Sei sulla pagina 1di 18

Proposta partecipativa di Documento Programmatico

Mugnano 2015 - 2020

La coalizione è rappresentata da un gruppo di uomini e donne che, attraverso


specifiche iniziative condivise, intendono perseguire l’obiettivo di migliorare la
qualità della vita e dei servizi del nostro paese. Uno degli strumenti, di certo quello
imprescindibile, per realizzare gli obiettivi resta la Politica. La classe politica però, in
questi ultimi anni, è stata vista – molto spesso a ragion veduta – con sospetto e
diffidenza dalla stragrande maggioranza dei cittadini. L’impegno dovrà essere quello
di riportare la Politica a svolgere le sue funzioni più nobili, perseguendo gli interessi
generali e promuovendo il Bene Comune. Da più parti si sente invocare un
rinnovamento della classe dirigente. Noi siamo consapevoli che il solo appellarsi al
nuovo di per sé non basta, potrebbe non essere sufficiente. Occorre saper indicare
progetti con contenuti innovativi. Ecco perché la Politica deve ritornare a svolgere un
ruolo centrale nel perseguimento del Bene Comune e riacquistare la dignità che le
riconosce la nostra Costituzione. I singoli partiti e movimenti non hanno la
presunzione che da soli possano risolvere i problemi della nostra città, ma uniti in una
seria e solida coalizione vogliono dare un contributo concreto affinché si diano
risposte veloci ed i servizi erogati dal Comune siano efficienti, condivisi ed
apprezzati dalla cittadinanza.

Per perseguire l’obiettivo, i movimenti ed i partiti della coalizione si sono posti in una
fase di ascolto con i cittadini organizzando incontri tematici. Trovando un giusto
connubio tra le richieste fatte dai cittadini e le idee discusse, si è giunti alla stesura del
seguente Documento Programmatico.

L’accordo sulla coalizione presuppone, anzitutto, un’azione amministrativa


trasparente, efficace e certa.

Per questo oggi i capisaldi della proposta politica sono ancora al perseguimento dei
seguenti obiettivi:

- Una Macchina Comunale leggera ed efficiente;

- La Tutela e la Salvaguardia del Territorio;

- Uno Sviluppo Equo e Sostenibile;

- La Cultura e la Formazione come armi contro camorra, delinquenza e


disoccupazione;

- Legalità e Trasparenza nell’agire politico.


Obiettivi Programmatici:

1. Atti d’indirizzo connessi alla funzione del Sindaco e riorganizzazione degli


Uffici comunali

Il candidato Sindaco si impegna a privilegiare nella composizione della Giunta la


designazione di donne ed uomini, che hanno manifestato passione civica e
competenza.

L’assessore con delega alla legalità e trasparenza attuerà, in concreto, tutte le


procedure per facilitare l’accesso agli atti e la conoscenza dei dati connessi all’attività
dell’Amministrazione.

Sempre per la Legalità, il Sindaco si costituirà parte civile in tutti i processi di


criminalità organizzata, concussione e/o corruzione, nonché i delitti connessi al ciclo
dei rifiuti, riservandosi di valutare all’occorrenza gli altri casi in cui l’ente è parte
offesa.

Sarà attribuita una specifica delega al reperimento e partecipazione ai progetti


finanziati con risorse sovra comunali (europei, nazionali, regionali), sia in maniera
singola che in partenariato con latri Enti, Istituzioni ed Associazioni. In particolare,
sarà valorizzato lo strumento di cui all’art. 90 D.lgs. 267/2000, reperendo figure
esterne, costituenti il “Servizio Staff”, scelte tenendo conto della capacità di
elaborazione in tale settore.

In attuazione delle previsione dello Statuto, saranno attivate Consulte Cittadine


Permanenti, imprescindibile strumento di democrazia partecipata, il che
consentirebbe di mettere mano alla patologia della programmazione, in ragione di
frequenti fratture tra la predisposizione del programma e la fase di esecuzione (si
pensi al piano triennale delle opere pubbliche, alla programmazione urbanistica, ai
servizi pubblici locali ed alla formazione del bilancio).

Informatizzazione della Macchina Comunale, rafforzando la la connessione tra i vari


Uffici ed Enti, al fine di agevolare la trasparenza dell’azione amministrativa (ad es.
introduzione delle richieste/istruttorie on-line, come già avviene nel caso dello
Sportello Unico delle Attività Produttive) e uniformazione dei software in uso,
integrandoli con un adeguato sistema informativo territoriale, al fine di combattere
adeguatamente elusione ed evasione delle imposte locali. L'ammodernamento e
l'innovazione dell’intera macchina comunale saranno favorite avvalendosi, tra l’altro,
dei finanziamenti regionali derivanti dal progetto INTRA-PEOPLE, dove il Comune
di Mugnano partecipa in associazione con altre amministrazioni locali.

Per avvicinare la P.A. ai cittadini saranno rese totalmente operative le funzionalità di


e-government ed e-procurement, consentendo a tutti, attraverso proprie credenziali di
accesso, di operare da remoto, con l'uso del proprio PC, tablet o smartphone. Saranno,
inoltre, attivate, presso scuole, banche, asl ed altri uffici pubblici, dei Totem
multimediali dove i cittadini, collegandosi con le proprie credenziali, potranno
ottenere certificazioni o produrre autocertificazioni utili.

