Sei sulla pagina 1di 26

Postural

Assessment and Relationship


• Parleremo di un meccanismo neurofisiologico molto
importante;

• Proveremo ad attuare un ragionamento clinicamente


corretto per cercare la causa che scatena la
problematica;

• Valuteremo uno dei recettori più importanti


posturalmente: L’occhio;

• Valuteremo e tratteremo una delle catene


miofasciali statisticamente più coinvolta nelle
problematiche muscolo scheletriche.
!Presentazione del caso:

"Dolore anteriore al ginocchio destro;


"Test ortopedici negativi;
"RMN evidenzia un infiammazione articolare insignificante;
"Non presenta Tumefazioni, gonfiore o altro;
"Il cliente riferisce di non aver ricevuto nessun trauma;
"Il dolore si manifesta per lo più durante il movimenti;

1- Cosa fareste?
2- Dove agireste, se agireste?
3- Perchè?
WILHELM REICH DUPLICE CORAZZA

ORTOPEDIA
AUMENTO DEL TONO BASALE STATO MIOTENSIVO
PSICOGENO

PORZIONE CONNETTIVALE
REGOLATORE DEL TONO MUSCOLARE

•PIEDE
•L’OCCHIO
•APPARATO STOMATOGNATICO
•CUTE
•L’APPARATO MUSCOLO-SCHELETRICO
•ETC.
RISULTATO DI PROCESSI NEUROPSICOLOGICI ED ESPERENZIALI

DISEQUILIBRIO POSTURALE

PUÒ ESSERE COLLEGATO AD UNA NON CORRETTA INTEGRAZIONE DEL


SISTEMA CENTRALE
IL SISTEMA MUSCOLO-SCHELETRICO SI “ORGANIZZA” NELLA STATICA E NELLA DINAMICA

Nella statica, gli squilibri


posturali si evidenziano con
la perdita della fisiologica
sequenza articolare dei vari
segmenti scheletrici nei tre
piani dello spazio

nella dinamica con l’impossibilità di


effettuare il movimento utilizzando
al meglio le forze muscolari.
DISFUNZIONE SOMATICA

Ridotta od alterata funzione delle componenti del sistema somatico:

•Scheletrica
•Articolare
•Miofasciale
•Elementi vascolari, linfatici e neurali ad esse correlate.
J. S. Denslow DO effettuò delle sperimentazioni inerenti le soglie di
eccitazione motoria riflessa,nei diversi segmenti spinali dell’uomo.

Denslow and Clough used needle electrodes to examine the


electromyographic (EMG) activity at “lesioned” and normal
segments, as identified by palpation, of the thoracic
paraspinal muscles in 16 healthy participants.
They reported that spontaneous electrical activity occurred
at lesioned segments but was rare at normal segments.

Denslow JS, Clough GH. Reflex activity in the spinal extensors. J Neurophysiol. 1941;4(6):430-437.
These findings were also reported in participants with
postural abnormalities.
Denslow JS, Hassett CC. The central excitatory state associated with postural abnormalities. J Neurophysiol.
1942;5(5):393-402.

Denslow and Korr reported that when graded pressure was applied to the thoracic
and lumbar spinous processes, reflex paraspinal EMG activity occurred at lower
pressures in segments palpated as abnormal than in adjacent, normal segments.

Denslow JS. An analysis of the variability of spinal reflex thresholds. J Neurophysiol. 1944;7(4):207-213.

Denslow JS, Korr IM, Krems AD. Quantitative studies of chronic facilitation in human motorneuron pools. Am
J Physiol. 1947;150(2):229-238.
Caratteristica che differenzia le aree normali da quelle disfunzionali
Posizionando un elettrodo ad ago nella fascia e nel muscolo è possibile ottenere dei potenziali
d’azione detti “potenziali di inserzione”.

Area Normale Area disfunzionale

permangono più a lungo e nel momento in


Breve durata e decrescono cui decrescono possono essere iniziati di
nuovo da movimenti minori dell’elettrodo.
Ulteriori studi hanno rilevato che un’ampia varietà di
stimoli se applicati all’area della Disfunzione Somatica
o lontano da essa sono in grado di attivare dei
potenziali d’azione nelle suddette aree, fenomeno che
al contrario non è rinvenibile nelle zone
“normali”
Queste Osservazioni Suggeriscono che i Motoneuroni che innervano l’Area della
Disfunzione Somatica siano in uno stato di perdurante eccitazione subliminale.
Questo è dimostrato dalla Presenza di un abbassamento della Soglia del Riflesso di
Reclutamento nelle suddette Aree. Questo fenomeno prende il nome di:
Gli interneuroni interessati dalla facilitazione ricevono stimoli provenienti da molti
tessuti periferici differenti fra cui la cute, i muscoli, le ossa, il tessuto connettivo ed i
visceri. Questi interneuroni vengono chiamati cellule ad ampio spettro dinamico (WDR =
Wide Dynamic Range), poiché rispondono ad un’ampia gamma di stimolazioni.
l’attività Simpatica è anch’essa facilitata nei segmenti in lesione ?

Intrapresero uno studio sulle ghiandole Sudoripare quali indicatori fisiologici di


attività Simpatica. Notarono che la resistenza cutanea al passaggio dell’elettricità, in
presenza di umidità prodotta dalle ghiandole sudoripare, si abbassa notevolmente.

Korr I. M. “Cutaneous patterns of sympathetic activity in clinical abnormalities of the musculoskeletal system
Acta Neuroveg. XXV: 589-606, 1964
La disfunzione quindi rappresenta un segmento di Midollo Spinale facilitato,
mantenuto in quello stato da impulsi afferenti di origine endogena che entrano nelle
radici dorsali corrispondenti. Tutte le strutture che ricevono fibre efferenti da quel
segmento sono, quindi, potenzialmente esposte ad un’ eccessiva eccitazione o
inibizione.

Korr I. M. “Cutaneous patterns of sympathetic activity in clinical abnormalities of the musculoskeletal system
Acta Neuroveg. XXV: 589-606, 1964
Ganglio Celiaco
Riceve le fibre dai nervi splancnici e a sua volta
invia le sue fibre al territorio di pertinenza
dell'arteria celiaca che include organi quali lo
stomaco, il fegato, la colecisti, la milza il
pancreas e la porzione superiore del duodeno.

Ganglio Mesenterico Sup.


riceve fibre dai nervi splancnici e serve i territori
vascolarizzati dall'arteria mesenterica superiore
quali: la porzione inferiore del duodeno, il
digiuno, l’ileo, il colon ascendente e i due terzi
prossimali del colon trasverso.

Ganglio Mesenterico Inf.


riceve fibre dai primi tre nervi lombari e serve i
territori vascolarizzati dall'arteria mesenterica
inferiore quali: il terzo distale del colon trasverso,
il colon discendente, il sigma ed il retto.
!Presentazione del caso:

"Dolore anteriore al ginocchio destro;


"Test ortopedici negativi;
"RMN evidenzia un infiammazione articolare insignificante;
"Non presenta Tumefazioni, gonfiore o altro;
"Il cliente riferisce di non aver ricevuto nessun trauma;
"Il dolore si manifesta per lo più durante il movimenti;

1- Cosa fareste?
2- Dove agireste, se agireste?
3- Perchè?
APPARATO VISIVO

•Disturbi diagnosticati ( miopia, ipermetropia etc.);


•Soppressione e predominanza;
•Fuoco e occhiale
Grazie
Marcello Di Finizio. Science of Human Movement

@marcellodifinizio.shm

Marcello Di Finizio

difinizio.marcello@gmail.com

www.traininglab-italia.com