Sei sulla pagina 1di 68

Biochimica sistematica

Appunti per studenti di Medicina

Irene Bonanni

Documento creato con LATEX


Questo documento è copyright © Irene Bonanni. Alcuni diritti riservati.
I diritti d’autore sull’opera appartengono a Irene Bonanni e sono discipli-
nati dalla licenza Creative Commons BY-NC-SA (Attribuzione - Non Com-
merciale - Condividi allo stesso modo) 4.0 Internazionale, il cui testo in-
tegrale è disponibile all’indirizzo https://creativecommons.org/licenses/by-
nc-sa/4.0/deed.it.

In pratica questo documento può essere distribuito e riprodotto con qual-


siasi mezzo, purché si mantenga l’avviso di copyright su tutte le copie e si
citi debitamente l’autore. Non è consentita la ridistribuzione commerciale.
Ogni traduzione, lavoro derivato o comprendente questo documento deve
obbligatoriamente contenere l’avviso di copyright.
Indice
1 Fegato 1
1.1 Generalità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
1.2 Metabolismo epatico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
1.2.1 Metabolismo glucidico . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
1.2.2 Metabolismo lipidico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
1.2.3 Metabolismo proteico . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
1.3 Metabolismo nutrizionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
1.3.1 Generalità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
1.3.2 Metabolismo postprandiale . . . . . . . . . . . . . . . 9
1.3.3 Metabolismo interprandiale . . . . . . . . . . . . . . . 10
1.3.4 Metabolismo durante il digiuno prolungato . . . . . . 10
1.4 Vie esclusive del fegato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
1.4.1 Chetogenesi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
1.4.2 Sintesi di acidi biliari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
1.4.3 Detossificazione di farmaci o xenobiotici . . . . . . . . 13
1.4.4 Metabolismo dell’etanolo . . . . . . . . . . . . . . . . 14

2 Sangue 19
2.1 Generalità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
2.2 Plasma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
2.2.1 Proteine plasmatiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
2.2.2 Analisi peptidogramma . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
2.3 Elementi corpuscolati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
2.3.1 Globuli rossi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
2.3.2 Globuli bianchi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23
2.3.3 Piastrine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25

3 Tessuto adiposo 29
3.1 Generalità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29
3.2 Tessuto adiposo bianco . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30
3.2.1 Generalità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30
3.2.2 Metabolismo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30
3.2.3 Ruolo endocrino . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31
3.3 Tessuto adiposo bruno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32
3.3.1 Generalità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32
3.3.2 Termogenesi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33
3.3.3 Browning . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34

3
4 Tessuto muscolare 36
4.1 Generalità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36
4.2 Muscolo scheletrico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36
4.2.1 Generalità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36
4.2.2 Metabolismo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38
4.2.3 Sforzo muscolare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39
4.2.4 Ruolo endocrino . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 40
4.3 Muscolo cardiaco . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 40
4.3.1 Generalità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 40
4.3.2 Metabolismo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41
4.3.3 Ruolo endocrino . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 42
4.4 Muscolo liscio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 42
4.4.1 Generalità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 42

5 Tumore 43
5.1 Generalità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
5.2 Metabolismo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 44
5.2.1 Glicolisi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 44
5.2.2 P53 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46
5.2.3 Myc e ciclo di Krebs . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46
5.2.4 HIF . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 47
5.2.5 Simbiosi metabolica cellule tumorali . . . . . . . . . . 47

6 Tessuto nervoso 49
6.1 Generalità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49
6.2 Neurotrasmettitori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 50
6.2.1 Generalità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 50
6.2.2 Caratteristiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51
6.3 Metabolismo del tessuto nervoso . . . . . . . . . . . . . . . . 57
6.4 Meccanismo biochimico della visione . . . . . . . . . . . . . . 58
6.4.1 Generalità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 58
6.4.2 Fotocettori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 59
6.4.3 Fototrasduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 60

7 Bibliografia 62
Un ringraziamento speciale
alla Prof.ssa Paola Chiarugi
1 FEGATO

1 Fegato

1.1 Generalità
Il fegato è un organo metabolicamente molto attivo tanto che è in grado di
effettuare la quasi totalità delle vie metaboliche ad eccezione del catabolismo
dei corpi chetonici; inoltre alcuni processi quali il metabolismo dell’etanolo,
la detossificazione di farmaci e xenobiotici o la sintesi dei corpi chetonici
sono svolti dal fegato in maniera esclusiva.
Nonostante la presenza di alcune nozioni tecniche, si consiglia la lettura
di questo riquadro per avere un’idea generale della struttura del fegato.

Riquadro su anatomia del fegato

Il fegato è la ghiandola anficrina nonché l’organo pieno più voluminoso


del corpo ed è localizzato nella porzione sovramesocolica della cavità addo-
minale, avvolto quasi completamente dal peritoneo.
Non presenta una vera e propria unità morfofunzionale anche se spesso si fa
riferimento ai lobuli epatici, aree poligonali al centro delle quali è presente la
vena centrolobulare. Il parenchima dei lobuli epatici è costituito da cordoni
di cellule, gli epatociti, tra i quali di insinuano i sinusoidi epatici, capillari
che convogliano il sangue verso la vena centrolobulare.
Ciascun epatocita è caratterizzato dalla presenza di porzioni dette poli o
domini che sono specializzate per svolgere funzioni diverse. Il 15% della
superficie totale è occupato dal polo biliare, costituito da pareti lisce e coin-
volto nella produzione della bile, secreto che svolge un ruolo chiave nella
digestione dei lipidi a livello dell’intestino tenue; la maggior parte della su-
perficie cellulare, polo vascolare, è coinvolta nello scambio di sostanze con i
sinusoidi epatici, perciò tale porzione è caratterizzata da un aspetto forte-
mente irregolare in modo tale da aumentare la superficie disponibile.
Per quanto concerne la vascolarizzazione, il fegato è al centro del cosiddetto
circolo portale epatico e riceve l’arteria epatica, che trasporta sangue ossi-
genato, e la vena porta: quest’ultima riceve sangue refluo deossigenato da
tutta la porzione addominale dell’apparato digerente.
I circoli portali, detti anche reti mirabili, sono sistemi di vasi che differisco-
no dal classico schema arteria-capillari-vena tipico della grande circolazione
e possono essere di tipo arterioso, come nei reni, o di tipo venoso come a
livello ipotalamo-ipofisario oppure a livello del fegato.

1
1 FEGATO 1.1 Generalità

Il sistema portale epatico è la via che permette al fegato di ricevere i


nutrienti assorbiti dall’intestino tenue in modo tale da consentirne l’elabo-
razione e la redistribuzione agli altri organi. Nell’assorbimento dei nutrien-
ti che ha luogo a livello dell’intestino tenue, giocano un ruolo cruciale gli
enterociti, cellule costituite da due porzioni:

ˆ Un polo apicale, che sporge nel lume intestinale ed è ricco di microvilli


per aumentare la superficie di scambio disponibile;

ˆ Un polo basale, che invece è in contatto con vasi sanguigni e linfatici.

I nutrienti vengono assorbiti per tramite del polo apicale, per poi venir
riversati dal polo basale nel circolo sanguigno o nel circolo linfatico; gene-
ralmente amminoacidi e monosaccaridi prediligono le via ematica, mentre i
chilomicroni viaggiano per tramite dei vasi linfatici. A questo punto grazie
al circolo portale epatico i vari metaboliti raggiungono il fegato, che di con-
seguenza riceve direttamente dal tubo digerente “materia di prima qualità”
che viene quindi utilizzata in primis dal fegato stesso, in quanto tessuto
metabolicamente molto attivo, ma anche smistata agli altri compartimenti
corporei in base alle necessità del momento. Inoltre, il fatto che il fegato
riceva direttamente i nutrienti spiega anche la presenza di funzioni esclusive
e specifiche.
Di seguito sono riportate le innumerevoli funzioni del fegato:

ˆ Sintesi delle proteine plasmatiche. Gli amminoacidi arrivano al


fegato per via ematica tramite la vena porta e vengono impiegati non
solo per la sintesi di proteine destinate al fegato ma anche per la pro-
duzione delle proteine plasmatiche. Si ricordi che il processo di sin-
tesi proteica è moto dispendioso dal punto di vista energetico, come
trattato nel corso di Biochimica I;

ˆ Sintesi lipidica, in particolare colesterolo che a sua volta viene impie-


gato per la produzione di acidi biliari, processo che avviene in maniera
esclusiva nel fegato;

ˆ Sintesi lipoproteine, come HDL o VLDL;

ˆ Ciclo dell’urea, processo che però non è esclusivo del fegato in quanto
può avvenire in parte anche a livello dei macrofagi oppure nel SNC;

ˆ Sintesi dei corpi chetonici, che avviene in condizioni di ipoglicemia


prolungata dovuta a digiuno oppure diabete;

2
1 FEGATO 1.1 Generalità

ˆ Metabolismo dell’etanolo;

ˆ Detossificazione di farmaci e xenobiotici;

ˆ Smistamento nutrienti, quali amminoacidi, glucosio o lipidi, verso


altri distretti corporei in base alle necessità;

ˆ Partecipa al controllo della glicemia;

ˆ Partecipa al ciclo dell’alanina, processo impiegato per il trasporto


dello ione NH4 + dal muscolo al fegato;

Glucosio Glucosio

gluconeogenesi glicolisi

Piruvato Piruvato

transaminazione transaminazione

Alanina Alanina

LEGENDA: Riquadri rossi= processi che avvengono nel fegato; riqua-


dri blu= processi che avvengono nel muscolo; frecce verdi= trasporto
tramite circolo sanguigno.

ˆ Partecipa al ciclo del lattato o ciclo di Cori. Tale processo fa


sı̀ che il lattato prodotto principalmente dal muscolo in condizioni di
anaerobiosi venga trasportato al fegato, dove avviene la riconversione
a glucosio, a sua volta nuovamente messo in circolo.

3
1 FEGATO 1.2 Metabolismo epatico

Glucosio Glucosio

gluconeogenesi glicolisi

Piruvato Piruvato

Lattato Lattato

LEGENDA: Riquadri rossi= processi che avvengono nel fegato; ri-


quadri blu= processi che avvengono nel muscolo e nei tessuti ipossici;
frecce verdi= trasporto tramite circolo sanguigno.

1.2 Metabolismo epatico


1.2.1 Metabolismo glucidico
Il glucosio, sottoforma di glucosio 6-fosfato, viene catabolizzato principal-
mente utilizzando il ciclo dei pentosi fosfati che produce:
ˆ Zuccheri pentosi, impiegati per la sintesi di mRNA coinvolto nella
sintesi proteica, processo particolarmente attivo nel fegato;
ˆ NADPH, che grazie alla sua azione antiossidante viene utilizzato per
processi come la detossificazione di farmaci o xenobiotici, ma è anche
coinvolto in vie anaboliche quali la sintesi di lipidi.
Per quanto concerne la glicolisi, nel fegato essa avviene solo in condizio-
ni di iperglicemia ed è sempre seguita da un metabolismo aerobio data la
notevole richiesta di ATP da parte dell’organo. La massiccia degradazione
del glucosio, cosı̀ come anche il catabolismo dei lipidi, porta alla formazione
di un eccesso di acetil-CoA che viene quindi utilizzato per la sintesi di lipidi
e lipoproteine. Il fegato presenta l’enzima glucochinasi, particolare isofor-
ma dell’esochinasi inducibile dall’insulina che non è soggetta a inibizione da
parte del glucosio 6-fosfato, poiché inibita da una proteina specifica detta
GKRP (Glucokinase regulatory protein).

4
1 FEGATO 1.2 Metabolismo epatico

Assieme con pancreas, tessuto adiposo e muscolo scheletrico, il fegato è


coinvolto nella regolazione della glicemia, e in particolare presenta la capa-
cità di sottrarre o rilasciare glucosio nel sangue a seconda delle necessità del
momento.
La glicemia indica la concentrazione ematica di glucosio che in condizioni
di normoglicemia viene mantenuta intorno alle 4,5 mM grazie a dei sistemi
tampone, che comprendono:
ˆ Enzimi, quali la glucochinasi e la glucosio 6-fosfato fosfatasi, che fo-
sforilando e defosforilando le molecole di glucosio, offrono la possi-
bilità di intervenire rapidamente sulla glicemia in quanto favoriscono
rispettivamente l’acquisizione e il rilascio di glucosio;

ˆ Ormoni, che agiscono su una scala di tempi maggiori rispetto agli


enzimi ma hanno un’azione più duratura. Vengono distinti a loro
volta in ormoni a breve raggio, che comprendono insulina e glucagone,
e ormoni a lungo raggio come i glucocorticoidi.
In condizioni di iperglicemia il glucosio stimola le cellule β del pancreas
a secernere insulina, che a livello epatico promuove:

– Processi che comportano l’utilizzo del glucosio, cioè le vie cata-


boliche tra cui anche la glicolisi;
– Stoccaggio in forma polimerica tramite glicogenosintesi;
– L’eccesso di glucosio viene impiegato per la sintesi di trigliceridi
che tramite le VLDL verranno distribuiti a organi come tessuto
adiposo e muscolo scheletrico, dove peraltro l’insulina promuo-
ve un massiccio uptake di glucosio stimolando l’esposizione sulla
membrana del trasportatore GLUT4.

Il calo della concentrazione ematica di insulina provoca invece la secre-


zione di glucagone da parte delle cellule α del pancreas. Esso presenta
un’azione antagonista rispetto all’insulina e i suoi tessuti bersaglio so-
no il tessuto adiposo e il fegato; il muscolo non presenta recettori per
il glucagone poiché non in grado di effettuare gluconeogenesi, ma so-
prattutto perché l’attività muscolare non può risentire dello stato di
alimentazione del soggetto. A livello epatico, il glucagone stimola pro-
cessi quali la glicogenolisi o la gluconeogenesi.
Un altro gruppo di ormoni coinvolti nella regolazione della glicemia
sono i glucocorticoidi, il cui principale esponente è il cortisolo; dato
che rispondono all’ipoglicemia, vengono prodotti dalla zona fascicolata
della corticale del surrene secondo un ritmo circadiano, che deve essere

5
1 FEGATO 1.2 Metabolismo epatico

tenuto in considerazione per la somministrazione di cortisone. A dif-


ferenza del glucagone, il cortisolo presente un’azione a lungo termine
in quanto va a regolare la trascrizione di quei geni che codificano per
enzimi coinvolti per esempio nella gluconeogenesi.
Di seguito è riportato un confronto che mette in luce le principali carat-
teristiche dell’ipoglicemia e dell’iperglicemia:
ˆ La causa principale che determina una condizione di iperglicemia è
sicuramente il diabete mellito. Un esame diagnostico utile per la sua
individuazione è il test di tolleranza al glucosio o carico orale,
che si compone delle seguenti tappe:
– Inizialmente si effettua un prelievo che corrisponde al tempo zero,
definito perciò basale, in cui si misura la glicemia a digiuno;
– In seguito al paziente viene somministrata una certa quantità di
glucosio;
– Si effettuano poi una serie di prelievi in maniera tale da moni-
torare l’andamento della glicemia. Normalmente, dopo un certo
lasso di tempo, la glicemia torna ad assumere i livelli iniziali e se
ciò non avviene significa che è presente un’alterazione del meta-
bolismo glucidico per cui il soggetto è diabetico.
L’iperglicemia risulta pericolosa in condizioni croniche, in quanto
comporta la glicazione delle proteine plasmatiche, processo
simile alla glicosilazione ma che non richiede l’intervento di en-
zimi. Il glucosio è infatti un’aldeide e come tale risulta sticky,
appiccicoso, per cui interagendo con le proteine plasmatiche por-
ta alla formazione di immine o basi di Schiff, che data la loro
instabilità tendono a evolvere nei cosiddetti prodotti di Ama-
dori; questi ultimi sono composti proteici non funzionali, che a
loro volta possono convertirsi in AGEs (Advanced Glication
End-products). La glicazione delle proteine plasmatiche costi-
tuisce un serio problema poiché a lungo andare comporta danni
a livello sistemico.
glucosio

R – NH2 R NH CH
Proteina Immina o base di Schiff

AGE Prodotto d’Amadori

6
1 FEGATO 1.2 Metabolismo epatico

ˆ L’ipoglicemia, pericolosa in condizioni acute, viene provocata da


condizioni quali:

– Digiuno;
– Eccessiva attività fisica;
– Dosaggi elevati di insulina esogena,
– Consumo di etanolo. In particolare l’alcol causa la diminuzione
della gluconeogenesi nonché vasodilatazione cutanea, per cui tali
fattori associati al freddo aumentano il rischio di morte per ipo-
termia (vedi sezione Metabolismo dell’etanolo).