Valorizzazione del Piano Esecutivo di Gestione (P.E.G.), in sede di programmazione


del bilancio, che consenta di raccordare gli atti di gestione con gli obiettivi
dell’Amministrazione attraverso l’individuazione di soggetti attuatori motivati
nell’ambito delle rispettive prerogative.

Attuazione e pubblicazione di un organigramma che renda operativa la figura del


Referente di Settore1 verso i Cittadini, interfaccia utile ad intercettare istanze e
necessità che, elaborate dai vari settori, diano risposte rapide e certe.

Attuazione dell’Ufficio Relazioni col Pubblico, anche attraverso l'ausilio di strumenti


innovativi, come l'utilizzo di specifiche applicazioni informatiche per smartphone e
tablet.

Potenziamento dell’Ufficio Avvocatura, che, in ragione delle profonde modifiche


degli assetti normativi del giudizio civile, nonché della nuova geografia delle sedi
giudiziarie, valorizzi, criteri di economicità ed efficienza.

Valorizzazione e potenziamento della Polizia Municipale al fine di garantire


l’effettiva presenza degli operatori nelle strade cittadine. Costante aggiornamento dei
regolamenti comunali (attività commerciali, attività edilizia, attività professionali,
gestione rifiuti urbani e assimilati) da improntare ai criteri della sostenibilità
ambientale.

Il personale dovrà essere costantemente formato ed aggiornato sulle normative in


materia, sulle evoluzioni nel procedimento amministrativo, sulle nuove tecnologie, al
fine di essere sempre al passo coi tempi. In tal senso andrà costituita una specifica
sezione dedicata al costante aggiornamento professionale del personale, sia attraverso
l’organizzazione dei corsi interni, sia attraverso convenzioni con enti di formazione
esterni.

Settori a titolo esemplificativo: Sociale e Contrasto alla Povertà, Tasse e Tributi,


Ambiente e Rifiuti, Lavori Privati, Lavori Pubblici,..
2. Urbanistica e Lavori Pubblici

È evidente che per un Comune che come il nostro si estende per circa 5,27 kmq con
una densità di popolazione pari a circa 6.640 abitanti per kmq, maggiore di 25 volte la
media nazionale, le scelte future sullo sviluppo urbanistico sono fondamentali per
dare o recuperare vivibilità e crescita sociale, economia, civile e culturale.

Urbanistica

La nostra Amministrazione dovrà assolutamente portare a compimento


l’approvazione del Piano Urbanistico Comunale (P.U.C.) che, a circa trenta anni di
distanza dall’approvazione del vecchio Piano Regolatore Generale (P.R.G.), dovrà
provvedere al riassetto del territorio in forma moderna nel rispetto delle mutate
esigenze del paese sia in termini di distribuzione degli spazi pubblici, che di vivibilità
in senso più ampio e di sviluppo sostenibile.

Adozione quindi con carattere d’urgenza del P.U.C., improntato all’azzeramento del
consumo del suolo e, quindi, alla salvaguardia degli spazi verdi rimasti. 2 La nuova
Amministrazione si impegna ad adottare tutti i provvedimenti necessari finalizzati al
conferimento dell’incarico per la redazione del P.U.C., in coerenza con gli indirizzi
urbanistici definiti dal Consiglio Comunale.

L’adozione del nostro P.U.C. dovrà avvenire anche attraverso strumenti di


coinvolgimento e di informazione dei cittadini in un processo di condivisione delle
esigenze generali e, quindi, di urbanistica partecipata.

Esso dovrà contenere tre elementi fondanti principali, che per le attuali e future
esigenze territoriali in termini di sviluppo sostenibili e di vivibilità, sono per noi
irrinunciabili.

In primo luogo si dovrà tener conto che la nostra città non può più sostenere un nuovo
importante carico urbanistico riguardo all’edilizia residenziale. Si darà priorità alla
riqualificazione ed al recupero di aree già edificate, anche con lo strumento della
rottamazione edilizia.

Il Parco Agricolo non esiste, è un’immagine evocativa, occorre stabilire misure di


salvaguardia durature.
In secondo luogo dovrà essere ampliata, in continuità con quella esistente, la zona
produttiva con l’individuazione anche di una o più aree PIP (Piano per gli
Insediamenti Produttivi) da realizzare attraverso l’intervento pubblico e/o con capitali
privati in forma di convenzione o anche con lo strumento del project financing.
Questo per favorire lo sviluppo economico del territorio consentendo l’insediamento
di nuove attività produttive e la delocalizzazione di quelle attività artigianali che, con
costi contenuti, hanno bisogno, per continuare ad esistere, di essere svolte in Aree
Tecnologicamente Attrezzate APEA e gli Eco Industrial Park, modelli di gestione
sostenibile che garantiranno un ritorno economico certo, incrementeranno la
competitività delle aziende certificate e permetteranno di attingere a finanziamenti
altrimenti preclusi.

