Sei sulla pagina 1di 135

Anas S.p.a.

Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca


Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

Indice

DATI GENERALI .......................................................................................................................................... 4


1. IDENTIFICAZIONE DEI SOGGETTI COINVOLTI NELLA GESTIONE DELLA SICUREZZA ................................... 4

2. NOTIFICA PRELIMINARE ........................................................................................................................... 5

3. RECAPITI UTILI ......................................................................................................................................... 6

PREMESSA..................................................................................................................................................... 7
CAP.1 - DESCRIZIONE SINTETICA DELL'OPERA ........................................................................... 12
CAP.2 - L'ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE .................................................................................. 17
DEFINIZIONI................................................................................................................................................ 17

INDIVIDUAZIONE DEI CAMPI E DEI CANTIERI ............................................................................................... 18

OPERAZIONI PRELIMINARI .......................................................................................................................... 18

INFRASTRUTTURE E LOGISTICA DEL CANTIERE ........................................................................................... 19

AREE DI CANTIERE E LORO ACCESSIBILITÀ ................................................................................................. 19

SPAZI DA DESTINARSI ALLO STOCCAGGIO DEL MATERIALE ........................................................................ 21


IMPIANTI, SERVIZI E MACCHINE FISSE DI CANTIERE .................................................................................... 22

SPAZI UTILIZZATI PER IL RICOVERO DI MEZZI ED ATTREZZATURE ............................................................... 22

DISPOSIZIONI RELATIVE AD APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO .................................................................... 22


RECINZIONI ................................................................................................................................................ 23

ACCESSI DI CANTIERE ................................................................................................................................ 24


ACCESSO AI MEZZI DI CANTIERE ................................................................................................................ 26
SEGNALETICA ............................................................................................................................................ 27
VIABILITÀ INTERNA ................................................................................................................................... 30
CONSISTENZA E CARATTERISTICHE DEI BARACCAMENTI ........................................................................... 31
UFFICIO............................................................................................................................................. 33
LOCALE CUSTODE .............................................................................................................................. 33
SERVIZI IGIENICO-ASSISTENZIALI ........................................................................................................ 33
A) SPOGLIATOI .................................................................................................................................. 33
B) GABINETTI E LAVABI ...................................................................................................................... 34
C) DOCCE ......................................................................................................................................... 34
PRONTO SOCCORSO .................................................................................................................................... 35

SOLUZIONI PER LAVORAZIONI O MATERIALI PARTICOLARI ........................................................................ 35


PRESIDI ANTINCENDIO ............................................................................................................................... 36
INTERVENTI PER LA PREVENZIONE DEGLI INCENDI .................................................................................... 36
PRECAUZIONI DA ADOTTARE IN AREE PERICOLOSE .................................................................................... 37
COMPITI DEL COORDINATORE DELL'EMERGENZA E DELLA SQUADRA DI EMERGENZA ............................... 38

1
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

ESTINTORI ................................................................................................................................................. 38
IDONEITÀ DELLE SOSTANZE ESTINGUENTI ................................................................................................ 38

MACCHINE ED ATTREZZATURE DI CANTIERE ....................................................................... 40


REQUISITI GENERALI DI SICUREZZA RELATIVI ALLE MACCHINE ED AL LORO UTILIZZO .............................. 40
REQUISITI DEGLI UTENSITI ELETTRICI ....................................................................................................... 42
DISPOSIZIONI RELATIVI A MEZZI OPERATIVI DI TRASPORTO E MACCHINE OPERATRICI .............................. 43
CONTROLLO PREVENTIVO DELLE ATTREZZATURE E DEI MEZZI D'OPERA .................................................. 43
DISPOSIZIONI PER L'USO DELLE MACCHINE DI CANTIERE ........................................................................... 44
IMPIANTI TECNOLOGICI ............................................................................................................... 46
IMPIANTO IDRICO-SANITARIO ................................................................................................................... 46
IMPIANTO ELETTRICO E DI MESSA A TERRA ............................................................................................... 46
SISTEMI ANTINCENDIO .............................................................................................................................. 50

CAP.3 - IL CANTIERE E L'AMBIENTE ESTERNO .............................................................................. 52


RISCHI TRASMESSI DALL'AMBIENTE ESTERNO AL CANTIERE ........................................ 52
RISCHI DOVUTI AD AGENTI ATMOSFERICI .................................................................................................. 52
RISCHI DOVUTI ALLA PRESENZA DI RETI DI SERVIZI .................................................................................... 54

RISCHI TRASMESSI DAL CANTIERE ALL'AMBIENTE ESTERNO ........................................ 58


EMISSIONI INQUINANTI DEL CANTIERE ....................................................................................................... 58
CIRCOLAZIONE STRADALE DI MEZZI PESANTI DA E PER IL CANTIERE ......................................................... 61
PRESENZA DI MATERIALI O LAVORAZIONI PERICOLOSE .............................................................................. 62

CAP.4 - RISCHI DERIVANTI DALLE LAVORAZIONI PREVISTE IN CANTIERE ...................... 70


CADUTE DALL'ALTO .................................................................................................................................. 71
SEPPELLIMENTO E SPROFONDAMENTO ...................................................................................................... 72
CALORE-FIAMME-ESPLOSIONE .................................................................................................................. 73
VARIAZIONI ECCESSIVE DI TEMPERATURA ................................................................................................ 73
URTI-COLPI-IMPATTI-COMPRESSIONI ........................................................................................................ 74
PUNTURE-TAGLI-ABRASIONI ..................................................................................................................... 74
VIBRAZIONI .............................................................................................................................................. 74
SCIVOLAMENTI-CADUTE A LIVELLO .......................................................................................................... 80
ELETTRICI ................................................................................................................................................. 80
RADIAZIONI NON IONIZZANTI .................................................................................................................... 81
RUMORE ................................................................................................................................................... 81
CESOIAMENTO-STRITOLAMENTO .............................................................................................................. 84
CADUTA DI MATERIALE DALL'ALTO .......................................................................................................... 84

2
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

INVESTIMENTO ......................................................................................................................................... 84
MOVIMENTAZIONE MANUALE DI CARICHI ................................................................................................. 85
POLVERI E FIBRE ....................................................................................................................................... 85
FUMI-NEBBIE-GAS-VAPORI ....................................................................................................................... 85
GETTI-SCHIZZI .......................................................................................................................................... 86
CATRAME-FUMO ....................................................................................................................................... 86
ALLERGENI ............................................................................................................................................... 87
INFEZIONI DA MICROORGANISMI ............................................................................................................... 87
AMIANTO .................................................................................................................................................. 87
OLII MINERALI E DERIVATI ...................................................................................................................... 101
AGENTI CANCEROGENI ............................................................................................................................ 101
AGENTI BIOLOGICI .................................................................................................................................. 102

Allegati
1. PLANIMETRIE DI CANTIERE ................................................................................................................. 103
2. FONTI GIURIDICHE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO ............................................................................ 107
3. DOCUMENTAZIONE MINIMA DA CONSERVARE IN CANTIERE ................................................................ 118
4. DETERMINAZIONE DEL NUMERO DI UOMINI/GIORNO ........................................................................... 122
5. TAVOLE RAPPRESENTATIVE DEGLI SCHEMI SEGNALETICI TEMPORANEI ............................................... 124

3
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

Dati generali

1) Identificazione dei soggetti coinvolti nella gestione della sicurezza

COMMITTENTE Anas S.p.a.


INDIRIZZO DEL CANTIERE Nei punti individuati lungo il percorso
IMPRESA Trattandosi di appalto integrato il progetto esecutivo,
così come l’esecuzione dei lavori, verrà redatto
dall’impresa aggiudicataria.
DIREZIONE DEI LAVORI, MISURE E CONTABILITA’ ………………………………………………………..
COORDINAMENTO DELLA SICUREZZA IN FASE DI Ing. A. Sticchi Damiani
PROGETTAZIONE
COORDINAMENTO DELLA SICUREZZA IN FASE DI ………………………………………………………..
ESECUZIONE

4
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

2) Notifica preliminare (art.99, D.lgs. 81/08 )


La notifica preliminare, debitamente compilata secondo le indicazioni di cui al D.Lgs. 81/08, Art. 99,
dovrà essere trasmessa prima dell’inizio dei lavori dal Committente o dal responsabile dei Lavori alla
A.S.L. ed all’Ispettorato del Lavoro territorialmente competenti.

Inoltre copia della stessa dovrà essere conservata, insieme al Piano di Sicurezza e coordinamento, sul
luogo di lavoro a disposizione degli organi territorialmente competenti, così come decretato dal D.Lgs.
81/08, all’art.99, punto 2.

COMMITTENTE Anas S.p.a.


OGGETTO DELL’APPALTO Strada Statale 275 Tronco Maglie-
S.Maria di Leuca.
Progetto Definitivo dei lavori di
ammodernamento ed adegua-mento della
sede stradale alla sezione B prevista dal
Decreto 05..11.2001
INDIRIZZO DEL CANTIERE Nei punti individuati lungo il percorso
COORDINAMENTO DELLA SICUREZZA IN FASE Ing. A. Sticchi Damiani
DI PROGETTAZIONE
DATA DELLA COMUNICAZIONE Prima dell’inizio dei lavori
DURATA PRESUNTA DEI LAVORI IN CANTIERE 1.095 giorni
NUMERO DI UOMINI-GIORNO 164.278
NUMERO MASSIMO DI IMPRESE
CONTEMPORANEAMENTE PRESENTI IN CANTIERE
IMPORTO DEI LAVORI € 198.141.005,81
di cui:
ƒ soggetti a ribasso € 188.341.005,81
ƒ per oneri della sicurezza € 9.800.000,00

5
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

Recapiti utili
PRINCIPALI RIFERIMENTI INDIRIZZO N°
TELEF.
RESPONSABILE DEI LAVORI
DIREZIONE DEI LAVORI Sede concordata dai
componenti il gruppo della
D.LL.
…………………………… ……………
COORDINAMENTO SICUREZZA Sede concordata dai
componenti il gruppo del
coordinamento sicurezza in
fase di esecuzione dei lavori.
…………………………… ……………
DIRETTORE Figure nominate dall’Impresa …………………………… ……………
TECNICO DI CANTIERE appaltatrive
CAPO CANTIERE …………………………… ……………
SERVIZIO Disponibilità sul cantiere
SORVEGLIANZA DEL CANTIERE nelle ore previste ……………
IMPRESA …………………………….. ……………
PUBBLICA SICUREZZA Polizia 113
Carabinieri 112
ENTI ESTERNI DI SOCCORSO Pronto soccorso 118
VV.F. 115
Presidi ospedalieri più vicini al Maglie 0836 4201
tracciato
Scorrano 0836 420517
Tricase 0833 544104
Gagliano 0833 540111
ORGANI DI VIGILANZA AUSL LE/2 Maglie 0836 4201
Ispettorato Provinciale Lavoro Lecce 0832 314131
ENTI EROGATORI DI SERVIZI DI Enel 800 900 800
PUBBLICA UTILITA’
Gas 800 992 658
Telecom 080 5081111
Acquedotto 800 735 735
Soccorso stradale (ACI) 803116
Corpo forestale dello Stato 1515
LEGENDA
Le caselle individuate con il presente sfondo contengono dati non imputabili al momento
della stesura del presente piano, ma che verranno comunicati in fase di appalto dei
lavori

6
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

Premessa

Il presente piano di coordinamento è stato redatto nel rispetto delle disposizioni legislative di cui al
D.Lgs. 81/08, dal Coordinatore della Sicurezza durante la fase di progettazione, sulla base delle ipotesi

di realizzazione dei lavori formulata in sede di progettazione.

Si rammenta che il PSC è parte integrante del contratto d’appalto. L’Appaltatore, durante l’elaborazione
dell’offerta, è tenuto a prenderne visione per verificare ed eventualmente adeguare le proprie modalità
di organizzazione del cantiere in relazione alle caratteristiche dello specifico cantiere, nonché alle
attrezzature prescelte, ai tempi di approvvigionamento dei prodotti e di esecuzione stabiliti dalla
Committente, ed alla natura dei luoghi di cui l’Appaltatore ha l’obbligo di esplicita presa visione.

L’Impresa che si aggiudica i Lavori ha inoltre l’obbligo di redigere e consegnare un Piano Operativo di

Sicurezza (nel seguito indicato come POS) che costituisce piano complementare e di dettaglio del PSC.

Il piano di sicurezza, revisionato dall’Appaltatore, ed il piano di sicurezza «operativo» dovranno essere

allegati all’offerta assieme al programma dei lavori, di cui sono parte integrante, ed alla dichiarazione di
presa visione dei luoghi.

I contenuti minimi del Piano di sicurezza e coordinamento sono materialmente individuati nell’allegato
XV al punto 2 del provvedimento il quale stabilisce che oltre ai dati necessari per identificare e
descrivere l’opera ed i soggetti sui quali gravano gli obblighi relativi alla sicurezza, il piano deve
contenere tra l’altro le prescrizioni operative per le fasi di lavoro che comportano rischi particolari, le
misure per il coordinamento di attività o fasi di lavoro che interferiscono tra loro ed in particolare il
cronoprogramma dei lavori.

Il presente Piano di Sicurezza e Coordinamento, di cui questo elaborato costituisce parte integrante, è
formato da tre parti:

1) Piano Generale (elaborato T00 SI 00 SIC ET 00)

II documento è mirato alla descrizione alla grande scala del progetto della sicurezza del cantiere
prendendo in considerazione tutti gli aspetti di carattere generale, tralasciando quindi le problematiche
legate alla piccola scala (che saranno analizzate nel Piano Particolare di Sicurezza), quelle riguardanti
la suddivisione del lavoro in fasi ed il coordinamento tra le ditte (che saranno contenuti nel Piano di

7
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

Coordinamento), e gli aspetti legati alla sicurezza per futuri interventi alle opere in progetto ed alla loro
manutenzione (contenuti nel Fascicolo dell'opera).

2) Piano di Coordinamento (elaborato T00 SI 00 SIC ET 01)

Scopo del documento è l'individuazione di tutte le misure possibili per evitare che le sequenze di
operazioni previste possano interferire tra loro o con attività che si svolgono contemporaneamente su
aree coincidenti e/o limitrofe, causando situazioni di pericolo.

3) Piano Particolare di Sicurezza (elaborato T00 SI 00 SIC ET 02)

Fatte salve le indicazioni e le osservazioni contenute nel Piano Generale e nel Piano di Coordinamento,
in questo documento sono indicate le prescrizioni operative relative alle singole fasi di lavoro del
cantiere, tenuto conto dei rischi evidenziati e delle misure di prevenzione adottate.

Oltre alle indicazioni delle misure per la tutela dei lavoratori, il presente elaborato contiene una
descrizione delle fasi di lavoro, indicando le tecniche di intervento, le attrezzature ed i materiali
utilizzati.

4) Fascicolo con le caratteristiche dell’opera elaborato T00 SI 00 SIC ET 03)

Assieme ai Piani di Sicurezza Generale, di Coordinamento e Particolare la vigente normativa prevede la


redazione del Fascicolo così come definito all’allegato XVI del D.Lgs.81/08, contenente informazioni
per gli addetti per quanto di competenza in modo da stabilire orientativamente la periodicità dei futuri
interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria delle opere e le relative misure di sicurezza da
attuare a tutela dei lavoratori.

Il Piano di Sicurezza e Coordinamento è parte integrante del Contratto d’appalto delle opere in oggetto;
in fase di realizzazione dell’opera il Committente svolgerà tramite il Coordinatore per la sicurezza in
fase esecutiva un’azione di controllo sull’applicazione delle disposizioni contenute nel Piano; la
mancata osservanza di quanto previsto nel Piano e di quanto formulato dal Coordinatore per la sicurezza
in fase esecutiva rappresentano violazione delle norme contrattuali.

L’Impresa esecutrice, ove ritenga di poter garantire migliori condizioni di igiene e sicurezza, sulla base
della propria esperienza, potrà proporre eventuali modifiche o integrazioni del PSC al Coordinatore in
fase di Esecuzione (art. 100, comma 5 del D.Lgs 81/08). In nessun caso le eventuali integrazioni
possono giustificare aumento o adeguamento dei prezzi pattuiti.

Queste dovranno essere presentate entro 30 giorni dall'aggiudicazione e comunque prima della consegna
dei lavori, ed approvate dal Coordinatore per la sicurezza in fase di esecuzione. L’Impresa deve altresì

8
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

presentare un Piano Operativo di Sicurezza per quanto attiene alle proprie scelte autonome e relative
responsabilità nell'organizzazione del cantiere e nell'esecuzione dei lavori: questo verrà considerato
come piano complementare di dettaglio del presente Piano di Sicurezza e Coordinamento.

I contenuti minimi del suddetto piano operativo di sicurezza, con particolare riferimento all’allegato XV
al punto 3, sono i seguenti:

1) Anagrafica dell'impresa (in particolare: nominativo del datore di lavoro ed indirizzo della Sede
Legale e degli uffici dell'Impresa esecutrice);

2) Organigramma dell'impresa sia sul versante funzionale che per la sicurezza e la prevenzione
infortuni; in particolare: nominativo di RLS, RSPP, Medico competente, DTC e degli addetti alla
gestione delle emergenze e del pronto soccorso;

3) Elenco del n. di lavoratori dipendenti dell'impresa, presenti in cantiere e degli eventuali


subappaltatori;

4) Elenco dei documenti di competenza dell'appaltatore inerenti la sicurezza, le autorizzazioni, le


conformità, le segnalazioni, le denuncio, ecc;

5) Dati inerenti l'organizzazione interna dell'appaltatore in merito al sistema di sicurezza

6) Indicazioni sul protocollo sanitario previsto dal programma predisposto dal medico competente;

7) Eventuali indicazioni e/o procedure di sicurezza in merito all'uso di prodotti chimici utilizzati nelle
lavorazioni;

8) Descrizione della specifica attività svolta dall'impresa esecutrice nel cantiere;

9) Indicazioni sulla natura dei rischi di tipo professionale a cui sono esposti i lavoratori nelle specifiche
lavorazioni del cantiere e relative misure di prevenzione e protezione adottate;

10) Eventuali indicazioni di natura sanitaria da portare a conoscenza del medico competente inerenti alle
lavorazioni previste in cantiere;

11) Indicazioni sulla gestione dei rifiuti prodotti e/o gestiti in cantiere, sia dati dalla produzione che dai
servizi del cantiere;

12) Indicazioni sul livello di esposizione giornaliera al rumore (LEP.D) dei gruppi omogenei dei
lavoratori impegnati in cantiere in apposito rapporto di valutazione del rumore;

13) Indicazioni e procedure sulle emergenza antincendio e pronto soccorso previste in cantiere;

14) Indicazioni tecniche sulla movimentazione manuale dei carichi;


9
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

15) Indicazioni sulla segnaletica di sicurezza da precedere in cantiere;

16) Organizzazione e viabilità del cantiere;

17) Servizi logistici ed igienico sanitari del cantiere con relativa ubicazione;

18) Indicazioni sull'utilizzo degli impianti energetici all'intemo del cantiere e sulle loro caratteristiche di
sicurezza;

19) Analisi dei rischi e delle misure di sicurezza dei posti fissi di lavoro;

20) Schede sulle lavorazioni di natura organizzativa - funzionale (accantieramento, logistica,


installazione macchine, installazione attrezzature, relativi smontaggi, ecc);

21) Modalità di revisione del piano operativo di sicurezza;

22) Descrizione dettagliata delle attività di cantiere, della loro organizzazione con indicazione dei turni
di lavoro, ordinari, notturni e festivi;

23) Programma dei lavori dettagliato per fasi e sottofasi, come documento complementare ed integrativo
a quello presunto, redatto in fase di progettazione esecutiva da parte del Committente, completo di
forniture di materiali ed attrezzature, con le relative previsioni di date di inizio e fine di ogni singola
lavorazione (autorizzato dal DL);

24) Indicazione sui requisiti tecnico-organizzativi subappalti;

25) Verifica degli adempimenti in merito agli obblighi dei subappaltatori;

26) Dichiarazione dell'avvenuta verifica di congruità del POS delle imprese subappaltatrici con il POS
dell'impresa appaltatrice;

27) Attestazione dell'avvenuta formazione ed informazione fornita ai lavoratori occupati in cantiere;

28) Modalità di informazione dei lavoratori sui contenuti del piano di sicurezza e coordinamento in caso
di subappalto (informazioni specifiche per alcune lavorazioni: scavi, fondazioni, carpenteria,
montaggio impianti, ecc);

29) Elenco dei DPI specifici, oltre quelli di normale uso, per lavorazioni specifiche (es. sabbiature,
verniciature con prodotti ignifughi - intumescente);

30) Eventuali segnalazioni a società di pubblico servizio coinvolte nei lavori;

31) Dichiarazione di disponibilità a fornire al CEL tutta la documentazione prevista da specifiche norme
di sicurezza e la procedura di consultazione stabilita;

10
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

32) Procedure operative per utilizzo in comune di strutture logistiche ed igienico-sanitarie, macchinari,
impianti, apprestamenti, attrezzature, opere provvisionali e quant'altro ritenuto opportuno indicando
un responsabile per la loro attuazione.

In caso si presentino circostanze particolari in corso d’opera che richiedano modalità esecutive differenti
da quelle previste nel presente Piano, l’Impresa avrà l’obbligo di fornire maggiori dettagli o integrazioni
senza alcun onere aggiuntivo. Tali variazioni dovranno essere concordate ed approvate dal Coordinatore
per la sicurezza in fase di esecuzione.

In base all’art. 96, comma 2, del D.Lgs81/08, l’accettazione da parte dell’Impresa del presente Piano di
Sicurezza e Coordinamento e la redazione del Piano Operativo di Sicurezza costituiscono, limitatamente
a questo appalto, adempimento alle disposizioni di cui all’art. 17, commi 1, lettera a), all’articolo 18,
comma 1, lettera z), e all’articolo 26, commi 1, lettera b), e 3.

L’Impresa avrà l’obbligo di fare osservare ai propri dipendenti quanto stabilito nel presente piano e di
fornire ai propri lavoratori i dispositivi di protezione individuali (DPI) ed i mezzi di lavoro adeguati; il
Direttore di Cantiere ne verificherà l’uso e l’adeguatezza.

11
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

Capitolo 1 – Descrizione sintetica dell’opera e della tipologia dei lavori

Il progetto di ammodernamento ed adeguamento della S.S.275 Maglie – S.M.di Leuca alla sezione B della
normativa vigente (Decreto 05.11.2001) si identifica in tre tronchi ben distinti per tipologia di intervento:

- il primo tratto da Maglie a Scorrano prevede l’allargamento della sede esistente, attualmente di ml.
18,00 adeguando l’arteria alla sezione “B” del D.M. 05.11.2001

- il secondo tratto da Scorrano a Montesano, prevede l’allargamento della sede esistente, attualmente
di ml. 9,00 adeguando l’arteria alla sezione “B” del D.M. 05.11.2001

- il terzo tratto da Montesano a S.M. di Leuca sarà realizzato in variante alla sede esistente e prevede
una nuova geometrizzazione dell’asse stradale con cui vengono eliminati gli attraversamenti dei
centri urbani, i lunghi tratti in rettilineo e le brusche varianti altimetriche dell’andamento attuale al
fine di garantire la massima sicurezza agli utenti.

Per limitare, poi, gli accessi alla futura infrastruttura è prevista una serie di strade complanari che serve
anche per meglio garantire la viabilità locale che attualmente incide pericolosamente sulla S.S. 275 con
accessi promiscui.

La morfologia della zona interessata dall’infrastruttura si presenta priva di rilievi per i primi 20 Km fino
al territorio di Tricase per cui l’arteria si sviluppa in maniera abbastanza aderente al territorio con
modesti movimenti di materia. La restante parte di circa 20 Km presenta naturali discontinuità
altimetriche che hanno comportato tratti in trincea, tratti in rilevato ed infine un viadotto necessari per
superare le ferrovie locali ed una serie di strade provinciali e comunali; nonostante ciò l’andamento
altimetrico resta abbastanza moderato con la massima pendenza longitudinale contenuta nello 3,76 %.

Interventi previsti nel primo tratto:

¾ Opere relative allo svincolo Maglie-Nord al km 0 + 000 (inizio progetto), comprendenti


l’inserimento di rampe di collegamento con la Tangenziale Ovest di Maglie con relativi
scavalchi ferroviari, allargamento dell’opera d’arte sulla SS 16;

¾ Opere relative allo svincolo Maglie-Cursi al Km 2+494, comprendenti l’allargamento del


cavalcavia esistente e l’inserimento di due rotatorie (sulla Cursi-Maglie e Otranto Maglie) al
posto dei rami di svincolo a trombetta esistenti onde consentire l’innesto delle complanari di
accesso ai fondi rustici;
12
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

¾ Opere relative allo svincolo Maglie-Otranto al km 3+687 comprendenti l’inserimento di due


cavalcavia affiancati all’esistente per consentire il passaggio delle complanari di collegamento
con lo svincolo per Muro Leccese e S. Cesarea Terme. Anche il sottopasso ferroviario dovrà
essere allungato per consentire il passaggio delle due complanari. Sono state inoltre previste le
due rotatorie in direzione Otranto e Maglie dove attestare le complanari e le rampe di accesso.

¾ Opere relative allo svincolo Maglie-S.Cesarea Terme al km 4+472 comprendenti la demolizione


ed il rifacimento del cavalcavia, l’inserimento della rampa di accesso allo svincolo dalla corsia
sud della realizzanda SS 275 con raggio più ampio rispetto al precedente e la realizzazione di
una rotatoria in direzione S. Cesarea Terme per collegare le varie complanari che servono i fondi
rustici.

¾ Opere relative allo svincolo Maglie-Muro Leccese al km 5+198 che prevedono la realizzazione
delle rampe di scavalco della Ferrovia del Sud Est in direzione Nord (Maglie) e Sud (Muro
Leccese), consentendo in tal modo di sopprimere il passaggio a livello della linea Zollino-
Gagliano che taglia la strada di collegamento Maglie-Muro Leccese attualmente esistente

¾ Opere relative allo svincolo Muro Leccese-Scorrano al km 6+922 che prevedono la realizzazione
di due rotatorie in corrispondenza degli attuali incroci a raso in direzione Muro Leccese e
Scorrano.

¾ Opere relative allo svincolo Scorrano-Nociglia al km 8+781 comprendenti la realizzazione di


una rampa che scavalca la strada di progetto e consenta in tal modo a coloro che provengano da
Scorrano di prendere la SS 275 in direzione Nord e quelli che provengono da Sud di entrare in
Scorrano. La realizzazione della rotatoria serve da smistamento del traffico che percorre la SS
275 e da e per Scorrano.

Interventi previsti nel secondo tratto:

Dopo lo svincolo Scorrano-Nociglia e fino a Montesano la strada attuale cambia sezione (m 8.00) e
presenta criticità molteplici in ordine alla presenza di numerosi accessi diretti a centri commerciali e
zone PIP.

13
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

Per tale tratto è previsto pertanto l’allargamento dell’attuale sede stradale da m 8.00 a m. 22.00 (con
allargamento di circa 14.00 m tutto dalla parte della corsia sud) e la realizzazione di una serie di
complanari di margine per l’accesso alle attività produttive e ai fondi rustici.

In particolare:

¾ Nel tratto Scorrano-Nociglia (corsia Sud) dal km 9+409,48 al km 14+809,71 è prevista la


realizzazione di una complanare per garantire l’accesso alle abitazioni ed ai fondi rustici
dislocati lungo l’attuale SS 275; all’altezza dell’abitato di Botrugno è stata prevista una
complanare per l’accesso diretto da e per Botrugno e da e per San Cassiano. L’attuale
sottopasso per Botrugno verrà demolito e ricostruito più lungo e più largo.

¾ Nel tratto Scorrano-Nociglia (corsia Nord) dal km 9+409,48 al km 13+634 è prevista una
complanare che collega l’abitato di Botrugno con lo svincolo Scorrano sud, che passa dietro
una piazzola di carburante esistente e serve i fondi rustici.

¾ In corrispondenza dello svincolo per Nociglia il nuovo tracciato assume le caratteristiche di


una tangenziale che abbandona il tratto attuale della SS 275 per una distanza di circa 40 m e
gira intorno all’abitato di Nociglia per mezzo di curva in ingresso ed in uscita di raggio più
ampio rispetto a quelli dell’attuale SS 275. Nella realizzazione di tale svincolo si dovrà
procedere con la demolizione dell’attuale cavalcavia e la realizzazione di quello nuovo, con
allargamento delle luci e spostamento rispetto a quello esistente in asse di circa 18 m. Su
richiesta dell’amministrazione comunale di Nociglia è stato poi previsto un nuovo cavalcavia
per il collegamento della SP 301, che altrimenti resterebbe interrotta, con l’abitato di
Nociglia, particolarmente importante per il collegamento delle complanari che servono i
fondi che si affacceranno sul nuovo tracciato.

Interventi previsti nel terzo tratto:

Nel tratto Nociglia-Montesano dal km 14+809,71 al km 18+658, l’allargamento è sempre in asse,


sino a quando, alla progressiva 18+658 (km 14+971 dell’attuale SS 275), inizia una curva a sinistra
che consente al nuovo tracciato di allontanarsi da Montesano e procedere sino a S.M. di Leuca in
variante affrontando tutta una serie di problematiche:

− la presenza di una diffusa edificazione rurale;

14
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

− il ripetuto attraversamento della sede ferroviaria, per cui si rende necessario il superamento dell
stessa con opere d’arte adeguate, in sottopasso o sovrappasso;

− la presenza di elettrodotti ed acquedotti;

− la presenza di un gran numero di comuni con la necessità di servire gli stessi e i loro
insediamenti produttivi.

