Sei sulla pagina 1di 12

RION - Rivista Italiana di Onomastica Estratto - Tire a part

voi. XVI • n° 2 • anno XVI • secondo semestre- 2010 Separata - Offprint - Sonderdruck
Direttore: ENZO CAFFAKI.I.U
Comitato scientifico:
RITA CAPRINI (Genova), PAOLO D'ACHILLK (Roma), D i i n i K K K I M I R (Tiici),
ANDRE LAPIERRE (Ottawa), OTTAVIO LURATI (Base-I), CARIA MARCATO ( I M i n e ) ,

RIVISTA
PAOLO POCCETTI (Roma), t SKRGIO RAIIAI:I.I.I (Uom.i),
WOLFGANG SCHWEICKARD (Saarbrucken), LUCA SI:RIANNI (Uom.i)
Corrispondenti internazionali:
TERMI AINIALA (Helsinki) AKIKATSH KAC.AMI (N
LAIMUTE BALODE (Riga) ADRIAN KOOPMAN (PK-(iTtii.irii/.liiii|>,, N.A.)
QLIRIM BIDOLLARI (Tirana) JAROMIR KRS'KO (Hansk.i HyMnt.i)
AMA ISABEL BOULLÓN AGRELO ANNE-DlETLIND Kl((U;i>:H (l,i-i|)/i(,.)

ITALIANA
(Santiago de Compostela) EDWIN D. LAWSON (l'icdonl.i, NY)
DUNJA BROZOVIC-RONCEVIC (Zagreb) ZHONCIUJA Li (Sliamlonc,, ( lin.i)
ÈVA BRYLLA (Uppsala) C'ilAO-CIII I.1AO ('l',ii|H'i)
ANA M1 CANO GONZALEZ (Oviedo-Uviéu) MARINAMARASOVK'. A L I I I E V K ' (Splii)
EMILI CASANOVA i HERRERO (Valencia) K A Y M u n u (Hi-ll'.i.st)
ALEICSANDRA CIESLIKOW (Kraków) WUI,1; MOl.I.I'R (Nc-mli;ìlcl)
RICHARD A. COATES (Bristol) MARIANNI-: MOI.ON (l'.ui.s)
FRANS DEBRABANDERE (Brugge/Bruges) WILHELM E H. NICIOI.AISUN (AlK-ukvn)
AARON DEMSKY (Ramat-Gan, Israele)
ELWYS DE STEFANI (Bern)
MARIA VICENTINA DE PALILA
TEOIKM OANCA (Cniiov.i)
PEIHI-R PÀLI. (Tallinn)
f MAR'I'INA l'iT/. (l.yon)
di
DO AMARAL DICK (Saó Paulo) YAROSI.AV REDKVA (( iln-rnivisi)
LlLJANA DlMITROVA-TODOROVA (Sofia)
SHEILA M. EMBLETON (Toronto)
ZSUZSANNA FABIAN (Budapest)
M1 VALENTINA FERREIRA (Lisboa)
VITALINA MARIA PROSI (Caxias do Sul)
ARTUR GALKOWSKI (Lòdi),
CONSUELO GARCIA GALLARIN (Madrid)
JEAN GERMAIN (Louvain-la-Neuve)
ROB RENTENAAR (Kuln-nliavn)
JENNIEER SCHKKK (Hristol)
SVAVAR SlGMUNDSSON
(Gar5aba:r, Islanda)
VLADIMIR SKRACK': (Xadar)
ALEKSANDRA V. SUPERANSKAJA (Mosrv.i)
GERARD TAVERDET (Fontainc-U-s-Dijon)
DOMNIJA TOMESCU (BlRUrosti)
ONOMASTICA
DOREEN GERRITZEN (Amsterdam) WILLY VAN LANGENDONCK (l.cnvi-n)
VlORICA Goicu (Timijoara) STEFANO VASSERE (Bcllin/ona)
MILAN HARVALIK (Praha) PAUL VlDESOTT (Innsbruck/Bol/.ano)
ISOLDE HAUSNER (Wien) MARIA VÒLLONO (Saarbriickc-n)
BOTOLV HELLELAND (Oslo)
FLAVIA HODGES (Sydney)
JOE ZAMMIT GIANTAR (Malta)

Redazione: e/o Enzo Caffarelli, via Tigre 37, 1-00199 Roma


RION, voi. xvi (2010), 2
T. +39.06.86219883 - Fax +39.06.8600736
E-rnail: ecafrion@dn.it - Web: www.onomalab.uniroma2.it
Amministrazione, diffusione e pubblicità: Società Editrice Romana s.r.l.
i Cola di Rien/o 85,1-00195 Roma-T. +39.06.36004654 - Fax +39.06.36790123
K-mail: diletta.liircifc'V-ditnceroniann.ir - Web: www.editriceromana.com
nia-rtorc responsabile: Giuseppe Carfarelli.
l'inilo di stampare nel mese di ottobre 2010
presso la Soek-là Tipografici Romana s.r.l.
vi.i Carpi I 1 ), I OOlCiO l'ome/ia (Ruma). NOMI I V I III IKK I KOMANA
«Rivista Italiana di Onomastica»
RION, XVI (2010), 2
Saggi
\i .li i KAI ; I ; AKI 1 1, Appunti />rr unii storia detiodonimin italiana 431-454
( i l o v A N N i K i i H ' i N o , SupniHiitiHii e "famiglie" mafìose 455-460
I toponimi letterari: luoghi immaginari,
Vl-l« >Nli A ( ,'M l 'AHH.l.i, / sufiniHHoiHi ini Allumiere (Ruma) 461-480 luoghi reali, luoghi comuni
l'.N/t i < ' A l - l ' A l i l ' l . l I, Palei no.Mei', Quondam, I )e I loradis, Boniratibus e Amen.
< 'umiliimi ilii/i/ini morirmi in veste Iiilimi 481-492 Leonardo Temisi (Bari)
A N U R I A l ' i N o i x I I I A K O , l'origine del cognome Ao> 493-502
1,1 < IN AH I >( i lili K USI, / toponimi Irltffitri: luoghi immaginari, luoghi reali,
lntiphi cumini/ 503-522
ABSTRACT. (Literary toponyms: imaginary places, rea! places, commonplaces) Placing
M A R I l i l . l ' N c i , A1///™/ colonialiMill'iiiliininiiii itiilittmi. ( Imi prima vnlutazione
thè perspectives of geography and literary onomastici near one another, thè essay analysis
1/11,1/iniii/ii'ii 523-548
thè peculiar functions of toponyms in literature, taking mainly into account examples
l'Ani» I )'Ai l i l i I l ; , // coni/limo 1 .a/io r l'etilico la/,iale/la/.iali 549-573
from Italian conternporary authors such as Sitane, Gadda, Vittorini, Calvino, Meneghello,
Varietiì Eco etc. Besides thè distinction ketween "imaginary toponyms" (that is, invented) and
U l t i m i l o R A N H A I ciò, toponimi al l'iiiio 576-580 "real toponyms" (that is, existing in real maps), thè article points out how "referential"
( Ì I O V A N N I UAI'l'l.l.l, // nomignolo veronese Sòscna 581-583 values are often intertwined with "imaginary effects" (by this meaning even only a mental
and symbolic value of toponyms). This suggests caution in defining them as "imaginary"
Opinioni e repliche or "realistic", considering instead thè possibility that they can sometimes even derogate
M A R I N O HoNII A( io, I cognomi d'Italia. Di/.ionario storico ed etimologico.
from that which seems to he their own function, that of representing a geography,
Integrazioni e aggiornamenti su alcuni cognomi istriani di inette 586-596
imaginary or realistic, as in thè example o/Le città invisibili by Calvino.
I I H N / I O K U . N Woi i , l'ili cl ; adda 597-603
ARTI IH C ìAl.M WSKI, Problemi di terminologia onomastica. Contributi
/><•>• un dibattito 604-624
1. Quanto conta per un testo letterario la sua geografia? Anche restando su
Rubriche un piano meramente impressionistico, sembra ovvio rispondere che conti
M a t e r i a l i bibliografici
molto. Anzitutto - verrebbe da dire - perché costituisce lo sfondo a cui si le-
Schede ga irreversibilmente, nella percezione dei lettori, la memoria di un racconto o
l'aolo l'oicctti (a cura di), L'onomastica dell'Italia antica. Aspetti linguistici, storici, di una poesia: la Lombardia dei Promessi sposi, le Cinque Terre degli Ossi di
ciiltni'iili, tipologici e classificatori (Roma, Ecole Francaise de Rome 2008) seppia, la Napoli di Andreuccio da Perugia. Una risposta assai più categorica è
( l ' i ' U i IA l.(x;n/./.o| 626-634
avanzata da Franco Moretti: in un testo letterario, «quel che succede dipende
l'aolo Poi celti (a cura di), l.es prénoms de l'Italie antique. Journée d'Études,
l.yoii, 26 janvier 2004 (Pisa/Roma, Fabrizio Serra Editore 2008) dal dove succede».1 Gli elementi geografici e ambientali, più che limitarsi al
634-637 ruolo d'inerte scenografia, per quanto caratterizzante agli occhi del lettore,
l i i o v a n n i Rullino, Mestieri e lavoro nei soprannomi siciliani. Un saggio sono decisivi per l'azione narrativa, talora per i significati stessi di un'opera.
ili ycotintroponomastica (Palermo, Centro di Studi filologici e linguistici Le riflessioni di Bachelard, Bachtin, Lotman e Uspenskij, Corti,2 così come,
s i i ' i ì i a n i 200')) IF.N/.O CAI-TARI-LU] 638-641 in campo propriamente disciplinare, quelle dei geografi della percezione,
Pieio A l i i a t e , Iti mi chiamo... Dizionario dei cognomi piemontesi. Etimologia,,
\li>i'iii /Ielle famiglie, personaggi celebri, diffusione sul territorio, flussi migratori,
hanno sottratto i dati geografici della letteratura al tradizionale pregiudizio
lrc<]iicii\:c aiidgrajìchc ('Ibrino, Abacus 2009) |EN/X) CAhT'AKKl.Lll 642-646 "referenzialista", che vi vede solo un riflesso della realtà extratestuale, eviden-
( m i s u r i l i ( J.ircu ( ìallarin (dir.) / Karlos Cid Abasolo (coord.), Los nombres
de pcrwHii en la socirdiid y eii la li tenti uni de tres culti/ras (Madrid, Sflex pRANCO MORETTI, Atlante del romanzo europeo, Torino, Einaudi 1997, p. 74.
o l u i o i i o .'00')) | V / \ i i R I A C I D I i R I . DA] 646-648 GASTON BACHELARD, Lapoétique de l'espace, Paris, PUF 1957; MICHAIL BACHTIN, Le forme
( n o M i d i . m/. i, l'iliif, (Jiioiulam. A origem e o significa/lo do* soì/renomes itiiliiiiios del tempo e del cronotopo nel romanzo, in Io., Estetica e romanzo, Torino, Einaudi 1979, pp.
(Silo l ' a l i l o , I ..noti.vsc ilo Kla.sil .?.()( )9, .'.•') |l ; .N/i i ( ',M I A R I I I l| d'I 9 651 231-405; JURI M. LOTMAN / BORIS A. USPENSKIJ, II concetto di «Mosca, terza Roma» nell'i-
l'ai u S. il. ibi-in /.n. n !<•)',! . //.e» tlipiiik r'ink,inis, ( I d i l l i o Uìlb.io, l ' u s k . i l r / . i i i u l i . i deologia, di Pietro I, «Europa Orientalis», 5 (1986), pp. 481-94; MARIA CORTI, La città come
Hc.ll Ai .idi-mia de 1. 1 I n i q u a V.IM.I .'Od')) | M l k l I 1 il Wl« M \ A I I i , l | fiS.'. d'Sf) luogo mentale, «Strumenti critici», Vili (1993), 73, pp. 1-18.
M i l i . i l v I l.i|dn, ( \tiliidnerfk eiin(-lo/<cili,ii,i ( U i n l . i | i r s i . I I H I A K o n v v l i i a d i ' i .'(HO)
503 RK)N, xvi (2010), 2, 503-522
. Leonardo Terrusi. . I toponimi letterari: luoghi immaginari, luoghi reali, luoghi comuni.

