Sei sulla pagina 1di 51

Storia greca - Bearzot

INTRODUZIONE
Quella della Grecia antica è una storia la cui documentazione dipende dai tempi e dai luoghi e ha inizio con
l’arrivo di popoli di lingua greca nel 2000 a. C. nel sud della penisola balcanica. Essa si presenta suddivisa in
cinque periodi:
1. ETA’ MICENEA, o tarda età del bronzo, 1600-1100 a.C.
2. ETA’ OSCURA, o secoli bui, periodo per il quale non esistono fonti scritte, 1100-800 a.C.
3. ETA’ ARCAICA, 800-479 a.C. (anno della fine delle guerre persiane)
4. ETA’ CLASSICA, 479-323 (anno della morte di Alessandro Magno)
5. ETA’ ELLENISTICA, 323-31 a.C. (anno della battaglia di Azio, con cui Ottaviano pose fine
all’indipendenza dell’ultimo dei regni ellenistici, quello d’Egitto, sconfiggendo Antonio e Cleopatra).
Rimane certamente una suddivisione convenzionale ed entro certi limiti arbitraria. L’età ellenistica e il termine
ELLENISMO pongono i termini più spinosi quanto a definizione e periodizzazione. Il termine ellenismo, infatti,
si afferma in un momento ben preciso della cultura occidentale: è nella prima metà dell’800 che lo studioso
Droysen indica con questo termine il periodo (e quindi la civiltà) che va dalla morte di Alessandro Magno fino
alla dominazione romana e alla caduta d’Egitto nelle mani del futuro Augusto. In senso culturale, dunque, il
termine dell’età ellenistica può essere situato nel IV secolo d. C. per due eventi storici: gli editti di Costantino e di
Teodosio che condannavano i riti pagani. Lo stesso Teodosio d’altra parte abolì anche le Olimpiadi, perché
giudicate uno dei segni più appariscenti della cultura pagana.
Quanto all’ETA’ CLASSICA, occorre soffermarsi sul perché dell’aggettivo classica: l’aggettivo latino classicus
indicava gli autori degni di essere studiati dalle classi elevate. Quando però all’inizio del XIX nascono le
università moderne si comincia a parlare di discipline classiche o di antichità classiche per indicare lo studio del
mondo greco – romano nel suo complesso. Nel corso del tempo poi, all’interno di questo settore, fu ritagliato uno
spazio sempre più ristretto per la Grecia di V – IV secolo a. C. Un passaggio questo che si verificò come derivato
di una visione storico – artistica. Winckelmann nel 1700 è il primo a scrivere una storia dell’arte antica completa e
concepita come storia organica, con una sua nascita, crescita, decadenza. Egli, concependo lo sviluppo dell’arte
parallelo a quello della vita politica, collocò il punto più alto dell’arte proprio nell’età che chiamiamo classica.
Da un punto di vista SPAZIALE le regioni interessate dalla storia greca variano nel corso del tempo. Il nucleo
principale corrisponde all’attuale Grecia: si tratta del sud della penisola balcanica con quasi tutte le isole
dell’Egeo; territorio dunque che si estende dalla Macedonia e dall’Epiro verso sud fino a Creta. Bisogna poi
considerare una fetta di Asia Minore progressivamente colonizzata dal mondo greco. Attorno all’anno 1000,
infatti, ci fu uno spostamento di popolazioni dalla Grecia verso l’Anatolia che portò all’occupazione di queste
coste. Il mondo greco tende quindi ad allargarsi nel corso degli anni. Ma sarebbe certamente sbagliato limitare a
ciò la storia greca. Attorno al 350 i Greci cominciarono infatti a spostarsi verso il Mediterraneo centrale e
Occidentale: è la cosiddetta colonizzazione greca, grande fenomeno di migrazione che portò alla fondazione di
città in molte zone del Mediterraneo e soprattutto nell’Italia meridionale, non a casa chiamata Magna Grecia, e
nella Sicilia. I Greci si spinsero poi sino a fondare una città sulla costa meridionale della Francia, Marsiglia, e altre
sulle coste del Mar Nero, con insediamenti già in età arcaica, che si spinsero poi fino all’Africa settentrionale e
all’attuale Libia (qui viene fondata Cirene). Il Mediterraneo appare quindi circondato da colonie greche: non a
torto Platone scrisse che i Greci si affacciavano sul Mediterraneo come rane in uno stagno. Da ciò poi anche la
natura prevalentemente costiera degli insediamenti greci.
Quando a partire dal 335 Alessandro dà l’avvio alla sua grande spedizione in Oriente, si apre agli occhi dei Greci
un’enorme distesa di terre, allora parte dell’impero persiano, che si estendevano fino all’Egitto e alla valle
dell’Indo. I Greco-Macedoni fondano qui numerose città fin nell’attuale Afghanistan, regione che i Greci
chiamavano Battriana. Certo in questo grande spazio i Greci non si sostituiscono alle popolazioni locali, pur
costituendone la parte fondamentale quanto a lingua e cultura, ma dando vita ad importanti fenomeni di
acculturazione.
Storia greca - Bearzot

1 - LA FORMAZIONE DELLA CIVILTA’ GRECA

1. PREISTORIA E PROTOSTORIA (40000-2000)


Durante il Paleolitico, circa nel 40.000 a.C. tracce di occupazione umana si riscontrano in Grecia a partire dalle
zone settentrionali. Gli abitanti sono cacciatori e raccoglitori e conducono una vita seminomade. Nel 7000-6000
inizia il processo di sedentarizzazione che conduce al Neolitico, periodo che in Grecia copre l’arco cronologico
dal 6000 al 3000. Si formano comunità stabili, riunite in villaggi, dedite all’agricoltura e all’allevamento.
Fin dalla preistoria il bacino dell’Egeo appare caratterizzato da intense relazioni, intrattenute dalle popolazioni che
vi abitano con quelle di territori limitrofi o anche più distanti: esplorazioni e scambi sono favoriti da:
- situazione geografica – grazie alla profonda compenetrazione di terra e di mare;
- frazionamento insediativo – collegato con una struttura orografica che divide il territorio in distretti regionali;
- necessità di reperire risorse primarie.
Intorno al 3500-3000 la transizione dal Neolitico all’Età del Bronzo corrisponde ad un notevole ampliamento dei
circuiti di scambio verso l’Egeo orientale e l’Europa centrale. I centri più importanti si spostano dalle zone
settentrionali a quelle meridionali (Peloponneso, Cicladi, Creta): proprio dove si svilupperanno le più grandi
civiltà di questo periodo, quella minoica a Creta e quella micenea nella Grecia peninsulare.

Nel corso dell'Età del Bronzo (3000 c.a.- 1100/1000 c.a.) le relazioni e gli scambi si intensificano, grazie
soprattutto alla metallurgia: essendo scarse le materie prime in area egea la ricerca del rame apre a maggiori
rapporti con Cipro, Sardegna, Lazio e Spagna, mentre lo stagno porta fino all'Europa centro-settentrionale (isole
britanniche, Bretagna, Boemia, Sassonia) e in Asia (Caucaso, Alto Eufrate). Questo portò a sviluppi analoghi in
diverse comunità, che passarono da un'economia agro-pastorale di pura sussistenza all'uso di risorse non agricole
e ad insediamenti in muratura diversificata, difesi da mura e insediati spesso su siti mai edificati in precedenza,
classificati come “centri proto-urbani”.
Si formano così diverse aree regionali, accomunate da elementi culturali di carattere “internazionale”; se ogni area
mostra una produzione artigianale specifica, il ricorrere di forme comuni in diverse aree fa pensare ad un'ampia
circolazione tanto di oggetti quanto di tecniche e persone.

2. LA CIVILTA’ MINOICA (2000-1450)


Veso il 2000 a.c. l'equilibrio caratteristico del Bronzo Antico si sfalda, dando luogo a profondi cambiamenti.
L'area egea si scinde in due sottoaree che, nel corso del Bronzo Medio, conosceranno sviluppi inversi: l'area
“continentale”, costituita dal Peloponneso e dalla Grecia centrale e settentrionale, va incontro ad una significativa
regressione culturale; al contrario, l'area “insulare”, costituita dalle Cicladi e Creta, vedranno l'espansione delle
città e adotteranno il sistema palaziale.
L’esistenza della civiltà minoica fu scoperta solo agli inizi del XX secolo grazie agli scavi di Arthur Evans
nell’area dell’antica Cnosso. Tra il 2000 e il 1450 ca. l’isola di Creta svolge un ruolo di primo piano, sia durante il
periodo dei primi palazzi (2000-1700), sia durante quello dei secondi palazzi (1700-1450), che rappresenta
l’apogeo della civiltà minoica. Durante la seconda fase i palazzi già esistenti, dopo una grave distruzione
attribuibile a cause naturali oppure alle conseguenza di lotte interne, vengono ricostruiti in forme più complesse.
Tale fase è caratterizzata dall’egemonia di CNOSSO, la cui denominazione deriva dal mitico re cnossio Minosse,
ricordato da Tucidide come il più antico possessore di una flotta e thalassokrator (dominatore del mare) in area
egea.
Il SISTEMA PALAZIALE, già presente nel Vicino Oriente, è un sistema di organizzazione politico-sociale
fortemente centralizzato, basato appunto sul palazzo e sulle sue diverse funzioni: sede del potere politico, esso
svolge anche funzioni economiche (organizzazione della produzione agricola e artigianale, raccolta delle materie
prime, dei prodotti della terra e dei manufatti, di ridistribuzione degli strumenti di lavoro e delle risorse
disponibili, ecc.), nonché religiose e culturali.
L’adozione del sistema palaziale a Creta è stata collegata, oltre che all’influenza orientale, anche a un’evoluzione
interna legata a fattori diversi, come l’introduzione delle colture della cosiddetta triade mediterranea (vite, ulivo,
cereali), che avrebbe creato la necessità di organizzare la produzione, la raccolta delle eccedenze e la loro
ridistribuzione, e lo sviluppo di un artigianato altamente specializzato.
Dal punto di vista architettonico, il palazzo ha una STRUTTURA complessa, che è alla base della tradizione
cretese sul Labirinto. Intorno ad un grande cortile centrale, di forma rettangolare, si raggruppano stanze di
servizio, d’abitazione e di ricevimento, sale di culto, magazzini, uffici, laboratori; un ampio cortile lastricato
introduce alla facciata monumentale, collocata sul lato occidentale. Il palazzo è aperto sull’ambiente circostante e
Storia greca - Bearzot

sull’abitato che lo circonda. La mancanza di fortificazioni sembra indicare una certa sicurezza rispetto alle
aggressioni esterne. Particolare attenzione è rivolta anche all’aerazione e all’illuminazione.
Creta in questo periodo è densamente popolata e gli affreschi rinvenuti colpiscono per freschezza e vitalità con
immagini tratte soprattutto dalla natura. Tutto sembra pertanto suggerire pace e BENESSERE. Principali fonti
della ricchezza di Creta furono la metallurgia, l'oreficeria, l'artigianato tessile e della ceramica.
La RELIGIONE è un aspetto importante della vita del palazzo, che riservava al culto ambienti specifici e dedicava
ad aspetti cultuali parte della decorazione; diversi oggetti hanno una specifica destinazione cultuale, tra i quali la
labrys, l’ascia bipenne destinata al sacrificio. Anche la religione sembra avere una forte impronta naturalistica; le
figurine interpretabili come divinità sono femminili e rappresentano una Potnia (signora) affiancata da animali.
Un elemento fondamentale nello sviluppo della civiltà minoica è poi costituito dai progressi dei sistemi di
notazione, dall’uso dei sigilli a quello della SCRITTURA. Essa, necessaria per la contabilità palaziale, era già
nota in Mesopotamia ed Egitto, ma i Cretesi approntarono un sistema autonomo: prima una scrittura
ideogrammatica (definita da Evans “geroglifica”); poi la cosiddetta Lineare A. si tratta di scritture sillabiche, che
esprimono una lingua non greca che non è stato possibile decifrare. Nel 1450 ca. invece compare a Creta la
Lineare B, elaborata dagli abitanti della Grecia continentale. La sua presenza a Creta è ritenuta testimonianza della
conquista dell’isola da parte dei Micenei.
La documentazione archeologica, in sostanziale accordo con la tradizione Tucididea della talassocrazia di
Minosse, attesta i rapporti con Cipro, Egitto, con le coste dell'Asia Minore e le isole dell'Egeo; i Cretesi possono
essere identificati con i Keftiu dei testi egiziani e con i Kaftara dei testi asiatici.

3. LA CIVILTA’ MICENEA (1600-1100)


L'area egea continentale subì una regressione notevole nel passaggio dal Bronso Antico al Bronzo Medio, intorno
al 1200: molti villaggi vengono distrutti, i più abbandonati, scompaiono le recinzioni murarie, la casa ad abside
circolare sostituisce le piante a struttura complessa, scompaiono i magazzini e si generalizza la tomba “a cista”, i
corredi spariscono, viene introdotto il cavallo domestico.
Tali cambiamenti sono probabilmente dovuti in parte all'arrivo di popolazioni parlanti lingue indoeuropee, tra cui
un proto-greco; tuttavia non si può parlare di una vera e propria invasione, ma di “un'infiltrazione” che, insieme a
rivolgimenti interni ed evoluzione locali, ha dato luogo a processi evolutivi che videro la sovrapposizione di una
lingua greca ad un sostrato etnico e linguistico precedente in un momento e con modalità difficili da stabilire: ciò
darebbe conferma alla tradizione che mostra la coscienza che la civiltà greca sia nata da una commistione di
elementi autoctoni ed elementi sopraggiunti in seguito grazie alle migrazioni.
Lo sviluppo della civiltà micenea muove dall’Argolide e dalla Messenia, per poi investire altre aree regionali
come la Laconia, l’Attica e la Beozia. In Argolide in particolare sorgono tra il 1800 e il 1700 diversi centri nuovi,
tra cui Micene che assume un’importanza eccezionale a partire dal 1700-1600 ca. come risulta dai ricchissimi
corredi ritrovati nelle tombe cosiddette a pozzo, proprie di una élite aristocratica di guerrieri che sembra volersi
distinguere dal resto della popolazione, cui sono state riservate tombe più povere. Particolarmente importanti sono
a Micene le tombe a pozzo, i cosiddetti CIRCOLI A e B. Il primo, scoperto da Schliemann e comprendente sei
grandi tombe (databili tra 1570 e 1500) giustifica pienamente, con i suoi corredi comprendenti la famosa
maschera di Agamennone, la definizione omerica di Micene come “ricca d’oro”. Il secondo circolo è invece più
antico e comprende 24 tombe a fossa, databili tra il 1650 e il 1550.
I corredi funebri ritrovati all’interno delle tombe sono testimonianza di grande ricchezza e frutto di intensi
TRAFFICI COMMERCIALI con zone poste anche molto lontane, come Egitto e Oriente. La grande presenza di
oggetti d’ambra testimonia inoltre scambi con l’Europa settentrionale; lo stesso vale per l’utilizzo del bronzo,
frutto di una lega metallica, i cui materiali (rame e stagno) non si trovano in Grecia, se non in modeste quantità.
A partire dal 1600 si sviluppa l’organizzazione di comunità micenee in vaste aree della Grecia meridionale e
centrale. Si è discusso se si trattasse di comunità a conduzione monarchica oppure oligarchica, come sembra
piuttosto far pensare l’alto numero di tombe monumentali. L’influenza minoica appare notevole, soprattutto in
ambito RELIGIOSO: molte divinità del futuro Olimpo greco, come Zeus, Atena, Artemide, Ares, Dioniso, sono
già note presso i Micenei; fra esse hanno un ruolo particolare le divinità femminili (Potniai) e Posidone.
Nel 1500 inizia l’espansione micenea nell’Egeo testimoniata dal ritrovamento di TAVOLETTE scritte in lineare
B. La documentazione che esse offrono è però limitata perché le tavolette che sono stata conservate rappresentano
solo una piccola parte degli archivi e riguardano una documentazione mensile o al massimo annuale. Si tratta di
registrazioni amministrative, relative a: persone legate al palazzo, razioni di grano o olio, affitti di terre, tributi,
offerte, ecc. La scrittura, la LINEARE B proviene certamente da Creta in quanto costituisce un adattamento della
Lineare A a un dialetto greco; essa venne decifrata a metà del ‘900 da Ventris e Chadwick.
Storia greca - Bearzot

Tra 1400 e 1200 la cultura micenea, con lo sviluppo dell'architettura palaziale, è al suo apogeo a Micene, Tirinto,
Pilo, Atene, Tebe, Orcomeno. Con la conquista di Creta, la cui civiltà declina dopo la distruzione del tempio di
Cnosso nel 1380 circa, i Micenei subentrano nel controllo delle rotte commerciali del Mediterraneo orientale. È
questo il momento della massima espansione della ceramica micenea in Oriente, che prelude alla sua diffusione
anche nel Mediterraneo occidentale.
Rispetto ai modelli minoici, si nota la tendenza a collocare gli insediamenti in luoghi ben difendibili e a
fortificarli: il timore di attacchi esterni è dunque maggiore. Il cuore del palazzo, il megaron, in cui si trova il
focolare, è la struttura di rappresentanza del signore, il wanax. Una struttura analoga, ma secondaria, è riservata al
lawagetas, un capo militare. La SOCIETA’ micenea appare molto gerarchizzata. Il wanax e il lawagetas sono
assegnatari di una porzione di terra, il temenos; sotto di loro vi sono altri funzionari assegnatari di terre, i telestài;
la base produttiva è garantita da personale dipendente, che comprende il damos (popolazione che paga le tasse,
dotata di una certa autonomia) e i servi.
La produzione agricola e l’allevamento sono controllati rigidamente dal PALAZZO, così come l’industria tessile e
metallurgica. Il palazzo funge da centro di un sistema economico di tipo ridistributivo, che controlla un territorio
statale ampio, in cui sono integrati principati e regni più piccoli. Il controllo esercitato sul territorio ha
un'estensione maggiore rispetto ai palazzi minoici, ci troviamo di fronte al primo esempio di una politica a vasto
raggio in Grecia, dimostra di saperlo anche Tucidide quando nella cosiddetta “archeologia” parla di un
accrescimento della potenza greca sotto il dominio di Agamennone, segnalato dalla capacità di operare interventi
comuni fuori dalla Grecia vera e propria, come la guerra di Troia.
Nel XIV-XIII secolo, l'epoca di massimo sviluppo della civiltà micenea, i Micenei si proiettano verso l'esterno,
creando progressivamente relazioni commerciali e culturali complesse e sistematiche, fino a raggiungere un'area
geografica vastissima. É la necessità di reperire materiali preziosi e metalli che spinge i Micenei sul mare, noncè
tessuti pregiati e legname per le navi, in cambio dei quali offrono i prodotti della triade mediterranea, lino,
ceramica e manufatti di bronzo.
E’ in definitiva un mondo complesso che presenta tratti tipici del primo mondo greco. Tale civiltà viene tuttavia
lentamente a declinare e scomparire. Un fenomeno questo non puntuale, perché non avviene in un momento
preciso: si riconosce infatti una prima fase di decadenza nel 1200 e una seconda attorno al 1100, che vede la
scomparsa degli ultimi palazzi ancora abitati. La FINE del mondo miceneo è difficile da capire, ed è stata oggetto
di svariate ipotesi. Non sono da escludere fattori endogeni quali calamità naturali, siccità, terremoti. Bisogna
tuttavia collegare la scomparsa di questo mondo alle problematiche che percorrono anche il Vicino Oriente, dove
si verificano fenomeni analoghi di crisi e scomparsa di altri regni, come quello degli Ittiti. Anche l’Egitto vive un
momento di crisi a causa delle invasioni dei cosiddetti “popoli del mare”; e fenomeni simili si verificano anche in
Siria e Palestina. Così anche le cause della scomparsa del mondo miceneo potrebbero essere attribuite a fenomeni
di migrazioni consistenti.

4. L’ETA’ OSCURA (1100-800)


Le conseguenze della caduta dei palazzi micenei sono molto gravi per il sistema politico, sociale ed economico
che faceva perno su essi: l’unità culturale caratteristica del periodo minoico-miceneo va incontro ad una grave
frattura. A partire dal 1100 ca. la maggior parte del continente greco e delle isole è caratterizzata dall’abbandono
dei siti e dallo SPOPOLAMENTO. La distruzione arrivò in due ondate, la prima nel corso del XIII secolo, cui
seguì una ricostruzione, e la seconda intorno al 1200: di quel periodo l'archeologia e le tavolette testimoniano una
serie di opere difensive di emergenza che sembrano appunto far pensare alla percezione di un pericolo proveniente
dal mare. Le conseguenze sono molto gravi per il sistema politico, economico e sociale che fa perno sui palazzi:
l'unità culturale caratteristica del periodo minoico-miceneo subisce una frantumazione, l'abbandono dei siti e lo
spopolamento caratterizzano la maggior parte del continente greco e delle isole.
Di questa fase, comunemente chiamata età oscura, ci manca una documentazione scritta. Per cui ci si appoggia a
due tipi di FONTI: i documenti archeologici e i poemi omerici, che raccolgono però una tradizione trasmessa
oralmente e furono redatti solo intorno al 700 (all’inizio dell’età arcaica).
L’ETA’ OSCURA è un periodo privo di fenomeni di accentramento del potere e di stratificazione sociale, periodo
in cui terminano pure gli scambi commerciali, dovuti non solo al declino ma anche al passaggio dalla lega bronzea
all'uso del ferro, disponibile in Grecia, che quindi determinò un'inversione di tendenza: dall'espansione
commerciale spinta dalla domanda di rame e stagno all'isolamento. L’architettura monumentale scompare del
tutto, insieme con le fortificazioni che avevano caratterizzato i palazzi micenei. Se presso i micenei si erano
sviluppate le tombe a tholos, camere circolari con cupole visibili in superficie e destinate ai capi della tribù, questo
viene a cessare nella nuova età; nascono tombe individuali e, venendo meno ogni forma di gerarchizzazione,
ognuno ha una sepoltura degna. Scompaiono poi i manufatti bronzei e c’è un impoverimento generale dell’arte
Storia greca - Bearzot

figurativa. Si diffonde infatti un vasellame povero che gli studiosi definiscono barbarian ware (ceramica
barbara), se confrontata con le preziose ceramiche micenee. E infine scompare la scrittura, fatte salve forme
isolate.
Le distruzioni che portarono al declino della civiltà micenea sono attribuibili o ai “popoli del mare”, che proprio
in quel periodo razziavano le coste egiziane mettendole in serio pericolo e che determinarono la caduta del regno
ittita, o, secondo la tradizione tucididea, all'invasione dal nord delle tribù doriche (guidate dagli Eraclidi). Non è
da escludere, ed anzi si fa più probabile, l'incidenza avuta da calamità naturali quali incendi e terremoti, cui
sarebbero seguite delle carestie, che avrebbero messo in crisi il sistema palaziale: danneggiato i centri cui ruotano
intorno le economie regionali e scarseggianti le risorse che nutrivano le linee del commercio, la fitta rete di
scambi su cui si reggeva l'equilibrio economico del Mediterraneo si sfalda una maglia dopo l'altra (se a questo
aggiungiamo “i popoli del mare” che mettono in ginocchio una potenza di prima grandezza come l'Egitto e fanno
crollare il regno ittita, sia “l'invasione dorica” dubbia o meno poco importa, andrebbe ad intaccare quello che è già
un sistema al collasso). Tra l'altro, in questo quadro, l'invasione dorica andrebbe inserita non come una vera e
propria invasione, quanto come una migrazione interna all'area egea dovuta allo spostamento di quelle masse che
lavoravano i campi ormai a resa ridotta, vuoi per l'eccessivo sfruttamento negli anni precedenti, vuoi per le
calamità naturali.
Di questi spostamenti sarebbe rimasta traccia nella tradizione sui “ritorni” (nostoi) degli eroi dalla guerra di Troia
e sull'instabilità che essi avrebbero provocato nel quadro insediativo della Grecia. Ricordiamo tra l'altro che la
tradizione attesta la caduta di Troia all'anno 1184 a.c.: l'inizio del crollo della civiltà micenea dovuto
all'allontanamento delle forze armate, impegnate nel conflitto troiano, nonché il logoramento delle risorse dovuto
al sostentamento dell'impresa bellica, potrebbe essere un'interessante, per quanto insufficiente, spiegazione;
quanto meno lo sarebbe come ispirazione storica dell'epos.
Si creò quindi una società decentralizzata, tendente all'autosufficienza sul piano economico e caratterizzata da un
accentuato regionalismo, causato dall'abbandono degli scambi e dei contatti interculturali. Sul piano politico c'era
una forte instabilità e competizione tra i capi rivali o basileis, sulla base delle capacità personali e della pratica del
dono.
Le premesse per la ripresa che porterà alla fioritura della civiltà greca arcaica, che ci appare già ben visibile nel
corso del 700, sono comunque già rintracciabili durante l’età oscura, e sono legate sicuramente alla permanenza di
forme di INTERSCAMBIO. L’arrivo di nuove popolazioni da una parte, gli spostamenti di Micenei alla ricerca di
nuovi sedi dall’altra, mantennero viva la mobilità. I flussi migratori si fanno più consistenti verso est (Ionia, tra
Smirne e Mileto) e verso nord (Calcidica e Tracia): il ripopolamento di queste aree gettò le basi della ripresa
sistematica dei viaggi tra 1000-700 a.c., protagoniste e promotrici di questa crescita furono l'Eubea e l'Attica, ma
anche Creta, Rodi, Corinto e Samo. In particolare la “migrazione ionica”, che partì dall'Attica e dall'Eubea, si
colloca intorno al 1000 a.c. ed acquisì alla cultura greca le coste dell'Asia Minore e contribuì alla nascita
dell'identità ionica, definitasi proprio in sede microasiatica, con la formazione della Dodecapoli ionica riunita
intorno al santuario di Posidone a Capo Micale, il Panionion; Atene poi si appropriò della tradizione sulla
migrazione ionica, attribuendone la guida ai figli del re attico Codro, per accreditarsi come madrepatria e paladina
degli Ioni d'Asia. Analogamente nacque in sede asiatica il nome degli Eoli, stanziatisi sulla costa settentrionale
anatolica nello stesso periodo, e fu applicato solo in seguito alle zone di origine dei coloni, la Beozia e la
Tessaglia, in ragione delle affinità linguistiche e culturali tra l'Eolide microasiatica e queste zone della
madrepatria. In Asia Minore i Greci realizzarono una certa omogeneità culturale, al di là delle differenziazioni
linguistiche, che costituirà a più riprese motivo di muovere guerra, da parte dei greci, in nome di una comune
“ellenicità” da difendere contro la minaccia persiana. Anche qui un ruolo identitario fu svolto dai centri
santuariali: tempio di Era a Samo, Artemide ad Efeso e di Atena Lindia a Rodi.
Alcuni di questi primi santuari sono collocati sull’acropoli, altri in una zona che diverrà di confine nelle
successive città, quasi a segnalare l’occupazione di una certa porzione di territorio. Talvolta si trovano nello stesso
sito in cui prima sorgeva un palazzo miceneo. Proprio nell’età oscura emerge il ruolo di incontro e di mediazione
culturale svolto dai santuari. Il tempio di Era a Samo, per esempio, conteneva un gran numero di dediche di
provenienza orientale, a testimonianza del contributo dei Greci d'Asia all'interazione con le popolazioni non
greche dell'Asia Minore. Ma anche in madrepatria i santuari promuovono l'interazione tra realtà eterogenee, come
rivela l'importanza progressivamente acquisita da santuari peloponnesiaci come quello di Era Argiva o di
Posidone Istmio, ma soprattutto quelli panellenici di Olimpia, santuario prettamente greco e dorico, portatore di
una concezione esclusiva dell'ellenismo, e quello di Delfi, “oracolo degli uomini” secondo l'Inno pseoudomerico
ad Apollo Delfico (cioè scritto in una lingua pseoudomerica, che echeggia una koiné dialektòs), aperto quindi ad
influenze esterne.
Storia greca - Bearzot

5. L’ALTO E MEDIO ARCAISMO

In genere la cronologia dell'età arcaica distingue tra alto arcaismo (730-580) e trardo arcaismo (580-guerre
persiane). Domenico Musti invece:

- alto arcaismo: dalla fine dell'XI secolo (1000 ca.) giunge fino al 730 ca.
- medio arcaismo: 730 ca. al 580 ca.
Questa prospettiva colloca l'età oscura all'interno dell'alto arcaismo, sottolineandola come periodo fondamentale,
per quanto a noi sfuggente, nella formazione e nella definizione della civiltà greca, e non come un “buco” spazio-
temporale in cui “non succede nulla“ semplicemente perché, scomparendo la scrittura, noi non abbiano fonti.
Anche perché, come abbiamo detto, l'età oscura non vede solo il declino, ma anche la ripresa dei contatti
transmarini e transregionali, la crescita demografica, lo sviluppo dei centri di culto, la formazione delle prime
comunità contadine e la riscoperta della scrittura: tutti fenomeni che si inseriscono nello scenario della Grecia
alto-arcaica, che pure conserva una spiccata caratterizzazione regionale. Sono distinguibili:
- Grecia occidentale, complessivamente arretrata, priva di siti importanti, dove però, fin dal X secolo, nel
Peloponneso cresce il sito del santuario di Olimpia.
- Grecia centrale (Tessaglia, Locride, Beozia), relativamente unitaria sul piano culturale;
- Attica, in questo periodo molto avanzata sul piano tecnologico (ceramica e metallurgia del ferro) e aperta a
contatti con l'Oriente;
- Eubea, ricca di ferro e quindi in posizione privilegiata;
- Peloponneso orientale, dove crescono i centri di Corinto, Argo, Megara, Sicione, Egina, Epidauro e dove si
affermano i santuari di Posidone Istmio e di Era Argiva.
Tale caratterizzazione regionale si riflette anche nella lentezza del processo di formazione del nome con cui i
Greci si definivano in età storica (Hellenes). In Omero gli “Elleni” erano le genti della Grecia settentrionale,
stanziate in Epiro o in Tessaglia, mentre per designare i Greci nel loro insieme usa denominazioni diverse:
“Danai”, “Argivi” e soprattutto “Achei”. Quest'ultimo etnomio, il più diffuso in assoluto, è interessante perché
trova riscontro nel coronimo ittita Akhiyawa nell'etnomio Eqwesh da fonti egiziane. La progressiva affermazione
di “Elleni” può dirsi compiuta nel 600 a.c., medio arcaismo, legata al fatto indicava tanto Eoli quanto Ioni e Dori
ed era quindi rappresentativo delle tre grandi stirpi greche.
La maggior parte delle nostre notizie sulla Grecia di quest’epoca deriva dai POEMI OMERICI. La poesia di
Omero riflette infatti una realtà stratificata, comprendente elementi dell’età micenea, della successiva età oscura e
dell’epoca contemporanea alla stesura dei poemi stessi, che va collocata probabilmente nell’800 per l'Iliade e nel
700 per l'Odissea.
I poemi mostrano un’evidente VOLONTA’ ARCAICIZZANTE, che propone lo stile di vita dell’età degli eroi
(cioè dell’Età del Bronzo) come modello per l’aristocrazia contemporanea. L’autore richiama consapevolmente un
mondo che non c’è più. Il wanax (Agamennone) non è in Omero un sovrano assoluto, ma un primus inter pares,
con funzioni militari, religiose e giudiziarie, accanto al quale si individuano un consiglio di anziani e
un’assemblea del popolo in armi. È dunque ragionevole ritenere che il mondo omerico corrisponda, su grandi
linee, ad alcune società greche dell’alto arcaismo, in cui il wanax è affiancato da vari basileis, e il potere del re
viene così progressivamente limitato dalla formazione di un’aristocrazia la cui ricchezza è basata sulla proprietà e
sull’allevamento. Essa appare suddivisa in casate (ghene) e fratrie (phratriai), strutture basate sulla discendenza di
un antenato comune e quindi organizzate sulla base della parentela.
Le “tribù” (philai, termine non riportato da Omero), in quanto strutture sociali, hanno carattere etinco e sono
attestate solo in contesto ionico (Opleti, Argadei, Egicorei e Geleonti) e dorico (Illei, Dimani e Panfili) come
suddivisioni in ambito militare e territoriale, mentre sono assenti tra i popoli della Grecia eolica e nord-
occudentale.
Un'acellerazione dei processi che conducono la Grecia fuori dall'erà oscura si recistra in Attica, Eubea e in
Argolide, nella zona dell'Istmo, con la formazione delle prime città. La polisdal punto di vista insediatrivo
presenta tanto un'eredità micenea, nell'articolazione tra l'acropoili (la rocca fortificata che diventa sede del tempio
della divinità poliade, da cui il senso originario del termine polis) e la città bassa (asty), quanto novità
nell'organizzazione del territorio, costituito dall'interazione fra il centro cittadino, l'asty, la campagna coltivata
(chora) e il territorio di confine, l'eschatìa, destinato al pascolo o a forme alternative di sfruttamento. L'elemento
religioso si rivelò primario nella formazione dell'identità delle prime comunità cittadine: lo sviluppo dei luoghi di
culto appare un fenomeno caratteristico; il culto degli eroi, spesso legato a sepolture di età micenea, costituisce da
parte della comunità un modo per definire la propria area spaziale e per affermare la proprietà ancestrale della
terra.
Storia greca - Bearzot

L'individuazione dello “spazio sacro” eappresenta così uno dei fenomeni più rilevanti del passaggio dall'età oscura
all'arcaismo. Le strutture più antiche sono rappresentate dal complesso costituito dal temenos e dall'altare a cielo
aperto. In seguito si sviluppa un complesso di edifici e i santuario assume l'aspetto di un grande recinto,
attraversato dalla grande via sacra e contente una serie di edifici, prima fra tutte il tempiom dimora della divinità
principale, rappresentata dall'agalma, la statua di culto, davanti alla quale c'era l'altare, predisposto per il culto che
si svolgeva all'aperto. La triade altare/tempio/temenos, di origine orientale e caratteristica del tempio greco
“classico” si afferma nel corso dell'VIII secolo, alla fine del quale si afferma la struttura a pianta rettangolare.
Alla localizzazione dei santuari tra centro urbano, aree suburbane, chora e frontiere corrispondono diverse tappe
dello sviluppo della città: il posizionamento al centro, come ad Atene e a Corinto, è raro nella Grecia arcaica, più
spesso la collocazione è suburbana o in zona di confine, a testimoniare l'appropriazione della terra da parte della
comunità e di delimitazione dell'area di influenza della stessa, nonchè del diritto di sfruttamento ed insediamento
all'interno di essa. Ci sono poi i templi che indicano i confini, come Artemide Brauronia e Posidone al Sunio, che
indicano l'egida ateniese sull'Attica, e sono anche utilizzati, nel caso del tempio di Artemide per i riti di passaggio
dei giovani a cittadini ateniesi.
La scrittura ricompare dopo un intervallo di circa tre secoli. In età micenea era nata la lineare B, caratterizzata da
segni sillabici. I documenti di lineare B sono tanti e perlopiù di carattere amministrativo e istituzionale; è quindi
una scrittura destinata a pochi. Tratto notevole è il fatto che la lingua di questa scrittura sia già greco. La lineare B
viene però a scomparire con la fine dell’età micenea. Solo probabilmente alla fine dell’800 nasce la scrittura
alfabetica dall’adattamento al greco (con l’aggiunta delle vocali) all’alfabeto fenicio.L’alfabeto fenicio aveva
pochi segni, ventidue, che riproducevano in maniera stabile i fonemi, ovvero i suoni distintivi della lingua parlata,
che tendono a semplificare i diversi sistemi di scrittura in uso all’epoca. I Greci tuttavia inseriscono fin dall’inizio
delle varianti a seconda delle regioni. Inoltre i segni dell’alfabeto fenicio rendevano solo le consonanti (quelli
vocalici mutavano a seconda della grammatica e della sintassi), il greco presenta invece suoni vocali in primo
piano, al pari di quelli consonantici. Si rese dunque necessario un adattamento; un esempio è costituito dalla S,
presentata con ben quattro segni nell’alfabeto greco, laddove invece se ne incontra uno in quello fenicio.
Risultato: strumento più utile e maneggevole, semplificato, perché potesse essere divulgato più facilmente.
Un ruolo fondamentale, nel processo di acquisizione di questa scrittura, fu svolto in particolare dagli Eubei,
presenti negli scambi tra Oriente e Occidente e in particolare nell’emporio greco di Al Mina, sulla costa siriana;
ma anche Creta e la Ionia possono essere chiamate in causa come aree interessate al processo. La scrittura
alfabetica non fu usata solo per SCOPI commerciali: essa trovò applicazione nell’uso privato (firme di vasai,
epigrafi funerarie in versi, dediche agli dei, maledizioni), nella redazione scritta di testi poetici (a partire dalla
poesia omerica) e infine in ambito pubblico (codificazione delle leggi) e culturale (sviluppo di saperi nuovi
rispetto a quelli tipici della civiltà orale).

