Sei sulla pagina 1di 6

☽PURGATORIO☽

STRUTTURA TEMI
Si trova agli antipodi di Gerusalemme,
●Affetti→ il tema dell’amicizia e disponibilità
opposto per diametro all’Inferno, e la propria degli affetti terreni tra D e le anime

forma a tronco di cono è simile a quella ●Coralità→ fra i penitenti, che già scesi dalla
barca si stringono tra di loro spinti dalla
dell’inferno.
comune disposizione alla salvezza:

E’ una montagna in mezzo all’oceano:


-canti collettivi

●stretta spiaggia→navicella dei penitenti -preghiere

guidata dall’angelo nocchiero


-comportamenti di umiltà

●antipurgatorio→dove si attende la ●Uomo pellegrino→ coinvolge:

- le anime destinate all’ascesa del sacro


purificazione vera e propria
monte

●sette cornici 7 pene capitali -D e V che chiedono notizie sulle vie più
●paradiso terrestre→incontra Beatrice e idonee

sale nel Paradiso


Dinamismo continuo che li spinge a non
E’ collocato nel tempo ed è destinato a fermarsi davanti ad elementi estranei alla loro
meta = progressivo avvicinamento alla ragione
finire mentre gli altri due sono eterni ed a alla fede

immutabili.
●Elogia del corpo→ corpo pesante impedito
E’ la cantica della purificazione dal duplice gravame di fisicità e colpa

progressiva
●Politica→ denuncia la corruzione che dilaga,
sopratutto nella Chiesa, ma non abbandona la
speranza nel suo rinnovamento.

AMORE E PENA Visione politica→ due soli= chiesa ed impero


uniti nella conduzione della società

Motore delle opere di tutti gli esseri.


L’amore elettivo può portare al peccato elementi che dimostrano la differenza da
quando si rivolge:
inferno a purg

al male

al bene sommo con poco ardore


climax nel linguaggio

ai beni terreni con eccessivo vigore.


angeli di dio invece dei demoni

A questa suddivisione corrisponde il sistema barca leggera dell'angelo che fluttua

di pene che svolge due funzioni:


4 stelle

●espiazione dei peccato attraverso la anime trapassate dalla luce

sofferenza
simbologie importanti: 

●purificazione morale

TEMPO
Il viaggio inizia all’alba del 10 apr 1300,
domenica di Pasqua, quando D e V giungono
sulla spiaggia del P, e dura 3 giorni con 3
soste notturne dato che le leggi divine
permettono di avanzare solo dall’alba fino al
tramonto.

COLLOQUIO TRA VIRGILIO


☽CANTO I☾ E CATONE
Catone vedendoli uscire dall’inferno chiede
loro dove si dirigono chiedendo loro se stanno
PROEMIO fuggendo dall’inferno oppure se le regole dei
cieli siano cambiate.
Uscito dall’inferno, D afferma che il livello V timoroso dice che non sono cambiate e che
poetico salirà solcando un mare più lui è un’anima dannata che si trova prima di
difficoltoso. Minosse nel limbo di Marzia sua moglie ,
Chiede aiuto alle muse della poesia affinché lo mentre D non lo è ma si era perso nella selva
aiutino ad innalzare il livello poetico ed in oscura ed una donna del paradiso è scesa
particolare alla musa Calliope, che diventi dicendogli di salvarlo per fargli ritrovare la
talmente tanto potente come la sua libertà a D che tanto era cara a Catone, in
nell’episodio della Piche( 3 principesse greche questo modo lo smuove.
che la sfidarono e lei le vinse trasformandole V promette che se li fa passare, quando
in uccelli). rivedrà Marzia le porterà buone parole.
Descrivere l’ambiente come diverso Catone afferma che non ce n’è bisogno
dall’inferno: perché per una legge divina porta solo
-cielo dal colore zaffiro indifferenza per la moglie mentre quando era
-pianeta Venere che oscura la costellazione vivo i suoi occhi lo avrebbero obbligato a fare
dei pesci. qualunque cosa.
Sono le ultime ore della notte. A C basta che il viaggio di D sia voluto da una
Girandosi vede 4 stelle che alcuni ipotizzano: donna del paradiso per farli attraversare il
-siano la croce del sud altri proprio regno, aggiunge pero’ che se vuole
-rappresentino le 4 virtù cardinali: giustizia, ricordare di lui a qualcuno di parlare bene di
fortezza, prudenza e temperanza. lui a Beatrice.
Sono molto luminose e l’universo ne è orfano.
C indica la strada più breve e dice a V di
pulire il viso di D per non vedere i ministri di
COMPARSA DI CATONE dio con la fuliggine dell’inferno, e di legare un
giunco alla vita di D, una pianta umile
D Si gira e vede una persona anziana dai
necessaria da indossare per dimostrare
capelli lunghi e grigi, che impone reverenza ed
umiltà.

