Sei sulla pagina 1di 29

Il suono: materiale della musica

In principio, è lecito supporre, era il silenzio. Era silen-


zio perché non c'era moto alcuno e di consèguenza nessu-
na vibrazione poteva mettere l'aria in movimento, feno-
meno questo di importanza fondàmentale per la produ-
zione del suono. La creazione del mondo, in qualunque
modo sia avvenuta, deve essere stata accompagnata -dal
moto e pertanto dal suono. Forse è questa la ragione per
cui la musica, presso i popoli primitivi, ha tale magica im-
portanza da essere spesso connessa a significati di vita e di
morte. Proprio la sua storia, in ogni varia forma, insegna
che la musica ha serbato il suo significato trascendentale.
Il suono può essere prodotto solo da un tipo di moto:
il moto (o vibrazione) originato da uncorpe vibrante (per
esempio, una corda o la pelle-di un tamburo) che pr.ovochi
onde di compressione-rarefazione ghtngenti al nostro o-
recchio attraverso l'aria. La velocità a cui il suono percor-
re lo spazio dal corpo vibrante al nostro orecchiò è di cir-
ca 335 metri al secondo, velocità che, naturalmente,cam-
bia secondo le condizioni dell'atmosfera. Come l~aria, esi-
stono altriconduttori del suono, quali l'acqua oillegno,
ma questo libro si occupa soltanto di suono mhsicale e del
suo lISO artistico, per cui l'unico conduttore che ci interes-
sa è l'aria. .
. Se la vibrazione è regolare, il suono che ne risulta èm.u-
sicale e costituisce una nota di altezza determinata; se è
irregolare, il risultato è il rumore. Questo fenomeno si
può facilmente iUustrare graficamente. Un .ago viene -sal-
dato ad una estremità di un diapason e sistemato verti-
calmente sopra un vetro annerito in modo da sfiorarlo ap-
20 SUONI E SIMBOLI
IL SUONO: MATERIALE DELLA MUSICA
21
pena. A questo punto il diapason è fatto vibrare e il ve-
tro lentamente spostato in avanti. Il risultato è che men- ni .usati. n~rmalmente nella pratica musicale risultano piu
eVIdentI dIcendo che un coro misto l produce suoni la cu'
tre il diapason vibra, l'ago traccia un susseguirsi regolare
di curve. frequenza oscilla fra 64 e 1500 e che un grande pianofor~
Ogni suono ha tre proprietà caratteristiche. Serviamo- te d~ c~ncerto (.con una tastiera piu lunga delle normali
VerSlOD1 domestIche) oscilla fra 20 cIs e 4176 cIs.
ci di un esempio tratto dalla vita di ogni giorno. Passeg-
giando per la strada, noi ascoltiamo piu suoni contem-
poraneamente; automtlbili, motociclette, aeroplani, appa- Intensità
recchi radio, persone che camminano e chiaccherano pro-
ducono simultaneamente suoni che possono essere grada-
tamente piu alti e piu bassi, piu forti e piu tenui. Col no- Abbiamo visto che l'altezza di una nota dipende total-
stro orecchio noi facciamo una automatica distinzione fra mente dall~ frequenza della sua vibrazione. L'intensità di
la voce acuta di un bimbo e quella grave di un uomo, fra il una nota dIp~nd~ dall:ampiezza della vibrazione. Una piu
rombo di un aereo di passaggio e il ronzio del traffico, e o me~o ampIa vIbrazIone produce suoni piu forti o piu
debolI.
riconosciamo se la melodia che ci giunge da una radio è forte
suonata su una tromba o su un violino. Cosi facendo, noi
veniamo incoscientemente selezionando le tre caratteristi-
che di un suono: altezza, intensità, e timbro.

Esempio I.
Altezza

La percezione dell'altezza di un suono consiste nella ca- Timbro


pacità di distinguere fra suoni musicali alti e bassi. Un
suono è piu o meno alto secondola f~eqt#'11.za._{numero-ai ~l-titnbr? (in inglese quality o, in francese, timbre) de-
vibrazioni al secondci) del ~9!PR_ch_e vibra. Maggiore è la , \ ~E.!§çela- dIfferenza di colore musicale tra una nota· suona-
. freque!lza,piu .altQè. il SlIono; minoree la ffequenza,pru ~ SJJ.s_~rumenti·differeriti o cantata da voci diverse. In t~ì
:, basso è il suono. I fisici dimoSffano questo fatto col se- modo ~l « colore >~ di una nota ci permette di distinguere
guente esempio: un pezzo di metallo è fissato in modo fra van strumentI che suonano la 'stessa melodia .. Nessuno
che una sua estremità sia a contatto con una ruota denta- troverà difficoltà nel distinguere fra il suono emesso da u-
ta; questa viene poi fatta girare, provocando cosi le vi- na tromba e quello di un violino. Perché? La risposta ci
brazioni del pezzo di metallo. Se la ruota ha, poniamo, cond~ce ad u?~ dei piu affascinanti fenomeni dell' acusti-
128 denti, e con un motore regolabile la facciamo girare ca, glI armomet. La frequenza caratteristica di una nota è
due volte al secondo otteniamo un suono di 256 vibrazio- soltanto quella della fondamentale di una serie di altre
ni, o cicli al secondo (c/s). Se la facciamo girare una volta note che sono simultaneamente presenti sulla nota bas~
al secondo otteniamo un suono di 128 vibrazioni, che è Quest~ note sono chiamate armonici (o suoni parziali o i~
piu basso del precedente, e cosi di seguito. pertonI). La ragione per cui gli armonici non sono distin-
Il limite minimo percepibile dall'udito umano varia tamente udibili, è che la loro intensità è minore di quella
dalle 16 alle 20 vibrazioni al secondo, il limite massi-
mo dalle 20000 alle 25 000. I limiti della gamma di suo- • l ~o è« ~lvoci mi.ste», cioè completo di voci maschili e femminili·' « a vo-
CI parI» l coro dI sole voci maschili o femminili], '
22 SUONI E SIMBOLI IL SUONO: MATERIALE DELLA MUSICA
della nota fondamentale. Ma essi sono importanti perché primo violino. Essi hanno intonato i loro strumenti su u-
determinano il timbro di una nota, e al tempo stesso dàn- na nota che ha (o dovrebbe avere) 440 vibrazioni al se-
no chiarezza e smalto al suono. Ciò che ci permette di fare condo. Questa altezza convenzionale fu accettata dalla
distinzione fra il timbro, ad esempio, di un oboe e di un maggioranza delle nazioni occidentali in una conferenza
corno è la diversa intensità dei vari armonici presenti sulle internazionale tenutasi nel 1939 l.
note reali l che essi producono.
Intonazione
ecc. ecc.
I} l} Una buona intonazione, cioè suonare in tono (regolan-
12
do/scrupolosamente l'altezza delle note), ha naturalmente
lJ

10
capitale importanza per il musicista (e certo, non meno
9 per i suoi ascoltatori). Ma cosa accade - acusticamente
8 - quando notiamo con disagio durante un'esecuzione che
7
armonici questo passo è errato, che quell'altro è suonato troppo in
6 , (numerati 1.2,3 ecc.) alto o troppo in basso? Noi, comunemente diciamo che
4
l'esecutore è fuori t01).O. Ciò che avviene in' realtà è que~
sto: due note che hanno la stessa frequenza, per esempio
44°, hanno, come sappiamo, la stessa altezza, e costitui-
note fondamentali
scono un unisono 2. Ma se una di queste è SU0nata legger-
oboe corno mente fuori tono e ha solo 435 cIs, il risultato è che la
prima nota pr09u rrà onde piu corte della seç:onda, e que-
Esempio 2 (cfr. anche es. 86). ste onde delle due note inevitabilmente si scontreranno u-
na coll'altra, producendo un effetto pulsante il cui nume-
'È facile immaginare quale complesso amalgama di onde ro di battiti prodotto al secondo è dato dalla differenza
musicali può essere prodotto da una intera orchestra. fra le due frequenze. Nel nostro' caso si tratterebbe di cin-
Prima di lasciare il campo puramente fisico, accennia- que battiti al secondo. È interessante notare che dopo un
mo a.pochi altri punti, trattandosi di aspetti che si presen- certo numero di ba ttiti (circa 3 o al secondo), l'effetto di
tano frequentemente nell'esperienzadeWascoltatore. disturbo tende a diminuire.

Altezza convenzionale (.fl~uto,. oboe. e~~) e second.o; il Pl'!mo, ~ett?anche princ~pale, di regola
es~gue I.P~SSI PlU Importanti, come I paSSI sobstici, e nella realizzazione de-
glI accordI (cfr. p. 83 ed es. 224) suona la nota piu acuta).
' . 1 E~er semplicità matematica, ,nelle frequenze date per le notedellatà-
. Quando andiamo in una sala da concerto, prima che S!Ier~ riprodotta ,a p. 29 es, " si presume che l'altezza di la3 sia 43 1 vibra-
il concerto inizi, noi notiamo che ad un dato momento i Z10~I al secondo invece delle convenzionali 440js). , . .
Cfr. p. 71.
musicisti dell'orchestra o del complesso accordano i loro
strumenti su una nota suonata dall' oboe principale 2 o dal

[O fondamentalt1.
l
• 2[NeU!'\lirganico standard di una orchestra sinfonica, gli strumenti a
fiato sono' di solito usati a coppie, per cui si fa unà distinzione fra primo
SUONI E SIMBOLI IL SUONO: MATERIALE DELLA MUSICA 25
risponde alla durata che impiega un suono a svanire). L'e-
Risonanza sperienza ha mostrato che il periodo di riverberazione piu
adatto al discorso o alla musica è compreso all'incirca fra
Molti di noi avranno notato che cantando o fischiando I e 2 secondi e mezzo. L'acustica di una sala può essere
una nota ad una certa altezza può accadere che un oggetto modificata con vari accorgimenti, il piu comune dei quali
posto nelle vicinanze, un bicchiere ad esempio, si metta a è applicare o togliere assorbenti di suono, come tappezze-
vibrare per simpatia. Ecco illustrato il principio della ri- rie, schermi.
sonanza: quando due sorgenti di vibrazioni sono in condi-
zione di vibrare con eguale periodo e una è messa in vibra-
zione, quella non sollecitata direttamente riceverà la vi-
brazione «simpateticamente» dall'altra. Cosi, quando noi
cantiamo, non sono le sole nostre corde vocali che produ-
cono il suono, ma le vibrazioni stabilite per simpatia nella
cavità della parte superiore del nostro corpo. La stessa co-
sa avviene con gli strumenti musicali fabbricati dall'uomo:
nel violino, ad esempio, sono le varie parti della cassa (vi-
branti in concomitanza con le corde sollecitate dall'arco)
le reali produttrici del suono. Questo fenomeno acustico
è molto sfruttato per rinforzare il suono di strumenti a
corde, sia ad arco sia a pizzico. (La viola d'amore, con ~e
sue corde «simpatiche» piazzate sotto le corde messe m
vibrazione dall'arco, ne è un noto esempio).

