Sei sulla pagina 1di 14

Schola Philosophica Hermetica Classica Italica

Fratellanza Terapeutica Magica di Miriam


di Giuliano Kremmerz

LA VIA DI LILITH

Annotazioni del Gran Maestro de La Via di Lilith

E’ normale pensare che il proprio segno zodiacale sia legato alla data di nascita. Normalmente si
prende quando si esce dall’utero per determinare la propria astralità. Tuttavia questa pratica è
fallace, perché l’Anima del soggetto nato non è entrata nella tuta biochimica chiamata corpo il
giorno dell’uscita dalla “caverna” materna, ma quando l’ovulo femmineo è stato violato dello
sperma maschile, producendo l’Achimica metamorfosi della materia. In quell’istante un
frammento di Anima dell’Uno, che potrebbe essere di nuova separazione, o da anni in viaggio per
tornare all’Uno, decide di entrare nella materia Alchimicamente modificata. In quel preciso
momento il cielo ha una configurazione ed è questa ciò che influenzerà lo psichismo del soggetto
nella sua vita. Le successive istruzioni, concesseci dalla Schola Philosophica Hermetica Classica
Italica Fratellanza Terapeutica Magica di Miriam di Giuliano Kremmerz, istruiscono i membri del
nostro Ordine Esterno a calcolarsi la propria astralità, così da comprendere meglio il proprio
percorso di vita.

Qualora fatichiate a calcolare la vostra Astralità, i membri che gestiscono l’Ordine Esterno sono a
vostra disposizione per maggiori chiarimenti.
COMMENTO ALLE 12 TAVOLE RICAVATE DAL PLANISFERO ASTROLOGICO DELLA SCUOLA
ERMETICA DI MYRIAM (per cura di Benno)

Le seguenti Tavole, numerate dall'1 al 12, sono una diversa esposizione del Planisfero Astrologico,
fatta dal sottoscritto nello scopo di rendere più facile e sicuro il modo di trovare il numero e
l'astralità da assegnarsi al neofito.
Il Planisfero Astrologico è diviso in 4 quadranti, ciascuno di 90 gradi. Ogni quadrante comprende 3
mesi, ciascuno dei quali è diviso in 3 decadi. Ogni giorno dell'anno corrisponde ad un grado del
Planisfero. Fanno eccezione il 31° giorno ed il 1°, che sono riuniti ad uno stesso grado, ed il mese di
febbraio, che viene sempre considerato di 30 giorni. Ogni mese è dominato da un'influenza del
settenario astrologico, così come ogni decade, ogni giorno e ciascuna ora del giorno e della notte.
Ma per l'uso cui sono destinate le presenti Tavole, bastano le influenze astrali del segno Zodiacale
e quelle di decade.
Nella 5a colonna di queste tavole si trovano anche indicate le diverse altre Astralità che vengono
in conflitto durante l'impero d'un animale celeste (30 gradi= 30 o 31 giorni). Queste astralità
secondarie hanno pure una grande importanza per le investigazioni sulle intime qualità e sulle
tendenze degli esseri umani, perché esse possono influire molto su quelle principali, rafforzandole,
diminuendole o neutralizzandole o determinando un groviglio inestricabile per l'Ermetista non
ancora arrivato alle vette dell'Arte.
In questi casi (e sono la maggioranza) la vera astralità del neofito non può, a rigore, esattamente
dedursi dalle esteriori apparenze degli astri che intrecciano la loro influenza nell'epoca misteriosa
del suo embrionato. Solamente un Maestro astrologo di grado elevatissimo, che adoperi il suo Ibi
per queste investigazioni, cioè senza bisogno di astrolabii, di sestanti, di compassi, di segni
planetarii e di tavole, può leggere la vera astralità d'un neofito, cioè la segnatura effettiva
dell'essere antico, che le sovrapposizioni e le dense vernici di mille esistenze, quasi sempre in
contraddizione con le sue ultime qualità e tendenze, avranno snaturata e resa affatto
irriconoscibile. Premesse queste brevi spiegazioni ecco il metodo in uso presso la Scuola ermetica,
per trovare, col sussidio di queste tavole, il numero e l'astralità da assegnarsi al nuovo venuto.
Bisogna sapere con precisione il mese ed il giorno della nascita dell'iscrivendo, e da questa data
dedurre l'epoca del suo concepimento.
Con la scorta di quest'ultima data si va a cercare il mese ed il giorno nelle tavole astrologiche. Il
mese darà l'influenza astrale che domina il segno zodiacale. A fianco, poi, alle colonne del mese e
del giorno, in cui è avvenuto il concepimento, si trova il numero dei gradi del planisfero
astrologico, corrispondenti a questa data.
Diamo un esempio pratico di come calcolare la propria reale astralità: Siano da stabilirsi il numero
e l’astralità per NN, nato il 27 giugno 19..
Per trovare l'epoca del concepimento, togliere N° 266 giorni dalla data di nascita, oppure
aggiungere N°99 giorni dalla data di nascita, in entrambi i casi – per il nostro esempio sopra – si
ottiene perfettamente la stessa data: 27 settembre. Cercando il 27 Settembre nelle tavole sotto, lo
troviamo nella settima, sotto il segno della Bilancia, dominato dal pianeta Venere, al 188° grado
del planisfero e siccome la data suddetta viene a trovarsi nel 3° quadrante, cioè tra i gradi 180 e
270, il numero 188, corrispondente al 27 settembre.
Per la simbologia dei pianeti, presente nelle tavole, guardare il documento “First Knowledge
Lecture (part 1)”, presente nella nostra Biblioteca Magica.