Sei sulla pagina 1di 32

1

Aut.ne Tribunale Livorno n° 683 del 02/03/2005 - Spediz. in abb. postale: postatarget creative - CENTRO 1/02524/11.2014 - Posteitaliane
Anno XX - n° 213 Settembre 2020

L’Editoriale
di Enrico Dello Sbarba
enricodellosbarba@virgilio.it
Oltre il referendum
di Nicola Graziani
NO È difficile che il prossimo referendum sul È la fase terminale di un cancro che ha
al taglio dei taglio del numero dei parlamentari si svol-
ga senza che nessuno ricordi il penoso
iniziato a divorare la politica italiana (in
altri paesi hanno fatto diversamente,
parlamentari caso di quanti hanno usufruito del bonus
per chi era in difficoltà economiche. Di
come la Germania, e alla fine ne sono
stati premiati) dai tempi di Prodi e Ber-
fronte alla stupidità lottano inutilmente dei lusconi: entrambi contrari a partiti forti,
E così il prossimo 20 e 21 set-
e titani, diceva Schiller. La lotta, infatti, entrambi per la politica “leggera”. Tesi
tembre voteremo per il referen- sarà titanica anche questa volta, se non che hanno distrutto il centro, disartico-
dum riguardante la riduzione del altro perché di stupidità in giro ce n’è lato la destra facendone emergere alla
numero dei parlamentari e per il parecchia. fine l’anima nera sovranista e populista,
rinnovo dei consigli regionali com- Pensare che il problema del funzionamen- fatto credere alla sinistra di poter essere
presa la nostra Toscana. to della democrazia sia riducibile al nu- gramscianamente in grado di esercitare
Diciamo subito che, personal- mero dei parlamentari è – usiamo un ter- un ruolo egemonico sull’intero quadro
mente, sul referendum voterò a mine diverso per far sfoggio di capacità generale, grazie ad una propria vocazio-
favore del mantenimento dello lessicali, ma il significato resta lo stesso ne maggioritaria. Ora si tratta di racco-
“stato quo” e cioè per il “NO”. – pura ingenuità. Non a caso si tratta di gliere i cocci di tutti questi sogni infran-
Una scelta di sapore populista im- un cavallo di battaglia dei 5 Stelle, che di tisi all’alba.
posta e voluta dai 5Stelle e su cui, ingenuità politica mista a calcolo da bas- Non è certo con questo accanimento
per pavidità e convenienza, la sa cucina della politica sono maestri. Ma contro le istituzioni parlamentari che si
grande maggioranza dei parla- ingenuo è anche chi ha detto sempre sì al risolverà il problema. Si tratta, al con-
mentari di tutti i partiti, votarono taglio, ed ora dice no (Lega e Centrode- trario, di ripristinare forme partito che
la loro drastica riduzione sull'on- stra nel suo insieme), per non dire di chi siano – sulla base delle esperienze degli
da di una forsennata campagna ha sempre detto no, ed ora dice sì salvo ultimi anni – strutturate ma non sclero-
creata ad arte dai “cosiddetti” lacrime di coccodrillo (il Pd). Commen- tizzate (ora accade semmai il contrario)
talkshow televisivi orchestrata dai tava Andy Luotto in “Quelli della Notte”: ed in grado di partecipare al gioco de-
grillini che alimentarono il loro “Vallo a capì”. mocratico non sulla base del principio
risentimento contro la classe po- Il fatto è che siamo di fronte all’ennesi- “il primo prende tutto”, ma della massi-
litica e contro il sistema costitu- mo, paradossale, deprimente cortocircuito ma “il primo ha più responsabilità degli
zionale in essere. della politica. In cui furbizia e ottusità altri”.
Ed infatti furono proprio gli espo- vanno a braccetto, e l’una spinge l’altra Non è certo cosa facile, ma qui – lo ri-
nenti del M5Stelle a sostenere in un percorso sempre più veloce, sem- petiamo per l’ennesima volta e continue-
la riduzione dei parlamentari con pre più parossistico per cui ci si stupisce remo finché ce ne sarà bisogno – i cat-
lo slogan “vogliamo aprire il di una cosa sola: come abbia fatto la mac- tolici sono chiamati a svolgere un ruolo
Parlamento come una scatolet- china a non andare in pezzi, finora. segue a pag. 2
ta di tonno”: una minaccia com-
mentavano , all'epoca, i pochi All’interno
giornalisti contrari, analoga a quel-
segue a pag. 2 Speciale Referendum e Regionali
2 Politica

dalla prima pagina zione del Senato ed una legge eletto- l'esempio dei suoi predecessori (i de-
rale che avrebbe consentito, la sera mocristiani) che durante i dibattiti interni
NO al taglio stessa del risultato, la formazione di si combattevanno duramente ma, quan-
un governo di legislatura ed una radi- do si avvicinavano le elezioni, quasi d'in-
dei parlamentari cale riduzione dei parlamentari ponen- canto, si trovavano sempre tutti insieme,
do fine all'inutile e costoso sistema del per far vincere " la Democrazia Cristia-
la di Benito Mussolini che minacciava di
doppio passaggio di ogni legge: siamo na" e continuare a gestire, in libertà, Par-
trasformare le aule parlamentari “in un
l'unico paese in Europa, insieme alla lamento, Regioni, Province e Comuni:
bivacco per i suoi prodi”.
Romania, ad avere un inutile biparla- purtroppo non ha voluto seguire quella
Si tratta di un provvedimento scrite-
mentarismo. strada,
riato privo di una visione organica e
Come i lettori ricorderanno se si fos- Cari lettori abbiamo veramente termi-
veramente costruttiva che impedirà
se registrato il successo, avrebbe pro- nato e ribadiamo che il 20 ed il 21 set-
addirittura in alcune aree del nostro
vocato anche l'abolizione del CNEL tembre voteremo “NO” per il referen-
paese, di avere una loro rappresentante
con un risparmio addirittura superiore dum contro la riduzione del numero dei
nel Parlamento. Lo slogan, ripetuto
a quello che potrebbe prodursi con il parlamentari; alle regionali, invece, sen-
continuamente dei ragazzotti (di en-
taglio del numero di deputati e sena- za alcun dubbio, suggeriamo di votare
trambi i sessi) dei 5Stelle relativo al
tori. Ma è storia recente, quella pro- per il PD facendo confluire la prefe-
risparmio di alcuni milioni di euro, è
posta “andò come andò”. Le vecchie renze sui consiglieri uscenti Anselmi e
stata smentita da approfonditi studi di
consorterie, le cariatidi di un tempo Gazzetti: hanno svolto, entrambi un
esperti e costituzionalisti. D'altro can-
ormai passato, l'assurda avversione di buon lavoro e meritano di essere ricon-
to, se gli elettori nell'ormai lontano di-
tutta la destra sovranista, determina- fermati
cembre 2016 avessero votato “si” al
rono la maggioranza dei “no”: chissà Ed allora buon voto anche per evitare
referendum proposto dall'allora gover-
per quanto tempo rimpiangeremo quel alla nostra amata Regione, un perico-
no Renzi, avremmo avuto la cancella-
risultato “di mera conservazione”. loso salto nel buio!
Purtroppo, il proponitore di questa ri-
forma, Matteo Renzi, attraverso una
insistente, stanchevole, noiosa presen-
za nel corso della campagna elettora- Oltre il referendum
le, finì con il giocarsi le simpatie di molti
Mensile del Circolo Culturale “Il Centro”
centrale. Altrimenti qualcuno chiederà
italiani che, in gran parte, disertarono
loro conto, perché la politica è carità e
Aut.ne Tribunale Livorno n° 683 del 2/3/2005 il voto, e la maggioranza si espresse
chi la evita fa un torto alla comunità riem-
Redazione ed Amministrazione: contro.
pito di slogan. I cattolici, poi, da questo
Via Trieste 7 - 57124 Livorno Ci siamo dilungati, oltre misura, sul
e.mail: ilcentro.livorno@gmail.com punto di vista sono doppiamente respon-
tema del referendum lasciando poco sabili: avrebbero potuto riempire di va-
www.circoloilcentro-livorno.it
spazio alle importanti elezioni regionali lori il vuoto altrui, invece si sono accon-
DIRETTORE RESPONSABILE: a cui è chiamato anche il popolo to-
Enrico Dello Sbarba tentati di cosa? Di seggi parlamentari ge-
scano. Una regione ben guidata dal nerosamente concessi da chi raccoglie
COMITATO DI REDAZIONE: presidente uscente Enrico Rossi e dalla pezzi della società per farli propri ridu-
Massimo Cappelli, sua squadra nella quale ha particolar-
Sergio Cini, cendoli a figurine Panini incollate per
Valeria Grillo, mente brillato la livornese prof.ssa sempre nel loro album.
Luca Lischi, Cristina Grieco, un'autentica protago-
Mario Lorenzini, E allora andiamo pure a votare, e toglia-
Mauro Paoletti, nista non solo all'interno della nostra moci la soddisfazione di dare un calcio
Giovanni Schiano, regione.
Angela Simini, negli stinchi a quei nullafacenti privile-
Franco Spugnesi. Vogliamo augurarci che, malgrado la giati dei parlamentari. E poi mettiamoci
Hanno collaborato a questo numero:
scelta dei 5stelle di correre "soli ed sui nostri blog e sulle nostre chat a dif-
Cristina Battaglini, Franco Biancani,
isolati"(ma forse è meglio così), il po- fondere insofferenza, insoddisfazione e
Enrico Bianchi, Massimo Cappelli, Fa- polo toscano, nella sua grande mag- risentimento.
bio Del Nista, Fabio Figara, Giuseppe
Franceschi, Nicola Graziani, Livio Laz-
gioranza, sostenga convintamente la Ma non lamentiamoci, un giorno, del
zeri, Luca Lischi, Mario Lorenzini, Gian- candidatura alla Presidenza di Euge- declino che si va facendo sempre più mar-
giacomo Panessa, Agnese Rapicetta, nio Giani sostenuta anche da Italia Viva
Angela Simini, Franco Spugnesi, Lo- cato, sempre più irreversibile. E quando ci
renzo Taccini, Marco Taradash. il partito di Matteo Renzi che, anzichè renderemo conto di aver contribuito alla
Grafica e impaginazione: Editrice “Il Quadrifoglio” svolgere un ruolo importante e signifi- decadenza ci si guardi allo specchio, e si
sas di Palandri Giulia & c., Livorno - Tel. 05861732178. cativa all'interno del PD ha voluto fon- sappia che la colpa di quanto avvenuto è
Stampa: Tipografia Sagittario - Bibione (Venezia). dare un proprio partito con una rischio- nostra, solo nostra. In una democrazia il
Giornale chiuso: 28/8/2020 sa prospettiva. Renzi, forse allora trop- popolo è sovrano. Se corre dietro alle ub-
po giovane, avrebbe dovuto seguire bie dei populisti, poi la colpa è sua.
Politica 3

Una linea politica senza bussola


di Fabio Del Nista

Tutti si attendono importanti no- le le alternanze di governo fos- pubblica funzionale alle esigen-
vità a seguito di questa terrifican- sero foriere di novità importanti ze di oggi, venissero, senza ul-
te esperienza che stiamo tuttora anche attraverso veri elementi di teriori dubbi, utilizzati i 37 miliar-
vivendo e proprio in virtù di que- discontinuità: ma reddito di citta- di euro del MES concessi ad un
sta "attesa spasmodica", mi per- dinanza, quota 100, modifica dei tasso di interesse quasi eguale a
metto di elencare alcune mode- decreti sicurezza (questi sugge- zero e restituibile in trenta anni.
ste considerazioni. riti anche dal Presidente della Non è stato ancora richiesto per
Tra le prime mi sembra superfi- Repubblica) assunti dal governo lo sciocco idealogismo dei 5 stel-
ciale l'affermazione in forza della gialloverde sono rimasti "tranquil- le, insieme al parossismo antieu-
quale, a seguito della "pande- lamente intonsi". ropeo dei due partiti sovranisti.
mia", non siano più rinviabili alcu- Vorrei vivere in un paese dove Vorrei un paese dove la centrali-
ne riforme strutturali ed invece, dopo il disastro del ponte Moran- tà della Comunità Europea aves-
fino ad oggi, attraverso lo stru- di, ricostruito a tempi di record, ve- se un ruolo adeguato alla com-
mento del DPCM (decretazione nissero eliminate le persistenti plessità ed alla serietà delle pro-
del Presidente del Consiglio dei storture che impediscono che al- blematiche del bacino mediterra-
Ministri) sul quale insistono pe- tre opere pubbliche di primaria neo: purtroppo, dopo la scompar-
santi dubbi di correttezza costi- importanza, ferme o annunciate sa degli Stati Uniti nell'era trum-
tuzionale, sono stati effettuati nu- da decine di anni, seguissero quei piana, l'influenza sempre più cre-
merosi interventi. criteri innovativi che hanno per- scente resta quella della Turchia
Ci riferiamo, per esempio, alla messo a quel ponte di essere ri- di Erdogan, della Russia di Putin
modifica (riforma?) dei servizi se- costruito in poco più di un anno. e della Cina nell'Africa centrale.
greti o, ancora peggio, grazie alla Vorrei un paese dove, mentre, a Vorrei un paese che avesse il co-
competenza (?) del ministro Bo- gran voce, si richiede una sanità raggio civile di affrontare una se-
nafede, alla riforma del Consiglio ria riforma di alcune voci della
Superiore della Magistratura o al Costituzione ormai, chiaramen-
discutibile comportamento sulla te inadeguate alle esigenze di
ancora misteriosa evasione dal- questa nuova, seppure discutibi-
le carceri o la liberazione di nu- le, realtà.
merosi criminali a seguito della Vorrei infine continuare a vivere
pandemia. Tutti questi accadi- in un paese dove i rappresentati
menti si sono svolti senza che il del popolo, fatte le necessarie e
Ministro della Giustizia avesse dovute eccezioni, non arrivasse-
avuto il buon senso di dimettersi. ro al punto di richiedere "il bonus
Gli esempi, in proposito, sono di- pandemico" di euro 600.
versi che, per brevità, non elen- Ho forse esagerato nelle mie ri-
chiamo. chieste, meglio nelle mie speran-
Vorrei vivere in un paese nel qua- ze? Non lo credo proprio.
4 Politica