5.1 “Poleis” e stati federali

Nel corso del 700 il mondo greco è interessato dai processi di trasformazione caratteristici della fase di transizione
e di assestamento che coincide con la nascita della polis: un fenomeno complesso, che dà alla Grecia classica il
suo assetto caratteristico, consistente nella coesistenza di una spiccata unità culturale (in senso etnico, linguistico,
religioso, giuridico) e di un forte frazionamento politico, determinato dalla presenza di più di mille stati
indipendenti, diversi per le dimensioni geografiche e la natura del territorio, per le caratteristiche socio-
demografiche e insediative, per l’assetto urbanistico e monumentale, per le modalità di definizione della
costituzione.
Il PROCESSO DI FORMAZIONE della polis, che comincia prima del 700, si estende per in lungo arco
cronologico. Tale processo presuppone alcuni fattori che segnalano il superamento delle condizioni caratteristiche
dell’età oscura: la stabilità delle comunità sul territorio, lo sviluppo dell’economia agricola, la crescita
demografica, il miglioramento del livello di vita.
Il termine POLIS non include soltanto l’aspetto topografico delle strutture urbanistiche (quartiere residenziale
riunito attorno a un centro politico-commerciale, l’agorà, in cui si riuniscono i cittadini, e a un centro religioso, il
santuario, dedicato al dio con cui si identificava la polis); esso ha anche un significato politico e sociale: si tratta
infatti di una comunità di uomini liberi che si riconoscono nel culto di una divinità e in un corpus di leggi
accettate da tutti, e che prendono decisioni politiche attraverso organi come l’assemblea e il consiglio. Il termine
polis è definibile come una società politica strutturata intorno alla nozione di cittadinanza, nella cui formazione,
più dell0assetto topografico e delle strutture urbanistiche, svolgono un ruolo primario elementi ideali come il culto
poliade e l'ideologia comunitaria.
Storia greca - Bearzot

Nella polis svolge infatti un ruolo primario l’IDEOLOGIA COMUNITARIA che comporta che territorio e
popolazione siano sentiti come una cosa comune (koinòn= possesso comune, meson= spazio mediano e
condiviso); che la popolazione debba partecipare alla sua gestione; che il potere debba essere esercitato per
periodi definiti e a rotazione; che il suo esercizio debba essere conforme alle regole fissate dalla legge.
La polis non è frutto di un’invenzione momentanea, improvvisa. È un processo che in alcuni casi si conclude in
tempi brevi, in altri invece si verifica in età tarde oppure non si verifica affatto. In altre parole, è un MODELLO
PREVALENTE e non totalizzante. Basti infatti il riferimento alle zone della Grecia settentrionale, che non hanno
conosciuto il modello della polis, preferendo piuttosto dar vita a stati federali, o meglio confederazioni. Fra le
caratteristiche strutturali della polis, una fondamentale è la STATUALITA’: è infatti una forma politica che si
dota di organi politici, istituzioni e magistrature, vale a dire di quell’insieme di cose che mettono in evidenza la
dimensione politica della città-stato.
Le fonti antiche non ci riportano molte notizie su come le comunità si organizzassero per costituire la polis.
Alcuni ritengono che un primo, fondamentale documento sia il settimo canto dell’Odissea, dove però il termine
polis ha un’accezione differente rispetto a quella corrente. Nei versi è evidente come OMERO, raccontando la
creazione della comunità di Nausicoo, descriva piuttosto la fondazione di una colonia dal nulla in un luogo
disabitato, più che la nascita di una vera e propria polis.
Il fenomeno della formazione della polis è connesso comunque allo sviluppo di strutture che richiedono
un’adeguata organizzazione dello spazio. Nel CENTRO URBANO, luogo politico e religioso, hanno sede le
principali strutture funzionali (il pritaneo, sede del focolare pubblico e delle magistrature; l’agorà, luogo di
incontro e di mercato; il bouleuterion, sede del consiglio; l’ekklesiasterion, sede dell’assemblea) e culturali
(templi, focolare comune, tomba del fondatore). Significativamente è lo “spazio religioso” a dotarsi per primo di
strutture architettoniche: gli edifici più antichi che compaiono nelle aree urbane (altari, heroa, santuari) affermano
il primato dell’esperienza religiosa come fattore unificante della comunità, mentre solo in un secondo momento
compaiono gli edifici di carattere più propriamente civile e amministrativo. Si tenga comunque presente che il
centro urbano, protagonista del sinecismo, mantiene un rapporto di stretta dipendenza con la sua chora. Metà della
popolazione infatti risiedeva nelle campagne. Sul piano economico la città greca non prescinde mai dall'attività
agricola, anche in presenza di vasti interessi commerciali; la proprietà terriera è una delle modalità della
partecipazione del cittadino alla comunità e la piccola proprietà è in genere largamente diffusa.
Altra caratteristica della polis è che non si valuta la “grandezza” della città in base all'estensione territoriale o
all'aspetto monumentale, ma viene valutata in termini di potenza politica, il che dipende la valore primariamente
sociale della polis stessa.
Parte dell'assetto, estremamente vario, della polis dipende dalla sua politeia, ossia dalla sua costituzione, e quindi
dalla misura in cui i cittadini possono partecipare alla vita politica e sociale, e soprattutto cosa li rende cittadini.
La definizione del corpo civico può essere varia e stabilita secondo diversi criteri: nascita, proprietà terriera,
contributo militare, professione, svolgimento di un adeguato corso di formazione (efebia ad Atene, agoghè a
Sparta). Indipendentemente da quale sia poi la forma di governo adottata, la polis così concepita, cioè basata sulla
nozione di appartenenza e condivisione, ha comunque in sé spinte propulsive di carattere egalitario, tanto più che
richiede una condizione paritaria tra concittadini, quella che i Greci chiamavano isonomia, e la partecipazione alla
gestione della comunità. La polis si conferma quindi un modello tendenzialmente inclusivo, che tende al
progressivo inserimento degli uomini liberi nell'ambito di un contesto politico.Alla formazione di tendenza
isonomiche nell'ambito della polis contribuì anche la “riforma oplitica”: una riforma in ambito militare per cui il
nucleo dell'esercito venne ad essere costituito non pià dalla cavalleria, ma dai fanti armati pesantemente, gli opliti.
Il servizio nella falange oplitica era fornito dai membri della classe media, costituita da contadini liberi:
combattendo insieme per la difesa della patria essi rafforzarono i loro reciproci vincoli di solidarietà e
l'integrazione della comunità e richiesero, di conseguenza, un trattamento paritario e una maggiore partecipazione
politica.
La Grecia però non era fatta solo di poleis: fin dall’arcaismo è presente, accanto allo stato cittadino, lo STATO
FEDERALE. Questo tipo di stato era stato denominato ricorrendo a termini generici come ethnos (che
propriamente significa “popolo”, “nazione”, non ha implicazioni politiche e può anche riferirsi alle tribù etniche
in cui le popolazioni si dividevano) o come koinon (che indica qualunque tipo di comunità, dalle associazioni
religiose a quelle professionali).Lo stato federale era caratterizzato dalla SYMPOLITEIA, cioè dalla coesistenza
di una cittadinanza federale con una cittadinanza locale: in ambito ufficiale essa si esprime nella definizione
onomastica del cittadino, che accosta all’etnico del koinòn, la specificazione della località di origine, espressa con
un complemento di provenienza. (Es. Tessalo di Larissa). Lo stato federale fu l’organizzazione politica
caratteristica dell’”altra Grecia”, quella Grecia periferica, di area prevalentemente centro-settentrionale e
caratterizzata da:
Storia greca - Bearzot

- territori montuosi e isolati,


- difficoltà delle comunicazioni e degli scambi,
- un’economia di carattere prevalentemente pastorale,
- assenza di un adeguato sviluppo cittadino (la popolazione viveva dispersa in villaggi o komai, a loro volta riuniti
in distretti).
In un certo senso, laddove sembrano conservarsi alcune delle condizioni dell'erà oscura la formazione dello stato
federale appare un esito più frequente rispetto alla formazione della polis.
Nel corso del 300, a fronte dell’indebolimento delle poleis, gli stati federali acquisteranno un ruolo
progressivamente maggiore. La ragione più profonda del successo degli ethne come alternativa alla polis sta nel
fatto che l’organizzazione federale si caratterizza per una maggiore apertura rispetto al mondo cittadino:
- l’abitudine allo scambio di diritti fra le realtà locali appartenenti all’ethnos;
- la disponibilità a rinunciare parzialmente all’autonomia delle singole comunità in cambio di vantaggi comuni;
- il minor grado di partecipazione diretta del cittadino al governo in favore del principio di rappresentanza;
rendono gli ethne, indipendentemente dalle forme costituzionali adottate più capaci di integrazione e di
assimilazione rispetto alle poleis.
I valori principarli della Grecia delle poleis sono stati identificati nei concetti di autonomia ed eleutheria, che
esprimono la possibilita di congernarsi con proprie leggi liberamente accettate, senza lasciarsi condizionare da
poteri più forti, e di svolgere una politica estera indipendente.
Forme alternative di organizzazione politica, come lo stato federale, vengono di conseguenza respinte in un'area di
spiccate preifericità ideale e di inferiorità culturale, mentre si evidenzia una progressiva tendenza alla chiusura
delle comunità cittadine verso l'esterno, sia verso il barbaro, sia verso lo xenos. Solo il tramonto della polis
riproporrà òe condiioni per una maggiore disponibilita all'apertura e all'incontro con realtà eterogenee.

5. 2 IL GOVERNO DELLE ARISTOCRAZIE


La Grecia d’età arcaica è invece dominata dall’aristocrazia, all’interno della quale non manca una forte tensione
egalitaria. I privilegi dell’aristocrazia si basano prima di tutto sulla nascita, garantita da genealogie risalenti all’età
degli eroi, dei quali gli aristocratici si sentivano gli eredi. Da questa discendenza nobile, l’aristocratico traeva
quella virtù (areté), negata agli uomini di origine più umile, ed espressa anche nella bellezza (l’ideale aristocratico
dell’uomo è espresso nella formula kalos kai agathos) e nella ricchezza. La RICCHEZZA degli aristocratici era
soprattutto fondiaria, cioè basata sul possesso di terre; e inoltre sul possesso di beni come case, bestiame, servi, e
su clientele costituite da parenti e da compagni. Oltre che dalla terra, gli aristocratici traevano la loro ricchezza
dalla guerra e dalla pirateria, un’attività che secondo Tucidide era considerata normale e onorevole nell’arcaismo;
era praticato anche lo scambio praticato dagli stessi aristocratici su nave propria o attraverso la mediazione di
mercanti di professione.
La vita degli aristocratici è legata all’OIKOS, termine che in greco significa casa, ma che comprende anche la
famiglia e la proprietà. L’oikos è infatti un insieme di persone e beni che include, oltre al capofamiglia, la moglie,
i figli, i servi, l’abitazione, il tesoro familiare, le terre e il bestiame. Garantire la sopravvivenza della casata
richiede una gestione complessa, la cosiddetta oikonomia, termine che designa un’economia di carattere
domestico, incentrata sull’agricoltura e disinteressata alla produzione e allo scambio. L’oikos è poi anche una
comunità con valore giuridico e religioso. Talora contrastanti in origine, il diritto dell’oikos e il diritto della polis,
finiscono per convivere e per integrarsi sulla base del principio della pluralità degli ordinamenti.
Le attività principali della vita aristocratica, oltre alla gestione dell’oikos, sono la guerra e la politica, compito a
cui l’aristocratico è destinato dalla disponibilità di tempo libero che gli deriva dal fatto di non lavorare. Tra gli
SVAGHI, oltre alla caccia, va ricordato il simposio, che costituisce uno dei momenti fondamentali della vita
sociale e culturale. Gli uomini si riuniscono per bere insieme e svolgono attività di carattere culturale come
musica, canto e recitazione, e politico, come gli elogi degli uomini valorosi e la critica ai tiranni. Il simposio
appare come il luogo della discussione fra pari, in cui si creano rapporti di reciproca fiducia: gli stessi legami che
trovano espressione nelle cosiddette eterie, società segrete che si impegnano a sostenere i propri membri in ambito
politico e giudiziario e vengono talora a costituire una realtà istituzionale parallela.
Le relazioni fra casate aristocratiche vanno al di là della comunità di origine e, attraverso i rapporti di ospitalità
(XENIA) assumono carattere internazionale. La xenia era una forma di ospitalità fondata sulla reciprocità, che
prevedeva la mutua assistenza (espressa attraverso l’ospitalità concreta , cioè l'offerta di vitto e alloggio) e veniva
sancita con lo scambio di symbola, piccoli oggetti spezzati in due parti, che servivano come strumento di
Storia greca - Bearzot

riconoscimento e come prova dei legami di ospitalità anteriormente stabiliti. La xenia costituì uno degli strumenti
mediante i quali le grandi famiglie aristocratiche giunsero a intessere una fitta rete di rapporti al di fuori della
comunità di appartenenza.
Un ulteriore strumento delle relazioni internazionali fra aristocratici furono i legami MATRIMONIALI, che
unirono casate appartenenti a città e popoli diversi. Un altro aspetto della dimensione “internazionale” dello stile
di vita aristocratico è l’inserimento dei membri delle aristocrazie nei circuiti agonali e propagandistici legati alle
feste religiose panelleniche. Gli aristocratici, per dar prova della propria areté, si confrontavano infatti con i propri
pari negli AGONI atletici (ma anche poetici e musicali) previsti nei Giochi Olimpici (iniziati secondo la tradizione
nel 776), Pitici, Istimici e Nemei. La vittoria in questi agoni era fonte di grande prestigio per il singolo individuo,
per la sua famiglia e per l’intera comunità.
Sul piano militare l’aristocrazia è legata al modello omerico del duello eroico e all’uso del CAVALLO. Quella
che Tucidide considera la prima guerra panellenica, combattuta in Eubea fra Calcide ed Eretria per il possesso
della pianura di Lelanto, fu caratterizzata proprio dal confronto fra capi aristocratici che combattevano a cavallo.
La CRISI DELL’ARISTOCRAZIA, innescata da fenomeni complessi come la diminuzione della produzione
agricola e il conseguente impoverimento e indebitamento dei contadini, che minarono le basi socioeconomiche dei
regimi aristocratici, trova un importante risvolto militare nell’avvento di quel nuovo modo di combattere che noi
chiamiamo “riforma oplitica”. Il termine OPLITA deriva dal greco hoplon, che originariamente indicava lo scudo.
Esso era l’arma difensiva che poteva arrivare anche a un metro di diametro, con un’inclinatura all’interno che
assicurava una presa solida (due le prese: avambraccio e polso). Con l'oplita la funzione guerriera cessò di essere
un privilegio aristocratico e si ampliò fino a comprendere anche i membri del demos, cioè della popolazione
contadina residente sul territorio. L'armamento dell'oplita era costituito da elmo, corazza, schinieri, scudo rotondo
a doppia impugnatura e lancia; tale armamento, diversamente da quello necessario per combattere in cavalleria,
era accessibile anche agli strati meno ricchi della popolazione: furono quindi i membri della classe media, i piccoli
proprietari contadini, a fornire il servizio di fanteria pesante oplitica, nuovo nucleo dell'esercito.
Gli opliti non costituivano necessariamente una classe sociale omogenea; in cambio del contributo dato alla difesa
della comunità, gli opliti chiesero e ottennero una corrispondente integrazione sociale e soprattutto politica; un
fattore che contribuì sensibilmente al tramonto delle vecchie aristocrazie dei cavalieri.
Classico schieramento degli opliti era la FALANGE: file ordinate in modo da formare una barriera ininterrotta di
scudi. Nella falange dunque il soldato combatte a ranghi serrati, difendendo se stesso e il proprio vicino; per
assicurare questa difesa e per garantire alla falange la necessaria forza d’urto, è fondamentale che il fante
mantenga il proprio costo nello schieramento; il che implica il superamento dell’individualismo e una profonda
integrazione del singolo nel gruppo.
L’areté eroica del guerriero aristocratico viene così superata e si affermano nuovi valori, come la virtù
dell’autocontrollo e della moderazione (sophrosyne) e il senso della solidarietà e della parità fra uguali.
Dall’oplitismo nacquero così comunità di cittadini più ampie e coese che, sul piano costituzionale, si diedero, al
posto delle aristocrazie, GOVERNI TIMOCRATICI, cioè basati sul censo (timé) e quindi potenzialmente più
aperti e caratterizzati da una maggiore mobilità sociale.
La falange oplitica rimane il nucleo fondamentale del combattimento, fino alle guerre macedoni, quando cioè
subirà modifiche di carattere tecnico. Nel periodo in cui si afferma la falange, i Greci acquisiscono una grande
egemonia.

5.3 Il movimento coloniale


Il fenomeno più notevole dell’alto e medio arcaismo è di certo il movimento coloniale del 700 e del 600, che
conferma la grande importanza della mobilità umana e dell’interscambio culturale nel processo di formazione e di
sviluppo della civiltà greca. Il termine colonizzazione è in sé abbastanza improprio per indicare tale fenomeno,
poiché rimanda al termine latino “COLONIA” inteso come insediamento di natura militare-agricola. La
colonizzazione è spesso stata vista come l’esito di spinte determinate da diversi fattori, quali sovrappopolazione,
esigenze commerciali, fame di terre, rivolgimenti politici collegati con la crisi delle aristocrazie. Sicuramente non
è la fame di terra il motivo fondante, se pur la popolazione aumenti; ma è improbabile che i Greci fossero così
numerosi da cercare spazio altrove è improbabile.
La tendenza a fondare nuove comunità è un aspetto che non si limita alla grande ondata dell’VIII e del VII secolo.
Il mondo greco è interessato costantemente da fenomeni di spostamento e di migrazione, con una significativa
PLURALITA’ DI FORME che si riflette nella ricca articolazione terminologica:
- le colonie di popolamento, le cosiddette apoikiai, sono generalmente quelle di età arcaica e il loro nome esprime
l’idea dell’allontanamento dal luogo in cui si abita; in altre parole, si tratta delle colonie legate al fenomeno
Storia greca - Bearzot

dell’emigrazione. Esse creano nuove comunità completamente autonome e indipendenti da un punto di vista
politico, mantenendo relazioni con la madrepatria solo sul piano linguistico, religioso e culturale. Certo i rapporti
possono alla lunga mutare; e nella Grecia si sono visti sia rapporti di affiliazione, come nel caso Corinto/Siracusa,
sia rapporti di guerra aperta, come per Corinto/Corcira.
- le colonie militari-agricole di cittadini, dette cleruchie, prevedono che i coloni mantengano la cittadinanza
originaria;
- con il termine epoikiai sono indicati i rincalzi coloniari, cioè l’invio di coloni a prendere possesso di comunità
già esistenti o a rafforzare un’iniziativa coloniale già in atto;
- abbiamo inoltre empori commerciali, come Naucrati sul delta del Nilo;
- colonie panelleniche come Turi, e poi ancora fondazioni regie e kataoikiai militari di età ellenistica (eredi delle
più antiche cleruchie).
La spedizione destinata a fondare una colonia (apoikia) era guidata da un fondatore, l’ECISTA, di cui spesso la
tradizione conserva il nome e che era oggetto, dopo la morte, di un culto eroico. Suo compito era, dopo aver
chiesto una sanzione religiosa all’impresa consultando l’oracolo di Delfi (il quale rivendicava una sorta di
protettorato sulle iniziative coloniali), portare alla nuova destinazione il fuoco sacro tratto dal focolare pubblico
della città d’origine e, una volta scelto il sito in base a diversi criteri (difendibilità, accessibilità al mare, fertilità
del suolo), distribuire la terra ai coloni, fondare i santuari, stabilire regole di convivenza e istituzioni nella nuova
comunità. I coloni erano per lo più maschi, provenienti da una o più comunità; in genere erano pochi, il che
poteva rendere necessario, in un secondo momento, un rincalzo coloniario (eipoikia) che potenziasse la comunità
sul piano demografico.
Il MOVIMENTO COLONIALE di VIII e VII secolo procede sulle rotte già battute dai Micenei e dalla
navigazione precoloniale. Tuttavia, se nell’VIII secolo prevalgono le iniziative individuali, nel VII secolo, invece,
viene dato maggiore impulso dalla stato. Destinazioni privilegiate sono: in Occidente, l’Italia meridionale e la
Sicilia, l’Africa settentrionale, la Gallia, la Spagna; in Oriente, Macedonia, Tracia, zona degli Stretti e coste del
Mar Nero.
La colonizzazione però non sempre si configura come atto pacifico: in Sicilia, ad esempio, la presenza di forti
poteri locali diede vita a due rivolte, l’una più violenta, l’altra invece più pacata. Ogni colonia presenta al suo
interno una città con un suo territorio rurale. La città è organizzata sul modello greco, con al suo centro un
santuario e l’agorà, luoghi principali della vita politica e cultuale della polis.
Un ruolo primario nell’iniziativa coloniale va riconosciuto ai Calcidesi d’Eubea e ai Corinzi. I CALCIDESI, di
stirpe ionica, cercarono in terra coloniale quel sostentamento impedito in patria dall’accentramento della proprietà
terriera nelle mani degli Ippoboti, ma anche sbocchi di mercato per i propri manufatti e materie prime, tra cui il
ferro.
I CORINZI, di stirpe dorica, maturarono fin dal 700 una vocazione marinara e commerciale, anche grazie alla
posizione geografica che ne consente il controllo; in Occidente essi cercarono soprattutto terre fa coltivare, ma
l’industria ceramica e cantieristica li portò a farsi anche rivali delle città dell’Eubea sulle rotte commerciali.
Interessi agrari e commerciali che spesso sono stati visti come antitetici, sembrano dunque da considerare invece
convergenti nella colonizzazione.
La più antica colonia greca d’Occidente è PITECUSSA (Ischia), fondata da Calcide in Campania intorno al 770.
L’isola ha restituito la cosiddetta coppa di Nestore, recante la più antica iscrizione greca in versi.
Osservando i materiali rinvenuti durante gli scavi in Sicilia è stato possibile creare una cronologia capace di datare
anche la fondazione degli altri centri. Le Storie di Erodoto (che si compongono di nove libri, che trattano di una
storia complessa e varia) sono una fonte importantissima per la ricostruzione della Grecia arcaica. In uno dei suoi
numerosi excursus geo-etnografici, Erodoto parla a lungo della fondazione di CIRENE (IV libro), unica vera
apoikia. La sua fondazione risale attorno al 630; colonizzatori furono principalmente gli abitanti di Tera. Cirene
diventerà poi un grande centro, ben più grande e potente della sua stessa madrepatria. Erodoto visita la città
attorno al 450 e si fa carico della tradizione locale per dar vita poi alla digressione circa il suo atto di fondazione.
In particolare, egli reca due differenti atti: un gruppo di abitanti di Tera mette in evidenza il ruolo di primo piano
svolto dalla stessa Tera; un altro gruppo, invece, insiste sull’importanza di altre città come Sparta. Tra le due è da
considerare veritiera la prima. Un altro punto della digressione insiste invece sulla situazione interna alla città: in
un momento di crisi tra la vecchia dinastia dei Battiadi e il passaggio a un regime democratico, alcuni
filomonarchici insistono nell’esaltazione di Battos (primo a governare la città) al di fuori della città.
Un documento, testimonianza anche questo del fenomeno della colonizzazione, è proposto da Tucidide, che nel I
libro parla a proposito dei contrasti fra Corinto e la sua colonia CORCIRA, la cui posizione strategica nello Ionio
la rendeva assai importante per il controllo delle rotte per l’Occidente; nel corso di questa “guerra coloniale”, si
svolse quella che Tucidide ricorda come la più antica battaglia navale della storia greca.
Storia greca - Bearzot

La tradizione che fa capo a Strabone attribuisce ai Milesii la fondazione, alla fine del 600, sulla foce canopica del
Nilo, dell’emporio di Naucrati. Sotto il regno del faraone Amasi si verifica il contatto fra Greci e Egiziani da un
punto di vista economico. I mercanti greci, che giungono sul Nilo senza volontà di abitarvi, hanno la possibilità
non solo di praticare le più svariate forme di commercio (diventano προσταται του εμπορου, centro quest’ultimo
di natura esclusivamente commerciale) attraverso un canale ben visibile aperto, ma anche la possibilità di
innalzare santuari alle divinità. Il più famoso, afferma Erodoto, è l’Hellenion, con implicito riconoscimento
dell’identità ellenica e la consapevolezza di appartenere ad una nazione. A chi voleva rimanere in Egitto invece,
Amasi diede da abitare la città di Naucrati, sul ramo canopico (più occidentale) del delta del Nilo. Ioni, Dori ed
Eoli fondarono numerose città e si riconobbero tutti nel sacro recinto dell’Hellenion. Gli Egineti, invece,
provenienti dall’omonima isola governata da un’aristocrazia interessata ai commerci, costruirono un proprio
recinto, così come Sami e Milesi.

CONSEGUENZE SOCIALI, ECONOMICHE E CULTURALI:


- La colonizzazione diede uno straordinario impulso alla produzione artigianale, agli scambi commerciali, alla
navigazione.
- La crisi delle aristocrazie terriere, dal cui potere divenuto intollerabile molti coloni cercavano scampo, la
mobilità sociale e l’evoluzione in senso isonomico furono fortemente accelerate.
- La stessa diffusione della MONETA, nata nel 600 in Asia Minore con le prime coniazioni in elettro, ma diffusasi
poi a partire dal 500 con le coniazioni di Egina in bronzo e argento, non può essere sganciata dal fenomeno della
colonizzazione.
Secondo gli economisti la moneta assolveva tre funzioni:
1. Unità di misura del valore;
2. Mezzo di scambio;
3. Mezzo di tesaurizzazione.
Se nell’eta pre-monetale ci si affidava allo scambio di oggetti, dal bestiame ai tripodi di ferro, nell’età
arcaica si comincia invece ad utilizzare la moneta, pezzo di metallo su cui un’autorità politica imprime un
segno che ne garantisce il valore. Il documento più importante, che ci parla dell’avvenuta nascita della
moneta, è un deposito di fondazione del tempio di Artemide ad Efeso: durante gli scavi archeologici sono
infatti emersi oggetti di elettro, lega presente solo in questa parte del mondo, alcuni dei quali dei tondelli
che presentano dei segni, altri invece recanti immagini imprecise. Si verifica così il passaggio all’età
monetale. La moneta conosce una rapida diffusione. Intorno al 480, 120 poleis hanno una loro moneta. La
maggior parte delle monete, al di fuori della zona di Efeso, è d’argento, e questo per ragioni di
approvvigionamento. Ogni polis tende comunque a distinguere la propria moneta dalle altre: Corinto
adotterà l’immagine di Pegaso; Egina una tartaruga; Atene la civetta.
Tuttavia anche la moneta è da ritenere parte di fenomeni più complessi: la possibilità di fare uso della moneta era
infatti simbolo di grande dinamismo. Certo inizialmente aveva più un valore intrinseco, quindi si pensa che se ne
sia servito lo Stato. In seguito diventa fondamentale anche a livello privato, in quanto fattore moltiplicatore
dell’economia.

5.4 LA LEGISLAZIONE
Sotto i regimi aristocratici, i detentori del potere giudiziario erano depositari della legge in quanto esperti delle
themistes, la norme di origine divina conservate da una tradizione esclusivamente orale. L’amministrazione della
giustizia da parte degli aristocratici era così sottratta a ogni controllo e diventava spesso espressione del loro
prepotere, come attestano le lamentele contro i giudici ingiusti e corrotti che emergono dalle pagine esiodee. La
CRISI DELLE ARISTOCRAZIE fece così emergere il bisogno di procedere alla codificazione delle leggi, resa
possibile dall’acquisizione della scrittura e capace di garantire una maggior certezza del diritto anche ai non
privilegiati.
I più antichi interventi di carattere legislativo si registrano in AREA COLONIALE, perché in comunità nuove più
facilmente si verificarono le condizioni per la fissazione di norme condivise e più forte era sentita l’esigenza di
garanzie egalitarie: abbiamo così i nomi di Zaleuco di Locri, di Caronda di Catania.
Secondo la tradizione, ZALEUCO di Locri avrebbe legiferato per i Locresi Epizefiri, ispirandosi all’autorevole
modello cretese; caratteristiche della sua legislazione sarebbero state la limitazione della discrezionalità dei
giudici e l’adozione di un linguaggio semplice e accessibile.
Storia greca - Bearzot

CARONDA avrebbe invece redatto un codice molto puntuale, che mitigava la prassi giudiziaria introducendo
pene pecuniarie anche per reati di sangue. Tali pene erano graduate in base al patrimonio, il che sembra implicare
una costituzione di tipo timocratico, con la divisione della popolazione in classi di censo.
Un ruolo particolare tra i legislatori della MADREPATRIA ha lo spartano
LICURGO, la cui figura è da ritenere leggendaria. Le sue leggi, ispirate secondo la tradizione da Apollo e non
prive di contatti con il mondo cretese, sono di datazione incerta e vanno ritenute, probabilmente il prodotto di una
lunga evoluzione. La legislazione di Licurgo, la cosiddetta rhetra, si occupava prevalentemente di definire i poteri
delle diverse componenti dello stato spartano ed era all’origine del particolare ordinamento che caratterizzava
Sparta e che era conosciuto come kosmos, l’”ordine” per eccellenza; essa non venne mai messa per iscritto, ma in
parte rifluì nella Eunomia di Tirteo.
Alla fine del 600 fu attivo in Atene il legislatore DRACONE, della cui legislazione si ricordava la particolare
severità, che avrebbe redatto una costituzione i cui elementi sono però molto incerti, perché attestati da una
tradizione fortemente influenzata dalla propaganda oligarchica. Meglio nota è invece la legge draconiana
sull’omicidio, che sottraeva spazio al regime della vendetta privata, lasciando alla famiglia del morto l’iniziativa
dell’azione penale, ma allo stato l’applicazione della pena di morte e incoraggiando la transazione; soprattutto
distingueva i tipi di omicidio e le relative pene sulla base dell’atteggiamento soggettivo dell’omicida e, quindi, del
grado di volontarietà dell’azione. Si trattò quindi di un rivoluzionario intervento nell’ambito del diritto penale, che
tentava di superare i rigori dell’antica prassi della vendetta familiare riservando alla polis il ruolo principale.

