Sei sulla pagina 1di 65

LA STORIA

a Vergine di Ferro (in Itali a sto ri ca m ente co nosciuta come


L Vergine di Norimberg a) è un macabro strumento di tortura e
supplizio diffuso nell'Europa Central e e che si trova spesso legato
alle cronache delle atro cità dei tribunali dell'inquisizione e delle
orrend e sentenze da essi emesse e fatte eseg uire. Non è uno stru-
mento di morte medievale, come molti credono. Viene infatti utiliz-
zato per la prima volta solo nel 1515 a Norimberg a e la sua diffusio-
ne è contemporanea alla grande caccia alle streghe e agli eretici del
XVI e XVII secolo, in un periodo che vede l'Europa sconvolta dal
conflitto politico-religioso tra cattolici e protestanti. 11 condannato
veniva legato in uno stretto sarcofago metallico dalle sembianze di
una rag azza; il coperchio del sa rcofago, armato di chiodi appuntiti
rivolti verso l'intern o veniva chiu so di botto, infliggendog li ferite
mortali su tutto il corpo che, però, spesso lo lasciavano sopravvive-
re per diverse ore - se non giorni - in una straziante agonia.
Se un gruppo rock del XX secolo decide di darsi co me nome
lron Maiden (ovvero l'espressione inglese per definire tale strum en-
to) è un chiaro seg no che non ha intenzione di passare inosservato .
E se il nome definisce bene anche la mu sica del gruppo (micidiale,

5
IRON MAIDEN LA STORIA

oltraggiosa, solenne e durissima), è segno che si è su un ben altro che l' incredibil e storia di questo gruppo è il frutto di una evoluzio-
livell o da quello che poteva essere rappresentato dalle «Pietre roto- ne logica non solo dei personaggi coinvolti e della loro personalità
lanti», dag li «Sca rafaggi del beat» o dai «Profondo porpora» artistica, ma anche dei tempi e della società in cui la band (e tutto il
(Roll ing Stones, Beatles e Deep Purple). meta l in generale) ag isce e di cui ne rappresenta uno specch io
Gli lron Maiden sono, sin dal loro esordio del '980, la band sim- fedele e sovente mostruoso, per quanto ricoperto con g li abiti del
bolo dell'heavy metal, la musica dura e violenta per eccellenza che g rottesco e del teatrale.
attraversa la storia del rock come una specie di ombra satan ica, di La storia del gruppo inizia tra le sq uallide periferie della Londra
Caino nascosto (ma nemmeno tanto, considerando i dischi che degli an ni Settanta (ai tempi, una delle città più peri co lose
vende) che insegue l'Abele sognante della musica pop e del cosid- d'Europa), dove povertà, cri minalità, scontri razzia li e politici, alco-
detto ro ck «normale» (ma può esistere un ro ck «no rmale»?). lismo e disoccupazione sono il quotidiano di migliaia di persone,
l'heavy meta l è il tredicesimo alla tavola dell'industria discografica, tra cui troviamo un giovane aspirante calciatore che ri sponde al
l'ospite non invitato e non gradito che impone la sua presenza sola- nome di Steve Harri s.
mente su lla base dell' immenso seguito di cui gode e del fanatismo Harris (Leyton stone, 12 marzo 1956) inizia la sua carriera musica-
dei propri fan, spesso vena to di un setta ri smo para-religioso. Gli le nel 1973. Figlio di una famiglia con poche ri sorse economiche, si
lron Maiden (chiamati anche in maniera più semplice Irons o so lo dedica sin da giovanissimo al ca lcio, sua passione primaria, colti-
Maiden) sono il gruppo cu lto di tutto questo, la band che più di va ndo il sog no di diventare un giorno una stella del West Ham
ogni altra ha ria ssunto in sé ed elaborato in maniera originale tutto United, sua sq uadra del cuore, nelle cui formazioni giovanili milita
ciò che può co nsiderarsi heavy meta l neg li ultimi venticinque/ per qualche tempo. Nell'Inghilterra degli anni Settanta, il calcio e la
trent'anni, con tutte le sue amb iguità, contraddizioni, mescolanze musica costitui scono i mondi in cui sono ambientati i sog ni d i
di influ ssi più svariati e compromessi a cui ha abituato amanti e ri scatto della stragrande maggioranza della gioventù. Un sistema
detrattori nel corso della sua lunga storia. Analizzare cosa sia vera - scolastico e universitario arcaico e ultra-conservatore impedisce di
mente l'heavy metal è un compito estremamente comp lesso e fatto l'accesso alle professioni «nobili» e redditizie, appannaggio
spesso chi è «dentro» non sa nemmeno definire cosa lo lega alla ancora delle élite eco nomiche e cultura li . Il giovane Steve non pro-
comunità di fan. Spesso, anche gli stessi gusti musicali divergono viene certo da una di queste famig lie e sceg lie le strade maestre di
in maniera clamorosa, tranne che per pochissimi gruppi su cui tutti tanti suoi coetanei. Troppi, a dire il vero. Le strade del calcio profes-
si dichiarano d'accordo per quello che appare quasi come un atto sionistico so no intasate e anche l'amb iente musica le presenta
di fede. Uno di questi gruppi, anzi, IL gruppo per eccellenza, sono preoccupanti segni di sovraftollam ento. Steve Harris inizia quasi
proprio gli Iron Maiden. subito a suonare il basso, influenzato principa lmente da Roger
Ria ssume re la loro storia e trattare dell'influenza che hanno Glover dei Deep Purple e da Phil Lynott dei Thin Lizzy. Il suo primo
avuto sulla musica contemporanea (per cui si rimanda al capitolo gruppo lo forma insieme a un compagno di scuola, Dave Smith,
sugli eredi per maggiori approfondimenti) richiede molta pazienza che suona la chitarra . In questa prima formazione, i Gypsy's Kiss,
e una grande rigorosità formale, partendo sempre dal presupposto militano anche Pau l Sears alla batteria, Bob Verschoyle alla voce e

6 7
IRON MAIDEN LA STORIA

Tim Wotsit alla seconda chitarra. Nessuno di loro , a parte Harris, Iran Maiden, uscita da lla penna di un Dickens o di un McCourt.
avrà alcuna ca rriera musica le. Questa formazione, dedita ad un Un' infanzia veramente difficile a causa della sua origine mista irlan-
rock boogie in stile Humble Pie, non dura molto. Esordisce, come dese e scozzese (e si sa quanto queste due ca ratteristiche etniche
indicato da ll'albero genea logico della band incluso nell'a lbu m A iano apprezzate dalle parti della capitale inglese), non certo miglio-
Real Dead One, con un concerto a Pop lar, nell'atrio di una chiesa (!) rata dalle condizioni economiche della famig lia: il padre è un invali-
a cui ne fanno seg uito altri cinqu e, quindi si scioglie. do e la madre lavora come donna delle pu lizie a ore. Murray, così
AI giovane Steve, però, l'esperi enza è piaciuta parecchio e la lascia la scuola a soli 15 anni (dopo averne cambiate una dozzina)
mu sica lo coinvo lge se mpre più. Si aggrega, quindi agli Smi ler ma non riesce a trovare che lavori mal pagati e umiliazioni quotidia-
(a lt ra band sco lastica) nei p rimi mesi del ' 974. Della formazione ne. Da adolescente è già carico d'odio verso la società e verso chi
fanno parte Doug Sampson (batteria), i fratelli Mick e Tony Clee individua come la causa delle sue disgrazie: immigrati, neri, donne e
(chitarre) e Dennis Wilcox alla voce, ma anche questa formazione omosessuali. A 15 anni è un skinh ead fatto e finito, pronto per ren-
dura ben poco. Harris, allora, decide di mettere insieme egli stesso dere i suoi servigi nella bassa manovalanza dell'estrema destra delin-
un a band e, nel dicem bre de l 1975 nascono g li Iran Maiden . quenzia le o come hooligan allo stadio (anche lui è un fanatico del
All' inizio, il nome prescelto è Influence, ma cambia idea dopo aver calcio) ma, fortunatamente, arriva la musica a fa rgli cambiare idea.
visto il film The Man And The Iran Mask in cui c'è la celebre scena Ascolta alla radio Voodoo Chile di Jimi Hendrix e l'effetto è talmente
della Vergin e di Norimberga, l'agghiacciante strum ento di suppli- dirompente che decide, all ' improvviso, di cambiare vita e di voler
zio che esercita un fascino morbosamente horror sul giova ne bassi- impa rare a suonare la chitarra. Spesso ha dichiarato: " Per me è stata
sta . Della prima fo rmazione fanno parte una seri e di amici e com- molto dura uscire fuori dalla condizione in cui ero, ma solo ora,
pag ni di scuola reclutati quasi per caso: Paul Day alla voce, Dave dopo tanti anni passati, g uardandomi indietro, mi rendo conto di
Sullivan e Terry Rance alle chitarre e Ron Matthews alla batteria . Il QUANTO sia stata dura...».
primo concerto deg li lron Maiden è in un pub di Stratford, il Cart La prima band che fo rma sono g li Evil Ways, insieme all'amico e
And Horses, il 5 maggio 1976 ma Paul Day si mostra completamen- «discepolo» Adrian Smith (Hackney, 27 febbraio 1957). Smith è l'u l-
te di sinteressato al destino de lla band e se ne va, sostituito da timo di tre fig li di una fam iglia della picco la borghesia. Conosce
Dennis Wilcox. Anche Su llivan e Rance non sono molto a loro agio Murraya scuola e quando quest'ultimo inizia a suonare la chitarra,
nel gruppo e così, dopo nea nche sei mesi, Harris si trova a dover mostrando un innato ta lento per lo strumento, decide di seguirl o a
rim ettere in piedi daccapo la band. tutti i costi, pagandogli le lezioni e lasciando eg li stesso la scuola
La prima persona a cui chiede di agg regarsi alla line-up è un per tentare di diventare una rock sta r. Gli Evi l Ways, però, si sciolgo-
amico di Wilcox un po' disadattato, che vive a pochi passi da casa no alla fine del 1974. Mu rray entra neg li Iran Maiden ma, all'inizio,
sua. Il suo nome è Dave Murray. ci resta pochi ss imo perché li tiga imm ediata m ente co n Dennis
Murray è nato il 23 dicembre 1956 ed è cresciuto in uno sq uallido Wilcox, i cui atteggiamenti snob irritano non poco il timido e com-
e poverissimo sobborgo di Londra, Edmunton, e la sua storia perso- plessato chitarrista. Harri s, comunque, si rende subito conto delle
nale sembra, fino all'incontro co n Harri s e ai primi successi degli incredibili potenzialità musicali di Murray e fa di tutto pur di con-

8 9
r
IRON MAIDEN LA STORIA

vincerlo a ritornare nella band. Ma Murray, su invito di Smith, si è Rimane talmente impressionato dalla potenza di fu oco del gruppo
già unito agli Urchin e ci resta fino ai primi mesi del ' 977, sostenen- che si fa dare un loro demo e inizia a trasmetterl o incessantemente
do una discreta attività live nel circuito dei club di East London. Gli nel suo spazio radiofonico dedicato alle band emergenti e senza
Urchin firm ano anche un contratto discografico con l' indipendente contratto chiamato Bandwagon. Il So undhouse, in oltre, forni sce
Djm, ma non ri escono mai a pubblicare un disco. regolarm ente la sua classifica delle migliori band underground alla
Nel frattempo, g li lron Maiden, dopo aver cambiato una mezza rivista Sounds che g li dedica uno spazio apposito og ni mese. In
dozzina di elementi so no nuova mente al palo. Harris, rim asto solo, questa speciale cl assifica, gli Iron Maiden schizzano subito ai primi
richiama Murray che accetta di suonare con lui senza la presenza posti, generando un interesse enorme tra i rock fa n londinesi.
odiosa di Wilcox. Viene reclutato anche Doug Sampson (già neg li L'Inghilterra è nel mezzo di una vera e propria ri voluzione della
Smiler) alla batteri a e Paul Cairn s alla chitarra (sostituito poi da Paul cultu ra e del costume. Il punk dilaga e con esso tu tte le form e d'ar-
Todd, a sua volta rimpiazzato da Tony Parsons). M a la vera svolta te e di mus ica che dichia rano la rottura e il rifiuto del passato .
nella ca rri era del g ruppo awiene quando si aggrega a loro il can- Sebbene la musica dei Maiden affondi le sue radici nell'hard rock
tante di un g ru p po loca le d enominato Bird Of Prey, tale Paul dei Deep Purple e dei Free, il metal viene ora scoperto come un
Di'Anno. Di 'Anno è il classico teppista della stermin ata suburbia fenomeno «nuovo» da parte dei media inglesi che si inventano pre-
londinese; di chiare ori gini italiane, è un volga re e arrogante adole- sto la definizione di New Wave Of British Heavy Metal (NWOBHM)
scente (è nato il1 7 maggio 1959 a Chingford, altro lurido sobborgo per da re un 'etichetta al fe nomeno. Tu tto ciò che fa novità, che è
di Londra) già mezzo alcolizzato che canta con una voce al vetriolo estremo, shock e violento è bene accetto è la fa ma del gruppo cre-
ed è capace di scatenare ri sse tra il pubblico con la foga epilettica sce rapidamente senza inco ntrare ostacoli. È del 1978 l' invenzione
delle sue esibizioni. Di mestiere fa il garzone di un macellaio (curio- di Eddie che sa rà destinata a diventare la più im portante icona del-
so co mun d enom in ato re co n Ozzy Osbo urn e) e, in un prim o l' heavy metal di t utti i tempi . Harri s dichiara di aver preso spunto
tempo, rifiuta l' invito di Harri s. Poi, dopo aver visto la band da l vivo da una testa di pl astica (<<the head», la cu i sto rpiatura da rebbe
e aver giudica to Dennis Wi lcox «uno stron zetto da appendere a un «Eddie») che aveva visto sul tavolo da lavoro di una studentessa
gancio», decide di poter fare molto meg lio e si unisce agli lrons. d'arte. In rea ltà, il nome di qu esta mascotte ri chiama alla mente
Le prime esibizioni del gruppo awengo no nell'ampio circuito quell o di Eddie, il motociclista lobotomizza to del film The Rocky
dei club e dei pub di Lond ra ma non destano g rand e impressione. Horror Picture Show interpretato da Meat Loaf. Le analogie tra i due
È l'epoca del punk, a cui la band è frettolosamente assimilata, e personaggi, specie nei primi anni del gruppo sono molte, ma la
molto spesso i concerti vengono interrotti per le intemperanze del ba nd non ha m ai co nfe rm ato questa interp retazione. Eddie The
pubblico, intemperanze che Di'Anno sa come scatenare a dovere. Head (ma spesso è chiamato con un altro nome) è anche il prota-
Paul Di'Ann o esordisce dal vivo co n il g ruppo il 31 dicembre 1977 al gon ista di una vecchia barzelletta inglese che ri gua rd a una donna
Ru skin Arm s Pu b, ma la fo rtun a degli lron Maiden, in q uesto peri o- che partorisce un bam bino. Il problema è che non ha il corpo ma
do, si chiam a Nea l Key. Key è il deejay e gestore di un loca le, il solo la testa. I medici la tranquillizza no dicendole che entro ci nque
Soundhouse, dove gli Iron Maiden si esibisco no all'inizio del 1978. anni sa rà tutto a posto e il co rpo completa mente svilu p pato. AI

lO 11
IRON MAIDEN LA STORIA

momento del quinto compleanno del bambino, il padre entra nella damentale importanza perché traduce in sé tutto o quasi l'immagi-
sua stanza e gli dice: «Eddie, figlio mio. Oggi è un giorno molto nario della cultura metal da quando il fenomeno è nato. Gli stessi
importante per te e per questo ti ho portato un regalo ••. E Eddie lron Maiden si compiacciono a tal punto dell'evoluzione della loro
risponde: «Oh no! Non mi dire che è un altro cappello!>•. creatura, da dargli scientemente un'evoluzione estetica e ambienta-
Sicuramente Harris conosce bene questa barzelletta, ma altrettanto le coerente e che assorbe in se tutte le suggestioni e le inquietudini
sicuramente non è la fonte di ispirazione primaria per la creazione che la band traduce nella propria rovente musica.
del personaggio. Nel 1978 l'Inghilterra pullula di riviste underground e radio indi-
Eddie è una specie di mostro-zombie, dal volto semi-scarnifica- pendenti che contribuiscono in maniera decisiva al ricambio gene-
to, dagli occhi infuocati «<Caron dimonio dagli occhi di bragia», razionale che avviene nel rock britannico. I mass media inseguono
Dante Alighieri, Inferno, Canto III) e dai minacciosi denti aguzzi. affannosamente i nuovi fenomeni musicali e il metal è uno di que-
Rappresenta un concentrato di decenni di film dell'orrore di serie B sti, anche se negli anni a seguire subirà un vero e proprio boicot-
ma la sua personalità è molto complessa e gli Iron Maiden gli attri- taggio mediatico in Europa per tutta una serie di motivi e nono-
buiscono un'esistenza autonoma che travalica le sorti del gruppo e stante un successo al di fuori di ogni misura. In ogni caso, la fine
va a costituire una storia a sé stante che fa da commentario e da deg li anni Settanta è un periodo in cui le case discografiche inglesi
chiave d'interpretazione di tutta la carriera del gruppo. Eddie non è sono alla ricerca spasmodica di band giovani da mettere sotto con-
soltanto la mascotte di una rock band; è un vero e proprio idolo tratto, fiutando l'affare imminente. Il seguito di fan che i Maiden
pagano, un totem del metallo che richiama, con la sua presenza, riescono a costruirsi soltanto suonando dal vivo (principalmente
immagini ancestrali e suggestioni dimenticate di cui la retorica e l'e- nella zona di Londra) è tale che, quando incidono un mini-album,
tica heavy metal si nutre in abbondanza. Il meta I, infatti, è una cul- Soundhouse Tapes (1979), di sole quattro canzoni che viene vendu-
tura neo-paganeggiante, reliquiaria e idolatra e trova in Eddie la to esclusivamente per corrispondenza o ai concerti, riescono ad
materializzazione del proprio immaginario filosofico e para-religio- esaurire tutta la tiratura iniziale di 5mila copie. La Emi contatta il
so. Gli lron Maiden non compaiono mai nelle copertine dei loro gruppo e gli propone di ristampare altre 20mila copie del disco per
album e il momento cu lminante dei loro concerti è sempre, inevita- distribuirle sul mercato nazionale, ma la band rifiuta, consigliata
bilmente, la comparsa di Eddie, come un dio primordiale che si anche dal manager Rod Smallwood che proprio nel 1979 inizia a
rende visibile ai suoi fedeli dopo essere stato a lungo invocato. Ed- prendersi cura della band. Nel frattempo, dopo altri cambi di for-
die rappresenta il gruppo e molto di più: l'anima stessa dell'heavy mazione di relativa importanza, entrano in pianta stabile nella
metal e dei suoi seguaci. Analizzarne la figura e la sua evoluzione band il chitarrista Dannis Stratton (Londra, 9 novembre 1954) e il
iconografica è importante almeno quanto spiegare la biografia batterista Clive Burr (Londra, 8 marzo 1957), proveniente dai Sam-
della band perché le due cose vanno esattamente di pari passo, in so n, gruppo in cui ha preso il suo posto tale Thunder Stick, per
maniera complementare e inscindibili l'una dall'altra. Eddie «è •• gli qualche tempo batterista dei Maiden.
lron Maiden così come gli Iron Maiden «sono •• Eddie. La valenza Harris e soci rispondono alla label che quel mini-a lbum è un
simbolica di Eddie, in effetti, è estremamente complessa ma di fon- regalo per i fan più fedeli e che loro sono disposti solo a firmare un

12 13
IRON MAIDEN
LA STORIA

contratto discografico vero. La tattica ha successo e la Emi scrittura generazione su cu i vale la pena spendere qualche parola. Sin dalla
il gruppo, non sapendo ancora di aver fatto uno degli affari più prima uscita discografica, si capisce immediatamente chi è il vero
grossi della sua vita. Include prima due canzoni nella compilation protagonista della loro storia. Eddie campeggia su lla copertin a del
Metal For Muthas (che diventa una specie di vangelo per la scena disco, fissando l'acquirente attraverso i suoi occhi diabolici e il suo
metal inglese del periodo) e poi spedisce la band nei Kingsway vo lto scarnificato ma da cu i traspare un a palese perplessità. È
Studios di Londra a registrare il suo primo album. Ma il produttore un'immagine estremamente semplice ma oltremodo rappresentati-
che viene loro affidato, Will Malone, non crede minimamente nel va . Nella maschera orrid a e stupita allo stesso tempo d i Eddie ci
gruppo, considerandoli «un branco di punk incapaci» e lavora svo- sono tutti i dubbi di una generazione entrata in crisi ancor prima di
gliatamente al prodotto. affacciarsi al proscenio della vita sociale, civile ed economica. Come
Nonostante una resa sono ra non ecceziona le, Iron Maiden, usci- i fatti dimostreranno drammaticamente negli an ni Ottanta e
to nell'aprile del 1980 (preceduto di qualche mese dal singolo Novanta, gli adolescenti e i giovanissimi che vivono a cava llo tra gli
Running Free), diventa un clamoroso successo, arrivando al numero anni Settanta e g li anni Ottanta assistono inermi al disgregarsi di
4 delle classifiche inglesi. La band viene invitata alla trasmissione ogni ideologia e va lore morale, al progressivo azzeram ento dei pre-
televisiva Top Of The Pops, ma Steve Harris e compagnia pretendo- cedenti concetti di identità e ne cercano alla svelta di nuovi per non
no di suonare rigorosamente dal vivo e non in playback, come era trovarsi privi di un volto e di un qualcosa da dire.
abitudine del programma. L'unica altra band che aveva ottenuto La musica interpreta alla perfezione lo smarrimento di questa
una cosa del genere erano stati gli Who otto anni prima. L'esibizio- gioventù che viene letteralmente schiacciata dai fratelli maggiori,
ne manda in delirio i giovani fan assembratisi negli studi della Bbc e persi nell'utopia della contestazione e la spaventosa reazione con-
scanda lizza il pubblico da casa per la sua agg ressività e volgarità, servatri ce dei padri, a cui fa appello la lhatcher per propugnare il
ma proprio questo crea intorno ai Maiden l'alone di band selvaggia suo nuovo credo iperliberi sta che somig lia tanto alla legge della
e irriverente che in quel preciso momento storico il pubblico ingle- giung la . Sin dai suoi primi vagiti, infatti, questa generazione ha
se gratifica con il massimo dei consensi . Di'Anno su l palco è esatta- già capito che sa rà lei a pagare il conto per tutti e che dovrà com-
mente come nella vita di tutti i giorni: un rozzo bullo di periferia, battere un mondo di privilegi e caste legate all'ideologia, proprio
alcolizzato, arrogante ed erotomane, senza trucchi e fronzoli, che si lei, che di ideologie non ne ha nessuna. È una generazione che
veste e si comporta in maniera identica ai suoi fan. Questo crea un apprende subito la legge del più forte e del più furbo e che si tro-
rapidissimo processo d'identificazione, in anni in cu i tutto ciò che va tra due fuochi: da un lato il bigottismo conservatore e clericale,
riguarda le sofisticatezze estetiche e le complessità strumentali dei fondamentalmente oscurantista e moralista delle destre conserva-
primi anni Settanta (Genesis, Jethro lull, Wishbone Ash, ecc.) appa- trici e cri stiane; e dall'altro una sinistra massimalista e barri cadera
re come un insopportabile retaggio del passato. Ma il grande suc- che non degna d'attenzione chi non partecipa al suo progetto
cesso degli lron Maiden in questo periodo deriva anche dal saper politico e socia le.
interpretare in maniera quasi casuale ma estremamente sincera e
l
Eddie è proprio questo: l'adolescente che non sa da che parte
veritiera, il profondissimo disagio morale e intellettuale della loro andare e a cu i tutti ri cordano la sua condizione di «mostruosità»

14
15
IRON MAIDEN LA STORIA

perché non ha una maschera da mettersi, né se la vuole mettere. in seguito alla guerra fredda con l'Urss. La sensazione general e di
Questo adolescente si trova davanti un mondo fatto di slogan e di «promessa non mantenuta» e che mai sa r~ ma~tenuta, ~ro:oca
apparenze, in cui è obbligatorio dirsi «di destra» o «di sinistra» e nelle nuove generazioni una sensazione di rapIda estraniaZione
tutto è piegato ai dogmi del pensiero dominante. Nello stesso dalla cultura maggioritaria e dalle sue form e più canoniche per cer-
momento, però, è un mondo che vive una spaventosa evoluzione care nuovi spazi in cui trovare la propria iden~ità avulsa dal conte~
consum istica di cui tutti vogliono senti rsi parte. Nelle periferie sto genera le e spesso in conflitto con esso . E in questo brodo di
degradate inglesi si respira un'aria di rivolta imminente. La violenza coltura (lo stesso del punk) che nasce l'heavy metal, musica di rot-
teppisti ca è all'ordine del giorno, così come g li scontri razziali e tra tura che interpreta le angosce più epidermiche di quest~ genera-
gang rivali. Il traffico d'eroina e cocaina diventa, per la prima volta zione e le tra sforma non solo in un suono ma anche In un etICa e In
nella storia occidentale, una delle industrie a maggior fatturato e un'estetica, perfettamente complementare ma anche opposta a
non più un paradiso artificiale per ricchi. La società occidentale pro- quella occidentale e cristiana. È l'epoca delle sottocu lt~re metropo-
mette benessere e felicità per tutti (soprattutto in funzione di pro- litane, ovvero, con termini più pertinenti, delle Identlta soclo-musl~
paganda anti-sovietica), senza curarsi del fatto che non potrà man- cali e del tribalismo urbano che si aggrega intorno ai fenomeni
tenere tutti gli impegni . Il welfare state sembra garantito per tutti e musicali. Gli Iran Maiden sono portavoce incon sa pevoli di tutto
il mito socia le e civi le di quegli anni è la Svezia dove lo Stato questo, ma la loro icona finirà per rappresentare un mondo musI-
accompagna il cittadino «da lla culla alla tomba». Ma questo non è cale e socia le _ quello dell'heavy metal - che ancor oggi costitUisce
un paradiso accessibile a tutti e quando le nuove generazioni pas- una delle più grandi rivolu zioni che si siano mai verificate nella sto-
sano all' incasso della ca mbiale firmata dalla propaganda capitali- ria della musica rock.
sta, si trovano un pugno di mosche in mano. La realtà quotidiana Iran Maiden è proprio il manifesto di questa realtà culturale e
dell'Inghilterra deg li anni Settanta, infatti, è fatta di disoccupazione sociale. Un disco brutale ed epidermico, una vera e propria raccolta
e alcolismo, degrado sociale, droga, lavoro minorile e quant'altro a di inni di ribellione come Running Free, Prowler e la sguaiatissima
disegnare un quadro a tinte fosche che la musica commenta con Charlotte The Harlot, sparati a tutto volume sulla base di un sound
insolita durezza . ossessivo e diretto. Pur vantando una discendenza dai padri StOriCi
In realtà, non sa rebbe niente di diverso dall'eterno vissuto dei dell'hard rock inglese come Deep Purple, Uriah Heep e Led
poveri e degli emarginati che in Gran Bretagna può vantare una Zeppelin, il nuova metal (di cui i Maiden so no i principali interpre-
copiosa letteratura d'impegno sociale sin dagli albori della rivolu- ti), condivide con il punk la stessa frenesia ritmica e la stessa Imme-
zione industriale. Negli anni Settanta, però, ci sono due fattori che diatezza espressiva. Le chitarre sono più distorte e Violente, " canta-
si presentano per la prima volta nella storia inglese e che cambiano to rifugge dai gorgheggi di un Robert Plant o di un David Byron e
le carte in tavola. Il primo fattore è la mancanza dello sfogo colo- non c'è la minima attenzione per i barocchismi e la musica claSSica
niale, vera e propria porta aperta per tutti gli sbandati e gli avven- di cui l'hard rock «storico» era pieno. So ltanto un feroce ro ck
turieri che l'Inghilterra ha partorito negli ultimi tre secoli. In secon- metallico alla sua massima esp ressione che genera non poche
do luogo, il radicale cambiamento politico ed economico avvenuto preoccupazioni alla criti ca e alla «moral majority» benpensante.