Speriamo prevalga il buon senso e che la maggioranza non si faccia influenzare


dalla demagogia degli estremismi sia di destra che di sinistra

Considerazioni politiche
in vista delle prossime scadenze elettorali
di Massimo Cappelli facente al mio pensiero ed ancora
di più lo sarebbe se in questo rag-
gruppamento confluisse anche il
Ormai la mutazione dei Cinque Stel- movimento Azione di Calenda e poi
le sembra procedere, con passo il PSI. Un raggruppamento politico
spedito, verso l’area del centrosi- capace di raccogliere inizialmente
nistra. Al recente sondaggio sulla un elettorato intorno all’8/10%, con
piattaforma Rousseau, a livello na- un potenziale nettamente superio-
zionale, hanno risposto ben cin- re. Diverrebbe punto di riferimento
quantamila circa iscritti al movimen- di una vasta area di elettori liberal-
to e la maggioranza, circa il 60% democratici, cattolici, socialdemo-
(oltre trentamila), si è pronunciata cratici che oggi in parte votano di-
a favore di alleanze organiche con videndosi tra centrosinistra e cen-
il PD. trodestra o addirittura si astengo-
Taccio sull’esempio di democrazia no dal voto e sarebbe un bene per
informatica espressa. Questo è il il Paese. Anche qui vedremo come
loro modo, tanto decantato, di ri- non intrisa di elementi che ricorda- andrà.
correre al giudizio diretto del popo- no e rimpiangono l’era fascista, Un appuntamento significativo lo
lo, beninteso se iscritto alla piatta- potrebbe anche andare bene. As- avremo a breve, con le prossime
forma Rousseau. Cinquantamila è sisteremmo ad un ciclo virtuoso di elezioni regionali che si terranno a
un buon numero se paragonato ad possibili, credibili, alternanze nel fine Settembre. Ben sei Regioni
altre loro decisioni prese a livello governo del Paese. andranno al voto: Veneto, Liguria,
nazionale e regionale, avvenute Come avviene in altri Paesi Euro- Campania, Toscana, Marche, Pu-
con poche migliaia e a volte centi- pei. Così oggi non è, quindi è op- glia per il rinnovo dei Consigli, ov-
naia di voti. Un “assaggio” di de- portuno che lo stesso, se possibi- viamente Covid permettendo, e
mocrazia diretta. Questo mentre le le, democraticamente, rimanga in sarà un buon test anche a livello
primarie del Partito Democratico, mani diverse. nazionale.
con milioni di votanti ai gazebo, ve- L’altra considerazione è che il rag- Speriamo prevalga il buon senso e
nivano dagli stessi criticate, e poi gruppamento di centrosinistra com- che la maggioranza non si faccia in-
bisognava pagare anche due euro prende anche forze attualmente di fluenzare dalla demagogia degli
per sostenere il partito. Che scan- minore entità ma fortemente propo- estremismi sia di destra che di sini-
dalo! Ma tanto è. sitive e pertanto con un loro peso stra che storicamente non hanno
Ora invece si profila un accordo or- politico. Mi riferisco ad Italia Viva e mai portato niente di buono, se non
ganico. Vedremo a cosa porterà. + Europa. Una scelta ormai più con- cocenti delusioni.
Due considerazioni politiche perso-
nali. La prima è che, tutto somma-
to, se può servire a tenere lontana è CAF, via Cecconi 40 - Tel. 0586/811809 - Livorno
la prospettiva di un governo di de- è Patronato, via degli Apostoli 5 - Tel. 800740044 - Livorno
stra, ben venga anche un accordo e
di questo tipo.
Si badi bene, non perché non ac- sport, tempo libero, volontariato
cetti un governo di destra. Se que-
sta fosse una destra diversa da
assistenza, consulenza, sostegno
quella che abbiamo, più moderata,
Acli Service Srl
Via Cecconi 40
ai lavoratori, ai giovani,
conservatrice ma non razzista, co- Livorno ai migranti, alle famigliesegue a pag. 19
struttiva e non becera, in definitiva
Economia 5

Queste benedette tasse


di Livio Lazzeri

Le tasse sono il tema di econo- agan negli anni ’80 ridusse le da e Olanda che, per attrarre sui
mia che più di tutti interessa i par- tasse ai ricchi), i ricchi che si ri- loro territori le grandi imprese
titi politici nostrani. Altri temi eco- trovano più soldi in tasca non multinazionali, applicano loro
nomici quali la crescita inclusiva aumentano i loro consumi (che una tassazione bassissima, cre-
e sostenibile, la lotta alle disgua- già sono alti), ma aumentano i ando così dei veri e propri para-
glianze, l’occupazione, etc. non loro risparmi e quindi il loro pa- disi fiscali in Europa, a danno
appassionano tanto quanto le trimonio. La conclusione è che degli altri paesi membri.
tasse. E tutti i partiti, da destra a non solo non si rilanciano i con- Un altro aspetto da tener in con-
sinistra, sono ovviamente per sumi, ma si aggrava la disugua- to è il nostro enorme debito (il
una loro riduzione. Ormai è di- glianza, che in Italia è già a livel- più grande fra i paesi europei),
ventato un mantra. In realtà, la li altissimi. con interessi mostruosi (più di 60
riduzione delle tasse non risolve Altro luogo comune da smentire mld l’anno). Per poterlo sostene-
i problemi principali della nostra è che l’Italia sia il paese euro- re sono necessarie entrate di bi-
economia, ma ha un effetto ben peo dove la pressione fiscale è lancio consistenti e questo spie-
più importante per i partiti politi- più alta. ga la elevata pressione fiscale
ci: aumenta il consenso. E’ la mi- Se però guardiamo i dati (fonte attuale.
sura populista per eccellenza, Eurostat), si vede che tra i 28 Una riduzione delle tasse provo-
essendo il populismo tutto ciò paesi UE l’Italia, in quanto a pres- cherebbe un calo delle entrate
che è volto ad assecondare le sione fiscale, è al settimo posto che non sarebbe senza conse-
aspettative del popolo, indipen- con il 41,8%; è invece molto alta guenze. Una potrebbe essere la
dentemente da ogni valutazione. la tassazione sulle imprese riduzione delle spese per un pari
Il motivo principale addotto da chi (59,1%), dove siamo secondi importo e cioè operare tagli a
vuole una riduzione delle tasse dietro alla Francia. sanità, scuola, previdenza, etc.
è che così facendo i cittadini si Sarebbe quindi più opportuno Dell’utilità di questi servizi ce ne
ritrovano più soldi in tasca e quin- pensare ad una riduzione delle siamo resi conto purtroppo con
di si rilanciano i consumi. Affin- tasse alle imprese, ma su que- la tragica esperienza del Coro-
ché ciò accada è però necessa- sto argomento c’è scarso inte- navirus, che ha fatto apprezza-
rio che lo sgravio fiscale sia a resse perché non porta voti. Tra re a tutti il valore di una sanità
favore di coloro che più sono l’altro qui è ormai diventato ne- pubblica, gratuita e universale. In
costretti a fare rinunce, ovvero cessario un intervento della UE alternativa si può far crescere il
dei ceti medio-bassi. per uniformare le aliquote. debito, che però è già al limite
Si propongono invece riduzioni fi- Ci sono infatti paesi come Irlan- segue a pag. 6
scali generalizzate, che finisco-
no per andare soprattutto a van-
taggio dei ricchi e non produco-
no alcun aumento dei consumi.
La più sciagurata di queste pro-
poste è la flat tax, che propone
addirittura una aliquota unica per
tutti, a tutto vantaggio dei ricchi
che vedrebbero così cancellate
le aliquote più alte, quelle cioè
che riguardano loro.
Altre proposte sono meno drasti-
che, ma quasi tutte tendono a ri-
durre la progressività delle ali-
quote, cosa che va comunque a
vantaggio dei ricchi.
Ma come è stato dimostrato (Re-
6 Economia

da pag. 5 digitalizzazione, scuole, etc. quali risalgono agli anni 60 del


della sostenibilità. Così facendo i finanziamenti ven- boom economico (autostrade,
Non dimentichiamo che la cre- gono ugualmente distribuiti, ma etc.). La carenza e l’inadeguatez-
scita del debito va a gravare sul- non a pioggia, bensì alle azien- za delle infrastrutture fa sì che
le generazioni future, già mas- de e quindi ai lavoratori impe- l’Italia sia agli ultimi posti in UE
sacrate dalla generazione attua- gnati nella realizzazione di tali in- per la produttività del lavoro. In
le con lasciti terribili: debito enor- frastrutture. Tra l’altro, parte dei particolare, la digitalizzazione
me, inquinamento, variazioni cli- soldi spesi si recuperano trami- della PA è diventata ormai indif-
matiche, scarsità di lavoro, etc. te il pagamento delle tasse di tali feribile. Per aprire una pratica
Il mio augurio è che i giovani si aziende e lavoratori. presso un ufficio pubblico spes-
sveglino al più presto e prenda- La differenza è enorme: con la so bisogna presentare una mole
no in mano le redini della situa- riduzione delle tasse si distribu- di documenti forniti da altri uffici
zione. Ne hanno tutti i diritti. iscono soldi senza avere niente pubblici. Bisogna assolutamen-
Ma la considerazione più impor- in cambio; con gli investimenti te mettere tutte le banche dati
tante da fare è che, se mai avre- invece si distribuiscono soldi, della PA in comunicazione tra loro
mo a disposizione dei fondi da che in parte si recuperano con per accelerare e sburocratizza-
spendere, come quelli ad esem- le tasse, e che in cambio danno re la PA stessa.
pio del Recovery Fund, la manie- infrastrutture che favoriscono ul- Per concludere, un esempio (o
ra più produttiva di spenderli non teriore sviluppo. Inoltre le spese un suggerimento) calato sulla
è certo quella di distribuirli a per infrastrutture sono una tan- nostra realtà livornese.
pioggia tramite una riduzione tum, mentre le riduzioni fiscali Se dovessero arrivare dei soldi,
delle tasse. durano negli anni. molto meglio spenderli per il por-
La maniera più produttiva è L’Italia ha un drammatico biso- to o per il corridoio tirrenico, piut-
senz’altro quella di investirli in in- gno di accrescere e di rinnovare tosto che in una riduzione delle
frastrutture quali strade, ferrovie, le sue infrastrutture, molte delle tasse.
Attualità 7

Oltre al discorso dell’ex presidente della Bce apprezzato anche quello di Michelle Obama

Draghi ispira l’Europa:


“Il futuro è dei giovani”
di Agnese Rapicetta

Nel giro di 24 ore, due discorsi han-


no illuminato (e il termine non viene
usato a sproposito) la discussione
politica sul futuro. Uno è quello di
Michelle Obama, intervenuta alla
Conferenza democratica per spro-
nare a sostenere Joe Biden e Ka-
mala Harris nelle presidenziali ame-
ricane del novembre prossimo, l’al-
tro è quello di Mario Draghi. L’ex
presidente della Bce, inaugurando
il Meeting per l’amicizia fra i popoli
a Rimini, ha parlato chiaro, non ri- Mario Draghi Michelle Obama
sparmiando critiche ma invitando ad
usare pragmatismo per uscire dalla superare quelle storture che han- nella scelta del futuro che vogliamo
crisi. Nel discorso di Draghi c’è tutta no alimentato la propaganda po- costruire. Dobbiamo accettare l’ine-
la consapevolezza del momento sto- pulista in tutta Europa negli ultimi vitabilità del cambiamento con rea-
rico che stiamo vivendo e anche una anni: “Dodici anni fa la crisi finan- lismo e, almeno finché non sarà tro-
certezza: “ Il debito creato con la ziaria provocò la più grande distru- vato un rimedio, dobbiamo adatta-
pandemia è senza precedenti e do- zione economica mai vista in peri- re i nostri comportamenti e le no-
vrà essere ripagato principalmente odo di pace. Abbiamo poi avuto in stre politiche”. Ma, ha avvertito Dra-
da coloro che sono oggi i giovani”. Europa una seconda recessione e ghi, “non dobbiamo rinnegare i no-
“E’ nostro dovere – ha aggiunto – un’ulteriore perdita di posti di lavo- stri principii. Dalla politica economi-
far sì che abbiano tutti gli strumenti ro. Si sono succedute la crisi del- ca ci si aspetta che non aggiunga
per farlo pur vivendo in società mi- l’euro e la pesante minaccia della incertezza a quella provocata dalla
gliori delle nostre. Per anni una for- depressione e della deflazione. Su- pandemia e dal cambiamento. Altri-
ma di egoismo collettivo ha indotto i perammo tutto ciò. Quando la fidu- menti finiremo per essere control-
governi a distrarre capacità umane cia tornava a consolidarsi e con lati dall’incertezza invece di esser
e altre risorse in favore di obiettivi essa la ripresa economica, siamo noi a controllarla. Perderemmo la
con più certo e immediato ritorno stati colpiti ancor più duramente dal- strada”, ha aggiunto.
politico: ciò non è più accettabile l’esplosione della pandemia: essa Per questo l’ex presidente della Bce
oggi. Privare un giovane del futuro minaccia non solo l’economia, ma ha ricordato che “nelle attuali cir-
è una delle forme più gravi di dise- anche il tessuto della nostra socie- costanze il pragmatismo è neces-
guaglianza”. tà, così come l’abbiamo finora co- sario. Non sappiamo quando sarà
Da questa premessa bisogna ripar- nosciuta; diffonde incertezza, pe- scoperto un vaccino, né tantome-
tire perché la crisi non può essere nalizza l’occupazione, paralizza i no come sarà la realtà allora. Le
un alibi e la paura non può bloccar- consumi e gli investimenti”, ha ag- opinioni sono divise: alcuni ritengo-
ci. La pandemia, infatti, può essere giunto Draghi. no che tutto tornerà come prima,
anche una straordinaria occasione “L’emergenza e i provvedimenti da altri vedono l’inizio di un profondo
per ridisegnare delle società più giu- essa giustificati non dureranno per cambiamento. Probabilmente – ha
ste ed eque. Secondo Mario Dra- sempre – ha detto ancora Draghi - proseguito – la realtà starà nel mez-
ghi, l’occasione è giusta anche per . Ora è il momento della saggezza segue a pag. 8
8 Attualità

da pag. 7

zo: in alcuni settori i cambiamenti


non saranno sostanziali; in altri le
tecnologie esistenti potranno esse-
re rapidamente adattate. Altri an-
cora si espanderanno e cresceran-
no adattandosi alla nuova doman-
da e ai nuovi comportamenti impo-
sti dalla pandemia. Ma per altri, un
ritorno agli stessi livelli operativi
che avevano nel periodo prima
della pandemia, è improbabile”, ha
detto ancora Draghi.
Gli obiettivi che ci siamo prefissati
sono “impegnativi ma non irrag-
giungibili se riusciremo a disperde-
re l’incertezza che oggi aleggia sui
nostri Paesi”, ha sottolineato Dra-
ghi, aggiungendo: “Il ritorno alla
crescita e la sostenibilità delle poli-
tiche economiche sono essenziali
per rispondere al cambiamento nei
desideri delle nostre società; a co-
minciare da un sistema sanitario
dove l’efficienza si misuri anche
nella preparazione alle catastrofi di
massa”.
E poi la protezione dell’ambiente in
cui viviamo, “con la riconversione
delle nostre industrie e dei nostri
stili di vita”. Secondo i sondaggi in-
fatti il 75% delle persone che vivo-
no nei 16 maggiori Paesi euorpei
mettono al primo posto la salva-
guardia del nostro Pianeta.
Per portare avanti questo progetto
serve, oggi più che mai, l’educazio-
ne di giovani: “Se guardiamo alle
culture e alle nazioni che meglio
hanno gestito l’incertezza e la ne-
cessità del cambiamento, hanno
tutte assegnato all’educazione il
ruolo fondamentale nel preparare
i giovani a gestire il cambiamento
e l’incertezza nei loro percorsi di
vita, con saggezza e indipendenza
di giudizio”, ha aggiunto l’ex nume-
ro uno Bce.
La filosofia dei prossimi mesi e
anni, dovrà essere improntata alla
famosa preghiera di Reinhold Nie-
buhr a Dio, perché gli desse “la
serenità per accettare le cose non
può cambiare, il coraggio di cam-
biare quelle che può cambiare e la
saggezza di capire la differenza”.
Attualità 9

