Sei sulla pagina 1di 24

1

Aut.ne Tribunale Livorno n° 683 del 02/03/2005 - Spediz. in abb. postale: postatarget creative - CENTRO 1/02524/11.2014 - Posteitaliane
Anno XX - n° 215 Novembre 2020

L’Editoriale Un’Europa
di Enrico Dello Sbarba
enricodellosbarba@virgilio.it

Una solidarietà senza anima


nazionale In un recente articolo su Repubblica
di Giuseppe Franceschi

tenere sotto il controllo dell’esecutivo la

che continua Massimo Riva si sofferma sul “Ricatto


di Visegrad” che ormai è diventato la
malattia mortale dell’Unione Europea. I
stampa e la magistratura. Orban che è il
falco del gruppo ha parlato di “demo-
crazia illiberale” ispirata da un cristiane-

a mancare quattro Paesi del gruppo, amici dei so-


vranisti nostrani – Ungheria, Polonia, Re-
pubblica Ceca e Slovacchia con ascen-
simo che, a dir poco, si può definire
conservatore: in politica estera si affer-
ma una tendenza che contrastando con
Avremmo tanto voluto scrivere dente sull’Austria - guidati dal premier le linee generali dell’U.E. simpatizza per
ungherese, Victor Orban, da tempo ten- Trump e Orban, contrariamente alle spe-
di una classe politica all'altez-
gono sotto scacco l’intera Unione Euro- ranze che hanno favorito l’ingresso del-
za della nuova e grave situazio-
pea approfittando del fatto che i Trattati l’Ungheria, anche per Putin. Lasciando
ne che si profila a causa di que-
prevedono in alcuni casi, espressamente da parte le posizioni oltranziste nei con-
sta maledetta pandemia che
in politica estera ed economica, l’appro- fronti dei migranti, ce n’è abbastanza per
acuisce le preoccupazioni per
vazione all’unanimità. Il recente vertice sostenere che i principi che scaturisco-
tutti noi.
di Bruxelles sui fondi economici stanziati no dalle radici culturali e spirituali del-
Pensavamo e lo speravamo in
per far fronte ai problemi del Covid è fal- l’Europa sono sistematicamente violati.
molti che, di fronte al riesplo- lito sia per l’azione dei cosiddetti “Paesi Libertà dell’individuo e pace sono le basi
dere di questa seconda ondata, frugali” guidati dall’Olanda sia perché che ispirano il Manifesto di Ventotene in
prevista dalla maggior parte dei Varsavia e Budapest hanno minacciato il cui Altiero Spinelli e i suoi amici fonda-
virologhi all'inizio dell'autunno, veto sul bilancio, chiedendo di eliminare rono sulla base di una cultura laica e so-
prevalesse nella classe politica la clausola che subordina la concessione cialista la necessità dell’Europa unita.
ma anche imprenditoriale, quel- degli aiuti al rispetto dei principi fonda- Precedentemente, in ambito cattolico,
la necessaria sensibilità per mentali dello Stato di diritto nei singoli Sturzo, dopo il fallimento della Società
concordare insieme le iniziati- Paesi. delle Nazioni, riprendendo i famosi 14
ve più opportune da assumere Dopo la caduta del muro di Berlino si era punti del Presidente americano Wilson
per tenere testa a questo dram- pensato di cooptare nell’U.E. alcuni Pae- aveva auspicato per il mantenimento
matico evento che sta sconvol- si oltrecortina con la speranza di sottrarli della pace la nascita di una federazione
gendo il mondo intero. all’influenza della Russia: un successo di di Stati europei fondata sul rispetto della
Non registriamo, al momento, politica estera in cambio di un sacrificio, legge morale e della sacralità dell’indivi-
negli altri stati della Comunità considerata la disastrosa situazione in cui duo secondo la cultura cristiana.
Europea, gli inquietanti feno- il patto di Varsavia li aveva ridotti. In real- Tra i fondatori dell’Europa è importante
meni di ribellismo che si stanno tà i suddetti Stati dell’Est entrati nel 2004 ricordare l’azione di De Gasperi che
verificando, nelle principali cit- hanno beneficiato di consistenti finanzia- puntò subito su una politica estera e di
tà del nostro paese, messe a fer- menti europei, ma hanno incominciato difesa comune per cementare l’Unione;
ben presto a praticare una politica auto- purtroppo a causa della rivalità franco-
segue a pag. 2
ritaria che non tollera il dissenso e mira a segue a pag. 2
2 Politica

dalla prima pagina sono orientati solo ed esclusiva-


mente a chiedere "sempre di più" Un’Europa
Una solidarietà senza tenere in alcun conto il disa-
senza anima
stro finanziario verso cui l'Italia ri-
nazionale... schia di precipitare.Naturalmente si tedesca, il disegno della C.E.D. non fu
guardano bene "i due" dal citare approvato.
ro e fuoco da gruppi estremisti di questa "madre ingiusta" che è la È prevalsa a poco a poco una logica
destra e di sinistra che si inserisco- Comunità Europea i cui finanzia- economica e politica che ha mirato al-
no nelle giustificabili manifestazio- menti forse salveranno l'Italia dal l’interesse dei singoli Paesi senza pen-
ni di protesta da parte di operatori fallimento sare al bene comune. Il progetto di Co-
di varie categorie in ansia per il loro Ma, per par condicio, anche il go- stituzione europea, varato da una Con-
futuro. verno, guidato dal frigido Giusep- venzione presieduta da Giscard
Ed invece in questo nostro benedet- pe Conte (uno può essere anche un d’Estaing, che metteva ordine nelle clau-
to paese, ancora una volta stiamo buon avvocato ma se nel sole dei vari trattati e ricordava in pre-
assistendo ad un gioco molto peri- suo"cursum honoris" non ha mai messa le radici giudaico-cristiane cul-
coloso. fatto politica, è difficile guidare un turali e spirituali dell’Europa prima di
Da una parte il governo con la sua paese ed in un momento di estrema elencare i principi fondamentali, è stato
ibrida maggioranza che, alla meglio, difficoltà, senza avere un'esperien- ratificato soltanto da 18 Stati su 27;
cerca di contenere questa mortife- za precedente) far registrare com- Francia e Olanda nel 2005 hanno boc-
ra pandemia che, purtroppo, ha ri- portamenti a volte discutibili. ciato il progetto tramite referendum.
preso, dopo le follie estive, e forse In effetti, questo governo, compo- È stata la morte della Federazione euro-
con maggiore virulenza dei mesi sto da due forze opposte e contra- pea: dietro la mancata ratifica, infatti, si
scorsi, dall'altra l'opposizione di rie, costrette per l'emergenza poli- celava il rifiuto di cedere sovranità; da
destra che, per meri interessi di bot- tica ed ora sanitaria, a sopravvi- allora si sono diffusi populismi e sovra-
tega elettorale, persegue nel suo vere, manifesta lacune ed incertez- nismi, l’idea della Costituzione è stata
disegno:combattere, con ogni mez- ze e/o primigenature difficilmente accantonata e si è andati avanti con la
zo, questo governo ritenuto assolu- giustificabili in un momento così revisione dei principali trattati esistenti
tamente inidoneo a gestire il paese difficile: un grave ostacolo che può facendoli confluire in quello di Lisbona
in un momento così drammatico. compromettere la saldezza della del 2007, che recepisce molti elementi
In questo clima surreale abbiamo compagine ed insieme la soluzione migliorativi presenti nella Costituzione,
ascoltato le dichiarazioni della pa- dei grossi problemi che si pongono ma rimane uno strumento pattizio e non
sionaria- l'urlatrice, costantemente davanti. Se poi Italia Viva ed il suo fondativo. Stabilisce, in genere, un voto
in...cavolata, presidente dei Fratel- "incontenibile leader" - Matteo a maggioranza qualificata, ma su punti
cruciali come la politica estera, di dife-
li d'Italia, alias Giorgia Meloni di- Renzi - un giorno si e l'altro pure-
sa ed economica prevede ancora l’ap-
sponibile a collaborare o addirittu- mettono in discussione le scelte del
provazione all’unanimità. La violazione
ra far parte di un governo di unità governo, assunte, magari, dopo
dei principi fondamentali elencati nel-
nazionale ponendo come condizio- giorni di discussione e di contrasti,
l’art.2, seppure con molte omissioni
ne, una volta vinta la battaglia con- "il pranzo è servito".
importanti, può essere sanzionata, ma
tro la pandemia, di portare il paese In un momento così difficile e dram-
l’art.7 in cui si parla di sanzioni non pre-
alle urne. Ci sembrano affermazio- matico per il paese sarebbe forse il
vede espressamente una procedura di
ni farneticanti che si associano a caso di darsi "una calmata "evitan-
espulsione. I Paesi del gruppo di Vise-
quelle, sempre più petulanti e ripe- do di assumere il ruolo "dirompen- grad potranno continuare nella loro azio-
titive, di Matteo Salvini che, mal- te" che ebbe Rifondazione Comu- ne negativa.
grado la sconcia esibizione dei suoi nista- che, ai tempi dei due governi Non si capisce l’esitazione della Merkel
rosari e dei suoi crocefissi, non rie- Prodi, per le intemperanze del suo sulla possibilità di espulsione di Orban dal
sce a bloccare la costante contra- leader e per le assurde pretese dei P.P.E.. Difficilmente in queste condizioni
zione dei consensi che si sono regi- suoi ministri, in aperto contrasto si potrà arrivare alla creazione di una vera
strati a partire dall'ultima campagna con i programmi concordati, aprì le federazione di Stati o anche ad un’effi-
elettorale. porte ai due governi del Cavaliere. ciente confederazione.
Si evoca, da parte di quel duo, a Se si continua così, si rischia di Mi piace concludere con le parole di Max
cui fa da contorno il buon Taiani spalancare le porte ad un governo Scheler, un grande filosofo della mora-
(più distaccato l'ex ministro Lupi di destra con i due laeder (Salvini le: “mai e in nessun luogo i semplici trat-
che, da ex democristiano, si tiene e Meloni) a dividersi la torta "or- tati hanno creato una comunità, al mas-
sempre a distanza di sicurezza da mai ammuffita" di questo povero simo essi la esprimono”. Un organismo
quel trio), il catastrofismo, si mobi- nostro caro paese. politico senza Costituzione è come un
litano le piazze, i loro messaggi E finiamola qui!! corpo senza anima.
Politica 3

Alcune considerazioni sui recenti risultati delle elezioni amministrative della Toscana