16 17
IRaN MAIDEN LA STORIA

L'ascesa del gruppo è irresistibile. Prima ancora che l'album sia suo agio nel furioso heavy rock della band e preferi sce sonorità più
ufficialmente nei negozi, gli lron Maiden iniziano un tour inglese di bluesye sou!. I primi contrasti sulla direzione musicale da prendere
oltre cinquanta date a supporto d ei Jud as Priest che, in quel so no un motivo sufficiente per sba ra zza rsi di lui e reclutare alla
momento stanno vivendo l' incredibile trionfo in patria d i British seco nda chitarra Adrian Smith, voluto fortemente da Dave Murray.
Steel (ad oggi, oltre due milioni di copie vendute solo nel Regno È una fase in cui, com unque, tutti i pezzi del gruppo sono scritti da
Unito). L'eco di questo tour in Inghilterra è clamoroso e anche le Steve Harri s e il talento della band ri schia di disperdersi tra abitudini
polem iche da esso suscitate non sono da meno. I Judas sono visti alcoliche e una totale in co ntro llabilità ca ratteri ale. Smallwood
come una band pervertita e fascistoide per via del suo look sado- porta il gruppo dall'esperto Martin Birch (Deep Purple e Rainbow,
maso e gli Iron Maiden come una dell e band a più alto ta sso di tra gli altri) che accetta di produrre il nuovo album. Killers esce nei
incitamento crimin ale presente sul mercato. La guida di Smallwood primi mesi del 1981 ed è un disco che ca mbia la storia della musica
fa sì, però, che le polemiche serva no solo ad ingrossa re l'attenzione rock e meta!. La ca ri ca esplosiva dell'esordio è ora resa ancora più
verso la band (nel pieno rispetto della lezione impartita da Malcom micidiale da una produzione perfetta e un so ngw riting di prim'or-
McLaren con i Sex Pistols) e il 23 agosto dello stesso anno i Maiden, dine. L'heavy metal ha la sua bandiera ufficiale in brani come l' insi-
dopo soli quattro mesi dal loro esordio discografico ufficiale, si esi- nuante Killers, l'anthemica Wrathchild e la rabbiosa Purga tory. Il
biscono al prestigioso Festiva l di Read ing davanti ad oltre 30mila logo del gruppo (sempre con lo stesso stile) comincia a fare bella
persone, secondi nel ca rtellone solo agli head liner Ufo. Smallwood mostra di sé sulle magliette e sulle toppe di migliaia di fan in tutta
è uno che ha i contatti giusti e così manda la band in tour perenne. Europa. Il disegnatore Derek Riggs si occupa di creare uno stile gra-
Riesce a trova rl e un ingaggio co me supporto ai Kiss per la loro fico (al g ruppo e ad Eddie) visibile e ri conoscibile, che costituisce
tourneé europea e mai mossa si rivelò più felice. I Kiss stanno pro- una parte fond amenta le del loro successo mo ndiale. Eddie vive,
muovendo l'alb um Unmasked, sens ibilm ente m eno duro e più nelle uscite ufficiali e nei riadattamenti elaborati dai fan, tutta una
«pop oriented •• dei precedenti e il pubblico europeo, scosso dalla se ri e di avventure che riflettono genuinamente lo sp irito della
tremenda forza d'impatto degli Irons, co ntesta violentemente la generazione di metal fan dell'epoca, vogliosa di trova re un idolo
band americana, insultando Gene Simmons, Paul Stanley, Peter tetro e ributtante da adorare e da sentire come propriO e che sia
Criss e Ace Frehley come dei buffoni e rendendo problematico, a detestato da tutti g li altri.
volte, lo svolgimento dello spettacolo. L'iconografia radica lmente Su lla copertina di Killers, Eddie non ha più lo sguardo interro-
opposta delle due band fa apparire i Kis s come un logoro fenome- gativo del primo album. È questo il passo che gli dà una sua pro-
no da baracco ne in confronto alla straripante energia vitale deg li pria personalità e ne attesta gli umori crimin ali e m aca bri .
lron Maiden. E la spiegazione è ovvia : gli lron Maiden interpretano Tri onfante, brandisce un 'ascia in sa nguinata mentre viene tirato
lo spirito dei loro tempi; i Kiss non più . per la maglietta da due mani la cui proprietaria è la destinataria
Rod Smallwood ca pisce subito le in credibili potenzialità del dei mortali colpi appena inferti . Chi sia, lo si capisce immediata-
g ruppo e decide di trovargli una produzione migliore. Prima di mente: i pol sini della camicia sono g li stessi che Margaret Thatcher
questo, però, mette alla porta Dannis Stratton che non si trova a indossa nella copertina del si ngo lo Women In Uniform , mentre

I 8 19
IRON MAI DE N LA STORIA

tende un agguato ad Eddie che si accompagna co n due disponibili a non la sciars i sfugg ire la grande occasione della sua vita per
donzelle. Gli assassini sono in azione e dichiarano la propria furia costruire un successo duraturo. Senza troppi complimenti, Di'Anno
omIcIda co me estremo sfreg io all'Inghilterra conservatrice della viene scaricato, nonostante siano già pronte le canzoni del nuovo
«lady di ferro » (sulla somig lianza di questa definizione con le album che lui avrebbe dovuto registrare da lì a poco. la scelta del
parole lr.on Maiden, il gruppo ci ha marciato per anni). Il '98" sostituto cade su Bruce Dickinson (vero nome Paul, nato a Worksop
InfattI, e un anno pesantissimo per la gioventù inglese. la Notts, il 7 agosto 1958). Dickinson ha all e spalle una storia persona-
Thatcher dIchIara guerra allo stato sociale e ai sindacati scatenan- le che è all'esatto opposto di quella degli altri membri del gruppo.
do conflitti con moltissime categorie di lavoratori e pr~vvedendo Figlio della buona borghesia (il padre era ingegnere meccanico nel-
al sIstematIco smante llam ento di tutta la rete di protezioni econo- l'aviazione e la madre lavo rava in una boutique), è laureato in
m:che di cu i godono gli strati più poveri della popolazione. Non Storia, pratica la scherma, ha un'ottima cultu ra personale, un bre-
c'epersonaggio più detestato dalle giovani generazioni del Regno vetto di vo lo e un background musicale che affonda nel progressi-
UnIto dI leI, capace di dividere in maniera netta e priva di sfumatu- ve di Jethro Tull, Van Der Graaf Generator, Emerson lake & Palmer
re l'elettorato ingl ese: o la si ama o la si odia. Il metal non nasce e Arthur Bown. In parole povere, tutto il contra rio di Di'Anno, ma
con precise connotazioni ideologiche, ma l'autoritarismo e il all' inizio se ne accorgono in pochi. Quando Dickinson esordisce dal
morallsmo della Thatcher gli va lgono gli in sulti anche della scena vivo, in Italia il 15 ottobre '98" sono in molti a scambiarlo per Paul
heavy inglese. In seguito, gli stessi lron Maiden diranno che la loro Di'Anno; la notizia non era ancora stata data ufficialmente e la foga
era una specie di parodia senza particolari significati, ma è interes- che il nuovo cantante mette nell'esibizione live è pari a quella del
sante considerare l'humus cultura le in cui nascono le espressio ni suo predecessore. l'arrivo di Dickinson, com unque, porta una
s~no re e Iconog rafiche del periodo, anche a livell o parodistico. lenta rivoluzione nel gruppo che abbra ccia uno sti le compositivo
L Eddle che compie il suo delittuoso rituale (nella copertina del sempre più ri cercato e pieno di riferimenti letterari. la «cerebrali z-
singolo Sanctuary, la Thatcher v iene addirittura decapitata e le zazione» degli lron Maiden comincia proprio in questo periodo e
parole. della canzone lron Maiden vengono spesso legge rm ente molti fan accuseranno il gruppo di aver perso lo spirito ribelle e
modIfIcate dal vivo per riferire le minacce più spontanee a anticonformi sta originario per rifugiarsi in uno steri le manierismo
«Maggle») è v ivo e vita le, sprezza nte e pieno di una rabbia al di metallaro. Tesi giusta, ma che spesso dimentica che la maggior
fuo" dI ogni misura che, però, non si traduce in una visione ideo- parte dei «man ierismi» e il «cliché» dell'heavy metalli hanno inven-
log Izzata del mondo (come avviene, invece, per il punk e per tati proprio gli Iron Maiden .
. moltI esponentI della new wave), ma nel nascente culto del supe. Nel '982, però, la foga iconoclasta del gruppo è ancora ben
romlsmo a tinte sataniche che il metal abbraccia senza remore. presente e il nuovo cantante esordisce discograficamente con quel-
. la band diventa un oggetto di culto fanatico in tutta Europa e si lo che è unanimemente considerato il capolavoro dei Maiden. Nel
Imbarca In un massacra nte tour mondiale di oltre cento date ma 1981 era stato pubblicato un mini-album dal vivo, Maiden japan,
Paul Di'Anno esagera con l'alco l e si rende spesso incapace di can- con Paul Di'Anno, ma l'atte nzione dei fan è tutta sul nuovo disco in
tare dal vivo. Nonostante le remore della Emi, Steve Harris è deciso studio. The Number or The Beast arriva subito al primo posto delle

20 21
IRON MAIDEN LA STORIA

classifiche inglesi e, dopo breve tempo, vende discretamente anche contrasti con Steve Harri s, sempre più padre-padrone del gruppo .
negli Stati Uniti, nonostante non sia regolarm ente distribuito su Il sostituto è Nicko McBrain (vero nome Michael Henry McBrain,
tutto il territorio. La rabbia metallica dei primi due album ora è fil- nato a Hackney, 5 giugno '952), batterista figlio d'arte, appassiona-
trata attraverso un approccio più macabro e maniacale, pregno di to di jazz, blues e progressive che, prima di agg regarsi ai Maiden,
suggestioni sataniche e fantapolitiche. Con questo disco, gli lron ha girovagato in una dozzina di band differenti (tra cu i gli
Maiden crean o un museo degli orrori mu sica li che va dall'iniziale Streetwalkers di Roger Chapman) fino ad incrociare gli Irons duran-
Invaders sino alla conclusiva Hal/owed Be Thy Name senza soluzione te un concerto in cui suonava nei francesi Trust, autori del brano
di contin uità nel rituale dell'orrido e dello spaventoso. Antisociol che sa rà uno dei maggiori successi nel metal europeo dei
La title-track ripete in maniera ossessionante il ritornello «666 il primi anni Ottanta. Già nel 1979 ha avuto occasione di conoscere
Numero della Bestia», ma la Bestia non è il Diavolo bensì lo stes~o Steve Harri s durante un festival in Belgio, quando militava nei
Eddie che, nella copertina del disco, regge addirittura i fili di un McKitty e McBrain è la prima e unica persona a cui pensa il bassista
Satana-burattino ai suoi comandi. Satana, a sua volta, regge quelli per il ruol o vacante di batterista nei Maiden . McBrain accetta entu-
di un raga zzo senza espressione che viene manovrato poco al di siasta, già stanco dell'esperienza nei Trust, ma alla prima prova si
sopra di un Inferno rovente, in cui i corpi e le anime bruciano senza presenta completamente ubriaco, al punto che gli altri membri del
tregua. Eddie stesso tiene nella mano sinistra una fiamma come un gruppo (con l'eccezione di Harri s) votano per trovarne un altro.
moderno Prometeo e la stessa cosa fa Bruce Dickinson nel retroco- Harri s, a cui spetta sempre l'ultima parola, insiste per avere lui e
pertina, reggendo in mano una torcia nell'atto di alimentare il tanta ostinazione viene ricompensata . Più quadrato e meno esplo-
fuoco della dannazione. La saldatura tra la cultura metal degli esor- sivo di Burr, McBrain ha sviluppato nei Maiden uno stile batteristico
di e quella gotico-satanista è oramai avvenuta ai massimi livelli (è potentissimo e originale che gli ha fatto guadagnare la palma di
arriva ta, cioè, ai primi posti delle classifiche) e tutto il meta l ne por- uno dei migliori drummer rock di tutti i tempi.
terà in futuro le stimmate. L'Eddie di The Number Of The Beast fa Il suo ingresso nel gruppo è la chiave della scelta sti listica di
apparire improvvisamente ridicoli e sorpassati tutti i discorsi sui Pie ce Of Mind (1983, titolo inizialmente prescelto: Food Far
messaggi satanici subliminali che sa rebbero stati registrati al con- Thought) , disco articolato e complesso, privo dell'immediatezza cri-
trario negli album dei Led Zeppelin e dei Beatles. Qui, Satana si fa minale dei primi album ma ricco di arrangiamenti sofi sticati e
leggere nel verso giusto, a caratteri cubitali e in maniera inequivo- «colto» nelle liriche e nelle atmosfere. I brani sono costruiti con
cabile e fiera. Eddie impera. maggiore enfasi e iniziano a fioccare le citazioni letterarie e cinema-
Gli lron Maiden sono oramai un gruppo di prima grandezza e tografiche come To Tame A Land (ispirato al romanzo Dune di Frank
quasi tutti i grandi festival metal in Europa li vedono protagonisti. Herbert) e Quest Far Fire, ispirata all'omonimo film . Negli Stati Uniti
Un altro tour di 180 date in giro per il mondo porta Clive Burr all'e- la band viene accusata di satan ismo, ma questo gli consente lo
sa urimento nervoso e, nonostante sia risultato «miglior batterista stesso di arrivare al loro primo disco di platino (oltre un milione di
hard rock» nell'annuale referendum dei lettori della rivi sta inglese copie vendute) di imbarcarsi in un lungo tour americano che vede i
Kerrang!, decide di abbandonare la band, anche per sopraggiunti loro concerti sold-out dappertutto. Eddie si afferma sempre più

22 23
IRON MAIDEN LA STORIA

come l'icona principe dell'heavy metal mondiale. Nella storia crea- ventina di Paesi nel mondo. L'ambientazione e l'iconografia del
tagli dai Maiden, ha avuto quello che si meritava . La reazione del di sco sono sorprendenti. Negli anni Ottanta, infatti, tornano di
sistema è stata vio lenta e ora si agita nella copertina di Piece or gran moda i dibattiti sull'Antico Egitto e la sua storia che sarebbe
Mind incatenato, all'interno di una cella imbottita e legato da una stata, più o meno, falsificata o mal interpretata dalla cosiddetta
camicia di forza. Il potere ha mostrato la sua faccia più bestiale e i ortodossia scientifica per occultare le prove di civiltà pregresse più
suoi metodi più crudeli per portare alla ragione la variabi le impazzi- sviluppate tecnologicamente esistenti in Medio Oriente in tempi
ta della cultura giovanile. Il personaggio Eddie cresce e si riversa remoti. La band, con il contributo determinante di Dickin so n,
completamente in una dimensione orrorifica in cui apprende la inventa un heavy metal dalle forti influenze letterarie e ricco di cita-
violenza del mondo a sue spese. zioni colte, il tutto sviluppato sulla base di un sound feroce e sfavil-
È interessante notare come in Piece or Mind, Eddie compare lante. Brani come lo sco nqua ssa nte riff metal di 2 Minutes To
rapato a zero. La rasatura è un atavico gesto di stupro simbolico, di Midnight, la sibilante Flash or The Biade e le opere macabre di
umiliazione e di ratificazione dell'obbedienza a cui si è costretti Powerslave e Rime or The Ancient Mariner assurgono subito allo sta-
quando ci si sottomette all'autorità, come avviene in collegio o nel- tus di classici immortali del metal in virtù di una qualità compositi-
l'esercito. Eddie è prigioniero e viene liberato solo per andare a va sconosciuta alla strag rande maggioranza dei gruppi del perio-
combattere al fronte, nella copertina di The Trooper, ora bravo sol- do. Il modo di cantare di Bruce Dickin son, alto e aggressivo, diven-
dato hooligan impegnato ad apprendere la nobile arte del massa- ta uno standard per i cantanti metal e gli incroci chitarristici tra
cro. Una lezione che impara alla svelta. Murray e Smith mettono in mostra una perizia tecnica e un ' intesa
La band si lancia in un tour americano che molti sconsigliano, invidiabili . Murray suona come un Ritchie Blackmore appena più
tem endo che gli Irons non abbiano ancora abbastanza seguito distorto, ben coadiuvato da Smith in cui si rifl ettono umori più hard
oltreoceano, ma i concerti si rivelano lo stesso un trionfo. Gli lron blues e psichedelici in stile Blue byster Cult. Il basso di Harris è un
Maiden non sono solo una metal band, ma un emblema del movi- martello da guerra, vero motore termonucleare della band, capace
mento stesso, un simbolo culturale e ideologico che è circondato di dettare le cadenze e i ritmi del sabba indiavolato, insieme al
da un pubblico fanatico e devoto. Pur non raggiungendo i risultati drumming furente (ma estremamente dosato, a differenza dell'in-
di vendita di altri gruppi hard rock e heavy metal del periodo come controllabile Clive Burr) di Nicko McBrain.
i Def Leppard o i Quiet Riot, il successo dei Maiden si dimostra più Il tour che segue è il più lungo e sontuoso che mai sia stato
solido e duraturo perché basato su ll'adorazione dei fan per il con- messo in piedi da una rock band. Il World Siavery Tour vede la
cetto da essi rappresentato e, in assenza di costose campagne pro- band impegnata in oltre trecento concerti in poco più di un anno .
mozionali, sul semplice passaparola tra seguaci. La scenografia è faraonica (è il caso di dirlo) e prevede la presenza
La frenesia della band porta g li Iron Maiden a programmare per sul palco di una gigantesca piramide e diversi templi egizi di carta-
l'estate del 1984 l'uscita del nuovo album che viene accolto dal pesta . È un tipo di spettacolo che, tra l'altro, genera una polemica
pubblico con un successo a dir poco strepitoso . Powerslave entra notevole con Ronnie lames Dio, il quale, nello stesso periodo, pub-
subito al numero l della classifica inglese e nella Top lO di un'altra blica l'album Las t In Une che riflette la medesima vena ispi rativa e la

24 25
IRON MAIDEN LA STORIA

stessa ambientazione antico-egizia. Anche Dio porta in giro uno sapere e colui che, dopo la morte, pesa le colpe e i meriti dei
show con la stessa scenografia e i due tipi di palco sono pressoché defunti per deciderne il destino. Eddie attende e riposa nel suo scri-
identici, al punto che sembrano disegnati dalla stessa persona. gno di orrori visti e vissuti.
Fioccano, naturalmente, da una parte e dall'altra, le accuse di pla- L'apice della band è l'esibizione al gigantesco festival Rock In Rio
gio, ma non si riuscirà mai a stabilire quale delle due band sia real- nel gennaio del 1985. Davanti a 250mila spettatori, vengono uffi-
mente arrivata prima dell'altra. Probabilmente, entrambe hanno cialmente incoronati re del metallo con un'esibizione ad altissimo
subito le stesse influenze dell'ambiente culturale del tempo, parti- voltaggio. Il tour finisce solo nel settembre dello stesso anno e vede
colarmente favorevole alle suggestioni archeologiche scatenate dal la band esausta e sull'orlo dello sfinimento ma il vuoto viene subito
successo dei film di Indiana Jones. Non si tratta di suggestioni di riempito con un album live che fa epoca. Uve After Death è un capi-
serie B, perché spesso il cinema e la cultura «popolare» hanno il tolo importantissimo della carriera dei Maiden. Primo live metal
merito di riportare all'attenzione generale argomenti e questioni degli anni Ottanta, è anche l'archetipo dei dischi rock dal vivo per
che si vuole dimenticare. L'heavy metal ha sempre avuto il grande gli anni a venire. Nelle intenzioni di Martin Birch, Uve After Death
merito di aver interpretato alla perfezione i caratteri più grotteschi e deve essere il Made In Japan della decade e, col senno di poi, si
meno accettabili della cultura popolare e gli lrons, da perfetti inter- può tranquillamente giudicare che l'obiettivo è stato raggiunto. È
preti dell'immaginario dei loro fan, si identificano in un mondo impressionante come i fan del gruppo assimilino a memoria ogni
occulto-fantascientifico che riporta nella civiltà occidentale, a livelli passaggio del disco e ne conoscano ogni minuto suonato e inter-
molto più ampi e con diverse motivazioni che travalicano il discorso pretato. Oggetto di culto per eccellenza nel mondo dei collezionisti
musicale, punte di irrazionalismo esoterico che non si registravano metal, questo disco mostra una iconografia e una simbologia asso-
dagli anni Venti. lutamente perfetta e riassuntiva di tutti i primi cinque, straordinari
la nuova evoluzione di Eddie è sorprendente e apparentemente anni del gruppo.
non contigua alle precedenti. In realtà, l'Eddie proiettato nell'An- Per Eddie, il giudizio è stato emesso e ne viene decretata la
tico Egitto ed eretto a monumento nella copertina di Powerslave è resurrezione dall'oblio della sepoltura. Emerge in maniera violenta
la logica conseguenza delle sue vicissitudini antecedenti. Eddie è dalla sua tomba e scatena tutta la sua rabbia nel mezzo di un deva-
chiaramente morto e viene venerato in un gigantesco edificio stante tempesta che abbatte i palazzi e squarcia i cieli. la copertina
sepolcrale da cui il suo volto scruta il piccolo mondo di devoti che di Uve After Death è un trionfo di citazioni (a cominciare dal titolo),
ne portano a spalla il feretro. Le guerre di The Trooper, Aces High e 2 la cui più importante è sicuramente quella che fa bella mostra di sé
Minutes To Midnight (tutte immagini in cui Eddie viene raffigurato sulla lapide della tomba. È una frase di Howard P. Lovecraft, tratta
nel ruolo di soldato) hanno avuto il loro tragico epilogo e Eddie ha dal suo romanzo /I richiamo di Cthulhu: «Non è morto ciò che può
pagato carissimo il suo tentativo di ribellione. La cosa più interes- eternamente attendere, e con il passare di strani eoni, anche la
sante, nonché la chiave di comprensione dell'iconografia di morte può morire».
Powerslave, è il retrocopertina. AI capezzale del sarcofago dove la citazione non è casuale. lovecraft aveva come leit motiv della
giace il cadavere mummificato di Eddie, c'è Thoth, il dio egizio del sua produzione letteraria, la convinzione che una razza di esseri

26 27
IRON MAIDEN LA STORIA

cosmici dai poteri e dalle conoscenze tecnologiche straordinarie sound della band di tastiere e chitarre sintetizzate (in misura molto
abbia abitato la terra prima dell'umanità e che, in seguito ad avve- inferiore a quanto annunciato, comunque) che fanno storce~e il
nimenti catastrofici, si sia ecli ssata in qualche posto inaccessibile naso a molti fan della prima ora . Contemporaneamente, pero, Il
del mondo (probabi lmente sotto i ghiacciai dell'Antartide) in stato tour che ne segue è ancora più gigantesco e spettacolare di quello
di ibernazione e in attesa di condizioni più favorevoli per ritornare relativo a Powerslave . La scenografia è assolutamente imponente,
alla vita e riprendere possesso del mondo. In questa teoria, conflui- raffigurante una città del futuro dichiaratamente ispirata alla Los
sce spesso il mito di Atlantide che ha una diretta connessione con Angeles del 2019 descritta nel film Biade Runner. Sono propriO le
l'Antico Egitto di Powerslave, in cui la piramide posta dietro il trono note di Biade Runner Theme (di Vangelis) a introdurre gli spettacoli
di Eddie-faraone è un immenso generatore di energia e le costru- del gruppo, che non manca di raccogli ere la solita messe di succes-
zioni ciclopiche appaiono di fabbricazione non umana. La Morte si. Nel '9 87, gli lron Maiden vengono certificati dalla riVista ameri-
oscura con il suo profilo la città sconvolta dalla tempesta, ma è una cana Circus come «la band con più fan club al mondo» (questo In
Morte che ridà la vita a Eddie con un fulmine, consentendogli di un'epoca in cui Intern et alla portata di tutti era solo un' utopia e l'u-
spezzare le catene e ritornare alla luce assetato di vendetta . Tra le tili zzo dei personal computer un lusso per pochi) e Somewhere In
tombe si intravedono quella di Fau st e di Derek Riggs, che firma in Time diventa il loro primo album a ricevere un doppio disco di pla-
questo modo la sua co pertina capolavoro. La simbologia è rappre- tino negli Stati Uniti (oltre due milioni di copie vendute) con rag-
sentativa del definitivo passaggio del gruppo a un'altra dimensione guardevoli risultati raggiunti anche dai si ngoli Wasted Years e
co ncettuale: è una «resurrezione» e l'affrancarsi definitivo dalle Stranger In A Strange Land. . .
ristrette maglie della realtà - per quanto macabra e funesta - per In genere, molti tendono a considerare che la co pertina di
avventurarsi nei lidi del fanta stico e del futuribile letterario. Somewhere In Time proietti Eddie nel futuro per un parallelismo
La pubblicazione del disco dal vivo Uve After Death e il suo suc- co n qu ella di Powerslave che l'aveva proiettato nel passato .. In
cesso mondiale servono a dare un po' di riposo ai componenti rea ltà, è più pertin ente l'interpretazione dell'evoluz:one logica
della band, ma molti contrasti emergono proprio in questo perio- della concettualità maideniana. Eddle non SI trova ali ImprovvIso
do, figli anche dello stress e della stanchezza. Dickinson dichiara di in una città del futuro. C'era già al momento della sua emersione
voler fare qualcosa di diverso e di voler cambiare formula sonora e dalle tenebre della morte di Uve After Death. La città è la stessa e lo
anche Smith pensa a dedicarsi ad alcuni progetti solisti. si intuisce notando la presenza delle due piramidi tra i palazzi
Alcuni anni dopo, Steve Harris dichiarerà che «Bruce non era in (presenti anche nel retrocopertina di Uve After Death). Eddie, quin-
sé, in quel periodo. Stava addirittura pensando di dare agli Iran di, dopo la morte e il giudizio di Thoth, è ri sorto direttamente nel
Maiden una svolta acustica». In realtà, Dickinson non gradisce 1'01- futuro con un nuovO corpo che ora sembra scolpito come quello
tranzismo sonoro della band che lui giudica come ottusità mentale di un; vera macchina da guerra. La copertina è un trionfo di cita-
e chiusura fanati ca nel ghetto dell'heavy metal. Il nuovo album, zioni riguardanti tutta la carriera del gruppo e molti fan si sono
nasce così da un compromesso tra le due anime più importanti sbizza rriti a ril eva rle tutte, dall'orologio che segna le 23 :5 8 (due
della band . Somewhere In Time (1986) vede l'introduzione nel minuti a mezza notte) al bar Aces High, sino al tabellone luminoso