LA DIFFUSIONE DEI MODERNI MARCHINGEGNI DI MICROMOBILITÀ ELETTRICA

Monopattini e dintorni su due ipotesi: l’inosservanza dei sin-


di Saul Conforti goli comportamenti che possano costi-
tuire pericolo o intralcio per la circola-
Stante la rigogliosa flora legislativa vi- zione sarà punita con la sanzione am-
gente, avere la pretesa che l’uomo co- ministrativa di E 50,00. Per le trasgres-
mune possa essere a conoscenza dei sioni alle norme costruttive e caratteri-
testi giuridici che più gli sono di inte- stiche tecniche dei veicoli sarà commi-
resse, è una pura e semplice utopia. nata una sanzione di E 100,00 con pro-
Da un po’ di tempo siamo meravigliati babile confisca del veicolo.
nel vederci sfiorare in pubblico da certi Il novello legislatore ha legittimato l’uti-
veicoli che non rientrano nella vasta lizzo di detti veicoli posti in circolazio-
definizione data a suo tempo dal legisla- ne senza copertura assicurativa obbli-
tore dell’attuale Codice della Strada: gatoria, pur avendo cognizione di quanto
macchine guidate dall’uomo. Tra que- siano produttivi di responsabilità in caso
ste il velocipede a propulsione musco- di infortunio stradale.
lare e la bicicletta a pedalata assistita Siamo ben consapevoli di quanto sia
(attualmente detta electric scooter) non- difficoltoso mettere in atto uno stato
ché tavole, pattini ed altri acceleratori sua velocità entro i 201 km/h. repressivo contro le probabili intempe-
di andatura. In applicazione al loro uso, I monopattini dovranno avere le carat- ranze dei giovano utenti. Ma la tolle-
con provvedimenti ispirati al principio teristiche costruttive e le condizioni tec- ranza o l’inerzia di oggi da parte del-
della sicurezza della circolazione e per niche prescritte, ossia i regolatori di l’autorità tutoria non dovrà produrre il
migliorarne la fluidità, furono enunciate velocità, il segnalatore acustico ed i di- convincimento di una legittima condotta
prescrizioni comportamentali con ipo- spositivi luminosi se in circolazione degli utenti stessi.
tesi sanzionatorie, per non creare situa- dopo il tramonto. (Footnotes) 1) nota dell’autore: risulta che ab-
zioni di pericolo per gli altri utenti. Le misure legislative sanzionatorie sul- biano una capacità di sviluppare una velocità
Dall’inizio di quest’anno, causa la dif- la micromobilità elettrica si articolano fino a 25 km/h.
fusione dei moderni marchingegni di
micromobilità elettrica, il quadro nor-
La Toscana è la prima regione scelta dal vettore per la ripresa della propria operatività in Italia
mativo si è aggiornato designandoli, per
lo più, con il tramite della lingua ingle-
se. Segway, hoverboard e monoweeler
dovranno essere dotati di segnalatore
Jet2.com torna a decollare da Pisa
acustico e rientrare nei limiti di potenza Jet2.com torna a decollare dall’aero-
e velocità con dispositivi di equipaggia- porto di Pisa. E’ atterrato infatti alle
mento omologati. Quid iuris ? 12:15 all’aeroporto Galileo Galilei il
volo proveniente da Manchester.
Il monopattino elettrico dovrà essere Ogni sabato, dall’aeroporto Galileo
condotto, con postura in piedi, da chi Galilei saranno operative le rotte da/
abbia compiuto il quattordicesimo anno per Manchester, Newcastle e East
di età, solo a bordo, senza alcun ogget- Midlands.
to ingombrante né animali e con il ca- A testimonianza dello stretto lega-
sco protettivo non più obbligatorio al me tra Pisa e Jet2.com, La Toscana è
la prima regione scelta dal vettore
raggiungimento della maggiore età. In per la ripresa dei voli in Italia dopo l’emergenza Coronavirus.
caso di oscurità dovrà essere indossato “E' da tempo che diciamo che il sole tornerà a splendere e che quando tornerà, saremo
il giubbotto o bretelle retroriflettenti. Al pronti a portare i clienti per le loro meritate vacanze a Pisa e nella regione. Quel giorno
conducente sarà vietato l’affiancamen- è finalmente arrivato e siamo stati felici di vedere il nostro primo dei voli decollare. È
to ad altri veicoli (ad esclusione di altro fantastico essere di nuovo in volo e riprendere i nostri pluripremiati voli e le vacanze in
monopattino) e la manovra di cambia- questa meravigliosa regione”, ha affermato Steve Heapy, CEO di Jet2.com e
Jet2holidays.
mento di direzione o corsia dovrà farsi “Siamo particolarmente entusiasti di annunciare il ritorno di Jet2.com ed è per noi
con segnalazione a mano e non sarà motivo di grande orgoglio sapere che la Toscana è la prima regione in Italia scelta dalla
ammessa la conduzione di animali. Po- compagnia aerea per la ripresa delle attività dopo l’emergenza Coronavirus a testimo-
trà circolare sulle aree pedonali limitan- nianza dell’appeal internazionale della nostra regione”, ha concluso il Presidente di
do la velocità a 6 km/h, mentre sarà am- Toscana Aeroporti Marco Carrai-
messo su piste ciclabili se conterrà la
10 Cinguettare

Questo tempo straordinario e comples- per chi hanno vicino!


so non necessita di azioni ordinarie e ****
abitudinarie. Lo straordinario richiede Che ognuno si impegni al massimo delle
impegni straordinari. Non possiamo proprie possibilità per auspicare la ripar-
pensare che tutto torni ad essere come tenza della Scuola in modo serio e co-
prima senza repentini cambiamenti, an- struttivo. Anche per la Scuola occorre
che di stili di vita. Di fronte alla esigen- che di fronte allo straordinario si operi
za categorica di rispetto delle distanze, in modo straordinario. Adesso non è più
igiene personale e di indossare la ma- possibile operare come prima. Il Coro-
scherina, molte azioni che facevamo navirus ha imposto cambiamenti nei con-
prima non sono più consentite se non fronti dei quali bisogna "modellarsi" e
con modalità completamente diverse!
Prendiamo esempio dal mondo del la- Cinguettare di Luca Lischi
saper accettare.
****
voro, dalle fabbriche, dalle aziende, che Le imminenti elezioni regionali richiami-
con caparbietà si sono rimodellate a sti- no l'attenzione di ogni elettore ad un voto
li di lavoro diversi, più impegnativi, ma consapevole e responsabile. Ognuno si
nel rispetto delle regole, offrendo esempi senta in dovere di esprimere liberamen-
virtuosi di azioni possibili e concrete. I giovani, in particolare, non si faccia- te il proprio voto per il bene della demo-
Bisogna prendere e atto e rispettare (tut- no abbindolare da chi affronta le que- crazia informandosi con oculatezza e va-
ti) le regole. Purtroppo ci sono "facilo- stioni serie con improvvisazione e irre- lutando con alto senso di discernimento
ni" e "soloni avventurieri", che con su- sponsabilità. Si guardino attorno, si in- la scelta del proprio voto. Non rinunci
perficialità e spregiudicatezza stanno va- formino con i molteplici strumenti di ad un proprio diritto, conquista lunga e
nificando un lavoro severo di impegno comunicazione e diano esempio di ma- faticosa dei nostri antenati. Votare è un
che è costato e ancora costa sacrifici turità con comportamenti virtuosi e con diritto ma ancora di più un dovere! An-
immani, per arginare il Covid-19! alto senso del dovere, per loro stessi e diamo a votare il 20 e il 21 settembre!

A 10 ANNI DALLA SUA SCOMPARSA lontani. Apprezzato e amato per questo suo modo di stare
tra le persone e di spendersi per loro in un ascolto pro-

Ricordiamo fondo. Da chiunque sempre accolto e rispettato per il


suo alto profilo di uomo di dialogo, di relazione, di amici-
zia e di pace.
Mons Ablondi Che cosa avrebbe detto di questi tempi complessi e di
profonda incertezza pervasi da una pandemia che ha
ammutolito perfino la Chiesa e messo in quarantena per-
Fa bene all'anima e alla mente ri- fino Dio? Sicuramente li avrebbe vissuti con quella sa-
cordare persone sagge che han- pienza cristiana del saper "sostare" ma anche del saper
no segnato la nostra vita e che guardare "oltre", anche "l'oltre faticoso"! Avrebbe giro-
hanno vissuto intensamente la loro vagato tra la gente portando speranza che ancora "nuovi
vocazione sacerdotale spenden- mattini" nasceranno.
dosi per la edificazione della città Avrebbe detto che questo è un tempo di "sosta", ma non
terrena, avendo come baluardo i una sosta vuota! Una sosta lenta e imprevedibile, incer-
fondamenti del cristianesimo. Il ta. "Per le soste è necessario avere la pazienza di ri-
21 agosto, ricordiamo il Vescovo prendere e ricominciare".
Alberto Ablondi che nel 2010, ha Avrebbe invitato ad essere vigili e prudenti ma anche a
lasciato questa vita terrena, e non saper osare, a non rannicchiarsi nel proprio io ma ad
possiamo che essere grati e commossi di fronte ad un essere un io che si fa noi!
pastore che ha rappresentato l'uomo del dialogo, della Ecco noi riceviamo da lui ancora un grande insegna-
costruzione dell'amicizia civica, della disponibilità a fare mento. Vivere intensamente per gli altri, condividere il
sempre "due passi Insieme" con chiunque e dovunque. bene e moltiplicarlo. Le preposizioni "con e per" siano le
Senza mai rinunciare a presentarsi come uomo di Chie- pietre d'angolo nel nostro cammino di uomini cristiani!
sa e di Dio, anche a chi indifferente alla Chiesa e a Dio. Ricordandolo riviviamo quanto ci ha donato e il nostro
Ma trovando, con alte capacità comunicative, sempre grazie e la nostra preghiera lo raggiungano con un forte
mezzi e modi innovativi per raggiungere tutti, vicini e abbraccio, ora come allora! (l.l.)
Spigolature 11

ure
Bannon è innocente
at
vornesi, però raccomandiamo "a que-

ol
sti ormai consunti grillini, un po' di de-
fino a prova contraria
ig
cenza culturale.

p
Chi li ha detto Salvini o Meloni?

da: Jena - La Stampa -


S Speriamo bene!
Si chiama Sergio Battelli, genovese, 38
anni ed è un esponente di 5 Stelle. Il
Ndr: Bannon era uno dei più impor-
tanti collaboratori di Trump ed è stato suo titolo di studio è la terza media e,
recentemente incriminato ed arrestato fino a poco tempo fa, di professione
per dire, gestito il Comune di Livorno faceva il commesso in un negozio di
a New York per frode sui fondi rac- nel quinquennio 2014-2019 con i noti
colti per la costruzione del muro al con- animali nella vicina Varazze. Ora è il
"eccellenti risultati" si massacrano a nuovo presidente della commissione
fine tra gli USA ed il Messico. scrivere sul quotidiano locale un ingen-
Un paio di anni fa ha avuto contatti in Affari Europei della Camera, che nei
te numero di interventi criticando, a prossimi mesi gestirà partite di enor-
Italia con i leader sovranisti. distanza solo di un anno, l'attuale am- me complessità e dovrà misurarsi con
ministrazione comunale (quella della una economia per il futuro di milioni di
Che coraggio liberazione dalla loro "splendida esi- italiani.
bizione".
questi cinquestellini! Ora non vogliamo entrare nel merito
Gli auguri sono d’obbligo, anche se ci
sorge qualche dubbio. Comunque, spe-
Gli ex assessori 5Stelle che hanno, tanto anche per rispetto nei confronti dei li- riamo bene!

“Fa abbassare il contatore!” La riporta in officina,

Le rime lo convince allor Giancarlo.


“Se la porti in officina
un meccanico può farlo!”
cala ancora il contatore,
torna dal fido Giancarlo,
grande suo suggeritore.
di Franco Biancani
Torna con il contatore “Quanto ha fatto?” “Ventimila!
sceso sino a centomila Per seimila ora la vendo.”
e Giancarlo: “Già che c’eri “Se mi scendi a cinquemila,
Usato sicuro potei fare ventimila! quasi quasi te la prendo.

Gino vuol vender la Panda La carrozzeria è perfetta, Gino scruta sospettoso:


che ha già fatto tanta strada, manco c’è un’ammaccatura, “Fermo là, gatta ci cova!
quasi son duecentomila, non un rigo, non un graffio No mio caro, me la tengo,
la domanda è molto rada. e la vendita è sicura”. non lo vedi è quasi nuova!”