Acustica degli àuditorium

Esiste un altro fattore che determina in buona misura,


o almeno modifica, il timbro sonoro di strumenti e voci.
È quello che ci fa giudicare un auditorium «buono» o
«cattivo», cioè in possesso o no di una risonanza equili-
brata. Questo fattore veniva calcolato istintivamente dai
compositori ed esecutori del passato, in special modo da
Bach, che, come ci è stato tramandato, usava battere le
mani e contàre in quanto tempo il suono veniva assorbi-
to, per ottenere una idea approssimativa dell'acustica del-
l'edificio in cui avrebbe dovuto suonare. Ma solo nell'ul-
tima parte del secolo scorso fu trovata una spiegazione
scientifica per questo fenomeno. Oggi noi sappiamo che
se un auditorium è buono per il suono o no, ciò dipende
dalla durata del suo «periodo di riverberazione» (che cor-
LA NOTAZIONE MUSICALE 27
semplicemente di una singola linea colorata orizzontale;
La notazione musicale
piu tardi, fu aggiunta un~.h1::alin{!!! .çoloI!lta 1, e Guido
d'Arezzo (c. 995-1050J; nel suo Regulae de ignotu cantu,
consigliò l'uso di tre e quattro linee. Quest'ultimo siste-
ma, tetragramma, fu adottato e conservato come rigo tra-
dizionale per la notazione del canto gregoriano 2, e a tale
scopo è in uso tuttora. (Il rigo è la linea orizzontale, o l'in-
sieme di linee, che si usa per definire l'altezza di una nota).

La musica come ogni linguaggio, fu a lungo coltivata


con trasmissione orale da una generazione all'altra (~ro­
prio come la musica popolare è tutt~ra tr~sm~ssa), pnma
(
Esempio 3.
la
• .
~

I ."
•• • • .•. I
I

Dal secolo XIII in avanti le importanti innovazioni nel


che un qualunque metodo sistematico ~h s~ntt;ura fosse campo della melodia, dell'armonia e della ritmica indus-
inventato. Ma in civiltà sviluppate il desldeno dI.aver~ ~e­ sero alcuni ingegni, musicisti e teorici insieme (fra cui
stimonianza scritta di leggi (scientifiche e no), dISpOSIZIO-
ni permanenti e componi~enti poet~ci, inevitabi~mente
• spicca Philippe de Vitry, 1290-1361, uno dei molti «pa-
dri» della notazione musicale) ad ampliare il campo della
fece nascere il problema dI come SCrIvere la mus~ca. L.a teoria musicale. Il trattato di VitryArs nova spiega iprin-
necessità era di trovare un sistema simbol~c~ ~edlant~ Il cipi della nuova arte nella loro opposizione 'alla ve.cchia
quale fosse possibile definire sia l'altezza. SIa Il rlt~o dI u- (Ars antiqua). Il sistema di notazione che esso stabilI è
na melodia. Le origini della nostra ~ot~zlOn~ mUSIcale ~u­ sotto alcuni aspetti simile al nostro attuale. Ad ogni mo-
ropea si trovano nei simboli abbre~IatI usatI per. la reCIta- do, sebbene il nostro attuale rigo a cinque linee appaia
zione orale greca e orientale (la COSIddetta not~zlOne ecfo- per le prime volte già nel secolo XI, fino al s.ecolo XVII non
netica I). Dal v al VII secolo dopo Crist~ fu. svilu~pato da vi fu un accordo generale sul suo impiego... Molti compo-
questi segni un sistem.a ch~ va~a~ente !ndicava Il pro~lo sitori ritennero necessario usare piu di Cinque linee: Fre-
del movimento melodICO; I SUOI SImbolI furono cono~clU­ scobaldi J e Sweelinck \ ad esempio, usarono righi a otto e
ti come neumi. La notazione musicale di ques~o penodo sei linee.
fu una specie di pro-memoria. Essa non defimv,~ esatta- Dobbiamo ora esaminare i principI generali dell' attua-
mente l'altezza dei suoni, ma dava solta~to. un Id~a ap- le notazio~e musicale.
prossimativa della melodia con lo scopo dI al.utare Il.can- ;""~~'-""'~
tore quando la sua memoria aveva bisogno dI un~ spmta, I [Nei primi miinpscritti i colori delle linee sono due, rosso per:Ia lirica
come un nodo al fazzoletto. Poi ~p~arve p~~ l~ pnI?a vol,- che indicava iI fa, giaUo per quella indicante il·do). .
2 [I:: il canto liturgico ufficiale della Chiesa eattolica e prencle nome da
ta, all'incirca nel IX)~eç®ui:~~o. AlI ImZlO SI tratto Gregorio Magno (c. '4ò-604) che lo fece raggruppare e'unIficare nèlI'Anti-
fonario fissandone l'uso nel servizio liturgico].
1 [In origine si trattava di semplici .accenti ind.icant.i un m~tameJ?to Idi 3 [Ferrara 1,83 • Roma 1643].
altezza nella lettura in forma solenne di un t~st? hturglco,. o ~I segm re B- 4 [Amsterdam 1,62-1621].

dvi a caratteristiche grammaticali (interrogazioni, esclamazIOnI C;CC.); In se-


guito il sistema si sviluppò in un formulario piu .co~plesso .dl. CUI aI?cor t
oggi non si è venuti completamente B capo. Tutt.avla CI? che distingue l. se-
gni edonetici da altri tipi di notazione è che eSSI !,!on rlP~ucono un.l.lbe-
ro corso melodico, ma rappresentano un formularla melodico prestabillto].

I
28 SUONI E SIMBOLI
,
J
LA NOTAZIONE MUSICALE

ottava ottava ottava


N otazione dell' altezza r- r-r-
~

L'altezza dei suoni è indicata dalla serie di sette sillabe


Do Re Mi Fa Sol La Si, serie conclusa nuovamente da Do
in modo da produrre un intervallo da Do a Do di otto no-
te '. Queste otto note sono rappresentate dai tasti bianchi si dò re mi fa sol la si do re mi fa sol la si do re mi fa sol la si do re mi
del pianoforte (cfr. es. 4). 8-1 8-1 8-1
A questo punto ci imbattiamo in una difficoltà termi- frequenza 128 102 4

nologica su cui conviene accordarci prima di proseguire.


Nell'uso corrente la parola «nota» applicata alla musica Esempio 4.
(
può significare tre cose: I) un suono musicale singolo; 2)
il simbolo scritto di un suono musicale;' 3) piu raramente, Con lo stesso principio, noi possiamo ottenere una ot-
un tasto del pianoforte o di un altro strumento. Per non tava partendo da ogni nota; infatti le note Re-Re Mi-Mi
generare confusione useremo il termine « tasto» per il ter- ecc., sono nello stesso rapporto di Do-Do. Osse:vando i
zo significato e cercheremo di rendere chiaro dal contesto tasti bianchi di un pianoforte; è facile riconoscere il basi-
se per «nota» si intende il primo o il secondo significato. lare principio della divisione dei suoni musicali secondo
In questo e nel seguente paragrafo useremo «nota» nella logich~ propor~i?ni: La maggior parte delle tastiere di pia-
prima accezione .. noforti sono dIvlse m sette ottave; partendo dalla piu bas-
~\ L'intervallo di otto note da Do a Do è chiamato ottava. sa tal~ ottave pr~ndono i nomi di contra ,grande, piccola,
(lJnmtet;..vallo è semplicemente' la distanza, o la differen- una lznea, due lzn~e, eccetera. Le abbreviazioni correnti
za in ordine d'altezza, che passa tra due note: per mOQo (indicanti l'esatta posizione, ad esempio, dei vari Do), so-
che un intervallo di cinque tiote è una quinta, di quattro no: Do" do l , d0 2, d0 3 (do centrale del pianoforte), d0 4 ,
do s, d0 6 •
note una qu~rta : cOSI via.Ji contano entrambe le fiote di
partenza e dI arrIvo). Il rapporto fra le frequenze dei due
Do (vedi la discussione acustica a p. 20) è I: 2. Per ciò se
la fi:equerizadel Do prescelto è 256 (come è di fatto il -do
centrale del pianoforte), la 'frequenza del Do immediata-
mente superiore sarà 5 I 2, e quella del Do immediatamen-
te inferiore 128. '
Se voi suonate contemporaneamente due Do a distanza

, l'I ,! In! 1nl ""i!! In!1 "In!}",] "'i ' '1 'l'fU"'!! Il
di ottava sul pianoforte, voi avrete· l'immediata conferma
che vi è una spééial~ e peculiare relazione fra loro: essi
Do dO I do~ do) . '. do.. . do,· ,. do,' . do,
cioè, pro~,?~ono gli stessi suoh~, ma ad altezze 4ifjeréfiti e frequerìze '
la relazione matematica delle loro frequenze ne ,spiega 'la . ,IO~41!

