Sei sulla pagina 1di 17

Glossario

Glossario
Abitudine (habit) Risposta controllata to sensomotorio nel quale il feedback insolito, oppure è parzialmente occul-
dallo stimolo. Le abitudini sono formal- visivo è alterato, con il risultato di tato da ombre, la capacità di ricono-
mente definite come comportamenti un’incongruenza tra propriocezione e scimento si deteriora. Confronta con
che si verificano indipendentemente dal visione. Con la pratica il sistema moto- Agnosia associativa.
rinforzo. Per esempio, quando non vie- rio si adatta per compensare tale incon-
ne più dato un rinforzo a uno stimolo, il Agnosia associativa (associative agno-
gruenza.
persistere della risposta è indicato come sia) Forma di agnosia in cui il paziente
Afasia (aphasia) Disturbo del linguag- ha difficoltà a collegare le rappresen-
un’abitudine.
gio, conseguente a una lesione o a un tazioni percettive con la conoscenza a
Accesso lessicale (lexical access) Pro- disturbo cerebrale. lungo termine dei percetti. Per esempio,
cesso con cui gli input percettivi attiva- il paziente può essere in grado di rico-
no nel lessico mentale le informazioni Afasia di Broca (Broca’s aphasia) La
più antica e forse più studiata forma noscere che due immagini si riferisco-
riguardanti le parole, comprese le infor- no allo stesso oggetto, tuttavia mostra
mazioni semantiche e sintattiche. di afasia, caratterizzata da difficoltà di
eloquio in assenza di deficit gravi della di non sapere a che cosa quell’oggetto
Accuratezza empatica (empathic accu- comprensione. Tuttavia, gli afasici di possa servire né dove lo si possa trovare.
racy) Capacità di inferire accuratamente Broca possono essere affetti anche da Confronta con Agnosia appercettiva.
i pensieri, i sentimenti e/o gli stati emo- problemi a comprendere in modo com- Agnosia integrativa (integrative agno-
zionali di un’altra persona. pleto frasi con struttura grammaticale sia) Forma di agnosia associata a deficit
Achinetopsia (akinetopsia) Disturbo se- complessa. nel riconoscimento degli oggetti, dovu-
lettivo della percezione del movimento, Afasia di conduzione (conduction ta all’incapacità di raggruppare e inte-
dovuto a una o più lesioni del sistema aphasia) Forma di afasia ritenuta una grare le varie componenti in un oggetto
nervoso centrale. I pazienti affetti da sindrome da disconnessione che può intero coerente. I pazienti che soffrono
achinetopsia non sono in grado di perce- verificarsi in seguito a un danno al fa- di questo deficit sono in grado di ripro-
pire in maniera fluida e stabile il movi- scicolo arcuato, la via che collega l’area durre fedelmente disegni degli oggetti,
mento di uno stimolo, generato o da un di Wernicke all’area di Broca, per cui si ma il loro percetto è costituito di parti o
oggetto in movimento o dal loro stesso interrompono le connessioni tra le aree contorni isolati e disgiunti.
movimento. Nei casi più gravi, il movi- posteriori e anteriori del linguaggio. Agnosia visiva (visual agnosia) Deficit
mento può essere semplicemente inferito
Afasia globale (global aphasia) Grave della percezione limitato alla modalità
osservando che la posizione degli ogget-
forma di afasia nella quale il paziente sensoriale visiva. Il paziente affetto da
ti nell’ambiente è cambiata nel tempo,
è affetto da profonde difficoltà sia nella questo deficit mostra di essere relati-
come se i pazienti ricostruissero la dina-
comprensione del linguaggio sia nella vamente capace di percepire proprietà
mica di un movimento a partire da una
produzione dell’eloquio. degli oggetti come il colore, la forma o
serie di fermi-immagine in successione.
il movimento, tuttavia non riesce a rico-
Acquisizione (acquisition) La registra- Afasia di Wernicke (Wernicke’s apha- noscerli o a identificarne l’uso.
zione degli input nei buffer sensoriali e sia) Disturbo del linguaggio, in genere
le varie fasi dell’analisi sensoriale. causato da lesioni alle regioni posteriori Agrammatismo (agrammatic aphasia)
dell’emisfero sinistro, che ha come ri- Difficoltà nel produrre e/o nel capire la
Acromatopsia (achromatopsia) Distur- sultato deficit nella comprensione del struttura delle frasi. Si osserva in pa-
bo che colpisce selettivamente la per- linguaggio. zienti cerebrolesi il cui eloquio è com-
cezione dei colori, dovuto a una o più posto soltanto di termini lessicali men-
lesioni del sistema nervoso centrale, Affettivo (affective) Che ha una dimen- tre manca di quelli funzionali, come gli
tipicamente nella via ventrale della cor- sione emozionale positiva o negativa, articoli determinativi e indeterminativi
teccia visiva. Nell’acromatopsia il deficit non neutro. (come il, la e un, una).
a carico della percezione dei colori è Agnosia (agnosia) Sindrome neurologi-
molto più grave di quello a carico della Alessia (alexia) Sindrome neurologica
ca in cui i disturbi del riconoscimento in cui è perduta la capacità di legge-
percezione della forma. I colori, se per- percettivo non possono essere attribuiti
cepiti, tendono a essere cambiati. re. Spesso è detta alessia acquisita, per
a deficit dei processi sensoriali di base. indicare che in genere deriva da un di-
Adattamento sensomotorio (sensori- Può essere limitata a una sola modalità sturbo neurologico, come un ictus, che
motor adaptation) Forma di appren- sensoriale, per esempio quella visiva op- interessa la regione occipitoparietale
dimento motorio nel quale un’abilità pure uditiva. dell’emisfero sinistro. Alternativamen-
appresa viene modificata a causa di un Agnosia appercettiva (apperceptive te, si riferisce a problemi di lettura che
cambiamento nell’ambiente o nell’agen- possono manifestarsi nello svilup-
agnosia) Forma di agnosia associata
te. Per esempio, un calciatore che adatti po della prima infanzia. Le suddette
a deficit nelle operazioni delle analisi
il suo tiro per compensare un forte ven- espressioni e quella di dislessia evolutiva
percettive di ordine superiore. Un pa-
to trasversale mostra una forma di adat-
ziente con agnosia appercettiva può sono comunemente usate per indicare
tamento motorio.
riconoscere un oggetto quando lo vede un’anormalità nella lettura, sia derivan-
Adattamento visuomotorio (visuomo- da una prospettiva molto comune, ma te da un disturbo neurologico di essa sia
tor adaptation) Forma di adattamen- quando l’oggetto è orientato in modo come parte dello sviluppo.
2 Glossario 978-88-08-15140-7

Alessia acquisita (acquired alexia) Vedi una cellula riceve contemporanea- periore sinistro umano; identificata da
Alessia. mente un input debole e uno forte, la Carl Wernicke nel XIX secolo.
sinapsi debole diventa più forte. La
Alessia evolutiva (developmental Area extrastriata per il corpo (EBA)
teoria deriva il suo nome da Donald
alexia) Vedi Alessia. (extrastriate body area) Area funzio-
Hebb, il quale propose questo mec-
Amigdala (amygdala) Gruppi di neuro- nalmente definita nella corteccia occi-
canismo come una modalità con cui
ni situati anteriormente all’ippocampo pitotemporale laterale, che, com’è stato
la forza delle connessioni fra neuroni
nel lobo temporale mediale, coinvolti trovato in studi fMRI, mostra una forte
varia al fine di immagazzinare le infor-
nell’elaborazione dell’emozione. risposta alle immagini che contengono
mazioni.
parti del corpo relative ad altre categorie
Amnesia (amnesia) Deficit dell’appren- Apprendimento inverso (reversal lear- di stimoli animati e inanimati.
dimento e della capacità di memoria a ning) Tentativo di insegnare alle per-
seguito di un danno o disturbo cerebrale. Area fusiforme per il corpo (FBA, fu-
sone a rispondere in modo opposto a
siform body area) Vedi Area extrastriata
Amnesia anterograda (anterograde quello che è stato precedentemente in-
per il corpo.
amnesia) Perdita della capacità di creare segnato loro.
nuove memorie. Confronta con Amne- Area fusiforme per i volti (FFA) (fu-
Apprendimento sensomotorio (senso-
sia retrograda. siform face area) Area funzionalmente
rimotor learning) Termine che si riferi-
definita del cervello, localizzata nella
Amnesia globale transitoria (transient sce all’acquisizione di una nuova abilità
superficie ventrale del lobo temporale
global amnesia) Improvvisa e dramma- o capacità motoria. L’apprendimento
del giro fusiforme, che risponde a sti-
tica, ma transitoria (della durata di po- motorio può derivare da una matura-
moli selettivi, come i volti.
che ore), amnesia, di tipo sia anterogra- zione dei processi (per es. il gattonare
do sia retrogrado. dei bambini nella più tenera infanzia), o Area motoria supplementare (SMA)
dall’intenso e diligente esercizio (per es. (supplementary motor area) Area mo-
Amnesia retrograda (retrograde amne- suonare il pianoforte). toria secondaria, che include la faccia-
sia) Perdita della memoria per gli even- ta mediale dell’area 6 di Brodmann,
ti accaduti nel passato. Confronta con Aprassia (apraxia) Sindrome neurolo-
situata subito davanti alla corteccia
Amnesia anterograda. gica caratterizzata dalla perdita di abi-
motoria primaria. L’area motoria sup-
lità o intenzionalità nei movimenti, che
Amnesia transitoria (temporally limited plementare svolge un ruolo importan-
non può essere attribuita a debolezza o a
amnesia) Amnesia retrograda a seguito te nella produzione delle sequenze di
problemi nell’innervazione dei muscoli.
di un danno cerebrale, che si estende a movimenti, in particolare di quelle ben
L’aprassia è il prodotto di lesioni della
ritroso nel tempo a partire dal momento apprese.
corteccia cerebrale, solitamente all’emi-
del trauma, ma che non include l’intera sfero sinistro. Area MT (area MT) Regione della cor-
vita dell’individuo. teccia visiva che contiene cellule alta-
Aprassia del discorso (apraxia of spee-
Amobarbital (amobarbital) Barbiturico mente sensibili al movimento. L’area
ch) Difficoltà nel pronunciare le parole.
usato per produrre una rapida e breve MT fa parte della via dorsale, che si
anestesia. Aprassia ideativa (ideational apraxia) ritiene svolga un ruolo importante non
Grave forma di aprassia in cui la con- solo nella percezione del movimen-
Analisi della frequenza in funzione del sapevolezza del paziente del fine di una to, ma anche nella rappresentazione
tempo (time-frequency analysis) Tecnica determinata azione risulta compromes- dell’informazione spaziale.
di elaborazione del segnale per analizza- sa. Per esempio, il paziente può non
re il contenuto di uno stimolo e il modo Area paraippocampale (parahippo-
comprendere l’uso corretto di un attrez-
in cui tale contenuto cambia nel tempo. campal place area) Area funzionalmen-
zo, anche se è ancora capace di produrre
Per esempio, nell’ECoG, un’analisi del- te definita del cervello, localizzata (di
il movimento necessario. Confronta con
la frequenza in funzione del tempo de- solito mediante fMRI) nella regione pa-
Aprassia ideomotoria.
scrive la potenza dell’attività neurale a raippocampale del lobo temporale, che
diverse frequenze nel corso del tempo. Aprassia ideomotoria (ideomotor apra- mostra una risposta preferenziale per
xia) Forma di aprassia in cui il paziente stimoli raffiguranti scene o luoghi.
Analisi sintattica/grammaticale (syn- ha difficoltà a eseguire correttamente
tactic parsing) Attribuzione di una Area tegmentale-ventrale (ventral teg-
l’azione desiderata. I pazienti che sof-
struttura sintattica a una parola in una mental area) Una parte del sistema do-
frono di aprassia ideomotoria sembrano
frase (per es. questa parola è l’oggetto paminergico. I neuroni dopaminergici
avere un’idea generale su come dovreb-
della frase e questa parola è l’azione). qui originati proiettano verso la via me-
be essere eseguita l’azione e come usare
solimbica o mesocorticale.
Angiografia (angiography) Metodo di gli attrezzi, ma non riescono a coordi-
visualizzazione per valutare il sistema nare i movimenti in modo tale da pro- Area V4 (area V4) Regione nella cortec-
circolatorio del cervello. durre un’azione coerente. Confronta con cia visiva contenente cellule che si pensa
Aprassia ideativa. elaborino i colori.
Anomia (anomia) Forma di afasia nella
quale la persona ha difficoltà a generare Architettura cellulare (cellular archi- Aree corticali visive (cortical visual are-
le parole usate per etichettare le cose nel tecture) Vedi Citoarchitettonica. as) Regioni della corteccia visiva iden-
mondo. tificate in base alle loro diverse mappe
Area di Broca (Broca’s area) Area loca-
retinotopiche. Le aree sono specializza-
Apprendimento (learning) Processo lizzata nella corteccia frontale dell’emi-
te nella rappresentazione di certi tipi di
con cui vengono acquisite nuove infor- sfero sinistro importante per la produ-
informazioni riguardanti lo stimolo, e,
mazioni. zione del linguaggio.
tramite l’integrazione della loro attività,
Apprendimento hebbiano (Hebbian Area di Wernicke (Wernicke’s area) forniscono la base neurale per il com-
learning) Teoria secondo la quale se Area del giro temporale posteriore su- portamento guidato dalla visione.
978-88-08-15140-7 Glossario 3