ziandone invece un valore soggettivo, memoriale, in una parola "mentale". zione antinaturalistica, coincidente con nomi di donna, dietro alcuni dei qua-
Intuizioni che la critica, in Italia come nel resto del mondo, ha metabolizzato li si è talora voluto riconoscere un raffinato alone connotativo.5 Ma ciò che li
negli ultimi anni.3 Un percorso analogo, si noterà, ha compiuto l'onomastica accomuna tutti, è semmai un costante richiamo intertestuale a varie tradizioni
letteraria, progressivamente estendendo il suo raggio d'indagine a nuovi auto- letterarie, da quella classica (Aglaura, Bauci, Fillide, Laodomia, Pirra, tutti at-
ri, opere, generi, individuando inediti valori e funzioni del nome proprio. Ac- testati, segnatamente, in Ovidio, Perinzia e Andria, eponime di due comme-
costando le due prospettive, è forse allora possibile aggiornare l'interrogativo die menandree da Terenzio contaminate nell'Andria), a una certa storiografia
di Moretti: se è vero che in letteratura conta il dove, in quale misura ciò può impregnata di esotismo decadente (il mito di Bisanzio evocato da nomi di im-
dipendere dal nome di quel dove? peratrici come Anastasia, Eudossia, Eufemia, Eutropia, Irene, Procopia, Zoe), a
Pur senza pretese teoriche o d'esaustività, si tenterà di suggerire alcune rispo- storie medievali sospese tra leggenda e melodramma (Teodora, Marozia,
ste, privilegiando un'esemplificazione tratta dalla letteratura italiana moderna e Moriana, Valdrada), alla novella orientaleggiante sette-ottocentesca, e da qui
contemporanea. A questo scopo, si individueranno preliminarmente due assi al teatro e alla librettistica coevi (i nomi da turquerie esemplificati dalla copio-
lungo i quali le varie forme della toponimia letteraria sembrano collocabili: da sa serie in Z-: Zaira, Zenobia, Zemrude, Zirma, Zobeide, Zora), ecc. Immagi-
una parte quello relativo al luogo cui il toponimo corrisponde (insomma, il suo nario, con gradazione differente, sarebbe l'universo toponimico della Cogni-
referente), esteso tra i due estremi immaginario/reale; dall'altra quello del segno zione del dolore di Gadda, ispirato a una vena grottesco-espressionistica che
linguistico che lo rappresenta (insomma, il suo nome), delimitato a sua volta deforma ogni eventuale referenzialità, sin dal nome dello stato sudamericano
dai poli inventato/vero. Un'ulteriore distinzione parrebbe sovrapporsi a que- in cui il romanzo è ambientato, Maradagàl (con il confinante Parapagàl), co-
st'ultima: quella tra nomi parlanti o semantici, dal significato correlabile a qua- me degli altri luoghi della scena, Pastrufazio, Novokomi, Terepattola, El Prado,
lità o caratteristiche del luogo cui sono assegnati (e ciò riguarderebbe i toponimi Lukones, ecc., su cui l'autore fa «confluire una molteplicità di fatti, di nomi
inventati), e nomi asemantici, privi di significato, senza connessione tra nomen storici e allusioni, creando possibilità di letture a vario livello di approfondi-
e res (categoria che prevarrebbe nel caso di toponimi tratti dal vero). Uno sche- mento e ambiguità connotativa».6 Ma stando al principio sopra enunciato,
ma, lo si ammetterà già in limine, che corrisponde solo al modo più convenzio- immaginaria sarebbe anche la Fontamara di Silone, toponimo pur verisimile e
nale di valutare la presenza toponimica in un testo letterario, stante la comples- collocato nell'Abruzzo reale, ma dichiaratamente fittizio, la cui natura seman-
sità, per non dire inafferrabilità, degli stessi concetti di "reale" e "immaginario". tica è resa esplicita da un'interpretatio che ne evidenzia il valore ideologico:
Assumendolo comunque come mero espediente espositivo, l'incrocio tra i "amara" è la "fonte", come la vita dei "cafoni" che da essa dipendono.7
due assi delimita un primo quadrante, classificabile sotto il cartellino definito-
rio apparentemente univoco di "toponimi immaginari", cioè "inventati" da 5 Cfr. PIER VINCENZO MENGALDO, L'arco e le pietre (Calvino, «Le città invisibili»), in Io., La tra-
un autore, non riscontrabili sulle carte geografiche del mondo reale, e dunque dizione del Novecento. Da D'Annunzio a Montale, Milano, Feltrinelli 1975, pp. 430-51: 430
(Irene è. «nome e paradigma di città da lontano»); PETER KUON, Crìtica, e progetto dell'utopia:
rinvianti, si potrebbe inferirne, a luoghi altrettanto immaginari. È questo il Le città invisibili di Italo Calvino, in MARIO BARENGHI / GlANNI CANOVA / BRUNO FALCETTO
presupposto, per esempio, del Dizionario dei luoghi letterari immaginari di (a cura di), La visione dell'invisibile. Saggi e materiali su Le città invisibili, Milano, Mondado-
Anna Ferrari, di fatto circoscritto solo a luoghi dal nome fittizio.4 Su tale tipo ri 2002, pp. 24-41: 39 n. 35 (Perinzia allude a una «condanna al tramonto»); FERRARI, Di-
toponimia) parrebbe sulle prime doversi concentrare l'indagine, alla ricerca di zionario..., cit., ss.w. (Melania, 'città nera' trova nella morte la sua essenza; Eutropia, 'buon
cambiamento', è in continuo mutamento ma identica a se stessa; Aglaura, città "sbiadita,
risonanze e motivazioni dell'invenzione autoriale. Sarebbe ad esempio il caso senza carattere", vive in contrasto con l'etimo 'splendido, fulgido, magnifico').
delle Città invisibili di Calvino, collocate in un Oriente che è esso stesso para- 6 Ad esempio, in Lukones allignerebbe un rinvio, oltre che al lombardo lucon 'cretino' e al lo-
digma di un "altrove", e la cui natura immaginaria è esaltata da una nomina- co spagnolo, anche allo scrittore Lugones, attivo a Buenos Aires quando Gadda vi soggiorna
(MARIA ANTONIETTA GRIGNANI, Novecento plurale. Scrittori e lingua, Napoli, Liguori 2007,
Cfr. lù.l/.AHETH H. JONES, Literature and thè New Cultuml Geography, «Anglia », 126 pp. 9-28: 23-24: da qui la citazione; in Novokomi uri eco del catulliano «Novi:relinquens /
(2008), 2, pp. 221-40. Comimoema.» (35, 3-4) (ENRICO FLORES, Accessionigoddiane, Napoli, Loffredo 1973, p. 73).
'Ibrino, UTET 2006; criterio dichiarato in EAD., Un contributo allo studio della toponomasti- 7 «All'entrata di Fontamara, sotto una macera di sassi, sgorga una povera polla d'acqua, simi-
ca Ifllrmria. Il progetto ^'/Dizionario dei luoghi immaginari della letteratura (DLIL), «Rivi- le a una pozzanghera [...] l'acqua scava un buco, sparisce nella terra pietrosa, e riappare ai
Ma luiliaiu di Onomastica», Vili (2002), 2, pp. 403-22: 406. piedi della collina, più abbondante, in forma di ruscello. [...] Da esso i cafoni di Fontana-

U I O N , XVI (2010), 2 504 505 RION, xvi (2010), 2


. Leo nardo Terrusi. . I toponimi letterari: luoghi immaginar!, luoghi reali, luoghi comuni.

