Sei sulla pagina 1di 12

Tecniche di

marcatura
laser su
resina/plastica
Guida alle applicazioni per tutte le industrie

Esempi di marcatura/ Principio di Caratteristiche di Differenza del tasso di


lavorazione su resina sviluppo del colore ogni lunghezza assorbimento tra i materiali
della resina d’onda
Rapporto tra i prodotti in resina e i marcatori laser

■ “Marcatura diretta” su prodotti in resina


La “marcatura diretta” è un metodo di indicare l’ID di prodotto o la data di scadenza marcando i dati direttamente sul prodotto invece
che su etichette o targhette. Sebbene esistano vari metodi di marcatura, i vantaggi della “marcatura diretta” tramite laser hanno
suscitato molta attenzione in funzione della necessità di gestire in modo affidabile lo storico della produzione.

Esempi tipici di marcatura

Timbro Stampante a getto di inchiostro industriale

Etichettatrice Marcatore laser

Caratteristiche di ogni metodo di marcatura

Stampante a getto di
Timbro Etichetta Marcatore laser
inchiostro

Nessuno sbiadimento Normale Buono Buono Eccellente


Marcatura permanente
(non sbiadisce)
Scadente Normale Normale Eccellente

Non influenzato dal materiale Buono Buono Buono Normale

Meno scarti Buono Normale Normale Eccellente

Marcatura su superfici irregolari Normale Normale Buono Buono


Flessibilità nel cambio dei dati
da marcare
Scadente Buono Eccellente Eccellente

Costo iniziale Eccellente Buono Normale Normale

Costi di esercizio Normale Scadente Normale Eccellente

Vantaggi dei marcatori laser

Bassi
Marcatura Alta qualità Meno errori
costi di
permanente di marcatura di marcatura
esercizio

2
■ Marcatura/lavorazione su prodotti in resina
I marcatori laser sono stati introdotti non solo per applicazioni di marcatura, ma anche per la lavorazione della resina, ad esempio per
il taglio o la rimozione di bave.
Nel processo di fabbricazione degli smartphone, ad esempio, i marcatori laser vengono usati per diverse applicazioni, oltre la marcatura.

Pellicola ITO Package metallico


Creazione di Marcatura
pattern
0,20 mm × 0,45 mm

Pellicola Chip LED


Taglio Marcatura

1,05 mm × 1,05 mm

Batteria Package a
Marcatura profilo basso
Marcatura

Flessibile Wafer di silicio


PCB Marcatura
Taglio

PCB in
vetronite Struttura del
circuito
Marcatura stampato
Rimozione
0,35 mm × 0,35 mm bave
Prima della rimozione Dopo la rimozione

Applicazioni di lavorazione a laser tipiche

[Taglio pellicola] [Rimozione di bave sui circuiti stampati] [Creazione di pattern su pellicole ITO]
I marcatori laser sono ormai molto diffusi Sbavature e bave sui terminali possono Un laser può essere usato per il
nelle applicazioni di lavorazione di essere rimosse per mezzo di un patterning sullo strato superficiale.
pellicole e lamine. Facendo un raffronto marcatore laser. Dato che il fascio laser Sebbene fino ad oggi il metodo più
con lo stampaggio delle parti, i laser si può scansionare con precisione il solo utilizzato fosse quello dell’incisione in
distinguono per alcuni evidenti vantaggi. perimetro del circuito stampato, le bave bagno, l’incisione a secco con un
I marcatori laser permettono di cambiare possono essere rimosse senza marcatore laser migliora la precisione
facilmente disegno e di ridurre al danneggiare il package interno. della lavorazione, riducendo al tempo
contempo i costi di esercizio dato che il L’operazione senza contatto assicura una stesso l’impatto ambientale.
metodo senza contatto non fa lavorazione di alta qualità senza
affidamento su stampi che possono procurare nessun danno o deformazione
usurarsi col tempo. alla struttura metallica stessa.

