico della


chioma o nel baricentro di massa?

- nel centro di pressione o nel baricentro dei


punti di inserzione dei rami?

- qual è il ruolo delle biforcazioni a valle del


punto di trazione?

- si possono trazionare fusti codominanti ?

- si può indurre sollecitazioni torsionali? Come si


misurano? Pino a chioma asimmetrica e
branche codominanti. Non è
possibile posizionare la traente nel
baricentro della chioma
Analisi critica delle prove di trazione su Pino domestico – L. Sani - 17
La prova di trazione controllata: aspetti geometrici

Posizionamento dei sensori

- Qual è la posizione degli strumenti che


misura la massima deformazione?

- È davvero quella il più probabile punto


critico?

- Come si valutano alberi a fibratura


spiralata o soggetti a sensibili carichi
torsionali?

Analisi critica delle prove di trazione su Pino domestico – L. Sani - 18


La prova di trazione controllata: aspetti geometrici

Modellazione
dell’albero

Sarebbe opportuno
modellizzare
accuratamente l’albero!

Le variabili minime sono:

- superficie della chioma

- altezza di riferimento
per il posizionamento del
carico

- forma della sezione in


cui si colloca
l’estensimetro

Analisi critica delle prove di trazione su Pino domestico – L. Sani - 19


La prova di trazione controllata: aspetti geometrici

Stima della superficie investita dal vento …..

Qual è il criterio di misura corretto?!

- la “superficie” di riferimento è la proiezione su un piano


ortogonale al piano campagna della silhouette dell’albero
(superficie di massima esposizione della chioma o quella
in cui la direzione del vento è intensa)

- superfici geometriche

- scontornamento di una foto scattata da terra, …..…


ortorettificata?

- simulazione analitica della forma della chioma

- inclusione della superficie del tronco

Quanto metodi diversi condizionano i calcoli successivi?

Analisi critica delle prove di trazione su Pino domestico – L. Sani - 20


La prova di trazione controllata: aspetti geometrici

….. Ma qual è la superficie investita


dal vento?

si distinguono 4 tipologie di “superficie di


riferimento”:
- superficie “frontale”, misurata su un
piano normale alla direzione del flusso,
- superficie “bagnata” e cioè tutta la
superficie fogliare esposta al flusso del
vento,
- “area di proiezione planimetrica”, usata
in particolare per lo studio del lift,
- superficie basata sul “volume elevato a
2/3”

Quanto metodi diversi condizionano i


calcoli successivi?

Analisi critica delle prove di trazione su Pino domestico – L. Sani - 21


La prova di trazione controllata: aspetti geometrici
….. Come influisce la porosità della chioma?....

a parità di superficie di
riferimento, un diradamento dei
rami può modificare la superficie
investita, lasciando dei vuoti in cui
il vento passa senza interessare la
chioma
MA NON PER IL
la superficie dei “pori” si modifica PINO DOMESTICO
sia per i processi di
riconfigurazione, sia per
l’oscillazione dei rami e delle foglie

Nell’Eurocodice i manufatti
permeabili al vento sono valutati
con una riduzione % della
superficie in funzione del % di Fig. 9: Correction factor of the Cd
superficie della struttura non in relation to the porosity of the
“coperta” crown

Analisi critica delle prove di trazione su Pino domestico – L. Sani - 22


La prova di trazione controllata: aspetti geometrici
….. Come influiscono i processi di riconfigurazione della chioma? ....

la superficie in calma di vento si modifica in


funzione della velocità del flusso

La variazione della superficie di riferimento


dipende dal vento (velocità, direzione) e
dalle altre variabili che incidono sul numero
di Reynolds (densità del fluido, viscosità
cinematica), ma anche dai processi di
riconfigurazione

ρlV
Re =
µ
La riconfigurazione può modificare la superficie anche del 45%

1
per basse velocità del vento, il drag è proporzionale al quadrato D = ρV 2Cd A
della velocità mentre, ad alte velocità, la relazione è linearmente 2
proporzionale

Analisi critica delle prove di trazione su Pino domestico – L. Sani - 23


La prova di trazione controllata: aspetti geometrici
….. Come influiscono i processi di riconfigurazione della chioma? ....

si stima la variazione del Cd in funzione


della velocità del vento (includendo le
modifiche di superficie della chioma) per
poi utilizzare un valore univoco di Cd
scelto per velocità prossime a quelle
critiche

Come riconfigurano gli alberi?