Specialmente considerando l'ultimo esempio, sembrerebbero dover pren- esso si realizza quando siano introdotti dettagli realistici non motivati sul pia-
dere qui posto decine di toponimi letterari d'"invenzione" più o meno (in)ve- no narrativo né su quello del significato, unicamente rivolti ad affermare la
rosimili: basterebbe rinviare al regesto di Anna Ferrari per esemplificarne la contiguità tra testo finzionale e mondo reale. E insomma, una funzione di
vastissima congerie. Ma si passeràpiuttosto a esaminare il quadrante opposto, questo tipo esaurirebbe le potenzialità letterarie di ogni toponimo "vero".
quello dei "toponimi veri", attinticioè dagli atlanti reali, e perciò finalizzati, si Le cose, come annunciato, sono molto più complesse, e lo schema delineato
potrebbe aggiungere, all'evocazione di un paesaggio reale, cioè a un ancorag- si rivela fondato su una petitio principii solo apparentemente incontrovertibile.
gio storico e referenziale, o, con formula barthesiana, a un "effetto di reale".8 Non sempre, per cominciare, toponimi inventati hanno l'effetto di evocare luo-
Un'idèe refue largamente radicata vorrebbe infatti che tale effetto sia priorita- ghi "immaginari"; e, viceversa, si vedrà che anche una toponimia tratta dal mon-
riamente affidato, in una sorta di principio di economia descrittiva, alla cita- do reale può essere curvata verso la ricerca di effetti estranei a un puro realismo.
zione di toponimi reali,9 corrispoadenti a luoghi dotati di un'esistenza ogget- Che rispetto all'intenzione di suscitare un'illusione realistica (creando l'impres-
tiva e verificabile. Verrebbe naturale di rintracciarne gli esempi più calzanti sione di trattare di un luogo reale) non sia sostanziale l'utilizzo di toponimi veri
nella narrativa di stampo realistico o verista; come nell' incipit della novella La e, anzi, l'esistenza stessa nel mondo reale del referente-luogo cui il toponimo si
roba verghiana, in cui «il realismo trova garanzia» proprio «nell'insistente pre- riferisca, lo rilevava già Barthes a proposito dei proustiani Baìhec, Combray, Mar-
senza di toponimi»:10 «[...] lungo il Biviere di Lentini, steso là come un pezzo tinville. Toponimi non individuabili su alcuna carta geografica perché inesistenti,
di mare morto, e le stoppie riarse della Piana di Catania, e gli aranci sempre ma che, nota Barthes, appaiono comunque lontani dall'evocazione di un mondo
verdi di Francofonte., e i sugheri grigi di Resecane, e i pascoli deserti di Passane- immaginario, in ragione di una loro «plausibilità francofonica», dell'assimilabi-
to e di Passanitello [...]». A esser scelto, in casi come questo, più che il nome lità linguistica alla toponimia francese reale.12 Che essi poi si carichino nelle revè-
sembrerebbe il luogo, il referente geografico reale dove l'autore sceglie di loca- ries del Narratore di valori apertamente connotativi (a loro volta oggetto di anali-
lizzare l'azione finzionale.11 Motivazioni e significazioni delle scelte toponimi- si del critico) sarebbe, in fondo, altro discorso: la finzione primaria resterebbe
che sarebbero prossime allo zero; unico margine d'indagine critica la ricerca quella di appoggiare tali interpretationes su toponimi dati come realistici.
dei particolari motivi che spingono a scegliere un luogo o un altro. Si potreb- Guardando al fenomeno in chiave non genetica (cioè rispetto alle motiva-
be anzi arrivare a sostenere che l'eliminazione dal testo di uno o più toponimi, zioni d'autore), ma semmai nell'ottica della ricezione del lettore, conferma
o la sostituzione con descrizioni più generiche, non avrebbe altra conseguenza quest'assunto il singolare esperimento di Michael Riffaterre, che sostituì i to-
che quella di indebolire l'effetto di reale, senza alcun danno per la coerenza te- ponimi veri delle Ardenne nel racconto La débàcle di Zola, caratterizzato da
stuale, rispondendo così alla formulazione originaria di Barthes, secondo cui una minuziosa precisione topografica, con nomi dell'elenco telefonico: il mu-
tamento non provocava alcuna modifica nella ricezione dei lettori, che non
ra han sempre tratto l'acqua per irrigare i pochi campi che possiedono ai piedi della collina ponevano minimamente in dubbio la mimesis realistica.13 Passando dalla si-
e che sono la magra ricchezza del villaggio. Per spartirsi l'acqua del ruscello ogni estate tra i
cafoni scoppiano spesso liti furibonde. Negli anni di maggiore siccità, le liti finiscono tal-
mulazione alla realtà testuale, Timpanaro notava che proprio Zola nel roman-
volta a coltellate; ma non per questo l'acqua aumenta» (IGNAZIO SlLONE, Romanzi e saggi, zo La fortuna dei Rougon sostituisce i toponimi del Mezzogiorno francese con
voi. i (1927-44), a cura di BRUNO FALCETTO, Milano, Mondadori 1999, p. 30). altri «esistenti altrove o, più spesso, da lui inventati».14
Cfr. ALGIRDAS J. GREIMAS / JOSEPH COURTES, Sémiotique. Dictionnaire raisonné de la théo-
rie du langage, Paris, Hachette 1979, p. 16; ROLAND BARTHES, L'effet de réel, «Communica- ROLAND BARTHES, Proustetles noms, in To honor Romanjakobson, L'Aja, Mouton 1967, poi
tions», 11 (1968), pp. 84-88. in ID., Oeuvres complète!, édition établie et présentée par ERIC MARTY, t. II, 1966-73, Paris,
Cfr. YvES BAUDELLE, Cartographie réelle et géographie romanesque: poétique de la transposi- Éditions du Seuil 2002, pp. 1368-77: 1374 (cfr. su questo PASQUALE MARZANO, Le funzio-
tìon, in GERARD LAVERGNE (a cura di), Création de Vespace et narration littéraire, Nice, Fa- ni narrative dei nomi asemantici, «il Nome nel testo», VII [2005], pp- 77-92: 81).
culté des Lettres 1998, pp. 45-63: 45. Cfr. MICHAEL RIFFATERRE, L'explication desfaits littémires, in SERGE DOUBROVSKY / TZVETAN
VITTORIO SPINAZZOLA, Verismo e positivismo, Milano, Arcipelago Edizioni 1993, p. 84 (da TODOROV (a cura di), L'Enseignement de la litterature, Paris, Plon 1971, pp. 331-55.
qui la citazione del passo verghiano). Cfr. SEBASTIANO TIMPANARO, Presentazione a ÉMILE ZOLA, La fortuna dei Rougon, trad. it. e
Cfr. YviiS BAUDELLE, Sémantique de l'onomastiquefictionelle: esquisse d'une topique, in MAR- cura di S.T., Milano, Garzanti 1992, pp. XXXVII-XXXVin. Se per Timpanaro ciò dimostra il
TINI; l.KONARD / Él.lSABKTH NARDOUT-L.AFARGE (a cura di), Le texte et le nom, Montreal, valore connotativo dei toponimi zoliani, GIUSEPPE PANELLA, Émile Zola. scrittore sperimenta-
XY/. cclitcur 1996, pp. 25-40: 34. le, Chieti, Solfanelli 2009, fa rientrare anche questo nell'"effetto di realtà".

K K ) N , xvi (2010), 2 506 507 R1ON, xvi (2010), 2


. Leonardo Terrusi. . I toponimi letterati: luoghi immaginari, luoghi reali, luoghi comuni.

Si tratta di funzioni in cui rientrerebbero innumerevoli toponimi della tradi- ti testuali. Per esempio, dalla possibilità di riconoscervi un referente reale grazie
zione italiana, pur a rigore catalogabili come "immaginari", perché "inventati". a descrizioni del luogo, come per la Vignetta della novella pirandelliana // «no»
Quasi a fare da pendant italiano del caso-Zola, ciò avviene nel capostipite teori- di Anna, identifìcabile come Porto Empedocle, collocata com'è tra Monte Ros-
co del verismo, Luigi Capuana, che ambienta il Marchese di Roccaverdina in un sello e Punta Bianca;18 o per la Ràbbato di Capuana, rinviante a Mineo in virtù
paese inesistente, Ràbbato, forma dialettalmente caratterizzata di Rabato, nome di descrizioni come quella della casa dei Roccaverdina, posta su una collina che
di origine araba, come egli stesso annota in una lettera a Verga,15 del quartiere ospita «le torri dell'antico castello rovesciate dal terremoto del 1693».19 Ma sono
delle fornaci di Mineo, suo paese Male. Ed è ciò che accade nei romanzi di un forse più frequenti i casi in cui un'identificazione rimane incerta o impossibile.
altro scrittore gravitante nell'alveo di un recupero di ideologie e tecniche narra- È qui che condizione della loro verosimiglianza diviene semmai, barthesiana-
tive realiste: Signora Ava e Terre delSacramento di Francesco Jovine, costellati di mente, la loro "plausibilità linguistica", come per i toponimi ioviniani: Sacra-
toponimi come Morutri, Pietrafokn, Samanna, Macchia Loreto, Terra Vecchia, mento, feudo ecclesiastico che, riferisce il romanzo, «aveva in cima [...] un pog-
Galena, lo stesso Sacramento eponimo, tutti assenti dalla mappe reali, ma che gio con la chiesetta diruta da cui prendeva nome», configurandosi come forma
nessun lettore si sognerebbe di collocare in uno spazio diverso dal Molise vero. "agiotoponomastica" (segnatamente di quelle fondate sull'intitolazione di chie-
Ma è fenomenologia che attraversa stagioni e generi letterati tra i più vari, se),20 di tipo diffusissimo al Sud; Macchia di Loreto, che richiama due elementi
tanto da poter costituire una sorta di Baedeker che farebbe concorrenza a un'a- toponimici di larga attestazione meridionale e specificamente molisana;21 Gale-
naloga guida reale. Basti ricordare Acque Traverse e Lucignano, centri del sud in na, che adombrerebbe Isernia pur portando l'antico nome dell'odierno comune
cui si svolge la storia di Io non ho paura di Niccolo Ammaniti: nomi di fantasia, molisano di Casacalenda; con qualche forzatura si noterà l'assonanza tra Saman-
ma saldamente ancorati al territorio apulo-lucano; o il sicilianissimo paesaggio na e Tavenna (Campobasso); e lo stesso Morutri, apparentemente refrattario a
di Andrea Camilleri, fondato su toponimi inventati o trasfigurati, consistenti, simili accostamenti, ricorda Morunni, usato da un altro scrittore di origine mo-
come mostra tra gli altri Enzo Caffarelli,16 in microvariazioni di nomi veri, qua- lisana, Luigi Incoronato, per camuffare Ururi (Campobasso).22 Un'osservazione
li Belfi, Calapiano, Cavàra, Comisini, Fiacca, per Menfi, Calatabiano, Favata, alternativa o meglio complementare è che, per la percezione come "realistici" di
Comitini, Sciacca, e, ad eccezione dei due più importanti, Vigàta e Montelusa toponimi inventati, determinante sia la compresenza di altri toponimi veri.
(che corrispondono a Porto Empedocle e ad Agrigento, come già in alcune no- Sviluppando l'argomento e contrario, Pierre Jourde considera come discri-
velle e nel dramma / vecchi e i giovani pirandelliani), non collocabili con preci- minante per definire un mondo "immaginario" il fatto che esso coincida con
sione su un atlante, tantomeno al posto di quelli che paiono come i loro corri- un insieme spaziale identificato da toponimi in maggioranza inventati, ma "a
spondenti reali. Ma un simile effetto giunge a investire la pur espressionistica to- condizione che tale insieme formi una struttura "autonoma" nettamente di-
ponimia della Barbagia di Salvatore Niffoi (Abacrasta, Melagravida, Ispinarva, staccata dallo spazio conosciuto ed esplorato nel momento in cui l'autore
Oropische, Piracherfa, Orotho), che, per quanto dichiaratamente estranea alla to- scrive".23 Insomma, un altrove, di cui il toponimo inventato, isolato o inseri-
pografia reale,17 appare non solo modellata sulla realtà, ma anzi su una sorta di
ipercaratterizzazione "sardofonica", che incrocia straniamente e riconoscimento. 18 CAFFARELLI, Nomi di luogo..., cit., p. 189.
Almeno in alcuni casi, l'effetto straniante potenzialmente suscitato del topo- 19 LUIGI CAPUANA, // marchese di Roccaverdina, Milano, Mondadori 1991, p. 35.
nimo inventato (percepibile in verità solo da chi sia in grado di discernere a col- 20 Cfr. GIOVAN BATTISTA PELLEGRINI, Toponomastica italiana, Milano, Hoepli 1990, p. 398.

