Sei sulla pagina 1di 2

Avere te

Bambina mia
Un'altra me
È già poesia
Quegli occhi tuoi
Uguali ai miei
E un giorno poi
Già donna sei

Bambina mia
Bianco geranio
Dono di un Dio
O del demonio
Avere te è un crimine
Dove chi ha colpa
È chi subì
Rimani qui

Perché per me sei più di Dio


Continua in te il sangue mio
Sei frutto dei vent'anni miei
Maledirò gli amanti tuoi
La bestia che ha l'uomo in sé

Ucciderei
Scoprendo che
Qualcuno poi
Ha offeso te
Bambina mia
Tu insegni a me
Quale poesia
La donna è
Rimani qui
Mi uccide chi ti guarda già
Con strategie, con voluttà
Chi nel tuo cuore avrà il posto mio
E salutando dirà "Signore addio”

Da allora in poi
Non parlerò mai più di noi
Ti scorderò
Non sentirò
Mi stordirò

E volerai senza di me
Ma se cadrai sarò con te
Rimani ancora un po'
Qui con me

Da padre io ora lo chiedo a te


Negli occhi tuoi piangono i miei
Nessuno mai dividerà
Quello che Dio ha unito già

Avere te bambina mia


Quegli occhi tuoi uguali a miei
Avere te è un crimine
Dove chi ha colpa è chi subì
Bambina mia
Rimani qui