Aree eterotopiche (heterotopic areas) qualcun altro osservando lo sguardo o formata dai pedicelli degli astrociti, che
Aree del cervello non corrispondenti. le azioni di quella persona e dirigere la si interpone fra le pareti dei vasi sangui-
Solitamente queste aree sono indicate propria attenzione in modo simile. gni e i tessuti cerebrali. La BEE limita i
come eterotopiche a causa delle loro con- materiali che possono passare dal san-
Attenzione esplicita (overt attention)
nessioni reciproche. Per esempio, una gue ai neuroni del sistema nervoso.
Voltare la propria testa per orientarla
connessione tra M1 sul lato sinistro e V2
verso uno stimolo, che può essere visivo, BBB Vedi Barriera ematoencefalica.
sul lato destro sarebbe un collegamento
uditivo, olfattivo, eccetera.
che unisce aree eterotopiche del cervello. BEE Vedi Barriera ematoencefalica.
Confronta con Aree omotopiche. Attenzione non esplicita (covert atten-
Behaviorismo o Comportamentismo
tion) Capacità di dirigere l’attenzione
Aree omotopiche (homotopic areas) (behaviorism) Teoria che sostiene che i
senza evidenti (overt) alterazioni o cam-
Aree che occupano posizioni corri- fattori primari dello sviluppo mentale
biamenti nei recettori sensoriali. Per
spondenti nei due emisferi. Una con- siano l’ambiente e l’apprendimento, e
esempio, quando si presta attenzione a
nessione tra M1 sul lato destro e M1 che le persone dovrebbero essere stu-
una conversazione senza girare gli oc-
sul lato sinistro congiungerebbe le aree diate tramite l’osservazione dei loro atti
chi e la testa verso le persone che stanno
omotopiche. Confronta con Aree etero- esteriori.
parlando.
topiche.
Blink attenzionale (attentional blink)
Attenzione riflessa (reflexive attention)
Aree visive extrastriate (extrastriate vi- Fenomeno spesso osservato durante
Orientamento dell’attenzione indotto
sual areas) Aree visive che giacciono al presentazioni seriali rapide di stimoli
da effetti bottom-up, ovvero guidati dal-
di fuori della corteccia striata (l’area 17 visivi, nel quale un secondo target sa-
lo stimolo, come quando la nostra at-
di Brodmann, o corteccia visiva prima- liente presentato tra 150-450 ms dopo il
tenzione è catturata da un lampo di luce
ria), considerate aree visive secondarie primo non viene rilevato.
alla periferia del campo visivo. Confron-
poiché, direttamente o indirettamente,
ta con Attenzione volontaria. BMI Vedi Interfaccia cervello-macchina.
ricevono input dalla corteccia visiva
primaria. Attenzione selettiva (selective atten- BOLD, effetto Vedi Effetto dipendente
tion) Capacità di concentrarsi su un sot- dal livello di ossigenazione del sangue.
Ascolto dicotico (dichotic listening)
toinsieme di input sensoriali, pensieri
Tecnica sperimentale in cui i parteci- Bradicinesia (bradykinesia) Lentezza
o azioni e di ignorarne altri allo stesso
panti ascoltano due messaggi diversi in nell’iniziare e nell’eseguire movimenti.
tempo. L’attenzione selettiva può essere
ciascun orecchio contemporaneamente. La bradicinesia è un sintomo evidente
distinta dall’attenzione non selettiva,
della malattia di Parkinson.
Ascolto dicotico, compito di Vedi che comprende il semplice arousal com-
Compito di ascolto dicotico. portamentale (cioè, l’essere, in generale, Broca, afasia di Vedi Afasia di Broca.
più o meno attento).
Asimmetrie funzionali (functional Bulbo o midollo allungato (medulla)
asymmetries) Differenze nelle funzioni Attenzione volontaria (voluntary at- Detto anche mielencefalo. Ѐ la porzio-
sottese a ogni emisfero. tention) Focalizzazione volontaria, in- ne più caudale del tronco encefalico.
tenzionale, dell’attenzione su una certa Il midollo allungato continua nel mi-
Associazionismo (associationism) Teo-
fonte di input, flusso di pensieri o azio- dollo spinale; a livello dorsale contiene
ria secondo cui il corso dello sviluppo
ni. Confronta con Attenzione riflessa. importanti gruppi nucleari, noti come
mentale di una persona è determinato
nucleo gracile e nucleo cuneato, che
dall’intero complesso delle sue espe- Autismo (autism) Disordine neurologico
trasmettono al cervello le informazioni
rienze. caratterizzato da deficit della cognizione
somatosensoriali provenienti dal midol-
e della comunicazione sociali, spesso as-
Assone (axon) Prolungamento di un lo spinale; ventralmente contiene i tratti
sociati a un aumento di comportamenti
neurone lungo il quale viaggiano i po- piramidali, formati dalle proiezioni di-
ripetitivi o interessi ossessivi.
tenziali d’azione. I terminali degli asso- scendenti dal cervello al midollo spina-
ni prendono contatto con altri neuroni Autoconoscenza (self-knowledge) Ter- le. Il bulbo è la sede di importanti nuclei
mediante sinapsi. mine filosofico che fa riferimento alla motori e sensoriali.
conoscenza di un individuo della pro-
Assone collaterale (axon collateral) Ra- Campo aggregato, teoria del Vedi Teo-
pria natura personale, in termini di cre-
mificazione di un assone che può tra- ria del campo aggregato.
denze, capacità e desideri.
smettere segnali a più di una cellula.
Campo recettivo (receptive field) Area
Azione diretta a un fine (goal-oriented
Atassia (ataxia) Disordine del movi- dello spazio esterno in cui lo stimo-
action) Azioni pianificate e prodotte
mento associato a lesioni o atrofia del lo deve apparire perché sia attivata la
per ottenere un particolare risultato. Le
cervelletto. I movimenti atassici sono cellula corrispondente. Per esempio, le
azioni dirette a un fine sono in contra-
impacciati e irregolari, anche se la forza cellule nella corteccia visiva rispondono
sto con il comportamento più abituale
muscolare è nella norma. agli stimoli che compaiono in una limi-
o guidato da uno stimolo e sono forte-
tata regione dello spazio. Oltre che per
Atassia ottica (optic ataxia) Sindrome mente sotto il controllo del rinforzo.
la posizione spaziale dello stimolo, que-
neurologica in cui il paziente ha gran-
Azione-esito (action-outcome) Quando ste cellule possono essere selettive per
de difficoltà a servirsi delle informazio-
c’è una relazione causale tra l’azione e la altre sue caratteristiche, come la forma
ni visive per guidare le proprie azioni,
ricompensa. o il colore. Anche le cellule della cor-
benché la sua capacità di riconoscere gli
teccia uditiva hanno campi recettivi; il
oggetti sia intatta. L’atassia ottica è asso- Bálint, sindrome di Vedi Sindrome di
tasso di scarica di queste cellule aumen-
ciata a lesioni del lobo parietale. Bálint
ta quando il suono viene dalla regione
Attenzione congiunta (joint attention) Barriera ematoencefalica (BEE o BBB, dello spazio corrispondente al campo
Capacità di monitorare l’attenzione di da blood-brain barrier) Barriera fisica recettivo della cellula.
4 Glossario 978-88-08-15140-7

Canale ionico voltaggio-dipendente Citoarchitettura (cytoarchitectonics) Questi compiti richiedono il corretto


(voltage-gated ion cannel) Canale ionico Modo in cui le cellule differiscono tra le funzionamento della memoria di lavo-
transmembrana che altera la sua con- regioni cerebrali. ro, perché l’animale o la persona devo-
formazione molecolare quando cambia no trattenere in memoria per tutto il
Codifica (encoding) Elaborazione delle
il potenziale di membrana, cambiando, periodo del ritardo una traccia (record)
informazioni in ingresso che devono
così, la conduttanza del canale per spe- dell’informazione relativa allo stimolo.
essere immagazzinate. La codifica con-
cifici ioni come sodio, potassio e cloro.
siste di due stadi: l’acquisizione e il con- Complesso occipitale laterale (o cor-
Canale ionico (ion channel) Passaggio solidamento. Confronta con Recupero. teccia) (LOC) [lateral occipital complex
nella membrana cellulare formato da (or cortex)] Regione della corteccia ex-
Collicolo inferiore (inferior colliculus)
una proteina transmembrana che crea trastriata che fa parte della via ventrale.
Parte del mesencefalo coinvolta nell’ela-
pori, attraverso i quali possono passare L’elaborazione nella LOC è essenziale
borazione uditiva. Confronta con Colli-
gli ioni (atomi carichi in soluzione) di per la percezione della forma e per il ri-
colo superiore.
sodio, potassio e cloro (Na+, K+ e Cl–), da conoscimento.
dentro o fuori la cellula. Collicolo superiore (superior collicu-
lus) Struttura visiva sottocorticale, lo- Comportamentismo Vedi Behaviori-
Capacità limitata (limited capacity) smo.
calizzata nel mesencefalo. Il collicolo
Concetto secondo il quale i vari stadi di
superiore riceve input dalla retina ed Comportamento di utilizzazione (uti-
elaborazione dell’informazione hanno
è interconnesso con sistemi corticali e lization behavior) Dipendenza estrema
una capacità di elaborazione limitata;
subcorticali. Ha un ruolo fondamentale dall’utilizzo prototipico di un oggetto
ciò rende necessaria la selezione delle
nei processi visuomotori e forse è coin- senza considerare la sua utilità in un
informazioni da parte del sistema, in
volto nella componente inibitoria dell’o- particolare contesto.
modo da fare accedere alle fasi successi-
rientamento attenzionale automatico.
ve dell’elaborazione solo le informazio- Comportamento guidato dallo stimo-
Confronta con Collicolo inferiore.
ni che hanno priorità più alta. lo (stimulus-driven behavior) Descrive
Collo di bottiglia (bottleneck) Stadio un comportamento dettato dal contesto
Cellula gangliare (ganglion cell) Un
dell’elaborazione a cui non tutti gli in- ambientale e non tiene conto dei fini ge-
tipo di neuroni presenti sulla retina. Le
put possono accedere o che non tutti gli nerali della persona o dell’animale. Per
cellule gangliari ricevono gli input pro-
input possono superare. esempio, una persona con una lesione
venienti dai fotorecettori (coni e baston-
celli) e dalle cellule intermedie della re- Commissura (commissure) Tratti di alla corteccia prefrontale potrebbe bere
tina e inviano gli assoni al talamo e alle sostanza bianca che passano trasver- dal bicchiere che le viene messo davanti,
altre strutture corticali. salmente dal lato sinistro al destro del pur non avendo sete.
sistema nervoso centrale, o viceversa.
Cellula gliale (glial cell) Anche cellula Comportamento imitativo (imitative
nevrogliale. Uno dei due tipi di cellu- Commissura anteriore (anterior com- behavior) La spontanea e incontrollata
le (insieme con il neurone) nel sistema missure) Fascio nervoso che connette gli imitazione del comportamento di un’al-
nervoso. Sono molto più numerose dei emisferi cerebrali sinistro e destro, loca- tra persona che è talvolta mostrata da
neuroni, forse dieci volte di più, e pos- lizzato anteriormente al corpo calloso. pazienti con lesioni del lobo frontale.
sono rappresentare più della metà del
Commissura posteriore (posterior Comportamento orientato a un fine
volume del cervello. Tipicamente queste
commissure) Localizzata sopra l’acque- (goal-oriented behavior) Comporta-
cellule non mediano la trasmissione dei
dotto cerebrale, all’incrocio con il ter- mento che ci permette di interagire col
segnali nervosi, tuttavia senza di loro la
zo ventricolo, questa trasporta le fibre mondo in modo utile. I fini rispecchia-
funzionalità dei neuroni diminuirebbe
interemisferiche che contribuiscono al no il punto d’incontro tra i nostri desi-
drasticamente. Il tessuto composto dal-
riflesso pupillare alla luce. deri (ovvero le nostre pulsioni interne) e
le cellule gliali è chiamato glia.
Compito della falsa credenza (Fal- il contesto ambientale presente.
Cellule singole, registrazione da Vedi
se-Belief Task) Compito che misura la Comportamento perseverativo (per-
Registrazione da singole cellule.
capacità di rappresentare contempora- severation) Tendenza a produrre una
Cervelletto (cerebellum) Noto anche neamente gli stati mentali individuali, particolare risposta, in prove successi-
come «cervello piccolo». Ѐ una grossa talvolta differenti, di almeno due perso- ve, anche quando il contesto è cambiato,
struttura altamente circonvoluta (ripie- ne diverse. per cui la risposta non è più appropria-
gata), localizzata dorsalmente al tronco ta. Si osserva comunemente nei pazienti
Compito di ascolto dicotico (dichotic
encefalico a livello del ponte. Il cervel- con danni prefrontali; si ritiene che ri-
listening task) Compito uditivo nel qua-
letto è interconnesso (direttamente o fletta una perdita di controllo inibitorio.
le due messaggi tra loro in competizione
indirettamente) con numerose strutture
sono presentati simultaneamente, uno Condizionamento della paura (fear
corticali e subcorticali, con il tronco en-
per ciascun orecchio, e il soggetto deve conditioning) Apprendimento in cui
cefalico e il midollo spinale; svolge un
cercare di riferirne solo uno o entram- uno stimolo neutro acquisisce proprietà
ruolo importante in vari aspetti della
bi. Le proiezioni ipsilaterali da ciascun avversive in virtù del suo essere abbina-
coordinazione motoria, aspetti che van-
orecchio vengono presumibilmente to a un evento avversivo.
no dalla locomozione ai movimenti in-
soppresse quando un messaggio soprag-
tenzionali e di destrezza. Conduzione, afasia di Vedi Afasia di
giunge dalla via controlaterale derivante
Cervello diviso, ricerca sul Vedi Ricer- dall’altro orecchio. conduzione.
ca sul cervello diviso.
Compito di risposta ritardata (de- Conduzione elettrotonica (electrotonic
Circuito neurale (neural circuit) Gruppi layed-response task) Test in cui la rispo- conduction) Flusso passivo di corrente
di neuroni interconnessi che elaborano sta corretta deve essere prodotta dopo attraverso i neuroni, che accompagna le
specifici tipi di informazione. un periodo di alcuni secondi di ritardo. correnti elettriche attivate.
978-88-08-15140-7 Glossario 5