1.2.2 Metabolismo lipidico


I lipidi rappresentano la principale fonte energetica per il fegato, che ricava
infatti la maggior parte dell’ATP grazie alla β-ossidazione degli acidi grassi;
l’acetil-CoA che ne deriva viene a sua volta impiegato per alimentare il
ciclo di Krebs oppure indirizzato verso la sintesi di colesterolo o dei corpi
chetonici. A differenza della chetogenesi che può aver luogo soltanto a livello
epatico, la produzione di colesterolo non è un processo esclusivo del fegato,
anche se vi avviene in modo massiccio.
Il fegato sintetizza anche alcune lipoproteine come le VLDL, responsabili
della distribuzione dei lipidi endogeni ai vari distretti corporei; nonostante
svolgano un ruolo simile ai chilomicroni, la produzione di VLDL è costitutiva
e il loro livello ematico viene perciò mantenuto costante.

1.2.3 Metabolismo proteico


Anche per quanti riguarda le proteine, il fegato è in grado di effettuare la
quasi totalità delle vie metaboliche a carico degli amminoacidi, ad esclusione
di quelli ramificati che vengono invece utilizzati dal muscolo scheletrico che
infatti contiene transaminasi specifiche.
Oltre alla già menzionata sintesi di proteine plasmatiche, il fegato produ-
ce composti azotati derivanti da amminoacidi, di cui alcuni esempi riportati
di seguito:

ˆ Gruppo eme, presente nella struttura dei complessi proteici che co-
stituiscono la catena respiratoria, oppure nei citocromi tra i quali il
citocromo p450 coinvolto nel processo di detossificazione di farmaci e
xenobiotici;

7
1 FEGATO 1.2 Metabolismo epatico

ˆ Basi azotate, impiegate massicciamente nel fegato per la sintesi di


acidi nucleici, nucleotidi con ruolo energetico quali ATP, nonché nu-
cleotidi ciclici coinvolti nella segnalazione intracellulare;

ˆ Glutatione, tripeptide sintetizzato in modo peculiare, direttamen-


te nel citosol cellulare. Allo stato ridotto esso funziona da buffer
elettronico, cioè riserva temporanea di elettroni, impiegati per con-
trastare lo stress ossidativo oppure per ridurre l’enzima ribonucleotide
reduttasi.

Mentre negli altri tessuti gli amminoacidi possono subire soltanto transa-
minazione, a livello epatico questi vengono catabolizzati in senso terminale.
Gli ioni NH4 + in eccesso, sottoforma di gruppi amminici, vengono convo-
gliati al fegato tramite l’alanina, proveniente dal muscolo scheletrico, o la
glutammina; questi due amminoacidi, peraltro poco rappresentati nelle
proteine, sono dotati di una concentrazione plasmatica alta, in quanto coin-
volti nel trasporto dello ione NH4 + che non può viaggiare isolatamente nel
sangue poichè tossico.

Riquadro sulle statine

Sono farmaci che abbassano i livelli di colesterolo, in particolare le LDL,


inibendo l’enzima HMG-CoA reduttasi, responsabile della sintesi del meva-
lonato. Nonostante siano farmaci sicuri e allo stesso tempo efficaci, effetti
collaterali come mialgia sono la principale causa di interruzione del tratta-
mento. Un recente studio della McMaster University (Canada) ha proposto
un possibile meccanismo che spiega la correlazione tra statine e dolore mu-
scolare, in quanto queste sarebbero responsabili dell’attivazione del sistema
xC- del muscolo scheletrico, un antiporto cisteina/glutammato; l’aumento
intracellulare di cisteina incrementa la sintesi di glutatione per attenua-
re lo stress ossidativo indotto dalle statine stesse, mentre l’aumento della
concentrazione interstiziale di glutammato fa sı̀ che esso interagisca con i
nocicettori periferici provocando mialgia, cioè dolore muscolare. La sommi-
nistrazione di antiossidanti come l’α-tocoferolo (vitamina E) revoca l’efflusso
di glutammato causato dalle statine e perciò allevia i dolori muscolari.

8
1 FEGATO 1.3 Metabolismo nutrizionale

1.3 Metabolismo nutrizionale


1.3.1 Generalità
Come precedentemente detto, il fegato gioca un ruolo chiave nello smista-
mento di nutrienti verso gli altri distretti corporei a seconda dello stato
in cui si trova l’organismo: infatti, ad eccezione delle vie metaboliche che
sottendono al cosiddetto metabolismo basale, i pathway metabolici variano
a seconda del periodo della giornata in cui si svolgono poiché dipendono
dall’assunzione di nutrienti.
Facendo riferimento a nozioni già citate nel testo, di seguito vengo-
no schematizzati i processi metabolici attuati da fegato, ma anche tessuto
adiposo e muscolo scheletrico in base allo stato funzionale dell’organismo.

1.3.2 Metabolismo postprandiale


In condizioni di abbondanza di nutrienti, come a seguito di un pasto stan-
dard, le vie metaboliche attuate dai vari organi sono mirate al consumo
immediato oppure allo stoccaggio degli stessi.
ˆ Fegato

– Glicolisi aerobia;
– Glicogenosintesi;
– Sintesi trigliceridi.

ˆ Muscolo scheletrico

– Glicolisi aerobia;
– Glicogenosintesi. Le riserve di glicogeno del muscolo scheletrico
sono molto più cospicue rispetto a quelle epatiche poiché è un
organo più esteso;
– Catabolismo degli acidi grassi, ricevuti dall’intestino sottoforma
di chilomicroni;
– Upload di amminoacidi ramificati direttamente dall’intestino che
vengono impiegati per formare proteine contrattili. Il fegato
non è in grado di utilizzarli a causa dell’assenza di transaminasi
specifiche presenti invece nel muscolo.

ˆ Tessuto adiposo

– Lipogenesi e accumulo trigliceridi.

9
1 FEGATO 1.3 Metabolismo nutrizionale

1.3.3 Metabolismo interprandiale


In condizioni di breve digiuno, come tra un pasto e l’altro, il glucagone
rilasciato dalle cellule α del pancreas stimola quelle vie metaboliche che
portano ad un utilizzo delle riserve endogene.

ˆ Fegato

– Glicogenolisi;
– Lipolisi.

ˆ Muscolo scheletrico

– Glicogenolisi;
– Catabolismo degli acidi grassi, ricevuti dal fegato sottoforma di
VLDL.

ˆ Tessuto adiposo

– Lipolisi;
– Lipogenesi, in quanto gli acidi grassi ricevuti dal fegato vengono
comunque in parte accumulati sottoforma di trigliceridi da parte
del tessuto adiposo anche in condizioni di digiuno. Questo con-
tinuo contatto in doppia via tra fegato e tessuto adiposo viene
detto ciclo dei trigliceridi. (Su questo punto non sono sicura)

1.3.4 Metabolismo durante il digiuno prolungato


In condizioni patologiche come nei diabetici oppure quando il digiuno si pro-
lunga oltre le 48 ore, l’organismo mette in atto tutti quei processi metabolici
che servono a mantenere la normoglicemia, per cui all’azione iperglicemiz-
zante del glucagone si aggiungono anche i glucocorticoidi.
Le riserve di glicogeno ormai interamente consumate non possono più essere
utilizzate come fonte di glucosio, per cui quest’ultimo deve essere sintetizza-
to de novo attraverso la gluconeogenesi. Mentre normalmente è il fegato ad
effettuare tale processo, in condizioni di digiuno prolungato i glucocorticoidi
attivano l’espressione degli enzimi della gluconeogensi anche nel rene, che
contribuisce per un buon 40% alla produzione di glucosio.
Tutti i metaboliti perciò vengono mobilitati e indirizzati a fegato e reni,
di cui i principali sono:

ˆ Glicerolo;

10
1 FEGATO 1.4 Vie esclusive del fegato

ˆ Lattato;

ˆ Alanina;

ˆ Amminoacidi muscolari, con conseguente deperimento muscolare, det-


to cachessia;

ˆ Ossalacetato, il cui utilizzo ai fini della gluconeogensi comporta un


depauperamento del ciclo di Krebs.

Il ciclo di Krebs viene a sua volta mandato avanti da amminoacidi gluco-


neogenici, mentre l’acetil-CoA è impiegato per la sintesi di corpi chetonici,
per la cui trattazione dettagliata si rimanda al relativo paragrafo.

1.4 Vie esclusive del fegato


1.4.1 Chetogenesi
In condizioni di digiuno prolungato, il glucagone stimola la degradazione dei
trigliceridi dai quali si ricava:

ˆ Glicerolo, impiegato per la gluconeogenesi;

ˆ Acidi grassi, che fungono da substrato per la β-ossidazione oppure


entrano a far parte della costituzione delle VLDL.

L’eccesso di acetil-CoA ottenuto catabolizzando gli acidi grassi è quindi


convogliato verso la produzione dei corpi chetonici:

ˆ Acetone, composto volatile che tende ad essere eliminato con l’espi-


razione e che conferisce un odore fruttato all’alito dei pazienti con
chetoacidosi;

ˆ Acetoacetato, prodotto in quantità superiori rispetto agli altri due,


viene utilizzato dalla maggior parte dei tessuti;

ˆ β-idrossibutirrato, preferenzialmente impiegato dal tessuto nervo-


so poiché si trova in uno stato più ridotto rispetto all’acetoacetato,
consente non solo di ottenere due molecole di acetil-CoA ma anche di
recuperare una molecola di NADH.

I corpi chetonici sono composti normalmente presenti nel sangue in pic-


cole quantità, anche se la loro concentrazione ematica aumenta nel caso di
ipoglicemia prolungata dettata da lunghi digiuni o condizioni patologiche

11
1 FEGATO 1.4 Vie esclusive del fegato

quali il diabete.
La chetogenesi viene impiegata anche per liberare gruppi CoA-SH impiegati
per sintetizzare acil-CoA: in assenza di tale processo si avrebbe un rallenta-
mento della β-ossidazione che ha come substrato gli acidi grassi sottoforma
proprio di acil-CoA. Mentre la produzione di corpi chetonici è relegata al
fegato, a causa dell’assenza della β-chetoacil-CoA transferasi, l’enzima
che ne consente la degradazione, il loro utilizzo può avvenire solo a livello
dei tessuti extraepatici.

1.4.2 Sintesi di acidi biliari


Gli acidi biliari sono molecole anfipatiche che entrano a far parte della costi-
tuzione della bile, sostanza secreta dagli epatociti e trasportata al duodeno
tramite le vie biliari, il cui compito principale è facilitare l’emulsione dei
grassi a livello intestinale.
Di seguito si schematizzano le principali fasi di produzione degli acidi
biliari:

ˆ A partire dal colesterolo, massicciamente sintetizzato proprio a livel-


lo epatico, si costituiscono gli acidi biliari primari, quali l’acido
colico, la cui fabbricazione è regolata con un meccanismo di feedback
negativo dato dal riciclo degli acidi biliari che ritornano al fegato grazie
alla vena porta;

ˆ Prima di essere secreti nei canalicoli biliari, la parte iniziale delle vie
biliari, l’acido colico viene coniugato con glicina o con taurina in modo
tale da ottenere delle forme salificate, rispettivamente acido glicoco-
lico e acido taurocolico. Di conseguenza è possibile fare riferimento
agli acidi biliari anche utilizzando il termine sali biliari;

ˆ A livello intestinale gli acidi biliari primari vengono metabolizzati ad


acido deossicolico oppure ad acido litocolico grazie all’azione dei
batteri del microbiota intestinale. Tali composti vengono detti acidi
biliari secondari e, una volta che la bile ha svolto il proprio compito,
essi ritornano al fegato per tramite del circolo portale epatico.

Oltre al ruolo fondamentale nell’emulsione lipidica, la bile presenta anche


altre funzioni, quali:

ˆ Funzione difensiva, data dalla presenza di anticorpi di tipo IgA;

ˆ Eliminazione cataboliti endogeni, come per esempio la bilirubina;

12
1 FEGATO 1.4 Vie esclusive del fegato

ˆ Rappresenta l’unico modo per eliminare colesterolo, in quanto esso non


presenta una via metabolica adibita alla sua degradazione;

ˆ Eliminazione cataboliti esogeni, come per esempio farmaci o tossine.

Gli acidi biliari costituiscono la bile per il 70%, mentre il restante 30%
è formato da acqua, colesterolo, fosfolipidi, elettroliti, proteine e bilirubina;
quest’ultima deriva dal catabolismo dell’emoglobina, processo che avviene
esclusivamente a livello epatico.

1.4.3 Detossificazione di farmaci o xenobiotici


Le molecole lipofile, data la loro natura idrofobica, risultano difficili da eli-
minare con le urine: dato che non possono essere addizionate con acido
glucuronico, vengono idrossilate. L’idrossilazione è infatti quel processo che
viene messo in atto da parte del fegato per eliminare farmaci o sostanze
non nutrienti presenti negli alimenti, cioè gli xenobiotici.
Il processo di detossificazione consta di due fasi:
1. Metabolismo di fase I, in cui avviene l’idrossilazione della molecola
lipofila, farmaco o xenobionta che sia.
L’enzima chiave di questa prima fase è il citocromo p450, un’emo-
proteina che agisce nel REL o nel mitocondrio, ed è presente anche
in altri distretti corporei dove è coinvolto nella biosintesi degli ormoni
steroidei. I livelli di citocromo p450 variano in relazione all’assunzio-
ne di alcool o alcuni medicinali come i taxani, un gruppo di farmaci
antiblastici, e in minor parte dipendono anche da fattori ambientali o
genetici.
Di seguito è riportata la reazione complessiva, mentre per una sche-
matizzazione più completa si riporta alla Figura 1:

p450
O2 + Sub – H + NADPH + H+ NADP+ + H2 O + Sub – OH

Negli alcolisti tale processo risulta sovrastimolato e ciò comporta una


migliore metabolizzazione dei farmaci nonché una aumentata produ-
zione di ROS: infatti, il citocromo p450 non è altro che una monossi-
genasi.

