Sei sulla pagina 1di 4

E allora?

Testo di Armando Gill

Nel tram di Posìllipo, al tempo dell’está,


un fatto graziosissimo, mi accadde un anno fa;
Il tram era pienissimo, ‘a miezo, ‘a dinto e ‘a fora,
quando, alla via Partènope, sagliette na signora!

E allora?…

E allora io dissi subito: “Signora, segga qua!”


Rispose lei: “Stia comodo, vedrá che ci si sta…
si stríngano, si stríngano, per me c’è posto ancora…”
E quase ‘nzino, ‘ndránghete…s’accumudaje ‘a signora!

E allora?…

E allora, dietro all’angolo, mi strinsi ancora un po’…


lei rise e poi, guardandomi, le gambe accavalciò…
Io suspiraje vedennole tanta na gamba ‘a fora,
(comme suspiraje Cesare) pe ccosce da signora!

E allora?…

E allor dissi: “E’ di Napoli?” “No, mi sun de Milan!”


“Fa i bagni qua, certissimo!” “No, mi parto duman…
Vorrei vedere Frìsio, non visto mai finora…”
“Se vuole, io posso…” “Oh, grazie!…” E s’ammuccaje ‘a signora!

E allora?…

E allora, po’, addunánnome ca dinto trammuè,


‘a gente ce guardava, dissi: “Signó’, scendé’…”
E mme pigliaje nu taxi a vinte lire a ll’ora…
e a Frìsio ce ne jèttemo, io sulo, cu ‘a signora!

E allora?…

E allora, senza scrupoli, mm’accummenciaje a lanzá…


ma lei, con fare ingenuo, mi disse: “Oh, ciò non sta…
Andiamo prima a Frìsio, mangiamo e, di buonora…
io sto all’Hotel Vesuvio, lei mi accompagna…e allora…”

E allora?…

E allora io feci subito “necessita virtù”…


Ma a Frìsio ce magnajemo duiciento lire e cchiù…
Turnanno, immaginateve, stevo cu ll’uocchie ‘a fore…
Finché all’Hotel Vesuvio, scennette cu ‘a signora…
E allora?…

Qui viene il graziosissimo ca, jenno pe’ trasí,


a tutti presentávami: “Presento mi’ marí’!…”
Mm’avea pigliato proprio pe’ nu cafone ‘e fora…
E ghièttemo ‘inta cammera e s’assettaje ‘a signora!

E allora?…

E allora, mentre proprio ‘a stevo p’abbracciá,


vicino ‘a porta…Ttùcchete…sentette ‘e tuzzuliá…
“Chi sarrá maje ‘sta bestia? Si mandi alla malora!…”
Nu cameriere in smoking, cu ‘o cunto da signora!…

E allora?…

E allora ce guardajemo, curiuse, tutt’e tre…


Lei prese il conto e…”Págalo: duemila e ottantatré…”
Cu na penzata ‘e spíreto diss’io: “Mo, nun è ora!”
E il cameriere pratico: “Pardon, signor…signora!…”

E allora?…

E allora lei fa: “Sei stupido!…” “Qua’ stupido, madá’:


Ciento lirette ‘e taxi, duiciento pe’ magná…
Duimila e tanta ‘e cámmera…e chesto che bonora!…
Ccá ce vó’ ‘o Banco ‘e Napule, carissima signora!

E allora?…

E allora, senza aggiungere manco nu “i” e nu “a”,


pigliaje ‘o cappiello e, sùbbeto, mme ne scennette ‘a llá…
Truvaje ancora ‘o taxi: “Scioffer…pensione Flora!…”
E ghiette a truvá a Amelia ca mm’aspettava ancora…

E allora?…

E allora ebbi la prova di una grande veritá:


Cha via vecchia, pa nova, nun s’ha da maje cagná

.
Accordi
Re La7 Re

Re La7
Nel tram di Posillipo, al tempo dell'està,
Re
un fatto graziosissimo mi accadde un anno fa:
Mib7 La7
il tram era pienissimo 'a miezo,'a dinto e 'a fora
Mib7 La7
quando alla via Partenope sagliette 'na signora!

E allora?

(come sopra)
E allora io dissi subito: Signora segga quà!
Rispose lei: Stia comodo, vedrà che si ci stà,
si stringano, si stringano, per me c'è posto ancora...
E quase nzine,ntranghete, s'accummudaje 'a signora!

E allora?

E allora dietro all'angolo mi strinsi ancora un pò,


lei rise e poi guardandomi la gambe accavalciò.
Io suspiraje vedennele tante na gamba 'a fore,
comme suspiraje Cesare p''e cosce d''a signora!

E allora?

E allor dissi: E' di Napoli? No! Mi sun de Milan.


Fa i bagni quì certissimo; No! Mi parto duman.
Vorrei vedere Frisio, non visto mai finora!
Se vuole io posso. Oh! grazie!...E se ammuccaje 'a signora!

E allora?

E allora pò addunanneme ca dint'ò trammuè


'a gente ce guardavene, dissi io Signò scendè.
E me pigliaie nu taxi a vinte lire a l'ora
e a Frisio ce ne ietteme io sulo c''a signora!

E allora?

E allora senza scrupoli m'accummiciaje a lanzà


ma lei con fare ingenuo mi disse: Oh ciò non stà.
Andiamo prima a Frisio, mangiamo e di buon'ora...
Io sto all'Hotel Vesuvio, Lei mi accompagna...

E allora?

E allora io feci subito necessita vitù.


ma a Frisio ce magnaime duecento lire e cchiù
Turnanno immaginateve; stevo cu ll'uocchie 'a fore...
Finchè all'Hotel Vesuvio scennette cu 'a signora!

E allora?

Quì viene il graziosissimo; ca ienne pe' trasì


a tutti prensentavami: Presento mi marì!
M'avea pigliato proprio pe' nu cafone 'e fora...
e gliettemo int'a cammera e s'assettaje 'a signora!

E allora?

E allora mentre proprio 'a stevo p'abbraccià


vicino 'a porta: tucchete, sentette 'a tuzzulià:
Chi sarà maie sta bestia, si mandi alla malora...
Nu cameriere in smoking c''o cunto d''a signora!

E allora?

E allora ce guardaime curiuse tutt'e tre..


lei prese il conto: "E pagalo! Duemila ottantatre"
Cu 'na penzata 'e spirito dissi io: mo nun è ora!
E il cameriere pratico: "Pardon Signor...Signora!"

E allora?

E allora lei fa: "Sei stupido!" Qua stupido madà,


ciento lirette 'e taxi, duciento pe mangià
duemila e tante 'a cammera, e chesto che bonora,
ccà ce vò 'o banco 'e Napule, carissima Signora!

E allora?

E allora senza aggiungere manco na i 'e na a.


Pigliaje 'o cappiello e subbeto me ne scennette 'a llà
Truvaie ancora 'o taxi: chauffeur, Pensione Flora...
E ghiette a truvà Amelia...ca m'aspettava ancora...

E allora?

Re La7
E allora io ebbi prova di una grande verità
Sib7 Mib
Ch'aa via vecchia p''a nova nunn s'adda maje cagnà!!