Conduzione saltatoria (saltatory con- Controllo della posizione finale (en- cognitivo - in particolare, funzioni di
duction) Modalità di conduzione nei dpoint control) Ipotesi inerente al modo monitoraggio per il rilevamento degli
neuroni mielinici, in cui i potenziali in cui i movimenti vengono program- errori e la risoluzione del conflitto.
d’azione lungo l’assone si generano sol- mati in relazione alla posizione finale
Corteccia cerebrale (cerebral cortex)
tanto nei nodi di Ranvier. Nel propagar- desiderata. I modelli del controllo della
Mantello stratificato di neuroni che ri-
si il potenziale d’azione pare saltare di posizione finale mettono in evidenza
copre il prosencefalo. La corteccia cere-
nodo in nodo; da qui l’attributo di «sal- che la rappresentazione motoria sia in-
brale è formata da suddivisioni neuro-
tatoria». centrata sulla posizione finale che gli
nali (aree) interconnesse con altre aree
arti devono assumere per realizzare lo
Conflitto di risposta (response conflict) corticali, strutture sottocorticali, il cer-
scopo del movimento.
Situazione in cui viene attivata più di velletto e la corteccia spinale.
una risposta, di solito a causa di qualche Controllo inibitorio (inhibitory con-
Corteccia cingolata anteriore (anterior
ambiguità presente nelle informazioni trol) Ipotesi secondo cui un aspetto delle
cingulate cortex) Parte anteriore della
relative allo stimolo. È stata avanzata funzioni esecutive consiste nella regola-
corteccia cingolata, situata sotto il lobo
l’ipotesi che il giro del cingolo anteriore zione delle azioni, tramite l’attiva inibi-
frontale lungo la superficie mediale.
controlli il livello del conflitto di rispo- zione della tendenza a produrre risposte
Questa regione è caratterizzata da una
sta e moduli l’elaborazione nei sistemi abituali o reazioni automatiche dettate
citoarchitettura primitiva (corteccia
attivi quando tale livello è alto. dall’ambiente. Si presume che una per-
tristratificata) e fa parte dell’interfaccia
dita di controllo inibitorio sia alla base
Consolidamento (consolidation) Pro- tra il lobo frontale e il sistema limbico.
della tendenza di alcuni pazienti con le-
cesso col quale le rappresentazioni in La corteccia cingolata anteriore è coin-
sioni prefrontali a produrre comporta-
memoria si rafforzano col tempo. Si ri- volta in varie funzioni esecutive, come
menti socialmente non appropriati.
tiene che comporti cambiamenti nel si- il controllo della risposta, il rilevamento
stema cerebrale che prende parte all’im- Coordinate di Talairach (Talairach dell’errore e l’attenzione.
magazzinamento delle informazioni. coordinate) Sistema di riferimento ana-
Corteccia gustativa primaria (primary
tomico nel quale una localizzazione
Controllo cognitivo (cognitive control) gustatory cortex) Area corticale di ela-
cerebrale è definita in tre dimensioni
Processi che facilitano l’elaborazione borazione iniziale per il gusto, localiz-
spaziali.(x, y, z). L’atlante di Talairach è
dell’informazione. Si pensa che le ope- zata nell’insula e nell’opercolo.
stato messo a punto a partire dall’ana-
razioni di controllo aiutino a coordina-
lisi dettagliata di un cervello umano ed Corteccia motoria primaria (M1) (pri-
re l’attività tra diverse regioni neurali:
è stato utilizzato per fornire un sistema mary motor cortex) Regione della cor-
per esempio, la rappresentazione di un
di riferimento per il confronto tra gli teccia cerebrale situata lungo il banco
obiettivo corrente nella corteccia pre-
individui negli studi di visualizzazione anteriore del solco centrale e del giro
frontale può aiutare a controllare il re-
neurofunzionale. precentrale, che formano l’area 4 di
cupero delle informazioni nella memo-
Brodmann. Alcuni degli assoni prove-
ria a lungo termine. Corea di Huntington (Huntington’s
nienti dalla corteccia motoria primaria
disease) Malattia degenerativa di ori-
Contesto di riferimento veduta-di- costituiscono gran parte del tratto cor-
gine genetica; la patologia primaria
pendente (view-dependent frame of ticospinale, mentre altri proiettano alle
consiste nell’atrofia dello striato (nuclei
reference) Teorie basate sull’idea che la regioni corticali e sottocorticali coin-
del caudato e del putamen) nei gangli
percezione implichi il riconoscimento volte nel controllo motorio. La corteccia
della base. Fra i sintomi principali vi
dell’oggetto, visto da una determinata motoria primaria contiene una rappre-
sono movimenti impacciati, problemi
angolazione. Queste teorie presumono sentazione somatotopica del corpo.
di equilibrio e la presenza di movimenti
che la memoria visiva sia basata sulle
involontari della testa e del tronco. Inol- Corteccia olfattiva primaria (primary
precedenti esperienze degli oggetti in
tre si manifestano deficit cognitivi, che olfactory cortex) Area corticale di elabo-
specifici orientamenti e che il ricono-
col tempo si aggravano. Confronta con razione iniziale dell’olfatto, localizzata
scimento di un oggetto in un orienta-
Morbo di Parkinson. nella giunzione ventrale delle cortecce
mento nuovo implichi un processo di
frontali e temporali, vicino alla cortec-
approssimazione alle rappresentazioni Corpo calloso (corpus callosum) Si-
cia limbica.
di sue prospettive specifiche, imma- stema di fibre composto di assoni che
gazzinate in memoria. Confronta con collegano la corteccia dei due emisferi Corteccia orbitofrontale (OFC) (orbi-
Contesto (o schema) di riferimento ve- cerebrali. tofrontal cortex) Regione cerebrale dei
duta-indipendente. lobi frontali localizzata sopra le orbite
Corpuscolo (corpuscle) Ammasso glo-
oculari coinvolta in una gamma di fun-
Contesto (o schema) di riferimento bulare di cellule che fanno parte del si-
zioni, che includono i processi percettivi
veduta-indipendente (view-invariant stema somatosensoriale.
associati all’olfatto e al tatto, come pure
frame of reference) Teoria basata sul
Corteccia associativa (association cor- quelli associati al monitoraggio dell’a-
concetto che la percezione implichi il
tex) La massa di neocorteccia che non deguatezza del proprio comportamento.
riconoscimento di proprietà dell’ogget-
è strettamente sensoriale o motoria, ma
to che restano invarianti, cioè costanti Corteccia prefrontale (PFC) (prefron-
riceve input da molteplici modalità sen-
al variare della prospettiva. Secondo tal cortex) Regione della corteccia che
somotorie.
questo approccio, tali proprietà costi- partecipa agli aspetti superiori del con-
tuiscono la base della memoria visiva e Corteccia frontale mediale (MFC) trollo motorio e alla pianificazione ed
il riconoscimento dipende dalla corri- (medial frontal cortex) La regione me- esecuzione degli atti comportamentali;
spondenza tra le proprietà dell’oggetto diale della corteccia frontale che inclu- forse partecipa soprattutto ai compiti
percepite e queste conoscenze di base. de parte delle aree 24 e 32, e il versante che richiedono l’integrazione di infor-
Confronta con Contesto di riferimento inferiore delle aree 6 e 8. La corteccia mazioni nel tempo, ed esigono, quindi,
veduta-dipendente. frontale mediale è associata al controllo il coinvolgimento dei meccanismi della
6 Glossario 978-88-08-15140-7

memoria di lavoro. La corteccia pre- Costanza dell’oggetto (object con- Depolarizzazione (depolarization)
frontale ha tre o più aree principali, così stancy) Capacità di riconoscere le pro- Cambiamento nel potenziale di mem-
definite nelle descrizioni dell’anatomia prietà invarianti di un oggetto in una brana nel quale la corrente elettrica in-
macroscopica del lobo frontale: cortec- vasta gamma di contesti differenti. Per terna alla cellula diventa meno negativa.
cia prefrontale dorsolaterale, giro del esempio, anche se la grandezza dell’im- Rispetto al potenziale di riposo, una
cingolo anteriore e regioni frontali me- magine retinica cambia drasticamente membrana depolarizzata è più vicina al
diali, corteccia orbitofrontale. mentre guardiamo un’automobile che si livello di soglia. Confronta con Iperpo-
Corteccia prefrontale laterale (lateral allontana, la nostra percezione è che la larizzazione.
prefrontal cortex) Regione della cortec- grandezza dell’auto rimanga la stessa. Dimensioni emotive (dimensions of
cia cerebrale situata anteriormente all’a- Analogamente, siamo in grado di rico- emotion) Modo per descrivere le emo-
rea 6 di Brodmann, lungo la superficie noscere che un oggetto è lo stesso an- zioni che sono fondamentalmente le
laterale. Questa regione è stata implicata che se lo vediamo da prospettive molto stesse, ma che differiscono lungo una o
in varie funzioni esecutive, come la se- diverse. più dimensioni, come la valenza (piace-
lezione della risposta e la memoria di Cuing endogeno (endogenous cuing) vole o spiacevole, positiva o negativa) e
lavoro. Controllo dell’attenzione da parte di sti- l’arousal (molto piacevole o molto spia-
Corteccia premotoria (premotor cor- moli interni sotto il controllo endogeno. cevole).
tex) Area motoria secondaria che in- Confronta con Cuing esogeno. Direzione preferita (preferred direction)
clude il versante laterale dell’area 6 di Cuing esogeno (exogenous cuing) An- Proprietà delle cellule nella via motoria,
Brodmann, subito davanti alla cortec- che Cuing riflesso (reflexive cuing) Con- riferita alla direzione del movimento
cia motoria primaria. Alcuni neuroni trollo dell’attenzione da parte degli che ha come risultato il più alto tasso di
della corteccia premotoria proiettano stimoli esterni e non dal controllo vo- scarica del neurone. È stato dimostrato
al tratto corticospinale, ma molti altri lontario, interno. Confronta con Cuing in studi fMRI che anche i voxel hanno
terminano sui neuroni della corteccia endogeno. direzioni preferite, indicando, quindi,
motoria primaria e contribuiscono a che tali preferenze possono anche essere
pianificare il movimento da eseguire. Cuing riflesso Vedi Cuing esogeno. misurate a livello di analisi della popo-
Corteccia somatosensoriale primaria DBS (deep brain stimulation) Vedi Sti- lazione cellulare.
(S1) (primary somatosensory cortex) molazione cerebrale profonda. Disartria (dysarthria) Difficoltà nella
Area corticale di elaborazione iniziale Decisione che risulta in un’azione pronuncia delle parole.
della somatosenzazione, che comprende
(action-outcome decision) Decisione che Disegno correlato a eventi (event-re-
le aree di Brodmann 1, 2 e 3. Quest’area
comporta qualche forma di valutazione lated design) Paradigma usato in studi
del cervello contiene una rappresenta-
(non necessariamente cosciente) dei ri- fMRI nel quale la risposta BOLD può
zione somatotopica del corpo, denomi-
sultati attesi. essere temporalmente legata a parti-
nata homunculus sensoriale.
Decisione stimolo-risposta (stimu- colari stimoli o risposte. Tali disegni
Corteccia somatosensoriale secon- richiedono l’utilizzo di ritardi o varia-
lus-response decision) Comportamento
daria (S2) (secondary somatosensory zioni temporali in modo da isolare la
cortex) Area del cervello che riceve in- nel quale la risposta è strettamente le-
gata allo stimolo, solitamente attraverso risposta a questi eventi.
put della corteccia somatosensoriale ed
elabora informazioni somatosensoriali una vasta esperienza. Vedi Abitudine. Disegno sperimentale a blocchi (block
a livello superiore. Decodifica (decoding) Utilizzo dell’atti- design experiment) Esperimento nel
vità cerebrale, prodotta da uno stimolo quale l’attività neurale registrata è inte-
Corteccia uditiva primaria (A1) (pri- grata su un «blocco» di tempo, durante
mary auditory cortex) Area corticale e rilevata da metodi come la fMRI, per
determinare lo stimolo originale. il quale il partecipante viene sottoposto
dell’elaborazione iniziale nel sistema o alla presentazione di uno stimolo o
uditivo. Default network (default network) Rete all’esecuzione di un compito. Il pattern
Corteccia visiva primaria (V1) (pri- delle aree del cervello attiva quando una di attività registrato viene, quindi, con-
mary visual cortex) Area corticale persona è a riposo, in stato di veglia, e frontato con altri blocchi già registrati
dell’elaborazione iniziale per la visione, non è impegnata con il mondo esterno. mentre eseguiva lo stesso compito od
localizzata nell’estrema parte posteriore Deficit categoria-specifici (cate- osservava lo stesso stimolo, oppure
del lobo occipitale, nota come area 17 di gory-specific deficits) Deficit del rico- mentre eseguiva un diverso compito
Brodmann. noscimento delimitati a certe classi di od osservava un diverso stimolo, o in
oggetti. Alcuni rari individui mostra- cui non si trovava in nessuna di queste
Coscienza (consciousness) Capacità condizioni.
umana di essere consapevoli di alcuni no un deficit della loro capacità di ri-
dei contenuti dell’attività mentale e, po- conoscere le entità viventi, mostrando, Dislessia (dyslexia) Vedi Alessia.
tenzialmente, di descrivere questi stati tuttavia, una prestazione quasi norma-
le nel riconoscimento delle entità non Dissociazione doppia (o Doppia disso-
mentali ad altri individui. ciazione) (double dissociation) Metodo
viventi. Questi deficit sono utili per
Coscienza d’accesso (access-consciou- usato per sviluppare modelli funzionali
sviluppare modelli dell’organizzazione
sness) Esperienze mentali di cui siamo dei processi mentali e/o neurali. Per di-
cerebrale delle conoscenze percettive e
consapevoli e di cui abbiamo la capa- mostrare una doppia dissociazione sono
semantiche.
cità di riferire, senza essere in grado di necessari almeno due gruppi di soggetti
riferire in che modo l’evento sia stato Dendriti (dendrites) Grandi processi e due compiti. Nella ricerca neuropsico-
costruito dall’insieme dei neuroni, dei neuronali arborizzati, che ricevono gli logica si parla di doppia dissociazione
neurotrasmettitori, e cosi via, nel siste- input da altri neuroni a livello di parti- quando un gruppo mostra un deficit
ma nervoso. colari siti detti sinapsi. in uno dei compiti e il secondo gruppo
978-88-08-15140-7 Glossario 7

