Sei sulla pagina 1di 140

GALO

E
8 Gennaio 2019 - n.334 - Mensile - Euro 6,90

IN R
N U M ERI A LE 2018
II ESSIO N
TUTT P RO F
DI PC

CLI ENTI
IO
#SE RVIZ U PTA
A VOSL
E RVIZOI
HI TECH SENZA SEGRETI T S
LUP E DIUPT ATI
R O B LEMI VR
OILSOLVONO L
P A
SO SI SOCI
ADES NDO PER I
A
PASS

U R EZZA
SIC WALL IRE E
IN D OWS F FREEWAR
W , U N
RO L
CONT ENSABILE
P
INDIS

N A ,
U NZ IO
M E F ST A
CO T O CO A
UA N E R L
Q E VOL
R C H
CH ROM E OS E PE SFOR
MATION
TRAN
C
E SU P AR L TRO
RE E US RATIVO GITA A L CEN LE
L LA
INSTA TEMA O PE DI IL MO
BILE
A DIG
ITA
S
IL SI DI GOOGL
E EM OLO
L’ ECOSIST SA SAN PA
D DEL DI INTE
CLOU

Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in Abbonamento Postale - D.L. 353/2003 (convertito in Legge 27/02/2004 n° 46) art. 1, comma 1, NE/VR - CANTON TICINO /SVIZZERA CHF 12,50

001_Cover_334.indd 2 27/12/18 16:18


EDITORIALE
● Di Eugenio Moschini

USA: Trump è pronto


a bandire Huawei e ZTE?
Il 2018 si è chiuso con l’ennesimo capitolo della “guerra” tra USA e Cina

M arzo 2018: il presidente de-


gli Stati Uniti Donald Trump
blocca la proposta di acquisto
potere di proibire alle aziende americane
di acquistare (e usare) tutti i prodotti
di Huawei e ZTE. Quello a cui mira
di Qualcomm da parte di Broadcom. Trump non sono tanto gli smartphone,
Agosto 2018: Donald Trump firma il De- quanto le infrastrutture di rete, su cui
fense Authorization Act che stabilisce che presto dovrebbe vedere la luce il 5G.
i dipendenti governativi statunitensi (e Infrastrutture 5G che il presidente statu-
le aziende che collaborano con le agenzie nitense vorrebbe fossero completamente
governative) non possono più utilizza- realizzate con tecnologia e aziende made
re nessun dispositivo Huawei e ZTE. in USA e non importate da produttori
Novembre 2018: il governo statuniten- che accusa di essere troppo coinvolti
se invita i Paesi alleati a non utilizzare con il governo cinese.
per le infrastrutture di rete componenti Presto sapremo se Donald Trump effet-
prodotti da Huawei. Fine dicembre 2018: tivamente bandirà Huawei e ZTE dal
secondo l’agenzia stampa Reuters, Do- suolo americano, come presto sapremo
nald Trump sarebbe pronto ad appellarsi se tornerà alla carica, con i Paesi alleati,
all’International Emergency Economic Po- per “convincerli” al boicottaggio (gli
wers Act, una legge che gli conferisce Stati Uniti hanno già il supporto di Au-
l’autorità di regolare il commercio in stralia, Nuova Zelanda e Giappone, a cui
risposta a un’emergenza nazionale che potrebbero presto allinearsi Germania e
minaccia gli Stati Uniti. E così avrebbe il Regno Unito). •

PC Professionale / Gennaio 2019 3

003_Editoriale_334.indd 3 28/12/18 17:58


SEGUICI ANCHE SU 334 Gennaio 2019

SOMMARIO www.pcprofessionale.it

V E R STORY
CO

SUPER
FIBRA
Come funziona, quanto p.60
costa e perché volerla.

COME FARE
42 Il sistema operativo nel cloud
Chrome OS è un’alternativa molto solida
per desktop e notebook, in particolar modo
sugli hardware più datati.

72 Effettuare il rooting 5
di uno smartphone Android EDITORIALE
USA: Trump è pronto a
Tutti gli smartphone Android hanno bandire Huawei e ZTE?
delle possibilità nascoste, accessibili
solo una volta sbloccate. Ecco come fare.

98 Windows Firewall Control


Guida all’utilizzo dell’applicazione in grado
di migliorare la gestione del firewall nativo
dei sistemi operativi Microsoft. NEWS
6 Il mobile al centro
dell’ecosistema digitale
INCHIESTA di Intesa Sanpaolo

88 Social customer service DVD VIRTUALE


10 Scarica l’annata
Da Twitter a Facebook, passando per WhatsApp e chatbot: il servizio di PC Professionale
clienti sta cambiando e sta diventando sempre più social. 2018 in Pdf

4 PC Professionale / Gennaio 2019

004-005_Sommario_334.indd 4 28/12/18 18:16


p.27 p.30

O p.22
www.pcprofessionale.it
NUMERO 334 GENNAIO 2019

DIRETTORE RESPONSABILE
Eugenio Moschini
eugenio.moschini@pcprofessionale.eu

FIRST LOOKS REDAZIONE


Laura Nuonno (caposervizio)
laura.nuonno@pcprofessionale.eu
HARDWARE Michele Braga
p.11 michele.braga@pcprofessionale.eu
10 Editoriale - 2019, inizia il conto alla rovescia per il 5G Pasquale Bruno
11 Xiaomi aggiorna il Mi 8 con la versione Pro pasquale.bruno@pcprofessionale.eu

14 Samsung Galaxy A7: tripletta fotografica con alte prestazioni SEGRETERIA


Anna Schiavone
17 Toshiba, tre hard disk dedicati a tre segmenti di mercato differenti segreteria@pcprofessionale.eu
20 Da MSI una scheda madre Z390 per la fascia media
HANNO COLLABORATO
22 Intel Core i9 9980XE: un processore positivo agli steroidi Roberto Cosentino, Gianluca Marcoccia,
27 AMD Radeon Pro: tanta potenza grafica per la fascia media delle workstation Nicola Martello, Alfonso Maruccia,
Andrea Monti, Dario Orlandi,
30 Asus MX32VQ, il piccolo cinema sulla scrivania Alberto Ramponi, Luciano Dadda, Stefano Sanna,
Federico Vergari, Luca Zucconi

SOFTWARE Progetto grafico e copertina: Laura Nuonno

33 Editoriale - Alla ricerca della leggerezza di Windows


34 Reallusion Character Creator 3, figure umane 3D pronte da animare © 2019 Visibilia Editore SpA, Via Pompeo
37 Dipinti artistici dalle foto con PaintShop Pro 2019 Litta 9, 20122 Milano. Iscrizione ROC: 25305
del 9/2/2015. Pubblicazione registrata presso
40 Le app del mese - Strike, Kalkyl, Hours il Tribunale di Milano al n. 335/91
Tutti i diritti di proprietà letteraria e artistica
riservati. Redazione: Via Pompeo Litta 9,

RUBRICHE 20122 (MI), tel. (02) 3658.6790.


Stampa: Nuovo Istituto Italiano d’Arti
Grafiche S.p.A. - Via Zanica 92,
109 Legge&Bit 24126 Bergamo.
110 Libri Chiuso in tipografia il 28/12/2018.
Pubblicità: Visibilia Srl, tel (02) 3658.6750.
112 Internet of Things Periodicità: mensile ISSN 1122-1984

114 Automotive Certificato


116 Retrocomputing
118 Posta HW&SW
Associato a:
128 Hacks
Cert. ADS n°7505
del 20-12-2012

Abbonamenti: www.abbonamenti.it/visibilia email: abbonamenti@mondadori.it tel. 02 7542 9001

ABBONAMENTI: è possibile avere informazioni o Abbonamenti – C/O CMP Brescia – 25126 Brescia. Segrate (Mi). Per le edicole: richieste tramite sito
sottoscrivere un abbonamento tramite: sito web: L’abbonamento può avere inizio in qualsiasi periodo https://servizioarretrati.mondadori.it. Per privati
www.abbonamenti.it/visibilia; e-mail: abbonamenti@ dell’anno. L’eventuale cambio di indirizzo è gratuito: collezionisti: richieste tramite email: arretrati@
mondadori.it; telefono: dall’Italia 02 7542 9001. informare il Servizio Abbonati almeno 20 giorni mondadori.it oppure tel: 045.888.44.00, fa x
Il servizio abbonati è in funzione dal lunedì al prima del trasferimento, allegando l’etichetta con 045.888.43.78 Lunedì – giovedì 9.00 – 12,15 /
venerdì dalle 9:00 alle 19:00; fax: 030.77.72.387; la quale arriva la rivista. Servizio arretrati a cura 13,45 – 17,00 venerdì 9.00 – 12,15 / 13,45 – 16.00.
posta: scrivere all’indirizzo: Press Di Servizio di Distribuzione Stampa e Multimedia srl - 20090 Costo della chiamata in funzione dell’operatore.

SCARICA LA NOSTRA APP


Tutti i contenuti di PC Professionale disponibili nelle edicole digitali iOS e Android

PC Professionale / Gennaio 2019 5

004-005_Sommario_334.indd 5 28/12/18 18:22


NEWS / INTESA SANPAOLO /

Il mobile al centro dell’ecosistema


digitale di Intesa Sanpaolo
La digital transformation di Intesa Sanpaolo, che ora è (anche) la prima banca digitale italiana,
con i suoi 8 milioni di clienti multicanale, di cui quasi 3 milioni sull’app Intesa Sanpaolo Mobile.

L
a trasformazione digitale Percentuali che si spostano nelle operazioni abituali e cre- Sanpaolo a diventare oggi la
ha rivoluzionato profon- ancora più verso l’alto se si sce, seppure a velocità ridotta prima banca digitale italiana:
damente tutti i settori analizza solo la fascia dei più (del 4-5%), anche nelle ope- dei suoi 11,9 milioni di clienti,
della nostra società, nessuno giovani (15-24 anni): in questo razioni più complesse. Ma in 8 milioni sono i clienti multi-
escluso. Anche un ambito sulla caso il 60% ha scaricato l’app questo caso il canale offline (la canale, di cui quasi 3 milioni
carta “conservatore” come quel- della propria banca mentre ben filiale) rimane sempre il punto che operano su Intesa Sanpa-
lo della finanza e degli istituti il 69% ha un’app per il paga- di riferimento. olo Mobile, l’applicazione per
bancari. La digital transformation mento nei negozi fisici. il mobile banking. Dal lancio,
ha il vantaggio di avvicinare le L’app diventa così un nuovo INTESA SANPAOLO, due anni fa, ha quasi triplicato
banche alle esigenze dei clienti, strumento per interfacciarsi con PRIMA BANCA gli utenti, che si connettono 56
che oggi utilizzano sempre di la propria banca o per effettuare milioni di volte al mese (per
più gli strumenti online (come pagamenti cashless. Un nuovo
DIGITALE ITALIANA una media/cliente di 18 volte
app e home banking) per le ope- strumento da usare, spesso, al mese); in meno di un anno
razioni quotidiane. È quello che quotidianamente: il 20% degli La digital transformation, appli- sono state oltre 53 milioni le
traspare da una recentissima intervistati dichiara di utilizzare cata al settore bancario, non operazioni dispositive dall’app
indagine di Ipsos (novembre l’app della banca tutti i giorni richiedeva quindi di voltare e 47,3 milioni di operazioni di
2018), che ha analizzato gli stru- (o quasi) mentre l’8% utilizza completamente pagina e creare post vendita carte.
menti digital e i canali preferiti quotidianamente un’app per i una banca totalmente digitale, Più che una “semplice” app,
dai clienti italiani per relazio- pagamenti (ma si arriva a ben il ma di integrare fisico e digitale Intesa Sanpaolo Mobile è però
narsi con la propria banca. 18% nella fascia tra i 15-24 anni). in un’unica soluzione, quello una multi-app (vengono defi-
Secondo questo studio, condot- Se l’app si conferma, nella fa- della multicanalità estesa. Solo nite anche “app constellation”) e
to su un target di età quanto mai scia 25-34 anni, lo strumento mantenendo entrambi i canali rappresenta il punto di accesso
variegato (tra i 15 e i 64 anni), preferito per la gestione di ope- (online e fisico) la banca è in unico a un gruppo di servizi
gli italiani hanno un legame di- razioni bancarie e finanziarie (il grado di rimanere “per tutti” diversi. Una porta che ha uno
gitale sempre più stretto con le 66%), l’home banking rimane e adatta a tutti i tipi di ope- dei suoi punti di forza in una
banche: il 54% degli intervistati la scelta preferita per la fascia razioni. Ed è proprio questo “chiave” al tempo stesso sem-
ha sullo smartphone l’app per 35-50 (51%) e 51-64 anni (49%). tipo di approccio quello che, plice e sicura: il cliente può
accedere al conto della propria Un dato molto interessante è il nel 2013, ha intrapreso Intesa accedere all’app e autorizzare
banca o carta di credito, men- trend dei canali online: rispet- Sanpaolo per dare il via alla sua le proprie operazioni in totale
tre il 51% dispone di un’app to al 2017 l’online accelera (è trasformazione digitale. Un’e- sicurezza utilizzando non solo
per i pagamenti in mobilità. mediamente superiore al 10%) voluzione che ha portato Intesa il Pin, ma anche i dispositivi

6 PC Professionale / Gennaio 2019

006-008_News_Intesa_334.indd 6 28/12/18 17:44


/ INTESA SANPAOLO / NEWS

GESTIONE OPERAZIONI L’APP è lo strumento preferito dai GIOVANI, mentre


GESTIONE
BANCARIE E L’APP è lo
FINANZIARIE: l’HOME
OPERAZIONI strumento
BANKING lo èpreferito
per i piùdai GIOVANI, mentre
MATURI
GESTIONE OPERAZIONI BANCARIE E FINANZIARIE
Strumento preferito
BANCARIE E FINANZIARIE: l’HOME BANKING lo è per i più MATURI
tetti di spesa, richiesta del pin
Strumento preferito
Base: utilizzano app e home banking

online, blocco e/o sostituzione)


Base: utilizzano app e home banking
STRUMENTO
25-34 enni
PREFERITO51-64 enni
35-50 enni al pagamento di un bollettino
25-34 enni 35-50 enni 51-64 enni o di un F24 che avviene sem-
plicemente inquadrandolo e
HOME BANKING 23 51 49 scattando la foto, dalla rica-
HOME BANKING 23 51 49
rica del credito del cellulare
APP MOBILE 66 29 22 alla possibilità di chiamare la
APP MOBILE 66 29 22 Filiale Online, già autenticati,
GESTIONE OPERAZIONI
NON SA/DIPENDE
Accelera L’ONLINE per le operazioni ABITUALI, mentre sulle con un semplice shake dello
11 20
BANCARIE
DALLE operazioni complesse
E FINANZIARIE: 11
NON OPERAZIONI
SA/DIPENDE l’incremento29
è più lento (ma visibile) smartphone. Un’altra funzio-
20 29
Strumento utilizzato
DALLE OPERAZIONI
nalità, particolarmente innova-
Base: possessori INVESTIMENTO/
tiva (e molto apprezzata dagli
ACCUMULO 2018
STRUMENTO UTILIZZATO utenti) è il prelievo cardless, che
D17b. Per la gestione delle sue operazioni bancarie/finanziarie, preferisce utilizzare…? Chiarimenti,
GestioneGESTIONE del Monitoraggio
MONITORAGGIO Operazioni OPERAZIONI Gestione
GESTIONE Operazioni
OPERAZIONI CHIARIMENTI
8 verifiche, consente di prelevare senza
conto DELcorrente
D17b. Per la gestione CONTO risparmi/attività
delle sue operazioniRISPARMI/
abituali
ABITUALI
bancarie/finanziarie, preferisce utilizzare…?
investimenti
INVESTIMENTI complesse
COMPLESSE VERIFICHE
CORRENTE ATTIVITÀ 8 proteste
PROTESTE carta alle casse veloci auto-
Valori %
matiche. Una funzione che è
possibile utilizzare anche per
34 36
aiutare un parente o un amico
CANALI 40
OFFLINE
a prelevare denaro (fino a 150
74 75 81 euro) in situazioni di emer-
filiale, consulente,
telefono genza (il cosiddetto “prelievo

Fonte: Ipsos Prometeia


CANALI 66 64
SOS”). Per poter ritirare è
ONLINE 60
sufficiente che il “beneficia-
app mobile, 26 25 19 rio” inserisca sul display del
home banking, social
network bancomat il codice generato
+8%
+8% +11%
+11% +12%
+12% +4%
+4% +5% dall’app del titolare. Le ope-
vs.
VS 2017
2017 vs.
VS2017
2017 vs.VS2017
2017 vs.2017
VS 2017 vs.
VS2017
2017
9 Fonte: Ipsos - Prometeia razioni di prelievo cardless nel
2018 sono state ben 1,2 milioni
e sono in costante crescita: og-
di autenticazione biometrica l’app) anche per autorizzare dispositive, proprio perché gi sono quasi 200.000 al mese,
dello smartphone (come il let- le operazioni quando si ac- biometriche, sono uniche co- triplicate rispetto allo scorso
tore dell’impronta digitale o cede tramite interfaccia web: me noi. mese di gennaio.
il riconoscimento facciale), in in questo caso si riceve una Le funzioni all’interno dell’app Ovviamente all’interno di In-
totale conformità con la nuo- notifica via app, che indica Intesa Sanpaolo Mobile sono tesa Sanpaolo Mobile c’è anche
va normativa europea PSD2 l’operazione da autorizzare. quanto mai diversificate: dalla il digital wallet (o portafoglio
(Payment Services Directive 2). Un meccanismo di sicurezza gestione completa delle carte digitale) per tutti i servizi di
Si utilizza lo smartphone (e in più, in cui le “password” di credito (come modifica dei pagamento digitale: si tratta

Intesa Sanpaolo Mobile è una multi-app e rappresenta il punto di accesso unico a un gruppo di servizi diversi: si spazia
dal prelievo cardless al portafoglio digitale XME Pay, dalla gestione completa delle carte di credito al risparmio di XME Salvadanaio.

PC Professionale / Gennaio 2019 7

006-008_News_Intesa_334.indd 7 28/12/18 17:44


NEWS / INTESA SANPAOLO /

di XME Pay, con cui è possibi- QUANDO spese. Il tutto in un’ottica di un soprattutto, informato. Su oltre
le pagare online o in negozio IL DIGITALE EDUCA controllo flessibile, in cui, in caso 50 milioni di titoli quotati, Intesa
con le carte o direttamente dal di necessità (per esempio per Sanpaolo Investo permette di ave-
conto. XME Pay supporta già
AL RISPARMIO autorizzare l’acquisto di un libro re ogni tipo di informazioni, con
da tempo Samsung Pay a cui si che supera il budget massimo) ricerche avanzate (e confronti)
è aggiunto, dal 20 novembre, Nell’ottica di Intesa Sanpaolo basta un clic via app. Da segna- su qualunque tipo di indicato-
anche Apple Pay, che è attiva- la trasformazione digitale è lare infine che, al compimento re del mercato. In meno di un
bile direttamente da XME Pay stata un’occasione non solo per della maggiore età, il giovane mese dal lancio è stata scelta già
su tutte le carte di credito, sulle cambiare il modo di pagare, ma potrà continuare a utilizzare il da 200.000 clienti e il 20% degli
prepagate e sulle carte di debi- anche di risparmiare (ed educa- conto come un normale XME ordini sul mercato secondario
to XME Card. re i più giovani al risparmio). Conto per maggiorenni, man- dei clienti di Intesa Sanpaolo è
Con XME Pay è possibile “pa- Una delle nuove funzioni di tenendo il medesimo IBAN. passato per questa app.
gare” anche gli amici, con una Intesa Sanpaolo Mobile è XME Un’altra forma digitale per
modalità di pagamento account Salvadanaio, già attivata da qua- educare al risparmio, pensata IL DIGITALE,
to account. Siete un gruppo che si 200.000 clienti: un modo per in questo caso per i più piccoli, AL CENTRO DEL
deve dividere il conto di una accantonare manualmente o è XME Dindi, uno speciale “sal-
cena al ristorante? Oppure dare automaticamente (per esempio vadanaio” virtuale che sembra
PIANO DI IMPRESA
la propria quota per il regalo a scegliendo di arrotondare tutti un giocattolo. XME Dindi è un 2018-2021
un amico comune? In questo i pagamenti all’euro superio- dispositivo che si collega (trami-
caso per il trasferimento di re) piccole somme da destina- te Bluetooth) allo smartphone e Come già accennato, la digital
denaro (in tempo reale) è suf- re a progetti a medio o lungo all’app Intesa Sanpaolo Mobile e transformation di Intesa Sanpa-
ficiente inserire il solo nume- termine. mostra sul suo touch screen il olo è incominciata nel 2013 ed
ro di cellulare e usare JiffyPay. Uno strumento pensato per saldo del conto e gli obiettivi è stato uno dei temi del piano
Si tratta di un servizio di SIA aiutare i genitori nella gestione di risparmio impostati. Sebbene d’impresa 2014-2017. L’ambizio-
(Società Interbancaria per l’Au- “economica” dei figli è XME “dematerializzata”, sul display so percorso, in cui Intesa Sanpa-
tomazione) attivo su oltre 130 Conto Up: si tratta di un conto, viene mostrata anche la ricezio- olo vuole essere il primo e princi-
banche e disponibile sull’80% che i genitori possono aprire ne dei nuovi versamenti, ren- pale operatore nella sostituzione
dei conti correnti italiani. anche online per i loro figli, dendo così “fisica” la percezione del contante, continuerà con il
Inoltre, grazie a un accordo tra completamente gratuito (bolli della crescita del risparmio an- piano d’impresa 2018-2021, in
SIA e Bancomat, JiffyPay dal compresi). Un conto a cui può che per i più piccoli. cui saranno investiti 2,8 miliar-
2019 è diventato Bancomat Pay essere associata (se il minore ha di di euro per portare le attività
e sarà possibile, per i titolari più di 8 anni) anche una XME UNA NUOVA digitalizzate della banca dal
di carte PagoBancomat, paga- Card e su cui non solo i genitori APP DEDICATA 10% del 2017, al 70% del 2021.
re attraverso lo smartphone, possono “versare” la paghetta Il digitale, quindi, rivoluziona (e
senza dover digitare nessun settimanale, ma anche i nonni
AGLI INVESTIMENTI rivoluzionerà) le banche, anche
codice. Una vera comodità, o i parenti possono dare il loro se per Stefano Barrese, respon-
che accelererà il passaggio ai contributo per i loro piccoli/ Se Intesa Sanpaolo Mobile è pen- sabile Banca dei Territori Intesa
micropagamenti digitali nel- grandi progetti di risparmio. sata per l’everyday banking, nella Sanpaolo, “La logica è la piena in-
le transazioni di tutti i giorni. Con XME Conto UP i genitori app constellation di Intesa San- tegrazione tra la componente umana
Intesa Sanpaolo supporte- mantengono però la piena su- paolo è stata recentemente rila- e quella digitale del servizio. Quello
rà l’evoluzione digitale del pervisione dell’utilizzo: grazie sciata una nuova app dedicata che è certo, è che le persone - i clienti,
Bancomat e per gli esercenti i alle funzioni di parental control agli investimenti: Intesa Sanpaolo i colleghi - resteranno al centro, in
pagamenti con Bancomat Pay possono impostare il tetto mas- Investo. La sua peculiarità è quel- un modello di relazione consolidato
saranno completamente gra- simo (anche in caso di prelievo la di permettere di fare trading e duraturo, sempre più improntato
tuiti per qualsiasi importo fino con la carta) e la natura delle in modo semplice, veloce e, sulla qualità e sulla fiducia.” •
al 30 giugno 2019 (successiva-
mente saranno gratuiti sotto i
50 euro e avranno un costo di 1
euro per ogni pagamento oltre
i 50 euro). Sempre nel 2019, il
Gruppo lancerà una nuova app
per gli esercizi commerciali,
che fungerà da unico punto
di accettazione di tutti i paga-
menti e come unico cruscotto
di rendicontazione integrata
multibanca: per l’esercente
non sarà più necessario avere
un POS, ma per accettare un
pagamento sarà sufficiente un Stefano Barrese, responsabile Banca dei Territori Intesa Sanpaolo, illustra gli obiettivi del piano d’impresa
tablet o uno smartphone. 2018-2021: 2,8 miliardi di euro di investimenti per portare al 70% le attività digitalizzate della banca.

8 PC Professionale / Gennaio 2019

006-008_News_Intesa_334.indd 8 28/12/18 17:44


DVD
VIRTUALE
Scarica l’annata 2018
in Pdf su www.pcprofessionale.it

CON IL CODICE
A855A3

Tutti i numeri del 2018 di PC Professionale in formato digitale,


facilmente consultabili e stampabili. Oltre 1.500 pagine di prove
comparative, recensioni, tutorial e approfondimenti tecnologici.
Tutto il 2018 alla portata di un clic.

PC Professionale / Gennaio 2019 9

009_DVD_Virtuale_334.indd 9 28/12/18 14:04


Pasquale Bruno
In PC Professionale dal 1999, appassionato delle ultime tecnologie (e anche di retrocomputing), viaggi in moto, fotografia.

FIRST LOOKS www.pcprofessionale.it

HARDWARE

2019, inizia il conto alla rovescia per il 5G


I
l 2019 è l’anno in cui partiranno le prime nelle grandi città per prime. Sempre entro il 2019
offerte commerciali per il 5G in Europa. si stimano un milione di nuovi smartphone 5G
L’obiettivo è di arrivare a regime nel venduti (una goccia nel totale di 1,5 miliardi),
2020, da tempo fissato come “anno zero” per la insieme a un altro milione di modem e ad
nuova tecnologia che promette di cambiare il altrettanti dispositivi fissi con accesso wireless
mondo delle telecomunicazioni. In Italia per una 5G. Le attuali tecnologie come il 4G hanno ancora
volta non siamo troppo in ritardo: conclusa la un lungo futuro davanti; nel 2025 si stima che
fase della gara per l’assegnazione delle frequenze, solo il 14% delle connessioni saranno in 5G, pari
che darà allo Stato 6,5 milioni di euro di introiti a un numero di 1,2 miliardi. Gli operatori hanno
da qui al 2022, conclusa la fase iniziale di tutto l’interesse ad accelerare i tempi, sia per non
sperimentazione tecnologica, il 2019 vedrà l’inizio lasciare spazio ai concorrenti sia per rientrare dei
della fase di roll out della rete e della prima grossi investimenti fatti. Far uscire dalla nicchia
disponibilità di servizi al pubblico. Come per tutti iniziale la tecnologia 5G non sarà facile; molto sta
i lanci di nuovi tecnologie, non ci sarà certo una anche nelle proposte economiche che verranno
valanga di offerte e di apparati 5G, quanto fatte agli utenti. I costi iniziali saranno
piuttosto una graduale diffusione. Uno studio di inevitabilmente alti, molto più di quanto è
Deloitte stima l’adozione del 5G lenta ma avvenuto con il 4G. L’augurio è che la serrata
costante, e prevede che nel corso del 2019 non concorrenza che ci sarà tra i vari soggetti non si
meno di 25 operatori a livello mondiale trasformi in un cartello sui prezzi, come già
riusciranno ad avviare il servizio, ovviamente avvenuto in altri ambiti in passato.

Il fatturato in euro registrato durante le promozioni del Black Friday in Italia.


375 MILIONI L’aumento rispetto al 2017 è stato del +42%, il più alto a livello europeo. Fonte: Gfk

010_ED_HW_334.indd 10 27/12/18 18:35


/ HARDWARE / FIRST LOOKS

LAB

DOPPIA FOTOCAMERA
Sono uguali a quelle
del fratello minore Mi
8: obiettivo standard e COLORI VIVACI
zoom 2X, entrambi con Il display Super Amoled
sensori da 12 Mpixel. è di buona qualità, ha
una risoluzione elevata
e con una dimensione di
6,21 pollici è ottimo per il
multimedia.

HARDWARE VELOCE
Troviamo il meglio sul
mercato: Snapdragon
845 e ben 8 GB di
memoria Ram. Il Mi 8
Pro non teme nessun
gioco o app.

● Di Roberto Cosentino

Xiaomi aggiorna il Mi XIAOMI MI 8 PRO

8 con la versione Pro 649,90


EURO
A distanza di pochi mesi Xiaomi lancia il Mi 8 Pro, che porta ■ PRO
Prezzo competitivo / Sensore
innovazioni come il sensore di impronte sotto al display. impronte efficace / Riconoscimento

A
facciale / Prestazioni e
bbiamo recensito la versione che quella mostrata sotto il vetro è solo configurazione hardware
standard del Mi 8 l’estate ap- una replica della scheda madre interna.
pena trascorsa, confrontandolo Nella confezione è presente anche una ■ CONTRO
con il Pocophone F1, che oltre ad as- cover trasparente e un adattatore per IA per le foto da migliorare / Miui
somigliargli condivide con esso buona sopperire alla mancanza del jack audio. da migliorare / Mancano jack audio
parte delle specifiche tecniche. Il modello standard, totalmente in allu- e slot micro Sd
Il Mi 8 reggeva a fatica tale confronto, minio, era estremamente scivoloso. Un
per la discrepanza di prezzo e per alcu- po’ meno la versione Pro, ma in ogni IN BREVE
ne funzioni che il Pocophone propone caso il grip del vetro non è proprio il Mi 8 Pro è un prodotto più maturo
in più. In questa versione troviamo massimo. La parte frontale presenta rispetto al precedente. Propone
qualche aggiornamento che potrebbe un ottimo display il cui notch è un po’ innovazioni e prestazioni a un
giustificare il prezzo leggermente più troppo spazioso (si può nascondere) prezzo abbastanza accessibile. Non
alto. Il Mi 8 Pro presenta le stesse ca- che annovera un’ottima capsula auri- è privo di difetti, quello più grande
ratteristiche del Mi 8 classico, anch’es- colare che a sua volta contiene un ri- è la Miui, aggiornabile alla versione
so costituito in alluminio serie 7000; dottissimo (e a tratti inutile) led, attivo 10, ancora troppo acerba e con
il retro è però in vetro trasparente. quando il dispositivo è sotto carica. qualche bug, critica su un prodotto
Questo per risaltare la caratteristica Da segnalare la scomparsa automati- altrimenti ottimo. Da migliorare
estetica principale del Mi 8 Pro, la cui ca del notch durante la riproduzione anche il set fotografico, soprattutto
intenzione è di mostrare l’interno dello video, anche se nei giochi i bordi a de- nel software, ma il giudizio è
smartphone. Che rimane però nient’al- stra sono tondeggianti rispetto a quelli complessivamente positivo.
tro che un vezzo estetico, dal momento squadrati della parte sinistra. www.mi.com

PC Professionale / Gennaio 2019 11

011-013_FL_HW_Xiaomi_334.indd 11 27/12/18 18:33


FIRST LOOKS / HARDWARE /

Dentro la tacca vi è anche spazio per anche con accessori quali occhiali o cap- infine, lo slot per la doppia Sim. Nella
una fotocamera da 20 megapixel e per il pelli. La vera pecca è che Xiaomi non si è parte posteriore, ecco la medesima dop-
sensore a infrarossi per il riconoscimento ancora impegnata a risolvere il problema pia fotocamera da 12 megapixel già vista
del volto. Sblocco che avviene istantane- del trucco necessario per utilizzare la sul Mi 8, sborda di pochi millimetri ma
amente anche in condizioni di luce scarse scansione del volto, che è attivabile solo con la cover viene livellata. La fotoca-
e la cui configurazione dura pochissi- settando la regione “Hong Kong” dalle mera non è l’unico modulo identico alla
mi secondi. Da evidenziare come sia in impostazioni. precedente versione, tutta la piattaforma
grado di riconoscere il volto dell’utente Lo schermo, un pannello Super Amo- hardware è la stessa. Ritroviamo quindi
led da 6,21 pollici, soffre alle volte di il processore Qualcomm Snapdragon
riflessi troppo evidenti, anche quando 845 supportato da 8 GB di Ram e 128
PRESTAZIONI la luminosità del display è al massimo.
Sotto al display si cela anche il sensore
GB di storage. Una downgrade si nota
nell’amperaggio della batteria, che passa
BENCHMARK DI SISTEMA di impronte. Il riconoscimento è rapido da 3.400 agli attuali 3.000 mAh. Tuttavia,
e, quando in stand by, l’area predisposta nonostante un utilizzo intenso, siamo
ANTUTU 7.1.0 (64 BIT)
alla rilevazione dell’impronta si illumina, sempre riusciti ad arrivare fino a sera con
Totale 286.834 facilitando l’utente a trovare la posizione una sola carica. Dato che ci ha sorpresi
Gpu 125.577 ideale per un riconoscimento più efficace. in positivo, considerando la capacità in-
UX 59.869 Una scelta migliore non solo in termini feriore alla versione tradizionale, pur con
estetici, ma anche pratici, ben integrata Dual Gps attivo, che anche questa volta
Cpu 91.592 e a prova di errore. La combinazione si conferma uno strumento affidabile.
Ram 9.796 sblocco del volto e sensore di impronte
FUTUREMARK PC MARK coniuga con velocità ed efficienza due
soluzioni per la sicurezza, in modo dif-
Totale 8.716 ficile da trovare su altri modelli. C’è da
GEEKBENCH 4 dire comunque che l’efficacia del rico-
Multi Core 8.371 noscimento del volto rende il sensore
di impronte quasi superfluo. Anche la
BENCHMARK GPU
digitazione sulla tastiera virtuale offre
FUTUREMARK 3DMARK un’esperienza molto positiva e quasi del
Sling Shot Extreme 3.756 tutto priva di errori.
Il profilo superiore del dispositivo non
Ice Storm Unlimited 63.098 presenta alcun tipo di alloggio, su quello
GFX BENCH destro troviamo il bilanciere del volume
T-Rex (on/off screen) 3.319/7.327 e il tasto di accensione evidenziato in
rosso, tratto distintivo che non guasta
Manhattan 3.0 (on/off screen) 3.449/3.980 a livello estetico. Nel profilo inferiore vi
Manhattan 3.1 (on/off screen) 2.735/23964 è un doppio speaker (al cui centro vi è
Car Chase (on/off screen) 1.787/1.747 l’ingresso Usb type C) di buona qualità;
forse si poteva intervenire con un poco
BENCHMARK JAVASCRIPT
di convinzione in più nella gestione dei
Sunspider 1.0.2 (Chrome) (ms) 475 bassi. Il suono tende a distorcere quando
il volume è al massimo. Inoltre gli spea-
ker tendono ad essere coperti dalle mani
quando lo smartphone è in orizzontale,
anche se con la cover la situazione mi-
gliora lievemente. Nel profilo sinistro

CARATTERISTICHE
Display: 6,21”, Super Amoled, 2.248 x 1.080 pixel • Chipset: Qualcomm
Snapdragon 845 • Cpu: Octa-core (4x 2,8 GHz Kryo 385 Gold + 4x1,8 GHz
Kryo 385 Silver) • Gpu: Adreno 630 • Memoria (Gbyte): 8 • Storage
interno (Gbyte): 128 • Slot di espansione: no • Fotocamera post.: 12
Il retro in vetro
trasparente lascia
Mpixel F/1.8 + 12 Mpixel F/2.4 • Fotocamera ant.: 24 Mpixel F/2.0 •
visibile un simulacro Apparato radio: Lte, Nfc • Connettività: Bluetooth 5.0, Usb type C, Wi-Fi
della scheda madre 802.11 ac • Sensori: Accelerometro, giroscopio, prossimità, bussola,
dello smartphone. Non infrarossi, impronte • Gps integrato: Sì • Radio Fm: No • Batteria (mAh):
è quella reale. 3.000 • Dimensioni (mm): 154,9 x 74,8 x 7,6 mm • Peso (g): 177 •
Sistema operativo: Android 8.1 Oreo + Miui 10

12 PC Professionale / Gennaio 2019

011-013_FL_HW_Xiaomi_334.indd 12 27/12/18 18:34


/ HARDWARE / FIRST LOOKS

In modalità ritratto le immagini a seconda dello sfondo


appaiono ben sfocate, ma è facile mandare il software in crisi
ed ottenere foto con errori evidenti. Inoltre in questa modalità
lo stabilizzatore ottico non può intervenire ed è facile generare
foto mosse. In contesti di scarsa luce invece, è quasi inevitabile
attivare la modalità manuale, per evitare di produrre foto
mosse. Di giorno la qualità è sempre buona, con immagini
nitide e correttamente esposte. In generale le foto vengono
proposte con colori vivaci ma poco naturali, così come nei selfie.

A livello di prestazioni c’è poco Valutando le immagini prodotte,


da dire; l’hardware è scattante sembra che questo smartphone
e mettere il dispositivo in crisi è cerchi “l’effetto wow” con imma-
davvero impresa ardua. Il vero gini dai colori poco realistici ma
lato debole del Mi 8 (e in generale che obiettivamente alla vista sono
dei prodotti Xiaomi) è l’interfac- gradevoli e in grado di stuzzicare
cia; basata su Android 8.1, la Miui visivamente l’utente. Abbiamo
è fin troppo ricca di contenuti ed realizzato una serie di scatti in
elementi poco interessanti che pieno autunno, e i colori “natural-
vengono proposti all’utente. Ol- mente” desaturati della stagione
tre a questo, bisogna anche fare i apparivano troppo “esasperati”
conti con le “notifiche fantasma” specie con attivo l’Hdr. Gli utenti
e con l’impossibilità di utilizzare non avvezzi nell’analisi di un’im-
la scansione del volto senza co- magine noteranno foto appaganti,
noscere il trucco prima citato, per ma che rimangono poco realisti-
non parlare di qualche bug non che. Comunque possono essere
risolto nemmeno con la versione sempre modificate attraverso le
10. Insomma, la Miui non è certo apposite app. Non si può quindi
un elemento a favore del Mi 8 Pro, parlare di difetto, come invece è
che guadagnerebbe senza ombra il rumore eccessivo prodotto in
di dubbio dei punti se fosse ven- situazione di scarsa luce, per via
duto con Android stock. di un’intelligenza artificiale non
La campagna pubblicitaria di poi così efficace. Tecnicamente
Xiaomi ha sempre puntato sulle è un fattore risolvibile tramite
prestazioni del set fotografico, tut- aggiornamenti software o utiliz-
tavia non ci ha sempre convinto. zando la modalità manuale.
Le immagini scattate di giorno Il Mi 8 Pro, lanciato sul merca-
sono sempre piacevoli, ma sono to negli ultimi mesi del 2018, al
lontane dall’essere caratterizzate momento della nostra prova è ac-
da colori fedeli. Abbiamo notato quistabile sul sito Web di Xiaomi
un’eccessiva saturazione, nono- al prezzo di circa 650 euro, ma
stante le foto siano complessiva- è disponibile su strada a circa
mente buone. La sera il discorso 470 euro. Questo modello appa-
cambia, la modalità automatica re come un miglioramento del
tende a produrre immagini afflitte precedente e questa volta per le
da un eccessivo rumore digitale innovazioni apportate, non teme
che spesso rende inutilizzabile il confronto con il parente Poco-
la foto; inoltre la messa a fuoco phone F1. Si dimostra un temibile
appare un po’ macchinosa. Il lato top di gamma per i competitor
positivo però è la possibilità di che intendono aggredire questa
utilizzare facilmente la modalità fascia senza prezzi stratosferici.
manuale per entrambe le foto- La strada imboccata da Xiaomi
camere, eventualità non sempre è quella giusta e considerando
possibile su altri dispositivi. La che si tratti di un nuovo player
fotocamera anteriore è altrettanto (almeno in Italia) i progressi mes-
performante, le immagini sono di si a segno nel giro di pochi mesi
alta qualità e dispone di strumen- lasciano intendere un futuro di
ti per modificare e migliorare le smartphone aggressivi e dal prez-
immagini. zo moderato. •

PC Professionale / Gennaio 2019 13

011-013_FL_HW_Xiaomi_334.indd 13 27/12/18 18:34


FIRST LOOKS / HARDWARE /

LAB

TRIPLA FOTOCAMERA
Standard, grandangolare
e per l’effetto sfocato sui COLORI VIVACI
ritratti. La qualità della Il telaio posteriore è in
prima, in particolare, è vetro, ha un buon grip e
buona anche di notte. presenta dei riflessi colorati.
Il Galaxy A7 è disponibile in
nero, blu e oro.

BUONE PRESTAZIONI
Il recente processore octa
core Exynos serie 7 è di
fascia medio-alta ed è
brillantemente supportato
LEGAME COL PASSATO
dai 4 gigabyte di Ram.
La porta è ancora la
vecchia micro Usb 2.0.
Sarebbe ora di mandarla in
pensione in favore della più
recente Usb type C.

● Di Roberto Cosentino
SAMSUNG

Samsung Galaxy A7: GALAXY A7

tripletta fotografica 349


EURO
■ PRO
Smartphone di fascia media orientato alla fotografia, ha un Autonomia / Display / Design
processore potente e allo stesso tempo un prezzo aggressivo. / Foto di buona qualità
■ CONTRO

S
amsung ha da poco presentato Per via delle dimensioni è difficile Manca un led di notifica /
la nuova generazione della linea utilizzarlo sempre con una mano, Manca lo stabilizzatore ottico
A, una gamma che si divide in viene più naturale usarle entrambe. / Seconda fotocamera solo in
due smartphone: il Galaxy A7 ogget- Costituito in alluminio e vetro, si automatico / Porta micro Usb
to della nostra prova e il Galaxy A9. nota un particolare lavoro effettuato
Entrambi sono fortemente orientati sul design, specialmente sul retro. I IN BREVE
alla fotografia grazie alla qualità e al colori sgargianti su cui vi si possono Samsung rivede la propria offerta
numero di fotocamere, addirittura notare gradevoli riflessi, non trovano sulla fascia media con smartpho-
quattro per l’A9. Con un prezzo di ostacoli grazie all’assenza del sensore ne la cui funzione principale è
listino di 350 euro (ma su strada si tro- di impronte, ora spostato sul profilo proporre foto di alta qualità,
va a meno) il Galaxy A7 porta con sé destro del telaio. Il tris di fotocame- sebbene mostrino qualche pro e
ben tre fotocamere: una standard, una re inoltre viene disposto in verticale diversi contro. Il lavoro non viene
con lente grandangolare e un’altra per nella parte sinistra. A primo impatto effettuato solo sulle fotocamere
il calcolo della profondità di campo. può sembrare un’estetica minimale che nel complesso funzionano
Questo smartphone ha dimensioni ed essenziale, ma risulta piacevole. bene, ma anche su caratteristiche
importanti. Può essere paragonato Inoltre le fotocamere non sporgono come la sicurezza, il design e un
per ingombro e spessore al Samsung più di tanto. prezzo finalmente congruo con la
Galaxy Note 8, anche se è leggermente Sebbene il dispositivo sia molto liscio proposta. Positivo il giudizio su
meno lungo; misura infatti 159,8 x e sensibile alle ditate, il grip è suf- prestazioni e durata della batteria.
76,8 x 7,5 per un peso di 168 g. ficiente, anche grazie a uno scalino www.samsung.it

14 PC Professionale / Gennaio 2019

014-016_FL_HW_Samsung_334.indd 14 27/12/18 18:32


/ HARDWARE / FIRST LOOKS

che divide la parte posteriore dalla del volume e uno spazioso (e rumo- PRESTAZIONI
parte frontale. Parte frontale che a roso) tasto per l’accensione e spe-
differenza dei top di gamma pre- gnimento del dispositivo. Tasto che BENCHMARK DI SISTEMA
senta bordi e cornici di dimensioni integra anche un reattivo sensore di ANTUTU 7.1.0 (64 BIT)
superiori agli standard, che forse impronte, comodo da raggiungere
Totale 121.695
alterano un po’ l’estetica. Tuttavia sia con il pollice per i destrorsi, sia
se l’alternativa fosse stata l’adozione con il dito indice per i mancini. Il Gpu 26.553
della tacca, ben venga qualche mil- profilo inferiore ospita il jack audio, UX 35.404
limetro di cornice in più. Segno che mentre troviamo ancora, purtroppo,
Cpu 53.680
Samsung prosegue nel voler mo- la vecchia porta micro Usb 2.0. Il
strare personalità e non adeguarsi Galaxy A7 prevede poi uno speaker Ram 6.058
al trend del momento. Nella cornice di media qualità, posizionato in un FUTUREMARK PC MARK
superiore sono contenute la fotoca- angolo in cui non viene coperto dal-
Totale 5.573
mera da 24 megapixel con apertura le mani quando in modalità landsca-
F/2.0 per i selfie, capace inoltre di pe, favorendo quindi la fuoriuscita GEEKBENCH 4
effettuare un riconoscimento del dell’audio senza problemi. Multi Core 4.404
volto reattivo anche quando si è in Il display è un Amoled da 6 pollici
BENCHMARK GPU
condizioni di poca luce. Al centro con risoluzione di 2.220 x 1.080 pixel,
l’ottima capsula auricolare affian- forse non ai livelli dei top di gamma, FUTUREMARK 3DMARK
cata da un flash. Si nota l’assenza ma rimane comunque di elevata Sling Shot Extreme 741
di un led di notifica, sostituito dalla qualità e ottimo per l’intrattenimen- Ice Storm Unlimited
modalità Always On, ampiamente to. Al di sotto di esso si trova il pro- 15.200
personalizzabile, che si può disatti- cessore octa core Exynos 7885 da 2,2 GFX BENCH
vare per risparmiare batteria. GHz, supportato da 4 GB di Ram. La T-Rex (on/off screen) 1.004/1.560
Il profilo sinistro presenta lo slot configurazione hardware, comple- Manhattan 3.0 (on/off screen)
ibrido in grado di ospitare contem- tata da una batteria da 3.300 mAh
734/430
poraneamente due Sim e una scheda e da 64 GB di storage (espandibili Manhattan 3.1 (on/off screen) 250/189
micro Sd, mentre il lato superiore fino ad ulteriori 512 GB), consente Car Chase (on/off screen) 336/367
è privo di alloggi. Il profilo destro al dispositivo di raggiungere perfor-
BENCHMARK JAVASCRIPT
presenta due tasti per il controllo mance elevate, che nulla hanno da
Sunspider 1.0.2 (Chrome) (ms) 770

CARATTERISTICHE
Display: 6”, Super Amoled, 2.220 x 1.080 pixel • SoC: Samsung Exynos 7885 • Cpu:
Octa-core (2x 2,2 GHz Cortex A73 + 6x 1,6 GHz Cortex A53) • Gpu: Mali G71 • Memoria
(Gbyte): 4 • Storage interno (Gbyte): 64 • Slot di espansione: micro Sd • Fotocamera
post.: 24 Mpixel F/1.7 + 8 Mpixel F/2.4 + 5 Mpixel F/2.2 • Fotocamera ant.: 24 Mpixel F/2.0
• Apparato radio: Lte• Connettività: Nfc, Bluetooth 5.0, micro Usb 2.0, Wi-Fi 802.11 ac •
Sensori: Accelerometro, giroscopio, prossimità, bussola • Gps integrato: Sì • Radio Fm: Sì •
Batteria (mAh): 3.300 • Dimensioni (mm): 159,8 x 76,8 x 7,5 mm • Peso (g): 168 • Sistema
operativo: Android 8.0 Oreo

PC Professionale / Gennaio 2019 15

014-016_FL_HW_Samsung_334.indd 15 27/12/18 18:32


FIRST LOOKS / HARDWARE /

invidiare a smartphone di fascia più sensore da 8 megapixel (e apertura


alta. Non abbiamo mai riscontrato F/2.4) con lente grandangolare da
rallentamenti nonostante la mol- 120°. Anche in questo caso le foto
titudine di applicazioni lanciate e sono di buona qualità, sebbene la
attive, segno che 4 GB di Ram sono distorsione provocata dalla lente
più che sufficienti. grandangolare sia molto evidente.
La batteria inoltre, se disattivata la Inoltre è possibile utilizzarla solo
modalità Always On, permette di in modalità automatica, costrin-
arrivare abbondantemente fino a gendo quindi a correggere alcuni
sera, nonostante un uso massiccio errori solo dopo che lo scatto è stato
dei social e delle app di messaggisti- effettuato.
ca. Inoltre il consumo della batteria Abbiamo riscontrato ad esempio
in stand by è al minimo e in alcuni una difficile gestione della luce di
casi siamo riusciti anche ad arrivare sera, quando il soggetto è investito
ai due giorni di utilizzo, segno che da una fonte luminosa importante.
il lavoro effettuato da Samsung sui Speriamo che in futuro la modalità
SoC Exynos (ma anche a livello sof- Pro possa essere utilizzata anche
tware) è importante. Basti pensare per la seconda fotocamera. Tuttavia,
alla mai soddisfacente batteria del anche in questo caso, non abbiamo
Galaxy S8, per rendersene conto. notato la presenza di eccessivo ru-
Il processore difficilmente scalda, more digitale.
può capitare moderatamente nel- La terza fotocamera invece, con
le sessioni di gioco, in particolare sensore da 5 megapixel e apertura
nella parte posteriore da F/2.2, è utile al cal-
in alto. Il processore Exynos colo della profondità
Passiamo ora alla di campo per otte-
tripla fotocamera. A 7885 è di concezione nere l’effetto bokeh,
primo impatto vie- recente e ha mostrato purché il soggetto sia
ne facile accostare il prestazioni di fascia posto ad una deter-
dispositivo alla gam- minata distanza dallo
ma P20 (e alla recente medio-alta smartphone. Il risulta-
Mate 20) di Huawei to è sì gradevole, ma
per numero di fotoca- un occhio particolar-
mere, anche se sono concezioni di mente allenato potrà accorgersi di
fotografia profondamente diverse. una resa artificiale. In condizioni
Il gruppo presente sul Galaxy A7 si di luce difficili inoltre non sarà del
basa su una fotocamera principale tutto efficiente, con evidenti errori
di tipo tradizionale da 24 megapixel, da parte del software sui bordi del
con apertura F/1.7. Le foto scattate soggetto inquadrato.
da questa fotocamera sono di quali- Per quanto riguarda la fotocamera
tà molto alta, grazie anche all’ampia frontale, i 24 Mpixel e l’obiettivo
apertura e a una modalità automa- F/2.0 faticano in ambienti poco il-
tica efficiente. Non si nota infatti luminati e i selfie possono venire
alcuna presenza di rumore anche di mossi, però a supporto vi è il flash,
sera e in condizioni di luce difficili. che può aiutare non poco.
Non abbiamo sentito spesso il bi- Presentato verso la fine di settembre,
sogno di utilizzare la modalità Pro il Galaxy A7 è stato lanciato sul mer-
per correggere errori nell’interpre- cato al prezzo di 349 euro. Un costo in
tazione della scena, salvo situazioni linea con le prestazioni del telefono,
complesse e particolari. tuttavia è già possibile acquistarlo
Il vero grande difetto, per uno su strada al costo di 290 euro circa.
smartphone che fa della fotogra- Per le prestazioni offerte e per la qua- Le foto non presentano alcuna sorta di rumore
fia il proprio cavallo di battaglia è lità complessiva della fotocamera, è nemmeno nella modalità automatica e con Hdr
la mancanza di uno stabilizzatore caratterizzato da un rapporto qua- attivo quando viene utilizzata la fotocamera
ottico; in diversi casi si creano foto lità/prezzo che difficilmente trova principale. La fotocamera grandangolare
mosse, specie di sera. Verrà in aiuto antagonisti su questa fascia, e i pochi manifesta una evidente distorsione delle immagini
la modalità manuale, diminuendo difetti sono perdonabili. e purtroppo non è supportata nella modalità
il tempo di esposizione, ma questa Il giudizio non può quindi che essere
manuale. La terza fotocamera lavora sulla gestione
mancanza fa perdere qualche punto. positivo, ma la strada da fare per im-
dello sfocato. Quando lo sfondo è complesso,
Qualche ombra anche sulla secon- pensierire concorrenti come le serie
il software va in crisi.
da fotocamera, la quale conta un 20 di Huawei è ancora lunga. •

16 PC Professionale / Gennaio 2019

014-016_FL_HW_Samsung_334.indd 16 27/12/18 18:32


/ HARDWARE / FIRST LOOKS

LAB

● Di Michele Braga

Mobilità, streaming video


e velocità secondo Toshiba
Tre dischi dedicati a tre segmenti di mercato differenti, produzione di Ssd, ma sotto il proprio
marchio commercializza dischi magne-
ma tutti basati sulla collaudata tecnologia magnetica. tici in grado di coprire gran parte delle

P
richieste del mercato: nei formati da 2,5
arlare di dischi rigidi con tecnolo- molto capienti. Nei casi più estremi, e 3,5 pollici, l’azienda ha in catalogo
gia magnetica potrebbe apparire ovvero quelli in cui si prendono in prodotti adatti al mercato economico,
anacronistico in un mondo dove considerazioni capacità che possono a quello consumer evoluto, a quello
anche l’utente consumer sembra comin- raggiungere anche capacità di 10 Tbyte, azienda, per la video sorveglianza e
ciare a prendere coscienza dei vantaggi le opzioni in campo Ssd sono sempli- per l’archiviazione dati in strutture
derivanti dall’impiego della tecnologia cemente inaccessibili all’utente singolo. Nas semplici piuttosto che di classe
allo solido. Tuttavia, i In questi casi bisogna quin- enterprise.
dischi Ssd non sono la Con la tecnologia PMR di ricorrere al buon vecchio
risposta ottimale per disco magnetico che oggi
ogni campo d’impie- i dischi Toshiba X300 però di vecchio ha ben po- TOSHIBA X300
go e non sono ancora
in grado di compete-
arrivano a tagli di co. Anche in questo setto-
PERFORMANCE
capacità di 14 Tbyte re la tecnologia continua
re con la consolidata a progredire e sebbene la
tecnologia magnetica velocità d’innovazione sia La linea di prodotti X300 Performan-
quando si devono combinare insieme ormai molto lenta rispetto a quella del ce è indirizzata alla categoria di uten-
al fattore prestazioni anche quello dello settore delle memorie allo stato solido, ti – creativi, professionisti ed utenti
spazio di archiviazione e del prezzo. i risultati sono tutt’altro che banali o evoluti – che cercano il massimo delle
Sebbene il costo al Gigabyte dei di- scontati. prestazioni per una tipologia di unità
schi Ssd si sia avvicinato di molto a Toshiba è uno dei marchi storici che disco in grado di fornire al tempo stesso
quello caratteristico dei dischi ma- opera nel settore dei supporti di ar- elevate capacità di archiviazione dati.
gnetici, la differenza esiste ancora. chiviazione e uno dei pochi ad essere Nei settori dove si producono contenuti
Tale differenza è molto contenuta sui sopravvissuto – almeno in parte – alla digitali di tipo professionale – grafica,
tagli di capacità più piccola, ma può reciproca fagocitizzazione che ha carat- animazione, editing fotografico e video,
diventare un’ostacolo insormontabile terizzato il mercato. Toshiba produce così come video giochi – la presenza di
quando si valuta l’acquisto di dischi celle di memoria allo stato solido per la un’unità di grande capacità permette

PC Professionale / Gennaio 2019 17

017-019_FL_HW_Toshiba_334.indd 17 27/12/18 18:31


FIRST LOOKS / HARDWARE /

di avere un archivio dati capiente da


X300 10 TB affiancare a un più performante disco TOSHIBA PC L200
PERFORMANCE che serve effettivamente da supporto
all’elaborazione.
La serie di dischi L200 è indirizzata a

330
La linea X300 ha proprio questo un pubblico completamente differente
obiettivo e offre all’utente modelli con rispetto a quello della linea X300.
capacità fino a 10 Tbyte – come quello In questo caso, infatti, parliamo di un
EURO in prova – e presto modelli anche da disco con tecnologia magnetica indi-
■ PRO 12 Tbyte e 14 Tbyte. rizzato al mercato dei notebook o co-
Tanto spazio a un prezzo Questi modelli con fattore di for- munque dei computer ultra compatti
contenuto / Ottime prestazioni ma da 3,5 pollici utilizzano piattelli che richiedono un disco con fattore
per un disco magnetico prodotti da Show Denko e capaci di di forma da 2,5 pollici. Il modello da
archiviare fino a 1,56 Tbyte di dati 2 Tbyte arricchisce l’offerta Toshiba
■ CONTRO grazie all’impiego della tecnologia che fino a pochi mesi fa comprendeva
Non certificato per l’utilizzo in PMR (Perpendicular Magnetic Recor- solo i tagli da 500 Gbyte e 1 Tbyte. Il
sistemi Nas che operano 24/7 ding). Il movimento dei piattelli che si taglio da 2 Tbyte è decisamente più
muovono in ambiente riempito di elio interessante rispetto agli altri due in
IN BREVE è affidato a un motore da 7.200 rpm quanto intercetta le esigenze di chi
Un disco magnetico che (rotazioni per minuto). L’impiego della ha effettivamente necessità di tanto
soddisfa non solo per la tecnologia Stable Platter consente di spazio piuttosto che di velocità. Nei
capienza, ma soprattutto ridurre al minimo le vibrazioni così da tagli di capacità fino a 1 Tbyte, infatti,
per la velocità che riesce permettere l’utilizzo di questi dischi un buon disco Ssd è in grado di offrire
a garantire pur utilizzando anche all’interno di configurazioni molto di più a un prezzo più che ac-
la tecnologia magnetica Nas con altre unità. A differenza dei cessibile, mentre sopra la soglia di 1
invece di quella allo stato modelli N300, però, la linea X300 non Tbyte è difficile trovare soluzioni Ssd
solido. integra i sensori RV (rotational vibra- adatte al mercato consumer.
www.toshiba-storage.com tion) che servono alla corretta gestione Il modello L200 da 2 Tbyte utilizza
delle vibrazioni in scenari con più due piattelli che operano alla velocità
dischi come Nas con otto o più unità; di 5.400 rpm (rotazioni per minuto)
questo scenario di utilizzo può essere e che sono affiancati da un buffer da
molto critico perché le vibrazioni di 128 Mbyte. Con queste caratteristiche
PC L200 2TB più dischi possono combinarsi e am- il disco L200 offre prestazioni buone
plificarsi tra loro e interferire con il per la sua classe di appartenenza ma
perfetto funzionamento delle singole decisamente lontane da quelle offerte

90 unità. Il trasferimento dati si appoggia


a un buffer da 256 Mbyte e all’interfac-
cia Serial Ata a 6 Gbps. Le specifiche
dai dischi magnetici con velocità di
rotazione di piattelli a 7.200 rpm e dai
dischi Ssd. Il più economico dei dischi
EURO
Toshiba prevedono una velocità di Ssd di ultima o penultima generazione
■ PRO trasferimento dati massima in moda- è in grado di superare in scioltezza le
Ottimo rapporto tra prezzo lità sequenziale pari a 225 Mbyte/s, velocità in lettura e scrittura che è in
e capacità mentre il consumo dell’unità si attesta grado di fornire l’unità Toshiba. Il di-
a un massimo di circa 9 watt. sco è fornito di sensori di movimento
■ CONTRO Le unità della linea X300 non sono per mettere in sicurezza la testina pri-
Velocità di accesso limitata in
garantite per operare in modo con- ma che questa possa impattare sulla
scrittura e lettura / Vibrazioni
tinuo (24/7), ma sono comunque in superficie dei piattelli.
o urti possono essere un
grado di offrire un’elevata affidabilità Ad oggi, l’unico vero motivo per
problema
nel tempo, anche grazie alla presen- preferire un disco magnetico da 2,5
za della tecnologia Stable Platter. La pollici è quello relativo alla mancanza
IN BREVE garanzia Toshiba sui modelli X300 è di disponibilità di un taglio di capacità
Un’unità da 2,5 pollici che comunque di tre anni. adeguato alle proprie esigenze e il
permette di avere tanta fattore prezzo, anche se quest’ultimo
capacità di archiviazione Nei test che abbiamo eseguito in la- risulta sempre più marginale con i
in poco spazio e a un prezzo boratorio, il dischi X300 Performance tagli di capacità più piccoli. Certo è
molto competitivo. Se vi serve con capacità di 10 Tbyte ha mostrato che questo L200 da 2 Tbyte con un
meno spazio, però, valutate subito un carattere aggressivo in termi- costo inferiore a 90 euro può essere
sempre la possibilità di ni di prestazioni. I risultati in scrittura una scelta sensata per chi ha biso-
acquistare un’unità allo stato e lettura sia sequenziale sia casuale gno di tanta capacità in uno spazio
solido; questa vi offrirà sono decisamente alti se si considera il ridotto, soprattutto se la velocità di
prestazioni superiori. taglio di capacità e il fatto che si tratta accesso alle informazioni non è un
www.toshiba-storage.com di un disco con tecnologia magnetica. fattore critico.