po d'occhio una topografia spesso minuta) sembra neutralizzato da altri elemen- La citazione del romanzo proviene dall'edizione Torino, Einaudi 1962, p. 64.
21 Per il primo cfr. Macchia Valfortore (Campobasso) o Macchia d'hernia (Isernia); Loreto è fì-
totoponimo < LAURETUM diffuso a sud (cfr. Loreto Aprutino [Pescata]), o «trapianto o to-
''' CIMO RAYA, Carteggio Verga-Capuana, Roma, Edizioni dell'Ateneo 1984, pp. 121-23 (3 ponimo di riporto» dal nome del noto santuario marchigiano (PELLEGRINI, Toponomastica
giugno 1881). italiana, cit., p. 3).
"' Nomi dì luogo in Andrea Camilleri. Un'inchiesta irrisolta del commissario Montalbano, «il No- 22 Così, per fare un altro esempio, l'Acque Traverse di Ammaniti rientra nella diffusa categoria
me nel testo», i (1999), pp. 175-90. toponimica costruita con Acqua (ivi, p. 370), Lucignano a un paese reale ma semmai in pro-
" ( )lr. \' incipit Ae\o La leggenda di Redenta Tiria (Milano, Adelphi 2005, p. 15): vincia di Arezzo (ma cfr. Lucugnano [Lecce]).
«Abacà, abaco, Abacuc... Abacrasta, il nome del mio paese, non lo troverete in nessuna en- " PIERRE JOURDE, Géographies imaginaires de quelques inventeurs de mondes au XX' siede:
ciclopedia, e neanche segnalato nelle carte geografiche...». Gracq, Borges, Michaux, Tolkien, Paris, Corti 1991, pp. 14-17 (traduzione mia).

, xvi (2010), 2 508 509 RION, xvi (2010), 2


. Leonardo Terrusi. . I toponimi letterati: luoghi immaginari, luoghi reali, luoghi comuni.

to in un vero sistema, diviene la "porta", invitando all'esplorazione dell'ignoto può mirare semmai a salvaguardare un'autonomia della creazione letteraria ri-
referente spaziale. Se questa nozione di luogo e toponimo immaginari si adat- spetto alla realtà da cui pure si attingono dati o ispirazione, quasi a distanziarla
ta per Jourde alle Syrtesdi Gracqa alla Tlon di Borges (trovando equivalenti e a evidenziarne un valore sentimentale e individuale. Ottica che si adatterebbe
italiani nel deserto dei Tartari?, nella Fortezza Bastianidi Ruzzati), al contrario ai romanzi di Giuseppe Dessi, in cui, dichiaratamente, la Sardegna è geografia
toponimi come la Balbec di Proust, collocati tra coordinate toponimiche reali intcriore e universale,27 pur corrispondendo a un paesaggio per nulla straniante,
e dichiarate (Parigi, la Normandia) sono percepibili come reali per il motivo collocabile tra Buggerru e Villacidro, paese natale dello scrittore, adombrato da
opposto. Così, la sicilianità del paesaggio del Marchese &\a sarebbe vi- toponimi inventati e pur plausibili come San Silvano (eponimo del primo ro-
dimata anche dalla presenza di toponimi come Catania, Caltagirone, e i meno manzo), Norbio (in Paese d'ombre), Cuadu (II disertore), Ordenas. Pontario (I
noti Margitello e Casalicchio, e analogamente accadrebbe in Camilleri. passeri), Parte d'Ispi, a cui si affiancano i veri Ales, Basa, Ghilarza.
Particolarmente significativi sono i casi in cui l'invenzione toponimica sia
oggetto di esplicite riflessioni autoriali, come per Fontamara, il cui ambiguo
2. Si tratta di aspetti che qualcuno potrebbe almeno in parte ascrivere a un'at- statuto è oggetto di un metadiscorso nella Prefazione del romanzo.28 Qui sem-
tardata ottica referenzialista, ritenendoli irrilevanti ai fini della realizzazione bra inequivocabilmente dichiarata la sua natura finzionale, quando si afferma
dell'effetto di realtà agli occhi del lettore implicato dallo specifico patto narra- che Fontamara è «luogo che nessuna carta geografica menziona» (come in ef-
tivo di un testo realistico, lettore cui non è richiesto di avere alcun interesse fetti è nella realtà); ma all'effetto di straniamente fa subito da contraltare la
né, in fondo, competenza, per interrogarsene.24 Così come non apporterebbe presenza, nella medesima cornice prefatoria, di segnali opposti: oltre alla con-
sostanziali guadagni interpretativi il riconoscimento delle varie tipologie di testuale citazione di toponimi veri (il Fucino, la Marsica), la dichiarazione di
toponimi inventati (fittizi ma identificabili con luoghi reali, come Ràbbato, o aver «dato questo nome a un antico e oscuro luogo» (di cui così si assume per
no, come quelli camilleriani, ecc.), o delle modalità con cui il travestimento è reale il referente), e di sapere che il nome esiste in altri centri del sud, per in-
realizzato (nomi linguisticamente plausibili, parlanti, casi di «metonimia to- trodurre l'asserzione che Fontamara somiglia a ogni villaggio meridionale. Si
ponomastica»,25 ecc.). Ma essi non saranno indifferenti su altri piani: non so- affaccia qui il motivo della «universalità del cafone», identificato con tutti gli
lo su quello filologico, utile a ricostruire l'extratesto di un'opera, ma anche su oppressi e i diseredati del mondo; ma sul piano strettamente toponomastico è
quello più estesamente genetico, teso a valutare grado e intenzionalità di rea- significativo soprattutto che il nome, proprio grazie al metadiscorso autoriale
lismo e verosimiglianza (o del loro opposto) toponimici adottati da uno scrit- che lo commenta e ne giustifica la genesi, venga apertamente qualificato co-
tore: necessari per individuare anche altre funzioni della toponimia, che giun- me "pseudotoponimo", nome sostitutivo di uno reale, rafforzando così l'effet-
gono persine a trascendere, come si vedrà, il rapporto realtà/immaginazione. to di realtà. Di fatto, una delle reazioni più comuni dei lettori di Fontamara è
Ci si può chiedere anzitutto per quale motivo, quando lo scrittore abbia in stata quella di tentare di scoprirne il corrispondente reale, dandone cioè
mente un preciso referente reale, egli scelga di non utilizzarne il toponimo. un'interpretazione referenzialista. A provarlo è in particolare una circostanza
Sembra credibile che incidano spesso scrupoli di discrezione, se non timori di apparentemente grottesca ma quanto mai significativa, paragonabile all'espe-
censura. È questo che indurrebbe Capuana a travestire Mineo in Ràbbato, come rimento di Riffaterre, se non più efficace nella sostanza. A offrirla furono que-
induce a credere la sua dichiarazione che il romanzo fosse originariamente am- gli agenti dell'oVRA che diedero per mesi la caccia sul territorio abruzzese, su-
bientato a Spacca/orno (che dal 1935 assumerà il nome di Ispica) «per non fam bito dopo l'uscita del romanzo (nel 1933 in traduzione tedesca, a Zurigo, e
lapidare da tutti i suoi personaggi».26 In altri casi la "ri-creazione" del toponimo
27 Cfr. la sua dichiarazione: «Perché in Sardegna? [...] perché, come ci insegnano Spinoza,
w Or. FRANCOISE GAILLARD, The Great Hlusion ofRealism, or The Realas Representation, «Poe- Leibniz, Einstein e Merleau-Ponty, ogni punto dell'universo è anche il centro dell'universo»
rics Today», 5 (1984), pp. 753-66: 765. (Prefazione^ I passeri, Milano, Mondadori 1965, p. Xl). Cfr. anche GIUSEPPE MARCI / LAURA
" CAFFAREI.I.I, Nomi di luogo..., cit., p. 189, cioè "promozione" di microtoponimi a macroto- PISANO, Giuseppe Dessi: i luoghi della memoria., Cagliari, CUEC 2002.
ponimi. 28 Assente nell'originaria versione manoscritta (cfr. BRUNO FALCETTO, Notizie sui testi, in Sl-
•"' Nella medesima lettera a Verga, in RAYA, Carteggio..., cit., p. 121; cfr. anche SERGIO CAMPAIL- LONE, Romanzi..., cit., p. 1485), mostrandosi così come acquisto graduale e meditato nella
IA, II giovane, il vecchio e Capuana, «Libri e riviste d'Italia», 559-62 (1996), pp. 411-17: 415. strategia d'autore.