Un’occasione perduta
di Massimo Cappelli Governo regionale, ovvero la Giunta avviso, è stata una cosa grave che ha
con annessi e connessi. testimoniato una mancanza di visione e
Pur non condividendo il principio che un modo di pensare e agire molto pro-
A distanza di alcune settimane dalle re- tutti i territori della Toscana abbiano vinciale.
centi elezioni amministrative e dopo la rappresentanza in Giunta, almeno que- Potevamo avere un rappresentante in
formazione della squadra di governo sto sarebbe opportuno per quelli ove Giunta che avrebbe comunque seguito
della Regione da parte del Presidente maggiori sono i problemi e dove più più da vicino i vari progetti del territo-
Giani, ci sia concesso fare alcune con- significativi sono i progetti avviati o in rio ma si è preferito farne a meno.
siderazioni. corso, che richiedono quindi attenzione Una occasione persa.
La prima è che la riconferma del cen- e proattività per le migliori soluzioni. Speriamo almeno che le deleghe che
tro-sinistra alla guida della Regione, a Ora mi sembra che l’insieme dei terri- verranno conferite al consigliere Gian-
nostro avviso, è un fatto positivo per tori che costituiscono l’anello debole ni Anselmi possano in parte colmare
molteplici fattori. Ne elenchiamo alcu- dello sviluppo economico della nostra questo grave errore. D’altra parte quan-
ni: la continuità di governo in una deli- Regione siano quelli della fascia costie- to accaduto non fa che proseguire una
cata situazione come la attuale, sia per ra, da Massa Carrara a Grosseto, pas- sorta di nemesi per Livorno e provin-
l’emergenza sanitaria che per i tanti pro- sando per Livorno e Piombino. cia, dove per trovare delle forti rappre-
getti di sviluppo e sostegno economico Livorno poi ha, da anni ormai, grandi sentanze politiche bisogna purtroppo
avviati ma non conclusi. Il contributo progetti di sviluppo sulla rampa di lan- risalire all’anteguerra.
indiretto alla stabilità del quadro politico cio quali la Darsena Europa, il nuovo
nazionale, in un contesto emergenziale ospedale e, in tempi più recenti, il pro-
che chiede certezza di comando. La getto dei nuovi impianti ENI. Tutti im-
prova che un centro-sinistra inclusivo,
che veda al suo interno non solo il PD
portanti per le ricadute occupazionali,
la certezza del lavoro, l’incremento dei
In zona
ma anche Italia Viva +Europa e liste ci-
viche e di sinistra si sia dimostrata, in
Toscana ma anche in Emilia Romagna e
servizi al cittadino. Si pensi che assie-
me questi progetti portano a circa un
miliardo di investimenti, una grande
Cesarini...
Campania, una formula vincente. Men- opportunità che può risollevare una
tre in Puglia, pur vincendo, si è preferi- economia alquanto depressa.
ta una coalizione con un asse più spo- Nella passata Amministrazione regiona-
stato a sinistra. le, Presidente Rossi, Livorno e la sua
A questo proposito torno ad esprimere provincia potevano contare sulla pre-
un concetto già enunciato altre volte. senza in Giunta dell’Assessore Cristi-
Pur andando le mie preferenze perso- na Grieco e, in Consiglio regionale, dei
nali all’area di centro-sinistra, non ve- consiglieri Francesco Gazzetti e Gian-
drei negativamente al governo una sana ni Anselmi.
alternanza di forze politiche che espri- Con la nuova Amministrazione, Presi-
mano anche visioni diverse, come un dente Giani, mentre sono stati eletto-
centro-destra costruttivo, europeista ralmente riconfermati in Consiglio sia
non populista. Nei paesi democratici è Gazzetti che Anselmi, il nostro territo-
ciò che avviene. rio non ha più un assessore in Giunta a
Oggi purtroppo, in Italia, non abbiamo rappresentarlo. O meglio, non lo ha per
questa caratterizzazione del centro-de- una serie di veti sul nominativo di Ales-
Gianni Anselmi
stra, dove il centro non esiste, se non sandro Cosimi, nostro ex sindaco, pro-
marginalmente, predominando una vi- posto da Italia Viva ma fortemente Se proprio vogliamo utilizzare una
sione populista ed estremista, prettamen- osteggiato dal PD di Livorno. notissima battuta dei tifosi di cal-
te di destra. Un grave errore dove si è avuta la sen- cio, diciamo che, in zona Cesarini,
Ciò detto, tuttavia non ci possiamo esi- sazione che i giochi di partito e i senti- Livorno e la sua provincia, rimaste
mere da alcune critiche riguardanti gli menti personali abbiano prevalso sul- .... per terra nella formazione della
avvenimenti politici che hanno caratte- l’interesse della città e della collettività. Giunta Regionale guidata dal
rizzato la costituzione della squadra di Quanto avvenuto, a mio modestissimo segue a pag. 4
4 Politica

da pag. 3
CONFINDUSTRIA LIVORNO-MASSA CARRARA
neopresidente Eugenio Giani a cui
l'intera redazione de Il Centro invia
i migliori auguri per un proficuo
Piero Neri neo presidente
quinquennio in favore del popolo
toscano,sono riuscite ad evitare
una beffarda sconfitta.
Abbiamo voluto riprendere una fra-
se ormai storica, utilizzata nel lin-
guaggio comune non solo nel cal-
cio, anche perché Gianni Anselmi,
in gioventù era un giocatore di cal-
cio che, insieme a Vinicio Monnanni
(tra l’altro, mio genero) ha calpe-
stato i campi di calcio: oddio han-
no militato insieme nella squadra di
Sasso Pisano ma bisogna sapersi
contentare!
Ho voluto anticipare con questo
simpatico "siparietto" (in tempo di Da sin. Piero Neri, Alberto Ricci e Umberto Paoletti
covid tutto può servire) per annun-
ciare con grande piacere l'attribu-
zione al neoeletto consigliere regio- (e.d.s.) - Nello scorso mese di ottobre è stata formalizzata l'elezione a presi-
nale Gianni Anselmi, già Sindaco di dente della Confindustria Livorno-Massa Carrara di Piero Neri di cui, anche
Piombino e nell'ultima legislatura, noi, avevamo dato notizia. Con grande piacere salutiamo questo importante
Presidente della Commissione Svi- evento che ha portato alla vertice confindustriale una personalità di grande
luppo economico e rurale, ad un im- spicco,un protagonista assoluto nella leggenda dell'economia legata al settore
portante incarico, quale quello di portuale della nostra città e erede di una grande, storica "famiglia autentica-
assistente al Presidente Giani. mente livornese". Si contano, forse, sulla dita di una mano gli imprenditori che
Anselmi si occuperà di: hanno segnato un ruolo storico nell'economia labronica. Frequentavo l'Istituto
- programmazione regionale; Vespucci, smisurati anni fa,ed il nome di Tito Neri e delle sue imprese sul
- programmazione territoriale negozia- porto di Livorno erano, già allora,oggetto di studio e di approfondite analisi
ta che coinvolga più assessorati sullo sviluppo economico della nostra città.
(definizione e attuazione); Ebbene, il caro amico Piero Neri ne ha rappresentato e ne rappresenta in manie-
- concertazione; ra emblematica, la continuità: ecco perchè prego i lettori di questo, ormai an-
- partecipazione della Giunta ai lavori ch'esso storico mensile, di comprendere l'enfasi di questa presentazione.
delle Conferenze dei Presidenti delle Del resto Piero Neri non si smentisce se nelle sue dichiarazioni subito dopo la
Regioni. Stato - regioni e Unificata. sua elezione a Presidente ha dichiarato: “Io presidente? Un dovere verso il
- rapporti tra Giunta e Consiglio Re- territorio e con la logistica vogliamo attrarre le aziende” (scrive nella intito-
gionale. lazione Il Tirreno subito dopo la sua plebiscitaria elezione alla Presidenza della
- aree di crisi complessa (Piombino e Confindustria di Livorno e Massa Carrara).
Livorno) inclusi i relativi tavoli di Questa sconvolgente "pandemia" che rischia di rinchiuderci in casa un'altra
crisi; volta non ci può far dimenticare i problemi socioeconomici di ogni natura che
- politiche per il mare, costa, isole; hanno indebolito e messo in crisi l'economia del territorio livornese.
- presidio regionale del Piano Nazio- Il Cavaliere del Lavoro Piero Neri, rappresenta una garanzia e per lui un impe-
nale di Ripresa e Resilienza gno morale di alto livello. Pensiamo e speriamo proprio che con lui alla guida
(PNRR). della Confindustria livornese si potranno realizzare i progetti storici: il Lotto
Non ci pare poco. zero, l'Aurelia da Rosignano a Tarquinia, le infrastrutture portuali del Tirreno,
Al nostro amico non possiamo au- il completamento delle bonifiche dei siti inquinati, la necessaria impiantistica
gurare altro che un affettuoso buon per i rifiuti speciali come ha dichiarato nell'intervista rilasciata al quotidiano
lavoro per la nostra Provincia e per locale.
la nostra Regione.
Attualità 5

SE NE È PARLATO ALL’ASSEMBLEA PUBBLICA DI ASSOPORTI

Attivare partnership strategiche


Per la prima volta in Italia a un’opera destinato a definire, con il Ministro, le
di Cristina Battaglini
marittima viene destinata una copertu- priorità di sviluppo e investimento della
ra pubblica così ampia - ha detto Cor- portualità italiana”.
Durante il suo intervento all’Assemblea sini, aggiungendo come Catalano abbia “Sono sicuro” ha concluso “che il sot-
pubblica di Assoporti, il coordinatore ragione, la partecipazione del privato alle tosegretario Traversi ci darà su questi
della Struttura Tecnica di Missione del opere pubbliche è un elemento fonda- temi una grande mano: le decisioni van-
MIT, Giuseppe Catalano, ha sottolinea- mentale, perché ne garantisce la buona no prese insieme. Gli investitori privati
to come uno degli elementi per dare cre- realizzazione ma anche una buona ge- devono avere ben chiara qual è la rotta
dibilità a un progetto sia la sua capacità stione-. tracciata dalla portualità italiana e quali
di attivare partnership strategiche con La Darsena Europa, ad esempio, è un le priorità su cui si intende puntare”.
grandi operatori nazionali o internazio- intervento che giustifica di certo, alla
nali, quella di riuscire a creare valore luce della copertura finanziaria pubbli-
pubblico. Lo ha ribadito poco dopo il ca disponibile, una proposta in project Il Presidente Rocco Guido Natasi
presidente dell’AdSP dell’Alto Tirreno financing di iniziativa privata per la rea- nominato Vice Presidente Vicario
Stefano Corsini, riferendosi in partico- lizzazione del nuovo terminal container della Unione Interporti Riuniti
lare alla Darsena Europa, l’opera di previsto nella prima fase del progetto.
Nella seduta del Consiglio Direttivo del-
espansione a mare con la quale il porto La finanza di progetto è tuttavia una pro-
l’Unione Interporti Riuniti, tenutosi a Roma
di Livorno vuole conservare i traffici cedura molto complessa, i tempi diffi- il 14 ottobre, con all’ordine del giorno la
esistenti ma anche attrarne di nuovi. cili che la portualità italiana ha vissuto e nomina dei nuovi vertici dell’Associazio-
L’opera, nata nel 2015 subito dopo l’ap- in parte sta ancora vivendo a causa della ne, è stato confermato quale presidente
provazione del Piano Regolatore Portuale crisi pandemica obbligano i potenziali Matteo Gasparato presidente di Quadran-
investitori a mantenere un atteggiamento te Europa di Verona, come vice presidente
dell’allora Port Authority labronica, che
vicario è stato nominato Rocco Guido Na-
nel frattempo è diventata Autorità di Si- di cautela e prudenza.
stasi, presidente dell’Interporto Toscano
stema del Mar Tirreno Settentrionale, è Nel suo intervento, il n° 1 dei porti di Amerigo Vespucci.
poi stata assoggettata alla project review Livorno e Piombino ha sottolineato l’im- Al vice presidente vicario Nastasi sono sta-
avviata nel 2017 dal Ministero delle In- portanza di assicurare in questa fase te assegnate le deleghe relative a: Rappor-
frastrutture e dei Trasporti anche al fine una forte stabilità regolatoria e di go- ti con la Conferenza Stato Regioni, rappor-
vernance della portualità italiana, chie- ti con Assoporti, rapporti con UIRNET, in-
di asseverarne la sostenibilità economi-
dirizzi normativi e tecnologici sui corridoi
ca e finanziaria. La Darsena Europa è dendo che “le iniziative a livello di Arco
intermodali, rapporti ed opportunità com-
stata citata dallo stesso Catalano come tirrenico siano integrate in un solido pia- merciali della rete Interportuale con
un esempio positivo e rappresenta per no di Governo che tenga conto del con- porti, aeroporti e operatori privati (via del-
Corsini un unicum nel panorama nazio- testo di riferimento e delle dinamiche la seta etc).
nale, sia per il grado di maturità raggiunto dei flussi di traffico”. Corsini ritiene Questa nomina è un riconoscimento sul-
fondamentale che “La Conferenza dei l’importanza che Interporto Toscano sta
dalla fase progettuale, sia per l’attratti-
avendo sempre più non solo in ambito re-
vità di un progetto che nel suo insieme presidenti delle Autorità di Sistema Por-
gionale ma anche nazionale.
ha disponibilità finanziarie accertate di tuale si riunisca con sempre maggiore Da parte della redazione de Il Centro le più
parte pubblica per 550 milioni di euro: - frequenza”, poiché “quello è il luogo vive congratulazioni.
6 Attualità