2. Metabolismo di fase II, che comprende una serie di reazioni quali


l’aggiunta di acido glucuronico, glutatione oppure di gruppi solfato
che rendono il substrato idrossilato maggiormente solubile in acqua.

13
1 FEGATO 1.4 Vie esclusive del fegato

Figura 1: Ciclo catalitico del citocromo p450

Tali reazioni vengono catabolizzate dalle rispettive transferasi: UDP-


glucouronil transferasi, solfo-transferasi e glutatione S-transferasi.

Molecole come ormoni, acido retinoico o gli xenobiotici stessi, legandosi


a specifici recettori nucleari, inducono la trascrizione dei geni che codificano
per il citocromo p450 oppure per le transferasi coinvolte nella seconda fase
del processo di detossificazione.

1.4.4 Metabolismo dell’etanolo


A differenza delle droghe che possiedono soltanto effetti negativi, l’etanolo
è considerato uno pseudo-alimento in quanto se assunto in piccole quantità
può essere metabolizzato dall’organismo poiché possiede un alto contenuto
energetico; assunto in grandi quantità, invece di essere accumulato come
gli altri nutrienti, viene catabolizzato dal fegato per il 90% mentre solo in
piccola parte viene eliminato con le urine o col sudore.
Come mostrato di seguito, l’eliminazione dell’etanolo a livello epatico si
compone di due passaggi:

1. Ossidazione etanolo ad acetaldeide, reazione catalizzata dall’alcol dei-


drogenasi, enzima citosolico con funzionamento pressoché standard ;

2. Ossidazione acetaldeide ad acido acetico catalizzata dall’aldeide dei-


drogenasi, un enzima mitocondriale di cui esistono varie isoforme di-

14
1 FEGATO 1.4 Vie esclusive del fegato

verse che determinano la predisposizione a bere e la tolleranza all’alcol


del singolo individuo e di alcune popolazioni.

CH3 – CH2 – OH
Etanolo
NAD
+

alcol deidrogenasi

NADH+H
+

CH3 – CHO
Acetaldeide
NAD
+

acetaldeide deidrogenasi

NADH+H
+

CH3 – COOH
Acido acetico
CoA-SH

acetil-CoA sintasi

H3 C C

CoA
Acetil-CoA

L’unità di misura che consente di indicare la quantità di alcol assunta nel


consumo di una bevanda alcolica è l’unità alcolica che corrisponde all’in-
circa a 12g. Viene solitamente utilizzata nel campo della sanità pubblica, ad
esempio per le linee guida sul consumo di alcol, e si calcola con la seguente
formula:
ml di acol
% Vol = 100 ml

Successivamente si riportano gli effetti dell’etanolo sull’organismo in base


alla dose giornaliera:

ˆ Se consumato moderatamente, oltre ad avere un effetto ricreativo,


possiede anche un’azione protettiva contro malattie cardiovascolari;

15
1 FEGATO 1.4 Vie esclusive del fegato

ˆ Se assunto in grandi quantità porta ad alterazioni metaboliche e in più,


dato il suo effetto psicotropo, provoca disinibizione comportamentale;

ˆ Se somministrato in modo cronico causa danni in vari distretti dell’or-


ganismo:

– A livello cardiaco, in quanto comporta aritmie, patologie che col-


piscono il miocardio (cardiomiopatie) e aumento della pressione
sanguigna;
– A livello del sistema nervoso causa sindromi neurologiche irrever-
sibili come la Sindrome di Wernicke o la Sindrome di Korsakoff;
– A livello dell’apparato urinario stimola la diuresi, poiché inibisce
la secrezione dell’ormone vasopressina da parte della neuroipofisi;
– Vasodilatazione cutanea e aumento del flusso sanguigno a livel-
lo gastrico, che produce una perdita di calore con conseguente
diminuzione della temperatura corporea, associata a un effetto
depressorio sui centri regolatori della temperatura a livello cen-
trale. La vasodilatazione associata alla diminuita gluconeogenesi
provocata dall’alcool aumenta il rischio di morte per ipotermia;
– Perdite di memoria, poiché l’etanolo agisce modificando la secre-
zione di neurotrasmettitori e bloccando l’ippocampo, una strut-
tura nervosa coinvolta nella memorizzazione;
– I principali effetti deleteri dati dall’abuso di alcool si manifesta-
no a livello del fegato e sono causati dall’acetaldeide, con pro-
gressiva infiammazione sostenuta anche dall’aumentata produ-
zione di ROS, glicazione delle proteine e diminuzione della flui-
dità di membrana dopo interazione con i lipidi ivi contenuti (vedi
riquadro Epatopatia alcolica).

16
1 FEGATO 1.4 Vie esclusive del fegato

Riquadro sull’epatopatia alcolica


Alterazione morfologica e funzionale del fegato indotta da un eccessivo
consumo di alcol che, in base alla gravità, prevede tre stadi:

1. Steatosi epatica, che consiste nell’accumulo di TAG all’interno degli


epatociti. il grasso provoca una distorsione della cellula con conse-
guente lisi, processo che anticipa la formazione di un’infiammazione
cronica;

2. Epatite, infiammazione cronica del fegato che comporta necrosi;

3. Cirrosi epatica, è il passo finale dell’epatopatia alcolica e prevede che


gli epatociti morti vengano sostituiti da tralci di tessuto fibroso. Il
fegato perde quindi progressivamente la propria funzionalità e la si-
tuazione evolve presto verso un’insufficienza epatica. In generale l’al-
col viene metabolizzato dal fegato in acetaldeide, molecola particolar-
mente reattiva che stimola la produzione di ROS che concorrono ad
alimentare il processo infiammatorio al quale si imputano i successivi
danni.

In caso di consumo elevato si attivano altri sistemi enzimatici quali


MEOS (Microsoma Ethanol Oxidase System): appartenente alla fa-
miglia delle monossigenasi e con un funzionamento simile al citocromo p450,
non possiedono un substrato specifico, potendo infatti metabolizzare anche
farmaci e sostanze tossiche. Inoltre la loro azione può essere potenziata dal-
l’etanolo, per cui gli alcolisti richiedono generalmente un dosaggio di farmaci
maggiore poiché questi vengono metabolizzati in modo più efficiente dalla
sovrastimolazione del metabolismo di fase I (vedi paragrafo Detossificazione
di farmaci e xenobiotici ).
Il consumo combinato di farmaci ed etanolo invece porta ad una compe-
tizione per lo stesso sistema di smaltimento, determinando alterazioni nel
processo di detossificazione.

Il consumo elevato di etanolo porta ad un eccesso di NADH nel citosol


cellulare, per cui mentre negli individui normali il rapporto NAD+ /NADH
vale circa 1000, negli alcolisti questo si aggira intorno a 250-300. Lo sballa-
mento di questi valori porta ad alterazioni dei seguenti processi cellulari:
ˆ L’eccesso di NADH viene portato a NAD+ combinandolo con la ri-
duzione del piruvato in lattato. Il piruvato viene quindi sottratto a
processi come l’ossidazione ad acetil-CoA oppure alla carbossilazione

17
1 FEGATO 1.4 Vie esclusive del fegato

ad ossalacetato, per cui i diminuiti livelli di ossalacetato comportano


un blocco della gluconeogenesi con conseguente ipoglicemia;

ˆ L’acetil-CoA derivante dal catabolismo dell’etanolo viene impiegato


per processi quali la chetogenesi o la lipogenesi, in quanto il ciclo di
Krebs si trova ad essere rallentato;

ˆ Il lattato compete per l’escrezione renale con l‘urato che quindi si


accumula provocando iperuricemia.

Riquadro sull’apparato vestibolare e l’alcol

L’apparato vestibolare è coinvolto nel mantenimento dell’equilibrio e si trova


collocato nell’orecchio interno, cosı̀ come l’organo dell’udito.
In base al tipo di rilevazione effettuata, l’apparato vestibolare si costituisce
di due componenti:

ˆ Organi otolitici, a loro volta formati dall’insieme di utricolo e sacculo;

ˆ Condotti semicircolari.

In condizioni fisiologiche, i condotti semicircolari funzionano come rilevatori


di accelerazione dinamica associata ai movimenti di rotazione della testa,
in quanto endolinfa e cupola ampollare presentano la stessa densità.

Una compromissione di tale equilibrio, data per esempio da una massiccia


assunzione di alcol, fa sı̀ che i condotti semicircolari diventino sensibili an-
che alle accelerazioni lineari, compito che normalmente è affidato agli organi
otolitici.
L’alcol si propaga inizialmente nell’endolinfa modificandone la densità ri-
spetto alla cupola ampollare, provocando sensazioni sgradevoli come verti-
gine e nausea; in seguito l’alcol diffonde anche nella cupola ampollare, deter-
minando la formazione di un nuovo equilibrio in quanto sia cupola ampollare
che endolinfa presentano nuovamente la stessa densità, pur trattandosi di un
valore diverso da quello iniziale. Anche il processo di eliminazione dell’al-
col interessa prima l’endolinfa e poi la cupola ampollare, per cui si genera
nuovamente una situazione di non equilibrio che comporta la ricomparsa
delle sensazioni sgradevoli, la cosiddetta “vertigine del giorno dopo”; in-
fine il sistema ritorna definitivamente nelle condizioni iniziali e i condotti
semicircolari tornano a svolgere il loro compito abituale.

18
2 SANGUE

2 Sangue

2.1 Generalità
Il sangue è un particolare tipo di tessuto connettivo fluido che scorre nei vasi
sanguigni e che risulta costituito da due porzioni:

ˆ Il 55% del sangue è caratterizzato dal plasma, la componente liquida


del sangue, formata per il 90% da acqua e per il 10% restante da soluti
come proteine plasmatiche, sostanze inorganiche e composti organici
di vario tipo;

ˆ Il 45% del totale invece è rappresentato dagli elementi figurati o


corpuscolati, comprendenti globuli rossi, leucociti e piastrine.

2.2 Plasma
2.2.1 Proteine plasmatiche
Le proteine plasmatiche che comprendono glicoproteine, lipoproteine e pro-
teine semplici, vengono prodotte a livello epatico e assolvono numerose
funzioni tra cui:

ˆ Trasporto di molecole lipofile come ormoni e farmaci, ruolo che viene


principalmente svolto dall’albumina;

ˆ Difesa dell’organismo, dato dalle immunoglobuline;

ˆ Funzione enzimatica. Un esempio è dato dall’enzima α-1-antitripsina,


citato nel corso di Biochimica I, coinvolta nell’inibire l’elastasi neu-
trofila a livello degli alveoli polmonari: se α-1-antitripsina subisce un
folding scorretto si depositerà nel fegato senza raggiungere l’organo
bersaglio, e di conseguenza la mancata inibizione dell’elastasi neu-
trofila provoca un’eccessiva degradazione degli alveoli, condizione che
determina enfisema precoce.

ˆ Trasporto di ioni o altre sostanze, per esempio la transferrina è coin-


volta nel trasporto di ferro sottoforma di ione Fe3+ ;

ˆ Coagulazione del sangue;

19
2 SANGUE 2.2 Plasma

Figura 2: Peptidogramma

2.2.2 Analisi peptidogramma


A scopo diagnostico le proteine plasmatiche presenti vengono separate tra-
mite elettroforesi su gel a pH 8,6: dato che il punto isoelettrico (pI) delle
proteine plasmatiche è minore di 8,6 queste assumeranno carica negativa
e migreranno verso l’anodo. I dati vengono poi organizzati nel cosiddetto
peptidogramma, un grafico che permette una valutazione sia quantitati-
va che qualitativa delle proteine plasmatiche e dalla cui analisi è possibile
evidenziare eventuali alterazioni.
Come mostrato nella Figura 2, procedendo da sinistra verso destra si
possono contare sei picchi che corrispondono ad altrettanti gruppi di protei-
ne:

1. Il primo picco è di norma il più alto e corrisponde all’albumina, la pro-


teina plasmatica maggiormente rappresentata, coinvolta nel trasporto
di sostanze lipofile. Inoltre l’albumina è la principale responsabile della
pressione oncotica del plasma, cioè quella forza che regola il passaggio
di acqua per diffusione semplice dal compartimento ”proteicamente”
meno concentrato a quello più concentrato; una diminuita concentra-
zione di albumina nel plasma determina edema, condizione caratte-
rizzata da accumulo di acqua nei tessuti interstiziali con conseguente
alterazione del trofismo tissutale;

2. α1 -Globuline;

3. α2 -Globuline;

4. β1 -Globuline;

20
2 SANGUE 2.3 Elementi corpuscolati

5. β2 -Globuline;

6. γ–Globuline o immunoglobuline, le proteine coinvolte nella risposta


immunitaria. Nel corso di un’infezione la concentrazione plasmatica
di anticorpi aumenta, per cui il peptidogramma assume una forma
definita in gergo “a corna di bue”.

2.3 Elementi corpuscolati


Comprendono una serie di cellule e elementi non cellulari che si formano
a livello del midollo osseo, il principale organo emopoietico che comincia a
svolgere tale funzione già a partire dalla vita intrauterina; le cellule staminali
pluripotenti ivi contenute danno luogo a processi di maturazione differenti
che portano alla formazione di elementi morfologicamente e funzionalmente
diversi. In generale si individuano due linee cellulari:

ˆ Linea linfoide, che dà origine ai linfociti T e B;

ˆ Linea mieloide, da cui derivano eritrociti, granulociti, monociti e


megacariociti.

Di seguito verranno descritte le caratteristiche metaboliche di alcuni degli


elementi corpuscolati.

