Sei sulla pagina 1di 118
| Gaetano Berruto Fondamenti . di sociolinguistica (©1995, Gis. Laces Pal [Ne Manual Leteane ‘ime ediione 1995, [NeisManal dl bas» ‘Pam edicne 200) ) Quint ede 2010 waters Questo libro étampco scars amie del forse, cero “hd Fores Stewardship Proprie eneraria serata (Gh Lateran Fgh Sp, Roma er Fino di stampare nel osbre 2010 SEDIT- Baral) er conto della Gite. Latera & Fig Spa ISBN 978-8-420.69164 ‘via siprodvion. sce parle, en gua sean ele ‘compres forceps, ance a nero didarice Petals a occopn ee sclo erg ea rom ene a Ie leesEliett steels mprerereees him moo i roererte le conceene. Chsfotcopinan vo, mete «dapsone Stace pe ftospareccomunge ovorice see ta pecan isto open cana ce urs Indice del volume Premessa 1. La collocazione della sociolinguistica fra le scienze del linguaggio 1.0. Considerazion nize 4.1, Defnione dela socilingistica £2, Ambit cela socolinguistes, are e lsintneconterint 43. Rapport tra sosolingisicaelngustica 14 Socoinguistice in senso strtto ¢ sociloga del ingvaeso 15. Duo Up & sociolnguistica:socloingustca corelzionale « silingustes iterpetatva 2. Problemi e presupposti teorici della sociolinguistica 2.1. Statuo teoreo dela sociolngistica 2.2. Wearatere dele dscraonie sriegazion in sociolnguistica 2.3, sExcureus sl funionaismo in ingusica 2.4. Una isa d assiomie postulat dela socioingisica 3, Nozioni fondamentali e unita di analisi 3.1, Alcuni concetti sociolinguistic! 3.4.1, Comunita Ingulstia, p. 56 - 3.1.2. Ropertoriolngustico, .60-34.3, Valet al lingua, p. €2- 3.4.4. Competenza comunt Cate, p66 3.2, Alun concett social 12.2.1. Stuazione comunicatva, p. 71-3.22. Domini, p. 78-3.2 ‘Strato sosiele, gruppo sociale, classe generazioncle, p. 79- 3.2.4 vu n Indice del volume Rete sociale, p. 84 - 9.25, Prestigio, . 85 - 3.2.6, Ategeiament pet 4. Lingua e stratficazione sociale 4.1 Lanorone of asse sociale 42. La stratteazone sci nelendagniseciolnguistiche 43, Masel do rapport fe Inguae setiieatene sociale 4.3.1. Un modelo sociologieo, p. 108 4.3.2. Un modelo materia Sia 9. 118 4.4, Effet doa poszion ceciale su ndvidvo palate 5. Lanalisi della variazione interna alla lingua 5.4. Dimension di vaasone 5.2. La nodione oi scortraume 5.3 Veil sccioingistche 5.3.1. La nolone dl verabe sociolinguistic, p.132-5.3.2. rio bil sociolinguistic eI dl anals 139 4, Modell ci deserzone e anal dela varabitd 5.1. Regole variable scetelegustes qvartatve,p 148-5.4.2. Groenatia divert, p. 1535.43. Seale mplcadone, p56 ‘BA. Al model. 163 6. La differenziazione nel repertorio: appunti di sociologia del finguaggio 6.4. Status efusione dl ing © vate lingua 6.2 Dimension’ dete status: dale ingue et uional di Engua 6.24, Dimension geopottice, p.172-6:2-2 Dnension'secode- magéie, p. 1786.23. Omenson tngusiehe: pa 3, Lingua, ingu stance, vata ch ingua,dlletio. 6.4 Tpoioge del reper ingusih 8.4.1. Diglossia,p, 191 - 6.4.2. Rapport dtc p. 195 - 6.4.3. Dil, p-204 65, Blingisme o soleione dele varia 8.6. Commutacione oi codce Commiato Bibliografia Indice dei nomi Indice analitico 97 a0 109 a8 128 123 27 132 145 169) 169 472 sa 191 2 215 225 227 255 259 Premessa senso generale del presente volume vorrebbe configurarsi come una presentazione ¢ timeditazione critica dei temi, dei metodi e dei rsultac della sociolinguistca, « quasi un trentennio dal suo ingress fra le science , la linguistca so {almenterealisticn (che srebbeTimpostzione di Laboe) ee elinguistica sociaimente fondeten (che rappresena I spproceio programmaticamente seputo da Hymes sesso, che peraltro ¬o per essere teorico della cosiddersaeetnogafia dela comunicazio no», dl impostazionepittostoanttoplogie: cl. avant) Fondamenti di socotingistice 8 Yetichetta interdisciplinare di ‘sociolinguistice’ si sopiono raggruppare tutti queai stud che abbiano come loro oggetto principale il rapporto tra strutture eusi cella lingua estrutture della sociti;e, agi iniai della ci sciplina, da Giglioli (19732: 16), peril quale, cautelativamente, la SL si configura «non (..] tanto come una disciplina ponte [..) quanto come un'areesostantiva comune, nella quale gli interessi dei sociologi dei lin auisti possono a tratti convergere ¢ instaurare una proficua collaborazio- ‘ne» (collaborazione, tra parentesi, che in effetti non si affatto instaurata, essendo per lo pit i sociologi assai poco interessat alla SL e avendo i so ciolinguisti nella stragrande maggioranza una formazione lingistca: tal ché nel ventennio successivo la SL si é venuta sempre pid delineando co- ‘me un’area della linguistica), Laconsiderazione assolutista che la SL sia ese a vera linguistica sste- rnutada Hymes (peril qual, pit precisamente, una SL afondamento antro- pologico-etnografico ingloba come sua sottoparte la lingustica) si trova, ancor pi nettamente, anche in autori che pur hanno una concezione anche ‘molto restritivadell'ambitod'azione dellaSL:sitrattainfatidellanotapo- sizione di Labov (1972a bye, in genere, dei variazionistiangloamericani e della loro‘esecilar linguistics»), peril quale solo lo «study of language in its social contexos é vera linguistic, eo studio della variabilitlinguistica, che risulta 'aspetto centrale se guardiamo all'uso della lingua nel contesto sociale, il focus dellalinguistcain generale. Assaisimile& limpostazione i Trudgill, che perd da un latonon condivide Fassunto assolutistico che la SL sia ruta la linguistics (essendo invece that part of linguistics which is concemed with languageas social and cultural phenomenon; 19748: 32- 3), edalfaltro caraiterizza la peculiarita della SL. sulla base degli obietivi che si pongono iricercator, distinguendo ricerche con obiettvi sociologi- (beninteso, spogliando tale formu- lazione dal sapore psicologisticoo idealstico che pud avere nel clima cul: ™ Da tutto analogamente in Lepscy (1992: 147): Ia SL. si occupa di quel aspet ti dels linguistic che embrano richiedere una spegticne ches ichism alle fan ion del ingnagio nella societb ° Che definisce I SL come velis et pu forwrd the systematic character of o-v ‘Rance in the social an linguistic structures, nd possibly establih lation of cause and efecto: f. Gardin Marcel (1987: 18 versione hevemente diversain Bell 1976: 28). Lo stabi una rlazione di cava ed ffetto, come vedremo, ? uno dei punt el cai dll SL. Fondamenti ot socoinguistics 20 turale italiano), invece che del sistema: non per nulla abbiamo detto so- pra en passant che la SI in fondo sinteresa ci come parla la gente 1.2, Ambito della sociolinguistica, aree e discipline contermini Data la vasttd delle tematiche potenzialmente socilinguistiche el'in- certezza dei loro confini, quali risultano dalla discussione sulla definzio ne della SL che abbiamo impostato nel paragrafo precedente, non sara inutile tentare di individaare quai sono le discipline ele areee correnti di ricerca che concorrono o si sovreppongono nella econ la SL, sia nella sua concezione restritiva che nella sua concezione ampia, ¢ come sia