Può compilarlo dal sito chiunque abbia fruito dei vari servizi
Master su Innovazione
Indagine di gradimento online e tecnologie 4.0

per la Camera di Commercio Una importante iniziativa di AdSP,


UniPi, Camera di Commercio e Fe-
dermanager, la realizzazione di un
La Camera di Commercio della Maremma e del Tirreno ha avviato un’indagine nuovo Master Universitario, Inno-
aperta a tutti i suoi utenti, diretta a rilevare il gradimento dei servizi resi al pubbli- vazione e tecnologie 4.0. Le iscri-
co, sia in presenza che online. zioni sono già aperte e si chiudono
Possono compilare il questionario le imprese, le associazioni di categoria, i pro- l’11 gennaio, il corso di primo li-
fessionisti e tutti coloro che hanno fatto ricorso ai servizi della Camera di com- vello costa 4000 euro, previsto il
mercio della Maremma e del Tirreno. rimborso anche integrale grazie ai
L’indagine – che tradizionalmente veniva svolta nelle due sedi di Livorno e Gros- voucher della Regione Toscana.
seto intercettando il pubblico – è adesso per la prima volta proposta in modalità Obiettivo del Master di 1° livello,
online: conseguenza del fatto che il 2020 è stato l’anno del lockdown, delle limi- “Smart and Sustainable Operations
tazioni di accesso alle sedi causa Covid19, ma anche del grande impegno con il in Maritime and Port Logistics”,
formare profili professionali alta-
quale tutti i servizi della Camera di commercio sono comunque rimasti sempre
mente qualificati, in grado di ge-
operativi e in dialogo con il pubblico, anche da remoto. Proprio per questo, parte-
stire in modo sinergico gli aspetti
cipare è molto importante, nell’ottica della crescita di un dialogo costruttivo tra
tecnici e tecnologici, legali e ma-
cittadini ed Ente pubblico.
nageriali, fondamentali per guida-
Il questionario si trova nella home page del sito www.lg.camcom.it e compilarlo
re l’innovazione del settore marit-
richiede pochi minuti. E’ possibile partecipare fino al 15 dicembre 2020.
timo, portuale e logistico.
La referente è la responsabile del Controllo di gestione, Dott.ssa Beatrice Fre-
diani.
Cinguettare 7

***
"Servono più donne nei posti di re- La seconda ondata del Covid sta
sponsabilità!" Questo ce lo dice portando ad una situazione econo-
Papa Francesco che sottolinea mica preoccupante. Vi sono settori
quanto sia "un benefico processo che sono sul lastrico. E che non
quello della crescente presenza avranno altra scelta che la chiusura
delle donne nella vita sociale, eco- totale di molte attività.
nomica e politica a livello locale, L' estate aveva dato la speranza che
nazionale e internazionale, nonché avremmo potuto ripartire e arginare
in quella ecclesiale". Insomma, le il lockdown. Purtroppo anche la fri-
donne "hanno pieno diritto di inse- volezza e leggerezza di troppi irre-
rirsi attivamente in tutti gli ambiti, e sponsabili ha vanificato il lungo ed
il loro diritto va affermato e protetto Cinguettare di Luca Lischi
estenuante sacrificio che adesso ha
conseguenze drammatiche.
anche attraverso strumenti legali
laddove si rivelino necessari". ***
E invece constatiamo, specialmen- In questa situazione gravissima
te in politica, che le donne troppo come si può pensare a quella nor-
spesso hanno posti meno rilevanti. il pretesto che non ci sono profes- malità che porta a programmare
Vi sono Comuni che non hanno mai sionalità adeguate? vacanze, a fare viaggi a organizza-
avuto come Sindaco una donna. Ma *** re le Feste di Natale ecc.? La nor-
anche Regioni che in 50 anni di vita Il problema non è quello di garanti- malità si è rivelata fragile e incerta.
hanno avuto solo Presidenti uomi- re quote rosa, ma quello di comin- Siamo in una crisi epocale e dram-
ni. Per non parlare di Enti, pubblici ciare realmente a valorizzare le ca- matica. Privati delle nostre relazioni
e privati che sono stati prevalente- pacità e le professionalità di ognu- sociali, impossibilitati a fare proget-
mente o addirittura sempre guidati no, sia esso uomo o sia essa don- ti, a pensare al prossimo futuro.
da uomini. na. Purtroppo continuiamo ancora Costretti a vivere un una dimensio-
*** ad assistere all'affidamento di inca- ne locale familiare. Costantemente
Potremmo pensare magari per il ter- richi che privilegiano le apparte- in attesa di curve epidemiologiche
ritorio di Livorno ad una Autorità di nenze politiche. "Io sono di...". "lo che portano a doverosi Dpcm che
Sistema Portuale prossimamente sponsor" valorizzi le competenze e purtoppo da un momento all'altro,
guidata da una donna o si troverà il merito! repentinamente, stravolgono le vite
delle persone. Lasciando moltissimi
senza lavoro e senza un certezza di
futuro.
***
La Scuola ha messo in atto proce-
dure di sicurezza straordinarie. Du-
rante l'estate è stato fatto un lavoro
certosino in primis dai Dirigenti per
garantire la Scuola in presenza. La
Scuola è un luogo molto più sicuro
di altri e i dati confermano una inci-
denza molto bassa dei contagi. Lo
dimostrano anche gli altri paesi che
hanno chiuso tante attività ma non
la Scuola (come Francia e Germa-
nia in cui la situazione come affer-
mano i loro Premier è drammatica!)
Può andare bene la didattica a di-
stanza per le Scuole Superiori al
75%, ma che sia per un tempo bre-
Papa Francesco: “Servono più donne nei posti di responsabilità!”. ve e non se ne abusi!
8 Spigolature

ure
t
Suggerimenti sione " ha dato ottimi risultati: quelli di

la
ai due Matteo contare meno del due di briscola faci-

igo
Non è nostra intenzione mettere sullo litando le scelte importanti, specialmen-

p
stesso piano i comportamenti, un po' te a livello regionale, di escludere la

S
troppo" sbarazzini", di Matteo Renzi nostra città e l'intera provincia da ogni
con quelli "scellerati" di Matteo Salvi- incarico di un certo peso.
ni. Si è salvato, per il rotto della cuffia,
Un suggerimento ci preme inviare al Gianni Anselmi - elbano/piombinese -
primo: eviti di trasformarsi nel Berti- che ha portato a casa un incarico di
notti - il leader di Rifondazione Co- "rabbia" di sconfitte contro il Sindaco sottosegretario, con importanti deleghe.
munista - che seminò di mine il per- di Livorno, reo di fare realmente e fi-
corso, già incidentato, dei due governi nalmente gli interessi della città.
di Romano Prodi. facilitando "la ren-
trée" trionfale del Cavaliere.
All'altro Matteo - il sottotenente Sal-
vini - degradato dallo spigolatore per
E i 5Stelle ?
Questi e quelle ci fanno invece quasi
Le rime
le sue brutture politiche - un suggeri- pena! Con in testa la terza "pasiona-
mento: se insiste sulla politica finora ria" già vice sindaco dell'innominabi- di Franco Biancani
seguita, rischia di farsi fare un mazzo le. Costoro e costei, dopo i disastri della
così... dalla sua alleata Meloni. loro gestione nel comune di Livorno,
Ed infine, sempre a proposito della
componente di destra, ci restano "le
pie donne"(tutte sempre imbellettate)
hanno ancora il coraggio e la faccia
di rivendicare il loro buon governo
(sic!!!!) e di esistere ancora politica-
Feeling
del Cavaliere che sembrano recitare, mente.
quando vengono intervistate, le litanie Una coppia in su con gli anni,
di una morte annunciata. dentro il parco comunale,
E chiudiamo sta facendo i quattro passi
con i grandi architetti del passeggio abituale.
Le due pasionarie livornesi del PD livornese
appiedate dall'elbano Come tutti sappiamo, caso unico for-
Lui si ferma all’improvviso:
Non possiamo certamente dimentica- “Betta, ma secondo te
se in Italia, il Partito Democratico, al-
re il ruolo, sempre in prima fila, delle cuni anni fa, decise, stante le "immen-
ce l’abbiamo ancora feeling?”
due pasionarie livornesi entrambe ri- se" dimensioni geografiche della pro- Lei lo guarda e dice: “Beh!
maste con.... per terra alle recenti ele- vincia di Livorno, di scindersi in due
zioni regionali. Non avendo altri obiet- federazioni: quella dell'hiterland livor- Non ne son tanto sicura!”
tivi a cui puntare, scaricano la loro nese comprendente Livorno - Colle- Poi succhiando due mentine:
salvetti - Rosignano M. Cecina e Bib- “Hai guardato nel cassetto
bona e l'altra comprendene la Val di dove stan le medicine?”
Cornia e l'Isola d'Elba.
Questa "idilliaca, sconvolgente deci-

è CAF, via Cecconi 40 - Tel. 0586/811809 - Livorno


è Patronato, via degli Apostoli 5 - Tel. 800740044 - Livorno
e

sport, tempo libero, volontariato


assistenza, consulenza, sostegno
Acli Service Srl
Via Cecconi 40
ai lavoratori, ai giovani,
Livorno ai migranti, alle famigliesegue a pag. 19
Livorno 9

UN’ECCELLENZA TUTTA LIVORNESE

ISTITUTO MASCAGNI:
la forza della musica anche in tempi di Covid19
di LorenzoTaccini

A Livorno, tra le tante gemme rare e


nascoste all’interno del tessuto cittadi-
no, brilla un’eccellenza: l’Istituto Su-
periore di Studi Musicali Pietro Masca-
gni. L’Istituto è nato come “Scuola
musicale Pietro Mascagni” nel febbra-
io 1953, prima scuola di musica pub-
blica nella storia della città fondata con
lo scopo di fornire elementi nuovi al-
l’Orchestra Labronica. Nel 1963 la ge-
stione della scuola è passata a un Con-
sorzio tra il Comune e la Provincia di
Livorno e nel 1969 il “Mascagni” ha
assunto la denominazione di ‘Istituto’.
Nel novembre 1978 è stato pareggiato
ai Conservatori di Stato. Hanno presie-
duto l’Istituto nomi illustri Ermanno
Giunti, Franco Ugolini, Paolo Fiumanò, Il Direttore Lorenzo Sbaffi e Orchestra Istituto Mascagni al Goldoni.
Guido Torrigiani, Maria Mazzarino Sfri-
so, Giuseppe Danesin e Giulio Cesare con una brusca interruzione dovuta agli librettisti livornesi, che ha portato alla
Ricci. L’attuale Presidente è il Prof. eventi del 1848-49. realizzazione di numerose pubblicazio-
Marco Luise. L’istituto Superiore di Studi Musicali ni e di convegni.
Dopo essere stato collocato in alcune “Pietro Mascagni” occupa la parte cen-
sedi provvisorie, dall’agosto 1957 alla trale anteriore del complesso della Ghe-
fine del 2002 l’Istituto ha avuto la sua rardesca ed ha l’ingresso principale da BIBLIOGRAFIA:
sede nella villa seicentesca conosciuta via Galilei caratterizzato dalla presenza Rossana Chiti, L’Istituto musicale pareg-
come “Villa del Presidente”, in via Mar- di un pregevole porticato (è l’ingresso giato “P. Mascagni” di Livorno. Genesi
radi 116. Dal Gennaio 2003 l’Istituto si centrale e storico dell’intero immobi- e storia, tesi di laurea Università di Pisa,
è trasferito nel ristrutturato complesso le), da questo si accede alla chiostra Facoltà di Lettere e Filosofia, a.a. 1988/89,
“Gherardesca” di via Galilei. L’edificio, contornata da ampie volte a crociera relatrice prof. Carolyn Gianturco.
ubicato in Livorno in via Galilei, fu pro- che fanno da disimpegno per l’ingres- Giuseppe Lenzi, La Provincia. Una villa
gettato dall’Architetto toscano Alessan- so all’Oratorio, destinato ad Audito- e la musica a Livorno, Livorno, O. Debat-
te, 2001
dro Gherardesca nel 1844 e fu costru- rium, e per la distribuzione verso i pia-
Sitografia: https://www.consli.it/
ito dal 1845 al 1861. ni superiori.
L’edificio nacque come “pia casa di la- Quanto alle sue funzioni di divulgazio-
voro” e “ricovero di mendicità” e dai ne musicale e culturale, l’Istituto pro-
livornesi era noto con il nome di G. Pa- muove forme di collaborazione in am-
scoli in quanto fin dal 1980 ha ospitato bito nazionale ed internazionale al fine
la casa di riposo per anziani successi- di favorire lo scambio culturale e la
vamente trasferita nella nuova sede di mobilità degli studenti e dei docenti che
Banditella. Il Gherardesca elaborò tre possono usufruire delle azioni previste
successivi progetti, l’ultimo dei quali fu dal programma Erasmus. Una ricca bi-
www.porto.livorno.it
presentato il 12 giugno 1844 e fu ap- blioteca è stata completamente infor-
E-mail: info@porto.livorno.it
provato dal Principe Neri Corsini di matizzata e fa parte del Sistema biblio- Tel. 0586 249 465 - 249 411
Laiatico, governatore di Livorno; la co- tecario provinciale. Essa promuove Fax 0586 429514
struzione dell’edificio terminò nel 1861 un’attività di ricerca su compositori e
10 Livorno