incute rispetto, viene descritto come un


patriarca ed è Catone Uticense.
V costringe D ad inchinarsi perché e RITO PURIFICATORE DI D
necessario portare rispetto alle anime del C sparisce, i due seguono le indicazioni e la
purgatorio. luce del sole imboccando la strada.
E’ un personaggio ambiguo posto da D come Scendendo trovano una parte di prato che
custode del P motivo per cui prova rispetto non era stata ancora scaldata dal sole.
verso di lui. Scena dolce dove V si bagna le mani con la
E’ una figura controversa perché: rugiada pulendo il volto di D.
-pagano nato prima di Gesù che l’ha liberato Continuando il viaggio arrivano dai giunchi, V
dal limbo ne strappa uno legandolo in vita a D.
- è un suicida, console romano che quando ci Come viene strappato, un altro ne ricresce.

fu la guerra civile fra Cesare e Pompeo, prese


le parti di Pompeo perché vedeva in Cesare
un pericolo. Lui preferiva la repubblica, la
forma di democrazia più assoluta dell’epoca
che lasciava libertà al popolo. Sul punto di
essere catturato si suicida ad Utica per essere
coerente con i suoi valori morali e per non
essere fatto schiavo.
E’ un’anima che si salva perché si è ucciso
per il valore della libertà del popolo, motivo
per cui D lo stima ponendolo come guardiano
del P.

L’INCONTRO CON IL
☽CANTO II☾ MUSICO CASELLA
Gli si avvicina specialmente un’anima che in
un gesto molto dolce gli si fa vicino con le
L’angelo nocchiero e la braccia aperte, D prova ad abbracciarlo ma
prontamente gli tornano al suo petto perché
nave dei penitenti appunto sta abbracciando un’anima che non
Il canto inizia con una metafora il cui livello ha un corpo consistente, essa sorridere e lo
poetico è molto alto, dice che da porta via dalle altre.
Gerusalemme guardando verso occidente si D la riconosce, perché dice di averlo amato
vede il sole tramontare e verso oriente sta tanto in vita quanto ora, come Casella , un
sorgendo la notte dal gange insieme alla musico che all’epoca musicava le poesie di D.
costellazione della bilancia e quindi in P si sta Si riconoscono come vecchi amici, e C gli
facendo giorno. domanda come mai si trovi qui allora D gli
Arrivando sulla spiaggia vede una luce molto spiega che il viaggio è voluto da Dio per la
luminosa arancione che gli ricorda Marte propria salvezza.
avvolto dalle sue nebbie, luce però indefinita D ha una curiosità riguardo al perché sia
alla quale non riesce dare una forma definita, arrivato ora in P dal momento che è morto da
il maestro non gli sa spiegare cos’è , D si 3 mesi. Spiega che non gli è stato fatto alcun
rivolge verso il mare e la luce stanno corto e che è salito solo ora sulla barca
diventando 2 luci orizzontali estese ed una dell’angelo perché solo ora la volontà di Dio
bianca in verticale. glielo ha permesso.
V riconosce la luce come l’angelo del Spiega come le anime destinate al P si
signore, l’angelo nocchiero, ed obbliga D ad raccolgono dopo la morte alle foci del Tevere
inginocchiarsi ed a volgere le mani in da dove attendono il momento loro destinato
preghiera. L’angelo si sta trovando sulla barca per salire sul vascello che le porta nel P per
guidandola senza nulla di umano ma con le purgarsi. Essendoci stato il giubileo il papa
sue ali maestose dalle piume eterne.
aveva condonato tutte le pene delle anime del
P quindi chi stava aspettando poteva
cominciare ad andare a purgarsi.
Gli spiriti sbarcano D chiede a C di allietare la sua anima col il suo
sulla spiaggia canto come quando lo faceva in vita, perché
D è stanco dal viaggio svolto soprattutto
Arriva sull’acqua e la barca ,con le anime perché è vivo. C comincia a cantare in un
leggere, non affonda. modo tanto dolce e D per descriverlo usa una
D prova a guardarlo in faccia ma non per terzina:
molto a causa della sua luminescenza. Amor che ne la mente mi ragiona cominciò elli
Arrivate a riva, le anime scendono intonando sì dolcemente, che la dolcezza ancor dentro
un salmo dell’esodo ‘ il popolo d’Israele mi suona =amore che nella mente mi
scappa dall’Egitto’ salmo con il quale mette in ragiona la dolcezza che nel cuore ancora
luce il tema della coralità delle anime del P, mi risuona, inizio di un sonetto di una poesia
quali sono accomunate dalla certezza della
di D del Convivio.
beatitudine futura.
L’angelo le benedice facendo loro il segno
della croce andandosene via velocemente L’INTERVENTO DI CATONE
com’era arrivato. Tutti rimangono incantati ascoltando C che
Le anime perplesse chiedono a V e D se
canta, a questo punto Catone, il custode del
conoscono la strada verso il P, i due però
P, rimprovera severamente le anime essendo
dicono di essere nuovi di questo posto quanto
che al posto di salire il monte per purgare la
loro.
propria anima, sollazzano.
Si accorgono però che D è vivo e respira e sia
pongono davanti a lui come se fosse un Le anime come dei piccioni che stanno
mangiando e vengono disturbate scappano
messaggero che dovesse dare delle notizie.