nell’altro compito. Negli studi di visua- EEG Vedi Elettroencefalogramma dei volti sia l’esempio migliore di elabo-
lizzazione neurofunzionale si parla di (Elettroencefalografia). razione olistica, in quanto il riconosci-
doppia dissociazione quando una certa mento del volto di una persona sembra
Effetto BOLD Vedi Effetto dipendente
manipolazione sperimentale modifica essere basato sulla combinazione delle
dal livello di ossigenazione del sangue.
il quadro di attivazione in una regione diverse caratteristiche facciali, piuttosto
neurale, mentre una manipolazione dif- Effetto autoreferenziale (self-reference che sul riconoscimento delle singole ca-
ferente lo modifica in un’altra regione effect) Effetto radicato nella prospetti- ratteristiche. Confronta con Elaborazio-
neurale. Le doppie dissociazioni costi- va teorica secondo cui la rievocazione ne analitica.
tuiscono una prova molto forte a favore dell’informazione è legata a quanto Elettrocorticogramma (ECoG)
del fatto che le differenze di prestazione profondamente l’informazione sia stata (electrocortogram) Metodo per regi-
osservate fra i due gruppi riflettano diffe- elaborata inizialmente. strare l’attività elettrica della corteccia
renze funzionali, piuttosto che una disu- cerebrale posizionando gli elettrodi di-
Effetto dipendente dal livello di ossi-
guaglianza di sensibilità tra i due compi- rettamente sulla superficie del cervello,
genazione del sangue (o Effetto BOLD)
ti. Confronta con Dissociazione singola. o esternamente alla dura madre o sotto
(blood oxygenation level-dependent
Dissociazione singola (o semplice) effect) Il segnale BOLD rappresenta la di essa.
(single dissociation) Metodo impiegato variazione nell’intensità del segnale di Elettroencefalogramma (EEG) (Elet-
per sviluppare modelli funzionali dei risonanza magnetica della concentra- troencefalografia) (electroencephalo-
processi mentali e/o neurali. Per esse- zione dello ione idrogeno nel cervello, graphy) Tecnica per misurare l’attivi-
re dimostrata, una dissociazione sin- che dipende da variazioni dello stato di tà elettrica del cervello. Nell’EEG, le
gola richiede almeno due gruppi e due ossigenazione dei tessuti locali. Quando registrazioni dell’attività elettrica di
compiti. Si ha una dissociazione singola i neuroni diventano più attivi, questo superficie vengono eseguite mediante
quando i gruppi differiscono rispetto provoca un aumento della quantità di elettrodi posizionati sul cuoio capellu-
alla prestazione in un compito ma non sangue ossigenato che entra nei capil- to. Il segnale EEG include sia variazio-
nell’altro. Le dissociazioni singole co- lari locali nel tessuto. Questo altera il ni endogene dell’attività elettrica (per
stituiscono una prova debole a favore di rapporto tra emoglobina ossigenata e es. dovute a variazioni di arousal), sia
una specializzazione funzionale, poiché deossigenata nel tessuto. Poiché l’emo- variazioni innescate da eventi specifici
è possibile che i due compiti non abbia- globina deossigenata è paramagnetica, (per es. stimoli o movimenti).
no la stessa sensibilità alle differenze tra disgrega le proprietà magnetiche locali
i due gruppi. Confronta con Dissocia- dei tessuti, e l’intensità del segnale di Eliminazione di sinapsi (synapse eli-
zione doppia. risonanza magnetica diminuisce. Al mination) Processo di eliminazione di
contrario, quando il sangue ossigenato alcuni dei contatti sinaptici fra neuroni
Disturbi degenerativi (degenerative di- che si verifica durante lo sviluppo onto-
aumenta in risposta all’attività locale
sorders) Disturbi o malattie genetiche o genetico, anche dopo la nascita.
del neurone, l’intensità del segnale di
ambientali nelle quali la funzione o la
risonanza magnetica aumenta e questa Emersione (emergence) Comparsa di
struttura dei tessuti affetti continuerà a
è conosciuta come risposta BOLD. Il una nuova struttura, precedentemente
deteriorarsi nel corso del tempo.
segnale BOLD è una misura indiretta non esistente, con un nuovo livello di
Dopamina (dopamine) Un’ammina chi- dell’attività neurale, ed è ritardata ri- organizzazione e nuove proprietà, che
mica organica che nel cervello funziona spetto all’attività neurale indotta dal si verifica a partire dall’auto-organizza-
come un neurotrasmettitore. È formata segnale BOLD, impiega circa 2-3 secon- zione di un sistema complesso.
dalla L-dopa rimuovendo un gruppo di per iniziare e circa 5-6 secondi dopo
carbossilico. l’inizio dell’attività neurale massima. Emianopsia (hemianopia) Condizione
causata dalla distruzione della cortec-
Dottrina del neurone (neuron doctrine) Effetto di soppressione da ripetizione cia visiva primaria in un emisfero. Il
Concetto proposto dal grande neuroa- (repetition suppression effect) Fenomeno paziente è inconsapevole di qualsiasi
natomista spagnolo Santiago Ramón y osservato durante la MRI funzionale in stimolo visivo presente nel lato dello
Cajal nel XIX secolo, secondo il quale cui la risposta BOLD a uno stimolo si spazio controlaterale alla lesione.
il neurone è l’unità fondamentale del riduce con ogni successiva ripetizione
sistema nervoso, e il sistema nervoso è dello stimolo. Emiplegia (hemiplegia) Condizione
composto da miliardi di queste unità neurologica caratterizzata dalla perdita
Effettore (effector) Qualunque parte del dei movimenti volontari su un lato del
(neuroni) connesse tra loro per elabora-
corpo capace di movimento, come un corpo. È dovuta tipicamente a un danno
re l’informazione.
braccio, un dito o una gamba. del tratto corticospinale, prodotto o da
DTI Vedi Visualizzazione con tensore lesioni alla corteccia motoria o da lesio-
Elaborazione analitica (analytic pro-
di diffusione. ni alla sostanza bianca che distruggono
cessing) Analisi percettiva che mette in
Dualismo (dualism) Uno dei principali evidenza gli elementi costitutivi di un le fibre discendenti.
approcci filosofici alla descrizione della oggetto. La lettura è ritenuta un tipico Emozione (emotion) Risposta affettiva
coscienza, secondo il quale mente e cer- esempio di elaborazione analitica, in (positiva o negativa) mentale, che può
vello sono due fenomeni distinti. Ne esi- quanto il riconoscimento delle parole trovare espressione anche a livello fisi-
stono diverse versioni che includono il richiede l’analisi di almeno alcune delle co (per es. con un cambiamento nella
dualismo tradizionale, il dualismo delle lettere componenti. Confronta con Ela- frequenza cardiaca, nell’espressione fac-
proprietà, l’epifenomenismo e il duali- borazione olistica. ciale o nel discorso).
smo interazionista.
Elaborazione olistica (holistic pro- Emozione di base (basic emotion) Emo-
Dura madre (dura mater) Densi strati cessing) Analisi percettiva incentrata zione con caratteristiche uniche, model-
di fibre collagene che circondano il cer- soprattutto sulla forma globale di un lata dall’evoluzione e manifestata attra-
vello e il midollo spinale. oggetto. Si suppone che la percezione verso le espressioni facciali.
8 Glossario 978-88-08-15140-7

Emozione complessa (complex emo- mazione relativa al linguaggio fra le re- caudato, putamen, globo pallido, nucleo
tion) Combinazioni di emozioni di base, gioni anteriori e posteriori del cervello. subtalamico (o sottotalamico) e sostan-
alcune delle quali potrebbero essere so- za nera. I gangli della base sono coinvolti
FBA Vedi Area fusiforme per il corpo
cialmente o culturalmente apprese, che nel controllo e nell’apprendimento mo-
possono essere identificate come senti- Fessura (fissure) Vedi Solco. torio. Interconnessioni neuronali reci-
menti di lunga durata, evolutisi. proche proiettano dalle aree corticali ai
Fessura laterale (lateral fissure) vedi
gangli della base e da qui di nuovo alla
Empatia (empathy) Capacità di provare Scissura (o fessura) di Silvio.
corteccia. Due importanti disturbi legati
e comprendere cosa provino gli altri,
Fessura sinaptica (synaptic cleft) Spazio ai gangli della base sono il morbo di Par-
riconoscendo allo stesso tempo la dif-
tra i neuroni nelle sinapsi. kinson e la corea di Huntington.
ferenza tra se stessi e gli altri. Spesso
l’empatia è descritta come la capacità di FFA Vedi Area fusiforme per i volti. Generatore di pattern centrale (central
«mettersi nei panni di un’altra persona». pattern generator) Rete neurale limitata
Flessibilità affettiva (affective flexibili- al midollo spinale che produce pattern
Empirismo (empiricism) Idea che l’in- ty) Capacità di elaborare la rilevanza di specifici di output motori senza coman-
tera conoscenza derivi dall’esperienza vari stimoli emozionali in base ai propri di provenienti dalla corteccia cerebrale
sensoriale. fini e motivazione. o feedback sensoriali.
Enterocezione (interoception) Sensazio- Flusso (flow) Descritto dallo psicologo Generazione dell’emozione (emotion
ni fisiche provenienti dall’interno del Mihaly Csikszentmihalyi, il piacevole generation) Tipicamente, una combi-
corpo, come dolore, temperatura, fame, stato di essere «nella zona». Suggerisce nazione di una risposta emozionale dal
eccetera. che le persone sono davvero felici quan- basso verso l’alto in unione con una
ERN, risposta Vedi Negatività correlata do sono totalmente immerse in un com- risposta emozionale dall’alto verso il
all’errore. pito impegnativo che rispecchia le loro basso che implica una rappresentazione
capacità. mnemonica e linguistica.
ERP Vedi Potenziale correlato a evento.
Flusso sanguigno cerebrale regionale Ghiandola pituitaria (pituitary gland)
Errore di previsione (prediction error) (rCBF) (regional cerebral blood flow) Di- Controllata dall’ipotalamo, la ghian-
Costrutto teorico nelle teorie dell’ap- stribuzione dell’irrorazione sanguigna a dola pituitaria (o ipofisi, N.d.C.) aiuta
prendimento per rinforzo, definito livello cerebrale; può essere misurata con a mantenere il normale stato del corpo
come la differenza tra un risultato previ- varie tecniche di visualizzazione. Nelle (omeostasi).
sto e quello effettivo o rinforzo. Se il rin- scansioni PET, il rCBF è usato come mi-
forzo è maggiore del previsto si verifica sura delle variazioni metaboliche dovute Giro (gyrus) Una superficie, arrotonda-
una previzione positiva che può essere all’aumento dell’attività neurale in par- ta, della corteccia cerebrale, che si vede
utilizzata per aumentare la probabilità ticolari regioni del cervello. sporgere quando si osserva l’anatomia
del comportamento. Se la ricompensa è macroscopica di un cervello intatto.
inferiore al previsto, il pronostico nega- fMRI Vedi Visualizzazione mediante Confronta con Solco.
tivo può essere utilizzato per diminuire risonanza magnetica funzionale.
Giro del cingolo (corteccia cingolata,
la probabilità del comportamento. Fonema (phonema) Le più piccole unità giro cingolato) anteriore (anterior cin-
Espressione facciale (facial expres- di suono percepite nella lingua, di cui, gulate cortex) Parte anteriore del giro
sion) Comunicazione non-verbale di in lingua inglese, per esempio, ve ne del cingolo, localizzata sotto il lobo
emozioni attraverso la contrazione di sono 40. frontale lungo la superficie mediale.
particolari gruppi di muscoli facciali. I Fonologia (phonology) Il modo in cui i Questa regione è caratterizzata da una
risultati sperimentali suggeriscono l’e- suoni di una lingua sono organizzati per citoarchitettura primitiva (corteccia a
sistenza di sei espressioni facciali uma- creare significati. tre strati) e fa parte dell’interfaccia fra il
ne fondamentali, che rappresentano al- lobo frontale e il sistema limbico. È im-
trettanti stati emozionali: la rabbia, la Fotorecettori (photoreceptors) Cellule plicata in varie funzioni esecutive come
paura, il disgusto, la felicità, la tristezza della retina specializzate nel trasdur- il monitoraggio delle risposte, il rileva-
e la sorpresa. re l’energia luminosa in variazioni del mento degli errori e l’attenzione.
potenziale di membrana. I fotorecettori
Estinzione (extinction) Assenza di costituiscono l’interfaccia del sistema Giro fusiforme (fusiform gyrus) Giro
percezione o di risposta a uno stimolo visivo fra il mondo esterno e il sistema localizzato lungo la superficie ventra-
controlaterale a una lesione (controle- nervoso. le del lobo temporale. Come gli studi
sionale), quando esso è presentato si- di neuroimmagine hanno dimostrato,
multaneamente a uno stimolo omolate- Fovea (fovea) Regione centrale della quest’area risulta costantemente attiva-
rale alla lesione (ipsilesionale). retina che è densamente fitta di coni e ta quando gli stimoli che i soggetti os-
permette un’alta risoluzione delle infor- servano sono volti. Le lesioni neurolo-
Familiarità (familiarity) Memoria che mazioni visive giche che coinvolgono il giro fusiforme
non contiene consapevolezza episodica
Frenologia (phrenology) Studio della si associano a prosopagnosia, benché il
dell’evento precedente, ma è riconosciu-
forma della testa umana, basato sulla danno investa anche altre regioni della
to dalla sensazione che l’item è stato vi-
corteccia.
sto in precedenza – cioè, dalla sua sen- convinzione che le variazioni osservabi-
sazione di familiarità. li alla superficie del cranio rivelino spe- Giustizia retributiva (retributive ju-
cifiche caratteristiche intellettive e della stice) Giustizia che impone punizioni
Fascicolo arcuato (arcuate fasciculus)
personalità. Oggi non si attribuisce alla commisurate con la gravità del crimine
Tratto di sostanza bianca che connette
frenologia alcuna validità. come migliore risposta a esso.
la regione temporale posteriore con le
regioni frontali del cervello; si ritiene sia Gangli della base (basal ganglia) Aggre- Giustizia riparativa (restorative justice)
coinvolto nella trasmissione dell’infor- gato di cinque nuclei subcorticali: nucleo Tentativo di riparare ai danni, coinvol-
978-88-08-15140-7 Glossario 9

