Sei sulla pagina 1di 61

INDICE

. i t
a rie
i t

I VIRUS
a n
ie S
lo g
n o
ec
i oT
Ciclo virale B 3
Batteriofagi
Virus a DNA
Virus a RNA 1
INDICE

O RO
I L L Il ciclo virale in generale

U S E L E . i t
V I R V IT A r i
I batteriofagie e il loro ciclo
I L O i ta
n a DNA e il loro ciclo
CI C e
a
I virus
S
gi
o lo I virus a RNA e il loro ciclo
INDICE ec n
o T Photo credits
Bi

2
INDICE

. i t
ie a r
n i t
S a
IL CICLO VIRALE gi e IN GENERALE
o l o
c n
T e
B i o

3
INDICE

IL CICLO VIRALE
. i t hanno una
I virus, parassiti endocellulari obbligati, non
r i e
struttura cellulare e quindi dipendono i tadalla cellula in
a n
cui penetrano e che sfruttano per
i e S moltiplicarsi e quindi
sopravvivere. lo g
n o
ec e qualsiasi tipo di acido
Qualsiasi forma abbiano
o T
Bi si possono riconoscere alcune tappe
nucleico li formi
fondamentali nel loro ciclo di replicazione.
4
INDICE

IL CICLO VIRALE
. i tanimale (tra
Le 6 fasi del ciclo di replicazione di un virus
r i e
a
parentesi i termini corrispondenti initinglese):
a n
adsorbimento (attachment) ieS

lo g

n o
penetrazione (penetration)
ec
spoliazione (uncoating)

i o T
● B (replication)
replicazione
● assemblaggio (assembly)
● rilascio (release)
5
INDICE

IL CICLO VIRALE
. i t
1. Adsorbimento (attachment)
ie
a r
i t
n altre parole
parassitano solo alcune cellule. ieS
a
I virus hanno un’alta specie-specificità. In

l o g
Questa prima fase si attua n oquando si forma un legame
ec
i o T
specifico tra le proteine del capside virale e corrispondenti
B sulla membrana delle cellule da infettare.
recettori presenti

In altre parole i due tipi di molecole si riconoscono e si legano.


6
INDICE

IL CICLO VIRALE
In alto

. i t Il sangue al

1. Adsorbimento (attachment)
a rie M.E. a

i t
scansione, in

n
cui sono visibili

Facciamo qualche esempio. S a i globuli rossi, i

ie
globuli bianchi

Cominciamo dal virus HIV o


l g
che
e le piastrine.

n o
c
1 In basso le
penetra in alcuni tipi di
e
particelle virali

T
leucociti (globuliiobianchi) del
(in verde) del

corpo umano. B
virus HIV
mentre
gemmano da
un leucocita
infettato
2
7
INDICE

IL CICLO VIRALE
1.Adsorbimento (attachment) Nel caso del virus . i tHIV il
r i e
riconoscimento avviene tra le proteine CD4
i ta della cellula e le
a n
S
proteine gp 120 che si trovano sull’envelope del virus. Una
gieconsentirà la penetrazione.
serie di successive modificazioni
lo
n o
ec
i o T
B
3 8
Meccanismo di penetrazione del virus HIV all’interno di una cellula
INDICE

IL CICLO VIRALE
1.Adsorbimento (attachment) Di . i t
r i e
lato si può vedere il ciclo di
i ta
a n
replicazione del virus HIV che inizia
e S
i in
con l’adsorbimento sulla sinistra
l o g
alto. n o 4

ec
i oT A sinistra si può notare la
B ricostruzione del virus HIV con i
due frammenti di RNA, il capside e
5 l’envelope con le proteine gp120 9
INDICE

IL CICLO VIRALE
1.Adsorbimento (attachment) . i t
ie
6

r
7

i ta
Il poliovirus ha come
a n
bersaglio i motoneuroni delle ie S
l o g
corna anteriori del midolloo
8

c n
e
spinale. La loro membrana
T
io
cellulare ha unBrecettore
(CD155) A sinistra tronco umano in cui è evidenziato in il midollo
spinale all’interno della colonna vertebrale.
A destra in alto: sezione trasversale del midollo spinale
A destra in basso particelle virali del poliovirus 10
INDICE