5.5 LA TIRANNIDE
La tirannide in Grecia non rappresenta un fenomeno unitario da un punto di vista cronologico, né può dirsi un
fenomeno che interessa tutte le città. Essa si verifica quando una singola personalità conquista un potere più o
meno assoluto e lo esercita in maniera violenta contro la comunità. Il termine TIRANNO, forse di origine
microasiatica, significa signore e identifica colui che esercita un potere assoluto; già nel 600 la parola assume una
connotazione negativa alludendo a un potere esercitato senza il consenso dei cittadini. In Erodoto appare
codificata l’immagine topica del tiranno come incarnazione dell’illegalità.
Aristotele individua diversi MODELLI di tirannide:
- tiranno demagogo che diviene tale appoggiandosi al popolo;
- tiranno ex magistrato, che, a partire da un ruolo istituzionale, conquista un potere eccezionale;
- tiranno il cui potere nasce dalla degenerazione di una monarchia o di una oligarchia.
I moderni si sono interrogati sugli INTERESSI che i tiranni rappresentano: alcuni hanno valorizzato il rapporto
con i nuovi ceti artigiani e mercantili, altri quello con l’elemento militare oplitico e quindi con il ceto medio
agrario. In realtà è difficile generalizzare, perché il fenomeno della tirannide interpreta e aggrega spinte diverse:
- la lotta contro le aristocrazia (dalle quali spesso i tiranni stessi provengono, pur appartenendo a frange
emarginate);
- il riscatto dei contadini poveri e indebitati,
- la nascita di nuove realtà economiche e di nuovi gruppi sociali.
In genere i tiranni non intervennero sulla situazione costituzionale delle città, che rimase invariata; essi agirono
piuttosto sulla situazione politica e sociale, operando nel senso di un’integrazione degli esclusi attraverso la
ridistribuzione della terra. Non a caso Tucidide inserisce la tirannide tra i fattori di SVILUPPO DELLA GRECIA
ARCAICA, nel contesto di un superamento della debolezza e dell’isolamento originari favorito dalla crescita della
potenza politico-militare, della ricchezza, delle rendite provenienti dai tributi, dalla marineria.
Interessante è anche la POLITICA RELIGIOSA dei tiranni, che appare complessivamente incline alla
valorizzazione di culti panellenici e rurali rispetto a quelli poliadi e di culti misterici di carattere non gentilizio: ciò
conferma da una parte gli orientamenti antiaristocratici della tirannide, dall’altra l’inserimento nella prospettiva
internazionale valorizzata da Tucidide.
Anche se non furono veri e propri riformatori sociali, i tiranni contribuirono così all’EVOLUZIONE DELLA
SOCIETA’ verso forme più egalitarie, accelerando la crisi dei regimi aristocratici.
Nella madrepatria greca, le tirannidi più importanti sorsero nelle città dell’Istmo di Corinto, caratterizzate, grazie
alla posizione che favoriva i traffici, da maggior ricchezza e dinamicità. A CORINTO si affermò nel 658/657 la
tirannide dei Cipselidi, che ci è nota grazie alla testimonianza di Erodoto.
Il capostipite, Cipselo, sottrasse il potere all’aristocrazia dei BACCHIADI, una famiglia che cercava di conservare
l’esclusiva del potere detenendo l’esclusiva delle cariche pubbliche, e la cui ricchezza si basava sul possesso della
terra e sul controllo fiscale del commercio. Lo storico Diodoro Siculo dice che questa famiglia, discendente da
Eracle, era composta da 200 capifamiglia che avevano in mano il potere e governavano la polis in comune,
scegliendo uno di loro per ogni anno in qualità di magistrato supremo (il basileus), per circa un secolo (750/40 –
Storia greca - Bearzot

650). Anche Erodoto dedica una parte della sua opera (metà del V libro) a questa cerchia di famiglie, dicendo che
praticavano l’endogamia, in modo tale da impedire che il potere passasse in altre mani che non fossero le loro.
CIPSELO (658/7-628/7 a.c.), a quanto pare egli stesso un capofamiglia dei Bacchiadi, prese il potere e impose un
regime tirannico sulla città partendo dalla magistratura militare di polemarco, in un momento in cui Corino
doveva contrastare la crescita delle potenze rivali, argo e Megara, grazie all'appoggio di altri aristocratici
dissidenti. Cipselo confiscò le terre coloniali conquistate da Corinto nello Ionio, ma non procedette ad una vera
ridistribuzione della proprietà, ma lasciò campo libero alle spedizioni coloniali che fondarono Leucade, Ambracia
e Anattorio, utili sbocchi alla forte crescita demografica.
A Cipselo successe il figlio PERIANDRO (628/7-588/7 a.c.), sul quale pure sorgono numerosi aneddoti e
leggende; il suo fu un governo fortemente improntato all'antiaristorcrazia. Costui, dapprima ritenuto, al pari del
padre, un buon governante, era annoverato nel canone dei Sette Saggi di Diogene Laerzio, anche se il resto della
tradizione gli attribuisce episodi cruenti.
Questa tirannide concluse il suo corso nel 580 circa e si ricostituì nuovamente il governo aristocratico. Sotto i due
tiranni comunque la città di Corinto:
- Si allargò mediante la fondazione di colonie;
- Vi fu un’elevata diffusione della ceramica corinzia;
- Fu molto abbellita con edifici pubblici e sacri.
Sempre nella zona dell’Istmo, a SICIONE si affermò intorno al 650 la dinastia degli Ortagoridi, il cui governo
ebbe un carattere più spiccatamente popolare. L’esponente più significativo della dinastia, CLISTENE, fu autore
di una riforma delle tribù consistente nel ribattezzare le tre tribù doriche tradizionali con nomi di animali (maiali,
asini, porci) e nel creare una quarta tribù (quella degli archelaoi, “dominatori del popolo”) in cui furono inseriti gli
Ortagoridi stessi. La riforma è stata spesso ritenuta di carattere antidorico. Ma alcuni ritengono che sia stata
dettata, più che da tensioni etniche, da esigenze militari e di sviluppo territoriale; considerando che nelle aree di
insediamento dorico sono presenti sperequazioni sociali dovute alla sottomissione degli antichi abitanti da parte di
invasori, l’ipotesi che Clistene abbia voluto intervenire su queste diseguaglianze non va esclusa. Clistene svolse
anche una politica estera, in senso ostile ad Argo in area peloponnesiaca e, a livello panellenico, inserendosi, con
la prima guerra sacra, nella grande politica internazionale, a difesa delle rotte del golfo di Corinto. Clistene
promosse la propria immagine in Grecia partecipando alle feste panelliniche e intessendo rapporti con grandi
casate straniere, come rivela il matrimonio della figlia Agariste con l’ateniese Megacle, della grande famiglia
degli Alcmeonidi. La dinastia ortagoride venne rovesciata intorno al 550 dagli Spartani.
Sempre sull'Istmo va menzionata la tirannide di Tagene di Megara, un aristocratico divenuto capo del popolo e poi
tiranno: intorno al 630 appoggiò il genero Cilone, che tentava di farsi tiranno in Atene; poco dopo il fallimento
dell'impresa di Cilone i regime fu rovesciato e sostituito da un'oligarchia.
In Asia Minore i tiranni, come nel caso celebre di Trasibulo di Mileto, erano stati ora nemici, ora alleati dei re di
Lidia, mentre dopo la conquista persiana furono spesso sostenuti in quanto garanti del regolare pagamento del
tributo che il re esigeva da quanti risiedevano nel territorio del suo impero.
In Occidente il fenomeno della tirannide si protrasse ben oltre l'età arcaica, legato all'instabilità politica e sociale
delle colonie e , in Sicilia, alla costante minaccia cartaginese. Il più antico tiranno siciliota fu Panezio di Leontini,
un tiranno “demagogo”, mentre fu tiranno “pacificatore”, per il suo ruolo di mediatore tra le varie componenti
etniche, Falaride di Agrigento, anche egli oggetto di una consolidata “leggenda nera” che lo dipinge come crudele
e violento. Tiranni filopuntici si attestano nel VI secolo a Selinute ed Imera, entrambe città di “frontiera” della
Sicilia occidentale fortemente esposte all'influenza cartaginese.
Con l'inizio del V secolo si afferma, con Ippocrate di Gela, la tipica tirannide siceliota: autocratica e imperialista,
incapace di mantenersi entro i confini ristretti della singola polis e protesa alla costruzione di estesi stati
territoriali.

5.6 FORME DI COORDINAMENTO INTERNAZIONALE: LEGHE SACRE E ALLEANZE MILITARI


L’estrema frammentazione del mondo politico greco rese fin dall’inizio necessarie forme di collaborazione tra i
diversi stati. Un primo tentativo fu quello delle ANFIZIONIE, o leghe sacre, di popoli vicini che si riconoscevano
in un culto comune. Secondo Strabone all’origine di queste esperienze vi fu il fatto che popoli e città vicini,
bisognosi del reciproco aiuto, presero a celebrare insieme feste e incontri, dai quali si sviluppò un legame di
amicizia. Alcune di esse ebbero un carattere spiccatamente etnico e culturale, come l’anfizionia ionica di Delo,
intorno al tempio di Apollo; altre ebbero carattere locale, come quella che riuniva le popolazioni affacciate sul
golfo Saronico, intorno al tempio di Posidone a Calauria.
Un carattere panellenico ebbe invece l’Anfizionia per eccellenza, quella DELFICO-PILAICA, che dimostra
quanto profondamente la sfera della religione e quella della politica si compenetrino. Essa è una lega di 12 popoli
Storia greca - Bearzot

(ethnè), che si realizza originariamente intorno al luogo di culto della dea Demetra ad Antela. La posizione del
santuario in un punto nodale della geografia dell’Ellade, il passo delle Termopili, può spiegare l’aggregazione e la
persistente importanza che essa riveste. In una data non precisabile, al primitivo polo di aggregazione se ne
aggiunge un altro: il santuario di Apollo a Delfi.
Ogni popolo veniva rappresentato, nelle riunioni che si tenevano due volte all’anno, in primavera e in autunno, da
due ieromnemoni, mentre le poleis non rappresentate inviavano osservatori chiamati pilagori. L’Anfizionia
delfico-pilaica costituì l’unico ORGANISMO PANELLENICO capace di operare stabilmente e di fornire gli
strumenti per un’azione comune: primo fra tutti la “guerra sacra”, che poteva essere dichiarata dagli Anfizioni
contro i violatori di norme, e che si prestò in molti casi a utilizzazioni politiche.
L’Anfizionia fu spesso dilaniata dal tentativo di singole forze greche di egemonizzare la lega sacra e di mantenere
sotto il proprio diretto controllo il santuario delfico, sia per le ricchezze che vi erano depositate sia per la
possibilità di utilizzare propagandisticamente l’oracolo o anche semplicemente l’autorità morale promanante dal
centro del santuario.
Un tentativo su basi diverse, prive di immediati risvolti sacrali, fu quello delle leghe militari o SYMMACHIAI, di
natura originariamente difensiva, nelle quali un gruppo di poleis riconosceva volontariamente la guida
(“egemonia”) di un’altra polis: a essa venivano delegati il comando in guerra e la responsabilità di organizzare
l’attività militare comune, in caso di attacco a uno degli stati membri. Di questa natura furono la Lega di Corinto,
la Lega del Peloponneso (sotto l’egemonia di Sparta), le due leghe navali costituite sotto la guida di Atene nel
400, la Lega delio-attica, e nel 300, la Seconda lega ateniese.

2 – LA GRECIA TARDO-ARCAICA

1. I Greci d'Asia e delle isole


Sulle coste e sulle isole dell’ASIA MINORE fiorivano nel VI secolo numerose prospere città, che avevano avuto
un ruolo di grande rilievo nella colonizzazione e avevano visto lo sviluppo della poesia epica e lirica e, a Mileto in
particolare, di saperi nuovi come la filosofia (Talete, Anassimene, Anassimandro), la storiografia e la geografia
(Ecateo). L’area geografica era divisa, su base prevalentemente linguistica, in tre zone a partire da nord: l’Eolide,
abitata da coloni giunti dalla Tessaglia e dalla Beozia, la Ionia, abitata da coloni provenienti dall’Attica e
dall’Eubea, e la Doride, abitata da coloni di origine dorica.
Le città microasiatiche avevano subito, nel corso del '600, l’attacco di vari re Lidi: prima Gige, poi, verso metà
secolo, le scorrerie dei barbari Cimmeri venuti dalle zone settentrionali del Ponto, sotto spinta degli Sciti, quindi
verso l'inizio del '500 scese l'attacco del re lidio Aliatte e per ultimo Creso, che fece capitolare le città greche.
Sotto il suo dominio l’interazione culturale tra Greci e Lidi raggiunse il massimo sviluppo: grazie anche agli ampi
spazi di autonomia che la monarchia lidia concedeva nell’ambito del suo dominio, si creò una KOINE’
CULTURALE GRECO-LIDIA, espressa anche a livello religioso dalla comune attenzione ai culti di Artemide
efesina e di Apollo delfico.
Cadute le antiche monarchie, in molte città d’Asia Minore si affermarono, in seguito a gravi lotte civili,
GOVERNI TIRANNICI: a Mitilene, sull’isola di Lesbo, alla monarchia dei Pentilidi seguirono le tirannidi di
Melancro, di Mirsilo e soprattutto di Pittaco, buon legislatore e governante, tanto da essere annoverato tra i Sette
Saggi.
Dopo la conquista della Lidia da parte del re persiano Ciro il Grande (546), della dinastia degli Achemenidi, le
città greche dell’Asia Minore passarono sotto il controllo dei Persiani. Il consolidamento dell’IMPERO
ACHEMENIDE e la riforma amministrativa e fiscale realizzati dal re Dario I, con il conseguente accentramento
del sistema, accrebbero quello scontento che sfociò, nel 499, nella rivolta ionica. Analoga sorte subirono, in tempi
diversi, le isole più vicine alla costa asiatica. Alcuni Greci dell’Asia Minore, di fronte all’occupazione persiana,
cercarono condizioni di vita migliore altrove, emigrando o impegnandosi in imprese coloniali.
Tra le ISOLE GRECHE ricordiamo:
- Egina, l’Eubea, Corcira;
- le isole CICLADI, che costituivano un ponte fra il continente greco e il Vicino Oriente, con la rotta che giungeva
a Mileto;
- CRETA, la più grande isola greca, in posizione strategica tra Asia, Egitto e Grecia, abitata da popolazioni
doriche che praticavano la pirateria e il mercenariato. Creta aveva fama di avere ottime istituzioni, imitate da
molti Greci, e di essere stata il luogo d’origine della legislazione.
Storia greca - Bearzot

2. La Grecia centro-settentrionale
La Grecia centro-settentrionale comprendeva:

 TESSAGLIA, grande pianura formata dal fiume Peneo e dai suoi affluenti, circondata dalle montagne;
adatta alla coltivazione dei cereali e all’allevamento, era una delle zone della Grecia più ricche di risorse;
le sue aristocrazie di cavalieri erano famose per il loro alto tenore di vita. Nel 500 essa costituiva uno
stato federale, nel cui territorio si trovavano diverse città (importante era Fere, col porto di Pegase), le cui
dinastie al potere erano in rivalità. Quella degli Alevadi di Larissa, di discendenza eraclide, assicurò
un’unità al koinon, consentendo ai Tessali di ridurre la popolazione preesistente sul territorio allo stato di
servi, denominati penesti e costretti a coltivare la terra per gli aristocratici, cui versavano una congrua
parte del raccolto. Erano detti invece perieci i popoli circonvicini, soggetti anch’essi a un tributo.
Attraverso i voti dei perieci i Tessali furono in grado di controllare l’Anfizionia delfico-pilaica.

Una parte della tradizione attribuisce ai Tessali un ruolo preponderante nella cosiddetta “PRIMA GUERRA
SACRA”, primo atto storico dell’Anfizionia, che si concluse con l’istituzione del cosiddetto agon
stephanites, il primo dei Giochi Pitici. La guerra fu condotta fu combattuta dal 592 al 582 circa, quando
l’ateniese Solone e l’Anfizionia decisero di punire i Focesi di Cirra, accusati di aver coltivato la terra
sacra del santuario di Delfi e di aver disturbato i pellegrini; era chiaro l'intento di poter controllare il
santuario. Secondo le fonti tessale, Euriloco di Larissa, a capo della coalizione dei 4 tetrarchi tessali e
degli alleati vinse la contesa e riportò il santuario nell'orbita di influenza tessale. Altre fonti indicano la
risoluzione del conflitto come risultato del blocco navale imposto da Clistene di Sicione contro i Cirrei.
La convergenza di interessi di Clistene di Sicione e Solone di Atene contro Cirra si comprende bene se si
pensa che la città, dotata di un buon porto, esercitava la pirateria nel golfo di Corinto, danneggiando i
commerci con l'Occidente, all'epoca al centro degli interessi tanto di Sicione quanto di Atene, protesa al
commercio marittimo. La guerra segnò, anche il rafforzamento di Atene che venne inclusa nell'anfizionia
di Delfi, presso la quale acqusì notevole prestigio la famiglia ateniese degli Alcmeonidi, imparentati con
Clistene, ottenendo poi l'appoggio dell'oracolo contro i figli di Pisistrato, tiranni di Atene.

Dopo il 510 i Tessali acquisirono un ruolo panellenico rilevante in corrispondenza con il rafforzamento
dell’unità della federazione. Il KOINON fu riorganizzato sul piano amministrativo e militare: il territorio
tessalico fu diviso in tetradi destinate a fornire contingenti di opliti e cavalieri all’esercito federale,
governate da tetrarchi o polemarchi e sottoposte all’autorità centrale del tagòs. La tagia era la
magistratura suprema della federazione, aveva carattere militare e tendeva a diventare vitalizia.

Sotto i grandi Tagi della fine del 500 (Scopa di Crannone e Aleva di Larissa), i Tessali non solo
acquisirono il pieno controllo dei perieci, ma conquistarono anche la Focide ed estesero la loro
INFLUENZA su tutta la Grecia centrale, fino alla Beozia. Il controllo dell’Anfizionia, attraverso i voti
dei popoli che entravano nella loro influenza, consentì loro di assumere l’organizzazione dei Giochi Pitici
e soprattutto di influire sull’oracolo, utilizzandone la grande autorevolezza politica e morale: con il suo
appoggio i Tessali avviarono una politica filospartana, in accordo con il re Cleomene I, e antiateniese, in
accordo con i Pisistrati ormai costretti all’esilio. Il tentativo dei Tessali di esercitare l’egemonia sulla
Grecia con il sostegno di Delfi e dell’Anfizionia, terminò con la morte di Aleva e con alcune sconfitte da
collocare probabilmente nell’intervallo tra le due guerre persiane.

MACEDONIA, stato federale poco coeso, articolato in diversi cantoni guidati da re guerrieri col loro
seguito di eteri. La tribù macedone, di ascendenza dorica, unificò il paese a partire dalla metà del '600;
era guidata dalla dinastia degli Argeadi, il cui primo re fu Perdicca I, che conduceva una monarchia di
tipo arcaico (il re era primus inter pares) , uno stile di vita “omerico” e vantava una ascendenza greca,
dall'eraclide Temeno, riuscì con il re Alessandro I “Filelleno” a farsi riconoscere come greca con
l'ammissione ai Giochi Olimpici. Spesso in difficoltà per le pressioni dei barbari confinanti (Illiri e Traci)
Storia greca - Bearzot

e per le frequenti crisi dinastiche, in parte dovute al fatto che l'ascesa al trono doveva essere ratificata
dall'assemblea del popolo in armi e in parte alla poligamia praticata dalla casa reale macedone; essa restò
a lungo ai margini della storia greca, cercando, attraverso legami di alleanza con le diverse potenze
greche, di mantenere la propria unità e indipendenza.

 Lo stesso accadde all’EPIRO, abitato da tribù di stirpe dorica e illirica, organizzate in uno stato federale a
guida monarchica, detenuta dalla dinastia regnante dei Molossi, capi della tribù omonima, che si faceva
risalire a Neottolemo, figlio di Achille, e da cui discenderanno Alessandro il Molosso e la sorella
Olimpiade, prima moglie di Filippo II di Macedonia e madre di Alessandro Magno. Il re era coadiuvato
da magistrati annuali, prostatai (capi)m rappresentanti delle tribù.

 I due stati federali dell’ARCANANIA e dell’ETOLIA, zone abitate da genti di lingua greca, ma
culturalmente arretrate. Tucidide dice che gli Euritani parlavano una lingua greca incomprensibile e
mangiavano carne cruda, accentuando fortemente il carattere selvaggio e primitivo di queste popolazioni
e la loro estraneità rispetto alle aree più avanzate del mondo greco.

 Scarsa importanza avevano la DORIDE e le due LOCRIDI. La FOCIDE, caratterizzata anch’essa da un


discreto sviluppo urbanistico, doveva la sua importanza alla presenza del santuario di Delfi, che la pose
per altro al centro degli interessi di diverse potenze greche.

 BEOZIA, ricca regione agricola, caratterizzata sul piano istituzionale, da antiche e solide tradizioni
federali. L’unità e l’equilibrio del koinon tuttavia furono costantemente minacciati dalle ambizioni
egemoniche di alcune città, come Orcomeno e Tebe.

3. ATENE

L’ATTICA è un vasto territorio situato nella Grecia centrale che vede, già a partire dai secoli bui, una lenta
unione di alcuni villaggi, alcuni dei quali vanno a formare un grosso insediamento, Atene. La regione ha
certamente conosciuto un vasto popolamento nel corso del 700. L’Attica è infatti il centro di produzione della
ceramica geometrica, che conosce in questo periodo il suo massimo sviluppo: numerosi resti sono stati rinvenuti
in un’area cimiteriale, sorta nei pressi della porta monumentale del Dipylon. Il territorio è in buona parte
montuoso, con poche zone pianeggianti, le maggiori sono le valli dei fiumi Cefiso e Ilisso e la piana di Maratona.
La scarsità di terre coltivabili a cereali fa riscontro ad un terreno adatto alla coltivazione di vite e ulivo. In età
micenea l'acropoli ospitava un palazzo e Tucidide scrive che allora “l'Acropoli era la città”, espressione che
testimonia la coscienza di continuità che ha nutrito i principali miti cittadini:

1. AUTOCTONIA - secondo cui il popolo di Atene era “nato dalla terra” e aveva sempre abitato lo stesso
territorio, diversamente dalla maggior parte dei Greci che erano invece “immigrati” nelle loro sedi dall’esterno.
Per la coscienza di questa continuità insediativa gli Ateniesi si sentivano privilegiati: la loro terra non ha subito
insediamenti di altri popoli, né invasioni.
2. SINECISMO - attribuito dalla tradizione al mitico re Teseo che avrebbe fuso le città attiche in un unico grande
centro. Il processo, che si svolge a partire dal 700 e appare concluso alla metà del 600 trasformò le antiche
poleis indipendenti dell’Attica in “demi”, cioè in circoscrizioni territoriali di un’unica “polis”, Atene. In essa
ebbero sede le istituzioni comuni, consiglio e magistrati con i loro luoghi di riunione; in essa vennero raccolti i
contributi fiscali.
La nostra fonte principale sulla storia più antica di ATENE dal punto di vista dell’evoluzione interna è la
Costituzione degli Ateniesi di Aristotele. Conclusasi l’epoca dei re, la monarchia sarebbe stata sostituita prima da
“arconti” vitalizi, magistrati supremi che rimanevano in carica tutta la vita, poi da arconti decennali; infine, con il
682 iniziava la lista degli arconti annuali, scelti in base ai criteri della nascita e della ricchezza, e che entravano in
carica nel mese di Luglio, che corrispondeva all’inizio dell’anno ufficiale.
Gli ARCONTI erano nove: l’eponimo, che dava il nome all’anno; il re (basileus) che conservava le competenze
religiose del sovrano; il polemarco, incaricato della guida dell’esercito; a questi si aggiunsero poi i sei tesmoteti
(custodi dei thesmoi, le leggi ritenute di origine divina). I poteri degli arconti, che secondo Aristotele derivavano
Storia greca - Bearzot

dalla distribuzione di quelli in precedenza concentrati nella persona del re, si ridussero col tempo a una serie di
competenze relative all’amministrazione della giustizia (istruzione delle cause e presidenza dei tribunali).
Uscendo di carica, gli arconti entravano nel consiglio dell’AREOPAGO, cosiddetto perché si riuniva sul colle di
Ares nei pressi dell’Acropoli, e vi restavano a vita: l’Areopago aveva competenze sui delitti di sangue e in materie
religiosa e, secondo una tradizione molto dubbia, anche un ampio e imprecisato ruolo di “custodia delle leggi”.
La popolazione era riunita in quattro TRIBU’, ognuna guidata da un phylobasileus o “re della tribù”; ogni tribù
sarebbe stata divisa in tre trittrie e in dodici naucrarie, unità forse collegate con l’allestimento della flotta ma
anche con altri aspetti amministrativi. Il potere era nelle mani degli Eupatridi, gli aristocratici; il ruolo
dell’assemblea del popolo, pure probabilmente esistente, era in origine estremamente limitato.
Una delle prime vicende storicamente note per Atene è quella del tentativo del giovane aristocratico CILONE
(vincitore nei giochi olimpici), genero del tiranno Teagene di Megara, di instaurare la tirannide. Fallito il tentativo
di occupare l’Acropoli, Cilone riuscì a fuggire, ma i suoi compagni cercarono rifugio, come supplici, presso
l’altare di Atena, da dove furono allontanati con la promessa di aver salva la vita; della loro successiva uccisione
furono ritenuti responsabili gli Alcmeonidi, che vennero espulsi come sacrileghi. La cronologia dell’episodio è
incerta e oscilla tra la data tradizionale (630) e l’epoca di Solone, cui la tradizione attribuisce l’istituzione del
tribunale che condannò gli Alcmeonidi. Il fatto che Cilone volesse instaurare la tirannide ad Atene è da ricollegare
alle lotte tra famiglie aristocratiche per la competitività. Le stesse leggi di Dracone mostrano la necessità di
istituire leggi per riportare all’ordine la situazione. Sembra che dopo la morte dei Ciloniani, Atene avesse
addirittura chiamato uno sciamano dall’isola di Creta, un tale Epimenide.

3.1 SOLONE
Alla fine del 600, il quadro sociale attico appare fortemente influenzato da problemi legati alla questione agraria.
L’Attica soffriva, infatti, per quella scarsità di terre coltivabili, che è stata individuata come una delle cause della
colonizzazione. I piccoli contadini, in caso di raccolti insufficienti, erano costretti a chiedere in prestito cereali per
la semina o per la sussistenza ai grandi proprietari aristocratici; e finivano così per indebitarsi con loro,
diventandone clienti, e versando loro una quota del raccolto (se non erano in grado di farlo cadevano in schiavitù).
Crescevano dunque da parte dei piccoli contadini le rivendicazioni economiche e sociali e l’aspirazione a una
maggiore uguaglianza.
In Atene fu SOLONE a prendere in considerazione questi problemi, avviando un processo di integrazione sociale
e politica che fu il presupposto della democrazia. Solone fu scelto come arbitro e arconte nel 594/3, dopo essersi
distinto nella guerra contro Megara per il controllo dell’isola di Salamina. Quello dell’operato soloniano è un
terreno di basi più solide: Solone è infatti un intellettuale che ha lasciato tracce concrete della sua attività politica.
Autore di elegie e giambi, sono giunti fino a noi frammenti che permettono di cogliere la personalità di
quest’uomo. Egli legiferò norme che riguardavano la vita pubblica e privata della città: la tradizione vuole che le
sue leggi fossero state scritte su pannelli di legno esposti nell’agorà (άξονες κύρβεις) e non incisi sul bronzo. Parte
di questi pannelli si conservano ancora nel 400: le sue norme rimasero dunque in vigore a lungo e investono vari
campi della vita sociale.
Una serie di FONTI confermano l’operato di Solone, oltre ai suoi componimenti. Sicuramente tra queste c’è
Aristotele con La Costituzione degli Ateniesi, opera formatasi attorno al 350, nella quale furono incluse circa 160
costituzioni delle città greche; prevale in quest’opera non tanto l’aspetto storico, quanto quello politico-
istituzionale (l’opera fu ritrovata nel 1890 quasi per intero). Aristotele dedica a Solone i primi capitoli. Altra fonte
utile alla ricostruzione dell’opera di Solone è la Vita di Solone di Plutarco, che probabilmente usa fonte principale
lo stesso Aristotele.
Solone si trova in primis ad affrontare la QUESTIONE AGRARIA, aggravata dal fatto che i contadini non
avevano alcun diritto politico. In riferimento a questi Aristotele, nel secondo capitolo della Costituzione degli
Ateniesi, usa due termini, rimasti tali anche nel linguaggio italiano: pelatai, indica “coloro che sono vicini”, forse
da intendere come clienti, e hektemoroi, termine intraducibile che compare solo in quest’opera. Da un punto di
vista linguistico il significato di questo termine non è difficile da cogliere: sono “quelli della sesta parte”.
 Il termine rimanda quindi alla mezzadria: i contadini che lavorano presso i ricchi hanno in cambio o pagano
la sesta parte. E’ più probabile la prima ipotesi: si spiega così la richiesta del contadino al signore di
anticipare il raccolto per la sua sussistenza e, in caso di situazioni negative, la contrazione di debiti e l’offerta
di se stesso e della sua famiglia in cambio del prodotto. Solone agisce a tal proposito in maniera radicale:
vieta infatti di fare prestiti con garanzia sulla persona.
 Ma bisogna considerare altri due interventi di Solone in questo campo. C’erano infatti degli Ateniesi che,
divenuti schiavi, erano stati poi venduti all’estero. Solone decide pertanto di richiamarli, rendendoli liberi.
Storia greca - Bearzot

 Stabilisce poi che nessun uomo libero avrebbe dato come garanzia per i debiti la propria persona o quella di
altri: in altre parole, un uomo che godeva dello status di libero non poteva diventare schiavo in tal modo.
Decretò dunque la cancellazione dei debiti, nota come seisachtheia (scuotimento dei pesi).