¾ Nel tratto tra Montesano e Tricase (dal km 18+658 al km 27+593) troviamo procedendo
verso sud un primo scavalco, nel punto in cui il nuovo tracciato abbandona l’attuale, che
consente l’accesso dal nuovo tracciato a Montesano e da Montesano alla nuova SS 275;

¾ Scavalco del tracciato delle FSE e di due strade ad essa parallele che consentiranno il
collegamento dei fondi nochè di Montesano con Castiglione.

¾ Svincolo Tricase - Depressa, che forse per natura e numero dei collegamenti è forse lo
svincolo più complesso dovendo collegare il centro di Tricase Nord, attraverso la sua
tangenziale est, la sua zona industriale nonché il centro di Depressa. Detto svincolo
consentirà l’ingresso e l’uscita dal nuovo tracciato della SS 275.

¾ Tratto in trincea per sottopassare la ferrovia del Sud Est ed una galleria artificiale in
corrispondenza dell’incrocio Tricase-Lucugnano, della lunghezza di m 70.

¾ Svincolo Alessano-Tiggiano-Tricase sud e Alessano, Tiggiano e Corsano e scavalco


ferroviario.

¾ Viadotto della lunghezza di 450 m, scavalca nuovamente la FSE e supera un dislivello di m


25.

¾ Superamento dell’attuale SS 275 con rampe di collegamento di Gagliano e San Dana e


nuovo scavalco ferroviario.

¾ Svincolo Gagliano-Castrignano del Capo.

¾ Rettilineo di circa 2500 m e sistemazione di rotatoria finale di collegamento della attuale SS


274 Lecce-Gallipoli-S.M. di Leuca, della vecchia SS 275 e sovrapasserà la strada che
attualmente consente il collegamento con l’area interna.

Le categorie di lavoro che intervengono nella realizzazione del progetto sono raggruppabili nelle
seguenti:

15
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

− Demolizione di manufatti esistenti

− movimenti di materia per scavi e rilevati

− opere in calcestruzzo per la realizzazione di viadotto ed altre opere d’arte maggiori e minori

− realizzazione di opere idrauliche (vasche di raccolta acque e trincee assorbenti)

− realizzazione della sovrastruttura

− opere a verde

− impianto di illuminazione

− barriere e segnaletica

16
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

Capitolo 2 – L’organizzazione del cantiere

Definizioni

Campi Logistici :Sono aree attrezzate per ospitare installazioni al servizio dell’attività produttiva, come
uffici, mense, refettori, dormitori, magazzini, depositi. Le attività vengono però svolte esternamente al
recinto del campo logistico.

Cantieri : È definito cantiere l’area attrezzata all’interno della quale vengono svolte le operazioni
lavorative relative alla realizzazione dell’opera. Se l’area ricade in prossimità di strade aperte al traffico
acquista la denominazione di “cantiere stradale”, altrimenti è definito “cantiere infrastrutturale”.

Individuazione dei campi e dei cantieri

CANTIERIZZAZIONE
FINE
N° INIZIO (Km.) (Km.) Sezione DESCRIZIONE
197-
1 8+947 9+209 204 Campo base 1
431-
2 19+609 20+108 437 Campo base 2
720-
3 33+109 33+360 725 Campo base 3
4 0+582 13 Svincolo 1 Melpignano
5 2+603 58 Svincolo 2 Cursi
6 3+787 83 Svincolo 3 Otranto
7 4+580 98 Svincolo 4 S.Cesarea
8 5+292 114 Svincolo 5 Maglie - Muro L.
9 7+032 157 Svincolo 6 Scorrano - Muro L.
10 11+518 251 Svincolo 7 Botrugno
11 13+743 298 Svincolo 8 Nociglia
12 17+012 368 Svincolo 9 Surano - Ruffano
13 18+702 405 Svincolo 10 Montesano
14 19+886 432 Sottopasso Andrano
15 20+884 454 Svincolo 11 Montesano - Andrano
16 23+328 506 Svincolo 12 Tricase - Zona artigianale
17 24+012 520 Sottopasso Tricase - Zona artigianale
18 25+757 558 Galleria artificiale
19 27+701 602 Svincolo 13 Tricase - Alessano
20 29+385 640 Sottopasso Alessano - Tiggiano

17
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

21 30+844 671 Svincolo 14 Alessano - Tiggiano


22 32+788 714 Svincolo 15 Alessano - Montesardo
743-
23 34+143 34+609 762 Viadotto S.Dana
24 35+443 783 Svincolo 16 Alessano - Gagliano
25 37+662 830 Svincolo 17 Gagliano - Castrignano
26 38+410 848 Sottopasso Salignano - Gagliano
27 39+845 880 Rotatoria finale

Operazioni preliminari

Piano Di Installazione
Prima dell’inizio dei lavori nei campi e nei cantieri l’Impresa Affidataria deve presentare al CSE un
Piano di installazione, nel quale siano riportati almeno i seguenti dati, ottenuti dal confronto tra le
condizioni previste nel PSC e la situazione presente al momento dei lavori:
a. individuazione dell’opera e del lotto;
b. individuazione della WBS (progressiva);
c. individuazione dell’impresa Affidataria;
d. una planimetria del lotto con l’inquadramento dell’area e la viabilità considerata per raggiungere il
cantiere;
e. una planimetria con evidenziata l’area di pertinenza, il perimetro della recinzione, gli accessi, la
segnaletica di sicurezza e la viabilità interna e tutti gli elementi necessari ad una precisa definizione del
sito;
f. la descrizione dell’opera e delle lavorazioni previste;
g. la verifica della presenza di servizi interrati od aerei e le misure di prevenzione e protezione previste;
h. l’elenco delle sostanze chimiche utilizzate all’interno dell’area, con le modalità previste per la
manipolazione e lo stoccaggio. Qualora non si sia provveduto a consegnare la scheda di sicurezza con il
POS occorrerà allegarla in questa occasione;
i. l’analisi delle interferenze con cantieri o attività limitrofe e le misure di prevenzione e protezione
previste;
j. la previsione degli apparecchi di sollevamento presenti e, nel caso di contemporaneità del loro
utilizzo, un piano dei sollevamenti che indichi le priorità e le procedure per gestire le interferenze;
k. la previsione delle modalità di conduzione dei lavori, con la precisazione se i lavori verranno svolti
utilizzando le proprie maestranze o se si farà ricorso al subaffidamento. In questo ultimo caso occorre
indicare le attività che verranno subaffidate ed indicare le imprese individuate;

18
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

l. l’elenco dei servizi igienico assistenziale e la loro indicazione sulla planimetria dell’area;
m. l’indicazione dei punti di allacciamento e di distribuzione dei servizi (elettricità, acqua, messa a terra,
scariche atmosferiche;
n. l’indicazione dei magazzini, depositi, zone di rifornimento ed aree di stoccaggio dei materiali, con
l’indicazione della qualità dei materiali stoccati;
o. la descrizione delle modalità raccolta e di allontanamento dei rifiuti prodotti nell’area, con particolare
riferimento ai liquami di produzione umana e alle sostanze con rischio chimico o biologico.
Il Piano di Installazione è considerato un aggiornamento del POS e soggetto allo stesso processo di
verifica.

Infrastrutture e logistica di cantiere


Per lo svolgimento dei lavori oggetto del presente PSC sono stati individuati 3 campi base e vari cantieri
recintati nei pressi di ogni singola opera d’arte per i servizi di cantiere e per lo stoccaggio dei materiali
che saranno a disposizione dell’Impresa appaltatrice durante l’esecuzione dei lavori.

I campi base conterranno box prefabbricati destinati a:

− uffici;

− spogliatoi;

− servizi igienici;

− ricovero/refettorio;

− locale custode.

Dette aree sono individuate nell’elaborato “Planimetria di cantiere” allegato al presente Piano di
sicurezza

Aree di cantiere e loro accessibilità


La posizione dei tre campi base, individuata in modo che gli stessi fossero quanto più baricentrici
rispetto alla collocazione dei lotti ideali, è stata scelta in adiacenza o quanto meno facilmente collegabile
con la viabilità ordinaria e risponde a precise esigenze tecniche, economiche ed ambientali. L’impresa
appaltatrice provvederà all’acquisizione dei terreni, alla loro delimitazione e recinzione, alla
realizzazione delle infrastrutture e degli impianti di cantiere, all’approvvigionamento idrico ed elettrico.

19
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

L’ubicazione del primo campo base è prevista in prossimità dell’attuale svincolo per Scorrano,
all’interno del futuro svincolo ed immediatamente collegata alla attuale SS 275 ed alla viabilità locale. Il
lotto ideale di progetto cui fa capo l’area di cantiere ha una lunghezza di circa 18 km ed interessa il
tratto che va da inizio progetto (svincolo per Maglie fino a Montesano), tutta in allargamento rispetto
alla sede attuale. L’area a disposizione del cantiere, delle dimensioni di circa 30.000 mq, consentirà la
predisposizione di tutti gli impianti di cantiere, una adeguata area per lo stoccaggio dei materiali, in
ingresso ed in uscita dall’area stessa, per il deposito dei mezzi, per l’eventuale ubicazione di una
centrale di betonaggio. Trattandosi di un tratto di progetto che segue altimetricamente l’andamento del
terreno non sarà necessaria l’impiego di grandi quantità di materiale di risulta, così come richiesto dalla
formazione di rilevati. Il materiale necessario alla formazione dei rilevati dei vari cavalcavia e svincoli
sarà acquisito dalle cave esaurite del territorio di Cursi e Melpignano.

Il secondo campo base è previsto in corrispondenza dello del cavalcavia “Masseria Le Cozze” in
posizione più o meno centrale rispetto al secondo tronco ideale di circa 8 km che va da Montesano fino
alla S.P. 75 , completamente in variante rispetto al tracciato dell’attuale SS 275. L’area di intervento,
pianeggiante per i primi 6 km, nei restanti 2 km comincia ad assumere l’andamento altimetricamente
incostante che poi caratterizza tutto il tratto finale. Il tratto in questione, oltre che dalle varie opere di
scavalco, sarà interessato da due tratti in trincea, ed i materiali di risulta derivanti dal loro scavo,
costituiti principalmente da calcareniti a cementazione variabile, saranno impiegati per la formazione
dei rilevati della sede di progetto e dei tre svincoli previsti. Il cantiere relativo a tale tratto sarà
impiantato su di una superficie di circa 75.000 mq, sufficiente per prevedere tutte le attrezzature e le
aree di viabilità e stoccaggio dei materiali.

Il terzo ed ultimo tronco, che si estende per i restanti 14 km, si sviluppa in un territorio ad altimetria
variabile che per questo sarà interessato da un grande movimento di materie, oltre che dalla
realizzazione di un viadotto resosi necessario per superare un dislivello di circa 20 m. L’area di cantiere
prevista per la realizzazione del terzo campo base ha dimensioni di circa 50.000 mq ed è posizionata tra
la SP 210 e la SS 275 di progetto. In tale area di cantiere sarà necessario ubicare una centrale di
betonaggio per la realizzazione delle opere in calcestruzzo del viadotto e delle altre opere d’arte
maggiori e minori.

Particolare attenzione verrà posta nell’adottare le soluzioni idonee per attenuare l’inquinamento acustico
ed atmosferico, trattandosi di zone fortemente antropizzate. In particolare le strade sterrate,
perfettamente stabilizzate, verranno costantemente innaffiate per limitare il più possibile l’emissione di
polveri.

20
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

Per la realizzazione della viabilità di servizio si procederà dapprima alla formazione delle complanari,
che assumeranno inizialmente la connotazione di piste di cantiere necessari ai mezzi d’opera utilizzati
per la realizzazione dell’opera principale.

L’area di cantiere verrà spinata e ben compattata, una volta che sia stato rimosso il terreno vegetale
esistente. A lavori completati l’impresa provvederà al ripristino delle condizioni iniziali, recuperando la
terra rimossa e temporaneamente depositata ai margini dell’area di cantiere stessa.

Spazi da destinarsi allo stoccaggio di materiale


Nella predisposizione delle aree di deposito si deve tener conto delle seguenti indicazioni da considerare
come minime e da integrare e completare, secondo la propria organizzazione, da parte dell'Appaltatore
tramite il proprio POS:

− L'area di stoccaggio materiali va delimitata con parapetti costituiti da materiali in perfette


condizioni di manutenzione e fissati in modo da garantire idonea resistenza allo sfondamento;

− I materiali devono essere depositati ordinatamente assicurando la stabilità contro la caduta ed il


ribaltamento;

− I materiali soggetti a rotolamento devono essere bloccati;

− Le distanze fra i materiali accatastati devono garantire libertà di movimento lasciando un franco
rispetto alle sagome di ingombro di almeno 70 cm;

− I materiali devono essere posti su stocchetti o bancali in legno in buono stato di conservazione
per agevolare il passaggio delle funi sotto ai carichi da sollevare;

− Nelle zone di deposito devono essere esposti avvisi ed istruzioni per lo stoccaggio ed il deposito
dei materiali. La segnaletica deve essere conforme al D.Lgs. 81/08 allegato XXVIII.

Analogamente per le aree di lavorazione valgono le seguenti indicazioni:

− Predisporre le aree di lavorazione lontano da ponteggi ed apparecchi di sollevamento; in


alternativa costruire un solido impalcato a protezione contro la caduta di materiali;

− Evitare che i cavi di alimentazione delle macchine intralci i posti di passaggio e transito;

− Segnalare le aree riservate alle lavorazioni ed inibire il passaggio alle persone non autorizzate;

− Assicurarsi sempre che le aree di lavorazione siano predisposte in posizioni tali che la distanza
minima tra il materiale movimentato e le linee elettriche aeree rispetti le specifiche normative.
21
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

Impianti, servizi e macchine fìsse di cantiere

− Impianto elettrico, di terra e contro le scariche atmosferiche;

− Impianto idrico-fognante a servizio dei locali prefabbricati di cantiere.

Nel cantiere logistico è prevista l’installazione di impianto di betonaggio.

Il ferro d’armatura arriverà per la maggior parte già prefigurato in cantiere; si prevede comunque la
possibilità di attrezzare le aree di lavorazione previste in corrispondenza degli edifici con le macchine
specifiche per lavorazioni del ferro.

Spazi utilizzati per il ricovero di mezzi ed attrezzature


Nei campi base è prevista la predisposizione di aree per il ricovero dei mezzi d’opera, delle attrezzature
e aree di stoccaggio per i materiali da costruzione.

Disposizioni relative ad apparecchi di sollevamento in particolari situazioni


Data la natura delle opere da realizzarsi è prevedibile la presenza di più apparecchi di sollevamento per
le esigenze lavorative (gru a torre e attrezzatura per il sollevamento di elementi strutturali) che, operanti
nei cantieri operativi (nelle aree di pertinenza degli edifici su cui intervenire), potrebbero
reciprocamente intralciarsi per cui occorrerà adottare nell’uso le seguenti precauzioni:

1) I manovratori degli apparecchi di sollevamento devono poter comunicare fra loro, direttamente o
tramite apposito servizio di segnalazioni, le manovre che si accingono a compiere;

2) Le fasi di movimentazione dei carichi devono essere programmate in modo da eliminare la


contemporaneità delle manovre nelle zone d'interferenza;

3) Ai manovratori devono essere date precise informazioni ed istruzioni, preferibilmente per iscritto,
sulle zone d'interferenza, sulle priorità delle manovre, sulle modalità di comunicazione e sul
posizionamento del mezzo, ivi compreso braccio e carico, sia nelle fasi di riposo sia nelle pause di
lavoro.

Prima di programmare l’installazione di apparecchi di sollevamento deve essere effettuata una


ricognizione dei luoghi di lavoro al fine di evidenziare la presenza di ostacoli fissi o mobili e di linee
elettriche aeree. La prima ipotesi da verificare è la possibilità di operare con l’apparecchio di
sollevamento completamente all’interno dell’area del cantiere. Qualora non risulti possibile si deve
verificare che l’eventuale debordazione del braccio di rotazione all’esterno dell’area di cantiere non

22
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

arrechi danni o disturbi all’utilizzazione delle aree confinanti, provvedendo, ove del caso, a prendere gli
opportuni accordi, fermo restando che i carichi dovranno sempre e comunque essere movimentati
all'interno dell'area di cantiere.

In tutti i casi gli apparecchi di sollevamento di portata superiore ai 200 Kg. sono sottoposti a prima
verifica di sicurezza ed a verifica periodica annuale.

A tal fine gli impianti devono essere denunciati all’ISPESL competente per territorio. Inoltre le funi e
catene devono essere sottoposti a verifica trimestrale da parte di personale esperto, ferma restando la
manutenzione ed i controlli previsti dal fabbricante.

Recinzioni

La delimitazione delle aree del cantiere e delle aree logistiche interne ad esso sarà eseguita a mezzo di
recinzione realizzata mediante elementi tubolari, giunti metallici e lamiera ondulata per un’altezza non
inferiore a 2 metri. Ulteriori recinzioni saranno impiegate per la protezione di percorsi pedonali verso il
vuoto (parapetti costituiti da due correnti in tavole di legno, pali infissi nel terreno od ancorati a strutture
preesistenti, e tavola fermapiede) e per la delimitazione di aree di lavoro e di transito mezzi (recinzioni
con pali infissi nel terreno, rete in materiale plastico stampato, barriere new jersey in plastica colorata
riempiti con acqua o sabbia).

L’Appaltatore dovrà provvedere alla regolare manutenzione delle recinzioni e delle barriere per tutta la
durata dei lavori.

L’altezza della barriera non dovrà essere inferiore a mt. 2.00, inoltre, per evitare intrusioni, dovrà
possedere la necessaria resistenza meccanica e dovrà garantire una sufficiente durata nel tempo. Di
notte, l'esistenza della barriera, dovrà essere segnalata a mezzo di lampade elettriche, alimentate con
tensione non superiore a 24 volt verso terra, di colore rosso o con sistemi a fiamma equivalenti. Questa
precauzione diventa un obbligo preciso qualora la recinzione insista su aree pubbliche o accessibili al
pubblico.

In presenza, invece, di lavori di breve o brevissima durata in zone o aree non accessibili a terzi, e di
ridotto sviluppo planimetrico, potrebbe risultare sufficiente delimitare la zona con barriere mobili e/o
transenne.

23
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

In entrambi i casi, comunque, si prescrive che la recinzione sia sempre tenuta in buono stato di
conservazione, sia regolarmente mantenuta e che cartelli e lampade non siano manomessi, rimossi, e
danneggiati.

In caso di manomissione, furto o danno, di elementi di recinzione, cartelli o lampade, essi dovranno
essere immediatamente sostituiti.

L’elenco dettagliato delle recinzioni considerate sia per i campi base che per i cantieri è quantificata
nell’elaborato “Valutazioni delle spese prevedibili per l’attuazioni delle singole parti del piano” ed
sono rappresentate graficamente nelle planimetrie specifiche.

Accessi di cantiere

Personale Addetto Alle Operazioni Lavorative: Tutti gli addetti a qualsiasi titolo alle operazioni
lavorative, esclusi gli autisti di trasporti occasionali, possono ottenere l’accesso in cantiere sotto la
responsabilità dell’Impresa Affidataria, alla quale è stato consegnato il cantiere, nel rispetto della
procedura prevista per la comunicazione del personale di cantiere. In questa categoria sono previsti:

a. dipendenti dell’Impresa Affidataria e delle Subaffidatarie operanti in cantiere (operai, impiegati e


dirigenti dipendenti, distaccati o comandati);

b. lavoratori autonomi, parasubordinati e consulenti delle stesse.

Qualora queste figure non svolgano attività continuativa in cantiere debbono essere trattati come

ospiti.

La procedura non si applica agli agenti di polizia giudiziaria, ai componenti delle squadre di soccorso di
118 e Vigili del Fuoco e della Polizia Forestale nell’esercizio delle loro funzioni.

Esclusioni: Qualora sia necessario l’ingresso di soggetti non ricadenti nelle categorie precedenti, come,
adesempio, visite di istruzione o altro, deve esserne data preventiva comunicazione al CSE, indicando:

a. elenco dei partecipanti e eventuale ente di appartenenza;

b. nome e ruolo della figura aziendale che li accompagnerà;

c. scopo della visita ed itinerario;

d. data e ora di inizio e di fine prevedibili.

24
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

Autisti Di Trasporti Occasionali : Non è prevista la registrazione degli autisti di trasporti occasionali
la cui presenza in cantiere sia limitata alle operazioni di carico e scarico.

All’ingresso dei campi logistici deve essere presente un cartello indicante:

a. di utilizzare gli spazi previsti per il parcheggio;

b. di non intralciare la circolazione né provocare situazioni di pericolo;

c. di non procedere oltre all’interno del cantiere, senza un idoneo accompagnatore.

L’accesso dei mezzi in cantiere è sotto il controllo e la responsabilità del preposto all’area interessata,
indicato nel Piano di Installazione, che deve informare gli autisti e controllare che questi:

a. scendano dal mezzo solo dove ciò non sia cagione di pericolo, indossando i DPI previsti per l’area;

b. adeguino il comportamento alle norme di prudenza che vengono loro indicate.

Identificazione Del Personale : Le Imprese devono comunicare al CSE e mantenere aggiornato


l’elenco del personale presente in cantiere. Il personale deve essere sempre riconoscibile, a cura
dell’Impresa Affidataria per mezzo di un cartellino identificativo che deve contenere i seguenti dati:

a. Opera, lotto;

b. nome dell’Impresa Affidataria;

c. numero progressivo;

d. eventuale nome dell’Impresa Subaffidataria;

e. indicazione se dipendente, lavoratore autonomo od ospite;

f. nome, cognome e numero di matricola;

g. data di emissione del documento;

h. firma del Direttore Tecnico dell’Impresa Affidataria.

Trasmissione al CSE: L’Impresa Affidataria ha la responsabilità della comunicazione al CSE


dell’elenco dei nominativi del personale presente in cantiere, con esclusione degli ospiti.

L’elenco deve presentare tutti i dati previsti per il cartellino identificativo, oltre all’indicazione dei

corsi di formazione per la sicurezza frequentati da ogni lavoratore.

Ospiti: Gli ospiti sono di norma accompagnati da un addetto dell’Impresa Affidataria. La consegna del

25
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

cartellino identificativo agli ospiti va trascritta, a cura dell’Impresa Affidataria, su un registro


conservato presso i suoi uffici di cantiere, a disposizione del CSE. Devono essere registrate:

a. data ed ora di ingresso;

b. nome e cognome e firma dell’ospite;

c. nome e cognome e firma dell’accompagnatore;

d. ora di uscita.

Accesso dei mezzi in cantiere

Mezzi E Impianti: La procedura non si applica ai mezzi in dotazione agli agenti di polizia giudiziaria,
ai componenti delle squadre di soccorso di 118 e Vigili del Fuoco e della Polizia Forestale nell’esercizio
delle loro funzioni.

Le Imprese affidatarie e subaffidatarie devono comunicare al CSE e mantenere aggiornato l’elenco dei
mezzi e degli impianti presenti in cantiere.

L’elenco deve riportare:

a. Opera, lotto;

b. nome dell’Impresa Affidataria;

c. eventuale nome dell’Impresa Subaffidataria;

d. numero progressivo dell’elenco;

e. marca e modello;

f. identificazione (numero di targa o numero di telaio);

g. titolo per l’accesso al cantiere (proprietà, noleggio).

I mezzi devono essere sempre riconoscibili e devono riportare visibile sulla carrozzeria il nome

dell’impresa titolare.

Trasporti Occasionali L’accesso di mezzi di trasporto impegnati in consegne occasionali in cantiere è


ammesso senza comunicazione al CSE.

26
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

Trasporti Eccezionali Le operazioni di trasporto eccezionale o di elementi prefabbricati ingombranti


dovranno essere oggetto di un piano di circolazione specifico, consegnato con anticipo di almeno
quattro settimane in maniera da permettere al CSE di analizzarne e farne argomento di una specifica
riunione di coordinamento.

Per la redazione del piano di circolazione occorrerà tenere a riferimento, la Circolare del Ministero

del Lavoro e Previdenza Sociale 20 Gennaio 1982 n. 13.

Segnaletica

La segnaletica di sicurezza fornisce indicazioni, prescrizioni e divieti relativamente alla salute e la


sicurezza dei lavoratori. A tale scopo si utilizza un segnale luminoso o acustico, una comunicazione
verbale, un segnale gestuale o visivo.

Tramite la segnaletica di sicurezza si fornisce un preciso ed immediato avvertimento all’operatore.

Il datore di lavoro fa ricorso alla segnaletica di sicurezza allo scopo di:

1) Avvertire di un rischio o di un pericolo le persone esposte;

2) Vietare comportamenti che potrebbero causare pericolo;

3) Prescrivere determinati comportamenti necessari ai fini della sicurezza;

4) Fornire indicazioni relative alle uscite di sicurezza;

5) Fornire altre indicazioni in materia di prevenzione e sicurezza.

6) Il datore di lavoro provvede affinché:

7) Il rappresentante del lavoratori per la sicurezza sia informato di tutte le misure adottate e da adottare
riguardo alla segnaletica di sicurezza impiegata;

8) I lavoratori siano informati di tutte le misure adottate riguardo alla segnaletica di sicurezza
impiegata;

9) Il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza e i lavoratori ricevano una formazione adeguata sul
significato della segnaletica di sicurezza soprattutto quando questa implica l'uso di gesti o di parole
nonché i comportamenti generici e specifici da seguire.

La segnaletica di sicurezza prevede:

27
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

Tutta la segnaletica di cantiere dovrà essere conforme alle prescrizioni riportate nel D. Lgs 81/08
allegato XVIII.

I cartelli devono essere di dimensione adeguata, puliti, ben visibili, fissati in modo adeguato, limitati
alle reali necessità informative e continuamente aggiornata al progredire dei lavori.

Le indicazioni generali vanno collocate all'esterno del cantiere, le indicazioni specifiche sulle singole
macchine o sul sito ove avvengono le lavorazioni. In nessun caso la segnaletica può essere ritenuta
sostitutiva dei dispositivi di sicurezza richiesti.

Con riferimento alle tipologie sopra descritte, in cantiere si dovranno prevedere almeno i seguenti
cartelli:

28
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

In particolare nelle aree di demolizione dovranno essere esposti in maniera visibile i seguenti cartelli di
rischio;

− Caduta oggetti dall'alto;

− Produzione di polveri;

− Rumore;

− Proiezione di oggetti.

Nelle stesse aree sono inoltre prescritti i seguenti segnali di prescrizione:

− Protezione del capo;


29
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

− Protezione delle mani;

− Protezione dei piedi;

− Protezione delle vie respiratorie;

− Protezione dell'udito (cuffie/tappi auricolari).

Nel caso di demolizioni con presenza accertata di materiali contenenti amianto, oltre a quanto indicato
nel capitolo IV, dovranno essere esposti i seguenti segnali:

− Attenzione - zona ad alto rischio - possibile presenza di polvere di amianto;

− Divieto di accesso ai non addetti ai lavori di bonifica.

In prossimità degli accessi al cantiere dovrà essere collocato un cartello dei lavori secondo quanto
espresso nella circolare Ministeriale LL.PP. 24.1.1953 n.189 e 1.6.1990 n.l729/UL. Il cartello dovrà
essere installato e mantenuto durante tutto il periodo di esecuzione dei lavori, avrà dimensioni non
inferiori a m. 1.00x2.00 e sarà collocato in modo ben visibile e conterrà i dati relativi all'opera.

Dato lo sviluppo dimensionale dei lavori da effettuare, si dovrà provvedere affinché sia installato un
numero di cartelli adeguato all'estensione del cantiere.

Viabilità interna

All'interno dell'area di cantiere (logistico) la viabilità destinata ai mezzi dovrà essere separata da quella
pedonale e dalle aree di lavoro in maniera ben visibile e sicura per tutta la durata dei lavori.

A tal fine si prescrive la delimitazione di tutti i percorsi carrabili all’interno del cantiere con barriere
New Jersey in plastica colorata bianca e rossa alternati riempiti con acqua o sabbia.

Sarà onere dell'Appaltatore provvedere alla regolare manutenzione delle piste e delle barriere per tutta la
durata dei lavori al fine di garantire la corretta viabilità e la sicurezza delle operazioni di lavoro.

L'Appaltatore dovrà organizzare i viaggi da e per i cantieri in modo che la circolazione sia controllata e
non provochi ostacoli a terzi.

Sarà indispensabile la presenza di uno o più addetti a terra, facilmente riconoscibili, e dotati di
indumenti ad alta visibilità che regolino il traffico in entrata o in uscita dalle aree di cantiere.

Le piste interne alle aree di cantiere dovranno essere larghe a sufficienza per consentire il transito dei
mezzi pesanti ed avere, inoltre, un franco minimo di settanta centimetri oltre la sagoma.

30
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

La circolazione dei mezzi all'interno del cantiere dovrà avvenire a bassa velocità (10 km/h).