IL CICLO VIRALE
. i t
1. Adsorbimento a rie
n i t
(attachment)
S a
gie
Questo è il ciclo vitale
olo
del poliovirus, La fasec1n
T e
corrisponde
B i o
all’adsorbimento
9
11
INDICE

IL CICLO VIRALE
. i t
1. Adsorbimento (attachment) a rie
n i t
S a
In alcuni casi le proteine virali utilizzate in questa fase di
gi e
“riconoscimento e aggancio”
o l o derivano dal precedente
n
c dalla membrana della cellula da
ciclo virale, direttamente
cui i virus sonoio T e
gemmati.
B

12
INDICE

IL CICLO VIRALE

. i t
2. Penetrazione (penetration)
a rie
n i t
Questa fase avviene o per endocitosi
S a o per fusione delle
membrane. Questo secondo g e
i lo abbiamo visto nel virus
caso
o l o
HIV.
cn
T e
Più complessa laiopenetrazione quando le cellule sono
B
dotate di spessa parete come le cellule vegetali (cellulosa),
le cellule dei funghi (chitina) o i batteri (peptidoglicano).
13
INDICE

IL CICLO VIRALE
2. Penetrazione (penetration)
. i t 10

r i e
In questi casi i virus si devono
n i ta
ingegnare a rompere la parete Sa
gi e
cellulare.
o lo
n
Interessante il metodocattuato dai
T e
B i
batteriofagi, virus odei batteri, di
cui però ci occuperemo più
Batteriofago nell’atto di inoculare il proprio
avanti. acido nucleico all’interno di un batterio
14
INDICE

IL CICLO VIRALE
3. Spoliazione (uncoating)
. i t
ie
11

ta r
La terza fase consiste nella
n i
rimozione del capside virale. S a
gi e
Questo può avvenire ad opera
o l o di
c n
enzimi presenti nella cellula
T e
i
ospite o trasportati
B o dal virus. In
ogni caso il risultato è la
Ciclo di infezione e replicazione del virus della
liberazione dell’acido nucleico. rabbia
15
INDICE

IL CICLO VIRALE
4. Replicazione (replication)
. i t
ie a r
Siamo alla quarta fase, la replicazione.it
a n
i e S
Il virus sfrutta tutte le strutture della cellula ospite per
l o
replicare il suo genoma e produrre g le proteine che
n o
costituiranno gli elementi
ec strutturali delle nuove particelle
virali. i o T
B
Questa fase presenta degli aspetti molto diversi a seconda
del tipo di genoma virale. Lo vedremo più avanti.
16
INDICE

IL CICLO VIRALE
12
5. Assemblaggio
. i t
(assembly) a rie
n i t
Le proteine virali si S a
gi e
auto-assemblano
o lo
racchiudendo le nuovecn
T e
molecole di acido
B i o
nucleico del virus.
Nuovi virus si formano.
17
INDICE

IL CICLO VIRALE
12
6. Rilascio (release)
. i t
a rie
Le nuove particelle virali
n i t
hanno diversi modi per S a
gi e
allontanarsi dalla cellula
o lo
ospite. Per lisi, il che cn
T e
i o
comporta la sua distruzione,
B
oppure per gemmazione
come abbiamo visto per l’HIV
18
INDICE

IL CICLO VIRALE

6. Rilascio (release) . i t
ie
a r
Durante la gemmazione il virus acquisisce i t
n il suo envelope
S a
aggiungendo alla sua struttura anche
gi e parti modificate della
cellula ospite. o l o
c n
T eil rilascio dei batteriofagi a cui, come
i o
Ancora diverso appare
B dedicata una serie di diapositive apposite.
detto prima, verrà