Egli non procedette però ad una ridistribuzione della proprietà terriera, non volendo dare la “fertile terra attiva a
buoni e cattivi”, si propone dunque come primo capo del popolo, dando spazio alle spinte popolari, senza però
procedere in senso rivoluzionario: la sua è piuttosto un’OPERA DI MEDIAZIONE tra le richieste dei contadini e
gli interessi dell’aristocrazia, che non permetteva che i suoi privilegi fossero intaccati, nel'intento di realizzare un
buon governo in cui ciascuno avesse diritti e doveri in base al proprio ruolo e alle proprie capacità.
Ciò che emerge dall’operato di Solone è l’importanza dello STATUS DI LIBERTA’; il che produce ovviamente
una differenziazione tra due grandi gruppi: gli schiavi da un lato e i liberi dall’altro. Aristotele sottolineò il fatto
che da allora nessuno poteva diventare schiavo per debiti, definendo come popolare questa iniziativa di Solone.
La tradizione attribuisce poi a Solone una complessa legislazione comprendente norme di natura diversa. Sul
PIANO ECONOMICO, è attestata dalla tradizione una riforma dei pesi e delle misure, consistente nell’adozione
del sistema ponderale euboico mirante da una parte a ridurre i debiti dall’altra a favorire lo sviluppo delle attività
commerciali; il divieto di esportare derrate alimentari, tranne l’olio, terrebbe conto delle particolari caratteristiche
dell’agricoltura attica, con buona produzione olearia ma insufficiente produzione cerealicola.
Sul PIANO FAMILIARE ED ETICO, Solone avrebbe legiferato sul matrimonio, sulla parentela, in materia
testamentaria ed ereditaria, sui funerali e sul lusso, mirando a tutelare l’oikos (la casata) come cellula sociale e a
integrarlo nella polis.
Sul piano GIUDIZIARIO è attribuita a Solone l’istituzione del tribunale popolare dell’Eliea, cui avrebbero avuto
accesso, come del resto all’assemblea, anche i teti. Egli avrebbe inoltre concesso al cittadino la possibilità di
chiedere, attraverso la ephesis (appello) al tribunale, il giudizio dei propri pasi; e avrebbe sancito il diritto per
qualunque cittadino, non solo per la parte lesa, di intentare un’azione legale. Entrambe le riforme mostrano la
volontà di coinvolgere il popolo nell’amministrazione della giustizia, a tutela degli interessi comuni.
A Solone è attribuita anche una riforma costituzionale che comportava la divisione della cittadinanza in quattro
CLASSI DI CENSO:
1. Pentacosiomedimni, che arrivavano a produrre fino a 500 medimni di grano. Questi costituiscono un gruppo
ristretto: partecipano all’esercito in qualità di cavalieri e tra questi stessi si individuano i tesorieri di Atena.
2. Cavalieri, coloro che, con una produzione compresa tra i 200 e i 300 medimni, sono in grado di mantenere un
cavallo.
3. Zeugiti, secondo alcuni il nome indicherebbe il giogo, secondo altri espressione metaforica per indicare la linea
degli opliti disposti in falange. Si tratta comunque della classe media, in genere gli politi, che possedeva una
certa quantità di patrimonio, da alcuni identificato con 200 medimni di grano.
4. Teti, coloro i quali non possono vantare il possesso di una proprietà e non hanno dunque obblighi militari.
Solo i membri delle prime due classi potevano accedere all’arcontato, la carica più importante di questo periodo
storico; probabilmente nel 457 l’arcontato verrà aperto anche alla terza classe. Solone introduce così un criterio
censitario, tramite il quale si tende a ridurre l’aristocrazia di sangue, un aspetto questo su cui ritorna spesso nelle
sue poesie, fondate sul concetto di GIUSTIZIA (δικη). Da un punto di vista concettuale non si tratta però di
un’innovazione: di dike come concetto astratto e ancor più come divinità aveva già parlato Esiodo, in particolare
nella sua opera Opere e giorni. Qui Esiodo impartisce consigli al fratello Serse, insistendo su un concetto di
giustizia che rimane strettamente collegato all’azione degli dei. Solone però a differenza dice che gli uomini, e
non gli dei, attraverso le loro azioni etichettano la città come giusta o sbagliata. Certo l’ordine resta divino, ma
spetta agli uomini stabilire il percorso della giustizia stessa. In una comunità organizzata come la polis, d’altra
parte, non bisogna illudersi di poter agire da soli per il bene comune: fra individuo e comunità c’è infatti una
stretta relazione. Nasce così un topos, che trova spazio anche in altre opere della letteratura greca. Erodoto mette
in scena un dialogo tra Solone e il re di lidia Creso sulla felicità umana, dialogo che probabilmente mai avvenne,
ma attraverso il quale l’autore manda un messaggio chiaro: la morale di Solone è superiore e ha un alto valore
esemplare.
Terminato il suo mandato, Solone depose la carica e lasciò la città, con un aperto rifiuto di dare un carattere
tirannico alla propria autorità. Nel complesso la sua opera può essere valutata come intesa a rafforzare i valori
comunitari, insistendo sulla comune responsabilità delle diverse parti sociali, equamente trattate, di fronte alla
comunità cittadina. L’opera di Solone, impostata sul BILANCIAMENTO e l’integrazione tra le diverse parti
della cittadinanza e sull’accentuazione della RESPONSABILITA’ COMUNITARIA è stata vista come un
contributo sostanziale alla scoperta della dimensione politica.
Storia greca - Bearzot

3.2 PISISTRATO
Le riforme di Solone lasciarono comunque aperti molti dei preesistenti conflitti. Aristotele riferisce di anni di
anarchia e di arcontati irregolari. In questa situazione, esponenti di grandi famiglie aristocratiche si posero come
rappresentanti degli interessi di quanti facevano capo alle tre aree principali dell’Attica:
- i PARALI, guidati da Megacle, abitanti della regione costiera, di orientamento moderato;
- i PEDIEI, guidati da Licurgo, residenti nella città di Atene, di orientamento oligarchico;
- i DIACRI, guidati da Pisistrato, abitanti l’interno dell’Attica, di orientamento definito da Aristotele
fortemente democratico (rappresentavano cioè gli interessi dei contadini più poveri e degli artigiani).
Fra i tre ha la meglio PISISTRATO, che si impone nel (561/60). La sua carriera tirannica si può dividere in tre
fasi:
- la prima inizia vede un Pisistrato, già polemarco che si era distinto nella battaglia contro Megara e nella
conquista di Salamina e di Nisea, occupare l'acropoli per sei anni col sostegno di una guardia personale
concessagli dal popolo.
- la seconda vede il suo allontanamento da Atene tra 561 e 556 a causa dell'alleanza tra Licurgo e Megacle, con
quest'ultimo si riappacificò sposandone la figlia, ma un'ulteriore frattura, questa volta definitiva, con Megacle lo
condannò all'esilio decennale, dal 556 al 546.
- la terza fase lo vede rientrare ad Atene con un colpo di mano militare sostenuto da diverse città greche, tra cui
Tebe e Argo, da qui rimarrà al potere fino alla morte, nel 528/7.
Nonostante il suo regime conosca atti violenti, come l’esilio, tuttavia di lui si è conservato un ritratto
sostanzialmente positivo. Sembra che Pisistrato abbia lasciato invariate le strutture politiche della città introdotte
da Solone, realizzando una forma di BENESSERE DIFFUSO, anche per quanto concerne l’economia. Favorì
soprattutto lo sviluppo della piccola proprietà agraria e di migliorare la situazione della popolazione delle
campagne, facendo prestiti ai contadini più poveri e introducendo i “giudici dei demi”, magistrati itineranti che
amministravano la giustizia nel territorio.
- Risale a lui l’introduzione della DRACMA.
- Pisistrato, inoltre, è il primo ateniese ad abbellire la città con un’ EDILIZIA PUBBLICA E SACRA: risale
quasi certamente a lui la costruzione del primo grande tempio di Atena sull’acropoli e di un grande santuario di
Zeus vicino l fiume Ilisso, che però non riuscì a concludere (l’opera rimase incompiuta fino all’età di Adriano).
- Nel campo della POLITICA CULTURALE, Pisistrato amò circondarsi di intellettuali e di artisti. A lui si
attribuisce anche la prima edizione di Omero, cioè l’elaborazione di un testo che doveva poi rimanere canonico.
- In POLITICA ESTERA, infine, Pisistrato intreccia una serie di legami con paesi stranieri e allarga la sua
influenza ad altre zone, prima fra tutti l’area degli Stretti nel Mediterraneo nordorientale e nella zona dell’Egeo;
mantenne buoni rapporti con l'Eubea, con i Tebe, Argo, Corinto e Sparta e strinse relazioni con i tiranni Ligdami
di Nasso e Policrate di Samo. Favorì l'insediamento dell'ateniese Miziade nel Chersoneso tracico e strappò il
Sigeo, nella Troade, a Mitilene; Atene cominciava ad instaurare un piccolo “impero” coloniale nell'Egeo
settentronale, con insediamenti che mantenevano uno stretto rapporto con la madre patria.
L’eredità di Pisistrato viene presa dai figli IPPIA e IPPARCO. La loro tirannide è più severa, ma la situazione
entra in crisi nel 514 con il tirannicidio di Ipparco, ucciso da Armodio e Aristogitone, membri dell’élite
aristocratica ateniese. Questo episodio fu a lungo esaltato come esempio di libertà, ma probabilmente in realtà
egli fu ucciso per un problema di natura privata. Ippia, che sopravvive, punisce i tirannicidi, rimanendo al potere
fino al 510 e attuando un regime di violenza. La PARENTESI TIRANNICA si chiude qui. Erodoto stesso
racconta che gli Alcmeonidi acquisirono meriti presso il santuario di Delfi e convinsero la Pizia a diffondere la
voce che bisognasse porre fine alla tirannide di Atene. Si tratta di una forma di invito rivolta agli Spartani, ed in
particolare al re Cleòmene I, che invade l’Attica, giunge ad Atene e mette sotto assedio Ippia. Cleomene ottiene
così la resa di Ippia che abbandona la città e si rifugia nel Sigeo, dal quale cercherà di rientrare ad Atene con
l'appoggio dei Persiani.

3.3 CLISTENE
Dopo la cacciata di Ippia, si contrastavano in Atene i gruppi guidati da:
- ISAGORA, legato al re spartano e rappresentante delle famiglie aristocratiche, designato arconte per l’anno
508/7.
- CLISTENE, su cui non abbiamo notizie biografiche, capo della fazione avversaria, che si appoggia al demos, il
popolo che la politica di Pisistrato aveva fortemente valorizzato come forza sociale.
Clistene riesce dunque a ribaltare la situazione, dapprima a suo svantaggio, con l’appoggio del POPOLO,
rovesciando Isagora, in un primo momento vincente. Isagora si rivolge allora al re di Sparta chiedendo aiuto e
questi invia un araldo ad Atene, chiedendo di liberarsi degli impuri (riferimento agli Alcmeonidi). Clistene e gli
Storia greca - Bearzot

Alcmeonidi sono pertanto costretti a lasciare momentaneamente la città. Intanto Isagora e Cleomene tentano di
sciogliere il consiglio e di occupare l’acropoli. Il popolo ateniese a questo punto reagisce: cinge d’assedio la parte
alta della città rifiutandosi di aderire all’intimazione di Isagora e dei suoi. Irrompe dunque per la prima volta sulla
scena il popolo, che agisce in maniera compatta. Isagora, preso atto della situazione, abbandona l’acropoli;
Cleomene torna in patria e Clistene può fare rientro in Atene. Il quadro tenta dunque di tornare alla normalità,
anche se verrà ancora sconvolto da Cleomene nel 506, che organizzerà una spedizione contro l’Attica con scarso
successo, visto che alcuni stati della lega non ne danno il consenso. Clistene, dopo il suo rientro, può finalmente
dare inizio alla stagione riformatrice.
L’aspetto fondamentale dell’opera riformatrice di Clistene fu una nuova ripartizione della popolazione su base
territoriale, del genere di quella già realizzata dal nonno Clistene di Sicione, secondo una rigorosa impostazione
decimale.
 Le TRIBU’ divennero 10, assunsero carattere territoriale e presero il nome da eroi locali indicati, secondo la
tradizione, da Delfi.
 Ogni tribù (phylé) comprendeva 3 TRITTIE (per un totale di trenta trittie), circoscrizioni territoriali tratte
rispettivamente, una dalla zone costiera (paralia), una dalla zona interna (mesogaia) e una dalla città (asty).
La tribù è dunque il risultato della fusione di tre distretti che non sono comunicanti in un territorio
omogeneo, ma dislocati in diverse regioni. Da qui, dunque, la fusione di popoli appartenenti a diversi punti
dell’Attica.
 Ogni trittia a sua volta comprendeva diversi DEMI (demoi, villaggi di campagna o quartieri urbani); il demo,
unità preesistente la riforma, costituiva la circoscrizione territoriale e amministrativa di base. La residenza in
un determinato demo definiva il cittadino insieme alla sua paternità: l’onomastica ateniese prevedeva
l’indicazione del nome personale, del patronimico e del demotico.

Le tribù sono comunque fondamentali da un punto di vista:


1. MILITARE: ogni tribù deve fornire un reggimento di opliti (taxis), guidato dal tassiarco e uno stratego; la data di
introduzione del collegio dei dieci strateghi è incerta, ma sappiamo che essi erano in origine eletti uno per
tribù e che solo in seguito furono designati tra tutti i cittadini, senza rispettare la divisione per tribù.
2. POLITICO: ogni tribù fornisce poi 50 buleuti per la boulé dei Cinquecento.
La BOULE’ DEI CINQUECENTO, costituita da cittadini di età superiore ai trent’anni, sedeva in permanenza,
divisa in gruppi di 50 (i cosiddetti “pritani”) nelle dieci parti (pritanie) in cui era diviso l’anno amministrativo;
era presieduta ogni giorno da un pritano diverso, con funzioni di presidente (epistates). Sia i buleuti che
l’epistates venivano sorteggiati, per assicurare la necessaria rotazione; per lo stesso motivo non era possibile
essere buleuti per più di due volte nella vita. La funzione principale della boulé era quella “probuleumatica” che
consisteva nel preparare e introdurre i lavori dell’ASSEMBLEA; quest’ultima era aperta a tutti i cittadini di età
superiore ai vent’anni e a quest’epoca si svolgeva, in via ordinaria, una volta per pritania.
Anche il collegio degli ARCONTI venne riformato: da questo momento essi vennero eletti uno per tribù, mentre
la decima forniva il segretario (grammateus) del collegio.
La RIFORMA di Clistene rivela la preoccupazione di realizzare la piena integrazione della cittadinanza ateniese
in un sistema nuovo rispetto a quello tradizionale, in grado di realizzare la “mescolanza” di vari elementi,
spezzando i vincoli clientelari che costituivano la base del potere delle grandi famiglie aristocratiche.
Gli ARISTOCRATICI mantennero tuttavia una serie di privilegi: un ruolo politico significativo fu assicurato loro
dalla permanenza del consiglio dell’Areopago, dalla limitazione dell’accesso alle magistrature per le prime due
classi di censo, e dal mantenimento del loro carattere elettivo. Agli aristocratici era anche riservato l’accesso a
taluni sacerdozi. Alle più antiche strutture di tipo genetico, come le fratrie, fu lasciato un ruolo di controllo sulla
parentela legale e quindi sulla legittimità di nascita, presupposto della cittadinanza, che spettava a quest’epoca a
chi era figlio di padre cittadino. Tuttavia era il demo, e non la fratria, a certificare davanti alla polis lo stato di
cittadinanza; il bambino, che veniva riconosciuto dal padre con la presentazione alla fratria, nel decimo giorno di
nascita doveva essere iscritto nella lista del demo; l’assemblea del demo, prima di accettare l’iscrizione,
verificava l’età, lo stato di libertà e la legittimità di nascita del candidato.
Secondo Aristotele, fu Clistene a istituire la procedura dell’OSTRACISMO, che fu poi applicata per la prima
volta nel 488/87 contro Ipparco, figlio di Carmo, parente dei Pisistratidi. L’ostracismo consisteva nel designare,
con un voto espresso a maggioranza da almeno 6000 votanti, un cittadino ritenuto pericoloso per lo stato; il voto
veniva espresso, se l’assemblea lo riteneva opportuno, una volta all’anno, durante l’ottava pritania, scrivendo il
nome dell’interessato su un coccio (ostrakon). Il più votato veniva allontanato dalla città per dieci anni, durante i
quali subiva una diminuzione di diritti (atimia) di carattere parziale: perdeva cioè i diritti politici, mantenendo
Storia greca - Bearzot

invece quelli civili (matrimonio, patria potestà, proprietà). L’agorà di Atene ha restituito una notevole quantità di
ostraka, recanti i nomi di diversi candidati all’ostracismo, talora con le motivazioni del voto.
L’istituzione di questa procedura intendeva, allontanando uomini politici che si rendevano sospetti al popolo, da
una parte evitare l’instaurazione di una nuova tirannide, dall’altra favorire l’allentamento delle tensioni politiche.
È probabile che l’applicazione regolare dell’ostracismo abbia contribuito ad assicurare ad Atene una certa
STABILITÀ POLITICA, evitandole le fratture civili (staseis) che caratterizzarono invece altre città, anche
democratiche. Tale stabilità va collegata anche al fatto che in Atene la democrazia non era nata da una
rivoluzione violenta e dalla sopraffazione di una parte sull’altra, ma di una riforma accettata da tutte le parti in
causa e che non aveva comportato interventi di tipo rivoluzionario in ambito economico-sociale, come
l’abolizione dei debiti e la ridistribuzione della proprietà terriera. Altrove, le profonde fratture economico-sociali
che dividevano il corpo civico costituivano un grave elemento di debolezza.

4 SPARTA
La città di Sparta o Lacedemone sorse nella fertile valle del fiume Eurota (nella Laconia, zona meridionale del
Peloponneso) tra il X e l’VIII secolo dall’unione di quattro villaggi cui se ne aggiunse in seguito un quinto; al 705
a.C. risale la fondazione da parte di Sparta di una colonia, Taranto.
Il territorio già vasto si accrebbe enormemente con la CONQUISTA DELLA MESSENIA (zona caratterizzata da
un ampio territorio fertile esteso attorno al Pamiso), con cui Sparta acquisì una base economica sicura, ma fu
costretta a impegnarsi costantemente per il mantenimento di un notevole potenziale militare, per essere pronta a
fronteggiare eventuali rivolte dei Messeni sottomessi. La città non venne fortificata ed ebbe un modesto sviluppo
urbanistico: secondo Tucidide non aveva avuto un vero e proprio sinecismo e, ancora nel V secolo, era
caratterizzata dall’insediamento in villaggi. La tradizione parla di due guerre messeniche, di cui ci giunge notizia
grazie all’opera di Pausania Guida della Grecia. Egli affronta la situazione della Messenia nel IV libro,
costituendo così la fonte primaria e più antica, anche se non del tutto affidabile. La prima guerra messenica si
sarebbe sviluppata sul finire dell’VIII secolo (720); la seconda nasce invece come vendetta dei Messeni e si
sviluppa nel 660 (anche se la data è problematica). Il poeta Tirteo (640-630) parla di un’antica guerra contro i
Messeni e di una guerra quasi contemporanea a lui sempre contro questa popolazione.
Le nostre informazioni su Sparta derivano quasi integralmente da fonti non spartane che guardarono a essa da una
prospettiva parziale, o perché le erano ostili o perché erano attratte dal sistema costituzionale spartano e quindi
pregiudizialmente favorevoli. Questo sistema, che la tradizione antica definisce KOSMOS (“ordine”) è del tutto
peculiare all’interno dello stesso modello oligarchico, tanto che quella spartana era considerata una costituzione
mista. Essa si consolidò nel corso del VII secolo, mutando profondamente la fisionomia di una città che era
apparsa, fino ad allora, aperta a contatti con l’esterno e culturalmente avanzata sia nel campo della poesia (Tirteo e
Alcmane) sia in quello dell’artigianato (oreficeria e ceramica), costringendola a ripiegarsi su se stessa e
bloccandone lo sviluppo culturale.

4.1 LA COSTITUZIONE SPARTANA


Il legislatore cui si faceva risalire l’ordinamento spartano è LICURGO, sul quale siamo informati da una
tradizione che non risale oltre il V secolo (il suo nome compare per la prima volta in Simonide e in Erodoto); la
sua opera veniva datata fra l’XI e il VII secolo e la sua storicità resta incerta. Erodoto attribuisce all’opera di
Licurgo il passaggio di Sparta da una pessimo governo all’eunomia; la cosiddetta rhetra, il kosmos degli Spartani,
gli sarebbe stata dettata dalla Pizia, la sacerdotessa di Apollo Delfico; essa ci è nota da Tirteo e dalla Vita di
Licurgo di Plutarco. In realtà l’ordinamento spartano fu l’esito di un lungo processo, che Tucidide riteneva
concluso, con il raggiungimento dell’eunomia, circa 400 anni prima della fine della guerra del Peloponneso.
La RHETRA consisteva in una riforma costituzionale che prevedeva da una parte la divisione della popolazione in
tribù e in cinque suddivisioni territoriali dette obai, dall’altra l’istituzione degli organismi fondamentali:
- la diarchia (i due re venivano chiamati archeghetai, “guide”, per la loro funzione militare)
- la gherousia (il consiglio degli anziani)
- l’assemblea del popolo (detentrice del kratos, la “sovranità”).
A causa della corruzione del testo, si discute se la rhetra prevedesse per l’assemblea anche il diritto di discussione
o antegoria; inoltre essa avrebbe previsto la distribuzione della terra in lotti (kleroi) di uguale estensione.

LE ISTITUZIONI
 A capo dello stato spartano erano i due re; i loro poteri erano soprattutto di carattere militare e religioso (era
loro compito guidare l’esercito in guerra ed esercitare il sacerdozio di Zeus), ma anche giudiziario (in ambito
Storia greca - Bearzot

di diritto familiare). La successione dinastica spettava al primogenito maschio; in caso di minorità, la reggenza
veniva assegnata al parente più anziano; tuttavia, le crisi dinastiche erano frequenti e questo suggerisce che
fosse piuttosto prevista una successione all’interno dei maschi della famiglia. La preoccupazione di evitare
abusi da parte dei re portò a una progressiva limitazione dei loro poteri; proprio per controllare i re furono
istituiti, secondo la tradizione, i cinque efori, e si stabilirono leggi come quelle secondo cui i re non sarebbero
andati mai in missione contemporaneamente e sarebbero stati accompagnati, nelle loro campagne militari, da
due efori.
 I re facevano parte, con altri ventotto membri di età superiore ai sessant’anni e scelti nell’ambito delle famiglie
più importanti, della gherousia, un consiglio vitalizio incaricato di preparare le proposte da presentare
all’assemblea; li eleggeva l’assemblea del popolo. La gherousia, oltre a questa funzione probuleumatica, aveva
anche il potere di scegliere l’assemblea, nel caso che l’andamento dei lavori fosse sfavorevole. Essa aveva
inoltre importanti funzioni giudiziarie: giudicava le cause di omicidio, poteva comminare pene severe e,
insieme agli efori, poteva sottoporre a giudizio i re.
 L’assemblea del popolo, l’apella, era composta dagli Spartiati (i cittadini di pieno diritto) e si riuniva una volta
al mese. Nonostante il diritto di antegoria, previsto dalla rhetra, sembra che il cittadino non avesse facoltà di
discutere le proposte: le fonti infatti segnalano solo gli interventi di efori o de gheronti nella discussione
assembleare. L’assemblea poteva dunque solo approvare o respingere le proposte, votando per acclamazione;
eventualmente poteva essere richiesto il voto per secessione. L’apella decideva sulla pace, sulla guerra e sui
trattati di alleanza, elegeva i geronti e gli efori; non aveva però competenze di carattere giudiziario.
 Gli efori erano cinque e venivano eletti dall’apella fra tutti i cittadini. La carica era annuale, ma gli ampi poteri
di controllo che essa prevedeva inducono Aristotele a paragonare l’eforato a una tirannide. Il presidente del
collegio, l’eponimo, aveva il compito di presiedere l’apella e la gherousia. Le funzioni di controllo degli efori
si esercitavano sui re, sull’amministrazione del tesoro dello stato, sull’educazione dei giovani; avevano anche
competenze giudiziarie in tema di cause patrimoniali.

LA SOCIETÀ
 I cittadini, gli Spartiati, venivano chiamati Homoioi (gli “Uguali”) per antonomasia; lo stato di cittadinanza
dipendeva dall’essere figli di cittadini, dall’avere raggiunto l’età di trent’anni, dall’aver seguito il ciclo
educativo previsto (la cosiddetta agoghé), dall’essere in grado di dare la quota per la partecipazione ai pasti in
comune. I proventi necessari provenivano dal kleros, il lotto di terra assegnato al cittadino e coltivato dagli
iloti, così da permettergli di dedicarsi alla funzione che gli era propria, quella del guerriero. La tradizione parla
di lotti inalienabili, trasmessi dal padre al figlio primogenito; eventuali figli cadetti, privi del kleros, non
potevano mantenere la cittadinanza e decadevano fra gli hypomeiones, gli inferiori. Questo regime rigidamente
egalitario della proprietà terriera è stato ritenuto alla base della progressiva crisi demografica, e quindi militare
e politica, di Sparta, in quanto le famiglie avrebbero avuto interesse ad avere un solo erede.
 Una parte consistente della popolazione residente in Laconia era costituita dai perieci, uomini liberi, ma privi
di diritti politici, che vivevano in comunità parzialmente autonome dal punto di vista amministrativo. I preieci
discendevano da quanti abitavano la Laconia prima dell’arrivo dei Dori; erano contadini, ma anche artigiani e
commercianti; poiché queste attività erano proibite agli Spartiati, la loro importanza economica era notevole.
Significativo era anche il loro contributo militare, fornito servendo nell’esercito come opliti, in un contingente
originariamente separato. I perieci non erano ammessi all’agoghé e ai sissizi ed erano, di fatto, cittadini di
seconda classe a Sparta.
 Gli iloti, che coltivavano le terre degli Spartiati consegnando loro parte del raccolto, erano di status non libero,
discendenti da popolazioni locali assoggettate (come i Messeni) o cadute in schiavitù per diversi motivi;
persone in stato di dipendenza di questo tipo esistevano anche altrove nel Peloponneso; Secondo Erodoto il
loro rapporto con i cittadini era di sette a uno, il che fa comprendere quale costante minaccia rappresentassero
per Sparta. Gli iloti potevano essere liberati, spesso per esigenze militari, e diventavano neodamodeis; dalle
relazioni fra Spartiati e donne di discendenza ilotica (o viceversa) nascevano i mothakes, che non godevano dei
diritti di cittadinanza, ma erano liberi ed erano ammessi all’agoghé.
Il sistema spartano assume queste caratteristiche in un momento ancora oggi oggetto di studio; molti lo collocano
attorno al 550.

LA FORMAZIONE DEL CITTADINO


L’agoghé costituiva l’aspetto più particolare dell’ordinamento spartano: si trattava di un sistema educativo
rigidamente controllato dallo stato e orientato, per i maschi, alla formazione di guerrieri dotati della virtù
dell’andreia (coraggio virile), per le femmine, alla generazione di cittadini sani e forti. I bambini erano affidati
Storia greca - Bearzot

alla famiglia fino a sette anni; poi vivevano in comune, divisi in classi di età, sotto la guida del paidonomos. La
formazione che ricevevano era soprattutto di carattere fisico (ginnastica, caccia, uso delle armi); dal punto di
vista culturale, venivano coltivati solo la musica e il canto corale.
Una tappa della formazione era la krypteia, un “rito di passaggio” riservato a un gruppo di giovani spartiati, che
dovevano allontanarsi dalla città per un anno, nascondendosi di giorno e dando la caccia agli iloti di notte. Il
giovane veniva così educato al coraggio, alla sobrietà, alla vita comunitaria, al mestiere di soldato.
Il risultato di questo sistema sociale fu una comunità di cittadini uniti da un forte sentimento di reciproca
uguaglianza e da una profonda solidarietà, ma in cui l’individuo era completamente assorbito dalla collettività e
chi si proponeva di emergere era visto come un pericolo; una comunità tendenzialmente chiusa, perché timorosa
degli effetti che influenze esterne potevano produrre nei suoi cittadini, e immobilistica, perché la sua
sopravvivenza era legata a un equilibrio sociale estremamente precario. La militarizzazione della società
costrinse Sparta a chiudersi a ogni influenza esterna. I contatti con l’esterno erano temuti al punto che venivano
praticate periodiche espulsioni degli stranieri; si temeva inoltre che gli Spartani, uscendo dalla patria, avessero
influenze negative dai costumi diversi con cui venivano in contatto. Sparta, così, divenne molto prudente nel
prendere iniziative che la portassero a impegnarsi lontano dal Peloponneso, con conseguenze negative sulla sua
politica panellenica e sul suo ruolo egemonico.
Tuttavia la peculiarità del sistema spartano suscitò grande interesse e ammirazione nei Greci; i teorici guardarono
alla sua costituzione come esempio ideale di costituzione mista, che riuniva in sé gli aspetti migliori dei regimi
canonici (monarchia, aristocrazia, democrazia) garantendo stabilità. Tucidide sottolineava il rapporto tra eunomia
spartana e immunità dalle guerre civili e dalla tirannide; la realizzazione di un’assoluta uguaglianza fra i cittadini
di pieno diritto indusse persino alcuni pensatori a giudicare gli Spartani come i più democratici fra i Greci.

4.2 LA LEGA DEL PELOPONNESO

“Lega del Peloponneso” è un’espressione moderna: l’alleanza militare guidata da Sparta era definita dagli antichi
con l’espressione “gli Spartani e i loro alleati”. La Lega trova la sua origine nella volontà di Sparta di assicurarsi
il controllo del Peloponneso attraverso un sistema di alleanze che le permettessero da un lato di mantenere il
controllo sulla Messenia, dall’altro di evitare la coalizione, a suo danno, degli stati più importanti della regione.
La prima città esterna a legarsi a Sparta fu probabilmente Tegea in Arcadia, regione non dorica organizzata in
poleis (Tegea, Mantinea, Orcomeno). Tegea fu vinta dagli Spartani nel 550: si costituì in tal modo il primo
nucleo della lega. A questo si aggiunsero poi: le città principali dell’Arcadia (Mantinea, Orcomeno e Tegea);
l’Elide; le città dell’Argolide (Trezene, Ermìone, Epidauro, Fliunte) – che volevano sganciarsi dall’influenza di
Argo –; l’isola di Egina; e le città istmiche Corinto, Sicione e Megara.
La Lega del Peloponneso era un’alleanza militare di carattere originariamente difensivo, costituita sulla base di
alleanze bilaterali di carattere paritario; i membri della lega erano autonomi, ma accettavano in guerra il comando
di Sparta, che a sua volta si impegnava a soccorrerli in caso di aggressione; OBIETTIVO della lega era la difesa
della libertà degli stati peloponnesiaci da ogni minaccia esterna.
Ognuno dei membri disponeva di un voto nell’assemblea degli alleati, il sinedrio, convocato dagli Spartani in
caso di bisogno per richiederne il parere; la procedura prevedeva che l’apella spartana, sentiti gli alleati,
decidesse autonomamente; la sua deliberazione veniva poi sottoposta al sinedrio della lega, che poteva approvarla
o respingerla. Sparta non esigeva tributi dai suoi alleati. Una volta decisa una spedizione militare, Sparta
assumeva il comando e inviava agli alleati messi che comunicavano l’entità del contingente militare richiesto;
ogni città manteneva le proprie truppe e Sparta si limitava ad accettare, talora, contributi volontari. La Lega del
Peloponneso disponeva, a cavallo tra VI e V secolo, del maggiore esercito terrestre della Grecia: su questa base
veniva riconosciuto a Sparta il ruolo di prostates, prima città della Grecia.
Dalla Lega restarono esclusi gli Achei, abitanti di uno stato federale affacciato sul golfo di Corinto, e Argo. La
città di ARGO, dorica, fondata dagli Eraclidi, conobbe un periodo florido in età arcaica sotto il re Fidone, sulla
cui figura si hanno notizie contrastanti. La tradizione parla di una battaglia (battaglia di Isie) nel 669, durante la
quale Argo sconfisse Sparta. Da qui in poi una serie di guerre per il possesso della regione attorno a Tirea nel
Peloponneso orientale. Durante la cosiddetta “battaglia dei campioni” i due schieramenti decisero di far
combattere solo una parte dell’esercito (300 per parte). Alla battaglia sopravvissero solo due argivi e uno
spartano; ma poiché i due tornarono indietro per annunciare la vittoria in città, il persiano rimasto lì sostenne che
essi si fossero ritirati, attribuendo quindi la vittoria a Sparta. Nel 494 il re Cleomene infisse agli Argivi una
durissima sconfitta che ne azzerò il potenziale militare (le perdite ammontarono a ben 6000 uomini). Gli Argivi,
Storia greca - Bearzot

così, furono costretti a ovviare alla crisi demografica integrando nella comunità uomini di status inferiore, che le
fonti presentano ora come schiavi, ora come perieci liberi. Da tale provvedimento, comunque, prese le mosse un
processo di democratizzazione che portò Argo a diventare il punto di riferimento delle forze antispartane.
L’accordo fra Argo e gli stati del Peloponneso centro-settentrionale che conobbero a loro volta un’evoluzione
democratica, l’Elide e l’Arcadia, fu per Sparta una minaccia costante che, insieme ai difficili equilibri interni,
condizionò fortemente la sua capacità di svolgere una politica a vasto raggio, che la costringesse a impegnarsi
lontano dal Peloponneso.

5 I GRECI D’OCCIDENTE

Il movimento coloniale aveva portato i Greci in tutto il Mediterraneo occidentale: l’Italia ionica e tirrenica, la
Sicilia, l’Africa settentrionale, le coste della Gallia e dell’Iberia.
Nel VI secolo lo spartano DORIEO, fratello di Cleomene I, ritenendosi a torto privato del regno, tentò un’impresa
coloniale verso l’Africa e la Sicilia. Intorno al 514 sbarcò in Libia, ma, respinto, cercò di stanziarsi in Sicilia ai
piedi del monte Erice. La colonia, però, minacciava gli interessi commerciali dei Cartaginesi nella zona e la sua
impresa fallì.
La tirannide in SICILIA ebbe una svolta con l’ascesa al potere di Ippocrate di Gela. Suo precursore fu suo fratello
Cleandro, ucciso in una congiura. IPPOCRATE riuscì a creare una vasta zona d’influenza nella Sicilia orientale.
Nelle città conquistate insediò tiranni vicari, secondo un sistema che è stato fatto risalire al modello persiano. Con
le ricchezze sottratte alle città, Ippocrate avviò la coniazione della moneta geloa; con essa poté pagare i mercenari
e iniziare una politica di opere pubbliche e ristrutturazione dell’edilizia monumentale cittadina. Morì combattendo
a Ibla contro i Siculi, che resistevano a ogni tentativo di integrazione nell’impero ippocrateo. I due figli
incontrarono l’opposizione degli aristocratici, di cui assunse la difesa Gelone, figlio di Dinomene. Con l’appoggio
dei mercenari e del popolo, Gelone instaurò un potere personale e tirannico, dando origine alla dinastia dei
Dinomenidi.
In Italia meridionale le COLONIE ACHEE ebbero una forte unità culturale ed economica, che trovò espressione
nell’omogeneità della monetazione. Il concetto di Megale Hellas (Magna Grecia) che nella sua complessità
include elementi diversi, culturali, economici e politici, sembra far riferimento proprio all’area di influenza achea.
La colonia achea più antica, SIBARI, aveva un territorio molto fertile; la città aveva un governo oligarchico ed era
celebre per il lusso in cui vivevano i suoi abitanti. Essa, però, fu assediata da Crotone e distrutta nel 511/510.
La colonizzazione dei FOCEI interessò, oltre alle coste della Gallia e dell’Iberia, anche l’Italia. Dopo il 546 una
nuova ondata di coloni giunse dall’Asia Minore, fuggendo dai Persiani, verso la costa orientale della Corsica. Lo
sviluppo della pirateria focea provocò un’alleanza tra Cartaginesi ed Etruschi, interessati a proteggere le rotte
tirreniche. Nello scontro i Focei persero gran parte della flotta e dovettero rifugiarsi a Reggio e poi sulla costa
tirrenica a sud di Posidonia, dove fondarono una colonia dalla costituzione oligarchica, che divenne sede della
scuola filosofica eleatica, i cui esponenti furono Parmenide, Zenone e Melisso.

