Sei sulla pagina 1di 19

Con la fine della pausa estiva del Parlamento, il Bundestag sarà di nuovo più pieno.

Come ovunque, il
rischio corona sta aumentando. Il presidente del Bundestag Schäuble reagisce - con una dichiarazione che
solleva domande in alcuni punti.

In considerazione del crescente numero di infezioni da corona, il Bundestag aumenta le misure di sicurezza
dopo la pausa estiva. In un memorandum il presidente del Bundestag Wolfgang Schäuble (CDU)
raccomanda urgentemente di indossare una maschera in tutti gli edifici del Bundestag a partire dal 1°
settembre.

"Questa raccomandazione urgente si applica in linea di principio a tutte le persone e a tutte le aree di
traffico, come corridoi e scale, aree ricreative, servizi igienici, aree di ristorazione (tranne che a tavola) e la
biblioteca, ma anche alle sale riunioni e alle sale conferenze dal momento in cui entrano nei locali", si legge
nel promemoria.

Maschera per respirare attraverso "piuttosto spingere sotto il mento".

La nota della casa è completata da alcune note sulla manipolazione, il tempo di usura, lo smaltimento e la
pulizia dei copricapezzoli per la bocca e il naso. Ad esempio, si consiglia di lavare le maschere riutilizzabili a
60 gradi. Tuttavia, alcune frasi della raccomandazione sollevano interrogativi. Così dice:

"Già dopo 30 minuti di utilizzo della maschera, a seconda del tipo di copertura del naso e della bocca, può
verificarsi un aumento significativo dei livelli di CO2 nel sangue, in quanto l'aria espirata potrebbe non
riuscire a fuoriuscire con la stessa facilità. Tuttavia, non è consigliabile rimuovere e rimontare
costantemente il coperchio della bocca e del naso, poiché ciò aumenta il rischio di contaminazione. Nel
mezzo, dovreste piuttosto spingerlo sotto il mento per respirare, ma portarlo avanti.

Un aumento dei livelli di CO2 nel sangue? La maschera deve essere posizionata sotto il mento?

L'amministrazione del Bundestag spiega l'annuncio - e torna indietro

Un portavoce dell'amministrazione del Bundestag ha comunicato a FOCUS Online che le raccomandazioni


provengono dalle autorità competenti come l'Istituto Robert Koch. Tra questi vi è l'obbligo di non indossare
e togliere sempre il copri naso e la bocca. "Tuttavia, se si guardano le cose da una prospettiva realistica, a
volte c'è la necessità di 'fare un breve respiro' in situazioni appropriate", ha spiegato il portavoce nel
promemoria. "In cambio, spingere il coperchio sotto il mento sembra essere un 'male minore', anche se
dovrebbe essere evitato, se possibile.
Il riferimento all'aumento dei livelli di CO2 nel sangue, invece, non si basa su conoscenze scientifiche, ma
intende spiegare il "sottomano": "Il riferimento al livello di CO2 serve esclusivamente come possibile
spiegazione di questa necessità, ma non include una dichiarazione scientifica e in particolare nessuna
affermazione di un pericolo per la salute". Tuttavia, l'amministrazione del Bundestag vorrebbe ora adattare
le raccomandazioni a posteriori. "Per evitare malintesi, si intende rivedere i riferimenti contenuti
nell'allegato all'avviso della casa", ha annunciato l'oratore.

Il politico del PLR Theurer: "Non è senza una certa scurrilità".

Le raccomandazioni hanno suscitato reazioni contrastanti da parte dei membri del Bundestag. Il vice capo
della fazione del PLR Michael Theurer è sorpreso dal contenuto della comunicazione della casa. "Si pone già
la questione di come il signor Schäuble si imbatte in questi accenni. Non è senza una certa scurrilità che né
il RKI né il Centro federale per l'educazione sanitaria danno tali indicazioni, ma il presidente del Bundestag
lo fa", ha affermato l'economo quando gli è stato chiesto da FOCUS Online, "Se il signor Schäuble ha
maggiori e migliori informazioni rispetto alle autorità competenti, non solo deve informare il Bundestag,
ma deve far partecipare l'intera popolazione".

Lars Castelluci (SPD), invece, non vede il problema: "Ora per favore tutti noi dovremmo mantenere le
distanze e indossare le maschere, come raccomanda il Presidente del Bundestag", ha detto Castelluci a
FOCUS Online. A suo parere, l'aumento dei valori di CO2 causati dall'uso di una maschera potrebbe essere
contrastato in modo semplice: "Prendere un po' d'aria fresca in mezzo ha senso anche senza corona".

Un aumento dei livelli di CO2 nel sangue? La maschera deve essere posizionata sotto il mento?

L'amministrazione del Bundestag spiega l'annuncio - e torna indietro

Un portavoce dell'amministrazione del Bundestag ha comunicato a FOCUS Online che le raccomandazioni


provengono dalle autorità competenti come l'Istituto Robert Koch. Tra questi vi è l'obbligo di non indossare
e togliere sempre il copri naso e la bocca. "Tuttavia, se si guardano le cose da una prospettiva realistica, a
volte c'è la necessità di 'fare un breve respiro' in situazioni appropriate", ha spiegato il portavoce nel
promemoria. "In cambio, spingere il coperchio sotto il mento sembra essere un 'male minore', anche se
dovrebbe essere evitato, se possibile.