19
INDICE

. i t
ie a r
n i t
a
S LORO CICLO
I BATTERIOFAGIgEieIL
o lo
c n
T e
B i o

20
INDICE

IL CICLO VIRALE DEI BATTERIOFAGI


I batteriofagi sono virus che . i t 10

parassitano le cellule batteriche. r i e


i ta
Sono diversi dagli altri perché
a n
devono penetrare in cellule che i e S
hanno un rivestimento rigidolo g
o
n che
c
costituito da peptidoglicano
e essere
T
in qualche modoodeve
i
interrotto perB permettere
l’ingresso dell’acido nucleico. Batteriofago nell’atto di inoculare il proprio
acido nucleico all’interno di un batterio
21
INDICE

IL CICLO VIRALE DEI BATTERIOFAGI


Per una spiegazione più dettagliata
. i t
prendiamo in considerazione il fago r i e
i ta
lambda che parassita il batterio
a n
Escherichia coli.
i e S
o
Il virus è costituito da una testa
l g
o
icosaedrica che contienenil DNA e da
ec
una coda formata daTproteine
i o
B termina con fibre
contrattili. La coda 13
ed una piastra basale che servono ad Fago lambda
ancorare il virus.
22
INDICE

IL CICLO VIRALE DEI BATTERIOFAGI


Le proteine della coda sono
. i t
destinate al riconoscimento dei r i e
i ta
n
14
recettori presenti sulla cellula
batterica, al posizionamento deleS a
gi
virus e alla penetrazione dellosolo
n o
acido nucleico. La parete
e c è
attaccata dal lisozima
i o T virale.
B il capside
In questo caso quindi
rimane direttamente all’esterno.
23
INDICE

IL CICLO VIRALE DEI BATTERIOFAGI

. i t
Il comportamento del virus è
r i e 15

duplice. i ta
Può moltiplicarsi sfruttando le San
strutture e gli enzimi cellulari,gie
liberando alla fine tutte leolo
c n
particelle virali (circae100) e
o T
iil batterio
disgregando così
(ciclo litico)
B

24
INDICE

IL CICLO VIRALE DEI BATTERIOFAGI


Oppure il DNA del fago si integra . i t
con il DNA del batterio il quale r i e 15

i ta
continua a moltiplicarsi senza
a n
alcun problema fino a quando ieS
non si verifica una situazione l o g
di
n o
c
stress. Esposizione a radiazioni
e ad
o T
ionizzanti o ultraviolette
i
esempio possono B ripristinare il
ciclo litico (ciclo lisogenico)
25
INDICE

IL CICLO VIRALE DEI BATTERIOFAGI

. i t
i
Quando il virus integra il proprio acido nucleico
r e in quello
del batterio rimane inattivo e prende ili tanome di profago.
a n
S
Ci sono delle specie batteriche che attivano o meno la
ie un profago integrato
produzione di tossine perchéghanno
nel proprio genoma. nol
o
Il tipico esempio èT ec cholerae che inizia a produrre la
Vibrio
i o
B penetra all’interno dell’organismo
sua tossina quando
umano.

26
INDICE

IL CICLO VIRALE DEI BATTERIOFAGI

. i t
Di lato si può vedere una
r i e 16

ta
1
piastra in cui è stato
n i
coltivato Escherichia coli
S a
e in cui poi è stato gi e
inoculato il fago lambda.o lo
Le placche di lisi ec
n
testimonianoila o Tpresenza
B
dell’azione virale.

