Sei sulla pagina 1di 33

Musiche “altrove”

Musiche “altrove”

1. entremetz durante banchetti, vocali e/o strumentali, a volte con


danze o pantomime (chansons, madrigali ecc.)
banchetto del Seicento, con flauto e tamburo
(incisione da un’edizione di Virgilio, Lione 1607)
Garofalo
(Benvenuto Tisi da
Ferrara), Le nozze
di Cana
dipinto nel 1531
per il refettorio
del Convento di S.
Bernardino a
Ferrara acquistato
nel 1509 da
Lucrezia Borgia (in
alto a sin. i
musicisti)
Louis de Caullery (1580-1621), Scena di banchetto
Frans Francken il giovane (1581-1642)
Cena nella casa del borgomastro Rockox
Bartolomeo Manfredi (1582-1622)
Scena di taverna con suonatore di liuto
Dirck van
Baburen
(1595-1624),
La mezzana
Banchetto alla corte del principe di Baviera Wilhelm V. In primo piano la
cappella di corte, che era diretta da Orlando di Lasso
(incisione di Nikolaus Solis, 1568)
Musiche “altrove”

1. entremetz durante banchetti, vocali e/o strumentali, a volte con


danze o pantomime (chansons, madrigali ecc.)
2. celebrazioni politiche ufficiali (mottetti celebrativi in latino, poi
madrigali in italiano)
3. teatro:
• musica in funzione realistica: danze, serenate, canzoni cantate dai
personaggi
La pianta mandragola
della
mandragola
in un antico
erbario

Niccolò Machiavelli, La Mandragola (1518)

messer Nicia madonna Lucrezia, frate Timoteo e


Sostrata, madre di Lucrezia
Musiche “altrove”

1. entremetz durante banchetti, vocali e/o strumentali, a volte con


danze o pantomime (chansons, madrigali ecc.)
2. celebrazioni politiche ufficiali (mottetti celebrativi in latino, poi
madrigali in italiano)
3. teatro:
• musica in funzione realistica: danze, serenate, canzoni cantate dai
personaggi
• intermedi: tra un atto e l’altro delle commedie + all’inizio e alla fine
Intermedi

(intermedio)
I atto
intermedio
II atto
intermedio
III atto apparente/non apparente
intermedio
IV atto
intermedio
V atto
(intermedio)
Ferrara, Urbino (1480-1500 ca.)
 in Plauto, Terenzio (tradotti dal
latino);
spesso apparenti  in commedie classicheggianti
(es.: Calandra di Bibbiena
es. musicale: forse El grillo è buon
cantore di Josquin Desprez)

Firenze (1510-1530 ca.)  in commedie classicheggianti


(es.: Clizia di Machiavelli, 1525, in cui
furono eseguiti tutti dal medesimo
spesso non ensemble)
apparenti
Intermedi

1. apparenti (con esecutori a vista) o non apparenti (con esecutori


nascosti)
2. intercambiabilità tra intermedi e commedie
3. funzione degli intermedi:
• diversivo
• compressione artificiale del tempo
4. progressiva coerenza nella trama degli intermedi della stessa
rappresentazione (dai madrigali di Machiavelli/Verdelot a Il granchio
di Leonardo Salviati)
5. intermedi “aulici” (= sfarzosi) in occasioni particolarmente solenni
Firenze 1589, intermedi a La pellegrina

• nozze granduca Ferdinando de’ Medici e Cristina di Lorena


• nei festeggiamenti, rappresentazione della commedia recitata La
pellegrina di Girolamo Bargagli
• 6 intermedi a questa commedia (trama = il potere della musica) con la
partecipazione dei maggiori musicisti dell’epoca (Marenzio, Peri, Caccini +
Bardi e Cavalieri)
• contiene alcuni tra i primi esempi di monodia accompagnata
• rivalità Giovanni de’ Bardi – Emilio de’ Cavalieri
• pubblicazione di musiche, relazione e scenografie a fini di esaltazione
dell’evento e del sovrano
il teatro mediceo degli Uffizi,
costruito da Bernardo
Buontalenti per le feste di corte;
nell’800 fu trasformato e diviso
in due piani

facciata

il teatro mediceo degli Uffizi nel


1617 con un intermedio
di Marco da Gagliano
Primo intermedio: L'armonia delle sfere
Secondo intermedio: La gara fra Muse e Pieridi
Terzo intermedio: Il combattimento tra Apollo e il serpente Pitone
Quarto intemedio: La regione de' demoni
Quinto intermedio: Il canto d'Arione
Sesto intermedio: La discesa d'Apollo e Bacco col Ritmo e l'Armonia
Giulio Caccini, Io che dal ciel cader (Canto della maga), dal IV
intermedio per La pellegrina di Girolamo Bargagli

Io che dai ciel cader farei la luna


a voi ch'in alto sete
e tutt'il ciel vedet'e voi comando
ditene quando il somm'eterno Giove
dal ciel in terra ogni sua gratia piove.

[testo di Giovanbattista Strozzi]


Giulio Caccini, Io che dal ciel cader (Canto della maga),
dal IV intermedio per La pellegrina di Girolamo Bargagli
inizio 4’00”
Coro (madrigale) di Giovanni de’ Bardi
Miseri habitator

• situato in chiusura del IV intermedio (scena infernale)


• polifonia a 5 vv. ma omoritmica, con declamazione sillabica e pause alla
fine di ogni frase
• chiaro intento di far comprendere le parole
• tentativo di usare il genere greco cromatico
Giovanni de’ Bardi, Miseri habitator, coro dal IV intermedio
Ascolti da Youtube

• intermedi a La pellegrina di Girolamo Bargagli:


– Giulio Caccini, Io che dal ciel cader (Canto della maga):
https://www.youtube.com/watch?v=wCvtvr9KS88&t=4m14s
(Taverner Consort, Andrew Parrott dir)
– Giovanni de’ Bardi, Miseri habitator:
https://www.youtube.com/watch?v=sWG_T_KTZL8&t=0m24s
(Taverner Consort, Andrew Parrott dir)