gendo l’autore, la vittima e la comunità integrate in un’intera frase, un discorso mediale; riceve input da vaste regioni
nella risoluzione. o in un ampio contesto corrente di un corticali, attraverso afferenze dalle re-
messaggio. gioni circostanti al lobo temporale, e
Giustizia utilitarista (utilitarian justi-
invia proiezioni a stazioni subcorticali.
ce) Nota anche come consequenziali- Integrazione multisensoriale (multi-
È coinvolto nei processi dell’apprendi-
smo, è una giustizia lungimirante, in- sensory integration) Integrazione delle
mento e della memoria, in particolare
teressata al maggior bene futuro per la informazioni provenienti da più di una
della memoria spaziale nei mammiferi
società. Ciò può comportare o meno la modalità sensoriale. Guardare qual-
e della memoria episodica negli esseri
punizione, la deterrenza, l’incapacita- cuno parlare richiede l’integrazione
umani.
zione e la riabilitazione, e può essere o dell’informazione uditiva e visiva.
meno «equa». Lateralità manuale (handedness) Ten-
Interfaccia cervello-macchina (BMI)
denza da parte di una persona a com-
Glomeruli (glomeruli) Neuroni del bul- (brain-machine interface) Dispositivo
piere la maggioranza delle azioni con la
bo olfattivo. che usa l’interpretazione dei segnali
mano destra oppure, in alternativa, con
neuronali per eseguire le operazioni
Gradiente elettrico (electrical gradient) la sinistra.
desiderate con un dispositivo esterno al
Forza elettrica che si sviluppa quando
corpo. Per esempio, i segnali registrati Legge di Ribot (Ribot’s Law) Vedi Gra-
le cariche si distribuiscono attraverso
dai neuroni o EEG possono essere usati diente temporale.
la membrana del neurone in modo tale
per muovere un braccio protesico.
che la faccia interna della membrana ar- Lesione cerebrale (brain lesion) Danno
riva ad avere una carica più positiva, o Interneuroni spinali (spinal interneu- strutturale alla sostanza bianca o a quel-
più negativa, della faccia esterna. È il ri- rons) Neuroni trovati nel midollo spi- la grigia del cervello. Le lesioni possono
sultato della distribuzione asimmetrica nale. Molti assoni discendenti dal tratto avere molte cause, tra cui tumori, ictus
degli ioni tra i due lati della membrana piramidale ed extrapiramidale hanno e disturbi degenerativi come la malattia
cellulare. sinapsi sugli interneuroni, che, a loro di Alzheimer.
volta, entrano in contatto sinaptico con
Gradiente temporale (temporal gra- Lesione cerebrale traumatica (TBI)
altri interneuroni o motoneuroni alfa.
dient) Effetto per cui alcuni casi di am- (traumatic brain injury) o trauma cra-
nesia retrograda tendono a essere più Interprete (interpreter) Sistema loca- nico. Forma di lesione cerebrale causa-
gravi per gli eventi più recenti. lizzato nell’emisfero sinistro che cerca ta da un incidente, come un incidente
di dare spiegazione degli eventi interni da tuffo, un proiettile o una lesione da
Grafo cerebrale (brain graph) Modello
ed esterni, in modo da produrre risposte esplosione. Solitamente, il danno nella
visivo delle connessioni in alcune parti
comportamentali appropriate. TBI è diffuso sia alla sostanza grigia sia
del sistema nervoso.
ai tratti di sostanza bianca, a causa delle
Iperpolarizzazione (hyperpolarization)
Homunculus Vedi Corteccia somato- forze di accelerazione esperite al mo-
Cambiamento del potenziale di mem-
sensoriale primaria. mento della lesione.
brana nel quale la corrente elettrica
Immagazzinamento (storage) Risultato all’interno della cellula diventa molto Lessico mentale (mental lexicon) Depo-
dell’acquisizione e del consolidamento negativa. Rispetto al potenziale a ripo- sito mentale delle informazioni relative
delle informazioni, tale da generare e so, un’iperpolarizzazione del potenziale alle parole; include le informazioni se-
mantenere una traccia permanente. di membrana è più distante dal livello di mantiche (significato delle parole), le in-
soglia. Confronta con Depolarizzazione. formazioni sintattiche (regole per usare
Infarto ischemico o incidente cerebra-
le parole) e le caratteristiche riguardanti
le vascolare (cerebral vascular accident) Ipocinesia (hypokinesia) Disordine del
la forma delle parole (ortografia e pat-
Una perdita rapida della funzionalità movimento caratterizzato dall’assenza
tern fonologico).
cerebrale a causa di una compromis- o dalla riduzione della produzione del
sione dell’apporto di sangue al cervello, movimento. L’ipocinesia è un pronun- LGN Vedi Nucleo genicolato laterale.
secondaria a un’occlusione o a un’emor- ciato sintomo del morbo di Parkinson.
Lobo frontale (frontal lobe) Massa di
ragia arteriosa.
Ipotalamo (hypothalamus) Piccolo ag- corteccia situata anteriormente al solco
Inibizione di ritorno (IOR) (inhibition gregato di nuclei che formano il pavi- centrale e dorsalmente alla scissura di
of return) Ipotetico processo sottostante mento del terzo ventricolo. L’ipotalamo Silvio. Il lobo frontale comprende due
al rallentamento dei tempi di reazione è importante per il sistema nervoso au- principali regioni - la corteccia motoria
che si manifesta, dopo un certo tempo, tonomo e il sistema endocrino; inoltre e la corteccia prefrontale - ognuna delle
quando un evento sensoriale attrae au- controlla le funzioni necessarie per il quali può essere ulteriormente suddivi-
tomaticamente l’attenzione verso una mantenimento dell’omeostasi. sa in aree specifiche sia per la loro cito-
certa posizione (cioè con un cue automa- architettura sia per la loro funzione.
Ipotesi del riferimento retroattivo
tico). Come indica il nome, l’inibizione
(backward referral hypothesis) Ipotesi di Lobo occipitale (occipital lobe) Lobo
di ritorno viene spiegata come un’inibi-
Libet secondo la quale la consapevolez- situato nella regione posteriore della
zione delle posizioni su cui si è di recente
za di un evento neurale è ritardata ap- corteccia cerebrale; contiene soprattut-
focalizzata l’attenzione, così che il ritor-
prossimativamente di 500 millisecondi to neuroni coinvolti nell’elaborazione
no dell’attenzione su quella data posizio-
dopo l’inizio dell’evento stimolante, e dell’informazione visiva.
ne (od oggetto) risulta inibito.
secondo cui questa consapevolezza vie-
Lobo parietale (parietal lobe) Lobo lo-
Insula (insula) Una parte della corteccia ne riferita a ritroso nel tempo fino all’i-
calizzato posteriormente al solco cen-
che, com’è noto, elabora l’informazione nizio di tale evento.
trale, anteriormente al lobo occipitale e
gustativa.
Ippocampo (hippocampus) Cavalluccio superiormente alla corteccia temporale
Integrazione lessicale (lexical integra- marino del cervello. Una struttura stra- posteriore. Questa regione corticale
tion) Funzione delle parole che vengono tificata, localizzata nel lobo temporale contiene una vasta gamma di strutture
10 Glossario 978-88-08-15140-7

neurali, tra cui la corteccia somatosen- esistono varie versioni, tra cui: il beha- Memoria non dichiarativa (nondecla-
soriale, la corteccia gustativa e la cortec- viorismo filosofico, il materialismo ri- rative memory) Conoscenze a cui di
cia associativa parietale, che comprende duttivo e il funzionalismo. norma non abbiamo accesso a livello
le regioni coinvolte nell’orientamento cosciente, come le abilità motorie e co-
MEG Vedi Magnetoencefalografia.
visuomotorio, nell’attenzione e nella gnitive (conoscenza procedurale). Per
rappresentazione spaziale. Memoria (memory) Il persistere dell’ap- esempio, il saper andare in bicicletta è
prendimento in una forma che può tro- una forma di conoscenza non dichiara-
Lobo temporale (temporal lobe) Por-
vare espressione manifesta a distanza di tiva. Anche se possiamo descrivere l’a-
zioni ventrali laterali della corteccia
tempo. zione, non è facile individuare le esatte
cerebrale, limitate superiormente dalla
scissura di Silvio e posteriormente dal Memoria a breve termine (short-term informazioni che servono per andare in
margine anteriore del lobo occipitale e memory) Si riferisce alla ritenzione del- bicicletta. Confronta con Memoria di-
dalla porzione ventrale del lobo parieta- le informazioni per alcuni secondi o chiarativa.
le. Le porzioni ventrali mediali conten- minuti. Vedi anche Memoria di lavoro. Memoria procedurale (procedural me-
gono il complesso dell’ippocampo e l’a- Confronta con Memoria a lungo termine mory) Forma di memoria non dichia-
migdala. Le regioni neocorticali laterali e Memoria sensoriale. rativa, coinvolta nell’apprendimento di
sono coinvolte negli aspetti d’ordine su- una vasta gamma di abilità motorie (per
Memoria a lungo termine (long-term
periore della visione (analisi dell’ogget- es. saper andare in bicicletta) e cogniti-
memory) Ritenzione delle informazioni
to), nella rappresentazione delle infor- ve (per es. l’acquisizione delle abilità di
sul lungo periodo, da ore a giorni a anni.
mazioni concettuali sul mondo visivo e lettura).
Confronta con Memoria a breve termine
nelle rappresentazioni linguistiche. Le
e Memoria sensoriale. Memoria relazionale (relational me-
porzioni superiori comprese nelle pro-
fondità della scissura di Silvio conten- Memoria dell’ordine temporale (re- mory) Memoria che lega i singoli pezzi
gono la corteccia uditiva. cency memory) La memoria della suc- di informazione rilevante a una partico-
cessione temporale in cui si sono veri- lare memoria e che sostiene le memorie
M1 Vedi Corteccia motoria primaria. episodiche.
ficati eventi precedenti. È una forma di
Magnetoencefalografia (MEG) (ma- memoria episodica in quanto implica Memoria semantica (semantic memory)
gnetoencephalography) Misura dei se- il ricordarsi quando è accaduto uno Conoscenza fondata sui fatti appresi,
gnali magnetici generati dal cervello. specifico evento. I pazienti con lesioni che, tuttavia, non include la conoscenza
L’attività elettrica dei neuroni produce prefrontali forniscono una scarsa pre- del contesto in cui tale apprendimento
anche piccoli campi magnetici, che pos- stazione nei test di memoria dell’ordine ha avuto luogo. Una forma di memoria
sono essere rilevati per mezzo di apposi- temporale, a fronte di una memoria a dichiarativa. Confronta con Memoria
ti sensori posizionati sul cuoio capellu- lungo termine relativamente intatta. episodica.
to, analogamente al modo in cui l’EEG
Memoria dichiarativa (declarative me- Memoria sensoriale (sensory memory)
misura l’attività elettrica di superficie.
mory) Le conoscenze a cui abbiamo Ritenzione delle informazioni senso-
La MEG può essere usata per registra-
accesso a livello cosciente; comprendo- riali per breve tempo, da millisecondi
zioni correlate a eventi, come gli ERP, e
no le conoscenze generali sul mondo e a secondi, come quando recuperiamo
con una risoluzione temporale simile.
quelle personali (eventi e fatti). Il ter- ciò che ci è stato detto un attimo prima
La risoluzione spaziale può essere, in te-
mine «dichiarativa» indica che queste mentre non prestavamo attenzione. La
oria, superiore poiché i segnali magne-
conoscenze possono essere dichiarate memoria sensoriale uditiva è chiama-
tici subiscono una distorsione minimale
e che in genere siamo consapevoli del ta memoria ecoica, mentre la memoria
da parte dei tessuti organici, come sono
fatto di possederle. Confronta con Me- sensoriale visiva è chiamata memoria
quelli del cervello o del cranio.
moria non dichiarativa. iconica. Confronta con Memoria a breve
Mappa retinotopica (retinotopic map) termine e Memoria a lungo termine.
Memoria episodica (episodic memory)
Rappresentazione topografica nel siste-
Informazione immagazzinata relativa Mesencefalo (midbrain) Consiste del
ma nervoso, che riflette le proprietà spa-
agli eventi della propria vita, comprese «tetto» (la porzione dorsale del mesen-
ziali dell’ambiente in un sistema di rife-
le informazioni relative a quando sono cefalo), del tegmento (la porzione prin-
rimento basato sull’occhio (sulla vista).
accaduti e cosa è accaduto. La memoria cipale) e delle regioni ventrali, occupa-
Per esempio la corteccia visiva primaria
episodica è una forma di memoria di- te dai grossi fasci di fibre (crus cerebri,
contiene una mappa retinotopica del
chiarativa. cioè, i peduncoli cerebrali, che costitu-
lato controlaterale dello spazio rispetto
al centro dello sguardo. Memoria di lavoro (working memory) iscono il piede mesencefalico) che dal
Rappresentazioni transitorie delle in- prosencefalo vanno al midollo spinale
Marker somatico (somatic marker) (tratto corticospinale), al cervelletto e
formazioni rilevanti per il compito.
Meccanismo fisiologico-emozionale al tronco encefalico (tratto corticobul-
Tali rappresentazioni possono essere
che, una volta, si teorizzava aiutasse a bare). Il mesencefalo contiene i neuroni
collegate a informazioni appena riatti-
vagliare le possibili opzioni e a prendere che partecipano alle funzioni visuo-
vate ma apprese in un passato lontano,
una decisione. Si pensava che i marker motorie (per es. il collicolo superiore,
a informazioni associate a qualcosa che
somatici fornissero un metro comune di il nucleo oculomotore, il nucleo trocle-
è presente al momento nell’ambiente, o
valutazione dei potenziali benefici delle
ancora riferirsi a qualcosa che è stato are), ai riflessi visivi (per es. la regio-
diverse opzioni.
esperito di recente. Le rappresentazioni ne pretettale), ai relè uditivi (collicolo
Materialismo (materialism) Uno dei della memoria di lavoro guidano il com- inferiore); inoltre contiene i nuclei del
principali approcci filosofici con cui si portamento nel presente, e costituisco- tegmento mesencefalico coinvolti nella
affronta il tema della coscienza, basato no quella che è stata chiamata «la lava- coordinazione motoria (nucleo rosso). È
sulla concezione che mente e cervello gna della mente». Vedi anche Memoria a delimitato rostralmente dal diencefalo e
abbiano entrambi una natura fisica. Ne breve termine. caudalmente dal ponte.
978-88-08-15140-7 Glossario 11