2.3.1 Globuli rossi


Gli eritrociti sono elementi non cellulari a forma di disco biconcavo che,
grazie alle numerose molecole di emoglobina contenute al loro interno, sono
responsabili del trasporto di gas nel sangue, in particolar modo di ossigeno.
L’assenza di nucleo e della quasi totalità degli organuli cellulari, deter-
mina una serie di conseguenze:

ˆ Vita media di 120 giorni. I ROS derivanti dallo stresso ossidativo,


interagendo con i lipidi di membrana, portano alla formazione di li-
poperossidi (LOO) determinando quindi un effetto deleterio sul-
la deformabilità del bilayer, caratteristica fondamentale per garantire
una corretta funzionalità del globulo rosso. Gli eritrociti “invecchia-
ti” vengono prelevati dal sangue per fagocitosi dai numerosi macrofagi
presenti nei cordoni cellulari che costituiscono la cosiddetta polpa ros-
sa della milza, il principale organo a funzione emocateretica; previa

21
2 SANGUE 2.3 Elementi corpuscolati

rimozione e ossidazione dell’atomo Fe2+ , il gruppo eme viene converti-


to a bilirubina, la quale viene trasportata al fegato grazie all’albumina
e lı̀ partecipa alla costituzione della bile;

ˆ L’assenza di mitocondri determina l’impossibilità di avere un meta-


bolismo di tipo aerobio e di conseguenza i globuli rossi ricavano ATP
tramite la glicolisi anaerobia, supportata per il 95% da glucosio e per il
5% restante da altri esosi. A causa della presenza del cosiddetto ciclo
o shunt di Rapoport-Luebering che determina la formazione del
2,3-bisfosfoglicerato (2,3-BPG), la glicolisi produce un’unica molecola
di ATP anziché due; il 2,3-BPG è un regolatore allosterico eterotro-
pico negativo che interagisce con la subunità β della deossiemoglobina
determinando una sua stabilizzazione, con conseguente diminuzione
dell’affinità per l’ossigeno.
Tramite fermentazione lattica, il piruvato derivante dal catabolismo
del glucosio viene convertito in lattato contemporaneamente all’ossi-
dazione delle molecole di NADH, che vengono quindi rese di nuovo
disponibili per la glicolisi. Il lattato invece viene immesso nel circolo
sanguigno e trasportato al fegato dove verrà riconvertito in glucosio;

bisfosfoglicerato mutasi
1,3-BPG 2,3-BPG

ADP
asi
fat
fos
fosfoglicerato chinasi PG
2,3-B H2 O
ATP Pi

3-Fosfoglicerato

ˆ I globuli rossi sono a contatto con numerose specie ossidanti prima


tra tutte l’ossigeno stesso, che talvolta invece di legarsi all’atomo di
Fe2+ dell’emoglobina può reagire con esso, portando alla formazione
della metaemoglobina, incapace di legare ossigeno e quindi funzional-
mente inattiva. Un’altra conseguenza dell’ossidazione dell’emoglobina
è la formazione dell’anione superossido O2 – , un ROS che determina il
danneggiamento della membrana plasmatica degli eritrociti con conse-
guente riduzione della funzionalità. Data la necessità di controllare lo
stress ossidativo, nei globuli rossi è fortemente attivo il ciclo dei pento-
si fosfati che, oltre a fornire intermedi della glicolisi, produce NADPH
i cui elettroni sono impiegati per riconvertire la metaemoglobina in

22
2 SANGUE 2.3 Elementi corpuscolati

emoglobina funzionale e per mantenere il glutatione nella forma ridot-


ta.
Di seguito sono riportate le reazioni che consentono lo smaltimento
dell’anione superossido e la riconversione della metaemoglobina:

NADPH + H+ NADP+

MetaHb (Fe3+ ) MetaHb reduttasi


Hb (Fe2+ )

2G-SH GS-SG
O2

2O2 – + 2H+ SOD


H2 O2 glutatione perossidasi
2H2 O + O2
NADPH + H+ NADP+

GS-SG glutatione reduttasi


2G-SH

2.3.2 Globuli bianchi


I leucociti sono un gruppo eterogeneo di cellule accomunate dal fatto di
difendere l’organismo dalle infezioni e antigeni non-self.
Di seguito si riporta una descrizione sommaria riguardo le caratteristiche
di alcune tipologie di cellule in base agli argomenti di interesse biochimico.
ˆ Per quanto concerne i linfociti, questi si distinguono in tre tipologie:

– Linfociti B, che si formano e maturano nel midollo osseo, sono


responsabili della risposta immunitaria di tipo umorale in quanto
producono anticorpi a seguito dell’interazine con l’antigene e il
differenziamento in plasmacellule.
Da un punto di vista metabolico, a differenza dei linfociti T, i lin-
fociti B ricavano la maggior parte dell’ATP dall’ossidazione dei
lipidi piuttosto che dai glucidi e l’energia ottenuta viene impiega-
ta per sintetizzare immunoglobuline, deputate all’interazione con
uno specifico antigene.
Gli anticorpi sono proteine ossidate costituite dall’associazione
di due catene pesanti e altrettante catene leggere tenute assie-
me da ponti disolfuro, peraltro presenti anche a livello di ciascun
dominio intracatena. La sintesi dell’immunoglobuline avviene nel
reticolo endoplasmatico, poiché al suo interno sono presenti vesci-
cole contenenti l’enzima NADPH ossidasi: esso produce anione
superossido, che a sua volta consente la formazione dei legami

23
2 SANGUE 2.3 Elementi corpuscolati

S-S. Data la presenza di specie reattive dell’ossigeno, i linfociti


presentano una forte attivazione del ciclo dei pentosi fosfati per
evitare il danneggiamento delle strutture cellulari;
– Linfociti T, coinvolti nell’immunità cellulo-mediata, vengono
prodotti sottoforma di precursori nel midollo osseo per poi mi-
grare nel timo dove maturano; di conseguenza il timo e il midollo
osseo sono considerati organi linfoidi primari in quanto prov-
vedono alla formazione e alla maturazione dei linfociti, mentre
gli organi linfoidi secondari come la milza o i linfonodi, che
invece accolgono esclusivamente linfociti maturi.
– Linfociti NK (Natural Killer), particolari linfociti in grado
di riconoscere ed eliminare i patogeni.

ˆ Via reattiva
Come già accennato più volte durante il corso, le specie reattive del-
l’ossigeno possono essere prodotte secondo 3 vie:

1. Via energetica, che corrisponde alla catena respiratoria, respon-


sabile della produzione dell’80% dei ROS;
2. Via metabolica, comprendente una serie di reazioni che hanno
danno ROS come sottoprodotti;
3. Via reattiva, impiegata da macrofagi e granulociti neutrofili per
scatenare i cosiddetto burst ossidativo, processo in cui i ROS
vengono prodotti appositamente e in seguito rilasciati in corri-
spondenza del sito di infiammazione in maniera tale da eliminare
i patogeni presenti. Tra gli enzimi presenti in grado di generare
ROS si ricordi la NADPH ossidasi, un complesso di membrana
particolarmente attivo nei neutrofili che produce l’anione supe-
rossido, che a sua volta si combina spontaneamente con altre
molecole per produrre radicali liberi molto reattivi.
Di seguito si schematizzano i principali passaggi della via reat-
tiva, per la cui trattazione più dettagliata si rimanda allo stress
ossidativo, argomento affrontato durante il corso di Biochimica
II.

24
2 SANGUE 2.3 Elementi corpuscolati

NADPH NADP
+ –+ –
O2 2H+ Cl

O2 O2 – H2 O2 HOCl

2I
NO


+
Fe 2
ONOO –
H2 O + I2

+
Fe 3
OH – + OH ·

2.3.3 Piastrine
Dette anche trombociti, sono frammenti cellulari coinvolti nella coagulazione
prodotti a partire dai megacariociti.
Al loro interno presentano:
ˆ Granuli di secrezione, contenenti fattori della coagulazione e altre
sostanze come fibrinogeno;

ˆ Sistema tubulare denso, un derivato del reticolo endoplasmatico


che al suo interno ospita enzimi, quali COX, fosfolipasi A2 (PLA2) o
trombossano sintasi, coinvolti nella sintesi di eicosanoidi.
La coagulazione può avvenire secondo una via indiretta, promossa da
una serie di determinati fattori, oppure tramite una via diretta, dove l’in-
tervento delle piastrine è attivato a seguito del contatto delle stesse con il
tessuto connettivo esposto a causa della lesione del letto vascolare.
Di seguito sono elencate in breve le varie tappe che caratterizzano la via
diretta:
1. Le piastrine interagiscono con il collagene della matrice extracellu-
lare tramite integrine e altre glicoproteine; tale contatto determina
l’attivazione di PLA2 con conseguente produzione di eicosanoidi, in
particolar modo di trombossano A2 (TXA2) che è un potente vasoco-
strittore. TXA2 inoltre si lega al proprio recettore GPCR attivando il
pathway della fosfolipasi C (PLC);

2. L’azione di PLC determina un aumento della concentrazione di calcio


intracellulare con conseguente attivazione dell’enzima protein-chinasi
C (PKC): esso fosforila una serie di substrati che in forma attiva pro-
muovono l’esocitosi dei granuli e quindi la liberazione dei fattori di
coagulazione contenuti in essi;

25
2 SANGUE 2.3 Elementi corpuscolati

Figura 3: Conversione dei residui di acido glutammico in γ-


carbossiglutammico lungo la catena polipeptidica delle proteine della cascata
coagulativa dipendenti dalla vitamina K.

3. La vasocostrizione indotta da TX4 e la degranulazione stimolano l’ag-


gregazione piastrinica e la formazione di un coagulo provvisorio detto
trombo bianco;

4. Ligandi come la prostaciclina o il monossido di azoto (NO) agiscono


come antagonisti dell’aggregazione piastrinica poiché agiscono in mo-
do tale da contenere le dimensioni del trombo bianco, impedendone
l’eccessivo accrescimento che comporterebbe l’occlusione del vaso. Un
effetto simile può essere ottenuto con la somministrazione di piccole
dosi di aspirina, la cosiddetta “aspirinetta”, farmaco che viene pre-
scritto per le sue proprietà antiaggreganti per prevenire ictus o altre
problematiche cardiovascolari;

5. A questo punto il trombo bianco viene trasformato nel coagulo o


trombo rosso per azione di numerose molecole di fibrina che, tenute
assieme da legami crociati, si organizzano in modo tale da formare
una sorta di rete che intrappola i globuli rossi. La fibrina si forma
grazie all’azione idrolasica della trombina a partire dal fibrinogeno,
un precursore glicoproteico inattivo di origine epatica;

6. In ultimo stadio, una volta riformato l’endotelio, si ha la cosiddetta


retrazione del coagulo.

26
2 SANGUE 2.3 Elementi corpuscolati

Come mostrato nella Figura 3, la vitamina K svolge un ruolo cruciale


nell’attivazione della protrombina, precursore della trombina, per cui
carenze di vitamina K sono da associare a difetti nella coagulazione
sanguigna.

Riquadro su emoglobina e scambiatore Cl – / HCO3 –

In questo riquadro verranno citati degli argomenti già trattati nel corso di
Biochimica I.

Oltre a trasportare l’ossigeno e l’anidride carbonica, l’emoglobina svolge


anche un’azione tampone sul pH del sangue: infatti l’emoglobina tende
ad assumere preferenzialmente la forma T o la forma R a seconda che si
trovi nei tessuti periferici o a livello polmonare a causa delle differenze
elettrochimiche dell’ambiente stesso.

A livello dei tessuti periferici l’anidride carbonica derivante dai processi ca-
tabolici cellulari viene trasportata dall’emoglobina fino ai polmoni secondo
due modalità:

ˆ Trasporto diretto, dove l’emoglobina lega covalentemente la CO2 in


forma di carbammato. L’emoglobina che lega l’anidride carbonica è
detta carbamminoemoglobina;

ˆ Trasporto indiretto, in cui grazie all’enzima anidrasi carbonica con-


tenuta negli eritrociti la CO2 viene convertita ad acido carbonico, che a
sua volta si dissocia portando alla formazione di ioni H+ come mostrato
nella seguente reazione.
anidrasi carbonica
CO2 + H2 O H2 CO3 HCO3 – + H+

In periferia quindi il pH è leggermente acido, per cui gli ioni H+ in eccesso


vengono “inglobati” dall’emoglobina che tende quindi ad assumere la forma
di deossiemoglobina o stato T, caratterizzata da una diminuita affinità per
l’ossigeno che viene quindi rilasciato.

Hb(O2 )4 + H+ Hb(H+ ) + 4 O2

27
2 SANGUE 2.3 Elementi corpuscolati

Lo ione HCO3 – rilasciato nel sangue determina un trasferimento netto di


cariche che, se non controbilanciato, porterebbe ad un’alterazione degli
equilibri acido-base; ecco perché la fuoriuscita di bicarbonato è accompa-
gnata dall’ingresso di altrettanti ioni Cl – , favorita dall’azione del cosiddetto
scambiatore cloruro-bicarbonato.
Lo scambiatore Cl – /HCO3 – è un trasportatore passivo di tipo III posto
sulla membrana eritrocitaria e responsabile dell’antiporto neutro che
caratterizza l’effetto Hamburger.

A livello polmonare il pH è leggermente basico, per cui l’emoglobina ten-


de a rilasciare ioni H+ assumendo la forma di ossiemoglobina o stato R,
caratterizzata da alta affinità per l’ossigeno.

Hb(H+ ) + 4 O2 Hb(O2 )4 + H+

A loro volta gli ioni H+ reagiscono con il bicarbonato, entrato nell’eritro-


cita grazie allo scambiatore cloruro-bicarbonato, come schematizzato nella
seguente reazione:
anidrasi carbonica
HCO3 – + H+ H2 CO3 CO2 + H2 O

28
3 TESSUTO ADIPOSO

3 Tessuto adiposo

3.1 Generalità
Il tessuto adiposo è un tipo di connettivo lasso che presenta numerose
funzioni:

ˆ Contiene la quasi totalità dei trigliceridi corporei e pertanto presenta


un importante ruolo di deposito energetico;

ˆ Talvolta il tessuto adiposo si organizza attorno ai visceri e nel paren-


chima ghiandolare, facendo loro da sostegno e proteggendoli da insulti
meccanici. Per esempio i reni e le relative ghiandole surrenali sono
racchiusi da una vera e propria capsula di adipe che costituisce un
importante mezzo di sostegno che può venir a mancare nei casi di
anoressia grave, tantoché i reni sprofondano verso il basso;

ˆ Essendo costituito da materiale lipidico, il tessuto adiposo presente


nello strato sottocutaneo funge da isolante termico. Mentre nel ma-
schio l’adipe dell’ipoderma si organizza in modo non uniforme, nella
femmina questo si distribuisce omogeneamente costituendo il cosiddet-
to pannicolo adiposo sottocutaneo, motivo per cui nella femmina sono
meno evidenti i muscoli;

ˆ Coinvolto nella termogenesi, cioè nella generazione di calore che con-


tribuisce a mantenere stabile la temperatura corporea;

ˆ Al pari degli altri tessuti, anche il tessuto adiposo è in grado di pro-


durre molecole segnalatorie dette adipochine.

Il tessuto adiposo può essere classificato in due principali tipologie, tessuto


adiposo bianco e tessuto adiposo bruno, che in verità rappresentano gli
estremi di un range che comprende numerose altre forme intermedie, quali
il tessuto adiposo beige o il rosa, quest’ultimo peraltro di recente scoperta.
Di seguito verranno analizzate le caratteristiche dei principali tipi di tessuto
adiposo.

