Sei sulla pagina 1di 16

NOVEMBRE 2012 — ANNO 61 — NUMERO 2

Spedizione in abbonamento postale art.2 comma 20/c Legge 662/96


(aut. del Tribunale di Milano del 19/3/1984 n° 84)

(pausa pranzo)

www.fnaitalia.org
Sommario
• La Redazione pag. 3
• Tempi moderni pag. 4
• Sostegno alla genitorialità pag. 5
Novembre 2012
• Licenziamenti individuali pag. 6
Anno 61
• F.N.A. sostiene il Referendum pag. 9 Numero 2

• Notizie in box pag. 10-13


• La Sentenza pag. 14
• Curiosità in pillole pag. 15
• L’angolo di Pier pag. 15

Notiziario della F.N.A.


FEDERAZIONE NAZIONALE ASSICURATORI
notiziario@fnaitalia.org

Direttore Milano Stampa


Dante Barban Via Vincenzo Monti, 25 Ingraf Industria Grafica srl
Tel. 0248011805 Milano
Direttore Responsabile Fax 0248010357
Le fotografie sono state
Viviana Oggioni gentilmente messe a
disposizione da:

Redazione Roma Franco Fratini


Silvano Pricoco Via Montebello 104 Daniela Segantini

Paolo Puglisi Tel. 0697842126 Nicola Serena

Marina Croci Fax 06233248422


Le vignette sono a
cura di:
Pierangelo Bergomi
ctz|Çt F

La Redazione
Con questo numero del Notiziario Nel ringraziare Alessandro Gabrielli,
F.N.A. una nuova redazione, su incari- che ha svolto sino ad oggi il ruolo di Di-
co della Segreteria Nazionale, lavorerà rettore Responsabile del Notiziario, in-
insieme alla realizzazione del periodico tendiamo con questo nostro saluto pre-
del nostro sindacato. sentare a grandi linee il nuovo percor-
Quattro sindacalisti, provenienti da so che andiamo ad intraprendere.
quattro diverse Compagnie di Assicura- Immaginiamo un Notiziario che non so-
zioni per la redazione di una rivista, i lo comunichi ma abbia anche la capaci-
cui contenuti e la cui grafica sono il ri- tà di ascoltare, un Notiziario che, pur
sultato del lavoro di ciascuno e della nel segno della continuità porti con sé
condivisione di tutti. tratti innovativi in costante divenire.

Non resta che presentarci: Un filo conduttore


guiderà una parte
Silvano Pricoco – Milano Assicurazioni – dei contenuti ma la varietà dei temi
Milano, rappresentante sindacale della trattati aiuterà a dare uno sguardo glo-
F.N.A. dal 1986 bale al “nostro” mondo del lavoro.
Aiutati dall’immagine, seguendo il filo
Viviana Oggioni – Helvetia Assicurazioni conduttore, scoprirete che l’argomento
- Milano, rappresentante sindacale del- principale di questo numero sono alcu-
la F.N.A. dal 2002 ni aspetti della Riforma del mondo del
Lavoro del luglio 2012 integrato da ru-
Paolo Puglisi – Axa Assicurazioni – Tori- briche e spazi specifici inerenti il nostro
no, rappresentante sindacale della settore.
F.N.A. dal 1999
Abbiamo dedicato un’attenzione parti-
Marina Croci – Allianz Assicurazioni - colare all’impaginazione ed ai contributi
Milano, rappresentante sindacale della fotografici, consapevoli del fatto che, il
F.N.A. dal 1997 contenuto di un pezzo scritto gode di
un maggior effetto se accompagnato da
………….e per farlo meglio eccoci qua fotografie o disegni.
da sinistra a destra: Tutto ciò al fine di rendere più piacevole
la lettura e quindi …………………….
….. ..buona lettura a tutti.