Scavi - Demolizioni
Movimento Terra
Edilizia Industriale
Lavori Stradali
Sede legale e amm.va: Via dello Struggino, 5/7/9 - Tel. 0586/429636 - 429331 - Livorno
Sede operativa: Zona Industriale Vallin del Buio - Livorno ◆ e-mail: info@abatesrl.it - www.abatesrl.it
12 Livorno

PORTO DI LIVORNO

1° semestre: statistiche negative


di Cristina Battaglini HapagLloyd. Dati negativi anche per
il traffico rotabile del porto che, dopo
Come già avevamo accennato in un le buone performance e i continui re-
precedente articolo, il consuntivo dei cord degli ultimi anni ha fatto registra-
dati del primo semestre 2020 presen- re un calo del 16, 8% in termini di mezzi
ta per il porto di Livorno, e così pure commerciali movimentati. La flessio-
per gli altri porti del Sistema dell’Alto ne ha interessato sia lo sbarco che
Tirreno, un bilancio negativo che è da l’imbarco. Rispetto ai primi sei mesi
inquadrarsi nella situazione generale dello scorso anno il calo è stato del 16,
di emergenza che, in termini di con- 3% in sbarco e del 17, 3% in imbarco.
trazione dei volumi movimentati, non La movimentazione complessiva dei
ha risparmiato nessun porto italiano. mezzi commerciali è stata di 217.012
Complessivamente, gli scali portuali di unità di cui 106.756 in sbarco e 110.256
Livorno, Piombino e quelli elbani di trazione complessiva dello scalo del I in imbarco.
Portoferraio, Rio Marina e Cavo han- semestre di quest’anno, pari ad oltre Il traffico delle auto nuove, che ovvia-
no movimentato nel periodo di riferi- 3 milioni di tonnellate. Alla performan- mente ha risentito del crollo delle ven-
mento 17.696.241 tonnellate di mer- ce negativa registrata in termini di ton- dite e dei conseguenti mancati ritiri da
ce, il 20, 7% in meno rispetto ai primi nellate movimentate hanno inoltre con- parte dei concessionari, ha presentato
sei mesi del 2019. Per il porto di Li- tribuito il settore delle rinfuse liquide una riduzione del 46, 1%: in questo pri-
vorno, le statistiche elaborate dall’Ad- (-23, 6%) e quello delle rinfuse soli- mo semestre sono state movimentate
SP e divise per porti parlano di un traf- de, anche se in misura più contenuta 195.564 vetture contro le 362.695 del-
fico complessivo di 15,5 milioni di ton- (-3%). lo scorso anno.
nellate di merce, con una diminuzione Per quanto riguarda i contenitori il Risultati pessimi, ovviamente, anche
del 16, 6% rispetto allo stesso periodo primo semestre 2020 si è chiuso con per i passeggeri traghetti, che hanno
del 2019. In termini di tonnellaggio, la un calo del 9,9% e 367.393 TEU mo- totalizzato nel primo semestre del 2020
flessione più importante è stata regi- vimentati. In flessione è risultato sia il 286.265 unità sbarcate/imbarcate. Il
strata per il settore delle merci varie traffico hinterland da/per il porto (-11, calo complessivo è stato del 68, 2%
che, complessivamente, si sono atte- 5%) sia il traffico di trasbordo (-6%) rispetto al 2019 pari a quasi 614 mila
state a 11, 5 milioni di tonnellate, in che tuttavia continua a costituire ol- passeggeri in meno. I prodotti foresta-
calo del 14,5% rispetto ai primi sei mesi tre il 30% dei volumi complessivi mo- li nel loro complesso (cellulosa, rotoli
del 2019, nonostante il positivo risulta- vimentati dallo scalo. Per i contenitori carta kraft e legname) sono invece ri-
to del general cargo (in particolare dei pieni, maggio è risultato il mese peg- sultati l’unico traffico commerciale in
prodotti forestali) che ha chiuso que- giore: rispetto allo scorso anno si sono positivo con 872.073 ton movimenta-
sta prima parte dell’anno in crescita registrate diminuzioni in termini di teu te. Rispetto al I semestre 2019 i volu-
dell’8, 7%. Riduzioni importanti sono movimentati del 36, 2% in import e mi movimentati hanno segnato un in-
state invece registrate per il settore del 32, 1% in export. Dal mese di cremento percentuale dell’8, 6% con
rotabile (-19, 4%) e per la merce con- maggio effettivamente anche per il un aumento allo sbarco del 5, 2% e un
tainerizzata (-10,5%). Alla riduzione a porto di Livorno sono state ridotte le forte incremento all’imbarco dove le
due cifre delle merci varie deve infatti frequenze degli scali di alcuni servizi tonnellate movimentate sono quasi tri-
essere attribuito il 63,2 % della con- di linea come per il servizio MGX di plicate (costituiscono tuttavia appena
il 5% della movimentazione comples-
siva dello scalo).
Per il settore delle crociere con l’atti-
vità crocieristica completamente ferma
dal mese di marzo le perdite sono anco-
ra più pesanti, con una contrazione del
93, 6% sia del numero dei crocieristi che
del numero di scali (n. 132 in meno ri-
spetto a quanto rilevato nel 2019).
Livorno 13

PORTO DI LIVORNO

Microtunnel, ripartono i lavori


Ripartono i lavori di realizzazione termine del porto. Grazie alle ca-
del Microtunnel. Sono infatti stati pacità dei nostri tecnici e dei periti
definiti i rapporti con l’impresa ap- siamo infatti riusciti a superare le
paltatrice e il cantiere verrà riaper- tante difficoltà tecniche e ammini-
to domani. strative siamo riusciti a superare"
L'opera è costituita da due pozzi ha dichiarato il presidente dell'Ad-
cilindrici, uno ai piedi della Torre del SP, Stefano Corsini.
Marzocco e l’altro sulla sponda del "E’ ora un progetto sicuro, volto a
Magnale, messi in comunicazione minimizzare i rischi di costruzione.
da un tunnel a sezione circolare A metà del 2022, con la rimozione
che passerà in profondità sotto il delle tubazioni dell’ENI dal fondale,
canale. il canale di accesso alla Darsena
Una volta realizzata, l'infrastruttu- Toscana sarà più ampio e profon-
ra consentirà la rimozione delle Stefano Corsini do, pronto ad accogliere naviglio di
tubazioni che dalla Darsena Petroli dimensioni sempre maggiori, in at-
corrono sino alla Raffineria ENI at- Comitato tecnico amministrativo tesa dell’entrata in esercizio della
traversando il canale di accesso del Provveditorato alle opere pub- Fase 1 della Darsena Europa".
alla Darsena Toscana, in corri- bliche della Toscana e dell’Umbria, Sulla base del Cronoprogramma, i
spondenza della Torre del Marzoc- che consente lo scavo in sicurez- lavori, che ripartiranno il 1° settem-
co. za del pozzo di recupero sulla bre, si concluderanno in 350 giorni
Spostando le tubazioni dentro il sponda del Magnale, prevede la lavorativi.
tunnel, sarà possibile risagomare realizzazione di un tappo di fondo
il canale, allargandone e approfon- con jet grouting e rinforzi metallici,
dendone la sezione navigabile, fa- al fine di scongiurare risalite d'ac- Finalmente una buona notizia che
cilitando quindi l'ingresso e l'usci- qua dal fondo. risolve un problema la cui soluzio-
ta delle grandi navi. “Si tratta di un passaggio fonda- ne era attesa da anni.
Il nuovo progetto, già approvato dal mentale per le prospettive a breve L'augurio è quello che sia questo
l'inizio di una nuova primavera per
le strutture portuali, elemento por-

D’Attilio nuovo prefetto tante dell'economia cittadina.

Il livornese Paolo D’Attilio è il nuovo pre-


fetto della città: ha preso il posto di
Gianfranco Tomao (giunto qui nel luglio
2018) che è stato destinato a Cagliari.
D’Attilio ha 63 anni ed è laureato in giuri-
sprudenza. In passato ha già avuto molti in-
carichi in città. In particolare è stato prima
capo di gabinetto del Prefetto e poi
viceprefetto vicario.
Lo stesso incarico, questo, che ha ottenuto
nel 2010 a Genova. Ha svolto il ruolo di com-
missario in alcuni comuni dove c’era il sospetto delle infiltrazioni mafiose.
Prima di tornare in Toscana, a Massa nel 2018, era diventato direttore dei
servizi demografici al dipartimento per gli affari interni e territoriali.
Al neo prefetto i più fervidi auguri di buon lavoro dalla redazione de Il
Centro.
14 Livorno

DOPO L’APPROVAZIONE DEL FINANZIAMENTO COMUNITARIO PER LA REALIZZAZIONE


DI AREE SICURE E PROTETTE PER L’AUTOTRASPORTO IN ITALIA (PASS4CORE)

L’Interporto guarda l’Europa


solo 2 aree di parcheggio certifica-
te in Italia, e l’iniziativa rappresenta
quindi uno step di completamento
essenziale e strategico a livello na-
zionale.
“Siamo particolarmente soddisfat-
ti del risultato, - ci dice il direttore
tecnico dell’Interporto Vespucci Ing.
Claudio Bertini - sia perché rappre-
senta il riconoscimento europeo di
uno dei nostri principali progetti,
che vedrà la realizzazione di una
importante area di sosta sicura lun-
go la FI-PI- LI, sia perché ciò con-
sentirà di ottenere un significativo
contributo pari al 20% dell’intera
opera. L’intervento consentirà di in-
Veduta aerea dell’Interporto Toscano Amerigo Vespucci nella piana di Guasticce. serire l’interporto Vespucci nella
rete Europea dei parcheggi sicuri
e protetti offrendo un’importante
Giovedì 16 luglio è stato formal- ramento della rete di Parcheggi si- servizio per il mondo della logisti-
mente approvato il progetto curi e protetti per mezzi pesanti ca ed in particolare per la sicurez-
“Parking Areas implementing Sa- lungo la rete stradale primaria in za dei trasportatori e delle loro
fety and Security FOR (4) CORE Italia. Al momento infatti, esistono merci”.
network corridors in ITALY
(PASS4CORE)”, presentato da un
consorzio di attori nazionali di pri-
mo livello, con capofila A4 Trading,
Concessioni Autostradali Venete,
Interporti (Consorzio ZAI Interpor-
to Quadrante Europa di Verona,
Interporto Padova, Cepim Interpor-
to di Parma, Interporto Centro Ita-
lia Orte, Interporto Toscano Ve-
spucci di Livorno), un aeroporto
(SEA Società per Azioni Esercizi
Aeroportuali), operatori privati (Co-
operativa Porta Bagagli Padova
srl, Costruzioni San Michele srl e
GRIM srl) e il Ministero delle Infra-
strutture e dei Trasporti attraver-
so il Comitato Centrale dell’Albo
Autotrasportatori che si avvarrà,
come implementing body, di RAM
Logistica Infrastrutture e Trasporti
spa.
Il contesto di riferimento è rappre-
sentato dallo sviluppo e dal miglio-
Speciale elezioni 15

Il 20 e 21 settembre 2020 si voterà per un referendum costituzionale sulla riduzione


di un terzo del numero dei parlamentari di Camera e Senato.

Un deciso ‘NO’
al taglio dei parlamentari
di Marco Taradash ciare ad aspirare. Persino l’ultras po-
pulista-sovranista Salvini ha ora chia-
ro che non potrebbe più promettere
La maggioranza fu schiacciante: 553 seggi a gogó a chi lasciasse la mag-
sì, 14 no, 2 astenuti. 5stelle, Pd, Iv, Leu, gioranza consentendogli di andare a
Lega, Fi, FdI per il sì, +Europa e uno elezioni prima che la Lega si sfasci
sparuto gruppetto di cani sciolti per il (come probabilmente accadrà) per la
no. Era l’8 di ottobre del 2019, e le foto rivolta della Padania tradita dalla svol-
del dopo voto ritraggono un radioso ta centrosudista del leader. E se Fi ave-
Luigi Di Maio che scende in piazza va ceduto al sì per pura idiozia del suo
Montecitorio e, circondato dai ‘porta- gruppo dirigente durante la lunga va-
voce’ grillini, fa a pezzi un lungo stri- canza politica di Berlusconi, Meloni e
scione di carta che riproduce le poltro- governo. FdI invece confermano la loro “coe-
ne di pelle bordeaux del Transatlanti- Da qui maggioranza bulgara dell’8 ot- renza” con una idea orbaniana di go-
co. Le poltrone, il culmine etico-politi- tobre 2019. Seguì la richiesta di refe- verno forte e Parlamento invisibile, ma
co del pensiero riformatore del M5S, il rendum firmata da 71 senatori e or- in fondo non ci credono neppure loro
partito del Vaffa penetrato in Parla- mai siamo alla vigilia del voto. e lo fanno capire.
mento l’anno precedente a furor di Ma il clima politico ora è molto cam- Sull’altro versante, Renzi lascia inten-
popolo, in bicicletta e autobus di linea biato. dere che aver salvato l’Italia da Salvi-
che saranno presto lasciati in rimessa, Persino i grandi quotidiani che, per un ni promuovendo il compromesso con
per aprirlo come una scatoletta di ton- quarto di secolo, hanno sventolato da- Di Maio è storia vecchia e superata
no. vanti ai loro lettori il drappo giacobino dato che oggi i problemi sono “ben al-
Si era già nel secondo governo della della rabbia anticasta alimentando il tri” (lo dice per convincere gli scettici
Legislatura, il Conte 2. Salvini aveva populismo di centro (il Corriere della che anche lui è di sinistra).
dato di matto d’estate, travolto dalla Sera) e di sinistra (la Repubblica) - Resta il Pd, la cui indicazione di voto
paura dopo lo scandalo delle tangenti per poi trovarsi a fare capriole e tripli deciderà probabilmente l’esito del re-
russe contrattate da uno dei suoi più salti mortali per non perdere l’equili- ferendum. Sarà la direzione nazionale
stretti collaboratori (il processo si deve brio davanti a una maggioranza elet- ai primi di settembre a sciogliere il dub-
ancora fare ma dovrà solo accertare torale né di centro né di sinistra - oggi bio. Che nasce dal fatto che nessuna
se siano stati commessi dei reati, la trat- cercano di convincere i loro (sempre delle condizioni poste all’epoca dal Pd
tativa non può essere negata perché è meno) lettori a respingere la mutila- per far passare il taglio (i “correttivi”)
stata registrata da uno dei presenti). zione della democrazia rappresenta- è stata non dico discussa ma neppure
Alla Lega, che aspirava a nuove ele- tiva. presa in considerazione. Persino sulla
zioni e ai “pieni poteri”, si erano sosti- E i partiti sono in confusione. Il primo legge elettorale non c’è stato nessun
tuiti, ad affiancare al governo il M5S, il pensiero - il primo è sempre il più roz- passo in avanti e Zingaretti continua a
Pd di Zingaretti, Italia Viva di Renzi e zo oggi in Italia - che tormenta i lea- chiedersi perché Renzi e i gruppetti
Leu. Il taglio dei parlamentari, votato der è il rischio di dover rendere conto della sinistra non acconsentano a fare
per tre volte soltanto da grillini e cen- alla propria corte feudale della rinun- harakiri accettando il ritorno alla pro-
trodestra, fu una delle condizioni poste cia al seggio cui gran parte di loro (ol-
da Di Maio per la nascita del nuovo tre un terzo) dovrà rinunciare o rinun- segue a pag. 18
16 Speciale elezioni
Speciale elezioni 17
18 Speciale elezioni

da pag. 15

porzionale con sbarramento alto.