29
3 TESSUTO ADIPOSO 3.2 Tessuto adiposo bianco

3.2 Tessuto adiposo bianco


3.2.1 Generalità
In sigla WAT (White Adipose Tissue), si trova localizzato nell’ipoderma
e a livello viscerale e svolge la maggior parte delle funzioni elencate in prece-
denza, ad eccezione della termogenesi che invece coinvolge prevalentemente
il tessuto adiposo bruno.
E’ costituito da adipociti con le seguenti caratteristiche:
1. Citosol occupato per la maggior parte da un’unica macrogoccia lipidica
che, a causa delle proprie dimensioni, spinge gli organuli in periferia;
2. Scarsi mitocondri, che conferiscono al tessuto adiposo bianco un colo-
rito giallognolo;
3. Esprimono sulla loro superficie recettori adrenergici di tipo β, in par-
ticolare β2 e β3, che interagiscono con adrenalina (β2) e noradrena-
lina (β3), secrete rispettivamente in seguito a stimoli emozionali o
stressogeni;
4. Espressione dell’enzima 5’-deiodinasi, anche se in quantità minori di
quanto avvenga nel tessuto adiposo bruno;
5. Espressione dell’aromatasi, enzima chiave nella sintesi di estrogeni.

3.2.2 Metabolismo
Il metabolismo del tessuto adiposo bianco è caratterizzato da un modesto
utilizzo di ossigeno, glucosio o acidi grassi, poiché sostanzialmente incentrato
sull’accumulo trigliceridi e non tanto sul loro utilizzo.
In condizioni iperglicemiche WAT preleva dal sangue glucosio grazie al-
l’insulina che stimola l’esposizione del trasportatore GLUT4 nonché l’espres-
sione degli enzimi coinvolti nella sintesi di acidi grassi e trigliceridi; l’altro
componente indispensabile per la sintesi degli FFA, il glicerolo, viene ricava-
to esclusivamente tramite lo shuttle del glicerolo 3-fosfato, mentre la navetta
malato-aspartato è tipica di muscolo e fegato.
In condizioni di ipoglicemia i trigliceridi vengono degradati tramite lipo-
lisi in modo tale da ottenere nuovamente glicerolo e acidi grassi, che seguono
destini diversi:
ˆ Il glicerolo viene trasportato al fegato, in quanto il tessuto adiposo non
possiede la glicerolo chinasi, enzima che ne permetterebbe l’utilizzo;

30
3 TESSUTO ADIPOSO 3.2 Tessuto adiposo bianco

ˆ Gli acidi grassi vengono inviati ad altri tessuti che li catabolizzano per
ricavare energia.
La lipolisi è stimolata dai seguenti ormoni:
ˆ Glucagone, in quanto è l’ormone antagonista dell’insulina che invece
stimola la sintesi di trigliceridi;
ˆ Catecolammine, poiché in condizioni di allerta o stress c’è bisogno di
energia e metaboliti a pronta disposizione;
ˆ Glucocorticoidi, dato che svolgono un’azione sinergica col glucagone;

ˆ Serotonina, liberata dal tessuto nervoso, interagisce soprattutto col


tessuto adiposo bruno dove stimola la termogenesi;
ˆ Tiroxina o T4, che stimola la diminuzione della massa grassa, per cui
i livelli di T4 sono inversamente proporzionali alla quantità di massa
grassa; la tiroxina agisce soprattutto sul tessuto adiposo bruno che
infatti è più ricco di deiodinasi, stimolando la termogenesi.

3.2.3 Ruolo endocrino


Oltre a sintetizzare estrogeni, il tessuto adiposo bianco secerne una serie
di molecole a funzione endocrina che vengono dette adipochine, le quali
a seconda dell’azione svolta possono essere distinte in proinfiammatorie e
antinfiammatorie.
ˆ In caso di obesità, WAT determina una massiccia produzione di adi-
pochine proinfiammatorie, che col tempo provocano diabete di tipo
II e una condizione detta sindrome metabolica, comprendente un
insieme di problematiche cardiovascolari quali l’infiammazione cronica
dei vasi;
ˆ Tra le adipochine ad azione antinfiammatoria si ricordi l’adiponectina,
una sostanza con ruolo insulino-mimetico che, legandosi a specifici re-
cettori GPCR, stimola la traslocazione sulla membrana del trasporta-
tore GLUT4 incrementando l’uptake di glucosio con conseguente ab-
bassamento della glicemia. Alcuni farmaci impiegati per trattare il
diabete di tipo II come i tiazolinedioni agiscono in mod tale da provo-
care un aumento dalla sintesi di adiponectina, oltre ad incrementare
la gliceroneogenesi, agendo sull’enzima PEP carbossichinasi, e la bio-
sintesi dei trigliceridi. Attualmente l’uso dei tiazolinedioni è stato

31
3 TESSUTO ADIPOSO 3.3 Tessuto adiposo bruno

sostituito da altri farmaci come la fenformina o la metformina, dato


che comportano effetti collaterali a livello caridiovascolare;

ˆ La leptina è un polipeptide prodotto dal tessuto adiposo bianco in


base allo stato nutrizionale del soggetto, in quanto responsabile della
segnalazione del senso di sazietà. Essa interagisce con i propri recetto-
ri, appartenenti alla classe dei recettori accoppiati a tirosino-chinasi,
attivando la via di segnalazione JAK/STAT e incrementando la secre-
zione di peptidi con azione anoressizzante, cioè che regolano negativa-
mente l’appetito. La leptina stimola anche direttamente l’adenosina
monofosfato chinasi (AMPK), enzima che gioca un ruolo chiave
nel metabolismo energetico in quanto stimola quei processi che produ-
cono ATP, incrementando per esempio la β-ossidazione e la glicolisi, e
inibisce le vie anaboliche che invece lo consumano quali la sintesi pro-
teica. L’AMPK è costituita da 3 subunità dette α, β e γ; quest’ultima
lega l’AMP che abbonda in condizioni di povertà energetica e che fun-
ge da attivatore nei suoi confronti. L’AMPK non deve essere confuso
con un altro enzima, la PKA, in quanto quest’ultimo viene attivato dal
legame con il cAMP, una molecola con struttura stericamente diversa
dall’AMP poiché più instabile.

Riquadro su controllo dell’appetito

Il nucleo arcuato rappresenta il principale centro di integrazione per la rego-


lazione del bilancio appetito/sazietà. Esso si trova localizzato nell’ipotalamo
e riceve le seguenti afferenze:

ˆ Segnali sia di origine ematica, quali insulina e leptina;

ˆ Segnali di provenienza vagale, le cui fibre vengono stimolate da or-


moni secreti da cellule neuroendocrine gastroenteriche. imputano i
successivi danni.

3.3 Tessuto adiposo bruno


3.3.1 Generalità
In sigla BAT (Brown Adipose Tissue) , presenta una estensione molto
più limitata nell’adulto rispetto al tessuto adiposo bianco e inoltre la sua

32
3 TESSUTO ADIPOSO 3.3 Tessuto adiposo bruno

localizzazione non è stabile ma cambia con le stagioni.


Presenta adipociti con le seguenti caratteristiche:

ˆ Citosol costituito da numerose microgocce lipidiche;

ˆ Numerosi mitocondri, che conferiscono al tessuto il tipico colore bru-


nastro;

ˆ Esprimono sulla loro superficie recettori adrenergici di tipo β3, sensibili


a stimoli stressogeni quali il freddo;

ˆ Espressione dell’enzima 5’-deiodinasi, in quanto gli ormoni tiroidei


partecipano alla termogenesi;

ˆ Espressione della UCP, enzima chiave della termogenesi.

3.3.2 Termogenesi
Il tessuto adiposo bruno concorre assieme al muscolo alla produzione di
calore, nel processo noto come termogenesi. Esso è determinato dalla pre-
senza della proteina disaccoppiante, detta anche UCP (UnCoupling
Protein) o semplicemente termogenina. La termogenina esiste in due
isoforme:

ˆ UCP1, la più caratterizzata;

ˆ UCP2, presente anche in alcuni tumori dove riduce la produzione di


ATP, promuovendo i processi anabolici e quindi l’accrescimento delle
cellule tumorali.

La produzione di UCP viene regolata positivamente da ormoni, quali cate-


colammine, ormoni tiroidei o leptina, che innescano l’asse trasduzionale del
cAMP che quindi attiva la PKA; quest’ultima fosforila CREB, che, previa
migrazione nel nucleo, innesca la trascrizione del gene per la termogenina
nonché per enzimi coinvolti nella lipolisi.
La proteina disaccoppiante si trova localizzata nello spessore della membra-
na mitocondriale interna e di fatto è un canale protonico che, nello stato
aperto, consente di dissipare il gradiente elettronico formato dalla catena
respiratoria eludendo il passaggio mediato dall’ATP sintasi; UCP è mante-
nuta nella forma aperta grazie alla presenza di acidi grassi liberi che derivano
dalla lipolisi.

33
3 TESSUTO ADIPOSO 3.3 Tessuto adiposo bruno

3.3.3 Browning
I due antipodi differenziativi di tessuto adiposo possono essere interconvertiti
l’uno nell’altro attraverso i seguenti processi:

ˆ Browning , WAT → BAT;

ˆ Whitening , BAT → WAT.

L’interconversione tra tessuto adiposo bianco e bruno è guidata da PRDM16,


fattore trascrizionale tipico dell’adipe che, interagendo con una famiglia di
recettori che legano gli acidi grassi chiamata PPARγ, consente di esprimere
i geni coinvolti nel browning.
I recettori PPARγ possono infatti trovarsi in forma acetilata oppure in
forma deacetilata a seconda del momento funzionale degli adipociti:

ˆ La lipolisi indotta per esempio dal freddo comporta abbondanza di


gruppi acetile che quindi vengono utilizzati per acetilare PPARγ; tale
modifica impedisce il legame con Browning PRDM16, per cui i geni del
browning non vengono espressi. Dato che le reazioni WAT → BAT e
BAT → WAT sono all’equilibrio, un’inibizione del browning incentiva
il processo opposto, cioè il whitening;

ˆ Al contrario, PPARγ in forma deacetilata si associa con PRDM16


favorendo l’espressione dei geni coinvolti nella conversione di WAT
in BAT. La deacetilazione di PPARγ viene promossa dalla sirtuina
(SIRT1), enzima sottoposto a controllo nutrizionale in quanto vie-
ne attivato dal NAD+ , i cui livelli intracellulari crescono proprio in
condizioni di penuria energetica.

Dato che il tessuto adiposo bruno protegge l’organismo dalla già citata sin-
drome metabolica, il processo di browning risulta essere più gradito rispetto
allo whitening, che invece comporta un aumento del tessuto adiposo bianco
con conseguente incremento della produzione di adipochine proinfiammato-
rie.

Il browning viene promosso dai seguenti fattori:

ˆ Esposizione prolungata alle basse temperature. Il freddo rappresenta


uno stimolo stressogeno che determina un incremento della produzio-
ne di noradrenalina che, interagendo con i recettori β3 espressi dagli
adipociti del WAT, comporta un aumento della produzione di UCP1,
enzima tipico del tessuto adiposo bruno;

34
3 TESSUTO ADIPOSO 3.3 Tessuto adiposo bruno

ˆ Dato che l’attivazione della sirtuina è promossa dalla starvazione, una


corretta alimentazione promuove la conversione di WAT in BAT. In-
fatti vari studi sulla longevità consigliano di alzarsi da tavola sempre
con un po’ di appetito, soprattutto alla sera;

ˆ Attività fisica. Durante l’esercizio, il muscolo produce irisina, un


ormone di recente scoperta che determina un aumento della risposta
cellulare all’insulina nonché un maggiore consumo di energia; inoltre
la sua azione consente di preservare il tessuto muscolare e rafforzare
le ossa, contrastando l’osteoporosi. L’irisina agisce anche a livello del
WAT promuovendo il browning, poiché incrementa la sintesi di UCP.

35
4 TESSUTO MUSCOLARE

4 Tessuto muscolare

4.1 Generalità
Il tessuto muscolare rappresenta la componente tissutale di gran lunga più
abbondante nell’organismo umano, costituendo circa il 50% del peso corpo-
reo di un uomo adulto. Tramite la contrazione, i muscoli sono responsabili
di quasi tutti i movimenti e l’attività muscolare risulta essenziale per il man-
tenimento di molte funzioni vitali e non, quali la circolazione, la respirazione
oppure il mantenimento della postura e la locomozione.
Il muscolo può essere considerato un motore biologico che produce lavo-
ro meccanico utilizzando l’energia chimica che deriva dall’idrolisi dell’ATP.
Naturalmente la conversione di energia da una forma all’altra non avviene
con rendimento del 100%, per cui parte dell’energia viene convertita in ca-
lore; di conseguenza il muscolo partecipa alla termogenesi, processo svolto
in maniera preponderante a livello del tessuto adiposo bruno.
I muscoli presenti nell’organismo possono essere raggruppati in:
ˆ Muscoli lisci, che si ritrovano a livello della tonaca media della parete
di visceri e vasi;
ˆ Muscoli striati, ulteriormente suddivisi in muscolo scheletrico e
muscolo cardiaco.

4.2 Muscolo scheletrico


4.2.1 Generalità
Il muscolo scheletrico è costituito da fibre muscolari, sincizi cellulari ecci-
tabili in grado contrarsi nonché di generare potenziali d’azione.
Di seguito si riportano le principali caratteristiche delle fibre muscolari,
già ampiamente descritte in altri corsi:
ˆ Forma cilindrica, delimita dal sarcolemma a sua volta rivestito da
endomisio;
ˆ Gruppi di fibre muscolari sono avvolte dal perimisio, mentre l’intero
muscolo è abbracciato dall’endomisio;
ˆ L’insieme delle estremità delle fibre muscolari, costituite da tessuto
elastico, costituiscono il tendine, la porzione attraverso cui il muscolo
trasferisce la sua forza all’osso;

36
4 TESSUTO MUSCOLARE 4.2 Muscolo scheletrico

ˆ Il citosol, detto sarcoplasma, contiene i seguenti elementi:


– Reticolo sarcoplasmatico, riserva di ioni calcio fondamentali per
l’innesco dalla contrazione muscolare;
– Riserve di glicogeno e fosfocreatina;
– Mitocondri;
– Miofibrille costituite da sarcomeri, strutture ordinate che rappre-
sentano l’unità funzionale e strutturale del muscolo.
ˆ In linea generale, il sarcomero, per la cui struttura dettagliata si
rimanda ad altri corsi, è costituito da:
– Filamenti spessi, costituiti da miosina, motore molecolare che
consente di trasformare l’energia chimica sottoforma di ATP in
energia meccanica. Esistono numerose isoforme di miosina per
cui sarebbe più corretto riferirsi alle miosine come ad una grande
superfamiglia;
– Filamenti sottili, cioè i microfilamenti di actina a cui si asso-
ciano anche altre proteine come troponina, tropomiosina, etc..
In base al tipo di miosina presente, è possibile classificare le fibre muscolari
in tre gruppi:
ˆ Fibre di tipo I o rosse, caratterizzate dai seguenti aspetti:
– Abbondanza di mitocondri e di mioglobina, che testimonia la
presenza di un metabolismo di tipo aerobio;
– Sono innervate da motoneuroni piccoli, con velocità di conduzione
minore rispetto ai motoneuroni che innervano le fibre bianche: la
loro contrazione perciò è lenta e poco potente;
– Essendo resistenti alla fatica, sono tipiche di muscoli posturali e
antigravitari.
ˆ Fibre di tipo II, ulteriormente distinguibili in IIa o rosicce, e IIx,
dette anche bianche.
Le fibre IIx sono caratterizzate dai seguenti aspetti:
– Scarsità di mitocondri e di mioglobina, che testimonia la presenza
di un metabolismo di tipo anaerobio;
– Sono innervate da motoneuroni di grosso calibro, con velocità di
conduzione maggiore rispetto ai motoneuroni che innervano le
fibre rosse: la loro contrazione perciò è rapida e potente;

37
4 TESSUTO MUSCOLARE 4.2 Muscolo scheletrico

– Sono fibre affaticabili, coinvolte quindi in sforzi muscolari intensi


ma di breve durata.
La composizione delle fibre può variare a seconda del tipo di attività fisica
svolta, per cui un maratoneta possiede muscoli costituiti in prevalenza da
fibre di tipo I, mentre un velocista presenta soprattutto fibre IIx.