possibi- le, eventualmente, isolare il posto occupato dalla SL nei loro confront Per fare questo, ipotizzeremo che ci sia una SL in senso lato, che com- prende la SL in senso stretto¢ le sociclogia de linguagsio come due suoi Settori piuttosto ben separable passeremo in rassegna le diverse eree di ricerca che in qualche modo, e in maniera pit o meno dirett hanno a che fare con essa. In altri termini, schizzeremoilinegmenti di un nucleo edi ‘una perfera della disciplia; e uesto.non per cercare a tutti cost artifi- cialie schematiche delimitazioni fra domini del sapere™, bensi per tenta- re di capire meglio in che cosa consista, sec, lo specifco del lavoro del "Hudson (1984: 4) dice molto semplicemente chiarament che la SL adeas with indvidval speakers es members of soil groups». J Milroy (1992: 35658) fra gl alti teoriza perc, lature della SL come eapesker oriented» pet all linguisice ge ect, ch ws primarily concemed with formal stems of language, end even its da Tachaee idealized and shane way Frm the spar "* Lepschy (1882: 145-43] dstingue el propesito una elinguisticascilogicn da una SLee da una socologia del linguaggo: «Mere a lingustica socioloica si presenta con tana prosptivetotalizzane che copte tra area dla discplina [1 ella ingisica, GBB], e considers ogni fenceneno del punto ci vista sociale, le socolingusica si pre sentapitoro come una branes alVinterno dela linguisten (147); asocolgia de lin fuaggio sarebbe inveceun'etichetta uta «per rife a etrambe le ree» (148), se- ‘ono un impeetnione alla Fishman che none pare da condivdere.Inatve, bench la ‘Sesgnasione di dinguistcasocilogie» abin(l pari di quell i elingistice sociales, socal ngs) une cert citadinanzapresio i linguist, non siteniamo qui gistifiata tus tale ripartzione,e ammetteremimo i termine piutoste come eventuaiesinonimo di SLinsenso lato °° Gisealone Ramat (1985: 220-2) oservagiustamente che enon vant diffi le inrodurte rigide dlimitazioni cscpinti nelle scenze socal |.) na non € probe bilmente neppure opportune isistere troppo sulla icerea dellidesnih cisciplineren; tua riflssione propio su quest temi pu perd essere ue per una miglioreaurocons pevoleraa del aver in SL cienze del lingusatio rr ___4. La colocasone delle sociolinguistic sociolinguista:incasllare i domini di rferimento &i tutto sommato un’ ppetazione esteriore, ma pud pur sempre aiurare a metter ordine nella con- serie di eala di cui si oecupano i socolinguis ‘Lelinee divisorie ele earatterizazioni che tracceremo peri vari domi- 1 sono naturalmente tut altro che univoche ¢ date una volta per tutte (¢ i pareri le autocollocazioni dei vari autori che praticano campi sociolin -uistici possono essere ben divers); per comodita, ci baseremo nel trac: ciarle su un criterio pratico del genere: che cosa ci aspetteremmo tipice ‘mente di trovare in lavori che contengano nel titolo a denominazione re- lativa o che si vogliano ricondurse ad essa ‘Nello sterminato panorama dei fatti che riguardano sia la lingua che la societi,e che quindi possono essere candidat a sientrare sotto Petichetta cdi SL, vi anzitutto un nucleo centrale ‘duro’, eppunto la SL in senso siretto(settore 1 nello schema 1; eft oltre, p. 14), che ha come ambiti ’ap- plicazione lo studio della natura e delle manifestazioni della variablia in- fuistica, del rapporto fra lingua e statficezione socile, dela covarianza ta fatt linguistic evaribili social: un conceito centrale & qui ovviamen- te quello di variazione. Accanto a questo nucleo, e compresa senza pro- blemi nelletchetta di SL imtesa in senso lato, vi & (eitore 2 dello schema) ampia gamma di tematiche meglio denominabili come sociologie del in sunggio’, vale a dre lo studio della distribuzione, della collocazione, del- Ia Vite dello status dei sistemi lingustici nelle societa (cfr. § 14) ‘Alla periferia della SL, ma pur varie volte ricondotti sotto la sua et chetta ¢ con rapport ora pit intimi ora pid distanti col nucleo anzidetto, si trovano diversi settori variamente denominati Proviamo ad elencatl ‘Anzituto, (A) I dialettologa, in particolare nelle dimensioni che vengo- ro chiamate (A) dialetologia sociale e dialettologia urbana (quest ultima andi 2 senz’altro un settore della SL in senso siretto), cio? lo studio dei 2 Ag albor della SL, Halliday (1975) giungeva ad enumerare ben quin! sud visioni cela SL, calla macrosociologia del linguggio edemograia inguisica alla din Tetclogia social l code rutcing ala ceria del testo. Una buona idea dell aside tl lnteres che pio meno legitimamentevanno voto Teticheta di SL si pu gi ave fe semplicemente scorrendo i toi dei vet capitol dei due vlumi di Fasold (1984 e 1950), che purtutavia non cntano ston specie su eampi che parrebbero central perl SL, come la ipelogia delle vaieth di linus o rapport fra lingua e staificazo esociale "Mini (1992) preferise woiologiadellelingoe> fevamente, quest designs one partébe pit indicat per molta parte dep slp del settore, che non vanno a toin dreione reorica, elativaeppunto al inguagio in generale, quanto piutost ver Sola descrizione di propritseditibusionesocale dele lingue (ct qui cap 6). ° Cle Gras (1987) In ele, la SL énta in molt paes (ein paricoare in Iai: [Besruto 19774, Francesco 1974) sal sronco dell dilettologia ( dalla gograi in ‘uistice)tradizonae. Cf. in generale Chambers Troe (1987) e, pet uns prospttva recente, Tradl (1992) Fondamentl i socioinguia 2 dlletti e delle varietddialettal, geografiche, come varict socal, in pro- spettive sociale ¢ nell’ambiente urbano. Poi, (B), la creoistica: lo studio delle lingue pidgin e creole ha una duplice connessione con la SL, sia per- ché la nozione stessa di pidgin e creolo implica il rferimento alle citco stanze social di formazione di tai tpi di sistemi lingustici, sia perché al ‘cuni dei principal impulsi metodologici e descrittvi alla SL sono venuti da lavorisu pidgin ecreol®. Segue (C) la cosiddeta Verititenlinguicti, linguistica delle varietal studio delle vatieta di una lingua nelle loro ca ratteristche linguistiche e nelle loro architertur, che si caratterizza ri spetto alla SL in senso stretto per una focaliazszione assai forte sulle pro- Priethe su trattilinguistici ‘intern’ delle varieta di lingua Con queste tre aree finitime alla SL ci troviamo a lvello,fondamental- ‘mente, di analisi di sistem linguistic. Con i prossimi setoti confinanti, ci spostiamo alivello del!'anlis dell'uso della lingua, i tratta di: (D) la in Buistica pragmatice”, lostudio delle lingua delle produzioni verbali come «in quanto modo d'azione (Levinson 1985), Un campo a cavalo fralaSL clapragiaticalinguistica @analisdell'interazione verbae, ein paticola ze Yanalis della conversazione (E), che ha conosciuto nell ultimo quindi- cennio un vasto corpo di studi, diventando un settore a sé nella ricerca lin- _uistica”. Pid Jontana dallaSL in senso stretto, in quanto isuolinteressiso- ® Lpidgin, com'é not, sono lingue con drs fenomeni di seplifcaione