28 29
IRON MAIDEN
LA STORIA

che indica il ri sultato di una partita di calcio in cui il West Ham di epic metal evoluto e celebrale come la title-track e la sontuosa Th e
Steve Harris batte il più quotato Arsenal per 7-3. Dal punto di vista C1airvoyant, anche se spesso si intravedono vaste sacche di manie-
simbologico, però, la cosa più interessante da notare è che Eddie rismo e di auto-celebrazione come nella veloce Moonchild e nella
ha appena compiu to un ennesimo delitto, sparando contro quello scontata Only The Good Vie Young .
che sembra un suo sim ile (è visibile solo una mano agonizzante). Sulla copertina di Seventh Son Of A Seventh Son Eddie appare
Alle sue spalle, è seguito da una specie di apparecchio volante che sca rnificato e fatto a pezzi, installato al centro d i un mondo conge-
sembra controllarne o, addirittu ra, suggerirne le mosse (citazione lato dove non esiste il concetto di sopra e sotto e dove gli iceberg
questa, delle macchine assassine descritte da Philip K. Dick in La assumono le sembianze di tanti Eddie deformi. Quello che resta del
penultima verità). Ciò induce a due considerazioni: la prima è che corpo è retto da parti mecca niche e questo fa pensa re a un tremen-
in questo nuovo mondo futuro, Eddie non è più unico e fors e è do castigo inflittog li dopo aver fornito i suoi servigi omicid i. Con
stato clonato. La seconda e che, se i nuovi Eddie sono pericolosa- una mano estrae dal proprio corpo la gabbia cardi aca e la es pone a
mente ribelli come quello originale, l'unico motivo per cui ,<lui» è tutti. AI centro della cassa toracica c'è una mela, simbolo del pecca-
stato richiamato in vita è per affidarg li il più sporco dei compiti: il to origina le e di un Eddie che riflette su l proprio destino e su lle
killer a pagamento. miserie dell'esistenza, metafora d i un metal che va verso una sem-
Nonostante il grande successo del disco, appare sempre più pre maggiore complessità dell'ispirazione e un accentuato baroc-
evidente che i rapporti tra Harris e Dickinson vanno verso un pro- chismo dei simboli. Privo dell'abbondanza di citazioni del disco
gressivo deterioramento e, alla fine del Somewhere On Tour, nulla precedente, Seventh Son Of A Seventh Son è sobrio quanto inquie-
viene messo in programma per il futuro. I componenti della band tante nella copertina e decreta una nuova morte di Eddie co n con-
com inciano a lavorare sulle nuove ca nzoni ognuno per conto suo seg uente discesa ag li inferi.
e in una località diversa, ma Dickinson fa sapere di essere intenzio- Il disco viene accolto come l'ennesima riprova di una maturazio-
nato a fare qualcosa di speciale, anche se nessuno ha capito cosa. ne intellettuale del meta l che molti fan auspicano per dimostrare la
Gli è chiaro nel '988, quando, casua lmente ascolta in auto una superiorità della musica da loro amata, anche sotto il profilo con-
cassetta che g li ha registrato un suo amico. È il co ncept album cettua le, ri spetto al rock e al pop «mainstream » (odiatissimi dai
Operation: Mindcrime dei Queensryche, pubblicato da pochissimo. meta Ilari). Il problema è che, forse, in questa fa se, gli Iron Maiden
La storia fantascientifica narrata nel disco fa ven ire al cantante l' i- sono anche troppo concettuali e rischiano di perdere per strada il
dea di un concept album a firma Iron Maiden e come tale la impo- feeling epidermico che li ha generati e che ha dato loro il successo.
ne agli altri. Nasce così Seventh Son Of A Seventh Son, l'opera più A dimostrazione della dista nza che orama i sepa ra il g rupp o
ambiziosa del gruppo. La storia, intrica ta e leggermente incoeren- inglese dalla proprie radici più rozze e stradaiole, arrivano una serie
te, narra di un raga zzo con poteri profetici, ma il tutto appare di episodi che vedono la band litigare furiosam ente con i membri
abbastanza artefatto, dato anche che si tratta di un concept inseri- dei Guns n' Roses . Su lle prime, Dickin son e soci accusano la band
to, per buona parte del disco, «a posteriori» rispetto alla fa se com- di Axl Rose di prendersi gioco dei fan, simulando una tossicodipen-
positiva. I brani so no spesso magniloquenti e ridondanti di un denza e un alcolismo posticci (Dickinson dichiara: «Slash aveva del

30 31
IRON MAIDEN
LA STORIA

tè freddo nella bottiglia di Jack Daniels che ogni sera tracannava su l to gli ultimi dieci anni girovagando tra una band e l'altra, tra cu i
palco»), ma si arriva ai ferri corti nell'agosto del ' 988, in seguito a White Spiri t, lan Gi llan Band e Gog magog prima di collaborare con
una tragedia capitata al Monsters Of Rock di Donington. In quel il cantante per Tattoed M illionaire.
giorno, sullo stesso palco sono previste, oltre a quella degli headli- L'ingresso di Gers in formazione non ne modifica molto le coor-
ner lron Maiden, le esibizioni di Kiss, David Lee Roth, Megadeth, dinate sonore, ma gli Iron sentono il bisogno di ritorn are ad una
Helloween e, per l'appu nto dei Guns n' Roses. La band americana dimensione più «umana» e abbando nare momentaneamente la
è sulla cresta dell'onda spinta da l successo del suo debutto Appetite grandeur scenog rafica degli ultimi anni. No Proyer For The Dying
For Destruction e Axl Rose rappresenta il nuovo messia selvaggio (1990) nasce proprio da questa esigenza e si propo ne di essere un
che inca rna lo spiri to più amora le e ribelle del rock. La polizia ha ritorn o ad un approccio più g rezzo e diretto. Le canzoni del disco
autorizzato la vendita di non più di 90mila biglietti per l'evento ma, appaiono però stanche e prive di reale ispirazione. Nessuna viene
in realtà, fino al giorn o prima ne sono stati staccati più di '30m ila e ricordata come un classico e soltanto Bring Your Daughter... To The
la vendita continua ai cancelli anche il giorno dello spettaco lo. S/aughter (scritta in precedenza da Dickinson per la colonna sonora
Quando i Guns sa lgono sul palco, si scatena una bolgia infernale del film Nightmare V) resta a lun go nella sca letta dei co ncerti.
che Axl Rose sobilla compiaciu to. Nella calca, due raga zzi muoiono Tailgunner e Ho/y Smoke vengono semplicemente snobbate dai fan
schiacciati e decine di persone restano ferite. Lo scandalo in Gran e anche i concerti del tour, in compag nia del th rasher americani
Bretag na è enorme; il metal viene accusato in toto di essere una Anthrax, in versione sobria e priva di grandi costruzioni scenografi-
musica per adunate sediziose e orge sataniche di violenza e bruta- che, lasciano al pubblico l'amaro in bocca, come il senso di uno
lità. I Maiden, dimenticandosi completamente dei propri esordi e di show a metà, essendo stati abituati per ann i all'esagerazione ad
quando erano protagonisti di episodi simili (nella dimensione più ogni costo.
piccola ma non meno violenta dei pub di Londra), si uniscono al In No Proyer For The Dying c'è una nuova resurrezione di Eddie.
coro di quelli che censurano il comportamento della band america- Come nella copertina di Uve After Death, emerge fu rente da una
na, lasciando trasparire anche una inedita vena di moralismo. bara ma stavolta afferra alla gola uno sprovveduto guardiano del
Il tour di Seventh Son or A Seventh Son, ca ratterizzato dalle sce- cimitero (ancora un a vo lta, citazioni lovecraftiane mescolate al
nografia più gigantesche che il g ruppo si sia mai portato dietro, George Romero de La notte dei morti viventi). La resurrezione di
finisce per corrodere i già fragili rapporti tra i membri del gruppo. Eddie è molto particolare: uno strano ritorno al passato in cui ritor-
Adrian Smith lascia a sorpresa la band e si imbarca in un suo pro- na a vestire i panni del teppista di strada con chiodo e jea ns. Anche
getto so li sta e se mbra che anche Dickinson sia in procinto di dal vivo si presenta sul palco in questo modo Alla mano destra,
seg uirl o. Nella primavera del '990, infatti, il cantante pubblica il però, ha deg li artig li che ri cordano quelli del Freddy Krueger di
suo primo album solista, Tattoed Millionaire, che sembra l'annuncio Nightmare e con tali arti gli massacra un ragazzo che sembra un fan
dell'addio alla band. Non se ne va solo perché il rimpia zzo d i Sm ith dei Maiden. Laddove la violenza dei primi album si riverberava con-
è Janick Gers (Hartl epool, 27 gennaio 1957), chita rrista innamorato tro il sistema, rappresentato dalla Thatcher, ora la furia omicida di
dei Rush e dei Led Zeppelin e vecchio amico di Bruce che ha passa- Eddie è indirizzata allo stesso mondo metal che, nel 1990 è lacerato

32
33
IRON MAIDEN LA STORIA

da insanabili divisioni e faziosità. Tra «g lamsters», «thrashers» e title-track , incredibile conce ntrato di drammaticità gotica e di
«defenders of the faith», il movimento rischia di disgregarsi vittima straordinaria potenza emotiva. Nel momento stesso in cui il metal
del suo stesso successo (come in parte avverrà negli anni immedia- degli anni Ottanta è costretto a mutare pelle, dà alla luce uno dei
tamente successivi) e l'Eddie di No Proyer Far The Dying rappresenta suoi massimi capo lavori, partorito dalla band che meglio lo ha
questa inquietudine. È per tale motivo che si ripropone nella ver- rappresentato. Il forsennato speed iniziale di Be Quick Or Be Dead
sione «originale», la più antica, la più volutamente genuina. La restituisce ai fan i Maiden nella lo ro forma più rabbiosa e questo
dimensione «umana» di Eddie, comunque, volge definitivamente al basta a riparare le piccole crepe manifestatesi nel mito con l'album
termine e questo è l'ultimo capitolo in cui è ancora possibile ritro- precedente.
vario tra le strade di una ci ttà sempre buia e sempre in tempesta. In Fear Of The Dark, Eddie si tramuta in una specie di spirito
Nella copertin a, tra l'altro, è ben visibile un epitaffio sibillino firma- della Natura. Le vicissitudini e la carriera degli Iron Maiden l'hanno
to da Derek Riggs che ne indica, in maniera misteriosa anche la trasfigurato, portandolo a una conoscenza superiore che è possibi-
data della sua morte (il 1998): «Dopo il tramonto I La notte del le acquisire solo se si supera la dimensione dell'umano e si entra in
dolore I Ciò che non è morto I Può risorgere ancora». quella del divirio. Per fare ciò, bisogna rinun ciare ad ogni barlume
Nel 1991 Nevermind dei Nirvana vende milioni di copie e sem- di carnalità. Eddie condivide le sue membra con il tronco di un
bra decretare la morte di un certo tipo di heavy metal violento ed albero privo di foglie e da esso ne esce minaccioso. L'albero, nella
esibizionista in favore di un rock più sobrio e intimista (spesso cu ltura pagana (soprattutto nordica), è il simbolo della creazione e
sconfinante nella depressione vera e propria). Gli lron Maiden, del destino (il frassino Yggdrasill delle tradizioni scandinave riporta-
nelle parole dei critici musicali non specia lizzati, rischiano di fa re la te nell'Edda 5turluson) e, dal vivo, Eddie emerge alle spa lle del
stessa fine dei dinosauri degli anni Setta nta che essi stessi avevano g ruppo proprio come un'antichissima figura cerimoniale scavata
seppellito negli anni Ottanta. Il futuro della band non sembra nel tronco e unita ad esso. Il cammino verso la divinità inizia pro-
roseo anche in considerazione del fatto che Dickinson an nun cia prio dalla madre terra. Eddie è ora creatura e non più mostro
un giorno si e l'altro no di pensare sempre più spesso a lasciare la umano. Nei manifesti del Monsters Of Rock viene raffigurato come
band. Proprio negli stessi giorni, però, arriva l'ingaggio della for- un gigantesco pipistrello (l'ani male simbolo della notte) ed è da
mazione per il Monsters Of Rock Tour dell'anno success ivo e il notare che le foto interne del booklet di Fear Of The Dark ritraggono
cantall.te ci ripensa. C'è, comunque bisogno di un nuovo album e i membri del gruppo tra le rovine di un'antica abbazia medievale;
la band dà alle stampe nel 1992 Fear Of The Dark che, contra ria- com'è noto, in Gran Bretagna le catted rali e le abbazie medievali
mente alle previsioni della critica (tutta concentrata sull'esplosione sorgono spesso su i siti di antichi templi pagani e druidici e l'am-
commerciale dei Nirvana e del grunge) diventa, clamorosamente, bientazione del disco può essere interpretata come un salto nel
il disco più venduto di tutta la carriera degli Iron Maiden. È difficile buio della conoscenza, alla ri cerca di un mondo spirituale dimenti-
spiegare il perché di questo successo . L'album è abbasta nza ano- cato e che costituisce la base nel nuovo corso della band.
nimo nel complesso, ma dai suoi solchi emergono alcuni brani Il tour del 1992 (principalmente incentrato sui grandi festival) è
che sono autentiche pietre miliari dell'heavy metal. Su tutti, la quanto di meglio la band abbia fatto dal 1985 in poi. La data di

34 35
IRON MAI DE N LA STORIA

Donington viene immortalata nel monumentale video (e album riposo assoluto, con conseguente slittamento della pubblicazione
dal vivo) Uve At Donington, ma neanche questo basta a far desiste- del nuovo album all'anno seguente. La voce bassa e sporca di
re l'amletico Bruce Dickinson dai suoi propositi solisti. Deciso a Blaze suggerisce a molti fan un ritorno alle sonorità taglienti e
tentare nuove strade e insoddisfatto dal conservatorismo a oltran- rozze dei primi album; ma la band ha un suo preciso cammino
za dei Maiden, Dickinson dà un taglio ed esce ufficialmente dal evolutivo e non si adegua minimamente alla vocalità del cantante.
gruppo, non prima di una tour d'addio nel '993 che viene critica- The X Factor ('995) suona chiaramente come un album scritto e
to per la poca convinzione del cantante, ma da cui vengono concepito per Bruce Dickinson e Blaze si ritrova in grande diffi-
comunque tratti due album live singoli, A Real Uve One e AReai coltà a cantare pezzi non adatti alle sue limitate possibilità canore.
Dead One ('993) che non reggono il confronto con i dischi dal La produzione di Harris non è brillante come quella di Birch e i
vivo precedenti. suoni sono cupi e privi di mordente. Nella sciattezza generale, si
Steve Harris, owiamente, non ci pensa nemmeno a mettere la salvano solo la nevrotica Man On The Edge e la catacombale Sign
sua creatura a riposo e inizia subito a cercare un nuovo cantante. I Of The Cross che, però, fa rimpiangere a tutti l'interpretazione che
candidati più autorevoli alla sostituzione di Dickinson sono il tede- Dickinson avrebbe saputo dare a un simile brano. Sebbene la qua-
sco Michael Kiske (ex ugola prodigio degli Helloween) e l'america- lità musicale dell'album non sia ai massimi livelli, prosegue la
no Joey Belladonna degli Anthrax, ma entrambi vengono esclusi ricerca filosofica e concettuale del gruppo che si esprime attraver-
perché Harris vuole assolutamente un cantante di origine inglese. so una nuova mutazione di Eddie (che da qualche tempo non è
Questo pregiudizio nazionalista fa sì che la rosa dei papabili si ridu- più disegnato da Derek Riggs).
ca a soli due candidati: Steve Grimmet e Blaze Bailey. Steve In The X Factor Eddie viene smembrato e vivisezionato da una
Grimmet è l'ex vocalist di una formazione di Birmingham di discre- moderna macchina di tortura (una Vergine di Ferro tecnologica?).
to successo, nata anch'essa ai tempi della NWOBHM, i Grim Ridisceso a un primordiale stato scimmiesco, perde ogni attributo
Reaper. Dopo aver militato brevemente negli Onslaught, ha fonda- carnale e inizia la sua ascesa verso il divino con la distruzione del
to i Lionsheart, prodotti peraltro dallo stesso Steve Harris. Grimmet corpo. Le macchine, a ben vedere, sono due e sono entrambe un
è dotato di una voce potente e di un timbro alto e molti lo indicano compendio di orrori moderni e futuribili. Sul retro, Eddie è legato.
come il miglior sostituto possibile di Dickinson, dal punto di vista saldamente a una sorta di sedia elettrica che ne uccide la residua
strettamente vocale, ma il suo look «sovrappeso» e la sua staticità fisicità e lo trancia a metà. Il tronco di corpo viene poi straziato
sul palco fanno subito cambiare idea al bassista e leader. Resta dalla macchina posta in copertina, dotata di un artiglio che ne sol-
Blaze Bailey (Birmingham, 29 maggio 1963), cantante dei mediocri leva la scatola cranica ed altre protuberanze acuminate che sembra
hard rocker Wolfsbane che, nei loro momenti migliori, sembrano ne prelevino brandelli e campioni. Il senso è quello di un futuro
un'imitazione dei peggiori lron Maiden. Nonostante le perplessità dove tutto l'orrore del passato viene riproposto in maniera amplifi-
di molti, Bailey viene assunto in formazione. cata e tremenda dall'evoluzione tecnica. Le riflessioni del gruppo si
L'esordio non è dei migliori. Nel febbraio del '994, Blaze ha un fanno più ampie, più drammatiche e ora sono senza risposta. Per
grave incidente di moto che lo costringe per diversi mesi ad un questo Eddie lascia definitivamente la sua «gabbia» umana e si

36 37
IRON MAIDEN LA STORIA

invola verso un livello ignoto ed esoterico . Nel tour seguente, ma non semb rano all'altezza del passato della band, anche se
Blaze, soprattutto a causa dei postumi dell'incidente, mostra una Harri s e soci si sforza no di mantenerli nella scaletta dei loro show
notevole staticità sul palco e viene aspramente criticato da molti per dare attualità alla propria proposta.
fan. l e critiche, però, non sembrano scalfire a livello quantitativo il Da Virtual XI in poi Eddie non è un più un corpo ma uno spirito,
successo del gruppo che rimane un 'istituzione della musica rock una presenza che aleggia sull'umanità e sui singoli individui come
anche dopo prove discografiche poco convincenti come, per l'ap- portatore d'incubi e lugubri presagi. Sulla copertina c'è un ragazzi-
punto, The X Factor, tornando ad essere headliner del prestigioso no co mpletamente immerso in quello che sembra un videogame
Monsters Of Rock in Sud America. A metà deg li anni Novanta, sem- di realtà virtuale, mentre sullo sfondo si vedono dei giocatori impe-
bra che la principale attività del gruppo sia quella di pubblicare gnati in una partita di calcio. Su questa scena di «normalità» aleg-
antologie, raccolte, edizioni rima sterizzate dei vecchi album e tutto gia la figura spaventosa di Eddie che protende una mano per affer-
quanto fa memorabilia, tipica mossa, questa, dei gruppi agli sgoc- rare il ragazzino. Eddie è chiaramente in un'altra dimensione -
cioli della carriera. distorta e parall ela - rispetto a quella della sua vittima e dietro di lui
Non è così, comunque, per i Maiden. Un nuovo album viene c'è una città che muore divorata dalle fiamme, mentre i corpi stra-
programmato per il '998, ma Steve Harris sembra abbia in mente ziati dei dannati di un inferno dantesco si fondono con il suo. la
tutt'altro che la musica. Per soddisfare la sua ingenua e insopprimi- mostruo sità interpretata da Eddie è quella della modernità senza
bile passione per il calcio e dare concretezza al suo sogno giovanile controllo, delle armi di distruzione di massa e di un'umanità «disu-
di diventare un grande giocatore, decide di mettere insieme un manizzata» che ha elevato la realtà virtuale a totem assoluto dell'e-
vero e proprio team di football insieme agli altri componenti del sistente. Ancora una volta, tornano nel linguagg io figurativo dei
gruppo, ai roadie e ad alcune vecchie glorie del calcio britannico Maiden alcuni temi cari a Philip K. Dick come l'angoscia nel rilevare
(tra cui spiccano lan Wright e Paul Gascoigne). la squadra si impe- la volontà dell'umanità di sostituire progressivamente l'esperienza
gna in tutta una serie di incontri calcistici nel periodo dei mondiali rea le con quella virtuale, al punto che diventa impossi bile ricono-
di calcio del 1998 contro altre formazioni similari (giornalisti, attori, scere il vero dal falso. Nel videogioco Ed Hunter, Eddie è il protago-
cantanti, ex giocatori, ecc) tra un concerto e l'altro del tour a sup- nista di una terrificante lotta senza quartiere contro le ombre male-
porto del nuovo album Virtual XI (nome prescelto anche per la fiche del mondo lron Maiden. Paradossalmente, la modernità gioca
squadra di calcio). In contemporanea alla pubblicazione del disco, un brutto scherzo al gruppo e il videogame ha uno scarso successo
viene immesso sul mercato anche il videogioco Ed Hunter, uno spa- a causa della grafica antiquata, a dimostrazione che è impossibile
ratutto il cui protagonista è la storica icona dei Maiden. venerare il «n uovo» senza esserne stritolati se non si è pronti a
In tutto questo, sembra che la musica sia un fattore di seconda- seguirne incessantemente le sue fren etiche mutazioni. E probabil-
ria importanza. In effetti, Virtual XI non è annoverato tra le migliori mente, non lo è nessuno.
prove del gruppo inglese e sembra uno sta ntio sequel di The X Le esibizioni dal vivo, comunque, convincono Harris a non insi-
Factor, anche se prodotto un po' meglio. Brani co me When Two stere ulteriorm ente su Bailey e, complici le ri chieste pressanti da
Words Collide, The C1ansman e Futureal hanno un appeal discreto, parte dei fan e della Emi, il cantante viene messo alla porta nel gen-

38 39
IRON MAIDEN LA STORIA

naia del '999· Con molta riluttan za da parte dello stesso Harris, pleta e la sua essenza è quella degli elementi della natura. Dall'alto
viene ricontattato Bruce Dickinson . Egli, dal canto suo, non attra- della sua anni presenza percepisce e giudica l'abiezione umana che
versa un momento brillantissimo: la sua ca rriera solista non è mai distrugge lentamente il pianeta. Brave New World, in senso ridutti-
rius cita a decollare e accetta l'invito a riunirsi al suo ex gruppo va, lo si potrebbe definire un album «ecologista» in quanto l'orrore
come un 'occasione di rilan cio personale. Non prima, però, di aver non ha più bisogno di visioni gotiche e fanta stiche per esprimersi.
imposto il rientro anche di Adrian Smith, che da qualche tempo lo La realtà ha abbondantemente e ufficialmente superato la fa ntasia
ha affiancato nelle sue produzioni solistiche. Non solo, Bru ce impo- per cui il «mostro» Eddie appare come un guardiano ancestrale di
ne anche di mantenere Gers nella band, passa ndo così ad una for- un mondo in pericolo, che dispensa i suoi macabri avvertimenti,
mazio ne a tre chitarre, mai più vista nella storia del rock dai tempi alludendo con la sua sola presenza a ciò che potrebbe accadere se
dei Lyny rd Skynyrd. Harris e Murray sono abbastanza perplessi, ma questo mondo ancestrale dovesse ribellarsi per riportare le cose al
i sontuosi ingaggi del reunion tour fanno loro rapidamente cam- suo ventre più oscu ro. Nel booklet interno, i membri della band
biare idea. I concerti del 1999 sono un trionfo assoluto e la band si sono ritratti con delle grosse sfere bianche allineate sullo sfondo. In
prepa ra a incidere un nuovo disco in studio con questa line-up ine- questo caso, i riferimenti (mai casuali nei dischi degli lron Maiden)
dita. L'atmosfera, però, è quella dei separati in casa: dal vivo Harris possono essere due: il primo è quello delle Uova fatali di Mikhail
e Dickinson quasi non si degnano di uno sguardo e spesso i mem- Bulgakov, dove lo scrittore ru sso ipotizzava che l'ottusità del potere
bri del gruppo arrivano nel luogo del co ncerto separatamente e e la follia della burocrazia consentissero la generazione di una stir-
soli pochi minuti prima dell'esibizione. pe di rettili giganteschi che si tramutano in un vero e proprio casti-
Nella primavera del 2000 esce Brave New World, album che go divino per l'uman ità istupidita dalla brama di potere. La secon-
suggella la svolta stilistica già ampiamente anticipata dal gruppo da interpretazione, forse più pertinente, è quello che le sfere siano
neg li album precedenti. I toni sono quasi progressive, le strutture le mi cidiali «boll e bianche» che nel telefilm /I prigioniero (dai
melodiche estremamente ragionate ed elaborate e su tutto il disco Maiden messo in musica nel brano The Prisoner) avevano il compito
regn a un'atmosfera di so lennità e magniloquenza. Il singolo The di liquidare coloro che provavano a fuggire dal «mondo perfetto»
Wicker Man sembra riportare il gruppo agli assalti all'arma bianca creato dai d ete nto ri del potere. Per l'appunto, que sto nostro
della prima metà degli anni Ottanta, ma il vero cuore del disco è mondo che noi consideriamo perfetto e che, tramite lo sguardo
composto da brani di ricercata enfas i sonora e concettuale come inquisitorio di Eddie, sta per presentarci il conto.
Ghost Of The Navigator e Brave New World. La proposta maideniana Dal vivo, Eddie appare come un gigantesco totem al cui inter-
si è fatta ora di un'estrema sofisticatezza lirica e musicale, ma riesce no danzano delle vestali. La ritualità pagana è ostentata e non più
lo stesso a farsi interprete delle nuove inquietudini d' inizio millen- vissuta come un'escrescenza malata del mondo moderno e della
nio. cultura giudaico-cristiana, ma come una vera e propria filosofia di
Sulla Londra futuristica della co pertina di Brave New World vita, precedente al monoteismo, che reclama il suo diritto a spie-
Eddie appare sotto forma di sg uardo minaccioso disegnato dalle gare l'esistente.
nuvole incombenti. La sua trasmutazione in divinità è oramai com- Anche nel live Rock In Rio (registrato durante la monumentale

40 41
LA STORIA
IRON MAIDEN

esibizione del gruppo al festival brasiliano nel gennaio del 2001), Nella copertina è al centro di una specie di girandola, circondato
Eddie si ripropone nella stessa visione cosmica, di sguardo formato da baccanti mascherati (che nel booklet interno sono fantasmi che
da nubi quasi solide e portatrici di tempesta, come l'annuncio di passano accanto ai componenti della band) che ricordano i perso-
un'apocalisse imminente o, addirittura, in corso. naggi dei quadri di Hieronymus Bosch mentre alle loro spall e avan-
Oramai, i Maiden hanno raggiunto un livello di popolarità e zano, nei loro lugubri sai, tre lebbrosi incappucciati che, con la loro
una statura artistica che può ben sostenere l'opinione di alcuni cri- presenza, ricordano il film La maschera della Morte Rossa (rosso è
tici i quali li considerano il più grande gruppo rock inglese di tutti i anche il colore di fondo della copertina). Eddie non è più un prota-
tempi, insieme a Beatles, Rolling Stones, Deep Purple e Led gonista della vita reale ma l'entità che governa i destini del mondo
Zeppelin. Veri e proprio maitre-à-penser dell'heavy metal mondia- e si fa beffa della sua vanità: la Morte, appunto.
le, godono dello status di band «non criticabile» perché trascende E il futuro? Beh, Eddie, nel suo cammino potrebbe già aver
dalla produzione discografica attuale e si fa casta sacerdota le di un messo g li occhi sul trono di qualcuno molto in alto. Il Paradiso può
sound e di canzoni che vivono oramai di vita propria e che sono iniziare a tremare.
entrate di diritto nell'enciclopedia delle più grandi creazioni rock di
tutti i tempi.
A questo punto, non stupisce più nessuno che il nuovo album
Dance Of Death (2003) esordisca direttamente al primo posto delle
classifiche di vendita di quasi tutto il mondo. L'album è la più com-
pieta e comp lessa creazione discografica della band nel corso della
sua più che ventennale carriera; partendo dal suono d uro e spigo-
loso di Wifdest Dreams, gli Irons approdano alla conclusiva
Journeyman che lascia sbigottiti chiunque li consideri ancora «solo»
una metal-band: brano interamente acustico, con solenne arrangia-
mento d'archi e toccanti melodie operistiche.
L'approdo concettuale della band si rivela anche nella nuova
trasformazione di Eddie; la sua assunzione a divinità rivela partico-
lari sconcertanti nella copertin a di Dance Of Death. Laddove, nel
corso della sua vita «umana» i suoi passi eran o stati osservati e con-
dotti dalla figura in nero con la falce della Morte (come nella coper-
tina di Uve After Death), ora il gioco è diventato scoperto: Eddie è la
Morte. È lui che ha preso il posto della Signora Nera e ha fuso la
sua essenza con la sua, in un abbraccio blasfemo e demoniaco che
rappresenta la logica evoluzione della sua tormentata esistenza.