MGN (medial geniculate nucleus) Vedi morte delle cellule dopaminergiche nel- nervoso. L’attività neurale è caratteriz-
Nucleo genicolato mediale. la sostanza nera (substantia nigra). I sin- zata da cambiamenti fisiologici che pos-
tomi principali comprendono: difficoltà sono essere descritti dal punto di vista
Microstimolazione (microstimulation)
di avvio e lentezza dei movimenti, scar- sia elettrico sia chimico. I cambiamenti
Iniezione di una corrente elettrica nelle
sa articolazione del discorso e, in alcuni possono essere osservati a molti livelli,
vicinanze di un gruppo di neuroni che
casi, tremore a riposo. che vanno dalle variazioni più grossola-
si vuole esaminare, al fine di indurne
ne registrate dall’EEG all’attività di sca-
l’attività neurale. La microstimolazione Morfema (morpheme) I morfemi sono
rica dei singoli neuroni, ai cambiamenti
consente allo sperimentatore di mani- le più piccole unità grammaticali di molecolari che si verificano a livello del-
polare la normale attività neurale e os- una lingua che portano bit di signi- la sinapsi.
servare le conseguenze sul suo compor- ficato. Possono essere o meno parole
tamento. intere; per esempio, cane, spiedo, come Neurone (neuron) Uno dei due tipi di
pure a- e -mente (cioè, la particella di cellula (assieme alle cellule gliali) del
Mielencefalo (myelencephalon) Vedi
negazione, per es. afone, e la desinenza sistema nervoso. I neuroni sono respon-
Bulbo.
avverbiale, per es. verbalmente, N.d.C.), sabili dell’informazione sensoriale, mo-
Mielina (myelin) Sostanza grassa che sono morfemi. toria, cognitiva e affettiva.
circonda gli assoni di molti neuroni
Motoneuroni alfa (alpha motor neurons) Neuroni specchio (mirror neuron) Neu-
e aumenta la resistenza elettrica della
Neuroni che terminano sulle fibre mu- roni che mostrano risposte simili quan-
membrana, contribuendo ad accelerare
scolari, causandone la contrazione che do un animale sta eseguendo un’azione o
la conduzione dei potenziali d’azione.
produce il movimento. Hanno origine sta osservando un’azione prodotta da un
Modello di codifica (encoding model) nel midollo spinale e i loro assoni escono altro organismo. È stato ipotizzato che i
Modello inerente al modo in cui l’infor- attraverso la radice ventrale del midollo. neuroni specchio forniscano un forte le-
mazione dell’ambiente è rappresentata. game tra percezione e azione, fornendo
I modelli di codifica vengono utilizzati MRI Vedi Visualizzazione neurofunzio- forse una base importante per lo svilup-
nella fMRI per predire la risposta BOLD nale con risonanza magnetica. po della conoscenza concettuale.
a stimoli diversi. Negatività correlata all’errore o rispo- Neuroscienze cognitive (cognitive neu-
Modello previsionale (forward model) sta ERN (da error-related negativity) Se- roscience) Studio delle modalità con cui
Costrutto teorico che fa riferimento gnale elettrico derivato dall’EEG, che si il cervello rende possibile la mente.
all’idea che il cervello generi previsioni manifesta in seguito a una risposta sba-
gliata. L’ERN appare come una grande Neuroscienze cognitive e sociali (social
su eventi attesi. Nel controllo motorio,
deflessione negativa nell’ERP; si sup- cognitive neuroscienze) Settore emergen-
un modello forward si riferisce alla pre-
pone abbia origine nel giro del cingolo te delle scienze del cervello che combina
visione delle conseguenze sensoriali di
anteriore. la psicologia sociale della personalità e
un movimento.
le neuroscienze cognitive con l’obiettivo
Modulo (module) Unità di elaborazio- Neglect, sindrome del (neglect) Vedi di capire i meccanismi neurali coinvolti
ne specializzata del sistema nervoso. Si Negligenza spaziale unilaterale. nell’interazione sociale umana.
ipotizza che i moduli eseguano compu- Negligenza spaziale unilaterale (uni- Neurotrasmettitore (neurotransmitter)
tazioni specifiche; per esempio, alcuni lateral spatial neglect) o semplicemente Sostanza chimica che trasmette il se-
studiosi credono che esistano moduli Neglect, o Negligenza spaziale. Pattern gnale fra i neuroni, a livello delle sinapsi
per la percezione dell’eloquio, distinti comportamentale esibito dai pazienti chimiche.
da quelli usati per la percezione uditiva. neurologici con lesioni al prosencefa-
lo, i quali non riescono – o sono molto Nocicettori (nociceptors) Recettori so-
Molteplici realizzabilità (multiple rea-
lenti – a riconoscere oggetti o eventi matosensoriali che convogliano l’infor-
lizability) Tesi della filosofia della mente
nell’emispazio controlesionale. Si asso- mazione sul dolore.
che sostiene che un singolo stato menta-
le o evento (come il dolore) possa essere cia soprattutto a un danno alla corteccia Nodo di Ranvier (node of Ranvier) Re-
realizzato da molti stati fisici o eventi, parietale destra. gione in cui la guaina mielinica è inter-
diversi. Neocorteccia (neocortex) Porzione della rotta fra due aree successive dell’assone,
corteccia che, tipicamente, include sei e al cui livello vengono generati i poten-
Monitoraggio (monitoring) Funzio-
strati principali (con vari sottostrati), e ziali d’azione.
ne esecutiva associata al valutare se le
rappresentazioni e/o le azioni in atto che ha un alto grado di specializzazione Nucleo (nucleus) 1. In neuroanatomia,
possano facilitare l’ottenimento degli dell’organizzazione neuronale. La ne- insieme di corpi cellulari nel sistema ner-
attuali obiettivi. Tale sistema di moni- ocorteccia si compone di aree come la voso centrale, per esempio il nucleo ge-
toraggio può servire a evitare o a cor- corteccia sensoriale primaria, la cortec- nicolato laterale. 2. In biologia, organello
reggere gli errori, una delle operazioni cia motoria primaria e la corteccia asso- cellulare dove il DNA è immagazzinato.
ipotizzate per il supposto sistema atten- ciativa; come il suo nome suggerisce, è il
tipo di corteccia più moderno (evoluto). Nucleo accumbens (nucleus accum-
tivo supervisore.
bens) Parte ventrale dello striato, uno
Monticolo assonico (axon hillock) Neuroeconomia (neuroeconomics) dei nuclei dei gangli della base. Il nucleo
Parte del corpo cellulare di un neuro- Campo emergente delle scienze del accumbens è associato al sistema di ri-
ne dove sono sommati i potenziali di cervello che combina l’economia e le compensa del cervello, mostrando va-
membrana, prima di essere trasmessi neuroscienze cognitive con l’obiettivo riazioni di attività in risposta al rinforzo
lungo l’assone. di comprendere i meccanismi neurali sia primario sia secondario.
coinvolti nei processi decisionali.
Morbo di Parkinson (Parkinson’s di- Nucleo degli affetti (core affect) Rappre-
sease) Malattia degenerativa dei gangli Neurofisiologia (neurophysiology) Stu- sentazione mentale dell’input sensoriale
della base; la patologia è causata dalla dio dei processi fisiologici del sistema proveniente dal corpo e dal mondo.
12 Glossario 978-88-08-15140-7

Nucleo genicolato laterale (LGN) (late- PET Vedi Tomografia a emissione di po- di una cellula che non sta producendo
ral geniculate nucleus) Nucleo talamico sitroni. segnali.
su cui convergono principalmente gli
PiB (PiB) Composto radioattivo utiliz- Potenziale correlato a evento o poten-
assoni del tratto ottico. Le efferenze dal
zato come tracciante in studi PET per ziale evocato (ERP) (event-related po-
nucleo genicolato laterale sono dirette
marcare la beta-amiloide, una molecola tential) Variazione nell’attività elettrica
soprattutto alla corteccia visiva prima-
che è associata al morbo di Alzheimer. sincronizzata con eventi specifici, come
ria (area 17 di Brodmann). Confronta
La scoperta del PiB ha fornito un im- la presentazione di un certo stimolo o
con Nucleo genicolato mediale.
portante biomarcatore per identificare l’insorgere di una certa risposta. Quan-
Nucleo genicolato mediale (MGN) la popolazione a rischio per lo sviluppo do gli eventi si ripetono molte volte, le
(medial geniculate nucleus) Insieme di di questa malattia. variazioni relativamente piccole dell’at-
corpi cellulari nella porzione mediale tività neurale da essi innescata diventa-
Planum temporale (planum temporale)
del talamo coinvolto nell’elaborazio- no osservabili estraendo la media (ave-
Area alla superficie del lobo temporale
ne dell’informazione uditiva. L’output raging) dei segnali EEG. Ciò permette
che comprende l’area di Wernicke. A
del nucleo genicolato mediale è diretto di eliminare le fluttuazioni di fondo del
lungo si è ritenuto che fosse più estesa
principalmente alla corteccia uditiva segnale EEG, rivelando il segnale corre-
nell’emisfero sinistro per effetto della
primaria. Confronta con Nucleo genico- lato agli eventi con una notevole risolu-
lateralizzazione delle funzioni del lin-
lato laterale. zione temporale.
guaggio, ma attualmente questa teoria è
Nucleo reticolare talamico (TRN) (tha- messa in dubbio. Potenziali d’azione (action potentials)
lamic reticular nucleus) Sottile strato di Segnali elettrici attivi o rigenerativi ne-
Polo frontale (FP) (frontal pole) Parte
neuroni che circondano i nuclei del tala- cessari per la comunicazione sinaptica. I
più anteriore della corteccia prefronta-
mo, il quale riceve input dalla corteccia potenziali d’azione sono propagati lun-
le, che include l’area 10 e parti dell’area
e dalle strutture sottocorticali e invia go l’assone e, come risultato, producono
9. Si ipotizza che questa regione giochi
proiezioni ai nuclei di scambio talamici. il rilascio del neurotrasmettitore.
un ruolo critico nella rappresentazione
Odorante (odorant) Molecola traspor- gerarchica delle azioni dirette a un fine. Potenziale sinaptico (synaptic poten-
tata nell’aria, che induce l’attivazione tial) Differenza di voltaggio sui due lati
Pompa ionica (ion pump) Proteine della
dei recettori olfattivi e che può essere della membrana nella sinapsi durante la
membrana cellulare dei neuroni capaci
percepita come dotata di odore quando trasmissione sinaptica.
di trasportare ioni contro il loro gra-
elaborata tramite il sistema olfattivo.
diente di concentrazione. La pompa so- Presinaptico (presynaptic) Riferito al
Confronta con Sostanza sapida.
dio-potassio trasporta ioni sodio fuori neurone che precede la sinapsi, relativa-
Optogenetica (optogenetics) Procedura dal neurone e ioni potassio all’interno mente al flusso dell’informazione. Con-
nella quale viene eseguita una mani- del neurone. fronta con Postsinaptico.
polazione genetica che risulterà nell’e-
Ponte (pons) Regione del cervello che Priming (priming) Forma di apprendi-
spressione di una proteina fotosensibile.
comprende le zone tegmentali pontine mento nella quale il comportamento, o
Lo sperimentatore può, quindi, attivare
sul pavimento del quarto ventricolo e il una risposta fisiologica, è alterato a causa
i neuroni esponendo il tessuto alla luce.
ponte propriamente detto, un vasto si- di qualche stimolo o stato recente. Solita-
La manipolazione genetica può essere
stema di tratti frammisti ai nuclei pon- mente, il priming si riferisce a variazioni
modificata in modo tale che l’espressio-
tini. Le fibre sono proiezioni corticali che si verificano con una scala temporale
ne della proteina sia limitata a particola-
dirette al midollo spinale, al tronco en- breve; per esempio, sentire la parola «fiu-
ri regioni neurali.
cefalico e alle regioni cerebellari. Inoltre me» innesca la parola «acqua».
Parafasia semantica (semantic pa- il ponte comprende i nuclei sensoriali
raphasia) Produzione di una parola primari per gli input uditivi e vestibola- Procedura di Montreal (Montreal pro-
correlata con il significato della parola ri, i nuclei per gli input somatosensoria- cedure) Creata da Wilder Penfield e Her-
voluta (per es. cavallo al posto di muc- li provenienti da – e i nuclei motori che bert Jasper, è una procedura per trattare
ca) invece che la parola voluta stessa. proiettano a – volto e bocca. Nelle regio- l’epilessia, nella quale i neuroni che pro-
Ne soffrono i pazienti affetti da afasia ni anteriori del ponte si trovano anche i ducevano scariche epilettiche venivano
di Wernicke, i quali spesso producono neuroni della formazione reticolare. chirurgicamente distrutti.
parafasie semantiche. Profittatore (free-rider) Persona che
Postsinaptico (postsynaptic) Riferito al
Percezione subliminale (subliminal neurone che segue la sinapsi, relativa- beneficia dei beni o servizi di un altro
perception) Quando uno stimolo non è mente al flusso dell’informazione. Con- senza alcun costo per se stesso.
coscientemente percepito, ma ciò non di fronta con Presinaptico. Propriocezione (proprioception) Con-
meno influenza lo stato di coscienza di sapevolezza della posizione delle pro-
Potenziale di equilibrio (equilibrium
qualcuno. prie parti del corpo, come gli arti. Tale
potential) Potenziale di membrana in
Periodo refrattario (refractory period) corrispondenza del quale non c’è flusso consapevolezza nasce delle informazio-
Breve intervallo di tempo che segue a netto di una certa classe di ioni (per es. ni fornite da cellule nervose specializ-
un potenziale d’azione, durante il quale K+) attraverso la membrana; ovvero, il zate alla connessione dei muscoli e dei
il neurone può non riuscire a generare numero di ioni che fuoriesce è uguale tendini.
altri potenziali d’azione, oppure può a quello degli ioni che penetrano all’in- Prosopagnosia (prosopagnosia) Sin-
farlo soltanto con correnti depolariz- terno.
drome neurologica caratterizzata da
zanti superiori alla norma.
Potenziale di membrana a riposo (re- un deficit nella capacità di riconoscere
Permeabilità (permeability) Entità del sting membrane potential) Differenza di i volti. Alcuni pazienti mostrano un de-
passaggio degli ioni attraverso la mem- potenziale tra le due facce della mem- ficit selettivo nella percezione dei volti,
brana del neurone. brana di un neurone a riposo, ovvero quindi un deficit categoria-specifico. In
978-88-08-15140-7 Glossario 13