srt tale edi mescalanza nate, perl pi in ambiente colonial, al conto fra linge ite (pesto, unalingun europe) elingueinigene che vengono impegate come Ineo eae en paar dren Ingomar Vee hin rato ceolo un pig che i ingoa matera d una commit di pslant, com una grat matic incrementata un lesico pid svuppatoe fanz’ pik ample, Le eesti rap resents un corposo store sé dell scien del inguagio, con una bibligrfia str Rat peri pport con SL, x. spcilmente il clssico Hymes (1971) e Romaine (198). # Termine, nat nella romanisiatedesca, ha preo nn cern pee negli limi an nis per Vitliano, Berra (1988) e anche Bersto (1987), O pragmatia linguistic, o pragmalinguistica, o anche, specie nei lavori recent raymatice Zou court in quest ultimo caso ~ secondo una traf id verifiats per In semantic» ~ con una sovraposizione che pub dae [nog ad equiva, dato che ore ‘con epragmatica» si design anche un ivello anal della lingua, relative appunto a Faso delle strurturelingistiche,accanto a quell raizionali di fonolopa, mofornts 5 lesico ~e semantics). La pragmatia in questo senso & un liveliest ao, che ent in azine ld sopra dela sina e dll semantics. *% Partcolarmente interessant in prespettvasociolingustica soa recenti supp! ala pragmatic come toa dell vo inguistico Bertucel Papi 1993; 61-117), ancor ‘héin termini formal di competenza. Lior tpicamente a cavalo, du un punto diva escritiv, fa SL. elingusica pragmatica sl ovano ud exempi in Gabber (1992). * Una rim informazione peril eore italiana (qua ela vero die milioeabil) si bud tovare in Cesanel-Marearino (1984); lever epic interessant perlo stro rap porto on la SL in One (1983). Importante in generale & Atkinson Heritage (1984), Non consderiamo nella nostra schematizzaione un store in pate contguo (0 cainc 4. Ls colocazione glia scciolngustics Wale Scienze del nguagio Fry no «purely social scientific in intent» (Trudgill 1978:2), ceonnessacon|'an- tropologia culturale esoriale, é (Fla cosiddettactnometodologia, che mi raad analizzare i modi in cui partecipant stessi ad un evento di interazio. ne categorizzano,costruiscono e interpretanol evento in ato (Giglioli-Dal Lago 1983). ‘Con un impianto in parte analogo, ma pit comprensivo e totalizzante, opera un altro importante scttore di confine tra SL, antropologia cultura le ed etnografia: (G) Yetnografia della comunicazione o ethnography of speaking, legata sopratcuto al nome di D, Hymes, un inditizo di studio che si occupa dell ativitalinguistica come parte de valor simbolii cli una cultura e societa e come mezzo con cui tna societa costruisce, mantiene, ‘modifica i rapporti sociali (Hymes 1980, Savlle-Troike 1982, Cardona 1987, Duranti 1992). Letnografia delle comunicazione si presenta come 1un approccio globale ai fatti comunicativi, e quind anche in primo luogo linguistic, di una comunita socio-culturale,¢ come tale tenderebbe a com. prendere in sé Pintera SL; un punto discriminante importante fra P'ap- proccio propriamente sociolinguistco e Papproccio dell’etnografia della ‘omunicazione consiste ne! fatto che per la SL strutturae fat linguistici e-strutura fat social sono entita discrete separabil, da mettere in cor- relazione, mentre per l'etnografia della comunicazione struttura linguist: cae struttura sociale sono inestricabilmente connesse e dunque da trata re come unite. Inolire, linditizzo dell eanografia della comunicazione, co ime parte della pid ampia (H) etnolinguistica o linguistica antropalogica (che si occupa in generale dei rapport fra lingua/-¢ e culura/-e: Cardona 1976), si tivolge specialmente alo studio del ruolo del linguaggio e del comportamento comunicativo in diverse culture, per lo pit ‘esotiche” Un ultimo settore in parziale sovrapposizione con la SL, e in partico- are com la sociologia del linguaggio, é: (1) la psicologia sociale del lin _svaggio (0 sociopsicologia del inguaggio, lo studio dell empicgo dellain ‘gua nelle interazioni comunicative da un punto di vista psicologico e dei ‘apport fra comportamento linguistco, reazioni e atteggiamenti dei par lent (Giles-St. Clair 1979)”. dente) con Tanai della conversazione e secondo malt (pe es, Trudgil 1978: 4 La ‘vandera 1986: 10-1) cavalo con lS, ve dite anal el dcors atcoure analy 1) che, speciakmente rele crerion che sfacano nella ingsistics esta, sembra aver pit ache fare con una lingistica formal, del sistema, che non con una inguistca del: Fuso in contesto sociale (etx Brown. Yule 1986). E vero per che erst anche madi di fere ana el dscorso come direto rolungamente dll analis della conversaione, di eto interese indi pee SL (pr uns presetacion aglornata, clr, Schillin 1994), Un rapido bilancio delinteresse dl approccio eiemetodologico perl ingui ste @ or in Held (1981), Non menaioneremmo invece la losfi dl linguaggio. Anche se, in paricolare Fondement di socilinguistee “ eunouisnicay : (soctotocta) dike cxsisce = — ‘ sociolinguistica : sstoiarine ty b | Sashes 7 -- sig ogsp eu ee wt meta tgs ! Fa Pee b He - Rape [i is Ey icologia an ----- pe z ae el men |g Toll : : ~ enna racecars eepstasin | SGmicasiae | PSICOLOGIA) caxrnoroxoats) | Schema I rapporti fra i principal setori di ricerca che coinvolgono le lingu © la societi che abbiamo cercato di deineare per sommi capi sin qui”, pos- sono essere illustrat nell schema 1 (con Pavvertenza che sitratta di arce dlsciplinari anche pinttosto eterogenee,diffcli quindi da stuare in uno schema bidimensionsle unitario) In questo schema abbiamo cercato di rappresentare anche le dscipli- ne diriferimento per ciascuno dei settoriconsiderati, riportando la SL in senso stretto, a dialettologia, la Varietatenlinguistk a creolistice alla in- istca; la linguistica pragmatica (per una parte importante della quale a vvero dire érilevante 'apporto della filosofia del linguaggio: ma si trata della parte meno interessante per la SL) e Vanalisi della conversazione in nella specie siatzione italiana, vi stata una cerca, ea volte spiceat, contigit traf lesolia del lnguapaio e SI. (bast pensare a mot lavor i. De Mauro, fa cin fondo To stesso De Mauro 1963, 0 dls sua scuoa, come pers. lia 19780 di A, Ponzio) non © pare che tale due are dsciplincin ci sin una rede afin. °F che hanno cometrato comune unificanc, in pia ma ance in ultima anal, iN fatto che eheir aim isto sud language in use» (Lavandera 1988: 2), 1. La colocarione della sociolinguistic fra le scionze del ingugo 5 ‘buona parte alla Linguistica ma anche in parte al'antropologia culturale; Fetnolinguistica con etnografia della comunicazione all antropologia cul- turale; la psicologia sociale del linguagao alla psicologis la sociologia del linguaggio alla inguisticae alla sociologia insieme; eetnometodologia el Ja sociologiae alantropologiaculturale insieme”! Dalla nostra rozza schematizzszione apparira che in fondo l'apporto della sociologia alle diverse anime della SL non & poi quanttativamente centrale: cid cortisponde, a nostro avvso, al fatto che nella SL (csi