43
42
UN AUTORITRATTO
«l'unico elemento che permette a un gruppo rock di soprawi-
vere con brillantezza negli anni non è né l'immagine né la moda,
bensì le grandi canzoni. Semplice ... ».
(Janick Gers, Psycho!, aprile 2002)

«Purtroppo quando fui chiamato negli Iron Maiden a sostituir-


lo, Clive Burr non me lo perdonò mai, anche se io non avevo alcu-
na co lpa. Non mi hai mai perdonato».
(Nicko McBrain, Rock Hard, dicembre 2002)

«II punto più basso? Uhm, forse quando Bruce ci ha lasciati,


dieci anni fa: all'inizio eravamo disorientati, ma poi abbiamo trova-
to un nuovo cantante e rilanciato la sfida . Grazie a Dio abbiamo
passato pochi momenti bui nella nostra carriera».
(Steve Harris, Psycho!, settemb re 2003)

«lo e Bruce Dickinson coltiviamo soprattutto un rapporto di


tipo professionale, ma ciò non ci impedisce di compo rtarci in
maniera gentile e amichevole l'un o nei confronti dell'altro, anche

45
IRON MAIDEN UN AUTORITRATTO

se è diverso dall'essere am ici per la pelle ... ». stati fori eri di miglioramenti, ma forse non sono nella posizione
(Steve Harris, Rock Hard, settembre 2003) più obiettiva per dirlo ... ».
(Steve Harri s, Night Rock News, 1982)
«Cii lron Maiden non hanno mai voluto semplicemente uscire
fuori e suona re, sa rebbe fottutamente noioso ! Alcune delle sceno- «Alla fin e del World Siavery Tou r del ' 98S, in effetti ho contem-
g rafie sono costosissime, non potreste nemmeno immaginare, ma plato l'idea di lasciare la musica : non ne potevo più dei tour infini-
questo è sempre stato lo stile degli lron .. .». ti. .. ».
(Rod Smallwood, M etal Hammer inglese, maggio 2003) (Sruce Dickinson, www.ha rdradio.com. 2002)

«Charlotte The Harlot è vera mente la ca nzo ne di Dave Murray. «La cosa più importante per m e è l'onestà. È g iu sto che la
Sarei stato org og lioso di poter dire di averl a scritta io . Mi piace gente abbia preteso sempre il 100% dagli Iron Maiden e tanto più
suona rla dal vivo perché è una ca nzone diversa che avrei voluto da l loro nuovo singer, cioè io. Se per qualcuno non è stato così,
scrivere», ha avuto tutto il diritto di es primere le sue rimo stranze. lo so di
(Steve Harris) aver fatto del mio meg lio e, in fin dei conti, non posso lamentar-
mi; ho ri cevuto tantissimi incoraggiamenti e innumerevoli attestati
«Se qualcuno dei membri della band desidera prendersi una di stima da parte dei fan più lea li».
pau sa dagli Iron Maiden, non ha che da dirlo: siamo adulti e (Slaze Sayley, Psycho!, luglio 2000)
maturi abbasta nza per accettarlo».
(Sruce Dickinson, www. hardradio.com. 2002) «Le personalità del music business che avevo attorno allora cre-
devano in me, vero, ma solo perché ero il ca ntante deg li lron! Ciò
«Ero fru strato per diverse ragioni, soprattutto stanco e stressato era un po' frust rante, perché io av rei preferito esse re messo in
per dieci anni filati di registrazioni e tournée. Penso che avevo solo discussione e stimolato in maniera diversa. Fu anche per questo
bisogno di ferm armi. Ora sono tornato con un 'energia tu tta spe- che mi separai dai Maiden».
ciale. Certo, al Monsters Of Rock di Donnington del 1992 non fu (S ru ce Dickinson, Psycho!, ottobre 2001)
facile vedere la band suonare le mie canzoni senza di me ... quei
bastardi mi avevano rimpi azzato in cinque minuti!». «Noi siamo una rock ba nd inte ressata escl usiva mente all a
(Adrian Smith, Kerrang!, 1999) musica e i nostri fan pure, questo è quanto. Se cercate dell 'istiga-
zione alla violenza, basta che accendiate la televisione».
«I ca mbi di forma zio ne sono sem pre un tormento, ma non c'è (Dave Mu rray, www.theharbinger.com. 1999)
modo di contin uare d iversamente in certe circostanze. Quando si
effettuano qu esti ca mbi, devi essere sicuro che po rtin o un miglio- «Dopo il tour coi Kiss, Rod Sma llwood mi disse: non sei più
ramento. Credo che i cambi che abbiamo affrontato finora siano nella band. E io: cosa intend i dire? Lui : non posso rimproverarti

46 47
IRON MAIDEN
UN AUTORITRATTO

per come suo ni o per come canti, ma sei fuori dalla band. Allora «II songwriting di Bruce è davvero buono. Scrive testi aperti a
dissi: oh~ vaffanculo!, e me andai dal suo ufficio ... Comu nque gli diversi tipi di interpretazione».
Iron Malden, fin da principio, so no sempre stati la creatu ra di (Steve Harris, HM, maggio 1992)
Steve Harr;s».
(Dennis Stratton, www.praying-mantis.com. 1999) «Side project? Guarda, quando mi siedo a tavolino per scrivere
della musica, non ri esco a concentrarmi su qualcosa che non
«Ag li esordi, quando suonavamo a East London, nessun rap- riguardi i Maiden».
presentante delle case discografiche veniva a vederci: troppo peri- (Steve Harris, HM, maggio 1992)
coloso avventu rarsi là... Si facevano vedere solo in centro e a West
London».
«Noi abbiamo semp re cu rato di persona i nostri lavori sotto
(Steve Harri s, www. hardrad io. com. 1998) tutti g li aspetti : i testi, la musica, le copertin e, ecc. In questo modo
la casa discografica non ha mai avuto né l'opportunità né il tempo
«Fu duro anda re in tou r nel 1993 sapendo che Bruce aveva di interven ire nel nostro lavoro».
deciso di lasciare la band, nessuno di noi voleva farlo. Ma le vendi- (Steve Harris, HM, maggio 1992)
te dei biglietti stava no andando alla grande e non volevano delu-
dere i fan. Ci siamo detti: cazzo, non importa, per quanto dura «Sono eccitato . Giuro! Su l palco ce l'ho duro, ogni sera di più.
sa rà, proviamo lo stesso a divertirci e a far divertire il pubblico». L'idea delle tre chita rre è molto innovativa. Vi spettineremo le
(Steve Harris, '998) orecchie».
(Steve Harris, Hard!, settembre 1999)
«Steve Harris adora le composizioni epiche, sono la sua specialità!».
(Nicko McBrain, Rock Hard Italia, dicembre 2002) «lanick, Dave e Adrian non hanno problemi ad essere tre ch i-
tarristi: si completano a vicenda».
«Gli Iran Maiden non hanno mai accettato compromessi con (Bruce Dickinson, Hard!, settembre 1999)
nessuno! Abbiamo combattuto fino in fondo per difendere e pro-
porre la nostra musica, non abbiamo mai permesso a niente e nes- "Sono in cinque sul palco davanti a me, sono pazzi. Prima o
suno di influenzarch).
poi si fa ranno davvero male (ride, nda), dovrebbero assicu rarsi. È
(Nicko McBrain, Rack Hard Italia, dicembre 2002) davvero pericoloso lo show da acrobati che offrono su l palco e gli
anni non pesano loro su lle spalle, perché quello che fanno è dav-
. <~Mi ricordo che una volta fui scambiato per un hooligan da dei vero una figata da vedere. A vo lte mi sembra di suo nare la batteria
tifosI olandes I a ca usa dei miei tatuaggi. Me la vidi proprio brutta». per una squadra di hockey su ghiaccio! ».
(Steve Harris, HM, maggio 1992) (Nicko McBrain, Hard!, settembre 1999)

48
49
IRON MAI DE N

«Raggiungeremo sicuramente una dimensione più spessa, più


grande e più heavy. Il nostro sound grasso porterà gli Iron Maiden
un gigantesco passo oltre... oltre il muro del suono».
(Dave Murray, Hard!, settembre 1999)

«È ovvio che c'è differenza, perché Blaze non solo ca nta, ma ha


anche scritto molta della musica, tuttavia il marchio di fabbrica è
sempre lo stesso. È un album degli lron Maiden e non si tratta di
LA MUSICA:
un caso alla Miitley Crue, che con Corabi hanno cambiato tantissi-
mo. Siamo noi stessi come sempre. Blaze ci ha chiesto se c'era un
DISCOGRAFIA UFFICIALE
modo particolare in cui dovesse scrivere e noi gli abbiamo detto di
no. Ci siamo seduti in una stanza e abbiamo lavorato assieme in
modo naturale, senza ordini di scuderia». IRON MAIDEN
(Steve Harris, Thunder, settembre 1995) (EMI,1980)

«Steve aveva idee per certe canzoni che raggiung eva no diretta- Prodotto da Will Malone. Tecnico del suono: Martin Levan .
mente quel lato oscuro e non sfruttato delle mie ca pacità vocali. È Registrato ai Kingsway Studios di Londra (Inghilterra). Mixato ai
stato lui a tirare fuori il meglio dalla mia voce». Morgan Studios di Londra (Inghilterra).
(Blaze Baley, Thunder, ottobre 1995) Mu.sicisti: Steve Harris (basso); Paul Di'Anno (voce); Dave Murray,
Dennis Stratton (chitarra); Clive Burr (batteria).

Prowler / Sanctuary / Rememb er Tomorrow / Running Free /


Phantom Of Th e Opera / Transylvania / Strange World / Charlotte
The Harlot / lron Maiden

L'eso rdio su album del gruppo è una bomba sonora che scuote
la scena rock inglese sin dalle fondamenta. Nel ca ldero ne ribollen-
te del metal inglese, gli lron Maiden si ergono subito a protagoni-
sti, accanto ai Saxon, ai Motorhead, ai Samson, agli Angel Witch,
ai Venom, ai Tyge rs Of Pan Tang, ai Tank e alle Girl school. Iron
Maiden, però, non è soltanto un disco di successo ma un vero e
proprio m anifesto sociale ed esistenzia le della Britannia di fine

50 5 l
IRON MAIDEN LA MUSICA : DISCOGRAFIA UFFICIALE

anni Settanta, dove la vio lenza giovanile, la crisi economica, la REMEMBER TOMORROW
disoccupazione e il degrado morale portano un'intera generazio- Le movenze psichedeliche dell'inizio vengo no rapid amente
ne allo sbando. I conservatori di Margaret Thatcher vincono le eIe- sommerse da una brutalità chitarristica che rappresenta le con-
zioni del 1979 proprio con un programma il cu i primo punto è la vu lsioni di chi è in preda alla disperazione e al furore. È
lotta alla crimina lità delle gang e all'alcolismo dilagante. Questi Di'Anno il sommo sacerd ote della perdizione che ne narra can-
Iron Maiden sono un tassello anonimo ma rumoroso di tale qua- didamente l'oscena bellezza anche se, diverso tempo dopo,
dro di devastante realismo. dirà che, in realtà, è una canzone dedicata al padre scomparso .

PROWLER RUNN ING FREE


Il biglietto da visita degli lron Maiden è questo furioso speed L'inno del gruppo e la più g rande bandiera alla vita libera e sel-
rock che ne definisce alla perfezione le coordinate stradaiole e vaggia che sia mai stata scritta nella storia del meta!. Su di un
crimin ali. Paul Di'Anno si presenta come un esibizionista da tempo shuffle ossessivo fino alle convu lsioni, s' innesta il riffing
parco pubblico (<< ..• Puoi vede rmi stri sciare dietro i cespugli / pazzesco e squadrato con l'accetta di Murray e Stratton, men-
Con la patta aperta / Cosa vedi, ragazzina? / Questo è l'origi- tre il basso di Harris si rivela un efficacissimo tritacarne sonoro.
nale!») e non si lascia intimorire da una morale che non può Di'Anno urla slogan d'urgenza libertaria (alcol, sesso mercena-
imbrigliarne la spinta vitale. rio, strafotten za e irresponsabi lità, beffe della legge e della
morale) che diventano l'inn o naziona le della generazione
SANCTUARY metal degli anni Ottanta. Chi volesse capirla, piuttosto che per-
Originariamente non incluso nell'album e pubblicato 5010 dere tempo in inutili studi sociologici e politici, fa rebbe prima a
come singolo, 5anctuary viene aggiunta al disco solo nelle leggersi attentamente il testo di questo brano, lasciandosi tra-
ristampe degli anni Novanta, quando è già diventata da molto sportare dalla sua rozzezza sonora che sta all'irrequietezza esi-
tempo uno dei su per-classici del g ruppo . Non c'è spazio per stenziale della gioventù occidentale come i ta mburi dell'Africa
nessuna redenzione nel mondo teppistico e violento degli lron ancestra le stanno ai ritu ali del vudù .
Maiden. Un riff ferocissimo e tagliente come una lama di rasoio
si snoda selvaggio mentre Di'Anno ci catechizza di omicidio e PHANTOM OF THE OPERA
fuga dalla polizia, senza cerca re compassione e senza strugger- Primo tentativo del gruppo (e di Steve Harri s in particolare) di
si nei complessi di colpa. La normalità del delitto nei bassifondi ritag liarsi spazi più progressive e variegati dall'assalto all'a rm a
londinesi genera visioni compiaciute, in cui l'unica preoccupa- bianca che ca ratte ri zza la band nel primo periodo. Le parti
zione è quella di cercarsi un rifugi o (il «sanctuary», appunto) strumentali prevalgono su quelle cantate, cominciando a far
dalla legge. Di tutto il resto, chi se ne frega. Spettacolarmente sentire per la prima volta gli incroci melodici tra chita rre che
sang uino lenta, 5anctuary fa scuola a tutto il metal degli an ni faranno la fo rtun a del gruppo.
Ottanta.

52 53
IRON MAIDEN LA MUSICA: DISCOGRAFIA UFFICIAL E

TRANSYLVANIA
di cui ne vengono cantati con gioia liberatoria lo stupro e l'as-
Strumenta le di rara efficacia . Rozzo, «a nthemico», melodico e sassinio. Eddie, maschera del gruppo, ingaggia sulle copertin
privo di svisate incomprensibili, Transylvania è una bruta le dei dischi una guerra personale contro di lei, facendola prima a
cavalcata che può fungere da introduzione e da atto conclusi- pezzi con un'ascia e poi cadendo vittima di un 'imboscata.
vo dei concerti, proposta con la voglia di scatena re il pubblico Nonostante l'enorme successo di questo brano, nessuno al di
e non di stupi rl o con effetti speciali. fuori della Gran Bretagna ne ha mai compreso in pieno la tre-
menda carica eversiva.
STRANGE WORLD

le prime note di questo pezzo (poi quasi plagiate dai Metallica


in Welcome Home), suonate sugli armonici artificiali, disegnano KILLERS
l'oscena e avvolgente visione di un Di 'Anno fatto di eroina che (EMI, 1981)
narra al mondo la sua sconvolgente esperi enza con il sorriso
su lle labbra. l'intensità spaventosa di Strange World è uno dei Prodotto da Martin Birch .
più pertinenti e impietosi commenti sonori che l'epoca a cava l- Musicisti: Steve Harris (basso); Paul Di 'Anno (voce); Dave Murray,
lo tra gli anni Settanta e gli Ottanta abbia mai avuto. Adrian Sm ith (chitarra); Clive Burr (batteria).

CHARLOTIE THE HARLOT Th e Ides Of March / Wrath child / Murders In The Rue Morgue /
«Ca rl otta la Mignotta » è il tuffo entus iasmante della band Another Life / Gengis Khan / Innocent Exile / Killers / Prodigai Son /
nella v ita di strada . Quadro di folle realismo metallaro Purgatory / Drifter / Wom en In Uniform
Charlotte The Harlot è il vissuto vero della band, fatto di tugu;;
oscuri, in cui la marchetta è la regola d'esistenza. Tra le cosce Il secondo capitolo della saga Iran Maiden arriva in un momen-
maledette e, allo stesso tempo, agognate della protagonista si to in cui il gruppo ha già raggiunto di fatto lo status di superstar.
consumano i desideri e i sogni di migliaia di persone passate Durante il tour a supporto dei Kiss del '98" i fan contestano la
prima e dopo g li Iran Maiden. Forse il vero amore è proprio band ame ri cana, preferendogli la bestiale carica selvaggia dei
questo. Ferocia hard, deriva morale, mercificazione dei corpi, Maiden. Entra in formazione il chitarrista Adrian Smith ma è Pau l
malattie veneree e lussuria da taverna : l'Inghilterra del 1980 ci Di'Anno l'emblema assoluto di quest'industria della ferocia sonora
mostra la sua faccia più autentica. e attitudina le che rispecchia in pieno il ribellismo nichilista della
generazione a cui si ri volge. Killers, dal punto di vista musicale, non
IRaN MAIDEN si discosta molto dal primo album e ne accentua, anzi, i ca ratteri
la canzone bandiera del gruppo è un martellante sfregio sono- più duri e malefici, diventando uno dei più significativi esempi di
ro alla Margaret Thatcher (la «Dama di Ferro» della politica capovolgimento delle consolidate convinzioni discografiche dell'e-
inglese, arrivata al potere l'anno prima) al ritmo di fast metal, poca, secondo le quali il successo di massa lo si ottiene soltanto

54 5S
IRON MAI DE N LA MUSICA: DISCOGRAFIA UFFICIALE

con un ammorbidimento dei suoni. Gli lrons, invece, s'induriscono, GENGIS KHAN
raccogliendo più consensi di quanto sia lecito aspettarsi. In questo strumentale corazzato e lancinante non c'è traccia
delle elucubrazioni a carattere storico che saranno leit-motiv
THE IOEs OF MARCH della carriera del gruppo dopo l'avvento di Bruce Dickinson . Il
Strumentale solenne ed incisivo. Le idi di marzo sono il simbo- condottiero mongolo è solo un pretestuoso simbolo di morte e
lo eterno del delitto e del tradimento. Questo è il mondo in cui distruzione ma va ricordato assolutamente l'entusiasmante
i Maiden attingono a piene mani . assolo final e di doppia chitarra, brevissimo ma d'una intensità
sconosciuta a tantissimi «guitar heroes» degli anni Ottanta.
WRATHCHllO
Il giro di basso più famoso nella storia dell'heavy metal si ripete INNocENT ExILE
ossessivo e schizofrenico per tutta la durata del pezzo, vero Steve Harris suona la carica con il basso e il pezzo si snoda in
inno di rivolta epocale. Di'Anno definisce bene i suoi natali un trascinante hard in stile Aerosmith, ma con una buona dose
(<<Nato in un'era di avidità e furore / Dominio e persecuzione / di volgarità e lirismo da strada in più. Di'Anno non riesce a sco-
Mia madre era una puttana / Mio padre non l'ho mai cono- starsi dalle sue abituali vette di perdizione e di sporco interiore,
sciuto») che sono gli stessi - filosofici, culturali ed esistenziali - ben assecondato dal gruppo che gli costruisce discese agli
di un'intera generazione allo sbando. inferi degne di lui .

MUROERS IN THE RUE MORGUE KllLERS


Questo brano è un tentativo di nobilitare l'ispirazione delittuo- Incitazione gratuita alla violenza, con un altro giro di basso che
sa del celebre racconto di Edgar Allan Poe. Il tutto, poi, viene fa scuola nel mondo dell'heavy metal. Killers inizia in maniera
tradotto in un registro furibondo, votato alla velocità e alla fre- minacciosa e insinuante; il terrore incombe, in un crescendo di
nesia fisica e mentale. tensione che, prima di diventare insopportabile, deflagra in un
furioso metal rock devastato dagli stacchi di Clive Burr e dal
ANOTHER LIFE fiotto omicida della voce di Di'Anno. Nulla è pericoloso come i
Il brano è aperto da un riff squarciante mutuato dal Ted vicoli più dimenticati della Londra dei primi anni Ottanta e non
Nugent più osceno e prosegue con una ritmica da inesauribile c'è affresco che ne rappresenti il pozzo nero esistenziale
headbangin', dove le chitarre non suonano, ma scaricano sul meglio di questa canzone. Gli assoli di chitarra sono veloci e
pubblico sventagliate di mitra foniche. La pazzesca accelerazio- carichi d'adrenalina, vera droga rituale per i sabba acidi e infer-
ne centrale ribadisce l'attitudine da manicomio criminale del nali della gioventù inglese, tra l'incoscienza alcolica, la deriva
gruppo. materiale e l'attitudine sinceramente asociale della società figlia
della «Lady di Ferro» Thatcher.

56 57
IRON MAIDEN LA MUSICA: DISCOGRAFIA UFFICIALE

PRODIGAl SON cafonaggine inguinale che gli Iron Maiden sanno dare a questo
Una ballata nel più vero senso della parola, dalle cadenze che pezzo, però, è qualcosa di assolutamente irripetibile. Pura por-
ricordano un folk anglo-irlandese aggiornato alle chita rre elet- nografia sonora al ritmo di un metal rap ante-litteram, Women
triche. Il «figliol prodigo» cantato in maniera esemp lare da In Uniform esplode in un ritorn ello epilettico dalla presa mania-
Di'Anno non è accolto a braccia aperte dal padre né dai fami- cale. Incredibile a dirsi: il relativo video (praticamente un'elegia
liari; la costru zione di un~ vita blasfema inizia proprio dallo delle marchette da strada) fa, nel nostro paese, per diverso
smascheramento della menzogna biblica nella realtà di tutti i tempo da sigla finale della trasmissione Discoring di Gianni
giorni. Boncompagni nel 1981. Altri tempi ...

PURGATORY

E sempre in tema di peccato (molto) e redenzione (poca, quasi MAIDEN JAPAN


niente), arriva questo allucinante speed metal che sprizza sa n- (EMI,1981)
gue da ogni nota. Capolavoro della New Wave Of British Heavy
Metal (NWOBHM), Purgotory si avva le di una strepitosa perfor- Registrato a Nagoya il 23 maggio 1981 . Mixato ai Nimbus 9 di
mance di Burr che costituisce un esempio per tutti i maestri Taranto (Canada).
della doppia cassa metal degli anni Ottanta , da Dave Musicisti: Steve Harris (basso); Paul Di'Anno (voce); Dave Murray,
Lombardo allo stesso Nicko McBrain che gli succederà sul Adrian Smith (chitarra); Clive Burr (batteria).
trono percussionistico dei Maiden.
Running Free / Remember Tomorrow / Killers / Innocent Exile
DRIFTER
Brano fatto di schizofrenici stop-a nd-go. I break melodici sono Per far fronte alle numerosissime ri chieste di nuovo materiale
al servi zio della rissa e sembra quasi che il gruppo sia portavo- discografico, la Emi immette su l mercato questo mini album di soli
ce di una lucida pazzia musicale che resta, di fatto, il motivo di quattro pezzi che fotografano, però, alla perfezione lo stato di gra-
maggior successo dell'heavy metal nei primi anni Ottanta. zia di quella che è, al momento, la migliore rock band europea. La
volga rità selvaggia e spontanea di Di'Anno stende il pubblico
WOMEN IN UNIFORM giapponeseà . Per qualcuno, lui è IL cantante heavy metal per
Singolo non incluso nell'a lbum e allegato so lo alle ri stampe eccellenza e Moiden lopon sembra confermarlo. Running Free è un
degli anni successivi, merita una menzione speciale poiché è ballo di San Vito di metallo puro e non c'è un attimo di respiro
stato uno dei primi e più grandi successi del gruppo inglese. Si neanche tra le note morbide di Remember Tomorrow. La discesa
tratta, in realtà, della cover di un brano dei glam rocker austra- nell'incubo criminale di Killers e tra le fiamme infernali di Innocent
liani Skyhooks, pubblicato nel 1978 nell'album Guilty Until Exile completano un'opera che in sol i quattro brani va le più di
Proven Insone. La ca rica di selvaggio erotismo e d'epidermica interi live doppi e tripli, con dvd annesso.

58 59
IRON MAIDEN LA MUSICA: DISCOGRAFIA UFFICIALE

THE NUMBER OF THE BEAST demonica passa attraverso la porta di quest'inquietante semi-
(EMI, 1982) ballad che vede Dickinson urlare a squarciagola un mefistofeli-
co ritornello centrale, ritornello che ha una vera e propria presa
Prodotto da Martin Birch . ipnotica sul pubblico durante i concerti dal vivo. l'arpeggio ini-
Musicisti : Steve Harris (basso); Bruce Dickinson (voce); Dave ziale è uno dei più classici nella storia dell'heavy metal e costi-
Murray, Adrian Smith (chitarra); Clive Burr (batteria). tuisce uno dei pilastri sonori di tutta la produzione degli lron
Maiden.
Invaders / Children Of The Damned / The Prisoner / 22 Acacia Avenue
/ The Number Of The Beasl/ Run To The Hil/s / Gangland / Hallowed THE PRISONER

Be ThyName Ispirata a una celebre serie di telefilm di fantascienza degli anni


Sessanta, The Prisoner è introdotta da un'agghiacciante risata e
l'uscita dalla band di Paul Di'Anno lascia interdetti moltissimi da un riff quasi «sa bbathiano», che si evolve subito in un up-
fan e sono in tanti ad attendere al varco il nuovo singer Bruce tempo nevrotico, frustato dal basso imperioso di Steve Harris.
Dickinson . Per sua fortuna, debutta con questo autentico capola- A metà, il brano si apre in uno stupendo intreccio neo-classico
voro del metal più brutale e scintillante, in cui la precedente ispira- delle due chitarre soli ste che danno un'inaspettata dimensione
zione stradaiola e delinquenziale si fonde alla perfezione con un melodica al pezzo e che risulterà tra i motivi più imitati dal
satanismo da film horror e un 'attitudine manifestamente diaboli- power metal degli anni Novanta (Helloween in testa).
ca. Il primo singolo estratto dal disco è proprio la mostruosa title-
track, dal video realizza to con un collage d'immagini tratte da vec- 22 ACACIA AVENuE

chie pellicole del terrore. Il successo del disco è annunciato: una Le maciullanti chitarre di Dave Murray e Adrian Smith suonano
settimana dopo l'u scita (10 aprile '982), irrompe direttamente al un riff ossessivo mentre Dickinson invita l'ascoltatore a seguirlo
primo posto delle classifiche di vendita inglesi. in una casa d'appuntamenti dove poter dimenticare tutti i pro-
pri problemi (<<Se ti se nti abbattuto, depresso e solo I Conosco
INVADERS un posto dove andare ... »). Una delle più celebri apoteosi del
l'apripista dell'album stabilisce le coordinate dell'assalto, man- vizio, 22 Acacia Avenue è un brano che, in realtà, vive soltanto
tenendo il feeling criminale e stradaiolo dei primi due album. dello sconvolgente inizio, aggrovigliandosi su se stesso (e su
Riff feroce, ritmica alla baionetta e la voce di Bruce Dickinson un inutile cambio di tempo) nel proseguimento. Ma anche
che vuole replicare gli abissi da fogna di Paul Di'Anno. solo i primi trenta secondi bastano e avanzano per tramutarla
in un inno del popolo dei Maiden.
CHILDREN O, THE DAMNED
Si entra nel pieno dell'incubo satanico dei «nuovi» Iron
Maiden. Il viaggio iniziatico nella compiaciuta soggezione