In terzo luogo la salvaguardia dell’ultima zona di verde omogenea del territorio, il


cosiddetto “parco agricolo”. Nell’ambito del nuovo P.U.C. deve rappresentare la
definitiva concretizzazione della necessità condivisa di salvaguardare l’ultimo
polmone verde del nostro territorio, valorizzandolo attraverso un piano di sviluppo
economico e sociale. Un’area verde attrezzata a ridosso di Napoli, in connessione
con il Parco delle Colline dei Camaldoli, rappresenta una concreta idea per la crescita
della nostra economia. In questa area potranno avere ospitalità, anche attraverso
l'ausilio dei finanziamenti Comunitari e Regionali, strutture agrituristiche, attraverso
il recupero delle vecchie masserie, la creazione di piste ciclo-pedonali ed aree
attrezzate lungo il percorso della vecchia ferrovia Alifana, la realizzazione di una
azienda agricola con la creazione di un Farmer Market (il mercato diretto del
contadino), l’istituzione di orti urbani e del museo della civiltà contadina. All'interno
del parco agricolo si provvederà alla messa in sicurezza dell’unica area idonea per lo
svolgimento del festival pirotecnico, che ogni anno si tiene in occasione della Festa
del Sacro Cuore di Gesù e che rappresenta per la nostra città una vetrina nazionale
ed internazionale.

In questa stessa area, o in area idonea per distanze dal centro abitato, dovrà anche
essere prevista la costruzione del canile municipale, consentendo alla Comunità di
risparmiare importanti risorse (oggi si spendono fino a 70 mila euro annui), da
reinvestire sul territorio.

Sotto altra angolazione, si darà impulso per l'attuazione con somma urgenza del Piano
per l’eliminazione delle barriere architettoniche e sensoriali3 (P.E.B.A.), avvalendosi
delle risorse regionali appositamente previste..

3
 I Piani di Eliminazione delle Barriere Architettoniche, e, dal 1992, anche sensoriali, i
così detti “PEBA”, sono specifici strumenti di gestione e pianificazione urbanistica previsti dalla
legge finanziaria del 1986. (vedi http://www.associazionelucacoscioni.it/rassegnastampa/cosa-
sono-i-peba)
Revisione del Piano Urbano Traffico (P.U.T.), in forza di una complessiva visione
della circolazione veicolare, che tenga conto della crescente esigenza di podisti e
ciclisti, non senza intervenire sul Piano dei Trasporti intercomunale, nella prospettiva
di una riduzione dell’utilizzo dei veicoli privati.

Valorizzazione – regolamentazione dei parcheggi pubblici 4 per massimizzarne


l’utilizzo.

Impegno dell’Amministrazione a connotare una rinnovata identità cittadina mediante


l’ideazione di una nuova Piazza per la città, che sia integrata nel tessuto urbano.

Recupero funzionale, economico e sociale delle strutture pubbliche abbandonate ed


incompiute (ad es. Teatro, Campi di calcetto, Complesso del Ritiro del Carmine) per
affidarle ad associazioni (culturali, di anziani, di immigrati) senza scopo di lucro per
le attività connesse e/o per utilizzarle per delocalizzare uffici comunali.

Lavori Pubblici

La nostra Amministrazione presterà particolare attenzione al monitoraggio continuo


dei fondi economici disponibili per la realizzazione di nuove Opere Pubbliche o per la
loro riqualificazione partecipando al maggior numero di bandi indetti.

La valorizzazione di tutte le OOPP passa attraverso un equilibrio che dovrà essere


attuato: pieno utilizzo e regole corrette e certe di gestione.

Le principali azioni da mettere in campo sono di seguito elencate:

- Costruzione di un asilo nido comunale verificando anche la possibilità di


realizzare l'opera nell’ambito delle urbanizzazioni secondarie delle lottizzazioni
già attuate;

- Qualità e Sicurezza nella gestione degli edifici scolastici: gli ambienti e la


vivibilità nelle nostre scuole dovranno migliorare rispetto agli attuali livelli
qualitativi mediante interventi certi ed efficaci di manutenzione ordinaria e
straordinaria. Programmazione degli interventi di disinfettazione, derattizzazione
e cura dei giardini. Verifica dello stato di impermeabilizzazione delle coperture e
degli impianti tecnici (ascensori, riscaldamento, idrico). Si attenzioneranno i
Responsabili del Servizio di Protezione e Prevenzione (RSPP) per avere sempre

Tra le azioni da intraprendere: Parcheggio via Montale da aprire verso la Scuola Siani
per consentire il passaggio in sicurezza dell’utenza scolastica, limitare nello stesso parcheggio le
situazioni di degrado (schiamazzi notturni, consumo di alcool e droghe,…), Parcheggio
prospiciente la Posta da rendere fruibile.
contezza delle condizioni di sicurezza e velocizzare gli interventi resisi necessari
all’uopo;

- Urbanizzazione primaria e riqualificazione delle arterie periferiche (a titolo non


esaustivo Via Rossetti, Via Sansone, Via della Repubblica, Via Antica Chiaiano,
Via Crispi, ponte dell’Alifana);