3 – Il quinto secolo

1 LE GUERRE PERSIANE: uno scontro di civiltà

Nel proemio delle Storie, Erodoto afferma di voler conservare la memoria dei fatti “grandi”, cioè degni di storia, e
fra questi il più significativo gli appare lo scontro tra Greci e Persiani svoltosi nel primo quarto del V secolo. Il
conflitto fu sentito dai contemporanei (Simonide, Eschilo) come un vero e proprio “scontro di civiltà”, durante il
quale la Grecità aveva rischiato la dissoluzione delle caratteristiche peculiari della propria civiltà, identificate con
l’esperienza della libertà politica. Era stato proprio l’AMORE PER LA LIBERTÀ, la virtù (areté) che rifiuta
l’asservimento, a rendere i Greci capaci di affrontare con successo imprese apparentemente senza speranza. Anche
la coscienza di una unità dei Greci, a livello etnico-culturale se non politico, sembra maturare in quest’epoca;
Erodoto fa affermare agli Ateniesi che non c’è ricchezza che potrebbe indurli a “medizzare” (parteggiare per i
Persiani) e rendere schiava la Grecia, perché lo impedirebbero gli elementi comuni dell’Hellenikòn: la comunanza
di sangue e di lingua, i santuari comuni degli dèi, i riti sacri e gli analoghi costumi, che mai gli Ateniesi
potrebbero tradire. Dal passo di Erodoto emerge una forte CONSAPEVOLEZZA IDENTITARIA: l’uomo greco,
oltre che come cittadino della polis, appare come membro di una comunità più ampia, omogenea sul piano etnico,
linguistico e culturale.
Storia greca - Bearzot

L’IMPERO PERSIANO
I PERSIANI sono una popolazione di origine indoeuropea. Originari della zona di Fars (attuale provincia della
zona meridionale dell’Iran), sono presto divenuti i creatori del più grande impero del mondo antico. Nel VII
secolo però a dominare la zona erano gli Assiri, sconfitti poi dai Medi, che crearono un impero enorme (che
dall’Iran giungeva fino all’Asia Minore). I Persiani erano dapprima un principato vassallo dei Medi.
La formazione dell’impero persiano si colloca nella seconda metà del VI secolo. Il re dei Persiani CIRO IL
GRANDE (che regnò dal 557 al 529) diede vita a un impero che comprendeva Asia Minore, Iran e Vicino Oriente
(546: conquista di Sardi – capitale della Lidia –; 539: conquista di Babilonia). Suo figlio Cambise (530-522) portò
a termine la conquista dell’Egitto; la sua morte, tuttavia, fu seguita da tentativi di usurpazione e da rivolte.
La situazione fu risolta da DARIO I, che provvide a riorganizzare l’impero. La struttura che gli diede era quella di
un grande impero sovranazionale, molto decentralizzato, in cui il sovrano delegava la propria autorità ai
governanti locali, i satrapi, incaricati dell’amministrazione, dell’esazione fiscale e del mantenimento del rapporto
col potere centrale. La tradizione attribuisce proprio a Dario la divisione dell’impero in 20 satrapie, ognuna delle
quali assicurava un gettito fiscale, rifornimenti e contingenti militari per l’esercito e la flotta. Dario assunse inoltre
una serie di iniziative militari, tra cui la grande spedizione del 513/12 contro gli Sciti, che sui confini settentrionali
dell’impero persiano creavano una situazione di insicurezza con le loro razzie, spedizione che fu sostenuta dai
tiranni Greci Milziade del Chersoneso tracico e Istieo di Mileto, i quali non colsero l'occasione per liberarsi del
Gran re persiano tagliando il ponte di navi con cui aveva attraversato l'Istro (Danubio), su invito degli Sciti,
perché consapevoli che, sparito il suo benestare alla tirannide che garantiva la resa dei tributi delle città, il popolo
avrebbe chiesto la democrazia. La spedizione, per quanto non risolutiva, ottenne alla Persia la nuova satrapia
della Tracia, lasciata a Megabazo e successivamente al figlio Otane, il quale assicurò la via degli stretti e
conquistò Calcedone, Bisanzio, Lemno e Imbro. Verso il 500 a.C. la Persia di Dario I controllava l’intero bacino
orientale del Mediterraneo; città e popoli che si trovavano nel suo territorio godevano di una certa autonomia ed
erano liberi di esprimere la propria identità culturale.
La sua è una visione di potere illuminato e saggio: egli capisce infatti che l’impero non può essere tenuto tutto
insieme e provvede così a dar vita a un impero decentralizzato, in cui le singole parti godevano pure di una certa
autonomia. Dario si mostra rispettoso verso le culture e i popoli posti sotto il suo comando; adotta inoltre una
lingua comune: l’aramaico.
Tuttavia l’esazione fiscale sottraeva risorse ai popoli conquistati, il controllo territoriale inibiva le diverse forme di
mobilità e di scambio che avevano caratterizzato il mondo egeo, la tendenza all’espansionismo costituiva un grave
motivo di preoccupazione. Si erano istaurati quindi con la presenza persiana degli equilibri assai delicati.

1.1 LA RIVOLTA IONICA


I Greci d’Asia Minore avevano convissuto abbastanza felicemente con il regno di Lidia; l’avvento dei Persiani nel
546 costituì una svolta negativa. Dopo la caduta di Sardi, i Persiani imposero agli Ioni il versamento del tributo,
mantennero o favorirono ulteriormente i governi tirannici, richiesero contingenti militari; con le riforme di Dario
la pressione si accentuò e il crescente MALCONTENTO trovò espressione nella rivolta ionica.
Erodoto ne attribuisce le cause a un certo ARISTAGORA, tiranno di Mileto, che era stato chiamato a Susa come
consigliere di Dario e aveva chiesto al re persiano delle risorse per una spedizione contro Nasso, per conquistarla.
L’impresa però fallì e Aristagora, temendo una punizione, depose la tirannide, stabilì l’isonomia a Mileto e ne
provocò una ribellione contro la Persia; seguì una reazione a catena che determinò l’abbattimento delle tirannidi e
l’avvento di democrazie nel resto della Ionia. Aristagora, alla ricerca di aiuti dalla madrepatria, nel 499 si recò a
Sparta e ad Atene, portando con sé una cartina dell’impero incisa sul bronzo, e fece appello alla vergogna e al
dolore che avrebbe dovuto provocare ai Greci il fatto che gli Ioni, gente dello stesso sangue, fossero schiavi;
prospettò anche una facile vittoria contro i barbari, meno forti in guerra, e l’acquisizione delle grandi ricchezze in
Asia. Sparta (sotto Cleomene) rifiutò l’intervento, mentre gli Ateniesi inviarono 20 navi in aiuto. Erodoto afferma
che l’assemblea si lasciò ingannare da Aristagora, il quale probabilmente trovò sostegno in alcune parti
dell’aristocrazia ateniese, e che la decisione di aderire alla sua richiesta fu causa di sventure per i Greci e per i
barbari.
Nel 498 le città greche d’Asia, riunite in una lega con sede al Panionion, ottennero alcuni successi, ai quali seguì
l’adesione di Cipro, della Caria e delle città dell’Ellesponto, e riuscirono ad avanzare fino a Sardi, e a incendiarla.
A questo punto Atene ed Eretria (che aveva pure mandato in aiuto 5 navi) richiamarono le navi. Ebbe inizio così
la ripresa persiana nel 497: Cipro, la Caria e l’Ellesponto furono riconquistati e Aristagora fuggì in Tracia, dove
morì in uno scontro. Prese la guida della rivolta Istieo, che la spostò verso Nord (a Chio, poi a Lesbo e infine a
Taso). Nel 494 i Persiani avevano ormai ripreso il controllo della situazione. Quando la flotta fenicia attaccò
Storia greca - Bearzot

Mileto, le città greche della costa meridionale fecero pace con la Persia. A Lade, di fronte a Mileto, i Greci furono
sconfitti in una battaglia navale, Mileto venne presa, Istieo catturato e giustiziato a Sardi e gli abitanti deportati sul
golfo persico.
Erodoto giudicò severamente gli Ioni ribelli: dal suo racconto emergono molti dubbi sull’omogeneità dei ribelli e
sulla chiarezza dei loro scopi; rimproverava inoltre ai rivoltosi di aver causato le guerre persiane.

1.2 LA PRIMA GUERRA PERSIANA


Dopo la morte di Istieo e la fine della rivolta ionica, i Persiani ripresero il controllo di Chio, di Lesbo e
dell’Ellesponto; l'ateniese Milziade dovette riparare in Atene dal Chersoneso tracico.Nel 492 Mardonio, sulla line
d'azione dell conquiste di Megabazo, mosse in Macedonia e in Tracia, dove però fu sconfitto dai Traci Brigi e
perse la flotta al largo del monte Athos. Mentre nel corso del 491 le forze persiane si raccoglievano in Cilicia,
ambasciatori del Re furono inviati in tutta la Grecia chiedendo “acqua e terra”, cioè un atto di sottomissione. Molti
risposero positivamente a questa richiesta: le isole, compresa Egine, e molte città greche del continente. Atene e
Sparta invece opposero un netto rifiuto, uccidendo gli araldi. Gli Ateniesi, anzi, ottennero da Cleomene I di Sparta
un intervento contro Egina, colpevole di tradimento, e la consegna di ostaggi che furono custoditi ad Atene.
Nel 490 prese avvio quella che si presentava come una SPEDIZIONE PUNITIVA contro Atene ed Eretria,
colpevoli di aver aiutato gli Ioni ribelli, ma che aveva certamente l’obiettivo di estendere il controllo persiano
nell’Egeo. Ha inizio così la prima guerra persiana: la flotta persiana, con Artaferne e Dati alla guida di 300 navi,
puntò prima sulle Cicladi, e distrusse Nasso; mosse poi contro l’Eubea, dove distrusse Eretria. Dall’Eubea i
Persiani passarono agevolmente in Attica sbarcando a Maratona con almeno 20.000 uomini; secondo Erodoto fu
Ippia a suggerire ai persiani di attaccare a Maratona, nella speranza di reinstaurare col loro appoggio la tirannide
ad Atene, una volta che l'avessero sottomessa.

LA BATTAGLIA DI MARATONA
Milziade, che era stato eletto stratego nonostante fosse accusato di aspirare alla tirannide, convinse gli Ateniesi a
uscire dalla città e a farsi incontro ai nemici a Maratona. L'araldo Filippide fu mandato a chiedere soccorso agli
Spartani, ma essi non vennero in aiuto per “impedimenti religiosi”. Si unirono alle forze ateniesi (circa 9.000
uomini) soltanto 1.000 Plateesi (Platea è una piccola città della Beozia, che era stata aiutata da Atene contro le
mire espansionistiche di Tebe). La sproporzione delle forze in campo fu motivo di esitazione tra gli Ateniesi: fu
Milziade a convincere il collegio degli strateghi, e soprattutto l'arconte polemarco Callimaco, della necessità di
accettare una battaglia, per la libertà dei Greci. L’esercito greco, forte sulle ali e debole al centro, sfondò ai lati e
cedette al centro, aggirando l’armata persiana. Il comandante Persiano Dati imbarcò i superstiti sulla flotta con
l’intento di doppiare Capo Sunio, sbarcare al Falero e attaccare direttamente Atene, cogliendo la città sguarnita di
truppe. L’attacco fu impedito dalla rapidità con cui Milziade rientrò da Maratona, dove aveva lasciato il collega
Aristide; probabilmente la sconfitta sul campo era stata per i Persiani meno disastrosa di quanto la propaganda
attica lasci intendere.
La spedizione, in realtà, va considerata un SUCCESSO PARZIALE: Atene aveva resistito, ma Eretria era stata
punita, Nasso e le Cicladi conquistate, e il controllo persiano sull’Egeo si era comunque notevolmente esteso. Dal
punto di vista greco, invece, la vittoria di Maratona fu sentita come un evento di eccezionale importanza, perché
l’appassionata volontà di difendere la propria libertà aveva potuto superare la sproporzione delle forze in campo.

1.3 TRA LE DUE GUERRE


Dopo il ritiro dei persiani, le Cicladi rimasero sotto il controllo medio; il tentativo promosso da Milziade di
recuperare Paro nel 489 fallì Milziade, il quale, sospettato di aver agito per motivi personale, al suo ritorno fu
accusato da Santippo di corruzione e condannato ad una multa di 50 talenti, ma morì per le ferite riportate durante
la spedizione, lasciando in eredità l’ammenda al figlio Cimone.
Il conflitto fra atene ed Egina si acuì e sfociò in una guerra aperta, con i Corinzi a sostenere Atene e gli Argivi
dalla parte di Egina; Atene, tra 4888 e 484 subì una grave sconfitta per l'inadeguatezza della sua flotta.
Dopo la prima guerra persiana, sono significative le NOVITÀ interne ad ATENE:
- Si ebbe nel 488/87 la prima applicazione dell’ostracismo, contro Ipparco di Carmo, un parente dei Pisistratidi.
Da lì in poi in tanti furono accusati di tradimento per la paura di un ritorno della tirannide; Megacle, nipote di
Clistene, fu ostracizzato nel 486, nel 485 Santippo, padre di Pericle, entrambi ritenuti responsabili della sconfitta
contro Egina.
- Fu introdotto il sorteggio per la designazione degli arconti; ciò comportò una diminuzione dell’importanza della
magistratura, a vantaggio della strategia, che restò invece elettiva.
Storia greca - Bearzot

- Nel 483/82 Temistocle, già arconte nel 492/2 (quando aveva cominciato l'opera di fortificazione del Pireo)
propose con la cosiddetta “legge navale”, di impiegare i proventi delle miniere d’argento del Laurion (che di solito
venivano ridistribuiti tra i cittadini) per la costruzione di una flotta; l’assemblea si lasciò convincere e avviò la
costruzione di 200 navi (che si trovarono poi pronte per reagire al nuovo attacco persiano), ciò contro il parere di
Aristide (stratego insieme a Milziade e arconte nel 489/8), che optava per una più tradizionale redistribuzione dei
preoventi minerari fra i cittadini. Per la sua opposizione venne ostracizzato nel 483/2, ma non bisogna
fraintendere: Aristide votava quella che era la soluzione canonica, mentre Temistocle proponeva qualcosa di
innovativo quando diceva di investire le risorse pubbliche in un'opera di rafforzamento del potenziale bellico,
finora costituito dal popolo dei primi tre ceti in base al loro contributo come cittadini in grado di armarsi da soli.
Va fatto notare che, dopo la disgrazia di Temistocle, aristide fu convinto sostenitore della politica navale da questi
iniziata. La svolta fu radicale per Atene sia sul versante della politica estera (Atene, d’ora in poi, cercherà la sua
fortuna sul mare), sia in quello interno (nella flotta i teti, esclusi dalla falange oplitica) serviranno come rematori,
integrandosi nelle forze militari cittadine, ottenendo una promozione sociale e politica che favorirà lo sviluppo di
una democrazia più avanzata).
A Sparta Cleomene, entrato in conflitto col collega Demarato a proposito dei rapporti con Egina, riuscì a farlo
destituire mettendo in dubbio la sua legittimit°, mettendo al suo posto Leotichida; esule, Demarato riparò in
Persia. Lo stesso Cleomene, una volta scoperte le sue trame contro il collega, andò in esilio, in Tessaglia e in
Arcadia; richiamato per timore che costituisse una coalizione antispartana, morì nel 491, forse suicida, e fu
sostituito dal fratello Leonida.
In Tessaglia le ambizioni egemoniche degli Alveadi di Larissa furono stroncate, prima a Iampoli dai Focesi poi a
Cerasso dai Beoti, intorno al 485, ponendo fine alla dominazione tessalica sulla Grecia centrale.
La corte persiana nel frattempo era diventata meta per gli esuli Greci: dopo Ippia vi furono Demarato e nel 486/5
esponenti della famiglia dei Pisistratidi ed emissari degli Alveadi, secondo Erodoto, per sollecitare l'intervento de
nuovo re Serse contro la Grecia; i Tassali sarebbero stati un notevole punto di appoggio e pericolosi alleati, ai
danni della Grecia, in grado di fornire ai Persiani rifornimenti e sostegno militare.

1.4 LA SECONDA GUERRA PERSIANA


Alla morte di Dario nel 486, il trono passò al figlio SERSE, il quale (convinto, secondo Erodoto, anche dal cugino
Mardonio, che ambiva a essere governatore della Grecia, e per questo lo invitava a vendicarsi di Atene e a
impossessarsi dell’Europa) progettò una grande spedizione di conquista, dispiegando enormi forze militari per
terra e per mare. L’esercito avrebbe dovuto passare l’Ellesponto su un ponte di barche, per poi raggiungere la
Grecia via terra, attraverso la Tracia e la Macedonia; la flotta avrebbe dovuto accompagnare l’esercito lungo la
costa passando per un canale tagliato sull’istmo della penisola di Acte. L’imponenza dei mezzi dispiegati e il
carattere quasi sacrilego dei lavori per il ponte sull’Ellesponto e il taglio dell’istmo, che sembravano aver violato
la natura stessa, furono all’origine delle accuse di HYBRIS che colpirono Serse dopo la sconfitta, non solo da
parte greca ma anche (a giudicare dai Persiani di Eschilo, che fu testimone oculare della battaglia di Salamina) da
parte persiana.
Come Dario prima di lui, Serise mandò ambascerie per offrire diplomanticamente la sottomissione alle città
greche: accettarono Macedoni, Tessali, gran parte della Grecia settentrionale e centrale, Locresi e Beoti, fatta
eccezione per Tespie e Platea; molti erano convinti che la spedizione fosse contro Atene, e quindi di non avere
nulla da temere. Nel 481 i Greci si riunirono nell’istmo di Corinto con l’intenzione di organizzare la resistenza: si
creava così la LEGA DEGLI HELLENES, che comprendeva 31 membri, soprattutto città (fra cui Atene, Sparta,
Corinto) e il cui comando venne affidato a Sparta, prostates della Grecia. I Greci dell’Istmo giurarono di imporre
dopo la vittoria una decima da pagare al dio di Delfi a tutti coloro che si erano arresi alla Persia senza esservi
costretti, di deporre le ostilità reciproche, di mandare esploratori in Asia, di inviare ambasciatori ad Argo, a
Siracusa, a Corcira e a Creta (ma essi rifiutarono di intervenire, rimanendo neutrali o, come nel caso di Cocira,
preparando le navi ma temporeggiando sulla partenza). In Grecia si determinò così una frattura fra quanti erano
determinati a resistere e quanti erano invece disposti ad accettare l’inserimento nella periferia di un grande impero
sovranazionale come quello persiano, con il quale ritenevano possibile la convivenza o addirittura la
collaborazione. Nel 480 i Tessali inviarono a Corinto ambasciatori, dichiarando di non condividere le azioni degli
Alveadi e di essere disposti a combattere con i Greci se la Tessaglia fosse stata inclusa nel piano di difesa, ma
essi, dopo aver valutato l'indifendibilità del passo del monte Olimpo, che collegava Tessaglia e Macedonia,
rifiutarono, anche perché non ritenevano i Tessali affidabili.
La linea di difesa da intraprendere fu ulteriore terreno di scontro: mentre i Peloponnesiaci intendevano attestarsi
sull'Istmo di Corinto, dove avevano cominciato ad erigere delle fortificazioni, Eubea e Atene volevano porre un
blocco alle Termopili. Nell'agosto del 480 Leonida partì per le Termopili partì con un contingente di 4000 opliti
Storia greca - Bearzot

tra Spartiati, Tespiesi, Tebani, Focesi, Locresi Opunzi e Beoti. Nè Sparta né altri Peloponnesiaci inviarono
rinforzi, per dimostrare che difendere altre linee al di fuori dell'Istmo era impresa destinata all'insuccesso. Intanto
la flotta greca, con 324 navi, si attestava a Capo Artemisio, sulla costa settentrionale dell'Eubea, per intercettare la
flotta persiana che seguiva l'esercito lungo la costa.

BATTAGLIA DELLE TERMOPILI


Lo stesso anno i Greci inviarono 4.000 opliti alle Termopili (lo stretto passaggio tra il mare e le pendici del monte
Eta che collegava la Tessaglia con la Grecia centrale). All’avvicinarsi delle forze preponderanti dei Persiani, parte
dei Greci fu fatta ritirare e furono lasciati solo 300 Spartiati e 700 Tespiesi e 400 guidati da Leonida. Dopo tre
giorni di resistenza, Leonida fu accerchiato dai Persiani giunti attraverso un sentiero, la via Anopea, mostrato loro
dal traditore Efialte. Le navi greche riuscirono comunque a contrastare efficacemente la flotta persiana
all’Artemisio, infliggendole molte perdite e ritirandosi, attraverso il canale dell’Euripo, a Salamina, ottenendo
anche di separare la flotta dall'esercito, che piegò verso l'interno e, pur portando danni, rimase sguarnito di
rifornimenti. L’esercito persiano allora dilagò nella Grecia centrale, devastò la Focide (tranne Delfi), risparmiò la
Beozia e invase l’Attica, che venne saccheggiata. La popolazione ateniese (anziani, donne e bambini) era già stata
evacuata a Trezene, Egina e Salamina, su consiglio di Temistocle. L'Acropoli venne data alle fiamme, in memoria
dell'incendio di Sardi avvenuto durante la rivolta ionica. Gli uomini combattevano ora sulle navi fatte costruire da
Temistocle (decisive, secondo Erodoto, per la salvezza della Grecia).

BATTAGLIA DI SALAMINA
Temistocle propose di combattere contro i Persiani nel piccolo braccio di mare tra l’isola di Salamina e le coste
dell’Attica; Euribiade, il comandante spartano, voleva combattere all'Istmo, in via di fortificazione, da cui le
truppe peloponnesiache avrebbero avuto facile ritirata in caso di sconfitta, ma Temistocle ottenne Salamina dopo
aver minacciato il ritiro della flotta ateniese. Alla fine di settembre del 480 le 360 triremi ateniesi, capitanate da
Euribiade, costrinsero la flotta persiana, composta da fenici e Greci della Ionia e delle Isole, a combattere nello
stretto braccio di mare tra l'isola e la costa attica. Nello scontro, a cui assistette lo stesso Serse dal monte Egelao, i
Persiani non poterono far valere la propria superiorità numerica e le loro navi, non riuscendo a manovrare perché
pensate più per il trasporto di risorse per l'esercito e lo sfondamento che non per l'agilità di manovra, vennero in
gran parte distrutte. La battaglia ci è descritta, oltre che da Erodoto, anche da Eschilo, testimone oculare dello
scontro; entrambi ricordano uno stratagemma con cui Temistocle, facendo annunciare al Re la fuga de Greci,
avrebbe indotto i Persiani a bloccare il canale di Minoa e costretto i Greci a dare battaglia.
Tuttavia Serse riteneva ancora di poter vincere in un confronto militare per terra e tornò a Sardi, lasciando
Mardonio in Tessaglia con le forze di terra pressoché intatte.

BATTAGLIA DI PLATEA
Dopo le inutili trattative con Atene attraverso Alessandro I di Macedonia, nel 479 Mardonio invase l’Attica, che
venne nuovamente evacuata; gli Spartani si concentrarono all’Istmo con 10.000 uomini sotto il comando di
Pausania, reggente in nome del figlio minorenne del defunto Leonida, riunendosi poi ad Eleusi con le truppe
ateniesi. Mardonio si ritirò in Beozia e si accampò nel territorio di Platea. Qui 11.000 soldati greci, secondo
Erodoto, si scontrarono con 300.000 Persiani. La morte di Mardonio sul campo decise la vittoria dei Greci, che
travolsero gli avversari; Artabano si ritirò con i 40000 persiani superstiti l'accampamento persiano cadde in mano
greca e la decima del bottino venne tributata a Delfi, ad Olimpia e all'Istmo, nel tempio di Posidone, mentre sul
campo di battaglia venne eretto un altare a Zeus Eleutherios (“Liberatore”); il territorio di Platea fu dichiarato
sacro e inviolabile.

CONSEGUENZE GUERRE PERSIANE


In genere il bottino di guerra è impiegato per la costruzione di monumenti o per offerte votive in onore degli dei;
dunque in opere durature, in grado di resistere nel tempo e testimoniare la grande vittoria. Così numerose furono,
dopo la battaglia di Platea, le dediche inscritte nei santuari, prima fra tutte quella di Apollo a Delfi. Tale dedica
consisteva in un grande tripode aureo posto in cima ad una colonna serpentiforme (treserpenti) di bronzo di circa
sei metri. Su di essa furono scritti i nomi delle città che parteciparono al conflitto; tale elenco venne confrontato
con quello fornito da Erodoto: sono 5 le città mancanti sulla colonna. A questo conflitto parteciparono circa 35
poleis; dunque non tutti i Greci, benché Serse avesse minacciato l’intera Grecia. Non esisteva ancora, dunque, un
grande sentimento di coesione, ma una coscienza di identità culturale di modello oppositivo alla realtà persiana sì.
Mancarono città grandi, in primis Tebe, che addirittura combatté a Platea al fianco dei Persiani, convinta com’è
della probabile sconfitta greca. Altra grande assente è Argo, che rimase neutrale sperando in qualche vantaggio
Storia greca - Bearzot

presso il Gran Re; una scelta però che si spiega anche col fatto che da anni ormai Argo era opposta a Sparta. A
pensare ad una sconfitta della Grecia era anche il santuario di Delfi, il cui oracolo, consultato, diede dei responsi
ambigui e sconcertanti, letti come invito a desistere. Solo in un secondo momento tenta di recuperare, intendendo
quegli oracoli come favorevoli. Le guerre persiane, comunque, segnano una svolta nell’ambito dei rapporti tra
Greci e barbari: l’ideologia si radicalizza e si polarizza.
Nel frattempo a CapoMicale in Ionia la flotta greca quidata dal re spartano Leotichida e dall'ateniese Santippo
evve la meglio su quella persiana, le fortificazioni furono attaccate e le navi, tirate in secca, furono bruciate.
Seguirono la ribellione dei Greci della Ionia e delle isole, che si unirono alla Lega degli Hellenes. Nella
primavera del 478, quando già Leotichida era rientrato con le sue truppe nel Peoloponneso, gli Ateniesi al
comando di Santippo e gli Ioni presero Sesto, nella zona degli Stretti, l'ultima base persiana in Europa.

1.5 Greci e barbari in occidente


Contemporaneamente alla battaglia di Salamina, secondo la tradizione, si svolse la battaglia di Imera, tra i tiranni
sicelioti Gelone di Siracusa e Terone di Agrigento contro i Cartaginesi. Lo stesso Gelone aveva dovuto rifiutare i
soccorsi richiesti dalla madrepatria proprio perché impegnato contro il fronte cartaginese, anche se la tradizione
erodotea imputa il rifiuto alla decisione di affidare la guida della battaglia contro i Persiani a Euribiade piuttosto
che a Gelone. La propaganda dinomeide ha invece esaltato il valore e la sensibilità panellenica dell'impresa di
Imera, la cui vittoria avrebbe salvato tanto la Sicilia quanto la Grecia stessa: effettivamente una tradizione ben
attestata parla di un accordo tra Persiani e Cartaginesi, conseguente a contatti già intrapresi da Dario
(probabilmente legati alle imprese di Dorieo di Cirene) e proseguiti da Serse, per cui i due attacchi sarebbero stati
concordati tra le due potenze in modo da tenere il contingente siceliota occupato sul fronte cartaginese e non
potesse soccorrere la Grecia con le proprie risorse belliche.
GELONE divenne tiranno di Gela in luogo dei figli di Ippocrate ed esercitò per sei anni ( 491/0-485/4), durante i
quali perse Zancle, rifondata nel 490 da Anassilao di Reggio come Messena, dovendo rinunciare a controllo sullo
Stretto. Affrontò anche la rivolta dei mercenari di Ippocrate residenti a Camarina, che lo costrinsero ad una guerra
quinquennale conclusasi con la distruzione della città e la deportazione dei mercenari vinti a Siracusa. Tuttavia fu
la “guerra degli empori” contro Cartagine, apertasi per il controllo degli scali commerciali nella Sicilia
occidentale, all'epoca della spedizione di Dorieo, nel 491, ad impegnare seriamente Gelone, che nel 481
rimproverò ai Greci della madrepatria di aver ignorato le sue richieste di aiuto per liberare gli empori e vendicare
Dorieo, e si protrasse senza una vera soluzione di continuità fino ad Imera.
Nel 485/4 Gelone conquista Siracusa riconducendovi i gamoroi, che erano stati scacciati dal popolo, e si fece
tiranno, lasciando Gela al fratello Ierone. Fortificò la città e modificò il corpo cittadino immettendovi elementi
provenienti da Camarina, Gela, Megara ed Eubea di Sicilia, legati personalmente al tiranno, molti erano i
mercenari.
Politica ESTERA: sancì un'alleanza con il tiranno Terone di Agrigento dal 488/7 al 472/1 sposandone la figlia
Damarete. Nel 483 Terone attaccò e conquistò Imera, scacciandone il tiranno filopunico Terillo, suocero di
Anassilao di Agrigento e legato al cartaginese Amilcare. La vicenda fu all'inizio dello scontro che termino con la
battaglia di Imera nel 480: Anassilao e Terillo chiesero infatti l'intervento cartaginese contro Siracusa e
Agrigento.
Dopo Imera Gelone organizzo la Sicilia sotto l'egemonia siracusana, istituendo rapporti di alleanza militare con
diverse città e avviò un processo di integrazione con l'elemento siculo. Ad Anassilao chiesto di lasciare libera
circolazione nello stretto e potè mantenere Messana, mentre a Selinunte fu chiesto di sorvegliare Agrigento,
diventata pericolosamente potente per Siracusa, motivo che sembra essere alla base anche della relativa mitezza
riservata ai Cartaginesi, costretti a pagare un'indennità di guerra di 2000 talenti e a costruire due templi,
probabilmente quello di Atena nell'Ortigia e quello della Vittoria a Imera, ma non vennero espulsi dall Sicilia
occidentale. Gelone così si trovava a capo di un grande stato territoriale, complesso e articolato tanto etincamente
quanto politicamente, tenuto insieme e solido grazie alla figura del tiranno e dalla sua capacità di gestirlo con le
tipiche doti di benevolenza, moderazione e umanità. Morì nel 478 con alle spalle una reggenza pacifica e solida,
che lasciò nelle mani del fratello Ierone, non altrettanto benvoluto dalla tradizione. La successione non fu del
tutto pacifica: Gelone lasciò in sposa la vedova Damarete, all'altro fratello, Polizelo, il quale nel 476 si recò ad
Agrigento dal suocero Terone, provocando una crisi tra Siracusa e Agrigento, che si risolse con l'insediamento di
Polizelo a Gela.
Ierone continuò l'opera del fratello, seguendone la linea tipicamente anticalcidese scacciò gli abitanti di Nasso e
Catania per poi trasferirli a Leontini insieme con gli indigeni e li sostituì con coloni dorici: rifondò Catania nel
476/5 col nome Etna e vi insediò nel 470 il figlio Dinomene. In politica estera puntò sul versante italico e
tirrenico: nel 477/6 Anassilao sfruttò il conflitto tra Agrigento e Siracusa per minacciare Locri, ma Ierone lo
Storia greca - Bearzot

dissuadette, probabilmente ne scaturì un'alleanza con Locri; successivamente intervenne in modo analogo
sostenendo Sibari contro Crotone, Locri contro Temesa e sotraendo Posidonia all'influenza di Elea, estendendo
così l'egemonia siracusana oltre lo Stretto.
Si scontrò con gli Etruschi, i quali volevano il controllo del basso Tirreno: dopo la sconfitta subita nel 505 da
Aristodemo di Cuma, essi tornarono a minacciare la Campania, inducendo Cuma a chiedere aiuto a Siracusa, che
impegno la sua potenza navale e sconfisse gli Etruschi nel 474/3 nelle acque di Cuma. Siracusa divenne così la
protrettrice degli interessi freci in area tirrenica e magnogreca; in questa ottica va l'alleanza con Taranto,
gravemente minacciata dagli indigeni italici, dai quali subì una grave sconfitta nel 470.
Ierone morì nel 467/6 e fu seppellito a Etna con onori eroici. Gli successe il fratello Trasibulo, che entrò in
contrasto con i Siracusani; pur sostenuto dai mercenari, dovette alla fine ritirarsi a Locri nel 465, ponendo fine
alla dinastia dinomenide.