Il Pd avrebbe tutti gli argomenti per
indicare oggi un no senza perdere la
faccia. Ma forse rischierebbe di per-
La rilevanza politica
dere altro.
Al momento in cui scrivo non se ne
sa nulla. Ma faccio uno spoiler e vi
delle elezioni regionali
anticipo quale sarà la decisione: un sì
ma “senza grancassa”, per usare le di Giuseppe Franceschi
parole sapienziali del presidente dei
senatori piddini Andrea Marcucci. Durante il mese di agosto per il 50° anniversario delle Regioni a Statuto
Un sì perché ci sono le elezioni re- ordinario il Presidente della Repubblica ha convocato i Governatori per sot-
gionali e i candidati - a cominciare tolineare l’importanza che questi Enti hanno nella vita dello Stato democrati-
co, pur segnalando alcune criticità emerse negli ultimi anni e in modo parti-
da quello toscano Giani - si affretta-
colare durante la pandemia. Più volte ho sottolineato la necessità di modifi-
no a conformarsi al conformismo in
che istituzionali forti - Follini twitta che dopo 50 anni non è sufficiente un
cui il Pd ha allevato il suo elettorato, semplice lifting – , in particolare bisogna eliminare la legislazione concorren-
per fortuna mancando in qualche te evitando tutti i conflitti con gli organi centrali che hanno raggiunto ormai
misura l’obiettivo. livelli non più sostenibili. Con la revisione del titolo V° occorre ripensare alla
Sarà il sì più ipocrita della storia re- autonomia delle Regioni come parti di uno Stato membro dell’UE. Mattarella
ferendaria italiana, e questo ha co- ha sottolineato con forza il ruolo strategico che le Regioni possono assumere
stretto i dirigenti più sconsiderati a nella programmazione e nella gestione dei fondi europei, che non sempre nel
reinventarsi la storia del partito. passato sono stati prontamente spesi.
Martina, che ne fu persino segreta- Le elezioni di organi con funzione legislativa hanno sempre un valore politi-
rio per quanto reggente, parla di un co. In questa fase in cui per la prima volta l’U.E. corre a sostegno dei singoli
taglio che appartiene al dna del Pd Stati in difficoltà per l’emergenza Covid con finanziamenti di vario tipo, di
ma non va oltre l’antropologia per gran lunga superiori a quelli del piano Marshall, il voto in sette Regioni ha una
dummies e non porta prove; e Bo- valenza politica maggiore, si svolgerà anche sui rapporti con l’Europa e po-
naccini, presidente dell’Emilia-Ro- trebbe avere conseguenze sulla stabilità del governo nazionale. Tutti gli os-
servatori attendono per settembre, alla ripresa dopo rapide vacanze, un acuirsi
magna e aspirante segretario, si ri-
improvviso della crisi economica già in atto e l’inizio di un periodo di gravi
chiama a Nilde Iotti sfigurando l’in-
difficoltà, da affrontare di concerto con l’U.E.: significativo a questo propo-
telligenza politica di una grande fi-
sito è l’auspicio formulato da Draghi di un ministero unico dell’economia.
gura del Pci insieme alla verità dei Anche la regolare apertura dell’anno scolastico, assunta come punto priori-
fatti. tario, si presenta molto complessa e già è divampato lo scontro con le Regio-
La verità è tutti i partiti che hanno ni. Difficilmente l’attuale governo sarà in grado di gestire al meglio questa
invano tentato nel corso dei decenni fase soprattutto per le divisioni al suo interno
di ridurre il numero dei parlamentari La volontà insistentemente manifesta dall’opposizione di andare al voto anti-
cercavano rendere le istituzioni più cipato sarebbe agevolata dai risultati elettorali di fronte a una vittoria schiac-
forti. La riduzione dei parlamentari ciante del centrodestra. In Toscana l’affermazione del centro-sinistra per la
sarebbe derivata dalla fine del bica- prima volta dopo 50 anni non è scontata. Una sconfitta di Giani potrebbe
meralismo paritario, dalla trasforma- avere un effetto travolgente sul PD e sulla coalizione di governo. Invece, una
zione del Senato in Camera delle sconfitta della Ceccardi, unica candidata salviniana del centrodestra alla carica
autonomie, dal rafforzamento con- di Governatore, potrebbe favorire un cambiamento nella linea sovranista della
temporaneo dell’esecutivo e del le- Lega portandola su posizioni autonomiste, più vicine a quelle delle origini.
gislativo, eccetera. Saremmo scesi Il 20 e 21 settembre saranno election day e si voterà anche tra l’altro per il
referendum confermativo della legge sulla riduzione dei parlamentari, defini-
a 600 eletti o giù di lì ma in conse-
tivamente votata da una maggioranza quasi plebiscitaria, circa il 97% dell’ar-
guenza di un progetto politico costi-
co parlamentare. È curioso vedere come negli ultimi tempi questa maggio-
tuzionale. ranza si riduca continuamente e aumenti di conseguenza lo schieramento
Piegarsi all’affronto che il movimento favorevole al “No”. Così come è stata impostata la legge non ha molto senso:
di Grillo, Di Maio e Casaleggio vuo- il tasso di democrazia, infatti, non si misura col risparmio economico e non
le fare alla dignità delle istituzioni li- è sufficiente ridurre il numero dei parlamentari per rendere le Camere più
berali e democratiche, no, nessuno efficienti. La riduzione diventerebbe importante, soltanto se fosse concepita
in passato l’avrebbe accettato, nep- come un primo passo verso più significative e necessarie riforme istituziona-
pure nei tempi più oscuri della Re- li: il monocameralismo o comunque l’abolizione del bicameralismo perfetto e
pubblica. Di questo possiamo esse- modifiche anche sul piano dell’esecutivo.
re sicuri.
Livorno 19

Maggiore senso di appartenenza


sia da parte degli amministratori che dei livornesi
per migliorare l’aspetto e l’andamento della città
di Franco Spugnesi traffico portuale da quello turistico mal- re il diritto di dissentire, criticare o pro-
grado se ne parli da anni. Chi non ci testare, sarebbe meglio però farlo non
crede provi ad andare al mare a Tirre- per partigianeria, come tifosi di una parte
La regolazione del traffico, o meglio nia in bicicletta, se sopravvive fino allo a prescindere, ma esprimendo opinioni
l’organizzazione della mobilità a Livor- scolmatore troverà una pista ciclabile ragionate, utili, cosi da offrire anche agli
no, non ha mai goduto, almeno appa- da sogno… e capirà di essere entrato avversari occasione di riflessione e ri-
rentemente, dell’attenzione di menti nel comune di Pisa! pensamento.
eccelse capaci di interpretare e risolve- Confidiamo che il nuovo sindaco rie- Di contro occorre che esistono percor-
re compiutamente una materia così sca a raccogliere idee e suggerimenti si di corretta informazione, confronto e
complessa. D’altra parte Livorno come per dare un futuro alla nostra città, di partecipazione reale.
città granducale è stata pensata come sembra che la buona volontà non gli Forse fa parte del carattere di noi livor-
città moderna, con strade larghe, piaz- manchi. nesi, scansare le cose più complesse da
ze ampie, naturalmente in rapporto alle Anche la migliore volontà ha però bi- pensare limitandoci a una fideistica ade-
esigenze dell’epoca, e se la mancanza sogno di trovare attorno del terreno fer- sione o repulsione, retaggio, probabil-
di reperti urbanistici storici lascia mano tile per dare frutto, mentre il clima po- mente, dei 60 anni di amministrazione del
libera, nello stesso tempo non indivi- litico a causa della campagna elettora- Pci e successori.
dua alcun criterio caratteristico o sim- le per le elezioni regionali, sollecita le È giunto forse il momento di provare
bolico. forze che in consiglio comunale sie- a cambiare certi atteggiamenti, pro-
È perciò possibile qualsiasi soluzione dono all’opposizione a sollecitare ca- muovendo tra i nostri concittadini il
che spesso risponde a un intendimento tegorie o anche gruppi di cittadini a senso di appartenenza a una comu-
ideologico più che a un’utilità pratica. manifestare disagi e proteste di ogni nità: la città ne avrebbe un gran biso-
Mi sembra, da profano, che sia man- tipo. gno. La cura del bene pubblico, il ri-
cata tradizionalmente nelle nostre am- La fioritura dello scontento riguarda spetto delle regole non sono mai state
ministrazioni una visione complessiva ogni aspetto della vita quotidiana, dai nel cuore e nelle abitudini dei livorne-
della città, del suo destino, delle possi- topi nelle case popolari al nuovo ospe- si ma molti passi in avanti sono stati
bili linee di sviluppo. dale, al futuribile progetto del tratta- fatti. La scuola dovrebbe insistere con
Ecco allora nascere le varie “ere”: c’è mento dei rifiuti nella raffineria Eni, alla i più giovani per una specie di educa-
l’era delle piazze chiuse al traffico, quella manutenzione della terrazza Mascagni, zione civica livornese, visto che con i
delle rotonde, quella dei ciclabili ETC. alle baracchine del lungomare etc. grandi non è andata tante bene.
Intanto però non si riesce a separare il Naturalmente nessuno vuole contesta-

Esiste anche l’ordinarietà


Corsi di formazione per la sicurezza
(m.c.) - Dopo gli indubbi successi, in campo culturale e di immagine, legati alla
dei lavoratori, patentini per PLE, GRU,
mostra su Modigliani, le prossime celebrazioni dedicate al grande nostro musici-
CARRELLI ELEVATORI, movimento
sta Pietro Mascagni e forse dopo al poeta Giorgio Caproni, completano un qua-
terra, trattori portuali, agricoli e
dro di grande valore e impegno che caratterizzerebbe questa Amministrazione.
forestali, ponteggi PiMus, lavori in
Onore al merito. Ma esiste anche la ordinarietà.
quota e confinati. Attestati Elettricisti
Mi riferisco alla manutenzione delle opere pubbliche, alla asfaltatura delle strade
PAV e PES, ecc.
e dei marciapiedi, alla pulizia e al taglio erba, al decoro dei monumenti etc. Cose
non auliche ma pratiche. Su questo, a mio modesto avviso, possiamo fare molto,
ADDESTRA
molto di più, specie se vogliamo che la città divenga una meta turistica.
Sede operativa regionale Toscana:
Occorre che il Sindaco dia una scossa alla sua struttura tecnico-amministrativa, Via Le Spianate 45 - Rosignano M.mo
che appare lenta, forse ancora sotto l’influenza del lockdown e, certamente, per Tel./fax 0586.759023 - Cell. 334.5265673
i postumi negativi dei cinque anni perduti della giunta 5 Stelle. E-mail: toscana.li@eco-cert.it
Ne riparleremo in maniera più precisa e puntuale in futuro.
20 Livorno

L’angolo del Medico del Dott. Enrico Bianchi - A tu per tu con...

Maurizio De Maria
primario di Urologia
Inizia con questo numero una serie di in- - Maurizio, tu sei specializzato in chirur-
contri che ha come protagonisti i nuovi gia robotica. Ci puoi spiegare quali siano
primari del nostro ospedale. in vantaggi sia per il paziente, che per
Ospite di oggi é il dott. Maurizio De Ma- chi interviene?
ria, direttore del reparto di Urologia di “Pratico la chirurgia robotica da oltre
Livorno, Cecina, Piombino e Portoferra- dieci anni. Gli strumenti hanno una
io. capacità di movimento notevolmente
superiore a quelli laparoscopici: l’ ope-
- Buongiorno Maurizio: Raccontaci qual- ratore ha una visione tridimensionale Dott. Maurizio De Maria
cosa di te. del campo operatorio e gli strumenti
“Sono livornese, ho 58 anni appena com- possono ruotare di 360 gradi, cosa che tabile, pur seguendo ambulatorialmen-
piuti, ho frequentato il liceo scientifico non potrebbe accadere se il bisturi fos- te più pazienti, rispetto al passato.
tradizionale, che allora si trovava in via se impugnato da una mano. C’è minor - Siamo quasi al termine. Molti uomini di
Crispi. Mi sono laureato a Pisa nell’ 87 e perdita di sangue e la ripresa avviene mezza età si lamentano spesso per il dolo-
mi sono specializzato nel 90. in tempi brevissimi. Tieni conto che una re provato nell’ esecuzione della cistosco-
Come primo impiego, ho vinto il concor- prostatectomia radicale viene dimessa pia, esame peraltro indispensabile per la
so all’ ospedale di Genova, Sampierdare- in seconda giornata e necessita anche diagnosi di patologie oncologiche endo-
na, e poi sono tornato a Pisa fino allo di un minor tempo di cateterizzazione. vescicali. Pensi ci sia la possibilità in fu-
scorso anno, quando ho partecipato e Consideriamo poi in Italia che il 70% turo di ridurre o eliminare questo inconve-
vinto il concorso per rientrare a Livor- degli interventi, eseguiti con la tecnica niente?
no, dove peraltro ho sempre abitato e della robotica, riguarda patologie uro- “Direi di sì. Mentre finora il cistoscopio
dove spero di terminare la mia carriera”. logiche: la prostata in primis, poi i tumo- era rigido, con tutti gli inconvenienti del
- Io, che per età sono medico da molto ri renali. Grazie ad una convenzione sti- caso, sono in arrivo a Livorno strumen-
più tempo di te, mi ricordo che quando ho pulata con l’università pisana, pratico tazioni flessibili con un sicuro migliora-
iniziato a lavorare, negli anni 70, c’era pur- questi interventi a Cisanello con liste di mento della compliance da parte del pa-
troppo un’ alta mortalità post-operatoria attesa notevolmente ridotte.. ziente”.
negli interventi di urologica. Come è cam- Mi preme inoltre sottolineare quanto - Ultima domanda: essere responsabile di
biata l’ Urologia in questi anni? l’affiatamento e la preparazione del 4 ospedali posti nel raggio di 100 km credo
“Sicuramente c’è stata una grossa evo- team siano essenziali in questo tipo di sia un impegno di non poco conto. Come
luzione, in termini di strumentazione en- chirurgia, che comporta un lavoro im- riesci a gestirlo?
doscopica: tu pensa che ora le immagi- portante, da parte di tecnici e ferristi, “Ovviamente, tralasciando Livorno, si
ni si vedono direttamente sul monitor, e molto più che in una sala operatoria tratta di unità assai utili all’interno del
quindi possono essere condivise, mentre tradizionale”. panorama territoriale a noi prossimo. E’
prima le poteva vedere solo l’operatore, - Come ti sei trovato a Livorno? ovvio che io non possa dividermi in quat-
tramite lo strumento. In questi anni poi “Ho trovato un bel gruppo, già capace tro, ma ho trovato una grande collabo-
sono migliorati anche gli strumenti in uso di fare cose importanti, e anche da par- razione da parte dei colleghi, che mi per-
in sala operatoria (elettrocoagulatori e te di colleghi di altre specialità ho avu- mette sia di abbattere, come già detto, le
apparecchi di sutura) e anche la gestio- to grossa collaborazione, perché certe liste di attesa, che di moltiplicare gli in-
ne del post operatorio è di gran lunga tipologie di intervento possono essere terventi più complessi. Questo grazie alla
migliore”. svolte soltanto da una équipe multispe- rotazione di tutto il personale dell’Uni-
- A proposito di questa tua ultima afferma- cialistica”. tà Operativa di Livorno che svolge la
zione, ho sempre pensato che, se fossi sta- - Quali problemi ti ha creato, sia pure in- propria attività in tutte le altre sedi,
to un primario di una branca chirurgica, direttamente, il Covid? mentre Livorno si occupa delle urgenze
avrei preteso nel mio reparto la presenza “A parte ovviamente le misure di prote- gravi con reperibilità h 24. Questa or-
di un internista che gestisse i pazienti del zione, il Covid non ha fermato l’Urolo- ganizzazione del lavoro, oltre a rappre-
post operatorio. gia, anzi... Abbiamo occupato gli spazi sentare un esempio concreto e funziona-
“Hai precorso i tempi, perché a breve lasciati liberi da chi non poteva esegui- le di sistema a rete, ci consente di offrire
sarà prevista la presenza di un interni- re gli interventi programmati, non ur- all’utenza un servizio migliore, sia a li-
sta geriatra in ortopedia, dove l’ età me- genti. Per quanto riguarda le liste di vello chirurgico che ambulatoriale, smi-
dia degli operati è piuttosto elevata, e attesa, a Livorno la patologia urologi- stando i pazienti sulla base sia della gra-
ciò può comportare importanti critici- ca è purtroppo in aumento, ma siamo vità del caso, che della prossimità delle
tà”. riusciti a ridurre le attese a tempi accet- strutture”.
Livorno 21

