Sei sulla pagina 1di 3

Appunti sulla Famiglia dei Malebraghe

I Malebraghe sono un ramo cadetto della grande famiglia dei Dicottimo attuale famiglia
regnante sulla Baronia Lestrange.

I Dicottimo sono già tre generazioni che regnano sulla Baronia.

La parentela è molto semplice da spiegare: nominato dal Santissimo Padre-Figlio Gran


Rappresentante in Terra del Dio Sole, Sua Santissima Santità Plutarco Simoniaco Ermellini
Trimegistro Ermetici III il pretendente al trono Marchese Girelli Curtis Retromano
Dicottimo I come Barone, il Marchese Girelli sposò dopo appena cinque anni di regno la
bellissima Duchessa Zocclà Frigid Salamek Malebraghe già vedova del povero Furio
Morirprest Azzelenat Decembrini ricco mercante e armiere navale. Questo secondo
matrimonio pose in questo modo nei ranghi della nobiltà di serie A la famiglia dei
Malebraghe.

Il primo matrimonio della Duchessa Zocclà Frigid Salamek Malebraghe aveva però già
generato due figli:

– Dellavia Tornanti Vitaless Malebraghe destinato a diventare Duce Marchese;


– Poggiolini Stankmort Pier Maria Maraziti Malebraghe destinato a diventare Conte.

La Duchessa Zocclà Frigid Salamek Malebraghe e il suo secondo marito il Barone


Marchese Girelli Curtis Retromano Dicottimo I ebbero poi a loro volta altri figli che
continuarono a regnare sulla Baronia, ma a noi non interessano.

A noi interessa il secondogenito avuto dal primo matrimonio della cara Duchessa: ovvero il
Conte Poggiolini Stankmort Pier Maria Maraziti Malebraghe e la sua discendenza diretta!

Il Conte Poggiolini Stankmort Pier Maria Maraziti Malebraghe si sposò con la Marchesina
Altoticini Latticini Parmalat Cirio in Malebraghe ed ebbe due figli:
– Duca Laidos -Ingiury- Malebraghe -attualmente morto-;
– Conte Dfkan Lotreiu Malebraghe -attualmente su una sedia a rotelle-.

Il Conte Dfkan Lotreiu Malebraghe si sposerà poi con la Contessa Öreg Kurva Sinistrilli e
avranno a loro volta due figli:

– Vizzini Malebraghe;
– Sonny Vergelli Malebraghe.

Informazioni sulla discendenza dei Malebraghe & in generale

Alla morte del Conte Poggiolini Stankmort Pier Maria Maraziti Malebraghe, la sua cara
mogliettina la Marchesina Altoticini Latticini Parmalat Cirio in Malebraghe alla veneranda
età di 89 anni suonati si sposò in seconde nozze con il famigerato banchiere di Anor Mir
Sante Cocobanane Farruy Kinjes. Quest'ultimo quindi può vantare di apporre al suo nome i
cognomi “in Malebraghe” e “in Dicottimo”...

La Nobiltà di serie A della città di Anor Mir è talmente complicata che è nata,
nell'accademia reale una serie di eruditi che si occupano di stabilire l'esatta ascendenza
consultando tomi su tomi per capire il grado effettivo di parentela.

Molte donne nobili tramandano ai loro figli il loro cognome se sono di Serie A rispetto ai
loro mariti. Per questo quando la Duchessa Zocclà Frigid Salamek Malebraghe (La nonna
di Vizzini) sposò il mercante Furio Morirprest Azzelenat Decembrini i loro figli presero il
cognome Malebraghe e non Decembrini, perché lei era una Nobile e lui per quanto ricco e
operoso era meno di uno sputo, situazione che si risolse quando sposandosi ebbe finalmente
fama e onore!

Per legge nobiliare quando due nobili di serie A si sposano i cognomi si sommano. Infatti
quando la Marchesina Altoticini Latticini Parmalat Cirio si è sposta ha potuto mettere in
Malebraghe nel suo cognome.
Sempre per legge nobiliare il cognome del nobile più di Serie A si applica a tutta la famiglia
dello sposo/a che così possono vantare prelazioni al trono in caso di omicidio plurimo della
famiglia del “ramo principale”.

Per Esempio: se il rinomato banchiere di Anor Mir Sante Cocobanane Farruy Kinjes avesse
ancora la sua famiglia, tutti gli esponenti della famiglia Kinjes potrebbero vantare il
cognome “in Malebraghe in Dicottimo”. Ora è chiaro perché è nata un ramo della
genealogia e dell'araldica che esiste solo nell'accademia di Anor Mir?

Inoltre la società e l'etichetta nobiliare di Anor Mir è molto complicata e richede un'oculata
prontezza mentale. Per voler essere corretti e non fare figure da poveracci ad Anor Mir
bisognerebbe chiamare un nobile con tutti i suoi cognomi e la posizione famigliare!

Per esempio: Volendosi rivolgere a Vizzini quando è a corte bisognerebbe chiamarlo Vizzini
Malebraghe in Dicottimo - Fratello Maggiore. Questo è il motivo per qui il nobile di serie B
il vostro buon camerata Rellario Evitati Protettori vi ha presentato la nobile "Donna"
Malindelli Lomercaz Mazioli Ottimeni Otivesti Malebraghe ha aggiunto anche che era la
Cugina della Cognata della Madre di Vizzini, Notate qualcosa che non va?

Esatto! Rellario Evitati Protettori ha dimenticato di mettere nell'ordine:


1. il cognome ottenuto con lo sposalizio, a suo tempo con la famiglia regnante quindi ha
dimenticato “in Dicottimo”;
2. il cognome della famiglia della madre di Vizzini ovvero “in Sinistrilli”;
3. il cognome della famiglia della cognata della madre di Vizzini ovvero “in Soffitta”
4. e visto l'anzianità si è dimenticato il suffisso Madre Anziana.

Ergo si è preso dalla incantevole vecchina del sacco di merda e del poveraccio d'un nobile di
serie B. Infatti avrebbe dovuto presentarla in questo modo:

Madre Anziana "Donna" Malindelli Lomercaz Mazioli Ottimeni Otivesti in Soffitta in


Sinistrilli in Malebraghe in Dicottimo - Cugina della Cognata della Madre di Vizzini-...