La Redazione
ctz|Çt G

Tempi moderni
Viviamo sicuramente in un re assetti spesso imprevedi- positiva nei confronti dei
periodo difficile e complesso bili e non sempre positivi lavoratori coinvolti nelle
per via della crisi e della per il mondo del lavoro ed il LCA da quella di Progress in
conseguente recessione ma sindacato, che ne rappre- poi spingendoli, inesorabil-
viviamo anche un periodo di senta la colonna portante. mente, verso la china dei
grande cambiamento. Viviamo uno di tali momen- licenziamenti.
Nei momenti difficili le dina- ti, in cui la parte dei datori Il sindacato ha percorso e
miche sociali subiscono di lavoro, stretta nella mor- percorre tutte le strade pos-
un’accelerazione perché i sa della crisi, viene spinta a sibili per cercare una solu-
vecchi equilibri non sono cercare scorciatoie, facili da zione rispetto alle LCA di
più in grado di assicurare realizzare ed al minor ri- cui sopra ma l'intransigenza
stabilità e la ricerca di nuo- schio possibile. Purtroppo la dell'Ania blocca ogni solu-
vi equilibri significa, innan- pura e semplice diminuzio- zione perché, temo, ritiene
zitutto, cambiamento. ne del costo del lavoro ri- sia tempo di riconquistare
Tutti i processi sociali sono sponde a tutti questi requi- spazi alle aziende, ridurre le
guidati da queste logiche siti ed é opportuno ricorda- tutele dei lavoratori e taglia-
compresi quelli re i costi legati
legati al mondo alla solidarie-
del lavoro e sin- tà ed ai diritti.
dacale. Il cambiamen-
E' indubbio che to che l'Ania
anche il nostro sta cercando
settore é interes- di realizzare
sato al cambia- vorrebbe por-
mento, dettato da tare indietro le
logiche interne, lancette della
come le ristruttu- storia del set-
razioni o esterne, tore e trasfor-
come la riforma mare quelli
del lavoro che ora che dovrebbe-
consente licenzia- ro essere am-
menti piú facili. I mortizzatori
cambiamenti in- sociali per i
terni siamo quasi lavoratori in
sempre riusciti a governarli re che la diminuzione del maggiore difficoltà, quelli di
mentre quelli esterni, impo- costo del lavoro si realizza aziende in LCA, in camere
sti da nuove leggi, li possia- anche diminuendo i diritti e di licenziamento. Credo che,
mo quasi esclusivamente le tutele. se questa logica dovesse
subire, perché sono stati Anche il nostro comparto perdurare, la risposta del
decisi dagli elettori che han- non sfugge a queste logiche settore non tarderà ad arri-
no, con il loro voto, permes- e le vicende delle liquidazio- vare e vorrei ricordare che,
so la formazione di una ni coatte amministrative di nei momenti difficili, i lavo-
maggioranza parlamentare Progress, Arfin, Novit e Faro ratori del comparto assicu-
e di un Governo che li ha lo stanno a dimostrare. Nei rativo hanno sempre avuto
decisi e votati. tempi passati non si era la capacità di accettare le
Ora il processo di cambia- mai visto un comportamen- sfide e di sostenere lo scon-
mento é talmente rapido to così duro e privo di aper- tro.
che anche le certezze più tura sociale da parte dell'A-
assolute vacillano e i nuovi nia che ha, di fatto, evitato Dante Barban
equilibri possono raggiunge- di trovare una soluzione Daniela Segantini
ctz|Çt H

Sostegno alla genitorialità


La legge n. 92/2012 (art. La previsione di tale istituto economica equivalente),
4, commi 24-26) prevede è diretta a favorire una cul- sono affidati ad un decreto
due misure sperimentali per tura di maggiore condivisio- ministeriale che dovrà esse-
gli anni 2013-2015 in mate- ne dei compiti di cura dei re emanato dal Ministero
ria di sostegno alla genito- figli all’interno della coppia, del Lavoro di concerto con il
rialità: congedo obbligatorio ma è largamente insuffi- Ministero dell’Economia.
per i padri e voucher. En- ciente rispetto a quanto av- La norma prevede che i
trambe hanno l'obiettivo di viene negli altri paesi euro- voucher debbano essere ri-
promuovere «una cultura di pei e a quanto previsto dal- chiesti dal datore di lavoro.
maggiore condivisione dei la Direttiva 2010/18/EU. Il Pone dubbi di legittimità,
compiti di cura dei figli Parlamento Europeo ha ap- anche con riferimento al di-
all'interno della coppia per provato la proposta della ritto comunitario, la previ-
favorire la conciliazione dei Commissione Europea sione secondo cui la benefi-
tempi di vita e di lavoro». sull’introduzione del conge- ciaria del voucher è sola-
La prima misura sperimen- do di paternità nella legisla- mente la madre.
tale consiste nell'obbligo per zione europea in materia di Dalla riforma del mercato
il padre lavoratore dipen- congedo parentale. La nor- del lavoro era lecito aspet-
dente, entro i cinque mesi ma si propone di garantire tarsi delle norme più incisi-
dalla nascita del figlio, di ai padri il diritto a un per- ve (l’unico altro intervento
astenersi dal lavoro per un messo lavorativo di almeno contenuto nella legge ri-
periodo di un giorno e la fa- due settimane durante il guarda le dimissioni in
coltà, entro il medesimo pe- congedo di maternità, total- bianco), non soltanto per-
riodo, di astenersi dal lavoro mente retribuito dal datore ché il Ministro del Lavoro
per ulteriori due giorni, an- di lavoro nel caso di lavora- ha anche la delega alle pari
che continuativi, previo ac- tori dipendenti, oppure ga- opportunità, ma perché è
cordo con la madre e in sua rantito dall’ente previden- un dato assodato che
sostituzione, in relazione al ziale di riferimento nel caso l’aumento del Pil passa an-
periodo di astensione obbli- di lavoratori autonomi. che dall’incremento del la-
gatoria spettante a quest'ul- Inoltre è prevista la corre- voro femminile.
tima. Il padre lavoratore de- sponsione di voucher alla Inoltre i pochi benefici pre-
ve però dare, con un preav- madre lavoratrice per visti dalla Legge n. 92/2012
viso di almeno quindici gior- l’acquisto di servizi di baby- non si applicheranno a tut-
ni, comunicazione in forma sitting ovvero per le spese te le lavoratrici, dal momen-
scritta al datore di lavoro degli asili nido. L’obiettivo è to che le misure antidiscri-
dei giorni prescelti per aste- offrire un sostegno alla ma- minatorie, come appunto la
nersi dal lavoro. dre, al termine del periodo reintroduzione di norme che
I tre giorni di assenza del di congedo di maternità ob- scoraggino le dimissioni in
padre, uno obbligatorio e bligatorio, che potrà usu- bianco, o di sostegno, come
due facoltativi, sono coperti fruire dei suddetti servizi i voucher, si rivolgono in
da un’indennità giornaliera per gli 11 mesi successivi in prevalenza a chi ha un lavo-
a carico dell’Inps pari al alternativa al congedo pa- ro dipendente, escludendo
100% della retribuzione, rentale. di fatto le giovani che svol-
con un lieve vantaggio eco- La definizione dei criteri di gono lavori precari.
nomico rispetto alla madre, accesso e le modalità di uti-
la cui astensione obbligato- lizzo delle misure sperimen-
ria dal lavoro è indennizzata tali sopradescritte, nonché
all’80% anche se alcuni il numero e l’importo dei Donatella Farruggio
CCNL (come il nostro) voucher, che terrà conto an-
prevedono l’integrazione al che dei parametri dell’Isee
100% . (indicatore della situazione
ctz|Çt I