4.2.2 Metabolismo
Il metabolismo del muscolo scheletrico è incentrato sulla sintesi di ATP par-
tire da nutrienti come glucosio, acidi grassi, amminoacidi e, quando presenti,
corpi chetonici.
Data la sua estensione il muscolo rappresenta il più cospicuo deposito di
glicogeno, ma a differenza delle riserve epatiche, il glicogeno muscolare viene
impiegato “per uso personale”.
In generale, l’ATP sintetizzato non potrebbe essere conservato nella cel-
lula poiché porterebbe ad un alterazione del rapporto [ATP]/[ADP] deter-
minando un’inibizione dei propri processi di sintesi. Ciò nonostante, nel
muscolo esiste un sistema di stoccaggio energetico basato sulla fosfocreati-
na, una molecola prodotta nel muscolo a riposo dall’enzima creatinchinasi
a partire da creatina; essa può essere conservata e funge perciò da buffer
energetico in quanto, a differenza dell’ATP, si trova esclusa dai circuiti
regolatori cellulari.
La fosfocreatina è una molecola ad alto contenuto energetico dalla cui idroli-
si è possibile ottenere una molecola di ATP; rappresenta quindi un esempio
di fosforilazione a livello del substrato.

Fosfocreatina + ADP Creatina + ATP

Nel muscolo viene utilizzato anche il ciclo dei pentosi fosfati, che assume
un ruolo rilevante nei soggetti non allenati dove lo sforzo muscolare produce
una quantità maggiore di ROS rispetto a quanto avvenga nei soggetti alle-
nati.
Anche la produzione di lattato dipende dal grado di allenamento del sogget-
to e inoltre a livello muscolare esiste una sorta di ciclo di Cori che però si
stabilisce tra fibre rosse e bianche.
Di seguito sono riportati una serie di enzimi che coadiuvano il me-
tabolismo muscolare (alcuni di essi fanno parte del cosiddetto ciclo dei
nucleotidi purinici):
ˆ Miochinasi, considerato un enzima di recupero che agisce in condi-
zioni di penuria energetica consentendo di ottenere due risultati:

38
4 TESSUTO MUSCOLARE 4.2 Muscolo scheletrico

– Sintesi di una molecola di ATP;


– Produzione di AMP che regola positivamente l’enzima PFK1
stimolando la glicolisi.

2 ADP → AMP + ATP

ˆ AMP deaminasi, attivato grazie all’aumento della concentrazione


intracellulare di AMP, è un enzima che consente la formazione di
IMP nonché di NH3. Mentre l’IMP può essere riconvertito in AMP
grazie agli enzimi adenilsuccinato sintetasi e adenilatsuccinato liasi,
l’ammoniaca regola positivamente PFK1 e in più tampona l’acidità
conseguente alla produzione di lattato;

H2 O NH4
+

AMP AMP deaminasi


IMP
si
ta
ad

sp
Fu

te
en

eA
sin
ma

ilo
ra

P
su

at

GT
t

cc
o

in
in

cc
at

su
o

ilo
lia

i
P
en
si

+
ad

P
GD

Adenilosuccinato

ˆ 5’-nucleotidasi, consente di ottenere adenosina a partire da AMP.


L’adenosina presenta un’attività ormonale in quanto, liberata nello
spazio interstiziale, interagisce con uno specifico GPCR provocando va-
sodilatazione con conseguente aumento dall’apporto di nutrienti verso
il muscolo.

4.2.3 Sforzo muscolare


Durante uno sforzo muscolare il metabolismo del muscolo subisce una serie
di modifiche, schematizzate di seguito:

1. Durante i primi cinque secondi dello sforzo muscolare si ha il consu-


mo delle riserve di fosfocreatina con l’obiettivo di produrre ATP da
mettere a disposizione per la contrazione;

39
4 TESSUTO MUSCOLARE 4.3 Muscolo cardiaco

2. Nei successivi 30-40 secondi, dato che la concentrazione di ossigeno


risulta ancora insufficiente, il muscolo effettua glicolisi anaerobia;
3. In seguito il muscolo provvede alla sintesi di ATP sfruttando un meta-
bolismo di tipo arerobio. La glicolisi aerobia sfrutta prevalentemente
substrati come acidi grassi e amminoacidi piuttosto che glucosio, in
modo tale da non toccare le riserve di glicogeno che si rendono invece
utili in caso di digiuno. Il metabolismo di tipo ossidativo viene favorito
anche da ormoni quali le catecolammine, che inducono vasodilatazione
e quindi un maggiore apporto di nutrienti al muscolo.

4.2.4 Ruolo endocrino


Come tutti i tessuti anche quello muscolare è in grado di produrre molecole
a carattere ormonale. Di seguito se ne riportano alcuni esempi:
ˆ Irisina, trattata nella sezione relativa al Tessuto adiposo bruno;
ˆ Interleuchine;
ˆ IGF;
ˆ Alcune citochine proangiogeniche.

4.3 Muscolo cardiaco


4.3.1 Generalità
Detto anche miocardio, costituisce la tonaca media del cuore ed è formato
da cellule dette miocardiociti o cardiomiociti.
Di seguito si riportano le principali caratteristiche di tali cellule, in parte
simili alle fibre muscolari:
ˆ Sono cellule mononucleate di forma ramificata;
ˆ Nel sarcoplasma presentano una minore massa fibrillare dovuta ad un
numero maggiore di mitocondri rispetto alle fibre muscolari, poiché
si affidano su un metabolismo di tipo esclusivamente aerobio. Di
conseguenza anche i livelli di mioglobina sono più alti;
ˆ Nonostante presentino un’organizzazione sarcomerica simile al musco-
lo scheletrico, il sarcoplasma risulta comunque meno strutturato in
quanto l’attività contrattile è regolata non solo da segnali elettrici ma
anche di tipo ormonale;

40
4 TESSUTO MUSCOLARE 4.3 Muscolo cardiaco

ˆ Sono connessi tra di loro anche da giunzioni comunicanti, gap junc-


tions, che consentono un accoppiamento sia elettrico che metabolico. I
miocardio si comporta quindi da sincizio funzionale, data la necessità
di avere una contrazione all’unisono dei miocardiociti.

ˆ Creatinchinasi sarcoplasmatico, associato all’ATPasi delle miofi-


brille miosiniche

4.3.2 Metabolismo
A differenza del muscolo scheletrico, il miocardio presenta due isoforme
dell’enzima creatinchinasi:

ˆ Creatinchinasi mitocondriale, adagiata sulla superficie esterna del-


la membrana mitocondriale interna;

ˆ Creatinchinasi sarcoplasmatico, associato all’ATPasi delle miofi-


brille miosiniche.

Dall’attività sinergica di questi due enzimi, la creatina è in grado di con-


trollare la sintesi mitocondriale di ATP mentre la fosfocreatina controlla il
processo di contrazione delle miofibrille.
ATP ADP

Creatina creatinchinasi mitocondriale


Fosfocreatina

ADP ATP

Fosfocreatina creatinchinasi fibrillare


Fosfocreatina

Di seguito sono riportati una serie di enzimi che coadiuvano il metabolismo


muscolare:

ˆ Adenilato chinasi, isoforma cardiaca della miochinasi;

ˆ Adenilato deaminasi, simile all’AMP deaminasi. L’ammoniaca pro-


dotta rappresenta un nutriente speciale per il cuore;

41
4 TESSUTO MUSCOLARE 4.4 Muscolo liscio

4.3.3 Ruolo endocrino


Di seguito sono riportati sommariamente i prodotti ad azione endocrina del
miocardio:

ˆ ANP (Peptide Natriuretico Atriale);

ˆ BNP.

Entrambe i peptidi natriuretici vengono sintetizzati sottoforma di prormoni


e agiscono sui tubuli distali renali incrementando la diuresi.

4.4 Muscolo liscio


4.4.1 Generalità
Costituisce la parete di visceri e vasi, e presenta delle caratteristiche morfo-
logiche profondamente diverse dalla muscolatura striata.
La sua contrazione è regolata da segnali elettrici ma anche in modo prepon-
derante da segnali ormonali. Inoltre il meccanismo di contrazione risulta
diverso rispetto a quanto avviene nelle altre tipologie di muscolo; la fosfo-
rilazione delle catene pesanti della miosina determina l’inattivazione della
miosina con conseguente miorilassamento, mentre la fosforilazione a carico
delle catene leggere determina un effetto contrario.

42
5 TUMORE

5 Tumore

5.1 Generalità
Il tumore o neoplasia è una massa di tessuto a crescita incontrollata che
compromette l’omeostasi tissutale e che nella maggior parte dei casi origina
da mutazioni genomiche a carico di una singola cellula somatica.
Le cellule che lo compongono si distinguono da quelle “normali” per una
serie di peculiarità, per la prima volta citate in un articolo scientifico detto
Hallmarks of cancer , documento che viene continuamente aggiornato in
base alle nuove scoperte.
Di seguito si citano i principali aspetti delle cellule neoplasiche:

ˆ Capacità di autosostenere segnali proliferativi, che giustifica il


perenne accrescimento della massa tumorale;

ˆ Capacità di evadere segali soppressori della crescita, quali per


esempio l’inibizione da contatto;

ˆ Escaping , trattato già nel corso di Biochimica I, che consiste nel-


l’abilità delle cellule tumorali di staccarsi dalla massa d’origine per
raggiungere un altro distretto corporeo per tramite del circolo sangui-
gno, promuovendo la metastasi, cioè la diffusione del tumore.
L’escaping si innesca nel momento in cui le condizioni ambientali di-
ventano ostili per la sopravvivenza delle cellule tumorali, che quindi
raggiungono i vasi sanguigni degradando la matrice extracellulare, ma
solo se questa si trova in uno stato maturo;

ˆ Capacità di evadere il sistema immunitario, che anzi viene “edu-


cato” dal tumore stesso in modo tale da agire a suo vantaggio;

ˆ Replicazione infinita, per cui le cellule tumorali vengono anche


definite immortali;

ˆ Capacità di promuovere la formazione di nuovi vasi sanguigni


o angiogenesi, che determina un maggiore apporto di nutrienti alla
massa tumorale;

ˆ Resistenza a stimoli apoptogenici, dati per esempio da farmaci;

ˆ Capacità di coadiuvare l’aggressività, in quanto le cellule tumo-


rali mettono in atto una serie di meccanismi che mantengono elevato

43
5 TUMORE 5.2 Metabolismo

lo stato di infiammazione, in modo tale da promuovere l’escaping e la


metastasi;
ˆ Instabilità genetica, dovuta alla perdita della capacità di gesti-
re le mutazioni che di conseguenza si accumulano, portando ad una
selezione accelerata dei fenotipi più adatti alle condizioni ambientali;
ˆ Capacità di variare il proprio metabolismo in base alle esigenze,
promuovendo i seguenti processi:
– Ipossia, che consente al tumore di attuare una glicolisi alterata
ma estremamente vantaggiosa;
– Acidificazione dell’ambiente, che serve per uccidere le cellu-
le circostanti e creare nuovo spazio che favorisce l’accrescimen-
to della massa tumorale; inoltre si ha l’attivazione di proteasi
extracellulari dette MMPs (Matrix Metallopeptidases) che
degradano l’ECM promuovendo l’escaping;
– Deregolazione nella produzione di ROS e nei meccanismi di
riparazione dei danni causati da essi.

5.2 Metabolismo
Di seguito verranno analizzate le principali caratteristiche metaboliche che
rendono le cellule tumorali cosı̀ particolari e diverse dalle cellule normali.

5.2.1 Glicolisi
Il metabolismo tumorale è fondamentalmente incentrato sull’accrescimento
della massa tissutale in modo tale da prevalere sugli altri tessuti normali.
Il glucosio rappresenta uno dei principali nutrienti utilizzati in quanto le cel-
lule tumorali ne sono particolarmente avide: tale avidità viene sfruttata da
tecniche diagnostiche come la PET(Positron Emission Tomography)
che evidenzia la presenza di fluorodeossiglucosio (18 F-FDG), un radioi-
sotopo del glucosio di breve emivita, che una volta iniettato si accumula
nelle cellule, soprattutto in quelle tumorali, poiché non viene catabolizzato.
L’ingresso di glucosio nelle cellule tumorali risulta decisamente incremen-
tato grazie alla overespressione di trasportatori GLUT come GLUT1, 3 e 4,
ma anche dalla presenza dell’enzima esochinasi II, molto diffusa nei tumori,
caratterizzata da una KM bassa e quindi una maggiore affinità per il glucosio.

44
5 TUMORE 5.2 Metabolismo

Il glucosio 6-fosfato viene indirizzato verso la glicolisi tumorale, defi-


nita lattica o aerobia, dove il termine “aerobia”, in questo caso, presenta
una particolare accezione poiché sta a significare che la glicolisi viene seguita
da fermentazione lattica anche in presenza di ossigeno. Tale particolarità è
tipica delle cellule tumorali ed è detta metabolismo Warburg, dal nome
del suo scopritore.
Il pathway glicolitico tumorale risulta modificato a causa delle presenza
di una particolare isoforma tetramerica di piruvato chinasi, la PKM2: es-
sa spreca la formazione di una molecola di ATP, in quanto dona il gruppo
fosfato del fosfoenolpiruvato (PEP) al fosfoglicerato per formare 2,3-BPG,
il cui ruolo nelle cellule tumorali non è ancora ben chiaro. La PKM2 viene
prodotta non solo a livello tumorale ma in generale dai tessuti in attiva pro-
liferazione per cui costituisce un marker proliferativo.
La produzione di un ATP in meno da parte della glicolisi tumorale costitui-
sce un vantaggio poiché consente un maggiore incorporamento di glucosio
da parte delle cellule tumorali stesse secondo l’effetto Pasteur; una cellula
che fermenta infatti presenta un maggiore consumo di glucosio rispetto ad
una cellula che respira in quanto entrambe necessitano dello stesso quanti-
tativo di ATP per sopravvivere.
La forte avidità di glucosio delle cellule tumorali altera di conseguenza l’o-
meostasi tissutale, in quanto le cellule normali circostanti si trovano a dover
affrontare una carenza di nutrienti che vengono loro continuamente sottratti
dalla massa tumorale in crescita.
La PKM2 viene regolata negativamente da modifiche post-traduzionali,
per esempio:

ˆ Fosforilazione sul residuo Tyr-105;

ˆ Acetilazione sul residuo Lys-305;

ˆ Ossidazione sul residuo Cys-358.