"ragione. .
Esempio 5.
, [Nei paesi di lingua inglese e tedesca si è conservato l'uso di indicare
le altezze dei suoni mediante una serie di lettere alfabetiche che per ragio- \ . '[Le abbreviazioni per indicare le stesse posizioni nei paesi di lingua
ni storiche, comincia da C e non da A; l'ordine è il seguente: 'e (Do) D mglese sono: C, C c c', (do centrale) c'~ ( ' c""; i tedeschi abbreviano cosi:
(Re) E (Mi) F (Fa) G (Sol) A (La) B (Si). L'uso francese è come quello ç
Cl c ~, (do.centrale}'c2 Cl C4. In Fìancia si usa il modo italiano con la.

I
italiano con la sola eccezione di Ut per Do]. sostitUZIone dI Ut a Do]. '
30 SUONI E SIMBOLI LA NOTAZIONE MUSICALE
31
Ma tali note hanno semplicemente la funzione di pietre Dai loro nomi possi~mo indovinare che ogni chiave rap-
miliari in un vasto territorio. Come abbiamo visto, il me- presenta una nota musIcale. Il centro del segno della chia-
todo di orientamento piu chiaro (e cOSI a lungo elaborato- ve di Sol è attraversato dalla seconda linea del rigo; ciò
si) per stabilire l'altezza di una nota è l'uso di un gruppo indica che la seconda linea è il posto per il sol 3.
di cinque. linee orizzontali(il rigo). Un primo gruppo è u-
sato per le note dal d0 3 (do centrale) in su, un altro grup-
po per le note dal d0 3 in giu, collocato parallelamente sot-
Esempio 9. 0~' &. sol,

to il primo, a breve distanza da esso. È semplice calcolare la relazione delle altre note con il
sob.
do,
f
-.e-

Esempio 6. t Esempio IO.


.... t..::-ottav.:s:±r
do, sol, do.

Sia le linee, sia gli spazi compresi tra le linee stesse so- Si noti che il d03 si trova sulla prima linea supplementa-
no usati per fissare le posizioni delle note, ma è evidente re e che il soh dista una quinta da esso. Vediamo perciò
che due gruppi di' cinque linee e quattro spazi non sono che una volta stabilita una chiave, ogni linea e ogni spazio
sufficienti per tutte le note. Per superare questa difficoltà, determinano una nota (e quindi una altezza) ben definita.
quando è necessario vengono aggiunte alle lineeprincipa-
li· alcune brevi linee supplementari. e e o"""
Esempio II. mi sol si re f. f. I. do mi
- - -- ecc.

Esempio 7. _ _ ecc. Chiave di Fa

Queste linee sono come residui accorciati dei tempi in Il problema di situare le note comprese fra le ottave
cui si usavano righi a piu di cinque linee. basse fu tisolto in modo simile, ma per fare una distinzio-
Allo scopo di procedere agevolmente attraverso questa ne d.allachiave di So!, si fece uso di un'altra chiave, quel-
la dI Fa ..11 punto di partenza del suo simbolo, oppure i
mappa ~usic~le è nece~s~!:i~.~~~r.~_~~E~~~i..;.~[~!jE1~!l: due puntI (sopra e sotto la quarta linea), indicàno che nel-
to lA!edlante, ~l qu~le . SIa .Pos~Joi1e onept3rsl,:~_.Jn.~!,~mll:11 t
hlùsi~à1t;-~oIiG1s~e1'e·qUattsonò le altezie ésatte:re1ative 'ai la chiave di Fa la quarta linea del rigo è il posto del Fa. La
nomi delle note. Questa funzione è sostenuta in musica collocazione delle altre note può essere calcolata in rela-
dalle chiavi. Vi sono tre tipi di chiavi, la chiave di Sol, la zione al Fa, con lo stesso procedimento usato per la.chia-
ve di Sol.
chiave di Fa e la chiave ~!J?.Q;.~91:lt:ll~J;lJ.§.QJ e.QLf!l.nor-
malmente conosciute come chiave di violino e di basso, Esempio 12.
sono le piu comunemente usate.

Esempio 8.
~
~ ~ chiave d.i Sol ' ) : -
(dI vIolino)
chi~vedi Fa
(dI basso)
113 - chia"e diDo
. Esempio 13.
e o 2
solI la l si, do! rez mi) fa: sol,J laz si2 do}
32 SUONI E SIMBOLI LA NOTAZIONE MUSICALE
33
La ricomparsa del d0 3 sulla prima linea supplementare senta nuove difficoltà. Il centro della chiave di contralto è
procedendo dal basso in alto, mostra come queste otta~e sulla terza linea, mentre il centro della chiave di tenore è
si congiungano direttamente una coll'altra senza soluz10- sulla quarta linea del rigo.
ne di continuità.
I:
&
9: ... Q
['26]0.
la ii Iiit
p-&
Esempio 16. chiuve di contralto chiave di tenore

Entrambe indicano la posizio~e del d0 3 • L'esempio 17


Esempio 14. fa do, sob
8~ I mostra le due chiavi di Do messe in relazione con le chia-
vi di Sol e di Fa.
Spesso nella musica per violino, pianoforte o altri stru-

~--,~---~-----:
menti si rende necessario scrivere note molto alte o mol-
to ba;se. Ciò implica l'uso di molte linee supplementari,
faticose per l'occhio. La soluzione di ~~esta diffico.l~à con- do, _ ~

siste nello scrivere le note all'ottava plU bassa (o plU alta), Esempio 17.
chiave di
violino
chiave di chi.vedi ~
contralto tenore basso
aggiungendo il segno 8va, sopra,o sotto le note stesse che
verranno cOSI eseguite un'ottava piu alta o piu bassa.
La ragione per cui si usano le chiavi di Do è che con es-
se è po~sibile, spesso, evitare l'uso di troppe linee supple-
sqitta 8"'-' =
.c suonata
mentarI.
~ =
-~
Q
chiave di
contralto
1:1 zz
z
ii
:e:
.Q.
.Q.
1=
Esempio 15.
-
::c: suonata Esempio 18.
chiave di
tenore le e
zZ
Z
f): e'

Scrivendo per.pianoforte, cOSI c~me per al.tri stru~e?t!


o voci ove piu parti prQcedonoassleme, la slmultanelta e Durata dei suoni
posta in rilievo da una graffa.
La musica si svolge nel tempo, e i musicisti devono or-
ganizzarla nQn solo in termini di altezza ma anche di dura-
Chiavi di Do ta. Essi devono scegliere se i s~ni che usano saranno piu
corti o piu lunghi, secondo l'intento artistico cui devono
A cominciare da circa la metà del secolo XVIII, l'uso servire.-
delle chiavi di Do andò lentamente diminuendo, ma due
Noi abbiamo già visto che per rappresentare un suono,
di esse sono ancora frequentemente usate nella musica vo-
a parte la sua nomenclatura, noi usiamo un piccolo .segno
cale e strumentale: si chiamano chiave di contralto e chia- ovale che chiamiamo nota. (dr. p. 30). Vi sdnodue modi
ve di tenore. Quando si è capito j~ principio delle chiavi
di scrivere le note, bianche e nere (senza nessun riferi-
di Sol e di Fa, l'uso di queste due chiavi di Do non pre- mento ai tasti bianchi e neri del pianoforte).
2
SUONI E SIMBOLI LA NOTAZIONE MUSICALE 35
34
Qualcuno può trovare in alcune partiture una nota piu

Esempio 19.
tE
nota bianca nota nera
lunga della semibreve; si tratta della breve (IlO!!), che, co-
me suggerisce il nome, è di durata doppia della semi-
breve.
Quando piu note con tagli ricorrono assieme, si usa riu-
La funzione delle note è duplice. Indicatrici dell'altezza,
nire le loro aste cOSI:
esse servono ancora come segni di lunghezza, o durata, di
un suono. Come? È una semplice questione di progressio-
ne geometrica.
Al giorno d'oggi la nota piu lunga nell'uso comune è la
Esempio 21. &J) rrrn;rrrr
semibreve che serve come unìtà-'annisUfarulun~
_.1_
Si rende necessario a questo punto aprire una breve pa- .
Essaècfivisibile in 2 minime, 4 semiminime, 8 crome, 16 rentesi per mostrare come le note devono essere scritte
semicrome, 32 biscrome e 64 semibiscrome. (Una ulterio- sul rigo. Il principio fondamentale è quello di usare una
re suddivisione, in teoria, è possibile, ma l'uso musicale scrittura piu chiara possibile per la lettura, e di raggrup-
della frazione 1/128 è cOSI eccezionale che si tratta solo di pare le note in modo che rappresentino sempre una unità
una curiosità. Un esempio, tuttavia, si può vedere nel se- riconoscibile. Per cui l'esempio 22a non è buono poiché
condo movimento della Sonata per pianoforte op. 8 I di non è chiaro se la nota è sulla terza linea o nello spazio fra
Beethoven). Tutte queste note sono differenziate dall'uso la seconda e terza linea. L'esempio 22b è corretto.
di aste e tagli congiunti alle note nere e bianche. Ecco il
loro aspetto:
Esempio 22.
" = semibreve ) = semicroma
J = minima ), = biscroma Convenzionalmente l'asta di una nota si scrive rivolta
J = semi minima J = semibiscroma verso 1'alto quando la nota si trova dalla terza linea in giu,
e rivolta verso il basso quando si trova dalla terza liriea in
; = croma su.

Esempio 23.

Tuttavia se piu note di breve durata sono raggruppate


insieme, le aste andranno unite una all'altra senza badare
se alcune delle note sono sopra o sotto le linee centrali.

Esempio 24.

Nel caso di musica dedicata al canto, ove appaiono e


suoni e parole, la pratica generale è di scrivere una nota
separata per ciascuna nuova sillaba.
Esempio 20 (mostra come sono divisibili le durate dei suoni).
SUONI E SIMBOLI
LA NOTAZIONE MUSICALE
37
Punti, legature e corone Pause
Il prolungamento della durata di una nota si indica con Parlando possiamo talvolta rendere efficace il nostro
l'uso di uno o piu punti, di una legatura o della corona. pensiero piu col servirei di un breve silenzio al momento
Un punto posto dopo la testa di una nota significa un au- giusto, che con l'uso di un maggior numero di parole o
mento di durata esattamente corrispondente alla metà del frasi; in ogni caso il tempo ci è indispensabile per pren-
valore della nota stessa. Cioè:
dere respiro e riflettere prima di procedere. In musica, ta-
0·=0+ J li silenzi sono indicati da un segno chiamato pausa. Il
J.=d+ J ~ principio delle pause è semplice: ogni tipo di nota ha la
J.=J+", ecc. propria pausa corrispondente di identico valore di durata.