SI È SVOLTO IL 24° CONGRESSO PROVINCIALE LIVORNESE

Le Acli a Congresso te Provinciale uscente, Antonio Me- cui aveva avviato un progetto di colla-
di Gianni Giovangiacomo lani, non ricandidabile, perché ha pre- borazione, e Giorgio Kutufà, un politi-
sieduto l’Associazione per nove anni, co attento con il quale spesso si con-
in pratica più di due mandati. I due frontava, infine ha ringraziato il Vesco-
Nonostante il Covid, gli aclisti livorne- mandati -ha detto- costituiscono un vo, Mons. Simone Giusti, per la sua
si si sono riuniti “in presenza” nei lo- limite “prezioso”, giusto, perché dopo costante attenzione alle Acli e per i suoi
cali dell’Associazione in Via Cecconi così tanto tempo subentra anche una consigli sempre opportuni, ha conclu-
per eleggere i propri rappresentanti al naturale stanchezza. La parola cardi- so ribadendo che l’aclista deve sem-
Consiglio provinciale che, a sua volta, ne del suo intervento è stato il termi- pre essere “un costruttore di ponti”.
eleggerà il nuovo Presidente, il Con- ne “speranza”, più volte significativa- Si sono poi aperti gli interventi e fra
gresso ha anche avuto il compito di mente ripetuto. I sospetti e le paure, questi Riccardo Rossato ha ringrazia-
eleggere i delegati al Congresso re- tipici di questi ultimi tempi -ha conti- to Melani per “la determinazione e la
gionale e a quello nazionale, tutto ciò nuato- devono essere combattuti con risolutezza” sulle problematiche non
nel pieno rispetto delle normative anti- la fiducia e con l’amore, e dunque con facili che ha dovuto affrontare, un giu-
virus. la speranza. dizio che anche chi scrive questo re-
Questo 24° Congresso provinciale li- L’Europa -ha aggiunto- deve essere soconto condivide.
vornese è stato presieduto dalla dot- “unita dai popoli e non dai governi” e Rossato ha aggiunto che nel prossimo
toressa Elena Pampana, a ciò delega- ha auspicato il ritorno ad “un umane- futuro si tratterà di saper cogliere le
ta sia dalla presidenza regionale che simo solidale” già predicato da un diversità e le opportunità che ci posso-
da quella nazionale, e ha iniziato il di- aclista e da un cattolico della tempra no provenire dai servizi messi in cam-
battito congressuale illustrando il tema: di un Giorgio La Pira, mentre oggi si po dalle Acli. Valerio Luci ha sottoli-
“Più uguali. Viviamo il presente, co- guarda solo al risultato immediato che neato il “cambiamento” che è avvenu-
struiamo il domani”, un concetto -ha “annichilisce i più deboli”. Oggi è an- to all’interno delle Acli, dalla centralità
detto- che si propone di rinvenire nuo- che necessario ridiscutere l’aspetto dei circoli si è passati alla centralità
ve modalità di azione sociale capaci istituzionale e dare all’istruzione il com- dei servizi e ciò pone degli interrogati-
di incidere sul presente per contrasta- pito di saper formare una “consape- vi per il futuro.
re le disuguaglianze e le povertà sem- volezza critica”. Il prossimo futuro su Lucrezia Draicchio nel sottolineare le
pre più in aumento. cui impegnarsi si può dunque artico- difficoltà e le paure del momento ha
Elena Pampana ha poi commentato le lare sul trinomio:”Europa, patria, fa- messo in rilievo che “questo nostro tem-
posizioni dei due leader che si conten- miglia”, infatti “la speranza non può po dimentica le persone”, sarebbe op-
dono la futura Presidenza Nazionale: che rinascere dalla famiglia con la portuno fare “rete” con le altre orga-
quella dell’attuale Presidente, Rober- quale si costruisce il futuro”. nizzazioni impegnate nel sociale con
to Rossini, e quella di Emiliano Man- Ha terminato dando il proprio soste- progetti da realizzare in comune.
fredonia, che propongono due modelli gno alla candidatura di Emiliano Man- Al termine, Sarah Rugiadi è stata
di organizzazione completamente di- fredonia e ha ringraziato tutti coloro eletta Coordinatrice del movimento
versi: il primo basato sull’accentra- che lo hanno aiutato durante la sua donne, mentre Draicchio, Graziani,
mento nazionale, il secondo sullo svi- Presidenza, ha voluto poi ricordare Luci, Rossato e Savoca sono stati
luppo territoriale. due persone decedute a lui molto care: eletti delegati al XXVI° Congresso
Ha preso quindi la parola il Presiden- l’ex Sindaco Gianfranco Lamberti con Nazionale.

Scavi - Demolizioni
Movimento Terra
Edilizia Industriale
Lavori Stradali
Sede legale e amm.va: Via dello Struggino, 5/7/9 - Tel. 0586/429636 - 429331 - Livorno
Sede operativa: Zona Industriale Vallin del Buio - Livorno ◆ e-mail: info@abatesrl.it - www.abatesrl.it
Livorno 11

Lucrezia Draicchio ricoprirà la carica di presidente per i prossimi quattro anni

Una donna alla guida delle Acli


alle necessità delle persone. Mi riferi-
di Gianni Giovangiacomo
sco non solo all’emergenza Covid, ma
alle vecchie e alle nuove povertà, al-
In conformità allo Statuto nazionale l’assenza di lavoro per le nuove gene-
delle Acli, nei locali dell’Associazione razioni, su queste sfide e su queste pro-
in Via Cecconi, si sono riuniti, previa blematiche le Acli possono fare la dif-
convocazione del Consigliere primo ferenza. Lavorando a favore delle
degli eletti Lucrezia Draicchio, i Con- persone in difficoltà e nel disagio pen-
siglieri provinciali scelti dal XXIV° so che abbiamo il dovere di creare
Congresso Provinciale, per eleggere il qualcosa di concreto per la nostra co-
nuovo Presidente. munità. Non dimentichiamoci mai che
Ed è stata proprio Lucrezia Draicchio le Acli sono appunto: associazione,
a ricevere, per unanime acclamazio- cristiana, dei lavoratori!
ne, l’incarico di Presidente che rico- Ricordiamo infine che il Consiglio Pro-
prirà per i prossimi quattro anni. vinciale ha eletto la nuova Presiden-
Ma chi è Lucrezia Draicchio? Si za, così composta: Vice presidente vi-
chiederà qualcuno esterno all’am- Lucrezia Draicchio cario: Riccardo Rossato; Vice presi-
biente Acli. Lucrezia è una quaran- futura possibilità di cui mi sono senti- dente Amministrativo: Valerio Luci:
tenne pugliese, nata a San Giovanni ta subito coinvolta. Sono stata perciò Vice Presidente: Filippo Savoca. Gli
Rotondo che ha vissuto per molti anni contenta di accettare questa carica altri componenti sono: Vincenzo Gra-
a Ischitella in provincia di Foggia. Ha anche perché non mi aspettavo di es- ziani, Gianni Giovangiacomo, Romina
dapprima lavorato in Abruzzo, nella sere eletta all’unanimità in un ambito Marabotti. E’ stato eletto a far parte
provincia di Chieti, sfruttando la sua prettamente maschile. Questo ricono- del Consiglio Regionale, Filippo Savo-
laurea triennale in Tecnica della riabi- scimento mi riempie di gioia e di re- ca.
litazione psicomedica. A Livorno è ar- sponsabilità perché è certamente im-
rivata nel 2007 per l’amore verso il portante, e …. nelle Acli io ci credo
proprio fidanzato, e sulle Acli dice: davvero!
“Qui ho trovato la mia famiglia”. In- Cosa ti riprometti di fare nel corso
fatti alle Acli ha compiuto il proprio della tua Presidenza nei prossimi
servizio civile e a febbraio del 2008 si quattro anni? Mi piacerebbe porta-
è inserita in “Acli Service”, l’ente che re le Acli ad impegnarsi con maggio-
esplica i vari tipi di servizio che l’As- re vigore e meglio in ambito sociale.
sociazione rivolge ai cittadini. Dal 2010 La mia esperienza nel settore dei ser-
viene inquadrata come dipendente e vizi mi dice che c’è veramente biso-
nel 2014 per le sue indubbie capacità gno di sentirsi partecipi della nostra
acquisisce il titolo di responsabile del comunità. A mio parere le Acli pos-
settore servizi, che mantiene anche sono dare il valore aggiunto riguardo
oggi.
Le abbiamo chiesto: Che effetto ti fa
l’essere la prima Presidente donna
nella storia delle Acli? Una grande
soddisfazione, e non in senso femmi-
nista perché non mi ritengo tale. Sono CONFEDERAZIONE ITALIANA
Vieni alla CISL
SINDACATI LAVORATORI
veramente lieta di intraprendere que- I nostri servizi: Fiscali, RED, ISEE,
sta avventura. In una riunione prima Successioni, Vertenze e cause di lavoro, Colf
del Congresso provinciale, il Presidente e Badanti, Permessi di soggiorno, Pensioni, Infortuni, Affitti,
Regionale, Giacomo Martelli, aveva Tutela Consumatori.
posto la questione del cambiamento di
genere, quello cioè delle Acli aperte al Per info degli orari telefona alla UST-CISL Livorno n° 0586-899732
genere femminile a livello direttivo, una
12 Livorno

L’angolo del Medico del Dott. Enrico Bianchi - A tu per tu con...