UNA SCELTA LUNGIMIRANTE

Fondazione Arte e Cultura:


Olimpia Vaccari neo presidente
di Giangiacomo Panessa Molto citato è il volume Livorno, una
provincia da scoprire, la Storia il-
lustrata di Livorno, Livorno dalla
Da alcune città ideale alla città reale pubbli-
settimane al cato in occasione della visita del Pre-
vertice del- sidente della Repubblica C.A. Ciam-
la sezione pi. E ancora, Sul filo della scrittura
arte e cultu- - Fonti e temi per la storia delle
ra della Fon- donne a Livorno.
dazione Li- Percorsi nella storia (di Livorno) che,
vorno siede in particolare, hanno visto lo scrivente
la dott.ssa autore di volumetti sulle chiese, sen-
Olimpia za contare l'opera titanica su Pisa e
Va c c a r i il Mediterraneo, catalogo della mo-
(nel riqua- stra voluta dal compianto illustre me-
dro) poliedrica personalità carisma- dievalista prof. Tangheroni.
La copertina del libro Sul filo della scrit-
tica attenta alle potenzialità culturali Mi sono limitato ad alcune opere tra- tura - Fonti e temi per la storia delle
della città e del suo territorio e dotata lasciando l'immenso lavoro che la Vac- donne a Livorno, al quale ha collaborato
di un sicuro ed un innato senso este- cari ha svolto a latere di promotrice Olimpia Vaccari.
tico. culturale sempre nell'ottica dell'inter-
Chi scrive si sente particolarmente au- cultura livornese e non solo specie in Alla luce di quanto sopra sono certo
torizzato a formulare un siffatto giu- campo artistico il cui il lascito pater- che la nuova presidente saprà coglie-
dizio grazie al pluridecennale sodali- no nelle arti figurative e nella scultu- re le giuste priorità di questi tempi gra-
zio iniziato prima come discepolato ra ha trovato fecondi sviluppi. mi.
negli anni della preparazione univer-
sitaria sia dopo come collaboratrice
nella preparazione e redazione di pub-
blicazioni centrate sulla valorizzazio-
ne delle specificità dell'itinerario sto-
rico-artistico livornese.
Riconosciuto l'indubbio valore del la-
scito monumentale e non solo delle
Nazioni livornesi avviato con il mio li-
bro sui greci promosso dal compianto
console di Grecia dott. Dimitri Cagi-
diaco, Olimpia Vaccari fiduciosa nel-
le prospettive di sviluppo delle tema-
tiche interculturali avviate dalla con-
vivenza delle nazioni livornesi di età
moderna promuoveva una serie di
pubblicazioni e di iniziative culturali
frutto di reciproca riflessione tra le
quali il volume celebrativo per il 400°
anniversario del corpo consolare li-
vornese con un originale contributo
sui prodromi di questo già in età me-
dievale.
22 Livorno

AUTORE GIANCARLO PERULLO STORICO GESTORE DEL BAR MAMÀ

Un gradevole libriccino
Un gradevolissimo libriccino, con una Ed in salvo Giancarlo ha si-
elegante copertina quello scritto dall'an- curamente messo le sue
tico amico Giancarlo Perullo, ex stori- "burlescate" ottimamente de-
co gestore del Bar Mamà in piazza del scritte sul suo librino duran-
Municipio “Sono solo scherzi che han- te il periodo nel corso del
no fatto piacere a me e al mio lavoro”. quale ha gestito, da par suo,
L'amico Giancarlo ha fatto molte cose il mitico livornesissimo Bar
nella sua vita descritte all'interno della Mamà.
copertina e che vogliamo riportare: Complimenti ed auguri per il
Chi ero e chi sono: prossimo testo.
Studente quasi modello - Ufficiale di
Marina - Dirigente d'Azienda - Gira- Riportiamo un simpatico
mondo - Un po' poeta - Gestore di lo- espisodio tratto dal libro dal
Il davanti e il retro della copertina del libro.
cali pubblici - Allenatore di calcio - titolo: Anno 1997 La ragaz-
Pensionato ottuagenario per lo Stato. zascacciapiccioni
Non ancora in pensionamento dall'esi- Dopo varie battaglie burocratiche otte- piccioni battendo le mani.
stenza. nemmo nel 1997 dall’amministrazione Lei prese tutto come un gioco, noi ci
"La scrittura non va alla ricerca di qual- comunale l’autorizzazione ad installare divertivamo a vedere le scene esileranti
che gloria, ma lascia una piccola im- fuori del locale una pedana con tavoli dello scacciamento dei volatili. I clienti
mortalità e dona l'illusione di aver mes- sedie e fioriere rispettando le norme per ridevano ed erano tranquilli.
so in salvo qualcosa di te". il passaggio pedonale dei cittadini. I no- La ragazza ebbe un incentivo economi-
stri servizi bar e ristorante in estate si co per la sua bravura.
proiettavano con entusiasmo all’ester- La vicenda andò avanti per due settima-
no. Sorse subito un problema special- ne, quando due signore nostre clienti che
mente nell’ora di pranzo tra le ore 13- facevano parte dell’associazione “Cen-
14. Molti piccioni cominciavano a vo- tro Donna” mi chiamarono e indispettite
lare nella zona e disturbavano i clienti mi dissero di interrompere subito l’ope-
intenti a consumare il pranzo. razione “scaccia-piccioni” della ragazza.
Fu necessario trovare una soluzione. I Mi fecero notare che quel lavoro oltre
piccioni dovevano essere rispettati e che a molestare i piccioni, cosa non vera,
Verifiche apparecchi di sollevamento
non potevamo impiegare azioni violen- non era dignitoso per la personalità della
GRU, PLE, CARRI PONTE, GRU a
TORRE, CARRELLI ELEVATORI, SCA- te per allontanarli o farli desistere della ragazza, soprattutto se minorenne. Fum-
LE AEREE, verifiche apparecchi a loro presenza. mo da qualche signora isterica anche apo-
pressione GENERATORI, AUTOCLA- Nacque un’idea: come dipendente la- strofati di sfruttamento di minore.
VI, PED, TPED, verifica ascensori, ve- vorava con noi in qualità di apprendista Ci sembrò tutto irreale e assurdo ma
rifica impianti di terra. una ragazza di 16 anni, molto carina e dovemmo interrompere il presidio anti
con un bel seno prosperoso, immedia- volatile per non andare incontro a “spia-
ECO Cer tif
Certif icazioni Spa
tificazioni tamente pensammo che facesse al caso cevoli conseguenze” come ci dissero le
Sede operativa regionale Toscana: nostro per la soluzione piccioni. due signore assecondate da una terza
Via Le Spianate 45 - Rosignano M.mo Comprammo due magliettine con scritto facente parte della stessa associazione.
Tel./fax 0586.759023 - Cell. 334.5265673 sul davanti “Ragazzascacciapiccioni” Una maglietta la volle di diritto la ragaz-
E-mail: toscana.li@eco-cert.it che indossò con piacere ed iniziò il suo za, l’altra la tenemmo noi nell’armadio
lavoro nell’ora di pranzo allontanando i dei ricordi.
Livorno 23

qui
Diocesi
di Fabio Figara

Una laurea...
in Missione
È il caso di SOLY THOMAS (Suor
Alessandra della Congregazione Pic-
cole Figlie di San Giovanni Gualberto)
Un lungo percorso, ricco di fede e di
forte impegno nello studio e nell’aiuto del
prossimo, con il fermo proposito di riu-
scire a laurearsi in Diritto canonico a Soly Thomas (Suor Alessandra della Congregazione Piccole Figlie di San Giovanni Gualberto)
approfondire l’importanza della propria
vocazione. percorso di studi per il dottorato nel- La tesina, dal titolo Potestà dei Superio-
Ferrea volontà e tanto sacrificio, oltre ad l’ottobre 2016 a Roma, alla Pontificia ri religiosi al servizio della costruzione
una grande fede, sono doti indispensabili Università Urbaniana, un istituto di stu- della comunità secondo le Costituzioni
per poter raggiungere ogni obiettivo: doti di superiori della Chiesa cattolica spe- delle Piccole Figlie di San Giovanni
che senz’altro Soly Thomas (Suor Ales- cializzato nella formazione del clero mis- Gualberto, è stata presentata e discussa
sandra della Congregazione Piccole Fi- sionario e degli allievi provenienti dai ter- lo scorso 6 luglio alla presenza degli in-
glie di San Giovanni Gualberto) ha di- ritori di missione o dalle giovani chiese, segnanti Antoine Mignane Ndiaye, Lo-
mostrato di avere, coronando il sogno di il cui impegno di ricerca è vòlto costan- renzo Lotisso e Giacomo Incitti.
ottenere la Laurea in Diritto canonico. temente alla scoperta di nuovi mezzi per Non un punto d’arrivo, ma l’inizio di
Nata e cresciuta in un luogo di missione l’annuncio del Vangelo a tutte le genti. nuovi, grandi progetti.
vallombrosana dell’India meridionale, a
JOSEGIRI, in KERALA, terra tanto ric-
ca di spiagge dorate bagnate dal Mare
Arabico quanto armoniosamente abbelli-
ta da imponenti montagne e da profonde
vallate, la giovane Soly entra nella Con-
gregazione delle Piccole Figlie di San
Giovanni Gualberto il 20 giugno del 1992.
Compie la propria professione tempora-
nea nel 1996, e la professione perpetua il
9 luglio 2002 con il nome di Suor Ales-
sandra.
In Italia si dedica all’assistenza agli an-
ziani e ai sacerdoti dal 2003, dapprima
nel cuore della Maremma grossetana,
nelle città del Tufo, Sorano e Pitigliano,
per poi spostarsi più a nord, a Mirabello
(FE), e giungere, successivamente, nel-
la sede livornese. Oltre all’impegno co-
stante nella cura del prossimo, inizia il Suor Alessandra con altre suore della Congregazione.
24 Pubblicità

AZIENDA STORICA
Dal 1839 Olivete e Frantoio
in Bibbona (LI)
Vendita diretta
Olio Extravergine di Oliva
e linea cosmetica
a base di polifenoli
www.peccianti.com
Tel. 0586/670087

Acli Labor
SOCIETÀ COOPERATIVA

Edilizia - Pulizie civili e industriali


Giardinaggio
Via del Mondiglio 18, loc. Le Morelline, Tel. 0586.790.751 - Rosignano S.
www.aclilabor.it

O.M.P.
Stampiamo di tutto anche
in limitato numero di copie
a prezzi veramente eccezionali S.r.l.
CHIEDETECI UN PREVENTIVO ROSIGNANO SOLVAY
Via G.Razzaguta 26, int. 13 (zona Collinaia) - Livorno Via G. Rossa 24 Tel. 0586.791174

Tel. 0586/1732178
Fax. 0586.791173
E.mail: omp@omprosignano.it

CA.PA. TER
Via della Repubblica 118
ROSIGNANO SOLVAY
Tel. 0586/794962 - Fax 0586/764026
s.r.l.
e-mail: coopgiglio@tin.it
Ca.Pa. Ter è da tempo un autentico punto di riferimento sul territorio
toscano per opere di movimento terra e lavori di edilizia pubblica e privata Dal 1963 operativi in Toscana con autisti e servizi multilingua
di qualunque tipologia, con competenze specifiche nella costruzione e
nella manutenzione di fognature, canali di drenaggio e sistemi di bonifica. Via della Villana 126, Rosignano Solvay-Castiglioncello
Via Don Luigi Sturzo n. 172 - Tel. 0586.984479 - Guasticce (LI) Telefono: 0586 760981