Licenziamenti individuali
Con la Legge 28/06/2012 n.92, la c.d. Solo in questi casi il Giudice ordina la rein-
“riforma del mercato del lavoro”, sono state tegrazione ed il pagamento di un’indennità
introdotte novità in tema di licenziamenti risarcitoria, non superiore a 12 mensilità e
individuali tali da inficiare in maniera so- commisurata all’ultima retribuzione globale
stanziale quanto stabilito dall’art.18 dello di fatto dal giorno del licenziamento sino a
Statuto dei Lavoratori, procedendo ad un quello dell’effettiva reintegrazione, dedotto
robusto ridimensionamento della tutela ri- quanto il lavoratore ha percepito, nel perio-
pristinatoria (si legga “reintegro”) ivi previ- do di estromissione, per lo svolgimento di
sta, a vantaggio della tutela obbligatoria che altre attività lavorative, nonché quanto a-
consente la monetizzazione del danno da vrebbe potuto percepire dedicandosi con
licenziamento. Analizziamo ora il pesante diligenza alla ricerca di una nuova occupa-
impatto delle modifiche intervenute a segui- zione (cioè dedotto, in tal caso, sia l’aliunde
to della Riforma dell’art18, con particolare perceptum che l’aliunde percipiendum). A
attenzione ai licenziamenti disciplinari e a seguito dell’ordine di reintegrazione, il rap-
quelli economici. porto di lavoro si intende risolto quando il
lavoratore non abbia ripreso servizio entro
LICENZIAMENTI DISCRIMINATORI
Un breve accenno a questo tipo di li-
cenziamento, per il quale le conse-
guenze rimangono quelle del testo at-
tuale dell’art18: condanna del datore
di lavoro a reintegrare il dipendente nel
posto di lavoro ed a risarcire al medesi-
mo i danni retributivi patiti (con un
minimo di 15 mensilità), nonché a ver-
sare i contributi previdenziali e assi-
stenziali in misura piena. Inoltre, il di-
pendente mantiene la facoltà di chiede-
re al datore di lavoro, in sostituzione
della reintegrazione, il pagamento di
un’indennità pari a 15 mensilità di re-
tribuzione. La richiesta determina la
risoluzione del rapporto di lavoro.

LICENZIAMENTI DISCIPLINARI
Sono quelli dovuti a giusta causa o a trenta giorni dall’invito del datore di lavoro,
giustificato motivo soggettivo (“notevole ina- salvo il caso in cui abbia richiesto
dempimento degli obblighi contrattuali da l’indennità sostitutiva della reintegrazione
parte del prestatore di lavoro” definizione nel posto di lavoro (le 15 mensilità di cui
questa contenuta nell’art.3 della Legge 604 abbiamo parlato nel capitolo precedente).
del 1966). Per le “altre ipotesi “ di cui parla il testo di
Per essi il reintegro nel posto di lavoro è legge al comma 5, il giudice, qualora accerti
previsto solo in due casi: che non ricorrono gli estremi del giustificato
♦ manifesta insussistenza del fatto po- motivo soggettivo o della giusta causa ad-
sto alla base del licenziamento dotti dal datore di lavoro, dichiara risolto il
♦ quando il fatto medesimo rientra tra i rapporto di lavoro con effetto dalla data del
casi per i quali i contratti collettivi o licenziamento e condanna il datore di lavoro
le norme disciplinari prevedano una al pagamento solo di un’indennità risarcito-
sanzione conservativa (dunque non ria tra un minimo di dodici e un massimo di
espulsiva). ventiquattro mensilità dell’ultima retribu-
ctz|Çt J