RION, xvi (2010), 2 510 511 RION, xvi (2010), 2


. Leonardo Terrusi. . I toponimi letterati: luoghi immaginar!, luoghi reali, luoghi comuni.

poi subito dopo in italiano a Parigi) alla fantomatica Fontamara, cercando di prova dell'inclinazione mitopoietica di Silone,34 vi si individuerà soprattutto
identificare il vero «paesetto dell'Abruzzo» celato dietro il nome.29 Si dirà: si una rete narrativa e di senso che ruota attorno al toponimo.
tratta di letture ingenue del romanzo, cadute nell'equivoco di considerare un Un altro esempio con il quale è pressoché d'obbligo confrontarsi trattando
testo finzionale come documentario, per incomprensione del canonico patto delle motivazioni autoriali sottese alle scelte toponimiche, e di quanto esse
che dovrebbe indurre a far accettare che ciò che verrà raccontato (anche i det- fanno emergere del complesso rapporto tra realtà e immaginazione, è il Pa-
tagli di natura ambientale) sia UBI finzione?™ Ma ciò che mette conto notare sticciacelo di Gadda. Se si guarda al suo complessivo quadro toponimico, non
è che si tratti qui di una "trappola' coltivata da un'esplicita strategia narrativa. si può che trovar conferma di quell'impressione di «mimesi millimetrica», se
A conferma di questo, si noterà come sia lo stesso autore a testimoniare e in non di «ossessione realistica», che molti lettori hanno individuato, con la soli-
un certo senso avallare a più riprese tale ambiguità del toponimo. Qualche an- dissima realtà dei toponimi citati, da Santo Stefano del Cacca al Torraccio, a
no più tardi, nel racconto intitolato La pena del ritorno, incluso in Uscita di si- Piazza Vittorio, sino al «microscopico» centro dei Colli Albani Pavona. Una
curezza (già uscito su «Comunità» nel 1949 col titolo di Ritorno a Fontamara), mimesi riconosciuta dallo stesso scrittore, pur in una chiave di ambigua oscil-
Silone racconta dell'incontro, nei corridoi del treno che lo riporta al paese d'o- lazione tra esibizionismo e vittimistico timore reticente: «Un libro sfortunato,
rigine, con un «sedicente giornalista», che riconosciutolo gli chiede ex abrupto: sfortunatissimo, per via dei nomi. Per l'onomastica. Colpa della mia fissazio-
«che diavolo fai su questo treno? Torni alla tua Fontamara?»; poi incalzandolo: ne realistica, che mi ha spinto a identificare con precisione i luoghi, le strade,
«Ma dov'è esattamente la tua Foatamara? [...] Nella tua immaginazione, a le piazze, insomma la topografia, a precisare l'ambiente».35 Eppure, all'interno
quale dei nostri villaggi corrisponde? Ad Aielli? A Ortucchio? A Bisegna?». «È dell'apparente compattezza realistica s'insinuano crepe inquietanti, come
un mio segreto», è la risposta dello scrittore, che più avanti sembra ribadire la quella che induce a collocare al numero civico 219 di via Merulana, centro di
natura finzionale del toponimo.31 Del resto, a distanza di anni riemerge un al- tutto il romanzo, un Palazzo degli Ori che in realtà non vi è mai sorto; o che,
tro dettaglio che vale ad arricchirne l'interpretazione: Silone confidava infatti tra tanti realissimi toponimi, insinua un'inesistente Tor di Gheppio?^ Feno-
ai suoi compagni d'esilio che Fontamara era «nome preso dalla via di Pescina meni che rientrano certo in tipologie ben note ai narratologi,37 ma sarebbe ri-
in cui aveva vissuto sino al terremoto», chiamata così dai contadini, «perché duttivo limitarne la portata, in Gadda, solo a questo. Si ricorderà piuttosto
appoggiata ad una collina da cui esce una piccola sorgente d'acqua», anche do- che per lui «la realtà immediata (topografia, cronologia, corpo, materia, ecc.)
po che la strada era stata ribattezzata con altro nome.32 E la solita promozione esiste», ma «ha bisogno di essere in qualche modo sovvertita, ricollocata,
di un microtoponimo a macro-, che però vale qui a confermare la polisemia
del nome, sospeso tra realtà, memoria autobiografica e reinvenzione, raffor- che FONTAMARA, questo villaggio abruzzese inventato e che non esiste neppure in Abruzzo,
zandone il ruolo di crocevia tra contingenza realistica, e anzi autobiografica, ed è una realtà di ogni paese» (in FALCETTO, Notizie sui testi, cit., pp. 1464-65).
emblema universale.33 E più ancora che una trasfigurazione della realtà o una 34 MARIA NICOLAI PAYNTER, Ignazio Silone: beyond thè tragic vision, Toronto, University Press
2000, pp. 78-79.
35 Intervista di Gadda a CESARE GARBOLI, La stanza separata, Milano, Mondadori 1969, pp. 161 -68.
36 Su tali aspetti cfr. FERDINANDO AMICONI, La più semplice macchina. Lettura freudiana del
•"' Vicenda recentemente messa in luce da Diocleziano Giardini (cfr. OTTORINO GURGO / Pasticciacelo, Bologna, il Mulino 1995, p. 46; FEDERICO BERTONI, La verità sospetta. Gadda
FRANCESCO DE GORE, Silone: l'avventura di un uomo libero, Venezia, Marsilio 1998, p. 166 e l'invenzione della realtà, Torino, Einaudi 2001, pp. 39-58; FRANCO FARINELLI, Territorio e
e n. 9; ADNKronos, Roma, 2 settembre 2000, <www.adnkronos.com/Archivio/AdnAgenzia/ romanzo, «The Edinburgh Journal of Gadda Studies», 6 (2007), <www.gadda.ed.ac.uk/
2000/09/02/Cultura/>). Pages/journal/issue6/articles/farinelliterritori06.php>; RAFFAELE MANICA, Pasticci periferici,
111 Cfr. JOHN SEARLE, Statuto logico della finzione narrativa, «Versus», 19-20 (1978), pp. 149-62. «II caffè illustrato», IH (luglio-ottobre 2003), 13-14, pp. 82-83. Si attendono gli Atti dei
11 «Nel 1930 [...] mi misi a scrivere un racconto al quale posi il nome di Fontamara. Mi fab- convegni Gadda. a Roma. La storia., la città, il teatro: il Pasticciaccio (Roma, 19 maggio
bricai da me un villaggio, col materiale degli amari ricordi e dell'immaginazione, ed io stes- 2003) e Storia e geografia ^/Pasticciacelo. Carlo Emilia Gadda e i luoghi di Quer pasticciac-
so cominciai a viverci dentro» (ed. cit., voi. II, p. 915). elo brutto de via Merulana a cinquantanni dalla sua pubblicazione (Roma/Frascati, 3-4 ot-
'•' FRANCA MAGNANI, Una famiglia italiana, Milano, Feltrinelli 2002 [l a ed. ted. 1990, trad. tobre 2007), entrambi curati da Andrea Cortellessa.
it. I991],p. 98. 37 Invariato rimane, infatti, sul piano della ricezione, l'effetto referenziale e anzi realistico di
" Scrive Silone nel "36, illustrando il progetto di un'edizione americana: «Molti hanno rico- elementi spaziali imprecisi (MORSE PECKAM, Is thè Problem ofLiterary Realism a Pseudo-Pro-
nosciuto in FONTAMARA la storia del proprio villaggio galiziano o croato. Questo vuoi dire blemi, «Critique», 12 (1970), pp. 95-112: 103).

KION, xvi (2010), 2 512 513 RION, xvi (2010), 2


. Leonardo Terrusi. . I toponimi letterari: luoghi immaginari, luoghi reali, luoghi comuni.

deformata da una prospettiva diversa»:38 è una prospettiva esistenziale e poeti- ria. In realtà, l'atteggiamento gaddiano mostra un alternarsi contraddittorio
ca39 (correlabile alla destrutturazioiie delle coordinate spazio-temporali del tra la dichiarata volontà di reticenza e ciò che appare come il suo opposto, uno
romanzo tradizionale, solo apparentemente ripristinate) a motivare la discra- smodato esibizionismo aspirante, attraverso plurime e insistenti strategie, al ri-
sia tra il ferreo e ossessivo referto realistico della toponimia e i minimi dettagli conoscimento dei referenti. Se già Contini allegava prove testuali di una ten-
aberranti, quasi invisibili e immotivati. denza all'ostentazione di luoghi e nomi reali, essa sarà esaltata da un'iniziativa
Osservazioni altrettanto significative si ricavano da un riesame della sua Co- dello stesso Gadda, il quale acconsentirà, come rileva Maria Antonietta Terzo-
gnizione. Che il travestimento sudamericaneggiante dei toponimi velasse pre- li,44 che nella copertina dell'edizione 1971 del romanzo campeggiasse la foto-
cise allusioni a luoghi brianzoli fu primariamente intuito da Gianfranco Con- grafia, da lui stesso fornita, «del luogo celato dietro la deformazione onomasti-
tini nel Saggio introduttivo premesso all'edizione in volume del 1963,40 e poi ca», la villa di Longone, con acclusa didascalia: «la casa di Gadda in Brianza».
via via dettagliato da lettori successici: Pastrufazio-Milano, Novokomi-Como,
Terepattola-Lecco, El Fratta-Erba, Lukones-Longone al Segrino.41 Si è detto dei
meccanismi onomaturgici, raffinatamente polisemici, messi in atto in tale ma- 3. Gli esempi citati mettono in rilievo la complessità di valori rinvenibile die-
scheramento toponimico, fatto del resto scontrare, in un'ulteriore volontà di tro toponimi inventati, l'intreccio polisemico di funzioni referenziali con al-
straniamento antinaturalistico, con veri toponimi argentini come Recoleta, tre risonanze, che del resto emergono in gradazioni differenti a seconda che le
Riachuelo o Saenz Pena.42 Ma ci si concentrerà qui su un altro aspetto. In un'o- si esamini, per così dire, e parte auctoris o e parte lectorìs. Per converso, a valo-
riginaria versione del Saggio continiano, la rivelazione dei referenti toponimici ri non puramente referenziali sono spesso piegati anche toponimi che non
familiari e in particolare lo scioglimento di Lukones in Longone al Segrino (se- siano frutto di creazione autoriale, ma attinti dalla realtà extratestuale. Anche
de della villa dei Gadda in Brianza) erano assai più espliciti di quelli della ver- in ciò è significativo l'esempio di Proust. Oltre a toponimi inventati, per i
sione definitiva, in cui venivano affidati a contorte e quasi enigmistiche para- quali il rapporto che li lega i luoghi si configura, come nota Barthes, nei ter-
frasi. Il fatto è che alla lettura della redazione provvisoria dell'introduzione del- mini di una «codifica» (cioè della scelta di un significante che si accordi con i
l'amico filologo, la reazione di Gadda era stata pressoché «paranoica», tradu- significati assegnati), il narratore della Recherche sottopone infatti a processo
cendosi in una lettera in cui lo pregava accoratamente di «sostituire o tacere il interpretativo anche toponimi reali (Parma, Firenze), attraverso quella che è
toponimo Longone al Segrino con le seguenti possibili varianti: a) Tour du semmai una "decodifica", cioè la decifrazione di un'affinità naturale tra signi-
Chagrin [...] La Torre (torracchio) ESISTE, in vista del Lago, b) Torre del La- ficante e significato.45 Una tipologia a cui possono ascriversi anzitutto esempi
goverde. e) Lac du Chagrin. oppure T. di L. oppure spazio bianco con tre aste- di decodifiche macroscopiche e apertamente dichiarate di nomi reali. Tra
rischi ***».43 Sembra quasi un repertorio dei mascheramenti possibili dei topo- questi rientrerebbero, a rigore, casi di interpretatio nominis medievale, che in-
nimi letterari, che confermerebbe comunque un'urgente esigenza autocenso- veste spesso nomi di luogo,46 come nell'xi canto del Paradiso dantesco (w. 52-
54) dedicato a San Francesco, dove San Tommaso, tracciando la biografia del
'" BERTONI, La. verità..., cit.
santo senza nominarlo (lo fa solo 40 versi più in là), cita piuttosto il nome del
v) teorizzata in un'annotazione del 1945: A toponimi della geografia possono impegnare lo suo luogo di nascita, chiosandolo: «Però chi d'esso loco fa parole, / non dica
scrittore in una sgradevole fatica documentatrice: lo impigliano, magari, in un verismo Ascesi, che direbbe corto, ma Oriente, se proprio dir vuole».47
d'obbligo: lo impacciano, ove manchi in lui una reazione lirica sovvertente, con la calamità
del naturalismo: e lo avvicinano al rischio delle notazioni contradditorie» (CARLO EM1LIO 44 La casa della "Cognizione". Immagini della, memoria gaddiana, Milano, Effigie 1993.
GADDA, Saggi giornali favole e altri scritti, voi. i, a cura di LILIANA ORLANDO / CLELIA MAR- « BARTHES, Proust..., cit., pp. 1372-73. Per GERARD GENETTE, Proust e il linguaggio indiretto,
TK;NONI / DANTE ISELLA, Milano, Garzanti 1991, p. 921). in Figure II, Torino, Einaudi 1972, pp. 157-224: 168-75, lo stesso significato agisce talora
•"' In CARLO EMILIO GADDA, La cognizione del dolore, Torino, Einaudi 1963, pp. 5-28. sul significante, in termini non solo fonici ma anche lessicali, culturali, ecc., in una parola
11 Cfr. EMILIO MANZOTTI, Introduzionea I^a Cognizione del dolore, Torino, Einaudi 1987, pp. nella totalità del segno.
XXXI-XXXII. 46 Cfr. LUIGI SASSO, // nome nella letteratura. L'interpretazione dei nomi negli scrittori italiani
1-' MARIA ANTONIETTA GRIGNANI, L'Argentina di Gadda fra biografia e straniamento, «II con- del medioevo, Genova, Marietti 1990, pp. 36-42.
fronto letterario», XV (1998), pp. 57-73. 47 Cioè Ascesi (variante di Assisi) va "esplicato" in Oriente, da dove nasce il Sole, poiché tale
11 In ORLO FMILIO GADDA, Lettere a Gianfranco Contini, Milano, Garzanti 1988, pp. 102-4. sarà il santo per la Chiesa (v. 49: «Di questa costa [...] nacque al mondo un sole»). Cfr. BRU-