27
INDICE

. i t
ie a r
n i t
a
I VIRUS A DNA EgiIL eSLORO CICLO
o lo
c n
T e
B i o

28
INDICE

IL CICLO DEI VIRUS A DNA

. i t
I virus animali a DNA sono il 30%
i e
17

ta r
dei virus totali. i
Possono essere a doppio filamentoan
e
io S
(il maggior numero), circolare
lo g
o
lineare, o a filamento singolo.
n
e c
Utilizzano la DNA polimerasi
T
DNA-dipendenteioper la
B
moltiplicazione del loro genoma.
Modello tridimensionale dell’enzima
DNA polimerasi DNA-dipendente
29
INDICE

IL CICLO DEI VIRUS A DNA


t
Tra i virus a DNA sono da ricordare virus dei.ibatteri e di
molti animali, uomo compreso. r i e
i ta
n avvengono nel
Trascrizione, replicazione e assemblaggio
a
S è la regola generale
nucleo delle cellule parassitate.ieQuesta
ma ci sono delle eccezioni. log
n odel genoma virale avviene con la
c
In genere la replicazione
e
o T
DNA polimerasi DNA-dipendente
i virale mentre la sintesi
B
del capside è effettuata grazie agli enzimi della cellula
ospite.
30
INDICE

IL CICLO DEI VIRUS A DNA


Tra i virus a DNA ci sono molti
. i t
esempi di agenti eziologici di r i e
i ta 18
malattie note.
a n
Gli Herpes virus (famiglia
i e S
Herpesviridae) sono esempilo dig
n o
virus a DNA a doppio filamento.
Sono caratterizzati T ec
dal fatto che
quando entranoBin ioun ospite non
lo abbandonano più, provocando Alcuni esempi di Herpes virus
una infezione latente.
31
INDICE

IL CICLO DEI VIRUS A DNA


Tra i virus Herpes vanno ricordati:
. i t
e
● Herpes 1 (HHV-1) e l’Herpes 2 (HHV-2)riresponsabili delle
i ta
infezioni orolabiali e genitali
a n
● Varicella Zoster (HHV-3) e S
● Epstein-Barr (HHV-4) -lo gi della mononucleosi
virus
n o
infettiva,
ec
● Cytomegalovirus
i o T (HHV-5)
● Herpes virus B umano 6 e 7 (rispettivamente HHV-6.
HHV-7)
● Virus del Sarcoma di Kaposi (HHV-8)
32
INDICE

IL CICLO DEI VIRUS A DNA

Altri virus a DNA appartengono . i t


r i e
alla famiglia Adenoviridae.
i ta 19

Gli adenovirus sono agenti del a n


raffreddore. i e S
Vengono utilizzati molto o lo g
nella
c n
e
20
terapia genica.
T
Di lato, in alto, laioricostruzione
di un adenovirusB e in basso
un’immagine al M.E.
33
INDICE

IL CICLO DEI VIRUS A DNA

Papillomaviridae è la famiglia che . i t 21

comprende il Papilloma virus (foto in a rie


n i t
alto) agente delle verruche (foto in
S a
ie
basso a sinistra) e dei condilomi
g
lo
acuminati (foto in basso a destra) 23

o
22

c n
contro cui si richiede la vaccinazione
T e
delle adolescenti come misura
B i o
preventiva contro l’insorgenza del
cancro al collo dell’utero.

34
INDICE

IL CICLO DEI VIRUS A DNA

i t
24
Agli Hepadnaviridae appartiene il
i e .
virus dell’epatite B (HBV) che ha un
ta r
n i
DNA a filamento singolo (foto
S a
accanto). Altra eccezione il suoie ciclo
che coinvolge sia il nucleooche o g
l il
citoplasma della cellulacednè
T e
complicato da una
B i otrascrittasi inversa.
Gli altri virus responsabili di epatiti
sono tutti a RNA.
35
INDICE

IL CICLO DEI VIRUS A DNA

Provate a dare un’occhiata al seguente video..it


È in inglese e, oltre ad essere un mezzo a r
perieimpararlo
sempre meglio, consente di capire a i t
n specifici
meglio
meccanismi virali. i e S
o g
n ol
https://www.youtube.com/watch?v=QCckkJWIHnw
ec
i oT
B