ricor di che nella stessa parola composta sociolinguistic a testa lessicale& ln- ‘uistica, e socio il prefissoide modificante) i fati sociali sono un indi spensebile ingredient, ma la nature dei problemi, impostazione dell cerca e il valore dei risukati non sono riconducibil alla sociologia,o alle sociologie (i cui metodi, d'altra parte, intervengono sostanziosamente nel- Yapparato metodologico della SL per quello che riguatda la raccola ein pareil trttamento dei dati) La SI-non si configura attualmente come un aggregato di linguistica e sociologia, bens, come abbiamo gia detto in va- rie forme, come una prospettva su linguaggio nella societ2, una linguist cea cioé che tiene conto saiente di fat social, insomma una sottodiseipli na della lingustica 1La SL in seni lato pud essere intesa comprendere un po’ tutti seto- 1i AcL sopra clencati, esi configura rotors almeno potenzalmente come tun campo amplissimo ed eterogeneo, da praticare con metodi e anche f- ni diversi eprivo di un tratto unificatore forte che vada al ila del tratta- re fenomeni verbali (a qualunque lvello e di qualunque genere) in rferi- ‘mento a un qualche fattore di contesto sociale (a qualunque lvello ¢ di ‘qualungue genere). In questo volume, d’ora in avanti, si pren siderazione fondamentalmente il ncleo centrale della disc le nostre considerazion in patticolare sulla SL in senso stretto,¢facendo solo in modo frammentario riferimento al complesso degli altsi settri pertanto, le afermazioni che andremo facendo saranno sostanzialmente valide peril nucleo centrale e potranno essere via via molto meno valide per la SI. in senso lato 0 per uno o pi dei suoi settor 1.3. Rapporti tra sociolinguistica e linguistica Sul problema dei rapport fra la SI. ela linguistica in generale (c gene- tale), e sulla rlevanza della SL per la linguistica, esistono, come anche si 1 Unoschema del tito analogo proposto da Hasrmann (1989: 158), chetiene con to perb di camp in parte diversi da quel qui considera Fondamenti dl soccingvisticn 16 ‘cava dalle concezioni espostenel§ 1.2, due orientamenti principal con- ‘rapposti (ct. Bell 1976: 29-30): una posizione debole, che vede la SL co- ‘me un settore di studio ancillare, complementare e subotdinato allo stu- dio della struttura linguistcae alle teorie della grammatica (insomma, a- Ja Linguistica «interna», 0 elinguistica autonoms»);e una posizione for te, che nega la validita di una linguistica interna ‘pura’ e insist sulla ne- cessta di concepire la linguistics in modo da includere ¢ radcibus nella ‘als della lingua dati efati social, al'interno preferibilmente divin mo- dello semiotico globale della lingua e del suo uso, Di queste due posizioni fondamentali sono rappresentate diverse va- anti, Una versione estrema della prima posizione, diffusa presso maki linguist formalie in specie nella linguistica generativa, nega alla SL. qua- Junque validiti teorica e disciplinae: a SL non recherebbe alcun contti- buto significativo alla conoscenza del funzionamento del linguaggi, sil miterebbe nel migliore dei casi ad un banale collezionismo di dati, e «'e- sistenza di una disciplina chiamata sociolinguistica(..Jresta [..] qualco- sa di oscuro» (Chomsky 1977: 56; per una confutazione, in generale, del- la rilevanza per il linguaggio di fattoi socio-comunicativi e funzionali ct ‘Chomsky 1981: 38-76). Una versione estrema della seconda posizione si pud considerare rappresentata dall ethnography of speaking, che, come gi detto nel § 1.2, tiene all opposto che fatti sociale culturali permeino ‘ogni aspetto del linguaggio, e sia dunque impossible, o ertato, pensare di capire il fanzionamento de inguaggio senza fare continuo rferimento al suo contesto socio-culturale: il principio fondamentale &che «la funzione sociale di forma ai modi in cu tratt linguistic si presentano nella reata clfetva»,e il compito della SL. & quello di riformulare da capo a fondo approccio ai fatilinguistci,«® una completa critica delle nozionie del- Je prassitradizionali, condotta dal punto di vista del signicato sociale, va- Je adite da una prospetiva funzionale» (Hymes 1980: 167) Fra questi due estremi, si collocano diverse posizioni intermedie. Hiud- La teorizzarione della ditnzione fa lingistcn externa e lingustica interna rs {e,com’®risaputo, Saussure (1567: 31-4). La nevione di linguistics autonome ¢ de lineuaediscussa con pariclareciarerza da Lyons (1991; 1226) » Nella recente rapid panoramica che Chomsky (1991) stesso di dele propre ve desu ainguistics end acjecent fielder noms fa parolaé della SL. né di question cin ‘volgentlinguaggioesoceti. Un accenno ala possi di tener conta di aspeti soci linello studio del linganggo si trova utevia i Chomsky (1989: 28) «Cio tata non significa nepae ad unalingusica di lr ipo, atenaalle strate eal intereion so cali, una sua legitimitic un suo valoe, malgrado certe opinion oppose che remo insorgte ci confi i principio o praticin (in versione originale, Chomsky 1986: 18, con wording un po’ diverso«..]:0 deny the posit or val of ocber kinds of ud ‘of language that incorporate social structure dnd interaction. Contrary to wha is vone times though, no coalits of principle or practice arse inthis connections) La colocazione dela sociotnguistica ra le scerze ce linguagelo 7 son (1980: 14) sostiene che &assl rischioso pensar di stadiare la kingua senza riferrsi alla societd che «i risultati della sociolinguistica sono di considerevole importanza per la teoria della struttura del linguaggio, 1 spetto, per esempio, alla natura del significato [..1 ¢ alle analisi delle a ternative in una grammatica». Giacslone Ramat (1985: 241) & dell opinio ne che la SL, soprattutto nella sua dimensione vatiazionistica, port con: tcibuti illuminant, nonché dotati di un certo potere esplicativo,alla co ‘noscenza di pitt di un aspetto del sistema linguistico e allavanzamento tcorico> della linguistica, dando «dignita scientific a numerosi problemi ‘important dell'interazione di inguaggio e vita sociale». Sembra dungue fondata lopinione che la SL non sia soltanto un campo di ricerca satel te, poco o nulla rilevante per la linguistica in sé, scarsamente interessante peril linguist, bens rappresenti una sottodisciplina in qualche modo pa: rallele alla linguistica ‘pura’, certamente non in altemnativa né in contcap- posizione alla linguistica interna, ma al contrario con una notevole com: patibilita ci ambitiescopi di indsgine. La SL da un lato presupponelalin- guistca interna stessa, ma dall'altro va considerata una parte della lingui- stica esterna con une propria autonomia e un propria validita,insomma con un pieno diritto di cittadinanza fra le scienze del linguaggio. Non & tunaltra linguistica da opporre, magari polemicamente, alla linguistica cotrente, ma una parte, se vogliamo un vasto ‘modulo’, che contribuisce alle conoscenze generali sul linguaggio alla pari di alte parti, altsi modu- |i che focalizzano alti aspetti di un oggetto