L'Appaltatore sarà anche responsabile della regolazione del traffico e della fornitura, installazione
manutenzione dei dispositivi per il controllo dello stesso nelle aree di cantiere ed in prossimità degli
accessi. In particolare è tenuto a garantire come minimo:

− segnaletica temporanea direzionale normale e luminosa;

− sbarramenti provvisori

− illuminazione temporanea con luci intermittenti e lanterne.

La sosta degli automezzi sui luoghi di lavoro dovrà essere effettuata per lo stretto tempo necessario alle
operazioni di carico e scarico e con il mezzo sistemato in maniera tale da non recare intralcio alle
lavorazioni e al passaggio di altri veicoli.

Consistenza e caratteristiche dei baraccamenti

Le baracche destinate ai servizi igienico - assistenziali ed ai servizi devono avere il pavimento


sopraelevato di almeno 30 cm dal terreno mediante intercapedini, vespai ed altri mezzi atti ad impedire
la trasmissione dell'umidità del suolo.

I pavimenti dei baraccamenti devono avere superficie unita, essere fatti con materiale non friabile e di
agevole pulizia.

I baraccamenti destinati ad alloggiamenti ed a servizi igienici ed assistenziali devono avere pareti


perimetrali atte a difenderli dagli agenti atmosferici.

Le tamponature e la copertura delle baracche devono essere opportunamente coibentate in modo a


garantire all'interno condizioni microclimatiche idonee, tramite il contributo di impianti di
riscaldamento e/o condizionamento.

I baraccamenti devono essere fomiti di finestre, che, per numero, ampiezza e disposizione assicurino
una buona aerazione ed un'illuminazione naturale adeguata alla destinazione degli ambienti. Le finestre
devono essere munite di vetri ed avere buona chiusura.

Le porte di accesso devono essere in numero di almeno una ogni 25 lavoratori.

I baraccamenti devono essere convenientemente riscaldati in rapporto alle condizioni climatiche della
località. Negli ambienti chiusi è vietato il riscaldamento con apparecchi a fuoco libero. Si deve
provvedere all’allontanamento degli eventuali prodotti della combustione, avendo cura che i camini
31
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

siano sufficientemente alti, in modo da garantire il tiraggio dei prodotti della combustione e da
impedirne la penetrazione negli ambienti vicini.

Gli impianti di riscaldamento devono essere convenientemente isolati al fine di evitare il pericolo di
incendio.

I baraccamenti, nonché i passaggi, le strade interne, i piazzali ed, in genere, i luoghi destinati al
movimento di persone o di veicoli, devono essere fomiti di illuminazione artificiale sufficiente per
intensità e distribuzione delle sorgenti luminose, sia ordinaria che d'emergenza.

Devono inoltre essere illuminati, oppure indicati con speciali lampade, i punti di transito che espongano
a particolare pericolo.

Gli impianti di illuminazione dei baraccamenti devono offrire sufficienti garanzie di sicurezza e di
igiene.

Ove l’appaltatore ritenga di poter meglio garantire la sicurezza del cantiere sulla base della propria
esperienza può proporre integrazioni e/o modifiche al presente piano di sicurezza e coordinamento.

In nessun caso le eventuali integrazioni possono giustificare modifiche o adeguamento dei prezzi
pattuiti.

Come già detto precedentemente nel cantiere in esame sono previsti baraccamenti destinati a:

− Ufficio;

− Custode;

− Spogliatoi;

− Ricovero/refettorio;

− Servizi igienici (gabinetti, lavabi e docce);

− Box prefabbricato trasportabile per "decontaminazione da amianto" (nelle aree di pertinenza dei
manufatti da bonificare).

32
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

Ufficio

Per soddisfare le esigenze della tenuta dei documenti di cantiere relativi a progetti esecutivi, contabilità
dei lavori, libretti di cantiere, documentazioni fotografiche, as built, e per fornire una sistemazione
logistica alle riunioni che si dovranno tenere tra il Direttore dei Lavori, Coordinatore della sicurezza,
Direttore di cantiere e le altre figure responsabili presenti in cantiere sarà predisposto un apposito
baraccamento (7-15 mq/addetto) destinato ad ufficio attrezzato con sedie, scrivania ed armadio.

Il baraccamento dovrà rispondere comunque a tutti i requisiti indicati nell’elaborato “Valutazioni delle
spese prevedibili per l’attuazioni delle singole parti del piano”

Locale custode

Nel cantiere logistico, in prossimità dell'accesso, è prevista l’installazione di un locale per il custode
arredato con tavolo, sedia ed armadio per riporre gli indumenti.

Il baraccamento dovrà rispondere a tutti i requisiti esposti nell’elaborato “Valutazioni delle spese
prevedibili per l’attuazioni delle singole parti del piano”

Servizi igienico - assistenziali

Sono definiti servizi igienico-assistenziali le strutture che devono essere presenti, sul luogo di lavoro, al
fine di consentire il riposo, la protezione dalle intemperie, l’igiene personale ed il ricovero dei
lavoratori.

Fermo restando che l'entità dei servizi varia a seconda dei casi (dimensioni del cantiere, numero degli
addetti contemporaneamente impiegati), le loro caratteristiche sono in diretta dipendenza al
soddisfacimento delle esigenze igieniche ed alla necessità di realizzare quelle condizioni di benessere e
dignità personali indispensabili per ogni lavoratore.

Tali servizi devono essere ricavati in baracche opportunamente sollevate o isolate dal suolo, coibentate,
illuminate, aerate, riscaldate durante la stagione fredda, e comunque appositamente previste e costruite.

a) Spogliatoi

Una baracca (1-1,5 mq/addetto) sarà destinata a spogliatoio e messa a disposizione dei lavoratori per
indossare indumenti di lavoro specifici e quando per ragioni di salute e di decenza non si può loro
chiedere di cambiarsi in altri locali. Gli spogliatoi devono essere convenientemente arredati. In tutti i
casi ciascun lavoratore deve poter disporre di attrezzature che consentano di riporre i propri indumenti e
di chiuderli a chiave durante il tempo di lavoro. I locali destinati a spogliatoio devono avere capacità
33
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

sufficiente, essere aerati, illuminati, ben difesi dalle intemperie, riscaldati durante la stagione fredda e
muniti di sedili.

Gli armadi per gli indumenti da lavoro devono essere separati da quelli per gli indumenti privati.

b) Gabinetti e lavabi

Una baracca nel cantiere logistico sarà destinata ad accogliere gabinetti e lavabi con acqua corrente
calda, se necessario, e dotata di mezzi detergenti e per asciugarsi.

I gabinetti devono essere distinti per i due sessi ed in numero di almeno uno ogni 10 lavoratori occupati,
protetti dagli agenti atmosferici, nonché costruiti e mantenuti in modo da salvaguardare la

decenza, da non costituire causa di inquinamento delle acque destinate agli usi del cantiere e dell'abitato.

Alla pulizia ed alla manutenzione dei gabinetti deve essere destinato personale in numero sufficiente.

Per le acque nere qualora non fosse possibile allacciarsi ad una fognatura, occorrerà predisporre una
fossa biologica o altro sistema da concordare con l'Ufficio igiene del luogo (eventualmente prevedere un
WC chimico).

L'erogazione dell'acqua deve essere fatta in modo da consentire ai lavoratori di lavarsi in acqua corrente
con i lavandini installati in locali chiusi o semplicemente coperti qualora le condizioni climatiche lo
consentano. I getti d'acqua devono distare l'uno dall'altro almeno 60 centimetri ed essere in numero di
almeno uno ogni 5 lavoratori occupati in ciascun turno di lavoro.

c) Docce

Devono essere messe a disposizione dei lavoratori docce separate per sesso o comunque utilizzabili in
maniera separata.

Docce e spogliatoi devono facilmente comunicare fra loro.

I locali delle docce devono consentire a ciascun lavoratore di rivestirsi senza impacci e in condizioni
appropriate di igiene.

Le docce devono essere dotate di acqua corrente calda e fredda e di mezzi detergenti e per asciugarsi.

Più in dettaglio, la normativa di riferimento per la progettazione è rappresentata nell’allegato XIII al


punto 2 del D.Lgs 81/08 e inoltre:

− Ogni posto doccia deve occupare una superficie di almeno un metro quadrato;

34
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

− le docce devono essere sistemate in locali chiusi, attigui agli spogliatoi, efficacemente protetti
dagli agenti atmosferici ed opportunamente riscaldati;

− nei locali delle docce deve assegnarsi a ogni posto doccia uno spazio sufficiente per spogliarsi,
convenientemente riparato e fornito di sgabello e attaccapanni;

− il pavimento dei locali destinati alle docce deve essere impermeabile, sistemato in modo da
assicurare il deflusso delle acque e deve essere munito di griglia di legno;

− devono essere fomiti al lavoratore adatti mezzi detersivi e convenienti asciugatoi;

− l'acqua da usarsi nei lavandini e nelle docce deve avere i requisiti igienici richiesti dal particolare
uso.

Pronto soccorso

I cantieri la cui distanza da posti pubblici di pronto soccorso sia tale da non garantire la tempestiva
assistenza devono avere sul posto una propria attrezzatura sanitaria consistente in un apposito locale,
rispondente ai requisiti costruttivi dei baraccamenti, fornito di presidi sanitari di pronto intervento, di
acqua potabile, di lavandino e di WC.

Si deve inoltre provvedere affinché un medico, prontamente reperibile, possa rapidamente raggiungere,
in caso di bisogno, il cantiere.

Nel caso in esame la distanza da posti pubblici di soccorso non è tale da giustificare l'approntamento di
un locale con attrezzatura sanitaria in quanto il cantiere si trova in una zona urbana e ben collegata.
Comunque sia nel cantiere logistico che nei singoli lotti d'intervento dovrà esser messa a disposizione,
una cassetta di pronto soccorso.

Soluzioni per lavorazioni o materiali particolari

Nei lavori in depositi e aree confinate o in luoghi con rischio di incendio, scoppio o soffocamento non
dovrà essere mai adibita una sola persona.

Nei luoghi di lavoro e negli ambienti con rischio d'incendio, ad es. depositi di materiali infiammabili o
esplodenti (oli lubrificanti, oli esausti, bombole di gas compresso per la saldatura ossiacetilenica,
gasolio, benzina, ecc.), dovranno essere sempre disposti i prescritti mezzi di prevenzione e di estinzione.

35
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

II numero e le caratteristiche dei depositi di materiale infiammabile dovranno essere definiti con
precisione, successivamente, dall'Appaltatore in riferimento al reale quantitativo di materiale
infiammabile/esplosivo presente in cantiere e alla classe di rischio relativa alla tipologia e/o attività del
cantiere.

Presidi antincendio

Nel cantiere in esame è prevista la collocazione di estintori portatili da 6 Kg in corrispondenza:

− delle baracche sopra descritte e distribuiti in maniera uniforme su tutta l'area occupata dai
baraccamenti stessi;

− delle aree di stoccaggio materiali, in particolare se infiammabili;

− del quadro elettrico generale di cantiere.

Nel presente paragrafo sono riportate le prescrizioni minime che l’Impresa dettaglierà e renderà
operative nel suo documento di valutazione.

Interventi per la prevenzione degli incendi

L’Appaltatore dovrà richiamare con una formazione e informazione adeguata l'attenzione del personale
sul rischio di incendio.

Si rammenta all'Appaltatore l'obbligo del Certificato di prevenzione incendi per i casi previsti dal D.M.
16/02/1982.

Nel cantiere e nelle aree di lavoro dovranno essere installati mezzi di estinzione incendi costituiti da
estintori portatili e/o carrellati, soggetti alle prescritte verifiche.

Il numero degli estintori, la qualità e la quantità del prodotto estinguente sarà correlata al rischio
rappresentato dai materiali combustibili presenti e dalle lavorazioni che possono coinvolgerli.

I mezzi saranno ubicati in zone opportunamente scelte, ben visibili, o comunque ben segnalati da
specifica segnaletica, riparati dalle intemperie e da urti accidentali. In particolare dovranno essere
installati in corrispondenza dei baraccamenti (uffici, locali igienici, spogliatoio, depositi, ecc.), in
prossimità del quadro elettrico generale di cantiere ed in corrispondenza delle aree di lavoro.

Tutto il personale di cantiere sarà addestrato all’uso degli estintori.

36
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

In tutte le lavorazioni o depositi per i quali vi sia da temere il rischio di incendio, dovranno essere dotate
tutte le misure necessarie alla prevenzione degli stessi, come nei casi seguenti:

− Saldatura ossiacetilenica e ad arco elettrico;

− Depositi e/o impiego di contenitori di sostanze infiammabili;

− Depositi di legname, cartone, materiale plastico, ecc.;

− Cabine e quadri elettrici.

L’Appaltatore dovrà perimetrare o segnalare tutti i luoghi che presentino lo specifico rischio di incendio
e comunque dovrà essere indicato con appositi segnali il rischio di incendio e la presenza di materiale
infiammabile.

Fermo restando il ricorso al Comando dei Vigili del Fuoco, il cui numero telefonico dovrà essere
esposto in maniera ben visibile negli uffici, nel cantiere dovranno tenersi a disposizione un adeguato
numero di estintori di primo impiego idonei per capacità e sostanza estinguente alla natura e tipo di
incendio previsto.

Precauzioni da adottare per aree pericolose

L'Appaltatore provvederà acchè siano rispettate le seguenti norme:

Dovranno essere allontanati tutti i liquidi infiammabili e combustibili (categoria A-B-C)

esistenti nell'area di lavoro, prima dell'inizio dello stesso;

Sarà assolutamente vietato durante le lavorazioni con fiamme libere il trasferimento, il maneggio o il
drenaggio di ogni liquido infiammabile o combustibile;

Sarà assolutamente vietata l'apertura di tubazioni o recipienti che possano provocare emissione di vapori
e solventi;

Sarà assolutamente vietata la rimozione di fusti di liquidi infiammabili o combustibili, di cilindri di gas
infiammabili e il drenaggio di serbatoi;

Tutti i combustibili solidi dovranno essere allontanati almeno 15 metri dal punto dove dovrà essere
eseguito il lavoro;

Dove non è possibile eseguire la rimozione dei combustibili solidi, questi dovranno essere protetti con
adeguate coperture non infiammabili.

37
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

Compiti del coordinatore dell’emergenza e della squadra di emergenza

II coordinatore dell'emergenza, giunta la notizia di un principio di incendio, valuterà:

− se il principio di incendio possa essere efficacemente affrontato;

− se si debbano avvertire subito i VV.F.;

− se sia possibile ed efficace un intervento della squadra di emergenza.

In caso di intervento, la squadra di emergenza si recherà sul luogo del principio di incendio, insieme al
capo squadra, per effettuare gli interventi necessari.

In caso si manifesti l'impossibilità di domare il principio di incendio o comunque si manifestino rischi


non giustificati per i lavoratori, il capo squadra comunicherà la circostanza al coordinatore
dell'emergenza.

In caso di spegnimento dell'incendio, il capo della squadra provvederà a dare le necessarie disposizioni
per verifìcare che non siano rimaste braci accese e che non vi siano altri focolai d'incendio. Per tale
compito, se non si presentano rischi significativi, il coordinatore dell'emergenza potrà chiedere la
collaborazione anche degli altri lavoratori presenti.

Estintori

Gli estintori dovranno essere semestralmente verificati da parte di personale appositamente addetto e
periodicamente controllati secondo le norme UNI EN 9994.

Nel caso in cui risulti difficoltoso intervenire con estintori di primo impiego o l'incendio sia di
proporzioni rilevanti dovrà essere immediatamente richiesto l'intervento dei Vigili del Fuoco.

La zona circostante e le vie di accesso dovranno essere immediatamente sgomberate da materiali


infiammabili e ostacoli, i lavoratori fatti allontanare in zona di sicurezza.

Idoneità delle sostanze estinguenti

La seguente tabella, dove sono sinteticamente indicati l'idoneità di ciascuna sostanza estinguente per
varie classi di fuoco, dovrà essere esposta nell'armadio dedicato a contenere i mezzi di emergenza.

38
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

39
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

MACCHINE ED ATTREZZATURE DI CANTIERE

Requisiti generali di sicurezza relativi alle macchine ed al loro utilizzo


Tutte le macchine utilizzate per le attività oggetto del presente appalto che siano state messe in servizio
dopo il 21/9/96 dovranno essere conformi alle prescrizioni tecniche del DPR 459/96 (Direttiva
Macchine) ed avere marcatura CE; le altre macchine dovranno essere conformi alle prescrizioni del
allegato VI del D.Lgs 81/08.

a) Qualsiasi macchina e qualsiasi suo accessorio, compresi i loro elementi costitutivi, i loro ancoraggi
ed i loro sostegni devono essere:

− Ben progettati e costruiti ed avere una resistenza sufficiente per l'utilizzazione cui sono destinati;

− Correttamente montati ed utilizzati;

− Mantenuti in buono stato di funzionamento;

− Verificati e sottoposti a prove e controlli periodici in base alle vigenti disposizioni giuridiche;

− Manovrati esclusivamente da lavoratori qualificati che abbiano ricevuto una formazione


adeguata.

− Le modalità di impiego degli apparecchi debbono essere riportate in avvisi chiaramente leggibili.

b) Le procedure di installazione, manutenzione, utilizzazione, riparazione e regolazione della macchina


devono avvenire secondo quanto stabilito nel Manuale delle Istruzioni della stessa; in particolare, gli
operatori addetti alla macchina dovranno essere addestrati conformemente a quanto eventualmente
richiesto dal Manuale delle Istruzioni.

c) Le macchine debbono essere costruite, installate e mantenute in modo da evitare scuotimenti o


vibrazioni che pregiudichino la loro stabilità e resistenza o quella degli edifici del cantiere o situati
nelle vicinanze; inoltre, le macchine trasportabili debbono essere costruite e posizionate nel cantiere
in modo tale da poter essere trasportate e/o immagazzinate in forma sicura;

d) Le macchine devono essere dotate di dispositivi di protezione che impediscano il funzionamento


degli elementi mobili o comunque pericolosi nel caso in cui l'operatore possa entrare in contatto con
essi; inoltre, i dispositivi di protezione debbono garantire inaccessibilità degli elementi mobili ad
altre persone non addette o autorizzate;

40
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

e) Le macchine dotate di motori a combustione intema debbono essere dotate di manovelle per
l'avviamento diretto costruite in maniera da disinnestarsi automaticamente per evitare il
contraccolpo;

f) I dispositivi di protezione debbono essere tali che la mancanza o il malfunzionamento di una delle
loro parti impedisca la messa in moto o provochi l'arresto degli elementi mobili della macchina;

g) Le macchine che emettano o prevedano l'uso di aeriformi o liquidi pericolosi per la salute dei
lavoratori durante le fasi di lavoro debbono essere dotate di idonei dispositivi di captazione;

h) Debbono essere adottati tutti gli idonei provvedimenti affinché la messa in moto e l'arresto dei
motori delle macchine possa avvenire con procedure facilitate ed in piena sicurezza; inoltre, gli
organi di azionamento e di arresto dei motori delle macchine debbono essere chiaramente visibili ed
identificabili, costruiti in modo da resistere agli sforzi per cui sono impiegati nel cantiere;

i) Gli organi di azionamento e di arresto dei motori delle macchine debbono essere collocati al di mori

j) delle zone di pericolo e la loro manovra non deve comportare rischi supplementari alla fase
lavorativa o posizioni non ergonomiche del lavoratore; inoltre, gli organi di azionamento e di arresto
dei motori delle macchine debbono essere manovrabili solamente in modo intenzionale;

k) I comandi a pedale delle macchine (esclusi quelli di arresto) debbono essere protetti, al di sopra ed ai
lati, da una custodia;

l) Le macchine di cantiere devono essere dotate di libretto in cui sono registrati gli interventi di
verifica e manutenzione effettuati secondo la normativa vigente;

m) Devono essere previsti avvisi chiaramente visibili che facciano esplicito divieto di rimuovere i
dispositivi di sicurezza, pulire, oliare, ingrassare, riparare o registrare a mano gli organi e gli
elementi delle macchine se queste sono in funzione;

n) Debbono essere adottati tutti i possibili dispositivi sulla macchina tali da diminuire l'esposizione del
lavoratore all'inquinamento acustico o alle vibrazioni; in assenza di questi dispositivi è obbligatorio
fornire al lavoratore Dispositivi di Protezione Individuale (DPI) conformi alle normative vigenti.

o) Nella scelta delle macchine da utilizzare occorre privilegiare quelle caratterizzate da minore
emissione di rumore e di sostanze inquinanti;

p) L'equipaggiamento e l'impiantistica elettrica relativi alle macchine ed agli impianti devono


rispondere alle norme CEI ed avere adeguate protezioni;

41
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

q) Le macchine elettriche devono avere un interruttore di comando generale facilmente accessibile e


deve essere garantito il collegamento a terra di tutte le masse metalliche;

r) Deve essere prevista la predisposizione di adeguata segnalazione delle aree e delle postazioni dove
avverranno le attività con l'uso di macchine; inoltre, deve essere progettato e segnalato un luogo
specifico per lo stoccaggio dei carburanti, il posizionamento degli impianti, la rete di alimentazione;

s) Devono essere previste vie sicure per penetrare e circolare nelle aree e nelle postazioni dove siano
presenti ed operino macchine; l'ubicazione delle macchine deve essere idonea sia alle fasi di lavoro,
che alla movimentazione ed al transito dei materiali e degli operai;

t) I passaggi ed i posti di lavoro vanno protetti contro la rottura di organi di trasmissione e devono
essere installate protezioni in prossimità di ingranaggi, catene di trasmissione, cinghie ed altri organi
che possano comportare pericolo di trascinamento, strappamento e schiacciamento;

u) E' obbligatoria la predisposizione di strutture di sostegno nelle aree e nelle postazioni di macchine
dove il terreno non presenti stabilità o morfologia adeguata, con l'obiettivo di evitare cedimenti del
terreno.

v) Inoltre, se presenti apparecchi di sollevamento, tutte le postazioni fisse di lavoro (anche quelle in
prossimità di ponteggi), dovranno essere opportunamente protette con un solido impalcato a
protezione contro la caduta di materiali.

Requisiti degli utensili elettrici

Tutti gli utensili portatili a mano funzionanti con tensione maggiore di 50 Volt dovranno essere dotati di
isolamento doppio (classe II) e contrassegnati sul corpo isolante con il simbolo doppio quadrato inscritto

In tutti i luoghi classificabili come conduttori ristretti dovranno essere esclusivamente utilizzati
apparecchi elettrici portatili o mobili alimentati a bassissima tensione o attraverso un trasformatore di
isolamento.

Le prese e le spine di collegamento degli utensili e delle apparecchiature elettriche dovranno essere
rispondenti alla norma CEI 23-12.

42
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

Disposizioni relative a mezzi operativi di trasporto e macchine operatrici

Per la movimentazione dei carichi dovranno essere usati quanto più possibile mezzi ausiliari atti ad
evitare o ridurre le sollecitazioni sulle persone.

I percorsi per la movimentazione dei carichi sospesi dovranno essere scelti in modo da evitare quanto
più possibile che essi interferiscano con zone in cui si trovino persone.

Diversamente, la movimentazione dei carichi dovrà essere opportunamente segnalata al fine di


consentire l'allontanamento delle persone da zone a rischio.

I mezzi di trasporto e di sollevamento dovranno essere muniti di tutti i prescritti dispositivi di sicurezza,
il cui mantenimento in perfetta efficienza dovrà essere sempre assicurato mediante opportuno servizio di
manutenzione.

Alla manovra dei mezzi dovrà essere addetto personale qualificato in possesso di idonei requisiti,
accertati preventivamente. A detto personale, in relazione al mezzo e al luogo di operazione, dovranno,
se necessario, essere impartite istruzioni operative specifiche ed adeguate.

I mezzi di sollevamento dovranno essere oggetto di denuncia agli organi competenti agli effetti delle
verifiche di legge.

Controllo preventivo delle attrezzature e dei mezzi d'opera

Tutti i mezzi e le attrezzature che entrano in cantiere per operarvi dovranno essere controllati
preventivamente dall'Appaltatore che apporrà a ciascuno di essi una scheda che contrassegni l'avvenuto
controllo e l'eventuale periodicità delle future verifiche.

Automezzi, macchinari ed attrezzature soggette ad omologazione, collaudo o verifiche dovranno essere


autorizzato dall'Appaltatore per l'accesso al cantiere solo se in regola con le certificazioni prescritte
dalla vigente normativa.

Le certificazioni, in originale o in copia, dovranno accompagnare il mezzo ed essere esibite agli organi
preposti alla vigilanza; l'originale dei certificati o dei libretti, qualora tenuto negli uffici aziendali e non
in cantiere, dovrà potere essere immediatamente inviato sul cantiere per essere esibita agli organi di
vigilanza.

43
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

Disposizioni per l'uso delle macchine di cantiere

Prima di consentire al lavoratore l'uso di una qualsiasi macchina di cantiere il preposto dovrà accertare
che l'operatore o il conduttore incaricato conosca:

− Le principali caratteristiche della macchina (dimensioni, peso a vuoto, capacità prestazionale,


ecc..);

− Le pendenze massime longitudinali e trasversali su cui la macchina può stazionare od operare


senza pericolo;

− II posizionamento, il funzionamento degli organi di comando e il significato dei dispositivi di


segnalazione di sicurezza;

− La data dell'ultima manutenzione ordinaria e/o straordinaria operata sulla macchina.

Il preposto dovrà inoltre verificare che:

− La macchina sia dotata di libretto di istruzioni e che la stessa sia corredata di normale libretto ex
ENFI;

− L'operatore sia in possesso di patente (obbligatoria per le macchine che si muovono su strada) e
che abbia sufficienti nozioni di meccanica per individuare guasti o difetti;

− L'operatore abbia a sua disposizione i necessari mezzi personali di protezione.

L'Impresa appaltatrice dovrà indicare all'interno del proprio Piano Operativo di Sicurezza i mezzi di
lavoro e le attrezzature che intende utilizzare allegando le pertinenti dichiarazioni di conformità alle
normative di legge.

Si prevede, per l'esecuzione dei lavori precedentemente descritti, l'uso, secondo il fabbisogno e
l’organizzazione dei lavori, delle seguenti macchine, impianti e attrezzature di lavoro:

Attrezzi di uso comune Martelli demolitori


Autobetoniere per il trasporto del calcestruzzo Molazza
Escavatori idraulici di diversa grandezza e potenza Pala meccanica di diversa grandezza e potenza
gommate e cingolate
Autocarri con installato apparecchio di sollevamento Autogrù della necessaria portata preferibilmente
gommate con stabilizzatori idraulici
Autocarri con cassone ribaltabile Ponteggio in tubi e giunti
Compressori Rulli compattatori del terreno

44
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

Livellatrice Scale a mano


Ponteggi a telai prefabbricati Seghe circolari elettriche per il legno
Gru Utensili elettrici a mano

N.B. Il precedente elenco è soggetto a verifica ed aggiornamento da parte del Coordinatore in fase di
esecuzione in relazione a novità intervenute nel corso dell'organizzazione del lavoro in cantiere.
All'uopo si lascia lo spazio necessario ad integrare la tabella.

45
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

IMPIANTI TECNOLOGICI
Impianto idrico - sanitario
Tutti gli edifici destinati al soggiorno ed al lavoro delle persone devono essere approvvigionati con
acqua riconosciuta potabile, per uso alimentare ed igienico. Le reti di distribuzione idrica interna agli
edifici devono garantire acqua calda e fredda, essere realizzate con materiali idonei e dotate di valvole
di non ritorno sicuramente efficienti nel punto di allacciamento alla rete pubblica. Sono vietati
allacciamenti di qualsiasi genere che possano miscelare l'acqua della rete pubblica con acque di
qualunque altra provenienza. Qualora non sia possibile l'allacciamento a pubblico acquedotto deve
essere ottenuta l'autorizzazione all'utilizzo di altra fonte di approvvigionamento idropotabile.

Nel caso in cui la fornitura di acqua sia distinta in “potabile” e “non potabile” questa dovrà essere
opportunamente segnalata agli addetti.

Le acque reflue devono essere smaltite con modalità tali da evitare, prevenire e ridurre l'inquinamento
del suolo, delle falde e delle acque superficiali nel rispetto delle prescrizioni vigenti in materia.

Per le acque nere, qualora non fosse possibile allacciarsi ad una fognatura, occorrerà predisporre una
fossa biologica od altro sistema da concordare con l’Ufficio di Igiene del luogo.

Tutte le reti, non solo quelle menzionate, dovranno essere predisposte nel rispetto della buona tecnica e
delle Norme di Legge.

Impianto elettrico e di messa a terra

L’impianto elettrico e di terra dovrà essere progettato da professionista abilitato all'esercizio della
professione ed iscritto ad Ordine o Collegio professionale, dovrà inoltre essere realizzato, nel rispetto
della normativa vigente applicabile, da ditta abilitata ai sensi della legge 46/90 e del regolamento di
attuazione (D.P.R. 6/12/1991 n.447). Quest'ultima, al termine dei lavori, dovrà rilasciare la
dichiarazione di conformità alla regola d'arte dei lavori stessi, completa di tutti gli allegati di legge
(D.M. 20/02/1992).

Il progetto dovrà prevedere che tutti i cavi, sia per l'impianto elettrico che per la messa a terra, siano
opportunamente interrati, in modo da non arrecare pericolo al transito di mezzi e persone.