36
INDICE

. i t
ie a r
n i t
a
S LORO CICLO
I VIRUS AD RNA gEieIL
o lo
c n
T e
B i o

37
INDICE

IL CICLO DEI VIRUS A RNA

I virus a RNA utilizzano questo acido nucleico.icome t


r i eun’eccezione
materiale genetico. E rappresentano quindi
i ta
alla regola del dogma biologico per a n l’informazione
cui
contenuta nel DNA viene trascritta i e Snell’RNA e tradotta
nelle proteine. l o g
Tra i più importanti ci c
o
n il virus della SARS, il virus
sono
T e
i o
dell’influenza e dell’Epatite C, il virus HIV.
Bpuò essere a doppio filamento, a singolo
L’acido nucleico
filamento positivo e a singolo filamento negativo.
38
INDICE

IL CICLO DEI VIRUS A RNA: RNA +


Ma cosa vuol dire a singolo filamento positivo o negativo?
. i t
a rie
Si dice che un RNA-virus è a singolo filamento positivo quando,
i t
entrato nella cellula ospite e liberatosi del capside, usa il suo
n
acido nucleico come mRNA.
S a
gie
In altre parole fa effettuare dalla cellula ospite la traduzione di
o lo
se stesso per produrre i capsomeri.
c n
e
Contemporaneamente usando una polimerasi virale fa copie
T
i o
complementari di se stesso che però sono RNA- e che a loro
B
volta fanno da stampo per produrre RNA+ come gli originari. A
questo punto è tutto pronto per l’assemblaggio e il rilascio.

39
INDICE

IL CICLO DEI VIRUS A RNA: RNA+


Prendiamo in considerazione per
. i t
esempio il virus dell’epatite C. r i e
i ta
Ha un solo filamento di RNA + e
a n
presenta un envelope. eS
gi
o lo 25

Provoca l’epatite
c n
C, alcune forme T e
di cancro (al Bi
o
In alto: virus dell’epatite C al
microscopio elettronico

fegato) e linfomi. In basso a sinistra: struttura dello


stesso virus
26
40
INDICE

IL CICLO DEI VIRUS A RNA: RNA+

L’immagine di lato è stata già . i t


r i e
usata per descrivere
i ta
genericamente il ciclo di un a n
virus ma in realtà si riferisce ieS
o g
l C.
proprio al virus dell’epatite
n o
ec
Il virus, dopo l’adsorbimento,
entra nella cellulai o T
per
endocitosi e siB libera del
capside. 12

41
INDICE

IL CICLO DEI VIRUS A RNA: RNA+


Lo schema evidenzia come il
. i t
filamento di acido nucleico (Viral
a rie
+RNA) funziona subito da mRNA
n i t
per la sintesi dei capsomeri sul
S a
reticolo endoplasmatico.
gie
Lo stesso Viral +RNA fa da o lo
stampo per produrree-RNA cn
T stampo
che a sua volta faioda
B
per formare i nuovi filamenti
di RNA positivi per le 12
particelle virali 42
INDICE

IL CICLO DEI VIRUS A RNA: RNA+


Altri virus ad RNA a filamento positivo
. i t
sono:
a rie
● il virus della rosolia
n i t
● il virus della febbre gialla (fotoS a
gie
lo
accanto) o vomito nero o febbre
o
delle Antille
c n
T e
B i o
● il virus della poliomielite
● virus dell’epatite A e dell’epatite E
● il virus del mosaico del tabacco
27

43
INDICE

IL CICLO DEI VIRUS A RNA: RNA-


Passiamo agli RNA-virus a
. i t
filamento negativo come il virus r i e
dell’influenza (nella foto accanto, in nit
a
alto, ingrandito 100.000 volte). eS
a
gi
In questo caso il filamento ldi
o o acido
c
nucleico non può funzionaren 28

direttamente da mRNA T e e quindi c’è A destra:


bisogno di unaB
i o
trascrittasi del struttura
del virus e
virus, la RNA polimerasi-RNA immagine

dipendente.
al M.E.