60 61
IRON MAIDEN LA MUSICA : DISCOGRAFIA UFFICIALE

THE NUMBER Of THE BEAST HAlLOWED BE THY NAME


Ecco il sabba diabolico degli lron Maiden. Una voce filtrata e Uno dei brani più celebri del reperto rio maideniano, Ha/lowed
oscura recita i versi dell'Apocalisse di Giovanni, chiamando a rac- Be Thy Name è una macabra marcia funebre in cui un condan-
colta le forze del male evocate nel testo del brano. La confessione nato a morte ripercorre le tappe esistenziali che lo hanno por-
di un apprendista stregone (pare originata da un sogno orrorifico tato al patibolo. I suoni sono scarn i e macabri, anche se la
di Harris, nella migliore tradizione lovecraftiana), cantata da band si rifugia presto nella tradizionale cavalcata in terzi ne ma
Dickinson, si snoda in un crescendo spaventoso di tensione. ciò non toglie nulla all'incredibile capacità della band di rende-
L'inizio è affidato - secondo uno schema collaudato - solo alla re nell'angusto spazio di una canzone storie e visioni che regi-
voce e alle chitarre e quando entra la ritmica, la musica si trasfor- sti cin ematografici e scrittori non sono riusciti a spiegare in
ma in frenesia ritualistica, inarrestabile danza voodoo dei tempi tutta una ca rriera .
moderni in cui Dickinson trascina le folle e le conduce all'orga-
smatica invocazione: «5ix ... six ... six .. . the number of the beast»,
PIECE OF MINO
RUN To THE HlllS (EMI, 1983)
Da molti conside rato un brano di «impegno socia le» o di
. denuncia», Run To The Hills parla del massacro dei nativi ame- Prodotto da Martin Birch. Tecnici del suono: Danis Haliburton e
ricani da pa rte degli eu ropei, utilizza ndo la visuale narrativa Frank Gibson.
degli sconfitti e il ritmo della cavalcata che riecheggia quelle Registrato ai Compass Point Studios di Nassau (Bahamas). Mixato
delle guerre indiane del Settecento e dell'Ottocento in Nord agli Electric Ladyland Studios di New York (Usa).
America. Gli lrons, però, non hanno mai svi luppato nella pro- Musicisti : Steve Harris (basso); Bruce Dickinson (voce); Dave
pria musica una specifi ca sensibilità ideologica o socia le ma Murray, Adrian Sm ith (chitarra); Nicko McBrain (batteria).
hann o utilizzato spesso e volentieri la realtà e la storia per
costruire le proprie visioni d'abominio e distru zion e, ben Where Eagles Dare / Revelations / Flight or lcarus / Die With Your
sapendo che nelle vicende dell'umanità c'è sempre materiale Boots On / The Trooper / Stili Lite / Quest For Fire / Sun And Steel / To
sufficiente per alimentare qualsiasi torbida fantasia. Run To The TameA Land
Hi/ls è uno di questi casi.
Piece or Mind è un gioco di parole con l'espressione inglese
GANGlAND . peace of mind», che si potrebbe tradurre co me . la pace dei
Cilve Burr spinge sul pedale dell'acceleratore, mentre Murray e sensi» o . il luogo dell'anima». È un titolo significativo perché, pur
Smith acca rezzano le loro chitarre disegnando macabri arpeg- giocando sull'ambiguità del tema, dandogli una co nnotazione
gi. Il b rano scorre via veloce e scarnificante co me un maglio apparentemente horror (un cervello servito a tavola e divorato dai
metallico nel buio. componenti del gruppo), rappresenta lo spostamento dell'attitu-

62 63
IRON MAIDEN LA MUSICA : DISCOGRAFIA UFFICIALE

dine lirica del g ruppo verso un mondo lirico che non è più quello D IE WITH VOUR BOOTS ON
malvag io e agg ressivo degli esordi. Con l'ingresso d i Nicko È una canzone vagamente ispirata alle profezie di Nostradamus
McBrain alla batteria, Bru ce Dickinson trova una spalla adeguata e che non trova una sua co llocazione definitiva e che semb ra
cultura lmente preparata per le proprie «sofisticherie» intellettuali, fatta solo per ri empire lo spazio del disco. Il g rande mestiere e
costruendo da subito la nuova struttura ideologica che reggerà il il talento della band impediscono, in questa fase, di cadere
gruppo sino ai giorn i nostri. oltre un certo livello di creatività ma Die With Your Boots On va
molto vicino al limite, costituendo l'a rchetipo di molti brani-
WHERE EAGlES DARE riempitivi degli lron Maiden.
Il nuovo corso della band si delinea subito: i temi delle canzoni
abbandonano il sabba demon iaco e crimina le dei primi an ni e THE TROOPER

acquistano una dimensione più in tellettua le (ma anche più ste- Uno dei brani più famosi in assoluto della band inglese e anche
rile) importata da Bruce Dickinson. In questo brano tumultuo- uno dei pochi ad essere sempre stato presente nella scaletta live
so e possente c'è una grande dicotomia tra la musica, ancora dei Maiden. Il suo grande successo è dovuto all'irresistibile riff
ancorata agli standard d i ferocia «ri ffes ca- degli esordi e il «solista» iniziale e al trascinante crescendo in terzine della strofa.
testo, banale e quasi «istituzionalizzato». Senza un ritornello anthemico, gli lrons lasciano che siano le chi-
tarre a tracciare la melodia portante da far cantare al pubblico.
R EVElATION S
All'i nizio del brano, Bruce Dickinson cita alcuni versi di Gordon S TlllllFE

Keith Chesterton, l'autore dei romanzi di Padre Brown . La guer- Ispirato ad un racconto di H.P. Lovecraft (II colore venuto dallo
ra - vero concept dell'album - diventa, nella musica del grup- spazio), Sii/I Lile è un ottimo e inquielanle metal rock, innerva-
po, lonta na e impersonale, dando al brano una sensazione di to di trame ch itarri stiche serrate e inquietanti. McBrain non ha
sterilità che non è mitigata dalla forza esp ressiva del testo . Le la furia om icida di Burr alla batteria, ma sa costruire con i tam-
sincopi marziali del tessuto sonoro, squa rciate da macabri buri veri e propri affreschi armonici che riempiono il brano
arpeggi elettrici, sono fredde quanto professiona li. meglio di qualsiasi trucco di produzione.

FUGHT OF ICARUS QUEST FOR FIRE

Il 1983 è un periodo in cui qua lsias i cosa facc iano gli Iron La voce di Dickinson rischia seriamente di anestetizzare l' ir-
Maiden viene accolta come un capolavoro. Flight Of Icarus è un ruen za de l gruppo, nonostante alcune impennate ac ute di
normale heavy in 4/4 cavalcato, para llelo a molta produzione tutto rilievo. La ripetitività della vena creativa harrisiana fa sì
dei Rainbow o di Ronnie James Dio, che si trascina senza mor- che questa normale, ennesima, cavalcata elettrica del g ruppo
dente per tutta la sua durata. Se fosse stato pubblicato dieci inglese non sia nulla da rico rd are per molto tempo. Anche
anni dopo, sarebbe stato pressoché igno rato. Murraye Smith appaiono sotto tono.

64 65
IRON MAIDEN LA MUSICA : DISCOGRAFIA UFFICIALE

SUN ANO STEEL Gli Irons piazzano nel'984 un vero e proprio colpo vincente. Il
Nella spinta iniziale, il gruppo sembra ri trovare la verve dei nuovo corso si presenta nella veste migliore, con un album che è
primi due album, la grinta e le melodie aggressive che hanno una perfetta sintesi tra l'approccio furioso degli inizi e la voglia di
fatto la fortuna del british metal (o NWOHBHM, come si usa una più complessa struttura zione sonora da parte dei componenti
chiamarlo). Le line di chitarra sono robuste, il basso violento e della band . L'ambientazione antico-egizia del disco crea una gros-
l'impatto vocale di Dickinson di sicura efficacia. sa diatriba con Ronnie james Dio che, nello stesso periodo, pubbli-
ca Last In Line con i medesimi motivi iconografici . Il tour successi-
To TAME ALANO vo, il World Siavery Tour, passa alla storia come uno dei più gigan-
Steve Harris scrive da solo un altro pezzo che presenta in nuce teschi e massacranti mai sostenuti da una rock band.
tutte le caratteristiche dei brani totalmente generati dal suo
basso: inizio soffuso, arpeggi melodici pronti a trasformarsi ACES HIGH
presto (e senza crescendo) in una lunga marcia hard, cadenza- Steve Harris frusta il suo basso in questo memorabile up-
ta e venata di prog. Questa vo lta è il libro Dune di Frank tempo dove Dickinson inserisce la sua narrazione di raid aerei,
Herbert (nello stesso anno trasposto al cinema da David Lynch) bombardamenti e visioni da Seconda Guerra Mondiale. Il ritor-
a fornire la materia letteraria per la trama della canzone, a nello è aperto, ari oso ed evocativo, lanciato verso delle armo-
dimostrazione che gli lron Maiden sono sempre più una mate- nizzazioni da applausi a scena aperta.
rializzazione fantastica dell'immaginario collettivo piuttosto
che un'entità sincera e autonoma nell'ispirazione. 2 MINUTES To MIONIGHT
Uno dei riff più famosi degli Iron Maiden e della storia del
metal in genera le. In rea ltà, è rubato quasi per intero da Flash
POWERSLAVE Rockin' Man degli Accept (1982), ma pochi se ne accorgono e
(EMI, ' 984) quei pochi vengono tacitati dallo strepitoso successo del
brano, classico tra i classici del gruppo inglese. Nelle sue spi re
Prodotto e mixato da Martin Birch. Tecnico del suono: Frank Gibson. d'acciaio, il cantato luciferino di Dickinson e la batteria maciul-
Registrato ai Compass Point Studios di Nassau (Bahamas). Mixato lante di McBrain s' insinuano con inquietante violenza. Il testo
agli Electric Ladyland Studios di New York (Usa). criptico e l'atmosfera da pericolo imminente (<<Noi o liamo le
Musicisti: Steve Harris (basso); Bruce Dickinson (voce); Dave fauci della macchina da guerra I E la nutriamo con i nostri
Murray, Adrian Smith (chitarra); Nicko McBrain (batteria). figli ») danno al brano un tono da demoniaco cerim oniale della
violenza che può apparire gratuito, ma che in rea ltà segue una
Aces High / 2 Minutes Ta Midnight / Lasfer Wards (Big 'arra) / Flash precisa logica di contemplazione delle nefandezze umane e di
Of The BIade / The Dueffists / Back In The Vii/age / Pawerslave / Rime un mondo divorato da se stesso, senza rimorsi.
Of The Ancient Mariner

66 67
IRON MAIDEN LA MUSICA: DISCOGRAFIA UFFICIALE

LosFER WORDS (BIG ' ORRA) POWERSlAVE


Strumentale energico e cavalcato dal basso imperioso di Harris. Powerslave è uno dei brani cardine del «monumentalismo»
Le chitarre di Smith e Murray disegnano pochi arabeschi di sonoro dei Maiden in cu i, però, le ambizion i epiche e velata-
fuoco, ma tutti di rara efficacia. mente progressive trovano anco ra un giusto compromesso
con la vena più epidermi ca e diretta. Canzone-opera che s'im-
flAsH OF THE BlADE merge senza remore nell'Antico Egitto per narrare le ultime ore
Il rill iniziale di chitarra, suonato su di una sola corda, è uno dei di un faraone morente, gode di architetture sonore poderose
più malefici e taglienti che siano mai stati scritti nella storia del quanto enfatiche, melodie ricercate che mostrano a chiare let-
rock duro. La forza di penetrazione di quest'apoteosi del male tere l'intento del g ruppo di estraniarsi sempre più dal mondo
è, nello stesso anno, ben sfruttata da Dario Argento che la usa rea le per tuffarsi in una dimensione onirico-storica che appare
come colonna sonora del suo film Phenomena. Il testo gronda più confacente al carattere goticheggiante e intellettuale che va
sangue da ogn i parola, ma i riferimenti sono meno satanici di maturando in questo periodo.
quello che appaiono e probabilmente si riferiscono solo alle
passate esperienze di schermitore di Dickinson. RIME OF THE ANCIENT MARINER
Forse il vero atto di passaggio da un'epoca all'altra del gruppo,
THE DUElllSTS Rime Of The Ancient Mariner è il dichiarato tentativo di mettere
Il rapporto tra g li Iron Maiden e il cinema è sempre stato ben in musica il poema La ballata del vecchio marinaio di Samuel
evidente e i ruoli si sono spesso invertiti. In questo caso, è il Taylor Co leridge (1797). Il brano, lungo e comp lesso, viene
g ruppo inglese che mette in musica una trama cinematografi- dapprima criticato per la sua inutile prolissità, al punto che la
ca come quella de I duellanti di Ridley Scott. Lo svolgersi sono- nuova dimensione agognata da Harris sembra troppo lontana
ro del brano richiama quello di Losfer Words, nelle cadenze ri t- dalle possibilità artistiche del gruppo. Nella sognante parte
miche e nei passaggi degli accordi ma rim ane sicu ramente uno centra le, però, il gruppo ri esce ad allontana rsi dai suoi stan-
dei brani meno intensi e ispirati dell'album. dard più canonici e a dare un senso diverso all a narrazione tra-
mite l'utilizzo «ambienb, di un ipnotico giro di basso che sfocia
BAcK IN THE VlllAGE in un riff finale che i Maiden non si stancheranno mai d'autoci-
Fast rock al tritolo, Back In The Village emerge da un riff di straor- tare. Il brano, in effetti, è composto dall'assemblaggio non per-
dinaria potenza espressiva (che i Megadeth hanno, evidentemen- fetto di almeno quattro canzoni diverse; ta le operazione, lungi
te, studiato a fondo), in cui Smith suona un pattern solistico dal rappresentare l'eccezione nella produzione maideniana,
come fosse la più massiccia delle ritmiche. Ancora una storia di diventa, da questo momento in poi, la regola .
bombardamenti, uccisioni, devastazioni e di acre odore di morte
su tutto. Il metal rock dei Maiden è sempre più l'impietosa e più
credibile colonna sonora della nostra epoca malata.

68 69
IRON MAIDEN LA MUSICA: DISCOGRAFIA UFFICIALE

UVE AFTER DEATH Ancient Mariner e Hallo wed Be Thy Name ipnotizzano il pubblico
(EMI, '985) della Long Beach Arena mentre Running Free viene proposta con
una lunghissima coda final e in cu i Dickinson scatena il pubblico in
Prodotto da Martin Birch . un coro ossessivo ed eterno a cui i Maiden non hanno mai rinun-
Registrato a Las Angeles il '4, '5 e ,6 marzo '985 e a Londra 1'8, 9, ciato, se non neg li ultimissimi anni.
10 e ' 2 ottobre '984.
Mu sicisti: Steve Harris (bas so); Bruce Dickin so n (voce); Dave
Murray, Adrian Smith (chitarra); Nicko McBrain (batteri a) . SOMEWHERE IN TIME
(EMI, ' 986)
Intro: Churchill's 5peech / Aces High /2 Minutes To Midnight / The
Trooper / Revelotions / Flight or Icarus / Rime or The Ancient Mariner Prodotto e mixato da Martin Birch . Tecni co del suono: Sea n
/ Powerslave / The Number or The Beast / Hallowed Be Thy Name / Burrows.
lron Maiden / Run To The Hills / Running Free / Wrath child / 22
Regist rato ai Compass Stud ios di Nassau (Bah a ma s) e ai
Acacia Avenue / Children or The Damned / Die With Your Boots On / Wi sseloo rd Studios di Hilversum (Olanda) . Mixa to agli El ectric
Phantom or The Opera Ladyland Studios di New York (Usa).
Mus icisti: Steve Harri s (ba sso); Bru ce Dickin so n (voce); Dave
Per mol to tempo e per molti fan ancora, qu esto U ve After Murray, Adri an Smith (chitarra, tastiere); Nicko McB rain (batteria).
Death è sta to co nsiderato il miglior live heavy m etal di tutti i
tempi . Sicuramente, è stato il primo live dell'era meta l degli anni Caugh t 50mewhere In Tim e / Wasted Yea rs / 5ea or Madness /
Ottanta ad esse re realizzato in maniera così ri cca e so ntuosa. Heaven Can Wait / Th e Loneliness or Th e Long Distance Runner /
Pubblicato in edizione doppia (in epoca di vi nile), Uve After Death 5tranger In A 5trange Land / Deja Vu / Alexander The Great
viene accolto dai fan come le tavole della legge e come ta le viene
co nsiderato per moltissimo tempo. Martin Birch lavora al disco Co n 50 mewhere In Time, gli Iran Maiden si lasciano definitiva-
co n l' intento dichiarata di farne il Made In japan degli anni mente alle spalle il loro passato più strada iolo ed epidermico e
Ottanta e lo fa in maniera così perfetta che i più pignoli sto rcono il diventano una band di sofistica to metal rack, epico e complesso
naso di fronte alla quantità notevole di overdub . In ogni caso, la neg li arrangiamenti. L'ispirazione fantascientifica non corri sponde
forza d'impatto di quest'album è così forte da costituire un cardi- a una ve ra passione di qualcuno d ei m embri del gruppo; ma
ne imprescindibile per tutto il movimento heavy metal. Le sue ver- seg ue l'esigenza di costruire una scenog rafia credibile alla propria
sioni strepitose di 2 Minutes To Midnight, Revelations (che dimostra magniloquenza so nora e all e divagazio ni liriche di Dickinso n in cu i
dal vivo una potenza suggestiva decisamente superiore al disco), c'è di tutto, dal cinema, alla letteratura alla storia. L'unica cosa che
Aces High e Children or The Damned diventano dei ca pisaldi nella non c'è sono i vecchi Iran Maiden.
discografia d i qualunque appassionato di rock duro. Rime or The

70 7 I
IRON MAIDEN LA MUSICA: DISCOGRAFIA UFFICIALE

CAUGHT SOMEWHERE IN TIME furia della sezio ne ritmica . Erroneamente giudicato un brano
Il viaggio nel tempo dei Maiden inizia co n un fraseggio che si co mmerciale, Heaven Can Wait è un simbolo dell'irrequietezza
pone tra le cose migliori mai fatte dalla band ingl ese. Il brano è fonica del gruppo neg li anni Ottanta.
d'impatto forte, una posse nte cava lcata di frago roso meta I
rock che non conosce soste e si pone come uno dei grandi THE LONElINESS OF THE LONG DISTANCE RUNNER
classici da concerto del gruppo, sebbene un po' abbandonato Il brano è incentrato sui sa lti di quarta nota, che Harris usa allo
negli anni Novanta. sfinimento e che hanno sempre una presa melod ica immediata
nella costruzione di una canzone. Il drumming di McBrain si fa
WASTED YEARS forsennato e nel ritorn ello The Loneliness Of The Long Distan ce
Il primo singolo estratto dall'album si apre con un celeberrim o Runner diventa il brano più ve loce mai sc ritto dal gruppo.
botta-e-ri sposta tra le chitarre e la cassa della batteria che fa da Ricchissimo nell'arrangiamento, ma anche pieno di spunti già
spettacolare apripista per un hard rock dalle ritmiche sq uar- abbonda ntemente facenti parte del dna degli lrom.
cianti. Il tema del viaggio verso il nulla è ben prese nte anche in
questa canzone che più di altre seg na il definitivo passaggio STRANGER IN A STRANGE LAND
dalle forme orrorifich e del passato a una dimensione più rifl es- Il ritm o è a qu ell o di un mas siccio hard ro ck alla Deep
siva e letteraria, avva lendosi di un breve assolo di chitarra cen- Purple/Bad Compa ny e Dickinson mostra, dopo ta nto tempo,
tra le asso lutamente da antologia. una versatilità che si iniziava a sospettare non gli appartenesse.
Nel pezzo appaiono qua e là delle tastiere che danno un sapo-
SEA OF MADNESS re discretamente Seventies, pienamente in linea con il gu sto di
Il riff iniziale sembra una ca ricatura grassa e grezza di quello di Adrian Smith, autore del brano.
Back In The ViI/age. Il basso è in clamorosa evidenza, ben sopra
gli altri strum enti, definito e deciso nel costruire armonie leg- DEIA Vu
germente spag noleggia nti e frigie. Il tutto, ovviamente, immer- Il titolo già sembra un perico losissimo boome rang per una
so in un sound di fu oco che fa del volum e la sua principale band che inizia troppo spesso a rip etersi. In effetti, gli incroci
ri sorsa, mentre Dickinson mostra i limiti della sua interpretazio- melodici tra le chitarre (di cui gli Helloween e t utto il power
ne nella parte centrale rallentata, in cui non ri esce mai a scen- metal eu ropeo saran no infinitam ente debito ri) so no in for-
dere dal tono alto e urlato che gli è proprio. mato sta ndard . La grande ene rgia metallica del pezzo ri sulta
co munqu e particolarmente apprezzabile. Anche in questo
HEAvEN CAN WAIT brano ricorre il tema del tempo, in una trama che sa rebbe
Steve Harris incide con il basso una schizofrenica linea melodi- piaciuta m olto a Philip K. Dick (quello che fa cciamo è cas ua-
ca che viene presto raggiunta dalle mitragliate batteristiche di le o previsto? E se vivessimo ogni giorno le stesse cose senza
McBrain . Il resto della band si adegua affann osamente alla accorgercene?).

72 73
IRON MAIDEN LA MUSICA : DISCOGRAFIA UFFICIALE

AlEXANDER THE GREAT MOONCH ILD


Il viaggio nel tempo di Somewhere In Time si conclude con un L'obbligatorio speed iniziale non è di quelli che sono passati
capitolo dedicato ad Alessandro Magno, in un trionfo dell'epi- all a storia del gruppo. Ben costruito, forte e grintoso,
co e del magniloquente che fa impallidire i Manowar, a comin- Moonchild sconta un'eccessiva standardizzazione della struttu-
cia re dal recitato iniziale con le parole di Filippo di Macedonia, ra compositiva. Funzionale alla storia narrata nel disco ma ordi-
padre di Alessandro. Canzone-saga pretenziosa e ridondante, naria amm ini strazione.
sembra più una lezione di Storia di Dickinson che un brano
degli Iron Maiden. INFINITE DREAMS
Quasi a vo ler creare un parallelismo con The Number 01 Th e
Beast, il secondo brano è una ballata macabra che arriva presto
SEVENTH SON OF A SEVENTH SON ad un ritornello forte e drammatico. Dickin so n si esibisce in
(EMI, '988) una delle sue migliori e più intense performance voca li, contri-
buendo in maniera determinante al successo di quest'album.
Prodotto da Martin Birch.
Musicisti: Steve Harris (basso); Bruce Dickinson (voce); Dave CAN I PlAY WITH MADNESS
Murray, Adrian Smith (chitarra); Nicko McBrain (batteria). Primo singolo estratto dall'album, Can I Play With Madness,
suscita al principio diverse perplessità tra i fan per la sua smac-
Moonchild / Infinite Oreams / Can I Play With Madness / The Evil cata commercialità e per le melodie pop (sebbene maciullate
That Men Do / Seventh Son Of A Seventh Son / The Prophecy / The da lla voce rabbiosa di Dickinson), ma rivela, quasi subito, un
Cfarvoyant / Ollly The Good Die Young enorme potenziale Iive che ne fa uno dei ritornelli più indovi-
nati nella carriera del gruppo inglese.
Seventh Son 01 A Seventh Son esord isce direttamente al numero
1 della classifica ingl ese. L'id ea di un disco concept conquista THE EVll THAT MEN Do
senza riserve il pubblico del gruppo innamorato della magnifica La formula della cavalcata è una delle più amate da Steve Harris,
g randeur della band, delle sue scenografie spettaco lari (che, con il ma The Evil That Men Do è uno dei brani dove il compito è stato
tou r di questo disco, raggiungono l'apice delle dimensioni) e della svolto in maniera esemplare. Dickinson alza progressivamente il
sua inquietudine esistenziale e ideologica. tiro, prima recitando e poi arrivando sulle tonalità alte e urlate
Lo storia del concept (che ruota intorno alla vicenda di un raga zzo che gli sono più congeniali. È da rilevare che questa canzone
che può prevedere il futuro) è scritta da Dickinson, le cui ambizio- rappresenta un valido esempio di come il «modus suonandi"
ni letterari e sono sempre state palesi e, a volte, in contrasto con la degli Irons si sia modificato nel tempo, facendo regolarmente
carriera dei Maiden. Questo resta l'unico caso in cu i si sono sposa- iniziare i pezzi con degli arpeggi o dei fra seggi melodici di chi-
te perfettamente. tarra, piuttosto che con i riff distorti e brutali del passato.

74 75
IRON MAIDEN LA MUSICA: DISCOGRAFIA UFFICIALE

SEVENTH SON OF A SEVENTH SON chitarre uguali, senza la ritmi ca che viaggia al di sotto per dise-
Parte centra le e dominante de ll a storia, Seventh Son Of A gnare il tappeto ritmi co. Brano nella media dei Maiden, senza
Seventh Son è solenne e declamatoria, con un Dickinson che si infamia né lode, che serve soltanto a concludere la storia ma
erge a litanioso cerimoniante di riti ancestra li. Con questo non a essere ricordato a lungo dai fan.
pezzo, i Maiden scrivono un capolavoro del meta l epico, avva-
lendosi di un grandioso arrangiamento che incrocia le ritmiche
in una poderosa trama sonora che getta ombra persino sugli NO PRAYER FOR THE DYING
altri brani dell'album. (EMI,1990)

THE PROPHECY Prodotto e mixato da Martin Birch . Tecnici del suono: Mike
Delicatamente introdotta da un arp eggio da ballata, The McKenna e Les Kingham.
Prophecy si apre presto in un hard rock ondeggiante e apocalit- Registrato con il Rolling Stone Mobil e in Inghilterra. Mixato ai
tico che, forse, avrebbe meritato più attenzione in fase di arran- Battery Studios di Londra (Inghilterra).
giamento. Le melodie drammatiche e quasi folkeggianti vengo- Musicisti: Steve Harris (basso); Bruce Dickinson (voce); Dave
no spesso interrotte da cambi di tempo di cui si perde la logica Murray, Janick Gers (chitarra); Nicko McBrain (batteria); Michael
strada facendo. Rimane, comunque, un capolavoro assoluto il Kenney (tastiere).
profondo e tragico giro acustico finale che nasce dalle ultime
note delle chita rre elettriche. Taifgunner / Hofy Smoke / No Prayer For The Dying / Public Enema n.
1/ Fates Warning / The Assassin / Run Sifent Run Deep / Hooks In You
THE ClAIRVOYANT / Bring Your Daughter.. . To The Sfaughter / Mother Russia
Il chiaroveggente (una delle figure di Eddie) riesce finalmente a
vedere chiaro nel destino del protagonista della storia e la Dopo la grandiosità concettuale e scenografica di Seventh Son
musica si fa rimbombante coro quasi biblico. Dickinson canta Of A Seventh So n, gli Iron Maiden decidono di ri tornare a una
«C'è un tempo per vivere / E uno per morire / Quando devi dimensione più «umana" rinunciando alla spettacolarità esagerata
incontrare il creatore / C'è un tempo per vivere / Ma non è dei procedenti tou r. Ma il presupposto ritorno alle origini si rivela
strano, dopotutto? / Come velocemente nasci / Così veloce- non fe lice, a causa della vena poco ispirata che avvolge i brani di
mente muori", sa ltando tra spezzoni di brano e parti separate No Proyer For The Dying. Adrian Sm ith è uscito dalla band, sostitui-
che vanno a formare un corpo coerente votato alla massima to dall'ex White Spirit e lan Gi llan Band Janick Gers e si evidenzia
presa live. subito quanto importante fosse il contributo di Smith nella fase
compositiva, con il suo riffing tagliente e le sue tendenze «van ha-
ONlY THE Gooo OIE YOUNG len iane •• a fare da contraltare al l'approccio troppo ripetitivo degli
Il riff iniziale è penalizzato dal fatto di essere suonato da due altri componenti del gruppo.

76 77
IRON MAIDEN LA MUSICA: DISCOGRAFIA UFFICIALE

TAILGUNNER FATEs WARNING


l'album si apre con questo up-tempo di mestiere. l e melodie Brano costruito solo co n la forza della professionalità, introdot-
sono sfo rate e poco co invo lgenti e tutto il tono generale è to da un arpeggio sco ntato e sviluppato su una altrettanto
quello di uno scarto di precedenti lavori . Il pezzo parla del scontata cavalcata in terzi ne che si annoda in un bridge quasi
bombardamento di Dresda del 1945 da parte degli alleati pop. la sensazione preva lente è che gli Iron Maiden abbiano
(secondo alcune fonti : 200mi la morti) ma si tratta solo di un già suo nato e in ciso questa canzo ne almeno una decina di
macabro espediente che non ne ri solleva le so rti. volte in precedenza.