Leonardo Barellini
neo primario della Chirurgia senologica
Ospite di oggi è il dott Leonardo Barelli- anima e corpo in sala operatoria con
ni, neo-primario della nostra chirurgia Casella, che, peraltro, mi ha da subito
senologica. responsabilizzato, e dal quale ho im-
- Buongiorno, Leonardo. Raccontaci parato moltissimo.
qualcosa di te. - Dopo primari provenienti da altri lidi
50 anni di età, ho frequentato il liceo tu, per dirla con una metafora calcisti-
Leonardo Barellini
Enriques e mi sono laureato in medici- ca, sei un prodotto del nostro vivaio: il
na e chirurgia nel 1995 all’Università primariato ti ha sorpreso, visto che sei ri insieme.
di Siena con la votazione di 110 e lode. molto giovane? - Il Covid ha rallentato la vostra attività?
Specializzazione in chirurgia, conseguita Il primariato ho cercato di costruirlo Come pensi di affrontare una seconda
a Pisa con identica votazione. con il lavoro, E comunque, per come è ondata?
- Dove hai iniziato la tua attività lavora- arrivato, è stata una sorpresa emozio- Nel periodo del lockdown abbiamo con-
tiva? nante. Essere primario a Livorno, che tinuato ad eseguire gli interventi per la
Primo incarico all’Ospedale di Livor- è la mia città, rappresenta motivo di patologia oncologica, mantenendoci
no nel 2004 con l’allora primario, pro- grande responsabilità, ma anche di entro i 30 giorni di attesa indicati dalla
fessor Lucio Giuliani. Da allora non mi grande orgoglio. Regione. In caso di arrivo di una se-
sono più mosso. - Quanti interventi hai effettuato? conda ondata, paragonabile alla pri-
- Quando hai deciso di passare alla se- Circa 2000 procedure chirurgiche in ma, saremo in grado di garantire alle
nologia, dalla chirurgia generale? campo senologico i campo, quasi tutte pazienti oncologiche un trattamento ade-
Per la verità, mi sono da sempre occu- con tecnica di chirurgia oncoplastica. guato e in sicurezza assoluta.
pato di senologia. All’inizio perché c’era - Quali colleghi hai nella tua équipe? - Quando ho iniziato a lavorare, a metà
la necessità che qualcuno potesse ese- La Breast Unit è una équipe multidi- degli anni 70, la chirurgia senologica,
guire le ecografie mammarie e le ago- sciplinare che coinvolge oncologi, ra- effettuata dai chirurghi generali, era al-
biopsie. Successivamente, l’arrivo del dioterapisti, radiologi, anatomopatolo- tamente demolitiva: quale è stato il per-
dottor Casella a Livorno ha rappresen- gi e infermieri. Quello che noto quoti- corso che ha portato ai risultati attuali?
tato per me una grossa opportunità di dianamente è che abbiamo costituito un Negli anni 80, con il professor Verone-
crescita professionale. Mi sono buttato vero gruppo e che lavoriamo volentie- si, la chirurgia ha cercato ha cercato di
ridurre l’ampiezza della exeresi, passan-
do dalla mastectomia radicale alla qua-
drantectomia, per diminuire le conse-
guenze dell’intervento sul risultato este-
tico, mantenendo altresì l’efficacia del-
l’intervento stesso.
- Dagli anni 2000 la chirurgia senologi-
ca ha preso a prestito tecniche della
chirurgia plastica per applicarle alla chi-
rurgia oncologica: è nata così la branca
della chirurgia oncoplastica, che ha rap-
presentato una vera e propria rivoluzione.
Anche la sopravvivenza è in costante
miglioramento: attualmente quella a 5
anni é di quasi il 90% ed è merito dello
screening e delle terapie multi-discipli-
nari. Questo ci rende orgogliosi e ci
sprona a dare sempre il meglio.
Livorno 13

qui
tenute nella versione italiana CEI della cato rendimi puro», e, nella preghiera
Bibbia, datata 2008, ed erano già inse- comunitaria: «Pregate, fratelli e sorelle,
rite nella rinnovata edizione italiana del perché questa nostra famiglia, radunata

Diocesi
Lezionario; ma con queste indicazioni, dallo Spirito Santo nel nome di Cristo,
finalmente entrano nell’ordinamento del- possa offrire il sacrificio gradito a Dio
la Messa. Inoltre, nella liturgia, l’atto Padre onnipotente». Sono ben sei, inol-
penitenziale iniziale vedrà l’aggiunta del tre, i nuovi prefazi: uno per i martiri, due
vocabolo “sorelle”: «confesso a Dio on- per i santi pastori, due per i santi dottori
nipotente e a voi, fratelli e sorelle...» e e uno per la festa di Maria Maddalena.
«supplico la beata sempre Vergine Ma- Sempre nell’Eucaristia,
ria, gli angeli, i santi e voi, fratelli e so- Gesù affronta il suo sacrificio di reden-
di Fabio Figara relle...». zione del mondo «consegnando
Particolare risalto è dato alle invocazio- si volontariamente alla passione». E se
ni in greco «Kýrie, eléison» e «Christe, il rito della pace diventa «scambiatevi il
Un nuovo eléison» sull’italiano «Signore, pietà» e
«Cristo, pietà». Inoltre, nel Gloria si avrà
dono della pace» - che già era in uso in
alcune parrocchie – e il pane e il vino

corso la nuova formulazione «pace in terra agli


uomini, amati dal Signore», sostituen-
do le parole relative agli «uomini di buo-
consacrati verranno mostrati all’assem-
blea con «ecc l’Agnello di Dio, ecco
colui che toglie i peccati del mondo. Be-
Numerose sono le novità na volontà», per mantenere una mag- ati gli invitati alla cena dell’Agnello», per
all’interno del nuovo li- giore fedeltà all’originale greco del Van- il termine della celebrazione i fedeli ver-
gelo. Nella liturgia eucaristica, invece, ranno benedetti e salutati con «andate e
bro liturgico dopo l’orazione sulle offerte, il sacer- annunciate il Vangelo del Signore» op-
dote pronuncerà le seguenti: «Lavami, pure con il rispolvero delle tradizionali
Con l’arrivo dell’autunno, numerose o Signore, dalla mia colpa, dal mio pec- parole latine: «Ite, missa est.».
sono le novità all’interno del nuovo li-
bro liturgico, modifiche obbligatorie
dalla prossima Pasqua, il 4 aprile 2021, Ex assessore regionale all’Istruzione, ora preside del ‘Cecioni’
ma già applicabili con l’arrivo dei nuovi
testi nelle parrocchie italiane.
Una revisione italiana completa del Mes-
sale: è questo il grande cambiamento del
Buon lavoro alla prof. Grieco
nuovo anno pastorale. Una svolta coor- Grazie alla Prof.ssa Cristina Grieco per zionali doti manageriali in due settori di
dinata con grande impegno dalla CEI, e tutto quello che ha fatto nell’interesse primaria importanza, quelle della scuo-
che ha visto numerosi esperti collabo- della Scuola della Toscana durante il pe- la e della formazione professionale. È
rare con la Commissione episcopale per riodo di Assessore regionale all’Istru- stata un'autentica protagonista al punto
la liturgia. Numerose le variazioni, pri- zione e il suo impegno,che è stato rico- che ha presieduto a Roma la commis-
ma fra tutte, la più nota al popolo, è la nosciuto anche fuori dei confini regio- sione nazionale degli assessori regiona-
modifica di alcune parti della preghiera nali, fino a quelli ministeriali, ha contri- li all’istruzione, raccogliendo consensi
del Padre nostro nelle frasi «come noi li
buito a migliorare l'istruzione di secon- da tutte le componenti politiche rappre-
rimettiamo» e «non indurci in tentazio-
do grado a cominciare da SCUOLA- sentate.
ne», che diventano rispettivamente
LAVORO. La ringraziamo con tanta simpatia ed af-
«come anche noi li rimettiamo» e «non
E ci siamo permessi qualche volta, du- fetto nel momento in cui torna a presie-
abbandonarci alla tentazione», modifi-
che care al Santo Padre e che sarà pos- rante la sua permanenza fiorentina, di dere a Li-
sibile già applicare dal 29 novembre, in citarla. vorno un
occasione della prima domenica d’Av- Adesso è chiamata ad un nuovo incari- Istituto im-
vento. co nella sua città: quello di preside del portante
Queste modifiche al testo erano già con- Liceo scientifico “Cecioni”. come il Li-
Buon lavoro nell’interesse esclusivo dei ceo Scien-
giovani in momento davvero difficile per t i f i c o
la Scuola italiana “Cecioni”.
Mario Lorenzini Siamo però
convinti
*** che Livorno
Anche il Centro ringrazia con affetto abbia anco-
l’importante lavoro svolto dalla nostra ra molto bi-
carissima amica Cristina Grieco alla gui- sogno di lei: Cristina Grieco
da dell’assessorato istruzione e forma- rappresen-
zione lavoro della Regione Toscana. Ha ta un patrimonio che non possiamo per-
saputo mettere in evidenza le sue ecce- metterci di ignorare.
14 Rosignano

A tu per tu con il Sindaco di Rosignano a un anno e mezzo dalla sua elezione

6-domande-6 a Daniele Donati


1) E' trascorso un anno e mezzo dalla ra vivendo per effetto della pande-
tua elezione a Sindaco del nostro Co- mia, questo è venuto fuori. La gran-
mune, quali sensazioni hai maturato su de industria ha retto faticosamente
questa suggestiva ma anche difficile il colpo, così come il turismo duran-
esperienza? te la stagione estiva passata, ed a
Fare il Sindaco è sicuramente una cascata gli altri settori. Abbiamo de-
esperienza stimolante, specie per stinato risorse importanti del bilan-
chi, come me, viene dal mondo del cio del Comuna, in aggiunta alle ri-
lavoro ed associativo. E' il comple- sorse messe in campo dal Governo,
tamento di un percorso di formazio- per aiutare le fasce sociali più de-
ne personale, ma anche l'occasio- boli, che normalmente da noi godo-
ne per mettere a disposizione della no di una protezione attenta, ma
Comunità un bagaglio di conoscen- anche per sostenere i settori econo-
ze, valori e sensibilità maturate ne- mici più colpiti, e questo credo sia
gli anni. stato percepito ed apprezzato dai
2) Numerosi sono i problemi di gestio- nostri cittadini e dagli imprenditori.
ne per un Comune importante come il Ovviamente dobbiamo lavorare per
nostro, uno dei più articolati della no- far ripartire gli investimenti pubbli-
stra regione (industria-commercio-tu- ci e privati, migliorare il livello dei
Daniele Donati servizi territoriali, e qui penso alla
rismo-agricoltura senza dimenticare i
tesori archeologici di cui è ricchissi- zando e ringiovanendo, anche alla nuova Casa della salute, ed agli in-
mo): una pluralità che richiede un gio- luce delle dinamiche previdenziali terventi sul patrimonio scolastico che
co di squadra di notevole spessore e degli ultimi anni, che hanno porta- dovremo avviare. Sono occasioni
quindi il ruolo di coordinamento del Sin- to ad avere pensionamenti, anche per migliorare ed adeguare il livello
daco risulta essere determinante. in posizioni apicali. dei servizi, ma anche per creare nuo-
Oggettivamente il nostro è un terri- 3) Il momento che sta attraversando ve opportunità di lavoro per il no-
torio articolato, sia da punto di vi- il nostro paese è sicuramente uno dei stro territorio
sta sociale che economico, con mol- più complessi e delicati che coinvolge 4) L'area dell'ex Ciucheba, quella del-
teplici difficoltà di gestione, deri- tutto e tutti. Mi sembra però che, pur la Godilonda ed infine i lavori sospesi
vanti dalla coesistenza di aspirazio- nella serietà di questa drammatica con- da tempo a Portovecchio dove è in co-
ni ed interessi legittimi diversi. per giuntura, fino ad oggi il nostro comu- struzione un edificio da tempo sospesi
governarlo occorre un grande sen- ne sia riuscito a mantenere quasi inte- e nel cui progetto è prevista anche una
so dell'equilibrio e la capacità di gro il suo tessuto socioeconomico. sala cinematografica, sono purtroppo
poter valorizzare tutte queste diffe- Qual'è il tuo pensiero in proposito? tre "incrinature" su cui non si riesce a
renze, che sono anche una grande Come dicevo precedentemente, le trovare una soluzione. Quali sono le pre-
opportunità. La squadra di gover- diversità, anche economiche e so- visioni per un loro definitivo decollo.
no è importante, e noi abbiamo mes- ciali del nostro territorio sono una Ovviamente dobbiamo avere la con-
so in campo anche giovani ed espe- ricchezza. Ed anche nel momento sapevolezza che si tratta di interventi
rienze nuove, così come la struttu- di grande difficoltà che abbiamo privati, su cui è impensabile un in-
ra dell'Ente, che stiamo riorganiz- vissuto e che in parte stiamo anco- segue a pag. 15
Rosignano 15

