Sei sulla pagina 1di 94

Manuale

dell’installatore
Supplemento

Controllo stabilità
Sistema 2XL

7.88.1450 Rev. 00
Amco Veba s.r.l., Via Einstein, 4 42028 Poviglio (RE) Italy
Tel. ++39 0522 408011 Fax. ++39 0522 408080
E-mail: commerciale@amcoveba.it http://www.amcoveba.com
INDICE

1. SIMBOLI E UNITÀ DI MISURA .....................................................................................................1

2. DESCRIZIONE GENERALE DEL SISTEMA.................................................................................2

3. MESSA IN FUNZIONE DELLA GRU.............................................................................................3


3.1 Accensione del sistema......................................................................................................................................................................................3
3.2 Apertura degli stabilizzatori ...............................................................................................................................................................................3
3.3 Apertura gru con “Safe Open System”.............................................................................................................................................................5
3.3.1 Apertura gru con 2 bracci .............................................................................................................................................. 5
3.3.2 Apertura gru con 1 braccio ............................................................................................................................................ 5
3.4 Movimentazione dei carichi ...............................................................................................................................................................................6

4. DESCRIZIONE DEI COMPONENTI DEL SISTEMA .....................................................................7


4.1 Posizionamento dei componenti del sistema ..................................................................................................................................................7
4.2 Sensori CAN ........................................................................................................................................................................................................8
4.2.1 Funzionamento del CAN (Controller Area Network)............................................................................................................. 8
4.2.2 Struttura del cavo CAN................................................................................................................................................. 8
4.2.3 Cablaggio “Splitter” per collegamento dei dispositivi CAN ..................................................................................................... 8
4.2.4 Schema di cablaggio dei dispositivi CAN .......................................................................................................................... 9
4.2.5 Sensori di rilevamento dell’apertura delle aste stabilizzatrici ................................................................................................ 10
4.2.6 Sensore di rilevamento dell’angolo di rotazione della gru .................................................................................................... 10
4.3 Sensori digitali...................................................................................................................................................................................................11
4.3.1 Schema di cablaggio dei sensori digitali ......................................................................................................................... 11
4.3.2 Sensori di rilevamento piedi stabilizzatori a terra............................................................................................................... 12
4.3.3 Sensore di rilevamento gru chiusa ................................................................................................................................ 13
4.3.4 Sensori di controllo posizione cursore ............................................................................................................................ 14
4.4 Sensori analogici...............................................................................................................................................................................................15
4.4.1 Trasduttore di Pressione ............................................................................................................................................. 15
4.4.2 Sensore angolo d’inclinazione ...................................................................................................................................... 16
4.4.3 Sensori argano ......................................................................................................................................................... 17

5. CALIBRAZIONE DEL SISTEMA 2XL..........................................................................................18


5.1 Descrizione del sistema....................................................................................................................................................................................18
5.2 Accesso al menu calibrazioni: inserimento codici PIN.................................................................................................................................20
5.3 Definizione del tipo di installazione e modalità controllo aste “Stab assignment” ...................................................................................20
5.3.1 Abbinamento tra numero identificativo stabilizzatore col punto di riferimento del sistema............................................................ 20
5.3.2 Modalità di rilevamento della posizione di aste e stabilizzatori.............................................................................................. 20
5.3.3 Stab assignment ....................................................................................................................................................... 21
5.4 Fast calibration..................................................................................................................................................................................................21
5.4.1 Stabilizzazione del veicolo........................................................................................................................................... 21
5.4.2 Rilevamento degli angoli che delimitano le zone di stabilità (ZDA) ........................................................................................ 23
5.4.3 Rilevamento delle pressioni di ribaltamento ..................................................................................................................... 24
5.5 Complete Calibration ........................................................................................................................................................................................25
5.5.1 Maximum Level ........................................................................................................................................................ 26
5.5.2 Medium Level........................................................................................................................................................... 28
5.5.3 Minimum Level ......................................................................................................................................................... 30
5.6 Sostituzione dei componenti CAN ..................................................................................................................................................................32
TABELLE
Tab.1 : Pulsanti di attivazione del “controllo stabilizzatori” ............................................................................................................................................3
Tab.2 : Individuazione delle zone di stabilità e degli SRP ..............................................................................................................................................19
Tab.3 : Numero identificativo stabilizzatore (NS) ............................................................................................................................................................20
Tab.4 : Beam Mode (BM) ....................................................................................................................................................................................................20

PROCEDURE
Procedura 1: Inserimento codici pin.................................................................................................................................................................................33
Procedura 2: Stab assignment ..........................................................................................................................................................................................35
Procedura 3: Fast calibration ............................................................................................................................................................................................38
Procedura 4: Complete calibration - Maximum level ......................................................................................................................................................42
Procedura 5: Complete calibration - Medium level .........................................................................................................................................................46
Procedura 6: Complete calibration - Minimum level .......................................................................................................................................................50
Procedura 7: New can device identification.....................................................................................................................................................................54
Procedura 8: Outriggers zero setting ...............................................................................................................................................................................55
Procedura 9: Rotation angle setting .................................................................................................................................................................................57
Procedura 10: Esclusione del safe open system ............................................................................................................................................................60

ALLEGATI
Allegato 1: Modulo di mappatura assegnazione NS e BM..............................................................................................................................................61
Allegato 2: Moduli di mappatura pressioni limite (P1TIP) ..............................................................................................................................................62
Allegato 3: Segnali di allarme per componenti CAN-Bus...............................................................................................................................................64
Allegato 4: Instabilità del veicolo durante il test di stabilità ..........................................................................................................................................65
Allegato 5: Tasti del limitatore di momento .....................................................................................................................................................................66
Allegato 6: Parametri del sistema .....................................................................................................................................................................................67
Allegato 7: Schema elettrico..............................................................................................................................................................................................73

2XL System

1. SIMBOLI E UNITÀ DI MISURA


Simboli Manuale

Simbolo Descrizione Unità di misura


BM Modalità di rilevamento della posizione dell’asta e dello stabilizzatore (Beam Mode) 0, 1, 2, 3, 4
CW Senso orario -
CCW Senso antiorario -
CVS Lato distributore -
DOWN Configurazione di piede stabilizzatore a terra -
DX Destro -
GND Massa (messa a terra) -
MAUM Manuale avvertenze, uso e manutenzione -
MAX Configurazione di apertura massima asta ■■■
MID Configurazione di apertura intermedia asta ■■
MIN Configurazione di apertura minima asta ■
MI Manuale dell’installatore -
n Coefficiente di sicurezza sulle pressioni P1TIP -
N Numero progressivo dei punti di rilevamento dei P1TIP -
NC Normalmente chiuso -
NO Normalmente aperto -
NS Numero identificativo di stabilizzatori e aste 1, 2, 3, 4
OCVS Lato opposto distributore -
P1LIM Pressione limite di blocco gru (P1LIM=P1TIP/n) bar
P1TIP Pressione limite di ribaltamento bar
PIN Codice di accesso al sistema “XXXXX”
R Resistenza elettrica Ω (ohm)
SRP Punto di riferimento del sistema (System Reference Point) A, B, C, D
SX Sinistro -
TL Carico di prova per il test di stabilità (Test Load) kg
UP Configurazione di piede stabilizzatore non a terra -
Vbatt Tensione della batteria V
ZDA Angoli di delimitazione delle zone di lavoro (Zone Detection Angle) °
α Angolo di rotazione colonna, generico °

Simboli Display
Unità di misura
Simbolo Descrizione
Range
PIN Codice di accesso al sistema “XXXXX”
Stab. Punto di riferimento del sistema (SRP) A, B, C, D
Stab. Point Numero punto di stabilizzazione (NS) 1, 2, 3, 4
Beam M. Modalità di rilevamento della posizione dell’asta e dello stabilizzatore (Beam Mode) 0, 1, 2, 3, 4
F1 Simbolo su display che indica asta e stabilizzatore anteriori, lato SX veicolo -
F2 Simbolo su display che indica asta e stabilizzatore anteriori, lato DX veicolo -
R3 Asta e stabilizzatore suppl., lato DX del veicolo -
R4 Asta e stabilizzatore suppl., lato DX del veicolo -
^ Configurazione piede stabilizzatore sollevato da terra (UP) -
v Configurazione piede stabilizzatore a terra (DOWN) -
■ Configurazione di apertura minima asta (MIN) -
■■ Configurazione di apertura intermedia asta (MID) -
■■■ Configurazione di apertura massima asta (MAX) -
0 Configurazione di apertura aste richiesta durante la calibrazione -
L Lunghezza mm
LIM Numero progressivo dei punti di rilievo di P1. LIM = (180+T) / 20 0 ≤ LIM ≤ 18
P1 Valore istantaneo di pressione nel del cilindro 1.braccio bar
Pos Posizione -
A Valore istantaneo dell’angolo di rotazione gru °
T Angolo di rotazione prefissato a cui effettuare le prova di ribaltamento, a intervalli di 20° -180 ≤ T ≤ 180
ROTATE << Ruotare la gru in senso orario (decremento dell’angolo A) -
ROTATE >> Ruotare la gru in senso antiorario (incremento dell’angolo A) -
STOP ■■ Stop rotazione gru, angolo T raggiunto (T-2° ≤ A ≤ T+2°) -

1

2XL System

2. DESCRIZIONE GENERALE DEL SISTEMA


Il limitatore di momento elettronico è stato aggiornato con l’implementazione delle funzioni di controllo della stabilità. Le funzioni di
sicurezza della precedente versione sono rimaste inalterate.

In sintesi il sistema è un limitatore di momento per gru da autocarro, il quale rileva in tempo reale la pressione all’interno del cilindro
1.braccio e la confronta con le soglie limite memorizzate durante la prova di stabilità (calibrazione): tali soglie, stabilendo la massima
capacità di sollevamento della gru, garantiscono la stabilità del veicolo in base al posizionamento delle aste stabilizzatrici.

Il sistema inoltre divide l’area di lavoro gru in 4 settori definiti dall’installatore durante il test di stabilità: sopra la cabina, dietro il cassone,
lato destro e lato sinistro del veicolo.

Per ogni settore di lavoro vengono impostate tre diverse soglie limite che vengono attivate in base al posizionamento delle aste e dei
piedi stabilizzatori:
- P1LIM,4,max (Lim 4) : aste completamente estese (100%) e piedi stabilizzatori a terra
- P1LIM3, mid (Lim 3): estensione aste maggiore del 50% e minore del 100%, piedi stabilizzatori a terra
- P1LIM2,min (Lim 2): estensione aste maggiore dello 0% e minore del 50%, piedi stabilizzatori a terra

FRONT FRONT FRONT

Lim4 Lim3 Lim3

100% 100% 50% 100% 100% 0%

Lim4 Lim4 Lim3 Lim4 Lim4 Lim2


100% 100% 100% 100% 100% 50%

Lim4 Lim4 Lim4


REAR REAR REAR

Il nuovo sistema offre una serie di funzioni e controlli elencati di seguito:

• Gestione dei comandi consentiti in caso di intervento del limitatore di momento in base alla posizione del braccio
• Gestione di funzioni ausiliarie: braccio jib, argano, rotore e benna e i blocchi/consensi ai relativi comandi
• Autodiagnostica di guasti e malfunzionamenti
• Black box e statistiche di utilizzo
• Gestione manutenzioni programmate

Come nella versione precedente, il limitatore di momento è dotato di un pannello principale con display a 2 linee a 16 caratteri per la
visualizzazione delle pressioni, delle percentuali di carico, dei messaggi operativi e di allarme e di alcuni menù di programmazione e
diagnostica. Inoltre sono presenti 8 led che visualizzano in modo rapido all’operatore le indicazioni operative più importanti.

I 9 tasti presenti sono utilizzabili per l’attivazione di alcune funzioni operative, quali l’attivazione delle funzioni radiocomando, jib, benna,
argano, claxon, stabilizzatori, per l’esclusione del limitatore (RESET) e per la gestione e la navigazione nei menù.

Il dispositivo può anche essere collegato al radiocomando in modo da ottimizzare e salvaguardare il funzionamento di tutta la gru. In
questo caso dal radiocomando è possibile la gestione delle attivazione delle funzioni operative come dal pannello principale, senza però
la possibilità di navigazione nel menu.

Il software installato è studiato per ottenere le prestazioni migliori rispettando tutti i criteri di sicurezza.

2

2XL System

3. MESSA IN FUNZIONE DELLA GRU


3.1 Accensione del sistema

Ad ogni accensione il sistema esegue il controllo di routine sui parametri, verifica previa accensione di tutti i led del pannello frontale il
corretto funzionamento e mostra la versione del software installata. Nella seconda riga del display viene visualizzato

AV03-00 xx/yy/zz

dove
AV03 versione del Firmware
00 numero delle revisioni
xx/yy/zz giorno/mese/anno dell’ultima versione

Tutte le versioni possiedono funzioni retroattive e possono essere quindi installate su gru con versioni precedenti.
Versioni di Firmware antecedenti non sono invece compatibili con le successive.

3.2 Apertura degli stabilizzatori

Se ad inizio la gru è chiusa e i piedi non sono a terra il sistema visualizza sul display

NOT STABILIZED

L’azionamento del controllo stabilizzatori può essere effettuato dal pannello di controllo premendo per 2s il tasto 6 “controllo
stabilizzatori” da UAV o dalla trasmittente del radiocomando (vedi tabella seguente).

Tab.1 : Pulsanti di attivazione del “controllo stabilizzatori”

Tasto “stabilizzatori” n°6 del pannello di controllo

Tasto controllo stabilizzatori su radiocomando Hetronic

Tasto controllo stabilizzatori su radiocomando Scanreco

Con il segnale di gru chiusa il comando stabilizzatori è attivo: il sistema alimenta la valvola di messa a scarico del sistema stabilizzatori
consentendone i movimenti.

3

2XL System

Sul pannello principale del limitatore di momento e sul display del radiocomando viene visualizzato il posizionamento delle aste e degli
stabilizzatori.

FRONT

F1 F2

F1 v ■■■ R3 ^ □□□
F2 v ■■■ R4 ^ □□□
SX DX

R4 R3

REAR

In tempo reale i display mostrano la configurazione dell’asta e dello stabilizzatore.

A piazzamento avvenuto (tutti i piedi devono essere a contatto col suolo), se si preme di nuovo il tasto “funzione stabilizzatori”, il sistema
esce dalla modalità “stabilizzatori” e memorizza il piazzamento e le relative portate (soglie di pressione).
Se la gru è chiusa, terminata la procedura di apertura stabilizzatori, il sistema visualizza sul display

RECOVERY CRANE

Da questo momento la gru è pronta per essere azionata.

In caso di accensione del sistema con gru aperta e con almeno uno stabilizzatore non appoggiato a terra (UP), il
display visualizza l’avviso

NOT STABILIZED

In questa condizione i movimenti della gru e degli stabilizzatori sono bloccati. Premendo e mantenendo sempre premuto il
tasto Reset viene consentito il comando di rientro sfili al fine di poter eventualmente riappoggiare a terra il piede stabilizzatore.
Una volta riappoggiato il piede l’avviso “NOT STABILIZED” scompare dal display e il sistema reimposta automaticamente le
soglie limite di pressione e riattiva le funzioni operative della gru.

Partendo dal presupposto che le prove di stabilità vengano eseguite dal’installatore in fase di collaudo della gru, per
il sistema la perdita di contatto di uno stabilizzatore durante la fase di lavoro non compromette la stabilità.
Se in fase di lavoro il sistema rileva la diminuzione di apertura di un’asta, il sistema riduce la portata della zona di pertinenza
dall’asta per scongiurare il ribaltamento della gru e per preservare l’integrità strutturale dello stabilizzatore.

4

2XL System

3.3 Apertura gru con “Safe Open System”


Il sistema “Safe Open” garantisce che alla prima accensione dell’impianto elettrico venga eseguita la corretta procedura di apertura della
gru, dalla posizione di riposo (vedi MAUM) al 1.braccio sollevato.

Il display indica all’operatore le movimentazioni da eseguire: qualsiasi altro comando non è consentito.

Per una corretta procedura di apertura l’operatore deve eseguire le seguenti movimentazioni:

3.3.1 Apertura gru con 2 bracci

1. Azionare il comando di chiusura 2.braccio per almeno 2 secondi

Close 2nd Boom

Finché il comando non è azionato, qualsiasi altro comando segnala sul display “Close 2nd Boom”.

2. Azionare il comando di apertura del 1.braccio per almeno 2 secondi

Open 1st Boom

Vi è l’obbligo di sollevare il 1.braccio finché il segnale gru chiusa rimane attivo.

3.3.2 Apertura gru con 1 braccio

1. Azionare il comando di apertura del braccio per almeno 2 secondi

Open 1st Boom

Se la posizione di chiusura standard non corrisponde a quella di riposo gru, il sistema “Safe Open” può essere
escluso dall’installatore (vedi Procedura 10).

5

2XL System

3.4 Movimentazione dei carichi


A calibrazione completata, il sistema prevede che soglie limite di pressione vengano impostate in base all’apertura delle aste (i piedi
stabilizzatori devono sempre essere a terra). Le aperture possibili sono MIN, MID, MAX.
Il sistema determina le portate nominali (pressioni) relative alla configurazione delle aste e le mantiene fino alla successiva
stabilizzazione.

Durante la fase di lavoro il sensore di rotazione (RCS / ER) controlla in tempo reale la zona operativa del braccio gru.
Se si cerca di ruotare il braccio verso una zona avente soglia inferiore alla pressione di lavoro, in fase di avvicinamento all’interzona
(cambio zona) il sistema rallenta automaticamente la rotazione (l’angolo di inizio rallentamento è impostato dal costruttore). In questa
condizione, il display indica che i movimenti sono stati rallentati col seguente avviso:

Slow Movement
% --- --- --- ---

Informazioni sul carico

Se si continua a ruotare il braccio nella stessa direzione, il sistema blocca la rotazione e genera una condizione di sovraccarico.

Il sistema inoltre controlla e blocca i movimenti peggiorativi per la stabilità, mentre consente i movimenti che riducono la pressione sul
cilindro 1.braccio. Il controllo dei movimenti permessi viene eseguito in base all’inclinazione del 2.braccio e dell’eventuale braccio jib (i
movimenti permessi sono mostrati nel MAUM).

Una volta ridotta la pressione del cilindro 1.braccio al di sotto della soglia di blocco, il sistema consente l’accesso alla zona
precedentemente interdetta abilitando tutte le funzioni.

Nel caso in cui con i comandi permessi non si riesca a ridurre la pressione al di sotto della soglia di blocco, l’accesso
alla zona con soglia limite inferiore rimane interdetto.

Poiché la gru si trova sul confine tra una zona stabile e una instabile, il sistema attiva lo “speed set” di rallentamento
anche durante la rotazione verso la zona con soglia limite superiore. I movimenti rimangono rallentati finché tutte le leve del
radiocomando non vengono riportate in posizione neutrale.

Nell’esempio viene rappresentato l’avvicinamento del braccio alla Zona 1 dalla Zona 4 con un carico superiore a quello massimo
consentito per la Zona 1 (80% > 50%).

ZONE 1

Lim50%

A B STOP

SLOW SPEED
Load80%
ZONE
ZONE 2 D C ZONE 4
NORMAL SPEED
ZONE
Lim100%

ZONE 3

La “SLOW SPEED ZONE” è il settore nell’interzona in cui è attivo lo “speed set” di rallentamento della rotazione. Questo settore parte
dalla “NORMAL SPEED ZONE” e termina allo “STOP”: da qui viene bloccata la rotazione verso la Zona 1 (zona con soglia limite
inferiore).

6

2XL System

4. DESCRIZIONE DEI COMPONENTI DEL SISTEMA


Oltre ai componenti gia presenti sul sistema gru sono stati inseriti nuovi componenti: sensori digitali e analogici.
Per avere le informazioni necessarie per controllo della stabilità il sistema utilizza una parte dei sensori presenti sulla gru che si basano
sulla tecnologia di comunicazione CAN Bus:

• SENSORE ANGOLARE DI ROTAZIONE


• SENSORI APERTURA ASTE STABILIZZATRICI

Anche il radiocomando è collegato sulla linea CAN in modo da sfruttare al massimo le sue potenzialità.
Altri componenti del sistema funzionano con tecnologia tradizionale utilizzando ingressi digitali e analogici del UAV

• SENSORI DIGITALI (RILEVAMENTO PIEDI STABILIZZATORI A TERRA, POSIZIONE GRU CHIUSA, POSIZIONE CURSORE)
• SENSORI ANALOGICI (TRASDUTTORI DI PRESSIONE, ANGOLARI, TIRO ARGANO)

4.1 Posizionamento dei componenti del sistema

1 Limitatore di momento 6 Sensore proximity gru chiusa


2 Distributore 7 Sensore encoder angolo di rotazione (RCS / ER)
3 Ricevente radiocomando 8 Sensore trasduttore di pressione
4 Sensore proximity piedi stabilizzatori a terra 9 Sensore argano
5 Sensore encoder estensione aste stabilizzatrici (E1, E2,...) 10 Sensore trasduttore angolo d’inclinazione

1 Sensore trasduttore angolo d’inclinazione 2 Sensore trasduttore di pressione

7

2XL System

4.2 Sensori CAN


4.2.1 Funzionamento del CAN (Controller Area Network)

CAN-Bus è un protocollo di comunicazione seriale che consente la comunicazione veloce tra dispositivi di controllo di apparecchiature
elettromeccaniche, anche in ambienti fortemente disturbati dalla presenza di onde elettromagnetiche.

Il sistema CAN-Bus ha la peculiarità che tutte le parti (node) sono collegate tramite un Bus (collegamento) di cavo dati. Una stringa di
messaggi viene inviata alla rete dal Sistema Principale (UAV) con identificatori speciali (indirizzi ID). I dispositivi collegati vedono tutti i
“messaggi”, ma leggono solo quelli correlati al loro indirizzo ID assegnatogli. Analogamente, i dispositivi comunicano tra loro inviando
messaggi sul Bus indirizzati ad altre parti specifiche della rete.
Il sistema CAN semplifica notevolmente il cablaggio, consentendo ad un vasto numero di singole unità di comunicare tra loro, senza la
necessità di un sistema complicato di cavi separati.

node 1 node 2 node N

CAN H
Terminator
(120 Ohm)

(120 Ohm)
Terminator
R CAN Bus R
CAN L

Una caratteristica peculiare della linea CAN è che l’impedenza complessiva tra i poli CAN H e CAN L deve essere di 60 Ω.
Tutti i componenti collegati sulla linea CAN si definiscono a collettore aperto e l’impedenza tra il polo CAN H e CAN L tende all’infinito.
Per ottenere tale valore (ottimale per la comunicazione dati) vengono poste due resistenze denominate “terminatori” ad inizio linea e a
fine linea (vedi figura sopra). Ogni terminatore ha un valore di resistenza di R=120 Ω.