18 PC Professionale / Gennaio 2019

017-019_FL_HW_Toshiba_334.indd 18 27/12/18 18:31


/ HARDWARE / FIRST LOOKS

TOSHIBA V300
flusso di dati costanti; questa linea di
dischi è dotata inoltre di una tecnologia
V300 2TB
per il controllo della temperatura che
serve a limitare il calore dell’unità per
La linea V300 si differenzia dalle due
precedenti per l’ambito di utilizzo al-
prolungare la vita operativa. Questo
elemento è particolarmente utile quan-
90
la quale è dedicata: non siamo più in do il disco è inserito in box di piccole EURO
ambito computer propriamente detto, dimensioni. I dischi della serie V300 ■ PRO
bensì nel segmento della registrazione sono progettati e certificati per l’im- Ideale per sistemi di videosorveglianza
e riproduzione video. I dischi V300, in- piego continuato (24/7) e sono dotati
fatti, sono progettati per eseguire con la della tecnologia Silent Seek Technology ■ CONTRO
massima efficienza lo streaming video di Toshiba per la riduzione del rumore Nessun elemento da sottolineare
e permettono di trasmettere, registrare, generato dalle testine. La linea V300 of-
modificare e riprodurre contenuti video fre quattro tagli di capacità: 500 Gbyte, IN BREVE
su dispositivi DVR (videoregistratori 1 Tbyte, 2 Tbyte e 3 Tbyte; in questo Una soluzione per applicazioni
digitali), NVR (videoregistratori in rete), modo è possibile coprire le esigenze verticali che prevedono lo
STB (set top box), sistemi dedicati al del set top box domestico fino a quello streaming o la registrazione
video editing e sistemi di videosorve- di sistemi di editing video complessi continuata di flussi video.
glianza. Il modello da noi provato ha o di sistemi di video sorveglianza con I V300 sono garantiti
una capacità di 2 Tbyte e implementa riprese in alta risoluzione e molteplici per operare 24/7.
un buffer da 64 Mbyte per garantire un punti di ripresa.  • www.toshiba-storage.com

PRESTAZIONI
X300 10TB V300 2TB PC L200 2TB
AJA SYSTEM TEST
Operazione su disco Scrittura Lettura Scrittura Lettura Scrittura Lettura
512 Mbyte (Mbyte/s) 228 223 141 150 134 140
1 Gbyte (Mbyte/s) 217 230 145 148 139 141
4 Gbyte (Mbyte/s) 227 232 148 148 133 142
16 Gbyte (Mbyte/s) 229 236 147 149 137 143
64 Gbyte (Mbyte/s) 231 236 148 149 135 141
CRYSTALDISKMARK (6.0.1 X64)
Operazione su disco Scrittura Lettura Scrittura Lettura Scrittura Lettura
DIMENSIONE FILE 1 GBYTE
Sequenziale Q32T1 (Mbyte/s) 249,0 247,1 158,5 158,5 151,1 155,8
4K Q8T8 (Mbyte/s) 1,9 1,7 1,5 1,6 1,0 4,5
4K Q32T1 (Mbyte/s) 1,8 1,7 1,5 0,9 1,0 5,3
4K Q1T1 (Mbyte/s) 0,8 1,4 0,6 0,7 0,4 7,6
DIMENSIONE FILE 2 GBYTE
Sequenziale Q32T1 (Mbyte/s) 246,0 244,0 158,4 156,6 150,2 152,2
4K Q8T8 (Mbyte/s) 1,9 1,7 1,5 1,7 0,9 7,0
4K Q32T1 (Mbyte/s) 1,9 1,8 1,5 0,6 0,9 6,9
4K Q1T1 (Mbyte/s) 0,7 1,8 0,6 0,6 0,4 7,4
DIMENSIONE FILE 4 GBYTE
Sequenziale Q32T1 (Mbyte/s) 246,0 244,5 158,4 159,2 149,4 153,1
4K Q8T8 (Mbyte/s) 2,0 1,7 1,5 1,6 0,8 7,0
4K Q32T1 (Mbyte/s) 2,0 1,8 1,4 1,6 0,8 7,0
4K Q1T1 (Mbyte/s) 0,8 1,8 0,6 0,6 0,4 7,5
DIMENSIONE FILE 8 GBYTE
Sequenziale Q32T1 (Mbyte/s) 246,2 243,8 158,6 158,3 150,7 158,0
4K Q8T8 (Mbyte/s) 2,1 1,7 1,4 1,4 0,8 7,0
4K Q32T1 (Mbyte/s) 2,0 1,7 1,4 1,4 0,8 7,1
4K Q1T1 (Mbyte/s) 0,7 1,7 0,5 1,4 0,4 7,6
DIMENSIONE FILE 16 GBYTE
Sequenziale Q32T1 (Mbyte/s) 245,9 244,7 158,3 158,6 149,5 153,4
4K Q8T8 (Mbyte/s) 2,0 1,7 1,3 1,3 0,7 7,0
4K Q32T1 (Mbyte/s) 2,1 1,7 1,3 1,3 0,7 7,0
4K Q1T1 (Mbyte/s) 0,7 1,7 0,5 1,3 0,4 7,6

PC Professionale / Gennaio 2019 19

017-019_FL_HW_Toshiba_334.indd 19 27/12/18 18:31


FIRST LOOKS / HARDWARE /

LAB

SEMPLICE MA EFFICACE
Offre tutte le caratteristiche
di base del chipset Intel Z390
e dispone anche del controller
wireless integrato.

● Di Michele Braga

Da MSI una Z390


per la fascia media
MSI MPG Z390
Una scheda madre che non delude e non impone rinunce. Solida, GAMING EDGE AC
equilibrata, ha un prezzo accattivante e anche il Wi-Fi integrato.

A 186
distanza di qualche mese dal tre slot Pci Express 3.0 in formato pieno
lancio dei processori Intel Core (x16) con i due slot più vicini al socket
di nona generazione, l’offerta di della Cpu rinforzati in metallo.
schede madri equipaggiate con chipset L’armatura di rinforzo è presente anche
EURO
Intel Z390 è ormai molto ampia. La MPG sui quattro zoccoli per la memoria; questi
Z390 Gaming Edge AC di MSI è indiriz- permettono di installare fino a un massi- ■ PRO
zata alla fascia media e, con un prezzo mo di 64 Gbyte di memoria in standard Buon rapporto tra funzioni
di circa 190 euro, è indicata agli utenti Ddr4 4400 (sebbene Intel non supporti e prezzo / Controller Wi-Fi
che desiderano realizzare una piatta- ufficialmente tale specifica). Il comparto integrato
forma desktop comple- per la gestione delle unità
■ CONTRO
ta, di qualità ma senza Il chipset Z390 è disco comprende due slot
Mancano i dissipatori
spendere per funzioni M.2 con connessione Pci
pensato per la nona Express 3.0 in standard x4 per i dischi in formato M.2
in eccesso.
Questo modello in for- generazione di e Sata per permettere l’uti- IN BREVE
mato Atx, come il nome
processori Intel Core lizzo di dischi Ssd di ultima Questo modello MSI, pensato
lascia intendere, è dotato generazione ad alta velocità per la fascia intermedia,
di supporto wireless in- oppure modelli più econo- offre tutto ciò che serve
tegrato; questo è garantito dal controller mici in standard Serial Ata. Sulla scheda per realizzare un desktop
Intel 9462 802.11ac che, oltre alla connet- sono presenti anche sei porte per unità di ultima generazione,
tività Wi-Fi, è compatibile anche con il Serial Ata a 6 Gbps collegate al controller completa di controller
più recente standard Bluetooth 5. del chipset. Questo consente di creare per le connessioni wireless.
Il layout è molto ordinato e ricalca quello volumi Raid e di gestire modalità Raid L’essenzialità ha permesso
del modello di classe superiore MPG di tipo 0, 1, 5 e 10. di mantenere un prezzo
Z390 Gaming Pro Carbon AC che supera Sul pannello posteriore della scheda, molto appetibile.
la soglia dei 200 euro. La scheda offre MSI ha incluso due porte Usb 3.1 Gen it.msi.com

20 PC Professionale / Gennaio 2019

020-021_FL_HW_Msi_334.indd 20 27/12/18 18:29


/ HARDWARE / FIRST LOOKS

PRESTAZIONI
BAPCO SYSMARK 2018 (1.0.0.39)
SM 2018 Overall Rating 2.128
Productivity 1.786
Creativity 2.942
Sul panello posteriore è presente un’ampia selezione di porte: due Usb 3.1 Gen2,
due Usb 3.0, due Usb 2.0, audio, rete cablata e wireless e uscite video. Responsiveness 1.888
BAPCO SYSMARK 2018 (1.0.0.39)
ENERGY CONSUMPTION
2 con connettori Type-A e Type-C per aggiunta e disponibile solo sulle schede
la maggiore flessibilità di utilizzo con madri dotate di chipset Z390 è il supporto Overall Energy Consumption (Wh) 87,92
unità esterne di ultima generazione o più alla tecnologia Intel CNVi Wireless-AC Productivity (Wh) 38,22
datate. A fianco di queste sono presenti 802.11ac. Questa sposta gli elementi chia- Creativity (Wh) 26,85
due porte Usb 3.0 Type-A e due porte ve della tecnologia Wi-Fi e Bluetooth
Usb 2.0. In caso di necessità è possibile all’interno del processore. La connettività Responsiveness (Wh) 22,82
aggiungere altre quattro porte Usb 3.0, wireless è tradizionalmente gestita da un UL BENCHMARK PCMARK 10 (1.1.1739)
quattro porte Usb 2.0 e una porta Usb controller separato che può essere inte- Standard 7.049
3.1 Gen utilizzando i connettori a pettine grato direttamente sul Pcb della scheda
presenti sul Pcb della scheda madre. Il madre o fornito come modulo accessorio Express 6.131
blocco dedicato alle connessioni audio che si innesta sul bus Pci Express. Utiliz- Extended 8.321
comprende i mini jack per le connessioni zando un processore Intel core di nona GEEKBENCH 4.2.3 PRO
analogiche e un’uscita ottica, tutte gestite generazione e una scheda madre con
dal codec integrato Realtek ALC1220 chipset Intel Z390 gli elementi chiave per
Singolo core 6.148
HD audio codec. La sezione delle con- la gestione delle connessioni wireless è Multi core 32.473
nessioni di rete è il punto caratteristico integrata nel processore; a ciò si aggiunge MAXON CINEBENCH R15
di questo modello; al fianco della porta un modulo di accompagnamento RF in
Singolo core 216
Ethernet di classe gigabit gestita dal con- formato M.2 (2230 e 1216) per la gestione
troller Intel I219V sono infatti presenti dei segnali di trasmissioni veri e propri. Multi core 1.997
i connettori per le antenne gestite dal Per quanto riguarda tutto il resto, il CORONA 1.3 BENCHMARK
controller wireless. A completare il set chipset Z390 ripropone le medesime ca-
Rendering Ray/s 4.588.543
di porte di collegamento troviamo un’u- ratteristiche di quello Z370: supporto a 6
scita Hdmi e una Displayport dedicate a porte Sata a 6 Gb/s, supporto a 24 linee Rendering time (s) 112
chi intende utilizzare il comparto grafico Pci Express 3.0, supporto a 3 zoccoli per BLENDER 2.79B - BENCHMARK
integrato nel processore. dischi NVMe e supporto alla tecnologia
Gooseberry Benchmark 1.0 (s) 1.929
Intel Optane Memory. Ancora, supporto
IL CHIPSET a 2 canali di memoria con 2 zoccoli per LUXMARK 3.1
INTEL Z390 canale e supporto a 3 uscite video per la
grafica integrata nel processore.
Neumann TLM-102 SE 2.211
Hotel lobby 864
Il chipset Intel Z390 è arrivato sul mer- Decidere se è opportuno aggiornare HANDBRAKE 1.1.2 - TRANSCODIFICA
cato insieme ai processori Intel Core di la scheda madre o preferirne una con SHQ 1080@30 da H264 a H265 (s) 113
nona generazione. Questo chipset non chipset Z390 è piuttosto semplice: se la
SHQ 1080@30 da H265 a H264 (s) 133
è un elemento necessario per poter uti- velocità delle porte Usb è un elemento
lizzare le più recenti Cpu Intel – sono chiave per il vostro modello di lavoro UL BENCHMARK 3DMARK (2.6.6174)
compatibili anche con le schede madri – ricordate che vi servono periferiche Time Spy Extreme 3.215
dotate di chipset Intel Z370 – ma se state che supportano lo stesso standard per
Time Spy 6.702
realizzando da zero un desktop potrebbe poterne apprezzare le potenzialità ve-
valere la pena spendere per un modello locistiche – e se l’integrazione del com- Fire Strike Ultra 4.669
di ultima generazione. parto wireless sono un valore aggiunto Fire Strike Extreme 8.762
Per la maggior parte delle sue componen- significativo, allora optate per una schede
Fire Strike 17.668
ti e funzioni, il chipset Z390 è sostanzial- madre Z390.
mente identico a quello Z370 che lo ha Se queste caratteristiche non hanno un
preceduto. Tuttavia alcune caratteristiche impatto immediato o comunque signi- di verificare che il modello di scheda
sono state migliorate, mentre altre hanno ficativo sul vostro modello di utilizzo, madre da voi scelto sia effettivamente
fatto per la prima volta la loro comparsa. allora potete scegliere con estrema tran- compatibile con il processore Intel Core
Il nuovo chipset Z390 supporta fino a quillità anche un modello con chipset di nona generazione che intendete uti-
6 porte Usb 3.1 Gen 2 in aggiunta al- Z370, riuscendo molto probabilmente lizzare; quasi certamente l’unica cosa
le 10 porte Usb 3.1 Gen 1 supportate anche a risparmiare qualcosa sul bud- da fare sarà aggiornare il Bios all’ultima
dal chipset Z370. L’unica funzionalità get di acquisto. Ricordate comunque versione disponibile. •

PC Professionale / Gennaio 2019 21

020-021_FL_HW_Msi_334.indd 21 27/12/18 18:29


FIRST LOOKS / HARDWARE /

LAB

18 CORE E 36 THREAD
Architettura Skylake-X con
topologia mesh e frequenza
operativa fino a 4,5 GHz
in modalità Turbo per il top
di gamma della serie Core X.

● Di Michele Braga

Intel Core i9 9980XE:


positivo agli steroidi INTEL CORE X
9980XE
La Cpu top di gamma della famiglia Core X cresce nelle prestazioni
grazie alla maggiore frequenza, ma l’architettura non cambia.
2.200
L’
egemonia di Intel sul mercato ma i consumi, mutuando soluzioni
EURO
HEDT (High End Desktop) è dal settore enterprise .
terminata lo scorso 10 agosto La risposta di Intel è arrivata lo scorso ■ PRO
2017, ovvero il giorno in cui AMD ha 8 ottobre durante il Fall Desktop Event Il Core X più veloce sul mercato
annunciato e introdotto sul mercato a New York ed è stata molto diversa da / Ottimo per il multi threading
i Ryzen Threadripper. La quella seguita da AMD. e il megatasking
risposta di Intel alla pri- La linea di processori
I processori della serie Core X è stata comple- ■ CONTRO
ma generazione di pro-
Richiede un budget di acquisto
cessori Threadripper – il Core X ora sono tutti tamente aggiornata e
molto alto / Giustificato solo
modello di punta aveva basati su die High ora conta sette nuovi
se lo si utilizza a fondo
16 core fisici – è stata im- modelli: si parte dal
Core Count con un
mediata: la linea Core X
basata sull’architettura
Core i9 9980XE – ogget-
massimo di 18 core to di questa prova – con IN BREVE
Questo nuovo Core i9 di
Skylake-X ha offerto da 18 core fisici posiziona-
fascia alta offre prestazioni
subito soluzioni da 8 a 18 to al vertice dell’offerta
di primo livello in scenari
core fisici. Nei mesi trascorsi dopo il e si scende fino al modello più econo-
multi threading avanzati.
lancio dei primi processori Skylake-X mico Core i7 9800X con 8 core fisici.
Il prezzo lo rende meno
e della piattaforma Basin Falls, AMD Intel ha lavorato per incrementare
competitivo rispetto al rivale
ha innalzato il livello della compe- le frequenze operative, incrementare
Ryzen Threadripper 2950X
tizione; la seconda generazione di le cache e ha aggiornato il sistema
che ha un costo pari a circa
Ryzen Threadripper ha innalzato il di dissipazione termica riprendendo
la metà.
numero di core, di linee Pci Express, soluzioni del passato.
www.intel.com

22 PC Professionale / Gennaio 2019

022-026_FL_HW_Intel_334.indd 22 27/12/18 18:24


/ HARDWARE / FIRST LOOKS

La topologia mesh utilizzata


nell’architettura Skylake-X collega tutti
i core all’interno di una griglia che
permette di trasferire i dati in modo
rapido ed efficiente.

Ora, dopo che abbiamo provato in re-


dazione il modello di punta Core i9
9980XE, siamo in grado di dirvi come si
Intel Core X - series comporta la nuova generazione di pro-
cessori Extreme. Prima, però, facciamo
and IntelARCHITETTURA
Xeon Processors (8MESH
to 28 cores) il punto della situazione. La nuova
serie di processori Core X resta basata
1x16 / 2x8 / 4x4 sulla collaudata architettura Skylake-X
2 x Misc I/O x 20 1x16 / 2x8 / 4x4 PciE @ 8 GT/s 1x16 / 2x8 / 4x4 con topologia di tipo mesh. Pur entran-
@ 10,4 GT/s PciE @ 8 GT/s x4 DMI PciE @ 8 GT/s do a far parte della famiglia di pro-
cessori di nona generazione, le novità
introdotte sui Core X serie 9 sono meno
di quelle osservate sui modelli per la
2 x Misc I/O x 20 PCIe * x 16 PCIe x 16 PCIe x 16 piattaforma desktop classica. Il pro-
DMI x 4
cesso produttivo è quello a 14nm++,
CBDMA
ma poiché non siamo di fronte a un
nuovo disegno della microarchitettura
CHA / SF / LLC CHA / SF / LLC CHA / SF / LLC CHA / SF / LLC non c’è stato modo per implementare
soluzioni hardware volte a mitigare le
Core Core Core Core
vulnerabilità ad attacchi di tipo Spectre
e Meltdown.

COME CAMBIA
2x DDR4 2667

DDR 4 MC CHA / SF / LLC CHA / SF / LLC MC DDR 4


2x DDR4 2667

DDR 4

Core Core
DDR 4
L’OFFERTA
CHA / SF / LLC CHA / SF / LLC CHA / SF / LLC CHA / SF / LLC Intel ha apportato comunque notevoli
cambiamenti alla struttura dell’offerta
Core Core Core Core
nel segmento dei processori di gamma
più elevata. Il primo elemento impor-
tante riguarda l’abbandono dei die
CHA / SF / LLC CHA / SF / LLC CHA / SF / LLC CHA / SF / LLC
LCC (Low Core Count) che nella genera-
zione precedente servivano a produrre
Core Core Core Core i modelli fino a 10 core di calcolo. Tutti
i modelli di nuova generazione sono
CHA / SF / LLC CHA / SF / LLC CHA / SF / LLC CHA / SF / LLC basati sui die HCC (High Core Count)
che possono raggiungere un massimo
Core Core Core Core
di 18 core fisici. Un primo effetto di
questo cambiamento si osserva sulla
CHA – Caching and Home Agent SF – Snoop Filter LLC – Last Level Cache
cache LLC (Last Level Cache) o di terzo
livello: i modelli con basso numero di

PC Professionale / Gennaio 2019 23

022-026_FL_HW_Intel_334.indd 23 27/12/18 18:24


FIRST LOOKS / HARDWARE /

core hanno a disposizione un maggiore senza reali problemi. I prodotti della differenze che si verificano durante
quantitativo di memoria cache rispetto famiglia Core X, infatti, possono essere la fase di produzione vera e propria
ai corrispettivi della precedente gene- overcloccati sia per quanto riguarda la si traducono nella presenza di core
razione. La cache aggiuntiva, infatti, frequenza operativa dei core di calcolo con caratteristiche “sopra la media”,
deriva da quella presente nel die ma sia per quanto riguarda la frequenza ovvero capaci di offrire prestazioni
legata ai core che però sono disattivati. della memoria. Ancora, tutti i model- superiori a quelle previste dalle spe-
Un secondo effetto si osserva sull’or- li dispongono della tecnologia Turbo cifiche. Il sistema di controllo della
ganizzazione del portafoglio prodotti: Boost Max Technology 3.0, applicata tecnologia TBM 3.0 sfrutta questi due
spariscono le unità con 6 core fisici e ai due core più performanti tra quelli core – individuati e marcati come “ec-
tutti i prodotti si assestano su consumi presenti nell’architettura. In sostanza cellenti” – per offrire il massimo livello
massimi pari a 165 watt. durante la fase di validazione del si- di prestazioni quando sono attivi uno
Con questa nuova generazione di Core licio, Intel marca a livello hardware i o due thread.
X, Intel ha introdotto anche un secondo due core in grado di salire in frequen- Come i precedenti modelli, tutti i Core
modello a 10 core che a fronte di una za più degli altri; sebbene sulla carta X supportano le istruzioni AVX-512
riduzione della frequenza operativa tutti i core siano uguali tra loro e siano e dispongono di un comparto Unco-
rispetto a quello standard è proposto in grado di raggiungere la frequenza re dotato di un cospicuo numero di
a un prezzo inferiore. Turbo prevista da progetto, piccole connessioni I/O verso il resto della

CARATTERISTICHE
Tutti i modelli Core X sono proposti
con i moltiplicatori sbloccati – per
gli amanti e gli appassionati dell’o-
verclock – e integrano un controller
a quattro canali per memoria Ddr4;
le specifiche prevedono il supporto
ufficiale fino a 2.666 MHz, ma le schede
madri di tutti i marchi principali per-
mettono di oltrepassare questo limite

CARATTERISTICHE
MODELLO CORE I9 CORE I9 CORE I9 CORE I9 CORE I9 CORE I9
9980XE 9960X 9940X 9920X 9900X 9820X
Socket LGA 2066 LGA 2066 LGA 2066 LGA 2066 LGA 2066 LGA 2066
Architettura Skylake-X Skylake-X Skylake-X Skylake-X Skylake-X Skylake-X
Topologia architettura Mesh Mesh Mesh Mesh Mesh Mesh
Tecnologia produttiva (nm) 14++ tri-gate 14++ tri-gate 14++ tri-gate 14++ tri-gate 14++ tri-gate 14++ tri-gate
Numero di transistor (milioni) n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d.
Dimensione die (mm ) 2
n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d.
Numero core / thread 18 / 36 16 / 32 14 / 28 12 / 24 10 / 20 10 / 20
Cache L1 (Kbyte) 18 x (32+32) 16 x (32+32) 14 x (32+32) 12 x (32+32) 10 x (32+32) 10 x (32+32)
Cache L2 (Mbyte) 4,5 (18 x 256 Kbyte) 4 (16 x 256 Kbyte) 3,5 (14 x 256 Kbyte) 3 (12 x256 Kbyte) 2,5 (10 x 256 Kbyte) 2,5 (10 x 256 Kbyte)
Cache L3 (Mbyte) 24,75 22 19,25 19,25 19,25 16,5
Frequenza base (GHz) 3,0 3,1 3,3 3,5 3,5 3,3
Frequenza Turbo Boost 2.0 (GHz) 4,4 4,4 4,4 4,4 4,4 4,1
Frequenza Turbo Boost 3.0 (GHz) 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,2
Controller di memoria DDR4 DDR4 DDR4 DDR4 DDR4 DDR4
Frequenza della memoria 2.666 2.666 2.666 2.666 2.666 2.666
Canali di memoria 4 4 4 4 4 4
Linee Pci Express 3.0 fino a 68 fino a 68 fino a 68 fino a 68 fino a 68 fino a 68
AXV 512 512 512 512 512 512
TDP (watt) 165 165 165 165 165 165

24 PC Professionale / Gennaio 2019

022-026_FL_HW_Intel_334.indd 24 27/12/18 18:24


/ HARDWARE / FIRST LOOKS

piattaforma. Rispetto ai Core X della in ambiente operativo Microsoft Win- si osservano differenze evidenti tra il
serie 7000, quelli nuovi hanno anche dows 10 Pro (1803) aggiornato attra- Core i9 9980Xe e il 7980XE.
frequenze operative di base e Turbo su- verso la piattaforma Windows Update. Nel confronto diretto con i processori
periori, a tutto vantaggio del livello di I risultati registrati durante i test AMD Ryzen Threadripper abbiamo
prestazioni finale. I nuovi modelli sono mostrano che la maggiore frequen- osservato che il nuovo Core i9 9980XE
compatibili con le precedenti schede za operativa del Core i9 9980XE – ri- offre prestazioni superiori a quelle
madri basate sul chipset Intel X299. spetto al precedente Core i9 7980XE garantite dal modello 2950X, ma le
– permette di ottenere prestazioni differenze in questo caso sono piutto-
LA PROVA sensibilmente più elevate nei test di sto ridotte. La differenza si accentua
calcolo puro in grado di avvalersi quando si considera il modello Ryzen
pienamente delle potenzialità legate Threadripper 1950X di prima gene-
In attesa dell’arrivo di una rinnovata al multi threading; questi razione. Il panorama
piattaforma di fascia alta per i proces- ultimi, come Geekbench e I Core X di nona cambia completamen-
sori Core X, abbiamo scelto una scheda Maxon Cinebench, coin- te se si analizzano le
madre Asus Prime X299. Si tratta di volgono prevalentemente
generazione sono prestazioni del Ryzen
un modello basato sul chipset Intel i core del processore e le compatibili con le Threadripper 2990WX
X299 e che fornisce accesso a tutte le cache associate. Proprio in schede madri basate dotato di ben 32 core
peculiarità de l Core i9 9980XE. questi test persino il Core fisici in grado di ese-
Abbiamo affiancato il processore con i9 9900K di ultima gene-
sul chipset X299 guire fino a 64 thread
32 Gbyte di memoria Ddr4 suddivi- razione, caratterizzato da in simultanea. In questo
si in quattro moduli da 8 Gbyte così un’elevate frequenza operativa – riesce caso, infatti, il processore AMD soffre
da poter sfruttare i quattro canali di a spuntarla sul Core i9 7980XE. Il di- in quegli scenari dove pesano maggior-
memoria supportati dal controller in- scorso è differente quando entrano in mente le prestazioni del singolo core e
tegrato nel processore. Per il comparto gioco software o algoritmi di calcolo le la gestione del sistema di cache per lo
grafico abbiamo impiegato una scheda cui prestazioni dipendo più che altro scambio di informazioni tra i diversi
AMD Radeon RX Vega 56 – il modello dal numero di core presenti, mentre core dell’architettura. Quando invece
di riferimento per il nostro banco pro- sono meno sensibili a differenze con- si considerano scenari di utilizzo dove
va – e un disco Ssd Samsung 950 Pro tenute nelle frequenze operative. In a fare la differenza è proprio il numero
in formato M.2 e con interfaccia Pci questi casi, come ad esempio il test di di core o di thread che il processore è
Express. Tutti i test sono stati eseguiti codifica video e quello Luxmark, non capace di eseguire, il mastodontico

CORE I7 CORE I9 CORE I9 CORE I9 CORE I9 CORE I9 CORE I7 CORE I7


9800X 7980XE 7960X 7940X 7920X 7900X 7820X 7800X
LGA 2066 LGA 2066 LGA 2066 LGA 2066 LGA 2066 LGA 2066 LGA 2066 LGA 2066
Skylake-X Skylake-X Skylake-X Skylake-X Skylake-X Skylake-X Skylake-X Skylake-X
Mesh Mesh Mesh Mesh Mesh Mesh Mesh Mesh
14++ tri-gate 14+ tri-gate 14+ tri-gate 14+ tri-gate 14+ tri-gate 14+ tri-gate 14+ tri-gate 14+ tri-gate
n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d.
n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d.
8 / 16 18 / 36 16 / 32 14 / 28 12 / 24 10 / 20 8 / 16 6 / 12
8 x (32+32) 18 x (32+32) 16 x (32+32) 14 x (32+32) 12 x (32+32) 10 x (32+32) 8 x (32+32) 6 x (32+32)
2 (8 x 256 Kbyte) 4,5 (18 x 256 Kbyte) 4 (16 x 256 Kbyte) 3,5 (14 x 256 Kbyte) 3 (12 x256 Kbyte) 2,5 (10 x 256 Kbyte) 2 (8 x 256 Kbyte) 1,5 (6 x 256 Kbyte)
16,5 24,75 22 19,25 16,5 13,75 11 8,25
3,3 2,6 2,8 3,1 2,9 3,3 3,6 3,5
4,4 4,2 4,2 4,3 4,3 4,3 4,3 4
4,5 n.d. n.d. n.d. n.d. 4,5 4,5 n.a.
DDR4 DDR4 DDR4 DDR4 DDR4 DDR4 DDR4 DDR4
2666 2666 2666 2666 2666 2666 2666 2666
4 4 4 4 4 4 4 4
fino a 68 n.d. n.d. n.d. n.d. 44 28 28
512 512 512 512 512 512 512 512
165 165 165 165 140 140 140 140

PC Professionale / Gennaio 2019 25

022-026_FL_HW_Intel_334.indd 25 27/12/18 18:24


FIRST LOOKS / HARDWARE /

processore di AMD cambia passo e


nei test riesce a raggiungere livelli di
prestazioni inavvicinabili dal Core i9 MAXON CINEBENCH R15
9980XE proprio per la differenza del
numero di core.
Il Core i9 9980XE, sebbene il prezzo
sia tutt’altro che popolare, è una va- SINGOLO
lida scelta per tutti coloro che neces- CORE
sitano di forza bruta nelle operazioni
di calcolo del processore per tutte
quelle applicazioni che non possono
beneficiare delle potenzialità di un
acceleratore grafico. Se già disponete
di un Core i9 7980XE il salto di pre-
stazioni vale l’aggiornamento solo se
il tempo di elaborazione risparmiato
permette di ammortizzare il prez- MULTI
zo di acquisto. Se state pensando a CORE
questo processore per una configu-
razione da gioco, il nostro consiglio
è di orientare la vostra attenzione
verso i modelli di classe desktop che, 0 1000 2000 3000 4000 5000
come il Core i9 9900K, sono in grado
di fornire un livello eccezionale di Core i9 9980XE Core i9 9900K Threadripper 2950X
prestazioni a un costo decisamente Core i9 7980XE Threadripper 2990WX Threadripper 1950X
inferiore. •

PRESTAZIONI
INTEL INTEL INTEL AMD AMD AMD
Threadripper Threadripper Threadripper
Core i9 9980XE Core i9 7980XE Core i9 9900K
2990WX 2950X 1950X
Configurazione A A B C C C
GEEKBENCH 4.3.2 PRO
Singolo core 5.324 3.607 6.155 4.417 5.013 4.539
Multi core 41.121 28.072 32.522 29.940 37.044 34.276
MAXON CINEBENCH R15
Singolo core 197 191 218 170 180 165
Multi core 3.744 3.282 2.005 5.161 3.220 2.990
CORONA 1.3 BENCHMARK
Rendering Ray/s 9.153.580 8.357.760 4.590.800 11.598.800 7.123.900 6.338.360
Rendering time (s) 53 58 105 41 68 76
LUXMARK 3.1
Neumann TLM-102 SE 5.024 5.021 2.235 n.d. n.d. n.d.
Hotel Lobby 1.337 1.325 881 n.d. n.d. n.d.
BLENDER 2.79B - BENCHMARK
Gooseberry Benchmark 1.0 (s) 1.017 1.194 1.941 887 1.223 1.303
HANDBRAKE 1.1.2
SHQ 1080@30 da H264 a H265 (s) 71 71 108 94 88 95
SHQ 1080@30 da H265 a H264 (s) 96 97 129 85 69 75

Configurazione A - Scheda madre: Asus Prime X299-A / Intel X299; Scheda grafica: AMD Radeon RX Vega 56; Memoria: 4 x 8 Gbyte DDR4-2400; Disco: SSD Samsung 950 Pro; Sistema
operativo: Microsoft Windows 10 Pro @64bit Configurazione B - Scheda madre: Gigabyte Aorus Z390 Master / Intel Z390; Scheda grafica: AMD Radeon RX Vega 56; Memoria: 4 x 8 Gbyte
DDR4-2400; Disco: SSD Samsung 950 Pro; Sistema operativo: Microsoft Windows 10 Pro @64bit Configurazione C - Scheda madre: Asus ROG Zenith Extreme / AMD X399; Scheda grafica: AMD
Radeon RX Vega 56; Memoria: 4 x 8 Gbyte DDR4-2400; Disco: SSD Samsung 950 Pro; Sistema operativo: Microsoft Windows 10 Pro @64bit

26 PC Professionale / Gennaio 2019

022-026_FL_HW_Intel_334.indd 26 27/12/18 18:24


/ HARDWARE / FIRST LOOKS

LAB

VEGA 10
Alla base della Radeon Pro
WX 8200 troviamo la stessa
Gpu utilizzata per le schede
consumer Radeon RX Vega 56.

● Di Michele Braga

Vega: la stella bianca


dentro la workstation AMD RADEON
PRO WX 8200
La Radeon Pro pensata per la fascia media offre tanta potenza
a un prezzo molto allettante per i professionisti della grafica.
1.100
P
resentata il 12 agosto in apertura di GlobalFoundries e racchiude 12,5
EURO
del Siggraph – evento dedicato miliardi di transistor in una superficie
alla computer grafica – la Ra- di 486 millimetri quadrati. ■ PRO
deon Pro WX 8200 amplia la famiglia A livello macroscopico la Gpu Vega Ottimo rapporto tra prezzo
degli acceleratori professionali AMD 10 impiegata sulla Radeon Pro WX e prestazioni / Adatta come
basati su Gpu con architettura Vega. 8200 – la stessa utilizzata per le Radeon Gpu esterna per sistemi Mac
La Radeon Pro WX RX Vega 56 – implementa
■ CONTRO
si affianca alla top di Quattro uscite mini 56 NCU (next generation La quantità di memoria locale
gamma WX 9100 ma, compute unit) organizzate
potrebbe essere un limite per
a fronte di un minor Displayport per gestire in 4 compute engine (CE).
progetti molto complessi
livello di prestazioni, più monitor allo Ciascun blocco compute
questo nuovo model-
lo ha un costo decisa-
stesso tempo engine è collegato a un
motore geometrico, a un
IN BREVE
I punti di forza di questo
mente più interessante: motore di rasterizzazione e
prodotto sono la potenza
siamo infatti intorno alla soglia psi- alle unità Rop in grado di lavorare un
di calcolo offerta e il prezzo
cologica dei 1.000 euro. totale di 16 pixel per ogni ciclo di clock
di acquisto. Grazie a questi
(quattro Rop in grado di elaborare 4
due elementi la Radeon Pro
Le fondamenta della WX 8200 sono pixel per clock). A monte dell’archi-
WX 8200 è senza dubbio uno
quelle caratteristiche di tutti i prodot- tettura sono presenti un Command
dei prodotti più interessanti
ti AMD basati sul processore grafico Processor, quattro unità Ace (Asynchro-
del 2018 nel campo della
Vega 10. La Gpu è realizzata con la nous Compute Engine) e due scheduler
grafica professionale.
tecnologia FinFET a 14 nanometri LPP hardware.
www.amd.com

PC Professionale / Gennaio 2019 27

027-029_FL_HW_Radeon_334.indd 27 27/12/18 18:19


FIRST LOOKS / HARDWARE /

a un motore geometrico dedicato, a


un’unità di rasterizzazione e a quattro
unità Rop in grado di lavorare quattro
pixel per ogni ciclo di clock.
Riassumendo i numeri caratteristici
della Radeon Pro WX 8200: 56 moduli
NCU per un totale di 3.584 shader pro-
cessor, 224 unità di texture e 16 unità
Rop (64 pixel per clock). L’architettura
si appoggia a una cache di secondo
livello (L2) da 4 Mbyte alla quale sono
agganciate le cache di primo livello
(L1) e le Rop.

Grazie a questi numeri, quando la


frequenza operativa raggiunge il va-
lore di 1.500 MHz in modalità Boost,
questa scheda è in grado di fornire
I segmenti che sono cresciuti maggiormente nella grafica 10,75 TFlops con operazione in virgola
mobile a 32 bit (FP32) e 21,5 TFlops
professionale sono quelli legati che si avvalgono di processori
con operazioni FP16.
grafici di fascia bassa e di fascia intermedia. Sebbene la Radeon Pro WX 8200 ri-
calchi le caratteristiche che ben cono-
sciamo della Radeon RX Vega 56, il
controller di memoria del modello di
Le NCU sono in grado di eseguire 512 Kbyte, mentre l’unità di calcolo scala- classe professionale opera a 2.0 Gbps
ops a 8 bit per clock, 256 ops a 16 bit re dispone di un registro da 4 Kbyte. invece di 1,89 Gbps tipico degli acce-
per clock oppure 128 ops a 32 bit per All’interno di ogni modulo NCU so- leratori con Gpu Vega e in particola-
clock. Ciascuna NCU comprende al no presenti 64 Kbyte di memoria per re anche del modello top di gamma
suo interno uno scheduler program- lo scambio dati (Local Data Share) e professionale Radeon Pro WX 9100.
mabile e condiviso che gestisce 4 unità una cache di primo livello (L1) da 16 Ciò significa che la Radeon Pro WX
vettoriali Simd (single instruction mul- Kbyte. La struttura del modulo NCU 8200 dispone di una banda di trasferi-
tiple data) – per un totale di 64 stream comprende inoltre 4 unità di texture, mento dati massima teorica pari a 512
processor – e un’unità di calcolo ognuna delle quali è affiancata da 4 GByte/s, ovvero il massimo tra i pro-
scalare; ogni unità Simd dispone di unità per il fetch delle texture. Cia- dotti professionali della serie Radeon
un registro vettoriale dedicato da 64 scuno blocco logico CE è collegato Pro. Per questa scheda AMD utilizza

CARATTERISTICHE
MODELLO RADEON PRO RADEON PRO RADEON PRO FIREPRO
WX 9100 WX 8200 WX 7100 W8100
Architettura Vega Vega Polaris Hawaii
Gpu ID Vega 10 Vega 10 Polaris 10 Hawaii Pro GL
Generazione GCN 5 5 4 2
Tecnologia produttiva (nm) GloFo 14 GloFo 14 GloFo 14 TSMC 28
Freq. Operativa (MHz) 1.500 1.200 900 824
Freq. Boost (MHz) n.d. 1.500 1.243 n.d.
Stream Processors 4.096 3.584 2.304 2.560
Unità di texture 256 224 144 160
Unità Rop 64 64 32 64
Freq. Memoria 1.89 Gbps HBM2 2.0 Gbps HBM2 7 Gbps GDDR5 5 Gbps GDDR5
Ampiezza del bus di memoria (bit) 2.048 2.048 256 512
Tipo di memoria HBM2 HBM2 GDDR5 GDDR5
Quantità di memoria (Gbyte) 16 8 8 8
Banda di memoria (Gbyte/s) 484 512 224 320
Prestazioni in mezza precisione (TFLOPS) 24,6 21,5 5,7 4,2
Prestazioni in singla precisione (TFLOPS) 12,3 10,8 5,7 4,2
Prestazioni in doppia precisione (GFLOPS) 769 672 358 2,1
TDP (watt) 250 230 150 220

28 PC Professionale / Gennaio 2019

027-029_FL_HW_Radeon_334.indd 28 27/12/18 18:19


/ HARDWARE / FIRST LOOKS

ARCHITETTURA VEGA CON 56 NCU

MULTIMEDIA
ACE ACE HWS GRAPHICS COMMAND PROCESSOR HWS ACE ACE ENGINE

CONTROLLER
GRAPHICS PIPELINE GRAPHICS PIPELINE GRAPHICS PIPELINE GRAPHICS PIPELINE

GEOMETRY ENGINE GEOMETRY ENGINE GEOMETRY ENGINE GEOMETRY ENGINE DECODE

DSBR DSBR DSBR DSBR

DISPLAY ENGINE
NCU NCU NCU NCU NCU NCU NCU NCU
CONTROLLER
NCU NCU NCU NCU NCU NCU NCU NCU
CONTROLLER
NCU NCU NCU NCU NCU NCU NCU NCU
COMPUTE ENGINE

COMPUTE ENGINE

COMPUTE ENGINE

COMPUTE ENGINE
CONTROLLER
NCU NCU NCU NCU NCU NCU NCU NCU

NCU NCU NCU NCU NCU NCU NCU NCU CONTROLLER

NCU NCU NCU NCU NCU NCU NCU NCU CONTROLLER

NCU NCU NCU NCU NCU NCU NCU NCU CONTROLLER

PIXEL ENGINE PIXEL ENGINE PIXEL ENGINE PIXEL ENGINE PIXEL ENGINE PIXEL ENGINE PIXEL ENGINE PIXEL ENGINE

PIXEL ENGINE PIXEL ENGINE PIXEL ENGINE PIXEL ENGINE PIXEL ENGINE PIXEL ENGINE PIXEL ENGINE PIXEL ENGINE
XDMA

L2 CACHE PCI EXPRESS

INFINITY FABRIC

HIGH BANDWITH CACHE CONTROLLER PRESTAZIONI


MAXON CINEBENCH R15
HBM2 HBM2
OpenGL 163,03
A livello macroscopico l’architettura di Vega 10 è molto simile a quelle della LUXMARK 3.1
precedente generazione. Con Vega 10 è stata incrementata la cache L2 ed è Neumann TLM-102 SE 15.511
stato introdotto l’Infinity Fabric, oltre a migliorie a livello del motore grafico. Hotel lobby 4.782
SPEC VIEWPERF 13 (1.900 X 1.060)
chip di memoria SK Hynix HBM 2 di Per l’alimentazione sono richiesti 3dsmax-06 141,99
seconda generazione, più veloci degli due connettori PEG: uno di tipi x6 e catia-05 248,11
altri chip impiegati dall’azienda per i uno x8. Sulla staffa posteriore sono
prodotti che montano memoria HBM collocate quattro uscite video mini
creo-02 182,45
2. La Radeon Pro WX 8200 dispone Displayport 1.4. Con questo numero energy-02 23,57
di 8 Gbyte di memoria su scheda, di uscite – due in meno rispetto al maya-05 232,67
sufficienti per la maggior parte dei modello Radeon Pro WX 9100 – AMD medical-02 62,90
professionisti, ma che potrebbero es- avrebbe potuto utilizzare dei condut-
sere limitanti per i progetti più grossi. tori Displayport standard, rendendo showcase-02 117,42
di fatto più semplice il collegamento snx-03 274,41
A livello costruttivo la Radeon Pro di monitor esterni. sw-04 153,33
WX 8200 si presenta con una scocca A livello di prestazioni la Radeon Pro
SPEC WPC 3
solida, funzionale e dalla tipica co- WX 8200 soddisfa appieno, soprattutto
lorazione blu elettrico. Il sistema di quando si prende in considerazione Media and Entertainment 3,08
raffreddamento è ben dimensionato e il rapporto tra prestazioni e prezzo. Product Development 3,02
diventa percepibile solo nel momento Questo modello, infatti, costa meno Life Sciences 2,92
in cui l’acceleratore è messo effettiva- della metà rispetto alla Radeon Pro
Financial Services 4,48
mente sotto carico. Se utilizzate un box WX 9100 che oltre alla maggiore po-
per collegare la scheda come grafica tenza di calcolo è l’unico acceleratore Energy 2,21
esterna a un MacBook Pro il rumore di in casa AMD a offrire ben 16 Gbyte di General Operations 2,07
sottofondo potrebbe essere fastidioso. memoria su scheda. • GPU Compute 2,46

PC Professionale / Gennaio 2019 29

027-029_FL_HW_Radeon_334.indd 29 27/12/18 18:19


FIRST LOOKS / HARDWARE /

LAB

HALO LIGHTING
Il sistema di luci integrato si
sincronizza con le immagini
e con il ritmo della musica.

● Di Michele Braga ASUS


MX32VQ

Il piccolo cinema 620


sulla scrivania EURO

Pannello curvo per avvolgere lo sguardo, colori di qualità, luce


ambientale e audio di qualità per godere i film al massimo.

A
ll’interno del vasto catalo- (2.560 x 1.440 pixel). Questo pan-
go di monitor proposto da nello è pensato principalmente per
Asus, il modello Designo la riproduzione di contenuti multi-
Curve MX32VQ, insieme al fra- mediali e per ricreare un’esperien-
■ PRO
tello maggiore MX34VQ, è pro- za di visione cinematografica, ma
Gamut molto buono / Resa
posto a chi cerca un prodotto che si adatta abbastanza bene anche a
cromatica molto buona
combina caratteristiche tecniche di molti altri tipi di impiego se vi pia- ■ CONTRO
buon livello a un design elegante ce il formato curvo. La finitura an- Regolazione limitata alla sola
e ricercato. tiriflesso, combinata inclinazione del pannello /
Il formato curvo Monitor con ottime con il formato curvo, Prezzo sopra la media di
del pannello è stato qualità se il vostro aiuta a eliminare i fa- mercato
scelto per creare una stidiosi riflessi dovuti
obiettivo è la visione alla luce ambientale o
sensazione di immer-
sione nell’immagine di film e contenuti a fonti luminose late- IN BREVE
Un monitor con pannello
durante la visione multimediali rali. I bordi della scoc-
curvo pensato per garantire
di film, mentre il si- ca sono molto sottili,
un’ottima esperienza nella
stema Halo Lighting ma a questi bisogna
visione dei film. Le luci
contribuisce a creare un’atmosfera aggiungere qualche millimetro di
ambientali e un comparto
cromatica che si fonde con i colori bordo nero dovuto al pannello.
audio di qualità completano
dell’immagini visualizzate.
la dotazione del monitor.
Il pannello da 32 pollici è realiz- Trattandosi di un monitor con
Le limitate possibilità
zato con tecnologia VA, ha una pannello curvo è lecito che non
di regolazione lo rendono
diagonale effettiva di 31,5 pollici, sia disponibile la modalità pivot;
meno sfruttabile in ambito
una curvatura con raggio 1800R e tuttavia l’MX32VQ non permette
ufficio e gaming.
propone una risoluzione WQHD nemmeno la regolazione in altezza.
www.asus.it/it

30 PC Professionale / Gennaio 2019

030-032_FL_HW_MonitorAsus_334.indd 30 27/12/18 18:17


Sì= l
CARATTERISTICHE No= ✖
CARATTERISTICHE DEL PANNELLO
Tecnologia VA
Sorgente di illuminazione White led
Dimensione (pollici) 31,5
Rapporto d’aspetto 16:9
Raggio di curvatura (mm) 1.800
Risoluzione nativa (punti) 2.560 x 1.440
Pixel pitch (mm) n.d.
Tempo di risposta gtg (ms) 4
Colori visualizzabili dich. (milioni) 16,7
Intervallo freq. di scansione orizz. (kHz) 30 - 112
Intervallo freq. di scansione vert. (Hz) 48 - 75
Luminanza (valore medio, cd/m2) 300
Rapporto di contrasto tipico 3.000:1
Rapporto di contrasto dinamico 100.000.000:1
Angolo di visione orizz. / vert. (gradi) 178 / 178
Trattamento pannello antiriflesso
L’uniformità cromatica attraverso lo schermo è molto buona, soprattutto INGRESSI VIDEO
quando si considera che siamo in presenza di un pannello curvo. Ingresso video Vga ✖
Ingresso Dvi ✖
Ingresso Hdmi 2 (2.0)
Ingresso Displayport 1 (1.2)
Ingresso mini Displayport ✖
Ingresso Usb Type-C ✖
ALTRE FUNZIONALITÀ
Hub Usb ✖
Ingresso audio l
Uscita audio cuffie l
Speaker l (2x 8 RMS)
Compatibile con Soundbar ✖
Altri accessori e funzionalità
Asus SonicMaster
e Harman/Kardon /
Halo Lighting

CARATTERISTICHE FISICHE
Dimensioni in cm (L x A x P) 71,3 x 50,1 x 23,9
Cornici laterali (mm) 5
Cornici superiore / inferiore (mm) 5 / 25
L’uniformità della luminanza è buona, con scostamenti nell’intorno del 10% nella Peso netto con base (kg) 8,6
zona alta del pannello e soprattutto negli angoli. Attacco Vesa (mm) 100
Funzionalità Pivot ✖
Inclinazione (gradi sulla verticale) -5 / +15
L’unica regolazione che potete appli- sincronizzare l’intensità e la frequen- Rotazione della base ✖
care è quella relativa all’inclinazione za degli effetti e dei giochi di luce al Regolazione in altezza (cm) ✖
del pannello rispetto alla verticale. ritmo della musica in riproduzione. Alimentatore esterno ✖
L’altezza del monitor è adeguata per
Cavi in dotazione
la visione di film, ma un po’ scarsa Questo monitor integra due diffusori Hdmi, DisplayPort
per lunghe sessioni di lavoro. da 8 watt (RMS) dotati delle tecno-
CARATTERISTICHE ENERGETICHE
La base è solida e integra il sistema di logie Asus SonicMaster e Harman/
illuminazione Halo Lighting che, per Kardon. La risposta audio è decisa-
Consumo max dichiarato (W) n.d.
mezzo di un sistema di luci integrate mente buona per un monitor di que- Consumo tipico (W) 36
a regolazione cromatica, permette di sta classe, anche se per raggiungere Consumo in stand-by (W) 0,5
creare un’atmosfera rilassante du- una buona immersione nella visione GARANZIA SUL PRODOTTO E SUL PANNELLO
rante la visione dei film. Attivando di un film è preferibile utilizzare un Garanzia (anni) 2
la funzione Rhythm Sync è possibile impianto audio esterno – meglio se Garanzia sul pannello n.d.