Il riferimento all'aumento dei livelli di CO2 nel sangue non si basa su conoscenze scientifiche, ma ha lo
scopo di spiegare lo "scivolamento sotto il mento": "Il riferimento al livello di CO2 serve esclusivamente
come possibile spiegazione di questa necessità, ma non include una dichiarazione scientifica e in particolare
nessuna affermazione di un rischio per la salute". Tuttavia, l'amministrazione del Bundestag vorrebbe ora
adattare le raccomandazioni a posteriori. "Per evitare malintesi, si intende rivedere i riferimenti contenuti
nell'allegato all'avviso della casa", ha annunciato l'oratore.
Il politico del PLR Theurer: "Non è senza una certa scurrilità".

Le raccomandazioni hanno suscitato reazioni contrastanti da parte dei membri del Bundestag. Il vice capo
della fazione del PLR Michael Theurer è sorpreso dal contenuto della comunicazione della casa. "Si pone già
la questione di come il signor Schäuble si imbatte in questi accenni. Non è senza una certa scurrilità che né
il RKI né il Centro federale per l'educazione sanitaria danno tali indicazioni, ma il presidente del Bundestag
lo fa", ha affermato l'economo quando gli è stato chiesto da FOCUS Online, "Se il signor Schäuble ha
maggiori e migliori informazioni rispetto alle autorità competenti, non solo deve informare il Bundestag,
ma deve far partecipare l'intera popolazione".

Lars Castelluci (SPD), invece, non vede il problema: "Ora per favore tutti noi dovremmo mantenere le
distanze e indossare le maschere, come raccomanda il Presidente del Bundestag", ha detto Castelluci a
FOCUS Online. A suo parere, l'aumento dei valori di CO2 causati dall'uso di una maschera potrebbe essere
contrastato in modo semplice: "Prendere un po' d'aria fresca in mezzo ha senso anche senza corona".

Dichiarazioni discutibili sul contenuto di CO2 nel sangue circolano nei social network

Sempre più spesso, le immagini circolate nei social network mostrano che indossando una maschera, nel
tempo viene inalata troppa CO2 perché nella maschera e nei polmoni si accumula troppa umidità.

Secondo una ricerca del portale "Correctiv", questa affermazione si basa su uno studio di 15 anni del
Politecnico di Monaco di Baviera - molto prima della pandemia di corona. Lo studio è giunto alla
conclusione che la CO2 poteva fuoriuscire solo parzialmente quando si respirava attraverso una maschera
chirurgica. L'affermazione potrebbe fare riferimento a questo, ma lo studio è ormai considerato obsoleto. E
anche allora, lo studio concludeva che "un calo della saturazione di ossigeno" non poteva essere provato.
Gli autori dello studio sono anche giunti alla conclusione che indossare una maschera chirurgica non ha
avuto effetti sulla salute. ???? ( Bugia perché lo studio invece dimostra cali di saturazione di ossigeno )

Studio politecnico di Monaco di Baviera

Lo studio ha esaminato se il personale chirurgico è rebreathing carbondioxide da indossare maschere


chirurgiche causata dalla impermeabilità maschere per carbondioxide. Pertanto la pressione parziale
transcutanea, la frequenza respiratoria, la frequenza cardiaca e la saturazione di ossigeno è stata misurata
senza indossare una maschera e per 35 minuti dopo aver eseguito un intervento chirurgico di due diversi
tipi di maschera. La pressione parziale transcutanea di anidride carbonica è stata significativamente
aumentata ad ogni individuo ed entrambe le maschere (5,60mmHg, STEV 2,38) la frequenza respiratoria, la
frequenza cardiaca e la saturazione di ossigeno sono rimaste invariate. Per prevenire l'ipercapnia, la
permeabilità delle maschere chirurgiche per l'anidride carbonica dovrebbe essere aumentata e dovrebbe
essere evitato l'uso inutile di maschere chirurgiche. «

2.3.2 Analisi transcutanea dei gas sanguigni

Per determinare il contenuto di anidride carbonica nel sangue, il non invasivo

si usa la determinazione transcutanea della CO2.

Per questo, un elettrodo viene posto sulla pelle del

I pazienti sono legati con il nastro adesivo. L'elettrodo riscalda la zona sottostante della pelle fino al 43

C. Questo porta ad un forte aumento della permeabilità dei capillari cutanei per

CO2 e O2 I gas si diffondono attraverso la pelle e la loro concentrazione

per mezzo di un elettrodo combinato di platino e argento polarografico per O2 e tramite

è possibile determinare un elettrodo di vetro a pH per CO2. Dopo l'eliminazione matematica del

ritardo di misura di 20 s per PtcO2 e 50 s per PtcCO2, l'errore di misura per

PtcCO2 nel campo di misura da 0 mmHg a 999 mmHg a 1 mmHg. PtcO2 è nella cartella

Campo di misura da 5 mmHg a 200 mmHg meno dello 0,5% (50).