zione globale di fatto, in relazione ancora raggiunto, oppure licenziamento per


all’anzianità del lavoratore e tenuto conto chiusura di un’unità produttiva che in real-
del numero dei dipendenti occupati, delle tà risulti essere ancora attiva). Dunque
dimensioni dell’attività economica, del com- sembrerebbero sottrarsi alla possibilità di
portamento e delle condizioni delle parti, reintegro, anche quelle situazioni, nelle
con onere di specifica motivazione a tale ri- quali sia stata dimostrata l’esigenza di sop-
guardo. Per come è formulata la norma primere un posto di lavoro, ma non anche
l’anzianità di servizio dovrebbe essere il pa- l’impossibilità di reimpiegare il dipendente
rametro di maggior peso nella determinazio- ad esso addetto in altre mansioni. L’obbligo
ne dell’indennizzo. (di fonte prevalentemente giurisprudenziale)
Il problema a questo punto diventa di subordinare il licenziamento per g.m.o.
“interpretativo” perché si lascia al giudice ad un tentativo di reinserimento in altre u-
(che si spera decida sulla base del principio nità produttive, sebbene permanga a carico
di proporzionalità della sanzione del datore di lavoro, non implicherebbe la
all’infrazione) la facoltà di stabilire se un conseguenza che la sua violazione sia ido-
caso rientri o meno tra quelli che prevedono nea ad invalidare il licenziamento, che, per-
il reintegro, quelli cioè “tipizzati” in quanto tanto, il Giudice potrà confermare, dispo-
per essi prevista la sanzione conservativa nendo il solo relativo indennizzo economico
dai contratti collettivi o dai codici discipli- per il lavoratore. L’alternativa, anche qui, è
nari. Infine va segnalato che, la sanzione in un risarcimento che può variare tra le 12
del licenziamento disciplinare si accompa- e le 24 mensilità dell’ultima retribuzione
gna ad una nuova regola, concernente la globale di fatto; tale indennizzo viene calco-
decorrenza degli effetti del licenziamento lato sulla base di quanto già detto prece-
intimato in esito al procedimento disciplina- dentemente, partendo dal criterio premi-
re di cui all’art. 7 dello Statuto, che essa nente dell’anzianità di servizio.
produce effetto dal giorno della comunica-
zione con cui il procedimento medesimo è
stato avviato, salvo l’eventuale diritto del
lavoratore al preavviso o alla relativa inden-
nità sostitutiva; è fatto salvo, in ogni caso,
l’effetto sospensivo disposto dalle norme del
testo unico delle disposizioni legislative in
materia di tutela della maternità e della pa-
ternità ed in ogni caso di impedimento deri-
vante da infortunio occorso sul lavoro. Il
periodo di eventuale lavoro svolto in costan-
za della procedura si considera come preav-
viso lavorato. Come causa sospensiva non
viene menzionata la malattia (a meno che
fosse già in atto ).

LICENZIAMENTI PER MOTIVI ECONOMI-


CI
Si tratta dei licenziamenti dovuti a giustifi-
cato motivo oggettivo (basati su ragioni di
natura tecnica, organizzativa e produttiva –
art.3 Legge 104/1966 ) che per brevità indi-
cheremo come g.m.o. Il legislatore, ha per
tale ipotesi, ristretto la possibilità del rein-
tegro solo ad un caso: la manifesta insussi-
stenza del fatto che ha causato il licenzia-
mento, cioè la manifesta infondatezza (ad
esempio: licenziamento per superamento
presunto periodo di comporto in realtà non Franco Fratini
ctz|Çt K