- Riqualificazione e gestione comunale delle Ville pubbliche per garantirne il pieno


godimento ai cittadini;

- Realizzazione di una biblioteca – mediateca al centro della città;

- Recupero aule primo piano Scuola Via Di Vittorio, inutilizzabili per mancanza
altezza minima prevista;

- Realizzazione Palazzetto dello Sport e della Musica, una struttura poco


impattante, un palatenda ad esempio, su zona F in Via Di Vittorio;

- Realizzazione ingresso autonomo Palestra Scuola Cirino per assicurarne la


fruibilità per attività sportive in orario extra scolastico e nuovo piano di viabilità
della zona;

- Recupero Centro Fieristico rendendolo autonomo rispetto al Mercato Ittico, anche


mediante creazione sbocco via Labriola su via Verga, con piccolo esproprio per
pubblica utilità (collegamento con metropolitana e circumvallazione);

- Realizzazione di una nuova area mercatale completa di infrastrutture nella


cosiddetta area PEP di fronte al cimitero;

- Riqualificazione via Di Vittorio, con ampliamento marciapiedi e creazione pista


ciclabile, e contestuale modifica viabilità, al fine di eliminare i dissuasori di
velocità fuori norma.

- Istituzione di una pista ciclopedonale nelle aree limitrofe alle zone verdi, da
mettere in connessione tra loro, al fine di creare un percorso ciclo-pedonale unico;

- Incentivazione della manutenzione degli edifici prospicienti le strade principali;

- Concertazione con l’Ente Autonomo Volturno (E.A.V.) al fine di assoggettare le


aree di loro competenza alla pubblica utilità, anche in vista di un
ridimensionamento dell’inquinamento ambientale con la realizzazione di percorsi
pedonali;

- Concertazione con la Città Metropolitana per:


- Monitoraggio situazione apertura svincolo asse mediano Mugnano-Scampia e
scarico rifiuti in zona;

- Valorizzazione della viabilità della Stazione della Metro di Mugnano, mediante la


riqualificazione dell’area e la costruzione di una rotatoria sulla Circumvallazione;

- Realizzazione di un progetto di pista ciclabile Mugnano-Lago Patria lungo la


Circumvallazione Esterna anche il collaborazione coi Comuni interessati.

In generale vanno totalmente ed integralmente rivisti ed ampiamente migliorati i


capitolati d’appalto ed i relativi allegati tecnici (tipologie di interventi, elenco prezzi
unitari, modalità di segnalazione e di rendicontazione degli interventi). Serve maggior
dettaglio nella definizione degli interventi a farsi, un sistema di rilevamento delle opere
effettuate, che mostri lo status pre-intervento, misuri precisamente l’entità di quanto fatto
e mostri lo status post-intervento, tutto inserito in un data-base informatico, sempre
disponibile e visionabile da tutti.

3. Politiche sociali

Verifica del Piano di Zona con specializzazione di ogni Comune dell’ambito su uno o
più aspetti delle Politiche Sociali.

Particolare attenzione a disabili, minori e anziani fornendo servizi quali sportelli


informativi, assistenza domiciliare socio-assistenziale (l’assistenza sanitaria dipende
dall’ASL), servizi di mediazione interculturale per gli stranieri, con l’apertura anche
di un apposito sportello, supporto alle associazioni di volontariato e/o servizio civile,
istituzione albo per badanti e colf, verifica della possibilità di istituire nuovamente le
vacanze climatiche per anziani, disabili, famiglie bisognose.

Attivazione dei servizi di Teleassistenza (contatti telefonici programmati agli anziani


per monitorare la loro condizione) e Telesoccorso (monitoraggio mediante una
centralina installata in abitazione che all’occorrenza attiva il soccorso mediante ad
esempio un bracciale da polso) per garantire agli anziani fragili sicurezza e assistenza.

Attivazione di uno sportello di segretariato sociale finanziato per le fasce deboli.

Ricostituzione di un Ufficio di Piano capace di intercettare tutti i bandi di


finanziamento.

Coinvolgimento di tutte le Associazioni del Terzo settore presenti sul territorio per
attivare percorsi di reperimento fondi per il Piano Sociale di Zona.
Costante monitoraggio sul corretto funzionamento delle strutture di supporto alle
politiche sociali.

Attivazione e supporto di nuovi percorsi di solidarietà con i cittadini, gli operatori del
sociale, le associazioni, i banchi alimentari e gli ipermercati, promuovendo anche la
costituzione di una banca del tempo.

Supporto alle iniziative di vendita presso le strutture autorizzate di prodotti


alimentari, farmaceutici di prima necessità non prescrivibili, prodotti sanitari, libri,
articoli scolastici ad un prezzo politico.

Assegnare uno spazio dedicato ai Gruppi di Acquisto Sociale (G.A.S.) che


perseguono la solidarietà sociale ed ambientale attraverso prodotti di qualità garantiti
dal rapporto diretto con i coltivatori.

4. Cultura e Scuola

Istituzione di un fondo economico per sostenere la cultura nelle sue espressioni


preferenzialmente mediante le Associazioni impegnate sul territorio.