E il pino domestico in che modo


riconfigura? …… dipende dalla forma
della chioma!

Analisi critica delle prove di trazione su Pino domestico – L. Sani - 24


La prova di trazione controllata: aspetti geometrici

Stima del baricentro o meglio del punto di applicazione della forzante eolica

-stima dell’altezza del baricentro


della figura di scontornamento
della chioma,

- il baricentro di massa dipende


dalla distribuzione dei carichi
sulla chioma e quindi dalla sua
architettura

- il punto di applicazione della


forzante è posto a 0,635 volte
l’altezza per alberi a chioma
tabulare

- sarebbe opportuno usare


metodi di simulazione delle
dimensioni e forma più articolati In quale punto di questa chioma si
dovrebbe applicare la spinta del
vento?
Analisi critica delle prove di trazione su Pino domestico – L. Sani - 25
La prova di trazione controllata: aspetti geometrici
Stima della forma della sezione
M x = σ amm ⋅Wx
La stima del momento critico di rottura dell’albero dipende da
carico applicato, materiale costituente, geometria e forma della 2⋅ I
W=
sezione. Il modulo di resistenza è calcolabile con la: D

La forma della sezione


resistente viene spesso
approssimata ad un
cerchio o ad una
ellisse, misurando due
diametri in croce nel
punto di misura e
ortogonalmente ad
esso

π ⋅ a2 ⋅b
W=
32

Analisi critica delle prove di trazione su Pino domestico – L. Sani - 26


La prova di trazione controllata: aspetti geometrici

Il problema dell’inclinazione
dell’albero

L’inclinazione determina un momento


flettente aggiuntivo se il baricentro non si
trova più all’interno della sezione del
tronco o della zolla

il carico gravitativo può agire sia a favore


che a sfavore del ribaltamento

che relazione c’è fra massa dell’albero e


contributo al ribaltamento o alla rottura al
variare della deflessione del fusto con
l’aumentare del carico?

anche la pendenza del terreno è rilevante

non ci sono differenze nella capacità di ancoraggio di alberi vegetanti in pendenza


rispetto a quelli in piano, però gli alberi trazionati da monte hanno una maggiore
resistenza al ribaltamento rispetto a quelli trazionati da valle

Analisi critica delle prove di trazione su Pino domestico – L. Sani - 27


La prova di trazione controllata: tipo di informazione ottenuta

L’informazione
disponibile sulle
proprietà meccaniche
del legno

- non ci sono per tutte le


specie, nei diversi ambienti
- sono desunte da campioni
in laboratorio
- solo raramente si
riferiscono al legno fresco
- non tengono conto di
nodi, anomalie e difetti

- devono essere considerati


come valori di riferimento

la variabilità delle proprietà meccaniche è assorbita nella incertezza della prova. Si


impone un fattore di sicurezza più elevato per “coprirla”

è giustificato ricorrere ad una misura precisa dell’allungamento delle fibre a


basso carico, per confrontarla con un valore delle proprietà meccaniche scelto
in modo arbitrario???

Analisi critica delle prove di trazione su Pino domestico – L. Sani - 28


La prova di trazione controllata: tipo di informazione ottenuta
L’informazione ottenuta con
l’estensimetro

- sotto l’inserzione della chioma


la sollecitazione è uniforme e
quindi è lecito misurare il valore
alla base ???!!!