GUIDI Soc. SECOS srl

Costruzioni Edili e Industriali Associazione Nazionale Amministratori


Condominiali e Immobiliari

Via Modigliani, 21 - Rosignano Solvay ANACI Sezione di Livorno


Tel. 0586.760153 - Fax 0586.760414 Via Puini 97 Int. 35 - Livorno

IL GIGLIO
SOCIETÀ COOPERATIVA
Manutenzione di aree verdi
civili e industriali - Arredo urbano
Imballaggio industriale - Trasporti - Facchinaggio - Servizi Via dell’Industria 23 - Rosignano Solvay
Piazza Monte alla Rena, 5 - Rosignano Solvay Tel. 0586/794962 - Fax 0586/764026
Tel. 0586.793288 - Fax 0586.793304 www.ilgiglio.net

Di Gabbia A. & Figlio


COSTRUZIONI - stradali - fognature - acquedotti
SRL

PRODUZIONE - emulsioni bituminose - conglomerati bituminosi - MEZZI PROPRI


Sede Legale Uffici, Impianto: Via dello Struggino 24 - Livorno (loc. Picchianti) Tel. 0586/428121 e-mail: info@digabbia.it
Scuola 25

MOLTE LE PRECAUZIONI PER LA PROSSIMA APERTURA DELLE CLASSI

Mascherine anche a scuola


ma non durante le lezioni
banco con le rotelle. Permettete-
di Mario Lorenzini
mi, infine, di esprimere una pre-
occupazione verso la scuola dei
Il 14 settembre la Scuola affron- piccoli centri dell'Elba e della
ta la situazione provocata dalla Capraia. E di augurare a tutti i do-
Covid 19 con le disposizioni che centi un lavoro di formazione cul-
il Governo ha preso e prenderà turale del quale sono gli esperti.
in seguito incominciando dall'ora-
rio. Ingressi scaglionati in aule
documento della Presidenza de
tutte da rifare. Abbiamo letto che
Consiglio dei Ministri.
sono stati ordinati dal Ministero
“In riferimento all'andamento del-
banchi speciali da sistemare ad
la pandemia da SARS.COV-2 in
una distanza specifica l'uno dal-
Italia e con l'obiettivo di poter con-
l'altro. Le ultime disposizioni
tribuire a fornire utili indicazioni
escludono però la mascherina
per la ripresa delle attività didat-
durante le lezioni.
tiche frontali il CTS ha analizzato
Riteniamo utile riportare parte del
l'andamento dinamico della pan-
demia che ha fatto registrare nel-
le ultime settimane un migliora-
mento complessivo degli indica-
tori che permettono allo stato at-
tuale di prevedere il ritorno a
scuola di ogni ordine e grado per
tutti gli studenti con l'apertura del-
www.porto.livorno.it l'anno scolastico 2020-21”.
E-mail: info@porto.livorno.it L’augurio è che tutta la scuola
Tel. 0586 249 465 - 249 411 possa superare questo caotico
Fax 0586 429514 momento indipendentemente dal
26 Cultura

È partita alla grande la manifestazine in ricordo del nostre illustre concittadino

Festival Mascagni, finalmente


professionalità di cui ha sempre dato pro-
va, che ha restituito l’immagine di un mu-
sicista colto, aperto alle suggestioni cul-
turali del panorama letterario, musicale e
pittorico europeo, oltre che illustre rappre-
sentante della Giovane Scuola Verista
Musicale.
E poi all’attacco delle note di Cavalleria
Rusticana, cui ha fatto seguito l’ imman-
cabie duetto tra Santuzza e Turiddu, che
ha immesso direttamente il pubblico nello
spirito della produzione mascagnana. Il
programma a seguire ha proposto un’aria
da ogni opera del Maestro, in modo da
dare un assaggio di tutta la sua vasta pro-
duzione, compito svolto da cantanti molto
bravi: Maria Billeri e Francesca Maionchi,
Samuele Simoncini,Sergio Bologna, accom-
pagnati dalla pianista Laura Pasqualetti.
mone Lenzi ha ribadito che si è accettato Interessante anche la lettura, affidata agli
di Angela Simini
di procedere tra mille difficoltà nella con- attori Andrea Gambuzza e Ilaria De Luca,
vinzione che la valorizzazione cuturale e delle lettere del Maestro, dei giornali
E’ ufficiale! Livorno ha il tanto atteso e artistica della città, possa avere una rica- d’epoca e delle scaramucce tra Mascagni
sospirato Festival Pietro Mascagni che duta di immagine e di vantaggio anche e Dannunzio, tra Mascagni e il regime fa-
quasi non sembra vero. Dopo l’estenuan- economico. scista. I brani hanno messo in rilievo un
te chiusura del lockdown, il Teatro Goldo- “Livorno merita un Festival Mascagna- Mascagni inedito, che ha sì aderito al par-
ni ha lanciato il Festival Internazionale no. Inizia con questa “puntata zero” un tito facista, ma che ne ha anche preso le
Pietro Mascagni, un appuntamento addi- percorso fatto di coraggio, passione e distanze al momento opportuno, mante-
rittura agognato da anni, per la cui realiz- caparbietà, le stesse caratteristiche che nendo la sua libertà di “composizione”,
zazione, anche in passato, si sono spese Pietro Mascagni ha palesato nella sua come in occasione della sua ultima opera
energie e accese speranze. Sul palcosce- esistenza” ha dichiarato il tenore Marco “Nerone”, non troppo ben vista dal regi-
nico del teatro, illuminato in ogni ordine Voleri, direttore artistico del Festival. me. L’opera, contrariamente alle previsio-
di palchi e guarnito di fiori, è stata pre- Festival che ha messo le ali appunto il 2 ni del Duce, ebbe successo e Mascagni
senta agli invitati, agli artisti e alla stampa agosto mattina, quando il sindaco Luca potè rifarsi esprimendosi con una frase ti-
la “puntata zero” di questo evento che, Salvetti ha reso omaggio al compositore picamente livornese nei confronti di Mus-
dopo la significativa anteprima del 2 ago- deponendo una corona di fiori davanti al solini. Se teniamo conto del fatto che a
sto, 75° anniversario della morte di Pietro suo Mausoleo nel cimitero della Miseri- Mascagni, in quanto Accademico, si è
Mascagni, si snoderà successivamente cordia. Con lui l’assessore alla cultura lungamente imputato l’adesione al Fasci-
tra il 9 e il 19 settembre in altri quattro Simone Lenzi, il tenore Marco Voleri, di- smo (1932) e lo si è tacciato tante volte di
interessanti appuntamenti sulla suggesti- rettore artistico del Festival e Giovanni ignoranza culturale, la serata ha finalizza-
va Terrazza Mascagni. Cerini. to scelte ed interventi atti a sfatare miti e
“Dopo la mostra dedicata ad Amedeo La sera è stato il momento clou di questa pregiudizi sul conto del compositore la-
Modigliani – ha affermato il sindaco Luca prima grande giornata in cui il Maestro bronico.
Salvetti con orgoglio e commozione - ha ricevuto un riconoscimento ufficiale e Ecco le prossime proposte del Festival:
spero che in Italia si innamorino nuova- un giusto ricollocamento nel conteso sto- Mercoledì 9 settembre alle ore 21,15, nella
mente di Livorno attraverso un altro suo rico in cui ha vissuto. Terrazza Mascagni, sarà eseguita la “Mes-
grande figlio e la sua musica, sanguigna, Nel Parco della Fortezza Nuova, in un tri- sa di Gloria in Fa maggiore, per soli, coro e
appassionata e delicata al tempo stesso. pudio di luci esaltate dallo specchio dei orchestra” di Mascagni. E’ un concerto di
Oggi, purtroppo le norme antiCovid im- Fossi degli Scali delle Cantine, il tenore commemorazione delle vittime dell’alluvio-
pediscono concentrazioni di pubblico, ma Marco Voleri ha inaugurato la tappa zero ne che colpì Livorno nel 2017. Sul podio il
i nostri grandi spazi cittadini come la Ter- del Festival Mascagni 2020. La serata direttore Mario Menicagli. Saranno pre-
razza Mascagni, garantiscono la presen- ha avuto il merito di inserire Mascagni senti il tenore Samuele Simoncini e il bas-
za di tanti spettatori che mi auguro arrivi- nella temperie artistica di fine Ottocento so Paolo Pecchioli. In apertura la “Missa
no numerosi per farsi rapire dalle note di e inizi Novecento, compito svolto dal brevis da Requiem in re maggiore per coro,
questo grande livornese”. L’assessore Si- musicologo Fulvio Venturi con la grande orchestra d’archi, organo” di Andrea Bric-
Cultura 27

chi e Marco Fornaciari. Sul podio Beatrice Venezi, direttore d’or- recenti iniziative editoriali legate a Livor-
Giovedì 10 settembre, sempre alle ore 21,15 chestra tra i più promettenti della sua ge- no ed al nome di Mascagni: il DVD Iris di
alla Terrazza Mascagni, andrà in scena il nerazione (scelta da Forbes come uno dei Pietro Mascagni edito da Bongiovanni, re-
monologo teatrale “Mascagni” con l’at- 100 giovani under 30 leader del futuro) gistrazione live effettuata al Teatro Goldo-
tore Michele Crestacci che sarà accom- che guiderà la prestigiosa Orchestra del- ni di Livorno il 16 dicembre 2017; il volume
pagnato alla fisarmonica da Massimo Si- la Toscana. Accanto a loro l’attore Luca “Mascagni e Livorno – Un caso interna-
gnorini. La regia è di Alessandro Brucio- Zingaretti che sarà la voce narrante del- zionale” di Fulvio Venturi per dreamBOOK
ni. Ed è una coproduzione di mo-wan tea- l’evento, raccontando momenti ispirati ai edizioni e di prossima uscita, proprio in
tro con il Festival Mascagni. personaggi delle opere mascagnane e dei occasione del Festival, “Mascagni”, Mo-
Venerdì 11 settembre alle 21.15 nella Ter- suoi contemporanei su testi di Michele nologo di Alessandro Brucioni e Michele
razza Mascagni si terrà l’evento principa- Santeramo. Crestacci con allegato CD delle musiche
le del Festival, che, pur nel rispetto delle Infine sabato 19 settembre, alle ore 19, mascagnane di scena (Massimo Signori-
misure anti-Covid, sarà il Concerto di sempre alla Terrazza Mascagni, è in pro- ni, fisarmonica) per Sillabe editore.
Gala . Si esibiranno tre artisti lirici che cal- gramma il concerto della Banda musicale
cano i principali palcoscenici del mondo: dell’Arma dei Carabinieri diretta dal co- Info Vito Tota
il soprano Amarilli Nizza, il mezzosoprano lonnello Massimo Martinelli. vito.tota@goldoniteatro.it
Sonia Ganassi ed il tenore Angelo Villari. Oltre agli eventi di spettacolo, sono tre le Cell. 347 161 6597

Appena terminato il lock down e, pur nel- mo incontrato un felice ritorno, quello del

Mascagni
l’osservazione delle norme covid, c’è sta- soprano livornese Chiara Panacci nel ruo-
to un proliferare di iniziative in tutta la lo di Silvia.
città, tanto che dopo il brillante debutto Il ruolo di Zanetto è stato interpretato da
del Festival Internazionale Pietro Masca- Mana Yamakawa, allieva di Laura Brioli,
gni, si è preparato un nuovo cartellone
“Mascagni Off”, che ha già preso il via il
18 agosto scorso e che ci terrà compa-
Off docente del Livorno Music Festival. Per
la direzione musicale, al pianoforte An-
drea Tobia. Posto unico numerato € 10 (Per
gnia per altre tre settimane con una serie prenotazioni 338.5081221 oppure
di appuntamenti tesi a farci conoscere 339.7768203)
meglio e a farci apprezzare l’opera e la fetto Venezia e dintorni” a Palazzo Hui- Domenica 30 agosto, alle ore 21.30 e alle
personalità del musicista. ghens, l’Associazione Musicale e Cultu- ore 22.30 per “Effetto Venezia e dintorni”,
“Come è stato per Modigliani – chiarisce rale Ensemble Bacchelli ha presentato il Teatro “Enzina Conte” del Centro Verti-
l’Assessore alla cultura del Comune di Li- “Pietro Mascagni: un semplice incontro go, ha messo in scena “Mascagni e il par-
vorno Simone Lenzi – anche per Masca- semplice”, un Concerto-incontro con l’au- tigiano”, un aneddoto (durata 20 minuti)
gni l’idea è stata quella di coinvolgere la tore, con Fabio Vannozzi, l’Ensemble Bac- che sta tra la leggenda e la realtà in un atto
città intorno a questa grande figura di chelli diretto da Rita Bacchelli, l’Ensem- unico di Marco Conte (da un’idea di Ma-
livornese”. ble Bacchelli Young diretto da Francesco rio Menicagli), con Marco Conte, Diego
Nasce così il “Mascagni Off”, del quale il Petrillo; immagini Luciano De Nigris, rea- Bellettini, Stefano Cresci, Fulvio Puccinelli,
Direttore artistico Marco Voleri illustra la lizzazione scenica Fabio Vannozzi. Alessandro Perullo, Edoardo Ripoli e con
motivazione: “Si tratta di un cartellone di Mercoledì 26 agosto, alle ore 21,15 a Gua- Sergio Brunetti pianoforte.
iniziative collaterali al festival che ha pre- sticce presso la Tenuta Bellavista Insue- Per concludere altri due importanti eventi.
so vita dall’entusiasmo di realtà culturali se - Lago Alberto, è andata in scena la 5ª Giovedì 10 settembre, alle ore 19 presso la
del territorio ed associazioni che voglio- edizione di “Opera al lago” con “Son po- Terrazza Mascagni è la volta del Talk Show
no collaborare con proposte interessan- chi fiori - Mascagni e dintorni”, una al Calasole “Un musicista in famiglia”, con
ti”. coinvolgente serata con pagine tratte dal la pronipote del Maestro Guia Farinelli Ma-
Si è iniziato martedì 18 agosto, alle ore 20 repertorio verista (musiche di Mascagni, scagni, Simone Lenzi assessore alla cultu-
nella Quadratura dei Pisani in Fortezza Vec- Giordano e Leoncavallo), con protagoni- ra del Comune di Livorno, Marco Voleri
chia, con “Aperitivo con Don Pedro”, pia- sti i soprano Katerina Kotsou, Samantha direttore artistico Mascagni Festival, Ful-
noforte e aneddoti per una affascinante Sapienza, il tenore Gianni Mongiardino, vio Venturi musicologo; modera Teresa
storia che lega Livorno a Buenos Aires, il baritono Michele Pierleoni, con l’En Giannoni giornalista. Ingresso libero.
Pietro Mascagni ad Angél Villoldo, la semble dell’Orchestra Amedeo Modiglia- Ultimo appuntamento sabato 12 settem-
musica classica italiana al tango argenti- ni diretta da Mario Menicagli, al piano- bre, alle ore 18.30 presso il Museo di Sto-
no, ampiamente illustrata dal musicologo forte Andrea Tobia, presenta Daniela ria Naturale del Mediterraneo con l’Asso-
Fulvio Venturi. Organizzata da Ixnous Morozzi. ciazione Orto degli Ananassi che presen-
Associazione Culturale Itinerante con Giovedì 27 agosto, alle ore 21.15 presso il ta “L’opera nell’armadio”, un Solo teatrale
FAItango, in collaborazione con Menica- Palco della cisterna in Fortezza Vecchia, per clown cantante finalizzato alla diffu-
gli Pianoforti, l’iniziativa ad ingresso li- Promos e La Compagnia Lirica Livornese sione dell’arte lirica a favore del pubblico
bero ha visto Lucrezia Liberati al piano- hanno presentato “Zanetto”, opera in un dei giovanissimi (a partire dai 2 anni); pro-
forte e l’esibizione di una coppia di balle- atto, di Pietro Mascagni. La serata è sta- tagonista la Compagnia Une Autre Car-
rini Carina Calderon e Alfredo Astesiano. ta brillantemente introdotta e condotta men (Francia), anteprima Festival Con-
Domenica 23 agosto, alle ore 21 per “Ef- dal tenore Franco Bocci. Al canto abbia- Fusione; posto unico E. 7.
28 Cultura