PC Professionale / Gennaio 2019 31

030-032_FL_HW_MonitorAsus_334.indd 31 27/12/18 18:17


FIRST LOOKS / HARDWARE /

spazio colore sRgb:


il blu coincide con
sRgb la tonalità di rife-
Adobe Rgb rimento, mentre il
verde e il rosso sono
un pò più profondi,
ma comunque ben
bilanciati.
Quando si passa
allo spazio colore
Adobe RGB il gamut
del monitor si ferma
all’85% della coper-
tura: il blu è quasi
coincidente con la tinta di riferimento,
quella rossa è completamente coperta,
Il gamut sRGB è coperto in modo
mentre il verde è piuttosto lontano dal
completo, mentre quello Adobe RGB
riferimento e spostato verso le tonalità
è coperto per l’85%.
più chiare. Manca quindi la copertura
dei verdi più brillanti e carichi così
come delle sfumature più delicate del
multi punto – oppure una buona cuffia. ingressi video sono presenti due por- verde e del ciano.
La risoluzione e le prestazioni del- te Hdmi e una porta Displayport 1.2; La variazione dei colori (ΔE) rispetto
l’MX32VQ sono adeguate anche per queste sono affiancate dai mini jack all’ideale è buona, ma per ottenere le
giocare o lavorare. Non siamo in pre- per l’ingresso audio e per collegare prestazioni migliori è necessario far
senza di un monitor ideale per giochi una cuffia. Manca purtroppo un hub lavorare il pannello con una luminosità
ad alta velocità perché questo pannello Usb che, sebbene non sia essenziale, impostata tra il il 50% e il 60%. Con
raggiunge un massimo di 75 Hz come permette di avere un accesso veloce queste impostazioni sia l’uniformi-
frequenza di refresh. Tuttavia le pre- al collegamento di periferiche esterne tà dei colori sia la loro accuratezza
stazioni e la forma curva sono adatte qualora il desktop non sia accessibile offrono un’ottima qualità di visione.
anche per giocare. Il formato curvo non in modo comodo. Anche l’uniformità della luminanza
è l’ideale per lavorare, ma questo è un Le prestazioni del pannello sono molto è molto buona, con cali contenuti nei
fattore molto personale. La risoluzione, buone e i colori appaiono convincenti angoli. Questi sono i punti più critici
invece, è ottimale e ben si sposa con utilizzando le impostazioni di fabbrica per un pannello curvo e per il sistema
le dimensioni del pannello: lo spazio senza eseguire una calibrazione vera e di retroilluminazione.
di lavoro è tanto e la definizione delle propria. Dopo la calibrazione effettuata L’MX32VQ è un monitor con delle
immagini e dei caratteri risulta sempre con la sonda Datacolor Spyder4Elite i ottime qualità se il vostro obiettivo
buona. colori appaiono più convincenti, seb- principale è la visione di film e con-
Le porte di connessione sono tutte con- bene le differenze con l’impostazione tenuti multimediali. Si presta meno
centrate nella parte posteriore e vicino di fabbrica non siano marcate. Il ga- all’utilizzo ufficio e per i videogiochi
al supporto. Per quanto riguarda gli mut del monitor è più ampio dello molto frenetici. •

Per non rovinare


la linea posteriore
gli ingressi video
sono coperti da
una maschera
protettiva.

32 PC Professionale / Gennaio 2019

030-032_FL_HW_MonitorAsus_334.indd 32 27/12/18 18:17


Dario Orlandi
Giornalista con background in Ingegneria Informatica, segue il mercato del software da oltre vent’anni.

FIRST LOOKS
SOFTWARE
www.pcprofessionale.it

Alla ricerca della leggerezza di Windows


ormai noto, nonostante l’azienda non del futuro. Secondo quanto si è appreso fino a ora,
È l’abbia confermato ufficialmente, che
Microsoft stia lavorando da tempo su quello
Lite dovrebbe consentire l’esecuzione del software
Windows Universal e delle Progressive Web Apps;
che dovrebbe essere il prossimo stadio resta esclusa, invece, la trentennale legacy delle
nell’evoluzione di Windows, a quanto pare chiamato applicazioni Win32 per l’architettura x86. Ai lettori
informalmente Windows Core OS. Questa nuova più attenti questa descrizione potrebbe provocare
architettura è progettata per essere modulare e una sorta di déjà vu: Microsoft ha già tentato per
supportare le specifiche hardware più varie: l’idea ben due volte negli ultimi anni di proporre un
alla base è quella di rendere il sistema operativo più sistema operativo con caratteristiche analoghe; ma
flessibile e capace di adattarsi a dispositivi diversi sia Windows RT prima, sia Windows S poi si sono
(per architettura e caratteristiche) senza bisogno di rivelati dei fallimenti. Simile sembra anche l’approccio
costruire volta per volta edizioni specifiche. Questa al mercato: Windows Lite dovrebbe essere distribuito
evoluzione dovrebbe rendere il sistema operativo più soltanto agli Oem ed essere preinstallato su dispositivi
leggero e veloce, per sfruttare meglio i dispositivi realizzati ad hoc, per garantire uno sfruttamento
caratterizzati da una potenza di calcolo limitata. ottimale delle sue caratteristiche.
Nelle ultime settimane sono emersi ulteriori Windows Lite avrà successo dove i suoi due
indizi che puntano in questa direzione: alcuni predecessori hanno fallito? In base alle poche
analisti hanno individuato, nei meandri della informazioni trapelate finora (che, peraltro, sono
documentazione di una delle ultime build, tutte passibili di essere smentite o corrette) è difficile
riferimenti a una versione finora sconosciuta del pronosticare un futuro luminoso per il nascituro:
sistema operativo, chiamata semplicemente Lite. il mercato delle app Uwp è asfittico e non mostra
A quanto pare, si tratta davvero di una nuova neppure segnali incoraggianti, mentre le Progressive
edizione pensata per fronteggiare l’avanzata di Web Apps sono promettenti ma ancora acerbe. Per
Google e del suo Chrome OS (a cui abbiamo dedicato contro, l’abbandono della legacy Win32, che sembra
un ampio articolo in questo stesso numero di PC essere il cruccio maggiore di Microsoft in tutti i suoi
Professionale), che sta guadagnando quote di sforzi di cambiamento, potrebbe tagliar fuori molti
mercato non trascurabili specialmente in alcuni milioni di potenziali clienti: quasi tutti scelgono
settori specifici, come quello della didattica. A Windows non solo e non tanto per le caratteristiche
prescindere dalle dimensioni di questo mercato in e le funzioni del sistema operativo, ma soprattutto
termini numerici, si tratta di una nicchia cruciale perché è l’unica piattaforma che consente loro di
perché permette di plasmare le abitudini degli utenti usare i software di cui hanno bisogno.

Sono i dispositivi Windows 10 attivi a settembre 2018; il sorpasso


700MILIONI su Windows 7 è ormai imminente.  Fonti: Microsoft, NetMarketshare

PC Professionale / Gennaio 2019 33

033_ED_SW_334.indd 33 27/12/18 18:14


LAB

● Di Nicola Martello REALLUSION


CHARACTER
Figure umane 3D CREATOR 3

pronte da animare 149


EURO
Il bundle con Iray costa 249,00 euro
Character Creator offre ai grafici, agli animatori e agli sviluppatori
di videogiochi 3D i modelli e gli strumenti per preparare figure
umanoidi di ogni genere, dal supereroe al mostro.

C
haracter Creator è un software con l’area di lavoro. Stranamente, non
specializzato nella realizzazione si può vedere il modello da più finestre
di modelli 3D di figure umanoidi in contemporanea, inoltre sono assenti
e si inserisce in una nicchia di merca- le icone per cambiare la posizione del
to piuttosto ristretta. È dedicato agli punto di vista. L’attivazione dello zoom,
appassionati e ai professionisti che del pan e della rotazione è comandata
devono preparare manichini per fil- con scorciatoie da tastiera o da menu.
mati commerciali, ambienti di realtà Il programma include pochi manichini
virtuale e giochi 3D. Character Creator di base: uomo e donna sia adulti sia ■ PRO
è pensato per lavorare a stretto contatto adolescenti, un bambino piccolo e un Interfaccia molto ordinata /
con iClone e con CrazyTalk, sempre di gorilla (questi ultimi due modelli sono Manichini di ottima qualità /
Reallusion, che sono dedicati all’anima- di Hivewire). A questi si aggiungono Rendering Ibl
zione di questi modelli tridimensionali. parecchie variazioni che rappresentano
Grazie alla tecnologia GoZ (GoZBrush), le principali etnie e una muscolosità ■ CONTRO
il programma esporta e o una obesità più o meno Strumenti di visualizzazione
importa i personaggi Vestiti, acconciature accentuata. Ciascun mo- del manichino migliorabili /
da Pixologic ZBrush, il e accessori possono dello è un’unica mesh 3D Gli indumenti non aderiscono
software specializzato costruita con quadrilateri, perfettamente al corpo della
nell’elaborazione del- essere acquistati la cui densità è facilmente
figura / I materiali di base
le forme 3D che offre dal marketplace regolabile grazie alla sud-
non permettono un
strumenti per scolpire e divisione, per aumentare o
del produttore fotorealismo elevato
modellare. diminuire la qualità delle
L’interfaccia di Character Creator è di
tipo tradizionale per questo genere di
superfici anche solo al momento del
rendering: più elevata per i primi pia-
IN BREVE
Un software per la preparazione
programmi: anteprima in prospettiva al ni e per i rendering statici, più bassa
di figure umane 3D realistiche,
centro con numerosi pannelli a destra per i giochi e le animazioni. Per una
complete di vestiti e capelli.
e a sinistra in cui sono visualizzate le riduzione ottimale del numero di poli-
I numerosi tool sono disposti
librerie di modelli e i parametri di rego- goni in fase di esportazione, Character
in buon ordine nell’interfaccia
lazione. Gli strumenti sono ben organiz- Creator 3 integra InstaLod, un modulo
e permettono di personalizzare
zati e si riconosce lo sforzo di Reallusion specializzato che non solo diminuisce
ogni aspetto del manichino. Non
per mantenere un ordine logico nella di- la densità della mesh automaticamente,
si possono realizzare animazioni
sposizione dei comandi, ma si tratta pur ma ottimizza i materiali applicati e crea
ma grazie al modulo InstaLod
sempre di un software complesso da diversi livelli di dettaglio, per far sì che
è facile ottimizzare la figura
usare e quindi serve comunque un po’ il numero di poligoni utilizzati per la
per i giochi 3D in prima persona.
di tempo per acquisire dimestichezza figura diminuisca con l’aumentare della
www.reallusion.com

34 PC Professionale / Gennaio 2019

034-036_FL_SW_Reallusion_334.indd 34 27/12/18 18:13


/ SOFTWARE / FIRST LOOKS

distanza del punto di vista. I manichini


così ottimizzati sono compatibili con i
motori tridimensionali ludici Unreal e
Unity, utilizzati da centinaia di titoli per
tutte le principali piattaforme.
La mesh si presta bene anche alla
personalizzazione delle forme della
figura, per alterare le proporzioni delle
varie parti del corpo e del viso, così da
ottenere, trascinando pochi cursori,
personaggi magri o grassi, muscolosi
o esili, dai lineamenti classici o cari-
caturali. In corrispondenza delle ar-
ticolazioni la mesh è ottimizzata per
creare pieghe realistiche della pelle,
inoltre gli elementi del viso sono dotati
di una struttura di tiranti per ottenere
espressioni di ogni tipo.
Per il manichino sono disponibili alcuni
vestiti: un bikini ridottissimo, reggise-
no, slip, pantaloncini short, jeans, due L’area di lavoro di Character Creator 3 è ordinata, con i comandi raccolti in due
camicie e una maglietta, un giubbotto, pannelli laterali e nel menu superiore. Al centro l’anteprima in un’unica finestra.
due abiti a gonna, stivali, scarponcini e
scarpe con i tacchi. Completano la dota-
zione pochi accessori come cinture, un
berretto, un paio di occhiali da sole. Le
capigliature sono solo sette, di cui due
esclusivamente femminili. Queste libre-
rie possono essere arricchite a volontà
acquistando vestiti, acconciature, ogget-
ti 3D di ogni tipo e intere scenografie
nel marketplace di Reallusion. Uno dei
punti di forza di Character Creator 3 è
la funzione auto-skin, che permette di
assegnare un capo di vestiario (anche
oggetti Obj importati) o un’acconciatura
a un manichino qualsiasi, lasciando poi
al programma il compito di far aderire
il nuovo oggetto alla fisionomia della
figura. L’aderenza però lascia un po’ a
desiderare: rimane sempre un po’ di
spazio, ben visibile nei primi piani. In
compenso si possono assegnare vestiti
a più strati, come biancheria intima, Si può modificare la mesh degli oggetti 3D con pennelli per scolpire oppure
maglietta e giubbotto sovrapposti: il
per tirare in fuori le facce. È anche consentito creare selezioni sfumate.
software dispone gli elementi per evi-
tare le interferenze; nel caso in cui le
geometrie siano molto complesse e si possono anche importare le animazioni scansioni ed è personalizzabile sia con
veda qualche difetto, si può intervenire dei personaggi nel formato proprietario i classici controlli cromatici (per scurire
a mano con i pennelli per spingere in iMotion, con il programma che applica o schiarire la pelle e per cambiarne la
dentro o tirare verso l’esterno i vertici al manichino la posizione del primo tonalità) sia per applicare, sempre tra-
fuori posto. Il programma permette an- frame. I preset sono solo un punto di mite texture, abbellimenti cosmetici,
che di stabilire quali sono le parti rigide partenza per le personalizzazioni, faci- tatuaggi o segni dell’abbronzatura. Ac-
di un indumento o di un accessorio litate da un pannello dedicato in cui è quistando il pacchetto Essential Morphs
(come le piastre di un’armatura o un immediato selezionare la parte del cor- & Skin si può addirittura invecchiare
elmetto, per esempio), così da evitare po desiderata e muoverla nella preview il personaggio semplicemente trasci-
la loro deformazione quando sono po- o con cursori ad hoc. Il software limita nando un cursore. L’uso delle texture
sizionate sul manichino. i movimenti per impedire posizioni è fondamentale anche per i vestiti, che
La libreria per le pose ne contiene una incompatibili con l’anatomia umana. non solo cambiano colore ma appaiono
sessantina, a cui si aggiungono una L’aspetto dei manichini è reso realistico più o meno ruvidi, con buchi, strappi,
dozzina di espressioni per il viso. Si con texture ottenute da fotografie e da usura e sporcizia grazie a immagini per

PC Professionale / Gennaio 2019 35

034-036_FL_SW_Reallusion_334.indd 35 27/12/18 18:13


FIRST LOOKS / SOFTWARE /

La posa del manichino è facilmente modificabile tramite un pannello InstaLod è un modulo specializzato nella preparazione del modello
che permette una rapida selezione dell’articolazione desiderata. per l’esportazione verso i titoli videoludici tridimensionali.

Il programma può usare un’immagine Hdr per calcolare Il motore di rendering integrato nel programma dispone di algoritmi
l’illuminazione delle scene; gli effetti ottenibili sono molto realistici. per il calcolo di ambient occlusion, global illumination e Hdr.

il colore, la rugosità e la trasparenza. buona qualità ma con un fotorealismo inserire nel progetto luci realistiche
Con la sovrapposizione su più livelli limitato. Il secondo è il noto motore di (parecchie sono incluse nella libreria
di queste texture si possono ottenere rendering fotorealistico e fisicamente dedicata) oppure usare un’immagine
materiali molto complessi e realistici. corretto di Nvidia, che sfrutta anche la Hdr (High Dynamic Range) secondo
Un altro impiego delle immagini, in potenza delle Gpu presenti nel com- la tecnica Ibl (Image Based Lighting):
questo caso scale di grigi, consiste nel puter e genera immagini di qualità i risultati ottenibili sono notevoli,
definire il comportamento dinamico dei fotografica. Iray è un plug-in che va con un setup che si riduce alla scelta
capelli, ovvero quanto e dove devono acquistato a parte oppure è offerto in dell’immagine più adatta tra quelle in
flettersi quando il manichino si muove bundle con il programma principale dotazione oppure reperibili in Internet,
o è investito da una brezza. Peccato che ed è una scelta quasi obbligata per chi anche gratuitamente.
l’effetto di questa impostazione si veda vuole ottenere rendering di qualità Le immagini che si ottengono dall’ac-
solo in iClone. elevata direttamente dal software di coppiata Character Creator 3 e Iray so-
Per il rendering del progetto, Character Reallusion. Per Iray è disponibile una no buone con i materiali di default, ma
Creator 3 dispone di due motori: quello libreria gratuita con più di 600 ma- per raggiungere il livello professionale
nativo e Iray. Il primo è di tipo scan- teriali realistici pronti da usare, che bisogna metter mano alle impostazioni
line con supporto agli algoritmi Hdr, comprendono anche quelli Sss (Subsur- dei materiali, per limare piccoli ma
ambient occlusion e global illumination, face Scattering) per simulare l’incarnato significativi difetti come una lucidi-
è impiegato anche nell’anteprima in o gli oggetti fatti di cera, per esem- tà e una rugosità troppo accentuate
tempo reale e genera immagini di pio. Entrambi i motori permettono di dell’incarnato. •

36 PC Professionale / Gennaio 2019

034-036_FL_SW_Reallusion_334.indd 36 27/12/18 18:13


LAB

● Di Nicola Martello

Dipinti artistici dalle PAINTSHOP

foto con PaintShop Pro


PRO 2019

La nuova edizione 2019 del software di Corel per il fotoritocco 54,99


EURO
avanzato include un plug-in per la creazione di dipinti artistici La versione Ultimate
costa 69,99 euro
dalle foto, basato sull’intelligenza artificiale.

C
■ PRO
orel offre agli appassionati di fo- spicca il nuovo plug-in PicToPainting Interfaccia intuitiva e semplice da
toritocco e ai professionisti attenti che, grazie all’intelligenza artificiale,
usare / Set di strumenti completo,
al portafoglio la nuova versione trasforma l’immagine in un dipinto
di PaintShop Pro, il programma per in stile impressionista. Il modulo ha
adatto sia all’appassionato sia
l’elaborazione avanzata delle immagini, un’interfaccia autonoma rispetto al al professionista / Prezzi molto
che in questa edizione 2019 si presenta programma principale, con le minia- interessanti
con novità interessanti. L’interfaccia del ture dei tredici stili disponibili collocati
software mantiene tonalità scure ed sotto l’anteprima. L’utente sceglie lo
■ CONTRO
è sempre disponibile in stile e regola l’intensità di Migliorabile l’interfaccia
due modalità – la prima Grazie alla doppia applicazione (in tre livelli), del plug-in PicToPainting /
con tutti gli strumenti interfaccia, dopo di che è il software a Praticamente inutile il ritaglio
e le opzioni, la seconda lavorare: il calcolo richiede delle foto a 360 gradi
con uno sfondo più chia-
PaintShop Pro riesce diverse decine di secondi
a soddisfare sia gli con un computer potente e
ro e un numero limitato
IN BREVE
di icone – ma adesso esperti sia i novizi il risultato è nella maggior
Un software per il fotoritocco
permette di scegliere la parte dei casi interessan-
di livello avanzato ma facile
dimensione dei caratteri per migliorare te e valido. Peccato che per vedere il
da usare, ricco di strumenti per
la loro leggibilità con i monitor ad alta risultato proposto dai diversi stili sia
modificare le foto, per dipingere
densità di pixel. Inoltre, il software è necessario provarli tutti uno per uno,
e per disegnare. L’interfaccia
compatibile con le più recenti tavo- dato che le relative miniature sono poco
è disponibile in due modalità,
lette grafiche con standard WinTab e utili: offrono un’approssimazione del
completa e semplificata, così
Windows Ink, così si può sempre usare risultato troppo vaga e soprattutto ine-
da mettere a proprio agio
una penna per dipingere, disegnare o satta. Inoltre, stando a quanto riportato
sia l’utente esperto sia il
regolare gli effetti grafici. Tra gli stru- nell’area di lavoro, il plug-in dovrebbe
principiante.
menti per l’elaborazione delle foto aggiungere l’immagine elaborata in un
www.corel.com

PC Professionale / Gennaio 2019 37

037-039_FL_SW_PaintShop_334.indd 37 27/12/18 18:11


FIRST LOOKS / SOFTWARE /

livello separato ma in realtà non è così;


l’elaborazione sostituisce l’originale,
quindi per preservarlo bisogna copiare
prima l’immagine su un nuovo livello.
PaintShop Pro 2019 riconosce in auto-
matico una foto a 360 gradi all’apertura
e carica automaticamente un’interfaccia
dedicata in cui sono disponibili gli stru-
menti per raddrizzarla, per cancellare
il supporto della fotocamera (in basso
o in alto), per ritagliarla e per cambiare
il tipo di proiezione. Più in dettaglio,
grazie a semplici cursori l’utente può
cambiare l’angolazione sui tre assi, ope-
razione utile per raddrizzare uno scatto
catturato con la fotocamera non perfet-
tamente verticale, e variare il campo
visivo. La cancellazione del supporto
è automatica una volta che l’utente ha L’area di lavoro di PaintShop Pro 2019 ha colori molto scuri ed è ricca
selezionato l’area in cui il programma di pannelli retrattili. Adesso si può cambiare la dimensione dei testi
deve intervenire: i risultati ottenibili per una buona leggibilità con i monitor ad alta densità di pixel.
sono molto buoni grazie all’algoritmo
Riempimento magico che copia i pixel
adiacenti all’area di selezione e li in-
terpola evitando ripetizioni regolari. Il
ritaglio di una porzione della foto a 360
gradi è poco utile dato che non corregge
in maniera efficace la distorsione pro-
spettica, inoltre non mostra l’immagine
risultante: per vederla l’utente deve
caricarla in un secondo tempo. Decisa-
mente più interessante e divertente è il
cambio di prospettiva, che fa apparire
la scena come fosse un piccolo pianeta
oppure una corona circolare con il cielo
al centro. I due cursori disponibili ser-
vono per ruotare l’inquadratura e per
modificare la proporzione tra cielo e
terreno; i risultati migliori si ottengono
con foto in cui la metà inferiore è occu-
pata dal paesaggio, quella superiore da
un cielo terso.
Un’altra novità è l’arricchimento del Il nuovo plug-in PicToPainting offre 13 stili grafici per trasformare una foto in un
piccolo menu delle opzioni alla base dipinto impressionista; i risultati sono notevoli, ma la scelta del preset richiede tempo.
della griglia per il ritaglio del docu-
mento. Quando si esegue il ritaglio ora
si può attivare la Correzione fotografica
in un passaggio, gli Effetti rapidi (sono
sei, tra cui bianco e nero, seppia, levi-
gazione pelle, esaltazione dettagli) e la
Profondità di campo. Un clic prolungato
sui relativi tasti fa apparire un piccolo
pannello con le opzioni di base di cia-
scun effetto. Le altre novità di contorno
riguardano l’aggiunta in PaintShop Pro
2019 di 10 pennelli, 10 tavolozze colore,
10 gradienti, 10 motivi e oltre 20 orna-
menti a oggetti. Inoltre, ora si posso-
no importare facilmente nell’edizione
2019 i plug-in e i contenuti (gli script, le Il programma dispone di un set di strumenti per l’elaborazione delle foto a 360
punte dei pennelli, le tavolozze colore,
gradi, con cui si possono anche raddrizzare le inquadrature storte.

38 PC Professionale / Gennaio 2019

037-039_FL_SW_PaintShop_334.indd 38 27/12/18 18:11


/ SOFTWARE / FIRST LOOKS

Una foto a 360 gradi può apparire come un piccolo pianeta circondato Adesso sotto la griglia di ritaglio si trovano i comandi per lanciare
dal cielo o disposta ai bordi dell’immagine, come una corona circolare. i filtri per migliorare l’immagine e applicare trasformazioni grafiche.

i gradienti, i motivi e le texture) dalle dotazione per la pittura è ovviamente una dominante cromatica e aumentare
versioni precedenti del programma di ridotta rispetto alla versione completa, il contrasto nel caso di paesaggi con fo-
Corel. PaintShop Pro 2019 è come di ma comunque può dare grandi soddi- schia. Queste operazioni sono in alterna-
consueto disponibile in due versioni: sfazioni a chi vuole muovere i primi tiva esclusiva e basta un clic per attivarle.
la standard, oggetto di questa prova, e passi in questo settore artistico. In ogni Chi vuole una maggior precisione deve
la Ultimate, che aggiunge sia raccolte caso i risultati dipendono dalle capacità passare al pannello Adjust, dove invece
più ricche di pennelli, texture e sfondi artistiche dell’utente. sono raccolti i cursori per agire sui livelli,
sia quattro programmi grafici aggiunti- Perfectly Clear è un plug-in di PaintShop sui colori e sui dettagli. Perfectly Clear
vi: PhotoMirage Express, Corel Painter Pro, serve per regolare i livelli cromatici lavora bene, sia per quanto riguarda i
Essentials 6, Athentech Perfectly Clear e funziona in una finestra dedicata, dove valori cromatici sia per la grana di fondo,
3.5 SE e Corel AfterShot 3. PhotoMirage sono disponibili due pannelli separati che viene quasi eliminata senza intac-
Express trasforma un’immagine statica con la modalità rapida basata su preset care troppo la visibilità dei dettagli fini.
in una animata in cui parte della scena e quella manuale, in cui l’utente può AfterShot 3, infine, offre vari strumenti
si muove lentamente in maniera ciclica regolare numerosi parametri cromatici. per migliorare le foto che possono essere
con deformazione dei dettagli, ripetuti I preset permettono di esaltare i dettagli, applicati anche in modalità batch per ela-
e miscelati tra loro per nascondere in la ricchezza dei colori, schiarire le zone borare in un sol colpo raccolte composte
parte le ripetizioni. Il risultato è ipnotico troppo scure, ridurre il rumore, eliminare da centinaia o migliaia di file. •
e di notevole effetto, capace di attirare
l’attenzione dello spettatore. Le elabo-
razioni migliori si ottengono con parti
in movimento ricche di dettagli, come
l’acqua spumeggiante o una foresta che
appare mossa da una brezza. Il software
è semplice da usare: si aggiungono al-
la scena diversi vettori per indicare al
programma quali parti dell’immagine
vanno animate e in che direzione, poi si
impostano le zone che devono rimanere
ferme, con puntatori e con un pennello.
Una volta completata l’impostazione, in
pochi secondi il software elabora il docu-
mento e mostra l’animazione, salvabile
nei formati video più diffusi.
Painter è il programma più noto per
la pittura digitale e fornisce un set di
pennelli e di strumenti pensati proprio
per gli artisti che usano il computer e PaintShop Pro propone anche un’interfaccia semplificata, con meno icone
una tavoletta grafica per dipingere. La e colori più chiari, pensata in particolare per gli utenti alle prime armi.

PC Professionale / Gennaio 2019 39

037-039_FL_SW_PaintShop_334.indd 39 27/12/18 18:11


FIRST LOOKS / SOFTWARE /

LAB

● Di Dario Orlandi

Scrittura evoluta per iOS e Mac


Strike è un nuovo editor di testi per computer e mobile che offre
funzioni interessanti e una notevole attenzione verso il co-authoring.

S
trike è una nuova app di scrittura trasformare un semplice documento di
per iOS e macOS, disponibile a pa- testo in un dossier completo di allegati, IOS
gamento separatamente per le due materiale di riferimento e qualsiasi altro
piattaforme a un prezzo comunque inte- dato possa essere utile nel contesto spe- STRIKE
ressante (4,49 euro la versione mobile, 14,99 cifico. Strike genera automaticamente la
quella per macOS); propone un flusso di mappa del documento in base ai titoli dei

4,49
lavoro libero, che si adatta bene a diverse paragrafi e permette anche di aggiungere
abitudini e a vari contesti. Interessanti sono etichette personalizzate per semplifica-
le funzioni evolute che semplificano l’in- re l’individuazione di sezioni specifiche
EURO
serimento di formattazione ed elementi di all’interno dei testi più elaborati. Non
ogni genere: si parte con il supporto per lo mancano le funzioni di controllo ortogra- ■ PRO
standard Markdown, che ormai è diventa- fico e correzione automatica, preziose se
Dotazione di funzioni notevole /
to un requisito pressoché universale per gli si sta digitando con la tastiera a schermo
editor di testi di nuova generazione. Oltre dell’iPad (o, peggio ancora, dell’iPhone)
Strumenti evoluti per inserire
alla classica sintassi di questo standard, e alcuni strumenti di utilità per ordinare grafici e tabelle / Funzioni di
Strike offre anche strumenti di formatta- le righe di un testo, convertire le selezioni collaborazione semplici ma efficaci
zione “one tap”, applicabili cioè con una in titoli, citazioni e altro ancora. Ma gli
pressione del dito sullo schermo (o in al- strumenti più interessanti sono probabil- ■ CONTRO
cuni casi con una breve sequenza). Strike mente quelli dedicati alla collaborazione Qualche bug nell’editing di alcuni
supporta anche la sintassi MathJax per e al co-authoring: i file possono essere contenuti / Manca la traduzione
inserire equazioni matematiche complesse, protetti tramite password, bloccati per in italiano
garantendo nello stesso tempo un render- evitare la modifica, salvati in un archivio
ing accurato e una buona interoperabilità. cronologico e si possono inserire annota- IN BREVE
Notevoli sono anche le funzioni evolute zioni senza modificare il testo principale Strike è un editor di testi evoluto
che consentono di aggiungere in pochi del documento. I documenti realizzati con che offre uno stile di scrittura
istanti tabelle e grafici di grande impatto Strike possono essere condivisi facilmente flessibile, strumenti interessanti
visivo (anche se le primissime implemen- con altri autori tramite iCloud, che offre per l’inserimento di elementi
tazioni hanno mostrato qualche bug, spe- tutte le funzioni necessarie per gestire complessi (come grafici
cialmente nell’editing dei contenuti dopo l’accesso. La funzione di esportazione, ed equazioni) e funzioni
aver creato l’oggetto grafico) e il supporto infine, trasforma i documenti in file Pdf di collaborazione efficaci.
al collegamento di file di ogni genere, per per la distribuzione illimitata.
http://strike-app.com

40 PC Professionale / Gennaio 2019

040-041_FL_SW_Apps_334.indd 40 27/12/18 18:09


/ SOFTWARE / FIRST LOOKS

Interfaccia semplice Timer eleganti


e funzioni evolute e intelligenti
Kalkyl è una calcolatrice che riesce ad abbinare Hours è un’app molto efficace per tenere
un’interfaccia intuitiva con funzioni non banali. traccia del tempo dedicato a ogni attività.

N C
ell’app store si trovano e richiamare gli strumenti hi lavora come consulente nel corso della giornata. Con
centinaia di app dedi- scientifici principali, come le o porta avanti più proget- un tap si richiama un menu di
cate al calcolo, ma in funzioni trigonometriche, po- ti contemporaneamente modifica in cui si trovano anche
questa vasta offerta è difficile tenze, logaritmi e radici. Altri si trova spesso nella condi- funzioni avanzate: oltre ad ag-
individuare un’app capace strumenti sono invece inseriti zione di dover tenere traccia giungere una pausa o cancellare
di abbinare funzioni più evo- come seconda funzione per in modo puntuale del tempo un intervallo, è presente anche
lute rispetto a quelle offerte i tasti delle operazioni arit- dedicato a ciascuna attività, sia un comando per spezzare un
dalla Calcolatrice realizzata metiche: per richiamarli ser- per bilanciare gli impegni sia intervallo in due e modificare
da Apple e un’usabilità che ve uno swipe verso il basso per giustificare le ore di lavo- poi ogni metà separatamente.
non richieda la lettura di un sul pulsante, un’operazione ro e fatturare ogni consulenza. Si possono creare timer orga-
manuale di istruzioni solo per difficile da immaginare ma Hours è una delle molte app che nizzati per cliente, progetto e
fare una semplice somma. Un piuttosto intuitiva una volta promettono di aiutare in questo attività, ed è semplice passare
ottimo compromesso è quello fatta l’abitudine. lavoro, spesso noioso e sotto- da una categoria all’altra.
proposto da Kalkyl, un’app Kalkyl mostra il risultato del valutato. L’app è disponibile Le funzioni di reportistica di
gratuita per iPhone e iPad calcolo in tempo reale durante gratuitamente, ma la versione base sono incluse, mentre per
capace di andare oltre le fun- il suo inserimento, permetten- per Apple Watch è legata alla ottenere resoconti più detta-
zioni di base senza intimorire do quindi di mantenere con- sottoscrizione a pagamento che, gliati (tra cui il prezioso report
i nuovi utenti. L’interfaccia temporaneamente a schermo come vedremo, aggiunge anche per cliente) bisogna passare al-
principale è simile a quella sia l’espressione di partenza altre funzioni interessanti. Uno la sottoscrizione Pro, che non
dell’app nativa di iOS, anche sia il suo risultato. Inoltre, dei punti di forza di Hours è la costa poco (7,99 euro al mese)
nella scelta dei colori e nella supporta anche il disegno sua interfaccia utente, gradevo- ma offre anche la sincroniz-
collocazione dei pulsanti. Si delle funzioni bidimensionali le, intuitiva ed elegante. Il punto zazione tra più dispositivi, il
può però notare subito il pul- più comuni, con supporto allo focale è la timeline visualizzata backup delle informazioni,
sante blu 2nd, che permette di zoom con le dita e visualizza- lungo il margine superiore, che l’accesso via Web e la gestione
cambiare facilmente contesto zione a tutto schermo. mostra l’andamento dei timer dei gruppi di lavoro.

KALKYL ■ GRATIS HOURS ■ GRATIS

■ PRO Funzioni evolute e semplici da utilizzare ■ PRO Interfaccia gradevole e intuitiva


■ CONTRO Lo zoom può essere difficile da controllare ■ CONTRO Alcune funzioni cruciali sono solo a pagamento
IOS IOS

PC Professionale / Gennaio 2019 41

040-041_FL_SW_Apps_334.indd 41 27/12/18 18:09


● Di Dario Orlandi

IL SISTEMA
OPERATIVO
NEL CLOUD
Chrome OS è un progetto quasi sconosciuto nel nostro Paese
(e, più in generale, in Europa), che offre però un’alternativa
molto solida ai sistemi operativi tradizionali per desktop
e laptop, in particolare sugli hardware più datati. Scopriamo
come funziona, cosa offre e come provarlo.

42 PC Professionale / Gennaio 2019

042-059_Art_Chrome_334.indd 42 27/12/18 18:07


PC Professionale / Gennaio 2019 43

042-059_Art_Chrome_334.indd 43 27/12/18 18:07


COME FARE / SOFTWARE /

IL SISTEMA OPERATIVO BASATO SUL CLOUD DI GOOGLE NON HA OTTENUTO


FINORA UN GRANDE SUCCESSO IN EUROPA, MA LE SUE CARATTERISTICHE
UNICHE E IL SUPPORTO DI UN GIGANTE DELL’INFORMATICA LO RENDONO IN-
VECE UN’ALTERNATIVA DA NON SOTTOVALUTARE; CHROME OS – E I PROGETTI
DERIVATI DALLO STESSO CORE – POSSONO INFATTI DONARE NUOVA VITA A
COMPUTER ORMAI OBSOLETI PER I CANONI IMPOSTI DA MICROSOFT (E ANCHE
DA APPLE) E PROPONGONO UN’ESPERIENZA D’USO GRADEVOLE E MODERNA
ANCHE SU QUESTI DISPOSITIVI. NELLE PROSSIME PAGINE SCOPRIREMO COME
PROVARE IL SISTEMA OPERATIVO, COME INSTALLARLO SU UN PC E NATURAL-
MENTE COME MUOVERE I PRIMI PASSI ALL’INTERNO DELLA SUA INTERFACCIA.
Quando Google ha lanciato il il progetto fino al momento in strada completamente separata,
sistema operativo cloud-only cui l’interesse del mercato ha al punto che è considerato come
Chrome OS, ormai quasi dieci iniziato a premiarlo. Oggi, in- un sistema operativo originale.
anni or sono (la presentazione fatti, negli Usa le rilevazioni gli Del resto, anche lo sviluppo di
ufficiale risale al novembre del assegnano una quota di merca- Android è partito dal codice del
2009), in pochi avrebbero scom- to attorno al 5%, circa doppia kernel ideato da Linus Torvalds,
messo sul suo successo: i tempi dispetto alla somma di tutte le ma nessuno lo classificherebbe
non sembravano maturi e, in ef- (altre) distribuzioni basate su ormai come una distribuzione
fetti, la sua esistenza è rimasta Linux. Infatti, anche Chrome OS Linux tradizionale.
confinata al rango di semplice è nato come fork di Gentoo, una La strategia pensata da Goo-
curiosità per i primi anni; ma distribuzione Linux nota per la gle per il suo sistema opera-
l’azienda di Mountain View ha sua modularità, ma lo sviluppo tivo ricorda per alcuni aspetti
messo in campo gli strumenti e e la personalizzazione hanno quella di Apple: Chrome OS
il peso necessari per sostenere fatto prendere al progetto una è infatti installato soltanto nei

Il Google CR48
è stato il primo
Chromebook presentato
ufficialmente; il suo
aspetto spartano e
una linea non proprio
filante tradiscono
la sua età e il
posizionamento
nella fascia più bassa
del mercato.

Negli ultimi anni i Chromebook hanno iniziato a colonizzare anche la


fascia medio-alta del mercato; il Pixelbook di Google ha caratteristiche
di tutto rispetto e un prezzo di listino che parte da 999 dollari Usa.

44 PC Professionale / Gennaio 2019

042-059_Art_Chrome_334.indd 44 27/12/18 18:07


/ SOFTWARE / COME FARE

Negli ultimi tempi la


famiglia dei Chromebook
si è arricchita con l’arrivo
di dispositivi ibridi, con
schermo touch e perfino
tastiera sganciabile,
come nel caso del
Chromebook X2 di Hp.

Chrome OS non è installato soltanto sui


notebook: il Chromebit, prodotto da Asus,
è un piccolissimo ed economico Stick Pc
che si può collegare direttamente alla porta
Hdmi di un monitor o un televisore.

Chromebook, computer – quasi un sistema operativo cloud only, di strumenti software disponi-
sempre laptop – realizzati da va- un ambiente progettato e otti- bile per la piattaforma mobile
rie aziende (come Acer, Asus, mizzato per accedere a Internet di Google. Questa funzione è
Hp, Lenovo e così via) solo per ed eseguire i servizi basati sul disponibile però soltanto in al-
ospitare il sistema operativo di Web. Nel 2009 questa visione si cuni modelli di Chromebook ed
Google. Negli ultimi anni, ai scontrava con limiti gravi nella è piuttosto laboriosa da utilizzare
notebook tradizionali si sono maturità delle applicazioni offer- su hardware diverso. Ma il solco
affiancati anche dispositivi ibri- te come servizi Web, ma oggi il è ormai tracciato e la convergen-
di, che hanno aggiunto anche panorama è cambiato: il browser za tra Chrome OS e Android sta
il supporto all’interazione tra- ha assunto un ruolo ancor più procedendo a grandi passi.
mite schermo touch. L’azienda centrale nell’uso quotidiano del
di Mountain View ha scelto di Pc e perfino alcuni strumenti UN SISTEMA
collocare i Chromebook nel seg- dedicati al pubblico professio- OPERATIVO SENZA
mento più basso del mercato,
per lo meno in una prima fase,
nale (non soltanto Office, ma
addirittura AutoCad) sono di-
PENSIERI
entrando in compe- sponibili anche
tizione diretta con i I servizi basati sul Web come servizi Web. L’assenza di applicazioni instal-
netbook e i portatili di
primo prezzo, rispetto
crescono ogni giorno La dotazione di
funzioni è più
late in locale consente a Google
di offrire agli utenti dei Chrome-
ai quali l’ottimizza- in potenza e usabilità; limitata rispetto book un’ergonomia d’uso eccel-
zione e la leggerezza in molti casi possono alle controparti lente, che probabilmente è il vero
del sistema operativo tradizionali, ma punto di forza di questo ambien-
potevano garantire
ormai sostituire le questo non è più te: in caso di furto, smarrimento
vantaggi significativi. applicazioni tradizionali un fattore limi- o upgrade del computer basta
Per essere più precisi, tante nella gran- infatti inserire le credenziali di
Chromebook è la denominazio- de maggioranza dei casi: sia autenticazione in un device ap-
ne generica dei laptop basati su perché la crescita è continua e pena acquistato o riformattato e
Chrome OS: Google propone an- la differenza nella dotazione di attendere il completamento della
che computer con altri formati va assottigliando giorno dopo sincronizzazione per ritrovarsi di
(come per esempio il piccolissi- giorno, sia perché molti utenti fronte lo stesso ambiente, le stes-
mo Stick Pc Chromebit, prodotto in realtà utilizzano soltanto un se personalizzazioni e gli stessi
da Asus), ma la loro diffusione è piccolo sottoinsieme delle fun- file. Nella visione di Google, il
davvero ridotta. zioni messe a disposizione dai computer è un mezzo con cui
L’esperienza d’uso unica, avvi- tool più potenti. arrivare in Rete per accedere alle
cinata solo in parte dalle ultime Dalla versione 60, inoltre, Google informazioni e ai servizi presenti
versioni degli OS tradizionali, ha iniziato a consentire l’esecu- nel cloud. Passare da un com-
è il fattore determinante che ne zione delle applicazioni Android puter all’altro richiede soltanto
ha decretato il successo in alcuni anche all’interno di Chrome OS; un login e una sincronizzazio-
mercati ma l’ha invece escluso da si può quindi sfruttare anche sui ne: un livello di praticità a cui
molti altri: Chrome OS, infatti, è Chromebook l’enorme catalogo nessun altro sistema operativo

PC Professionale / Gennaio 2019 45

042-059_Art_Chrome_334.indd 45 27/12/18 18:07


COME FARE / SOFTWARE /

tra loro, per garantire sia la sta- NUOVI UTENTI E


bilità complessiva del sistema sia VECCHI COMPUTER
la protezione dei dati personali.
Chrome OS ha ottenuto un’otti-
ma penetrazione nel segmento Chi è dunque il destinatario
Education proprio grazie alle ideale del progetto di Google?
sue caratteristiche uniche e alla In realtà i profili sono parecchi,
sua leggerezza. Google ha anche ma vanno ricercati ai margini
proposto (per lo meno negli Stati dello stereotipo dell’utente tipo.
Uniti) formule di noleggio che Chrome OS potrebbe per esem-
prevedevano il pagamento di un pio essere un’ottima soluzione
canone mensile per l’hardware per chi si avvicina per la prima
Tutte le impostazioni della e l’accesso ai servizi software, volta a un dispositivo informa-
con garanzia di sostituzione in tico, grazie alla sua robustez-
configurazione di Chrome OS
caso di guasto e aggiornamento za, alla semplicità d’uso e alla
sono salvate nel cloud e vengono automatico a un modello più re- manutenzione quasi azzerata.
sincronizzate automaticamente cente dopo tre anni. Il successo Quindi le nuove generazioni,
sul mercato statunitense non si che rientrano in pieno nel seg-
è però tradotto, almeno finora, mento “education” su cui Google
si è neppure avvicinato. Micro- in una penetrazione significativa sta puntando i suoi sforzi, ma
soft aveva tentato un approccio nei Paesi europei. Probabilmente anche le persone poco esperte
simile con Windows 8, ma la la situazione delle infrastrutture e più mature, che possono vede-
necessità di garantire la compa- e la disponibilità di connessioni re limitati al minimo i problemi
tibilità all’indietro con la legacy a banda larga dovevano ancora tecnici difficili da risolvere. Un
di Windows e una reazione non crescere per garantire l’accesso af- altro settore interessante è quel-
proprio entusiasta da parte del fidabile alla Rete che è il requisito lo degli ambienti lavorativi: gli
pubblico ha consigliato all’azien- fondamentale per utilizzare con applicativi verticali utilizzati in
da di Redmond una rapida in- profitto un dispositivo Chrome molte aziende offrono sempre
versione di marcia: se Windows OS. Se da un lato è vero che alcu- più spesso un’interfaccia basata
8 registrava e sincronizzava per ne funzioni e servizi possono es- sul browser; i vantaggi in termini
lo meno l’organizzazione della sere raggiunti anche quando ci si di portabilità delle configurazio-
schermata Start, con il passag- trova offline, d’altro canto la dota- ni e riduzione degli interventi di
gio a Windows 10 anche questa zione è ridotta ai minimi termini manutenzione non devono esse-
automazione minima è stata e rappresenta soltanto un’ancora re trascurati. A questo proposito,
eliminata. di salvezza in caso di emergenza. Chrome OS – o, meglio, le sue
Al contrario, Google non ha una Lo stesso vale per i file: Chrome varianti – possono rappresen-
rendita di posizione da difende- OS supporta anche il salvataggio tare una soluzione intelligente
re: gli utenti del suo sistema ope- in locale dei documenti, ma senza per garantire nuova vitalità a
rativo sono tutti “nuovi utenti”. la sincronizzazione remota si per- macchine ormai prossime alla
Hanno deciso di abbracciare un dono quasi tutti i benefici offerti pensione. Se le necessità com-
paradigma d’uso più moderno dalla piattaforma di Google. putazionali non sono troppo
ed estremo, che costringe a un
cambio di impostazione rispetto
al passato ma offre anche nume-
rosi vantaggi in termini di usabi-
lità e semplicità: basti pensare al
fatto che Chrome OS può fare a
meno di quasi tutto il fardello di
strumenti e utility necessari inve-
ce in tutti gli altri ambienti. Non
serve un backup, perché tutte le
informazioni sono automatica-
mente sincronizzate in remoto,
e neppure un antivirus di tipo
tradizionale; non bisogna preoc-
cuparsi di installare, disinstallare
o aggiornare i programmi, né di
ottimizzare il sistema operativo
per mantenere le prestazioni. Quando si apre un file Ova, VMware Workstation avvia una procedura
Tutti i servizi e le pagine Web di importazione che lo trasforma in una macchina virtuale nativa;
sono eseguiti in sandbox isolate si può deciderne il nome e la posizione sull’hard disk.

46 PC Professionale / Gennaio 2019

042-059_Art_Chrome_334.indd 46 27/12/18 18:07


/ SOFTWARE / COME FARE

elevate, infatti, l’installazione esistenti. Chrome OS è la deno- aggiungono personalizzazioni,


di questo sistema operativo (ed minazione del sistema operativo strumenti di configurazione e
eventualmente qualche piccolo “commerciale” di Google, che è installazione ma soprattutto una
upgrade della configurazione disponibile soltanto preinstallato robusta dose di test per garan-
hardware) può evitare investi- su macchine dedicate (chiama- tire la compatibilità con la più
menti ingenti nel rinnovamento te in genere Chromebook). Alla ampia varietà possibile di confi-
del parco macchine. base di questo OS c’è il progetto gurazioni anche non progettate
Chromium OS (www.chromium. per ospitare questo OS: uno dei
CHROME OS, org/chromium-os), una variante di rappresentanti più noti in questo
CHROMIUM OS Gentoo sviluppata da Google e particolare ambito è CloudReady
E CLOUDREADY distribuita come software open
source. Chromium OS è rilascia-
di NeverWare (www.neverware.
com), che utilizzeremo per il
to sotto forma di codice sorgente, primo approccio con il mondo
A questo punto è necessaria un ma diversi siti Web terzi propon- di Chrome OS. CloudReady è
po’ di chiarezza sull’organizza- gono immagini precompilate disponibile in varie edizioni: En-
zione del progetto e sulle varie ottenute a partire dalle build terprise ed Education sono dedi-
opzioni disponibili per chi ac- giornaliere del progetto oppure cate rispettivamente agli utenti
quista un computer nuovo o in- dalle release più stabili. Esistono professionali e al settore della
vece progetta di installare il si- poi progetti di terze parti che didattica; sono commercializzate
stema operativo su macchine già sono basati su Chromium OS ma in abbonamento a partire da 15

Al primo avvio, Chrome OS accoglie l’utente con una semplice Prima di proseguire è però opportuno modificare la lingua del
schermata di benvenuto che invita a proseguire nella sistema operativo, facendo clic sul pulsante in basso a destra e poi
configurazione iniziale del sistema. selezionando l’italiano nel lungo elenco delle traduzioni disponibili.

Il primo passaggio prevede la connessione alla rete locale; nel CloudReady propone di inviare informazioni anonime sull’utilizzo
caso delle virtual machine non c’è nulla da configurare, poiché la del sistema operativo; per evitarlo basta togliere la spunta accanto
scheda Ethernet funzionerà senza problemi fin dal primo istante. all’opzione Send metrics to help improve CloudReady.

PC Professionale / Gennaio 2019 47

042-059_Art_Chrome_334.indd 47 27/12/18 18:07


COME FARE / SOFTWARE /

dollari all’anno per dispositivo.


C’è poi l’edizione Home, oggetto
dei nostri test, che è distribuita
gratuitamente ma non è coper-
ta dal supporto diretto tramite
telefono e mail.
La soluzione più semplice per
testare l’ambiente Chrome OS
è utilizzare una macchina vir-
tuale: rispetto a un’installazione
nativa, infatti, la virtual machine
offre il vantaggio essenziale di
mantenere attivo anche il siste-
ma operativo principale del Pc,
garantendo l’accesso alle appli-
cazioni e ai servizi più comuni,
L’interfaccia di autenticazione iniziale è molto simile a quella utili per risolvere eventuali pro-
proposta dai servizi Web di Google e dai dispositivi Android; blemi e recuperare informazioni
basta digitare indirizzo email e password per proseguire. importanti sulla configurazione e
sulle impostazioni. CloudReady
è disponibile come virtual ap-
pliance (una macchina virtuale
preconfigurata e pacchettizzata
in un singolo file) per l’ambien-
te VMware; chi non avesse un
host di quest’azienda (come per
esempio l’ottimo software com-
merciale Workstation Pro) può
scaricare e installare l’ambiente
VMware Workstation Player,
gratuito per uso personale non
commerciale. La pagina del
prodotto è disponibile all’indi-
rizzo www.vmware.com/products/
workstation-player.html; basta se-
Chi invece non avesse ancora un account Google, oppure preferisse guire il collegamento in alto a de-
utilizzare un profilo diverso per sperimentare con Chrome OS, stra (Download Now) e scegliere
può fare clic su Altre opzioni e registrare un nuovo account. la versione più adatta al proprio
sistema operativo. Una volta in-
stallato l’ambiente host bisogna
procurarsi la virtual appliance
di CloudReady: la versione più
recente è scaricabile dalla pagina
https://tinyurl.com/CloudReadyVA
come archivio compresso. Dopo
aver scompattato il file Zip sele-
zionate File/Open in Workstation
Player e raggiungete il percorso
del file con estensione .Ova ap-
pena scompattato. Il programma
chiederà dove salvare la nuova
macchina virtuale e avvierà il
processo di importazione, che
potrebbe richiedere qualche
minuto. Una volta completata
l’operazione, la nuova virtual
machine è pronta per essere ese-
In base alle impostazioni di sicurezza dell’utente, il sistema guita. Accendete la macchina vir-
operativo potrebbe riconoscere il tentativo di accesso tuale e attendete il caricamento;
da un nuovo dispositivo e richiedere un’ulteriore conferma dopo qualche secondo comparirà
per garantire la protezione dei dati personali. una finestra di benvenuto: fate

48 PC Professionale / Gennaio 2019

042-059_Art_Chrome_334.indd 48 27/12/18 18:07


/ SOFTWARE / COME FARE

Gli ultimi ritocchi alla configurazione dell’utente prevedono Una volta completata la configurazione, Chrome OS propone
la selezione di un’immagine da associare al profilo, utile in un brevissimo tour iniziale per illustrare i principi cardine
particolare nei computer in cui sono configurati molti utenti. dell’interfaccia utente e la posizione delle funzioni principali.

clic sul pulsante in basso a sini- dispositivi Android e dai ser- come vedremo più avanti, ma
stra, selezionate l’italiano nell’e- vizi Web realizzati da Google. per completare la configurazione
lenco delle lingue disponibili e Identiche sono anche le creden- e la personalizzazione è oppor-
confermate il layout della vostra ziali richieste: basta inserire gli tuno configurare un utente con
tastiera. A questo punto fate clic estremi di un account Google per accesso permanente. Al primo
sul pulsante Iniziamo, in basso a associarlo all’ambiente Chrome tentativo di login, Google ricono-
destra, per avviare la configura- OS. I pochi che non scerà la macchina
zione vera e propria. Confermate hanno ancora crea- La configurazione iniziale virtuale come un
la modalità di accesso alla rete to un account per
(le macchine virtuali utilizza- i servizi di Google
di Chrome OS ricorda nuovo dispositivo
e potrebbe richie-
no una scheda di rete Ethernet (oppure chi prefe- da vicino quella dere un passag-
simulata), decidete se inviare risce utilizzare un di un dispositivo Android gio ulteriore per
agli sviluppatori informazioni accesso separato verificare l’iden-
anonime sull’utilizzo del sistema per questi esperi- tità dell’utente:
operativo e poi fate clic su Conti- menti) può fare clic sul pulsante proporrà di scegliere una delle
nue. Raggiungerete la schermata Altre opzioni e selezionare Crea modalità di conferma tra quel-
di autenticazione iniziale, che un account; si può anche entrare le configurate (per esempio la
è simile a quella proposta dai nel sistema in modalità ospite, ricezione di un codice via Sms).

Una delle modifiche necessarie per completare la configurazione Altre impostazioni utili da attivare sono quelle relative ad Adobe
riguarda l’impostazione del fuso orario; basta raggiungere Flash e ai Componenti multimediali proprietari, che migliorano
la relativa opzione nelle impostazioni e selezionarlo nell’elenco. la compatibilità con i file e le pagine Web.