2 ATENE E SPARTA: IL MODELLO DELLA DOPPIA EGEMONIA

Dopo la vittoria contro Serse i greci si dovettero scontrare con due questioni: la punizione dei Greci che si erano
alleati con i Persiani e l'eventuale continuazione della guerra contro la Persia; immediatamente risosrsero i
contrasti interni alla Lega degli Hellenes.
Già dopo la battaglia di Micale si era proposto di espellere i medizzanti dai loro empori e di sostituirgli gli Ioni
d'Asia, così più facilmente proteggibili, ma gli Ateniesi si erano opposti: l'intenzione della proposta spartana era
più quella di evitare un costante impegno militare in Asia Minore, lontano dal Peloponneso, che non la protezione
degli Ioni d'Asia, mentre gli Ateniesi non volevano lasciare a Sparta l'iniziativa né sulla punizione per i
medizzanti né sulla difesa degli Ioni d'Asia. A guerra finita, Sparta propose una riforma dell'Anfizionia delfica,
che prevedeva l'espulsione dei medizzanti (Tessali, Tebani e Argivi), e la loro sostituzione con le città che
avevano partecipato alla guerra antipersiana. Temistocle si oppose: nella difesa dei Greci d'Asia egli vedeva lo
strumento della futura egemonia ateniese, e d'altra parte la riforma dell'Anfizionia avrebbe dato agli Spartani la
maggioranza nel sinedrio anfizionico, prendendo il controllo del prestigioso organismo panellenico, che sarebbe
stato strumento dell'egemonia spartana sulla Grecia. Mentre cresceva il divario tra Sparta e Atene, Temistocle si
preoccupò di evitare ulteriori stravolgimenti nell'assetto politico della Grecia e avviò, già nell'inverno del 479/8,
contro il parere degli Spartani, la ricostruzione delle mura di Atene.
Il problema della continuazione della guerra si presentò subito dopo la presa di Sesto, ma il pericolo di lasciare
l'iniziativa bellica nell'Egeo agli Ateniesi fu colto dal reggente Pausania, uomo ambizioso e dinamico, che non
condivideva la prudenza della classe dirigente spartana. Pausania si fece quindi inviare in Asia come stratego dei
Greci, insieme agli Ateniesi e gli altri alleati attaccò Cipro occupandone buona parte, poi attaccò Bisanzio e la
espugnò.
Proprio a Bisanzio, nel corso degli anni 478 e 477, l'egemonia spartana venne contestata dagli alleati a causa dei
metodi autoritari di Pausania, troppo simili ad una tirannide, tanto che gli Ioni si rivolsero agli Ateniesi affinché
diventassero i loro egemoni, rivendicando i vincoli di sangue che li accomunavano. Presto tutti gli alleati
seguirono l'esempio degli Ioni, tranne i Peloponnesiaci, e Atene accettò; le versioni riportate sono discordanti
sulla paternità dell'iniziativa del passaggio di egemonia, Tucidide, suguito da Plutarco, la assegna agli Ioni, mentre
Erodoto ad Atene, come Aristotele, che parla di iniziative intraprese da Aristide.
Gli Spartani richiamarono Pausania nella primavera del 477 e lo sostituirono con Dorchide, ma gli alleati non
riconobbero la sua egemonia. Sparta colse allora l'occasione per rinunciare all'impegno nell'Egeo, lontano dai loro
interessi e dallapolitica conservativa che voleva tenere l'esercito entro i confini del Peloponneso, d'altra parte gli
Spartani non avevano nessun interesse nella continuazione della guerra contro la Persia. Tuttavia la classe
dirigente spartana, tradizionalista, non vedeva, come invece Temistocle e Pausania, che il ruolo di prostates dei
Greci comprendeva ormai il ruolo di difensori dei Grecci d'Asia e necessitava un'allargamento dell'ottica politica,
che non poteva rimanere rigidamente peloponnesiaca come era stato fino ad allora. Tucidide riporta l'evento come
una “cessione” agli Ateniesi, considerati amici dagli Spartani all'epoca, perché più adatti a sostenere il ruolo
richiesto dagli alleati, attribuendo in questo modo agli Spartani la visione dell'equilibrio bipolare della Grecia,
divisa tra l'egemonia di Atene, potenza navale, e quella continentale di Sparta, potenza oplitica. Questa visione è
rappresentata ad Atene da Cimone, figlio di Milziade, e a Sparta è espressa dal geronte Etemarida, che, secondo
un episodio del 475/4 raccontato da Diodoro, dissuase gli Spartani dal far guerra agli Ateniesi per riconquistare
l'egemonia sul mare, convincendoli che non fosse nell'interesse di Sparta. Questo episodio testimonia la divisione
interna alla classe dirigente spartana negli anni successivi al 478, trainata da una tendenza di espansione
(Pausania) e una di ripiegamento (Etemarida), la seconda era sostenuta dalla maggioranza, che giocava sulla
sicura superiorità di Sparta in quanto potenza terrestre, con tradizioni militari incentrate sull'esercito oplitico,
Storia greca - Bearzot

un'economia legata all'agricoltura, che rifiutava gli scambi commerciali extra-peloponnesiaci e l'accumulo di
risorse finanziarie. Si reggeva inoltra su una situazione sociale esplosiva, la diarchia era sempre soggetta a crisi
dinastiche e alle controversie interne alla classe degli Spartiati, un numero limitato che teneva in stato di
inferiorità o schiavitù la maggior parte della popolazione.
Atene al contrario, sotto la guida di Temistocle e Aristide, proseguì con coerente politica di potenza, cogliendo
l'opportunità nel 478 di assumere i patronato dei Greci d'Asia e fondando sull'assunzione di quest'impegno la
pretesa di sostituire Sparta nel ruolo di prostates della Grecia. Il suo maggior dinamismo è legato alla natrura della
sua potenza: la battaglia di Salamina segnò, secondo Tucidide, un punto di svolta nella storia Ateniese, che da
allora si impose forza navale; essendo povera dal punto di vista agricolo, aveva un'economia legata agli scambi
commerciali e alla possibilità di accumulare risorse finanziarie, anche grazie al tributo degli alleati, ed in virtù
della potenzialità demografica poteva inpegnarsi in guerre su più fronti contemporaneamente, anche a grande
distanza e per lunghi periodi.

2.1 La Lega delio-attica


Lo strumento principale dell'egemonia ateniese fu la LEGA NAVALE istituita nel 478/7: il nome è dato dai
moderni, che sottolineano l'egemonia di Atene e la sede della cassa della Lega a Delo. Si trattava di un'alleanza
militare difensiva, nata dalla volontà di continuare la guerra contro la Persia, condivisa dagli Ateniesi, dagli Ioni
d'Asia e dell'Ellesponto, che intendevano difendere la libertà conquistata durante il conflitto.
Atene accolse le richieste degli alleati, assumendo così l'egemonia della Lega ellenica col loro volere, dunque la
lega corrispondeva perfettamente ai canoni previsti per le leghe militari egemoniche di carattere difensivo, in cui
l'egemonia veniva conferita volontariamente e gli alleati erano autonomi.
Gli Ateniesi organizzarono subito la lega sul piano fiscale, stabilendo chi degli alleati avrebbe dovuto contribuire
alla guerra comune con navi e chi avrebbe potuto invece contribuire con il denaro: concessione legittima ed equa
in prima battuta, in quanto al di fuori delle potenze maggiori che realmente disponevano di un potenziale navale
(Samo, Lesbo e Chio), le altre erano piccole città che non avrebbero potuto contribuire in altro modo, tuttavia col
passare del tempo questa modalità determinò una differenza qualitativa tra gli alleati. I più forti, economicamente
e militarmente, in grado di fornire navi per la flotta, potevano mantenere la propria autonomia, in quanto il
possesso garantiva loro una possibilità di difesa e il contributo militare che fornivano non poteva che essere
finalizzato ad un obbiettivo comune, mentre la maggioranza, coloro che contribuivano col denaro, vennero a
trovarsi in posizione subordinata perché, mentre essi erano disarmati, i loro contributi potevano essere utilizzati
secondo gli interessi di Atene.
Il TRIBUTO IN DENARO, denominato PHOROS, veniva riscosso dagli Ellenotami, i “tesorieri dei Greci”; la
CASSA era a Delo, nel santuario di Apollo, antico centro religioso ionico, dove si svolgevano anche le periodiche
riunioni tra gli alleati. L'ammontare originario fissato da Aristide fu di 460 talenti.
Tucidide, indicando l'OBBIETTIVO della Lega con l'intento di vendicare i mali subiti danneggiando la terra del
Re, parla di “pretesto” (proschema): fin dall'inizio Atene, per impulso di Temistocle (che continuava la politica
inaugurata con la sua legge navale), utilizzò la lega navale come strumento atto a costruire un'egemonia
contrapposta a quella di Sparta, e la continuazione della guerra contro la Persia assunse un carattere
eminentemente propagandistico. La sola questione dell'obbiettivo costituì motivo di dissensi interni al mondo
politico ateniese: pur essendo d'accordo tutti gli uomini politici, di qualsiasi orientamento, sulla necessità
dell'avere una lega navale, si discuteva se essa dovesse essere utilizzata esclusivamente per la guerra antipersiana
oppure anche in funzione antispartana, per la costruzione di un'egemonia panellenica di Atene.
Negli anni successivi risultò evidente la preponderanza della seconda tendenza: Atene fu sì attiva contro i barbari
e contro gli alleati ribelli, ma anche contro i Peloponnesiaci, che ne “intralciavano” gli affari, quindi in
contrapposizione al blocco della Lega del Peloponneso.
Le ribellioni interne iniziarono molto presto, Tucidide le ricollega alla mancata fornitura delle navi e del tributo e
la diserzione in guerra, sottolineando il rigore degli Ateniesi nell'esigere il dovuto. La lega, inizialmente paritaria,
subì così una rapida degenerazione, l'egemonia si andava trasformando in impero, in arché.
Le IMPRESE MILITARI della lega furono:
- la presa di Eione, alle foci del fiume Strimone, piazzaforte persiana conquistata nel 476/5 da CIMONE, figlio di
Milziade → di famiglia aristocratica e tendenze conservatrici e prosseno degli Spartani (prosseno: era una specie
di console onorario che, nell'ambito della sua comunità, aveva l'incarico di prendersi cura dei cittadini dello stato
che gli conferiva la prossenia), egli intendeva la lega come strumento antipersiano, non certo antispartano;
- sempre nel 476/5 ci fu la presa di Sciro, dalla quale furono cacciati i pirati Dolopi e che fu trasformata in
possedimento ateniese, come già Lemno e Imbro;
- la guerra contro Caristo in Eubea;
Storia greca - Bearzot

- la repressione della rivolta di Nasso nel 467, il primo alleato ribelle che fu resa schiava contro i patti stabiliti.
Con il caso di Nasso cominciarono a mutare le condizioni del rapporto tra egemone ed alleati: gli alleati
sottomessi venivano costretti a sottoscrivere un'alleanza offensiva e difensiva, cioè a condividere pienamente la
politica di Atene, perdendo la propria autonomia.
Altre forme di LESIONE DELL'AUTONOMIA degli alleati:
- lo spostamento in Atene della cassa della lega, avvenuto nel 454/3, con il conseguente uso delle risorse comuni
per gli interessi ateniesi (sulle modalità d'imposizione del tributo siamo informati da un'importante
documentazione epigrafica, le liste dei tributi ateniesi o liste delle sessagesime); dopo il trasferimento, si stabilì di
versare “una mina per talento”, cioè 1/60 del gettito del tributo, al tesoro di Atena. La documentazione fornisce
informazioni preziose che ci permettono di ricostruire le variazioni dell'importo del tributo in corrispondenza di
eventi storici e delle oscillazioni nei rapporti tra gli alleati e l'egemone; ci informano che il tributo,
originariamente fissato nel 478 a 460 talenti, arrivò nel 418/7 a 1000; che già nel 454/3 la maggioranza degli
alleati era soggetta al tributo;
- l'unificazione della moneta, dei pesi e delle misure fu realizzata con il “decreto sulla monetazione”, introdotto
probabilmente tra il 415 e il 410, che imponeva in tutto l'impero l'uso della dracma e del sistema ponderale
ateniese. Tale unità comportava certo anche vantaggi per gli alleati, ma, attraverso il divieto di battere moneta,
interferiva pesantemente con la sfera dell'autonomia degli alleati più potenti;
- l'accentramento in Atene dei processi derivò dalla concessione del diritto di appello (ephesis) al tribunale
ateniese, fatta dagli Ateniesi agli alleati; tale diritto riguardava casi che potevano comportare la condanna a morte,
all'esilio e alla perdita dei diritti politici e civili. La concessione era intesa in origine come garanzia, ma presto si
verificarono abusi: falsi accusatori, detti sicofanti, costringevano gli alleati a farsi giudicare in Atene, favorendo
sia il controllo della giustizia da parte di Atene, sia l'economia ateniese → Questa forma di “imperialismo
giudiziario” avrebbe avuto origine dal “decreto giudiziario” introdotto intorno alla metà del secolo, che prevedeva
che i processi capitali si tenessero ad Atene non come esito di appello, ma in prima istanza; tuttavia tale decreto
non ci è pervenuto, la sua esistenza è stata supposta dai moderni sulla base degli indizi della tradizione letteraria
ed epigrafica;
- l'imposizione di guarnigioni militari e di governatori è attestata per via epigrafica e letteraria: avevano funzione
di sorveglianza sugli alleati poco affidabili e di vegliare sugli interessi di Atene e sull'applicazione delle decisioni
della lega. La presenza di Atene sul territorio degli alleati si faceva così estremamente oppressivo, violando alcuni
dei principi fondamentali dell'autonomia. L'invio di cleruchie o colonie militari, installando migliaia di Ateniesi
sul territorio alleato, intendeva controllare da vicino con la presenza di una guarnigione stabile, ma anche fornire
mezzi di sussistenza al demos ateniese in eccedenza, cui veniva assegnato un kleros da cui percepivano una
rendita.
- quanto all'imposizione di regimi in linea con le posizioni dell'egemone, secondo Tucidide, non era caratteristica
dell'impero ateniese, bensì di quello spartano, per quanto nella Costituzione pseudofontea si insista sul sostegno di
Atene alle democrazie contro le aristocrazie locali.
Non c'è dubbio che a partire dalla rivolta di Nasso la Lega delio-attica, rispetto al momento della fondazione,
cambiò radicalmente: l'obbiettivo passò dall'azione antipersiana alla tutela di interessi diversi, alcuni comuni,
come il controllo della libertà dei mari dalla pirateria, altri prevalentemente ateniesi, come la contesa con Sparta
per l'egemonia panellenica. Cambiarono i caratteri dell'alleanza, da lega militare paritaria divenne un impero,
un'arché in cui gli alleati erano divenuti sudditi. Cambiarono i metodi di gestione delle relazioni tra egemone e
membri, improntate a rapporti di potenza e non di collaborazione e ridefinite di volta in volta in trattati in cui il
ruolo dell'egemone diventava sempre più oppressivo.

2.2 La pentecontetia

Tucidide chiama “pentecontetia” i circa 50 anni, compresi tra il 478 e il 432, tra la presa di Sesto e l'inizio della
guerra del Peloponneso. A questo periodo lo storico dedica una sintetica ricostruzione, caratterizzata da una forte
selezione degli avvenimenti e da un inquadramento cronologico assai vago. La chiave di lettura che egli adotta è
che in questo periodo la potenza ateniese crebbe costantemente e che il timore che ne derivò agli Spartani fu il
“motivo più vero” della guerra.
Gli anni dopo il 478, fino alla rivolta di Nasso(467), furono caratterizzati da un intenso impegno sul mare, mentre
Sparta si impegnò in Tessaglia, dove nel 469 il re Leotichida condusse una spedizione contro gli Alveadi, e nel
Peloponneso, dove contrastò efficacemente la coalizione tra Argivi, Arcadi ed Elei, risultando vincitrice negli
scontri di Tegea (469), contro Tegeati e Argivi, e di Dipea (465/4), contro gli Arcadi.
Storia greca - Bearzot

La spartizione delle sfere d'influenza appariva ormai un dato acquisito, essa corrispondeva alle caratteristiche
delle due città egemoni, ma non alla visione politica dinamica e ambiziosa di uomini come Pausania e Temistocle,
entrambi disposti ad usare i mezzi a loro disposizione per espandere il dominio della propria egemonia ed
eliminare l'altra. L'affermazione della linea della doppia egemonia fu pagata da entrambi con la scomparsa dalla
scena politica.
PAUSANIA, richiamato nella primavera del 477 a Sparta e assolto dalle accuse più gravi, tornò in forma privata
nell'Ellesponto e si stabilì prima a Bisanzio, poi a Colone, nella Troade; accusato di trattare con i barbari ed
aspirare alla tirannide, fu nuovamente richiamato in patria (471/470), fu sospettato anche di maneggi con gli iloti e
murato vivo nel tempio di Atena Calcieca, dove si era rifugiato come supplice.
TEMISTOCLE, nello stesso periodo, fu accusato anch'egli di medismo e venne ostracizzato; si rifugiò ad Argo,
dove forse contribuì al processo di democratizzazione della città a e alla formazione della coalizione antispartana
tra Argivi, Elei ed Arcadi; in seguito, minacciato di un processo panellenico, passò a Cocira, in Epiro, e infine in
Persia, dove morì intorno al 465.
Con la morte dei due propulsori di una politica più dinamica, si affermarono in Atene e Sparta quegli uomini che
che intendevano evitare la contrapposizione diretta fra i due blocchi, favorendo il bipolarismo.
In Atene questa linea fu perpetrata da CIMONE, celebre per la sua reinterpretazione dell'oracolo che ammoniva di
evitare “l'egemonia zoppa”, che egli intese come ammonimento a far dipendere l'equilibrio della Grecia dalla
collaborazione tra Sparta e Atene. Cimone fu il più importante uomo politico ateniese tra il 471/70 e il 462/1;
sotto il suo governo il consiglio dell'Areopago avrebbe assunto, secondo la tradizione di Aristotele e Isocrate, un
importante ruolo di controllo della vita pubblica, assicurando un buon governo di impronta moderata.
Sotto di lui, la Lega riprese le sue attività contro la Persia, i risultati principali furono:
- la grande vittoria terrestre e navale in Panfilia, presso il fiume Eurimedonte, nel 465/4;
- la prima vittoriosa spedizione di Cipro, 465/4
La rivolta dell'isola Taso nel 465 costrinse Cimone a interrompere la spedizione a Cipro per intervenire in Tracia.
I Tasi, vinti sul mare, chiesero l'aiuto degli Spartani, che furono bloccati da problemi interni conseguenti al
“grande terremoto” del 464, che provocò la ribellione degli iloti e lo scoppio della terza guerra messenica (464-
454). Indisturbati, gli Ateniesi risolsero la RIVOLTA DI TASO, terminata nel corso del terzo anno di assedio.
Tuttavia non riuscirono a colonizzare Nove Strade, alla foce dello Strimone, zona fondamentale per il progetto del
controllo della via degli Stretti e per la presenza delle miniere d'oro del Pangeo; qui i coloni ateniesi furono
massacrati dai Traci Edoni.
Al ritorno da Taso, Cimone fu messo sotto processo da diversi avversari politici, tra cui il giovane Pericle, per
aver ricevuto denaro da re Alessandro di Macedonia, che aveva sostenuto i Tasi, in cambio della “grazia” per la
Macedonia. Fu assolto, ma poco dopo la frattura con i democratici si fece definitiva.
In occasione del terremoto del 464 gli Spartani, in grave difficoltà interna, chiesero l'intervento degli Ateniesi, di
cui erano ancora formalmente alleati; in assemblea, il democratico EFIALTE, sfavorevole all'intervento, si scontrò
con Cimone, che convinse gli Ateniesi a deliberare in favore di un spedizione di soccorso, per la quale furono
messi a disposizione 4000 opliti, al comando dello stesso Cimone. Ma l'assedio della fortezza di Itome, dove si
erano asserragliati i ribelli, andava per le lunghe e l'intervento non fu risolutivo come sperato, al punto che gli
Spartani, ci dice Tucidide, “timorosi dell'audacia e delle tendenze innovative […] e considerandoli di stirpe
diversa, preoccupati […] li rimandarono a casa, senza mostrare il loro sospetto, ma dicendo che non avevano più
bisogno di loro”.
L'umiliazione subita suscitò subito in Atene una reazione:
- Cimone, travolto dal risentimento popolare, fu ostracizzato;
- Atene denunciò l'alleanza con Sparta, vigente dal 481, e nel 462 ne strinse un'altra con Argo, tradizionalmente
nemici di Sparta nel Peoloponneso, e i Tessali; → Atene sfuggiva così al principio del bipolarismo e della non
interferenza, avendo ora degli alleati in ambito continentale.
Sul versante interno, la caduta di Cimone diede il via alla riforma democratica di Efialte, che sempre nel 462/1
pose fine al governo dell'Areopago.
Il 462/1 costituisce un punto di svolta di grande rilievo nella storia ateniese e panellenica:
- sul piano INTERNAZIONALE, Atene abbandona la prospettiva bipolarista e rivendica l'egemonia su tutta la
Grecia;
- sul piano INTERNO, liberata dal condizionamento dato dal rapporto privilegiato con Sparta e dall'azione
frenante dell'Areopago, sia avvia al completamento del suo processo di democratizzazione sotto la guida di Efialte
e Pericle.
Avendo, con la vittoria all'Eurimedonte, il controllo sull'Egeo, Atene avviò una politica aggressiva, che trovò
sfogo nell'intervento in Egitto, in soccorso del principe libico Inaro, ribelle al re persiano Artaserse, salito al trono
Storia greca - Bearzot

nel 465/4, ma gli Ateniesi, assediati nell'isola di Prosopitide sul Nilo, subirono una sconfitta e la flotta di 50 navi
giunta in soccorso fu distrutta.
Nel 451 Cimone guidò la seconda spedizione contro Cipro, rientrato dall'esilio decennale, ma con la sua morte gli
Ateniesi si ritirarono.
A partire da questo momento Atene e la Persia si attennero ad un tacito accordo di non inteferenza, ricordato come
la “pace di Callia” datata da Diodoro al 449/8; si trattava probabilmente di un “accordo di fatto”, a parole, che
però la propaganda ateniese sfruttò con fini propagandistici dichiarandolo come un vero contratto, che prevedeva
clausole sulle quali le fonti sono contrastanti, e che secondo Isocrate, il primo a nominare la “pace di Callia”,
prevedevano il divieto per i Persiani di entrare nell'Egeo con la loro flotta. Visti i problemi interni di entrambe le
parti, un accordo simile si inserisce bene nel contesto, ma dal momento che la cessazione delle ostilità contro la
Persia faceva cadere la ragion d'essere della Lega delio-attica, è alquanto improbabile che gli Ateniesi avessero
stilato un documento che potesse essere sfruttato dagli alleati come prova di scioglimento della Lega stessa, che
diveniva a questo punto, agli occhi degli alleati, uno strumento di oppressione imperialistica.
Da questa svolta politica derivò una grave instabilità, aprendo un periodo di “guerra fredda”: una serie di guerre
locali fra blocco peloponnesiaco e blocco ateniese si trascinò fino al 446, quando il concreto rischio di un conflitto
globale indusse le parti a riproporre un equilibrio basato sulla divisione delle sfere d'influenza.
Dopo la frattura tra i due egemoni, Megara, attaccata a Corinto, era passata sotto gli Ateniesi, che occuparono i
porti megaresi di Pege e Nisea; da qui, secondo Tucidide, iniziò l'ostilita corinzia contro Atene, che sfociò nella
guerra del Peloponneso. Gli Ateniesi costruirono mura che collegavano Megara a Nisea, custodendole essi stessi,
e tra 459 e il 457 edificarono le Lunghe Mura di collegamento tra Atene e le fortificazioni del Pireo, finalizzate a
garantire l'afflusso dei rifornimenti via mare anche in caso di assedio.
Intanto nella Grecia centrale, i Focesi, alleati di Atene, minacciarono la Doride, provocando l'intervento spartano,
mirante a mantenere i controllo su Delfi: si apriva così la SECONDA GUERRA SACRA, che durerà a fasi alterne
fino al 446. La coalizione comprendente Ateniesi, Argivi e Tessali si scontrò con gli Spartani e i loro alleati a
Tanagra, in Beozia, nel 457, dove la defezione della cavalleria tessalica decise la vittoria spartana. Due mesi dopo,
a Enofita, gli Ateniesi guidati da Mironide ottennero la rivincita, recuperando così il controllo della Grecia
centrale, mentre Delfi passava sotto il controllo dei Focesi e le due Locridi furono sottomesse; Egina fu presa e
costretta a consegnare la flotta, ad abbattere le mura e ad aderire alla Lega delio-attica. In questo clima di successi
militari gli Ateniesi, col pretesto di difenderla, decisero di spostare la cassa della lega ad Atene nel 454/3.
Nel 451 il ritorno di Cimone favori una ratifica del patto quinquennale con Sparta, tuttavia alla sua morte Sparta
sottrasse Delfi ai Focesi, costringendo Atene ad un intervento per restituirgliela. La lotta per il controllo di Delfi
indusse Atene a tentare di dare analoga autorità panellenica al santuario di Eleusi, con un decreto sulle aparchaì:
tutti i Greci furono incitati a offrire le primizie alle divinità eleusine, Demetra e Core; allo stesso periodo potrebbe
risalire il “decreto del congresso”, nominato dal solo Plutarco e quindi ritenuto dubbio, con cui gli Ateniesi
assumevano un'iniziativa panellenica, chiamando i Greci a discutere della ricostruzione dei templi distrutti dai
Persiani, sulla libertà di navigazione e sulla pace generale. Entrambi i progetti non ebbero il successo speravo, e al
secondo si opposero espressamente gli Spartani.
Nel 447/6 una rivolta degli oligarchici beoti riaprì le ostilità:
- a Coronea l'ateniese Tolmide subì una grave sconfitta e la Beozia recuperò la sua autonomia--> Atene perse il
controllo sulla Grecia centrale;
- l'Eubea, che aveva appoggiato i beoti, si ribellò;
- Megara lasciò l'alleanza ateniese
In tutto ciò, Atene dovette affrontare l'invasione peloponnesiaca dell'Attica, guidata dal re spartano Pleistonatte,
figlio di Pausania. Pericle si vide costretto a rientrare dal fronte eubeo, ma Pleistonatte si ritirò, attirandosi accuse
di corruzione, ma così Pericle poté tornare in Eubea a domare la rivolta. Tuttavia la necessità di chiudere i conflitti
innescati dalla svolta del 462/1 era evidente.
Nel 446/5 fu stipulata la pace trentennale tra Sparta e Atene, essa prevedeva che Atene rinunciasse a Megara, ma
conservasse Egina, che le città neutrali fossero rimaste libere di aderire all'una o all'altra coalizione, che fosse
tutelata la libertà di circolazione nei territori dei due blocchi e che ogni controversia fosse risolta per vie legali,
accettando un arbitrato. Si trattava quindi di una pace che riconosceva l'esistenza delle due leghe della loro
egemonia sulle rispettive aree di influenza con lo scopo di garantire la stabilità politica della Grecia: funzionò,
nonostante le oggettive difficoltà; è emblematico il caso di Samo, che nel 441/0 si ribellò ad Atene e si rivolse agli
Spartani, i quali, nel rispetto del principio di non interferenza, poiché nella logica del bipolarismo “ognuno aveva
il diritto di punire da solo i propri alleati”, gli rifiutarono il supporto richiesto, permettendo ad Atene di
intervenire.
Storia greca - Bearzot

Dopo la tregua, Atene riprese quegli interessi occidentali tradizionalmente legati a Temistocle e alla sua
attenzione per le aree magnogreche della Sibaritide e della Siritide e che essa, sempre attenta al controllo delle
rotte granarie, non aveva mai del tutto abbandonato.
L'Occidente greco attraversava un periodo di sostanziale instabilità: cadute le tirannidi, i Sicelioti si impegnarono
con una deliberazione assunta in comune nella lotta contro i mercenari naturalizzati, che vennero concentrati nella
Messana, e a ristabilire le antiche comunità cittadine snaturate dagli interventi di deportazione.
A SIRACUSA era stata instaurata la democrazia, che imitava le istituzioni ateniesi (petalismo = procedura
analoga all'ostracismo), ma le oscillazioni interne rischiavano sempre di farla degenerare in tirannide, come fu nel
tentativo del demagogo Tindaride nel 454.
In questo contesto le fonti individuano nel siculo Ducezio “l'egemone” dei Siculi, poiché promosse una
confederazione Siceliota il cui centro politico e religioso fu Palice (453); tuttavia fu sconfitto dai Siracusani e
andò esule a Corinto nel 450, dopo due anni tornò in Sicilia e vi trovò la morte.
In Italia le aristocrazie di ispirazione pitagorica caddero intorno alla metà del secolo; nel 453 fu rifondata Sibari,
distrutta poi nel 448 da Crotone; i Sibariti chiesero aiuto alle potenze della madrepatria e Atene glielo accordò nel
446, ma l'impossibilità di dare un assetto stabile alla città indusse gli Ateniesi a rifondarla col nome di Turi sotto
la guida dell'ecista Lampone nel 444/3.
TURI divenne colonia panellenica, meta di coloni dalla Grecia e dall'Asia Minore, fu patria di personalità come il
sofista Protagora, lo storico Erodoto e l'urbanista Ippodamo. Circa nel 434/3 l'elemento peloponnesiaco si fece
preponderante nella popolazione, tanto da rendere impossibile ad Atene lo sfruttamento della colonia per i propri
fini.

3. Democrazia e imperialismo
3.1 Efialte

L'ostracismo di Cimone, dopo l'infelice esito dell'intervento a favore di Sparta nella lotta contro gli iloti ribelli ad
Itome nel 464, da lui caldeggiato, creò le condizioni per la riforma democratica di Efialte, il figlio di Sofonide,
leader del partito democratico che a quella decisione si era opposto.
Aristotele ce ne parla come di un prostates del demos, e lo giudica uomo incorruttibile e giusto; la sua azione partì
dai processi di corruzione contro i membri dell'Areopago, da collegare con le analoghe accuse mosse da Pericle a
Cimone: si trattava di un'offensiva contro la classe dirigente conservatrice, che si intendeva delegittimare.
La riforma consistette nel sottrarre all'Areopago tutti quei poteri aggiunti che il consiglio aveva accumulato nel
tempo in materia di controllo della vita politica e costituzionale e che gli consentivano di essere “guardiano della
politeia”, ma che i democratici ritenevano non originari, quindi non conformi alla tradizione patria: li
redistribuitono alla boulé dei Cinquecento, all'assemblea popolare al tribunale dell'Eliea. L'Areopago così tornò
alla sola giurisdizione dei delitti di sangue e di poche altre questioni di natura politico-sacrale, come testimonia
l'Eumenidi di Eschilo.
Dalla riforma efialtea gli organismi democratici uscirono fortemente potenziati, in particolare il tribunale
popolare, esso era costituito nel V secolo da 6000 giudici, sorteggiati annualmente fra tutti i cittadini, che
operavano divisi in corti più ristrette presiedute dagli arconti. Nel IV secolo Aristotele ci informa del fatto che il
sorteggio per la selezione dei giudici e la loro assegnazione alle singole corti veniva fatto di volta in volta e con
una serie di procedure precauzionali complesse, che comprendevano il sorteggio immediato anche dei funzionari
incaricati di sovrintendere alle operazioni di sorteggio e di voto, in modo da assicurare la formazione di giurie
assolutamente imparziali.
Efialte morì assassinato poco dopo la riforma: sul suo assassinio circolano le più diverse versioni, compresa quella
che sarebbe stato fatto uccidere da Pericle; si trattò probabilmente di una congiura oligarchica, la stessa cui allude
Tucidide all'epoca della battaglia di Tanagra.

