Sei sulla pagina 1di 13

19/10/2010 BIOMECCANICA A.A.

2010-11 Esercizi di Statica – parte II

Esercizio 7 TRAVI

Convenzioni versi positivi degli sforzi interni

TRAVI 1)
Calcolare gli sforzi interni della struttura rappresentata in figura (modello meccanico di una struttura
ossea + muscolo attuatore all’atto del sollevamento di un peso)

Risultati
Fx= 4 P Fy = 4 P

1
19/10/2010 BIOMECCANICA A.A. 2010-11 Esercizi di Statica – parte II

Date le seguenti strutture vincolate, verificare i rispettivi diagrammi delle forze interne di taglio
S(x) e del momento flettente M(x)

TRAVI 2)

P1 = 200 N ; L=1 m

S(x)

M(x)

2
19/10/2010 BIOMECCANICA A.A. 2010-11 Esercizi di Statica – parte II

TRAVI 3)

P1= 20 N; L= 1 m
M1 = 20 [Nm] , M2= 30 [Nm]

S(x)

M(x)

3
19/10/2010 BIOMECCANICA A.A. 2010-11 Esercizi di Statica – parte II

TRAVI 4)

P1= 20 N; P2= 40 N L= 1 m

S(x)

M(x)

4
19/10/2010 BIOMECCANICA A.A. 2010-11 Esercizi di Statica – parte II

TRAVI 5)

P1= 40 N; P2= 80 N L= 1 m

S(x)

M(x)

5
19/10/2010 BIOMECCANICA A.A. 2010-11 Esercizi di Statica – parte II

TRAVI 6)

W1 (carico distribuito) = 100 N/m


L=1m

S(x)

M(X)

6
19/10/2010 BIOMECCANICA A.A. 2010-11 Esercizi di Statica – parte II

ESERCIZIO 8 SISTEMI PER TRAZIONE

7
19/10/2010 BIOMECCANICA A.A. 2010-11 Esercizi di Statica – parte II

ESERCIZIO 8 – Traccia di soluzione

1) Diagramma del corpo libero e modello meccanico dell’arto

2) Calcolare le grandezze incognite in modo da avere le componenti delle forze lungo gli assi del sistema di riferimento (T1,
T2, β). utilizzando le eq. cardinali della statica.
3) Effettuare il taglio in uno o più sezioni x (con x ∈ [0, L] ) e procedere al calcolo di H(x), S(x) e M(x)

Risultati
W1=223.6 N
W2=282.8 N

H(x)
200

0
0 2L / 3 L
S(x)
100
0

-200
0 2L / 3 L
M(x)
200L / 3

0 2L / 3 L

8
19/10/2010 BIOMECCANICA A.A. 2010-11 Esercizi di Statica – parte II

ESERCIZIO 9 ESERCIZIO D’ESAME DEL 26/6/2007

Nell’esecuzione del trasporto bi-manuale di un carico, gli arti superiori di un fattorino (schematizzati nel solo piano
sagittale) vengono a trovarsi nella condizione di equilibrio illustrata in fig.1. Si assuma che la massa totale del soggetto sia
di 80 Kg, che la lunghezza efficace del suo segmento avambraccio + mano (segmento EH in fig.1, dove ai puri fini pratici si
faccia coincidere il punto H con lo stiloide ulnare) sia di 30 cm, e che il punto di inserzione del bicipite, unico muscolo
inizialmente considerato nell’analisi, sia posto ad una distanza m=5 cm dal centro articolare. Nell’ipotesi che il carico da
trasportare sia Lh=120 N e che la linea d’azione del bicipite sia perfettamente verticale si risponda ai seguenti quesiti:
1.1.1. Si calcolino la forza di reazione R e la forza muscolare generata dal bicipite, FM, per il mantenimento dello stato di
equilibrio mostrato in fig.1.
1.1.2. Qual è l’effetto funzionale del bicipite rispetto all’articolazione di gomito e quanto vale il corrispondente momento
articolare equivalente ME?
1.2 Rappresentare i diagrammi degli sforzi interni lungo l’asse longitudinale del segmento avambraccio+mano,
identificando le sezioni sottoposte a minimo e massimo momento flettente in tale condizione di carico
(Suggerimento: trascurare l’effetto della forza peso del segmento corporeo).
1.3.1 Si descrivano i principali limiti modellistici della rappresentazione sin qui impiegata per descrivere l’arto
superiore.
1.3.2 Si consideri ora il modello bi-muscolare illustrato in fig.2, in cui si considera l’azione agonista di bicipite e
brachiale. Si risolva il suo equilibrio, a parità degli altri dati del problema, ipotizzando m1= 5cm , m2 = 4cm , γ1 =
90° , γ2 = 120°. Per la soluzione si faccia ricorso al metodo della sezione trasversa (cross-sectional-area, CSA),
ipotizzando la sezione del bicipite pari a 20 cm2 e quella del brachiale pari a 10 cm2, oppure al metodo di
ottimizzazione lineare, ipotizzando che l’intensità media della forza muscolare per unità di area valga per entrambi
i muscoli I = 30 N/ cm2.
1.3.3 Si ripeta, per questo secondo modello, l’analisi degli sforzi interni lungo l’asse longitudinale del segmento
avambraccio+mano, confrontando il risultato con quello ottenuto al punto 1.2 (Suggerimento: trascurare l’effetto
della forza peso del segmento corporeo).

1 2

9
19/10/2010 BIOMECCANICA A.A. 2010-11 Esercizi di Statica – parte II

Traccia di soluzione
Dati del problema:
M=80 Kg, EH=30 cm, m=5 cm, Lh=120 N

1.1.1

R Fm

m
W
Lh/2
Xco
m

[da tabelle antropometriche]

=20.46 cm

10
19/10/2010 BIOMECCANICA A.A. 2010-11 Esercizi di Statica – parte II

1.1.2 Momento flessore

1.2

359.39 M(x)

H(x

S(x)

359.3 430.6 M(x)


9 5
H(x

S(x)

11
19/10/2010 BIOMECCANICA A.A. 2010-11 Esercizi di Statica – parte II

H(x)

S(x)

M(x)

1.64
x

-17.66

1.3.1 Linee d’azione; punti di inserzione muscolare;


ridondanza; assi articolari; etc.
1.3.2
Dati del problema:
m1=5 cm; m2=4 cm; γ1=90°; γ2=120°;σbic =20 cm2; σbr =10
cm2
• Metodo CSA

Fm2 Fm1
R

m W
Lh/2
m1

12
19/10/2010 BIOMECCANICA A.A. 2010-11 Esercizi di Statica – parte II

13