44
INDICE

IL CICLO DEI VIRUS A RNA: RNA-


Di lato la struttura del virus
. i t
dell’influenza in cui si nota r i e
i ta 29
l’envelope, il capside, l’RNA.
a n
Sulla superficie sono evidenziatieS
gi
due tipi di proteine;
o lo
c n
emoagglutinina e neuraminidasi.
La prima è coinvolta T e
i o
B e la seconda
nell’adsorbimento
nella fase del rilascio.
45
INDICE

IL CICLO DEI VIRUS A RNA: RNA-

. i t
Accanto lo schema
a rie
di replicazione
n i t 30

virale. Il ciclo
S a
virale avviene nel gie
nucleo (caso raro olo
c n
nei virus a RNA)
T e
tranne la sintesi
B i o
delle proteine che
richiede il reticolo
endoplasmatico.
46
INDICE

IL CICLO DEI VIRUS A RNA: RNA-

. i t
La trascrittasi
a rie
serve a trascrivere
n i t 30

l’RNA virale in un
S a
filamento gie
complementare olo
c n
positivo in grado
T e
di funzionare da
B i o
mRNA e
necessario per la
replicazione virale
47
INDICE

IL CICLO DEI VIRUS A RNA: RNA-


Se si osserva bene
. i t
l’immagine si può notare
a rie
che in questo caso
n i t
vengono prodotte S a
proteine diverse sotto il gie
o lo
comando del virus alcune
c n
e
delle quali raggiungono
T
i o
la membrana cellulare in
B
attesa dell’arrivo dei
virioni in uscita.
30
48
INDICE

IL CICLO DEI VIRUS A RNA: RNA-


Il seguente video, in
. i t
inglese, descrive molto
a rie
bene il ciclo del virus del
n i t
raffreddore dal momento
S a
del contatto con i gie
recettori delle cellule o lo
c n
e
ospiti fino al rilascio.
T
B i o
http://www.xvivo.net/anima
tion/influenza-a/
30
49
INDICE

IL CICLO DEI VIRUS A RNA: RNA-

Altri virus a RNA a filamento . i t


negativo oltre al virus a rie
n i t
dell’influenza sono:
S a
● virus Ebola
gie
● virus della rabbia
olo
c n
● virus respiratorio sinciziale
T e
i o
● virus del morbillo
B 31
● virus della parotite Virus parainfluenzali.
2 virioni interi e 3 nucleocapsidi filamentosi

50
INDICE

IL CICLO DEI VIRUS A RNA: RNA (-/+)

. i t
I virus a RNA a doppio filamento
a rie
sono molto pochi. Tra i più noti i
n i t
Rotavirus chiamati in questo modo
S a
ie
per il loro aspetto che ricorda quello
g
o lo
di una ruota. Sono responsabili di
c n
gastroenteriti nell’infanzia.
T e
B o
Anche in questo caso presentano
i
una trascrittasi. Il loro ciclo è 32

spiegato nella diapositiva successiva. Rotavirus

51
INDICE

IL CICLO DEI VIRUS A RNA: RNA (-/+)


Il ciclo di replicazione avviene
. i t
nel citoplasma come nella
a r ie
maggior parte dei virus a RNA.
n i t
Grazie alla trascrittasi il virus S a
forma l’mRNA che si incarica digie
olo
completare la sintesi proteica e
c n
e
di replicare l’acido nucleico.
T
i o
L’RNA virale rimane nel core e
B
in questo modo elude la risposta 33
immunitaria dell’ospite. Schema semplificato
del ciclo virale dei Rotavirus

52
INDICE

IL CICLO DEI VIRUS A RNA: retrovirus

I retrovirus sono un particolare . i t


gruppo di virus a RNA che usa una
a r ie
trascrittasi inversa per convertire il n i t
S a
ie
proprio genoma da RNA a DNA. Tipico
g
il caso dell’HIV.
o lo
n
La trascrittasi inversa è quindi una
c
T e
DNA polimerasi-RNA dipendente.
B i o
Questo enzima ha un elevato errore di
incorporazione e ciò fa capire l’elevato 34
tasso di mutazione dei retrovirus.
Schema semplificato
del ciclo virale dei Rotavirus