Oltre che per la marcatura, i marcatori laser possono essere utilizzati anche per
lavorazioni senza contatto.

3
Meccanismi di marcatura/lavorazione della resina

Riflessione, assorbimento e trasmissione


Quando ricevono la luce, ogni oggetto
Luce
sperimenta i fenomeni di “riflessione”,
Riflettività + tasso di assorbimento + trasmissione = 1
Riflessione
“assorbimento” e “trasmissione”. Il rapporto
rappresenta un elemento estremamente Senza aumentare la temperatura dell’oggetto, la
Oggetto lavorazione diventa più complessa in quanto il
importante per la marcatura e la lavorazione
“riflesso” e la “trasmissione” aumentano. L’efficacia
Assorbimento laser. Il rapporto tra “riflessione”,
della lavorazione aumenta all’aumentare del tasso di
“assorbimento” e “trasmissione” della luce
Trasmissione “assorbimento”.
ricevuta è il seguente.

Principali tipi di marcatura/lavorazione

1: Asportazione di vernice
Asportazione di vernice o stampa sulla superficie del target per
Laser
determinare un contrasto con il colore del materiale base.
(Esempio) Interruttore sul quadro strumenti di una vettura
Materiale base Per cambiare il disegno, i metodi convenzionali tramite stampa o timbratura
richiedevano la sostituzione della piastra di stampa. Con un marcatore laser è
possibile gestire il processo con flessibilità, semplicemente cambiando
programma.

2: Asportazione di strati superficiali

Rimuovere/incidere lo strato superficiale per mezzo di un laser.


Laser
(Esempio) Semitaglio
Utilizzare un marcatore laser per lavorare una sezione di taglio. Il metodo
convenzionale prevede l’uso di una lama che tuttavia presenta diversi problemi,
Materiale base
come la difficoltà di regolazione e la perdita di tempo dovuta al cambio del tipo
di prodotto. Tale metodo, inoltre, dà luogo a ulteriori costi dovuti alla sostituzione
della lama, senza contare il rischio che la lama stessa rimanga nel prodotto.

3: Sviluppo del colore


L’irraggiamento tramite laser di un target di resina sviluppa un
Laser colore nel target stesso.
(Esempio) Marcatura su area ampia su LSI
Utilizzando l’irraggiamento laser per sviluppare un colore, invece dell’incisione
Materiale base della resina, è possibile minimizzare eventuali danni di marcatura del target.

4: Saldatura
Utilizzo del calore dell’irraggiamento laser per saldare e
Laser
accoppiare parti in resina.
Resina (Esempio) Saldatura di resina trasparente con resina colorata
La saldatura tradizionale può causare vibrazioni che a loro volta possono
incidere sul prodotto e creare bave. Dato che la saldatura laser non prevede
Materiale base contatto con il prodotto, non si avranno conseguenze deleterie e non si
creeranno bave.

Oscillazione a onda continua e a impulsi


Come spiegato di seguito, esistono due metodi per l’oscillazione laser.

Onda continua (CW, Continuous Wave) A impulsi


Viene emesso un fascio laser in modo continuo per applicare un Cambia la frequenza in modo intermittente per regolare l’energia
calore costante. dell’impulso.
Viene emesso un Un fascio laser viene
fascio laser costante. trattenuto e quindi rilasciato.
● Applicazioni principali: Saldatura, marcatura su package di circuiti integrati ● Applicazioni principali: Asportazione, sviluppo di colore

 I marcatori laser KEYENCE permettono di commutare tra oscillazione a onda continua e oscillazione a
impulsi, in modo da adattarsi a qualsiasi materiale in resina.

4
Meccanismo di sviluppo del colore della resina

Il principio dello
sviluppo del colore
è grossomodo 1 Generazione di schiuma 2 Condensazione 3 Carbonizzazione 4 Trasformazione chimica
distinto in quattro
fasi.