Gli impianti elettrici dovranno essere concepiti, realizzati ed utilizzati in modo da non costituire un
pericolo d'incendio o di esplosione e proteggere, invece, le persone contro i rischi di folgorazione diretta
o indiretta.

46
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

L'Appaltatore nella scelta e nell'impiego di componenti ed attrezzature elettriche (quadri, trasformatori,


gruppi elettrogeni, prolunghe, ecc.) dovrà sempre rispettare le pertinenti norme di buona tecnica del
Comitato Elettrotecnico Italiano. Si raccomanda in particolare il rispetto delle norme CEI 64-8, CEI 20-
40, CEI 23-12, EN 60439-4 (CEI 17-13/4), CEI 44.5, CEI 81.1.

Norme di comportamento

L’Appaltatore dovrà elaborare e trasmettere, al proprio personale operante in cantiere, ed a tutti i datori
di lavoro delle imprese subappaltatrici, le norme di comportamento da seguire per l'utilizzo
dell'impianto elettrico. Un esempio di norme comportamentali inerenti l'impianto elettrico è il seguente:

− Non intervenire su impianti o parti di impianto sotto tensione: gli interventi possono essere
effettuati esclusivamente dal personale specializzato della ditta preposta alla manutenzione
dell'impianto stesso;

− Quando si presenta un'anomalia nell'impianto elettrico segnalarla subito al responsabile del


cantiere;

− Non compiere, di propria iniziativa, riparazioni o sostituzioni di parti dell'impianto elettrico;

− Disporre con cura i conduttori elettrici, evitando che intralcino i passaggi, che corrano per terra o
che possano comunque essere danneggiati;

− Verificare sempre l'integrità degli isolamenti prima di impiegare conduttori elettrici per
allacciamenti di macchine od utensili;

− L'allacciamento al quadro di utensili, macchine, ecc. deve avvenire sulle prese a spina
appositamente predisposte;

− Non inserire o disinserire macchine o utensili su prese in tensione;

− Prima di effettuare l'allacciamento, verificare che l'interruttore di manovra alla macchina od


utensile sia "aperto" (macchina ferma);

− Prima di effettuare l'allacciamento, verificare che l'interruttore posto a monte della presa sia
"aperto" (tolta tensione alla presa);

− Se la macchina o l'utensile, allacciati e messi in moto, non funzionano, o provocano l'intervento


di una protezione elettrica (valvola o interruttore automatico o differenziale), non cercare di
risolvere il problema da soli, ma avvisare il responsabile del cantiere o l'incaricato della
manutenzione.

47
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

Inoltre:

− L’impianto deve disporre di protezioni contro le sovratensioni e contro i sovraccarichi;

− L’impianto elettrico deve dotarsi di idonee protezioni contro le scariche atmosferiche;

− L’impianto deve disporre di idonee protezioni contro il contatto accidentale con conduttori ed
elementi in tensione;

− È obbligo per l'Appaltatore che le macchine e per gli apparecchi elettrici presenti nel cantiere
riportino l'indicazione delle caratteristiche costruttive, della tensione, delle intensità e del tipo di
corrente;

− Prima dell'utilizzo dell'impianto è necessario che l'Appaltatore effettui una verifica generale
visiva e strumentale sullo stesso, dichiarandone l'idoneità all'uso al CEL;

48
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

Figura 14.1 - Quadro elettrico generale di cantiere

Manutenzione

L'Appaltatore dovrà mantenere l’impianto elettrico e di terra in perfette condizioni di efficienza e


sicurezza durante tutta la durata del cantiere, attraverso interventi manutentivi pianificati ed affidati a
personale abilitato, interventi di cui darà evidenza nel POS e che saranno controllati dal CEL.

Verifiche periodiche

Gli impianti di messa a terra devono essere verificati nel rispetto della normativa pertinente, prima della
messa in servizio e periodicamente ad intervalli non superiori a due anni, allo scopo di accertarne lo
stato di efficienza.

L’impianto di cantiere deve essere dotato di apposito libretto in cui sono registrati gli interventi di
verifica e manutenzione affrontati secondo la normativa.

49
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

Impianto di protezione contro le scariche atmosferiche

La necessità di un impianto di protezione contro le scariche atmosferiche deve essere vetrificata


eseguendo il calcolo di fulminazione secondo le prescrizioni CEI (norme di buona tecnica) da parte di
un professionista abilitato ed iscritto ad Ordine o Collegio professionale.

L’impianto (progettato sempre da professionista abilitato) dovrà essere realizzato, in conformità al DPR
462/2001, da ditta abilitata ai sensi della L. 46/90 e del D.P.R. 06/12/1991 che al termine della
installazione, rilascerà la dichiarazione di conformità dello stesso alla regola d’arte (D.M. 20/02/1992).

La messa in esercizio dell’impianto elettrico di messa a terra e dei dispositivi di protezione contro le
scariche atmosferiche non può essere effettuata prima della verifica eseguita dall'installatore che rilascia
la dichiarazione di conformità ai sensi della normativa vigente. La dichiarazione di conformità equivale
a tutti gli effetti ad omologazione dell'impianto.

Entro trenta giorni dalla messa in esercizio dell'impianto, il datore di lavoro invia la dichiarazione di
conformità all'ISPESL ed all'ASL o all'ARPA territorialmente competenti.

L’impianto inoltre, dovrà essere verificato periodicamente secondo quanto dispongono in materia la
vigente legislazione e le norme di buona tecnica.

L'appaltatore è tenuto ad effettuare la denuncia di impianto alla AUSL di territorio.

Si veda inoltre quanto indicato al Capitolo “Rischi indotti dall'ambiente esterno al cantiere e relative
misure di sicurezza”, nel paragrafo dedicato ai rischi dovuti agli agenti atmosferici, ed in particolare alle
scariche atmosferiche.

Sistemi antincendio

All’interno di tutti i cantieri devono essere predisposti mezzi di estinzione idonei, generalmente
costituiti da estintori portatili dislocati in luoghi facilmente raggiungibili ed individuabili.

Gli estintori dovranno essere posizionati a servizio di:

− Baraccamenti e spogliatoi;

− Officine e magazzini;

− Quadro elettrico generale del cantiere;

− Zone di deposito materiali infiammabili se previste nel POS;

50
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

− Zone con lavorazioni che prevedano uso di fiamme libere o saldatrici.

Il numero, le capacità e l'ubicazione degli estintori e dei mezzi antincendio devono essere previsti nel
Piano Operativo di Sicurezza (POS) e nel Piano di Emergenza redatto dall'Appaltatore.

51
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

Capitolo 3 – Il cantiere e l’ambiente esterno

Oltre ai rischi derivanti dalle lavorazioni previste in cantiere, di cui si parlerà nel seguito, si evidenziano
altre tipologie di rischi:

− Rischi trasmessi dall’ambiente esterno al cantiere

− Rischi trasmessi dal cantiere all’ambiente esterno

RISCHI TRASMESSI DALL'AMBIENTE ESTERNO AL CANTIERE

Per quanto riguarda l'influenza dell’ambiente esterno sul cantiere sono emersi i rischi dovuti alla
presenza di:

1) Agenti atmosferici

2) Reti di servizi esistenti

Di seguito sono analizzati tali rischi indicando per ognuno le misure di prevenzione e le istruzioni per
gli addetti. Le procedure di emergenza relative ai rischi di seguito descritti saranno oggetto del Piano di
emergenza redatto a cura dell'Appaltatore.

Rischi dovuti ad agenti atmosferici

Scariche atmosferiche

Misure di prevenzione

L’Appaltatore è tenuto ad effettuare la valutazione della necessità di proteggere le strutture presenti in


cantiere dalle scariche atmosferiche.

La valutazione dovrà essere effettuata da professionista abilitato, nel rispetto delle norme di buona
tecnica emesse dal Comitato Elettrotecnico Italiano. Lo stesso professionista rilascerà un certificato con
l’indicazione sulle modalità da seguire che dovrà essere consegnato dall'Appaltatore, in copia, al CEL.

A seguito di tale valutazione le strutture, se accertata la necessità, dovranno essere protette da adeguato
impianto di protezione, progettato da professionista abilitato e realizzato da impresa abilitata ai sensi

52
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

della legge 46/90 e del D.P.R. 06/12/1991. Quest’ultima, ultimati i lavori, dovrà rilasciare il certificato
di conformità alla regola d'arte (D.M. 20/02/1992).

Il Coordinatore per l'esecuzione dei lavori, dovrà accertarsi che siano stati effettuati sia la valutazione
sulla necessità dell’impianto di protezione che, se realizzato l’impianto, la dichiarazione di conformità.

Istruzioni per gli addetti

In presenza di temporali, quando siano da temere scariche atmosferiche che possano interessare il
cantiere, devono essere tempestivamente sospese le lavorazioni che espongono i lavoratori ai rischi
conseguenti (folgorazioni, cadute, cadute dall’alto) in particolare: attività sui ponteggi metallici esterni o
a contatto con grandi masse metalliche, attività di manipolazione e di movimentazione di materiali
facilmente infiammabili od esplodenti.

Vento

Misure di prevenzione

Considerato che i lavori oggetto dell’appalto prevedono la movimentazione ed il varo di elementi di


grande dimensione - quali ad esempio carpenteria metallica - in presenza di forte vento occorrerà
mettere in atto, ove del caso, accorgimenti tali da garantire la stabilità delle installazioni e delle opere
provvisionali del cantiere, quali ad esempio particolari fondazioni e ancoraggi riguardo a baraccamenti,
apparecchi di sollevamento, attrezzature varie, ponteggi.

L'appaltatore è tenuto ad indicare e progettare tali accorgimenti nel Piano Operativo, dopo averli
concordati col CEL.

Eventualmente, in relazione alle caratteristiche dei lavori, può essere utile l’installazione di anemometri
per valutare correttamente le situazioni di pericolo.

Istruzioni per gli addetti

In presenza di forti venti devono essere sospesi i lavori di movimentazione di materiali e attrezzature di
rilevante superficie; gli apparecchi di sollevamento di regola non possono essere utilizzati quando il
vento supera i 60 Km/h. Quando i lavori siano eseguiti in zone ove sono prevedibili manifestazioni
ventose di rilievo bisogna evitare di lasciare situazioni “sospese” rispetto ai cicli di lavorazione che
possono determinare l'instabilità delle costruendo opere, delle opere provvisionali o delle attrezzature.
Prima di sospendere le attività per le pause di lavoro e a fine giornata è necessario accertarsi della messa
in sicurezza del cantiere, degli apparecchi di sollevamento, degli impianti e delle macchine.

53
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

Rischi dovuti alla presenta di reti di servizi

Si ritiene opportuno dare alcune indicazioni generali sulle modalità da seguire nel caso di rinvenimento
di reti interferenti con i lavori oggetto del presente PSC.

Prima di attività comportanti scavi e movimentazione con mezzi meccanici di terra e macerie da
demolizione, le relative modalità operative devono essere definite in maniera chiara ed esaustiva
dall’Appaltatore, concordate e verbalizzate nel corso di una riunione congiunta tra Direttore dei Lavori,
Coordinatore per l’esecuzione dei lavori ed Appaltatore da effettuarsi prima dell'inizio dei lavori ed a
seguito di sopralluogo presso le aree di intervento in funzione anche di eventuali ulteriori informazioni
disponibili al momento.

Infatti, anche se segnalate con rilievi o progetti risalenti all'epoca dell’installazione, le reti di sottoservizi
potrebbero riservare sgradite sorprese in merito ai tracciati: più precisamente potrebbero non trovarsi
lungo il tracciato segnalato sia come posizione sia come profondità. Inoltre, anche in seguito ad una
verifica superficiale, una rete potrebbe non essere individuata e quindi non essere segnalata.

Le conseguenze di entrambi i precedenti casi potrebbero essere gravi, dunque anche nel caso in cui
siano disponibili planimetrie dettagliate riportanti tracciati e tipologie di sottoservizi sulle aree di lavoro,
gli scavi e tutte le operazioni nel sottosuolo andranno affrontati con la massima prudenza utilizzando
mezzi appropriati che consentano una sensibilità massima in relazione alla profondità procedendo, se
del caso, con scavo a mano.

Segue, per i rischi derivanti dalla presenza di reti di servizi rilevate e rilevabili, un'illustrazione delle
misure di prevenzione e delle istruzioni per gli addetti. Tali indicazioni sono da considerarsi come
minime e generali, e dunque soggette ad ampliamento e adattamento, da parte del coordinatore in fase di
esecuzione, in base alla situazione riscontrata in fase di lavoro.

Linee elettriche interrate

Misure di prevenzione

Devono essere stabilite idonee precauzioni atte ad evitare possibili contatti diretti o indiretti con
elementi in tensione.

Nel caso di demolizioni che interessino opere o parti di opere in corrispondenza delle quali sono
presenti linee sotto traccia in tensione, il tracciato delle medesime deve essere rilevato e chiaramente
segnalato a cura dell'Appaltatore, tramite bandelle colorate e cartellonistica apposita, precedentemente
ad ogni attività lavorativa.

54
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

Nel caso di lavori di scavo è necessario procedere con cautela utilizzando mezzi ed utensili di cavo
adeguati, procedendo, se del caso, con scavo a mano. Provvedere inoltre a mettere in atto sistemi di
sostegno e protezione provvisori al fine di evitare pericolosi avvicinamenti e/o danneggiamenti alle
linee stesse durante l'esecuzione dei lavori.

Istruzioni per gli addetti

La presenza di linee elettriche in tensione che interessano il cantiere costituisce sempre un’elevata fonte
di pericolo. Protezioni, segnalazioni, distanze minime dai lavori dalle opere provvisionali e dagli
apparecchi di sollevamento a volte non bastano per scongiurare infortuni. E’ necessaria sempre la
massima attenzione durante tutta l'esecuzione dei lavori ed il coinvolgimento del personale del cantiere
e di tutti coloro che accedano, anche solo occasionalmente ai lavori. In presenza di cavi elettrici in
tensione interrati o in cunicoli il Direttore Tecnico di Cantiere fornirà precise istruzioni al personale al
fine di evitare l’intercettamento ed il contatto con i cavi stessi.

Qualora siano eseguiti lavori che interferiscano con le linee in tensione, le operazioni devono essere
eseguite sempre previa disalimentazione delle linee fino alla intercettazione e messa in sicurezza
dell'elettrodotto.

Linee elettriche aeree

Nel caso di presenza di linee elettriche aeree in tensione non possono essere eseguiti lavori ne essere
utilizzati apparecchi mobili a distanza minore di cinque metri da tali linee (DPR 164/56). Nel

caso in cui esista la possibilità di avvicinarsi sia pure accidentalmente a linee in tensione, a distanza
inferiore a quella consentita, è necessario, previa segnalazione e consenso dell'Esercente le linee
elettriche, provvedere, prima dell'inizio dei lavori, a mettere in atto adeguate protezioni atte ad evitare
accidentali contatti o pericolosi avvicinamenti ai conduttori delle linee stesse quali: barriere di
protezione per evitare contatti laterali con le linee; sbarramenti sul terreno e portali limitatori di altezza
per il passaggio sotto la linea dei mezzi d'opera. Le barriere di protezione dovranno essere invalicabili e
poste a distanza non inferiore a cinque metri.

Nel caso si renda necessario intervenire a distanze inferiori a quelle consentite, si dovrà
preventivamente provvedere alla disalimentazione e messa a terra di tutte le linee ed apparecchiature
interessate seguendo le modalità indicate dalle norme di sicurezza dell'Ente esercente il servizio.

55
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

Istruzioni per gli addetti

Particolare attenzione va posta durante il trasporto con mezzi meccanici ed il sollevamento di materiali
particolarmente voluminosi e nell'impiego di attrezzature con bracci mobili di notevoli dimensioni. Le
operazioni di montaggio e smontaggio di strutture metalliche in prossimità di linee elettriche sotto
tensione devono essere eseguite con estrema attenzione e ricorrendo sempre al sezionamento di queste
ultime.

Reti dell’acqua

Misure di prevenzione

Accertata la presenza di elementi di reti di distribuzione di acqua, si dovrà provvedere a rilevare e


segnalare in superfìcie il tracciato e la profondità tramite bandelle colorate e cartellonistica apposita.

Nel caso in cui i lavori di demolizione possano interferire con le reti suddette o attraversarle è
necessario prevedere sistemi di protezione e di sostegno delle tubazioni, al fine di evitare il
danneggiamento ed i rischi che ne derivano.

Istruzioni per gli addetti

In presenza di reti di acqua che interferiscono con i lavori di scavo è necessario procedere con cautela,
limitando le azioni di disturbo al contorno delle reti medesime (vibrazioni, scuotimenti, franamenti).

Qualora i lavori interferiscano direttamente con le suddette reti è necessario mettere a nudo ed in
sicurezza le tubazioni, procedendo manualmente e sotto la diretta sorveglianza di un preposto.

Durante l’esecuzione delle suddette fasi di lavoro è necessario organizzare la pronta interruzione
dell'alimentazione al tratto di rete interessata dai lavori, da attivare in caso di necessità.

Reti di gas

Misure di prevenzione

Accertata la presenza di elementi di reti di distribuzione di gas che possono interferire con il cantiere,
devono essere avvertiti tempestivamente gli esercenti tali reti al fine di concordare le misure essenziali
di sicurezza da prendere prima dell'inizio e durante lo sviluppo dei lavori. In particolare è necessario
preventivamente rilevare e segnalare in superficie il tracciato e la profondità degli elementi, tramite
bandelle colorate e cartellonistica apposita, e stabilire modalità di esecuzione dei lavori tali da evitare
l'insorgenza di situazioni pericolose sia per i lavori da eseguire, sia per l’esercizio delle reti. Nel caso in
cui i lavori di demolizione interferiscano con tali reti è necessario prevedere sistemi di protezione e

56
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

sostegno delle tubazioni messe a nudo, al fine di evitare il danneggiamento delle medesime ed i rischi
conseguenti.

Istruzioni per gli addetti

E’ necessario procedere con cautela nei lavori di scavo, limitando vibrazioni e scuotimenti del terreno e
procedendo per strati successivi, evitando affondi che provochino il franamento del contorno. Quando
tali lavori interferiscono direttamente con le reti è necessario mettere a nudo le tubazioni procedendo
manualmente fino alla messa in sicurezza della tubazione interessata. I lavori devono essere eseguiti
sotto la diretta sorveglianza di un preposto. Durante i lavori deve essere vietato fumare o usare fiamme
libere. Qualora non sia possibile disattivare il tratto di rete interessato è necessario attivare un sistema di
comunicazione diretto ed immediato con l'Ente esercente tale rete per la sospensione dell'erogazione nel
caso di pericolo. Durante l'esecuzione dei lavori è necessario verificare, anche strumentalmente,
l’eventuale presenza di fughe di gas.

Reti fognarie

Misure di prevenzione

Accertata la presenza di reti fognarie sia attive sia non più utilizzate, se tali reti interferiscono con le
attività di cantiere, il percorso e la profondità devono essere rilevati e segnalati in superficie.

Specialmente durante le operazioni di demolizione comportanti lavori di scavo, la presenza, anche al


contorno, di reti fognarie deve essere nota, poiché costituisce sempre una variabile importante rispetto
alla consistenza e stabilità delle pareti di scavo sia per la presenza di terreni di rinterro, sia per la
possibile formazione di improvvisi vuoti nel terreno (tipici nel caso di vetuste fognature dismesse), sia
per la presenza di possibili infiltrazioni o inondazioni d'acqua dovute a fessurazione o cedimento delle
pareti qualora limitrofe ai lavori di sterro.

Istruzioni per gli addetti

Nei lavori di scavo da eseguire in prossimità di reti fognarie si deve sempre procedere con cautela; la
pareti di scavo e le armature in corrispondenza di tali reti devono essere tenute sotto controllo da parte
di un preposto. Quando la distanza tra lo scavo aperto e la rete fognaria preesistente non consente di
garantire la stabilità della interposta parete è necessario mettere a nudo la conduttura e proteggerla
contro i danneggiamenti.

57
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

RISCHI TRASMESSI DAL CANTIERE ALL'AMBIENTE ESTERNO

La presenza di un cantiere in un sito comporta una serie di rischi trasmessi all’ambiente circostante, che
possiamo riassumere nei seguenti:

1) Le emissioni inquinanti del cantiere riassumibili in: rumore, polveri, produzione di rifiuti, presenza
di agenti potenzialmente inquinanti il suolo o le acque;

2) La circolazione stradale di mezzi pesanti da e per il cantiere;

3) La presenza di materiali o lavorazioni pericolose.

Emissioni inquinanti del cantiere

Rumore

Nell’ambito di quanto previsto dall’articolo 181 del D.Lgs 81/08, il datore di lavoro valuta l’esposizione
dei lavoratori al rumore durante il lavoro prendendo in considerazione il particolare:

a) il livello, il tipo e la durata dell'esposizione, ivi inclusa ogni esposizione a rumore impulsivo;

b) i valori limite di esposizione e i valori di azione ;

c) tutti gli effetti sulla salute e sulla sicurezza dei lavoratori particolarmente sensibili al rumore;

d) per quanto possibile a livello tecnico, tutti gli effetti sulla salute e sicurezza dei lavoratori derivanti da
interazioni fra rumore e sostanze ototossiche connesse con l'attività svolta e fra rumore e vibrazioni;

e) tutti gli effetti indiretti sulla salute e sulla sicurezza dei lavoratori risultanti da interazioni fra rumore e
segnali di avvertimento o altri suoni che vanno osservati al fine di ridurre il rischio di infortuni;

f) le informazioni sull'emissione di rumore fornite dai costruttori dell'attrezzatura di lavoro in conformità


alle vigenti disposizioni in materia;

g) l'esistenza di attrezzature di lavoro alternative progettate per ridurre l'emissione di rumore;

58
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

h) il prolungamento del periodo di esposizione al rumore oltre l'orario di lavoro normale, in locali di cui
e' responsabile;

i) le informazioni raccolte dalla sorveglianza sanitaria, comprese, per quanto possibile, quelle reperibili
nella letteratura scientifica;

l) la disponibilità di dispositivi di protezione dell'udito con adeguate caratteristiche di attenuazione.

L’appaltatore dovrà verificare, tramite appositi rilievi, che le lavorazioni eseguite ed i macchinari
utilizzati rispettino i limiti di normativa. Se con particolari accorgimenti non risulterà possibile
diminuire il livello di rumore, l'Appaltatore dovrà chiedere una deroga agli Organismi competenti
(Comune e ASL).

Nel cantiere in esame le lavorazioni che possono causare emissioni di rumore , sono essenzialmente
legate all’utilizzo di macchinari mossi da motori a combustione interna.

In particolare possono essere sintetizzati nelle seguenti operazioni:

a) Scavi e stesa di materiale con pala meccanica;

b) Sollevamenti di materiali con braccio meccanico;

c) Demolizioni con martello demolitore;

Istruzioni per gli addetti

Oltre alle misure tecniche ed organizzative previste per ridurre al minimo le emissioni sonore durante le
attività lavorative è necessario attenersi alle seguenti misure ed istruzioni:

− nell'uso di mezzi a motore a combustione interna, è inutile mandare su di giri il motore; di regola
la massima potenza erogata dal mezzo si ottiene ad un regime di rotazione del propulsore più
basse che quello massimo previsto;

− quando il mezzo sosta in folle per pause apprezzabili è opportuno spegnere il motore;

− i carter, ripari o elementi di lamiera della carrozzeria devono essere tenuti chiusi e saldamente
bloccati;

− non manomettere i dispositivi silenziatori dei motori;

59
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

− i rumori generati dall'attrezzo lavoratore possono sensibilmente essere ridotti evitandone


l'azionamento a vuoto.

Polveri

Nelle lavorazioni che comportano la formazione di polveri devono essere adottati sistemi di
abbattimento e di contenimento il più possibile vicino alla fonte. Nello stabilire le prescrizioni deve
essere tenuto presente in particolare modo quanto segue:

− Pericolosità delle polveri;

− Flusso di massa delle emissioni;

− Condizioni meteorologiche;

− Condizioni dell'ambiente circostante.

Di regola è sufficiente provvedere ad inumidire il materiale polverulento (scavi e demolizioni) e, ove del
caso, segregare l'area di lavorazione per contenere l'abbattimento delle polveri (lavori di sabbiatura).

Nel cantiere in esame le lavorazioni che possono causare emissioni di polveri possono essere sintetizzati
nelle seguenti lavorazioni:

− Scavi;

− Demolizioni;

− Movimenti terra;

− Trasporti di detriti e materiali derivanti da scavi e demolizioni;

Istruzioni per gli addetti

Per quanto riguarda polveri, gas e vapori, alle misure tecniche da adottare per ridurre al minimo le
emissioni, è necessario associare misure procedurali ed istruzioni, quali:

− divieto di gettare materiali dall'alto, utilizzare canali di scarico a tenuta di polveri con bocca di
scarico il più vicino possibile alla tramoggia o zona di raccolta;

− irrorare il materiale di risulta polverulento prima di procedere alla sua rimozione;

− coprire i carichi che potrebbero disperdere polveri o oggetti durante il trasporto, con appositi
teloni;

60
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

− irrorare periodicamente i percorsi dei mezzi meccanici in terra;

− divieto di bruciare residui di lavorazioni e/o imballaggi che provochino l'immissione nell'aria di
fumi o gas.

Sarà onere dell'Appaltatore l'individuazione nel proprio POS di tutte le misure aggiuntive che intende
adottare al fine di minimizzare le emissioni di polveri verso l'ambiente esterno.

Rifiuti

L’Appaltatore dovrà provvedere a stipulare opportuni accordi con il Comune o l'Ente preposto alla
raccolta/smaltimento dei rifiuti, ed a redigere un piano coordinato di smaltimento dei rifiuti solidi urbani
ed assimilabili, prodotti nell'ambito del cantiere.

Per tutti gli altri rifiuti prodotti in cantiere si dovranno seguire le procedure di legge relative allo
stoccaggio provvisorio. A tal fine l'Appaltatore dovrà predisporre un piano di smaltimento dei rifiuti
classificati “Rifiuti Urbani” (pericolosi e non pericolosi) e “Rifiuti Speciali” (pericolosi e non
pericolosi), attenendosi a quanto indicato dal D. Lgs. n° 22 del 05/02/1997 sulla disciplina complessiva
dei rifiuti, dal successivo D. Lgs. 389 del 08/11/1997 di modifica, ed alla normativa regionale in
materia.

Nel cantiere in esame possono venire prodotti i rifiuti di seguito descritti:

− Materiali di risulta degli scavi;

− Materiali di risulta delle demolizioni;

− Materiali di risulta delle demolizioni/bonifica da amianto;

− Materiali derivanti dalla dismissione di apparecchiature o attrezzature;

− Imballi e contenitori di materie prime;

− Fusti e contenitori di sostanze pericolose impiegate in cantiere (Oli, solventi, vernici, etc.);

Gli stessi dovranno essere sottoposti a test di cessione per verifìcare la tipologia di discarica idonea per
il conferimento a norma di legge.

Circolazione stradale di mezzi pesanti da e per il cantiere

La struttura viaria che verrà maggiormente sollecitata durante la fase dei lavori è quella di carattere
locale, formata dall’insieme delle strade che portano alle varie aree di cantiere.
61
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

Se i grandi assi di collegamento sono in qualche modo in grado di smaltire e sopportare il carico di un
traffico pesante come quello rigenerato dai lavori da effettuarsi, è sulle sezioni stradali minori che va
rivolta l’attenzione nel momento della valutazione degli effetti.

Tuttavia si danno di seguito alcune indicazioni che potranno essere utili in fase esecutiva al fine di
evitare problemi derivanti dalla circolazione di mezzi da e per il cantiere.

Per il trasporto di materiali via strada, l’Impresa appaltatrice dei lavori dovrà organizzare i viaggi da e
per il cantiere in modo tale che la circolazione sia controllata e non provochi ostacoli a terzi. A tal fine
dovrà redigere un piano di Regolazione del traffico di cantiere in cui dovranno essere individuati i
seguenti fattori:

− Materiali trasportati;

− Numero e caratteristiche dei mezzi utilizzati;

− Carico medio di traffico in funzione dei vari periodi e delle varie lavorazioni;

− Flussi principali da e per le varie aree di cantiere;

− Se e quando è necessaria la presenza di personale che diriga il traffico da terra.

Tale piano dovrà essere aggiornato ogni qualvolta le condizioni di cantiere lo richiedano. Nel piano
operativo, sulla base dell'organizzazione predisposta e delle caratteristiche dei mezzi effettivamente
adoperati, l'impresa dovrà valutare eventuali misure di sicurezza per prevenire o ridurre i rischi indotti
dal traffico dei mezzi di cantiere, tenendo conto di quanto indicato nel presente elaborato.

Presenza di materiali o lavorazioni pericolose

Amianto

Per quanto riguarda le procedure da seguire per la rimozione di materiali contenenti amianto si faccia
riferimento a quanto riportato nel capitolo “rischi derivanti dalle lavorazione previste in cantiere”.