Togliendo uno dei due terminatori dalla linea l’impedenza cambia: questo fatto potrebbe provocare un peggioramento
della trasmissione dei dati, con conseguente perdita di informazioni e, addirittura, il blocco della gru.

4.2.2 Struttura del cavo CAN

Il collegamento (Bus) è costituito da un cavo di particolare costruzione composto da una schermatura esterna contenente al suo interno
due doppini con fili intrecciati ricoperti da stagnola e schermati.

PIN FUNZIONE COLORE


1 GND BK
2 Positivo RD
3 CAN GND SHIELD
4 CAN L WH
5 CAN H BU

Le schermature sono necessarie per evitare i disturbi elettromagnetici presenti nel campo di applicazione del sistema. Le connessioni
intermedie sono realizzate con contatti dorati e connettori a tenuta IP67.

4.2.3 Cablaggio “Splitter” per collegamento dei dispositivi CAN

Un cablaggio appositamente studiato con una struttura a Y con ai capi connettori M12 a 5 pin con terminali dorati serve per mettere in
collegamento tra di loro tutti i componenti CAN del sistema.

8

2XL System

4.2.4 Schema di cablaggio dei dispositivi CAN

- Gru senza stabilizzatori supplementari


FRONT

TERMINATOR
2

2
E1 E2

1
CAN line
ER 2 1 ER

2
1
UAV
E2
RDC
1 2

2
1
CVS OCVS TE

R
EM
O
2 1 E1

2
O
DI

1
RA

TERMINATOR
RDC 1

REAR

- Gru con stabilizzatori supplementari


TERMINATOR
FRONT 2

2
1
2 1
E4
2
1

E1 E2 E3 1

ER

UAV
2

1 2
RDC
CAN line

CVS OCVS 2 1
ER
2
1

E2 1 2

2
1
RB
TE
M
O E1
RE
2 1
2

IO
1

AD
R
E4 E3 TERMINATOR
RDC 1

REAR

Legenda
E1: Encoder su stabilizzatore NS=1
E2: Encoder su stabilizzatore NS=2
E3: Encoder su stabilizzatore NS=3
E4: Encoder su stabilizzatore NS=4
ER: Encoder su rotazione colonna
RDC: ricevente radiocomando

9

2XL System

4.2.5 Sensori di rilevamento dell’apertura delle aste stabilizzatrici

Su ogni asta è installato un sensore a filo con tecnologia CAN-Bus avente la funzione di misurare e fornire al sistema una misura di
lunghezza finita.
Le misure effettuate da ciascun sensore sono 4: al suo interno sono presenti due encoder che ruotano contemporaneamente quando il
cavo si svolge e si riavvolge. Ogni encoder fornisce due misure di lunghezza che, in caso di corretto funzionamento, devono coincidere.
Il sensore verifica internamente che i due valori di lunghezza rilevate dai singoli encoder siano congruenti: in caso contrario un apposito
segnale comunica al sistema il malfunzionamento del sistema di misura.
Il sistema UAV a sua volta verifica in tempo reale il corretto funzionamento del sensore confrontando i segnali in uscita dai due encoder:
in caso di anomalie, il sistema blocca la gru segnalando sul display gli allarmi relativi al componente difettoso.

Per sostituire correttamente un sensore è indispensabile seguire una precisa procedura in modo che il sistema assegni il corretto
indirizzo ID al componente e rilevi la corretta misura di apertura dell’asta (vedi Procedura 7 e Procedura 8).
Ogni asta stabilizzatrice ha un proprio numero di riconoscimento (NS): nella procedura di assegnazione dell’indirizzo ID tale numero
viene usato come riferimento per la programmazione.

NS

Le 3 soglie di apertura delle aste (MIN, MID, MAX) sono stabilite unilateralmente dal costruttore e non modificabili
dall’installatore a meno di fondate motivazione e previo consenso del fabbricante.

4.2.6 Sensore di rilevamento dell’angolo di rotazione della gru

Il sensore di rilevamento dell’angolo di rotazione ha lo stesso principio di funzionamento dei sensori di apertura delle aste.
Le misure effettuate dal sensore sono 4: il sensore controlla i due segnali in uscita da ciascun componente encoder al suo interno e il
sistema compara e controlla due dei 4 segnali provenienti dai due encoder.
A seguito di una corretta calibrazione il sistema converte una misura di lunghezza lineare nella posizione angolare della gru da. Per
eseguire tale conversione è necessaria la mappatura di 5 punti angolari su tutto l’arco di rotazione della gru (-180°, -90°, 0, 90°, 180°).

-180° 0°
+180°
+ -

PM
-90° +90° +90° -90°

PM

- +
-180°
0° +180°

Per sostituire correttamente il sensore di rotazione è indispensabile seguire una precisa procedura in modo che il sistema assegni il
corretto indirizzo ID al componente e rilevi la corretta posizione angolare della gru (vedi Procedura 7 e Procedura 9).
10

2XL System

4.3 Sensori digitali

I sensori digitali di prossimità (chiamati anche proximity) sono sensori in grado di rivelare la presenza di oggetti nelle immediate
vicinanze del "lato sensibile" del sensore stesso, senza che vi sia un effettivo contatto fisico. La distanza entro cui questi sensori rilevano
oggetti è definita portata nominale (o campo sensibile).

I proximity presentano 2 possibili modalità di funzionamento:

• Normalmente chiuso (NC): l’uscita è +Vbatt quando il sensore non rileva la presenza dell’asta
• Normalmente aperto (NO): l’uscita è -Vbatt quando il sensore non rileva la presenza dell’asta

L'assenza di meccanismi d'attuazione meccanica e di un contatto fisico tra sensore e oggetto, fa sì che questi sensori
presentino un'affidabilità elevata.

4.3.1 Schema di cablaggio dei sensori digitali

FRONT

P1 P2

P5
UAV

CVS OCVS

RB

P4 P3

REAR

Legenda
P1: Sensore proximity su stabilizzatore NS=1
P2: Sensore proximity su stabilizzatore NS=2
P3: Sensore proximity su stabilizzatore NS=3
P4: Sensore proximity su stabilizzatore NS=4
P5: Sensore proximity chiusura gru
RB: Rear Box

11

2XL System

4.3.2 Sensori di rilevamento piedi stabilizzatori a terra

Il rilevamento del posizionamento dei piedi stabilizzatori a terra viene effettuato utilizzando dei sensori di prossimità con uscita NC
posizionati sotto i longheroni del basamento. Si tratta di sensori digitali non presenti sulla linea CAN del sistema.

FUNZIONAMENTO

Finché lo stabilizzatore non arriva a terra, il sensore rileva la presenza dell’asta metallica e fornisce un segnale pari a -Vbatt. Quando il
piede è correttamente appoggiato a terra e solleva l’asta stabilizzatrice, il sensore non rileva più la presenza dell’asta e commuta lo stato
d’uscita a +Vbatt. il sistema interpreta lo stato alto del sensore come piede appoggiato.

Il funzionamento del sensore è indicato da una spia interna allo stesso: in condizioni di piede non appoggiato la spia è spenta , quando il
piede appoggia a terra la spia si accende.

Collegamenti elettrici:
- alimentazione da alimentazione generale gru
- uscita collegata all’ingresso digitale del sistema
- negativo collegato al negativo del sistema

Collegamenti su connettori AMP 3 poli


PIN FUNZIONE COLORE
1 Positivo BR
2 Uscita WH
3 Negativo BU

Collegamenti su M12
PIN FUNZIONE COLORE
1 Positivo BR
2 Uscita sensore WH
3 Negativo BU
4 Non collegato BK

12

2XL System

4.3.3 Sensore di rilevamento gru chiusa

Il rilevamento della configurazione gru chiusa avviene per mezzo di un sensore di prossimità con uscita NO posizionato sul longherone
in prossimità del supporto di chiusura gru. Si tratta di un sensore digitale non presente sulla linea CAN del sistema.

FUNZIONAMENTO

Il sensore segnala la chiusura del pacco bracci quando rileva come prossima la parte metallica del braccio gru: in questa configurazione
l’uscita è pari a +Vbatt. Quando la gru non è in posizione di chiusura il sensore commuta basso -Vbatt, segnalando al sistema la
configurazione di gru aperta.
Il funzionamento del sensore è segnalato da una spia interna allo stesso (vedi figura): in condizioni di gru chiusa la spia è accesa.

Per il costruttore la posizione di chiusura gru standard è quella a pacco sul basamento.
L’installatore d’altra parte può definire una diversa posizione di chiusura: a tale proposito il sistema prevede una connessione libera
(X31, vedi schema impianto elettrico) che consente di installare un secondo sensore per il rilevamento della nuova posizione di gru
chiusa.
Allo scopo l’installatore può utilizzare qualsiasi tipo di sensore a patto che questo fornisca al sistema un segnale positivo pari a +Vbatt
quando la gru si trova nella nuova posizione di riposo.

Collegamenti elettrici:
- alimentazione da alimentazione generale gru
- uscita collegata all’ingresso digitale del sistema
- Negativo collegato al negativo del sistema

Collegamenti su connettori AMP 3 poli


PIN FUNZIONE COLORE
1 Positivo BR
2 Uscita WH
3 Negativo BU

Collegamenti su M12
PIN FUNZIONE COLORE
1 Positivo BR
2 Non collegato WH
3 Negativo BU
4 Uscita sensore BK

13

2XL System

4.3.4 Sensori di controllo posizione cursore

Il rilevamento del movimento della gru viene effettuato con un insieme di sensori montati sul distributore. Ogni comando è dotato di un
sensore di controllo posizione cursore, il quale ha la funzione di rilevare in quale posizione si trova la leva.

Definiamo le due direzioni A e B. I sensori sono identificati con la sigla M e numerati da 01 a 08.

A
A

DISTRIBUTORE DANFOSS DISTRIBUTORE HAWE

A seconda della configurazione della gru alcuni di questi sensori possono essere associati a differenti funzioni che vengono stabilite
durante la programmazione dei parametri di configurazione (vedi manuale limitatore di momento).

Il sistema riceve dai sensori segnali digitali che, debitamente interpretati, forniscono le informazioni sui movimenti azionati e le loro
direzioni. In caso di sovraccarico o instabilità al ribaltamento il sistema è in grado pertanto di bloccare i movimenti pericolosi.

Quando la leva è In posizione neutra, entrambe le uscite del sensore forniscono un segnale pari a +Vbatt. Quando la leva viene
azionata l’uscita corrispondente alla direzione di spostamento (A o B) viene spenta (-Vbatt).

Poiché una leva non può essere contemporaneamente azionata nelle 2 opposte direzioni, il simultaneo “spegnimento” delle due uscite
attiva una segnalazione di allarme con conseguente blocco delle funzioni gru fino alla risoluzione dell’anomalia.

Collegamenti elettrici:
- positivo fornito da un’uscita dedicata del limitatore di momento (PIN 27) che in caso di anomalia toglie alimentazione a tutti i sensori.
- negativo collegato direttamente al negativo generale gru.
- ingresso relativo alla direzione A collegato direttamente all’ingresso dedicato del sistema.
- ingresso relativo alla direzione B collegato direttamente all’ingresso dedicato del sistema.

14

2XL System

4.4 Sensori analogici


Con il termine sensore analogico si definisce un dispositivo che trasforma una grandezza fisica che si vuole misurare (pressione, angolo
di inclinazione, ecc.) in un segnale elettrico, più facilmente misurabile o memorizzabile.

I sensori analogici spesso integrano al loro interno anche alimentatori stabilizzati, amplificatori di segnale, dispositivi di comunicazione
remota, ecc. In quest'ultimo caso si preferisce definirli trasduttori.

4.4.1 Trasduttore di Pressione

Il rilevamento della pressioni nei cilindri che controllano il carico viene effettuato tramite trasduttori di pressione. Si tratta di componenti
che modulano il valore della corrente in uscita al variare della pressione rilevata.

Il range di valori di corrente che il trasduttore è in grado di fornire è 4 ÷ 20 mA: 0 bar di pressione corrispondono ad un valore di corrente
in uscita pari a 4 mA; 400 bar (valore massimo di pressione ammessa dal trasduttore) corrispondono a 20 mA. Il valore di corrente in
uscita ha un andamento lineare con la pressione.

mA

20

0 400 Bar

Il sistema è in grado di rilevare anomalie del trasduttore per valori di corrente al di sotto 4 mA (circuito aperto) e al di sopra di 20 mA
(corto circuito).

L’installatore, prima delle procedure di calibrazione, deve verificare il corretto funzionamento del trasduttore
portando il relativo cilindro a fine corsa ed insistere col movimento di estensione fino al blocco delle funzioni dovute
all’intervento del limitatore di momento. Nell’intervallo tra il fine corsa e il blocco del limitatore di momento la percentuale di
carico deve aumentare fino al 100%.

In caso di sostituzione del trasduttore di pressione non deve essere effettuata alcuna calibrazione.

Collegamenti elettrici:
- positivo collegato al sistema il quale fornisce sempre una tensione di alimentazione di 12V anche se alimentato a 24V: in questo modo
la tensione rimane costante anche quando la tensione di alimentazione scende al di sotto di 12V (fino a 10V max).
- uscita direttamente collegata al sistema che converte i valori di corrente in pressione.
- Il trasduttore di pressione non richiede il collegamento elettrico del negativo

PIN FUNZIONE
1 Positivo
2 Segnale in corrente

15

2XL System

4.4.2 Sensore angolo d’inclinazione

Il rilevamento dell’angolo di inclinazione dei bracci (2.braccio e jib) viene effettuato con sensori in grado di convertire un’inclinazione
rispetto all’orizzontale in un valore di corrente (trasduttori angolare).

Il range di valori di corrente che il trasduttore è in grado di fornire è 4 ÷ 20 mA: 0° corrispondono ad un valore di corrente in uscita pari a
4 mA, 360° corrispondono a 20 mA. Il valore di corrente in uscita ha un andamento lineare con l’angolo.

mA

20

0 360 Angle

Il sistema è in grado di rilevare anomalie del trasduttore per valori di corrente al di sotto 4 mA (circuito aperto) e al di sopra di 20 mA
(corto circuito).

In caso di sostituzione del trasduttore d’angolo è importante installare nuovo il componente nella stessa posizione (
inclinazione ) nella quale si trovava il componente originale.

Collegamenti elettrici:
- positivo collegato al sistema il quale fornisce sempre una tensione di alimentazione di 12V anche se alimentato a 24V: in questo modo
la tensione rimane costante anche quando la tensione di alimentazione scende al di sotto di 12V (fino a 10V max).
- uscita direttamente collegata al sistema che converte i valori di corrente in angolo.
- negativo collegato al pin del limitatore di momento dedicato al collegamento di massa dei sensori analogici.

PIN FUNZIONE
1 Positivo
2 GND
3 Non collegato
4 Segnale in corrente

16

2XL System

4.4.3 Sensori argano

TRASDUTTORE DI TIRO
Il carico applicato alla fune dell’argano viene misurato tramite un sensore (trasduttore di tiro) collegato a una scheda elettronica. Il range
di valori di corrente che la scheda è in grado di fornire in base al carico applicato è 4 ÷ 20 mA: 0 kg applicati all’argano corrispondono ad
un valore di corrente in uscita pari a 4mA, il carico massimo dell’argano corrisponde a 20 mA. Il valore di corrente in uscita ha un
andamento lineare con il tiro.
Il sistema gru è in grado di rilevare anomalie del trasduttore per valori di corrente al di sotto 4 mA (circuito aperto) e al di sopra di 20 mA
(corto circuito). Il sistema converte il valore di corrente in un valore percentuale 0-100% che viene visualizzato sul display.

SEGNALE FINECORSA DISCESA


Quando la fune raggiunge il numero minimo di avvolgimenti sul tamburo si attiva un finecorsa meccanico. L’azionamento del finecorsa fa
sì che la scheda elettronica dell’argano commuti l’uscita del controllo “finecorsa discesa” da +Vbatt a -Vbatt.
Quando cambia lo stato dell’ingresso, il sistema gru blocca il movimento di discesa fune e segnala a display “WINCH STOP DOWN”.

SEGNALE FINECORSA SALITA


Sono possibili 2 possibili controlli:
1. Micro finecorsa in salita: è prevista l’installazione di un micro finecorsa NC che viene azionato quando il contrappeso giunge in
prossimità del bozzello (il contatto del micro si apre). L’uscita del contatto del micro è collegata al sistema gru che, al variare dello stato
d’ingresso, blocca il comando di avvolgimento fune e fuoriuscita sfili. Il display segnala “WINCH STOP UP”.
2. Nessun micro installato tra bozzello e contrappeso: il sistema rileva la variazione dell’uscita proporzionale della scheda argano
quando la fune si tende al raggiungimento del finecorsa in salita (il contrappeso va a battuta sul bozzello).
Il blocco del comando salita fune viene controllato in due condizioni diverse di lavoro: ad argano scarico e ad argano carico.
Per entrambe le condizioni il blocco si attiva quando il sistema rileva una variazione di corrente sull’ingresso del tiro argano. Tale
variazione porta a un blocco momentaneo del comando di salita fune. Riportando la leva comando argano in neutro si può riprendere il
comando di salita.
Solo se il contrappeso è a battuta contro il bozzello, ripetendo il comando di salita il sistema gru rileva un’altra variazione di carico e fa
intervenire un secondo livello di sicurezza: in questo caso il sistema avverte l’operatore bloccando definitivamente i movimenti gru
generando un sovraccarico sulla fune.

Può accadere che, al momento di un improvviso stacco del carico da terra, il sistema blocchi il comando di salita
fune: in questo caso il carico può essere successivamente sollevato, avendo riportato la leva in neutro e azionato il comando
in maniera graduale.

mA

20

PIN FUNZIONE
1 Positivo
2 Segnale tiro fune
3 Segnale Finecorsa Salita
4 Segnale Finecorsa Discesa
5 GND

0 max Kg

Collegamenti elettrici:
- positivo collegato al cablaggio principale +Vbatt (all’interno del tubo resinato). Non è richiesta una particolare alimentazione dato che la
scheda elettronica dell’argano possiede uno stabilizzatore di tensione.
- negativo collegato direttamente al negativo del sistema gru.
- uscita 4 ÷ 20 mA collegata al sistema su ingresso analogico.
- segnale “finecorsa in discesa” collegato all’ingresso digitale del sistema
- segnale “finecorsa in salita” collegato all’ingresso digitale del sistema

17

2XL System

5. CALIBRAZIONE DEL SISTEMA 2XL

5.1 Descrizione del sistema

La nuova versione del limitatore di momento include la possibilità di controllare la posizione delle aste, degli stabilizzatori e l’angolo di
rotazione della gru. Il sistema divide sempre l’area di lavoro gru in 4 zone: sopra la cabina, dietro il cassone, lato destro del veicolo (DX),
lato sinistro del veicolo (SX). Le zone di lavoro vengono così definite in base alle posizioni dei punti di riferimento del sistema A, B, C, D
(SRP) (vedi Tab.2):

• Zona 1: zona tra i punti di riferimento A ↔ B.


• Zona 2: zona tra i punti di riferimento A ↔ D.
• Zona 3: zona tra i punti di riferimento C ↔ D.
• Zona 4: zona tra i punti di riferimento B ↔ C.

A seconda del tipo di installazione della gru sul veicolo le zone possono assumere diverse posizioni e geometrie (vedi §5.3.1).
Per tutti i tipi di installazione la capacità di carico della gru varia al variare dell’impostazioni eseguite dall’installatore. Questo permette
all’operatore di utilizzare la gru anche quando le aste sono parzialmente aperte o completamente retratte, senza compromettere la
stabilità del veicolo.

Durante la fase di stabilizzazione del veicolo i display del limitatore di momento e della ricevente radio permettono all’operatore di
visualizzare la posizione delle aste e degli stabilizzatori. Le soglie limite delle differenti zone sono memorizzate una volta che tutti i piedi
sono a terra e si è usciti dalla procedura di stabilizzazione veicolo.

Durante la fase di lavoro il sensore rotazione controlla in tempo reale la posizione gru.
Quando il braccio gru si avvicina alle zone instabili (cambi zona), il sistema rallenta i movimenti ritenuti critici affinché il blocco del carico
avvenga in modo graduale senza brusche interruzioni della rotazione e senza compromettere in alcun modo la stabilità del veicolo.
I rallentamenti sono attivati anche quando vengono azionati movimenti che, in determinate configurazioni di carico, potrebbero
compromettere la stabilità per gli effetti dinamici dell’inerzia del carico.

Informazioni sui rallentamenti attivati sono mostrate sul display del limitatore di momento e del radiocomando.

La gru viene consegnata dal fabbricante con una precalibrazione delle soglie limite per le tre posizioni. Può accadere che le soglie
preimpostate dalla casa madre con valori standard P1LIM,4,max = portata nominale; P1LIM,3,mid ≈50%; P1LIM,2,min ≈25% siano
eccessive per il tipo particolare di installazione: in questo caso l’installatore può eseguire due tipi di ricalibrazione della stabilità:

• FAST CALIBRATION
Questa procedura permette di calibrare la portata massima nelle 4 zone (Zone1, Zone2, Zone3, Zone4) con le aste completamente
estese (MAX). Il sistema automaticamente calcola le altre due soglie limite per le posizioni rimanenti (aste con apertura MIN e MID)
(vedi §5.4).

• COMPLETE CALIBRATION
Questa procedura permette di calibrare la portata massima nelle 4 zone (Zone1, Zone2, Zone3, Zone4) con le aste completamente
estese (MAX), con aste in posizione intermedia (MID) e in posizione chiusa (MIN) (vedi §5.5).

Le calibrazioni del controllo stabilità permettono di ottimizzare le prestazioni della macchina a prescindere dal tipo di installazione.
Tali calibrazioni possono essere svolte in diversi modi e con tempi di esecuzione differenti. Il concetto di base è che il sistema deve
apprendere attraverso prove di carico su tutto l’angolo di rotazione le pressioni limite (di soglia) per le 4 zone di lavoro in base ai
differenti piazzamenti delle aste stabilizzatrici.
A seconda del tipo di calibrazione che si desidera effettuare, tale operazione è ripetere da un minimo di una volta ad un massimo di tre.
Indichiamo di seguito la procedura per eseguire correttamente la calibrazione:

PROCEDURA

• Accesso al menu calibrazioni (vedi §5.2)


• Definizione della tipologia di installazione se diversa da quella settata dalla casa madre (per esempio: gru retro-cabina, punto morto
standard)
• Tipologia di rilevamento posizione aste se diversa da quella della casa madre (per esempio: collegamenti encoder con traversa
posteriore non fornita dal costruttore)
• Abbinamento stabilizzatori con i punti riferimento SRP (A, B, C, D)
• Rilevamento dei valori angolari che delimitano le 4 zone di lavoro (ZDA)
• Calibrazione “Fast” o “Complete”.