PC Professionale / Gennaio 2019 49

042-059_Art_Chrome_334.indd 49 27/12/18 18:07


COME FARE / SOFTWARE /

Una volta completata anche


questa fase si passerà alla sin-
cronizzazione delle impostazioni
(se l’utente non è mai stato as-
sociato a un dispositivo Chro-
me OS bastano pochi istanti) e
alla personalizzazione di alcuni
dettagli, come la selezione di
un’immagine per il profilo. A
questo punto il sistema accoglierà
l’utente e proporrà un tour iniziale
pensato per illustrare le funzioni
e gli strumenti principali offerti
da Chrome OS. Potete accettare
Dopo aver accettato la licenza e atteso la fine l’offerta con un clic sul pulsante
dell’installazione, sarà necessario riavviare il sistema Fai un tour, oppure chiudere la fi-
per applicare le nuove impostazioni; basta un clic sul nestra e passare subito a utilizzare
collegamento nel riquadro di notifica. il nuovo sistema operativo. Per
ottenere un computer perfetta-
mente configurato sono necessari
un paio di aggiustamenti: innanzi
tutto è opportuno modificare l’im-
postazione relativa al fuso orario
per far sì che l’orologio di sistema,
visibile in basso a destra, mostri
l’ora corretta: fate clic sull’orolo-
gio, poi sull’icona a forma di ruota
dentata per aprire la finestra delle
Impostazioni. Scorrete l’elenco fi-
no in fondo, fate clic sul collega-
mento Avanzate e poi sulla voce
Fuso orario, nella sezione Data e
L’ultimo ma fondamentale passaggio della ora. Attivate l’opzione Scegli dall’e-
configurazione iniziale riguarda l’aggiornamento del lenco e poi scorrete la lista fino a
sistema alla versione più recente: basta un clic sul individuare il fuso orario corretto.
collegamento per avviare la procedura di upgrade. Ritornate alla pagina principale
delle impostazioni e scorrete l’e-
lenco verso l’alto, per raggiungere
la sezione Media Plugins. Fate clic
sul collegamento Install accanto
alle voci Adobe Flash e Proprietary
Media Components, utili per ga-
rantire la massima compatibilità
con i contenuti Web e i file multi-
mediali. Per completare l’installa-
zione sarà necessario riavviare il
sistema: fate clic sul collegamento
Restart Now nel riquadro di noti-
fica per completare la procedura.
Potrebbe essere utile anche ag-
giornare l’OS alla versione più
recente: la virtual appliance, in-
fatti, è rimasta indietro ormai di
alcune release rispetto al progetto
principale. Il compito è piuttosto
semplice, con alcune accortezze:
innanzi tutto bisogna spegnere
la virtual machine e poi aggior-
narla alla versione più recente.
Prima di effettuare l’upgrade di CloudReady è
Fate clic sull’orologio, in basso a
opportuno aggiornare la macchina virtuale alla versione
destra, e poi sull’icona per spe-
più recente: in caso contrario la sezione grafica della gnere il computer virtuale. Una
macchina virtuale potrebbe non rispondere più.

50 PC Professionale / Gennaio 2019

042-059_Art_Chrome_334.indd 50 27/12/18 18:07


/ SOFTWARE / COME FARE

Il browser integrato nel sistema operativo è una versione Chrome OS supporta il salvataggio dei documenti in locale, ma il
specializzata di Chrome, che importa automaticamente le suo file manager è perfettamente integrato con il cloud storage di
estensioni e i Preferiti durante la sincronizzazione iniziale. Google: è la soluzione ideale per salvaguardare i dati.

La visualizzazione delle immagini memorizzate nel cloud non richiede alcuna Anche la riproduzione della musica e dei
accortezza particolare: basta aprirle come se fossero file locali. Gli strumenti video non propone nessuna criticità, salvo
del sistema operativo comprendono visualizzatori per i formati più comuni. l’attesa per lo scaricamento in locale.

volta ritornati all’interfaccia di necessaria per garantire il funzio- disponibilità di aggiornamenti; fate
VMware Workstation Player, se- namento del comparto grafico clic per avviare lo scaricamento
lezionate la voce di menu VM/ delle ultime versioni di Chrome e poi l’installazione dell’ultima
Manage/Change Hardware compati- OS. Una volta completata la con- release disponibile. Al termine del
bility per richiamare una procedu- versione accendete di nuovo la download e dell’installazione fate
ra guidata. Fate clic su Next e poi macchina virtuale e completate clic sul collegamento Riavvia per
selezionate Workstation 14.x nella l’autenticazione; ritornate alla completare l’aggiornamento.
casella a discesa Hardware com- finestra delle Impostazioni (clic
patibility. Proseguite con un altro sull’immagine del profilo dell’u- QUATTRO PASSI
clic sul pulsante Next e scegliete tente, in basso a destra, e poi sull’i- IN CHROME OS
se modificare la virtual machine cona a forma di ruota dentata),
attuale o se creare un nuovo clone aprite l’elenco delle sezioni con
(per maggiore sicurezza). L’ultimo un clic sul pulsante hamburger, in Il passaggio alla release più
passaggio permetterà di rivedere alto a sinistra, e selezionate la voce recente modificherà anche l’a-
le modifiche da applicare: un clic About CloudReady. A fianco delle spetto del sistema operativo: in
su Finish avvierà la procedura di informazioni sulla versione attua- particolare, gli elementi dell’in-
conversione, che si è dimostrata le si trova il collegamento Verifica terfaccia proporranno ora angoli

PC Professionale / Gennaio 2019 51

042-059_Art_Chrome_334.indd 51 27/12/18 18:07


COME FARE / SOFTWARE /

arrotondati, secondo i più recen-


ti dettami imposti da Google ai
suoi servizi e alle sue applica-
zioni, e la barra delle applica-
zioni mostrerà le icone allineate
al centro, invece che a sinistra.
Il pulsante di sinistra, Avvio
applicazioni, serve appunto per
richiamare le app “installate” nel
sistema: in realtà si tratta di un
tipo particolare di collegamenti
a pagine Web e, di fatto, quasi
nulla è installato fisicamente
sull’hard disk della macchina
virtuale. L’unica vera applica-
zione è il browser Chromium,
una versione specializzata del
Il “menu Start” di Chrome OS è cambiato parecchio con
diffusissimo Chrome. Chi ha
l’introduzione della nuova interfaccia; ora è organizzato
effettuato il login con le stesse
come un pannello slide che sale dal basso. credenziali utilizzate anche sul
computer tradizionale, troverà
già preconfigurati e installati
tutti i Preferiti e le estensioni
di Chrome a cui è abituato. Per
individuare nuovi strumenti
e servizi si può raggiungere il
Chrome Web Store (nel menu
Avvio applicazioni c’è un colle-
gamento diretto), selezionare
la voce Applicazioni nell’elenco
di sinistra e poi navigare negli
elenchi di contenuti o sfruttare
la funzione di ricerca. Utili sono
le opzioni di filtro presenti nella
parte inferiore dell’elenco, che
consentono per esempio di in-
dividuare le applicazioni capaci
Una volta aperto a tutto schermo, l’elenco delle di funzionare anche offline (ossia
applicazioni viene ingrandito e soprattutto può essere senza una connessione attiva a
manipolato tramite le voci del menu contestuale. Internet), e quelle pensate per
integrarsi con il cloud storage di
Google Drive. I file praticamente
non esistono: il sistema operativo
offre un semplice file manager
che consente sia di navigare tra
le risorse locali sia di accedere
allo storage nel cloud. Per fissare
nuove applicazioni nello shelf
(ossia nella zona centrale della
barra delle applicazioni) basta
fare clic sul pulsante Avvio ap-
plicazioni, allargare la visuale a
tutto schermo con un clic sulla
freccia verso l’alto, poi fare clic
destro sull’icona del servizio
da aggiungere e selezionare la
voce Fissa sullo shelf nel menu
Selezionando la voce Nuova finestra si possono aprire le contestuale. Sempre nello stes-
applicazioni Web senza mostrare l’interfaccia del browser, so menu si trova anche la voce
con un aspetto molto più simile a quello di un sistema Nuova scheda: aprendo il relativo
operativo tradizionale. sottomenu e selezionando invece

52 PC Professionale / Gennaio 2019

042-059_Art_Chrome_334.indd 52 27/12/18 18:07


/ SOFTWARE / COME FARE

Il menu di destra permette di controllare i componenti e le Attraverso il menu di configurazione delle notifiche si può attivare la
periferiche collegate al Pc, verificare la connessione alla rete modalità Non disturbare, per evitare di essere sommersi da messaggi
locale, spegnere il computer e accedere alle impostazioni. indesiderati, oppure si possono escludere applicazioni specifiche.

Nuova finestra si può decidere notturna attiva una funzione di autenticazione iniziale, sele-
di aprire il servizio online come che attenua la componente blu zionare la voce Aggiungi persona
una scheda del browser (l’im- dell’immagine, per limitare l’af- (in basso a sinistra) e autenticarsi
postazione predefinita) oppure faticamento degli occhi, mentre come di consueto. Come abbia-
come una finestra separata priva Trasmetti effettua lo streaming mo già accennato, Chrome OS
dell’interfaccia di navigazione del desktop verso un disposi- salva pochissime informazioni in
tradizionale. Il menu utente, ac- tivo compatibile locale e può quin-
cessibile con un clic sull’orologio con la tecnologia Le applicazioni installate di gestire molti
in basso a destra, offre invece i Chromecast. Il utenti in maniera
comandi per effettuare il logout, menu Notifiche, non sono altro che brillante e senza
bloccare l’accesso al sistema ope- infine, permette speciali collegamenti appesantire trop-
rativo, accedere alle impostazio- di visualizzare i alle pagine dei servizi po il computer.
ni e spegnere il computer. Qui si messaggi ricevuti, Un’ulteriore op-
trovano anche i controlli relativi gestirli e modifica- presenti sul Web zione interessante
alla connessione di Rete attiva re le impostazioni è Esplora come ospi-
(cablata o wireless), agli even- (per esempio escludendo alcuni te (anch’essa presente nella fila di
tuali accessori Bluetooth colle- servizi dall’elenco di quelli auto- comandi in basso a sinistra nella
gati, due slider per controllare rizzati a inviare notifiche). schermata di autenticazione ini-
la luminosità dello schermo e il Chrome OS supporta anche la ziale), che permette di offrire a
volume dell’audio e alcune altre multiutenza: basta fare clic su chiunque un accesso a Internet
opzioni interessanti: Luminosità Esci per ritornare alla schermata per consultare la posta, stampare

Se il computer non offre un menu dedicato alla selezione Il menu di boot è una semplice interfaccia che consente di selezionare
dell’unità di avvio bisogna entrare nel Bios (o nell’interfaccia l’unità da cui avviare il sistema; per richiamarla bisogna premere una
Uefi) e modificare l’ordine delle unità di boot. combinazione di tasti che varia da un computer all’altro.

PC Professionale / Gennaio 2019 53

042-059_Art_Chrome_334.indd 53 27/12/18 18:07


COME FARE / SOFTWARE /

un documento o svolgere qual-


siasi altra operazione, senza
timore di dover condividere in-
formazioni personali o mettere
a repentaglio la privacy. Per im-
postazione predefinita, Chrome
OS salva lo stato (applicazioni e
schede aperte) degli utenti re-
gistrati all’uscita e lo ripristina
all’accesso seguente; se invece
preferite ripartire a ogni avvio
con una sessione pulita aprite
le impostazioni, scorrete fino al- A B
la fine dell’elenco e selezionate
Apri la pagina Nuova scheda nella
sezione All’avvio.

DAL VIRTUALE
ALLA CHIAVETTA
USB
Dopo aver preso contatto con
Chrome OS nell’ambiente virtua-
lizzato è il momento di passare
a trasferirlo su un dispositivo C D
fisico: la soluzione più semplice
è creare una chiavetta Usb av-
viabile che contenga il sistema
operativo completo. L’utilità di durante l’uso. Per creare una la formattazione normale dell’u-
questo passaggio non è soltanto chiavetta Usb basata su Chrome nità, basterà fare clic su questo
didattica: una chiavetta Usb con OS si possono percorrere varie collegamento e ritornare a un
installato Chrome OS può essere strade, ma la più semplice per file system compatibile con
una soluzione perfetta per tutte gli utenti Windows è affidarsi al Windows.
le occasioni in cui bisogna ac- tool di creazione realizzato da- Per creare l’unità fate clic sul
cedere al proprio computer e ai gli autori di CloudReady: il file pulsante Next per selezionare
propri dati ma ci si trova lontano eseguibile per generare un pen l’edizione da scaricare (figura B):
da casa o dall’ufficio e non si è drive con la versione gratuita di salvo esigenze specifiche e hard-
portato con sé nessun hardware CloudReady può essere scarica- ware particolarmente datato, la
(a parte una piccola chiavetta, to dalla pagina www.neverware. versione a 64 bit (preselezionata
che può trovare posto per esem- com/freedown- per default) è quella
pio nel mazzo delle chiavi). È load. Una vol- Chrome OS può essere da preferire. Un altro
sufficiente trovare un computer ta completato clic sul pulsante Next
trasformato in una
disposto a “ospitare” una ses- il download, porterà alla pagina
sione, collegare la chiavetta ed avviate il file chiavetta Live, ossia di selezione dell’u-
effettuare il boot da Usb: i dati Cloudready-usb- un sistema operativo nità di destinazione
contenuti nell’hard disk locale
del Pc rimarranno al sicuro e,
maker.exe con un
doppio clic per
avviabile da pen drive (figura C): il tool sug-
gerisce di evitare le
nello stesso tempo, tutte le in- raggiungere la chiavette più grandi
formazioni personali saranno prima pagina della procedura di 16 Gbyte (anche se durante i
eliminate una volta spento il Pc e guidata (figura A); è interessante nostri test non abbiamo riscon-
scollegato il pen drive. Dal punto notare, nella parte bassa della fi- trato problemi particolari anche
di vista tecnico, i requisiti sono nestra, il collegamento Done with con un pen drive da 32 Gbyte)
minimi: il sistema ospite deve USB installer? Format it here. La e quelle prodotte da Sandisk,
offrire 2 Gbyte di memoria Ram, chiavetta contenente Chrome probabilmente per incompa-
mentre l’unità Usb deve avere OS, infatti, diventerà inaccessi- tibilità note che non abbiamo
una capienza di almeno 8 Gbyte. bile da Windows; se si utilizza il potuto verificare. Un ulteriore
È anche opportuno scegliere un pen drive soltanto per installare clic sul pulsante Next avvierà
pen drive moderno e veloce, per il sistema sull’hard disk locale lo scaricamento (figura D) della
garantire un tempo di caricamen- (come vedremo più avanti), o se versione più recente dell’imma-
to ridotto e prestazioni migliori comunque si vuole ripristinare gine di Chrome OS, che poi verrà

54 PC Professionale / Gennaio 2019

042-059_Art_Chrome_334.indd 54 27/12/18 18:07


/ SOFTWARE / COME FARE

configurazione iniziale (Bios o porte Usb del computer, la fase


Uefi, a seconda del computer) e di caricamento potrebbe essere
attivare il menu di boot. Se inve- anche sensibilmente più lunga
ce questa opzione non fosse di- rispetto alla virtual machine.
sponibile bisogna entrare nella I passaggi da compiere sono gli
sezione dedicata al caricamen- stessi illustrati nel paragrafo pre-
to e modificare la priorità delle cedente: selezionare la lingua e
memorie di massa per avviare la tastiera italiane, indicare la
il sistema prima dal pen drive connessione di rete da utilizzare
Usb che dall’hard disk interno. (in questo caso potrebbe essere

E
Purtroppo, non possiamo offrire necessario individuare la rete
indicazioni precise sulle scor- wireless e digitare la relativa
ciatoie da tastiera da utilizzare password), accettare la licenza
perché cambiano a seconda del- e inserire le credenziali di au-
la marca e del modello; spesso, tenticazione legate al Google
però, i tasti da premere vengono account. Dopo alcuni istanti
indicati nei primissimi istanti dedicati alla sincronizzazione
del caricamento del sistema. (o qualche minuto, a seconda
Per evitare di perdersi questa della velocità complessiva del
informazione fondamentale computer, della chiavetta Usb e
può essere utile riprendere lo della connessione a Internet), il
schermo del computer con uno sistema sarà pronto all’uso. Per
smartphone durante la fase di completare la configurazione po-
boot, per poi rivedere le imma- trebbe essere necessario entrare

F gini e fermare il video nel mo-


mento opportuno. Esiste anche
nelle Impostazioni e indicare il
fuso orario corretto per visualiz-
un caso ancor più complesso, zare l’ora esatta nell’orologio in
sempre più raro ma non del tut- basso a destra.
to trascurabile, specialmente per L’interfaccia è identica a quella
estratta e copiata sull’unità di de- chi vuole utilizzare Chrome OS che abbiamo illustrato nel para-
stinazione (figura E). Il tool sug- con hardware datato: i sistemi grafo precedente e tutte le perso-
gerisce che la procedura può im- più vecchi, infatti, potrebbero nalizzazioni saranno importate
piegare fino a 20 minuti: durante non supportare in alcun modo automaticamente anche nell’am-
i nostri test i tempi sono stati un l’avvio da Usb. In queste cir- biente basato su pen drive. L’u-
po’ più rapidi, ma comunque so- costanze è utile un tool di av- nica novità significativa è il pul-
no necessari alcuni minuti. Una vio supplementare come Plop sante Install OS, che si trova nel
volta completata l’operazione, il Boot Manager (www.plop.at/ menu utente, raggiungibile con
tool mostra una finestra di con- en/bootmanager/download.html): un clic sull’orologio in basso a
ferma (figura F) con alcuni link questo software gratuito può destra. Com’è facile intuire, que-
che portano alla pagina in cui è essere masterizzato su un’unità sto comando serve per trasferire
illustrata nel dettaglio la proce- ottica (Cd o Dvd) e poi avviato Chrome OS dalla chiavetta Usb
dura di installazione e all’elenco come prima unità di boot. Al all’hard disk locale, sostituendo
dei computer certificati. Per com- suo interno si trova un siste- in maniera definitiva il sistema
pletare la procedura basta un clic ma di caricamento minimale operativo locale.
sul pulsante Finish. che supplisce alle carenze del
A questo punto la chiavetta Usb Bios di sistema: analizza tutte
è pronta per essere utilizzata: le memorie di massa collegate DALLA CHIAVETTA
inseritela nel Pc ospite, accen- al computer (comprese quelle ALL’HARD DISK
detelo e richiamate il menu di Usb) e consente di selezionarle
boot, oppure entrate nel Bios o per avviare il sistema operativo.
nell’interfaccia Uefi. La prima Il menu di boot elencherà le L’installer delle ultime versioni
è l’opzione migliore, ma non memorie di massa esterne rile- di CloudReady non supporta
sempre è disponibile: non tutti vate dal sistema: selezionate la nessuna modalità di installa-
i computer (specialmente quelli chiavetta Usb e avviate il carica- zione avanzata: prende pos-
meno recenti) offrono un menu mento; dopo qualche decina di sesso del computer eliminando
per scegliere al volo la memo- secondi l’avvio sarà completato qualsiasi altro OS eventual-
ria di massa da cui effettuare il e verrà visualizzata una finestra mente presente al suo interno.
boot iniziale. In altri casi il menu di benvenuto identica a quella Questo perché a partire dallo
sarebbe teoricamente disponi- proposta dalla virtual machine scorso aprile gli sviluppatori
bile ma è disattivato: bisogna al primo avvio. A seconda del- di questa variante di Chrome
allora richiamare l’interfaccia di la velocità del pen drive e delle OS hanno eliminato l’opzione

PC Professionale / Gennaio 2019 55

042-059_Art_Chrome_334.indd 55 27/12/18 18:07


COME FARE / SOFTWARE /

che consentiva l’installazione


in dual boot, a fianco di un altro
sistema operativo. Questa deci-
sione è stata causata da un com-
portamento non troppo attento
da parte di Microsoft: con la di-
stribuzione dell’aggiornamento
di autunno 2017, Windows 10
ha introdotto alcune novità nel
processo di caricamento che di
fatto hanno reso inaccessibili
gran parte delle installazioni di
CloudReady (e altri sistemi ope-
rativi ospitati insieme all’ultima
versione di Windows). Chi è del
tutto soddisfatto da Chrome OS
e vuole utilizzarlo come sistema
Quando si apre il menu di destra in una versione di CloudReady caricata da chiavetta operativo principale può sfrut-
Usb si può notare il pulsante Install OS, pensato per trasferire il sistema operativo tare la funzione di installazio-
direttamente sul computer locale. ne disponibile nel pen drive di
CloudReady, mentre in tutti gli
altri gli altri casi gli sviluppato-
ri consigliano di appoggiarsi a
un’installazione Live basata su
pen drive, magari scegliendo un
dispositivo veloce per limitare al
minimo i rallentamenti.
Esiste in realtà una strada di-
versa, che consente ancora l’in-
stallazione affiancata, anche se
richiede un po’ di lavoro in più:
l’ultima release che supporta il
dual boot è ancora scaricabile e
può essere utilizzata come base
per creare un pen drive da cui in-
stallare l’OS sull’hard disk. Una
volta completata l’installazione,
Le versioni più recenti di CloudReady propongono soltanto l’installazione solitaria, si potranno utilizzare le funzioni
che cancella e sostituisce l’intero contenuto dell’hard disk locale. di aggiornamento per portarlo

LINUX IN CHROME OS

I
più curiosi potrebbero aver notato, nel lungo elenco delle
impostazioni proposto da Chrome OS, un’opzione relativa
all’installazione di Linux: questa funzione, offerta per ora
in anteprima (beta testing) senza troppe garanzie, permette di
ampliare lo spettro delle possibili applicazioni di un computer
basato su Chrome OS, aggiungendo per esempio gli strumenti
per lo sviluppo di siti e servizi Web o applicazioni Android.
Attivare questa funzione è piuttosto semplice e richiede
soltanto uno spazio di 300 Mbyte sull’hard disk locale; il
bassissimo numero di informazioni memorizzate normalmente
da Chrome OS dovrebbe garantire uno spazio libero più che
sufficiente nella maggior parte delle circostanze. Se il requisito
è soddisfatto fate clic sull’orologio, in basso a destra, per
richiamare il menu utente, e poi aprite le Impostazioni con un

56 PC Professionale / Gennaio 2019

042-059_Art_Chrome_334.indd 56 27/12/18 18:07


/ SOFTWARE / COME FARE

alla versione più recente. Bisogna compressa in un archivio Zip


sottolineare però che a partire che andrà scompattato una vol-
dalla versione distribuita nel ta completato lo scaricamento.
mese di giugno gli sviluppatori Per raggiungere gli strumenti
non effettuano più test appro- di ripristino bisogna avviare il
fonditi sulle configurazioni dual browser Chrome (chi non l’a-
boot (pur continuando a offrire vesse già installato può recupe-
supporto in caso di problemi), rarlo all’indirizzo www.google.
ma durante le nostre prove non com/chrome) e poi installare
abbiamo riscontrato problemi l’estensione Utilità ripristino
particolari. Chromebook: potete indivi-
Scopriamo dunque come creare duarla attraverso il motore di
un pen drive di installazione a ricerca del Chrome Web Store
partire da un’immagine più da- oppure sfruttare il collegamento
tata: non potremo affidarci al tool diretto disponibile all’indiriz-
di creazione automatizzata di zo https://tinyurl.com/Ripristino-
CloudReady, perché individua e Chromebook. Una volta raggiunta
scarica automaticamente l’ultima la sua pagina di installazione, L’Utilità ripristino Chromebook è disponibile come
release disponibile a fate clic sul pul- estensione per il browser Chrome; bisogna quindi
ogni avvio. Al suo Per creare un supporto sante Aggiungi e installarla per poterne sfruttare gli strumenti
posto bisognerà
sfruttare gli stru-
avviabile a partire da poi apritela con
un clic sulla sua
di creazione dei supporti di boot.
menti di ripristino un’immagine binaria icona, inseri-
offerti da Google, bisogna utilizzare gli ta nella pagina
un’esperienza co-
munque utile an-
strumenti di ripristino Apps (chrome://
apps) del browser.
che dal punto di L’interfaccia del
vista didattico, perché potrebbe tool è comunque semplice e
tornare utile in caso di problemi amichevole: è organizzata come
con l’installazione del sistema procedura guidata e illustra nel
operativo. dettaglio tutti i passaggi da com-
Il primo passo è individuare piere. Serve una chiavetta Usb
e scaricare l’immagine binaria da almeno 4 Gbyte (i cui dati
della versione giusta del sistema verranno eliminati) e l’imma-
operativo: il link da cui partire è gine binaria appena scaricata;
https://tinyurl.com/CloudReady63. nella finestra iniziale non fate
Questo collegamento avvierà clic sul pulsante Inizia, ma rag-
il download di un’immagine giungete invece l’icona a forma
binaria con estensione .Bin, di ruota dentata in alto a destra
L’icona del tool di ripristino è aggiunto alla pagina delle App
di Chrome; chi avesse cancellato il collegamento diretto può
raggiungerla digitando l’indirizzo chrome://apps.

clic sull’icona a forma di ruota dentata. Scorrete l’elenco fino


in fondo: la penultima sezione è chiamata Linux (Beta) e al suo
interno si trova il pulsante che avvia l’installazione. Fate clic
Nella prima pagina della procedura guidata non
su Attiva e poi su Installa nella finestra successiva; Chrome OS
bisogna seguire i passaggi evidenziati, ma fare invece
scaricherà un ambiente Linux pacchettizzato e pronto all’uso,
clic sull’icona a forma di ruota dentata per utilizzare
contenuto in una macchina virtuale. l’immagine binaria scaricata in precedenza.

PC Professionale / Gennaio 2019 57

042-059_Art_Chrome_334.indd 57 27/12/18 18:07


COME FARE / SOFTWARE /

e selezionate la voce Usa imma-


gine locale nel menu a discesa.
Navigate fino alla posizione del
file Bin scaricato in precedenza
e fate clic sul pulsante Apri. Nel
passaggio successivo seleziona-
te l’unità Usb di destinazione e
fate clic su Continua per raggiun-
gere una schermata di riepilogo
in cui si trova il pulsante Crea
ora, che avvia la formattazione
e il trasferimento dell’immagi-
ne sull’unità Usb. La procedu-
ra potrebbe richiedere parecchi
minuti, per cui serve un po’ di
pazienza. Durante i nostri test è
anche capitato che la procedura
Nel secondo passaggio bisogna indicare l’unità disco
fallisse; in questi casi potrebbe
da utilizzare come destinazione per l’immagine binaria: è essere d’aiuto tentare di nuovo
importante mettere al sicuro eventuali dati già memorizzati, dopo aver avviato Chrome con
perché verranno eliminati. privilegi elevati: basta fare clic
destro sulla sua icona nel menu
Start e selezionare Esegui come
amministratore nel menu conte-
stuale. La chiavetta così creata
è sostanzialmente identica a
quella generata con il tool di
installazione di CloudReady;
non resta che riavviare il com-
puter e selezionarla come unità
di boot primaria.
Se il vostro scopo è soltanto
installare Chrome OS potete
evitare del tutto il login all’in-
terfaccia Live: appena raggiunta
la schermata di benvenuto ini-
ziale, che permette di seleziona-
re il linguaggio e il layout della
La pagina di riassunto elenca le scelte effettuate e propone tastiera, fate clic sull’orologio
il pulsante Crea ora: con un clic si avvia la procedura di in basso a destra e selezionate
creazione, che può richiedere anche oltre 10 minuti. la voce Install CloudReady nel
menu popup. La procedura
guidata propone comunque per
default l’installazione comple-
ta, ma ora è presente anche un
piccolo collegamento in basso
a sinistra (Looking for dualboot?)
che consente di raggiungere la
pagina dedicata all’installa-
zione affiancata. La pagina di
benvenuto segnala che sono
stati riscontrati problemi con
il Creators Update di Windows
10, ma chi invece utilizza un’al-
tra versione di Windows (con
firmware Uefi) potrà proseguire
senza troppi timori con l’instal-
lazione . In ogni caso, come sug-
Una volta completate le operazioni, una finestra di conferma gerisce la stessa procedura di
segnalerà la riuscita della procedura e suggerirà i passaggi installazione, è opportuno effet-
da compiere per utilizzare la chiavetta Usb appena creata. tuare prima un backup di tutti

58 PC Professionale / Gennaio 2019

042-059_Art_Chrome_334.indd 58 27/12/18 18:07


/ SOFTWARE / COME FARE

i dati importanti (o addirittura


dell’intero sistema) per mini-
mizzare l’impatto di eventuali
problemi. Una volta completata
l’installazione e avviato Chrome
OS, dopo aver effettuato la pri-
ma sincronizzazione è oppor-
tuno aprire le Impostazioni,
selezionare About CloudReady
nell’elenco delle sezioni e pro-
cedere all’aggiornamento del
sistema operativo per scaricare
la versione più recente (come
abbiamo spiegato nel dettaglio
nel paragrafo dedicato all’ese- Per installare il sistema operativo si può sfruttare il
cuzione in macchina virtuale). collegamento disponibile nel menu richiamabile con un clic
sull’orologio, in basso a destra, senza bisogno di effettuare
L’INSTALLAZIONE alcuna configurazione iniziale.
È SOLO L’INIZIO
Ottenere un computer funzio-
nante basato su Chrome OS è
soltanto il primo passo in un
mondo più vasto: passare a
un sistema operativo cloud-
only richiede infatti un radica-
le cambio di prospettiva, che
può risultare piuttosto difficile
specialmente per chi viene da
una lunga militanza nel mon-
do Windows, Mac o Linux.
Abbandonare le applicazioni e
le utility a cui si è abituati può
far crollare molte certezze e la-
sciare anche utenti esperti con
la sensazione di essere limitati La procedura guidata della versione 63 di CloudReady
nelle scelte e negli strumenti propone per default l’installazione completa, ma in basso
disponibili. In realtà, come ve- a sinistra si trova un piccolo collegamento che richiama
dremo, l’offerta di servizi basati il wizard che imposta il dual boot.
sul Web è così vasta e ricca da
coprire una grandissima varie-
tà di casi d’uso: dallo studio al
tempo libero, dall’organizzazio-
ne personale al calcolo (anche
avanzato), dalla manipolazione
dei file multimediali alla gestio-
ne dei team di lavoro, si può
tranquillamente fare a meno dei
software di tipo tradizionale.
Nella seconda parte di questo
articolo, che troverete sul pros-
simo numero di PC Professionale,
passeremo in rassegna i migliori
servizi e strumenti basati sul
Web per suggerire alternative
credibili ai software di uso co-
mune e mostrare anche ai più Prima di consentire l’avvio dell’installazione affiancata,
scettici come si possa rinunciare CloudReady avvisa che questa funzione non sarà più
ai programmi tradizionali senza supportata in futuro e che sono stati riscontrati problemi
limitare la produttività. • con alcune specifiche versioni di Windows 10.

PC Professionale / Gennaio 2019 59

042-059_Art_Chrome_334.indd 59 27/12/18 18:07


FIBRA
● Di Pasquale Bruno

OTTICA
FINO A CASA
Il sogno di una connessione Internet a un gigabit
al secondo è diventato realtà da tempo, ma solo
adesso i prezzi sono diventati popolari e la copertura si
è estesa. Scopriamo la “vera” fibra ottica in tecnologia
Ftth, come funziona e come averla a casa propria.

60 PC Professionale / Gennaio 2019

060-071_Art_Fibra_334.indd 60 27/12/18 18:02


PC Professionale / Gennaio 2019 61

060-071_Art_Fibra_334.indd 61 27/12/18 18:02


25 EURO AL MESE, TUTTO COMPRESO E PER SEMPRE, PER UNA LINEA IN FIBRA
OTTICA DA UN GIGABIT AL SECONDO: FINO ALL’ANNO SCORSO UN BEL SOGNO, OGGI
È UNA REALTÀ ACCESSIBILE AI RESIDENTI DI MOLTE CITTÀ, GRANDI E PICCOLE, E DEL
LORO HINTERLAND. LA COPERTURA DEL TERRITORIO PROCEDE, SEPPUR CON QUALCHE
RITARDO, ALMENO NELLE COSIDDETTE AREE REMUNERATIVE. UN GRANDE MERITO A
QUESTA SITUAZIONE, CHE PIACCIA O MENO, È DELL’ AUMENTATA CONCORRENZA TRA
I FORNITORI DI CONNETTIVITÀ E PIÙ PRECISAMENTE ALL’ ARRIVO DI OPEN FIBER SU
QUESTO MERCATO, CHE SI È AGGIUDICATA TUTTI I BANDI INFRATEL PER LA BANDA
ULTRA LARGA. IL TERZO BANDO, CHE RIGUARDA DEI TERRITORI COSIDDETTI “AD ALTO
FALLIMENTO DI MERCATO”, È STATO VINTO PROPRIO A METÀ DICEMBRE 2018.
Infratel è la società pubblica del Il primo bando ha riguardato contro il digital divide, anche se
Mise (Ministero per lo Sviluppo Abruzzo, Molise, Lombardia, la strada da fare è ancora tanta. Il
Economico) che sta curando il Emilia Romagna, Toscana e Ve- primo bando riguarda nel totale
piano per portare la connettività neto; il terzo e ultimo riguarda 3.043 comuni, pari a 4,6 milioni
veloce in tutta Italia. Il territorio Puglia, Calabria e Sardegna. So- unità immobiliari da cablare e
è stato diviso in cluster A,B,C e lo per quanto riguarda le aree 7 milioni di cittadini interessati.
D, con i primi che rappresentano critiche (cluster B e C), nel corso Il secondo bando riguarda 3.710
quelli a più sicuro investimento del 2018 sono stati avviati 1.033 comuni, con 3,1 milioni di unità
e quindi più remunerativi, e i cantieri per il cablaggio in fibra immobiliari e 6,8 milioni di citta-
restanti due che rappresentano ottica, relativi ai primi due ban- dini interessati. Il terzo è ancora
quelli più a rischio. di Infratel. Un passo importante in via di definizione.

Per verificare che la propria abitazione sia coperta dalla Ftth si può provare a inserire l’indirizzo sia nel servizio offerto
da www.fibermap.it sia in quello di www.openfiber.it. Oppure si può provare direttamente sui portali degli operatori.

62 PC Professionale / Gennaio 2019

060-071_Art_Fibra_334.indd 62 27/12/18 18:02


/ FIBRA / TECNOLOGIA

TRE TIPI DI CONNESSIONE IN FIBRA A CONFRONTO


ADSL FTTC FTTB FTTH
RAME DALLA FIBRA FIBRA FIBRA FINO
CENTRALE FINO FINO AGLI APPARTAMENTI
AGLI APPARTAMENTI AGLI ARMADI AL PALAZZO

PRIMO SECONDO
SEGMENTO SEGMENTO
FIBRA SEGMENTO
250 M FIBRA VERTICALE
DISTANZA FIBRA
MEDIA
20 Mbps 100 Mbps 1 Gbps >1 Gbps
7 Mbps 30 Mbps

BANDA LARGA BANDA ULTRALARGA

Fttc (Fiber to the cabinet) prevede un collegamento in fibra fino all’armadio in strada; da qui all’abitazione dell’utente arriva il classico
doppino telefonico in rame. Fttb (Fiber to the building) prevede un collegamento in fibra fino al palazzo; da qui ai singoli appartamenti
c’è un cavo in rame. Ftth (Fiber to the home) identifica un collegamento tutto in fibra dalla centrale fino al singolo appartamento. È la
soluzione con le prestazioni e l’affidabilità più alte.

È una mole enorme di lavoro che è alta velocità in fibra ottica su tutto Tra l’altro, Fastweb si trova nella
inevitabilmente soggetta a ritardi, il territorio nazionale” come si posizione di essere contempora-
che si scaricano poi sull’utente fi- legge dal sito Web istituzionale. È neamente partner di due aziende
nale. Non sono rimaste un mistero partita con un grosso vantaggio: concorrenti tra loro.
le lamentele di operatori partner nel 2016 ha acquisito Metroweb, Ai tempi Open Fiber era già stata
come Fastweb e Tiscali, concretiz- che all’epoca vantava la rete in scelta come partner del Governo
zate in un esposto all’Antitrust in fibra ottica più estesa d’Europa, Italiano per realizzare appunto
cui si accusa Open Fiber di essere 7.254 km di cavi che coprono 2,4 il Piano Nazionale Banda Ultra-
troppo lenta nell’attivazione delle milioni di persone. larga, per la copertura del 100%
linee in fibra e in cui si prospetta Tale infrastruttura della popolazione
un abuso di posizione dominante. veniva affittata ai con una connetti-
I fatti risalgono all’inizio dell’an- vari provider e in Solo per il terzo bando vità ad almeno 30
no e riguardano la copertura di particolare a Fa- del piano Infratel per megabit e il 50% con
Milano; in quel periodo avveni- stweb per portare la banda ultralarga una connettività ad
vano circa 950 attivazioni a set- la connettività in almeno 100 megabit,
timana contro una necessità di fibra nelle case. sono stati stanziati il tutto entro il 2020.
2.000/2.500. A fronte di una quota Enel ha “soffiato” 103 milioni di euro Non è solo questio-
di mercato dell’80%, Open Fiber Metroweb a Tim, ne di fornire Inter-
non avrebbe le capacità di far fron- interessata anch’es- net superveloce alle
te alle richieste con conseguente sa all’acquisto, e si è posta subito famiglie, ma anche di dare una
“incremento dei costi, allunga- in una posizione di vantaggio. connettività seria ad aziende e
mento dei tempi per l’attivazione Nel 2016 è poi nata FlashFiber, professionisti. Nel momento in
del servizio e conseguente perdita joint venture tra Tim e Fastweb, cui a questi soggetti si chiedono
della clientela”, secondo l’esposto. per la realizzazione di una nuova sempre più servizi online, o essi
È chiaro che il 2018 è stato un anno rete nazionale in fibra. Il piano stessi nascono per progettarne o
esplosivo e il 2019 non sarà certa- industriale prevede di collega- offrirne di nuovi, è imperativa una
mente da meno. re entro il 2020 circa 3 milioni di connettività d’avanguardia che
Open Fiber, lo ricordiamo, è na- unità abitative nelle principali sappia tenere il passo.
ta nel dicembre del 2015 ed è di 29 città italiane, con tecnologia Tutti abbiamo sperimentato i ser-
proprietà al 50% di Enel e al 50% Ftth. Sia Open Fiber sia FlashFi- vizi cloud, in maniera e per scopi
di Cassa Depositi e Prestiti. Il suo ber non vendono la connettività variabili; oltre a fantasmagoriche
scopo è di “realizzare l’installazio- direttamente agli utenti, ma si velocità di download, è altrettanto
ne, la fornitura e l’esercizio di reti appoggiano a una serie di azien- importante (se non di più) quella
di comunicazione elettronica ad de partner. in upload.

PC Professionale / Gennaio 2019 63

060-071_Art_Fibra_334.indd 63 27/12/18 18:02


TECNOLOGIA / FIBRA /

LA FTTH DI OPEN FIBER


CONDOMINIO

POP Punto
di snodo
primario
Punto
di snodo
secondario
1 OGNI 60.000
ABITAZIONI 1 OGNI 1 OGNI APPARTAMENTO
1.000 CASE 250 CASE UTENTE
(PFP) (PFS)
CASE SPARSE

PTE
PUNTO DI TERMINAZIONE
EDIFICIO
cavo in fibra

Rame FWA Linea wireless


Fibra

Dal punto di flessibilità secondario (Pfs), tipicamente un armadio in strada, partono i collegamenti in fibra per gli edifici.
All’interno di essi, tipicamente in cantina, c’è il Pte (Punto Terminazione Edificio), l’ultimo nodo della “tratta orizzontale”
che parte dalla centrale. Dal Pte partono i cavi per le singole unità abitative, ovvero la “tratta verticale”.

LE OFFERTE PER LA FTTH DEI PRINCIPALI OPERATORI NAZIONALI


OPERATORE OFFERTA VELOCITÀ ATTIVAZIONE SERVIZIO COSTO
MAX (MBPS) VOIP CHIAMATE
(DOWNLOAD / UPLOAD) FISSI / CELL., AL MINUTO
3 Super Fibra 1.000 / 100 gratuita incluso incluse / incluse
3 Super Fibra Plus 1.000 / 100 gratuita incluso incluse / incluse
Fastweb Internet 1.000 / 200 gratuita no n.d.
Fastweb Internet + telefono 1.000 / 200 gratuita incluso incluse / 5 cent
TIM Connect Fibra 1.000 / 100 6,90 euro per 48 rinnovi* incluso 19 cent / 19 cent
TIM Connect Fibra Gold 1.000 / 100 6,90 euro per 48 rinnovi* incluso incluse / incluse
Tiscali Ultrafibra Giga 1.000 / 300 gratuita incluso incluse / incluse
Wind Fibra 1000 1.000 / 100 gratuita incluso incluse / incluse
Wind Fibra 1000 Unlimited 1.000 / 100 gratuita incluso incluse / incluse
Vodafone Internet Unlimited 1.000 / 200 5,90 euro per 48 rinnovi incluso incluse / 19 cent
Vodafone Internet Unlimited + 1.000 / 200 5,90 euro per 48 rinnovi incluso incluse / incluse
Offerte disponibili al 18-12-2018. Per l’offerta completa e aggiornata vi rimandiamo al portale dell’operatore.
* servizio TIM Expert ** prezzo in promozione per 4 anni

64 PC Professionale / Gennaio 2019

060-071_Art_Fibra_334.indd 64 27/12/18 18:02


/ FIBRA / TECNOLOGIA

TANTI TIPI connessione mista fibra/rame, L’Agcom (Autorità per le Garanzie


DI FIBRA e l’Agcom è dello stesso avviso nelle Comunicazioni) ha imposto
agli operatori dei bollini da
visto che ha intimato ai provider
nazionali di sottolineare questa applicare alle proprie offerte
Per banda ultralarga si intende differenza con dei bollini colora- per la banda larga e ultralarga.
una connessione di tipo Fttx, ti. La Fttc è alla base della connet- Quello di colore verde identifica la
una fibra ottica che può arriva- tività Vdsl, per intenderci. fibra di tipo Ftth o Fttb. Il bollino
re a diversi stadi. La variabile X Il secondo tipo di connessione arancio è per le connessioni
può rappresentare un armadio è definita Fttb (Fiber to the buil- miste fibra e rame (Fttc) oppure
in strada, una cantina di un con- ding): il cavo in fibra arriva fino wireless, mentre quello rosso
dominio o un appartamento. È alle cantine dell’edificio e da qui identifica le connessioni tramite il
importante capire queste diffe- partono i doppini telefonici ver- solo cavo in rame (esempio, Adsl).
renze perché da esse dipendono so i vari appartamenti. Essendo
la velocità e l’affidabilità della la tratta in rame relativamente
propria linea. Il primo livello è corta (poche decine di metri) si
Fttc, o FttCab (Fiber to the cabi- riesce a ottenere comunque una
net). La rete in fibra parte dalla velocità prossima al gigabit al
centrale (detta anche PoP, Point secondo. una manutenzione minima, non
of Presence) e arriva fino all’ar- La “vera” fibra però è un’al- soffre di problemi dovuti alle di-
madio in strada. Da qui parte un tra: è la Ftth (Fiber to the home), stanze, garantisce le latenze più
semplice doppino telefonico in l’unica che prevede un cavo in basse. Inoltre è a prova di futuro:
rame che arriva fino all’appar- fibra ottica che parte dalla cen- oggi si va a un gigabit al secon-
tamento. La velocità ottenibile trale e arriva direttamente a casa do, ma gli stessi cavi potranno
è di massimo 100 megabit al se- dell’utente. È la più costosa da un domani trasportare fino a 40
condo in downlink (200 Mbps implementare ma è anche l’u- gigabit al secondo.
con il profilo 35b). In questo caso nica che garantisce la massima La fibra di tipo Ftth è la tecnolo-
la tratta in rame è ancora lunga velocità e la massima affidabi- gia su cui puntare, senza dubbio.
(fino a 250 metri) e non è proprio lità. Non è soggetta a disturbi, Quella di più recente concezione
corretto parlare di “connessione interferenze elettromagnetiche è di tipo passivo, non ha bisogno
in fibra”. È meglio definirla come o degradazioni del segnale, ha di apparati alimentati lungo il

SCATTO MANTENIMENTO COSTO COSTO COSTO


ALLA RISPOSTA VELOCITÀ GIGABIT MODEM MENSILE MENSILE
FISSI / CELL. (PRIMO ANNO) (A REGIME)

18 cent / 18 cent non previsto 5 euro / mese 24,95 24,95


no non previsto 5 euro / mese 24,95 24,95
no non previsto gratis 24,95 29,95
no non previsto gratis 29,95 34,95
19 cent / 19 cent 5 euro/mese dopo il primo anno gratis 26,95 31,90
no 5 euro/mese dopo il primo anno gratis 29,90 34,90
no non previsto gratis 24,95 24,95
18 cent / 18 cent non previsto gratis 24,90 24,90
no non previsto gratis 24,90 24,90
18 cent / 18 cent non previsto gratis 19,90 ** 24,90
no non previsto gratis 24,90 ** 29,90

PC Professionale / Gennaio 2019 65

060-071_Art_Fibra_334.indd 65 27/12/18 18:02


TECNOLOGIA / FIBRA /

suo percorso ed è molto affida- lungo il percorso che parte dalla invece collocato presso l’utente
bile. Si identifica con il nome centrale e arriva a diverse cen- finale, spesso integrato diretta-
xPon (Passive Optical Network), tinaia, se non migliaia, di uten- mente nel router Wi-Fi.
che nella sua versione comune ti. Le ramificazioni si fermano In mezzo al percorso ci sono va-
prende il nome di GPon (Giga- in tre casi: con un Onu (Optical ri livelli di ramificazione (split).
bit Pon)ed è quella utilizzata da Network Unit), collocato in stra- Sono definiti Pfs e Pfs (Punti di
Open Fiber. Utilizza sottili cavi da (Fttc) oppure alla base del flessibilità primaria e seconda-
composti da filamenti di fibra condominio (Fttb) e dal quale ria). Il Pfs è il classico armadio
di vetro o polimeri plastici ed prosegue il tratto in rame ver- Open Fiber in strada, che può
è basata su un’architettura ad so l’utente; oppure con un Ont servire fino a 256 utenze e da
albero, con una serie di splitter (Optical Network Terminal), che è cui partono i cablaggi che fini-

FTTB
FIBER TO THE BUILDING
(FIBRA FINO AL PALAZZO) TERZO PIANO

SECONDO PIANO

PRIMO PIANO
ONU
OPTICAL
NETWORK PIANO TERRA
UNIT

CANTINA
CAVO IN FIBRA OTTICA

CAVO IN RAME

FTTH
FIBER TO THE HOME
(FIBRA FINO A CASA) TERZO PIANO

SECONDO PIANO

PRIMO PIANO
PTE
PUNTO
TERMINAZIONE PIANO TERRA
EDIFICIO

CANTINA
CAVO IN FIBRA OTTICA

CAVO IN FIBRA OTTICA

È importante sottolineare la differenza tra le tecnologie Fttb e Ftth. Nel caso della prima, la fibra arriva solo alla base dell’edificio.
Qui un gateway provvede a distribuire un doppino in rame alle singole unità abitative. Essendo il tratto in rame molto corto,
poche decine di metri, si possono comunque raggiungere velocità elevate, anche vicine al gigabit al secondo. È chiaro però che si
introduce un fattore di inaffidabilità (seppur minimo) e di sensibilità ai disturbi.

66 PC Professionale / Gennaio 2019

060-071_Art_Fibra_334.indd 66 27/12/18 18:02


/ FIBRA / TECNOLOGIA

I partner commerciali di Open Fiber sono


praticamente tutti i principali provider di telefonia
in Italia, escluso ovviamente Tim che si poggia sulla
propria rete in fibra. A questi si sono aggiunti una
serie di provider locali.

ranno direttamente nell’edifi- La fase progettuale entra nel


cio. Nel caso della Ftth, il Pte DALLA CENTRALE dettaglio e definisce le modalità
(Punto di Terminazione Edificio) è ALL’ABITAZIONE operative per i lavori, il posizio-
la scatoletta che viene collocata namento degli armadi in strada,
nelle cantine o nei pressi dei dimensionamento dei cablaggi e
contatori elettrici e si occupa di Il primo passo della realizzazio- così via. Viene approvato il pro-
indirizzare i cavi verso i singoli ne di un’infrastruttura in fibra getto (che diventa esecutivo) e
appartamenti. Il Pte è conosciu- ottica è la sottoscrizione di un vengono inoltrate tutte le auto-
to anche come Roe (Ripartitore accordo tra il Comune e l’ente rizzazioni. La fase di realizza-
Ottico di Edificio). Se l’abitazione che si occuperà della creazione, zione vede il compimento dei
è piccola può anche non esserci, gestione e manutenzione della lavori di scavo e posa da parte
e i singoli appartamenti sono rete. Vengono definiti modali- delle ditte appaltatrici. Si cerca di
cablati direttamente all’arma- tà e tempi dei lavori, standard utilizzare quanto più possibile la
dio. Oppure la connessione può tecnici, modalità di tecnica della mi-
avvenire via radio, tramite tec- scavo. Una volta sta- nitrincea ridot-
nologia Fwa (Fixed Wireless Ac- bilito l’accordo, per
La natura passiva ta, poco invasi-
cess). Indicata per le zone rura- avere la fibra a casa delle reti in fibra va, che consiste
li o comunque dove una linea propria sono previsti GPon garantisce in uno scavo a
interrata non è fattibile, si basa cinque passaggi fon- cielo aperto di
su un ripetitore wireless e su damentali: esplora-
un’affidabilità cinque centime-
una serie di antenne riceventi zione, progettazione, superiore tri di larghezza
collocate presso le singole abi- esecuzione dei lavori, realizzato con
tazioni. Non è molto utilizzata, attivazione del servi- una macchina
ma potrebbe esserlo nel corso zio, installazione finale. a disco di piccole dimensioni.
della realizzazione dei lavori La fase esplorativa è composta Dove non è possibile si ricorre
per il terzo bando Infratel, che dalla raccolta di tutte le informa- alla minitrincea standard (mas-
come ricordato riguarda Puglia, zioni sul campo, anche tramite simo 20 centimetri di larghezza).
Calabria e Sardegna. sopralluoghi, per valutare il nu- Gli scavi vengono riempiti in via
La tecnologia GPon è diversa da mero di edifici e di unità abitati- provvisoria: non preoccupatevi
quella delle reti in fibra di prima ve da cablare, il tipo (residenziale se notate un lavoro che a prima
generazione, definite Aon (Acti- o commerciale), le modalità di vista sembra mal fatto; il ripri-
ve Optical Network), per esempio posa (scavo o condotte esistenti, stino definitivo dell’asfalto o dei
implementate da Fastweb anni vie aeree, radio). Si prepara inol- marciapiedi avverrà in un se-
fa. Queste richiedevano appa- tre la documentazione, come gli condo momento. Dopo la posa
rati alimentati lungo il percorso avvisi di inizio lavori e le neces- dei cavi vengono sistemati gli
ed erano meno affidabili. sarie autorizzazioni. armadi e i punti di terminazione

PC Professionale / Gennaio 2019 67

060-071_Art_Fibra_334.indd 67 27/12/18 18:02


TECNOLOGIA / FIBRA /

La velocità raggiungibile in download con la tecnologia GPon (Gigabit Passive Optical


Network), su cui è basata la nuova infrastruttura in fibra ottica, viene limitata giusto
dalla qualità della scheda di rete Ethernet installata sul Pc. La velocità in upload
dipende da quella contrattuale, in questo caso è di 100 Mbps.

negli edifici. Per l’installazione esempio, il Pte può non esserci


di questi ultimi è necessario il e il cablaggio parte direttamente
nulla osta da parte dell’ammi- dal pozzetto in strada. L’ultimo
nistratore di condominio. Non tratto è delicato perché il tecnico
Un Pfs (Punto di flessibilità secondario)
sottovalutate questo passaggio, incaricato potrebbe avere diffi-
di Open Fiber. È solitamente un armadio
perché l’amministratore potreb- coltà a far passare i cavi o non
be chiedere una riunione condo- riuscirci affatto, specie in edi- collocato in strada che serve fino a
miniale per formalizzare il con- fici con molti anni sulle spalle. 256 utenze. È collegato al Pfp (Punto
senso ai lavori di installazione Se vivete in una piccola unità flessibilità primario), che rappresenta il
del ripartitore. Se ci sono degli abitativa e non in un condomi- primo livello di splitting dalla centrale.
inquilini ostruzionisti per prin- nio, potete essere proattivi in
cipio a qualsiasi novità, come a tal senso e cercare un percor-
volte accade, potrebbe essere so ottimale, se necessario con
un problema e vanno messi in l’aiuto di un elettricista. Potete
conto dei ritardi per superare chiedere al tecnico l’installazio-
l’ostacolo. ne della borchia in un punto a
Terminati i lavori parte l’offer- voi agevole, purché non troppo
ta commerciale; a questo punto distante dal punto di ingresso
l’utente può verificare l’effet- della fibra nell’appartamento;
tiva copertura (sui portali dei siate ragionevoli in questo. L’in-
vari provider o direttamente tervento del tecnico dura 2-3 ore
dall’ente realizzatore, nel no- e si conclude con l’installazione
stro caso Open Fiber) e decide- del router, del terminatore ottico
re di sottoscrivere un contratto. e del collaudo finale. La linea è
Dopodiché si entra nell’ultima subito attiva e potete lanciare il
fase: l’installazione vera e pro- vostro speed test preferito. Se
pria della borchia ottica in casa tutto va bene, in una ventina
e la stesura dell’ultimo tratto di giorni dal contratto avrete la
in fibra, dall’appartamento al fibra a casa.
Pte. Nel caso di piccole abita- Non è detto però che le cose va-
zioni mono o bifamiliari, per dano lisce e potreste trovarvi

Il pozzetto per i cavi in fibra posizionato su


luogo pubblico, nelle immediate vicinanze
dell’edificio interessato. Qui convogliano
i cavi provenienti dall’armadio Pfs (Punto
flessibilità secondario) e diretti verso il Pte
Nella tecnologia Pon (Passive Optical Network) utilizzata attualmente, il gigabit (Punto terminazione edificio), collocato
al secondo è solo il punto di partenza. Si tratta di una tecnologia estremamente nelle cantine o nei locali tecnici dell’edificio.
scalabile che consente di arrivare anche a 40 Gbps, mantenendo i cavi attuali. In Questo segmento di linea si chiama “tratta di
futuro sarà necessario solo sostituire i punti di transito come Olt e Onu. adduzione”.

