Sei sulla pagina 1di 11

Casette in giardino

In legno o in PVC, arricchiscono il giardino e permettono


di ricoverare attrezzi, materiali e offrire spazi di svago

ve
come netadrole
mo

u ogni terreno
s uperficie
os

ori
gli accfeinsisture
e le
Casette, ricoveri attrezzi,
garagi, portatutto...
Nella vasta offerta di Onlywood è pre-
sente un’ampia gamma di casette di
legno (e in PVC) disponibili in diverse
dimensioni (piccole, medie e grandi).
• A seconda della forma e della di-
mensione, queste costruzioni sono
adatte a diventare una vera e propria
casetta da giardino, per grandi e
piccini, oppure fornire un valido riparo
per l’auto, la moto, gli attrezzi moto-
rizzati e manuali da giardino.
• Molti ne fanno un efficiente labora-
torio fai da te, svincolato dagli ambienti
interni di casa, ma anche ricovero not-
turno per animali, ricovero per piante
che temono il freddo, locale di sgom-
bero per materiali e mezzi diversi.

Tutte le casette in legno sono in abete rosso massiccio,


un’essenza particolarmente indicata per resistere alle
intemperie. Alcuni modelli sono forniti con un tratta-
mento con impregnate sintetico, altri sono al grezzo.
Conviene comunque procedere a un trattamento
protettivo una volta l’anno soprattutto se la costruzio-
ne è posizionata in zone particolarmente umide o for-
temente soleggiate.

www.onlywood.it
risposte FAQ

Come vengono fornite le casette in legno?


• Tutte le casette, dai semplici armadi da terrazzo o
piccoli ripostigli, fino a garage per automobili o ca-
se più elaborate, sono fornite in kit di montaggio.
La casetta viene fornita smontata su bancale (o più
d’uno in caso di grando dimensioni) imballato e in-
cellofanato.
• Al suo interno si trova tutto il necessario per il
montaggio: pareti, pavimento (dove previsto) tet-
to, copertura per il tetto, porte, finestre ecc.
• È compresa tutta la ferramenta (viti, chiodi, cer-
niere ecc) e il manuale di istruzioni in italiano che il-
lustra, con foto e spiegazioni, la costruzione della
casetta passo-passo.
• Con questo kit ognuno è in grado di affrontare
l’assemblaggio, anche senza disporre di conoscen-
ze specifiche o attrezzature particolari.
• Gli attrezzi necessari sono: martello, avvitatore
elettrico, morsetti. Per i modelli di maggiori dimen-
sioni è consigliato effettuare il lavoro in due perso-
ne per velocizzare i tempi.

Serve un’autorizzazione del comune?


Poiché le norme e i Regolamenti Edilizi dei singoli
Comuni differiscono anche notevolmente, non è
possibile dare un’indicazione univoca.
Conviene informarsi presso il Comune sulle prati-
che da presentare. In genere è sufficiente un pro-
getto chiaro e ben documentato, che rispetti le nor-
me. In base a questo si ottiene la DIA in un tempo
che deve essere inferiore ai 30 giorni.

www.onlywood.it
Il basamento
Le casette devono poggiare su una base solida. Se il suolo non è già dotato di una copertura resistente
è possibile utilizzare i pratici pannelli Gravelblock o realizzare una semplice soletta

Con i pannelli Gravelblock

1 I pannelli Gravelblock permettono di creare rapida-


mente una base piana e stabile per appoggiarvi so-
pra la casetta di legno, evitando di dover realizzare
una soletta in gettata di calcestruzzo.
• Si tratta di pannelli alveolari in robusto materiale
plastico con sottofondo in tessuto-non-tessuto, do-
tati di elementi di incastro lungo il bordo che per-
mettono di essere collegati uno all’altro per rag-
2
giungere la superficie voluta.

1 Dopo aver accuratamente livellato il terreno si ini-


zia posando il primo pannello.

2 Si prosegue posando gli altri pannelli unendoli tra-


mite gli appositi incastri e verificando la perfetta
3 planeità dell’insieme.

3 Sulla superficie si stende un strato di ghiaia che


riempie gli alveoli e li copre di 1-2 cm.

www.onlywood.it
4

4 La ghiaia va allargata su tutta la superficie coper-


ta dai pannelli e ben spianata col rastrello.

5 La casetta si monta sul piano così realizzato.


L’ampiezza del piano deve essere tale da creare
un minimo di abbondanza rispetto all’ingombro
5 della casetta. La struttura dei pannelli e la coper-
tura in ghiaia assicurano un perfetto drenaggio
dell’acqua piovana.