18

2XL System

Tab.2 : Individuazione delle zone di stabilità e degli SRP

ZONE 1 ZONE 1

STOP
STOP

A B A B

D C ZONE 2 D C ZONE 4
ZONE 4
ZONE 2

- 0° +
ZONE 3
ZONE 3
- 0° +

ZONE 1 ZONE 1

ZONE 2 A B
ZONE 4
A B
ZONE 2 ZONE 4
STOP STOP

D C D C

- 0° + - 0° +

ZONE 3 ZONE 3

+ 0° -

ZONE 3 ZONE 3
+ 0° -
ZONE 4 C D
ZONE 2
C D
ZONE 4 ZONE 2

B A B A

STOP STOP

ZONE 1 ZONE 1

Senza stabilizzatori supplementari Con stabilizzatori supplementari

19

2XL System

5.2 Accesso al menu calibrazioni: inserimento codici PIN

Come per le versioni di SW precedenti, l’accesso all’area riservata del menu “Calibrazioni” è consentito solo dopo il corretto inserimento
dei codici PIN 1 e PIN 2 (vedi Procedura 1).

L’installatore ha l’obbligo di custodire e di non divulgare a terzi tali codici, in quanto direttamente responsabile delle
modifiche al sistema.

La legenda per la corretta digitazione dei pulsanti del limitatore è mostrata nell’Allegato 5.

5.3 Definizione del tipo di installazione e modalità controllo aste “Stab assignment”

La Procedura “Stab assignment”, deve essere eseguita sempre prima di effettuare le calibrazioni del sistema del controllo stabilità sia
che si esegua la procedura “Fast” o “Complete”:

5.3.1 Abbinamento tra numero identificativo stabilizzatore col punto di riferimento del sistema

Su ogni singolo cilindro stabilizzatore (solo se fornito dal costruttore) viene applicato un numero identificativo stabilizzatore (NS).
Nel caso di installazione senza stabilizzatori supplementari, l’installatore deve associare un numero NS anche alle 2 sospensioni del
veicolo lontane dalla gru. L’abbinamento asta/NS o balestra/NS viene effettuata con questo criterio:

Tab.3 : Numero identificativo stabilizzatore (NS)


Descrizione stabilizzatore NS
Asta e stabilizzatore gru lato distributore (CVS) 1
Asta e stabilizzatore gru lato opposto distributore (OCVS) 2
- Nel caso con stabilizzatori suppl.: asta e stabilizzatore supplementare lato opposto distributore (OCVS)
3
- Nel caso senza stabilizzatori suppl.: asse balestra veicolo lontana dalla gru lato opposto distributore (OCSV)
- Nel caso con stabilizzatori suppl.: asta e stabilizzatore supplementare lato distributore (CVS)
4
- Nel caso senza stabilizzatori suppl.: asse balestra veicolo lontana dalla gru lato distributore (CSV)

In base alle diverse modalità di installazione riportate di seguito, l’installatore deve registrare la stessa configurazione nel sistema
limitatore di momento abbinando ad ogni punto di riferimento del sistema (SRP) il corrispondente numero NS (vedi Tab.2).

5.3.2 Modalità di rilevamento della posizione di aste e stabilizzatori

Ad ogni punto di riferimento (SRP) l’installatore deve assegnare la relativa modalità di rilevamento della posizione dell’asta e dello
stabilizzatore (BM, “Beam Mode”).
Sono elencate nella tabella seguente le 5 possibili configurazioni di “Beam Mode”.

Tab.4 : Beam Mode (BM)


Funzione BM
Stabilizzatore assente 0
Asta fissa + piede stabilizzatore DOWN 1
Asta MAX + piede stabilizzatore DOWN 2 (*)
Asta MAX con 2 sensori + piede stabilizzatore DOWN 3 (*)
Encoder (MIN, MID, MAX) + piede stabilizzatore DOWN 4

(*): Sono selezionabili solo per gru senza radiocomando.

20

2XL System

I codici “Beam Mode” per stabilizzatori appartenenti alla stessa traversa (supplementare o basamento gru) devono
essere uguali: se per errore si inserissero diversi, il sistema potrebbe non funzionare correttamente.

5.3.3 Stab assignment

È la procedura con cui si assegna a ciascun SRP il relativo NS e BM.


Per poter accedere al menu di calibrazione del sistema, è necessario l’inserimento dei PIN (fare riferimento a Procedura 1).

PROCEDURA

• Accesso al menu calibrazioni (vedi §5.2)


• Abbinamento dei punti riferimento SRP (A, B, C, D) col numero stabilizzatore (NS) e i rispettivi Beam Mode (BM)
• Registrazione sull’apposito modulo di mappatura assegnazione NS e BM (vedi Allegato 1)

La registrazione e descritta in modo particolareggiato in Procedura 2.

5.4 Fast calibration

La procedura “Fast Calibration” permette di ottenere tre livelli di portate differenti in base all’apertura delle aste effettuando solamente la
prova di carico con aste completamente estese. Il sistema calcola in automatico il valore della pressione di blocco (P1LIM=P1TIP/n) per
le 4 Zone e i 3 limiti previsti (apertura aste MIN, MID, MAX) in base ai valori ottenuti dalla calibrazione con aste completamente estese,
assumendo come valori di taratura quelli minimi registrati all’interno della zone stesse.

Durante la procedura vengono calcolati e memorizzati gli angoli che delimitano le diverse zone di stabilità (ZDA). Il limitatore di momento
utilizzerà tali angoli durante la fase normale di lavoro per delimitare le zone di rallentamento/blocco della gru, nel caso in cui venga
pregiudicata la stabilità.

La procedura “Fast Calibration” è guidata dal sistema, che tramite istruzioni visualizzate sul display, guida l’installatore nelle varie fasi
del processo di apprendimento dati.

Durante la fase di calibrazione è necessario disporre di un piazzale sufficientemente ampio per poter piazzare gli stabilizzatori
completamente aperti (gru e stabilizzatori supplementari) e sufficientemente resistente per supportare la pressione esercitata dai piedi a
terra (vedi MAUM).

Si elenca di seguito il materiale necessario per la realizzazione del test della stabilità:

• Carico da applicare alla gru pari a TL (vedi MAUM). L’installatore deve utilizzare uno strumento di misurazione del peso avente una
precisione adeguata per raggiungere l’accuratezza richiesta (vedi MI).
• Catena per il sollevamento del carico. La catena deve permettere il sollevamento del carico a pochi centimetri da terra con la gru in
orizzontale in modo da scongiurare il ribaltamento del veicolo durante la calibrazione.

Si consiglia di eseguire una prova di stabilità prima di qualsiasi modifica della taratura originale della gru.

La “Fast Calibration” si divide in tre fasi:

• Stabilizzazione del veicolo


• Rilevamento degli ZDA
• Rilevamento delle pressioni di ribaltamento (P1TIP).
• Registrazione delle pressioni P1TIP sull’apposito modulo di mappatura (vedi Allegato 2)

5.4.1 Stabilizzazione del veicolo

21

2XL System
All’inizio della procedura il sistema richiede la stabilizzazione del veicolo con aste completamente estese (MAX) e piedi a terra (DOWN),
(vedi MAUM).

I comandi sono indicati nella Procedura 3.1

A differenza delle operazioni di stabilizzazione durante le operazioni di lavoro, durante la procedura di calibrazione gli
stabilizzatori sono sempre azionabili e quindi privi di sicurezza.

22

2XL System

5.4.2 Rilevamento degli angoli che delimitano le zone di stabilità (ZDA)

La definizione delle 4 zone di stabilità (ZDA) è una fase molto importante della calibrazione, in quanto a ciascuna di esse vengono
abbinate specifiche capacità di carico della gru.
La modalità di rilevamento degli ZDA dipende dal tipo installazione della gru e dalla presenza degli stabilizzatori supplementari. Di
seguito riportiamo un esempio di procedura di rilevamento ZDA.

PROCEDURA STANDARD DI RILEVAMENTO ZDA

Gli ZDA relativi agli stabilizzatori della gru sono individuati dalle rette passanti per l’asse colonna e per l’asse dei cilindri stabilizzatori in
posizione di apertura MAX. Per individuare fisicamente questi valori angolari è necessario ruotare la gru nelle direzioni previste e
posizionare il gancio gru esattamente sul fondello degli stabilizzatori.
Gli ZDA relativi agli eventuali stabilizzatori supplementari sono individuati dalle rette passanti per l’asse colonna e per l’asse dei cilindri
stabilizzatori supplementari in posizione di apertura MAX. Per individuare fisicamente questi valori angolari è necessario ruotare la gru
nella direzione prevista e posizionare il gancio gru esattamente sul fondello degli stabilizzatori supplementari.

MAX MAX
A B
A B

D C MAX MAX

MAX MAX D C

Gru retro-cabina Gru retro-cassone

In assenza di stabilizzatori supplementari, per gru installate retro-cabina, gli ZDA relativi al veicolo sono individuati dalle rette passanti
per l’asse colonna e per le mezzerie delle sospensioni del semiasse posteriore del veicolo (punti di riferimento C, D). Per individuare
fisicamente questi valori angolari è necessario ruotare la gru nelle direzioni previste e posizionare il gancio gru sulle verticale in
corrispondenza delle mezzerie delle sospensioni posteriori.
In assenza di stabilizzatori supplementari, per gru installate retro-cassone, gli ZDA relativi al veicolo sono individuati dalle rette passanti
per l’asse colonna e per le mezzerie delle sospensioni del semiasse anteriore del veicolo (punti di riferimento A, B). Per individuare
fisicamente questi valori angolari è necessario ruotare la gru nelle direzioni previste e posizionare il gancio gru sulle verticali in
corrispondenza delle mezzerie delle sospensioni anteriori.

MAX MAX A B

A B

D C
MAX MAX

D C

Gru retro-cabina Gru retro-cassone

La procedura standard di rilevamento degli ZDA è puramente indicativa. È responsabilità dell’installatore definire la
corretta ampiezza angolare di queste zone attraverso prove teoriche e pratiche di stabilità (test stabilità).

23

2XL System

PROCEDURA

• Dopo aver correttamente stabilizzato il veicolo, attivare i comandi gru


• Portare il gancio sul punto di riferimento NS=1 e registrare l’angolo.
• Portare poi il gancio sugli altri punti NS=2, 3, 4 e registrare gli angoli.

Gli ZDA vengono memorizzati dal sistema secondo la Procedura 3.2.

5.4.3 Rilevamento delle pressioni di ribaltamento

Una volta definite le zone di stabilità, l’installatore deve eseguire la registrazione delle pressioni massime (P1TIP) che garantiscono la
stabilità al ribaltamento lungo tutto l’arco di lavoro della gru.

L’installatore deve approntare il carico TL (vedi MAUM e MI) con cui effettuare la prova: TL è il carico che, se sollevato in punta alla gru,
assicura la stabilità anche in fase dinamica per ogni configurazione di carico.

PROCEDURA

• Sollevare il carico TL a pochi centimetri da terra con bracci orizzontali e cilindro 2.braccio completamente esteso
• Ruotare la gru in direzione -180°: per agevolare il raggiungimento della posizione esatta, sul display compaiono frecce che indicano
in quale direzione eseguire la rotazione e la scritta STOP quando si è raggiunta la posizione angolare idonea per il rilevamento
• Estendere il pacco bracci. Bloccare l’estensione quando si raggiunge l’instabilità come indicato nel MI. L’installatore può essere
aiutato nella valutazione dall’accensione della spia rossa del limitatore in seguito al distacco da terra di uno stabilizzatore.

L’installatore deve porre particolare attenzione in questa fase poiché una ritardata interruzione del comando di
fuoriuscita delle estensioni idrauliche potrebbe provocare il ribaltamento del veicolo.

• Registrare il dato di pressione P1TIP sul limitatore. Il dato va trascritto anche sull’apposito modulo di mappatura delle pressioni
P1TIP (vedi Allegato 2).
• Far rientrare il carico fino a richiudere completamente il pacco bracci
• ruotare di 20° in senso antiorario (fino a -160°) il braccio. Seguire le indicazioni presenti sul display e bloccare allo “STOP”.
• Estendere il pacco bracci. Bloccare l’estensione quando si raggiunge l’instabilità come indicato nel MI e nell’Allegato 4.
• Continuare come descritto fino a campionare le pressioni P1TIP lungo tutto l’arco di lavoro della gru, procedendo da -180° fino a
180° ad intervalli di 20°.
• Registrare le pressioni P1TIP sull’apposito modulo di mappatura (vedi Allegato 2)
• Terminata la procedura di rilevamento pressioni tutti i dati vanno salvati nel limitatore di momento.
• Per rendere effettive le modifiche il sistema deve essere spento e riacceso.

I valori P1TIP vengono memorizzati dal sistema secondo la Procedura 3.3.

Durante la fase di calibrazione la pressione massima del limitatore viene automaticamente incrementata per
permettere di eseguire le prove con il carico maggiorato rispetto a quello di targa.

Se l’installatore ha precedentemente verificato la stabilità col calcolo teorico e la gru non ha subito modifiche di
configurazione relative agli stabilizzatori supplementari o a inversioni di punto morto, è probabile che le calibrazioni
preimpostate siano già corrette.

24

2XL System

5.5 Complete Calibration


La procedura “Complete Calibration” permette di eseguire prove di carico separate per i tre livelli di apertura delle aste stabilizzatrici
(MIN, MID, MAX).
Il sistema calcola automaticamente il valore della pressione di blocco (P1LIM=P1TIP/n) per le 4 Zone del limite selezionato per la
taratura, (apertura aste MIN, MID, MAX), assumendo come valori quelli minimi registrati all’interno della zone stesse.

Durante la procedura vengono calcolati e memorizzati gli angoli che delimitano le diverse zone di stabilità (ZDA). Il limitatore di momento
utilizzerà tali angoli durante la fase normale di lavoro per delimitare le zone di rallentamento/blocco della gru, nel caso in cui venga
pregiudicata la stabilità.

La procedura “Complete Calibration “ è divisa in tre sottomenu:

• Maximum Level: tutte le aste stabilizzatrici sono in apertura massima (MAX)


• Medium Level: tutte le aste stabilizzatrici sono in apertura intermedia (MID)
• Minimum Level: tutte le aste stabilizzatrici sono in apertura minima (MIN)

La procedura è guidata dal sistema che, tramite istruzioni visualizzate sul display, guida l’installatore nelle varie fasi del processo di
apprendimento dati.

Durante la fase di calibrazione è necessario disporre di un piazzale sufficientemente ampio per poter piazzare gli stabilizzatori
completamente aperti (gru e stabilizzatori supplementari) e sufficientemente resistente per supportare la pressione esercitata dai piedi a
terra (vedi MAUM).

Si elenca di seguito il materiale necessario per la realizzazione del test della stabilità:

• Carico da applicare alla gru pari a TL (vedi MAUM). L’installatore deve utilizzare uno strumento di misurazione del peso avente una
precisione adeguata per raggiungere l’accuratezza richiesta (vedi MI).
• Catena per il sollevamento del carico. La catena deve permettere il sollevamento del carico a pochi centimetri da terra con la gru in
orizzontale in modo da scongiurare, in caso di errori, il ribaltamento del veicolo durante la calibrazione.

Si consiglia di eseguire una prova di stabilità prima di qualsiasi modifica della taratura originale della gru.

La “Complete Calibration” per ogni singolo limite si divide in tre fasi:

• Stabilizzazione del veicolo


• Rilevamento degli ZDA
• Rilevamento delle pressioni di ribaltamento (P1TIP).
• Registrazione delle pressioni P1TIP sull’apposito modulo di mappatura (vedi Allegato 2)

A differenza delle operazioni di stabilizzazione durante le operazioni di lavoro, durante la procedura di calibrazione gli
stabilizzatori sono sempre azionabili e quindi privi di sicurezza.

Il salvataggio dei dati della calibrazione deve avvenire solamente dopo la registrazione di tutti i dati relativi a uno dei
tre limiti (MIN, MID, MAX): l’interruzione della registrazione a procedura non ultimata comporta la perdita di tutti i dati rilevati.

La procedura di “Complete Calibration” richiede circa 3 ore ad un operatore esperto.

25

2XL System

5.5.1 Maximum Level

5.5.1.1 Stabilizzazione del veicolo


All’inizio della procedura il sistema richiede la stabilizzazione del veicolo con aste completamente estese (MAX) e piedi a terra (DOWN),
(vedi MAUM). I comandi sono indicati nella Procedura 4.1.

5.5.1.2 Rilevamento degli angoli che delimitano le zone di stabilità (zone detection angle, ZDA)
La modalità di rilevamento degli ZDA dipende dal tipo installazione della gru e dalla presenza degli stabilizzatori supplementari. Di
seguito riportiamo un esempio di procedura di rilevamento ZDA.

PROCEDURA STANDARD DI RILEVAMENTO ZDA

Gli ZDA relativi agli stabilizzatori della gru sono individuati dalle rette passanti per l’asse colonna e per l’asse dei cilindri stabilizzatori in
posizione di apertura MAX. Per individuare fisicamente questi valori angolari è necessario ruotare la gru nelle direzioni previste e
posizionare il gancio gru esattamente sul fondello degli stabilizzatori
Gli ZDA relativi agli eventuali stabilizzatori supplementari sono individuati dalle rette passanti per l’asse colonna e per l’asse dei cilindri
stabilizzatori supplementari in posizione di apertura MAX. Per individuare fisicamente questi valori angolari è necessario ruotare la gru
nella direzione prevista e posizionare il gancio gru esattamente sul fondello degli stabilizzatori supplementari.

MIN MIN
MID
MIN MID
MAX
MIN MAX
MID MID
MAX MAX
A B
A B

MIN
D C MIN
MID MID
MAX MAX
MAX D C
MAX MID
MID MIN
Gru retro-cabina Gru retro-cassone

In assenza di stabilizzatori supplementari, per gru installate retro-cabina, gli ZDA relativi al veicolo sono individuati dalle rette passanti
per l’asse colonna e per le mezzerie delle sospensioni del semiasse posteriore del veicolo (punti di riferimento C, D). Per individuare
fisicamente questi valori angolari è necessario ruotare la gru nelle direzioni previste e posizionare il gancio gru sulle verticale in
corrispondenza delle mezzerie delle sospensioni posteriori.
In assenza di stabilizzatori supplementari, per gru installate retro-cassone, gli ZDA relativi al veicolo sono individuati dalle rette passanti
per l’asse colonna e per le mezzerie delle sospensioni del semiasse anteriore del veicolo (punti di riferimento A, B). Per individuare
fisicamente questi valori angolari è necessario ruotare la gru nelle direzioni previste e posizionare il gancio gru sulle verticali in
corrispondenza delle mezzerie delle sospensioni anteriori.
MID MID
MAX MAX
MIN
MIN
MID MID
MAX MAX
A B A B

D C
MIN
MIN
MID MID
MAX MAX
MIN MIN
MAX D C
MAX
MID MID

Gru retro-cabina Gru retro-cassone

La procedura standard di rilevamento degli ZDA è puramente indicativa. È responsabilità dell’installatore definire la
corretta ampiezza angolare di queste zone attraverso prove teoriche e pratiche di stabilità (test stabilità).

26

2XL System

PROCEDURA

• Dopo aver correttamente stabilizzato il veicolo (apertura aste MAX), attivare i comandi gru
• Portare il gancio sul punto di riferimento NS=1 e registrare l’angolo.
• Portare poi il gancio sugli altri punti NS=2, 3, 4 e registrare gli angoli.

Gli ZDA vengono memorizzati dal sistema secondo la Procedura 4.2.

5.5.1.3 Rilevamento delle pressioni di ribaltamento


Una volta definite le zone di stabilità, l’installatore deve eseguire la registrazione delle pressioni massime (P1TIP) che garantiscono la
stabilità al ribaltamento lungo tutto l’arco di lavoro della gru.

L’installatore deve approntare il carico TL (vedi MAUM e MI) con cui effettuare la prova: TL è il carico che, se sollevato in punta alla gru,
assicura la stabilità anche in fase dinamica per ogni configurazione di carico.

PROCEDURA

• Sollevare il carico TL a pochi centimetri da terra con bracci orizzontali e cilindro 2.braccio completamente esteso
• Ruotare la gru in direzione -180°: per agevolare il raggiungimento della posizione esatta, sul display compaiono frecce che indicano
in quale direzione eseguire la rotazione e la scritta STOP quando si è raggiunta la posizione angolare idonea per il rilevamento
• Estendere il pacco bracci. Bloccare l’estensione quando si raggiunge l’instabilità come indicato nel MI e nell’Allegato 4.
L’installatore può essere aiutato nella valutazione dall’accensione della spia rossa del limitatore in seguito al distacco da terra di
uno stabilizzatore.

L’installatore deve essere consapevole che un ritardato blocco del comandi di estensione può provocare il
ribaltamento del veicolo.

• Registrare il dato di pressione P1TIP sul limitatore. Il dato va trascritto anche sull’apposito modulo di mappatura delle pressioni
P1TIP (vedi Allegato 2).
• Far rientrare il carico fino a richiudere completamente il pacco bracci
• ruotare di 20° in senso antiorario (fino a -160°) il braccio. Seguire le indicazioni presenti sul display e bloccare allo STOP.
• Estendere il pacco bracci. Bloccare l’estensione quando si raggiunge l’instabilità come indicato nel MI e nell’Allegato 4.
• Continuare come descritto fino a campionare le pressioni P1TIP lungo tutto l’arco di lavoro della gru, procedendo da -180° fino a
+180° ad intervalli di 20°.
• Registrare le pressioni P1TIP sull’apposito modulo di mappatura (vedi Allegato 2)
• È necessario salvare i dati rilevati prima di iniziare la calibrazione del limite successivo.

I P1TIP vengono memorizzati dal sistema secondo la Procedura 4.3.

Durante la fase di calibrazione la pressione massima del limitatore viene automaticamente incrementata per
permettere di eseguire le prove con il carico maggiorato rispetto a quello di targa.

Se l’installatore ha precedentemente verificato la stabilità col calcolo teorico e la gru non ha subito modifiche di
configurazione relative agli stabilizzatori supplementari o a inversioni di punto morto, è probabile che le calibrazioni
preimpostate siano già corrette.

Si suggerisce di eseguire questa procedura anche nel caso si renda necessario modificare gli ZDA e/o le pressioni di
soglia nella sola posizione con apertura MAX delle aste stabilizzatrici.