Presenza di sostanze esplosive o facilmente infiammabili

Nei lavori effettuati in presenza di materiali, sostanze o prodotti infiammabili, esplosivi o combustibili,
devono essere adottate le misure atte ad impedire i rischi conseguenti. In particolare:

− le attrezzature e gli impianti devono essere di tipo idoneo all'ambiente in cui si deve operare;

62
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

− le macchine, i motori e le fonti di calore eventualmente preesistenti negli ambienti devono essere
tenute inattive;

− gli impianti elettrici preesistenti devono essere messi fuori tensione;

− non devono essere contemporaneamente eseguiti altri lavori suscettibili di innescare esplosioni
od incendi, ne introdotte fiamme libere o corpi caldi;

− gli addetti devono portare calzature ed indumenti che non consentano l'accumulo di cariche
elettrostatiche o la produzione di scintille e devono astenersi dal fumare;

− nelle immediate vicinanze devono essere predisposti estintori idonei per la classe di incendio
prevedibile;

− all'ingresso degli ambienti o alla periferie delle zone interessate dai lavori devono essere poste
scritte e segnali ricordanti il pericolo.

Rischi legati a scavi in particolari condizioni

Le lavorazioni in sotterraneo (realizzazione tunnel per rinforzo fondazione nell'I.T.C.G. Dell'Acqua aliti
q-h), sono soggette a rischi specifici, legati alle caratteristiche dell'ambiente sotterraneo. In questo
paragrafo vengono individuati i rischi tipici di tali attività e le relative misure prevenzionali da
applicare.

I rischi che maggiormente caratterizzano le attività in ambiente sotterraneo sono i seguenti:

− stabilità delle strutture sovrastanti;

− salubrità dell'aria;

− elevata temperatura;

− mancanza di illuminazione;

− esposizione alla polvere;

− esposizione al rumore.

Le prescrizioni per la prevenzione degli infortuni derivanti da tali rischi e l'igiene dei lavori in
sotterraneo sono riportate nel D.P.R. 20 marzo 1956, n° 320. (e a tali prescrizioni si fa riferimento per i
lavori da effettuarsi).

63
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

Stabilità delle strutture

Si dovranno adottare tutte le cautele per prevenire cedimenti strutturali o crolli, come l'adozione di
armature di sostegno e rivestimenti provvisori.

Nel caso in cui le sollecitazioni tendano a deformare la struttura di sostegno o a provocare lo


scardinamento delle armature si deve provvedere alla tempestiva sostituzione degli elementi
compromessi o all'adozione di altre misure di emergenza. A tal fine deve essere tenuto pronto, per la
messa in opera, un numero sufficiente di elementi di armatura di rimpiazzo.

La posa in opera delle armature di sostegno è eseguita sotto la sorveglianza di assistenti o capi squadra
esperti.

Salubrità dell'aria

Durante il corso dei lavori dovranno essere assicurate condizioni ideali di lavoro all'interno
dell'ambiente sotterraneo dirette verso il rispetto non solo degli indici di stress dei soggetti ma anche di
quelli di comfort.

I fattori principali che influenzano e da cui dipendono le sensazioni termiche sono:

− temperatura dell’aria;

− temperatura radiante;

− velocità dell'aria;

− umidità relativa;

− isolamento termico dell’abbigliamento;

− attività fisica.

Le opere in sotterraneo dovranno essere adeguatamente ventilate in modo tale da fornire costantemente
aria sana al personale addetto ai lavori ed evitare concentrazioni di gas nocivi nelle aree di lavoro. La
ventilazione sarà effettuata con l'immissione forzata dell'aria mediante appositi ventilatori situati
all'ingresso del tunnel.

L'Appaltatore dovrà predisporre un sistema di ventilazione appositamente studiato per assicurare una
portata d’aria costante e garantire un adeguato ricambio dell'aria. Il ricambio non dovrà creare
sensazioni di fastidio o problemi per la salute (eccessiva velocità o stagnazione dell'aria).

La ventilazione dovrà garantire una quantità d'aria sufficiente per soddisfare:

64
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

− il ricambio d'aria per gli operai;

− la diluizione dei gas di scarico dei mezzi a motore operanti nel tunnel;

− la diluizione delle polveri prodotte dalle lavorazioni nel tunnel;

− una velocità di ritorno dell'aria non pregiudizievole per la salute dei lavoratori e compatibile con
le prescrizioni normative.

L’aria immessa in sotterraneo dovrà essere prelevata da posti lontani da possibili fonti di inquinamento.

Il dimensionamento del sistema di ventilazione dovrà essere eseguito dall'Appaltatore sulla base del
programma lavori, del numero e delle caratteristiche delle macchine operatrici che opereranno, e della
quantità d'aria necessaria per le squadre di operai.

L’Appaltatore dovrà prevedere la presenza di un gruppo elettrogeno di emergenza prontamente


utilizzabile per l'alimentazione del ventilatore in caso di interruzione dell'alimentazione di energia
elettrica. Analogamente dovrà disporre di un ventilatore di riserva, da tenere m vicinanza dello scavo in
sotterraneo ed in modo da potere essere installato in tempi rapidi in caso di guasto al gruppo ventilatore.

L’Appaltatore dovrà provvedere al monitoraggio sistematico del microclima nel tunnel attraverso
rilevazioni eseguite con apparecchi di controllo che dovranno essere effettuate all'inizio di ogni turno di
lavoro dal responsabile del cantiere o da un addetto incaricato. Lo scopo di tale monitoraggio sarà
quello di verificare la concentrazione di ossigeno e di gas nocivi o pericolosi (in particolare ossido di
carbonio, ossidi di azoto ed anidride solforosa), oltre che di misurare velocità, umidità e temperatura
dell'aria. Oltre ai gas prodotti dai mezzi meccanici occorrerà misurare anche la presenza di eventuali
venute di gas naturali nonché dovuti all'utilizzo di prodotti chimici (quali ad es. vernici, solventi, etc.).

Mediante apposite strumentazioni corredate di certificato di collaudo e dotate di batterie di potenza

adeguata a coprire tutta la fase lavorativa dovranno essere rilevati in continuo, almeno le concentrazioni
dei seguenti gas: CO, NO, e N02

I limiti per i suddetti gas sono i seguenti:

CO 25 ppm nelle 4,30 ore con un excursus fino a 75 ppm per un massimo di 30 min. non continuativi,
fermo restando che la media nel turno di lavoro in sotterraneo non deve superare le 25 ppm

NO 25 ppm nelle 4,30 ore con un excursus fino a 75 ppm per un massimo di 30 min. non continuativi,
fermo restando che la media nel turno di lavoro in sotterraneo non deve superare le 25 ppm

N02 3 ppm con STELL di 5 ppm per 15 min. per quattro volte al giorno con un intervallo di un ora.
65
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

L'operatore dovrà, in particolare, riportare su apposita scheda gli orari di inizio e termine in cui la
concentrazione dei gas supera i limiti stabiliti.

Nel caso vengano superati i limiti suddetti verranno spenti tutti i macchinari azionati da motori a
combustione ad eccezione dei ventilatori e gruppi per l'illuminazione.

Il personale dovrà portarsi in zone della galleria ove la concentrazione dei gas, previo controllo
strumentale, sia tale da permettere la sosta in sicurezza. Lo strumento dovrà rilevare in continuo il
mantenimento delle condizioni di sicurezza sopraddette.

Detta situazione dovrà essere mantenuta fino a quando i valori di CO e N02 scendano rispettivamente al
di sotto dei valori di 12,5 ppm e 1 ppm.

Modalità e strumentazioni necessarie per tali monitoraggi dovranno essere dettagliatamente specificate
nel Piano Operativo di Sicurezza redatto dall'impresa appaltatrice. I risultati dei controlli, con le
modalità tecniche adottate, dovranno essere tenuti a disposizione del Coordinatore per l'esecuzione e
degli organi di controllo negli uffici del cantiere. Sarà cura del Coordinatore per l'esecuzione valutare il
risultato di tali controlli e decidere, se le concentrazioni di inquinanti sono troppo elevate, di sospendere
i lavori fino a quando non siano stati ristabiliti valori accettabili.

Limitazione della temperatura

La temperatura nei posti di lavoro sotterranei dovrà essere contenuta, per mezzo della ventilazione, al di
sotto del limite massimo di 30 gradi centigradi del termometro a bulbo asciutto o 25 gradi centigradi del
termometro a bulbo bagnato.

La misura della temperatura dovrà essere effettuata all'inizio di ogni turno lavorativo.

Qualora non sia possibile mantenere la temperatura entro tali limiti, il normale lavoro potrà essere
continuato a condizione che la permanenza dei lavoratori in sotterraneo non si prolunghi oltre le 6 ore al
giorno, se la temperatura non supera 35 gradi centigradi del termometro a bulbo asciutto o 30 gradi del
termometro a bulbo bagnato.

A temperature superiori a tali limiti l'Appaltatore consentirà solo l'esecuzione di lavori urgenti di
emergenza diretti a scongiurare pericoli o lavori relativi ad operazioni di salvataggio. In tal caso il
personale addetto dovrà essere impiegato secondo orari e turni adeguati alle situazioni contingenti.

Illuminazione in sotterraneo

L’illuminazione dei passaggi e dei luoghi di lavoro è indispensabile in quanto riduce considerevolmente
l'affaticamento fisico e visivo, aumentando il comfort degli ambienti di lavoro quindi del benessere e del
66
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

rendimento dei lavoratori. Inoltre una insufficiente illuminazione è causa frequente di infortuni sul
lavoro.

A tale scopo l'Appaltatore dovrà prevedere l'installazione di un idoneo impianto di illuminazione nel
tunnel, che garantisca ovunque livelli superiori ai minimi stabiliti dalla normativa vigente;

L'impianto di illuminazione in galleria deve assicurare una conveniente uniformità di illuminazione


mediante una corretta disposizione delle sorgenti luminose.

Deve essere garantito un livello di illuminazione (indipendente dal concorso dei mezzi di illuminazione
individuale di cui debbono essere fomiti tutti gli addetti in sotterraneo) non inferiore a:

− 5 lux, in tutti i passaggi e luoghi accessibili.

− 30 lux medi sulle postazioni di lavoro.

− 50 lux medi in caso di lavorazioni comportanti specifici pericoli.

Dovranno essere inoltre installati corpi illuminanti di emergenza che entreranno automaticamente in
funzione in occasione di black-out energetico e dovrà essere predisposta una illuminazione particolare,
integrata con segnalazioni lampeggianti, nei punti dove si svolgono lavorazioni di particolare rischio.

L'impianto di illuminazione dovrà essere realizzato mediante lampade elettriche poste ad intervalli non
superiori a 20 m ed alimentate con cavi a bassa tensione. Gli involucri protettivi delle lampade dovranno

avere caratteristiche di resistenza tali da resistere agli urti (Policarbonato) o essere protetti contro gli
stessi urti.

L’Appaltatore dovrà procedere al monitoraggio strumentale dei livelli di illuminamento ed i risultati dei
controlli saranno tenuti a disposizione del Coordinatore per l'esecuzione nell'ufficio di cantiere.

La periodicità di tali verifiche dovrà essere concordata con il Coordinatore per l'esecuzione in base alle
variazioni di programma e di lavoro nel tunnel.

L’illuminazione di soccorso dovrà essere garantita da lampade portatili.

Difesa contro le polveri

Nei lavori in sotterraneo l'Appaltatore dovrà adottare sistemi di lavorazione, macchine, impianto e
dispositivi che diano luogo al minore sviluppo possibile di polveri, secondo le disposizioni di cui al
capo Vili del D.P.R. 320/56. Le polveri dovranno essere comunque eliminate il più possibile vicino ai
punti di formazione.

67
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

− La riduzione della presenza di polveri potrà avvenire anche tramite:

− Processi di lavorazione ad umido;

− Installazione di opportuni filtri sugli attrezzi di perforazione;

− Sistema di ventilazione forzata: questo dovrà consentire di diluire la frazione granulometrica che
potrebbe rimanere più a lungo in sospensione.

Nei lavori in cui vengano impiegati dei procedimenti ad umido, l’acqua utilizzata dovrà essere esente da
forme di inquinamento. Inoltre, le eventuali operazioni di bagnatura della sezione dello scavo finalizzate
all’abbattimento delle polveri depositate dovranno essere eseguite con spruzzatori e non tramite getti
violenti d'acqua.

Eventuali sostanze utilizzate per ridurre la tensione superficiale dell'acqua o per limitare la dispersione
di polveri nell'ambiente devono essere tali da non nuocere alla salute dei lavoratori.

La perforazione meccanica dovrà essere eseguita mediante macchine munite di dispositivi per
l'aspirazione delle polveri o di spruzzatori ad acqua.

Il materiale abbattuto nei cantieri dove l'escavazione sia stata eseguita in rocce asciutte e polverulente,
dovrà essere inumidito prima di essere rimosso e trasportato. Il caricamento dei dumper dovrà essere
effettuato in modo da evitare la caduta dei materiali durante il trasporto stesso.

Al fine di contenere la polverosità dell'ambiente, la velocità dell'aria forzata dal sistema di ventilazione
dovrà essere contenuta entro limiti tali da non sollevare la polvere depositata sulle pareti e sul suolo. In
alternativa ai precedenti mezzi per abbattere le poveri si potranno anche installare appositi aspiratori sul
fronte di scavo.

In ottemperanza a quanto disposto dalle norme di legge si dovrà provvedere a far eseguire da ditte
esperte del settore igiene del lavoro, rilevazioni delle concentrazioni di polveri nell'aria nei luoghi di
lavoro in sotterraneo e del contenuto in silice al fine di valutare il livello di rischio per i lavoratori
esposti. I dati provenienti dalle analisi dovranno essere tenuti nel cantiere ed esibiti a richiesta da parte
degli organi preposti.

Nel caso sorgessero delle difficoltà respiratorie per la presenza delle polveri in alcune lavorazioni, dovrà
essere previsto che il personale faccia uso di idonee maschere munite di filtri, tenute sempre in
efficienza nei luoghi di lavoro.

L'Appaltatore dovrà indicare, nel proprio Piano Operativo di Sicurezza:

68
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

− Gli accorgimenti che intende adottare al fine di ridurre la polverosità dell’aria in sotterraneo;

− Gli accorgimenti che intende adottare al fine di ridurre la generazione di polveri durante il
trasporto del materiale proveniente dagli scavi;

− Le modalità con le quali effettuerà i controlli periodici della concentrazione di polveri e del
contenuto in silice libera dell’aria.

69
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

Capitolo 4 – Rischi derivanti dalle lavorazioni previste in cantiere

Nel presente capitolo sono riportate delle misure generali di sicurezza e prevenzione relative ai rischi
che più comunemente possono derivare dalle attività di cantiere per l'appalto in esame.

Nelle istruzioni di lavoro delle imprese dovranno essere presenti almeno delle indicazioni riguardo le
misure generali di sicurezza e prevenzione relative ai rischi generali derivanti dalle principali attività di
cantiere:

− Cadute dall’alto;
− Seppellimento e/o sprofondamento;
− Calore - fiamme - esplosione;
− Variazioni eccessive di temperatura;
− Urti - colpi - impatti - compressioni;
− Punture - tagli - abrasioni;
− Vibrazioni;
− Scivolamenti - cadute a livello;
− Elettrici;
− Radiazioni non ionizzanti;
− Rumore;
− Cesoiamento - stritolamento;
− Caduta di materiale dall'alto;
− Investimento;
− Movimentazione manuale dei carichi;
− Polveri - fibre;
− Fumi - nebbie - gas - vapori;
− Getti - schizzi;
− Catrame - fumo;
− Allergeni;
− Infezioni da microrganismi;
− Amianto;
− Olii minerali e derivati;

70
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

− Agenti cancerogeni;
− Agenti biologici;

Nel seguito del capitolo si riportano delle descrizioni sintetiche dei rischi che presumibilmente possono
essere riscontrabili nel cantiere in esame, seguiti dalle misure generali di prevenzione da adottare.

Cadute dall’alto

Le perdite di stabilità dell'equilibrio di persone che possono comportare cadute da un piano di lavoro ad
un altro posto a quota inferiore (di norma con dislivello maggiore di mt. 2), devono essere impedite con
misure di prevenzione, generalmente costituite da parapetti di trattenuta applicati a tutti i lati liberi di
travi, impalcature, piattaforme, ripiani, balconi, passerelle e luoghi di lavoro o di passaggio sopraelevati.
Si dovrà, inoltre, garantire le misure e le procedure di sicurezza disposte dal Art. 131 del D.Lgs 81/08
relative all’impiego di ponteggi fissi da osservare per l’esecuzione di lavori in quota.
Tale decreto stabilisce inoltre, tre obblighi fondamentali:

1) per ciascun tipo di ponteggio,il fabbricante chiede al Ministero del lavoro e della previdenza sociale
l’autorizzazione alla costruzione ed all’impiego ;

2) la redazione da parte dell’impresa che monterà il ponteggio di un il piano di montaggio uso e


smontaggio (PiMUS),

3) la formazione obbligatoria e specifica del personale che sarà addetto al montaggio,


smontaggio e trasformazione del ponteggio.

Qualora risulti impossibile l'applicazione di tali protezioni devono essere adottate misure collettive o
personali atte ad arrestare con il minor danno possibile le cadute.

A seconda dei casi possono essere utilizzati:

− Superfici di arresto costituite da tavole in legno o materiali semirigidi;

− Reti o superfici di arresto molto deformabili;

− Dispositivi di protezione individuale di trattenuta o di arresto.


71
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

Lo spazio corrispondente al percorso di eventuale caduta deve essere reso preventivamente libero da
ostacoli capaci di interferire con le persone in caduta, causandogli danni o modificandone la traiettoria.

Le attrezzature utilizzate per svolgere attività sopraelevate rispetto al piano di calpestio devono
possedere i necessari requisiti di sicurezza e di stabilità al fine di evitare la caduta delle persone.

Per lavori di breve durata per i quali risulti difficoltoso l'approntamento tecnico delle protezioni di
caduta dall'alto, quali ponteggi etc, il personale addetto deve far uso di idonea cintura di sicurezza con
bretelle (come stabilito dall'art.386 del DPR 547/55), collegata ad una fune di trattenuta assicurata,
direttamente o mediante anello scorrevole lungo una fune appositamente tesa, a parti stabili delle opere
fìsse o provvisionali. La fune e tutti gli elementi costituenti la cintura devono avere sezioni tali da
resistere alle sollecitazioni derivanti da una eventuale caduta del lavoratore. La lunghezza della fune di
trattenuta deve essere tale da limitare la caduta entro e non oltre mt. 1,50.

Laddove specificamente previsto l'utilizzo di cinture di sicurezza nella fase di esecuzione del lavoro,
risulta obbligatoria l'esposizione dell'apposito cartello di segnalazione d'uso di tale DPI.

Seppellimento e sprofondamento

I lavori di scavo, con mezzi manuali o meccanici, devono essere preceduti da un accertamento delle
condizioni del terreno e delle opere eventualmente esistenti nella zona interessata. Devono essere
adottate tecniche di scavo adatte alle circostanze che garantiscano anche la stabilità degli edifici, delle
opere preesistenti e delle loro fondazioni.

Gli scavi devono essere realizzati e armati come richiesto dalla natura del terreno, dall’inclinazione
delle pareti e dalle altre circostanze influenti sulla stabilità ed in modo da impedire slittamenti, frane,
crolli e da resistere a spinte pericolose, causate anche da piogge, infiltrazioni, cicli di gelo e disgelo.

La messa in opera manuale o meccanica delle armature o dei sistemi di protezione (reti, spritz beton,
ecc.) deve di regola seguire immediatamente l'operazione di scavo e sporgere dal bordo dello scavo
stesso di almeno 30 cm. Devono essere predisposti percorsi e mezzi per il sicuro accesso al fondo dello
scavo e per il rapido allontanamento in caso di emergenza. La presenza di scavi aperti deve essere in
tutti i casi adeguatamente segnalata.

Sul ciglio degli scavi devono essere vietati i depositi di materiali, l'installazione di macchine pesanti o
fonti di vibrazioni e urti, il passaggio e la sosta di veicoli.

72
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

Calore -fiamme - esplosione

Nei lavori effettuati in presenza di materiali, sostanze o prodotti infiammabili, esplosivi o combustibili,
devono essere adottate le misure atte ad impedire i rischi conseguenti. In particolare:

− le attrezzature e gli impianti devono essere di tipo idoneo all'ambiente in cui si deve operare;

− le macchine, i motori e le fonti di calore eventualmente preesistenti negli ambienti devono essere
tenute inattive; gli impianti elettrici preesistenti devono essere messi mori tensione;

− non devono essere contemporaneamente eseguiti altri lavori suscettibili di innescare esplosioni
od incendi, ne introdotte fiamme libere o corpi caldi;

− gli addetti devono portare calzature ed indumenti che non consentano l'accumulo di cariche
elettrostatiche o la produzione di scintille e devono astenersi dal fumare;

− nelle immediate vicinanze devono essere predisposti estintori idonei per la classe di incendio
prevedibile;

− all'ingresso degli ambienti o alla periferie delle zone interessate dai lavori devono essere poste
scritte e segnali ricordanti il pericolo.

Nei lavori a caldo con bitumi, catrami, asfalto e simili devono essere adottate misure contro i rischi di:
traboccamento delle masse calde dagli apparecchi di riscaldamento e dai recipienti per il trasporto;
incendio; ustione.

Durante le operazioni di taglio e saldatura deve essere impedita la diffusione di particelle di metallo
incandescente al fine di evitare ustioni e focolai di incendio. Gli addetti devono fare uso degli idonei
dispositivi di protezione individuali.

Variazioni eccessive di temperatura

Deve essere evitato lo svolgimento di attività che comportino l'esposizione a temperature troppo basse o
troppo elevate per gli addetti; quando non sia possibile lavorare in condizioni climatiche confortevoli si
deve provvedere con tecniche alternative ad esempio mediante la rotazione tra gli addetti.

Naturalmente deve essere previsto un abbigliamento adeguato a tutte le situazioni.

73
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

Urti - colpi - impatti - compressioni

Tutti i materiali presenti in cantiere devono essere tenuti in maniera ordinata e tale da prevenire crolli
imprevisti.

Le attività che richiedono sforzi fisici violenti e/o repentini devono essere eliminate o ridotte anche
attraverso l'impiego di attrezzature idonee alla mansione. Gli utensili, gli attrezzi e gli apparecchi per
l'impiego manuale devono essere tenuti in buono stato di conservazione ed efficienza e quando non
utilizzati devono essere tenuti in condizioni di equilibrio stabile (es. riposti in contenitori o assicurati al
corpo dell'addetto) e non devono ingombrare posti di passaggio o di lavoro. I depositi di materiali in
cataste, pile e mucchi devono essere organizzati in modo da evitare crolli o cedimenti e permettere una
sicura e agevole movimentazione e non ostacolare la normale viabilità. Gli arredi e le attrezzature dei
locali comunque adibiti a posti di lavoro, devono essere disposti in modo da garantire la normale
circolazione delle persone.

Punture - tagli - abrasioni

Deve essere evitato il contatto del corpo dell'operatore con elementi taglienti o pungenti o comunque
capaci di procurare lesioni.

Tutti gli organi lavoratori delle apparecchiature devono essere protetti contro i contatti accidentali.

Dove non sia possibile eliminare il pericolo o non siano sufficienti le protezioni collettive (delimitazione
delle aree a rischio), devono essere impiegati i DPI idonei alla mansione (calzature di sicurezza, guanti,
grembiuli di protezioni, schermi, occhiali, etc.).

Vibrazioni
Gli articoli 199/205 e l’allegato XXXV del D.Lgs. 81/08 definiscono il campo di applicazione, le varie
definizioni i valori limite di esposizione e valori di azione, la valutazione dei rischi fatta dal datore di
lavoro e le conseguenti misure di prevenzione e protezione.
Le vibrazioni sono un fattore di rischio che viene analizzato con due diverse modalità a seconda che si
tratti di vibrazioni applicate al sistema mano-braccio o al corpo intero, essenzialmente in ragione dei
differenti effetti prodotti a seconda del loro punto di ingresso nel corpo umano.
La misurazione del livello di vibrazione si ottiene utilizzando uno strumento , l’accelerometro, applicato
all’impugnatura dell’attrezzo o al sedile della macchina monitorata. Dalla lettura e dall’interpretazione

74
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

della misura si ottiene il valore di “accelerazione equivalente”, valore medio che tiene conto delle
variazioni di frequenza e di intensità delle vibrazioni durante il tempo di misura ritenuto, dal soggetto
che effettua la misurazione, rappresentativo della lavorazione.
È noto che lavorazioni in cui si impugnino utensili vibranti o materiali sottoposti a vibrazioni o impatti,
possano indurre un insieme di disturbi neurologici e circolatori e lesioni osteoarticolari a carico degli
arti superiori.
Per quanto riguarda invece le vibrazioni trasmesse al corpo intero, nonostante lo stato attuale delle
conoscenze sulla risposta del corpo umano all’esposizione sia ancora incompleto, è possibile
affermare che quest’ultima può provocare lombalgie, lombosciatalgie, spondiloartrosi, discopatie e,
anche se più difficilmente collegabili al rischio, disturbi psicosomatici.
Come per qualsiasi altro rischio la procedura di valutazione dovrà individuare:

o soggetti esposti
o macchine a rischio utilizzate
o valori delle vibrazioni
o tempi di utilizzo

e gli esiti della valutazione dovranno essere riportati nel documento di valutazione dei rischi, elencando:

o soggetti esposti
o classi di rischio
o mansioni svolte
o macchine utilizzate
o misure di prevenzione

Il Decreto prevede che il datore di lavoro valuti i livelli di vibrazioni meccaniche a cui i lavoratori sono,
o possono essere, esposti.
La valutazione deve essere documentata in forma scritta, inoltre, quando dalla valutazione dei rischi
emerga che i valori di azione sono superati, è d’obbligo elaborare ed applicare un programma di misure
tecniche ed organizzative, volte a ridurre al minimo l’esposizione.
La valutazione del rischio derivante da vibrazioni consiste nella determinazione del livello di
esposizione a cui sono soggetti tutti i lavoratori che fanno uso di macchine o attrezzature che producono
vibrazioni interessanti il sistema mano-braccio o corpo intero.
75
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

Il decreto 81/08, dopo aver fornito le definizioni dei principali termini usati, fissa i valori di riferimento
(valori limite e valori di esposizione che fanno scattare l’azione), riportati nella tabella sottostante.

Si definisce:
Livello di azione: valore oltre il quale si ha l’obbligo di attuare misure di tutela dei lavoratori esposti,
come l’informazione, di ridurre il rischio e di attivare la sorveglianza sanitaria.
Livello limite: valore oltre il quale l’esposizione è vietata.

a) Valori limite di esposizione e valori di azione

1. Per le vibrazioni trasmesse al sistema mano-braccio:

a) il valore limite di esposizione giornaliero, normalizzato a un periodo di riferimento di 8 ore, e' fissato
a 5 m/s2; mentre su periodi brevi è pari a 20 m/s2

b) il valore d'azione giornaliero, normalizzato a un periodo di riferimento di 8 ore, che fa scattare


l'azione e' fissato a 2,5 m/s2.

2. Per le vibrazioni trasmesse al corpo intero:

a) il valore limite di esposizione giornaliero, normalizzato a un periodo di riferimento di 8 ore, e' fissato
a 1,00 m/s2; mentre su periodi brevi è pari a 0,5 m/s2

b) il valore d'azione giornaliero, normalizzato a un periodo di riferimento di 8 ore, e' fissato a 0,5 m/s2.

• Se il livello riscontrato in cantiere risulta inferiore ai livelli di azione è consigliato, a carico dei
datori di lavoro, l’informazione e la formazione ai lavoratori esposti al rischio e l’uso corretto e
sicuro delle attrezzature di lavoro e dei DPI.
• Se il livello di esposizione risulta compreso tra il livello di azione e il livello limite, oltre
all’elaborazione del programma di misure tecniche e organizzative di cui si è già accennato, il
datore di lavoro dovrà sottoporre i lavoratori a sorveglianza sanitaria tramite il medico
competente che provvederà a redigere e conservare le cartelle sanitarie e di rischio.
• Ove, infine, la valutazione evidenzi il superamento del limite di esposizione e fermo restando la
possibilità di deroga di cui all’art. 205 della norma, è indispensabile riportare il livello di
esposizione al di sotto di tale limite.

76
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

b) Metodi per effettuare la valutazione

Seguendo il metodo già sperimentato per la valutazione dell’esposizione al rischio rumore e


coerentemente a quanto indicato nelle “Linee guida per la valutazione del rischio vibrazioni negli
ambienti di lavoro” elaborate dall’ISPESL, il percorso logico per effettuare la valutazione
dell’esposizione al rischio vibrazioni può essere sintetizzato come segue:

1) Individuazione dei lavoratori esposti al rischio

2) Individuazione, per ogni lavoratore, del tempo di esposizione (giornaliero o eccezionalmente


settimanale, ma comunque rappresentativo del periodo di maggior esposizione in relazione
alle effettive situazioni di lavoro).

3) Individuazione (marca e tipo) delle singole macchine o attrezzature utilizzate.

4) Individuazione, in relazione alle macchine ed attrezzature utilizzate, del livello di


esposizione durante l’utilizzo delle stesse.

5) Determinazione del livello di esposizione giornaliero normalizzato al periodo di riferimento


di 8 ore.

c) Individuazione dei lavoratori a rischio

L’individuazione discende dalla conoscenza delle mansioni espletate dal singolo lavoratore;

d) Individuazione del tempo di esposizione

Il tempo di esposizione al rischio vibrazioni dipende, per ciascun lavoratore, dalle effettive situazioni di
lavoro.
L’impresa deve determinare l’effettivo tempo di esposizione al livello di vibrazioni che tenga conto
delle metodologie di lavoro adottate (periodi di funzionamento a vuoto o a carico ridotto, o per altri
motivi).