cosi complesso ¢ polimorfo, plurifattorale, quale va considerato, appunto, i inguaggio umano* Diventa quindi importante, una volta daccordo sulla ‘pari dignita’ di linguistca generale o teorica e SL, cercar di chiar meglio leidentitac le differenze reciproche di metodi, inal e ogget di ricerca. B chiaro che cid che studia e cerca di spiegare le SL non & cid che studia e cerca di spie- gare la linguistica generale o teorica. Le due cese anzi non vanno nemme- 1n0 mescolate. Sono molto chiare a questo proposito, fra altro, recenti prese di posizione di Fasold (1990: vu-vun; 1992), che esprime la convin- zione che la fenomenclogia del linguaggo sia il prodotto dellinterazione ai due insiemi molt different di principi, uno dei quali d conto della grammatica della lingua, mentre Paltro da conto del suo uso. In effet, > cfr equ Beato (58:86), ov shbann nisi ula ect na contappodsioned SLs ings ori, come pte acon alleen ne term db dae rp’ pe eres epi omar dala nce se a Togs tne pub cero vata ener scatcanei plazas aol pun stEvin rae daoo cot ee tise pono elec peronal per ava o qe upreciocon ua nino gi ive canoe dlliroc cn aluason cea ave adi dprogreto sci) Ct aus22 Fondamenti ol soselnguistica 8 sembra del tutto ragionevole pensare che la nature di scrumento interper- sonale di comunicazione sia alla base di certe caratteristiche del lingueg. gio, mentre altrecarateristiche non hanno mula che vedere con la fun- zione comunicativa ¢ sociale e vanno ricondotte meramente a principi formali evitando inutiiivalitie polemiche perlo pitimproduttive sida- rebbe cosi tutto lo spazio necessario si alla linguistca formale e alla teo: ria della grammatica si alla SL (e pit in generale, come vecremo, alla lin guistica di impostazione funzionale), vedendole come areedisciplinari che contribuiscono entrambe, nel misure consentita dal loro oggetto di in- dagine medesimo e dalla loro rispettiva capacita esplicativa, alla spiega zione e interpretazione dei fatilingui Se @allora importante una divisione del lavoro, diventa un problema i cruciae interest il ‘peso’ relativo del punto di conttto fea Ia lingua e ‘In societa fa le strutture linguistiche c le strutture sociali, Dov'é che ln gua esocieta si fondono? In che cosa il modo in cui la lingua éfatta & de- terminato, o condizionato, dal modo in cui la lingua funziona nella so- cicta? Llimpatto della funzione socio-comunicativa della lingua sulla sua struttura si limita ad alcuni punto tratti secondati,o siguarda parti im- portant del sistema linguistico? E ovvio che siamo di fronte ad uno dei problemi di pit vasa portta, edi maggir rilevanzaesistenziale, della SL; ced éun problema al quale sono state date sinora solo risposte prowvisorie ¢ frammentare, ¢ sul quale soprattutto le convinzioni degli studios: di- ‘vergono grandemente. Nel recente Labov (1992: 30) viene recisamente affermato che «la 20- ne de contact entre la société tla langue est vraiment Grote»: Ia gran par ,_ te delle regole astratte e delle struture della lingua sarebbe insensibile a ‘ator socal?®. Secondollalinguistice generativa,e pit in generale le scuo- le formali (ein effet qua entriamo in una problematica che non concer- eer beet pen esc elle scienze del lingueggio, ma tocca una biforcazione esistente fra due ‘grandi anime dellalingustia teorica moderna, vale a dire la contrapposi- zione fra la linguistia formalist ela linguistca funcionalista: fs. § 2.3), semplicemente non vi serebbe alcuna zone di contatto: ruta la struttura ella lingua, utto cid che rilevant peril suo fanzionamento Come se sma di segni, serebbe indipendente rispetto alla sna funzione socio-comu- » Unaffrmarione del genere pot forse sembrare un po sxprendente a chi pen sta Lsbov ~ed? incontestable come uno de pari fondator dela SL, ma appare con Seguente ses basa sulla prespetva di SL. che Labov ha rappresensto in quas un en tenia di ricerca, prosperiva decisamencestruturalista incentaa sla desctzione dt ‘inatift subsisteratic dela lingua, e per dip prevalentementefinalirzaa al na- Is dei meceansmi del mutamentolinguistico (cfr Gade: 1992) 4a colocavone del’ sociolinguistic tale sclenve col inguagio 0 nicativa, essendo governato da principi puramente cognitvi cmentali che ‘non hanno nulla a che vedere con cié a cui la lingua serve", Secondo im. ‘postazioni totalizzanti nel senso opposto, come quelle rappresentate dal pit volte ctsto Hymes, 0, al di fuori della SL propriamente detta, da scuo- Je funzionaliste, tutto invece nella struttura della lingua sarebbe da vede- re almeno in qualche misura connesso cori la sua Fanaione socio-comuni- ‘cativa: Ja forma del linguaggio determinata dalla fanzione, come "uso de- ~ermina la struttura (cfr. § 23: la questione é naturalmente cellegata con le priorita che sf potigono tra le fondementalifunzioni del linguaggio). ‘Anche a questo proposito pare ragionevole la posizione di Fasold (1992; 352), quando vede una parte dei fenomeni linguistic! come guida- ta da principi che implicano relazioni di struttura non assoggettail in- fluenze del contesto comunicativo, ed un’altra parte invece che ha qual- cosa, omolto, a che fae col contesto camunicativo,talché non é ben com- prensibile se non chiamando in causa gli aspetti soci-interazionali (col corollario che presumibilmente principi struturalie principi contestuali sono separate richiedono teorie separate, ma vi sono aree in cui prinei- pici struttura © quelli di uso contestuele possono entrate in confit). Sviluppando considerazioni del genere, potremmo pensare-che in cf- {et esistano tre parti o piani o tpi di clement diversi nea truttura del Ia lingua, o se vogliamo, pid precisamente, nella grammatica, Schematia. zando: (A) una parte immune dal contesto extralinguistico, da esso indi pendente ead eso insensbile nella sua organizzazione, dominio dei prin Cipi della grammatica ‘pur’; (B) una parte condizionata dal contesto ex- ‘ralinguistico ma indipendente da quello sociale in cui principi interai interagiscono con fatti di dominio della pragmatics; e (C) una pare, inf= ne, condizionata dal contesto sociale propriamente detto (ruolo e satus sociale dei parlanti, stuttura della socita, genere dei caratteri socio-cul tural di una comunitd, in soviapposizione 0 non con la dipendenza dal contestoextralinguistico non sociale (v. schema 2) ‘A quel che se ne sa, sembra che buona parte degli element, delle ca- tegorie e delle regole dela strutura linguistca appartenga al primo tipo (A): le reggenze e dipendenze nela frase, i ruoli sintattici (come per es.la definizione di Soggetto e Oggetto, le opposizioni morfologicke e fone ‘natiche, ecc., non peiono governat in nulla dal contesto extalinguistico, > Filosof del linguagai che elaborano le poszionichomslyane cndividono pie rnamente asunaione che i Iingoagpo vada sudiato in vermin d psicloga individas- fee gungono al rassimo ad ammettere che «language is socal in that interaction with other persons peycholopically