1: Generazione di schiuma

Quando il materiale di base viene irraggiato con un laser, al suo interno si generano delle bolle a causa
dell’accumulo di calore dall’energia del laser assorbita. Le bolle di gas, evaporate, sono contenute nello strato
superficiale del materiale base e creano un rigonfiamento biancastro. Se il materiale base è di colore scuro, il
rigonfiamento risulta altamente visibile e tipicamente più chiaro rispetto a prima della marcatura.
Materiale base
(Esempio) Colore del materiale base: Nero ➝ Cambia in Grigio
Bolle Rosso ➝ Cambia in Rosa

2: Condensazione

Quando il materiale base assorbe l’energia del laser, l’effetto termico aumenta la densità molecolare.
Le molecole si condensano e il colore vira su una tonalità più scura.

Materiale base

3: Carbonizzazione

Carbonizzazione
Quando un’area riceve un’elevata energia in modo continuato, le macromolecole dell’elemento attorno al
materiale base vengono carbonizzate e diventano scure.

Materiale base

4: Trasformazione chimica

Gli elementi del “pigmento” nel materiale base contengono sempre ioni metallici. L’applicazione del laser
cambia la struttura cristallina degli ioni e il livello di idratazione nei cristalli. Di conseguenza, cambia la
composizione chimica dell’elemento stesso, il che determina lo sviluppo di colore a causa di una maggiore
intensità del pigmento.

Come è possibile trovare le condizioni di marcatura ottimali per ogni materiale?

La funzione “Marcatura campione” dei marcatori


laser KEYENCE può essere utilizzata per
individuare le migliori condizioni di marcatura per
uno specifico materiale.

Il colore della marcatura a contrasto su resina dipende fortemente dalle


condizioni di marcatura del marcatore laser.
Con la funzione “Marcatura campione”, quel che rimane da fare è
selezionare il materiale, poi il software attiva automaticamente le
condizioni.
È possibile individuare le condizioni ottimali di marcatura dall’elenco dei Selezionare un materiale. Le condizioni ottimali possono
risultati di marcatura. L’impostazione delle condizioni di marcatura, essere trovate immediatamente.
normalmente eseguibile da persone esperte, può ora essere eseguita da
chiunque in breve tempo.

5
Influenza della lunghezza d’onda sui materiali

● Classificazione dei marcatori laser in base alla lunghezza d’onda

I marcatori laser industriali possono essere


Marcatore laser a CO2 Lunghezza d’onda: 10600 nm grossolanamente suddivisi in quattro tipi in base alla
lunghezza d’onda del loro fascio: Marcatori laser a
CO2, YVO4, a fibra ottica e SHG (verde).
Marcatore laser a YVO4 In generale, al diminuire della lunghezza d’onda del
laser l’energia generata e il rapporto di assorbimento
Lunghezza d’onda: 1064 nm
(Lunghezza d’onda fondamentale) negli oggetti aumentano. Il materiale ottimale per la
marcatura/lavorazione dipende dalla lunghezza
Marcatore laser a fibra ottica*
d’onda del fascio laser. Nella sezione seguente
vengono spiegate le caratteristiche di ciascuna
lunghezza d’onda.
Marcatore laser SHG
Lunghezza d’onda: 532 nm
(Lunghezza d’onda SHG) * Marcatore laser a fibra ottica: 1090 nm

Lunghezza d’onda: 10600 nm Marcatore laser a CO2


Spettro invisibile
(UV)
Ultravioletto Spettro visibile Spettro invisibile (IR) Infrarosso

(nm) 300 380 400 500 532 600 700 780 800 1064 1090 10600

I laser CO2 hanno una lunghezza d’onda superiore di 10 volte rispetto a quella
dei laser YAG, YVO4 o a fibre. ❚ Bottiglia in PET ❚ Policarbonato
Si tratta della lunghezza d’onda più elevata fra quelle di uso più comune in
ambito industriale. Come indica il nome, i laser CO2 generano il mezzo laser
mediante la stimolazione di biossido di carbonio (CO2) gassoso.