27

2XL System

5.5.2 Medium Level

5.5.2.1 Stabilizzazione del veicolo


All’inizio della procedura il sistema richiede la stabilizzazione del veicolo con aste in apertura intermedia (MID) e piedi a terra (DOWN).
I comandi sono indicati nella Procedura 5.1

5.5.2.2 Rilevamento degli angoli che delimitano le zone di stabilità (zone detection angle, ZDA)
La modalità di rilevamento degli ZDA dipende dal tipo installazione della gru e dalla presenza degli stabilizzatori supplementari. Di
seguito riportiamo un esempio di procedura di rilevamento ZDA.

PROCEDURA STANDARD DI RILEVAMENTO ZDA

Gli ZDA relativi agli stabilizzatori della gru sono individuati dalle rette passanti per l’asse colonna e per l’asse dei cilindri stabilizzatori in
posizione di apertura MID. Per individuare fisicamente questi valori angolari è necessario ruotare la gru nelle direzioni previste e
posizionare il gancio gru esattamente sul fondello degli stabilizzatori.
Gli ZDA relativi agli eventuali stabilizzatori supplementari sono individuati dalle rette passanti per l’asse colonna e per l’asse dei cilindri
stabilizzatori supplementari in posizione di apertura MID. Per individuare fisicamente questi valori angolari è necessario ruotare la gru
nella direzione prevista e posizionare il gancio gru esattamente sul fondello degli stabilizzatori supplementari.

MID MID
MIN
MIN
MID MID
MAX MAX
A B
A B

D C
MIN
MIN
MID MID
MAX MAX MAX
MAX MID
MID MIN D C
MIN
Gru retro-cabina Gru retro-cassone

In assenza di stabilizzatori supplementari, per gru installate retro-cabina, gli ZDA relativi al veicolo sono individuati dalle rette passanti
per l’asse colonna e per le mezzerie delle sospensioni del semiasse posteriore del veicolo (punti di riferimento C, D). Per individuare
fisicamente questi valori angolari è necessario ruotare la gru nelle direzioni previste e posizionare il gancio gru sulle verticale in
corrispondenza delle mezzerie delle sospensioni posteriori.
In assenza di stabilizzatori supplementari, per gru installate retro-cassone, gli ZDA relativi al veicolo sono individuati dalle rette passanti
per l’asse colonna e per le mezzerie delle sospensioni del semiasse anteriore del veicolo (punti di riferimento A, B). Per individuare
fisicamente questi valori angolari è necessario ruotare la gru nelle direzioni previste e posizionare il gancio gru sulle verticali in
corrispondenza delle mezzerie delle sospensioni anteriori.

MID MID
MIN
MIN
MID MID
MAX MAX
A B A B

D C
MIN
MIN
MID MID
MAX MAX
MIN D C
MID MID

Gru retro-cabina Gru retro-cassone

La procedura standard di rilevamento degli ZDA è puramente indicativa. È responsabilità dell’installatore definire la
corretta ampiezza angolare di queste zone attraverso prove teoriche e pratiche di stabilità (test stabilità).
28

2XL System

PROCEDURA

• Dopo aver correttamente stabilizzato il veicolo (apertura aste MID), attivare i comandi gru
• Portare il gancio sul punto di riferimento NS=1 e registrare l’angolo.
• Portare poi il gancio sugli altri punti NS=2, 3, 4 e registrare gli angoli.

Gli ZDA vengono memorizzati dal sistema secondo la Procedura 5.2.

5.5.2.3 Rilevamento delle pressioni di ribaltamento


Una volta definite le zone di stabilità, l’installatore deve eseguire la registrazione delle pressioni massime (P1TIP) che garantiscono la
stabilità al ribaltamento lungo tutto l’arco di lavoro della gru.

L’installatore deve approntare il carico TL (vedi MAUM e MI) con cui effettuare la prova: TL è il carico che, se sollevato in punta alla gru,
assicura la stabilità anche in fase dinamica per ogni configurazione di carico.

PROCEDURA

• Sollevare il carico TL a pochi centimetri da terra con bracci orizzontali e cilindro 2.braccio completamente esteso
• Ruotare la gru in direzione -180°: per agevolare il raggiungimento della posizione esatta, sul display compaiono frecce che indicano
in quale direzione eseguire la rotazione e la scritta STOP quando si è raggiunta la posizione angolare idonea per il rilevamento
• Estendere il pacco bracci. Bloccare l’estensione quando si raggiunge l’instabilità come indicato nel MI e nell’Allegato 4.
L’installatore può essere aiutato nella valutazione dall’accensione della spia rossa del limitatore in seguito al distacco da terra di
uno stabilizzatore.

L’installatore deve essere consapevole che un ritardato blocco del comandi di estensione può provocare il
ribaltamento del veicolo.

• Registrare il dato di pressione P1TIP sul limitatore. Il dato va trascritto anche sull’apposito modulo di mappatura delle pressioni
P1TIP (vedi Allegato 2).
• Far rientrare il carico fino a richiudere completamente il pacco bracci
• ruotare di 20° in senso antiorario (fino a -160°) il braccio. Seguire le indicazioni presenti sul display e bloccare allo STOP.
• Estendere il pacco bracci. Bloccare l’estensione quando si raggiunge l’instabilità come indicato nel MI e nell’Allegato 4.
• Continuare come descritto fino a campionare le pressioni P1TIP lungo tutto l’arco di lavoro della gru, procedendo da -180° fino a
180° ad intervalli di 20°.
• Registrare le pressioni P1TIP sull’apposito modulo di mappatura (vedi Allegato 2)
• È necessario salvare i dati rilevati prima di iniziare la calibrazione del limite successivo.

I P1TIP vengono memorizzati dal sistema secondo la Procedura 5.3.

Durante la fase di calibrazione la pressione massima del limitatore viene automaticamente incrementata per
permettere di eseguire le prove con il carico maggiorato rispetto a quello di targa.

Se l’installatore ha precedentemente verificato la stabilità col calcolo teorico e la gru non ha subito modifiche di
configurazione relative agli stabilizzatori supplementari o a inversioni di punto morto, è probabile che le calibrazioni
preimpostate siano già corrette.

Si suggerisce di eseguire questa procedura anche nel caso si renda necessario modificare gli ZDA e/o le pressioni di
soglia nella sola posizione con apertura MID delle aste stabilizzatrici.

29

2XL System

5.5.3 Minimum Level

5.5.3.1 Stabilizzazione del veicolo


All’inizio della procedura il sistema richiede la stabilizzazione del veicolo con aste in apertura minima (MIN) e piedi a terra (DOWN).
I comandi sono indicati nella Procedura 6.1

5.5.3.2 Rilevamento degli angoli che delimitano le zone di stabilità (zone detection angle, ZDA)
La modalità di rilevamento degli ZDA dipende dal tipo installazione della gru e dalla presenza degli stabilizzatori supplementari. Di
seguito riportiamo un esempio di procedura di rilevamento ZDA.

PROCEDURA STANDARD DI RILEVAMENTO ZDA

Gli ZDA relativi agli stabilizzatori della gru sono individuati dalle rette passanti per l’asse colonna e per l’asse dei cilindri stabilizzatori in
posizione di apertura MIN. Per individuare fisicamente questi valori angolari è necessario ruotare la gru nelle direzioni previste e
posizionare il gancio gru esattamente sul fondello degli stabilizzatori.
Gli ZDA relativi agli eventuali stabilizzatori supplementari sono individuati dalle rette passanti per l’asse colonna e per l’asse dei cilindri
stabilizzatori supplementari in posizione di apertura MIN. Per individuare fisicamente questi valori angolari è necessario ruotare la gru
nella direzione prevista e posizionare il gancio gru esattamente sul fondello degli stabilizzatori supplementari.

MIN MIN
MIN MID
MIN MID
MID MAX
MID MAX
MAX MAX
A B
A B

D C MIN
MIN
MID MID
MAX MAX MAX
MAX MID
MID MIN D C
MIN

Gru retro-cabina Gru retro-cassone

In assenza di stabilizzatori supplementari, per gru installate retro-cabina, gli ZDA relativi al veicolo sono individuati dalle rette passanti
per l’asse colonna e per le mezzerie delle sospensioni del semiasse posteriore del veicolo (punti di riferimento C, D). Per individuare
fisicamente questi valori angolari è necessario ruotare la gru nelle direzioni previste e posizionare il gancio gru sulle verticale in
corrispondenza delle mezzerie delle sospensioni posteriori.
In assenza di stabilizzatori supplementari, per gru installate retro-cassone, gli ZDA relativi al veicolo sono individuati dalle rette passanti
per l’asse colonna e per le mezzerie delle sospensioni del semiasse anteriore del veicolo (punti di riferimento A, B). Per individuare
fisicamente questi valori angolari è necessario ruotare la gru nelle direzioni previste e posizionare il gancio gru sulle verticali in
corrispondenza delle mezzerie delle sospensioni anteriori.

MIN MIN
MIN
MIN
MID MID
MAX
A B A B

D C
MIN
MIN
MID MID
MAX MAX
D C
MIN MIN

Gru retro-cabina Gru retro-cassone

La procedura standard di rilevamento degli ZDA è puramente indicativa. È responsabilità dell’installatore definire la
corretta ampiezza angolare di queste zone attraverso prove teoriche e pratiche di stabilità (test stabilità).

30

2XL System

PROCEDURA

• Dopo aver correttamente stabilizzato il veicolo (apertura aste MIN), attivare i comandi gru
• Portare il gancio sul punto di riferimento NS=1 e registrare l’angolo.
• Portare poi il gancio sugli altri punti NS=2, 3, 4 e registrare gli angoli.

Gli ZDA vengono memorizzati dal sistema secondo la Procedura 6.2.

5.5.3.3 Rilevamento delle pressioni di ribaltamento

Una volta definite le zone di stabilità, l’installatore deve eseguire la registrazione delle pressioni massime (P1TIP) che garantiscono la
stabilità al ribaltamento lungo tutto l’arco di lavoro della gru.

L’installatore deve approntare il carico TL (vedi MAUM e MI) con cui effettuare la prova: TL è il carico che, se sollevato in punta alla gru,
assicura la stabilità anche in fase dinamica per ogni configurazione di carico.

PROCEDURA

• Sollevare il carico TL a pochi centimetri da terra con bracci orizzontali e cilindro 2.braccio completamente esteso
• Ruotare la gru in direzione -180°: per agevolare il raggiungimento della posizione esatta, sul display compaiono frecce che indicano
in quale direzione eseguire la rotazione e la scritta STOP quando si è raggiunta la posizione angolare idonea per il rilevamento
• Estendere il pacco bracci. Bloccare l’estensione quando si raggiunge l’instabilità come indicato nel MI e nell’Allegato 4.
L’installatore può essere aiutato nella valutazione dall’accensione della spia rossa del limitatore in seguito al distacco da terra di
uno stabilizzatore.

L’installatore deve essere consapevole che un ritardato blocco del comandi di estensione può provocare il
ribaltamento del veicolo.

• Registrare il dato di pressione P1TIP sul limitatore. Il dato va trascritto anche sull’apposito modulo di mappatura delle pressioni
P1TIP (vedi Allegato 2).
• Far rientrare il carico fino a richiudere completamente il pacco bracci
• ruotare di 20° in senso antiorario (fino a -160°) il braccio. Seguire le indicazioni presenti sul display e bloccare allo STOP.
• Estendere il pacco bracci. Bloccare l’estensione quando si raggiunge l’instabilità come indicato nel MI e nell’Allegato 4.
• Continuare come descritto fino a campionare le pressioni P1TIP lungo tutto l’arco di lavoro della gru, procedendo da -180° fino a
180° ad intervalli di 20°.
• Registrare le pressioni P1TIP sull’apposito modulo di mappatura (vedi Allegato 2)
• Terminata la procedura di rilevamento pressioni tutti i dati vanno salvati nel limitatore di momento.
• Salvare i dati rilevati.

I P1TIP vengono memorizzati dal sistema secondo la. Procedura 6.3

Durante la fase di calibrazione la pressione massima del limitatore viene automaticamente incrementata per
permettere di eseguire le prove con il carico maggiorato rispetto a quello di targa.

Se l’installatore ha precedentemente verificato la stabilità col calcolo teorico e la gru non ha subito modifiche di
configurazione relative agli stabilizzatori supplementari o inversioni di punto morto, è probabile che le calibrazioni
preimpostate siano già corrette.

Si suggerisce di eseguire questa procedura anche nel caso si renda necessario modificare gli ZDA e/o le pressioni di
soglia nella sola posizione con apertura MIN delle aste stabilizzatrici.

31

2XL System

5.6 Sostituzione dei componenti CAN


Nel caso in cui si sostituisse un sensore CAN, il sistema rileva immediatamente l’installazione del nuovo componente (compare a display
l’avviso “NEW CAN DEVICE”) che deve essere identificato e calibrato.

PROCEDURA DI IDENTIFICAZIONE DEL NUOVO COMPONENTE

• Entrare nel menu di configurazione inserendo i codici PIN 1 e PIN 2 (vedi Procedura 1)
• Entrare nel sottomenu “DEVICE ASSIGN.”.
• Selezionare il tipo di dispositivo da identificare (IO-EXT, Load Cell, Baumer Rotation, Baumer Stab.)
• Resettare il sistema togliendo l’alimentazione

L’identificazione del nuovo componente è descritto nella Procedura 7.


Una volta identificato il nuovo componente deve essere calibrato in modo da fornire al sistema delle misurazioni corrette.

PROCEDURA DI CALIBRAZIONE DELL’APERTURA ZERO DELLE ASTE STABILIZZATRICI

• Posizionare tutte le aste stabilizzatrici in configurazione chiusa.


• Entrare nel menu di configurazione inserendo i codici PIN 1 e PIN 2 (vedi Procedura 1)
• Entrare nel sottomenu “OUTRIGGER CAL.”.
• Selezionare il numero dello stabilizzatore da calibrare (NS)

La calibrazione dello zero degli stabilizzatori è descritta nella Procedura 8.

PROCEDURA DI CALIBRAZIONE DEL SENSORE ANGOLARE DI ROTAZIONE

• Entrare nel menu di configurazione inserendo i codici PIN 1 e PIN 2 (vedi Procedura 1)
• Entrare nel sottomenu “ROTATION MENU”.
• Registrare la rotazione dei bracci agli angoli richiesti (-180°, -90°, 0°, 90°, 180°).

La calibrazione della rotazione della gru è descritta nella Procedura 9.

La mancata calibrazione di un nuovo componente causa il malfunzionamento del sistema di controllo stabilità.

32

2XL System

Procedura 1: Inserimento codici pin

Ref. Procedura 1

1 CHECK MENU
Inputs


CHECK MENU
2 Setting

3 PIN 1: 0


*
4 PIN 1: 0


*
5 PIN 1: T
→T

*
6 PIN 1: T


*
7 PIN 1: ST
→S

*
8 PIN 1: ST


*
9 PIN 1: RST
→R

Ripetere i comandi Ref.
8– 9 fino all’inserimento *
10 PIN 1: PQRST
della 5° cifra del
PIN 1(PIN 1 completo)

11
*
PIN 2: 0

33

2XL System

Ref. Procedura 1


*
12 PIN 2: t
→t

*
13 PIN 2: t


*
14 PIN 2: st
→s

*
15 PIN 2: st


*
16 PIN 2: rst
→r

Ripetere i comandi Ref. 15 – 16 fino all’inserimento della 5° cifra
17
(PIN 2 completo)

*
PIN 2: pqrst

18

Se si sono inseriti i PIN corretti, si accede al menu di calibrazione e


configurazione gru. Se si sono inseriti i PIN errati, viene visualizzato
l’avviso “access denied”: l’accesso al sistema non è consentito.

SETTING MENU
Configuration

Se una cifra del PIN = 0, premere il tasto “INDEX” senza premere il tasto “+” lasciando lo spazio vuoto: lo “0”
compare automaticamente all’inserimento della cifra successiva.

34

2XL System

Procedura 2: Stab assignment

Tutti i dati relativi alle assegnazioni di NS e BM devono essere registrati sull’apposito modulo in Allegato 1.

Ref. Procedura 2

SETTING MENU
1
Configuration


SETTING MENU
2 Stability Cal.


STABILITY CAL.
3 Fast Calib.


STABILITY CAL.
4 Stab. Assignment


STAB. ASSIGNMENT
5 Stab. A n. ?


*
6 Stab. A n. ?


*
7 Stab. A n. NS
V →

8 Stab. A n. NS


9 Beam M. A n. ?


*
10 Beam M. A n. ?


*
11 Beam M. A n. BM
V →

35

2XL System

Ref. Procedura 2


12 Beam M. A n. BM


13 Stab. B n. ?


*
14 Stab. B n. ?


*
15 Stab. B n. NS
V →

16 Stab. B n. NS


17 Beam M. B n. ?


*
18 Beam M. B n. ?


*
19 Beam M. B n. BM
V →

20 Beam M. B n. BM


21 Stab. C n. ?


Ripetere i passi da Ref. 14 a 20 per inserire gli NS e i BM relativi
22
alle rimanenti SRP (C e D)


23 Save

36

2XL System

Ref. Procedura 2

24 Enter to Confirm


SAVE STATUS
25 Progress ....


Premere il tasto 2 per 2s e ripetere
26 l’operazione fino a visualizzare
→ la schermata operativa

Se non è necessario modificare il numero ? riportato sul display (? = NS o ? = BM), passare direttamente alla voce
successiva del menu col tasto (+).

Nel caso di installazione senza stabilizzatori supplementari, è necessario l’inserimento solo dei dati relativi a una
coppia di SRP (A e B, o C e D, vedi §5.3).

37

2XL System

Procedura 3: Fast calibration

Le posizioni dei punti di stabilizzazione NS sono state registrate sul modulo in Allegato 1.
Tutti i valori P1TIP rilevati devono essere registrati sull’apposito modulo in Allegato 2.

Ref. Procedura 3

Procedura 3.1
Stabilizzazione

SETTING MENU
1
Configuration


SETTING MENU
2 Stability Cal.


STABILITY CAL.
3 Fast Calib.


STAB. DOWN
4 Maximum Position


F1 ^ 0 R3 ^ 0
5
F2 ^ 0 R4 ^ 0

Stabilizzare la macchina F1 v ■■■ R3 v ■■■
secondo il MAUM (aprire
6 F2 v ■■■ R4 v ■■■
completamente le aste e
piazzare e piedi a terra). Display con stabilizzatori suppl.


Procedura 3.2
Rilevamento ZDA

MOVE BOOM OVER


7
Stab. Point 1


-180 < α < -45
8 Get S.Pos: 1


Portare il gancio gru sul -180 < ZDA (1) < -45
9 Get S.Pos: 1
punto NS=1


MOVE BOOM OVER
10 Stab. Point 2

38

2XL System

Ref. Procedura 3.2


45 < α < 180
11 Get S.Pos: 2


Portare il gancio gru sul 45 < ZDA (2) < 180
12 Get S.Pos: 2
punto NS=2.


MOVE BOOM OVER
13 Stab. Point 3


0< α < 135
14 Get S.Pos: 3


Portare il gancio gru sul 0 < ZDA (3) < 135
15 Get S.Pos: 3
punto NS=3.


MOVE BOOM OVER
16 Stab. Point 4


-135 < α < 0
17 Get S.Pos:4 4


Portare il gancio gru sul -135 < ZDA (4) < 0
18 Get S.Pos: 4
punto NS=4.


RETRACT THE BOOM
19 TO MINIMUM


Procedura 3.3
Rilevamento P1TIP

Far rientrare completamente gli sfili. Attaccare al gancio il carico TL


20 con un’opportuna catena. Sollevare il carico a pochi centimetri da
terra portando il braccio in posizione orizzontale.

A α T -180
21 ROTATE << / >>


Ruotare la colonna fino A -181.2 T -180
22
ad α = T (±2°) STOP ■■

39

2XL System

Ref. Procedura 3.3


GET LOAD-EXTEND
23 LIM.0 P1 XXX.X


Estendere gli sfili fino a GET LOAD-EXTEND
24 raggiungere l’instabilità LIM.0 P1 P1TIP
del veicolo

Done! Wait! RETRACT THE BOOM
25 TO MINIMUM


27 Far rientrare completamente gli sfili.

A α T -160
28 ROTATE >>


Ruotare la colonna fino A -160.5 T -160
29
ad α = T (±2°) STOP ■■

GET LOAD-EXTEND
30 LIM.1 P1 XXX.X


Estendere gli sfili fino a GET LOAD-EXTEND
31 raggiungere l’instabilità LIM.1 P1 P1TIP
del veicolo

Done! Wait! RETRACT THE BOOM
32 TO MINIMUM


Ripetere i passi da Ref. 27 a 32 fino a registrare P1TIP lungo tutto
l’arco di lavoro (fino a T= 180, N=18)
33
STABILITY CAL. STABILITY CAL.
Done! Fast Calib.

34 Save

40

2XL System

Ref. Procedura 3.3


35 Enter to Confirm


SAVE STATUS
36 Progress ....


Premere il tasto 2 per 2s e ripetere
37 l’operazione fino a visualizzare
→ la schermata operativa

41

2XL System

Procedura 4: Complete calibration - Maximum level

Le posizioni dei punti di stabilizzazione NS sono state registrate sul modulo in Allegato 1.
Tutti i valori P1TIP rilevati devono essere registrati sull’apposito modulo in Allegato 2.

Ref. Procedura 4

Procedura 4.1
Stabilizzazione

SETTING MENU
1
Configuration


SETTING MENU
2 Stability Cal.


STABILITY CAL.
3 Fast Calib.


STABILITY CAL.
4 Complete Calib.


STABILITY CAL.
5 Maximum Level


STAB. DOWN
6 Maximum Position


F1 ^ 0 R3 ^ 0
7
F2 ^ 0 R4 ^ 0

Stabilizzare la macchina F1 v ■■■ R3 v ■■■
(aprire le aste in
8 F2 v ■■■ R4 v ■■■
posizione MAX e piazzare
e piedi a terra). Display con stabilizzatori suppl.

42

2XL System

Procedura 4.2
Rilevamento ZDA

MOVE BOOM OVER


9
Stab. Point 1


-180 < α < -45
10 Get S.Pos: 1


Portare il gancio gru sul -180 < ZDA (1) < -45
11 Get S.Pos: 1
punto NS=1.


MOVE BOOM OVER
12 Stab. Point 2


45 < α < 180
13 Get S.Pos: 2


Portare il gancio gru sul 45 < ZDA (2) < 180
14 Get S.Pos: 2
punto NS=2.