53
INDICE

IL CICLO DEI VIRUS A RNA: retrovirus Schema


HIV
36

. i t
Il virus HIV infetta i linfociti TCD4 e i
a rie
macrofagi nella fase di adsorbimento
n i t
grazie al legame tra le glicoproteine
S a
ie
gp120 del virus e i recettori CD4 della
g
membrana cellulare.
o lo
c n
Il virus penetra per fusione delle
T e
membrane. A questo punto i due
B i o
filamenti singoli vengono trasportati
sui macrotubuli verso il nucleo grazie
35
Schema di replicazione
ad una proteina motrice. del virus HIV

54
INDICE

IL CICLO DEI VIRUS A RNA: retrovirus Schema


HIV
36
Durante il trasporto interviene la
. i t
trascrittasi inversa del virus che ha
a rie
diverse attività:
n i t
● prima sintetizza una catena
S a
complementare di DNA (cDNA)
gie
lo
● degrada l’RNA virale espletando
o
c n
l’azione di una ribonucleasi
T e
● sintetizza un filamento di DNA
B i o
usando come copia il cDNA e
35
formando così un doppio
Schema di replicazione
filamento di DNA del virus HIV

55
INDICE

IL CICLO DEI VIRUS A RNA: retrovirus Schema


HIV
36
Il genoma virale così modificato e
. i t
integrato con il DNA cellulare può
a rie
risultare dormiente per diversi anni
n i t
all’interno del nucleo.
S a
Per effetto di alcuni fattori di
gie
lo
trascrizione (molecole particolari) il
o
c n
genoma virale può essere trascritto in
T e
mRNA e dare origine alla replicazione
B i o
virale. Proteine e genomi virali si
35
producono nel citoplasma.
Schema di replicazione
Il virus viene rilasciato attraverso del virus HIV
gemmazione.
56
INDICE

IL CICLO DEI VIRUS A RNA: schemi conclusivi

. i t
a rie
n i t
S a
gie
olo
c n
T e
B i o

57
INDICE

PHOTO CREDITS

i t
1 By Bruce Wetzel (photographer). Harry Schaefer (photographer) - Image and description: National Cancer Institute, Public Domain,

ie .
r
https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=1243646

ta
2 Di Photo Credit: C. GoldsmithContent Providers: CDC/ C. Goldsmith, P. Feorino, E. L. Palmer, W. R. McManus - This

n i
media comes from the Centers for Disease Control and Prevention's Public Health Image Library (PHIL), with identification number #10000.Note: Not all PHIL

a
images are public domain; be sure to check copyright status and credit authors and content providers.English | Slovenščina | +/−, Pubblico dominio,
https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=3909584

ie S
g
3 By Mike Jones - Own work, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=25083912

lo
4 By Thomas Splettstoesser (www.scistyle.com) - Own work, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=33618408

n o
5 Di US National Institute of Health (redrawn by en:User:Carl Henderson) - US National Institute of Health

ec
(redrawn by en:User:Carl Henderson)http://www.niaid.nih.gov/factsheets/howhiv.htmhttp://www.niaid.nih.gov/factsheets/graphics/howhiv.jpg,

i o T
Pubblico dominio, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=6416788

B
6 Di BruceBlaus - Opera propria, CC BY 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=27796969
7 Di User:Polarlys (original version) - User:Xander89 (translation) - Opera propria, CC BY 2.5,
https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=7911658
8 Pubblico dominio, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=2114667
9 By Nidia H De Jesus (image and caption) - De Jesus NH (2007). "Epidemics to eradication: the modern history of poliomyelitis". Virol.
J. 4: 70. DOI:10.1186/1743-422X-4-70. PMID 17623069., CC BY 2.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=2817702 58
INDICE

