Sei sulla pagina 1di 8

ZOONOSI COME PROBLEMA

INTERNAZIONALE

La distinzione fra problemi sanitari nazionali ed internazionali sta


perdendo la sua utilità ed è spesso fuorviante
IL PRINCIPIO DI PREACAUZIONE

“Qualora in circostanze specifiche a seguito di una valutazione


delle informazioni disponibili, venga individuata la possibilità di
effetti dannosi per la salute, ma permanga una situazione di
incertezza sul piano scientifico, possono venir adottate le misure
provvisorie della gestione del rischio necessarie per garantire il
livello elevato di tutela della salute che la Comunità persegue, in
attesa di ulteriori informazioni scientifiche per una valutazione più
esauriente del rischio.”
.

CARATTERISTICHE ZOONOSI EMERGENTI

• Dinamicità
• Imprevedibilità

Per questo per ridurre l’impatto sanitario (morbilità, invalidità e mortalità)


ed economico è necessaria l’azione immediata
L’Azione Immediata

Azione immediata = tecnologia informatica, biologia molecolare,


epidemiologia analitica

Azione immediata = cooperazione fra varie discipline (medicina,


veterinaria, biologia,etc.) esempio gestione epidemie Ebola in
Africa centrale, cooperazione medici – antropologi.
L’Azione Immediata

Gestione a livello internazionale = epidemia di SARS, il WHO


ha coordinato tramite sito le informazioni senza reticenze e
giovandosi di strumenti di diagnosi e di analisi epidemiologica
Il Consiglio dell’ Unione Europea ha
invitato gli stati membri a:

• Utilizzare a pieno le Agenzie comunitarie (EFSA, ECDC, EEA),


sostenendone il lavoro;

• Intensificare al cooperazione con le istituzioni internazionali (WHO,


OIE, FAO) nel quadro del Regolamento Sanitario Internazionale
(IHR).

• Supportare sia dal punto di vista tecnologico che finanziario il


controllo e l’eradicazione delle zoonosi nei paesi in via di sviluppo.
L’International Health Regulations

L’International Health Regulations (IHR) nasce nel 1951 ed ha


l’obiettivo di prevenire monitorare la diffusione di malattie infettive
rispondendo in modo adeguato nel caso dei rischi per la sanità
pubblica evitando interferenze non necessarie con il commercio
internazionale. Ogni paese membro è tenuto a mettere in atto le
misure sanitarie raccomandate relativamente a rischi specifici per
determinate aree geografiche.
Potenziale zoonotico dei patogeni animali

•  60% dei patogeni umani


sono zoonosici
•  80% dei patogeni animali
sono multi-ospite
•  75% delle malattie
emergenti sono zoonosi
•  80% degli agenti che
hanno un potenziale uso
bioterroristico sono
patogeni zoonosici
•  Quasi tutte le nuove
malattie umane hanno
origine da serbatoi
animali