Caratteristiche tipiche dei laser con intervallo di lunghezze d’onda di 10600 nm.
• Scarso assorbimento da parte dei metalli
• Fenomeni di fusione e bruciatura dovuti alla lunghezza d’onda elevata e al
trasferimento di calore.
• Possibilità di lavorare oggetti trasparenti, ad esempio di vetro e PET.
• Generale impossibilità di eseguire stampe per contrasto e scoloriture con un
laser CO2.

Marcatura netta ottenuta con laser a CO2 a lunghezza d’onda corta (9300 nm)
Quando usati con lunghezza d’onda più corta, i laser a CO2 permettono
Rapporto tra lunghezza d’onda e marcature e lavorazioni nette senza un grande impatto termico. Come
rapporto di trasmissione (PET) Lunghezza d’onda corta (9,3 μm) illustrato nel grafico a sinistra, quando il materiale è il PET, quasi l’80%
Lunghezza d’onda del laser con lunghezza d’onda standard (10,6 μm) passa attraverso il
Lunghezza d’onda (μm) standard (10,6 μm)
target, mentre il rapporto di trasmissione di una lunghezza d’onda corta
2,5 3,0 4,0 5,0 6,0 7,0 8,0 9,0 10 11 12 13 141516 (9,3 μm) è di circa il 30%. Basso rapporto di trasmissione significa alto
100
rapporto di assorbimento. Quando il rapporto di assorbimento è alto, il
laser riesce ad incrementare in modo efficiente la temperatura della
Rapporto di assorbimento (%)

80 superficie di marcatura ed elimina l’influenza termica che potrebbe


fondere aree diverse dallo strato superficiale. Il tutto si traduce in un
60 segno di marcatura netto e definito.

40 ■ Lunghezza d’onda standard ■ Lunghezza d’onda corta


Marcatura profonda e grezza con Marcatura netta e poco profonda
20 danni gravi con danni lievi.
Laser a 10,6 µm Bordo Laser a 9,3 µm

0 Profondità
Bordo
4000 2000 1500 1000 600 Profondità
Numero d’onda (cm−1)

6
Lunghezza d’onda: 1064 nm Marcatore laser YVO4/a fibra ottica
Spettro invisibile
(UV)
Ultravioletto Spettro visibile Spettro invisibile (IR) Infrarosso

(nm) 300 380 400 500 532 600 700 780 800 1064 1090 10600

Le lunghezze d’onda dei raggi infrarossi (IR, Infra Red) sono le più versatili per
❚ Componenti del quadro
le lavorazioni laser. Come indica il nome, i raggi IR si trovano al di fuori dello ❚ Package stampato strumenti delle automobili
spettro visibile per l’occhio umano, al di sotto del rosso (vale a lunghezze
d’onda superiori a 780 nm).

Caratteristiche tipiche dei laser con intervallo di lunghezze d’onda di 1064 nm.
• Ampio ventaglio di applicazioni di lavorazione, dalle resine ai metalli
• Inadatti per la lavorazione di materiali trasparenti, come il vetro, in quanto il
fascio laser li attraversa.
• Facilità di creazione di un contrasto sulle resine.

Lunghezza d’onda: 532 nm Marcatore laser SHG


Spettro invisibile
(UV)
Ultravioletto Spettro visibile Spettro invisibile (IR) Infrarosso

(nm) 300 380 400 500 532 600 700 780 800 1064 1090 10600

I processi basati sulla generazione della seconda armonica (SHG, Second


Harmonic Generation) utilizzano una lunghezza d’onda pari alla metà del valore ❚ Package a profilo basso ❚ Pellicola in poliammide
tipico di 1064 nm. La lunghezza d’onda di 532 nm cade nella zona del verde
dello spettro visibile. Essa viene prodotta facendo passare la luce con una
lunghezza d’onda di 1064 nm in un cristallo non lineare che dimezza tale valore.
Si utilizza solitamente un mezzo a base di YVO4, in quanto le caratteristiche del
fascio sono particolarmente adatte per questo processo complicato.