3.2 Pericle e la “democrazia reale”

Pericle, figlio di Santippo e Agariste, nipote di Clistene, discendeva da parte di madre dalla famiglia degli
Alcmeonidi. Dopo essersi messo in luce per il processo contro Cimone, egli fu il successore di Efialte alla guida
dei democratici e godette di un vasto consenso popolare, tanto che venne eletto stratega 15 volte. La prima fase
della sua carriera, dopo la morte di Efialte, è più oscura, ma dopo l'ostracismo del suo principale avversario,
Tucidide, figlio di Melesia, nel 443/2, egli determinò il corso della politica ateniese fino alla sua morte, nel 429.
Secondo Tucidide Pericle univa all'autorevolezza che gli derivava dalla tradizione familiare una serie di
eccezionali qualità personali, non ultima quella di saper controllare il popolo senza limitarne la libertà e di non
Storia greca - Bearzot

parlare per lusingarlo, capace anche di contraddirlo, perché il suo potere non veniva da un'acquisizione illecita ma
dal merito personale. Seppe stabilire col popolo un rapporto di fiducia, avvalendosi della libertà di giudizio della
maggioranza e frenando contemporaneamente l'irrazionalità e l'emotività della massa. Ne conseguì una
democrazia “guidata”, immune al rischio di derive autoritarie o demagogiche, un equilibrio che i successori di
Pericle non seppero mantenere.
A Pericle viene attribuita l'istituzione del misthos, ossia la retribuzione delle cariche pubbliche, forse già
progettata in seguito alla conquista di Taso e della costa tracica, che forni i mezzi finanziari necessari; si stabilì
una quota giornaliera di retribuzione, differenziata a seconda della carica. Nello stesso periodo, nel 447/6, venne
aperto l'accesso all'arcontato alla terza classe, gli zegeuti, in seguito venne fatto lo stesso anche per i teti, grazie ad
una finzione giuridica, che richiedeva semplicemente che essi non dichiarassero il loro stato. Discussa è invece
l'attribuzione a Pericle dell'istituzione del theorikon, il fondo che consentiva agli Ateniesi di accedere
gratuitamente agli spettacoli teatrali e che mostrava l'interesse pubblico alla formazione culturale di quel demos di
cui si favoriva la partecipazione politica (notoriamente la commedia e la tragedia greca trattavano temi legati alle
questioni storiche e politiche ateniesi).
La tradizione ostile a Pericle bollò l'istituzione del misthos come attività demagogica, non diverso dal
paternalismo aristocratico di Cimone. In realtà Pericle intendeva rendere genuinamente accessibile a tutti l'attività
politica, cosa impossibile per chi non aveva una rendita alle spalle tale da potersi permettere di lasciare il lavoro
per un anno e dedicarsi alle funzioni della carica alla quale era stato eletto: se Pericle non avesse istituito la
retribuzione delle cariche, l'apertura all'arcontato della terza e quarta classe soloniana sarebbe rimasto un gesto
puramente teorico, e allora sì tacciabile di demagogia. Pericle teorizza nel suo famoso Epitaffio quello che è
passato alla storia come il manifesto programmatico della democrazia, nel quale rende palese che in una società
democratica l'astensionismo dalla vita politica, cioè il disinteresse e il non usare il proprio diritto di cittadino
ateniese di partecipare all'assemblea tanto come ascoltatore quanto come membro attivo, che discute e vota, è
sinonimo ignavi, “non tranquillo, ma inutile”. Erodoto, definendo le caratteristiche del governo democratico,
mette in evidenza i principi della sovranità popolare, dell'uguaglianza e della partecipazione, che si esprime nella
possibilità di sottoporre a rendiconto i magistrati, nel sorteggio delle magistrature che assicura un'ampia
turnazione e costituisce una delle più significative garanzie democratiche. Quest'ultimo è stato osteggiato
dall'opposizione come espressione di indifferenza alla meritocrazia, alle competenze dei singoli, e quindi non solo
ispirato a criteri demagogici, ma anche di strumento dell'inettitudine di un governo che punta al sostegno popolare
più che all'efficienza. In realtà il sistema della designazione per elezione era mantenuto per le magistrature che
richiedevano una sicura competenza, come la strategia, le altre magistrature militari e alcune magistrature
tecniche. Ma all'assunzione di quelle responsabilità di governo che non richiedevano competenze tecniche il
cittadino era qualificato dalla sua stessa qualità di polites.
L'organo principale della democrazia ateniese era l'assemblea popolare, formata da tutti i cittadini di età superiore
ai 20 anni, costituiva lo sviluppo dell'originaria assemblea del popolo in armi, riscontrabile nella democrazia
ateniese nel fatto che i giovani, raggiunta la maggiore età a 18 anni venivano registrati come adulti nella lista del
proprio demo e svolgevano per due anni una sorta di servizio militare, l'efebia, prima di poter esercitare il diritto
di di ekklesiazein e gli altri diritti politici. Il carattere democratico di un'assemblea dipende però, più che dalla sua
composizione, dalle sue competenze, e l'elemento distintivo della democrazia ateniese p il diritto di discutere le
proposte che venivano portate davanti all'assemblea stessa dalla boulè o anche dai singoli cittadini che
intendessero avanzarne una per autonoma iniziativa. La boulè, oltre che preparare i lavori assembleari, aveva
anche specifiche competenze di carattere amministrativo e giudiziario, e la composizione similare a quella
dell'assemblea garantiva un'efficace collaborazione tra i due organismi.
Ogni cittadino godeva tanto del diritto di parola quanto a quello di voto, che poteva avvenire per alzata di mano
(cheirotonia) o, nella maggior parte dei casi, per mezzo di gettoni che venivano conteggiati (psephophoria),
quest'ultimo era il metodo ordinariamente usato nei tribunali.
Le critiche principali volte al sistema democratico dai suoi oppositori erano:
- la convinzione che, per partecipare pienamente al governo dello stato, fosse necessario esservi qualificati dalla
nascita, dalla ricchezza o dalla formazione culturale;
- i costi eccessivi legati che comportava l'accesso del demos al governo.
V'era poi la discussione sul rapporto necessario tra democrazia e imperialismo, dovuto ai costi elevati del sistema
democratico. L'opposizione a Pericle infatti denunciava aspramente i costi di questo governo democratico, che si
faceva mantenere dai tributi degli alleati, versati per la guerra ma usati in parte per retribuire il popolo e in parte
per la politica edile e culturale promossa da Pericle, grazie alla quale Atene fiorì di statue e templi.
Pericle promosse un'attività edilizia che, in prima battuta, fu rivolta alle opere di difesa, ma dall'inizio degli anni
'40 si orientò su grandi lavori di restauro sull'Acropoli e nel santuario di Eleusi (il Partenone, costruito tra 447 e
Storia greca - Bearzot

438 da Ictino e Callicrate, e ampiamente decorato da Fidia, l'accesso monumentale all'Acropolicostituito dai
Propile, e l'Odeon sulle pendici meridionali). Alla fioritura artistica di Atene si accompagno quella culturale delle
grandi personalità, di filosofi, intellettuali e sofisti che resero Atene la “scuola dell'Ellade”, come noi la
ricordiamo.
Ma questa politica culturale aveva un costo, che ricadeva in gran parte sugli alleati: nel 449 fu fatto il primo
prelievo di 5000 talenti dal tesoro federale, e molte altre lo seguirono nei successivi 15 anni, tanto da sfruttare
forse metà delle entrate tributarie di quel periodo. Secondo l'opposizione ciò danneggiava la reputazione di atene
presso i Greci, rendendola tacciabile di tirannide.
Tutte queste critiche trovarono nella voce di Tucidide di Melesia il loro maggior sostenitore, il quale riuscì a
riunire sotto di sé tutti gli antidemocratici, opponendo una veemente resistenza a Pericle. Tuttavia, com'è ovvio,
risultò impopolare, poiché dava voce alla classe aristocratica e conservatrice, ostile ad un leader talmente amato e
solido che nemmeno lo storico Tucidide fa menzione delle contestazioni che gli furono opposte
dall'antidemocratico (ne siamo a conoscenza grazie a Plutarco), Tucidide di Melesia fu ostracizzato nel 443/2.
Tuttavia le critiche a Pericle non mancarono, nemmeno da parte di coloro che facevano parte del suo entourage
(Fidia, Anassagora, la stessa compagna, Aspasia di Mileto).
LA vera crisi del rapporto di fiducia tra Pericle e il demos si ebbe però solo nel 430, dopo il primo anno di guerra
del Peloponneso, quando davanti all'invasione dell'Attica da parte degli spartani e dall'infuriare della peste entro le
mura, egli non fu rieletto stratego.
Altro tasto dolente, in quanto contraddittorio, nel sistema democratico ateniese fu la legge periclea che limitava il
diritto di cittadinanza ai solo figli di padre e madre ateniesi, promossa nel 451/0. Le motivazioni dietro a questa
legge possono essere le più varie, dal tentativo di limitare la crescita demografica all'esaltazione dello status di
polites, che ben s'inquadrava nella politica di promozione del demos impostata da Pericle; può anche essere che
fosse un tentativo di limitare i costi proibitivi che la politica democratica comportava, circoscrivendo le possibilità
di accedere alla condizione di cittadino. In ogni caso, nella democrazia greca, alla radicalizzazione dell'esperienza
democratica all'interno della comunità poleica corrispondono non l'apertura, la tolleranza e la disponibilità
all'integrazione, ma la valorizzazione dell'identità e la chiusura verso l0esterno; la legge di Pericle fu una vera e
propria “serrata della cittadinanza”, che, sospesa in momenti di crisi demografica, venne poi regolarmente
riproposta a emergenza superata. Va detto comunque che Atene era ritenuta tradizionalmente più disponibile di
altre città nei confronti degli stranieri. In tutte le poleis diritto di cittadinanza e residenza non coincidevano, infatti
ad Atene trovò ampio spazio la figura dello straniero libero (xenos se di stirpe greca); chi prendeva residenza
stabile in un'altra città diventava metekon: egli non aveva gli stessi diritti dei cittadini, raramente poteva ricevere
la concessione di alcuni diritti, ma era privo di tutela giuridica fuori dalla sua comunità.

3.3 L'impero tirannico


Con la “pace di Callia” del 449 e la pace trentennale del 446/5 l'espansione della lega navale ateniese rallenta, pur
non cessando del tutto, e si concentra sul consolidamento. Si registra inoltre, soprattutto dopo l'ostracismo di
Tucidide di Melesia nel 443/2, un aumento della pressione finanziaria sugli alleati.
Tre occasioni segnalano la svolta nella tendenza imperialistica dell'egemonia ateniese:
- il discorso tenuto dei Mitilenesi, ribelli ad Atene, tenuto ad Olimpia davanti agli spartani per chiederne l'auito,
durante il quale affermano che Atene è venuta meno all'impegno bellico contro la Persia (riferimento alla “pace di
Callia”, un accordo non scritto secondo il quale si diceva che i Persiani non potessero più navigare in acque
elleniche), e che quindi ora sfrutta il suo ruolo di egemone per accrescere la propria potenza tenendo gli alleati in
stato di asservimento, una libertà fittizia in cambio dell'ossequio servile;
- il trattato tra Atene e Calcide concluso nel 446/5 al termine della repressione della rivolta dell'Eubea: all'isola
furono offerte condizioni complessivamente miti, solo ad Estiea la popolazione fu espulsa e vi venne insediata una
cleruchia ateniese. Atene si impegna a non procedere arbitrariamente contro i Calcidesi, chiedendo in cambio
assoluta sottomissione: dal rapporto paritario si è passati a una condizione di sudditanza;
- il trattato di pace concesso a Samo dopo la rivolta: a Samo era stata istituita la democrazia dopo che Atene era
intervenuta a causa dello scontro tra i Milesii e i Sami per il controllo di Prierne, ma gli oligarchigi si accordarono
col satrapo persiano Pissutne e provocarono la ribellione, cui si unì Bisanzio. Al termine della repressione, Samo
dovette distruggere le mura, consegnare la flotta e rimborsare le spese di guerra (440/39). Furono condizioni
leggere, il che fa pensare che facesse la differenza il fatto che a Samo fosse stata istituita la democrazia da Atene
precedentemente.
La linea d'azione di Pericle comunque precedeva di difendere l'impero anche con durezza, se necessario, ma
evitando, se possibile, di giungere a provvedimenti estremi.
Storia greca - Bearzot

Oltre a consolidare i suoi domini, Atene fu attiva nell'area dell'Egeo settentrionale e nel Mar Nero: insidiò coloni
ateniesi a Sinope, Amiso, Astaco, Brea; nel 437/6 colonizzò Anfipoli, sul sito di Nove Strade, ultimando così il
progetto di controllo delle rotte granarie del Mediterraneo, oltre ad ottenere le miniere e la disponibilità di
legname per le navi. Nel 435/4 Metone, sulla costa macedone, entrò nella Lega, provocando la reazione di
Perdicca di Macedonia.
In ogni caso, lo stesso Tucidide arriva ad ammettere un inasprimento dell'egemonia ateniese, calcando sul tema
della “necessità”dell'impero. Anche Pericle sarà costretto ad ammettere che Atene, reprimendo duramente le
rivolte degli alleati e trasformandoli da alleati in sudditi, ha finito per diventare una polis tyrannos, come le
rimproverano i Corinzi.

4. La guerra del Peloponneso: due blocchi a confronto


Nell'estate del 432 a.C. su richiesta di Corinto si radunò a Sparta l'assemblea federale della Lega del Peloponneso,
per discutere sui provvedimenti da prendere nei confronti di Atene, che era entrata in aperto conflitto con due città
facenti parte della lega, Corinto e Megara. Tre erano i motivi di conflitto con Corinto:
- Atene aveva fornito appoggio a Corcira (odierna Corfù), che era colonia di Corinto, nel conflitto che la
opponeva alla sua colonia Epidamno (odierna Durazzo): era accaduto che ad Epidamno un colpo di Stato
democratico aveva cacciato dalla città gli aristocratici i quali, dopo essere stati esiliati, fecero ritorno massacrando
quelli che erano rimasti in città. I democratici di Epidamno si rivolsero così a Corcira, loro madrepatria, perché
mettesse pace tra loro e gli esiliati e facesse cessare le violenze. I Corciresi però rifiutarono di prestare aiuto e così
gli Epidamni si rivolsero a Corinto, città fondatrice della loro colonia, perché li aiutasse. I Corinzi dunque
accettarono di prestare aiuto agli Epidamni, cosa che provocò l'ira dei Corciresi: dopo un ultimatum, cinsero la
città d'assedio. Scoppiò la guerra tra le due città e lo scontro sul mare vide vittoriosi i Corciresi, cosa che alimentò
ira e risentimento nei Corinzi, i quali, nell'anno successivo allo scontro, si prepararono al meglio al successivo
conflitto. Sapendo dei preparativi dei nemici e temendo un ulteriore scontro, i Corciresi, che non erano alleati né
con Atene, né con Sparta, decisero di rivolgersi ad Atene per avere aiuto. Saputo di questa mossa, i Corinzi si
recarono anch'essi ad Atene per evitare quest'alleanza che avrebbe impedito che l'esito della guerra fosse a loro
favorevole. Corinto accusava ora Atene di essersi intromessa in questioni che non la riguardavano, trattandosi di
rapporti tra la città dell'istmo e le sue colonie.
- Atene aveva inoltre imposto a Potidea, città della Calcidica membro della lega delio-attica, ma colonia di
Corinto, di non accogliere più gli epidemiurghi, i magistrati che annualmente Corinto inviava a Potidea a scopo di
controllo e supervisione, e di abbattere le mura che congiungevano la città al mare. Al rifiuto di Potidea di
sottostare alle richieste ateniesi, Atene aveva inviato sul luogo una flotta che aveva dato inizio all'assedio della
città.
- Il motivo di attrito tra Atene e Megara consisteva nel divieto imposto per decreto da Atene ai cittadini di Megara
di frequentare i porti di qualunque città facente parte della lega delio-attica: in questo modo Atene conseguiva lo
scopo di bloccare i commerci della città rivale.
Questi tre elementi, però, come specifica chiaramente Tucidide nell'analisi dei presupposti della guerra,
costituirono solamente i pretesti ("πρόφασις") della guerra, che invece trovava il vero motivo ("αἰτíα") nella
volontà degli Spartani di opporsi allo strapotere di Atene, la quale, fin dalla fine delle guerre persiane, aveva
intrapreso un percorso di progressiva estensione della sfera di dominio sul mondo greco, anche a scapito
dell'autonomia e della libertà delle altre polis.
All'interno del consiglio della lega peloponnesiaca, a favore della pace parlò il vecchio re spartano Archidamo II,
ma l'assemblea riconobbe che Atene aveva violato i patti e si dichiarò favorevole alla guerra. Un ruolo in questa
decisione, stando al racconto tucidideo, fu svolto anche dall'eforo Stenelaida, che ricordò agli spartani il loro ruolo
di paladini della libertà di tutti i popoli della Grecia.[1] A questa dichiarazione seguì un ultimatum, che intimava
ad Atene di ritirare i decreti contestati e di risolvere i contrasti con Corinto e Megara. La propaganda ateniese
rispondeva alle accuse peloponnesiache ricordando i meriti della città verso la Grecia, dal momento che la vittoria
di Salamina sui Persiani nel 480 a.C. era stata merito della flotta ateniese. Atene, spinta da Pericle, fu irremovibile
e i Peloponnesiaci iniziarono le manovre di guerra. Pericle conosceva perfettamente i rapporti di forza tra i due
schieramenti e sapeva che difficilmente gli Ateniesi e gli alleati avrebbero potuto opporsi alla fanteria oplitica
lacedemone, ma era anche sicuro che la città potesse fare affidamento sulla propria struttura difensiva: Atene e il
Pireo costituivano, infatti, un unico complesso protetto da mura, una immensa fortezza nel cuore dell'Attica, in
grado di accogliere tutti gli abitanti del territorio, chiamato lunghe Mura. Secondo i piani, infatti, tutti i cittadini
dell'Attica furono indotti a lasciare la propria residenza e a stabilirsi in città, lasciando che i Lacedemoni si
sfogassero in annuali quanto infruttuose devastazioni del territorio. La flotta avrebbe garantito ad Atene il
Storia greca - Bearzot

necessario approvvigionamento di viveri e avrebbe al tempo stesso consentito di portare attacchi alle coste del
Peloponneso. L'idea di Pericle era dunque quella di condurre il nemico a un progressivo sfiancamento.

4.1 La guerra archidamica


Il "casus belli" fu il tentativo di Tebe di ristabilire il proprio dominio in Beozia con il golpe dei 300 a Platea, città
formalmente legata ad Atene. La polis simbolo di libertà dei Greci doveva tornare sotto controllo lacedemone,
unica artefice di vera libertà. Nel giugno del 431 a.C. l'esercito della lega Peloponnesiaca, dopo un inverno speso
nei preparativi, invase l'Attica sotto la guida di re Archidamo II. Tuttavia la strategia di Archidamo era tanto
antiquata quanto inefficace: l'invasione e le razzie nell'Attica furono inutili, dal momento che Pericle aveva fatto
evacuare le campagne all'interno delle mura, contando sui rifornimenti dal mare. Così gli ateniesi rimanevano al
sicuro, e Pericle inviò la flotta a saccheggiare le coste del Peloponneso.
Nel 430 però arrivò dall'Etiopia una pestilenza e le condizioni igieniche all'interno delle mura di Atene ne
favorirono il contagio. Dopo la seconda invasione dell'Attica e sconvolti dall'epidemia, gli ateniesi misero sotto
accusa Pericle, deponendolo dalla strategia. Rieletto nel 429, morì nello stesso anno a causa della pestilenza.
I successori di Pericle nel governo di Atene furono Cleone, un piccolo industriale, democratico radicale e acceso
fautore della guerra, che la tradizione presentacome una sorta di “anti-Pericle”, e il ricco conservatore Nicia,
Nel 427 Platea cadde, la città distrutta e la popolazione resa schiava.
Nello stesso anno, Atene prese Mitilene dopo un lungo assedio. Cleone propose di punire duramente tutta la
popolazione della città, mentre il più moderato Diodoto voleva punire i soli responsabili del tradimento,
convincendo l'assemblea: Mitilene dovette consegnare la flotta, abbattere le mura e accogliere una cleruchia
ateniese.
Intanto a Corcira scoppiò la guerra civile tra i parteggianti per le due leghe, con la vittoria dei filoateniesi.
L'intervento a Corcira si inseriva nella linea anticorinzia, così come la “prima spedizione” in Sicilia, condotta nel
427 dagli strateghi Lachete e Careade, approfittando del conflitto tra Siracusa e le città calcidesi di Reggio e
Leontini, un conflitto che Atene aveva interesse ad alimentare, affinché i Siracusani non avessero modo di inviare
a Sparta gli aiuti richiesti. La spedizione però diede scarsi risultati: i sicelioti si riunirono nel congresso di Gela del
424 e furono persuasi dall'aristocratico siracusano Ermocrate mettere da parte le contrapposizioni interne,
rinnegando le divisioni tra Dori e Ioni, in quanto facenti parte di un unico popolo che vive sulla stessa terra, quindi
a non farsi coinvolgere nei conflitti della madre patria.
D'altra parte lo stratego Demostene riportò una grande vittoria contro gli spartani nell'isola di Sfacteria nel 425,
nel corso della spedizione.
Anche Cleone ottenne una grande vittoria nel 425, che si risolse con la cattura di 120 spartiati e l'installazione in
Messenia di un presidio stabile di Ateniesi e Messeni di Naupatto, motivo di grave preoccupazione per Sparta. Fu
questo il massimo momento di gloria di Cleone, che venne eletto stratego nel 424/3.
D'altra parte il generale spartano Brasida, nel 424, prese l'iniziativa di spostare la guerra in Tracia, una mossa
audace per la tradizionale prudenza lacedemone a non allontanarsi dal Peloponneso: attraversata la Tessaglia in
preda alla guerra civile, attaccò e prese Anfipoli, che Tucidide, allora stratego, non riuscì a difendere, e provocò la
defezione dei Calcidesi. Lo stesso anno, gli ateniesi subirono una grave sconfitta a Delio, nel territorio di Tanagra,
in Beozia, dove cadde anche lo stratego Ippocrate.
Nel 422 cleone tentò di riprendere Anfipoli, la cui perdita era molto grave per Atene: nella battaglia caddero sia
Cleone che Brasida. Il partito della pace, sostenuto a Sparta da re Pleistonatte e in Atene da Nicia, ne approfittò
per le trattative: nella primavera del 421 si giunse alla conclusione della pace di Nicia, che sostanzialmente si
fondava sul principio del ripristino dello status quo ante. Al trattato di pace seguì un trattato di alleanza bilaterale
fra Atene e Sparta, che riproponeva la vecchia logica del bipolarismo.

4.2 Dalla pace di Nicia alla spediione in Sicilia: Alcibiade


La pace di Nicia fu accolta con malcontento dagli alleati di Sparta, che si ritennero danneggiati dal ristabilimento
dello status quo ante e dalla presenza della clausola bilaterale; inoltre le città di Pilo, Citera, Anfipoli e Panatto
non furono restituiti.
I più scontenti erano i Corinzi, le cui tensioni con Atene erano state il vero elemento scatenante della guerra e,
come avevano minacciato nel congresso del 432, cambiarono alleanza: si rivolsero ad Argo, antica egemone del
Peloponneso, che aspettava giusto l'occasione per sottrarre il potere a Sparta; la proposta dell'alleanza argiva fu
raccolta dagli Arcadi di Mantinea e dagli Elei, che già nel 470 erano alleati con Argo contro Sparta. Tuttavia
Taegeti, Beoti e Megaresi rimasero fedeli alla Lega, e i Corinzi all'inizio del 420 cercarono nuovamente l'alleanza
spartana.
Storia greca - Bearzot

Chi invece si alleò con Argo fu Atene, grazie alle spinte interne mosse dal partito della guerra, guidato da
Alcibiade, Almeonide parente di Pericle, un giovane ambizioso che promosse l'alleanza argiva contro il parere di
Nicia, piche in essa vedeva la possibilità di organizzare una stabile forza antispartana, di ispirazione democratica,
nel Peloponneso.
Nel 418 gli Spartani si scontrarono a Mantinea con la coalizione guidata dagli ateniesi e la sconfissero. Ad Argo
fu instaurata un'oligarchia filospartana, che fu poi rovesciata l'anno successivo; in seguito tra Atene ed Argo si
stabilì una collaborazione che continuò fino alla fine della guerra. Alcibiade riuscì ad evitare l'ostracismo
alleandosi con Nicia e facendo ricadere i voti sul demagogo Iperbolo, ultime ateniese ad essere ostracizzato, nel
417.
nel 416 Nicia fece una spedizione contro Melo, colonia spartana, che intendeva mantenere la propria neutralità;
già nel 426 Nicia aveva tentato una spedizione contro i Meli, i quali pur essendo isolani non volevano
sottomettersi alla Lega e mandavano tributi volontari a Sparta. Melo cadde nell'inverno del 415 e fu trattata con
estrema durezza.
Nell'inverno del 416/5 la città elima di Segesta, con la quale nel 418/7 era stato stabilito un trattato, richiese
l'intervento ateniese contro Selinunte e Siracusa, prospettando i rischi di un asse Sparta/Siracusa. Nicia si oppose
strenuamente, diffidente dei “barbari” alleati, ma l'assemblea si fece convincere dall'abile propaganda condotta da
Alcibiade, che fu nominato stratego autokator (con pieni poteri) insieme a Nicia e Lamaco per condurre la
spedizione. Tuttavia, un grave fatto aveva turbato la città (scandalo delle erme), poco prima della partenza della
flotta: una notte, qualcuno aveva mutilato le erme, le statuette di Hermes che decoravano gli spazi pubblici, e la
voce popolare aveva indicato in Alcibiade e nei suoi uomini i responsabili. Le accuse contro Alcibiade sono
ritenute costruite e gonfiate per mano dei suoi nemici, secondo Tucidide, i quali dovevano venire da una
convergenza di uomini di estrazione oligarchica, moderati conservatori come Nicia e democratici radicali.
Alcibiade chiese di essere giudicato subito, ma si preferì rimandare a dopo la spedizione.
Nel giugno del 415 la flotta giunse a Catania; quando giunse la nave che doveva riportare Alcibiade in patria per il
giudizio, egli la seguì con la propria fino a Turi, da lì fece perdere le sue tracce e si recò a Sparta. Ad Atene lo
condannarono a morte in contumacia. A Sparta, nel 415/4, Alcibiade si dichiarò disposto al tradimento pur di
tornare in patria, poiché lì era stato condannato ingiustamente: in realtà fu spinto dal risentimento per non aver
ottenuto in patria il riconoscimento e l'affermazione che si attendeva, incarnando così il modello di politico post-
pericleo, ambizioso e guidato da un esasperato personalismo. Agli spartani diede consigli preziosi, come quello di
inviare truppe in Sicilia (fu inviato il navarco Gilippo) e di occupare stabilmente la Decelea, in Attica.
Intanto i comandanti ateniesi trovavano più difficoltà del previsto nell'espugnare Siracusa, difesa da Ermocrate.
Tuttavia nel 414 a.C. strinsero la città in una morsa di ferro, sia dalla terra sia dal mare. La caduta della città
sembrava imminente e tutti accorrevano al fianco dei futuri vincitori. Invece nel 413 a.C. i rinforzi guidati dallo
spartano Gilippo piombarono sugli assedianti, rafforzarono le difese della città e riuscirono anche a spezzare la
linea dell'assedio. Perse le speranze di prendere agevolmente la città e colpiti dalle perdite subite, gli Ateniesi
decidono di abbandonare l'impresa e di ritirarsi, ma un'eclissi di luna consiglia a Nicia di ritardare la partenza per
una notte: è l'errore definitivo. Gilippo ed Ermocrate ne approfittano per imbottigliare la flotta nel porto e
distruggerla. Nicia allora tenta una ritirata strategica per via di terra, ma la temibile cavalleria siracusana insegue
l'esercito ateniese e lo annienta. Demostene si suicidò, mentre Nicia venne giustiziato e gli Ateniesi superstiti
vengono condannati ai lavori forzati nelle latomie, le cave di pietra di Siracusa.

4.3 La guerra ionica o deceleica


La disfatta convinse i membri della lega di Delo ad abbandonare la città egemone, specie quando aumentò
l'imposizione di tributi per sostenere il riarmo della flotta. Se ne andarono uno dopo l'altra l'Eubea, Lesbo, Chio,
Eritre, Clazomene, Efeso, Mileto e Mitilene. L'intervento in Sicilia dello spartano Gilippo segnò la ripresa diretta
delle ostilità tra Atene e Sparta. I lacedemoni ripresero la strategia dell'invasione annuale dell'Attica, praticata
nella fase della guerra archidamica, applicando però un'importante modifica occupando la fortezza di Decelea, a
nord della regione, per rendere più agevole il controllo del territorio e il rifornimento delle truppe.
Nel frattempo, decisero di far rientrare i Persiani nel contesto dell'Egeo, stringendo un'alleanza con il Gran Re,
che si impegnò a fornire loro una flotta: in questo modo ai persiani venne offerto il modo di superare i vincoli
imposti dalla pace di Callia agevolando la riconquista delle città greche in Anatolia e gli spartani ottennero gli
strumenti per fronteggiare Atene anche sul mare. Mentre Tissaferne, satrapo di Ionia, Caria e Lidia garantì solo un
sostegno economico a Sparta, Farnabazo, satrapo di Frigia e Bitinia mise a disposizione una flotta agli ordini degli
spartani; comunque entrambi avevano valide motivazioni perché lo stato di guerra continuasse in Grecia.
Storia greca - Bearzot

Tale alleanza produce importanti effetti anche su Atene, dal punto di vista istituzionale. Gli oligarchi iniziano a far
circolare l'idea che i persiani avrebbero cambiato idea e scelto gli Ateniesi come alleati, se solo questi avessero
mutato il regime istituzionale abolendo la democrazia. Gli oligarchi si mossero secondo un piano organizzato nei
dettagli e sotto la guida di Antifonte, aristocratico dall'intelligenza acuta, restio a parlare in pubblico ma capace di
tessere la tela occulta del colpo di Stato; uomini come Teramene e Pisandro funsero da braccio operativo, ma
molti sono gli affiliati alla congiura istituzionale, tanto che quasi tutti gli ateniesi non osano opporsi, temendo che
dietro il vicino di assemblea si nasconda un congiurato. È la stessa assemblea generale, convocata nel demo di
Colono anziché nell'agorà, a decretare nel 411 il cambiamento istituzionale. Vennero spazzati via i cardini del
regime democratico, la graphé paranomon, che consentiva a chiunque di denunciare chi avesse presentato
all'assemblea una legge ritenuta illegale, e le indennità di magistratura. Il corpo civico venne ristretto a cinquemila
cittadini e il potere affidato a una boulé, la cosiddetta Boulé dei Quattrocento, composta da quattrocento cittadini
scelti dai fileti, i magistrati a capo delle tribù.
Gli oligarchi, tuttavia, rimasero poco al potere: malvisti dalla popolazione che, non a torto, temeva la loro
propensione di accordarsi con Sparta, se non addirittura arrendersi al nemico, vennero spazzati via dalla rivolta
cittadina seguita alla sconfitta militare di Eretria, che comportò la perdita, da parte di Atene, di tutta l'Eubea. Uno
dei congiurati, Frinico, venne ucciso in piazza, Pisandro fuggì, Antifonte rimase in città, dove venne processato e
condannato a morte con l'accusa di tradimento. Teramene, che aveva attivamente partecipato all'organizzazione
oligarchica, riuscì invece a gestire la transizione alla democrazia: il potere non tornò immediatamente
all'assemblea generale, ma venne temporaneamente gestito dai cinquemila. Secondo Tucidide, questo è il periodo
in cui Atene gode della migliore amministrazione di tutta la sua storia.
Pochi mesi dopo, il governo democratico venne pienamente restaurato e si preparò a riaccogliere Alcibiade, il
quale, nuovamente passato dalla parte di Atene, era stato prima presso Artaferne e poi a Samo, dove si erano
riuniti i democratici in esilio sotto la guida di Trasibulo e Trasillo. Nel 409 Alcibiade rientrò trionfalmente al
Pireo e venne eletto stratego. La supremazia sui mari, però, era ormai in mano agli Spartani, guidati da Lisandro,
grazie alla flotta fornita dai Persiani e all'appoggio del satrapo della Ionia Farnabazo. Alcibiade non riuscì a
replicare i successi precedenti, (battaglia di Nozio) e nel 407, non essendo stato rieletto stratego, abbandonò
definitivamente la città (morirà poco dopo in terra d'Asia, forse avvelenato). Nonostante le difficili condizioni in
cui si trovarono, gli ateniesi riuscirono a cogliere, nello stesso 407 a.C., un'importante vittoria navale presso le
Arginuse, ma i contrasti politici e l'esasperazione degli animi vanificarono il vantaggio acquisito: difatti gli
strateghi vittoriosi vennero accusati di non aver prestato soccorso ai naufraghi e, giudicati davanti al tribunale
popolare, vennero condannati a morte. Il solo Socrate si opporrà alla richiesta di condanna, rimanendo però
inascoltato.
Poco dopo, nel 404 a.C., quello che resta della flotta ateniese venne bloccato e distrutto da Lisandro nella battaglia
di Egospotami presso l'omonima baia. Atene, rimasta senza flotta, con il territorio attico occupato dagli spartani,
senza più la possibilità di essere rifornita per mare, non può far altro che arrendersi. L'esercito spartano guidato da
Pausania II e Agide entra in città e impone condizioni di pace dure, ma più miti delle richieste dei tebani e dei
corinzi, che premono per la distruzione totale della città. Gli ateniesi sono condannati a consegnare quasi tutte le
navi rimaste, a sciogliere quello che rimane della lega delio-attica e ad abbattere le mura che circondavano la città
e la congiungevano al Pireo. In più, la città è costretta ad accogliere, al Pireo, una guarnigione spartana, con a
capo un armosta, che ha il compito di sorvegliare il rispetto degli accordi

4 - IL QUARTO SECOLO
1. L'egemonia spartana e le sue contraddizioni
Fino al 479 Sparta era stata la prostates del mondo greco: il re Cleomene I (520-488 ca.) aveva sostenuto questo
ruolo egemonico con una politica assai attiva nella difesa del Peloponneso e nel settore dell’egemonia
continentale. Con la fine della seconda guerra persiana, Sparta aveva manifestato chiaramente la sua riluttanza ad
assumersi le responsabilità connesse con l’egemonia panellenica; di fatto essa aveva ceduto ad Atene l’egemonia
sul mare, inaugurando la stagione del bipolarismo in cui l’equilibrio del mondo greco veniva fatto dipendere dalla
divisione in sfere di influenza. Con la spedizione in Tracia del 424 e la guerra deceleica gli orizzonti spartani si
ampliarono notevolmente, anche per impulso di personalità come Brasida e Lisandro. Con la vittoria del 404
Sparta si trovò al centro del sistema egemonico il cui mantenimento imponeva, in contrasto con le sue tradizioni,
un deciso interventismo, la disponibilità di ingenti risorse e l’abbandono di quegli ideali di autonomia di cui essa
Storia greca - Bearzot

si era fatta portavoce nel 432/31. Il mondo greco del IV secolo non è più un mondo bipolare, ma un mondo
policentrico, caratterizzato dalla ricerca di equilibrio.

LA QUESTIONE DELLA AUTONOMIA

Divenuta egemone della Grecia, Sparta dovette fare i conti con il problema dell’autonomia dei Greci d’Asia, da
difendere contro il Re, e di tutte le poleis greche, da tutelare contro ogni tentativo di prevaricazione. Per quanto
riguarda i GRECI D’ASIA, Sparta (che pure aveva vinto la guerra con l’appoggio della Persia) fu costretta ad
assumersi il ruolo difensivo che era stato di Atene. A ciò essa era condotta da una questione di carattere etico-
politico, ma anche dal fatto che, dopo la morte di Dario II, la ribellione di Ciro (fortemente legato a Sparta e in
particolare a Lisandro) contro il legittimo erede al trono, il fratello Artaserse II, fece sì che gli Spartani si
trovassero schierati contro il Re. Su richiesta delle città greche d’Asia Minore, gli Spartani condussero tre
spedizioni contro Tissaferne, satrapo di Caria, Farnabazo, satrapo di Frigia, e infine contro Titrauste, chiliarco di
Artaserse.

Per quanto riguarda le POLEIS GRECHE, subito dopo la vittoria di Sparta di impegnarono ad applicare
rigorosamente il principio dell’autonomia, a partire dall’area peloponnesiaca: l’intento era in realtà quello di
mantenere la frammentazione del mondo greco, per poterlo controllare più facilmente. Il criterio dell’autonomia
venne così imposto da Sparta come principio di organizzazione panellenica senza distinguere tra stati cittadini e
stati federali. L’imposizione avvenne con sistematici interventi militari che denunciarono il carattere pretestuoso
della posizione spartana. La questione dell’autonomia veniva utilizzata da Sparta in chiave di politica di potenza,
per bloccare l’espansione di altri popoli peloponnesiaci e favorirne il mantenimento dell’area di influenza
spartana.

Sparta però si trovava a dover gestire un IMPERO ENORME e molto articolato. La difesa a oltranza
dell’autonomia, che impediva la costituzione di entità statali forti, e l’appoggio ai gruppi filospartani costituivano
modalità tradizionali di gestione dell’egemonia, non pienamente adeguate alla nuova situazione. Sparta dovette far
ricorso a metodi nuovi: tra questi la trasformazione dei trattati bilaterali che la legavano ai suoi alleati in alleanze
di carattere offensivo e difensivo. Inoltre la necessità del tutto nuova di controllare efficacemente l’impero
marittimo ereditato da Atene indusse gli Spartani a imporre alle città guarnigioni comandate da capi detti armosti,
a esigere un tributo e a insediarvi governi oligarchici di sicura fede filospartana: l’imperialismo ateniese si
riproponeva così nei suoi aspetti peggiori, aggravato dall’imposizione di governi protetti dalle armi dell’egemone.

Si trattava di una politica contraria alle tradizioni spartane, sia perché impegnava Sparta lontano dal Peloponneso,
sia perché alterava la compagine interna dello stato, creando sperequazioni di prestigio e di ricchezza e
aumentando la massa dei malcontenti.