Inoltre PKM2 funge da fattore trascrizionale, per cui quando è inattiva mi-
gra nel nucleo dove legandosi ad altri fattori come HIF o STAT promuove
l’espressione dei geni che codificano per metalloproteasi o enzimi glicolitici,
mentre inibisce quelli che codificano per enzimi coinvolti nel metabolismo
respiratorio.
Il fatto che alla fine di una via metabolica fortemente attivata sia presente
un enzima “alterato” ha come conseguenza l’accumulo di intermedi della gli-
colisi che vengono poi impiegati in vie anaboliche mirate all’accrescimento
della massa tumorale.

45
5 TUMORE 5.2 Metabolismo

Un’altra caratteristica tipica delle cellule tumorali è la presenza di una fo-


sfofruttochinasi 2 (PFK-2) alterata che, invece di essere un enzima bifunzio-
nale, si comporta solo da chinasi, portando ad una costante produzione di
fruttosio 2,6-bisfosfato e stimolando quindi costantemente la glicolisi.

5.2.2 P53
Il gene P53 è un oncosoppressore codificante per una proteina omonima che
svolge il ruolo di fattore trascrizionale che regola il ciclo cellulare e preserva
l’integrità del genoma, in quanto favorisce la riparazione del DNA in caso di
danni.
Quando attiva, P53 inibisce la glicolisi promuovendo l’espressione di TI-
GAR, una fosfatasi che idrolizza il fruttosio 2,6-bisfosfato impedendone
l’azione positiva su PFK2. Inoltre P53 consente l’attivazione di un traspor-
tatore dalla vitamina B1 la quale, sottoforma di TPP, interagisce con la
piruvato deidrogenasi promuovendo il metabolismo aerobio.
Oltre ad un accumulo delle mutazioni genomiche, alterazioni a carico del
gene P53 comportano una mancata inibizione del pathway glicolitico e una
soppressione del metabolismo aerobio sostituito da fermentazione lattica.

5.2.3 Myc e ciclo di Krebs


Il gene Myc è un protoncogene codificante per una proteina omonima che
svolge il ruolo di fattore trascrizionale regolando l’espressione di numerosi
geni coinvolti nella proliferazione e nella crescita cellulare.
Myc è anche coinvolto nell’ingresso e nella sintesi di glutammina, pro-
muovendo la trascrizione dei geni che codificano per:
ˆ Glutammina sintetasi;
ˆ Glutamminasi;
ˆ Trasportatori della glutammina, bersaglio di alcuni farmaci antitumo-
rali.
La glutammina svolge un ruolo chiave nell’attivazione del ciclo di Krebs, che
nelle cellule tumorali si trova ad essere alterato in modo tale da favorire la
formazione di citrato a sua volta impiegato per la sintesi di lipidi.
A differenza delle cellule normali dove le decarbossilazioni del ciclo di Krebs
sono tutte reazioni irreversibili, nei tumori queste avvengono in entrambe
i sensi per cui oltre alla classica decarbossilazione ossidativa dell’isocitra-
to ad α-chetoglutarato è possibile anche avere la reazione contraria, detta
carbossilazione riduttiva.

46
5 TUMORE 5.2 Metabolismo

α-chetoglutarato isocitrato citrato


In conclusione, l’apporto di glutammina garantisce la produzione dei lipidi
nelle cellule tumorali, dove il ciclo di Krebs risulta alterato.

5.2.4 HIF
Nei tumori l’ipossia gioca un ruolo cruciale in quanto porta all’attivazione
di una serie di sistemi trascizionali detti HIFs (Hypoxia-inducible fac-
tors), di cui il più noto è HIF1, costituito dall’insieme di due subunità, α e
β. In forma dimerica, HIF1 promuove l’espressione dei seguenti geni:
ˆ Metabolici, codificanti per esempio per enzimi glicolitici;
ˆ Proangiogenici;
ˆ Geni per la sopravvivenza, che comportano l’attivazione di pathway
mirati a risparmiare ossigeno e altri nutrienti. Inoltre si incremen-
ta l’espressione di pompe protoniche che estrudono anche farmaci
promuovendo il fenomeno di drug resistance;
ˆ Geni di escaping che favoriscono la metastasi;
ˆ HIF1 partecipa anche nella gestione del lattato, la cui produzione viene
aumentata grazie ad un’incrementata espressione dei seguenti geni:
– Lattato deidrogenasi, enzima che riduce il piruvato a lattato;
– MCT4, un trasportatore del lattato che provvede alla sua estru-
sione con conseguente acidificazione dell’ambiente circostante, fe-
nomeno promosso anche da un incremento della trascrizione del-
l’isoforma Lattato deidrogenasi IV dell’enzima anidrasi car-
bonica (CAH9), che invece produce protoni direttamente nello
spazio extracellulare;
In alcuni tumori particolarmente aggressivi come i gliomi, la subunità α di
HIF1 è stabilizzata grazie all’accumulo di intermedi del ciclo di Krebs come
succinato e fumarato che regolano negativamente l’enzima prolil-idrossilasi
e impediscono quindi la degradazione della subunità α.

5.2.5 Simbiosi metabolica cellule tumorali


All’interno della stessa massa tumorale possono coesistere cellule metaboli-
camente diverse, che adattano cioè le proprie esigenze in base alla vicinanza
con i vasi sanguigni, per cui si possono distinguere:

47
5 TUMORE 5.2 Metabolismo

ˆ Cellule maggiormente ipossiche, collocate più lontano dai vasi san-


guigni, presentano un metabolismo di tipo anaerobio con consistente
produzione di lattato;

ˆ Cellule meno ipossiche, poste in vicinanza dei vasi sanguigni, conser-


vano un metabolismo di tipo aerobio che consente loro di prelevare
e respirare il lattato ceduto nell’ambiente circostante dalle cellule più
ipossiche.

Le due tipologie di cellule presentano diversi tipi di trasportatori del lattato,


per cui mentre le prime esprimono MCT4 che favorisce l’estrusione di lattato,
le altre hanno MCT1 che al contrario ne favorisce l’ingresso.
Si instaura quindi una sorta di ciclo di Cori intratumorale che consente di
avere una sinergia metabolica e un vantaggio per entrambe i citotipi; spesso
tale meccanismo si instaura anche tra cellule tumorali “che respirano” e i
fibroblasti della ECM.

Riquadro su protoncogeni e oncosoppressori


Un protoncogene è gene che normalmente promuove la proliferazione cel-
lulare ma può diventare un oncogene quando subisce specifiche alterazioni
che, agendo secondo un meccanismo autosomico dominante, comportano
un aumento o un’acquisizione di funzione (gain of function) rispetto alla
proteina normale.
Un esempio citato anche nel corso di Biochimica I è rappresentato dal linfo-
ma di Burkitt, causato da una traslocazione cromosomica: il protoncogene
MYC, localizzato sul braccio lungo del cromosoma 8, viene giustapposto alla
sequenza enhancer del gene per le catene pesanti delle immunoglobuline IgH
localizzato sul braccio lungo del cromosoma 14. Il gene lgH è attivo nelle cel-
lule della linea linfocitaria B, secernenti immunoglobuline, e di conseguenza
anche l’oncogene MYC viene attivato in maniera permanente.
Un gene oncosoppressore, in condizioni fisiologiche ha effetti inibitori sulla
proliferazione cellulare e sulla trasformazione neoplastica. II danneggiamen-
to di una singola copia del gene consente ancora il funzionamento del locus,
mentre la perdita di funzione di entrambe le copie determina l’inattivazione
completa del locus e quindi la comparsa del tumore.

48
6 TESSUTO NERVOSO

6 Tessuto nervoso

6.1 Generalità
Per garantire la sopravvivenza dell’individuo, è necessario che esista un siste-
ma in grado di ricevere ed elaborare gli input provenienti sia dall’ambiente
esterno che dai visceri interni in modo tale da generare un output idoneo a
ristabilire l’omeostasi iniziale, che l’informazione in entrata aveva in qualche
modo modificato.
Tutti gli viventi sono accomunati dalla capacità di ricevere stimoli e di
rispondere ad essi, ma secondo modalità differenti: mentre i più semplici
presentano entrambe queste funzioni relegate all’interno della stessa cellula,
all’aumentare della complessità dell’organismo si rende necessario affidare i
compiti di ricezione e risposta a delle cellule specializzate, cioè i neuroni, le
componenti principali del sistema nervoso.

Da un punto di vista metabolico, rispetto agli altri tessuti, quello costi-


tuente il sistema nervoso presenta:

ˆ Il più elevato fabbisogno energetico, e quindi il maggiore consumo di


ossigeno;

ˆ Richiesta di glucosio superiore a qualsiasi altro tessuto, in quanto esso


rappresenta il nutriente di gran lunga più utilizzato;

ˆ Il maggiore turn over proteico;

ˆ Il più elevato sviluppo delle membrane cellulari, associato quindi al


più alto contenuto di lipidi complessi.

In questa sezione relativa al tessuto nervoso si prenderanno in esame soprat-


tutto gli aspetti metabolici che lo caratterizzano, con particolare riferimento
ai neurotrasmettitori; in più verrà descritto il meccanismo biochimico della
visione. Per quanto concerne l’organizzazione gerarchica del sistema nervoso
e le caratteristiche delle sue componenti si rimanda ad altri corsi.

49
6 TESSUTO NERVOSO 6.2 Neurotrasmettitori

6.2 Neurotrasmettitori
6.2.1 Generalità
I neuroni comunicano tra loro o con gli organi effettori per tramite delle
sinapsi, strutture altamente specializzate alla cui costituzione partecipano
due elementi:
ˆ Elemento presinaptico, necessariamente un neurone;

ˆ Elemento postsinaptico, che può essere un altro neurone oppu-


re una cellula non nervosa; in tal caso predilige il termine giunzione
citoneurale piuttosto che sinapsi.
In base a come è strutturata, la sinapsi si può distinguere in:
ˆ Elettrica, in cui i citosol dei due elementi pre- e postsinaptico sono
a stretto contatto l’uno con l’altro attraverso giunzioni cellulari co-
municanti o gap junctions, che consistono in canali ionici costituiti
dall’accostamento di due emicanali detti connessoni.
Le gap junctions effettuano sia un accoppiamento elettrico dei due
elementi, poiché permettono il passaggio di ioni, nonché un accoppia-
mento metabolico, in quanto consentono il transito di piccole molecole
come ATP o cAMP. Dato che determinano un collegamento diretto
tra i due elementi, le sinapsi elettriche favoriscono una trasmissione
rapida e senza ritardi del segnale.
ˆ Chimica, caratterizzata dal fatto che elemento pre- e postsinaptico
sono separati della fessura sinaptica, spazio in cui il segale elettrico
non può propagarsi come tale. Si rende quindi necessario l’interven-
to di mediatori chimici, i neurotrasmettitori, che vengono rilasciati
nella fessura sinaptica dall’elemento presinaptico in risposta alla de-
polarizzazione generata dall’arrivo del potenziale di azione; interagen-
do con recettori posti sull’elemento postsinaptico, essi inducono una
depolarizzazione oppure un’iperpolarizzazione, per cui comportano ri-
spettivamente un aumento oppure una diminuzione della probabilità
di generare un potenziale d’azione nel postsinaptico.
Nonostante la presenza di ritardo sinaptico, le sinapsi chimiche sono di
gran lunga più numerose rispetto a quelle elettriche poiché consentono
di produrre risposte sia eccitatorie che inibitorie di tipo graduato e con
caratteristiche temporali diverse a seconda del tipo di neurotrasmetti-
tore impiegato, la quantità liberata dal presinaptico e le proprietà dei
recettori espressi dal postsinaptico.

50
6 TESSUTO NERVOSO 6.2 Neurotrasmettitori

6.2.2 Caratteristiche
Sono messaggeri chimici impiegati nelle sinapsi chimiche, che a seconda della
loro natura possono essere sintetizzati sia a livello del soma, per poi esser
trasferiti con il flusso assonale, che direttamente nel terminale presinaptico.
In base all’origine, i neurotrasmettitori (NT) possono essere classificati
in tre gruppi:

ˆ Amminoacidi o derivati, che include:

– Glutammato, il principale NT di tipo eccitatorio del sistema


nervoso centrale (SNC);
– Glicina, inibitorio;
– GABA, il principale NT di tipo inibitorio del sistema nervoso
centrale;

ˆ Monoamine, che si differenziano dal gruppo precedente in quanto


contengono un gruppo amminico connesso ad un anello aromatico da
una catena costituita di due atomi di carbonio ( – CH2 – CH2 – ). Le
monoamine comprendono:

– Catecolamine;
– Acetilcolina (ACh), che agisce sia nel sistema nervoso centrale
che nel periferico e rappresenta il neurotrasmettitore che carat-
terizza la giunzione neuromuscolare, sinapsi localizzata a livello
del muscolo scheletrico;
– Istamina;
– Serotonina;

ˆ Peptidi, di piccole dimensioni, come per esempio:

– Oppioidi endogeni, quali encefaline o endorfine;


– Altro (sostanza P, somatostatina, etc.).

L’effetto inibitorio o eccitatorio di un neurotrasmettitore non dipende


dalla sua natura chimica bensı̀ dal tipo di recettore col quale interagisce a
livello del postsinaptico. Si individuano due tipologie di recettori:

ˆ Ionotropici, recettori canale che consentono una risposta rapida in


quanto producono direttamente risposte elettriche eccitatorie o inibi-
torie;

51
6 TESSUTO NERVOSO 6.2 Neurotrasmettitori

ˆ Metabotropici, recettori GPCR che innescano una certa via di tra-


sduzione del segnale che comporta l’apertura o la chiusura di deter-
minati canali di membrana. Rispetto ai recettori ionotropici, l’intera-
zione del NT col recettore di tipo metabotropico determina risposte
elettriche più lente ma più durature nel tempo.

Di seguito sono riportate le caratteristiche dei principali tipi di neuro-


trasmettitore:

ˆ Acetilcolina (ACh)

CH3
HO CH2 CH2 N+ CH3

CH3
Colina
Acetil-CoA

colina acetil-transferasi

CoA-SH

O CH3
C O CH2 CH2 N+ CH3
CH3 CH3
Acetilcolina

A livello del sistema nervoso periferico viene impiegato dai seguenti


neuroni:

– Motoneuroni somatici, che innervano cioè i muscoli scheletrici,


dove ACh ha sempre un ruolo eccitatorio;
– Neuroni pre- e postgangliari parasimpatici del sistema nervoso
autonomo;
– Neuroni pregangliari ortosimpatici del sistema nervoso autonomo.