MOVE BOOM OVER
15 Stab. Point 3


0< α < 135
16 Get S.Pos: 3


Portare il gancio gru sul 0 < ZDA (3) < 135
17 Get S.Pos: 3
punto NS=3.


MOVE BOOM OVER
18 Stab. Point 4


-135 < α < 0
19 Get S.Pos: 4


Portare il gancio gru sul -135 < ZDA (4) < 0
20 Get S.Pos: 4
punto NS=4.


RETRACT THE BOOM
21 TO MINIMUM

43

2XL System

Procedura 4.3
Ref.
Rilevamento P1TIP

Far rientrare completamente gli sfili. Attaccare al gancio il carico TL


22 con un’opportuna catena. Sollevare il carico a pochi centimetri da
terra portando il braccio in posizione orizzontale.

A α T -180
23 ROTATE << / >>


Ruotare la colonna fino A -181.2 T -180
24
ad α = T (±2°) STOP ■■

GET LOAD-EXTEND
25 LIM.0 P1 XXX.X


Estendere gli sfili fino a GET LOAD-EXTEND
26 raggiungere l’instabilità LIM.0 P1 P1LIM
del veicolo

Done! Wait! RETRACT THE BOOM
27 TO MINIMUM


28 Far rientrare completamente gli sfili.

A α T -160
29 ROTATE >>


Ruotare la colonna fino A -160.5 T -160
30
ad α = T (±2°) STOP ■■

GET LOAD-EXTEND
31 LIM.1 P1 XXX.X


Estendere gli sfili fino a GET LOAD-EXTEND
32 raggiungere l’instabilità LIM.1 P1 P1LIM
del veicolo

Done! Wait! RETRACT THE BOOM
33 TO MINIMUM

44

2XL System

Ref. Procedura 4.3


Ripetere i passi da Ref. 28 a 33 fino a registrare P1TIP lungo tutto
l’arco di lavoro (fino a T= 180, N=18)
34
STABILITY CAL. STABILITY CAL.
Done! Fast Calib.

35 Save

36 Enter to Confirm


SAVE STATUS
37 Progress ….


Terminato il salvataggio se necessario passare alla calibrazione
successiva, altrimenti...
38
Premere il tasto 2 per 2s e ripetere
l’operazione fino a visualizzare
→ la schermata operativa

45

2XL System

Procedura 5: Complete calibration - Medium level

Le posizioni dei punti di stabilizzazione NS sono state registrate sul modulo in Allegato 1.
Tutti i valori P1TIP rilevati devono essere registrati sull’apposito modulo in Allegato 2.

Ref. Procedura 5

Procedura 5.1
Stabilizzazione

SETTING MENU
1
Configuration


SETTING MENU
2 Stability Cal.


STABILITY CAL.
3 Fast Calib.


STABILITY CAL.
4 Complete Calib.


STABILITY CAL.
5 Maximum Level


STABILITY CAL.
6 Medium Level.


STAB. DOWN
7 Medium Position


F1 ^ 0 R3 ^ 0
8
F2 ^ 0 R4 ^ 0

Stabilizzare la macchina F1 v ■■ R3 v ■■
(aprire le aste in F2 v ■■ R4 v ■■
9
posizione MID e piazzare
e piedi a terra).
Display con stabilizzatori suppl.

46

2XL System

Procedura 5.2
Rilevamento ZDA

MOVE BOOM OVER


10
Stab. Point 1


-180 < α < -45
11 Get S.Pos: 1


Portare il gancio gru sul -180 < ZDA (1) < -45
12 Get S.Pos: 1
punto NS=1.


MOVE BOOM OVER
13 Stab. Point 2


45 < α < 180
14 Get S.Pos: 2


Portare il gancio gru sul 45 < ZDA (2) < 180
15 Get S.Pos: 2
punto NS=2.


MOVE BOOM OVER
16 Stab. Point 3


0< α < 135
17 Get S.Pos 3


Portare il gancio gru sul 0 < ZDA (3) < 135
18 Get S.Pos: 3
punto NS=3.


MOVE BOOM OVER
19 Stab. Point 4


-135 < α < 0
20 Get S.Pos 4


Portare il gancio gru sul -135 < ZDA (4) < 0
21 Get S.Pos: 4
punto NS=4.


RETRACT THE BOOM
22 TO MINIMUM

47

2XL System

Procedura 5.3
Ref.
Rilevamento P1TIP

Far rientrare completamente gli sfili. Attaccare al gancio il carico TL


23 con un’opportuna catena. Sollevare il carico a pochi centimetri da
terra portando il braccio in posizione orizzontale.

A α T -180
24 ROTATE << / >>


Ruotare la colonna fino A -181.2 T -180
25
ad α = T (±2°) STOP ■■

GET LOAD-EXTEND
26 LIM.0 P1 XXX.X


Estendere gli sfili fino a GET LOAD-EXTEND
27 raggiungere l’instabilità LIM.0 P1 P1LIM
del veicolo

Done! Wait! RETRACT THE BOOM
28 TO MINIMUM


29 Far rientrare completamente gli sfili.


A α T -160
30 ROTATE >>


Ruotare la colonna fino A -160.5 T -160
31
ad α = T (±2°) STOP ■■

GET LOAD-EXTEND
32 LIM.1 P1 XXX.X


Estendere gli sfili fino a GET LOAD-EXTEND
33 raggiungere l’instabilità LIM.1 P1 P1LIM
del veicolo

Done! Wait! RETRACT THE BOOM
34 TO MINIMUM

48

2XL System

Ref. Procedura 5.3


Ripetere i passi da Ref. 29 a 34 fino a registrare P1TIP lungo tutto
l’arco di lavoro (fino a T= 180, N=18)
35
STABILITY CAL. STABILITY CAL.
Done! Fast Calib.

36 Save

37 Enter to Confirm


SAVE STATUS
38 Progress ….


Terminato il salvataggio se necessario passare alla calibrazione
successiva, altrimenti...
39
Premere il tasto 2 per 2s e ripetere
l’operazione fino a visualizzare
→ la schermata operativa

49

2XL System

Procedura 6: Complete calibration - Minimum level

Le posizioni dei punti di stabilizzazione NS sono state registrate sul modulo in Allegato 1.
Tutti i valori P1TIP rilevati devono essere registrati sull’apposito modulo in Allegato 2.

Ref. Procedura 6

Procedura 6.1
Stabilizzazione

SETTING MENU
1
Configuration


SETTING MENU
2 Stability Cal.


STABILITY CAL.
3 Fast Calib.


STABILITY CAL.
4 Complete Calib.


STABILITY CAL.
5 Maximum Level


STABILITY CAL.
6 Minimum Level.
→2

STAB. DOWN
7 Minimum Position


F1 ^ 0 R3 ^ 0
8
F2 ^ 0 R4 ^ 0

Stabilizzare la macchina F1 v ■ R3 v ■
(aprire le aste in
9 F2 v ■ R4 v ■
posizione MID e piazzare
e piedi a terra). Display con stabilizzatori suppl.

50

2XL System

Procedura 6.2
Rilevamento ZDA

MOVE BOOM OVER


10
Stab. Point 1


-180 < α < -45
11 Get S.Pos: 1


Portare il gancio gru sul -180 < ZDA (1) < -45
12 Get S.Pos: 1
punto NS=1.


MOVE BOOM OVER
13 Stab. Point 2


45 < α < 180
14 Get S.Pos: 2


Portare il gancio gru sul 45 < ZDA (2) < 180
15 Get S.Pos: 2
punto NS=2.


MOVE BOOM OVER
16 Stab. Point 3


0< α < 135
17 Get S.Pos 3


Portare il gancio gru sul 0 < ZDA (3) < 135
18 Get S.Pos: 3
punto NS=3.


MOVE BOOM OVER
19 Stab. Point 4


-135 < α < 0
20 Get S.Pos 4


Portare il gancio gru sul -135 < ZDA (4) < 0
21 Get S.Pos: 4
punto NS=4.


RETRACT THE BOOM
22 TO MINIMUM

51

2XL System

Procedura 6.3
Ref.
Rilevamento P1TIP
Far rientrare completamente gli sfili. Attaccare al gancio il carico TL
23 con un’opportuna catena. Sollevare il carico a pochi centimetri da
terra portando il braccio in posizione orizzontale.

A α T -180
24 ROTATE << / >>


Ruotare la colonna fino A -181.2 T -180
25
ad α = T (±2°) STOP ■■

GET LOAD-EXTEND
26 LIM.0 P1 XXX.X


Estendere gli sfili fino a GET LOAD-EXTEND
27 raggiungere l’instabilità LIM.0 P1 P1LIM
del veicolo

Done! Wait! RETRACT THE BOOM
28 TO MINIMUM


29 Far rientrare completamente gli sfili.


A α T -160
30 ROTATE >>


Ruotare la colonna fino A -160.5 T -160
31
ad α = T (±2°) STOP ■■

GET LOAD-EXTEND
32 LIM.1 P1 XXX.X


Estendere gli sfili fino a GET LOAD-EXTEND
33 raggiungere l’instabilità LIM.1 P1 P1LIM
del veicolo

Done! Wait! RETRACT THE BOOM
34 TO MINIMUM

52

2XL System

Ref. Procedura 6.3


Ripetere i passi da Ref. 29 a 34 fino a registrare P1TIP lungo tutto
l’arco di lavoro (fino a T= 180, N=18)
35
STABILITY CAL. STABILITY CAL.
Done! Fast Calib.

36 Save

37 Enter to Confirm


SAVE STATUS
38 Progress ….


Terminato il salvataggio se necessario passare alla calibrazione
successiva, altrimenti...
39
Premere il tasto 2 per 2s e ripetere
l’operazione fino a visualizzare
→ la schermata operativa

53

2XL System

Procedura 7: New can device identification

Ref. Procedura 7

Il sistema riconosce
NEW CAN DEVICE
1 l’intallazione di un nuovo
componente.

CHECK MENU
2 Inputs


CHECK MENU
3 Setting

4 PIN 1: 0


Inserire i PIN 1 e PIN 2 SETTING MENU
5 Configuration
secondo la Procedura 1.


SETTING MENU
6 Device Setting


DEVICE ASSIGN.
7 Erase Device


DEVICE ASSIGN.
8 Program Device


DEVICE PROGRAM
9 IO-Ext 1


Selezionare il dispositivo DEVICE PROGRAM
da identificare - IO-Ext 1 ... 5
10 - Load Cell
- Baumer Rotation
I → - Baumer Stab. 1 ... 4

Se si seleziona un componente non presente oppure se il nuovo


dispositivo non è idoneo, compare la scritta “ERR:Not Possible”.


STATUS RESTART THE
11 Wait... SYSTEM


12 Resettare il sistema togliendo l’alimentazione.

54

2XL System

Procedura 8: Outriggers zero setting

Ref. Procedura 8

1 Posizionare tutte le aste stabilizzatrici in configurazione chiusa.


CHECK MENU
2 Inputs


CHECK MENU
3 Setting

4 PIN 1: 0


Inserire i PIN 1 e PIN 2 SETTING MENU
5 Configuration
secondo la Procedura 1.


SETTING MENU
6 Outriggers Cal.


OUTRIGGERS CAL.
7 Stab.1 L. xxxx


Selezionare lo stab. NS
da tarare.
8 OUTRIGGERS CAL.
Stab.NS L. xxxx


OUTRIGGERS CAL.
9 Get Zero L. NS


OUTRIGGERS CAL.
10 ENTER to Confirm


OUTRIGG. OUTRIGGERS CAL.
11 Done! Get Zero L. NS

55

2XL System

Ref. Procedura 8


Selezionare un altro
stabilizzatore NS da tarare
riprendendo da Ref.8,
12 oppure salvare i dati:
OUTRIGGERS CAL.
Save


OUTRIGGERS CAL.
13 ENTER to Confirm


OUTRIGGERS CAL.
14 Saving Process ....


Premere il tasto 2 per 2s e ripetere
15 l’operazione fino a visualizzare
→ la schermata operativa

56

2XL System

Procedura 9: Rotation angle setting

Ref. Procedura 9

1 CHECK MENU
Inputs


CHECK MENU
2 Setting

3 PIN 1: 0


Inserire i PIN 1 e PIN 2 SETTING MENU
4 Configuration
secondo la Procedura 1.


SETTING MENU
5 Rotation Cal.


ROTATION MENU
6 Val.Read: xxx


ROTATION MENU
7 Get Pos.1 (-180)
→2

8 Portare il braccio gru nella posizione con angolo -180° (vedi Tab.2).


ROTATION MENU
9 ENTER to Confirm


ROTATION ROTATION MENU
10 Done! Get Pos.1 (-180)


ROTATION MENU
11 Get Pos.2 (-90)


12 Portare il braccio gru nella posizione con angolo -90° (vedi Tab.2).

57

2XL System

Ref. Procedura 9


ROTATION MENU
13 ENTER to Confirm


ROTATION ROTATION MENU
14 Done! Get Pos.2 (-90)


ROTATION MENU
15 Get Pos.3 (0)


16 Portare il braccio gru nella posizione con angolo 0° (vedi Tab.2).


ROTATION MENU
17 ENTER to Confirm


ROTATION ROTATION MENU
18 Done! Get Pos.3 (0)


ROTATION MENU
19 Get Pos.4 (90)


20 Portare il braccio gru nella posizione con angolo 90° (vedi Tab.2).


ROTATION MENU
21 ENTER to Confirm


ROTATION ROTATION MENU
22 Done! Get Pos.4 (90)


ROTATION MENU
23 Get Pos.5 (180)


24 Portare il braccio gru nella posizione con angolo 180° (vedi Tab.2).


ROTATION MENU
25 ENTER to Confirm


ROTATION ROTATION MENU
26 Done! Get Pos.5 (180)

58

2XL System

Ref. Procedura 9


ROTATION MENU
27 Save


ROTATION MENU
28 ENTER to Confirm


ROTATION MENU
29 Saving Process ....


Premere il tasto 2 per 2s e ripetere
30 l’operazione fino a visualizzare
→ la schermata operativa

59

2XL System

Procedura 10: Esclusione del safe open system

Ref. Procedura 10

1 CHECK MENU
Inputs


CHECK MENU
2 Setting

3 PIN 1: 0


Inserire i PIN 1 e PIN 2 SETTING MENU
4 Configuration
secondo la Procedura 1.


CONFIG MENU
5 Use Jib


CONFIG MENU
6 Safe Open 1


*
7 Safe Open 1


*
8 Safe Open 0

9 Safe Open 0

10 Save

11 ENTER to Confirm


SAVE STATUS
12 Progress ….


Premere il tasto 2 per 2s e ripetere
13 l’operazione fino a visualizzare
→ la schermata operativa

60

2XL System

Allegato 1: Modulo di mappatura assegnazione NS e BM

Gru modello / n° di matricola

Veicolo modello / matricola telaio

Posizione punto morto □ STANDARD □ INVERTITO

□: Case 1 □: Case 4
STOP STOP

NS A B NS NS A B NS
BM BM BM BM

NS NS NS D C NS
D C
BM BM BM BM

- 0° + - 0° +

□: Case 2 □: Case 5
NS NS
A B
BM BM NS A B NS
BM BM
STOP STOP

NS D C NS NS D C NS
BM BM BM BM

- 0° + - 0° +

□: Case 3 □: Case 6
+ 0° - + 0° -

NS NS
C D
BM BM NS C D NS
BM BM

NS B A NS NS B A NS
BM BM BM BM

STOP
STOP

Data e firma installatore

61

2XL System

Allegato 2: Moduli di mappatura pressioni limite (P1TIP)

MODULO MAPPATURA P1TIP


PM “OPZIONE 1”

Gru modello / n° di matricola

Veicolo modello / matricola telaio

Installazione gru □ RETRO CABINA □ RETRO CASSONE


Posizione punto morto □ STANDARD □ INVERTITO
Direzione linea 0° □ ANTERIORE VEICOLO □ POSTERIORE VEICOLO
Modalità di calibrazione □ FAST □ COMPLETE
MIN MID MAX
Apertura aste stabilizzatrici (*) □ ■□□ □ ■■□ □ ■■■

-180°
+180°
-160° +160°
NS -140° +140° NS
ZDA ZDA
-120° +120°

-100° +100°

-80° +80°

-60° +60°
NS NS
ZDA -40° +40° ZDA
-20° +20°
- 0° +

Inserire valori di pressione in bar


(*) Tutte le aste durante la calibrazione devono avere la stessa apertura

Data e firma installatore

62

2XL System

MODULO MAPPATURA P1TIP


PM “OPZIONE 2”

Gru modello / n° di matricola

Veicolo modello / matricola telaio

Installazione gru □ RETRO CABINA □ RETRO CASSONE


Posizione punto morto □ STANDARD □ INVERTITO
Direzione linea 0° □ ANTERIORE VEICOLO □ POSTERIORE VEICOLO
Modalità di calibrazione □ FAST □ COMPLETE
MIN MID MAX
Apertura aste stabilizzatrici (*) □ ■□□ □ ■■□ □ ■■■

+20°
+ 0° - -20°
NS +40° -40° NS
ZDA ZDA
+60° -60°

+80° -80°

+100° -100°

+120° -120°
NS NS
ZDA +140° -140° ZDA
+160° -160°
+180°
-180°

Inserire valori di pressione in bar


(*) Tutte le aste durante la calibrazione devono avere la stessa apertura

Data e firma installatore

63

2XL System

Allegato 3: Segnali di allarme per componenti CAN-Bus

Allarme
Descrizione Azione correttiva

80 Allarme mancata ricezione messaggio CAN 1 IOEXT_1 Verifica impedenza linea CAN
81 Allarme mancata ricezione messaggio CAN 2 IOEXT_1 Verifica alimentazione Sensore
82 Allarme errore su IOEXT_1 Verifica stato fisico Bus CAN
83 Allarme mancata ricezione messaggio CAN 1 IOEXT_2 Verifica impedenza linea CAN
84 Allarme mancata ricezione messaggio CAN 2 IOEXT_2 Verifica alimentazione Sensore
85 Allarme errore su IOEXT_2 Verifica stato fisico Bus CAN
86 Allarme mancata ricezione messaggio CAN 1 IOEXT_3 Verifica impedenza linea CAN
87 Allarme mancata ricezione messaggio CAN 2 IOEXT_3 Verifica alimentazione Sensore
88 Allarme errore su IOEXT _3 Verifica stato fisico Bus CAN
90 Allarme mancata ricezione messaggio CAN 1 IOEXT_4 Verifica impedenza linea CAN
91 Allarme mancata ricezione messaggio CAN 2 IOEXT_4 Verifica alimentazione Sensore
92 Allarme errore su IOEXT _4 Verifica stato fisico Bus CAN
93 Allarme mancata ricezione messaggio CAN 1 IOEXT_5 Verifica impedenza linea CAN
94 Allarme mancata ricezione messaggio CAN 2 IOEXT_5 Verifica alimentazione Sensore
95 Allarme errore su IOEXT _5 Verifica stato fisico Bus CAN
100 Allarme mancata ricezione messaggio CAN 1 Encoder Rotazione _1 Verifica impedenza linea CAN
101 Allarme mancata ricezione messaggio CAN 2 Encoder Rotazione _2 Verifica alimentazione Sensore
102 Allarme errore interno a Encoder Rotazione Verifica stato fisico Bus CAN
103 Allarme mancata ricezione messaggio CAN 1 Encoder Stab _1 Verifica impedenza linea CAN
104 Allarme mancata ricezione messaggio CAN 2 Encoder Stab _1 Verifica alimentazione Sensore
105 Allarme errore interno a Encoder Stab _1 Verifica stato fisico Bus CAN
106 Allarme mancata ricezione messaggio CAN 1 Encoder Stab _2 Verifica impedenza linea CAN
107 Allarme mancata ricezione messaggio CAN 2 Encoder Stab _2 Verifica alimentazione Sensore
108 Allarme errore interno a Encoder Stab _2 Verifica stato fisico Bus CAN
109 Allarme mancata ricezione messaggio CAN 1 Encoder Stab _3 Verifica impedenza linea CAN
110 Allarme mancata ricezione messaggio CAN 2 Encoder Stab _3 Verifica alimentazione Sensore
111 Allarme errore interno a Encoder Stab _3 Verifica stato fisico Bus Can
112 Allarme mancata ricezione messaggio CAN 1 Encoder Stab _4 Verifica impedenza linea CAN
113 Allarme mancata ricezione messaggio CAN 2 Encoder Stab _4 Verifica alimentazione Sensore
114 Allarme errore interno a Encoder Stab _4 Verifica stato fisico Bus Can
200 Allarme mancata ricezione messaggio CAN 1 radiocomando Hetronic Verifica impedenza linea CAN
201 Allarme mancata ricezione messaggio CAN 2 radiocomando Hetronic Verifica alimentazione Radio
202 Allarme errore interno a radiocomando Hetronic Verifica stato fisico Bus Can

ALLARMI CAUSATI DAL MALFUNZIONAMENTO DEI COMPONENTI CAN (ENCODER)

• Encoder stabilizzatori
In caso di allarme causato dal malfunzionamento di un encoder stabilizzatori tutti i comandi della gru vengono bloccati. Se si preme il
tasto Reset tutti i comandi della gru vengono riattivati ma vengono declassate le portate (portate minime) nelle zone relative al sensore
in avaria. Questa modalità di lavoro rimane attiva fino allo spegnimento della gru.
• Encoder rotazione
In caso di allarme causato dal malfunzionamento dell’encoder rotazione tutti i comandi della gru vengono bloccati. Se si preme il tasto
Reset tutti i comandi della gru vengono riattivati ma vengono declassate le portate (portate minime) su tutto l’area di lavoro. Questa
modalità di lavoro rimane attiva fino allo spegnimento della gru.

64

2XL System

Allegato 4: Instabilità del veicolo durante il test di stabilità

Nella seguente tabella si mostrano in breve i criteri secondo cui l'installatore deve ritenere instabile una configurazione di carico.

CRITERI DI
INSTABILITÀ
Gru retro-cabina Gru retro-cabina Gru retro-cassone Gru retro-cassone
senza stab. suppl. con stab. suppl. senza stab. suppl. con stab. suppl.

   
Carico nella zona
laterale del veicolo

 
Carico nella zona
posteriore del
  V V

veicolo
 

Carico nella zona    V
anteriore del veicolo


Legenda

 1 ruota del veicolo sollevata da terra

 2 ruote del veicolo sollevate da terra

 1 piede stabilizzatore sollevato da terra

 2 piedi stabilizzatori sollevati da terra

V oppure

65

2XL System

Allegato 5: Tasti del limitatore di momento

FUNZIONI

TASTO 1 (ENTER)
- Modifica, selezione e conferma.
- Premuto per 2s permette di entrare nel “CHECK
MENU” - “Setting”.