77
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

e) Individuazione degli attrezzi e macchine che possono indurre vibrazioni

Nel documento di valutazione dovranno essere riportate, per ogni lavoratore le informazioni relative
all’attrezzo e/o macchina adoperati:

1. Tipo di lavorazione
2. Categoria della macchina o attrezzo
3. Marca
4. Modello
5. Materiale lavorato
6. Tipo di vibrazioni esaminato

f) Individuazione del livello di vibrazioni indotte dalle singole macchine e/o attrezzature
utilizzate

Il metodo più sicuro e preciso per individuare il livello di vibrazioni indotte sul sistema manobraccio o
sul corpo intero, è quello di procedere a specifiche misurazioni nelle condizioni effettive di uso delle
singole macchine o attrezzature utilizzate, adottando a tal fine le metodologie di cui alle norme ISO
5349-1 e ISO 2631-1.
“Nell'assolvere gli obblighi stabiliti decreto legislativo 81/08, il datore di lavoro valuta e, nel caso non
siano disponibili informazioni relative ai livelli di vibrazione presso banche dati dell'ISPESL, delle
regioni o del CNR o direttamente presso i produttori o fornitori, misura i livelli di vibrazioni
meccaniche a cui i lavoratori sono esposti” n
Per quanto concerne le informazioni fornite dal fabbricante, l’indicazione dei valori è obbligatoria in
virtù del DPR n 459/96 nel caso in cui si superino i 2,5 m/sec2 per le vibrazioni mano-braccio e i 0,5
m/sec2 per quelle trasmesse al corpo intero. Occorre però notare che, il dato fornito dal fabbricante
(“valore dichiarato” nella Banca dati ISPESL) non è utilizzabile se non prima corretto di
un fattore indicato nella “Guida all’utilizzo della Banca dati Vibrazioni”. Nella guida sono presenti i
fattori di correzione per ogni attrezzatura che interessa il sistema mano-braccio (Banca dati ISPESL -
schede 4, 5 e 6).
Per quanto riguarda le vibrazioni che interessano il corpo intero, a volte i valori dichiarati dal
fabbricante sono superiori di quelli misurati. È possibile che le misurazioni su campo non siano state

78
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

condotte in modo corretto o seguendo normative di prova diverse da quelle prescritte dalla ISO 5349-1 o
dalla ISO 2631 - 1.
Ove non si faccia ricorso a specifiche misurazioni, ci si potrà trovare di fronte a varie situazioni per
ciascuna delle quali suggeriamo le possibili soluzioni.
Caso 1
Per la macchina o l’attrezzo interessati, sono disponibili sulla banca dati ISPESL i valori di
vibrazione misurati in condizioni d’uso rapportabili a quelle di cantiere.
In tal caso saranno assunti i valori riportati in banca dati.

Caso 2
Per la macchina o l’attrezzo interessati, non sono direttamente disponibili i valori in opera nella banca
dati; viceversa sono disponibili i dati forniti dal fabbricante (riportati nelle schede macchina con la
dizione “valori dichiarati”).
In tal caso, salva la programmazione di successive misure di controllo in opera, si assumerà quale valore
di accelerazione in opera quello indicato dal fabbricante, maggiorato:
¾ per quanto riguarda le attrezzature che comportano vibrazioni mano-braccio con il coefficiente
di correzione della banca dati ISPESL (come accennato al punto 3.4)
¾ per quanto riguarda le attrezzature che comportano vibrazioni al corpo intero di una percentuale
(valutata dall’impresa) che tenga conto dell’età della macchina, del livello di manutenzione,
delle condizioni di utilizzo, etc.

L’ISPESL prescrive di non utilizzare i dati forniti dal fabbricante nei seguenti casi:

¾ il macchinario non è usato in maniera conforme a quanto indicato dal costruttore;


¾ il macchinario non è in buone condizioni di manutenzione;
¾ il macchinario è usato in condizioni operative differenti da quelle indicate alle tabelle 4-5-6;
¾ il macchinario non è uguale a quello indicato in banca dati (differente marca – modello).

Caso 3
Per la macchina o l’attrezzo interessati, non sono disponibili informazioni nella banca dati o da parte del
fabbricante; sono però disponibili dati di macchinari o attrezzature simili (stessa categoria,
stessa potenza).

79
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

In tal caso, salva la programmazione di successive misure di controllo in opera, può essere assunto quale
valore base per effettuare la valutazione quello di una macchina simile (stessa categoria, stessa potenza)
eventualmente maggiorato di una percentuale (valutata dall’impresa) che tenga conto dell’età della
macchina, del livello di manutenzione, delle condizioni di utilizzo, etc.

Caso 4
Per la macchina o l’attrezzo interessati, non sono disponibili informazioni nella banca dati o da parte del
fabbricante, e neppure dati di macchine simili (stessa categoria, stessa potenza).
In tal caso si assumerà quale valore base per effettuare la valutazione, quello peggiore dell’attrezzatura
dello stesso genere presente in banca dati, eventualmente maggiorato di una percentuale (valutata
dall’impresa) che tenga conto delle differenze tra le due attrezzature, dell’età,
del livello di manutenzione, delle condizioni di utilizzo, etc.

Scivolamenti - cadute a livello

I percorsi per la movimentazione dei carichi ed il dislocamento dei depositi devono essere scelti in
modo da evitare quanto più possibile le interferenze con zone in cui si trovano persone.

I percorsi pedonali interni al cantiere devono sempre essere mantenuti sgombri da attrezzature,
materiali, macerie o altro capace di ostacolare il cammino degli operatori. Tutti gli addetti devono
indossare calzature idonee in relazione all'attività svolta. Per ogni postazione di lavoro è necessario
individuare la via di fuga più vicina. Deve altresì provvedersi per il sicuro accesso ai posti di lavoro in
piano, in elevazione e in profondità. Le vie d'accesso al cantiere e quelle corrispondenti ai percorsi
intemi devono essere illuminate secondo le necessità diurne e notturne.

Elettrici

Le prese di corrente devono essere localizzate in modo da non costituire intralcio alla normale
circolazione o attività lavorativa e da non essere danneggiate.

Prima di iniziare le attività deve essere effettuata una ricognizione dei luoghi dei lavori al fine di
individuare la eventuale esistenza di linee elettriche aeree o interrate e stabilire le idonee precauzioni per
evitare possibili contatti diretti o indiretti con elementi in tensione.

80
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

I percorsi e la profondità delle linee interrate o in cunicolo in tensione devono essere rilevati e segnalati
in superficie quando interessano direttamente la zona di lavoro. Devono essere altresì formulate apposite
e dettagliate istruzioni scritte per i preposti e gli addetti ai lavori in prossimità di linee elettriche.

La scelta degli impianti e delle attrezzature elettriche per le attività edili deve essere effettuata in
funzione dello specifico ambiente di lavoro, verificandone la conformità alle norme di Legge e di buona
tecnica.

L'impianto elettrico di cantiere deve essere sempre progettato e deve essere redatto in forma scritta nei
casi previsti dalla Legge; l'esecuzione, la manutenzione e la riparazione dello stesso deve essere
effettuata da personale qualificato, che deve rilasciare il certificato di conformità.

Radiazioni non ionizzanti

I posti di lavoro in cui si effettuano lavori di saldatura, taglio termico e altre attività che comportano
l'emissione di radiazioni e/o calore devono essere opportunamente protetti, delimitati e segnalati. I
lavoratori presenti nelle aree di lavoro devono essere informati sui rischi in modo tale da evitare
l’esposizione accidentale alle radiazioni suddette.

Gli addetti devono essere adeguatamente informati/formati, utilizzare i DPI. idonei ed essere sottoposti
a sorveglianza sanitaria.

Rumore

II cantiere è un luogo di lavoro dove il rumore, anche a bassa intensità, è sempre presente; pertanto sul
cantiere vige l’obbligo di misurarne il livello e, se tale livello come in preminenza accade supera il
valore limite di Lex,8h=80dB(A) ppeak=135 db(C) e , scatta l'obbligo di adottare gli ulteriori adempimenti
che il decreto 81/08 al Titolo VIII Capo II prescrive.

Inoltre il decreto esige che i valori del rumore siano rispondenti alla effettiva situazione lavorativa; ne
consegue che tali valori vanno attualizzati al variare delle condizioni lavorative.

Dati attendibili e validi per l'applicazione della vigente normativa sono ritenuti i livelli sonori
equivalenti Leq delle lavorazioni edili riportati nella “Tabella del rumore industria edile e genio civile”
emessa dall’INSAI (Istituto Nazionale Svizzero Assicurazioni Infortuni).

Il documento previsto dal D.Lgs. 81/08, che dovrà essere approntato dal datore di lavoro, consiste in una
relazione tecnica delle indagini ambientali per la valutazione del rischio di esposizione al rumore ed in
81
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

un sintetico commento che reca delle indicazioni di ordine preventivo. L’intero documento costituirà
parte integrante del rapporto di valutazione del rumore previsto dalla normativa che l'impresa dovrà
tenere aggiornato nel tempo, includendovi:

− una copia di questo documento;

− l’elenco nominativo aggiornato dei lavoratori, suddivisi, a seconda delle mansioni espletate,
nelle quattro fasce di rischio previste dal Decreto;

− la documentazione su informazione-formazione (nozione del rumore industriale, elementi di


protezione, ordini di servizio, opuscoli, incontri con docenti, norme da seguire nell'uso degli
otoprotettori, etc.) fornita di volta in volta ai dipendenti;

− le eventuali indagini successive (spostamenti del cantiere, adozione di nuovi macchinari, etc.);

− l’elenco delle bonifiche ambientali di volta in volta adottate;

− la documentazione sul tipo di otoprotettori scelti (cuffie, tappi);

− la presa d'atto di conoscenza del documento da parte dei lavoratori (o dei loro rappresentanti),
nonché del medico competente che li segue per le visite preventive periodiche;

− la documentazione sui rapporti con la USL competente per territorio e con gli altri eventuali enti
istituzionali (ISPESL, Ispettorato del lavoro, ecc.).

Allo scopo di offrire uno strumento operativo semplice e logico, si riportano di seguito ed in dettaglio
tutte le varie fasi della valutazione della rumorosità e dei rischi ad essa collegati.

g) Analisi delle situazioni lavorative

− Descrizione delle varie attività lavorative svolte nel cantiere;

− Suddivisione per fasi lavorative e per attività, individuando per ogni attività le macchine,
apparecchiature od impianti utilizzati che costituiscono potenziali fonti di rumore;

− Individuazione dei soggetti e dei gruppi omogenei su cui sviluppare le indagini strumentali
specifiche.

82
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

h) Valori limite di esposizione e valori di azione

− Valori limite di esposizione rispettivamente LEX,8h= 87 dB(A) e ppeak= 200 Pa (140 dB(C) riferito
a 20 (micro)Pa);

− Valori superiori di azione: rispettivamente LEX,8h= 85 dB(A) e ppeak= 140 Pa (137 dB(C) riferito a
20 (micro)Pa);

− Valori inferiori di azione: rispettivamente LEX,8h= 80 dB(A) e ppeak= 112 Pa (135 dB(C) riferito
a 20 (micro)Pa).

Il decreto 81/08 all’art.189 comma 2 specifica inoltre che, nel caso in cui le caratteristiche
intrinseche della attività lavorativa l'esposizione giornaliera al rumore varia significativamente, da
una giornata di lavoro all'altra, e' possibile sostituire, ai fini dell'applicazione dei valori limite di
esposizione e dei valori di azione, il livello di esposizione giornaliera al rumore con il livello di
esposizione settimanale a condizione che:

1. il livello di esposizione settimanale al rumore, come dimostrato da un controllo idoneo, non


ecceda il valore limite di esposizione di 87 dB(A);

2. siano adottate le adeguate misure per ridurre al minimo i rischi associati a tali attività.

Si rammenta infine che le attrezzature devono essere correttamente mantenute e utilizzate in conformità
alle indicazioni del fabbricante al fine di limitarne la rumorosità eccessiva. Durante il funzionamento gli
schermi e le paratie delle attrezzature devono essere mantenute chiuse e dovranno essere evitati i rumori
inutili. Quando il rumore di una lavorazione o di una attrezzatura non può essere eliminato o ridotto, si
devono porre in essere protezioni collettive quali la delimitazione dell'area interessata e/o la posa in
opera di schermature supplementari della fonte di rumore. Se la rumorosità non è diversamente
abbattibile è necessario adottare i dispositivi di protezione individuali conformi a quanto indicato nel
rapporto di valutazione del rumore e prevedere la rotazione degli addetti alle mansioni rumorose.

83
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

Cesoiamento - stritolamento

II cesoiamento e lo stritolamento di persone tra parti mobili di macchine e parti fìsse delle medesime o
di opere, strutture provvisionali o altro, deve essere impedito limitando con mezzi materiali il percorso
delle parti mobili o segregando stabilmente la zona pericolosa. Qualora ciò non risulti possibile deve
essere installata una segnaletica appropriata e devono essere osservate opportune distanze di rispetto;
ove del caso devono essere disposti comandi di arresto di emergenza in corrispondenza dei punti di
potenziale pericolo.

Caduta di materiale dall’alto

Le perdite di stabilità incontrollate dell'equilibrio di masse materiali in posizione ferma o nel corso di
maneggio e trasporto manuale o meccanico ed i conseguenti moti di crollo, scorrimento, caduta inclinata
su pendii o verticale nel vuoto devono, di regola, essere impediti mediante la corretta sistemazione delle
masse o attraverso l'adozione di misure atte a trattenere i corpi in relazione alla loro natura, forma e
peso.

Gli effetti dannosi conseguenti alla possibile caduta di masse materiali su persone o cose devono essere
eliminati mediante dispositivi rigidi o elastici di arresto aventi robustezza, forme e dimensioni
proporzionate alle caratteristiche dei corpi in caduta.

Quando i dispositivi di trattenuta o di arresto risultino mancanti o insufficienti, deve essere impedito
l'accesso involontario alle zone di prevedibile caduta, segnalando convenientemente la natura del
pericolo. Tutti gli addetti devono comunque fare uso dell'elmetto di protezione personale.

Investimento

Per l'accesso al cantiere degli addetti ai lavori e dei mezzi di lavoro devono essere predisposti percorsi
sicuri. Deve essere comunque sempre impedito l'accesso di estranei alle zone di lavoro.

All'intemo del cantiere la circolazione degli automezzi e delle macchine semoventi deve essere regolata
con norme il più possibile simili a quelle della circolazione sulle strade pubbliche e la velocità deve
essere limitata a seconda delle caratteristiche e condizioni dei percorsi e dei mezzi.

Per l'accesso degli addetti ai rispettivi luoghi di lavoro devono essere approntati percorsi sicuri e,
quando necessario, separati da quelli dei mezzi meccanici.

Le vie d'accesso al cantiere e quelle corrispondenti ai percorsi interni devono essere illuminate secondo
le necessità diurne o notturne e mantenute costantemente in condizioni soddisfacenti.
84
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

Movimentazione manuale dei carichi

La movimentazione manuale dei carichi deve essere ridotta al minimo e razionalizzata al fine di non
richiedere un eccessivo impegno fisico del personale addetto.

In ogni caso è opportuno ricorrere ad accorgimenti quali la movimentazione ausiliata o la ripartizione


del carico. Il carico da movimentare deve essere facilmente afferrabile e non deve presentare
caratteristiche tali da provocare lesioni al corpo dell'operatore, anche in funzione della tipologia della
lavorazione.

In relazione alle caratteristiche ed entità dei carichi, l'attività di movimentazione manuale deve essere
preceduta ed accompagnata da una adeguata azione di informazione e formazione, previo accertamento,
per attività non sporadiche, delle condizioni di salute degli addetti.

Polveri -fibre

Nelle lavorazioni che prevedono l'impiego di materiali in grana minuta o in polvere oppure fibrosi e nei
lavori che comportano l'emissione di polveri o fibre dei materiali lavorati, la produzione e/o la
diffusione delle stesse deve essere ridotta al minimo utilizzando tecniche e attrezzature idonee.

Le polveri e le fibre captate e quelle depositatesi, se dannose, devono essere sollecitamente raccolte ed
eliminate con i mezzi e gli accorgimenti richiesti dalla loro natura.

Qualora la quantità di polveri o fibre presenti superi i limiti tollerati e comunque nelle operazioni di
raccolta ed allontanamento di quantità importanti delle stesse, devono essere fomiti ed utilizzati
indumenti di lavoro e DPI idonei alle attività ed eventualmente, ove richiesto, il personale interessato
deve essere sottoposto a sorveglianza sanitaria.

Fumi - nebbie - gas - vapori

Nei lavori a freddo o a caldo, eseguiti a mano o con apparecchi, con materiali, sostanze e prodotti che
possono dar luogo, da soli o in combinazione, a sviluppo di gas, vapori, nebbie, aerosol e simili, dannosi
alla salute, devono essere adottati provvedimenti atti a impedire che la concentrazione di inquinanti
nell'aria superi il valore massimo tollerato indicato nelle norme vigenti. La diminuzione della
concentrazione può anche essere ottenuta con mezzi di ventilazione generale o con mezzi di aspirazione
localizzata seguita da abbattimento.

85
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

In ambienti confinati deve essere effettuato il controllo del tenore di ossigeno, procedendo
all'insufflamento di aria pura secondo le necessità riscontrate o utilizzando i DPI adeguati all'agente.

Deve comunque essere organizzato il rapido deflusso del personale per i casi di emergenza.

Qualora sia accertata o sia da temere la presenza o la possibilità di produzione di gas tossici o asfissianti
o la irrespirabilità dell'aria ambiente e non sia possibile assicurare una efficace aerazione ed una
completa bonifica, gli addetti ai lavori devono essere provvisti di idonei respiratori dotati di sufficiente
autonomia. Deve inoltre sempre essere garantito il continuo collegamento con persone all’esterno in
grado di intervenire prontamente nei casi di emergenza.

Getti - schizzi

Nei lavori a freddo e a caldo, eseguiti a mano o con apparecchi, con materiali, sostanze e prodotti che
danno luogo a getti e schizzi dannosi per la salute devono essere adottati provvedimenti atti ad
impedirne la propagazione nell'ambiente di lavoro, circoscrivendo la zona di intervento. Gli addetti
devono indossare adeguati indumenti di lavoro e utilizzare i DPI necessari.

Catrame -fumo

Nei lavori a caldo con bitumi, catrami, asfalto e simili devono essere adottate misure contro i rischi di:
traboccamento delle masse calde dagli apparecchi di riscaldamento e dai recipienti per il trasporto;
incendio; ustione; diffusione di vapori pericolosi o nocivi.

I trasportatori, i vagli, le tramogge, gli scarichi dei forni di essiccamento del pietrisco devono essere
costruiti o protetti in modo da evitare la produzione e la diffusione di polveri e vapori oltre i limiti
ammessi. L’aria uscente dall'apparecchiatura deve essere guidata in modo da evitare che investa posti di
lavoro.

Gli addetti allo spargimento manuale devono fare uso di occhiali o schemi facciali, guanti, scarpe e
indumenti di protezione. Tutti gli addetti devono comunque utilizzare i DPI per la protezione delle vie
respiratorie ed essere sottoposti a sorveglianza sanitaria.

86
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

Allergeni

Tra le sostanze utilizzate in edilizia, alcune sono capaci di azioni allergizzanti (riniti, congiuntiviti,
dermatiti allergiche da contatto). I fattori favorenti l'azione allergizzante sono: brusche variazioni di
temperatura, azione disidratante e lipolitica dei solventi e dei leganti, presenza di sostanze vasoattive. La
sorveglianza sanitaria va attivata in presenza di sintomi sospetti anche in considerazione dei fattori
personali di predisposizione a contrarre questi tipi di affezione. In tutti i casi occorre evitare il contatto
diretto di parti del corpo con materiali resinosi, polverulenti, liquidi, aerosoli e con prodotti chimici in
genere, utilizzando indumenti da lavoro e DPI appropriati (guanti, maschere, occhiali etc.).

L'appaltatore dovrà indicare nel piano operativo di sicurezza tutti i materiali allergenici di cui si preveda
l'uso in cantiere e dovrà inoltre comunicarlo al Coordinatore per l’esecuzione.

Infezioni da microrganismi

Prima dell'inizio dei lavori di bonifica deve essere eseguito un esame della zona e devono essere assunte
informazioni per accertare la natura e l'entità dei rischi presenti nell'ambiente e l'esistenza di eventuali
malattie endemiche.

Sulla base dei dati particolari rilevati e di quelli generali per lavori di bonifica, deve essere approntato
un programma tecnico-sanitario con la determinazione delle misure da adottare in ordine di priorità per
la sicurezza e l'igiene degli addetti nei posti di lavoro e nelle installazioni igienico assistenziali, da
divulgare nell'ambito delle attività di informazione e formazione.

Quando si fa uso di mezzi chimici per l'eliminazione di insetti o altro, si devono seguire le indicazioni
dei produttori. L'applicazione deve essere effettuata solamente da persone ben istruite e protette. La
zona trattata deve essere segnalata con le indicazioni di pericolo e di divieto di accesso fino alla
scadenza del periodo di tempo indicato. Gli addetti devono essere sottoposti a sorveglianza sanitaria e
devono utilizzare indumenti protettivi e DPI appropriati.

Amianto

In caso di attività di demolizione o rimozione dell'amianto o di materiali contenenti amianto da edifici,


strutture, o altro, il datore di lavoro prima dell'inizio dei lavori (D.M. 6 settembre 1994) deve
predisporre un piano di lavoro con le misure necessarie per garantire sicurezza e salute dei lavoratori e
protezione dell'ambiente esterno.

87
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

Tale piano deve prevedere la rimozione dell'amianto prima della demolizione, la fornitura di mezzi
individuali di protezione ai lavoratori, misure "adeguate" di protezione e decontaminazione del
personale incaricato dei lavori, misure per la protezione di terzi e per lo smaltimento e raccolta dei
materiali secondo le vigenti procedure di legge.

Copia del piano deve essere inviata alla ASL con informazioni sulla durata presumibile dei lavori, luogo
ove questi verranno effettuati, tecniche lavorative attuate per la rimozione dell'amianto, natura
dell'amianto e caratteristiche degli impianti da utilizzare per la decontaminazione, nonché indicazioni
sui materiali previsti per le operazioni di decoibentazione. Se l'organo di vigilanza non emana
prescrizioni entro 90 giorni i lavori possono essere effettuati. Inoltre, i lavoratori hanno accesso alla
documentazione che riguarda il piano di lavoro.

La documentazione che deve essere esibita in caso di smaltimento di manufatti contenenti amianto è la
seguente:

1) Capitolato delle spese relativamente alla gestione dei rifiuti;

2) Analisi dei campioni dei rifiuti;

3) Autorizzazione allo stoccaggio provvisorio;

4) Registro di carico e scarico;

5) Contratto con la ditta autorizzata allo smaltimento con indicazione della frequenza del ritiro dei

6) rifiuti;

7) Copia dell'autorizzazione regionale al trasporto, trattamento e stoccaggio dei rifiuti tossici e

8) nocivi;

9) Formulario d'identificazione dei rifiuti tossici e nocivi contenente, tra l'altro, le caratteristiche

10) fisico-chimiche ed il peso dei rifiuti, la denominazione della ditta autorizzata, la ragione sociale

11) del produttore, il luogo di produzione, il destinatario ed il luogo di destinazione;

12) Copia dell'autorizzazione regionale alla discarica.

Particolari cautele sono infine stabilite allorché sia prevedibile una esposizione con superamento dei

valori limite:

− Fornitura di indumenti adeguati di protezione;

− Rigoroso isolamento dell'area di lavoro con installazione di filtri assoluti;


88
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

− Affissione di appositi cartelli segnaletici nei dintorni del manufatto interessato

(es. “ATTENZIONE - ZONA AD ALTO RISCHIO - POSSIBILE PRESENZA DI POLVERE DI


AMIANTO IN CONCENTRAZIONE SUPERIORE AI VALORI LIMITE DI ESPOSIZIONE”);

− Predisposizione di apposito piano di lavoro da trasmettere all'organo di vigilanza.

Per quanto riguarda l'etichettatura, i prodotti contenenti amianto o il loro imballaggio devono essere
muniti di una etichetta chiaramente leggibile ed indelebile comportante il simbolo "a", l'indicazione dei
relativi pericoli, le istruzioni di sicurezza.

Se il prodotto contiene crocidolite, deve essere specificato: “contiene crocidolite/amianto blu”.

Inoltre per l'amianto è obbligatoria l'applicazione delle norme di imballaggio ed etichettatura con le
indicazioni stabilite dal D.M. 16 febbraio 1993 e sottoriportate:

NOME Amianto
Formula
Gas. n. 12001-28-4
CEE n. 650-013-00-6
Note
Classificazione Care. Cat. 1
(R 45) Può provocare il cancro
(R 48/23) Tossico: pericolo di gravi danni alla salute in caso di esposizione prolungata per inalazione
Etichettatura (S 53) Evitare l'esposizione - Procurarsi speciali istruzioni prima dell’uso
(S 45) In caso di malessere o di incidente consultare il medico (se possibile
mostrargli l’etichetta)
Per quanto riguarda i campionamenti dell'aria ambientale, questi sono regolati dall'allegato V del citato
decreto; è stabilito che i campionamenti debbano essere effettuati da personale qualificato ed i campioni
debbano essere analizzati in microscopia ottica a contrasto di fase in laboratori autorizzati essendo
considerate solo le fibre regolamentate.

Sorveglianza sanitaria e dispositivi di protezione individuale

La sorveglianza sanitaria del personale esposto ad amianto è regolamentata dal D.P.R. n. 1124/1965 e
dal D.M. 21 gennaio 1987, che stabiliscono, il primo, la periodicità annuale del controllo sanitario degli
esposti e l'esecuzione di un accertamento radiografico annuale nonché il tipo di scheda medica da
utilizzare per i controlli del personale ed il modello di giudizio di idoneità da adottare. Il secondo
89
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

decreto stabilisce che l'accertamento radiografico annuale possa essere sostituito dalla ricerca di almeno
tre dei seguenti indicatori:

− Prove di funzionalità respiratoria (insufficienza ventilatoria restrittiva);

− Ricerca dei siderociti nell'espettorato;

− Ricerca di rantolini crepitanti basilari molto fini e persistenti;

− Compromissione della diffusione alveolo-capillare dei gas (emogasanalisi);

− Corpuscoli dell'asbesto nell'espettorato.

Le visite mediche sono effettuate da parte del medico competente).

Il medico competente istituisce ed aggiorna la cartella sanitaria e di rischio, fornisce informazioni ai


lavoratori sul significato dei controlli sanitari e sul loro stato di salute, visita gli ambienti di lavoro
almeno due volte l'anno e partecipa alla programmazione del controllo dell'esposizione dei lavoratori.
Inoltre, esprime i giudizi di idoneità specifica e fornisce parere sull'allontanamento temporaneo dei
lavoratori. Contro tale parere è ammesso ricorso, entro 30 giorni dalla comunicazione, all'organo di
vigilanza

La tipologia, periodicità e modalità dei controlli sanitari sono descritte negli artt. 140-151 del D.P.R.n.
1124/1965.

Norme e procedure per l'espressione del giudizio di idoneità nonché l'eventuale procedura di appello
vengono descritte negli artt. 163-174 del D.P.R. n. 1124/1965. L'accertamento collegiale, previsto, del
resto dal comma 5, dell'ari 157, deve essere attivato tramite apposita richiesta del lavoratore da
effettuarsi entro 30 giorni dal ricevimento del giudizio di idoneità.

E' consigliata l'utilizzazione dei seguenti mezzi di protezione personale:

− Tuta integrale monouso con cappuccio;

− Soprascarpe monouso;

− Guanti di protezione con resistenza all'usura adeguata ai lavori da svolgere;

− Maschere respiratorie dotate di filtro antipolvere almeno P3 preferibilmente a facciale totale e


con fattore di protezione non inferiore a 400; sono preferibili autorespiratori o maschere
collegate con una sorgente d'aria non contaminata mantenuta in sovrapressione in caso di
esposizione a quantità rilevanti di fibre. Le maschere devono essere pulite ogni volta che devono

90
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

essere utilizzate, e dovrebbero essere raccolte, alla fine di ogni turno di lavoro, nella parte pulita
delle docce di una unità di decontaminazione.

Gli addetti alla bonifica non dovrebbero avere barba, baffi o basette se utilizzano respiratori (per
possibile perdita di tenuta del mezzo di protezione).

Sui facciali filtranti, vi è un giudizio sostanzialmente negativo espresso da molti istituti (NIOSH, EPA
ed HSE in Inghilterra vietano l’uso di tali mezzi in presenza di lavorazioni che espongono al rischio di
amianto). Il NIOSH fornisce le seguenti indicazioni:

− Conc/amianto fino a 10 volte il limite consentito dalle norme (0,2 ff/cm3) = semimaschera con
filtro ad alta efficienza

− Conc/amianto fino a 50 volte il limite consentito = maschera intera con filtro ad alta efficienza

− Conc/amianto fino a 100 volte il limite consentito = elettrorespiratore con filtro ad alta efficienza

Misure di sicurezza da rispettare durante gli interventi di bonifica

I lavori di bonifica di materiali friabili contenenti amianto dovranno essere eseguiti attenendosi alle
raccomandazioni contenute nei punti seguenti:

1) Allestimento del cantiere

Se l’ambiente in cui avviene la rimozione non è naturalmente confinato, occorre provvedere alla
realizzazione di un confinamento artificiale con idonei divisori.