Per il caso del giustificato motivo oggettivo e risarcitoria ridotta; b) il comportamento te-
per i dipendenti di aziende cui si applica nuto dalle parti nel corso del procedimento
l’art.18, la legge ha introdotto un nuovo venga valutato dal Giudice ai fini della de-
strumento conciliativo obbligatorio, da svol- terminazione dell’indennità risarcitoria pre-
gersi innanzi alla Direzione territoriale del vista per l'ipotesi dell'illegittimità del licen-
Lavoro; il datore di lavoro deve comunicare ziamento intimato per g.m.o., ove non do-
la volontà di licenziamento per g.m.o. sia al vesse essere pronunciata la reintegrazione
lavoratore sia alla Direzione territoriale del nel posto di lavoro; c) il medesimo compor-
lavoro compe- tamento rileva
tente geografi- ai fini della de-
camente indi-
Fac-simile di lettera di licenzia- terminazione
cando le moti- mento in uso nel nostro settore delle spese di
vazioni e le e- giustizia. La vio-
ventuali possi- Oggetto: comunicazione ex art.7 L.n.604/66 lazione del re-
bilità di ricollo- quisito della
cazione. Le par- La presente per comunicarVi l’intenzione della no- motivazione pre-
ti interessate stra Società………………………di procedere al licen- vede solo la tu-
verranno convo- tela risarcitoria
ziamento per giustificato motivo oggettivo del
cate entro 7 costituita da
giorni per un Sig……………………..attualmente inquadrato nel u n ’ i n d e n n i t à
tentativo di con- livello………………, del CCNL per il personale di- compresa tra le
ciliazione, per pendente da Imprese di Assicurazione. 6 e le 12 mensi-
verificare in so- Il licenziamento è motivato dalla soppressione del- lità.
stanza la possi- la posizione di……………..ricoperta dal Sig………..
bilità di soluzio- Le attività di……………….. sono infatti, esternaliz- Paolo Puglisi
ni alternative zate e svolte da………………
all’interruzione Non sono allo stato previste misure di assistenza
del rapporto di alla ricollocazione del Sig……………….
lavoro. Qualora A far tempo dalla presente comunicazione e per
il tentativo di
tutto il tempo necessario all’esperimento della rela-
conciliazione
avesse esito po- tiva procedura, il lavoratore è esonerato dalla pre-
sitivo e portasse stazione lavorativa.
alla risoluzione Restiamo in attesa di ricevere la convocazione
consensuale del presso la Vostra sede, ai sensi dell’art.7 della L.15
rapporto di la- luglio 1966,n.604, così come modificata dall’art.1,
voro (con effica- comma 40, della L.28 giugno 2012, n.92.
cia dal giorno di
inizio della pro- Distinti saluti.
cedura, salvo il LA DIREZIONE
diritto al preav-
viso), il lavora-
tore fruirà del
trattamento economico assicurato dalle di-
sposizioni in materia di Assicurazione So-
ciale per l’Impiego (ASpI) e, in sede di accor-
do, le parti potranno prevedere, al fine di
favorire la ricollocazione professionale del
lavoratore, il suo affidamento ad un’agenzia
di lavoro somministrato.
La procedura conciliativa obbligatoria impli-
ca e prevede che: a) la sua violazione com-
porta l'inefficacia del licenziamento, la cui
conseguenza è rappresentata dalla tutela
ctz|Çt L

F.N.A. sostiene il referendum per il ripristino


dell'articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori

La raccolta firme per le richieste di referendum popolari abrogativi relativi al


mondo del lavoro sono:

1. "Tutela e rispristino dell'art. 18/1970 n. 300 (Statuto dei Lavoratori)".

2. "Tutela dei diritti dei lavoratori del contratto Nazionale di lavoro; attra-
verso l'abrogazione dell'art. 8 (sostegno contrattazione di prossimità) DL
138/2011 (modifica in L. 148/2011)".
ctz|Çt DC

Notizie in Box

Contratto dipendenti Agenzie in gestione libera

Il C.C.N.L. per i dipendenti delle agenzie di assicurazione che interessa circa


centomila colleghe/i, è stato firmato il 04.02.2011; esso aveva decorrenza dal
01 gennaio 2009 e scadenza fissata per il giorno 31 dicembre 2011.

Purtroppo molti Agenti associati allo SNA continuano tuttora ad applicare il


contratto 01 gennaio 2005 / 31 dicembre 2008, appellandosi artificiosamente
al loro statuto che, attraverso un escamotage consente di non ratificare
l’operato dei loro stessi rappresentanti al tavolo di trattativa. Questa situazione
non si è sbloccata neanche dinanzi alle proteste ed alle ripetute sollecitazioni,
da parte sindacale, al Ministero del Lavoro.

Diversamente tutti gli Agenti associati ad UNASS (oggi Unapass rete Impresa
Agenzia) lo applicano correttamente, insieme all’accordo siglato con F.N.A., Fi-
sac, Fiba e Uilca sull’apprendistato.

Le OO.SS. hanno già predisposto la nuova piattaforma triennale di rinnovo


(2012/2014), oltre ad un testo di accordo sul Fondo Occupazionale (l’unico ma
ancora mancante ammortizzatore sociale per i dipendenti di Agenzia), con cui
si chiede l’adeguamento economico/inflazionistico (recupero dello scostamento
2011 più l’inflazione programmata 2012/2014).

La richiesta, strutturata per quanto ci riguarda, in maniera agile e concreta, al


fine di una rapida soluzione che consenta, nell’attuale difficile situazione con-
giunturale, il recupero economico ed il mantenimento dell’impianto normativo
e delle conquiste raggiunte dal CCNL dei Dipendenti delle Agenzie in appalto
libero.