via ed allo stesso modo anche V e D.

presenta chiedendogli di parlare bene di

☽CANTO V☾ lui nel caso in cui si rechi nella terra che si


trova tra la Romagna ed il regno di Napoli
ovvero la Marca Anconetana la terra
della città di Fano.
Incontro con i morti di E’ l’anima di J podestà di Bologna ed
morte violenta avverso in politica al marchese Azzo VIII
signoriedi Ferrara della famiglia degli Este.
D ha parlato con le anime dei negligenti ed
J viene nominato poi podestà di Milano ed
i due si trovano ancora
evita di raggiungerla attraverso i territori
nell’Antipurgatorio, i pigri a pentirsi. Estensi perché Azzo aveva promesso lui la
D e V si stanno allontanando da loro ma morte, va a Venezia dirigendosi verso
una addita D dicendo alle altre che i raggi
Padova ma nei pressi di Oriago non
del sole vengono fermati da lui e che la
riusce ad arrivare al borgo di Amira perché
sua ombra viene proiettata.
rimane impantanato in una palude ed
V rimprovera D che sta perdendo tempo
ucciso dai sicari di Azzo.
ad ascoltarle consigliandogli di essere
Appena finisce di raccontare la propria
fermo come la torre quando soffia il
storia, giunge un’altra anima quella di
vento e non perdersi in ragionamenti
Montefeltro, della quale famiglia abbiamo
perdendo l’obbiettivo della sua vita, D
incontrato Guido nell’VIII bolgia che ne è
allora raggiunge V con un pò di rossore in
il padre.
viso.
L’anima gli chiede di ricordare pure lui, i
Si incamminano verso la montagna e
suoi parenti e la moglie non pregano mai
vedono un altro gruppo di anime, i morti
per lui motivo per il quale cammina con la
di morte violenta, che stanno avanzando testa bassa.
cantando misere il cui canto poi diventa di Si dice ne abbia combinate tante,
stupore quando si rendono conto che è
ghibellino che combatté nella battaglia di
vivo. Due si staccano raggiungendoli
Campaldino, la stessa nella quale D
chiedendo spiegazioni e V spiega e chiede
combatte, nella quale però lui muore ed il
loro due di dire alle altre anime che
suo corpo non viene ritrovato.
quando D tornerà sulla terra potrà parlare
B riferisce che durante la battaglia gli
bene di loro e quindi essergli utile, loro
viene recisa la gola ma ancora vivo si
vanno velocissime come due saette per
trascina fino al fiume Archiano affluente
chiamarle e tutte li raggiungono.
dell’Arno sulle cui rive prima di morire si
V chiede a D di essere cortese
pente nominando la moglie.
specificando però che non si fermano.
Fra i due episodi che coinvolgono il padre
Una delle anime dice a D di fermarsi per
parlare e se riconosce uno di loro ed il figlio c’è una grande similitudine
presentando il gruppo come coloro che perché l’anima del padre viene contesa da
San Francesco ed un diavolo che la
sono morti per forza e pentiti al punto di
ottiene mentre quella del figlio viene
morte. D promette che che per la pace
contesa da un diavolo ed un angelo il
della sua anima quando tornerà sulla terra
quale per il volere di Dio la ottiene.
parlerà bene di loro.

Il diavolo si arrabbia e dice che per una


lacrimetta che lui ha fatto all’ultimo è
Jacopo del Cassero e riuscito a salvarsi dicendo che si che
Buonconte da l’angelo si prende l’anima ma afferma che
Montefeltro del corpo se ne fa quel ce vuole.
Sicché B racconta che prima di morire
A questo punto un’altra anima gli dice che mise la mani in segno di croce per
non c’è il bisogno di promettere nulla rafforzare il pentimento momento nel
essendo un’anima eletta, questa si quale il diavolo scatena una tempesta,
usando gli elementi della natura, che
riempie la terra dall’acqua ed il suo corpo
comincia a venire trascinato dal fiume e
durante il trascinamento si scioglie pure la
croce fatta con le mani ed il corpo finisce
nell’Arno dove tutt’ora sta sepolto.

L’incontro con Pia de’


Tolomei
Appena B finisce di parlare si sente la
voce di un’anima dietro le anime che al
sentirne la voce dalla pietà si allargano e
la figura di Pia appare a D chiedendogli di
ricordarla come la Pia e la terzina che
conclude il canto è molto dolce e anche
ricca di pietà: io sono nata a Siena, sono
morta in Maremma e lo sa bene colui che
mi ha messo l’anello, con una gemma, al
dito prima di sposarmi.
Lo sa bene perché appunto l’ha uccisa.
E’ il canto più intenso del P dove D in una
terzina riesce ad esprimere molti
sentimenti di pietà verso la donna Pia de’
Tolomei.
Si dice fosse una Sianese data in sposa
ad un certo Anello Pannochieschi della
Maremma, lui la uccide buttandola dal
balcone del suo castello perché voleva
risposarsi con un’altra.
P in punto di morte si pente finendo in
questa zona dell’antipurgatorio.
D incontra una donna come nel V
dell’Inferno,

canto politico