Caratteristiche tipiche dei laser con intervallo di lunghezze d’onda di 532 nm.
•A lti tassi di assorbimento da parte dei materiali metallici che non reagiscono
bene con le tipiche lunghezze d’onda IR, nonché da parte dei materiali che
riflettono la radiazione IR, come l’oro e il rame.
•P ossibilità di lavorazioni complesse grazie alle minori dimensioni dello spot del
fascio rispetto ai laser IR.
• Generale impossibilità di lavorare oggetti trasparenti.

Influenza sul materiale in funzione del colore


■ Differenza dovuta all’intensità ■ Differenza dovuta al colore
100 100 100 100 100 100
Riflettività (%)

Riflettività (%)

Riflettività (%)
Riflettività (%)

Riflettività (%)

Riflettività (%)

50 50 50 50 50 50

0 0 0 0 0 0
400 500 600 700 400 500 600 700 400 500 600 700 400 500 600 700 400 500 600 700 400 500 600 700

Lunghezza d’onda (nm) Lunghezza d’onda (nm) Lunghezza d’onda (nm) Lunghezza d’onda (nm) Lunghezza d’onda (nm) Lunghezza d’onda (nm)

Bianco Grigio Nero Blu Verde Giallo

Il grafico sopra illustra la riflettività del laser in funzione Il grafico sopra illustra la riflettività del laser in funzione del colore
dell’intensità del target. La riflettività per bianco, grigio e nero si del target. I picchi di riflettanza per blu, verde e giallo si verificano
presenta con forme simili, linee quasi orizzontali. quando la lunghezza d’onda è rispettivamente tra 400 e 500 nm,
Ciò significa che il laser si riflette nello stesso modo, 500 e 600 nm e 500 nm o più. Ciò sta ad indicare che il rapporto
indipendentemente dalla sua lunghezza d’onda. Si noti, tuttavia, di assorbimento di un laser diminuisce quando per la marcatura si
che la riflettività aumenta nell’ordine nero, grigio, bianco. Ciò utilizza un laser con una lunghezza d’onda della riflettività più alta.
indica che più è scuro il colore del target e più il laser viene
assorbito.

7
Influenza sulla resina 1: Laser fondamentale: differenza tra YVO4 e a fibra ottica

Potenza di picco e durata dell’impulso

Potenza di picco Caratteristiche di uscita dei laser YVO4 e a


200 200 kW fibra ottica
Laser YVO4 (valore tipico)
Le caratteristiche di uscita di un laser variano ampiamente in
funzione del mezzo di eccitazione. Le differenze principali tra
150
il laser YVO4 e quello a fibra ottica sono la potenza di picco e
la durata dell’impulso. La potenza di picco corrisponde
100 all’intensità della luce e la durata dell’impulso è la durata
dell’illuminazione. I laser YVO4 sono prodotti con un metodo
di eccitazione basato sul pompaggio dell’estremità, il che
50
10 kW consente una facile messa a fuoco dello spot e crea un
Laser a fibra ottica (valore tipico) fascio di alta qualità con un’elevata potenza di picco e
0 impulsi brevi. I laser a fibra ottica, dal canto loro, hanno
4 ns un’uscita ad alta potenza e una potenza di picco bassa
100 ns
Durata dell’impulso rispetto ai laser YVO4.

Differenze dei principi costruttivi dei laser YVO4 e a fibra ottica

Laser YVO4 (metodo di pompaggio dell’estremità)

Cristallo di YVO4 I laser a YVO4 col metodo di pompaggio longitudinale sono


laser a stato solido che usano i cristalli YVO4 come mezzo
attivo. YVO4 è un cristallo di vanadiato di ittrio e viene
drogato con Nd (neodimio) nello stesso modo dei laser a
YAG. Secondo questo metodo, la luce di pompaggio viene
applicata dal lato di una faccia del cristallo YVO4. Il
Accoppiatore di risonatore è composto da una coppia di specchi in mezzo ai
Diodo laser di pompaggio uscita quali vi sono il cristallo e il Q-switch.
Stato Stato eccitato Stato di emissione
fondamentale stimolata Inoltre, al centro del cristallo vi è un alto grado di
Specchio a Q-switch
riflessione totale amplificazione e la luce laser generata è monomodale*, il
che permette di ottenere laser di alta qualità.

