Sei sulla pagina 1di 1

GIULIO CACCINI, AMOR CH’ATTENDI

(NUOVE MUSICHE E NUOVA MANIERA DI SCRIVERLE, 1614, p. 41)

8 A - mor ch’at - ten - di, A - mor che fa - i?

8 Su, che non pren - di Gli stra - li o - ma - i; A - mor ven - det - - ta,

8 A - mor sa - et - ta Quel cor ch’al - te - - ro Ste-gna’l tuo im-pe - ro;

10

8 Quel cor ch’al - te - - ro Ste-gna’l tuo im-pe - ro.

2. O’ pompa, ò gloria, 3. Quel cor superbo 4. Amor possente


O’ spoglie altere, Langue e sospira, Amor cortese
Nobil vittoria Quel viso acerbo Dirà la gente
S’Amor la fere; Pietate spira. Pur arse e prese
Amor ardisci, Fatti duoi fiumi Quella crudele,
Amor ferisci, Quei crudi lumi, Che, di querele
8 Amor et odi Pur versan fore Vaga, e di pianti,
Qual havrà i lodi? Pianto d’amore. Schernia gli amanti.
5. Se cruda e ria 6. Dall’alto cielo
Negò mercede, Fulmina Giove,
Humile e pia L’Arcier di Delo
Mercede hor chiede. Saette piove,
O’ face, ò strale, Ma lo stral d’oro
Alta immortale, S’orni d’alloro
Che fia che scampi Che di possanza
Si ’l giaccio avvampi. Ogni altro avanza.