TASTO 2 (INDEX)
- Sposta il cursore durante l’inserimento dei codici PIN

TASTO 3 ( - )
- Fa scorrere a ritroso la finestra dei menu
- Decrementa i dati numerici da inserire

TASTO 4 ( + )
- Fa scorrere in avanti la finestra dei menu
- Incrementa i dati numerici da inserire
- A fine procedura apre il menu di salvataggio dati

MODALITÀ DI DIGITAZIONE IN BASE AI BORDI DEI TASTI

Bordo continuo
Pressione singola e rapida

Bordo continuo con freccia


Pressione rapida e ripetuta fino a visualizzare il menu
→ indicato

Bordo continuo con freccia e numero


Pressione rapida e ripetuta X volte
→X

Doppio bordo continuo


Pressione singola e prolungata (2s)

Doppio bordo continuo con freccia


Pressione prolungata (2s) e ripetuta fino a visualizzare
→ il menu indicato

V Oppure

66

2XL System

Allegato 6: Parametri del sistema


Unità di misura dei parametri
Carico, portata: kg Pressione: decimi di bar Tempo, ritardo: decimi di secondo
Intervallo per manutenzione: ore Angolo, inclinazione, isteresi: decimi di grado Lunghezza: mm

Pa DENOMINAZIONE DESCRIZIONE

0 = jib non presente


0 paUsaJib
1 = jib presente
0 = argano non presente
1 paUsaARG 1 = argano presente DINAMIC OIL Uscita proporzionale 0.5÷4.5V
2 = argano presente ROTZLER Uscita proporzionale 4÷20 mA
0 = Controllo rotazione Non presente
1 = Controllo rotazione Zona anteriore Posteriore
2 paUsaControlloROT
2 = Controllo rotazione con Encoder a filo
3 = Controllo rotazione con Encoder albero cavo su ralla
1 = utilizzo bolle proporzionali 4÷20 mA
3 paUsaBolleAnalogiche
2 = utilizzo bolle proporzionali 4÷20 mA New Generation 360°
0 = TP2 non presente
4 paUsaTP2
1 = TP2 presente
0 = attrezzi non presenti
5 paUsaGrab
1 = attrezzi presenti
0 = filtri olio non presenti
6 paUsaFiltriOlio
1 = filtri olio presenti
0 = manovre in senso A→B
7 paModoDistributore
1 = manovre in senso B→A
Ro B1 B2 S2 W BJ SJ Rotore Benna
0 M1 M2 M3 M4 - - - - -
1 M1 M2 M3 M4 M5 M6 M7 M8 -
8 paModoMicro
2 M1 M2 M3 M4 M5 M6 M7 - M8
3 M1 M2 M3 M4 M5 - - M7 M8
4 M1 M2 M3 M4 - M5 M6 M7 M8
0 = radiocomando non presente
11 paUsaRadio 1 = radiocomando Hetronic presente
2 = radiocomando Scanreco presente
0 = uso stabilizzatori non presente
12 paUsaStabi
1 = uso stabilizzatori presente
0= Nano non presente
13 paUseNano
1= Nano presente
0= non presente
15 paUsaIOEXT 1= IO-EXT per utilizzo OFP
2 = comando elettrico stabilizzatori con due IO-EXT
0 = Cella di carico non presente
16 paUsaCELLARADIO
1 = Cella di carico presente
0= OFP non presente
17 paUsaOFP 1= OFP presente con micro rotazione
2= OFP presente con encoder rotazione
0 = selezione lato non presente
18 paUsaSelLatoSTAB
1 = selezione lato presente
0 = controllo funzione Vertical non presente
19 paUsaSpeedSetLim
1 = controllo funzione Vertical presente
20 DeltaPreSuSbloccoBattuta Aumento massimo di pressione in decimi di bar su sblocco fine corsa cilindri idraulici
21 TmpSbloccoBattuta Tempo controllo aumento pressione su sblocco fine corsa martinetti in decimi di secondo
22 RADIOsogliaH % alta uscite radiocomando per rallentamento
25 FILTROSsogliaTempo Intervallo di tempo dopo il quale si ha il blocco della gru per filtro intasato
26 FILTROPsogliaTempo Intervallo di tempo dopo il quale si ha il blocco della gru per filtro intasato
29 tempoStandByAuto Intervallo di tempo per standby automatico
30 P1tempoCorrDw Intervallo di tempo per cui rimane attiva la correzione di pressione P1 in discesa
31 P2tempoCorrDw Intervallo di tempo per cui rimane attiva la correzione di pressione P2 in discesa
32 P3tempoCorrDw Intervallo di tempo per cui rimane attiva la correzione di pressione P3 in discesa
35 Pa tempoEvBloccoOn Intervallo di tempo per cui rimane accesa la valvola di emergenza dopo il rilascio di una leva. Se impostato = 0 la valvola non si attiva
36 PaTempo Controllo Leve Tempo di attesa prima che il sistema verifichi il corretto centraggio delle leve
Safe open system
0 = Safe open system non presente
38 Pa usa safe Open
1 = Safe Open System presente
39 Pa Time Close B2 Tempo in decimi di secondo di durata chiusura 2. braccio prima di consentire l'apertura del 1.braccio
Taratura pressioni limite per limitatore di momento
42 P1nominale Pressione di blocco max impostabile per poter movimentare il carico nominale in punta alla gru
43 P1deltaUsoRadio Incremento pressione di blocco con radiocomando ON
44 P1deltaUsoAttrezzi Riduzione della pressione limite con attrezzi attivi
47 P2nominale Pressione di blocco max impostabile per poter movimentare il carico nominale in punta alla gru
48 P2 delta uso Radio Incremento pressione di blocco con radiocomando ON
49 P2 delta uso attrezzi Riduzione della pressione limite con attrezzi attivi
52 P3nominale Pressione di blocco max impostabile per poter movimentare il carico nominale in punta alla gru
53 P3 delta uso Radio Incremento pressione di blocco con radiocomando ON
54 P3 delta uso attrezzi Riduzione della pressione limite con attrezzi attivi
56 P1 delta uso Jib Decremento della pressione nel cilindro P1 quando viene azionato il Jib
54 P2 delta uso Jib Decremento della pressione nel cilindro P2 quando viene azionato il Jib
Taratura valori limite per limitatore di tiro argano
60 ARGnormale Tiro massimo
61 ARGdeclass Tiro massimo in zona instabile
62 ARGnominale Tiro max impostabile
65 ARGang1 Inclinazione del 2.braccio da cui inizia il declassamento del tiro dell'argano (es. 450 = 45°)
66 ARGmax1 Percentuale di carico (tiro/tiro max) relativa all'angolo ARGang1 (es. 100: tiro = tiro max)
67

2XL System

Pa DENOMINAZIONE DESCRIZIONE

67 ARGang2 Inclinazione del 2.braccio a cui termina il declassamento del tiro dell’argano (es. 800 = 80°; di norma è l’inclinazione max)
68 ARGmax2 Percentuale di carico (tiro/tiro max) relativa all'angolo ARGang2 (es. 50; tiro = 50% del tiro max)
0 = Gestione limitatore argano non presente
70 Arg Usa Esclusione
1 = Gestione limitatore argano presente
75 ARGJang1 Inclinazione del Jib da cui inizia il declassamento del tiro dell'argano (es. 450 = 45°)
76 ARGJmax1 Percentuale di carico (tiro/tiro max) relativa all'angolo ARGJang1 (es. 100 : tiro = tiro max)
77 ARGJang2 Inclinazione del Jib a cui termina il declassamento del tiro dell’argano (es. 800 = 80°; di norma è l’inclinazione max)
78 ARGJmax2 Percentuale di carico (tiro/tiro max) relativa all'angolo ARGJang2 (es. 50; tiro = 50% del tiro max)
79 ARGJ ang Rel Min Inclinazione del Jib relativa (AN2-ANJ) minima di esclusione del declassamento del tiro dell’argano
Impostazione del limitatore per il controllo dell’incremento del tiro dell’argano
0 = controllo aumento OFF
80 ARGusaBloccoDelta
1 = controllo aumento ON
81 ARGnFiltroBelta Costante di filtro del valore di tiro solo per controllo aumento
82 ARGsogliaVuotoCarico Soglia di tiro per individuare se l’argano è carico (range 0-1000)
83 ARGmaxDeltaVuoto Massimo delta tiro sotto la soglia vuoto-carico (a vuoto)
84 ARGmaxDeltaCarico Massimo delta tiro sopra la soglia vuoto-carico (a carico)
Impostazione del limitatore con cella di carico (solo per cella via CAN)
90 LCR limit 1 Limite di carico in kg per la prima prolunga manuale
91 LCR limit 2 Limite di carico in kg per la seconda prolunga manuale
92 LCR limit 3 Limite di carico in kg per la terza prolunga manuale
93 LCR limit 4 Limite di carico in kg per la quarta prolunga manuale
Impostazione dei tempi di attivazione dell’esclusore del limitatore
100 EBtempoTastoManovra Intervallo di tempo dalla pressione del tasto Reset entro il quale è possibile cominciare una manovra
101 EBtempoAbiManovra Tempo di durata massima della manovra
102 EBtempoRipeteManovra Intervallo di tempo oltre il quale è possibile ripetere la manovra
Impostazione tempi di manutenzione programmata
120 SERVore1 Periodo di tempo della prima manutenzione programmata
121 SERVore2 Periodo di tempo della seconda manutenzione programmata (dall’entrata in servizio della gru)
122 SERVore3 Intervallo di tempo della terza manutenzione programmata (dall’entrata in servizio della gru)
123 SERVore4 Intervallo di tempo della quarta manutenzione programmata (dall’entrata in servizio della gru)
124 SERVoreSucc Intervallo di tempo tra le manutenzioni programmate successive alla quarta
0 = Service attivo
129 SERVDisable
1 = Service disattivato
Impostazione ingressi limitatoti UAV e Nano abbinati a funzioni di sistema
160 C_inp17 index_function
161 C_inp18 index_function
162 C_inp19 index_function
163 C_inp28ca08indexfunction
164 C_inp29ca09indexfunction
Configurazione degli ingressi del sistema limitatore di momento UAV con funzioni del software. Abbinando un ingresso ad una funzione
165 C_inp30ca10indexfunction
si ottiene il controllo dell'ingresso da parte del software del limitatore di momento che sarà in grado di eseguire le operazioni richieste.
166 C_inp31ca11indexfunction
167 C_inp32ca12indexfunction
168 C_inp33ca13indexfunction
169 C_inp34ca14indexfunction
170 C_inp35ca15indexfunction
171 C_NANO_Inp1indexfunction
172 C_NANO_Inp2indexfunction
Configurazione degli ingressi del sistema limitatore di momento NANO con funzioni del software .Abbinando un ingresso ad una
173 C_NANO_Inp3indexfunction
funzione si ottiene il controllo dell'ingresso da parte del software del limitatore di momento che sarà in grado di eseguire le operazioni
174 C_NANO_Inp4indexfunction richieste
175 C_NANO_Inp5indexfunction
176 C_NANO_Inp6indexfunction
Taratura del trasduttore di pressione P1 4÷20 mA da 400 bar valori (uguali per i tre trasduttori)
200 P1adc1 164
201 P1noto1 0 = 0 bar
202 P1adc2 819
203 P1noto2 4000 = 400 bar
204 P1nFiltro 20 campioni filtro a media mobile (max 30)
Taratura correzione di pressione su P1 in discesa (valori interpolati linearmente)
210 P1dwPres1 Pressione 1 in discesa
211 P1dwCorr1 Correzione relativa alla pressione 1
212 P1dwPres2 Pressione 2 in discesa
213 P1dwCorr2 Correzione relativa alla pressione 2
215 P1upPres1 Pressione 1 in salita
216 P1upCorr1 Correzione relativa alla pressione 1
217 P1upPres2 Pressione 2 in salita
218 P1upCorr2 Correzione relativa alla pressione 2
219 P1tempoCorrUp Intervallo di tempo durante il quale rimane attiva la correzione di pressione P1 in salita
Taratura del trasduttore di pressione P2 4÷20 mA da 400 bar (valori uguali per i tre trasduttori)
220 P2adc1 164
221 P2noto1 0 = 0 bar
222 P2adc2 819
223 P2noto2 4000 = 400 bar
224 P2nFiltro 20 campioni filtro a media mobile (max 30)
Taratura correzione di pressione su P2 in discesa (valori interpolati linearmente)
230 P2dwPres1 Pressione 1 in discesa
231 P2dwCorr1 Porrezione relativa alla pressione 1
232 P2dwPres2 Pressione 2 in discesa
233 P2dwCorr2 Correzione relativa alla pressione 2
235 P2upPres1 Pressione 1 in salita
236 P2upCorr1 Correzione relativa alla pressione 1
237 P2upPres2 Pressione 2 in salita
238 P2upCorr2 Correzione relativa alla pressione 2
239 P2tempoCorrUp Intervallo di tempo durante il quale rimane attiva la correzione di pressione P1 in salita
Taratura del trasduttore di pressione P3 4÷20 mA da 400 bar (valori uguali per i tre trasduttori)
240 P3adc1 164
241 P3noto1 0 = 0 bar
242 P3adc2 819

68

2XL System

Pa DENOMINAZIONE DESCRIZIONE

243 P3noto2 4000 = 400 bar


244 P3nFiltro 20 campioni filtro a media mobile(max 30)
Taratura correzione di pressione su P3 in discesa (valori interpolati linearmente)
250 P3dwPres1 Pressione 1 in discesa
251 P3dwCorr1 Correzione relativa alla pressione 1
252 P3dwPres2 Pressione 2 in discesa
253 P3dwCorr2 Correzione relativa alla pressione 2
255 P3upPres1 Pressione 1 in salita
256 P3upCorr1 Correzione relativa alla pressione 1
257 P3upPres2 Pressione 2 in salita
258 P3upCorr2 Correzione relativa alla pressione 2
259 P3tempoCorrUp Intervallo di tempo in decimi di secondo durante il quale rimane attiva la correzione di pressione P1 in salita
Taratura estensimetro argano
260 ARGadc1 Lettura analogica di zero
261 ARGnoto1 0 = 0%
262 ARGadc2 Lettura analogica del tiro max
263 ARGnoto2 1000 = 100%
264 ARGnFiltro Numero di campioni per il filtro
Taratura sensore angolare 2.braccio
280 AN2adc1 Lettura analogica nel punto noto 1
281 AN2noto1 Inclinazione reale del punto 1
282 AN2adc2 Lettura analogica nel punto noto 2
283 AN2noto2 Inclinazione reale del punto 2
284 AN2nFiltro Numero di campioni per il filtro
Taratura sensore angolare del braccio Jib
290 ANJadc1 Lettura analogica nel punto noto 1
291 ANJnoto1 Inclinazione reale del punto 1
292 ANJadc2 Lettura analogica nel punto noto 2
293 ANJnoto2 Inclinazione reale del punto 2
294 ANJnFiltro Numero di campioni per il filtro
Impostazioni di blocco “Max Angle” e rallentamenti “Vertical”
0 = Max Angle , VERTICAL per articolazione non presente
320 AN2 abi blocco salite
1 = Max Angle , VERTICAL per articolazione presente
321 An2 Max Blocco Salite Inclinazione AN2 di blocco del sollevamento del 1.braccio e del 2.braccio (di norma 1÷2 gradi in meno dell'angolo massimo della gru)
322 AN2 Start rall salite Inclinazione AN2 di inizio VERTICAL (rallentamento per i movimenti di sollevamento di norma 15° inferiore di Pa 321)
Impostazioni di blocco chiusura articolazione Jib per angolo relativo AN2-ANJ minimo
0 = BR2BRJ funzione non presente
325 BR2BRJ abi Blocco Relativo
1 = BR2BRJ funzione presente
326 BR2BRJ soglia AN2 Inclinazione AN2 di inizio controllo funzione di blocco per angolo relativo AN2-ANJ
327 BR2BRJ Minimo Relativo Inclinazione relativa AN2-ANJ minima di blocco dei movimenti di chiusura del Jib
Impostazioni di blocco “Max Angle” e rallentamenti “Vertical” per braccio Jib
0 = Max Angle, VERTICAL per JIB non presente
330 ANJ abi blocco salite
1 = Max Angle, VERTICAL per JIB presente
331 AnJ Max Blocco Salite Inclinazione ANJ di blocco sollevamento per primo e secondo braccio (di norma 1÷2° inferiori dell'angolo massimo della gru)
332 ANJ Start rall salite Inclinazione ANJ di inizio rallentamento per i movimenti di sollevamento (di norma 15° inferiore di Pa 331)
Impostazioni Rallentamenti movimenti con carichi verticali
0 = VERTLOAD non presente
330 VERTLOAD Enable
1 = VERTLOAD presente
331 VERTLOAD Angle Inclinazione AN2 di inizio rallentamenti per funzione VERTLOAD
332 VERTLOAD Percentage Valore limite percentuale del carico P1 oltre il quale interviene la funzione VERTLOAD
Calibrazione Encoder rotazione
340 ROTATION adc1 Valore rilevato dal sensore rotazione nel punto 1
341 ROTATION Noto 1 Valore angolare reale del punto 1 (-180)
342 ROTATION adc2 Valore rilevato dal sensore rotazione nel punto 2
343 ROTATION Noto 2 Valore angolare reale 2 (-90)
344 ROTATION adc3 Valore rilevato dal sensore rotazione nel punto 3
345 ROTATION Noto 3 Valore angolare reale del punto 3 (0)
346 ROTATION adc4 Valore rilevato dal sensore rotazione nel punto 4
347 ROTATION Noto 4 Valore angolare reale del punto 4 (90)
348 ROTATION adc5 Valore rilevato dal sensore rotazione nel punto 5
349 ROTATION Noto 5 Valore angolare reale del punto 5 (180)
350 ROTATION n Filtro Numero di campioni per il filtro
351 ROTATION Corr zero In caso di Encoder su ralla, valore per la taratura dello zero (non è necessario calibrare i punti geometrici pa 340 ... 350)
355 ROTATIONnteethEncoderWell Numero di denti della Corona Encoder (12 per Encoder VR85)
356 ROTATIONnteethCraneWell Numero di denti ralla gru (98 per VR85)
Super Blocco Rotazione: interviene quando si riesce ad accedere in una zona declassata
370 ROTA_P1swlStop rotation Valore in percentuale di blocco rotazione in caso di sforamento Zona
371 ROTA_P2swlStop rotation Valore in percentuale di blocco rotazione in caso di sforamento Zona
372 ROTA_P3swlStop rotation Valore in percentuale di blocco rotazione in caso di sforamento Zona
ZDA
380 STAB_ANGpointA_1 Valore angolare Punto A_1 per la definizione delle zone di lavoro, rilevato durante la calibrazione del sistema
381 STAB_ANGpointA_2 Valore angolare Punto A_2 per la definizione delle zone di lavoro, rilevato durante la calibrazione del sistema
382 STAB_ANGpointA_3 Valore angolare Punto A_3 per la definizione delle zone di lavoro, rilevato durante la calibrazione del sistema
385 STAB_ANGpointD_1 Valore angolare Punto D_1 per la definizione delle zone di lavoro, rilevato durante la calibrazione del sistema
386 STAB_ANGpointD_2 Valore angolare Punto D_2 per la definizione delle zone di lavoro, rilevato durante la calibrazione del sistema
387 STAB_ANGpointD_3 Valore angolare Punto D_3 per la definizione delle zone di lavoro, rilevato durante la calibrazione del sistema
390 STAB_ANGpointC_1 Valore angolare Punto C_1 per la definizione delle zone di lavoro, rilevato durante la calibrazione del sistema
391 STAB_ANGpointC_2 Valore angolare Punto C_2 per la definizione delle zone di lavoro, rilevato durante la calibrazione del sistema
392 STAB_ANGpointC_3 Valore angolare Punto C_3 per la definizione delle zone di lavoro, rilevato durante la calibrazione del sistema
395 STAB_ANGpointB_1 Valore angolare Punto B_1 per la definizione delle zone di lavoro, rilevato durante la calibrazione del sistema
396 STAB_ANGpointB_2 Valore angolare Punto B_2 per la definizione delle zone di lavoro, rilevato durante la calibrazione del sistema
397 STAB_ANGpointB_3 Valore angolare Punto B_3 per la definizione delle zone di lavoro, rilevato durante la calibrazione del sistema
Valori di pressione limite per la stabilità (P1)
400 ROTA_P1 Zona1 limit 1 Valore di pressione P1 per la Zona 1 con piedi non a terra Usato per Safety bypass
401 ROTA_P1 Zona1 limit 2 Valori di pressione P1 rilevati nella Zona 1 durante la fase di calibrazione (fast/complete: vedi allegato calibrazione sistema) per i tre
402 ROTA_P1 Zona1 limit 3 livelli di portata. I valori corrispondono alle pressioni minime rilevate nella Zona 1 durante il test di stabilità per ciascun livello. Tali valori
403 ROTA_P1 Zona1 limit 4 sono al lordo dei coefficienti di sicurezza.