Con la soletta in calcestruzzo


Se il suolo è molto irregolare e particolarmente cedevole
una soluzione possibile è la realizzazione di una soletta
armata.
• Si tratta di effettuare uno scavo profondo 20-25 cm con
misure leggermente più ampie della base della casetta.
• Sul fondo si stende uno strato di 12-17 cm di ghiaione
che va compattato per bene.
• Sul questo strato va effettuata una gettata d calcestruz-
zo armata con rete elettrosaldata dello spessore di 10-15
centimetri.
• Il piano superiore, che va spianato alla perfezione, è be-
ne fuoriesca dal terreno di qualche centimetro.

Attenzione al marciapiede
Se si deve fare il massetto in cemento (o altra su-
perficie dura tipo piastrelle ecc.) è bene
NON creare un marciapiede, ma restare legger-
mente più stretti della misura del tetto sui lati
di spiovenza, per evitare che l'acqua cadendo
sulla superficie dura rimbalzi contro le pareti.

www.onlywood.it
Il pavimento
A seconda dei modelli il pavimento può essere in per-
line d’abete oppure in multistrato, come indicato dal-
la scheda tecnica di ogni casetta ed è il primo ele-
mento da porre in opera in quanto su di esso vengo-
no poggiate le pareti. In alcuni modelli il pavimento
non è previsto o è opzionale. In tal caso la casetta è
dotata di un telaio perimetrale da poggiare alla ba-
se, sui vengono collocate e fissate le pareti.

Idee e consigli
1
Un buon sistema per proteggere il pavimento dalla
possibile umidità trasmessa dalla soletta in cemen-
to, consiste nel poggiarlo su quattro profilati metal-
lici (ottimi quelli che si usano per le pareti in carton-
gesso) che lo distanzino dalla soletta.
I profilati possono essere trattati (sopra e sotto) con
pittura al bitume che sigilla ulteriormente il legno.
2
Nelle foto 1 e 2 è visibile questa soluzione adottata
per una casetta a pannelli.

Per chi prevede che la casetta potrà ospitare


cani o gatti, una simpatica (e intelligente) solu-
zione consiste nel realizzare un’apertura (in
questo caso dotata di “tettoia”) chiusa da una
tendina , attraverso la quale l’animale possa
entrare e uscire. Sono anche reperibili apposite
porticine che si montano sulla parete dopo
aver realizzato l’apertura.

www.onlywood.it
Montaggio a pannelli o incastro
I modelli proposti si suddividono in due grandi famiglie: le costruzioni a pannelli e quelle a incastro.

Casette a pannelli
Tutte le pareti che formano il kit sono fornite in pannelli
preassemblati, da unire semplicemente e velocemente al
pavimento concludendo poi con il tetto.
• Questo sistema permette a chiunque di costruire veloce-
mente la casetta garantendo al tempo stesso robustezza
e durata.

1 2
1 Posizionare a terra su fondo piatto
le assi perimetrali e centrali che fungono
da fondamenta. Collocare su di esse il ta-
volato del pavimento.
I modelli senza pavimento poggiano di-
rettamente sul fondo.
2 Partendo dal basamento porre in opera
3 4 e collegare tra loro i pannelli che costitui-
scono le pareti.
3 Aggiungere i pannelli con porte e fine-
stre compresi nel kit di montaggio.
4 Fissare alle pareti i timpani di testata e
5
gli appositi travetti (nei relativi incastri) a
5 sostegno del tavolato di copertura.
6
6 Completare la casetta posizionando sui
travetti il tavolato e le perline di corona-
mento. Si può realizzare una impermeabi-
lizzazione del tetto in vari modi
(vedi pagg seguenti).

www.onlywood.it
Casette a incastro
Tutte le pareti sono realizzate con perline a incastro costituite da
listoni maschiati alle estremità con apposite sagomature .
• Nel kit sono presenti decine di listoni da incastrare uno ad uno con
l’ausilio di un martello di gomma, senza bisogno di chiodi o ferra-
menta.
• Le casette a incastro richiedono maggior tempo e pazienza per il
montaggio rispetto a quelle a pannelli, ma a risultato ultimato offro-
no un’estetica più gradevole

1 2
1 Posizionare a terra su fondo piatto
le assi perimetrali e centrali che fungono
da fondamenta. Collocare su di esse il ta-
volato del pavimento.
I modelli senza pavimento poggiano di-
rettamente sul fondo.
2 Partendo dal basamento montare a in-
3 4 castro i listoni che costituiscono le pareti.
3 Inserire e collegare alle pareti le porte e
le finestre compresi nel kit di montaggio.
4 Fissare alle pareti i timpani di testata e
gli appositi travetti (nei relativi incastri) a
sostegno del tavolato di copertura.
5 5 Completare la casetta posizionando sui
travetti il tavolato e le perline di corona-
mento. Si può realizzare una impermeabi-
lizzazione del tetto in vari modi
(vedi pagg seguenti).

www.onlywood.it
risposte FAQ

Come si isola il tetto?