RI()N, xvi (2010), 2 514 515 RION, xvi (2010), 2


Leonardo Terrusi. I toponimi letterari: luoghi immaginari, luoghi reali, luoghi comuni.

Altri casi si caratterizzano perché la marcatura del valore connotativo del to- sentimentale; tanto che si è giunti a proporne una definizione di designatoti
ponimo equivale in un certo senso alla restituzione, generalmente a fini parodici, flessibili, anziché rigidi, come imporrebbe il loro statuto di nome proprio.51 A
dell'originaria etimologia ormai "catacresizzata". Un esempio è nel discorso di fortiori ciò avviene nei testi letterari, dove spazi attinti dalle carte geografiche
frate Cipolla ai certaldesi in Decameron VI 10, 37-42, che, nel simulare spazi di possono divenire il corrispettivo di veri e propri luoghi mentali, per i quali, co-
esotica lontananza, costruisce un itinerario toponimico basato su nomi, comica- me scrive Maria Corti, «è il punto di vista, non la geografia reale a determinare
mente con quelli assonanti, di strade e contrade della Firenze trecentesca: Porcel- la fisionomia», talora riversando l'alone simbolico direttamente sul toponimo,
lana, Vinegia e Borgo de Greci, lo reame del Garbo, Baldacca, Parlane, Sardigna, il come per la Babilonia e la Gerusalemme medievali,52 come per altre città con-
braccio di San Giorgio, accanto alla terra d'Abruzzi e ai burleschi Truffia e Buffia, , temporanee (si pensi a Roma o Milano, miti del potere burocratico o economi-
alla terra di Menzogna (che richiama anche la Borgogna e la medievale Sanso- co di tanta letteratura contemporanea) : valori di cui anzi è la stessa letteratura
gna), e alle montagne de' bachi (con rinvio ai baschi o a Baschi [Terni]).48 Oltre responsabile, ribaltando il suo canonico rapporto con la realtà da cui attinge.
che facitore di comica ambiguitas anfibologica, Frate Cipolla è forse anche, a Estremizzando, ad essere re-inventati, nella misura in cui sono rivissuti attra-
guardar bene, controfigura dello scrittore che sperimenta gli effetti dello scarto verso lo sguardo soggettivo di chi li utilizza, sarebbero in un modo o nell'altro
dovuto alla sovrapposizione di diverse "enciclopedie" toponimiche, quella degli tutti i luoghi, e dunque tutti i toponimi letterari, anche quando richiamati e de-
ingenui certaldesi, il cui orizzonte non arriva neanche a includere Firenze, e quel- scritti nei loro connotati reali. E quanto, in chiave di scherzo o provocazione,
la ben più consapevole dei narratori come dell'Autore e del Lettore Modello del sembra rivendicare Andrea Pinketts nell'Introduzione al romanzo Lazzaro vieni
Decameron. Ma una decodifica marcata di toponimi reali è riscontrabile anche in fuorì.^ Ma se le risonanze mentali, sentimentali o culturali sono spesso quelle
autori contemporanei: nella «danza macabra» di toponimi romani dalle sonorità che un luogo, attraverso il suo toponimo, comporta, più interessanti per il nostro
e significazioni grottesche di Terranera di Valerio Magrelli;49 o, a un altro livello, discorso sono i casi in cui tale processo di reivestimento simbolico agisce diretta-
nella poesia di Toti Scialoja, che costruisce accostamenti paronomastici nonsense mente sul toponimo, non inteso come mera controfigura del paesaggio, ma og-
tra toponimi e nomi di animali: la mosca che ronza a Mosca, la zanzara che vive getto, in quanto segno linguistico, di una vera e propria strategia narrativa.
a Zara, gli alacri bruchi di Locri, il topo comodo a Como, ecc.50 Un autore in cui sarebbe facile documentarlo è Montale, in cui i toponimi
Ma toponimi veri possono celare valenze non puramente referenziali anche assumono il ruolo di «oggetti linguistici utilizzati o in chiave d'innesto epifani-
in assenza di esplicita e macroscopica rimotivazione. Anche nella vita e nel co» (come in «Mi dissi: / Buffalo! — e il nome agì»), di senhal(«.K Modena, tra i
mondo reale essi assumono una funzione simbolica, se non anche memoriale e portici / un servo gallonato trascinava due sciacalli al gunzaglio»), o come «ma-
teriale necessario alla commistione tra poesia e prosa».54 Se nella poesia il feno-
NO PORCELLI, // nome nel racconto. Dal Novellino alla Commedia ai novellieri del Trecento, meno di una «rivitalizzazione del toponimo», come scrive la Grignani55 è più
Milano, Francoangeli 1997, p. 19.
4* Cfr. la nota di VITTORE BRANCA al Decameron, Torino, Einaudi 1992, p. 769, con biblio- 51 Cfr. SlMON SHAMA, Paesaggio e memoria, Milano, Mondadori 1997; MARIE-ANNE PAVEAU,
grafìa allegata. Le toponyme, désignateur souple et organisateur memorici. L'exemple du nom de bataille, «Dos-
V1 In Esercizi di tiptologia, Milano, Mondadori 1992, p. 43: «Ecco la danza macabra: Malnome, sier», 86 (2008), 1, pp. 23-35.
Malpasso, Malafede, Malagrotta, Valle Oscura, Passoscuro, Fosso Sanguinata ("ara-ara", dice 52 Cfr. CORTI, La città..., cit., p. 1, che rinvia alla distinzione tra "città come spazio" e "città
l'eco), Femminamorta, Pantano dell'Intossicata, Campo di Carne (ma dove li prendete dei come nome" di LOTMAN / USPENSKI], 11 concetto..., cit.
nomi come questi, una distesa di sangue battuto, piste e arato, maggese di tessuti epiteliali, 53 «I fatti, i luoghi e i personaggi di questo romanzo sono puramente immaginari. Mi si po-
appczzamenti di ciccia, prati di pelle e grasso e tegumenta), Ponte del Diavolo, Cessati Spiri- trebbe obiettare che esiste una regione che si chiama Trentino Alto Adige e un paesino chia-
ti ("Ah, si, cessate, spiriti": è un'aria di Donizetti), e Fontana del Bandito, Quarto de l'Impic- mato Bellamente. Mi sento obbligato a specificare che sia il Trentino che Bellamente, come
cati, Coccia di Morto [...] Valle della Morte, Colle delle Forche, Canale del Morto, Canale è noto, li ho inventati io» (Milano, Feltrinelli 1992, p. 9).
del Monacano (una lavorazione più elaborata) [...] Pantano dell'Inferno, e infine lui, Gnif 54 Cfr. ToMMASO LISA, Le poetiche dell'oggetto da Luciano Anceschi ai novissimi. Linee evolutive
Cìnaf (...] in omaggio al suono dei passi nel fango. Gnif, suono di orrore, Gnaf, voce di mor- di un'istituzione della poesia del Novecento, Firenze, Firenze University Press 2007, p. 122.
ti. Mai, mai ho sentito che un nome schizzasse terra e inzaccherasse gli stivali». 55 Posizioni del soggetto nella poesia del secondo Novecento, in MARCO ANTONIO BAZZOCCHI /
vl LUCA Si; KI A N N I , fi gioco linguistico nella poesia di Toti Scialoja, in GIUSEPPE ANTONELLI / FAUSTO CURI (a cura di), La poesia italiana del Novecento: modi e tecniche, Bologna, Pendra-
( IAKI.A CmUMO (a cura di), «Nominativifritti e mappamondi», //nonsense nella letteratura gon 2003, pp. 187-212: 201. Cfr. anche ADELE DEI, Toponimi. Appunti per una geografia
it/iliiina, Roma, Salerno 2010. poetica di Caproni, «Resine», xx (1998), pp. 59-64; MARIA ANTONIETTA GRIGNANI, Nomi