69

2XL System

Pa DENOMINAZIONE DESCRIZIONE

405 ROTA_P1 Zona2 limit 1 Valore di pressione P1 per la Zona 2 con piedi non a terra Usato per Safety bypass
406 ROTA_P1 Zona2 limit 2 Valori di pressione P1 rilevati nella Zona 2 durante la fase di calibrazione (fast/complete: vedi allegato calibrazione sistema) per i tre
407 ROTA_P1 Zona2 limit 3 livelli di portata. I valori corrispondono alle pressioni minime rilevate nella Zona 2 durante il test di stabilità per ciascun livello. Tali valori
408 ROTA_P1 Zona2 limit 4 sono al lordo dei coefficienti di sicurezza.
410 ROTA_P1 Zona3 limit 1 Valore di pressione P1 per la Zona 3 con piedi non a terra Usato per Safety bypass
411 ROTA_P1 Zona3 limit 2 Valori di pressione P1 rilevati nella Zona 3 durante la fase di calibrazione (fast/complete: vedi allegato calibrazione sistema) per i tre
412 ROTA_P1 Zona3 limit 3 livelli di portata. I valori corrispondono alle pressioni minime rilevate nella Zona 3 durante il test di stabilità per ciascun livello. Tali valori
413 ROTA_P1 Zona3 limit 4 sono al lordo dei coefficienti di sicurezza.
415 ROTA_P1 Zona4 limit 1 Valore di pressione P1 per la Zona 4 con piedi non a terra Usato per Safety bypass
416 ROTA_P1 Zona4 limit 2 Valori di pressione P1 rilevati nella Zona 4 durante la fase di calibrazione (fast/complete: vedi allegato calibrazione sistema) per i tre
417 ROTA_P1 Zona4 limit 3 livelli di portata. I valori corrispondono alle pressioni minime rilevate nella Zona 4 durante il test di stabilità per ciascun livello. Tali valori
418 ROTA_P1 Zona4 limit 4 sono al lordo dei coefficienti di sicurezza.
Valori di pressione limite per la stabilità (P2)
420 ROTA_P2 Zona1 limit 1 Valore di pressione P2 per la Zona 1 con piedi non a terra Usato per Safety bypass
421 ROTA_P2 Zona1 limit 2 Valori di pressione P2 rilevati nella Zona 1 durante la fase di calibrazione (fast/complete: vedi allegato calibrazione sistema) per i tre
422 ROTA_P2 Zona1 limit 3 livelli di portata. I valori corrispondono alle pressioni minime rilevate nella Zona 1 durante il test di stabilità per ciascun livello. Tali valori
423 ROTA_P2 Zona1 limit 4 sono al lordo dei coefficienti di sicurezza.
425 ROTA_P2 Zona2 limit 1 Valore di pressione P2 per la Zona 2 con piedi non a terra Usato per Safety bypass
426 ROTA_P2 Zona2 limit 2 Valori di pressione P2 rilevati nella Zona 2 durante la fase di calibrazione (fast/complete: vedi allegato calibrazione sistema) per i tre
427 ROTA_P2 Zona2 limit 3 livelli di portata. I valori corrispondono alle pressioni minime rilevate nella Zona 2 durante il test di stabilità per ciascun livello. Tali valori
428 ROTA_P2 Zona2 limit 4 sono al lordo dei coefficienti di sicurezza.
430 ROTA_P2 Zona3 limit 1 Valore di pressione P2 per la Zona 3 con piedi non a terra Usato per Safety bypass
431 ROTA_P2 Zona3 limit 2 Valori di pressione P3 rilevati nella Zona 3 durante la fase di calibrazione (fast/complete: vedi allegato calibrazione sistema) per i tre
432 ROTA_P2 Zona3 limit 3 livelli di portata. I valori corrispondono alle pressioni minime rilevate nella Zona 3 durante il test di stabilità per ciascun livello. Tali valori
433 ROTA_P2 Zona3 limit 4 sono al lordo dei coefficienti di sicurezza.
435 ROTA_P2 Zona4 limit 1 Valore di pressione P2 per la Zona 4 con piedi non a terra Usato per Safety bypass
436 ROTA_P2 Zona4 limit 2 Valori di pressione P2 rilevati nella Zona 4 durante la fase di calibrazione (fast/complete: vedi allegato calibrazione sistema) per i tre
437 ROTA_P2 Zona4 limit 3 livelli di portata. I valori corrispondono alle pressioni minime rilevate nella Zona 4 durante il test di stabilità per ciascun livello. Tali valori
438 ROTA_P2 Zona4 limit 4 sono al lordo dei coefficienti di sicurezza.
Valori di pressione limite per la stabilità (P3)
440 ROTA_P3 Zona1 limit 1 Valore di pressione P3 per la Zona 1 con piedi non a terra Usato per Safety bypass
441 ROTA_P3 Zona1 limit 2
Valori di pressione P3 massimi rilevati nella Zona 1 per i tre livelli di portata (non calcolati in automatico durante la fase di taratura). Tali
442 ROTA_P3 Zona1 limit 3
valori sono al lordo dei coefficienti di sicurezza.
443 ROTA_P3 Zona1 limit 4
445 ROTA_P3 Zona2 limit 1 Valore di pressione P3 per la Zona 2 con piedi non a terra Usato per Safety bypass
446 ROTA_P3 Zona2 limit 2
Valori di pressione P3 massimi rilevati nella Zona 2 per i tre livelli di portata (non calcolati in automatico durante la fase di taratura). Tali
447 ROTA_P3 Zona2 limit 3
valori sono al lordo dei coefficienti di sicurezza.
448 ROTA_P3 Zona2 limit 4
450 ROTA_P3 Zona3 limit 1 Valore di pressione P3 per la Zona 3 con piedi non a terra Usato per Safety bypass
451 ROTA_P3 Zona3 limit 2
Valori di pressione P3 massimi rilevati nella Zona 3 per i tre livelli di portata (non calcolati in automatico durante la fase di taratura). Tali
452 ROTA_P3 Zona3 limit 3
valori sono al lordo dei coefficienti di sicurezza.
453 ROTA_P3 Zona3 limit 4
455 ROTA_P3 Zona4 limit 1 Valore di pressione P3 per la Zona 4 con piedi non a terra Usato per Safety bypass
456 ROTA_P3 Zona4 limit 2
Valori di pressione P3 massimi rilevati nella Zona 4 per i tre livelli di portata (non calcolati in automatico durante la fase di taratura). Tali
457 ROTA_P3 Zona4 limit 3
valori sono al lordo dei coefficienti di sicurezza.
458 ROTA_P3 Zona4 limit 4
Isteresi nei cambi zona
460 STAB isteresi Zone Angolo di isteresi nel cambio zona (valido per tutti i cambi zona)
461 STAB isteresi Zone Move Angolo di isteresi nel cambio zona per riconoscere in caso di blocco in che direzione è corretto muoversi (valido per tutti i cambi zona)
462 STAB isteresi Zone Rall Valore angolare di inizio rallentamento movimenti gru prima del cambio di zona (valido per tutti i cambi zona)
Stabilizzatori comandati dal radiocomando
480 CE spa Select Lever1 Abbinamento leva1 radiocomando Uscita IOEXT per Azionamento Ev comando stabilizzatori
481 CE spa Select Lever2 Abbinamento leva2 radiocomando Uscita IOEXT per Azionamento Ev comando stabilizzatori
482 CE spa Select Lever3 Abbinamento leva3 radiocomando Uscita IOEXT per Azionamento Ev comando stabilizzatori
483 CE spa Select Lever4 Abbinamento leva4 radiocomando Uscita IOEXT per Azionamento Ev comando stabilizzatori
484 CE spa Select Lever5 Abbinamento leva5 radiocomando Uscita IOEXT per Azionamento Ev comando stabilizzatori
485 CE spa Select Lever6 Abbinamento leva6 radiocomando Uscita IOEXT per Azionamento Ev comando stabilizzatori
486 CE spa Select Lever7 Abbinamento leva7 radiocomando Uscita IOEXT per Azionamento Ev comando stabilizzatori
487 CE spa Select Lever8 Abbinamento leva8 radiocomando Uscita IOEXT per Azionamento Ev comando stabilizzatori
490 Pa Rit Out 1_2 Tempo di ritardo per lo spegnimento delle valvole di abilitazione dei comandi stabilizzatori
0 = Controllo uomo presente non attivo
491 Pa Usa cranestab AttCheck
1 = Controllo uomo presente attivo
492 Pa Time Stab Enable Intervallo di tempo dopo l’azionamento degli stabilizzatori in cui è possibile azionare una leva di comando stabilizzatori da radiocomando
OFP (Operator Full Protection): inclinazione bracci gru
500 OFP_ANG1 min Inclinazione minima sensore AN1 1.braccio per intervento blocco OFP
501 OFP_ANG1 max Inclinazione massima sensore AN1 1.braccio per intervento blocco OFP
502 OFP_ANG2 min Inclinazione minima sensore AN2 1.braccio per intervento blocco OFP
503 OFP_ANG2 max Inclinazione massima sensore AN2 1.braccio per intervento blocco OFP
504 OFP_AN1_AN2_relativo_min Valore angolare minimo relativo AN1-AN2 per intervento blocco OFP
505 OFP_AN2_ANJ_relativo_min Valore angolare minimo relativo AN2-ANJ per intervento blocco OFP
OFP (Operator Full Protection): angoli di rotazione gru - selezione zone protette
510 OFP_ANGant SX Valore angolare di rotazione lato sinistro anteriore per zona protetta OFP
511 OFP_ANGpost SX Valore angolare di rotazione lato sinistro posteriore per zona protetta OFP
512 OFP_ANGpost DX Valore angolare di rotazione lato destro posteriore per zona protetta OFP
513 OFP_ANGant DX Valore angolare di rotazione lato destro anteriore per zona protetta OFP
OFP (Operator Full Protection): isteresi nei cambi zona
516 OFP isteresi Zone Valore angolare di isteresi nel cambio zona OFP (valido per tutti i cambi zona OFP)
Valore angolare di isteresi nel cambio zona OFP per riconoscere in caso di blocco in quale direzione è corretto muoversi (valido per tutti
517 OFP isteresi Zone Move
i cambi zona OFP)
518 OFP isteresi Zone Rall Valore angolare di inizio rallentamento movimenti gru prima del cambio di zona OFP (valido per tutti i cambi zona OFP)
Calibrazione zero Encoder stabilizzatori
Valore di lunghezza del sensore punto A estensione aste in configurazione di asta completamente chiusa. Utilizzando Winscope, per
520 STAB AzeroCorrection
taratura inserire valore della variabile num 470-475-480-485 in base al NS associato al punto A
Valore di lunghezza del sensore punto B estensione aste in configurazione di asta completamente chiusa. Utilizzando Winscope, per
521 STAB BzeroCorrection
taratura inserire valore della variabile num 470-475-480-485 in base al NS associato al punto B
Valore di lunghezza del sensore punto C estensione aste in configurazione di asta completamente chiusa. Utilizzando Winscope, per
522 STAB CzeroCorrection
taratura inserire valore della variabile num 470-475-480-485 in base al NS associato al punto C

70

2XL System

Pa DENOMINAZIONE DESCRIZIONE

Valore di lunghezza del sensore punto D estensione aste in configurazione di asta completamente chiusa. Utilizzando Winscope, per
523 STAB DzeroCorrection
taratura inserire valore della variabile num 470-475-480-485 in base al NS associato al punto D
525 STAB AnFilter Numero di campioni per il filtro
526 STAB BnFilter Numero di campioni per il filtro
527 STAB CnFilter Numero di campioni per il filtro
528 STAB DnFilter Numero di campioni per il filtro
Impostazioni aperture aste: 1=MIN (circa 100 mm) - 2=MID (circa 50%) - 3=MAX
540 STAB_Aposition 1 Minima estensione aste per avere Lim 2 su zona relativa a StabA
541 STAB_Aposition 2 Minima estensione aste per avere Lim 3 su zona relativa a StabA
542 STAB_Aposition 3 Minima estensione aste per avere Lim 4 su zona relativa a StabA
543 STAB_Ahysteresis Valore di isteresi nel quale il sistema considera il raggiungimento posizione Asta punto A (max Value100)
545 STAB_Bposition 1 Minima estensione aste per avere Lim 2 su zona relativa a StabB
546 STAB_Bposition 2 Minima estensione aste per avere Lim 3 su zona relativa a StabB
547 STAB_Bposition 3 Minima estensione aste per avere Lim 4 su zona relativa a StabB
548 STAB_Bhysteresis Valore di isteresi nel quale il sistema considera il raggiungimento posizione Asta Punto B (max Value100)
550 STAB_Cposition 1 Minima estensione aste per avere Lim 2 su zona relativa a StabC
551 STAB_Cposition 2 Minima estensione aste per avere Lim 3 su zona relativa a StabC
552 STAB_Cposition 3 Minima estensione aste per avere Lim 4 su zona relativa a StabC
553 STAB_Chysteresis Valore di isteresi nel quale il sistema considera il raggiungimento posizione Asta Punto C (max Value100)
555 STAB_Dposition 1 Minima estensione aste per avere Lim 2 su zona relativa a StabD
556 STAB_Dposition 2 Minima estensione aste per avere Lim 3 su zona relativa a StabD
557 STAB_Dposition 3 Minima estensione aste per avere Lim 4 su zona relativa a StabD
558 STAB_Dhysteresis Valore di isteresi nel quale il sistema considera il raggiungimento posizione Asta Punto D (max Value100)
0 = Modalità memorizzazione piedi a terra non presente
560 STABmodeMemoStatus
1 = Modalità memorizzazione piedi a terra presente
Riduzioni percentuali delle pressioni limite L2 e L3 in fast calibration (da inserire prima della calibrazione)
570 STAB_Zona1 Coeff Fast Cal_L2 Riduzione percentuale della soglia limite di pressione L2 in Zona 1 che il sistema esegue in automatico terminata la fast calibration
571 STAB_Zona2 Coeff Fast Cal_L2 Riduzione percentuale della soglia limite di pressione L2 in Zona 2 che il sistema esegue in automatico terminata la fast calibration
572 STAB_Zona3 Coeff Fast Cal_L2 Riduzione percentuale della soglia limite di pressione L2 in Zona 3 che il sistema esegue in automatico terminata la fast calibration
573 STAB_Zona3 Coeff Fast Cal_L2 Riduzione percentuale della soglia limite di pressione L2 in Zona 4 che il sistema esegue in automatico terminata la fast calibration
574 STAB_Zona1 Coeff Fast Cal_L3 Riduzione percentuale della soglia limite di pressione L3 in Zona 1 che il sistema esegue in automatico terminata la fast calibration
575 STAB_Zona2 Coeff Fast Cal_L3 Riduzione percentuale della soglia limite di pressione L3 in Zona 2 che il sistema esegue in automatico terminata la fast calibration
576 STAB_Zona3 Coeff Fast Cal_L3 Riduzione percentuale della soglia limite di pressione L3 in Zona 3 che il sistema esegue in automatico terminata la fast calibration
577 STAB_Zona3 Coeff Fast Cal_L3 Riduzione percentuale della soglia limite di pressione L3 in Zona 4 che il sistema esegue in automatico terminata la fast calibration
Riduzione percentuale delle pressioni P1 P2 P3 ottenute dal test di stabilità (Px raggruppa i tre valori)
580 STAB_Px_L2zona1corrPercBlocco Riduzione percentuale del valore di pressione ottenuto in taratura per Rota_P1_2_3 lim2 in Zona 1
581 STAB_Px_L3zona1corrPercBlocco Riduzione percentuale del valore di pressione ottenuto in taratura per Rota_P1_2_3 lim3 in Zona 1
582 STAB_Px_L4zona1corrPercBlocco Riduzione percentuale del valore di pressione ottenuto in taratura per Rota_P1_2_3 lim4 in Zona 1
585 STAB_Px_L2zona2corrPercBlocco Riduzione percentuale del valore di pressione ottenuto in taratura per Rota_P1_2_3 lim2 in Zona 2
586 STAB_Px_L3zona2corrPercBlocco Riduzione percentuale del valore di pressione ottenuto in taratura per Rota_P1_2_3 lim3 in Zona 2
587 STAB_Px_L4zona2corrPercBlocco Riduzione percentuale del valore di pressione ottenuto in taratura per Rota_P1_2_3 lim4 in Zona 2
590 STAB_Px_L2zona3corrPercBlocco Riduzione percentuale del valore di pressione ottenuto in taratura per Rota_P1_2_3 lim2 in Zona 3
591 STAB_Px_L3zona3corrPercBlocco Riduzione percentuale del valore di pressione ottenuto in taratura per Rota_P1_2_3 lim3 in Zona 1
592 STAB_Px_L4zona3corrPercBlocco Riduzione percentuale del valore di pressione ottenuto in taratura per Rota_P1_2_3 lim4 in Zona 3
595 STAB_Px_L2zona4corrPercBlocco Riduzione percentuale del valore di pressione ottenuto in taratura per Rota_P1_2_3 lim2 in Zona 4
596 STAB_Px_L3zona4corrPercBlocco Riduzione percentuale del valore di pressione ottenuto in taratura per Rota_P1_2_3 lim3 in Zona 4
597 STAB_Px_L4zona4corrPercBlocco Riduzione percentuale del valore di pressione ottenuto in taratura per Rota_P1_2_3 lim4 in Zona 4
Valori di pressione massima per P1 P2 P3 ottenuti dal test di stabilità
600 STAB_P1maxCalibration L1 Valore di pressione massima ammissibile su P1 per la soglia Lim1 durante test di stabilità: la gru si blocca se si raggiunge tale valore
601 STAB_P1maxCalibration L2 Valore di pressione massima ammissibile su P1 per la soglia Lim2 durante test di stabilità: la gru si blocca se si raggiunge tale valore
602 STAB_P1maxCalibration L3 Valore di pressione massima ammissibile su P1 per la soglia Lim3 durante test di stabilità: la gru si blocca se si raggiunge tale valore
603 STAB_P2maxCalibration L1 Valore di pressione massima ammissibile su P2 per la soglia Lim1 durante test di stabilità: la gru si blocca se si raggiunge tale valore
604 STAB_P2maxCalibration L2 Valore di pressione massima ammissibile su P2 per la soglia Lim2 durante test di stabilità: la gru si blocca se si raggiunge tale valore
605 STAB_P2maxCalibration L3 Valore di pressione massima ammissibile su P2 per la soglia Lim3 durante test di stabilità: la gru si blocca se si raggiunge tale valore
606 STAB_P3maxCalibration L1 Valore di pressione massima ammissibile su P3 per la soglia Lim1 durante test di stabilità: la gru si blocca se si raggiunge tale valore
607 STAB_P3maxCalibration L2 Valore di pressione massima ammissibile su P3 per la soglia Lim2 durante test di stabilità: la gru si blocca se si raggiunge tale valore
608 STAB_P3maxCalibration L3 Valore di pressione massima ammissibile su P3 per la soglia Lim3 durante test di stabilità: la gru si blocca se si raggiunge tale valore
Valori di pressione generati dal carico TL durante il test stabilità
610 STAB_P1thresholdUseNominal Valore di pressione in P1 generato da TL. Se superato il sistema assume come pressione limite (solo per L4) quella nominale
611 STAB_P2thresholdUseNominal Valore di pressione in P2 generato da TL. Se superato il sistema assume come pressione limite (solo per L4) quella nominale
612 STAB_P3thresholdUseNominal Valore di pressione in P3 generato da TL. Se superato il sistema assume come pressione limite (solo per L4) quella nominale
Presenza Encoder rotazione
0 = Encoder rotazione non presente
620 EBR Present
1 = Encoder rotazione presente
Beam mode (paramentri di impostazione validi per i 4 punti A,B,C,D)
0 = Asta non presente
1 = Rilevamento solo piede a terra
621 STAB_Amode 2 = Rilevamento piede a terra con proxy e asta completamente estesa con 1 Proxy
3 = Rilevamento piede a terra con Proxy e asta completamente estesa con 2 Proxy
4 = Rilevamento piede a terra e tre aperture asta con Encoder CAN
Stab assignment assegna NS ai punti SRP in base alla configurazione della gru
626 STAB_PointAindex Abbina il punto di riferimento sistema A con lo stabilizzatore NS (1,2,3,4) presente in quel punto
627 STAB_PointBindex Abbina il punto di riferimento sistema B con lo stabilizzatore NS (1,2,3,4) presente in quel punto
628 STAB_PointCindex Abbina il punto di riferimento sistema C con lo stabilizzatore NS (1,2,3,4) presente in quel punto
629 STAB_PointDindex Abbina il punto di riferimento sistema D con lo stabilizzatore NS (1,2,3,4) presente in quel punto
Limiti massimi delle pressioni nominali
640 P1nominalLimit Valore di pressione massimo raggiungibile da P1
641 P2nominalLimit Valore di pressione massimo raggiungibile da P2
642 P2nominalLimit Valore di pressione massimo raggiungibile da P3
Minime percentuali di riduzione per Fast Calibration
650 STAB_Zona1MinCoeffFastCal_L2 Percentuale minima di riduzione per Limite 2 nella Zona 1
651 STAB_Zona2MinCoeffFastCal_L2 Percentuale minima di riduzione per Limite 2 nella Zona 2
652 STAB_Zona3MinCoeffFastCal_L2 Percentuale minima di riduzione per Limite 2 nella Zona 3
653 STAB_Zona4MinCoeffFastCal_L2 Percentuale minima di riduzione per Limite 2 nella Zona 4
654 STAB_Zona1MinCoeffFastCal_L3 Percentuale minima di riduzione per Limite 3 nella Zona 1
655 STAB_Zona2MinCoeffFastCal_L3 Percentuale minima di riduzione per Limite 3 nella Zona 2
656 STAB Zona3MinCoeffFastCal_L3 Percentuale minima di riduzione per Limite 3 nella Zona 3
657 STAB_Zona4MinCoeffFastCal_L3 Percentuale minima di riduzione per Limite 3 nella Zona 4
71