Maurizio Beccucci
ctz|Çt DD

Notizie in Box

Il C.C.N.L. delle Società di Assistenza

A.I.S.A. nasce nel 1991 per associare le imprese che svolgono attività, anche in
via non esclusiva, nel settore assicurativo ramo 18.
Ai dipendenti di queste società è applicato lo specifico contratto nazionale di
categoria, che è attualmente in fase di rinnovo.

La piattaforma, definita dalle OO.SS. e approvata dalle assemblee dei lavorato-


ri, dopo il primo incontro di presentazione all'associazione datoriale tenutosi
prima della pausa estiva, è entrata da poco nel vivo della fase di discussione e
confronto.

Il rinnovo si colloca in una fase particolarmente delicata, segnata dalle recenti


modifiche introdotte dalla riforma del mercato del lavoro, la cosiddetta
“Riforma Fornero”. Ciò impone la massima attenzione e il massimo sforzo al
Sindacato, interpretando un confronto estremamente attento e agendo sulla
struttura contrattuale con accortezza, poiché la nuova normativa spesso dele-
ga temi importanti alla discussione delle parti .

Per questo la piattaforma rivendicativa, elaborata con l'obiettivo di rafforzare


l'area contrattuale, adeguare le retribuzioni e ampliare le tutele, può diventare
il terreno in cui le aziende palesano le loro contro richieste, desiderose di tro-
varne velocemente riscontro.

Il Sindacato certo non si sottrae alla discussione, conscio che argomenti deli-
cati come quello degli ammortizzatori sociali e dell'apprendistato siano temi
importanti da trattare, sui quali si devono sicuramente trovare soluzioni condi-
vise che, se costruiti con accortezza e razionalità, rappresentino strumenti fon-
damentali per la tutela del lavoro e la crescita di occupazione stabile. Tra tutti
l'argomento del fondo di Solidarietà, già attuato e regolamentato in settori mer-
ceologici affini come Ania ma di cui Aisa oggi è sprovvista, merita certamente
grande attenzione.

D'altro canto la delegazione di trattativa datoriale non può certamente pensare


di chiedere al Sindacato di abbandonare l'impostazione delle richieste della
piattaforma alle quali AISA sta cominciando solo ora a dare le prime timidissi-
me risposte, che sono ancora lontane dalle attese delle lavoratrici e dei lavora-
tori della categoria.

Marco Soattin
ctz|Çt DE

Notizie in Box
Trattative Anagina
Sono entrate nella fase conclusiva, le trattative per il rinnovo del CCNL Unico
dei Dipendenti delle Agenzie Generali Ina-Assitalia.
Dopo la presentazione della piattaforma sindacale di richieste e lo svolgimento
di numerosi incontri tra le parti, ad inizio 2012, è stato sottoscritto un nuovo
testo del protocollo sull’occupazione (anche sulla “spinta” delle sempre più cre-
scenti richieste di contratti di solidarietà da parte di Agenzie in crisi per ridur-
re rischi di licenziamenti) e, successivamente, il 3 luglio 2012 le Organizzazioni
Sindacali e la Commissione Sindacale di Anagina decidono in modo unitario di
procedere al rinnovo del CCNL scaduto, definendo gli aumenti economici – 5%
di aumento dal 1° gennaio 2012 – e iniziando la verifica delle modifiche del
normativo per le parti concordate.

L’ultimo “scoglio” da superare è l’inserimento dell’attuale trattamento economi-


co dei rimanenti Dipendenti delle ex 6 Grandi (ormai, poco più di un centinaio)
nelle Tabelle Uniche del nuovo Contratto; al riguardo, le ultime riunioni svol-
te, alla ripresa del periodo feriale, sembravano aver messo le basi per una so-
luzione.

Purtroppo, nel corso della riunione del 29 ottobre, la Delegazione Anagina ha


sostanzialmente fatto “dietro-front”, rimangiandosi sia le disponibilità espresse
in tema di inserimento dei Dipendenti delle ex 6 Grandi che, addirittura, ri-
mettendo in discussione la stessa intesa sul rinnovo economico del 3 luglio per
tutti gli altri Dipendenti.
La riunione si è conclusa senza che sia stata fissata alcuna data per prosegui-
re il confronto in sede “politica”.
Questo “atteggiamento” datoriale – che ricorda molto da vicino quello tenuto
dallo SNA, nell’ultimo rinnovo del CCNL per i Dipendenti delle Agenzie in Ap-
palto – non è giustificato né dall’andamento delle trattative di rinnovo né dal
“peso” delle intese sottoscritte tra le Parti e né, tantomeno, dal comportamento
delle OO.SS. che, invece, hanno sempre dimostrato la propria massima dispo-
nibilità nei confronti delle problematiche di questa particolare realtà agenziale.