Istituzione di una Mediateca, privilegiando immobili localizzati al centro del paese


dove gli studenti possano ritrovarsi per studiare, contribuire a realizzare progetti per
la nostra area in tavoli di cooperazione (es. coworking).

Organizzazione di un Evento in onore dei festeggiamenti del Cuore di Gesù, che


metta in rete e sia di richiamo per le risorse e le energie degli operatori commerciali
campani.

Istituzione del Forum permanente delle Associazioni, che consenta di creare la


necessaria interazione e collaborazione tra Comune e volontariato. Raccolta dati e
registrazione di tutte le associazioni attive sul territorio. Il Comune detasserà le
associazioni regolarmente registrate e che abbiano eseguito almeno il 50% delle
attività programmate.

Sviluppare percorsi di finanziamento (ad es. crowfounding) per realizzare


manifestazioni con carattere di continuità sul territorio comunale.

Installazione della connessione wi-fi gratuita in Piazza, nelle strutture comunali, nelle
scuole e nelle ville comunali: riteniamo che l’accesso ad internet, strumento di
conoscenza, deve essere alla portata di tutti.

Necessità di soddisfare le crescenti richieste con la costituzione di asili nido


comunali.
Contrasto alla dispersione scolastica: Nessuno Resti Indietro!

Diffondere la cultura del merito tra gli alunni con la sponsorizzazione di concorsi che
esaltino le capacità di agire secondo una sana competizione.

Certezza, sistematicità e tempestività nell’erogazione dei buoni libro e degli


abbonamenti per il Trasporto Pubblico Locale agli studenti.

Ripristino della regolare apertura del varco tra la scuola Siani ed il parcheggio di Via
Montale al fine di garantire un transito sicuro agli studenti.

5. Gestione ville comunali

La gestione delle Ville pubbliche dovrebbe essere a cura dell’Ente. A causa


dell’attuale carenza di personale è necessario prevedere delle concessioni a terzi per
l’apertura di servizi come punti di ristoro, giostre, fitto di bici e pattini,…

Questi ed altri servizi accessori saranno regolamentati con una convenzione che
preveda l’espletamento di servizi a vantaggio del Comune quali l’apertura e la
chiusura, la custodia, la pulizia, la manutenzione ordinaria della Villa.

La concessione della gestione è da considerarsi ad ogni effetto concessione di


pubblico servizio, quindi le attività connesse risultano di pubblico interesse.

Inoltre sarà possibile la dislocazione presso le ville comunali di servizi e sportelli


informativi (Informagiovani, Sportello Impresa, distribuzione materiali per raccolta
differenziata,...), da gestire in collaborazione con associazioni.

Ci si potrà avvalere dei corpi e personale volontario come ad es. guardie ecozoofile,
protezione civile, volontari del Servizio Civile.

6. Cimitero

Predisposizione di un registro contenente i titoli abilitativi delle cappelle gentilizie e


dei loculi, al fine di mettere mano con una ricognizione - avente anche connotazioni
di sanatoria- all’anarchia esistente all’interno del medesimo Cimitero.
Progressiva messa a norma della struttura cimiteriale. Programmazione ed attuazione
della manutenzione ordinaria.

Definizione allargamento dell’area del cimitero mediante intervento pubblico e


project financing per assegnazione suoli ed assegnazione cappelle.

Creazione di una sezione per gli altri culti.

Informatizzazione delle banche dati e creazione di sistema informativo che consenta


la facile individuazione del defunto.

7. Ambiente e Acqua Bene Pubblico

La Coalizione è contraria alla costruzione di discariche ed inceneritori pertanto


moltiplicherà gli sforzi per potenziare ulteriormente la raccolta differenziata
premiando con incentivi e/o detassazioni i cittadini virtuosi.

Non partiamo da zero. Abbiamo un dato di R.D. costantemente superiore al 57%,


frutto di un buon piano messo in campo nel 2009, ed attuato nel corso degli anni
successivi. Tutto ciò, però, non basta e, pertanto, riteniamo che vada fatto molto di
più, dando precise indicazioni per la formulazione del prossimo capitolato d’appalto
per la gestione dei rifiuti urbani.

L’obiettivo verso cui protendere deve essere quello di “Rifiuti Zero”. Un obiettivo
difficile, ma non impossibile, se frutto di un insieme articolato e coincidente di
interventi:

1- Ampliamento orario dell’apertura dell’isola, anche attraverso la collaborazione


con associazioni di volontariato;

2- Creazione di microisole, in aree pubbliche, ben distribuite sul territorio, per


facilitare l’accesso degli utenti che non dispongono dell’auto, al fine di consentire
il conferimento dei beni durevoli, dei rifiuti pericolosi, nonché garantire il
conferimento delle frazioni di imballaggio attraverso un sistema a premialità.
Anche in tal caso sarà privilegiata la collaborazione con associazioni territoriali;

3- Attivare un sistema automatico di premialità, al fine di riconoscere a cittadini ed


imprese virtuose un adeguato sconto sulla bolletta TARI e premi (per es. gadget,
buoni spesa, in convenzione con i commercianti);