LAMBERTO GIANNINI E LA SUA MAYOR VON FRINTIUS ANCORA PROTAGONISTI

“Siuski, fatto schizzi ?”


altro grande successo te e del ricordo.
di Angela Simini nini e ad
uno stuolo “Il lavoro risente del cambiamento del-
di operatori la mia personalità e di quella degli
Nata nel 1997 da un’idea dello psicolo- e di volon- attori, è naturale. Inoltre l ‘ingresso di
go Pier Giorgio Curti che propone a tari, come giovani leve ha dato un nuovo contri-
Lamberto Giannini, pedagogista e scrit- abbiamo buto di idee. Rimane il senso del grot-
tore, di curarne la regia, la Compagnia potuto ve- tesco, dell’ironia, della critica, ma si
teatrale Mayor Von Frintius, formata dere nello afferma anche l’aspetto cupo e mesto,
da circa cento elementi, normali e disa- stupendo e la riflessione sulla città, insomma una
bili, ha fatto progressi da gigante, ha coinvol- nuova poetica. Gli attori sono sempre
vinto premi importanti, ha ottenuto so- gente spet- più bravi ed influenzano il ritmo dello
stegno e collaborazioni dal Teatro Gol- tacolo “Siu- spettacolo”.
doni di Livorno, fin dalla presidenza di ski, fatto schizzi?” andato in scena di - A tal proposito, quale è il perché di
Marco Bertini, da Bobo Rondelli e Pa- recente sulla Terrazza Mascagni, di sera, questo ritmo incessante?
olo Ruffini e si è imposta all’attenzione sullo sfondo del mare , col suono della “Tutti sempre in scena e senza fiato!
di Festival Italiani ed Europei. Sotto il risacca e le luci di una splendida luna, Corrisponde in buona parte al mio
profilo spettacolare ed, ancora più sor- alle quali si sono aggiunte quelle sapien- modo di vivere ed anche alla mia per-
prendente e determinante, sotto il pro- temente dirette da Francesco Pacini. sonalità: penso sempre al futuro, vivo
filo umano, psicologico ed espressivo Ma ascoltiamo in merito il prof. Lam- con intensità e trasmetto questo senso
di tutti gli attori, normodotati e non, si berto Giannini (nel riquadro): agli attori. Però, dietro suggerimento
è notato un sostanziale miglioramento. - Professore, il suo ultimo spettacolo dei giovani registi che mi coadiuvano
E’ stata questa la sua carta vincente, che evidenzia un grande segnale di matu- (Marianna Sgherri, Rachele Casali e
dobbiamo al lavoro di Lamberto Gian- razione. Sono ricorrenti i temi della mor- segue a pag. 29

Un momento dello spettacolo “Siuski, fatto schizzi?”. (foto Silvia Petrucci)


Cultura 29

Un momento dello spettacolo “Siuski, fatto schizzi?”. (foto Silvia Petrucci)


da pag. 28
dré e Franco Fanigliulo: “A me mi
Gabriele Reitano), abbiamo accentuato piace vivere alla grande, girare tra le Per. Ind. Claudio Cavallini
i momenti di pausa e di riflessione, come favole in mutande”. La musica per noi ✦ Sicurezza
in Siuski, dove hanno avuto maggior è importante, aiuta la memoria, il ri- ✦ Tecnologie - Ambiente
spazio gli affetti familiari, i ricordi dei cordo ! Ma abbiamo fatto riferi- ✦ Energia - Lavoro
nonni e dei genitori scomparsi”. mento anche ai grandi livornesi, come ✦ Perizie Giurate
- La riflessione sulla morte, il ripetuto gri- Amedeo Modigliani . Il nostro ispira-
✦ Corsi Formazione ✦ HACCP
do “Estinzione” è un’allusione al Covid? tore resta comunque Pier Paolo Pa-
“Il Covid non ha condizionato lo spet- solini”. S .T.A.E.L. sas
.T.A.E.L.
tacolo, ma l’età che passa ci ha reso - Prossimi appuntamenti? Sede operativa regionale Toscana:
più riflessivi,la morte è un momento di “Lo spettacolo Augen Blick, ossia bat- Via Le Spianate 43 - Rosignano M.mo
passaggio della vita. Il covid ci ha sug- ter d’occhio, perché in un batter d’oc- Tel./fax 0586.759023 - Cell. 334.5265673 -
gerito l’idea del contagio inteso come chio tutto può cambiare!”. E-mail: info@studiostael.it
problema mentale dei normodotati: per
ironia, l’espressione contagio dei gay
e contagio dei down è sfociata nel ne-
ologismo Ghedaun, a dire che i veri
contagiati sono altri”.
- Che cosa suggerisce il termine Siuski? CONFEDERAZIONE ITALIANA
Vieni alla CISL
SINDACATI LAVORATORI
“Siuski è il tuffo più squalificabile per I nostri servizi: Fiscali, RED, ISEE,
eccellenza, quello con cui si fanno più
Successioni, Vertenze e cause di lavoro, Colf
schizzi, schizzi di divertimento, ma an-
e Badanti, Permessi di soggiorno, Pensioni, Infortuni, Affitti,
che simbolo di lacrime. Gli spettacoli
della Von Frintius nascono da un senso Tutela Consumatori.
di estrema libertà, suggeriti da momen- Per info degli orari telefona alla UST-CISL Livorno n° 0586-899732
ti di vita realmente vissuti e costruiti
sulla scena. Questo consente ai disabi-
le di essere e di sentirsi protagonisti, al
di fuori delle incrostazioni imposte dalla
società. Finalmente attirano l’interesse
degli spettatori!”.
- Le musiche son sempre molto belle.
“Particolarmente accurata la scelta
della colonna sonora con “L’Amore è Imballaggi industriali - Servizi
una dittatura” degli Zen Circus, che Facchinaggio - Gestione aree verdi
aprono e chiudono lo spettacolo e che
danno modo di osservare i vari tipi di Via dell’Industra 1/B - Tel. 0586/767500 - Fax 0586/792299
dittatura e non solo quelli politici. E ROSIGNANO SOLVAY
poi Vinicio Capossela, Bobo Rondel- info@logiros.it - web site: www.logiros.it
li, Pietro Mascagni, Fabrizio De An-
30 Cultura

Quindicenne, sta per dare alle stampe il suo primo libro di poesie

Intervista Luna Braschi:


il giovane scrigno di un grande talento
di Lorenzo Taccini

Trovare giovani livornesi che si


dedichino all’arte ed alla cultura
e che con serietà, costanza ed
impegno portino avanti le loro
passioni, è una piccola missione
che orami da qualche tempo mi
sono concesso. Proprio tra le pa-
gine di questa rivista ho riportato
il maggior numero delle interviste
a questi interessanti soggetti.
Mai, però, ho avuto il piacere di
presentare una ragazza così gio-
vane ed al contempo così ferma-
mente talentuosa, capace e se-
ria. Si chiama Luna Braschi, ha
soltanto 15 anni e di “livornese”
ha certamente la carte d’identità,
il virgulto variegato della devozio-
ne artistica, sebbene il suo fare
distinto la inserisca in un appa-
rente realtà al di fuori dello spa-
zio e del tempo.
Nei prossimi mesi pubblicherà il no inizierò un corso di musical al conto non sono tutte in prima per-
suo primo libro di poesie, una rac- Vertigo di Livorno. sona, ovvero non realmente au-
colta di ottimo livello, tarando al - Da quando hai cominciato a tobiografiche. Scrivo di amori e
netto della clamorosa verde età. scrivere poesie e chi ti ha dato sensazioni che mi vengono ispi-
- Chi è Luna Braschi? l’ispirazione? rati da determinate persone, ope-
Attualmente una ragazza di 15 Ho iniziato circa tre anni fa ed ho re artistiche, circostanze,…
anni che frequenta il liceo lingui- cominciato a scrivere sul diario - Così giovane e già così impe-
stico Cecioni di Livorno: ho fatto di scuola. Era la fase dei primi gnata. Viene da domandarsi
questa scelta perché da grande amori e qualche problema pre- come tu viva il contesto giovanile
vorrei andare a vivere a Londra, adolescenziale. Ad oggi devo dire della realtà di Livorno?
perciò il liceo può darmi le basi. che sono grata ai miei “heaters” Generalmente vengo esclusa
Non è che io non apprezzi l’Italia, perché mi hanno stimolata mol- dalle persone perché sono trop-
ma non ho il desiderio di rimaner- to! Ho da subito scelto la forma po “me stessa”. Ho comunque il
ci a vita. poesia perché è quella che con- mio gruppo di amici, anche se
Nel tempo libero, quando riesco, sente al meglio di buttare giù i molti mi evitano e rompono i rap-
scrivo. La mia più grande passio- pensieri in maniera maggiormen- porti, magari all’improvviso. I ra-
ne è la musica, mi ci rivedo più te semplice ed immediata. gazzi di oggi sono molto superfi-
che in ogni altra arte e spesso mi - Di che cosa parlano le tue poe- ciali non mi ci trovo. Il problema
ispira e mi porta anche a scrive- sie? creso sia generalizzato e non sus-
re meglio; la seconda passione In generale parlano degli amori, sista solo qui a Livorno.
è, invece, il teatro e da quest’an- anche se le esperienze che rac- segue a pag. 31
Cultura 31

da pag. 30
perché le scrive pur sempre una importante -per adesso- che
- Oltre alle persone fisiche, che ragazza di 15 anni e questo le cosa farò come mestiere, ma mi
rapporto hai con i social media? rende già di per sé caratterizza- piacerebbe molto lavorare in un
Senza social media mi verrebbe te, ma vado fiera delle loro parti- ambito che abbia a che fare con
da dire “non”. Ovvero non si po- colarità. Lo stile in sé è piuttosto l’arte.
trebbe farcela! Spesso ho attac- “improvvisato”, non mi rifaccio - Hai una frase o una citazione
chi di ansia ed il telefono e la mia ad uno schema classico di poe- preferita con la quale congedar-
migliore amica risolvono queste sia. ti?
situazioni. - E dunque quali sono le prospet- La frase è in inglese, naturalmen-
- Quale è lo stile delle tue poesie tive future di Luna? te ed è “the morning will, come
ed a chi ti ispiri? Il sogno nel cassetto è proprio again, no darkness, no season,
Sono sicuramente innovative, andare a Londra, non è neppure is ethernet” che è stratta da una
canzone dei GPS “Spring Day”.

è in distribuizione gratuita
anche presso i seguenti punti:

Vendita al dettaglio LIVORNO:


Libreria nuova di Biagini Silvia,
di carni e salumi corso Amedeo 23-27
Libreria Feltrinelli, via di Franco
interamente prodotti Edicola Cairoli, via Cairoli 18

e lavorati in azienda Edicola Nelli, piazza Cavour 39


Edicola P.zza Grande
lato Farmacia Ospedale
Loc. Poggio Marchino - Rosignano M.mo Edicola Bianchi, via del Porticciolo
Tel. 0586.799032 Edicola Attias, corso Amedeo
Edicola Sant’Agostino
Cell. 338.661.38.16 - 333.824.10.52 Piazza Aldo Moro
Edicola piazza Matteotti
Edicola Cartolibreria Lo Stregatto
DISTRIBUTORI STRADALI Benzina, Gasolio, Gpl e Metano via Malta 36A
Ed. Lo Strillone, viale Italia 113
............................................. Edicola Barcellona, via Goito
AREZZO LUCCA
San GiovanniValdarno Edicola Ramagli & Rossi, via Calatafimi
Gallicano
Montevarchi Antraccoli Edicola Cipriani Mila, via Goldoni 28
Terranuova Bracciolini Edicola Borghi, corso Amedeo
Altopascio
Loro Ciuffena angolo via dell’Origine
Ponte alla Ciliegia
Viale Santa Margherita (AR)
............................................. ............................................. Il Tabaccaio, via Roma 133
SIENA PISTOIA Tintoria Rossi, corso Mazzini
Abbadia san Salvatore Panicagliora Ed. Martelli Anna Lisa
Sovicille .............................................
via Meucci 5 (Coteto)
............................................. LIVORNO
Via Cattaneo (LI) Edicola c/o Bar Oasi, Ardenza Mare
FIRENZE
Viale Guidoni (FI) * ............................................. Edicola Dharma, Viale Antignano 115
San Polo (FI) PISA Edicola Bini-Filippi, Via del Litorale
Fucecchio MontecatiniVal di Cecina (largo Vittime delle Fobie)
* in ristrutturazione Tabaccheria-Edicola di Rolle Marco
via C. Puini 97 - Antignano
CASTIGLIONCELLO:
Edicola Rossi, P.zza della Vittoria
L’Edicola, Via Aurelia 512

GIUNTI CARLO ALBERTO S.R.L.


ROSIGNANO MARITTIMO:
Edicola Il Punto, via Gramsci 42
ROSIGNANO SOLVAY:
Edicola Giovannoni, via Allende
Lavori Edili, Stradali Edicola Vallini, via O. Chiesa
Edicola Bellucci & Vitiello
Via della Repubblica 27/B
Via delle Travi, 1 - Tel.: 0586 886146 VADA:
Cartoleria 'Cartoland, via Magellano 3
LIVORNO
32

Potrebbero piacerti anche