1
1 • L’isolamento del tetto è assicurato da una guaina
isolante bituminosa d circa 5 mm di spessore, rico-
perta sul lato esterno da scaglie di ardesia rossa o
verde per l’effetto “ruvido”. Dal lato interno la guai-
na è invece ricoperta da una sottile pellicola che
deve essere scaldata con cannello a gas o simile, e
quindi pressata sul tetto: in pochi minuti si incolla
al legno, fornendo un isolamento totale.
• Se non si dispone di un cannello a gas è comun-
que possibile inchiodare la guaina al tetto con
2 chiodi e martello avendo l’accortezza di sciogliere
un poco della guaina stessa (è sufficiente un accen-
dino) sulla testa dei chiodi per evitare infiltrazioni.
2 • Come optional è possibile sostituire il rotolo di
guaina con tegole canadesi. Il materiale è identi-
co, ma, in questo caso, viene fornito in fogli di ri-
dotte dimensioni da incollare uno a uno per un ri-
sultato estetico migliore.

Manutenzione periodica
La struttura della casetta (in particolare l’esterno) va trat-
tata con un impregnante-penetrante che nutrisca il legno
e lo preservi dalla secchezza, dalla muffa e dalle aggres-
sioni degli agenti atmosferici. Per questo intervento, da ef-
fettuare ogni1-3 anni in funzione dell’esposizione e della
zona geografica, sono particolarmente indicate le vernici
ad alta penetrazione resistenti ai raggi UV. Il trattamento
va eseguito dopo alcuni giorni di tempo asciutto e non
durante le ore di maggiore soleggiamento per dar tempo
al prodotto di essere assorbito prima di asciugare.

www.onlywood.it
Le casette in PVC
Avere una casetta in PVC nel giardino può essere una
soluzione comoda: per riporre gli attrezzi o per svariati
altri motivi logistici. Il PVC presenta il vantaggio di es-
sere pratico e duraturo, e inoltre non necessita di parti-
colari manutenzioni.
Il montaggio è semplice e non servono attrezzature
particolari. Per il sottofondo valgono le indicazioni for-
nite per le casette in legno.

risposte FAQ

Come si pulisce il PVC?


È importante eliminare le incrostazioni e togliere
la polvere con una scopa o una spazzola dalle se-
tole semi-morbide. Poi, si usa acqua tiepida me-
scolata a detergente (ne esistono alcuni specifici
per questo tipo di superfici ) e si strofina con mo-
vimenti decisi sulle superfici con una spugna o un
panno in microfibra.
Si lascia che lo sgrassatore agisca per un po'. Infi-
ne, con un panno inumidito in acqua pulita, si ri-
passa per togliere i residui. Se necessario, ripetere
più volte la procedura.
In alternativa si possono utilizzare metodi natu-
rali come l'uso di aceto e limone disciolti in ac-
qua, a cui talvolta si aggiunge un cucchiaio di bi-
carbonato - in particolare se il colore della caset-
ta è bianco: aceto e limone infatti hanno una
funzione smacchiante per la plastica, mentre il
bicarbonato funge da schiarente.

www.onlywood.it
IL LEGNO IN TUTTE LE SUE FORME... A CASA TUA CON UN CLICK!
Onlywood.it è vendita diretta senza intermediari e consegna a domicilio,
in tutta Italia a prezzi da grossista

clicca qui

Scarica le nostre guide illustrate che ti permetteranno di realizzare


i tuoi lavori senza alcun problema!

Contattaci: info@onlywood.it Seguici: www.twitter.com/onlywood

Seguici: www.facebook.com/onlywood Guardaci: www.picasaweb.google.com/Onlywood.it

ONLYWOOD - Via Serravalle, 32 Gavi (AL) - tel 0143 643808 - fax 0143 635383
info@onlywood.it - www.onlywood.it

Potrebbero piacerti anche