I recettori per l’acetilcolina possono essere di due tipi:

– Recettori ionotropici, localizzati a livello della giunzione neuro-


muscolare sono canali del sodio. I recettori ionotropici son anche
detti nicotinici, in quanto la nicotina è un agonista dell’ ACh
poiché ne mima l’azione;

52
6 TESSUTO NERVOSO 6.2 Neurotrasmettitori

– Recettori metabotropici, che possono essere a carattere eccitato-


rio o inibitorio, vengono anche chiamati muscarinici poiché il
loro agonista è rappresentato dalla muscarina, sostanza estrat-
ta da alcune specie di funghi velenosi che esercita effetti simili
all’ACh a livello del sistema nervoso autonomo.

Riquadro su recettori metabotropici acetilcolina

I recettori muscarici dell’acetilcolina possono essere sia di carattere ec-


citatorio che inibitorio. Di seguito se ne riportano le caratteristiche
principali:

– Recettore M1, di tipo eccitatorio. La PKA, attivata tramite


il pathway dell’adenilato ciclasi, fosforila dei canali del potassio
acetilcolina-dipendenti portando a due effetti:

* La mancata fuoriuscita di K+ determina depolarizzazione;


* La progressiva chiusura dei canali comporta un aumento della re-
sistenza di membrana, con conseguente aumento dell’eccitabilità
della stessa per cui una successiva corrente eccitatoria risulterà
potenziata.

– Recettore M2, di carattere inibitorio. In questo caso la subunità


Gα del recettore induce l’apertura di canali del potassio acetilcolina-
dipendenti con conseguente fuoriuscita di K+ . Tali recettori sono pre-
senti per esempio a livello cardiaco per cui la stimolazione del nervo
vago determina sul cuore una diminuzione della frequenza cardiaca e
della forza contrattile, rispettivamente effetto cronotropo e ionotropo
negativo.

ˆ Catecolamine, già approfondite nella parte di Biochimica ormonale,


possono comportarsi da neurotrasmettitori o ormoni veri e propri a
seconda del raggio di azione.

ˆ Serotonina

53
6 TESSUTO NERVOSO 6.2 Neurotrasmettitori

CH2 CH NH2

COOH

H
Triptofano
BH4 + O2

triptofano idrossilasi

BH2 + H2 O

OH CH2 CH NH2

COOH

H
5-idrossitriptofano

decarbossilasi PLP

CO2

OH CH2 CH2 NH2

H
Serotonina

Ad eccezione di una tipologia di recettore che funziona come un canale


ionico, i restanti numerosi recettori della serotonina sono tutti di ca-
rattere metabotropico. Impiegata da specifiche reti neuronali del SNC

54
6 TESSUTO NERVOSO 6.2 Neurotrasmettitori

Figura 4: Shunt del GABA, dove GAD rappresenta una decarbossilasi che
utilizza come cofattore PLP, mentre GABA-T è una trasaminasi.

dove concorre alla modulazione di funzioni come il sonno o l’appetito,


la serotonina viene prodotta anche in altri distretti corporei, di cui in
seguito si riportano alcuni esempi:

– Cellule endocrine del tubo digerente, partecipando alla regolazio-


ne della motilità intestinale;
– Piastine, dove si trova racchiusa in vescicole che vengono rila-
sciate durante il processo di aggregazione piastrinica. In questo
caso la serotonina agisce da vasocostrittore promuovendo quindi
la formazione del trombo bianco.

ˆ GABA (acido γ-amminobutirruco)


Rappresenta il principale neurotrasmettitore a carattere inibitorio del
SNC e le cellule che ne fanno uso lo sintetizzano e lo degradano per
tramite del cosiddetto shunt del GABA, mostrato in Figura 4.
Ciononostante, il GABA viene sintetizzato anche a livello del SNP a
partire dall’arginina, come mostrato nello schema seguente.

55
6 TESSUTO NERVOSO 6.2 Neurotrasmettitori

H2 O NH4
+
GTP e Asp GDP + Pi

Arg arginasi
Ornitina δaminotransferasi
Glu γ-semialdeide
Acetil-CoA

Glu γ-semialdeide deidrogenasi

CoA-SH

decarbossilasi
HOOC CH2 CH2 NH3 PLP
Glu
CO2

I suoi recettori, sia ionotropici che metabotropici, determinano en-


trambi un effetto iperpolarizzante e inoltre rappresentano il bersaglio
di farmaci come barbiturici o benzodiazepine, che legandosi al recet-
tore in un sito diverso da quello utilizzato dal GABA ne potenziano
gli effetti.

ˆ Glicina
N5 , N10 -metilene THF THF

Serina Glicina
serina idrossimetiltransferasi

Impiegato dal SNC, è un neurotrasmettitore inibitorio che agisce su


un canale del cloro.

ˆ Glutammato
α-chetoglutarato Glutammato

Ornitina γ-Glu semialdeide


ornitina δ-aminotransferasi

E’ il principale neurotrasmettitore eccitatorio del SNC e presenta due


tipi di recettori ionotropici entrambe permeabili sia a sodio che potas-
sio:

– AMPA/KAINATO, detti anche non NMDA, sono canali ligando-


dipendenti con cinetica di apertura veloce;
– NMDA, caratterizzati da una lenta cinetica di apetura, in cui
il gating dipende sia dalla presenza di ligando che dal poten-
ziale di membrana. Esistono anche recettori metabotropici, dove

56
6 TESSUTO NERVOSO 6.3 Metabolismo del tessuto nervoso

un’anomala subunità GαI determina l’attivazione della PLA2 con


conseguente sintesi di eicosanoidi; questi regolano la conduttanza
della membrana in modo tale da produrre una depolarizzazione.

ˆ Oppioidi endogeni
Sono neurotrasmettitori di natura peptidica che originano dal POMC
e comprendono sostanze come le endorfine o le encefaline.
Devono il loro nome alla somiglianza con i derivati dell’oppio quali
la morfina, poiché esercitano un’azione inibitoria analoga sulle vie del
dolore; agiscono inoltre nella modulazione di sensazioni termiche e
tattili, ma anche nella regolazione dell’appetito.

6.3 Metabolismo del tessuto nervoso


Di seguito sono riportate schematicamente le specificità che caratterizzano
il tessuto nervoso da un punto di vista metabolico:

ˆ Salvo alcune situazioni eccezionali, il glucosio rappresenta l’unico sub-


strato energetico del tessuto nervoso che ne utilizza il 25% del totale
consumato dall’intero organismo. Data la forte “avidità” di glucosio, il
tessuto nervoso esprime quei trasportatori che ne consentono un mag-
giore uptake, come GLUT1, GLUT3, e GLUT5.
Il glucosio viene catabolizzato tramite glicolisi seguita da un metabo-
lismo esclusivamente di tipo aerobio; la fermentazione viene effettuata
solo in condizioni anomale quali ischemie e il lattato prodotto, data la
sua azione denaturante, provoca danni irreversibili e invalidanti.
Inoltre il metabolismo aerobio consente la produzione di una cospicua
quantità di ATP, impiegato per processi anabolici o per garantire il
funzionamento di pompe di membrana prima tra tutte la Na+ /K+ -
ATPasi;

ˆ Data l’assenza di depositi duraturi di glicogeno l’attività cerebrale è


fortemente influenzata dai livelli ematici di glucosio, per cui in caso di
ipoglicemia acuta si possono avere serie compromissioni dell’attività
cerebrale con la comparsa di shock o coma;

ˆ Anche il ciclo dei pentosi fosfati è particolarmente attivo in quanto il


NADPH viene impiegato massicciamente per la sintesi dei lipidi nonché
per combattere lo stress ossidativo;

57
6 TESSUTO NERVOSO 6.4 Meccanismo biochimico della visione

ˆ Data la presenza della barriera ematoencefalica, le lipoproteine non


sono in grado di rifornire il tessuto nervoso di lipidi, che di conseguenza
vengono prodotti e in piccola parte conservati endogenamente;

ˆ Per raffinare la propagazione dell’impulso elettrico, il tessuto nervoso


presenta la necessità di sintetizzare massicciamente lipidi, alcuni dei
quali esclusivi, che entrano a far parte della composizione della guaina
mielinica;

ˆ A livello del SNC, soprattutto in corrispondenza dell’ipotalamo, sono


presenti recettori per l’insulina sintetizzata dal tessuto nervoso stesso,
che assieme alla leptina concorre a regolare negativamente il senso di
sazietà. Il deficit di insulina cerebrale associato alla deposizione di
sostanza amiloide è alla base del diabete di tipo III o MODY.

6.4 Meccanismo biochimico della visione


6.4.1 Generalità
L’occhio è un organo fotosensibile specializzato nella captazione di segnali
luminosi dall’esterno e nella loro trasformazione in impulsi nervosi che danno
luogo alla visione. Ciascun occhio è strutturalmente costituito da una parete
e un contenuto; per quanto riguarda la parete, essa è organizzata in tre
tonache per cui procedendo dall’esterno verso l’interno troviamo:

ˆ Tonaca fibrosa, che comprende la sclera nei 4/5 posteriori, il “bian-


co dell’occhio”, e la cornea, una struttura trasparente che occupa il
restante quinto anteriore;

ˆ Tonaca vascolare o uvea, costituita, procedendo in senso postero-anteriore,


da corioide, corpo ciliare e iride;

ˆ Tonaca nervosa o retina, suddivisa in retina cieca, cioè la parte di


retina a contatto con corpo ciliare e iride, e retina ottica, che invece
interagisce con la corioide. A differenza della retina ottica, la retina
cieca non contiene fotocettori per cui non è in grado di recepire gli
stimoli luminosi.

Tali nozioni verranno approfondite meglio nel corso di Anatomia, per cui
sono state riportate solo a scopo informativo, per dare una visione d’insieme
sulla struttura dell’occhio.

58
6 TESSUTO NERVOSO 6.4 Meccanismo biochimico della visione

Ai fini del corso invece è necessaria la conoscenza del meccanismo bio-


chimico della fototrasduzione, processo tramite cui i fotocettori convertono
gli stimoli luminosi in segnali elettrici.

6.4.2 Fotocettori
In base alle differenze morfo-funzionali i fotocettori retinici si possono distin-
guere in coni e bastoncelli, accomunati dal fatto di avere un’organizzazione
strutturale comune in quanto costituiti da tre porzioni:

ˆ Segmento esterno, di forma conica o allungata a seconda che si consi-


deri rispettivamente i coni o i bastoncelli, è costituito da una serie di
dischi membranosi impilati l’uno sull’altro contenenti pigmenti;

ˆ Segmento interno, che accoglie gli organuli cellulari;

ˆ Fibra, la cui terminazione sinapta con i dendriti delle cellule bipolari.

Di seguito sono riportate schematicamente le principali differenze tra coni e


bastoncelli:

ˆ I coni sono responsabili della visione fotoscopica, vengono cioè atti-


vati da grandi quantità di fotoni, una condizione tipica della luce diur-
na. La luce crepuscolare invece, caratterizzata da un esiguo numero di
fotoni, consente l’attivazione dei bastoncelli, responsabili quindi della
visione scotoscopica;

ˆ La maggior parte della retina ottica è caratterizzata da una netta pre-


valenza numerica dei bastoncelli sui coni, per cui i fotocettori stanno
tra loro in un rapporto di 25 a 1. Tale sproporzione è dovuta al fatto
che i bastoncelli sono attivi in condizioni di luce crepuscolare, povera
di fotoni, per cui maggiore è il numero di bastoncelli maggiore risulta
la probabilità di captare un fotone;

ˆ I bastoncelli contengono un’unica tipologia di pigmento, la rodopsina;

ˆ I coni possono essere distinti in rossi, verdi o blu, poiché il pigmen-


to contenuto, detto iodopsina, può presentarsi in tre distinte tipo-
logie che consentono la captazione di lunghezze d’onda diverse e di
conseguenza la visione a colori.

59
6 TESSUTO NERVOSO 6.4 Meccanismo biochimico della visione

6.4.3 Fototrasduzione
I pigmenti di entrambe i fotocettori sono costituiti da due porzioni:
ˆ Opsina, che consiste in un proteina recettoriale transmembana del
tipo GPCR;
ˆ Retinale, derivato della vitamina A e deputato all’assorbimento della
luce. Normalmente si trova come isomero 11-cis.
Il retinale, colpito dai fotoni, passa dalla conformazione 11-cis a quella tutto-
trans e tale cambiamento si ripercuote sull’opsina, cioè la porzione proteica
del pigmento. Il cambio conformazionale del pigmento fa sı̀ che il recettore
interagisca e attivi una particolare subunità Gα detta trasducina (Gαt),
la quale presenta come effettore la fosfodiesterasi del cGMP, enzima che
converte il cGMP in GMP.
Il successivo abbassamento della concentrazione intracellulare di cGMP de-
termina la chiusura dei canali del sodio, il cui gating è regolato proprio dal
cGMP, con conseguente iperpolarizzazione del fotocettore e mancato rilascio
delle vescicole contenenti glutammato; a livello centrale questo segnale viene
interpretato come “presenza di luce”.
In condizioni di buio, la mancata degradazione del cGMP gli consente di
interagire con la PKG, chinasi che fosforila i canali del sodio; l’ingresso di
cariche positive determina una depolarizzazione che comporta l’apertura dei
canali del Ca2+ voltaggio dipendenti e l’entrata di calcio, con conseguente
esocitosi delle vescicole e generazione del potenziale d’azione nell’elemento
postsinaptico (cellula bipolare).
Riquadro sulle cellule bipolari

L’elemento postsinaptico, cioè la cellula bipolare, può essere attivato o inibi-


to dall’interazione col glutammato a seconda del tipo di recettore espresso,
per cui si possono distinguere:

ˆ Le cellule bipolari di tipo OFF, che segnalano una diminuzio-


ne dell’intensità luminosa poiché a livello dendritico esprimono re-
cettori ionotropici che interagendo col glutammato determinano la
depolarizzazione della callula;

ˆ Le cellule bipolari di tipo ON, che invece esprimono recettori meta-


botropici che vengono disinibiti dalla riduzione dei livelli di neuro-
trasmettitore nello spazio sinaptico, per cui segnalano un aumento
dell’intensità luminosa.

60
7 BIBLIOGRAFIA

7 Bibliografia

ˆ Siliprandi N. e Tettamanti G., Biochimica medica. Strutturale meta-


bolica e funzionale, Piccin

ˆ Cox M.M. e Nelson D.L.,Principi di Biochimica di Lehninger, Zani-


chelli

ˆ Anastasi G. et al., Trattato di anatomia umana , Edi-Ermes

ˆ Cattaneo L., Anatomia del sistema nervoso centrale e periferico del-


l’uomo, Monduzzi Editoriale

ˆ Kandel E. et al., Principi di Neuroscienze, Casa Editrice Ambrosiana

ˆ Conti F. et al., Fisiologia Medica, Edi-Ermes

ˆ Neri G. e Genuardi M., Genetica Umana e Medica, EDRA

ˆ Irena A. Rebalka, Andrew W. Cao, Linda L. May, Mark A. Tarnopol-


sky, Thomas J. Hawke, Statin administration activates system xC - in
skeletal muscle: a potential mechanism explaining statin-induced mu-
scle pain, in ”American Journal of Physiology-Cell Physiology”, 2019
Nov 1

62