HOLY SMOKE THE ASSASSIN


Unanimemente ricon osciuto dai fan degli Iron Maiden come il Pezzo se nza capo né coda, privo d'energia e d'architetture
peggior brano mai scritto dal gruppo britannico nella sua pur sonore degne d'interesse. È salvato solo dagli splendidi assoli
lunga carriera, Holy Smoke è anche il primo singolo estratto dal della coppia Murray-Gers, che si scam biano ritmiche e parti
disco. Giudicato una specie di auto-parodia pop del sound del soliste con eccezionale equilibrio.
gruppo, prese nte invece una interessa ntissima parte cen tral e
costruita intorno ad uno dei migliori assoli di Murray. RUN SILENT RUN OEEP

Run Silent Run Deep sta alla produzione degli Iron Maiden
No PRAYER FOR THE DVING come la timbratura obbligatoria del cartellino. Stanca e priva di
Il manierismo e la stanchezza fanno sì che la band incida quella convinzione, si gioca la carta del rabbioso mid-tempo, ma il
che è soltanto una pallida imitazione di brani come Children Of tutto è senza convinzione, originalità e penalizzato da una pro-
The Damned e Infinite Dreams. Brano che li ricord a in tutto tran- duzione approssimativa.
ne che nella drammaticità esecutiva e nella freschezza compo-
sitiva, sembra fatto ril ega ndo pezzi d'altre ca nzoni. HOOKS IN You
Brano aggressivo e forte ma anch'esso soffre della malattia che
PUBLIC ENEMA NUMBER ONE attanaglia tutto l'album, ovvero la mancanza d'ispirazione e il
Caratterizzata da una buona ritmi ca chitarristica, serrata e urti- manierismo.
cante, Public Enema Number One riporta i Maiden ai tempi di
Powersla ve o di Piece Of Mind. È sig nificativo il fatto che sia stata BRING YOUR DAUGHTER ... To THE SLAUGHTER
scritta da Dave Murray e Bruce Dickinson, senza la partecipa- Nato co me colonna sonora di Nightmare V e originariamente
zione di Harri s e, quindi, priva di ambizioni prog che il leader prodotto da Dickinson come solista, è l'unico brano di que-
sem bra voler seg uire in maniera massiccia per la «sua» band. st'album ad aver avuto l'onore di resistere per molti anni nella
sca letta co ncertistica dei Maiden. Hard rock in stile anni
Settanta con qualche spruzzata di AC/ DC, il tutto confluente

78 79
IRON MAIDEN LA MUSICA: DISCOGRAFIA UFFICIALE

verso un anthem faci le ma efficace come un horror di serie B. sifiche ing lesi e, secondo alcune fonti, resta oggi il più vendu to
della carri era del gruppo. Sicuramente è l'ultimo da cui vengono
M OTHER RUSSIA tratti dei classici da concerto duratu ri (Fear Of The Dark) e il cui
L'idea melodica di questo pezzo sarà sfru ttata da Harris dopo primo singolo estratto sia uno speed metal (Be Quick Or Be Dead).
solo un paio d'anni per creare Fear Of The Dark, uno dei brani
più famosi deg li lrons. Qu i se mbra che l' intuizio ne sia solo BE QUI CK OR BE DEAO
abbozzata e la canzone fini sce per perdersi nel ma re dell'in- Inizio da terremoto, a base di un fast meta l al tri tolo, condotto
conc lu denza, non ri sultando né abbastanza suggestiva (sul per mano dal drumming forsennato di Nicko McBrain e porta-
modello di Ru ss ians d i Stin g), n é adeg uatamente dura . to all'epilessia dalle chitarre mitraglianti d i Gers e Murray e dal
Quando gli lron Maiden hanno sperimentato abbozzi di prog, basso di Harris, Dickinson infarcisce la violenza sonora con cita-
non ne è mai venuto fuori niente che accontentasse i fan in zioni shakespea riane (<<II serpente sta strisciando nel tuo orec-
maniera duratura. chio», da Amleto), ma nella bolgia che dal vivo regolarmente si
scatena, pochi ci fanno caso .

FEAR OF THE DARK FROM H ERE To ETERN ITY


(EMI, 1992) Nel giro di chitarra iniziale, il pezzo semb ra quasi un tributo
agli AC/ DC e tale sensazione viene rafforzata dal ritornello che
Prodotto da Martin Birch e Steve Harris. recita: «Hell ain't a bad piace I Hell is from here to etern ity»,
Registrato e mixa to ai Barnya rd Studio s, Essex (Inghi lterra). laddove g li AC / DC cantavano Heff Ain't A Bad Piace To Be.
Mus icisti: Steve Harris (basso); Bruce Dickinson (voce); Dave Nonostante qu esto (o fors e, p roprio pe r questo), il pezzo
Murray, )anick Gers (ch itarra); Nicko McBrain (batteria); Michael co nosce un grande successo e diventa una presenza fissa ai
Kenney (tastiere). concerti per diversi anni .

Be Quick Or Be Dead / From Here To Eternity / Afraid To Shoot AfRAIDTo SHOOT STRANGERS
Strangers / Childhood's End / Wasting Love / The Fugitive / Chains Of Brano che inizia in maniera soffice, regolato dal basso che gira
Misery / Th e Apparition / Judas Be My Guide / Weekend Warrior / su di una linea ondeggiante, spezzata dall'arrivo delle chitarre
Fear Of The Dark che ri ca mano un avvo lgente riff degno d i Haffowed Be Thy
Name e deg li lrons più apocalittici, acca rezzato da lle tastiere di
Il nuovo album degli lron Maiden è accolto con spasmod ica Michael Kenney.
attesa dai metal fan che vedono nel gruppo inglese gli alfieri della
fede, i «defenders of the faith» più credibili in grado di fronteggia- FEAR Is THE KEY
re la minaccia del g run ge. Il disco arriva al primo posto delle clas- Ritmi cadenzati e vagamente orientaleggianti arricchiscono le clas-

80 8 l
IRON MAIDEN LA MUSICA : DISCOGRAFIA UFFICIALE

siche trame cavalcate dei Maiden con spunti presi in prestito dai THE ApPAR ITION
Led Zeppelin di Kashmir, ma senza lasciare tracce degne di nota. Pezzo lungo e prolisso, dalla stru ttura scheletrica e privo di una
logica coe rente. Gli Iron Maiden g iocano a fare i Jeth ro Tull
CHILDHOOO' S END senza averne la rigorosità formale. La capacità di coinvolgimen-
La chita rra intreccia una melodia che, a ben vedere, costituisce to della canzone è minima, così come lo sforzo compositivo
il tema portante di tutto il disco e che si reali zzerà in maniera profuso da Harris e Gers nel realizzarla.
compiuta solo nel brano finale. A tratti, sembra che i suoni
delle chita rre ri chiamino melodie ce lti che e irlandesi, ma è JUDAS BE Mv GUIDE
un'impressione che non si mantiene costante, sovrastata dalle Ritorna il tema melodico ca ratteri stico di tutto l'album e Judas
ritmiche acuminate che si evolvono regolarmente in up-tempo Be My Guide risulta uno dei pezzi migliori del disco, con uno
anche abbastanza prevedibili. sca rnifi ca nte e co rpo so arran giamento in accord i ape rti che
ri porta ai tempi migliori della NWOBHM, a metà strada t ra
WASTING LOVE Saxon e Tygers Of Pan Tang. I Maiden, quando ricalcano i sen-
Ballata romantica e drammatica che la band inglese ha sempre tieri che hanno lo ro stessi percorso per primi, sono ai verti ci
amato molto , proponendola volentieri dal vivo. Bruce assoluti dell'hard'n'heavy.
Dickinson si esprime come un Coverdale più sg raziato e rude,
ma ugualmente passiona le (e sono diverse le affinità tra questa WEEKEND WARRIOR
ca nzone e Is This Love? dei Whitesnake), centrando in pieno il Brutto tentativo di hard americaneggiante, fatto di break acu-
cuore dei fan. stici (con cassa in sottofondo) a spezzare il tessuto armon ico,
costruito su di un riffi ng elementare e grezzo. Il brano pa rl a
THE FUGITIVE degli hooligan e del calcio (argomenti ca ri al grande tifoso
Un riff povero e potente introduce questo brano che risulta let- Steve Harris), ma senza convinzione e credibilità, e affoga pre-
tera lmente dominato dal basso. Ispirato dal film Il fuggitivo con sto nella mediocrità.
Harri son Ford, è un altro di quei brani fatti con grande perizia
ma pochissima ispirazione, per riempire lo spazio di un album. FEAR OF THE DARK
L'inten sità, il pathos e l'in credibile profondità concettuale
CHAIN OF MISERV fanno d i questo brano un capolavoro che resiste nel tempo alla
Robusto metal shuffle che non può non ricordare i Whitesnake pa ri dei grandissimi cla ssici del gruppo e di tutto il genere
di '987, è uno dei pochi brani del disco nella cui fase compositi- metal. Fear Of Th e Dark è un viaggio breve ma intensissimo nel-
va Harris non è intervenuto. Lo stile, infatti, si discosta abba- l'abisso nero dell'anima, nella paura dell'horror vacu i e dello
stanza dai classici sti lemi maideniani, ma ciò non basta a ren- smarrimento esistenziale . La «paura de l buio » cantata da
derlo un brano memorabile. Dickin son è quella di un vuoto d'emozioni che attanag lia l'u-

82 83
IRON MAIDEN LA MUSICA: DISCOGRAFIA UFFICIALE

manità, a cui è impossibile dare forma finita. In maniera ridutti- Of The Dark / Bring Your Daughter... To The Slaughter / The
va, sembra quasi che questo brano sia l'epitaffio e la pietra Ciairvoyant / Heaven Can Wait / Run To The Hiffs / 2 Minutes To
tombale del metal «classico» di fronte all'avanzata imperiosa e Midnight / lron Maiden / Haffowed Be Thy Name / The Trooper /
disgregante del grunge ma, in realtà, è molto di più. È la matu- Sanctuary / Running Free
razione definitiva della cultura metal che è giunta a guardare
nel precipizio dell'età adulta, scoprendo che i propri demoni Uscito quasi in sordina e stranamente non promosso a dovere
non sono affatto scomparsi ma, al contrario si sono moltiplica- (a differenza dei quasi contemporanei A Real Uve One e AReai
ti. Dal vivo, il pubblico canta a squarciagola la propria «paura Dead One), Live At Donington è il miglior live pubblicato dalla band
del buio», nel chiaro tentativo di esorcizzarne i fantasmi, inglese e uno dei più grandi dischi dal vivo nella storia del rock,
sapendo bene che sono sempre presenti, pronti ad aggredire e che offusca il mito anche del precedente Uve After Death. È stato
divorare chi si fa trovare con l'anima riempita solo di vuoto considerato per molto tempo un semi-bootleg poiché si tratta
cosmico. la solennità dell'introduzione e del ritornello (infram- della trasposizione discografica dell'omonimo video ma è proprio
mezzato da violente strofe cariche di una sarcastica abrasività) ciò che ne costituisce l'incredibile forza esplosiva.
hanno le cadenze della marcia funebre e descrivono meglio Registrato in una sola data e senza sovraincisioni, Live At Donington
d'interi discorsi il senso di spaventosa solitudine a cui si è desti- ci restituisce dei Maiden al top della forma e nella tonante espres-
nati, perfettamente riassunti nel disperato verso finale: «E sività che gli è propria dal vivo e che, troppo spesso, in studio,
quando cammino in una strada oscura scopro di essere colui viene soffocata dagli artifici della produzione e dalla preoccupa-
che cammina da solo». zione dell'arrangiamento. Gli errori esecutivi e il suono non perfet-
tamente bilanciato sono elementi che, invece di andare a detri-
mento dell'opera, ne accentuano la ferocia sonora, mandando in
UVE AT DONINGTON visibilio l'oceanica folla del Monsters Of Rock di Donington (oltre
(EMI, 1993) 70mila spettatori; sul palco si erano esibiti, nella stessa giornata,
Skid Row, Slayer, Wasp e Thunder) e trasportano il concerto «in
Registrato a Casti e Donington (Inghilterra) il 22 agosto 1992 casa», come ogni live rock dovrebbe fare. Senza farsi pregare, i
durante il festival Monsters Of Rock. Maiden sparano in sequenza un trionfo di violenza come la triade
Tecnico del suono: Mick McKenna. Be Quick Or Be Dead I The Number Of The Beast I Wrathchild da
Musicisti: Steve Harris (basso); Bruce Dickinson (voce); Dave antologia, bilanciando perfettamente vecchio e nuovo. Il pubblico
Murray, Janick Gers (chitarra); Nicko McBrain (batteria). è sempre ben presente nell'audio, sottolineando con il suo entu-
siasmo e i suoi cori i momenti salienti del concerto. Da brividi
Be Quick Or Be Dead / The Number Of The Beast / Wrathchild / From sono i cori all'unisono di Fear Of The Dark e Wrathchifd, con un
Here To Eternity / Can I Play With Madness / Wasting Love / Dickinson esaltato e compiaciuto del trionfo in patria. Nicko
Tailgunner / The Evil That Men Do / Afraid To Shoot Strangers / Fear McBrain appare all'apice della sua evoluzione batteristica, vera

84 85
IRON MAIDEN LA MUSICA: DISCOGRAFIA UFFICIAL e

piovra a molte braccia capace di far parlare la propria batteria e di Remember Tomorrow / Where Eagles Dare / Sanctuary / Runnlng
condurla su lidi di furia ritmica sconosciuti anche a molti drummer Free / Run To The Hllls / 2 Minutes To Midnight / Iron Maiden /
di meta l estremo, nonostante degli errori clamorosi dovuti, evi- Hallowed Be Thy Name
dentemente, alla troppa foga. Il pubblico canta spesso anche per
accompagnare i giri di ch itarra più famosi (The Evil That Men Do) Progettato per essere il «vero» live ufficiale della seconda parte
creando sensazioni di completa estasi e abbandonandosi a questa della ca rri era del gruppo e annunciato con una grande campagna
celebrazio ne solenne dell'heavy metal che giunge proprio quando promozionale, AReaI Live/ Dead One fallisce clamorosamente il
l'avvento del grunge ne dichiara ufficialmente chiusa la fase glo- bersaglio. l'assemblaggio di diverse date e la produzione di Steve
rio sa e pionieristica. AI culmine della sca lata, quando si guarda Harri s in luogo dell'esperto Martin Birch penalizzano notevolmen-
tutti dall'alto e si può solo iniziare a scendere, si respira un'aria te la resa sonora complessiva e privano di ca ri ca anche i grandi
ca rica di energia metallica che viene da versioni poderose di 2 classici del gruppo, soprattutto se paragonati alle folgoranti ver-
Minutes To Midnight (autentiche bolgie infernali di pogo t ra le sioni contenute nel più spontaneo e micidiale ~ive At Donington. I
migliaia di persone presenti allo show), lron Maiden, Sanctuary e due Real, tra l'a ltro, sono registrati durante il tour d'addio di Bruce
dal bestiale inno finale di Running Free. Dickinson che appare, infatti, spesso svogl iato e fuori forma. A
Real Uve One è il resoconto dei Maiden più «recenti», mentre A
Real Dead One avrebbe dovuto essere un vero e proprio regalo ai
A REAL UVE ONE / A REAL DEAD ONE fan t ramite l'in serimento di alcuni vecchi brani dimenticati dal
(EMI, ' 993) repertorio live standard (spesso abbastanza prevedibile) della
band. In realtà, le «ch icche» sono solo quattro (Prowler, Remember
Prodotto e mixato da Steve Harris. Tomorrow, Where Eagles Dare e lo strumenta le Transylvania) di cui
Registrato durante il tour europeo del'993. una (Remember Tomorrow) già presente nel primo mini-album live
Musicisti: Steve Harris (basso); Bruce Dickinson (voce); Dave Maiden japan. La sca letta di AReaI Live, invece, è una sta nca pro-
Murray, Janick Gers (chitarra); Nicko McBrain (batteria). posizione degli ultimi successi (da Heaven Can Wait a Fear Of The
Dark) in cu i le sovraincisioni e il lavoro di taglia-e-incolla hanno
A REAL LrvE ONE danneggiato l'impatto heavy che tali canzoni possono vantare.
Be Quick Or Be Dead / From Here To Eternity / Can I Play With
Madness / Wasting Love / Tailgunner / The Evi! That Men Do / Afraid
To 5hoot 5trangers / Bring Your Daughter.. . To The 51aughter / THEX FACTOR
Heaven Can Wait / The C1airvoyant / Fear Of The Dark (EMI, '995)

A REAL DEAD ONE Prpdotto e mixato da Steve Harris e Nigel Green.


The Number Of The Beast / The Trooper / Prowler / Transylvania / Registrato ai Barnyard Studios, Essex (Inghilterra).

86 87
IRON MAIDEN LA MUSICA: DISCOGRAFIA UFFICIALE

Musicisti: Steve Harris (basso); Blaze Bailey (voce); Dave Murray, tra sonorità tardo Seventies e l'auto-citazione (l'inizio è quasi
Janick Gers (chitarra); Nicko McBrain (batteria). identico a From Here To Eternity). Qualche arrangiamento sopra
la media dà spessore ad un brano che, altrimenti, non ne
Sign Of The Cross / Lord Of The Flies / Man On The Edge / Fortunes avrebbe se non in minima parte.
Of War / Look For The Truth / The Aftermath / Judgement Of Heaven
/ Blood On The World's Hands / The Edge Of Darkness / 2 A.M. / The MAN ON THE EOGE
Unbeliever Agile e trascinante speed metal, ispirato al film di Joel
Shumacher con Michael Douglas Un giorno di ordinaria follia.
Quando la band annuncia il nome del nuovo cantante, sono in Blaze dà il meglio di se stesso in questo pezzo nevrotico e diret-
molti a sperare in un ritorno alle sonorità aggressive dei primi to come un tracciante missilistico. Le note iniziali ricordano
tempi. Blaze Bailey non ha la vocalità epicheggiante di Dickinson qu elle di The Evi! That Men Do, ma quando parte la batteria di
ma, nonostante questo, i brani sembrano scritti tutti proprio per la Nicko McBrain, la furia devastante del suono riporta immedia-
voce di Dickinson, lasciando l'ex Wolfsbane alla mercé dei suoi criti- tamente i Maiden ai primi, gloriosi anni della loro carriera.
ci. La voce, infatti, si rivela l'anello più debole di un album con
molte carenze compositive che non soddisfa nessuno e che fa pen- FORTUNES O, WAR
sare ad un declino graduale del gruppo nelle preferenze dei fan. Brano scritto interamente da Harris, riflette gli umori riflessivi e
onirici che ne ca ratterizzano la vena compositiva da Seventh
SIGN O, THE CROSS Son in poi. Il basso ricama arpeggi funerei e suggestivi, sebbe-
I cori gregoriani del The Xpression Choir (composto da autenti- ne abbastanza ripetitivi e anche le chitarre entrano in maniera
ci monaci spagnoli) introducono il brano, sancendo una stimo- quasi timida, senza il sacro furore del passato ma con circospe-
lante alleanza tra canto sacro e suono profano, se non addirit- zione e cautela. An cora una volta, Blaze si trova a cantare un
tura blasfemo del gruppo inglese. L'atmosfera lugubre sale len- brano nato palesemente per l'enfasi canora di Dickinson e non
tamente ma poi il crescendo viene interrotto bruscamente dal- riesce a dare la giusta forza al ritornello.
l'esplodere del ritmo . Blaze Bailey è chiaramente in difficoltà
poiché questo brano, un mid-tempo cadenzato ed evocativo LooK FaR THE TRUTH
che assume i connotati della litania inquisitoria, sempre essere È difficile capire come gli Iran Maiden abbiano potuto partorire
stato scritto apposta per la vocalità di Dickinson. Quando que- una canzone così priva di mordente e di senso come Look For
st'ultimo ritornerà nella band, sarà uno dei primi brani che The Truth. Si tratta, chiaramente di un riempitivo scritto in fretta
riprenderà e riadatterà al suo stile vocale. e furia in cui tutti i componenti del gruppo danno il peggio di
se stessi per cinque, lunghissimi minuti .
LORO O, THE FlIES
Primo singolo tratto dall'album, Lord or The F1ies viaggia a metà

88 89
IRON MAIDEN LA MUSICA : DISCOGRAFIA UFFICIALE

THE AFTERMATH Con rad, Cuore di tenebra) e la musica esplode forte e lenta
Ancora un arpeggio iniziale e una chitarra che ricorda il come commentario di visioni ca ldo-um ide da giungla indoci-
Michael Schenker degli MSG. Tempo corazzato e macilento al la nese. La parte centra le è la so lita celebrazione onanistica del
Ronnie )ames Dio ultima maniera (cioè, la peggiore) che con- passato co n la riproposizione di un giro di chitarra che è stato
serva almeno un buon impatto generale, anche se si attende ripetuto fino alla nausea. Per loro sfortuna, nello stesso anno, i
sempre un'impennata che non arriva mai. tedeschi Grave Digger pubblica no Heart Of Darkness, ispirato
anch'esso al film di Coppola ma di ben altro spessore sonoro e
)UOGEMENT OF HEAVEN potenza suggestiva . I cambi di tempo servono solo a mettere
La linea voca le di Bailey, a tratti, sembra presa in prestito da in maggiore evidenza i limiti di Blaze.
quella di Paint It Black dei Rolling Stones se non fosse per il
fatto di trovarsi spesso fuori tonalità. Anche in questo caso, 2A.M.
sembra non ci sia stato il minimo sforzo compositivo se non Triste ballata «p roletaria» che narra delle quotidiane sconfitte
quello di assemblare riff e giri armonici attaccati tra loro con esistenziali di una working class senza futuro e speranza (<<La
uno spago sotti le. La chitarra di Murray è priva di una compa- vita sembra così patetica / Avrei solo vog lia di lasciarmi tutto
gna efficace a tenerg li la ritmica. Il testo para-religioso e il ritor- dietro le spalle»). Raffa zzo nata nell'arran g iamento, cela una
nello dichiaratamente pop affossano definitivamente questo sincerità dell'ispirazione e un forte sentimento di malinconia
pezzo . che avrebbero meritato una magg iore attenzione.

BLOOO ON THE WORLD'S HANOS THE UNBELIEVER


I preziosismi di Harri s al basso costituiscono il motivo di mag- Tentativo di inserirsi in trame prog, The Unbeliever invade terri-
giore interesse del brano. Semp re poco incline agli esibizioni- tori di competenza di gruppi come Dream Theater e Magellan
smi, in Blood On The World's Hands, il bassista e leader della e si rivela una sorpresa di notevole caratura, pur lasciando i fan
formazione si lascia andare a brevi momenti di auto-celebrazio- «storici » con molte perple ss ità per il corso intrapreso dalla
ne strumentistica che rimangono la traccia migliore di un band . Diversi ca mbi di tempo e battuta, sommati a una struttu-
pezzo che, invece, stenta sempre a decollare e si aggrovig lia su ra «irregol are» fanno di questo pezzo uno degli esperimenti
se stesso in cerca di uno sbocco melodico che non arriva mai. più audaci del combo inglese, noto per il suo conservatorismo
ad oltranza.
THE EOGE OF DARKNESS
Come Man On The Edge anche The Edge Of Darkness è una can-
zone-fi lm, incentrata cioè su una pa rti colare pellicola cinema-
tografica. Questa vo lta si tratta d i Apocalypse Now di Francis
Ford Coppola (tratta, a sua vo lta, dal romanzo di )oseph

90 91
IRON MAIDEN LA MUSICA: DISCOGRAFIA UFFICIALE

VIRTUALXI ci risultano affrontati in maniera più credibil e di quanto fosse


(EMI, ' 998) stato fatto su Somewhere In Time, grazie anche all'apporto lirico
di Bailey, che nei suoi album solisti insiste rà molto su queste
Prodotto e m ixato da Steve Harris e Nigel Green . atmosfere.
Registrato ai Barnyard Studios, Essex (Inghilterra).
Musicisti: Steve Harris (basso, tastiere in The Clansman, The Angel THE AN GEl ANO THE GAMBLER
And The Cambler e Don't Look To The Eyes 01 A Stranger); Blaze Dopo From Here To Eternity e Lord 01 The Flies, anche in que-
Bailey (voce); Dave Murray, Janick Gers (chitarra); Nicko McBrain st'a lbum il seco ndo brano è un pezzo dalle sonorità decisa-
(batteria); Michael Kenney (tastiere). mente anni Setta nta. Le tastiere sono molto in evidenza e si
vorrebbe un g rande appeal radiofonico per tale canzone, ma i
Futureal / The Angel And The Cambler / Ughtning Strikes Twice / The Maiden non sono gruppo da programmazione radio pop e il
Clansman / When Two Worlds Collide / The Educated Faol / Don 't pezzo finisce pe r sco ntenta re tutti, anche per la sua sca rsa
Look To The Eyes 01 A Stranger / Como estais amigos capacità di coinvolgimento.

The X Factor fa storcere il naso a più d'un fan di vecchia data, LIGHTNIN G STRIKES TWICE
ma gli Iran Maiden va nno avanti imperterriti per la loro strada, La canzone inizia come una sofferta ballad, ma il morbido tes-
rilanciando. Oltre al nuovo album, più rifinito e curato del prece- suto sono ro è presto squa rciato da vio lente sch itarrate che,
dente, annunciano co ntemporaneamente l'uscita di un videoga- però, non danno drammaticità al tutto. I ca mbi di tempo
me basato sulle avventure di Eddie. Pochi capiscono dove finisca il appa iono casuali e installati senza un processo coerente. Se da
g ruppo e inizi il videogioco. Tutto ciò che ruota intorno alla band questo brano fossero state generate tre ca nzon i diverse, il risul-
sembra assu mere il ca rattere di un ' immensa fabbrica del merchan- tato sarebbe stato migliore e meno confu sionario.
dising in cu i la mu sica assume un va lore secondario. L'album è,
ancora una vo lta, prodotto da Steve Harri s ma, dal punto di vista THE ClANSMAN
musicale, si rivela una mezza delusione, anche se viene difeso a Uno strano destino porta gli Iran Maiden degli anni Novanta a
spada tratta dai membri del gruppo che, però, si affrettano a dare inseguire l'ispirazione dei tedeschi Grave Digger (già questa di
una buonuscita a Blaze per rich iamare in fretta e furia Bru ce seconda mano). Dopo The Edge 01 Darkness che fa il verso a
Dickinson, prima che il danno diventi irreparabile. Heart 01 Darkness del combo teutonico, arriva The Clansmon e
la sua ambientazione non è casuale. L'anno precedente, i Grave
FUTUREAl Digger hanno ottenuto il loro maggior successo con l'album
Il riff in iziale è un classico giro maideniano, ma le ch itarre man- Tunes 01 War, tutto ispirato alla storia della Scozia, di William
cano di forza e di personalità, colpa anche della produzione «Braveheart» Wallace e dei suoi antenati e pronipoti va ri. Un
non all'altezza di Steve Harris. I temi fantascientifici e ciberneti- polpettone pseudo-storico discutibile da punto di vista dei con-

92 93
IRON MAI DE N LA MUSICA: DISCOGRAFIA UFFICIALE

tenuti (se ppur fo rmalm ente in eccepib ili), m a dall'enorme COMO ESTAIS AMIGOS
impatto sonoro che fa registrare per il g ruppo tedesco veri e Ballata dolente e intensa, ben ca ntata da Blaze che sui ton i
propri record di vendite. Gli lron Maiden seguono a ruota, tra- medi e bassi si trova molto più a suo agio. Uno dei pezzi più
vestendo Eddie da fiero ribelle scozzese e partorendo una can- part ico lari dell'a lbum che avrebbe meritato miglior fortuna
zone di oltre nove minuti che finirà per piacere - paradossal- nelle preferenze del gruppo.
mente - solo a Bruce Dickinson.

WHEN Two WORLDS COLLIDE BRAVE NEW WORlD


Insieme a Futureal, è il brano a cui Blaze ri sulterà più affeziona- (EMI,2000)
to, suonandolo spesso nelle sue to urneé so liste. Il tema futuri-
stico e ca tastrofico dell'impatto tra un meteorite gigante e la Prodotto da Kevin Shirley. Co-prodotto da Steve Harris. Tecnici del
terra solletica la fantas ia del cantan te e il pezzo gode di una suono: Denis Caribaux, Nickolas Meyer e Rory Romano.
delle sue m igliori interpretazioni . Niente di trascendentale, ma Regi strato ai Guaillaume Tell Studios di Parigi (Francia).
un 'ottima successione armonica che rico rda a tratti Fear or The Musicisti: Steve Harri s (basso e tastiere); Bru ce Dickinson (voce);
Dark. Murray giganteggia co n un assolo di chitarra blackmoria- Adrian Smith, Janick Gers, Dave Murray (chitarra); Nicko McBrain
no eseguito con grandissima disinvoltura. (batteri a).