Prima di iniziare l'indagine, lo strumento viene calibrato. A questo scopo

Aria ambiente per l'O2 e una speciale miscela di gas per la taratura del CO2

viene utilizzato. La miscela di gas composta da 5% di CO2, 20,9% di O2 e N2 supplementare,

è fornito dal produttore come gas di prova standardizzato. La temperatura per il

la calibrazione è di 43° C. Prima della fine della misurazione è stata effettuata la seguente verifica

una deriva sistemica, un'altra calibrazione dello strumento di misura. Il sito

l'esame è stato eseguito con un apparecchio di tipo Radiometer® (Fig. 3) con combinazione di

Elettrodo O2 /CO2 (Fig.4 e 5) Copenhagen, Danimarca e un associato

Monitor TCM-3® (fig. 3).

2.3.3 Frequenza cardiaca, frequenza respiratoria e saturazione di ossigeno

La saturazione di ossigeno arteriosa è stata determinata come parametro di controllo per tutte le persone
sottoposte al test per l'intero periodo di prova. A questo scopo, il non invasivo

Ossimetria ad impulsi utilizzati. Il dispositivo utilizzato è del tipo Ohmeda Biox 3700®.
Il pulsossimetro misura la proporzione di ossigenato

Emoglobina su emoglobina totale. Questo viene fatto utilizzando il diverso assorbimento infrarosso per
l'emoglobina ossigenata e non ossigenata.

La proporzione di emoglobina ossigenata misurata viene calcolata ed espressa in percentuale

specificato. Allo stesso tempo, l'onda d'impulso del segnale di misura viene utilizzata per determinare la
periferica

Frequenza di polso al minuto calcolata e visualizzata. L'errore di misura è per un

Campo di misura dall'80% al 100% al di sotto del 2% (49). Come monitor a

Viene utilizzato il monitor per anestesia del tipo Cardiocap®, Datex®.

La frequenza respiratoria è stata determinata sulla base dell'escursione respiratoria toracica di

Non ne sono sicuro. I respiri sono stati contati in un minuto,

dal momento della misurazione.

La concentrazione di CO2 sotto la maschera chirurgica è stata determinata come ulteriore parametro di
controllo. A questo scopo sono stati utilizzati due tubi di plastica. I tubi

è stato incollato sotto la maschera con un nastro adesivo standard. Al fine di

flusso costante dell'aria respirabile o dipendente dalla respirazione

Per evitare fluttuazioni dei valori di CO2, è stata sviluppata una costruzione speciale

interposto tra di loro. Questa costruzione ha assunto la funzione di serbatoio. Questo

è stato ottenuto collegando in modo ermetico due cannule di spruzzo di grande calibro l'una all'altra

alle cui estremità anteriori sono state attaccate le manichette.

2.4 Procedura sperimentale

Sono state effettuate tre diverse serie di test in momenti casuali. I test sono stati

due serie di test con due diverse maschere chirurgiche e una serie di test senza

maschera chirurgica (Tabella 1).

Esame di gruppo di studio

A senza maschera

B Maschera 1

C Maschera C 2
Tabella 1: Caratteristiche dei gruppi di studio

2.4.1 Misurazione dei valori di uscita

Al soggetto è stato chiesto di sedersi su una sedia d'esame con schienale

da prendere. Il pulsossimetro era attaccato all'indice della mano destra

è stato. L'elettrodo è stato poi fissato per la raccolta di dati transcutanei.

Un anello di fissaggio separato è stato incollato sulla pelle della persona sottoposta al test, in cui

l'elettrodo è stato posizionato. Si trovava sul torace laterale sinistro, in cui

Altezza del quarto spazio intercostale.

Dopo il completamento di tutti i preparativi, in condizioni di riposo in

Il gruppo di studio A ha determinato i seguenti valori iniziali:

- frequenza respiratoria (FA)

- Frequenza cardiaca (HF)

- Saturazione di ossigeno (SpO2 )

24

Dopo 10 minuti, il valore approssimativamente costante di

- Pressione parziale di CO2 transcutanea (PtcCO2)

documentato. Quando si eseguono le misurazioni nei gruppi di studio B e C

dopo l'applicazione del pulsossimetro e dell'elettrodo, il

Tubi di plastica con un nastro adesivo commerciale vicino alla bocca sul

Pelle del viso bloccata. Dopo la fine dei preparativi del test, il

Mettere sulla maschera i valori iniziali AF, HF, PtcCO2 e SpO2 come prima cosa

Valori di controllo documentati.