Esempio 25. 'E'lC". P Breve = Ik:t =:::I:=:= Croma _ 1> ~

Nel caso di due punti, il secondo punto aggiunge la me-


~ J.
~

Semibreve = o Semicroma ~
tà del valore del primo punto. In tal modo una minima se- --
guita da due punti, avrà la durata di una minima - piu u-
na semiminima (cioè la metà di una minima) - piu una Minima = J ~
Biscroma - ). '$
croma (cioè la metà di una semiminima).
Una legatura (rappresentata da una linea leggermente Semiminima - J ~ Semibiscroma = ). ~ .

curvata 1"""'-) serve ad unire due note di altezza uguale; in


tal modo il suono della prima nota verrà prolungato se- Esempio 28.
condo la durata espressa dalla nota unita. È per ragioni di
chiarezza che è spesso preferibile usare la legatura fra due Si faccia attenzione che la pausa di semibreve pende giu
note anziché i punti. (Cfr. l'esempio 45C). dalla quarta linea, mentre la pausa di minima poggia sulla
terza linea. Le pause possono essere seguite da un punto
o sovrastate da un punto coronato, allo stesso modo delle
Esempio 26. note, non mai collegate da una legatura.

Il punto cpronato (o corona) si presenta cOSI: (':\, ~


quando appare significa che la durata della nota sopra CUi
si trova deve essere prolungata. Le note con punti corona-
ti vengono di solito prolungate per.il doppio della durata
normale, ma possono esserlo per piu o meno tempo se-
condo il gusto dell'esecutore. Il punto coronato spesso ap-
pare alla fine di una composizione.

Esempio 27.
RITMO 39
battuta _ _
Ritmo
-l-r--'1}''7)'
Esempio 29. ~ r r) r Et) V )I
.tanghette doppia .tanghetta

Misura a due tempi

Se i battiti sono raggruppati a due a due, con un batti-


toforte alternato a un battito debole, abbiamo battute a
. aue battiti. Ciò è indicato da una cifra scritta dopo la chia-:'
L'osservazione della natura ci suggerisce~còn la massi- ve, fra la quinta e la terza linea del rigo (cfr. es. 30a).
ma evidenza la presenza del ritmo nell'universo. L'alter- Ora, per indicare quale tipo di nota deve servire come
nanza del giorno e della notte, le onde marine che conti- unità di misura nella battuta, si scrive una seconda cifra
nuamente si succedono, i battiti del nostro cuore, il no- sottoI la .prima.
,
Nell'esempio
• • •
30 b il 4 indica un quarto di
stro respiro, fanno capire che il ritmo è qualcosa di forte- nota , Cloe una semlmlmma.
mente connesso al movimento che si ripresenta regolar-
mente nel tempo. Questo effetto pulsante può ~ssere av-
vertito anche nel nostro discorso quotidiano, ma è soprat- Esempio 30.
tutto nella composizione poetica, ove parole e sillabe so-
no piu o meno strettamente raggruppate secondo un ordi- Le due cifre, espresse in forma di frazione, rappresenta-
ne, che noi possiamo piu propriamente renderci conto di no la misura del tempo indica.ndo la specie di battuta. L'e-
questo fatto. Ecco qui il primo verso dell'Orlando furioso: sempio 3 I dà le piu comunI fra le misure a due tempi.
Le donne, i cavallier, l'iirme, gli amori...
I tratti indicano il punto in cui la pulsazione ha i suoi ac-
centi principali.
~ -&! J J
due metà di nota,
- cioè due minime

t - &1
In musica, -ove il ritmo è probabilmente pervenuto alla due quarti di nota,
sua piu alta e cosciente sistemazione, questa regolare pul-
J J ~ cioè due semiminime
sazione, o battito, si presenta in gruppi binari (a 2 batti-
ti) o ternari (a 3 battiti), oppure in combinazioni ottenu-
te dalla loro unione. Il primo battito di ogni gruppo è ac-
Esempio 31, i -&; DO due ottavi di nota,
- cioè duè crome

centuato l; l'unità metrica compresa fra due battiti succes-


sivi accentati è chiamata battuta. Per far risaltare questa L'esempio 32 presenta un caso famoso di misura a due
unità nello scrivere la musica, si usano linee verticali trac- tempi usata da Beethoven.
ciate attraverso il rigo di fronte a ciascun battito accenta-
to. Il nome di queste linee è stanghette. La fine di un pez- 9:, r II Ir r le Cf le e I ecc.

zo musicale (o di una sezione all'interno di esso) è indica- Esempio 32. Beethoven, Settima Sinfonia, II movimento.
ta da una doppia stanghetta.
I [Un quarto cioè di seniibreve, unità di misura del nostro sistema mu-
I Prende spesso il nome di tempo forte. . sicale (cfr. es. 20)).
RITMO
SUONI E SIMBOLI
l. I I

Misura a tre tempi t-iIJJJJI


~ I I
Quando i ba~titi sono raggruppati a tre, cioè un battito
forte seguito da due relativamente piu deboli entro una
Esempio 36. t - ijìl U U I
battuta, abbiamo una misura a tre tempi. Si trova spesso il segno C al posto del 4/4, detto anche

~ -&i
«tempo comune». Tale C, si badi, non è una abbreviazione

~
t-
-'&iI e

r rr
"

J ,J
e per «comune», ma è un residuo grafico del periodo in cui
la misura a tre tempi era considerata misura «perfetta», a
causa della sua analogia con la Santissima Trinità, e veni-
va simbolizzata mediante 1,In cerchio; per contro la misura
a quattro tempi era considerata «imperfetta», e quindi
simbolizzata mediante un cerchio incompleto.

Esempio 33. ~ - 'I E r F Esempio 37.

Il vli.k~~.Nme tuuLsanne,i-a-misur.a ..di 1t~ tempi, e Le prime quattro battute del noto corale di Bach, Herz-
attraverso i secoli questa misura è stata spesso usata per
lich tut mich verlangen dànno un ottimo esempio di misu-
musiche di danza, per il minuetto, ad esempio.
ra a quattro tempi. Si osservino l'indicazione della misu-
Allegrello
ra, i punti coronati e il segno indicante la ripetizione del
&1 r tr r r
f
·1 1 r t1 . Q
sj
1 W- 1 r ~ ecc.
passo.
~ , I , 1:\ I I f'
(l J IJ J J J IJ J F 1r rF F 1,1 :11
~
1+3:-r:~gnOdir'tizionc.
Esempio 34. Haydn, Sinfonia n. 97 in Do m.aggiore.
• -
EsempIO 38. C .
Misura a quattro tempi
L'esempio riportato illustra ancora il seguente princi-
La misura a quattro tempi può essere definita come u- pio: se la battuta di apertura di un pezzo è incompleta,
na misura a due tempi raddoppiata. Iri ùna misura a quat- l'ultima battuta dovrà supplire il valore di durata man-
tro tempi vi sono due gruppi di due battiti, con un accen- cante, o viceversa, ,in modo da completare simmetrica-
to secondario sul terzo battito. mente il tutto. Nel nostro esempio il «levare» I iniziale
completa il valore di durata dell'ultima battuta.
~
Esempio 35. t cr C J l''
, I

I [Pili propriamente anacrusi o nota protetica (oppure, se si tratta di


pili .n?te, note protetiche): è la no~a che precede l'accento forte di una pro-
Ecco le misure a quattro tempi, e rispettivi simboli, di pOSlZ1one mUSicale (kolon) alla CUI struttura sin tattica l'anacrusi appartie-
uso piu frequente. . ne strettamente, collocandosi solo metricamente nella battuta che precede
:9: I I la frase musicale stessa].
t ~ il,J ,J j J I
SUONI E SIMBOLI RITMO 43
L'apertura della Passione secondo san Matteo di Bach è
Misure composte e irregolari una delle piu nobili melodie in misura composta a quattro
Le misure descritte sopra vengono tutte dette «sempli- tempi che siano mai state scritte.
ci». Se il «numeratore» di una frazione indicante una mi- Le misure composte a tre tempi piu comuni sono:
sura semplice viene moltiplicato per tre, si ottiene una I I

misura «composta». Per esempio, 2/4 diventa 6/4. Ciò si- g i): JDeu 831 r' ecc.
gnifica che ogni metà di battuta viene divisa in tre parti
I I
uguali. I I
Esempio 43. , Ila 6ElwbIf I}J ecc.

1181 JJ J J J J I
---- ---
forte
Esempio 39 (notare la chiave di contralto).
debole
Si ha una misura irregolare quando i battiti all'intèrno
di una battuta sono cinque o sette. Ciò è ottenibile com-
I tipi piu comuni di misure a due tempi composte sono: binando assieme misure a due e a tre tempi, ad esempio
t- cfr. es. 39
3 + 2 = 5, oppure 2 + 3 = 5; 4 + 3 = 7, oppure 3 + 4 = 7, op-
pure 2 + 3 + 2 = 7. In ogni caso gli accenti principali in-
terni alla battuta mutano secondo le combinazioni usate.
Questi modelli appaiono spontaneamente nella musica
popolare dell' Asia e dell'Europa centrale e orientale, ad
esempio in Bulgaria, Ungheria e in Russia; nella musica
moderna, soprattutto nelle opere di Stravinsky e Bart6k,
Esempio 40 (notare la chiave di tenore). se ne possono trovare in quantità. Le frazioni aritmetiche
indicanti le misure di tipo piu comune sono:
Si veda nell'esempio 41 una nota melodia in misura a
due tempi composta. ~
i- lrrrrJlr
I I I

.:J:. Vivace

iji~ I 1 I J ) J II I J. rn I J J J. J J I J. J
guer - re
Esempio 41.
Mal-broùghs'en va-t-en

Melodia popolare del secolo xv.