necessary 1o lea lzgusgen,e che pli idles (lz. § 3513) presntano aspet socal per quello che riguardaorganizazione della semant ‘alessicale (Burge 1989: 175, 187). { Fondement dl socotnguste 20 Schema 2 ‘enemmeno da quello sociale. Altri aspetti della struttura paiono invece si- tnifcativamente condizionati dal contesto pragmatico (B): le manifest zioni della deissi presuppongono per definitionem il riferimento alla si tuazione, mols fenomenirelativi lloedine dei costtuenti della frase di ppendono dalla salienza comunicativae informative, e non trovano ragio ‘he nei meri rapporti strutturali (v. per fenomeni in italiano Soicola 1988)”. Minima o comunque scarsa, ¢ soprattutto non universale, ma in stretta relazione a singole lingue (¢ culture), sembra invece la presenza di tratti del terzo tipo (C), ciotfatti intern della grammatica che in quanto talidipendano dal contesto sociale, meccanismi grammatical che codifi chino significati social® su questa strada in genere, almeno pet le nostre lingue europee occidentali”®, non si va molto al di la di casi come le strut- ture dellallocuzione, con l'opposizione fra le forme T'e V*% 2 Que aspersono natures en ben presenti o enti, dal model rammaticalfzna it Dane (1968) torzava re diver el dell cpenzsaso De sina: velo dale sratara grammatical (utoncia velo dela suture semantic velo del ericolaene informa del uci; per Dik (1978) asi tse lasemantca sono adits incase dentro la pragnatce Cie $23 > Si bedi ben, non ce ‘vekain” sige soc qudhingoe costo della ‘emma pub sere portato viore sociale Per unaceuri ratarone dla ck stone». Wolfe (988) Ur rua impomanee centile poeebheesee qui tc pert dala morelogia, che? ile che perme i denotae signa manfstanda nelle strutture formali obbligatorie del sistema linguistico, >» Caracerisiche sci ds paint sonoin effet codfcte nel sitema morclogico di pit lingue ‘esotiche’, come nel nahust, lingua azteca del Messico (che marca la relazio- ne soca rparlant tesoestore su ome verb eau ale eaegor grammatical score con atv fenomeni i accord) onl crea: cr aot 40 success, Wal fram 1988114749), “© Con? not, lestaturallcuive citi pronom ele forme persona del verbo ulate pe svelgers al imerlocuzar (che posno andre dalla netralizaion o- 4. La collocarione della socloinguistica fale scienze del inguagsto a A questo livello*, le possbilitad’arione della SL sono comunque evi dentemente ridote;e gli appell allelaborazione di grammatiche socio. lingustiche (Neubert 1976; ma anche un capitolo in Fiymes 1980: 123-51) sembrano destinati a rimanere sul piano propositivo o a risultare poco convincenti, come nel tentativo di Hudson (1986) di integrarein una word grammar fattisteuttualie fati socilinguistii nella stessa elaborazione formale®, Brillantianalisi specifiche, come quella di Hymes (1980: 151- 63, dove si analizza in maniera magistrale itimo gioco reciproco di rela- zionisintatiche, presupposizioni,chisvi di interpretazione e ruoli sociali in frasi che contengano i quantificatori any e some con valore pantitivo), sono rimaste poco pitt che mere esercitazioni Ben altro evidentemente il discorso se ci spostiamo su un altro pia no, quello della distribuzione negli usi delle strutture generate dalla grammatica: in linea di principio, tutte le struttureeffettive prodotte dal Ja grammatica sono suscettbili di assumere signifcato sociolinguistio. Mentre lt nozione, tanto per dire, di frase relativa @ in sé del tutto indi pendente dal contesto sociale, un certo costrto specifio, vale a dite cia scuno dei modi in cui una frase relativa si pub attualizzare in une cert lin- ‘gua, é sensible al contesto sociale, pud portare marcatezza sociale. Rias- sumendo, possiamo dunque dire che visono due oggetspecifici della SL: ‘da un lato, itrati del sistema sensibil al contesto sociale (dove la parte spettante alla SL, in confronto a quella della linguistca teorica, &scarsa; ‘ma dove la linguistica teorica, o autonoma, ¢ la SL. lavorano sullo stesso piano); dall'atro,'uso sociale el valore sociale (manifesto o latent) pres- 0 parlanti di, in principio, ogni elemento realizato della lingua (dove la tal, come in ingles, al'opposzione za forme di ispeno fo cortsia ~ V dall'inixale el pronome latino di 2 prs. plurale os ~e ferme conficensiali~T,dal'inixale dl pronomelatiae 2 pers. singolare, come in italian, frances, tedeseo, ccc ad op> posilon! molto pia compesse esolisticat, con ver ssiemi di ononiic’, come pet 6 in coreapo, lappanese, iavanese, aml) cestiuiscono un campo malo siudiato in SL, 1 partie dal fondamentale sggo di Brown-Gilman (1973), ce iterpretavano oppo. sizione fra Te V in termini ci slidarett ox. potere (yn blanco siteic in Fascld 1850138) Per tsiano, x ora Pampia ratasione di Rena (1993) * Orviamente perillesico, che ® un pola buccia’ de sistema linguistic, le cose sono ben diverse: dato che essico ‘odio meglio asics) in qualche modo tu tala real extralinguisica, eo codifica anche molt aspet della reali ¢ de rapport socal “© Che: Berrto (1992: 66). Hudson propone di formulare allo sesso modo, nel ‘so modello grammatical cognitivo basso sulle parole (enoa salle fs) come unit {oadamencl, le informazio’ relive alla natrae al comportamentosintattico delle parolee quele relive aloo stato socolinguistico alla presupposiione che le co: noscenze relative alla competenza lingustica sian dello stesso genere di quelle slat ve ed altri upi di ‘competenza del mondo’ compzesa dunque le competenzasocialin svistca Fondamentd socioinguisica 2 parte di ambito dela SL pud consistere in tutta Ia lingua; ma dove la SL, lavora dopo la linguisticateorica, autonoma)®. Tn conclusione, anche se si deve riconoscere che la questione dei rap- porti fra SL elingustica é tutora lungi dall'essere soddisfacentemente st stemata e dal trovare Vaccordo generale dei sociolingust,e soprattutto dei linguist, possiamo affermare che il modo migliore di porre le rela- oni fra le due & quello di constatarne la parziale autonomia e comple mentariti,e di non confondeme oggetti e metodi. La SL presuppone la linguistica, di cui utiliza large parte dellapparato terminologico ¢ nozio: fale e di cui condivide largamente limpostazione dei problemi, ma d'al- ‘a parte 2 un'atea di studio con propri compit,obiettvie criteri di lavo- 10, i suoirisultati possono contribuire validamente « chiarire problemi i natura generale relativi non solo all'uso del linguaggio, ma anche alla sua natura eal suo funzionamento, Concezioni assolutizzanti in un senso ondllatro, del genere ala SL serve a (0 spiega) tutto» o «la SL non serve 1 (onon spiega) niente» sono categoricamente da respingere, non solo gid alla luce del semplice buon senso, ma anche in base alla natura stessa,evi- dentemente plurifunzionale, del linguaggio. Conseguentemente, anche il valore della SL. come impostazione globale nuova, quasi rivoluzionsria, dello scudio dela lingua va fortemente relativizzato: le ambizioni della SL. ddebbono probabilimente