Laser a fibra

Amplificatore principale I laser a fibra usano le fibre ottiche come mezzo e si servono
Preamplificatore della tecnologia di amplificazione a relè di comunicazione a
Diodo laser
seed Isolatore lunga distanza che è stata sviluppata per i laser di grande
potenza. Le fibre ottiche sono costituite da un nucleo che
propaga la luce lungo il centro della fibra e da un
rivestimento che avvolge concentricamente il nucleo. I laser
a fibra usano questo nucleo come mezzo per amplificare la
Diodi laser di pompaggio Diodi laser di pompaggio
luce. Il nucleo è drogato con Yb (itterbio).

Laser ibrido (originale KEYENCE)

Fibra
Il marcatore laser ibrido è un oscillatore laser di ultima generazione di KEYENCE
che combina l’alta qualità e l’alta intensità dei laser a YVO4 con le caratteristiche di
lunga vita utile e radiazione eccellente dei laser a fibra. Una caratteristica esclusiva
del marcatore laser ibrido è la sua costruzione in due stadi in cui un oscillatore
Q-switch
laser a YVO4 (oscillatore master) viene usato per generare l’impulso, che viene
successivamente amplificato da un amplificatore YVO4. Ciò consente di amplificare
l’impulso generato dall’oscillatore master mantenendo l’alta potenza di picco e
Accoppiatore l’alta qualità dell’impulso. Inoltre, i laser a fibra hanno il vantaggio di utilizzare diodi
YVO4 di uscita YVO4
Oscillazione Amplificazione laser di pompaggio a emettitore singolo, che assicurano una densità termica
inferiore a quella dei diodi laser a emettitori multipli (diodi laser con più superficie
Specchio posteriore di emissione della luce in un singolo chip a semiconduttore) rispetto ai laser a stato
solido. Questo consente al marcatore laser ibrido di KEYENCE di avere una lunga
Diodi laser di pompaggio Oscillatore master Amplificatore vita utile anche se è un laser a stato solido.
(emettitore singolo)

8
Differenza nella qualità della marcatura tra un laser YVO4 e uno a fibra ottica

Laser YVO4 per la marcatura di alta qualità


❚ Marcatore laser YVO4 KEYENCE L’immagine a sinistra offre un confronto della qualità di
marcatura tra un laser YVO4 e uno a fibra ottica. Un laser
YVO4 produce un fascio con potenza di picco elevata e
impulsi brevi. La sua distribuzione dell’intensità ideale e il
tempo di irraggiamento breve permettono di ottenere una
marcatura uniforme e di alta qualità, con meno influenza
termica.* Diversamente, il laser a fibra ottica produce un
fascio con potenza di picco bassa e impulsi lunghi. La sua
distribuzione dell’intensità irregolare e il lungo tempo di
irraggiamento aumentano l’influenza termica, il che rende
difficile ottenere marcature uniformi.
❚ Marcatore laser a fibra ottica KEYENCE
*: Quando viene utilizzato il metodo di pompaggio dell’estremità

Confronto della
distribuzione
di potenza del
fascio

* Il risultato può variare in funzione delle condizioni di marcatura e del materiale. Laser YVO4 Laser a fibra ottica
(Metodo di pompaggio
dell’estremità)