Un comportamento disponibile e responsabile che il Sindacato ha sempre te-


nuto, sicuramente nel corso della trattativa, ma anche nei confronti delle sin-
gole agenzie (vedi le decine di contratti di solidarietà sottoscritti su tutto il ter-
ritorio nazionale), che nei confronti della stessa Mandante (con manifestazioni
ed interventi delle Segreterie Nazionali e dei Coordinamenti Unitari per una
“politica industriale” che tenesse in maggiore conto delle difficoltà degli Agenti
Generali Ina-Assitalia).

Nicola Palmiottti
ctz|Çt DF

Notizie in Box
Nasce l’IVASS

Al fine di assicurare la piena integrazione dell’attività di vigilanza nei settori


finanziario e assicurativo, anche attraverso un più stretto collegamento con la
vigilanza bancaria, la L. 135/2012 ha previsto l’istituzione dell’IVASS (l’Istituto
per la vigilanza sulle assicurazioni).

Il nuovo ”regulator” assicurativo che prenderà il posto dell'Isvap, nascerà uffi-


cialmente il primo gennaio prossimo. Lo prevede lo statuto del nuovo ente che,
approvato dal CDM non si distacca molto dalle norme della legge che ha dato
il via al riassetto. Il Consiglio dell'IVASS verrà infatti presieduto dal direttore
generale di Via Nazionale, Fabrizio Saccomanni, e i nuovi consiglieri entreran-
no a far parte del Direttorio integrato della Banca d'Italia che sarà responsabile
direttamente delle decisioni di vigilanza sull'industria delle polizze.

Tra gli organi dell'IVASS lo statuto non fa più cenno alle cariche, previste dal
vecchio statuto dell'ISVAP, di direttore generale e di vice direttore generale. La
prima era occupata fino a qualche mese fa dall'ex presidente Giancarlo Gianni-
ni che attualmente svolge il ruolo di commissario a gestire il periodo di transi-
zione. La seconda è ancora attribuita a Flavia Mazzarella di cui non è chiaro
quale sarà il suo posto nel futuro organigramma del nuovo istituto. Peraltro lo
statuto dell'Ivass attribuisce al direttorio integrato di via Nazionale la possibili-
tà di nominare un segretario generale «con compiti attinenti all'ordinaria am-
ministrazione dell'istituto e di coordinamento di aree operative».

Inoltre con il Decreto crescita è stata affidata all’Istituto per la vigilanza sulle
assicurazioni private e di interesse collettivo (IVASS) la cura della prevenzione
amministrativa delle frodi nel settore dell’assicurazione della responsabilità ci-
vile derivante dalla circolazione dei veicoli a motore, relative alle richieste di ri-
sarcimento e di indennizzo e all’attivazione di sistemi di allerta preventiva con-
tro i rischi di frode.

L’IVASS realizzerà pertanto un archivio informatico integrato attraverso il


quale sarà più facile individuare indici di anomalia e di possibili frodi. Lo stes-
so Istituto potrà segnalare tali anomalie alle Autorità giudiziarie e incentivare
azioni di indagine utilizzando il veicolo della vigilanza assicurativa.