essere assi pid modeste di quanto molti socio- linguist abbiano sostenuto, ma, proprio per questo, tanto pitt fondate ‘quanto meno pretenziose. © Poemmo ance paar, un otc un po’ dives, dl ‘oge ling pi smo tip’ (at stu asate generate dla grermatca, oppo ‘ogg in dcop esas le le sir ol elnd Stinlone non coincide stamentecon quel ssuriaadilngueeorlené on quel in chonstyra dl onpeest od eelisn; nu pnts oe opporsoe fp rerasone dee so de “eV sono fr alue ance opinion divergent cre i carateretneronico oreo dlacronico del sera voclingusiea: sun, presumiiinert inde dl'inpano del sual di Labo, cossncemente val vedere nel vainioe in sinconia eso ti norco dl mutamento diconco,srtengona chen SL. ecaatusc uno svDoppO langle tres (Segre 1983:920, come una dl cepecalzationn incu gue fa ina dopo dsucese dell inguin ncronca, Aol pare nvece che a SU sis tna discipline spcestmentespcronic, ech I sociolinguistic storia (Romane 198) eer unas soto, rppresentindone dl tenativ di appli sone ela duconia ——— Sf rind = rmaey ket 4. Le collocazione della soioinguistica fra lo clorae de! linguagglo 23 vat 4.4, Sociolinguistica in senso stretto A e sociologia del linguaggio Nel § 12 abbiamo definito la SL in senso stretto e la sociologia de in sguaggio come due ambiti fondamentali della SL in senso lato. Bil mo- rign(o ofa diritomare su questa distinzione, che non da molto, conlacre scita esponenciale dei lavori nel ramo, si venuta a porre come suddivi- sione operativa per la maggioranza degli studiosi, che non da tutti & ‘ugualmente condivisa, In realta, xi sono fatoriimportanti che differen ziano le due aree e che giusificano una loro separazione (cf. Grimshaw 19872), I primo, e forse quello fondamentale, consiste nel fatto che sono radicalmente diversi dat su cui operano la SL in senso stetto ela socio- logia de! inguaggio. Mentre la SL in senso stretto lavora su tems lingui- stic, i suoi dati sono produzionilinguistche concrete, reslizaazioni del si stema lingustico prodotte dai parlnti la sociclogia del linguaggio lavora su oggeti non direttamente prodotti dai parlanti come estrinsecazione del sistema linguisico: i suoi dati sono invece costtuiti dai sistemi linguistck stessi nel loro insieme e dalle loro varita, gli schemi comportamental eda norm, atteggiamenti evalori dei gruppi perlanti ‘Accanto a questa distinzione fondamentale, un altr.criterio che sepa- sai due campi & dato dalla distanza rispetto alla sociologia: a sociologia del linguageio & assai pit vicina della SLi senso stretto agli interessi dei sociologi(alcuni dei suoi esponentiinfari sono, o si considerano, pit s0- ciologi che linguist), i suoi metodi di indagine sono pit ispiati a quell ti- pici della icerea socofogicae i suo rsultati sono pit rilevani peri pro- blemi di cui si occupano isociclog,rspetto« quell della SL in senso stret- to, Hudson (1980: 11, 15) riassume in una semplice formuletta questa di- versita ci prospettiva, deinendo la SL come cf. § 1.2- alo studio della lingua in rapporto con la socicti», la sociologia cel lingnapzio come, vi ceversa, «lo studio della societa in rapporto.con la inguaw;e Faso (1984; 1990) ha ben diversficaro le due impostazioni nei ttoli dei suo duc trat tati gemell di SL, che suonano rispettivamente «sociolinguistic della so- cietae esociolinguistica della linguan*. ae © Abbiamo git accennata che per Fishman, pers, esocilogia del linguaguion va le come termine generale pe indicae inter campo di studio (i Sin senso stresto ‘pid socologa del inguagio|;itenamo tutava che perl rule di termine comprens ‘yo sia pi edeto“saciolinguistc’, non fsse altro perch gi formalmente pimps rentato con ‘linguistics “Socialists of language; peferimo tadarre con lingua, ix questo contest a ‘ben nota polisemia di largucge i not che finora abbitmo peratro ulizeto ling © “Tnguaggi pisos intercambiablmene, senza pertinentzzare I differen tea termi ne specifica (lingua) e termine generic lingua. Fondement! dl socoinguistics Ey Ancora, SL in senso stretto sociologia del linguageio si differenziano {n quanto la prima tende @ lavorare a livello miero-sociolinguistico, la se- onda invece a livellp macro-sociolinguistico"’. [I livello micro-sociolin- guistco riguarda«Yanalisi degli event di interasione comunicativa» (Ber- tuto 1974: 83), le produzioni verbal ele realizzazioni ci parlante gruppi i pazlant viste nei loro dettagli, singoli fenomeni linguistic, con un gra: doin genere clevato di attenzione alla descrizione minuta dei fattilingui stici i livello macro-sociolinguistico riguarda invece studi a larga scala, TPanalisi della cistribuzione e del'impiego dei sistem linguistic in una co- sunita parlante, e mette «in gioco i rapporti fra ampie strutture linguist- che ed ampie struture sociali» (Berrato 1974: 61) nel comportamento di vasti gruppi enon di singoli parlanti®. Si poteaalfine osservare che, come apparira chiaro nel cap. 6°, la sociologia del linguaggio com’é praticata ancor oggi ha un impianto largamente elencatvo, tassonomico e descrit: tivo, ¢tende a presestarsiscarsamente lletantein quanto ad aggandi te. rici di ampio respio: la SL in senso stretto sembra assai pitt interessante dal punto di vista della teoria del linguaggio. In conclusione, ci sembra che la distinzione su cui ci siamo soffermati jn questo paragrafo ncn sia semplicemente una questione, sofstca ¢ va sgamente causidia, di parcllzzazione terminologic e di varianti mera- ‘mente nominal, bensi risponda effettivamente alla caratterizzazione di due modi diversi di stadiare i rapporti fra lingua e societa. Sotto la deno. ‘minazione di sociologia deJinguaggio andranno pertanto tutti queglistu ddiche hanno come oggetto la composizione lingustica delle nazioni a co. _sttuzione ela tipologia dei repertor linguistici delle comunit, le manife Stazioni social dl plurilinguisto, la politica e la pianifcazione linguist che, le sostituzione ela morte delle lingue,ece. (ft. Fishman 1975, ¢ an “A toro ert de shut tse aoilingisin& dente fout court con 30 ilo del inguagio, e miro scelingaistca con la Lin senso sets ke due dice ‘onie 100 in fore sovappotiine, na non sno romotihe Baton 1992 10), quo con macro emo x degra Gu vel i ands, enen due ates conrappo. se Limpigo dela diinzon, a det, 2 ped preso less scious non ra mete vio, “ Alero vole etched aco mio ono tahoe aecomaete ad un ap rocco ripetvasente quanta c goatatve (Geimbew IbETb 6) ndaione delrut dae, ana era Second concern’ etn, a dsaone ui dca seule drone mene a dh ete ce elt Cite da conslare in pene pr mggir’ deal ututldistiviong pera laformulazione di Coins, secondo ci enact singly implies more nda inved ‘nore ites can prea over lager eet over longer periods tine “PE come snene Feed (1989; 120) propesto dla determination el states dle anion’ lenge, notando che tees we anne eran he prospect of erlang theory forte: scetel lingua» azine della socionguistice fr le scienze det lnguagsio 25 che Wardhaugh 1986; nonche il cap. 6 in