68 PC Professionale / Gennaio 2019

060-071_Art_Fibra_334.indd 68 27/12/18 18:02


/ FIBRA / TECNOLOGIA

Il Pte (Punto terminazione di fronte a problemi anche seri,


edificio) è un wall box, una che magari risiedono al di fuo-
cassetta di derivazione, da cui ri del vostro edificio. Se avete
parte la “verticale”, vale a dire già una xDsl, è una buona idea
i cavi in fibra che raggiungono non disdirla subito alla firma del
i singoli appartamenti o uffici. contratto per la Ftth. Aspettate
Spesso si trova in prossimità di avere una linea in fibra fun-
dei contatori elettrici. Il tecnico zionante prima di farlo, tanto
incaricato dall’operatore dovrà il doppino in rame non viene
portare fisicamente un cavo toccato. Potreste dover aspet-
da qui alla borchia a muro tare settimane o mesi in caso
dell’utente. di problemi, e se avete disdetto
la vecchia linea restate senza
connessione. Non vogliamo
fare terrorismo, ma semplice-
Il viaggio del cavo in fibra mente mettere in evidenza un
fino all’appartamento può potenziale rischio. Abbiamo
essere tortuoso, per fortuna diretta esperienza di un con-
i cavi moderni riescono a tratto per una Ftth in un comu-
sopportare curve abbastanza ne dell’hinterland milanese,
che dal momento della firma a
strette. Il tecnico incaricato
quello dell’effettiva attivazione
cercherà di sfruttare le
ha visto passare dei mesi. Colpa
canaline esistenti, spazio
del mese di agosto di mezzo e
permettendo. Quando è
di una interruzione (fuori dall’e-
operativo, il cavo in fibra dificio) difficile da risolvere. In
ottica brilla di un intenso questo caso è entrato in ballo an-
colore fucsia.

MODEM LIBERO E FTTH, C’È UN PROBLEMA


Tim e Tiscali si sono dimostrati i più corretti in tal senso,
mettendo a disposizione tutte le informazioni necessarie.
Per quanto riguarda la fibra ottica Ftth, le cose si fanno
più complicate. Sono stati presentati dei ricorsi al Tar del
Lazio, da Tim innanzitutto, che ha inizialmente perso ma
che ha presentato una sospensiva. I provider chiedono una
”eccezione tecnica” all’attuazione della delibera Agcom
perché l’Ont (Optical Network Terminal) presente a casa
dell’utente ha un identificatore univoco che viene registrato
al momento del collaudo, e al momento attuale non si

L
può utilizzare un apparato differente. Nel caso di un Ont
a delibera 348/18/CONS dell’Agcom impone ai esterno la faccenda è più semplice, perché a esso si può
provider di fornire dei contratti per la banda larga e collegare qualsiasi router tramite porta Wan Ethernet. Più
ultralarga priva dell’obbligo di acquisto di un apparato complicato se l’Ont è direttamente integrato nel modem,
proprietario (modem). Obbliga altresì alla variazione dei che dunque diventa parte integrante dell’infrastruttura in
contratti già in essere eliminando gli oneri economici e tecnici fibra. La cosa migliore sarebbe un passaggio generalizzato
a carico di tali apparati (oppure permettendo un recesso dal a un Ont esterno, in qualche modo svincolato dall’obbligo
contratto senza penali). Tale delibera doveva entrare in vigore della registrazione di un Id univoco, che permetterebbe agli
il 31 ottobre 2018, ma è stata concessa una prima proroga utenti di scegliere quale router utilizzare, se quello gratuito
fino al primo dicembre e una seconda fino al primo gennaio compreso nell’offerta Ftth o uno di proprietà. Anche perché
2019. Per quanto riguarda i contratti per la xDsl, tecnicamente i router con Ont integrato sono pochi e difficili da reperire;
è abbastanza semplice, basta avere i parametri di connessione proseguire su tale strada non è una buona soluzione per gli
e quelli per il funzionamento del VoIP. Molti provider hanno utenti (lo è invece per gli operatori, che hanno un preciso
iniziato a rendere pubblici tali dati, e hanno poi attivato delle controllo da remoto degli apparati). La situazione è dunque
offerte con modem in comodato gratuito, dove l’utente può in divenire; visti i tempi ristretti non è esclusa un’ulteriore
scegliere se utilizzarlo o meno. proroga per l’attuazione della delibera.

PC Professionale / Gennaio 2019 69

060-071_Art_Fibra_334.indd 69 27/12/18 18:02


TECNOLOGIA / FIBRA /

Attenzione però: a volte la spe-


sa viene semplicemente sposta-
ta su altre voci, come il contri-
buto di attivazione o l’assurda
quota mensile di mantenimen-
to della piena velocità, che se
non pagata fa calare la velocità
al livello di una Fttc. A proposi-
to, valutate anche la velocità in
upload, che se fate ampio uso
Il percorso finisce in una borchia del cloud o se offrite dei servi-
a muro. Non è da incasso quindi il zi ha la sua importanza. Può
posizionamento è semplice. Da qui parte variare tra 100 e 300 megabit
una bretella che raggiunge il router Wi-Fi. al secondo, una differenza im-
Nel nostro caso Il connettore della bretella portante. Non trascurate infine
è di tipo SC/APC singolo; ricordatevelo i vari bonus: alcuni operatori
nel caso si dovesse rompere e volete offrono un abbonamento tem-
comprare un cavo di ricambio. poraneo a dei servizi di Tv o
musica in streaming, altri una
Sim card o un piano con con-
che un rimpallo di competenze che ha anche una joint ventu- nettività mobile 4G inclusa. Co-
tra il provider e Open Fiber, nel- re con Tim in FlashFiber, altra me sempre, fate attenzione alle
la figura della ditta appaltatrice società nata per il cablaggio promozioni che durano solo un
dei lavori. L’utente finale non in fibra ottica del territorio. Ai anno o due: ragionate sempre
ha contatti con Open Fiber, ma grandi nomi si aggiungono poi sul costo a regime, non su quel-
solo con il provider, che spes- numerosi operatori locali che lo in promozione. Controllate
so non ha visibilità sul tipo di operano di solito su base regio- anche il vincolo contrattuale,
problema tecnico, sullo stato di nale. Le offerte sono in genere che di solito è pari a due anni
avanzamento del ticket e su cosa un paio, con e senza telefonate ma può essere anche superiore.
è necessario per la risoluzione. incluse. Il servizio VoIP infatti Se si vuole disdire il contratto
è quasi sempre abbinato e la in anticipo, si è soggetti al pa-
SCEGLIERE differenza sta nella presenza gamento di penali molto salate.
LA SOLUZIONE o meno delle chiamate vocali Infine valutante anche i termini
MIGLIORE a pagamento (fissi e cellulari) o
dello scatto alla risposta. Negli
del diritto di recesso. Un ope-
ratore corretto fa iniziare i 14
ultimi mesi il prezzo medio dei giorni utili per il ripensamento
Gli operatori che propongono contratti è ulteriormente calato, dalla data di attivazione effetti-
un’offerta per la Ftth si divi- assestandosi intorno ai 25/30 va del servizio, non prima. Le
dono in due gruppi: da una euro al mese per quelli di base. offerte e le promozioni cambia-
parte c’è Tim con la sua rete Il modem è sempre più spes- no di continuo; in tabella ab-
proprietaria, dall’altra i part- so fornito in comodato d’uso biamo riportato i prezzi a metà
ner di Open Fiber come Tiscali, gratuito: sembra che l’odioso dicembre, controllate sempre
Fastweb, Vodafone, Wind, 3. balzello si stia avviando sulla sul portale dell’operatore se ci
Fastweb è un caso a sé, visto strada della sparizione. sono aggiornamenti. •

Un altro tipo di Ont è


questo, di tipo esterno, che
mette a disposizione una
Il cavo in fibra ottica si ferma definitivamente porta standard Ethernet
nell’Ont (Optical Netwok Terminal). In questo su connettore Rj-45. È
caso è un modulo Sfp (Small Form-factor una soluzione molto più
Pluggable) che funge da transceiver e si flessibile perché permette
inserisce all’interno del router Wi-Fi in un di collegare qualsiasi
apposito vano. router (problematiche VoIP
permettendo).

70 PC Professionale / Gennaio 2019

060-071_Art_Fibra_334.indd 70 27/12/18 18:02


/ FIBRA / TECNOLOGIA

IL ROUTER D-LINK DVA-5592 PER LA FIBRA

I
l D-Link DVA-5592 viene fornito da Wind ai propri clienti (Multiple Input, Multiple Output). Per la fibra Fttc supporta
che hanno sottoscritto un’offerta Fibra 1000. Si tratta di un il profilo 35b per una velocità massima di 200 Mbps. Se si
modem/router Wi-Fi molto versatile, dato che è compatibile collega una chiavetta 3G/4G compatibile a una delle porte Usb
con xDsl e Ftth. È uno dei pochi modelli con uno slot Sfp per si può impostare il fallback automatico se per qualche motivo
l’inserimento di un modulo Ont, per la terminazione della linea dovesse cadere la connessione Wan.
in fibra ottica. Il Dva-5592 appare come un parallelepipedo di Una volta domata l’interfaccia utente, si scopre un prodotto
colore bianco che può essere tenuto in verticale o in orizzontale molto potente e altamente configurabile. Sul fronte delle
(dopo aver tolto la base di appoggio); non può essere fissato prestazioni Wi-Fi rimane qualche dubbio, perché la portata
a muro. La dotazione è molto completa, sia lato hardware sia ci sembra inferiore rispetto alle attese. Si riesce a coprire
per le funzionalità. Sul retro troviamo due prese telefoniche tranquillamente un appartamento di 60 metri quadrati, ma
Rj-11 per il Voip, a cui può essere collegato un telefono oppure all’esterno (giardino) la connessione non arriva, al contrario del
l’impianto di casa mediante il cosiddetto “ribaltamento”. precedente router che è andato a sostituire. Qualche problema
Seguono quattro porte Gigabit Ethernet più una porta Wan lo abbiamo notato anche con la tecnologia di Band Steering,
separata, l’ingresso Rj-11 per la linea Adsl, lo slot Sfp, il tasto che fornisce ai client un’unica rete Wi-Fi e un’unica password,
di accensione e quello di reset, lo spinotto per l’alimentatore. senza distinzione tra 2,4 e 5 GHz (alla loro corretta gestione
Sul frontale ci sono due porte Usb 3.0 a cui collegare penserà il router). Osservando il log di sistema abbiamo
stampanti, chiavette Usb o hard disk esterni. notato vari errori, a carico di alcuni client che si connettevano
Una volta acceso, l’interfaccia appare anomala per gli standard e disconnettevano a raffica. La semplice disattivazione non
D-Link; in effetti il prodotto sembra invece un ADB Global ha eliminato il problema, risolto poi con un reset di fabbrica
VT5920 rimarchiato e con firmware personalizzato per Wind. Il e successiva disabilitazione della tecnologia Band Steering.
sistema operativo è molto potente e ampiamente configurabile, Ci sembra che sia ancora da lavorare sul firmware per una
anche via telnet/Ssh. Ci sono tantissime voci su cui intervenire, migliore stabilità sul fronte wireless; speriamo nelle prossime
non sempre organizzate in maniera intuitiva. A volte ci versioni. Quella provata risale ad agosto 2018 (numero di
si scontra con alcune scelte incomprensibili: per esempio, versione 20180823). Grazie all’agent TR-069 integrato, il
è possibile definire più pool di indirizzi per il server Dhcp firmware è aggiornabile da remoto direttamente da Wind;
(possibilità rara per un router consumer) ma non è possibile il menu relativo è nascosto e per vederlo è necessario
associare un Ip a un Mac Address fuori da questi pool. sbloccarlo insieme a varie altre voci, tramite una lunga serie
L’apparato radio è di tipo 802.11b/g/n/ac, dual radio a 2,4 e di comandi via telnet. Si possono anche scoprire i parametri
5 GHz, con larghezza di banda rispettivamente di 300 e 1.700 di configurazione del servizio VoIP ricorrendo a un software
Mbps. Dentro ci sono due antenne per la radio a 2,4 GHz e come adbtools2 (reperibile da https://github.com/digiampietro/
quattro per quella a 5 GHz, funzionanti in modalità Mimo adbtools2).

PC Professionale / Gennaio 2019 71

060-071_Art_Fibra_334.indd 71 27/12/18 18:02


● Di Roberto Cosentino

ROOTING
EFFETTUARE IL

DI UNO SMARTPHONE ANDROID


Tutti gli smartphone Android hanno delle possibilità nascoste,
accessibili solo una volta sbloccate. Ecco quali sono i procedimenti
da svolgere e quali sono i rischi a cui si va incontro.

72 PC Professionale / Gennaio 2019

072-087_Art_Android_334.indd 72 27/12/18 17:58


PC Professionale / Gennaio 2019 73

072-087_Art_Android_334.indd 73 27/12/18 17:58


IL ROOTING È UN PROCEDIMENTO DA COMPIERE SU DISPOSITIVI ANDROID AL
FINE DI OTTENERE PERMESSI E PRIVILEGI DI AMMINISTRATORE, SENZA I QUALI
NON SAREBBE POSSIBILE UNA PERSONALIZZAZIONE PIÙ AVANZATA DEL PRO-
PRIO DISPOSITIVO. È UNA PROCEDURA NON UFFICIALE ED È ALLA PORTATA SOLO
DEGLI UTENTI PIÙ SMANETTONI. LA PAROLA ROOTING DERIVA DA ROOT, RADICE,
CHE NEI SISTEMI UNIX-LIKE IDENTIFICA L’UTENTE AMMINISTRATORE. IN QUESTO
TUTORIAL ANDREMO A SCOPRIRE QUALI OPERAZIONI COMPIERE AFFINCHÉ IL
ROOTING DEL TELEFONO POSSA AVVENIRE IN SICUREZZA.

Prima di procedere nei pas- produttore a produttore; alcu-


si da compiere sarà necessa- ni brand e i dispositivi Pixel di
rio capire quali sono i motivi Google sono caratterizzati da
che possono indurre l’utente Android Stock, ovvero la ver-
a eseguire il procedimento e i sione pura del sistema operativo.
conseguenti possibili rischi che Altri produttori, come Samsung,
questo potrebbe causare. Dopo Xiaomi, Asus, Huawei e così
lo sblocco sono diverse le per- via, offrono sui propri disposi-
sonalizzazioni possibili, tra cui tivi un’interfaccia proprietaria
l’installazione di applicazioni che identifica lo smartphone per
Per le nostre prove
più tecniche e la modifica della grafica, widget e app proprieta- abbiamo utilizzato un
Rom di sistema. Una Rom non rie preinstallate. Spesso queste Motorola Moto Z3 Play,
ufficiale nient’altro è che una personalizzazioni contengono per il quale è disponibile
versione diversa di Android da software anche utili, ma può una custom recovery
quelle a cui siamo abituati sui succedere che alla lunga, specie ed è compatibile con il
dispositivi immessi sul mercato. su dispositivi dalle specifiche pacchetto Magisk per la
Versione che può variare da hardware modeste, tendano a procedura di rooting.

COSA OCCORRE PER IL ROOTING


E
cco una lista di operazioni preliminari da attuare prima di procedere alla vera e propria attività di rooting
del telefono. Sono passi basilari, per comprendere se esistono e se si possono reperire gli strumenti
necessari, e se il produttore permette lo sblocco del bootloader indispensabile per il successivo rooting.
■ Verificare che il produttore permetta ■ Scaricare Adb e Fastboot contenuti nell’ Android Sdk
lo sblocco del bootloader (Mfastboot 2.0 per i Motorola)
■ Effettuare un backup dei propri dati ■ Scaricare la recovery TWRP per il proprio dispositivo
■ Scaricare e installare i driver Usb ■ Scaricare SuperSu o Magisk per la procedura di rooting
del proprio dispositivo su Pc/Mac ■ Verificare che sul telefono vi sia un file manager, in caso contrario installarlo

Per non inserire Url lunghissimi abbiamo aggiunto nei vari step un Qr Code per ogni download, in modo da reperire più facilmen-
te i file necessari. Come ultimo passo, assicuratevi quindi di avere un’app per la scansione dei Qr Code. Ultime raccomandazioni,
dotatevi di un cavo Usb di qualità, certamente funzionante, e caricate la batteria del telefono almeno all’80%.

74 PC Professionale / Gennaio 2019

072-087_Art_Android_334.indd 74 27/12/18 17:58


/ ROOTING / COME FARE

ROOTING
PRO E CONTRO

C
ome ogni cosa, anche il rooting ha i
suoi lati positivi e i suoi lati oscuri.
Se da un lato conferirà all’utente i
privilegi di amministratore di cui prima non
disponeva, impedendo una gestione più
profonda del device, dall’altra i contro sono
diversi e nemmeno trascurabili. Innanzitutto
la quasi certezza di invalidare la garanzia
del dispositivo. Il centro asssitenza,
una volta rilevato il rooting, potrebbe
rifiutarsi di riparare il device in caso di
bisogno. Come se non bastasse, bisogna
anche fare attenzione alla sicurezza. Se
non si è sufficientemente attenti, app
Il forum di Xda Developers (https://forum.xda-developers.com) è il punto malevoli potrebbero prendersi privilegi che
di partenza per chiunque voglia modificare il proprio smartphone sarebbe bene non conferire. Infine, alcune
attraverso il rooting o l’installazione di una Rom alternativa. applicazioni chiave, a pagamento, o giochi
come Fortnite, potrebbero non funzionare
più. Il profilo del giocatore potrebbe
addirittura ricevere un ban. In alcuni casi
questo può succedere anche senza che il
root sia stato effettuato, ma semplicemente
attivando le opzioni sviluppatore di Android,
come vedremo più avanti.

■ PRO
- AGGIORNARE IL SISTEMA OPERATIVO
- INSTALLARE UNA ROM ALTERNATIVA
- OTTENERE I PERMESSI DI AMMINISTRATORE
- ACCESSO AD APPLICAZIONI PIÙ TECNICHE
- PERSONALIZZAZIONE

■ CONTRO
- PERDITA DELLA GARANZIA
- L’ASSISTENZA TECNICA POTREBBE
rallentare i terminali. Peraltro, Oppure si potrà installare una se- RIFIUTARE GLI INTERVENTI
molte delle personalizzazioni rie di applicazioni che altrimenti - MINORE SICUREZZA
proposte dai brand, erano o so- non sarebbe possibile. Come ad - ALCUNI GIOCHI POTREBBERO
no impossibili da disinstallare. esempio un’app per reperire la
NON FUNZIONARE
Ed ecco che entra in gioco il ro- password della rete Wi-Fi che
- GLI AGGIORNAMENTI UFFICIALI
oting. Con questo procedimento abbiamo dimenticato, oppure
sarà possibile installare una Rom un’altra per eseguire backup POTREBBERO ELIMINARE IL ROOTING
alternativa e avere pieno control- più precisi e articolati, o ancora - ANDROID PAY POTREBBE NON FUNZIONARE
lo sul dispositivo, che può essere gestire la carica della batteria. - NON RICEVERE PIÙ AGGIORNAMENTI VIA OTA
anche rigenerato con un sistema Tuttavia il rooting non è un pro-
operativo più leggero. Ad esem- cedimento da attuare con leg- Insomma, i contro potrebbero essere
pio potremo resuscitare quei di- gerezza. I pericoli ci sono e se maggiori rispetto ai pro. Tuttavia potrebbe
spositivi altrimenti funzionanti e non vengono effettuate le ope- valerne la pena sui dispositivi vecchi che
costretti a diventare fermacarte razioni con le dovute precau- altrimenti sarebbero inutilizzabili.
perché il produttore ha smesso zioni, si rischia di “brickare” lo
di aggiornarli. smartphone.

PC Professionale / Gennaio 2019 75

072-087_Art_Android_334.indd 75 27/12/18 17:58


COME FARE / ROOTING /

LE OPERAZIONI
PRELIMINARI
Preparate tutto il necessario, seguite alla lettera
i vari passi senza avere fretta, documentatevi
sui forum specializzati se avete dei dubbi.

P
Ciò vuol dire che nel corso rima ancora di procedere perché non sarà possibile (uffi-
dell’operazione di rooting, il al rooting vero e proprio, cialmente almeno) intervenire in
telefono (o qualsiasi disposi- sarà necessario svolgere profondità sul dispositivo, even-
tivo elettronico) ha subito un una piccola indagine sul proprio to senza il quale non può avveni-
errore di varia natura che lo smartphone. Il tutorial che an- re il rooting. Le principali azien-
ha reso inutilizzabile, e quindi dremo ad illustrare si articola su de tuttavia lo permettono, ma
diventa di utilità pari a quella due procedure, una universale e ogni azienda ha una procedura
di un mattone. un’altra pensata principalmente di sblocco diversa. Motorola, So-
Inoltre, se il dispositivo è anco- per dispositivi Motorola. ny, Xiaomi e HTC offrono un tool
ra in garanzia si rischia di in- Segnaliamo che i dispositivi sul proprio sito; il procedimento
validarla. Nella maggior parte Honor/Huawei hanno perso la è lungo e complesso e può richie-
dei casi, è possibile ripristinare possibilità di eseguire il rooting dere l’intervento del prompt dei
il dispositivo allo stato prece- gratuitamente da luglio 2018 per- comandi o del terminale. Quasi
dente, reinstallando la Rom ché il produttore non rende più in ogni caso inoltre invalida la
originaria (grazie ad un ba- possibile lo sblocco del device garanzia ed elimina tutti i dati
ckup effettuabile dalla custom (passaggio fondamentale e che sul telefono.
recovery durante la procedura ritroverete nella spiegazione) e
di rooting). Tuttavia in alcuni che non sarà possibile se non a
casi, anche se il sistema opera- pagamento attraverso l’interven- 2
tivo è stato ripristinato come to di terze persone. Pratica che
era in principio, l’assistenza ovviamente non consigliamo, EFFETTUARE
potrebbe rifiutare di ripararlo anche perché il costo richiesto UN BACKUP
perché in grado di rilevare la di 55 dollari appare esagerato,
modifica software avvenuta nonché fuori luogo.
attraverso il rooting. Esiste anche una procedura Una volta appurata la possibili-
L’ideale sarebbe quindi effet- esclusiva per i modelli Samsung, tà di sbloccare il telefono, si può
tuare il rooting su smartphone ma è più articolata e complessa, iniziare a tutti gli effetti la pro-
o tablet usati e con età superio- nonché di lunga durata.Si ba- cedura. Se sul dispositivo avete
re ai due anni, in modo da non sa sul software Odin e potrete dati, contatti, file e immagini che
invalidare la garanzia. Inoltre trovare delle informazioni in desiderate salvare, è obbligatorio
non è consigliabile farlo su un box separato. Ecco dunque effettuare un backup in modo da
dispositivi con funzionalità le operazioni da svolgere prima poter ripristinare i contenuti, nel
esclusive, come ad esempio di iniziare il rooting. momento in cui uno dei procedi-
gli smartphone della serie No- menti da eseguire dovesse reset-
te di Samsung che prevedono tare la memoria del dispositivo.
un pennino, il cui utilizzo è 1 Con Google Drive è possibile ef-
ideale con il software proposto fettuare il backup di buona parte
dalla casa coreana; o ancora SBLOCCO dei dati salvati sul dispositivo. Per
con smartphone pensati per DEL BOOTLOADER verificare che si attivo il backup,
il gaming come il Rog Phone, basta cercare la relativa voce nelle
che lascia decidere all’utente Impostazioni.
quando sfruttare al massimo Prima di procedere in qualsiasi Su Android stock è in Impostazio-
le prestazioni o risparmiare le step successivo, è bene verificare ni / Sistema / Backup, mentre sui
energie per un uso canonico. che il brand che ha progettato il prodotti Xiaomi è accessibile dalla
Una volta scoperto se il pro- dispositivo in uso, permetta la voce “Account Google”.
prio dispositivo possiede i possibilità di sbloccare il bootlo- Sui Samsung invece è in Imposta-
requisiti per la procedura di ader. Se questo non è possibile, zioni / Cloud e Account / Backup e
rooting, si può inziare con le risparmiate i passi successivi, Ripristino / Account Google.
operazioni preliminari.

76 PC Professionale / Gennaio 2019

072-087_Art_Android_334.indd 76 27/12/18 17:58


/ ROOTING / COME FARE

Sul sito di
Samsung (a destra)
la ricerca dei driver
è confusionaria e
dispersiva. Inoltre
sarà necessario
scoprire la sigla
della versione
del dispositivo in
proprio possesso.

Se il backup è attivo, la maggior


parte dei dati verrà salvata su
Google Drive. Se il servizio è
appena stato attivato, verificate le
date delle ultime sincronizzazioni.

Scansionando
3 modelli di un dato produttore,
altre invece, bisognerà cercare
pio in ambiente Windows
si potrà salvare tutto in C:\
questo Qr Code
potrete accedere
SCARICARE appositamente i driver per il adb. Nel caso in cui il vostro
direttamente alla
I DRIVER USB proprio smarpthone. smartphone fosse un Moto-
rola, sarà necessario scaricare pagina per scaricare
DEL DISPOSITIVO 4 il pacchetto Mfastboot 2.0, che il pacchetto Android
contiene i comandi specifici SDK Platform Tools
A questo punto sarà necessario SCARICARE ADB E per Motorola altrimenti non per procedere al
rooting.
scaricare i driver Usb del dispo-
sitivo di cui si vuole effettuare il
FASTBOOT SUL PC funzionanti con il tool conte-
nuto nell’SDK ufficiale.
rooting. Solitamente un sistema
operativo come Windows 10
cerca automaticamente i driver
Scansionando il Qr Code qui a
lato, potrete andare alla pagina
5
adatti al dispositivo collegato diretta che vi consentirà di scari- SCARICARE
via Usb, ma per questo proce-
dimento è meglio andare alla
care dal sito Web Android Deve-
lopers il pacchetto SDK Platform
SUPERSU
ricerca di quelli specifici. Alle Tools, archiviato in un file zip che
volte è possibile trovare software andrà decompresso in una car- Scansionando il Qr Code fornito
ufficiale e universale per tutti i tella facile da reperire. Ad esem- di seguito, sarà possibile scari-
care l’applicazione in grado di
gestire i permessi richiesti dalle
app che richiedono il root. Sce-
gliere il file compresso in formato
zip, e non apk, di tipo Flashable,
più recente. Salvate il file zip nel-
la memoria dello smartphone,

PC Professionale / Gennaio 2019 77

072-087_Art_Android_334.indd 77 27/12/18 17:58


COME FARE / ROOTING /

senza decomprimerlo. Si tratta


di uno strumento importante
perché assisterà l’utente che do-
PROCEDURA
vrà valutare quali applicazioni
potranno godere dei privilegi
di amministratore. Senza una
GENERICA PER
valutazione attenta, si rischia di
lasciare i propri dati alla mercé
di app non affidabili.
IL ROOTING
Si basa su TWRP e SuperSu,
6 è adatta a molti modelli ma
SCARICARE LA leggete bene le note di rilascio.

Q
RECOVERY TWRP uella mostrata di seguito
è la procedura universa-
La TWRP (Team Win Recover le, sebbene non sia com-
Project, ovvero il gruppo che la patibile con smartphone Motoro-
sviluppa) è una recovery alterna- la, Xiaomi e Samsung (come già
tiva a quella di fabbrica che con- detto, Huawei e Honor possono
sente inoltre di scaricare le Rom essere rootati solo a pagamento).
non firmate (e cioè aggiornamen- Se si sono portate a termine le
Scansionando questo Qr Code sarà ti per il sistema operativo) e com- operazioni preliminari, si potrà
possibile scaricare il pacchetto SuperSu pletare l’operazione di rooting. procedere al rooting.
in formato Zip. Prima di installarlo, Ogni modello di smartphone ha
aspettare di procedere col tutorial. Sarà la propria versione di TWRP. Sa-
necessario aver portato a termine altre rà necessario quindi andare sul INSTALLARE
procedure prima di utilizzarlo. sito https://twrp.me/devices e sce- I DRIVER E
gliere il proprio modello selezio-
nando il rispettivo brand.
COLLEGARE
IL DISPOSITIVO
7 Una volta individuati i driver
INSTALLARE Usb del proprio dispositivo,
UN FILE MANAGER scaricateli e installateli sul Pc,
quindi riavviate. Dopodiché, si
potranno decomprimere in una
Ultimo passaggio, verificare la cartella a piacere (per esempio
presenza di un file manager tra le C:\adb) i file del pacchetto An-
proprie app; da qui sarà possibile droid SDK Platform Tools.
spostarsi tra le varie cartelle del Se non è stato fatto mai in pre-
dispositivo e lanciare le applica- cedenza, si potrà ora procedere
zioni o i tool da installare, pre- all’attivazione delle Opzioni Svi-
cedentemente scaricati. In caso luppatore sul proprio smartpho-
il dispositivo non avesse un file ne. Questo menu apparirà dopo
manager è sufficiente cercarne aver premuto dalle cinque alle
uno gratuito sul Play Store. Uno sette volte la voce Numero Bu-
efficace è Astro File Manager. ild, solitamente individuabile nel
menu Impostazioni, nel sottome-
8 nu Sistema. Dalle Opzioni Svi-
luppatore bisognerà attivare le
SI COMINCIA voci Oem Unlock e Debug Usb.
Dopodiché si potrà sbloccare il
bootloader. Il nostro consiglio è
Una volta completati i passi verificare sul forum Xda-Develo-
Con la scansione di questo Qr Code si precedenti, si potrà procedere pers che il dispositivo in posses-
potrà visitare la pagina del sito Web di ai passaggi successivi. Come det- so non abbia bisogno di qualche
TWRP che elencherà la lista dei brand to inizialmente, illustreremo la procedura particolare, come per
e dei rispettivi smartphone supportati procedura universale, poi quel- Motorola o Samsung. Fate una
per la procedura di rooting. la necessaria per chi possiede semplice ricerca col nome del vo-
smartphone Motorola. stro modello come parola chiave.

78 PC Professionale / Gennaio 2019

072-087_Art_Android_334.indd 78 27/12/18 17:59


/ ROOTING / COME FARE

AVVIO IN MODALITÀ
BOOTLOADER
Dopo aver scaricato e decom-
presso dal sito Web di TWRP
l’immagine compatibile con il
dispositivo in possesso, essa po-
trà essere incollata nella cartel-
la C:\adb che abbiamo prima
creato, magari rinominandola
prima con un nome più facile
o. da ricordare. Dopodiché andrà
incollato file Zip contenente Su-
perSu nella memoria interna del
telefono; sarà necessario assicu-
rarsi di aver scelto il file zip di
tipo Flashable più recente.
Ora è arrivato il momento di
collegare il dispositivo al com-
puter via Usb, assicurandoci di
selezionare la Modalità scam-
bio dati o Trasferimento media.
Dopodiché si potrà avviare un
prompt dei comandi in modali-
tà amministratore, posizionarsi
Una volta attivate le opzioni Nella schermata iniziale di TWRP si
nella cartella C:\adb e digitare
sviluppatore, la rispettiva voce potrà fare tap sulla voce “Keep Read
il comando:
dovrebbe apparire nella voce Only”. In questo modo si potranno adb reboot bootloader
“Sistema”, in Impostazioni. Da qui ancora ricevere aggiornamenti via
bisognerà attivare le voci Debug Ota, qualora ce ne fossero ancora INSTALLARE
Usb e Sblocco Oem. per il dispositivo in oggetto.
LA TWRP
Una volta avviato il telefono in
modalità bootloader, sarà neces-
sario installare la TWRP dando
il comando:
fastboot flash recovery twrp.imp

dove per “twrp.img” intendia-


mo il file immagine scaricato dal
sito di TWRP. Come già detto,
per comodità è bene inserire il
file nella cartella adb dopo averlo
rinominato in twrp.img. Dopodi-
ché, fare tap sulla voce del menù
“Reboot to Recovery”. Da qui do-
vremo dare conferma di rimanere
in modalità “Keep Read Only”, in
modo da poter ricevere ancora
aggiornamenti via Ota.

INSTALLARE
Da qui sarà possibile selezionare
SUPERSU
La pagina https://twrp.me/devices
contiene un elenco di immagini le voci del menù della TWRP, tra
specifiche per ogni modello. cui “Install” utile ad installare Avviata la TWRP, bisognerà in-
Scaricate quella adatta e leggete i tool scaricati, effettuare un stallare il pacchetto SuperSu,
backup o procedere al riavvio. cliccando sul il tasto “Install” e
bene le note di rilascio.

PC Professionale / Gennaio 2019 79

072-087_Art_Android_334.indd 79 27/12/18 17:59


COME FARE / ROOTING /

UN CASO PRATICO:
LO SMARTPHONE
MOTOROLA
Non sempre la procedura generica è
attuabile. Sui Motorola si può usare il
tool Magisk, alternativo a SuperSu.

A
lcuni dispositivi Moto- il rooting, ma è anche vero che
rola necessitano alcuni questo processo, andrebbe fatto
passaggi in più per por- su device datati e che di aggior-
tare a termine il rooting. A dif- namenti (probabilmente) non ne
ferenza del precedente tutorial riceveranno più.
Se un’app richiede i permessi di generico, in aiuto arriva un tool
root, in questo caso Titanium chiamato Magisk, alternativo a INSTALLARE
Backup, si sarà comunque avvertiti. SuperSu, che permetterà di ese- I DRIVER USB
Questo pone al riparo, in qualche guire il rooting del telefono, sen-
za che questo perda la possibilità
DEL DISPOSITIVO
misura, da app malevoli.
di ricevere aggiornamenti via
Ota (ovvero Over The Air, senza Una volta effettuato un backup
collegare il dispositivo al Pc) o dei propri dati, possiamo instal-
cercando il file Zip che abbiamo rendere inutilizzabile Android lare i driver specifici del nostro
precedentemente incollato nella Pay. Questo perché il tool non smartphone Motorola sul Mac o
memoria interna del dispositivo. va a modificare la partizione du- Pc che utilizzeremo per lanciare
Una volta completata l’installa- rante il processo. Qualora que- i comandi dal terminale o dal
zione, sarà necessario premere sta venisse modificata, alcune prompt dei comandi. Per sca-
su “Wipe cache/dalvik” per ri- app di Google come SafetyNet, ricare i driver Usb, sarà neces-
pulire il sistema. potrebbero rilevarlo e rendere sario visitare il sito ufficiale di
Se dovesse apparire la schermata inutilizzabili app e altri processi. Motorola, posizionarsi sul menu
che richiede di installare un tool Di contro però, c’è la possibilità “Assistenza” e cliccare su “Dri-
di gestione della TWRP, si potrà che gli aggiornamenti invalidino ver Usb”.
rifiutare. Effettuare quindi un
riavvio. Se tutti i passaggi prece-
denti sono corretti, il dispositivo
ora è rootato.

CONTROLLO FINALE

Per verificare che tutto sia avve-


nuto correttamente, possiamo
scaricare dal Play Store l’app
Root Checker o Titanium Ba-
ckup. La prima analizzerà il di-
spositivo e confermerà o meno
l’avvenuto rooting, la seconda
installerà una nota applicazio-
ne per effettuare backup molto
più completi rispetto al consueto.
Se Titanium Backup si installa
senza problemi, vuol dire che
il root è stato portato a termine Dal sito Web ufficiale www.motorola.it, sezione Assistenza, si potranno scaricare i
correttamente.
driver Usb da installare per poter proseguire senza intoppi nell’attività di rooting.

80 PC Professionale / Gennaio 2019

072-087_Art_Android_334.indd 80 27/12/18 17:59


/ ROOTING / COME FARE

ATTIVARE
LE OPZIONI
SVILUPPATORE
Uno dei passaggi fondamentali
affinché il root sia attuabile, è
l’attivazione delle Opzioni Svi-
luppatore di Android. Non per
tutti i device è uguale il proce-
dimento, ma universalmente
sarà necessario premere per 5/7
volte consecutive in “Imposta-
zioni” sotto alla voce “Numero
Build”.
Una volta ricevuta la confer-
ma, apparirà la voce “Opzioni
Sviluppo”, in cui bisognerà at-
tivare l’opzione Debug Usb e
Effettuando una ricerca sul forum Xda Developers, sarà possibile reperire il pacchetto Sblocco Oem.
Mfastboot 2.0, contenente i comandi necessari per il rooting sui prodotti Motorola.
SBLOCCARE
IL BOOTLOADER,
SCARICARE PASSO PER PASSO
MFASTBOOT 2.0
Da questo momento tutto quel-
Se per la procedura universale lo che verrà eseguito potrà in-
abbiamo utilizzato gli SDK Plat- validare la garanzia e
form Tools scaricati da Android cancellare i dati pre-
Developer, in questo caso sarà senti sul telefono. Se
necessario scaricare anche il pac- si è decisi a procede-
chetto Mfastboot 2.0. Sul forum re, nel caso di Motoro- la
https://forum.xda-developers. per sbloccare il bootloa-
com, effettuando una ricerca che der bisognerà collegarsi
utilizzi come frase chiave il mo- sul sito ufficiale, scan-
dello del proprio modello, sarà sionando il Qr code da Scansionando questo
possibile consultare pagine con noi proposto. Qr Code potrete
link che puntano al software Dopodiché bisognerà collegarvi alla pagina
da scaricare, che comprenderà compiere un lungo pro- di Motorola per
Mfastboot 2.0. Dopodiché sarà cesso; si inizia dalla regi- iniziare il processo
possibile decomprimere i file e strazione, che richiederà di sblocco del
posizionarli in percorsi facilmente le solite conferme dell’in- bootloader.
reperibili, come in C:\adb. dirizzo email.

Ogni produttore ha un modo diverso


di illustrare il Numero Build, ma il
processo per attivare le Opzioni di
Sviluppo è uguale per tutti: basterà
premere per cinque o sette volte Qui inizia il processo di sblocco del bootloader. La pagina di Motorola vi dirà quali
velocemente sopra la voce in basso. sono i rischi ancora prima di procedere alla registrazione del dispositivo.

PC Professionale / Gennaio 2019 81

072-087_Art_Android_334.indd 81 27/12/18 17:59


COME FARE / ROOTING /

1 Ancora prima di procedere


alla registrazione, Motoro-
la si assicurerà di farvi leggere
tutti i rischi che lo sblocco del
bootloader potrebbe comportare.
Una volta accettati i medesimi,
sarà necessario registrarsi sul
sito, tramite credenziali o tramite
il proprio Google Account.

2 Una volta registrati, verrà


richiesto di scaricare gli
Android SDK Platform Tools uf-
ficiali, cosa che abbiamo già con-
sigliato di fare nel passo 4 delle
operazioni preliminari. Il nostro
consiglio è scaricarli scansionan-
In questo passaggio verrà spiegato come procedere per lo sblocco del bootloader. do il Qr Code fornito in prece-
Saranno forniti i codici da inserire nel terminale e che abbiamo mostrato di seguito. denza, perché il link di Motorola
porta ad un’altra app. Dopodiché
vi verrà chiesto di scaricare an-
che i driver Usb di Motorola, che
sono universali e validi per ogni
modello di smartphone.

Ora dovete spegnere il telefono


e avviarlo in modalità fastboot.
Per fare ciò, sarà necessario, da
spento, premere contemporane-
amente il tasto di accensione e
il tasto “Volume giù”. Collegare
inoltre il dispositivo al Pc e lan-
ciare il prompt dei comandi come
amministratore, o il terminale se
lavorate su Mac. Dal prompt dei
comandi, posizionatevi nella car-
tella contente l’SDK Platform To-
ols (C:\adb nel nostro esempio).
Ora si potrà digitare il comando
fastboot oem get_unlock_data

Una volta inserite le chiavi nella stringa sulla pagina Web si potrà richiedere il codice Si riceveranno quattro righe di
via email, che andrà poi inserito nuovamente nella finestra del terminale. codici alfanumerici che dovremo
copiare e incollare, ignorando il
prefisso “Info”. Ciò vuol dire che,
se ad esempio il codice fosse “IN-
FO3A15480419209899#” la parte
che interessa allo sblocco è dal 3
in poi. Tutti i codici andranno co-
piati e incollati nella pagina Web
di Motorola in cui sono spiegati
i passaggi precedenti. Una volta
incollati si potrà scendere nella
pagina, accettare i termini di uti-
lizzo e richiedere un codice che
verrà inoltrato per email.

3 Siamo ora nella pagina per


il terzo e ultimo step. Do-
Finito il processo di unlock, i dati verranno cancellati e il telefono riavviato. Se vrebbe essere arrivata alla email
compare una schermata simile alla parte sinistra, il processo è andato a buon fine. di registrazione un codice per lo

82 PC Professionale / Gennaio 2019

072-087_Art_Android_334.indd 82 27/12/18 17:59


/ ROOTING / COME FARE

Scansionando questo
Qr Code potrete
collegarvi alla pagina
di Xda Developers
per scaricare Magisk.

Ogni dispositivo Motorola ha un nome in codice. Da qui si potranno scaricare i due strumenti specifici che si
Il Moto Z3 Play su cui abbiamo effettuato i test occuperanno del rooting. Sono consigliati per Motorola, ma
dispone del codice “Beckham”, come il calciatore. sono compatibili anche con altri modelli di smartphone.

sblocco del telefono. Si dovrà SCARICARE TWRP ger in formato apk. Consigliamo
copiare quel codice e tornare nel di utilizzare solo i link da noi
prompt dei comandi, in cui bi- forniti, onde evitare di imbattersi
sognerà digitare il comando: Scaricare il file immagine del- in siti inaffidabili.
fastboot oem unlock UNIQUE_KEY la Rom TWRP specifica per il Scansionando il Qr Code sotto,
dove il valore “UNIQUE_KEY” proprio modello Motorola, come sarà possibile collegarsi alla pa-
andrà sostituito con il codice ri- indicato nella sezione dei pas- gina del forum di Xda Develo-
cevuto sulla casella di posta. In- si preliminari, e copiatela nella pers, dove si potranno reperire
viato il comando, il prompt dei stessa cartella contenente i file l’apk di Magisk Manager e il pac-
comandi ci chiederà di inviarlo SDK Platform Tools. Rinomina- chetto Magisk (in versione Sta-
nuovamente per confermare, e ci te il file immagine in twrp.img. ble) sotto la voce “Downloads”.
avvertirà che una volta fatto que- Questi file si occuperanno del
sto, i dati del telefono verranno SCARICARE MAGISK root vero e proprio del disposi-
cancellati. Con quest’ultimo pas- tivo, senza che vadano a toccare
saggio il telefono sarà riavviato e la partizione dello stesso. Così
dovrebbe mostrare la schermata Ora bisogna scaricare due nuovi facendo, si potrà scongiurare il
riportata nella parte sinistra dello file, tra cui il pacchetto Magisk e pericolo di rendere inutilizza-
screenshot a pagina precedente. l’app di gestione Magisk Mana- bile Android Pay e si potranno

MAGISK MANAGER, UN AMICO FIDATO


I
l pacchetto Magisk non solo ci darà una grossa mano nel procedimento
di rooting del telefono senza intaccare le partizioni e per eludere
la SafetyNet, ma anche dopo il rooting. Infatti Magisk Manager
permetterà di avere pieno controllo del device; potremo per esempio
limitare i privilegi di root, inoltre nella voce Download sarà possibile
scaricare altre funzioni che verranno implementate, come Native Call
Recording che permetterà di salvare automaticamente tutte le telefonate,
oppure un’altra funzione che nasconde il notch. Alcune delle opzioni
Magisk Manager si rivela un tool molto utile non solo sono però attivabili solo su Rom alternative come Lineage o Oxygen o su
in fase di rooting, ma anche a processo completato. dispositivi specifici. Tra le opzioni più interessanti e poco politicamente
Diverse le utility scaricabili, alcune però compatibili corrette, la possibilità di riprogrammare la funzione di un tasto di un noto
solo con Rom e modelli di specifici. brand altrimenti bloccato su una funzione solitamente poco usata.

PC Professionale / Gennaio 2019 83

072-087_Art_Android_334.indd 83 27/12/18 17:59


COME FARE / ROOTING /

ricevere ancora gli aggiornamenti


via Ota. I due file andranno co-
piati nella memoria interna del
telefono.

AVVIARE TWRP

Con lo smartphone collegato via


Usb al Pc, bisognerà entrare in
modalità bootloader. Si può fare
scrivendo da terminale il seguente
comando, dopo essere entrati nella
cartella C:\adb:
adb reboot bootloader

oppure premendo contempora-


neamente da telefono spento la
combinazione “Volume Giù” più
il tasto power.
Ora nel terminale andremo ad in-
serire il comando
mfastboot boot twrp.img

dove “twrp.img” è l’immagine


della custom recovery TWRP che
Se tutto procede correttamente, la Dalla home page selezionare la voce abbiamo consigliato di rinominare
schermata del primo avvio della TWRP “Install”, che porterà alla schermata poco prima. Sul telefono apparirà
sarà questa. Comincia il vero e proprio successiva in cui andremo a cercare il la schermata di TWRP e per anda-
processo di rooting del dispositivo. file zip copiato nel telefono. re allo step successivo, dovremo

Da queste schermate si può effettuare il procedimento che porterà all’installazione del pacchetto Magisk. Una volta
confermato, dovremo fare tap su “Wipe cache/dalvik” e quindi su “Reboot System”

84 PC Professionale / Gennaio 2019

072-087_Art_Android_334.indd 84 27/12/18 17:59


/ ROOTING / COME FARE

L’installazione dell’app di gestione Magisk Manager, in formato apk. Quando lo Utilizzeremo app come Titanium Backup per
chiede, selezionare la modalità “Installazione diretta (raccomandata)”. verificare che il root sia avvenuto correttamente.

effettuare lo swipe per confer-


mare che la partizione non sarà
modificata, (occhio che che un
aggiornamento ufficiale potreb-
be eliminare il rooting). Confer-
mato il disclaimer, sarà possibile
accedere al menù principale, dal
quale andremo a selezionare la
voce “Install”.

Ora vedremo la memoria interna


del telefono. Bisognerà indivi-
duare il pacchetto zip di Magisk
che abbiamo copiato in prece-
denza. Selezionando il file, ver-
rà chiesta conferma dell’instal-
lazione dello stesso, attraverso
uno swipe. Dopodiché, quando
il processo è terminato, faremo
tap su “Wipe cache/dalvik” per
ripulire lo smartphone. Se verrà
richiesto di installare l’app di ge-
stione di TWRP, dovremo rifiu-
tare. Effettuare infine un riavvio
dall’apposita voce del menu.

OPERAZIONI FINALI
Se il rooting ha avuto esito negativo, Qualora invece fossimo riusciti nel rooting
Ora lo smartphone si avvierà e l’app non sarà in grado di installarsi e del telefono, Titanium Backup mostrerà la
sarà necessario installare l’apk
mostrerà un messaggio di errore. conferma di aver avuto l’accesso root.

PC Professionale / Gennaio 2019 85

072-087_Art_Android_334.indd 85 27/12/18 17:59


COME FARE / ROOTING /

LE MIGLIORI
APP PER
LA MODALITÀ ROOT
Dopo una lunga serie di passaggi, se tutto è
di Magisk Manager, che abbia-
mo precedentemente copiato
andato bene, potremo installare diverse app dalle
nella memoria interna del tele- funzionalità inedite e interessanti.

A
fono. Aprendo un file manager
andremo a cercare l’apk per in- bbiamo trovato una avvenuto correttamente basta
stallarlo. Cliccando su “Install”, serie di applicazioni installare un’app qualsiasi che
verrà chiesto quali impostazioni utili che richiedono i richieda i privilegi root.
scegliere e bisognerà mantenere permessi di root, quindi fun-
quelle di default. Verrà chiesto zionanti solo su dispositivi con NOTIFICATIONSOFF
inoltre quale modalità utilizzare, rooting portato a termine. Sono
mantenere quella raccomandata. tranquillamente reperibili sul
Seguendo tutti i passaggi illu- Play Store. Tra le più utili applicazioni di-
strati, il rooting del dispositivo sponibili per device con rooting
è completato. ROOT CHECKER c’è NotificationsOff. Una vol-
Anche in questo caso per verifi- ta concesso all’app i privilegi
care che il root abbia avuto buon di root richiesti, sarà possibile
esito, si potrà scaricare un’app di L’abbiamo citata all’inizio della consultare una lunga lista di
prova, come ad esempio il già nostra guida. Si occupa di ve- applicazioni preinstallate che
citato Titanium Backup e instal- rificare che il rooting sia stato sono solite inviare notifiche.
larlo. Se l’installazione avverrà portato a termine con successo. Deselezionando l’app scelta e
senza problemi, significa che L’installazione a dire la verità salvando l’opzione, non si rice-
siamo riusciti a completare l’o- non è indispensabile, perché veranno più notifiche moleste o
perazione di rooting. per verificare che il rooting sia indesiderate.

IL ROOTING PER GLI


SMARTPHONE SAMSUNG
M
olto simile alle precedenti, ma con step intermedi più complessi,
ecco di seguito una breve introduzione alla procedura da seguire
per effettuare il rooting su dispositivi Samsung. Per farlo, sarà
indispensabile installare il tool ufficiale Samsung “Odin” (compatibile solo per
Windows) sviluppato dall’azienda esclusivamente per i centri di assistenza,
ma che è riuscita a trapelare sui vari forum di modding. Utilizzarlo è sicuro,
ma potrebbe comunque invalidare la garanzia del dispositivo. Come per le
procedure precedenti, sarà necessario munirsi dei driver, attivare le opzioni
sviluppatore e scaricare la recovery TWRP del proprio modello. Serviranno
anche in questo caso i tool Magisk e altri tool di servizio. Tutto il materiale
è facilmente reperibile sul forum di Xda Developers, a cui rimandiamo per i
dettagli della procedura.
Per una guida completa, che va bene sia per i nuovi Samsung sia
Nel caso in cui si voglia effettuare il rooting su un dispositivo Samsung, per i dispositivi più datati, consigliamo la procedura descritta
i tool da scaricare sono diversi. Tra questi, Odin, un software per sulla pagina web: https://highonandroid.com/android-root-101/
Windows realizzato da Samsung per i centri di assistenza. how-to-install-twrp-root-w-magisk-on-samsung-android-universal-method

86 PC Professionale / Gennaio 2019

072-087_Art_Android_334.indd 86 27/12/18 17:59


/ ROOTING / COME FARE

BATTERY Un tool abbastanza utile, da


CHARGE LIMIT utilizzare con buon senso.

RIAVVIO RAPIDO
I lettori più attenti ricorde-
ranno la guida che abbiamo
pubblicato su PC Professio- Una semplice app che con-
nale di aprile 2018, in cui ab- sentirà di effettuare diversi
biamo fornito alcuni consigli tipi di riavvio senza dover
su come aumentare la vita ricorrere ad alcuna combina-
delle batterie di smartpho- zione o trucco. Da qui si può
ne e tablet. Uno dei consigli entrare direttamente anche
era quello di non far scari- in modalità bootloader.
care mai completamente la Utilissima per tutti quei
ROOT CHECKER NOTIFICATIONSOFF batteria, ma nemmeno ca- dispositivi datati che ma-
ricarla sempre al massimo. gari consentono solo lo
Con Battery Charge Limit spegnimento e non il ri-
sarà possibile impostare un avvio, o magari con i tasti
limite massimo oltre il quale malfunzionanti.
il dispositivo non sarà più
ricaricato. L SPEED
WIFI PASSWORD
VIEWER Forse l’app più complessa
tra quelle elencate. Il dispo-
sitivo è completamente nel-
Sebbene il nome possa lasciar le mani del possessore, che
andare a facili entusiasmi, potrà decidere di potenziare
quest’app non vi consegne- la Cpu, ottimizzare la batte-
rà le password delle reti Wi- ria, impostare lo schermo in
Fi dei propri vicini di casa, bianco e nero e migliorare le
ma semplicemente vi farà animazioni.
visualizzare quelle che ave- In questo caso consigliamo
te già registrato sul vostro l’utilizzo solo agli utenti più
smartphone ma di cui vi siete esperti che sanno dove met-
dimenticati. tere le mani. Da usare in ogni
BATTERY CHARGE LIMIT WIFI PASSWORD VIEWER caso con molta attenzione.

TITANIUM
BACKUP
L’abbiamo citata diverse vol-
te nel corso di questo tuto-
rial e non poteva non essere
menzionata tra le migliori
app. Titanium Backup crea
dei backup complessi, tra
cui non vengono risparmiate
nemmeno le app installate,
comprese alcune di sistema.
Sempre da Titanium sarà an-
che possibile “congelare” o
disinstallare qualsiasi appli-
cazione, nonché spostarle
sulla memoria esterna micro
Sd. Assolutamente da non
RIAVVIO RAPIDO L SPEED TITANIUM BACKUP perdere.  •

PC Professionale / Gennaio 2019 87

072-087_Art_Android_334.indd 87 27/12/18 17:59


SOCIAL
● Di Federico Vergari

CUSTOMER
SERVICE
COME CAMBIA IL SERVIZIO CLIENTI
Da Twitter a Facebook, passando per WhatsApp e l’utilizzo
degli hashtag per condividere problemi ed esperienze. Il servizio
clienti sta cambiando e sta diventando sempre più social.

88 PC Professionale / Gennaio 2019

000_Art_SocialCustomer_334_9p.indd 88 28/12/18 10:38


PC Professionale / Gennaio 2019 89

000_Art_SocialCustomer_334_9p.indd 89 28/12/18 10:38


INCHIESTA / SOCIAL CUSTOMER SERVICE /

LA NUOVA FRONTIERA DELL’ASSISTENZA CLIENTI? È NEI SOCIAL NET-


WORK E NELLE CHAT. I NUMERI VERDI E LE LUNGHE ATTESE AL TELEFONO
SEMBRANO AVVIARSI VERSO UNA LENTA (MA INESORABILE) SCOMPARSA.
IL MOTIVO È SEMPLICE. PARLARE DI UN PROBLEMA SULLA PIAZZA SOCIAL
SPINGE I CLIENTI A CONFRONTARSI TRA LORO E STIMOLA IL FORNITORE
DEL SERVIZIO A DARE SEMPRE IL MEGLIO DI SÉ IN UN CIRCOLO VIRTUOSO
CHE METTE AL CENTRO LA TUTELA DEL SERVIZIO E DEL CONSUMATORE.
Siete al telefono e siete in at- spiegarci male (e quindi a non cliente e l’operatore che si trova
tesa. Avete bisogno di parlare risolvere al 100% il problema) dall’altra parte della cornetta,
con qualcuno perché qualcosa nel momento in cui riusciamo a ma avviene in maniera “pub-
relativo al vostro abbonamento prendere la linea e anche - quan- blica” nella piazza social, in un
Adsl non sta funzionando come do non si tratta di numeri verdi, dialogo che si sviluppa da uno
dovrebbe. Una voce pre-regi- o dedicati ai clienti – a spende- a molti. O sarebbe meglio dire
strata tra una musica e l’altra re soldi. Nel cahier de doléances in un dialogo che tra i due ter-
(spesso si tratta di hit di due o mettiamoci anche che spesso minali comprende una “pubbli-
tre estati prima) interviene di dall’altra parte del telefono non co”. Cioè altri utenti che possono
tanto in tanto per ricordarvi che troviamo sempre persone parti- assistere a una messinscena in
le linee sono momentaneamen- colarmente pazienti e desiderose cui il cliente recita la parte di chi
te occupate e - con un tono tra di interagire a voce per aiutarci… ha bisogno di informazioni e il
l’intimazione e l’implorazione ed ecco spiegata e razionalizza- fornitore (di un prodotto o servi-
- vi chiede di non riagganciare ta una buona fetta di stress che zio) quella di chi deve trovare la
perché il primo operatore libe- ci saremmo potuti serenamente soluzione, un rimedio o fornire
ro prenderà in carico la vostra risparmiare durante la giornata. un’informazione.
richiesta.
Nulla di nuovo. In una simile UNA SOLUZIONE PERCHÉ ANCORA
situazione ci siamo passati (e SOCIAL NON LO FANNO
ci passiamo ancora oggi) tutti.
Con un po’ di enfasi e verve re-
TUTTI?
torica potremmo definire questi Da qualche tempo a questa parte
momenti di impasse come le sta però prendendo sempre più La domanda – come direbbe
sabbie mobili della comunica- piede un diverso approccio alla qualcuno – sorge a questo pun-
zione aziendale. Attese e incom- gestione del cliente. Il “disagio” to spontanea. Perché se – come
prensioni che ci portano allo non viene più gestito soltanto leggeremo tra poco – le abitudini
sfinimento, ad innervosirci e a in un dialogo one-to-one tra il stanno cambiando allora ancora
non c’è stata una migrazione to-
tale verso la discussione pubblica
dei propri disagi? Il motivo in
realtà è abbastanza semplice. In
molti persiste ancora poca fidu-
Il dialogo con il cliente cia e poca confidenza nel mettere
sulle piazze social i propri proble-
non è più “uno a uno”, mi, che sia con una compagnia
aerea o con la propria banca. Non
ma avviene ormai esistono in merito delle statisti-
sempre più spesso che precise, ma nel tempo neces-
sario per scrivere questo pezzo
nella piazza social abbiamo osservato determinate
dinamiche prendere forma da-
vanti ai nostri occhi e possiamo
sbilanciarci e dire che l’utilizzo
dei social in queste situazioni

90 PC Professionale / Gennaio 2019

000_Art_SocialCustomer_334_9p.indd 90 28/12/18 10:38


STORIA IN PILLOLE
DEL SERVIZIO CLIENTI
Dal numero verde ai bot, passando per le FAQ
e le chat aziendali: la nascita di una rivoluzione.