Miron-ton ton too mièon - tai . ne
1- 11M i JJr r JJ J IJ
A seconda degli accenti in cui si vuole suddividerla, la
misura di 12/8 può essere considerata sia una misura com- Esempio 44. l- ~ l n~r CriI I

posta a due tempi, sia una misura composta a quattro tem-


pi. L'esempio 42 illustra come.
al
I I Altri aspetti dell'elemento ritmico
ig JJ JJJ~ J.......JJ...... ~
J _"""'J
forte debole
Naturalmente nessun compositore si accontenta di scri-
hl ver musica secondo gruppi di note perfettamente regola-

Esempio 42.
t, mmmm
I

l
I

forte debole
I

2
I

forte debole
ri, dai battiti inesorabilmente uniformi; come riella poe-
sia, è di grande importanza giocare sulle variazioni di po-
44 SUONI E SIMBOLI RITMO 45
sizione degli accenti tonici. L'uso delle misure irregolari Per suonare o cantare questi gruppi è opportuno divi-
appena descritte è uno dei modi per introdurre varietà. derli esattamente in proporzione al battito fondamentale.
Un altro accorgimento, di gran lunga piu comune, è la sin,-
cope, che appare nella musica di ogni tipo. Sincope vuoI
dire spostamento voluto del normale accento principale,
ciò che si ottiene accentuando il battito debole al posto di
quello forte; l'effetto è di tensione, di eccitamento. Nella
musica «d'arte» europea la sincope fa il suo primo ingres-
so all'epoca della «Ars nova» francese, e da allora in poi
ebbe un ruolo costante, sÌa nella musica «seria» sia in
quella «leggera». Oggi l'aspetto dionisiaco della sincope Esempio 46.
è messo in luce da tutti i tipi di musica jazz.
I quattro modi piu comuni per dare origine ad una sin-
cope sono:

;I) &! r r I r r 1- accentuazione dei battiti deboli

h) 'II J J J J I J - uso di pause al posto di battiti forti


ccc.

cl Ilil ii r GR r I~ uso di legature al posto dei battiti forti


(BnrtokJ introduzione di un cam-
d) i J J 12 J JJ j SII! J li le J - ~~l i:~~vv~o:i~j~udi
ecc. battito
Esempio 45.

L'esempio 45 d mette inoltre in chiaro che quante volte


la battuta cambia, altrettante va segnata esattamente l'in-
dicazione mensurale corrispondente.
All'interno di battiti regolari accade spesso che vi sia-
no aggruppamenti irregolari di note. I nomi dei gruppi
piu frequentemente usati sono: duina, terzina, quartina,
quintina, sestina e eptina. Essi sono sempre indicati da
un numero scritto sopra o sotto il gruppo di note, ad e-
5
sempio ~ = quintina~so, per maggior chiarezza,
è aggiunto un archetto: ' " "
ORNAMENTI 47
Ornamenti
G- ~ scrittura
~
esecuzione

trillo

Esempio 47.
-
~
scrittura
-
esecuzione

In musica, come nelle arti della figura, un ornamento è


qualcosa che viene aggiunto a scopo decorativo al corpo
principale dell'opera. La sua apparizione piu spontanea si
può coglierla fra il popolo di ogni nazione, che spesso ama
ornare il suo canto con l'aggiunta di note estranee cono-
sciute col nome di melismi. Esso fa ciò istintivamente, im-
provvisando. Nella musica d'arte le varie note ornamenta-
li sono composte coscientemente e chiaramente indicate
nella notazione. Gli ornamenti musicali di impiego piu co-
mune sono l'appoggiatura, l'acciaccatura, il mordente (su-
periore e inferiore), il gruppetto e il trillo. L'esempio 47
mostra come si scrivono e come devono essere eseguiti.

appoggiatura - ~ ~
acciaccatura -
scrittura

~
scrittura
,esecuzione

El"
esecuzione

mordente superiore
- ~
scrittura
~esecuzione

~ ~
I
mordente inferiore - t
scrittura esecuzione
.t..1.)
;;'
TEMPO
49
Tempo
vimento della sua Sinfonia in tre movimenti semplice-
mente J = 160 (cioè 160 semiminime al minuto).
Anche le variazioni di tempo vengono segnate in lin-
gua italiana; come, ad esempio, piu allegro, meno mos-
so, accelerando, stringendo, rallentando, ritenuto, rubato,
L'indicazione per riprendere il tempo d'inizio o principa-
le del pezzo è tempo primo (oppure tempo I, o a tempo).

Il ritmo e il tempo assieme uniti sono la vita, il caratte-


re della musica, si può dire, il suo sistema nervoso; la loro
unione determina l'umore di una composizione.
T ~~po ~~!l_~p_a.!~l~ uS!l.t,I!..P.!! C~11]tlIender€ tutte le va-
riazioni(J!~~[Qdlà.->-a~:nç _lIl~.s..i.~he lentissime a quelle ve-
loéissime. Scrivendo la musica;Iè-rii-dìcazillnr,!ì tempo
vengono' regis,tratesopra il i:fg'6, cl'iScilìt011l'rrngua-italia-
na'. Le piu comuni sono:
grave moderato
lento allegretto
largo allegro
larghetto vivace
adagio presto
andante prestissimo
L'indica~ione alla breve, talvolta espressa dal segno ~,
è solo un altro modo di scrittura per 2/2.
Vi sono poi molti altri termini e locuzioni usati per de-
signare i tempi in modo piu preciso. Qui possiamo solo ci-
tarne alcuni fra i piu comuni: giusto, assai, molto, con
moto, sostenuto, ma non troppo, con fuoco.
Dall'epoca di Beethoven, molti compositori per indica-
re esattamente i tempi dànno anche l'indicazione metro-
nometrica, e non mancano quelli che si ritengono soddi-
sfatti segnando solo la velocità relativa al metronomo. (Il
metronomo è uno strumento meccanico pendolare che
. misura il numero dei battiti al minuto, a qualunque velo-

,
cità data). Stravinsky, ad esempio, definisce il primo mo-

.

INDICAZIONI DINAMICHE 51
Indicazioni dinamiche In una composizione musicale, il passaggio da un grado
dinamico ad un altro può essere o improvviso o graduale.
Un cambiamento dinamico improvviso lo si ottiene scri-
vendo il segno sopra le note proprio quando si vuole ave-
re il cambiamento. Allo scopo, alcuni segni dinamici pos-
sono essere combinati assieme, ad esempio fp, che vuoI
dire forte seguito improvvisamente da piano. Viene pure
usato il termine italiano subito (sub.) e, sempre per indi-
care un cambio di intensità sonora, si ricorre a piu e me-
no: ad esempio piu forte, meno piano. Il passaggio gra-
Abbiamo già visto che l'intensità del suono dipende duale da un grado dinamico ad un altro è di solito indica-
dall'ampiezza delle vibrazioni. Ne consegue che quanto to da un segno a forma di forcella. Ma lo si può esprimere
piu forte è la sollecitazione impressa al corpo vibrante anche a parole: ad esempio, crescendo (cresc.) =;
tanto piu è forte il suono, e viceversa. Se premiamo la ta-
stiera di un pianoforte, produciamo suoni che saranno
piu o meno forti secondo il vigore che vorremo usare. La
= ;
decrescendo o diminuendo (decresc., dimin., o dim.)
morendo o smorzando.

nostra energia è trasmessa dal sensibile apparato della ta-


stiera alle corde produttrici del suono. L'ambito fra i suo- Altri segni «dJespressione»
ni piu deboli e quelli piu forti è suddiviso in vari gradi di
volume: questi gradi sono indicati dai segni dinamici. Vi sono molti altri segni usati per indicare effetti parti-
1\
fff = piu che fortissimo colari. I piu frequentemente usati sono: ~ che vuoI dire
= fortissimo slorzando, o sforzato (si, slz), cioè rinforzando il suono
= forte con un accento marcato; ~ c~e vuoI dire staccato, cioè
= mezzo forte ~uono breve, come pizzicato; Vche indica staccatissimo;
= mezzo piano V che indica suono tenuto, e vuoI dire che la nota deve es-
= piano sere tenuta o sostenuta per tutta l'esatta durata del suo
valore e, in piu, leggermente accentuata; questi segni so-
= pianissimo no posti sopra o sotto il capo di ciascuna nota cui si rife-
= piu che pianissimo riscono. L'archetto: r"'\ lega da sopra o da sotto due o piu
note, non necessariamente alla stessa altezza, e indica che
Questi segni vengono di solito scritti sotto il rigo, indi- esse vanno eseguite come un tutto unico, con levigatezza;
cando con quale intensità le note debbono essere suonate. ciò che appunto viene espresso dal termine italiano legato.
f Allegro con ,brio, ,
Talvolta le maniere di esecuzione vengono suggerite da
un avverbio, come cantabile, sostenuto, dolce, giocoso,
~I! J r r Ir $ ecc maestoso, grazioso, animato.
pp
Abbiamo visto rapidamente di cosa è fatta la musica
Esempio 48 (Beethoven). nel suo aspetto fisico, e come i suoni vengono trasmessi
SUONI E SIMBOLI

con la scrittura. Dobbiamo ora guardare pili attentamente Toni e semitoni


al materiale della musica, e renderci conto con pili esat-
tezza della relazione che stringe fra loro le varie note al-
l'interno dell'ottava: ciò equivale ad esaminare le partico-
lari caratteristiche del sistema musicale europeo.