altri pazienti, la prosopagnosia fa parte nel cervello in modo tale che l’attività possano essere correlate con variazioni
di un quadro di agnosia più generale. È di molte cellule possa essere registrata locali nell’attività neuronale.
spesso associata a lesioni bilaterali della simultaneamente.
Risposta N400 (N400 response) O sem-
via ventrale, benché possa manifestar-
Regolazione dell’emozione (emotion plicemente «la N400». Potenziale corre-
si anche in seguito a lesioni unilaterali
regulation) Regolazione intenzionale del lato a eventi con polarità negativa che
dell’emisfero destro.
modo in cui proviamo le nostre emozio- è indotto dalle parole e che ha un’am-
PRS Vedi Sistema di rappresentazione ni e rispondiamo a esse. piezza maggiore per le parole che non
percettiva. si adattano al contesto della frase. Con-
Rete neurale (neural network) Modello fronta con Risposta P600.
Psicologia cognitiva (cognitive psycho- computerizzato nel quale l’elaborazio-
logy) Branca della psicologia che studia ne è distribuita tra le unità i cui input Risposta P600 (P600 response) Anche
in che modo la mente rappresenti inter- e output rappresentano specifiche ca- Variazione sintattica positiva. Potenzia-
namente il mondo esterno ed esegua le ratteristiche. Per esempio, queste pos- le correlato a eventi con polarità positi-
computazioni richieste dalle funzioni sono indicare se uno stimolo contenga va indotto quando le parole violano le
intellettive. Gli psicologi cognitivi stu- una caratteristica visiva, come una linea regole sintattiche nelle frasi. Confronta
diano l’ampia gamma delle operazioni orizzontale o verticale. con Risposta N400.
mentali associate a fenomeni come la
Retina (retina) Strato di neuroni presen- Rottura della simmetria (symmetry
percezione, l’attenzione, la memoria, il
te alla superficie posteriore dell’occhio. breaking) Termine della fisica con il
linguaggio e la risoluzione dei problemi.
Contiene una vasta gamma di cellule, quale si descrive il fenomeno che si ve-
Pulvinar (pulvinar) Vasta regione del tra cui i fotorecettori (le cellule che ri- rifica quando piccole fluttuazioni che
talamo posteriore che comprende molti spondono alla luce) e le cellule gangliari agiscono su un sistema in un punto
nuclei che hanno interconnessioni con (i cui assoni formano il nervo ottico). critico determinano quali dei vari esiti
specifiche regioni della corteccia. equiprobabili si verificheranno.
Retinotopico (retinotopic) Attributo
Qualia (qualia) Termine filosofico che si con cui si definisce la mappa topogra- S1 Vedi Corteccia somatosensoriale pri-
riferisce alla percezione soggettiva di un fica dello spazio visivo in una limitata maria.
individuo o all’esperienza di qualcosa. regione del cervello. Nei diversi punti S2 Vedi Corteccia somatosensoriale se-
Rappresentazione distribuita (distri- della retina, l’attivazione è determinata condaria.
buted representation) Idea che l’infor- dalla riflettanza della luce proveniente
dall’ambiente. Una mappa cerebrale re- SAS Vedi Sistema attentivo supervisore.
mazione possa essere immagazzinata in
grandi popolazioni di neuroni, localiz- tinotopica è una rappresentazione in cui Scissura (o fessura) (laterale) di Silvio
zate in regioni cerebrali relativamente viene mantenuta una forma ordinata di [Sylvian (lateral) fissure] Grossa fessura
diffuse. Si contrappone all’idea che la corrispondenza spaziale. A livello corti- (scissura) (o solco) sulla superficie late-
rappresentazione mnestica di alcuni cale e subcorticale sono state identifica- rale della corteccia cerebrale descritta
item sia depositata in un distinto e ben te molteplici mappe retinotopiche. per la prima volta dall’anatomista Fran-
localizzato insieme di neuroni. Ricerca sul cervello diviso (split-brain ciscus Sylvius (italianizzato in «France-
research) Studi condotti su pazienti a sco Silvio», pseudonimo del medico e
Razionalismo (rationalism) Idea che
cui è stato reciso chirurgicamente il anatomista tedesco Franz de le Boë, Ha-
pensando correttamente, e respingendo
corpo calloso, in genere quale tratta- nau 1614 - Leida 1672, N.d.C.). La scis-
tutto ciò che non può essere dimostrato
mento radicale di una forma molto gra- sura silviana separa la corteccia frontale
od ogni forma di superstizione, sia pos-
ve di epilessia. dal lobo temporale sottostante.
sibile stabilire conoscenze vere.
Rielaborazione (reappraisal) Strate- Scotoma (scotoma) Regione dello spa-
rCBF Vedi Flusso sanguigno cerebrale
gia precoce cognitiva per riconsiderare zio esterno da cui una persona, o un
regionale.
un’emozione. animale, non riesce a percepire nessuno
Recupero (retrieval) Utilizzo di infor- stimolo visivo in conseguenza di danni
mazioni immagazzinate in memoria per Rinforzo primario (primary reinforcer) neurali. Gli scotomi derivano da lesioni
generare una rappresentazione coscien- Ricompensa o risultato che ha un diret- alla corteccia visiva primaria o lesioni
te o per produrre un comportamento to beneficio per la sopravvivenza. Esem- parziali alle vie visive ascendenti. La
appreso, per esempio un atto motorio. pi classici sono il cibo, l’acqua e il sesso, grandezza e la posizione variano a se-
Confronta con Codifica. senza nessuno dei quali l’individuo e la conda dell’estensione e della localizza-
specie potrebbero sopravvivere. zione del danno.
Registrazione da singole cellule (sin-
gle-cell recording) Metodo neurofisiolo- Rinforzo secondario (secondary rein- Selezione lessicale (lexical selection)
gico per monitorare l’attività di singoli forcer) Ricompense che non hanno un Processo di selezione dall’insieme delle
neuroni. La procedura richiede di po- valore intrinseco o diretto, ma che han- rappresentazioni attivate dalla parola
sizionare un piccolo elettrodo di regi- no acquisito la loro desiderabilità come che meglio corrisponde all’input sen-
strazione all’interno di un neurone, o parte di norme sociali e culturali. Dena- soriale.
più spesso, vicino alla sua membrana ro e stato sociale sono rinforzi secondari
importanti. Selezione precoce (early selection) Mo-
esterna. L’elettrodo misura le variazioni
dello teorico secondo il quale l’atten-
del potenziale di membrana e può essere
Risonanza magnetica funzionale per zione seleziona (parzialmente o com-
usato per determinare le condizioni che
immagini (fMRI) (functional magnetic pletamente) le informazioni in entrata,
inducono la risposta cellulare.
resonance imaging) Metodo di visualiz- prima che siano sottoposte a un’analisi
Registrazione multicellulare (multiu- zazione neurofunzionale che utilizza la percettiva completa e codificate come
nit recording) Procedura fisiologica in MRI per tracciare le variazioni del flus- informazioni categoriali o semantiche.
cui un insieme di elettrodi è inserito so sanguigno nel cervello che si ritiene Confronta con Selezione tardiva.
14 Glossario 978-88-08-15140-7

Selezione tardiva (late selection) Mo- mente gli oggetti ma hanno difficoltà a Sistema nervoso periferico (SNP)
dello teorico secondo il quale tutti gli metterli in relazione fra loro. Quando (peripheral nervous system) Rete che
input subiscono un’analisi percettiva più oggetti sono presentati simultane- trasmette le informazioni sensoriali al
analoga, ma l’attenzione agisce, poi, per amente, questi pazienti tendono a con- SNC, per poi condurre i comandi mo-
filtrare tali input in modo differenziale centrare l’attenzione su uno solo di essi tori del SNC ai muscoli; tutte le parti del
a stadi di elaborazione più tardivi. Con- escludendo gli altri. sistema nervoso al di fuori del cervello e
fronta con Selezione precoce. del midollo spinale. Confronta con Siste-
Sinestesia (synesthesia) Misto di sensa-
Semantica (semantic) Modo in cui il zioni per cui la stimolazione di un senso ma nervoso centrale.
significato viene rappresentato nelle pa- (per es. il tatto) causa automaticamente Sistema neurale (neural system) Gruppi
role di una lingua. un’esperienza percettiva illusoria, nello di circuiti neurali che si combinano per
stesso o in un altro senso (per es. la vi- formare sistemi di maggiore portata per
Sensazione (feeling) Sensazione del sione).
tatto o sensazione cosciente di un’emo- elaborare l’informazione. Per esempio,
zione. Sintassi (syntax) Regole che vincolano il sistema visivo è un sistema che com-
le combinazioni e le sequenze di parole prende molti circuiti neurali più piccoli,
Sensi chimici (chemical senses) I due in una frase. specializzati.
sensi che dipendono da molecole am-
bientali per la stimolazione: gusto e Sistema attentivo supervisore (SAS) Sistema di rappresentazione percet-
olfatto. (supervisory attentional system) Mo- tiva (PRS) (perceptual representation
dello psicologico usato per spiegare la system) Forma di memoria non dichia-
Senzienza (sentience) Capacità di essere flessibilità nella selezione della risposta. rativa che agisce all’interno del sistema
cosciente e di avere un’esperienza sog- Senza il SAS, il comportamento sarebbe percettivo, in cui struttura e forma de-
gettiva. dettato dal contesto, e l’azione selezio- gli oggetti e delle parole possono essere
Simulazione (simulation) Metodo usato nata sarebbe quella prodotta più spesso «innescate» da esperienze precedenti e
nella modellizzazione al computer per nello stesso contesto presente. Il SAS rivelate più tardi mediante test di me-
riprodurre un dato comportamento o permette al comportamento di essere moria implicita.
processo. Le simulazioni richiedono un flessibile, favorendo la scelta dell’azione Sistema specchio (mirror system) Rete
programma che specifichi esplicitamen- in base agli scopi correnti o contribuen- distribuita di neuroni che non rispon-
te il modo in cui le informazioni sono do a tale scelta nelle situazioni insolite. dono solo alla loro azione, ma anche
rappresentate ed elaborate. Il modello Sistema complesso (complex system) alle azioni percepite. Per esempio, un
così ottenuto può quindi essere saggiato Sistema composto da molte parti inter- neurone specchio risponde sia quando
per vedere se i suoi risultati si accordi- connesse, in modo tale che quando le prendete una matita sia quando guar-
no con il comportamento o il processo parti si auto-organizzano in un singolo date qualcun altro prendere una matita.
simulato. Compiuta questa verifica, il sistema, il sistema che ne risulta mostra
programma può essere usato per gene- Sistemi caotici (chaotic systems) Sistemi
una o più proprietà non osservate tra le
rare nuove previsioni. altamente sensibili alle condizioni ini-
proprietà delle singole parti.
ziali. Anche se il loro comportamento
Sinapsi (synapse) Siti specializzati sul- Sistema limbico (limbic system) Insie- futuro è determinato dalle loro condi-
la membrana neurale in cui i neuroni me di varie strutture che formano un zioni iniziali, determinazioni approssi-
prendono contatto con altri neuroni per margine (in latino, limen) intorno al mative di queste condizioni iniziali non
la trasmissione delle informazioni. Le tronco encefalico; chiamato da Paul possono essere utilizzate per indicare la
sinapsi implicano strutture specializza- Broca «le grand lobe limbique», cioè, il condizione futura.
te sia presinaptiche (per es. le vescicole lobo limbico. Tale sistema rappresenta
sinaptiche piene di neurotrasmettitore) la rete neurale delle emozioni, che inclu- SMA Vedi Area motoria supplementare.
sia postsinaptiche (per es. i recettori), de l’amigdala, la corteccia orbitofronta- Smoothing (smoothing) Tecnica di ela-
nei neuroni in cui la trasmissione dei le e varie porzioni dei gangli della base. borazione dei dati usata in studi di im-
segnali è di natura chimica. Vi sono magine funzionale. Dato che il segnale
inoltre sinapsi elettriche che implicano Sistema motorio autonomo (autonomic
motor system) Vedi Sistema nervoso au- misurato è piccolo, rispetto al rumore
strutture speciali, le giunzioni comu- (variazione casuale), le tecniche di ela-
nicanti, grazie alle quali si stabilisce un tonomo.
borazione del segnale forniscono una
collegamento diretto tra il citoplasma di Sistema nervoso autonomo (autono- misura più attendibile, eseguendo una
due neuroni. mic nervous system) Chiamato anche media ponderata del segnale dalla po-
Sinaptogenesi (synaptogenesis) Forma- Sistema motorio autonomo o Sistema sizione osservata con quelle nelle sue
zione delle connessioni sinaptiche fra i visceromotore. Sistema che regola la vicinanze spaziali.
neuroni durante lo sviluppo del sistema frequenza cardiaca, la respirazione e
le secrezioni ghiandolari; può attivarsi SNC Vedi Sistema nervoso centrale.
nervoso.
durante lo stato di arousal causato da SNP Vedi Sistema nervoso periferico.
Sincizio (syncytium) Massa continua un’emozione, dando il via a una risposta
di tessuto che condivide un citoplasma comportamentale di «lotta o fuga» di Soglia (threshold) Valore del potenzia-
comune. fronte a un certo stimolo. Si suddivide le a cui la membrana deve essere de-
in due sezioni, il sistema simpatico e il polarizzata per avviare un potenziale
Sindrome di Bálint (Bálint’s syndrome)
sistema parasimpatico. d’azione.
Disordine cha fa seguito a ictus occipi-
toparietale bilaterale, caratterizzato da Sistema nervoso centrale (SNC) (cen- Solco (sulcus) Detto anche fessura o
difficoltà nella percezione visiva degli tral nervous system) Cervello e midollo scissura. Regione invaginata che appa-
oggetti. I pazienti affetti da questo di- spinale. Confronta con Sistema nervoso re come linee e fenditure alla superficie
sturbo possono identificare corretta- periferico. della corteccia cerebrale.
978-88-08-15140-7 Glossario 15