P
rima di tutto, un po’ di prima vera rivoluzione web però
storia. Possiamo dire comparve sui siti quando iniziò a
che iniziò tutto con una diventare comune la consultazione
telefonata. Il primo – classico – della sezione F.A.Q. Le Frequently
esempio che possiamo riportare Asked Questions, letteralmente
di servizio clienti è sicuramente domande poste frequentemente,
Il servizio clienti “social” è anche quello legato al telefono. Ancora cioè una serie di risposte - stilate
un saggio, scritto da Paolo Fabrizio. prima dei numeri verdi, se direttamente dall’azienda - alle
andava via la corrente o c’erano domande poste con maggiore
avviene prevalentemente dalle problemi con altre utenze si frequenza dagli utilizzatori.
mani degli utenti più giovani che chiamava il fornitore, spesso Dalle F.A.Q. alle chat e ai social
sono non – attenzione – più bravi con una telefonata urbana. E se il passo non è stato breve, ma
a utilizzare i social media, ma a non funzionare era proprio la è stato il più logico. Molti siti
più consapevoli della potenza linea telefonica si chiedeva di (dalle banche ai mobilifici) ora
che questi possono avere. Quindi usare il telefono al vicino di casa. nei contatti forniscono ai clienti
per rispondere alla domanda: ci Praticamente da un punto di vista la possibilità di chattare con un
arriveremo, anzi ci stiamo già tecnologico tutto questo avveniva operatore o – ad esempio su
andando (e a una velocità paz- un’era geologica fa. Poi arrivò il Facebook – usando il servizio di
zesca) ma non dobbiamo crede-
numero verde e tutto divenne più messaggistica si riescono a gestire
re che nel giro di pochi anni il
servizio clienti “classico” andrà
“centralizzato”. L’idea di chiamare più problematiche in meno tempo
totalmente spegnendosi. un numero senza dover pagare e garantendo risposte più concrete
rappresentava una piccola svolta e in profondità. Oggi l’ultima
SI CHIAMA nella storia dell’assistenza ai clienti. frontiera del servizio clienti è
SOCIAL CUSTOMER E la sensazione di poterlo fare per rappresentata dai chatbot. Nessun
SERVICE segnalare un malfunzionamento o
un problema rendeva tutto ancor
operatore “fisico” dell’altra parte,
ma un sistema di intelligenza
più democratico e civile. artificiale appositamente
In “La rivoluzione del social cu- L’avvento di internet rappresenta programmato per capire le
stomer service” un libro edito nel
il secondo momento di forte necessità del cliente e cercare di
2016, scritto da Paolo Fabrizio,
cambiamento. La rete non ha risolvere il problema o per fornire
troviamo traccia di uno dei primi
tentativi di teorizzare il nuovo soppiantato le altre tecnologie, la risposta più logica e adeguata
trend del servizio clienti. Essere ma si è affiancata. E fu così che a una certa richiesta. Si tratta di
sui social, e in particolare su Fa- siti ed email iniziarono a essere sistemi ancora in fase di sviluppo
cebook e Twitter, significa aprirsi messi al servizio dei clienti. Nulla che hanno però la particolarità
al mondo dei propri clienti, dei di trascendentale, ma la sensazione di affinarsi automaticamente,
loro commenti e delle loro richie- era di un netto avvicinamento man mano che vengono utilizzati
ste. È evidente che, per alcune tra le parti con un sensibile consentendo quindi all’IA di
aziende più di altre, questo si taglio dei tempi della “filiera” imparare e immagazzinare nuove
traduce spesso in domande sui nella gestione del problema. La informazioni.
prodotti o sui servizi acquistati,

PC Professionale / Gennaio 2019 91

000_Art_SocialCustomer_334_9p.indd 91 28/12/18 10:38


INCHIESTA / SOCIAL CUSTOMER SERVICE /

al primo contatto. Ed è qui che si


gioca la partita più importante e
torna l’eco di quella rivoluzione
del servizio clienti a cui abbiamo
già accennato: la community e i
potenziali clienti sono interessati
non solo ai contenuti dell’azienda,
ma anche al modo in cui questa
si rivolge (o non si rivolge) loro e
reagiscono di conseguenza.
I social, in questa nuova Per questo ignorare un commen-
veste, diventano anche to o un interrogativo è per un’a-
zienda potenzialmente molto
un forte terminale pericoloso.
di nervosismo.
UN MONDO
SEMPRE PIÙ
SOCIAL
sulle modalità di pagamento, sui to o di una assicurazione e tutta
tempi di spedizione. quelle serie di giusti interrogativi Il futuro è il social customer service.
Talvolta i social diventano an- che nella nostra vita da utenti e Almeno questa sembra essere la
che un forte terminale di ner- consumatori ci facciamo e rivol- piega presa dagli eventi e dalle
vosismo, si pensi ai malfun- giamo al referente di turno. Con aziende. Un’indagine condotta da
zionamenti di una linea aerea, un’unica differenza: mentre fino Gartner afferma che entro il 2020
ad esempio, o a un servizio di a poco fa le nostre conversazioni il 90% delle società presenti sul
trasporto pubblico cittadino in con il personale aziendale erano mercato utilizzerà i social network
un giorno di sciopero. E ancora: totalmente private, ora con i social come principale mezzo per pre-
offerte, clausole di un contrat- tutto diviene pubblico, almeno stare assistenza ai propri clienti. I

I CHATBOT AZIENDALI
U
ltimamente ne stanno nascendo dedicato al customer service di un’azienda
con grande frequenza. Il caso può fare la stessa cosa, ma ciò che lo
più curioso è quello inaugurato distingue in modo sostanzioso è il come
lo scorso ottobre dall’AS Roma che lo ha può farlo: la forza di un chatbot in quanto
chiamato Botistuta. Un nome geniale, automazione di intelligenza artificiale è
anche se il bot non garantisce ancora la possibilità di sviluppare un prodromo
l’efficienza nelle risposte che garantiva di personalità, rispondendo non solo alle
invece in campo il quasi omonimo Batigol. domande strettamente connesse al sistema
Abbiamo scambiato due chiacchiere aziendale e agli obiettivi di mercato, ma
con Veronica che per la società di anche a domande più generiche, arrivando
comunicazione Zampediverse programma a simulare l’interazione con un essere Un esempio?
e setta – secondo le indicazioni del cliente umano. Per noi è fondamentale sapere se si
e immedesimandosi con l’”utente tipo” – i Quanto è importante capire le tratterà di un chatbot di customer care o
chatbot. Tra i clienti per cui l’agenzia sta esigenze del cliente prima di iniziare a di supporto e-commerce. Esistono varie
sviluppando i bot ci sono anche Ikea e La programmare un bot? tipologie di chatbot che necessitano di
fiera del libro di Roma. È necessario ancor prima di progettare diversi approcci.
La prima – e ovvia – domanda è: l’architettura. Dobbiamo sapere quale tipo E il passo successivo?
che differenza c’è tra un servizio di chatbot stiamo per andare a progettare, Calarci nella mente degli utenti,
F.A.Q. e un chatbot? quali sono i bisogni degli utenti che si cercando di avere una visione chiara
Un servizio F.A.Q. si limita a rispondere interfacceranno con la piattaforma, quali le di quella che vogliamo sia l’esperienza
alle domande che più di frequente vengono aspettative e quali, ovviamente, le esigenze utente e il flusso che guiderà la loro
poste in merito a un servizio; un chatbot di mercato. interazione con il bot.

92 PC Professionale / Gennaio 2019

000_Art_SocialCustomer_334_9p.indd 92 28/12/18 10:38


/ SOCIAL CUSTOMER SERVICE / INCHIESTA

motivi? È facile comprendere che megafono social è tutta pubblicità subito notare come in appena 24
si tratta di costi più ridotti (si dice gratuita. Ovviamente vale anche mesi (cioè due anni) le interazio-
che un cliente attraverso i social l’inverso e un flop potrebbe rive- ni tra utenti e aziende sui social
costi un sesto di una tradizionale larsi di difficile risoluzione. siano aumentate di una cifra mo-
interazione tramite call center) e Inoltre questo tipo di interazione struosa: si parla del 250%.
inoltre è intuibile come un ser- viene preferito dal pubblico per- Un dato che dice tanto, soprat-
vizio simile (se ben fatto) sia in ché elimina le interminabili attese tutto se messo in correlazione
grado di generare un maggiore al telefono e consente agli utenti con altre statistiche. Si pensi che
legame tra il cliente e l’operatore di inoltrare le proprie domande, 6 clienti su 10 che fanno una se-
(quindi l’azienda). continuando le proprie attività gnalazione su un canale social
quotidiane mentre si attende una si aspettano una risposta entro e
COME FUNZIONA? risposta. Banalmente il cliente do- non oltre 60 minuti. In generale il
po aver “twittato” un suo proble- 63% si dice soddisfatto di questo
ma può uscire e andare al lavoro nuovo modo di gestire i ticket e
La maggior parte dei contatti na- o a fare la spesa e attendere una le segnalazioni. Il dato che deve
sce sul web attraverso un post su notifica di risposta per continuare però fare gola alle aziende è un
Facebook o un tweet e poi pro- a parlare con il customer servi- altro. Infatti è provato che un
segue quasi sempre attraverso ce mentre sta facendo altro. Una buon esito del dialogo tra azien-
interazioni e contatti in privato. vera e propria rivoluzione per lo da e utente porti quest’ultimo a
La dinamica è più o meno sem- stile di vita del cittadino medio, a spendere di più. Si parla di una
pre la stessa: l’operatore ringrazia pensarci bene. forbice che parte dal 20% e arriva
l’utente per aver scritto e chiede anche a sfiorare il 40%. Se il clien-
di poter ricevere maggiori dettagli QUALCHE DATO te ha sempre ragione… o almeno
tramite un direct message (ovvero così si dice… allora è opportuno
un messaggio in chat privato). Di- dialogare con lui sapendo che
ciamo che se l’operatore è bravo Che sia questa la strada da bat- quando sarà soddisfatto (oltre a
e veloce il social customer servi- tere nel futuro della gestione dei spendere di più come abbiamo
ce può generare e rafforzare la clienti lo afferma anche uno stu- appena visto) tenderà anche a
fiducia verso il marchio. E quel dio condotto da Go-Globe, che fa consigliare il proprio fornitore

PC Professionale / Gennaio 2019 93

000_Art_SocialCustomer_334_9p.indd 93 28/12/18 10:38


INCHIESTA / SOCIAL CUSTOMER SERVICE /

ben 71 volte su cento, adducendo


proprio il social customer service
e le capacità di problem solving
come punti di forza.

ESISTE UN ERRORE
CHE LE AZIENDE
NON DEVONO MAI
COMMETTERE?

La risposta è sì e oltre ad es-


sere abbastanza logica è anche
confermata dai dati. Per l’88%
dei consumatori risulta diffici-
le acquistare servizi e prodotti tori ai terminali. Non tutto però FACEBOOK
o affidarsi al servizio clienti di può essere tenuto sotto controllo O TWITTER?
aziende che hanno la fama di non e la differenza in casi particolari e
portare a termine dei ticket o che specifici la fanno l’intelligenza e
lasciano cadere nel vuoto – senza l’intraprendenza dei singoli ope- Ognuno di questi due social con
mai rispondere – le richieste di ratori. Spesso una risposta non le sue peculiarità può essere scel-
assistenza. In particolar modo propriamente in linea con il tone to dagli utenti. C’è da dire che se
sono le richieste fatte su Facebo- of voice, magari ironica o più qualcuno ha urgenza di risolve-
ok e Twitter quelle più soggette umana può creare un’empatia re un problema potrebbe anche
all’”esame del pubblico”. Queste maggiore che va oltre la risolu- prendere in considerazione l’idea
trovandosi sotto gli occhi di tutti zione immediata del problema di scrivere su ogni piattaforma
e risultando incomplete o “ab- o della segnalazione. messa a disposizione dell’a-
bandonate” finiscono con il pe- zienda. Su Facebook le princi-
sare sulla reputazione aziendale. pali azioni sono rappresentate
COSTI MINORI, MA dall’invio di messaggi privati e
IMPEGNO ELEVATO dal commento ai post. Su Twit-
ter invece viene fatto un mag-
gior uso degli hashtag con cui è
Come abbiamo visto utilizzare più facile ricercare argomenti e
i social per gestire delle proble- criticità e consentire anche agli
matiche legate ai consumatori utenti di cercare chiarimenti nel-
diminuisce in maniera sensibile le segnalazioni già risolte e chiu-
i costi del ramo d’azienda che si se. Quando la gestione di una
occupa del customer care. Biso- pratica porta ad uno scambio di
gna però fare i conti (lo abbiamo dati privati o sensibili l’invito
appena visto con la scelta del to- dell’azienda è quello di inviare
IL TONO ne of voice) con un’importante un direct message per proseguire
DELLA VOCE formazione e una puntuale pro- le operazioni.
grammazione strategica delle
operazioni di assistenza social.
Ma come si “parla” con l’uten- Del resto non è consentito falli- MA CHI C’È DIETRO
te online? Come interagirci? E re davanti a quel già citato 88% AGLI ACCOUNT?
come rispondere anche a quel-
le domande che spesso – tra il
di consumatori che tende a non
comprare da aziende inefficienti
LA PERSONALIZ-
sarcastico e l’arrabbiato – sono sui social. Così – come del resto ZAZIONE DI TIM
intenzionalmente provocatorie? anche per l’assistenza telefoni-
Esiste un termine nel mondo ca – ciò che conta diventa non
della comunicazione azienda- la risoluzione immediata del La TIM è riuscita negli anni a
le che è “tone of voice”. Questo problema (che resta comunque personalizzare anche il servizio
sta a indicare non quello che si l’obiettivo finale) ma l’immedia- clienti social. In particolare quel-
dice, ma il modo in cui lo si fa. to feeedback. Il far sentire l’u- lo su Twitter. È dunque possibile
Ogni azienda dovrebbe avere il tente immediatamente al centro non parlare con un semplice e
proprio tone of voice e in base a dell’attenzione. È questo quello anonimo profilo ma – ad esem-
questo formare i suoi comunica- che oggi tutti si impegnano a fare. pio – con Giulia, Luca, Stefano e

94 PC Professionale / Gennaio 2019

000_Art_SocialCustomer_334_9p.indd 94 28/12/18 10:38


/ SOCIAL CUSTOMER SERVICE / INCHIESTA

tanti altri che hanno un account

I SOCIAL DI PUBBLICA
personalizzato (@TIM4UGiulia
che si legge Tim for you Giulia)
con foto, nome e decine di mi-
gliaia di follower. Qui il discorso
prosegue nei giorni o nelle setti-
mane finché non si arriva a una
UTILITÀ. IL CASO ATAC
conclusione. C’è un fitto scambio

A
di dati e informazioni in direct
message ed è probabilmente a Roma c’è una case history che regionali gestite da Atac e sullo stato
oggi la massima espressione di balza agli onori della cronaca e dell’accessibilità delle stazioni. Inoltre
personalizzazione del servizio che fa “letteratura” sull’argomento – quando disponibili in open data –
clienti social. Se non lo conoscete in questione. Si tratta del caso Atac e diffondiamo informazioni relative a
fateci un giro troverete magari dei profili social dedicati allo scambio di eventi impattanti sulle reti RomaTpl,
qualche soluzione adatta a voi
informazioni tra i viaggiatori e l’azienda Cotral e Trenitalia, oltre a notizie relative
(se siete clienti di questo ope-
ratore) o capirete esattamente
del trasporto pubblico capitolino. L’account alle emergenze.
come funziona oggi questo tipo Twitter @infoatac – ad esempio – sta
di assistenza. Non mancheran- dimostrato negli anni di saper rispondere È possibile fare un distinguo
no nemmeno momenti di ilarità in tempo reale ai cittadini, finendo anche tra le varie interazioni?
(le risposte sarcastiche di alcuni in cima alle classifiche nazionali per la Sì, sono sostanzialmente di tre tipi.
utenti non mancano), ma emer- velocità di risposta. Sul tema della social Le informazioni di servizio (tempi di
gerà grande pazienza e precisio- customer service abbiamo scambiato attesa; assistenza sui ritardi e invio
ne degli assistenti a cui – non è alcune battute con Atac. di percorsi alternativi). Poi ci sono le
necessario ma non è nemmeno richieste di assistenza, rinnovo e ricarica
un male – potrete associare an-
Da quanto è operativo l’account degli abbonamenti e infine i reclami
che un volto.
twitter @infoatac? che vengono gestiti con due modalità.
Da settembre 2011. All’inizio si è scelto La prima è la risposta immediata e
OTTO SEMPLICI di non pubblicizzarlo e di affidare la risolutiva e la seconda – per i casi più
REGOLE diffusione al passaparola. Nel primo
mese si sono raggiunte le 500 unità.
complessi – è il rimando al form Atac
risponde dove possono essere esposti i
Oggi ci sono circa 200 interazioni al fatti in maniera più esauriente.
Secondo Wellnet – un’azienda di- giorno tra tweet e messaggi privati.
gitale italiana, esperta nel guidare Quanto tempo impiegate per
imprese nella cosiddetta digital Quali informazioni verificare una richiesta e rispondere?
transformation – sarebbero 8 le fornite di default? Tra i 3 e i 4 minuti. Si tratta di
regole auree per fare al meglio il
Quelle sullo stato dell’intera rete: rilevazioni open effettuate dal sito
social customer service.
superficie, metropolitana, ferrovie Socialbakers.com.
Prima di tutto è necessario
1 essere presenti dove si tro-
vano i clienti. Per un gran nu-
mero di aziende, Facebook e
Twitter sono il luogo principale
dove investire, ma alcuni brand
potrebbero scoprire che molti
propri utenti si trovano altrove.
Su Linkedin, Pinterest o Insta-
gram, ad esempio.

Ascoltare con grande atten-


2
zione l’opinione dei clienti.
È cioè importante raccogliere e
analizzare tutti i commenti e le
lamentele in modo da compren-
dere il tipo di problemi che ven-
gono sollevati e altre informazio-
ni utili come gli orari di maggior
interazione e presenza online dei
propri clienti.

PC Professionale / Gennaio 2019 95

000_Art_SocialCustomer_334_9p.indd 95 28/12/18 10:38


INCHIESTA / SOCIAL CUSTOMER SERVICE /

Tracciare e gestire i com- sta perfetta e inattaccabile può


3
menti e le richieste. Biso- contribuire a migliorare l’im-
gna setacciare il “rumore” che magine dell’azienda. Anche
si viene a creare sui social e un feedback negativo – per
determinare le situazioni più assurdo – può diventare l’oc-
urgenti, quali quelle che vanno casione perfetta per interveni-
“girate” al servizio clienti vero re sul rapporto con il cliente e
e proprio e quelle a cui è possi- fare bella figura.
bile rispondere direttamente sul
A volte bloccate dei follower. Non social network. Evitare errori di base co-
8
pensate che – per quanto possano me ad esempio trascurare
Non sottovalutare il tempo i clienti e non rispondere a
generarsi situazioni pesanti – il ban sia 4
eccessivo? È come se una compagnia di risposta. Pur non trat- tutte le domande ricevute.
tandosi di un servizio di assi- Inoltre aiuterà a non peggio-
telefonica non rispondesse più a un
stenza live, come una chat o una rare la propria immagine so-
abbonato perché scortese... telefonata, il social customer cial la “non eliminazione” di
Le interazioni seguono le regole stabilite service si trova in un limbo tra commenti e post, a meno che
dalla social media policy che viene, la chat e il supporto via mail. questi non violino le linee gui-
comunque, applicata in casi molto gravi Non è un caso – come visto nelle da della community. In caso
come lo spam ripetuto e intenzionale statistiche iniziali – che il 60% di provocazione mai stare sul-
durante situazioni di crisi. Va precisato si aspetta una risposta entro al la difensiva e ringraziare sem-
inoltre che l’attività informativa – anche massimo un’ora dalla pubbli- pre il cliente per aver condivi-
in caso di ban – non viene mai meno. Il cazione del suo post. so il problema. Riconoscere e
flusso Twitter è, infatti, disponibile a tutti non cadere nel tranello di chi
Social customer service si- contatta un servizio clienti
e in chiaro. 5
gnifica prendersi cura del semplicemente per discutere
cliente. Un lavoro difficilissimo e diffamare pubblicamente il
Come si differenzia l’approccio al perché le risposte devono essere marchio è alla base di questa
cliente nei vari social? tempestive, accurate, sensibili, nuova figura professionale. In
Gli approcci sono tutti diversi e dipendono brevi e amichevoli: un compito questi casi (ma solo in questi)
dalla peculiarità del mezzo. Su Twitter sicuramente complicato perché la migliore risposta è il
l’approccio è bidirezionale ovvero fornitura errare è umano, ma una risposta silenzio.
di informazioni e “botta-risposta”. Su antipatica e scorbutica trasfor-
Telegram forniamo, per ora, informazioni merà un semplice errore nel PER CONCLUDERE
senza possibilità di interazione. Su vostro peggiore “epic fail”. Met-
Whatsapp si fornisce assistenza one-to-one, tiamola così: se fate questo la-
voro non potete permettervi di Nel tirare le somme in questa
ma lo strumento soffre dell’impossibilità di
perdere la pazienza. digressione sul social custo-
gestire un elevato numero di informazioni mer service la domanda che
in breve tempo per la limitazione all’utilizzo Determinare quali proble- ci poniamo è una e assomiglia
della multipostazione. 6
mi vanno risolti in privato. alla “storica” ma è nato prima
Per questo motivo è un canale ancora Fornire una risposta pubblica a l’uovo o la gallina?
da sviluppare e con potenzialità una domanda oppure a un re- Da intendere come: hanno ini-
particolarmente elevate in particolare nella clamo è molto utile perché si ziato prima gli utenti a scri-
versione enterprise in sperimentazione crea interazione e coinvolgi- vere sulle pagine social delle
presso grandi società di sevizi come la mento. In realtà non tutti i con- aziende (che all’epoca avevano
compagnia aerea KLM. Atac ha anche tatti avuti sui social possono la semplice funzione di vetri-
essere risolti con un unico scam- na) o sono le aziende che han-
attivato dei canali istituzionali su Facebook
bio e pubblicamente. Per questo no fiutato le infinite possibilità
e Instagram e su Twitter si è scelto di
motivo chi fa parte del team di di contatto con la base clien-
accostare ad @infoatac il canale assistenza clienti deve essere in ti che hanno i social? Come
@AtacNews. La volontà era quella di grado di capire quando è il caso spesso accade la verità sta nel
veicolare le “good news” dell’azienda di rispondere in pubblico a un mezzo ed è facile ipotizzare
cercando inoltre di stabilire un contatto con messaggio oppure quanto è me- che sia stato un mix delle due
la clientela che andasse oltre l’informazione glio spostare la conversazione situazioni a dare luce – in fieri –
di servizio. A settembre infine si è aggiunto in privato. a quello che da qui ai prossimi
l’account aziendale su LinkedIn che è già anni diventerà il nostro canale
Sfruttare ogni opportu- principale per dialogare con
stato utilizzato per il processo di selezione 7
del nuovo responsabile ICT dell’azienda. nità per migliorare l’im- aziende e fornitori e risolvere
magine del brand. Una rispo- i problemi.  •

96 PC Professionale / Gennaio 2019

000_Art_SocialCustomer_334_9p.indd 96 28/12/18 10:38


OFFERTA SPECIALE
SCEGLI IL MODO PIÙ COMODO
E VELOCE PER ABBONARTI
www.abbonamenti.it/pc2019

55
DI SCONTO PER 1 ANNO
%
Solo 37,00 euro**
invece di 82,80
12 numeri
PIÙ LA VERSIONE
DIGITALE PER 1 ANNO

60
DI SCONTO PER 2 ANNI
%
Solo 66,00 euro *
invece di 165,60
24 numeri
PIÙ LA VERSIONE
DIGITALE PER 2 ANNI

Lo sconto è computato sul prezzo di copertina al lordo di offerte promozionali edicola. La presente offerta, in conformità con l’art.45 e ss. del codice del consumo, è formulata da Visibilia Editore SpA. Puoi recedere entro 14 giorni dalla ricezione del primo numero.
Per maggiori informazioni visita www.abbonamenti.it/cga * (+ 2,90 euro come contributo per spese di spedizione, per un totale di 68.90€ IVA inclusa) ** (+ 1,90 euro come contributo per spese di spedizione, per un totale di 38.90€ IVA inclusa)

ABBONATI SUBITO!
AVRAI GRATIS TUTTI I NUMERI DEL TUO
ABBONAMENTO IN DIGITALE!
Sì! MI ABBONO A PC PROFESSIONALE CON IN PIÙ,
INCLUSA NEL PREZZO, LA VERSIONE DIGITALE PER:

Anche in versione digitale per Mac, PC e Tablet 20 2 ANNI con il 60% DI SCONTO (24 numeri) solo 66,00 € + 2,90 € come contributo
per spese di spedizione, per un totale di 68.90€ (IVA inclusa) invece di 165,60€.
per tutto il periodo dell’abbonamento scelto.

ABBONATI PER 2 ANNI E RISPARMIA BEN 99,60 EURO! 10 1 ANNO con il 55% DI SCONTO (12 numeri) solo 37,00 € + 1,90 € come contributo
per spese di spedizione, per un totale di 38.90€ (IVA inclusa) invece di 82,80€.
➜ POSTA Spedisci in busta chiusa a: Servizio Abbonamenti
483 11 023 483 08
C/O CMP BRESCIA, Via Dalmazia 13, 25126 Brescia BS Nome e Cognome
➜ SITO INTERNET www.abbonamenti.it/pcpro2019 Indirizzo N.
➜ FAX n°030.77.72.385 ➜ TELEFONA al N. 02 7542 9001 CAP Località Prov
dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 19.00
Tel email
INFORMATIVA AI SENSI DELL’ART. 13 DEL D.LGS. 196/03. La informiamo che la compilazione della presente pagina autorizza Visibilia Edito- ✔ Pagherò con il bollettino postale che mi invierete
re SpA, in qualità di Titolare del Trattamento, a dare seguito alla sua richiesta.
Previo suo consenso espresso, lei autorizza l’uso dei suoi dati per:
1. finalità di marketing, attività promozionali e commerciali, consentendoci di inviarle materiale pubblicitario o effettuare attività di vendita diretta o co- Se invece desideri pagare con carta di credito collegati al sito:
municazioni commerciali interattive su prodotti, servizi ed altre attività di Visibilia Editore SpA attraverso i canali di contatto che ci ha comunicato (i.e. te-
lefono, e-mail, fax, SMS, mms); www.abbonamenti.it/pcpro2019
2. comunicare ad altre aziende operanti nel settore editoriale, largo consumo e distribuzione, vendita a distanza, arredamento, telecomunicazioni, farma-
ceutico, finanziario, assicurativo, automobilistico, della politica e delle organizzazioni umanitarie e benefiche per le medesime finalità di cui al punto 1. Sì No Acconsento a che i dati personali da me volontariamente forniti siano utilizzati da Visibilia Editore SpA per le finalità promozionali specificate al punto 1. dell’informativa.
3. utilizzare le Sue preferenze di acquisto per poter migliorare la nostra offerta ed offrirle un servizio personalizzato e di Suo gradimento. Responsabile del Sì No Acconsento alla comunicazione dei miei dati personali per le finalità di cui al punto 1 dell’informativa ai soggetti terzi indicati.
trattamento è Press-di Abbonamenti SpA. Ulteriori informazioni sulle modalità del trattamento, sul nominativo del Titolare e del Responsabile del tratta-
mento nonchè sulle modalità di esercizio dei suoi diritti ex art. 7 Dlgs. 196/03, sono disponibili scrivendo a questo indirizzo: Ufficio Abbonamenti - C/O Sì No Acconsento al trattamento dei miei dati personali per finalità di profilazione per migliorare la qualità dei servizi erogati, come specificato al punto 3 dell’informativa.
CMP BRESCIA, Via Dalmazia 13, 25126 Brescia BS - privacy.pressdi@pressdi.it.
Offerta valida solo per l’Italia

097_PC 334_abboNewPrivacy_2019.indd 2 28/12/18 11:48


● Di Alfonso Maruccia

WINDOWS
FIREWALL
CONTROL PROTEZIONE ASSOLUTA
Guida all’utilizzo dell’applicazione in grado di migliorare
la gestione del firewall nativo dei sistemi operativi Microsoft.
Un’utility freeware assolutamente indispensabile.

98 PC Professionale / Gennaio 2019

000_Art_Firewall_334_11p.indd 98 28/12/18 14:42


PC Professionale / Gennaio 2019 99

000_Art_Firewall_334_11p.indd 99 28/12/18 14:42


FINO A POCHI ANNI OR SONO, QUANDO INTERNET ERA ANCORA UNA TERRA
DI NESSUNO IN CUI GLI ATTUALI MONOPOLI DI FATTO DEL CLOUD E DELLE “PIAT-
TAFORME” OMNICOMPRENSIVE NON ERANO ANCORA EMERSI IN TUTTO IL LORO
MONOLITICO FULGORE, GLI UTILIZZATORI DI PERSONAL COMPUTER WINDOWS
ERANO OBBLIGATI A CIRCONDARSI DI SOFTWARE DI SICUREZZA DI TERZE PARTI,
STRUMENTI SECONDARI, MA INDISPENSABILI A GARANTIRE UNA NAVIGAZIONE
TRANQUILLA NEI MARI BURRASCOSI DELLA RETE TELEMATICA MONDIALE. UNO
DEGLI ELEMENTI ESSENZIALI DI QUESTO TOOLKIT DI NAVIGAZIONE TRANQUILLA
ERA IL FIREWALL DI RETE, UN TOOL IN GRADO DI TENERE FUORI DALLA POR-
TA (DEL MODEM) WORM E CYBER-CRIMINALI MA GENERALMENTE FORIERO DI
CONFLITTI E PROBLEMI DI GESTIONE QUANDO USATO ASSIEME AI CLIENT DI FILE
SHARING O AD ALTRI SOFTWARE CHE FACEVANO UN USO INTENSIVO DI INTERNET.
Nomi come ZoneAlarm e Como- sistema, ma com’è tradizione del-
do Firewall saranno certamente la corporation di Redmond non
riconoscibili a chi ha vissuto include tutti gli strumenti utili
(pericolosamente?) quell’era a rendere l’utente pienamente
della telematica mondiale in padrone del suo funzionamento.
ambito consumer, e altrettanto Il mercato delle utility di terze
certamente evocheranno ricor- parti si è ridimensionato ma è
di poco piacevoli di porte che ancora piuttosto attivo e produce
non si aprono, crash, “livelli” software come quello oggetto di
di apertura del firewall che non questa guida: Windows Firewall
hanno gli effetti sperati renden- Control (WFC) è un’applicazione
do l’esperienza di rete alquanto progettata per estendere le fun-
accidentata. zionalità del Firewall di Win-
Oggi, nel 2018, le cose sono cam- dows, fornendo altresì nuove op-
biate in un modo che non era zioni extra in grado di migliorare
possibile prevedere anche solo ulteriormente il funzionamento
dieci anni fa: anche Windows è del suddetto firewall. WFC ri-
entrato a far parte del novero entra di diritto nella categoria
dei sistemi operativi dotati di delle utility indispensabili per
un firewall – anzi di una “piat- gli OS Windows, e ora che è stato
taforma” di filtraggio dei dati acquisito da Malwarebytes (nel
– pienamente operativo e degno maggio del 2018) ed è disponi- ZoneAlarm, un nome capace
di tale nome, mentre gli attori bile a titolo assolutamente gra- di evocare ricordi non proprio
malevoli si sono evoluti di pari tuito – con le funzionalità prima piacevoli...
passo con le misure di sicurez- a pagamento sbloccate per tutti
za esplorando nuovi vettori di gli utenti – non esiste davvero
attacco. Il firewall di Windows alcuna scusa per non scaricare e
è un componente essenziale del installare l’applicazione.

100 PC Professionale / Gennaio 2019

000_Art_Firewall_334_11p.indd 100 28/12/18 14:42


/ WINDOWS FIREWALL CONTROL / COME FARE

BREVE STORIA DEL FIREWALL


Dalle barriere fisiche contro gli
incendi a quelle virtuali contro
i pericoli in agguato sulla Rete.

L
a definizione generica più
comune descrive il fire-
wall come un sistema per
la sicurezza di rete in grado di
monitorare e controllare il traf-
fico in entrata e in uscita, una
barriera progettata per funzio-
nare secondo regole di sicurezza
predefinite e tradizionalmente
posta a salvaguardia di una re-
te interna “trusted” (come ad
esempio una LAN domestica)
dai pericoli provenienti da una
rete esterna “untrusted” come
Internet.
Il termine “firewall” era in ori-
gine usato per indicare una
barriera – ad esempio un mu-
ro – resistente al fuoco e usata
per prevenire la diffusione di
incendi in un edificio, un aereo controllo delle comunicazioni
o altri tipi di strutture. Solo ne- fra due o più network, il se-
gli anni ’80, quindi prima che condo tipo include i firewall
Internet divenisse di pubblico software pensati per girare su
dominio, si è cominciato a usare computer e controllare il traf-
il termine anche in ambito di si- fico di rete da e verso queste
curezza per le tecnologie di rete macchine.
Windows XP,
che andavano sostituendo i ro-
uter delle origini. L’evoluzione Il firewall di Windows è quin-
il debutto
dei firewall è passata attraverso di un classico firewall per del firewall
tre diverse generazioni (filtri di host, visto che ha il compito di Redmond.
pacchetti, stateful filter, firewall di sovraintendere le comunica-
di applicazioni), mentre le due zioni di rete per i Pc su cui è in-
categorie in cui oggi vengono stallato il sistema operativo Mi-
generalmente classificati i fi- crosoft. La prima incarnazione Windows XP nell’ottobre del
rewall sono i firewall di rete e del firewall di Windows, allora 2001 ma aveva un’utilità piut-
quelli host-based. Nel primo caso chiamata “Internet Connection tosto limitata.
si parla di firewall deputati al Firewall”, è arrivata assieme a Infatti il tool era disabilitato di
default per evitare problemi di
compatibilità con il softwa-
re dell’epoca, e solo con
il debutto dell’ormai
leggendario Service
Pack 2 – e in segui-
Il firewall protegge to a incidenti di si-
la rete interna dai curezza telematica
pericoli esterni. di altissimo profilo
come i worm Bla-
ster e Sasser – è sta-
to migliorato al punto
da divenire utilizzabile

PC Professionale / Gennaio 2019 101

000_Art_Firewall_334_11p.indd 101 28/12/18 14:42


COME FARE / WINDOWS FIREWALL CONTROL /

anche dall’utente comune. Il


2006 ha segnato il debutto di
Windows Vista, sistema ope-
rativo spesso additato come un
autentico disastro – anzi un “Vi-
stastro” – per l’intera industria
dei PC ma che ha gettato le fon-
damenta di tecnologie oggi mol-
to importanti per l’ecosistema
Windows. Una di queste novità
tecnologiche è l’implementa-
zione della cosiddetta Windows
Filtering Platform (WFP), un
insieme di servizi di sistema e
interfacce di programmazione
(API) progettate per facilitare
l’interazione fra le applicazioni
di terze parti e lo stack di rete di

GUIDA A WINDOWS
nuova generazione (IPv4/IPv6)
incluso nel sistema.
La piattaforma si incarica di
processare i pacchetti di da-

FIREWALL CONTROL
ti in arrivo e in partenza da e
verso la rete, gestendo altresì il
filtraggio dei pacchetti indesi-
derati sulla base delle regole del
firewall configurate dall’utente
o dal sistema. Ecco come installare, configurare e ottimizzare
Anche il firewall di Windows 10 il compagno ideale per il Firewall di Windows.
è basato su WFP e sui miglio-
ramenti apportati alla piatta-
forma da Windows 7 (o anche INSTALLAZIONE dispensabili per l’uso di WFC
Windows Server 2008 R2). Il E CONFIGURAZIONE 5.4 includono .NET Framework
compito di Windows Firewall
Control è appunto quello di
DI BASE 4.5 (già integrata su Windows
10), e un sistema operativo Win-
rendere user-friendly la gestio- dows (10, 8.1, 8, 7, Server 2016,
ne del firewall nativo di Win- Server 2012) a 32 o a 64-bit; il
dows sfruttando il filtraggio e L’ultima versione di WFC è sca- servizio di sistema di Windows
i meccanismi di controllo della ricabile direttamente dal sito uf- Firewall (MpsSvc) deve essere
piattaforma WFP, un approccio ficiale, su https://www.binisoft.org/ ovviamente abilitato e in funzio-
che garantisce il massimo livello wfc, oppure su uno dei mirror ne, e lo stesso vale per il servizio
di compatibilità con le applica- indicati dalla succitata homepa- per Client DNS (Dnscache). Una
zioni di rete che girano sul Pc ge; la versione più recente del volta verificato tutto il necessa-
ma che soffre degli stessi limiti tool disponibile al momento di rio, è possibile procedere all’in-
del firewall di Windows come scrivere è la 5.4.0.0, aggiornata stallazione lanciando l’installer
vedremo in seguito. all’1 agosto 2018. I requisiti in- wfc5setup.exe.

Chiara, semplice e veloce: l’installazione di Windows Firewall Control è la fase meno complicata del processo di setup del programma.
Il bello viene immediatamente dopo la fine dell’installazione.

102 PC Professionale / Gennaio 2019

000_Art_Firewall_334_11p.indd 102 28/12/18 14:42


/ WINDOWS FIREWALL CONTROL / COME FARE

Il programma di installazione
chiederà di confermare (o mo-
dificare) la cartella in cui copia-
re i file di WFC, permettendo
altresì di creare link nel menu
Start e sul desktop, di avviare
automaticamente l’applicazio-
ne all’accesso del nostro profilo
utente (opzione ALTAMENTE
consigliata per usare al meglio
il firewall) e di creare una serie
di regole “raccomandate” per
facilitare l’integrazione tra WFC
e il sistema. Dalla pagina Profili è possibile impostare il livello di filtraggio con cui desideriamo
Dopo una breve attesa il processo gestire le connessioni di rete.
di installazione sarà concluso, e
si potrà cominciare a usare WFC
per gestire in modo pratico ed
efficiente il Firewall nativo di
Windows 10. Nonostante la sua
indubbia utilità, una volta instal-
lato e configurato WFC “pesa”
davvero poco sul sistema con
circa 6,15 megabyte di spazio oc-
cupato su disco, 15 nuove chiavi
create nel Registro di Windows
e un singolo servizio di sistema
necessario al funzionamento del
software (wfcs). WFC include il
supporto multilingua, e volen-
do personalizzare ulteriormente
il tool possiamo scaricare il file
necessario alla traduzione in ita-
liano dalla homepage (link ve-
loce: https://www.binisoft.org/get.
php?translation=wfcIT.lng); una
volta scaricato, il file deve essere
Il pannello delle Notifiche permette di impostare la funzionalità forse più importante
copiato nella cartella in cui abbia-
di Windows Firewall Control, vale a dire quella delle Notifiche Interattive.
mo installato il software. Al suc-
cessivo riavvio, WFC caricherà il
file e risulterà quindi localizzato Filtro basso permette a qualsiasi selezionando l’opzione Visualiz-
nella lingua del Belpaese. connessione di passare il firewall za notifiche: in questo modo, a
a eccezione dei programmi per ogni connessione bloccata WFC
Una volta attivato, WFC cui già esiste una regola di bloc- presenterà una finestra interatti-
segnalerà la propria co. Con Filtro disattivato il Fire- va da cui sarà possibile decidere
presenza con una nuo- wall di Windows viene comple- il da farsi – se cioè continuare
va icona nel Systray; tamente spento, ed è infine a bloccare la connessione o se
facendo clic sull’icona avremo possibile specificare il passaggio impostare una regola di com-
accesso all’interfaccia principale automatico a un profilo specifico portamento diversa.
del software. Per cominciare a (scegliendo tra Filtro alto e Filtro
sfruttare subito le funzionalità medio) dopo X minuti. Il nostro
più utili di WFC, la prima cosa consiglio, come pure quello di NOTIFICHE
da fare è scegliere il Profilo con il WFC, è di impostare il Filtro me-
livello di filtraggio che deside- dio: in questo modo si otterrà il
riamo imporre alle connessioni massimo livello di sicurezza con A conti fatti le notifiche rappre-
di rete: il Filtro alto indica un il massimo della praticità di uso sentano il “cuore” di WFC, una
blocco totale di tutte le connes- del firewall di sistema. caratteristica che rende il tool
sioni in entrata e in uscita, il Fil- Un’altra funzionalità indispen- un comprimario indispensabile
tro medio blocca le connessioni sabile per trarre il massimo da per sfruttare il Firewall di Win-
in uscita per cui non esiste una WFC è quella delle Notifiche, dows al meglio delle sue possi-
regola specifica nel firewall, da attivare nell’apposita finestra bilità rimediando all’unica, grave

PC Professionale / Gennaio 2019 103

000_Art_Firewall_334_11p.indd 103 28/12/18 14:42


COME FARE / WINDOWS FIREWALL CONTROL /

all’opzione Consenti questo pro-


gramma), bloccare l’accesso del REGOLE
programma a Internet in modo DEL FIREWALL
permanente o temporaneo (clic
del mouse accanto a Blocca questo
E LOG DELLE
programma), bloccare l’uscita del CONNESSIONI
programma dal firewall rinvian-
do la decisione definitiva a una
successiva istanza dell’evento. Escludendo le più che indispen-
sabili notifiche, i due pannelli di
In base alla decisione dell’uten- controllo più utili a “tarare” il
te, WFC creerà una regola per- firewall di Windows sulle nostre
manente o temporanea che il fi- specifiche esigenze solo il pan-
rewall di Windows rispetterà da nello delle Regole e il log delle
qui in poi. La notifica di connes- connessioni Bloccato di recente. È
sione bloccata scompare dopo 30 possibile accedere a questi pan-
secondi di attesa andata a vuoto, nelli tramite le due icone presenti
e permette una personalizzazio- in basso a sinistra sul pannello
ne veloce della regola del firewall principale di WFC.
Un esempio delle notifiche visualizzate quando prima della sua creazione tramite
la voce Personalizza questa regola Il Pannello Regole presenta una
viene bloccata una connessione.
2018 prima di crearla. In precedenza lista ordinata cronologicamente
le notifiche di connessione bloc- delle regole esistenti nel firewall
mancanza che ancora affligge il cata erano utilizzabili solo dagli di Windows, con una descrizione
componente dell’OS Microsoft: utenti a pagamento, ma ora che dettagliata di tutte le informazio-
quando un’applicazione prova WFC è disponibile in via del tut- ni utili sul programma a cui la
ad accedere a Internet senza che to gratuita sono utilizzabili da regola fa riferimento, il gruppo
in precedenza sia stata impostata tutti senza limitazioni di sorta. a cui appartiene la regola, la po-
una regola, il firewall di sistema sizione, lo stato di attivazione o
blocca i pacchetti di dati corri- Il comportamento delle notifi- meno della regola, la direzione
spondenti generando un nuovo che può poi essere modificato delle comunicazioni (in uscita o
evento nel Log degli eventi di in dettaglio dal pannello delle in entrata), le porte locali, gli in-
sicurezza. WFC Notifiche sull’interfac- dirizzi remoti, il protocollo usato
è programmato Le notifiche sono il cia principale di WFC: e molto altro ancora.
per tenere sotto “cuore” di WFC, una come abbiamo già vi-
controllo il sud- sto da questa finestra Le regole in verde sono quelle
detto Log, e ogni caratteristica che rende è possibile attivare la che consentono la connessione,
volta che un pac- il tool indispensabile visualizzazione delle quelle con sfondo rosato sono
chetto di dati vie- per sfruttare il Firewall notifiche, attivare le quelle che la bloccano e quel-
ne dismesso dal notifiche in “moda- le in rosso fanno riferimento a
firewall decide di Windows al meglio lità apprendimento” programmi o eseguibili non più
se visualizzare o (tutti i programmi con presenti sul sistema. Servendosi
meno una notifica di connessione una firma digitale valida ven- dei menù disponibili sulla de-
bloccata. gono fatti passare senza blocco stra, l’utente può effettuare una
La notifica di Connessione in usci- della connessione), disattivare scrematura veloce delle regole
ta bloccata identifica il program- le notifiche, definire una serie visualizzando solo quelle non
ma che ha provato ad accedere di cartelle e programmi per cui valide o quelle duplicate – en-
alla Rete esterna con relativo file le notifiche non devono essere trambe eliminabili senza proble-
eseguibile, l’IP di origine dell’e- visualizzate, cambiare le tem- ma – cercare una regola specifica,
vento e l’IP remoto che l’esegui- porizzazioni per la chiusura creare manualmente una nuova
bile stava provando a contattare, automatica delle notifiche e la regola (consigliato solo ai veri
il protocollo di rete utilizzato, l’e- durata delle regole transitorie, smanettoni), agire su una o più
ventuale presenza di una firma visualizzare le notifiche al di regole selezionate col mouse o
digitale valida, l’ID del processo sopra di tutte le altre finestre o con la tastiera (tramite le Opzio-
di sistema. L’utente può quindi meno, riprodurre un suono in ni di destra o agendo col tasto
decidere di consentire una nuo- concomitanza con una nuova destro del mouse) consentendo
va connessione del programma notifica, impostare il comporta- la connessione, bloccandola per
bloccato in modo permanente o mento avanzato delle notifiche tutte le regole, disabilitando o
per un periodo di tempo limitato per minimizzare l’insorgere di abilitando le regole, creando du-
(in quest’ultimo caso facendo clic incompatibilità o conflitti con gli plicati, eliminando le regole o
con un tasto del mouse accanto altri software di sicurezza. controllando un file sullo scanner

104 PC Professionale / Gennaio 2019

000_Art_Firewall_334_11p.indd 104 28/12/18 14:42


/ WINDOWS FIREWALL CONTROL / COME FARE

online di VirusTotal.
Il pannello delle connessioni
Bloccato di recente fa esattamen-
te quel che dice, presenta cioè
la cronologia delle connessioni
bloccate dal firewall di Win-
dows nel rispetto delle regole
impostate dall’utente. Si tratta
di un pannello forse meno utile
di quello delle regole del fire-
wall trattato in precedenza, so-
prattutto se abbiamo abilitato
le notifiche per le connessioni
bloccate di WFC. Tuttavia ave-
re una panoramica dettagliata
delle connessioni bloccate di
recente può servire a risolve-
Dal Pannello delle Regole è possibile agire manualmente sulle regole re eventuali problemi con gli
create da Windows Firewall Control per il firewall nativo di Windows. applicativi di rete, e anche col
pannello in oggetto è possibile
(con le opzioni a destra o tra-
mite il tasto destro del mouse)
filtrare la visualizzazione del-
le connessioni, consentire una
connessione, creare regole del
tutto nuove, verificare la sicu-
rezza di file e indirizzi IP.

INTERFACCIA
E INTEGRAZIONE
CON LA SHELL

Le connessioni Bloccate di recente erano molto utili soprattutto quando Facendo clic sull’icona di WFC
le notifiche interattive di WFC erano a pagamento. presente nel Systray di Win-
dows, si accede al pannello
di controllo del software. Di
Profili e Notifiche abbiamo già
parlato in precedenza, quindi
ora è il momento di analizzare
la finestra delle Opzioni: abi-
litando l’opzione Integrazione
della shell, WFC sarà disponibi-
le anche nel menù contestuale
(accessibile col tasto destro del
mouse) per consentire o blocca-
re velocemente la connessione
di un programma o un esegui-
bile a Internet; l’opzione Av-
via automaticamente all’accesso
dell’utente serve poi a garantire
che WFC prenda il controllo del
firewall di sistema subito dopo
il logon, l’avvio o il riavvio di
Windows.
Grazie alla funzionalità
HotKeys globali è possibile im-
postare tre diverse scorciatoie
Il fondamentale Pannello delle Opzioni, per personalizzare il
da tastiera (del tutto opziona-
comportamento di Windows Firewall Control sul sistema Windows 10.

PC Professionale / Gennaio 2019 105

000_Art_Firewall_334_11p.indd 105 28/12/18 14:42


COME FARE / WINDOWS FIREWALL CONTROL /

li) per accedere velocemente al


Pannello principale del software,
al Pannello Regole del firewall e
al log delle connessioni Bloccato
di recente. Agendo sui tre slide
dei colori Rosso, Verde e Blu si
può modificare la tonalità cro-
matica dell’interfaccia, mentre
con gli ultimi tre comandi pre-
senti in basso è possibile espor-
tare le impostazioni utente di
WFC, importare le impostazioni
salvate in precedenza e ripri-
stinare tutte le impostazioni ai
valori di default.

Dal pannello delle Regole è


Dalla pagina delle Regole di WFC è possibile configurare la creazione poi possibile modificare il
delle regole del firewall e le posizioni della rete a cui applicarle. comportamento di WFC du-
rante la creazione delle regole
del firewall, specificando cioè
se si desidera creare solo rego-
le per le connessioni in usci-
ta, solo regole in entrata o per
le connessioni in entrambe le
direzioni. L’impostazione rac-
comandata è quella di creare
solo regole in uscita, ed è quella
che consigliamo di usare anche
noi: Windows Firewall prevede
un trattamento “speciale” per
le connessioni in entrata senza
l’intervento di tool esterni (vedi
box di approfondimento). Le
regole possono poi essere appli-
cate alle diverse categorie di reti
supportate dal firewall di siste-
ma (Dominio, Privata, Pubblica)
Il pannello Sicurezza include una serie di impostazioni aggiuntive ed è consigliabile selezionare
in grado di rafforzare la sicurezza di WFC e del sistema. tutte e tre le opzioni disponibili.
Le ultime opzioni della pagina
servono a importare ed esporta-
re le regole attuali del firewall,
ripristinare le regole predefinite
e ripristinare la configurazio-
ne base di WFC con le regole
raccomandate.
Sul pannello Sicurezza è pos-
sibile impostare le opzioni di
sicurezza aggiuntive di WFC,
scegliendo l’Avvio protetto se si
vuole avviare Windows 10 con
tutte le connessioni di rete bloc-

Il pannello Criteri include i link veloci alle utilità native di Windows


e gli URL dei servizi usati per i controlli di sicurezza.

106 PC Professionale / Gennaio 2019

000_Art_Firewall_334_11p.indd 106 28/12/18 14:42


/ WINDOWS FIREWALL CONTROL / COME FARE

le ricerche nel database WHOIS, programma già attivo da bloccare


le informazioni sulle porte di rete o meno sul firewall. Tanto lavoro
(Grc.com). manuale che a nostro avviso non
La pagina delle Informazioni è uti- ha più molta ragion d’essere, ora
le per verificare la versione di che le Notifiche sono utilizzabili
WFC in uso o l’eventuale dispo- liberamente da tutti.
nibilità di un aggiornamento. Le Per finire, anche l’icona di WFC
due icone in alto a destra dell’in- nell’area di notifica del sistema
terfaccia sono utili rispettivamen- operativo fornisce alcune scor-
te a proteggere la configurazione ciatoie alle funzionalità più uti-
di WFC tramite l’utilizzo di una li del tool: facendo clic col tasto
password e ad accedere al ma- destro del mouse sulla suddetta
nuale del software (disponibile icona, si potranno aprire velo-
solo in inglese). Le quattro icone cemente il Pannello Principale, il
in basso a destra, invece, sono un Pannello Regole del firewall e la
retaggio delle vecchie versioni di pagina delle connessioni Bloccate
La pagina delle Informazioni su WFC con tanto WFC (dove le notifiche interatti- di recente, mentre un sottomenù
di copyright, controllo update e proxy. ve erano riservate solo agli utenti Profili permetterà di impostare
paganti) con cui è possibile sele- immediatamente il livello di fil-
zionare il programma (o meglio traggio del firewall di Windows:
cate (molto utile per i paranoici il relativo file eseguibile) per cui Filtro alto equivale al massimo
o per chi non si fida più delle si vuole consentire o bloccare la di protezione possibile (tutte le
politiche di Microsoft), impo- connessione verso la Rete, op- connessioni di rete sono blocca-
stando il Profilo sicuro per inibire pure fare clic sulla finestra di un te), Filtro disattivato equivale alla
il controllo del firewall di Win-
dows con applicazioni esterne
che non siano WFC, abilitando
le Regole sicure per proteggere
le regole del firewall da mano-
missioni esterne. Quest’ultima
opzione va utilizzata con molta
attenzione, visto che WFC chie-
derà l’autorizzazione all’utente
per cancellare o disabilitare le
regole create da ambienti esterni
a WFC. Nella maggior parte dei
casi è consigliabile non servirsi
delle Regole sicure per evitare Le icone di WFC nell’Area di Notifica di Windows, utili per l’accesso
problemi di incompatibilità o immediato alle funzionalità indispensabili.
malfunzionamenti dei software
installati.
Dalla pagina dei Criteri (fig. 17)
si può accedere velocemente alle
utilità di Windows connesse al
firewall di sistema, alla pagina
del Visualizzatore eventi dedi-
cata a WFC e al tool per il Moni-
toraggio delle risorse hardware.
È poi possibile visionare o mo-
dificare gli URL usati per verifi-
care online la reputazione di un
indirizzo IP (Ipvoid), il controllo
degli hash SHA256 (VirusTotal),

Quando si disinstalla WFC, occorre prestare una certa attenzione


al modo in cui in seguito dovrà comportarsi il firewall di Windows.