4- Abolire le campane stradali per la raccolta del vetro, passando alla raccolta “porta
a porta”;
5- Incrementare nel calendario dei ritiri “porta a porta” i passaggi per il ritiro del
multi materiale della carta, riducendo ad un solo giorno il ritiro dei rifiuti non
riciclabili;

6- Incrementare la raccolta degli imballaggi presso le utenze commerciali,


prevedendo anche passaggi pomeridiani;

7- Dotare tutti gli uffici pubblici, tutte le scuole (pubbliche e private), di contenitori
specifici per la raccolta di carta e multi materiale;

8- Adottare uno specifico disciplinare per la raccolta differenziata all’interno delle


attività commerciali e produttive, nonché dei pubblici esercizi (bar, pizzerie,
ristoranti), da imporre con specifica ordinanza sindacale, prevedendo severe
sanzioni per chi non si uniforma;

9- Effettuare, anche in collaborazione con le associazioni eco-zoofile, un’attività di


controllo a tappeto sui conferimenti del non riciclabile, sugli abbandoni
incontrollati e sull’incendio di rifiuti, anche attraverso sistemi di video-
sorveglianza e l’uso di droni.

10- Incentiva il compostaggio domestico, la raccolta degli oli vegetali, l’acquisto di


prodotti alla spina;

11- Istituire presso l’area mercatale prevista un appuntamento settimanale dedicato al


baratto e alla vendita dell’usato, attraverso la formula del Car Boot Sale, dove
ogni cittadino possa portare oggettistica, fumetti, libri, piccoli elettrodomestici,
etc., per scambiarli o venderli.

12- Promuovere iniziative permanenti di sensibilizzazione presso tutte le scuole, con


concorsi a premi ed eventi ludico/sportivi (eco olimpiadi);

13- Promuovere sconti in bolletta TARI per le attività commerciali che promuovono
la vendita con sistema “uno contro uno”, ritirando un prodotto usato in luogo di
uno nuovo, ospitando appositi contenitori forniti dal servizio comunale di raccolta
rifiuti;

14- Istituire il premio per i cittadini “zero waste”, riconoscendo uno sconto totale
della bolletta TARI alla famiglia che, attraverso un accurato sistema di
monitoraggio, riesca a produrre la massima quantità di rifiuti riciclabili, riducendo
al minimo la frazione non riciclabile;

15- Attrezzare e rendere operativa l’area produttiva annessa all’isola ecologica,


attualmente inutilizzata, anche attraverso capitali privati (project financing) da
destinare alla creazione di un mini-impianto di trattamento dei rifiuti:
compostaggio della frazione organica (particolarmente quella proveniente da
negozi di frutta e ortaggi, mense, ristoranti, banchi alimentari), riduzione
volumetrica delle frazioni ingombranti, separazione e valorizzazione delle
frazioni di imballaggio (carta, cartone, plastica, alluminio, acciaio, vetro, legno).

Altre tematiche ambientali

Convenzione per calmierare i costi di rimozione e messa in sicurezza dei manufatti in


d’amianto.5

Messa in esercizio delle case dell'acqua, integrando il loro funzionamento con un


sistema di incentivazione della raccolta differenziata.

Sorveglianza mediante telecamere delle zone più esposte all’abbandono di rifiuti,


repressione del fenomeno, anche attraverso l'istituzione di un nucleo comunale di
guardie ambientali e di protezione civile.

Proposta di consorzio ai Comuni limitrofi per la riduzione dei costi delle forniture di
energia elettrica mediante l’utilizzo delle ultime tecnologie.

Attivazione di ogni utile azione ed intervento presso il gestore della rete elettrica per
l’interramento degli elettrodotti che attraversano il territorio.

Attivazione di ogni utile azione presso l'Ente Regionale preposta alla gestione degli
alvei, al fine di procedere alla loro messa in sicurezza ed eventuale copertura.

Gestione del servizio di fornitura dell’acqua, in via diretta da parte dell’Ente,


considerando l’acqua bene pubblico primario.

Applicazione del Piano di Evacuazione Comunale per le emergenze ambientali.

Tutti gli edifici pubblici, avvalendosi dei finanziamenti dedicati previsti dall’UE, da
Stato e Regione, saranno riconvertiti alle energie rinnovabili e edificati o riqualificati
secondo i principi della bioedilizia. Allo stesso tempo il regolamento edilizio
comunale sarà riconvertito a tali principi, avendo ben chiaro che ora che in passato la
casa deve essere in perfetta armonia con l’ambiente e l’uomo.

Anche nel ruolo del Comune di acquirente, sarà posta centralità ai principi di sviluppo
equo e sostenibile, privilegiando l’acquisto di beni e servizi realizzati in rispetto
dell’ambiente e della dignità dell’uomo. In tal senso sarà adottato uno specifico
regolamento per i “Green Public Procurement” cui tutti gli uffici dovranno
obbligatoriamente uniformarsi.

cfr. il caso emblematico del palazzo con lamiere penzolanti di Piazza Municipio e di
lamiere fatiscenti che delimitano i residui appezzamenti di terreno.
In considerazione della centralità delle tematiche ambientali e dello sviluppo
sostenibile, è nostra intenzione istituire un “Eco-Point”. Uno sportello informativo,
gestito in collaborazione con associazioni ambientaliste (Legambiente, WWF,
Greenpaece) per dare una panoramica completa su tutte le opportunità di
investimento nei settori dell’energia, della bioedilizia, dei rifiuti, etc.