2.4.2 Determinazione dei valori di misura

Dopo la prima acquisizione di PtcCO2, AF, HZ e SpO2 come valori iniziali per

Al momento 0, l'esperimento è stato continuato e la persona del test nel gruppo di studio B

maschera 1 (maschera chirurgica 3M® 1810 F) e maschera 2 (Surgine®) nel gruppo di studio C

4238 Maschera antiappannamento). È stata prestata attenzione a questo,

che è stata garantita un'elevata tenuta della maschera per evitare che la
per mantenere l'aria espirata in uscita il più basso possibile. Questo è stato raggiunto da un

si ottiene una corretta e relativamente stretta allacciatura delle maschere. Ora le maschere erano

nove ulteriori misurazioni in momenti diversi nei punti nel tempo dopo

3, 6, 9, 12, 15, 20, 25 e 30 minuti (Tabella 2). Ancora una volta

AF, HZ, PtcCO2, SpO2 e la concentrazione di CO2 sotto la maschera.

Dopo 30 minuti la maschera è stata rimossa. Dopo altri 5 minuti a

viene registrato un ulteriore valore. Questo valore dopo la rimozione della maschera è stato utilizzato come
valore di controllo per il gruppo di studio A.

A |⎯⎯⎯|⎯|⎯⎯|⎯⎯|⎯⎯|⎯⎯|⎯⎯⎯|⎯⎯⎯|⎯⎯|⎯⎯⎯|⎯⎯⎯⎯|⎯⎯⎯⎯> min

0 3 6 9 12 15 20 25 30 35

B |⎯⎯⎯⎯|⎯|⎯⎯|⎯⎯⎯|⎯⎯|⎯⎯⎯|⎯⎯⎯⎯⎯|⎯⎯⎯|⎯⎯⎯⎯⎯⎯⎯⎯⎯⎯> min

0 3 6 9 12 15 20 25 30 35

C |⎯⎯⎯⎯|⎯|⎯⎯|⎯⎯⎯|⎯⎯|⎯⎯⎯⎯|⎯⎯⎯⎯⎯|⎯⎯|⎯⎯⎯⎯⎯⎯⎯⎯⎯⎯> min

0 3 6 9 12 15 20 25 30 35

Tabella 2: Procedura di prova per gruppi

Per la visualizzazione dei valori di misura un monitor TCM 3® e un

Viene utilizzato il monitor per l'anestesia. La registrazione esatta dei tempi di misurazione è stata

con un cronometro.

Al termine dei tre diversi esami, sono stati esaminati i soggetti del test

il conforto soggettivamente sentito quando si indossano le maschere. In questo contesto

Entrambe le maschere sono confrontate tra loro in termini di maggiore comfort.

Ai partecipanti è stato chiesto di valutare quale delle due maschere di prova dovesse essere indossata
durante

è stato trovato più comodo da indossare durante il periodo di prova.

2.5 Statistiche

Per l'analisi statistica, MS Excel (Microsoft® ) e SPSS® 8.0 (SPSS,

Inc., Chicago, IL, USA). L'effetto sperimentale su una maschera

a Mask Basis e visualizzato graficamente. Il cambiamento di PtcCO2 in


mmHg e la frequenza respiratoria in min-1 sono stati tracciati contro il tempo. Il sito

i dati demografici e i valori di base sono stati confrontati all'interno del gruppo con

rispetto al test Anova unilaterale.

Perché le singole misurazioni in uscita per la frequenza respiratoria, la frequenza cardiaca e la

PtcCO2 variava, i calcoli di analisi dei dati e il grafico

rappresentazioni con valori delta. Questi sono stati calcolati a partire dal

26

Differenze tra i valori misurati al rispettivo momento X dell'esame e il

Valori di uscita. L'analisi dei dati è stata eseguita con il test Anova per ripetuti

campioni, seguiti dal test T non accoppiato su due lati (Tallaria

e Murray 1986) . In ogni gruppo il PtcCO2 e la variazione della frequenza respiratoria

determinato quantitativamente. Dopo la correzione Bonferroni per confronti ripetuti

le differenze sono state considerate significative se p ≤ 0,05.

3.RISULTATI

3.1 Sondaggio d'opinione

Durante questo studio pilota, sono stati condotti 45 test su 15 diversi soggetti

viene effettuata. I partecipanti allo studio avevano un'età compresa tra i 21 e i 38 anni.

Tutti i soggetti sono stati valutati per quanto riguarda il cardiorespiratorio, metabolico e

malattie neurologiche sano. Di conseguenza, nessuno dei

I partecipanti alla prova assumono regolarmente farmaci. L'indice di massa corporea del

I partecipanti erano tra i 20 e i 25 (Tabella 3). Inoltre, tutti i partecipanti sono stati

non fumatori al momento dell'indagine. I valori dichiarati del

La frequenza cardiaca (HZ) e la frequenza respiratoria (AF) sono state determinate dai valori medi

dei singoli valori misurati (tabella 4).