Osserviamo la tastiera del pianoforte: essa ha due tipi


di tasti, neri e bianchi. Abbiamo visto che un'ottava suo-
nata sui tasti bianchi, pet esempio da d0 3 a d04 , consiste
di otto note in successione contigua, d0 3 re3 mh faj soh
hì;'sh e d0 4 • Suonando queste note, abbiamo escluso i ta-
sti neri. Ora, se suoniamo di nuovo la stessa ottava, ma
questa volti(lndudèndo anche i tasti neri, noteremo che
alcuni tasti bianchi sono'separati:glLlmi dagli . altr.i .da un
tastO nero, mentre altri non lo sonò. Ciò dimostra che pur
fta tasti biancni adiàcenti vi sono distanze pili o meno
grandi. Gli intervalli pili grandi sono chiamati toni interi
(o semplicemente toni), quelli piu piccoli semitoni.
S
.----.---- r-r- .--r - r-r-

S S S S S S S
Esempio 49. S S S

VVVVVVVVVV
TTST TTS TTS

Nél sistema convenzionale della musica ocdd~ntale,


l'intervallo pili piccolo in uso è il semitono. Esso può es-
sere individuato sulla tastiera del pianoforte procedendo,
sia verso l'alto sia verso il basso, da una nota qualsiasi a
quella immediatamen.te adiacente ad essa.
-r-- r-r-
,.~ r-r
.
-r- r-r- r-

"t
A ~
, ~~ '..rI '\
si do re mi do re mi f. sol la ecc.
Esempio 50.
54 SUONI E SIMBOLI TONI E SEMITONI 55

Bemolli, diesis e bequadri


r---r-- - - r-r--
I segni usati per indicare che una nota deve essere in-
nalzata o abbassata di un semitono sono chiamati diesis e
bemolli. Ecco il loro simbolo: ~ (diesis), b (bemoiieY;essi
v.engdh'o segnati direttamentedifronté alla nota che vie-
ne alterata. Perciò Do con un diesis di fronte diventa Do Esempio 52.
diesis, Re con un diesis, Re diesis, e cosi via; allo stesso
modo, La con un bemolle di fronte diventa La bemolle, Si
con un bemolle, Si bemolle, e cosi via.

Esempio 53.

r - r- r - r-- r - r-;. ,--,--


J

I I I~ f t ,If
do re mi fa sol I. si do re

r - r- r-r- r-r- r - ,--,

A t- '. l '. '. l


Esempio 51. do r. mi f. sol I. si do re

T alvol ta è necessario innalzare o abbassare una nota non


di uno ma di due semitoni (cioè di un tono intero). In tal
caso vengono applicati i segni chiamati doppio diesis (~~
o x), e doppio bemolle (bb) (cfr. es. 52).
Per rl'portare uria nota diesizzata o bemollizzata alla sua
altezza d'origine, ad esempio un Fa# al Fa, si fa uso del be-
quadro (q) (cfr. es. 53).
SCALE 57
Scale
Ciascuna di queste scale aveva una «compagna» subor-
dinata, il cui inizio era posto una quinta sotto la prima no-
,\ ta di ciascuna scala. I loro nomi erano gli stessi delle scale
principali, ma con l'aggiunta del prefisso ipo (che significa
«sotto»). Per cui la scala subordinata alla dorica era chia-
mata ipodorica, quella subordinata alla lidia, ipolidia, e
cOSI via.
I primi musicisti della cristianità, ovviamente influen-
zati dai teorici greci, adottarono le loro scale, ma per un
fraintendimento tuttora oscuro essi iniziarono i loro modi
Abbiamo già visto che la distanza, ad esempio, da d0 3 (come chiamarono le scale greche) partendo dalle note
a d0 4 o da re3 a re4 produce un intervallo di ottava. Una Re, Mi, Fa, Sol, e, al contrario dei greci,
scala è semplkemente.una -s€.r,.i.e.dl. note.,~ o.r.dinate in pr6~
gresSione sia verso l'alto sia verso il basso, con inizio da l, dori,co !idio

una nota qualsiasi fino a raggiungere la relativa ottava. Il


o
eese" s"e ,
t "e"e
u sue
termine «scala» proviene dalla lingua latina ed è chiara
l'analogia fra le note musicali (o «gradi» di una scala mu-
sicale) e gli scalini o «gradini» della comune scala di un
edificio. Le scale musicali usate sono piu d'una, ad esem- Esempio 55.
pio la scala pentafonica (di cinque note), la sa-grama l in-
du, la scala araba a I7 toni, la scala a toni interi ecc. La disposero le notejn ordine ascendente. Per cui, nel me-
scala basilare del sistema musicale europeo è la scala dia- . dioevo, la scala greca dorica divenne il modo frigio, la sca-
tonica, formata di toni e semitoni all'interno di un inter- la frigia divenne il modo dorico e cOSI via . Sono questi i
vallo di ottav;. cosiddetti modi autentici, corrispondenti alle scale greche
L'origine del sistema europeo di scale può essere fatto «principali».
risalire ai G~eci, i quali diedero alle scale nomi diversi se- Nella teoria medievale l'equivalente delle scale greche
condo le diverse popolazioni, ad esempio dorica, frigia, li- «ipo» erano i modi plagali, che iniziano una quarta sotto
dia, misolidia. Queste erano lè'· principali scale greche, ogni modo autentico, e per i quali fu ancora adottato il
consistenti in una serie caratteristica di toni e di semitoni prefisso ipo. La caratterizzazione di un modo era data non
in ordine discendente. solo dalla particolare successione di toni e semitoni, ma
anche dalla sua nota finale, o tonica, corrispondente alla
,
dorico
"
e " e
ipodorico
Ci
&
!idio
li

e"elie
ipo!idio nota piu bassa di ogni modo autentico. CosI, la finale di
e"e e. una melodia scritta, per esempio, in modo misolidio era
e = Sol; si badi che ànche la finale del modo derivato, ipomi-

~
frigio miso!idio
ipomisolidio
, e" e
ipofrigio solidi o, era ancora lo stesso Sol.
Esempio 54. "eliee

l [Grama _ ottava].
~finale
in s"e ai
misolidio
ì.

finale
,O:'~,,·
Esempio 56. ipomisolidio
SUONI E SIMBOLI SCALE 59
I modi eolio e ionico, in pratica corrispondenti alle no- Ciò che determina una scala maggiore è il caratteristico
stre scale minori e maggiori, erano già in uso da tempo intervallo fra il primo e il terzo grado della scala, chiama-
prima di essere accettati ufficialmente nel corso del secolo to ter.1.a maggiore.
XVI. Molti canti popolari, danze, rondeau \ ecc., furono
composti in questi due modi; la Chiesa ne sconsigliò l'u-
so, forse a causa della loro popolarità e del sapore monda-
no che vi percepiva. Un famoso esempio della piu antica
Esempio 58.
&0 T T

musica inglese è la rota Sumer is icumen in 2: è in mo- Ciascun grado, o nota, di una scala è indicato da un nu-
do ionico, modo disapprovato dalla Chiesa e bollato come mero romano: I II III IV V VI VII VIII. La prima nota
modus lascivus. è chiamata tonica (o nota che definisce la tonalità), ed è la
Tuttavia i due modi ionico e eolio furono mantenuti in piu importante nota della scala.
uso nella pratica musicale e servirono di base alle nostre Il grado che per importanza viene subito dopo la toni-
scale moderne. Forse è questo il momento giusto per met- ca è il quinto, chiamato dominante a causa della sua posi-
tere in guardia il lettore dall'errore, abbastanza comune, zione centrale e del suo ruolo dominante sia sotto l'aspet-
di ritenere che dapprima si formino le scale e solo in un to armonico sia sotto quello melodico. La sottodominan-
secondo momento appaia la musica. Invece, come scrive te è il quarto grado della scala (si trova una quinta sotto
Sir Hubert Parry, «le scale si formano nello stesso proces- la tonica, cOSI come la dominante si trova una quinta so-
so che vede la musica tesa nello sforzo di realizzarsi, "e con- pra la tonica), e la sua importanza è leggermente inferiore
tinuano ad alterarsi e modificarsi fino a che l'arte raggiun- a quella della dominante.
ga un alto grado di maturità». In breve, prima viene il mo- La sensibile è il settimo grado della scala,ed ha una
mento creativo, quindi l'elaborazione teorica. funzione importantissima nella musica tonale, quella di
«guidare» alla tonica, che si trova un semitono sopra di
essa e la attira come una calamita.
Scale maggiori La mediante è il terzo grado della scala, collocato a
mezzo fra la tonica e la dominante. Il sesto grado della
Se suoniamo tutti i tasti bianchi di un pianoforte com-
scala, detto sopradominante, ha parimenti un ruòlo inter-
presi da d0 3 a d04, otteniamo una scala maggiore. È chia-
medio fra la tonica e la sottodominante.
mata maggiore a causa del suo caratteristico susseguirsi di
Il secondo grado della scala, posto un tono sopra la to-
toni e semitoni.
nica, ha il nome di sopratonica.
~

.. .
"
E ;j

Esempio 57. .!<


~ "6" ~ ·e"
·c"
u
8"
[
~
'i'i
o
-c
o
; .g "
·e"o Q. :il.;;;
.
u

1 [Una delle piu importanti forme della musica francese medievale 8 !il " ~
E -c !il "~ "c8.
(il termine latino-medievale era rondellus), molto diffusa nella lirica monO-
dica dei trovatori (sec. XIII). Poi italianizzata in rondò (cfr. p. 139) nei
secoli XVIII e XIX" Ricca di varianti storiche, conserva la sua legge fonda·
mentale nella periodica ripetizione di una idea principale].
Esempio 59.
& ~
I
o
II
e
III IV
"
&li

V
"
&li

VI VII VIII
Ci

2 [«Viene l'estate», attribuita, ma senza certezza, a John of Fornsete


(circa 1310). Rota è termine latino (in inglese round), usato nel medioevo Molte persone, una volta o l'altra, avranno fatto l'·espe-
per indicare \1na composizione in cui le voci entrano scalate a distanze pre- rienza di cantare una melodia e accorgersi, arrivati a me-
stabilite intonando la stessa melodia che in tal modo passa da una voce al·
l'altra suggerendo l'idea della «ruota». Cfr. Canone, p. II2]. tà, di averla «attaccata» troppo in alto o troppo in basso,
60 SUONI E SIMBOLI SCALE 61
e doverla quindi ricominciare da capo ad una altezza piu
comoda; naturalmente, senza che il cambio di altezza in- scala di Do:!; maggiore 7 diesis
fluisca sulla melodia in sé. Ciò è possibile per il fatto che
la serie degli intervalli relativi costituenti la melodia vie-
ne lasciata inalterata. La stessa cosa può essere sperimen- Fa:!; maggiore 6
tata con la scala. Proviamo a costruire una scala maggiore
con partenza da Sol, anziché da Do: Sol t La t Si s Do t Re t
Mi?
t~ i l .. Si maggiore 5
A questo punto noi avremmo bisogno di un altro tono
intero, ma l'intervallo da Mi a Fa è solo un semitono; i i
dobbiamo quindi alterare l'altezza della nota di un semi- Mi maggiore 4
tono: Fa diventa Fa', e cosI la scala può essere comple-
tata.
Sol t La t Si s Do t Re t Mi t Fa' s Sol La maggiore 3