Differenze dell’inicisione profonda tra laser YVO4 e a fibra ottica

Il laser a fibra ottica è superiore nell’incisione


❚ Marcatore laser YVO4 KEYENCE profonda (intaglio)
Il confronto tra le profondità di incisione entro lo stesso tempo
di marcatura su un target in resina ha dato questo risultato: il
laser a fibra ottica ha raggiunto una profondità di 50 μm e
quello YVO4 di 15 μm. L’impulso del laser YVO4 emette un
Profondità: 15 μm fascio ad alta intensità sul materiale per un breve periodo di
tempo. L’area dello strato superficiale, incisa con poca
profondità, si riscalda rapidamente e si raffredda
❚ Marcatore laser a fibra ottica KEYENCE immediatamente. Dato che la radiazione laser si arresta
prima che venga trasmesso il calore, l’influenza termica
sull’area circostante è contenuta. Dal canto suo, l’impulso di
un laser a fibra ottica emette un fascio a bassa intensità per
un periodo di tempo lungo. La temperatura del materiale
aumenta lentamente e lo stato liquido o vaporizzato continua
Profondità: 50 μm
per un lungo periodo. Di conseguenza, un laser a fibra è
idoneo per un gran numero di incisioni.

* Il risultato può variare in funzione delle condizioni di marcatura e del materiale.

Differenze nel processo di saldatura tra il laser YVO4 e quello a fibra ottica

Oscillazione a onda continua per l’applicazione


❚ Marcatore laser YVO4 KEYENCE costante del calore (laser YVO4)
Laser con uscita ad alta potenza (laser a fibra
ottica)
Alta I laser YVO4 permettono di selezionare l’oscillazione a onda
qualità continua o a impulsi. Dato che la saldatura richiede una
propagazione uniforme del calore, la scelta dell’oscillazione
a onda continua permette di ottenere una saldatura di alta
qualità. I laser a fibra ottica producono un’uscita ad alta
❚ Marcatore laser a fibra ottica KEYENCE potenza e impulsi lunghi che possono eseguire la saldatura
in tempi ristretti.

Tempo
breve

* Il risultato può variare in funzione delle condizioni di marcatura e del materiale.

9
Influenza sulla resina 2: Differenze tra un laser verde e un laser fondamentale

Principio di oscillazione del laser verde

“Laser verde” è un termine generico per i laser che emettono una luce con lunghezza d’onda di 532 nm. Vengono chiamati laser
verdi perché la loro lunghezza d’onda rende il fascio visibile sotto forma di raggio verde.

Una luce con una lunghezza d’onda di 1064 nm (standard)


Luce di eccitazione Lunghezza d’onda standard Lunghezza d’onda SHG
generata da un mezzo cristallino YVO4 viene ulteriormente
convertita in una luce con lunghezza d’onda di 532 nm,
tramite un cristallo ottico non lineare (cristallo di conversione
di lunghezza d’onda).
Il laser verde viene anche detto laser SHG (Second Harmonic
Cristallo di YVO4 Cristallo ottico non lineare Generation, generazione di seconda armonica). Un laser
YAG che genera luce tramite un processo SHG viene detto
“laser SHG: YAG” e un laser YVO4 che genera la luce tramite
il processo SHG viene detto “laser SHG: YVO4”.

Differenza nel diametro dello spot tra laser verde e laser fondamentale

Più è corta la lunghezza d’onda di un


marcatore laser e più piccolo è il diametro λ: lunghezza d’onda
impostabile per il suo spot. Il diametro 4 × λ × M2 × f M2: M quadrato
dello spot di un laser viene determinato Diametro spot = f: distanza focale
con il calcolo riportato a destra. π×D D: diametro del fascio
incidente

Esempio di micromarcatura con un marcatore laser verde


La lunghezza d’onda dei laser verdi è la
metà dei laser fondamentali. Di
Marcatura di 0,1 × 0,1 mm Marcatura di 0,04 × 0,04 mm
conseguenza lo spot del fascio può
essere focalizzato con una dimensione di
circa la metà di quella convenzionale.
Tutto ciò porta a considerare che i laser
verdi sono più efficaci nelle applicazioni
che richiedono marcature e lavorazioni Marcatura priva di distorsioni anche con caratteri di 0,1 mm o meno
micrometriche, come quelle su
componenti elettronici miniaturizzati.