8. Trasporto Pubblico e Mobilità Sostenibile

L’idea è quella di avviare la mobilità in bicicletta, creando percorsi sicuri che mettano
in connessione i sistemi di mobilità su gomma e su ferro (fermata metrò via Nenni,
stazionamento autobus ANM) con i punti di maggiore congestione del territorio
(Comune, ASL, scuole, etc.).

Contestualmente si darà inizio a progetti per il bike sharing e per la sosta sicura della
bicicletta, con pensiline intelligenti dotate di pannelli fotovoltaici, per ricaricare i
pacchi batteria delle bici a pedalata assistita.

Per facilitare la mobilità da e verso i maggiori punti di interesse presenti sul territorio
si lavorerà per l’integrazione del trasporto pubblico locale su gomma, in
collaborazione con i paesi limitrofi, che consenta di mettere in relazione la fermata
del metrò di via Nenni con ASL, Comune, Scuole presenti sul territorio cittadino.
Oltre a risorse del Bilancio Comunale ed alla necessaria compartecipazione degli
utenti, si punterà al reperimento di sponsor privati.

Sempre nell’ottica di facilitare ed incentivare l’uso dei mezzi pubblici, si lavorerà


d’intesa con l’ANM e la CTP per migliorare i percorsi delle linee attive sul territorio
ed intensificare il numero di corse, soprattutto negli orari di punta.

Dare massimo impulso al contributo per abbonamenti trasporto a famiglie numerose e


reddito basso.

9. Mercato Ittico, Commercio e Mercato Rionale ed Ente Fieristico

Il nostro territorio è caratterizzato dalla presenza di uno dei più grandi mercati ittici
regionali. Una struttura sorta a metà degli anni ’80, con i finanziamenti della CasMez,
rimasta per oltre 15 anni chiusa, per poi riaprire nel 2002 con alterne e non positive
esperienze di gestione mista e pubblica. Oggi la struttura è affidata ad una ATI, con
un affidamento rinnovato di sei mesi in sei mesi, senza alcuna prospettiva di gestione
privata di lungo periodo. Manca un piano industriale serio e compiuto che chiarisca
cosa si vuole fare dell’intero complesso che si sviluppa su circa 25 mila metri quadri.
L’Amministrazione Comunale uscente aveva predisposto un bando che dava in
gestione esclusivamente l’area vendita, i parcheggi antistanti e parte degli uffici al
primo piano, senza specifiche indicazioni circa l’uso delle celle frigo poste nell’area
sottostante, delle superfici di copertura e del centro fieristico. Senza un progetto
d’insieme sarà molto difficile trovare un investitore privato pronto a sborsare milioni
di euro, senza reali prospettive di rientro. Sarà per noi fondamentale sviluppare una
proposta complessiva, per arrivare ad un bando di affidamento a privati almeno
decennale, tale da garantire il rientro su investimenti tesi alla riqualificazione ed al
rilancio della struttura.

Il piccolo commercio di vicinato assolve ad un ruolo che va ben oltre la fornitura di


beni e servizi di prima necessità per le famiglie. I commercianti locali sono elementi
fondanti della comunità. Spesso si tratta di famiglie impegnate da decenni, se non da
secoli, in tali attività, rappresentando essi stessi una testimonianza vivente della
nostra comunità. Il nostro impegno sarà quello di favorire in ogni modo la loro
esistenza, in contemporanea con le medie e grandi strutture commerciali, attraverso
un insieme di azioni e misure di incentivo. Istituiremo, in primo luogo, le strisce blu
su via Napoli e sulle maggiori arterie commerciali del territorio, al fine di consentire
la maggiore disponibilità di posti auto. Accanto a tale misura, saranno incentivati
l’uso delle aree parcheggio pubbliche, attraverso formule più convenienti sia per gli
utenti che per i commercianti (abbonamenti, tariffazione puntuale, stazione di bike
sharing).

Saranno rivisti tutti i regolamenti comunali per tasse e tributi locali, al fine di
incentivare gli esercizi che si adoperino per migliorare la propria estetica e favorire la
riqualificazione del territorio (per es. adottando le aiuole in prossimità dei propri
esercizi). Come già accennato prima, sarà sostenuta la nascita di esercizi commerciali
che prevedano vendita alla spina, nonché dei negozi che promuovano la vendita “uno
contro uno”. Si lavorerà in sinergia con le associazioni di categoria, per incentivare i
consumatori a spendere in loco, attraverso il rilascio di buoni spesa e sconti da
riconoscere alle famiglie come premialità sulla raccolta differenziata, favorendo la
nascita di un centro commerciale naturale.