- si suppone che si possa


individuare il punto più debole
sul tronco ma effetti di
plasticizzazione o strain
hardening

i valori di deformazione a basso


carico sono utilizzati per
costruire la retta sforzo –
deformazione Ma l’estensimetro
è posizionato in
dato il valore di deformazione al superficie e non
limite di elasticità, è possibile lungo l’asse
inferire il valore di sollecitazione neutro del tronco
critica e, da tale valore di carico,
si desume la forzante eolica
critica
Analisi critica delle prove di trazione su Pino domestico – L. Sani - 29
La prova di trazione controllata: tipo di informazione ottenuta

L’informazione ottenuta con


l’inclinometro

La stima della propensione al


ribaltamento si fonda su una curva
generica che stima il carico al
ribaltamento

basata su un set di verifiche


incompleto

Le curve sforzo – deformazione


culminano in punti diversi e
seguono un percorso variabile

Come influiscono le condizioni


pedoidrauliche del terreno nel
momento della prova? Quali
evidenze dalla meccanica dei
cedimenti reali?

Analisi critica delle prove di trazione su Pino domestico – L. Sani - 30


La prova di trazione controllata: la forzante eolica
La prova di trazione individua un
momento o una forza di trazione L’equazione è
valida per
strutture rigide in
Questa è trasformata nella forzante flusso laminare!
eolica equivalente mediante la

Fw è la spinta del vento in N


ρ è la densità dell’aria = 1.226 kg/m3
V è la velocità del vento in m/s
A è la superficie esposta in m2
Cd è il coefficiente aerodinamico

Infine il risultato è confrontato con


un carico critico,
individuando un fattore di sicurezza
…. ma non in percentuale!
Analisi critica delle prove di trazione su Pino domestico – L. Sani - 31
La prova di trazione controllata: la forzante eolica

Varia in funzione di:


•Velocità del vento
•Turbolenza
•Forma della chioma
•Superficie della chioma
•Porosità della chioma
•Processi di “riconfigurazione”

Analisi critica delle prove di trazione su Pino domestico – L. Sani - 32


La prova di trazione controllata: la forzante eolica
0.7

Forma della chioma = f(indice di asimmetria) 0.6

0.5

0.4

Cd
0.3

0.2

0.1

0
0 1 2 3 4 5 6 7 8
indice di asimmetria

Superficie della chioma 1.0


1.00
0.9
0.90 0.8
elasticità dei
0.7

Coeff di riduzione
0.80 rami fini
Coeff riduz

bassa 0.6
0.70 media
0.5
notevole
0.60 elevata 0.4
0.3
0.50
0.2
0.40
0.1
0 10 20 30 40 50
velocità vento 0.0
0 20 40 60 80 100
porosità
Porosità della chioma 33
Analisi critica delle prove di trazione su Pino domestico – L. Sani - 33
Pulling test pino 1: condizioni “naturali”
PdT Pino n° 1 condiz. "naturale" - Riccione
0,400 1000

900
Abbiamo trazionato un pino
0,350
800 domestico

Cella di carico (daN)


0,300
Inclinometro (°)

700
0,250
600 Quando abbiamo raggiunto una
0,200 500
inclinazione della zolla pari a 0,25°
400
0,150
300
il valore registrato sulla cella di
0,100
200
carico è stato di 800 kg
0,050
100

0,000 0
Time

inclinometro cella di carico


PdT Pino n° 1 condiz. naturale - Riccione
1000

900

800

Cella di carico (daN)


700

600

500

400

300

200

100

0
0 0,05 0,1 0,15 0,2 0,25 0,3 0,35 0,4
Inclinometro (°)
Analisi critica delle prove di trazione su Pino domestico – L. Sani - 34
Pulling test pino 1: taglio delle radici di trazione
PdT Pino n° 1 taglio radici a trazione - Riccione
Dopo aver tagliato le radici nella zona a
0,350 400
trazione della zolla a 1 m di distanza dal
350
0,300 colletto, la prova di trazione ha fatto

Cella di carico (daN)


300
0,250 registrare una sensibile riduzione della
Inclinometro (°)