Età dell'intervistato

(anni)

Peso

(kg)
Dimensione

(cm)

BMI

1 32 81 185 23

2 25 73 180 22

3 28 67 186 20

4 21 90 190 24

5 33 84 196 21

6 28 68 172 22

7 28 88 187 25

8 24 66 178 20

9 25 74 182 22

10 26 86 185 25

11 28 85 182 25

12 36 82 184 24

13 27 79 182 23

14 28 86 183 25

15 29 81 179 25

Tab. 3: Dati sulle persone sottoposte al test

28

Età KG Taglia BMI

1 MEDIA 27,4 79,26 183,93 23,0

2 STDEV +/- 3,60 7,87 6,02 1,77

Tab. 4: Valori medi (1) e deviazione standard (2) dei soggetti esaminati

3.2 Analisi dello stato di avanzamento dei valori misurati

3.2.1 CO2 transcutanea

Nei gruppi di studio B e C, cioè per le misurazioni con le maschere 1 e 2

ha preso le pressioni parziali transcutanee misurate dell'anidride carbonica intracapillare in


rispetto ai valori iniziali in modo significativo. A titolo di confronto, in

Gruppo di studio A, cioè per le osservazioni senza maschera, come previsto no

differenze.

Una volta indossata la maschera chirurgica, i valori per la CO2 transcutanea

continuamente. Dopo aver rimosso la maschera, i risultati delle misurazioni sono stati di nuovo

i valori iniziali o, nel caso della maschera 1, parzialmente al di sotto dei valori iniziali (Fig. 6).

Un confronto tra i due gruppi di studio ha mostrato che la maschera 2

nei punti di misura dopo 3 min, 6 min e 9 min un aumento più forte della CO2-

la pressione parziale è stata osservata quando questo era il caso della maschera 1 e della serie di test

senza maschera.

Tutti i risultati delle serie di test eseguiti con la maschera 1 sono stati coerenti

inferiori a quelli della maschera comparativa 2 e del gruppo senza maschera.

Tuttavia, le differenze osservate tra i gruppi di studio non sono state

significativo.

3.3.2 Saturazione dell'ossigeno

La saturazione di ossigeno è stata osservata e registrata come parametro di controllo. Il sito

I valori misurati erano tutti all'interno dell'intervallo normale. Un cambiamento significativo

durante i test non è stato osservato.

3.3.3 Concentrazione di CO2 sotto la maschera chirurgica

La concentrazione di anidride carbonica sotto la maschera chirurgica ha portato a pressioni parziali

da 21,33 mmHg a 24,13 mmHg. L'accumulo è continuato rapidamente dopo l'applicazione

della maschera. Dopo aver rimosso la maschera, i valori sono scesi di nuovo rapidamente al valore

valore di uscita (fig. 9).

Il risultato di questo studio mostra per entrambi i tipi di maschera esaminati un

aumento significativo della pressione parziale per l'anidride carbonica nel sangue delle persone sottoposte
al test.

I valori di CO2 arteriosa misurata in modo transcutaneo sono aumentati fino a 5,5 mmHg. Questo
L'aumento è stato causato dalla limitata permeabilità alla CO2 delle maschere.

La CO2 espirata poteva fuoriuscire solo parzialmente attraverso le maschere chirurgiche, quindi

c'era un accumulo di CO2 sotto le maschere. Questo effetto ha portato a

il risultato che le persone sottoposte al test hanno inalato aria il cui

Il contenuto di CO2 era superiore a quello dell'aria della stanza circostante. Questo a sua volta ha portato

ad un aumento della concentrazione di anidride carbonica nel sangue dei soggetti del test,

che è apparsa subito dopo aver indossato la maschera chirurgica. Il sito

la variazione di concentrazione è stata determinata dalle pressioni parziali di CO2 misurate in modo
transcutaneo

registrato.

Rispetto alle due maschere, la maschera 2 ha mostrato un aumento più rapido del

pressione parziale di CO2 misurata in modo transcutaneo. In totale

della maschera esaminata sono stati trovati 2 valori di sangue più alti per la PCO2. Questa differenza

tra le due maschere non era significativo.

Un aumento della frequenza respiratoria come meccanismo di compensazione ipercapnica,

come descritto in studi precedenti (57 ), questo studio potrebbe

non può essere confermato. Una possibile spiegazione potrebbe essere una compensazione

aumentare il volume dei minuti respiratori. Questo effetto potrebbe essere dimostrato da questo

lo studio pilota non sarà ulteriormente approfondito, in quanto ciò richiederebbe una diversa impostazione
del test

sarebbe necessario.

Si pone anche la questione se lo studio precedente

ha mostrato un effetto più significativo sulla respirazione, perché il gruppo di pazienti esaminati era già più
anziano, mentre nel presente studio

Sono state esaminate persone più giovani nel test di medio livello di fitness. Basato su

di cambiamenti fisiologici nell'organismo addestrato alla resistenza

35

(17, 34) e variabili fisiopatologiche durante il processo di invecchiamento (62, 69)

si può presumere che gli effetti siano corrispondentemente più discreti,


migliore è l'adattabilità generale del corpo, per cui la

l'età, la salute fisica e le condizioni di allenamento giocano un ruolo importante.

Sono state ammesse solo le persone che hanno partecipato al test, in cui non si conoscono

disturbi polmonari. Anche i fumatori sono stati inclusi nello studio.