Il rilancio del commercio richiede un piano sinergico di intervento che coinvolga le


associazioni di categoria, le quali dovranno fare la loro parte promuovendo
aggregazioni di imprese, fornendo formazione e innovazione. L’Ente potrà prevedere
agevolazioni, per sostenere la localizzazione, soprattutto nel centro antico del paese
coinvolgendo anche i proprietari dei locali rimasti sfitti. Per incoraggiare l’
insediamento di nuove attività, si prevede l’apertura di uno sportello di supporto che
aiuti a trovare risorse e accompagni lo sviluppo di nuove idee di business.
Realizzazione di una nuova area mercatale completa di infrastrutture nella cosiddetta
area PEP di fronte al cimitero, come già previsto dal SIAD (Sistema Informativo
dell'attività distributiva).

Sarà emesso un bando-manifestazione d’interesse per l’acquisizione di stalli in questa


nuova area mercatale che darà priorità ai commercianti di Mugnano che vorranno
aderire.

Realizzazione dei lavori necessari per l’apertura del cosiddetto “Ente Fiera”,
adiacente il mercato ittico, ed affidamento a soggetti interessati, capaci di porre in
essere attività ed iniziative che valorizzino le realtà produttive locali, lo sviluppo
sostenibile e le innovazioni tecnologiche.

10. Sport e Stadio Comunale

Realizzazione di un Palazzetto della Musica e dello Sport, adottando soluzioni


edificative poco impattanti (ad esempio un palatenda) in Via Di Vittorio per la pratica
di discipline sportive (come basket, pallavolo, tennis tavolo, pallamano, ginnastica
artistica) e per stabilire un riferimento territoriale ed un indotto per le manifestazioni
musicali che al momento non sono supportate da adeguate strutture (ad esempio il
Rock Calvi Festival). Promozione dello sport come diritto del cittadino, strumento di
socializzazione ed integrazione, mezzo necessario insieme ad una sana alimentazione,
per la lotta all’obesità, allo stile di vita sedentario alla prevenzione delle malattie
cardiovascolari. Promozione di eventi sportivi con il coinvolgimento delle palestre e
delle associazioni sportive presenti sul territorio.

In ottemperanza della normativa nazionale e regionale (L.R. n. 18/13), ci


adopereremo per attuare una gestione delle strutture sportive, in particolare per lo
Stadio Comunale “Alberto Vallefuoco”, tale da garantirne la massima fruibilità da
parte delle associazioni sportive territoriali a costi accettabili.

Adeguamento funzionale del Palazzetto integrato nella s.m.s .F.Illuminato al fine di


renderne indipendente la palestra mediante un accesso separato e la realizzazione di
propri servizi igienici. In tal modo sarà possibile utilizzare la palestra in maniera
indipendente dalla scuola erogando corsi sportivi. Saranno previsti, tra l’altro corsi
per disabili, anziani e detentori di reddito basso con il pagamento di un prezzo
politico o di sconti sulla retta mensile.

Introdurre negli spazi  pubblici es.Villette Comunali, aree sportive mediante


collocazione di attrezzature per fitness da esterno accompagnati da cartelli che
contengano informazioni sul tipo di esercizio da svolgere e le modalità di utilizzo.
Organizzare un Evento, con cadenza annuale con finalità di premiazione per tutti gli
agonisti che nel corso dell’anno abbiano riportato vittorie a livello regionale e
nazionale, in tutte le discipline sportive.

Promuovere giornate dedicate all’utilizzo di veicoli alternativi es. biciclette, per far 
si che i cittadini da un uso meramente ricreativo, possano passare ad un uso per i
movimenti casa/ scuola, casa/ lavoro.

Apertura nuovi campi da Tennis in via Cesare Pavese e affidamento ad associazione


sportiva.

11. Patrimonio Immobiliare

Valutazione dei possibili impieghi del patrimonio immobiliare disponibile e


razionalizzazione al fine di evitare spese inutili (ad es. fitto dell’ Ufficio Anagrafe).

Delocalizzazione degli uffici non di front office, al fine di alleggerire il numero di


persone per metro quadro all’interno della casa comunale, attualmente non a norma.

12. Comunicazione

Creazione Ufficio Stampa e Comunicazione, che sia di reale supporto alla


divulgazione delle attività poste in essere dall'Ente, aggiornando il sito internet
istituzionale e curando pagine dedicate sui principali social media (Facebook, Twitter,
etc.).

13. Politiche Giovanili

Istituzione del Forum Comunale della Gioventù ed attivazione dello Sportello


Informagiovani6

Istituzione Borse di studio in favore degli studenti scuole secondarie di secondo


grado ed universitari più meritevoli, da finanziare con economie dei costi della
politica.

Istituzione fondo di garanzia per il finanziamento di start-up innovative promosse


da cittadini di Mugnano.

6
Ai sensi del Libro bianco della Commissione europea del 21 novembre 2001 - Un nuovo
impulso per la gioventù europea,già approvato dal Consiglio Comunale di Mugnano nel 2010.
Mugnano di Napoli, 29 aprile 2015

Il Candidato alla carica di Sindaco, dott. Luigi Sarnataro

_______________________

I rappresentanti delle liste collegate al candidato Sindaco

_______________________

_______________________

_______________________

_______________________

_______________________

_______________________

_______________________

_______________________