PC Professionale / Gennaio 2019 107

000_Art_Firewall_334_11p.indd 107 28/12/18 14:42


COME FARE / WINDOWS FIREWALL CONTROL /

OUTBOUND
E INBOUND?
PARI NON
SONO

N
ella sua
configurazione di
default e anche
in quella consigliata, WFC
disattivazione totale del firewall
di Windows.
visualizza le notifiche solo
per le connessioni in uscita
per tale motivo soffre delle sue bloccate dal firewall di
DISINSTALLAZIONE stesse limitazioni. Come infatti Windows. È infatti verso
sottolineato anche dal manuale traffico di rete in outbound
del programma, WFC e Win- che l’utente deve avere il
Vista la delicatezza del ruolo dows Firewall sono piuttosto massimo dell’attenzione,
svolto una volta installato sul insofferenti se usati insieme ai poiché in quelle richieste
sistema, WFC richiede una scel- proxy software, i moduli per il di comunicazione con gli
ta consapevole dell’utente an- filtraggio dei dati Web, i driver
IP remoti potrebbe celarsi
che qualora il suddetto utente NDIS e i moduli di filtraggio che
un malware che prova
decidesse di disinstallare il pro- intercettano i pacchetti di dati
gramma. Avviata la fase di disin- telematici. Il firewall di Windows a “chiamare a casa” o
stallazione, infatti, WFC chiede vuole in pratica l’esclusiva sul anche un software dotato
di scegliere il modo in cui gesti- filtraggio delle comunicazioni di di routine sconosciute – e
re le regole create tramite l’uso rete, e WFC non può che seguire potenzialmente pericolose
del tool: è possibile ripristinare a ruota quando sorge qualche per la privacy – che
le impostazioni predefinite di incompatibilità con questo o quel richiedono l’accesso ai
Windows Firewall eliminando software. server esterni. Per il
tutte le regole create dall’utente, Anche il sistema di notifiche inte- traffico inbound, invece,
ripristinare lo stato precedente rattive di WFC può dare origine a è lo stesso firewall di
all’installazione del programma qualche incompatibilità, ad esem-
sistema a comportarsi
o mantenere le regole e le impo- pio – si legge ancora nel manuale
stazioni del firewall attuali. La ufficiale – con le vecchie versioni
come WFC: ogni richiesta
scelta spetta ovviamente all’u- di software per la cifratura come di traffico in entrata
tente, anche se ci sentiamo di non BoxCryptor e TrueCrypt. viene bloccata, e Windows
consigliare la disinstallazione di Firewall presenta una
WFC se ciò non fosse strettamen- notifica nativa chiedendo
te necessario. L’opzione Disabilita CONCLUSIONI all’utente se pianifica
la registrazione di Windows Fire- di accettare le prossime
wall si riferisce alla gestione del connessioni in entrata
log delle connessioni bloccate, Per essere un tool di piccole di- del programma appena
una funzionalità sostanzialmen- mensioni, Windows Firewall
bloccato. In condizioni
te inutile se non viene utilizzata Control è in grado di offrire una
normali non dovrebbe
in concomitanza con le notifiche “profondità” di utilizzo davvero
interattive di WFC. notevole. Merito certo della stretta esserci necessità di una
integrazione del tool con il fire- connessione inbound, ma
wall dell’OS Microsoft, una “be- un particolare software di
INCOMPATIBILITÀ stia” silente e quasi invisibile ma terze parti potrebbe averne
sempre presente, che un software bisogno per funzionare
specialistico come WFC è in grado correttamente. Una
Windows Firewall Control è un di “addomesticare” quel tanto che popolare darknet basata su
software progettato per agire basta da renderla una guardiana Java (I2P) ha ad esempio
in stretta collaborazione con il preziosa delle nostre attività di questo genere di necessità.
firewall nativo di Windows, e rete – fuori e dentro Internet. •

108 PC Professionale / Gennaio 2019

000_Art_Firewall_334_11p.indd 108 28/12/18 14:42


LEGGE & BIT ● Di Andrea Monti

Amazon “costretta”a diventare operatore


postale. Che significa per l’ecommerce?
L’ingresso di Amazon nel mercato postale è un altro passo verso il monopolio
della vendita a distanza. E tutto a causa dell’AGCOM.

L
o scorso agosto, con il prov- dalla consegna degli acquisti e- consegna, gestione dei resi e del-
vedimento 400/18/CONS commerce. Questo significa che le garanzie – che rende Amazon
l’Autorità per le comunica- ritirare un pacco da un “Locker” (complessivamente intesa) come
zioni ha sanzionato alcune socie- richiede qualche minuto, mentre un interlocutore più interessante
tà che appartengono ad Amazon la stessa operazione eseguita alle di quanto non possa essere Poste
per l’esercizio non autorizzato poste significa fare la fila, aspetta- Italiane. Ovviamente, queste sono
di attività postale. A seguito di re e, soprattutto, essere vincolati soltanto speculazioni perché non
questo provvedimento, Amazon alle rigidità di orario. Anche la ci sono, almeno per ora, indica-
ha richiesto al Ministero dello Svi- gestione lato cliente del rapporto tori che lascino ipotizzare questo
luppo Economico (MISE) – che la con i corrieri privati utilizzati da effetto collaterale della scelta del
ha concessa nel novembre 2018 Amazon è molto più flessibile di MISE. Ma non ci sono nemmeno
– l’autorizzazione a offrire servizi quanto accade con Poste Italiane. elementi per affermare che il MI-
postali. Tradotto: Amazon (o, me- Dunque, dal punto di vista della SE abbia preso in considerazione
glio, le società costituite ad hoc) user experience è chiaro che non c’è questa ipotesi. Il dato di fatto è che
diventa un concorrente diretto di partita. Ma anche dal punto di vista con l’ottenimento di queste auto-
Poste Italiane. dei venditori que- rizzazioni Amazon ha
Il coro unanime dei commenta- sta nuova veste di Ecommerce: quando tutte le carte in regola
tori ha salutato con favore questa Amazon potrebbe a “comandare” per diventare un mono-
notizia, ma non si è accorto di che provocare una per- polista della distribuzio-
cosa significa, effettivamente avere dita di clienti per è chi spedisce ne di beni, sostituendosi
consentito ad Amazon di operare Poste Italiane. e non chi consegna all’ex monopolista che,
direttamente nel mercato posta- Non bisogna di- nonostante gli sforzi, si
le: legittimare – e anzi stimolare menticare, infatti, che Amazon è è dimostrato incapace di reagire
– l’ampliamento della quota di innanzitutto una piattaforma di all’invasione di campo.
e-commerce che passerà sotto il e-commerce e che, quindi, esiste In questo senso, anche la celebra-
controllo diretto della società di una fortissima integrazione fra zione di Poste Italiane dell’obiet-
Jeff Bezos a danno dell’ex mono- processo di vendita e gestione tivo di consegnare 70 milioni di
polista di Stato. Il ragionamento della logistica. In altri termini, pacchi nel 2018 altro non è che
è piuttosto semplice. La logistica dunque, un’azienda che intende l’ulteriore prova di come si sia in-
di Amazon è oggettivamente mi- vendere online può trovare molto vertito il rapporto fra l’operatore
gliore di quella di Poste Italiane. più comodo e vantaggioso rivol- di servizi postali e la piattaforma
Quest’ultima, infatti, non differen- gersi a un fornitore unico sia per di e-commerce. Quando il volume
zia in fase di consegna la gestione l’offerta dei beni al pubblico, sia delle spedizioni raggiunge certe
delle operazioni di cassa (paga- per la loro consegna. Ed è proprio dimensioni, infatti, a “comandare”
mento bollettini ed emolumenti, la sinergia operativa che caratte- è chi spedisce, non chi consegna.
pensioni, operazioni di conto cor- rizza tutte le fasi della vendita – Specie se il primo, volendo, può
rente, spedizioni “tradizionali”) approvvigionamento, stoccaggio, fare tutto da solo.  •

PC Professionale / Gennaio 2019 109

109_Rub_Legge_334.indd 109 27/12/18 18:39


LIBRI del MESE ● Di Federico Vergari

LA MACCHINA DELLA VERITÀ


Come Google e i Big Data ci mostrano chi siamo realmente
La macchina della verità – sotto- Proprio per quest’ultima testata nello specifico si chiama Google.
titolo: come Google e i Big Data quello che abbiamo davanti è “un Nell’era degli algoritmi ogni no-
ci mostrano realmente chi siamo libro che contiene scoperte così stra azione in rete (e quindi ogni
– è arrivato in Italia sul finire interessanti da cui non ci si riu- nostra ricerca) viene tracciata,
del 2018 già con il biglietto da scirebbe a staccare nemmeno se registrata e analizzata per ven-
visita (importantissimo) di libro parlasse della lista della spesa”. derci cose e proporci idee. Google
best seller del New York Times e Il libro parte da un semplice e i social in generale potrebbe-
libro dell’anno per L’Economist. assunto. Quasi tutto quello che ro, in qualunque momento, dirci
sappiamo sulle persone è sba- chi siamo veramente. Ma siamo
gliato o almeno parzialmente davvero pronti e sicuri di volerlo
inesatto, mettiamola così. Per- sapere? Dimmi cosa “googli” e ti
ché? Il motivo è semplice: le dirò chi sei… potremmo sintetiz-
persone mentono. E non è un zare con uno slogan. Suona bene
caso se il libro è uscito negli Stati del resto. A tratti inquietante, ma
Uniti con il titolo di Everybody indubbiamente onesto.
Lies. Cioè tutti mentono. E lo
fanno sempre e comunque: con Il lavoro di Seth Stephens-Da-
amici, parenti, partner e datori di vidowitz dimostra con buone
lavoro. Mentono alle ricerche di idee ed un’ottima traduzione,
mercato, ai sondaggi elettorali e curata da Chiara Veltri, che oggi
al medico, sono pronti a mentire al mondo non esiste nulla che
perfino a sé stessi. possa farci scoprire in maniera
Esiste però un luogo intangibile così profonda ogni sfumatura
quasi extra-dimensionale dove dell’animo umano come la pic-
tutti si sentono completamente cola barra rettangolare che ab-
liberi, dove possono esprimere i biamo – volenti o nolenti – eletto
Autore: Seth Stephens-Davidowitz loro desideri e soddisfare ogni a nostra confidente e alla quale
Editore: Luiss University Press più strana e perversa curiosi- affidiamo le nostre più intime
Pagine: 256 Prezzo: 20 euro tà: questo posto è internet e domande.

110 PC Professionale / Gennaio 2019

110-111_Rub_Libri_334.indd 110 27/12/18 18:37


/ LIBRI / RUBRICHE

SOCIAL FOR GRANNIES


Le feste sono passate e il nuovo introduttiva e una tecnico-esem-
anno è arrivato portando con sé plificativa in cui viene spiegato
la solita voglia di iniziare con dettagliatamente come scrivere e
il piede giusto. Magari con dei inviare un’e-mail o allegare file
nuovi progetti o con dei buoni e immagini e ancora inoltrare o
propositi. E Social grannies che rispondere alle e-mail ricevute,
non è un libro, ma una collana si conclude con un focus che po-
composta per ora da quattro vo- tremmo definire di pubblica utili-
lumi, ha tutte le carte in regola tà sulla difesa dal phishing e dai
per essere il buon proposito per messaggi elettronici fraudolenti.
tutti i lettori curiosi, tecnologici Quello su Skype indica in pochi
Autore: Sara Root
e un filo agée. Quelle proposte passi come chiamare, scambiarsi
dall’autrice Sara Root sono delle messaggi e condividere lo scher-
Editore: Cairo Publishing
mini guide illustrate e di facile mo. WhatsApp invece viene rac- Pagine: 128
consultazione che spiegano a contato spiegando nel dettaglio Prezzo: 10 euro
utenti poco esperti come utiliz- ogni funzionalità; con una parte
zare al meglio Facebook, Gmail, che illustra passo dopo passo
WhatsApp e Skype. I singoli come settare correttamente le le impostazioni della privacy,
manuali raccontano con un lin- diverse impostazioni e si chiude postare foto, video e status,
guaggio semplice e con l’ausilio con un’area dedicata agli appro- commentare e condividere i post
di illustrazioni come utilizzare fondimenti e alle regole del bon altrui e iscriversi e partecipare ai
questi strumenti attraverso le ton di cui tenere conto. gruppi; con un occhio anche in
principali funzionalità e opzioni. Infine il manuale su Facebook questo caso all’“etichetta” per un
Il libro su Gmail dopo una parte spiega ai “nonni” come settare corretto e sano comportamento.

#VR DEVELOPER
Realtà virtuale e realtà aumen- prospettano i numeri di un bu-
tata sono termini di un nuovo siness miliardario, per un vero
paradigma tecnologico, capace e proprio ecosistema di nuove
di immergere le persone in un’e- figure professionali, chiamato
sperienza che va oltre la perce- ad affrontare le sfide della ver-
zione del mondo reale. Dopo i tiginosa crescita di applicazioni
pionieristici tentativi degli scorsi e contenuti digitali richiesti in
decenni, le tecnologie immersive tutti gli ambiti.
sono oggi parte di una rivoluzio- Francesco La Trofa, giornalista
ne capace di ridefinire per molti con un passato nella divulga-
versi il nostro modo di produrre, zione delle tecnologie 3D, scri-
comunicare e vivere. vendo questo libro ci propone Autore: Francesco La Trofa
Di questo si parla in #VR Deve- un viaggio di scoperta, utile a Editore: FrancoAngeli
loper. Interessantissimo a que- definire le competenze tecniche Pagine: 184
sto proposito il capitolo dedicato e creative necessarie per creare Prezzo: 22 euro
all’applicazione di queste tecno- i mondi virtuali e a orientarsi
logie nel cosiddetto mercato della tra le numerose opportunità e
quarta rivoluzione industriale. i rischi tipici di uno scenario di falsi miti e cercando di cogliere
Un contesto dove ci ritroviamo profondo cambiamento. spunti utili a sviluppare una co-
a discutere anche di big data, Attraverso le testimonianze scienza consapevole sugli aspetti
robotica e Internet of Things. dei protagonisti si offre anche più complessi e interdisciplinari
Le previsioni degli analisti un’indagine concreta, sfatando della realtà virtuale.

PC Professionale / Gennaio 2019 111

110-111_Rub_Libri_334.indd 111 27/12/18 18:37


IOT & EDUCATIONAL
Impatto della tecnologia IoT nel mondo dell’istruzione e della didattica
● Di Alberto Ramponi

C
Come abbiamo visto nel- maggior parte delle scuole e in anche utilizzarlo come una la-
le precedenti puntate di tutte le università d’Italia. Inol- vagna classica, ma con la possi-
questa rubrica, l’Internet tre queste tecnologie, oltre all’o- bilità di salvare tutto quello che
of Things sta rapidamente tra- biettivo di migliorare la qualità è stato spiegato e condividerlo
sformando tantissimi aspetti dell’insegnamento e dell’appren- poi con i propri alunni. Dal canto
della nostra vita quotidiana, e dimento, possono anche contri- loro invece gli alunni avranno a
anche se l’istruzione potrebbe buire ad aumentare la sicurez- disposizione, oltre a questi “ap-
non sembrare un’applicazione za, a ridurre il tempo sprecato punti” alla lavagna, una serie
ovvia, in realtà negli ultimi anni in attività inutili ai fini didattici di altre risorse come immagini,
anche la scuola sta vivendo un (come ad esempio fare l’appello), video o quiz di apprendimento,
periodo di cambiamento grazie oppure anche a razionalizzare le il tutto ovviamente in aggiunta ai
soprattutto alla tecnologia IoT. spese, diminuendo gli sprechi e classici libri di testo (in formato
Siamo infatti abituati a conside- distribuendo le risorse dove ce digitale, ça va sans dire). Questo
rare internet solo come quella n’è più bisogno. renderà l’apprendimento por-
rete che ci permette di comunica- tatile e accessibile da qualsiasi
re con altre persone e scambiare Lo scopo fondamentale di ogni luogo, purché fornito di com-
informazioni tramite computer, scuola o università è ovviamente puter o tablet e connessione Wi-
smartphone o tablet, ma grazie l’insegnamento: questo è dun- Fi. Inoltre l’utilizzo di specifi-
allo sviluppo dell’IoT, la quan- que anche il principale campo che applicazioni da parte degli
tità di differenti dispositivi che di applicazione dell’IoT all’edu- studenti permetterà di seguire
si possono connettere è aumen- cazione. Il primo dispositivo IoT la loro curva di apprendimen-
tata esponenzialmente. Inoltre i immesso sul mercato a questo to, in modo da poter fornire un
dispositivi IoT non solo sono in scopo è stata la lavagna multime- ulteriore aiuto, come esercizi o
grado di raccogliere dati grazie diale, che ha sostituito la classica spiegazioni aggiuntive, a chi fa-
ai loro sensori, ma sono anche in lavagna nera con il gesso che tutti tica a interiorizzare i concetti, ma
grado di rielaborarli e di agire in ricordiamo. Questa smart board anche un approfondimento a chi
accordo con essi. In questo modo consiste in pratica in un compu- invece impara rapidamente ed
una smart school, ossia una scuola ter con associato un proiettore, è interessato ad avere maggiori
che utilizza la tecnologia IoT in che però ha la particolarità di informazioni.
tutti i suoi aspetti, è in grado di utilizzare una superficie touch, Un altro aiuto fondamentale che
offrire un’offerta formativa per- in modo tale che l’insegnan- l’IoT può offrire è quello rivolto a
sonalizzata grazie all’utilizzo di te possa scrivere (con le dita o individui con disabilità: in parti-
smart devices connessi alla rete con appositi “pennarelli”) sulle colare è stato studiato un guanto
Wi-Fi, che è già presente nella immagini visualizzate, oppure dotato di particolari sensori che

112 PC Professionale / Gennaio 2019

112-113_Rub_Iot_334.indd 112 28/12/18 11:04


/ IOT / RUBRICHE

Un’altra applicazione dell’IoT


in questo settore può essere
la chiusura automatizzata di
porte e finestre alla fine delle
attività e durante la notte. Per
migliore l’organizzazione del
tempo e lo smistamento degli
studenti inoltre si sta studiando
la possibilità di dotare gli au-
tobus di tracciamento GPS, in
modo tale che gli alunni siano
avvisati tramite una specifica
app quando i mezzi sono nei
paraggi, così da non sprecare
tempo ad attendere lungo la
strada inutilmente (e non senza
qualche pericolo) se l’autobus
è in ritardo.

Parallelamente a tutti questi


Scuole e Università sempre più smart grazie all’IoT: appunti aspetti positivi però l’introdu-
zione della tecnologia IoT nel-
digitali, applicazioni volte al miglioramento dell’apprendimento, le scuole presenta anche degli
sicurezza ed amministrazione più intelligenti ed efficienti svantaggi, principalmente le-
gati ai costi.
Le scuole e università pubbliche
italiane infatti dovrebbero fare
un alto investimento iniziale
permettono di trasformare il sia le presenze in aula (elimi- per trarne poi un vantaggio sul
linguaggio dei segni in testi nando così l’obbligo di perdere lungo periodo, ma purtroppo
scritti o addirittura di pronun- tempo con l’appello o di firmare i finanziamenti pubblici al
ciarlo ad alta voce, permettendo ad ogni lezione), ma anche re- momento non lo permettono,
così ad esempio a una persona gistrare l’accesso in zone dove oppure forniscono soltanto sov-
sordomuta di tenere una con- non è consentito stazionare, venzioni parziali. Chi invece
ferenza che sia fruibile a tutti come ad esempio il tetto o al- potrebbe permettersi queste tec-
e non solo a chi conosce il suo tri luoghi pericolosi. In alcuni nologie è la controparte privata,
linguaggio. Con lo stesso di- prototipi di questo dispositivo acuendo di fatto ancora di più
spositivo poi si può anche im- inoltre è presente il cosiddetto il divario tra queste due realtà.
parare in maniera più efficiente “distress button”, cioè un tasto Lo stesso discorso si può fare
questo particolare linguaggio, che se premuto manda un mes- anche per il singolo studente,
in quanto il guanto è in grado saggio di allarme, ad esempio con evidenti differenze tra chi si
di confrontare i movimenti che in caso di malori improvvisi, può permettere l’ultimo model-
compie l’alunno con uno stan- incendi o addirittura aggres- lo di laptop o tablet e chi invece
dard e aiutarlo così a migliorare sioni, in modo che la scuola e/o si deve accontentate di quelli di
dove è necessario. le autorità possano intervenire fascia medio-bassa, anche se in
in maniera tempestiva evitando questo caso il divario è meno
Nel campo della sicurezza in- guai peggiori. evidente in quanto ormai quasi
vece una smart school potrebbe tutte le famiglie italiane possie-
offrire ad ogni studente una Per quanto riguarda invece dono almeno un computer, che
smart band o un altro device do- il lato amministrativo e or- diventerà sempre più la base di
tato di tecnologia RFID (Radio ganizzativo della scuola, l’in- ogni percorso educativo.
Frequency Identification), per stallazione di dispositivi smart Un altro aspetto negativo di
permettere la localizzazione di permetterebbe ad esempio la queste applicazioni IoT all’i-
ogni alunno in ogni momento regolazione automatica di ri- struzione è il fatto che, non
entro il perimetro della scuola. scaldamenti e/o condizionato- essendoci un brand padrone
Questa tecnologia sfrutta infatti ri, mantenendo sempre la giu- del mercato, esistono tanti di-
le onde radio a corta distanza sta temperatura in ogni aula, e spositivi prodotti da aziende
per trasmettere una breve strin- spegnendo i sistemi dove non diverse, e purtroppo la compa-
ga di informazioni (come nome sono necessari, evitando così gli tibilità tra di essi spesso non è
e cognome dello studente in sprechi adesso così frequenti, ottimale, generando problemi e
questione) a ricevitori vicini, con stanze freddissime d’esta- rallentamenti nello svolgimento
che così potrebbero registrare te e troppo calde d’inverno. delle rispettive funzioni. •

PC Professionale / Gennaio 2019 113

112-113_Rub_Iot_334.indd 113 28/12/18 11:05


RUBRICHE / AUTOMOTIVE /

● Di Luca Zucconi

LA TECNOLOGIA CHE RENDE IL DIESEL


PULITO E A BASSO COSTO
Motori a combustione che, grazie ad un’intelligenza artificiale, sono già pronti
in termini di consumi e benefici, rispetto al limite fissato nel 2020.

“I
l diesel ha un futuro”. Con il rispetto delle omologazioni l’aria di nuova generazione e un
queste parole Volkmar vengono eseguite delle prove, sistema di gestione della tempe-
Denner, CEO del Board of che possono variare a seconda ratura intelligente.
Management di Bosch, in occasio- dello standard e di conseguenza Ma come funziona questa tecnolo-
ne della presentazione dei dati di dei paesi che attuano i relativi gia? Innanzitutto si deve premet-
bilancio della società, ha voluto standard. Il test usato in origine tere che i fattori che influenzano
introdurre una nuova tecnologia si chiama NEDC (New Europe- le emissioni di ossidi di azoto di
che applicata ai motori a com- an Driving Cicle), test che è sta- un motore diesel sono principal-
bustione di ultima generazione to sostituito il 1 settembre 2018 mente due, lo stile di guida e il
ha fatto registrare emissioni di dal WTLP (Procedura di prova per fattore temperatura. Per il primo
ossidi di azoto record, inferiori veicoli leggeri armonizzata a livello Bosch ha messo in campo un siste-
ai valori limite attuali e a quel- mondiale) e affianca- ma dell’aria altamente
li che entreranno in vigore nel to dal test RDE (Real Questa tecnologia reattivo: quanto più lo
2020, anche per quanto concerne Driving Emissions). stile di guida è dina-
le emissioni reali di guida (Real La nuova tecnologia
potrà essere una mico, tanto più lo deve
Driving Emissions). La legislatura diesel già oggi per- dotazione di serie essere il ricircolo dei
europea richiede che le emissioni mette di raggiun- entro due/tre anni gas di scarico e questo
per i nuovi veicoli non superino gere emissioni per è reso possibile grazie
singolarmente un valore di cir- chilometro pari a un a turbocompressori che
ca 168 milligrammi di NOx per decimo inferiore rispetti ai limiti hanno una reazione estremamente
km su percorso misto urbano, che entreranno in vigore nel 2020 rapida. In aggiunta, grazie a una
extraurbano e autostradale. (13 milligrammi per km percorso). efficiente combinazione tra gas di
Però dal prossimo 2020, salvo Questo sia nei percorsi urbani che scarico ad alta e bassa pressione,
cambiamenti, tale limite diven- extraurbani grazie a una combina- il sistema così realizzato permette
terà più stringente. Per certificare zione di una avanzata tecnologia e consente al guidatore di poter
i valori di emissioni e accertare di iniezione con un sistema per partire rapidamente senza far

114 PC Professionale / Gennaio 2019

114-115_Rub_Automotive_334.indd 114 28/12/18 13:56


/ AUTOMOTIVE / RUBRICHE

Fino a quando i
propulsori elettrici
non conquisteranno
il mercato di
massa, il motore
diesel giocherà un
ruolo fondamentale
e sarà necessario
sviluppare motori
a combustione
altamente efficienti.

di traffico, indipendentemente dovuto alla nuova combinazione


dallo stile di guida. Ovviamente degli elementi già esistenti. Que-
come sempre accade con tutte sto si traduce in un vantaggio sia
le nuove tecnologie, per quanto economico che di time to market.
innovative e futuristiche, vanno La tecnologia presentata potrà es-
contestualizzate all’interno di un sere una dotazione di serie entro
processo industriale per capire due/tre anni. Questo non è cer-
quanto possono essere realiz- tamente il punto di arrivo ma di
zabili e concrete sul campo. La partenza o comunque una tappa
nuova tecnologia diesel si basa fondamentale nello sviluppo di un
registrare una forte crescita delle principalmente su componenti motore a combustione che produ-
emissioni. Per quanto riguarda il già disponibili e collaudati che ca emissioni di CO2 nell’atmosfera
secondo fattore, la temperatura, possono già essere introdotti circostante pressoché pari a zero:
in generale per una conversione nei diversi processi industriali. l’obiettivo dichiarato è che i moto-
ottimale degli NOx è necessario Non sono necessari componenti ri diesel e benzina del futuro non
che i gas di scarico superino i 200 hardware e supplementari ed è dovranno più emettere quantità
°C, temperatura che si raggiunge applicabile fin da subito ai vei- significative di particolato e ossidi
con difficoltà specialmente negli coli già esistenti. Il progresso è di azoto nell’atmosfera. •
spostamenti urbani dove la guida
è caratterizzata, a causa delle code,
da fermate e ripartenze moltepli-
ci durante le quali l’impianto si
raffredda. La nuova tecnologia
applicata ai motori diesel è prov-
vista di un sistema che gestisce
indipendentemente e attivamente
la temperatura dei gas così che
l’impianto rimane già abbastan-
za caldo da poter lavorare in un
intervallo di temperatura stabile,
mantenendo basse le emissioni. In Test con apparecchiature
questo modo le emissioni riman- di misurazione mobili
gono sotto ai valori limite su qual- in un percorso impegnativo
siasi percorso, in qualunque con- dal punto di vista tecnico
dizione atmosferica e situazione nel traffico cittadino a Stoccarda.

PC Professionale / Gennaio 2019 115

114-115_Rub_Automotive_334.indd 115 28/12/18 13:56


RUBRICHE / RETROCOMPUTING /
● A cura di Vintage Computer Club Italia

NeXT
NASCE IL NUOVO AUDACE
COMPUTER DI STEVE JOBS
1988: tre anni dopo aver lasciato Apple, Steve Jobs presenta il NeXT Computer.
Hardware raffinato e software rivoluzionario. Ecco il futuro, 30 anni prima.

D
urante un colloquio con il
premio Nobel Paul Berg, che
stava cercando di sequenzia-
re il genoma umano, Jobs intuì che
poteva esserci una nicchia di mer-
cato per una potente workstation
per l’ambito accademico. Dopo mesi
di conflitti interni, nel 1985 Steve
rassegnò le dimissioni annunciando
ad Apple che avrebbe fondato una
nuova società per la produzione di
workstation, che non sarebbe stata in
concorrenza con il mercato di riferi-
mento della Mela. Un certo numero
di dipendenti Apple lo seguirono
nella nuova azienda denominata
“Next Inc.”. Dopo una lunga fase
di progettazione, finalmente Il 12
ottobre 1988 NeXT presentò il suo Il NeXT Cube non passava
primo prodotto: NeXT Computer, che inosservato in un mondo
univa in modo innovativo design e di PC dal beige dilagante.
potenza di calcolo. Basata sul pro-
cessore Motorola 68030 a 25 MHz,
affiancato dal nuovo chip DSP Mo-
torola 56001, la macchina era rivolta
principalmente al mercato univer-
sitario e professionale, con un costo dati previsto. Il disco avviabile da macchine meno espandibili e meno
iniziale di 6.500 dollari. 256 megabyte conteneva il sistema costose, nel 1990, NeXT introdusse
La progettazione del “Cube” fu operativo, tutto il software e tutti workstation più compatte e veloci,
affidata ad Hartmut Esslinger, il i dati degli utenti. Una scelta mol- basate sul Motorola 68040 a 25 MHz.
geniale progettista di Frog Design to ambiziosa e idealmente pratica: Chiamate informalmente “slab” per
che delineò le linee guida del design semplicemente espellendo il disco enfatizzarne la differenza con il “cu-
Apple degli anni ‘80 e dei sistemi e riutilizzandolo a casa, a scuola, be”, la NeXTstation disponeva di un
Sun SPARC tra gli anni ‘80 e i primi o ovunque ci fosse stato un NeXT display in bianco e nero mentre la
anni ‘90. La nuova workstation non Computer, l’utente avrebbe avuto NeXTstation Color poteva visualiz-
passava inosservata: all’interno di tutti i propri dati a portata di mano, zare 4.096 colori da una tavolozza
un cubo nero opaco, in magnesio pronti per essere utilizzati. La scheda di 16 milioni. Le nuove workstation
pressofuso, erano presenti gli slot madre, interamente assemblata con potevano essere posizionate sotto
di espansione e il primo sistema un processo automatizzato inedito il NeXT MegaPixel Display senza
magneto-ottico (MO) riscrivibile per l’epoca, era progettata in maniera impegnare ulteriore spazio sulla scri-
per la memorizzazione dei dati. pulita ed elegante e integrava tutto vania. Nonostante le caratteristiche
Il computer non conteneva unità il necessario per il funzionamento tecniche fossero superiori a quelle di
floppy o disco rigido: l’unità MO del computer. un Macintosh della stessa categoria,
Canon con cartuccia dati rimovibile Per rispondere alla domanda la dotazione di base era decisamente
era l’unico sistema di archiviazione del mercato, interessato anche a sottodimensionata per un utilizzo

116 PC Professionale / Gennaio 2018

116-117_Rub_Retroc_334.indd 116 28/12/18 15:53


/ RETROCOMPUTING / RUBRICHE

ottimale. Basti pensare che con il disco Rispetto ai contemporanei, sembrava Workstation venne riprogettata con
rigido di serie da 105 MB all’utente ri- realmente provenire dal futuro. Sotto due PowerPC 601s. Le schede madri
manevano circa 30 MB liberi. La versio- una veste elegante si nascondeva una e i case del computer arrivarono alla
ne completa del sistema era disponibile architettura object-oriented, un set di fase di pre-produzione, ma a causa del
solo acquistando la configurazione con strumenti di sviluppo molto moderni forte ritardo di Motorola nella realiz-
il disco rigido da 340 MB (2.000 dollari e un linguaggio di programmazione, zazione dei PowerPC, la NeXT RISC
in più!) o collegando un disco rigido Objective-C, allora sconosciuto pio- Workstation non riuscì a entrare in
esterno SCSI di terze parti. A causa del niere della programmazione a og- produzione prima che NeXT abban-
limitato spazio su disco, per migliorare getti. Accanto al sistema operativo, donasse la produzione di hardware
le prestazioni delle workstation in con- le principali applicazioni preinstallate nel 1993. NeXT cambiò nome in NeXT
figurazione base, NeXT consigliava di erano Mail, un client di posta con ri- Software Inc. concentrandosi esclusi-
utilizzare le NeXTstation come client voluzionarie capacità multimediali, vamente sullo sviluppo del sistema
di un network, oppure di dotarle di WriteNow, un completo programma operativo NeXTSTEP. Già alla fine del
un disco rigido esterno più capiente. di videoscrittura e soprattutto Ma- 1991 aveva avviato il porting del siste-
Venne presentata anche NeXTdimen- thematica, a sottolineare la vocazione ma su computer IBM compatibili basa-
sion, una potente scheda video speci- scientifica. ti su Cpu Intel, con il preciso intento di
fica per i Cube, con gestione del colore Intorno al 1991 NeXT sviluppò un concentrare le strategie aziendali verso
a 32 bit. Nel 1992 furono introdotte le prototipo di NeXTstation basato ini- lo sviluppo software. A metà del 1993
NeXTstation Turbo e Turbo Color, este- zialmente sul chip Motorola 88110 a il prodotto era completo e NeXTSTEP
ticamente identiche alle precedenti, 40 MHz, la cui commercializzazio- 3.1 fu rilasciato. A cavallo tra 1994 e
equipaggiate con un processore a 33 ne era prevista per l’inizio del 1992. 1995 venne rilasciata l’ultima versio-
MHz e i moderni moduli Ram a 72 pin, Questa nuova workstation avrebbe ne (3.3) che supportava ufficialmente
che consentivano espansione fino a 128 avuto il triplo di potenza rispetto non solo i processori della famiglia
MB. Vennero presentati anche tastiera ad un Cube, più Ram e capacità di Motorola 68K, ma anche Intel x86, Sun
e mouse a standard ADB (compatibili storage, ma sarebbe stata venduta Sparc e HP PA-Risc. Nei primi mesi del
con hardware Apple), una stampante allo stesso prezzo delle NeXTstation 1996 venne rilasciato OPENSTEP 4.0.
A3 a colori a getto d’inchiostro e un 68040/25. A un certo punto divenne Il sistema operativo era maturo ed af-
drive Cd-Rom esterno, rimuovendo evidente che Motorola fosse in diffi- fidabile: Apple, in crisi con il progetto
dal Cube l’ormai obsoleto disco MO. coltà nello sviluppo di versioni più Copland che avrebbe dovuto sostituire
Il NeXT Computer aveva una dota- veloci del processore 68040, mentre le il vecchio Mac OS, siglò un accordo
zione software notevole e soprattutto concorrenti delle workstation NeXT con Steve Jobs per l’acquisizione di
un sistema operativo rivoluzionario stavano diventando sempre più ve- NeXT per 427 milioni di dollari. Come
chiamato NeXTSTEP. Basato su Unix loci grazie alla loro capacità di calcolo parte di questo accordo, Steve Jobs tor-
e un kernel Mach, forniva multita- basato su RISC. A causa della sfiducia nò in veste di consulente per la società
sking reale e una interfaccia avanza- di NeXT nell’impegno di Motorola da lui fondata 20 anni prima.
tissima con motore grafico Postscript. verso l’architettura 88k, la NeXT RISC Dopo l’acquisizione, Apple svilup-
pò Rhapsody, una rielaborazione di
OPENSTEP per Mach con un look
stile Mac OS 8 ereditato dal defunto
progetto Copland. In breve furono ri-
lasciate due developer preview e nel
1999 venne finalmente pubblicato Mac
OS X Server 1.0. Il resto è storia: il re-
centissimo macOS Mojave che equi-
paggia i Mac moderni è diretto erede
di NeXTSTEP. Ancora più pervasiva è
l’eredità su iOS: con il lancio dell’App
Store, nel 2008, centinaia di migliaia di
sviluppatori abbracciarono la nuova
piattaforma mobile, studiando un lin-
guaggio strano e per la maggior parte
mai visto prima, Objective-C. NeXT
è stata protagonista anche di un’altra
rivoluzione planetaria: nel 1989, al
CERN di Ginevra, Tim Berners-Lee
scrisse il primo browser e il primo ser-
ver http per il nascituro World Wide
Web proprio su un NeXT Computer,
grazie agli avanzatissimi sistemi di
La modernissima interfaccia di NeXTSTEP, con motore grafico Postscript, sviluppo a disposizione.
nasconde facilmente i suoi 30 anni di vita.  Luciano Dadda e Stefano Sanna

PC Professionale / Gennaio 2018 117

116-117_Rub_Retroc_334.indd 117 28/12/18 15:53


@ Per i vostri quesiti tecnici scrivete a > rubrica.posta@pcprofessionale.eu
A QUESTO INDIRIZZO DI POSTA ELETTRONICA RISPONDIAMO ESCLUSIVAMENTE A QUESITI TECNICI RELATIVI A PROBLEMI HARDWARE E SOFTWARE

POSTA
HARDWARE
A cura di Gianluca Marcoccia

Portatile Ultrabook
e l’aggiornamento
a Windows 10
A volte la durata della batteria e il peso
contenuto hanno effetti avversi sulle
prestazioni complessive del computer.
Vi scrivo per un problema
che sto avendo con il mio
HP Probook 450 G2. La
configurazione hardware è
processore Intel Core i5-5200U L’HP ProBook 450
con grafica integrata Intel G2 si distingue per
HD Graphics 5500, 4 Gbyte di elevate capacità
Ram Ddr-3, hard disk Toshiba di espansione
MQ01ABF050 da 500 Gbyte che consentono
e unità ottica Dvd-Rw HP di ottimizzarne le
SU208GB. Il sistema operativo prestazioni, anche
fornito preinstallato in origine in abbinamento
era Windows 8.1 Pro a 64 bit a Windows 10.
che è poi stato aggiornato a
Windows 10 Pro, sempre a
64 bit. Proprio quest’ultima
operazione di aggiornamento
del sistema operativo ha creato
le difficoltà per le quali chiedo Il problema diventa ancor volta distribuiti da Microsoft
il vostro aiuto. più evidente se si utilizza ma siamo ormai alla versione
In pratica con il nuovo qualsiasi software che 1803 senza miglioramenti
sistema operativo il computer richieda la grafica 3D. Anche sostanziali. Sto valutando
è diventato lentissimo. A il videogioco più semplice la possibilità di tornare a
volte sono necessari quasi 10 richiede più di un minuto per Windows 8.1 ma non so se la
minuti solo per raggiungere il il caricamento e risulta poi mia licenza sia ancora valida
Desktop e anche per il lancio lentissimo nell’esecuzione. dopo la conversione a Windows
di qualsiasi applicazione, tra il Nella speranza che si trattasse 10. Esiste un modo per
doppio clic e la visualizzazione di un problema di giovinezza migliorare le prestazioni senza
della finestra del programma, del nuovo sistema operativo, tornare al sistema operativo
passano da una decina di ho aspettato e installato tutti precedente?
secondi a quasi un minuto. gli aggiornamenti di volta in Lettera firmata, via Internet

118 PC Professionale / Gennaio 2019

118-127_Rub_Posta_334.indd 118 28/12/18 14:02


/ POSTA / RUBRICHE

L’HP ProBook 450 G2 è un por- moduli (e non aggiungere sempli-


tatile UltraBook di fascia alta ma, cemente un modulo al precedente) PROTEZIONE
per contenere il costo di acquisto
abbastanza elevato, ne sono state
per motivi di compatibilità. Infatti
due moduli Sodimm identici ga-
ANTI-FULMINE
commercializzate alcune versioni rantiscono la piena affidabilità e E AVVIO
“barebone” che riducono al mini-
mo le dotazioni hardware. In par-
funzioneranno con le impostazio-
ni di latenza ottimali. Inoltre due
DEL COMPUTER
ticolare la Cpu Intel Core i5-5200U moduli identici consentiranno di
è in grado di fornire buone presta- attivare la modalità dual-channel Pochi giorni fa il mio
zioni ma richiede memorie Ram per l’accesso alla memoria Allo Pc ha scaricato l’ultimo
adeguate. Purtroppo il modello di stesso modo consigliamo di ag- aggiornamento di Windows 10
ProBook 450 G2 in possesso del giungere un’unità Ssd nello slot alla versione 1803. Il sistema
lettore è stato equipaggiato con un M.2. Questa interfaccia è di tipo sembra funzionare in maniera
solo modulo Sodimm Ddr-3L da 2242 (42 millimetri di lunghezza) ottimale ma si è presentato un
4 GB. Inoltre l’hard disk Toshiba e purtroppo la maggior parte dei piccolo inconveniente. Ora il
MQ01ABF050, con il suo spessore produttori non fornisce unità Ssd Pc si avvia da solo non appena
di soli 7 mm, è un componente a per questo fattore di forma ma accendo la presa multipla alla
fattore di forma ridotto, il cui sco- esistono comunque delle possi- quale è collegato il cavo di
po è offrire la massima capacità di bilità come, ad esempio, il Tran- alimentazione. Ho fatto qualche
memorizzazione con un ingombro scend TS128GMTS400 da 128 GB. tentativo ma non sono riuscito
minimo all’interno del case. Si trat- Una volta installata sarà possibi- a trovare una soluzione che mi
ta però di una scelta progettuale le trasferire il sistema operativo permetta di ripristinare l’avvio
che lo rende più adatto come me- dall’hard disk Toshiba e impostare soltanto premendo il tasto
moria di archiviazione che come il Bios in modo che avvii Windows accensione del Pc. Il mio Pc
unità di avvio del sistema opera- da questa. Una volta accertato il è basato sul processore Intel
tivo, in particolare con Windows corretto funzionamento, sarà Core i7-860, scheda madre
10 che ormai dà praticamente per possibile formattare l’hard disk e Thunderbird All-in-one che
scontato che nella configurazione dedicarlo esclusivamente ai dati. comprende anche l’adattatore
sia presente una unità Ssd. Per le operazioni di trasferimen- grafico con memoria condivisa.
Possiamo comunque rassicurare to del sistema operativo si potrà Mi sapete suggerire come
il nostro lettore, nonostante il suo utilizzare utility apposite come risolvere l’inconveniente?
hardware non sia ottimizzato per Paragon Migrate Os oppure Ma- Carlo Cicciotti, via Internet
il più recente sistema operativo di crium Reflect, disponibile anche
Microsoft, il ProBook 450 G2 offre in versione gratuita. A parte alcuni casi particolari,
possibilità di espansione sufficien- Con gli attuali prezzi delle me- il comportamento descritto dal
ti per ottenere un livello di pre- morie flash è possibile anche la lettore è gestito da una impo-
stazioni adeguato. In particolare sostituzione dell’hard disk Toshiba stazione nel Bios della scheda
il portatile ha a disposizione due con una unità Ssd ma in questo madre. Accedete quindi ai me-
alloggiamenti per memorie So- caso accertatevi che le dimensioni nu del Bios premendo l’apposita
dimm Ddr-3L (a basso consumo, siano compatibili con lo spazio a combinazione di tasti durante
1,35 volt) e uno slot M.2 per una disposizione. Inoltre, se si sceglie la diagnostica iniziale, consul-
unità Ssd. Sarà quindi possibile questa linea di azione, si avrà biso- tate la sezione Power-on Options
sostituire il modulo Sodimm da gno di una docking station o di un e individuate l’opzione relativa
4 GB fornito di serie con un kit di adattatore Usb per le operazioni alla gestione delle interruzioni
due moduli da 4 GB (per un totale di trasferimento del sistema ope- di corrente. Il nome di questa
di 8 GB) oppure da 8 GB (per un rativo. La nuova configurazione opzione varia da un Bios all’al-
totale di 16 GB). Nonostante il por- hardware, con unità Ssd di avvio tra e può essere etichettata After
tatile supporti fino a 16 GB di Ram, e memoria in dual-channel, sarà Power Loss oppure Restore on AC
una espansione di questo tipo pare sicuramente in grado di eseguire Power Loss o altre diciture simi-
superflua a meno non si utilizzino Windows 10 con il livello di pre- li. Infatti, dal punto di vista del
applicativi per la virtualizzazione stazioni che è lecito attendersi da computer, l’utilizzo di un circuito
o per l’editing video Hd/4K. È una Cpu come il Core i5-5200U di esclusione come l’interruttore
preferibile installare due nuovi di cui è dotato il ProBook 450 G2. presente su alcune prese multiple

L'interruttore posto su alcune prese


multiple protegge dagli sbalzi di
tensione ma può creare anche
qualche piccolo problema…

PC Professionale / Gennaio 2019 119

118-127_Rub_Posta_334.indd 119 28/12/18 14:02


RUBRICHE / POSTA /

è interpretato, di fatto, come una password. Dopodiché ho Se si desidera utilizzare altri


interruzione di corrente elettrica. attivato l’hotspot Wi-Fi e lo servizi come il tethering è ne-
Se si desidera che il computer smartphone mi ha segnala cessario impostare un altro Apn
inizi il caricamento del sistema con l’icona in alto che la dedicato a questo scopo. Entrate
operativo solo alla pressione connessione era attiva. Quindi quindi nel menu Impostazioni di
del pulsante di accensione sarà con il tablet ho selezionato la Android, entrate nella sezione
necessario disabilitare l’avvio rete creata dallo smartphone Altro e al suo interno fate clic
automatico dopo interruzione e ho inserito la relativa su Reti cellulari. Qui troverete le
di corrente. Impostate quindi la password. I due dispositivi impostazioni relative agli Apn.
relativa opzione su Off. Salvate si sono collegati ma, come Fate clic sul punto di accesso at-
le modifiche alle impostazioni spiegato, non si riesce a tualmente attivo (se avete usato
del Bios. A partire dal succes- navigare sul tablet. Ho visitato lo stesso smartphone con altri
sivo spegnimento il computer alcuni siti per nei quali ho gestori accertatevi che sia quello
non dovrebbe più riavviarsi trovato molte persone con relativo a ho-Mobile) e inserite i
automaticamente. il mio stesso problema ma seguenti parametri:
nessuna soluzione pratica.
Come fare per ottenere Nome connessione: ho-mobile
HO-MOBILE il collegamento da me Apn: internet.ho-mobile.it

E LA FUNZIONE desiderato?
Ettore Corbetta, via Internet
Nome utente: (vuoto)
Password: (vuoto)
TETHERING Tipo Mvno: IMSI
Il tethering è una funzione dello
smartphone che consente la con- Uscendo dalla pagina le nuove
Ho sottoscritto l’offerta divisione della connessione dati impostazioni risulteranno atti-
dell’operatore ho-Mobile con altri dispositivi mediante la ve. Comunque, per sicurezza,
che mette a disposizione 30 creazione di un hotspot Wi-Fi. riavviate il cellulare e verificate
Gbyte di traffico a un prezzo Nelle condizioni contrattuali di se la funzionalità tethering è ora
interessante. In seguito alcuni gestori telefonici questa operativa. In caso contrario tor-
ho acquistato un tablet possibilità è preclusa e l’unico nate nella sezione precedente e
Huawei Mediapad T5-10WiFi traffico dati ammesso è quello aggiungete i parametri:
per poterlo utilizzare in originato direttamente dallo
abbinamento allo smartphone smartphone. Fortunatamente ho- Mcc: 222
(un Nokia 8 Sirocco) quando Mobile non adotta restrizioni di Mnc: 10
non sono a casa. Ho seguito questo tipo e saranno sufficienti Tipo Apn: dun
tutte le istruzioni sia di Nokia alcune modifiche alla configura- Protocollo Apn: IPv4/IPv6
sia di Huawei per collegarli tra zione predefinita per ottenere lo Protocollo roaming: IPv4/IPv6
loro senza risultato, il tablet scopo desiderato. Al momento Valore Mvno: x
indica connesso ma assenza del primo utilizzo della connes-
di Internet. La procedura che sione ho-Mobile sono caricati i Salvate le nuove impostazioni
ho seguito è la seguente: nello parametri per l’instradamento e, dopo aver riavviato il cellu-
smartphone sono entrato in del traffico dati e, in particolare, lare, verificate nuovamente la
Hotspot Wi-Fi e Tethering, l’Apn (Access Point Name). L’Apn funzionalità del tethering. Se la
ho configurato l’hotspot, ho predefinito di ho-Mobile è però connessione non è ancora attiva
impostato sicurezza Wpa2 riservato esclusivamente alla na- rientrate nella pagina e modifi-
Psk e infine ho inserito la vigazione tramite smartphone. cate come segue:

ho-Mobile consente
il tethering ma solo
tramite un Apn
appositamente dedicato
a questo scopo.

120 PC Professionale / Gennaio 2019

118-127_Rub_Posta_334.indd 120 28/12/18 14:02


/ POSTA / RUBRICHE

Tipo Apn: default, sup, dun Spesso nei


Tipo Mvno: Gid convertibili il lettore
Valore Mnvo: 20 di schede Sd viene
utilizzato come
Queste impostazioni potrebbero principale dispositivo
essere necessarie in particolare di archiviazione.
per i cellulari dual-sim. Se anche
dopo questa impostazio-
ne il tethering non
è operativo è
probabile
che siano
stati mo-
dificati alcuni
parametri interni di
Android e sarà necessario
accedere al cellulare in modali-
tà Developer per ripristinare le
impostazioni corrette. Sarà pos-
sibile individuare la procedura Il problema descritto dal lettore questo malfunzionamento sem-
da seguire cercando “settings get è stato segnalato più volte nei fo- bra essere il carico di lavoro: al-
global tether_dun_required” con rum dedicati al supporto tecnico cune memory card funzionano
qualsiasi motore di ricerca. per i prodotti Lenovo. Nonostan- correttamente se utilizzate per
te nessuna delle soluzioni propo- accessi sporadici o comunque
ste finora abbia risolto del tutto limitati nel tempo. Possono in-
LENOVO IDEATAB il malfunzionamento sono state vece diventare inaccessibili se il
MIIX 3 E LA proposte alcune procedure che
sembrano mitigare il problema.
flusso di dati richiesto e la mole
di lavoro diventa più intensa.
DISCONNESSIONE In particolare i tecnici di Lenovo Nell’eseguire le prove di compa-
DELLE MEMORY suggeriscono di installare il dri-
ver Intel Trusted Execution Engine
tibilità accertatevi quindi di sot-
toporre a test la scheda Sd nelle
CARD Interface reperibile all’indirizzo condizioni adeguate a rendere
https://pcsupport.lenovo.com/it/it/ evidenti eventuali problemi di
products/tablets/miix-series/miix- interoperabilità.
Sono un possessore del 3-1030-tablet-lenovo/downloads/
Lenovo Ideatab Miix 3-1030 ds101477. Il pacchetto reperibi- PERIFERICHE
aggiornato all’ultima versione
di Windows 10. È da diverso
le in questa pagina è dichiarato
compatibile con Windows 8.1
SERIAL ATA
tempo che la scheda Sd su cui ma, secondo quanto riportato nel E LENTEZZA
ho tutti i dati si scollega come
se avessi usato la funzione di
forum, sarebbe installabile anche
nei tablet Ideatab Miix 3-1030
DI AVVIO
Rimozione sicura dell’hardware equipaggiati con Windows 10.
e ciò avviene anche mentre Per alcuni utenti questa opera- Il mio computer è basato
ci sto scrivendo sopra! zione si è rivelata risolutiva. sulla scheda madre Gigabyte
Scollegando e ricollegando la In altri casi il malfunzionamento GA-G41-Combo, processore
memory card, essa torna a sembrerebbe dovuto a un pro- Intel Core 2 Duo E6700 e 4
essere rilevata correttamente, blema di interoperabilità tra Gbyte di Ram. Fanno parte
lo stesso avviene anche se alcuni modelli di memory card della configurazione una
riavviando il computer. È e il lettore integrato nel tablet. unità Ssd Patriot Pyro da
come se la scheda Sd andasse Altri utenti sono infatti riusciti 64 Gbyte, hard disk Western
in modalità di risparmio a ripristinare il normale funzio- Digital Caviar Black da 1
energetico, anche mentre namento sostituendo la scheda Tbyte e masterizzatore Asus
si sta lavorando e senza Sd con una di altro produttore. DRW-2014S1T, tutti connessi
più modo di riattivarla. In Purtroppo il problema non sem- al controller integrato nel
Internet ho trovato molti che bra limitato alle memory card South Bridge del chipset
hanno lo stesso problema ma più economiche, in quanto al- Intel. Il sistema operativo
nessuno ha trovato un modo cuni utenti hanno confermato installato è Ubuntu/Linux
di aggirare il problema. Avete le difficoltà anche con schede 16.04 LTS. Il problema per il
un’idea da che cosa possa Sd di alcuni dei brand più pre- quale chiedo il vostro aiuto
essere dato e come risolverlo? stigiosi. Un altro fattore che è che il suddetto computer
Andrea Saporito, via Internet avrebbe una certa influenza in al momento dell’accensione

PC Professionale / Gennaio 2019 121

118-127_Rub_Posta_334.indd 121 28/12/18 14:02


RUBRICHE / POSTA /

(o del riavvio) impiega quasi


cinque minuti per completare
il caricamento del sistema
operativo. La maggior parte di
questo ritardo è dovuta al fatto
che il Bios rimane bloccato
al momento di rilevare le
periferiche connesse al
controller Serial Ata. Un’altra
stranezza è che, anche una
volta caricato Ubuntu/Linux,
il led di attività dell’hard disk
posto sul case del computer
rimane costantemente
accesso, come se l’unità
Ssd o l’hard disk fossero
continuamente utilizzate. Le grado di leggere i parametri sua sostituzione in modo da ri-
suddette memorie di massa S.M.A.R.T. standard anche dal- pristinare la piena affidabilità
sono comunque disponibili e le altre periferiche. Escludendo della configurazione hardware.
il loro contenuto è accessibile quindi le due memorie di massa,
senza problemi di alcun tipo. il problema può dipendere dai ANCORA SU
Il computer in questione è
usato solo per la gestione di
cavi di collegamento, che non
assicurano una trasmissione af-
AVVIO LENTO DEL
alcuni servizi di rete e quindi fidabile costringendo a ripetere LAPTOP HP CON
con un carico di lavoro molto
limitato. Pensando che il
il trasferimento dati, oppure dal
masterizzatore Asus.
WINDOWS 10
problema potesse dipendere Il primo tentativo consisterà
dall’hard disk o dall’unità quindi nel sostituire i cavi Se- Il nostro lettore Franco Visentin ci
Ssd ho eseguito una serie rial Ata utilizzati per il collega- segnala che il driver ufficiale più
di test diagnostici con il mento di hard disk, unità Ssd e recente per la scheda AMD Rade-
software Western Digital Data masterizzatore. Accertatevi di on HD 7430M è la versione 15.7.1
LifeGuard che però non ha utilizzare cavi di buona qualità e che un altro accorgimento utile
evidenziato problemi. Potete certificati per l’utilizzo con peri- per la risoluzione del problema
indicarmi quali possono essere feriche Serial Ata 3.0 (a 6 Gbit/s) consiste nel disabilitare la funzio-
le cause di questo strano e della lunghezza minima ne- nalità Ulps (Ultra Low Power State,
comportamento? cessaria. Ricordiamo infatti che una particolare modalità di rispar-
Lettera firmata, via Internet lo standard prevede che i cavi mio energetico) tramite il Registro
possano avere una lunghezza di configurazione. Questa procedu-
Il fatto che il led di attività ri- compresa tra 30 centimetri e 1 ra sembra essere utile in particola-
manga costantemente acceso metro. Se la sostituzione dei cavi re nei sistemi che adottano schede
anche in assenza di accessi alle non risolvesse il problema, pro- grafiche in modalità Crossfire. In
memorie di massa farebbe pen- vate a scollegare una per volta questa configurazione la funzione
sare a qualche errore che ob- le tre periferiche Serial Ata e ve- di risparmio energetico disabilita
bliga il controller a ripetere il rificate dopo ogni rimozione se la seconda scheda grafica quando
trasferimento dei dati attraverso viene ripristinata la il suo utilizzo non
l’interfaccia Serial Ata. Siccome normale velocità di I cavi Serial Ata possono è richiesto ma ciò
le memorie di massa hanno pas- avvio del computer. essere lunghi da 30 può causare pro-
sato i test mediante il software Per questa verifica
diagnostico possiamo escludere consigliamo di ini-
centimetri a 1 metro, blemi con l’over-
clocking o con
danni alla superficie dei piat- ziare dal masteriz- meglio se certificati particolari video-
telli magnetici dell’hard disk. zatore, in quanto Serial Ata 3.0 giochi. Per disabi-
Allo stesso modo, se vi fosse un principale indizia- litare l’Ulps aprite
problema con la memoria flash to. È infatti possibile
(a 6 Gbit/s) l’editor del Regi-
dell’unità Ssd il malfunziona- che un laser in via di stro e eseguite una
mento sarebbe comunque stato esaurimento provochi dei ral- ricerca del valore EnableULPS, fate
evidenziato dalla funzionalità lentamenti tentando ripetuta- doppio clic su questa etichetta e
S.M.A.R.T. del Bios oppure dallo mente di rilevare l’inserimento cambiatene il valore a 0. Chiu-
strumento diagnostico di We- di un supporto ottico. Una volta dendo l’editor la nuova imposta-
stern Digital che, pur essendo individuato il dispositivo che zione verrà applicata al Registro.
dedicato ai dispositivi di que- sta causando il malfunziona- Riavviate il computer per rendere
sto produttore, è comunque in mento si potrà procedere alla effettive le modifiche.