KION, xvi (2010), 2 516 517 RION, xvi (2010), 2


. Leonardo Terrusi. . I toponimi letterarii luoghi immaginari, luoghi reali, luoghi comuni.

noto e dunque più prevedibile (o troppo complesso per liquidarsi in queste no- della preposizione articolata davanti al toponimo, non occasionale nella scrittu-
te), ancor più significativa essa si rivela in testi che esibiscono uno statuto reali- ra vittoriniana,60 lo isola e lo mette in rilievo, segnalando l'incombenza di una
stico, come nei Piccoli maestri di Luigi Meneghello. Qui la descrizione della sorta di valore assoluto, di un significato che va oltre il referente: è l'infanzia,
guerra partigiana combattuta da un gruppo di studenti universitari nelle mon- l'autenticità di una coscienza smarrita, a emergere nel nome. E balena proprio
tagne del Vicentino e del Bellunese è costellata da un fittume di toponimi reali: in questo momento l'idea di viaggio che si realizzerà nel corso del romanzo:
Trissino, Barbamno, Cogolli, Palèi, Arcugnani, Gambugliani, Tezze, Giavenali, non tanto e non solo un ritorno nella terra d'origine o al passato, ma, dichiara-
Noventa, e ancora Sospiralo, Sèdico, Mas, Santa Giustina, Canove, Cesuna, Roana tamente, in un «due volte reale», tra oggetti, luoghi, personaggi dotati di un va-
e decine di altri, in ciò che appare sulle prime come una sorta di regesto referen- lore proprio e al tempo stesso di un'altra estensione, una «quarta dimensione».
zialistico, coerente con il genere di letteratura resistenziale fondata sulla memo- La corrosione della funzione realistica dei toponimi trova altri esempi signifi-
rialistica documentaria. Che in tale geografia si celi un valore diverso è già forse cativi nel romanzo. Un nudo toponimo, Messina, senz'altra parola aggiuntiva,
suggerito dall'incombenza nella descrizione degli altipiani veneti degli echi pur- rappresenta ad esempio la battuta di una donna incontrata da Silvestre sul tra-
gatoriali rilevati da Zygmunt G. Barariski.56 Ma, più precipuamente, è lo stesso ghetto. «Una parola detta senza ragione, solo una specie di lagnanza», annota il
narratore che delinea per Gena un valore differente da quello puramente reali- narratore, che condensa e anticipa la rabbia e la disperazione del ritorno del po-
stico: un valore mentale, inizialmente diretto, per così dire, al luogo, al referente polo siciliano. Particolarmente significativi appaiono i frequenti cataloghi topo-
del nome («È un paese vero, ma è anche un paese della mia immaginazione, io nimie!, spogli e quasi ossessivi elenchi di nomi,61 la cui funzione, nonostante la
non ho colpa, è cascato lì dentro e vi ha attecchito»), ma che poi giunge a con- precisione realistica con cui sembrano esser stati confezionati, coincide con il
centrarsi sul segno toponimico in sé: «Usuo stesso nome mi turba, come le cose riaffìoramento di contenuti perduti della coscienza del protagonista, colpito da
viste in sogno, che non sono veramente di questo mondo. Gena».57 una sorta di "amnesia" o smarrimento coscienzale e valoriale durati per anni: so-
Un altro caso significativo è rappresentato da Conversazione in Sicilia di Vit- no nomi di luogo a ritornargli per primi sulle labbra, quasi inconsapevolmente,
torini, romanzo in cui, a tutta prima, un «realismo onomastico puntiglioso»58 come i dettagli più tenaci di un quotidiano da tempo rimosso, nei momenti
sembra caratterizzare il ritorno in treno del protagonista Silvestre verso il paese che segnano il recupero di quel passato. I toponimi si trasformano così nel pri-
natale della madre, nel cuore della Sicilia: da Firenze a Roma, Napoli, Amantèa, mo segno linguistico del riscatto memoriale in cui Silvestre è impegnato: pro-
Maratèa, Gioia Tauro, Villa San Giovanni, sino alle tappe siciliane minutamen- nunciarli rappresenta la prima tappa di un autoriconoscimento e di una riap-
te annotate, da Catania a Siracusa e poi da qui fino alle montagne. Eppure, una propriazione.62 Un simile uso del catalogo toponimico è strategia narrativa - la
ben diversa risonanza dei toponimi sembra affacciarsi già a principio di narra- più facile forse da scambiare per semplice ricerca di effetto di realtà — ricorrente
zione, quando, alla lettera del padre che lo avverte di aver abbandonato la Sici- anche in altri scrittori. Ad esempio nel romanzo La misteriosa fiamma della regi-
lia e la madre, la reazione del protagonista si condensa in questa frase: «Rico- na Loana di Umberto Eco, dove il protagonista, colpito (alla lettera, stavolta) da
nobbi lui e ch'ero stato bambino, e pensai Sicilia, montagne in essa».59 L'ellissi amnesia dopo un incidente, è colto da una prima involontaria epifania memo-
riale alla vista di un cartello stradale che preannuncia l'arrivo nel comune d'in-
di Sereni e Caproni: un'analisi contrastiva, «il Nome nel testo», H-III (2000-2001), pp. 89- fanzia, Solara. L'esito del recupero memoriale, anche qui, è una rassegna di to-
102; MARIA ELISABETTA ROMANO, La "Dalle" di Zanzotto, ivi, pp. 184-91; FLAVIANO PISA-
NI KLU, Inpoesis nomine: onomastique et toponymie dans les "Occasioni"d'Eugenio Montale et 60 Cfr. «Pensai Acquaviva» (ivi, p. 103); o in Viaggio in Sardegna (in Opere narrative, a cura di
"Trasumanar e organizzar"de P, P. Pasolini, Gtenoble, ELLUG 2007, MARIA CORTI, Milano, Mondadori 1974, p. 215) «è stato Sardegna», «Sardegna per me è
Dante nell'opera narrativa di Luigi Meneghello, «Studi novecenteschi», XI (1984), 27, pp. 81-102. finita», ecc.
LUIGI MENEGHELLO, I piccoli maestri, Milano, Mondadori 1986, p. 64 (corsivi miei). Una si «_ E andate a Sciacca di qua? - Sì, di qua, - disse lui. - Siracusa, Spaccaforno, Modica, Ce-
funzione strategica del toponimo si evidenzia anche sin dal molai calembour del suo Libera nisi, Donnafugata... — Vittoria, Falconata, — io dissi. — Licata» (p. 43); «Era la ferrovia se-
nos a Malo (nome del suo paese natale). condaria, in Sicilia, da Siracusa per le montagne: Sortino, Palazzolo, Monte Lauro, Vizzini,
Cfr. VITTORIO SPINAZZOLA, Un aquilone sulla Sicilia, in Io., Itaca, addio, Milano, il Saggia- Grammichele» (p. 51); «Mi raccontò che era passato per Pietraperzia, Bufera, Terranova [...]
tore 2001, p. 72. — Tutto a piedi? — dissi io. — Per Terranova, fiuterà, Mazzarino, Pietraperzia?...» (p. 105).
KI.K) Vl'iTORiNi, Conversazione in Sicilia, a cura di GIOVANNI FALASCHI, Torino, Einaudi 62 Cfr. il mio Funzioni della toponomastica in Conversazione in Sicilia, «il Nome nel testo», IX

1975, pp. 9-10. (2007), pp. 293-301.

RION. xvi (2010), 2 518 519 RION, XVI (2010), 2


. Leonardo Terrusi. . I toponimi letterari: luoghi immaginari, luoghi reali, luoghi comuni.