Escluso. Aparici, Arabaci e Frans esaminati

Cambiamenti nei fumatori (2, 3, 25). Gli studi mostrano un significativo

ridotta capacità di diffusione polmonare, ridotta tolleranza all'ipossia

e una limitazione dei parametri polmonari registrati spirometricamente. Sarebbe

concepibile che le persone con malattie polmonari restrittive, e

nei fumatori, gli effetti mostrati in questo studio, per i motivi sopra menzionati,

potrebbe avere un impatto maggiore.

Rispetto alle due maschere, la maschera 2 ha mostrato un aumento più rapido del

pressione parziale di CO2 misurata in modo transcutaneo. In totale

della maschera esaminata sono stati trovati 2 valori di sangue più alti per la PCO2. Questa differenza

tra le due maschere non era significativo.

Un aumento della frequenza respiratoria come meccanismo di compensazione ipercapnica,

come descritto in studi precedenti (57 ), questo studio potrebbe

non può essere confermato. Una possibile spiegazione potrebbe essere una compensazione

aumentare il volume dei minuti respiratori. Questo effetto potrebbe essere dimostrato da questo

lo studio pilota non sarà ulteriormente approfondito, in quanto ciò richiederebbe una diversa impostazione
del test

sarebbe necessario.

Si pone anche la questione se lo studio precedente

ha mostrato un effetto più significativo sulla respirazione, perché il gruppo di pazienti esaminati era già più
anziano, mentre nel presente studio

Sono state esaminate persone più giovani nel test di medio livello di fitness. Basato su

di cambiamenti fisiologici nell'organismo addestrato alla resistenza


35

(17, 34) e variabili fisiopatologiche durante il processo di invecchiamento (62, 69)

si può presumere che gli effetti siano corrispondentemente più discreti,

migliore è l'adattabilità generale del corpo, per cui la

l'età, la salute fisica e le condizioni di allenamento giocano un ruolo importante.

Sono state ammesse solo le persone che hanno partecipato al test, in cui non si conoscono

disturbi polmonari. Anche i fumatori sono stati inclusi nello studio.

Escluso. Aparici, Arabaci e Frans esaminati

Cambiamenti nei fumatori (2, 3, 25). Gli studi mostrano un significativo

ridotta capacità di diffusione polmonare, ridotta tolleranza all'ipossia

e una limitazione dei parametri polmonari registrati spirometricamente. Sarebbe

concepibile che le persone con malattie polmonari restrittive, e

nei fumatori, gli effetti mostrati in questo studio, per i motivi sopra menzionati,

potrebbe avere un impatto maggiore.

Il presente studio potrebbe anche dimostrare che tutti

persone di prova, senza eccezione denominata maschera 1 come la maschera in cui un più alto

il comfort sarebbe garantito. I criteri erano quelli soggettivamente percepiti

Aumento della temperatura e ventilazione percepita soggettivamente

è stato descritto. Entrambi i criteri sono stati giudicati scomodi.

La vestibilità e la lavorazione delle maschere non sono state prese in considerazione.

4.3 Rilevanza clinica dei risultati

Nel presente studio, l'ipotesi dell'accumulo di CO2 in

Uso di maschere chirurgiche chirurgiche provate. L'accumulo ha portato

ad un aumento della respirazione di CO2 e questo a sua volta ha portato a

aumento significativo di CO2 nel sangue dei soggetti testati.

Il tempo di misura di 30 minuti e la configurazione di prova esistente non ha portato ad alcun


aumento significativo della respirazione nel senso di iperventilazione compensativa. Tuttavia, si può
presumere che gli effetti nel quotidiano

la routine clinica sarebbe più pronunciata: Le maschere chirurgiche sono spesso

indossato molto più a lungo che nel presente studio. Inoltre

lo studio è stato misurato in persone che respirano normalmente a riposo. All'indirizzo

lavoro fisico e tensione psicologica, si attiva la respirazione, che porta a

una più forte respirazione di CO2 e di nuovo ad un aumento delle emissioni di CO2

concentrazione nel sangue del personale della sala operatoria

Un cambiamento nei gas del sangue può causare una riduzione delle capacità cognitive

essere. Van der Post descrive un aumento dei tempi di risposta dell'ipossiemia (64).

Noble, Jones e Davis hanno anche esaminato le prestazioni cognitive in condizioni di moderata

ipossiemia e segnalare una diminuzione delle capacità psicomotorie, un

Aumento del tempo di reazione e di una limitata capacità cognitiva complessiva

prestazioni (48 ). Fothergill ha studiato l'effetto dell'aumento di CO2-

pressione parziale sul sistema nervoso e ha dimostrato una diminuzione della velocità

e l'accuratezza nella risoluzione di compiti psicomotori (24). Sarebbe

È concepibile che gli effetti mostrati possano influenzare l'esito dell'intervento chirurgico.

Di interesse clinico è anche il

Differenza nel comfort delle maschere. L'obiettivo dovrebbe essere quello di raggiungere un

creare un campo di lavoro indisturbato per ottenere il miglior risultato chirurgico possibile

per ottenere risultati.