Armando Biasi
ctz|Çt DG

Statuto dei Lavoratori Art. 4 - Impianti audiovisivi


E' vietato l'uso di impianti au- magistratura competente di va- loro sottoscritto, bensì anche
diovisivi e di altre apparecchia- lutarne anche la rilevanza pena- dal fatto che, come riferito da
ture per finalità di controllo a le, l’illiceità. un teste durante il giudizio di
distanza dell'attività dei lavora- Precedentemente, la Cassazione merito, nei locali aziendali era-
tori. Gli impianti e le apparec- penale, con sentenza n. 22611 no stati affissi dei cartelli che
chiature di controllo che siano del 11.06.2012 aveva accolto il segnalavano la presenza del
richiesti da esigenze organizza- ricorso di un datore di lavoro sistema di video sorveglianza.
tive e produttive ovvero dalla avverso la pronunzia di merito Sia la decisione del Garante
sicurezza del lavoro, ma dai (Corte d’Appello di Pisa) che che la sentenza della Cassazio-
quali derivi anche la possibilità l’aveva condannata, per aver ne sottolineano il carattere tas-
di controllo a distanza dell'atti- installato quattro telecamere sativo delle disposizioni conte-
vità dei lavoratori, possono es- volte a realizzare la videosorve- nute nell’art. 4 comma 2, ma in
sere installati soltanto previo glianza aziendale, due delle realtà i giudici, con
accordo con le rappresentanze quali inquadravano direttamen- l’assimilazione del consenso
sindacali aziendali, oppure, in te alcune postazioni di lavoro della totalità dei lavoratori alle
mancanza di queste, con la fisse occupate dai lavoratori. modalità esclusive previste dal-
commissione interna. In difetto L’installazione si era perfeziona- lo Statuto “gli impianti e le ap-
di accordo, su istanza del da- ta soltanto dopo aver acquisito parecchiature di controllo pos-
tore di lavoro, provvede l'Ispet- il consenso della totalità dei sono essere installati soltanto
torato del lavoro, dettando, ove prestatori di lavoro, espresso previo accordo con le rappre-
occorra, le modalità per l'uso per iscritto mediante sottoscri- sentanze sindacali aziendali,
di tali impianti. zione di ognuno. oppure, in mancanza di queste,
Abbiamo riportato il testo dei I giudici di terzo grado hanno con la commissione interna” si
primi due comma dell’art. 4 evidenziato che, il consenso ri- sono spinti oltre, ribaltando
dello Statuto dei Lavoratori sultava proveniente “dalla tota- l’interpretazione letterale della
poiché, con una recente deci- lità dei lavoratori” e non soltan- procedura e superando anche
sione, datata 23 ottobre 2012, to da una loro rappresentanza o una giurisprudenza consolida-
il Garante della Privacy ha vie- dalla commissione interna come ta, che in passato (si vedano ad
tato l’uso di un sistema di vi- richiesto dal comma 2 dell’art.4. esempio Cass. n.1236 del
deosorveglianza installato in La Cassazione, citando alcuni 18.02.1983 oppure n. 15892
un call-center , in grado di precedenti, ha argomentato che, del 17.07.2007 ) si era sempre
captare anche le conversazioni siccome la disposizione di cui espressa per il rigoroso rispetto
dei dipendenti, poiché le tele- all’art. 4 intende tutelare i lavo- letterale della procedura. Il ra-
camere erano poste non solo ratori contro forme subdole di gionamento degli “ermellini” ha
all’ingresso della sede ma an- controllo della loro attività da certo una sua logica , ma il
che presso i locali dove erano parte del datore di lavoro e che dubbio sorge ed al lettore at-
situate le postazioni degli ope- tale rischio viene escluso in tento non può sfuggire su co-
ratori. I motivi che hanno in- presenza di un consenso di me si possa facilmente ottenere
dotto il Garante a decidere in organismi di categoria rappre- il consenso generale in aziende
tal senso sono individuabili sentativi, a maggior ragione, di medio-piccole dimensioni,
nella violazione del precetto tale consenso deve essere consi- ove, alla luce della sentenza in
contenuto nel secondo comma derato validamente prestato questione, un datore di lavoro,
dell’art.4 su riportato: 1- as- quando promani proprio da tut- per così dire “scaltro”, col
senza delle esigenze aziendali ti i dipendenti. “consenso” di tutti i dipendenti
(previo accertamento ispettivo), Pertanto la sentenza impugna- e naturalmente dimostrando le
2- mancato rispetto della pro- ta, rileva la Corte, risulta cen- esigenze organizzative e produt-
cedura . surabile “per non avere inter- tive dalla legge richieste, potrà
Gli atti riguardanti la società, pretato correttamente la norma senza dubbio installare sistemi
già sanzionata per non aver sotto il profilo oggettivo ed ana- di videosorveglianza!
informato correttamente i di- loga censura può essere mossa Ecco la vera novità giurispru-
pendenti della presenza delle anche sotto il profilo psichico”: i denziale sul tema.
telecamere, sono stati trasmes- lavoratori erano consapevoli
si alla magistratura penale; della presenza dell’impianto e Paolo Puglisi
dunque nullità dell’atto di in- tale coscienza è stata provata
stallazione con richiesta alla non soltanto dal documento da
ctz|Çt DH

Curiosità in pillole
♦ Quattro ore: è il tempo speso dagli italiani al cellulare ogni giorno. Per la preci-
sione: 37 minuti parlando, 15 inviando sms, più di tre ore su internet.
♦ Tonnellate di acqua dolce si riversano ogni anno negli oceani per il disgelo della
Groenlandia: 240 miliardi.
♦ Il dottor Anup Kanodia, ricercatore dell’Università dell’Ohio, ha dimostrato che,
lavorando in piedi anziché seduti per otto ore al giorno, si bruciano 400 calorie.
Inoltre stando alzati si migliora l’attenzione, la circolazione e la creatività.
♦ Quando si accende il condizionatore d’aria in macchina si consuma il 20% di
benzina in più.
♦ Secondo un sondaggio britannico il Sunday Blues, cioè la malinconia della do-
menica inizierebbe alle ore 16.13.
♦ In Italia il 6,1% della superficie agricola è coltivato con metodi biologici.
♦ Tempo di decomposizione di un mozzicone di sigaretta in mare: dieci anni.
♦ L’Università di Leicester ha stilato la classifica dei paesi più felici, prendendo in
considerazione lo stato di salute, educazione e benessere economico della popo-
lazione. Al primo posto c’è la Danimarca, all’ultimo il Burundi. L’Italia è cin-
quantunesima
♦ Il 60% degli italiani fa la spesa con la lista in mano per non farsi convincere a
comprare cose inutili.

L’angolo di Pier