1.1 LISANDRO E L’IMPERIALISMO SPARTANO

Nei cambiamenti introdotti nel sistema egemonico spartano le responsabilità di LISANDRO furono determinanti.
Fu lui a imprimere alla politica spartana la spregiudicatezza necessaria a imporre alle città greche una presenza
politica e militare, in aperto contrasto con l’ideale di libertà e autonomia che Sparta aveva proclamato a partire dal
432/1; fu lui a garantire a Sparta, attraverso il rapporto con la Persia e l’introduzione della moneta, le risorse
necessarie per gestire un impero terrestre e navale. Ma egli fu anche responsabile delle scelte che alienarono a
Sparta le simpatie dei suoi alleati (a cominciare da Tebe e Corinto).

Lisandro suscitava critiche negli ambienti conservatori di Sparta: erano mal sopportati il suo personalismo, le sue
ambizioni di potere, la sua indifferenza per i valori tradizionali, il rapporto con la Persia e il disprezzo delle
autonomie cittadine. Egli stesso contribuì ad accentuare la DIFFIDENZA nei suoi confronti, curando molto la
promozione della propria immagine, con iniziative autocelebrative (come il monumento dei navarchi eretto a
Storia greca - Bearzot

Delfi per celebrare la vittoria su Atene). Lisandro costruì un vero e proprio culto della personalità, che gli assicurò
persino onori eroici da vivo.

Per la sua natura di Spartano anomalo, Lisandro fu oggetto in patria di sospetti che si tradussero nel richiamo
dall’Ellesponto nel 404 e poi nel temporaneo allontanamento da Sparta. Dopo il suo rientro, comunque, il re
Pausania II e gli efori provvidero a smantellare il sistema che Lisandro aveva imposto, cercando di restaurare la
tradizionale politica spartana.

1.2 I COLPI DI STATO AD ATENE

Dopo la pace con Sparta, ad Atene furono abbattute le lunghe mura che la collegavano al Pireo (ad opera di
Lisandro). Subito dopo si riunì un’assemblea per discutere sulla POLITEIA, e cioè sulla costituzione che Atene
avrebbe dovuto darsi in vista delle clausole del trattato di pace. Il confronto delle fonti mette in rilievo
l’importante ruolo che nell’assemblea assunse Teramene, su iniziativa del quale si procedette con l’abbattimento
della democrazia e l’affidamento del governo a un collegio di trenta membri.

I TRENTA tuttavia trascurarono il mandato ricevuto e instaurarono un’oligarchia, la cui durezza procurò ai suoi
esponenti il nome di “Trenta Tiranni”. Dopo una breve fase di iniziale consenso (durante la quale furono colpiti
solo i sicofanti), i Trenta diedero inizio a un clima di terrore che ebbe pesanti ripercussioni sui cittadini
democratici noti per nascita, ricchezza e reputazione e sui ricchi meteci (Lisia), con lo scopo non soltanto di
reprimere eventuali forme di opposizione, ma anche di impadronirsi delle loro ricchezze.

Il governo dei Trenta Tiranni durò un anno circa. La crisi fu avviata da una frattura interna, il cui protagonista fu
ancora una volta Teramene che si dissociò dai comportamenti tirannici di Crizia, affermando che non era
ammissibile condannare a morte cittadini democratici innocenti. Chiaramente l’opposizione non nasceva da
ragioni umanitarie, ma dalla paura che atteggiamenti troppo estremistici impedissero il mantenimento
dell’oligarchia. TERAMENE e CRIZIA si affrontarono davanti alla boulé, ma Crizia con una procedura
irregolare, cancellò Teramene dalla lista dei Trenta e lo condannò a bere la cicuta. Nel maggio del 403 l’esercito
di Trasibulo affrontò e sconfisse i Trenta a Munichia. Nella battaglia morì anche Crizia e il potere passò a un
consiglio di Dieci, che chiese l’aiuto di Sparta.

Lisandro si apprestò a intervenire per terra e per mare contro i democratici ateniesi. Ma il re Pausania II, in odio a
Lisandro, di cui non condivideva le ambizioni di potere, non si impegnò a fondo sul piano militare e mise in atto
un’opera di mediazione tra quelli del Pireo, i democratici di Trasibulo, e quelli della città, i Tremila.
TRASIBULO riuscì così a rientrare in città e a restaurare la democrazia, impegnandosi a mantenere l’alleanza con
Sparta e a concedere l’amnistia a tutti i cittadini compromessi con i Trenta.

Dopo la restaurazione della democrazia ad Atene, negli anni dell’ARCONTATO DI EUCLIDE (403/2) si
procedette alla ricostruzione dello stato sul piano della convivenza civile, dell’organizzazione politico-
amministrativa, del ripristino della situazione economica e finanziaria e della revisione delle leggi.

1.3 LA GUERRA CORINZIA

Dopo la vittoria spartana e l’inizio dell’imperialismo promosso da Lisandro, BEOTI e CORINZI (che erano stati
tra i più fedeli alleati di Sparta) manifestarono un MALCONTENTO che si espresse nel rifiuto di partecipare alla
spedizione contro i democratici, richiesta dai Dieci, e nell’aiuto fornito dai Beoti a Trasibulo e alla resistenza
ateniese. Di questo malcontento volle approfittare la Persia nel 395 per distogliere gli Spartani dalla guerra in
Asia.
Storia greca - Bearzot

In occasione della GUERRA BEOTICA, in cui si scontravano Focesi e Locresi (appoggiati dai Tebani), gli
Spartani attaccarono la Beozia e i Tebani chiesero e ottennero l’aiuto di Atene. Atene e Tebe stipularono dunque
un’alleanza difensiva. Nella battaglia di Aliarto i Tebani sconfissero gli Spartani e lo stesso Lisandro vi trovò la
morte.

Le città coalizzate contro Sparta (Atene, Argo, Tebe e Corinto) costituirono un sinedrio comune, con sede a
Corinto. Iniziò così la cosiddetta GUERRA CORINZIA, che vide in un primo momento due sconfitte della
coalizione antispartana, a Nemea e a Coronea. Un terzo scontro, con esito opposto si verificò negli stessi giorni a
Cnido in Asia Minore: qui l’Ateniese Conone, a capo della flotta persiana, sconfisse quella spartana. Dopo questa
vittoria, che segnò la fine della talassocrazia spartana, Conone tornò in Atene con il denaro necessario per la
ricostruzione della flotta e delle mura.

Gli Spartani tentarono di cercare un accordo con la Persia. Lo spartano ANTALCIDA incontrò a Sardi il satrapo
persiano TIRIBAZO. Antalcida promise che le rivendicazioni persiane sulle città greche d’Asia sarebbero state
riconosciute, in cambio della concessione dell’autonomia di tutte le altre città e isole. Le trattative fallirono, per
l’opposizione dei membri della coalizione antispartana che si rendevano conto che il riconoscimento
dell’autonomia a Sparta avrebbe costituito per essa un eccezionale strumento di potere. Ma Tiribazo iniziò a
finanziare segretamente Sparta. Con il richiamo di Tiribazo a Susa e l’arrivo di Strusa, filoateniese, però le
relazioni tra Sparta e la Persia si interruppero, e gli Spartani ripresero le operazioni militari in Asia.

2. LA PACE DEL RE

Nel 387 tornò a Sardi il satrapo Tiribazo, e le trattative tra Antalcida e la Persia furono riprese, questa volta con
successo. Il re persiano Artaserse invitò i Greci ad ascoltare le condizioni della pace, che prese il nome di Pace del
Re o Pace di Antalcida. Si trattava di una pace generale fra tutti i Greci, che sanciva il principio dell’autonomia
come criterio di convivenza internazionale; l’applicazione di questo principio era tutelata da un garante, il Re di
Persia, che si impegnava a intervenire con la forza contro i violatori.

Gli Spartani, divenuti prostatai della Pace del Re, ne approfittarono per prevaricare sugli altri Greci e chiesero lo
scioglimento di tutte le forme di accordo sovranazionale che fossero ritenute incompatibili con il principio
dell’autonomia, con l’esclusione ovviamente della Lega del Peloponneso.

A soli quattro anni dalla stipulazione della pace, Sparta ne violò apertamente i fondamenti, occupando la Cadmea
(la rocca di Tebe), e violando dunque il principio dell’autonomia. Nel 379 Tebe si ribellò al governo del
filospartano Leonziade su iniziativa di alcuni cittadini guidati da Pelopida. Essi uccisero i capi del governo
filospartano, chiamarono il popolo alle armi, istituirono governi democratici e rifondarono la Lega beotica.

3. LA SECONDA LEGA ATENIESE

Sulla Seconda lega ateniese la nostra fonte migliore è Diodoro, ma importanti informazioni ci sono giunte anche
attraverso un antico documento epigrafico, il DECRETO DI ARISTOTELE (chiamato così dal nome del
proponente). Il decreto proponeva ai Greci di aderire ad un’alleanza con Atene di tipo difensivo, basata sul
principio della pace comune, e che avesse l’obiettivo di contrastare l’imperialismo spartano.

Atene doveva però dimostrare di aver rinunciato alla propria tradizione imperialistica. A questo scopo il decreto
precisa che cosa si debba intendere con i concetti di “LIBERTÀ e AUTONOMIA”: gli alleati avrebbero potuto
governarsi liberamente con la costituzione che volevano, senza l’imposizione di guarnigioni, governatori e tributi;
e sarebbe stata garantita loro la piena autonomia giurisdizionale e il diritto di proprietà. Nel decreto è poi presente
l’elenco degli alleati, che furono almeno 58.
Storia greca - Bearzot

Per quanto riguarda l’ORGANIZZAZIONE della nuova lega, nel decreto si allude all’esistenza di rappresentanti
degli alleati (synedroi) e a una cassa della lega. Il sinedrio comune aveva sede in Atene e ciascun alleato aveva
diritto a un voto. Le competenza del sinedrio riguardavano l’acquisizione di nuovi membri della lega, il rispetto
del trattato e del diritto di proprietà degli alleati, e le syntaxeis (contributi volontari con destinazione militare).

Finisce definitivamente così la fase dell’imperialismo spartano. Tuttavia nel 370/69 la seconda lega ateniese fu
svuotata di significato da un’ALLEANZA conclusa tra ATENE e SPARTA. Da ciò cominciarono a scaturire
dissensi tra gli alleati, alcuni dei quali condussero una guerra contro Atene, la quale fu sconfitta. Ciò nonostante la
lega rimase attiva fino al 338, se pur molto indebolita.

4. L’EGEMONIA TEBANA

Dopo la liberazione della Cadmea, Tebe aveva rifondato la Lega beotica. La rottura con Atene avvenne però nel
373 quando Tebe invase e distrusse Platea, da sempre amica degli Ateniesi. Ad Atene ebbe un forte impulso il
movimento in favore della pace con Sparta. Nel 371 a SPARTA si tenne un CONGRESSO per trattare la pace: qui
si stabilì il riconoscimento delle autonomie cittadine, il ritiro degli armosti e lo scioglimento delle forze navali e
terrestri, per garantire un equilibrio internazionale stabile per il mondo ellenico. Al momento del giuramento, gli
Spartani firmarono per sé e per i loro alleati, gli Ateniesi solo per sé (rispettando il decreto di Aristotele), ma il
problema si presentò con Tebe, la quale voleva firmare a nome della Lega beotica. Lo spartano Agesilao rifiutò, e
Tebe rimase fuori dalla pace comune.

Il giorno dopo il congresso il re spartano Cleombroto invase la Beozia e si accampò a LEUTTRA dove si svolse
una battaglia che si concluse con la vittoria tebana. La sconfitta spartana metteva Atene in una posizione
privilegiata. Il CONGRESSO che si svolse dopo Leuttra, infatti, si svolse ad ATENE nel 371/70: gli Ateniesi
dunque sostituirono gli Spartani come garanti della pace e proposero come principio ispiratore l’autonomia
secondo i criteri stabiliti nella pace di Antalcida del 387 e nel decreto di Aristotele del 377. Tale principio veniva
ora proposto a tutta la Grecia come criterio di convivenza internazionale. Tranne gli Elei tutti i Greci aderirono
alla pace comune nella forma elaborata da Atene. Anche Sparta dovette firmare solo per sé, riconoscendo
l’autonomia dei suoi alleati: la Lega del Peloponneso cessava così di esistere.

La vittoria di Tebe a Leuttra, e il non riconoscimento della pace comune, comunque, la candidarono a un ruolo
egemonico. I principali artefici dell’EGEMONIA TEBANA furono Pelopida, che aveva partecipato alla
liberazione della Cadmea nel 379, ed Epaminonda. Pelopida fu soprattutto un militare, mentre di Epaminonda la
tradizione ricorda anche la cultura e la formazione filosofica.

EPAMINONDA si impegnò soprattutto nel Peloponneso, a sostegno dei popoli finalmente liberati dal giogo
spartano; suo intento era di organizzare stabilmente il Peloponneso in funzione antispartana, incoraggiando lo
sviluppo del federalismo democratico. Egli si impegnò nell’indebolimento del già precario sistema economico-
sociale spartano: devastò la Laconia, incoraggiò la diserzione di perieci e iloti, e liberò Messene che venne
fortificata e ripopolata.

PELOPIDA invece si occupò della Grecia settentrionale, in direzione di Tessaglia e Macedonia. Egli intervenne
ripetutamente in Tessaglia per sostenere la lotta delle città della Lega contro il tiranno Alessandro di Fere.
Catturato da lui, fu liberato nel 367 da Epaminonda.

Nel 367 Sparta inviò un’ambasceria a Susa per ottenere dalla Persia un sostegno politico e finanziario. I Tebani
compresero la necessità di sottrarre a Sparta l’iniziativa e mandarono Pelopida dal re, per cercare di concludere
una pace comune (PACE DI SUSA). Si tratta di un’iniziativa significativa perché rivela la volontà, da parte di
Tebe, di assumere la tutela della pace comune, che prima era stata di Sparta e di Atene. Con la pace di Susa
Storia greca - Bearzot

cessano momentaneamente le ostilità tra le poleis greche ma questo non affievolisce i piani di conquista di Tebe
che, negli anni immediatamente a venire, costruisce (con l’aiuto persiano) una flotta marittima.

La situazione precipita nel Peloponneso quando Epaminonda condusse una spedizione nel Peloponneso per
sostenere gli Arcadi in guerra con gli Elidi, al cui fianco si schierò Sparta. Nella BATTAGLIA DI MANTINEA i
Tebani sconfissero definitivamente gli Spartani. Tuttavia, nello scontro perisce il comandante tebano
Epaminonda, lasciando la compagine tebana incapace di attribuirsi politicamente la vittoria ottenuta sul piano
militare e, con la morte di Epaminonda e Pelopida, la potenza tebana si avvia verso una rapida dissoluzione e
decadenza. Fallisce così il tentativo di egemonia da parte di Tebe.

5. FILIPPO II DI MACEDONIA

Filippo II diventò re di MACEDONIA nel 360, all’età di 23 anni come tutore del nipote minorenne Aminta. In
quegli anni la Macedonia si trovava in difficoltà per: la pressione di Peoni, Illiri e Traci a Nord, l’irrequietezza
dell’aristocrazia e la presenza degli Ateniesi sulla costa, dove molte città avevano preso parte alla Seconda lega
navale. Filippo ottenne un compromesso con Peoni e Traci (tacitandoli con denaro), trattò con gli Ateniesi,
ottenne la fedeltà dell’aristocrazia (chiamando giovani a corte per educarli), riorganizzò l’esercito di fanteria
(prendendo come modello quello tebano), e sconfisse gli Illiri.

Subito dopo si volse CONTRO GLI ATENIESI. Egli attaccò e sottomise Anfipoli, che nella pace appena conclusa
era stata riconosciuta agli Ateniesi. Questi ultimi, impegnati nella guerra degli alleati, non poterono reagire. Il
controllo di Anfipoli assicurò a Filippo le miniere d’oro del Pangeo e la possibilità di coniare una moneta aurea, il
filippo. Inoltre nella zona delle miniere fu fondata la colonia di Filippi. In breve tempo Filippo riuscì a liberare la
costa macedone dalla presenza ateniese e a espandersi verso la zona degli Stretti.

Nel 354 Filippo si inserì nelle vicende della Grecia centrale, intervenendo nella TERZA GUERRA SACRA, in cui
contribuì in modo decisivo alla lotta contro i Focesi (accusati dall’Anfizionia di sacrilegio poiché avevano
coltivato la terra sacra di Cirra). L’intervento di Filippo fu però fortemente osteggiato da Atene e Sparta, che si
schierarono dalla parte dei Focesi.

Negli anni successivi Filippo si impegnò in una spedizione contro OLINTO, a causa di una breve crisi dinastica in
Macedonia. Gli Ateniesi ne approfittarono per mandare un esercito di 2000 mercenari contro quello macedone;
ma subirono una grave sconfitta. Olinto fu rasa al suolo e i suoi abitanti ridotti in schiavitù.

Nel 346 tra Filippo e Atene e i suoi alleati fu conclusa la PACE DI FILOCRATE, con la quale i Focesi furono
privati del seggio nell’Anfizionia, il quale fu dato a Filippo. Con due seggi, Filippo ottenne il controllo
dell’Anfizionia e il rafforzamento dell’egemonia sulla Grecia.

Dopo la pace di Filocrate tra Filippo e i Greci si instaurò un precario equilibrio politico:
- Filippo non abbandonò le proprie mire espansionistiche e proteggeva i territori conquistati;
- Demostene d’Atene approfittò del momento di pace per costruire una coalizione difensiva a difesa del territorio
greco, la LEGA ELLENICA, a cui aderirono Acarnania, Acacia, Corcira, Corinto, Eubea e Megara.

Il disegno di Demostene di unire le forze greche nella Lega ellenica preoccupò Filippo che temeva la possibilità di
un attacco contro la Macedonia o, nella migliore delle ipotesi, di dover rinunciare al suo disegno espansionistico.
L’unica soluzione era dunque scendere in guerra prima che la Lega si organizzasse meglio da un punto di vista
militare. L’occasione gli si presentò nel 339 quando Eschine (filomacedone) accusò Anfissa (alleata di Tebe) di
aver ricostruito il porto di Cirra e di aver coltivato una terra sacra. Filippo ne approfittò per organizzare una guerra
(QUARTA GUERRA SACRA) contro la sacrilega Anfissa, e chiese ad Atene di partecipare alla spedizione
Storia greca - Bearzot

militare. Ma Atene si rifiutò e si schierò invece dalla parte dei Tebani. Gli eserciti tebano e ateniese si scontrarono
con quello macedone nella battaglia di Cheronea, che si concluse con la vittoria di Filippo.

LA SICILIA DA DIONISIO I DI SIRACUSA A TIMOLEONTE

6. DIONISIO I

Nel 407 in Sicilia un’armata di Cartaginesi attaccò e distrusse Agrigento e si diresse poi verso Gela e Camarina
avvicinandosi pericolosamente a Siracusa. A Siracusa venne eletto stratego autokrator Dionisio I, che di fatto
trasformò la strategia in tirannide. DIONISIO I si dedicò subito al consolidamento del proprio potere e alla
costruzione di un consenso. Le strutture della Siracusa democratica, a cominciare dall’assemblea, rimasero in
vigore, ma in essa venne aggiunto un consistente numero di cittadini legati personalmente al tiranno che aveva
offerto loro promozione sociale ed economica con elargizione di terre e altre opportunità di guadagno. Fu molto
importante anche il programma di edilizia difensiva, oltre che monumentale, che Dionisio inaugurò subito
fortificando la propria residenza nell’isola di Ortigia.

Dionisio aveva ottenuto il potere ponendosi come difensore dalla minaccia cartaginese. Dopo la SECONDA
GUERRA contro CARTAGINE, in cui ottenne un iniziale successo, concluse con i Cartaginesi una pace (nel 392)
che per circa un decennio riuscì a tenere lontano il pericolo punico. Pur senza riuscire a espellere i Cartaginesi
dalla Sicilia, Dionisio riuscì a ridurre notevolmente il dominio.

In questi anni Dionisio si dedicò a una POLITICA ESPANSIONISTICA:


- in Italia, dove sconfisse la Lega italiota a Reggio, e assediò e conquistò la città;
- nell’Adriatico, dove ottenne il controllo del canale di Otranto e si fece garante delle rotte commerciali,
impegnandosi contro la pirateria;
- nel Tirreno, dove la sua politica si diresse contro gli Etruschi, alleati di Cartagine.

Nel 383 riprese la GUERRA CONTRO CARTAGINE, poiché i Cartaginesi avevano attaccato la Sicilia e la
Magna Grecia. Ma Dionisio fu sconfitto. Nel 367 allora intraprese la quarta e ultima guerra contro Cartagine, per
riprendersi i territori che aveva perso, ma morì durante una battaglia.

DIONISIO II

A Dionisio I successe il figlio Dionisio II. Sul VERSANTE ESTERO, egli continuò la politica del padre,
concludendo una pace con i Cartaginesi, impegnandosi nell’Adriatico dove fondò alcune colonie e appoggiando
gli Spartani contro Tebe.

Sul VERSANTE INTERNO invece allontanò Dione e Platone, accusandoli di tramare con i Cartaginesi e di voler
rovesciare la tirannide. In seguito a una spedizione di Dione a Siracusa, però Dionisio si allontanò e Dione prese il
potere. Ma si manifestarono subito dissensi e scoppiò una rivolta popolare per la ridistribuzione delle terre. Dione
fu poi vittima di una congiura guidata dall’accademico Callippo e morì. Dionisio tornò allora a Siracusa e riprese
il potere, ma Iceta, tiranno di Leontini, lo costrinse nuovamente alla fuga (a Ortigia). La crisi a Siracusa si faceva
sempre più grave, e così Iceta chiese aiuto alla madrepatria, Corinto, che inviò una spedizione guidata da
Timoleonte.

TIMOLEONTE

Timoleonte, condottiero anticartaginese, era un democratico moderato, odiatore dei tiranni e difensore dei principi
di libertà e autonomia. Egli sconfisse Iceta, liberò l’Ortigia da Dionisio II (che si ritirò a Corinto) e ottenne il
controllo di Siracusa con il titolo di stratego autokrator. Egli riuscì a costruirsi il CONSENSO POPOLARE
Storia greca - Bearzot

attraverso: la rottura con la tradizione tirannica, l’istaurazione della democrazia, la ridistribuzione delle terre, un
progetto coloniale per ripopolare Siracusa e l’alleanza militare con le città greche della Sicilia.

Intraprese anche una GUERRA DI LIBERAZIONE CONTRO CARTAGINE, che si concluse con il predominio
di Siracusa sulla Sicilia. Timoleonte diede a Siracusa una nuova costituzione di carattere oligarchico democratico,
poi depose la strategia e si ritirò a vita privata.

5- ALESSANDRO E L’ELLENISMO

ALESSANDRO IL GRANDE E LA CONQUISTA DELL’IMPERO PERSIANO

Alla morte di Filippo, suo figlio ALESSANDRO, nato il 356 ed educato da Aristotele, fu acclamato re
dall’assemblea del popolo macedone, con l’appoggio di uno dei più autorevoli tra i compagni, Antipatro. Il
giovane Alessandro aveva davanti a sé i consueti problemi, primo fra tutti quello di assicurarsi il trono insidiato da
alcuni rivali, tra cui il cugino Aminta IV. In secondo luogo Alessandro si impegnò in una spedizione contro i
barbari per assicurare i confini settentrionali del regno. E infine doveva assicurarsi il consenso dei Greci: per
questa ragione si fece subito riconoscere il ruolo di tago dei tessali, la partecipazione a titolo personale nel
sinedrio anfizionico e il titolo di stratego autokrator dalla Lega di Corinto.

Nel 335 TEBE, che si era ribellata, fu DISTRUTTA con l’assenso della Lega di Corinto. L’intervento fu
presentato come una vendetta contro i Tebani medizzanti. Anche Atene mandò un’ambasceria ad Alessandro per
riferire che gli Ateniesi si felicitavano per la punizione che aveva inflitto ai Tebani ribelli.

Nel 334 Alessandro organizzò una SPEDIZIONE ASIATICA, per realizzare il progetto del padre e al tempo
stesso per legittimare la sua sovranità con una guerra vittoriosa. Così partì verso l’Asia da Pella con circa 45000
uomini, lasciando in Europa Antipatro e una metà dell’esercito macedone. La propaganda ufficiale giustificò la
spedizione in chiave panellenica, come un gesto per punire i Persiani, invasori dell’Ellade.
Nella BATTAGLIA DI GRANICO Alessandro sconfisse l’esercito persiano e riuscì a prendere Dascilo e Sardi.
Le città greche d’Asia si schierarono con Alessandro, tranne Mileto e Alicarnasso che furono prese. Nel 333 a
GORDIO, in Frigia, Alessandro sciolse (o tagliò) il nodo che legava il cocchio nel tempio di Zeus, dopo aver
saputo che secondo una tradizione locale chi lo avesse sciolto sarebbe diventato re dell’ecumene, cioè di tutto il
mondo abitato. La spedizione asiatica procedette con la conquista della SIRIA settentrionale (con la vittoria nella
battaglia di Isso) e delle città della costa siriaca.

Nel 332 Alessandro conquistò l’EGITTO (rendendo la sua spedizione ormai autonoma rispetto ai disegni del
padre Filippo), dove fondò la città di Alessandria. Si diresse poi in MESOPOTAMIA, dove sconfisse i Persiani a
Gaugamela. Mentre prendeva le capitali del regno achemenide (Susa, Babilonia, Persepoli e Parsagade), Dario
fuggiva nelle varie satrapie. Ma prima di riprendere l’inseguimento di Dario, Alessandro congedò i Greci dal suo
esercito. Si concludeva così la fase ellenica della spedizione.

Nel 330 Alessandro diede inizio alla sottomissione delle satrapie orientali. In quel periodo però si verificò la
prima grande frattura con l’elemento macedone: Filota, che era solito vantarsi di essere il vero responsabile delle
conquiste di Alessandro, fu accusato di tramare contro quest’ultimo e messo a morte. Alessandro si dedicò poi alla
conquista delle satrapie superiori (Battriana e Sogdiana). Alessandro dimostrò una grande APERTURA VERSO I
BARBARI, sposando la figlia del satrapo di Sogdiana, Rossane, e poi inserendo nell’esercito 30000 giovani
persiani, i cosiddetti epigoni, con l’obiettivo di formare un esercito misto.
Storia greca - Bearzot

Proprio questa apertura verso l’elemento barbaro, insieme con l’adozione di costumi orientali e della proskynesis
(un inchino profondo accompagnato da un accenno di bacio, che nel costume greco-macedone equivaleva alla
concessione di onori divini) non piacquero allo storico Callistene di Olinto che organizzò la CONGIURA DEI
PAGGI, per la quale fu condannato a morte.

Alessandro si spinse fino all’India, dove sconfisse il re Poro, ma il suo esercito poi si rifiutò di proseguire, così
anche Alessandro rinunciò e diede inizio alla SPEDIZIONE DI RITORNO.

Dopo il suo ingresso trionfale a Susa, vennero celebrate le celebri NOZZE DI SUSA in cui più di 10000 uomini
macedoni presero in moglie donne persiane. E lo stesso Alessandro sposò la figlia di Dario e la figlia di Artaserse
III. L’intento di Alessandro era quello di creare un’aristocrazia mista di elementi greco-macedoni e asiatici. Ma
questa politica suscitò presso i Macedoni un dissenso che venne manifestato apertamente nella RIVOLTA DI
OPIS, che Alessandro riuscì a stroncare, punendo anche i responsabili.

Durante i Giochi Olimpici del 324 Alessandro fece annunciare due richieste: il richiamo di tutti gli esuli, e la
concessione di onori divini alla propria persona. L’anno successivo, probabilmente per cause naturali, Alessandro
morì improvvisamente a Babilonia.

I SUCCESSORI DI ALESSANDRO E LA FORMAZIONE DEI REGNI ELLENISTICI

Il periodo successivo alla morte di Alessandro Magno fu caratterizzato da FORZE UNITARIE, che intendevano
mantenere unito l’impero di Alessandro nonostante le indubbie difficoltà, e da FORZE CENTRIFUGHE, che
invece tendevano a provocare un frazionamento di quel vastissimo impero.

Un primo compromesso fu raggiunto con gli ACCORDI DI BABILONIA nel 323, subito dopo la morte del re.
Antipatro ottenne il governo della Macedonia, con il titolo di stratego d’Europa. Gli altri compagni si divisero le
satrapie. Antipatro dovette affrontare la ribellione dei Greci nella cosiddetta GUERRA LAMIACA, combattuta
nella città tessalica di Lamia da una coalizione di poleis greche guidate da Atene che si ribellavano al Regno
macedone. Dopo un’iniziale vittoria ateniese, ebbero la meglio i Macedoni. Demostene fuggì e si uccise, e ad
Atene fu imposta un nuovo governo oligarchico filomacedone.

Seguirono TRE GUERRE tra i DIADOCHI, che si contendevano le parti dell’impero. Alla fine dell'età dei
diadochi si erano stabilizzati tre grandi regni ellenistici:
- MACEDONIA, sotto i successori di Antigono.
- SIRIA (comprendente tutti i domini asiatici) guidata da Antiaco I, della dinastia dei Seleucidi.
- EGITTO, guidato da Tolemeo II, della dinastia dei Lagidi.

GLI STATI ELLENISTICI DAL 280 AL 220

Quello di ELLENISMO è un concetto moderno, introdotto da Droysen: esso nasce dal verbo hellenizein che
significa “parlare greco” e fa riferimento allo sviluppo della koiné dialektos, la lingua comune che si stabilì nelle
monarchie ellenistiche. Si tratta dunque di un concetto essenzialmente culturale, che coinvolge non solo la lingua,
ma anche lo stile di vita che venne adottato in quel quadro politico così ampio, caratterizzato dall’incontro e dalla
mescolanza di diverse etnie e culture.

La presenza di tradizioni locali influì sullo sviluppo del tipo di MONARCHIA presente nei singoli regni. In Egitto
e in Siria, dove accanto ai Greco-macedoni vi erano grandi masse di indigeni, si svilupparono monarchie di tipo
personale, in cui il re era un individuo eccezionale, era egli stesso legge incarnata e spesso oggetto di
divinizzazione. In Macedonia invece restò in vigore una monarchia di tipo nazionale in cui il sovrano era re non di
un territorio, ma di un popolo. Ad ogni modo il SOVRANO ellenistico è prima di tutto un re per diritto di vittoria.
Storia greca - Bearzot

La monarchia si regge dunque sulla capacità del sovrano di guidare il suo esercito e di amministrare nel modo
migliore. Il sovrano fa uso di emblemi della regalità, come il diadema e il manto di porpora, e si circonda di una
guardia reale; vive isolato dal popolo nella sua corte, dove si circonda di philoi, dignitari che gli si affiancano, che
spesso sono uomini di cultura, organizzati in una complessa gerarchia. La corte, così, sostituì la polis come centro
propulsivo, in senso politico e culturale, della vita del mondo ellenistico.

I regni ellenistici erano caratterizzati da una GRANDE ESTENSIONE TERRITORIALE, che implicava
un’eterogeneità geografica ed economica e una ricchezza demografica, con una popolazione etnicamente
composita. Erano quindi delle realtà complesse da gestire. Il potere centrale del re, dunque, si serviva di
funzionari per tenere i rapporti con i distretti in cui il territorio era diviso per ragioni amministrative: le satrapie in
Siria, le merides in Macedonia, i nomoi in Egitto.

La MACEDONIA, sotto gli Antigonidi, ebbe ottimi sovrani, un valido esercito e fu immune dal dualismo tra
Greci e indigeni che caratterizzò le altre due monarchie. Nel III secolo però fu travagliata dalla resistenza opposta
dalle città greche alle sue pretese di egemonia.

In EGITTO, sotto la dinastia lagide, i Greci vennero attirati da ampi privilegi economici e giuridici, mentre la
grande massa degli indigeni rimase in una posizione subalterna. Le condizioni dei contadini erano molto dure e
tanti di loro si dedicarono al brigantaggio. L’obbedienza veniva imposta da un esercito composto in buona parte
da mercenari.

In SIRIA il regime fu meno rigido rispetto a quello dell’Egitto. Per ellenizzare il popolo, i Seleucidi favorirono
un’intensa attività coloniale, assicurando l’unità del regno così esteso ed eterogeneo.

Il regno di PERGAMO si rese indipendente dalla Siria nel 263. La capitale, Pergamo, fu caratterizzata da un
eccezionale sviluppo urbanistico e architettonico, e fu anche un importante centro culturale che con la sia
biblioteca rivaleggiava con Alessandria. Molto prospero sul piano economico, il regno di Pergamo riuscì a
mantenere l’indipendenza attraverso l’alleanza coi Lagidi, e dopo attraverso il rapporto con Roma.

GLI STATI FEDERALI ELLENISTICI: LA LEGA ACHEA E LA LEGA ETOLICA

Durante l’età ellenistica, sul versante greco la realtà della polis come entità politica era ormai tramontata. Ebbero
più importanza invece le FEDERAZIONI, in particolare la Lega achea e quella etolica. Polibio esalta il
federalismo come capace di promuovere i comuni interessi di tutti e di garantire uguaglianza e umanità.

La LEGA ACHEA fu restaurata nel 281. Da un punto di vista istituzionale venne rifondata come democratica, con
un consiglio formato dai delegati delle diverse città, con funzioni preparatorie e consultive, e un’assemblea
primaria che si riuniva quattro volte all’anno, che esercitava la sovranità.

La LEGA ETOLICA assunse un ruolo egemonico nella Grecia centrale. Le istituzioni principali erano
l’assemblea primaria, aperta a tutti gli Etoli senza distinzioni di censo, che si riuniva due volte all’anno (con la
possibilità di essere convocata anche in seduta straordinaria) e il consiglio dei delegati. Una commissione di 30
apocleti si occupava delle funzioni amministrative. Mentre la magistratura principale era lo stratego, eletto
dall’assemblea primaria.