Prima dell'inizio del lavoro, la zona dovrà essere sgombrata da tutti i mobili e le attrezzature che
possono essere rimossi.

Tutti le attrezzature che non possono essere spostate devono essere completamente ricoperti con fogli di
plastica di spessore adeguato ed accuratamente sigillati sul posto.

Tutte le armature per l'illuminazione presente devono essere tolte.

Devono essere asportati tutti gli equipaggiamenti di ventilazione e riscaldamento e altri elementi
smontabili, puliti e tolti dalla zona di lavoro.

Tutti gli oggetti inamovibili devono essere sigillati, in modo tale che non vengano danneggiati e/o
contaminati durante il lavoro.

91
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

Devono essere rimossi tutti i filtri dei sistemi di riscaldamento, ventilazione e condizionamento
eventualmente presenti. I filtri sostituiti vanno posti in sacchi sigillati di plastica per essere smaltiti
come rifiuti contenenti amianto.

Il pavimento dell'area di lavoro dovrà essere ricoperto con uno o più fogli di polietilene di spessore
adeguato. Le giunzioni saranno unite con nastro impermeabile; la copertura del pavimento dovrà
estendersi alla parete per almeno 500 mm.

Tutte le pareti della zona di lavoro saranno ricoperte con fogli di polietilene di spessore adeguato e
sigillate sul posto con nastro a prova di umidità.

Tutte le barriere di fogli di plastica e l'isolamento della zona vanno mantenuti durante tutta la
preparazione del lavoro.

Bisognerà effettuare ispezioni periodiche per assicurare che le barriere siano funzionanti.

Tutti i cavedii e le altre possibili comunicazioni per il passaggio di cavi, tubazioni, ecc. devono essere
individuati e sigillati. I bordi delle barriere temporanee, i fori e le fessure vanno tamponati con silicone
o schiume espanse. Porte e finestre vanno sigillate applicando prima nastro adesivo sui bordi e
coprendole successivamente con un telo di polietilene di superfìcie più estesa delle aperture.

Deve essere predisposta un'uscita di sicurezza per consentire una rapida via di fuga, realizzata con
accorgimenti tali da non compromettere l'isolamento dell'area di lavoro (ad es. telo di polietilene da
tagliare in caso di emergenza). Deve essere installato un impianto temporaneo di alimentazione elettrica,
di tipo stagno e collegato alla messa a terra. I cavi devono essere disposti in modo da non creare
intralcio al lavoro e non essere danneggiati accidentalmente.

Per realizzare un efficace isolamento dell'area di lavoro è necessario, oltre all'installazione delle barriere
(confinamento statico), l'impiego di un sistema di estrazione dell'aria che metta in depressione il cantiere
di bonifica rispetto all'esterno (confinamento dinamico). Il sistema di estrazione deve garantire un
gradiente di pressione tale che, attraverso i percorsi di accesso al cantiere e le inevitabili imperfezioni
delle barriere di confinamento, si verifichi un flusso d'aria dall’esterno verso l'interno del cantiere in
modo da evitare qualsiasi fuoriuscita di fibre. Nello stesso tempo questo sistema garantisce il
rinnovamento dell'aria e riduce la concentrazione delle fibre di amianto aerodisperse all'interno dell'area
di lavoro.

L'aria aspirata deve essere espulsa all'esterno dell'area di lavoro, quando possibile fuori dall'edificio.

92
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

L’uscita del sistema di aspirazione deve attraversare le barriere di confinamento; l'integrità delle barriere
deve essere mantenuta sigillando i teli di polietilene con nastro adesivo intorno all'estrattore o al tubo di
uscita.

L'aria inquinata aspirata dagli estrattori deve essere efficacemente filtrata prima di essere emessa
all'esterno del cantiere.

Gli estrattori devono essere muniti di un filtro HEPA (alta efficienza: 99.97.DOP).

Gli estrattori devono essere messi in funzione prima che qualsiasi materiale contenente amianto venga
manomesso e devono funzionare ininterrottamente (24 ore su 24) per mantenere il confinamento
dinamico fino a che la decontaminazione dell'area di lavoro non sia completa. Non devono essere spenti
alla fine del turno di lavoro ne durante le eventuali pause.

In caso di interruzione di corrente o di qualsiasi altra causa accidentale che provochi l'arresto degli
estrattori, l'attività di rimozione deve essere interrotta; tutti i materiali di amianto già rimossi e caduti
devono essere insaccati finché sono umidi.

L'estrattore deve essere provvisto di un manometro che consenta di determinare quando i filtri devono
essere sostituiti.

Il cambio dei filtri deve avvenire all'interno dell'area di lavoro, ad opera di personale munito di mezzi di
protezione individuale per l'amianto.

Tutti i filtri usati devono essere insaccati e trattati come rifiuti contaminati da amianto.

2) Collaudo del cantiere

Dopo che è stato completato l’allestimento del cantiere, compresa l'installazione dell’unità di
decontaminazione e prima dell'inizio di qualsiasi operazione che comporti la manomissione
dell'amianto, i sistemi di confinamento devono essere collaudati mediante prove di tenuta.

a) Prova della tenuta con fumogeni

Ad estrattori spenti l'area di lavoro viene saturata con un fumogeno e si osservano, dall'esterno del
cantiere, le eventuali fuoriuscite di fumo. Occorre ispezionare, a seconda delle situazioni le barriere di
confinamento, il perimetro esterno dell'edificio, il piano sovrastante. Tutte le falle individuate vanno
sigillate dall'interno.

b) Collaudo della depressione

93
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

Si accendono gli estrattori uno alla volta e si osservano i teli di plastica delle barriere di confinamento:
questi devono rigonfiarsi leggermente formando un ventre rivolto verso l'interno dell'area di lavoro. La
direzione del flusso dell'aria viene verificata utilizzando fìalette fumogene. Il test deve essere effettuato,
in particolare, all'esterno del cantiere, in prossimità delle eventuali aperture per l'immissione passiva di
aria e nei locali dell'unità di decontaminazione, in condizioni di quiete e durante l'apertura delle porte. Si
deve osservare che il fumo venga sempre richiamato verso l'interno dell'area di lavoro. La misura della
depressione può essere effettuata con un manometro differenziale, munito di due sonde che vengono
collocate una all'interno e l'altra all'esterno dell'area di lavoro.

Tecniche di rimozione

A meno di specifiche controindicazioni tecniche, di norma, la rimozione dell'amianto deve avvenire ad


umido. Per l'imbibizione del materiale possono essere usati agenti surfattanti (soluzioni acquose di etere
ed estere di poliossietilene) o impregnanti (prodotti vinil-acrilici comunemente usati per
l’incapsulamento).

Generalmente è sufficiente bagnare l'amianto con un getto diffuso a bassa pressione, spruzzando il
materiale una prima volta per bagnare la superfìcie e poi una seconda volta per ottenere la saturazione.
Quando, per lo spessore del rivestimento o per la presenza di trattamenti di superficie, non è possibile
ottenere un'impregnazione totale con questa tecnica, si praticano dei fori nel materiale attraverso i quali
la soluzione imbibente viene iniettata in profondità. Si deve comunque evitare il ruscellamento
dell'acqua. La rimozione dell'amianto deve iniziare nel punto più lontano dagli estrattori e procedere
verso di essi, secondo la direzione del flusso dell'aria, in modo che, man mano che procede il lavoro, le
fibre che si liberano per l'intervento siano allontanate dalle aree già decoibentate. L’amianto rimosso
deve essere insaccato immediatamente e comunque prima che abbia il tempo di essiccare.

A tal fine dovranno lavorare contemporaneamente almeno due operai: uno addetto alla rimozione
dell'amianto e l'altro addetto a raccogliere l'amianto caduto e ad insaccarlo. I sacchi pieni saranno
sigillati immediatamente.

Dopo una prima rimozione grossolana, effettuata generalmente con raschietti a mano, le superfici
rivestite vengono spazzolate ad umido in modo da asportare tutti i residui visibili di amianto. Al termine
delle operazioni di rimozione le superfìci decoibentate devono essere trattate con un prodotto sigillante
per fissare tutte le fibre che possono non essere state asportate. L'imballaggio e l'allontanamento dei
rifiuti dovrà essere effettuato adottando idonee cautele per evitare una contaminazione di amianto
all'esterno dell'area di lavoro.

94
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

Imballaggio dei rifiuti contenenti amianto

L'imballaggio dovrà essere effettuato con accorgimenti atti a ridurre il pericolo di rotture accidentali,
avviando il materiale di risulta in doppi contenitori ed imballando separatamente i materiali taglienti. Il
primo contenitore potrà essere di polietilene di adeguato spessore (0,2 mm) e di capacità non superiore
ai 50 litri, il secondo contenitore dovrà essere un sacco da chiudere con termosaldatura o doppio
legaccio oppure un fusto rigido. Anche l'allontanamento dall'area di lavoro deve essere effettuato in
modo adeguato, sottoponendo i sacchi dopo la chiusura ad una pulizia con aspirazione della superfìcie
esterna ed attaccandovi l'etichettatura prevista per tali rifiuti.

In caso di materiali di grandi dimensioni si dovrà evitarne lo sbriciolamento e sarà utile la bagnatura se
non si avvia subito alla discarica. Il materiale in oggetto dovrà essere trasportato su mezzi dotati di
sponde e teli per la copertura del carico e potrà essere smaltito, previo assenso dell'Autorità competente.

Modalità di allontanamento dei rifiuti dall'area di lavoro

L'allontanamento dei rifiuti dall'area di lavoro deve essere effettuato in modo da ridurre il più possibile
il pericolo di dispersione di fibre. A tal fine il materiale viene insaccato nell'area di lavoro e i sacchi,
dopo la chiusura e una prima pulizia della superfìcie, vanno portati nell'unità di decontaminazione.
Quando ciò sia possibile è preferibile che venga installata una distinta U.D. destinata esclusivamente al
passaggio dei materiali. Questa deve essere costituita da almeno tre locali: il primo è un'area di lavaggio
dei sacchi; il successivo è destinato al secondo insaccamento; nell'ultimo locale i sacchi vengono
depositati per essere successivamente allontanati dall'area di lavoro.

All'interno dell'unità operano due distinte squadre di lavoratori: la prima provvede al lavaggio, al
secondo insaccamento ed al deposito dei sacchi; la seconda entra dall'esterno nell'area di deposito e
porta fuori i rifiuti. La presenza di due squadre è necessaria per impedire che i lavoratori provenienti
dall'area di lavoro escano all'esterno indossando indumenti contaminati, provocando così un'inevitabile
dispersione di fibre. Nessun operatore deve mai utilizzare questo percorso per entrare o uscire dall'area
di lavoro. A tal fine è opportuno che l'uscita dei sacchi avvenga in un'unica fase, al termine delle
operazioni di rimozione e che, fino a quel momento, il percorso rimanga sigillato.

Quando venga utilizzato per l'evacuazione dei materiali l'U.D. destinata agli operatori il lavaggio dei
sacchi deve avvenire nel locale doccia, il secondo insaccamento nella chiusa d'aria, mentre il locale
incontaminato sarà destinato al deposito. In tali casi dovranno essere previste tré squadre di operatori: la
95
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

prima introduce i sacchi dall'area di lavoro nell'unità, la seconda esegue le operazioni di lavaggio e
insaccamento all'interno dell'unità, la terza provvede all'allontanamento dei sacchi. In entrambi i casi a
tutti gli operatori, tranne quelli addetti all'ultima fase di allontanamento, devono essere muniti di mezzi
di protezione e seguire le procedure di decontaminazione per uscire dall'area di lavoro.

I sacchi vanno movimentati evitando il trascinamento; è raccomandato l'uso di un carrello chiuso.

Ascensori e montacarichi, eventualmente utilizzati, vanno rivestiti con teli di polietilene, in modo che
possano essere facilmente decontaminati nell'eventualità della rottura di un sacco. Il percorso dal
cantiere all'area di stoccaggio in attesa del trasporto in discarica deve essere preventivamente studiato,
cercando di evitare, per quanto possibile, di attraversare aree occupate dell'edificio.

Fino al prelevamento da parte della ditta autorizzata al trasporto, i rifiuti devono essere depositati in
un'area all'interno dell'edificio, chiusa ed inaccessibile agli estranei. Possono essere utilizzati in
alternativa anche container scarrabili, purché chiusi anche nella parte superiore e posti in un’area
controllata.

Decontaminazione del cantiere

Durante i lavori di rimozione è necessario provvedere a periodiche pulizie della zona di lavoro dal
materiale di amianto. Questa pulizia periodica e l'insaccamento del materiale impedirà una
concentrazione pericolosa di fibre disperse.

Tutti i fogli di plastica, i nastri, il materiale di pulizia, gli indumenti ed altro materiale a perdere
utilizzato nella zona di lavoro dovranno essere imballati in sacchi di plastica sigillabili e destinati alla
discarica.

Bisogna fare attenzione nel raccogliere la copertura del pavimento per ridurre il più possibile la
dispersione di residui contenenti amianto. I sacchi saranno identificati con etichette di segnalazione
pericolo a norma di legge.

I fogli di polietilene verticali ed orizzontali dovranno essere trattati con prodotti fissanti e
successivamente rimossi per essere insaccati come i rifiuti di amianto. Bisogna fare attenzione nel
ripiegare i fogli per ridurre il più possibile la dispersione di eventuali residui contenenti amianto. I
singoli fogli di plastica messi su tutte le aperture, i condotti di ventilazione, gli stipiti, i radiatori, devono
rimanere al loro posto. I fogli verticali, a copertura delle pareti devono essere mantenuti fino a che non è
stata fatta una prima pulizia.

96
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

Tutte le superfici nell'area di lavoro, compreso i mobili, gli attrezzi ed i fogli di plastica rimasti
dovranno essere puliti usando una segatura bagnata ed un aspiratore con filtri tipo Vacuum Cleaner.

L'acqua, gli stracci e le ramazze utilizzati per la pulizia devono essere sostituiti periodicamente per
evitare il propagarsi delle fibre di amianto.

Dopo la prima pulizia, i fogli verticali rimasti devono essere tolti con attenzione ed insaccati, come pure
i fogli che coprono le attrezzature per la illuminazione, gli stipiti, ecc.

L'area di lavoro deve essere nebulizzata con acqua o una soluzione diluita di incapsulante in modo da
abbattere le fibre aerodisperse.

Conclusa la seconda operazione di pulizia, dovrà essere effettuata un'ispezione visiva di tutta la zona di
lavoro (su tutte le superfici, incluse le travi e le impalcature) per assicurarsi che l'area sia sgombra da
polvere. Se, dopo la seconda pulizia ad umido, sono visibili ancora dei residui, le superfici interessate
devono essere nuovamente pulite ad umido.

Le zone devono essere lasciate pulite a vista.

Ispezionare tutti i condotti, specialmente le sezioni orizzontali per cercare eventuali residui contenenti
amianto, e aspirarli usando un aspiratore a vuoto.

E' consigliabile accertare l'agibilità della zona entro 48 ore successive al termine del lavoro mediante
campionamenti dell'aria secondo quanto indicato in allegato.

Una volta accertata la rispondenza della zona di lavoro a quanto richiesto, si potranno togliere i sigilli a
ventilatori e radiatori e rendere di nuovo accessibile la zona.

Protezione delle zone esteme all'area di lavoro

Nello svolgimento del lavoro dovranno essere prese tutte le precauzioni per proteggere le zone adiacenti
non interessate dalla contaminazione da polvere o detriti contenenti amianto.

Giornalmente dovrà essere fatta la pulizia, con aspirazione a secco o con metodo ad umido, di qualsiasi
zona al di mori dell'area di lavoro o di passaggio che sia stata contaminata da polvere o da altri residui
conseguenti al lavoro fatto.

97
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

Monitoraggio ambientale

Durante l'intervento di bonifica l'Appaltatore dovrà garantire un monitoraggio ambientale delle fibre
aerodisperse nelle aree circostanti il cantiere di bonifica al fine di individuare tempestivamente
un'eventuale diffusione di fibre di amianto nelle aree incontaminate.

Il monitoraggio deve essere eseguito quotidianamente dall'inizio delle operazioni di disturbo


dell'amianto fino alle pulizie finali. Devono essere controllate in particolare:

− le zone incontaminate in prossimità delle barriere di confinamento;

− l’uscita del tunnel di decontaminazione o il locale incontaminato dello spogliatoio.

Campionamenti sporadici vanno effettuati all'uscita degli estrattori, all'interno dell'area di lavoro e
durante la movimentazione dei rifiuti.

I risultati devono essere noti in tempo reale o, al massimo, entro le 24 ore successive.

Per questo tipo di monitoraggio si adotteranno tecniche analitiche di MOCF. Sono previste due soglie di
allarme:

1) Preallarme - Si verifica ogni qualvolta i risultati dei monitoraggi effettuati all'esterno dell'area di
lavoro mostrano una netta tendenza verso un aumento della concentrazione di fibre aerodisperse;

2) Allarme - Si verifica quando la concentrazione di fibre aerodisperse supera il valore di 50 fl71.

Lo stato di preallarme prevede le seguenti procedure:

− sigillatura di eventuali montacarichi (divieto di entrata e di uscita);

− sospensione delle attività in cantiere e raccolta di tutto il materiale rimosso;

− ispezione delle barriere di confinamento;

− nebulizzazione all'interno del cantiere e all'esterno nella zona dove si è rilevato l'innalzamento
della concentrazione di fibre;

− pulizia impianto di decontaminazione;

− monitoraggio (verifica).

Lo stato di allarme prevede le stesse procedure di preallarme, più:

− comunicazione immediata all'autorità competente (USL);

98
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

− sigillatura ingresso impianto di decontaminazione;

− accensione estrattore zona esterna;

− nebulizzazione zona esterna con soluzione incollante;

− pulizia pareti e pavimento zona esterna ad umido con idonei materiali;

− monitoraggio.

Protezione dei lavoratori

Prima dell'inizio dei lavori, gli operai devono venire istruiti ed informati sulle tecniche di rimozione
dell'amianto, che dovranno includere un programma di addestramento all'uso delle maschere
respiratorie, sulle procedure per la rimozione, la decontaminazione e la pulizia del luogo di lavoro.

Gli operai devono essere equipaggiati con adatti dispositivi di protezione individuali delle vie
respiratorie, devono inoltre essere dotati di un sufficiente numero di indumenti protettivi completi.

Questi indumenti saranno costituiti da tuta e copricapo. Gli indumenti a perdere e le coperture per i piedi
devono essere lasciati nella stanza dell'equipaggiamento contaminato sino al termine dei lavori di
bonifica dell'amianto, ed a quel punto dovranno essere immagazzinati come gli scarti dell'amianto. Tutte
le volte che si lascia la zona di lavoro è necessario sostituire gli indumenti protettivi con altri
incontaminati.

E’ necessario che gli indumenti protettivi siano:

− di carta o tela plastificata a perdere. In tal caso sono da trattare come rifiuti inquinanti e quindi
da smaltire come i materiali di risulta provenienti dalle operazioni di bonifica;

− di cotone o altro tessuto a tessitura compatta (da pulire a fine turno con accurata aspirazione,
porre in contenitori chiusi e lavare dopo ogni turno a cura dell'Impresa o in lavanderia
attrezzata);

− sotto la tuta l'abbigliamento deve essere ridotto al minimo (un costume da bagno o biancheria a
perdere).

− Elencare ed affìggere, nel locale dell'equipaggiamento e nel locale di pulizia, le procedure di


lavoro e di decontaminazione che dovranno essere seguite dagli operai.

99
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

Procedure di accesso all'area di lavoro

Accesso alla zona: ciascun operaio dovrà togliere gli indumenti nel locale spogliatoio incontaminato ed
indossare un respiratore dotato di filtri efficienti ed indumenti protettivi, prima di accedere alla zona di
equipaggiamento ed accesso all'area di lavoro.

Uscita dalla zona di lavoro: ciascun operaio dovrà ogni volta che lascia la zona di lavoro, togliere la
contaminazione più evidente dagli indumenti prima di lasciare l'area di lavoro, mediante un aspiratore;
proseguire verso la zona dell'equipaggiamento, adempiere alle procedure seguenti:

− togliere tutti gli indumenti eccetto il respiratore;

− sempre indossando il respiratore e nudi, entrare nel locale doccia, pulire l'esterno del respiratore
con acqua e sapone;

− togliere i filtri, sciacquarli e riporti nel contenitore predisposto per tale uso;

− lavare ed asciugare l'interno del respiratore.

Dopo aver fatto la doccia ed essersi asciugato, l'operaio proseguirà verso il locale spogliatoio dove
indosserà gli abiti per l'esterno alla fine della giornata di lavoro, oppure tute pulite prima di mangiare,
fumare, bere o rientrare nella zona di lavoro.

I copripiedi contaminati devono essere lasciati nel locale equipaggiamento quando non vengono usati
nell'area di lavoro. Al termine del lavoro di rimozione trattarli come scarti contaminati oppure pulirli a
fondo, sia all'interno che all'esterno usando acqua e sapone, prima di spostarli dalla zona di lavoro o
dalla zona di equipaggiamento. Immagazzinare gli abiti da lavoro nel locale equipaggiamento per il
riutilizzo dopo averli decontaminati con un aspiratore, oppure metterli nel contenitore per il deposito
assieme agli altri materiali contaminati da amianto.

Gli operai non devono mangiare, bere, fumare sul luogo di lavoro, fatta eccezione per l’apposito locale
incontaminato.

Gli operai devono essere completamente protetti, con idoneo respiratore ed indumenti protettivi durante
la preparazione dell'area di lavoro prima dell'inizio della rimozione dell'amianto e fino al termine delle
operazioni conclusive di pulizia della zona interessata.

100
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

Olii minerali e derivati

Nelle attività che richiedono l'impiego di olii minerali o derivati (es. stesura del disarmante sulle
casseforme, attività di manutenzione attrezzature e impianti) devono essere attivate le misure necessario
per impedire il contatto diretto degli stessi con la pelle dell'operatore. Occorre altresì impedire la
formazione di aerosol durante le fasi di lavorazione utilizzando attrezzature idonee. Gli addetti devono
costantemente indossare indumenti protettivi, utilizzare i DPI ed essere sottoposti a sorveglianza
sanitaria.

Agenti cancerogeni

Si intendono per agenti cancerogeni:

1) una sostanza che risponde ai criteri relativi alla classificazione quali categorie
cancerogene 1 o 2, stabiliti ai sensi del decreto legislativo 3 febbraio 1997, n. 52, e
successive modificazioni;

2) un preparato contenente una o piu' sostanze di cui al numero1), quando la concentrazione


di una o più delle singole sostanze risponde ai requisiti relativi ai limiti di concentrazione
per la classificazione di un preparato nelle categorie cancerogene 1 o 2 in
base ai criteri stabiliti dai decreti legislativi 3 febbraio 1997, n. 52, e 14 marzo 2003, n.
65 e successive modificazioni;

3) una sostanza, un preparato o un processo di cui all'allegato XLII, nonche' una sostanza od
un preparato emessi durante un processo previsto dall'allegato XLII;

Si intendono per agenti mutageni:

1) una sostanza che risponde ai criteri relativi alla classificazione nelle categorie mutagene 1
o 2, stabiliti dal decreto legislativo 3 febbraio 1997, n. 52, e successive modificazioni;

2) un preparato contenente una o piu' sostanze di cui al punto 1), quando la concentrazione di
una o piu' delle singole sostanze risponde ai requisiti relativi ai limiti di concentrazione per
la classificazione di un preparato nelle categorie mutagene 1 o 2 in base ai criteri stabiliti
dai decreti legislativi 3 febbraio 1997, n. 52, e 14 marzo 2003, n. 65, e successive
modificazioni;
101
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

Si intende per valore limite:

se non altrimenti specificato, il limite della concentrazione media, ponderata in funzione del tempo, di
un agente cancerogeno o mutageno nell'aria, rilevabile entro la zona di respirazione di un lavoratore, in
relazione ad un periodo di riferimento determinato stabilito nell'allegato XLIII.

La normativa prevede che il datore di lavoro eviti o riduca l'utilizzo di agenti cancerogeni sul luogo di
lavoro. Quando non sia possibile evitarne l'utilizzo, questo deve avvenire in un sistema chiuso.

Se il ricorso ad un sistema chiuso non è tecnicamente possibile, il datore di lavoro dovrà procedere
affinché il livello di esposizione dei lavoratori sia il più basso.

Pertanto se è accertata la presenza di agenti cancerogeni deve essere effettuata una attenta valutazione
dei rischi ai sensi del D.L. 81/08 con la successiva definizione e adozione delle misure preventive e
protettive di concerto con il medico competente.

L'appaltatore dovrà indicare nel piano operativo di sicurezza tutti i materiali cancerogeni di cui si
preveda l'uso in cantiere e dovrà inoltre comunicarlo al Coordinatore per l'esecuzione.

Agenti biologici

Si intendono per agenti biologici, qualsiasi microrganismo ed endoparassita che potrebbe provocare
infezioni, allergie o intossicazioni.

Qualora sia accertata la presenza di agenti biologici deve essere effettuata una attenta valutazione dei
rischi ai sensi del D.L.gvo 81/08 con la successiva definizione e adozione delle misure preventive e
protettive di concerto con il medico competente.

102
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

Allegato 1 – Planimetrie di cantiere

103
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

Campo Base 1: All’interno dello svincolo SS.275 di Scorrano

104
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

Campo Base 2: In prossimità dello svincolo Andrano-Montesano

105
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

Campo Base 3: In prossimità dello svincolo per Alessano - Gagliano

106
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

Allegato 2 – Fonti giuridiche della sicurezza sul lavoro

107
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

FONTI GIURIDICHE DELLA SICUREZZA DEL LAVORO

Stralcio della tabella delle lavorazioni per le quali vige l'obbligo delle visite mediche

CAUSE DEL RISCHIO LAVORAZIONI O CATEGORIE PERIODO VISITE


DI LAVORATORI
Piombo e composti m) lavoratori addetti: trimestrale
alla messa in opera di tubazioni di
impianti con materiale piombifero
Ossido di carbonio d) lavoratori addetti: alla saldatura semestrale
autogena ed al taglio dei metalli con
arco elettrico o con fiamma ossidrica
o ossiacetilenica
Etere di petrolio e benzina c) lavoratori addetti: alla preparazione semestrale
e impiego di solventi a base di benzina
Glicoli e loro derivati c)lavoratori addetti: all'impiego di semestrale
solventi contenenti glicoli
Idrocarburi benzenici (benzolo, ed d) lavoratori addetti: alla preparazione trimestrale
omologhi e impiego di solventi contenenti
benzolo e omologhi
Alcool: amilico, butilico, propilico, c)lavoratori addetti: all'impiego di semestrale
isopropilico, metilico solventi richiamati
Sostanze Cancerogene a) Lavoratori addetti: a operazioni che semestrale; vista immediata per
(catrame,bitume, oli minerali,pece, espongono al contatto con le, sostanze sospette manifestazioni di neoplasie
paraffina, loro composti derivati e richiamate
residui)
Malattie cutanee (cemento, calce, Lavoratori addetti: a operazioni che Semestrale
resine naturali ed artificiali lacche espongono al contatto con le sostanze
vernici mastici) richiamate
Vibrazioni e scuotimenti Lavoratori addetti: all'impiego di Annuale
utensili ad aria compressa.
Rumori Lavoratori esposti Annuale
Leptospirosi a) b) lavoratori addetti: a) Lavori nelle visite immediate quando l'operaio
fogne e nei canali b) Lavori di presenti sintomi sospetti di infezione
bonifica nei terreni paludosi

108
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

Norme Generali

Orario di lavoro

− Cod. civ. arti 2107-2108

− Rdl 15/03/1923 n° 692, convertito dalla Legge 17/04/1925 n° 473 e modificato dal D.L.
19/12/1994 n° 758. Al capo I, i reati sono trasformati in illeciti amministrativi.

− Regolamento approvato con R.D. 10/09/1923 n° 1955.

− D.L. 19/12/1994 n° 758 G.U. serie generale n° 21 del 26/01/1995 (modifica alla disciplina
sanzionatoria m materia di lavoro).

− Inosservanza di dispositivi sull'orario di lavoro: l'art. 3 del D.L. 19/12/94 sostituisce l'art. 9
(sanzioni amministrative) del Rdl 15/03/1923 n° 692

Lavoro ordinario

La durata massima della giornata normale di lavoro non può eccedere le “otto ore” giornaliere.

Nel settore dell'edilizia, l'orario contrattuale ordinario annuo medio di lavoro è di “40 ore” settimanali,
suddiviso in 5 giornate lavorative, fermo restando l'orario massimo legale di 48 ore settimanali.

Fanno eccezione quelle occupazioni che richiedono un lavoro discontinuo o di custodia, alle quali non è
applicabile “la limitazione stessa”(custodi, guardiani diurni e notturni, fattorini, personale addetto al
trasporto di persone e di cose, personale direttivo, intendendo per tale quello preposto alla dirczione
tecnica ed amministrativa dell'azienda, ecc).