questo volume). Naturalmente, alta parte la ricerca in SL presuppone spesso 'inquadramento genera Ie fornito dalla sociologia de 1.5. Due tipi di sociolinguistica: sociolinguistica correlazionale e sociolinguistica interpretative _Fin, dag albori della SL si assstto ad une biforcazione fra due ti: pi fondamentali di approccio scientifico ai sapporti fra lingu ae di orientamento della ricerca. II primo di questi, rappresentato emble- naley (0 acorrelativo»), & caraterizzato dal fatto che i fattorie le varia: Bill social sono assinti come indipendenti e non costituscono oggetto i studio: il compito.della SL @ di mettere in correlazione i fati lingui sticicon queli social, per comprerdere meglio i primis Paccento & sulla strutturalinguistica, Il secondo approccio, chiamata spesso «funzionale» 0 «dnterazionista> e successivamente ribattezzato appropriatamente «in- terpretativoy (Auer di Luzio 1984)", e cappresentato emblematicamente a lavori di einografia della comunicazione, ein partcolare di Gumperz, assume invece che il_camportamento linguistco ej fat social sono al- ‘meno in parte co-determinantisi, senza che si debba né si possastablire ‘una direzione priritaria tra gli uni eal altri: non & possible capire bene cosa succede se si separano i due espett, e Pativta verbale va studiata come una forma di comportamento socio-cultural, determinato in ma niera essenzale dalle intenzioni.del parlante e dal rapporto che quest in- staura fra la prassi comportamentale ¢ la rappresentazione che se ne fa Sari utile, per comprendere pia fondo la natura di questi due tipi di SL rifrsiauna schematizzazione, ispirataa quella poposta da Grimshaw (1987a;ma git Grimshaw 1971), circa le possibilirelazioni fr socité clin: ‘gua, o pit precisamente fra strutura sociale e struttra linguistca. Pos siamo gross0 modo tracciare irapportirappresentatinello scheme 3. ‘nosiro schema (in cui indichiamo con una linea doppia una rela zione molto forte, con una linea semplice una chiara influenza e con una linea semplice tratteggiata un'inluenza pitt debole e indiretta) abbiamo Termine, che adotiamo qu, non a evar comungue pieno success. Forse pil sat, per indicare questa prospetvn, ermine «pragmatic, oaciscorsve». Gee Coupland (1981-53) paslno anche di orientamento‘costrtiia’ giaccé assume hej sigiicat soil sino infest atwaverso process i costuxionee interpretazione 1 pane dai bapa di conoscene teu e eontestuali dep stor socal ~i pala), 26 seve -> soar < guia a Y engotamento ‘ini Schema3 posto, oltre alle owie relazioni causal fori fra struttura sociale e com portamento sociale da un lato e fra struturalinguistica e omportamento linguistco dalleo, una relazione bidirezionale debole fra soci lin- ua (la societa pud influenzare la lingua, la lingua pud influenzare le so- cieta), una influenza della societa sul comportamento lingustico e una re- lazione bidirezional, di-influenca del comportamento sociale sul com- portamento linguistco e di possibile influenza del comportamento lin sguistco sul comportamento sociale Ora, secondo la prospettiva correlazionale la SL studia le strutture lin- fuistiche e il comportamento linguistico cercanda quali sono gli aspetti della socicta (sain termini di struttare che di comportament,e dati indi- pendentemente) che sono in correlazione, influenzano o-addirittura de terminano i fenomeni linguistic; il comportamento linguistico in alte pa role rifles aspet della societ. Mentre a SL funzionale o interpretativa ~ € qui semplifichiamo moltssimo ~ considera comportamento sociale © comportamento linguistico strettamente interconness riflttent entram- bi aspett della struttura sociale e di quella linzuistica. La prima, inolre, lavora preferibilmente in manicra quantitativa, mentre la seconda opera con metodi qualitative” Comungue, mentse Papproceio correlazionale @ stato prevalente nel > Chr. anche Ditmas (1978: 341-46), che pone reason pit deterministche, in ge ere fr quato cost, 2 Leppsizione di metodi qualitative metodi quantita @naturamete pit am pia che non quella fre SL eorelzionale e SL inerpretatva (x Ditenar 1988), rein ‘egabile le coincdenta in SL. fs Timpostasone corclazinale e Tispiego di metod: ‘quanti (SL. di Labov ede varasonsiemericani&spesso anche chiamata, cif 1 come abo accennato,elinguistica quanitaivay; cf Hudson 1980; 161-217), leazione dalla sciolingvitica fra le clonze det inguagsio. 2 primo sviluppo della SL, dallinzio degli anni Ottanta vi stato un evi dente progressivo spostamento di accentoe di interesi verso un'imposta- ione molto pid qualtatva, incenieta sulle strategie di interazione, le in- tenzioni e le interpretazioni dei partecipanti, i significati social, i proces- si dicostruzione dell atvita linguistica, ecc.”, a carattere pitt decisamen- te ermeneutico, lontano dal neo-positivismo che ancora permes I SL cor- relazionale, Nel ripensamento metodologico che si avuto all’inizio degli anni Ottanta si sono moltiplicate le prese di posizione per un riorients- ‘mento generale della SL nel senso dell’approccio interpretativo, Dittmar (1989: 117-54; v. anche Dittmar-Schlobinski-Wachs 1988), nel quedro di luna proposta di paradigma globale integrato di ricerca sociolinguistica, i pronuncia decisamente a favore della superiorita anche in termini teorici di un approccio interpretativo; Downes (1984; 337-64) sottolinea I'im- portanza della nozione di ‘intenzione’ nell'apparato esplicativo della SLi ¢ Deuchar (1987) cerca, per es. di reinterpretare i risultati della SL cor relazionale circa la maggior tendenza dele donne verso le forme linguist- che standard nei termini, ritenuti esplicativamente supecior, dell nalisi pragmatica dell'uso della lingua nel interazione™. ‘insomma, le SL in questa drezione tenderebbe a diventare una sorta di etnopsicologia sociale del comportamento lingustico. Sulla validita ge- nerale di tale riorientamento abbiamo alcune riserve: ma sara opportuno sitornare sul tema pit avanti, quando avremo discusso meglio i problemi teorcisottesi alla SL e al suo modo di procedere. Quest rintamento& ben defnito da Auer di Luzi (1984: im come focalzzto su athe participant’ continaous task and accomplishment 0 mak interpretable and in ‘erpret each other's linguistic activities, secondo il modell delle wdiseourse strategies» i Gumpere (1982), Analogamente in una maniery vero dire ate ingenua, Cameron (1990) pense i ‘smitizare’ i pradigma quanittivo in SL mostrandone alla con esempio del ‘success nel mondo dingo inglee dela campapna control sesismo nella ingoa Al ‘uni de cumbiament propugnati dl movimento femninisa sono stat zecettati dll co ‘honitapariante (e dalle geammatiche decritive), il che proverebbelinflunza sul i ‘nggio delle pratiche metalingustiche acu partecipano imembri di una cultura alin fut andrebbe quindiconsideratsun'situzione socal, soggeta afore non sccnduc. Ei lle “allaciacorrelazionle’ basa sulla formula language reflects society,

Potrebbero piacerti anche