da pag. 14 Comunale intervenga, con più solleci- rallentato gli interventi, reso più
tervento diretto dell'Amministrazione. tudine e determinazione, per migliorar- complicato gli affidamenti, ma sono
E' chiaro che dobbiamo essere attenti ne il suo aspetto laddove si sono regi- comunque risorse che abbiamo ac-
alle mutazioni del quadro economi- strate "assenze o ritardi" specialmen- cantonato nel fondo pluriennale per
co e sociale circostante, per consen- te nei suoi aspetti estetici e manuten- gli investimenti, che saranno spesi
tire, pur mantenendo una program- tivi. nel prossimo periodo. Questo insie-
mazione nell'interesse dello sviluppo In questo primo anno abbiamo, at- me a nuove risorse che metteremo
equilibrato del territorio, di poter far traverso variazioni di bilancio 2019 in campo con i prossimi bilanci. Ac-
cogliere la possibilità, per i soggetti ed il nuovo bilancio pluriennale canto a ciò abbiamo rilanciato le
proponenti interessati, per dare nuo- 2020/2022, destinato cifre impor- esperienze dei "patti di collabora-
vo slancio a questi investimenti ed tanti alle manutenzione ed al deco- zione" con i cittadini e le Associa-
eliminare le ferite che queste rappre- ro del territorio: quasi 3 mln. di euro zioni, insieme ad interventi di ade-
sentano. di asfaltature, interventi sui marcia- guamento di alcuni regolamenti che
5) Su questa benedetta e tanto discus- piedi, manutenzioni del verde, tan- dovremo deliberare, in modo da va-
sa transitabilità sull'Aurelia per il tratto to per citarne alcuni. Per il verde, lorizzare il contributo e le energie
che attraversa Rosignano Solvay aggra- tra l'altro, stiamo rafforzando l'uf- sociali del nostro territorio, ma, al
vata dalla "criticatissima ciclabile" cosa ficio competente e promuovendo un tempo stesso, coordinarle con i sem-
pensa di fare "da grande" l'Amministra- piano pluriennale di gestione. Ov- pre maggiori interventi pubblici che
zione Comunale"? viamente il periodo di lockdown ha vorremmo mettere in campo.
Credo che le problematiche dell'Au-
relia e del declino commerciale di
questa parte del territorio, fossero
preesistenti alla nuova viabilità ed
alla presenza della pista ciclabile. In
questi mesi abbiamo accolto alcune
istanze di imprenditori e cittadini per
adeguare e migliorare la circolazio-
ne, ma la visione di una ciclopista
del Tirreno, collegata con gli altri
territori, rimane un'asse importante.
Ciò con la possibilità di intercettare
anche nuovi flussi turistici, come il
crescente fenomeno del "turismo len-
to", oppure migliorare la risocializ-
zazione di alcune aree. Ovviamente
dobbiamo completare gli investimenti
previsti dal PIU Ways, ed avviare, tra
l'altro, una programmazione com-
plessiva della zona a mare di Rosi-
gnano Solvay, completando il percor-
so avviato. Per fare questo dovremo
prevedere investimenti pubblici ma
anche stimolare interventi privati:
penso ad opportunità che potranno
derivare dal Recovery Fund, ma an-
che dalla promozione degli interventi
sul patrimonio immobiliare privato
legati al Bonus 110%, che dovremo
cercare di stimolare e promuovere.
6) Rosignano M. è il mio paese di resi-
denza anagrafica che mai ho abbando-
nato ed al quale sono naturalmente mol-
to affettuosamente legato: raccoman-
do, anche per integrare il mirabile sfor-
zo delle "ragazze rosignanesi" che si oc-
cupano di tante cose per tenere "bene"
il loro paese, che l'Amministrazione
16 Pubblicità

AZIENDA STORICA
Dal 1839 Olivete e Frantoio
in Bibbona (LI)
Vendita diretta
Olio Extravergine di Oliva
e linea cosmetica
a base di polifenoli
www.peccianti.com
Tel. 0586/670087

Acli Labor
SOCIETÀ COOPERATIVA

Edilizia - Pulizie civili e industriali


Giardinaggio
Via del Mondiglio 18, loc. Le Morelline, Tel. 0586.790.751 - Rosignano S.
www.aclilabor.it

O.M.P.
Stampiamo di tutto anche
in limitato numero di copie
a prezzi veramente eccezionali S.r.l.
CHIEDETECI UN PREVENTIVO ROSIGNANO SOLVAY
Via G.Razzaguta 26, int. 13 (zona Collinaia) - Livorno Via G. Rossa 24 Tel. 0586.791174

Tel. 0586/1732178
Fax. 0586.791173
E.mail: omp@omprosignano.it

CA.PA. TER
Via della Repubblica 118
ROSIGNANO SOLVAY
Tel. 0586/794962 - Fax 0586/764026
s.r.l.
e-mail: coopgiglio@tin.it
Ca.Pa. Ter è da tempo un autentico punto di riferimento sul territorio
toscano per opere di movimento terra e lavori di edilizia pubblica e privata Dal 1963 operativi in Toscana con autisti e servizi multilingua
di qualunque tipologia, con competenze specifiche nella costruzione e
nella manutenzione di fognature, canali di drenaggio e sistemi di bonifica. Via della Villana 126, Rosignano Solvay-Castiglioncello
Via Don Luigi Sturzo n. 172 - Tel. 0586.984479 - Guasticce (LI) Telefono: 0586 760981

GUIDI Soc. SECOS srl

Costruzioni Edili e Industriali Associazione Nazionale Amministratori


Condominiali e Immobiliari

Via Modigliani, 21 - Rosignano Solvay ANACI Sezione di Livorno


Tel. 0586.760153 - Fax 0586.760414 Via Puini 97 Int. 35 - Livorno

IL GIGLIO
SOCIETÀ COOPERATIVA
Manutenzione di aree verdi
civili e industriali - Arredo urbano
Imballaggio industriale - Trasporti - Facchinaggio - Servizi Via dell’Industria 23 - Rosignano Solvay
Piazza Monte alla Rena, 5 - Rosignano Solvay Tel. 0586/794962 - Fax 0586/764026
Tel. 0586.793288 - Fax 0586.793304 www.ilgiglio.net

Di Gabbia A. & Figlio


COSTRUZIONI - stradali - fognature - acquedotti
SRL

PRODUZIONE - emulsioni bituminose - conglomerati bituminosi - MEZZI PROPRI


Sede Legale Uffici, Impianto: Via dello Struggino 24 - Livorno (loc. Picchianti) Tel. 0586/428121 e-mail: info@digabbia.it
Cultura 17

UNA GIORNATA PARTICOLARE AL MUSEO DI STORIA NATURALE

Tra Cinema e Letteratura non trovasse pieno compi-


di Massimo Ghirlanda
mento in sé. Anna Pala
Spagnoli esplora il concet-
Museo di Storia Naturale, un enorme to di capolavoro sia per il
clessidra di trenta minuti è sul tavolo libro che per il film Il Gat-
dei relatori, segno di un pomeriggio ati- topardo di Visconti (1963),
pico, che apre Lezioni di Cinema. Giun- soffermandosi sul principe
ge così alla sua quinta edizione il pro- di Salina, come uno che
getto, ideato da Massimo Ghirlanda ed “vede la storia”. Per La
organizzato da 50&Più, Università di vita agra di Carlo Lizzani
Livorno, con Erasmo Editore, Centro (1964), Fabio Canessa ri-
Studi Commedia all’italiana, Comune di prende le suggestioni lan-
Livorno e Circolo Kinoglaz. ciate da Cecchini: se il ro-
La prima lezione, sabato 24 ottobre, manzo dell’Ottocento è
indaga il rapporto tra Cinema e Lettera- amico del cinema perché
tura, con nove relatori - docenti, esperti ha un plot, problematico
e studiosi di cinema - che hanno a di- diventa il rapporto con la
sposizione trenta minuti per illustrare letteratura del Novecento,
un’opera della letteratura, portata sul dove il romanzo nega il
grande schermo. Le opere sono dispo- concetto classico di narra-
ste in ordine cronologico, tenendo conto zione. Il sesto relatore è
dell’uscita del film. Paolo Lago che racconta il
Si inizia con Cenere (1916), film muto Conformista di Moravia
di Febo Mari, che vede Vita Maria Ni- (1970) e l’interpretazione Massimo Ghirlanda e Gianfranco Panariello
colosi fermarsi sul rapporto tra la pro- che ne dà Bertolucci attra-
tagonista, Eleonora Duse – ripresa sem- verso la psicanalisi. Alle 19.00 Massi- dente di 50&Più di Livorno, e Gianfran-
pre in campo lungo, a motivo dell’età mo Ghirlanda scuote il pubblico per i co Panariello, responsabile culturale del
avanzata - e Grazia Deledda, l’autrice rimandi con il presente, attraverso il film settore cinema, ringraziano per la bella
del romanzo. Segue Marco Vanelli, con di Nelo Risi, fratello di Dino, dal titolo e interessante iniziativa, piena di spunti
Alberto Moravia, che ha girato un’uni- La colonna infame del 1973, ispirato e suggerimenti.
ca pellicola della durata di cinque mi- alla Storia della colonna infame di Ales- Tocca a Massimo Ghirlanda girare an-
nuti, dal titolo Colpa del sole (1951), sandro Manzoni, che racconta di un cora una volta la clessidra, preconio di
tratta da un suo racconto. È poi la vol- processo agli untori di peste nel 1630 e tempi migliori.
ta di Michele Cecchini che, per parlare di un’ingiusta giustizia che manda a
di Un maledetto imbroglio di Germi morte cinque poveri innocenti. Il pe-
(1959), prende spunto dalla sua espe- nultimo intervento è di Federico Lenzi
rienza di scrittore, chiedendosi se sia che si confronta con l’ego gigantesco
un vero complimento quando la gente di Malaparte, autore, scottante e incol-
dice: “è bello questo tuo libro, bisogne- locabile, della Pelle e dell’omonimo film
rebbe farci un film”. Come se il libro della Cavani (1981). Infine, Pier Dario
Marzi, docente di Storia e Filosofia in
un liceo di Lucca, che affronta l’opera
più recente, Una questione privata
(2017), l’ultimo film dei fratelli Taviani
che, dopo Maraviglioso Boccaccio,
chiudono con un inno alla vita il loro
sodalizio artistico.
Termina così, dopo cinque ore, la ma-
ratona letterario cinematografica, e,
www.porto.livorno.it
mentre qualcuno fa notare che nessu-
E-mail: info@porto.livorno.it
no degli studenti di V superiore del Ve-
Tel. 0586 249 465 - 249 411
Fax 0586 429514 spucci-Colombo ha mai toccato il pro-
prio cellulare, Loretta Raffaelli, presi-
18 Cultura