Questo studio si rivolge ai produttori di maschere chirurgiche,

trovare nuovi modi per aumentare la permeabilità, in particolare la permeabilità all'anidride carbonica dei
loro prodotti Questo dovrebbe portare a

Riduzione dell'accumulo e del rebreathing dell'anidride carbonica durante le cure mediche

personale e il loro comfort soggettivo quando si utilizza il

prodotti è aumentato.

Inoltre, si dovrebbe tenere una discussione critica sul campo di applicazione delle maschere chirurgiche

dovrebbe essere stimolata per evitare tempi di usura inutilmente lunghi.


guanti di gomma. Per disinfettare le mani con il

meno aggressivo significa sapone e alcol, ha alla fine degli anni Ottanta

del XIX secolo, in particolare Paul Fürbringer (1849-1930) merita di essere riconosciuto. Il sito

La diffusione della tintura di iodio risale ad Antonio Grossich (1849-1926), mentre

Paul Friedrich (1867-1925) in Germania e William Stuart Halsted (1852-1922)

ha introdotto l'uso di guanti di gomma in America. Allo stesso tempo...

lavoro sperimentale sulla prevenzione dell'infezione da goccioline da parte dei paradenti in

forma di maschera chirurgica, costituita da una benda di garza.

Nel 1897 Mirkulicz postula l'uso di guanti attorcigliati sterilizzati e

Bendaggi di garza durante l'operazione per garantire un progresso asettico

di ferite chirurgiche (46).

Nel 1898 Hübener confermò con i suoi numerosi esperimenti la possibilità di un trattamento orale

Trasmissione batterica. Inoltre, i suoi test hanno fornito informazioni sull'uso del primo

Maschere chirurgiche per prevenire la trasmissione della malattia nei pazienti affetti da lebbra

risultati interessanti (31).

Gli sforzi dell'antisepsi e dell'asepsi combinati intorno a

All'inizio del secolo e l'immagine del chirurgo che operava in frac, senza paradenti e senza guanti di gomma,
è gradualmente scomparsa (19).

Dall'introduzione del paradenti, oltre all'effetto di asettico

condizioni dell'operazione, anche un'influenza personale del chirurgo attraverso

la maschera chirurgica. Questi cambiamenti sono il risultato di processi fisiologici respiratori, che sono
descritti nel capitolo seguente.

5. SOMMARIO

L'accumulo di anidride carbonica sotto le maschere chirurgiche è

nelle persone che respirano normalmente a causa della ridotta permeabilità delle maschere

causato.

Questi effetti sono stati osservati su due diverse maschere e 15 maschi sani

i soggetti del test. Sono state effettuate tre diverse serie di test, di cui una
Serie di test con maschera tipo 1 (maschera chirurgica 3M® 1810 F), una seconda serie di test con

maschera tipo 2 (Surgine® 4238 Antifog Face Mask) e una terza serie di test senza

è stata eseguita una maschera chirurgica. Ogni soggetto ha partecipato ad ogni

serie di test in ordine casuale. Prima di indossare la maschera, a otto

Tempi durante i 30 minuti di usura e 5 minuti dopo la rimozione

della maschera, la pressione parziale transcutanea di anidride carbonica, la frequenza respiratoria, la

si misura la frequenza cardiaca e la saturazione di ossigeno pulsossimetrica.

L'accumulo di anidride carbonica (22,49 mmHg, STEV 2,30) sotto qualsiasi

maschera chirurgica chirurgica ha aumentato la misura transcutanea

Pressione parziale di anidride carbonica (5,60 mmHg, STEV 2,38). Una compensazione

Un aumento della frequenza respiratoria o una diminuzione della saturazione di ossigeno non è stato

è dimostrato.

Poiché l'ipercapnia può limitare varie funzioni cerebrali, questo studio

produttori di maschere chirurgiche chirurgiche, materiali filtranti con maggiore

permeabilità per l'anidride carbonica. Questo dovrebbe portare ad un

Riduzione dell'accumulo e del rebreathing dell'anidride carbonica durante le cure mediche

è garantito personale qualificato. Fino ad allora, l'area di applicazione delle maschere chirurgiche

essere discussi e definiti in modo critico per evitare inutili tempi di usura.

1.2 Fisiologia respiratoria: ventilazione, perfusione e scambio di gas

La respirazione umana è una componente essenziale per mantenere

e la regolazione dei processi metabolici del corpo. Per la produzione di energia da

le cellule umane hanno generalmente bisogno di ossigeno per assorbire le sostanze nutritive.

Come prodotto di decomposizione, l'anidride carbonica deve essere eliminata dal corpo. Questo

Il processo è generalmente indicato come respirazione.

Con ogni litro d'aria respiriamo circa 170 ml di O2 (STPD). Una parte dell'ossigeno

raggiunge lo spazio alveolare e da lì nel sangue, in modo che l'aria espirata sia

la respirazione normale a riposo contiene ancora circa 130 ml di O2 per litro Se la ventilazione

con l'assorbimento di O2 invariato nel sangue, ancora più O2


espirava di nuovo. Al contrario, se il fabbisogno di O2 dell'organismo aumenta senza

che la ventilazione sia aumentata nella stessa misura, viene rilasciato più O2 dalla

Aria respirabile esaurita. L'importante rapporto tra l'espiratorio

la ventilazione VE, l'assorbimento di O2 VO2 e la composizione del gas espiratorio consentono

sono espressi dalla seguente equazione di equilibrio:

VO2 = VE ⋅ (FI - FE) O2 (equazione 1)

FI e FE sono qui le frazioni di O2 nell'aria inspiratoria e nell'aria espiratoria rispettivamente.