122 PC Professionale / Gennaio 2019

118-127_Rub_Posta_334.indd 122 28/12/18 14:02


/ POSTA / RUBRICHE

POSTA
SOFTWARE
A cura di Gianluca Marcoccia

Video compromettenti e riscatti in Bitcoin


Gli hacker studiano nuovi modi per rendere più credibili le loro minacce.
E le informazioni trafugate dai servizi online vengono in loro aiuto...
Avevo letto sulle pagine di PC dal sito in questione. Cosa mi riprese con questo dispositivo,
Professionale della pratica di conviene fare? È veramente riuscire a inviare all’esterno lo
chiedere riscatti in Bitcoin in inutile fare una denuncia alla streaming in questione è una
cambio della non diffusione di Polizia Postale come indicato cosa molto più complicata. Sia
video compromettenti ripresi nella mail? perché la maggior parte degli
dalla webcam del proprio Pc. Giuliano Nepitello, via Internet utenti è dotata di connessioni
Mi è appena arrivata una asimmetriche, ovvero con una
mail di questo tipo, non mi Come abbiamo segnalato più linea in uscita di capacità limitata
preoccupo di eventuali video, volte, chiedere riscatti via e-mail rispetto a quella in ingresso, e
ma quello che mi inquieta è una pratica sempre più diffu- quindi una attività del genere
è che nella mail è riportata, sa. A volte per riavere accesso ai occuperebbe una parte rilevante
a riprova dell’accesso al propri dati personali, a volte in della banda totale a disposizione.
computer, una mia password. cambio della non divulgazione Sia perché, prima di acquisire
Forse è indicativo il fatto che di materiale compromettente. materiale compromettente che
sia una password di accesso Ci sono però una serie di fattori ci riguarda, dovrebbero registra-
a un sito che non riesco più che riducono la probabilità che re (e poi visionare) centinaia di
a usare. Non è importante gli hacker possano fare ciò che ore di filmati. La probabilità che
perché non ho materiale millantano. Un primo fattore gli hacker abbiano il tempo (e
privato o dati identificativi su è l’accesso alla webcam: nono- lo spazio di archiviazione) per
di esso, ma ora ho il dubbio se stante sia vero che alcuni caval- mettere in atto questa operazione
abbiano realmente inserito un li di Troia attivino la webcam e nei confronti di centinaia (o mi-
keylogger nel mio Pc o la fuga riproducano sullo schermo del gliaia) di utenti per poi ricattarne
di informazioni sia originata computer locale le immagini alcuni è scarsamente realizzabile.

PC Professionale / Gennaio 2019 123

118-127_Rub_Posta_334.indd 123 28/12/18 14:02


RUBRICHE / POSTA /

È più semplice inviare una e-mail Le richieste di


minatoria a un gran numero di riscatto via e-mail
persone e fare affidamento sul sono sempre più
fatto che la maggioranza degli frequenti e il
utenti abbia qualcosa da nascon- pagamento del
dere. Ricordiamo infatti che, vi- riscatto porta solo
sta l’entità degli importi richiesti, a accrescere la
basta che anche poche persone diffusione di questo
paghino il riscatto per mettere
fenomeno.
insieme cifre ragguardevoli.
Il fatto che nella mail venga ri-
portata una propria password è
una delle tecniche per rendere
più credibile la minaccia. Come
conseguenza dei problemi di si-
curezza di cui sono stati oggetto
negli ultimi anni alcuni dei gi- se gli hacker fossero davvero in file. Viene richiesta la conferma
ganti del web (tra cui Dropbox, possesso dei nostri dati perso- solo per quelle operazioni che
LinkedIn, Yahoo! e altri ancora), nali il pagamento di un riscatto comportano la rimozione defini-
gli hacker hanno acquisito enor- non li porterebbe certamente tiva del materiale. Ad esempio,
mi archivi di password che sono a cancellare questo materiale. lo svuotamento del Cestino com-
ora oggetto di scambio nel dark Anzi, un eventuale pagamento porta l’eliminazione definitiva
web tra le bande di pirati infor- garantirebbe solo di essere nuo- del suo contenuto e sarà quindi
matici. Ciò, unito al fatto che l’u- vamente oggetto di richieste in oggetto di conferma, allo stesso
tilizzo della stessa password per futuro. L’unico modo per inter- modo la cancellazione immedia-
diversi siti è una pratica molto rompere questo circolo vizioso ta con il tasto Shift. Al contrario
diffusa e che nella maggior parte è denunciare l’accaduto e avere lo spostamento di un file all’in-
dei casi l’identificativo di utente fiducia nelle autorità competenti. terno del Cestino, dal quale sarà
è l’indirizzo e-mail, consente agli ancora possibile recuperarlo, vie-
hacker di provare ad accedere ne eseguita direttamente senza
ai principali servizi online fino WINDOWS 10 ulteriori avvisi.
a trovarne uno al quale siamo
effettivamente iscritti. A quel
E LA CONFERMA Si tratta comunque di una mo-
difica rispetto al comportamento
punto è facile comprometterlo DI RIMOZIONE FILE dei sistemi operativi precedenti
per poi inviarci la mail minatoria. che non è stata accettata di buon
È per questo motivo che, quando grado da una parte degli utenti e,
un sito web ci segnala un proble- Dopo aver ripristinato come riportato dal nostro lettore,
ma nella sicurezza, è fondamen- Windows 10 Pro a 64 bit con esiste la possibilità di ripristinare
tale cambiare immediatamente un’installazione pulita, mi il comportamento precedente.
le credenziali di accesso anche sono trovato con un problema Per le normali operazioni di
di tutti gli altri servizi che con- ovvero se cancello un file dal cancellazione che avvengono sul
dividono la stessa password. E Desktop non mi viene chiesta computer locale, sarà sufficiente
meglio ancora sarebbe utilizzare la conferma prima di procedere fare clic con il tasto destro del
password differenziate per i vari all’eliminazione del file. Con mouse sull’icona del Cestino e
siti, prevenendo così l’hackerag- un po’ di sforzo ho trovato
gio incrociato. la relativa casella di spunta
Un altro metodo che può essere nelle Proprietà del Cestino, ma
utile a capire se siamo oggetto anche con questa impostazione
di una minaccia personale o so- la richiesta di conferma non
lo parte di un invio massivo è viene visualizzata in tutti i
dato dall’indirizzo Btc per il pa- casi. Sarà colpa di OneDrive,
gamento del riscatto. Copiando di sincronizzazioni varie o
questa stringa in un motore di nella gestione delle cartelle c’è
ricerca si potranno trovare fa- qualche altra impostazione che
cilmente informazioni relative ho trascurato?
al ricatto di cui siamo oggetto Lettera firmata, via Internet
ed eventualmente condividere
la propria esperienza con gli al- Dapprima con Windows 8, e suc-
tri utenti che sono nelle stesse cessivamente con Windows 10,
condizioni. è stata adottata una nuova pro-
Una considerazione finale: anche cedura per la cancellazione dei

124 PC Professionale / Gennaio 2019

118-127_Rub_Posta_334.indd 124 28/12/18 14:02


/ POSTA / RUBRICHE

accedere alle Proprietà dal menu una casella di spunta che consente necessario riavviare il sistema
contestuale. Qui troverete la ca- di escludere eventuali visualiz- operativo per rendere effettive
sella per richiedere la conferma zazioni successive. Se l’utente ha le nuove impostazioni. Grazie a
di cancellazione, mettete il segno selezionato questa opzione, anche questo parametro il nostro lettore
di spunta e applicate le modifiche. una sola volta, la rimozione dei potrà gestire liberamente le con-
Da questo momento anche le ri- file avverrà direttamente, senza ferme anche per i dispositivi di
mozioni non distruttive dovranno ulteriori avvisi. Per ripristinare archiviazione cloud.
essere confermate. il funzionamento precedente è
Per i contenuti archiviati sui ser- necessario accedere al Registro WINDOWS 10
vizi cloud sono necessari accor-
gimenti aggiuntivi. Grazie alla
di configurazione, raggiungere la
posizione HKEY_CURRENT_
E LE RICERCHE
sempre più stretta U S E R \ S o f t w a re \ PER DATA
integrazione con Windows visualizza Microsoft\Windows\
l’interfaccia grafi- le risorse cloud sotto CurrentVersion\Explo-
ca di Windows, le rer\SyncRootManager, Con il passaggio a Windows
cartelle remote so- forma di cartelle locali qui troverete il valore 10 non so più come fare
no visualizzate in ma la loro gestione Donotshowagain (se le ricerche dei file come
maniera analoga a risponde a regole non fosse presente facevo con i sistemi operativi
quelle locali ma si provvedete a crearlo precedenti. Poiché non mi
tratta, di fatto, di specifiche assegnandogli il tipo sono mai piaciuti i backup
oggetti del tutto Dword). Se a questa omnicomprensivi io ho sempre
diversi. È quindi normale che le etichetta è assegnato il valore 0 preferito copiare i file nuovi
procedure di archiviazione, ma viene richiesta conferma, in caso (o modificati) facendo una
anche di eliminazione, richiedano contrario l’operazione richiesta ricerca in base al periodo
procedure specifiche. In particola- viene eseguita direttamente. temporale, alle dimensioni ed
re è prevista una richiesta di con- Ricordiamo che chiudendo l’e- eventualmente alla tipologia,
ferma per la cancellazione dei file ditor del registro le modifiche ma con Windows 10 non
ma, in questa finestra, è presente diventano permanenti e che sarà riesco più a ottenere lo stesso
risultato. Potete spiegarmi
come fare?
Nicola Faccioli, via Internet

Con il passare del tempo la fun-


zione di ricerca del File Explorer
di Windows è diventata sempre
più complicata. In Windows XP
era sufficiente visualizzare il se-
lettore a calendario, impostare le
date richieste e avviare la ricerca.
Con Vista e Windows 7 per otte-
nere lo stesso scopo era necessa-
rio dapprima commutare il File
Explorer in modalità avanzata
premendo F3. Con questa opera-
Windows 8 e 10 chiedono conferma solo per le rimozioni definitive dei file. È zione era possibile visualizzare
però possibile ripristinare il comportamento precedente con alcune impostazioni.

PC Professionale / Gennaio 2019 125

118-127_Rub_Posta_334.indd 125 28/12/18 14:02


RUBRICHE / POSTA /

della mia rete tramite Esplora


In Windows 10
risorse. Tutti questi dispositivi
per eseguire una
sono misteriosamente
ricerca relative a scomparsi. Continuo a rilevare
un intervallo di le stampanti ma non le unità
date è talvolta di archiviazione. La rete
preferibile digitarle funziona correttamente perché
manualmente posso stampare e fare i backup
invece di utilizzare dei vari Pc via rete sul Nas
il selettore a ma il problema è che non
calendario. riesco più a fare operazioni
di copia e trasferimento file
da un computer all’altro. Da
quanto ho potuto constatare in
Internet sono molti gli utenti
con lo stesso problema. Per
ora riesco a vedere i Pc in
modo provvisorio col comando
tasto Win+R \\IndirizzoIp del
le funzionalità aggiuntive, tra le computer ma il problema
quali anche la ricerca per data con datacreazione: giorno/mese/ rimane perché ogni volta devo
l’usuale selettore a calendario. anno .. giorno/mese/anno digitare il comando, mentre
In Windows 10 le cose si sono invece io vorrei accedere ai Pc
complicate ulteriormente: ora è Prestate particolare attenzione ai in rete in maniera automatica
necessario dapprima accedere due punti (due volte punto) tra come prima. Spero in un vostro
alla sezione di ricerca nel ribbon le due date, in quanto è questo aiuto per risolvere il problema.
del File Explorer, quindi fare clic separatore che indica che si sta M.G., via Internet
sull’icona delle date di modifica. cercando un intervallo. La stessa
Qui sono disponibili alcune delle operazione può essere eseguita A partire dalla versione 1803
ricerche più comuni come oggi, per i file modificati in un certo (April 2018 Update) di Windows
ieri, questa settimana, settimana intervallo di tempo con 10 Microsoft ha modificato alcu-
scorsa, questo mese, mese scorso, ne caratteristiche della condivi-
questo anno, anno scorso. Selezio- ultimamodifica: giorno/ sione file e in particolare è stata
nando una di queste opzioni la mese/anno .. giorno/mese/ rimossa la possibilità di creare un
relativa stringa sarà visualizzata anno
nel campo di ricerca in alto a si-
nistra, sotto il menu ribbon. Se vi La data può essere scritta anche
serve una ricerca più specifica, a in formati diversi dal numerico,
questo punto fare clic su questa come ad esempio 12-mag, se non
stringa e sarà visualizzato un se- viene specificato si intende l’an-
lettore calendario. Per selezionare no corrente. Purtroppo questa
un intervallo fate clic sulla data procedura è meno user-friendly
iniziale e poi trascinate il mouse di quanto avveniva con i sistemi
fino alla data finale. Questa opera- operativi precedenti ma, una vol-
zione è abbastanza semplice se le ta che ci si prende la mano non
due date fanno parte dello stesso è difficile ottenere il risultato
mese. Se invece l’intervallo è tra desiderato.
mesi diversi selezionate la prima
data, quindi passate all’altro mese APRIL 2018
desiderato e qui fate nuovamente
clic sull’altra data tenendo pre-
UPDATE
muto il tasto Shift. Così facendo E LA
il selettore calendario capirà che
volete indicare un intervallo.
CONDIVISIONE
Ma, per avere un controllo più DEI FILE
diretto, è preferibile digitare diret-
tamente nella casella di ricerca le
apposite stringhe. Ad esempio se Da qualche giorno, immagino Con la versione 1803 (April 2018 Update) di
desiderate cercare i file che sono a seguito di aggiornamenti Windows 10 Microsoft cerca di convincere
stati creati in un certo intervallo automatici di Windows 10, non sempre più utenti a utilizzare i propri servizi
di date digitate riesco più a vedere i Pc e il Nas cloud al posto del protocollo Smb/Cifs.

126 PC Professionale / Gennaio 2019

118-127_Rub_Posta_334.indd 126 28/12/18 18:35


/ POSTA / RUBRICHE

gruppo casalingo per i computer consentono di ottenere un fun- la scelta premendo Ok. Riav-
che partecipano alla rete loca- zionamento analogo a quanto viate il computer e verificate
le. In passato questa possibilità avveniva in precedenza. se la funzionalità delle risorse
consentiva di condividere i file Agite come segue: condivise sia stata ripristinata.
direttamente senza la necessi- ➜1 premete la combinazione di Tenete presente che, a volte, per
tà di complicate impostazioni tasti Win+R e nella finestra che l’aggiornamento dei dispositivi
preliminari, in quanto ai compu- apparirà digitate Services.msc della rete locale possono essere
ter che fanno parte dello stesso seguito da Invio, necessari anche una decina di
gruppo sono applicate politiche ➜2 nell’applet di gestione dei minuti. In alternativa è possibile
di sicurezza meno restrittive. Servizi scorrete la lista fino a resettare manualmente tutte le
La partecipazione a uno stesso individuare la voce Pubblica- risorse di rete in modo da eli-
gruppo consentiva, inoltre, di zione risorse per individuazione, minare eventuali configurazioni
ottenere l’acces- fate doppio clic per (errate) preesistenti.
so senza il biso- Sarà più sicuro salvare aprire le sue pro- Agite come segue:
gno di utilizzare sul cloud o in un Nas prietà e impostate la ➜1 aprite una interfaccia a li-
ogni volta l’Unc modalità di avvio a nea di comando con i diritti di
(Universal Na- sulla rete locale? Automatico, Amministratore e digitate in
ming Convention) Ai posteri ➜3 premete il pul- sequenza:
ovvero il percor- l’ardua sentenza… sante per avviare il
so completo che servizio. Da questo netsh winsock reset
indica l’oggetto momento i computer netsh int ip reset
di condivisione comprendente in condivisione sulla rete locale ipconfig /release
l’host name e lo share a cui ap- dovrebbero nuovamente essere ipconfig /renew
partiene. È proprio questa mo- visualizzati nelle Risorse di rete. ipconfig /flushdns
difica a creare l’effetto descritto Se dopo questa operazione i
dal lettore, ovvero che i vari di- computer rimangono invisibili attendete una decina di secondi
spositivi che partecipano alla rete è possibile che il problema sia tra un comando e l’altro in modo
locale sembrano essere invisibili dovuto alla disabilitazione della da lasciare il tempo necessario a
l’uno all’altro. vecchia versione del protocollo reinizializzare i componenti di
Microsoft ha giustificato questa Smb. gestione della rete locale.
nuova scelta progettuale con il Entrate quindi nel Pannello di Se anche dopo questa operazione
fatto che ormai gli utenti dovreb- controllo e accedete a Program- l’impossibilità di visualizzare i
bero utilizzare la condivisione mi e funzionalità, qui fate clic su partecipanti alla rete persistesse
tramite cloud invece di affidarsi Attivazione o disattivazione delle è possibile che essa sia ricondu-
a tecniche “meno sicure” come funzionalità di Windows (vi sa- cibile a un driver che non è più
il protocollo Smb. Dall’altro lato, ranno richiesti i diritti di Am- in grado di funzionare corretta-
invece, molti utenti si sentono ministratore). Scorrete la lista che mente con la versione 1803 di
“più sicuri” ad avere i propri file apparirà fino a individuare la Windows. Entrate quindi nella
su un dispositivo locale piutto- voce Supporto per condivisione file Gestione Dispositivi e verificate
sto che appoggiarli su qualche Smb 1.0/Cifs, espandete la voce e che gli adattatori di rete siano
impalpabile nuvola (ma, come potrete selezionare quale delle tutti attivi e funzionanti, even-
sempre, si tratta di punti di vi- due funzionalità vi sia necessa- tualmente scaricate le ultime
sta!). Esistono comunque delle ria, Client o Server. Mettete il versioni dei driver e procedete
impostazioni alternative che segno di spunta e confermate all’aggiornamento. •

www.pcprofessionale.it
Un sito ricco di notizie, recensioni, prove e tutorial
realizzati in esclusiva dalla nostra redazione
PC Professionale / Gennaio 2019 127

118-127_Rub_Posta_334.indd 127 28/12/18 14:03


HACKS Di Dario Orlandi, ha collaborato Alfonso Maruccia

SISTEMI OPERATIVI
modalità a contrasto elevato ha schemi di contrasto elevato alter-
1 effetto si potrà godere di un testo
più leggibile – una manna so-
nativi con testo chiaro di colore
giallo o testo verde, entrambe su
prattutto per chi ha problemi con sfondo scuro. La selezione dei
LA MODALITÀ gli schemi di colore tradizionali. temi per il contrasto elevato è
A CONTRASTO Il contrasto elevato tende a ini-
bire la normale visualizzazione
disponibile accedendo alla app
Impostazioni, selezionando Ac-
ELEVATO delle immagini selezionate come cessibilità e infine Contrasto Ele-
sfondo del desktop. vato nel menu sulla sinistra. In
In Windows 10, una volta attiva- alternativa si può utilizzare il
L’onnipresenza degli schermi in ta la modalità a contrasto elevato collegamento ms-settings:easeof-
casa, in viaggio o sul luogo di si può anche selezionare un tema access-highcontrast e confermare
lavoro ha favorito il proliferare di diverso da quello base, utilizzan- l’apertura dell’app Impostazioni
schemi di lettura alternativi, mo- do ad esempio una combinazio- per automatizzare il tutto.
dalità notturne o temi scuri pen- ne di colori con sfondo nero e Qualora si volesse tornare alla
sati per migliorare l’accessibilità testo bianco – non molto diffe- modalità di visualizzazione a
ai contenuti (prevalentemente in rente da un tema scuro ideale contrasto normale, infine, ba-
formato testuale) riducendo allo per le sessioni notturne – o due sterà premere ancora una volta
stesso tempo la fatica e lo stress
imposti ad occhi costantemente
focalizzati sullo schermo di un
Pc o un gadget digitale.
Una delle opzioni degli strumen-
1
ti di accessibilità di Windows è
la modalità a contrasto elevato,
uno schema di visualizzazione
che secondo Microsoft consente
di migliorare la leggibilità dello
schermo applicando una com-
binazione di colori speciale. Il
contrasto elevato è facilmente ac-
cessibile premendo la combina-
zione di tasti Alt sinistro+Maiusc
sinistro+Stamp, confermando
quindi la scelta premendo il pul-
sante Si nella finestra di confer-
ma visualizzata di seguito.
Alla prima abilitazione della
modalità a contrasto elevato,
Windows cercherà di applicare
il tema Bianco a contrasto elevato
a tutte le finestre e applicazioni
aperte – anche quelle di terze
parti. Il risultato non è sempre
garantito, ma nei casi in cui la

128 PC Professionale / Gennaio 2019

128-137_Rub_Hacks_334.indd 128 27/12/18 17:53


/ HACKS / RUBRICHE

CAMBIARE
L’IMMAGINE DELL’UTENTE
IN WINDOWS 10
C
ome tutti i sistemi operativi moderni, Windows
10 permette di scegliere un’immagine
personalizzata per abbellire l’account
dell’utente collegato al sistema. L’immagine viene
utilizzata per identificare l’account durante il login,
A
nel Menu Start e in tutte quelle occasioni in cui è
necessario visualizzare o gestire il profilo. Se abbiamo
scelto di effettuare l’accesso al sistema tramite un
account Microsoft preesistente, l’immagine del profilo
utente sarà presumibilmente recuperata dall’account
del servizio. In caso contrario, si può accedere alla
pagina di personalizzazione dell’account aprendo le
Impostazioni, scegliendo Account e infine Le tue info
(figura A). Questa pagina consente di assegnare
un’immagine al proprio profilo, scegliendo tra uno
scatto fotografico con la fotocamera (o la webcam)
eventualmente collegata al sistema e l’opzione B
Selezionane una per la navigazione tra i contenuti
locali. Una volta individuata l’immagine giusta si
può procedere alla selezione per impostare la nuova
immagine dell’account.
Windows gestirà in totale autonomia il ritaglio
dell’immagine, per cui è bene preparare in anticipo
il ritratto ideale per ottimizzarne l’aspetto. Le
immagini usate da Windows 10 per l’ID utente sono
quadrate e hanno il lato di 448 pixel (figura B). La
schermata delle Informazioni sull’account visualizza
sempre le ultime tre immagini usate dall’utente, e
si può cambiare velocemente l’immagine del profilo
scegliendo tra queste tre miniature (figura C).
Indipendentemente dalle tre immagini attualmente C
visualizzate, però, Windows archivia tutte le immagini
di profilo usate in precedenza in una cartella dedicata.
Per cancellare le immagini non più utilizzate, occorre
prima di tutto accedere alla cartella aprendo una
finestra di Esplora File (per esempio con la scorciatoia
da tastiera Windows+E), e digitare il percorso
%AppData%\ Microsoft\Windows\AccountPictures nella
barra degli indirizzi in alto (figura D).
Una volta aperta la cartella, si potranno eliminare
tutte le immagini usate per l’account in tempi meno
D
recenti. Da questa cartella si può inoltre selezionare
direttamente una nuova (vecchia) immagine di
profilo facendo doppio clic sull’avatar desiderato e
infine facendo clic sul pulsante Cambia nella finestra
di conferma (figura E); gli effetti della modifica
sono immediati. E
PC Professionale / Gennaio 2019 129

128-137_Rub_Hacks_334.indd 129 27/12/18 17:53


RUBRICHE / HACKS /

2
la combinazione di tasti Alt di sistema. Il momento della senza reinstallazione da zero
sinistro+Maiusc sinistro+Stamp sincronizzazione tra la distri- di Windows 10 si chiude in
per abbandonare la modalità a buzione di una versione stabile genere molto presto, visto che
contrasto elevato. Anche in que- di Windows 10 e una build per gli sviluppatori di Microsoft
sto caso, comunque, gli effetti Insider coincide con l’arrivo di sono costantemente al lavoro
del passaggio tra i due schemi un nuovo feature update del si- e una nuova build provviso-
di colore potrebbe lasciare qual- stema operativo, momento che ria della futura major release
che scoria o difetto di visualiz- si è verificato a metà novem- del sistema operativo (nel caso
zazione tra le applicazioni e le bre con la pubblicazione della specifico denominata 19H1) è
finestre attive al momento. versione finale di Windows 10 arrivata nei canali più veloci
October 2018 Update. del programma Insider dopo
Grazie all’arrivo di Windows 10 circa 10 giorni dal rilascio della
2 1809, per la seconda volta nel
2018 gli abbonati a un canale
versione definitiva.
Qualora si volesse procedere
Insider possono installare l’ul- per la strada inversa, ovvero ri-
ABBANDONARE tima build disponibile, bloccare abbonarsi al programma Insider
IL PROGRAMMA l’installazione di nuove build
provvisorie (da Impostazioni/
o partecipare per la prima volta
a questo sistema di beta testing
WINDOWS Aggiornamento e sicurezza/ pubblico gratuito e assoluta-
INSIDER Programma Windows Insider) e
godere dei vantaggi derivanti
mente vantaggioso per Micro-
soft, si può sempre registrare un
dall’utilizzo di una versione nuovo account (a partire da un
Il programma Windows Insider stabile – o quantomeno non account Microsoft già esisten-
permette a utenti e sviluppatori provvisoria – dell’ultimo si- te) e ripristinare l’installazione
di dare un’occhiata ravvicina- stema operativo di Microsoft. delle build provvisorie tramite
ta al futuro di Windows 10, La finestra di opportunità Windows Update dal pannello
testando le versioni di antepri- per l’abbandono indolore e delle Impostazioni.
ma compilate e distribuite da
Microsoft con una frequenza
proporzionale alla velocità dei
diversi canali di distribuzione 3
disponibili (Skip Ahead, Fast,
Slow e Release Candidate). Una
volta entrati nel programma In-
sider è difficile uscirne senza
ripartire da zero, ma almeno
due volte all’anno le stelle si
allineano, per così dire, e ai par-
tecipanti a Insider è concessa la
facoltà di tornare alle release
stabili di Windows senza do-
ver ricorrere a misure drastiche
come la formattazione del disco

130 PC Professionale / Gennaio 2019

128-137_Rub_Hacks_334.indd 130 27/12/18 17:53


/ HACKS / RUBRICHE

3
CARTELLE
DI APP IN GNOME
Una delle funzioni meno note
dell’ambiente Gnome è quella

APPLICAZIONI
che consente di organizzare le
applicazioni in cartelle, in ma-
niera analoga a quanto accade
nei principali sistemi operativi
dedicati ai dispositivi mobile.
La strada più semplice per ot- l’indirizzo da accorciare nell’ap-
tenere questo risultato è utiliz-
zare il tool Gnome Software,
1 posito form per ottenere un link
breve. Una soluzione alternativa
disponibile in quasi tutte le è quella di salvare il seguente
distribuzioni basate sull’am- FIREFOX codice JavaScript come segnali-
biente Gnome: l’eccezione più ACCORCIARE bro nella barra del browser, così
significativa è rappresentata da
Ubuntu, che ha sostituito l’ap- GLI INDIRIZZI da poter creare link brevi senza
bisogno di visitare la homepage
plicazione con Ubuntu Software DALLA BARRA di TinyURL:
Center. Anche questo program-
ma offre le funzioni desiderate;
DEI SEGNALIBRI javascript:void(location.
quindi le istruzioni riportate qui href=’http://tinyurl.com/
di seguito si applicano (sia pure create.php?url=’+encodeURICompo
con qualche piccola differenza) Anche se prestano il fianco a qual- nent(location.href))
anche alla distribuzione curata che problema di sicurezza, i servizi
da Canonical. Scopriamo i pas- di abbreviazione degli indirizzi (o In seguito, il preferito così salvato
saggi da compiere. Url shortening in inglese) continua- (e contenente il codice javascript
Aprite il menu principale pre- no ad avere una notevole utilità nello spazio generalmente dedi-
mendo il tasto Windows sulla quando si tratta di gestire, condivi- cato al link remoto) potrà essere
tastiera e digitate Gnome Soft- dere o archiviare i collegamenti più usato a come un pulsante per ac-
ware (o Ubuntu Software) nella lunghi. TinyURL.com è da sempre corciare i link: basterà un clic sul
casella di ricerca. Passate alla uno dei servizi più popolari in que- preferito per trasformare la pagina
scheda Installato, fate clic sul se- sto settore; sfruttando il giusto co- Web attualmente visualizzata in un
gno di spunta in alto a destra dice JavaScript si può aumentarne link breve con prefisso tinyurl.com.
nella finestra e scorrete l’elenco in maniera considerevole l’utilità Il link in oggetto è stato testato e
selezionando le applicazioni da nella creazione veloce di link brevi. verificato con diverse versioni di
includere alla cartella. Una volta La procedura standard per l’ab- Mozilla Firefox e dovrebbe funzio-
completata la selezione fate clic breviazione dei collegamenti nare su qualsiasi altro browser che
sul pulsante Aggiungi alla cartel- prevede infatti che l’utente visiti supporti la creazione di segnalibri
la, in basso a sinistra, e poi sul la pagina del servizio e inserisca contenenti codice JavaScript.
pulsante + se volete creare una
nuova cartella. In alternativa
potete anche scegliere dall’e-
lenco una delle cartelle già pre- 1
senti nel sistema per includervi
le nuove applicazioni spuntate.
Le cartelle così create saranno
disponibili all’interno del dash
(l’elenco delle applicazioni ri-
chiamabile premendo il tasto
Windows): è molto semplice
organizzare la lista dei software
e delle utility installate per ga-
rantire una migliore leggibilità
e semplificare l’individuazione
dei programmi cercati.

PC Professionale / Gennaio 2019 131

128-137_Rub_Hacks_334.indd 131 27/12/18 17:53


RUBRICHE / HACKS /

improvvisamente nel nulla. dell’Internet Archive, l’imman-


2 Esistono però varie soluzioni cabile cache di Google ma anche
capaci di ripristinare l’accesso molte altre piattaforme che of-
a molte delle pagine Web finite frono istantanee del Web passato
CHROME, OPERA E FIREFOX offline per chissà quale moti- – o non più accessibile – come
APRIRE vo. Uno degli strumenti più Bing, Yandex, Archive.is, WebCi-

LE PAGINE WEB completi e potenti in tal senso


è l’oggetto di questa guida e si
te, Baidu, Never Cache, Yahoo!
Japan Cache, Megalodon e altre.
IRRAGGIUNGIBILI chiama View Page Archive & Accedendo alle impostazioni di
Cache (Vpac in breve). Vpac (tramite la pagina degli
Vpac è un’esten- add-on di Firefox)
Chi naviga sul Web con frequen- sione per browser Ggli archivi online si possono attiva-
za quotidiana dà quasi per scon- open source pro- permettono spesso re o disattivare i
tato che i siti risultino accessibili gettata per facili- servizi disponibi-
in maniera permanente; oggi tare il recupero di di recuperare i li per il recupero
come tra uno o dieci anni. In pagine Web pre- contenuti delle pagine delle pagine Web
realtà si tratta solo di un’illu- senti nelle cache non più disponibili inaccessibili, mo-
sione: i server su cui vivono i o negli archivi di dificare il compor-
siti Web che frequentiamo tutti Rete; supporta un gran nume- tamento dell’icona nella toolbar
i giorni vengono prima o poi ro di servizi di archiviazione del browser o del menu conte-
spenti, l’abbonamento all’host esterni e può essere utilizzata stuale, abilitare o disabilitare
di un servizio che ci era parti- su Chrome, Opera oppure Fire- l’apertura di una copia cache
colarmente utile non viene più fox. La versione analizzata fa in una nuova scheda. Anche se
rinnovato e le pagine che prima riferimento proprio al browser i risultati delle ricerche nelle
sembravano eterne spariscono di Mozilla, ma l’esperienza di cache di Rete non sono sempre
utilizzo delle altre release è in perfetti, View Page Archive &
gran parte analoga. Cache è un tool estremamente
Una volta installata l’estensione prezioso per chi naviga sul Web:
partendo dalla pagina ufficiale l’estensione non può mancare
dell’archivio di add-on per Fi- nell’installazione degli utenti
refox, Vpac diviene immediata- evoluti di Mozilla Firefox e degli
mente utilizzabile; facendo clic altri browser supportati.
sull’icona del tool in alto a de-
stra, nella barra degli strumen-
ti, si può selezionare uno dei
servizi di cache o archiviazione
3
supportati: con un clic su uno
dei servizi, Vpac recupererà la WORD
copia cache della pagina attiva INSERIRE
e la aprirà in una nuova scheda.
Selezionando All Search Engines VELOCEMENTE
il tool aprirà tante copie cache UN ELENCO
– e quindi altrettante nuove
schede – quanti sono i servizi at-
tualmente impostati dall’utente. Oltre a offrire scorciatoie da
L’icona a forma di cuore serve a tastiera in grado di rendere il
supportare il progetto con una lavoro di modifica o inserimen-
donazione, mentre quella a in- to del testo più agevole, Word
granaggio può essere utilizzata è anche in grado di anticipare
per aggiungere un servizio di le mosse dell’utente quando si
archiviazione con relativo indi- tratta di creare elenchi puntati
rizzo personalizzato. L’apertura o numerati. Un modo per ri-
di una pagina su un servizio di sparmiare tempo prezioso da
archiviazione è poi disponibile dedicare alla fase creativa vera e
anche tramite il menu conte- propria. Per velocizzare l’inizio
stuale, raggiungibile facendo di un elenco puntato, occorre
clic con il pulsante destro del iniziare la digitazione con un
mouse su un link. asterisco (*) seguito da uno spa-
Parlando di servizi di archi- zio e poi dal testo della prima
viazione e cache Web, Vpac voce dell’elenco. Premendo il
2 supporta la Wayback Machine tasto Invio, Word lo trasformerà

132 PC Professionale / Gennaio 2019

128-137_Rub_Hacks_334.indd 132 27/12/18 17:53


/ HACKS / RUBRICHE

POWERPOINT 2019

ANIMAZIONI EVOLUTE CON MORPHING


U
na delle novità principali inserite nella versione 2019
di PowerPoint (e nelle successive build dedicate agli
abbonati Office 365) è la transizione Morphing, uno
strumento molto evoluto che consente di ottenere in maniera
rapida effetti di movimento e animazione un tempo impensabili.
L’abbinamento ideale per questa nuova transizione sono gli
oggetti 3D, una nuova tipologia di contenuto supportato dalle
ultime release del programma. Scopriamo come abbinare
queste due novità per ottenere risultati di grande impatto. Per

A
mettere all’opera le nuove funzioni creeremo una semplice
presentazione che illustrerà i componenti principali di un
notebook. Per cominciare aprite PowerPoint e create una
nuova presentazione. Passate alla scheda Inserisci e fate clic
sul pulsante Modelli 3D, nella sezione Illustrazioni. Cercate un
modello di notebook che possa piacervi e importatelo con un clic
su Inserisci. In alternativa potete anche utilizzare un browser e
individuare il modello su uno degli archivi online disponibili (per
esempio Remix 3D); scaricatelo in locale e salvatelo in formato
Glb (figura A); molte operazioni di conversione, modifica e
salvataggio in locale possono essere affidate a Paint 3D, un tool
gratuito inserito da Microsoft nella dotazione di Windows 10
ormai da qualche tempo. Se avete salvato il modello in locale,
B
importatelo in PowerPoint facendo clic sulla freccia verso il
basso accanto al pulsante Modelli 3D e selezionando la voce Da
un file nel menu a discesa (figura B).
Duplicate più volte la diapositiva appena creata per creare i
diversi passaggi della sequenza, facendo clic destro sulla sua
miniatura nell’elenco di sinistra e selezionando la voce Duplica
diapositiva nel menu contestuale (figura C). Individuate
poi le varie caratteristiche da evidenziare: per esempio la
C
tastiera, le porte Usb, il pulsante di accensione e così via. In
ogni diapositiva ruotate e zoomate la vista sul modello 3D per
portare in primo piano l’elemento da mostrare. Per controllare
nel dettaglio la posizione e l’orientamento del modello fate
doppio clic sull’immagine: si aprirà una scheda contestuale
dedicata alla manipolazione degli oggetti 3D (figura D). Una
volta individuati tutti i particolari da mostrare, non resta
che applicare la transizione Morphing; selezionate tutte le
D
diapositive della sequenza (per esempio tenendo premuto il
tasto Maiusc e facendo clic sulle relative miniature nell’elenco
di sinistra), passate alla scheda Transizioni nella barra
multifunzione e selezionate la voce Morphing nella palette
(figura E). Per verificare il risultato passate alla scheda
Presentazione e fate partire la sequenza con un clic sul pulsante
Dall’inizio, nella sezione Avvia presentazione: le animazioni
cattureranno sicuramente l’attenzione del pubblico.
E
PC Professionale / Gennaio 2019 133

128-137_Rub_Hacks_334.indd 133 27/12/18 17:53


RUBRICHE / HACKS /

INTERNET
1 verificare la sicurezza e premere
il pulsante Check. Il tool control-
lerà la presenza delle informa-
VERIFICARE zioni nella banca dati di Melani
e – nella migliore delle ipotesi
LA VIOLAZIONE – comunicherà all’utente che le
DEGLI ACCOUNT credenziali inserite non risultano
compromesse.
Una delle caratteristiche più
La Centrale d’annuncio e d’ana- interessanti del Check Tool,
lisi per la sicurezza dell’informa- che per esempio lo differenzia
zione della Confederazione Sviz- dal servizio Have I Been Pwned
zera (meglio nota come Melani) (utilizzato anche da Firefox

3 mette a disposizione degli utenti


di tutto il mondo uno strumento
Monitor), è la procedura per il
trattamento dei dati: l’organiz-
Web con cui controllare l’integri- zazione svizzera trasforma le
tà delle proprie credenziali di query degli utenti in hash, come
automaticamente in un nuovo autenticazione, come nomi uten- spiegato dalle FAQ del sito, i
elenco puntato spostando il te e indirizzi email. Un tool che dati non vengono trasmessi a
cursore della digitazione sulla fa della sicurezza il suo cardine terzi e i server sono localizzati
seconda voce in lista. anche nel modo in cui gestisce i in Svizzera. Melani fa uso del
In seguito, si potrà ovviamente dati forniti dagli utenti. network CDN di Cloudflare
modificare lo stile dell’elenco Usare il Melani Check Tool è fa- come scudo contro i possibili
attraverso le opzioni messe a cilissimo: dopo aver raggiunto la attacchi Ddos, ma i server del-
disposizione dall’interfaccia pagina del servizio all’indirizzo la corporation statunitense non
grafica del word processor. Un www.checktool.ch, basta specifica- memorizzano alcun dato in lo-
possibile metodo alternativo re la casella di posta elettronica cale limitandosi a trasferirli ai
per l’inserimento di un elenco o il nome utente di cui vogliamo server in Svizzera.
puntato è quello di usare il trat-
tino (-) al posto dell’asterisco.
Se invece si vuole inserire ve-
locemente un elenco numerato,
non bisogna far altro che avvia-
re la digitazione con il numero 1
seguito da un punto, uno spazio
e il testo del primo elemento.
Anche qui, alla pressione del
tasto Invio Word trasformerà
automaticamente la voce nel
primo elemento di un elenco
di tipo numerato.
Le ultime versioni di Word of-
frono anche strumenti di auto-
completamento evoluti, che non
si limitano a individuare e poi
sostituire specifiche stringhe di
testo: al contrario, mostrano an-
che un'interfaccia in-place per
modificare la selezione oppure
annullarla nel caso in cui non
si voglia trasformare il testo in
un elenco ma lo si voglia invece
mantenere così com'è.
1
134 PC Professionale / Gennaio 2019

128-137_Rub_Hacks_334.indd 134 27/12/18 17:53


/ HACKS / RUBRICHE

una descrizione e un elenco delle


caratteristiche, la homepage, i
sistemi supportati, il modello
commerciale seguito (freeware,
freemium o altro) e tante altre
informazioni utili.
Gli utenti della community
possono valutare un particolare
software o un’alternativa con un
like o lasciando una recensione;
ci si può autenticare usando un
account già esistente (Facebook,
Twitter, GitHub o altro) oppure
creare un account direttamente
sul sito. Gli autori di Alternati-
veTo hanno preparato una lista
dei tool usati per lo sviluppo
(ciascuno ovviamente dotato
della sua lista di alternative),
ed è persino presente una lista
di servizi alternativi allo stesso
AlternativeTo.net.
AlternativeTo.net risulta partico-
larmente utile quando si tratta di
cercare alternative per software
2 con reputazione dubbia, oppu-
re software specialistici e ormai
abbandonati dagli sviluppatori
Check Tool risulta quindi esse- offrire agli utenti una lista di al- originali. Qualunque sia lo sce-
re un’interessante alternativa ternative a software noti e meno nario di utilizzo, AlternativeTo.
agli strumenti di controllo delle noti, app per dispositivi mobile net merita un posto tra i prefe-
compromissioni più popolari, e anche servizi Web. riti del browser e nell’elenco dei
un modo per avere una seconda AlternativeTo.net è nato dal la- servizi Web indispensabili, da
opinione che di certo non guasta voro di due sviluppatori svedesi tenere sempre a portata di mano.
quando si tratta di verificare la con l’aiuto di amici e colleghi
sicurezza della propria identità
digitale. Il servizio è disponibile
sia in lingua italiana sia in ingle-
attivi in Italia, Finlandia, Usa,
Francia e altre parti del mondo.
Il sito offre un database con de-
3
se, tedesco e francese. cine di migliaia di applicazioni
per Windows, macOS, Linux,
CONVERTIRE
I LINK MAGNET
2 iPhone, Android e persino conso-
le per videogiochi (PlayStation e
Xbox). L’attrattiva principale del
IN FILE TORRENT
SCOPRIRE servizio sono i like e le recensio-
ni degli utenti, un approccio in Nato nel 2002 per iniziativa
LE ALTERNATIVE crowdsourcing che deputa alla dell’oramai defunto sito Web
AD APPLICAZIONI community il compito di scova-
re, provare e consigliare le app e
Bitzi, lo schema URI Magnet si
è imposto nel tempo come uno
E SERVIZI i prodotti alternativi. dei più popolari meccanismi di
Nel complesso l’approccio fun- condivisione dei contenuti su
ziona piuttosto bene: dopo aver reti P2P – e più precisamente su
Attivo sin dal lontano 2009, Al- cercato il software o il prodotto BitTorrent. Un successo dovu-
ternativeTo.net è un sito apparen- desiderato nella homepage del to alle caratteristiche di questa
temente molto simile a tante altre sito, l’utente può navigare attra- tecnologia di condivisione, che
directory software disponibili sul verso le tante offerte alternative ha relegato i tradizionali file
Web. Diversamente dalle direc- disponibili. Per ogni software, .Torrent a una seconda scelta
tory tradizionali, però, il servizio app o servizio presente nel da- snobbata da molti siti e forum
è specificatamente pensato per tabase, AlternativeTo propone specializzati. Se un file Torrent

PC Professionale / Gennaio 2019 135

128-137_Rub_Hacks_334.indd 135 27/12/18 17:54


RUBRICHE / HACKS /

UTILITY
1 ma una soluzione ancor più
semplice è quella di forzare il
sistema a ripartire sempre da
START VOLUME un volume moderato (o ad-
dirittura nullo) a ogni nuovo
avvio. Per ottenere questo ri-
sultato si può utilizzare un tool
La gestione dell’audio di un di terze parti, come per esem-
computer può causare qual- pio Start Volume, un semplice
che situazione imbarazzante, software gratuito distribuito
specialmente quando si sta come archivio portable.
navigando su Internet: basta Dopo aver scaricato il file Zip
un attimo di disattenzione dalla pagina http://start-volu-
per avviare a tutto volume me.findmysoft.com/download
3 video di ogni genere, oppu-
re filmati pubblicitari di cui
basta decomprimerlo, sposta-
re la cartella nella posizione
sono sempre più infarcite le definitiva e poi avviare il file
pagine Web. Queste situa- eseguibile Start Volume.exe.
dev’essere prima scaricato consiste nell’utilizzare un zioni sono particolarmente L’interfaccia del programma
per poter avviare il down- sito Web specializzato co- fastidiose quando ci si trova è semplicissima: una casel-
load dei contenuti tramite me magnet2torrent.me, un sul posto di lavoro, in luo- la consente di specificare il
il client BitTorrent preferi- servizio che permette di in- ghi pubblici oppure quando livello dell’audio in percen-
to, infatti, un link Magnet collare il collegamento Url si sta navigando a tarda ora tuale (da 0 a 100), mentre il
funziona in pratica come un nella casella Magnet Link e e tutto il resto della famiglia pulsante Set Now applica la
indirizzo Url: basta un clic ottenere in pochi istanti il sta già dormendo. Esistono nuova impostazione imme-
per avviare direttamente il relativo file Torrent. La ricer- contromisure applicabili nel diatamente. Per ritornare al
download passando tutte le ca non sempre velocissima e browser, come per esempio le volume desiderato a ogni
informazioni necessarie au- bisogna ricordarsi di abilita- estensioni o le funzioni native nuovo avvio bisogna inve-
tomaticamente dal browser re l’apertura delle finestre per bloccare l’audio (o l’intera ce spuntare l’opzione Run at
al client peer to peer. Un pop-up per non bloccare riproduzione) dei contenuti vi- startup e confermare la modi-
link Magnet contiene tutto l’operazione di conversione, deo inseriti nelle pagine Web; fica facendo clic su OK.
il necessario per permettere ma alla fine si ottiene (quasi
al client di cercare la risorsa sempre) un file Torrent da
condivisa sulla rete BitTor- scaricare tramite il pulsante
rent, a cominciare dall’hash Download.
che corrisponde ai file con- Qualora la ricerca di mag-
tenuti nel download. net2torrent fallisse o non
L’utilizzo dei link Magnet funzionasse come previsto,
non comporta in genere pro- si può cercare direttamente il
blemi di sorta, ed è anzi con- file Torrent sui motori di ricer-
sigliato dai motori di ricerca ca Web servendosi dell’hash
torrent perché non servono crittografico contenuto nel
tracker BitTorrent centraliz- link Magnet (la sequenza alfa-
zati. Ma ci sono casi in cui è numerica presente in genere
consigliabile o addirittura dopo la stringa xt=urn:btih:).
necessario convertire l’Url Cercando la stringa alfanu-
“magnetico” in un file Tor- merica su Google si ottengo-
rent tradizionale; scopriamo no spesso risultati interessan-
come procedere. ti; basta quindi visitare uno
Il metodo più pratico e di- dei siti proposti per scaricare
retto per convertire un link
Magnet in un file Torrent
il file Torrent eventualmente
presente sulla pagina. 1
136 PC Professionale / Gennaio 2019

128-137_Rub_Hacks_334.indd 136 27/12/18 17:54


/ HACKS / RUBRICHE

1
2 3

nel menu contestuale). Le fun- del file Zip si trova l’eseguibile,

2 zioni di SmartMenuSystem sono


raccolte in una serie di sottome-
nu aggiunti al menu contestuale
che all’avvio propone una sem-
plicissima finestra di configu-
razione: si può scegliere quali
SMART di Windows; per ridimensionare
una finestra, per esempio, basta
delle tre funzioni aggiuntive
inserire nel menu contestuale,
SYSTEMMENU fare clic destro sulla barra del oppure eliminarle tutte selezio-
titolo e selezionare una delle op- nando invece l’opzione Remove
zioni presenti nel menu Resize. all context menu extensions. Per
Di tanto in tanto capita che le Il tool consente anche di spostare registrare correttamente le nuove
finestre di Windows possano e allineare le finestre (anche tra estensioni è necessario avviare
sfuggire al controllo: alcuni più monitor), agire sul livello di il programma con privilegi ele-
programmi, infatti, ridimensio- trasparenza, modificare la prio- vati, facendo clic destro sul file
nano automaticamente la loro rità del processo, minimizzare le eseguibile e selezionando la voce
finestra in base alle informazioni finestre nell’area di notifica della Esegui come amministratore nel
visualizzate (per esempio alcuni barra delle applicazioni così via. menu contestuale.
player multimediali) e basta un La prima delle voci è denomi-
comando sbagliato per sposta- nata Folder Properties e apre una
re i margini fuori dal desktop,
rendendo la gestione delle di-
mensioni molto più complicata.
3 finestra di configurazione per
agire sull’aspetto (e su alcu-
ne impostazioni) relative alle
Ma non solo: chi deve catturare
schermate di applicazioni spe-
NIREXT cartelle: si può per esempio
modificare l’icona, aggiunge-
cifiche apprezzerà sicuramente re un commento o spuntare
un’opzione che consenta di spe- un’opzione che “protegge” la
cificare una dimensione esatta Anche Nir Sofer di NirSoft ha cartella mostrando una finestra
per la finestra da salvare, senza creato un tool che aggiunge nuo- di conferma quando si tenta di
doverla ridimensionare a occhio. ve funzioni al menu contestuale cancellarla. La seconda opzione
Tutte queste funzioni, insieme a di Esplora file; si tratta di un’ap- è dedicata ai file eseguibili ed è
molte altre, sono offerte dal tool plicazione semplice ma preziosa, chiamata Advanced Run: la rela-
gratuito SmartSystemMenu, sca- che spesso si rischia di trascurare tiva finestra di dialogo permette
ricabile in formato portable dalla nella sterminata produzione di di specificare opzioni evolute di
pagina GitHub https://github.com/ questo programmatore ma che esecuzione, come per esempio
AlexanderPro/SmartSystemMenu. invece può rivelarsi davvero argomenti da riga di comando,
Dopo aver decompresso l’archi- utile per chi si trova spesso a cartella di esecuzione e priorità
vio si può avviare il file esegui- dover effettuare operazioni di del processo. La terza funzione
bile (disponibile in doppia ver- manipolazione avanzate sulle si chiama Create Shortcut+ ed è
sione, a 32 e 64 bit); per ottenere cartelle, sui programmi e sui applicabile a qualsiasi genere di
un controllo completo di tutte le collegamenti. file: permette di controllare nei
funzioni è opportuno scegliere Il tool si chiama NirExt e può es- dettagli il processo di creazione
l’avvio con privilegi elevati (clic sere scaricato dalla pagina www. dei collegamenti specificando
destro sull’icona e selezione della nirsoft.net/utils/nirext.html come la posizione, gli argomenti e
voce Esegui come amministratore archivio compresso. All’interno altro ancora.  •

PC Professionale / Gennaio 2019 137

128-137_Rub_Hacks_334.indd 137 27/12/18 17:54


OSSIMO
NEL PR
NUMERO IN EDICOLA
DAL 7 FEBBRAIO

COME FARE
SPOSTARSI
SUL CLOUD
TECNOLOGIA I SERVIZI MIGLIORI PER RIMPIAZZARE
LE APPLICAZIONI “TRADIZIONALI”
INTEL GUARDA
AL FUTURO
LE ANTICIPAZIONI SULLA NUOVA PROVA
ARCHITETTURA SUNNY COVE E SUL
PROGETTO FOVEROS PER I CHIP 3D STAMPANTI
3D & FAI-DA-TE
SCEGLIERE, ASSEMBLARE
E CALIBRARE UNA STAMPANTE
3D SOTTO I 300 EURO

PROVA

POTENZIA
TECNOLOGIA
TECNOLOGIA LA RETE WI-FI
ROUTER MESH: MIGLIORARE
HEALTHCARE PORTATA E COPERTURA
WEB, APP E BIG DATA AL SERVIZIO DELLA SALUTE DEL SEGNALE WIRELESS

E INOLTRE / LE RECENSIONI E GLI APPROFONDIMENTI HARDWARE E SOFTWARE /

138 PC Professionale / Gennaio 2019

138_NextIssue_334.indd 138 28/12/18 18:54


t e c h
h i a
r ess e re s e m pre

z
P e a nto
n
s u q u

e
r mat i

s
i n fo m o n do
n el
i
v i ene
t
a v g i a .

e
c n o l o

r
e lla te
g
d

s e

www.pcprofessionale.it
Un sito ricco di notizie, recensioni, prove e tutorial
realizzati in esclusiva dalla nostra redazione

SitoPC_2019.indd 2 27/12/18 15:42

Potrebbero piacerti anche