FRANCESCO BORROMINI

UN TICINESE A ROMA
plesso della Sapienza, il Borromini im- va fino a notte fonda. Non aveva amici
di Livio Lazzeri
piegò ben 10 anni. I lavori finalmente e non conobbe l’amore di una donna.
iniziarono nel 1643 e durarono 20 anni, Amava la solitudine; rifuggiva la con-
Quando nel 1619 Francesco Borromini durante i quali oltre alla chiesa di San- versazione preferendo sprofondarsi nei
arrivò a Roma aveva 20 anni ed era un t’Ivo, fu realizzato l’adiacente edificio suoi pensieri. La sua casa era spoglia,
emerito sconosciuto. Era infatti nato nel della Biblioteca Alessandrina. Nel frat- arredata con l’essenziale; i suoi abiti sem-
1599 in Svizzera, a Bissone, un paesi- tempo il Borromini lavorò anche ad al- pre neri. Ma soprattutto era depresso
no nei pressi di Lugano. La sua forma- tre commesse, non solo per il papa, ma cronico, afflitto da una profonda malin-
zione artistica era pressoché nulla. La anche per altri committenti. Nel 1634, conia che non lo abbandonava mai. Al-
sua unica esperienza lavorativa era sta- infatti, i frati Trinitari Scalzi spagnoli l’età di 68 anni decise di farla finita e si
ta quella di operaio presso la Fabbrica gli affidarono la progettazione della suicidò buttandosi sulla sua spada. La
del Duomo di Milano, dove aveva fatto chiesa di San Carlino alle Quattro morte non fu immediata, ma soprag-
lo scalpellino, uno dei tanti. Tutto qui. Fontane e dell’annesso convento. Fu giunse il giorno dopo. Ebbe così il tem-
la sua opera prima. Seguirono nume- po di dettare il proprio testamento e di
Arrivato a Roma, trovò lavoro come rose altre opere, sia con Urbano VIII ordinare di essere sepolto insieme al-
collaboratore di Carlo Maderno, suo che con il suo successore Innocenzo l’amico Carlo Maderno, nella chiesa di
concittadino e uno dei più famosi ar- X: il rinnovamento di San Giovanni in San Giovanni dei Fiorentini.
chitetti dell’epoca, che dirigeva i lavori Laterano (1646-49), la fabbrica di San-
della Basilica di S. Pietro e di palazzo t’Agnese in Agone (1653-57) a piazza Il Bernini era tutto l’opposto. Estrover-
Barberini. Rimase con il Maderno una Navona, la chiesa e il Collegio di Pro- so, brillante, amava la vita mondana e il
decina d’anni, fino alla morte di que- paganda Fide (1646-66) in piazza di bel vivere. Odiava la solitudine, aveva
st’ultimo. Furono questi gli anni fon- Spagna, etc. numerosi amici, frequentava salotti dei
damentali della formazione artistica di quali era un ambito animatore. Il lavoro
Borromini. Alla morte del Maderno, la Si è scritto molto sulla profonda diver- era importante ma era soprattutto un
direzione dei lavori sia di S. Pietro che sità di carattere tra il Borromini ed il mezzo per viver bene: infatti aveva ta-
di palazzo Barberini passò a Gian Lo- Bernini, una diversità che si ritrova per riffe altissime, mentre il Borromini spes-
renzo Bernini, artista già famoso e pu- molti aspetti anche nella loro arte. Il so non si faceva neppure pagare. Vesti-
pillo di papa Urbano VIII Barberini. In Borromini era schivo, silenzioso, dedi- va elegantemente ed amava il lusso.
entrambi questi cantieri il Bernini man- to esclusivamente al lavoro. Quando Borromini non ebbe né figli, né eredi,
tenne la collaborazione con Borromini. non era al cantiere era a casa a proget- né discepoli: il suo stile artistico fu e
E fu proprio il Bernini ad accorgersi del tare e a studiare: matematica, fisica, rimase una cosa personale. Bernini in-
grande talento del suo collaboratore ti- idraulica. Soffriva di insonnia e lavora- segue a pag. 21
cinese: determinante fu infatti il contri-
buto dato dal Borromini alla progetta-
zione ed esecuzione dei lavori per il
Baldacchino di S. Pietro e per la scala
elicoidale nell’ala ovest di palazzo Bar-
berini.

E fu ancora il Bernini a procurare al


Borromini la sua prima commessa. In-
fatti quando papa Urbano VIII decise
di costruire il complesso universitario
della Sapienza, fu proprio il Bernini a
raccomandare caldamente al papa il
Borromini, ancora pressoché scono-
sciuto. Fu così che il papa nel 1632
nominò il Borromini Architetto alla Sa-
pienza. Fu l’inizio del successo.

Per lo studio e la progettazione del com-


Cultura 19

da pag. 20
vece ebbe figli,eredi e discepoli che cer-
carono di imitarlo e di proseguire la sua
opera.

Borromini e Bernini furono agli antipodi


anche nello stile artistico. Quello del
Borromini era severo, scarno, essenzia-
le, mentre quello del Bernini era caldo,
lussuoso, sovrabbondante. Per un con-
fronto, l’ideale è visitare due chiese quasi
alla Sapienza: entrambe sono razionali, addirittura soltanto curvilineo: non c’è
adiacenti: San Carlino del Borromini e
geometriche, simmetriche a pianta cen- una sola parete piana (!!). Le pareti
Sant’Andrea del Bernini, entrambe in via
XX Settembre. San Carlino è scarna, trale, ma la pianta di S. Ivo è enorme- curve non fanno altro che conferire di-
essenziale, con pareti bianche e nude; mente più complessa del semplice cer- namicità e movimento allo spazio, in
chio del tempietto. Due triangoli equi- contrapposizione alla staticità rinasci-
Sant’Andrea è piena di marmi policro-
lateri sovrapposti in modo da ottenere mentale. Perfino le superfici della fac-
mi, pareti dorate, statue e dipinti. Un’al-
una stella a sei punte, con un cerchio ciata sono curvilinee, sicché appaiono
tra evidente differenza tra i due artisti
in ogni vertice in modo da stondare le come onde in movimento.
sta nella loro carica innovativa. Quella
del Bernini è discreta, ma quella del Bor- punte, alternativamente in modo con- Questo dinamismo è espressione di
romini è sorprendente, desta meraviglia, cavo ed in modo convesso (!!). En- una concezione dinamica del mondo che
trando in S. Ivo si percepisce che c’è deriva dal progresso. Nel ‘600 infatti,
e finisce sempre per stupire per la sua
uno schema geometrico razionale, ma oltre alle grandi scoperte scientifiche di
genialità e originalità. Per questa sua
non si capisce quale esso sia se non si Newton, Galileo, Cartesio, etc., ci sono
carica innovativa B. Zevi definisce Bor-
ha a disposizione una piantina (!!). Me- scoperte geografiche, invenzioni (tele-
romini addirittura un rivoluzionario.
Anche qui è possibile un confronto rav- taforicamente, si potrebbe dire che se scopio, microscopio, barometro, oro-
vicinato tra i due artisti. Infatti a palaz- S. Pietro in Montorio è una equazione logio, etc.) e grandi commerci (Com-
di primo grado, S. Ivo è una equazione pagnie delle Indie) che portano prodot-
zo Barberini ci sono due scale, una per
di secondo grado. S. Carlino non è da ti nuovi. Dopo secoli di stasi, il mondo
ciascuna delle due ali del palazzo: una
meno: due triangoli a formare un rom- cambia e il cambiamento pervade la vita
scala l’ha fatta il Bernini, l’altra il Bor-
bo, due cerchi ed una ellisse, tutti iscritti della gente.
romini (entrambe le scale sono visitabili
gratuitamente). Quella del Bernini è a l’uno nell’altra. L’architettura del Bor- Altra novità è la geometria delle cupole,
pianta quadrata, quella del Borromini è romini si può quindi ritenere una evo- che è più complicata della classica se-
luzione di quella rinascimentale: il rigo- misfera rinascimentale. Quella di S.
elicoidale a pianta ellittica (sic!). Sor-
re geometrico e razionale del rinasci- Carlino è un semi ellissoide, cioè un
prendente e geniale.
mento non solo c’è ancora ma è porta- pallone ovale da rugby tagliato a metà.
to alle estreme conseguenze, compli- Quella di S. Ivo è animata da vele ri-
Tra gli aspetti che più caratterizzano le
opere del Borromini, ne citerei senz’al- cando enormemente le forme. curve che ne fanno ondeggiare le su-
tro due: la razionalità e la rottura degli Altra grande innovazione sono le su- perfici.
perfici. L’interno di S. Ivo è infatti mi- E’ proprio soprattutto in queste due
schemi classici. Siamo infatti nel secolo
stilineo, cioè una alternanza di una pa- chiese, minuscole e raccolte, che il
in cui nascono la fisica (Galileo,
rete piana con una curvilinea, concava Borromini ha mostrato tutto il suo ge-
Newton), l’astronomia (Galileo, Keple-
o convessa. L’interno di S. Carlino è nio.
ro), il calcolo infinitesimale (Leibnitz),
la geometria analitica (Cartesio), etc. e
la scienza e la razionalità si vanno sem-
pre più affermando sulle vetuste ed in-
sostenibili teorie medioevali, imposte con
la forza dall’Inquisizione. Non a caso
tutti questi scienziati hanno avuto a che
fare con essa. Già il Rinascimento è tutto
pervaso da razionalismo, ma il Barocco Imballaggi industriali - Servizi
lo porta alle estreme conseguenze, oltre
al razionalismo dell’arte classica
Facchinaggio - Gestione aree verdi
Via dell’Industra 1/B - Tel. 0586/767500 - Fax 0586/792299
Per rendersene conto basta confronta- ROSIGNANO SOLVAY
re la pianta del tempietto di S. Pietro in
info@logiros.it - web site: www.logiros.it
Montorio del Bramante e quella di S. Ivo
20 Cultura

L’angolo di Don Ordesio Bellini

Sull’attuale Sinodo
della Chiesa in Germania
La Chiesa tedesca sta svolgendo un Il rischio dello scisma è sempre pre- tura bloccato il processo della loro ma-
SINODO NAZIONALE della dura- sente in ogni realtà umana sociale cul- turità. E come già scrivevo, hanno an-
ta di due anni dibattendo problemi e turale politica e religiosa. Direi che il che “occupato il potere”.
proposte che in alcuni casi si annun- rischio di divisione è talmente presen- E siccome l’adolescenza, sia essa ana-
ciano dirompenti e che potrebbero te nel cuore dell’uomo che in teologia grafica o culturale, si esprime soprat-
mettere in crisi l’unità della Chiesa si definisce il peccatore “l’uomo divi- tutto nella presunzione spesso arrogan-
stessa. so in se stesso”. E il ricorso massic- te e irridente della storia passata e delle
L’amico Enrico ha letto un articolo su cio agli psicologi e agli psichiatri fa tradizioni, oltre a mille rivendicazioni a
Repubblica del 17 ottobre 2020 dal perfettamente capire che questo non catena, ecco perché ho difficoltà a
titolo: “Celibato e donne prete, pa- è solo un problema della Chiesa e del esprimere un parere in un contesto di
ura in Vaticano per lo scisma tede- Vaticano, ma è un vero problema di SOSTANZIALE RICATTO,
sco” e mi chiede gentilmente se vo- salute pubblica, un vero problema po- OGGI CHIAMATO IL “POLITI-
lessi commentare la “notizia”. litico. CAMENTE CORRETTO”.
Sono secoli però che questa non è più Tornando al mio articolo del numero L’adolescente giovane o adulto vuole
una notizia. I due argomenti sono già precedente del “Centro” ribadisco con tutto e subito. Io sono abituato a guar-
apparsi ciclicamente altre volte nel convinzione profonda che da decenni dare in prospettiva futura e a valutare
corso della storia della Chiesa. Oggi noi siamo in balia di una “cultura ado- per quanto possibile le ricadute, ossia
forse con maggior impeto grazie ai lescenziale” formata dai cervelli di il pro e il contro proiettato nel futuro.
media e soprattutto grazie a questo uomini e donne di ogni età che hanno In altre parole oggi, soprattutto gli “ado-
clima di “liberi tutti”. in gran parte ritardato, se non addirit- segue a pag. 21