Solco laterale (lateral fissure) Vedi Scis- una specifica funzione cognitiva o com- Struttura gerarchica (hierarchical
sura di Silvio. portamentale. structure) Struttura che può essere de-
scritta a molteplici livelli, da caratteri-
Solco centrale (central sulcus) Profonda Spina (spine) Piccola protuberanza fis-
stiche globali a caratteristiche locali;
scissura o solco tra la corteccia frontale sata alla superficie dei dendriti da un
le componenti più fini sono incluse in
e parietale, che separa la corteccia mo- piccolo peduncolo. Le sinapsi sono si-
quelle di livello superiore.
toria primaria dalla corteccia somato- tuate sulle spine.
sensoriale primaria. Studi farmacologici (pharmacological
Splenio (del corpo calloso) (splenium)
studies) Metodo sperimentale nel quale
Soma (soma) Corpo cellulare di un neu- Area posteriore del corpo calloso che
la variabile dipendente implica la som-
rone. interconnette i lobi occipitali.
ministrazione di agenti chimici o droga.
Somatotopia (somatotopy) Rappresen- Stimolazione cerebrale profonda Un esempio potrebbe essere quello in
tazione punto-a-punto della superficie (DBS) (deep brain stimulation) Stimo- cui a persone vengono somministra-
corporea all’interno del sistema nervo- lazione elettrica delle strutture cerebra- ti farmaci che agiscono come agonisti
so. Nella corteccia somatosensoriale, li tramite un elettrodo impiantato. La dopaminergici e vengono fatte osserva-
regioni del corpo vicine l’una all’altra stimolazione del nucleo subtalamico (o zioni sulle loro prestazioni in compiti
(per es. il dito indice e il dito medio del- sottotalamico), uno dei nuclei dei gangli decisionali.
la mano) sono rappresentate da neuroni della base, è usata come trattamento per TAC Vedi Tomografia (assiale) compu-
tra loro vicini, mentre regioni più lon- il morbo di Parkinson. terizzata.
tane (per es. il naso e l’alluce) sono co-
dificate da neuroni più distanziati nella Stimolazione magnetica transcranica Talamo (thalamus) Gruppo di nuclei,
corteccia somatosensoriale. (TMS) (transcranial magnetic stimula- che consistono soprattutto di impor-
tion) Metodo non invasivo usato per sti- tanti centri di scambio per gli input
Soppressione (suppression) Esclusione molare i neuroni in un cervello umano somatosensoriali, gustativi, uditivi, vi-
intenzionale di un pensiero o sensazio- sano. Una forte corrente elettrica viene sivi e vestibolari diretti alla corteccia
ne dalla consapevolezza cosciente. rapidamente generata in una bobina cerebrale. Il talamo contiene inoltre i
Sostanza o materia bianca (white (coil), posta sopra la regione designata. nuclei coinvolti nei circuiti gangli del-
matter) Regioni del sistema nervoso La corrente genera un campo magne- la base-corteccia e altri gruppi nuclea-
composte da milioni di singoli assoni, tico che provoca la scarica dei neuroni ri specializzati. Fa parte del diencefalo,
ciascuno circondato dalla guaina mie- nella regione corticale sottostante. A una regione subcorticale localizzata al
linica. È appunto la mielina a conferire livello clinico la TMS viene usata per centro della massa del prosencefalo. Vi
alle fibre il colore biancastro, da cui la valutare la funzione motoria, mediante è un talamo in ciascun emisfero e, nella
sostanza (o materia) bianca deriva il stimolazione diretta della corteccia mo- maggior parte degli esseri umani, le due
suo nome. Confronta con Sostanza o toria. Nella ricerca sperimentale questa strutture sono collegate lungo la linea
materia grigia. procedura viene usata per interrompere mediana tramite la massa intermedia.
temporaneamente l’elaborazione neu-
Sostanza o materia grigia (gray mat- rale, provocando in questo modo brevi TBI Vedi Lesione cerebrale traumatica.
ter) Regioni del sistema nervoso che lesioni reversibili. TC Vedi Tomografia (assiale) compute-
contengono soprattutto i corpi cellulari
Stimolazione transcranica a corrente rizzata.
dei neuroni; per esempio, la corteccia
cerebrale, i gangli della base e i nuclei continua (tDCS) (transcranical direct Tecnica del knock-out (knock-out pro-
del talamo. Viene così chiamata perché, current stimulation) Metodo non inva- cedure) Tecnica con cui si ottiene una
sottoposte all’azione di un liquido con- sivo nel quale una corrente elettrica a versione geneticamente modificata di
servante, queste strutture appaiono gri- basso voltaggio viene creata attraverso una specie. Nella specie «knock-out»
gie rispetto alla «sostanza bianca» com- il cervello applicando due elettrodi sul sono stati alterati o eliminati geni spe-
posta soprattutto da assoni mielinici cuoio capelluto. Si ipotizza che la tDCS cifici. Il metodo può essere usato per
(che sembrano più bianchi). Confronta potenzi i neuroni vicino agli elettrodi studiare i cambiamenti comportamen-
con Sostanza o materia bianca. anodici e iperpolarizzi i neuroni vicino tali negli animali che si sono sviluppati
agli elettrodi catodici. in assenza di un particolare gene, o per
Sostanza nera (substantia nigra) Uno
Stimolo emozionale (emotional stimu- osservare in quale modo i geni determi-
dei nuclei che formano i gangli della
lus) Stimolo altamente rilevante per il nino lo sviluppo del sistema nervoso.
base; si compone di due parti. Gli assoni
della pars compacta – la fonte primaria benessere e la sopravvivenza dell’osser- Tempo interaurale (interaural time)
del neurotrasmettitore dopamina – ter- vatore e che automaticamente provoca Differenza nel tempo impiegato da un
minano nel corpo striato (nucleo cauda- un’emozione. suono per raggiungere i due orecchi.
to e putamen). La pars reticulata è uno Strato (layer) Comune forma di aggre- Queste informazioni sono rappresen-
dei nuclei da cui dipende l’output dei gazione organizzativa dei neuroni nel tate a vari stadi della via uditiva e for-
gangli della base. sistema nervoso centrale. niscono un’indicazione importante per
localizzare i suoni.
Sostanza sapida (tastant) Molecola di
Striato (o neostriato) (striatum) Uno
cibo che stimola un recettore in una cel- Teoria del campo aggregato (aggrega-
dei nuclei dei gangli della base. Lo stria-
lula del gusto per iniziare la trasduzio- te field theory) Concezione secondo la
to è la principale zona di ricezione di
ne sensoriale gustativa. Confronta con quale l’intero cervello partecipa al com-
questi nuclei, ricevendo diffusi input
Odorante. portamento.
dalla corteccia cerebrale e dalle altre
Specializzazione cerebrale (cerebral strutture sottocorticali. Negli esseri Teoria del filtro dinamico (dynamic
specialization) Adattamento dell’attività umani lo striato è composto dal caudato filtering) Ipotesi che una componente
in una particolare regione per sostenere e dai nuclei del putamen. chiave della memoria di lavoro sia coin-
16 Glossario 978-88-08-15140-7

volta nella selezione delle informazioni della distribuzione di un tracciante ra- ti relativi alle informazioni sensoriali e i
più rilevanti per il compito in esecuzio- dioattivo. Lo scanner PET misura i foto- segnali discendenti motori.
ne. Si ritiene che questa selezione avven- ni prodotti durante il decadimento del
Unità gnostica (gnostic unit) Neurone
ga attraverso il filtraggio, ovvero l’esclu- tracciante. Fra i traccianti più usati vi è
o piccolo gruppo di neuroni che sono
sione, delle informazioni irrilevanti e l’ossigeno 15O, perché il tempo di deca-
sintonizzati su uno specifico percetto
potenzialmente in grado di interferire. dimento è veloce e la sua concentrazione
(per es. una mela). Il concetto dell’unità
aumenta nelle regioni neurali attive.
Teoria della mente (theory of mind) gnostica si basa sull’idea secondo cui i
Detta anche Mentalizzazione. Capacità Tomografia (assiale) computerizzata modelli gerarchici della percezione im-
di riflettere sugli stati mentali degli altri (TAC o TC) (computed tomography) plicano che, a livelli superiori del siste-
e sui propri. Ciò permette di prevede- Metodo non invasivo per ottenere im- ma, i neuroni divengano molto più se-
re quello che gli altri possono capire, e magini delle strutture corporee interne, lettivi per ciò che concerne quello a cui
come interagiranno e si comporteranno come il cervello. La TAC è una versio- rispondono.
in una certa situazione. È considerato ne avanzata della radiografia ai raggi X
V1 Vedi Corteccia visiva primaria.
un tratto unico della specie umana. convenzionale. Mentre la tecnica con-
venzionale schiaccia gli oggetti tridi- Valore (value) Entità astratta che fa ri-
Teoria normativa della decisione (nor-
mensionali su due dimensioni, la TAC ferimento alla preferenza complessiva
mative decision theory) Teoria inerente
permette di ricostruire lo spazio tridi- data a uno stimolo o a un’azione. Si as-
al modo in cui le azioni vengono sele-
mensionale a partire da immagini bi- sume che il valore rifletta la combina-
zionate, in cui la premessa di base è che
dimensionali appiattite, mediante l’uso zione di un numero di diversi attributi,
l’individuo faccia la scelta ottimale,
di algoritmi e programmi di calcolo al come l’entità della ricompensa che verrà
avendo considerato le possibili ricom-
computer. ricevuta, la probabilità di tale ricom-
pense e i possibili costi associati a ogni
pensa e gli sforzi e i costi richiesti per
opzione. Topografia (topography) Relazione si-
ottenere la ricompensa.
stematica fra una certa proprietà del
Teoria della simulazione (simulation
mondo esterno e la rappresentazio- Vescicola (vesicle) Organello intracellu-
theory) Resoconto teorico di come com-
ne neurale di quella proprietà. Tra gli lare localizzato nelle terminazioni pre-
prendiamo le menti delle altre persone.
esempi vi sono le mappe retinotopiche sinaptiche delle sinapsi che contiene il
Da questa prospettiva, possiamo prova-
della corteccia visiva, le mappe tonoto- neurotrasmettitore.
re a fare inferenze riguardo alle menti
piche della corteccia uditiva e le mappe
delle persone considerando ciò che po- Vettore di popolazione (population
somatosensoriali delle cortecce motorie
tremmo fare se fossimo al loro posto. vector) Procedura statistica per rappre-
e sensoriali.
sentare l’attività tra un gruppo di neu-
Teoria dell’integrazione delle carat-
Transcorticale (transcortical) Riferita roni. I vettori di popolazione riflettono
teristiche dell’attenzione (feature in-
alla comunicazione tra le regioni della l’attività complessiva tra le cellule, for-
tegration theory of attention) Teoria
corteccia. Per esempio, le fibre transcor- nendo una migliore correlazione con
psicologica della percezione visiva ba-
ticali connettono la corteccia frontale il comportamento rispetto a quella ot-
sata sull’idea che il sistema visivo pos-
con la corteccia temporale. tenuta dall’analisi dei singoli neuroni.
sa elaborare in parallelo caratteristiche
Per esempio, il vettore di popolazione
elementari come il colore, la forma e il Tratti extrapiramidali (extrapyramidal
calcolato in base ai neuroni della cor-
movimento, ma richieda l’attenzione tracts) Insieme di tratti motori che han-
teccia motoria permette di prevedere la
spaziale per legare le caratteristiche che no origine da varie strutture subcortica-
direzione del movimento di un arto.
definiscono un oggetto. li, tra cui il nucleo vestibolare e il nucleo
rosso. Sono particolarmente importanti Via (occipitoparietale) dorsale [dorsal
Teoria descrittiva della decisione (de-
per il mantenimento della postura e (occipitoparietal) stream] Via che si oc-
scriptive decision theory) Teorie che
dell’equilibrio. cupa dell’elaborazione di stimoli visivi,
cercano di descrivere quello che la gen-
specializzata nell’elaborazione spaziale
te fa realmente, non quello che dovreb- Tratto (tract) Fascio di assoni nel siste-
per determinare dove sia un oggetto e
be fare. ma nervoso centrale.
per analizzare le rappresentazioni spa-
Teoria quantistica (quantum theory) Tratto corticospinale (CST) (cortico- ziali tra differenti oggetti in un ambien-
Studio delle più piccole particelle che spinal tract) Denominato anche tratto te (scena). La via dorsale si estende dal
costituiscono gli atomi in modo da piramidale. Fascio di assoni che origi- lobo occipitale alle regioni superiori del
capire le proprietà fondamentali della nano nella corteccia e terminano con lobo temporale e al lobo parietale.
materia. connessioni monosinaptiche sui mo-
Via mesocorticale (mesocortical pa-
toneuroni alfa e sugli interneuroni del
Theory theory (theory theory) Teoria thway) Via attraverso la quale le pro-
midollo spinale. Molte di queste fibre
scientifica dove una persona dà una va- iezioni dopaminergiche viaggiano per
hanno origine nella corteccia motoria
lutazione degli stati mentali di un’altra raggiungere la neocorteccia.
primaria, sebbene una parte provenga
persona in base alle proprie teorie del
da aree motorie secondarie. Il tratto Via (occipitotemporale) ventrale [ven-
mondo esterno.
corticospinale è importante per il con- tral (occipitotemporal) stream] Via visiva
TMS Vedi Stimolazione magnetica trollo dei movimenti volontari. che attraversa i lobi occipitali e temporali.
transcranica. Questa via è associata al riconoscimento
Tronco encefalico (brainstem) Regione
degli oggetti e alla memoria visiva.
Tomografia a emissione di positroni del sistema nervoso che contiene gruppi
(PET) (positron emission tomography) di nuclei motori e sensoriali, nuclei di Visione cieca (blindsight) Capacità vi-
Metodo di visualizzazione neurofun- sistemi modulatori diffusi mediati da sive residue nell’ambito di un difetto
zionale che misura l’attività metabolica neurotrasmettitori e tratti di sostanza del campo visivo, in assenza di consa-
nel cervello attraverso il monitoraggio bianca che veicolano i segnali ascenden- pevolezza. La visione cieca può essere
978-88-08-15140-7 Glossario 17

osservata quando c’è un danno della magnetiche, dato il numero di protoni Wada test (Wada test) Procedura cli-
corteccia visiva primaria. Di solito una e neutroni presenti nei loro nuclei. L’o- nica nella quale viene iniettato un
funzione residua viene osservata con rientamento di questi atomi può essere barbiturico per distruggere tempora-
misurazioni indirette, come, per esem- alterato da un forte campo magnetico. neamente la funzionalità di uno degli
pio, sollecitando il paziente a guardare In seguito alla rimozione di questo cam- emisferi cerebrali. Questa procedura,
o a indicare la posizione di uno stimolo, po, gli atomi ritornano gradualmente a usata per identificare il focolaio delle
anche se il paziente nega di averlo visto. una distribuzione con orientamento crisi epilettiche, ha fornito importanti
Visualizzazione con tensore di diffu- casuale; nel corso di questa transizione conoscenze iniziali sulla specializza-
sione (DTI) (diffusion tensor imaging) generano un piccolo campo magnetico zione emisferica.
Tecnica di visualizzazione neurofun- che può essere misurato da speciali sen-
Zona d’innesco del potenziale a pun-
zionale impiegata usando uno scanner sori. Di solito, gli studi di MRI struttu-
ta (spike triggering zone) Regione, alla
MRI che consente di visualizzare le vie rale misurano le variazioni della densità
giunzione tra il soma e l’assone di un
della sostanza bianca nel cervello. dell’idrogeno nel tessuto sottoposto a
neurone, in cui si sommano le correnti
scansione. La MRI funzionale misura
Visualizzazione neurofunzionale con dovute agli input sinaptici sul soma e sui
le variazioni dell’intensità del segnale di
risonanza magnetica (MRI) (magnetic dendriti distanti, e in cui sono localiz-
un atomo bersaglio nel corso del tempo.
resonance imaging) Tecnica di visualiz- zati i canali del sodio (Na+) ad accesso
zazione che sfrutta le proprietà magne- Voxel (voxel) La più piccola unità di dati regolato dal voltaggio, i quali possono
tiche dei tessuti organici. Certi atomi tridimensionali che può essere rappre- essere indotti a generare i potenziali d’a-
sono particolarmente sensibili alle forze sentata in una MRI. zione che si propagano lungo l’assone.