& a"eC'
e "le Q
Re maggiore 2
Esempio 60. TTSTTTS

Paragonando le due scale di Do e Sol, non possiamò fare Sol maggiore


a meno di notare una certa affinità fra di esse. A rigore di
fatti, la sola nota non comune ad entrambe è il Fa. Ma la i i
cosa importante è che esse differiscono nell'altezza: la sca-
la di Sol maggiore parte infatti una quinta sopra quella di
Do maggiore.
.. ...
t
• • •

i
w •

i
• Do maggiore nessun
diesis

tonica dominan te sensibile


Se ora tentiamo di trovare quale è la scala piu affine a
quella di Sol maggiore, ci troveremo di fronte quella di TT STTT S

Re maggiore, alla quale occorre solo una nota alterata, il Esempio 62.
Do che diventa Do'.
quinto procedendo verso il basso; quindi, se sulla tastiera
~ I e " e~"e del pianoforte noi suoniamo cinque note partendo da d0 3
Esempio 61. "Te T"S T T T S e procedendo verso il basso sui tasti bianchi, noi giungia-
mo al Fa che è la sottodominante di Do maggiore. Ora, se
Ciò ci conduce a riconoscere un'importante e utilissima suoniamo una scala in partenza da questo Fa il nostro o-
legge: che dalla dominante di ogni scala può essere co- recchio ci avverte che solo una nota necessita di una alte-
struita una nuova scala, alla quale occorre solo una nota razione: per il resto tutte le note della scala di Fa maggio-
alterata in piu nei confronti della precedente. Questa no- re sono le stesse della scala di Do maggiore. Questa nota
ta è sempre la sensibile della nuova scala (cfr. es. 62). è la sensibile di Do maggiore, che bemollizzandosi in 'Sib
Abbiamo già visto che la sottodominante di una scala è diventa la sottodominante della scala di Fa maggiore (cfr.
il quarto grado procedendo verso l'alto dalla tonica, o il es. 63).
SUONI E SIMBOLI SCALE

to è affascinante: dopo aver raggiunto dodici diesis e do-


dici bemolli, ledue serie di scale che erano partite da Do
si incontrano di nuovo «enarmonicamente» l in Do, in
modo da produrre un circolo completo; il cosiddetto «cir-
Esempio 63.
colo delle quinte».
La conclusione che possiamo trarre da ciò è che da ogni
sottodominante di una scala può essere ricavata una nuo-
va scala bemollizzando la sensibile della scala precedente.
8R
_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ ,
REbb
Ilb
~

~ 9:: ~ : __*u ~
.. A

u --
~
scala di Do maggiore nessun
bemolle

~ * .. ')}'* . I Fa maggiore

, I. y".'.* • '* Sib maggiore 2

Mib maggiore 3
REb 6b
,b SOLb
FAjf
Lab maggiore 4 6#

I.*<.f,••.
Esempio 65.

+.
'I ,. I,. ~"~ Reb maggiore 5
Note enarmoniche

Solb maggiore' 6 Do con up diesis' è Do diesis, Re con un bemolle è Re


bemolk: sul pianoforte qU,este due notesoÌlb rappresen-
tate dallo stesso tasto nero, e per ciò nòi 'di'd.amo che esse
Dob maggiore 7 sono enarmonicamente equivalenti. Una nota enarrÌiOhica
è proprio come una parola con due pronunce ma un solo
T T S l' l' l' significato. Il diagramma del circolo delle quinte mostra
che SiI e Rebb sono entrambi enarmonica mente equiva-
Esempio 64.
lenti a Do.
Le scale illustrate agli esempi 62 e 64 sono quelle usate
nella pratica musicale. Ma in teoria è possibile costruire
Esempio 66. ~
~
~
~
ulteriori .scale sia procedendo da una d.ominante all'altra
sia procedendo da una sottodominante all'altra. Il risulta- l [Cfr. paragrafo seguente].
TONALITÀ

Tonalità segnare i necessari accidenti (come si chiamano comune-


mente i diesis e i bemolli) non ogni volta che si incontra-
no nel corso della composizione, ma di segnarli una volta
per tutte nell'armatura della chiave, fra il simbolo della
chiave e l'indicazione del tempo. Per ciò, in tono, ad e-
sempio, di Re maggiore i Fa# e i Do# (richiesti dalla to-
nalità di Re) indicati fra i simboli delle chiavi e le indica-
zioni del tempo come nell'esempio 67, significano che
salvo indicazioni contrarie, tutti i Fa e i Do che si incon~
trano nel corso della pagina vanno considerati diesis.
L'esempio 6, illustra quello che noi chiamiamo siste-
ma-tonale. Occorre a questo punto fare una precisazione
per venire incontro a una deficienza terminologica. La pa-
rola tono può essere usata con eguale proprietà in due si-
Esempio 67.
gnificati: in un primo, come abbiamo visto, per definire
l'entità di un intervallo (un semitono per la seconda mi-
nore, un tono per la seconda maggiore, e cOSI via); in un ~'es~m~io 68.fa ~edere come i diesis e i bemolli vengo-
secondo, che ci interessa ora, per indicare la nota che de- no In~ICat1 sul rIgo In tutte le scale, da Sol maggiore e Fa
maggIOre a Do# maggiore e Dob maggiore.
finisce la tonalità di una scala o di un pezzo di musica; il
tono cioè ci dice quale è la nota tonica del pezzo in que-
stione attorno alla quale tutte le altre gravitano. COSI noi
diciamo che questo o quel pezzo di musica sono in tono di
Do maggiore o re minore, e cOSI via, significando, in altre
parole, che Do e Re sono il centro tonale del pezzo. Per Sol magg. La magg. Si magg. Doli magg.
cui musica tonale è musica scritta all'interno del sistema Re magg. Mi magg. Fall magg.

tonale, musica che ha un centro tonale. Si badi che la so-

~~: 1/. I: I: I: I: I: I
miglianza fra la tonica e la finale modale l è solo superfi-
ciale. La maggiore differenza fra il sistema tonale e quello
modale è che la tonalità è in rapporto con l'altezza del
suono; la modalità è indipendente dall'altezza e dipende Esempio 68.
Fa magg. Mib magg. Reb magg. Dob magg.
esclusivamente da determinate e caratteristiche estensio- Sib magg. Lal> magg. S"lb magg.
ni di intervalli. . .

Scale minori
Indicazione della tonalità
Abbiamo visto che l'intervallo caratteristico che rende-
Al fine di indicare in quale tono è scritta una composi-
va una scala maggiore era l'intervallo fra la sua tonica e la
zione, la soluzione piu semplice venuta in uso fu quella di
med~ante. In~ervallo c.h; ve~iva chiamato terza maggiore,
l [Cfr. es. ,6 a p. '7].
conSIstente dI due tom InterI, ad esempio Do t Re t Mi. La
3
66 SUONI E SIMBOLI TONALITÀ

fisionomia caratteristica di una scala minore è data ancora


dall'intervallo fra la tonica e la mediante, intervallo che
questa volta è però di un tono pili un semitono, ad esem-
pio La t Si 5 Do, e si chiama terza minore. Suonando una
scala sui tasti bianchi del pianoforte partendo da La, otte- mi min. f_1I min. solI min. I_I min.
niamo questa successione di intervalli: T S T T S T T. Suc- si min. doli min. rell min.

cessione nota col nome di scala minore naturale.

Esempio 69. TSTTSTT Esempio 72.


re min. do min. sib min. lab min.
sol min. f_ min. mib min.
L'intervallo fra il settimo e l'ottavo grado di questa sca-
la è di un tono intero e, come sappiamo, la sensibile (VII Questa relazione maggiore-minore mostra che la legge
grado) dovrebbe di norma trovarsi un semitono sotto la data in rapporto alle scale maggiori I si applica anche alle
tonica. Per cui allo scopo di rendere il VII grado «sensi- scale minori; anche per rendere chiara la relazione fra le
bile» è necessario innalzarlo di un semitono. CosI facendo scale minori si può tracciare. un circolo delle quinte. L'u-
otteniamo il caratteristico modello della scala minore ar- nica differenza è che la nota di partenza è La, cioè il relati-
manica.

Esempio 70.
, ···re Q
vo minore della scala di Do maggiore.

Ciascuna scala maggiore ha una scala minore che le fa da sibb


partner, con l'identica indicazione di tonalità in armatura ub
di chiave: questa nuova scala è costruita sulla sopradomi-
nante (VI grado) della scala maggiore, che diventa la toni-
ca della scala minore relativa. Oppure, se partiamo dalla
scala minore: la mediante di una scala minore è la tonica
della sua scala maggiore relativa.