2XL System

Pa DENOMINAZIONE DESCRIZIONE

Riduzioni percentuali di velocità per radiocomando in base a Speed Set richiesti dalla condizione di lavoro (0-100%)
1000 L1dirAspeed Load Riduzione percentuale di velocità gru movimento L1 (rotazione) direzione A da Pa soglia H
1001 L1dirAspeed Vert Riduzione percentuale di velocità gru movimento L1 (rotazione) direzione A da Pa Vertical
1002 L1dirAspeed Stab Riduzione percentuale di velocità gru movimento L1 (rotazione) direzione A da cambio ZONA
1003 L1dirAspeed Turtle Riduzione percentuale di velocità gru movimento L1 (rotazione) direzione A per lumaca
1004 L1dirAspeed VertLoad Riduzione percentuale di velocità gru movimento L1 (rotazione) direzione A Pa VERTLOAD
1005 L1dirBspeed Load Riduzione percentuale di velocità gru movimento L1 (rotazione) direzione B da Pa soglia H
1006 L1dirBspeed Vert Riduzione percentuale di velocità gru movimento L1 (rotazione) direzione B da Pa Vertical
1007 L1dirBspeed Stab Riduzione percentuale di velocità gru movimento L1 (rotazione) direzione B da cambio ZONA
1008 L1dirBspeed Turtle Riduzione percentuale di velocità gru movimento L1 (rotazione) direzione B per lumaca
1009 L1dirBspeed VertLoad Riduzione percentuale di velocità gru movimento L1 (rotazione) direzione B Pa VERTLOAD
1010 L2dirAspeed Load Riduzione percentuale di velocità gru movimento L2 (rotazione) direzione A da Pa soglia H
1011 L2dirAspeed Vert Riduzione percentuale di velocità gru movimento L2 (rotazione) direzione A da Pa Vertical
1012 L2dirAspeed Stab Riduzione percentuale di velocità gru movimento L2 (rotazione) direzione A da cambio ZONA
1013 L2dirAspeed Turtle Riduzione percentuale di velocità gru movimento L2 (rotazione) direzione A per lumaca
1014 L2dirAspeed VertLoad Riduzione percentuale di velocità gru movimento L2 (rotazione) direzione A Pa VERTLOAD
1015 L2dirBspeed Load Riduzione percentuale di velocità gru movimento L2 (rotazione) direzione B da Pa soglia H
1016 L2dirBspeed Vert Riduzione percentuale di velocità gru movimento L2 (rotazione) direzione B da Pa Vertical
1017 L2dirBspeed Stab Riduzione percentuale di velocità gru movimento L2 (rotazione) direzione B da cambio ZONA
1018 L2dirBspeed Turtle Riduzione percentuale di velocità gru movimento L2 (rotazione) direzione B per lumaca
1019 L2dirBspeed VertLoad Riduzione percentuale di velocità gru movimento L2 (rotazione) direzione B Pa VERTLOAD
1020 L3dirAspeed Load Riduzione percentuale di velocità gru movimento L3 (rotazione) direzione A da Pa soglia H
1021 L3dirAspeed Vert Riduzione percentuale di velocità gru movimento L3 (rotazione) direzione A da Pa Vertical
1022 L3dirAspeed Stab Riduzione percentuale di velocità gru movimento L3 (rotazione) direzione A da cambio ZONA
1023 L3dirAspeed Turtle Riduzione percentuale di velocità gru movimento L3 (rotazione) direzione A per lumaca
1024 L3dirAspeed VertLoad Riduzione percentuale di velocità gru movimento L3 (rotazione) direzione A Pa VERTLOAD
1025 L3dirBspeed Load Riduzione percentuale di velocità gru movimento L3 (rotazione) direzione B da Pa soglia H
1026 L3dirBspeed Vert Riduzione percentuale di velocità gru movimento L3 (rotazione) direzione B da Pa Vertical
1027 L3dirBspeed Stab Riduzione percentuale di velocità gru movimento L3 (rotazione) direzione B da cambio ZONA
1028 L3dirBspeed Turtle Riduzione percentuale di velocità gru movimento L3 (rotazione) direzione B per lumaca
1029 L3dirBspeed VertLoad Riduzione percentuale di velocità gru movimento L3 (rotazione) direzione B Pa VERTLOAD
1030 L4dirAspeed Load Riduzione percentuale di velocità gru movimento L4 (rotazione) direzione A da Pa soglia H
1031 L4dirAspeed Vert Riduzione percentuale di velocità gru movimento L4 (rotazione) direzione A da Pa Vertical
1032 L4dirAspeed Stab Riduzione percentuale di velocità gru movimento L4 (rotazione) direzione A da cambio ZONA
1033 L4dirAspeed Turtle Riduzione percentuale di velocità gru movimento L4 (rotazione) direzione A per lumaca
1034 L4dirAspeed VertLoad Riduzione percentuale di velocità gru movimento L4 (rotazione) direzione A Pa VERTLOAD
1035 L4dirBspeed Load Riduzione percentuale di velocità gru movimento L4 (rotazione) direzione B da Pa soglia H
1036 L4dirBspeed Vert Riduzione percentuale di velocità gru movimento L4 (rotazione) direzione B da Pa Vertical
1037 L4dirBspeed Stab Riduzione percentuale di velocità gru movimento L4 (rotazione) direzione B da cambio ZONA
1038 L4dirBspeed Turtle Riduzione percentuale di velocità gru movimento L4 (rotazione) direzione B per lumaca
1039 L4dirBspeed VertLoad Riduzione percentuale di velocità gru movimento L4 (rotazione) direzione B Pa VERTLOAD
1040 L5dirAspeed Load Riduzione percentuale di velocità gru movimento L5 (rotazione) direzione A da Pa soglia H
1041 L5dirAspeed Vert Riduzione percentuale di velocità gru movimento L5 (rotazione) direzione A da Pa Vertical
1042 L5dirAspeed Stab Riduzione percentuale di velocità gru movimento L5 (rotazione) direzione A da cambio ZONA
1043 L5dirAspeed Turtle Riduzione percentuale di velocità gru movimento L5 (rotazione) direzione A per lumaca
1044 L5dirAspeed VertLoad Riduzione percentuale di velocità gru movimento L5 (rotazione) direzione A Pa VERTLOAD
1045 L5dirBspeed Load Riduzione percentuale di velocità gru movimento L5 (rotazione) direzione B da Pa soglia H
1046 L5dirBspeed Vert Riduzione percentuale di velocità gru movimento L5 (rotazione) direzione B da Pa Vertical
1047 L5dirBspeed Stab Riduzione percentuale di velocità gru movimento L5 (rotazione) direzione B da cambio ZONA
1048 L5dirBspeed Turtle Riduzione percentuale di velocità gru movimento L5 (rotazione) direzione B per lumaca
1049 L5dirBspeed VertLoad Riduzione percentuale di velocità gru movimento L5 (rotazione) direzione B Pa VERTLOAD
1050 L6dirAspeed Load Riduzione percentuale di velocità gru movimento L6 (rotazione) direzione A da Pa soglia H
1051 L6dirAspeed Vert Riduzione percentuale di velocità gru movimento L6 (rotazione) direzione A da Pa Vertical
1052 L6dirAspeed Stab Riduzione percentuale di velocità gru movimento L6 (rotazione) direzione A da cambio ZONA
1053 L6dirAspeed Turtle Riduzione percentuale di velocità gru movimento L6 (rotazione) direzione A per lumaca
1054 L6dirAspeed VertLoad Riduzione percentuale di velocità gru movimento L6 (rotazione) direzione A Pa VERTLOAD
1055 L6dirBspeed Load Riduzione percentuale di velocità gru movimento L6 (rotazione) direzione B da Pa soglia H
1056 L6dirBspeed Vert Riduzione percentuale di velocità gru movimento L6 (rotazione) direzione B da Pa Vertical
1057 L6dirBspeed Stab Riduzione percentuale di velocità gru movimento L6 (rotazione) direzione B da cambio ZONA
1058 L6dirBspeed Turtle Riduzione percentuale di velocità gru movimento L6 (rotazione) direzione B per lumaca
1059 L6dirBspeed VertLoad Riduzione percentuale di velocità gru movimento L6 (rotazione) direzione B Pa VERTLOAD
1060 L7dirAspeed Load Riduzione percentuale di velocità gru movimento L7 (rotazione) direzione A da Pa soglia H
1061 L7dirAspeed Vert Riduzione percentuale di velocità gru movimento L7 (rotazione) direzione A da Pa Vertical
1062 L7dirAspeed Stab Riduzione percentuale di velocità gru movimento L7 (rotazione) direzione A da cambio ZONA
1063 L7dirAspeed Turtle Riduzione percentuale di velocità gru movimento L7 (rotazione) direzione A per lumaca
1064 L7dirAspeed VertLoad Riduzione percentuale di velocità gru movimento L7 (rotazione) direzione A Pa VERTLOAD
1065 L7dirBspeed Load Riduzione percentuale di velocità gru movimento L7 (rotazione) direzione B da Pa soglia H
1066 L7dirBspeed Vert Riduzione percentuale di velocità gru movimento L7 (rotazione) direzione B da Pa Vertical
1067 L7dirBspeed Stab Riduzione percentuale di velocità gru movimento L7 (rotazione) direzione B da cambio ZONA
1068 L7dirBspeed Turtle Riduzione percentuale di velocità gru movimento L7 (rotazione) direzione B per lumaca
1069 L7dirBspeed VertLoad Riduzione percentuale di velocità gru movimento L7 (rotazione) direzione B Pa VERTLOAD
1070 L8dirAspeed Load Riduzione percentuale di velocità gru movimento L8 (rotazione) direzione A da Pa soglia H
1071 L8dirAspeed Vert Riduzione percentuale di velocità gru movimento L8 (rotazione) direzione A da Pa Vertical
1072 L8dirAspeed Stab Riduzione percentuale di velocità gru movimento L8 (rotazione) direzione A da cambio ZONA
1073 L8dirAspeed Turtle Riduzione percentuale di velocità gru movimento L8 (rotazione) direzione A per lumaca
1074 L8dirAspeed VertLoad Riduzione percentuale di velocità gru movimento L8 (rotazione) direzione A Pa VERTLOAD
1075 L8dirBspeed Load Riduzione percentuale di velocità gru movimento L8 (rotazione) direzione B da Pa soglia H
1076 L8dirBspeed Vert Riduzione percentuale di velocità gru movimento L8 (rotazione) direzione B da Pa Vertical
1077 L8dirBspeed Stab Riduzione percentuale di velocità gru movimento L8 (rotazione) direzione B da cambio ZONA
1078 L8dirBspeed Turtle Riduzione percentuale di velocità gru movimento L8 (rotazione) direzione B per lumaca
1079 L8dirBspeed VertLoad Riduzione percentuale di velocità gru movimento L8 (rotazione) direzione B Pa VERTLOAD

72

2XL System

Allegato 7: Schema elettrico


Cod. 1010176

73
SCHEMA ELETTRICO
ELECTRIC DIAGRAM
LEGENDA

CODIFICA COLORI /COLOR CODE

RD Rosso Red
BU Blu Blue
BR Marrone Brown
YL Giallo Yellow
GY Grigio Grey
BK Nero Black
GN Verde Green
WH Bianco White
PK Rosa Pink
OR Arancione Orange
VL Viola Violet
CY Azzurro Cyan

Numero filo Colore e sezione filo Numero stampato su filo


Wire number Color and wire section Number printed on wire

1F01 BK 1 (1)

Filo
Wire

Da foglio n e coordinate Da foglio n e coordinate


From sheet an coordinate paper From sheet an coordinate paper

Sht 6 2A Sht 7 18A


1F01 BK 1 (1)

Filo
Wire

Contatto N.A. Contatto N.C.


N.O. contact N.C. contact

Foglio 1/17A
Sheet

Coordinate
Coordinate
SCHEMA ELETTRICO
ELECTRIC DIAGRAM
LEGENDA

DESIGNAZIONE COMPONENTI DELL'IMPIANTO ELETTRICO


DENOMINATION OF COMPONENT OF ELECTRICAL SYSTEM

DISPOSITIVI VARI
D
DEVICES
SPIE/FANALI/DISPOSITIVI OTTICI
E
PILOT LIGHT /BEAMS/WORK BEAMS
FUSIBILI
F
FUSES
BATTERIE
G
BATTERIES
SEGNALATORI ACUSTICI
H
WARNING BUZZER
RELE
K
RELAYS
MOTORI ELETTRICI
M
ELECTRIC MOTORS
INTERRUTTORI/PULSANTI
O / S
Q
SWITCHES/PUSH BUTTON
RESISTENZE
R
RESISTOR
SENSORI/TRASDUTTORI
S
SENSORS/TRANSDUCERS
ELETTORVALVOLE
Y
ELECTROVALVES
SPINE
X
PLUGS
DIODI
V
DIODES

ESEMPIO/EXAMPLE

Y 04
Eletrovalvola Identificazione della funzione
Electrovalve Ffunction identification

Dalla lista componenti


From component list
SCHEMA ELETTRICO
ELECTRIC DIAGRAM
LISTA SPINE E MORSETTIERE
PLUG AND JUNCTION BOX LIST

X1 UAV Principale Main UAV Plug


X2 Programmazione seriale RS 232 programming plug
X3 Linea can Can Bus Plug
X4 Colonnina luminosa Tower light
X5 Sens Stab. Giù ant. lato opposto distr. Sens. jack down front opp C.V.side
X6 Sens Stab. Giù ant. lato distr. Sens. jack down front C.V.side
X7 Argano ( cablaggio principale -prolunga) Winch Main (main wiring - extension)
X8 Radiocomando/UAV Radio remote UAV
X9 alimentazione radiocomando Radio remote controll power supply
X10 Sens. pressione primo braccio TP1 Sens. Press. transducer main boom TP1
X11 Sensore pressione JIB TP3 Sens. Press. transducer JIB boom TP3
X12 Sens. pressione secondo braccio TP2 Sens. transducer on secondth boom TP2
X13 Sens stabilizzatori/aste traversa posteriore Sens. Stabilizers/beams rear beam
X14 Fungo emergenza principale emer 01 Emergency stop emer 01
X15 Sensore angolare secondo braccio AN2 Second boom angle sensor AN2
X16 Sensore angolare JIB ANJ Jib angle sensor ANJ
X17 Fungo emergenza emer 02 doppi comandi Emergency stop emer 02 dual control
X18 Valvola di messa a scarico Emergency valve
X19 Controllo posizione cursore M1 M1 Spool position control
X20 Controllo posi
posizione
ione ccursore
rsore M2 M2 Spool position control
X21 Controllo posizione cursore M3 M3 Spool position control
X22 Controllo posizione cursore M4 M4 Spool position control
X23 Controllo posizione cursore M5 M5 Spool position control
X24 Controllo posizione cursore M6 M6 Spool position control
X25 Controllo posizione cursore M7 M7 Spool position control
X26 Controllo posizione cursore M8 M8 Spool position control
X27 EV blocco stabilizzatori Stabilizer lock EV
X30 Segnale gru chiusa Crane recovered
X31 Segnale gru chiusa su cassone Crane recovered on the body
X42 Sens. Filo asta lato opposto Distr. Wire sensor Arm opposite C.V. side
X43 Sens. Filo asta lato Distr. Wire sensor Arm C.V. side
X44 Linea can Radiocomando Radio remote control can bus
X45 Sens. Filo rotazione Wire sensor for slew position
X46 Sens. Filo asta post.. lato opposto Distr. Wire sensor RAER Arm opp. C.V. side
X47 Sens. Filo asta lato Distr. Wire sensor Arm C.V. side
X48 Dispositivo segnalazione aste chiuse Arm closed devices
X49 Principale radio comando Main radio remote control
X50 Asta chiusa ant lato distr. Arm closed front C.V. side
X51 Asta chiusa ant lato opp. distr. Arm closed front opp.C.V. side
X52 Asta chiusa post. lato distr. Arm closed rear C.V. side
X53 Asta chiusa post lato opp. distr. Arm closed rear opp.C.V. side
X54 Disponibile per fuori sagoma Crane out of clearange gauge
LISTA ABBREVIAZIONI ABBREVIAZIONI NELLA TABELLA/ABREVIATION LIST WORD ON CHART
Sens Sensore Sensor Opp Opposto Opposite
Distr. Distributore C.V. Control valve
Ant. Anteriore Post. Posteriore
Stab. Stabilizzatori
SCHEMA ELETTRICO
ELECTRIC DIAGRAM
LISTA SPINE E MORSETTIERE
PLUG AND JUNCTION BOX LIST

X55 Movimento radio - rotazione V1 Radio movement - slew V1


X56 Movimento radio - primo braccio V2 Radio movement - first boom V2
X57 Movimento radio - secondo braccio V3 Radio movement - second boom V3
X58 Movimento radio - sfili V4 Radio movement - extension V4
X59 Movimento radio - 5°elemento V5 Radio movement 5th element V5
X60 Movimento radio - 6°elemento V6 Radio movement 6th element V6
X61 Movimento radio - 7°elemento V7 Radio movement 7th element V7
X62 Movimento radio - 8°elemento V8 Radio movement 8th element V8
X100 Morsettiera in box di derivazione Socket on junction box
X134 Da box post a Sens. Stab.giù post. Lato opp. distr. Form rear box to Plug jack down rear opp. C.V. side
X133 Da box post a Sens. Stab. giù post. Lato distr. Form rear box to Plug jack down rear C.V. side
X104 Colonnina luminosa su colonnina Tower light on tower light
X105 Su Sens Stab. Giù ant. lato opposto distr. Sens. plug jack down front opp C.V.side
X106 Su Sens Stab. Giù ant. lato distr. Sens. plug jack down front C.V.side
X107 Connessione Su Argano Winch plug on winch
X110 TP1 Spina su sensore TP1 plun on sensor
X111 Spina gru /Jib TP3-ANJ Crane /jib TP3-ANJ plug
X113 Spina stabilizzatori/aste su traversa post. Stabilizers/ARM rear on rear beam
X115 AN2 su sensore angolo secondo braccio AN2 on second boom angle sensor
X130 Su Sens. Gru chiusa crane recovered on sens
X233 Su sens. Stab giù post lato opp dist Sens jack down rear opp. C.V. side on sens
X234 Su sens. Stab giù post lato dist Sens jack down rear C.V. side on sens
X211  TP3 su sensore  Pressure Sens. On JIB TP3
X216   ANJ su sensore angolo JIB ANJ on JIB angle sensor

ASSEGNAZIONE DELLA NUMERAZIONE SPINE / PLUG NAME ASSIGNEMENT DESCRIPTION

Numerazione delle spine parte cablaggio principale


X0…..X99
Assignement for main harness part plug

Scatola di derivazione
X100
Junction box

Numerazione delle spine delle prolunghe a sensore o ad altre prolughe


X101….X199
Assinement name of extension cable plug to sensor or other extension

Numerazione seconde prolunghe a sensori o altre prolunghe


X201….X299
Assignement name of secondth extension cable to sensor or other extension
SCHEMA ELETTRICO
ELECTRIC DIAGRAM
LISTA COMPONENTI
COMPONENT LIST

ID LOC DESCRIZIONE/DESCRIPTION
P4-P5 Limitatore di momento
D01
P6-P7 Load limiting device
Radiocomando
D02 P8-P9
Radio remote control
Argano
D03 P4/14D
Winch
Dispositivo indicazione luminoso aste chiuse
D04 P3/4C
Arm fully closed pilot light device
Dipositivo avviatore ventola olio idraulico
D05 P9/17D
Oil cooler Soft start device
Colonnina luminosa
E01 P6/9E
Tower light
UAV e Radiocomando
F01 P3/3A
UAV and Radio remote control
Processore UAV
F02 P3/3A
UAV Processor
Avviatore scambiatore oilo idraulico
F03 P9/15A
Soft start for oil cooler
Claxon (collegamento a carico installatore)
H01 P8/10F
Horn ( connection by installer liability)
Rele di aliment. gru (collegam.a carico installatore)
K01 P2/15D
Crane power supply relay ( connection by installer liability)
Rele claxon (collegam. A carico installatore)
K02 P9/15A
Horn relay E370+E358
Ventola raffreddamento olio idraulico
M01 P9/19D
Oil cooler fan
Resistenza terminatrice linea can
R01 P7/3B
Terminator resistor
Resistenza terminatrice linea can
R02 P7/18D
Terminator resistor
Trasduttore pressione primo braccio TP1
S01 P6/13E
Main boom pressure transducer TP1
Trasduttore pressione braccio JIB TP3
S03 P6/14E
JIB boom pressure transducer TP1
Sensore d'angolo secondo braccio AN2
S04 P6/15E
Second boom angle sensor AN2
Sensore d'angolo braccio JIB ANJ
S05 P6/17E
JIB angle sensor ANJ
Posizione cursore leva rotazione M1
S06 P5/4D
Spool position sensor slew M1
Posizione cursore leva primo braccio M2
S07 P5/5D
Spool position sensor first boom M2
Posizione cursore leva secondo braccio M3
S08
S P5/7D
/
Spool position sensor second boom M3
SCHEMA ELETTRICO
ELECTRIC DIAGRAM
LISTA COMPONENTI
COMPONENT LIST

ID LOC DESCRIZIONE/DESCRIPTION
Posizione cursore leva secondo braccio M4
S09 P5/9D
Spool position sensor second boom M4
Posizione cursore leva M5
S10 P5/10D
Spool position sensor M5
Posizione cursore leva M6
S11 P5/12D
Spool position sensor M6
Posizione cursore leva M7
S12 P5/14D
Spool position sensor M7
Posizione cursore leva M8
S13 P5/16D
Spool position sensor M8
Stab giù anteriore lato distributore
S19 P4/3E
Jack down front C.V. side
Stab giù anteriore lato opposto distributore
S20 P4/5E
Jack down front C.V. Opposite side
Stab giù posteriore lato distributore
S21 P4/8E
Jack down rear C.V. side
Stab giù
S g p posteriore lato opposto
pp distributore
S22 P4/6E
Jack down rear C.V. Opposite side
Gru chiusa posizione di riposo
S23 P8/10F
Crane closed in recovered position
Sensore sfilo asta anteriore lato distributore
S24 P7/7D
Wire Sensor arm position front C.V. side
Sensore sfilo asta anteriore lato opp. Distributore
S25 P7/5D
Wire Sensor arm position C.V. front opposite side
Sensore rotazione gru
S26 P7/10D
Slew wire sensor
Sensore sfilo asta posteriore lato distributore
S27 P7/17D
Wire Sensor arm position rear C.V. side
Sensore sfilo asta posteriore lato opp. Distributore
S28 P7/14D
Wire Sensor arm rear C.V. front opposite side
Asta chiusa anteriore lato distributore
S29 P3/8C
Arm fully closed front C.V. side
Asta chiusa anteriore lato opposto distributore
S30 P3/10C
Arm fully closed front opposite C.V. side
Asta chiusa posteriore lato distributore
S31 P3/12C
Arm fully closed rear C.V. side
Asta chiusa posteriore lato opposto distributore
S32 P3/14C
Arm fully closed rear opposite C.V. side
Finecorsa discesa fune argano (collegato da Rotzler)
S33 P4/14E
End rope winch switch (connected from Rotzler)
Estensimetro argano ( collegato da rotzler)
S34 P4/16E
Strain Gauge winch (connected from rotzler)
PTO micro switch
S35 P2/15B
PTO micro switch
SCHEMA ELETTRICO
ELECTRIC DIAGRAM
LISTA COMPONENTI
COMPONENT LIST

ID LOC DESCRIZIONE/DESCRIPTION
Gru fuori sagoma ( collegamernto a carico installatore)
SXY P3/18D
Crane out of shape gauge (conn. by installer liability)
Spegniarco valvola di messa a scarico
V01 P4/4D
Emergency valve Snuffer diode
Spegniarco valvola di blocco stabilizzatori
V02 P4/5D
Stabilizer valve Snuffer diode
Diodo per attivazione claxon
V03 P8/4B
Horn activation diode
Diodo per attivazione claxon
V04 P8/5B
Horn activation diode
Valvola generale messa ascarico
Y01 P6/4D
Emergency valve
Valvola controllo stabilizzatori
Y02 P4/3E
Stabilizer control valve
Movimento proporzionale rotazione V1
Y03 P9/5D
Slew proportional movement V1
Movimento proporzionale primo braccio V2
Y04 P9/4D
mo ement V2
First boom proportional movement
Movimento proporzionale secondo braccio V3
Y05 P9/7D
Second boom proportional movement V3
Movimento proporzionale sfili V4
Y06 P9/9D
Extension proportional movement V4
Movimento proporzionale 5° elemento V5
Y07 P9/10D
5th proportional movement V5
Movimento proporzionale 6° elemento V6
Y08 P9/12D
6th proportional movement V6
Movimento proporzionale 7° elemento V7
Y09 P9/14D
7th proportional movement V7
Movimento proporzionale 8° elemento V8
Y10 P9/16D
8th proportional movement V8