Sei sulla pagina 1di 2

Testo del 2005, Jonas viene fondato nel 2003

Quando ho cominciato a lavorare nelle dipendenze questo si è rivelato un testo illuminante, una bussola
per il mio lavoro all’interno dei gruppi.

Gruppi che non siano alienati, chiusi in un conformismo che ripara dall’esperienza dell’angoscia e della
perdita.

L’adesività passiva al gruppo rischia di soffocare la soggettività e la creatività. Il gruppo può allora diventare
luogo di riparo dal reale. Allora il lavoro diventa quello di creare gruppi che possano far posto alla
singolarità, alla differenza.

GRUPPI CHE NON SIANO RIFUGI CONFORMISTICI PER INDIVIDUI, MA DIMORA PER IL SOGGETTO.

Dimora è un posto dove poter sostare, perché si possa operare uno spostamento di posizione soggettiva –
che richiede tempo. Diversamente dal cambiare comportamento – che non introduce la variabile “tempo”.

Quando si fa questo dice Recalcati si operano 3 condizioni:

1. La perdita dell’identità alienata a massa


2. Il ritrovamento di una differenza propria, particolare, irriducibile ad ogni assimilazione
3. Il ritrovamento di un legame possibile con l’Altro – un legame inedito, non costruito sul timore
angosciato all’ignoto

Ci sono già i sedimenti che anticipano l’Uomo senza Inconscio,

la sua riflessione sull’oggetto di consumo proposto dal discorso del capitalista come otturatore della
mancanza ad essere.

Riabbonare il soggetto al suo inconscio, permettergli di ristabilire un rapporto autentico col proprio
desiderio. Significare simbolicamente, in modo positivo, l’esperienza della rinuncia e della castrazioen di
godimento.

RISCHI

Psicoterapie che puntano al massimo beneficio con il minimo sforzo

Trattare il sintomo specifico come se fosse scorporato dal soggetto

GRUPPI OMOGENEI

Il colpo di genio di Recalcati è stata usare l’omogeneità come esca, i soggetti che fanno parte di questi
gruppi non sono animati da una domanda sul sapere inconscio, quanto piuttosto da una domanda di
appartenenza, di omologazione, di comunanza e nominazione. Un’esigenza di cura che nasconde in realtà
una domanda di consolidamento dell’identità.

Divorzio tra soggetto e desiderio


Forma di separazione patologica – cura riabilitazione del soggetto dell’inconscio, rendere praticabile
un’esperienza di separazione che comporti l’alienazione, la dipendenza simbolica dall’altro.