Esempio 7I. &' I B8 9 I Si


t
sensibile
S

L'accidente che indica la sensibile di una scala minore 6b


mib
(che, non bisogna dimenticarlo, ha bisogno dell'alterazio-
ne del VII grado) è sempre registrato separatamente, nel re#
Esempio 73. 61
corso della pagina, e non è mai collocato nell'armatura di
chiave iniziale. [I nomi delle scale minori sono spesso se-
gnati in lettere minuscole]. I [Cfr. pp. 60 5gg.].
68 SUONI E SIMBOLI TONALITÀ

Melodicamente, il salto di un tono e mezzo fra il VI e il


VII grado della scala minore armonica sembra talvolta i-
nelegante. Ma se il sesto grado di una scala minore viene
Esempio 76. & ~#.o
I 2 3
I
• e ",.
4 5 6
e'. ,-" . .. I
7 8 9 IO II 12:
Cl

anch'esso diesizzato, la progressione melodica risulta ap-


pianata. Scale cromatiche se ne possono costruire su ogni nota, sia
procedendo verso l'acuto, sia verso il grave. Scrivendo u-
Esempio 74.
na scala cromatica è uso diesizzare le note salendo e be-
mollizzarle scendendo.
I compositori del XVIII secolo e oltre trovarono che, dal
punto di vista,melodico, si otteneva un risultato piu dolce Esempio 77.
e soddisfacente per l'orecchio se nella scala ascendente e-
rano diesizzati i gradi VI e VII, e, all'opposto, se gli stes- Vi sono ancora due tipi di scala che meritano la nostra
si gradi venivano bemollizzati nella scala discendente. attenzione dal momento che se ne trova un largo impiego
Questo tipo di scala minore è chiamata scala minore me-
nelle opere della fine del secolo scorso e della nostra epo-
lodica. Perciò, tutte le scale minori armoniche possono es-
ca: sono la scala pentafonica e quella per toni interi.
sere rese «melodiche» diesizzando il VI grado (soprado-
minante) della scala ascendente e bemollizzando sia il VII
sia il VI grado della scala discendente.
Scala pentafonica.
"òente mOlo di
,
-..
~

,~I,
•• 1. : .~.~Ie
..., g.,. •
~a.~~~~~ P.~!:~~~~.n~~.~-i.p~r:,~~:= s~ngll.~) ç.f9.rfl,1a..t~_ 9Ld~-1
Esempio 7). VII' VI~ que no.tC;!.;.Ia_si .può..lJ,g~yOlmente realizzare sul pianofortè ~
VI' VII-
suonando soltanto.i cinqùèJàsfi neri, cominciando-daFa,#,;
Si tenga presente che se una nota diesizzata è resa natu- in ,questo modo: Fa,# Sol:j+ La' Do#Re".#.'Quèsta scahtè !(
rale, l'effetto è lo stesso che se venisse bemollizzata, cOSI unaaélle"pi;rariticfìe~'che 'si'è6no"scanò;'comparendo fin \
come se una nota bemollizzata è resa naturale è come se ve- 'd1ir2oòèf1f:e: Es'sa em(5'lt6popotirè~tn'Vn'ri~~zi6fì-rove
nisse diesizzata. Il bemolle anteposto al settimo e al sesto la'1TfrOva impiegata in numerosi canti folcloristici. Un ce- '
grado della scala discendente è una regola ben lungi dal- lebre esempio di melodia pentafonica è il canto scozzese
l'essere invariabile nella composizione viva, cOSI come Auld Lang Syne (Nei bei tempi del passato).
possiamo vedere nel Concerto per due violini e archi di
Bach, dove in alcuni passaggi discendenti sesto e settimo
grado non subiscono alterazione alcuna. Scala per toni interi

Scale cromatiche Si tratta appunto, come suggerisce il nome, di una sca-


la formata esclusivamente di toni interi. Esistono solo
Se noi suoniamo tutte le note (comprendendo tutti i ta- due modelli di questo tipo di scala: uno che parte da Do e
sti sia bianchi sia neri) da d0 3 a d04 noi otteniamo una sca- l'altro da Do,# (o dal suo equivalente enarmonico Reb).
la formata di dodici semitoni. Questa scala si chiama cro- Qualunque sia la nota di partenza, ogni scala per toni in-
" matica.
','
teri corrisponderà ad una di queste due successioni:
70 SUONI E SIMBOLI

Intervalli

Esempio 78. ~ #. # b
Q e b e#"

Sebbene la scala per toni interi appaia già nelle compo-


sizioni di Liszt e di altri romantici, l'uso di essa è stretta-
mente connesso al nome di Debussy. La mancanza di se-
mitoni (e conseguentemente della .sensibile) conferisce a
questa scala un che di errabondo, di sfumato che servi
molto bene al vocabolario musicale della scuola «impres- Abbiamo già incontrato il termine intervallo, che ab-
sionista» . biamo definito come la differenza in altezza fra due note.
Parlando della notazione e delle scale ci siamo anche im-
battuti spesso in vari esempi di intervalli, quali l'ottava,
la quinta, la quarta e la terza. Ora dobbiamo riassumere i
vari intervalli ed esaminarli con un po' piud'attenzione.
Abbiamo visto che cias.cun grado di una scala veniva
contrassegnato da \ln numero romano, I II III IV V VI
VII VIII, e che la tonica era indicata da L Gli stessi nu-
meri sono usati per distinguere gli intervalli. La tonica e
il suo duplicato formano il primo pseudo-intervallo, detto
unisono (cioè un suono solo). Il termine unisono è anche
usato quando due o pili voci o strumenti suonano alla
stessa altezza o a un'ottava di distanza. Il prossimo inter-
vallo, fra i gradi I e II è upa seconda; fra I e III, una ter-
za; fra I e IV, una quarta e cosi di seguito.

Esempio 79.

Questa è la rudimentale classificazione numerica degli


intervalli. Ma come abbiamo visto nel caso delle scale mag-
giori e minori, una terza può essere maggiore o minore, se-
condo la disposizione dei toni e dei semitoni che la com-
pongono. Ciò dimostra che oltre alla classificazione nume-
72 SUONI E SIMBOLI INTERVALLI 73
rica di un intervallo vi sono anche classificazioni qualita- L'intervallo di quarta eccedente è anche chiamato trita-
tive. Queste distinguono gli intervalli in cinque catego- no, perché formato di tre toni interi. Nel medioevo esso
rie: giusti, maggiori, minori, eccedenti e diminuiti. veniva soprannomi nato diabolus in musica, a causa di un
Intervalli giusti sono l'unisono, la quarta, la quinta e che di sinistro racchiuso nella sua sonorità.
l'ottava. I rimanenti intervalli, la seconda, la terza, la se- Quando vengono usati intervalli superiori a un'ottava,
sta e la settima sono intervalli maggiori. Se un intervallo i loro nomi seguono la logica progressione numerica. Co-
maggiore è abbassato di un semitono si ottiene un inter- si il primo intervallo dopo l'ottava (otto) è la nona, che
vallo minore; cosi Do-Mi è una terza maggiore, ma Do- corrisponde a un'ottava piti una seconda.
Mib è una terza minore; Do-Re è una seconda maggiore, decima = ottava piti una terza
ma Do-Reb è una seconda minore, e cosi via. Abbiamo vi-
undicesima = ottava piti una quarta
sto che il rapporto fra le frequenze delle due note di ogni
dodicesima = ottava piti una quinta
ottava è I: 2. Anche i rapporti fra le frequenze di altri in-
tredicesima = ottava piti una sesta, ecc.
tervalli può essere calcolato: per la quinta, 2: 3; per la
quarta, 3:4; per la terza maggiore, 4:5; per la terza mi- Questi intervalli superiori all'ottava sono di sòlito chia-
riore, 5:6; per un tono intero (seconda), 8:9, e cosivia. Si mati interv~lli composti.
noti che gli intervalli giusti hanno come corrispettivi le
frazioni piti semplici. .
Parleremo di eccedenza quando ui? intervallo giusto o
maggior~è innalzato di un seniitono~ Ad esempio Do-Sol
è una quinta giusta, ma Do-Sol, è una quinta eccedente. ~ dodiè:::~a
Per contro, qualsiasi intervallo giusto o minore abbassato Esempio 8r.
di un semi tono è detto diminuito: Do-Sol è una quinta . -e- .
giusta, ma Do-Solb è una quinta diminuita. L'esempio 80
illustra questi intervalli in rapporto a d03.
I nversione degli intervalli
intervalli perfetti

intervalli maggiori , ..
& -
unisono

seconda
..-
quarta

...
terza
.-•
quinta


.-
sesta


.-
ottava

.-
settima
Abbiamo visto che la sottoòominante di una scala è in-
differentemente una quarta sopra e una quinta sotto la to-
nica: nella tonalità di Do maggiore, ad esempio, la sotto-
dominante è Fa, che si trova appunto una quarta sopra e
una quinta sotto la tonica Do. L'intervallo fra i due Fa
intervalli minori

,...
&1> . .
seconda
~ ...
terza
I••
.-
sesta
li.

,.
.-
settima
è, ovviamente, un'ottava. Questa constatazione ci rende
chiaro che un intervallo e la sua inversione si completano
a vicenda in un'ottava: una quarta rovesciata diviene una
intervalli eccedenti

intervalli diminuiti

Esempio 80.
,seconda

b·.
.-
quarta
••..
quarta

li.
..
quinta
,-•
quinta

I .1.1,..-
sesta
.-
sesta

•••.-
settima
quinta, e viceversa una quinta rovesciata diviene una
quarta, e una quinta e una quarta assieme dànno per ri-
sultato una ottava. In conseguenza di ciò, quando si rove-
scia un intervallo: o la nota piti bassa viene trasportata
un'ottava piti in alto o la nota piti alta viene trasporta-
ta un'ottava piti in basso.
74 SUONI E SIMBOLI

~,,-%gs.'1!J5-sAd oppure

&4J4 :],%fJ
i

Parte seconda
Ecco un prospetto dell'inversione degli intervalli:
I) l'unisono rovesciato diventa ottava, l'ottava diventa Armonia e contrappunto
unisono
2) la seconda diventa settima, la settima diventa se-
conda
3) la terza diventa sesta, la sesta diventa terza Se il mondo intero potesse solo
4) la quarta diventa quinta, la quinta diventa quarta sentire la forza dell'armonia ...
5) la quinta diventa quarta, la quarta diventa quinta MOZART
6) la sesta diventa terza, la terza diventa sesta
7) la settima diventa seconda, la seconda diventa set-
tima
8) l'ottava diventa unisono, l'unisono diventa ottava
Per amore di chiarezza, tutti gli esempi proposti in
questa discussione sugli intervalli e le loro inversioni so-
no stati dati in Do maggiore, ma naturalmente le stesse
relazioni si possono trovare in tutte le tonalità.
Siamo cOSI arrivati alla fine della nostra discussione sui
«rudimenti» dell'arte musicale, indispensabili per ogni
ulteriore progresso nel campo. Esamineremo ora alcuni
dei tanti modi in cui i compositori hanno combinato as-
sieme i suoni musicali. .