0,200
250
resistenza della zolla: il valore della cella di
200 carico nel momento in cui la zolla ha
0,150
150 raggiunto una inclinazione di 0,25° è
0,100
100 diminuito da 800 a350 kg
0,050 50

0,000 0
Time

inclinometro cella di carico


PdT Pino n° 1 taglio radici a trazione - Riccione
400

350

300

Cella di carico (daN)


250
Con la prova di trazione eseguita
dopo il taglio delle radici abbiamo 200

superato il limite elastico!: l’albero 150

infatti non è tornato nella 100

posizione iniziale per cui si è avuta 50

una deformazione permanente 0


0 0,05 0,1 0,15 0,2 0,25 0,3 0,35
Inclinometro (°)
Analisi critica delle prove di trazione su Pino domestico – L. Sani - 35
Pulling test pino 1: taglio anche delle radici nella zona compressa
PdT Pino n° 1 taglio radici a traz e compr - Riccione
0,500 500

0,450 450 Dopo aver tagliato le radici anche


0,400 400
nella zona compressa, sempre a 1 m

Cella di carico (daN)


Inclinometro (°)

0,350 350

0,300 300
di distanza dal colletto, la forza
0,250 250
necessaria per inclinare la zolla di
0,200 200 0.25° è stata di soli 300 kg
0,150 150

0,100 100

0,050 50

0,000 0
Time

inclinometro cella di carico


PdT Pino n° 1 taglio radici a traz e compr - Riccione
500
450
400

Cella di carico (daN)


350
300
250
200
150
100
50
0
0 0,1 0,2 0,3 0,4 0,5
Inclinometro (°)
Analisi critica delle prove di trazione su Pino domestico – L. Sani - 36
Analisi modellistica del pino 1: la velocità critica è molto elevata

Analisi critica
Tree delle
Structure
proveStatic
di trazione
- Models
su Pino
for tree
domestico
risk assessment
– L. Sani - 37
Pulling test pino 1: determinazione della velocità critica del vento
dopo il taglio delle radici nella zona di trazione
La velocità critica è diminuita da 266 kmh a180 kmh

Analisi critica delle prove di trazione su Pino domestico – L. Sani - 38


Pulling test Pino 1 – dopo il taglio delle radici sia a trazione che a
compressione
La velocità critica del vento è scesa a 165 km/h, un valore coerente con quanto evidenziato
dall’analisi modellistica per zolle di ridotte dimensioni

Analisi critica delle prove di trazione su Pino domestico – L. Sani - 39


Pulling test pino 3: dati assemblati
PdT n° 3 - Riccione
0,120 0,14
L’asportazione del terreno superficiale
0,12
0,100 fino alle radici ha comportato una

Cella di carico (daN)


0,1 discreta diminuzione della resistenza
Inclinometro (°)

0,080
0,08 alla sollecitazione
0,060
0,06
0,040
0,04

0,020 0,02

0,000 0
Time

traz perpend dopo scavo naturale PdT n° 3 - Riccione


2000 y = 19608x
1800 R² = 0,994 y = 14749x
R² = 0,982
1600

Cella di carico (daN)


1400
La trazione 1200

perpendicolare alle radici 1000


800
principali non ha 600
determinato una 400 y = 13936x
R² = 0,982
significativa riduzione 200
0
della capacità di 0 0,02 0,04 0,06 0,08 0,1 0,12

resistenza! Inclinometro (°)

traz perpend dopo scavo naturale

Analisi critica delle provePoli.di(traz


trazione
perpend) su Pino domestico
Poli. (dopo scavo) – L.Poli.
Sani - 40
(naturale)
Il vento – Interazione vento - pino

Non è tanto
importante
QUANTO è
grande la
forzante eolica

Ma piuttosto
COME l’albero
reagisce alla
forzante eolica
(riducendola, a
ssorbendola, di
ssipandola)

Analisi critica delle prove di trazione su Pino domestico – L. Sani - 41