THE EDUCATED FoOL The Wicker Man / Ghost or The Navigator / Brave New World / Blood
Un inco nfondibile arpegg io iniziale suonato al basso fa capire Brothers / The Mercenary / Dream or Mirrors / The Fallen Angel / The
che il brano è stato scritto per intero da Harris, con tu tto ciò Nomad / Out or The 5i1ent Planet / The Thin Line Between Love And Hate
che ne consegue in termini di fantasia compositiva. Arriva ine-
vitabilmente il mid-tempo straziato e cadenzato (e la parte cen- Il rito rno nella line-up di Bruce Dickinson e di Adrian Smith
trale veloce co n annessi assoli di chitarra a profusio ne) che sfo- rinfocola l'entusias mo dei fan e fa registrare numeri da capogiro
cia in un coro in cu i gli Iron Maiden abbracciano senza ambi- per il tour del 1999. Brave New World viene atteso in maniera spa-
guità la ca usa dell'epic metal. smod ica e seguito da un tour sontuoso, in cu i pochi si accorgono
dei profondi ca mbiamenti che la band sta operando sul proprio
DON'T LOOK To THE EVESOF A STRANGER so und . Le melod ie si fanno più ampie e i temi trattati sembrano
Le chitarre st oppa te iniziali conferiscono al p ezzo un tono influ enzati dal power metal eco logista e new age nordeuropeo
macabro e parodistico, da teatro g rand guig nol che immedia- (Stratovarius, Nightwish), anche se gli lron Maiden non lo ammet-
tamente si va a rifugiare nell'abbraccio sicuro dei tempi e del terebbero mai pur di difendere il proprio ruolo di ultimi rappre-
riffin g più t radi ziona lm ente maideniano . Senza dubbio, sentanti britannici di un genere il cui testimone è già da molto
comunque, il miglior brano dell'album. tempo passato in altre mani.

94 95
IRON MAIDEN LA MUSICA: DISCOGRAFIA UFFICIALE

THE WICKER MAN ann i del gruppo e mostra una band più vicina ad un buonismo
Dopo molti anni, gli lron Maiden tornano ad un singolo dal rill da pensionati di lusso che alla ferocia dei rocker di periferia
di chitarra aggressivo e potente che sembra provenire dalle ses- degradata che erano un tempo.
sion di Powerslave. Il brano è anche il primo singolo estratto
dall'album e risulta una scelta azzeccata anche se perde parte THE MERCENARY
della propria energia in un ritornello fatalmente rallentato e Il so und della band esp lode all'unisono, vitale e corposo in
poco ispirato. questo pezzo dal rill a mitragliatrice che, però, rallenta spessis-
simo, non riuscendo a mantenere costante la tensione. Sembra
GHOST OF TH E N AVIGATOR quasi che McBrain sia sta nco e si sia dimenticato come puntel-
I buoni propositi in fatto di crudeltà sonora vengono smentiti lare il gioco al massacro reclamato dalle chitarre, dovendos i
subito da Ghost Of The Navigator che ripropone le trame artico- fermare a riposare a scadenze regolari.
late e prog dell'ultimo periodo, tanto care a Harris. Il rilling di
chitarra di Gers, Murray e Smith è, comunque, preciso e spieta- DREAM OF MIRRORS
to, specialmente sulla strofa ma i cambi di tempo quasi casuali Il pezzo più lungo dell'album (oltre nove minuti) è una triste
rendono la canzone una specie di collage dei più consolidati ballad in cui Dickinson tenta di vestire i panni impossibili (per
cliché del gruppo. lui) dello chansonnier rock. Dream Of Mirrors potrebbe essere
un brano tranquillamente scritto da Bruce Springsteen o Tom
BRAVE N EW W ORLD Petty, se non fo sse per le chitarre elettriche che attendono
Il brano ruota intorno al ritornello enfatico e solenne ripetuto pazienti nell'ombra, reclamando la loro dose di suoni distorti
fino all o sfinimento da Dickinson . L'epicità nasconde la ed esplosivi. La solita e scontata accelerazione centrale confer-
maschera tragica di un mondo morente, cantata con mestizia e ma che ci sono almeno cinque minuti di troppo.
malinconia dal «singer». AI ritornello la band ci arriva faticosa-
mente, senza troppa convinzione ma poi si lascia andare in THE FAllEN ANGEl
un'entusiasmante (quanto prevedibile) parte centrale accelera- Con questa robusta cavalcata hard si ritorna, per un attimo,
ta, impreziosita dagli assoli del trio chitarristico. alle atmosfere luciferine di The Number Of The Beast, se non
altro per la narrazione di Dickinson e per le linee serrate mar-
BlOOO BROTHERS tellanti di basso che Harris costruisce con chirurgica precisione.
Prolissa ed estenuate ca nzone-mammuth che tramuta l'origina-
le ispirazione epica in oltre sette minuti di estenuante elefantia- THE NOMAO
si sonora . Il testo introspettivo e riflessivo (sembra dedicato da The Nomad è uno di quei pezzi che in epoca di vinile non
Steve Harris al padre morto da poco) è quanto di più lontano sarebbero mai finiti sul disco per motivi di spazio. In epoca di
ci possa essere dall'attitudine sinceramente diabolica dei primi cd trovano la loro collocazione perché bisogna arrivare a tutti i
.,

96 97
IRON MAIDEN LA MUSICA: DISCOGRAFIA UFFICIALE

costi a un certo minutaggio. Idee melodiche appena abbozzate Intro / The Wicker Man / Ghost Of The Na vigator / Brave New Worfd
e iper-riciclate (da se stessi e dag li altri) che vanno ad adagia rsi / Wrathchild / 2 Minutes To Midnight / Blood Brothers / Sign Of The
male su di un tempo spezzato che disgrega ogni attrattiva Cross / Th e M erce nary / The Troop er / Dream Of Mirrors / Th e
potenziale delle linee melodiche. C1ansman / The Evil That M en Do / Fear Of The Dark / lron Maiden /
The Number Of The Beast / Hallowed Be Thy Name / Sanctuary / Run
OUT O, THE SILENT PLANET To The Hills
Un passaggio di chitarra elettrica in stile folkeggiante (una cita-
zione palese dei Jethro Tull) fa da intro alla ca nzone più Il gigantesco festival Rock In Rio accoglie per la seconda volta
«ambienta lista» dell'album. Anche in questo caso, ci si accorge (in so le t re edizioni: '985, 1991 e 2001) g li lron Maiden su l suo
di essere di fronte agli Iron Maiden e non a Son Jovi solo per la palco . La ri sposta del pubblico carioca è travolgente e senza para-
voce sgraziata (ma efficace) di Sruce Dickinson . goni. Oltre 250mila persone assistono allo show del gruppo ingle-
se sottolinea ndo co n un delirio estasiato ogni passaggio e ogn i
THE THIN UNE BETWEEN LOVE ANO HATE riff, sia che appartenga alla nuova era del gruppo, sia che affondi
Il pezzo inizia con un riff macilento di chitarra stoppata sulla la sua o rigin e nel passato remoto . Il vero protagonista di questo
batteria impietosa e potente. La cattiveri a sembra aleggiare, ma live è, infatti, proprio lui: il pubblico brasiliano, la folla immensa
il testo è una specie di predica moralistica che dà l'idea di (ed estremamente competente) che si ra ccog lie per tributare alla
quanto oramai gli lrons non cantino più il loro vissuto quoti- leggenda inglese del metallo il giusto o maggio.
diano, ma si limitino a co mmentare le mi seri e umane dall'e- Bruce Dickinson dichiara alla stampa che il disco arriva con quindi-
sterno, con l'occhio blandam ente mi se ri cordio so dei ricchi ci ann i di ritardo perché era intenzione del gruppo utilizzare pro-
padri di famiglia. prio il concerto del Rock In Rio del 1985 per Uve After Death ma
poi, mi sterio sa mente, quei nastri andarono perduti e non se ne
poté fare più nulla. In quindici anni, ovviamente, è cambiato il
ROCK IN RIO repertori o e metà dello show è occupato dai brani degli ultimi
(EMI, 2002) album, quasi si tratti di un concerto promozionale come g li altri . È
questo l'unico limite di un live che, altrimenti, gode di un ' intensità
Prodotto da Arthu r Gorson. micidiale e di una qualità sonora quasi perfetta . Sarebbe difficile
Registrato il19 gennaio 2001 al festival Rock In Rio di Rio de Janeiro immag inare, senza il supporto delle immagini del dvd, la reazione
(Brasile). di fan sudamerica ni alle prime note di The Trooper, 2 Minutes To
Musicisti : Steve Harris (basso e ta stiere); Bruce Dickin so n (voce); Midnight e Iran Maiden, mentre sono assolutamente da brividi
Àdrian Smith, Janick Gers, Dave Murray (chitarra); Nicko McSrain lungo la schiena i co ri di migliaia di perso ne per Fear Of The Dark e
(batteria); Michael Kenney (tastiere). Hallowed Be Thy Name.
Il miglior pubblico al mondo per la miglior metal band al mondo.

98 99
IRON MAIDEN LA MUSICA : DISCOGRAFIA UFFICIALE

DANCE OF DEATH no le cose prima / Di quando ero avvolto in un sudario di dolo-


(EMI, 200 3) re / Mi sentivo svanire in me stesso / E non riu scivo a trova re
un modo per uscire dall'inferno ... / Ora quando mi sento triste
Prodotto da Kevin Shirley. Co-prodotto da Steve Harri s. e depresso / Giuro che non sarò mai più lo stesso / Basta ricor-
Registrato ai Sa rm Studios di Londra (Inghilterra) . darmi chi so no / E quello che sa rò". Un vero e pro prio manife-
Musicisti: Steve Harri s (basso e tastiere); Bruce Dicki nson (voce); sto programmatico .
Adrian Smith, Janick Gers, Dave Murray (ch itarra); Nicko McBrain
(batteria). RAINMAKER
Hard rock dinamico e diretto che non cade mai nella trappola
Wildest Dreams / Rainmaker / No More Lies / Montségur / Dance Of dell 'a uto-celeb razione. Nicko McBrain accentua con i pi atti
Death / Gates Of Tomorrow / New Frontier / Paschendale / Face In og ni battuta delle chitarre, utilizza ndo in mani era originale
The Sand / Age Of Innocence / Journeyman uno dei t ru cchi più vecchi del «Maiden sound".

Un a settim ana dopo la sua pubblicazione, Dan ce Of Death No M ORE lIES


balza al prim o posto delle cla ssifiche mond iali (Ita lia compresa), Gli arpeggi su due corde di basso di Harris fanno da leit motiv
lasciando di stucco tutta la critica specializza ta, sia quella tradizio- al nova nta per cento delle ballad o semi-ballad del gruppo e
nalmente ostile al genere meta l, sia qu ella che ne aveva pronosti- No M ore Lies non fa eccezione. Come da obbligo contrattuale,
ca t o un rap ido decadimento nelle preferen ze del pubb lico. arriva l'accelerazione sui cui, però, Dickinson mantiene sempre
L'albu m, nel suo complesso, è più curato e ispira to di Brave New una linea vocale melodica e pacata.
World e la band appa re più coesa, sebbene spesso le soluzioni
sonore si traduco no nella fie ra dell'auto-cita zio ne. A puro titolo di M ONTSEGUR
cronaca, è il primo albu m in studio del gruppo in cui non appare Seco li di crociate, eresie, massacri e inqui sizioni ri ass unte in
il marchio della Emi . pochi versi e in 5'50" di canzone. Gli Irons ripetono la formula
dell'epic rock a sfondo stori co tanto cara a Harris e Dickinson. Il
WILDEST DREAMS ritmo è buono ma resta, comunque, l' impressione di un com-
Per ca pire quanto profondamente siano ca mbi ati g li lron pito facil e, svolto co n diligenza ma senza particolare trasporto.
Maiden, basta leggere il testo di questa ca nzone, più efficace
di qua lsiasi commento: «Sto organ izza ndo dei ca mbia menti D ANCE OF DEATH
nella mia vita / Esorcizzando i demoni del passato / Prenderò la Lo stile narrativo campestre e fiabesco di Dance Of Death porta
macchina e scenderò in strada / Sono pronto per partire / gli Iran Maiden sui lidi del progressive anni Settanta da sempre
Sento che posso essere tutto ciò che ho desiderato di essere / E agog nati da Harris Uethro Tull, Mike Oldfield) ma il colpo da
rendere i miei sogni rea ltà... / Quando ripenso a come andava- maestri viene proprio quando nessuno se l'aspetta più . La can-

100 101
IRON MAIDEN LA MUSICA: DISCOGRAFIA UFFICIALE

zone è un orrore in crescendo che si snoda su lla storia di pos- delicato arpeggio di basso. Face In The Sand è una di queste
sessione demoniaca e abbandono al sabba infern ale che ma la tensione è improvvisa mente innalzata da brucianti schi-
Dickinso n racconta con compiaciuta cattiveria, con il tono spa- tarrate in lontananza che, pian piano diventano l'appe llo
ventato ma affascinato di un moderno H.P. Lovecraft (fonte let- di spe rato di chi attende impa ziente la fin e del mondo.
teraria di primaria importanza per l' ispirazione più gotica del Dickin son, però, urla laddove sa rebbe meglio sussurrare maca-
gruppo). Le chitarre diventano lentamente isteri che fino a lan- bre litanie per fare cedere definitiva mente orecchie già troppo
cia rsi poi in un vorticoso scontro d'assoli che si pone come il provate da tutti gli orrori moderni .
capo lavoro di tutto l'a lbum.
A GEO, INNOCENCE
GATES O, TOMORROW La strutturazione melodica di Age Of Innocence richiama visibi l-
Gers gioca ancora con il riff di From Here To Etemity, con gli mente i Metallica degli anni Ottanta. I suoni so no compressi ed
stessi inten ti di commercia lità all'insegna di un'hard rock ora- è solo la voce di Dickinso n a dirigere il resto della band verso
mai fuori dai gusti del grande pubblico radiofoni co. aperture melodiche che, però, appaiono prive di senso e dal
discutibile gusto pop.
NEW FRONTIER

Il riff di chitarra di New Frontier rammenta nea nche tanto vaga- JOURNEYMAN
mente quello di The Number Of The Beast, ma la presa co m- Forse, la più imprevista sorpresa che il gruppo inglese potesse
pless iva del pezzo è deci samente inferiore, nonosta nte un dare ai propri fan vecchi e nuovi era un brano interam ente suo-
ritmo tirato e una performan ce di alto livello di tutti i co mpo- nato con le chitarre acustiche (e come tale ripropo sto da l vivo,
nenti del gruppo. Il vero problema degli Iran Maiden è la sen- spesso co me ultimo pezzo dei co ncerti) e con un imponente
sazione di déjà-vu, ri schio obbligato per chi ha all'attivo cos ì arrangiamento d'archi. La tra smutazione è avvenuta ed è ora
tanti cla ssici che vivono di vita propria . completa . Gli Iran Maiden ora non sono più «so ltanto» una
band di heavy metal. Mentre molti erano impegnati a criti ca rli,
PASCHENDALE hanno compiuto un salto quasi impossibile e sono entrati dirit-
Epic metal allo stato puro, introdotto da un delicato d iseg no di to nel cuore di tre diverse generazioni d 'ascoltatori . Qualcosa
chita rra solista poi tra scinato potente e roboante dalle urla evo- vo rrà pur dire.
catrici di Dickinson . In questo caso, le parti che compongono il
pezzo sono attaccate tra loro meglio che in altri casi, andando
a formare un corpo unico di magniloquente espressività.

FACE IN THE SAND

Non si contano più le canzoni degli lron s che iniziano con un

102 103
LA MUSICA:
APPENDICE

uasi nessun componente degli Iron Maiden ha avuto una


Q carriera solista di successo paragonabile a quello della band
«madre" una vo lta uscito da l gruppo. L'impronta sti listica e cul-
turale del gruppo, inoltre, è stata talmente forte da impedire ai
propri ex membri qualsiasi evo lu zione musicale che dirottasse
troppo dai binari stabiliti negli anni di militan za con la Vergine di
Ferro, pagata con scarsissimi risultati commerciali e una credibi-
lità calante.
Senza il basso onnipresente e martellate di Steve Harris, i sin-
goli musicisti hanno spesso manifestato un senso di smarrimento
sonoro che si è riverberato inevitabilmente sulle proprie produzio-
ne soliste, raramente acclamate dai fan dei Maiden. Quando ciò è
avvenuto (alcuni album di Bruce Dickinson e quelli di Blaze), è
stato soprattutto perché le produzioni in questione hanno rappre-
sentato una so rta di . Iron Maiden minori» e una riproposizione
della formula-base con altri musicisti.

105
IRON MAI DE N LA MUSICA : APPENDICE

BRUCE DICKINSON BALLS TO PICASSO


(EMI, 1994)
La ca rri era solista di Dickinson, in realtà, in izia quando è ancora
Cyclops / Hell No / Gods or War / 1000 Points or Light / Laughting In
negli Iron Maiden. Il cantante manifesta l'intenzione d i cimentarsi
in qualcosa di diverso dal metal standardizzato del gruppo sin da
The Hiding Bush / Change or Heart / Shoot Ali The Clowns / Fire /

dopo la pubblicazione di Live After Death (1985). Le sue influenze Sacred Cowboys / Tears or The Dragon
musicali, oltre che nel rock duro, affondano anche nel progressive
Il ritorno all'ovile di Dickinson, dopo che molti ne aveva no già
e nel g lam rock deg li anni Settanta ed è su questa strada che si
data per scontata l'u scita dag li Iron Maiden, dura t re ann i. Nel
incammina quando decide di produ rre il suo primo album .
' 993, dopo aver abbandonato definitivamente la band madre, si
dedica a tempo pieno alla sua carriera solista. Il primo passo è la
TATTO ED MILLIONAIRE pubblicazione nel 1994 di Balls To Picasso che viene accolto tiepi-
(EMI, '990) damente dalla criti ca e colleziona recensio ni tra il mediocre e il
negativo. A dispetto di questi giudizi, però, ottiene un insperato
Son Of A Gun / Tattooed Mi/lionaire / Born In '58 / Hell On Wheels / successo co mmercia le g razie alla sem i-ball ad Tears or The Dragon,
Gypsy Road / Dive! Dive! Dive! / Ali The Young Dudes / Lickin' The da molti co nsiderata uno degli episod i più sentiti e meg lio ca ntati
Gun / Zulu Lulu / No Lies dal singer inglese.
La fo rmazione che Dickinson mette in piedi per anda re in tou r
Viene registrato nel 1989 ed esce nel '990, dopo l'estenuante è composta da Roy Z alla chita rra, Eddie Casillas al basso e David
tour di Sevenlh Son or A Sevenlh Son che ha visto il cantante scon- In graham alla batteria e sa rà il nucleo, più o m eno sta bile che
trarsi a più riprese co n Steve Harris su lla direzione mu sica le da caratterizzerà l'avventu ra solista del ca ntane. I risultati co mmerciali
prend ere. Tattooed Millionaire ri sc uote un discreto successo, di Balls To Picasso sti molano Dickinson in questa nuova avventura
sopratt utto g razie ai singoli Tattooed Millionaire, alla cover di Ali e, durante il tour, al reperto ri o degli Iron Maiden viene lasciato
The Young Dudes, vecchi o classico di David Bow ie, e all'intensa so lo uno spazio marginale, pur obbligatoriamente presente per
Born In 'S8 . Alla chitarra c'è Janick Cers (con Andy Ca rr al basso e non perdere contatto con i propri fa n i qua li continuano a vedere
l'italiano Fabio Del Rio all a batteria), che Dickin son imporrà negli in lui «solo» l'ex ca ntante dei Maiden.
Iron Maiden in sostituzione del defezionario Adrian Sm ith, mentre
la produzione è ~ff.i.data all'esperto Chris Tsa ngarides, che nel 1990
si trova ad essere il produttore più corteggiato del metal g razie al
lavoro effettuato con i Judas Priest di Painkiller.

106 107
IRON MAIDEN LA MUSICA: APPENDICE

ALiVE IN STUDIO A ferocemente metal latitano in favore di atmosfere ri co nducibili al


(RAW POWER, , 995) classico hard rock degli anni Settanta venato di psichedelia (Who,
lethro Tull, eccetera). I temi fantascientifici e onirici sono proposti
Alive In Studio A: Cycfops / Shoot Ali The C10wns / San Of A Gun / con assiduità dal canta nte in brano quadrati e caratterizzati da un
Teors Of The Dragon / 1000 Points Of Light / Sacred Cowboys / songw riting per niente superficiale come Salar Confinement, Spaee
Tottooed Millionoire / Born In '58 / Fire / Chonge Of Heart / Hell No / Raee, Oetavia e Dreamstate, ma ciò non basta a dare visibilità al disco
Laughing In The Hiding Bush che viene aspramente criticato dai metal fan di stretta osserva nza e
Alive At The Marquee: Cycfops / 1000 Points Of Light / Born In '5 8 / non ri esce a guadagnarsi cred ibilità presso un pubblico diverso a
Gods Of War / Change Of Heart / Laughing In The Hiding Bush / Hell causa del fatto che è firmato da Bruce Dickinson, ovvero il cantante
No / Tears Of The Dragon / Shoot Ali The C10wns / Sacred Cowboys / (o ex, ha poca importanza) della metal band per eccellenza.
San Of A Gun / Tattooed Millionaire

Pubblicato per motivi meramente contrattuali, è un doppio ACCIDENT OF BIRTH


album in parte registrato dal vivo al Marquee di Londra e in parte, (RAW POWER, '997)
co me suggerisce il titolo, in studio, senza sovraincisioni e con un
mixaggio grezzo che aumenta la forza d'impatto di molti brani tra Freak / Tottee 7 Arrivai / Starehildren / Taking The Queen / Darkside Of
i quali Cycfops e San Of A Gun. Per l'occasione, Bruce si avvale della Aquarius / Road To Hell / Man Of Sorrows / Aecident Of Birth / The
collaborazione di una forma zio ne comp leta mente nuova che vede Magician / Welcome To The Pit / Omega / Are Of Spaee
l'abilissimo Alex Dickson alla chitarra, Chris Dale al basso e Alex
Elena alla batteria. Questa line-up è la stessa con cui viene reg istra- L'incapacità di superare il muro delle etichette e dei lu og hi
to il successivo album in studio, Skunkworks (1996) . co muni mu sica li, induce Dickinso n ad un rip ensamento totale.
Visto che i suoi fan sono solo i metall ari duri e puri, perché delu-
derli? Nasce così, nel '997, Aecident Of Birth, il disco che segna la
SKUNKWORKS svolta nella sua avventura . Non solo è un ritorno ad un heavy
(RAw POWER, 1996) metal diretto e «riffesq ue» ma, insieme a Casillas, Ingraham e Roy
l, viene recuperato alla ch itarra anche Adrian Smith, ricreando
Spaee Ra ee / Baek From The Edg e / Inertia / Faith / Salar così, un 'accoppiata che i fan degli Iran Maiden considerano garan-
Confinement / Dreamstate / I Will Not Aeeept The Truth / Inside The zia di qualità. Aecident Of Birth è il disco più duro di Dickinson e
Maehine / Headswiteh / M eltdown / Oetavia / Innerspaee / Strange anche quello di maggior successo con brani che sono autentici
Death In Paradise anthem degni degli Iron s degli anni Ottanta come Man Of
So rrows, The Magieian e le prog ram matic he Road To Hell e
Un disco più complesso e raffinato, dove i toni prettamente e Welcome To The Pit.

108 109
IRON MAIDEN LA MUSICA : APP E NDICE

Nel' 97 questa formazione va in tour a supporto dei Lyny rd SCREAM FOR ME BRAZll
Skynyrd e si rende protagonista di ottimi concerti che inducono (SANCTUA'V, '999)
molti fan a fare un impietoso paragone tra l'eccell ente stato di
fo rma vocale di Dickinson e le prestazioni non sempre convincenti Trumpets Of j erieho / King In Crimson / Chemicol Wedding / Gates Of
di Blaze Bailey nei Maiden. Urizen / Kil/ing Floor / Book Of Thel / Tears Of The Dragon / Laughing
In The Hiding Bush / Aceident Of Birth / The Tower / Darkside Of
Aquarius / The Road To Hel/
THE CHEMICAl WEDDING
(AI' RAID, '998) Mentre si co ncretizza il ri torn o d i Dickinson neg li Iron Maiden,
esce qu es to live, che risu lta esse re un ottimo epitaffio per il
King In Crimson / Chemicol Wedding / Th e Tower / Killing Floor / Dickin son degli anni Novanta che, non essendo riuscito ad anda re
Book Of Tilel / Gates Of Urizen / j erusalem / Trumpets Of j erieho / nella direzione da lu i preferita, si è rassegnato ad essere «solamen-
Maehine Men / The Alchemist / Return Of The King te» uno dei più grandi cantanti heavy metal di tutti i tempi.