Ottenimento di un posizionamento accurato per


la marcatura
I target che richiedono marcature/lavorazioni micrometriche devono essere
posizionati accuratamente in modo che la marcatura avvenga in uno spazio
limitato. KEYENCE offre una funzione mirino (Viewfinder) che visualizza sul
monitor un’immagine catturata usando lo stesso asse del laser. Ciò consente di
posizionare in modo facile e affidabile il prodotto da marcare/lavorare anche in
spazi estremamente ridotti in cui farlo è impossibile a occhio nudo.
Riduce inoltre il numero di parti scartate e le ore di lavoro necessarie per
approntare e azionare il sistema.

10
Rapporto di assorbimento nella resina

Rapporto di trasmissione (valore tipico) 1064 nm 532 nm Rapporto di assorbimento nei materiali
100
dipendente dalle lunghezze d’onda
90
80
Il grafico a sinistra mostra il rapporto di trasmissione di un
laser fondamentale (1064 nm) e di un laser verde (532 nm)
70
per diversi materiali in resina. Per PVC, ABS e poliestere sia
60
quello fondamentale che il laser verde mostrano un basso
50 rapporto di trasmissione e un alto rapporto di assorbimento, il
40 che assicura una buona marcatura. Inoltre, il rapporto di
30 trasmissione per la poliammide è di circa 30% con un laser
20 verde (532 nm) ma di oltre 90% con un laser fondamentale
10 (1064 nm). Il rapporto di assorbimento varia fortemente in
funzione della lunghezza d’onda.
0
PVC Gomma ABS Placca in
Polistirene Vetronite Teflon Poliammide
trasparente siliconica bianco silicio
(t=1,1 mm) (t=1,0 mm) (t=1,0 mm) (t=0,05 mm)
(t=1,0 mm) (t=1,0 mm) (t=1,0 mm) (t=0,5 mm)

Differenze nella qualità della marcatura/lavorazione tra laser verde e laser fondamentale

Marcatura/lavorazione nette e definite con


Laser fondamentale Laser verde
basso stress termico
Un laser fondamentale può generare schiuma o fuliggine su
❚ Foglio in poliammide
alcuni materiali a causa dell’influenza termica. Grazie al loro
alto rapporto di assorbimento per diversi materiali, i laser
verdi possono eliminare tale stress termico. Inoltre, dato che i
laser verdi consentono il dimensionamento ridotto del
diametro dello spot rispetto ai laser fondamentali, permettono
di ottenere marcature/lavorazioni nette e ben definite.

❚ Wafer di silicio

20 μm
80 μm

Marcatura senza danni ottenuta con laser verde Package a profilo basso

Grazie al loro alto rapporto di assorbimento per le resine, i laser verdi permettono di eseguire
marcature/lavorazioni producendo meno danni ai prodotti. L’illustrazione seguente mostra un
confronto tra la marcatura su package a profilo basso eseguita da laser verde e da laser
fondamentale. Quando la resina incapsulata ha un basso spessore, con un laser fondamentale si
corre il rischio che l’energia penetri lo strato di resina, dando luogo a danni interni. I laser verdi
hanno un alto rapporto di assorbimento sulle resine, il che riduce il rischio di eventuali danni interni.

❚ Laser fondamentale ❚ Laser verde


Resina incapsulata Resina incapsulata

Chip Chip

11
Test gratuito di marcatura/elaborazione
Spediteci delle parti da far testare dal nostro
personale specializzato. Per maggiori
informazioni, contattateci tramite la nostra
home page aziendale o rivolgetevi al centro
di assistenza KEYENCE più vicino.

Prima Dopo
dell’elaborazione l’elaborazione

Applicazione di marcatura Applicazione di elaborazione

www.keyence.it
E-mail : info@keyence.it

E-mail: info@keyence.eu

Copyright (c) 2016 KEYENCE CORPORATION. All rights reserved. MarkingProcessingResin-KI-EN-IT 1066-1 E 625548