ponimi: «Mongardello. Poi Corseglio, Montevasco, Castelletto Vecchio, Lovez- marcare come mostrino un intreccio, in fin dei conti inestricabile, tra un va-
zolo, e ci siamo, no?».63 Possono tali esempi esser liquidati con la formula del lore referenziale che tutti, anche quelli inventati, possono assumere, e, all'op-
"luogo mentale"? In realtà, vi si intravedono vere e proprie strategie e valori nar- posto, un effetto d'immaginazione (intendendo con ciò anche soltanto un va-
rativi della toponimia,64 legati non solo al rapporto tra significante e significato, lore mentale e simbolico) che finisce almeno per lambire gli stessi toponimi
verità e invenzione, realtà e immaginazione, ma a funzioni più complesse, che presi dal mondo reale. Ciò suggerisce cautela nel definirli ipso facto "immagi-
interagiscono con tutta la rete testuale. Cosi, per fare brevemente altri esempi, nari" o "realistici", invitando a misurare caso per caso i diversi gradi dell'una o
in Primavera di bellezza di Fenoglio, toponimi fìttizi come Moana, Garisio, dell'altra funzione. Prevalentemente "immaginari" saranno i toponimi di ope-
Monzù, Benecarenna, pur del tutto verosimili, segnano i momenti del privato re fondate su un patto narrativo mirato a individuare uno sfondo e un'ambien-
del protagonista, opponendosi a quelli reali che contrappuntano i momenti tazione deliberatamente estranei al mondo reale, cioè dotati di effetto stranian-
della guerra e della dimensione collettiva; e la stessa loro iterazione è funzionale te inequivocabile (sul Lettore, almeno quello Modello) e volontario (da parte
a una «epicizzazione» del dettato.65 Ancora, l'«ostinazione toponomastica» delle dell'Autore, almeno quello Implicito). Per converso, non dovrà sottovalutarsi
Ceneri di Granisci di Pasolini, interpretabile come marca di genere della poesia il valore non puramente referenziale che può celarsi dietro un toponimo reale,
civile, rinvia anche all'Alcione dannunziano, ribaltandone però il percorso, che in relazione con lo specifico sistema testuale in cui esso è inserito, evitando di
procede qui dal sublime all'umile, dalle Apuane alle terre basse.66 liquidarlo sbrigativamente con l'etichetta di "realistico".
Ma i toponimi letterari possono talora persine derogare dalla funzione lo-
ro connaturata, quella di rappresentare una geografia, realistica o immagina-
4. Lo schema dialettico proposto in apertura non pare dunque sufficiente a ria che sia. Per dimostrarlo, si tornerà alle Città invisibili, chiudendo il nostro
definire ed esaurire tipologie e funzioni dei toponimi letterati, la cui interpre- discorso con l'esempio con cui lo si è aperto. I richiami intertestuali evocati
tazione muta del resto secondo il punto di osservazione da cui li si interro- pressoché da ognuno dei nomi calviniani68 paiono in realtà tutti orientati
ga.67. Se il loro specifico rispetto agli antroponimi è il fatto che essi stiano per verso una direzione ben precisa, cioè verso generi in cui l'esotismo e l'artifi-
un luogo (costituendone il surrogato linguistico nel testo), occorrerà anche ri- ciosità sembrano costitutivi (il melodramma, la favola), o verso un repertorio
"scolasticamente" consunto. Più che in una strategia di citazionismo post-
63 UMBERTO Eco, La misteriosa fiamma della regina Loana, Milano, Bompiani 2004, p. 79. Un moderno o di preziosismo alessandrino, l'operazione sembrerebbe consistere
altro esempio, incorniciato da echi del viaggio dell'Ulisse dantesco, è nei Piccoli maestri, ad nell'ostentare la loro appartenenza a un immaginario logorato dall'uso, depo-
incipit del cap. 6 (p. 94): «I riguardi a occidente, Corno di Campo Bianco, Corno di Campo
tenziato di ogni referenzialità come di vere connotazioni allusive. Si tratte-
Verde; il parapetto a sud, Pòrtale, Zingarella, Zebio, Colombara, Fiara; dentro, il paese in-
cantato, Bosco Secco, Kèserle, Mitterwald, Cima delle Saette, Bosco dei Làresi, Scoglio del rebbe, insomma, della ricerca di una sorta di grado zero onomastico, che dis-
Cane; sul fianco, a oriente, la cicatrice del Canai del Brenta; a nord l'alta cintura, la galassia sipi sin da subito qualsiasi potenziale significativo dei nomi, trasformandoli
di pietra, Cima Undici, Ortigara, Caldiera, Cima Isidoro, Castelloni di San Marco, confini in etichette denotative, necessarie unicamente a distinguere, per così dire,
ultimi al mondo». Sui valori semiotici del fenomeno si veda anche, dello stesso UMBERTO una città dall'altra, un capitolo dall'altro della scansione macrotestuale. To-
Eco, Liste di luoghi, in Io., Vertigine della lista, Milano, Bompiani 2009, pp. 81-111.
64 Cfr. jEAN-NoEL PELEN, Récit et toponymie, «Rives méditerranéeennes», 11/2002 (<http:// ponimi "invisibili", in un certo senso, come le città che rappresentano. E
rives.revues. org>). questo forse il senso dell'affermazione rilasciata da Calvino alla prima uscita
65 Cfr. rispettivamente PAOLA PONTI, Nomi di primavera. Ipotesi di onomastica fenogliana, dell'opera in un'intervista in cui, rilevando le ascendenze bizantine o medie-
«Testo», XXIV (2003), pp. 73-89: 84, e VERONICA PESCE, Note di toponomastica fenogliana, vali dei nomi di donna delle Città, perentoriamente concludeva: «Ma i nomi
«il Nome nel testo», IX (2007), pp. 17-23: 17-18.
M> Cfr. NICCOLO SCAPPAI, II poeta e il suo libro. Retorica e storia del libro di poesia nel Novecen- non importano».69
to, Firenze, Le Monnier 2005, pp. 90-93.
67 Rientrando così nelle cinque ripartizioni del Nome letterario proposte da BRUNO PORCEL- 68 per una pjk arnpia esemplificazione, mi permetto di rinviare al mio «I nomi non importa-
1,1, Introduzione alla sottesezione 3b: onomastica letteraria - i nomi nei generi letterarì, «il No- no». L'onomastica delle Città invisibili di Italo Calvino, in MARIA GIOVANNA ARCAMONE /
me nel testo», Vili (2006), Atti delXXII Congresso Internazionale di Scienze onomastiche (Pisa, DONATELLA BREMER / BRUNO PORCELLI (a cura di), Studi di onomastica e crìtica letteraria
28 agosto-4 settembre 2005), pp. 141-45, che le valuta rispetto a emittente (autore), messag- offerti a Davide De Camilli, Pisa/Roma, Fabrizio Serra Editore 2010, pp. 263-72.
gio (testo), destinatario (lettore), contesto situazionale, tradizione letteraria. 69 Nel regno di Calvinia, «L'Espresso», xvin (5.11.1972), 45.

RION, xvi (2010), 2 520 521 RION, XVI (2010), 2


Segnalazioni
- Monografie e miscellanee
. Leonardo Terrusi. - Dizionari, repertori, bibliografìe 1
- Riviste di onomastica [«Soeietat d'( )nomàslica. Biullen' interini'», «Waili-i
fiir oberdeutsche Namenforschung», «Ostcrrcichisehc Naineiiforscluni};»,
È possibile rilevare una significativa correlazione di tutto questo con il sen- «Zunamen/Surnames», «Onomastica Slavogermanica», «|ournal
so globale dell'opera, che coincide con la volontà di costruire un catalogo, of thè English Place-Name Society», «Nytt om namn», «Acca Onomastica».
«Names», «Onomastica Canadiana», «Nomina Africana») 70'J -71K
tanto rigorosamente strutturato nella sua forma quanto caotico e inconcluso
- Altre monografie e miscellanee 718-720
nei suoi contenuti (per la stessa natura labirintica e irrazionalizzabile del rea-
- Articoli in altre miscellanee e in altre riviste 721-7.50
le). Un catalogo, insomma, di "città" che, più che luoghi geografici, magari
esotici e stranianti (modellati su quelli del prototesto dichiarato, II Milione Incontri 731-7^')
pollano), più ancora che luoghi mentali nell'accezione sopra determinata,
paiono figure della contemporaneità, di temi teoretico-linguistici, narratolo- Attività
gici, urbanistici, politico-sociali, statutariamente leggibili, e così infatti letti, Un Quaderno di RION per ricordare Sergio Raffaeli; 761
in plurime direzioni allegoriche.70 Più che la definizione di "utopie", sembra Lo Schedario onomastico di Giovanni Battista Corgnali 761
Blasoni popolari: ricerca sul campo in Sicilia 763
meglio adattarvisi quella di "eterotopie", così come enunciata da Michel Fou-
"Lessico e Onomastica": lezioni per i dottorandi a Pisa 763
cault, «contro-luoghi» dalla funzione opposta alle utopie: se queste «consola-
11 manifesto del Laboratorio di Ricerca e Didattica di "Cartografia eToponom astica
no», le eterotopie «inquietano», devastando la sintassi che tiene insieme «le pa- Storica" 764
role e le cose». Modalità privilegiata con cui esse si manifestano è proprio il Un regesto analitico dei nomi propri nella poesia catalana medievale 765
catalogo fondato sull'accostamento dell'eteroclito e dell'incongruo, in cui «le Prima edizione del "Diploma de Toponimia i Onomàstica Valencianes" 766
cose sono "coricate", "posate", "disposte" in luoghi tanto diversi che è impos- "Pensament, onomàstica i tradició clàssica en el món medieval": un corso
sibile trovare per essi uno spazio che li accolga, definire sotto gli uni e gli altri a Lleida-Lérida 767
un luogo comune».71 Eterotopico è in questo senso il catalogo delle città invisi- La scomparsa di Joan Bastardas i Parerà (1919-2009) 767
bili, che trova infatti il suo modello generatore, per voce del narratore Marco, La revisione della toponimia asturiana 768
in una «città fatta solo d'eccezioni, preclusioni, contraddizioni, incongruenze, Un atlante per i cognomi lussemburghesi 769
controsensi». Condizione necessaria per la costruzione di un insieme non Lipsia: compie 20 anni la Gesellschaft fiir Namenkunde 769
Un progetto per la toponimia tra il Reno e l'Elba 770
coeso come questo è, aveva scritto lo stesso Foucault a proposito di un analo-
Rinasce la rivista internazionale in inglese di Onomastica letteraria 772
go catalogo borgesiano, che i suoi eterogenei elementi costitutivi siano inseri-
Addio a Wilfrìed Seibicke (1931-2009), maestro di antroponomastica tedesca 773
ti in una serie ordinata che pretenda di accomunarli denunciandone così l'i- Tamàs Farkas vincitore del Premio "Lajos Kiss" 773
nassimilabilità. Anche per le città calviniane, tessere di un quadro disconti- In breve... 774
nuo, di uno spazio foucaultianamente eterotopico, sorge la necessità, per dar
forma al labirinto e trasformarlo in una, per quanto caotica, enumerazione, di Bibliografia onomastica italiana 2009 [ENZO CAFFARELLl] 779-801
un'ordinazione neutra e impassibile. Di dare dei nomi alle città, ma trasfor-
Note ai margini
mandoli in nomenclature, alla stregua di lettere di un ordine alfabetico, prive
La sindrome di Garabombo, eponimo letterario in formazione.
di ogni residualità significativa, referenziale, connotativa o "mentale" che sia. Ottimismo odonimico: a Roma "Via Meglio di Niente".
Voglia di cambiare nome. Taccuino intemazionale [EN7.O CAFFARELU] 803-808
Ricordo di Sergio Raffaeli i (1934-2010) [ENZO CAFFARELU] 809-8 I -i
Ricordo di Vito Pallabazzer (1928-2009) ENZO CAFFARELLI] 815-817
Cfr. ad esempio MARINA ZANCAN, Le città invisibili di Italo Calvino, in ALBERTO ASOR RO- Ricordo di Manina Pitz (1958-2010) [CHRISTA JOCHUM-GODGLUCK /
SA (a cura di), Letteratura italiana, Le Opere. IV, II Novecento, il, Torino, Einaudi 1996, pp. ANDKFAS SCHORR / MARIA VÒU.ONO] 817-81')
875-929.
Cfr. rispettivamente MICHEL FOUCAULT, Eterotopia, luoghi e non luoghi metropolitani, Mila- Postille ai precedenti numeri di RION 821-82S
no, Mimesis 1994 [1967], pp. 9-20: 14; e Io., Le parole e le cose. Un'archeologia, delle scien-
ze umane, Milano, Rizzoli 1985 [1966], p. 8. Sommar! degli ari itoli 829-832
( i l i Amori ili R I O N , voi. xvi (.1010), .'. 833
, xvi (20IO), 2 522