Quando la stampa specializzata dà già per scontato un rapido


ritorno deg li Irons alla line-up classica, Dickinso n spiazza tutti e si THE BEST OF BRUCE DICKINSON
prepara a reali zzare un lavoro che aveva già in mente si n da lla (METAl ls, 2001)
seconda metà deg li anni Ottanta . The Chemicol Wedding è, infatti,
una so rta d i co ncept album dedicato alla vita e alle opere de l Broken / Tattooed Mil/ionaire / Laughing In The Hiding Bush / Tears
poeta e pittore inglese Wil liam Blake ('757-,827), un cu i dipinto Of The Dragon / The Tower / Born In '58 / Aecident Of Birth / Si/ver
ca mpeggia nell'immagine di co pertina. I bran i, ca ratterizza ti da Wings / Darkside Of Aquarius / Chemicol Wedding / Ba ck From The
un metal forte ed elabo rato, sono tutti ispi rati alle atmosfe re oscu- Edge / The Road To Hel/ / Book Of Thel (Live)
re e demoniache di Blake, nella sua esaltazione della li bertà e del-
l'istinto sull'opp ress ione del le leggi e de ll a mora le. Gates Of Anto logia pubblicata i n edi zione limitata con all egato un
Urizen, The Alchemist e l'avvolgente Book Of Thel rappres entano i bo nu s disc co ntenente: Bring Your Daughter.. . To Th e Slaughter
vertici di questo lavoro, con poderosi inni meta l quali M aehine (OriginaI Version) / Darkness Be My Friend / Wicker Man (OriginaI
M en e King In Crimson a completare un album che trova una gran- Bruce Traek) / Real World / Aeoustie San / No Way Out / Midnight
de accoglienza tra il pubblico, entrando anche nella Top '0 della jam / Man Of Sorrows / BaI/ad Of Muti / Re-Entry / l'm In A Band
classifica ing lese e brasi liana. With An Italian Drummer / j erusalem ( Live) / Dracula.
Dickinson e Smith danno la nuova denominazione di Psycho Oltre a questa raccolta, sono da segnala re anche la sua parteci-
Motel alla lo ro fo rmazione, ma le trattative per un rito rno di pa zion e ad alcune co mp il ation. Oltre all a co lonna so nora di
entrambi nei Maiden sono già in fase ava nza ta. Nigrtmare V co n il brano Bring Your Daughter... To Th e Slaugher

1 1O 111
IRON MAIDEN LA MUSICA: APPENDICE

(poi entrata nella discografia dei Maiden), vanno ricordati anche la insuperabil i problem i di distribu zione. Dopo aver partecipato ai
partecipazione a due sing o li di beneficenza co m e Rock Aid Gog magog co n Denn is Stratton e Clive Burr, a metà degli anni
Armenia (in cui una ali sta r band guidata da Tony lo mmi, lan Ottanta mette in piedi i Battl ezo ne insieme all'ex chitarri sta dei
Gi llan e Brian May suona Smoke On The Water dei Deep Purple) e Tokyo Biade )ohn Wiggins, che esordi scono discografica mente nel
Mr. Bean And Smear Campaign '992 Comic Relief, in cui Dickinson 1986 con l'album Fighting Back. I ri sultati so no discreti, ma il pub-
interpreta il classico di Alice Cooper Elected. Bruce, inoltre, ha par- blico considera Di'Anno sempre e soltanto per ciò che ha fatto nei
tecipato anche ad alcuni dischi tributo, ca ntando Sabbath Bloody primi tempi di militanza nei Maiden. Nonostante i suoi tentativi di
Sabba th in Nativity In Bla ck (1996, tributo ai Black Sa bbath), The cos truirsi un ' id entità artistica au to no ma, infatti, Paul Di 'Anno
Zoo degli Scorpions nell'album Extreme Music (1998) e Black resterà sempre incatenato al mito dei primi due dischi degli Iran
Widow di Alice Cooper nel tributo Humanary Stew (1999). Maiden, da molti considerati dei veri e propri «moloch» del meta l.
Dulcis in fundo, no n va dimenticata la carriera di scrittore di Spesso esaltato come il miglior ca ntante metal di tutti i tempi dai
Dickinson, carri era a cui lui ha più volte dichiarato di tenere moltis- più estremisti fan dei Maiden, Di'Anno ha cercato di conciliare le
simo ma di non aver mai tempo da dedicare ad essa . Due i libri aspettative di questo tipo di pubblico con le sue influ enze e le sue
pubblicati sino ad oggi, entrambi a carattere comico-erotico con origi ni più punk e hardcore, senza peraltro mai riuscirei in maniera
qualche spunto velenoso di humour nero: The Adventures Of Lord convincente. I Battlezone rappresentano la parte più metal della
Iffy Boatrace (1990) e The Missionay Position (1992), seg uito del sua carriera, spesso interrotta da continui problemi con la giustizia
primo a cui Dickinson ha lavorato, per qualche tempo, alla sua tra- e con la droga. A ta l proposito, è bene ri co rd are che lo stesso
d uzione cinema tograf ica (dal titolo provvisorio The Killing Di'Anno è auto re di una toccante autobiog rafi a dal t ito lo Th e
Wedding); progetto questo, però, ancora lontano dalla sua rea liz- Beast, uscita nel 2001 e continuamente aggiorn ata sul suo sito
zazione. ufficiale www. pauldianno .com. I Battlezone pubblicano, successi-
vamente, Children Of Madness (1987) e la raccolta Warchild (1988)
e si sc iolgon o nel 1989 per il totale disinteresse dei fan e dei
PAUl DI'ANNO media, nonosta nte alcuni sp unti più che pregevo li co me gli assalti
furenti di Rip It Up eNuclear Breakdown.
Più complessa dal punto di vista artistico e umano è la ca rriera Dopo essers i unito per qualche tempo ai rifo rm ati Pray ing
di Paul Di'Anno. Dopo esse re stato estromesso dai M aiden nel Mantis per un tour giapponese (che viene immortalato nell'ener-
1981 (e dopo che la ri vista inglese Kerrang ! lo aveva nom inato gico Live At Last del '990, occupato per metà da vecchi brani degli
«ca ntante rock dell'a nno»), Di'Anno passa un periodo d i inattività Iron Maiden), si t rasferi sce a Los Angeles e forma i Killers. Nella for-
completamente coinvol to in un mondo di drog he e alcol. Forma mazione milita anche l'ex Tank Cliff Evans alla ch itarra, Nick Burr
prima i Lone Wolf, band che non ha alcu n ri scontro commercia le e alla seconda chitarra, Steve Hapgood alla batteria e Gavin Cooper
poi pubblica du e album a nome Dianno nel '984, Dianna e al basso. L'esordio è Murder One (1992) un album dalle sonorità
Flaming Heart, praticamente ignorati dal mondo metal, anche per nettamente più dure dei lavori precedenti del ca ntante. Le influen-

1 12 113
IRON MAIDEN LA MUSICA : APPENDICE

ze hardcore si sposa no con so norità mutuate dai Pantera e dai ADRIAN SMITH
Suicida i Tendencies e anche Di'Anno sembra un'altra persona
rispetto al metal-punk adolescente degli Iron Maiden, immerso Adrian Smith ha combinato ben poco al di fuori deg li Iron
nella cultura e nell'estetica delle gang e del thrash ca liforniano. Maiden. Uscitone nel '989, l'anno successivo pubb lica con la
L'album riscuote un discreto successo, ma i tour che riesce ad denominazione A.S .A.P. Si/ver And Go/d, disco mediocre di hard
organizzare sono sempre e soltanto all' insegna del suo repertorio rock poco ispirato che passa quasi sotto si lenzio. Successivamente,
maideniano. Forse anche per ta le motivo, cade in una profonda forma gli Untouchables con il bassista Gary Liederman, il batteri-
crisi depressiva a va incontro a nuovi guai con la droga e la legge. sta Bob Richards e l'altro chitarri sta Huey Lucas ma il gruppo non
Durante una rissa a Las Angel es viene ferito a una gamba da un arr iva a nessun approdo di scog rafico. Nel 1997 si unisce a
colpo d'arma da fuoco e in Argentina viene arrestato per possesso Dickinson e qui finisce la sua avventu ra solista.
di sostanze stupefacenti. Per rivedere i Killers in azione con un
nuovo album in studio, bisog na aspettare il 1997 con Manace To
Societye il disco da l vivo Live, dello stesso anno, che mette fine DENNIS STRATTON
all'avventura del gruppo, vissuta sempre all'insegna della medio-
crità compositiva e commerciale. Stratton lascia g li lron Maiden nel 1981 perché in disaccordo
Nel 1998 Di'Anno riforma i Battlezone e pubblica Fee/ My Pain, con la lin ea mu sicale troppo dura adottata da l g ruppo .
disco più «intimi sta » e rifl essivo dei p recedenti, quasi un'aperta Innamorato del soul e del blues, forma i Lionheart, che danno alle
confessione della sua turbolenta e, tutto sommato, malinconica stampe nel 1984 Hot Tonight e il mini-album Die For Lave. Negli
vicenda esistenziale. Nel 2000 ritorna con Nomad, album solista, e anni successivi sparisce dalla circolazione sino a quando, nel ' 989,
nel 2001 i Battlezone pubblicano una raccolta dal titolo program- si unisce ai Praying Mantis d~ cui è da poco uscito Clive Burr. Con
matico di Cessation Of Hostilities che lascia presumere una ritrovata loro pubblica negli ann i Novanta una seri e d'album caratterizzati
serenità. Nel frattempo, Di'Ann o si è trasferito in Brasile (dove vive da un grintoso heavy rock old style che, a dispetto della sca rsissi-
tuttora) e ha partecipato a decine di compilation e ra ccolte sui ma visibilità promoziona le datagli dai media (anche specializzati)
suoi tempi d'oro (e meno), ri co rdando sempre al mondo che g li ottiene un buon successo in Giappone, dove attualmente la band
lron Maiden, senza la sua furia rabbiosa e il suo carisma selvaggio risiede.
non sarebbero mai arrivati dove sono ora. La storia del metal gli Dopo l' interlocuto ri o Predator /n Disguise (1991), i Praying
deve molto, ma di questo Harris non sembra esserg liene molto Mantis si impongono nuovamente all'attenzio ne genera le con
riconoscente, dato che, nel '997, lo ha fatto cacciare dal suo pub perle di hard melodico quale A Cry For The New Wor/d e To The
in Portogallo. Negli ultimi tempi, Di'Anno ha collaborato ad alcu- Power Of Ten (entrambi del 1993) e co ntinuando a mantenere otti-
ne produzioni cinematog rafiche indiane, nella Mecca del cinema mi livel li di popolarità con illive Captured Alive In Tokyo City (199 6 )
asiatico Bollywood. e gli ottimi Forever In rime (1998) e Nowhere To Hide (2000).

1 14 1 15
IRON MAIDEN

BlAZE BAllEY

Dopo aver lasciato il gruppo, Bailey non si scoraggia e forma i


Blaze con l'ausilio dei due chitarristi John Siater e Steve Wray, del
bassista Rob Nylor e del batterista Jeff Singer. In questa formazio-
ne porta e sviluppa compiutam ente i discorsi di horror tecnologi-
co che nei Maiden è rius cito appena ad abbozzare. L'album d'esor-
dio, il concept Silicon Messiah (2000) e molto più compatto e
vibrante di inquieta nti strutture metal degli album registrati con
gli lrons, su cui spicca la title-track, grande esempio di ricercata
dannazione sonora. Il vero masterpiece, però, arri va nel 2002 con
Tenth Dimension, un altro album-racconto che fonde lirismo cyber,
trame di William Gibson e un metal oscuro e penetrante come
GLI EREDI
nelle abissali Forgotten Future e The Truth Revealed.
Nonostante non perda occas io ne per ringraziare i Maiden di Tutto il mondo metal, dagli ann i Ottanta in poi, deve qualcosa
averlo lanciato, nei tour dimostra un dinamismo e un'energia che agli Iron Maiden . La loro valenza sonora e simbolica è tale che pos-
g li fanno guadagna re, poco a poco, la stima di moltissimi fan, sono essere considerati la band più importante del genere inSieme a
anche di coloro che l'avevano stroncato all'epoca lron. Il live As Black Sabbath, Metallica e Judas Priest. La loro influenza è così gene-
Live As It Gets (2003) è il fedele resoconto di questa sua nuova vita. rale che non sa rebbe nemmeno corretto parlare di «eredi» ed «ere-
dità", in quanto non c'è un testimone da raccogliere o qualcosa da
continuare, non c'è da cercare chi lo abbia fatto meglio o peggio o
CUVE BURR
chi abbia imitato in maniera più o meno fede le il modello original e.
Gli lron Maiden hanno semplicemente costruito (o contribuito a
Uscito dal gruppo nel'982 per motivi di stress, Burr lavora per
costruire) il mondo entro cui si muove e agisce tutto il movimento
diverso tempo a progetti senza fini (e speranze) commerciali come
meta!. Non c'è ered ità perché tutto è già donato ai discepoli nel
gli Elixir, i Tru e Brits e i Desperados. Si aggrega nel'984 ai Praying
momento stesso in cui è stato creato e andare a cercare le singole
Mantis con cui incide l'a lbum Throwing Shapes (uscito nello stesso
tracce sarebbe inutile e dispersivo. Va analizzata piuttosto la stru ttu-
anno), prima di eclissa rsi definitivamente dal mondo musicale.
ra simbolica, musicale e ideologica generata dai Maiden e la sua
importanza nelle sorti e nell'evoluzione del genere heavy meta!. I
Maiden sono l'archetipo della metal band e l'architrave del mondo
metal per cui analiuarne l'eredità significa, in realtà, capi rn e i motivi
del successo e il suo impatto generazionale.

116 1 17
IRON MAIDEN GLI EREDI

l'EREDITÀ CULTURALE Attraverso la saga di Eddie e l'esaspe rata simbolizzazio ne di


ogni cosa che g li riguarda sse (Iogo, magliette, copertine, disegni,
Possiamo dire che l'eredità degli lron Maiden si sviluppa in tre scenog rafi e) costrui sco no i pilastri del mondo meta I e se ne dichia-
direzioni diverse: culturale, estetica e mu sicale. Dal punto di vista rano totalmente al suo servizio, paghi di essere nient'al tro che una
culturale, hanno rappresentato l'elevazione dell'heavy metal a filo- heavy meta l band (la più grande, ma questo loro non l'hanno mai
sofia d i vita, ponendosi come simbolo principale della comunità di detto). Senza ri chiamare alla mente nient'altro che l' heavy meta I,
fan e dandole dei va lori di cui andare fie ri e su cui costru ire il pro- gli Iron Maiden diventano i sacerdoti di una nuova religione di cui
prio vissuto esistenziale senza complessi di inferiorità e di colpa. loro stess i co ntribui scono attiva mente a edifica rn e i templi e a defi-
Figli anch'essi di una generazione schiacciata da dogmatismi in cui nirne le divinità . L'heavy metal deg li anni Ottanta differisce pro-
non si è mai ri conosciuta, ne ha inventati di nuovi portandosi al di prio in questo da ll'hard rock della decade precedente: no n più
fuori del g hetto dell'ema rgin azione culturale. storpiatura con le chitarre distorte di altri generi e altre fil osofie,
Gli Iron Maid en non hanno certo inve ntato il satan ismo in sebbene resa in maniera prossima all a perfezione come nel caso
musica, né sono stati i primi a creare una carriera sulle suggestioni dei Led Zeppelin o dei Deep Purple, ma cultura autonoma, auto-
macabre e/o orrorifiche, ma sono sicu ramen te stati i primi a ca po- referenziale, boicotta ta dall'estern o ma anche auto-ghetti zzante
vo lgere l' immagi ne dell'adepto di riti diabolici emargin ato dalla perché, tutto sommato, sprezzante di un mondo che ritien e «infe-
società e gravato dal senso d i colpa nei confronti di una morale a riore » e di cui non c'è da avere pietà.
loro sconosciuta. Con loro, il metal si evolve verso un superomi- Nei testi degli lron Maiden fa capolino un cinismo e un'indiffe-
smo individu alista, autosufficiente e settario che compl eta tutte le renza alle tragedie umane che resta nel dna di tutto il metal. Gli
proprie fo rm e di pensiero in un mondo apparentemente capovol- orrori moderni e antichi, le guerre, i bombardamenti, i delitti più
to, dove il «bello» (secondo il g iudizio co mune) diventa «brutto» e efferati e le più devastanti perversioni sono solo un buon argo-
viceversa e tutto ciò vissuto in man iera assolutamente normale. mento per scriverei una ca nzone sopra, senza la minima parteci-
Così, mentre Alice Cooper o Ozzy Osbourne interpretano (o, pazione mo ral e personale. Metallica, Slayer, Megadeth ma anche
sa rebbe meglio dire, vivono) il personaggio dello psicopatico cri - Motley Crli e, Guns n' Roses fino ad arrivare ai nuovi eroi del metal
minale, esclu so dalla società e braccato dalla propria coscienza per Ramm stein e Marilyn Manso n, nascono, crescono e vivono in que-
le proprie perversioni sess uali che sconfinano nell'horror e nella sto substrato culturale che fa della violenza umana uno spettacolo
necrofilia, gli lron Maiden si liberan o da og ni gravame ideologico come tutti g li altri, sterilizzato dai telegiornali e accompag nato dal
e proclamano una nuova etica dell'estremo che, a ben vedere, ha suono apocalittico delle chitarre elettriche. Il metal fan è fonda-
molto da spa rtire con i dettami filo sofici della Chiesa di Sata na di mentalm ente mi sa ntropo e si co mpi ace dell a decaden za del
Anton LaVey. Quell o che gli lrons interpretano, infatti, altro non è mondo, decadenza a cu i è sicuro di sopravvivere in virtù della pro-
che il disimpegno degli anni Ottanta, visto però in una visone di pria superiorità esisten ziale. Nella tribù metallica trova ora la con-
estremo «individu alismo co llettivo» che fa della tribù e del clan fe rma al fatto di essere il detentore della verità e che non so no le
metallaro l'unico punto di riferim ento delle relazion i sociali. sue visioni fanta-horror ad essere malate; malato è tutto il resto del

I I 8 I I9
IRON MAIDEN GLI EREDI

mondo che non le comprende. C'è da specificare che gli Iron e senza le maschere sofisticate che il rock più glam degli anni
Maiden non hanno mai dichiarato in maniera esplicita la loro ade- Settanta cuciva su l volto dei suoi protagonisti. Il presupposto è
sione a questo modello esistenziale, ma lo hanno semplicemente identico a quello del contemporaneo punk con cu i il metal cond i-
creato e propagandato come la propria vera essenza. È questo che vide più d'una radice sociale e ideologica, sebbene in un'ottica di
ne ha continuato ad alimentare il mito: non semplici interpreti che perenne conflitto.
domani potrebbero cambiare idea ma parte integrante del tutto, In realtà, più che alla negazione di un'estetica, gli lrons parteci-
divinità del metallo che, proprio perché so no divinità e dettano le pano all a costruz ion e di una nuova. Il metal fan indossa la
leggi del clan, non han no mai bisogno di specificarlo. maglietta dei propri gruppi co me un a divisa e i Maiden sono i
In questa costruzione cu lturale passa uno dei più feroci e bla- migliori fornitori di divise di quest'esercito che trova nell'immagi-
sfemi attacchi al cri stia nesim o e al monoteismo in generale che si ne di Eddie il commentatore più adeguato alla propria «mostruo-
siano mai verificato nella cultura occidenta l e dai tempi sità» interiore. t. una mostruosità che, però, non è più vissuta con
dell'Illuminismo settecentesco o dei deliri irrazionalisti dei primi deplorazione e come una drammatica eccezione alla regola ma,
del Novecento. Il metal diventa una religione prop ri o perché sa anzi, esibita e propugnata come un credo per cui è obbligatorio
costruire un mondo di simboli e di reliqu ie in torno a cui fa r ruota- battersi e fare proseliti, anche a costo dello scontro fisico con il
re le esperienze e le spera nze dei propri adepti. Il neo-paganesimo mondo esterno. Il logo del gruppo, stilizzato, agg ressivo e sempre
metallaro si esprime in ritu ali concertistici che hanno molto in identico con il passare degli anni, diventa qualcosa più di un sem-
comune con i riti dionisiaci del passato ancestrale e il fanatismo plice nome; d iventa il simbolo dell'appartenenza alla tribù, quasi
discografico dei meta Ilari - non più collezionismo ma spesso asso- l'attestato di reclutamento in un corpo speciale di quest'esercito-
lu to feticismo - assume il valore di sacrificio e tributo ag li dei. I popolo che si marchia con il segno delle proprie divinità per pre-
dischi sono il vangelo alternativo a cui si abbevera il popolo metal pararsi alla battag lia. Ness un gruppo metal posteriore ai Maiden è
e i Maiden scrivono i capitoli più importanti di questo vangelo. sfuggito all a retorica del marchio impresso a fuoco come una
seconda pelle in ogni manifestazione del gruppo, né lo ha mai
voluto fare. Il pubblico metal compensa la coerenza e la continuità
l'EREDITÀ ESTETICA dei simboli e della musica con una fede ltà senza pari ma non tolle-
ra deviazioni alla linea e, soprattutto, il «chiamarsi fuori. dal movi-
In questo contesto s'inserisce, importantissimo, il disco rso mento, l'afferm are di non essere una band metal.
estetico. I Maiden da un lato riprendono le intuizioni dei Judas Nell'edificazione di questa complessa struttura ideologica, i
Priest, dando al metal la sua iconografia più reliquiaria e caratte- Maiden hanno contribuito anche con un altro aspetto essenzia le: il
rizzante: borchie, catene, spille e medaglioni con teschi, draghi e citazionismo lettera rio. La disinvoltura con cui il gruppo ha inserito
simbo li violenti in genere. Dall'altro lato ne attestano la norma- nelle proprie canzoni tutta una seri e di pertinenti e sofisticati riferi-
lità. Una delle ch iavi del successo del gruppo ai suoi esordi è menti «colti. ha ancor di più accentuato il complesso di superio-
«l'essere come i propri fan», ovvero in jeans e maglietta, scalcinati rità della comu nità metal nei confronti di tutto il resto della mu sica

120 l 2 l
IRON MAIDEN GLI EREDI

e ha pesantemente influenzato l'evolu zione del genere negli anni Tolkien e gli americani Iced Earth rea lizza no una lunga suite dedi-
a venire. I contenuti delle canzo ni di tutti gli altri generi musicali, ca ta all'Infern o dantesco nell'album Burnt Offerings .
appaiono ai fan degli Iron Maiden banali e superficiali. Persino un Gli Ira n Maiden, inoltre, so no in siem e ai Qu ee nsryche, gl i
Bru ce Spring steen, un Peter Gabriel o gli U2 fanno la figura dei autori del più impo rtante concept album nella stori a del metal.
parolieri sa nremesi al co nfronto delle possenti architetture liriche Seventh Son Of A Seventh Son è un disco che fa scuola e che gene-
della band inglese. Il gusto del gotico, dell'orrido e dello sconvol- ra, negli anni Novanta, una miriad e di epi go ni. Se negli anni
gente porta il metal a ri cercare le fonti più diverse per farl e pro- Settanta, il concept album era visto in un 'ottica prettamente tea-
prie. Gli Iron Maiden esercitano nei co nfronti del testo lo stesso trale, con gli lron Maiden dive nta la monumentale normalità di
processo che i Deep Purple hanno esercitato nei confronti del og ni produzione metal (per citare qualche ese mpio: Grave Digger,
suono. Così, come i Deep Purple hanno piegato la musica cla ssica Avantasia, Gamma Ray, Rhapsody), carattere distintivo della sup-
alle esigenze del proprio hard rock, decretand one la superiorità posta superiorità del genere attribuitagli dai suoi fan. Questo è
(dell'hard rock) e relegando la musica classica a mero accessorio uno degli argomenti per cui gli Iron Maiden - con l'immenso suc-
utile allo scopo final e, gli lron M aiden utilizzano a man bassa la cesso di cui godono da venticinque anni a qu esta parte, senza
letteratura e il cin ema per farn e solo dei mattoni con cui costruire soluzione di continuità - genera dei p rofondi imbara zzi nella criti-
il pro prio m ondo metalli co, se nza rim anere prig ioni eri d ell e ca musicale e nei massmedia. Perché, in buona parte, i metal fan
influenze da loro disinvoltamente utilizza te. La devozione dei fan hanno rag ione a rive ndica re la superi orità del genere e dei loro
porta il popolo metal ad approfondire ogni riferim ento incluso nei beniamini. E qui s' inseri sce il discorso dell'eredità musicale.
brani del loro vangelo metallico e si crea così un pubblico morbo-
sa mente attratto dai libri di H.P. Lovecraft, P.K. Dick, Stephen King,
eccetera, autori che, si ritrovano ad esse re letti soprattutto da l'EREDITÀ MUSICALE
metallari senza sapere bene il perché.
L'influ enza di questo approccio sull a scena metal è imponente. Sebbene non abbiano inventato nulla di eccezionale, gli lron
Sono ben pochi i gruppi che hanno resistito alla tentazione di tra- Maiden, e con loro tutto il metal degli anni Ottanta in generale,
durre in mu sica il loro immaginario letterari o, specie se a tinte hor- hann o letteralmente sbriciolato gli altri generi musicali dal punto
ro r, fantasy o fantascientifico. Negli anni Settanta, il massimo del di vista strumentale. Un gruppo di rozzi proletari di East London,
citazionismo letterario è rappresentato dai Blue Oyster Cult che si che no n ha mai frequentato scuo le di mu sica in vita sua e che
fanno scri ve re alcuni brani d al noto au t ore fantasy M icha el risulta completamente incolto dal punto di vista teori co, si per-
Moorcock, ma negli anni Ottanta e Novanta si assiste ad un vero e mette di «sbattere la tecnica in faccia. a tutti i propri denigratori.
proprio saccheggio delle fonti che spesso travalica nel fum etto . I Per mo lti criti ci è questo l'aspetto più in quietante dell'heavy metal
g ruppi metal europei fann o di qu esta caratteri stica un motivo di di cui gli lron Maiden sono i portabandiera: la nonchalance con
vanto e un'ul teriore dimostra zione della propria superiorità intel- cu i si mette in m ostra una superiorità strum entale senza pari, lad-
lettuale. I tedeschi Blind Guardian tradu cono in mu sica le opere di dove in altri generi mu sicali, una perizia simile o, addirittura, infe-

122 123
GLI EREDI
IRON MAIDEN

degli anni Nova nta, riuscendo ad essere in perfetto equilibrio tra


riore è viss uta come un t raguardo sofferto e da musicisti maturi, melodia e urlo bestiale, tra dovere di brutalità ca no ra e somma
che può essere raggiunto solo do po anni di evoluzione musica le. sa pienza interpretati va. Questo è un o dei fatt~ ri più impo rtanti
Gli Ira n M aiden, senza che nessuno gli dicesse come fa re, in che ha fatto sì che i Maiden fossero la band plU «ecumenica» del
poco tempo registrano album pieni di spettacolari incroci di chi- rock duro, che piace a tutti e che nessuno osa criticare perché suo-
tarre so liste, una batteri a che tiene ritmi indiavolati senza perdere nerebbe quasi come una bestemmia. Sebbene non siano pochi a
un colpo, un basso a dir poco tonante che può reggere da solo le ri conoscere a Pual Di'Ann o un o spesso re arti stico e un ca ri sma
fo ndamenta dell'edificio metallico e una voce in perenne sfida con superi ori a quelli di Sruce Dickin so n, bisog na ri co noscere che l'av-
se stessa, che arri va alta e squassa nte a dire, tutto sommato, che i ve nto di Sru ce ha portato il g ruppo a un li vello che nessun o
cantanti di altri generi non sono se mplicemente ness uno. Tutto avrebbe mai immaginato ag li esord i. Sebbene il gru ppo abbia ru o-
questo, senza mai stare fermi per un solo istante sul palco, agitan- t ato st abilm ente intorn o all a fi g ura del lea der padro ne Steve
do di continuo ogni musco lo del co rpo e o ndegg iando la testa in Harris è con Dickin son che il successo assume dimensioni «esote-
un frenetico headbang in ' che m anderebbe al pro nto soccorso ri che': ed è co n lui che inizia la fase mitol ogi ca d ei Maiden . Il
mo lti mu sicisti di diversa estrazio ne. E sempre con la stessa, immu- bastone del comando saldamente nelle mani di Harri s ha garantito
tabile sensazione di «norm alità», come se fo sse normale suonare ai fan qu ella coerenza e continuità che non è mai venuta meno,
in quel modo per chi appartiene alla tribù del meta I, una tri bù che nea nche nei m o menti più bu i della m usica metal (i primi anni
esa lta i guerrieri dello strumento e non si accontenta di «norm ali» Nova nta e l'avvento del g run ge), alim entando l'entu siasmo dei
perfo rm er. Nea nche i più celebrati gruppi rock e pop degli ultimi «dife nsori della fede» che hanno ri compensato i g ruppi non caduti
vent'anni possono reggere minimamente il confronto con la deli- nella trappola del ca mbiamento a tutti i costi co n una lealtà incon-
rante orgia strumentale del metal e dei suoi protagoni sti.
dizionata .
Architrave di tutto quest'approccio strum entale sono gli intrec- Un ultimo aspetto da ril eva re del mondo lron M aiden, fo nda-
ci tra le due chitarre soliste, già ideati dai Judas Priest e dai Lynyrd mentale per tutto il metal euro peo, è la sessualità pratica mente
Sky ny rd ma stili zza ti in veri e propri canoni esecutivi dalla fo rma- assente. L'attenzione dedicata a q uest'argom ento è irrileva nte e SI
zione ca pitanata da Steve Harris. Non solo centinaia di altri gruppi ri solve in un a compiaciuta etica da bordello (22 Acacia Avenue e
heavy m et al si impossessa no di qu esto can o ne (Hell owee n in Charlotte The Har/ot), blandamente mitigata da qualche ballata
testa, autori della più convincente e spettacolare evoluzione del della maturità ( Wosting Lave). È il rifl esso di un mondo dominato
«m aid eni sm o» so noro) m a an che la gen erazion e dei «g uitar dalla presenza maschile e dove le donne si contano sulle dita di
heroes» (Yngwie Malmsteen, Joe Satriani, Steve Vai, Paul Gilbert) una m ano ma non solo. M entre l'amore e il sesso costituIScono la
non pu ò farn e a m eno, sebbene, a parol e, tenti di attribuirsi base liric;del 90% delle canzoni di ogni altro genere mu sica le, il
tutt'altre fon ti di ispirazio ne. Il ca ntato di Sruce Dickin son è una metal li considera come dei meri accessori, inquadrabili nel nor-
versione aggiornata ad un livello più alto di aggressività de l lan male merci mania che l'umanità fa da sempre di ogni cosa. Si com-
Gillan dei tempi d'oro . Il suo carattere di interprete fa da ponte tra prano e si vendono con fa cilità, allegria e senza pensarci troppo
le «power voices» degli anni Settanta e gli allucinanti «screamers»

125
124
IRON MAIDEN

anche perché ci sono cose più importanti a cui pensare per i fan
degli Iron Maiden e del metal: un massacro in tv, un racconto del
terrore, un videogioco di violenza estrema, uno scontro di tifoserie
allo stad io, le pagi ne di cronaca nera di un giorna le, un nuovo
album dei propri idoli; insomma, la «norma le» apocalisse che ogni INDICE
giorno si sg rana sotto i nostri occhi e che so lo l'heavy metal ha
capito in tutta la sua portata e ha interiori zzato nel suo blasfemo
vangelo.
In calce a quel va ngelo, c' è un a firm a: è quella degli Iron
LA STORIA 5
Maiden.
UN AUTORITRATTO 45
LA MUSICA: DISCOGRAFIA UFFICIALE 51

LA MUSICA: APPENDICE 105

GLI EREDI 117

126 127