Lavoro straordinario

La prosecuzione dell'attività, in aggiunta all'orario normale di lavoro, è possibile quando vi è accordo tra
le parti.

Si ricorda che in base all'alt, unico della legge 30/10/1955 n° 1079, nelle aziende industriali è vietata
l'esecuzione di lavoro straordinario che non abbia carattere meramente saltuario, salvo i casi
d'eccezionali esigenze tecnico-produttive e d'impossibilità di fronteggiarle attraverso l'assunzione d'altri
lavoratori.

109
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

E' necessario comunque dame comunicazione scritta all'ispettorato del lavoro, entro 24 ore dall'inizio,
sono ammesse deroghe consensuali per i lavori preparatori e complementari che debbono essere eseguiti
fuori orario normale di lavoro.

Anche tale evento va comunicato all'ispettorato del lavoro, entro 24 ore.

Lavoro notturno

E' considerato tale quello prestato dalle 22.00 alle ore 6.00.

La nuova disciplina del lavoro notturno è rappresentata dal D.Lgs. 26/11/1999 n° 532.

Lavoro in turno

Nel caso in cui nel cantiere sono istituiti, per motivi tecnici e di forza maggiore, più turni di lavoro, i
turni stessi devono essere predisposti in modo che i lavoratori siano avvicendati, onde evitare che le
stesse persone lavorino sempre in ore notturne.

Tabella orario di lavoro

Art. 12 del regolamento approvato con R.D. 10/09/1923 n° 1955.

l'orario di lavoro adottato nel cantiere deve essere esposto in modo facilmente visibile e lo stesso,
firmato dal legale rappresentante dell'azienda, deve essere trasmesso all'ispettorato del lavoro, al quale
vanno comunicate tutte le successive variazioni.

Riposo domenicale settimanale

Legge 22/09/1934 n° 370.

ogni lavoratore ha diritto ad almeno 24 ore di riposo ogni settimana, tale riposo deve cadere nel giorno
di domenica, è tuttavia ammesso far usufruire del riposo compensativo in altro giorno diverso dalla
domenica nei seguenti casi:

− vigilanza dell'azienda;

− vigilanza agli impianti;

110
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

− pulizia, manutenzione e riparazione degli impianti.

Possono essere eseguiti di domenica nei limiti strettamente necessari:

− lavori indispensabili per la sicurezza delle persone e degli impianti;

− i lavori disposti, per ragioni d'ordine pubblico, dal prefetto;

in tali casi l'azienda è tenuta a dame avviso all'ispettorato del lavoro entro 24 ore dal loro inizio.

Le disposizioni di legge n° 370 del 1934 non si applicano al personale preposto alla direzione tecnica e
amministrativa di un azienda.

La giurisprudenza ha precisato che l'esclusione dal diritto al riposo settima, prevista dall'art. 1 della
legge 22/02/1934 n° 370, riguarda solo i dirigenti in senso proprio.

Assicurazione contro gli infortuni sul lavoro

DPR 30/06/1965 n° 1124.

art. 12 - i datori di lavoro devono denunziare all’istituto assicurativo almeno cinque giorni prima
dell'inizio dei lavori la natura dei lavori allo scopo di valutarne i rischi e determinare il premio
d'assicurazione, quando per la natura dei lavori o per la necessità del loro inizio non fosse possibile fare
detta denunzia preventiva, alla stessa deve provvedere il datore di lavoro entro i cinque giorni successivi
all'inizio dei lavori.

art. 53 - il datore di lavoro è tenuto a denunziare all’INAIL gli infortuni da cui siano colpiti i dipendenti
e che siano prognosticati ma guaribili entro tre giorni.

La denuncia dell'infortunio deve essere fatta entro due giorni da quella in cui il datore di lavoro ne ha
avuto notizia e deve essere corredata da certificato medico.

Se si tratta d'infortunio che abbia prodotto la morte o per il quale sia previsto il pericolo di morte, la
denuncia deve essere fatta per telegrafo entro ventiquattro ore dall'infortunio.

art. 54 - il datore di lavoro deve, nel termine di due giorni, dare notizia all'autorità locale di pubblica
sicurezza di ogni infortunio sul lavoro che abbia per conseguenza la morte o l'inabilità al lavoro per più
di tré giorni.

La responsabilità dei vari soggetti

111
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

II datore di lavoro

In aggiunta alle funzioni di gestione di vertice aziendale, il datore di lavoro svolge direttamente i
compiti propri del servizio di prevenzione pertanto è obbligato a:

− attuare le misure previste dalle leggi;

− designa il responsabile del servizio di prevenzione e protezione;

− comunica agli organi pubblici di controllo il nominativo del responsabile del servizio di
prevenzione e di protezione;

− organizza la sorveglianza sanitaria scegliendo il medico competente;

− valuta in ogni unità produttiva, i rischi particolari;

− elabora il documento di valutazione contenente:

a) relazione sulla valutazione dei rischi;

b) elencazione delle misure di prevenzione individuate e attuate immediatamente dopo la valutazione;

e) programma di attuazione (delle misure non immediatamente attuate e attuabili);

− custodisce il documento di valutazione presso l'azienda ovvero "unità produttiva";

− integra la fornitura dei mezzi personali di protezione;

− programma la valutazione e delimitazione delle zone a rischio;

− istruisce preliminarmente i lavoratori che possono accedere a zone che espongono a rischio
grave e specifico;

− informa i lavoratori dei rischi generali e particolari, delle procedure, delle operazioni produttive
complesse (è opportuno farà seguito una sintesi a verbale);

− progetta gli interventi di formazione;

− provvede affinchè ciascun lavoratore riceva adeguata formazione in materia di sicurezza;

− verifica, anche attraverso l'iscrizione alla Camera di Commercio, l'idoneità tecnico professionale
delle imprese appaltatrici o dei lavoratori autonomi in relazione ai lavori da affidare in appalto o
contratto d'opera;

112
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

− coordina gli interventi di protezione e prevenzione anche al fine di eliminare i rischi dovuti alle
interferenze tra i lavori delle diverse imprese coinvolte nell'esecuzione dell'opera complessiva,
da realizzare con ditte esterne.

− disporre ed esigere che i lavoratori osservino le varie norme di prevenzione e usino i mezzi di
protezione messi a loro disposizione.

In aggiunta alle responsabilità penali e civili, lo svolgimento di queste nuove funzioni introduce ulteriori
responsabilità contravvenzionali discendenti in prevalenza dall'art. 10.

Inoltre hanno i seguenti obblighi:

− curano le condizioni di rimozione dei materiali pericolosi, previo se del caso, coordinamento con
il committente o il responsabile dei lavori;

− curano che lo stoccaggio e l'evacuazione dei detriti e delle macerie avvengano correttamente;

− Redigono il Piano Operativo di Sicurezza.

Il dirigente

Il dirigente collabora con il datore di lavoro e lo sostituisce nelle attività organizzative dell'impresa,
attuando le sue direttive generali e dirigendo il lavoro degli altri dipendenti, ai fini della sicurezza del
lavoro, il dirigente non solo deve predisporre le prescritte misure prevenzionali, ma nell'ambito delle
direttive generali del datore di lavoro, deve individuare ed adottare di volta in volta quelle misure che
nella esecuzione delle lavorazioni si profilano come necessarie. Sono previste specifiche responsabilità
penali contravvenzionali.

I doveri del dirigente possono così riassumersi:

− predisporre le misure di sicurezza specifiche, ivi comprese quelle non prescritte dalla legge ma
rese necessarie dalla natura dei lavori, anche in assenza di adeguate istruzioni del datore di
lavoro;

− impartire ordini e direttive precise per la migliore esecuzione del lavoro;

− vigilare anche con personali riscontri e controlli, affinché le istruzioni sono eseguite;

− impedire che i determinati errori tecnici possano essere commessi dagli addetti ai lavori;

113
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

− incaricare sorveglianti e preposti affinché svolgano mansioni di controllo e di sorveglianza,


impartendo precise istruzioni sulle operazioni da svolgere, in tutti quei casi in cui egli non possa
provvedervi direttamente;

− controllare preventivamente e periodicamente l'efficienza e l'idoneità degli strumenti e delle


attrezzature in genere affidati ai dipendenti;

− accertarsi di persona della pericolosità di ogni attività che assume aspetti di "maggiore
pericolosità", impartendo anche istruzioni e ordini precisi.

Il preposto

II preposto viene subito dopo il direttore di cantiere e sovrintende con doveri di sorveglianza e controllo.
Sono previste specifiche responsabilità penali contravvenzionali.

Oltre ad essere vincolato ai vari obblighi e obbligato in particolare a:

− impartire ordini;

− dare istruzioni;

− allorché tutte le misure prevenzionali siano state attuate e gli ordini siano già stati impartiti dal
dirigente, deve fronteggiare le situazioni particolari che si verificano nell'esecuzione dell'opera.

Il Responsabile del servizio interno di prevenzione

È nominato dal datore di lavoro, deve essere in possesso di attitudini e capacità adeguate.

Non sono previste specifiche responsabilità penali contravvenzionali, le funzioni e i compiti sono
soltanto di supporto conoscitivo ed organizzativo per il datore di lavoro, i dirigenti e i preposti.

Il Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza

È eletto direttamente dai lavoratori. accede ai luoghi di lavoro in cui si svolgono le lavorazioni;

− è consultato preventivamente e tempestivamente in ordine alle valutazioni dei rischi, alla


individuazione,

114
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

− programmazione, realizzazione e verifica della prevenzione nell'azienda, ovvero nell'unità


produttiva;

− è consultato sulla designazione degli addetti al servizio di prevenzione, all'attività di prevenzione


incendi, al pronto soccorso, all'evacuazione dei lavoratori;

− è consultato in merito all'organizzazione della formazione dei lavoratori;

− promuove l'elaborazione, individuazione e l'attuazione delle misure di prevenzione idonee a


tutelare la salute e l'integrità fisica dei lavoratori;

− formula osservazioni in occasione di visite e verifiche effettuate dalle autorità competenti;

− partecipa alle previste riunioni periodiche;

− fa proposte in merito all'attività di prevenzione;

− avverte il responsabile dell'azienda dei rischi individuati nel corso della sua attività;

− può fare ricorso alle attività competenti qualora ritenga che le misure di prevenzione e
protezione dei rischi adottate dal datore di lavoro e i mezzi impiegati per attuarle non siano
idonee a garantire la sicurezza e la salute durante il lavoro.

Il medico competente

È nominato dal datore di lavoro, collabora con questi e con il responsabile del servizio intemo di
prevenzione. Sono previste specifiche responsabilità penali contravvenzionali.

Le sue funzioni generali sono:

− effettua gli accertamenti sanitari preventivi e periodici;

− esprime giudizi di idoneità alla mansione specifica al lavoro;

− istituisce ed aggiorna, sotto la propria responsabilità, per ogni lavoratore sottoposto a


sorveglianza sanitaria, una cartella sanitaria di rischio;

− fornisce informazioni ai lavoratori sul significato e sui risultati degli accertamenti sanitari cui
sono sottoposti ed in caso di esposizione ad agenti con effetti a lungo termine può prescrive
accertamenti sanitari anche dopo la cessazione dell'attività;

− effettua la prima visita degli ambienti di lavoro (insieme al datore di lavoro);

115
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

− effettua le visite mediche richieste dal lavoratore, qualora tali richieste siano correlate a rischi
professionali.

Il lavoratore

Il lavoratore è obbligato a:

− osservare le norme di legge e le misure di sicurezza predisposte;

− usare con cura i vari dispositivi di sicurezza;

− non compiere, di propria iniziativa, operazioni compromettenti.

Si esclude responsabilità di chicchessia, se il lavoratore pone in essere una condotta anomala ed estranea
al procedimento lavorativo; e' opportuno ricordare che non è del tutto prevedibile il comportamento di
un lavoratore, se si

considera l'imprudenza.

Il costruttore e il commerciante

E' vietata la costruzione, la vendita, il noleggio e la concessione in uso di macchine, di parte di


macchine, di attrezzature, di utensili e di apparecchi in genere, destinati al lavoro interno, nonché la
installazione di impianti che non siano rispondenti alle norme (DPR 24/07/1996 n° 459 Direttiva
Macchine).

Il Committente/Responsabile dei Lavori

− Designa il coordinatore per la progettazione dell'opera (nella fase di progettazione dell'opera);

− Designa il coordinatore per l'esecuzione dei lavori

− Si accerta dell'idoneità delle imprese esecutrici, anche attraverso la richiesta di documentazione


specifica;

− Trasmette alla ASL e alla Direzione provinciale del lavoro territorialmente competente, prima
dell'inizio dei lavori, la notifica preliminare. Copia della suddetta notifica dovrà essere affissa in
maniera visibile, presso il cantiere e custodita a disposizione dell'organo di vigilanza
territorialmente competente.
116
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

Il coordinatore per la progettazione

Durante la progettazione dell'opera e comunque prima della richiesta di presentazione delle offerte:

− redige il piano di sicurezza e coordinamento;

− Predispone un fascicolo contenente le informazioni utili ai fini della prevenzione e protezione


dai rischi cui sono esposti i lavoratori.

Il coordinatore per l'esecuzione

Durante la realizzazione dell'opera:

− Verifica, con opportune azioni di coordinamento e controllo, l'applicazione, da parte delle


imprese esecutrici e dei lavoratori autonomi, delle disposizioni loro pertinenti contenute nel
piano di sicurezza e coordinamento e la corretta applicazione delle procedure di lavoro;

− Verifica l'idoneità del Piano Operativo di Sicurezza, assicurandone la coerenza con il Piano
Particolare di Sicurezza e con il Fascicolo

− Verifica che le imprese esecutrici adeguino, se necessario, i rispettivi Piani Operativi di


Sicurezza

− Assicura l'applicazione delle disposizioni contenute nel piano.

− Adegua il piano ed il fascicolo adattato in relazione ad eventuali modifiche intervenute;

− Coordina le attività tra i datori di lavoro, compresi i lavoratori autonomi;

− Sospende, in caso di pericolo grave ed imminente, le lavorazioni, fino a comunicazione scritta


degli avvenuti adeguamenti.

− Propone al committente, in caso di gravi inosservanze delle norme, la sospensione dei lavori; nel
caso in cui il committente o il responsabile dei lavori non adotti alcun provvedimento in merito
alla segnalazione, senza fornire idonea motivazione, il coordinatore per l'esecuzione provvede a
dare comunicazione dell'inadempienza alla ASL territorialmente competente e alla Direzione
provinciale del lavoro.

117
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

Allegato 3 – Documentazione minima da conservare in cantiere

118
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

DOCUMENTAZIONE MINIMA DA CONSERVARE IN CANTIERE

Negli uffici di cantiere deve essere conservata tutta la documentazione prevista dalla legge e costituita
almeno dai seguenti elaborati e/o documenti:

1. Libro matricola dei dipendenti;

2. Registro degli infortuni regolarmente vidimato dall'USL territorialmente competente;

3. Il presente piano di sicurezza ed i suoi eventuali aggiornamenti periodici;

4. Copia di iscrizione alla C.C.l.A.A.;

5. Il cartello di identificazione del cantiere a norma della circolare del Ministero dei LL.PP.
dell'1/6/1990 n° 1729/UL;

6. Documentazione degli apparecchi di sollevamento consistente in:

− Libretto di omologazione di tutti gli apparecchi di sollevamento ad azione non manuale;

− Per tutti gli apparecchi di sollevamento oltre i 200 Kg, copia di denuncia di installazione,
effettuata dal Presidio Multizonale di Prevenzione (P.M.P.) territorialmente competente;

− Verifica trimestrale delle catene o delle funi che sarà effettuata a cura della ditta e registrata
nel libretto di omologazione con la firma di chi ha seguito la verifica, e l'indicazione degli
eventuali periodi di inattività ;

− Per tutti gli apparecchi di sollevamento oltre i 200 Kg, verifica annuale del funzionamento che
sarà effettuata dal Presidio Multizonale di Prevenzione (P.M.P.) territorialmente competente e
registrata su apposito verbale ;

− Dichiarazione di stabilità dell'impianto di betonaggio regolarmente firmata da un


professionista abilitato;

7. Documentazione relativa ai ponteggi metallici ed in particolare:

− Copia dell'autorizzazione ministeriale rilasciata al fabbricante contenente in particolare gli


schemi tipo di montaggio autorizzati e le istruzioni per il montaggio, l'impiego e lo
smontaggio; con le istruzioni relative agli elementi di base per la redazione della relazione di
calcolo;

119
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

− Disegno esecutivo con indicazione degli appoggi e ancoraggi, carichi al piede e sui tavolati
completo di firma e generalità del direttore del cantiere;

− Per ponteggi particolarmente complessi o comunque diversi dalle soluzioni previste nella
propria autorizzazione ministeriale (per esempio numero massimo di tavolati autorizzati) e per
tutti quelli superiori a 20m, oltre al disegno esecutivo deve essere presente un progetto di
calcolo del ponteggio che prenda in considerazione tutte le situazioni particolari e pericolose
(sbalzi, castelli di carico, tiri, piazzole, banchinaggio e ponteggi misti, giunti ed ancoraggi
diversi da quelli della singola autorizzazione, sovraccarichi, carico sugli appoggi a terra, ecc.);
il progetto deve essere firmato, da un ingegnere od un architetto abilitato e regolarmente
iscritto all'Albo del relativo Ordine professionale ;

8. La documentazione degli impianti elettrici ed in particolare:

− La dichiarazione di conformità alle norme tecniche di sicurezza dell'impianto elettrico


rilasciata dalla ditta che ha eseguito l'impianto ed avente i necessari requisiti di legge ;

− Scheda di denuncia dell'impianto di messa a terra , regolarmente vidimata dal P.M.P.


territorialmente competente;

− Scheda di denuncia dell'impianto di protezione contro le scariche atmosferiche , regolarmente


vidimata dal P.M.P. territorialmente competente;

− Verifica dell'impianto di messa a terra effettuata dall'ISPESL prima della messa in servizio e
quella effettuata periodicamente dall'Azienda USL ogni due anni;

− Registro delle visite mediche cui devono essere sottoposti i lavoratori, sia delle visite
preventive che di quelle periodiche;

− Schede delle sostanze e/o preparati pericolosi presenti in cantiere;

− Tesserini dei lavoratori di registrazione della vaccinazione antitetanica;

− Certificati di idoneità per i lavoratori minorenni;

− Per le ditte subappaltatrici, si deve allegare copia dei seguenti documenti:

o Autorizzazione antimafia rilasciata dall'ente appaltante;

o Copia di denuncia di nuovo lavoro (mod. INAIL 66 D.L.);

o Copia libro matricola con la registrazione degli operai presenti in cantiere;

120
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

o Copia dei cedolini delle buste paga degli operai presenti in cantiere;

o Certificati originali di regolarità contributiva (INPS, INAIL, Cassa Edile);

o Certificato di verifica annuale delle funi di sollevamento rilasciato dal P.M.P.


territorialmente competente;

o Copia del Piano di Sicurezza della ditta subappaltante regolarmente sottoscritto;

o Copia della lettera di designazione del responsabile alla sicurezza da parte della ditta
subappaltante.

9. Programma temporale dei lavori;

10. Libretti di istruzione e manutenzione delle macchine;

11. Verifiche di apparecchi a pressione;

12. Modulo di consegna al personale dei D.P.I.

13. Attivazione delle pratiche di prevenzione incendi per le eventuali installazioni soggette al controllo
del Comando Provinciale VV.FF. (depositi combustibili liquidi o gassosi, gruppi elettrogeni ad
installazione fissa, distributori di carburanti da cantiere, centrali termiche, cucine aziendali, ecc.);

14. Registro di carico e scarico di rifiuti assimilabili agli urbani, speciali, tossici, nocivi;

15. Piano operativo dell'impresa;

16. Piano di emergenza del cantiere;

17. Verbali riunioni di coordinamento

18. Copia del Pi.M.U.S i cui contenuti minimi sono elencati nell’allegato XXII del D.Lgs 81/08

121
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

Allegato 4 – Calcolo del numero di uomini-giorno

122
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo

Incidenza Giorni di
Cod. Incidenza Composizione Manodopera/ora Dic 2008 Totale
Descrizione categorie di Lavori Importi CATEGORIA Costo manodopera lavoro
Categoria manodopera squadra tipo (Lecce) uomini/giorno
% totali
A corpo A misura TOTALE utile d'impresa 13% spese generali 10% DM 11/12/78 OS OQ M OS OQ M
01.RI RILEVATI € 51 433 014,43 € 435 406,29 € 51 868 420,72 € 45 125 526,03 € 40 612 973,42 27,71%
01.01.RI Movimenti di materie € 18 668 808,45 € 435 406,29 € 19 104 214,74 € 16 620 666,82 € 14 958 600,14 18,00% € 2 692 548,03 1 8 € 25,74 € 24,06 € 21,82 1 680 15 123
01.02.RI Sovrastruttura stradale € 30 759 445,63 € - € 30 759 445,63 € 26 760 717,70 € 24 084 645,93 7,00% € 1 685 925,21 1 9 € 25,74 € 24,06 € 21,82 949 9 488
01.03.RI Opere di completamento e finitura € 2 004 760,35 € - € 2 004 760,35 € 1 744 141,50 € 1 569 727,35 22,00% € 345 340,02 2 1 10 € 25,74 € 24,06 € 21,82 147 1 910
02.TR TRINCEA € 10 535 409,43 € - € 10 535 409,43 € 9 165 806,20 € 8 249 225,58 5,63%
02.01.TR Movimenti di materie € 5 680 267,51 € - € 5 680 267,51 € 4 941 832,73 € 4 447 649,46 18,00% € 800 576,90 1 8 € 25,74 € 24,06 € 21,82 500 4 497
02.02.TR Sovrastrutture stradali € 4 855 141,92 € - € 4 855 141,92 € 4 223 973,47 € 3 801 576,12 7,00% € 266 110,33 1 9 € 25,74 € 24,06 € 21,82 150 1 498
03.VI VIADOTTO € 8 167 244,18 € 568 631,54 € 8 735 875,72 € 7 600 211,88 € 6 840 190,69 4,67% 30,00% € 2 052 057,21 3 2 7 € 25,74 € 24,06 € 21,82 922 11 069
04.GA GALLERIA ARTIFICIALE € 1 207 300,78 € 542 772,59 € 1 750 073,37 € 1 522 563,83 € 1 370 307,45 0,93% 30,00% € 411 092,23 3 2 7 € 25,74 € 24,06 € 21,82 185 2 217
06.CV CAVALCAVIA € 17 294 820,65 € 4 042 383,60 € 21 337 204,25 € 18 563 367,70 € 16 707 030,93 11,40% 30,00% € 5 012 109,28 3 2 7 € 25,74 € 24,06 € 21,82 2 253 27 036
07.SV SOTTOVIA € 5 282 674,27 € 1 161 118,54 € 6 443 792,81 € 5 606 099,74 € 5 045 489,77 3,44% 30,00% € 1 513 646,93 3 2 7 € 25,74 € 24,06 € 21,82 680 8 165
08.OI OPERE IDRAULICHE € 18 278 936,18 € 2 267 956,21 € 20 546 892,39 € 17 875 796,38 € 16 088 216,74 10,98% 20,00% € 3 217 643,35 2 4 6 € 25,74 € 24,06 € 21,82 1 443 17 322
09.MS MURI DI SOSTEGNO € 911 033,16 € 706 320,17 € 1 617 353,33 € 1 407 097,40 € 1 266 387,66 0,86% 30,00% € 379 916,30 3 2 7 € 25,74 € 24,06 € 21,82 171 2 049
10.BA/SE BARRIERE E SEGNALETICA € 35 925 939,18 € - € 35 925 939,18 € 31 255 567,09 € 28 130 010,38 19,19% 22,00% € 6 188 602,28 2 1 10 € 25,74 € 24,06 € 21,82 2 634 34 236
11.IL ILLUMINAZIONE € 4 319 632,85 € - € 4 319 632,85 € 3 758 080,58 € 3 382 272,52 2,31% 30,00% € 1 014 681,76 2 2 5 € 25,74 € 24,06 € 21,82 608 5 470
12.DE DEMOLIZIONI € 1 535 718,04 € - € 1 535 718,04 € 1 336 074,69 € 1 202 467,23 0,82% 30,00% € 360 740,17 3 2 7 € 25,74 € 24,06 € 21,82 162 1 946
OPERE A VERDE E RIMODELLAMENTO +
13.VE INTERVENTI DI INSERMIENTO + PAESAGGISTICO € 8 105 893,12 € - € 8 105 893,12 € 7 052 127,01 22,00% 2 1 10 7 725
E AMBIENTALE € 6 346 914,31 4,33% € 1 396 321,15 € 25,74 € 24,06 € 21,82 594
14.01.RE RIPRISTINO MURI A SECCO € - € 549 875,45 € 549 875,45 € 478 391,64 € 430 552,48 0,29% 36,00% € 154 998,89 3 9 € 25,74 € 24,06 € 21,82 71 850

14.01.RE POLIFORA € - € 10 939 883,82 € 10 939 883,82 € 9 517 698,92 € 8 565 929,03 5,84% 20,00% € 1 713 185,81 2 4 6 € 25,74 € 24,06 € 21,82 769 9 223

15 IRRIGAZIONI ROTATORIE € - € 256 242,67 € 256 242,67 € 222 931,12 € 200 638,01 0,14% 36,00% € 72 229,68 3 9 € 25,74 € 24,06 € 21,82 33 396

16 RECINZIONE+PRESCRIZIONI FSE+INTERF € 1 939 641,25 € 1 939 641,25 € 1 687 487,89 € 1 518 739,10 1,04% 36,00% € 546 746,08 3 9 € 25,74 € 24,06 € 21,82 250 2 998
17 RIPRISTINO DELLE AREE DI CANTIERE € 149 383,35 € - € 149 383,35 € 129 963,51 € 116 967,16 0,08% 36,00% € 42 108,18 3 9 € 25,74 € 24,06 € 21,82 19 231
18 RISANAMENTO OPERE D'ARTE ESIST. € 656 674,06 € 656 674,06 € 571 306,43 € 514 175,79 0,35% 30,00% € 154 252,74 3 2 7 € 25,74 € 24,06 € 21,82 69 832

TOTALE LAVORI € 165 086 640,87 € 22 127 264,94 € 187 213 905,81 € 162 876 098,05 € 146 074 312,46 100,00% 16,04% € 30 020 832,51 14 289 164 278

ALLEGATO 4 - DETERMINAZIONE DEL NUMERO DI UOMINI-GIORNO


Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

Allegato 5 – Tavole rappresentative degli schemi segnaletici temporanei


secondo il Decreto del MIT del 10/07/02

124
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

125
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

126
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

127
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

128
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

129
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

130
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

131
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

OSSERVAZIONI DEL COORDINATORE PER LA SICUREZZA IN FASE DI ESECUZIONE

…………………………………………………………………………………………………………………….

132
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

…………………………………………………………………………………………………………………….

…………………………………………………………………………………………………………………….

…………………………………………………………………………………………………………………….

…………………………………………………………………………………………………………………….

…………………………………………………………………………………………………………………….

…………………………………………………………………………………………………………………….

…………………………………………………………………………………………………………………….

…………………………………………………………………………………………………………………….

…………………………………………………………………………………………………………………….

…………………………………………………………………………………………………………………….

…………………………………………………………………………………………………………………….

…………………………………………………………………………………………………………………….

…………………………………………………………………………………………………………………….

…………………………………………………………………………………………………………………….

…………………………………………………………………………………………………………………….

…………………………………………………………………………………………………………………….

…………………………………………………………………………………………………………………….

…………………………………………………………………………………………………………………….

…………………………………………………………………………………………………………………….

…………………………………………………………………………………………………………………….

…………………………………………………………………………………………………………………….

…………………………………………………………………………………………………………………….

…………………………………………………………………………………………………………………….

…………………………………………………………………………………………………………………….

…………………………………………………………………………………………………………………….

…………………………………………………………………………………………………………………….

…………………………………………………………………………………………………………………….

133
Anas S.p.a.
Strada statale n°275 di S.Maria di Leuca – Tronco Maglie-S.Maria di Leuca
Lavori di ammodernamento della sede stradale alla sezione B prevista dal Decreto 05.11.2005
Progetto Definitivo
PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art.100 D.Lgs.81/08) – Piano generale

…………………………………………………………………………………………………………………….

…………………………………………………………………………………………………………………….

…………………………………………………………………………………………………………………….

…………………………………………………………………………………………………………………….

…………………………………………………………………………………………………………………….

…………………………………………………………………………………………………………………….

…………………………………………………………………………………………………………………….

…………………………………………………………………………………………………………………….

…………………………………………………………………………………………………………………….

…………………………………………………………………………………………………………………….

…………………………………………………………………………………………………………………….

…………………………………………………………………………………………………………………….

…………………………………………………………………………………………………………………….

…………………………………………………………………………………………………………………….

…………………………………………………………………………………………………………………….

…………………………………………………………………………………………………………………….

…………………………………………………………………………………………………………………….

…………………………………………………………………………………………………………………….

…………………………………………………………………………………………………………………….

…………………………………………………………………………………………………………………….

…………………………………………………………………………………………………………………….

…………………………………………………………………………………………………………………….

…………………………………………………………………………………………………………………….

134