Per il prelievo di CO2 (quantità di CO2 emessa per tempo, VCO2), un analogo

relazione:

VCO2 = VE ⋅ FECO2 (Eq. 2)

La ventilazione, nota anche come volume del tempo respiratorio, è solitamente costituita dal volume
respiratorio

(VT) e frequenza respiratoria (fR):

VE = VT ⋅ fR (equazione 3)

10

Volume inspiratorio ed espiratorio del respiro (in condizioni BTPS)

sono quasi della stessa dimensione; lievi differenze derivano dal fatto che le

La tassa sulla CO2 è di solito leggermente inferiore all'assorbimento di O2 (RQ < 1), quindi

che nel complesso viene espulso un volume leggermente inferiore - rispetto a quello che viene inalato. Per
l'ulteriore

si dovrebbe tenere conto di queste differenze, che sono state ridotte dall'introduzione del cosiddetto

la correzione dell'azoto può essere presa in considerazione, può essere trascurata e la

Il simbolo VT indica il volume del respiro (espiratorio misurato).

Ci sono differenze corrispondenti tra il sistema inspiratorio e quello

ventilazione espiratoria, che tuttavia dovrebbe essere trascurata come minore.

Al posto del simbolo VT per la ventilazione, il simbolo VE si è generalmente affermato. Tiene conto del fatto
che la ventilazione è per lo più espiratoria,

ad esempio raccogliendo in uno spirometro. Quando si utilizza il

Equazioni 1 e 2, le condizioni di misura devono essere rispettate. Quindi VO2


e VCO2 in STPD, VE ma in BTPS. Con l'equazione 3 e il

secondo le equazioni 4 e 5, queste indagini possono essere incorporate nelle equazioni 1

e 2 e la frazione F possono essere sostituiti dalla

pressione parziale P (che è preferibile nell'ulteriore considerazione dello scambio di gas

volontà). Pertanto:

VO2 = 1/115 ⋅ VE ⋅ (PI - PE) O2 (eq.4)

VO2 = 1/115 ⋅ PU ⋅ (PE) CO2 (eq.5)

(VO2 e VCO2 in lSTPD; P in kpa; il numero 115 ha la dimensione kPa e ha

un valore diverso se P viene misurato in altre unità). Le equazioni 4

e 5 mostrano la misura dell'assorbimento polmonare di O2 (VO2) e del rilascio di CO2

(VCO2). A questo scopo viene raccolta l'aria espirata (gas espiratorio misto) e

si misura la frazione di O2 e CO2 in essa contenuta o la loro pressione parziale. Il sito

La ventilazione (volume di tempo respiratorio) VE risulta come volume di gas raccolto per tempo.

L'ossigeno inalato nei polmoni è fornito dai capillari polmonari

11

che scorre nel sangue; solo una piccolissima proporzione di non più di

una certa percentuale viene consumata dal tessuto polmonare stesso. A causa dell'O2-

l'assorbimento negli alveoli, il sangue nelle vene polmonari ha un più alto livello di O2-

concentrazione che nell'arteria polmonare. Quest'ultimo nasce nel cuore come sangue venoso misto. La
composizione del sangue nelle vene polmonari è quasi

uguale a quella di qualsiasi arteria periferica. Quindi, se Q è il flusso sanguigno capillare polmonare e CaO2
e CvO2 sono arterioso e venoso misto O2-

la concentrazione, allora l'equazione di Fick è considerata l'equilibrio di massa:

VO2 = Q ⋅ (Ca - Cv) O2 (eq.6)

VCO2 = Q ⋅ (Cv - Ca) CO2 (Gl.7)

Il flusso di sangue capillare polmonare Q è normalmente circa uguale all'uscita cardiaca HZV. Il significato
pratico dell'equazione 6 è quindi che

l'uscita cardiaca dalla misurazione dell'assorbimento di O2 e arteriovenosa

differenza di concentrazione da misurare (principio di Fick):


HZV= VO2 / (Ca - Cv) O2 (Gl.8)

Se la frequenza cardiaca è nota, l'equazione 7 può essere utilizzata anche per misurare il volume del battito
cardiaco

calcolare. Il rapporto tra l'emissione di CO2 e l'assunzione di O2 è calcolato respiratorio

quoziente, RQ, chiamato:

RQ = VCO2 / VO2 (eq.9)

Solo quando l'organismo è in stato stazionario

L'assorbimento polmonare di O2 e la CO2 rilasciano il consumo di O2 e la formazione di CO2

è lo stesso nel metabolismo; solo allora la RQ polmonare misurata nel gas respiratorio è uguale alla RQ
metabolica determinata dalla respirazione cellulare. Deviazioni