Sei sulla pagina 1di 46

TWEET OR TRICK?

Grammatica e sintassi di Twitter


Il 21 marzo 2006 Jack Dorsey pubblica il primo Tweet. 24 caratteri
che inaugurano la piattaforma che modificherà la comunicazione e
l’informazione contemporanea.
Brevità, semplicità, velocità
Questi i suoi tratti fondamentali.

Definita come: “Una sorta di Facebook adrenalinizzato”


condensato in 140 caratteri

identificato in un uccellino blu che cinguetta


continuamente

in continua trasformazione
Gli elementi caratteristici
Tra blog e social network:

- si possono pubblicare messaggi (come nei


blog)
- si possono gestire relazioni interpersonali
(come nei social network)
1° CARATTERISTICA: pubblicazione di
messaggi
Sintesi: limite dei 140 caratteri.
è definibile come una piattaforma di microblogging:

- i messaggi pubblicati seguono ordine a ritroso

- possono contenere link esterni o immagini purché si


rispetti il limite dei 140 caratteri

- è una comunicazione in movimento


2° CARATTERISTICA: gestione relazioni
interpersonali
- relazioni di tipo asimmetrico: si può seguire un
utente senza che lui ti segua

Due modalità relazionali:

1) Il Follower - chi decide di seguire un account


2) Il Following - chi è seguito da altri utenti
Esempi di relazione asimmetrica
I formati comunicativi
ESTREMA SEMPLICITÀ
- pubblicazione di messaggi nella propria timeline

- lettura aggiornamenti degli status dei following

- retweet (riproposizione di un tw considerato


interessante/condiviso)
il retweet
è importante perché:

- amplia la platea dei partecipanti


- può fare superare di molto i confini del
numero di follower di un singolo account
Questi esempi dimostrano:

- potenza evocativa di testo breve e


immagine
- dimensioni e forza della diffusione nella
twittersfera
la @reply
formato comunicativo di risposta a un tweet

formato più propriamente discorsivo, enfatizza la


dimenzione social della piattaforma

stimola l’interazione dei soggetti coinvolti


la @mention
citare un soggetto all’interno del testo del
tweet

- anche qui tentativo/realizzazione di


attivazione dinamica discorsiva
l’hashtag #
consente di individuare tutti i tweet che si inseriscono in
un flusso comunicativo
assolve due funzioni:
1) - rendere identificabili i tweet relativi a un certo
argomento;
- collocare i propri tw entro un flusso più ampio
- monitorare eventi, proteste, mobilitazioni politiche,
ecc.
2) contribuisce a rendere visibile una comunità di utenti

- può consentire di creare una comunità ad hoc (una


platea specifica che condivide un frame interpretativo)
- è il segnale di appartenenza a una comunità (squadra
sportiva, audience di un programma Tv, circolazione di
informazioni su manifestazioni, proteste, ecc.
Chi l’ha inventato?
i trending topic
sono le tendenze che vengono individuate nella
twittersfera indicano le conversazioni che si stanno
svolgendo a partire dall’# presenti nel messaggio

consentono di individuare temi attorno cui si stanno


sviluppando le conversazioni più sviluppate

consente di decidere se partecipare o meno agli


argomenti più discussi inserendosi nel flusso
comunicativo
Dinamiche comunicative e relazionali
ha una natura ibrida:

- mostra contemporaneamente caratteristiche del


microblog e del social network
- consente la connessione con individui ma anche
aggiornamento su argomenti privati/pubblici
- consente interazione con amici, persone qualsiasi o
celebrities
real-time information

è una piattaforma
- per seguire eventi (event-folowing tool)

- per seguire persone (people-folowing


tool)
Semplicità, versatilità, sinteticità, velocità
questi gli elementi che costituiscono il “potere seduttivo”
di Twitter e la sua natura comunicativa fatta di un mix di:

- argomenti finanche banali (def. food tweet o me


tweet)
- argomenti seri come narrazione di eventi tragici, o
storici
la natura dello storytelling
un tratto distintivo è dunque che:

l’insieme dei tweet e dell’interazione


discorsiva dà vita a una narrazione
collettiva

(che talvolta dà corpo agli eventi


ai quali ci si riferisce
come nella real-time information)
cosa offre lo storytelling?
elementi descrittivi per soggetti diversi:

- dai lurker (che legge ma non produce testo)

- agli operatori dell’informazione che seguono così


andamento eventi, clima d’opinione, prese di parola di
soggetti interessanti ecc.
Piena accessibilità della narrazione
il flusso comunicativo è in un contesto pubblico (visibile a
tutti)

crea anche problemi: la difficoltà contemporanea a


tenere distinti confini pubblico/privato fa sì che un tweet
sia spesso concepito come esperienza privata
Intimità e vicinanza
i tweet pubblicati sia da persone comuni sia
da persome famose spesso condividono la
dimensione privata o presentare uno
storytelling intimistico
il tratto dell’intimacy

comunica la sensazione di essere in contatto diretto con


chiunque solleciti il nostro interesse (Obama, il Papa,
Madonna…)

dà vita a quel fenomeno dello small world attraverso cui


persone distanti diventano immediatamente vicine
insomma il potere seduttivo di Twitter è
nella sua capacità di adattarsi alle
numerose declinazioni richieste dall’utente
contemporaneo
La vocazione allo storytelling
è sia individuale che collettiva e
caratterizza i nuovi SM e in particolare
Twitter

ma non è certo una novità


la funzione bardica
Bardo: “cantore, messaggero”.

Per funzione bardica si intende quella che provvede


alla narrazione dei fatti e degli eventi significativi per
una comunità.

Finora è stata appannaggio soprattutto della TV


Si manifesta anche e soprattutto attraverso il
linguaggio che diventa frutto di una mediazione
effettuata entro una narrazione condivisa.

Non solo racconti quindi ma anche mediazione e


diffusione linguistica all’interno di una comunità.
nell’era dei social media la capacità di storytelling della
televisione trova un nuovo ambito di realizzazione e di
costruzione.

La narrazione si trasforma in autonarrazione frutto del


contributo di tutti quelli che partecipano alla comunicazione
SM

Quindi se prima (come in TV) la comunicazione era affidata a


soggetti specifici ora è affidata agli utenti.
in Twitter soprattutto le interazioni discorsive sono
pubbliche e si realizza una conversazione generale che
supera i confini delle reti individuali

L’intreccio tra banalità e serialità riflette un’articolazione


ibrida del prodotto comunicativo ispirato
alternativamente a una prospettiva individuale e
comunitaria.
la nuova forma di storytelling
si realizza assumendo tratti diversi:
- diario individuale
oppure
- narrazione corale frutto di ibridazione di contributi di
soggetti diversi (editori, giornalisti, politici, attivisti,
cittadini comuni, ecc.)

Funzione molto importante in caso di breaking news


event
La narrazione collettiva è un tratto caratteristico di
Twitter e ha acquisito una centralità evidente nell’
attuale ecosistema mediale.

Quale che sia la forma narrativa adottata è comunque


frutto di una comunità di utenti che contribuisce nel suo
complesso a narrare se stessa.

Assume così la funzione di bardo un tempo attribuita a


pochi perché si rivolgessero a molti.
l’influenza sul linguaggio
dalla capacità di essere una rete in cui trovano spazio
eventi di natura diversa discende la capacità di riflettere
e dare visibilità alle trasformazioni del linguaggio:

- dall’adozione di hashtag per condividere o promuovere


temi e argomenti
- alla sintesi e alla velocità che stimola la richiesta di
un tweet.
Non si tratta solo di trasformazioni
linguistiche ma di profondi mutamenti
comunicativi che trovano nella twittersfera
un ambiente ideale di espressione.
in questo racconto - un tempo delegato ad
altri- la figura dell’autore coincide con
quella del lettore.

Questa coincidenza fa sì che la narrazione


copra una vasta gamma di argomenti, come
nella conversazione quotidiana.
Per concludere
La comunicazione realizzata su Twitter è caratterizzata
da semplicità, velocità, interattività, intimità.

La combinazione di questi elementi dà vita a un prodotto


comunicativo che esercita un potere seduttivo su chi vi
entra in contatto.

Si sottrae a mediazioni ed è quindi comunicazione


disintermediata - accetta come unico parametro esterno
quello della grammatica e della sintassi di Twitter.