Sei sulla pagina 1di 2

Letteratura per l’Infanzia:

In Cina, prima del XX secolo


-Esistevano già libri di testo->pronossi dal confucianesimo)
-Sistema educativo basato sui testi-> 1).Lessico dei tre caratteri Sanzi jing) 2.Libro dei cento nomi
di famiglia (Baija xing) 3.Classico dei mille caratteri (Qianzi wen)
-Venivano imparati a memoria per permettere, solo ad alcuni studenti, di sostenere degli esami per
accedere a cariche ufficiali di prestigio.
-Libri dovevano insegnare conoscenza e devono trasmettere valori e cultura funzionale cinese.

Confucianesimo-> come ostacolo alla modernizzazione cinese. SI trattava di una disciplina che
non permetteva o sviluppo di un pensiero critico e un’obbedienza assoluta.
-lo scopo della letteratura: I bambini devono acquisire la capacità di interrogarsi, porsi delle
domande e sviluppare capacità e abilità.

(1918) Nelle riviste e nei giornali compaiono nuovi spazi per le storie e per le fiabe dei bambini.
nasce un’idea di una letterature per l’infanzia e riconosce il RUOLO SOCIALE dei bambini, parte
complessa della società (nell’organizzazione) perché PRIMA venivano considerati degli adulti
immaturi, a cui era imposta un’istruzione sterile ed inefficace.
Il concetto Ertong Wenxue comparve per la prima volta in un articolo Xin qingnia (Nuova gioventù)
-Da quando erano piccoli idea dei bambini come piccoli eroi e loro devono imparare a combattere
(ndr Marxismo). Era fondamentale il partito perché parte integrante nella cita delle famiglie.
Periodo ’57 - 65: la politica impone delle norme sempre più precise
Fiabe= ? con significati allegorici e venivano utlizzati contro colori che non erano con il partito
Periodo ’40: chiudono le case editrici (no libertà), riaprono nel 66 con lo sviluppo di sempre più
generi letterari (horror e fantasy- nuovi generi)

Mao= comunista, politica patriottica


Post Mao:
-Assenza terminologica politica, molto ricorrente nelle riproduzioni precedenti
-Storie che incoraggiano i bambini a sviluppare concetti e comportamenti corretti
-storie di eroi: eroismo tema importante durante la Repubblica di Mao, ora gli eroi
sono collocati in un contesto diverso
-storie in cui si usano le tecnologie moderne: trasmettono ai bambini l’importanza e il potere della
tecnologia
-storie di persone famose: incoraggiano i bambini a studiare duramente, elemento fondamentale
per diventare ed essere un bravo bambino.

Dopo gli anni ’80:


-lo Stato è più flessibile e cauto nell’utilizzare la letteratura per l’infanzia come mero strumento
politico; adesso è vera e autentica, con essa il bambino può crescere e diventare un buon cittadino
cinese.
-Storie su ‘nuove relazioni’: emergono valori come l’amicizia, il lavoro di squadra e nuove relazioni
tra uomini senza più divisioni sociali.
-introduzione di ciò che è ‘estraneo’ (1978): la cultura occidentale entra in Cina e nelle storie i
bambini non parla più di rivoluzione, ma di pace e di eliminare la fame nel mondo.
-nuove aspirazioni’: prima il bambino veniva incoraggiato a diventare operaio o contadino, ora i
racconti suggeriscono ai bambini di sviluppare un’ambizione politica e il valore della democrazia.
-arricchirsi è glorioso’: la parola ‘denaro’ non ha più una connotazione negativa, diventare ricchi,
essere benestanti, senza però ostentarlo, è aspirazione di tutti cinesi.
-studiare duramente per la modernizzazione della madrepatria’ e diventare dei bambini buoni e
con un futuro promettente sono le nuove priorità dell’istruzione morale cinese.

XXI secolo:
-la letteratura cinese è stata soggetta ad un’ondata commerciale e all’arrivo di internet.
-c on l’arrivo di Harry Potter emerge il problema dell’inserimento della letteratura per l’infanzia in un
circuito commerciale

1 di 11
-alcuni si preoccupano dell’effetto negativo della cultura di internet su bambini e ragazzi. La
letteratura per l’infanzia ha la responsabilità di migliorare la vita spirituale del bambino e che quindi
debba promuovere una scrittura classica, raffinata, estetica.
-altri sono a favore di una editoria commerciale sullo stampo di Harry Potter
Cultura cinese
-La cultura è un sistema che influenza profondamente ogni aspetto dell’ambiente sociale in cui si
svolge ogni forma di interazione tra individui.
-Ci sono numerose variabili culturali che è importante conoscere quando si studia la comunicazione
interculturale e le dimensioni individualismo/collettivismo e l’ orientamento temporale sono due di
queste variabili.

Orientamento temporale:
-Differente in culture diverse
-Riguarda le propensioni culturali (o nazionali) verso le idee e i valori legati al passato, al presente
e la futuro.
-Orientamento culturale di una specifica cultura influenza come ogni individuo valuta il tempo e la
misura in cui lo stesso individuo ritiene di poterlo controllare.
-La visione del tempo si basa sulle previsioni del Confucianesimo, Buddismo e Taosimo.
-Il tempo non è lineare ma è influito dal ciclo di nascita e morte senza fine.
-la disposizione individuale nei confronti del tempo può differire in modo molto significativo tra
culture diverse
-Gli atteggiamenti nei confronti del tempo hanno subito numerosi mutamenti nel corso della storia
umana
-L’orientamento temporale riguarda le propensioni culturali (o nazionali) verso le idee e i valori
legati al passato, al presente e al futuro.
-L’orientamento temporale di una specifica cultura influenza come ogni individuo valuta il tempo e
la misura in cui lo stesso individuo ritiene di poterlo controllare

Orientamento al passato
-Le culture orientate al passato hanno un rapporto con il tempo più “rilassato”.
-Tali culture, consapevoli della loro storia millenaria, guardano al tempo con una
prospettiva molto ampia.
Orientamento al futuro
-Le culture orientate al futuro tendono a scandire rigidamente le loro vite in base
all’orologio.
-Tali culture incoraggiano e valorizzano l'operosità e in uno stile di vita frenetico e votato al
successo e allo status sociale

E in Cina:
Confucianesimo:
-Orientato al passato
-Etica basata sull’eredità delle dinastie passate moralmente migliori di quelle attuali
-Molte dimensioni

Taoismo:
- Ritorno alla natura
- Filosofia basata sul perseguimento di una libertà assoluta
- Il tempo è un concetto relativo: non dovrebbe essere una forza in grado di condizionare le vite
umane

Individualismo/Collettivismo:
-self-construal style: percezione che gli individui hanno riguardo ai loro pensieri, sentimenti e azioni
in relazione agli altri.

2 di 11

Potrebbero piacerti anche