PHOTO CREDITS
. i t
ie
10 Di phage:Adenosine, bacteria + composition: Thomas Splettstoesser (www.scistyle.com) - Opera propria, CC BY-SA 3.0,
https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=20351670

ta r
11 http://www.cdc.gov/rabies/transmission/virus.html
n i
a
12 Di GrahamColm di Wikipedia in inglese - Trasferito da en.wikipedia su Commons da Leptictidium utilizzando CommonsHelper., Pubblico

S
ie
dominio, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=4783979

g
13

o lo
14 By Adenosine (original); en:User:Pbroks13 (redraw) - http://commons.wikimedia.org/wiki/Image:Tevenphage.png, CC BY-SA 2.5,

c n
https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=4128278

e
15 By Suly12 - Own work, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=5040662
16
i o T
B
17 Di Yikrazuul - Opera propria, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=427810
18 By Photo Credit:Content Providers: CDC/ E. L. Palmer - This media comes from the Centers for Disease Control and Prevention's Public
Health Image Library (PHIL), with identification number #2171.Note: Not all PHIL images are public domain; be sure to check copyright status and credit authors
and content providers.English | Slovenščina | +/−, Public Domain, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=824736
19 Von Thomas Splettstoesser (www.scistyle.com) - Eigenes Werk, CC-BY-SA 4.0,
https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=39378477
59
INDICE

PHOTO CREDITS
20 Di GrahamColm at en.wikipedia, CC BY 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=3921907
21 Di Trus BL, Roden RB, Greenstone HL, Vrhel M, Schiller JT, Booy FP - Posted at
. i t
r ie
http://ccr.cancer.gov/staff/gallery.asp?profileid=5637, Pubblico dominio, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=1616577

i ta
22 Di de:User:Raimar - Opera propria, Pubblico dominio, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=179705
23 CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=45743
a n
S
24 By GrahamColm at en.wikipedia, CC BY 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=6032684

gie
25 By HCV_pictures.png: Maria Teresa Catanese, Martina Kopp, Kunihiro Uryu , and Charles Ricederivative work:

lo
TimVickers (talk) - HCV_pictures.png, Public Domain,

n o
https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=10903740

ec
26 By GrahamColm at en.wikipedia, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=5624458

i o T
27 Di Erskine Palmer, Ph.D. - Centers for Disease Control and Prevention Publich Health Image Library., Pubblico

B
dominio, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=611723
28 By Photo Credit: Cynthia GoldsmithContent Providers(s): CDC/ Dr. Terrence Tumpey - This media comes from
the Centers for Disease Control and Prevention's Public Health Image Library (PHIL), with identification number
#8160.Note: Not all PHIL images are public domain; be sure to check copyright status and credit authors and
content providers.English | Slovenščina | +/−Originally from en.wikipedia; description page is/was here., Public
60
Domain, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=2544046
PHOTO CREDITS
INDICE

29 By National Institutes of Health; originally uploaded to en.wikipedia by TimVickers (25 October 2006),
transferred to Commons by Quadell using CommonsHelper. - California Department of Health Services, Public
Domain, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=6424584
. i t
r ie
30 By User:YK Times - Scaled up from Image:Virus Replication.svg by User:YK Times, who redrew from

a
w:Image:Virusreplication.png using Adobe Illustrator., CC BY-SA 3.0,

n i t
a
https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=3721696

ie S
31 Di CDC - http://phil.cdc.gov/PHIL_Images/02112002/00037/PHIL_271_lores.jpg, Pubblico dominio,

lo g
https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=824463

o
32 Di F.P. Williams, U.S. EPA - http://www.epa.gov/microbes/rota.html, Pubblico dominio,

c n
https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=532513

T e
33 By Created by User:GrahamColm - Transfer from English Wikipedia, Public Domain,

i o
https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=5555517

B
34 By Thomas Splettstoesser (www.scistyle.com) - Own work, CC BY-SA 3.0,
https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=33598425
35 By Thomas Splettstoesser (www.scistyle.com) - Own work, CC BY-SA 3.0,
https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=33618408
36 By Thomas Splettstoesser (www.scistyle.com) - Own work, CC BY-SA 4.0, 61
https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=38751738