foto tratta da La Repubblica


Cultura 21

segue a pag. 20 les”, che esprime in forma parados- pieno della contestazione anche ec-
lescenti adulti”, hanno dato origine a sale e folle una antica presunzione di clesiale in modo serio e scherzoso
un lungo movimento storico dove la superiorità. a un tempo si diceva: “ preghiamo
pancia, il sottopancia e il sentimenta- Direi che al pericolo di scisma della per i fratelli separati e non ancora
lismo sembrano avere sopraffatto la Germania la storia ci ha un po’ abi- uniti e per i fratelli uniti e non an-
ragione e le sue ragioni. tuati e in qualche modo preparati. cora separati”. Qualcuno lo inten-
La cosa triste è che questo spirito ag- Noi italiani abbiamo visto dalla co- deva in modo poco cristiano, spe-
gressivo di rivendicazioni, diventati un siddetta caduta della prima repubbli- rando che questi ultimi si levassero
ricatto e una minaccia (lo scisma è in ca lo sfaldarsi e il frantumarsi di tanti di torno. Oggi saranno forse di
fondo un ricatto e una minaccia più o partiti apparentemente infrangibili. Si nuovo i tedeschi?
meno cercata e voluta) hanno fatto è tentato di ricostruire qualcosa di Abolizione del celibato, ordinazio-
degenerare problemi reali, veri, impor- nuovo, ma che fatica e finora che il- ne delle donne,… ? Di una cosa io
tanti: nella Chiesa il problema della lusione: gli adolescenti al potere! sono certo: al di là delle controver-
donna legato anche a quello della so- Tornando a un possibile scisma nella sie e delle discussioni, tutto questo
cietà, un nuovo modo di essere preti, Chiesa, che dire allora? non risolve ASSOLUTAMENTE nul-
vescovi e papi, ossia un nuovo modo Innanzitutto pregare per chi crede alla la. L’attuale contesto storico ci mo-
di essere Chiesa, più madre che tribu- preghiera. Ce lo chiede il Signore con stra nella vita politica nazionale, in
nale, sentinella umile e attenta del pre- la Sua famosa preghiera “che siano quella delle nazioni e dei popoli
sente e del futuro. una cosa sola perché il mondo veda come pure nella Chiesa che si trat-
Vari movimenti sono falliti per rivendi- e creda”. Ma d’altra parte l’altro gior- ta di una crisi culturale è antropo-
cazioni adolescenziali. Il movimento no in una Messa ho letto anche il Van- logica. Per superarla non basta rat-
femminile ad esempio, che per me ri- gelo dove il Signore dice «Non cre- toppare, anche con la migliore buo-
mane un tentativo di “rivoluzione” in cui diate che io sia venuto a portare na volontà.
ancora spero e credo. Forse non ab- pace sulla terra; sono venuto a por-
biamo bisogno di altri preti in versione tare non pace, ma spada. Sono in-
femminile ma di istituzioni in cui la don- fatti venuto a separare l’uomo da
na esprime con pari dignità il “potere” suo padre e la figlia da sua madre
della tenerezza che rende presente la e la nuora da sua suocera; e nemi-
Mensile del Circolo Culturale “Il Centro”
tenerezza materna e paterna di Dio. ci dell’uomo saranno quelli della Aut.ne Tribunale Livorno n° 683 del 2/3/2005
Che dire poi della Germania? Bastano sua casa.
Redazione ed Amministrazione:
due frasi diventate famose nel conte- Queste due frasi così apparente- Via Trieste 7 - 57124 Livorno
sto ecclesiastico: “los von Rom” (= mente contrapposte dette dal Signo- e.mail: ilcentro.livorno@gmail.com
lontani da Roma) e la rivalità culturale www.circoloilcentro-livorno.it
re ci accompagnano sempre nella
con la tradizione latina “doctor roma- vita della chiesa, come nella politi- DIRETTORE RESPONSABILE:
nus, asinus germanus”. Senza scomo- ca di ogni popolo e di ogni fami- Enrico Dello Sbarba
dare il nazista “Deutschland uber al- glia. COMITATO DI REDAZIONE:
Non nascondiamoci dietro un dito: Massimo Cappelli,
Sergio Cini,
le divisioni ci sono e sempre ci sa- Fabio Del Nista,
ranno. Quello che abbiamo rag- Livio Lazzeri,
Luca Lischi,
giunto ora rispetto al passato è Mario Lorenzini,
guardarci con occhio fraterno, con Mauro Paoletti,
Angela Simini,
buona educazione e gentilezza. Franco Spugnesi.
Speriamo che almeno questo con- Hanno collaborato a questo numero:
tinui e regga! Già negli anni set- Cristina Battaglini, Ordesio Bellini,
tanta/ottanta del secolo scorso nel Franco Biancani, Enrico Bianchi, Mas-
simo Cappelli, Giuseppe Franceschi,
Massimo Ghirlanda, Gianni Giovangia-
como, Livio Lazzeri, Luca Lischi, Mario
Lorenzini, Angela Simini.

Grafica e impaginazione: Editrice “Il Quadrifoglio”


sas di Palandri Giulia & c., Livorno - Tel. 05861732178.
Stampa: Tipografia Sagittario - Bibione (Venezia).

Giornale chiuso: 2/11/2020


22 Cultura

Riflessioni sull’evento culturale più importante dell’estate livornese

Intorno al Festival di Mascagni


straordinaria creativi-
di Angela Simini
tà”. Ed è stato un
momento di grande
Il Festival Mascagni è stato sicura- emozione, che dopo il
mente l’evento culturale più importante lock down, ha ripor-
dell’estate 2020, anzi possiamo dire di tato i livornesi a con-
tutto l’anno in corso fino ad oggi. Con tatto con la città, con
i suoi cinque appuntamenti molto ben la realtà spettacolare
programmati del Festival e con gli otto e culturale, nel gran- Il logo del Mascagni Festival
incontri del “Mascagni Off”, che si de parco della Fortez-
sono aggiunti come un corollari, l’ini- za Nuova, per proseguire anche nella ping avevano conquistato e stupito i
ziativa tutta, nel suo complesso, ha Fortezza Vecchia e, soprattutto nella livornesi. Uno scenario immenso dun-
intercettato l’attenzione e la parteci- Terrazza Mascagni. Ci ricorderemo a que ha accolto gli spettatori, e tra que-
pazione dei livornesi, che accarezza- lungo del tripudio di luci che si ris- sti gli eredi di Mascagni, che hanno
vano l’idea di dedicare un festival al pecchiavano sui Fossi di Livorno, dello espresso giudizi lusinghieri sull’inizia-
compositore labronico fin dalla sua spettacolo che ha portato in scena tiva dell’amministrazione livornese.
scomparsa, avvenuta il 2 agosto 1945. cantanti lirici di grande spessore, ac- L’Orchestra della Toscana , diretta da
Il varo ufficiale del Festival di Ma- compagnati al pianoforte da Laura Beatrice Venezi, ha accompagnato
scagni è avvenuto questa estate: “Ab- Pasqualetti, degli interventi commos- bravissimi cantanti lirici, impegnati nel-
biamo voluto onorare gli impegni pre- si e profondi del direttore artistico del le arie mascagnane. Ospite d’Onore,
si con i livornesi , per cui, dopo le ono- Festival, il tenore Marco Voleri, e del non dimentichiamolo, è stato Luca Zin-
rificenze dedicate a Modigliani, era musicologo Fulvio Venturi, della let- garetti che, grande attore di teatro, TV
giusto procedere con il Festival di tura di testi ed epistole del Maestro e cinema, si è prodotto in un lungo ed
Mascagni” - aveva dichiarato il sin- stesso e dei critici del suo tempo. intervallato monologo, un inedito di
daco, Luca Salvetti. E, siccome non è possibile in questa Michele Santeramo. Applausi e richie-
“Questo numero zero del Festival che sede ripercorrere tutti gli spettacoli, ste di bis hanno accolto le performan-
abbiamo l’onore di tributare a Masca- veniamo al Mascagni Gala alla Ter- ce dello spettacolo.
gni – aveva commentato l’assesso- razza Mascagni, illuminata a giorno, Il Festival si è degnamente concluso
re Lenzi – nasce nella certezza che mentre le creazioni digitali di Immer- sabato 19 settembre, ancora alla Ter-
Livorno debba fare ogni sforzo possi- siva proiettavano sui giochi d’acqua razza Mascagni, col concerto della
bile per raccontare la sua più autenti- e sulla facciata dell’Hotel Palazzo im- Banda musicale dell’Arma dei Cara-
ca ricchezza: un carattere autentico magini del musicista, della sua vita, binieri diretta dal colonnello Massimo
la cui peculiarità più spiccata è una delle sue opere. Musica e video map- segue a pag. 23

segue a pag. 31
Cultura 23

da pag. 22
ste di bis. fuori di Livorno, e non è poco, in mo-
Martinelli. Ma quello che dobbiamo rilevare è menti come questi, di precarietà ge-
La Banda è uno spettacolo di per sé che il Festival è salpato durante il lock neralizzata. Si sono “ricalcate” le
stessa con i carabinieri in alta unifor- down, quando si sono dovuti rispet- orme delle manifestazioni intorno a
me, col suono ritmato delle loro ese- tare gli spazi sociali e le norme anti- Modigliani, in senso positivo ovviamen-
cuzioni, dalle quali non si escludevano covid. Nonostante ciò si è raggiunto te, con i numerosi appuntamenti of-
però i toni dolci e commoventi. Si ag- un livello alto di produzione, con ese- ferti al pubblico e con la curiosità che
giunga che lo spettacolo, programma- cuzioni molto buone ed appropriate a questi hanno suscitato. E si è risve-
to per le 19, si è svolto difronte ad un far apprezzare e conoscere Masca- gliato un interesse nuovo e stimolante
tramonto rosso e azzurro, che sem- gni anche a chi ne sapeva poco. E, per la cultura e per gli allestimenti li-
brava ordinato per l’occasione. Anco- soprattutto, il Festival, anche in perio- vornesi.
ra grande entusiasmo ed ancora richie- do di Covid , ha attirato spettatori da Un plauso dunque a chi si è tanto ado-
perato per raggiungere lo scopo, dalle
autorità cittadine, agli sponsor, alle fi-
gure culturali ed artistiche.

è in distribuizione gratuita
Vendita al dettaglio anche presso i seguenti punti:
di carni e salumi
interamente prodotti LIVORNO:

e lavorati in azienda Libreria nuova di Biagini Silvia,


corso Amedeo 23-27
Libreria Feltrinelli, via di Franco
Loc. Poggio Marchino - Rosignano M.mo Edicola Cairoli, via Cairoli 18
Edicola Nelli, piazza Cavour 39
Tel. 0586.799032 Edicola P.zza Grande
Cell. 338.661.38.16 - 333.824.10.52 lato Farmacia Ospedale
Edicola Bianchi, via del Porticciolo
Edicola Attias, corso Amedeo
Edicola Sant’Agostino
DISTRIBUTORI STRADALI Benzina, Gasolio, Gpl e Metano Piazza Aldo Moro
Edicola piazza Matteotti
............................................. Edicola Cartolibreria Lo Stregatto
AREZZO LUCCA via Malta 36A
San GiovanniValdarno Gallicano Ed. Lo Strillone, viale Italia 113
Montevarchi Antraccoli
Terranuova Bracciolini Edicola Barcellona, via Goito
Altopascio Edicola Ramagli & Rossi, via Calatafimi
Loro Ciuffena
Ponte alla Ciliegia Edicola Cipriani Mila, via Goldoni 28
Viale Santa Margherita (AR)
............................................. ............................................. Edicola Borghi, corso Amedeo
SIENA PISTOIA angolo via dell’Origine
Abbadia san Salvatore Panicagliora Il Tabaccaio, via Roma 133
Sovicille ............................................. Tintoria Rossi, corso Mazzini
............................................. LIVORNO Ed. Martelli Anna Lisa
FIRENZE Via Cattaneo (LI) via Meucci 5 (Coteto)
Viale Guidoni (FI) * ............................................. Edicola c/o Bar Oasi, Ardenza Mare
San Polo (FI) PISA Edicola Dharma, Viale Antignano 115
Fucecchio MontecatiniVal di Cecina Edicola Bini-Filippi, Via del Litorale
* in ristrutturazione
(largo Vittime delle Fobie)
Tabaccheria-Edicola di Rolle Marco
via C. Puini 97 - Antignano
CASTIGLIONCELLO:
Edicola Rossi, P.zza della Vittoria

GIUNTI CARLO ALBERTO S.R.L.


L’Edicola, Via Aurelia 512
ROSIGNANO MARITTIMO:
Edicola Il Punto, via Gramsci 42
ROSIGNANO SOLVAY:
Lavori Edili, Stradali Edicola Giovannoni, via Allende
Edicola Vallini, via O. Chiesa
Edicola Bellucci & Vitiello
Via della Repubblica 27/B
Via delle Travi, 1 - Tel.: 0586 886146 VADA:
Cartoleria 'Cartoland, via Magellano 3
LIVORNO
24